‘A pezze a culòre

Stampa questo copione

                     Farsa comica in due atti

                                  Di

                       Pino Antonante

Personaggi

Aldo Laciola

Lidia , sua moglie

Enrico, amico di Aldo

Sofia, moglie di Enrico

Rirìno, amico di Aldo

Maria Pia, ex moglie di Rirìno  

Laura, moglie di Mario Pio

Mario Pio, commesso viaggiatore.

Pos. SIAE 121431                 

PRIMO ATTO

Anni 60, in casa di Aldo Laciola. Un bel soggiorno elegante, a dx corridoio per  ingresso e camere,  a sx uscita sala da pranzo e veranda con vista panoramica, si immagina  piano superiore.

APRE il SIPARIO,  entrando  Enrico va a sedersi in poltrona mentre Aldo riempie di brandy  due bicchieri uno poi lo porgerà  ad Enrico…

Enrico…E’ inutile caro Aldo, lavarse ‘a facce cinte vote pe’ sta sveglie no’ serve…

Aldo…E’ ragione , quann’è suènne è suenne…

Enrico…Ma po’ piccè t’è reterate stamatine all’alba ?

Aldo…Ce sapisse, tutte ‘na storie (gli passa il brandy )…tieni Enrico…

Enrico…Cos’è…?

Aldo…Ehhh, uno stravecchio  per intenditori…( si siede in poltona)

Enrico…Stravecchio,  no’ jè ca s’à uàstàte ?

Aldo…Bive e sentirai… brindo alle mugghjere…

Enrico…Si , alle mugghjere de l’otre…

           Ridono e bevono

Aldo…Ottimo, certo che  rivedersi dope tanda timbe ti riempie di gioia, ti mette addosso i brividi…come dire …ti mette addosso una …

Enrico…Se mi mette addosso “una “, l’importante ca no’ jè ‘na racchje…

Aldo…Parlavo del nostro ritrovarsi, altro tipo di brividi , a te ce te mettene ‘nguedde i brividi…

Enrico…Per i brividi …’na cuperte de lane…

Aldo…I brividi da emozione... ecco la parola, “ emozione “ ma dimmi , ora di cosa t’interessi?

Enrico…Ho a che fare con la finanza…

Aldo…T’onne ‘zzeccate eh, ma cu’ quedda facce da evasore ca tine,prime o poi…

Enrico...Ma quale facce, c’evasore, m’interesso di borse…

Aldo…E ce face ‘u borsaiòle ?

Enrico…A piazza Marcone, faccio investimenti…e  tu,  investi ?

Aldo…E come fazze, no’tenghe manghe ‘a patente, cosa vuoi caro Enrico, i tempi belli son passati da giovani si coglievano quei …funghi meravigliosi…

Enrico…Sinceramente a me le funghe no’ me piacene…

Aldo…Stai invecchiando, ”i funghi” chidde cu’... due gambi, luenghe , sodi e un sottobosco al muschio…

Enrico…Ah, mandrillone, quei gambi, conditi di calze a rete con contorno di tacchi a spillo…

Aldo...Scccc, non essere esplicito, di là ci sono le signore, cià‘mma fa’ le numere, restiamo nel campo funghifero, tu che funghi prendevi ?

Enrico…Tutte, ‘na vote pure ‘a “micosi vulgaris “…

Aldo…Parlo dei funghi cu’le cazitte…

Enrico… No’ servone, intre ‘a docce du’circhele tennis, le funghe le pigghjave cu’ tutte le cazitte.

Aldo…Chidd’otre funghe, a rete,a spillo, me le mangiasse pe’ tott’a vite.

Enrico…Statte attinte, stonne funghe ca jntre ‘a vite le mange ‘na vota sole e…

Aldo…Tiè, e accussì caro Enrico ce otre puteve fa’, l’età avanza , quindi l’unico rimedio era prenderli…

Enrico…I funghi !?

Aldo…Gli impegni matrimoniali, ho preso moglie…

Enrico…Allora curati, ahahah…

Aldo…Ma va’…nah, treminde le fotografie du’ matremonie, (gli passa l’album)

Enrico…Ma piccè ve l’avite fatte rete a tende , no’ se puteve spustà ?

Aldo…Enrico , spueste ‘a carta veline…( dell’album)

Enrico…Ah, scusami…e quiste …ahahah  quant’è brutte ,  ci è stu’ carbeniere cu’ morse du’pennacchje  ?

Aldo…( guarda)..Sròcreme… 

Enrico…Perdonami, no’nge veche tanda buene, si so’ belle ,uèh quanti fiori sul tavolo degli sposi, quiste è ‘u ristorante ?

Aldo…Quidde è l’altare de S. Catavete, e mittete l’occhiale.

Enrico…Me l’agghje scurdate…

Aldo…Nàh, pruève chiste quà…

Enrico…( li indossa)… Ah , mo’ si’…bella , bella davvero, complimenti Aldo, tua moglie Lidia in questo fine vestito bianco e nero è bellissima…

Aldo…Enri’, quidd’è ‘u prèvete, pe’ piacere lasse ‘ste fotografie  le vide, si fa per dire ,  ‘a prossema vote…

Enrico…E’ megghje, cosicchè t’è ‘nzuràte ?

Aldo…Satte satte ‘nu  mese fa…

Enrico… Mi dispiace tanto sai…

Aldo…Ma ce stè dice…

Enrico…Eh caro mio, mo’so’ tutte rose…”caro di qua, caro di là “ ma fra picche a sentè  le spine, da “caro” passerai a “carogna”, a’ddò vè’,cu’ ce ve’, fa’ quiste, fa’ quist’otre “, ormai  sei in catene…

Aldo… Scuse eh,ma tu ce facive prime de le catene…cioè, prime de spusarte?

Enrico…Quidde ca vuleve…

Aldo…Ce subisce restrizioni ?

Enrico…Completamente ristretto,  sono l’uomo caffeìna.

Aldo…Ce esagerazione, Lidia è diversa, è adorabile, non faccio per …ma  è la donna ideale, e per te ?

Enrico…Mah, così su due piedi non…fammà pruà e poi ti saprò dire se tua moglie  è la donna ideale…

Aldo…Ma ce ‘ngentre Lidia,  tua moglie Sofia, è ideale?

Enrico…Sofia, si si è ideale , ultemamente pure ‘a cugginese …

Aldo…Ma va,  bèh te piace ‘a case, ci siamo da una settimana ma potevamo venire anche prima, era già pronta ma se’ le femene come so’ , vuleve  i…i cosi…i… come se chiamene ?...

Enrico…Chi…?

Aldo…I cosi…i medici  attaccati al muro …

Enrico…Ah, i sanitari…

Aldo…Si ,ma  di lusso, l’acqua calda di là e non di qua, le luci qua, ‘a tende , ‘a porte…

Enrico…A’ddò jè…?

Aldo…Ce ‘ccose?

Enrico…La tenda la porta dove… in tintoria ?

Aldo…Ma ce tintoria, la porta d’ingresso  in noce…

Enrico…’A nostre è  in noce moscata…

Aldo…Chissà che profumo  con la noce  moscata?

Enrico…Macchè, è moscata perché è  chiene de mosche, è quel colore marrò dissenterico che le attira, sarà una mia sensazione ma  cu’scerocche  fète de cesse, comunque di nuovo auguri.

Aldo…Grazie, peccato che non c’eravate alla cerimonia…

Enrico…No’ te preoccupà, sarà per la prossima volta…

Aldo…Grazie pe’l’augurie, ti va di fumarci due sigari ?

Enrico…Due, ehhh…’u solete esagerate,  uno mi basta…

Aldo…Ma pe’ mode de dicere… sono originalissimi …

Enrico…Che sono Avana ?

Aldo…Avano scuro…quasi marrò.

Enrico…Aldo ,me recorde ca no’ tenive ‘nu capidde e mo’…che hai fatto il trapianto…

Aldo…Macchè,  sottopormi ad un intervento tipo piantagione fave di vungle,  mai, l’ho presa  già fatta, quando facciamo visita a qualche amico , me li taglio un po’…e li lascio sulla giacca …sai per non…

Enrico…E’ ‘na parrucche, sono finti,  ho capito ahaha…per far credere che…quindi  pure sta forfore è finta…( la prende )…però pare vere…

Aldo..E’ vere…

Enrico…E che ca… avviseme no

Aldo…No’ so’ abetuate e me ne scorde, ce sapisse ce fegure de me…meschine ca fazze, ti spiego, passeggianne incontro belle donne e pe’ respette e cortesie pe’ le salutà me leve ‘u cappidde , ma certe vote ‘u cappidde nonge ‘u tenghe e me leve ‘a parrucche…(mima l’azione )

Enrico…Ah ah ah…però è bello il taglio di capelli, chi è il parrucchiere ?

Aldo…Mugghjereme.

Enrico…Lidia è parrucchiera ?

Aldo…No,

Enrico…E allore ?

Aldo…Enri’, come tagghje mugghjereme no’ tagghje nisciune…( gli passa un sigaro) …tieni va’…

Enrico…(lo annusa )…Ce profume…beh fammi accendere che sentiamo il gusto.

Aldo…Intre a case, ma ce studechite, ‘na vote l’hagghje fatte e Lidia m’à mise tre ore fore ‘a porte…

Enrico…Tu,fore alle scale ?! 

Aldo…(divertito)…Ahahah, gli piace giocare, ed io… ahahah, l’accontento…certo tre ore so’ pesante…

Enrico…’U sciuèche è belle quanne dure picche, ma ce  razze de maschele  si’ ?!

Aldo…Mo’ sinte, quanne m’a  date ‘u permesse pe’ rientrà ce sapisse ci’àgghje cumbenate…

Enrico…Ah ecco,  e dimme ce l’è cumbenate..

Aldo…Beh capirai, dopo tre ore no’nge ‘a faceve chiù…

Enrico…E’ normale, dope tre ore di sopportazione une sckatte…

Aldo…Infatti  ste’ sckattàve…

Enrico…Di rabbia e te sinte sckattà ‘a cape… 

Aldo…Ije me senteve sckattà ‘a vesciche…

Enrico…’A vesciche…è ditte “ ce sapisse ci’àgghje cumbenàte “…

Aldo…Infatti, cì’àgghje cumbenàte intre ‘o cesse, pareve ‘nu puzze petrolifere, petrolio dappertutto,  bèh , a vulute pe’ forze ca sciucamme notra vote e m’à mise arrète fore ‘a porte però  sbattendo la porta e m’agghje reterate alle quattre e menze.

Enrico…Almene è sbattùte ‘a porte, viàte a te ch’è tenute  stù curagge, e po’ ce fatte ?

Aldo…Eeehh…l’agghje ‘zzeccàte e menàte …do’ sckaffe…

                Entrano le signore ridendo

Lidia… Aldo, ho sentito bene…do’ sckaffe , a chi ?

Aldo…A ‘tte…cioè, a te…lo posso dire, ste’ diceve.. ‘ddò sckaffe ‘u riàle de zianeme Giuànne, lo sai è ingombrante, inutile…

Lidia…Ma te pare ‘u mumende,  come ti dicevo cara Sofia , ce bella cerimonie, e l’animatore come ci rianimava …

Aldo…Pareve ‘a sala rianimazione…(si mette il sigaro in bocca)

Lidia…(minacciosa) Hei , dico a te…

Aldo…Comandi…

Lidia…Ce ste face cu’ quidde cose infilato in bocca, forse vorresti fumarlo ?

Aldo…Cara , la bocca è l’unica parte del corpo umano con cui si può fumare un sigaro, si inspira e si espira, per farti piacere potrei  fumarlo infilandolo da un'altra parte ma come ben sai, di là  l’aria si può solo buttarla fuori…

Enrico…Giustissimo…

                  I due ridono di gusto

Sofia…Te l’agghje ditte ca mariteme è cretine…

Lidia…’U tue, e ‘u mije ?… ora basta ,sciò, fuori in veranda…

Enrico…Subito cara…

Lidia… e no’ fa’ cenere, che mi danneggiano i gerani…( ad ogni comando Sofia gli fa cenno di apprezzamento , mentre i due  ogni volta si bloccano ascoltano e ripartono ) e no’ fa’ fume che mi impuzzolisci la casa…e no’ fa’pedate quando rientri, e no’ fa’…

Aldo…( fa segno ad Enrico ) E basta Lidia, basta…e no’ fa’e no’ fa…

Enrico…Siiii,   fatte sentè…

Aldo…Oggi fammi quel santo …

Lidia…Coooosa !?

Aldo…Dicevo, oggi… fammi quel santo riso in bianco,Enrì’, tenghe ‘a colite…

Lidia…Ah…andate su, marsch…

                   Aldo ed Enrico escono piuttosto delusi

Sofia…(mangiando un dolcetto )Brava Lidia…accussì se face,  il castigo è la più bella  e convincente dimostrazione d’amore che una donna possa dare al proprio marito.

Lidia…Sò d’accorde…fra mogli bisogna essere solitarie… 

Sofia… I mariti bisogna ammaestrarli dal primo giorno…’na gabbie, ce vole ‘na gabbie…

Lidia…’Na gabbia , ma in gabbia si mettono gli uccelli  ?

Sofia…Appunto, uccelli pronti a prendere il volo…( sorseggiano il the )… cara Lidia ti dirò …

Lidia…Mi dirai, e no’ m’a puè dicere mo’?!

Sofia…Ma si certo, tine proprie ‘na bella casa, i corridoi non finiscono mai, pare ‘u spedale, cinghe stanze, quattro sul piano artico , verande, stanzine,  bagne…

Lidia…Si forse è un po’ grande, ma serviva spaziosa, ariosa, Aldo soffre di  claus, claus…oh santa claus…

Sofia…Soffre il  Natale ?

Lidia…Ma no, ha paura del ristretto ?

Sofia…Ha paura di mio marito ?

Lida…Del chiuso…

Sofia…Ah, claustrofobia…

Lidia…Si, niente spazi chiusi, stretti,  se vole sentè libere, pinze ca pe’ solidarietà no’ se mette manghe le mutande…

Sofia…Lidia, sicura ?

Lidia…Certo, se pigghje  pinnele e sceroppe …

Sofia…Ma ce sceroppe, ne sei certa…

Lidia…Ce no’ me cride  lo chiamo e vedrai con i tuoi occhi…

Sofia…No grazie, te crede suse ‘a parole..

Lidia…Ne ha parlato anche all’loculista…

Sofia…Nah, no’ sapeve ca camenà senza mutande depende dall’ uècchje ?

Lidia..Ma no, loculista, quello che fa fa i loculi, ne vole une spazioso, vivibile, è fatte accussì ce pozze fa’( osservando il souvenir) e grazie del gentil pensiero , ma  non dovevi…

Sofia…Ma figurati, un piccolo souvenir de Paris “saluti dalla Gioconda”.

Lidia..Ah grazie, contraccambia…

Sofia…Appene ‘a vede,  un famosissimo olio su tela…

Lidia…Sarà famoso ma le macchie d’olie difficile ca se n’avenene, lo terrò caramente,che non ci si vede saranno tre anni o sbaglio ?

Sofia…Quasi quattro cara, mi sei mancata sai,quell’oretta al pomeriggio…

Lidia…( seccata ) Tre ore… ora più ora meno sono (stancamente) 4382 ore di tue care parole che mi sono persa...

Sofia…Beh vedrò di recuperare, come te ste’ deceve  fra ‘a fatie de mariteme , ‘u scasamente, poi il bambino…

Lidia…Il bambino…ma questa è una … Sofia è mamma !?

Sofia…Stè ‘bbone, grazie…

Lidia… Me face piacere, Sofia… sei mammifera ?

Sofia…Quidde ce manghe, il bambino che ci abitava in testa,quattr’anne, ‘na peste, sciucave cu’ ‘a palle, lucculàve, zumbàve, un giorno ‘u truève ca stè’ sciucave ‘mbriache, no’ ne putive ’cchiù e fermeve attàne…

Lidia…Irresponsabili , a quattre anne’mbriàche…

Sofia… “ Signor Santarsiero , ma ce ‘sa bevute ‘stu piccinne”, e jdde come se niente fosse  “ whisky“, suo figlio deve bere il latte “se’ ce me disse ,“ si lo so,ma  bisogna capirlo , è in piena delusione d’amore, a truate ‘a zite intre ‘a culle cu’ notre “, perciò abbiamo cambiato casa, poi i problemi di coppia…

Lidia…La  crisi del settimo anno ?

Sofia…No, pe’ nu’ so’ sette crise all’anne, e amme penzate de fa’ qualche viagge…

Lidia…Ce bellezze, uno speciale anniversario ?

Sofia…Si, ‘nu trigeseme.

Lidia…Trigesimo ?

Sofia…Un funerale mia cara , l’agghje  purtate a Fatima , Lourdes…anche da uno sciamàno , ma ninde, ninde…io presa da convulsioni  da astinenza non mi rassegnavo alla prematura vedovanza sessuale , Lidia  ‘a carne bullive…

Lidia…E avisse stutate ‘u gas…

Sofia…La mia carne,  che per spirito di conservazione urlava…” Enrico, ti ordino  di parlarci, apri un dialogo, fatte dicere de ce ‘ccose tene besogne, state assieme da 58 anne , siete intimi, addummànnele piccè stè sembre cu’ ‘a cape sotte”.

Lidia…Povera Sofia, e che spiegazioni gli ha dato …

Sofia…Ma si’ proprie jojje , quello non parla…

Lisia …E’ muto ?

Sofia… Come ‘nu muerte, e accussì per distrarmi, rilassarmi, amme fatte ‘stu  viaggette en France… 

Lidia…Chiam’u viaggette, dece giurne in Francia.

Sofia…Sette de France poi Calais , la Manica…

Lidia…’A maneche?

Sofia…Lo stretto.

Lidia…Ere strette ‘a maneche ?

Sofia…Lidia, parlo di un’altra Manica, dopo la Manica sai cosa ce vero ?

Lidia… ‘U reste da’ cammise…

Sofia… La Manica è il tratto di mare che divide la Francia dalla Gran Bretagna…ce lo stretto di Messina, lo stretto di Gibilterra , certe cose bisogna saperle, almeno lo stretto necessario.

Lidia…Notre, cominciano ad essere troppi, e ‘stu strette necessarie ce devide?

Sofia…’U cervidde, Lidia lasciamo gli stretti  ce no no’ n’assime ‘cchiù…

Lidia… Sofia, ije sacce ca ‘ste viagge servene a ravvivare i rapporti coniugali…

Sofia…Si, ma’u nuestre ere già muerte…

Lidia…Possibilità di resurrezione ?

Sofia…Une sule,  il famoso “ alzati e cammina “.

Lidia…Un miracolo.

Sofia…Si, ma con Lazzaro è stato un gioco da ragazzi, con Enrico la vedevo dura.

Lidia… La vedevi dura…e non sei contenta ?

Sofia…Dura, era la situazione…

Lidia…Però con il viaggetto a Parigi qualcosa sarà cambiato, ce  l’atmosfera giusta per le camere da letto…la vostra ?

Sofia…’Na camere murtuaria.

Lidia…(stupita) Manghe a Parigge, la città dell’amour, la promenade pour la vie des artist…

Sofia…Ahhh, che sorpresa, sai parlare in  franchising …

Lidia…Qualcosina così… le bon bon,  le veramon, so’ dire anche “ pourquà “…

Sofia…Ce significhe pourquà ?

Lidia…Perché.

Sofia…Solo una mia curiosità…

Lidia…E allora , pe’ ‘sta sventure avite acchjàte  ‘nu remedie?

Sofia...Enrico ci pensava, ci ripensava, aveva idee , le smontava le rimontava, le portava dal meccanico, poi il sessuologo ci ha consigliato di provare qualcosa di forte…

Lidia…Di forte… la ricotta ?

Sofia…Ma ce recotte, di veramente forte, più forte di…Golia.

Lidia…Le fisherman…

Sofia…Lidia, intendeva esperienze forti…

Lidia…Forti…oh Dio…

Sofia…Ti scandalizzano ?

Lidia… Non voglio sentire altro…

Sofia…Lo immaginavo…

Lidia…Non voglio sentire altro che non sia questo, cuènteme tutte cose.

Sofia…Ci vogliono stimoli forti, pe’prima cose ne disse de uàrdà le film cu’ ‘a luce  rossa…

Lidia…E tene ragione, il rosso pe’ l’uecchje  è riposante…

Sofia…Troppe riposante, se ne sceve sempre ‘o suenne, anzi devo richiamare l’elettricista, m’adda levà le 42 lampadine russe c’à mise, specialmente quedde jntre ‘a logge, no’ sacce piccè  mi citofonano in continuazione,  poi … lo scambio…

Lidia…Lo scambio…!?

Sofia…Ce stè de strane, naturalmente so’cose reservàte me raccumanne, ‘na sera ci siamo avviati e fra stazione Cagioni / Palagianello, ci siamo sdraiati, lui l’ha presa, la tirava, ma non veniva, ‘a leve du’ scambie ere toste e accussì amme passate all’otre stìmele, il triangolo.

Lidia…Una figura geometrica?

Sofia…Una figura di merda,  eravamo in macchina , io ‘u deceve: “ Enrico dai mettilo a 100 metri ,mettilo a 100 metri  “ e jdde, ‘u solete stuedeche, :“ ma com’ù ‘u mette a 100 metri ce tu stè  aqquà “…lo dice il codice ,cretino, a sciute dope ‘nu picche’ a turnate e m’à  ditte che col triangolo è stato spigoloso ma non male…è capite ninde tu ?!

Lidia…le maschele,  ce le capisce è brave.

Sofia…Ije stave  in piena depressione , e così venne a stare con noi mia cugina Loretta, pe’ ‘n aiute, tirarmi un po’su, beh ,giorno dopo giorno migliorava…

Lidia…’A depressione?

Sofia…Marìteme! …migliorava a vista d’occhio, allegro, su di giri ,un’altr’uomo.

Lidia…E il motivo di questo rapido miglioramento ?

Sofia…Mia cugina !

Lidia…Che brava, l’avrai ringraziata ?

Sofia…L’agghje struppiàte…

Lidia…Ahahah…beh dimmi com’è questa Parigi…

Sofia…Molto particolare, chiene de strade, semafore, negozie, oh in pieno centro stè ‘nu tralicce altissimo…e quanne se ne ve’ ‘a luce a’ddà ?!

Lidia…E beh, Parigi è Parigi… il Louvre, lo schampo Eliseo e di Notre Dame  che mi dici ?

Sofia…Ca è ‘na fregature, agghje state a’ddà jntre ‘na sciurnata sana sana, ma del gobbo manghe l’ombre,  i fiori poi ,una città piena di fiori…

Lidia…A proposito di fiori vieni, ti mostro i miei gerani, a vedè ce culùre…

         Escono a soggetto da dx, mentre da sx arrivano Aldo e Enrico

Aldo...Care signore eccoci a voi…

Enrico…Vi siamo mancati…?( si guarda intorno) ma no’ stè nisciune…

Aldo…Meglio “donna che non sente uomo che non si pente”, e allora com’è sta storia della crisi coniugale…

Enrico…E com’jè, non avevo più stimoli, sembe ‘a stessa museche…

Aldo…Non sà suonare ?

Enrico…Macchè, e mugghjerete sape sunà…

Aldo…Più che suonare, solfeggia…

Enrico…Caro Aldo, vedrai che ti annoierai anche di questo, io per sentire buona musica ‘u se’ ci’àgghje fatte ?

Aldo…Ti sei dato all’opera ?

Enrico…E ce operatrice, costa eh, ma vuoi mettere con  la stessa musica…

Aldo… E quindi con Sofia com’è andata ?

Enrico…Come ti dicevo, pensavo, riflettevo, avevo idee, le montavo,le smontavo, ho cambiato pure il meccanico,quando ormai aveve perse le speranze, arrivò”Lui”.

Aldo…’U meccaniche?

Enrico…L’altro “ LUI “…

Aldo…Enrico, mi proccupi , due  “ LUI “ ?!

Enrico…No caro, un solo “LUI”…e m’a sconvolte ‘a vite…

Aldo…Enrico, spero che in me non trovi attrazioni perverse…

Enrico…’A veretà come uomo me face leggermente sckife, ma ce capite ?

Aldo…Che arrivò lui e ti ha…però se a te piace…

Enrico…Arrivò “lui”… l’amore , due occhi, due labbra,due denti… e m’à cunzemàte core, aneme e lebrette de’ l’assegne…

Aldo…’U stè sapeve,io caro mio , mai mi sognerei di aprire il portafoglio, no’se ne parle proprie, mai per denaro, “cara lei se mi vuoi è così , nudo e …come si…nudo e …Enrico, il prosciutto…

Enrico… Ah grazie , ‘na fettine l’assagge , ma solo se è crudo…

Aldo…Crudo si… nudo e crudo…

Enrico…Ah, intendevi  il…si ma se dice accussì, certe vote si è vittima di ricatti…

Aldo…Ricatti ?!  A me ricatti…ahahah, tu non sai chi sono io…

Enrico…Scusa ma…non sei  Laciola ?

Aldo…Ma certo, è ‘nu mode de dicere…

Enrico…Ah, ma tu si’ forte, io so’ debole, “cerchès la famme “ come dicono a…a’ddò jè c’ò dicene ?

Aldo…Dove lo hanno sempre detto no ?

Enrico…Sì là, lei era  un sogno, po’ te sviglie e ce face quanne te sviglie ?

Aldo… Beh, vado in bagno, fazze ‘a docce.

Enrico…Macchè, guardi tua moglie che dorme ancora e ti chiedi “ si sveglierà anche oggi “? ahhh,vuoi mettere Loretta con Sofia,un piacere che dovresti provare

Aldo…Se è da provare, va bene ma tu pensi che tua moglie ci stà…

Enrico…A ce ‘ccose ?

Aldo…A passà l’orette cu’mmè…

Enrico…Loretta è ‘a cugginese…

Aldo…Ah che idiota…scusami no’nge aveve capite…

Enrico…Sofia no’ m’à maje capite, sempre a rimproverarmi , pure pe’ studecarie, e le mutande none suse‘o cummò, e le scarpe none jntre a’ cristalliera e le cazitte sott’ò litte e ‘a cuginese intre ‘o litte, ora per punirmi, anche se non ho voglia di musica , Aldo, tutte le giurne me vole all’opere, comprese festive e feste patronale.

Aldo…Ahahah, povere Enrico, vado a cercarle non vorrei ca se perdene, torno subito…(esce)

Enrico…Io mi porterei  le mollichette…

Aldo…Ma va là, va’ beh c’a case è granne m‘a canosche ‘bbòne , ci mancherebbe.

Enrico…Il bagno dov’è ?

Aldo…In fondo a destra…( esce )

Enrico…E te pareve…( esce )…

               Rientrano le due donne

Lidia…Grazie Sofia dei consigli , so’ che nel matrimonio ce vole sopportazione…

Sofia…Tu si’ capace de suppurtà ogne cosa…come te chiamavene a scole ?

Lidia…Cu’’a vocche…

Sofia… La signorina “ chiedo scusa“, ma scuse ce ‘ccose !?  E’ remaste tale e quale, pure mò ca t’è spusate…

Lidia…Bèh, sai io…

Sofia…Chiuttoste, è da ‘nu mese ca site spusate giusto?

Lidia…Si, ‘nu mese…

Sofia… Al limite dell’effetto matrimonio, dimmi, come si comporta il tuo Aldo…

Lidia…Bene, piccè agghja dicere…

Sofia…Uhmm…scuse ce t’u cerche , no’ jè pe’…ma Aldo, jntre ‘o litte com’jè ?

Lidia…Ugualissimo a quanne stè ‘mpiede…

Sofia…Se’ ce allegrie, i doveri di marito li esegue, sòne tutte le giurne?

Lidia…Ah no eh, ‘a museche no’nge ‘a supporte, e tu ?

Sofia… Ahahah, Enriche adda sunà tutte le giurne ce no’ povere a’ jdde.

Lidia…E ‘u condominie  no’ se lamente?

Sofia…E’musica da camera e DEVE suonare, ce no’ quidde me ve’sone fore case.

Lidia…Io lo lascerei andare e me repusave  le recchie…

Sofia…Ca miche sone jntre alle recchie, suona dove si deve, e maritte ?

Lidia…Mariteme ce ‘ccose?

Sofia…Sòne o…no’nge sòne ?

Lidia…Ogne tande , quanne se scorde ‘a chiave .

Sofia…Lidia! ‘U strumende ‘u face cantà ?

Lidia…Cantare…è stunàte come ‘na cambàne…

Sofia…STONA…già stona,  e allora apre l’uecchje, pò essere ca pigghje lezione fore case..

Lidia…Ma ce stè dice, Aldino mio è un marito perfetto…

Sofia…Quist’u pinze tu…

Lidia…Non capisco…

Sofia…Bella meje, maschele perfette no’ ne stonne e quann’addevèntene marite è pegge, l’ avaste‘nu seconde e te la fanno subito…

Lidia…Ma ce ‘ccose te fanne ?

Sofia…Povera ingenua…te fanne tutte cose…

Lidia… Sofia, me stoche a pigghje paure, tutte cose ce ‘ccose ?

Sofia…Ma no’nge ‘u pozze credere, possibele ca no’nge ‘u se’ ?

Lidia…Oh madonne, ije no’ me vuleve manghe spusà,  spiegati.

Sofia…Ma ce stè da spiegà, si’ tu ca no’vuè capì, vediamo un po’, maritte te dice tutte cose, a‘ddò vè’, cu’ ce ve’,cu’ ce stè …?

Lidia…Si si…

Sofia…E controlli l’ora ca rientre a case, l’orario d’ufficio…

Lidia…Ma no’nge ‘u penze proprie, ma perché poi, tu con Enrico così fai ?

Sofia…Certamente, sacce a ce ore fenisce de fatià, tempo di rientro cronometrato al millesimo,m’agghje ‘ccattate ‘nu benòchele tanda luenghe, voche suse ‘a terrazze e ‘u tenghe centràte, quann’arrive, perquisizione totale, pure intre alle scarpe ,ci vuole controllo mia cara,  altrimenti sei fregata.

Lidia…Ma è assurdo…

Sofia…Per tutela ’na mugghjere accussì a’ddà fà, a me i cornetti no’me piaciane.

Lidia…E tutte stu’ ruète pe’…ma pigghjete ‘na briosce, no ?

Sofia…Ma si proprie fesse, sule accussì se mantene ‘a fedeltà coniugale…

Lidia…Ma no’ me sònne proprie de uardà‘nzacche a mariteme, tanto meno jntre alle scarpe, le fetene le pède.

Sofia…E ce ve spicce jntre alle mane de qualche maliarda se non ce finito già?

Lidia…Una maliarda ?

Sofia…Si si, calze a rete, tacchi a spillo, femene in cerca di polli da spennà,e i polli te pigghjene pe’ fesse cu’ pezze a’ culore ca no’ stonne ne ‘nciele ne’ ‘nterre…

Lidia…Tipo ?

Sofia…Ce sacce… magari rientrando all’alba  se ne jessene cu’ “ sai cara ho  tardato perché ho avuto un’incidente d’auto , me la sono vista brutta…

Lidia…Oh Gesù, Aldo  proprie stamatine s’à reterate all’albe...

Sofia…Ce ditte, quel porco, cioè tuo marito s’a reterate all’alba…

Lidia…Eh si …

Sofia…E tu no’ le rutte ninde ‘ngape ?

Lidia…E piccè, m’à ditte tutte cose, ieri sere  a’ssùte da’fatje e mentre veniva dalla sua dolce mogliettina,chi ti trova?

Sofia…Chi ti trova ?

Lidia…Chi ti trova ?

Sofia…T’u stoche a cerche ije …

Lidia…Tu a me…ah si, trova un  vecchio amico d’infanzia ca no’ vedeve da tanda timbe, il quale l’ha invitato a fare un giretto in macchina,una di quelle belle macchine decapitate, Aldo poverino, no’nge vuleve scè, nooo, assolutamente, ma quidde ninde ere ‘nziste, pe’ forze vuleva fa nu’ gire, di breve durata eh, al massimo si sarebbero fatti  l’oretta…

Sofia…Loretta!?  Mia cugina ?

Lidia…Ma no, un’ora al massimo, beh no’ vuè c’anne fatte n’ incidente gravissimo l’amico quasi morto, sangue di qua, di là, pure suse ‘o collette da’ cammise, una macchia rosso vivo…

Sofia…E’ un classico, Lidia devi fare le analisi…

Lidia…Le ho gia fatte, solo un po’ di colesterolo…

Sofia…Ma ce  ste dice, quello sul colletto so’ secure,  è rossetto , e i capelli ?

Lidia…Porte ‘a parrucche…

Sofia…Capelli femminili…?

Lidia…Non c’ho fatto caso…

Sofia…Guarda bene, vedrai che ci sono…e scummette ca no’ s’à fatte ninde…

Lidia..Manghe ‘nu ràscke.

Sofia…( ironica)Ma vide ‘nu picche ce furtune…

Lidia…Furtune, ‘nu merachele, appezzecate pure ‘na cannele a Santa Clotilde…

Sofia… Ah ! ‘U se’ ci è, la protettrice degli amanti, e l’amiche ‘nvece era grave…

Lidia…Quasi morto, arrevate l’ambulanza,Aldo naturalmente l’accumbagnàte o’spedale aspettando che si riprendesse, dopo di chè , tranquillizzato  è tornato all’alba, il poverino…

Sofia…’U desgraziate, l’amico d’infanzia, l’incidente ,tsè, è vecchia cara mia, vecchia, pensaci,  il tuo maritino perfetto a passate ‘a notte fore de case…

Lidia…E’ tornato nervoooso, sai quando non si dorme nel proprio letto…

Sofia…Si dorme jntre a quidde de notre…

Lidia…Tu no’nge cride a stà storie…?

Sofia…Manghe ‘na parole…

Lidia…(Spaventata e dubbiosa) Secondo te cosa ci sarebbe sotto ?

Sofia…Chiedilo al maiale …

Lidia…Sofia, non ti permetto di offendere quidde puèrche de marìteme.

Sofia…Sinte ‘nu picche , t’à ditte come se chiame st’amiche d’infanzia…

Lidia…Si si, aspetta…mi pare…si, un certo MarioPio.

Sofia…Ah, ce nome, puzza di chiacchiera lontana un miglio, magari sarà Maria Pia…Lidia, devi andare a fondo alla faccenda…

Lidia…Tu dici …

Sofia…Ma certo…scccc ….sento dei passi…

                Fa l’ingresso Enrico mangiando un dolcetto secco.

Enrico…Carissime , siete qua…

Sofia…Enrico !

Enrico…Comandi…

Sofia…Sei diventato scemo ?

Enrico…Cara , avvisami dei cambiamenti, fine a n’ ora fa ero cretino.

Sofia…Enrico non fare l’idiota, ora che fai stai mangiando i dolcetti?

Enrico…Da cosa l’hai capito ?

Sofia…Ma si’ pacce, lascialo immediatamente…

Enrico…Ma mi piace…è con le mandorle secche…

Sofia…Appunto, con quello schifoso metabolismo che hai, ah Lidia se sapessi, mi fa certe scorregge insopportabili, dovresti sentirle, Enrico, non è che ne hai una pronta da far…

Enrico…Mi spiace ma…magari più tardi…

Lidia…No grazie, non si preoccupi…

Enrico…Sofia ma ce stè dice , ce fegure me face fa’…

Sofia…Citte e no’ parlà e non contraddirmi…

Enrico…No’ cara…

Sofia…E’ capite ?

Enrico…Obbedisco…

Sofia…Cretino !

Enrico…( sugli attenti ) Grazie cara …

Lidia…Ma Aldo dov’è ?

Enrico…Vi cercava… non è con voi ?

Sofia…Tu ‘u stè vide?

Enrico…No.

Sofia…Deficente!

Enrico…Grazie , troppo buona…

Sofia…Non si sarà perso ?

Lidia…Ma no, ormai la casa la conosce come le sue tasche…

           Voce fuori campo

Aldo…(f.s.) AIUTOOOO….AIUTOOO…

Lidia…E’ Aldo…ma…dove sei Aldo…

Aldo…(fuori scena ad alta voce) No’nge ‘u sacce…aiutatemi…ho pauraaaa…

Lidia…La voce viene di là…

                Aldo entra di spalle, non sapendo dove si trova

Aldo…( di spalle e impaurito)…Dove sieteeee…

Lidia…Siamo qua…

Aldo…Qua dove, ho pauraaaa…

                  Lidia, gli batte sulla spalla e…

Aldo…Ahhhh…( conscio della figura cerca di sdrammatizzare ridendo) …ahahah, v’agghje fatte ‘u scherze… piaciuto ? ( si rende conto di no)…eccoci con le nostre amate spose…

Sofia…E noi vi cediamo la stanza, Lidia mi deve mostrare i suoi gerani…

Lidia…Notra vote ?

Enrico…Sembra quasi che ci vogliate sfuggire…

Sofia…Sfuggire agli adorati mariti, ma che idea, turname subete, su andiamo a vedere questi meravigliosi gerani…

            Vanno via conturbate, Lidia si ferma, guarda torva il marito

Lidia…Tsè….!!!

Aldo…(sorpreso )…Ce brutta tremendùte ca m’à fatte…(ritorna verso la porta e si   ritrova davanti Lidia,che ripete la precedente uscita)…ma so’ cose da pacce… Enrì’,è viste come m’à tremendùte mugghjereme …

Enrico…No, com’jè?

Aldo…Con due occhi…

Enrico…Mi meraviglierei  ce te stè uardàve cu’ tre uècchje .

Aldo…M’a uardàte con uno sguardo che non le ho mai visto fare, non vorrei ca…

Enrico…”Ca”…ce ‘ccose ?

Aldo…Te l’agghje cundate , stanotte ‘o circhele fine a tarde, agghje sciucate e purtroppo perso, po’agghje turnate all’alba…

Enrico…E allore, a qua ce porte le cazùne…

Aldo…Lidia…cioè, Lidia sa che li porto io, bèh no’t’agghje ditte tutte cose, uscendo ce te jacchje da nanze?

Enrico…Chi ?

Aldo…T’a recuerde  l’archi…tetta…

Enrico…L’archi…nooo, quedde cu’ ‘a tettoia…come se …ah,  Maria Pia.

Aldo…Proprie jedde.   

Enrico…E mo’ ce face ?

Aldo…Quidde ca faceve apprime…

Enrico...Ahahah, ma s’à spusate ?

Aldo…Separata da tre anni, ‘u marite‘nu minze stuèdeche, poi trovò il vero amore, un macellaio ,ca fenì n’galere, problemi economici, la vita sai com’è,visto che c’ero potevo rinunciare, la delusione del gioco, l’ora tarda, mugghjereme  pronte cu’ ‘a tragedie e allora Duduccio, zac , ha colpito, ahah, accussì me chiame,Duduccio.

Enrico…Hai dormito nel suo letto?

Aldo…Enrì’, c’ere sule pe’durmè  me n’avisse turnate a case …

Enrico…E Maria Pia  a state subite disponibile ?

Aldo…Non subito,  è vere ca è vere, dopo che gliel’ho chiesto, gli ho detto che ero triste, depresso, che soffrivo tanto per un unghja reincarnata, s’à dispiaciute e mi ha consolato…

Enrico…Siii , e ce fatte ?

Aldo…Un gentiluomo non scende nei particolari, ti basta sapere soltanto che …tutto Enrico, tutto, ce femene, che gran giocherellona, mi ha insegnato il suo gioco preferito “la scoperta dell’America” lei faceva l’America e io la scoprivo.

Enrico…Povera donna…

Aldo…Vide ca no’nge agghje state ije ‘u prime  a scuprì l’Americhe.

Enrico…Penze a mugghjerete ,frische sposate , lei sola e tu face l’esploratore… magari Lidia stave cu’ penziere …

Aldo…So’ije ca stoche cu’ penziere, ce se n’avverte Lidia, m’accide...

Enrico…Duduccio, pe’’mmò t’à sciùte ‘bbone, però attenzione,quelle tornano ti ricattano ti costringono a pagare cifre per non …

Aldo…Ma ce stè dice, Maria Pia è ‘na signora e pure ca fosse sacce come trattarle …” via di qua !

Enrico…E piccè me ste cacce…

Aldo...No’ je cu’ te…e non si permetta di infastidirmi, la denuncio sa(idem gag a soggetto)…soldi poi…tsè…”truevete a notre  “…

Enrico…No no, ce otre, uèh, ce ve’ ‘vvène, dille ca tine n’amiche c’assute da picche do’ ‘spedale, ca soffre assaje… come ‘na bestia…

Aldo…A mugghjereme po’ l’agghje cundate‘na buscje, c’agghje truate n’amiche, ‘na passeggiate in auto con annesso incidente…

Enrico…Ah, ’a pezze a’ culore, però troppo originale , nel complesso stona…

Aldo…Chi, il cantante ?

Enrico…’A pezze, Sofia no’ s’à beveve…ah, ecco lo sguardo sospetto di Lidia…

Aldo…Tu pinze ca ‘mugghjèrete…

Enrico…Quedd’è terribele, ce l’ha cundate ‘u fatte, statte secure ca Sofia s’à sendùte in dovere di metterla sul chi va là…

Aldo…Ma è ‘u colme, ma ce se ne ‘mporte quedda dis…distinta signora, ho la massima fiducia, Lidia ha sempre bevuto tutto quello che le ho…

                   Entra Lidia

Lidia…Cosa avrei bevuto io ?

Aldo…Tutto quello che ti ho …preparato, the,  camumille…

Lidia…Signor Enrico…

Enrico...Comandi…

Lidia…Sua moglie le ordina di recarsi immediatamente da lei…

Enrico…(si mette sugli attenti )Agli ordini…scusatemi (esce)

Lidia…(fra se )Ed ora a noi…Aldo, mo’m’à dicere subete a’ddò stè ubecàte ?

Aldo…Ma che vuoi che sappia del bucato…

Lidia…Dove abita il tuo amico ?

Aldo…Quale amico ?

Lidia… Il quasi morto, Mario Pio…

Aldo…Mario Pio?!  E ci è …ci è ca su’ recorde…

Lidia…Ma come, dope‘u spedàle l’è ‘ccumpagnate a case…

Aldo…Ah  si, sai tenghe suenne e…abita in … mi pare corso, o piazza…

Lidia…Che piazza ?

Aldo…Come quale, quedda rotonda…

Lidia…E allora !?

Aldo…Ah si, che sbadato…via… via Margherita …numero 3, perché ?

               Lidia inizia a scrivere

Aldo...Cosa fai cara ?

Lidia…Mando un biglietto al tuo amico Mario Pio, pregandolo di venire qui…

Aldo…Nooo, ma ce si stodeche, no scusa, cioè, ma è ferito grave, come fa.

Lidia…Ma se l’hanno dimesso , può benissimo venire a trovarti..

Aldo…Ma no’ tenghe niscjune desederie cu’vede…vedere soffrire, avrà posteri di fratture,contusioni…cara,  è peccate…

Lidia…Sofia porterà questo biglietto a questo signore…

Aldo…Ma ce ‘mpazzite…

Lidia…Immediatamente…

Aldo…Vorrei capire il perché…

Lidia…E’ semplice, tu m’è ditte ‘a veretà ?

Aldo...No! …cioè no…no ,non me l’aspettavo, sospetti di me,(piagnucola ) tu che hai sempre bevut…creduto tutto…

Lidia…E se l’ amico conferma tutto ,continuerò a farlo, non voglio che ti abitui a tenere ‘na mugghjera  jojjòna…

Aldo…Come jojjòna…

Lidia…Si, Sofia cosi mi ha detto , jojjòna, non voglio (piagnucola) che te ne vai in giro con una di quelle…

Aldo…Lidia, per chi mi hai preso io con una di quelle mai, solo per bene…

Lidia…Cooome!?

Aldo…Dicevo …solo per il bene che ti voglio,  non mi permetterei mai di andare con una di quelle…

            Entra Enrico

Lidia…Ce no’jè come m’è ditte no’ mi vide ‘cchiù …donnaiolo…

Aldo…Io donnaiolo…ma Lidia…

Lidia…Me ne andrò via, da mammà, e me porte pure ‘a dote…

Aldo…No, la dote no…

Lidia…E no’ me vide ‘chiù…

Aldo…Ma almeno lasciami la dote…

Lidia…Porco..(esce stizzita)

Aldo…In tuo ricordo…è sendute?

Enrico…Donnaiolo, una di quelle, ‘u vocabolarie de Sofia, se l’à fatiate jedde.

Aldo…(nervoso)…Ma ije ‘a ‘mbiche a quedda streghe…

Enrico…Stai parlando di mia moglie ?

Aldo…Sine, piccé ?

Enrico…Se lo fai ti ringrazierò pe’ tutte ‘a vite…ma come t’à venute stu’ nome po’…“Mario Pio “…

Aldo…Lidia m’a fatte ‘a domanda a brucia pelo e di getto m’assute Maria…po’ m’agghje repegghjate e ho aggiunto il Pio…(vede le due donne entrare)…Pio e casto è il mio animo, non si crederà ma è così , lo giuro.

Sofia…Andiamo Enrico…è quasi l’ora…

Enrico…Di cosa cara ?

Sofia…Come cosa, devi prendere la supposta per la bronchite…

Enrico…Ma cara vuoi dire prendere…lo sciroppo.

Sofia…Lo sciroppo subito dopo la supposta…

Lidia…Insieme, non fa male?

Enrico…Certo ca face male…

Sofia…Metti un po’ d’olio, scivolarà  che è una bellezza…

Enrico…Intendo per la mia salute, non si può modificare…

Sofia…Cosa vuoi fare, prendere le supposte per bocca e lo sciroppo dal…

Enrico…Modificare la cura…

Sofia…Il medico così ha stabilito…su andiamo…

Aldo…(tono socievole)…Ve ne andate di già…

Sofia…Purtroppo si…

Aldo…Menu male…

Sofia…Come…?!

Aldo…Dicevo, meno male…mi fa, sapere che Enrico ha una moglie così premurosa.

Lidia…Allora andate ?

Sofia…Eh si, abbiamo chiacchierato abbastanza…

Aldo…Pure assaje…

Lidia…Mi raccomando Sofia...non scordarti la…

Sofia…( uscendo e con tono ironico mette in mostra il bigliettino  )Sarà il mio primo pensiero, Via Margherita n°3… arrivederci signor  Laciola e quando suona cerchi di non stonare…

Aldo…Io stono ?

Sofia…Le sonate le faccia in  Sol maggiore non in Si bemolle…

Aldo…Lidia…io in Si ?

Lidia… Bemolle Aldo, bemolle!

Aldo...E va beh,  se proprio ci tieni prenderò lezioni …

Sofia…Prenderà lezioni,  allerta cara…

Lidia …Allerta stò…

Sofia…Fammi sapere come va a finire la storia..

Aldo…Ce storie…?

Sofia…Della pianta di gerani, è ferita grave …non vorrei ca…(fa il segno tipico )

Lidia…Spero che si riprenda…

Sofia…Me lo auguro cara …per te !Arrivederci Signor Laciola…

   Aldo per saluto si toglie la parrucca , Lidia accompagna Sofia alla porta

Enrico…Coraggio Duduccio, non  ti invidio…

Aldo…( si sitema male la parrucca ) Manghe ije.

Enrico…E di cosa poi,  stè ‘na comoda poltrone ca me ste’ spette…

Aldo…Stè pure ‘na supposte ca t’aspette, me raccumanne a’ streghe…

Sofia…(rientrando con tono da comando)…Enricoooo…

Enrico…Eccola…comandi…

Sofia…( ora molto dolcemente)…E’ tardi ed il maestro deve accordare lo strumento…stasera, lo sai,  ce musica da camera…

Enrico…Nooo ti prego, cara no’ ne posso più, la musica da camera è pesante…

Sofia…Enricoooo…( guarda da vicino Aldo  per via dei capelli , esce)

Enrico…Obbedisco !(ad Aldo uscendo)…ti giuro che gliela farò vedere io.

Aldo…No’si’ ‘u prime…speriamo che filerà  tutto  liscio…

Lidia…(rientrando)Cosa filerà liscio…

Aldo…Cosa filerà…ah , la supposta di Enrico…puveridde…

Lidia…( lo guarda torva)…Al contrario !

Aldo…E’ fortunato ?

Lidia…’A parrucche, li tine luenghe da nanze…

Aldo…Che vuoi, ho la crescita veloce…

Lidia…Cretino !...e ‘a cammise?

Aldo…Non la vedi ?

Lidia…(sarcastica)Ahahah…quedde de stanotte…

Aldo…La camicia da notte non l’ ho mai usata…

Lidia…(come prima )Ahahah…quedde de l’incidente.

Aldo…Quale incidente…ah si l’incidente…

Lidia…A’ddò stè ?

Aldo…Jntre ‘o cassonette all’anghele...sporca di rossett…sembrava rossetto ma  era sangue,  sangue tonalità  rosso rossetto.

Lidia…Chiù russette ca sanghe vero, ce m’è ditte ‘na buscje ti giuro che vedrò de ce tonalità è ‘u tue.

Aldo..Ma Lidia…

Lidia…Rosso rossetto…tsèèè ! ( esce )

Aldo…Ma non crederai che…(non accorgendosi che Lidia è uscita ) Lidia io sono un uomo puro e mi fa male pensare che tu non hai fiducia in me, ora piango (piange)  lacrime di dolore, ah che dolor…e la mia Lidia dov’è, dov’è la mia consolatrice…Lidia (si volta) …eh , addò stè Lidia…(sprofonda nella poltrona ),Lidiaaaa…. ma so’ cose da pacce!

                         

                                                         Fine primo atto

                                             

                                                     

                                                        

Secondo atto

Stessa scena, qualche minuto dopo, Aldo per rilassarsi prende un cruciverba .

Aldo…( preoccupato ) Ma so’ cose da pacce, pe’ na vote c’a venute , quedde streghe me face morse du’uàje…2 verticale…”uomo munito di scì”…scimunito…macchè…” uccello noto per la caratteristica intraprendenza “…ce una A e due Zeta …AZZ…ma no’jè possibele, ‘ste parole a qua suse… “targa di Genova”  GE, la G...GAZZ  ah ecco “Gazza”… “mo diceve…”scimmia con gravissimi problemi urinari, macaco !…ma porca miseria( lancia il cruciverba sulla poltrona )  no’ riesche a rilassarme, Sofia m’à proprie rutte …

Lidia…( entrando ) Cosa ti avrebbe rotto Sofia, eh !?

Aldo…Ce m’a rutte, m’a rutte le ( apre le mani )…l’enorme  incantesimo di starti vicino.

Lidia..( uscendo) Ahhh , che caro che sei,vado un po’ dai miei cari gerani…

Aldo…Vai cara, accarezzali per me (DRINNN ,va ad aprire )…uèhhh da quanta timbe…trase tra’…carissimo Ririno, come te trueva a qua…

            entra Rirìno,amico di vecchia data, tipo simpatico ed originale.

Aldo…Ce piacere rivederti…(gli dà la mano)

Rirìno…Anche pure a me ( allarmato )…’a giacche, a’ddò stè ‘a giacca…

Aldo…Ce giacche ?

Rirìno…(si guarda intorno )Agghje perse ‘a giacca, e mo’ come fazze senz‘a giacche .

Aldo…E quedde ca tine ‘nguèdde ce jè ?

Rirìno…(sospiro di sollievo tenendogli la mano)E’ vere, pe’ furtune l’è viste tu, ce no’ me n’aveva scè senza ‘a giacche, come stè’ Aldo ?

Aldo…Insomma,mi puoi ridare la mano, grazie, saranno tre anne ca no’ te vede.

Rirìno…Anche pure io…hai preso moglie eh ?!

Aldo …Eh si , e tu t’è spusate ?

Rirìno…(guarda l’orologio ) Si si, …fra cinghe menute so’ giuste tre anne ca purtroppe se n’a sciute.

Aldo…Le mie più sentite condoglianze…

Rirìno…Se n’a sciute cu’ notre, jrte do’ metre, biondo, occhi azzurri ,mi sono sempre chiesto ce teneve ‘cchiù de me…forse ‘a carna ‘bbone…

Aldo…Scusami Rirìno, non afferro.

Rirìno…Come no ,la carne è piena di ferro,informati,  insomma jedde scè pigghjàve ‘a sazizze sempre do’ stesse macellare…

Aldo…Se vede ca ere de qualità.

Rirìno…Pe’ tenerla cuntende me tuccave mangià sazizze tutte le giurne, ’m’asseve dalle recchje…

Aldo…E mugghièrete ?

Rirìno…Teneve ‘u sbuènne, no’ sacce addò s’à metteve…

Aldo...Questa monotonia del menù sule a base de sazizze, mi preoccupa…

Rirìno…No no, stavene pure  le pulpette di cardellino…

Aldo…Di cardellino, carissime…

Rirìno…Si, ma metteva pure ‘u cavalle…

Aldo…Agghje capite, ere tutte cavalle…

Rirìno...No, ere ‘nu tipe oneste, faceva a metà, ‘nu cardelline e ‘nu cavalle …

Aldo…Eh , ma ce truffatore…

Rirìno…Infatti stè ‘ngalere…

Aldo…Ben gli stà…stà…’u macellare stè ‘ngalere…oh Dio…mugghjerete è…

Rirìno…’Na zòcchele…

Aldo…E qua ti do’ ragione, quindi tua moglie è quella con due…(mima i seni )

Rirìno…Due nomi…Maria Pia, ‘na sere de tre anne fa me disse “ Rirìno voche a’ pigghje ‘a sazizze “ e ancore no’nge ‘a turnate.

Aldo…E se vede stè ‘a file…

Rirìno…Pe’n’anne l’agghje penzate pure ije, ma po’…Aldo ca miche so’ fesse, sente ancore ‘a mancanze…

Aldo…Da sazizze?

Ririno…De mugghjereme,  ‘a piccenna meje, sai qual’era il suo gioco preferito?

Aldo…Scummette, la scoperta dell’America…

Rirìno…E com’ù sé’…?!

Aldo…Ero nella ciurma, cioè, ho detto  “ hai fatto la scoperta dell’America”, …tutte sciochene, pure mugghjereme.

Rirìno…E ci è ca no’nge ‘a canosce…

Aldo…A mugghjereme ?!

Ririno…A Maria Pia, ci teneva a me…”Rirìno face fridde,metti i pantaloni di lana pesanti “ sule ca qua face càvete, scusami me ne leve une (si toglie un pantalone)…ah ecco piccè face cavete ‘sta stanze è di quattro lati, no’ jè ‘na stanza ventilate…e accussì , amènn…

Aldo…Amènn ?!…amen …l’accento sulla a…

Ririno…Me piace de chiù suse a’ “E”, pinze ca quanne ‘u prevete me de’ l’ostie  me tremende stuerte ma ‘u fazze sule pe’ m’arrecurdà de Maria Pia, stavo male  e tuccheve ‘u funne…

Aldo…Eri molto giù?…

Ririno…15 metre…me meneve do’ ponte…e da decompressione passeve direttamente a’ depressione…

Aldo…Rirì’, non ti vedo nel pieno delle tue facoltà…

Rirìno…Sono l’ombra di me stesso, Aldo io stavo bene con lei, andavo di corpo tutti i giorni, so’ giurne e giurne ca no’dorme, furtune ca dorme ‘a notte,’na sere stave sule ,annoiato,  e m’invitai a cena da me, però mi seccava venirmi a trovare e acchjève ‘na scusa e no’nge agghje venute, però l’agghje capite ca ere ‘na scuse miche so’ stuedeche, e no’m’agghje ‘nevtate ‘cchiù.

Aldo… Ste’ proprie ‘nguajàte, m’avevane ditte c’avive muèrte…

Rirìno…Mo’ stoche ‘nu picca megghje…

Aldo…Ma come è fatte a truàrme ?

Rirìno…Suse ‘a l’elenghe…

Aldo…Telefonico?

Rirìno…Cimiteriale, ma non c’eri e m’agghje preoccupate, “ ma come se spieghe ca stè ancore vive, a quest’ore aveva essere già muerte…

Aldo…( corna ) Ma pe’ favore,  ma come t’è vestute?

Rirìno…Piace? Tenghe pur’ù gilèe coordinato, però ancore nonge m’arrevate.

Aldo…E le’ scarpe , una bianca e l’otre nera …

Rirìno…Belle eh…pinze ca ‘a case ne tenghe ‘nu pare uguale, sono 46 tu ce numere face ?

Aldo…41…

Rirìno…Eh no, ije porte ‘u 38 però quanne voche de frette mette queste da 46 accussì ‘u passe è chiù lunghe e arrive prime…

Aldo…Ma famme ‘u piacere, e tutte stu’ timbe come l’è passate ?

Rirìno…Chiuso.

Aldo…In te stesso…

Rirìno…’O manecomie, poi uscito ho frequentato tutti i corsi d’aggiornamento e formazione, pure quello Preparto…

Aldo…Preparto…e a ce te serve ?

Rirìno…E se a luglio decido di partire, Alduccio me serve ‘nu piacere, sai è ‘nu perìede …me servene 5 mila lire in prestito eh, te le ridò e po’ so’ije c’avanze 5 milalire…

Aldo… 5 mila lire, te le doche me le dè’ , ma no’ se ne parle…eh si… siii, ma ije te doche  vinde milalire !

Rirìno…Vinde?!...vuè l’indirizze da’ clineche…

Aldo…No’ so’ pacce, Rirì’ m’aiutà, mi trovo in una situazione terribile, a sapè ca stanotte o’ circhele ho giocato, perduto, e no’ teneve ‘u  curagge di dirlo a Lidia po’pe’ cumbenazione incontro tua moglie…

Rirìno…Mia moglie !?

Aldo…Dicevo, ce pe’ cumbenazione incontro tua moglie , vuè ca le diche ‘nguarche cose…

Rirìno…Dille ca penze sembe, e jedde, ce dice tu,  me penze a ‘mme…

Aldo…Non credo, po’ Duduccio di qua , di là…mi chiamava Duduccio.

Ririno…Ci è ca te chiamave cu’ stu nome da stuedeche…

Aldo…Mugghjerete…no dico a te mugghjèrete come te chiamave…

Ririno…Maniscete, accussì me chiamave…

Aldo…Maniscete…e miche è ‘nu nome…

Ririno… Maniscete è ‘u cognome, de nome Ruècchele, Maniscete Ruècchele sempre accussì me chianave e lucculave, pinze ca intre o’ palazze tutte accussì me chiamavene,  mi ero talmente convinto  ca cangeve pure a targhette rete ‘a porte, certe vote ‘a penze e mi chiedo , chissà cosa starà facendo ?

Aldo…A vote è megghje no’ sapè…te stè deceve c’a mugghjereme l’ agghje cundate ‘na buscje…che ho incontrato sto’Mario Pio…

Rirìno…’U canosche?

Aldo..No’nge esiste, ‘ amme fatte ‘nu gire in macchina , amm’avute n’incidente, insomma ‘nu pulpettone e Lidia se l’ha ‘gnuttùte…

Rirìno…’U pulpettone ?

Aldo…Si ‘u pulp…ma ce pulpettone, la frottola, sule ca sobillata da ‘na streghe a scritte a st’amiche p’u fa’ venè aqquà ...

Rirìno…E allora aspette , me vogghje fa’ do’ resate…

Aldo…Uèh, Mario Pio  no’nge esiste !

Rirìno…Ah no!?

Aldo…Eh no, nasce adesso…signor Mario Pio benvenuto su questa terra !

Rirìno…Ah, ‘n extraterrestre, per case è ‘nu martenese ?

Aldo…Un martinese ?

Ririno…Un abitante di Marte, ah mo’ agghje capite, Aldo lasse perdere…

Aldo…E come se face ormai è state parturite, te presente mugghjereme e confermerai ‘a pezze a’ culore, lei si tranquillizza e io ti …ma si, 30 mila lire…

Rirìno… So’ assaje , però ce mugghjerete se n’avverte pure le mazzate so’assaje,  lassàme perdere,  ije me ‘mbrogghje…

Aldo…Ma no’ te canosce, ti prego …

Rirìno…Oh Dio , 30 mila lire…‘a giacche…agghje perse ‘a giacche…

Aldo…Arrete cu’ stà giacche,  ‘a tine ‘nguèdde…Ririnuccio ‘a situazione è grave , Lidia mi lascia e torne da’ màmese cu’tutt’a dote (piange) e ije no’ pozze vivere senze …

Rirìno…E come se face a vivere senze ‘a dote…

Aldo …Senza mugghjereme…

Rirìno…Si, però‘a dote…

Aldo..E’ la catastrofe, me menghe a’mmare do’ ponte e jè colpa toje.

           Piangono, si asciuga le lacrime col fazzoletto di Aldo

Rirìno…( piagnucolando)Aldo, ‘u fazze sule p‘amicizie, te salve do’ ponte…

Aldo…(piagnucolando)Grazie…

Ririno…(piagnucolando) Famme fenì, te salve pe’ 40 mila lire .

Aldo…( smette di piangere)Ma come, da 30 a 40 ?

Rirìno…( smette di piangere)Ma ti evito il bagno, ‘a polmonite,  le supposte… 

Aldo…’U fazze sule pe’ le supposte, quante me stizzene,  m’a ‘nfile e quedde jesse, face jsse e trase , jsse e trase,…dunque Rirì’ mo’tu  jsse e po’ trase…

Ririno…E  ce so’ ‘na supposte…

Aldo…Te ne ve’ e po’ tuerne, e con noncuranza, dirai :” ah beh, come va,dai facciamo un giro sulla mia 40 cavalli decapitabili “ e ije “…ma no, non posso, ce Lidia mia“ etc etc…e così mi hai convinto , a porta Napoli po’ ce  il divieto d’accesso, che tu prendi, ma stave une in bicicletta, face retromarcia ma stave ‘na signora cu’ carrozzine in stato interessante…

Rirìno…Alle due de notte ?

Aldo…Si, con doglianze…

Rirìno…Grazie…chi è morto ?

Aldo…Sòrete, con doglianze preparto…

Ririno…E’ viste ca serve  il corso preparto …

Aldo…Jèdde scève ‘a pede, il carro funebre con chiavuto ripieno  in retromarcia e nel buio… la catastrofe...sangue di qua , di là, tu hai perso il braccio destro, ‘u chiavute a mille pezzette ,  jèsse ‘u muerte e addò vè’ ?

Rirìno…’O cambasante però a piede.

Aldo…Ve’ spicce azzettate suse a ‘na panchina,  arrive l’ambulanza,’u mideche a vesetate ‘u muerte e ha capito c’aveve muerte…

Rirìno…Finalmente ‘nu mideche in gamba…

Aldo...  ‘U ‘nfermiere t’a pigghjate da rete…

Ririno..A ‘mme, uèh no’ facinme scherze…

Aldo…Da rete ‘a machene  e t’à carecate suse a’mbulanze…

Rirìno…E mugghièrete me careche de mazzate,oh...e ‘u vrazze ‘nterre a remaste ?

Aldo…Macchè, o’spedale  te l’onne ‘ngullate, all’alba stave megghje e t’agghje purtate  a case…è capite?

Rirìno…Manghe ‘na parole…

Aldo (nervoso)…Ma come no, è semplice…

Rirìno…Semplice, fazze prime ce le conte l’Odissea…no no, ije me ne voche…

Aldo…Rirì’ no’ m’abbandunà…aiuteme…

Rirìno…E va bene, t’aiute ma no’nge ‘u fazze pe’ le 50 mila, no, ma pe’ 100…

Aldo…Cinte mila lire…ce bell’amiche , e va bene però non ti sedere di là ma di qua, così  Lidia mi da’ le spalle…

Ririno…E a mmè ce me dè’ ?

Aldo…’U pitte no ?!

Ririno…Ah si, e pozze fa’ quidde ca vogghje …

Aldo…Mo’t’accide, te de ‘u nanze …

Ririno…Megghje ancore…

Aldo…Arrete, nel suggerirti  la sua posizione de nanze rete mi aiuta …

Rirìno…E a me ce m’aiute ?

Aldo…Se mi segui passo passo funzionerà…( Aldo cammina nella stanza mentre Ririno lo segue passo passo, Aldo non vedendolo gira su stesso ed anche Ririno )

…allora ricapezzoliamo, tu venivi da destra  mentre tu Ririno…a sparite Ririne…Rirì’addò stè…

Ririno…Aqquà…

Aldo…Aqquà ‘ddo jè , no’ te vede…

Ririno…Aqquà rete…( gli bussa sulla spalla )

Aldo…(spaventato)…Ahhh…e ce ste face rete a me desgraziate ?

Ririno…Prime me dice“ seguimi passo passo “…e mo’ se ‘ngazze…

Aldo…Ma nel discorso, mò jsse da’ porte du’ sciàrdine , fatte ‘nu gire e tuerne…

Rirìno…(s’avvia piangendo )Aldo, me stoche a pigghje paure…

Aldo…( mano sulla spalla )Pinze alle 100 mila lire…( lo accompagna )

Ririno…( uscendo dalla parte opposta )No’ jevene 120 ?

Aldo…Jsse prime ca te ‘mbiche…Santa Clotilde aiuteme tu…(esce )

              Qui stacchetto musicale DRIN, campanello della porta

             DRIN,Aldo entra visibilmente  insofferente

Aldo… Speriamo bene ( si segna )   DRINNN….e quedde no’nge arrive…

             DRIN, finalmente entra Lidia

Lidia…Aldo ce ‘nzurdìte…’u cambanidde…

Aldo…Il campanello ?!…ah si…ma dov’eri…?

Lidia…Dai gerani…

Aldo…I Gerani, chi sono dei nuovi vicini ?

Lidia…I fiori  Aldo…

Aldo…Ah , i fiori…cu’ tande cose da fa’ jedde  penze alle fiure …

Lidia…Giugno è il mese giusto …ora sono potabili…

Aldo…Ah si, e jnghjeme  ‘nu bicchiere ca s’a seccate ‘a vocche…

             DRIN

Lidia…Ma ce stè dice, vai , apri…

Aldo…Quanta frette…

Lidia…No’ sinte ca sonene…

Aldo…Ma tande ‘u sacce ci è…

Lidia…Sai chi è ?

Aldo…E’ quel cre…cioè, è quel che credevo…

Lidia…Ma te stè’sinte buene ?

Aldo…No ! si e no…chiù none ca sine  …

Lidia…Vuè ca chiame ‘u mediche…?

Aldo…Si, ma dopo la visita del cre…credere, obbedire,combattere ,prima l’agghja ‘nterrogà …

Lidia…Ma ‘ddò s’a viste maje ca l’ospite se ‘ntèrroghene…

Aldo…Besogne vedè ce ‘ntenzione tènene, chidde càngene penziere ogne menute, da 20mila a 100 mila, e ce scherzame, ahhh ce delore de vendre, vado in bagno .                        (esce ventolandosi con la parrucca )

Lidia…(andando ad aprire) Oscje no’nge ‘u capische…prego  s’ accomodi…

                  Entra Rirìno

Rirìno…Buongiorno signora…i miei rispetti…

Lidia…Sono la signora Lidia Laciola…lei è …?

Rirìno…  Mario…Mario…eh…ah , sono casto e devoto…

Lidia…Pio…Mario Pio, sono contentissima che sia venuto, pensavo che lei non esistesse neppure…

Rirìno…Infatti sono appena nato, sono io in carne ed ossa…

Lidia…Rotte immagino, sa che la immaginavo più grande, mio marito mi ha detto che lei era un pezzo d’uomo…

Rirìno…Fino a qualche giorno fa, po’a chiuvùte e m’agghje restrette.

Lidia…E poi quell’incidente gravissimo…

Rirìno…Ce incidente ?

Lidia…Ma come, mio marito mi ha raccontato tutto…

Rirìno…Piccè tene ‘a lenghe longhe, e quindi lei come se lo spiega ca so’ tre anne ca mugghjereme a sciute a pigghjà ‘a sazizze do’ macellare e ancore no’nge a turnate, e no’ me parlate de file, ormai è da escludere.

Lidia…E beh,si capisce, lei ha battuto la testa,avrà dei bernoccoli…

Rirìno…Due…proprio qui…

Lidia…Ma non si vedono…

Rirìno…So’sottotracce …

Lidia…Però a me pare che lei stia benissimo, non zoppica neppure…

Rirìno…Non si vede (cammina) perché zoppico da i due piedi e vado pari.

Lidia…Aldo…Aldooo…(entra Aldo) guarda chi cè…

Aldo…Uhhh , chi vedo…Mario Pio, come stè ?

Rirìno…Ca mo’ n’amme viste …

Aldo…Ma ce ste dice, cara è la botta, ti sei rimesso presto ma com’è fatte ?

Rirìno…Do’ supposte, un clisterino…

Lidia…Dunque, signor Mario…

Rirìno…Pio,ci tengo sa, sono casto e devoto, Aldo preghiamo , no’ se sape maje.

Lidia…Sa, non fidandomi di Aldo le ho scritto una lettera senza il suo…mi scuso eh…permesso…

Rirìno…Avanti…

Lidia…Chi è… ma no, il permesso  di scriverle, lo prende un caffè…

Rirìno…Se ce , volentieri …

Lidia...Io se prendo il caffè non dormo…

Rirìno… Ma vide ‘nu poche, io se dormo non prendo il caffè…

Aldo…Ma ce sembatecone…

Lidia…Accomodiamoci e mi racconti  l’ accaduto, per filo e per segno eh…

            Un girotondo di cambi posto,si siedono non come aveva previsto Aldo

Rirìno…Intanto sia chiaro che io sono Mario Pio non per mia volontà ma...

Aldo...Per volontà dei genitori è logico…

Lidia…Mi dica a che ora ha incontrato Aldo…

Aldo…Ieri sera verso le…

Lidia…E non suggerire…

Aldo…Ma cara nemmeno per sogno...Rirìno, vieni a sedere di qua …

Rirìno…E piccè m’è fatte azzettà de quà …

Aldo…Per il torcicollo che tieni a destra, (all’orecchio )  dall’otra vanne ...

Rirìno…Cosa…?

Aldo…Dall’altra parte…

Rirìno…Signora, dall’altra parte …

Lidia…Dall’altra parte ?

Rirìno…Eh si, dall’altra parte ho il torcicollo e non vedo bene…

Lidia…E ce ‘ngentre , ma la prego racconti…

Ririno…Dunque,“ma si ,ma no, però, ma dai , era da tanto ca no’te puteve vedè “

Lidia…Ma ce stè dice ?

Aldo…Adda essere ‘a botte ‘ngape…

                Aldo con la parrucca si asciuga il sudore freddo

Lidia…Mi dica , a ce ore v’avite truàte ?

               Aldo gesticola dietro Lidia , apre il palmo e fa due movimenti come a dire     cinque più cinque, lui capisce “ con calma “

Rirìno…Ci siamo incontrati ?…eh ?…ah, ci siamo incontrati…eh ?..ah,con calma.

              Aldo gli fa segno di due volte 5

Rirìno…Alle due e …(Aldo fa il  più) è morto il cinque…le dieci e cinque…

Lidia…Ah ecco, e poi…

Rirìno…E poi …” ma su vieni a fare una passeggiata sulla mia 40 pulpette, braciole…”

Aldo…(Imita il cavallo, poi nitrisce)Hiiiiii…

Rirìno…Cavalli…e lui “ non posso, siamo sposati da poco, gli voglio tanto bene, però un’occasione come questa non la perdo “…

Lidia…Aldo!!!

Aldo…Ma scherza…

Lidia…No’ stoce a capische ninde…

Aldo…A vedè ije…qua finisce male…

Lidia…Per chi finisce male ?

Aldo…Per noi, scève veloce e l’agghje ditte “ va’ chiane se no qui finisce male “…

Lidia…E po’ ?

                Aldo gli fa dei gesti ma lui capisce altro

Rirìno…Siamo stati alla giostra , in autoscontro, no no, n’amme mise a ballà, cantavamo …ahahah…po’ le capriole…

Aldo…( asciugandosi il sudore imita la sirena) ahhhahhahh…

Lidia…Ma che hai…sembri una sirena…

Rirìno…Dell’ambulanza, c’era una donna cu’ tande de vendre, aspettava un bambino e io gli ho chiesto “ è da molto che aspetta” ?

Lidia…Che tipo divertente.

Aldo…Si molto…

 Lidia…Ti leva i pensieri …

Ririno…E’ sendute, dice ca leve le penziere…

Aldo… ( a Ririno) E ije te leve ‘a vite…

Rirìno…Il carro  funebre,’u muerte suse ‘a panchine,‘u vrazze…e buumm…

Lidia…A sckattàte ‘a rote ?

Ririno…La balla, accussì grosse no’ s’à maje sendute…

Aldo…Ma ce balle, il botto… credimi Lidia, un bottone…

Lidia…Spaventoso…

Rirìno…Ije ‘u bettone l’agghje cercate  m’à sparite , ce dice l’assicurazione me lo rimborsa ?

Aldo…Ha perso anche anche il braccio…e gamba…

Lidia…La gamba ?

Rirìno…Si si, s’à mise  a camenà…

Lidia…’A jamme camenave da sola !?

Aldo…Lidia, era una gamba in gamba.

Rirìno…No’capische piccè agghje perse ‘u destre e ‘a polizie indagava sul sinistro?

Lidia…Ma se ce l’hà…

Rirìno…E questo è da non credere, io ancora non ci credo…

Aldo…(fra se )A vedè ije…da non credere, Lidia da non credere

Lidia…Agghje capite ,miche so’ stodeche, da non credere…

Aldo...E’un po’ confuso ma ce vuè , ‘a botte ‘ngape  l’ha pigghjate.

Lidia…Ma forte l’à pgghjate, e po’ ce chiù ?

Rirìno…E c ne sacce,  stè chiacchere fine qua me l’à cundate…

Aldo…Ma ce ste…si Lidia,  chiacchiere  a mendòne,ma grosse eh, stava per morire e in questi casi è megghje  ‘nu belle chiacchiarone a culore…

Ririno…Ca le mazzate…

Aldo…Le mazzate della dura verità…era lucidissimo…e diglielo…

Ririno…Si si , lucede e splendente , m’onne disinfettate cu’ Sidòl.

Aldo…Poi il miracolo, visto il netto miglioramento sono tornato da te, sei contenta?

Lidia…Che nottataccia …e dove abita lei ?

Rirìno… Un po’ qua, un po’ là …

Lidia…Niente fissa dimora ?

Rirìno…Come no, ce me piace ‘a fisse pure doje o tre ore…

Lidia..Oh, n’allogge ‘u tine ?

Ririno…’Na logge e ‘na fenestre…

          Aldo gli fa dei segni , ventolandosi con la parrucca e rimettendola male.

Lidia…Ma insomma, io le ho inviato una lettera…

Aldo…E dille a’ddò jàvete …( mima la forma di una pizza margherita )

Rirìno…Signora non posso, ce no’ m’u face accussì ,ah si…abito in un…un cesso…

Lidia…Ma insomma…

               Aldo mima il togliere i petali ad una margherita

Rirìno…In via… m’ama, non m’ama…ah si,  via Margherita numero 3.

Aldo…( sbuffa) Ahhh, sentito cara, il suo discorso è ugualissimo al mio…

Lidia…Si caro, perdonami se non ti ho creduto …

Aldo…Lo sai che non mento mai e mai ti tradirei, mai !

Lidia…Grazie caro per la tua onestà e grazie anche a Mario Pio…

Rirìno…E ci è ?

Aldo…Ma sei tu… ah, quella  botta…ce ne vorrebbe un’altra…

Rirìno…Beh, per 150 mila lire si fa questo e altro.

Lidia …Cià ditte ?

Aldo…Ma ninde, lui suppone che i danni ammontino a circa 150 mila, ma io direi assaje de mene …cu’ ‘na 100 milalire s’aggiuste…

Rirìno…Macchè, io direi 180 mila, altrimenti parlo…

Lidia…Parla !?

Aldo…Con l’assicuratore…

Lidia…Se vuole fermarsi a pranzo da noi ne sarei felice…e tu ?

Aldo… Non tanto…

Rirìno…Signora cosa ce di buono ?

Lidia…Paste e cozze un’orata appena pescata, frittura mista, frutta ,dolce e…

Aldo…E l’amaro calice, ce male de cape ca m’à ‘nghjanate,vi lascio soli e non fate rumore, ohhhh la testa , guarderò i gerani, mi piacciono e mi rilassano(esce )

             Mentre si avviano  squilla il campanello DRIN

Lidia… Mario Pio, la prego apra lei, preparo la cucina, la stanza, …(esce)

Rirìno…Ma si figuri (andando ad aprire )…a me il pesce condito al limone…

Lidia…Le farò un servizio coi fiocchi…

Ririno…Grazie cara…

                Visibilmente nervosa fa il suo ingresso Laura

Rirìno…Prego signora, s’introiti…

Laura…Buongiorno, lei è il cameriere ?

Rirìno…No no, io sono l’amico…

Laura…Ah benissimo, l’amico…c’era da aspettarselo, sarà una di quelle mangia uomini (guarda Rirìno)…certo che lei …si lasci osservare, che gusti orrendi…

Rirìno…Gusti di che ?

Laura …In giro ce di meglio sa…e non mi dica che è pure sposata…

Rirìno…Certo, il marito è un  mio carissimo amico…

Laura…Lui…oh Dio, il marito sa che la moglie è la sua …

Rirìno…Certo che sa che è sua moglie , ci mancherebbe.

Laura…Che poi è la sua…amica.

Rirìno… Intimissima…grazie ad Aldo, il marito.

Laura…(fra se)Ah, il cornuto si chiama Aldo…

Ririno…Aldo senza di me non saprebbe come fare, sa’la moglie è incredibile, nonge l’avaste ‘u marite e  jdde m’a ditte ce le puteve da’ ‘na mane ed io ho con immenso piacere ho accettato, ma che fatica, vedesse ora com’è soddisfatta…

Laura…Lo immagino, ce famiglie, senta vorrei parlare col …(fa le corna)

Rirìno…Dica, dica pure…

Laura…Non ha capito , voglio parlare col cornuto…

Rirìno…Ah già, lei non puo saperlo, non si vedono perché sono sottotraccia.

Laura…Insomma il marito dov’è ?

Rirìno…E’ di là, ci ha lasciati soli pregandoci di non far rumore…

Laura…Eh già, le dònne fastidie le suspire d’amore,orecchio non sente cuore non duole, si tratterà di un fior di guardone…

Ririno…Ah si, gli piace guardare, gli piace e si rilassa pure,  chi si contenta gode.

Laura… Il ruffiano si contenta e gode, e jedde…’a signore, a’ddò stè ?

Ririno…Prepara la stanza, m’à ditte ca m’adda fa “ un servizio coi fiocchi “.

Laura…Uh, e ‘u dice accussì…è una tresca ben condita…

Rirìno…Al limone, signora con sopra il limone è molto più gustoso, il profumo poi una meraviglia , se vuole glielo faccio assaggiare…

Laura…A mmè, ma come si permette, pe’ ce m’è pigghjate …

Rirìno…Magari con  due foglie di prezzemolo in testa… non faccia complimenti…

Laura…Mi chiami immediatamente…’a signore, ho da chiederle spiegazioni…

Rirìno…Subito…(uscendo) però con la fettina di limone  è aromatico.

Laura…E dalle, vogghje proprie vedè ci è ‘sta signora Lidia ca scrive a mariteme invitandolo a casa soje, al limone tsè,la sfacciataggine di certe femene è incredibile.

              Entra Lidia

Lidia…La signora ha chiesto di me ?

Laura…Infatti…

Lidia…In cosa posso, scusi non le do’ la mano per aromatizzarlo ho appena messo il limone sul…

Laura…’U sacce a’ddò l’e mise e per favore non lo dica, è una cosa rivoltante…

Lidia…I gusti sono gusti, sì col limone perde il sapore che lo contraddistingue , lei cosa ci mette sopra…

Laura…A me piace naturale,oh  insomma, no’ so’ fatte vuestre, so’ije che chiedo a lei cosa vuole da mio marito e sappi ca le piace cu’ pepe…

Lidia…Suo marito…’u pepe, signora si spieghi …

Laura…Lei è la signora Lidia Laciola ?

Lidia…Si, sono io…

Laura…E io sono la moglie del signor Mario Pio al quale lei ha scritto…

Lidia…La prego si accomodi, deve sapere che mio marito e il suo sono amici intimi…

Laura…Oh Gesù, mio marito è intimo, e allore piccè m’e cercate ce mette suse ,lei conosce benissimo i gusti di mio marito…

Lidia…Gliel’ho detto, una spruzzatina di limone, certo con quelli di Sorrento è ancora più sfizioso, ma si sa, chi s’accontenta gode, beh ,dopo che questa notte hanno avuto quello spaventoso incidente…

Laura…Oh Dio, ce ‘ncidente…?

Lidia…Automobilistico,ma scusi, non hanno riportato suo marito a casa dopo il ricovero in ospedale…

Laura…Signora si sbaglia, mio marito è partito da tre giorni  e deve rientrare oggi.

Lidia…Cosa, quel simpatico buon tempone di suo marito…

Laura…Uh, lo chiama  buon tempone…

Lidia…Doveva rientrare oggi, ahahah…tène ragione Sofia…

Laura…Ci è Sofia ?

Lidia…Un’amica…

Laura…Un’altra, eh no eh…

Lidia… Sofia sostiene ca le maschele so’ tutte ‘mbrugghjùne, il suo le ha detto che partiva e ‘nvece ce sape cià cumbenàte,  po’ stanotte  il terribile incidente…

Laura…Grave…?

Lidia…Si , ma l’ha visto sta’ benissimo, ora  è di là…

Laura…’U desgaziate stà di là ?!

Lidia…Si, lo abbiamo invitato a pranzo…

Laura…A pranze…so’ tre giurne ca manghe da case, ce farabutte, e  ije povera fesse ca se preoccupe pe’ jdde…

Lidia…Sa gli uomini no, ora  glielo chiamo,(si avvicina alla porta e chiama) Aldo, signor Mario Pio, venite a vedere chi ce…vieni vieni…’u se’ ci è ‘a signore?

Aldo…(sorridente)Non ho il piacere di conoscerla…

Lidia…’A mugghjere de Mario Pio…

Aldo…IHHHH( nitrisce) ….

Lidia…Cosa ce tesoro…

            Aldo tossisce come se gli mancasse l’aria, mentre entra Ririno

Lidia…Signor Mario Pio ce una visita per voi…

Rirìno…(col boccone in bocca )…Le calamàre so’ ‘nu spettachele…

Lidia…L’avete vista ?

Rirìno…Chi ?

Lidia…Vostra moglie…

Laura…Quiste no’jè mariteme…

Lidia..COME!?

Aldo…Ma no,  la signora è sicuramente arrabbiata col marito, vieni cara lasciamoli soli, così faranno la pace…

Lidia…Ma Aldo..non…

Aldo…Fate la pace mi raccomando…Lidia non t’impicciare non vedi che sono impacciati, e voi impaciatevi ,vieni cara…e muèvete…

                  Escono fra le rimostranze di Lidia.

Laura…Lei non è mio marito !  Mi deve spiegare perché si fa passare per lui…

Rirìno…Le spiego, il mio amico è sposato da poco e non ha voluto dare un dispiacere alla moglie, sa come sono le mogli no !?

Laura…No, no’nge ‘u sacce , come sono le mogli ?

Rirìno…Ammogliate no ,insomma è rincasato tardi e a ditte ca state con un certo Mario Pio, ije agghje venute per un prestitino e lui : “ ma no, ma si , ti prego fai Mario Pio“..e va beh , sono Mario Pio…

Laura…Ahahah…agghje capite tutte cose…

Rirìno…Beata lei…però  cu’ lemone…

Laura…Ancore, quindi si tratta di un…ahahah, insomma il caso ha voluto che il suo amico s’à ‘nventate ‘n indirizze a uècchje e ‘nvece ste’averamende…

Rirìno…Eh !

Laura…Ahahah…allora ho rovinato il piano…

Rirìno…No’nge ‘u sacce ce ‘u tène…

Laura…Cosa ?

Rirìno…Il piano.

Laura..Ma l’imbroglio, però mi dispiace, non voglio che lei perda i suoi soldi e  che rovini  la pace domestica, ahahah…

Rirìno…Davvero…permette che l’abbracci….ahhhh com’è buona lei…

               Entrano Aldo e Lidia

Aldo…Ohhhh…che belli, hanno fatto la pace…

Rirìno…S’arrabbia ma po’ facime pace…è vero cara…

Laura…Ma certo amore..

Rirìno…Tesoro, facime vede’ come sapime fa’ pace…

Aldo…Hai visto Lidia, che affetto…

Rirìno…Un bacio cara ?

Laura…E quanne ‘a spicce, ma dai  non è più  il caso…

Lidia…Ma si, scambiatevi un segno di pace…

Rirìno…Cara erano distratti,  bacio cara…

Laura…E ‘ avaste…beh ora devo proprio andare…

Lidia…Non le permetto, resti a pranzo con noi…

Aldo…Ma  cosa ti fai venire in mente…

Laura…Io ringrazio ma me n’agghja scappà…

Lidia…Suo marito ha deciso di rimanere a pranzo resti anche lei… su accomodiamoci…Aldo…accompagnali in camera da pranzo…

              Escono, DRIN …rientra Lidia…

Lidia…Andate andate , arrivo subito…ma chi puo essere ancora …

           Mario Pio il marito di Laura, tipo gagà,  gli piacciono le donne

Mario Pio…E’ permesso si può …

Lidia…Prego s’accomodi…

Mario Pio…Grazie cara…

Lidia…Come  cara ?!…non capisco…

Mario Pio…Comne non capisci, leggo sul tuo viso che mi aspettavi con ansia.

Lidia…Oh che tipo, per favore attenda qui…

Mario…Proprio qui  o mi posso spostare..

Lidia…Ma siete venuto o vi hanno mandato…

Mario Pio…Sapete,  ije so’ ‘nu tipe precise…

Lidia…Quindi ce te manne a qualche vanne vuole il punto preciso non basta la zona…ma chi siete, come vi permettete…

Mario Pio…Ma cara,  mi hai detto di raggiungerti ed io mi sono catapultato, il fascino di un avventura improvvisa è qualcosa che mi riempie d’elettricità, sono l’uomo 220 volt, magari , guardi  che fascino, sono un fascista e  innamorarsi di me è normale…

Lidia…Villano, io … innamorata !?

Mario Pio…Ma certo mia dolce Lidia…

Lidia…Pure ‘u nome…ma chi diavolo…

Mario Pio…Ooh ce bella  voce, da quedda vocche no’ jessene dittonghi, trittonghi, ma note,  notaia, come lo sussurri  bene quel “ma chi” “ma chi“…

Lidia…Ma chi caz…insomma la smetta  sono molto arrabbiata…

Mario Pio…E io sono una penna…

Lidia…Una penna ?

Mario Pio…Cosa ce di meglio di una penna all’arrabbiata…non so da dove mi escono , non so…

Lidia…Ma mi faccia il piacere…

Mario Pio…Sono qui per questo, fare il piacere ad una donna è la mia specialità, adorabile creatura, mi hai scritto una preziosa lettera  e m’agghje precepetate come ‘nu tappete…a razzo.ma da dove mi escono non lo so…lei lo sa…

Lidia…Vuè ca t’u diche…e basta, voi mi fate impazzire…

Mario Pio…Lidia,  mi ami già alla follia…

Lidia…Ma ce avite‘mpazzite, io non vi ho scritto e no’v’agghje maje viste.

Mario Pio…Mai visto,  e come si spiega…ah agghje capite, ti sei innamorata di me per sentito dire, e già, della mia imbellitura se ne parla tanto, sono l’argomento preferito nei circoli femminili, allora mirami, inebriati della mia imbellitura,  ora sai che faccio, me mette pure di lato, di profilo, ammira il  profilato, ( la fissa in modo strano )

Lidia…Ce l’à venute ‘a paralese

Mario Pio…Ma ceparalese, questo è lo sguardo che spoglia…

Lidia…(coprendosi le parti intime)…Ma come si permette…si volti.

Mario Pio…Ce pozze fa’,tenghe sembe ‘na femene ‘ngape, pesa eh, devi sapere che  il mio primo vagito non fu il solito“ uèèèh” ma un profondo e appassionato sospiro di godimento,vuoi sentire il sospiro, è bello eh…no, non sai cosa ti perdi,  sai sono nato portato, ancora non so dove , la mia  era predisposizione era inclinazione, io dico inclinazione, eh si, perché quando nuoto tiro a destra, ma ce sapisse ci’agghje passate, ore ed ore attaccato al  seno della balia, ma non ingrassavo, no, ‘mmazzescève, n’anne cangiate  de balie ma sempre chiù mazze, professori, luminari a dire…”ma come si spiega, questo bimbetto sempre attaccato ai seni e addevendate osse e pelle “oh,  nisciune aveve capite c’a no’ jève ‘u latte ca me piaceve, sono il Galileo dell’amore, “datemi una donna e le solleverò la gonna”.

Lidia…Ora cerco aiuto…

Mario Pio…Non serve Lidia, tu mi basti …

Lidia…E  se entrasse mio marito ?

Mario Pio…Ah ecco , stanca di lui, un classico…

Lidia…Ma insomma te n’à scè sine o none ?

Mario Pio…Ma come,  io sono la vita e tu mi cacci, si’ ‘na cacciavite…

Lidia…Io invitato…ma da ce manecomie te n’è scappate ?

Mario Pio...Oh bella, questa lettera è stata scritta o no dalla tua manina delicata ?

Lidia…( osserva) Questa non è indirizzata a voi ma un certo signor Mario Pio.

Mario Pio…Per servirti , ecco l’uomo che strapazza le donne, sono un uomo da strapazzo.

Lidia…Vu’ site ‘nu ‘mbrugghjone, il vero Mario Pio da mezz’ore  stè a quà.

Mario Pio…Menz’ore, alla mia vista si perde il senso temporale, che vuole d’amore son la lampa e di donne son sciupone.

Lidia…’Nu  lampascione…

               si inginocchia con la mano al cuore  entra Laura, la moglie

Laura…(fra se) Mariteme, ma treminde ce rimbambite…bongiorne…

Mario Pio…Oh, soave voce di donna,oh Dio,mugghjereme (si alza velocemente)

Lidia…Laura, stu’ cretine dice di essere tuo marito ( chiama )Aldo  vieni…

                 voce di Aldo, mentre Laura, non vista, tira un calcio a Mario Pio

Mario Pio…Aia …aia…

                Entra Aldo tranquillamente

Lidia…’U se’ ce dice d’essere quiste quà?

Aldo…Non saprei

Lidia…Mario Pio!

Aldo… (sorpreso) Maaa...Maaa…Maaa…

Lidia…E piccè ste’ chiame a mamete…

               Aldo continua a tossire

Lidia…Aldo, chiama il vero Mario Pio…

Aldo …(continua a tossire) No’nge ‘u sacce a’ddò stè…

Lidia…Cercamele,‘u vogghje vedè a confronte cu’ stu’ ‘mbrugghjòne.(escono)

Aldo… Si cara andate…arrivo subito…ce uaje, ce uaje , ma ce me l’à fatte fa…

               Da sx entra Rirìno

Rirìno…E allore , a ce ore se mange …

Aldo…Speriame ca t’affueghe,  ‘u se’ ce stè de ‘ddà…

Rirìno…’Nu tàule chine de ‘bbene de Dije…

Aldo…(alza la voce)…Il vero Mario Pio…

Rirìno…Il vero…statte buene…(fa per andare)

Aldo…(Lo blocca)Noo…ti prego salvami, per pietà…

Rirìno…Se lo chiedi così  non lo faccio per pietà, pe’ 300 milalire…

Aldo… Me ste’ puerte all’anemie , ma tu ce si’, Rirìne o Dracule…camine.

                 Escono a dx mentre da sin. entrano Mario Pio e Laura…

Laura…Sei un porco, no’ puè vedè ‘na femene ca subete…

Mario Pio…Ma cara,‘u se’ ca scherze , non crederai ca ije…

Laura…Buffone…e parle come t’à fatte mamete …

Mario pio..Scusami, è la voce di servizio…

Laura…a case po’ facime le cunte…

Mario Pio…Le cunte!? … arrète tre vote ‘o giurne…no Laura ti prego …no…

Laura…E quidde ca t’ammirete…

Mario Pio…Me vuè vedè muerte eh…dai perdonami, non lo faccio più…

Laura…(uscendo)’ U lupe perde ‘u pile ma none ‘u vizie, avine cu’ mmè…

Mario Pio…chiedo una riduzione di pena…(la segue ma…)

                 Drin, apre, entra Maria Pia, lui la guarda da capo a piedi, estasiato.

Maria Pia…Buongiorno…

Mario Pio…( stando attento alla moglie)Ma secure ca è ‘nu bongiorne…

Maria Pia…Lei chi è ?

Mario Pio…( Sempre in guardia )…Bellezza mia, ‘nduvine…

Maria Pia…Il servitore ?

Mario Pio…Mi dispiace ma non sono uno che serve…

Maria Pia…E se vede subete ca ‘no sirve…e allore  tu ce sì’ ?

Mario Pio…L’uomo che cercavi…sono il ricercato.

Maria Pia…Da’ questure…ma famme ‘u piacere…

Mario Pio…Fare un piacere ad una donna è la mia specialità  , cara la tua bellezza m’acceca…

Maria Pia…No’ jè ‘a bellezze, ce n’à spicce a cecarte l’uecchje so’ stè do’ dìcite…

Mario Pio…Sei una musica mai suonata…

Maria Pia…No no, ce sapisse quant’agghje sunate, canzune, opere e felastrocche.

Mario Pio…Sei  una musica mai ballata vieni cara ti porto io…(posizione da ballo)

                    Entra Laura…

Laura…Uèh cape stuè…ce ste face ?

Mario Pio…(come se suonasse la chitarra)…le ste’ faceve vedè come se sone ‘a chetàrre…

Maria Pia…Lei è la padrona di casa…

Laura…No no, gliela mando subito…e tu cretino,maniscete…

Mario Pio…E la chitarra dove la metto?

Laura…Mittet’à…

Mario Pio… si, però ‘a chetarre è grosse…

Laura…(escono prendendolo a schiaffi)Muèvete…rimbambite…

Mario Pio…Aia...Aiaaa…

                   Entra Lidia

Lidia…Dov’è… ah ecco…signora in cosa posso esserle …

MariaPia…Senti cara, chiamame subete ‘u padrune de case…

Lidia…Uh che tono, signora non sono mica la cameriera sa…

Maria Pia…E già, l’aveva capì subete, fatte uardà, mica male,  e brave o’ mandrellone…

Lidia…Chi sarebbe il “ mandrillone “?

Maria Pia… Come chi…Dudùccio…

Lidia…Dudùccio, lei ha sbagliato indirizzo, a qua no’ stè nisciune “ Dudùccio “.

MariaPia…Senti cara no’ tenghe timbe da perdere, chiamami Dudùccio…

Lidia…Io sono la moglie del padrone di casa che non è Dudùccio ma Aldo.

Maria Pia…(fra se)La moglie di Duduccio, oh bella, Dudùcce è spusate, mi scusi sa, lei è la moglie di suo marito…

Lidia…Non vedo come potrei essere la moglie di un altro marito, con chi ho il piacere di…

Maria Pia…Mi scusi sa, sono desolata…

Lidia…Senta signora Desolata…

Maria Pia…Ma ce desolate, sono Maria Pia…

Lidia…Mi scusi ma non capisco ancora a cosa devo la sua visita, non mi pare di conoscerla…

Maria Pia…Giusto, noi , non ci conosciamo…ce canosche buene  è DUDUCCIO…

                 EntraAldo

Aldo…( a Lidia ) Eccomi , chi è che chiama Duduccio …

Lidia…( indicandola )La signora Maria Pia…

Aldo…Maria…Piiiii Piiii … (tossisce )…

Lidia…Aldo cos’hai ?

Maria Pia…(fra se) L’agghje sciute a travirse, non si preoccupi  fanno tutti così.

Aldo…Tu…tutù… tutù…

Lidia…Ma te pare ‘u mumende de fa ‘u trene, parli con mio marito di la ce gente.

Maria Pia…(dolce)Che hai Duduccio…non sei contento di vedermi ?

Aldo…No !

Maria Pia…NOOO ?!...

Aldo…Dicevo, “no”,  ti sbagli…contentissimo…

Maria Pia…Ahhh…( alza la voce )…senti caro DUDUCCIO…

Aldo…No’ me chiamà Dudùcce e  ti prego n’azà ‘a voce…

Maria Pia…(vocione)  E piccè no , forse te pigghje paure de mugghjèrete ?

Aldo…Si, cioe…ho paura che mi senta Lidia e sarei costretto ad alzare le mani.

Maria Pia…Su di me?

Aldo…Certo,certo che no, su mia moglie, Maria Pi’ ‘a qua le cazune le porte ije …

Maria Pio…Ah, ce màschele…ce maschelòne…

Aldo…Lo so, lo so,  ma ce venute a‘ffà  ?

Maria Pia…Dopo la splendida notte passata fra le tue, CALDE, BRACCIA…

Aldo…No’ lucculà ti prego…vuoi che ti senta Lidia…

Maria Pia…E’ megghje ca sente …

Aldo…Me vuè ‘ccu vidè muerte ?

Maria Pia…Ahahah…e le cuzune…le puerte ancore ‘nguedde ?

Aldo…Eh si, … ah non resisti eh, …ma come se po’ fa’ di la ce folla…

Maria Pia…Ma ce capite, i pantaloni  c’aqquà jntre tu puerte e te fanne sentè “ooooh…ce maschele” e none muerte de paure.

Aldo…Ma morto nell’anima per  il rimorso di aver ucciso Lidia…

Maria Pia…(voluttuosa )Uhhh, ce assassine…senti Duduccio…

Aldo…No’ me chiamà Dudùcce,  se po’ sapè ce vuè ?

Maria Pia…( civettuola ) Ma caro, non l’hai capito…ho tanto bisogno di te…

Aldo… Ti capisco, la mia performance ti ha sconvolta ed ora hai bisogno di qualcosa che ho…ahahah…nei pantaloni ?

Maria Pia…Si caro…ho assoluto bisogno del tuo…

Aldo…Ho capito, hai bisogno del mio...mi vergogno a dirlo…

Maria Pia…’U diche ije , ho bisogno del tuo portafoglio…

Aldo…Portafoglio…’u portafoglie…ma jntre no’ stè ninde da vedè…

Maria Pia…Ci è pe’ quiste manghe intre ‘o cazone…

Aldo…Beh , qualcosina ce…

 Maria Pia…E ce no miche stave a qua, Dudù’ vogghje ( apre la mano) mila lire.

Aldo…Ma ci è sule pe’ cinghe mila lire…

Maria Pia…Uèee, ma pe’ ce m’è pigghjate, DUDUCCIO …500 mila…

Aldo…Cinqeceeee…ceeee…ceeee…(piangendo) e addò le pigghje ije…

Maria Pia…( dolce) Calma Dudù, se non puoi darmeli non ti devi preoccupare.

Aldo…Come sei  buona, comprensiva…

Maria Pia…Me le fazze avè da’padrone de case…

Aldo…Noooo…

               Si odono voci avvicinarsi

Aldo…Arrivano….ti prego vai di là e n’assè…ti chiamo io…

Maria Pia…(uscendo )…e fa’ subete ca no’tenghe timbe da perdere…

                Entra Lidia

Lidia…E ‘a signore a’ddò stè…?

Aldo…Di là…di là…che dicono di là ? 

Lidia…Litigano su chi è il vero Mario Pio, se po’ sapè ce vuleve…

Aldo…Non me lo chiedere,  m’avene da chiangere…

Lidia…Tu chiange sule ce te cerchene soldi…

Aldo…Appunte...

Lidia…E tu l’è date ?

Aldo …Pe’ mo’ none …

Lidia…Ma pe’ ce cose ?

Aldo…Pe’ ‘na notte passate assieme…

Lidia …Una notte assieme…Aldooo…

Aldo…’O spedale, pe’ l’incidente, ere ‘a ‘nfermiere ca curate Mario Pio …brava eh, bravissima…le risate ca ‘n’amme fatte .

Lidia…Ridevate…!?

Aldo…Ma si, è una nuova terapia contro il dolore, la scienza cara , la scienza, voleva soldi per una raccolta fondi per assumere negli ospedali i cabarettisti come antidolorifici, chiù ‘u delore è forte chiù forte a ridere, ti calma eh…chiane chiane ma calma  e ce no’ calme t’è fatte do’ resate.

                     Voci , Rirìno, Mario Pio e Laura

Rirìno…Io sono Mario Pio…

Mario Pio…Mario Pio sono io…

Rirìno…E dalle, dice ca jdde è Mario Pio …

Aldo…Tsè…ma famme ‘u piacere …

Mario Pio…Fare il piacere ad una donna è la mia specialità…oh scusate, l’abitudine, dicevo,  volete la prova, e mmo’ va’ doche, ( si volta) chiamatemi.

Rirìno…Mario Pioooo…

Mario Pio…( si gira ) Che ce ?

Lidia…Allora è jdde Mario Pio, quest’è ‘a prove…

Rirìno…Pur’ije tenghe ‘a prove…e po’ vedime  ( si volta) chiamatemi…

Mario Pio…Mario Pioooo…

Rirìno…Che ce ?

Lidia…Oh insomma, signora  dicit’u vu’ ci è Mario Pio..

Laura…(a se )Vendetta, tremenda vendetta…Mario Pio è lui (a Rirìno )

           Mario Pio non ha tempo di reagire, Aldo e Ririno lo prendono a calci

Lidia…Ma signora…

Laura…Mi scusi sa, purtroppe Mario Pio è quidd’otre, è sule vendette pe’ tutte le cuerne ca me mette…

Lidia…Cosa, suo marito è quiste qua…Aldo , dimme tutte cose !

Aldo…Ebbene si, la colpa è solo mia, stanotte o’ circhele  agghje perse e no’ teneve ‘u curagge de turnà e agghje trùate ‘a pezze ‘a culore, poi ho obbligato Rirìno a…

Laura…E io per non rovinare la commedia sono stata al gioco, sono anch’io moglie e sò quanto vale una pace domestica cu’ certe tipe de marite…(schiaffo)

Mario Pio…Aiiiaa, Laura mi fai male…

Laura…Scusate signora, noi andiamo…

Mario Pio…Si cara andiamo, mi hai ridotto la pena… ?

                Escono mentre  lei lo prende a schiaffoni

Lidia…Allore no’ se tratta de ‘na femene...

Aldo…Lidia, a ce servene ce stonne mugghjere come ‘a te.

Lidia…Caro, ti amo…festeggiamo ?

Aldo…Ma si, festeggiamo.

Lidia…Festeggiamo col rosolio di mammà ?

Aldo…No, Lidia ieri ho fatto il clistere…Rirì’,ti va un secco ?

Ririno…E come m’u gnotte, megghje une vagnàte, ce lo champignon ?

Lidia…Ahahah…( uscendo ) no, ninde champagne…

Ririno… Bèh, viste ca t’à perdunate  ije me ne voche…

Aldo…E va’ va ‘…

Rirìno…E  le solde…

Aldo…Ah si, erano 150…

Rirìno…500…  si ha a che fare col carovita.

Aldo…E ije tenghe a ce ‘ffà cu’ ‘na carogne… (esce )

                Entra Maria Pia…

Maria Pia…Rirìno…

Rirìno…(sorpreso)Maria Pia…come te jacchje a qua ?

Maria Pia…Ti ho seguito sai…

Rirìno…A me…e da quanne…

Maria Pia…Da tre anne, ma perdeve sempre le tracce…

Rirìno…Mi dispiace…e com’jè ?

Maria Pia…Ca ce tu te mitte le scarpe 46, si’ troppe veloce…a ‘dd’è state ?

Rirìno…Un po’ qui un po’ là, po’ iere sere agghje fatte n’ incidente ,ce sapisse, però  mo’ stoche megghje, mi sei mancata…

Maria Pia…Perdonami caro, no’nge a state colpa meje , in quella macelleria non ci andrò mai piu…più più…

Rirìno…Stè ‘spettave ‘a sazizze cu’ tanda desederie e non l’hai presa…

Maria Pia… Ririno,come no, di prenderla l’ho presa…

Rirìno…Ma tuerne dope tre anne…

Maria Pia…E ce colpe tenghe ije, ce sapisse ce file ca stave…

                  Entra Aldo con i soldi

Aldo…Ecco i...ma ce te l’ha ditte de trasè …

Rirìno…Ma come ti permetti , Maria Pia è mugghjereme…la mia metà.

Aldo…Si, ‘a canòsche …

Rirìno…E quanne v’ avite canusciute …

Aldo…E quanne …ah, stanotte…o’ spedale…

Maria Pia…Ah si… o’ ‘spedale,  mo’ fazze ‘a ‘nfermiera…

Rirìno…Siii…’u se’ ca no’ m’arrecorde ninde, se vede ca stave male…

Maria Pia…Eri  morto…

Ririno…Ije  so’ muerte da tre anne , ma pe’ furtune agghje nate arrète…

Maria Pia…E  l’offerta per la terapia antidolorifica ?

Aldo…Ah già…ecco, 400  bastano?

Maria Pia…Cu’ 500  si ride de cchiù …

Aldo…Nah,‘nu milione…m’avene da chiangere, portate via così o l’incarto ?

Maria Pia…Va bene così, beh caro Dudùccio arrivederci , Rirìno prendi e (uscendo)andiamo…su andiamo…

Ririno…Vai amore, saluto e vengo…(conta i soldi ) come vedi alla fine quidde ca conte è l’amiche.

Aldo…’U stoche a vede…

Ririno…(finendo di contare)…No’jè pe’ sfeduce eh…900…un milione…statte buene ( andando via dalla parte dell’uscita di servizio ) …e grazie…

Aldo…Fegurate…addò stè ve’ , a porte e de ‘ddà…

Ririno…Preferische assè da’ porte de servizie…

Aldo…Da porte…ah, agghje capite…e i 500 della tua metà…?

Ririno...A qua stonne , 500 so’ le mije, e 500 della mia metà …(li unisce) chiste no’ se lassene maje…

Aldo…Ce t’azzecche mugghjèrete…

Rirìno…E’ difficile, tenghe ‘u 46 …beh , a ‘stu punte me ne pozze pure scè…ne vedime  Aldo…o preferisce, Duduccio...(esce )

Aldo…Beh, Duduccio è piu intimo…(si accorge della gaffe) Ririno aspitte, no’ te ne scè , non jè come…famme spiegà…Ririno…

          sconsolato  si siede in poltrona, entra Lidia con vassoio  due bicchierini ed una bottiglia di Whisky, si guarda intorno , non vede Ririno, si avvicina ad Aldo …gli porge il bicchierino, lo beve in un sol colpo …

Lidia…E’andato  via…(lui annuisce)…che fai stasera, esci…?

Aldo…Non credo Lidia, no’ jèscke manghe ce me pajene ! ( si alza e si versa un altro bicchierino).

                                                                      F I NE

                                                   

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno