1860 racconti di un massacro

Stampa questo copione

Silvano Luca

Silvano Luca

1860

 Racconti di un massacro


Personaggi

·Ninni

·Rusinedda

·Carmela la serva

·Peppi frasca il ribelle

·Massaru Cola il saggio

·Il Maresciallo

·U banniaturi

·Donna Amalia la baronessa

·Il barone Pregadio

·Don Mariano ,il prete

·Du Coppuli

·Due gendarmi

·I cummari


Profilo e suggerimenti dei seguenti personaggi:

Rusinedda: la protagonista del  testo, nel primo tratto taciturna, poi si renderà protagonista di alcuni monologhi  Rusinedda è la donna di Ninni. In realtà ella rappresenta la terra di Sicilia; il suo silenzio indica  debolezza, il suo sfogo con Ninni (che a sua volta metaforicamente parlando è “il siciliano”)  la voglia di rivalsa sul potente della Trinacria  e il suo pianto finale la dura realtà da affrontare.

Sarà questo personaggio che chiuderà tutto il lavoro prima recitando un monologo e successivamente cantando in scena dei brani.

Carmela:  In scena sta a rappresentare la sorella di Ninni sempre al fianco di Rusinedda. Spesso sarà  sottomessa alla volontà della sua “padrona”donna Amalia ma soltanto alla presenza di quest’ultima; quando la signora non sarà  in scena, Carmela la ingiurierà. Sta a rappresentare la debolezza del popolo siciliano nei confronti dei ricchi signori, ma a differenza di Rusinedda la sua protesta appare più vibrante e prepotente. Sotto l’aspetto tecnico,è un personaggio “trainante” in quanto porta avanti tutta la scena.

Donna Amalia:  Anche se comparirà poche volte in scena, è un personaggio importantissimo perché sta a rappresentare il potente predominio dei signori di quell’epoca, sui poveri contadini siciliani. Morirà (l’omicidio non si vedrà  in scena) insieme al marito(il barone pregadio) uccisa dai rivoltosi.

Le comari : due  comparse che compariranno sul finire di tutto, reciteranno delle battute sottovoce e in modo omertoso.


Profilo e suggerimenti dei seguenti personaggi maschili

  

Ninni: rivoluzionario, scontroso, anche un tantino incosciente. Tutto per amore  di Rusinedda.

Metaforicamente parlando questo personaggio rappresenta l’animo del siciliano oppresso ed esasperato dal costante ed insopportabile predominio dei “Cappeddi” che ricordiamo sono i vari nobili e signori del tempo. Il suo forte istinto e la sua incoscienza lo condurranno a commettere dei reati e successivamente ad essere condannato e giustiziato. Si renderà protagonista di alcuni monologhi e dialoghi.

Massaru Cola: La voce della coscienza. Definiamo così questo proprio perché sarà colui che,in tutti i modi, cercherà di far cambiare idea prima solo a Ninni e dopo al resto dei compari. Non ci riuscirà ma ci tenterà in ogni modo scatenando contro di se anche l’ira di Peppi frasca. Cercherà di nascondere a Rusinedda  quanto sta tramando Ninni anche se dopo lui stesso comunicherà alla ragazza (e non solo) la tragica fine delle “coppole”.

Peppi Frasca: Il mafioso del gruppo, il capo cupola. Colui che organizzerà tutto con astuzia . Si scontrerà più volte sia con Massaru Cola  sia con Don Mariano. Non ha paura di niente e mai si mostrerà pentito. Principalmente comparirà in scena solo di notte proprio perché trama nell’ombra quanto deve avvenire. Mentre Cola e don Mariano mostreranno segni di nervosismo nel pianificare tutto, lui rimarrà sempre calmo e tratti anche ironico.

Don Mariano: Un personaggio a sostegno di  Massaru Cola con l’aggiunta però del fatto che rappresenta anche un’autorità del paese. Cederà al piano delle “coppole” molto più facilmente  di Cola, forse perché  verrà subito ricattato.

U Banniaturi: Uno scagnozzo di Peppi Frasca.

Maresciallo: Rappresenta il “nuovo” portato dall’avvento garibaldino, almeno all’apparenza proprio perché sarà colui che ingannerà le “Coppole” (peppi frasca su tutti) e le condurrà all’esecuzione proprio con l menzogna e la falsità.

Il Barone: I suoi interventi in scena sono pochi ma è da considerare attivamente un protagonista, proprio perché nel nostro discorso metaforico, sta a rappresentare  l’ira del potente, la spacconeria del signore, la classe sociale tanto odiata dai contadini. Cadrà sotto i colpi del pugnale di Peppi frasca.

Du Coppuli: Comparse

Due gendarmi: Comparse


Indice musicale

·Primo brano: pag 3 (introduzione) suonato e cantato

·Secondo brano pag. 9 (sottofondo al dialogo Ninni Rusinedda) suonato

·Terzo brano pag. 11  (sottofondo a monologo Massaru Cola) suonato

·Quarto brano pag 16 (da soggetto alla rivolta contadina) suonato e cantato

·Quinto brano pag 16 bassa (Solista per raccontare i 40 giorni) suonato e cantato

·Sesto brano pag 19  (solista per raccontare la morte dei fuggiaschi) suonato e cantato

·Settimo brano pag 21 (solista per la lettura del documento e per il pianto di Rusinedda e il monologo di Ninni) suonato

·Ottavo brano pag. 21 (solista Rusinedda) suonato e brano i chiusura


1860

Introduzione al testo

(presentazione del testo e dei personaggi)

( in scena: U Banniaturi, Carmela, Donna Amalia, Massaru Cola, Il barone Ninni)

L’ambiente è un cortile baronale con scale, finestre, panche, putìi….

U Banniaturi: (entra da sinistra e grida) Accurriti!Accuriti! Peppi frasca ammazzò i viteddi…accurriti!! A carni bona a picca prezzu! (esce da destra)

Parte il primo brano “antichi suoni”…subito dopo…

Carmela: (entra da destra e grida al balcone) Donna Amalia! Donna Amalia! U sintìu u banniaturi?Donna Amalia…

Donna Amalia: (dal balcone) Si…si Carmela…ti sintivi e sintivi puru a iddu e a so maliditta vuci strillanti….

Carmela: Allura donna Amalia,  Vossìa chi dici, avvicinamu unni massaru Peppi…ammazzò i vitedda…

Donna Amalia: Vogghiu sulu u tempu di darimi na rumiggiata…l’importanti è chi stamu picca picchì tu ancora mi devi fari u lettu e nesciri a legnami…(rientra in casa)

Carmela: Comu diciti  vossia e tuttu chiddu chi vuliti vossia donna Amalia, v’aspettu sutta u chianu a fiuredda …(esce da destra)

Entrano da sinistra Massaru Cola e Ninni…

Massaru Cola: Spieghimi Ninni, To soru unni l’havi i sordi pì acattarisi a carni  unni Peppi frasca e pi giunta in compagnia di donna Amalia

Ninni: Propriu docu èni u puntu…idda vaci si cu donna Amalia e mentri a signora ordina costi di vitellina, sasizza di maiali e polli ruspanti…me soru pauredda, s’accuntenta di lingua di viteddu, cotichi di maiali e ali di iaddina…capìu?

Massaru Cola: infatti…mi pareva troppu strana a sunata….

(1860)

(introduzione al testo)

Ninni: Non si reggi chiù caru don Cola, iò azzappu tuttu u iornu…poi veni u baruni e cu da uci supirbiusa chi si ritrova sbutta: “Bel lavoro Ninuzzo..”  iddu…chi un iornu di travagghiu non l’havi vistu mai mancu cu un cannocchiali…

Massaru Cola: Chiddu chi quannu senti parlari di travagghiu ci venunu subitu i confusioni….ma intanto figghiu mia, tu sini “na coppula” e iddu “Un cappeddu”

Ninni: Aviti arraggiuni  Massaru Cola..si sulu putissi puru iò essiri comu a iddu!

Massaru Cola: (rimprovera) Ma chi stai dicennu!Prisintusu e insopportabili comu a iddu?

Ninni: Vossia  non mi capìu…vuleva sulu aviri i so ricchizzi…

Massaru Cola: accussì leggiu leggiu divintavi puru tu comu a iddu!Prisintusu ed insopportabili!

Ninni: Ma intantu chi vuliti fari? Accussì non si poti iri avanti…oramai sugnu grannuzzu…e na famigghia quannu ma fazzu si chiddu chi varagnu non ci basta mancu pi sfamari a me ucca!

Massaru Cola: Curaggiu Ninuzzu…a propositu, cu Rusinedda comu vannu i cosi?

Ninni: A vossia don Cola vu cuntu, picchì vi vogghiu beni comu un patri…pinzammu di zitarini  l’annu chi trasi..iò penzu chi massaru Bittu, so patri, non avissi aviri nenti in contrariu si iò mi pigghiu a so figghia….

Massaru Cola: Puru secunnu mia, ma stai attentu, picchì i vuci currunu e i mali lingui parlunu….

Ninni: Stati tranquillu massaru Cola….

Intanto da destra rientrano Donna Amalia, Carmela con Rusinedda…

Donna Amalia:Carmela, adesso che siamo tornati, cerca di completare i tuoi doveri…vado a riposarmi…(sale le scale)

Carmela:  Assavari Donna Amalia…finisciu tutti i survizza e dopu macara ci lavu a vistina nova accussì macara a prossima festa s’anzaia…(dopo l’uscita di donna Amalia) S’havi a ripusari…picchì, chi havi fattu finu a ora? Pigghiati na pezza e ci sciugati i sudura…

Ninni: Propriu di chistu parlaumu antura cu Massaru Cola…neatri travagghiamu da matina a sira e non stancami mai! Poi arrivunu iddi…stanchizza…sonnu…e iò travagghiu e mi rumpu u ruccheddu!!Chista non è giustizia caru don Cola!

Massaru Cola: Intanto chista è a vita e non ci poi fari nenti!

Ninni: Ma si voli Diu chi un iornu avissi divintari riccu,(guardannu rusinedda) u me ianciuleddu u fazzu campari n’ta l’oru…dormiri n’te matarazza di sita e manciari chi furchetti d’argentu.

Carmela: (ironica) e t’annu fu chi i scecchi vularu….

(1860)

(introduzione al testo)

Ninni: (in risposta) Ci dissi u surici a nuci, dammi tempu chi ti perciu…

Carmela: Campa cavaddu chi l’erba crisci…

Da destra entra il barone Pregadio…

Barone Pregadio: Come siamo poetici oggi…

Tutti vedendo il barone si inchinano…

Barone: Ninuzzo, hai sellato il mio cavallo? Ho proprio voglia di fare una cavalcata….

Ninni: Certu sig. baruni…sulu n’autru corpu di spazzole e Cesarinu è prontu…

Barone: Vorresti dire Tuono…

Nnni: Quannu etta aria darreri tuona si…eccomu!!Ma ti rispunni sulu su chiami Cesarinu!

Barone: Allora ti aspetto nelle stalle….(esce da snistra)

Ninni: Arrivu sig. baruni…arrivu subito!

Massaru Cola: Carmela, camina cu mia…facemu un survizzu…

Carmela: Vegnu Massaru Cola…videmu si almenu vossìa siti capaci di truarimi un maritu

Ninni: E tantu mi stai!

Carmela: (Implora) Tè! Disgraziatu!E trattula bona sa povera creatura….

Escono Carmela e Cola da sinistra

(1860)

(introduzione al testo)

Fine scena

(1860)

(Primo dialogo Rusinedda e Ninni)

(in scena: Ninni, Rusinedda, Massaru Cola, Carmela, Massaru Cola, Barone, Donna Amalia)

Ninni: finalmente suli!pareva non si ni vuleva iri nuddu!

In sottofondo inizia un brano eseguito dagli “Antichi Suoni”

Quantu u aspettai stu mumentu…Tu puru Rusinedda? Si contenta di vidirimi?

Rusinedda: appena mittemmu peri n’ta chiazza e ti visti, i me occhi brillaru da gioia!

Ninni: E u me cori battìu chiù forti n’to pettu chi quasi quasi mi sinteva moriri….

Rusinedda: Iò ti vogghiù beni Ninuzzu mìa ma….

Ninni: (Insorge) ma cosa?... Forsi parlasti cu to patri è non mi voi diri nenti…

Rusinedda: No..no..(titubante)

Ninni: è cuntrariu o nostru fidanzamentu?Ti pregu rispunni picchì sennò nesciu pazzu e non cacciù chiddu chi fazzu!!!

Rusinedda: No! E finiscila di diri sti cosi!!

Ninni: E allura chi è cà frena u to cori n’to parlari cu mia!?

Dopo qualche attimo….

Rusinedda: (più convinta di prima) Non mi piaci quannu fai u spaccuni prumittennu mari e munti …non mi piaci quannu parli mali du baruni e poi, quannu iddu arriva pari n’acidduzzu n’ta iargia e ti prostri davanti comu un cani vastuniatu!!

Chiddu non è Ninni chi canusciu! U me Ninni è bonu di cori, ginirusu, duci e havi sempri na parola bona pi tutti! Non havi nenti a chiffari cu du prisintusu!!

Ninni: (cosciente di quanto ha detta Rusinedda) Hai ragiuni Rusinedda mia…tanti voti non mi canusciu chiù….(Arrabbiato) quannu vìu certi cosi non capisciu chiù nenti! I me occhi si scordunu di vidiri, u me cori non si duna paci e i me danni no trovunu risposta!Picchì iddi tuttu e neatri nenti? Si sulu fussi veru chiddu chi dici Peppi Frasca….

Rusinedda: (preoccupata) chi dissi Peppi Frasca? U vogghiu sapiri!

Ninni : non ti pozzu diri nenti! E non mi fari autri dumanni! Ti dicu sulu di stari tranquilla….

Rusinedda: non mi fari scantari!! Dimmillu e sugnu tranquilla!!

(1860)

(primo dialogo Rusinedda e Ninni)

Rientra il barone da sinistra:

Barone:Allora Ninuzzo, siamo pronti?

Ninni: Subitu Baruni…fazzu strata… Rusinedda,

Escono da destra il barone e Ninni, Rusinedda resta sola in scena…dopo  qualche istante rientrano Carmela e Cola…

Carmela: Attia! Du disgraziatu , disonuratu …ti lassò sula cà!

Rusinedda:  Ora ora si ni iu a purtari a spassu u baruni cu so cavaddu…e poi macara chi mi lassò ca sula, chi è mi robbunu?

Carmela: Scantiti!Di sti tempi nenti si poti sapiri

Rusinedda poi si rivolge a don Cola, Carmela sistema qualcosa….

Rusinedda: Don Cola, vui nenti sapiti?

Massaru Cola: Chi avissi a sapiri Rusinedda? Parla puru…

Rusinedda: Antura, quannu parlava cu Ninni, iddu mi parlò di una certa cosa chi Peppi frasca vulissi organizzari e di comu mu dissi c’è pocu di stari tranquilli…

Massaru Cola: Picchì? Comu tu dissi?

Rusinedda: Siddiatu…amareggiatu…chinu di d’orgogliu ma puru di rabbia n’to stissu tempu…ci giuru don Cola, mi mittivi a triamari comu na fogghia…poi, arrivò u baruni e si ni eru, l’unica cosa chi mi dissi è sulu di stari tranquilla…

Massaru Cola: (cercando di tranquillizzare Rusinedda)  E si vidi chi era una di so tanti pazzii…u sai com’è fattu no? Stai tranquilla chi già su scurdau e sapiddu quantu autri  cosi staci pinzannu…

Rusinedda: Su diciti vossia vi cridu e staiu chiù tranquilla, ma vi pregu di starici attentu Vui e si sapiti qualcosa, prumittitimi di dirimila subitu!

Massaru Cola: Tranquilla Rusinedda, vedrai chi è comu  ti dicu.

Carmela: Forza Rusinedda, caminamu chi unnè chi donna Amalia chiama….

Da fuori scena…

Donna Amalia: Carmela….Carmela…dove sei…sbrigati Carmela…

Carmela: Arrivu Donna Amalia…disgraziata!Sulu stu nomu canusci…u restu du calendariu o su ghiuttìu o non ciù n’signaru a scola…arrivu signura arrivu!...

(1860)

(Primo dialogo tra Rusinedda e Ninni)

Fine scena

(1860)

(Monologo di Massaru Cola e lite Ninni col barone)

(In scena: Massaru Cola, Il barone, Ninni, U banniaturi)

Rimasto solo Cola riflette..in sottofondo brano “Antichi suoni”

Massaru Cola: U sapeva!U sapeva!!Ma picchì Ninuzzu!Cu ti porta n’ta sti imbrogghi!Malidittu  cu ti mittìu su pulici pa testa!A libertà…a terra…a vogghia di rivalsa e ora ci mancava sulu sta nuvità di stu Garibaldi!E si n’za mai a Diu si caccia n’ta qualche guaiu? Si cummina qualche dannu? Ma si campava to patri a testa ta mitteva sutta i peri e poi videmu si  non ti passava a valìa di fari l’eroi! (poi rivolgendosi all’amico defunto) E vui? E vui cumparuzzu mia! Propriu a vostru compari Cola l’aveuvu affidai stu vostru figghiu…(poi ripensandoci) Forsi aviti  raggiuni vui caru compari  e scusatimi si vi trattai accussì…verù è, a testa l’havi caura e sarà compitu mia farici canciari idea e finirula di assicutari sti  fuanati!Almenu pi non fari soffriri d’ancilu di paradisu chi antura mi parsi forti sulu  a taliarici l’occhi di comu chianceva povera criaturedda…

Entra in scena u banniaturi…

U Banniaturi: Massaru Cola, vi portu un messaggiu di Peppi frasca..

Massaru Cola: Sintemu…chi voli

U Banniaturi: V’aspetta stasira  pu nonu corpu da campana davanti a so putìa pi discutiri na parola cu vui.

Massaru Cola: E di chi s’avissi a parlari?

U  Banniaturi: Non vi pozzu diri autru…arrivederci.. e ricurdativi chi Peppi frasca non supporta cu s’apprisenta in ritardu…baciamo le mani  (esce di scena)

Massaru Cola rimasto solo, fa una breve passeggiata, poi esce da sinistra parecchio innervosito.

Da fuori si sentono le urla del barone

Entrano in scena da destra il barone e Ninni…

Barone: E’ una vergogna!Una indecenza!

Ninni: Datimi almenu u tempu di darivi spiegazioni baruni..

Barone: Faresti meglio  a rimanere il silenzio villano! Inconcepibile! Un raccolto così povero, un’uva così acerba e un fienile così vuoto non mi era mai capitato di vedere in vita mia!

Ninni: Baruni, st’annu n’ta staciuni chiuvìu picca e nenti  e u priulitu ni risintìu ..io u me doveri u fici, poti stari tranquillu!

(1860)

(Monologo di Massaru Cola e lite Ninni col barone)

Barone: Tranquillo? Tranquillo un corno!Cosa berremo io e la mia signora a tavola con i nostri illustri amici? L’acqua della tua fontana?E cosa mangeranno i miei cavalli? Il tuo pasto?Meriteresti di essere bacchettato dalla mia signora! Dopo tutto quello che abbiamo fatto per te, portando te e tua sorella in casa nostra  e trattandovi come noi! Ti consideravo un figlio e questa è la ricompensa!!Faresti bene a lavorare di più caro Ninuzzo perché la prossima volta che accadrà una cosa del genere  saranno guai seri per te!

Esce il barone da sinistra molto infuriato…Ninni rimane da solo in scena.

Ninni: Saranno guai! Ma picchì iò chi t’haiu fattu chi saranno guai! E’ forsi curpa mia si st’annu non chiuvìu propriu e  a to  raggina  non vinni bona? E’ curpa mia si u siminatu su manciaru i corvi?Iò chi scippava muzzicuna di zicchi pi curriggiriti animali e stava sutta all’acqua mentri tu e to signura stauvu o cauru davanti o luci! Mi miritassi i bacchittati…dattilli tu n’ta testa!Tu chi mi trattasti comu un figghiu…comu un figghiu di buttana! Ma si è veru quantu dici Peppi frasca tantu prestu tu a pai!Parola mia!Parola di Ninuzzu u figghiu du carbunaru!

Dopo qualche istante rientra u  banniaturi

U Banniaturi: Ninni, ti portu un messaggiu di Peppi..

Ninni: Parla! Sugnu tuttu aricchi!

U Banniaturi: Stasira Pepi ti voli incuntrari o nonu toccu di campana davanti a so putìa

Ninni: Cu avissimu a essiri?

U Banniaturi: Na pocu di coppuli e…puru qualchi cappeddu…

Ninni: Comu?Qualchi cappeddu?

U Banniaturi: Tranquillu Ninni…un cappedu  di chiddi chi penzunu o beni da to anima e o scuntu di to piccati…

Ninni: Ci poi diri a Peppi chi sarò puntualissimu…

U Banniaturi: Baciamu le mani…(esce)

(1860)

(Monologo di Massaru Cola e lite Ninni col Barone)

Fine scena

(1860)

(congiura, incontro notturno e dissenso)

(In scena: Peppi, Ninni, Massaru Cola, don Mariano, U banniaturi ,du coppuli)

Cala la notte si odono rumori….

U banniaturi: Cu è docu? (imbracciando il fucile) Viniti fora! Facitivi a vidiri cunigghiu!

Nisciti si ci  tiniti a vostra peddi!

Don Mariano: Ancor pochi istanti e mi avresti rimandato al Padre eterno.

U Banniaturi (umiliato) Don Marianu! E com’è chi non vi canuscivi? (In ginocchio) pirdunatimi…

Don Mariano: Picchi tanta violenza nel parlare? Capisco che l’ora è buia ma mi sembra eccessivo minacciare di morte qualcuno… avendo sentito solo dei rumori…

U Banniaturi: A cosa è troppu brutta pigghiata  e i  precauzioni sunnu sempri picca….

Entra massaru cola….

Massaru Cola: Don Mariano i miei ossequi… sti genti hannu mali pinzeri pa testa videmu si almenu Vui i putiti fari raggiunari…

U banniaturi ( rivolto a cola) Peppi vi invitò a so casa pi u vostru sustegnu…non pi rumpirici il’ova n’to panaru…

D.M: Calma amici…calma! Cercate di spiegarmi cosa sta succedendo….

Dopo qualche istante di silenzio entrano in scena Peppi Frasca e due scagnozzi

Peppe: Baciamu le mani a tutti…specialmente agli uomini di Diu….

M.C: Peppi picchì ni facisti veniri tutti a st’ura da notti, scumudannu puru o parrinu

Peppi: Non aviri prescia Cola chi ancora a notti è carusa…e sapiddu quantu di sti iorna scura hannu a passari ancora….cunsintitimi almenu di dari u benvenutu e me amici e onorarili cu nun biccheri di vinu….

M.C: grazi…non bivu…

Peppi: Ironico: E chi fai? No sai chi è segnu di maleducazioni non biviri in cumpagnia?

(1860)

(La congiura)

Dopo aver distribuito il vino…

Peppi: Arrivò u mumentu di diri basta a tutti i surprusi chi ogni iorno semu custritti  a suppurtari  da parti di du fanghu chi chiamunu “Cappeddi”….non ci saranno chiù corpa di virica supra a carina sulu picchì i signori non sunnu capaci di chianari a cavaddu e lavatini di facci n’ta chiazza picchì a ragnola ci sfasciò u siminatu….

Ninni: L’ultima propiu stamattina…da coppula mi trattò chi peri inciuriannumi orfanu e mindicanti sulu picchì a raggina st’annu era scarsa! Pari chi fu curpa nostra si aggell’annu non chiuvìu propriu..

Nà coppula: Peppi e Ninni hannu raggiuni..avemu a fari qualcosa…

Peppi: A soluzioni c’è…una e irrevocabili…

D.M: Quale?

Peppi: Cu voli capiri capiu e cu vuleva ‘intenniri n’tinnìu…

D.M: ti prego Peppe…spiegati…

M.C: (Con impeto) I vonnu scannari!Don Marianu!!Non capisciunu chi accussì facennu peggioreranno tuttu… cumprumettunu a propria vita e chidda di poveri figghi e mugghieri…

D.M: (Con paura) Ma come vi passa tutto questo solo lontanamente dalla mente!!Una cosa del genere!!Così grave!!Riflettete figli miei!!La violenza non ha mai portato niente di buono!!Perchè spargimenti di sangue?

Ninni: Picchì non ni putemu chiù don Marianu!!Pigghiati sempri a strazzari! A timpulati e pirati n’to d’arreri. Donna Amalia a me suruzza faci furriari comu na strummula dopu non è capaci mancu a diri grazi!Pi non parlari da povera Rusinedda…

M.C: Non iri avanti e rispunni! Chi futuru pensi di darici a da creatura si ti lordi i manu cu sangu!!

Ninni: E si non m’avissi allurdari i manu comu vaci  a finiri? Dicitimillu vossia Massaru Cola!!Rispunniti ora!!E poi…sugnu abituatu a scannari maiali! Dopu du iorna u fetu n’te manu si ni vari sulu….

D.M: Non diciamo fesserie amici miei!E cerchiamo di arrivare ad una mediazione …se queste sono le vostre lamentele, i vostri problemi mi faccio io portavoce  e vedrete che lentamente arriveremo alla soluzione…

(1860)

(La congiura)

Peppi: I cosi si sistemunu molto prima di quantu pinzati veatri caru don Marianu…n’to giru di un iornu massimu…

M.C: è inutili don Marianu…a vostra mediazioni e u vostru nobili gestu non ci farà canciari idea…(poi rivolto agli altri) ma non capiti chi cussì facennu prima ammazzati iddi ma saranno iddi stissi chi ammazzeranno veatri??

Peppi: Milli ni stannu pi arrivari!o portu di Marsala i spettunu  capitanati di u generali Garibaldi non avemu di chi temiri…

D.M: No!! Non vi permetterò di rovinare le vostre vite! E’ mio dovere oppormi!

Nà coppula: (Con aria minacciosa) Don Marianu…mi pari chi ora stati parlannu assai….

Peppi: (Rimprovera) senti…non ti permettiri di risunniri cussì a un uomu di chiesa chi voli sulu  u to beni e non voli chi tu finisci o n’fernu…l’havi a scusari don Marianu…ma si èni d’accussì a curpa è di n ‘fami …

Si devu essiri sinceru pinzava chi Vui fussivu statu d’accordu cu nostru pianu…forsi dimenticavu, e chistu mi rammarica chi vossia siti puru un capeddu…certu, non comu iddi ma empri un cappeddu (ironico e senza guardare i faccia don mariano….adesso cambia tono) I cosi sunnu dui: o stati a tuttu chiddu chi dicemu …oppuru a prossima testa chi casca …èni a vostra!!

M.C. (nervosissimo) Tu si pazzu!!Pazzu!!

Peppi: (tranquillo) Non ittari uci chi i genti dormunu…e i picciriddi si ponnu rivigghiari e sappi chi ricivirà u stissu trattamentu cu si metti contro neatri e cu avrà u stomucu lentu….

M.C: non voghiu sentiri autru!! (Esce con violenza)

U Banniaturi: Peppi chi facemu? Curru e u vaiu a pigghiari?

Peppi: Lassulu stari…u cani chi abbaia non muzzica….duminica ci sarà a prucissioni…

D.M: Non vorrete macchiare una sacra processione col sangue!

Peppi: No…non ci permetteremmo mai di offendiri santa romana chiesa…aspittamu chi trasi a prucissioni…aspittamu chi i cappeddi s’accomudunu tutti n’to circulu di nobili…si devunu ripusari…a prucissioni i stancau..

Ninni: e quali sarà u signali?

Peppi:Na friscata…

(1860)

(la congiura)

.Fine scena

(1860)

(Festa dell’ascensione)

(in scena: Tutti i personaggi)

Comincia un brano degli “Antichi suoni”

All’estremità e all’interno del cortile vanno così sistemati (partendo da sinistra)

U Banniaturi Ninni Peppi Frasca (seduto a tavolino) Du coppuli

Da sinistra entra in scena  la processione:

Don Mariano (portante l’ostensorio) Rusinedda Donna Amalia più il barone Carmela Due comari

Appena la processione raggiunge l’altra estremità del palco, le donne escono da sinistra, i baroni salutano i presenti con un gesto del cappello, i fuggiaschi rispondono e subito dopo i “cappeddi” entrano nel circolo….dopo qualche istante, si sente un forte fischio (Il segnale).

Tutti gli uomini appostati entrano nel circolo con violenza e dall’interno si odono forti urla di dolore e terrore…

Una volta portato a termine l’omicidio, i cinque escono dal circolo con le mani,il viso e i vestiti insanguinati scappano chi a destra chi a sinistra senza meta.

Fine scena

(1860)

(I 40 giorni dei fuggiaschi)

(in scena: solo musicale)

(1860)

(L’inganno  del Maresciallo)

(In scena: Il maresciallo, due gendarmi, A cummari, Peppi, i coppuli, u banniaturi, Ninni, Massaru Cola)

Da sinistra entra in scena il maresciallo con due gendarmi, da destra, dopo qualche istante entra una donna e un’altra si accosta e origlia

Maresciallo: Sentite voi! Fermatevi!

Cummari:  (con paura) Chi vuliti maresciallu? Iò nenti di mali stava facennu!

Maresciallo: Nessuno ne dubita…dunque, se non avete fatto nulla di male, potete di sicuro rispondere ad alcune domande…

Cummari: Nenti sacciu maresciallu! Non visti e non sintivi nenti!

Maresciallo: Ma se ancora porgervi la domanda!E poi, permettetemi di dirvi che mi suona un tantino stonato credere che voi siate all’oscuro ed ignara di tutto. Non vi dice niente la parola strage? Non sapevate che il barone Pregadio, la sua signora e altri nobili sono stati barbaramente e vigliaccamente uccisi la domenica dell’Ascensione proprio in questa pubblica piazza? Trucidati! Proprio come agnelli condotti al macello!

Cummari: A prima parola chi sentu!Giuru!

Maresciallo: (Nervoso) Smettetela di fingere sciocca! E ditemi immediatamente dove si nasconde un certo Giuseppe Giordano ed i suoi illustri compari!

Cummari: Non l’haiu vistu chiù! Havi trenta iorna  chi scumpareru du paisi!Chista è a verità!

Maresciallo: Adesso basta! La mia pazienza ha un limite!Rispondete! O sarò costretto ad arrestarvi con chiare accuse! L’omertà non ha mai condotto a  nulla di buono!

Dal balcone, ecco comparire Peppi Frasca e le “Coppuli” dietro…

Peppi: Peppi frasca non s’ammuccia picchì non è un cunigghiu…mi  meravigghiu di  Vui, caru maresciallu! Spinciti a uci cu na povera creatura innuccenti (poi rivolgendosi alla cummari) Vattini a casa, ci parlu iò cu stu gentil’uomo….

La ragazza  prima guarda Peppi, aspetta un cenno di consenso, dopo guarda il maresciallo e in ultimo esce da destra…

(1860)

(L’inganno del maresciallo)

Maresciallo: Giordano, non è mia intenzione trattarvi come dei criminali, anzi tutt’altro…

Peppi: Si spiegassi  megghiu  picchì  neatri coppuli semu duri di cumprinsoriu e vulissimu capiri megghiu…

Maresciallo: Se vi mostrerete attento alle mie spiegazioni, capirete tutto e in breve tempo risolveremo questa stupida storia, ormai da troppo tempo viene portata avanti e mi considero più che stufo.

Peppi: Parlassi…

Maresciallo: Come avrete avuto modo di sapere  a Marsala sono arrivati mille uomini capitanati dal generale Garibaldi in persona col chiaro intento di liberare questa terra di Sicilia dalla tirannia e dal malcontento..

Peppi: Allura vui mi stati dicennu chi quantu  ficimu fu sulu cosa giusta…

Maresciallo: Non è compito mio rispondere a questa domanda, ma sarà il luogotenente Nino Bixio in persona a chiarire  i vostri dubbi, quindi adesso vi inviterei a seguirmi senza oppormi resistenza.

Peppi: Scussassi maresciallu…ma a mia cu mi garantisci chi vui non stati tramannu o peggio ancora?

Maresciallo: Sei libero di non credermi Giordano…ma una cosa la devi sapere: Se ti rifiuterai di seguirmi, interverremo con la forza e le cose a quel punto cambieranno…ti conviene credermi senza obbiettare…non è prudente schierarsi contro certa gente.

Ninni: Maresciallu, ni dassi almenu a so parola di omu e di militari chi non si tratta di na trappola…

Maresciallo: Per quanto io ne possa sapere, hai la mia parola.

Peppi: Sempri parola di sbirru  è, ma mi vogghiu fidari..(comincia a scendere le scale o ad avvicinarsi al maresciallo)

Entra in scena con fretta Massaru Cola..

M.C: No! Fermiti Peppi! Non ci iri! Vi vonnu ammazzari!

Maresciallo: Chi site Voi?

M.C: (Ignorando il maresciallo) Peppi, Ninni, Carusi, sentitimi!Non ci dati cuntu!Vi portunu a Patti e dà vi  fucilanu senza mancu taliarivi n’ta l’occhi!

(1860)

(l’inganno del maresciallo)

Maresciallo: Come vi permettete di  insinuare tali fandonie!Arrestatelo!

Peppi: Non c’è bisognu maresciallu, lasatilu stari…havi statu sempri esaltatu …ci passairà puru chista…

M.C: Ninni almenu tu! Fermiti!

Ninni: Mi lassassi stari Don Cola!

Escono tutti tranne Massaru Cola…rimasto solo…

M.C: (piange) Picchì! Non mi vosiru dari ascutu e si ni eru chi so peri incontru o distinu! (rimane in terra piangendo)

Brano “Antichi Suoni”

(1860)

(L’inganno del maresciallo)

(1860)

(Curtigghiu di donne e lettura del documento ufficiale)

(In scena: le due comari, Rusinedda, Carmela, Massaru Cola)

Entra in scena cummari 1 e a seguire cummari 2 (per intenderci: Cummari 1 è il personaggio che origliava il dialogo col maresciallo)

Cummari 2: Ma vui nenti sintistuvu cummari?

Cummari 1: Di chi stati parlannu, spiegativi?

Cummari 2: Arrivò in paisi na vuci strana!

Cummari 1: Parlati e basta! Non faciti a mistirusa!

Cummari 2: Iò vu dicu, ma vui faciti finta di non sapiri nenti: I mazzaru a tutti!

Cummari 1: A cu?

Cummari 2: Peppi frasca, Ninni carbunaru, u banniaturi, (altri nomi) senza mancu farici u processu, i purtaru a Patti e i fucilaru… si dissi puru chi non ci pirmitteru mancu di riciviri u Sacramentu…

Cummari 1: Ma chi stati dicennu cummari!Chissi sunnu tutti minzogni! U visti iò stissa u maresciallu dirici chi u generali era contenti di quantu  avevunu fattu e chi i vuleva incuntrari a tutti…

Cummari 2: E poi?

Cummari 1 : E poi trasiu Massaru Cola e invitò a non ci dari cuntu picchì sennò…(Rimane in bilico)

Cummari 2: (dopo qualche istante) Picchì sennò l’avissiru ammazzatu! Ci dissi propriu d’accussì, veru cummari? I pigghiaru a tradimentu e cu l’ingannu! E iddi stupidi incoscienti pi non sentiri a Massaru Cola si ficiru fricari!

Cummari 1:  (Si sente mancare) Purtatimi na brizza d’acqua chi mi staiu disturbannu…chi tragedia!

Entrano da destra Rusinedda e Carmela..

Carmela: Chi aviti cummaredda, vi sintiti mali?

(1860)

(Curtiggiu di donne e lettura del documento ufficiale)

Cummari 1: Ristai ribbamminuta pi chiddu chi mi dissi a cummari...

Carmela: Chi ci cuntastuvu cummari?

Cummari 2: Nenti…nenti…u sapiti com’è fatta a cummari no? Si emozionò pi na fissarìa…

Rusinedda: E’ inutili chi vi ammucciati , picchì puru neatri semu al correnti da situazioni e sapemu chiddu chi succidiu…

Cummari 2: Scusatimi, ma non vi vuleva mettiri st’autru pulici pa testa

Carmela: Semu angosciati! E si n’ta di nomi ci fussi puru chiddu di me fratuzzu! Vui sapiti qualcosa cummari e non mi vuliti diri nenti?

Cummari 2: Tuttu chiddu chi sapeva vu dissi…,mi pozzu  iurari…

Rusinedda: (Angosciata) Ninuzzu mia!Havi  vinti iorna chi non haiu nudda notizia di tia…u me cori mi porta a pinzari chi…

Carmela: (con autorità) Rusinedda!Sti cosi t’haiu dittu chi ne vogghiu sentiri mancu a pinzari! Ninni staci bonu e ti fazzu vidiri chi tuttu si risolverà e ti prumettu na cosa (Cambia tono di voce) u iornu du to matrimoniu ti fazzu nesciri di casa comu na rigina! Cu un velu candidu supra l’occhi e cu un mazzu di marghiriti  profumati cu sciauru s’havi a sentiri di tutti i casi du vicinatu…

Entra da sinistra Massaru Cola (sconsolato)

Cummari 2: Massaru Cola! Porta nutizi novi?

M.C: Sacciu già chi vuliti sapiri ma criditimi, non haiu mancu a forza mi vu dicu…

Cummari 1 : Parlati chiaru Massaru Cola! Sunnu veri sti nutizi o no?

M.C: E’ tuttu veru! Cu l’ingannu foru pigghiati , purtati o supplizziu senza mancu putiri aviri u dirittu di difinnirisi…e diri chi m’aveva mittutu davanti pi cunvincirili a canciari idea ma non ci fu nenti di fari…

Rusinedda: Havi nutizi di Ninuzzu mia? Piffauri ciù dumannu!

M.C: Rusinedda teniti forti e fatti curaggiu!

A questo punto verrà letto da Massaru Cola il documento ufficiale datato 20 Agosto 1860.

Durante la lettura del testo gli “Antichi Suoni” suoneranno un brano e le donne lentamente e poco alla volta cadranno nel pianto, nello sconforto e nella disperazione…Lentamente caleranno anche le luci e a termine della lettura, tutti usciranno di scena tranne Rusinedda.

(1860)

(Curtigghiu di donne e lettura del documento ufficiale)

(1860)

(Monologo di Rusinedda e Ninni )

(In scena: Rusinedda recita e lentamente i personaggi citati entrano in scena)

Rusinedda: Quantu u spirai..notti e iornu priai…Madunnuzza pruteggilu tu Ninnuzzu mia…facci canciari testa…Don Cola parlatici Vossia picchì a Vui v’ascuta…siti comu un patri pi iddu…du patri chi mai canuscìu…Carmela cunvincilu tu a to frati ….Ninuzzu stai attentu!(Pausa) E ora? Ora nenti chiù havi sensu…tuttu finìu ….i lacrimi chi scinnunu supra o me visu sunnu amari…amari comu un biccheri di vilenu e tagghiunu  u cori comu na lama appena ammulata….Ninuzzu mia non c’è chiù  e vana fu  a speranza…non ci sarà futuru pi mia, d’ora in avanti l’angoscia e u duluri avrannu postu n’ta me esistenza e non lassunu spaziu all’amuri e o sintimentu…quantu duluri suppurtai..pareva picca, prustrata davanti a signora e tanti voti svirgugnata davanti o baruni…comu si i ducizzi di so mugghieri non ci bastassiru Umiliata e pigghiata a sputazzati n’ta facci quannu u vinu ci dava n’ta testa o sulu picchì ci diceva di da manera……Non sentu chiù intra mìa a vuluntà di viviri (Pausa) chianci Rusinedda…chianci...chianci grida e disperiti!(pausa)

E tu Sicilia mia? Tu Trinacria bella, terra di suli, orgogliu du mediterraneu, patria di omini e culla di Dei… sempri fusti maltrattata, pigghiata a strazzari, occupata di tutti e vigliaccamenti scippata e to figghi cu l’ingannu…(pausa) chianci puru tu terra mia, oggi un figghiu to ti lassau pi sempri , lassò na firita aperta chi sanguina e stu sangu havi u sapuri da libertà, da speranza…ma havi puru l’amaru fieli da suttumissioni, du scunfortu…di la morti….

Rimane in terra disperata

Ninni: Non chianciri Rusinedda, Ninni tua è sempri a latu a tia e mai ti lassa… Vanu non no fu u sacrificiu, u mumentu di diri basta era ormai arrivatu!Troppu surprusi, troppa a virgogna e troppi umiliazioni…sta terra non merita tuttu chistu  e macara chi u me corpu cadìu sutta e tuonanti spari  du fucili, u me ricordu  e chiddu di tutti i “coppuli” fa parti da storia, ! Nuddu mai u putrà  cancillari  e  a du puntu i so fucilati furunu inutili. Vivu! Vivu n’to cori di tutti chiddi chi comu neatri amanu sta terra e non pirmittirannu a nuddu di pigghiarila a strazzari picchì è donu di Diu!Rusinedda mia, già t’immaginu, bella comu o mari ,sulari comu u cucenti chi scalda i nostri occhi candida e ligiadra comu i campi a primavera, decisa e convinta comu a pussenza di nosti muntagni…Sicilia mia, Sicilia bedda…Sicilia limpida…Sicilia chiara..ti vogghiu beni terra mia…

La voce di Ninni lentamente scomparirà insieme al personaggio col calare delle luci (Facoltativo)

Inizierà l’ultimo brano “antichi suoni” cantato da Rusinedda.

fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 8 volte nell' ultimo mese
  • 56 volte nell' arco di un'anno