14 ‘o pittore e 22 ‘a pazza

Stampa questo copione

 14 ‘O PITTORE 22 ‘A PAZZA

(La fortuna ha messo gli occhiali)

di Gaetano Di Maio

Personaggi:

Michele De Vincenzo, Pittore

Luisa, Sua compagna

Donna Rosaria, Affittacamere

Felicina, Cameriera

Don Pietro, Cavaliere

Marina, Sua figlia

Pipistrello, Giornalista

Melicotto, Commissario

Il Barone,

Il Muto,

Egidio Di Lorenzo, Critico d’arte

Aniello Gargiulo, Pittore

1° Guardia,

2° Guardia,

3° Guardia,

Francesca, Cameriera

Gaetano, Straccivendolo

Emiliano, Straccivendolo

Vastiano, Straccivendolo

Adriano, Straccivendolo

Mariano, Straccivendolo


PRIMO ATTO

SIAMO NELLO STUDIO DEL PITTORE MICHELE DE VINCENZO, NELLA PENSIONE DI DONNA ROSARIA.

SUL FONDALE, VERSO SINISTRA, PORTA CHE FUNGE DA COMUNE, OLTRE LA QUALE SI VEDE UN CORRIDOIO CHE PORTA, EVIDENTEMENTE , ALLA COMUNE VERA E PROPRIA. ANCORA SUL FONDALE, VERSO DESTRA UN GRANDE E LARGO BALCONE. IN PRIMA QUINTA A DESTRA , PORTA CHE MENA NELLA CAMERA DA LETTO DI MICHELE. IN PRIMA QUINTA A SINISTRA , UN ALTRA PORTA ATTRAVERSO LA QUALE SI VÀ IN CUCINA E NELLE ALTRE CAMERE DELLA PENSIONE.

IN SCENA CI SONO UN CAVALLETTO CON  UN QUADRO SOPRA, UN TAVOLO CON SEDIE E UNA PICCOLA LIBRERIA-ARMADIO.SULLE PARETI SI VEDONO UNA QUANTITÀ DI QUADRI DI TUTTE LE DIMENSIONI.

A TERRA APPOGGIATI AL MURO, ALTRI QUADRI, TELE,TAVOLOZZE,COLORI ETC.ETC..

AL LEVARSI DELLA TELA , FELICINA STÀ SPOLVERANDO LA LIBRERIA ; DONNA ROSARIA È SEDUTA IN SILENZIO PRESSO IL TAVOLO, MA IL BATTERE CONTINUO DEL PIEDE A TERRA NE TRADISCE IL NERVOSISMO.

ROSARIA E FELICINA

ROSARIA  -   ( DOPO UNA BREVE PAUSA, SOSPIRANDO PROFONDAMENTE E

                        NERVOSAMENTE) Ah, Gesù mio! ( DOPO UN’ ALTRA BREVE PAUSA

                        ALZANDOSI DI SCATTO) No, ogge ce stà poco ‘a fà! Ogge ce ‘o ddico! Chiste

                        sò quatte mise ca nun me pagano. Ogge nun me mantene nisciuno!

FELICINA -  Signò, vuie dicite sempe accussì. Ma quant’è ca ne cacciate?

ROSARIA  -  Pecchè me fà brutto. Chillo isso nunn’è malamente, è bravo. ‘A mugliera si, è nu

                        poco originale. Ma po’, in fondo in fondo pure è brava.

FELICINA -  ( IRONICA ) ‘A mugliera!

ROSARIA  -  E comme aggia dicere, Felicì ?

FELICINA -  La concubina.

ROSARIA  -  Statte zitta, penza arricettà.

FELICINA -  Signò io pe vuie ‘o ddico. Pecchè veco ca ve facite ‘o sanghe avvelenato.

ROSARIA  -  E’ chello succedette chellu ppoco. N’appicceco maie viste; se vulevano spartere.

FELICINA -  E’ già, divorzio alla forcellese.

ROSARIA  -  Va bbuò Felicì, chille nun saranne spusate , ma pure stanne nzieme ‘a tant’anne

                         Se vonne bbene, teneno nu figlio. Io e truvaie che tazze mmane.

FELICINA -  Se pigliavano ‘o cafè?

ROSARIA  -  No, sò vulevano menà nfaccia. E cu chella tragedia putevo parlà de solde?

FELICINA -  E’ chell’ata fine e mese?

ROSARIA  -  Ma chillo steve dint’o liette ca freva, c’aggia fà? Chille sò furtunate, ogni fine

                        e mese le succede nu guaio.

FELICINA -  E’ m’avessero mai  dato che saccio...na mancia, na piccola cosa. E’ chella pecchè si

                        chiamma mangia? Pecchè se sape c’avimma mangià tutte quante. Avite voglia.

                        Si aspettave a’lloro steve digiuna pure a Natale.

ROSARIA  -   ( CON TONO DECISO AVVIANDOSI PER USCIRE DALLA COMUNE )

                        Ad ogni modo, o’ primm’e lloro ca torna, chiammame. Sta vota nisciune me

                        mantene. Mo te facce vedè nata donna Rosaria. ( SI FERMA SULLA PORTA

                        CHE DA’ SUL CORRIDOIO. VEDENDO QUALCUNO ARRIVARE. )

                        Ah, stà venenno proprio isso, mo te faccio sentì !

FELICINA -  Dicitencello, parlate !

MICHELE -  ( ENTRA DALLA COMUNE COL FAZZOLETTO IN MANO, PIANGENTE

                        CON UNA LETTERA LISTATA A LUTTO ) Dispiacere, sempe dispiacere.

ROSARIA  -  Che stato?

MICHELE -  Na seggia, dateme na seggia, faciteme assettà. ( SIEDE )

ROSARIA  -  Ma non vi sentite bene? A’capa? O’ stommaco? O’ fegato?

MICHELE -  ( CON VOCE DOLOROSA E TUTTAVIA SPAZIENTITA ) Aspettate nu

                       mumento, scusate.

ROSARIA  -  ( PREMUROSA ) Prego, prego.

FELICINA -  ( A ROSARIA SOTTOVOCE ) Ma cher’è?

ROSARIA  -  ( FA’ SPALLUCCE )

MICHELE -  ( MOSTRANDO LA LETTERA ) Nun’a vedite a’ lettera listata ‘a lutto?

ROSARIA  -  Qualche disgrazia?

MICHELE -  Nu fratello e mammà.

ROSARIA  -  Uh, quante me dispiace!

MICHELE -  Papà, è muorte papà mio nata vota. Chillo m’aveva crisciute. Ma che simme

                       ncopp’a sta terra. Che simme? ( PIANGE IN SILENZIO )

ROSARIA  -  Va buono, iammo , nun facite accussì.

LUISA        -  ( DA DENTRO CON VOCE AFFRANTA ) Michele, Michele....

ROSARIA  -  Iamme, sta venenno pure ‘a concubina...ehm...’a mugliera vosta.(A FELICINA)

                       Tu che faie ccà? Và dinte, miette a ffà na tazza e cafè ‘o maestro.

FELICINA -  ( ESCE CONTRARIATA A SINISTRA )

ROSARIA  -  ( METTENDOGLI UNA MANO SULLA SPALLA ) Iammo, vuie site n’ommo

                       che facite ‘o criaturo? ( GUARDANDO VERSO LA COMUNE ) E’ chesta

                       quanne vene? ( CHIAMANDO ) Signora Luisa!

LUISA        -  ( APPARE SULLA SOGLIA NELLO STESSO ATTEGGIAMENTO DI

                       MICHELE , PIANGENDO CON LETTERA A LUTTO ) Dispiacere, sempe

                        dispiacere.

ROSARIA  -  ( STUPITA ) Eh ?

LUISA        -  ( MENTRE MICHELE TENTA DISPERATEMENTE CON I GESTI DI

                        CAPIRE DI NON ANDARE AVANTI ) Dateme na seggia, faciteme assettà.

ROSARIA  -  ( FREDDA ) Ma che stato, ne’ signò ?

LUISA        -  Che stato? E nun’a vedite ‘a lettera listata a lutto ?

ROSARIA  -  ( A DENTRI STRETTI COMINCIANDO A CAPIRE ) E comme nunn’a veco

                        ‘a lettera listata a lutto? Qualche disgrazia ?

LUISA        -  Na sorella e papà. E’ morta mammà mia nata vota. Chella m’aveva crisciuta.

                        ( SCOPPIA A PIANGERE )

ROSARIA  -  E va’ bene, vuol dire ca facimme nu bellu funerale.

LUISA        -  Ma che state dicenno?

ROSARIA  -  Eh, vedite ‘a cumbinaziona, pure ‘o maestro stammatina a perzo a nu zio ca se l’aveva crisciuto.

LUISA        -  ( IMBARAZZATA ) Ah si? ( SI GUARDA CON MICHELE )

ROSARIA  -  Ha ricevuto la stessa lettera vostra. Si vede ca c’è stata l’epidemia de’ zie!

LUISA        -  ( CERCANDO LE PAROLE MIGLIORI PER NASCONDERE UNA BUGIA )

                        Embè, che v’aggia dicere?  So’ cose ca succedeno.

ROSARIA  -  ( GUARDANDOLA ) Ma ‘a vulimme fernì?

MICHELE -  ( ALZANDOSI ) Sissignore fernimmele. Quanti giorni ce date?

ROSARIA  -  ( PERENTORIA ) Cinche

MICHELE -  Va bene. Trà cinque giorni facimme e valige e ce ne iamme.

LUISA        -  M a è dummeneca.

ROSARIA  -  Allora quatte

MICHELE -  Sei. Lunedì ce ne iamme.

ROSARIA  -  E’ và bene. Lunnerì pure vene. ( AVVIANDOSI ) Gesù, Gesù. Che gente. Che

                        faccia. ( ESCE PER RISORTIRE SUBITO )

MICHELE -  ( DI SCATTO QUASI PIANGENDO A DONNA ROSARIA ) Donna Rosà,

                        ricordatevi che chiedere è più doloroso che dare.

LUISA        -  Eh, mò l’he commossa assaie! Chell’è na piezz’e...( TOSSENDO PERCHE’ SI

                        ACCORGE CHE ROSARIA E’ RITORNATA ) Chell’è nu piezze e pane

                        donna Rosaria.

ROSARIA  -  ( A MICHELE ) Sentite,voi è inutile che dite queste parole di dentro alla Bibbia.

                        A verità me credevo ca vuie ireve brave.

MICHELE -  ( FRA’ SE ) Eh, ero nu bravo e don Rodrigo.

ROSARIA  -  Ma mò ho capito che volete profittare di me che sono una povera vedova. Ah ,

                        dovrebbe aprire gli occhi la buon’anima di mio marito! Mò ce vò “ Cittadino

                        virtuoso, marito esemplare, lavoratore infaticabile, spentosi dopo lunga e

                        penosa malattia, addì 13 luglio 1985, togliendo per sempre il sorriso dalla bocca della moglie derelitta Rosaria Spigaroli.

MICHELE -  ( FRA’ SE ) Sape tutta l’epigrafe ‘a memoria!

FELICINA -  ( ENTRANDO COL VASSOIO CON IL CAFFE’ ) O’ cafè.

ROSARIA  -  Cammina, pure ‘o cafè le vuleve dà. Sò cose e pazze! ( ESCE CON FELICINA )

MICHELE - Ah, si nun fosse pe chillu figlio. Tutto pe Giulio se sopporta. Tutto pe Giulio.

LUISA        -  Ma dico io, nun stevemo d’accordo ca ‘o parente m’aveva murì a mme?

MICHELE -  ( GRIDANDO ) Nonzignore, m’aveva murì a mme!

LUISA        -  Guè e nun’alluccà. Io l’aggio sempe ditto: E cierti cose nun s’hadda parlà ‘a

                        notte c’o suonne ncoppa all’uocchie.

MICHELE -  O’ suonne ncopp’a ll’uocchie? Io tenghe e spine dint’o lietto.

LUISA        -  Michè, io m’aizo e sette ‘a matina e fatiche comme ‘a na cana.

MICHELE -  ( CONTRAFFACENDOLA ) Fatica comma na cana! Ma pecchè che fanne e

                        cane? Io l’agge viste sempe che zampetelle accussì a piglià ‘o sole.

LUISA        -  Ma pecchè, tu che faie?

MICHELE -  Faccio schifo. Ecco chello che faccio. Si no a chest’ora avesse pigliato

                        ‘o guaglione a dint’o culleggio e chi sà a quala parte e munno me ne

                        fosse iute.

LUISA   -       E quann’o ffaie? ‘O guaglione no. Ma tu pigliate ‘a modella e stà schifezza e

                        vattenne. ( INDICANDO LA TELA SUL CAVALLETTO ) Tanto, tu già te  l’he pittata meza annura!

MICHELE -  Mo tuccammo ‘o tasto d’a gelusia? Ti ho detto tante volte che questo è un

                        quadro di fantasia. Nun ce stà nisciuna modella!

LUISA        -  Si, si ce voglio proprio credere. ‘O quadro e fantasia e faceva chella schifezza!

MICHELE -  Schifezza? E che capisci tu della mia arte? Luì, io sò nnato c’o penniello

                        mmano. Io ‘o penniello mmano ‘o tengo per vocazione, per destino!

LUISA        -  ( SCATTANDO ) E allora miettete a ffà ‘o barbiere!

MICHELE -  Nunn’’a vuò fernì Trà le altre cose primme e ce ne jì s’hadda saldà a donna Rosaria

LUISA        -  E’ sò quatte menzile.

MICHELE -  S’ hanna saldà Luì, s’hanna saldà.

LUISA        -  ( ALZANDOSI ) E’ chiamm’o stagnaro, ma tu che vuò a me?

                        (ANDANDO ALLA LIBRERIA E PRENDENDO DELLA ROBA PER

                       CUCINARE )

MICHELE -  Ma cherè? A libreria mia è addiventata na credenza?

LUISA        -  E’ che tenimme ‘a casa nuie? Addò l’aggia mettere stà rrobba? Quella

                        donna Rosaria mi aveva concesso la grazia e me fà cucenà dint’a casa.

MICHELE -  Ah, perciò aggio truvate ‘e caccavelle dint’armadio.

LUISA         -  ( USCENDO A SINISTRA ) E’ mò miettete dint’a cucina cu donna Rosaria,

                        a bbonanema do’ marite e’ muorte nuoste ca sò risuscitate. ( ESCE )

MICHELE -  Vai, vai che io mi metto un poco al lavoro. ( SI SIEDE E COMINCIA A

                        COMPILARE UNA SCHEDINA DEL  TOTOCALCIO ) Uno...due...ics...

MARINA   -  ( ENTRA IN FRETTA DAL BALCONE ) Signore....

MICHELE -  ( SUSSULTANDO ) Chi è?

MARINA   -  Sccc! La prego non gridi.

MICHELE -  Ma vuie chi site? Arò site asciute ?

MARINA   -  Dall’appartamento affianco, ho scavalcato il balcone.

MICHELE -  E’ questo l’avevo capito.

MARINA    -  Dove mi trovo?

MICHELE -  Nello studio del pittore Michele De Vincenzo.

MARINA   -  Maestro, per carità , mi salvi sono inseguita dalla polizia.

MICHELE -  Siete mariola?

MARINA    -  Ma no, si tratta di una questione d’onore. Mi aiuti se no mi ammazzo

                        qui davanti a lei.

MICHELE -  Ma che posso fare?

MARINA   -  Mi nasconda da qualche parte.

MICHELE -  Ma io quà stò in pensione; la casa è piena di gente.

MARINA    -  ( INDICANDO LA PORTA A SINISTRA ) Di quà dove si và?

MICHELE -  In cucina, in camera da pranzo.

MARINA    -  Ho capito, la mangiatoia. ( INDICANDO A DESTRA ) E di quà ?

MICHELE -  Dint’a stalla.

MARINA    -  Come?

MICHELE -  La mia camera da letto. Sentite uscite per di quà,( INDICANDO LA

                        COMUNE ) ci stà il corridoio, raggiungete la porta, menateve pe’ scale

                        e chi se’ visto se’ visto.

MARINA    -  Ma no, mi acchiappano. Ci stanno le guardie sotto al portone.

MICHELE -  Ma siete assassina? Che avete fatto?

MARINA    -  Ma che assassina? Le ho detto che si tratta di una questione d’onore.

                        Per carità, io appartengo ad una famiglia importantissima. Se esce il

                        mio nome sul giornale, succede il finimondo. ( SI ODONO VOCI

                        DALL’ ESTERNO.) Ah mannaggia, mi hanno fregata.( GUARDA IL

                        QUADRO SUL CAVALLETTO ) Presto prenda il pennello.

MICHELE -  Ma che vulite fà?

MARINA    -  ( INCOMINCIA A SPOGLIARSI )

MICHELE -  Ma che site asciute pazza?

MARINA    -  Zitto, guardi se vengono. ( FINISCE DI SPOGLIARSI ) Ma dove guarda?

                        Là al balcone!

MICHELE -  E’ io là guardo, sono gli occhi che non vogliono ubbidire.

MARINA    -  ( E’ RESTATA IN SOTTANA. VA’ A DARE UN’ALTRO SGUARDO SUL

                        CAVALLETTO ) Perchè tiene quel velo sulla faccia?

MICHELE -  Perchè l’ho fatta così, si chiama Venere Misteriosa.

MARINA    -  Benissimo. ( COPRENDOSI IL VOLTO CON UN FOULARD CHE TENEVA

                        AL COLLO ) Meno male che ho il foulard. ( SI METTE IN POSA )

                        Dipinga, sono la sua modella.

MICHELE -  Uh mamma mia. Mò chiamo il 113. Quà se viene mia moglie facimmo Venere

                        ciaccata.

MARINA    -  ( MENTRE LE VOCI DALL’ESTERNO SI AVVICINANO ) Gridi, gridi

                         verso la porta : “ Delinquente, delinquente...”

MELICOT -  ( ENTRANDO DAL BALCONE SEGUITO DA’ UNA GUARDIA )

MICHELE -  ( GRIDANDO VERSO LA PORTA ) Delinquente, delinquente io te faccio

                        arrestà!

MELICOT -  Fermi tutti!

MICHELE -  Ancora? Chi siete? Io chiamo la polizia.

MELICOT -  Noi , siamo la polizia. E’ passato qualcuno di quà?

MICHELE -  Si e io questo stavo dicendo. E’ passata una donna e ha fatto la stessa entrata

                        vostra .

MELICOT -  Una donna? Sul tipo della vostra modella?

MICHELE -  Si, si è uscita di là e si è menata pe’ scale.

MELICOT -  ( ALLA COMUNE ) Poderò, correte

MELICOT – San Gennà, te ringrazio. Se non la prende lui, va a finire nelle braccia delle

                        guardie che stanno abbascio. (A MICHELE) mi dovete scusare; sono il commissario

                        Melicotto.

MICHELE – Tanto piacere. Sono il pittore Michele De Vincenzo

MELICOT – Ah, così non mi è sfuggito nessuno di loro.

MICHELE – Scusate, per curiosità, ma che ha fatto quella donna? E’ pazza? E’ pericolosa?

MELICOT – Ma che pazza? !! Dolce vita. Si riunivano nell’appartamento affianco. Balletti  rosa, polverina,… ma figuratevi se io col mio fiuto nunn’’e truvavo. Io avverto la presenza dei delinquenti a un chilometro di distanza!

MICHELE - Signurì non vi muovete, non vi muovete se no qua finisce tutto. (AL COMMISSARIO) A me basta che si muove una piega di quel drappo che le ho messo in faccia e perdo la fantasia.

MELICOT – Eh, gli artisti! Ma pure io sono un artista nel mio mestiere. Io mo, quella che scappava l’ho vista solo di spalle e …ZACCHETE! La mia memoria visiva subito l’ha fotografata.                            

MICHELE – Veramente!?

MELICOT – Eh! La riconoscerei pure nuda, pue mmiez’’a na folla ‘e diecimila persone.

GUARDIA – (DA FUORI) Commissà, l’abbiamo presa.

MELICOT – Benissimo, vengo subito. Maestro voglio togliere il disturbo, ma levatemi una curiosità, perché la vostra modella tiene quel velo  sul volto?

MICHELE – il senso del mistero, commissà; questo dipinto si chiama “ Venere Misteriosa “. M’è venuto accussì. L’estro, la fantasia!

MICHELE – Commissa’, ho dovuto lavorare con un poco di immaginazione, perché la signorina si vergogna. Il pudore. Questa è una buona ragazza; fa questo lavoro per aiutare mammà sua che è paralitica.

MELICOT– Ecco! Na povera guagliona ‘e chesta hadda fa sta vita, e poi vedete donne di famiglia ricche, perbene, che sprecano il denaro per droga e altre porcherie. Ma io l’aggia fa passa nu bruttu quarto d’ora a chella disgraziata. Arrivederci maestro, arrivederci signorina; che Iddio vi benedica (ESCE).

MICHELE – (LO SEGUE CON LO SGUARDO  DALLA SOGLIA DELLA COMUNE) Di nuovo, di nuovo, buone cose.

MARINA   – Se n’è andato? Si assicuri, guardi bene.

MICHELE – Si, si, se n’è andato. Signorina mia, io mo more. Che tensione, mamma mia! Tengo ‘e nierve comme ‘e coorde ‘e viulino. Iammo, facite ampresso, iatevenno.

MARINA    – E  un momento, fatemi rimettere in ordine.

MICHELE – Signurì, qua se viene mia moglie, altro che balletti rosa; facimmo ‘a tarantella nera.

MARINA    – Ma come scendo vestita così? Quelli possono stare ancora giù e mi riconoscono. Io devo tornare all’appartamento di la. Ho sempre un vestito di ricambio; mi cambio, mi metto una parrucca nera e scendo.

LUISA     – (APPARE SULLA SOGLIA DELLA PORTA A SINISTRA; NEL VEDERE MARINA HA UN SUSSULTO E RESTA COSÌ IN OSSERVAZIONE, NON VISTA DAI DUE)

MARINA – (RACCOGLIE GLI INDUMENTI E BACIA SULLA GUANCIA MICHELE) Grazie, grazie. Ci rivedremo. (SCAVALCANDO ILO BALCONE VA VIA).

MICHELE – (FRA SE, COME TOGLIENDOSI DA UN INCUBO) Gesù  Gesù ! (POI SI GIRA E NEL VEDERE LUISA SUSSULTA) Guè ! ‘A ro’ si asciuta tu?

LUISA – (CON TONO VOLUTAMENTE INDIFFERENTE) Comm’è ‘a ro’ o asciuta? Io stavo volando un poco intorno alla casa e accussì aggio ditto “”famme fa na cosa nova, va”” e sono entrata per il finestrino del bagno. Tanto mo si usa così.

MICHELE – (SORRIDENDO, SENZA DAR PESO ALLA COSA) Ah, he visto a chella? Io

                  mo addu te venevo pe t’’o cuntà. Lu’, una cosa incredibile: Secondo me ‘e bombe atomiche stanno sconvolgendo ‘e vcerevelle d’’a gente. Quella era inseguita dalla polizia ….(DURANTE IL DISCORSO DI MICHELE, LUISA LO GUARDERÀ SEMPRE CON UN SORRISO IRONICO, TENTENNANDO IL CAPO)…. Steva dint’’all’appartamento affianco; se pigliavano ‘a droga, facevano ‘e fetiente, che so. Ha scavalcato ‘o parapetto d’’o balcone, è trasuta cca, s’è spugliata e ha finto d’eseere la mia modella.

LUISA         - (INCREDULA) Ah, si ! ? E vicino a chi ha finto?

MICHELE – Comme vicino a chi? Vicino alla polizia che la inseguiva.

LUISA      - (C.S.) Che la inseguiva? Brava; era la volante? So trasute pure lloro p’’o balcone?

MICHELE – Pure lloro p’’o balcone.

LUISA        – Puvuriello, se putevene rompere ‘e ccorne  .

MICHELE – ‘E rresate po, so ca ce steve nu cummissario ca se credeve nu genio; s’ha creduto tuttu cose e se n’è juto.

LUISA        – (C.S.) Guardate nu poco! Se l’ha creduto? Isso se l’ha creduto?

MICHELE – Neh, Luì, ma tu pecchè staie facenno chistu tono da imbecille? Ma che faie l’ironia?

LUISA       – (SCATTANDO) No, io faccio n’ata cosa. Io faccio ‘e valige e me ne vaco.

                        (CON UNA MANO SUL FEGATO) ‘O bello ca si me veno ‘nattacco ‘e fegato nun tengo manco ‘e pillole ‘e Buscopan.

MICHELE – (FRA SE) A vi lloco ‘a minaccia ‘a vi! L’attacco ‘e fegato.

LUISA        – Ah, mo va a furnì ca nun pozzo manco mangià chiù.

MICHELE – (DANDOSI DEGLI SCHIAFFI) Mannaggia ‘a vita mia!

LUISA     (BRANDISCE IL PENNELLO DI MICHELE E SI AVVIA VERSO IL CAVALLETTO) Sta schifosa, sporcacciona lurida ca se va piglianno ‘e marite ‘e llate pe ccopp’’e titte. (PASSANDO PIÙ VOLTE IL PENNELLO SULLA TELA) Tiè, tiè, tie! Ah!…

FELICINA – (ENTRANDO) Signò, s’è abbrusciata tutt’’a salsa ncopp’’o ffuoco.

LUISA        – (MORDENDOSI LE MANI) Ah, mannaggia! Mo nu mangiammo nemmeno.

                        (A FELICINA) e nunn’’a sapivo avutà nu poco?

FELICINA – Signò, io che ne sapevo?

LUISA   – (A MICHELE CHE È RESTATO ESTEREFATTO, SCAGLIANDOGLI IL PENNELLO AI PIEDI) Tutto per colpa toia; Barbiere! (VIA IN FRETTA PER LA PORTA A SINISTRA SEGUITA DA FELICINA).

MICHELE – (RIAVENDOSI DALLO STORDIMENTO, LA RINCORRE E DALLA    SOGLIA LE GRIDA DIETRO) He distrutto Venere Misteriosa, m’he acciso nu figlio!

EGIDIO      –  (DALLA COMUNE, INSIEME AD ANIELLO) Permesso?

MICHELE – Chi è?

EGIDIO     – Mi dispiace di capitare in un momento così doloroso. E’ morto vostro figlio.

MICHELE – Ah! No, no, no, che c’entra, io stavo scherzando con mia moglie.

EGIDIO     – Ne sono lieto.

MICHELE – Ma con chi ho il piacere ?

EGIDIO    – (TENDENDOGLI LA MANO) Sono il critico d’arte Egidio Di Lorenzo; le presento il Signor Aniello Gargiulo di Avellino .

ANIELLO   – Provincia di Avellino.

EGIDIO      – Amatore di pittura e pittore egli stesso.

ANIELLO  – Dilettante, però; molto dilettante.

EGIDIO     – Un amico comune mi ha detto bene di lei e siccome Don Aniello vuole acquistare dei quadri con la mia consulenza, l’ho condotto qua.

MICHELE – Bene, bene. Non perdiamo tempo. Volete vedere la produzion? Prego, guardate: qua c’è “Marina verde”; è la cosa che tengo più cara. Guardate com’è suggestiva:

EGIDIO     – (STORCE IL MUSO E SCUOTE IL CAPO).

MICHELE – Vi sentite male?

EGIDIO      – No, no, sto guardando...Commerciale, commerciale! Roba da salotto borghese.

MICHELE – E guardate qua “Sole d’agosto”, “Notte di luna”, “Il cortile …..

EGIDIO      – (COME SOPRA) No, no, no.

MICHELE – “Il cortile” non vi piace? Aspettate, vi faccio vedere una cosa che la tengo più cara degli occhi; tutta la serie dei grandi del Risorgimento.

ANIELLO:     Garibaldi, Mazzini, Giuseppe Verdi….(AD EGIDIO) Guarda,guarda!!.

EGIDIO   – Vedo, vedo. (SORRIDENDO) Lui le barbe le fa bene.

MICHELE – Ma fosse qualche conoscente di mia moglie che vi ha parlato di me?

EGIDIO    – No, no, è’ stato Filippetto Rossi.

ANIELLO      Si, si Filippetto Rossi

MICHELE – (FRA SE) Chi è stù Filippetto Rossi?

EGIDIO – (GUARDANDO ALTRI QUADRI) Comune, molto comune. Tutti commerciali. (AD ANIELLO) Credo che perdiamo il tempo.

ANIELLO – Lo sapete, io vedo con gli occhi vostri. Voi dite e io faccio.

EGIDIO – Caro maestro, credo che dovrò chiedere scusa del disturbo. Ho capito la mano, non è cosa. Troppo tradizionale, troppo commerciale.

MICHELE – E che vi debbo dire? A me non me ne importa. Tanto io vendo quadri come fossero cartoline. Mi dispiace per voi che non avete trovato….(ACCORGENDOSI CHE EGIDIO NON GLI BADA PIÙ PERCHÈ TUTTO PRESA A MIRARE IL QUADRO SUL CAVALLETTO) ma ch’è stato?

EGIDIO   – Zitto!

MICHELE  -(MORTIFICATO) No, questo purtroppo è un quadro…..

EGIDIO   – Zitto mi faccia concentrare.

ANIELLO  - Zitto! Statevi zitto!

MICHELE – Si, ma non mi dite niente; non mi mortificate. Questo purtroppoè un quadro….

EGIDIO    – Ah! Ora non mi dica che è già venduto; non mi faccia questa cattiveria se no bestemmio. Eh, il  furbo, la roba buona la tiene da parte. Dice: mo vedo se posso piazzare qualche bidone di questi.

ANIELLO      E’ cattivo lui.

MICHELE – Ma guardate, io volevo dirvi che questo quadro……

EGIDIO   – Non dica “quadro”, così, come una cosa da niente, Dica “ca-po-la-vo-ro”.

MICHELE – (STUPEFATTO) Beh, che vi devo dire? Io….

EGIDIO    – Oh, queste macchie, queste strisce sul viso, questa deformazione della realtà. Don Aniello, ma lei vede?

ANIELLO – (FINGENDO ANCHE LUI DI AMMIRARE LE BELLEZZE DEL DIPINTO) Oh! Io sono stupefatto.

EGIDIO      – Maestro, io la devo baciare (ESEGUE); Qua è veramente lei.Quando dipinge per la posterità.

ANIELLO   -  Lei è un uomo del tremila.

MICHELE  – (FACENDO IL MODESTO) Niente, niente, per carità, io non sono niente.

EGIDIO    – Via, non faccia il modesto: Queste sono pennellate nobili, metafisiche.

ANIELLO  -   Come vi invidio, come vi invidio! Ma come avete fatto?

MICHELE – Ma che ne so? Voi siete artista, lo sapete, sono cose che vengono così.

EGIDIO     – Don Aniello  non si lasci sfuggire quest’opera.

ANIELLO – (A MICHELE) Cinquecentomila lire.

MICHELE – Come?

EGIDIO      – Un milione.

MICHELE – Aspettate nu mumento. (VA A GUARDARE LA TELA COME PR     CONVINCERSI LUI STESSO CHE È PROPRIO VERO) Quant’è bello! Queste macchie, queste strisce. Ma comm’’ha fatto? Guardate, voi avete scelto   proprio quest’opera che io tengo così cara.

EGIDIO      – Vuole mercanteggiare.

MICHELE – Ma voi avete riflettuto bene sul significato di questo lavoro? Ma ch’è fatto na pazziella?

EGIDIO -    Lei deve anche considerare, però, che il suo è un nome oscuro. Lei è un uomo del tremila. Ma da qua al tremila ce ne vuole.  Mi concedano di essere arbitro: tremilioni e non ne parliamo più.

ANIELLO  -  Se no ce ne andiamo.

MICHELE – (SUBITO) Accetto. Non vi voglio scontentare.

ANIELLO – Mo vi do subito i soldi. (FA L’ATTO DI PRENDERE IL PORTAFOGLI)

MICHELE – Si, si, bravo.

EGIDIO     – No, un momento.

MICHELE – Ch’è stato?

EGIDIO    – No, dico, questo non lo possiamo portare via subito. Ci sono delle pennellate ancora fresche.

ANIELLO - Ora ce ne andiamo e domani saremo qui per ritirarlo.

MICHELE – (DELUSO) Non sarebbe meglio stasera? Quello si asciutta.

EGIDIO     – Meglio domani; non c’è necessità di affrettarsi.

MICHELE – Giusto, giusto.

EGIDIO     – Naturalmente abbiamo la sua parola d’onore che il dipinto è nostro.

MICHELE – Si, si, state sicuri…lo troverete qua.

EGIDIO  – Grazie. Arrivederci, maestro; a domani.

ANIELLO - Non ci accompagni, stia comodo; arrivederla. (ESCONO DALLA COMUNE).

MICHELE – (A MANI GIUNTE E LEVANDO GLI OCCHI AL CIELO) Io te credo, te credo. (AVVIANDOSI FRETTOLOSAMENTE VERSO LA PORTA A SINISTRA E CHIAMANDO) Luisa, Luisa….(ESCE).

FELICINA – ( INTRODUCENDO PIETRO E PIPISTRELLO) Accomodatevi, lo studio del maestro è questo. Quello mo stava qua. Lo vado a chiamare.

PIPISTRE. – Senza urgenza. Anzi, senti, tu tiene ‘a faccia d’’a guagliona intelligente; se lo    puoi trattenere un poco dentro, noi vorremmo osservare bene tutti i quadri prima che viene lui.

FELICINA – (FRA SE) Ma chiste fossere mariuoli?

PIETRO     – (DANDOLE UNA MANCIA) Tieni; questo per comprarti un fascio di fiori.

FELICINA – A me? Grazie signò, grazie. Come si vede subito la faccia delle persone perbene. (AVVIANDOSI PER USCIRE A SINISTRA) Aspettate, mo vedo che posso fare.

PIPISTRE. – (RICHIAMANDOLA ) Gue, gue, bella. Però senza far capire niente al maestro, mi raccomando.

FELICINA – Signò, e che so’ scema? (FRA SE CON TONO DI DISPREZZO) ‘O maestro! (ESCE)

PIPISTRE.- (SUBITO)Voi guardate di la e io di qua. (GUARDANO FRETTOLOSAMENTE, CON ANSIA, FRA I QUADRI COME CERCANDO QUALCOSA).

PIETRO – Io non vedo niente.

PIPISTR. – E nemmeno io. Aspettate, che scemo; quello sta qua, è naturale. Sta ancora sul cavalletto.

PIETRO – (VA A GUARDARE) Ma siete sicuro che si tratti di lei? Io non trovo nessuna rassomiglianza.

PIPISTR. – Cavaliè, lasciatevi pregare ca voi state in mano all’arte. Allora ‘o giurnalista, ‘o reporter, io comm’’o facevo. Io so’ meglio ‘e nu detective. Io l’ho vista entrare

                  nel palazzo, so’ salito sul terrazzo di fronte e col mio binocolo speciale mi sono messo a guardare tutti i balconi. Don Piè, e c’aggio visto!

PIETRO – (IN ANSIA) C’avite visto?

PIPISTR. – Al primo piano, una vecchia che si lavava i piedi dentro un secchio.

PIETRO – Va bene, questo non mi riguarda.

PIPISTR. – No, io vi devo far capire come ho lavorato bene, con quanto zelo; quantu tiempo aggia perduto.

PIETRO – Ma quello può venire da un momento all’altro.

FELICINA – (DALLA PORTA A SINISTRA) Stammo a posto, fate con comodo; (RIDENDO PUDICA) Sta dint’’o bagno. La moglie nemmeno c’è. Hanno litigato. Lei ha fatto bruciare la salsa sul fuoco e così, dentro i nervi, ha buttato la caccavella a terra e se n’è uscita. Fate, fate, io faccio ‘a spia; mi metto a sentinella fuori al bagno (ESCE PER LA PORTA A SINISTRA).

PIETRO – Dicevamo?

PIPISTR. – Al secondo piano ….

PIETRO – Ma che m’importa a me del secondo piano?

PIPISTR. – E no, voi mi dovete sentire. Io ho fatto le acrobazie per prendere tutte  le angolature.M’aviveva vedè: accuvato, contorto, cu stu binocolo sempre accussì, puntato.

PIETRO   – Ho capito, ma…

PIPISTR. – Mi dovevate vedere quanno m’aggio avuta mettere accussì, ncopp’’a unu pero.

PIETRO  – Ma perché?

PIPISTR. – Per diventare più lungo, pe’ me stennere. Eh, e che ne sapete? Io addevento luongo, curto, sicco, chiatto; per fare il mio mestiere ce vo’o curaggio d’’o lione, l’astuzia della volpe e l’agilità della pulce. E, modestamente, Florestano Pipistrello queste qualità le tiene.

PIETRO     – Ma, mi volete dire….

PIPISTR.    – Si, si, scusate! Vi dicevo: al terzo piano non ho potuto vedere bene perché, capite, a un certo punto ‘o sole me deve ncapo. E allora m’aggio fatto nu cappellino ‘e carta cu nu foglio ‘e giurnale. (PRENDENDO IL CAPPELLINO DI TASCA) Guardate se dico bugie, ‘o tengo ancora cca. (SE LO METTE IN TESTA) Stevo accussì. Stavo quasi per rinunciare quando proprio all’ultimo piano, zacchete, la vedo.

PIETRO   – Ma siete sicuro che si trattasse proprio di mia figlia?

PIPISTR. – Ma vulite pazzià? Ma allora chi songh’io? Era proprio vostra figlia...Don Piè voi veramente fate? Don Piè vuie me sentite? Don Piè….

PIETRO – E non mi chiamate sempre “Don Piè”; pare che dicessero “Don Piecoro”.

PIPISTR. – Ah, si, si, scusate, avete ragione; può sembrare un’allusione.

PIETRO – (GUARDANDO DI NUOVO LA TELA SUL CAVALLETTO) Però, io insisto che con il volto che si intravede appena dietro questo velo, mica la si può riconoscere facilmente.

PIPISTR. – Ah, il volto? Ma il corpo, i fianchi, so’ proprio lloro.

PIETRO –  E che ne sapete voi?

PIPISTR. – Io? No, e che ne saccio? Dico così..tante volte l’immaginazione…chillo po’ce mette ‘nomme sotto.

PIETRO –  Il nome?

PIPISTR. – Se capisce.

PIETRO – Zitto, zitto!!!Pazza, pazza! Pipistreè, bisogna acquistare il quadro ad ogni costo e distruggerlo subito.

PIPISTR. – Ma si, noi lo distruggiamo, o’bbruciammo; io poi prendo le ceneri e le sotterro. Cavaliè, stae in mano all’arte.

PIETRO – (GUARDANDO LA TELA) Oh, Marina, Marina! Non lo dovevi fare questo a papà tuo.

FELICINA – (DI DENTRO) E aspettate, signò, vulite sentì buono?

MICHELE – (VENENDO IN ISCENA SEGUITO DA FELICINA) Ho capito, ho capito che mia moglie è uscita. Si nun l’aggio truvata?! Tu che vuo ‘a me stammatina?

FELICINA – E voi passate mentre sto lavando a terra; mi lasciate le peste sul pavimento.

MICHELE – Le peste! Statte zitta, cretina. (VEDE PIPISTRELLO E PIETRO) Ma avete chiamato i muratori?

PIPISTR. – (TOGLIENDOSI SUBITO DI TESTA IL CAPPELLO DI CARTA) Uh, scusate, mi ero distratto.

MICHELE – No, scusata voi se non vi ho visti subito e non ho salutato. Ma chella st’imbecille si prende confidenza. Va, va, te sta chiammanno ‘a mazza ‘e scopa dint’’a cucina. Vai a ramazzare.

FELICINA – (BORBOTTANDO MENTRE SI AVVIA PER USCIRE) Ma vuie verite nu poco: Hadda venì Mio Mao.

MICHELE – E chi è?

FELICINA – L’imperatore d’’e cinese (ESCE PER LA PORTA A SINISTRA)

MICHELE – Scusate, eh? Questa è una macchinetta che in casa fa ridere a tuttu quante. Sono il pittore Michele De Vincenzo, e voi?

PIETRO – Io sono il cavaliere ….

PIPISTR.–(INTERROMPENDOLO SUBITO) Esposito, Francesco Esposito. (AMMICCANDO A PIETRO DANDOGLI DI GOMITO AL FIANCO) Un nome comune come quanto mai, e io sono Passerotto, Pasquale Passerotto. ( SMORFIA)

MICHELE – Piacere tanto.

PIPISTR. – (SOTTOVOCE A PIETRO) Sempre nomi falsi. ‘O Pipistrello no, ‘o Pipistrello ‘o cacciammo doppo.

PIETRO – Veniamo al dunque. Maestro, ho comprato un appartamento nuovo ed avrei bisogno di qualche piacevolezza per le pareti.

MICHELE – E vi siete diretto bene. Giratevi intorno. Qua state in un giardino; scegliete il fiore che vi piace e coglietelo. Mi permetto di sottoporre alla vostra attenzione soprattutto questo piccolo gioiello: “Marina …..

PIETRO – (SUBITO SUSSULTANDO NELL’UDIRE QUEL NOME) Chi’ Dove sta? Quale Marina?

MICHELE – (IMPAURITO) Ma ch’è stato?

PIETRO – Voi avete detto Marina, ma che Marina dite?

MICHELE – E che marina devo dire? “Marina verde”; è il titolo di questo quadro.

PIPISTR. – (SOTTOVOCE A PIETRO) Mena botte, mena botte. Vo fa ‘o ricatto. (AD ALTA VOCE) No, sapete cos’è? Il signore qua, che non ha figli, mettiamolo subito in chiaro, non ha figli ….da giovane si imbarcò sopra un mercantile ed ha fatto il marinaio per tutta la vita. Perciò, quando sente la parola marina, le vene ‘o male ‘e mare.

MICHELE – Guardate nu poco !E vedete questo qua, una cosa riposante, che da proprio il senso della terra ferma “Cimitero sereno”.

PIPISTR. – No, no, e non se mette ‘o cimitero dint’’a casa?

MICHELE – Ma io non so, vedete voi stesso quello che vi piace.

PIPISTR. – Ah (FINGENDO DI VEDERE LA TELA SUL CAVALLETTO) Aspettate, aspettate: Cavaliè, qua, qua; guardate che capolavoro, che cosa bella. Mi ha folgorato!

PIETRO – Oh! Stupefacente, straordinario! (FRA SE) Ma allora è vero?

PIPISTR. – Guardate queste pennellate così, quà e là. I colori danzano, suonano; cheste so note musicali!

PIETRO – Che armonia misteriosa.

PIPISTR. – E com’è che il vostro nome non sta ancora tra i grandi?

MICHELE – Eh! La fortuna e cieca.

PIETRO – Basta, basta, non voglio vedere più niente. Ho trovato, compro questo.

MICHELE – E’ ‘na parola!

PIETRO – Ma come?

MICHELE – Purtroppo, signori miei, questa opera eccezionale che io ho fatto, è già venduta.

PIETRO – Venduta?

PIPISTR. – (DANDOGLI DI GOMITO) ‘O ricatto, ‘o ricatto.

PIETRO –  Maestro, io a questa tela non ci rinunzio.

MICHELE – Ma vi sto pregando che l’ho gia venduta.

MICHELE – Ho dato la mia parola; non verrei meno neanche per tutto l’oro del mondo.

PIPISTR. – Scusate, permettete che dico una parola in disparte al cavaliere?

MICHELE – Prego, prego, fate le vostre considerazioni. Vedete bene, qua ce stanno tante cose.

PIPISTR. – (IN DISPARTE A PIETRO) Cca ‘o fatto è niro. Questo, secondo me, l’acquirente del quadro è stato mandato da avversari politici che vogliono gettare il fango sul vostro nome per far cadere la vostra famiglia.

PIETRO – Dite?

PIPISTR. – E pecchè si no che se l’accattava sta schifezza?

PIETRO – E fra poco ci saranno pure le elezioni (AGITATO) Pazza, pazza!

PIPISTR. – Non perdete la calma, affidatevi a Pipistrello.

PIETRO – Ma si, si, certo.

PIPISTR. – (A MICHELE) Dunque, noi abbiamo fatto le nostre considerazioni.

MICHELE – E allora? Iammo, ho capito bene, invovino. Voi Volete Marina….

PIETRO – (DI SCATTO E ALL’UNISONO CON PIPISTRELLO) Oh, Marina, Marina… ha detto Marina (E DANDOSI IL GOMITO L’UN L’ALTRO).

MICHELE – Ah gia, scusate. M’ero dimenticato d’o male ‘e mare e stevo dicenno n’ata vota “Marina verde”

PIPISTR. – (MASSAGGIANDOSI IL BRACCIO COLPITO DALLE GOMITATE DI PIETRO) Cavaliè, ma tenite nu braccio ‘e fierro!

PIETRO – ( A MICHELE) sentite, concludiamo. A me queste pagliacciate non mi piacciono: Io ho capito che devo subire e subirò. Io so’ commerciale, quanto v’aggia da?

MICHELE - Ma vi ho già detto che ho dato la mia parola. Non posso venir meno nemmeno per tutto l’oro del mondo.

PIETRO     -  Cento...duecento....trecento milioni!

MICHELE - ( FOLGORATO ) Come avete detto?

PIETRO     - Ho detto trecento!

MICHELE - Si, ma c’era un’altra parola che non ho capito bene. Finiva in “ila” o in “one”?

PIPISTRE  - ( A PIETRO ) Fà ‘o spiritoso.

PIETRO     - Ho detto : “ Trecento milioni ! “

MICHELE - ( A SE STESSO AL COLMO DELLO STUPORE ) Nunn è possibile, nun po' essere.

PIETRO     - ( CON IRONIA MASTICANDO LE PAROLE ) Perchè non potete venire meno alla parola, è vero? Ho capito, cinquecentomilioni!

MICHELE - ( PIEGANDO LE GINOCCHIA ) Vengo meno!

PIPISTRE  - Alla parola ?

MICHELE - No, vengo meno io. Scusate mi è venuto un piccolo capogiro. Io vado soggetto a queste crisi. Datemi il permesso, mi devo andare a bere un bicchiere d’acqua, se no non posso ragionare bene. Aspettatemi quà, non ve ne andate, vengo subito.

                        ( ESCE PER LA PORTA A SINISTRA )

PIPISTRE   - Cavaliè, le cose procedono bene.

FELICINA - ( ENTRANDO DA SINISTRA ) Signò, fate con comodo. stà dint’o bagno.

                        ( ESCE A SINISTRA )

PIPISTRE  -  Ma chesta che ffà ‘a guardiana d’’e gabinette?

LUISA       -  ( ENTRA DALLA COMUNE NOTA I DUE E SALUTA SECCAMENTE )

                        Buongiorno. ( SI METTE DAVANTI AL CAVALLETTO E GUARDA IL QUADRO CON ATTEGGIAMENTO DI SFIDA E DI DISPETTO )

PIPISTRE  - ( SOTTOVOCE A PIETRO ) A vì lloco...

PIETRO     - Chi?

PIPISTRE -  L’acquirente d’a tela.

PIETRO    -  Scusate signora, siete forse interessata a quest’opera?

LUISA       -  Che cosa?

PIPISTRE - La volete comprare?

LUISA       - Io?

PIPISTRE - No perchè ve la sconsiglio. E’ na porcheria, è na schifezza.

LUISA       - A chi ‘o dicite? E’ po' che comprerei, ‘o ritratto e na’ prostituta?

PIETRO    - Prostituta?

LUISA        - Si e come no, non lo sapete? La modella di questo quadro se tene ‘o pittore.

PIETRO     - Ma che dite? Quella è una bambina!

LUISA        - Si è bambina è ffà e’mmorze grosse. E poi, io lo so e lo deve sapere tutta Napoli. Quello proprio stamattina stava quà e io li ho visti che si baciavano. Però nunn’o ssape stu quadro addò và a fernì. Statene certi, se la tiene, se la tiene. (ESCE A DESTRA)

PIETRO      - E addò và a fernì stu quadro?

PIPISTRE   - E’ chiaro, è proprio come ho detto io. Và in mano agli avversari politici. Questa signora già stà facendo propaganda nel popolo. Chilli proprio sotto elezioni , fanno ascì  ncopp’a tutt’e giurnale...” La figlia di....”

PIETRO      - Pazza, pazza!

MICHELE  -  (RIENTRANDO) Dunque, io ho riflettuto. Che vi devo dire? Sebbene con un certo scrupolo, cedo alle vostre insistenze e accetto.

PIPISTRE   - ( SOTTOVOCE ) Evviva il mio ingegno.

PIETRO      - ( SOTTOVOCE ) Evviva i miei soldi.

MICHELE  - ( TREPIDANDO ) Ma che cos’è? Vedo che parlate un’altra volta sottovoce. Dovete fare altre considerazioni? Non siete ancora decisi? No perchè io adesso ci ho messo il pensiero...ho messo il pensiero a lasciare la mia creatura in mani cosi degne ed amorevoli.

PIETRO     - Maestro, magari ritocchiamo un poco il prezzo.

MICHELE - Ma si ritocchiamo qualche cosuccia, vi voglio venire incontro.

PIETRO     - Statemi bene a sentire, invece di cinquecentomilioni.......Vi darò seicentomilioni.

MICHELE - Sentite io vi avverto, se siete qualcuno che non ha niente a che pensare e andate prendendo in giro la gente...io vi scasso na seggia nfaccia!

PIPISTRE  - (INDICANDO PIETRO) Vi sembra faccia da scherzi questa?

MICHELE - (TENDENDO LA MANO A PIETRO) E allora vuol dire che siete un anima onesta e un grande intenditore. Accetto tutte le postille.

PIETRO     - La postilla riguarda la modella, capitemi bene, la modella.

MICHELE - Ma quale modella?

PIPISTRE  - Sentite, non fate così. Come quale modella? Io l’ho vista. Quella che stava qui stamattina cu na pezza nfaccia.

MICHELE - Ah, quella lì? Ma quella non c’entra proprio, chi a’ sape?

PIPISTRE - (SOTTOVOCE) Ha capito, ha capito tutte cose. Chillo s’ha tene, nunn’a cunosce?

MICHELE - Quello è un soggetto di fantasia.

PIETRO     - Bravo, proprio così dovete dire. Siete un vero gentiluomo.

MICHELE - Ma è la verità.

PIETRO     - (COMPIACIUTO A PIPISTRELLO) Bene,bene.(A MICHELE) Però....

MICHELE - Natu però?

PIETRO     - ...Sulla vostra parola di gentiluomo ci dovete promettere che non la vedrete mai più.

MICHELE - A chella llà? P’ammore e Ddio, e chi ‘a vò verè cchiù? Chella se n’hadda jì dint’a nu manicomio.

PIETRO     - (FRA SE) Pazza, pazza.

PIPISTRE   - (A MICHELE) No sapete che cos’è? Il cavaliere non vorrebbe ca vuie facisseve n’atu quadro rassomigliante. Capite, uno che paga tanta solde vuole essere sicuro di tenere una cosa rara, unica.

MICHELE - Ma non vi preoccupate proprio. Quello è un quadro di fantasia. è po' la ragazza che dite voi è una schifosetta, na porcelluzza. Vedite llà, na criatura ca hadda zucà ancora ‘o biberò...mmieze ‘e balletti rosa, ‘a droga. Vi assicuro che non la vedrò mai più. Vi ripeto, questo è un quadro di fantasia.

PIETRO     - (AMMICCANDO COME SOPRA) Di fantasia, si si, di fantasia.

MICHELE - Io l’ho vista solo stamattina. Si ‘a ncontro mmieze ‘a via, nun a cunosco cchiù.

PIETRO     - Bravo, bravo ora vi firmo subito l’assegno.

PIPISTRE   - (SOTTOVOCE) No, no ma che site pazzo? Venite quà, sentite.

MICHELE - Mò sò porta nata vota in disparte.

PIPISTRE  - (SOTTOVOCE) Ma che fate? Menu male ca ccà ce stà Pipistrello. Ma come, diamo i nomi falsi e poi voi firmate l’assegno col vostro nome vero? Chillo se fà na’ fotocopia e ‘a fà pubblicà ncopp’e giurnale.

PIETRO   - Giusto, giusto non ci avevo pensato. (A MICHELE) Sentite maestro, io per ragioni mie personali , assegni non ne posso rilasciare.

MICHELE - Volete fare a cambiali?

PIETRO     - Ma che cambiali? In contanti.

MICHELE - Ma si, io accetto pure i contanti. Che me ne mporta a mme dell’assegno.

PIETRO     - Il fatto e che io non cammino con una tale somma addosso.

MICHELE - E addò aggia venì?

PIETRO     - Venite in via....

PIPISTRE  - No,no che via? (A MICHELE) Addò vulite venì? Veniamo noi quà al massimo trà un’ora. Veniamo con i soldi e facimme ccà ‘e pezze e ccà ‘o sapone.

MICHELE - Ma non è che cambiate idea? No perchè se viene l’altro acquirente, io ce l’ho dò.

PIETRO    - No, non vi preoccupate. Perchè trà un’ora? Noi al massimo dieci minuti e siamo quà. Nuie tenimme ‘a macchina abbascio ‘o palazzo.

MICHELE -Ottimamente, vi accompagno alla macchina. (TRA SE) Per ogni chi sà, me piglio ‘o nummero e targa.

PIETRO     - (AVVIANDOSI AD USCIRE CON PIPISTRELLO) Ma no, non è il caso.

MICHELE - No, no per carità. Persone così ragguardevoli. (I DUE SI AVVIANO) Il tempo d’infilarmi la giacca e vi reaggiungo. (PRENDE LA GIACCA DA UNA SEDIA E LA INFILA MENTRE LUISA APPARE SOTTO LA PORTA A DESTRA E LO GUARDA. MICHELE PASSANDO DAVANTI AL CAVALLETTO SI FERMA A GUARDARE IL QUADRO POI LO PRENDE E LO BACIA Più VOLTE) Bella, bella, bella. (VIA DI CORSA PER LE SCALE)

LUISA         - Uh, stù disgraziato s’ha vase pure.

GAETANO - (ENTRA DALLA COMUNE CON UN SACCO SULLE SPALLE E GRIDANDO VERSO L’ESTERNO) Eh, è cheste che maniere sò?

LUISA         - Che succieso? Che è stato?

GAETANO - Niente, nu signore currenno me steve menanno nterra.

LUISA         - E’ chillo mò tiene il pepe dove sò io , il signore.

GAETANO - Signò scusate, io nun vulesse perdere tiempo. Voi mi avete detto: “ Dopo salite “.

                        E io sono salito, ma sapete ‘o sapunaro è nu mestiere ca s’hadda cammenà assaie. Iamme, che m’avita dà?

LUISA          - Subito ve ne faccio jì, venita ccà. ‘O vedite stù quadro?

GAETANO - Bello, chi l’ha fatto ‘o piccerillo vuosto?

LUISA         - Quante me vulite dà?

GAETANO - Signò, e me facite fà stà scala? Io che ne faccio? A chi ‘o dongo ?

LUISA         - Niente, nun voglio nienete. M’avita fà solo nu favore, l’avita mettere mmieze ‘e pezze vecchie e ve l’avita purtà. Faciteme stù favore.

GAETANO - (TOGLIENDO LA TELA DAL CAVALLETTO) Ma pe senza niente me fà brutto. Iamme mettitece nata cosa vicino e ve dongo na mazza e’ scopa.

LUISA          - No, v’aggio ditto nun voglio niente. L’avita mettere mmieze ‘e pezze vecchie, llà hadda stà.

GAETANO - (METTENDO LA TELA NEL SACCO E DANDOLE UNA SCOPA) E’ và bene. Ma v’assicuro ca ce perdo.

LUISA          - Grazie, grazie purtataville.

GAETANO - E’ chisto è frisco pure, m’avessa spurcà ‘e pezze? Stateve bbona signò, nata vota chiammateme pe n’affare migliore. (VIA).

LUISA         - (METTENDO LA SCOPA SUL CAVALLETTO E RICOPRENDOLA CON UN PANNO) A vì ccanna ‘a vì, chesta è “ Venere Misteriosa “.

ROSARIA   - (ENTRA DALLA COMUNE TUTTA AGITATA SEGUITA DA FELICINA)

                        Che ho passato, che ho passato. Addò stà don Michele?

LUISA         - Ma che vulite?

ROSARIA   - Che voglio? E’ stato isso c’ha ditto al commissario della buoncostume:

                    “ Sissignore, una donna è scappata mmò mmò per le scale “. Io proprio in quel momento steve ienno ‘a ffà nu poco e spesa. Quelli non hanno voluto sentire ragioni. Mi hanno presa e mi hanno portata in questura.

LUISA         - Ma che state dicenne? Io nun saccio niente e stù fatto.

ROSARIA - E già, nun sape niente. Ve faceva comodo ca m’arrestavano, eh? Ogge, ogge stesso ve n’avita jì. Nun voglio aspettà nisciuno lunnerì. Voglio essere pagata, voglio essere pagata!

MICHELE - (ENTRANDO) E’ sarete pagata!

LUISA        - Ma che fatto? E fatto arrestà ‘a donna Rosaria?

MICHELE - Io? E che ssò ‘o quistore?

ROSARIA  - ‘O cummissario Melacotta, nun’o sapito ‘o cummissario Melacotta?

MICHELE - Ah, Melicotto? Aggio capito, ccà è succieso nu mbruoglio.

ROSARIA - Avite ditto ca io aggio scavalcato ‘o balcone. E’cuscienza chesta? Vedite, io ero ‘o tipo e jì scavalcanne ‘e balcune?

MICHELE - Ma scusate, facite spiegà....

ROSARIA  - Niente, nun voglio sentì niente e non voglio spiegazioni. Ve n’avita jì!

MICHELE - Eh, è me ne vaco! Chi ce vò stà cchiù dint’a stà penziona schifosa? Ma qualu lunnerì? Stasera me ne vaco. Luì ce ne iammo ‘o Royal, all’Excelsior. Tu che vulive ‘o cappotto? Ma pecchè nu visone te facesse schifo? Nun te piace ‘o visone?

LUISA        - (A MANI GIUNTE VERSO IL CIELO) No, chesto nun me l’aviva fà. Chisto è asciuto pazzo

MICHELE - Sò asciuto pazo? E’ mò t’ho faccio vedè frà poco si songo asciuto pazzo. Luì miettete a cchiagnere. Aggio vennuto nu quadro pe cinquecentomilioni. Cinquecentomilioni?

ROSARIA   - Cinquecentomilioni?

FELICINA  - Sarrà n’ata palla!

MICHELE - Seicentomilioni!

LUISA        - Addò stanno?

MICHELE - (SCOPRENDO IL  CAVALLETTO) Stanne ccà. (SI AVVEDE DELLA SOSTITUZIONE DELLA TELA CON LA SCOPA) Uh Maronna! E’ che stato? Addò stà Venere Misteriosa? Cacciatela, nun facimme nzepetarie.

FELICINA- (RIDENDO) Uh, se ne fuiuta Venere Misteriosa.

MICHELE - Io te rompo a’ faccia. Io faccio venì ‘o ffuoco eterno, gli ultimi giorni di Pompei. Cacciate a Venere Misteriosa. Addò e gghiuta ‘a fernì?

LUISA       - Dateme na dose ‘e veleno, sparateme. (CORRENDO VERSO IL BALCONE) Mò me mengo abbascio!

MICHELE - Ma che fatto? Parla, po' magari abbascio te votto io. Parla!

LUISA     - (SMETTENDO DI PIANGERE, SECCA) Ce l’aggio dato a nu sapunaro. (SIEDE DI COLPO)

MICHELE - (CERCANDO DI LANCIARSI VERSO LUISA MENTRE ROSARIA E FELICINA LO TRATTENGONO) Io t’accido, t’accido!

LUISA        - Ma io che ne sapevo.

PIPISTRE  - (ENTRANDO CON PIETRO CON UNA VALIGETTA IN MANO) Noi siamo quà.

MICHELE - (GLI STRAPPA LA VALIGETTA DALLE MANI L’APRE E FA’ VEDERE I SOLDI A TUTTI) E vedite e seicentomilioni? ( A LUISA ) E’ vide?

LUISA        - (GUARDANDO) Quante sò belle. (SCOPPIA A PIANGERE)

PIETRO     - Ma che succede?

MICHELE - Na tragedia, cavaliè ‘o terramoto. Questa donna deficiente non sapendo il valore della mia opera, ha pigliata a Venere Misteriosa e l’ha data a nu sapunaro.

PIETRO     - Ma è la fine del mondo!

MICHELE - No è ‘a fina mia, io moro.

PIPISTRE  - Ma che fine del mondo, aspettate. Voi state in mano all’arte. Mò subito ‘o trovo. (LUISA) Signò addò stà e casa stù sapunaro?

LUISA        - E io si ‘o sapevo, aspettavo a vuie? Chillo passava ccà sotto c’o carrettino e io l’aggio fatto saglì.

MICHELE - Dateme na pistola, na baionetta, nu martiello!

LUISA        - Aspettate, io ‘a casa nunn’a saccio. Però m’ha ditto ‘o nomme.

PIPISTRE  - E’ chesto è importante, comme si chiamma?

LUISA        - Se chiammava...se chiammava....(SCOPPIANDO A PIANGERE) Nun m’o ricordo cchiù, nun m’o ricordo cchiù.

MICHELE - Ma come? Sfrutta il cervello, spremiti le meningi. (FA L’ATTO DI DARLE UN PUGNO IN TESTA)

LUISA        - E’ un nome che finisce in “ ano “.

PIPISTRE  - Gaetano.

LUISA        - No.

PIPISTRE  - Adriano.

LUISA        - No.

PIPISTRE  - Luciano.

LUISA        - No, no é n’atu nomme:

PIPISTRE  - Romano, Vitaliano, Florestano, Valeriano, Mariano....

LUISA         - (COME RICORDANDO) Aspettate...aspettate...nun m’o ricordo cchiù, nun m’o ricordo cchiù...(PIANGENDO COME SOPRA)

PIPISTRE  -  Calma, calma, non perdiamo la calma. Mettiamoci tutti alla ricerca del saponaro sotto la mia direzione e lo troveremo ugualmente. L’ “ano “ ci basterà.

FINE I ATTO


SECONDO ATTO

lA STESSA SCENA DEL I ATTO. TUTTI I QUADRI E GLI ATREZZI DA PITTORE SONO SPARITI; LA LIBRERIA E’ VUOTA E SENZA SCAFFALI. IN UN ANGOLO SI VEDONO AMMUCCHIATE DIVERSE VALIGIE, PACCHI ED ALTRI OGGETTI CHE EVIDENTEMENTE ATTENDONO ANCORA SISTEMAZIONE.

 ALL’ALZARSI DEL SIPARIO, MICHELE E’ SEDUTO PRESSO IL TAVOLINO E SI APPLICA DELLE PEZZUOLE BAGNATE SULLA FRONTE.

 DAVANTI A LUI SI VEDE UN BACILE PIENO D’ACQUA. DISTANTE DA LUI QUASI VERSO LA PORTA DI SINISTRA, E’ SEDUTA LUISA CON UN   FAZZOLETTO IN MANO.

MICHELE      - ‘A capa! Uh, mamma mia e che dulore ‘e cape!

LUISA            - (TIMIDAMENTE, PIU’ ACCENNANDO CHE PARLANDO) T’’e mett’io?

MICHELE      - (PERENTORIO) No!

LUISA            - (CHINA ILCAPO E PORTA IL FAZZOLETTO AGLI OCCHI COME PIANGENDO IN SILENZIO)

MICHELE      - Niente, niente, nun ce sta niente ‘a fa! Nun te voglio vedè cchiù, nun te voglio sentì cchiù. Haie voglia ‘e chiagnere. Tu ncopp’’a terra e io ncopp’’a luna.

LUISA            - E ce avimma spartere accussì?

MICHELE      - Accussì. Mo ca scenimmo ‘a cca ncoppo ognuno p’’a strada soia e chi s’è visto s’è visto. ‘O guaglione resta in colleggio e penso a tutto io. Seicentomilioni, me veneno a truvà dint’’a casa mia e tu m’’e cacce for’’a porta. Niente, niente, è fernuta. Tu ncopp’’a a terra e io..... a ‘o manicomio. Pecchè io llà vaco a fernì.

LUISA            - Ma pecchè, nun po' essere ca faie n’atu quadro importante comm’’a chillo? Tu si n’artista.

MICHELE      - E si, si, ‘o vi ccanno, mo faccio nu capolavoro ampressa ampressa. (TRACCIANDO DEI SEGNI NELL’ARIA) Zac, zac. Vire quanto è bello, vedi che perfezione!

LUISA            - (DISTRATTA LEVANDO GLI OCCHI CHE TENEVA ABBASSATI) E cher’è?

MICHELE      - (SECCO) Il ritratto dell’uomo invisibile! (SCATTANDO) Ma che hadda                                 essere?  Che pozzo fa io?

LUISA            - Ma po’ essere ca se trova ‘o quadro.

MICHELE      - (SUL PUNTO DI GRIDARE DI NUOVO) Ma che s’hadda ... (TRATTENENDOSI E SFORZANDOSI DI PARLARE PIANO) Ma che s’hadda truvà? Dopo cinghe giorne ‘ ricerche inutili tu suonno ancora? Uno ave chella furtuna se fa truvà cchiù? Chillo, ‘o sapunaro, s’è fatto fa na plastica facciale e se sta magnanno ‘milione mie. Niente, niente, Luì nun ce sta niente a fa. Tu ncopp’’a terra e io ncopp’a’a luna.

LUISA            - Te ne vaie cu ‘a modella?

MICHELE      - Ecco, brava. Me ne vaco cu ‘a modella, me ne vaco cu chi voglio io. Tanto, tu ‘o ssaie già ca m’’a tengo. Ce spartimmo!

LUISA            - (RIMETTENDOSI A SEDERE) Ah, si? E, allora, va bene. Spartimmoce. Tu te ne vaie cu ‘a modella e io me ne vaco cu che saccio io.

MICHELE      - (PER NULLA CONVINTO) Ah, brava! Tiene a uno puro tu? Ottimamente, me fa piacere. Nu scupolo mancante.

LUISA            - Sissignore, quant’o vvuò sapè, tenevo ‘a uno pur’io. Veneva ccà quanto tu nun ce stive. Me l’aggio fatto trasì po’ balcone, comme facive tu.

MICHELE      - Brava, brava, fall’o trasì p’o balcone. Fall’o trasì primma ca ce ne iammo. O’ vulesse vedè pur’io. Io intanto scendo, vaco add’o falignamme ‘e rimpetto e me vaco a ordinà na cascia pe ce mettere ‘o riesto da rrobba mia a dinto.

LUISA            - (CON SOSPIRO) Ah!

MICHELE      - (CONTRAFFACENDOLA) Ah, è venuto ‘o mumento ‘o vì! ( POI DALLA SOGLIA DELLA PORTA A SINISTRA ) Felicì, porta nu bicchiere d’acqua, a signora s’hadda piglià ‘o Buscopan.

FELICINA     - (CON BICCHIERE D’ACQUA) Sentite vi avverto, chella ‘a cammera ‘a signora l’affittata già.

MICHELE      -E che c’entra?

FELICINA     - No, io veco ca v’accumminciate a sentì male.

LUISA            - (INDICANDO IL TAVOLINO) Miette l’acqua llà ncoppo e statte zitta.

FELICINA     - (ESEGUENDO) Ma che vulite a me, signò? Chille se sò prenotate pe telefono. Anzi donna Rosaria vò sapè si e po' fà trasì mò ca veneno.

MICHELE      - Dincelle ca po' fà trasì e ascì a chi vò essa. (FA PER USCIRE POI, RIVOLGENDOSI A LUISA) Te serve niente?

LUISA            - Niente.

MICHELE      - Ma comme. p’o trasloco nun te serve niente?

LUISA            - (IRONICA E DISPETTOSA) Me servono nu pare ‘e miliune, e tiene?

MICHELE      - (FACENDO L’ATTO DI DARLE UN PUGNO IN TESTA) Uh, chella tene ‘o curaggio ‘e nnummenà e meliune annanza a mme. Ma quant’è ca te spare? Quante t’ho faie venì nu travase e bile? Io tanto sò cuntente, he capite?  Tanno sò cuntento. (SI AVVIA PER USCIRE POI TORNA SUI SUOI PASSI, APRE LA BOCCETTA INGOIA UNA PILLOLA E VA’ VIA)

FELICINA     - Povero signore, jì comme stà. E avete già deciso addò ve ne iate ‘e casa?

LUISA            - Nennè, comme stonghe ogge te dongo nu muorze ca t’avveleno, cammina! (ESCE A SINISTRA CON FELICINA)

MELINA        - (INTRODUCENDO DALLA COMUNE IL BARONE ED IL MUTO) Prego, da questa parte. Guardate questa se vi piace. Aria e sole quante ne vulite.

BARONE       - Brava, chesta è proprio ‘a stanza ca fà pe nuie.

MELINA        - (INDICANDO A DESTRA) Ccà stà ‘a cammera matrimoniale, mò ve sparte dduie lettine.

MUTO            - ( FA’ DEI GESTI ED EMETTE DEI SUONI GUTTURALI )

MELINA        - Ma cherè?

BARONE       - Nono ci fate caso, purtroppo il mio compagno è muto. Quando vò chiammà pe quacche cosa sona na trumbettella ca porta sempe dint’a sacca. (AL MUTO) fà sentì. (QUESTI ESEGUE)

MELINA        - Ah, ho capito. E’ chesto s’hadda dicere ‘a cameriera.

BARONE       - Ah, ma non siete voi?

MELINA        - Io...? Io sò ‘a figlia d’’a padrona...

BARONE       - Ah, io vulevo dicere ca chesta nun era faccia e cammarare. Benissimo,  stamme a posto. Quando si libera?

MELINA        - Hanno già fatto ‘e valigie.

BARONE       - Benissimo.

MELINA        Sentite, se avete bisogno di riposarvi un poco, potete servirvi di quella camera che vi ho fatto vedere prima.

BARONE       - Grazie. Se permettete voglio godermi un poco stà bella affacciata, m’aggia fà ll’uocchie.

MELINA        Fate il comodo vostro. Se mi volete, stò in cucina. (VIA A SINISTRA)

BARONE       - Finalmente. (AL MUTO INDICANDO LA COMUNE) Guarda si vene nisciuno. (VA A GUARDARE  DAL BALCONE POI RIENTRA) E’ facile. ‘O balcone dell’appartamento affianco è comunicante. Se scavalca ‘o tramezzo e se trase.

MUTO            - (FA DEI GESTI)

BARONE       - E’ rischioso? ‘O ssaccio. Ma che vuò fà? Quanno chella ha lasciato a‘rrobba llà dinto. Sò milione ‘e lire. S’hadda recuperà.E s’hadda fa pure ampressa. A nu mumento a n’ato po' venì ‘a polizia e ‘o ponno truvà. Và, và, miettete ‘e sentinella dint’’o corridoio. Si vene quaccheduno sona ‘a trumbetta pe’ m’avvertì. Voglio dà nu sguardo pe’ me quadrà.

MUTO            -(ESCE PER LA COMUNE)

BARONE       -(SCAVALCA IL BALCONE ED ESCE)

LUISA            - (ENTRA DALLA PORTA A SINISTRA RECANDO DELLE PENTOLE - MICHELE LA SEGUE DALLA COMUNE)

MICHELE      - Tutto è fatto. Fra’poco arriva a cascia.

LUISA            - Fa chello che vuò tu. Io me sò chiusa.

MICHELE      - No, tu nun te può chiudere. (MENTRE LUISA, IMPERTERRITA PROSEGUE VERSO LA PORTA A DESTRA) Tu tiene ‘o dovere ‘e chiagnere, ‘e te tuzzà cu ‘a capa nfaccia o muro pe’ me dà suddisfazione. He capito? T’he ‘a tuzza cu ‘a capa nfaccia ‘o muro!

LUISA            - Si, si, dimane. Mo tengo l’emicrania (ESCE A DESTRA)

MICHELE      - (BATTENDO PIU’ VOLTE LA FRONTE CONTRO LA PARETE) Ah, ah, ah! Io me tozzo cu ‘a capa nfaccia ‘o muro. (VA SULLA SOGLIA DELLA PORTA A DESTRA E PARLA A LUISA) Mo vene pure ‘a modella. Me vene a piglià. ‘A faccia trasì p’’o balcone. He capito? ‘A faccio trasì (VEDE SOTTOCCHIO IL BARONE CHE RIENTRA - QUASI BALBETTANDO) ‘A faccio trasì p’’o balcone. (SI VOLGE VERSO IL BALCONE)

BARONE       - (GUARDA MICHELE IMBARAZZATO - SI DA’ UNA RASSETTATINA ALL’ABITO, GLI SORRIDE) Salve.

MICHELE      - (AL COLMO DELLO STUPORE, QUASI MECCANICAMENTE) Salve.

BARONE       - (FISCHIETTA PER DARSI UN’ARIA DISINVOLTA ED ESCE PER LA COMUNE)

MICHELE      - (FRA SE AL COLMO DELLO STUPORE) Ma, allora è vero? (POI CON DECISIONE, ANDANDO SULLA SOGLIA DELLA PORTA A DESTRA) Tu te cride ca io me ne ‘mporta? Può fa chello ca vuò tu. Fall’’o trasì p’’o balcone, p’’o fenestiello, pe’ dint’’a mascatura, manco p’’a capa.

PIPISTRE.      - (DALLA SOGLIA DELLA COMUNE) Permesso?

MICHELE      - (VERSO IL BALCONE) Avanti. (POI A PIPISTRELLO) Avanti

PIPISTRE.      - Mi aspettavate p’’o balcone?

MICHELE      - Scusate, scusate tanto, stevo distratto. Pipistrè io nun sto buono. Io credo che sto cominciando ad evere delle allucinazioni. Ecco: ‘O vvedite? Voi mo, per esempio, vi chiamate Pipistrello? E, chi sa pecchè, dint’’a capa mia me veneva “Passerotto, Passerotto”. Pipistrè, io poco fa ho visto entrare un uomo.

PIPISTRE.      - Embè?

MICHELE     - P’’o balcone, Pipistrè.

PIPISRE.        - E forse qualcuno che aggiustava qualche filo. Che so, luce, telefono, qualche antenna televisiva.

MICHELE      - E già, è possibile! Io nun c’ avevo pensato.

PIPISTRE.      - Maestro, nun perdiamo tempo cu sti sciucchezze, pensammo a nuie.

MICHELE      - Giusto, giusto. Avete saputo quacche cosa?

PIPISTRE.      - (ANDANDO VERSO LA COMUNE) Eh, io stò facenno ‘na ricerca sbalorditiva. Aggio visionato muntagne e muntagne ‘e pezze vecchie.

LUISA            - (ENTRANDO CON UNA VALIGIA E UN GROSSO PACCO) Io me ne vaco.

PIPISTRE       - Addò iate?

LUISA            - Addu mia sorella.

PIPISTRE       - Add’a sorella?

MICHELE      - Si, abbiamo deciso che in seguito alla disgrazia, ce spartimme. Mò vi dò il mio nuovo recapito provvisorio...

PIPISTRE       - E’ che siete pazzo? Io ho bisogno della signora. Cu chi ‘o faccio ‘o cunfronte , cu vuie ca nun ‘o canuscite? No, voi dovete stare quà, non vi dovete muovere se non vengo prima io con il saponaro.

MICHELE      - Ma chella ‘a padrona e casa ce ne caccia.

PIPISTRE       - Ma che n’adda caccià? Rumpiteve na coscia, faciteve venì na paralisi, ma vuie nun v’avita movere a ccà. Chille veneno e nun trvano a nisciune.

MICHELE      - Ma chi?

PIPISTRE       - E’ sapunare; io ho fatto mettere un annuncio sul giornale :  Cercasi straccivendolo per grande film realistico di grande regista inglese intitolato  “ L’uomo del sacco “.

LUISA            - Si, si tutte chello ca vulite vuie. Ma chella donna Rosaria e ddoie cammere l’affittate già.

MICHELE      - (SEDENDO STANCAMENTE) Pipistrè, nun ce stà niente a fà. Non lo troveremo mai.

PIPISTRE       - Quà ci vuole spina dorsale,polso, energia. Avita tenè ‘a molla ncuorpo, scattante comme ‘a tengh’io.On Michele, io me chiammo Pipisterello, ccà ‘o sapunaro s’hadda truvà. I milioni nostri nun s’hanna perdere accussì.

MICHELE      - Nostri?

PIPISTRE       - E dopo tutto quello che sto facendo voglio sperare che una certa percentuale me la riconocerete. (VIA PER LA COMUNE)

MICHELE - Secondo me chisto me precede.

LUISA            - Addò?

MICHELE      - A pazzaria

MELINA        -  (ENTRANDO) Don Michè, dice così mammà, voi vi doveste scordare di saldare il conto? Essa ve sta aspettando.

MICHELE - Mo veniamo.

MELINA        -(CANTICCHIANDO IRONICAMENTE MENTRE ESCE A SINISTRA) Vita d’’a vita mia te sto aspettanno.....(ESCE)

LUISA            - (TORCENDOSI LE MANI) Ah, si ‘a putessa fa na paliata.

MICHELE      - E’ ntiso? Donna Rosaria  ci stà aspettando.

LUISA            - Eh! S’hadda dicere ca po' c’è mannammo.

MICHELE      - Ce vaie tu?

LUISA            - Ce vaie tu.

MICHELE      - Iammoce assieme. (ESCE A SINISTRA INSIEME A LUISA)

BARONE       - (ENTRANDO DALLA COMUNE CON IL  MUTO) Ma chiste ancora se n’hadda jì? Io sto ncoppo ‘e spine.

MUTO            - (FA DEI SEGNI)

BARONE       - Si, si l’aggio viste pure io ca sò ghiute ‘a part’’e llà. (GUARDANDO VERSO IL BALCONE) ‘O difficile è a forzà l’imposte. ‘A polizia ha miso ‘e sigille. Ma non è un problema.

MARINA       - (ENTRANDO DALLA COMUNE) Si può?

BARONE       - Tu? E che faie ccà?

MARINA       - Quello che fai tu. Operazione recupero.

BARONE       - Ma si era detto che venivo io. Per te è pericoloso.....

MARINA       - (MOSTRANDO IL BALCONE)Guarda questo è il balcone che ho scavalcato.....

BARONE       - Questo l’ho capito già.

MARINA       - E dopo poco arrivò il maledetto, il commissario. Imbecille! Con quella faccia da primo della classe! Non se ne andava più.

BARONE       - Ma sei sicura che non ti ha visto bene in faccia?

MARINA       - Ma no... Avevo un velo qui.

MUTO            - (FA DEI GESTI)

BARONE       - Che vuò? Ah, ‘o giurnale spurtivo  (PRENDE DI TASCA UNA RIVISTA SPORTIVA) Tiè.

MUTO            - (SFOGLIA IL GIORNALE CON RELAZIONI ENTUSIASTICHE)

BARONE       Va, vattenne dint’a stanzetta ‘a part’’e llà e lieggiatillo (RIVOLTO AL MUTO CHE ESCE)

MARINA       - Di un po’ Barò, ma sto muto è na persona fidata?

BARONE       - Chi? ‘O schiavetto mio? Ma nun ce pensà proprio. Ormai sò due mesi ca sta cu me. L’ho comprato da Peppe lo sfregiato.

MARINA       - Comprato?

BARONE       - E’ una specie di cane fedele ,me serve . E’ po' dà fiducia pecchè nun po' cuntà niente a nisciuno.

MARINA       -   Si , si và bene, ma pensiamo a quello che dobbiamo fare.

BARONE       - E’ si nun se ne vanno chisti ccà? Io nun me pozzo movere.

LUISA            - (DI DENTRO) A’ polizia, ‘a polizia.

MARINA       - Oh Dio la polizia. Dove vado?

BARONE       - (INDICANDO LA LIBRERIA) Presto quà dentro. (MARINA ENTRA NELLA LIBRERIA E CI SI CHIUDE DENTRO)

LUISA            - (ENTRA DA SINISTRA SEGUITA DA MICHELE) Guardate nu poco. Chella pe quatte mesate dice che và a ricorrere ncoppa ‘a polizia. (NOTANDO IL BARONE) Guè, è chisto chi è?

MICHELE      - E’ chesto me l’he a dicere tu.

LUISA            - E’ io che ne saccio.

BARONE       - Permettete? Sono il nuovo inquilino che ha affittato la stanza.

MICHELE      - Ma vuie primma site trasute p’o balcone.

BARONE       - Volete scherzare? Io stavo fuori al balcone e poi sono rientrato. Stavo guardando il panorama.

LUISA            Scusate tanto, quello mio marito stà nervoso e nun sape chello che dice.

MICHELE      Io nun saccio chello ca dico? Si tu che me miette cierti penziere ncapo. “ Ho faccio trasì p’o balcone, pe dint’o fenestiello d’o bagno....”

BARONE       A me?

LUISA            E’ io ero femmena e fà chesto? Tu, tu te facive trasì a chelle sporcacciona meza annura p’o balcone.

MICHELE      Si, me l’annascunnevo sotto ‘o lietto, adderete ‘e porte...dint’a libreria...(APRE LA LIBRERIA VEDE MARINA E SUSSULTA) Oh Dio l’allucinazione!

LUISA            - Ma cherè? (GUARDA NELLA LIBRERIA E VEDE MARINA) Uh!

MARINA       - (VENENDO FUORI E SORRIDENDO PER DARSI UN CONTEGNO) Cucù...

LUISA            - Settè!

MARINA       - Oh Dio, là dentro si soffocava.

LUISA            - Overo? Si soffocava? E’ nun te preoccupà ca frà poco mammina te fà mettere ll’ossiggeno!

MICHELE      - Luì...

LUISA            - Statte zitto disgraziato, pedofilo. Chille s’era fatte buone ‘e cunte. Io arapevo ‘armadio vedevo ‘a bambulella ‘a dinto, me veneva n’infarto e murevo!

BARONE       - Signora, ma guardate che quà c’è un’equivoco.

LUISA            - Levateve a mieze! Io l’aggia accidere! (TENTA DI SCAGLIARSI SU’ MARINA MENTRE GLI ALTRI LA TRATTENGONO)

MELINA        - (ENTRA DALLA SINISTRA CON ROSARIA) Che v’aggio ditte?

ROSARIA      - E’ no, stavote nun me facite. Io e saccio e scenate voste. Io chiamme ‘o sapunare e ce facce piglià tutte cose! Chiamme ‘o sapunare, voglio ‘o sapunaro!

PIPISTRE       - (ENTRA CON LE ATTRICI)

ATTRICI        Ci chiamiamo sorelle Seselle

                        e siam più buone delle freselle,

                        con la bocca su e giù

                        recitiamo a tu per tu

                        Con le gambe in alto e in basso

                        eseguiamo il doppio passo,

                        dondolando tra le stelle

                        ne vedrete delle belle!

                        Conquistiamo tutti i cuori

                        scateniamo tanti amori,

                        viva il ballo, viva il canto

                        ci diverton così tanto...

                        Dada umpa umpappà

                        le seselle eccole qua!!!

                       

PIPISTRE       ‘On Michè...che v’aggia dicere? Nisciunu sapunaro ha risposto all’annuncio ngoppa ‘o giurnale....solo chisti ddoje. L’aggia avuta fa saglì se no se scummigliava ‘o fatto!.

ROSARIA      - Ma che stà succedenno?

LUISA            - Ma veramente....a stù mumento....

MUTO            - (EMETTE SUONI GUTTURALI)

PIPISTRE       - Ma chi è?

BARONE       - E’ il muto. Ma chesta è ‘a succursale d’o manicomio? (A MICHELE) Ma che cercate?

MICHELE      - Un quadro, un quadro di enorme valore ca stà pazza ha dato a nu sapunaro.

BARONE       - E’ pecchè?

MICHELE      - Per gelosia, si credeva che la modella era la mia amante.

LUISA            - Me credevo? Io a chesta l’aggio visto meza annura ca s’o vasava.

PIPISTRE       - (VOLGENDOSI E VEDENDO MARINA) Voi?

MARINA       - Zitto!

LUISA            - Ma che zitta e zitta. Ve voglio bene, levateve a miezo. Si site cristiane, faciteme ‘a vattere.

CLARETTA  Ma che sta succedendo?

PIPISTRE       - Niente, niente è una scena del film.

ROSARIA      - Cher’è? Mò vulite fà ‘o cinematografo ncoppa ‘a casa mia?

MICHELE      - Pipistrè, pecchè nunn’e mannate?

PIPISTRE       - Mò veco ‘e n’’e mannà, però l’aggia prumettere quaccosa.... (ALLE ATTRICI) Lei è la produttrice...

LUISA            - Si frà poco facimme ‘o cinematografo. Gli ultimi giorni di Pompei, il terramoto di San Francisco.

GIULIETTA   Però ‘a signora lavora bene. Fà la parte proprio naturale.

CLARETTA    Sicuramente vince l’Oscar...

LUISA            - Si, mò ve faccio vedè comme sò naturale.(FA’ PER SCAGLIARSI SU’ MARINA MENTRE GLI ALTRI LA TRATTENGONO) L’oscar per la migliore interpretazione.

MELINA        - Io chiammo ‘e guardie, chiammo ‘e guardie!

LUISA            - E’ ce vonno, ce vonno pecchè io l’accido. (DA FUORI SI SENTE LA VOCE DEL SAPONARO)

SAPONARO  - (DA’ FUORI) Sapunaro robba vecchia....

LUISA            - (SUSSULTANDO E FERMENDOSI DI COLPO) A’ voce!

MICHELE      - Che voce?

LUISA            - (NON RIUSCENDO A PARLARE PER L’EMOZIONE) ‘O sapunaro, faciteme sentì  ‘a voce.

SAPONARO  - (FUORI CAMPO) Sapunaro.....roba vecchia.....

MICHELE      - E’ isso? Pipistrè...vulammo! (FANNO PER USCIRE DALLA COMUNE)

MELICOTT   - (DALLA COMUNE SEGUITO DALLE GUARDIE) Fermi tutti! Nessuno può uscire.

MICHELE      - Commissà è questione di vita o di morte, noi dobbiamo uscire, noi....

MELICOTT   - Niente noi. (ALLE GUARDIE) Bloccate le uscite. Signori miei preparatevi. è venuto il giorno del giudizio!

CLARETTA  - Bravo, quanto site bravo!!

GIULIETTA     E pure bello...quanto site bello!!!! Site meglio ‘e Marlon Branco!

MELICOTT   - Guè, e quanta confidenza? Stateve zitte tutti quanti!

MARINA       - (FACENDOSI AVANTI) Il commissario Melicottp? E’ Dio che la manda.

MELICOTT   - Mi conosce?

MARINA       - E come no.

MICHELE      - Sentite, ma ce vò nu curaggio....commissà sentite....

MELICOTT   - Silenzio voi! (A MARINA) Ma dove ci siamo conosciuti?

MARINA       - A Roma, al ministero, ero con mio padre. Commissario, per favore mi aiuti...

                        (SOTTOVOCE) Sono la figlia di...(MOSTRANDO UN DOCUMENTO)

MELICOTT   - (MERAVIGLIATO) La figlia di...

MICHELE      - Commissà....

MELICOTT   - Ho detto un momento! Zitto voi!

MICHELE      - Ma noi dobbiamo fare presto. Io devo correre a presso alla voce.

MELICOTT   - Stateve zitte e aspettate.

MICHELE      - (A LUISA) Calma, non perdiamo la calma. Mò te faccio vedè comme se chiarisce tutte cose.

MELICOTT   - Signorina mia, e che ci fà in mezzo a questa gente? Lei qui mi si sporca.

MARINA       - Commissario la prego mi aiuti, quella donna voleva aggredirmi.

LUISA            - Uh volevo? Quella usa il passato remoto. Quà ci vuole il futuro eterno!

MELICOTT   - (A LUISA) Guè, e come vi permettete?

MARINA       - Si è sognata che sono l’amante del marito.

LUISA            - Uh, me l’aggio sunnato? E’ domandate che ci fà ccà ncoppo?

MARINA       - Ma io accompagnavo un mio amico giornalista.

MELICOTT   - Giornalista? E io alla stampa ci tengo. Dove stà? Chi è?

MARINA       - E’ il dottor Parisi. (CERCA CON LO SGUARDO TRA’ I PRESENTI POI PRENDE IL BARONE PER UN BRACCIO E LO PRESENTA AL COMMISSARIO) Vieni ti presento al commissario.

SAPONARO  - (VOCE DA FUORI) Sapunaro....roba vecchia!!

LUISA            - A’ voce...

MICHELE      - No io mò me piglio ‘a pacchere. Commissà, io aggia parlà!

MELICOTT   - Aggio capito! (A MARINA) Venga con me di là e mi dica tutto. (ESCE DALLA COMUNE CON MARINA, IL BARONE E PIPISTRELLO)

LUISA            - Michè, se ne vanno?

MICHELE      - (FREMENDO) No, no se l’ha purtata ‘a parte e llà. Nun te preoccupà, chillo mò esceno e io spiego tutte cose commissario. Ngalera l’aggia mannà, ngalera.

LUISA            - E intanto ‘o sapunaro se ne và.

MICHELE      - E’ mò me votto p’o balcone e ‘o vaco a piglià? Che pozzo fà io?

CLARETTA- Overo è nu bello artista ‘o signore. Ma io nun saccio dint’a qualu film l’aggio visto.

MICHELE      - Caravaggio, il pittore maledetto.

SAPONARO  - (DA FUORI) Sapunaro robba vecchia...

LUISA            - (CORRENDO AL BALCONE) N’ata vota, mannaggia n’ata vota!

MICHELE      - (CON FORZA FACENDO PER ANDARE VERSO LA COMUNE) No, no io aggia ascì, io aggia ascì pe forza. Chisto è n’abuso. Io denunzio ‘e guardie , ‘o cummissario, ‘o quistore, ‘o ministro e polizia. Io faccio arrestà a tutte quante!

MELICOTT   - (ENTRANDO) De Vincè nun alluccate.

MICHELE      - Addò stà, addò stà?

MELICOTT   - Chi?

MICHELE      - Chella, chella ca ve site purtata ‘a llà dinto.

MELICOTT   - La figlia di....? l’ho rilasciata. Se ne andata.

MICHELE      - (PORTANDO LE MANI AL VISO DISPERATO) Ah!

MELICOTT   - De Vincè non facciamo scene e veniamo a noi. L’altra volta, chi era veramente la modella del vostro quadro? Parlate, De Vincè, parlate!

MICHELE      - Era proprio quella figlia di....che avete fatto uscire.

MELICOTT   - De Vincè ma state pazzianne? De Vincè io vi arresto per calunnia e per falsa testimonianza. Chi era De Vincè ? Parlate!

MICHELE      - Quella commissà, quella. Quella granda figlia di......

SAPONARO  - (DA FUORI IN LONTANANZA) Sapunaro......

LUISA            - Se ne và, Michè ‘a voce se ne và.

MICHELE      - (FA PER CORRERE VERSO LA COMUNE) No, no!

MELICOTT   - Fermo! (ALLE GUARDIE) Acchiappatelo.

MICHELE      - (DISPERATO) Se ne và, Luì, se ne và. Seicientemeliune passano pe sotto ‘o balcone, me chiammano e  io nun’e pozzo correre appriesso. (MENTRE LA VOCE  SI SENTE SEMPRE PIU’ IN LONTANANZA, MICHELE E LUISA SI GUARDANO E SI BUTTANO PIANGENDO UNO NELLE BRACCIA DELL’ALTRO)

ATTRICI        (APPLAUDENDO MENTRE GLI ALTRI RESTANO A GUARDARE) Bravi, bravi, bis!!!!!!

FINE SECONDO ATTO


ATTO TERZO

PENSIONE DI DONNA ROSARIA

PIETRO          - Pazza, pazza! Pazza deficiente! E pazzo pure voi  a ripresentarvi qua  dopo quanto è successo. E pazzo pure io ca ve sento.

BARONE       - (SORRIDENDO IRONICO) Simme tutte pazze.

PIETRO          - Tutti!

BARONE       - Cavaliè, con rispetto parlando, ccà nisciuno è fesso. Del resto che vi stò cercando? Me ne voglio andare all’estero e buonanotte ai suonatori.

PIETRO          - E che sono onnipotente io?

BARONE       - (IRONICO) Non vi buttate a terra cavaliè. Un documento falso, un poco di danaro e una telefonata a qualche amico influente, per voi non sono niente. E se no, vuol dire che mi arrestano e si vengono a scoprire vita e miracoli di vostra figlia.

PIETRO          - Chest’ è na minaccia?

BARONE       - Cavaliè, questi non sono momenti di cerimonie. Mors tua vita mea. E’ io nun voglio murì. Voi siete l’unico santo che tengo in Paradiso. Perciò vedete di fare il miracolo presto, presto e finiamola in gloria tutti quanti. Dopo di che, sarò sempre il vostro umile servitore.

PIETRO          - Presto,presto? E’ che tengo nu passaporto falso dint’a sacca? Vedremo, domani...dopodomani...

BARONE       - Seh, o’ mese che trase, l’anno che vene...cavaliè ma allora non avete capito? Voi ve ne approfittate che non posso venire a casa vostra perchè  abbasso ce stanno ‘e guardie! Quelli aspettano di vedere vostra figlia. Chella ha fatto vedè ‘o documento d’identità ‘a polizia. Mò si risale da persona a persona e si scopre tutta l’organizzazione. Cavaliè, io e gli amici tenimme na bomba sott’e piede ca po' scuppià a nu mumente all’ato.

PIETRO          - Pazza,pazza!

FRANCESC   - (DA FUORI) Commissà, trasite

BARONE       - ‘O Commissario Mellicotto... Cavaliè addò me n’aggia jì?

PIETRO         - Iate a fà....(INDICANDO A SINISTRA) Entrate nella prima porta a destra e     aspettatemi là. (IL BARONE ESCE)

MELICOTT   - (DALLA COMUNE) Andate, andate pure (a Felicina che subito esce)

PIETRO          - (CORDIALE CON MANO TESA) Oh, il nostro caro commissario.

MELICOTT   - (SCURO IN VOLTO MA TUTTAVIA DEFERENTE SENZA PRENDERE LA MANO) No, no, nonostante le circostanze...prima così...(SI METTE SUGLI ATTENTI E FA’ IL SALUTO MILITARE) E poi così. (GLI STRINGE LA MANO)

PIETRO          - Commissà, io sono venuto alla pensione perchè vi devo parlare, visto che avete piazzato le guardie davanti casa mia....

MELICOTT   - Capisco cavaliè, ho già mangiato la foglia.

PIETRO          -  Mia figlia, capite, mia figlia.

MELICOTT   - (IMPACCIATO ED EMOZIONATO PER LA GRANDE IMPORTANZA DEL PERSONAGGIO DI CUI  SI TROVA DI FRONTE.) L’ha fatta grossa, cavaliè, l’ha fatta grossa.

PIETRO          - E’ già, voi pensate che mia figlia si sia detta: Io sono quella che sono, c’è stà papà, il commissario mi fà un baffo.

MELICOTT   - Ecco, questo significa farsi beffa di un commissario di polizia.

PIETRO          - E’ vero, lo ammetto. Ma...ditemi una cosa...in che condizioni si trovava mia figlia in quel momento...(TOCCANDOSI LA FRONTE)

MELICOTT   - E’ pazza?

PIETRO          - Era drogata.

MELICOTT   - Ma questa è un’aggravante. Vedete la legge....

PIETRO          - ..La legge la conosco bene, Melicò! Dimenticate forse chi sono? E’ un’aggravante se si fosse drogata da sola...

MELICOTT   - E invece....

PIETRO          - Insomma si scopre che la mia bambina,perchè è una bambina. Ha appena sedici anni. Insomma è finita nelle spire di un mostro, di un drago.

MELICOTT   - Cavaliè, guardate che vostra figlia, quando l’ho incontrata in questa pensione era lucidissima.

PIETRO          - Commissà, era incapace di intendere e di volere.

MELICOTT   - No cavaliè, quella intendeva e voleva. Intendeva fregare me e ci ha messo tutta la buona volontà.

PIETRO          - Commissà voi non mi capite....

MELICOTT   - Cavaliè io vi capisco bene. Io per voi mangio tutte le foglie di questo mondo. Ci mancherebbe. Io devo il mio avanzamento e la mia carriera al vostro grande interessamento. Ma...cavaliere mio... stù turzo ccà nun se ne scenne.

PIETRO          - (IMPROVVISAMENTE AUTORITARIO) E’ se n’adda scennere Melicò! (CAMBIANDO TONO) Voi siete quello che siete. Meritate altri avanzamenti.

MELICOTT   - Eh, lo sò, ma come si fà? Quello il pittore ha confessato. Vostra figlia finse di essere la sua modella.

PIETRO          - (MERAVIGLIATO) Finse?

MELICOTT   - Io l’aggio fatto parlà. L’ho stavo pure arrestando per favoreggiamento. Poi ho capito che mi trovavo di fronte a un pover’uomo preso alla sprovvista e l’ho rilasciato. Comme se fà, cavaliè ditemelo voi?

PIETRO          - Avete ragione. Ma.... vedete ...di là c’è uno sporco individuo.

MELICOTT   - E chi è?

PIETRO          - Il serpente velenoso che ha abusato di mia figlia.

MELICOTT   - E che vi devo dire? Sono a vostra completa disposizione. Consegnatemelo.

PIETRO          - Non subito. Dovrei prima parlare con mia figlia che a momenti stà quà. Mi ha telefonato dicendo che escogiterà qualcosa per non farsi riconoscere dalle guardie....

MELICOTT   - D’accordo. Ma ditemi una cosa, il serpente velenoso ha pure abusato carnalmente di vostra figlia?

PIETRO          - Lo avrei ammazzato. Quella è una bambina.

MELICOTT   - Giusto. Dunque, la signorina deve uscire proprio pulita, pulita. Era drogata, era nelle spire del serpente velenoso ma non ha mangiato il pomo.

PIETRO          - Benissimo. andiamo di là, non vi vedrà nessuno. (ESCE A SINISTRA SEGUITO DA MELICOTTO)

FRANCESC   - (INTRODUCENDO MICHELE, LUISA E IL MUTO) Menu male che ‘a padrona nun ce sta, è ghiuta a Roma addu na sora, doppo chello ca è succieso, s’adda ripiglià nu poco....e cu essa è ghiuta pure Felicina, io pe mò stò ccà, fatico ‘o posto suoio e guadagno quacche cosa ‘e sorde pe dà a campà a mammà paralitica, papà cecato e fratemo mmiezu scemo....(A FRANCESCO) Arrepusateve nu poco e pò iatevenne (ESCE PER LA COMUNE)

LUISA            - (INDICANDO IL MUTO) Michè, ma fà ca ‘o scemo ce fà truvà mieze a natu mbruoglio? Io me credevo ca ce vuleva purtà ‘a casa d’o sapunaro, invece c’ha purtato n’ata vota cca...e menu male ca chelli ddoje nase ‘e cane nun ce stanno...

MICHELE      - Luì, chillo s’è spiegate accussì bello. N’ora ce avimme miso p’o capì. ma era chiaro. “ Voi cercate il quadro che avete dato a un saponaro? E venite con me” AL MUTO ) E’ vero?

MUTO            - (CONFERMA CIO’ CHE HA DETTO MICHELE)

MICHELE      - O’ vì? Chillo a fà accussì bello ‘a femmena annura.

LUISA            - Certo, ‘o scemo quanno Pipistrello è asciuto s’è messo a guardare dal balcone e dice che ha visto Pipistrello ca curreva appriesso ‘o sapunaro. (AL MUTO) E ditte accussì?

MUTO            - (CONFERMA)

MICHELE      - E’ Pipistrello stà quà?

MUTO            - (FACENDO CENNO DI ASPETTARE E DI AVERE FIDUCIA)

MICHELE      - Ma a me chisto nun me persuade,

LUISA            - (COME COLPITA DA UN PENSIERO INDICANDO LA PORTA A DESTRA) Michè, che dice? Si me nfizzo dinto ‘a cucina veco si trovo quaccosa pe magnà?...

MICHELE      - E’ ccà sulo pe mariuolo ce hanna piglià! Nuie ce n’avimma ì...

LUISA            - Ma quà mariuole? E’ inutile, sempe ‘o core d’o police e tenuto.(ANDANDO VERSO LA PORTA A DESTRA) Michè io me nfizzo. (FA PER USCIRE A DESTRA POI TORNA INDIETRO PRENDE IL MUTO PER MANO) E’ meglio che me porto ‘o cane appriesso. (ESCE TIRANDOSI IL MUTO) Venite, venite...

MICHELE      - (GUARDANDO PREOCCUPATO NELLA STANZA DOVE E’ ENTRATA LUISA) Che cervelle. Madonna mia, che cervelle. (SOTTO LA COMUNE VEDE UNA DONNA TRAVESTITA DA ARABA CON UNA VALIGETTA) Maronna, l’allucinazione!

MARINA       - Salve (MENTRE SCOPRE IL VOLTO).

MICHELE      - Voi? Ma allora è una persecuzione? Ma addò me ne aggia jì pe nun ve vedè cchiù? E po' pecchè me venite annanze sempe in questi modi misteriosi?

MARINA       Lei piuttosto che ci fà quà?

MICHELE      No, no, io me ne scappo. Quando passate voi, dopo un poco arriva il commissario. E’ io vaco mmieze ‘e guaie.

MARINA       - Ma secondo lei, io mi portavo il commissario dietro? Io mi sono dovuta travestire  perchè ci stanno gli sbirri a casa mia e non potevo uscire....

MICHELE      - Ve l’ho detto, io nun capisco niente cchiù. Pipistrello addò stà? Voi ve lo siete portato appresso. ‘O quadro mio nun se trova. Chist’è nu rumanzo.

MARINA       - Ora non posso spiegarle. Devo parlare prima con l’orco.

MICHELE      - L’orco?

MARINA       - Mio padre.

MICHELE      - Ah, voi siete la figlia dell’orco? Volevo dire che non eravate una persona reale. Comunque vi voglio avvertire che io al commissario ho dovuto dire tutto.

MARINA       - Ma tutto di che cosa?

MICHELE      - Che voi avete detto : “ Dipinga, dipinga “. E vi siete finta mia modella.

MARINA       - Ah, ma questo non ha importanza. Adesso c’è l’orco che se lo mangia. Mi scusi la prego. Adesso devo andare e non mi tenga il broncio. (PIZZICANDOGLI IL MENTO) Sù, sù micione, micione mio. (VIA A SINISTRA)

LUISA            - (ENTRA CON IL MUTO GIUSTO IN TEMPO PER VEDERE LE EFFUSIONI DI MARINA. FACENDO PER SEGUIRLA) Ah no, stà vota na paliata nun ce ‘a leva nisciuno!

MICHELE      - Luisa!

LUISA            - Statte zitto tu! Chesta è n’esagerazione! Ma comme fà chesta a truvarse sempe annanze a te?

MICHELE      - Uh, mò me metto a chiagnere. Così vuole il caso ca chesta rompe il casocavallo a mme!

LUISA            - Ah tu faie pure ‘o pagliaccio? (PRENDE PER LA MANO IL MUTO ED ESCE A SINISTRA) Viene cu mme.

MICHELE      - (CORRENDOLE DIETRO) Luisa, Luì viene ccà. Mannaggia chi te’ vivo....

PIPISTRE       - (ENTRANDO CON IL QUADRO IN MANO SEGUITO DA FELICINA) Mò te faccio vedè io. (VA’ AL CAVALLETTO ED ATTACCA IL QUADRO) Ecco quà. Ce lo voglio far trovare bene in vista.

FRANCES     - Ma che è?

PIPISTRE       - Niente. Aggia fà na surpresa ‘o cavaliere. Pipistrello nun truvava ‘o quadro. Iammo addò stà ’o cavaliere. (ESCE DALLA COMUNE CON FRANCESCA)

MICHELE      - (VIENE DALLA SINISTRA E FA’ PER ANDARE VERSO LA COMUNE) No chesta è pazza, io me ne vaco. Ci rinunzio. (VEDE IL QUADRO) Uh, l’allucinazione! Venere misteriosa? E’comm’è ca nun t’aggio visto primma? (BUTTANDOLE DEI BACI) Bella, bella. Famme jì a piglià a chesta p’e capille. (ESCE A SINISTRA)

PIPISTRE       - (ENTRANDO DALLA COMUNE CON PIETRO) Cavaliè chiudete gli occhi.

PIETRO          - Pipistrè, vi prego, mi ballano le scatole.

PIPISTRE       - (PORTANDOLO DAVANTI AL QUADRO) Cavaliè chiudete gli occhi, aprite gli occhi, aprite il portafogli, aprite le braccia e stringetemi sul cuore. E vualà!

PIETRO          - (GUARDANDO IL QUADRO) Pipistrè, vuie nun gghiate niente.

PIPISTRE       - (MERAVIGLIATO) Ma comme?

PIETRO          - Nun gghiate niente. E’ luvate stà schifezza e quadro! (TOGLIE IL QUADRO DAL CAVALLETTO E LO SCAGLIA A TERRA IN UN ANGOLO, POI ESCE FRETTOLOSAMENTE PER LA COMUNE)

PIPISTRE       - Cavaliè, cavaliè aspettate. Io agge scavato dint’a munnezza. Mmieze e pezze vecchie. Venite ccà! ( LO SEGUE PER LA COMUNE)

MICHELE      - (ENTRANDO DALLA SINISTRA CON GLI ALTRI) No Luì, te lo giuro, non l’ho detto pe te calmà. E’ vero, ‘o quadro stà ccà....(VA’ AL CAVALLETTO SI ACCORGE CHE IL QUADRO E’ SPARITO. HA UN SUSSULTO. SI PRENDE LA TESTA FRA’ LE MANI) L’allucinazione! Luì io me metto paura, io stò ascenno pazzo overamente.

LUISA            - Se l’ha pigliato essa!

MICHELE      - Chi?

LUISA            - A’ modella. Se capisce, chillo ‘o quadro è o’ suoio. Pirciò ‘o vò. Pirciò stà succedenno tutto chesto.

MICHELE      - Luì, nun pazzià. Io ‘o quadro l’aggio visto overamente. Te lo giuro ncoppo a chillu figlio.

LUISA            - E’ accussì è. Chella l’ha visto e se l’ha pigliato. Michè, io ‘o trovo. (ESCE PER LA COMUNE CON IL MUTO PER MANO. MICHELE LI SEGUE.)

PIETRO          - (ENTRA  DALLA SINISTRA SEGUITO DA PIPISTRELLO E MARINA) Pipistrè, vi prego, non mi venite più appresso. Ho parlato con mia figlia. Me l’ha detto pure il commissario. Marina non ha mai posato per quel quadro. E voi siete un imbecille che mi ha messo in un bel guaio. Mannaggia a voi ed al vostro binocolo speciale!

PIPISTRE       - Ma cavaliere mio....

PIETRO         - Pipistrè, ve l’ho detto mi ballano. Devo pensare ad altro.

MARINA       - Papà, te l’ho detto, balla quanto vuoi ma tu il barone al commissario non lo consegni.

PIETRO          - Ma se io gli ho già detto che il serpente velenoso stà quà. Mò a chi gli consegno, a Pipistrello?

PIPISTRE       - Io? E che c’entro io?

MARINA       - Papà, tu a quell’uomo non lo consegni. Piuttosto mi faccio arrestare insieme a lui.

PIETRO          - Pipistrè, voi sentite?

PIPISTRE       - Mò addirittura stanno facendo il can, can.

PIETRO          - Chi?

PIPISTRE       - Le scatole.

PIETRO          - ( A MARINA) Ma insomma, tu a me me vuò fà murì?

FRANCESC   - (ENTRANDO) Cavaliè....

PIETRO          - Aspetta! Aspetta tu! (A MARINA E A PIPISTRELLO) Venite con me. (ESCONO A SINISTRA)

FRANCESC   - E’ che è succieso ccà? (VEDE IL QUADRO A TERRA LO RIMETTE SUL CAVALLETTO ED ESCE)

LUISA            - (ENTRANDO DALLA COMUNE CON MICHE ED IL MUTO) Và buò, calmate mò. Chille  mò sò e nierve ca nun stanno a posto.

MICHELE      - Luì te lo giuro, io l’aggio visto, steve ccà...(VEDE IL QUADRO) Ma che stà succedenno? (VOLGE LE SPALLE AL QUADRO CON LE MANI SU GLI OCCHI) No, nun voglio guardà, nun è overo.

LUISA            - (VEDENDO IL QUADRO) Ma stà ccà, Michè, ‘o quadro stà ccà.

MICHELE      - Toccalo c’a mano, vedi se è corporeo.

LUISA            - (PRENDE IL QUADRO DAL CAVALLETTO) Chiste ched’è?

MICHELE      - (PRENDE IL QUADRO, LO GUARDA, POI A LUISA) Te desse nu pugno ncapo. Ma allora si cecata pure tu? Comm’è ca nun l’he visto manco tu? (BACIANDO IL QUADRO E STRINGENDOSELO AL PETTO) Bello, bello. Mò te tengo accussì e nun te lascio maie cchiù.

LUISA            - Michè, io me ne vaco, è meglio ca chiamme ‘e guardie. (PRENDENDO IL MUTO PER MANO) Viene cu mmè. (ESCONO PER LA COMUNE)

MICHELE      - (CHIAMANDO) Luisa, Luì vieni quà....

PIETRO          (ENTRA DALLA SINISTRA)

MICHELE E PIETRO- (ALL’UNISONO) Voi?

PIETRO          - Allora?

MICHELE      - E allora io penso che è proprio come dice mia moglie. Vi siete arrubbato ‘o quadro mio pe nun me dà e meliune a mmè.

PIETRO          - (SECCO) Pigliatavillo, ve lo regalo.

MICHELE      - Venere misteriosa?

PIETRO          - Nun vale niente.

MICHELE      - (INTERDETTO, DELUSO) Ma come? Tutte queste macchie...queste strisce....

PIETRO          - Sò nu nguacchio. De Vincè, io volevo comprare questo quadro perchè credevo che la modella fosse mia figlia , che voi foste il suo amante e che me vuliveve ricattà. Così mi ha fatto credere quell’imbecille di Pipistrello. Dice che l’ ha vista quella mattina, nel vostro studio, col suo binocolo speciale.

MICHELE      - Ho capito. Voi siete il padre di quella pazza! (CON AMAREZZA) E’ già, com’è che non l’ho capito prima? (CON UN ULTIMA SPERANZA) Ma vedete questo quadro è stato apprezzato da degli esperti.

PIETRO          - Due uomini?

MICHELE      - Si, appunto.

PIETRO          - Devono essere quelli del giornale.

MICHELE      - Si, si uno era nu giurnalista.

PIETRO          - No, dico, quelli di cui parla il giornale stasera. Erano due pazzi fuggiti dal manicomio. Andavano in giro dai pittori falliti a dispensare la felicità. Li hanno ripresi.

MICHELE      - (CON PROFONDA MALINCONIA) Ho capito!

PIETRO          - Andate De Vincè, andate.

MICHELE      - (CON VOCE STANCA BUTTANDO IL QUADRO CON NON CURANZA SU’ UNA POLTRONA) Mannagia ‘a capa vosta, mannaggia. Voi non sapete nemmeno voi stesso quello che avete combinato. Avete fatto sognare seicentomilioni a uno come me. Io tengo nu figlio. Io per seicentomilioni mi sarei fatto tagliare una mano.

PIETRO          - Addirittura.

MICHELE      - Cavaliè, voi non sapete che cos’è la vita di un uomo assillato dai debiti di giorno e di notte. Sussultare ad ogni bussata di porta, ad ogni squillo di telefono.  “Fosse chisto, fosse chillo? “ “ Mi fà una scenata? Me vatteno? “ Certe volte sapete come ho pensato di risolvere? Mò scengo...rompo ‘a faccia ‘o primmo che trovo...(PIETRO INDIETREGGIA) ...no, non dico a voi. Mò non ne terrei nemmeno la forza. (RIPRENDENDO IL DISCORSO)...rompo ‘a faccia ‘o primmo che trovo, mi arrestano e così esco ‘a libertà.

PIETRO          - Andando in galera?

MICHELE      - (CON FORZA) Sissignore andando in galera. Addò nisciuno me po’ venì a umilià, a perseguità.

PIETRO          - De Vincè assettateve.

MICHELE      - (TENDENDOGLI LA MANO) No cavaliè, non mi potete dare nessun conforto. (FA PER ANDARE)

PIETRO          - De Vincè assettateve.

MICHELE      - (RESTANDO IN PIEDI) Ma pecchè?

PIETRO          - Io...io forse...potrei anche comprare il vostro quadro.

MICHELE      - No grazie, ‘a carità no.

PIETRO          - Dico, come stabilito, per seicentomilioni.

MICHELE      - (HA UN SUSSULTO, LO GUARDA, L’EMOZIONE GLI SOFFOCA LE PAROLE.) Io....io.... IMPROVVISAMENTE AFFERRA LE MANI DI PIETRO E GLIE LE BACIA RAPIDAMENTE SENZA PARLARE)

PIETRO          - Ma che fate? Assettateve.

MICHELE      - (SEDENDO) Ma io mi metto pure in ginocchio.

PIETRO          - (SEDENDOSI DI FRONTE A MICHELE) De Vincè, ognuno ha le sue rogne, i suoi problemi. Guardatemi in faccia. Mò vi faccio una proposta oscena. De Vincè, per seicentomilioni in galera ci andreste?

MICHELE      - Cavaliè...ma...

PIETRO          - De Vincè io compro il vostro quadro al prezzo stabilito dall’ingenuità di mia figlia drogandola e inducendola ad atti sconsiderati.

MICHELE      - Cavaliè....

PIETRO          - Non rispondete subito. Pensateci un poco. Siamo due padri. Ognuno sacrifica quello che può.

MICHELE      - Cavaliè ci ho pensato.

PIETRO          - E allora?

MICHELE      - Iate a fà...mò avita vedè che vi dicevo!

PIETRO          - Non mi offendo. Mi aspettavo questa risposta. Ero pessimista.

MICHELE      - No eravate ottimista, perchè scusatemi la volgarità, vi dovevate aspettare che vi sputavo in faccia.

PIETRO          - Avete ragione. Ho sottovalutato l’affetto che avete per vostro figlio.

MICHELE      - No voi avete sopravvalutato la mia pazienza. Stateve buono. (FA PER ANDARE)

PIETRO          - Settecentomilioni!

MICHELE      - (FERMANDOSI) Come avete detto?

PIETRO          - Sedetevi un’ altro poco, parliamo.

MICHELE      - (A MANI GIUNTE COME PREGANDO) Non ci indurre in tentazioni ma liberaci dal male e così sia....

PIETRO          -Pensate ai benefici che ne avrebbe vostro figlio.

MICHELE      - Che tiene un padre disonesto? Cavaliè io tengo un nome modesto ma pulito e rispettabile.

PIETRO          - De Vincè nun me facite ridere. Ma perchè un uomo assillato dai debiti, insultato dai creditori, che ha delle scenate persino in casa propria è rispettabile? De Vincè, vuie d’a vita nunn’avite capito niente. Se per la strada passa un famoso malavitoso in fuoriserie, la gente lo guarda con ammirazione e dice: “ Quello lì tiene gli affari quadrati”. Se passate voi , già è troppo se vi guardano e dicono: “ Puveriello, fà na cosa dint’o stommaco, stà nguaiato”.

MICHELE      - Embè cavaliè, e perchè tutta questa gloria non ce la volete dare a vostra figlia?

PIETRO          - Ma mia figlia è nata dint’a na connola d’oro. Dint’o benessere. E’ solde servono a vostro figlio.

MICHELE      - Embè e vi pare giusto?

PIETRO          - Ma giusto nunn’è niente. De Vincè, il lupo è cattivo perchè mangia le pecore, il gatto invece è buono perchè mangia i topi. In effetti fanno la stessa cosa. Tutti e due uccidono per mangiare. Ma a noi i topi ci fanno schifo e le pecore ci sono utili. Ecco tutto.

MICHELE      - Cavaliè me ne vado. Se stò quà altri cinque minuti mi fate perdere la fede e l’appetito. Steteve buono. (FA PER ANDARE POI SI FERMA) E quanti anni sarebbero?

PIETRO          - Cu n’avvocato abile cinque anni e state fore.

MICHELE      - Stateve bbuono. (FA’ PER USCIRE)

PIETRO          - Un miliardo?!!

MICHELE      - (VOLGENDOSI A LUI DI SCATTO,CON UN SINGHIOZZO MAL TRATTENUTO NELLA VOCE) Ma pecche’ me faie chesto? Io s’o’ n’ommo comm’a  te !!

PIETRO          - (PRECIPITANDOSI SUBITO A RIEMPIRE L’ASSEGNO) Un miliardo e siete costato piu’ di cristo.De Vincè, i trenta denari di giuda al cambio non valevano tanto. (HA RIEMPITO L’ASSEGNO E ORA LO PORGE INVITANTE A MICHELE)

MICHELE      - (HA ANCORA UN ATTIMO DI PERPLESSITA’, POI DI SCATTO LO PRENDE E LO INTASCA ).

PIETRO          - Il commissario sta qua . (CHIAMANDO) Commissario!!!

MELICOTT   - ( VIENE IN SCENA TIRANDOSI DIETRO IL PIPISTRELLO PER UN ORECCHIO) Cammina ,viene appriesso a me . Cavalie’ , l’ho trovato . E’ questo lo sporco individuo?

PIETRO          - Ma no , che c’entra ?Questo e’ il giornalista Pipistrello, nostro amico di famiglia.

MELICOTT   - (A PIPISTRELLO ) Oh! scusi tanto dottore .

PIETRO          Commissa’ , l’ uomo che devo consegnare non e’ questo (INDICANDO MICHELE , CON TONO UN PO’ PREDICATORIO) Ecce Homo.

MELICOTT   - (HA UN LIEVE SUSSULTO DI SORPRESA . HA INTUITO IL GIOCO DI PIETRO) Lui?

                                              

PIETRO          -Commissà, è reo confesso. Che volete di più?

MELICOTT   - (A MICHELE) De Vincè , siete colpevole ?

MICHELE      - Voi, l’avete detto .

MELICOTT   - (SOTTOVOCE A PIETRO) Io me ne lavo le mani . (CAMBIANDO TONO ) Si, si   ,stu mio signore ccà è già una mia conoscenza (SCUOTENDO IL CAPO VERSO MICHELE) ‘O pittore, ‘o pittore.

PIPISTRE       - (FRA SE’ PORTANDO LE MANI AL VISO) Padre non perdonare loro perchè essi  sanno quello che fanno.

LUISA            - (ENTRANDO CON IL MUTO E DUE GUARDIE) Faciteme passà , leveteve ‘a nanze. Michè ‘e guardie stanno ccà.

MELICOTT   - Giusto, giusto.(INDICANDO MICHELE) Prendetelo in consegna voi quest’uomo.

LUISA            - A chi?

MICHELE      - A me.

LUISA            - Ma ch’è succiesso?

MELICOTT   - Ha confessato. Ha confessato di avere drogata la figlia del cavaliere inducendola ad atti sconsiderati e contro la legge.

LUISA            - ( A MICHELE) Allora sì asciuto pazzo overamente? Commissà, quello tiene le allucinazioni. Chillo nunn’a cunosce proprio ‘a figlia ‘e stù signore.

PIETRO          - Un momento. (ESCE A SINISTRA PER RISORTIRE FRA’ POCO)

LUISA            - E’ addò và? Voglio n’avvocato e nu miedeco. (INDICANDO MICHELE) Chisto è addiventato scemo.

PIETRO          -  (ENTRANDO CON MARINA CHE E’ IN ABITO CASTIGATISSIMO QUASI DA EDUCANDA CON ARIA TUTTA COMPOSTA E CONTRARIATA) Vieni. Racconta al commissario come è stato che questo individuo è riuscito a soggiocare la tua volontà.

MARINA       - Mi vergogno papà.

PIPISTRE       - ( FRA SE’) Uh stà piezze e....

PIETRO          - Ma è necessario bambina mia.

MARINA       - Ce lo dico in un orecchio solo al commissario.

MELICOTT   - Certo, certo. (SI METTE IN ASCOLTO E DI QUANTO IN QUANTO AVRA’ DELLE REAZIONI DI SORPRESA) Ah!...eh!....iì!....oh!....uh! (STACCANDOSI DA MARINA)Ho capito , ho capito tutto, vi drogava.

LUISA            - Chi, mio marito? Commissà ma comm’è possibile? Chillo nun teneva ‘e solde p’accattà ‘o mangià, cumprava ‘a droga pe chella?

MELICOTT   - Signora mia, pure io ho stentato a crederci. Ma di fronte alla confessione di vostro marito io sono impotente. (A MICHELE) De Vincè, salutate vostra moglie e andiamo.

LUISA            - (PIANGENDO) Michè...

MICHELE      - Luì, tutto pe Giulio si fà. Poi te spiego. Commissà, iammuncenno. (FANNO PER USCIRE)

MUTO            - Alt! Fermi tutti!

MICHELE      - L’allucinazione! Luì aggio ntiso ‘o muto e parlà!

MUTO           - (CACCIANDO FUORI UN DOCUMENTO) Sono il capitano Formisano della narcotici, (A PIETRO )  voi fate uscire l’individuo che tenete nascosto dentro, io l’ho visto.

PIETRO          - Ma io ....

MUTO            - Presto , per cortesia . e niente scherzi . La pensione è circondata delle guardie . (ALLE GUARDIE) Accompagnatelo.

PIETRO          - (HA UN GESTO D’IMPRECAZIONE ED ESCE ACCOMPAGNATO DALLE GUARDIE)

MUTO            - Commissà, quest’uomo non ha fatto niente , lasciatelo.

LUISA            - (AL MUTO) Guè, ma tu ce tenive chestu poco sotto....eh...scusate capità, scusate.

BARONE       - (ENTRANDO DALLA SINISTRA CON GLI ALTRI) Ma comme tu?

MUTO            - Barò, erano duie anne ca te seguevo. Commissà, ora siamo al completo. (INDICANDO MICHELE E LUISA) Questi sono innocenti. I delinquenti sono questi quà. (AGLI ALTRI) Signori, vi dichiaro  tutti in arresto.

MELICOTT   - Pure a me?

MUTO            - Per il momento tenetevi a disposizione.

PIETRO          - Ma è la fine del mondo!

MICHELE      - (CAVANDO L’ASSEGNO DALLA TASCA) Cavaliè...allora....

PIETRO          - De Vincè che volete?

MICHELE      - No, dico ormai l’assegno...il nostro accordo...

PIETRO          - Ma che accordo? Io ho comprato il vostro quadro! Vorreste forse fare delle basse insinuazioni per aggravare ancora di più la mia situazione? (CON FORZA) Signori miei, siete tutti testimoni. Io ho dato questo assegno al pittore Michele De Vincenzo perchè ho comprato un suo quadro. (CERCANDO INTORNO) Addò stà ‘o quadro?

PIPISTRE       - (PRENDENDO IL QUADRO DAL CAVALLETTO) Stà quà.

PIETRO          - Bello , bellissimo. (A MARINA) Pazza, pazza! (ESCE CON MARINA E IL BARONE SCORTATO DAL MUTO, MELICOTTO E LE GUARDIE)

MICHELE      - Ma non è onesto. Me l’aveva dato per farmi confessare. Io non posso....

LUISA            - (STRAPPANDOGLI L’ASSEGNO DI MANO) Miette ccà, Nunn’è onesto...Michè dopo questa esperienza . ho deciso, ti preferisco disonesto!

ESCONO TUTTI E MICHELE MANDA BACI AL QUADRO

(CALA LA TELA)

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 70 volte nell' arco di un'anno