‘A nonne aspette ‘a cecògne

Stampa questo copione

                      “  ‘A nonne aspette ‘a cecògne  “

                             

                                     Farsa comica in due atti di

                     

                         Pino Antonante

Personaggi

Arcante Baraldi

Leonzia, sua moglie

Ifigenia,  la  figlia

Aida, nonna materna

Prodasio Parnacchi, dirimpettaio

Cornelia, sua moglie

Bertuccio, amico di Arcante

Giuànne, fidanzato di Ifigenia

                          

Pos. Siae 121431

 pinoteatro@libero.it

                                                                  P R I M O  A T TO

         …Un estate terribilmente afosa, tra gli anni 70/80.La vicenda si svolge in casa di Arcante Baraldi. La stanza si presenta con un divano, tavolino e due poltrone, mobiletto per giradischi, finestra laterale , porta stanze a sx, a dx corridoio per ingresso. Sulla parete di fronte alla finestra spazio per appendere un quadro. Al levar del sipario la scena è vuota, ce penombra poiché siamo in ore notturne. Si ode un rumore provenire dalla finestra e dall’interno della stanza si accende una flebile luce di candela creando strane ombre.

Leonzia…(fuori scena)…Arcante…Arcà’…(entra in sottoveste e con circospezione si guarda in giro e attraversando la scena si avvicina all’altra porta )…Arcanteee…(non ottiene risposta)  fa’ attenzione è pericolose, no’fa’ remòre, no’ fiatà, Arcante se po’ sapè a’ddò stè’? (esce )

              Entra Arcante in mutande,canottiera e ventaglio.

Arcante…No’ parlà, no’ fiatà , Leonzia e tu quanne t’à stà’ citte ? Ma‘ddò stè, a sparite, madonne ce cavete…( si asciuga il sudore e si sventola )…stoche a squàgghje…

Leonzia…(rientrando) N’azà ‘a voce, a’ddò stave ?

Arcante…Te stave da rete, ti seguivo.

Leonzia…Pensave ca stave in avanguardia e quiste stè in retroguardia, sì’ sempre ‘u solete cacazzòne. (pauroso)

Arcante…No’ssò’ cacazzòne, ‘u tenghe ‘u curagge…

Leonzia…Ma è ‘a paure ca te freghe…

Arcante…Tu no’ssì ‘na mugghjère no, sei il nemico, la controparte,io sono il dente e tu la caria…

Leonzia…Arcà’,so’ le due de notte pe’ piacere n’accumenzàme cu’ ‘a stessa canzone, il pericolo ste’ ‘nnanze ma dicere piccè te mitte da rete ?

Arcante…Non capisci eh, e quanne maje,  otre ca paure, sono un uomo e ti guardavo le spalle…

Leonzia…Le spalle?...a st’ore, uèh Arcà’ ma ce te stè passe p’à cape?

Arcante…Ma ce capite, come puè penzà ca st’ore de notte cu’ le ladre ca mo’ ne trasene jntre a’case ije te tremende le spalle pe’… chidde m’impressionane de giurne fegùrete ‘a notte.

Leonzia…De femene n’è maje capite ninde, otre Beniamine mije…

Arcante…Dalle cu’ Beniamine, uèh , Beniamine ste’ jamme da sciucatore se le sònne…

Leonzia..E quanne maje è sciucate ?

Arcante…E con questo, ije scioche ‘o tressette sempre jamme de sciucatore so’!

Leonzia…Stravedeve pe’mmè,  ce penze ‘o giurne ca t’acchjève da nanze m’avene ‘a depressione…

Arcante…Recuerdete ca quidde giurne minze a’ strade stave ‘nu corteo, un mare di gente, a ce jacchje da nanze ?

Leonzia …A mmè’!

Arcante …Sine a te, per una semplice e velocisssima domanda e so’ vind’anne, destino o sfurtune non si sa, sicuramente non era una delle mie giornate chiù furtenate.

Leonzia…Forse fu’ quell’azzurro del cielo, il sole che faceva capolinea tra le nuvole…

Arcante…N’à fa’ longhe, quest’uomo  sule n’informazione ti cercò…

 Leonzia…E io mi fermò, avisse teràte dritte…

Arcante…Ricordi ti invitai al bar  e tu riottosa e riluttante…

Leonzia…A me  rivoltante!?

Arcante…Nonge vulìve trasè…” signorina posso offrirle…” “ no grazie , sa la dieta , la linea “ e po’ te pigghiaste ‘na paste ca pareve ‘na torte, 80 lire me custò.

Leonzia…E tu, già tirchio, un mignòn da 20.

Arcante…Lo sai che preferisco la mignotteria, e ce se po’ fa ‘u destine accussì a vulute…

Leonzia…Stù destine troppe vote pigghje iniziative personale ,besogne‘nterpellà l’interessate e vedè c’è d’accorde perciò pigghjet’a cu’destine ce no’ te sinte comode.

Arcante…’U matremonie no’ jè questione de comodità…

Leonzia…Come no, tu sei l’esempio vivente di comodità…

Arcante…Leonzia, sappi ca cu’ te me sente comode come ‘nu pede 42 jntre a’ ‘na scarpa 37… oscje è ‘u 15 luglie so’ quinnece giurne ca le fenestre  so’achiuse, se more de cavete a putime aprè ?

Leonzia…Ma ce studechite, nonge àmme turnate ancore , a st’ore stame all’aeroporte…

Arcante…All’aeroporte, e quann‘àmme partute ?

Leonzia…E quanne partime, cu’tte l’unico mezzo di locomozione so’ le scarpe…

Arcante… Ingrata, camminare fa’ bene alla salute…

Leonzia…Otre Beniamine, ce bella spade ca teneve…

Arcante…Spider…

Leonzia…Rossa metabolizzata…

Arcante…Metà…llizzata…

Leonzia…Non metà, era tutta allizzata e senza cappotte…

Arcante…Cu’ ‘mpermeabele, ignorante, macchina decapitata…

Leonzia…Sai che diceva delle mie spalle ?

Arcante…No’ me ‘nteresse…

Leonzia…Ah no, sai che tenevano le mie spalle ?

Arcante…’A scoliose…

Leonzia…La sensualità…

Arcante…Giudicare sensuale quel porro peloso che possiedi è un offesa  alle barbabietole.

Leonzia…E’ solo una voglia, se la guardi con occhi fantasiosi , attira…

Arcante …Le mosche.

Leonzia…E allora dimmi, perché mi baci ancor ad occhi chiusi…

Arcante…Occhio non vede cuore non duole,cosce San Daniele, culo a grappolo, il  seno poi…

Leonzia…Seno a pera caro mio…

Arcante…Mo’t’à remaste ‘a scorze, chidde so’ svenute, acque e zucchere e forse se ‘nzìppene…

Leonzia…Ahahah, a te manghe cu’ l’acqua sante, mò sciamene ce vuè ca le ladre n’jàcchjene in salotto a discutere, ce fegure amma fa’, ce l’onne sape tutte ca stame jntre a’ccase.

Arcante…Piccè a’ddò stame ?

Leonzia…Uèh sveglia, in crociera suse ‘a nave e no’ me fa’ parlà ca me face male ‘ngànne…

Arcante…E pe’ forze, t’agghje ditte,Leonzia stattene in cabina e tu “…no,voglio stare in coperta “.

Leonzia…Certo, con la coperta sto calda…

Arcante…La coperta è scoperta, ci sono i venti , gli alisei i farisei, i monsoni i cromosoni…

Leonzia…Spiritoso, nonge ‘u sacce com’jè ca d’estate m’a venute ‘a faringite…

Arcante…E’ ce jè ‘a faringite, solo un po’  allergia ai fainacei…

Leonzia…Ma statte citte…scccc…Arcà’, rumore di passi, s’avvicinano( spaventata)

            Alle loro spalle entra in vestaglia Aida

Aida…Leonzia…

Arcante…(spevantosi ) Ahhh…( si volta vede Aida )

Leonzia…Ce stè lucchele, mammà è !

Arcante…E no’ po’ avvesà prime de trasè, ce se jàcchje une debole de core remane fulmenate.

Aida…Ce vole dicere, ca tenghe ‘a faccia sinistra…

Arcante…No’ sule ’a senistre pure ‘a destre…

Leonzia…E lassa scè,mammà piccè t’ezate?

Aida…C’agghje spandàte, state sempre a’rrajà, ‘u sé’ ca tenghe ‘u suenne leggere.

Arcante…E ‘u fiate pesante…

Aida… Ce ste’ facite azate a st’ore ?

Leonzia…Come ce ste’ facime, stonne pe’ trasè le ladre…

Aida…E cu’ oscje so’ quinnece giurne, oh, ‘a canzone s’onne mise.

Arcante…Pe’ furtune  ca no’ s’arrobbene ninde.

Aida..E ce s’onne arrubbà c’jntre a case no’ ste’ ninde.

Arcante…Arrevate a seconda mugghjere, ce n’arròbbene ninde è grazie a me, ce senteve a vu’ n’aveve sparite tutte cose.

Leonzia…Ma sendite ce descurse , Arcante , se tu fossi un marito normale…

Arcante…Come normale, ce vuè’ccù dice ca so’ stuedeche ?

Aida …Un marito moderno, al passo coi tempi, jntre a tutte le case stonne le comodità,frigorifere, televisione, aspirapolvere, lavastoviglie, accussì stà povera figghje no’cunzume tanda energie…   

Arcante…Ma me cunzume tanda luce…

Aida…Ce sparamazze, a qua no’ tenime ninde…

Arcante…Si, è vero, ma in compenso ci sono gli spazi, necessasri e confortevoli, si passeggia meglio, ce l’ angolo TV , angolo frigo, angolo cottura…

Aida…Angolo quà, angolo là, tineme ‘a case a spigoli, aggiornati antiquario, ci sono le cambiali ne firmi 40, 50 e le paghi come ti senti…

Arcante…Male,me sente male…

Aida…La somma la puoi  dilaniare, ma insomme ‘u capisce ca stame in pieno boom ecumenico.

Leonzia…Economeche mammà.

Arcante…E a’ddò jacchje une chiù economeche de me, nelle spese domestiche si va cauti, ci vuole ristrettezza e soprattutto pinzimonio…

Aida…‘A colpe è ‘a toje…sì, t’u dicive, pruèvele apprime, è viste ce brutta riuscite ca fatte.

Arcante…E ce ‘ssò ‘nu melòne, Leonzia dille cu’ se ve’ corche po’ essere ca se repigghje…

Aida…Repigghje?! a me repigghje,’e sendute ci’à ditte, tu no’ssì degne de numenarme, ‘u se’ come me chiamavene...

Arcante…Cu’’a vocche…

Aida…La “conchiglia di Venere “ .

Arcante…La conchiglia di Venere ,  forse “’a cozze du’ Pezzòne “.

Leonzia…Non la contraddire, recuerdete ca state ‘na grann’attrice…

Aida…’U puè dicere forte, in scena asseve sembre cu’ ‘nu mantelle rosso forfora…

Leonzia…Porpora, mammà.

Aida… Chine de lamette…

Leonzia…P’a varve , lamè…

Aida…Nah, treminde  e fatte l’uechje…( vanitosamente gli mostra il corpo )

Arcante…Ci’agghja deventà cecàte…

Aida…Ere ‘na perle,tutte me vulevene…

Arcante…E nisciune s’à pigghjave…

Aidsa…No’, quiste è troppe, Leonzia è sendute ce offese, fallo cessare, fallo cessare…

Leonzia…Arcante basta, cessala !

Arcante…Va bene , cesso !

Leonzia…A me cesso ?

Arcante…Ma no, ho coniugato il verbo “cessare “ e in prima persona femminile ti dice  “ cesso “.

Leonzia…Vatt’à cuerche mà’,  và’ …

Aida…Oramai ‘u suenne l’agghje perse,stè durmeve tanda belle ho fatto pure un bisogno…

Arcante…E‘nu dice accussì, come ‘nu ‘ngaziaminde,ma ce mode so’, ti rendi conto, un bisogno …

Leonzia…Però mammà, tene ragione…

Aida…Tu si chiù fesse de maritte, un bisogno,due sogni, stave suse ‘a varche cu’ Cav. Franchine…

Leonzia…Mammà, lasse stà mo’ arrivene le ladre…

Aida…Si è sentito il gatto  miagolare?

Leonzia…Pe’ mo’ none.

Aida…E allore pe’mo n’avene nisciune,beh stave suse a ‘sta varca granne con una stanza centrale…

Leonzia…Ah, ‘nu cabenàte…

Aida…Si ma piccola, ‘nu cabenette, ’u cavalier Franchine era al timone, ce capetane, ci’ù mare ere agitato le dave ‘u valium, sicuro di se s’azzettave  suse ‘o casse…

Arcante…Cassero…per la rotta…

Aida… Ma ce rotte, era sana, po’ suse ‘a spiaggie, passeggiavo con un due pezzi meraviglioso,da nanze color caffè macchiato e da rete…

Arcante…Cappuccine e briosce.

Aida…Tigrato con giarrettiera e calze bucherellate…

Arcante…Le cazitte strazzate…

Aida…A rete larga, suse a ‘ste jamme creavano uno strano effetto…

Arcante…L’effetto lonza…

Aida…Suse ‘a spiagge tutte se geravene…

Arcante …Dall’otra vanne…

Aida…Beh Franchine se leve ‘a cammise  e me jacchje ‘nnanze a ’nu bell’imbusto…

Leonzia…’Un busto prestante…

Aida…Nonge ‘u sacce ce se l’aveve ‘mprestate…

Leonzia…Il busto mammà…com’ere ?

Aida…Pa’ scoliose…

Arcante …Ma quiste no’ jè ‘nu suenne è un incubo.

Aida…Franchine s’avvicine me pigghje e me strenge accussì forte ca no’ puteve refiatà…

Arcante…’A stè struzzave…

Aida…E me dice  “ Aida ,me sente in paradiso “.

Arcante…E pe’ forze , so’ dece anne ca ‘Franchine a muerte.

Aida…Pe’ mmè è ancore vive, a qua ‘u tenghe…

Leonzia…Jntre ‘o core ?

Aida…Jntre ‘o reggipette…( esce una foto dal reggiseno )

Arcante…Cu’ no’ne jèsse une da jntre ‘o mutande.

Aida…Ma’ddò l’è ‘cchjate, te dicive pigghjate a Sandrine …

Arcante…Notre n’assute , ci è stu’ Sandrine ?

Aida…’U pneumologhe.

Arcante…’Nu dottore ?

Leonzia…Macchè, venneve le pneumatece…

ARcante…’U gummiste, ma quanne n’è tenute, dimme ‘a veretà…

Leonzia…E quante…forse doje o trete…

Arcante…Ah beh, pensavo peggio…

Leonzia …Doje o trete no’ me l’arrecorde ma tutte l’otre come no…

Arcante…Ma tu no’ si’ Leonzia tu si’ Cleopatra, tu tenive ‘nu core come ‘nu melòne, tenive ‘na fette pe’ tutte, dicevi no ad un uomo sule piccè nonge avive capite ‘a domande…

Leonzia…Quedde de Necole, c’erano diversità di pensiero molto profonde, capirai lui era per i bottoni io per la cerniera, lui l’ostrica ije p’u spuènze… ‘na sere a cena se’n’assì cu’: “ Leonzia, ho bisogno di qualcosa in più “ Neco’, le dicive,pigghjete pure l’antepaste, po’ ansimando me disse ” Leonzia tu si’ belle assaje, me sente ‘nu fueche ‘nguerpe, tu hai capito vero? ” Necò’,ca ce so’ stodeche, se vede t’onne fatte male le cozze…beh, s’azò e se ne scì.

Aida…’U desgraziate pure ‘u cunte le fece pajà…

Arcante… E sempre jedde parle, tenime ‘a sentenelle,vide ce te ne ve’…

Aida…Ije de qua no’me move, figghjeme m’à date ‘u permesse du’ soggiorne…

Arcante…Du’ soggiorne , e com’jè ca te jacchje a tutte le stanze…

Leonzia…Mammà va’, vatt’à cuerche…

Aida…Sine voche… ( esce)

Arcante…Nonge ‘a supporte chiù, nonge ‘a vogghje intre a case…

            Entra Ifigenia, in pigiama

Ifigenia…Oh, ma insomma manghe ‘a notte se po’ durmè…

Leonzia…Sccc, no’ lucculà ca stè ‘spettàme le ladre…

Ifigenia…Le ladre…ah si, le ladre, e ‘a jatte s’à sendute ?

Arcante…Per il momento no…

Ifigenia..E’ strane , quedd’è puntuale…

Arcante…Po’ essere ca finalmente a scettàte ‘u velene…

Leonzia…Pure cu’ le jatte, so’ jatte in amore, se cucculèscene… tu  facive ‘a jatta morte…

Arcante…No, ije faceve la mano morta ca è tutte notra cose…

Ifigenia…Mo’ scè curcateve ca frà picche è secure c’arrive ‘u ladre…

Arcante…’U ladre, e tu com’ù se’ ca jè une sule ?

Ifigenia…E come ‘u sacce, l’agghje ditte  accussì, magare so’ doje o trete, ma no’ te preoccupà tande no’ se freghene mai ninde…

Leonzia..Speriame ca no’ dicene a nisciune c’avenene a rubbà a casa meje e no’ se portene ninde…

Arcante…Ma so’ cose da pacce, ‘nvece d’essere cuntende…

Leonzia…No’ so’ cuntende no, avastave ‘na televisione,’a radie, ‘na fette de carne e ‘nvece ninde, chidde puveridde se ne vonne sempre cu’ le mane ‘mmane , ce fegure…

Arcante…Leonzia se è questa la tua preoccupazione si risolve subito, stanotte le prepare ‘nu belle pacche riàle e quanne avenene s’u pigghjene e s’u portene , jntre mette ‘a collane, u’ relogge e quel fine braccialetto ca t’à rialàte màmete…

Leonzia…E a qua tine ragione, è proprio fine…

Arcante…Talmente fine ca manghe se vede,  e naturalmente ‘nu bigliettine dicendo,“ mi raccomando dicitele a tutte ca ‘n’avite arrubbate “.

Leonzia…Nooo, questo metterebbe a nudo la nostra verità.

Arcante…Questo è vero,  tu’ te viste de buscje…

Ifigenia…Tene ragione mammà, ce scoprene ca stame jntre a case facime ‘na fegure de…

Arcante…De fesse, trasene ‘ste malacarne e ije m’achiude da rete , me ste vene a tentazione cu’ m’asconne e l’azzecche…

Ifigenia…No papà, e ije po’ come fazze…

Arcante…Come face ce ‘ccose ?

Ifigenia…E ce cose…come fazze cu’ le cumpagne mije,sapene ca stame in crociera, e po’ mitte ca t’accidene…

Leonzia…Nooo, no’ dicere manghe pe’ scherze,sante du’ paradise aiutateme vu’…aiutateme…( si fa il segno della croce )

Arcante…Leonzia, ma ce stonne accidene a ‘mmè, piccè le sante du’ paradise t’anna aiutà a ‘tte, ma a pensarci bene , ‘ste ladre piccè avenene a casa meje, sule pe’ se fa ‘na tazze de cafè?

Ifigenia…No, chidde sapene ca stame in crociera e stonne tranquille, s’azzettene se contene do’ chiacchiere, se pigghjene ‘u cafè…

Arcante…E ce jè ‘nu bar…

Leonzia…No’ so’ fatte nuestre…

Arcante…Come no so’…tutte colpa toje, e tutte le chiacchiere ca vè’ dicenne…

Ifigenia…Papà n’à trattà accussì, sii più saccente…

Arcante…Ma no, non mi accendo…

Ifigenia…Si, puerte sembre l’astio…

Arcante..Ije porte l’astie ?

Leonzia…Sine, sei un astice, ah se tu m’amassi, se tu m’amassi…

Arcante …Stai tranquilla, non t’ammasso.

              Fuori scena si sente miagolare

Leonzia…(spaventata) Arrevate, arrevate ‘a jatte…

Arcante…E mo’ trasene le ladre, me sape c’a jatte face ‘u pale…

Ifigenia…Mo’ sciàtevene, non vorrete ca ne trovene jntre a’ case…

Leonzia…Mai sia, ce fegure facime cu’ le cristiane, e tu me raccumanne chiudete da rete..

Ifigenia…Sine ma’, sciàte mo’ e silenzio assoluto…

Arcante…Jntre a casa meje agghja fa’ silenzio assolute…

Leonzia…Me raccumanne no’ fa’ remore come l’otra notte, pe’ ‘nu pile no’ t’anne sendute…se ti viene trattienilo.

Arcante…Ti riferisci al rumore dello sternuto ?

Leonzia…O’ remore da vendre.

Arcante…Chidde no’ se ponne mantenè,miche me pozze tappà ‘u …è pericolose, se torna indietro può creare un embolia gassosa…

Leonzia…Almene no’ le fa tutte ‘na vote…

Arcante..No no, li farò a tratti come un telegrafo, alla Morse…

Leonzia…Morse du’ stuedeche…

Ifigenia…Oh , insomma…sce curcateve!

Leonzia…Sciàmene camine,( uscendo)  e tu statte attinte…

Ifigenia..Sine si…( esce ma rientra subito guardandosi dietro)

           il miagolare è più insistente , quasi una voce che chiama .

Ifigenia…( va alla finestra ) E maje ‘a spicce…( apre la finestra ed entrra Giuànne )

Giuànne…Miaoooo…e tande ce vuleve…miaooo…

Ifigenia…E avaste cu’’sta jatte, i miei discutevano…

Giuànne…Argomento della discussionabilità ?

Ifigenia…Papà, face le sternute e mammà se preoccupe, iere notte è sendute ce sternute no ?

Giuànne…’U sternute ?

Ifigenia… Sine, quann’è spandate p’à paure, stè raffreddate…

Giuànne…Ste’ raffreddate e face morse de le sternute ,fegurete quanne se mange le fasule…

Ifigenia…Giuà’,ma piccè è venute notra vote ?

Giuànne…Come piccè, pe’ te tenghe tanda de quidde amore…e tu ?

Ifigenia… ije pe’ te tenghe tande de quidde suenne …

Giuànne…E ce colpe tenghe ije , chiuttoste stame secure ?( guarda nella stanza per rassicurarsi)

Ifigenia…Sine, si…

Giuànne…Ma è possibele ca pe’ te vedè agghja fa’ ‘a jatte , ‘u ladre, l’equilibriste suse ‘o curnecione, a perichele ca me ne voche abbascje, stave une affacciate e m’a ditte “ Giuààà ce ste’ face suse ‘o terrazze” ? Furtune ca stavene le lenzole spannùte e agghje ditte “stoche accogghje le rrobbe cu’ n’ossì ve’ chiove “…

Ifigenia…Alle tre de notte…ma, allora t’à canusciute?

Giuànne…No, è oscure, sule ‘a voce a canusciute…

Ifigenia…Tande stè face ca n’à fa’ scuprì, te dicive d’aspettà ca turnamme da’ crociere…

Giuànne …Ma quale crociere, quale viagge, è ore ca mamete s’à spicce cu’ tutte ste’ studecarie.

Ifigenia…Lo fa per sentirsi più stabile sulla scala redditizia al centro della condizionabilità sociale .

Giuànne…E ce ‘ngentrene le buscje cu’ ‘a scale du’ centre sociale ?

Ifigenia…Vuol sentirsi una donna alla pari…

Giuànne…E tu ce femene si’, pare ‘o dispare ?

Ifigenia…Gli piace apparire…

Giuanne…E mèmete ogne tande ‘a face qualche apparizione…

Giuànne…Come ‘a Madonne…

Ifigenia…Nonge vole scumparì cu’ Cornelia…

Giuànne…E ci è…?

Ifigenia…’A mugghjere du’ psecologhe ca javete dirimpetto, a quedde ‘u marite ‘a porte a tutte vanne e noi per non essere da meno  papà ne porte in crociere…

Giuànne…Cu’ penziere, attànde ce me jacchje a qua me porte ‘o cambesante,no’nge ‘a fazze chiù, voglio starti vicino sempre, te vogghje bene ‘u capisce o no ?

Ifigenia…Sine ‘u sacce, ( lui l’abbraccia ) e statte ferme…

Giuànne…Comunque attànde vole o no’vole ‘a benedezione de Criste ‘a tenime no’ t’u scurdà…

Ifigenia…Sine si, mo vatinne no’ se sape maje, ce ve trase papà ‘u se ce te cumbine…

Giuànne…Ciò nonostante…me ne voche subete…

Ifigenia…Ah Giuà’ prime cu’ te ne vè’, t’agghje dicere ‘na cose…assaje ‘mportande…

Giuànne…No’me fa’ sta cu’ penziere, dimme dì’…

Ifigenia…Giuà’,stavote l’agghje fatte grosse …

Giuànne…E da qunn’jè ca no’ scive de cuerpe ?

Ifigenia …Ma ce capite, pe’ quedd’otra cose,l’amme fatte senza penzà alle conseguenze…

Giuànne…Mo agghje capite, te n’è pendite ?

Ifigenia…No no...

Giuànne…E allore, l’amme fatte per amore e sule pe’ quidde…beh dimme, ‘u sé’ ca so’ ansioliteche…

Ifigenia…Giuà, fra picche diventerai padre…

Giuànne…Ije, e piccè m’agghja fa’ prevete ?

Ifigenia…Papà !

Giuànne…( spaventato )Ne vedime Ifigè’…

Ifigenia…Ninde a capite…tu…diventerai papà.

Giuànne…Ije ?! …ah mo agghje capite, vuè dicere ca …

Ifigenia…Stè’ sèpettame ‘nu piccinne…

Giuànne…Madonne du’ Carmene…

Ifigenia…Vatinne mo’…

Giuànne…E come fazze, le jamme no’ me mantenene chiù, è na cosa seria, doveri , obblighi, Ifigenia, diventeremo genitali…

Ifigenia…E no’ sì cuntende ?

Giuànne…Eccome no, mo’ famme sentè…( mette l’orecchio sulla pancia di Ifigenia ) …no’ se sente ninde…spuestete ‘nu picche…

Ifigenia..Ca ce so’ ‘na radie, è ancore preste p’u sentè po’ t’avvise…

Giuànne…Me raccumanne dille ca ije  “ Giuanne “ so’ l’attane…

Ifigenia…Le brutte nutizie è megghje ca se sapene apprime…

Giuànne…Damme ‘na cosa da bevè… forte…

Ifigenia…M’e ditte ca si’ analcoleche ?

Giuànne…Quanne ce vole ce vole…

Ifigenia…E’ buene ‘u stravecchie?

Giuànne…Stravecchio, no’ je ca s’à uàstate ?

Ifigenia…E’ più invecchiato…

Giuànne…Ah , è  assaje c’o tenite…

         Ifigenia nel frattempo ha versato il liquore nel bicchierino, lasciando la bottiglia sul tavolino

Ifigenia…Nàh, bive attàppe ‘a vocche e attenzione ca è forte.

Giuànne…Uèh, ca sempre maschele so’ ! (beve d’un fiato, tosse) ahhh…madonne …aiuteme..

Ifigenia…Te l’agghje ditte ch’è forte .

Giuànne…( tossisce ) ‘U fueche tenghe, ‘u fueche…

Ifigenia…E mo come facime ?

              Lei riempie un bicchiere d’acqua e lo passerà a Giuànne

Giuànne…Intre a ‘ste case stè sule ‘na manere , affrontare la realtà…

Ifigenia…Tu si pacce, papà ‘u canosche  non accetterà mai ,scappamene , giustificheremo il matrimonio.

Giuànne…E d’u piccinne ?

Ifigenia…’U diceme dope,’na cose ‘a vote…

Giuànne…A pundate, no, attande non me lo perdonerà mai.

Ifigenia…Po’ essere , però devènte nonne e vedrai come ci accoglierà…

Giuànne…A cauce,quidde a già decise, te vole da’ a Bertuccio, ( altro bicchiere di cognac )

Ifigenia…Bertuccio?! megghje ca ‘m’accide…

Giuànne…Ifigenia, ( già brillo ) sappi…( sorseggia dalla bottiglia )

Ifigenia…Cosa…?

Giuànne…Com’è buene ‘u stavecchie…stè diceve , sappi ca Dio ci ha dato la vita e bisogna viverla fino in fondo…( sorseggia ) la vita è come stà buttiglie, la si beve ( sorso)…fino in fondo, quel che costa, costa…

Ifigenia…Me pare 12 mila lire…

Giuànne…E ‘stu piccinne ‘u se’ quante ne coste …

Ifigenia…Ce te pese stè ‘na manere cu’ te n’jsse ‘o franghe…

Giuanne…Ma ce ste’ dice, ‘a vite appene nasce è intoccabile, prendiamo esempio dagli animali, hai mai sentito che un uccello o un pesce si è suicidato ? 

Ifigenia…E ce ne sacce, cu’ tande pisce ca stonne…

Giuànne…( sorseggia)C’esistene una ragione ci sarà, Dio no’ face le cose tande pe’farle, e ce no avisse fatte sule le pisce p’arroste e p’a frettùre…

Ifigenia…Lasse ‘sta buttiglie Giuà’…

Giuànne…E’ tutte ‘a smerse,Ifigenia, tutte cose ‘a smerse…

Ifigenia…T’agghje ditte no’ bevè cchiù…

Giuànne…(sorso)…ajère agghje sciute intre a ‘nu cantiere e no’ cantave nisciune, cerco lavoro…”vada oltre la cancellata”, uèh me stè pigghjate pe’ fesse, ma ce l’avite cancellate come ‘a trove … il mare così grande lo chiamano “ mare “ la castagna così piccolina ‘a chiamane “ marrone”  è tutte cose ‘a smerse ‘o no ?!

Ifigenia…Fatte vedè do’ mideche, va’ mo’ e me raccumanne, trueve ‘na fatje, pe’ figghjete…

Giuanne…Ije pe’ figghjeme me scette a mare…

Ifigenia…Ca ce no’ se’ natà…

Giuànne…Pe’ dicere, figghjeme adda essere belle, jrte , intelligente…

Ifigenia…Si ma poi ci saranno seri dubbi sulla paternità…

Giuànne…Adda nascere sane, ma ce diche sane…de chiù…sane sane …

Ifgenia…Mo’ si c’a t’assemegghje…

Giuànne…E none de nove mise , de dece mise…

Ifigenia…De  dece mise ?!

Giuànne…Sine, m’onne ditte ca chiù se mantene jntre ‘a vendre è chiù forte jesse…

Ifigenia…E ce jè ‘na scorreggia…

Giuànne…Va beh, dicime ca nasce ,no’ sapime come ma nasce, ne vedime stanotte…

Ifigenia…Ce notte, stamatine turname da’ crociere…

Giuànne…Ah stamatine, allore buon…com’jè…stamatine turnate, allore no’ te vede chiù,no nooo…ije torne eccome ca torne…

Ifigenia…No’te permettere , papà t’accide…

Giuànne…No’ te lasse sole cu’ quidde rimbambite de Bertucce…

Ifigenia..Ma no’ me fa ridere, Bertucce, ma come puè penzà certe cose…

Giuànne…E’ stuedeche ma sembre maschele è…damme ‘nu bace, ije torne…

Ifigenia…E ije te menghe da suse abbascje…va mo’ va’…

                Giuànne si ferma guarda la finestra stupito

Ifigenia...Ce’ jè ?

Giuànne…Scuse ma ‘a fenestre ere una sole ?

Ifigenia…Eh !

Giuànne…E mo so’ doje, quest’otre quanne l’avite  mise ?

Ifigenia…T’agghje ditte no’ bevè…jsse da’ porte cu’ no’ te ‘à scè abbascje…

           Lui esce e lei si avvia nella sua camera. BUIO, stacco musicale che scandisce il passare delle ore, luce piena del mattino. Entra Arcante, in canottiera ed asciugandosi la faccia con un asciugamano, si guarda intorno soffermandosi sul tavolino…

Arcante…(Nervoso) Ah, n’amme date ‘a pazza gioie, ‘u stravecchie, e va’ bèh vuol dire ca stanotte  ve mette pure ‘u cunte, e ci’amma fa’,pazienza,mettime ‘nu picche de museche ne sollevame ‘u spirite…

         Si avvicina al giradischi mette un disco, parte una marcia funebre da Settimana Santa e lui s’inebria e canticcchia con evidente soddisfazione e continuando…

…ce bellezze, queste si’ ca è museche …nananì…nananà…sinte si’…( esce)

          Entra Aida , furtivamente si guarda in giro , si avvicina al giradischi , toglie il disco velocemente e lo porta via, Arcante non sentendo la musica rientra.

Arcante…Bèh ce tène ‘stu cose mo, ( armeggia sulla radio ) macchè, s’à uàstate, maledizione, nuève nuève s’à uàstate…

             Entra Ifigenia sbadigliando, con tazza di latte e biscotti

Ifigenia…Bongione papà…

Arcante…Si, proprie bongiorne,stanotte cognac , jntre a quinnece giurne cafè, cognac e ‘nu chile de zucchere, speriame ca l’avene ‘u diabete…

Ifigenia…No’ te preoccupà, è finita, oscje se torne da’ crociere…

Arcante…Ah, finalmente ‘na bella nutizie, nonge a faceve chiù, quinnece giurne achiuse a qua jntre , che poi devo dire la verità  ‘ste  crociere a me mi stancano, io delle crociere ho tutta un’altra visione, comunque l’importante ca stamatine finalmente posse aprè ‘a fenestre …

Ifigenia…No ! Ma ce ‘mpazzite, no’ te fa sentè da mammà, decide lei, l’apertura della finestra  deve coincidere con l’apertura della finestra di Cornelia…

Arcante…Ah ecco, pure quist’anne turname insieme a Cornelia…

Ifigenia…Si, in cocomeranza,finalmente se torne alla normalità…

Arcante…Normalità, e ce ste’ de normale jntre a sta case,anche tu , come maje stè già azate  tu che dormi fine a tarde ?

Ifigenia…Le penziere …

Arcante…E lo so, le penziere alluntanene ‘u suenne…

Ifigenia…Tutte le tenime le penziere …

Arcante…Si , ma ije dorme , me fanne da sonnifere, tu ‘nvece…ce sape ce tine ‘ngape…

Ifigenia…No’ tenghe ninde…

Arcante…(ironico)Ma nonge duerme , ‘nu mutive adda stà, vuè ca ‘nduvine?

Ifigenia…N’accumanzame a prima matine eh, ije no’ penze a nisciune…a nisciune !

Arcante…E quiste vogghje sentè, ce no’ me sbaglie so’ esattamente ‘nu mese e sette giurne ca t’agghje urdenàte de no’ penzà a niscjune , spero ti stia attenenedo alle disposizioni di un padre ca p’a figghje vole sule ‘u megghje e tu se’ de ce parle…( armeggia sul giradischi quasi non sentendo le parole della figlia )

Ifigenia…Sine si’ ‘u sacce, e comunque recuerdete ca ’u megghje de n’attane , cu’ tutte ‘u bene ca po’ vulè, no’ sempre è ‘u stesse  “ megghje “ ca ‘na figghje vole…o no, papà…

Arcante…Ce  jè ?

Ifigenia…E’ capite ?

Arcante…Pe’ mme no’ ste’ ninde da fa’…

Ifigenia…Proprie ninde ?

Arcante…NInde !

Ifigenia…Ma no’ se po’ aggiustà?

Arcante…S’a rutte , squascjate, no’ sinde ca no’ sone chiù.

Ifigenia…Ah , ‘u mangiadischi !?

Arcante…’U mangiasolde, t’onne pigghjate pe’ fesse, te decive statte attinde ca chidde so’ ‘mbrugghjùne  me deciste  “ no’ papà è come nuovo “  nàh, già s’à rutte …

Ifigenia…Ma so’ dudece anne co’ tenime,era già de seconda mane…

Arcante…E ce vuol dire, pure màmete è de seconda mane e ancore parle…

Ifigenia...Ma aqquà manghe ‘u dische.

Arcante…Agghje capite,  a state nonete , no’ le piacene ste’ museche e me le scette…

Ifigenia..M’a ditte ca l’astipe…

Arcante…Jntre ‘a munnezze, despettese come ‘a figghje, a proposite màmete ancore curcate stè?

Ifigenia…Sine papà, tène delore de cape e  i cognati…

Arcante…I cognati , e quanne onne ‘rrevate ?

Ifigenia…I cognati, la nausea…

Arcante…E ije ce tenghe , a qua intre otre ca nausea no’ se refiate chiù,  va’ statte  vecine a màmete.

Ifigenia..Stè ‘a nonne cu’ jedde…

Arcante…Allore è normale ca tene ‘a nause, è pesante…

Ifigenia…E’ vere sempre dice .

Arcante… ’U fiate  è  pesante, a proposite Ifigè’, prime ca m’arraje cu’ mamete, st’anne a ‘ddò jè c’amme state in crociera ?

Ifigenia…Te n’è scurdate, ce te sente mammà, dunque… mare , montagne e deserto.

Arcante…Pure ‘u deserte, un misto…

Ifigenia…Si, crociera mistica diversa dal solito, papà lo sai che gli piace variare.

Arcante…Màmete è totte avariate…

Ifigenia…E no’ te scurdà ca sciànne t’è rutte ‘u vrazze…

Arcante…Ah , quest’anno torno fratturato…

Ifigenia…E’ la prova c’amme state in montagna…

Arcante…E’ ‘a prove ca so’ sfurtenate, dalle crociere tutt’u munne torne sane e allegre, ije me ne torne cu’ ‘na desgrazie, nel Katar ‘u catarre ,in Asia  l’asiatica, ‘a diarrea africana e per dimostrarlo quanne stave ‘na visite  aveva scè ogne menute ‘o cesse .

Ifigenia…Per essere credibile aveva bisogno di prova , ma ‘u se’ ca so’ tutte chiacchiere…

Arcante…Si, ma le cristiane s’azavene e se ne scevene, ce fegure,comunque se mai organizzaste una vera crociera ije cu’ vu’nonge avenghe, sarà ca torne muerte, ma da ‘ddò le jesse tutte ste’ chiacchiere, t’arrecuerde l’anno scorse , ninde de mene nei mari del polo nord abbiamo avuto una collisione con un grosso Alberg…ma’ddò s’à viste maje…ahahah , intre a’ mare l’alberghe…

Ifigenia…Ma ce alberghe, un Airbag…’nu stuezze  de ghiacce…

Arcante…E st’anne  ce otr’avventura s’a ‘nvendate ?

               Entra Aida , non vista da Arcante ,gli sta alle spalle

Ifigenia…Mammà improvvisa, sacce sule ca jntre ‘a piramide di Cheope s’à truàte  nanze ‘na mummia.

                 Arcante sentendo una presenza alle sue spalle si volta e…

Arcante…E stave besogne de’ purtarsele a case.

Aida...Fa’ picche ‘u speretuse, grazie a figghjeme tenime ‘nu bell’oranghe…

Arcante…L’orango…tenime ‘a scimmie!?

Aida…Lo rango… il grado sociale che ci confà…

Ifigenia…Il rango nonna…

Aida…Grazie a Leonzia siamo nell’aceto medio…

Arcante…Com’a giardeniere, tu si’ chiù chiacchiarone de’ figghjete…

Aida…Pe’ colpa toje e della tua tirchiaggine , povera fgghja meje l’è stutate ‘a gioventù…

Arcante…E tu m’è stutate ‘u mangiadische,addo’ stè ?

Aida…’Nzieme a tutte l’otre…

Arcante…Quedde è museche ca te tocche ‘u core.

Aida …A mmè me tocche ‘u stomache…

Arcante…E allore vatinne, ‘a case ‘a tine…

Aida…Tenghe besogne de cure…

Arcante…Queste no’ jè ‘na clineche…

Aida…Ste’ sinde Ifige’ , quant’è vere Dije stavote me ne voche…

Arcante…So’ anne c’o dice…

Aida…Ifigè’, stavote  ’a nonne se ne vè’, cu’ delore ‘mpitte ma se ne vè’ …

Ifigenia…Nonna addò jè ca tine ‘u delore, allo sterno ?

Aida…Non allo sterno, allo ‘nterno, e no’ me fermate stavote eh…no’ me fermate…( esce)

Arcante… E’ pegge de mamete, a qua remane , fidati…

Ifigenia…A proposete de mammà, stoche preoccupate so’ do’ giurne ca le gire ‘a cape …

Arcante…No’ te preoccupà no’ jè ninnde, sarà un po’ di artrosi cerebrale,’na studecarie.

Ifigenia…Le malatie no’ssò studecarie…

Arcante…E menu male, ci’à studecarie ere ‘na malatie mamete da mo c’avisse morte, senti cara Ifi’, fra picche sicuramente arriverà il nostro caro Bertuccio…

Ifigenia…(capisce e mentre il padre parla , vistosamente sbuffa ) E ije me chiude da rete…

Arcante…E ije sbonne ‘a porte…

Ifigenia…E po’ ‘u faligname coste…

Arcante…Mica è per forza che la devi aprire, e dai su, mi raccomando non me lo  trattare male questo povero ragazzo  , è peccato, ce te costene do’ ‘ngraziaminde do’ mosse, da quanne avute ‘a delusione d’amore è così timido, è…come se dice quando uno non ha voglia di fare nulla…

Ifigenia… Epatico ?

Arcante…Sì, epatico, e questa epaticheria gli ha causato l’astenia neuro vegetariana ,anemia spossata, con piastrine sciupate e globule spumbàte , tene besogne de ‘na ‘gnezione de feduce…

Ifigenia…Pe’ me tene besogne de ‘na gnezione de Betotal.

Arcante…iFigè’,  e damele ‘na spinte …

Ifigenia…Da’ logge…

Arcante…Senti a papà, quello è l’uomo giusto,conto in banca, conto in posta, conto su di te, si lo so che non è bello , ma l’uomo non deve essere bello…

Ifigenia…Ma manghe brutte…

Arcante…Non esagerare, è un tipo piacionico, sinte a me, quidde ca ‘nteresse ‘a ‘na femene so’ otre cose  e Bertuccio le tène tutte, è proprietario terrestre, tre case in città ,una mostrada in montagna, un’ artico cu’ ‘na vista paranoica ca è ‘nu spettecahele, e pure stuedeche ce chiù ve’ cercanne ?

Ifigenia…l’amore papà…

Arcante…Agghje capite, le case so’ doje…

Ifigenia…Doje , fine a ‘mmò erene tre case…

Arcante…I casi  sono due, o si’jojje o cu’quidde nonge a fenite ‘a storie…è accussì…è perse ‘a lenghe, allore agghje ‘nduvenate, a Giuànne te l’a scurdà, è sfadiate , ignorante, e se po’ pure passà suse , ma è puveridde e quiste no’ me scènne…(Ifigenia scoppia in lacrime ) recuerdete ca l’amore è com’à benzine, prime s’appizzeche ma dope scoppie…(esce)

          Ifigenia si asciuga le lacrime , entra Leonzia allegramente con un martello un quadro raffigurante un volto comico e bruttino che il pubblico non vedrà subito, vede la figlia  e poggia il tutto sotto la parete .

Leonzia…( preoccupata) Ifigè’, ce jè a mammà ?

Ifigenia…Ninde ni’…

Leonzia…Come ninde, tu stè chiange…

Ifigenia…Papà…

Leonzia…Ce jè…’a solete descussione pe’ Giuànne no?!

Ifigenia…Sine ma’, ‘a vite è ‘a meje , giuste o sbagliate ‘u destine m’u fazze ije…

Leonzia…Ce uàje , e come se po’ fa’…( ha uno sbandamento ) madonna meje…

Ifigenia…Ce jè ma’ ?

Leonzia…Me stè gire ‘a cape…

Ifigenia…Sarà stato l’aereo, i vuoti d’aria…

Leonzia…Si può essere, ma ce ste dice, ce l’à viste maje l’aereo…totte colpa soje , da quanne n’amme spusate maje ‘nu viagge , ‘nu devertemende…

Ifigenia…Com’è fatte ‘a resistere tutte stu’ timbe ?

Leonzia…Recuerdete ca ‘na mugghjere remane sempre ‘o fianche du’ marite pure ci è stuedeche e tutte cu’ jdde le tène, comunque tutt’è doje amma parlà de’na cose…

Ifigenia…De ce ‘ccose ?

Leonzia…Ifigenia, quiste no’ me l’aspettave , ne mo e ne maje …

Ifigenia…Ce sapute ?

Leonzia…Tu no’ ne se’ ninde ?

 Ifigenia…Ce no’ parle…

Leonzia…’A cecogne stè’ in viaggio…

Ifigenia…’A cecogne… sarà periodo di migrazione...

Leonzia…Ifigè’ !

Ifigenia…E com’è fatte  a saperle  ?

Leonzia…Oh, ca ije mamma so’…

Ifigenia…Scummette ca state ‘u mideche…

Leonzia…Ma ce ste dice, a parte che come uomo no’ è il mio tipo…

Ifigenia…E allore ci’à state ?

Leonzia… Attande , ce puteve essere…

Ifigenia…Papà, e com’à fatte ?

Leonzia…Come fanne tutte l’otre …a marze arrive ‘a cecogne.

Ifigenia…No ce marze , a febbraio…

Leonzia …D’otte mise ?

Ifigenia…De nove…

Leonzia… E ci’àgghje sbagliate le cunte…

Ifigenia…No’ stoche a capische ninde…

Leonzia …E ce stè da capì, stoche aspette ‘nu piccinne…

Ifigenia…Pure tu ?!

Leonzia…E ce chiù?

Ifigenia…No, dicevo…pure tu , a st’età…

Leonzia…E se vede ca so’ ancore mammifera…

Ifigenia… E t’è fatte l’esame ?

Leonzia…Ma c’esame , ce jè ‘a prima vote ?!

Ifigenia…E mo?

Leonzia…E mo,  le piccine so’ ‘na benedizione…

Ifigenia…Tine ragione mammà, ‘na benedezione…

Arcante…( Fuori scena) Leonziaaa…

Leonzia…Scccc, citte ci’…stè ‘rrive …

                  Entra Arcante…

Ifigenia…Bèh, è megghje ca me ne voche, tenghe ce fa’…

Arcante…Brava,  il fare annulla il pensare, più  fai e meno pensi …

Leonzia…E lassa scè’ , è uàgnedde e po’ ‘nu uàgnòne vale l’otre …

Arcante…E no, prime de mettere le mane suse  ‘a ‘rrobbe de l’otre  ‘nu uàgnone per bene pe’ prima cose cerche ‘u permesse ’o proprietarie, e pe’ seconde…

Leonzia…Carne cu’ a ‘nzalàte…

Arcante…Amm’arrevate, t’è zàte spiritica, chiuttoste m’à ditte figghjete ca no’ te sinte, cià successe?

Leonzia…No’ so’ fatte tue …

Arcante…No’ so’ fatte mije, uèh, ce vè muere le solde du’ funerale a ‘mmè attocchene…

Leonzia…Tiè, si’sembe de ‘na manere…

Arcante…Stoche a scherze, ma dai su parla, dimme ce te sinte…

Leonzia…Me sente ‘a capa vacande…

Arcante…E fin qua il tracciato è normale…

Leonzia…Tenghe ‘a nausea…

Arcante…Tine ‘a nausea e ije ci’agghja dicere, quinnece giurne ca no’s’aprene le fenestre, manghe l’aria , a qua se  more du’ fizze,  quiste è ‘u fiate de mamete ,quanne japre ‘a vocche è pegge de ‘na sckatele  d’acciughe salate, s’à ‘mpregnàte tutte cose,pure  le mure , (annusa il muro) sinte si’,sape d’acciughe salate queste no’ jè’na case , queste è ‘na capàse, mo’ ca turname da’ crociere agghje dà do’ mane di calce viva,eh si, piccè ‘a prime mane da càuce vive addevente cauce morte (apre l’imposta) e ‘stu vitre ancore rutte stè ?

Leonzia…Oggi torniamo dalla corciera e si chiama il vetriolo…( si accorge ) uèh, ce stè face?

Arcante…Apro la finestra e facime sventà…

Leonzia…Statte ferme , so’ secure ca Cornelia stè spie, pe’ prima cose appinne stu’ quadre ( mostra il quadro con un volto ridicolo)

Arcante…E ci è quiste qua ?

Leonzia…Il ritratto di un  tuo antenato.

Arcante…Un ritratto ?!

Leonzia…Un ritratto !

Arcante…E io ritratto , tu no’ si sceme, si proprie jòjje(stupida)…

Leonzia…Ma non capisci, è un barone spagnolo, il primo del tuo albero ginecologico, nonché torero , mo co’ sape Cornelia  ahahah…è il colpo di genio  e a Cornelia l’avene ‘nu colpe…

Arcante…E  ije ce colpe tenghe , notra chiacchiere , tu’ l’onorevole aviva fa’…

Leonzia…’A fazze murè  de gelusie…

Arcante…E ije de sckattacore…

Leonzia…Tieni chiodo e martello e appendilo qui …si qui  bene in vista …

            A soggetto , Arcante è restio, lei insiste

Leonzia…Arcà, no’ se japre ‘a fenestre ce no’ mitte ‘u quadre…

             Arcante sconsolato ma velocemente prende gli arnesi

Leonzia…E gli occhiali ?

Arcante…No’ me servene …

Leonzia…Come no, Arcante tu sei lesbico…

ARcante…Sono presbite…

Leonzia…No’’ssì chiù cattoliche ?

Arcante…Posso ?

Leonzia…E lo metti a occhio nudo ?

Arcante…Ma ce signifeche a occhio nudo, ma per case è viste ‘nu nase cu’ mutande ?

Leonzia..Ma scuse t’è’ccattate l’occhiale progressiste mittele, cu’no’ te pigghje ‘u dìcite…

Arcante…Ti preoccupi per il mio dito, ma no stai tranquilla, certo si sà che la messa è pericolosa…

Leonzia…Mo’ manghe a messe se po’ scè chiù ?

ARcante…La messa al muro del chiodo, un famoso psicologo ha accertato che dipende dalla psiche, causa psichedelica, una teoria che tra l’altro condivido, in pratica se tu miri al chiodo, dice questo stimato professore, che è automatico che si prende il dito, come se il muro conscio del pericolo di essere penetrato  dal corpo estraneo ti deviasse il colpo, mentre  se tu miri al dito il muro sta là tranquillo, si  lo so’ pare ‘na strunzate  ma guarda e vedrai ( colpisce il dito ) ahhhh…è proprie ‘na strunzate…ce delore ahhh…

Leonzia …No’l’è viste ‘u dicite ?

ARcante…Come no,l’agghje pigghjate in pieno….

Leonzia…Tirele ‘nu muèzzeche…

Arcante…Ca ce jè ‘nu vurpe…

Leonzia…Un dolore piu grande annulla il dolore più debole…

Arcante…’Ngape te l’agghja terà’ ‘nu muezzeche, m’à dicere ‘u mutive de st’otra studecarie…

Leonzia…Tutta colpa toje,sì, ‘u marite de Cornelia è dottore , padrone di sette lingue e  tu  ?

Arcante…Une, fra picche doje,  ‘a lenga  toje, te l’agghja terà , muta t’agghja fa deventà…afona…

Leonzia…E  ije a gnuttè velene, piccè tenghe ‘nu marite  ‘gnorante…

Arcante...Ma so’ cose da pacce, a parte ‘u fatte c’o marite no’l’agghje mai viste fa’ na visite …

Leonzia…M’à ditte Cornelia ca tene ‘u studie a Carusine …ah si, e allora pure ije tenghe ‘u marite ca face tanda , tande  cose face, sì…

Arcante…Fazze tanda cose…e ce fazze ije ?

Leonzia…Beh, sei stato avvocato…

Arcante…Ije , e quanne ?

Leonzia…In pubertà, po’ è fatte l’agente segreto , l’astronauta …

Arcante..L’astronauta, ca ce m’affacce da pianoterra già me gire ‘a cape …

Leonzia…Si ma prima sei stato pilota di caccia…

Arcante…E picche manghe cu’ te cacce, si ‘na buscjarde,e ce me cerchene ‘nguarche cose ce le conte  ?

Leonzia… Famme stu piacere , fa’ ‘u torere…ti prego…

Arcante…No’ se ne parle …

Leonzia…Pe’ piacere, ‘a vogghje vedè sckattà de gelusie, pe’ ‘na vote , l’ultema vote , famme sendè ‘mportande.

Arcante….Ma so’ chiacchiere, tu vive de chiacchierre…

Leonzia…E jedde de realtà, ‘u marite le riale  pellicce e brellante,’na femene tene besogne de ‘ste cose , no’ diche sembre  ma ogne tande, ‘na cene ‘nu cineme…

Arcante…T’agghje purtate ‘o cineme.

Leonzia…Si, però mo’è chiù belle, se sente  pure ‘a voce, ti prego fa ‘u torere spagnolo,‘u spagnole è facile .

Arcante…E’ facele! ?

Leonzia…Sine, avaste ca mitte la “Esse” alla fine di ogni parola…ce sacce…” aspettos ‘nu piccinnos “.

 Arcante…Sei troppa vecchias.

Leonzia…Ma gallina vecchias sai che fas ?

Arcante…More subete !

Leonzia…E damme ‘nu bace me’,une sule ( la bacia)… famme vedè stè affacciate( spia ) sine stè…a noi !

          Apre la finestra con indifferenza si accorge di Cornelia, mentre Arcante con l’ingresso dell’aria fresca ha un giramento di testa , respira molto profondamente,sembra un assetato che trova una sorgente.

Leonzia…Oh  Cornelia…hello…stè face finte ca n’ò m’a viste…mo a sentè “ oh Leonzia, scusa stavo sovra pensiero, con la testa  sto ancora in crociera… Oh ohh  Cornutelia…hellooo…

Cornelia …( fuori scena) Oh Leonzia, scusa , stavo sovrapensiero , con la testa sto ancora in crociera…

Leonzia…A chi lo dici, ben tornata…

Cornelia…Anche a te cara, noi alle tre e voi ?

Leonzia…E un quarto ,notre poche ci si scontrava…

Arcante…( fra se ) Per un pelo…

Cornelia…Sono stanca morta…

Leonzia… Qui un cimitero, tutti morti…

Arcante…(fra se ) D’asfissia.

Leonzia …(al marito ) Citte,  (a Cornelia)  fatto buon viaggio ?

Cornelia…Fantastico…

Leonzia…Vedessi il nostro , otre ca fantastiche, non so da dove cominciare, al ritorno non ti dico cosa ci è successo…

Cornelia…Dimmelo dimmelo,cosa ?

Leonzia…Se sapessi…se sapessi…

Arcante…( piegato per non farsi vedere da Cornelia va dietro la moglie ) Cià successe’?

Leonzia…E ce ne sacce…

Arcante…Se sapessi, se sapessi…

Leonzia..Appunte, se sapessi  lo diressi…

Cornelia…Come l’anno scorso ?

Leonzia …Peggio, molto peggio, mo’ sckatte, oh ecco Arcante…vieni Arcante , saluta Cornelia…

Arcante…No no…

Leonzia…Maniscete…

Arcante…Buenas dias…

Cornelia…Tutto bene ?

Arcante… Per el momientos  toto bien dopos no se sapes…

Cornelia…Ma come parlate, non capisco…

Arcante…E’la lengas, ma porchè è totas ‘na storias…in esto momiento è lo spagnolos che abla, mugghjeremas le spiegheras…ne vedemos…maledette a ‘ttè…

Cornelia…leonzia ma tuo marito è malato ?

Leonzia…Ma che malato,  è la lingua…Arcante che lingua…?

Arcante…Longa…la lenga longa…

Catalogna…Cata…logna…ah guarda certe notrizie non so’ da dove arrivano, ha saputo di avere origini spagnole, un suo avo pare sia un barone toreador,  teniamo anche il ritratto …

Cornelia…Si v ede benissimo…

Leonzia…Ah si vede,Barone ti avevo detto di non metterlo in mostra e tu che fai , lo metti proprio in fronte a Cornelia…sei un’esibizionista!

Cornelia…Non sto nella pelle, ho tante , ma tante cose da dirti, vengo  a farti visita…

Leonzia…’U sapeve stè sckatte ,si certo ti aspetto , se sapessi quante cose ho da dire…si si a dopo…

           DRIN , arriva Bertuccio con antenna incartata, Arcante apre

Bertuccio…E’ permesso, buongiorno a tutte…

Arcante… Bertuccio carissimo, trase accomodati…

           Bertuccio  disgustosamente annusa l’aria

Bertuccio…( con voce nasale) Ma ci’avite fatte l’acchiughe salate ?

Arcante…( guarda la moglie )…poi ti spiego…

Bertuccio…Tutto bene Leonzia ?

Leonzia…Fine a ‘mmò, scuse ma ce puerte adda intre ?

Arcante…Sccc, non parlare, eheheh…bella mia una sorpresa per te…

Leonzia…Ah si, pure ije ne tenghe une pe’ te…

Arcante…Ma queste otre a dicere otre a  vedè, dimmi cara ce ‘ccose te manghe jntre a case ?

Leonzia…Tutte cose !

Arcante…A qua te vuleve, ora tutto cambia, lì dentro ce una cosa che taglia la testa al toro.

Bertuccio…Taglia la testa al toro…

Leonzia…Laccetta?

Bertuccio…Non credo che il toro accetta di farsi tagliare la testa…

Arcante…Ma ce tore ce cape…Bertuccio, scarta.

Bertuccio ( scarta ) Scarto subete subete , ecco qua…

Leonzia…Oh Gesù, l’antenna, grazie grazie , ce bellezze , finalmente…e ‘a televisione  addò stè ?

Bertuccio…’O negozie.

Leonzia...Ma insomme l’è’ccattàte ?

Arcante…Ce l’è’ccattàte ?

Bertuccio…No no, vulevene ‘a garanzia, tu  stave in crociere e l’agghje purtate le garanzie ca tenghe ije.

Leonzia…E ce garanzie l’è date ?

Bertuccio… ‘A garanzie du’ frigorifere e da’ lavatrice  però m’onne date sule l’antenne.

Leonzia…Ma ije vogghje ‘a televisione, ce me ne fazze de l’antenne…

Arcante…Calmati Leonzia,  ti spiego, se la TV  fosse qui davanti ai tuoi occhi, non ce , immagina, la tua gioia sarebbe finita già, è l’attesa che dà felicità, piu attendi e più felice sei, ‘na cose ‘a vote , tu t’accuntentà, sei incontentabile, sappi ca l’antenne è importantissima, senza questo preziosissimo oggetto quanne a vide ‘a televisione , Bertù dill’u tu , quanne a vede ‘a televisone ?

Bertuccio…Maje !

Leonzia …No’ cange maje, si’ ‘nu surragghjòne, fammene scè ch’è megghje, ollè…ollèèè! (esce)

Bertuccio…’A turnate allegre mugghjerete no ?!

Arcante…Con le donne quidde ca fece è perdute…

Bertuccio…Hai ragione, comunque bentornato.

Arcante…Bentornate?!…piccè addò agghje sciute?

Bertuccio…E ce ne sacce, sì’ tu ch’è viaggiate…

Arcante…Ah si , sai  è la stanchezza , stanotte amme turnate,  si si perchè devo dire, st’anne amme fatte la cosidetta crociera del canguro…

Bertuccio…Avite state in Australia?

Arcante..No, un salto qua un salto lì…pure là ,ah  ‘u se’ c’ agghje devendate barone.

Bertuccio…E tutte ‘na vote ?

Arcante…Ma no, arrevate ‘nu telegramme in cui si spiegava che  nella mia casata, tu ‘a tine a casàte ?

Bertuccio…No, nu’ sime scasàte…

Arcante…Ti dicevo che in questa casata ce anche un barone, sai cos’è  un barone vero ?!

Bertuccio…Certamente, un barone è una grossa cassa da morto, ce te serve a te ?

Arcante…A sòrete ,è il titolo nobiliare…

Bertuccio…E ce te l’à date ?

Arcante…’U pustine…

Bertuccio…’U pustine t’à date ‘u titele, mo’ co’ vede me l’agghja fa dà’ pure a mmè ‘u titele…

Arcante…De stuedeche, diceva ca tenghe discendenze nella terra della Catalogna…

Bertuccio…Bòne ‘a catalogne…cu’ le fave è ‘nu capelavore…

Arcante…Ma ce fave, in Spagna ce una grande piantagione di catalogna, cioè una regione ca se chiame Catalogna,ecco vedi , quello è il mio avo.

Bertuccio…V’appartenite ?

Arcante…Certamente, sime parinte…

Bertuccio…Ma quant’è brutte…

Arcante…Parinte luntane,faceve ‘u torere,( imita il torero) olè toro olè…

Bertuccio… Arca’ no’ te stè sinde ?

Arcante…Ma sto benissimo, ora ti spiego,siediti…

             Bertuccio si siede con molta cautela poiche soffre di ragadi ,  ogni tanto si lamenterà

Bertuccio…Ahhh…

Arcante…Piano piano…ti dicevo ca mo senze ca me n’avverte parle spagnole, se vede ‘a spandate ‘u sanghe e lo spagnolo che dormiva in me mo’ me jesse da tutte vanne…

Bertuccio…Pure da rete ?

Arcante…Ma ce stè…Bertù’, geneticamente so’ spagnole e me pigghjene l’attacche…

Bertuccio…Ah si, e che avverti i dolori ?

Arcante…I dolori no’ stè besogne d’avvertirli, avenene sule sule …( fa due mosse da torero )

Bertuccio…No’ me pare vere…

Arcante…No’ jè vere…no dico, no’ jè vere ca no’ pare vere  ca è vere ?

Bertuccio…A te ‘a Catalogne t’à fatte male, comunque auguri , Arcà’ no’ me dicere ninde se ti invidio,nel senso buono eh, sempre in viaggio, devertemente…ije ‘nvece sembre a qua, stè penzave…

Arcante…Dimme Bertu’ dimme…

Bertuccio…Ce doche fastidie  ce l’anne c’avene parte  cu’ vu’ ?

Arcante…E tu manghe, facime ‘a comitive…

Bertuccio…Grazie , so’ cuntende però  me pigghje paure de l’aeroplane…

Arcante…A ci’ù stè dice…

Bertuccio…M’onne ditte c’o mumente chiù pericolose è ‘u decotte…

Arcante…E ce ‘nge vole, ‘na tazza d’acquà cavete …

Bertuccio…Ce capite, il decotto, quanne l’aereo se ‘nzippe…

Arcante…Ahahah , vedi ce significhe non viaggiare,non conosci i vocaboli, ti manca la cultura del viaggiatore, il momento dello stacco si chiama decoltè, ma non ce da preoccuparsi, ‘na vote ca t’azzitte  basta allacciarsi la cintura…

Bertuccio….E come fazze, ije porte le bretelle…

Arcante…Ma come t’e ‘zàte stamatine, l’aereo è il mezzo più sicuro,  fatt’u dicere da me ca tenghe tanda ore de viagge, comunque un consiglio per securezzea te lo do’,  porta sempre ‘na cinte lire ‘nzacche…

Bertuccio…E ce ne fazze ?

Arcante…Certe vote ci sono problemi con l’uscita del  carrello, tu cu’ cinte lire stè secure…

Bertuccio…Grazie Arcà’, sinte ‘na cose, ije da quanne avite partute no’nge agghje durmute ‘na notte, furtune ca durmeve de giurne, penze sembre a figghjete , a quidde ca m’è ditte , ije no’ so’ ‘u tipe sue…

Arcante…Ma ce ‘ssute pacce, tu sei il più adatto , addò voche a jacchje notre come a ttè, un bel ragazzo come te, lo sai che appoggio questo matrimonio…

Bertuccio…A me me piacerebbe ‘na uàgnedde ca me vole bene averamende, agghje avute troppe delusione d’amore, pe’ l’ulteme agghje perse ‘a cape…

Arcante…Stè parle d’a straniere…quedde du’ Perù ?

Bertuccio…Sine ‘a perugine…m’à destrutte…

Arcante…Grande amore ?

Bertuccio…Grande troia, pigghjeve ‘a cotte , po’ me passò ma po’ ‘a cotte m’a venute arrete..

Arcante…Hai preso la ricotta ?

Bertuccio…E quanne me l’è ‘urdenàte?

            Entra Ifigenia…

Ifigenia…Papà…uèh Bertù, a qua stè’?

Bertuccio…Bongiorno e bentornata.

Ifigenia…Grazie.

Arcante…Bertuccio mi diceva c’appena apirte l’uecchje  ‘a sentito l’irrefrenabile necessità di…

Ifigenia…No’ me ‘nteresse…

Arcante…Bertu’, dille tu quale necessità hai avuto appena alzato, non resisteva Ifigenia, e dille che non resistevi…

Bertuccio…Ah si, ce no’ me faceve sotte…

Arcante…Ma ce stè …non resisteva alla necessità di pensarti…

Bertuccio…Si si, è vere , stave azzettate ma a te penzave…

Arcante…Azzettate  in poltrona , nel frattempo fai un po’ di compagnia a Bertuccio, ne tene besogne e tu ( a Bertuccio senza farsi sentire da Ifigenia ) me raccumanne , spare tutte le cartucce , bisogna sparare…(esce)

BErtuccio…Si si agghje capite…Ifigenia…lo sai che si è aperta la caccia…

Ifigenia…E allore ?

Bertuccio…Besogna sparà le cartucce..

Ifigenia…E pigghja bbòne ‘a mire…

Bertuccio…No , è ca…si insomma m’avene difficile, sai non so’ se mi sono capito specie mo’ ca stame sule…

Ifigenia…Ce t’avvecine te menghe ‘nu mappine ca te fazze gerà ‘a cape…

Bertuccio…No pe’ favore , ije tenghe pure a pressiona vascje, me vuleve riallaccià al discorso …

Ifigenia…Arrete cu’ stu descurse, allore n’è capite ninde…

Bertuccio…No’ t’arrabbià, scuseme ma no’ so’ ije , è attande ca ‘nziste …

Ifigenia…E già, l’aveva ‘mmaggenà…

Bertuccio…’U sacce ca vuè bene a Giuànne…

Ifigenia…Bertu’, tu non puoi capire…

Bertuccio…E piccè no, ije so’ deluse miche stuedeche,viate a te, pe’ me l’amore è ‘nu suenne…

Ifigenia…Arriverà pure pe’ te, specialmente mo, oh ‘u se’ ca cu’ ste’ capidde stè megghje de prime…

Bertuccio…Te piacene com’onne venute ?

Ifigenia…Mi devo ancora abituare , prime no’ tenive ‘nu capidde e mò’ folti e rizze rizze…

Bertuccio…Si rizze rizze, ‘a scienze face merachele, tuecche Ifigè’, tuecche, pare velluto…è vere ?

Ifigenia…Sembra di carezzare la seta, eh ma ce curagge ch’è tenute a fa’ ‘u trapiante…

Bertuccio…Però mo’ posso conquistare il cuore di una donna con più facilità, vuè mettere une senza capidde cu’ une cu’ stà sorte de parrucche, tuecche tuè’…

Ifigenia…Ce bella senzazione , parene vere…

Bertuccio …So’ vere…

Ifigenia…Vere ?!

Bertuccio…Certamente, so’ le mije è un autotrapianto.

Ifigenia…E ce significhe ?

Bertuccio…Le levene da ‘ngule e le mettene ‘ngape…

Ifigenia…( con ribrezzo ) Ce sckife...Bertù putive pure avvesà…e ce ‘ccose…(esce )

Arcante…(entrando ) Cià successe ?

Bertuccio…Me stè carezzàve le capidde e ije l’agghje  ditte du’ trapiante.

Arcante…No’ l’a dicere a nisciune da do’ le levene,mo’ sciame sus’o terrazze , amma scè sestemà l’antenne.

Bertuccio …E a me ce me sesteme ?

          Escono , DRIN (porta d’ingresso , entra Aida e va ad aprie , entra Giuanne, travestito da donna.

Giuanne…(con voce travisata femminile)…E’ permesso , si può…

Aida…Prego accomodatevi…chi cercate ?

Giuanne…Arcante non ce vero ?

Aida…No, ma voi chi siete ?

Giuanne..Un’amica…

Aida…Un’amica di Arcante !? Leonziaaa…

Giuanne…Scccc, ce stè lucchele , un’amica d’Ifigenia dall’elementari, non vi ricordate di me,ero quella bimba tanto bella..

Aida…Tu tanto bella…e ce ‘vute qualche sindrome maligna ?

Giuanne…Il tempo ti cambia…

Aida…A state proprie ‘nu  maletimbe…

Giuanne…Vi ricordate che tenevo la coda ?

Aida…’A code, e che vi siete operata?

Giuanne…La coda di cavallo.

Aida…Che tenevi il crine ?

 Giuanne…I capelli…

Aida…Mo aspitte aqquà ca voche a chiame …

            Esce , Giuanne si guarda intorno con fare ansioso, rientra Aida con Ifigenia,lui è di spalle

Aida…Signorina…

Giuanne…Dice a me ?

Ifigenia…Tuuu…!?

Giuanne…Non te l’aspettavi   la tua cara amica di banco…

Ifigenia…Ah si , eravamo bancari, e ce venute a ‘ffà ?

Giuanne…Te l’aveve ditte ca turnave, piaciuta la sopresa ?

Aida…Per poco ci rimanevo secca…

Ifigenia…Nonna, ti prego, sai tenime tanda cose da dicere …

Aida…( uscendo ) Si si certamente,  arrivederci e curati…

Ifigenia…Ma ce studechite , papà suse ‘o terrazze stè…

Giuanne…L’agghje viste…

Ifigenia…Vuè ruvenà tutte cose ?

Giuanne…No’ te lasse sole cu’ quidde stuedeche de Bertucce…

Ifigenia…Ce ve ‘rrive papà sime ruvenate…

Giuanne…Cumbenate accussì no’ me canosce nisciune…

             DRRIINN

Ifigenia…E mo’ ci è ?…chi è…

          Voce di Cornelia   

Cornelia…Sono Cornelia, la signora che vi abita in fronte…

Ifigenia…Un momento, e mo come se face…

Giuanne…Presinteme accussì , sarà il banco di prova ,a qua ste’ figghjeme e succede quidde ca succede ije da qua no’ me move…

Ifigenia…E va bene, l’è vulùte tu !( apre )

                 Entra Cornelia, con passo stanco

Cornelia…E’ permesso ?

Ifigenia…Avanti, accomodatevi…

Cornelia…Grazie…

Ifigenia…Ma ce tenite le cepodde ?

Cornelia…Macchè, ‘a stanghezze du’ viagge, tanto cammino, e mammà?

Ifigenia…Sta di là , vedo se vi può ricevere…

Cornelia…Ci’agghje venute in orario di ufficio ?

Ifigenia…No, sta mettendo a posto papà…

Cornelia…Ah, ’u stè ‘stipe ?

Ifigenia…Ma no, le valige di papà, il viaggio l’aereo , sapete no ?!

Cornelia…No’ me ne parlà, ho ancora il fuso da smaltire , ma mio marito dov’è…Prodasio, ma dove sei…( spia dalla porta) muoviti..

Prodasio…( fuori scena ) Momento…arrivo, arrivo, sono stanco…

Cornelia…Scusatelo è il fuso…

Giuanne…Il fuso orario ?

Cornelia…No , jdde è proprie fuse, piacere Cornelia…

Giuanne…Piacere …Giuaaaanna ( colpito da Cornelia nel fianco)

Ifigenia…Anna, un’amica di scuola…

Cornelia…Che carina, però figlia mia scusa eh, ma sulle gambe hai un pelouche o non ti depili dai tempi di David Crokett ?

Giuanne…E’ una disfunzione ormonale, l’estate cu’ calore s’allònghene…

Cornelia…Come le fasuline, hai provato col  tagliaerba ?

Giuanne…Li lascio così perché d’inverno mi tengono al caldo…

Ifigenia…Vado a chiamare mammà…Anna seguimi…

Giuanne…E ce te perde de viste…con permesso…

              Escono

Cornelia…Prodasioooo, ancora…

             Entra Prodasio

Prodasio…E damme ‘u timbe no…e ce ‘ccòse …

Cornelia…Si’ pegge de ‘na lumache…

Prodasio…No’ me chiamà lumache..

Cornelia…Ce tene ‘a lumache mo’…va a rilento, come te…

Prodasio…Però tene le cuerne…

Cornelia…Ancora cu’ sta storie de le cuerne, la lumaca ti somiglia perché è com’a ‘ttè, moscje !

Prodasio…Specifichiamo, ije so’ musce de jamme, sule de jamme, ma piccè m’è fatte venè a qua, ce le canosce le cristiane ,e sopratutte  ce fegure ma fa fa’ stavote…

Cornelia…Scccc, (lo prende a borsettate )no’lucculà a case d’estranie, ce mode so’, recuerdete ca si’  dottore, sei stanco piccè amme  turnate da’ crociera in Spagna…

Prodasio…E mo’ m’ù stè dice, dope c’amme state quinnece giurne achiuse  intre a case …

Cornelia…Ca ce cu’ te no’ se po’ parlà, ce aveva fa’, al fatto compito ti ho messo di fronte…

Prodasio…Tu ‘nfronte m’è mise otre cose…

Cornelia…Oh ma è ‘na fissazione, vide c’o marite è torère…

Prodasio…E ije ce fazze ‘u tore ?

Cornelia…’U se’ ce stè penzave…

Prodasio…No’ pe’ piacere , tu quanne pinze si’ pericolose…

Cornelia…Citte, a me m’à sentè, ma si…tande trete tande quattre , idea Proda’…’u se ce m’à fa’…?

Prodasio…Vuè ca t’u diche…

Cornelia…Citte stuè’,  m’a fa’ ‘u ballerine…

Prodasio…’U ballerine, no Cornelia ‘ questo no…

Cornelia…Uèh, a qua cumanne ije, a fa’ ‘u  ballerine!

Prodasio…Ma no’ so’ ballerine…

Cornelia…E piccè si’ dottore, sinte a ‘mmè, ogne tande fa’ do’ passe , improvvisa…

Prodasio..All’improvvise me mette ‘a ballà,  pe’ pacce m’à fa pigghà…

Cornelia…Decidi, o ballerine o curnute…allora ?

Prodasio…( sconsolato) Ballerine , ballerine…

Cornelia…E mittete ‘ngape ‘na cose…

Prodasio…Arrète, no’ vogghje ninde ‘ngape…

Cornelia…Tu si’ mariteme  e un marito face tutte quidde ca vol’‘a mugghjere e specialmente non crede a quello che si dice in giro, a qualche stupida voce di corridoio…

Prodasio…Ce corridoie, a qua se tratte de voce de chiazze…

Cornelia…Smettila, il fatto è che non sei maturo…

Prodasio…E ce ‘ssò ‘nu precuèche,ma picce me face fa ste’ cose, piccè ?

Cornelia…Piccè no’ me piace senterme sotte a nisciune, ‘u marite a Leonzia ‘a porte a tutte vanne , tu addò me puerte a me, addò jè…?

Prodasio…’O manecomie t’agghja purtà…

                  Entrano Leonzia ed Aida…

Leonzia…Carissimi…

                      Mentre Prodasio  balla il flamenco fra lo stupore dei presenti  cala il sipario sul

     

                                                                      

                                                                  P R I M O   A T T O

                                                                   

                                                                          

                                                                                  SECONDO ATTO

        …Stessa scena , Leonzia, Aida e Cornelia sono seduti in poltrona e divano mentre Prodasio è in piedi che ballicchia grottescamente il flamenco.

Cornelia…Avete visto che ballerino?

Leonzia…Superbo, è vero mammà ?

Aida…Pensavo fosse un numero da circo, finalmente abbiamo l’onore di avere in casa  il dottore…

Prodasio…Ah bene, posso approfittare pe’ farme fa’ ‘na visite…

Cornelia…Ma sei tu , lo psicologo.

Prodasio…Ah già, il fatto è che psicologo lo sono da poco, cu’ tanda laure passe p’a cape...

Aida…Ah pure p’a cape, l’agghje sembre ditte c’o làure(alloro) è santa cose…

Leonzia…Mammà,le lauree …medicina , ce ‘cchiù ?

Prodasio…E beh, ‘nu poche de quiste, de quist’otre, n’ammuzze…

Cornelia…Ora basta Prodasio !

Prodasio…Scusate, ero preso dal ballo .

Cornelia…Ah questo ballo, questo ballo, mio marito ha vissuto una vita per il ballo…

Prodasio…Certamente, anche tu cara , una balla per la vita.

Cornelia…Siamo stati in Spagna e non poteva per nulla al mondo perdersi il corso di Flamenco accelerato...

Aida…Che bravo, lo sapete ballare anche velocemente?

Prodasio…Come no, ecco… ( balla velocemente) de punta e de taco, de taco e de punta…

Cornelia…Prodasio, il corso era accelerato, basta così Prodasio, azzìttete, no’ fa’ ‘u camblacase…

Prodasio…Scusatemi, non volendo il ballo mi prende il piede…

 Cornelia…La mano, ti prende la mano.

Prodasio..Ma che mani , io ballo coi piedi…

Leonzia…E si vede…

Cornelia…Siamo in casa altruistica non esagerare, ricordati che sei un medico…

Prodasio…Però diciamlo che da medico non esercito.

Cornelia…Ah si, non esercito , in Marina , lui è militare , capitano di mascella  su una fregata…

Prodasio…Si,ma prima che ce la fregassero…

Aida…Cosicchè andate per mare , ce per case ‘ncuntrate a Franchine mije , datele ‘nu bace da parte mia.

Leonzia…Mammà! E avaste cu’ stu’ Franchine, sbaglio o sono due o tre anni che ci abitiamo in fronte…

Cornelia…Due anni ad agosto, ma il barone dov’è, dov’è questo barone?

Aida…Ci è stu barone ?

Leonzia…E statte citte, arriva arriva, Ifigenia…iuhhù, Ifigeniaaa…starà a pulire sembre a pulire,è una puledra,chiedo veglia vado di là, mammà vi terrà buona compagnia…( ad Aida) no’ fa uàje… Ifigeniaaa Iuhhhùuù…(esce)

Aida…I figli sono un dono di Dio, e voi ne tenite figghje ?

Cornelia…Purtroppo no.

Aida…E come mai ?

Cornelia…Come mai, pe’ colpa soje…

Aida…Uh quanto mi dispiace, il dottore è imprudente ?

Prodasio…Ma no, di carattere  sono molto cauto…

Aida…Ho capito, site assai cavete e soffrite di colazione precotta…

Prodasio…Ma ce ste dicite, macchè impotente, stè sinte ce me tocca sentè, ma come face a dicere ca è colpa meje se non abbiamo mai fatto un controllo,un esame…

Cornelia…No’ ste’ besogne, basta guardarti e si capisce , so’ anne oramai, io mio caro ho tutto a posto , sono fertilizzante…

Aida…Però ce vole ‘u cuncime…

Cornelia…Diciamo la verità, tu mio caro sei isterico…

Prodasio…E piccè une ca è istereche no’ ne po’ avè figghje, magari  nasceranno un po’ nervosi, agitati…

Cornelia…Non fecondi…

Prodasio…Vuoi dire , sterile…

Cornelia…Si, sei stereofonico.

Prodasio…La verità e che hai sempre avuto paura della maternità, dillo…fall’ù sapè…

Cornelia…E pe’ forze, mi sono sempre chiesta con uno come te cosa ne verrebbe fuori…

Prodassio…’Nu cetrùle,diventare padre è sembre ‘na soddisfazione,anche papà de ‘nu cetrule, ma se hai la mania della contraccettazione, tu e tutti i tuoi metodi, li hai provati tutti…

Cornelia…Signora , la prima volta che gli dissi  “ Prodasio ho preso la pillola “ sapite ce m’a resposte, “ ce tine male de cape ? “ ma si può…

Aida…E ce tenive , delore de vendre ?

Cornelia…Signo’ , pure vu’…

Prodasio…E po’ quidd’otre , come se chiame , il metodo del dottor …il dottor , quello col nome che sembra un’esortazione…

Cornelia…Ah, Ogino…

Prodasio …Si, Ogino Knapp…

Cornelia…E ce tenghe ‘a carie,ignorante, dottor Ogino Knorr, e tu che non hai mai voluto provare con la fecondazione assistita…

Prodasio…Tu si pacce, non la farò mai, è capite…mai!

Cornelia…Ma perché, perché ?

Prodasio…Perchè non sarei capace di fare l’amore con gente che  assiste…

          Entra Leonzia…

Leonzia…Oggi le soprese…mia figlia mi ha presentato una sua vecchia amica di scuola, prendete un caffè ?

Cornelia…Non vorremmo…

Leonzia…Ma no, allore due caffè per tutti…

Cornelia …Per me va bene e tu ?

Prodasio…Va bene, due caffè anche per me…

Leonzia…Mami, pe’ piacere va’ tu jntre ‘a cucine, quelle due ragazze con tande cose da dirsi, vai mami vai.

           Esce Aida , entra Arcante col braccio ingessato

Leonzia…Ah, ecco il barone…

Arcante…Buongiorno, vi benedico in nomime patris...

Leonzia…Ma Arcante miche si ’u  Pape, sei solo un baroncino ,non ha ancora maturato l’idea…

Arcante…Eh si, sono prematuro, non so’ ancora come ci si comporti in certe vesti,sono di fresca nomina, permettete…barone Arcante Baraldi…( si presenta così anche a Leonzia che lo manda a quel paese)

Prodasio…Ma com’ è successo ?

Arcante…Come…Leonzia vogliono sapere come …

Leonzia…Si da’ il caso che sei uno sportivo no?!

Arcante…Ah si si,  sono uno sportivo nato, è vero che sono nato ?

Leonzia…Si, purtroppo…

Arcante…Pratico sport nordici, i sudici non tanto, mi piace l’oca, e a voi ?

Prodasio…A me cu’ le patane…

Arcante…Ma ce patane , l’oca sul ghiaccio,si ma da quest’anno basta con le crociere, abbiamo viaggiato tanto , in lungo al largo no perché non so’ nuotare,è successo sciando ,sono un esperto sciatore di sloan…

Cornelia…Il balsamo ?

Arcante…Ce balsame, sciando faccio gli sloan, gli slogan… ( imita lo sciare ) …come si dice…

Prodasio…Ah, slalom…

Leonzia…Slalom estremo…

Arcante…E quidde ce vole,n’estreme unzione !

Leonzia…Dalle più alte vette, se lo vedesse alle prese con le vettovaglie…

Arcante…Beh, ho preso un fuori pista diabetica…

Prodasio…’Na piste pe’ le diabeteche…

Arcante…Una pista piena di abeti, molto lunga, sci di fondo infatti alla fine agghje tuccate ‘u funne, violentemente e si è rotta la radio…

Leonzia…Non sai sciare , non sai sci…a…re.

Prodasio… E quindi è venuto l’elicottero o il gatto?

Arcante…Il gatto .

Prodasio…Il gatto delle nevi .

Arcante…Il gatto del  terrazzo.

Leonzia…Dal terrazzo  dell’ hotel, eravamo in mostarda , che vista  è vero mammà?

Aida…E ce l’a viste…

Leonzia…Con l’età la vista diminuisce, mammà purtroppo soffre di catetere , mammà ricordi quante cime ?

Aida...Si si, ere chine de cime de rape ?

Leonzia…Mammà , avvalla la valla, dì ai signori dov’era stà benedetta valle…

Aida…Vall’a sapè , vall’à sapè…

Prodasio…Ho capito, nelle piste da sci siete caduto e vi siete rotto…

Arcante…Le scatole…dico le scatole di cioccolatini e caramelle perché non le avete offerte?

Aida…Ije no’ ne pozze mangià , purtroppo c’ho il verme solitario e non gli do’ questa soddisfazione…

Prodasio…Minguccio, un mio amico lo aveva , due metri…teneve sempre fame,mangiava , mangiava ma no’ se saziave maje

Arcante…Adda essere ‘a stessa razze du’ verme ca tene de mamete…

Prodasio…Non cerano rimedi , tanti di farmaci ma quello non moriva mai, pensate che le supposte non le inserivano normalmente, per abbattere il bersaglio  gliele sparavano con una pompa ad aria compressa ,’na vote ‘na supposte l’assì da recchje,preghiere,filtri magici, perfino un esorcismo, niente da fare, si grattava in continuazione persino a messa,no’ ne puteve chiù, così prese una drastica decisione, farlo morire di fame.

Aida…’U cigghje no’nge ‘u sente chiù ?

Prodasio…No’sente chiù ninde…

Aida…Finalmente s’à liberate du’ verme.

Prodasio…E’ ‘u verme ca s’à liberate de jdde.

Arcante…Mammà, secondo me è un sistema da provare…

Cornelia…Prodasio , su’, ballicchia…

             Prodasio balla comicamente

Arcante…Che soffre di epilessia ?

Leonzia …Ma no, flamenco ispanico.

Arcante...Cos’è , una forma più aggressiva ?

Cornelia…Siamo stati nella terra dei vostri parenti e così ha impatrato il flamenco, sempre a bailar , a bailar tutta la notte…

Arcante…Mi dispiace, tutta la notte abbaia ?!

Cornelia…Ce tipe scherzuse, barone le vacanze sono fatte per perdersi nel divertimento, voi mi direte che tutto questo costa, e chi se ne frega,si vive una volta sola,su questa terra siamo di  passeggio, tra l’altro Prodasio al denaro non ci tiene e non ci tese mai, pensate che mi ha fatto ultimamente?

Prodasio…Ce t’agghje fatte ?

Cornelia…Lo zibellino…

Prodasio…No cara , io faccio lo zimbello.

Cornelia…Si è vero, lo zibellino l’ho vinto nell’estrazione, però  il visone…

Prodasio…Il visone lo trovasti sull’autobus…

Cornelia…Hai ragione,e  la borsa di coccodrillo ?

Prodasio…Quello nel tassì…

Cornelia…Ah si…scuse ma tu ce m’è fatte ?

Prodasio… Prime ‘o dope nguarche cose t’à fazze!

Leonzia…Che fortuna che avete…

Cornelia…Che volete la donna è mobile…

Arcante..E le maschele so’ faligname…alè toros , (imita le movenze del toreador )

Prodasio…Ma cià tene c’u’mmè ?!

Cornelia…Ma no, è il sangue del toreador, che bravo , guarda Prodasio che bravo…

Leonzia…Si , ma se ci fosse un vero toro…

 Arcante…Si, ma dove lo troviamo…

Cornelia…Come dove, Prodasio, fai il toro.

Prodasio…Ero certo che me lo avresti chiesto…la crociera è bella , ma quando parto ho sempre paura dei ladri e voi ?

Arcante..No, sono di casa, cioè in casa ce un impianto antifurto…

Prodasio…Ma non si vede…

Arcante…Perché non ce, cioè ce ma non si vede, e chi la vede se non ce …

Prodasio…Giusto, allarme ad infrarossi ?

Arcante…A infradito, basta un dito e …

Leonzia…Arcante fa’ gli onori di casa , mostra la stalla al toro, oh scusate, le stanze …

Arcante…Ma certamente, prego da questa parte.  (Escono)

Cornelia…Ah , gli uomini…

Leonzia…Cosa fearemmo senza di loro…

Cornelia…Tutto .

Leonzia…Tutto cosa ?

Cornelia…Tutto, e quando dico tutto dico tutto, è viste mariteme, ‘na palle ‘o pede, sospettoso, geluse e peggio ancora non crede nella fortuna…

Leonzia…La fortuna stà nelle piccole cose…

Cornelia…E’ vero, una piccola villa, un piccolo yacth, una piccola rendita, cara mia ormai  con Prodasio siamo agli antilopi, sono anni che a letto non ci troviamo…

Leonzia…Tenite ‘nu litte granne e lui che fa ?

Cornelia…ahahah…Prodasio per me ahahah …impazzisce…

Leonzia…Ma cosa gli farai mai ?

Cornelia…Niente di speciale , gli nascondo il telecomando…

Leonzia…Noi , sai…prima cera il vero amore ora …

Cornelia…Ammesso che si possa amare il proprio marito ce sempre bisogno di una altro per avere una risposta precisa.

Leonzia…Oh Gesù, mo’ capische tutt’à furtune ca tine…

Cornelia…La fortuna è cieca e ije le doche ‘na mane, gli stenti no’ me piacene, me sente ancore giovane , primaverile, tengo frutti speciali da offrire…

          Entra Aida che ha sentito l’ultima frase

Leonzia…Mammà si parlava di primavera…

Aida…Si, agghje sendute.

Cornelia…Me putite da’ tuerte, ‘na vote ca s’arrive all’autunne ( indicando con il tono la nonna ) addie…

Aida…Recuerdete ca l’autunne tene frutte ca primavere se le sònne.

Cornelia…Beh, ce v’a successe stavote?

Aida…Ehhh…Leonzia parle tu ca ije no’ sacce da do’ jè c’agghja ‘ccumenzà.

Leonzia…Ma de ce’ccose ?..

Cornelia…Della crociera…

Leonzia…Ce crociere…ah si, certo ( inventa al momento , ha il fare impacciato ma convincente ) dunque , ti ricordi l’anno scorso quando l’orca assassina ci speronò?

Cornelia…Come no, subiste un nubifragio e pe’ furtune passarono di lì l’orca assassina e  la balena Moby Dick  e chiedeste un passaggio…

Leonzia…Si, furono gentilissimi, noi prendemmo Moby Dick…

Cornelia…Parente dei Dick Dick ?

Aida…Hanno lo stesso cognome ma non sono parenti…

Cornelia… E vi trainò sugli scogli di Capri…

Aida…Scogli,erano scoglioni …

Leonzia…Faraglioni mammà!

Cornelia…E Stavote ?

Leonzia…Mica è facile, mica facile con gli aerei… non capisco perché gli aerei volano …

           Entra Ifigenia col vassioio ed il caffè…

Ifigenia….Se camminassero eviteremmo il mal d’aereo…

Cornelia…Ci sono già , si chiamano treni.

 Ifigenia…Prego…

            Prendono il caffè

Cornelia…Grazie, noi quest’anno abbiamo viaggiato col Jet…

Aida…Noi con quello più grande,  il gettone.

Leonzia…P’u telefene, era un jet americano, gli  USA e jet , a’ ‘nu certe punte l’aereo s’à mise a ballà…

Ifigenia…’U twist…

Leonzia…Eh si, faceva su e giù, un temporale che non vi dico, è vero mammà che arrivavano fulmini, saette…

Aida…Saette cu’ te pigghje, ma da do’ te jessene?

Leonzia…Dalla tempesta , con tanta grandine , arrevavene palle di neve accussì…

Ifigenia…Sono balle mammà…balle di neve…

Leonzia…E ‘u ghiacce?!

Cornelia…’U ghiacce, a luglio ?!

Leonzia…Eh …ah si, abbiamo fatto la rotta polare, sbatteva contre le vitre, duro come granito…

Aida…Arrevavene certe granite…

Ifigenia…Io l’ho presa al limone…

Leonzia…Un fulmine ha colpito la cabina di pilotaggio, c’era solo il secondo…

Aida…Il primo lo avevano già servito…

Leonzia…Il secondo chiamò il comandante che arrivò in un secondo, si sentì la sua voce che diceva , “ signori siamo in emergenza”

Cornelia…Oh Dio,  ha lanciato il “ My Way “?

Leonzia…Certamente, ma per fortuna a bordo c’era Frank Sinatra e disse, “ fermi tutti , al my way ci penso io “, dalla torre dei sette gatti…cioe , torre di controllo , ci dissero che per salvarci bisognava ridere, ridere forte , e nu’ tutte a ridere…ahahaha…

Cornelia…Stento a crederci, in quei momenti di paura dove immagino regnava il terrone, ridevate , ma perché ?

Leonzia…Ma come perché, “ gente allegra , Dio l’aiuta “, e infatti stame a qua sane e salve, comunque ci siamo divertiti da matti…è vero mammà?

Aida…Ma ce te l’è sunnàte ?

Leonzia…Certo che è un sogno, dico il posto era un sogno, che mare, che onde, ho fatto il self sevice, mammà lo sci …

Aida…Ije  ‘u scì ?!

Ifigenia…Si nonna , sci natica…

Aida…Che sciavo di culo ?

Cornelia…Vivere mia cara , ‘a vite è una sole e besogna gudersele, e la Spagna, che chiese , che affreschi…

Aida…Se stave frische ?

Cornelia…I dipinti, pieno così, pieno di archi…

Ifigenia…Senza  frecce ?

Leonzia…E’ ‘rrobbe d’architettuta, le navate i cavatelli…

Cornelia…Cu’ le fasùle, capitelli…

Leonzia… Noi  capitelli grandi, è vero mammà ?

Aida…Certi capitoni.

Ifigenia…In agrodolce…

Cornelia…E in Africa ci siete mai stati ?

Leonzia…E ce s’a scorde, io mi sono trovata faccia a faccia con una pancera nera…

Cornelia…Terra di storia, di popoli…i Cartaginesi, creatori della carta igenica, gli ittiti, l’itterizia, i persiani…

Ifigenia…Le tapparelle, il Katar patria del Fluimucil, e i Sanniti ?

Ifigenia…Le sannacchiudere, e i tartari ?

Cornelia…’U dentifrice…e i mongoli ?

Ifigenia…Le mongolfiere.

Cornelia…Il Viaggiare è istruttivo ti inculca il sapere…

Leonzia …E ije accussì me sente, inculcata.

Cornelia…Beh, levo il disturbo , sapete le valige i souvenir, i soprammobili…

Leonzia…I soprammobili ?! …chiame ‘u marite…

Cornelia…No lascia stare, le maschele quanne accumenzene a parlà ,blà blà blà…no’ so’ otre ca chiacchiere, dicitele ca l’aspette a case,  ci vediamo , ho tanto da dirti…

Leonzia…Io ho appena cominciato…

Cornelia…(uscendo) A tout à l’heure…

Leonzia…A tutte l’er, tutt le minute, le seconde…o revoir …( alla madre) è sendute quanta viagge..

Aida…Viate a jedde, maritte ‘na prucate, te dicive pigghete a Mechele…

Leonzia…’U scarpare ?

Aida…’U perite agrarie, me deciste ca ere esperte de suole…

Leonzia…Si, suole e sopratacche…( escono)

         Rientrano Arcante e Prodasio

Prodasio…Come ti dicevo la solidarietà fra uomini è cosa buona e giusta…

Arcante…Eh si, hai ragione ma tu caro mio devi trovare una soluzione non ti puoi sottomettrere a  tutte queste angherie, ancora non ci posso credere, è state quinnece giurne achiuse intre a case…

Prodasio…Ije , e tu !?

Arcante…E’ ragione, agghje perse sette chile, e come amma fa’, ma tu ‘u se’cià sciute dicenne alle cristiane, c’agghje fatte l’astronauta…

Prodasio…E ije direttore d’orchestra, a me ca l’uneca scale ca canosche è quedde de casa meje…

Arcante…Sai che facciamo, ci facciamo una bella fumata e ci rilassiamo …

Prodasio…No’ grazie, m’agghje levate ‘u vizie…

Arcante…Bravo, e com’è fatte ?

Prodasio…Cu’ stecchine…

Arcante…’U stecchine, ma ce me vuè sfottere…

Prodasio…No’ me cride , e ‘nvece è vere, aspitte ca forse ne tenghe une…( cerca nelle tasche)

Arcante…Ma no’ jè possibile,la scienza ci prova in tanti modi ma senza successo e tu te ne jsse cu’ stecchine….

Prodasio…Te stoche a diche ca è accussì…eccolo qua, prueve ce te coste…

Arcante…Cu’ stecchine !?

Prodasio…Japre ‘a vocche, ecco qua( lo sistema tra i denti ) ti passerà la voglia vedrai…

Arcante…Cu’ stecchine …e va beh ci proverò , grazie assaje,tieni …

 Prodasio…Tienilo pure, figurati…

Arcante…Grazie, si’ n’amiche (con lo stecchino tra i denti )

Prodasio…Figurati, ormai no’ne tenghe besogne, ogne tande cangele, quidde  l’agghje ‘usate pe’ ‘nu mese…

Arcante…( sputa disgustato )…E ce ‘ccose…Prodà’ , e ce manere…

Prodasio…Ce te schife ?…pensavo che fra uomini…

Arcante…Ci devi pensare, ma so’ cose da pacce.

Prodasio…E allore quanne t’u live ‘u gesse ?

Arcante…Non so, è mugghjereme ca face ‘a prognese…

Prodasio…E ce l’aveva dicere , uniti dallo stesso destino…

Arcante…No’ jè proprie uguale…

Prodasio…E tine ragione, no’ sacce chiù ci’àgghja fa’, ho dei tristi sospetti…

Arcante…Tu si’ fessate, pe’ me è sule furtune,’u fatte ca mugghjerete torne a case cu’ ‘na pellicce , ‘u bracciale d’ore no’ significhe ninde…

Prodasio…Significhe,significhe, e l’assegne post datate?

Arcante…Quante vote se sente ca une jesse da case e jàcchije ‘n’assegne post datate, magari stesso nome, un caso d’antonomasia, poi ricordati che nostro Signore perdonò la donna adulta…

Prodasio…Grazie, miche era ‘a soje…

Arcante…‘U se’ cià ditte  Einstein ?

Prodasio…Cià sapute qualche cose ?

Arcante…Einstain lo scenziato, premio nobel della relatività, a ditte ca tutte cose è relative,ti spiego, tu personalmente no’ si’ curnute, no, è mugghjerete ca te face le corne,è diverso,  molto diverso, per Einstein non ce da preoccuparsi…

Prodasio…No’ so’ curunte ?

Arcante…Si, ma curnute relative.

              DRRINN

Prodasio…Arcà’,no’ facime capì a nisciune ca sapime tutte cose, no’vogghje descussione cu’ muugghjereme.

Arcante…Hai ragione, le facime ‘a sorprese.

               Apre la porta entra Bertuccio , cammina lamentandosi per un dolore …

Arcante…Trase Bertù’…

Bertuccio…Bongiorne…ahhh…

Prodasio…Bongiorne…

Bertuccio…Arcà’, t’è fatte male ?

Arcante...Posteri di frattura, canusce ‘u dottore ?

Bertuccio…Piacere Bertuccio…( dando la mano ) ahhh…

Prodasio…( si spaventa) Ahhh, no’ te sinte buene?

Bertuccio…None dottò, sto’ malissimo…

Prodasio…Che tieni  uecchje de pesce, pernice…

Bertuccio…So’ vegetariane…

Prodasio…Intendevo, calli, duroni…

Bertuccio…Ma ce calle, ahhh…so’ le scarpe , io porto il 43, queste sono 38…

Prodasio…Non capisco…

Bertuccio…Non so’ se posso approfittare…

Arcante…Ma certamente, ti presento il luminario della medicina .

Prodasio…Dov’è ?

Arcante…Ma sei tu,laureato a Oxoford…

Prodasio..Ah già, dimmi tutto figliolo…

 Bertuccio…Ma è dottore o prevete ?

Arcante…Parle Bertù’,fai l’anansimi, l’anesemi, la nansimi, ma come se dice…

Prodasio…’A mamese…

Bertuccio…Dovete sapere che ormai la vita non mi dà’ più soddisfazioni, e allore m’agghje ‘ccattàte stu’ pare de scarpe stritte , mi creda dottore, sono l’unica soddisfazione che mi resta…

Prodasio…Non vedo dov’è la soddisfazione a purtà totte ‘a sciurnate ‘nu pare de scarpe stritte…

Bertuccio…’A sere dottò, quanne me le leve…

Arcante…Tu pe’ cervidde tine ‘nu cesse, te nascene le strunzate…azzittete…

              Bertuccio prova a sedersi  ma

Bertuccio…Grazie …ahhh ( si alza subito ) preferisco di no, tengo le arachidi …

Prodasio…Buene, mo’ jìssele ca ne facime ‘a vocche…

Bertuccio…Cu’ tutte ‘u piacere ma non posso uscirle,  stonne ‘ngullate rete…

Prodasio…Ah le ragadi…stè ‘nguajate eh !?

Arcante…Prodasio perche non gli dai un occhiata…

Bertuccio…Magari,così  mi date una pomata un balsamo,  un bacio…

Arcante…Un bacio, ma ce stè dice…

Bertuccio…So’ santa cose, me recorde mammà ca quanne me faceve male me diceve “ mo ti do’ un bacio sulla bua e ti passa” dottò , io c’ho la bua a voi un bacio ce ve coste…

Prodasio…Ma no’ se ne parle proprio…

Bertuccio…Ma siete dottore, i malati si aiutano, credetemi ce l’ho in fiamme.

Prodasio…E chiame le pumpiere…

Arcante…Scusatemi ma vado a conoscere una ragazza piovuta dal cielo senza che me lo aspettassi…

Prodasio…’Na uàgnedde e addò stè ?

Bertuccio…Arca’, famma canoscere…

Arcante…Calma calma, è n’amiche di mia figlia dalle elementari e dope tand’anne l’à venute a truà, la cerco la cerco ma non la trovo mai, circostanze sfavorevoli mi negano la sua bella , ma che dico bella , bellissima, visione, dottore visitate Bertuccio e  fate con comodo, arrivo subito…

Bertuccio…Come so’ sfurtenate…

Prodasio…Ma ce probeleme tine ?

 Bertuccio…Problemi di cuore…

Prodasio…E va’do’ cardiologhe…

Bertuccio…L’amore dottò’, il rapporto con le donne nella vita nel  posteriore, una tragedia e mi inzeppo di tristezza , mi farcisco di solitudine…

Pordasio…Non ridi mai…

Bertuccio…Ridere, ije me deverte sule quanne chiange, le femene m’onne ‘rruvenate , ormai no’ me dicene ninde…sono indifferenti.

Prodasio…Ma ce si’ menzafemene ?

Bertuccio…Nel senso che non mi parlano, non mi telefonano,dottò diciteme, in un uomo cos’è che conta?

Prodasio…Lo stile,  il bell’aspetto…

Bertuccio..E forse è pe’ quiste, eh sì, je quanne aspette me stizze e me fazze brutte…

Prodasio…Ma ce capite, la  bella presenza…

Bertuccio…Pe’ me è colpe de stà facce…

Prodassio…Nell’uomo no’ jè ‘a bellezze ca conte…

Bertucccio…Si, però è megghje essere bellefatte ca bruttefatte…

Prodasio…la bellezza passa…

Bertuccio…E ‘a bruttezze reste, cu’ ste dinte po’,guardate dottò guardate, è il tartaro che mi ammazza.

Prodasio…A ‘mmè è ‘u fizze, ma che hai fatto una puzza ?

Bertuccio…Noooo…( molto vicini )

Prodasio..Come no, mo’ ne’ fatte notre…

Bertuccio…E’ il fegato…

Prodasio…’E ‘u fiate…

Bertuccio…Datemi un consiglio, cosa posso mettere su questi denti gialli?

Prodasio…’Na cravatta marrone.

Bertuccio…Troppe delusioni d’amore , ho perso la gioia di vivere , è l’amore ca me manghe, dottò vi prego aiutatemi, fatemi conoscere l’amore…( lo abbraccia)

Prodasio…E va’ da sorete, ma stè proprie ‘nguajate, prendi qualcosa ?

Bertuccio…Un caffè macchiato…

Prodasio…E ce stame ‘o bar, prendi medicine ?

Bertuccio…Certamente, stoche a fazze ‘a cure bilanciata, ecco qua, Calmosan e Tiramisul…

Prodasio…Uno rilassa e l’altro tira su…

Bertuccio…Ma me sente sempre ‘u stesse…

Prodasio… E’ normale, si bilanciano..

Bertuccio…E ce me le pigghje a’ffà , ora bevo pure, sapesse come bevo…

Prodasio…E ce mange salate ?

Bertuccio…Bevo per dimenticare, ho fatto un po’ di psicoterapia…

Prodasio…E non’è cambiato niente ?

Bertuccio…Come no, ora bevo sdraiato, vulisse ‘na femene ca me face spandà ‘u sanghe, la mia ragazza adda essere bella , m’adda fa remanè senza parole…

Prodasio…E’ quedde ca vogghje pure ije…

Bertuccio…Dottore, non vi permetto , questa è la mia ragazza,Arcante me vole da’ ‘a figghje  ma quedde vole bene a notre, s’à fessate …

Prodasio…A te è ‘u cervidde ca s’à seccate, dovresti inserire un po’ di integratori…

Bertuccio…Me stoche a mette le supposte integrale…

Prodasio…Ma ce supposte, meglio integratori naturali, la frutta, magari  ‘na bella  banana…

Bertuccio…Ca chidde so’ gruesse…

Prodasio…Ma ce capite, con la banana aumenta la magnesia e il prolasso…

Bertuccio…’U prolasse…allore me vuè vedè muerte…

              Entra Arcante con una bottiglietta incartata

Arcante…Ragazzi, una notizia incredibile, non stò nella pelle, Leonzia m’à ditte ca stoche p’avè ‘nu piccinne…

Bertuccio…Tu, e d’addò l’à parturì ?

Arcante…Da d’essute tu, ma ce ste’ dice, e ce l’aveva dicere, a st’età ancora padre…

Prodasio…Tanda augurie, però criscele notre piccinne , e ce facite v’u tenite o…?

Arcante…O ce’ccose, certe ca ‘nu tenime, le piccinne so’ sacre , ce face male a ‘nu piccinne mèrete ‘a morte…

Prodasio…Pienamente d’accordo , beh allore ancore augurie , mo voche a diche a mugghjereme , sarà felicissima , po’ ne vedime…( esce)

Bertuccio…Tande augurie Arcà’…

Arcante…Grazie Bertù’, per festeggiare  se vuoi bere qualche cosa…

Bertuccio…Ma no…grazie ‘u stesse…

Prodasio…No no, no’ fa’ cumpleminte, se vuoi bere  ’u rubenette ‘u se’ addò stè, Ije porte quiste ‘o laboratorie, Leonzia no’ vuleve è sicurissima, “ no Arcante non lo fare, sono certa , ho esperienza di queste cose, tra l’altro dice ca jntre ‘a ventre se sente movere, e beh sarà un bambino vivace , però facimele ‘u stesse l’analese , non si sa’ mai…stoche a voche tu aspitteme …

Bertuccio…E va va, ije aspette aqquà…

     Si muove per la stanza  e s’avvicina al buffet, entrano frettolosamente  Ifigenia e Giuanne , non notano la presenza di Bertuccio

Ifigenia…Va’và… mo te ne puè scè…

Giuanne…Si si, ma come se face , ce sapene ca pure tu…

Ifigenia…Non lo saprà mai, ( si accorge di Bertuccio ) uèh… aqquà stè ?!

Bertuccio…Eh si, stoche aspette attande…ce ‘ccose nonge adda sapè ?

Ifigenia…No ninde, fatti miei, vai cara vai…

Bertuccio…Mo’ aspitte ‘nu picche, no’ s’use chiù fa’ le presentazione…

Ifigenia…Scuse se’, ‘a frette…

Giuanne…Piacere Giuàààààànna…( colpito nel fianco da Ifigenia ) …Anna…

Bertuccio…’U piacere è tutt’ù mije, dimme ‘na cose, addò stave ascunnute ‘na bellezze de sta’ manere?

Giuanne…Sono stata in convento…

Bertuccio…Ce bella voce, forte , quasi maschile…

Giuanne…’A voce l’agghje pigghjate da papà.

Bertuccio…E dimme da mammà ce pigghjate ? 

Giuanne…Le mazzate.

Ifigenia..Beh, mo’ te ne puè scè’…

Bertuccio…No no, falla remanè…

Ifigenia…Ma ije tenghe ce ‘ffà…

Bertuccio…E se stè cu’mmè, no’ te vogghje perdere de viste…

Giuanne…E manghe ije…

Ifigenia…E va bene, ( uscendo) e tu , me raccumanne…

Bertuccio…(Si avvicina a Giuanne)Cosicchè è state dalle monache…

Giuanne…(Si allontana) Si, ma non mi guardate con quegli occhi…

Bertuccio…E sule chiste tenghe…

Giuanne…Mi sento arrossata…

Bertuccio…Pure tu stè’ ‘nfiammate ?

Giuanne…I tuoi occhi mi scrutano..

Bertuccio…Sono scrutinatore …( l’afferra per la vita )

Giuanne…Ahhh, e stateve ferme , sono timorata…

Bertuccio…Ingenua, ma ce facive ‘o cunvente ?

Giuanne….Ce faceve, suonavo l’arpa,  curavo l’orto…

Bertuccio…Facevi l’orticaria,bella, bellissima, me stoche a sente ‘na cose ‘nguerpe …

Giuanne…Se vede ca nong’è digerite qualche cose…

Bertuccio…Sente ‘na cose ca me stè cresce…

Giuanne…Uèh, no’ facime scherze…

Bertuccio…L’amore, tu nonge ‘u sé ce tìne ‘nnanze…

Giuanne..Si tu ca no’ ne se’ ninde…

Bertuccio…L’avvenire, ije so’ l’avvenire tue ( gli tocca il sedere con la mano sinistra)

Giuanne…Ahhh…ce ste face ?

Bertuccio…Sccc... la destra non deve sapere quello che fa la sinistra…

Giuanne…O si’ ‘nu politeche o ‘nu maniache…

Bertuccio…E ce cange, tutt’è’ddoje te pigghjene p’u cule…

Giuanne…E basta, ma che maniere…

Bertuccio…Scusami amore, non so’ cosa mi ha…aspettami  torno subito subito, mi devo far peredonare , aspetta eh…ciao cara…( esce )

           Uscendo si scontra con Prodasio…

Prodasio…Uèh ma quanta frette, e ce ‘ccose…oh…( vede Giuanne) chi siete incantevole creatura ?

Giuanne…Dalle…sono un’amica d’Ifigenia…

Prodasio…Un’amica fotogenica, brava, ma non ce nessuno?

Giuanne…Come no, stanno di là e vado subito a chiamare…

Prodasio…Ferme no’ te movere, addò ve’, è tanda belle stà sule,parlame,ne canuscime megghje…( si pettina)

Giuanne…(fra se) Ci’avisse nate femene m’avisse già sestemate…

Prodasio…Permette che mi presenti, sono Prodasio dimestico e  competente.

Giuanne…Siete il domestico ?

Prodasio…Si, sono docile e mansueto…

Giuanne…Giu…Anna, musicista…

Prodasio…Tu si’ ‘na museche, e che suoni a corde o a fiato…

Giuanne…A fiato, certe vote se gonfiane accussì…

Prodasio…E se vede, ( gli mette le mani sul seno ),ti spiego, so’ psicologhe, vedi queste due masse  come sono lontane dal corpo, perché i polmoni spingono da dentro per cui ci vuole una forza uguale e contraria per bloccarle, ce no ce sape addò vonne a spiccene…

Giuanne..’O spedale…(spinge Prodasio sul divano )

Prodasio…Oh scusami, no’ men’agghje ‘vvertite….avine a qquà.( fa segno sulle ginocchia)

Giuanne…No!

Prodasio…No’ te fazze ninde …

Giuanne…None!

Prodasio…Ije so’ dottore…

Giuanne..E ije me sente ‘bbone…

Prodasio…Quante si’ belle,( la tira sul divano lei ha un sussussulto)  vieni qua, acculati…

Giuanne…No’ me vogghje ‘ncullà…

Prodasio…( si avvicina e l’abbraccia) Dumane ‘u se’ ce facime te porte a’ tratturie, a base di pesce , te piace ‘u pesce ?

Giuanne…None, stonne le spine.

Prodasio…E nu’ levame ‘a corrente, ahahah, scherzo, so’ faceto…

Giuanne…Vi hanno lasciato senza tappo ?

Prodasio…Ma no, sono burlone,comunque no’ te preoccupà pe’ le spine, te fazze purtà ‘nu calamàre, te piace ‘u calamàre ? ( gli mette la mano sulla coscia e fa su e giu , come una carezza)

Giuanne…Ce stè’ face cu’ quidde cirre…?

Prodasio…Oh, scuse, ‘a jamma toje è…no’me n’agghje ‘vvertite, (continuando ad accarezzare) me credeve ca ere ‘a jamma meje,tenghe ‘nu delore proprie suse a ‘sta cosce, senti come mi duole…

                Giuanne lo colpisce…

Prodasio…Aia, mi hai colpito...sei la donna che ho sempre agognato…

Giuanne…A me di tuo cognato no’ me ne futte ninde…

Prodasio….(preso da raptus erotico) Pelle vellutata, pelosa, l’uomo che dormiva in me s’à svegliate, tu mi accendi…accendina…ti voglio, qui , subito…

Giuanne…Uèh , ma ce studechite…( scappa via in camera )

                DRINNNN , Prodasio crede sia il telefono e risponde …

Pronto...Pronto…chi è…parlate,quannte me stizze quanne no’ responnene…DRRINN…ah è la porta, scusate credevo che era il telefono…

               Va ad aprire, è  Bertuccio con un mazzolino di fiori

Bertuccio…Dottore a qua state…

Prodasio…Eh !...ce belle fiure , pe’ ce so’?

Beftuccio…Per una donna meravigliosa…

Prodasio…Ah, un’omaggio…

Bertuccio…Uno maggio, ma oscje no’ jè  21 luglio…

Prodasio…Sine Bertù’, dico è un pensiero…

Bertuccio...Ma ce penziere, è un mazzo di fiori…

        Torna Arcante dal laboratorio , vede i fiori e pensa che siano per la moglie

Arcante…Ah, grazie Bertu’, ce belle penziere…

Bertuccio…Notra vote, è ‘nu mazze de fiure…

Arcante…E se vede, sei stato gentilissimo…Leonzia alla vista del tuo bel mazzo gradirà e  ne sarà felice ( gli toglie i fiori di mano  nel quale vi è anche un biglietto e corre dalla moglie)

Bertuccio…Ma no…ma ce …e mo’ , no’ so pe’ Leonzia…

Prodasio…Ah no, e pe’ ce ‘so’ ?

Bertuccio…Una ragazza, mi sono fidanzato cu’‘nu colpe de fulmene, come l’agghje viste m’agghje ‘nnammurate…

Prodasio…Come ti capisco, pure a ‘mme a successe ‘a stessa cose, sarà mia e de nisciune ‘cchiù…

Bertuccio…Dottò, un consiglio, ije no’ so’ prateche de parole d’amore, suggeritemi…

Prodasio…Sono parole che devono uscire da dentro… ti amo , ti desidero…

Bertuccio…Dottò no’ site ‘u tipe mije…

Prodasio…Le parole d’amore le vuè sine o none ?

Bertuccio…Si si…

Prodasio…Digli parole che fanno breccia…

Bertuccio….Porta Pia…

Prodasio…Che fanno centro…

Bertuccio…Bersaglio…

Prodasio…Ce volene parole ca fanne subete effette…

Bertuccio…Clistere…

Prodasio…Ma si’ proprie ‘na cernie, ‘ngape tine ‘na cerniere,ascoltami, dope parole dolci si passa al contatto fisico, pe’ prima cose gli passi la mano tra i morbidi capelli , così…( gli accarezza i capelli)…lentamente, e gli dici con  estasi e voluttà,” questi non sono capelli “…

Bertuccio…So’ pile…

Prodasio…Come pile ?

Bertuccio…M’agghje fatte l’autotrapiante, e me l’onne levate dalle nautiche…

Prodasio…E ce schife è …fa ‘na cose , dille quidde ca vuè…

Bertuccio…Quedde m’à sconvolte…

Prodasio…A ‘tte , a vede a ‘mmè, bellissima , biondissima…

Bertuccio…Ce cumbenazione, pure a meje è bionde,scusatemi ma  devo andare…(esce a DX )

Prodasio…Vai vai,  mo’ famma scè truà…( esce a SX )

                Rientra Arcante  molto arrabbiato e con il bigliettino

Arcante…Addò stè’ quidde desgraziate, ma come s’à pemesse a mugghjereme le fiure cu’ biglittine d’amore…ah se n’à sciute…mo’ t’azzecche ije …( esce)

              Rientra Ifigenia e Giuanne

Ifigenia…Te l’agghje ditte vatinne, a qua se mette male…

Giuanne…E ce ne sapeve  ije, ma dimme ‘na cose, ma tanda belle so’?

Ifigenia…Alle maschele mitte mane, va mo’, ce te pigghje papà te rompe ‘a facce…

Giuanne…Ma ce me pigghjene chidde è ‘ddoje,  sempre ferite me ne voche…

Ifigenia…Vatinne va’…

            Entra Arcante,e si piazzera tra i due .

Arcante…A sparite…oh ce sorprese, qua state,  buongiorno, scummette ca è l’amica toje…

Ifigenia…Si, la mia cara amica … 

Giuanne…Piacere Giuaaaanna…( colpito da Ifigenia)

Arcante…Ah si, io sono papà,finalmente ti trovo , sembrava che mi sfuggissi…

Giuanne…Infatti…cioè, infatti sembra così ma non lo è……

Arcante…E fine a’mmò add’è state ?

Giuanne…Ascunnute…ascunnute dalle insidie dalle tentazioni mascoline…

Arcante…E dimmi bella, cosa hai fatto tutto questo tempo ?

            Giuanne chiede aiuto ad Ifigenia , lei suggerirà mimando ma lui equivocherà

Giuanne…Sono stata  a…pregare, come…ah si …cioè no, (si mette in ginocchio) vi chiedo perdono…perdonatemi…

Arcante…A me ?!

              Ifigenia insiste

Giuanne…Eh si , cerche perdone apprime , magare dope no’ ste’ timbe…

Arcante…ma non capisco..

Giuanne...Si si…cioè…ero a pregare…e chiedevo perdono pe’ tutte le peccate…( a ifigenia ) cosa ?..ah si sono stata al vento, prendevo vento e mi sono raffreddata…si sente dalla voce vero…ah già,ero al convento si ‘o munastere…

Arcante…Ce munastere…

Giuanne…( equivocando ancora ) De le nane…erene tutte curte , cioè , da bambina , me ste’ manghe l’aria…

Arcante…Ci penso io, ti prendo un po’ d’acqua…

Giuanne…Grazie,( involontariamente mentre Arcante mette l’acqua nel bicchiere si toglie la parrucca ) stoche a sude…

Ifigenia…Ma ce ste’ face…( si rimette la parrucca ma al contrario) è stata al monastero di Santa Chiara…

Arcante ( ancora di spalle ) Ah Napoli…( si volta e gli passa il bicchiere ) tieni cara..

Giuanne…Grazie…

Arcante…( lo guarda perplesso )…Ti vedo un po’ stravolta…

Giuanne…Il viaggio…

Arcante…Sarai stanca, Ifigenia  di’ a mammà ca oscje Anna è nostra ospite…

Ifigenia…Ma tène ‘u trene…deve partire…

Arcante…Pigghje l’otre,un ospite ogne tande ce vole,Ifigè’ so’ anne e anne ca m’azzette a tàule cu’màmete màmete e nònete affianche,quanne m’azzette sente le stesse sensazioni ca pruò Cristo all’ultema cene…vai.

Ifigenia…Stizzita…E va bene…( colpisce giuanne )

Giuanne….Aaaanna….

Arcante…Si si, ho capito che ti chiama Anna…ma ce bella uàgnedde, sai Anna  si’ proprie ‘u tipe mije, sei una donna tutta da scoprire…

Giuanne…Sarà, sule ca po’ se ponne avè brutte sorprese, ricordatevi che siete sposato ( civettuolamente)

Arcante…Ah già è vero ,ce peccate, no ma sai… io scherzavo, so’ burlone so’…comunque no’ dicere ninde, chidde so’ rausei, no’ ridene maje, sempre afflitti, lugubri ,trifolati…

Giuanne…Non ce il calore del focolare ?

Arcante…Più che il calore del focolare ce il calore dei forni crematori, a volte mi chiedo ma questa è una dimora o una cappella, cara ora io vado di là, tu visto che sei stanca, se vuoi metterti  comoda e in desabillèt  ti spogli e ti metti nel mio letto e aspetti che vengo,che vengo a chiamarti per il pranzo,beh ci vediamo tra un po’ fai come fossi a casa mia …cioè tua…ciao cara…( esce)

              Giuanne si ricompone e spia se ci sia qualcuno che  stia arrivando, asssicuratosi, si volta e alla chetichella si avvia all’uscita , ma Bertuccio lo vede e si approssima da dietro fermandolo e spaventandolo..

Giuanne…Ahhh…

Bertuccio…Addò stè ve’ senze de me…amore mio…

Giuanne…Senti amore, pigghjme ‘nu picche d’acqua ca qua face cavete…

Bertuccio…Subito amore…aspettami eh…( esce)

              Giuanne ripete gli stessi movimenti di prima , assicuratosi prova ad uscire …

 Prodasio…( rientrando vede Giuanne e lo coglie di sorpresa alle spalle )…T’agghje truàte finalmente , sei mia solo mia…

Giuanne…De quiste me n’aveve scurdate, maledette a ‘mmè c’agghje venute…senti tesoro…

Prodasio…Cosa ce anima mia…

Giuanne…Pigghjeme ‘nu picche d’acque, no’nge a fazze chiù…

 Prodasio…Subito cara…(esce)

                Giuanne tenta l’uscita ma arriva Bertuccio con l’acqua…

Bertuccio…Ecco l’acqua dell’amore mio….

               Giuanne lo guarda rassegnato, si siede al centro divano e beve, rientra Prodasio arriva col bicchiere che porge a Giuanne con sguardo ancora più rassegnato.

Bertuccio...( seduto al fianco )Anna, ma ce mangiate salate  ?

              Pordasio si siede tenendo Giuanna al centro , il quale guardando un po uno un po l’altro prova attimi di vero sconforto, prova ad alzarsi ma viene tirata giù dai due spasimanti

Giuanne…Ahhh…Madonne ce cavete…ije stamatine me ne ste sceve a mare…( ecco che arriva un’ idea ) vi piace il mare ?

            Giuanne cerca di alzarsi ma viene ributtata sul divano

Giuanne ( stizzito  )…Chiudite l’uecchje , e vulame cu’ ‘a fantasie…

             I due a soggetto, staranno al gioco

Giuanne…No l’aprite eh, chiudite stritte stritte, sule cu ‘a fantasie, ste’ sendite l’onde ?

Bertuccio…Si si , sente ‘u remòre de le cavallùne ? ( onde alte)

Prodasio…Ije no’ stoche a sende ninde…

Giuanne…Mitte recchje ca sinde, ste ‘sendi ‘u mare ?( prende un  bicchiere e lo spruzza su Bertuccio )

Bertuccio…Si si… oscje  l’acqua è proprie fredde…

             Giuanne si alza piano  lasciando il vuoto centrale, i due allungano la mano per accarezzare le gambe di Anna, le mani si toccano creando un vistoso fremito dei due, le mani si accarezzeno, si stringono voluttuose , poi sul viso finchè Aida entra seguita da Leonzia ed Arcante che vedono la scena

Leonzia…E quidde sarebbe il mio amante ?!

Aida…Ca chidde so’ menzafemene…

             I due aprono gli occhi ma restano con le mani unite

Arcante…Non sapevo che siete …da quando vi amate ?

Prodasio…Ma ce amate, e tu lasseme ‘a mane…

Bertuccio…E Anna ?  La mia ragazza addò stè ?

Prodasio…La tua ragazza, cu’ Anne t’è fedanzate ?

Bertuccio…E miche cu’ ttè.

Prodasio…Ce fegure, ce fegure, ce stato un’equivoco, credetemi io mi trovavo in spiaggia aprendere la tintarella…

Aida…Tu ‘u sole l’è pigghjate ‘n’gape…

Bertuccio…Ije me stè’ faceve ‘u bagne,  stoche ancore vagnate…

Aida…Ce scandale,  ‘nu scandale a casa meje…

Arcante…A casa meje !

Aida…Ma come puè penzà ca figghjeme s’a ‘ntende cu’ ‘sta menzafemene…

Arcante…A qua stè ‘a prove….( mostra il bigliettino di Bertuccio )

Bertuccio…Quidde è ‘u bigliettine mije…

Arcante…Stè sendite ‘a cunfessate, ma ije t’accide…

Bertuccio…Aiuatateme, n’agghje fatte ninde  ije ?

Prodasio…Ma calmatevi, non ‘è il caso di arrivare a tanto…DRRINN

            Leonzia va ad aprire…entra Cornelia

Cornelia…Ma ce stè succede, ce ‘ssò stè  lucchele ?

Prodasio…Se tratte de corne.

Cornelia…Corne, me credeve ce ere, su coraggio Leonzia il barone ti tradisce…

Leonzia…Non lui , dice ca so’ ije …

Cornelia…Brava, accussì se face…

Leonzia…Dope tand’anne …

Cornelia…E piccè è ‘spettate tanda timbe ?

Leonzia…Ma n’agghje fatte ninde…

              Entrano Ifigenia e Giuanne

Leonzia…Tutta colpe de stu’ bigliettine…( piange)

Ifigenia…Papà ma come puè penzà ca Bertucce s’a ‘ntende cu’ mammà…

Bertuccio..Ije cu’ Leonzia, ma ci’avite ‘mpazzite ?

Prodasio…Ma è chiaro , i fiori , il bigliettino d’amore…

Bertuccio…Ma le fiure erene per la mia ragazza, quanne agghje trasute teneve ‘u mazze esposte e jdde  m’a ditte ca ‘u mazze mije è belle e a Leonzia le piace assaje…

Leonzia…A me me piace ‘u mazze tue…ma come te permitte…

Bertuccio…’U mazze de le fiure,  me l’à levate da’mmane, no’m’à date timbe de parlà , ste’fiure  so’ pe’ jèdde, tieni Anna amore mio…

Prodasio…Ah site fedanzate, e tu ce dice tu ?( ad Anna)

Cornelia…E a te ce te ne ‘mporte…

Prodasio…No dicevo , jedde ce dice jedde ?

Giuanne…E ce diche, se son rose fioriranno e se son cachi…

             Bertuccio mette la mano sulla spalla di Giuanne…

Aida…Che bella coppia, e dalle ‘nu bace , maccarròne…

Bertuccio…Me pigghje vergogne…e mè’ damme ‘nu bace…

          Bertuccio  cerca di baciarlo fra le rimostranze di Giuanne, gli tiene la testa compresa la parrucca, si divincola ma la parrucca resta nelle mani di Bertuccio , fra lo stupore dei presenti

Giuanne…E lasseme stà…

             Non si è accorto della parrucca

Giuanne…Beh, ce tenite da uàrdà ?

Arcante…Tu…tu a casa meje ?!

Giuanne…Sono venuta a trovare la mia cara amica …

Bertuccio…Ma no jè Anna, è Giuanne..

           Giuanne vede la parrucca nelle mani di Bertuccio , si tocca la testa e si rende conto della realtà

Prodasio…Ahaha ( ride ironicamente)…ije…ahahah l’aveve capite subete…ahaha…

Giuanne…Ah si, e piccè me vulive purtà a tratturie a mangià ‘u pesce senza spine…

Cornelia…’U calamare ca me daste a me ‘a prima vote, parle desgraziate …

Prodasio…Ma no cara, quello che dicono su di me  so’ chiacchiere …

Cornelia…Ah si, e pure quidde ca dicene suse a ‘mme so’ tutte chiacchiere,se sapeste , cu’ ste corne in crociera  m’à fatte ‘na paranoia…

Prodasio…Ma quale crociera, vuoi dire jntre a case…

Cornelia…E statte citte...vuoi dire in cabina…

Arcante…E avaste , ma quale crocere, so’ tutte chiacchiere…le viagge , le crociere, ‘u barone , ‘u torere…

Leonzia..Ma ce ste’…a ‘mpazzite , a ‘mabazzite màriteme…calma e stai  attento alla frattura.

 Arcante…( togliendosi il gesso finto che lancia alla moglie) A fratture ‘ngape te l’agghja fa…

Cornelia…Prodasio,è sendute, so’ tutte chiacchiere…

Prodasio…E piccè le tue ce’ssò…

Cornelia…Ma ce ‘u cavete t’à date ‘ngape, dille add’àmme state stè quinnece giurne, parle desgraziate…

Prodasio…Achiuse intre a case a murè de cavete…

Cornelia…Eravamo  in Spagna , al fresco…

Prodasio…A qua l’uneca cosa fresche è a capa toje…

Cornelia…Prodasio, hai ballato il flamenco

Prodasio…’A quadriglia t’agghja fa’ ballà…

Leonzia…E’ capite a’ chiacchiarone, so’ tutte buscje…

Cornelia…Ce fegure, ce fegure, voglio sparire…

Prodasio…Magari,  pigghjave ‘u terne…

Cornelia…A proposite de vincite, prime ca me ne scorde, Prodasio, ‘u se’ c’agghje vinte ‘n’anidde cu’ brellante…

Prodasio…Notre,  ma come face ?

Cornelia…Come sembre, m’agghje piegate e l’agghje pigghjate…camine mo’…( esce)

Prodasio…Vengo cara, e ce queste no’ se chiame furtune…arrivederci ( esce )

Arcante…E mo’ facime le cunte…

Leonzia…Arcà’, recuerdete c’aspettame ‘nu piccinne…

Arcante…E’ sendute, e tu te ‘nfile jntre a case meje per attentare alla felicità di mia figlia e a’ nostre, sparisce subete da stà case e no’ te fa’ vedè chiù…

Giuanne…Recurdateve che il mio amore per Ifigenia è na cosa serie, ije so’ nu uàgnone serie…

Arcante…Tu sì’ serie, ma t’è viste ‘o specchie…

Giuanne…Ere l’uneca manere pe’ le stà vicine…

Arcante…Me despiace ma no’ jè pe’ ttè!

Bertuccio…E manghe pe’mmè, Arcà’ all’amor non si comanda, vide po’ ce succede, come se dice “ chi semina vento…

Aida…Raccoglie ventagli, no’ vide ca se volene bene, p’a fatie po’ se vede…

Ifigenia…Papà, è sfurtenate…

Arcante…E’ sfadiate…

Giuanne…E no, ije stoche a fatje…mo’ fazze l’ostetreche…

Aida…E’ sendute , dottore è devendate ?

Giuanne…None signo’, venne l’ostreche…

Aida…Però a volontà stè’…

Leonzia…Pinze ‘o piccinne ca ste’rrive…

Arcante…Quedde è ‘a porte te ne puè scè.

Ifigenia…E me ne voche pur’ije…

       DRIINN telefono squilla Arcante va a rispondere mentre Leonzia ferma la figlia

Leonzia..Aspitte a mammà…aspettate..

Aercante…Pronto, chi …il conservatorio…no’ ste nisciune ca studie ‘a museche … ah, il laboratorio, aveve capite conservatorio…che analisi…ah le anailisi di mia moglie, scusate dottore è un momento particolare…dite dite…Leonzia vieni qua , cè mia moglie ca sta fremendo, avete  il risultato delle analisi…allora …risulta  negativo, benissimo …negative?!…

Leonzia…E come po’ essere, e le geraminte de cape, la nausea…

Arcante…Dottore  , mia moglie dice che tiene giramenti di testa , nausea, se non è in cinta di cosa si può trattare…gas?!..sicuramente si tratta di gas ,Leonzia scusa, ma che hai tentato il suicidio …ah è gas per dire aria …ho capito, solo aria , non è stato interessante ma stato gassoso,e beh cu’ quinnece giurne de fenestre achiuse,  grazie dottore , la saluto…( chiude)

Leonzia…Aria, è com’jè possibile…?( piange )

Ifigenia…Mammà…

Aida…Figghja meje…

Arcante…Ce peccate,’no’ me pareve vere, già le vuleve bene a stu’ piccinne…

Leonzia…Arcà…perdonami…

Arcante…No’ te preoccupà…

Leonzia…Nonge agghja parturì chiù…

Arcante…No no, devi partorire !

Leonzia…Tenghe ‘na camera d’aria…

Arcante…Appunto, se tratte sule di un cambio di sala , dalla sala parto alla sala cesso…

Leonzia…No’ me trattà accussì, magari po’ n’arrive ‘nu nepote, sempre figghje è !

Arcante…Eh no, ije figghje no’ ne tenghe ‘cchiù!

Ifigenia…Ce le cose stonne accussì, sappi ca figghje no’ ne tine ma fra picche a tenè ‘nu nepote…

Leonzia…E ce ste’ aspitte ‘nu piccinne…ma si…si…mo’ me stoche arrecorde, me l’avive fatte capì, e ije …stodeche , stodeche ca so’…Ifigè’ aspettate…no’ te ne scè…

Giuanne…E’ inutele, ‘u core è de petre…

Arcante…E levà l’orgoglie a ‘nu povere attàne de purtà ‘a figghje pura come ‘na rose suse all’altare , dimme tu , ‘nnanze a ce core me trove ?

Giuanne…Si tu ca nong’è vulute, ije me vuleve spusà come a tutte l’otre ca se volene ‘bbene.

Ifigenia…Avaste, no’ parlà chiù , sciàmene a qua no’ stè poste pe’ nisciune…

Leonzia…Arca’, è na gioie, a deventà nonne po’ essere ca t’assemegghje…

Aida…Mai sia…e ride ‘nu picche, ce t’è mangiate cule de cetrùle…

Ifigenia…Addio papà…

Leonzia…Ifigenia ( piangendo ) no’ te ne scè…addò ve’…

Ifigenia…Cu’ mariteme …

Leonzia…Maritte !?

Ifigenia…Sine ma’, no’ ve vuleve da’ stu’ delore e accussì  n’amme spusate come a doje scurisciùte , addò pozze scè mammà, ‘na mugghjere ve sempre cu’ marite, tu me l’è ‘nzignate…

Arcante…Giuste…è giuste, però è pure vere ca ‘nu nonne ve rete pe’ rete ‘o nepote…

Giuanne…E ce se n’avene cu’ nu’?

Arcante…No, è nepoteme ca remane aqquà.

Giuanne…E ije …ce fazze ?

Arcante…Pe’ prima cose te ve’ live chidde ‘rrobbe ca me face schife sule cu’ te vede…

Giuanne…Io sono un uomo.

Arcante…Cu’ quidde che  fatte ?

Giuanne…I pantaloni impegnano…

Arcante…E vuleve vedè ‘u cuntarie, e ce pozze fa, la vita è una triglia …

Bertuccio…’Bbone ‘a triglie , a me al cartoccio…

Arcante…Parlo della triglia di partenza…

Aida…Griglia…

Bertuccio…Pure alla griglia va bene…

Aida…Griglia di partenza, ce triglie…

Arcante…No jè ‘na triglia ?…allora griglia di partenza, se sape quanne se parte e no’ se sape come s’arrive, mai mettersi contre ‘o destine , te presente sempre ‘u cunte, da papà a nonne jntre a ‘nu menute, è proprie vere co’timbe vole…

Leonzia…Ifigè’ , sinte a me ormai t’è  spusate e no’ putine fa ninde chiù…è vere Arcà’?

Arcante…E ce putime fa, mo’ sintele a mamete , ca te de buene cunsiglie…’la saggezza in persona…la mamma è la mamma…

Aida…A’ fatte ‘a scuperte…

Leonzia…Ste’ diceve , ormai a sciùte accussì, e no’ pozze fa’ ninde  però p’a crociere ce pense ije…

Arcante…Citte, statte citte, tu de crociere no’ n’à parlà chiù fine ca muère, p’a crociere a figghjeme… ce penz’ije…

             Fra la sorpresa ma soddisfazione di tutti

Aida…Besogna festeggià…Ifigenia pigghje ‘u stravecchje…

Giuanne…No no, ‘u stravecchje none , è troppe forte,  stanotte Ifigenia m’à fatte ‘mbriacà…

Arcante…Stanotte, allore si tu…’u ladre si tu, ‘a jatte…desgraziate , m’avite fatte fesse sotte all’uecchje…ma ije te stroppie de mazzate…

Leonzia…Arcà, attenzione a’ fratture…

Arcante…Notra vote…

Giuanne…Calma papà…

Arcante…No’ me chiamà papà…

Leonzia…Pinze ‘a nepotte…

Aida…Me stoche a sente male…

Ifigenia…’A nonne,  ‘a nonne…

            A soggetto  tutti verso la nonna con preoccupazione

Leonzia…Mammà ce jè..ce te stè sinte …

Aida…Da stanotte stoche accussì,  dope ca m’agghje sunnate a Franchine, me sente strane…me gire ‘a cape, tenghe ‘a nausea…no’ jè c’aspette ‘a cecogne ?

Tutti…Ma fanne ‘u piacere…

           Mentre a soggetto conmmentano e brindano con allegria, cala il sipario sulla

                                                                                              

                                                                                   F I N E

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 24 volte nell' arco di un'anno