47-O morto ch’o parla

Stampa questo copione

“47 – O MORTO CH’O PARLA”



(ûn liòn despëtaddo)

COMMEDIA BRILLANTE IN TRE ATTI

di

ENRICO SCARAVELLI e BATTISTINA RAMBELLI

(da un soggetto di Renato Causa e Marco Pitto)

PERSONAGGI:

NATALE SBARASSI                            - Tranviere

CECILIA SBARASSI                               - a moggé

ASSUNTA  SBARASSI                            - a figgia

BARTOLOMEO BRIASCO                   - o cûgnòu

AMELIA SBARASSI                               -  seu do Natale e moggé do Bertomé

ADALGISA BRIASCO                           -  figgia do Bertomé e de l’Amelia

PALMIRA SBARASSI                            -  a lalla  

LEONCAVALLO VACCAMORTA      -  notaro

LUIGI ZEREGA                                      -  zoveno de stûdio

GINO                                                         -  ‘n’amïgo

GIACOMO                                               -  ‘n’amïgo

            A Zena, intorno ai anni settanta

ATTO PRIMO

Sala con buffet, due sedie, una poltrona alla sinistra. A destra una macchina da cucire con sedia davanti ed a fianco altra poltrona. Porta centrale con corridoi dove sulla destra c’è l’uscita principale e il salotto, alla sinistra si va alla cucina. Caminetto. Sopra di esso un ritratto del ‘buonanima.  Due porte laterali; una a sinistra va alle camere per la famiglia Sbarassi;  quella a destra per la famiglia Briasco. Tavolo posto contro una parete come da scrittoio. Stessa scena per tutti i tre atti.Mobili del caso.

SCENA I

(Natale – Assunta)

NATALE      :- (sulla cinquantina, sta cercando la giacca) “Orriae savei donde o l’è o mae giacché. In te questa casa no s’attreuva mai ninte: A no l’è ‘na casa.. o l’è ‘n tran.. o quinze in ta stagiòn di bagni” (pausa) “Eh, scì.. da quande quello ciantapuffi de mae cûgnòu o s’è faeto dà o sfratto pe’ ‘mora’.. e o l’è vegnûo a sta con noiätri, in te sta casa gh’è ciù gente che a Ceccardi in te l’òa de punta.. Mondo legio.. coscì tra a mae famiggia e quella de mae seu, semmo in sei.. òua che no gh’è ciù o bonanima. Ma poi..se fiscimo ancon tûtti normali..ma chì o l’è ìn baillamme de çervelli..”

ASSUNTA     :- (studentessa, sui 19 anni, entra in scena interrompendo i pensieri del padre. E’ assorta nello studio. Si siede per terra, come facesse lo Yoga, continuando a recitare la poesia che stava declamando appena entrata)

                                 “ .. e mi sovvien l’eterno,

                                          e le morte stagioni, e la presente

                                          e viva, e il suon di lei..”

NATALE            :- (che lo guardava con comicità, lo interrompe a sua volta) “Il suon di lei chi?.. Ammia bertoéla che chi no ha seunnòu nisciûn”

ASSUNTA          :- (assente, con lo sguardo nel vuoto) “Ssst” (prosegue declamando)

                                       “Così tra questa

                                        immensità s’annega il pensier mio:

                                        e il naufragar m’è dolce in questo mare” (resta comicamente assorto, occhi al cielo, braccia come a implorare)

NATALE            :- (si avvicina comico, gli passa una mano davanti agli occhi senza che Assunta si scomponga) “Ammìa figgia.. che o naufraggio o no l’è mai döçe.. tûtto-a-ciù o l’è bagnòu”

ASSUNTA          :- “Ma papà.. questo è Giacomo Leopardi”

NATALE            :- “O l’ha faeto naufraggio?”

ASSUNTA          :- “Ma che naufraggio.. gh’è tûtto scrïto in ti libbri do nonno.. o professò”

NATALE            :- “Zà.. mae seuxo o professò.. O seunnava anche o violin.. Professino di violone.."

DIOMEDE         :- “Eh?”

NATALE            :- “Voeivo dì.. professore di violino.. Ti me confondi e ti me fae ingheuggià a lengua.. Però con tûtta a seu scienza o l’è riûscîo a arrovinà teu moae e me pâ che anche tì.. t’arrisc-ci de fa naufraggio comme quello.. quello Leopardo..”

ASSUNTA          :- “Leopardi!”

NATALE            :- “Mia che anche se no ho stûdiò.. leopardi o l’è plurale e quello o l’éa da solo, quindi Leopardo”

ASSUNTA          :- “Sì, va bene..” (sospira e declama)  “Non ti curar di lor, ma guarda e passa”

NATALE            :- (misura uno scapaccione) “Te daieiva un zunchetòn.. ätro che guarda e passa”

                                      

SCENA II

(Natale – Assunta – Cecilia)

CECILIA            :- (sulla cinquantina, entra dalla cucina e vede il gesto del marito e con teatralità) “Fermo, Bruto!”

ASSUNTA          :- (si alza e va a sedersi su di una sedia, dall’altro capo)

NATALE            :- “Alè.. ärrïa l’ätra..” (sbottando) “Ma questa a l’è ‘na gaggia de matti: Ammia Cecilia.. no saiòu bello ma manco brûtto, comme di me dixi tì.  Anzi.. te diòu de ciù.. in sciò tran e donne m’allungan quarche euggià malandrinn-a.. e poi no gh’ò  mïga mollòu ‘n scopasson.. m’è rimasta l’intenzione”

CECILIA            :- “Basta quella!”

NATALE            :- (sornione) “Ah, scì?.. Se tûtte e intenzioìn se realizessan.. saieiva za vidduo!”

CECILIA            :- “Mädûcòu”

NATALE            :- “Mondo legio.. orriae savéi cös’a stûddia” (pausa) “Sa continua a parlà a ‘sto moddo, chi l’accapisce?”

CECILIA            :- “Ti no de segûo.. no t’hae manco finïo e elementari..”

NATALE            :- (intristito) “Eh, zà.. i mae no han posciûo famme stûdià.. no gh’éa de sûppa pe’ tûtti e ho dovûo mettime a travaggià fin da figgieu.. E magara teu figgia, quande o l’avià i papé in te moen o l’avià vergheugna de noiätri.. o foscia solo de mì.. oa poi, ch’o se misso in testa e.. e cöse classiche..”

CECILIA            :- (con aria di sufficienza) “E cöse classiche.. semmai o liceo.. o liceo classico”

NATALE            :- “E l’è quello che voeivo dì.. a l’è propprio a classico scemma. Figûrite che quande fasso a fermata davanti a-a scheua e a monta in sciò 41, a se mette a parläme in foresto.. comme o me desse di ordini, t’accapisci?”

CECILIA            :- (alla figlia, incuriosita) “E cosa gli dici?”

ASSUNTA          :- “Gli cito solo il Manzoni: <Adelante Pedro, ma con judicio>, per dirgli di girare la manovella e far presto, ma con prudenza”

CECILIA            :- “E l’è tûtto chì?.. In fondo o l’ha parlòu solo in latìn”

ASSUNTA          :- “Spagnolo, mamma, spagnolo”

CECILIA            :- “E’ stato un .. lapis..”

SSUNTA             :- “Un lapsus, mamma”

NATALE            :- (alla moglie) “E becchite ‘n po’ de latìn ti ascì”

CECILIA            :- (presa sull’amor proprio, si mette a rassettare) “Oh, quante balle”

NATALE            :- (ironico) “Questo o no me pâ latin.. A voiätri bezeugneiva caregave a Manin e poi zû pe’ via Assarotti.. dagghe l’eutto e caccià via a maneggia.. Natûralmente quande non ghe son mì insimma..” (alla figlia) “E senza giûdissio.. comme quello Manzoni..”

ASSUNTA          :- (si alza e si avvia alle camere a sinistra) “Uffa.. ma come rompi” (esce)

SCENA III

(Natale – Cecilia)

NATALE            :- “Tou lì.. a m’ha pagòu..” (scimmiottando il figlio)  “Ma come rompi..” (ironico) “O no me pàiva latin quello”

CECILIA            :- “Che ti a lasci quëtà..”

NATALE           :- “ ‘na frase in latin.. o quaexi.. te a diggo mì ascì.. “Talis mater talis figgia”

CECILIA            :- “Ûn po’ de latin scì.. “ (si avvicina nervosa al marito) “A ne daià de soddisfazioìn.. a l’è de lungo con a testa in scì’ libbri.. ti ghe fae perde..”

NATALE            :- (interrompendo) “O tran.. Semmai ghe fasso ritrovà o saeximo.. ätro che perde”

CECILIA            :- “Mae figgia a faià da stradda in ta vitta”

NATALE            :- “A maratonn-a”

CECILIA            :- “A l’è intelligente comme mì e s’a l’ha de lungo a testa in sci librassi, comme ti i ciammi ti, saià sempre mëgio che andà a pulì de colisse comme ti faxeivi primma de andà a fa o tranviere”

NATALE            :- (che incassa e si addolora. Siede avvilito) “Zà.. m’ascordavo a vitta ch’ò faeto pe’ tià sciù ‘na famiggia.. pe’ no fave fà a vitta ch’ò faeto mì”

CECILIA            :- (cercando di rimediare) “Beh.. no voeivo dì proppio coscì..”

NATALE            :- (sempre triste) “Zà.. no ti voeivi.. però..”

CECILIA            :- (innervosita) “Però ti t’è ascordòu de tûtto o baillamme che l’è sûccesso quande l’è mancòu..” (quasi con disprezzo) “..mae seuxo”

NATALE            :- (alzandosi di scatto) “Cecilia no stà a offende! A morte de mae poae, de ‘n’om- mo onesto come Leone Sbarassi a no se peu ascordà. Ma.. cangemmo discorso che l’è mëgio..” (cambiando tono) “Ciûttosto, ti doviesci tiäme feua o vestì bon perché ancheu vegne o notäro”

CECILIA            :- “E ti me o dixi òa? No l’è manco ‘na settemann-a che l’è mancòu o bonanima..”

NATALE            :- (salace e sottovoce) “..o bonanima..”

CECILIA            :- “..e t’hae za pensòu a-o notäro?”

NATALE            :- (sornione) “Tì invece no, vea?.. Comunque no ghe l’ho mïga dïto mì de vegnì ancheu.. e no posso manco presentäme vestïo da.. casalingo. Doppo tûtto o notä-

                            ro Vaccamorta o l’éa figgieu con mae poae e riveddilo.. o me faià diventà.. dimmoghe.. ciù ricco”

CECILIA            :- (incuriosita) “Ciù ricco?”

NATALE            :- “In te l’animo”

CECILIA            :- “No creddo..  t’è ‘n’anima persa” (esce verso la cucina)

SCENA IV

(Natale – Bartolomeo)

BARTOLOMEO:- (sui quarantacinque anni. Un po’svampito; accenna a Cecilia che l’ha vista uscire) “Cös’a l’ha perso teu moggé?”

NATALE            :- “A pazienza”

BARTOLOMEO:- “Alloa vaddo a däghe ‘na man”

NATALE            :- “Pe’ fa cöse?”

BARTOLOMEO:- “Pe’ çercà quello ch’à l’ha perso, no?”

NATALE            :- (bonario) “Bertommé.. lascia perde”

BARTOLOMEO:- “Voeivo rendime ûtile”

NATALE            :- “No me pâ o cäxo”

BARTOLOMEO:-  (tentenna, pensa) “Voeivo dïte ‘na cösa”

NATALE            :- “Dimme”

BARTOLOMEO:- “Me l’ho ascordà”

NATALE            :- (che comincia a spazientirsi) “Fa ninte.. quande te vegnà in mente ti me-o dixi”

BARTOLOMEO:- (si avvia e poi si ferma di botto)  “M’è vegnûo in mente.. Voeivo dïte che me despiaxe tanto pe’ teu poae”

NATALE            :- “Oh mondo legio.. no stammelo a dï tûtti i giorni”

BARTOLOMEO:- “Ma me despiäxe ogni giorno”

NATALE            :- (allarga sconsolato le braccia, tra sé) “Comme fasso a fagghelo accapì.. o doveiva capitäme chi anche lé.. ‘Na figgia allûggià e ‘n cûgnòu svampìo.. Son ben acciappòu”  (avvicinandosi a Bartolomeo) “Ciûttosto Bertomé, ti porriesci  andà a dì a mae seu de incommençà a preparäse che l’è òa?”

BARTOLOMEO:- “Che òa l’è?”

NATALE            :- “L’òa do Notäro”

BARTOLOMEO:- “Mai sentîa ‘n’òa do genere”

NATALE            :- “Deve vegnì o notäro Vaccanorta.. No ti te ricordi che ‘n’àimo parlòu?”

BARTOLOMEO:- “E cös’o vegne a fà?”

NATALE            :- “A lëzine o testamento, no?”

BARTOLOMEO:- (con la sua aria da tonto) “E de chi?”

NATALE            :- (sbottando) “De mae lalla!”

BARTOLOMEO:- “A l’è morta anche lé?”

NATALE            :- “Bertommé.. pe’ piaxei..” (cercando di calmarsi) “Sentime ben.. mentre tì ti vae a dì a mae seu.. a teu moggé insomma, ch’a se prepare, mì vaddo a mettime o vestì bon.. capìo..? Andemmo” (esce dalla porta che va alla camere e Bartolomeo veso la cucina)

SCENA V

(Assunta – Adalgisa)

ASSUNTA          :- (sporge la testa dalla porta dalla porta centrale, non vede nessuno ed entra con un libro. Siede e legge)

ADALGISA       :- (sui diciassette anni; cugina di Assunta, entra sgranocchiando dei dolci che preleva da una scatola che ha in mano. Si avvicina a Diomede e le sbriciola sul libro) “Cûxinn-a.. ti veu ‘n bescheutto?”

ASSUNTA          :- (pulisce il libro dalle briciole e fa un gesto per allontanarla) “Beh..”

ADALGISA       :- “Sono buoni.. c’è il cacao e la vaniglia”

ASSUNTA          :- (sospira saputello) “Errore.. ci sono  il cacao e la vaniglia.. il cacao e la vaniglia sono due cose, quindi si usa il plurale”

ADALGISA       :- “A mì me piaxan o maeximo”

ASSUNTA          :- “Ma che noiosa.. no ti fae ätro che mangià.. Cerca di mantenerti a dieta”

ADALGISA       :- (che si lecca le dita) “L’è quello che staggo faxendo.. No mangio de pan”

ASSUNTA          :- “Ma se ti mangi ‘n chillo de dösci..! E t’han ancon attrovòu ‘n posto da commessa in te ‘na pasticceria.. Ti sae cöse dixeivan i antighi romani? <L’ingordo si scava la fossa con i propri denti>      

ADALGISA       :- “No l’è bello parlà de morti quande l’è appenn-a mancòu o nonno.. Anche a lé ghe piaxeivan i döçi.. ma l’è con i seu denti o ne s’è scavòu ‘n bello ninte.. o no n’àia”

ASSUNTA          :- “Che discorsi del ..”

ADALGISA       :- (non riesce a terminare perché Adalgisa le infila un biscotto in bocca)

ASSUNTA          :-  (dapprima si schernisce ma poi rosicchia) ”Però.. son finn-a boìn.. Vaddo a piggiäne” (esce dalla cucina mentre Adalgisa esce a destra)

SCENA VI

(Amelia – Bartolomeo)

AMELIA            :- (entra col marito Bartolomeo dalla camera) “Stavotta ho puïa ma o Natale o s’arraggia pe’n davéi”

BARTOLOMEO:- “Ma mì l’ho faeto pe’ lé”

AMELIA            :- “Ma no ti doveivi montälo in casa”

BARTOLOMEO:- “In de faeti no l’ho montòu in casa.. l’ho montòu davanti a-a porta

AMELIA            :- “Ma benedett’ommo.. no ti doveivi ligälo a-a ciaveuja”

BARTOLOMEO:- (quasi piagnucoloso) “Ecco.. mì fasso ‘n’inveziòn pe’ aggiûttà a gente ch’a l’ha di problemi a montà in sciò tranvai o in ti filobus.. e poi.. vegno sbraggiòu.. Mi l’ho faeto pe’ aggiûttà o Natale”

AMELIA            :- “Ma che Natale e Pasqua.. e poi in che moddo ti voeivi aggiûttà mae frae?”

BARTOLOMEO:- (meravigliato) “In che moddo?.. Ma pensa ‘n po’ a quelle vëgette, a quelle donne grasse o ai Cavalieri de Vittorio Veneto che montan in sciò celere, o in  sci tran e mettan o pë in to schaen.. se no gh’è quarchedûn che l’aggiûtta con ûn ronsòn, no riescian a infià a porta. L’è tûtto tempo che perde o chaffeur pe’ aspëtäli. Alloa me son dïto: se ghe fisse ‘n schaen con due belle molle de sotta che aggiûttesan a personn-a a montà, s’avieiva sicûrezza e rapiditae de montata, te pä?”

AMELIA            :- “E sicûrezza d’arrestà sciacchae in ta porta”

BARTOLOMEO:- “L’è ben pe’ quello che primma veuggio provälo chì”

AMELIA            :- “Ma Bertomé.. proppio davanti a-a porta de casa, no”

BARTOLOMEO:- “Invece scì.. Coscì o Natale o vedde, o l’accapisce, o l’impara e o l’ûsa”

AMELIA            :-  (con ironia) “Intanto in casa ti l’è za provòu, perché stamattin quande o garçon do leità o l’ha seunnòu pe’ portà a bottigia do laete da Centrale, o l’ha faeto ‘n xeuo de duì metri e o l’ha spaccòu o cesto con dozze bottiggie e o l’ha anche avvenòu a consolle in te l’ingresso!”

BARTOLOMEO:- (con indolente flemma e indifferenza) “Oa semmo ch’o funzionn-a”

AMELIA            :- “E semmai .. a pä ‘na catapulta e o se domanda ancon òua chi l’è che l’ha arrunsòu”

BARTOLOMEO:- “Però o l’è intròu senza fadïga”

AMALIA            :- “Ti sae chi ha pagòu e bottiggie? A Cecilia.. Quande poi a l’ha visto a consolle, ch’à l’ha ereditòu da seu poae, ciù ‘n po’ ghe ven ûn corpo. A s’è missa a crià comme n’aquila cö Natale che coscì no se peu tià avanti, e mae frae a crià con mì e mì.. dovieiva crià con tì”

BARTOLOMEO:- (incredulo) “Con mì.. e perché?..  Mì l’ho faeto a fin de ben”

AMELIA            :- (con bonarietà) “Bertomè.. o so che t’hae sempre de belle idee.. ma benedetto màio.. o l’è o moddo de mettile in pratica che no van ben” (tra sé, verso il pubblico) “O l’è tanto cäo, tanto mite.. basta çercà de accapïlo.. o l’è comme ‘n figgieu” (al marito) “Coraggio Bertomé.. andemmo a cangiäse ch’arrïa o notäro pe’ o testamento” (si avviano verso la porta di destra. Bertomé si ferma di colpo)

BARTOLOMEO:- “Melia!”

AMELIA        :- (sul la soglia, si ferma) “Cöse?”

BARTOLOMEO:- “Però ti devi ammette ch’ò funzionn-a!” (escono)

SCENA VII

(Assunta – Natale – Amelia – Adalgisa)

ASSUNTA          :- (rientra leggendo come al solito un libro e va a sedersi)

                                      “Era già l’ora che volge al disìo e

                                         ai naviganti intenerisce il core..”

NATALE            :- (entra col vestito buono: Al figlio) “Ma ti stae de lungo navegando?.. Ciantila lì e vatte a cangià ch’arrïa o notäro.Teu moae l’è za mëz’òa ch’a m’arrûxen-ta de fatte mette o vestì dä domenega.. Dai, andemmo” (escono verso la camera)

AMELIA            :- (entra dalla porta di destra con Adalgisa. Sono entrambi ben vestite. Osserva l’abito della figlia) “O te sta proppio ben.. Meno male che son riûscîa a adattälo malgraddo t’aggi piggiòu quarche chillo”

ADALGISA       :- “Scì.. ma o no l’ha de stacche”

AMELIA            :- “Eh, bella figgia ca-a, l’ho addeuviae pe’ allargate o vestì. Tanto a cöse te servan?”

ADALGISA       :- “Pe’ infiäghe quarch’cösa quande sciorto dä pasticceria”

AMELIA            :- (severa) “Diggo.. no ti te mettiae mïga a-arröba, eh?”

ADALGISA       :- “Ma mamma.. devo ben savei comm’a l’è a roba che vendo ai clienti.. savei i gûsti do babà, do cioccolattin a-o licöre de França.. Tutti me domandan che gûsto gh’à questo o quello e.. se no l’assazzo comme fasso a saveilo?”

AMELIA            :- “Ma ammìa ‘n po’ che razza de argomenti a me tìa feua ‘sta figgia..  E poi mì gh’allargo ancon o vestì”

SCENA VIII

(Amelia – Adalgisa)

BARTOLOMEO:- (entra pensieroso, cerca diaggiustarsi la cravatta) “Devo inventà quarcösa pe’

                                   fa o groppo a-a croväta senza giaminà”

AMELIA            : -“Vegni che te o fasso mì”

ADALGISA       :- (che sta scartando una caramella) “Papà, ti veu ‘na ciappelletta?”

BARTOLOMEO:- (la prende e si accinge a sfasciarla) “.. devo inventà ‘n sfasciaciappellette, coscì no restan e dïe tacchignöse”

AMELIA            :- (che ha finito di aggiuntargli la cravatta) “T’è torna dimagrìo”

BARTOLOMEO:- “No fa ninte.. tanto gh’è nostra figgia ch’à l’ingrascia.. A lé ti gh’allarghi i vestì e vorrià dì che a mì ti me i strenziae”

AMELIA            :- (bonaria) “Che ti l’accianti lì de inventà.. a son de pensà ti t’ascordi finn-a de mangià”

ADALGISA       :- “Ma papà.. comme ti fae a no mangià?”

BARTOLOMEO:- “Penso a-o tempo de guaera che mangià no ghe n’ea.. e coscì e öe passan e ven l’òa de çenn-a. Tì ciûttosto, comme ti fae a mangià de longo di dösci?”

ADALGISA       :- “Anche mì penso.. penso sempre a’n zovenotto ch’ò m’ha dïto..” (con aria assorta) “Signorina.. con lei la vita sarebbe un bigné”

AMELIA            :- (che le sovviene qualcosa) “A propoxito de dösci..” (va in cucina e chiama) “Bertomé.. ti veu duì bäxi?”

BARTOLOMEO:- “Da chi?”

AMELIA            :- (fuori scena) “Baxi de damma”

BARTOLOMEO:- “Alloa vegno” (esce)

ADALGISA       :- (seguendolo) “No mangiameli mïga tûtti, eh?”

SCENA IX

(Natale – Amelia)

NATALE            :- (entra mugugnando dalla sinistra) “Mì no veuggio ciû ëse o poae de mae figgia: MI DISPADRO!”.. Comme se fà a sentì tûtte quelle beli.. scemmaie ch’ò dïxe.. Ah, ma òa l’arrangio mì eh?.. Scì, scì.. Quande passo davanti a-a scheua cö tran, säto a fermata e a se ne piggia ‘n’ätro”

AMELIA            :- (entra alle ultime battute) “Ti parli comme se l’Asunta  a fïsse ‘n’estranea. No t’è segûo comme quello bonanima de nostro poae ch’ò ne voeiva coscì ben..” (prende un fazzoletto per asciugarsi lacrime.. inesistenti)

NATALE            :- (salace) “No te sforzà a cianze.. Se o bronzin o l’è sciûto aegua no ne vegne. Tanto semmo ben quello ch’ò l’éa..”

AMELIA            :- “Rispetta i morti..”

NATALE            :- (comico) “Parlandone da vivo.. tanto se dixe sempre coscì”

AMELIA            :- (adirata) “Tì.. tì.. t’è  senz’anima.. Lè scì, che o Segnò o l’agge in gloria..ch’o l’éa ‘n’ommo”

NATALE            :- (ironico) “Parlandone da morto”

AMELIA            :- “Cöse t’orriesci dì?”

NATALE            :- “A mi quande me dixan: <sa.. nominandolo da vivo era una pasta d’uomo>, e da morto de che pasta o l’è?”

AMELIA            :- “T’andiae a l’inferno!”

NATALE            :- “Spero de no attrovateghe”

AMELIA            :- (cercando di rabbonirlo) “Tì, ti parli comme no ti pensi..” (pausa) “Ti te ricordi come l’éa bello quande a-a domenega o me portava ai giardinetti e o m’accattava e fregugge di frou frou a-a Saiwa? Poi, o me lasciava da sola in te ‘na panchinn-a a .. o se fiäva de mì,  anche s’èo ‘na figgetta.. o saveiva che no me saieiva allontanà e lé.. o l’andava a parlà cö i seu amixi de guaera..”

NATALE            :- (sornione) “Eh.. o l’éa bravo.. o se fiäva de tì.. quande o l’annava a parlà con..e servette e-e balie a-a Casseua.. ätro che amixi de guaera”

AMELIA            :- “No infangà o nomme de nostro poae”

NATALE            :- “Ammìa, sorella, che mi diggo solo quello che l’è.. Quelle rae votte co me ghe portava o me faxeiva fa o gïo e poi vira a casa.. Mì eo ciù grande de tì e i seu amixi de guaera.. comme o ne dava da intende.. ean tûtte belle tracagnotte”

AMELIA            :- “O l’éa un puae generoso”

NATALE            :- “Ma mì no veuggio mïga digghe de mâ.. Diggo solo ch’ò l’éa ..’n’ommo.. ‘n bell’ommo.. o piaxeiva, ecco tûtto.. Però in quante a generoso.. A tì o t’accattava i frou-frou e o te mollava in scìe ‘na panchinn-a.. con mì invece.. o risparmiava..”

AMELIA            :- “Alloa palanche no ne circolava e poi ti o sae i sacrifizi ch’ò l’ha faeto pe’ tiäne sciù”

NATALE            :- “Quello l’è vea.. O l’ha risparmio in sciè de mì”

SCENA X

(Natale – Amelia – Cecilia –Bartolomeo – Assunta – Adalgisa)

BARTOLOMEO e CECILIA:- (entrano in scena parlando)

CECILIA            :- “Bertomé, òa basta de rompì e de scassà e cöse..T’è faeto a tocchi i ricordi do bonanima pe-e teu invenzioìn”

BARTOLOMEO:- (giustificandosi come un bambino) “Ma pe’ ‘na toetta coscì”

NATALE            :- “Voemmo ciantala un po’ lì che da chi a momenti arrïa o notäro”

AMELIA            :- “A lalla a no l’è ancon vegnûa?”

CECILIA            :- “Quae lalla?”

NATALE            :- (con sfottò) “A lalla Palmira.. la medium.. detta anche Madame Speranza” (estrae un biglietto da visita dal taschino del panciotto e legge) “Cartomante e chiaroveggente, indovina con le carte.. e anche senza.. se l’informan primma – indirizzo, vico Campetto 13-17.. NERO!”

CECILIA            :- (che non le va tanto a genio) “Teu lalla..”

NATALE            :- “Già.. mia lalla”

AMELIA            :- “Comunque a no tardià”

NATALE            :- “La lalla Palmira che ama l’arte..Si sa quando arriva ma non si sa quando parte”

ASSUNTA          :- (entra con Adalgisa la quale sta rosicchiando un dolce. Ha il solito libro in mano)

NATALE            :- (soddisfatto) “Assunta.. t’hae sentïo? Ho faeto a rimma mi ascì”

CECILIA            :- “E chi ha faeto a rimma..”

NATALE            :- (impermalito) “E cöse t’orriesci dì?”

ASSUNTA          :- (declama) “Eran trecento,

                                                   eran giovani e forti

                                                   e sono morti”            

BARTOLOMEO       :- “Meschinetti.. “

NATALE            :- (ad Adalgisa che rosicchia) “T’hae finîo de rosiggià?.. ti ven ciù larga che lunga”

ADALGISA       :- “Ma barba.. o l’è solo un pastissin”

CECILIA            :- “ O l’è solo ûn..  doppo l’ätro..”

NATALE            :- (a Diomede) “Ti intanto sposta quella tòa..” (indica quella alla parete) “che ven o notäro e o l’avià bezeugno de posäghe i papé.. “

AMELIA            :- “Bertomè.. metti e careghe vixin a-a tòa, mì e a Cecilia mettemmo ‘n po’ de ordine” (tutti si danno da fare)

BARTOLOMEO:- (conta le sedie)

AMELIA            :- “Cöse ti conti?”

BARTOLOMEO:- “E careghe che gh’ammanca”

AMELIA            :- “Comme ti fae a saveie careghe che gh’ammancan se ti conti quelle che ghe son?.. Piggine quarchedûnn-a e poi se vedià”

NATALE            :- (alla figlia che aveva messo in disparte un tavolino) “Pösilo chì.. e careghe e mettemmo coscì..” (spostano e rassettano. Un po’ di confusione in scena con scontri e impedimenti. Suonano alla porta, tutti sussultano e restano un attimo in silenzio, poi Natale si scuote e ad Adalgisa) “E vanni a-arvì”

ADALGISA       :- “Tocca sempre a mì” (va ad aprire. Sulla soglia appare Palmira)

SCENA XI

(Natale – Cecilia – Bartolomeo – Assunta – Adalgisa – Amelia – Palmira - Notäro)

 (Palmira, sulla sessantina o più, vestita da fattucchiera truccatissima. Turbante in testa. Appare sulla soglia con un sobbalzo perché spinta dalle molle dello scalino. Ha un teschio in mano e per non cadere lo getta aa Assunta che molla il libro ed afferra il teschio. La ragazza si spaventa e lo getta al padre che lo getta a sua volta ad Amelia. Quest’ ultima con un gridolino, rilancia il teschio ad Adalgisa che lo posa sul tavolo.

AMELIA            :- (con una mano sul petto, ansimante) “Bertomè.. i schaen!”

BARTOLOMEO:- “HAN FUNZIONNOU!”

NATALE            :- (che cerca di ricomporsi) “Ehm.. ciao lalla.. Che sprint..” (prendendo il teschio) “T’è vegnûa cö teu soccio?”

PALMIRA          :- (si riprende con sgarbo il teschio) “Ma cös’éi misso in sciò ballòu?.. ‘na catapulta?”

CECILIA            :- (un po’ imbarazzata) “A l’è.. ‘n’invenziòn de mae frae.. in preuva..”

BARTOLOMEO:- (a Natale) “Ti peu presentäla in diression.. a brevettemmo e faiemo de palanche”

PALMIRA          :- “Bell’accoglienza.. a mì.. “ (vedendo che davanti al tavolo ci sono solo sedie, protesta) “E poi mi veuggio a pötronn-a pe’ esercità.. e no ‘na carega qualunque”

NATALE            :- (ai due ragazzi) “Figgieu.. mettete subito una poltrona sotto il cu.. con il cuscino, alla zia”

ADALAGISA    :- “Ä cangemmo sûbito.. Assunta damme ‘na man” (le due si danno da fare ed eseguono)

ASSUNTA          :- (con ironia) “Va bene così?”

PALMIRA          :- (si avvicina al tavolo) “Devo concenträme..” (con enfasi) “Mì no son ‘na chiaroveggente qualunque.. son Madame Speranza!”

NATALE            :- (salace, sottovoce ma non troppo) “Che quande a parla ghe n’è pe’ tûtti e ghe n’avanza”

PALMIRA          :- “T’hae poco da fa o spiritoso.. ommo incredulo.. “ (minacciando)”E stanni attento comme ti parli se no ti veu che te fasse o maleuggio!”

NATALE            :- (si volta rapidamente.. toccando ... ferro)

PALMIRA          :- (si siede. La situazione è un po’ ridicola perché la poltrona è bassa e le spunta solo la testa col turbante) “E ve pä de trattäme a ‘sto moddo?.. Dovv’o l’è o cûscin?”

AMELIA            :- “Ma no l’éa mëgio ‘na carega?..”

PALMIRA          :- (la fulmina con lo sguardo)

AMELIA            :- “Con o cûscin, beninteizo..Bertomé..” (indica il cuscino su una sedia)

BARTOLOMEO       :- “E dovve a-o mette o cûscin?..

AMELIA            :- “Poi te o spiego”

BARTOLOMEO:- (mette il cuscino sulla poltrona: Palmira si siede ma rimane sempre bassa: Vista la situazione Palmira si rassegna)

PALMIRA          :- “E vadde pe’ a carega .. cö cûscin..”

ASSUNTA          :- (prende il cuscino e lo mette nella sedia di Palmira) “Va bene così.. zia?”

PALMIRA          :- (siede; sculetta un po’ sul cuscino) “Scì.. abbastansa. Alloa assettaeve tûtti” (tutti eseguono prendendo posto. Poi prende un fazzolettone dalla borsa o dalla tasca ed inizia a fingersi dispiaciuta. Con esagerata teatralità scoppia a piangere facendo sobbalzare tutti) “Alloa.. con.. contaeme comme o l’è morto o pövio mae frae.. Ihh, ihhh.. meschinetto”

CECILIA            :- “Peccòu che ti no ti gh’éi”

PALMIRA          :- “Ma doveiva sûccede proppio quande gh’éa o congresso di maghi a Romma..”

ASSUNTA          :- (sottile)  “Ma lalla.. tu che prevedi il futuro dovevi sapere che era meglio che non andavi a Roma”

PALMIRA          :- “Giovinotta.. no fa finta d’ëse fûrba.. Madame Speranza sapeva!.. Ma quando i fatti accadono, accadono.. e mi no poeivo comunque mancà a-o congresso..” (si rimette a fingere di disperarsi) “O mae frae cäo..”

NATALE            :- “Ma se ti gh’è sempre mandòu di aççidenti perché o te piggiava pe’ o pané.. Ti te ricordi quande o te dixeiva: <Madame Speranza, quella lì.. a l’ha poco da sperà.. i ommi quande a veddan se toccan.. fëro e gian i tacchi..”

PALMIRA          :- (si alza lentamente addittandolo, arrabbiatissima) “Ti.. ti.. “(prende il teschio e gli punta l’indice) “Arabic, arabuc, arabacan primma de doman..”

NATALE            :- (interrompendola) “O piggia o tran”

PALMIRA          :- (finge, di andarsene) “Me ne vaddo! No se peu fa de previxoin con da gente scimile.. Chi no m’apprezza o deve sta attento!”

AMELIA            :- “Palmira calmite, no te agità.. ti o sae comm’o l’è o Natale.. o l’è sempre coscì.. ironico.. ma o ne te voeiva mïga offende”

PALMIRA          :- (si risiede, prende il teschio e poi con voce bassa) “E va ben.. ma  stae sitti”

TUTTI                 :- (fanno cenno di assenso)

PALMIRA          :- (scruta il teschio) “Ghe veu ‘n po’ de atmosfera.. Gh’è troppa lûxe”

ADALGISA       :- (si sposta e va a spegnere qualche lampadina. Le luci si attenuano)

PALMIRA          :- (con voce bassa.. che vuole sembrare spettrale) “Sento mae frae ch’o me veu parlà…. No staeme a dì ninte.. Sò comme o l’è morto... o no stava ben!”

BARTOLOMEO:- (che era seduto in disparte) “Te l’ha dïto o cranio?”

AMELIA            :- “Bertomè, tàxi!”                         

ADALGISA       :- “O saveivan finn-a in Ravecca ch’o no stava ben”

CECILIA            :- “Vanni avanti Palmira”                     

PALMIRA          :-“Sssstt” (si concentra)”Ecco.. capiscio.. A-o Leone Sbarassi.. no ghe funzion- nava o fighaeto”

NATALE            : “Ma se o giorno primma o s’è mangiòu ‘na coffa de raieu comme quella de l’Adalgisa.. e pe’ battila lé ghe ne veu.. Acqua, cara lalla”

PALMIRA          :- (come se ascoltasse una voce) “Scì.. capiscio o respiäva mâ.. a’n certo punto gh’è mancòu l’àïa..” (guarda i presenti come a cercare conferma)

BARTOLOMEO:- (con la sua flemma da finto tonto) “E s’accapisce che gh’è ammancò l’àïa.. a gh’è manca do tûtto”                            

AMELIA            :- “Bertomè!”

BARTOLOMEO:- (si porta il dito dritto al naso e si zittisce da solo) “Ssstt”

PALMIRA          :- “.. e poi.. o cheu.. o l’ha mollòu”

ASSUNTA          :- “Anche quello l’è véa”

PALMIRA          :- “.. i polmoin.. con tûtte quelle sigarette..”

CEILIA               :- “Ma Palmira.. femmo ciù fito a dïtelo noiätri comme o l’è mancòu”

PALMIRA          :- “O l’è andaeto in balle.. fuea de testa.. “ (sottovoce, con aria misteriosa mentre tutto intorno è silenzio) “A ‘n çerto punto a seu testa a l’ha commençou a cioccà.. o sentiva seunn-à di campanelli..”

                           (IN QUEL MOMENTO SI ODE UNO SCAMPANELLIO DELLA PORTA)

BARTOLOMEO:- “O sento mì ascì.. Amelia, me staià mïga vegnindo ‘na cricca?”

PALMIRA          :- “..  questo seunnaggìn o ghe martellava in to çervello..”

                            (ALTRO SCAMPANELLIO)

CECILIA            :- (tremolante) “O sento anche mì”

NATALE            :- (ironico) “E che ti vaddi a-arvì a porta”

ADALGISA       :- (accende le luci e va ad aprire all’ulteriore scampanellìo)

NOTARO           :- (da fuori) “L’è permisso?”

NATALE            :- (agitato) “O Notäro Vaccamorta”

NOTARO           :- (entra catapultato dallo scalino)

AMELIA            :- “O schaen!”

BARTOLOMEO:- “Ve l’ho dito ch’o funzionn-a, no?”

(SI CHIUDE IL SIPARIO)

FINE DEL PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

QUADRO PRIMO

SCENA I

(Natale – Amelia – Bartolomeo – Cecilia – Assunta – Palmira - Notaro – Zerega - Adalgisa)

                            (quando si apre la scena, sono tutti seduti attorno al tavolo)

NOTARO           :- (Vestito di scuro, occhiali, barba. Parla con tono professionale. Sulla settantina. Parla con voce tremolante) “Carii amici.. permettete che vi chiami così anche se non vi conosco tutti”  (guarda Palmira) “Con chi ho l’onore?”

NATALE            :- “Palmira Sbarassi.. seu de mae poae"  

BARTOLOMEO       :- “Seu lalla!”

CECILIA            :- “Bertomé..”

NOTARO           :- “Ah già.. mi ricordo. Che charme.. Allora permettete che mi presenti: Notaro Leoncavallo Vaccamorta e questo è il mio giovane di studio: Luigi Zerega”

ZEREGA            :- (giovane di studio.. sulla sessantina e più, fa un inchino)

TUTTI                 :- (scena del caso)

NOTARO           :- “Veniamo al dunque.. se ci siamo tutti possiamo riprendere il discorso. Come certamente saprete, sono venuto per la lettura del testamento..” (brusìo dei pre- senti) “E Natale sa anche che il buonanima di Leone Sbarassi..”

PALMIRA          :- (finge di scoppiare in pianto)

NATALE            :- “Lalla.. cianzi doppo.. tanto gh’è tempo”

NOTARO           :- (un po’ seccato dell’interruzione) “Stavo dicendo che <o Liòn>, come o ciamavimo, era per me più che un uomo.. più che un cliente..” (con enfasi) “O l’éa ‘n’amïgo..” (ai fratelli) “Si può dire che siamo cresciuti assieme”

BARTOLOMEO:- “ Stessa balia?”

AMELIA            :- “Ssstt”

NOTARO           :- “.. cosa stavo dicendo?”

DIOMEDE         :- “Che eravate cresciuti assieme”

NOTARO           :- “Grazie.. sì, come due fratelli...”

NATALE            :- (che cominciava a dar segni d’impazienza) “.. Scià vadde pûre avanti sciò.. Vaccamorta”

NOTARO           :- “Mi chiami pure dottore o notaro.. Stavo dicendo?”

ADALGISA       :- “De ciammàlo dotore o notaro”

PALMIRA          :- “Scià stava dixendo che eravate cresciuti assieme”

NOTARO           :- “Ecco.. appunto.. Mi ricordavo benissimo.. Non avevamo segreti e per questo ha  voluto lasciare nelle mie mani le sue ultime volontà”

NATALE            :- (sottovoce a Cecilia) “O-a piggia tanto larga che no a finimmo ciù”

NOTARO           :- “Eh.. povero amico mio..che ci ha lasciati così presto ..”

NATALE            :- (sulle spine, si alza) “Sciò dotore notäro.. questo l’emmo accapìo beniscimo ma.. se porrieiva vegnì a..” (fa cenno, con le mani, di stringere i tempi)

NOTARO           :- (ignorando la richiesta, prosegue) “Quando era venuto a dirmi ch’era sua intenzione redigere un testamento, sapete che gli dissi?”

NATALE            :- (nervosissimo, parla a scatti) “No.. nö semmo.. e no vedemmo l’òa de saveilo!” (siede sbuffando)

NOTARO           :- “Gli dïssi: “Liòn.. cosea ti succede.. ti senti poco bene?.. M’ero meravigliato perché dovete sapere che quando eravamo <zoveni..>”

NATALE            :- (si alza di scatto, si volta mordendo il fazzoletto. Gli altri danno segni di stufarsi. Poi al notaro, con voce salace) “Cöse faxeivi quand’eivi zoveni de diverso di zoveni d’ancheu?”

NOTARO           :- “.. lochiamavamo Leone di nome e Leone di fatto!”

PALMIRA          :- (con aria professionale e cavernosa) “A son de fa o liòn.. o gh’à rimisso o pelissòn”

NOTARO           :- “Ma se m’interrompete sempre quand’è che dò lettura del testamento?”

BARTOLOMEO:- (svampito) “Ma o stava za lezzendo o testamento?”

AMELIA            :- “Bertomè.. sitto”

NOTARO           :- “Sapete che m’ha risposto?”

PALMIRA          :- “Mì o so.. ma Scià digghe pûre”

NOTARO           :- “M’ha risposto: Cäo Leoncavallo, amigo mae.. son  vëgio e devo pensà a-o doppo.. “ (guardando i presenti, con voce ancor più tremula) “Che poi vecchio non era.. aveva solo qualche anno meno de me.. E sapete cos’hò risposto?”

BARTOLOMEO       :- ( mentre tutti fanno scena che non ne possono più di questa lungaggine) “Ma de chi o sta parlando”

NATALE            :- “O va a reua libera”

NOTARO           :- “Gli ho risposto: “No, caro Liòn.. vaddo primma mì che son ciù vëgio de tì”

AMELIA            :- “In de faeti!”

NOTARO           :- (guarda Zerega che gli passa delle carte e tenta di dirgli, segnando col dito, dove cominciare) “Cominciamo la lettura”

TUTTI                 :- (brusio e qualche “oh, finalmente”)

NOTARO           :- “Davanti al condominio..”

ZEREGA            :- (sostituisce il foglio) “Questo o l’è ‘n’ätro documento.. questo o l’è quello bon”

NOTARO           :- (agli altri) “Ha ragione il mio giovane di studio..”

PALMIRA          :- “Da quanto tempo o l’è con Voscià?”

NOTARO           :- “Da prima della guaerra.. ma se va avanti così farà carriera..”

ADALGISA       :- “S’ò va avanti coscì o ghe lascia e ciûmme”

NOTARO           :- (si aggiusta gli occhiali, si raschia la voce. Tutti pendono dalle sue labbra) “Dò lettura delle ultime volontà di Leone Sbarassi.. passato a miglior vita il giorno 17 novembre alle ore 17 e 17..”

PALMIRA          :- “Cabala!”

AMELIA            :- “Lalla, sitta pe’ piaxéi”

NOTARO           :- “.. per una caduta accidentale, come da  <reperto> medico..”

ZEREGA            :- “Referto, dotore, referto”

NOTARO           :- “E mì cös'ò dïto?. Povero Liòn.. che fin, ch'o l'ha faeto.. !”

ASSUNTA          :- (vede che va per le lunghe, si siede lontano e legge)

ADALGISA       :- (va accanto al cugino, sfascia  una caramella facendo rumore e tutti la guardano. Lei scrolla le spalle e se la mangia)

NOTARO           :- (si toglie gli occhiali, posa il foglio e racconta) “Mi ricorderò sempre quando eravamo ragazzi.. s’andava in to riànnello a pescà anguille con <feuggia e forçinn-a >”

PALMIRA          :- “Interessante.. e comme faxevi?”

NATALE            :- “Oh.. mondo legio.. attacchemmo ‘n’ätra tiritera..”

NOTARO           :- (lieto dell’interessamento di Palmira) “Prima si costruivanio due dighe, una di sotto e una di sopra al rigagnolo, poi si portava via quasi tutta l’acqua e poi..”

NATALE            :- (agitato) “Ma tûtto questo o l’è scrïto in to testamento?”

NOTARO           :- “Veramente no”

CECILIA            :- “Con tûtto o rispetto.. ma no se porrieva procedde..? O tempo o passa e.. Scià l’avià da fà in scagno”

NOTARO           :- “E’ vero.. scusatemi.. ma mi sembrava d’essere ritornato ragazzo..  Allora.. “ (riprende i fogli) “Prima di leggere la formula testamentaria.. vi rendo conto dell’inventario dei  beni del <de cuius>

AMELIA            :- “E chi o l’è?”

ZEREGA            :- “O morto”

BARTOLOMEO:- “Ma o no se ciammava Leone?”

NOTARO           :- “Il patrimonio di Leone Sbarassi, al momento della sua dipartita consisteva in.. in..” (cerca l’altro foglio prontamente passato da Zerega) “..in due etti di prosciutto cotto, mezzo chilo di bianchetti..”

ASSUNTA          :- (ironico, mentre gli altri restano sbigottiti) “Ma che bella eredità”

NATALE            :- “Ma dotore.. cöse Scià lëze?”

ZEREGA            :- “Domando scûsa.. l’è a notta che m’ha daeto mae moggé pe’ accattà.. questo o l’è o feuggio bon” (ritira il foglio e dà l’altro)

NOTARO           :- “Zerega, se andemmo avanti a 'sto moddo ti restiae de longo il giovane di studio” (legge) “.. Ah, ecco: ¨beni immobili, oltre a vari oggetti personali: Due pubblicazioni di valore dal titolo: “Il meglio della cucina francese” di Monsieur Duvillon, “I dodici Cesari di Carlo Svetonio Tranquillo”..

NATALE            :- (agitato sempre più) “Mi commenço a ëse sempre meno tranquillo.. Ma o gh’aveviva anche di scïti, no?”

NOTARO           :- “.. inoltre un libretto di risparmio postale..” (silenzio e attenzione attorno) ”con un saldo attivo di lire 120.000 lire..”

AMELIA            :- “Te lascio dì che saldo attivo.. n’emmo speizo de ciù pe’ o fûnerale”

NOTARO           :- “Beni immobili..” (guarda con aria pomposa i presenti mentre fanno cenno di zittire) “Un appartamento di dodici camere al civico 4 di via Assarotti per un totale di circa 240 mq: un villino rustico a due piani in località Capenardo con terreno circostante annesso, quindi..” (Zerega che gli passa un altro foglio) “.. i due divorziandi qui convenuti stabiliscono che l’ammontare dell’assegno mensile per alimenti..”

BARTOLOMEO:- (ad Amelia, preoccupato) “Ma  Melia.. t’eu divorzià?.. Mia che mi çerco de inventà quarcösa pe’ aggiûtta a famiggia, no pe’ fäte sta in pensiero..”

NATALE            :- “Dotore!.. Scià l’ha torna scangiò papé.. “

NOTARO           :- (severo) “Zerega!”

ZEREGA            :- (imbarazzato) “Scià me scûse ma Scià m’ha dïto de piggià a cartella in scià scrivanïa e mì l’ho piggià comm’a l’èa..” (inizia a leggere un foglio e lo dà al notaro) “Ecco, questa l’è a pagina sûccessiva”

NOTARO           :- “Abbiate pazienza.. sono cose che accadono quando si ha per clienti, mezza Genova.. Alloa.. abbiamo il testamento olografo di Leone Sbarassi..”

CECILIA            :- “O l’è inciastrò d’euio?

ASSUNTA          :- “Mamma, olografo  vuol dire scritto di proprio pugno”

NOTARO           :- “Posso leggere?.. Bene!: “Io, Leone Sbarassi, nel pieno possesso delle mie facoltà mentali, ecc, ecc… in data.. ecc. ecc., stabilisco che il mio patrimonio venga così suddiviso: a mia nipote Assunta..”

ASSUNTA          :- (si avvicina di scatto o si alza in piedi interessato)

NOTARO           :- “.. il libro “La vita dei Dodici Cesari”

ASSUNTA          :- “Che spilorcio.. comunque.. grassie”

NOTARO           :- “Niente caro.. Tanto non è roba mia.. A mia nipote Adalgisa..”

ADALGISA       :- (lascia la propria.. postazione e si avvicina)

NOTARO           :- “.. “Il meglio della Cucina Francese”

ADALGISA       :- “Ghe saian anche e ricette di dösci, spero”

NOTARO           :- “A mia sorella Palmira… niente..”

PALMIRA          :- (scatta interrompendolo) “Brûtto pelandròn.. de..”

NATALE            :- “Ma lalla.. ti l’aviae ben previsto no?”

NOTARO           :- “Ma mi lasciate leggere?.. Oh.. <a mia sorella Palmira niente sarebbe sufficiente per le carte che mi ha fatto sempre gratuitamente, spero però che rimanga  soddisfatta con la somma contenuta nel libretto postale..” (Si toglie e si netta gli occhiali mentre gli altri fanno brusio di commenti e lui si gode questa atmosfera)

NATALE            :- “Ma Sciò notäro, sempre in scià fermata?.. No gh’è ätro da lëze?”

NOTARO           :- (riprende sogghignando) “.. e invece per quanto riguarda i miei beni immobili desidero che vadano ai miei figli in parti uguali secondo quanto stabiliranno o, in mancanza di accordo, secondo quanto stabilirà il notaio Leoncavallo Vaccamorta, che poi saieiva mì. Firmato  Leone Sbarassi – Genova 13 ottobre 1970. Quindi..  “ (allunga la mano prendendo un foglio che Zerega stava leggendo e separando dagli altri) “.. quindi il passaggio di proprietà dei Frati Scolopi del Santo Vincastro alle Suore rosarianti di Santa Genoveffa da Cuneo..”

TUTTI                 :- (scena a soggetto)

ZEREGA            :- “No, no Sciò baccàn.. ha di nuovo sbagliato foglio; questo lo stavo mettendo da parte” (gli porge quello giusto) “Eccolo qua il prosieguo”

NOTARO           :- (prendendo il foglio giusto) “Scusate tanto..” (legge) “Il premiato studio notarile Vaccamorta e Zerega.. come vedete anche Zerega farà la sua strada, ha stabilito quanto segue: Se i due eredi, vale a dire Natale e Amelia, non perverranno ad un accordo entro una settimana a partire dalla data della presente lettura, e cioè oggi, stabilendosi ognuno nell’immobile di proprietà e provvedendo l’erede che rimarrà nell’immobile di maggior valore, che poi è questo <scïto>, a fornire all’altro erede adeguato conguaglio in denaro, che noi stimiamo dover essere di non meno di venti milioni, se non succede tutto questo, lo studio Vaccamorta e Zerega procederà alla vendita all’asta dei suddetti beni ed all’equa suddivisione del ricavato”(breve pausa ad effetto per vedere la faccia di chi sta ad ascoltare)

TUTTI                 :- (si guardano interrogativamente)

ZEREGA            :- (raccoglie i fogli e li mette in cartella) “Alloa, Sciò notaro.. torniemo a  settemann-a proscima?”

NOTARO           :- “Sì” (si alza, abbraccia Amelia, poi dà un buffetto ad Adalgisa) “Ciao cara“ (agli altri) “Sempre ciù in salûtte ’sta figgia”  (a Natale) “Arrivederci Natale e ricordite che teu poae o l'éa un vero ommo”

NATALE            :- “Mae seu invece no.. staeve ben Sciò Notaro.. ghe faiemo savei..”

NOTARO           :- “Signora  Cecilia, scignorìa”

CECILIA            :- “Scignorìa”

NOTARO           :- “Assunta.. .. studia sempre.. così sarai assunta nel mio studio e..chissà che un giorno non diventemmo colleghi.. Signora Palmira i miei rispetti”

PALMIRA          :-  (come una benedizione) “Che gli astri siano con voi”

NOTARO           :- “Ma sì, intanto non costano nulla.. Andiamo Zerega..” (escono)

TUTTI                 :- (salutano)

NOTARO           :- (si sente un tonfo e un grido) “Ahia!”

AMELIA            :- “I schaen!”

NATALE e ASSUNTA:- (escono di corsa)

AMELIA            :- “Ma Bertomé.. no ti l’hai levae è molle?          

BARTOLOMEO       :- “Veramente dovievan funzionnà solò a intrà .. Doviò rivedde o tûtto”

  

SCENA II

(Palmira – Bartolomeo – Cecilia – Amelia – Natale – Adalgisa)

CECILIA            :- “E coscì emmo sacciûo comm’o l’è o testamento”

BARTOLOMEO:- “Veramente no gh’ò accapìo guaei”

AMELIA            :- “Te spiego doppo tûtto mì”

NATALE            :- (rientra seguito dalla figlia) “O no s’è faeto ninte”

ASSUNTA          :- ”Però a l’è staeta düa a spiegäghe che no l’emmo faeto apposta”

NATALE            :- “Zà o l’èa incass..”

CECILIA            :- (interrompe redarguendolo) “Natale!”

NATALE            :- (modifica comicamente il suo sproloquio) “Inca..volato pe’ quande o l’éa intròu.. figûre poi quande o l'è derrûo zû dai schaen..”

PALMIRA          :- (siede troneggiando e poi con voce imperiosa) “Oa stae tûtti fermi..  tocca a mì” (cerca nel borsone e Natale finge di equivocare)

NATALE            :- (faceto) “No lalla.. no te distûrbà..”

PALMIRA          :- (mette sul tavolo delle cianfrusaglie fra le quali un cornetto, zampa di coniglio ecc.)  “Oh.. T’è chì!” (estrae un mazzo di carte)

NATALE            :- (salace) “A s’è distûrbà”

CECILIA            :-“No!.. E carte!”

BARTOLOMEO:- (si avvicina e si siede) “Oh, bene.. quante l’è che no zeugo a sgobbòn!”

AMELIA            :- (al marito) “Ä femmo doppo mì e tì ‘na partîa.. oa no”

PALMIRA          :- (rimescola e intanto che parla sparge le carte sul tavolo) “Vedemo comme a l’andià a finì a faccenda do testamento”

ADALGISA       :- “Ma oramai o notaro o l’ha za dïto comme a l’è andaeta a finì”

PALMIRA          :- (severa) “Lè o l’ha dïto quello ch’à scrïto o bonanima ma o no peu savei comme a l’andià a finì spartizion fra ‘na settemann-a”

NATALE            :- (ironico) “Ti invece.. ti sae za tûtto”

PALMIRA          :- “A Madame Speranza le carte non mentono” (osserva la disposizione delle car- te e poi a Natale) “Piggia ‘na carta qualunque”

NATALE            :- (controvoglia esegue) “Tegni”

PALMIRA          :- “Mmm… ‘n’asso de picche”

ASSUNTA          :- “Cosa vuol dire?”

PALMIRA          :- (ieratica e come in trance) “La morte!”

NATALE            :- (fa una comica giravolta.. tocca.. ferro e fa le corna)

PALMIRA          :- “Ma no fa di butti.. a l’è quella de mae frae..”

BARTOLOMEO       :- “Chi l’è morto?” 

NATALE            :- “Baciccia o storto”

BARTOLOMEO:- (alla moglie) “O conoscemmo?”

PALMIRA          :- “Ssstt. ..” (compiaciuta) “O zeugo o no poeiva commençà mëgio”

NATALE            :- (ironico) “Vaddo de là .. a piggià ‘na cösa” (esce sveltamente dalla cucina)

PALMIRA          :- (lascia l’asso di picche in tavola e rimescola le carte)

NATALE            :- (rientra mostrando palesemente un ferro di cavallo)

CECILIA            :- “Ma Natale..”

NATALE            :- “No se sa mai”

PALMIRA          :- “Oa se gïan dëxe carte attorno a-a primma.. “ (esegue) “Ûn..”

NATALE            :- “Vötri – Caregamento”

PALMIRA          :- (posa la seconda carta con lentezza) “Duì..”

NATALE            :- “Parmâ – Sampëdenn-a, solo feriale”

PALMIRA          :- “Trei..”

NATALE            :- “Pëgi – Caregamento”

PALMIRA          :- “Ma ti devi dì tûtte e linee?” (posa un’altra carta) “Quattro..”

NATALE            :- “Sestri – Brignole”

PALMIRA          :- “Senti, e-e metto tûtte assemme coscì ti taxi..: “çinque, sei, sette, eutto nove, dëxe!”

NATALE            :- (con rapidità, contando sulle dita) “çinque, Sestri – Caregamento;  sei, Sampë- denn-a- Borsannëo öe de punta;  sette, Pontedëximo – Caregamento; eutto , Borsannëo – Caregamento; nove, o no gh’è e dëxe: Ruieu – Caregamento.. Me ricordo tûtte e linee”

PALMIRA          :- “Ti me sconcentri con i teu nûmeri.. Oa dovve son arrestà?”

NATALE            :- “A Caregamento”

PALMIRA          :- (osservando il gioco) “Bene, bene, bene”

BARTOLOMEO       :- “ ‘Nätr’asso de picche?”

PALMIRA          :- (con enfasi) “Questa.. è la guerra!”

ASSUNTA          :-                     “S’ode a destra uno squillo di tromba..

                         a sinistra risponde uno squillo..”

BARTOLOMEO       :- “Dovv’a l’è a squillo con a tromba?.. No seunnan ciù e sirene pe’ l’allarme?.. “

AMELIA            :- “Voei stà ‘n po’ sitti e lascià fà e carte?”

PALMIRA          :- (agita una carta) “E questa a l’è ingordiggia..!” (posa per caso lo sguardo su Adalgisa)

ADALGISA       :- (che ha capito male) “Ghe l’èi de lungo con mì!” (si alza ed esce a destra)

PALMIRA          :- (alzando un’altra carta) “E questa.. questa veu dî ûn viägio”

NATALE            :- “Mi no son perché mì viägio tûtti i giorni”

PALMIRA          :- (professionale) “Un lungo viaggio” (passa ad un’altra carta) “Ahi, ahi, ahi..”

ASSUNTA          :- “Che carta è?”

PALMIRA          :- (voce grave) “Questa carta veu dì.. mattäìe..”

NATALE            :- “Bertomè..  a parla de tì”

AMELIA            :- “Lascilo quëtà”

PALMIRA          :- (osserva un’altra carta, non parla)

AMELIA            : - “Palmira.. quarcösa che no va?”

PALMIRA          :- (perplessa) “No capiscio”

NATALE            :- (salace)  “Questo l’è imposcibile!.. Ti sae sempre tûtto”

PALMIRA          :- “A morte in agguato.. e da questa morte sc-ceuppa ‘na guaera… e tûtto pe’ ingordiggia, comme dixeivo primma” (guarda le carte sul tavolo) “Zà.. con tûtte ‘ste mattàie.. no so comme a l’andià a finì”

NATALE            :- “A Quarto co-o dissette”

ASSUNTA          :- “Ma papà..  la tua è una fissazione”

NATALE            :- “Mìa bezûga.. chi t’ha interrugòu?”

ASSUNTA          :- (sbuffa ed esce di scena, verso la cucina)

SCENA III

(Amelia - Cecilia - Palmira - Bartolomeo - Natale)

AMELIA            :-(si alza)“Saià mëgio che vadde a preparà quarcösa da mangià. Lalla tI te fermi?”

CECILIA            :- (sperando di no) “A l’avià d’andà a fa e carte da ‘n’ätra parte.. a l’è sempre tanto impegnà. Véa Lalla?”

PALMIRA          :- “Scì, son veramente tanto impegnà..”

CECILIA            :- (subito e soddisfatta) “Eh, o saveivo..”

PALMIRA          :- (con faccia tosta) “Ma m’affermo o maeximo”

NATALE            :- (alla moglie, sottovoce e con ironia) “A s’afferma o maeximo!” (alla zia) “No t’hae nisciûn appuntamento.. inderogabile?”

PALMIRA          :- (ironica) “Cäo nëvo.. aveivo previsto tûtto e coscì posso fermäme.. no te despiaxe, véa?”

NATALE            :- “No vedeivo l’òa!”

PALMIRA          :- (si alza e ad Amelia) “Posso däte ‘na man in cûxinn-a?”

NATALE            :- (sottovoce alla moglie) “A çerchià de fäse o menû adatto”

AMELIA            :- “Vegni lalla.. andemmo de là” (escono verso la cucina)

SCENA IV

(Cecilia – Natale)

CECILIA            :- (seria e pensierosa) “Da quande quello svampîo de teu cûgnòu o s’è faeto dà o sfratto se semmo sempre ciù ammûggiae in te ‘sta casa .. “

NATALE            :- “Cöse ti ghe veu fa.. speremmo ch’attreuvan, perché no me dà tanto fastidio aveili in casa quante me ne dà o gabinetto.. Gh’è de lungo quarchedûn drento.. Bezeugna stabilì di tûrni..”

CECILIA            :- “Ma comme se fa, diggo, a investì i risparmi in te ‘n brevetto.. e che razza de brevetto..O voeiva levà a sae in to mondo.. In Africa no han de aegua, o dixeiva.. Se trasformemmo o vin in aegua semmo a posto, sarvemmo l’ûmanitae e mì.. faiò de palanche..”

NATALE            :- (ironico) “Fà  diventà o vin aegua. De solito fan o conträio..”

CECILIA            :- “Ma anche teu seu diggo, a poeiva fermälo.. Tûtti i risparmi speizi lì..”

NATALE            :- “Mae seu a no l’è ‘na moggé.. a l’è ‘na suora.. Basta accontentälo a ghe rimette anche e ciûmme”

CECILIA            :- “E n’angoscian noiätri.. Scûsa Natale.. me despiaxe.. ma ti veddi che anche l'Assunta ha l'ha perso a seu libertae..” (cambiando tono) “Ma òa a finià eh?.. Chì a situazion a sta diventando proppio insopportabile”

NATALE            :- “Beh.. oa no esageremmo”

CECILIA            :- “No esageremmo?.. Ma mì son stûffa de vivve in te ‘sta casa con i teu parenti”

NATALE            :- “E quanti parenti gh’ò? L’Amelia.. forse a l’è mae seu, forse no.. O papà o se- menava in ti proei liberi.. se dixeiva che in gîo che n’éa di ätri..”

CECILIA            :- “Torna con ‘sta stöia de teu poae.. ti ne parli oa perché o no gh’è ciù”

NATALE            :- “Veramente n’emmo parlòu anche quande o gh’éa”

CECILIA            :- (scrollando le spalle) “Oh, pe’ mì..”

NATALE            :- “L'Amelia a l’è staeta stondäia a perde o saeximo appreuvo a-o Bertomè. Prim- ma però o no l’éa coscì..”

CECILIA            :-“Va ben, ma òa a deve finì. T’hae sentîo o notaro, no? Se ne devan andà de chì”

NATALE            :- “Veramente o no l’ha faeto nommi”

CECILIA            :- “I nommi i fasso mì.. Chi ghe stavimo noïatri de casa e poi.. son veramente stûffa de tûtto.. Ogni tanto sparisce quarcösa.. a consolle a s’è rotta.. m’ammancan di ripiani da drento o tinello.. ghe servan a l’inventô.. Lé o l’inventa e a mì o m’ar- roinn-a e cöse..”

NATALE            :- (cercando di dar poco peso) “E.. ghe serviva de toette de legno stagionòu. Pövi’ommo .. S’o no l’avesse tûtte quelle stranezze o saieiva finn-a divertente”

CECILIA            :- “Ciàmmile stranezze.. E no basta.. gh’è anche l’Adalgisa.. ch'a l’ha inciastròu o tappeto de Persia con a marmellata e l’emmo dovûo caccià via perché o s’éa impïo de formighe ghe gh’aveivan faeto ‘na colonia.. S’éan infiae finn-a i to bagno.. ean diventae grasse comme di lagheu”

NATALE            :- “L'Assunta a deve andasene a le ascì?.. Da o momento ch’a no travaggia e l’Adalgisa scì”

CECILIA            :- “A stûddia”

NATALE            :- “Scì, a stûddia comme angosciane. Comunque preparemmose perché no creddo cha a l’Amelia ghe vegnà a smangiaxon d’andà in Capenardo.. Chì in çittae ghe son troppe comoditae.. a parte o bagno in comûne in casa”

CECILIA            :- “Tì no t’accapisci ninte”

NATALE            :- “Natûralmente. Comunque se porrieiva andaghe noiätri in Capenardo”

CECILIA            :- “E figûrite”

NATALE            :- “Aria pura, orto, galline, euve fresche.. e salûtte”

CECILIA            :- “E a l’orto e a-e galinn-e ti ghe stae appreuvo, tì?”

NATALE            :- “Comunque, cara moglie, dovremo arrivare ad un accordo e, come ha detto ‘o Sciò notaro’ nel caso diverso dovremo dare noi una contropartita.. in palanche.. e tante palanche. Ti ghe l’è tì da dà?”

CECILIA            :- “E palanche.. e-e troviëmo da quarche parte”

NATALE            :- “Ti l’hae misse in ta cantia?.. Comunque anche con a situazion inversa no creddo che l’Amelia a ghe l’agge.. se no a no saieiva vegnûa a sta con noiätri, te pâ?”

CECILIA            :- “A dovià andäsene” (fa il gesto di andarsene) “Basta che ti a convinsi”

NATALE            :- “Mì?”

CECILIA            :- “A no l’è teu seu?””

NATALE            :- (scimmiotta la moglie) “A no l’è teu seu?” (siede e salta su come un grillo) “Ahia!.N’aççidente aì spilli..”

CECILIA            :- (sorniona) “Tua sorella.. l’Amelia”

NATALE            :- “E no stamme a-aççimentà de lungo”

SCENA V

(Cecilia - Natale – Assunta – Amelia – Adalgisa)

ASSUNTA          :- (entra con un libro e, come al solito, declama)

                                           “Solcata ho la fronte

                                             occhi incavati intenti;

                                             crin fulvo e munte guance..”

NATALE            :- “Ammìa scienziata.. che euggi incavati e ganasce munte no ghe l’ho ancon”

DIOMEDE         :- “Che c’entra.. questo è il Foscolo”

AMELIA            :- (da fuori scena) “Adalgisa, che ti l’accianti lì de assazzà tûtto se no a nostra çenn-a a faià a fin di pesci da guërça.. che se ne son andaeti in ti assazzi..”

ASSUNTA          :-  (legge) “Morte, tu mi darai fama e riposo” 

NATALE            :- “Cecilia.. s’a no l’accianta ghe daggo: <fame e morte>”

ASSUNTA          :- (con aria di sufficienza) “Ma papà.. questa e la ‘Canzone triste’ di Bettini”

CECILIA            :- “Acciantila ‘n po’ che comme tristezze incommençiemo l’andeuia”

ADALGISA       :- (alla cugina) “Cüxinn-a.. l’è mëgio pensà a-o mangià”

ASSUNTA          :- (teatrale) “Mangiare?.. Materialista.. Lasciatemi solo con i miei versi”

ADALGISA       :- “Cöse ti stae lezzendo?”

ASSUNTA          :- “Una scelta di poesie sulla morte dal ‘700 al’900”

NATALE            :- (imitanto Mike Bongiorno) “Allegriaaaa!.. T’è pëzo de teu nonno Egizio ch'o l'è morto in te l'ospizio” (esce verso la porta di sinistra)

ADALGISA       :- “Ma Assunta.. no t’hae ätro de mëgio da lëze?” (esce verso destra)

CECILIA            :- (alla figlia, sottovoce) “Non dargli retta.. tu sei più intelligente di tutti noi”

ASSUNTA          :- “Sarai la mia <Defensor artis>”

CECILIA            :- “A no l’è miga 'na parolassa eh?... Vaddo a mette tòa se no l’Amelia a dïxe ch’à fa tûtto lé” (esce)

SCENA VI

(Assunta – Bartolomeo – Amelia)

BARTOLOMEO:- (entra assorto. Fa mentalmente dei calcoli, ha un foglio in mano e va a sedersi)

AMELIA            :- (entra con un grembiulino davanti. Si guarda attorno) “Dovv’a l’è l’Adalgisa?.. Quella a se fa vedde solo quande ghe da assazzà quarcösa”

ASSUNTA          :- (segnando la porta a destra) “Ella ha varcato la soglia da quella parte”

BARTOLOMEO:- “M’éi distraeto.. M’è scappòu quello che stavo pensando”

AMELIA            :- “Me despiaxe.. Vorrià dî che ti pensiae ciù forte”

BARTOLOMEO:- “Ma no l’è corpa vostra.. Son mì che de votte no ghe son con a testa, ti o sae”

AMELIA            :- (affetuosa) “No ti devi dî coscì.. t’è solo affadigòu a son de pensà”

BARTOLOMEO:- “Da quande m’è andaeto mâ o brevetto do vin in aegua, no son ciù staeto bon de fa ninte de veramente ûtile”

AMELIA            :- “No ghe pensà. T’hae sempre avûo de bonn-e idee”

BARTOLOMEO:- “L’è inûtile.. no ho ciù guagno ‘n franco ch’o l’è ‘n franco.. Se no fisse pe’ tì che ti perdi a vista di euggi a cûxì e a l’Adalgisa ch’à l’ha attrovòu da travaggià.. no so propprio come porriescimo tià avanti.. e a son de pensaghe.. me ven mâ de testa”

AMELIA            :- “Ma no ghe pensà.. Femmo tûtte quello che poemo”

BARTOLOMEO:- “Lascime dì.. Comme poae no so ma.. comme capofamiggia son staeto ‘n fallimento.. L’è pe’corpa mae se semmo dovûi vegnì in casa de mae seuxo bonanima”

AMELIA            :- “Oa a l’è anche casa nostra.. In fondo o l’éa mae poae e chì gh’emmo diritto noiätri ascì”

BARTOLOMEO:- “Nostra?.. S’a l’è coscì no me ne son mai accorto.. Comunque a-o saià ancon pe’ poco”

AMELIA            :- “E comme saieiva a dì?”

BARTOLOMEO:- “Che ne tocchià andà via”

AMELIA            :-  “E figûremmose.. O l’è anche ‘n mae diritto restà chì”

BARTOLOMEO:- “Mì son ‘n po’ feua de testa e posso accapì poco.. ma pe’ sta chì doviescimo convinçe i ätri a-andà in Capenardo. E poi.. dovve e piggiescimo e palanche pe’ dagghe a differenza de valore?”

AMELIA            :- “No ti me paggi miga tanto feua de testa poi”

BARTOLOMEO:- “Porrieiva inventà quarcösa” (resta un attimo come illuminato) “Ghe son! Stampo de palanche belle neuve de zecca!”

AMELIA            :- “Arretîo quello che pensavo.. Belle neuve de zecca.. coscì ti vae a finì a Marasci… Bertomé lascia perde..” (pensa) “Comunque troviemo o moddo. Porrieiva fammeli imprestà”

BARTOLOMEO:-  “Da teu frae?”

AMELIA            :- “Bertommé, se o Natale o ghe l’avesse o se saieiva za pronunçiòu.. Comunque so mì da chi fammeli dà”

BARTOLOMEO:- “E pe’ rendili inderré?”

AMELIA            :- “No te preoccupà”

BARTOLOMEO:- “E ti pensi che basta dì a-o Natale d’andà in Capenardo e tûtto l’è risolto?”

AMELIA            :- “No emmo ancon perso a partìa”

BARTOLOMEO:- “A partìa foscia no, ma o primo tempo scì.. Ma chi ne daià e palanche?”

AMELIA            :- (sovvenendole) “E patatinn-e in sciò feugo!” (esce rapidamente)

BARTOLOMEO:- “Mai sentìo dìche e patatinn-a daggan di dinae” (pensando) “Però..”

                                 (SI SPENGONO LE LUCI. INIZIA IL SECONDO QUADRO)

QUADRO SECONDO

SCENA VII

(Amelia – Adalgisa – Natale – Bartolomeo – Cecilia - Palmira)

                                 (Amelia è seduta alla macchina da cucire, Bartolomeo in una poltrona; Natale è in piedi. Cecilia sta pulendo con uno straccio il tavolino. Palmira è seduta davanti al tavolo che scruta le carte)

AMELIA            :- “Adalgisa.. o l’è pronto o caffè?”

ADALGISA       :- (fuori scena) “O sta vegnindo sciù”

NATALE            :- (verso Bartolomeo che è distratto) “Me pâ che t’aggi mangiòu con poco gûsto”

BARTOLOMEO       :- “Son pensieroso.. Gh’ò in testa ‘n progetto che devo finì”

AMELIA            :- “Ti veddi che se ne son accorti anche loiätri. Ti ghe stae due votte in te braghe”

BARTOLOMEO       :- “Coscì ghe ne sciorte duì pä”        

CECILIA            :- (sottile) “Saiàn e invenzioìn o.. ô testamento?”

ADALGISA       :- (entra in scena con cabaret e tre tazzine. Distribuisce il caffè)

BARTOLOMEO       :- “A mì ninte ch’ò no me fa dormì”

ADALGISA       :- “O saveivo e no te l’ho preparòu”

PALMIRA          :- ( osservando le carte) “Come dicevo..nascerà una guerra fraticida”

NATALE            :- Lalla, ti veu famme andà o caffè pe’ traverso?..Primma t’hae tiò feua i morti,

 poi a guaera.  Lascia corì o pescio; saià quello che saià..”

PALMIRA          :- (con aria assorta e voce profonda) “Mì son anche ‘na sentitiva e posso parlà con quelli che se non son.. ïti..”

TUTTI                 :- (sorseggiano intanto il caffè)

ADALGISA       :- “Davvei, lalla?”

NATALE            :- “No da véi.. da ancheu”

PALMIRA          :- “Segûo che con quello testamento s’è averto ‘na bella creppa”

CECILIA            :- (salace) “Sorviatûtto PE’ TI AMELIA CHE TI DOVIAE ANDA’ IN CAPENARDO!.. Véa Natale?”

ADALGISA       :- (raccoglie le tazzine, le pone sul cabaret ed esce verso la cucina)

NATALE            :-  (che stava sorseggiando il caffè, ha un colpo di tosse. Si pulisce i calzoni perché si sono macchiati di caffè)

AMELIA            :- (con noncuranza) “Ah, scì? E chi l’ha stabilìo?.. Tì Natale?”

NATALE            :- (imbarazzato) “Ma pä d’ëse in mëzo a quelli che tïan a-a corda.. ‘na squaddra a tïa de sà e l’ätra de là” (posa la tazzina) “Segûo che.. o bonanima, nominandolo..”

AMELIA            :- (prevenendolo) “Da vivo”

NATALE            :- “No, da morto.. me pä ch’ò l’agge vosciûo demoase”

CECILIA            :- “Gh’è poco da stabilì.. O Natale, travaggiando in ti tran o deve sta in çittae.. con i orari de servissio che ghe dan o deve ëse reperibile, senza contà che anche l'As- sunta  deve andà a scheua”

AMELIA            :- “L’è ben quello che voeivo dì anche mì..”

CECILIA            :- (interrompendo) “Alloa t’è d’accordio”

AMELIA            :- “Stavo dixendo.. che l’è ben quello che diggo anche mì perché l’Adalgisa a deve andà a travaggià tûtti i giorni e a eutt’öe a dev’ëse a-e Vigne e mì.. devo aspëttà i clienti che vegnan a provà in giornà.. de conseguenza..”

BARTOLOMEO       :- “De conseguenza.. molla a canna e piggia a lenza”

PALMIRA          :- (guardando tutti) “..a guaera..”

NATALE            :- “No poemmo fäse a guaera comme ne sûggerisce a Palmira”

PALMIRA          :- “Mi no sûggeriscio ‘n bello ninte.. son e carte..”

BARTOLOMEO:- “Melia.. mi no ho cuae de andà in to rifûggio.. çerchae de mettive d’accordio”

NATALE            :- “Bravo cûgnòu.. questa a l’è ‘na bella invezion”

CECILIA            :- “Mì chì ghe stavo e chì ghe staggo!”

AMELIA            :- “Dì, ti dixi ben.. ma tra il dire e il fare..”

PALMIRA          :- “Sitti tûtti. La faccenda è semplice. Parlerò direttamente con mio fratello”

NATALE            :- “Alè.. queste son e mattàie”

AMELIA            :- (tremolante e impaurita) “T’orriesci dì che tì..”

PALMIRA          :- (con aria importante) “Son o no son Madame Speranza.. E a speranza de savei comme dovemmo fà a l’è de ciammà chi v’ha misso in te questo baillamme”

CECILIA            :- “Lascia stae i morti che quëtan.. Tanto mì de chì no me ne vaddo de segûo”

PALMIRA          :- “ Cecilia.. sentì no ve costa ninte..ghe saià solo o mae sforzo mentale che o me indebolià ‘n po’ e meningi”

BARTOLOMEO       :- “E meningi?….sono quelle.. quelli monumenti in Egitto?”

DIOMEDE         :- “Quelli sono le sfingi”

PALMIRA          :- “Faiemo ‘na sedûta spiritica.. ûn strionézzo e ciammiò mae frae, coscì o ne dixe cöse dovemmo fà e voäitri no doviei rattellà”

BARTOLOMEO:-“Alloa ninte guaera?”

NATALE            :- “Lascià stà.. no destûrbemmo chi vorrià sta in paxe”

CECILIA            :- “Ma Natale.. o Liòn o no porrià dï ätro che semmo noiätri che staiemo chì”

AMELIA            :- “O noiätri..”

CECILIA            :- “No attacchemmo, eh?”

NATALE            :- “L’è inûtile sta a discorrì..a question a l’è sempre questa..” (mima i soldi)

 “Chiunque stagghe chì o deve tià feua di milioni da dà a l’ätro e me pâ che fra tûtti.. palanche..”

CECILIA            :- “Tûtto sommòu cöse ghe perdemmo a lascià fà a lalla Palmira..?”

BARTOLOMEO:- “Do tempo”

PALMIRA          :- “Luci.. atmosfera..” (nessuno si muove) “Insomma voei sbascià a lûxe?”

ADALGISA       :- (rientra sbadigliando) “Mà.. vaddo a dormì.. a lûxe ve l’asmorto mì”  (spegne la luce ed esce alla destra)

BARTOLOMEO:- “Vaddo mi ascì.. devo pensà e chì no se peu.. troppo bordello” (si alza, ma col buio inciampa e fà rumore) “E chi l’ha asmortòu?” (riaccende ed esce alla destra)

PALMIRA          :- (sbuffa) “Dïme ‘n po’ comme se fà a fa ‘na sedûta spiritica se ognidûn o no se concentra?.. Quello..” (indica Bartolomeo) “O va a letto.. in to pensatoio.. l’Adal- gisa a bägia e a va a dormì.. Comme femmo a fa a cadenn-a con e man?”

NATALE            :- “Lalla, se spiritiemo doppo, oa andemmo a dormì che la notte porta consiglio”

PALMIRA          :- (seccata) “A faiemo n’ätra votta.. se gh’aviò tempo.. Mì ho da fà, no posso mïga sta a-e vostre comoditae”

NATALE            :- “Non dubiti Madame Speranza.. chiaroveggente, vico Campetto 13 nero interno 17.. saremo a sua disposizione in un’ora più decente”

PALMIRA          :- (si avvia verso l’uscita lasciando il teschio su di un mobile o consolle)

NATALE            :- (indicando il teschio) “Lalla.. o teu soccio”

PALMIRA          :- (seccata, prende il teschio che ripone nel borsone) “Ve faiò vedde mì.. gente incredula.. “ (minacciosa) “E me domandiei  scûsa ..” (esce)

NATALE            :- (avviandosi alla porta di sinistra) “Quante äie ch’a se dà..” (la prende in giro) “Io sono Madame Speranza.. cûrta de gambe e larga de pansa” (esce con Cecilia)

                              (si ode del fracasso. Palmira è caduta)

AMELIA            :- “Bertomé.. o schaen!”

 

SCENA VIII

(Amelia – Bertomé – Natale)

BARTOLOMEO:- (rientra) “Ti m’hae ciammòu?”

AMELIA            :- “A Palmira.. o schaen..”

BARTOLOMEO:- “Doman mattin ghe faiò ‘na modifica”

AMELIA            :- “M’è vegnûo in mente ‘na cösa.. n’idea..”

BARTOLOMEO:- “ ’n’invenziòn pe’ o schaen?”

AMELIA            :- “Quella a lascio a tì.. Ti doviesci famme ‘n piaxéi”

BARTOLOMEO:- “Anche duì”

AMELIA            :- “Doman mattin, ti porriesci andà a çercà o Gino.. Ti te ricordi quello mae compagno de scheua.. quello..”

BARTOLOMEO:- “Quello intelligente.. quello  che o voeiva accattà o porto de Zena..?”

AMELIA            :- “Ti ghe dïxi s’o peu vegnì chì doman  doppo çenn-a.. ghe devo dì ‘na cösa importante”

BARTOLOMEO:- “S’a l’è importante gh’andiò fïto.. Ma oa andemmo a dormì” (sbadiglia ed esce con Amelia)

NATALE            :- (entra, si guarda attorno e si frega le mani) “Se tûtto andià comme preveddo.. speremmo che o Giacomo o posse vegnì doman a séia.. gh’ò ‘n’idea in testa che.. i bräzo tûtti.. Alla faccia della Palmira e della sua chiaroveggenza, che di lei io faccio senza. Tiè!” (fa un gestaccio col braccio. In quel momento le luci si accendono e si spengono. Si odono dei tuoni. Natale scappa verso sinistra mentre il sipario si chiude rapidamente)

FINE DEL SECONDO ATTO

ATTO TERZO

QUADRO PRIMO

SCENA I

(Amelia – Gino)

                      (all’apertura del sipario la scena appare vuota. Si sente suonare il campanello)

AMELIA            :- (da fuori, in cucina) “Vaddo mì” (va ad aprire)

GINO                  :- (coetaneo di Amelia, da fuori) “Ciao Amelia.. posso intrà?”

AMELIA            :- “Ma s’accapisce”

GINO                  :- (entra con lo slancio dello scalino, si agguanta ad Amelia. I due sembrano abbracciati) ”Scûsa Amelia.. no voeivo.. ma cöse l’è staeto?”

AMELIA            :- “Eh.. a l’è ‘na cösa un po’ complicà.. Ti t’è faeto mä?”

GINO                  :- “No.. abbrassou a tì no me son faeto ninte. Ma comme mai a quest’öa de séia?”

AMELIA            :- “L’è tardi o so, ma te spiego e se ne veddan.. pensan mä pe’ ninte..

GINO                  :- “Armeno pensessan mä pe’quarcösa..” (sospira) “E invece.. ti m’è ascordòu..”

AMELIA            :- “Cöse ti dixi.. Ti savesci quante votte te penso e me diggo.. ‘cöse ne saià do mae Gino..”

GINO                  :- “Davvei?.. Anche mì no t’ho mai ascordòu.. e te veuggio  sempre ben”

AMELIA            :- “No dì coscì se donca se salûtemmo sûbito”

GINO                  :- “Ma mì.. no ho mïga dïto ninte de mä.. A l’è solo a veitae..”

AMELIA            :- (con aria rassegnata) “A l’è aegua passà.. te l’ho dïto tante votte che no ne dovemmo ciù parlà.. Solo amixi, no?”

GINO                  :- “Eh.. amixi.. Se no m’avessan ciammòu sordatto  ghe saieiva mì a-o posto de.. quell’inciastro do Bertomé”

AMELIA            :- “Parla cianin perché no semmo soli..” (accenna che di là c’è gente)

GINO                  :- “..saiescimo màio e moggé.. Cöse ti gh’è attrovòu poi de speciale in lè che no gh’avesse anche mì.. no l’ho mai accapìo”

AMALIA            :- (sopira) “Lascia perde.. ‘n’emmo zà parlòu.. Mì.. t’hò faeto vegnì chì perché.. avieiva bezeugna de ‘n piaxei.. T’è l’ûnico amigo che gh’ò.. l’ûnico che me arrestòu” (si allontana con furbizia e finge di asciugarsi gli occhi, commossa,  sbirciandolo per vedere se il suo modo di fare ha fatto effetto)

GINO                  :- (elettrizzato) “Ma segûo ca-a.. Son pronto a tûtto pe’ ti.. no cianze.. Te servan de palanche?.. “ (le prende una mano baciandogliela) “Tûtto quello che ti veu”

AMELIA            :- (teatrale) “Oh, Gino.. ti me invexendi.. grassie pe’.. l’eventualitae ch’avesse bezeugno de dinae.. No!.. No l’è pe’ quello..”

GINO                  :- (mostra un certo sollievo e tra sé) “Meno male ”

AMELIA            :- (interrompendolo) “Armeno pe’ oua!”

GINO                  :- “Ah!.. Dimme alloa cöse devo fà pe’ fäte contenta” (cerca di abbracciarla)

AMELIA            :- (teatrale) “Gino.. ti me imbarlûghi a testa..”

GINO                  :- (comico, tra sé) “Mondo becco.. se no fïse andaeto a sordatto..”

AMELIA            :- “Stanni bravo.. se intra quarchedûn..” (rumore fuori scena, vocïo di Natale) “Saià mëgio che andemmo de là in ta saletta di ospiti”

GINO                  :- “Scì, famme stradda”

AMELIA            :- “De sà..” (escono sul fondo a destra)

SCENA II

(Natale - Palmira – Adalgisa – Assunta - Cecilia)

NATALE            :- (entra dalla sinistra; guarda l’orologio)”Quaexi ûnz’öe..Vatte a fià di amïxi.. o dov’eiva ëse za chì..” (passeggia agitato) “E va za ben ch’o sta in ta scà”(suonano alla porta) “T’ò chì”

PALMIRA          :- (entrando circospetta con Adalgisa) “O schaen o l’è segûo oua?

ADALGISA       :- “Scì.. mae poae o l’ha modificòu”

NATALE            :- “Bonna séia eh?”

PALMIRA          :- “Ma no ti vae a travaggià?”

NATALE            :- “Gh’ò o tûrno de mattin e oua l’è neutte” (ad Adalgisa)

PALMIRA          :- (dando ordini) “Adalgisa, damme ‘na man a preparà a sala.. Anche tì Natale.. Ne serve a tòa”

NATALE            :- “Ma oramai emmo za çennòu..l’è za ûnz’öe”

ASSUNTA          :- (entra sbadigliando e stiracchiandosi dalla porta di sinistra. E’ in pigiama) “Ma che ore sono che siete tutti in piedi?”

NATALE            :- “No l’è manco mëzaneutte, o stavo dixendo a-a lalla propprio òa..” (sfottendo) “Dormito bene..?  abbiamo per caso svegliato il pozzo di scienza?”

ADALGISA       :- “Assunta, acchiappa la tavola che la spostiamo”

ASSUNTA          :- “Torna?”

PALMIRA          :- (sollecitando) “Dài, dài..”

ASSUNTA e ADALGISA:- (eseguono sotto la direzione di Palmira, guardati con comicità da Natale. Suonano alla porta)

CECILIA            :-  (entrando) “Natale gh’è de là o..”

NATALE            :- (interrompe prontamente e fa segno di zittire) “Scì, scì.. vegno.. M’avian cangiòu de tûrno” (esce guardato stranamente da Cecilia)

CECILIA            :- (mentre gli altri mettono sedie attorno al tavolo) “Assunta vanni a dormì.. ti piggi freido”

ASSUNTA          :- (uscendo alla sinistra) “Ho capito, vado”

SCENA III

(Palmira – Adalgisa – Cecilia – Bartolomeo)

PALMIRA          :- (ad Adalgisa) “Oa vanni a piggià a toägia che gh’ò in ta mae borsa”

ADALGISA       : - (esce)

CECILIA            :- “A toägia?.. Ma ghe l’emmo in cûxinn-a”

PALMIRA          :- “Questa.. a l’è ‘na toägia speciale!”

ADALGISA       :- (rientra con una pittoresca tovaglia che stende sul tavolo)

CECILIA            :- “Che toägia pirotecnica”

PALMIRA          :- “A ghe veu coscì.. adatta pe’ .. staséia”

BARTOLOMEO:- (entra dalla destra) “L’è torna pronto da mangià?”

ADALGISA       :- “No saieiva mïga ‘na brûtta idea” (si allontana a pulire alcune sedie)

CECILIA            :- “Ma no ti poeivi sta ancon ìn po’ in ta teu stanzia?.. Anzi.. in ta MAE stanzia che v’ho imprestòu?”

PALMIRA          :- “Bertomè.. tì che t’hae fantaxia..”

BARTOLOMEO:- (osservando la tovaglia) “Mai comme a teu tòägia”

PALMIRA          :- “Metti de careghe in gïo a-a tòa”

CECILIA            :- “Ma se peu cöse voei fà.. IN CA MAE?.. Bertomé m’arraccomando e careghe.. che no fassan a fin da consolle”

BARTOLOMEO:- “Ninte puia, ho perfezionò ‘il predellino tirami su’ e no succedià ninte”

ADALGISA       :- (che ha frainteso) “Il tirami su.. col cioccolatto fondente?” (tutti la ignorano)

 BARTOLOMEO:- (che ha messo una sedia, si siede. Mette un paio di occhiali.. senza lente, e tira fuori un giornale dalla tasca. Legge ostentatamente)

CECILIA            :- “Ma.. da quande t’hae commençòu a lëze cö i speggetti?”

BARTOLOMEO:- (con noncuranza, leggendo) “Da quande ho inventòu questo tipo economico”

ADALGISA       :- “Interessante papà”

PALMIRA          :- “Costan tanto?”

BARTOLOMEO       :- “Quaexi ninte.. basta avei ‘na montaûa vëgia de qualunque tipo” (continua a leggere)

CECILIA            :- “Ma ti ghe veddi ben..?”

BARTOLOMEO       :- “Beniscimo.. son anche leggeri.. comme se no ghe l’avesse”

PALMIRA          :- “Famme ‘n po’ vedde”

BARTOLOMEO:- (li porge)

PALMIRA          :- (passa un dito.. attraverso le lenti che.. non ci sono)

CECILIA            :- “Ma.. son senza lenti”

BARTOLOMEO:- “E chi sta l’invenziòn: Se peuan addeuvià vëgie montatûe”

CECILIA            :-“Ma..a cöse servan se no gh’è de lenti?”

BARTOLOMEO:- “Ma benedette donne.. l’è coscì semplice.. Se ûn o i mette e o ghe vedde ben.. veu dì ch’ò fa senza, no?.. Coscì o no spende dinae pe’ accattäli”

TUTTE                :- (scene del caso)

BARTOLOMEO:- “Fae tûtte ‘na faccia comme se mì fisse abbertoellòu” (si alza ed esce alla destra)

ADALGISA       :- “Eh.. povio papà..” (esce verso la cucina)

PALMIRA          :-  (a Cecilia) “Andemmo che devo preparäme pe’ a sedûta spiritica” (escono alla sinistra)

SCENA IV

(Natale – Giacomo)

NATALE            :- (entra dal fondo con Giacomo dopo essersi accertato che non c’è nessuno) “Alloa Giacomo, t’hae accapìo ben?”

GIACOMO         :- “Veramente no ho accapìo ‘na cösa”

NATALE            :- (sbuffando) “E quae?.. L’è mëz’öa che te spiego..”

GIACOMO         :- “Ma mì, devo fa o morto o ô vivo?”

NATALE            :- “T’hae da fà o morto, natûralmente da vivo”

GIACOMO         :- “Ti me confondi”

NATALE            :- “Ti devi fà a vöxe do morto.. O MORTO CH’O PARLA”

GIACOMO         :- (perplesso) “E cöse devo dì?”

NATALE            :- “O mondo legio.. T’ho dïto che ti te deve alleugà derré a-a pötronn-a; noiätri, con .. Madame Speranza, mae lalla, ciammiemo o spirito de mae poae..”

GIACOMO         :- “Ma tì, ti ghe creddi davvéi?”

NATALE            :- “E se gh’avesse credûo no t’avieiva dito de fà a vöxe do morto te pä?.. Riepilogando: quande mae lalla a domandià a.. o spirito dimmoghe, chi l’è che deve sta in te questo scïto, tì, ti ghe devi risponde, con vöxe profonda: <mae figgio o Natale..>”

GIACOMO         :- “E s’a me domanda o perché?”

NATALE            :- “Oh, mondo..e s’a te domanda o perché.. ti ghe dixi: <perché o l’è o ciù vëgio>”

GIACOMO         :- “Va ben.. d’accordio”

NATALE            :- “Alloa.. ascondite chi derré a-a pötronn-a che no te devan vedde.. Aspëta” (si occulta e Natale guarda se tutto va bene. Fa alcuni aggiustamenti) “Oa no mesciate che mì vaddo de de là” (si appresta ad uscire)

GIACOMO         :- (sottovoce) “Natale”

NATALE            :- (fermandosi e cercando di non adirarsi) “Scì?”

GIACOMO         :- “E se me domandan comme staggo?”

NATALE            :- “.. e digghe che ti stae ben..” (si avvia)

GIACOMO         :- “Natale”

NATALE            :- “Eh.. Natale e Pasqua.. Cöse gh’è torna?”

GIACOMO         :- “E se me domandan dovve son?”

NATALE            :- “Basta che no ti ghe dixi che t’è derré a-a pötronn-a.. Dighhe che t’è a l’Infer-

                            No.. in Paradiso.. No, no, tanto no ghe credieivan.. digghe che t’è in Pûrgatöio e

poi se veddià.. E oa sitto e no stamme a fa ciù domande se no ne screuvan” 

GIACOMO         : “Va ben”

NATALE            :- “Sta vegnindo quarchedûn. Sitto!” (esce alla sinistra)

 

SCENA V

(Amelia - Gino- Giacomo)

AMELIA            :- (entra, si guarda attorno e chiama Gino) “Vegni, no gh’è nisciûn. Alloa t’hae accapìo ben?”

GINO                  :- “Scì.. però.. dovve me metto?”

AMELIA            :- “Derrè a ‘na pötronn-a.. a quella” (indica quella dove c’è Giacomo)

GINO                  :- “D’accordio.. Stanni tranquilla ca-a.. Diò che questo scïto o deve andà a tì perché t’éi sempre staeta in affitto.. e se me domandan o perché, cöse rispondo?”

AMELIA            :- “E ti ghe dixi.. perché mae màio o piggia pöco de pensiòn e che in fondo ne tocca stagghe anche noiätri"

GINO                  :- “Va ben”

AMELIA            :-  (sta per uscire ma viene chiamata)

GINO                  :- “Amelia”

AMELIA            :- “Ma cöse gh’è torna?”

GINO                  :- “E se me domandan dovve son?”

AMELIA            :- (innervosita) “Oh, ma insomma.. Ma devan fätte tûtte ste domande?.. E semmai ti ghe dixi che t’è in.. Purgatöio e che ti speri d’andà ciù sciù. Oa basta eh?”

GINO                  :- “Alloa.. vaddo la derré..”

AMELIA            :- “Scì.. e alleughite perché l’è tost’öa.. a Palmira ch’a l’è quaexi pronta” (esce verso la cucina)

GINO                  :- (si guarda attorno furtivo e in silenzio va verso la poltrona. Vede Giacomo) “Ti?.. E cöse ti ghe fae li ascöso?”

GIACOMO         :- (alzandosi per sgranchirsi) “Quello che ti ghe faiae tì”

GINO                  :- “Ah.. te l’ha dïto l’Amelia?”

GIACOMO         :- “No.. ma son chì pe’ o stesso mastrûsso”

GINO                  :- “Oh, Madonna ca-a.. E oa comme femmo?”

GIACOMO         :- “Tûtti duì chi derré no ghe stemmo..“(rumore esterno) “Arrîan.. vanni da l’ätra pötronn-a”

GINO                  :- (si guarda attorno comicamente, si muove un po’ qua e un po’ in là; alla fine si nasconde dietro all’altra poltrona)

SCENA VI

(Giacomo – Gino – Palmira – Cecilia – Amelia - Adalgisa – Bartolomeo – Natale)

PALMIRA          :- (entra agitata, seguita da Cecilia, Amelia, Adalgisa. Posa il teschio o una sfera di cristallo ) “Ghe semmo quaexi.. Manca dëxe a mëzaneutte”

ADALGISA       :- (posa sul tavolo un cabaret con delle tazze di cammomilla) “Ecco a camamilla che m’ha dïto de fà a lalla Palmira.. Servive che ghe n’è pe’ tûtti”

CECILIA            :- “Mi no, grassie”

PALMIRA          :- Piggine ‘n po’ che ghe veu i nervi calmi pe’ quello che  vediei”

ADALGISA       :- “Mi me ne vaddo a dormì.. l’è quaexi mëzaneutte: staeve ben tûtti”

TUTTI                 :- “Bonna neutte”

ADALGISA       :- (esce alla destra mentre entra dalla stessa porta, Bartolomeo)

BARTOLOMEO:-  “Ma Mélia.. mi voeivo anda a dormì..”

PALMIRA          :- “Voemmo assettäse tûtti chi a tòa?”

BARTOLOMEO       :- (esegue. Gli viene offerta da Amelia la cammomilla che lui rifiuta)

AMELIA            :- “Piggila ch’a te tegne calmo. Dovemmo fa a sedûta spiritica”

BARTOLOMEO:- “A mì a cammamilla a me piäxe solo pe’ mettighe a bagno i pë”

PALMIRA          :- “Tì, Natale e tì Cecilia a-a mae drïta. Bertomé con l’Amelia a-a mae sinistra. E òa tûtti sitti.. Concentrazion e.. silenzio.. asbasciae a lûxe”

BARTOLOMEO       :- “Ghe penso mì” (spegne e la luce rimane fioca)

PALMIRA          :- (sottovoce, cavernosa) “Oa.. man in scià tòa e tocchemmose con e dïe.. concen- traeve e pensae a o Leon.. Ciammaelo con o pensiero.. Ciammaelo, ma stae sitti”

BARTOLOMEO:- “Comme fasso a ciammälo stando sitto?”

CECILIA            :- “Ssst”

NATALE            :- “Lalla.. ti me stae faxendo o bolittigo a- o dîo marmellìn”

PALMIRA          :- “Ciammaelo e silenzio!”

BARTOLOMEO       :- “Ma..”

AMELIA            :- “Che ti taxi!”

PALMIRA          :- “Ssst.. “(sottovoce) “Ecco.. gh’ò de vibrazioìn… ö sento..” (aumentando di voce) ”Ö veddo..”

BARTOLOMEO:- “Mi no”

AMELIA            :- (sottovoe) “Taxi”

NATALE            :- “Dovv’o l’è?”

BARTOLOMEO:- “Magara se aççendo a lûxe o veddo mi ascì”

PALMIRA          :- “Ninte lûxe!.. Ecco.. o l’è chì.. Natale preuva a ciammälo”

NATALE            :- (che non ci crede ma però..) “Mmmì..? E perché proppio mì?”

PALMIRA          :- “Coraggio primma ch’o se ne vadde”

NATALE            :- “Poae..”

GIACOMO         :- (da dietro la poltrona; con voce d’oltretomba) “Scì?”

BARTOLOMEO       :- (indicando) “O l’è de là”

PALMIRA          :- “Sitto e tegni a man in scià tòa.. Amelia, preuva tì òa”

AMELIA            :- “Papà..”

GINO                  :- (dietro all’altra poltrona, con voce dolce) “Dimme ca-a..”

BARTOLOMEO:- “Oa o l’è da l’ätra parte”

CECILIA            :- “Sitto.. O spirito o xeua.. o no l’è sempre in to stesso posto”

PALMIRA          :- “Leon.. son teu seu  a Palmira.. rispondime” (silenzio) “Capiscio che ti gh’è l’è sempre avûa con mì, ma dimme pe’ piaxei.. comme devan comportäse i deui frae in ta divixon?” (silenzio. Palmira c’è rimasta male e ai due fratelli) “Provëghe voiätri duì”

AMELIA e NATALE:- “Poae.. papà..”

GINO e GIACOMO:- (assieme) “Scì?”

BARTOLOMEO:- “Belan che spirito.. o riesce a parlà da dui cantoin contemporaneamente.. in stereofonìa”

AMELIA            :- (stupita) “Ma.. ma.. comme l’è poscibile?”

PALMIRA          :- “No interrompéi l’incanteximo.. Leon.. ti gh’è ancon?”

NATALE            :- “Lascia che parle mì” (volgendosi verso la poltrona di destra) “Papà.. son o Natale.. ti peu parlà.. ti gh’è?”

GIACOMO         :- “Scì.. son sempre chi accucciòu”

NATALE            :- “Va ben, va ben.. pe’ piaxei.. rispondi a-a lalla.. no ëse arragiòu con lé.. senti quello ch’a te domanda e rispondi.. a moddo.. capìo?”

GIACOMO         :-“Messaggio ricevuto”

NATALE            :- “Preuva, lalla”

PALMIRA          :- “Leon, t’è tì?”

GIACOMO         :- “Scì, son mì..”

PALMIRA          :- “Dimme, comme ti stae?”

GIACOMO         :- “Gh’ò ‘n po’ e gambe arrenzenîe”

PALMIRA          :- “E gambe?.. E dimme.. dovve t’è?”

GIACOMO         :- “Chi derré a..”

NATALE            :- (tossisce violentemente)

GIACOMO         :- “Voeivo dì.. chi derrè a-o Pûrgatöio.. Poi se vedià..”

NATALE            :- (alla zia, sottovoce) “Domandighe do scïto”

PALMIRA          :- “Leon.. dinne cöse ne femmo do scïto chì in çittae.. Chi ghe deve sta, l’Amelia o ô Natale?”

GIACOMO         :- “O Natale”

AMELIA            :- (spazientita) “Comme saieiva a dì.. No eivimo ..” (si blocca per non svelare l’accordo) “Insomma, no l’è poscibile e poi perché propprio o Natale?”

GIACOMO         :- “Perché o l’è o ciù grande”

AMELIA            :- “No peu ëse.. chi sotto gh’è ìn mastrûzzo”

PALMIRA          :- “Sitta e no te permette de dî che mi fasso di mastrûzzi.. Leon.. se proppio ti veu coscì, coscì saià faeto”

GINO                  :- “Ûn momento!”

PALMIRA          :- “Chi l’è..?”

GINO                  :- “Comme chi l’è.. son sempre mì, o Leon..”

BARTOLOMEO:- “O l’e xeuò da l’ätra parte e o l’ha anche cangiò de vöxe”

GINO                  :- “Son e correnti d’äia… Staeme a sentì ben. Veuggio che o scïto o vadde a mae figgia, l’Amelia”

NATALE            :- “Ma comme saieiva a dì, t’hae appenn-a dïto o conträio”

GINO                  :- “Gh’ò ripensòu.. A s’è sempre sacrificà pe’ o Bertomé e a merita d’ëse premià”

PALMIRA          :- (perplessa) “Leon.. t’è segûo?.. Primma t’hae dïto a n’ätro moddo.. “

NATALE            :- “Papà.. ghe devo sta mì chi in via Assarotti..”

AMELIA            :- “O l’ha dïto de no”

PALMIRA          :- “Leon.. Leon.. no scappäme.. Leon..”

                               (SI VEDE UNA FIAMMATA E SI ODE UN BOTTO. GINO E GIACOMO GRIDANO E SCAPPANO FUORI. SI ODE LA VOCE  DEL..BUONANIMA)

LEON                 :- (adiratissimo) “Ma cöse gh’éi da angosciame anche da ‘sta parte?!”

AMELIA            :- (spaventata) “Ma.. o no l’è o Gino.. l’è proppio o papà..”

NATALE            :- (c.s.) “E no l’è manco o Giacomin.. l’è propprio o poae”

PALMIRA          :- (tremolante, in trance) “Le.. Leon.. t’è sempre tì… ?T’hae ‘n’ätra vöxe..”

LEON                 :- “Voeivi imbroggiëme.. Primma no éo mi”

BARTOLOMEO       : - “Ghe saià staeta ‘n’interferenza”

PALMIRA          :- “Dimme, frae cäo.. do.. dove t’è.. in Pûrgatöio?”

LEON                 :- “Son a l’Inferno, comme e articiocche!”

TUTTI                 :- (spaventati fanno scena) “A l’Inferno?”

PALMIRA          :- “No mollae a cadenn-a.. fermi!”

LEON                 :- “Ma no ghe son mïga solo.. Savesci quanta gente che in vita a pàiva brava e onesta che gh’è chì..”

AMELIA            :- “O papà.. a l’Inferno..”

NATALE            :- “No te a piggià.. peu däse che ghe segge ‘n’amnistia..”

PALMIRA          :- “Leon.. damme ‘na risposta ciaea... Questa casa, chi deve piggiäla.. o Natale o l’Amelia?”

LEON                 :- (adirato) “Che v’arrangiae.. e no stame ciù a ciammà che no posso sta fermo a sentive.. Devo sguggià tra e sciamme, fa ‘n cädo becco chi drento “ (la voce scema fra rumori e interruzioni) “Arrangiave e ch’annè a..” (rumore e interruzione)

BARTOLOMEO       :- “Devan ëse e pille scareghe”

PALMIRA          :- “Leon..  Leon.. te sento ma no percepiscio e teu parolle”

LEON                 :- (con voce lontana) “M’han censûrou..”

CECILIA            :- “A l’inferno?.. Te lascio dì.. se l’han censûròu a l’inferno.. chissà che streppelli ch’ò stava dixendo..”

PALMIRA          :- (agitata; trema tutta) “Leon..Leone Sbarassi..”(si rilassa affrannta e con voce

                                grave) “.. l’emmo perso”

CECILIA            :- (accende la luce)

AMELIA            :- “O l’ha parlò pe’ n davei.. Ma alloa a Palmira..”

CECILIA            :- “.. a l’è proppio ‘na medium”

PALMIRA          :- (si alza sconcertata e tremolante) “No-o saveivo manco mì.. primma faxeivo finta ma.. doppo quello botto.. no gh’accapiscio ciù ninte.. Ho finn-a puia..”

NATALE            :- (sorpreso) “L’èa propprio a seu vöxe..”

CECILIA            :-  (impaurita del fatto) “L’è tardi.. dieiva d’andà a dormì..”

AMELIA            :- (anch’essa sconcertata) “O no l’èa o Gino... Vegni Bertomè..”

NATALE            :- (con voce assente) “O spettacolo o l’è finîo..” (escono tutti. Spengono la luce)

SCENA VII

(Gino – Giacomo)

GINO                  :- (entra con la pila accesa e chiama sottovoce) “Giacomo.. Giacomin..”

GIACOMO         :- (da fuori, sottovoce) “Gino.. t’è proppio tì..?”

GINO                  :- “Vegni.. son mì.. “

GIACOMO         :- (entra circospetto e parleranno con voce bassa guardandosi attorno) “Ma.. t’hae sentîo..? L’èa propprio a vöxe do Leon”

GINO                  :- “Eh zà.. o m’ha faeto piggià ‘n spaghiccio che.. devo andame a cangià e braghe”

GIACOMO         :- “Gino”

GINO                  :- “Giacomo”

GIACOMO         :- “Cöse.. ti.. cöse ti ne dixi se doman andemmo a zûgase o 47 in sciè tûtte e reue?”

GINO                  :- “A l’è ‘na bonn-a idea: 47, o morto ch’o parla.. Saià mëgio che se a telemmo”

GIACOMO         :- “Fanni lûxe che t’hae a pilla.. ma stamme vixin..”

GINO                  :- “Andemmo” (escono. Scattano le molle dello scalino e si sente un tonfo e un grido) “O schaen.. Leon.. scûsine..”

(BUIO E FINE DEL PRIMO QUADRO DEL TERZO ATTO)

QUADRO SECONDO

SCENA VIII

(Cecilia – Natale – Bartolomeo)

CECILIA            :- (è in scena con Natale) “Alloa?.. Cöse ti pensi de fà?”

NATALE            :- (pensieroso) “Non so ciù cöse e comme pensà.. Pàiva tûtto coscì semplice”

CECILIA            :- “Bezeugna avei e idée ciae.. ancheu vegne o notäro”

NATALE            :- “E ti dixi ben.. ma mì ho provòu in tûtti i moddi con mae seu ma a no ne veu savéi d’anda in Capenardo..: <mae figgia a travaggia e mì ho da mezuà i vesti con i mae clienti.> a me dixe de lungo.. e pe’ de ciù tì, ti gh’è levòu anche o salûtto”

CECILIA            :- “O creddo ben.. a no fa ätro che offendime.. Se ti veu saveilo, véi ha ma dito de no intrigäme che mì son solo ‘na parente acquistà”

NATALE            :- “Ti gh’è l’hae dïto che anche mi travaggio e che l'Assunta a deve frequentà a scheua a Zena?”

CECILIA            :- “Figûrite se no ghe l’ho dïto.. ma a lé a m’ha risposto che ghe n’è pe’ coscì di stûdenti che piggian a corriera o ô treno.. e lé o porrieiva mescià o pané e fà paegio.. t’hae accapîo?”

NATALE            :- (cercando di sdrammatizzare) “Beh.. o pané o porrieiva issälo e dasse da fà, invece che ëse sempre in mëzo a-e nûvie con i seu librassi”

CECILIA            :- (nervosa) “T’è comme teu seu, teu poae e comme tûtti i teu parenti.. Armeno te seunnesse o campanello in testa ch’o t’addescie!” (suonano alla porta)

NATALE            :- “T’ò chì ch’o seunna”

CECILIA            :- (si allontana e va ad aprire)

VOCE ESTERNA:- “Telegramma.. per Bartolomeo Briasco..firmi qui per favore”

CECILIA            :- “Grazie.. glielo darò“ (rientra) “Ûn telegramma pe’ quella scienza de teu cûgnòu.. bello parente quello. Tegni, dagghelo tì” (esce)

NATALE            :- (lo prende) “Mì?.. Ah, m’ascordavo.. no ti ghe parli”  (si avvicina alla porta di sinistra e chiama) “Bertomé!”

BARTOLOMEO:- (da fuori scena) “Scì?”

NATALE            :- “Vegni ‘n momento.. te devo dà ‘na cösa”

BARTOLOMEO:- (entra. Ha una grossa sega o saracco in mano e un assicella sotto il braccio. La mano libera è chiusa a pugno. Una matita sulle orecchie) “Cöse ti veu?”

NATALE            :- “Han portòu ‘n telegramma pe’ tì” (cerca di porgerglielo ma no sa in che mano)  “E arvi quella man”

BARTOLOMEO       :- “No posso”

NATALE            :- “E perché?”

BARTOLOMEO:- “Perché staggo faxendo ‘na gaggia”

NATALE            :- “E cöse t’hae in ta man?”

BARTOLOMEO       :- “ ’na prûxa”

NATALE            :- “E cöse ti ne fae de ‘na prûxa?”

BARTOLOMEO       :- “Ghe fasso a gaggia”

NATALE            :- (scuotendo il capo) “Ma.. dovve ti vae a pescäle çerte idèe”

BARTOLOMEO       :- “Me vegnan.. coscì”

NATALE            :- “Mia.. se ti veu o telegramma te o pöso in scià tòa”

BARTOLOMEO       :- “Aspëta.. me vegnûo ‘n’idéa.. tegnime ‘n momento a prûxa” (gliela passa)

NATALE            :- (incredulo allarga il palmo della mano)

BARTOLOMEO:- “No fattela scappà..”

NATALE            :-  (Natale sta col pugno ben visibile, lo porta all’orecchio come a sentire)

BARTOLOMEO:- (preso il telegramma si avvia alla sua stanza)

NATALE            :- “Bertomè.. ti t’ascordi ninte?”

BARTOLOMEO:- “E cöse?”

NATALE            :- “A prûxa!”

BARTOLOMEO:- (ritorna sui suoi passi) “T’hae raxòn.. Tegni ‘n’attimo” (gli ridà il telegramma e si riprende la pulce; si riavvia alla sua camera)

NATALE            :-  (ammutolito e incredulo) “Ma dovve ti vae?.. Ti me lasci chì o telegramma?”

BARTOLOMEO:- “Poscitoese.. t’hae raxon! Tegni a prûxa e damme o telegramma” (stessa manovra di prima)

NATALE            :- “Fermo!.. Ripiggite anche.. l’animale”

BARTOLOMEO                                                         :- “Giûsto.. Metto o telegramma in ta stacca” (esegue) “Damme a prûxa” (eseguono comicamente la manovra)

NATALE            :- “Ti poevi pensaghe primma invece de fa tûtte ‘ste maneuvre” (si allontana)

BARTOLOMEO:- “No gh’aveivo pensòu..”(porta il pugno all’orecchio) “Ûn momento!..A prûxa!”

NATALE            :- “Ma te l’ho daeta”

BARTOLOMEO:- “A no gh’è ciù”

NATALE            :- “O mondo..” (comincia a grattarsi la schiena e via a soggetto)

BARTOLOMEO:- (con la mano libera cerca di catturarla) “Dovve ti a senti?”

NATALE            :- (incavolato) “E che ne so?  Me smangia da tûtte e parti”

BARTOLOMEO:- “Ûn momento!”

NATALE            :- (si blocca di colpo)

BARTOLOMEO:- “Me vegne in cheu che no l’aveivo ciù in te man”

NATALE            :- (sbottando) “Ma che vegnisse ‘n po’ de ben.. Perché no ti l’hae dïto primma?.. Ti me faeto vegnì ‘na smangiaxon che me caccieivain te l’aegua”

BARTOLOEO    :- (flematico) “Aggi pazienza ma l’aveivo missa in te questa scatoéta in ta stacca”

(la estrae) “Oh, no!”

NATALE            :- “E cöse gh’è torna?”

BARTOLOMEO:- “A s’è averta!”

NATALE            :- (fa un balzo indietro) “Stanni lontan da mì, tì e a scatoèta.. Me rismangia tûtto” (esce con comicità grattandosi come avesse il ballo di San Vito)

BARTOLOMEO       :- (si mette a cercare e chiama la.. pulce..) ”Prûxetta prûxettinn-a?.. Donde ti t’è caccià?..”

SCENA IX

(Bartolomeo – Adalgisa – Cecilia – Assunta – Natale)

ADALGISA       :- (entra in scena) “Papà.. cöse ti fae?”

BARTOLOMEO:- “O brava.. damme ‘na man..”(si corica per guardare sotto i mobili)

ADALGISA       :- “Ma.. cöse t’hae perso?”

CECILIA            :- (entrando) “O saeximo!.. Cöse ti ghe fae lì?.. Ti çerchi de rompïme quarche ätro mobile?”

BARTOLOMEO:- “Stavo solo çercando..”

CECILIA            :- “No çercà ninte e vattene de là..”

BARTOLOMEO:- “Ho perso..”

CECILIA            :-“No me interessa”

BARTOLOMEO:- (avviandosi alla porta di sinistra, mugugnando) “No ghe interessa..” (esce)      (suonano alla porta)

ADALGISA       :- “Vaddo mì” (si avvia e poco dopo rientra) “Ûn telegramma pe’ l'Assunta Sbarassi”

CECILIA            :- “Damme chi..” (chiama)  “Assunta!”

ADALGISA       :- (alludendo al padre) “Vaddo a vedde cöse o l’ha perso” (esce)

ASSUNTA          :- (entra dalla porta centrale) “Cosa c’è?.. Stavo leggendo in salotto”

CECILIA            :- “Un telegramma per te.. lo apro?”

ASSUNTA          :- “Se è per me lo apro io, ti pare?” (lo prende e lo scorre, poi fa un balzo di contentezza girando attorno e saltellando) “Evviva.. Evviva.. Eureka!”

CECILIA            :- (preoccupata) “Bambin.. ti si è scollato il cervello?”

ASSUNTA          :- (felice) “Te lo leggo: < Siamo lieti di comunicarle sua vittoria concorso nazio- nale  <O tempora o mores> col suo..”

CECILIA            :- (interrompendo) “Non capisco.. hai fatto un concorso sul tempo delle more?”

ASSUNTA          :- “Ma cosa dici..senti: <.. col suo trattato ‘Socrate e Platone, due cose diverse’. Invieremo quanto prima a mezzo Banca d’Italia, la somma di lire.. venti milioni!”

CECILIA            :- “Ah..” (sta per svenire soccorsa dal figlio che la fa sedere)

NATALE            :- “Cöse sûccede?.. “ (si affretta ad andare vicino a Cecilia) “Cecilia..”

CECILIA            :- “L'Assunta... a l’ha guagno.. vinti.. vinti milioni!”

NATALE            :- “..a-o totocalcio?”

CECILIA            :- (si alza facendosi vento con un fazzoletto) “Con i seu.. librassi.. tì che ti a piggiavi in gîo”

NATALE            :- “E pe’ cöse?”

DIOMEDE         :- (con importanza) “Tu non puoi capire.. è un trattato su Socrate e Platone”

NATALE            :- “No i conoscio”

CECILIA            :- (contenta) “Natale.. òa gh’emmo i dinae e poemo dà o benservîo ai teu parenti”

NATALE            :- “Tanto loiätri son misci e de fronte a-o notäro devan rinunzià” (esce contento)

CECILIA            :- “Brav Assunta.. “(si agita sentendo prurito) “Vieni bambina.. ti preparo una bella torta..” (escono mentre Cecilia accenna a grattarsi sempre più)

SCENA X

(Natale – Amelia – Bartolomeo)

NATALE       :- (entra con Amelia) “Comme te ripeto, i dinae ghe l’hoe no l’è pe’ voeite mandà

 via ma.. bezeugna rispettà o testamento do papà e se no ghe son i dinae o notäro o mette tûtto a l’Asta, ma coscì..”

AMELIA            :- (dispiaciuta) “Me pä proppio che ne tocchià andà in Capenardo” (siede)

NATALE            :- “Però ti ghe vae con vinti milioni.. Non son mïga nisseue.. E poi fin che no saià scistemmou lasciù, poei sempre sta chì..”

AMELIA            :- “No creddo che teu moggé..”

NATALE            :- “Oh, a l’ha sempre cuae de mogognà ma.. a no l’è gramma”

AMELIA            :- “Però.. a n’ha sempre conscideròu de bassa plebe.. e ammiòu da l’äto in basso.. In fondo l’accapiscio.. eivimo quelli che vegnivan a rompì a serenitae de ‘na famiggia.. quelli che se faxeivan mantegnì..” (si avvia a lavorare)

NATALE            :- “Oa no esageremmo.. Divideivimo a casa e voiätri contribuivi comme poeivi.. ma oua.. con vinti milioni e a casa..”

AMELIA            :- “In ti bricchi.. No se vediemo ciù..”

NATALE            :- “Ti veddiae che se vedemmo, gh’ammanchieiva ancon” (esce)

BARTOLOMEO       :- (entra mugugnando e guarda in terra) “E pûre.. a dovieiva ëse chì”

AMELIA            :- (che stava accingendosi a cucire) “Cöse ti çerchi?”

BARTOLOMEO:- “T’hae mïga visto passà ‘na prûxa?”

AMELIA            :- “Pensa a-e cose serie.. Doviemo andasene da ‘sta casa.. o Natale o l’ha attrovòu i dinae e noiätri no gh’emmo manco ‘n citto.. Ma se peu savei cöse ti çerchi?”

BARTOLOMEO:- “Te l’ho dito; ‘na prûxa… l’aveivo in ta scatoéta quande o Natale o m’ha daeto o telegramma.. a propoxito, me l’éo ascordòu”  (lo estrae dalla tasca e lo porge)

AMELIA            :- (si alza interessata. Saià morto quarchedûn. Lo apre e lo legge) “<Bartolomeo Briasco via.. ecc.ecc.  Comunicovi acquisto vostro brevetto n° 11721. Manderemo prontamente assegno con la somma di lire venticinque milioni. Congratulazioni..> Me sento mancà..” (siede)

BARTOLOMEO:- (come se nulla fosse accaduto, prende il telegramma) “Numero 11721.. e che brevetto o saià?.. N’ho mandòu tanti..”

AMELIA            :- (imbambolata) “Ma.. Bertomè.. t’accapisci cöse vuei dì?.”

BARTOLOMEO:- “Scì.. han finalmente accatòu a mae invenzion”

AMELIA            :- (si alza e abbraccia il marito) “E te mandian vintiçinque milioni..” (riscuoten- dosi) “Oa gh’emmo e palanche e..o scîto!.. Aspëta che vedde.. quella.. No dì ninte a nisciûn”

SCENA XI

(Amelia – Bartolomeo – Cecilia – Natale)

CECILIA            :- (entra grattandosi) “Alloa Amelia.. ti ghe l’hae daeta a notizia?” (si gratta)

BARTOLOMEO:- “Ho l’imprescion che ti gh’aggi addosso do mae”

AMELIA            :- “Comme mai ti te degni de parläne quande l’è ‘na settemann-a che no ti ne sa- lûtti manco?”

CECILIA            :- (ogni tanto si gratta) ”Perché l’è ben lasciäse da boin amixi e parenti.. Da chi ‘n po’ vegnà o notäro..e.. t’è pronta pe’ firmà l’accordo?”

AMELIA            :- “Son pronta”

CECILIA            : “Bene.. ti firmié e ve n’andiei”

AMELIA            :- “Alloa no firmo”

CECILIA            :- “Ve n’andiei e semmo pronti a dave i vinti milioni de differenza”

AMELIA            :- “No semmo cöse fassene di vostri vinti milioni. Semmai ve i demmo noiätri”

CECILIA            :- “Ah, ah, ah.. Questa a l’è ‘na barzelletta.. e dovve l’éi attrovae i vinti milioni.. in ta rûmenta?”

AMELIA            :- (sventola il telegramma) “Scì..  in te questa rûmenta”

CECILIA            :- (arranfa il telegramma e legge) “No!.. No l’è poscibile!” (siede)

BARTOLOMEO       :- “Sûccede” (esce a destra)

CECILIA            :- “Natale!.. Natale!”

NATALE            :- “Cöse gh’è? Ti te senti mâ?”

CECILIA            :- (porge il telegramma) “O telegramma!”

NATALE            :- “Ma l’ho za letto”

CECILIA            :- “Questo.. o l’è diverso”

NATALE            :- (legge) “.. vostra invenzione.. venticinque milioni?!”

AMELIA            :- “Caro fratello.. ora i soldi li abbiamo anche noi.. Come la mettiamo?”

NATALE            :- (restituisce il telegramma alla sorella) “Ma.. eivimo d’accordio che voiätri.. andavi in Capenardo..”

AMELIA            :- “Prima delle cura.. ma dopo la cura..” (sventola il telegramma) “..il malato è guarito”

SCENA XII

(Amelia – Natale – Cecilia – Adalgisa – Palmira – Bartolomeo – Notaro - Zerega)

ADALGISA       :- (rientra con Palmira) “Ho finìo o travaggio pe’ ancheu.. Gh’è anche a lalla Palmira.. Vegni avanti o schaen con e molle o no gh’è”

PALMIRA          :- (entrando) “Meno male che o schaen o no buttezza”

BARTOLOMEO:- (entrando) “Gli schaen ‘tirami su’ stanno subendo un perfezionamento”

PALMIRA          :- “E o notäro?”

AMELIA            :- (addittando Palimira) “Lé cöse a gh’intra?.. A no l’è ‘n’erede”

PALMIRA          :- “V’ascordae che mì v’ho aggiûttò a mette e cöse in ciaeo.. Se poi son cangiae no l’è pe’corpa mae.. ma.. do bon’anima”

NOTARO           :- (da fuori) “Posso entrare..? C’è aperto..”

NATALE            : - “O notäro, o l’è za chì.. Avanti”

NOTARO           :- (entra con Zerega) “Titubavo per via del gradino”

NATALE            :- “Scià no titûbbe.. l’è tûtto in regola”

CECILIA            :- (premurosa) “Ecco chi.. o seu posto.. Sciò Zerega, scià s’accomode..Voiätri.. e careghe..”

TUTTI                 :- (si danno da fare)

NOTARO           :- (siede. Zerega gli porge dei documenti che estrae dalla cartella) “Non potete immaginare quanto mi sia dispiaciuto per il pveroo Leone..”

NATALE            :- “Questo Scià n’è l’ha za dïto a votta passa.. semmo tûtto”

NOTARO           :- “Allora.. “ (guarda un documento) “Dobbiamo risolvere la questione di questo appartamento.. a meno che non vi siate già messi daccordo fra voi eredi..”

AMELIA            :- “Mi gh’avieiva..”

CECILIA            :- “Scià no stagghe a sentì quella là”

AMELIA            :-  “Mi no son ‘quella là’, mi son ‘n’erede.. t’è tì semmai ‘quella là’”

BARTOLOMEO:- “Voei torna incommençà comme l’ätra votta?.. Gh’è o notäro no?. Sentimmo”

NOTARO           :- “Grazie”

NATALE            :- “Bertomè.. Ti me paggi ciù sensòu de tûtti.. “

NOTARO           :- “Ve sei missi d’accordio?”

TUTTI                 :- “No!”

NOTARO           :- “Allora vorrà dire che firmerete per mettere tutto all’Asta”

ZEREGA            :- “Sciò notaro.. Scià se ricorda che… “ (porge un foglio) “.. quella novitae do notäro Gûstavin”

NOTARO           :- “Ma non era  Bevilacqua?”

ZEREGA            :-“No.. Gûstavino.. ecco, chì..”

NOTARO           :- “Vediamo” (legge) “Ah, sì. C’è una novità sostanziale..”

TUTTI                 :- “Novitae?

NOTARO           :- “Un testamento successivo che m’ha fatto pervenire il mio collega Bevilacqua”

ZEREGA            :- (correggedolo) “Gûstavino”

NOTARO           :- “Appunto.. vado a leggere:  <Io sottoscritto Leone Sbarassi, nel pieno possesso.. eccetera eccetera.. dichiaro di essere .. il padre naturale di Antonio Della Casa, attuale inquilino del mio stabile in Capenardo. E’ mio intendimento pertanto, che il detto Antonio Della Casa partecipi con i miei figli legittimi alla divisione dei miei beni immobili, quanto sopra in riferimento al mio testamento depositato presso il mio amico, notaio Leoncavallo Vaccamorta. In fede firmato Leone Sbarassi”

TUTTI                 :- (si guardano ammutoliti)

NOTARO           :- “Cari signori, questo cambia tutto”

BARTOLOMEO       :- “Mi dieiva che no cangia ninte. No eivimo d’accordo in duì, vorrià dì che no saiemo d’accordo in trei”

NATALE            :- “Bravo Bertomè.. E poi dixan..”

AMELIA            :- “Allòa comme femmo?”

CECILIA            :- (adirata) “So mì comme femmo!” (esce sveltamente mentre tutti fanno scena. Rientra con un gessetto che mostra. Si abbassa e traccia una linea di mezzeria sul pavimento) “E òua rispettae a divixon .. a riga pe’ taera”

NATALE            :- “Pe’ a caitae.. chi sûccede ‘na guaera”

PALMIRA          :- “Mì l’aveiva prevista!”

CECILIA            :- “Rispettae o confin! E no provaeve a vegnì de sà. Meitae p’eun. Voiätri de là e noiätri de sa!”

BARTOLOMEO       :- “Ma coscì..a cûxinn-a a l’arresta a loiätri”

NATALE            :- “Cecilia.. a loiätri gh’arresta o cesso”

PALMIRA          :- “Risolvo tûtto mì .. riciammiemo o Leon”

BARTOLOMEO       :- “Saieiva mëgio de no. O sei ch’ò l’ha i seu problemi dond’o l’è”

PALMIRA          :- “Scemmaie..:Lûxe!” (qualcuno abbassa la luce. Palmira prende il teschio, lo osserva e chiama) “Leone Sbarassi,frae cäo..rispondi a teu seu Palmira.. comme poemmo risolve questa question coscì imbroggià?.. Danne ‘n teu segnale! “

                                 (SI ODE UNO SCOPPIO E TUTTI FUGGONO GRIDANDO)

LEON                 :- (voce cavernosa dall'esterno) "I dinae, tûtto pe' i dinae ve infiae e dìe in ti euggi.. .. Che v'arrangiae.. ah, ah, ah…"

(SI CHIUDE RAPIDAMENTE IL SIPARIO)

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 56 volte nell' arco di un'anno