11°: non giudicare!

Stampa questo copione

Matera

Titolo: 11°:  NON GIUDICARE!

(Faciut’v u c... vust / Fatevi i cvostri)

VERSIONE IN VERNACOLO MATERANO

        (Vedi versione in lingua italiana nella sezione “Commedie italiane”)

                             

Commedia in 2 attidiCarmelo Gaudiano

      Personaggi:                                       

                    

1)Tonio Marra;

2)Donna Nannina Marra, vedova Laguardia, sua sorella;

3)Don Lorenzo Matera, proprietario della casa di Nannina;

4)Bettina, figlia di Don Lorenzo;

5)Rocco Strozza, primo affittuario, fidanzato di Bettina;

6)Gegetta, l’affittuaria che subentrerà;

7)Angelina, cameriera di Nannina;

8)Nicolino Galletti, amico di don Lorenzo e donna Nannina;

9)Marietta Galletti, moglie di Nicolino;

10)Dr.ssa Ventura, medico di Tonio;

11)  Maresciallo Cirillo

12) Carabiniere Randazzo

13) Contessa Rosaspina

LA TRAMA

Questa commedia  vuol essere un omaggio al pensiero “Eduardiano”, rivisitato in chiave più verosimilmente vicina ai giorni nostri, al fine di rendere meglio comprensibili i messaggi “valoriali” in esso contenuti. La storia in questione, infatti, rappresenta la fantasiosa continuazione di “Ditegli sempre di si”, poiché comincia lì dove termina il citato capolavoro di Eduardo.

Tonio Marra è il vero cardine su cui ruota l’intera commedia; egli è un malato di mente che viene dimesso dal manicomio per essere condotto in casa di sua sorella, la vedova Nannina, altra significativa figura di spicco.

Lo squilibrato, nel confrontarsi col mondo contaminato dei “normali”, ingabbiato da vizi, convenzioni e compromessi, evidenzia l’incapacità di adattarsi ad esso.

Donna Nannina, “dovendo” assistere continuamente il congiunto è costretta ad abbandonare i progetti di matrimonio con Don Lorenzo Matera, anch’egli vedovo e suo padrone di casa.

Tonio, tuttavia,  si renderà protagonista di alcuni “colpi di testa” passibili di denuncia, che lo porteranno ad essere nuovamente internato; ciò spianerà la strada non solo al matrimonio della sorella, ma renderà  possibile l’evoluzione di altre storie, di altre vite connesse in qualche maniera alla sua “misteriosa” vicenda.

Qui prenderà corpo il disdicevole vizio di giudicare tutto e tutti, da sempre l’esercizio di gruppo più praticato nella nostra società. La storia si dipanerà tra pregiudizi, insinuazioni, invidie e rancori che soggiogheranno i personaggi di scena, dimentichi della vera sostanza della vita: il valore dei sinceri rapporti interpersonali, ancor più importanti se riguardano gli affetti familiari, ai quali siamo fortemente ed umanamente legati.

Quegli affetti che nel finale affioreranno prepotentemente e ci faranno riflettere: 

tutti, svelato il mistero, saranno portati a riformulare i propri giudizi inopportuni, frettolosi, rivelatisi privi di ragionevole fondamento…

Avverrà così, che dopo 100 risate spensierate saremo travolti dai sentimenti, e forse assolveremo o almeno comprenderemo coloro che avevamo mal giudicato.

Merito del Teatro, della sua potenza, della sua essenza…

\L’autore

1° ATTO

La storia è ambientata a Matera nella primavera del 1951.

I coniugi Galletti, in occasione del loro 25° anniversario di matrimonio, invitano a pranzo Nannina e Tonio Marra, Don Lorenzo e sua figlia Bettina, oltre a Rocco Strozza, segreto fidanzato della ragazza. Dopo il pranzo, i nostri personaggi si ritroveranno tutti in casa di Donna Nannina…

La scena si svolge nel salotto della casa della vedova Nannina; dall’ultima quinta a sinistra, rispetto al pubblico, si accede alla camera che occupa Rocco Strozza, “sfrattato” per l’arrivo di Tonio; di fronte al pubblico si accede alla cucina ed all’interno della casa; al centro destra della scena c’è un pannello-disimpegno che da verso la porta d’ingresso, non visibile; in casa di Donna Nannina c’è solo la cameriera che gode di un po’ di libertà…

Musica che sfuma: (nell’originale è “Palummella”, musica di Teodoro Cottrau, eseguita da la “Nuova Compagnia di Canto Popolare” - Ed. EMI 1977)

PRIMA SCENA  (Angelina, Nannina e Tonio)

ANGELINA – (Quando si apre il sipario è appisolata sulla sedia. Ai 5 rintocchi del pendolo… si sveglia e guarda l’orologio) Wè, l’ ciungh!!! Wè, sorta maj, ji nan so fott nidd ancar… (prende la ramazza e spazza) Wè m n so gjt o sunn, quando mai!!! Afferz, iunda chessa ches, la nett nan s (pot) derm… Stanett, cur sfatiataor d Rocco Strozza ca stè da a penzian, sì r’tret ques a menzzanett. Dichj ij, nan s pot ritrè chiù sjb’t, sp’zzet da mjnz? No, fescj schjf prepj!!! J mà, o jess bell mà la fest: ì arr’vet pjr u fret d Donna Nannina, la patraon: Tonio Marra. Eh, ma chjr jè poccj; prepj ajir l’on fott assj do ngropij (manicomio) j stanett aspjtt j aspjtt, nan sì r’tret prepj a derm… Lj s’ntjt ij alla dottorass ca disciav alla patraon: “mi raccomanto, a vostro fratello non lo contraddicete che non vi darà propleme”. Ma ij m’assrommj, ch cuss cr’stien da, nonz i drat, ca val ch’mmannè pjr iudd. Ij giè fozzj ‘na vita d’inverno ch ‘na patrona che è una dittatora, j ca m vè spionn spionn. Angelina, vè iopr la pert! Angelina, a lavet ndarr?…Jang’ljn a fott u cafà… Giustizia gli deve venire a iadd addò sj acchj moppind! …Questa è la vita mia: da la matin alla sar stochj semb a fè s’rvazj … Ma, jasc, averan a gj a straf’què a casa dei signori Galletti: nan m p’tav p’rtè pjr a ma la patraon? No! Addà a gì tì Jang’ljn? Speriem cha ciò che s’ha trafoquato gli va in croce alla patrona…così s’inzegna... Mà perà mj sp’ccè cha mò so r’trè j nan la veggh send mica mica d fr’nd’chè

1) CAMPANELLO: ------------------------------------------------------------------

Ecco, d’scjonn d’scjonn(spinge l’immondizia che aveva spazzato per nasconderla sotto il tappetino del salotto)

2) CAMPANELLO insistente-----------------------------------------------------

E mo vengo, mo vengo: j avost a s’né…

NANNINA – Jang’ljn, tond ncj val ad aprì? Quando sona il cuampanello a stè gè drat  la pert… Dì la v’rdet, t’niv scjt o sunn… eh?

ANGELINA – Ma se qua non si dorme la notte, affiguriamoci il giorno! Tenete pure la faccia di rimproverarmi… Stev a faciav u sr’vazj…

NANNINA – Camjn u sr’vazj, nan t canisciass: nan t’azzacch quonn stochj ij, fijr’t senza jott com abboll u sciaurgj… nan a lavet mongh n’darr,  chessa schusciulend… Ma, loss tutt caus i scem a pr’parem n bell cafà…

ANGELINA – (tra sé e sé) Wè, mongh j’ trasjt… sp’zzet da mjnz…

Nannina ed Angelina vanno in cucina, mentre Tonio passeggia pensieroso sul palco; prende uno specchio dalla cassetta che porta sotto il braccio e vi parla.

TONIO – Fesc frudd! Si fott tott na vet allar’schjr stasar… U stè sind? Mo van… mo van arrat! So’ s’ndjt d’aprì la pert… ì trasjt… ì trasjt arrat…. (ora guarda la sua immagine nello specchio) Tonjn, ma tu ancora qua stai?... Ti ho detto vattene una volta per sempre e lasciami in pace… Ma nan avost ciò cha ma fott? Tij m sì arru’net la vjt, la vita mia. Nan t’avost?  Naon!  I ma ca so’ uarjt cè bbù chij? M vù fè achijd sjl sjl, nan at adassì? U soccj, u soccj, tu lascj junda l’ucchij… Quond sì brjtt Tonjn: tjn l’ucchij brjtt j malugnj… Ah, ah, ah…J mà cè faj? Rjr pjr? Tin pjr la foccj d rjr?... J piccià rjr, stoud’ch?...  (avvicina lo specchio all’orecchio) Ahhh, sei contento di quello che mi hai fatto oggi?... Eh si, mo ho capito, d’scraziet!... Eri tu quella falce, non è vero? Sì div’ndet na folcj. Sin, jiv tij… j sì stet capescj d chiamorm j d ch’mmannorm a tagghiè la chep d cur uagnaon, Rocco Strozza… Ma u saj cè sì tij? Tu sei un brutto assassino… A gì ‘ngalar discraziet, ippaj a dè cund a Dij… Cè stet maj? (avvicina lo specchio all’orecchio) Rocco Strozza ha perso la testa per Bettina e l’ama da morire?... Embbeh? Pescj p judd!... Quello è un artista, è un attore, e gli attori so’ bjsciord, dicono puttanate a non finire… Non solo: so’ brutta razza e poi, ciò che è peggio, von sfascionn u famugghij! Ohhh, caom t lì discj?… J mà ce bbù chij? (specchio all’orecchio e ride) Vuoi sapere il mio segreto? Ma cè sì poccj?... Quello mai, mai!!!  Il mio segreto non te lo dirò mai Tonino, mongh cj m’accjd… (arrabbiato) Onz, mè vattunn daddò sì b’njt, j nan acch’stonn chij dà… (in crescendo) Vattunn, loss’m ‘npescj, vattunn, loss’m sjl…(ripone lo specchio)

Nannina torna dalla cucina e vede Tonio che sta riponendo lo specchio…

NANNINA –Tonjn, cè jà cur sp’cchiel ca tjn mmen?

TONIO – SSSh! Ciutt!... Ca cè jà n sp’cchiel chjss?! (chiude la cassettina)

NANNINA -  I cè jat?

TONIO – (grida)  E’ il segreto di Tonio Marra!

NANNINA – (Con rassegnazione) J va boun! Ma cj l’cch’ljscj natazzjch ho d’v’ndé u sacratdi tutt u v’cinonz…(cambiando tono) Tonio, ma maj ca stem sjl bon assar, m’ha djscj ce u v’ljv fè a Rocco Strozza ch cara folcj, iund o ciard’n d ch’mbà Galletti?

TONIO – (dopo averla fissata un attimo) Ma tj cj sund?  M per a canaoscj…

NANNINA – Cj so’ ij?

TONIO – Sjn, tij!  Piccjà vu sapà u fott’r mij?

NANNINA – Vergjna maj, m stè fè assr’mmè. Taunj, ma jè v’rdet ca nan t’arrjcurd o  m stè pugghj p sted’ch? Io so’ Nannina, tua sorella…

TONIO -  … Ma ij nan n tegn s’rjr… Na vet t’nav n cuen biongh… So’ t’njt pjr n cuappjdd  rjss …  ca mu m’ttav la d’man’ch... I t’nav na bella zjt, ch na vesta biongh j rjss… Va da bbjt addò so gjt a f’rnascj tutt quond! Boh!.... Naon... no... m staochj a mbr’gghj’lascj! Mannagghj la chepa putten! Tonio Marra nan t’nav né cuen, né zjt, i mongh cuappjdd!

NANNINA – (alzando il tono, disperata) Tonio, a cuss pjnd stem?  Bon  assar, nan m canuscj chij!? Ij so’ Nannjn!

TONIO - (la scruta da vicino) Nannina… Nannina… Ah, Nannina mia sorella! Sjn, mo m’arr’cherdj d tà!  Sono proprio contento che mi sei venuta a trovare in questo bell’ospedale…

NANNINA – Questo spetalo?... Tonin, mj stè fè assr’mmè, possub’l ca nan t’arr’curd chij? I tutt u ban ca tj v’ljt, u ban ca t vegghj addò j git a f’rnascj?

TONIO – Sjn… m v’ljv ban! Ca na vet… m’arr’cherdj, ca m dust n ves!... Ah ah ah (ride)… Ma ijr tij…?

NANNINA – I cj avara jess? … N ves? Cjntjnej t nj det, Tonin mij. M’arrjcherdj quonn ijr p’ccjnunn ca t’assr’mmjv la nett i v’njv semb minz o vrozz’r maj pj fort strangj fert fert… Caom nan t’avar vasè fret mij. T’abbjgghjlev d vos’r, sogn du sogn mij…

TONIO – (le frasi di Nannina lo fanno tornare in sé) Jà raggiaon Nannjn. Ogni tond m ven’n u ciaggh’r dà (tocca la tempia) i maggj’r la ches attirn attirn… ca nan marr’cherdj nidda chij!... Ma poi mi passa, Nannì, adesso mi sento meglio…

NANNINA – (con un sospiro) B’njdjtt Dij… Piccass Tonio, te lo addommanno arreto: cè v’ljv fè ch cara folcj a Rocco Strozza?

TONIO – (con rabbia) U v’lav ass’zzè nzjch u cjrr tourt cha tan nghep…

NANNINA – I cè sì bun a fè u varvjr tij?

TONIO – Sin … ma la furcj nan la so’ acchiet…

NANNINA – E se acchiavi un cortello da vicciro cè l’avjv a fè a chjr? La vorv?

 TONIO – (con violenza) Sin! I cj acchiev n zappaon l’avar a fè na bella scrjm mjnz d ddà! (fa il gesto sulla fronte)

NANNINA – Nee fret mj’, mè avost a sch’rzè; dimmi perché la tin tond con quel giuvinotto…

TONIO – Pjccià jè n’artust! Gli artisti sono pericolosi. So bjsciord i mascier; jppaj, u saj cè vè discjonn? Ca ho p’rdjt la chep p Bettin, la fugghj d Don Lorenzo… A capjscjt? Duscj ca l’ama da moriro! S la val sp’sè! A vust ch cè jucchj schacchet la uord?

NANNINA – I a tà cè t n pram?

TONIO – Cè m n pram?  E come: nij a  Bettin la sjm crjscjt!  La ma fè arru’unè con quel masciaro…

NANNINA – Chjr jà mascier? I tij caom sund? Stanett addò si stet… ca nan t sì r’tret prepj a ches?

TONIO – Nannì, cè ti discj? A ma la chep nan funziaon tond bun, ma u rrest, funziona di lusso. Cè t crjd cha m so’ sch’rdet u famm’n? Ij so n’emm’n…

NANNINA – Allar a fè l’emm’n: la nett ta r’trè a coss’t…

TONIO – Cha cè so sp’set ij?  A cì ì dè chind? Dopo un anno di ospetalo so gjt a salutè a matrona Gisella, dove la vita è bella…

NANNINA – Ah, disonesto, là sei stato? Nan cj scionn chij sinò ta pigghiè na britta n’mnet: u saj ca u cristion’r nan sj foscjn u fott’r lar?

TONIO – Nannin, dè (da Gisella) von tutt quond a lescj u giurnel… Pure io!!!  Ippaj, u fott’r mij nan lo sapà njscjn! Sono a stè nz’rret do jund…(cassetta)

(Angelina come al solito, origlia…)

NANNINA – I cè d’pend da ta o da ma? U cristion’r so’ ‘ndriond. Mutt ca Jang’ljn send anguna caus, ta b’dà caom ho ciall’ddè. Quella cià la lingua logna…

TONIO – Ah! Sì? Allar ma acch’rtè la langhu pjr a jadd!

(Angelina si mette le mani fra i capelli, barcolla, e se ne torna all’interno)

NANNINA – (paziente) Nee, i mich put fè semb com tj piescj attà: accosì volevi sistimare pure il proplema di Rocco Strozzo?... Tonjn,  ma perà, bon assar, ma giurè ca tutt l’ vet ca ha fè anguna caus… opprjm m l’ha discj ammà…

TONIO – (dopo aver riflettuto) …Vabboun! Perà, a caccè moppind l’artista masciaro dalla camera mia. Onz, pj ess chij s’chjr, sop alla pert d la com’ra maj (va a prendere il cartello) dobbiamo appizzicare questo cartello: “Attenti a Tonio Marra” … Assich dè jund nan ho trasì n’scjn, schutt ij.

NANNINA – Neee, Vergjna maj… I cè son a discj u cr’stion’r…?

TONIO – Njdd! Cè son a discj?... Cj porl’n, j fè brjtt caom a n quen…

NANNINA – (Rassegnata) I vabboun, caom vù tij!... “Attocch u cjdd addò val u patrjn”… Angelina, hai divacato la stanza di Rocco come ti ebbe detto aieri?

ANGELINA – Sìssignò… la rebba l’ho messa in questa baligetta di cuartone: ‘na moglia p’sond, n p’ggjem, un lametto, un imbrello rotto, una mutanda fiorata a buchi a buchi… Jppaj signò… sono acchiata pure questo (o)rinalo…

TONIO – (irato) Ca cè jà n’arjnel chjss? Questo è il cappello mio che non lo trovavo più … Quel mariulo di Rocco Strozzo! (se lo mette) Mi va bene angora Nannina? Come pare?

NANNINA – Bell’assai!!!

TONIO – Ohhh, ammeno male che l’ho acchiato di nuovo… Questo è mio!!!

NANNINA – J tjnatull! (ad Angelina) I l’hot caus?

ANGELINA – L’hot caus? Chjr quott pezz ca pert ngudd, signò…!

NANNINA – Pov’r  a  judd!… Ma, perà, vè jund alla ch’cjn j stott dè (poi al fratello dice) Tonio, dimmo, ma puro nel teleiramma contro a Nicolino Galletti c’è lo zampillo tuo?

ANGELINA – (mentre si attardava a riportare il vassoio in cucina) Lo zampillo? U zambon d Natel… Aieri matina mi dette i soldi e mi mandò “urgente” a fare un teleiramma: ad Attilio Galletti, Via Duomo, Milano…

TONIO – (arrabbiato, si alza e va verso Angelina che si protegge dietro Nannina) Questa linguacciuta ruffiana… Angelina, stott attjnt a char langhua legn legn ca tjn… (tira fuori la sua  lingua e fa il segno delle forbici con indice e medio) senò ZAC! (Angelina scappa dentro impaurita; Tonio si risiede e parla calmo alla sorella) A s’ntjt a chara ruffien? …Comunque, è vero… stavolta tiene ragione.  Aijr matjn Nicoljn m d’cì cha stè angar mbrjs cu fret Attulij cha jov’t a Milen. Wè, ston mbrjs da descionn p na puttanet… Allar ij u d’ciubb “Mè avost Nicoljn, mè a fè la pescj”… Chjr u saj cè m r’sp’nnì?  Ij la pescj ch frot’m Attulij lì fè da murt… hai capito Nannina, vuole fare la pace quando è morto… Scusa Nannì, n murt pot fè la pescj ch n vjv? E la mano chi la stringe? Uno sì e l’altro no? Chjr Nicolin cert vet raggiunescj com o coppr. Allora, ieri mattina so chiamet a Jang’ljn, j pigghiet n stuzz d chort, i so’ scrutt: “Attilio virgola fiscj i fiscj punto Nicolino stamattina non si è alzato vivo come prima due punti sta steso nel letto insieme ai piedi punto e virgola inzomma è morto punto Firmato: un amico”… E poi sotto sotto ho scritto:

P.S. ”E non ti credere che sono Tonio Marra: non sono!”… Io furbo Nannì, per non fare capire che l’ho scritto io… (Nannina si mette le mani tra i capelli) Wè, dopo mezza giornata Attilio stev alla ches d Nicoljn a dare le cordoglianze… Si sono acchiati faccia a faccia tutti e due colle mani vive!

Risultato:  si sono abbrazzati e hanno fatto la pace dopo 10 anni…

NANNINA – Risultato: lar sj sond appascjet i tji maj stè mbrjs!

TONIO – E che vuoi fare Nannì? Dice il proverbio: fè ban, i scurdatunn!

NANNINA – Invacj cuddot provarbj djscj: cj mminz s matt, n’ghjl la pugghj…

3) CAMPANELLO -------------------------------------------------------------

SECONDA SCENA (Si aggiungono Don Lorenzo e Bettina)

NANNINA – Angelina, rivegghiati! L’hai sentito o no il cuambanello?

ANGELINA – Corro signò (poi tra sè) Pov’ra a me… (guarda dallo spioncino e riferisce) E’ Don Lorenzo il padrone di (questa) casa con la figlia Bettina…

TONIO – Uffa!... Nannì, io mi vado a mettere la giacca da camera …

NANNINA – (fa un cenno di approvazione al fratello e poi dice ad Angelina) Ma caom sì prepj sted’ch ca li fai arrimanere mbaccj alla porta? (mentre Angelina corre, la richiama) Vinj dà, cassa m’nghiarjl. Mò tu duchj: nan t pjgghjonn ch’nf’denz cu cristion’r stronj, sinò tj coccj. J ma fjscj, affoll trasì… (Ang. apre)

DON LORENZO – C’è premesso?

NANNINA – Avanti, avanti…

BETTINA – (le corre vicino) Signora Nannina, eravamo preoccupati… ve ne siete andata all’improvviso senza dirci niente…

DON LORENZO – Eppjr v li dutt Nannin, quando avete di bisogno, Don Lorenzo Matera, stè semb a d’sposiziona vest…

NANNINA – Mj sita scusè ca m n so’ fjscjt, ma Tonin ho v’ljt ess acch’mbagnet a ches… Azzjdut’v!!... V’ljt n b’cch’rjn? Senza complemento…

DON LORENZO E BETTINA –  (si guardano e insieme) Ma cooome!…

NANNINA - Angelina, portaci un rosolio….

ANGELINA – Ah, allora qua   non si finisce mai…

NANNINA – (fa finta di non capire)  Cià dutt?

ANGELINA – (mette una pezza) Ho detto: allora quanti bicchierini?

NANNINA – Ha ribbampita Angelina: sai cantare fin a tre?  Nji tra sim dà…

ANGELINA –  U soccj, ma mi credeva che a questo giro facevate passa … che mo vi siete schilata ‘na cicch’latera (caffettiera)…

NANNINA – Firniscila di runzuluquare sinò a fine mese farò passo avaramend, j nan ti pajè prepij… Bah! (cambia tono) Don Lorenzo, allora com ì stet la fest?

DON LORENZO – ‘Na festa di lusso Nannina cara! Cè p’cchet ca sit arr’vet tord. N sim manget la post o fjrn, l’agnjll cu paten, una frutta di tutto, u daoscj…(si alza stizzito) j depp l’amer. Wè, iascj ca n’avemm a fè n boll, Nannin, i cè j s’cc’djt? La uarr?...

BETTINA – E’ vero signora Nannina: quando abbiamo saputo il fatto ci siamo presi una paura.. (Angelina poggia il rosolio sul tavolinetto davanti al divano)

DON LORENZO – (le va vicino) N sjm assr’mmet brjtt, Nannin! La v’rdet, iascj a tov’l, frott mò dutt: Don Lorenzo voi vi dovete bere l’acqua che il vino fa male… A mach, perà iudd u mjr su strafuquev dalla b’ttuglj!... Nannin, m quenz prepj cha frott stè mbriech fign dà (indica la cima dei capelli)… Ahhh!!

TONIO - (Esce dalla sua camera) Buona sera Don Lorenzo…

DON LORENZO – Buona sera! (corre a sedersi sul divano per bere in fretta il suo rosolio prima che sia troppo tardi)

TONIO – Buona sera Bettina…

BETTINA – Buona sera!

TONIO -  Ah, vi state bevendo un bicchierino di rosolio… Bravi, bravi… il rosolio è buono …perchè fa crescere i capelli…

BETTINA – E come, il rosolio adesso fa crescere pure i capelli?

TONIO – Si, quello nostro fa crescere i capelli! E poi questo è speciale, l’ha fatto Nannina con le sue mani…

NANNINA – No, avv’ramend chjss u so’ accattet…

TONIO – Ah! E va bene: l’ha accattato Nannina con le sue mani. Bevete, bevete, Don Lorenzo

DON LORENZO - Grazie, ma ho già bevuto: jè prepj di luss…

TONIO - E come… la bottiglia sta ancora piena…

DON LORENZO – Sin, ma u b’cch’rjn mij mu so’ b’vjt… Eh!

TONIO – No, no, no! Ve ne dovete bere assolutamente un altro senò mi offendo!

BETTINA - E che vi offendete a fare… Papà non ne fa cerimonie… E’ che i liquori non tanto se li può bere che subito gli aggira la capa…

TONIO - (rabbiosamente) Don Lorenzo, bevete per la miseria! Ma è possibile che dovete stare sempre a contraddirmi? Insomma, se vi ho detto di bere, v’vjt, j f’rnut’l d fè semb chjss cjcjr a moudd…

NANNINA: - Wam Crist mij, Don Lorenzo, fot’l p l’on’m du prjaterj (versa)

DON LORENZO - …P l’on’m du prjaterj, Nannjn (beve rumorosamente)

TONIO: Com’era?

DON LORENZO: Un qualche cosa!...

TONIO - Oh! Avete visto? Tutti quei ceci a molla… Ne volete un altro?

DON LORENZO – Naun!… (guarda Tonio) Na st’zzaredda schutt Nannì…

TONIO - … Beh, mo non esageriamo, che ve lo dovete finire tutto voi (grida rabbioso) Angelina, ljv cuss r’serj danond, ca Don Lorenz mo s lo f’rnascj.

4)CAMPANELLO ------------------------------------------------------------------

TONIO – Ecco, mo van angunota spjca vacond, come se non abbastano quelle che stanno già qua... Bah!... Io me ne vado in camera mia e non ci sto per nessuno…

TERZA SCENA (Si aggiungono i Compari GALLETTI)

DONNA NANNINA – Angelina, scattare…

ANGELINA – Scatto signò (mentre corre alla porta, dice tra sè) Chess mo’ fè schattè n’gurp ovv’romend. (si avvicina alla padrona e dice) Sond arr’vet u uardjdd (mima le ali di un uccello che vola; i coniugi Galletti)

NANNINA – (ad Angelina) Cassa stragha maleduchet, così si dice? Mò tj sp’nnè caom na jaddin. Fai subito entrare i combari Galletti, ce aspjtt?...

ANGELINA – Wè, nan s pot discj njdd (apre) Wè, i combari Galletti, trasite trasite

MARIETTA – Buona sera ch’mmà Nannin. A vust? Sim v’njt nij ad acchiort! Mich dem fastudj?

NANNINA – Cè fastudj? M facjut semb piaciar, acchimotatevi…. Volete un biccherino (di rosolio)?

NICOLINO E MARIETTA GALLETTI –  (insieme) Ma cooome!…

NANNINA – Angelina, subito altri due biccherini j purt pjr du cangedd…

ANGELINA –  …Wè, chjss nan s’abbott’n mej…

Don Lorenzo ha i bollori e col fazzoletto asciuga il sudore dalla fronte e dal collo

NICOLINO  –  (ignaro) Don Lorenzo, giacchè che oggi è la mia festa, vegghj fè n brund’s ch vij…

DON LORENZO – (si alza infastidito) Nicolin, nan t la pigghionn, ma ji r’serji nan n vegghj (si risiede)

NICOLINO – No, na stuzz v la sjt a bav Don Lorenzo, senò m’offendij…

DON LORENZO -  (si rialza) Pure tu?... Ma ce v sjt mjs d’accherd?... E poi a me mi piacciono i capelli corti…

NICOLINO – Cè centr’n u capudd? Ma cè stè mbriech Don Lorenzo?

NANNINA – Combà Nicolin, bevete se tenete da bere, ca ognjn sep u coppr sij…

ANGELINA – Ah, signora Nannì, dovete diro a Don Lorenz… u fott du ciass

NANNINA – Assì sj discj! Chesta cafonazza! Scus Don Lorenzo, p piaciar, a gì b’dà piccià corr samb il cuabbinetto?

DON LORENZO – Corr u ciass? Addò o fiscj Nannì?  Per voi faccio tutto:jà p’nzjr u mij… Con premesso… (va verso il bagno: conosce la strada)

ANGELINA – Bettina, vieni che ti faccio vedere il merletto che sto facendo (porta anche lei all’interno della casa; in scena rimangono in tre)

NICOLINO – Ch’mmà Nannin, n stemm a proccuponn: jascj pomangiet, sjt arr’vet, v sjt pigghiet a Tonin j v n sjt f’scjt sanza mongh salutè… P chass sjm v’njt ad acchior’t

MARIETTA – (allusiva) Mah! Alla fin du chind tutt j boun ciò ca f’rnascj boun… nan at adassìch?

NANNINA – (Le viene da piangere; ormai non può più nascondere l’evidenza e decide di parlare; perciò invita tutti più vicino a lei)

Eh! Pov’r ammà, jund a ce brjtta situaziaon m’avara ad acchiè… ormej nan vu pozzj ascaunnj… nan soccj cchj caom mj cumburtè ch frot’m. Staochj assaj proccupet p cassa malatij ca tan…

MARIETTA – Jè raggiaon, ch’mmara maj, cè uej t’avara cap’tè… Ma mo Tonjn addò j gjt?

(Angelina porta 2 bicchierini e un piatto di biscotti; il rosolio era sul tavolo)

NANNINA –S stè r’p’sascj jund a la com’r saoj… (fa segno di avvicinare le sedie) Ca chjr, aijr matjn u son fott assji do ngropij… (leggi: manicomio)

MARIETTA – Wam sorta maj: o ngropij stev?

NANNINA –Sin, aijr matjn j assjt, i mu son annitt dà. Ij m cr’dav ca stev boun, chjr invacj stè pascj d prjm. Cert vet fesc ca nan m canaoscj chij,  s f’ssascj co fè com disc judd i r’sponn brjtt, tan la chepa test com n p’zzaon. Mò fè cadà malet pjr ammà. Stanett paj nan si rjtret prepj a ches: p chass nan so v’njt a mangè a coss’t piccià stamatjn so fott la poccj p c’rcorl junda Mathar: niente, nullo. Paj, la pomangiet ì fott p’nzjr: “vu v’dà cha chjr j gjt a mangè a ches du ch’mber”… Allar sò b’njt a cjrchè a coss’t: wè, m’ho fott assr’mmè. Schutt Crust u sep caom ì fott a salvè cur pov’rjdd d Rocco Strozza da merta sjchjr…

MARIETTA – (si fa la croce) Podr, fugghj j spur’t sond, tandaziaon luv’t da nond..

NANNINA –  Caom so arr’vet da v’cjn o ciardjn d coss’t, quonn li vust ca t’nav na sciorp arr’tlet n’ghep, na mandjllin sop o spodd i na folcj mmen. Schutt ca vu cauntij, sora maj, m’aggrizzjlascjn u corn. Caom lì uardet ‘mboccj, j vust ca t’nav l’ucchij schacchet, la men azet caom cj v’lass tagghiè la chep o uagnoun. Mj sond assjch assr’mmet ca m so mjs a l’cchlè; m so’ scjttet n’darr (si inginocchia)  j so’ dutt: naon fret mij, cià fè ma? Sciam’nunn a ches… (i compari la rialzano) Assich, com ci sj ar rjvigghiet da nj brjtt sunn, ho lasset la folcj i s’nj b’njt ch mma… Maj u p’tjm ch’ndè, ma cj arrjvev n s’caond chiù tord… nan cj vegghj mongh p’nzè…

MARIETTA – Madenna du Corm’n, cè scjsciocchj britt assaj, assich ston u caus?... Eh, ch’mmara maj: ti stè possj u uej ch frott i u cristion’r porl’n da sop pjr…

NICOLINO – (le tira un braccio per farla girare) Duscjn ca sjt sbagliet a p’gghiorv arrat a Tonin junda ches

MARIETTA – (idem come prima) Duscjn ca la fott p la penziaon: ma vjd addò arr’v la malignitè du crjstion’r…

NICOLINO – (idem) Malalanghu: u crjstion’r  so’ tutt quond malalanghu….

MARIETTA – (idem) …Ma ij vì djf’ndjt, ch’mmer: j dutt ca Tonin frott pugghj na penziaon da murt d fem…

NANNINA – Siete fatto beno…

MARIETTA – J fott boun?...(curiosa) Ma pugghj ovveromend pucch d penziaon?

NANNINA – Ma v’ljt sapà prjcis quond pugghj Tonin d penziaon?     

NICOLINO – (idem) Naun!!! Tij n canuscj ch’mmà Nannì: noi la famiglia Galletti, n facjm semb u cozz’r nust…

MARIETTA – (incalza) Naun ch’mmà Nannì: jè p r’spaonn o crjstion’r fjccanes… (ci riprova) Ij m quenz cha nan pugghj chij d 10, 11.000 ljr o mas…

NANNINA – Assì duchj ji,ma chjr frot’m… la tan asch’nnjt “la libretta”…

MARIETTA – (le da una gomitata) J vala iucchj ca ma uardè …

NICOLINO – (idem) J vala iucchj ca ma b’dà …

NANNINA – (disorientata) Nà paraol, ciu sep addò la tan scriet (la libretta)...

MARIETTA – (la strattona con forza) Vè vjd jund a la giacchett…

NICOLINO – (idem) Vè vjd jund o m’tond … (mutandoni)

MARIETTA – (idem) Vè vjd sop o quatarott (soppalco)

NICOLINO – (idem) Vè vjd saott o matarozz…

NANNINA - (si alza arrabbiata) Wè, avost mà, m stet a strazzet u vrozz’r… Angelina, wè Jang’ljn: ho f’rnjt Don Lorenzo ch cuss coppr d ciass?

ANGELINA – Ho f’rnjt Ho f’rnit!  (rientra pure Bettina che si risiede sul divano)

(Don Lorenzo entra asciugandosi le mani col suo fazzoletto…)

NANNINA – Don Lorè, corre angora o mu sjt agg’stet?

DON LORENZO – Ma cooome!! Tutt a pest Nannin! U ciass nan s’ mav chij…

NANNINA – Ma cè jaoccj u p’gghiev?

DON LORENZO – Njdd: att’ppev n’zich u scalleggiont (si siede pure al divano)

NANNINA – Manu mel, grozj Don Lorenzo … Wè, mi stavo per scordaro: sjnd Bettina, mj cradj prepj ca Tonin no pot v’dà a Rocco piccià djscj ca jà n’artisto, djscj ca l’artust so’ tutt mascjer… E mo l’ha venuto n’altra fissaziona: wè, j ggj’t a Sand Vjt… S crad ca Rocco jè nnammuret d taj   

DON LORENZO - (si alza stizzito) Cè stet? Rocco Strozza nnammuret d fugghj’m?...  Ma cè stem a sch’rzem? Naaa… Cj ha p cass, Nannin, p’tjt derm a sett ch’scian’r: Bettin so’ sp’sé a cj vegghj ji, i naon a cur stravjs i sfatjet d Rocco Strozza. Bah!..

BETTINA – (timorosa ma decisa) Papà! Ma se neanche lo conoscete… Certo, Rocco adesso è povero, ma è ricco di nobili sentimenti; e poi… lui dice di amarmi veramente…

DON LORENZO – Ah! Discraziata! Ti ama avveramende!!! ... Bettina… mà nan t pozzij fè nidd, ma quond scem a ches, ti abbambè la foccj! Ma uord nzjch, ma mjschè u scherz cu fef. Bah!... Mà cangem poggj’n che ciò da dire le cose serie… Cara Nannina, ij tegn pajr ca Tonin frott o fè angun donn, j tonn ma gì fjscionn… Perchè noi stiamo vedovi e dobbiamo pensare a domani. Bah, mà li discj a tutt quond: basta con questa vedovanza, io e Nannin n v’ljm sp’sè...

BETTINA -  (si alza e va vicino al padre) Papà, che bella notizia! Sono davvero felicissima per voi due... Però, signora Nannina, papà ha ragione: con vostro fratello libero per casa stiamo tutti in pericolo…

NANNINA – No figlia mia, non mi debbi dire così, non me la sento di mannarlo arreto allo ngrapio (manicomio)… Scusato Don Lorenzo, m d’spiescj: non sarebbi una buona moglia p s’gn’rì. Crust mò det cassa craoscj j nan pozzj pjr candè.

Cur fret tan schutt ammà…

5) CAMPANELLO ------------------------------------------------------------------

QUARTA SCENA (Si aggiungono Cirillo, Randazzo e Strozza)

NANNINA - Angelina, Angelina, che aspetti che vado io?

ANGELINA – (tra sè) J quonn ta mav tij? (apre e va a riferire impaurita alla padrona) Wè signora: drat alla pert sta Rocco Strozza…  coi Carabbonieri…

NANNINA – Rocco Strozza cu Carabb’nerr!?

BETTINA – (grida e si appoggia sulla spalla del padre) Papà, mi viene da rimettere, mi gira la testa, mi sento di svenire…

DON LORENZO – Wè…Wè… cè stet? (sorregge Bettina aiutato da Angelina e la conducono in cucina) Scem a chara vonn… Scem a chara vonn…

MARIETTA – (appena escono dirà con malizia a Nannina) Nannì, a nij nò fr’chè? Chara fr’sch’lacchjstè sjchjr pran (indica la pancia; leggi: “in cinta”)

NANNINA – Né Vergjna maj…ciutt, ca cj u send l’atten o schjppè ndarr…

NICOLINO – (alla moglie) Tà stè ciutt nzjch?  Ma tij ha parlè semb? Facium’n u copp’r nust… Onz, scem a b’djm cè fesc la uagnedd…

MARIETTA - Scem a b’djm, scem a b’djm (e vanno pure loro in cucina)

6) CAMPANELLO  -------------------------------------------------------------- -

NANNINA – Wam!… (corre alla porta) Sim lasset pjr u’ carabb’njr da far alla pert… J cj s lo sch’rdè la sc’rnet d jascj… (apre) Avanti, avanti…..

MARESCIALLO CIRILLO – Buona sera.

APPUNTATO RANDAZZO – Buona sera.

ROCCO STROZZA – (fa un inchino e canticchia) Signora Nannina bella…

CIRILLO - Finalmente vi siete decisa ad aprire: non è che per caso stavate “occultata”?

NANNINA – No, io non ci stavo cuquata! (coricata)

CIRILLO – Ehh, cominciamo bene!… Occultata vuol dire “nascosta”… Sappiate che io altri 3 secondi apettavo, al massimo 5, dopo di che sfondavo la porta…

RANDAZZO – Sfondevamo la porta signò…

CIRILLO – (a Randazzo) Muto!… (a Nannina) Sono qui per indagare su fatti, direi anche abbastanza gravi di mia conoscenza; devo fare delle domande e cerco la signora Nannina Marra…

NANNINA – Sondo io, ditomo tutto… (Cirillo guarda Rocco Strozza che conferma)  Però prima che lo accittate un biccherino di rosolio?

CIRILLO – Grazie lo stesso signora, non si scomodasse, ma noi Carabinieri non beviamo quando siamo nell’esercizio delle nostre funzioni…

RANDAZZO – Grazie lo stesso signò: che mò proprio siamo usciti dal bar..

CIRILLO – Ssst! Zitto! Muto devi stare! (a Nannina) Voleva dire che ho appena eseguito un “controllo” al bar di sotto… Il Maresciallo Cirillo sono, lui l’appuntato Randazzo è… Signora Marra, vi informo che è pervenuta presso la locale Caserma una denunzia inoltrata dal qui presente Rocco Strozza a carico di un certo Tonio Marra, il presunto colpevole. Mi è stato riferito che è vostro fratello e che questo è il domicilio del reo.  Voglio capire com’è successo il fatto…

NANNINA – Caom caom…? Tonio è mio fratello e mò sta in camera sua. (poi rivolta a Rocco) Signor Rocco, non me la credevo propito però, dopo tutto quello che ho fatto per leo, mi portate i Carabbonieri in casa mia?…Gjstjzj tavà b’nì; nan s fescj assj perà…

ROCCO – (ride) “Nan s fescj assjch”!? Ma signora Nannina, vi volete fare capace che la situazione è grave assai? Ij u soccj ca m sjt trattet caom a n fugghj, ca m sjt t’njt u p’nzjr j ca m sjt salvet pjr la vjt (jascj)! Ma prepij p chass so’ f’scjt mbrjm a denunziè a cur poccj d Tonin frott, prepij p chass…

CIRILLO – (impaziente) Signora Marra, non posso perdere tempo: il bisogno è urgente, perciò: ADDI’ERRE’, (A.D.R.) sapete che vuol dire?

NANNINA – La diarrà? Jang’ljn, acch’mbogn o ciass u Mar’scioll cha tan la diarrà…

CIRILLO – Ma che cosa avete capito? A punto D punto R punto, vuol dire “a domanda si risponde”, cioè, io domando e voi rispondete…Primo: è vero che c’è stato un tentato omicidio contro Rocco Strozza, e che voi lo avete per fortuna tratto in salvo dalle mani del vostro legittimo germano?

NANNINA – (quasi risentita) E Marescià: j cè ncendr la Germonij mà?

CIRILLO - E chi ha detto “Germania”… (a Randazzo) L’hai detto tu?

RANDAZZO – (verso Rocco) L’hai detto tu?

ROCCO – Naon!

CIRILLO - (iroso a Randazzo) L’hai detto tu Germania?

RANDAZZO – No, io muto stavo…

NANNINA – Marescià, lo siete detto leo a me, proprio mo…

CIRILLO – Ma io ho detto germano, ger-ma-no inteso come vostro fratello! … Maledetta gnoranza…

RANDAZZO – Gnoranza, signò… (Cirillo lo guarda in cagnesco)

TONIO – (esce dalla camera e dice) Buona sera, io sono Tonio Marra, a vostra disposizione. Ma ho sentito bene, maresciallo: ”tentato omicidio”? Ma io volevo solo mettere in fuga i diavoli di Rocco Strozza. Lui dice che è un artista, poeta e attore… la v’rdèt è ca tan u diov’l ‘ngurp… ca rur’n  j chiongjn o pest sij’ … E’ pazzo e masciaro, marescià, nan v’djt l’ucchj schacchet ca tan? (Si avvicina a Rocco) Fai vedere gli occhi schaccati!  Fai vedere gli occhi schaccati che tieni, fugghj d bona momm… (gli lancia una della ciabatte che porta nella cassettina)

ROCCO – (ride) R tjn tij l’ucchij schacchet, nan ij!  (dopo la ciabatta) Maresciallo, scrivete, mò t’ret n p’zzaon … j mò scalunniet pjr…

TONIO - …Porta la disgrazia nelle famiglie. Ma metteteci a confronto e vedrete chi è più sano di mente tra noi due.

CIRILLO – E sì, adesso subito subito vi faccio fare, “quattro e quarantotto”, un esame di pazzia! Io sono Maresciallo, decorato al valore di Guerra e qui rappresento la legge, non sono un dottore!.. Perciò signora, capiamoci, (io so già tutto) vi intimo ufficialmente di far giungere, testè in loco, il sanitario che tiene in cura il vostro congiunto… (faccia stupita di Nannina) avete capito?

NANNINA – No…

CIRILLO – Dovete mandare a chiamare subito il medico di vostro fratello…

RANDAZZO – Il medico di vostro fratello, avete capito? (Cirillo lo fulmina)

NANNINA – Mo ho capito! Angelina! Jang’ljn!!!

ANGELINA – (esce correndo dalla cucina) Sto qua signò…

NANNINA – Caom stè la uagnedd?

ANGELINA – Na, sì r’p’gghiet, jè mbjv’scjt…

NANNINA – E allora, ancora qua stai? Vai subito a chiamare la dottorassa Vendur…

ANGELINA – E che vado a fare? Bettin sì r’p’gghiet, nan n sarv chij la dottorass…

NANNINA – Ma vjd chassa fjccanes fr’chet… Vè j ciutt!!!

CIRILLO – … E andate senza discutere, capito?

ANGELINA – (uscendo, dice tra sé) Ji m nj gj da chess ches d’ poccj…

RANDAZZO – (segue Angelina che esce) Senza rinziquare… capito?

TONIO – … Allora, io prima stavo dicendo che Rocco Strozza sta pieno di diavoli, caro Maresciallo Birillo…

CIRILLO – Cirillo, Cirillo, prego!

TONIO – Sempre a contrariare, sempre a contrariare. Birillo o Cirillo, stiamo in democrazia? Allora ognuno è come la pensa, Marescià…Ohh;  Questo coso brutto mi odia perché mia sorella gli ha dato lo “sfratto” dalla mia camera e per rimanere qua mi vuole fare carcerare. (a Rocco) E tu sentimi: pure se mi fai arrestare, io ritorno e se ti ritrovo qua, chassa vet t lì tagghiè avv’ramend la chep!…

ROCCO – (alle spalle del Carabiniere Randazzo, a distanza da Tonio)Sjt sjndjt? Non si mette a bregogna d’amm’nazzorm pjr nond o crjstion’r… Mu discj ‘mboccj ca m’ val tagghiè la chep, Mar’scioll Ciccill!…

CIRILLO – (infastidito) No, no, no: ho detto Cirillo! Ci-ri-llo! Sentitemi bene: (adirato, va su e giù sul palco) il prossimo che non mi chiama come mi chiamo io, e che si mette a fare giochetti col mio cognome, lo metto in gattabuia, gli faccio prendere il sole a scacchi, lo associo definitivamente alle patrie galere… Randazzo questi non mi conoscono e mò m’hanno abbuffato. Tieni pronti “i braccialetti” così vediamo se qualcuno continua a fare lo spiritoso… Sig. Rocco Strozza, vada avanti e si attenga a raccontare i fatti…

RANDAZZO – Attengatevi  ai fatti… (fulmini di Cirillo)

ROCCO – Scusate Marescià, non v’ingazzate: (che me ne frega della democrazia?) Io la penso come a voi… Ma sapete perché questo minghiarlone m val tagghiè la chep? Perché quando su p’rtor’n o ngropj, donna Nannina mi affittò la camera sua e allora lui, tornando e trovandola occupata, per riaverla, il pazzo, è andato a pensare, cozz cozz, d tagghiorm la chep! Ah, Ah, Ah! Perciò, datemi retta Maresciallo: ogni cosa al proprio posto, e il posto suo è il manicomio! (Tonio impreca e gli lancia un’altra ciabatta) Eppoi a me la camera sua non mi serve più, perché fra poco mi sposo con la figlia di Don Lorenzo, la mia fidanzata Bettina…

7) CAMPANELLO --------------------------------------------apre NANNINA)                    

QUINTA SCENA (I detti più la Dottoressa VENTURA)

ANGELINA – (a donna NANNINA, col fiatone) Donna Nannina, Madonna mia che corsa, arrjv la dottorass.

NANNINA – Brev Jang’ljn… affalla trasire che è urgenza…

DR.SSA VENTURA – Buona sera signora Marra… ma cos’è quest’urgenza! La vostra cameriera non mi ha fatto capire niente: io curo vostro fratello, mica faccio la levatrice!

NANNINA – No dottoressa, la mia camerera è un boco scema! Qua non ci serva la lavatrice… (riferendosi a Tonio) Stè chjss dà cha nan stè angar boun… Duchij ij: piccià no sjt det né na pinola, né na naziona, e poi a voi vi vogliono i Carabbonieri…

VENTURA – E che cosa c’entro io coi Carabinieri!!! Mah... (verso i Carabinieri)  Sono la Dr.ssa Ventura: a vostra disposizione!

CIRILLO –  E io il Maresciallo Cirillo sono; questo l’appuntato Randazzo è (saluto col tacco) Dunque, dottoressa, il presente Rocco Strozza, ha presentato una denuncia contro Tonio Marra; lo Strozzo riferisce di aver subìto un gravissimo attentato alla sua persona fisica da parte del vostro paziente… Secondo voi è possibile che ha fatto una cosa così grave?

VENTURA – Signori, abbiate pazienza, ma cos’è questo fatto così grave?Vogliamo parlare qui della gravità? (passeggia a dx e sx seguita dai Carabinieri)Ieri mattina, ho personalmente accompagnato Tonio Marra a casa di donna Nannina, sua sorella e unica parente, perchè dopo diversi anni di cure ho riscontrato una regressione dei sintomi e l’ho dimesso! (a Nannina) Ve l’ho detto signora mia, non lo contrariate e non avrete problemi! Signori, ma posso sapere di preciso l’accaduto?

CIRILLO – Signor Tonio Marra, volete riferire alla dottoressa qui presente cosa è successo oggi a casa dei Galletti…

RANDAZZO – Cosa è successo a casa dei Galletti? (Cirillo lo fulmina)

TONIO – E mo ve lo dico: oggi pure io stavo invitato al pranzo di casa Galletti. Dopo mangiato, per sibbafare, sono uscito in giardino. E chi vedo? Caro mio, stava l’artista masciaro Rocco Strozza seduto appanzato sopra una sedia e lì vicino appoggiata al muro stava una falce affilata; ma non una falce normale, una falce speciale che parlava…parlava con una voce di metallo, e mi diceva: (dolce) Tonio, Tonio, prendimi… Tonio, Tonio e prendimi, (frenetico) j puggh’m, j puggh’m, j puggh’m… E io che potevo fare? L’ho presa in mano e mi sono avvicinato a Rocco Strozza… ma a fin di bene… Lo sapete che va dicendo? Dice che ha perso la testa per Bettina, dice che l’ama da morire… Insomma, l’ho fatto solo per farlo tornare coi piedi a terra, io lo volevo aiutare quel pazzo…Ohhh!  In quel preciso momento è arrivata mia sorella, che mi ha visto con la falce in mano e ha pensato chissà che cosa, ma io… Io sono un cittadino onesto e incensurato… La gente non si giudica “assassina” per così poco.  E poi, assassino di che? Qua non c’è manco il morto ammazzato! Inzomma Marescià: è vero che il cervello mio è un po’ difettoso e certe volte si accende e si spegne come un albero di Natale, ma credetemi Marescià, io volevo fargli solo uno scherzo innocente…

NICOLINO – (origliava dalla cucina e va verso Cirillo) Alla faccia dello scherzo innocente Marescià: Tonio non è più lui! Vu duchij ij ca u canaoscj da na vjt…

CIRILLO – E voi chi siete?

NICOLINO – Io sono Nicolino Galletti, Marescià… V’ljt sapà cè mo fott chjr? Giacchè oggi è il 25° anniversario del mio matrimonio,  so’ ‘mb’tet tutt quond a mangè a ches. Tonin, perà, si ar mjs ‘nghep d form fè la pescj ch frot’m Attulij…Allar  u sapjt cè mo ch’mb’net cuss sjgnaor? Aijr matjn facì cuss telejromm (lo tira fuori e lo dà al Maresciallo) addò discj a frot’m ca ij jar cr’pet… Frot’m, caom u l’scì, sì prìcjp’tet da sjs jis ch l’apparacchj facionn mull (1.000) chilaom’tr, perà opprjm fascì na telefonet o fiorej ca stè d fraond a v’nd’ttaon, p form fè na bella ch’rlond (di fiori)… Wè, Marescià, a ma m stev a pigghiè n tecch, quonn j vust la ch’rlond maj dret alla pert d ches: vjcjn stev scrutt bell ijronn: “il fratello Attilio… pose”… Però io Marescià, ij m so’ pr’vv’djt (apre la giacca, mostra scongiuri e ride da pazzo; quindi esce lanciandosi dietro le spalle manciate di peperoncini)

CIRILLO – …Dottoressa, ma quello chi è? Un altro vostro paziente in libertà provvisoria?... Signor Marra, ammettete che questo telegramma l’avete fatto voi?

TONIO – (lo guarda appena) No!

MARESCIALLO – E allora chi l’ha fatto?

TONIO – Abbess Jang’ljn la b’sciord!

ANGELINA – Neee, crist mji, chjss t foscjn scì ‘ngalar. Marescià, io so’ pure alfabeta: né, (prende un biglietto e lo da al Maresciallo che lo legge…) questo bilietto me l’ha dato propito lui, cha mo ch’mmannet a gì fè u telegromm …

TONIO – Uffa quante storie! Sempre a contrariare, sempre a contrariare… Alla fine i fratelli hanno fatto la pace? E allora…? Invece di ringraziarmi, mi buttate la croce addosso? Ma cose da pazzi. In manicomio ci dovete andare voi, e non io! Io al massimo posso farmi qualche mese di carcere, come succede a tanti onesti cittadini vittime di qualche equivoco giudiziario.

CIRILLO – Equivoco o non equivoco, adesso col verbale che andremo a stendere è difficile che il Giudice si sbaglia… A quanto pare, Sig. Marra, in un solo giorno di libertà vi siete dato alla “pazza gloria” (accortosi della gaffe) Ehm, volevo dire: ne avete combinate di tutti i colori!... Ma ora voglio sentire l’autorevole parere della Dottoressa…

VENTURA – Maresciallo, ma cosa volete che vi dica in tutto questo turbinio mentale! Io non voglio tormentarvi con una lezione di psichiatria! E poi in tutta questa confusione sapreste distinguere il normale dal pazzo?!

CIRILLO – In confidenza, qui gli individui sospetti sono parecchi…  (almeno 3)

VENTURA – Ma alla fin fine, Marescià, non è successo niente di grave... Signor Tonio Marra, ma cosa mi combinate, anche se qualche volta vi fanno arrabbiare non succede mica niente! Qui non hanno capito che non vi devono contraddire. Allora io che cosa vi ho dimesso a fare, per farmi deridere da tutte le malelingue della città? Ora vi rendete conto che la legge deve fare il suo corso, a meno che non venga ritirata la denuncia dal sig. Rocco STRUZZO

ROCCO – (ride)  Strozza, prego! Voce del verbo affocuare. Ma dottoressa io sono vivo per miracolo: ho il “dovere” di denunciarlo… Qua la cucina sta piena di coltelli che parlano… Io non ritiro proprio niente…

VENTURA – Maresciallo, se le cose stanno così, se permettete vorrei confidarvi in privato l’idea che mi sono fatta: certamente Tonio Marra non è guarito del tutto, molto probabilmente è colpevole, ma per il suo bene non posso riportarlo subito in clinica, perché subirebbe uno shock tremendo, né potrebbe mai restare qui col rischio che commetta altre azioni sconsiderate; visto che lui stesso ha valutato l’ipotesi di essere carcerato, col vostro permesso, vi consiglierei di assecondarlo! Perciò sarebbe bene portarlo in camera di sicurezza almeno per stanotte e domani verrò al Comando per vedere il da farsi…

CIRILLO – Acquisisco questo vostro parere e a tutela della incolumità pubblica prendo una decisione in seduta stante. Sig. Tonio Marra, visto che stavate per commettere un grave reato, anche se a fine di bene, contro il sig. Rocco Strozza; visto che il medesimo non intende ritirare la denuncia, voi, anche se onesto cittadino incensurato, dovete essere portato in carcere fino a quando il Giudice non dispone diversamente. Randazzo procedi: mettigli le catene e portiamolo in Caserma.

RANDAZZO – Finalmente Maresciallo, perchè stavamo facendo tardi…

CIRILLO – Tardi perché?

RANDAZZO – Avete detto che all’ora di cena dobbiamo andare a “controllare” la Trattoria del Matarrese…

CIRILLO –  (rabbioso) Statti muto crretino!!!

TONIO – …Beh, cj m sjt a arr’stè, scem nunn, ca m so’ ‘ngrjscjt, ma ti avviso Rocco Strozza: lascia stare a Bettina perché se no me la pagherai cara. Lo giuro sulla capa del mio amico Randazzo. (gli pone le mani incatenate sul capo)

RANDAZZO – Wè! Bell bell: che cappro c’entro io adesso? Il cetriolo è vostro e lo volete darea me? So’ cose da pazzi! Cose da pazzi!

NANNINA – Tonjn, fret mij, ij nan v’lav ch’avar a f’rnascj assjch… Abbess j sbagliet!!!... Ji t vegghj  ajtè, ma nan soccj mongh caom mì cumburtè…

TONIO – Nannì, nan t fr’conn la chep; tij nan m capuscj, ij nan v capuscj, nan s capuscj chij mongh la momm ch la fugghj: jat u minn cha aggjr tutt o cuntrorij (Nannina l’abbraccia)

RANDAZZO – Andiamo, signor Marra…

TONIO – Sin, ca mo merij arrat la chep!... (indicando Nannina a Randazzo) Ma chi è quella signora?

RANDAZZO – (con pazienza) Poi te lo dico… 

TONIO – (indicando Rocco Strozza) E quel giovanotto chi è?

RANDAZZO – Poi te lo dico… (in crescendo)

TONIO -  Ma dove mi stai portando?

RANDAZZO – Poi te lo dico…  (sempre più forte)

TONIO – Ma tu chi sei?

RANDAZZO – (irato) Wè, mo basta! Le domande le facciamo noi Carabinieri (asciugando il sudore dalla fronte, dice tra sè) Jè fess la sc’rnet d jascj (escono)

CIRILLO – Dr.ssa Ventura, Sig.ra Marra: vi aspetto in Caserma domani mattina alle 9,00 perché ho bisogno di voi per stendere il rappotto…

NANNINA – E marescià, ma b’nì appest appest p stann u cappott a vij?

CIRILLO – Ma che avete capito? Ho detto ra-ppo-rto, con la R (erre) di Santa Rosalia che mi deve dare la pazienza... Vi aspetto domani alle 9,00. Buona sera…

NANNINA- Jang’ljn, acch’mbogn u Mar’scioll alla pert…

ROCCO – (Sollevato e felice, dice con enfasi) Signora Nannina, perdonatemi, ma sono stato costretto a fare la denuncia; dovete capire che voi siete responsabile di quello che fa vostro fratello: se Tonio mi uccideva, i Carabinieri sarebbero venuti qui per arrestarvi a tutte e due…  Dottoressa, e ditelo pure voi che ho ragione…

VENTURA – Effettivamente, temo proprio che Rocco Strozza abbia ragione: io ieri mattina l’ho lasciato a voi in stretta custodia… Ho fatto tutto il possibile per guarire vostro fratello, ma credo che col benestare del Giudice dovrò riprendermelo in cura già da domani; mi dispiace davvero!

NANNINA - (con rassegnazione) E ce ma fè…? Sia fatta la volontà di Dio!

VENTURA - Bene, io adesso devo proprio andare… Mi raccomando signora, ci vediamo domattina alle 9,00 in Caserma. Buona sera.

SCENA SESTA (Tutti meno Tonio, Cirillo, Randazzo e Ventura)

Richiusa la porta, rientrano dalla cucina Marietta sottobraccio a Bettina, oltre a Nicolino e Don Lorenzo.  

MARIETTA – Ch’mmà Nannin, da chara vonn so s’ndjt tutt caus… Pov’r Tonin, descj onn d corcj’r na r laev n’scjn…

NANNIN – Ch’mmà Marì, allar nan a capjt njdd: nan s sep angar, cra matjn ma b’dà…

(Rocco prende la mano a Bettina e le chiede cosa è successo)

ROCCO – Che ti è successo Bettina? Tu stai bianca come la farina…

MARIETTA – Uagliò, nan tuccuonn la uagnedd, cuss purch fr’chet…

ROCCO – Purch a maj! Ma cè j fott? Bettina, dull com ston u fott!!!

BETTINA – Signora Marietta, finitela di pensare sempre a male; è stato il rosolio che mi ha fatto girare la testa: io sto come mi ha fatto mamma mia. Ohhh…                    (Don Lorenzo tira un sospiro di sollievo)

ROCCO – (euforico) Ebbene sì! Sappiate signori, che l’artista ha il cuore puro come un fiore e solo con un fiore potrei sfiorare il mio amore (prende un fiore dalla tasca e prova a sfiorare Bettina sulla guancia)

NICOLINO – Wè, la ma f’rnascj ch stj cozz d fiar iascj…  (si riferisce alla corona da morto)

DON LORENZO – Giusto! Uagliò, tenete il fiore a posto… I arr’ch’rdot’v: u zjt d fuggh’m ho passè opprjm sop a mach…

ROCCO – J cè m n pram a ma? Io passo sopra alle montagneDon Lorenzo, perché iosono un sognatore di sogni… un artista di arte… un poeta di poesie, e per questo signori miei, in questo momento d’ispirazione vi voglio reclamare una poesia che ho fatto in un lampo di genio, positivamente per ringraziare a donna Nannina…

NANNINA – Ammà?

ROCCO – Si!… Il titolo è: “A quella disgraziata di donna Nannina”.

DON LORENZO: Embèh? E come vi permettete?  Discraziet sjt a jess vji…

ROCCO –Don Lorenzo, cercate di capire… Non “disgraziata disgraziata”, ma disgraziata come… scarognata… sfortunata. E’ una piccola licenza che ci prendiamo noi poeti…

DON LORENZO: Sin, la l’cenz du cuarn’vel cha sund! Nannina, per piacere licenziatelo voi a questo, se no mo lì caccè a stambet n’ghjl…

NANNINA - Don Lorenzo, ma nan v’nnaltaret semb: che sono sfortunata è vero, e mo so’ pure curiosa… Rocco, sentiamo questa poesia…

ROCCO - Solo un momento, prego…vi chiedo un attimo di concentrazione (Si concentra invano perché Don Lorenzo attraversa il palco facendo rumore. Quindi, indispettito) Ma signor Galletti… un po’di silenzio per favore, e che cappro…

NICOLINO – (preso alla sprovvista) Ma cj cozz l’ho dutt njdd?

ROCCO – Vabbè ho capito. Allora…: “A quella disgraziata di Donna Nannina”     

Mia cara Nannina, cè liscj stasar

Cj nan m salvjv la nett jev gnaor

Ij o cuamb’sond, i tij stjv ‘ngalar

Marutt jè mourt, a frott u son arr’stet

Sj r’mes sola saol ch l’ucchij abbambèt

P chass t duchij: mo abbasta a soffrire

Cha la vjt è jin, il tempo può finire

Piccià nan la scjtt chara vesta gnaor?

J jopr u f’nast j vjst’t a fiaor

Piccià nan t’accott n ch’stjm da bogn

Vattunn o mer, jucchjt n ch’mbogn

Piccià nan t stjnn alla s’logn?

Vè vjd u mer, riprenditi il sole…

Il sole io ce l’ho e si chiama Bettina

M la sp’soss pjr cramatina

Piccià la uarr ormej ì f’rnjt

I da craj acch’mmenz la vjt.

P chass t duchij, mia cara Nannina

Vjst’t ch n bell ch’laor, caom ‘na sjgnorjn…

wè… mà mò cha ‘ncj penzij…

cè brjtt ch’laor cha tan Don Lorenz…

Fine

(Rocco si inchina al pubblico; Bettina si alza in piedi ed applaude convinta; gli altri un po’ meno; Don Lorenzo è stizzito)

ROCCO – Beh, Signora Nannina, allar v’ì piacjt la pojsij?

NANNINA – Grazie assai Rocco, ma la la verità di Gesù, ij nan so’ accap’zzet njdd… Ippaj, ij u bogn mu fozzj a chesa maj cha nan m vad niscjn… Bah!!! (A Don Lorenzo) All’atà mia mj gì accattè u ch’stjm da bogn p gì b’dà u mer…

DON LORENZO – No danna denz Nannin, affoll pr’scè… (lo canzona) Sig. Rocco, invece a me m’avete tirato pizzicate di carne… Wè, bella veramente  (si gira dall’altra parte)  Ca vu sc’ttè u sognj da ngonn…

ROCCO – Sono contento che v’ha piaciuta, Don Lorenzo: allora, se permettete, vorrei reclamarla un’altra a vostra figlia Bettina…

DON LORENZO – Mò si fess mà! J piccià nan la rjclamjscj a chara discraziet d ser’t?! Tij nan si n’artust, tu sei… un povero alluso…

MARIETTA – (si alza) Wè don Lorenzo, scuset cj porlij, ma perà ma la sjt a f’rnascj d fè brjtt ch chjss gjv’n nnammuret; Rocchin, j pjr tij, cj vu sp’sé a Bettin, a prumatt cha la lassè chjss sunn d fantasij j ta acchiè n fatij onest. Cj tij vùj, ji j marut’m t’njm pu men n bell fatij, cha pot scj prepij boun p tà, assich u caus s pot’n aggjstè…  (passa all’ argomento che le interessa di più)

Ma voi commà Nannì e voi don Lorenzo, ma quonn jaoccj v sjt a sp’sè?

DON LORENZO – Ohhh, finalmende!... Allora cara Nannina, nij n ma sp’sé prima ca f’rnascj cuss’onn ‘51. Na vet sp’set, io e Bettina possiamo venire ad avitare qui, ma da jascj nan m sjt a paiè chij l’affutt, piccià p mach sjt la patraon d chassa ches; (battimani di tutti) Beh, me vegghj la r’spest!

NANNINA – (si alza) Don Lorenzo, che debbo dire? Io ciò tanto onore che mi volete sposaro, ma la resposta non la posso dare mo, su questi due piedi. Dovete aspettare almeno fino a crematina. Se non posso più stare vicino a mio fratello vuol dire che la destina mò achijd na pert j mò aprì n p’rtaon... (tutti battono le mani)

DON LORENZO – E come Nannì! So’ asp’ttet descj onn, nan pozzj asp’ttè fign j craj? V’da b’dà ca ma aggjstè tutt caus… Ma tij, Rocchin, se vuoi a Bettina mia, (in crescendo) da iascj a f’lè drutt sop a n’ ch’rtjdd

BETTINA – Grazie papà! Come sono felice! Rocco non vi deluderà!

ROCCO – (corre verso Don Lorenzo che si allontana schifato) Grazie papà!!!  … Ma io sono commosso di commozione…(lo bacia) Grazie don Lorenzo; io l’ho sempre saputo che siete un galantuomo…. Quante volte l’ho detto, Bettina?

BETTINA – Puuuff! Un sacco di volte…

ROCCO – Io, io ricompenserò la vostra fiducia e presto mi riterrete degno di Bettina; si, io rinuncio alla mia arte (si siede e incomincia a piangere disperato; le donne vanno a consolarlo) sì, sono disposto pure a lavorare come un morto di fame, si, si, mi voglio fare tanto di culo… (poi si alza e ride sguaiato) Ma no, che fate? Ah, ah, ah… Ci siete cascati di nuovo? E come,  vi siete già scordati che sono un artista di arte?…  Io piangevo di gioia…

DON LORENZO – Piangevi di gioia? (si toglie la cinghia dai pantaloni e lo rincorre) Ti fè chiongj com ì l’js, discraziet farabbutt… Wèèèè… vjn dà, paglioccj  disonest, cj t’angioffj ti fè u chjl a struscj…  (tutti corrono intorno al tavolo dietro Rocco e Don Lorenzo con una tarantella di sottofondo musicale)

FINE PRIMO ATTO

II° ATTO                                 

Si riprende 2 anni dopo nello stesso ambiente, in casa di Nannina e don Lorenzo che nel frattempo si sono risposati. E’ il 3 luglio ’53 – come indica il calendario sulla scena - il giorno dopo la Festa Patronale.

Rocco e Bettina, sposi da pochi mesi, abitano al piano superiore, nell’altro appartamento di don Lorenzo, il quale possiede anche l’appartamento dirimpetto a quello di sua figlia. Angelina è sempre a servizio di donna Nannina, nonostante le sopraggiunte ristrettezze economiche di don Lorenzo. Dopo il matrimonio di Bettina con Rocco, Lorenzo e Nannina hanno affittato la famosa e contesa camera vuota ad una ragazza stravagante…

SCENA SETTIMA (Don Lorenzo e Nannina)

Don Lorenzo legge il giornale                  (adattare alla Festa del luogo)

DON LORENZO – Ah, cè prjsc! Sjnd Nannin! Senti che ha scritto il Prof. Pizzilli sop la fest daijr:“Il Carro Trionfale della Madonna della Bruna di quest’anno 1953, realizzato da Francesco e Raffaele Pentasuglia, è stato strappato nella Piazza grande come vuole la tradizione materana. Distruggere il Carro significa demolire i vecchi princìpi, alla ricerca di nuova dignità, di case, lavoro e istruzione nella pace e nella demòcrazia. Grazie De Gasperi, grazie America, (in crescendo) Matera rinnoverà il suo Carro e risorgerà insieme ai Sassi più bella di prima”…Ah… paral sond, Nannin?... Ma ha vust quanda cos’r popoler ca ston a joz’n?

NANNINA – I manumel, ij m’arrjcherdj quando venni ad avitare qui: quond fu schutt p l’ocqu i pu ciass, so’ rivenuta. Quonn av’tev jis o soss, m’azev tutt l matjn ca nan ar fott angar dij p gì scjttè u quondr… (i a lavè la pezz che stev v’cjn) Cè fizz lall, crjst mij… M’aggjstev u stem’ch a prima matjn… m p’gghiev u cafà…

DON LORENZO – Jè raggiaon Nannì…Eh, ma adesso col procresso è tutt ‘naltra cosa… Ciocch j gist: s vè mogghj a cavodd alla moch’n i naun a cavodd o cjdd, jè b’rdet Nannin? (gira pagina)

NANNINA – Ca caom!... Almeno noi la siamo vista un poco di miglioria; l’atton’r nust invacj, nan son vust mej la liscj mongh pu fjl lar, son mourt nella miseria chjr pov’rjdd…

DON LORENZO – (la interrompe spaventato) Per la miseria Nannina! Dà stè spieghet bun u fott: senti che cosa sta scritto: “Addio grammofono a tromba: diventerai il nostro più caro soprammobile”. (volge lo sguardo verso il suo grammofono) Dè t put stè caom a n quondr, j stott...(torna al giornale)E poi dice: “Ormai ferme le vendite dei vecchi grammofoni a manovella, per l’arrivo dall’America di nuovi giradischi elettrichi che stanno invadendo le case degli italiani”…(si alza stizzito) Hai capito Nannina: teneva ragione l’onorevole!  Totta chelp du procrass cha van dall’Amar’ch. J jè b’rdet!!! I grammofoni che fa la mia Ditta che ciò a Bari, sond arretret:  nan s l’accott njscjn cchij…

NANNINA – J cè ma fè, n ma accjd? Jè init’l cha t pugghj v’lan... Maj mutt ch la santa pacienz i ‘mbor’t a fè u gjradusch nouv…

DON LORENZO – Mbrjm jadd. J cè tegn la bacchetta mogjch? I cangè tott u moch’n e ncj val’n u pjparjl… P chass ì f’rmet tott chjr cort alla bongh: m son a dè quartudjcj miglijn, quartodici miglioni…

NANNINA – (arrabbiata) Assich ti stè fè pignorè tott la proprietè… Ippaj ta fott fr’chè arrat: ha fittet p quott set la ches du pien d sjs a quella grande signora, la Contessa Rosaspina, la ch’mmer d l’onorav’l ca dì tij… Nan p’tjv fè alman???

8) CAMPANELLO ------------------------------------------------------------------

D. LORENZO – Afferz Nannin, cur ch’rnjt d l’onorav’l fescj pjr u direttaor d la bongh cha mò dè u t’rnjs…

SCENA OTTAVA (Si aggiunge Angelina e la Contessa Rosaspina)

ANGELINA – (spia e riferisce)  E’ quella grande signora del piano di sopra…

NANNINA – Bah! Porl du diov’l i jess’n u chern… Cè val mà chara schjcchiond! (ad Angelina) Tu vattene in cucina che (la) apro io… 

DON LORENZO – Nannì, m raccumond: arrivano i soldi…

NANNINA – Ca caom!.....(apre)Avanti, avanti, acchimotatevi…

CONTESSA – (con superiorità) Buona sera…

DON LORENZO – Oh, buona sera cara contessa…

NANNINA – …Cara contessa, speriamo che ci annucete notuzie buone…

CONTESSA – (a Nannina con distacco) Dipende dai punti di vista!... Don Lorenzo, quale mio padrone di casa devo informarvi che la situazione è diventata ormai insostenibile; (passa davanti ai 2 fermandosi al centro della scena quasi di spalle agli interlocutori) se non vi ponete riparo mi vedrò costretta a sospendervi il pagamento dell’affitto…

DON LORENZO – Eh no, contessa, l’affitto no!... E come: noi vi facciamo tanto di cappello (mani a cerchio)… (poi, in sordina) j vij n facjt u cuappjdd tond…

NANNINA – Wè contass: a nij n’avost’n u cozz’r nust…

ROSASPINA – Ma signora, se voi parlate africano, io non vi capisco!

NANNINA – Nan capuscj?...  A noi ci abbastano i cazzeri nosti…

ROSASPINA – E pure a me!

NANNINA – (insinuante) Nan cradij!      

ROSASPINA – Cooosa? (ripassa stizzita davanti ai 2 tornando verso l’entrata)

DON LORENZO – (guarda Nannina come per pregarla di calmarsi) Niente contessa, per piacere, diteci il fatto che noi stiamo sulle spine…

ROSASPINA – Oh! Insomma, Don Lorenzo: prima lamentavo che la radio di vostra figlia, mia dirimpettaia, era sempre ad altissimo volume…

DON LORENZO – E va bene contessa: il giorno dopo che vi siete lamentata la radio s’è abbruciata sola sola…

ROSASPINA – Bene! Poi ho avuto una brutta allergia ed ho scoperto che dipendeva dal pelo del gatto di vostra figlia… (ripassa davanti come prima)

NANNINA –E va bene contessa: la dia depp la iott ì crjpet!

ROSASPINA – (non capendo chiede) “Checcooosa”? (torna indietro)

NANNINA -E il giorno doppito la iatta morse!!!(con 3 dita che girano)

ROSASPINA – Benissimo!!! Don Lorenzo, adesso ci sta vostro genero che ride come un pazzo fino a tarda sera…(ripassa davanti più stizzita di prima)

NANNINA – I ce vu fè crjpè pjr a chjr? Quello è un attore, ha bisogno, deve ridere la sera, senò “schatta” in corpo…

ROSASPINA – Ah! Deve ridere? Cos’è una nuova terapia? Io non rido mai eppure sto benissimo. Che m’importa? Lui può ridere quanto vuole ma non dopo le 9 di sera. Io vivo da sola proprio perché sono una donna di grande cultura ed ho bisogno dei miei spazi… e la sera ho bisogno di leggere i miei classici in santa pace…(torna indietro tutta snob sventolando il ventaglio)

NANNINA - Cè professofess! Sai tutte queste belle cose mo tu e non sai che quando si spannano lerrobbe colorate bisogna strengerle  (tira il collo ad una gallina) sennò si conzumano quelle che stanno spannute sotto?

DON LORENZO – Lass pard Nannin, chjss so’ stut’quarij… (poi alla Contessa) Non vi proccupate contessa: da stasera mio “scenero” non ride più. (A Nannina) Stasar li fè n liscj e buss (cha li fè chiongj)…

NANNINA – (al marito) Cià fè tij?

ROSASPINA – Bene! Voglio sperarlo, altrimenti l’onorevolo…

DON LORENZO – Già, l’onorevolo: quando lo vedete salutatelo calorissimamente e ricordatelo che aspetto sempre quelle belle notizie dalla Banca sua…

ROSASPINA – Vedrò cosa posso fare Don Lorenzo: (lo avvicina e recita) Amore con amor si paga (esce torcendosi seguita da Don Lorenzo) Buona sera…

NANNINA – (Aspetta che si chiuda la porta ed imita la Contessa)  Don Lorenzo “Amore con amor si paga”…  Pej l’affutt, z’cch’laon!!!

DON LORENZO – (cammina nervosamente sul palco) Nannin, nan t là pigghiè; Nannin, ch char nan ta cumburtè assich: alla contass nò fè jocqu cj chiaev. Ma tu devi capire che noi stiamo tra l’inculo e il martello, j char s’appr’futt ca stem ass’ggett all’onorav’l… Ce ma fè? Ma achijd n’ucchij…

NANNINA – Eh sjn: achijd n’ucchij jascj i n’ucchij craj, arrjv u mumend cha u cr’stien s’jngrascj… j man cupr alla cjchet…                           

9) CAMPANELLO -----------------------------------------------------------------

SCENA NONA (Entrano i  coniugi Galletti)          

ANGELINA – (tra sé e sé) J cè jat, la ches d Buongesji? Ij cuss cuambanjdd lì sfascè…(stanca, apre senza spiare) Buona sera!... Ci stanno, ci stanno, trasite….

MARIETTA – Ch’mmer, n stemm a fè du poss mjnz alla f’nten, j sjm p’nzet d forv na vus’t…

NANNINA – Wè, ch’mmà Marì, cè piaciar… Azz’dut’v…. Nj ma n’avemm p’gghiè n cafà, u v’ljt pjr vij?

NICOLINO e MARIETTA – (insieme) Ma cooome!

NANNINA – Marì, ma aitè pjr tij? Staochij a fozzj du maccarjn…

MARIETTA – Sin, vegghij schutt n s’nel…

NANNINA -  Angelina, port il caffè e porta pure un sinalo a Maria!!!

ANGELINA – (tra sé) E port e port e port semb…

MARIETTA - Don Lorenzo, dal portone siamo visti uscire una bella signora ch n cuappjdd tutt pium ‘nghep: Cj at?...  Mica è quella “famosa” enguilina vostra?

DON LORENZO – (Scatta dal divano e si pone al centro del palco) Wè, nan m det v’lan! Sjt vust quand’orij ca tan? Chara sch’cchionda fr’chet, n stè matt n’ graoscj caom a Crust…

NANNINA – Cè bella frecatura: chass pert pjr scjaijr ... cè n sapjt vij?

DON LORENZO – (Passeggia nervoso e si ferma vicino al divano) Cè n sapijt vij? Quella è la mantenuta di un onorevole che mi ha promesso di salvarmi la Ditta. Si chiama contessa Rosa-spina: giustamente! Solo che il profumo di rosa lo da all’onorevole j a nij n stè dè schutt u spjn…

NANNINA – O’ gj fè jund o spjn jadd! Se arrivano i soldi è bene, sjnaoch m per prepj ca char stè jocchij tott u schjs p nan paiè, ij la tagn prepj sop o stem’ch: nat mas aspettj, j paj la coccj all’orj…

NICOLINO – Don Lorenzo, nan ta p’gghiè chell’r! Gli affari so’ così: ci sono gli alti e i bassi. Siete propetario di questa bella casa e di due appartamenti al piano di sopra; male male che va, v sjt a vann la l’cenz d la Dutt j sjt a chambè d rend’t…

DON LORENZO – Sin Nicolin, ma non mi conviene di vendere adesso: nan m son a matt u ch’rtjdd ngonn?  P chass stochJ a studiascj d’azorm opprjm… Eh!

NANNINA – Lorenzo, mo tu duchj, chiù aspjtt i pascj at, caom s discj? Mentre il dottore studia, il malato more. Duchj ij mogghj pucch mal’dett j sjbb’t…. Eh, ch’mmà Marì, sjm r’mes senza t’rnjs, manu mel cha stet vij; ij nan v so’ mej r’ngraziet p ciò cha sit fott p nij. Grozj a vij Rocchjn ò cchiet n bell fatij i assich si pjtjt sp’sè ch Bettina nest, (guarda il marito) che era un’altra da farla mangiare…   

MARIETTA – Naun, cè saund chjss caus, cè stè da r’ngraziè, cj nan n’aitem fra nij i nij… L’assjnziel iat cha Rocchjn sj acchij boun j guadogn boun jund a chara dutt d spracamurt…

DON LORENZO – (Sbotta e dal divano corre al centro del palco) Wè, arrat cj arrat! Va boun, d guadagnè guadogn, ma j v’lav cha m dev na men alla dutt d grammauf’n

NANNINA – E mano malo ch’ha rufiutato, mò che si dovevano mangiare? U trun ca tj m’nizz?...

DON LORENZO – Eh, pov’r a mach! Totta chelp d chara cjchet d la f’rtjn. Ij p fuggh’m  v’lav n giov’n brev j rucch, invacj lì fott sp’sè a un attore sfallito, che gli piace di piangere ai funerali… Caom fesc schutt…

NANNINA – Caom fesc fesc, chjr pert u t’rnjs alla ches…

DON LORENZO – Sin Nannin, ma caom l pert… Junda Mathar u puggh’n tutt quond a car’catjr… Ah!.... U sapjt caom u chiom’n ma?

TUTTI - Caom u chiom’n ma?

DON LORENZO – Rocchjn jucchij pjscjet…

TUTTI – (ridono) Neee, j piccià?

DON LORENZO – Cha chiongj semb, chiongj o bun o bun… Wè, pure se non lo conosce a quello che è morto, chiongj caom a n stoud’ch: UH, UH, UH…

NANNINA – J cè t n pram a ta?  U sep judd caom o fè…

DON LORENZO – (Torna di corsa verso il divano) Cè n sep chjr, Nannin… Ij m sendij prepij d scj ‘nghjl, perchè Bettina adesso… non è più la figlia di Don Lorenzo Matera, jè d’v’ndet la m’gghiar d Rocchjn jucchij pjscjet… e io, IO, so’ d’v’ndet u s’ruch d jucchij pjscjet… J cj noscj n criatjr u son a sfaott jucchij pjscjet… Bah! (Nicolino ride sotto i baffi)

MARIETTA – Ma quanda v’lan cha t pugghij Don Lorè, ma s sep cha a Mathar tutt quond u ten’n u soprannaom: allar alla famugghj d Nicolin marut’m, na r duscjn “Cacatust”?                              (Don Lorenzo e Nannina ridono con discrezione)

NICOLINO – Ta stè ciutt n’zjch? Nan t la put m’zz’què chara langhu… (per vendicarsi dice) Allar foscjn boun cha alla famugghia vest v chiom’n “Vocch apart”…                                    (idem, cercando di nascondere il viso))

DON LORENZO – J va boun, ma vij u t’njvv opprjm d noscj… ma io prima non lo tenevo il soprannomo, ma da quond ì arr’vet cur scarugnet d Rocchjn m n so’ gjt a voscia f’rtjn j mò str’ppiet u ljgnoggj d la famuggh pjr …

NANNINA – Ma cè stè dì Lorè, sì pjr bjsciord! La v’rdet ji sapav cha t djsciov’n “fuch ‘nghjl”…

NICOLINO – Fuch ‘nghil? (adesso ride lui con Marietta) Naaa, j piccià?

NANNINA – Cha quonn s’jngozz vè z’mbonn z’mbonn caom n cardjll…

LORENZO – Bah, chass ma fott, Nannin? Chass ma fott?... J vij u sapjt com la duscjn a jadd?

NANNINA – Lorenzo, nan m scj facionn ‘ngazzè: fott u cozz tji…

LORENZO – Ecco assich la duscjn: “Nannina cazz cozz” (Nannina gli lancia un pezzo di massa che stava lavorando mentre gli altri ridono)

NANNINA – Cià fè? Mò fè ‘nnaltarè pjr a mach… (a Marietta) Ch’mmà Marì, v’lav fè schutt nzich d procrass p spjgnorè quond prjm chassa ches, j paj v’lav caccè (con enfasi guardando il marito) la signorina Gegetta ca t’njm a penziaon da quonn sì sp’set Bettin. Piùtroppo quei soldi della camera ni fanno comoto! (guarda il marito) P chass ca la t’njm angar jund a ches a chara maleduchet…

DON LORENZO – (preoccupato) Pjccià Nnannin? Qual jat u problam con la signorina Gegetta? (e se ne va a lucidare il grammofono per non sentire)

NANNINA – (insinuante) Lorenzo, non fare lo “gnorro”, nan fascenn u’ stoud’ch! U soccj cha tj schutt cha la vjd a Gegetta t n prjscj tutt quond; (poi a Maria) Ch’mmà Marì, u saj caom sj acchij dà chara sjgnjrjnedd?

MARIETTA – (facendo finta di non sapere) No! Nan soccj prepij njdd!

NANNINA – (Dovete sapere che) Do dij depp cha sj ar sp’set Bettin, s pr’s’ndò alla pert chassa giaov’n; p’rtev mmen na latt’r d la madre superiora d n collaggj do v’cjn addò stev jadd.  Sop a chessa latt’r stev scrutt ca la uagnedd jat orfanall, j vust cha ì d’v’ndet maggiorann, v’nav a fatiè iund a na sartorij d Mathar. D’scjav cha ià na breva uagnedd i cha p’temm stè sch’tet. Infott parav bena ban, tum’da tum’d, è vero Lorenzo?

LORENZO – (alludendo) Pareva buona veramente Nicolì…

NANNINA – Ch’mmà Marì, parav prepij caom na men’cha sp’gghiet: uord’l maj. Cj vjd cè j d’v’ndet? E’ una scandala. Io mi bregogno solo a pensare che sta nella mia casa; u soccj cha u cr’stion’r porl’n, ma che ncj pozzo fare? Mica è figlia mia! Ah, maledetti soldi! Cj stovn u t’rnjs la fossj giè caccet a chara svergognet…

(Angelina porta finalmente il caffè che lascia sul tavolo)

DON LORENZO – Nannin, scus, mà t stè sboglj, alla fjn du chint, Gegetta, è una buona ragazza; va boun, cè fesc? Tan nzjch la chep jund o njv’l, caom tutt u gjv’n d iascj…

NANNINA – Eh sì, Lorenzo, s capuscj; pjr Rocchjn t’nav la chep jund o njv’l, nan er adott p fugghjt, d’scjv cha er poccj, invacj maj Gegetta è una buona ragazza? La v’rdet ià cha p taj  è  una ragazza “bona”; chass jè la v’rdet d Crust: ammutt’l cha tj ch Gegett ti fè l’ucchij…

NICOLINO – (ride, si alza dal divano e va presso Nannina) Ch’mmà Nannì, cè fè la gjlos? Sjt prepij caom a do zjtarjdd…Questa si chiama “scenata di gelosia”. Ma potete stare schotata: conosco a Don Lorenzo da tanti anni j soccj cha jà serj, sjnziel, abbaset j d p’lut’ch:  p’tjt derm sop a 7 ch’scjan’r: lui tiene gli occhi solo per voi …

10) CAMPANELLO -----------------------------------------------------------------

SCENA DECIMA (Si aggiunge GEGETTA)

NANNINA – Angelinaaa….

ANGELINA – Vado… (apre e torna subito ancheggiando)  E’ la signorina Ge-ge-tta, quella che fa “rotolare”… la borzetta(cenno con la mano dx)

GEGETTA – (Entra ancheggiando con alti tacchi a spillo e una gonna leggera e svolazzante al di sopra del ginocchio) Buona sera a tutti; (nota la presenza degli ospiti) ohh, se non sbaglio voi siete i signori Galletti. Se non ricordo male, ho avuto il piacere di conoscervi nei primi giorni di lavoro presso la sartoria.

MARIETTA – (con ironia) Sì, ti ricordi bene, carina! Io quas quasi non ti canoscevo più: come sei cambiata da quella volta che ti ho vista in sartoria, bella mia; (dando di gomito a Nannina) si vede che ti fa bene l’aria… l’aria della libertà!

GEGETTA – E si capisce; l’aria della libertà è la migliore medicina; allora ero appena uscita dal collegio: sapete, 20 anni con le suore (sbuffa) non è uno scherzo! (poi cambiando discorso) Volevo dirvi, don Lorenzo, che da domani prevedo di tornare più tardi la sera; vi chiederei la gentilezza di darmi una copia della chiave della porta d’ingresso, così non sveglio nessuno quando rientro.

DON LORENZO – (scatta dal divano e le va incontro) Ma cooome signorina Gegetta: mò vi do proprio l’oricinalo …

NANNINA – (al marito) Mbrjm judd! Aspetta un momento! (insinuante) E come mai signorina Gegetta pinzate di fare tardi? Sit a fè u straurd’norij? Non ci stava scritto sulla lettera della superiora che dovevate lavorare fino a notta! (da di gomito a Maria Galletti) E poi noi ci rivigghiamo lo stesso se tornate tardi: ch chjr toccozzj cha purt…

GEGETTA - Per me fa lo stesso: era per non disturbare voi e pure Angelina che deve aprirmi la porta; poi, se vi può interessare, ho trovato un nuovo lavoro, migliore di quello della sartoria; ora posso finalmente pagarvi quell’aumento che mi chiedeste. (apre la borsetta, prende i soldi e li mette sul tavolo) Adesso vi saluto e vado a riposare nella mia camera… Oh, i miei poveri piedi: sapeste che scarpe scomode che fabbricano oggi!

ANGELINA – Oh, poverella! Io mi credevo che erano le scarpe “artopetiche”… mongh t spjzz da mjnz… (Gegetta fa finta di non sentire e si chiude in camera. Intanto le mogli sono risentite coi mariti che non avevano tolto gli occhi di dosso a Gegetta.)

MARIETTA – Weh, Nicolì, vjn nzich dà! Prima hai detto che don Lorenzo “tiene gli occhi solo p ch’mmà Nannin!” E tu?  Per chi ce l’hai gli occhi tu? Ti ho visto come la guardavi a “quella”, cuss vecchj r’mbambjt!

(schiaffone sulla spalla che quasi fa perdere l’equilibrio al marito; quindi, torna a lavorare la massa della pasta facendo traballare il tavolo, come se volesse schiacciare il marito sotto quelle mani…)

NICOLINO - (vistosi attaccato) Wè, vecchj r’mbambjt a ma? Ma cè stè dì Mariett: ma che fai la gilosa pure tu? Dopo 27 anni di matrimonio; e che cappro! Ma no vjd cha char jà na crjatjr; a me e a don Lorenzo  “ci può essere figlia!”…

DON LORENZO – (a Nicolino) Brev! (alla moglie) N pot ess fugghj!

NANNINA - Abbesso voi non la guardavate con malignità, ch’mbà Nicolin, ma a mio marito lo guardo da tanto tempo j quonn vad quella bambina diventa un altro: l’ucchj djvend’n pjzzit pjzzit, pard la langhu pard l’aracchj, nan send njdda cchij – combleto sordo e muto… Quonn Gegett u poss da nond ca fesc ijss i tres, nan la uord mej ‘mboccj: l’ucchij vaun do pjt o pitt, gnonjn j sciann’n, i r’men nt’set caom n quataplosm… Lorenzo, lo sai che cosa sei? Tu sei un vecchio porco “pirofilo”…

LORENZO – Eh, Nannì, pirofilo? Ma sì s’chjr? Ij nan soccj mongh cè sjgnuf’ch…(si rigira verso il grammofono e mette quasi la testa nella tromba)

NANNINA – Cè sjgnuf’ch? E mo lo dico a tutti…Ch’mmà Marì, chjr pucch vet cha Gegetta mongj ch nij,  u signaursfescj cadà semb u tovagliaol ndarr… wè ch’mmà Marì, na vet m cadì avvaramend pjr ammà…(grida e Don Lorenzo di spalle, ha un sobbalzo) tonn capjsciubb piccià su faciav cadà spuss… Lorenzo mò sono sicura: tu sei un vecchio porco cinchialo!

DON LORENZO – Eh, ma cè stè dì Nannin? Mè acch’minz arrat! Ha detto bene prima Nicolino: stè fè la gjlos avvacond… Gegetta è na bella uagnedd, ma cià un brutto difetto: char tan v’ntonn e ij pozzj ess… u nonnò…  (torna a sedersi sul divano con Nicolino)

NANNINA – U nonnò, pov’rjdd Stamm a send boun, ij t’avvusj: cj v’ljm scj d’accherd arr’churd’t: “si guarda e non si tocca”, e speriamo che non tengo più di bisogno di questi soldi (li prende dalla tavola e se li mette in petto) piccià ij a chara dè la vegghj caccè quond prjm. (gomitata a Marietta) Cj sep ce bell fatij ho cchiet maj… (esce fuori Gegetta in vestaglia corta)

SCENA UNDICESIMA (Stessi personaggi di prima)

GEGETTA – (spaventata) Ahhh! Angelina, presto, prendi il picchietto; o è una zanzara o è una mosca cavallina: mi ha morsicato il ginocchio(gli uomini si alzano e le fanno spazio sul divano: Gegetta al centro e loro dopo le siedono a fianco)

ANGELINA - Signorì, “e che cappro”; sembr ‘sta ch’mmedij!... Ma che vi portate gli animali sotto la gonna? J cj la vest jar chiù legn, u sc’njcchij nan vu muzz’quev njscjn!!!

GEGETTA – Che c’entra, Angelina!... E’ perché ho lasciato la finestra aperta. C’è talmente un cattivo odore in quella camera…

ANGELINA – Cattivo odore? Neee… siete sendita signò? (guardando Nannina anch’ella indispettita) Wè, signorì, apprima di voi so’ stati due ommini in quella camera e “apprima” non si sentiva mai il “cattivo odore”;ve lo dico io che da 20 anni,  tutti i giorni,  “rifaccio” quella stanza… (entra in camera a verificare)

DON LORENZO – (in difesa di Gegetta) Mah! Nicolino, stè sjnd u famm’n? Da quando sta la sig.na Gegetta, quella camera … AFETA…  Mah… Pot’ess cuss fott?

NICOLINO - (fa il galante) A ma, la v’rdet, m’è parjt u cuntrorij: quando è arrivata Gegetta, sì schambagnet u stem’ch… ho sentito fluttuare il vento profumato dei fiori di primavera (la moglie ha uno scatto d’ira represso)

GEGETTA - Signor Galletti, che frase galante; che poeta affascinante; (poi si alza e va da Angelina) Angelina hai sentito?  “il vento profumato dei fiori di primavera”… a te l’avevano mai detto prima?

ANGELINA - (l’aggredisce) A f’rnjt Gegett, hai finito? Afferz, con tutte quelle schifezze che ti metti addossa! E poi, se ti puzza la camera devi apri la finestra, (Gegetta torna in camera) e devi uscire da fuori quelle scarpe che stanno sotto il letto; anzi, quando la apri la finestra, “mjn’t da sjs jis!” …

DON LORENZO – Wè… Jang’ljn la vastes! Mè avost… P’nzem o cos serij: mutt nzjch d spur’t sop la jomm dj Gegett, che quella si può anfettare…

ANGELINA – Don Lorenzo, se premettete Gegetta la “bua” se la dinfetta sola sola. Wè, da quando sta lei io non ciò un secondo per respirare: ci vuole una beby-sister solo per lei…

NANNINA – Brev Jang’ljn! (guardando il marito) Cj val na babesina schutt p jadd… s n scioss a nata vonn…

MARIETTA – (si avvicina al marito) Nicolì! Quella ti può essere figlia, è vero? Come hai detto prima? Ah: ”il vento profumato dei fiori di primavera”… E perché queste belle frasi, alle tue “figlie vere” e a me non le sei dette mai? Però, appena hai visto a Gegetta, ti è “schattata” la poesia… Ma fomm u piaciar! (lo picchia come prima) cuss vecchj rjnghiggh’njt cha nan si olt(r); a ches ma fè u chind! Ti cavè l’ucchij…

Marietta, irata, torna ad accanirsi sulla massa della pasta facendo traballare il tavolo, come se volesse schiacciare il marito sotto quelle mani

11) CAMPANELLO -----------------------------------------------------------------

SCENA DODICESIMA (Si aggiunge Rocco)

NANNINA – Angelina, Jang’ljn! Men, fiscj i fiscj…

ANGELINA – Vochj fjscionn; (apre la porta e annuncia) é il sig. Rocco…

ROCCO – (cantando una canzone in dialetto materano) D’r’mbett alla jravjn, so’ b’njt ad acchiè a Nannjn… Oh, buona sera, che piacere: ci stanno pure i miei benefattori…  (fa un inchino e poi dice a don Lorenzo) Papà, sapete addò sta Bettina? Sono tornato dal lavoro, ma non c’era in casa, e allora mi credevo che stava qua…

(Don Lorenzo cerca di rispondere ma Nannina lo anticipa)

NANNINA - E’ assuta: è andata ad accattare un paro di scarpe; mo ho b’nì, ho dutt ca ho passè da daj pj form’r v’dà pjr ammà… Aspetta qua… Vu nj cafà?

ROCCO – Ma cooome, signora Nannina…

NANNINA – Angelina, ve fè nat i do cafà p mma i pj Rocchjn…

ANGELINA – Signò, nat cafà ta pjgghiè? Pa discj ca tr’mm’ljsc totta quond… Brutta fine farete!!! Brutta fine farete!!!

NANNINA – (fa le corna) Ma tij l’ cozz tij nan t l sè fè prepj?… Bah!

MARIETTA - Beh! Rocco, parlaci del lavoro: ti piace, non ti piace? Se non ti trovi bene in quella ditta di spracamurt, io e Nicolino ti aiuteremo a cambiare lavoro: siamo saputo che tra qualche giorno si libera il posto di cuamposantaro… (o custode del cimitero)

DON LORENZO – (Si alza, e mentre finge di impiccarsi al proprio cravattino dice) Alla faccia del cambiamento… (e si risiede sfiduciato)

ROCCO - Grazie assai “commare” Marietta; il lavoro è faticoso, ma mi piace assai; da quando sto io, la dutt d spracamurt vè di luss: ogni giorno faccio in media 5 funerali. Comincio di prima mattina; piango 2 ore per ogni morto, per un totale di 10 ore al giorno; alla fine della giornata la ches m’aggjr attjrn attjrn, ma mi sento “n’atittond”. Lo sapete che sogno di fare l’attore, e piangere ai funerali mi mantiene, come dire, in allenamento. (comincia a ridere) Al contrario, fuori dall’orario di lavoro, cerco di ridere più che posso; sapete, (convinto)  un attore deve essere completo!  (ride forte esercitandosi ad alternare le vocali)

DON LORENZO – Scus Rocchjn, ma discj nzich com fè a rjr i a chiongj a cumond

ROCCO – (continua a ridere) Giusto, papà, questo è un segreto che non ho mai detto a nessuno, ma visto che me lo chiedete voi… Allora, ogni attore ha il suo trucco: per esempio se voglio piangere faccio finta di essere vostra figlia Bettina che piange davanti al vostro cadavere…

DON LORENZO – Al mio catavere, ma nan n stov’n chj, ma uord nzich tij uord… Scus Rocchjn, dà stè Nicolin chà tò cchiet cuss bell fatij: fè fund cha j mourt, i chiongjt a iudd!!! (Nicolino fa le corna e Maria si fa la croce)

ROCCO – Ma non ci riesco, Don Lorenzo: che mi volete far perdere il posto? (di lavoro)

NANNINA – Cè la fè pard u pest o uagnaon?

DON LORENZO – Cur bell pest? Na, nan vegghj!!!

ROCCO – Papà, ma è solo una finziona… così vi allungo pure la vita… Invece, per esempio, se voglio ridere (già ride) mi immagino la faccia vostra che non vendete più un grammofono da due anni… Ah ah ah, oh oh oh uh uh uh (ride forte)

DON LORENZO – Figghj d bona momm!… Nannin, questo la tiene proprio con me, cuss stoud’ch mo fè pard 14 miglijn…. Dinciull tij u fott d la contass…

12)CAMPANELLO ---------------------------------------------------------------

Angelina va ad aprire senza ordini visto che Nannina sta parlando

NANNINA – Rocco, avvaramend, vjd a b’dà dj nan rjr chij depp le 9 (nav) la sar, ca u v’cjn sj lam’ndascjn… Chjr mjch u sop’n ca tj fè “l’allevamend”… eh!

SCENA TREDICESIMA ( Si aggiunge Bettina)

BETTINA – Buona sera! Oh, i compari nostri: è sempre un piacere vedervi… (poi, rivolgendosi al marito) Rocco, sei sempre il solito: ti ho sentito ridere “da mezza alla strada”. (comincia a sfilare sulla scena, mirandosi le scarpe) Allora…     Come mi vedi?

ROCCO – (che insieme agli altri le guarda quelle scarpe bizzarre, così all’avanguardia) Diversa! Nata cr’stien! Ma cè scorp t sì accattet? J piccià camjn assì? Per cha a ciamb’chè da n mumend all’olt… (ride da solo forzatamente, alternando le vocali)

NANNINA – E’ vero: non hai mai messa queste tipe di scarpe. Com’ha ca a canget p’nzjr? Dicjv semb ca r p’rtov’n chjr famm’n, nan sa’?…Com a Gegetta…

BETTINA – Infatti, sono uguali a quelle di Gegetta! Guardatele bene; mi sono accorta che con queste scarpe ho una camminata più morbida e più femminile, (mentre sfila avanti e indietro sul palco) non ti pare Rocco? Per strada ho notato che gli uomini mi guardano con certi occhi… e mi fanno pure tantissimi complimenti…

ROCCO – Una camminata più morbida e femminile? Ma perché con le scarpe che portavi prima, avevi una camminata più tosta e maschile?  AH… AH ….AH…

DON LORENZO – Bettina, a papà, porta subito indietro quelle scarpe: nan tj vust mej d tercj assich; oggi gli uomini ti hanno fatto i complimenti, (in crescendo) ma craj t son add’mmannè quond t pugghj!!!

NANNINA – (vendicativa) Lorenzo finiscilo, tu sei all’antico i pjr bisciord. Eccome, ngudd a Gegetta rj vjd ban, ngudd a fuggh’t so’ brjtt!... Invacj ammà chjr scorp mj pioscjn assaj; wè Bettina, fammele provare pure a me. Anzi andiamo in camera mia, ca mj tercj pjr ij caom a Gegetta…

MARIETTA – (anch’ella per dispetto) Sin, scem a chara vonn ch’mmà Nannì, mj tercj pjr ij caom a Gegetta…

ANGELINA – E io no?

NANNINA – Sin Jang’ljn, vjn’t a tercj pjr tij, … (le 4 donne escono torcendosi esageratamente)

DON LORENZO – (allibito) Nicoljn, ma ra vust? Robba da mettere le mutande ai ciucci… Sò tercj com a Gegett… Ij lì tercj u coudd!!!

QUATTORDICESIMA SCENA (Colino, Lorenzo, Rocco e Gegetta)

NICOLINO – Don Lorè, nan r p’nzonn: u fosc’n appest p forn nnaltarè… (poi, confidenzialmente) Lorè, ce sort d famm’n ca tjn jund a coss’t… Ma cj mjgghier’t la val caccè, dimmull, cha m la pugghj ij…

DON LORENZO – Nicolin, nan tò sfr’chè d cupr mjgghier’t? Cj vu send l’orij d pr’mavar, a b’nì dà… Caro mio:la trottura dei cinesi…

(si apre la camera ed esce Gegetta, ma non trova Angelina ad aiutarla)

GEGETTA – (spaventatissima) Angelina… dov’è?  (Ingenuamente, anche se ci sono solo uomini)   Venite, presto, sotto il mio letto ho visto un topo!

I TRE UOMINI – N’ scjaorgj? Scem a b’djm, scem a b’djm!!!

(I tre si precipitano con lei nella camera che si richiude; a questo punto si sentono i mugolii e le grida di Gegetta e dei tre uomini che sono alle prese con il topo. Dopo una dozzina di secondi rientrano le donne che, attirate dai rumori si avvicinano sospettose alla camera di Gegetta, ma non aprono nè bussano: stanno ad origliare per sentire cosa succede. Le donne sono deluse dal comportamento dei loro mariti: gesticolano tra di loro e si preparano alla vendetta. Dopo altri concitati secondi gli uomini escono in condizioni pietose, cercando di ricomporre i capelli e gli indumenti in massimo subbuglio, seguiti da Gegetta, anch’ella in disordine)

QUINDICESIMA SCENA (Si aggiungono le altre 4 donne)

NANNINA – Ma inzomma… si pote sapere che state facendo in questa camera? (esce Rocco, poi Nicolino con mutanda in testa, poi Lorenzo con reggipetto sulla spalla, poi Gegetta che si ferma davanti alla sua camera)

MARIETTA - Brutti porchi cinchiali e maniachi…

BETTINA –  Rocco, parla tu… sentiamo che scusa ti inventi…

ROCCO – (ricomponendosi, comincia a ridere dell’equivoco) Calma, calma, mo vi spiego tutto… Allora: Gegetta è uscita dalla camera tutta assrommata perché era vista un topo sotto il suo letto; Angelina non c’era, voi nemmeno e allora noi ci siamo fatti coraggio e siamo entrati per prendere il sciorgio…

GEGETTA – (accortasi dell’equivoco creato) E’ tutto vero! E’ tutto vero! Io poi ho richiuso la porta per non fare uscire il topo…

NANNINA - Ciutt tij, squaltrina! (pausa; Nannina e Marietta incrociano lo sguardo soddisfatte, come per dire: ben detto)

MARIETTA– (appena c’è silenzio) Porl quonn puscj la jaddjn… (stesso sguardo d’intesa con Nannina)

NANNINA – (di nuovo a Gegetta) Cj to’ cjrchet njdd?

ANGELINA – Ho pisciet u passarjdd!

NANNINA -  Bah! Addò ‘ncj azzjcch tij?

ANGELINA – Ah, nan azzecchj njdd?… Allar m n vochj prepj… (esce)

BETTINA – (impaziente) Rocco, vai avanti; sentiamo fino a che punto arriva la vostra faccia tosta…

ROCCO – Allora, stavo dicendo: noi tre ci siamo subito buttati sotto il letto per prendere il topo: ma un po’ perché stavamo stretti, un po’ perché per la puzza non ci faceva respirare… inzomma, non abbiamo accapozzato niente… fino a quando Gegetta non ha visto il topo uscire dalla finestra… Ecco, questo è tutto quello che è successo lì dentro…(gli uomini approvano)

NANNINA – Assich vj ma crad pjr, vj ma dè na mjrogghj pu curoggj ca sjt t’njt; t’njt prepj la foccj du coppr a ninniè assì… Vu duchj ij cè ì sjccjdjt de jund: Vij sjt scjt p pigghiè n sciaurgj sott o ljtt, i sjt acchiet na zecch’l sop o ljtt…

DON LORENZO – Ehhh… Nannin, p’ piaciar f’rnusc’l… Ma piccià u famm’n sjt a p’nzè semb a mel! Che quanto tempo siamo stati là dentro? N m’njt, n m’njt j mjnz... Ma come fate a dire, che in un minuto e mezzo, è successo… un fattaccio?

NANNINA – (lo“sputtanamento” pubblico) Ciutt Lorè, attà p cur fattoccj, nj m’njt j mjnz, avost i avonz…(Nicolino e Rocco si scompisciano, mentre Don Lorenzo, per la vergogna, si nasconde la faccia dentro il reggipetto)

MARIETTA  – (anche lei, per vendetta, rivela l’intimo segreto) E tu Nicolino che tieni da ridere? Tu sei tutto il contrario: fai come a nonnò, acch’mmjnz a menzadij j f’rnuscj a menzannett… (Nicolino, per la vergogna, si nascone come aveva fatto Lorenzo, che adesso può ridere di Nicolino)

BETTINA – (con disgusto) E tu Rocco, mi hai proprio deluso… Io da domani tacchi a spillo e gonna corta sopra al ginocchio  (poi dice al padre)  Papà, noi ce ne andiamo (se ne vanno)

DON LORENZO – No….

MARIETTA – Scusate ch’mmà Nannin: pure noi ce ne andiamo mò punto. Nicolino cacatoust, a casa a dormire, cha m fescj mel la chep…(escono pure loro)

NANNINA – (cammina nervosa sul palco come Don Lorenzo) Lorenzo, mò basta! Deciditi: in questa casa o io o Gegetta!!!

DON LORENZO – (zoppicando se ne va) Nannin, ch tà nan s pot arraggiunè… tì stè caom na cjch’latara scallend: ij m n vochj o bborr… mj gì mbriachè alla faccia tua!!!

NANNINA – J vattunn… Fuch nghjl…

DON LORENZO – (proprio davanti l’uscita) Cazz cozz…

GEGETTA – (che ha seguito tutto davanti alla porta della sua camera) Scusatemi signora Nannina,ma io non volevo fare niente di male! (comincia a piangere) Perché ce l’avete tutti con me? 

NANNINA – (la canzona) Tutti con te… Sì, piangi, piangi bella mia… nan m frjchj cchij … R canaoscj chjr com a tà, ca von sfascionn u famugghj…

GEGETTA – Le famiglie? (si commuove) Io una famiglia non l’ho mai avuta: non so che cosa sia… E mi sono chiesta tante volte, signora Nannina: (piange) se fossi vostra figlia… mi trattereste così?  (aspetta ansiosa una risposta)

NANNINA – Io una figlia come a te? Mai e poi mai! (Gegetta si chiude in camera)

13)CAMPANELLO ----------------------------------------------------------- --

SEDICESIMA SCENA (Si aggiunge Tonio)

NANNINA – Jang’ljn,  la diov’l d la pert…

ANGELINA - (pensa a voce alta} Mò merj jascj ! Nan cj la fozzj cchij... (torna stavolta con aria seria) Signora Nannina, è vostro fratello Tonino!

NANNINA - Tonino? E perché non mi ha avvisato la dottoressa? Bah.. .(va

verso la porta mentre Tonio avanza con passo stanco) Entra Tonino...

TONIO - Ciao Nannì (indossa una giacca vecchia al disopra del pigiama)

NANNINA - (l'abbraccia) Fratello mio, sei uscito? Come sono condenda! Ma

perché non mi hai avvisato?... Ma io ti vedo assai stanco... siediti

TONIO - (si siede) Si, sono proprio stanco... Scusa l'intrusione... Ma non ti preoccupare… me ne vado subito...  Sono venuto… per rivedere questa casa dove mi hai tenuto tanti anni con te… Ma com’è cambiata… Non è rimasto più niente da allora… pure il cartello sopra alla porta della camera mia avete tolto… chi sta? Ancora quel discraziato di Rocco Strozza?

NANNINA – No, Rocco Strozza non ci sta più… Piùttroppo è da nguscjt qualche mesata che sta una ragazza che veniva da un Collegio di qua vicino, j ca la vegghj caccè chiù prest ca sia possub’l; ma un posto per te qua sta sembre. Angelina, prepara un letto per..

TONIO – (la interrompe irato) Nannina, per piacere, non mi contrariare almeno oggi… Non c’è tempo, come te lo devo dire? M n so’ f’scjt do sp’tel e devo ritornare lì prima che mi vengono a prendere…

NANNINA – Cè stet? T n sì f’scjt do sp’tel? J piccià?... Fret mij, possub’l ca t n sì f’scjt schutt p b’dà arrat chassa ches?

TONIO – Eh, Nannì, semp drat a mà ste tij … Per sapere quello che faccio… quello che penso… E’ stato sempre così… Tu mi volevi aiutare e io non mi volevo fare aiutare… Tu volevi sapere… e io non volevo parlare… Ma oggi… oggi è diverso… Perché a tenere troppo la bocca chiusa, i pensieri diventano segreti… i segreti diventano rimorsi… e i rimorsi diventano tarli che scavano e mangiano, mangiano e scavano, fino a farti precipitare... fino alla pazzia! Ma oggi… oggi è diverso…

NANNINA – (con dolcezza) Sin bon assar, allora fammi capire: cè sond chjss sacrat ca dì semb j nan ma spieghet mej...?

TONIO – (a sé stesso) Sì, è questo il momento! (fa un lungo sospiro) Ti ricordi, Nannì… Molti anni fa ho vissuto per un po’ di tempo a Bari… Lì conobbi una ragazza greca bellissima… ci innamorammo… andammo a vivere insieme e dopo qualche anno nascì na criatjr. Jav bell caom alla momm, tenera e delicata caom na pal’mmedd… e noi perciò così la chiamavamo: farfallina…(trasognato) far-fa-lli-na

Stavamo contenti…. Ma dopo circa un anno, la storia improvvisamente finì… Una mattina mi svegliai e Vassileva non c’era più! Era scappata, mi dissero, con un attore… un artista… (con rabbia) Quante volte te l’ho detto, Nannì, che gli artisti sono brutta razza… sono masciari… portano la disperazione nelle famiglie… Rimasi solo, ch na criatjra pjccjnann… non sapevo che fare: ebbi paura… e feci l’unica cosa che non dovevo fare: pjgghiubb la farfallina mia… la misi in una cesta con una lettera… j la lassubb nond a n’orfanotraofij… M’asch’nnubb j asp’ttubb fign a quonn na suaor assì, la v’dì j s la trasì jund...  L'ultima volta che l'ho vista teneva 6 anni, ma il rimorso di averla abbandonata non mi ha lasciato mai, Nannì, né nett j né dij...  J mà da dè vegn: do collaggj… Nannì, lì p’rdjt p semb… Gegett nan gj stè chij dè…

NANNINA - Gegett? (si mette le mani tra i capelli) Cè m stè dì fret mij… Allar, chara uagnedd cha tegn jund a la cam’ra taj… jè fuggh’t, jè n’pot’m!!! (lo abbraccia; a questo punto Gegetta esce dalla sua camera)

GEGETTA – (spaventatissima) Angelina! Angelina, corri, ti prego! In camera mia è entrata una farfalla e forse ce l’ho tra i capelli!

TONIO - (si gira e commosso le si avvicina piano dicendo) Una farfalla? Proprio una farfalla? Com’è bella! (trasognato per la visione angelica della figlia) Non muovetevi, signorina… E’ sulla vostra spalla… Permettete?… (prende la farfalla immaginaria e metaforica) Ecco qua!

(ride tutto contento guardandosi i pugni chiusi)

GEGETTA - (si rivolge ignara a suo padre) Grazie signore... ma  adesso cosa ne farete?

TONIO – Vorrei tenerla un po’ con me… ma lei, è nata per volare… Scusatemi adesso, ma io me ne devo andare…  (compie qualche passo)

NANNINA – Nan Fret mij, nan t n put scj assich, senza n’accrjscjlet, na parala ban... n ves… e io cosa devo fare col tuo segreto?

(Quando Nannina dice “fratello mio” Gegetta ha un sussulto e porta la mano alla fronte: sa di stare finalmente davanti a suo padre)

TONIO - (Si ferma per rispondere) Sorella mia, io te lo affido: il mio segreto adesso è tuo! (riprende a camminare dando le spalle a Gegetta)

GEGETTA - … Nossignore, è il segreto della mia vita!...(Tonio si ferma ad ascoltare) Prima di uscire dall'orfanotrofio, la Superiora mi ha parlato di voi e mi ha dato questo indirizzo…Perciò,  se siete il fratello di donna Nannina, siete mio padre!...

TONIO - Ma cosa dite signorina? State facendo un grosso  sbaglio…

GEGETTA - (con risentimento) Non avete neanche il coraggio di guardarmi in faccia... Giratevi!

TONIO - (si gira) Ma avete capito, signorina? Io sono pazzo... (Strabuzza gli occhi e le si avvicina un poco) Vi piacerebbe di avere un padre malato di mente?

GEGETTA – No!... ma prima d’ora… io…io non avevo niente…

TONIO – Ma io... io faccio pena... vedete...

GEGETTA - …Gli occhi, non posso dimenticare i vostri occhi: sono  gli stessi di 15 anni fa. Era il mio 6° compleanno. Quell’unica volta che avete avuto il coraggio di venire a trovarmi in Collegio, mi dissero: "Vieni, è venuto tuo padre... per farti gli auguri... (porta le mani sulle braccia) Io tremavo... Ma voi non mi prendeste in braccio, non mi colmaste di baci, non eravate lì per portarmi a casa… come ho visto fare tante volte… Quanto tempo è passato: il mio turno non è mai arrivato... E voi, senza dirmi una parola, mi porgeste una bambola di gesso, come se quel regalo potesse... bastare... Io, la scaraventai per terra facendola in mille pezzi... e poi scappai... Io vi ho odiato!... Voi eravate un gigante ed io ero troppo piccola per rimproverarvi, per prendervi a schiaffi, per capirvi...

TONIO - (passa volutamente al TU) E credi di capire adesso? Le tue parole sono peggio degli schiaffi per me... Ma sì, continua, scava nella mia ferita…

GEGETTA – No! Io sento che hai pagato abbastanza, e adesso se stai qui… lo stai facendo per me…

TONIO - …Forse… o forse solo per dare un volto ai miei incubi…

GEGETTA - Ma io non voglio che ti tormenti… Ora, io, non ti odio più...

TONIO - … Ma sono io che mi odio, e odio tutto ciò che mi sta intorno…

GEGETTA – Non m’importa… E se anche l’odio non diventasse mai amore, tu... sarai sempre mio padre... (lo abbraccia e piange) Ma non capisci che ho bisogno di te?  Io non ti lascerò…

(Tonio si sottrae all’abbraccio)

TONIO – E invece devi lasciarmi libero… libero, di dimenticare…

GEGETTA – (ora piange disperatamente) Dimenticare?... Smettila papà, tu non sei pazzo, sei soltanto solo... come me... (Nannina le va vicino e l’abbraccia forte; ha capito il dramma della nipote che non si rassegna alla perdita del padre appena ritrovato)

TONIO – Ma io non posso… j pr’vet a stè dà, ch vij, ca v’djt u mjnn o cuntrorij… Con voi che vivete ingabbiati nella vostra normale ipocrisia… Perciò, voglio ritornare là … io devo stare con quelli come me… che sono veri… che sono liberi… come me…

 

Quando la musica di sottofondo arriverà al culmine, le luci inquadreranno principalmente le mani chiuse di Tonio, il quale…

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       libererà la farfalla immaginaria verso il cielo… e, con viso ridente, pian piano si dirigerà verso l’uscita.

Si chiude il sipario

                                 

Opera già depositata alla SIAE e rappresentata nella stagione teatrale 2008/2009

Per ogni evenienza (anche per filmato amatoriale della rappresentazione) contattare l’autore al seguente recapito:

Carmelo Gaudiano

Piazzetta Ignazio Silone, 4

75100 – MATERA –

Cell. 3471194351

e-mail: gaudianocarmelo@alice.it

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 25 volte nell' arco di un'anno