31, ‘o padrone ‘e casa

Stampa questo copione

31, 'O PADRONE 'E CASA

commedia in due atti di Ferdinando Troiano

Titolo: 31, ‘o padrone ‘e casa

Autore: Ferdinando Troiano n° posizione SIAE 267190

Genere: prosa (commedia comico brillante)

Lingua: italiano e dialetto napoletano

n° atti: 2

n° personaggi:  9 (6u - 3d) Versione originale da richiedere all’autore

n° personaggi: 10 (7u - 3d) Versione copione

Durata: 110’

Rappresentata: dal 2018

Trama: La commedia è un acquerello napoletano pieno di luci ed ombre; uno spaccato di vita negli anni del secondo dopoguerra. Protagoniste del racconto due famiglie: la prima, umile e modesta, composta da Don Pasquale, vedovo da circa un anno, e i figli Carmela e Ciro, che tra le mille difficoltà quotidiane affrontano la vita con sacrifici ed amore; la seconda, benestante ed altolocata, composta da Don Gennaro, sua moglie Luisella ed i figli Sasà ed Angelina, che solo apparentemente vive una vita priva di problemi. La commedia tra risate ed equivoci, sottintesi e malintesi, vecchi scheletri e rancori, metterà in luce i veri volti dei personaggi mostrando però che la Fortuna e l’Amore hanno talvolta diversi modi di manifestarsi.

- Per la visione completa : https://youtu.be/PFJWe25Fdqs

PERSONAGGI

PASQUALE LA NOCE

CARMELA LA NOCE               figlia di Pasquale

CIRO LA NOCE                                   figlio di Pasquale

GENNARO MORACE              padrone di casa

LUISELLA MORACE                moglie di Gennaro

SASA' MORACE                      figlio di Gennaro

ANGELINA MORACE              figlia di Gennaro

CLEMENTE PANNONE                        fidanzato di Angelina

FELICELLA                               vicina di casa

NICOLINO                               figlio di Felicella

ATTO I

Casa La Noce, miseramente arredata, ma ben pulita. Nella sala da pranzo, Pasquale La Noce, inquilino dell'appartamento, legge il giornale. Carmela sbriga le faccende domestiche.

Porta sinistra: cucina - Arcocentrale destra: le altre stanze - Arco centrale sinistra: l’ingresso in casa.

Scena I

PASQUALE: (legge il giornale) Teh, senti qua. "Straordinaria vincita al lotto nei quartieri della Napoli bene; più di 20 milioni quasi certamente andranno ad un nobiluomo della città". Cose da pazzi, nun nce sta niente a fa, 'e sorde vanno addò chi 'e tene già. Eh, e manco a farlo apposta aggio fatto pure 'a rima, (prende i suoi biglietti del lotto dal portafogli) Ho giocato anch’io Carmè .. ma secondo me nemmeno stavolta abbiamo spuntato ciorta!

CARMELA : E nun fa accussì .. che giochi a fare se già parti scoraggiato!

PASQUALE : Carmè, lo gioco perche ormai mi sono abituato! M'aggio jucato 'o solito terno secco a Napoli: 8, 23 e 70. E' un anno che lo gioco. Un anno, Carmè! Da quando è morta tua madre. Na settimana dopo che morì, una notte me venette 'nsuonno; era bella, teneva un velo in testa, sembrava la Madonna, e me dicette: "Pasquale, tu che si tant’ nu brav'omme, non ti scordare di nostro figlio Ciretiello"; e po' continuaie: "I numeri al lotto, saranno la fortuna tua", e dopo ripeteva continuamente: '"E nummere, arricuordate 'e Ciretiello, 'a fortuna toia so 'e nummere". Carmè, è 'n anno ca me joco sti nummere, e nun è maie asciuto niente.

CARMELA: E va bbuò, papà, nun t'arraggià. Può essere chetu non giochi bene. Può essere che il sogno non l'hai saputo interpretare. Perchè 8, 23 e 70?

PASQUALE: Ma comme, pecchè? Tua madre fu molto esplicita. Per prima cosa, s'appresentaie comme 'a Maronna e ioho giocato l'8 che nella smorfia corrisponde alla Madonna. Secondo m'ha ditto .. "Nun te scurdà 'e Ciretiello, nostro figlio". Nè, Carmè, chill frateto è tutto scemo! A che corrisponde lo scemo nella smorfia? Al 23, è giusto?

CARMELA: Si, papà, è giusto. Ma il 70? Il 70 che cos'è nella smorfia?

PASQUALE: E che ne saccio io che d'è o'70.

CARMELA: Allora perchè ti giochi: 8, 23 e 70?

PASQUALE: E' te l’ho detto! Tua mamma, nel sonno, me dicette "Pasquale, tu ca (calcato) si'ttanto nu brav'omme, non ti scordare di Ciretiello” … Si tant’ , Carmè .. Così pensai di apparare vicino a 8 e 23, anche il 70. Anche perchè, Carmè, con l'ambo non risolviamo niente! Per risolvere i nostri problemi a noi ci serve un terno secco! Ma proprio secco! (bussano alla porta) O ‘vi lloco, o’ì! Questo dev’essere Nicolino!

CARMELA : Nicolino?

PASQUALE : Si, ho chiesto a Felicella di mandarmi a prendere i numeri che sono usciti al bancolotto!

CARMELA : E speriamo! (va ad aprire)

NICOLINO : Buongiorno signorina Carmela! Buongiorno don Pasquà!

PASQUALE : Buongiorno Nicolì! Hai preso i numeri al bancolotto?

NICOLINO : (cacciando un foglio dalla tasca) Eccovi servito!

PASQUALE : Ah, grazie! (fa per prenderlo ma Nicolino se lo riprende)

NICOLINO : ‘Onna Giovannina si è raccomandata ..

PASQUALE : (cerca di riprenderlo) ‘Onna Giovannina del bancolotto?

NICOLINO : Sissignore .. ha detto che il foglio gli serve! Glielo dovete restituire!

PASQUALE : (c.s.) E certamente! Ma tu gli hai detto che ti ci avevo mandato io?

NICOLINO : E quella perciò si è raccomandata … perché ve lo prendete e non lo restituite mai!

PASQUALE : (ci riesce) E damme stu foglio!

NICOLINO : (tende la mano) Don Pasquà …

PASQUALE : Che c’è?

NICOLINO : Nun ve scurdate niente?

PASQUALE : E chist’ sta sempe pronto! Niculì, stai tranquillo! Passa più tardi .. ti vieni a prendere il foglio e ..

NICOLINO : E ci vediamo dopo .. stateve buono!

CARMELA : Ciao Nicolì! E salutami mamma!

PASQUALE : lamme bello, controllammo ' sti nummere, è probabile ca stavota fosse a vota bbona. (controlla sul giornale) Napoli, 3... 57... , te pareva..., 8... (si drizza) ... 23... (si emoziona) ... e... e... 71... (sconsolato)... 71... (grida)... Carmè, hai capito niente... 71(calcato).

CARMELA: (cerca di risollevarlo) Papà, non fa niente, nun te preoccupà, l'importante ca nce sta a'salute.

PASQUALE: A'salute, a'salute. E n'ata botta ‘e chesta, e a'salute mia se ne va completamente. Carmè, ma tu ti riendi conto, è asciuto o'71.

CARMELA: Eh, papà, ho capito.

PASQUALE: (si altera) E o'ssaie nella smorfia che ffà o'71?

CARMELA: No! Non lo so, che fa il 71? (entra, da destra, Don Gennaro, il padrone di casa, Carmela sta di spalle e non lo vede).

PASQUALE: (vede Don Gennaro, in segno di saluto) Don Gennaro...

CARMELA: Fà Don Gennaro, o'padrone 'e casa; pecchè, sta pure isso dint' a smorfia?

PASQUALE: No, no! Sta addereto a te.

GENNARO: Buongiorno!

CARMELA: (voltandosi di scatto) Oè, don Gennà, buongiorno, non vi avevo visto.

GENNARO: Stava la porta aperta e sono entrato.

PASQUALE: Ah, quella porta! 'E vvote se chiude, 'e vvote no. Domani è Lunedì, o'primmo penziero, aggia chiammà o' faligname e raggia fa accuncià. E ccà, 'a nu mumento all'ate, nce truvammo ' e mariuole  dinto 'a casa (indicando, furtivamente,Don Gennaro).

GENNARO: Don Pasquà, ma ce l'avete con me?

PASQUALE: No, ma che, pazziate? lo dicevo così, per dire.

GENNARO: Ah, mi pensavo.

PASQUALE: Ma che fate, state ancora in piedi? Prego, accomodatevi.

GENNARO: Grazie, grazie! (si accomoda).

PASQUALE: Don Gennà, favorite qualche cosa? Che so, un bicchiere di cognac … (Carmela fa cenno di no) .. un bicchierino di … (c.s.) .. una tazza di caffè? (a Carmela, a bassa voce) Ce sta o'caffe? (Carmela annuisce)

GENNARO: No, non vi mettete in cerimonia.

PASQUALE: Qua' cerimonie, per voi questo ed altro. Carmè, appripara 'na bella tazzulella 'e cafè per Don Gennaro. (Carmela sta per uscire) M'arraccumanno, a papà, comme 'a sai fa tu.

CARMELA: Va bene, (esce a sinistra)

PASQUALE: Carmela fa un caffè che è una delizia, è squisito. Mò lo provate e mi date una voce. Allora, Don Gennà, a che debbo l'onore di questa vostra visita, è da parecchio tempo che ci mancate da qua sopra...

GENNARO: Da circa un anno. Precisamente, da quando la povera Donna Maria, salute a noi, venne a mancare, ed io salii pervenirvi a dare le condoglianze.

PASQUALE: Si, ricordo. Era il 28 Aprile. Il giorno più brutto della mia vita. E chi s"o scorda cchiù. Me pare ancora 'e vedè sta stanza chiena 'e gente. Tutto 'o quartiere le venette a dà l'urdemo saluto chillu juorno, tutto ‘o quartiere. 'A vulevano bene tutte quante a Maria mia, (commosso) tutte quante... .

GENNARO: Si, va bbuò, Don Pasquà, mò non ci pensate, però.

PASQUALE: Avete ragione, (imponendosi la calma) nun nce aggia pensà. Si nun nce penso è meglio. Fortunatamente, tenevo a Carmela, che s’è visto tutte cose essa. Manda questa casa avanti una bellezza, nun se ferma 'n attimo, lev'a povere, stira, cucina...

GENNARO: Si, si! Don Pasquà, mò però...

PASQUALE: Sarrà nu guaglione fortunato chi se la sposa!

GENNARO: Sicuramente! Adesso veniamo a noi...

PASQUALE: A proposito 'e guaglione furtunato, levatemi una curiosità. Ma vostro figlio avesse pigliato 'o posto alla biblioteca comunale?

GENNARO: Don Pasquà? E come vi permettete?

PASQUALE: E che ce sta 'e male? 'O veco che va giranno sempe cu nu libro mmano...

GENNARO: E da questo siete arrivato a pensare che mio figlio fa l'impiegato comunale? Tse! Ma mannatece a vostro figlio a faticà 'int'a biblioteca.

PASQUALE: E fosse 'a Maronna, don Gennà! Fosse 'a Maronna! Ma chillo nun sape manco leggere. E' anarfabeta! Dicono però che si è liberato un posto comme guardiano 'o Campusanto.

GENNARO: (fa scongiuri) Ahh! Sciò, sciò!

PASQUALE: Che d'è? Ce stanno 'e mosche?

GENNARO: E si! E sono pure fastidiose!

PASQUALE: Dimane matina, veco nu poco ‘e parlà cu Nicola 'o schiattamuorto...

GENNARO: Ahh! (altri scongiuri) Sciò, sciò! E comme so' scassambrelle sti mosche!

PASQUALE: (si alza, afferra un panno) Aspettate, mò ce penz’ io... .

GENNARO: Ma non date retta! Sedetevi! (lo fa sedere) Non è certo il momento questo di pensare alle mosche.

PASQUALE: Alle mosche no, Don Gennà! Ma io una cosa ve la debbo proprio dire.

GENNARO: Ahè! E pure io!

PASQUALE: Venite a ccà! (a bassa voce) Questa casa è infestata!

GENNARO: (spaventato, scatta in piedi) Co-co-come ave-ave-avete dett-tto? Infestata?

PASQUALE: Sissignore!

GENNARO: Da-da-dai fa-fa-fanta-ta-tasmi?

PASQUALE: Peggio, don Gennà! Peggio! (Gennaro trema, Pasquale gli si avvicina e a bassa voce, nell’orecchio) Dagli scarafaggi! (sospiro di sollievo di Gennaro che toma a sedersi) Nun ce so' mai stati. Tanti anni qua dentro non ne ho mai visto uno, ma ultimamente .. scarafaggi pe’ tutte parte! Scarafaggi a meliune .. orde di scarafaggi!

GENNARO: E che vulite fà, don Pasquà! Ma secondo voi .. a' casa mia ci mancano gli scarafaggi?

PASQUALE: Ah, no! Ce sta vostra figlia!

GENNARO: 'On Pascà!

PASQUALE: Eh, no! Ma che avete capito .. dicevo che ci sta vostra figlia che tiene pulita la casa... .

GENNARO: Ahh! Ma questo non vuol dire. Pure vostra figlia tiene questa casa pulita che è una bellezza, ma 'e scarrafuni traseno 'o stesso. Chilli traseno pe' sotto 'e porte, pe’ dint’ ‘e pavimenti, pe’ copp'e mure...

PASQUALE: Comme 'e fantasmi? .

GENNARO: (pausa) Si! Comme 'e fantasmi! Ora cambiamo discorso, don Pasquà... .

PASQUALE: Eh no, don Gennà! Questo è un problema, un problema che va risolto.

GENNARO: 'On Pasquà, ma se mi fate dire quello che vi debbo dire, vi assicuro che questo sarà l'ultimo dei vostri problemi.

PASQUALE: In che senso, scusate?

GENNARO: Nel senso che non lo avrete proprio più.

PASQUALE: Ahhhh! E allora che aspettate? Parlate!

GENNARO: Si, dunque,...

PASQUALE: (vedendo Carmela entrare col vassoio in mano) Ah, ecco il caffè. Don Gennà, mò lo assaggiate, (mentre gli dà la tazza) e me dicite che ne pensate d'o cafè 'e Carmela.

GENNARO: (prende la tazza) Grazie! Quindi, venendo a noi... Carmè, lo hai zuccherato?

CARMELA: Si, papà.

GENNARO: (Pasquale assaggia) Come vi stavo dicendo...

PASQUALE: Mmmm! E'un po' amaro. Ci vuole un altro cucchiaino (mette lo zucchero e riassaggia)

GENNARO: (spazientito) Allora, Don Pasquà...

PASQUALE: A voi è buono?

GENNARO: (alterato) Ma che cosa?

PASQUALE: (incosciente) II... il caffè?

GENNARO: (sempre alterato) Si, è bbuono, è bbuono!

CARMELA: Ma se non lo avete ancora assaggiato.

GENNARO: (innervositosi, beve il caffè tutto d'un sorso) Ah! (posa la tazza nel vassoio e vede che Carmela e Pasquale lo osservano per conoscere il responso) Ottimo! (sospiro di sollievo da parte dei due) Insomma, Don Pasquà, mò me facite parlà?

PASQUALE: lo a vuie stongo a sentì! Si nun parlate...

GENNARO: (scuote il capo) Mmmm! Ma si sò ttre ore ca voglio abbià. Statemi a sentire. Stamattina sono venuto qua per....

PASQUALE: Un attimo solo, Don Gennà. Scusate se vi interrompo!

GENNARO : (ormai esausto) E manco si fosse ‘a primma vota!

PASQUALE :  Carmè, va a scetà a chillu rimbambito e frateto che sono le 11.00 e sta ancora a durmì. Alle 11 di mattino in casa La Nocesi dorma ancora! Prego, continuate. (Carmela escein fondo a sinistra)

GENNARO: Posso? (Pasquale annuisce) Sicuro? (c.s.) lo nun nce metto niente, don Pasquà! Io faccio primma si arrivo‘a casa e vi scrivo una bella lettera. Se sono voluto venire qua, è stato per una forma di correttezza, perchè vi stimo e certe cose preferisco dirvele in faccia.

PASQUALE: Ed io vi ringrazio. Dite pure!

GENNARO: (non si fa capire, a soggetto) Ve ne dovete andare, don Pasquà.

PASQUALE: (riflette) Io non ho capito!

GENNARO: Non avete capito? Eppure mi sembrava di essere stato chiaro … allora ripeto! Don Pasquà .. (c.s.) Ve ne dovete andare.

PASQUALE: (rifacendogli il verso) Don Gennà .. io non ho capito!

GENNARO: (ad alta voce) Don Pasquà, ve ne dovete andare!

PASQUALE: (ridendo) 'On Gennà, ma pecchè nun ve ne iate vuie?

GENNARO: Non sto scherzando, don Pasquà. Mi dispiace, ma vi debbo sfrattare.

PASQUALE: Ma che state dicendo, non può essere! (pausa, si alza e comincia a passeggiare nervosamente) E chesta sarebbe 'a soluzione... (Gennaro annuisce) Tse! Bella soluzione! Accussì nun tengo scarrafuni pe' dint'a casa.

GENNARO: Ehh!

PASQUALE: E ma nun tengo manco chiù  'a casa, però, (pausa) Ma, ma vi debbo qualcosa? Dite? Vi ho pagato sempre puntualmente?

GENNARO: Si, si, ma non è per questo.

PASQUALE: Ho capito, volete l'aumento? Sicuramente! Volete l'aumento. E io che, con la scusa d’i scarrafune, vulevo pure sparagnà na cosa ‘e sorde. Va bene, vuol dire che avrete l'aumento, farò .. faremo qualche sacrificio in più, ma non fa niente, abbasta ca nun me ne mannate, Don Gennà... (s'inginocchia, piagnucolando, e gli prende le mani) nun me ne mannate ... come faccio, addò me ne vaco?

GENNARO: 'On Pasquà, ma che fate? Alzatevi. (Pasquale si alza) Ve l'ho detto, mi dispiace, mi dispiace assai, ma che nce pozzo fa. Io vi farei restare ma a me questa casa mi serve … (pausa) la devo dare a Angelina.

PASQUALE: (immobile) A chi la dovete dare?

GENNARO: A mia figlia, Angelina.

PASQUALE: E pecchè?

GENNARO: Comme pecchè, quella è la sua.

PASQUALE: Si, lo so che è la sua! Ma che se n'adda fa?

GENNARO: Uh, Gesù! Ci viene ad abitare.

PASQUALE: (calcato) Essa sola?

GENNARO: Ma che dite! Col marito!

PASQUALE: Col marito di chi?

GENNARO: O'suoio, 'on Pascà, o'suoio.

PASQUALE: O'suoio? (Gennaro annuisce) Angelina ha trovato marito?

GENNARO: Eh si! Ci sta uno che ha chiesto ... appunto ..

PASQUALE: (esterefatto) Ma... questo tizio ... cioè .. 'a sape Angelina?

GENNARO: In che senso?

PASQUALE: Cioè, voglio dire,... c'ha parlato?

GENNARO : E comme .. nce ha parlato?

PASQUALE : E l’ha pure vista?

GENNARO: (alterato) E comme, nun l'ha vista!

PASQUALE: (alterato a sua volta) E l'ha vista bbona?

GENNARO: 'On Pasqà, ma vuie che vulite? L'ha vista, nun l'ha vista, c'ha parlato nun c’ha parlato .. che me ne 'mporta a mme! O'necessario, è che s'a piglia …

PASQUALE: (allarga le braccia) E cu che curaggio?

GENNARO: Perciò, don Pasquà, io ho avuto questa grazia, me pozzo mai fa’ sfuggire l'occasione. E quanno mi ricapita un’altra volta?

PASQUALE: No, don Gennà, voi avete ragione! Voi siete stato miracolato! Però, pecchè non facciamo una cosa... sentite qua. Casa vostra, quella dove abitate adesso, quella è una casa grande …

GENNARO : Abbastanza ..

PASQUALE : Benissimo .. voi dividendola .. potete dare un paio di stanze a Angelina e ‘o marito, così non solo lei si sposa, ma ve la tenete pure insieme a voi.

GENNARO: Don Pascà, iatevenne! lo faccio tanto per farla sposare pe m'a leva a'nanze .. che faccio? M’a tengo cu mme? Nooo!

PASQUALE: No, eh! E allora ..  possiamo fare così. Qua, teniamo una stanza, affianco alla camera mia, che sta abbandonata; si, la usiamo da ripostiglio,  ce sta nu sacco ‘e ammuina là dinto. Quella è bella grande, un letto matrimoniale ci dovrebbe entrare giusto giusto. Vuol dire che la liberiamo, Carmela 'a pulezza bona bona, e così Angelina vivrà col marito, insieme a noi.

GENNARO: Ahhh, don Pasquà, e non scherzate...

PASQUALE: E chi sta scherzando, don Gennà! lo vi sto venendo incontro. Ma secondo voi, a mme me fa piacere di tenere due estranei che me girano p'a casa?

GENNARO: Don Pasquà, fino a prova contraria, qui gli estranei... .siete voi.

PASQUALE: E allora come vogliamo fare? Voi che altro proponete?

GENNARO: Ve l'ho detto l'unica soluzione qual'è. Dovete lasciare la casa.

PASQUALE: Ma come facciamo .. così .. da un momento all'altro...

GENNARO: Non vi preoccupate, se è per questo avete una settimana di tempo.

PASQUALE: (calcato) Una settimana? Una settimana di tempo?

GENNARO: Sicuro! Avite voglia e'fà.

PASQUALE: (alterato)E che aggia fà dint'a 'na settimana.

GENNARO: 'On Pascà, una settimana so' sette giorni.

PASQUALE: E' poco. E' troppo poco. Sette giorni per trovare un altra casa, dopo venti anni che viviamo qua dentro. 'On Gennà, voi mi dovete dare come minimo un mese.

GENNARO: Un mese? 'On Pascà, un mese sono trenta giorni.

PASQUALE: (alterato) 'On Gennà, e un anno ne so' trecientosessantacinche di giorni. Insomma, ma mettetevi nei miei panni, concedetemi almeno un mese.

GENNARO: Caro don Pasquale, vi parlo col cuore in mano, io ve ne concederei pure due, tre, quattro di mesi, anche un anno; ma, purtoppo, i ragazzi hanno già deciso. Comunque, facciamo una cosa. Oggi, abbiamo invitato il ragazzo a pranzo da noi, vuol dire che gli parlerò e vediamo che si può fare. Anzi, è probabile che, dopo pranzo, ci facciamo una passeggiata da queste parti, così, gli facciamo vedere anche la sua futura casa. Per voi va bene?

PASQUALE: E che vi debbo dire ... va bene!

GENNARO: lo oratoglierei il disturbo. (si alza) Sono mortificato di avervi dovuto dare questa brutta notizia, ma, purtroppo, lo dovevo fare, e mi sembrava brutto non venire di persona.

PASQUALE: (accompagnandolo alla porta) Avete fatto bene, don Gennà, ma cercate 'e nce mettere ‘na bona parola cu vostra moglie .. cu vostra figlia …

GENNARO: Cercherò .. vedrò .. parlerò ... buona giornata! (esce da destra)

PASQUALE:     Statevi bene! (rimasto solo) Ahe, bona jurnata. Meglio 'e chesta nun puteva accummincià. Madonna, che disgrazia, (calcato) che disgrazia. E chi 'o tene mò 'o curaggio e nce ‘o dicere a Carmela. Come faccio! Come faccio!

Scena II

Pasquale si aggira nervosamente sul palcoscenico fino alla quinta di sinistra dove si volta di spalle, ed in quel momento esce precipitosamente Ciro, il figlio, che, urlando, corre dietro ad uno scarafaggio per ucciderlo. Pasquale, spaventato, cade a terra in ginocchio, sostenendosi ad una sedia.

CIRO: (entrando) Uiglioco, uiglioco! 'O scarrafone! 'O scarrafone! Addò fuie, addò fuie? Vieni a ccà! He muri! (lo schiaccia)Ahhhhh!

PASQUALE: (con la testa abbassata verso la sedia) Assassino!

CIRO: Assassino? Papà, chill’ era nu scarrafone!

PASQUALE: Accussì, accussì se more 'e 'nfarto!

CIRO: No, papà, accussì se more scamazzato!

PASQUALE: Madonna Santa, Gesù Cristo mio.....

CIRO: (Ciro crede che il padre stia pregando, così si siede su una sedia accanto a lui e gli mette una mano sulla testa) E va buò!

PASQUALE: Sa-Sa-San Giovanni a Teduccio...

CIRO: (alza gli occhi al cielo) Prega per noi!

PASQUALE: … Santa Maria di Castellabbate...

CIRO: (c.s.)Prega per noi!

PASQUALE: ... San Nicola La Strada!

CIRO: (c.s.)Prega per noi!

PASQUALE: (alza la testa e guarda Ciro) Uh, Gesù, Giuseppe, Sant'Anna e Maria.....

CIRO: (allarga le braccia) Siate la salvezza dell'anima mia! E com'era in principio ora è sempre nei secoli dei secoli. Amen!

PASQUALE: (alterato e alzandosi) Ma che stai a fa?

CIRO: (senza scomporsi) 'O funerale d'o scarrafone! Cenere era e cenere è ritornato!

PASQUALE: (rivolgendosi al ritratto della moglie e mordendosi una mano) Ahhh!

CIRO: E' pronto 'o mangià?

PASQUALE: No! No!

CIRO: Papà, tengo famme. E' pronto 'o mangià?

PASQUALE: E quanno maie no! E' ancora ampresso pe' mangià, vatte a fà na cammenata, pe' tramente soreta appripara 'o pranzo, lo già tengo 'a capa a tre quarti.

CIRO: Ma pecchè, è successo qualche cosa?

PASQUALE: No,... niente a papà.

CIRO: E' successo qualche cosa?

PASQUALE: (alterato) Aggio ditto niente, non è successo niente.

CIRO: Papà, è successo qualche cosa?

PASQUALE: Mmmm! Ciretiè, fa na cosa, (gli dà una moneta) teccoti 10 lire; vatte 'accattà na pasta, nu gelato, nu franfellicche ..  accattate chello che bbuò, abbasta ca te ne vai fino a ora 'e pranzo.

CIRO: (prende la moneta) Grazie, papà, (risoluto si avvia all'uscita di destra, poi si ferma, si volta) Papà...

PASQUALE: Che bbuò?

CIRO: Ma è successo qualche cosa?

PASQUALE: (afferra una sedia come per tirargliela) Uh, mannaggia... (Ciro esce correndo) ... vavattenne! (ripetendo il verso al figlio) E' successo qualche cosa? E' successo qualche cosa? Quanno fa accussì.oì. Tenesse proprio 'a voglia d'o... (mette un pugno in bocca, poi guarda ii ritratto della moglie)... ma non lo tocco. Tengo la voglia, ma non lo tocco.

CARMELA: (entra Carmela) Papà, t’aggio sentuto 'e alluccà più di una volta, ma che tieni stamattina?

PASQUALE: (alterato) E che tengo, che tengo secondo te? Nu figlio scemo, chesto tengo!

CARMELA: Che è venuto a fare don Gennaro?

PASQUALE: (preso un po' all'improvviso) Eh... don Gennaro... che è venuto a fare? Ahè, è na parola! ... E' venuto a darci una notizia, (calcato) Una bella notizia!

CARMELA: Una bella notizia?

PASQUALE: (ampio gesto con le mani) Mmm! Bella,... bella assai.

CARMELA: E qual'è, papà? So' curiosa!

PASQUALE: Ha ditto che 'a figlia,... Angelina,... se sposa.

CARMELA: Angelina? Se sposa? Ma hai sentito bene?

PASQUALE: Tre volte me lo sono fatto ripetere, pecchè nemmeno io ci credevo. Ma tu hai capito niente, Carmè! Pure chella cosa brutta ha truvato marito.

CARMELA: Però, da una parte, me fa piacere. Almeno se sistema 'a guagliona.

PASQUALE: Eh, eh! E mò t'o dico io, addò se sistema 'a guagliona.

CARMELA: Addò, papà?

PASQUALE: Qua!

CARMELA: Qua?

PASQUALE: Dinto a 'sta casa.

CARMELA: Nooo, non è possibile! Nun nce capimmo a tanta gente, simme assai. Nuie stammo suli e nun nce truvammo, figurati cu chist'ati duie dint" a casa. Nooo! E po', quelli sono freschi sposi, hanno bisogno di intimità, hanno bisogno di stare soli...

PASQUALE: Carmè, quelli staranno soli.

CARMELA: Come, staranno soli? E nuie, allora? (riflette)... Vuoi dire che... che noi ce ne... dobbiamo... andare?

PASQUALE: (rammaricato) Proprio così! (camminano in silenzio, entrambi a capo chino e pensierosi. Mentre passeggiano si incrociano e trovando l’uno l’ostacolo dell’altro tornano indietro, per tre volte)

CARMELA: Papà .. e addò iamme?

PASQUALE: Carmè tu p'a cca e io p'a llà! O si no facimm’ capa e capa!

CARMELA: Papà, e non scherzare! Ci hai pensato? Addò 'a truvammo n'ata casa?

PASQUALE: Non lo so! Ma nun te preoccupà, a papà. Una soluzione sempre la troviamo. Solo che dobbiamo fare in fretta. Don Gennaro mi ha dato solo una settimana di tempo.

CARMELA: Una settimana? Papà ma una settimana sono sette giorni.

PASQUALE: Mò ti ci metti pure tu? Lo so che una settimana sono sette giorni, ma che aggia fa? Ho provato a farmi dare almeno un mese di tempo, ma niente da fare.

CARMELA: Aspetta .. tra poco, dovrebbe venire Sasà, il figlio di don Gennaro...

PASQUALE: E che adda veni a ffa?

CARMELA: Mi viene a portare un libro.

PASQUALE: Un altro libro? Nun saccio quanta libri chisto t'ha purtato, da tre mesi a questa parte. Due o tre al giorno.

CARMELA: Già te l'ho detto, papà. Sa che a me piace leggere e...

PASQUALE: (ridendo) Ehehehhe ... a proposito … ho detto a don Gennaro si 'o figlio faticava 'a biblioteca, m'ha risposto: "E come vi permettete? Mio figlio impiegato comunale!" Manco si c'avesse ditto ca ieva a rubbà!

CARMELA: Ma mica gli hai detto che mi porta i libri?

PASQUALE: Nossignore!

CARMELA: Ah, meno male! Quello don Gennaro non sà niente. Non sia mai lo viene a sapere, ha detto Sasà che lo caccia di casa.

PASQUALE: Pure 'o figlio? Allora chisto 'o tene pe' vizio ‘e caccià 'a gente da ‘int’e case.

CARMELA: Comunque, ti stavo dicendo, tra poco viene Sasà, gli potrei parlare .. che so .. per fargli mettere una buona parola con don Gennaro.

PASQUALE: Carmè, il problema non è don Gennaro. lo gli ho parlato, a lui dispiace mandarcene, ma, purtroppo, che  pò fa’. Se non la sistema mò alla figlia ca tene l'opportunità, chella restarrà zitella per tutta la vita. Il problema sono appunto i due giovani che non vedono l'ora, e secondo me, ma questo don Gennaro non me l'ha detto, nu poco pure donna Luisella, la moglie, che preme e che vuole farli sposare il più presto possibile.

CARMELA: Allora dico a Sasà di convincere la mamma, quello è il cocco di mamma sua. Sicuramente metterà una buona parola.

PASQUALE: Va bbuò, Carmè, diglielo. Ma senza tante insistenze e  soprattutto, non fare in modo che lui possa pensare di ricevere in cambio qualcosa.

CARMELA: (offesa) Papà, ma sei pazzo! lo sono una ragazza seria, mi metto a fare delle proposte simili?

PASQUALE: Lo so, lo so che di te ci si può fidare, (prende la giacca) Comunque, io mò esco, vado a vedere un po' se trovo una casa una stanza, nu buco, dove ci possiamo sistemare per qualche giorno. Vengo fra poco.

CARMELA: Buona fortuna, papà!

PASQUALE: (uscendo) Lassa fa a mme, Carmè.

Scena III

Da dietro le quinte: Pasquale apre la porta e c'è Sasà che sta arrivando.Mentre i due parlano, Carmela, sul palcoscenico, cerca di trovare una posa sexy da assumere all'entrata di Sasà.

PASQUALE: (voce, da dietro le quinte) Uè, qui ci sta pure il lavoratore. Buongiorno, Sasà.

SASÀ: (c.s.) Buongiorno, don Pasquà, ci sta Carmela? Le sono venuto a portare questo libro.

PASQUALE: (c.s.) Si, lo so. Il solito libro. Trase, io stavo uscendo. Ci vediamo dopo.

SASÀ: Arrivederci. (entra in scena da destra, e trova Carmela sdraiata su due o tre sedie con gli occhi chiusi ed una mano in fronte) Permesso? (osserva Carmela per alcuni secondi e, da vicino, la chiama a bassa voce) Carmela... (Carmela non risponde, allora Sasà, preoccupato, la scuote violentemente, gridando)... Carmela... Carmè...

CARMELA: (lancia un urlo, spaventata) Ahhhhh!

SASÀ: Ah, meno male, sei viva.

CARMELA: (con affanno) Ma... perché ... che ti credevi?

SASÀ: Che la brutta notizia ti avesse ucciso? Ma... mica ti ho spaventata?

CARMELA: (ironica) Nooo, per carità! (realizzando) La brutta notizia?Allora, già sai il fatto? Lo sai che tuo padre ci ha sfrattati?

SASÀ: Sfrattati! Che brutta parola. Ve ne ha mandati di casa! (siede accanto a lei)

CARMELA: E' 'a stessa cosa, Sasà. In poche parole ce ne dobbiamo andare. Dopo venti anni, capisci, (calcato) dopo venti anni, dobbiamo lasciare questa casa.

SASÀ: (sistemandosi sulle sue gambe) Come, non lo capisco, Carmè! Lo capisco cosa significa per voi andarvene di qua.

CARMELA: (gli fa una carezza sensuale dietro la nuca) Lo capisci, Sasà?

SASÀ: (estasiato) Si, lo capisco, Carmè!

CARMELA: (sensuale) E nun può fa niente?

SASÀ: Comme? Nun pozz’ fa niente! (si alza energico e fa per togliersi la cravatta) Ma stamm’ sul?

CARMELA : Sasà ma che hai capito?

SASA’ : (si risistema il nodo) E non lo so .. hai detto “nun può fa niente” .. per che cosa?

CARMELA: (si rimette sulle sue gambe) P' evità 'sta situaziona.

SASÀ: No, Carmè, nun pozzo fa niente.

CARMELA: (gli toglie violentemente le gambe dalle sue) E che te tengo a ffa?!

SASÀ:   (si alza massaggiandosi dietro la nuca) Carmè, ma io che pozzo fa, secondo te. Papà, 'a divisione 'a facette duie anni fa. A mme, me dette a casa 'ncopp 'e Camaldoli, e a Angelina chesta ccà. Oramai, 'sta casa è a soia, e tu o'ssaie cu sorema nun ce se proprio avè a cche ffà. Quella non capisce niente. Sarrà 'n anno ca nun ce parlo cchiù. (si risiede sul divano dando le spalle a Carmela)

CARMELA: (ripetendo la carezza) Ma cu mamma tua nce parli, però?

SASÀ: (sempre estasiato, stavolta si stende su di lei) Si, cu mammà nce parlo. Pecchè, che nce aggia dicere?

CARMELA: (c.s.) Che una settimana è poca, per noi. Che ci desse almeno un mese.

SASÀ: (c.s.) Un mese? Un mese per sfrattare?

CARMELA: Si!

SASÀ: lo lo farei pure … io lo farei pure (equivocando, con incisione) ma...

CARMELA: (c.s.) Ma?

SASÀ: (c.s.) Non è possibile!

CARMELA: (lo scaraventa a terra) Hi! Nun si bbuono proprio.

SASÀ: (stufo ma sempre rispettoso) Carmelì, ma mettiti nei miei panni. Considera che tuo fratello trova na femmena ca s'o sposa...

CARMELA: (offesa) Perché? Non puo' essere?

SASÀ: Come, non può essere! P’o fatt’e chest’ ce sta ‘a fila ll’oco fore! Parliamoci chiaro, Carmelina, devi ammettere che è sicuramente un'ipotesi molto remota.

CARMELA: Sicuramente! E con questo?

SASÀ:   Quindi, stavo dicendo, mettiamo il caso che ascesse fore 'sta femmena … chesta meza scema ca se vulesse spusà a tuo fratello, tuo padre nun facesse in modo di farli sposarepresto presto, cuotto mangiato, primma ca perde l'occasione?

CARMELA: (rassegnata) E' o'vero, Sasà, hai ragione. Allora non ci resta altro che rassegnarci a cambiare casa... si maie 'a truvammo.

SASÀ: Aspetta, Carmè, non drammatizziamo. Po' maie essere ca mò non troviamo n'ata soluziona. Arraggiunammo nu poco, ià. (alcuni attimi di silenzio in cui i due si sforzano di trovare un' altra soluzione) Arraggiunamm’ nu poco, Carmè .. (guardandola bene e abbracciandola) Arraggiunammo! Mò nce facimm’ na bella arraggiunata!

CARMELA: (si distacca improvvisamente) Sasà?

SASÀ: Che è stato, Carmè? Hai già trovato qualcosa?

CARMELA: Si, è un'ottima soluzione.

SASÀ: Manco ‘o tiempo ‘e n’arraggiunata! E io 'o sapevo. Hai trovato subito una soluzione perché tu sei intelliggente. E allora dimmi … a che hai pensato? (prendendo le mani tra le sue)

CARMELA: E si nce truvassimo n'atu sposo a tua sorella?

SASÀ: (la guarda incerto per qualche attimo, poi gli lascia le mani come per mandarla al diavolo) Hii! E io nun sapevo chesta a che aveva pensato! N'atu sposo! Chella già è assai che n'ha truvato uno. Addò 'o trova n'atu scemo. Tse! N'atu scemo! (riflette) N'atu scemo? (si volta di scatto) Frateto!

CARMELA: Si, Sasà, Ciretiello.

SASÀ: Tieni una menta vulcanica. Vieni a ccà! (allarga le braccia, Carmela gli và incontro e i due si abbracciano. Entra Ciro da destra; i due non se ne avvedono)

CIRO: (al pubblico) Ah... ah! Carmelina e Sasà che s'abbracciano, (ride) Mò ce facimmo doie risate. (si avvicina ai due, piano piano, per non farsi sentire, e poi li spaventa, facendoli sobbalzare e cadere; Ciro se la ride) Ah, ah,., l'aggio fatto tremma'... Ah, ah, ah,... so' caduti tutti e duie,... ah, ah, ah,...

SASÀ: (rialzandosi affannosamente) Ma chist’ è tutt’ scemo!

CARMELA: (rialzandosi irata) Ciretiè, ma ti sembrano scherzi da fare, questi. C'hai fatto pigliò nu spanteco. La prossima volta che...

CIRO: E' pronto 'o mangià?

CARMELA: No! Devi aspettare. Anzi, per quello che hai fatto, me venesse'o sfizio e nun te fa mangià, a mezzogiorno.

SASÀ: (calcato) Brava Carmè, fallo stare a digiuno. Accussì a prossima vota se 'mpara e nun fa cchiù 'u sce...

CIRO: (imperativo) Carmè, appripara 'o mmangià; o' si no, io parlo!

CARMELA: Nè, tu parli. E che dici, fammi sentire?

SASÀ: Parla, parla che tieni 'a dicere?

CIRO: (a Carmela, calcato) Dico a papà, ca ti stavi abbracciando a Sasà.

CARMELA : Ah!

SASA’: Ah!

CIRO : Ah!

SASÀ: (dopo aver guardato, preoccupato, Carmela) Aaaa… appripara ‘o mangià a Ciretiello, Carmè, ne approfitto e anche io vado a mangiare... che è tardi, (si dirige verso l'uscita di destra)

CARMELA: (guarda l'orologio) Uhh, è vero, come è tardi. Ciretiè, hai ragione, io devo cucinare, (facendogli una carezza) Mò vado a preparare, subito subito, un bel pranzetto, (saluta con la mano Sasà, che esce a destra, e uscendo a sinistra, a Ciro) Bello! A sosora soia, (e gli dà un bacio da lontano con lo schiocco)

CIRO: (tutto impettito al centro del palcoscenico, con le braccia incrociate) Ah, ah, ah... finalmente si mangia!

Scena IV

Ciro si siede e prende il giornale per leggerlo. Ma, poiché è analfabeta, lo gira ripetutamente per metterlo nel verso giusto. Entra Pasquale da destra e lo osserva minaccioso. Ciro blocca il giornale sottosopra e fà finta di leggere.

PASQUALE: Ma che stai a ffà?

CIRO: Non lo vedi? Stongo a lèggero.

PASQUALE: Ma si nun sai lèggero?

CIRO: E... e na vota m'aggia 'mpara, no?

PASQUALE: E senza scola comme fai? (togliendosi la giacca)

CIRO: Ah, pecchè pe’ leggere ce serve 'a scolla?

PASQUALE: E se capisce! Si nun tieni niente 'ncapa, comme vuò leggere? (ripone la giacca sull’attaccapanni)

CIRO: Mah! (riflette e poi prende un fazzoletto grande dalla tasca mettendoselo in testa, mentre Pasquale sta non lo vede, allora Ciro dopo essersi sforzato a leggere)

PASQUALE: (si volta e lo vede spaventandosi) Oèèè! Ma... ma che hai fatto?

CIRO:   Papà, je 'a scolla 'ncapa me l'aggio miso, ma 'o stesso nun capisco niente.

PASQUALE: E chell’ a te nun ce vullesse 'a scolla ‘naca, a te ce vulesse na botta 'ncapa!

CIRO: Na botta'ncapa? Ma po'me faccio male...

PASQUALE: Guardate là, comme s’è cumbinato … me pare toro seduto,!

CIRO: Augh!

PASQUALE: E sì! Augh! Né, parlamm’  ‘e cose serie .. soreta addò sta?

CIRO: Augh! Sorella bianca è fuiuta dentro chest’ata stanza e andata a priparare mangiaro ..

PASQUALE: Mangiaro .. mangiare!!

CIRO: Mangiare … mangiaro .. roba di sustanza pe’ grando capo co’ stommaco avvacanto!

PASQUALE:(guardando l’orologio) E non è ampressa?

CIRO: (fiero) Nono! Io diciuto a sorella bianca che avere molta famma e essa subbeto andata a priparare granda caurara.

PASQUALE: E quanno maie hai contato, tu?

CIRO: (tornato normale) Eh .. eh! D'ora in poi Carmela fa tutto chello che dico io.

PASQUALE: O' vero! E che d'è 'sta novità?

CIRO: Eh, eh! Se mette appaura ca io parlo. (in questo momento esce Carmela, con tovaglia e posate in mano, per bandire la tavola, ma i due non se ne avvedono)

PASQUALE: Comme sarebbe a dire? Carmela se mette appaura ca tu parli?

CIRO: Sissignore. Se mette appaura ca io dico.....

CARMELA: Nu sacco 'e fessarie, (calcato) Si, me metto paura ca dice nu sacco 'e fessarie.

PASQUALE: E manco si fosse ‘a primma vota! Chillo nun arape 'a vocca senza dicere fessarie. Ahh, Carmè, siente na cosa; don Gennaro ha detto che oggi, dopo pranzo, sarebbe venuto assieme a tutta la sua famiglia, compreso il nuovo acquisto. Si, adda vedè a casa, chillu battilocchio. Comunque, pe' tramente, tornavo qua, aggio pensato tra me e me: "Perchè non escogitiamo qualcosa per mandare all'aria questo matrimonio?"

CARMELA: Bravo, papà! E a che hai pensato?

PASQUALE: (la guarda incerto) Te l'ho detto. Ho pensato: " Perchè non escogitiamo qualcosa per mand...

CARMELA: ... are all'aria questo matrimonio?" Questo l'ho capito, papà.Ma che hai pensato?

PASQUALE: (c.s.) N'ata vota. Carmè, ho pensato: "Perchè non escogit...

CARMELA: (alterata) Ho capito! Ma tu (scandito)che hai pensato di fare?

PASQUALE: Ahhh, che ho pensato di fare?

CARMELA: Ehhhh, finalmente.

PASQUALE: E tu non ti spieghi? Che ho pensato di fare?

CARMELA: Eh!

PASQUALE: Niente! Non m'è venuto ancora niente.

CARMELA: O sapevo! Papà, io un'idea ce l'avrei

PASQUALE: 'E che se tratta?

CARMELA: Ciretiè, và a vedè assi volle ncoppa 'o ffuoco!

CIRO: Nun me ne tene!

CARMELA: Ciretiè, devo buttare la pasta!

CIRO: E perché la devi buttare? Io tengo famme!

CARMELA: Ciretiè .. la devo calare!

CIRO : Iamme a mangià ‘o piano ‘e vascio?

PASQUALE : (alterato) Ciretièééé!!! Va vedè si volle ‘vncopp ‘o fuoco!

CIRO: Vaco! (mentre esce) Lassa fa Dio! Si mangia.

CRMELA: (si avvicina a Pasquale) E' un'idea geniale!

PASQUALE: (affascinato dall'idea) O'vero! E sentimmo, ià, sentimmo.

CARMELA: Avevo pensato...

PASQUALE: (c.s.) Si?

CARMELA: ... che assì facessemo spusà...

PASQUALE: (c.s.) Si?

CARMELA: ... Angelina cu Ciretiello...

PASQUALE: (c.s.) Si? (destandosi) Eh! Comme! Comme he ditto? Angelina e...

CARMELA: ... Ciretiello, papà!

PASQUALE: Ciretiello? Tu stai parlando di Ciretiello nostro?

CARMELA: E quello uno ce ne sta.

PASQUALE: Pe’ furtuna! (pausa) Carmè, tu, secondo me, nun te siente bbona. Angelina e Ciretiello. Tse, sai che bella coppia ca facessero?

CARMELA: Comme se dice: " L'aucielli s'apparano in cielo...

PASQUALE: ... e i sciemi 'nterra".

CARMELA: Esattamente!

PASQUALE: E tu i sciemi 'i vulisse fa apparà proprio dint'a casa mia?

CARMELA: Ma si nun s'apparano 'sta casa nun sarrà 'cchiu 'a toia!

PASQUALE: Ahh, Carmè! Nun me piace st'idea. Fattenne veni n'ata!

CARMELA: (disperata) E nun me veneno!

PASQUALE: Ma poi, con questo che avremmo risolto? Angelina se sposarrà 'o stesso, e nuie ce ne avessemo je ugualmente.

CARMELA: Eh no, papà! E' qui che ti sbagli. Nun te scurdà ca Ciretiello è lo sposo, e noi due, possiamo benissimo continuare a vivere, in questa casa, 'nsieme a lloro.

PASQUALE: 'Nsieme a lloro? (calcato) 'Nsieme a lloro? Carmè, allora tumi vuoi vedere in galera?

CARMELA: Ahè, addirittura in galera?

PASQUALE: Eh sì, Carmè, in galera! Perchè, se a tuo fratello io lo sopporto e mi mantengo, ehh, mi freno, quando avrei la voglia di... (fa il gesto di strozzarlo e poi mette un pugno in bocca) ... e non lo faccio, si, non lo faccio, solo per rispetto di tua madre, Santa donna, ca pure dint'o suonno me l'ha arricurdato,..cu Angelina no, ehhh, cu Angelina nun tengo nisciuno legame affettivo ca me po' mantenè, ca me po' fermà, d'a strafucà (c.s.).

CARMELA: E che vulimmo fa, papà? Tu tieni cocche ata idea? Proponi qualche altra cosa! A proposito, si asciuto, hai trovato qualche appartamento sfitto?

PASQUALE: (ampio gesto e poi pollice alzato) Uuuuuuuuuu... uno!

CARMELA: Ahè! E dove?

PASQUALE: Proprio qua vicino. Tieni presente addò sta Gigino 'o salumiere? (Carmela annuisce) Il portone affianco, quello è di un certo don Attilio Marino. ‘O chiammano ‘o Barone. Aggio saputo ca se vuleva affittà 'n appartamento, e gli sono andato a parlare. Neh, tu indovina chillu mariuolo quanto m'ha chiesto?

CARMELA: Quanto, papà?

PASQUALE: Quarantamila lire, (calcato) Quarantamila lire al mese. Aggio ditto, voglio andare a vedere l'appartamento. Solo pe curiosità! Voglio vedè chisto che me vo' dà pe quarantamila lire o'mese. Sarrà 'na specie 'e Palazzo Reale. Carmè, so trasuto. Dint'o corridoio, abbiamo cammenato a fila indiana, pecchè nun nce capevemo, talmente era stritto. M'ha fatto vedè a' cucina ca pareva nu stanzino e doie stanze 'e lietto manco tant' grosse. Pe nun parlà d'o bagno, ca era nu metro pe nu metro e ce steva sulamente a... .

CARMELA: Ho capito, ho capito! E chestu poco, per quarantamila lire al mese?

PASQUALE: E’ quello che ho detto io! L’ho preso asotto il braccio e gli ho detto: "Scusate Barò, una curiosità! Ma pecchè io v'avessa dà quarantamila lire 'o mese, pe sta schifezza 'e casa?" Nè, tu 'o ssaie che m'ha risposto? "Ma voi non avete visto la loggia. Tene ‘na loggia grossa assaie, cu ‘na vista addò se vede tutta Napoli". A chillu punto ca isso insisteva, 'a loggia, 'a vista 'e Napule, io tutto arraggiato nce aggio ditto: "A loggia nun 'a voglio, nè 'a loggia, nè 'a vista, aizammo nu muro annanze 'a loggia, tanto  a nuie ce avasta 'na fenesta pe piglià nu poco d'aria, e pe’ sta fetente 'e casa io ve dongo diecimila lire al mese".

CARMELA: (interessata) E isso?

PASQUALE: (esaltato) Carmè … nun ha itto manco cchiù na parola!

CARMELA: (curiosa) E … ?

PASQUALE: (disperato) .....e m’ha cacciato a parte 'e fore.

CARMELA: 'O vi, papà, ccà 'a casa nun 'a truvammo. Facciamo come ho detto io.

PASQUALE: Carmè, ma allora tu o'veramente fai. Pensi che noi riusciremo a sopravvivere con quei due imbecilli in casa?

CARMELA: E' l'unica soluzione.

PASQUALE: Ahèèè! E chiammala soluzione.

CIRO: (entrando) Carmè, sta vollendo, e io... tengo famm'!

CARMELA: Ciretiè, siente na cosa...

PASQUALE: Carmè, vai in cucina tu che mò parliamo noi due, tra uomini. (gesto chiaro)

CARMELA: Papà, m'arraccumanno..

PASQUALE: (sicuro) Nun te preoccupà,  ce penzo io! (Carmela esce. Intanto, Ciro prende un pacco di biscotti e comincia a sgranocchiare)

PASQUALE: Allora, Ciretiè...

CIRO: (sgranocchia voracemente i biscotti) Grunchhh!

PASQUALE: Neh! Ma che stai a ffà!

CIRO: Stongo 'a magnà!

PASQUALE: Ma o' pranzo è quasi pronto.

CIRO: Papà, tu ‘o ssaie cheio assi nun mangio quaccosa, nun arragiongo bene. ‘A cerevella non funziona a stommaco vuoto.

PASQUALE: Ahh, io me l'avevo scurdato  … quello a te è tutto collegato. Comme si po' a panza chiena funzionasse! Sienteme buono, la faccenda è questa...

CIRO: (c.s.) Grunchhh!

PASQUALE: (calcato)... stamattina è venuto don Gennaro, 'o padrone 'e casa...

CIRO: (con la bocca piena) Si, si, 'o padrone 'e casa. E che ha ditto, che ha ditto?

PASQUALE: (rifacendogli il verso) Che ha ditto, che ha ditto, (calcato) Ha ditto che 'a figlia, (Ciro sgranocchia di nuovo voracemente) Angelina...

CIRO: (c.s.) Ah, Angelina, 'a saccio, 'a saccio e... che adda fà, che adda fà?

PASQUALE: (pronto) S'adda spusà!

CIRO: (sputa tutto quello che aveva in bocca e comincia a tossire) Puah! Puah! Puah!

PASQUALE: (lo colpisce ripetutamente dietro la schiena e grida) Ciretiè, Ciretiè, nun t'affugà! (Carmela entra correndo) Carmè, movete, porta nu bicchiere 'e acqua a Ciretiello. (Carmela prende il bicchiere sulla tavola) O'ssaccio, o'ssaccio ca ce si rimasto male pecchè t'a vulive spusà tu, (intanto Carmela sta facendo bere il fratello) ma nun te preoccupà, stammo ancora a'ttiempo.

CIRO: (a Carmela, con voce roca, dopo bevuto) Comme ha ditto?

CARMELA: Ca stammo ancora a tiempo pe te fà spusà.

CIRO: Ma cu chi? (beve un altro sorso)

CARMELA e PASQUALE: (in coro) Cu Angelina!

CIRO: (sputa l’acqua che aveva appena bevuto, poi con voce chiara e forte) Ma ve sentite bbuono? Ma a chi 'a vulite dà chella cosa brutta. Tse, io po’ me sposo Angelina, nun tengo niente che fa.

PASQUALE: (a Carmela, ironico) Quello poi il giovanotto è troppo impegnato.

CIRO: E se capisce! Ma diciteme na cosa … ma a niente a niente .. cioè dico .. a poche a poche .. ma vuie ve credesseve … ca io fosse scemo?

CARMELA e PASQUALE: (in coro, ironici) Nooooo!

CIRO: Ah, 'mbè, mi penzave.

CARMELA: Papà, niente da fare. Stammo arruvinati.

PASQUALE: Aspetta nu mumento! Mi è venuta un'idea! Curre abbascio, e fa' saglì a Felicella. (alterato) Movete Carmè! (Carmela esce di corsa)

CIRO: (dopo che ha osservato il padre così nervoso) Papà, ma tu pecchè stai accussì nervoso. Che te ne 'mporta che Angelina se sposa? (poi ci pensa e ride) Ahhah .. ahhaha!!  E dici ‘a verità ... t'a vulive spusà tuAngelina, è ve’?

PASQUALE: (lo guarda allucinato per qualche secondo, poi risoluto si alza e lo comincia a rincorrere) Embè, Ciretiè, io a tte quaccosa t'aggia rompere; che saccio, quatt' costole, doie cosce o a'capa, ma cocche ccosa t'aggia rompere. (Ciro si ferma e si mette sotto la foto della mamma indicando al papà il ritratto, ma Pasquale gira la foto) Scusa Marì! (dietro la foto un omino disegnato con la scritta CIRO, Pasquale lo afferra) Ahhh! Ma comme te vene 'ncapa, ma dimme cu che criterio può penzà ca io... me vulevo spusà Angelina.

CIRO: E nun t'allarmà! Era solo un'apoteosi.

PASQUALE: E che c'entra l'apoteosi, mò?

CIRO: Quanno na cosa po' essere, no? Apoteosi!

PASQUALE: (alterato) Ipotesi, ciuccio, ipotesi. Cioè na possibilità, na cosa supposta...

CIRO: Eh, 'a supposta, 'a supposta...

PASQUALE: Nc’..(mette un pugno in bocca)... Ahhh, nun sai mò che me steva ascenno 'a vocca.

Scena V

CARMELA: (entrando con Felicella) Papà, aviccanno a Felicella. Uh .. io aggia je a sculà 'a pasta (esce).

FELICELLA: Buongiorno, 'on Pascà. m’avite invitato a mangià cu vuie? Ma io e Niculino avimm’ già aggio mangiato! Facimmo n’ata vota?

PASQUALE: Si, Felicè, facimm’ n’ata vota! Ascoltatemi che vi volevo parlare.

FELICELLA: Come? E perchè mi volete paliare?

PASQUALE: (gridando) Vi volevo parlare.

FELICELLA: Ah, parlare! E allora parlate, dicite, che ve serve?

PASQUALE: Sapete di qualche matrimonio a breve distanza?

FELICELLA: Aspettate, faciteme penzà. (riflette) Si, don Pasquà, mò mi ricordo, ce ne avessa sta uno a nu paro 'e chilometri da cca, vulite ca v'accumpagno?

PASQUALE: Ma addò?

FELICELLA: 'O manicomio!

PASQUALE: (alterato) Ma quale manicomio? lo aggio ditto matrimonio.(gridando) Sapete di qualche matrimonio tra breve?

FELICELLA: Ah, matrimonio! E vuie nun ve spiegate! (pausa) No, me pare che no. Nun aggio sentuto 'e dicere niente.

PASQUALE: Ahè, si aspettammo che ‘o sentite ‘e dicere...

FELICELLA: Ah, so cicere?

PASQUALE: No, so fasule!

FELICELLA: Uéh, nun abbiammo a dicere maleparole!

PASQUALE: Ma quali male parole Felicè, aggio ditto fasule!

FELICELLA : Oèèè! Site scustumato!

PASQUALE : (gridando) Felicé, s'adda spusa Angelina, a figlia 'e don Gennaro.

FELICELLA: E nun alluccate che ve sento! Angelina! A figlia d'o padrone 'e casa?

PASQUALE: Sissignore!

FELICELLA: O'vero? E chi s'aiza a chillu cummò?

PASQUALE: E' per questo che vi ho mandato a chiamare, (gridando) M'avita fa sapè chi è chillu giovane ca se sposa Angelina. Aggia sape' a chi è figlio...

FELICELLA: Pecchè s"a piglia? E se vede che a stu cristiano le piaceno 'e scimpanzè ..

PASQUALE : E a che serve?

FELICELLA: Pe’ cumpagnia! Na vota ce dà ‘e nucelle, na vota ce dà ‘e banane...

PASQUALE: Ma che avete capito? lo voglio sape' chi è 'o pate, po' essere ca  sapenn' a chi appartene, pozz' fa quaccosa...

FELICELLA: Ma pecchè 'o vulite sapè?

PASQUALE: Felicè, 'o fatto è luongo, e mò amma fa ampresso.

FELICELLA: Ah, ah!! L'avimma fa fesso?...

PASQUALE: Ahè... ! Felicè vuie m'avita fà chistu piacere, pecchè... (alterato) pecchè o si no, io esco pazzo, esco pazzo si nun saccio chi è chille.

FELICELLA: E va bbuò, mo veco nu poco. Comunque, 'o necessario ca già sapimmo 'o nomme.

PASQUALE: Già sapite 'o nomme? E vuie avite ditto ca nun sapiveve niente?

FELICELLA: lo nun saccio niente, 'o nomme l'avite ditto vuie.

PASQUALE: lo? E quanno?

FELICELLA: Mò! Avite ditto (camuffando la voce) "Esco pazzo, si nun saccio chi è Achille"

PASQUALE: (alterato) Chi è chille? Felicè, aggio ditto chille, no Achille.

FELICELLA: E va bbuò, nun v'arraggiate! Mò vaco a spupulià nu poco e ve faccio sapè tutto chello che vulite.

PASQUALE: (afflitto) E m'arraccumanno, cercate 'e capì bbuono chello ca ve diceno, (curioso) Felicè, ma vuie 'o curnetto 'o tenite?

FELICELLA: 'O curnetto? Eh, 'o tengo!

PASQUALE: (più sollevato) E mettitavillo, pe' piacere!

FELICELLA: Ma io ce sento buono, site vuie ca parlate zitto zitto e facite sulo mosse.

PASQUALE: Si, si, ma comunque vuie mettitavillo, accussì stammo chiù quieti.

FELICELLA: Va bbuò! lo allora me ne vaco.

PASQUALE: Andate, andate, e faciteve vedè doppo mangiato... (mentre Felicella esce)......Ah, Felicè, è naturale che ve spetta 'a mazzetta...

FELICELLA: E che m'aspettate a ffà mmiezo 'a piazzetta! lo vengo ccà.

PASQUALE: (esasperato) 'A mazzetta, felicè! Aggio ditto ‘a mazzetta.

FELICELLA: Ah, la mazzetta. E’ naturale che m’ata fa truvà ‘a mazzetta! (esce)

PASQUALE: E sì .. è naturale! La mazzetta è implicita nella chiamata! (intanto, Ciro, per tutto il tempo, si è scompisciato di risate e mentre continua a ridere, Pasquale lo osserva, immobile per pochi secondi)

PASQUALE: Ma che ridi, (calcato) che ridi. Nuie stammo passanno chistu guaio e chillo ride.

CIRO: (ridendo) Nun nce 'a faccio cchiù. Papà, (ride) chella... Felicella... nun capisce (ride) proprio niente (ride forte).

PASQUALE: E siente chi parla, (serio) Neh, ma tu ti sei reso conto che nuie stammo pe' gghì mmiezo a na via?

CIRO: (contenendo la risata) Miezo a na via?

PASQUALE: E si! Hai capito che mò che Angelina si sposa … io, soreta e tu...

CIRO: (alzandosi, fa anche il balletto) Ce ne jammo pe’ Tuledo nuje annanze e soreme arreto.

PASQUALE: Cretino siediti! Si, ce ne jammo pé Tuledo cu nà mano annanze e n’ata ‘areta! (tornando serio) Ce ne dobbiamo andare da questa casa. Angelina, na vota ca se sposa, se ne vene a abbità ccà, e nuie nce avimma lassà 'a casa.

CIRO: (serio) Overamente?

PASQUALE: Per questo io e tua sorella avevamo pensato che sulo tu ce putive salvà.

CIRO: lo! E comme?

PASQUALE: Sposandoti Angelina.

CIRO: E Dalle! Chella è troppa brutta e io nun ‘a voglio, nun ‘a voglio e nun ‘a voglio!

PASQUALE: Ma sulo accussì noi possiamo rimanere qua ‘nsieme a vuie, e nun avimma truvà n'ato quartino. (entra Carmela con la pentola chiusa dal coperchio)

CARMELA: E' pronto a tavola! (poggia la pentola e siede, mentre Ciro caccia il grande fazzoletto per metterselo come bavetta)

PASQUALE: Ahè .. s’adda fa ‘a passata ‘e barba! (con tono speranzoso) Che dici Ciretiè, parla, che dici?

CIRO: (dopo qualche attimo di silenzio in cui  alza il coperchio) E' pronto 'o mangià!

SIPARIO

ATTO II

La scena si apre con Pasquale, Carmela e Ciro, che hanno appena finito di pranzare. Carmela si alza e comincia a sparecchiare, uscendo e rientrando per due o tre volte da sinistra. Ciro seduto al tavolo di fianco al pubblico mostra la pancia, mettendovi le mani sopra.

Scena VI

CIRO: Ahh, o ‘vì! ‘I che bella mangiata che m'aggio fatto. Mò sì ca me sento buono.

PASQUALE: 'O mmangià, 'o mmangià! Nun sai fa ate che penzà a 'o mangià! Pure nei momenti più difficili. Dico io, noi rischiamo 'e rimanè senza ‘na casa, sfrattati, disperati e muorte e famme, e a isso invece e le se chiudere 'o stommaco  comme succede a mme, chillo se magna 'o ssuoio e pure 'o mio.

CIRO: Papà, ma io aggio magnato assaie perché così io arraggiongo meglio, e nun te preoccupa che la trovo io una via d'uscita.

PASQUALE:Seh, sicuramente la trovi una via d'uscita... da quella porta, ‘o vi’... ce n'ascimmo tutti e tre da quella porta. (bussano alla porta)

PASQUALE: (a Ciro, mentre entra Carmela per prendere le ultime cose) Va’ a arapì. Chesta adda essere Felicella.

CIRO: (ridendo mentre esce, al pubblico) Eh, eh! Mò ce facimmo ati doie resate.

PASQUALE: Sperammo che ha saputo qualcosa...

CIRO: (da dietro le quinte) Uè, Sasà!

SASÀ: Ciao, Ciretiè!

PASQUALE: Ahhh, e chisto sta n'ata vota ccà!

CARMELA: (a Pasquale, mentre prende le ultime cose) Digli cheio sto facendo i piatti, (esce)

CIRO: (entrando, a Pasquale gesticolando) Papà, hai visto chi ci sta qua, ci sta Sasà.

PASQUALE: (ripetendo i gesti, dalla parte opposta) E tu vattenne a llà.

CIRO: Uffa!

SASÀ: (c.s.) Don Pasquà, Carmela non ci stà?

PASQUALE : Ma che stai a fa?

SASA’ : No, è che mi pensavo che era un gioco ..

PASQUALE: Ma qua’ gioco .. (tra sé) nuie tenimmo ‘e cervelle che ci girano, ce mettimm’ pure a pazzià! (a Sasà) Carmela sta di là, in cucina, sta facendo i piatti. Tu però nel frattempo siediti un poco qua, vicino a me, che ti debbo interrogare (gli prende il libro dalle mani).

SASÀ: (cercando di riprendere il libro) No, no non sono preparato, non l’ho studiato bene.

PASQUALE : Ma che c’entra … aspè fammi leggere il titolo che non vedo ..

SASA’ :  (c.s.) Ma lassate sta!

PASQUALE : ? Il kama … il kam sa …

SASA’ : Il Kam sa che abbusco! Don Pasquà .. datemi il libro! Non saprei rispondere, non l’ho ripetuto!

PASQUALE: Ma che c’entra il libro, io ti devo fare delle domande serie!

SASÀ: Domande serie? E a che proposito?

PASQUALE: A proposito di quello che mi ha detto mia figlia.

SASÀ: Carmela?

PASQUALE: Tengo cocc'ata figlia?

SASÀ: Ah, non lo so!

PASQUALE: Dunque Sasà, io e Carmela abbiamo parlato!

SASÀ: A... . avete... parlato?

PASQUALE: Sissignore, e mi ha detto che tu... (fa un gesto con le dita, sbaciucchia)..'a bbona parola...

SASÀ: (preoccupato) Vi ha detto che io... cioè... (rifa il gesto con le dita)... cu essa... e..e v'ha ditto pure che...

PASQUALE: Che sei il suo cocco!

SASÀ: Niente di meno?! (parlando tra sè) Ma che l'ha ditto 'a capa a chesta, stammatina. Sarà stata colpa di Ciretiello... sicuro .. Ciretiello!

PASQUALE: Ciretiello? E che c'entra Ciretiello?

SASÀ: Ahè che c’entra? C'entra, e come c'entra. Perchè se lui non veniva e non ci trovava come ci ha trovati, state sicuro che Carmela non parlava.

PASQUALE: Neh, guagliò, ma tu che stai dicenno?

SASÀ: Ahè, lo sò io, lo sò.

PASQUALE: Comunque, mò amma penzà a stu matrimonio.

SASÀ: (scattando) 'O matrimonio? E nun è ampresso?

PASQUALE: Quello che dico pure io! Glielo ho detto a tuo padre, ma lui niente.

SASÀ: Pecchè, 'o ssape pure papà?

PASQUALE: E certamente.     ,

SASÀ: (tra sè) Uh, mannaggia... E tutto pe' n'abbraccio ... e mò comme faccio … chillo me ne caccia!

PASQUALE: Si, ma nuie amma cerca d'o scumbinà stu matrimonio.

SASÀ: (risollevato) Quello che dico pure io.

PASQUALE: Ah, bravo .. me fa piacere che la pensi come noi! Dobbiamo fare in modo che non ci dovrà mai essere.

SASÀ: Mai? Non esageriamo... Più in là, forse...

PASQUALE: Eh, magari fra un anno, due anni, va bene. Ma un mese no, però.

SASÀ: Ma si capisce! Un mese ..  e comme se fà?

PASQUALE: Hai visto! Sei d'accordo pure tu?

SASÀ: Senz'altro!

PASQUALE: Ma quella è tua mamma che insiste.

SASÀ: Mia mamma? Insiste per questo matrimonio?

PASQUALE: Sissignore, vuole che si faccia presto presto.

SASÀ: Noo, su questo state tranquillo, ci posso mettere la mano sul fuoco, vi state sbagliando.

PASQUALE : Ma veramente?

SASA’: Veramente! Figuratevi che mia mamma sa una mezza cosa .. ma vi garantisco che non vuole affatto.

PASQUALE: Caspita! E io che penzavo che era donna Luisella che premeva … ma allora questo cambia tutto. Allora sono i giovani a volersi sposare presto.

SASÀ: I giovani? Quali giovani?

PASQUALE: Tua sorella e il fidanzato, no?

SASÀ: Mi... mi ..

PASQUALE: Si chiama Mimì

SASÀ: Ma chi?

PASQUALE: Il fidanzato di tua sorella, no?

SASÀ: Mia sorella?

PASQUALE: E il fidanzato, Sasà! Di chi stiamo parlando?

SASÀ: Di loro. Sìììì, stiamo parlando del matrimonio loro .. di mia sorella e del fidanzato. Eh sì, di Angelina e del fidanzato, (risollevato) Eh, come no, eh, eh.. di loro

PASQUALE: Sasà, ma tu avisse bevuto?

SASÀ: (serio) No, no, no! (tra sé) Mamma mia bella … ‘i che guaio ca stevo cumbinanno!

PASQUALE: Guarda un poco, guarda un poco! E così tua mamma non vuole...

SASÀ: Che cosa?

PASQUALE: Non vuole che si faccia questo matrimonio.

SASÀ: Ma quando mai, chi ve l'ha detto?

PASQUALE:Sasà, tu mò l'hai detto.

SASA’ : Io ho detto che che mia mamma non vuole .. anzi ..

PASQUALE : Sasà, tu hai detto ..

SASÀ: No, no! Don Pasquà vi sbagliate, io non ho detto assolutamente niente!

PASQUALE: Ohèèè! Tu mò, in questo momento, hai detto che tua mamma non vuole affatto!

SASÀ: Ha fatto? (grattandosi la testa, disperato) E che ha fatto mia mamma?

PASQUALE: Ha fatto 'o guaio 'e fa nascere a te e a tua sorella. Ahhh! Stong’ miez è pazze. (bussano alla porta) Eccoli qua, oì! Questi di sicuro sono i tuoi, mò appena traseno...

SASÀ: Fate quello che volete .. io pe' tramente vaco addò Carmela, (esce a sinistra)

Scena VII

PASQUALE: (bussano di nuovo, e da dietro le quinte) Nu mumento, sto venenno. (esce a destra) Uè, Felicè siete voi, finalmente. Trasite! (entrano in scena) Allora, ate saputo cocche cosa?

FELICELLA: 'On Pasca, aggio saputo tutto chello ca vuleveve sapè. Me l'ha ditto 'onna Giulietta 'a capera.

PASQUALE: E te pareva! Quella riesce a sapere tutto in anteprima. Me pare 'a Gazzetta 'e Napule.

FELICELLA: Ha ditto cheaiere è ghiuta a fa i capille a Angelina, e Donna Luisella nce ha cuntato tutt'o fatto.

PASQUALE: Benissimo, quindi la fonte è ufficiale.

FELICELLA: No, non è ufficiale, è disoccupato.

PASQUALE: Ma chi?

FELICELLA: 'Stu giovane! Nun ha fatto manco 'o surdato, l'hanno scartato.

PASQUALE: Ma io dicevo la fonte della notizia ... la provenienza!

FELICELLA: Ah, la provenienza? Da addò ne vene? Nun è de ccà. E' furastiero.

PASQUALE: (spazientito) Và bbuono, ià! Allora avete detto che è disoccupato e che nun è de cca e poi ... continuate, ià!

FELICELLA: Si, pe’ primma cosa, 'stu giovane se chiamma Agnone Fetente...

PASQUALE: Ahè, accumminciammo bbuono. Ma che ghiate cuntanno Felicè ... mò chist’ se chiamma Fetente!

FELICELLA: Sissignore, Fetente.

PASQUALE: Ma nun po' essere che uno se chiamma Fetente. Nun è possibile; avete sentito male. Ma il cornetto, il cornetto lo portate?

FELICELLA: Sissignore, ma tanto nun aggio capito a che me serve. lo, senza 'e chillu coso, ce sento 'o stesso buono.

PASQUALE: (ironico) Ah! Si vede subito!

FELICELLA: Neh, comunque, io aggio sentuto benissimo. Se chiamma Agnone Fetente. Ve l'aggio ditto... è furastiero. Se vede che dalle parti loro accussì si usa...

PASQUALE: Felicè, non insistete. Agnone ce pozzo pure credere, ma Fetente, no.

FELICELLA: Uè, facite comme vulite vuie. (fa per andarsene)

PASQUALE: Va buò, venite qua e andiamo avanti. E comme è ‘ntupposa sta vecchia! Che ate avite saputo? Qualcosa dei genitori, pe' sapè d'a famiglia... .

FELICELLA: A chi assumiglia? E io che ne saccio? Je po' mica l'aggio visto...

PASQUALE: Ahè... (gridando) 'O paté Felicè, chi è il padre?

FELICELLA: 'O paté è difficile ca o' puteveve canoscere. Era di un paese piccolo, ... aspettate ... comme ha ditto? Aspettate che esce...

PASQUALE: Me scosto?

FELICELLA: Ha ditto... .Sonesto! Si, so' sicura, Sonesto!

PASQUALE: Sonesto? E addò se trova?

FELICELLA: Me pare vicino Marfi... vicino Merfi.....na cosa 'e chesta.

PASQUALE: Melfi, vicino Melfi. Và bbuò, po' essere, non conosco quella zona della Basilicata. Avete detto, ... Sonesto! E faciteme sentì, questo giovane, 'o tene cocche vizio, o no?

FELICELLA: Cocche vizio? Chillo è nu delinquente!

PASQUALE: O' vero?

FELICELLA: 'On Pasca, niente di meno che beve e iastemma pure.

PASQUALE: Oh, finalmente una bella notizia! Proprio chesto vulevo sapè... (Felicella lo guarda senza capire)... si si, adesso non vi posso spiegare, ma siete stata bravissima. Grazie, grazie, potete andare. (Felicella non si muove, allora, Pasquale, pensando che non ha sentito, grida e scandisce) Ah, già! Aggia semp’ alluccà cu vuie! Felicè ... Po-te-te an-da-re!

FELICELLA: (grida e scandisce meglio di lui) 'On Pasca,... A ma-zze-tta!

PASQUALE: Uh, scusate, avete ragione, (cerca qualcosa di soldi nelle tasche) Ve l'avevo promesso, (c.s.) Eh, ogni promessa è debito ... e io ... (c.s.) nun tengo debiti cu nisciuno, nun tengo (c.s.) ... eh... nun tengo, ... e nun tengo manco na lira. Felicè, facite na cosa, turnate cchiù tardi, robba 'e na mezora, che ve la faccio trovare!

FELICELLA: Come volete! Ce vedimmo doppe! (esce a destra)

PASQUALE: (si frega le mani) Bene, bene. Don Gennaro sarà informato di tutto. Eh, adda sapè cu che specie 'e cristiano sta facenno spusà 'a figlia. Accussì nce ripenza, non la fa sposare più, e nuie rimanimmo ccà. Eh, eh ... (c.s.)... mò comm' appena vengono... eh, nce faccio nu servizio... (si avvicina al mobiletto, prende una bottiglia e la osserva contento)... aviccanno, oì!

Scena VIII

SASÀ: (entrando da sinistra) Don Pasqua?

PASQUALE: (assorto nei suoi pensieri non lo vede e ripone la bottiglia nel mobiletto) Eh, eh, non vedo l'ora che vengono ... una volta che apro la bott ..

SASÀ: (si avvicina a Pasquale e grida) Don Pasquà?

PASQUALE: (spaventato, si appoggia al mobiletto) Che è stato?

SASÀ: Se ne sono andati già?

PASQUALE: Ma chi?

SASÀ: I parenti miei!

PASQUALE: Non sono venuti ancora, non erano loro.

SASÀ: Ho capito! Comunque, don Pasquà, ci vediamo più tardi, ho da spicciare certe cose e vengo.

PASQUALE: Vai, vai! Statte bbuono!

SASÀ: Al limite vengo con un altro libro! (esce a destra)

PASQUALE: (tra sé) E io t’o son’ ‘nfronte! (gridando) Carmela, Carmè curre fa 'ampresso.

CARMELA: (entrando, precipitosamente, da sinistra) Che succede, papà? Che è successo?

CIRO: (entrando anch'egli dietro a Carmela) Papà, è successo qualche cosa?

PASQUALE: Sì, sì .. finalmente è successo qualche cosa! Aggio saputo stu tizio chi è.

CARMELA: Overo?

PASQUALE: Si, me l'ha detto Felicella.

CIRO : (ridendo) Eh eh .. e stammo frische!

PASQUALE : Imbecille, è sicuro! L'ha saputo da 'onna Giulietta 'a capera.

CIRO: (c.s.) Eh, eh, chissà che ha capito, chesta?

PASQUALE: (minaccioso) Ha capito, ha capito. Ha capitobenissimo! Felicella nun è scema.

CIRO: No! E' sorda!

PASQUALE: E’ sorda, sì! Ma questo che c'entra? Quella si è messo pure il cornetto acustico; nun te preoccupa, che ha sentuto buono. (pausa) Forse solo sul nome ho qualche dubbio .. io penso che il nome non l’ha capito tanto bene, però io ho già risolto; appena entra lo chiamo col cognome, così non rischio.

CARMELA: Ma perchè, papà, che intenzioni tieni?

PASQUALE: Allora, adesso vi spiego. Prima cosa, voglio far credere che io questo giovane lo conosco bene e che conosco pure la sua famiglia in quanto provengo dallo stesso paese. Dopo di che riferisco a don Gennaro che il giovane non è altro che un farabutto ca se more 'e famme, è alcolizzato e bestemmia una continuazione.

CARMELA: Ma tu che vai dicendo?

PASQUALE: Carmè, è la verità, me l'ha ditto Felicella.

CIRO: (ampio gesto con le mani) Ah, allora è sicuro, (ride)

PASQUALE: (minaccioso) Ciretiè...

CARMELA: Scusa papà, ma si pure chesta fosse 'a verità, co me fai a convincere a don Gennaro? Certamente questo giovane negherà tutto, e don Gennaro crederà più a lui che a te, pecchè penzarrà che tu stai facendo tutto questo solo per non perdere la casa.

PASQUALE: Hai ragione  figlia mia, ma io a questo avevo già pensato. Noi tre... (osserva Ciro che fa tutt’altro) ... noi due (indicando sè e Carmela) ... facciamo in modo che sia lo stesso giovane a cadere in tentazione.

CARMELA: Come sarebbe?

PASQUALE:Ora ti spiego. Mentre noi stiamo parlando, tu ad un certo punto prendi questo whisky, (prende la bottiglia dal mobiletto).

CARMELA : Ma dove lo tenevi?

PASQUALE : Nascosto! Veramente lo tenevo conservato per una grande occasione ... ma comunque questo è uno stato di necessità. Insomma, prendi questo whisky e me lo porti, io lo verso per tutti e lo offro. Chillo è un alcolizzato? E comme po' resistere? Na vota che l'ha provato vedi che ci ritorna e se ‘mbriaca malamente!!! E così, finalmente, se scummogliano 'e fenucchie... . (mostra il whisky e lo rimette a posto).

CIRO: Papà, io ma a me ‘e fenucchienun me piaceno ...

PASQUALE: Ma che hai capito? E' un modo di dire. Vò dicere che verrà fuori la sua vera natura.

CARMELA: Bella idea, papà.

PASQUALE: E ma mica è finita. Abbiamo saputo che il giovane bestemmia, quindi, noi dobbiamo fare in modo di sfruculiarlo, di stuzzicarlo, per farlo innervosire assai per farlo uscire completamente a naturale.

CARMELA: E come?

PASQUALE: E che ne sò! Rovesciagli qualcosa sul vestito, in testa, faiqualcosa per inquietarlo, po’ fa arraggià. lo non ti preoccupare che pure ce metto 'a parta mia...

CIRO: Papà, e io? lo che posso fare pe' sfruculiarlo?

PASQUALE: Ahè Ciretiè, tu sei il pezzo forte. Tu non ‘e fa proprio niente. Tu basta che stai vicino a lui e ti comporti come al solito, naturale naturale. Vedrai che a quello, dopo dieci minuti, gli si drizzano i capelli in testa, s'innervosisce e comincia a bestemmiare come un pazzo.

CIRO: Si, papà, ma se quello si mette a bestemmiare, io lo faccio male, eh...(si alza e afferra una sedia) ... io  ce scasso ‘sta seggia aret’ 'e rine, io 'o manno 'o pronto soccorso a chillu fetente!

PASQUALE: (togliendogli la sedia da mano) Stai calmo, a papà, stai calmo! Allora tu nun he capito ninete? , Quello (calcato) deve bestemmiare. Quello più bestemmia, e chiù è possibile che nuie putimmo rimanè 'int'a ‘sta casa. (a Carmela a bassa voce) Tengo l’impressione ca chisto ce 'nguaia tutte cose, (a Ciro) Vieni qua, a papà! Quelli mò vengono, tu assettate lloco, (lo mette seduto sotto il quadro della mamma) e nun te movere fino a quando nun se ne so’ ghiute tutte quante.

CIRO: Niente di meno! Aggia sta sempe assettato? (atteggiandosi) E ... e se devo soddisfare un mio bisogno ... un bisogno filosofico.

PASQUALE: Bisogno filosofico?

CIRO: Eh, sì .. assì aggia je 'into 'o... (c.s.) bisogno filosofico!

PASQUALE: Un bisogno fisiologico, ciuccio.

CIRO: Eh, e io che ho detto?

PASQUALE: Ahh, in questo caso ti alzi, dici "compermesso", e vai dove devi andare. E’ chiaro? Fa vedè?

CIRO: (si alza) "Compermesso", e vaco, (si risiede)

PASQUALE: Bravo! (bussano alla porta)

Scena IX

PASQUALE: Chiste 'anna essere lloro! Carmè, vai ad aprire tu, io nel frattempo mi vado a lavare le mani. (Carmela esce a destra) A te, nun te movere! (esce a sinistra)

CIRO: (si alza) "Compermesso", e vaco, (si risiede e poi ripete nuovamente la scena, senza parlare)

CARMELA: (da dietro le quinte) Buonasera, prego accomodatevi, (entra in scena) Papà viene subito.

GENNARO: (entrando) Buonasera piccerè, ti ricordi di mia moglie?

CARMELA: (entra donna Luisella) Come no! Come state donna Luisè, vedo che il passare del tempo non vi ha guastato per niente. Siete sempre uguale.

LUISELLA: (altezzosa) Grazie, cara, troppo gentile, (va a sedersi)

 ANGELINA: (entra, imitando la madre) E je comme stongo?

CARMELA: Ahè, una meraviglia, specie con questa nuova acconciatura.

LUISELLA: Se è per questo, ha avuto un sacco di complimenti.

ANGELINA: Si, è vero. L'urdemo me lo ha fatto Raffaele il portiere stamattina. Mi ha detto che sono diventata una bellezza marina, non sapeva se paragonarmi ...

CIRO: A nu scuorfano  o a nu purpo 'e mare.

ANGELINA: (calcato) A una sirena o a una stella marina. (facendo roteare il bacino in una sorta di ‘mossa’) Ah aaah! Ah aaah! Ma qui ci sta pure Ciretiello, chill’ ca nun tene manco nu poco 'e cervello.

CIRO: (imitando Angelina in voce e mossa) Ah aaah! Ah aaah! E qui ci sta pure Angelina, che 'a tene 'a cerevella, ma quella di una gallina! Teh!!!

CARMELA: Ciretiè, statte zitto!

CIRO: Ma è essa che mi provoca...

CARMELA: Zitto!

GENNARO: Carmè, ti volevo presentare il mio futuro genero, il fidanzato di Angelina.

CLEMENTE: (entrato assieme ad Angelina, rimane incantato da Carmela) Puonasera signorina, permettete che le bacio la mano?

CARMELA: Eh? Prego!

CLEMENTE: (le bacia la mano) Sono morto lieto ti trovarmi dinanzio a una pella racazza come voi...

LUISELLA: Eh, eh! Don Clemente si venga a sedere qui!

CLEMENTE: Venco! Venco! Volevo solo appresentarmi. lo sono...

PASQUALE: (entrando) Caro Agnone!

CLEMENTE: (ha un sobbalzo) Uè, e come vi permettete! Carugnone a chi?

GENNARO: Don Pasqua?

PASQUALE: (accorgendosi di aver commesso una gaffe, si gratta la testa) Era meglio si 'o chiammavo Fetente.

CLEMENTE: (ha un nuovo sobbalzo) Uè, uè! Ma chisto overamente fa!

GENNARO: Don Pasquà, ora basta. Che vi è preso? Esigo una spiegazione.

PASQUALE: Ahè ... una spiegazione ... è ‘na parola! (riprendendosi) Ah! Ecco la spiegazione, statemi a sentire! Se mi sono rivolto così, Don Gennà, è stato solo per l'affetto che io nutro verso il ragazzo.

GENNARO: Caspita! Tanto che 'o vulite bbene?

PASQUALE: Sicuro! Voi non lo sapete ma io a questo giovanotto l'ho visto crescere.

CLEMENTE: Overo?

PASQUALE: Sissignore! Tu non ti puoi ricordare di me, eri piccolo, eri troppo piccolo. Avevi, si e no, dieci anni. E chi se lo dimentica tuo padre...

CLEMENTE: Mio patre?

PASQUALE: Sì, tuo padre. lo ero un grande amico di quel fetentone di tuo padre.

GENNARO: 'On Pascà?

PASQUALE: Lasciate fare, don Gennà. Me lo posso permettere di chiamarlo così. Io e il padre di questo giovanotto eravamo due fratelli. Ce simmo spartute, comme se dice, 'o suonno, 'a fantasia e anche qualche peccatuccio di gioventù!

GENNARO: Vedete a volte la combinazione. Che cosa bella, così, almeno, me parlate nu poco della sua famiglia, questo giovanotto è sempre così riservato.

PASQUALE: Ah! Senz'altro! Sarà un vero piacere per me!

CLEMENTE: Ma quanto mai, suocioro, non lo cretete. No può essere. Mio patre non era nemmanco di qua.

PASQUALE: Infatti, tuo padre era di Sonesto.

CLEMENTE: (nuovo sobbalzo ancora più forte) Uè uèè!

GENNARO: Don Pasqua, ma fusseve asciuto pazzo?

PASQUALE: Veramente! Il padre era di Sonesto.

GENNARO: 'On Clemè, ma vostro padre era disonesto?

CLEMENTE: Ancora! E mò pasta! Don Cennà, non sò se voi centrate o no c’entrate in questa cosa, ma qua il limito lo aveto superato! Quinti tue sono le cose!

PASQUALE : Le sue?

GENNARO : No, le vostre!

CLEMENTE : (facendo il due con le dita e indicando Pasquale) Tue! Tue!

PASQUALE : Quindi le mie?

GENNARO : Ve lo avevo detto!

PASQUALE : Ma io non tengo niente!

CLEMENTE : (esasperato) Tue! Tue! (a Don Gennaro) Ho tetto tue sono le cose .. o questo signore la smette di offentere .. o si no .. me ne vaco!

ANGELINA: (grida) Noooooooo!

LUISELLA: (la abbraccia) No, a mammà, no! Nun te preoccupa, nun se ne và. Addò 'a trova n'ata femmena comme a te?

CIRO: Ahè, 'o giardino zoologico!

GENNARO: Sentite! Qui ci dev’essere un grosso equivoco e perciò, per piacere, mò lo dobbiamo chiarire.

PASQUALE: Certamente, Don Gennà. Quando io sono entrato e ho detto "carognone", non volevo dire "carugnone" come per dire (minaccioso) "né, carugnò". lo non ho fatto altro che chiamarvi. Difatti, ditemi, voi come vi chiamate?

CLEMENTE: Pannone Clemente.

PASQUALE: Visto? Così, io ho detto "caro... ! Come avete detto?

CLEMENTE: Pannone Clemente.

PASQUALE : Avete detto? Pannone?

CLEMENTE: Sissignore, Pannone.

PASQUALE: Pannone? Ma site sicuro?

CLEMENTE: Uh, Cesù! Chillo è 'o nomme mio.

PASQUALE: Pannone? No Agnone?

CLEMENTE: Niente affatto! Pannone!

PASQUALE: (mette un pugno in bocca) Ahh, Felicella!

CIRO : (ripete dopo di lui) Ahh, Felicella!

GENNARO: Comme?

PASQUALE: Niente, niente! (allarga le braccia) E allora vuol direche me so’ sbagliato.

GENNARO: E meno male, don Pasquà! Sono sollevato! Pe' nu mumento, mi avete fatto sospettare che 'o paté di questo giovane, veramente era disonesto, ah, ah, ah!

CLEMENTE: Ah, ah, ah! E io vi rincrazio per la fitucia!

PASQUALE: Ma perché scusate .. vostro padre non era di Sonesto?

GENNARO: Mò abbia n'ata vota.

CLEMENTE: Sentite, vi ho precato. Mio patre non lo potevato canoscere. Ve l'ho cià tetto, non era di qua. Era di Sorrento.

PASQUALE: (pausa) Sorrento?

CLEMENTE: Sissignore, Sorrento! Sorrento, vicino Amalfi.

PASQUALE: (tra sè) E quella Felicella ha capito Sonesto, vicino Melfi, (mette un pugno in bocca) Ahh, Felicella!

CIRO : (ripete dopo di lui) Ahh, Felicella!

GENNARO: Comme?

PASQUALE: Niente, niente.

CLEMENTE: Scusato, ma io tenco un poco ti pressa, e volessi vetère la casa .. siamo venuti per questo o mi spaglio?

GENNARO : Ma assolutamente, non vi sbagliate, don Pasquà ..

PASQUALE: Avete ragione, ‘on Gennà, accompagnateli voi ... . tanto la casa la conoscete!

GENNARO: E si! Dunque, favorite con me? (esce in fondo a sinistra assieme a Clemente)

CIRO: No no, grazie! Avimmo mò mò fernuto 'e mangia!

PASQUALE: (riprendendolo) E guarda! (agli altri) Prego, don Gennà, accomodatevi.

CLEMENTE: (a Carmela) E la signorina non ci fa compagnia?

CARMELA: Ehm... no! Mi dispiace ma ho da fare qui!

CLEMENTE: Che p’ccat’!

GENNARO: Dopo di voi, don Clemè!

CIRO: Facite comme si stesseve a' casa vosta!

PASQUALE: E guarda!

LUISELLA: Ah, ah, spiritoso, (esce)

ANGELINA: Ah, ah, spiritoso, (esce)

CIRO: Ah, ah, pappavalla!

Scena X

CARMELA: Papà, papà, è zumpato tutto 'o piano. Chella Felicella nun aveva capito niente.

CIRO: L'avevo detto io!

PASQUALE: Colpa sua! Tutto per colpa sua. Nun sulo scemo, pure 'e malaugurio. Ahh, chella Felicella!

FELICELLA: (entrando da destra insieme a suo figlio Nicolino) C'è permesso?

CIRO: A vi’ lloco a vi’, papà! Parlanno d'o diavolo

FELICELLA: .. spontano ‘e corne!

PASQUALE: Ah, mò ce sentite?

FELICELLA : E allora nun ce sento?

PASQUALE : Ahhh! Stiamo calmi .. stiamo calmi! (pausa) Felicè, ditemi, che siete venuta a fare?

FELICELLA: Comme, che sono venuta a fare? 'A mazzetta, 'on Pasqua, già vi siete dimenticato?

NICOLINO : Mammà! (indica due con le dita)

FELICELLA : Doppia mazzetta! A me e a Niculino!

PASQUALE : Pure a Niculino?

NICOLINO : ‘On Pasquà! ‘E nummere! (prendendo il foglio dell’estrazione)

PASQUALE : Allora .. ‘a mazzetta a te t’a dongo pure si cu sti nummere me’ so’ sulo fernuto ‘e arraggià stammatina! Però Niculì mi devi fare un piacere .. pure na cammisa usata di seconda, terza mano .. ma io sono anni che ti vedo con questa addosso! (a Felicella) Po’ mai essere ca stu guaglione nun se riesce a vestì ‘e n’ata manera?

FELICELLA : Sì .. ‘a capera! Essa m’ha cuntato ‘o fatto!

PASQUALE : Io aggio ditto .. ‘e n’ata manera!

FELICELLA : ‘Onna Giulietta ‘a capera!

PASQUALE : Va buò, piglia Niculì .. nun dà retta ‘a mammeta e accatate na cammisa! (stende la mano e Pasquale gli mette un soldo in mano, Nicolino guadandosi il soldo in mano, la chiude e gli fa il gesto come per dire ‘e che devo farci con questo?’) E ma non tengo niente più di spiccio .. tengo solo questa diecimila lire .. (non fa tempo a cambiarla che Nicolino la prende e scappa in fondo a destra) Spero sia andata a cambiarla!

CIRO : Secondo me t’ha fatto, papà!

CARMELA : Pure secondo me! Noi già stiamo rovinati!

PASQUALE : Felicè ‘o guaglione se n’è fuiuto, ma po’ torna?

FELICELLA : E ‘o saccio … ‘o guaglione tene ‘e corne! Ma mò che vulimm’ fa? Io v’aggio fatto chillu piacere?

PASQUALE: Chillu piacere? Vuie m'avite fatto fà chella figura 'e niente, va truvanno 'o piacere.

FELICELLA: Uèè, nun accumminciammo! lo aggio fatto 'a fatica mia e aggia avè 'a mazzetta mia.

CiRO: Vuie pecchè site anziana, o si no invece d’a mazzetta .. ce vulesse na bella mazziata!

FELICELLA: Ma che dice chisto?

PASQUALE: Eh, chillo ogni tanto parla bene! Felicè lo sapete che voi non ne avete ingarrata una? Se chiammava Fetente, è ve'? Agnone Fetente?

FELICELLA: Sicuro! Agnone Fetente!

PASQUALE: Pannone Clemente! E il padre, il padre era di Sorrento. Sorrento, vicino Amalfi.

FELICELLA: E perchè, io che ho detto?

PASQUALE: (mette un pugno in bocca) Ahhh, e meno male che tenevate il cornetto.

FELICELLA: E dalle cu stu cornetto, oh. Ma ve site fissato? lo 'o tengo o nun 'o tengo 'o curnetto è 'a stessa cosa. Mò, si ‘o vulite sapè, non lo tengo appresso, e perchè nun ce sento? (piccola pausa in cuiPasquale fa gesti ma non dice niente) Comme? Comme avite ditto?

PASQUALE: Niente, Felicè! Nun aggio ditto niente.

FELICELLA: Comme niente? Vuie avite parlato!

PASQUALE: Felicè ma mò a poco a poco, senza 'o curnetto, leggiseve pure ‘int'o penziero?

CARMELA: Papà, e meno male ca nun 'e cacciato a bottiglia 'e whisky...

CIRO: O si no ne facive n'ata. Ah, ah, ah...

PASQUALE: E' vero! La bottiglia …me ne ero dimenticato. Felicè, ascoltatemi bene.

FELICELLA: Uffà! Aggio ditto ca ce sento meglio 'e vuie.

PASQUALE: Siete proprio sicura che 'onna Giulietta vi ha ditto che il giovane (calcato) beve?

FELICELLA: Sicurissima. Beve e iastemma!

PASQUALE: Bene, Carmè! Passiamo allora alla seconda parte del piano. Appena te lo dico io, prendi quella bottiglia di whisky dal mobiletto. So' sicuro che quanno a vede nun capisce niente chiù.

CIRO: Papà, statte accorto ca fai n'ata figura 'e ...

PASQUALE: Zitto, Ciretiè. Non dire più neanche una parola. Anzi, assi vuò fà na cosa bbona, dà 'a mazzetta a Felicella, che sta aspettanno.

CIRO: Ahè! Felicè stai aspettanno a me?

FELICELLA : Eh!

CIRO : E assi aspiett’ a me, hai voglia 'e aspettà.

PASQUALE: Carmè, tu nun tieni niente?

CARMELA: No, papà, manco una lira.

PASQUALE: (dopo aver rovistato in tasca) Felicè... ho dato tutto a vostro figlio!

FELICELLA: (innervosita) Aggio capito! Vengo chiù tardi, (esce)

PASQUALE: (affacciandosi sull’uscita) E portatemi il resto dei soldi che ho dato a Nicolino ..

CARMELA: (si avvicina alla quinta di fondo, a sinistra) Papà, stanno arrivanno. (i tre fanno finta di niente)

Scena XI

LUISELLA: (entrando per prima, dietro di lei Clemente) Allora, don Clemente, cosa ne pensate della casa? E' di vostro gradimento?

CLEMENTE: Ma, vi tirò. Penzavo ti peccio. Anche se, sicuramente avrà bisogno di una lavata di faccia. Che sò, campiamo il pavimento, campiamo i parati, campiamo le porte...

GENNARO: E campiamo casa, 'On Clemè, facciamo prima! Quella la casa sta bene, non ha bisogno di niente.

ANGELINA: (si avvicina a Clemente e lo sbaciucchia, mentre Clemente la respinge) Papà, Clementuccio ha ragione. La casa ha bisogno di essere rimodernata. E' vecchia.

LUISELLA: Sì Gennà, io sono d'accordo coi ragazzi. Il mio caro genero ave ragione, la casa è vecchia, è brutta, è ovè Clemè?

CLEMENTE : E' prutta, è prutta! : (osservando bene Angelina) Mmm.. è' prutta assaie!

PASQUALE: Sentite, se a voi non vi piace, campiate pure casa. Qua restiamo noi. A dire la verità, a noi questa casa non ci dispiace, è vero Carmè?

CARMELA: Uhh, a mme me piace assai.

PASQUALE: Ciretiè, e a te? Rispondi, a te ti piace?

CIRO: Ma chi? Angelina?

PASQUALE: Ma chi Angelina! La casa? Ti piace?

CIRO: Si, a me la casa mi piace e voglio continuare a stare qua co' papà … e voglio continuare a stare qua co’ Carmela … e voglio continuare a stare qua co’ ...

TUTTI: Co’.. ?

CIRO: (corre precipitosamente, gridando) ... ‘E scarrafuni! (Angelina urla salendo sul divano e alzando la gonna esce con un paio di mutandoni lunghi merlettati; frastuono generale; Pasquale prende Ciro e lo mette seduto)

PASQUALE: (a Ciro) Assettate lloco e nun te movere! (lo mette seduto) Quindi, come vedete, a noi ci piace la casa cu tutti 'e scarrafuni.

LUISELLA: Si, ma questo non vuol dire niente. Voi ve ne andate lo stesso. Questa è casa di mia figlia. E' casa sua e del suo futuro marito.

ANGELINA: Brava a mammà. E' casa mia e di Clementuccio. (dà un bacio a Clemente)

CLEMENTE: (la respinge) E talle! Fatte a là.

GENNARO: Don Pasquà, ma su questo credevo che eravamo già d'accordo.

PASQUALE: Avete ragione, don Gennà, scusate. Mi sono fatto prendere dall'entusiasmo. Solamente, dobbiamo stabilire quanti giorni di tempo ci date per sfrattare. Una settimana mi sembra veramente troppo poco. Non possiamo organizzarci in cosi poco tempo.

GENNARO: 'On Clemè, voi che ne pensate. Gliela vogliamo concedere qualche altra settimana?

LUISELLA: Ma quale settimana? Gennari, tu nun te siente bbuono. Ma 'o ssai quanta cose nuie avimma fa ca dinto?

GENNARO: Luisè, ma tu veramente vulisse cagnà i pavimenti, i parati e tutto 'o riesto appriesso?

LUISELLA: No! Però, lo stesso ci serve il tempo. Dobbiamo sostituire i mobili, cambiare le imposte... insomma ce stanno tanta cose a fà. E po' tu o'ssaie, che avimma fà ampresso.

ANGELINA: Mammà ave ragione. lo debbo sposarmi subito subito e voglio la casa bella e pronta per quando torno dal viaggio di nozze, perchè io .. mi devo riposare .. assieme al mio Clementuccio. (altro bacio a Clemente)

CLEMENTE: Angeli, si nun 'a fernisci, te menco 'a copp' appascio, accussì ammagare hai voglia e t'arrepusà.

PASQUALE: Chesta fosse proprio ‘na bella soluzione. Cioè voglio dire, pensiamoci intanto che Carmelina prende quella bottiglia di whisky che sta là sotto, o vi’ (indica il mobiletto). Così, facciamo un bel brindisi a questa idea.

CARMELA: (prende il whisky e lo mette a tavola assieme alla guantiera coi bicchieri, ma si accorge che le si è strappata la camicia all'altezza della scollatura) Mannaggia! Mi si è strappata la camicetta (gli dà la bottiglia) Aprila tu, papà!

PASQUALE: Dammi qua! (mentre apre la bottiglia osserva Clemente che sta osservando Carmela con gli occhi da fuori, ma crede che fa così per la bottiglia di whisky, per cui a bassa voce) Carmè, Carmè guardalo. Tene ll'uocchie 'a fore, già nun capisce niente chiù! (Carmela si aggiusta)

GENNARO: Ma insomma, don Pasquà, ‘a arapite o n’a arapite sta butteglia? (Angelina dà uno schiaffo a Clemente talmente forte da farlo cadere dalla sedia)

PASQUALE: Che è stato?

LUISELLA: Eh, niente, niente! Incomprensioni tra fidanzati, tutto qua!

PASQUALE: Ecco fatto! (versa il primo bicchiere) Questo è per don Gennaro... Carmè, a don Gennaro.....

CARMELA: Si, papà! (prende il bicchiere e lo dà a don Gennaro) Prego!

GENNARO: Grazie! (prendendo il bicchiere)

PASQUALE: (mentre ne versa un altro) Donna Luisella e Angelina non ne bevono, è così... (arriva Angelina e glielo toglie di mano, tra sè) ... chesta purpessa nun se fa scappa' niente! (versando un altro bicchiere) E un po' di più a don Clemente, (lo riempie fino all'orlo) che è giovane, e deve bere. Prego, don Clemè, favorite, (gli porge il bicchiere)

CLEMENTE: No, crazie, no pevo.

PASQUALE: Eh, eh! No peve. Don Clemè, che fate i complimenti?

CLEMENTE: Qua' complimenti, don Pasquà, vi sto ticendo che no pevo.

PASQUALE: (gli passa il bicchiere sotto il naso) Sentite, sentite che fragranza. Questo fa resuscitare i cadaveri, sentite.

CLEMENTE: E vi ho tetto che no pe … (gli sposta la mano da sotto il naso, e parte del whisky gli cade sul vestito) 'O vestito! 'O vestito mio!

GENNARO: 'On Pasquà, che avete combinato?

PASQUALE: E scusate, ma quello non vuole bere?

CLEMENTE: E vuie pe' chesto m'o menate 'ncuollo? Quardate qua, quardate! E io mò comme faccio? (tra sè) Chillo 'o vestito nun è manco 'o mio...

CARMELA: Volete che ci pensi io?

CLEMENTE: (alzandosi, gli allunga il ginocchio, saltellando) Sì! Sì!

ANGELINA: (lo tira con forza) A Clementuccio mio ci penso io! (facendolo sedere) Assettete loco ca te spezzo ‘e cosce!

PASQUALE: E io mò cu stu bicchiere mano che aggia fa? Insomma non lo volete nemmeno assaggiare?

CLEMENTE: N'ata vota? Eppure io penzo che parlo la stessa lengua vostra, o mi spaglio?

PASQUALE : No proprio uguale ma .. simile!

CLEMENTE : E quinti .. se vi ho tetto che no pevo, vuol dire che no pevo, no?

PASQUALE: E va buo’, ma pure pe' crianza... . io po' nu pucurillo ve n'aggio miso...

CLEMENTE: Nu pucurillo? Vuie me n'avite rignuto nu picchiere sano. lo solo se sento l'addore, cià me sento ‘e venì meno! Io songo astemio.

PASQUALE: Co... co-co … come avete detto? Che siete?

CLEMENTE: Accussì m’hanno tetto ca si tice .. astemio!

PASQUALE : Comme?

CLEMENTE : (gridando) Astemio.

CIRO: (si alza, prende la sedia e fa per scagliarsi su Clemente) Papà, Felicella aveva ragione, quello iastemma ...

PASQUALE: (blocca Ciro e lo fa sedere) Ha ditto "astemio", "astemio". Vò dicere ca nun beve è astemio!E chella Felicella ha capito che beve e iastemma. (gridando insieme a Ciro) Ahhhhhh, Felicella!

GENNARO: (gridando) Ma chi è 'sta Felicella?

FELICELLA: (entrando all'improvviso) 'On Pascà, io so' turnata a veni.

GENNARO: E chesta chi è, mò?

PASQUALE, CIRO e CARMELA : (in coro)      Felicella!

GENNARO: (gridando forte) Ahhhhhh! Siete voi!

FELICELLA: (spaventata, corre verso Pasquale e si nasconde dietro di lui) 'On Pascà, ma questo che vuole da me, ma chi lo canosce? lo sono venuta qua solo per la mazzetta.

PASQUALE: Felicè, comme state mò, putite avè sulamente mazzate.

FELICELLA: Mazzate?

PASQUALE: (minaccioso) Sissignore, mazzate!

FELICELLA: Allora è meglio ca me ne vaco! (fa cadere a terra un ‘corno’ di quelli portafortuna)

PASQUALE: E' meglio!

CIRO: (accorgendosi che a Felicella è caduto qualcosa dalla tasca) Felicè t'è caduto quaccosa.

FELICELLA: Ah, 'o curniciello! Anzi il cornetto, come lo chiamate voi (lo raccoglie).

PASQUALE: (glielo strappa di mano) E chisto fosse 'o curnetto?

FELICELLA: Eh!

PASQUALE: (mette un pugno in bocca) Ahhhhh! Felicè! (la strattona)

GENNARO: (confusione generale) Uè, ma 'a vulite fernì? La signora è anziana! Lasciatela stare! E basta! Mò, se non mi spiegate, ve ne caccio oggi stesso!

Scena XII

SASÀ: (entra all'improvviso. Clemente, intanto, prende il giornale e inizia a sfogliarlo) Ve lo spiego io, papà.

FELICELLA: Lassa fa’. Accussì me ne pozzo je. Nun voglio nè mazzette e nè mazzate. Statevi bene, (esce)

LUISELLA: Sasà? E tu che c'entri a mammà?

ANGELINA: Che c'entri Sasà, a sosò?

SASÀ: C'entro mammà, c'entro sosò. Ebbene voi sapete che da qualche mese a questa parte io frequento questo casa.

TUTTI : (calcato) Lo sappiamo, lo sappiamo!

SASÀ: E sapete pure qual è il motivo per cui vengo spesso qui.

TUTTI: Lo sappiamo, lo sappiamo!

SASA’ : Non vi sfugge niente!

GENNARO : E con questo? Che vuoi dire, Sasà?

SASÀ: E con questo vi voglio dire che chisti duie misi me so' abbastate per capire che don Pasquale, Carmela e Ciretiello non possono lasciare questa casa da un momento all'altro. Qua dentro ce sta tutta 'a vita lloro scritta ncoppa 'e mmure 'e chistu quartinodove donna Maria ha allattato i suoi bambini, li ha cresciuti, li ha educati e ha aspettato co'a cena pronta che 'o marito turnasse 'a fatica. E' qui che sono sempre vissuti, è qui che hanno sempre mangiato, è qui che hanno sempre dormito, è qui che si sono amati, è qui, in questa casa, la loro casa. (forte applauso con "bravo" e "bis" da parte di Pasquale, Carmela e Ciro)

LUISELLA: (fa seguire unapplauso falso) Commovente, molto commovente. Bravo! Te si fatto 'mpapucchià comme a nu fesso, e non te ne rendi conto. Chesta figliola t'ha fatto addiventà nu baccalà.

ANGELINA: Si, si. Nu baccalà 'ndurato e fritto.

CIRO: Una cosa nun parlammo 'e mangià, ca me sta venenno famme n'ata vota.

LUISELLA: (decisa) Don Pasquà, cominciate a fare i bagagli. Ve ne andrete domani stesso.

PASQUALE: 'Onna Luisè... .

LUISELLA: Silenzio! Vuie assai roba v'avita purtà. (risoluta) Domani prendete le vostre cose e sloggiate.

ANGELINA: Brava a mammà.

PASQUALE: (alterato) Ma che brava a mammà e brava a mammà. 'Onna Luisè, voi mi avete stancato. E ringraziate a Dio che sono un uomo serio e non mi sono mai permesso di alzare un dito su nessuno, ma non vi nego che oggi proprio ne avrei una gran voglia.

GENNARO: Don Pasquà non esagerate ...

PASQUALE: Don Gennà, per quanto vi stimo, ma mò che aggio abbiato m’ata fa’ parlà! Donna Luisè, è da quando ho messo piede in questa casa che vi tengo qua (indica la gola) ma non ho mai parlato, non ho mai fiatato, ho sempre ingoiato, per rispetto di vostro marito che è un santo uomo e di vostro figlio che, fortunatamente, è tutto suo padre e nun ha pigliato niente ‘e vuie.

LUISELLA: Ho detto...

PASQUALE: Silenzio! Non ho finito. Sono venti anni, Donna Luisè, venti lunghi anni che sopporto, che mi trattengo, ma adesso è arrivato il momento. Si, è arrivato il momentodi sfogare, ‘e ittà fore tutto chello ca tengo 'ncuorpo. Sto facendo quello che avrei dovuto fare all’epoca .. quello che la buonanima di mia moglie non mi ha mai permesso di fare per il bene dei figli suoi, per la famiglia. E' normale, perchè bisognava portarvi rispetto, perchè voi eravate la padrona di casa e ce ne potevate cacciare da un momento all'altro. Vi piace fare la padrona di casa, è ve’ ‘onna Luisè? E allora sapete che cosa vi dico? Noi domani ce ne andiamo, facciamo i bagagli e ce ne andiamo, ma fino a stasera in questa casa ci sono io, e questa casa è casa mia, perciò, ho il diritto di dirvi...

CARMELA: No, papà, no.

PASQUALE: E no Carmè, a papà! Mò nun ce sta mammeta e abbìa tu? Per piacere .. famme fa’! (a Luisella) Andate via! Uscite fuori di casa mia...

GENNARO: Don Pasquà, ma che state dicendo?

PASQUALE: Don Gennà, per quanto vi stimo e vi voglio bene. Ve ne prego, iatevenne. Domani mattina troverete la casa vuota e le chiavi appese fuori la porta. Ma mò ve n'avita je tutti quanti, (afferra Clemente che sta accanito a confrontare i suoi numeri sul foglio dell’estrazione) Uèè, a te! He capito che te ne devi andare? Tutto pe colpa toia. Stu carugnone fetente!

CLEMENTE: (non molla il foglio e continua a fissarlo) 3-57... 8...

PASQUALE: (lo strattona) Oèèè, te ne vai, si o no? Esci fuori di casa mia ..

CLEMENTE: (euforico) Aggio pigliato. Lassateme sta. (si libera e caccia i biglietti del lotto dalla tasca, controlla) 3-57..8-23 e 71. (grida) Quintina. Aggio fatto 'a quintina. So' ricco, ate capito niente, sono ricco. Cinche nummere uno a fila a n'ato.

PASQUALE: Ma site sicuro?

CLEMENTE: E allora no! Vetete, vetete pure voi! (riceve i complimenti da tutti)

PASQUALE: (controlla) Avite ragione. Ate fatto 'a quintina.

GENNARO: Lassate vedè pure a me. (controlla) Uh, Madonna! Che grazia, che grazia

CIRO: Che mazzo, che mazzo!

PASQUALE: E nun puteva capita a me stu ma ... cioè, sta grazia?

GENNARO: Don Pasqua’, ma non capite? La grazia l'avete ricevuta indirettamente pure voi. Adesso non correte più nessun pericolo. Adesso don Clemente è ricco, anzi è straricco! E secondo voi, può mai venire ad abitare qua dentro?

CLEMENTE: Ah, ‘ncoppa a chesto putite sta sicuro. E a chi ‘a vulite dà sta fetente 'e casa. Dopo che ho riscuotuto la vencita me faccio 'o giro 'e tutti cchiù belli palazze 'e Napule. Me l'aggia accatta’ tutte quante...

GENNARO: E in uno di questi che lui andrà ad abitare...

CLEMENTE: Esattamente!

GENNARO: Lui, e mia figlia Angelina!

CLEMENTE: Precisamente ... .eh?

GENNARO: Sarà il loro nido d'amore!

CLEMENTE: Ahhh, aspettate nu mumento ...

ANGELINA: Si, caro! (abbraccia Clemente) Come sono felice. Non mi sembra vero. Io già te vulevo bene primma, ma mò ca sì ricco sfunnato non vedo l’ora di stare io e te, soli, nel nostro nido d’amore. (cerca di dargli un bacio)

CLEMENTE: (la respinge) Ma levate 'a cuollo! Don Gennà ..

GENNARO : Anche suocero!

CLEMENTE : Exo suocioro! Forze non mi sono fatto riuscire a capire …

PASQUALE : Un poco anche per il problema della lengua!

CLEMENTE : lo, atesso, sonco ricco, sonco milionario, aggio pigliato 'na quintina, io mo’ tenco i tenari .. sto chino ‘e sort’ … me ticite vuie … io che me n'accia fa' d’a figlia vostra?

GENNARO: Ma perché? Vulisse dicere ca t'a spusavi sulamente per i soldi che teneva?

CLEMENTE: E seconto vuie pecchè? Ma l'avite vista pona? E' na femmena chesta?

GENNARO: (va verso di lui) Omme 'e niente ca nun si ate. (Clemente fugge via a destra) E' inutile ca te ne fuie, sempe t'aggia acchiappà... . (esce a destra)... Sasààààà...

SASÀ: (a Carmela) Vengo, vengo! Il dovere mi chiama, cara. Ma sappi che qualuque cosa mi dovesse accadere, io ti ho sempre voluto bene ......

PASQUALE: (gli dà una spinta verso l'uscita) Cammina, movete! Adda je a fa’ ‘a guerra d’indipendenza!

SASÀ: Resisti, papà! Sto arrivando! (Sasà esce a destra)

CIRO: (si alza e corre verso l'uscita) L'aggia spezza' 'e cosce, l'aggia...

PASQUALE: Addò vai, a te?

CIRO: Mannaggia papà! M'he fatto fuì 'o scarrafone! (si va a sedere, sconsolato)

PASQUALE: (si mette le mani in testa) Che mac ello, che macello!

ANGELINA: (piange in modo brutto, sulle gambe di Luisella) Mammà, m'ha lassata.

LUISELLA: Nun fa niente, a mammà. Papà e Sasà gli stanno dando una bella lezione. Ammagare primma 'e se ne je a Palazzo Reale, se fa nu mese 'e 'spitale.

PASQUALE: 'Onna Luisè, state pallida. Venite in cucina che vi dò un bicchiere d'acqua.

CARMELA: (a Luisella) late, nun ve preoccupate, ci penso io... (siede e prende il posto di Luisella che, intanto, è uscita a sinistra assieme a Pasquale) Angeli, nun fa accussì, vedrai che ne troverai sicuramente un altro.

ANGELINA: (disperata, piangendo) E addò 'o trovo, addò 'o trovo a n'ato?

CARMELA: (preoccupata) Uh Maronna! E chesta addò 'o trova a n'ato?

CIRO: E' difficile Carmè, è difficile! (Angelina piange ancora più forte)

CARMELA: Su, su Angeli, non disperare. (chiudendo gli occhi) ln fondo la vita è strana e non puoi sapere quello che ti riserva. Pensi che quello che cerchi è lontano, è difficile da raggiungere, e invece no, basta che ti guardi intorno, basta che guardi attorno a te... (Angelina alza il capo e comincia a guardarsi intorno) ... basta che osservi bene ciò che ti circonda...

CIRO: (si rende conto della gravità della situazione) Carmela...

CARMELA: (incurante) ... basta mettere a fuoco (Angelina punta Ciro) ... per renderti conto che quello che cercavi è lì... (stende involontariamente una mano indicando Ciro)

CIRO: (impaurito) Carmela ...

CARMELA: (incurante) ... è lì, davanti a te. (Angelina si alza e osserva Ciro fissandolo, mentre lui fa il disinvolto) E' quello che avevi sempre desiderato. E' bello (Angelina fa un passo) … è forte (ne fa un altro) … è intelligente (fa il terzo passo) … è sicuro di sè. (gli si piazza dietro) E' un uomo vero, è tuo. Amalo! (Angelina afferra Ciro, prendendolo alle spalle e lo abbraccia stringendolo in una morsa)

CIRO: (quasi soffocato, con un filo di voce) Aiuto! Carmè liberami! Carmè ...

CARMELA: (destandosi, apre gli occhi) Ma che sta succedendo?

CIRO: (c.s.) Liberami!

CARMELA: Lascialo! (si lancia sui due e libera Ciro dalla morsa di Angelina che ritorna sul divano continuando a piangere)

CIRO: (tossisce ripetutamente) San Gennaro mio!

CARMELA: Ciretiè, te siente bbuono?

CIRO: (conaffanno) Carmè, ma tu … fusse asciuta pazza. Mi stavi facendo ammazzare. E' lì,... davanti a te...

CARMELA: Ma io non ce l'avevo con te.

CIRO: Ma scusa tu comme he ditto? E’ bello … è forte …è intelligente, e quella è normale che pensa a me! Uhè, aggia piglia nu poco d'aria! (esce a destra veloce perché Angelina lo ripunta) Fuie fu’, sta cosa brutta!+

Scena XIII

LUISELLA: (rientrando con Pasquale) Si è calmata, Carmè?

CARMELA: Ancora no! Adesso però me la porto un po' in camera mia. Andiamo, Angeli!

ANGELINA: Mammà, m'ha lassata pure chist’ate! (esce con  Carmela in fondo a sinistra, piangendo)

LUISELLA: Povera figlia mia! Come sta soffrendo.

PASQUALE: Eh, lo credo bene. Allora, donna Luisè, mi avete perdonato per lo sfogo di poco fa?

LUIISELLA : Don Pasquà, voi non avete proprio niente da farvi perdonare. Se c'è qualcuno che deve chiedere scusa quella sono proprio io.

PASQUALE: E di che, donna Luisè...

LUISELLA: Se io avessi avuto la coscienza pulita, poco fa quelle parole sarebbero state peggio di una coltellata. Invece niente, non mi hanno fatto niente. In quel momento io ero con voi. Ero dalla vostra parte. Contro di me. (pausa) Quante ve n'aggio fatto passa! Vi ricordate quando abitavamo qui affianco, prima che ci vendessimo l'appartamento?

PASQUALE: E chi s'o scorda! Giorni indimenticabili.

LUISELLA: Ahè, giorni di fuoco! Da quando siete entrati in questa casa, non ho fatto altro che trattarvi male a voi e alla povera donna Maria. (china il capo)

PASQUALE: Ormai è acqua passata...

LUISELLA: Anche se sono passati tanti anni, ora sento il dovere di chiedervi scusa.

PASQUALE: Accettate, donna Luisè! Adesso però non ci pensate più.

LUISELLA: E come se fosse facile! Vedete don Pasquà, io sono rimasta con lo scrupolo di non aver chiesto perdono a vostra moglie.

PASQUALE: L'avete fatto con me, è la stessa cosa!

LUISELLA: Nun è 'a stessa cosa! (si alza sbattendo una mano sul tavolo) lo l'odiavo, don Pasquà. L'ho odiata più di quanto ho odiato la mia stessa vita.

PASQUALE: (scattando) A Maria mia?

LUISELLA: Si! L'invidia, la gelosia, mi hanno accecato e nun me hanno fatto vedè a donna Maria come era veramente. Come la vedevate voi. Come la vedevano tutti!

PASQUALE: L'invidia? E quale invidia, scusate? Teneva nu bravo marito comme 'o tenite vuie, nu figlio scemo e uno sano comme a vuie, anzi a lei mancavano i soldi che tenete voi. Nè, perchè dovevate provare invidia?

LUISELLA: Ma non capite? E’ proprio per questo1 Teneva mille problemi, giusto il doppio dei miei, eppure mai una mattina che l'avesse vista che so’ … scorbuteca … 'ntussecosa. Teneva sempre quel suo sorriso stampato sulla faccia, quel modo di fare sempre gentile, garbato, che io odiavo tanto. Sulamente quanno se n'e' gghiuta io mi sono resa conto di quanto era buona e sincera, e di quanto ho perso io a non essere diventata sua amica. Non le ho chiesto scusa, capite? Non le ho chiesto scusa! (piangendo, china il capo)

PASQUALE: (consolandola, le appoggia una mano sulla testa) Donna Luise', non preoccupatevi. Io, con mia moglie, la notte ci parlo, state senza pensiero, riferirò .. riferirò!

GENNARO: (entrando da destra con Sasà e Ciro) Ahh, che soddisfazione!

PASQUALE: L'avite struppiato?

SASÀ:  Altroché, don Pasqua', un quarto d'ora di paliate continue.

CIRO: E io … gli ho dato il colpo di grazia.

GENNARO: Me sa che 'a quintina s'a spenne 'e medicine.

SASÀ: Accussi' se 'mparal

GENNARO: Allora, don Pasqua', noi leviamo il disturbo. E' stata una giornata un poco movimentata, e mi dispiace di aver portato tanto scompiglio in casa vostra. Luise', ce ne andiamo, o tu hai qualcosa in contrario?

LUISELLA: No, Gennari', non ho niente in contrario. Anzi, t'aggia dicere na cosa … per me don Pasquale può restare in casa nostra, pe' tutt'a vita.

CARMELA: (abbraccia il padre) Papà, hai sentito?

PASQUALE: Come noi Io che ti ho sempre detto a te? Donna Luisella è una brava donna.

LUISELLA: E domenica prossima siete invitati tutti e tre a casa nostra. Credo che dobbiamo parlare un poco di tutti chisti libri che vanno e veneno.... che ne dite?

SASÀ: Veramente, mammà? (Sasà corre vicino a Carmela ad abbracciarla)

LUISELLA: E si capisce! Qua nu matrimonio s'adda fa', ormai sta programmato.

PASQUALE : (vede Sasà con Carmela e prende per un braccio garbatamente Sasà) Giovanotto! Abbiamo detto da domani!

LUISELLA : Allora a domenica, iammuncenne Gennarì!(esce)

GENNARO: ‘On Pasquà, hi che bella jurnata. (esce)

PASQUALE: Favolosa! Don Gennà .. statevi bene! A Domenica!

CARMELA: A domenica pesciolino! (manda un bacio a Sasà)

SASÀ: A domenica bella sirena! (le manda un bacio ed esce)

ANGELINA : A domenica guarracino!  (manda un bacio a Ciro ed esce)

CIRO: Statte bona balena! (respinge il bacio)

PASQUALE: E vide si nun si semp’ tu! (pausa) Figli miei venite qua, abbracciamoci (si abbracciano)

NICOLINO : (entrando vestito di tutto punto) E’ permesso don Pasqua’!

PASQUALE : Trase Niculì!

NICOLINO : Prendo il foglio per Donna Giovannina! (prende il foglio sul tavolo)

PASQUALE : Si, prendilo pure e ringraziala! (poi osservandolo bene) Hai fatto spese Nicolì ..

NICOLINO : Ho cambiato la camicia come avete detto voi!

PASQUALE : Sulo ‘a cammisa?

NICOLINO : E po’ me so’ truvato! (ridendo) Statevi bene ‘on Pasquà! (esce)

CIRO : S’è vestuto con i soldi tuoi, papà!

PASQUALE : E va bene così! Fino a quando se po’ fa nu poco ‘e bene. (pausa) A proposito ‘e bene, Carme' .. tu t'arricuorde mammà comme dicette dint 'o suonno? 'E nummere, 'e nummere a lotto, saranno la fortuna tua, 'e nummere. Maria aveva ragione, 'e nummere c'hanno salvati, so' stati 'a furtuna nostra. Avete visto? Ancora una volta teneva ragione vostra madre.

CARMELA: Me manca, papà! Mammà me manca assai.

PASQUALE: Pure a me, Carme'! Pure a me ! Ma mammà ce guarda e ce protegge da là 'ncoppa.

CIRO: No, papà! Mammà nun sta là 'ncoppa.

PASQUALE: Ma che dici, Ciretie'? E addò mai po' sta? (si abbassano le luci)

CIRO: Mammà sta ccà! (i tre, abbracciati, sotto un cono di luci) Sta mmiezo a nuie!

SIPARIO