8 – 13 – 52 – 90

Stampa questo copione

8 - 13 - 52 - 90

8-13-52-90 

Commedia comicissima in tre atti di

Umberto Castaldi

Liberamente tratta da

LA FORTUNA SI DIVERTE

di

ATHOS SETTI


PERSONAGGI

GENNARO CURATOLO

MARIA                                                 (SUA MOGLIE)

GRAZIA                                               (LORO FIGLIA)

MICHELE                                            (LORO FIGLIO)

CAROLINA                                         (VICINA DI CASA)

ROSINA                                                               (SUA FIGLIA)

CICCILLO                                           (SUO FIGLIO)

JACK                                                   (FIDANZATO DI GRAZIA)

BELLOMONDO                                 (IMPRESARIO DI POMPE FUNEBRI)

SEMMENZELLA                                (SUO AIUTANTE)

TITINA                                                 (CAMERIERA)

GIOVANNI                                          (MAGGIORDOMO)

NONCESCAMPO                              (MEDICO)


A T T O    P R I M O

(La scena rappresenta una stanza d'ingresso che serve da modestissimo salotto. In fondo c'e' una porta che da' sulla strada, a destra un'altra porta. Sopra ad un tavolino, a destra, c'e' un busto in gesso di Dante Alighieri.)

SCENA  I (Maria, Carolina, Rosina, Grazia)

(All'alzarsi del sipario sono in scena Maria che stira il bucato, Carolina che rammenda un lenzuolo, Rosina che ricama e Grazia che mette lo smalto alle unghie delle mani)

Maria          (A Carolina) Pure quello e' stracciato ?

Carol          Eh, pure questo !  Guarda me pare 'nu colapasta !  Ma che facite 'a notte, durmite o pigliate a mmuorze 'e lenzola ?

Maria       Quello e' mio marito ca quando dorme tene 'e smanie e se rusciulea dint' 'o lietto !

Carol        Beve troppo !  se 'mbriaca e nun trova pace!

Maria          E' 'overo,  ma nun sempe e' chesto; spesso tiene  'e cubo.

Carol        Che tene?

Maria       'E cubo, cioe' se fa 'e suonne malamente cu ll'uocchie apierte!

Carol        Ah, gli incubo!

Maria       Eh!  Va' trova che se sonna!

Rosina     Ma perche', sogna tutte le notti ?

Maria       Tutte! Ma 'o cchiu' bello e' che da qualche giorno parla sul'isso!

Carol        Ma tu che dice ?

Maria       Che dico ?  Figurati che stamattina quanno s'e' scetato, s'e' messo a parla' con un amico che, secondo me, steva sulo 'ncap' 'a isso, perche' nella stanza nun ce steva nisciuno !

Carol        Famme capi'.

Maria       Appena s'e' scetato gli ho chiesto se voleva il caffe', e invece e me risponnere, s'e' miso a parla con un certo Dante, ma in un modo cosi' naturale, ca me so' guardata attuorno pe vede' cu chi ce l'aveva. Mi devi credere: dint' 'a stanza nun ce steva nisciuno!

Rosina     Forse parlava cu'   Dante,  ...'o 'mpignatore!

Maria       Ma allora nun 'e capito niente !  Dint' 'a stanza nun ce steva nisciuno, nun aggio visto a nisciuno !

Carol        E invece mariteto 'o vedeva ?

Maria       Se lo vedeva, o isso e' pazzo o i' so' cecata !  Ma non mi credi ?

Carol        E comme no ?  E che diceva a questo Dante ?

Maria       Primma pareva cuntento d' 'o vede' e lo ha ringraziato pe nu fatto,...ma po' l'ha pigliato a maleparole! Dimme tu si e' normale. A quello la capa non l'aiuta.

Carol        Mari', lo sai che devi fare ?  Stanotte quanno accummencia 'a smania', fa' finta ca tiene 'e smania pure tu e durmenno durmenno abboffalo 'e mazzate.

Maria       :  'O fatto e' ca 'o sfizio me l'aggio fatto passa': l'aggio dato tanti 'e chilli cavece e tanti 'e chilli cazzotti 'nfaccia che 'a matina quanno s'e' aizato teneva dduje uocchie nire!  Ah, me ne aggio visto bene! (Tutti ridono).

Carol        (Alla figlia) Hai finito 'e ricama' 'stu lenzuolo ?

Rosina     E' quasi finito!

Carol        E cerca 'e  'j  'nu poco cchiu' 'e pressa! Se continui cosi' dovrai rimandare il matrimonio!

Rosina     Nun sia maje !  Nun te preoccupa', mamma: finiro' tutto presto presto e finalmente, dopo cinque anni lunghi lunghi, sposero' il mio Michele!

Maria       E fa' ambresso, pecche' Michele non ne puo' piu' di aspettare! 

Rosina     (Con un brivido) Uhum, a chi 'o dicite ?

Grazia      Come sei volgare, sembri una gatta in calore...

Rosina     Parli cosi' perche' non sai cosa ti perdi, non sai cos'e' l'amore, non sai cos'e' un uomo (brivido)!

Grazia         Certo che lo so', ...solo che non ho trovato ancora chi fa' per me !

Maria          Tu si' troppo spiciosa figlia mia! ...perche', Gennarino e' malamente?

Grazia        'O munnezzaro? (Si rischiara la voce) Lo spazzino? Ma voi scherzate? Una donna come me, moglie di un netturbino?  Mi viene il voltastomaco solo a pensarci!

Carol        Ma pecche', 'jttasse l'uosso 'o cane?  Fatica nun ce ne sta', e cu tutt' 'a munnezza ca ce sta a Napule, nun starria maje a spasso!

Grazia      Donna Caroli', pensate al matrimonio di vostra figlia per favore!

Maria       Uhe', nun fa 'a scustumata, ...tu rimarrai zetella!

Grazia      Meglio zitella che con la puzza di spazzatura sotto il naso!

Rosina     Allora 'ce sta Bellomondo: chillo ha perso 'o suonno e 'a fantasia pe' te!

Grazia      Di bene in meglio: dallo spazzino allo schiattamorto!

Maria       'Nu partito meglio 'e chillo?

Grazia      Mamma', per favore,m'e' antipatico: sempre tutto vestito di nero, e poi e' brevilineo!

Carol        Breviche'?

Grazia      E' corto!

Carol        (Risentita) Ue' e che tiene a dicere 'nquollo 'e curte?  Nelle botti piccole, si sa', c'e' il vino buono!

Grazia      Sara', quello ch' e' certo e' che si porta la puzza dei morti appresso!

Maria       Nenne' e comme 'a faje longa tu e sti puzze!  Pensa ca chi campa cu 'e muorte nun se more maje 'e famma!

Carol        E se sape... 'Ca' se more tutt' 'e juorne, e po' tra culera, e qualche buona  epidemia, uno se po' pure arricchi'!

Grazia      Basta, mi fate accapponare la pelle... Io solo se lo vedo insieme a quel mezzo scemo del suo aiutante mi sento male...!

Rosina     Ma lasciatela sta', ma c' 'a vulite fa' cade' malata? Va 'a ferni' ca invece 'e spusa' se ne more!

Carol        L'esequie comunque 'e tenesse gratis !

Grazia      Basta mamma', non ne parliamo piu'. Io ho bisogno di un uomo alla mia altezza, un uomo che oltre a riempirmi il cuore con il suo amore, mi domini con il suo carisma, facendomi dimenticare tutte quelle lacune e quelle carenze derivanti dalla mia estrazione sociale familiare!

Carol        Sta bene!

Rosina     Che belli parole !  Si m' 'e ricordo ce dico a Michele!

Carol        E chillo te ride 'nfaccia !  Famme 'o piacere parla comme t'ha fatto mamma toia!

SCENA  II  (Michele, Rosina, Carolina, Maria, Grazia)

Michele    (Entrando) Buongiorno! (La presenza di Michele desta uno stupore generale).

Rosina     Miche', che fai qua'?

Michele    E' successo una cosa grave !

Rosina     Ti sei innamorato di un'altra donna !

Michele    Ma che vaie pensanno !  Stavo nel negozio quando e' entrato...

Rosina     (Interrompendolo) Una donna !

Michele    Uffa',  'a fissazione e' peggio d' 'a malatia...

Carol        E 'o faie parla' ?   (Rosina si imbroncia)

Michele    Dunque, e' trasuto papa' cu 'a faccia rossa rossa, l'uocchie stralunate e tutto affannato

Maria       Sta' gia' 'mbriaco 'a primma matina!

Michele    No, peggio... e' asciuto pazzo... e' entrato nel negozio e ha detto: "Figlio mio, il tempo della schiavitu' e' finito! Lascia questo lavoro perche' una nuova vita ti attende!"  Don Vincenzo, il padrone del negozio, ha cercato di intervenire, ma papa' gli ha detto: " Faciteve 'e fatte vuoste, anzi 'e corna voste, dato che ne tenete assaje! "

Maria       E don Vincenzo?

Michele    S'e' fatto afferra' pe' pazzo pur'isso e si nun 'o mantenevano chissa' che succedeva.Comunque mi ha licenziato!

Maria       E ce credo....E tuo padre?

Michele    Quando siamo rimasti soli gli ho chiesto perche' ha fatto quella scenata e lui mi ha risposto: " Allegro Michele, tuo padre e' miliardario, tengo quattro miliardi! Nun te preoccupa', nun sto' 'mbriaco, guarda, riesco sta' allerto 'ncopp' 'a na coscia sola! "  ...e accussi' ha aizato 'na coscia!

Maria       Embe'?

Michele    E' caduto unu piezzo 'nterra! Io poi l'ho aiutato ad alzarsi e gli ho chiesto perche' non andava a lavorare; per tutta risposta m'ha guardato primma fisso dint'all'ucchie, po' m'ha dato 'nu buffettone e se n'e' gghiuto!

Maria       (Rivolgendosi alle altre) Diciteme vuje si nun e' pazzo!

Rosina     Ma po' che ha fatto 'e male; a don Vincenzo ha detto la verita', (ride da scemolina) chillo 'overo tene e corna... e po' a Michele ha dato 'nu paccariello affettuoso!

Michele    Si, affettuoso... Tengo ancora tutt' 'a capa 'ntrunata!

Maria       Allora si nun e' pazzo, vuol dire ca sta' 'mbriaco!

Grazia      Io non capisco solo il fatto dei miliardi, e' una cosa cosi' assurda, pazzesca!

Carol        Secondo me, sta facenno tale e quale a mio marito; 'a buonanima era 'nu sant'ommo, ma isso schifava 'a fatica e 'a fatica schifava a isso;.gli piaceva 'e fa sulo 'o sensale 'e matrimonio, ...n'ha cumbinato guaie!  E chello che mo' mi preoccupa e' che Ciccillo , mio figlio, e' tale e quale 'o pate; sfaticato e le piace sulo 'e bere e mangia'!

Rosina     Colpa tua, mamma'; a Ciccillo le faje passa' tutt' 'e sfizie, invece quando parli 'e papa' tiene sempe 'a dicere; chillo non era come dici tu, era solo nu poco. come dire….. stravagante!

Carol        Stravagante?  Chillo faceva 'o scemo pe' nun 'ghi 'a guerra! Mari', parlava con i quadri, diceva ca teneva 'a cavalleria 'ncapo; io che non lo conoscevo ancora bene, me mettevo paura, ma po' capetto che era tutta 'na scusa pe nun fatica'!

Michele    E comme ve ne accorgeste ca nun era 'overo?

Carol        Quando diceva che stava malato, sparivano 'e denare da dint' 'o tiraturo e po' turnava a casa 'mbriaco!

Maria       (Preoccupata) Grazie', va a vede' se nel primo teraturo del como' 'nce stanno 50.000 lire!

Grazia      Mamma', sei cattiva a pensare male di papa'!

Maria       A chesta mo'  'a struppeo!  Va a vede', va' !

Grazia      E va bene!  Rosina vieni con me, ti voglio far vedere dei vestiti che ho comprato. (le due ragazze escono).

Michele    Io vado 'o puntone 'o vico, appena 'o veco 'e spunta', vengo ad avvisarvi (via).

Carol        Si 'e soldi so' spariti, nun e' pazzo!

Maria       Allora sta' 'mbriaco e accussi' appena torna 'o cciro 'e mazzate!

SCENA  III (Ciccillo, Maria, Carolina, )

Ciccillo     (Entrando si ferma sull'uscio) E' permesso?

Maria       Uhe', Cicci', trase!

Ciccillo     (Mentre entra) Buongiorno donna Mari'!

Carol        Tu gia' stai cca'?

Ciccillo     E' quasi mezzogiorno e m'e' venuta 'nu poco 'e famma!

Maria       E mangiati 'a colazione che t'aggio preparata stammatina!

Ciccillo     Mamma', 'a verita'?  Verso le undici me sentivo comme 'nu buco dint' 'o stommaco e accussi' me l'aggio mangiata; chissa' comm'e', forse saranno stati 'e friarielli, ma s'e' scetata 'na famma!

Carol        Ma comme, meza pagnotta 'e pane, tre sasicce e cinque fasci 'e friarielli, te fanno sceta' 'a famma?

Ciccillo     Mamma', e che ne saccio!  Forse sara' 'o sviluppo, forse 'o dente d' 'o giudizio ca sta' spuntanno, e po' ho avuto 'na giornata di lavoro faticosa assaje, e forse percio' m'e' venuta 'a famma!

Carol        Allora, qualcosa 'e sordi finalmente ll'e purtate?

Ciccillo     Macche', mamma!  A guardare le macchine, stamattina e' venuto 'o titolare d' 'o posto, e io che sono solo 'o vice aiutante, so' stato a guarda'!

Carol        E questa e' stata 'a giornata faticosa?

Ciccillo     No, faticosa e' stata per l'altra attivita'!

Carol        Ah, gia', 'o sensale 'e matrimonio!  Mo' sicuro mangiammo 'e grasso!

Ciccillo     Io quanno veco 'nu masculo e 'na femmena sparigliati, l'aggia azzecca'. Mamma', tu lo sai che quella per me e' una vocazione; e' il mestiere che faceva papa', e io so' figlio d'arte!

Carol        No, tu si figlio 'e... mamma toja! Siente Cicci', tu fa' quello che vuoi, ma vide 'e purta' qualcosa 'e soldi; guarda, questo e' il conto 'e stu' mese sulo d' 'o salumiere: 'nu stipendio sano sano per salame, mortadella, prosciutto, pancetta e tutt' 'o riesto appriesso. Tu sulo dint' 'a nu mese, t' 'e magnato 'nu puorco sano! (Maria ride)  Mari', scusa  se a casa toja mi permetto 'e parla' di fatti  personali!

Maria       Figurati,   Caroli', qua' staje a casa toja... E allora, Cicci', come sensale hai fatto buoni affari?

Ciccillo     Ma quali buoni affari, donna Mari'... io so vivo pe' miracolo!  Due energumeni, ho dovuto affrontare; aggio avuto a che fa' con due belve!

Maria       Te si miso a fa' pure 'o domatore?

Ciccillo     Si, pazziate vuje!  Dunque, io stevo a guarda' come i miei principali mettevano le macchine a posto; a 'nu certo punto e' arrivata 'na Topolino guidata da una signora; neh, pe 'a fa' asci' 'a dint' 'a machina 'nce so' volute tre persone; era 'a signora Trombetta, chella pesa 140  chili!

Maria       A' signora Trombetta? Chella vedova che s'e' spusata n'ata vota e l' 'e cumbinato tu 'o matrimonio sei mise fa'?

Ciccillo     Proprio essa e siccome pure 'o sicondo marito e' muorto 'o mese passato appena m'ha visto se l'e' pigliata cu' mme!

Carol        E tu che c'entri?

Ciccillo     E' quello che l'aggio ditto pure io, ma chella e' convinta che l'aggio venduto 'o marito cu 'o difetto e siccome nun e' passato ancora n'anno, steva ancora in garanzia.

Carol        E chede' 'nu frigorifero?

Ciccillo     E che ne saccio... chella non ha voluto sentire ragioni, e percio' o le dongo 'e soldi d' 'a sansaleria arete o' le trovo un'altro marito col certificato di lunga vita non inferiore a dieci anni!

Maria       Ha fatto 'o patto cu 'o Pataterno!

Ciccillo     Che vi devo dire, donna Mari', questi so' gli inconvenienti di un mestiere che uno fa' pe' fa' bene 'a gente!

Carol        Ma miettete 'a fa' nu lavoro cchiu' serio!

Maria       Ma po', comm'e' gghiuto a ferni' con la vedova Trombetta?

Ciccillo     E' ghiuto a ferni' che m'ha pigliato cu 'a burzetta 'nfaccia e m'ha ditto che  me da' tre mise 'e tiempo pe' le truva' n'atu marito comme dice essa.

Carol        E questa sarebbe la giornata di lavoro faticata?

Ciccillo     Addo', nun e' fernuta cca'!  Se n'era appena andata la Trombetta, quando ho incontrato...

Carol        ...il contrabbasso...

Ciccillo     Mamma', doppo chello che e' succiesso io nun tengo genio 'e pazzia'. Mo' nun te voglio dicere niente cchiu', va bene?  Tu nun'e' fa' accussi', 'e fatto arraggia'!  E mo' m'e' venuta cchiu' famma!  Siente, mentre tu vaje a pripara' qualche cosa e mangia' io me vaco a fa' na pizza pe’ suppunta' 'nu poco 'o stommaco! Buongiorno donna Mari' ! (Esce per la comune).

Carol        Mari', 'o vide che guaio che aggio passato?

Maria       Eh, cara Carolina, ce 'ne vo' pazienza cu 'e figlie!

SCENA  IV (Grazia, Maria, Michele, Rosina, Gennaro, Carolina)

Grazia      (Rientrando insiema a Rosina) E' con sommo rammarico che ho constatato l'assenza del denaro dal cassettone!

Maria       E' con sommo... (cerca la parola) ...comm'e ditto tu, che appena torna 'o faccio asci' 'o sango p' 'o naso!  (Rivolgendosi a Carolina) Allora tuo marito l'ha fatto 'a scola primma 'e muri'! (Rivolgendosi a Graziella) Grazie', viene cu' me'!

Grazia      E dove andiamo?

Maria       A caccia del pazzo 'mbriaco!

Grazia      (Guardando fuori dalla porta) E' inutile che ti affanni, il pazzo stara' rientrando in manicomio!  Michele sta' venendo per avvisarci!

Michele    Mamma', sta venenno, fa' attenzione che nun'e ne' pazzo ne' 'mbriaco!

Maria       Nun te preoccupa' bello 'e mamma, m' 'o veco io!

Rosina     (Affacciandosi) Nun sta' 'mbriaco, zumbetta accussi' svelto ca me pare nu cardillo!

Maria       (Nervosamente) 'O cardillo m' 'o voglio fa' arrusto!

Gennaro  (Entra, si guarda intorno)  Buongiorno...  (Tutti si sentono a disagio come se avessero paura di Gennaro)

Carolina e Rosina : (Insieme)  Buongiorno, don Genna'!

Gennaro  (Guardando i familiari)  L'educazione non abita in questa casa! (Rivolgendosi a Carolina) Scusate, Caroli', come state?

Carol        Non c'e' male, e voi?

Gennaro  Non mi sento tanto bene; tengo 'na sensazione strana; me sento primma 'a capa vacanta e po' comme se vulesse scuppia'!

Tutti          Ah!

Gennaro  Eh! E po' me sento comme si 'e cosce se ne vulessero fui 'a sotto!

Tutti          Ah!

Gennaro  Eh! Ma il rimedio 'o tengo, ...un buon bicchiere di vino e...

Maria       Un altro?

Gennaro  Come un altro?  (Guarda Michele) Aggio capito, Michele v'ha raccuntato tutte cose!

Carol        (A Rosina) Rosi', jammucenne... buongiorno a tutti...

Gennaro  Arrivederci Caroli', ma dopo tornate, non ve ne pentirete,

Carol        Comme vulite vuje , don Genna'...

Michele    (A Rosina) Ciao, gelosa...

Rosina     Ciao, mascalzone... (Michele si imbroncia) ...ciao, amore! (Carolina e Rosina escono)

Gennaro  Che vutamiento 'e stommaco! ...dunque a noi, Michele vi ha informato?

Michele    Che male 'e panza, che male 'e panza. (Via a sinistra)

Gennaro  Ha avuto 'na mossa 'e viscere strategica... Quattro miliardi, tenimmo quattro miliardi! (Vedendo che la notizia non sortisce alcun effetto) .embe', state accussi', nun ve vene 'na mossa,  n'accidente, ...nun sbattite pe' terra?

Maria       Mo' te sbatto io pe' terra a tte', si nun  cacce 'e 50.000 lire!

Gennaro  (Ride) 50.000 lire, ah ah, ti preoccupi per 50.000 lire, pezzente!

Maria       Pezzente a me, 'stu muorto 'e famma ride pure...

Gennaro  Si, rido perche'... (ride piu' forte, poi si ferma e con tono di comando...) ...Silenzio! ...(si mette in ascolto) ...Qualcuno sta currenno... (va all'uscio, guarda fuori. Rientra e guarda l'orologio) ... no e' ancora ambresso!

Maria       Ma ch' 'e passato?

Gennaro  Niente... Uh, mamma mia bella, ...guardate, tremmo comme 'na foglia...

Grazia      Che c'e' papa'...?  Ti senti poco bene?

Gennaro  No, e' l'emozione... capirete, quattro miliardi so' quattro miliardi! (Prende dalla tasca il fazzoletto, gli cade una moneta)

Maria       (Si abbassa, raccoglie la moneta e la porge a Gennaro) Tieni, te so' caduti ciente milioni 'nterra!

Gennaro  Tu e' inutile ca faje 'o revettiello, ...che tu lo creda o no, siamo miliardari, ...tenimmo quatto miliardi!

Maria       Vattenne buffone!

Gennaro  E va bene, si nun me vuo' credere, domandalo, allora, a Dante Alighieri!

Maria       Ah, l'amico 'e stammatina!

Gennaro¬† Precisamente!¬† Un vero amico, (indica il cielo) sta' lla' 'ncoppa, ‚Äėmparaviso! (Parlando nervosamente ad alta voce) E' un amico leale e sincero, non falso e ipocrita comme 'a vuie e, purtroppo, dice sempe 'a verita', ...sempe, (urlando) sempe!

Grazia      Che bisogno hai di urlare tanto?

Gennaro  Scusate se ho offeso le vostre recchie delicate, ma tu (rivolto a Dante Alighieri) guarda in che condizioni mi hai messo; scusa si m'arraggio, ma sei stato spietato. Si lo so, i quattro miliardi..., e ti ringrazio, ma per quell'altro fatto sei stato crudele. Vedi, non posso ne' piangere, ne' ridere; se rido mi viene da piangere e se piango mi viene da ridere!

Grazia      Ma insomma, papa', il tuo e' un discorso sconclusionato, non ha senso, ...cerca di spiegarti meglio!

Gennaro  Embe', me venesse 'o genio 'e diseredarti... Comunque vuie putite ridere. Quattro miliardi..., una fortuna simile non capita tutti i giorni! (Va all'uscio e guarda fuori).

Grazia      E' cosi' chiaro, lampante, uno che parla con le statue e' ubriaco!

Gennaro  (Rientrando si rivolge a Grazia) Vamme 'a piglia 'nu bicchiere 'e vino!

Grazia      Un altro?

SCENA  V (Bellomondo, Gennaro, Semmenzella Grazia, Maria)

(Sulla battuta di Grazia entra Bellomondo seguito da Semmenzella).

Bellom        Buongiorno e salute a tutti!

Gennaro  Stiamo a posto, sulo chisto 'nce mancava!  (Risponde al saluto)Buongiorno.

Bellom     (Rivolgendosi a Grazia) Scusate, signorina Grazia, non ve ne andate, stateme a senti' 'nu mumento! (Si rivolge a Semmenzella) Tu, levate 'o cappiello!

Semme    Ma io sento friddo e me fa male 'a recchia!

Bellom     E con questo? Non conosci l'educazione? Annanze 'a 'na signora e 'na signurina 'o cappiello adda zumpa'! (Da un colpo al cappello di Semmenzella facendoglielo cadere in terra)

Gennaro  (A parte) A me nun m'ha pensato proprio!

Semme    (Raccoglie il cappello da terra) Va buo', m' 'o levo pe' ve fa' cuntento, si no nun 'a fernite cchiu'! (Si leva il cappello, prende dalla tasca un rosario e recita una preghiera).

Bellom     Don Genna',  io non sono venuto pecche' sono stato chiamato...

Gennaro  E allora che ci siete venuto a fa' ?  (Fa degli scongiuri)

Bellom     So' venuto pecche' vi debbo parlare....

Grazia      Io vado a prendere il vino...

Maria       E aspetta 'nu mumento... Vedimmo che vo'...

Bellom     Signori, io sono di poche parole; voglio bene alla signorina Grazia e' 'a voglio spusa'!

Gennaro  (Guardando moglie e figlia) 'Ndranghete!

Grazia      Ma veramente...

Gennaro  Silenzio! (Rivolgendosi a Bellomunno) Ma spiegatemi 'na cosa, indicando Semmenzella) pecche' ve purtate appriesso 'stu coso?

Semme    (Si guarda intorno, poi rivolgendosi a Gennaro)  Io sarebbe il coso?

Gennaro  Si, tu!

Semme    Gesu', il coso... E che cos'e' sta' cosa?

Gennaro     Uffa'... Questo giovanotto, va bene?

Semme    'Nu poco meglio, ...e che purcaria, ...'o coso, ...sia fatta 'a vulunta' 'e Dio, ...Gesu', Giuseppe e Maria, ...Requiemeterna...

Maria       Uhe', ma che d'e' stu' malaugurio?

Bellom     Semmenze', non e' il caso che fai i ringraziamenti, qua' morti non ce ne stanno!

Semme    P' 'o mumento, ma nun se po' maje sape', ...lassate fa a Dio!

Gennaro  Puozze passa' 'nu guaio, scio', scio'...

Bellom     Don Genna', non 'o date retta, torniamo a noi; come vi dicevo sono innamoratissimo della signorina Grazia e m' 'a voglio spusa'!

Maria       (Guardando Grazia , speranzosa...) Grazie'...

Grazia      (Non risponde, incrocia le braccia e si gira sbuffando)

Maria       Signor Bellomondo, vedete, quella e' timida...

Bellom     L'ho capito. (Va verso Grazia) Signorina Grazia, io vi amo a tal punto che per voi ho anche cambiato look... mi sono vestito di bianco rinnegando cosi' il mio colore preferito, perche' ho capito che il nero non  piaceva.

Semme    Comme s'e' dispiaciuto e ne ha cacciate lacreme!  S'e' calmato solo uando gli ho detto che anche il bianco e' lutto stretto!

Bellom     Ma che vaje dicenno?  Signorina Grazia ho capito che la mia proposta vi ha turbata ...forse anche voi mi amate, ma non siete sicura                 delle mie intenzioni...

Grazia      :  Non e' questo, ...e'...

Bellom     :  No, non continuate, permettetemi solo di recitare dei versi che mi sgorgano dall'animo e che sicuramente faranno breccia nel vostro cuore!

Gennaro  :  (Interrompendo) Bellomo', mo' nun e' 'o mumento!

Maria       :  E non essere scostumato!  Bellomo', dicite, ...a me piaceno assaje 'e poesie! (Disappunto di Gennaro e Grazia)

Bellom     :  (Va' vicino a Maria, le bacia la mano) Grazie, signora!  Dunque, la poesia si chiama: "Io ti ho incontrata a Poggioreale"!

Gennaro  :  Come titolo non c'e' male, sicuramente sara' 'na cosa allegra!

Maria       :  Ma 'a vuo' ferni'?  Cominciate, Bellomondo...

Bellom     :  (Si rischiara la voce) Dunque: Io ti ho incontrata a Poggioreale! (Si ferma, si concentra e poi comincia a declamare)...

Quest'anno il due novembre ti ho incontrato

all'ombra dei cipressi, o mia agognata;

con grande ardore a me ti abbandonasti

e il calore della piu' bella tomba mi donasti!

O dolce diva dei miei sogni casti,

come un funereo giorno nel mio cuore entrasti...

e sapendo ormai che anche tu di questo amore fremi,

ho gia' pronto il tuo bouchet di crisantemi!

Quando giorno verra' del tuo trapasso lassu',

embe', te lo giuro, il piu' bell'esequio lo avrai tu';

una tomba di marmo cipollino erigero'

per il tuo bel corpo che poi tumulero'....

(Al termine di ogni quartina puo' essere previsto qualche lazzo.In alternativa)

(Gennaro ascolta con la mano sulla fronte; Maria segue la recitazione estasiata e Grazia sgomenta.  Bellomondo fa' per continuare ma Gennaro lo ferma.)

Gennaro:    Bella, molto bella, ...ma vuje scrivete a chilometri, figlio mio! ...e' fernuta?

Bellom     :  Veramente continua, ...ma veramente andiamo nell'intimita'  e...preferirei farla sentire solo alla signorina!

Gennaro  :  Ecco bravo, ...qualche giorno vi date appuntamento 'o Campusanto, che so'... mmiez' 'o quadrato e, zumpanno 'a 'na tomba 'a 'nata ce 'a facite senti' tutta quanta!

Bellom        Don Genna', allora che mi rispondete?

Gennaro  :  Che vi devo dire, se 'a guagliona vuole, se si vuole sacrificare, vi dara' un aiuto a dire 'e requiemeternam!

Grazia: Papa', non dire eresie... Io non ho nessuna intenzione di sposarmi,(rivolgendosi a Bellomondo) ...non per voi, per carita', ma sono ancora troppo giovane!

Bellom:    E io aspetto, ...tengo 'a capa tosta, ...e po' 'a speranza nun more maje!

Gennaro  Per lo meno quella nun e' 'na bona cliente!

Bellom     Ma primma 'o poi atterro pure a essa, nun ve preoccupate... Comunque vi saluto al piacere di rivedervi!

Gennaro  (Fa le corna) Il piu' tardi possibile!

Bellom:    I miei servizi a vostra disposizione (Via)

Semme:   ...Come in cielo cosi' in terra... Requiemeterna dona eis domine (Via)

Tutti          Scio', scio'. ciucciuve'.

SCENA  VI            (Gennaro, Grazia, Maria, Michele)

Gennaro  :(Rivolgendosi a Grazia) Allora mi vai a piglia' 'stu bicchiere 'e vino?

Grazia      :(Disgustata) Un altro?  (Via)

Gennaro  :Neh, ma c'ha passato?

Maria       :Genna', sienteme buono...

Gennaro  :Silenzio...

Maria       Uhe', io parlo quanno voglio!

Gennaro  Ho detto silenzio, ...il capo sono io, ...qui comando io, e a chi non le conviene se ne puo' pure andare, ma a calci in culo.  Mi si nega il vino...a me, ...cose 'e pazzi!  Mo 'overamente faccio arrevuta' 'o munno!

Michele:   (Entra da sinistra)

Maria:      (Rivolgendosi a Michele) Ma allora 'overo e pazzo?

Gennaro: Chi ha detto ca so' pazzo?

Maria:      Michele!

Gennaro: Non e' vero, sei stata tu, ti ho sentito!

Maria:      No, t' 'o giuro!

Gennaro: Nun giura', aggio 'ntiso buono; siente Mari' , nun so' pazzo e nun sto' 'mbriaco; sto' 'nu poco 'nzallanuto per la fortuna che abbiamo avuto! Nun so' pazzo, ma si 'o ddice n'ata vota, quanta segge tenimmo dint'a casa, te scasso tutte quante dint'e scianche!

Maria:      Calmate, Gennari' io nun 'o penso manco pe' pazzia'!

Gennar:   Nun e' 'overo! E allora se non mi credi pazzo, perche' non mi domandi cosa ne ho fatto delle 50.000 lire?

Maria:      Ma allora 'overo nun si' pazzo!  E mo' sai che c'e' di nuovo? A pazza 'a facc'io !  Che n'e' fatte d'e  50.000 lire?

Gennaro: (Con calma) Le ho spese!

Maria:      Tutte quante?

Gennaro  :             Tutte quante, e si ne truvavo cchiu' assaie, pure 'e spennevo!

Maria       :             Mariuolo!

Gennaro: (Fa per avventarsi sulla moglie) Mo' t'acciro!

Michele:   (Li divide) Ma 'a vulite ferni', o no' ?  Mo' mi avete scocciato, me ne vaco accussi' facite chello ca vulite, ...vattiteve, accediteve... Io nun ce 'afaccio cchiu'!  Azzoh! (Va via)

Gennaro: Che bella educazione, e' meglio ca me ne vaco pur'io! (si dirige verso la porta dove si scontra con Jack)

SCENA  VII           (Gennaro, Grazia, Maria, Jack, Ciccillo)

(Gennaro sta' per uscire quando si scontra con Jack che sta' entrando)

Jack:        (Entrando) Scuse me, good morning!

Gennaro  :E chisto addo' e' asciuto?

Ciccillo     :(Entrando) E' 'o mio, il mio ultimo investimento, ...me l'aggio accattato ausato 'a mano 'a naso e cane!

Gennaro: (Incredulo) Te l' 'e accattato?

Ciccillo:    Si, quanno s'acchiappa 'nu straniero, uno si offre di fargli da guida e po' se 'o venne al migliore offerente ca ne fa chello ca vo'!

Maria:      E tu che ne vuo' fa'?

Ciccillo:    Sono venuto a proporre a voi l'affare: Jack va truvanno uno ca 'o 'mpara l'italiano! (a Jack) E' 'overo?

Jack:        Wath?

Maria:      (Allarmata) Fuitenne, te vo' vattere!

Ciccillo:    Ma no!  Wath significa " che vuo' ? " (a Jack, lentamente)  Jack look me, tu volere imparare a parlare italiano, e' vero?

Jack:        Oh, italiano, yes!

Maria:      Ma comme te capisce si nun sape l'italiano?

Ciccillo:    Cu 'e straniere, basta ca parlate chianu chianu, chilli ve capiscono!

Gennaro: Si, va bene, ma 'a nuje che vaje truvanno?

Ciccillo:    Ve lo voglio vendere, anzi no, ve 'o voglio affitta'! Chella, Grazia, hastudiato l'inglese e 'o po' 'mpara' a parla' italiano, ...vuje ve pigliate 'amesata e a me me pavate 'o scomodo.

Maria :     Se po' fa'!

Gennaro: Ma quanno maje, ...noi, non ne abbiamo bisogno, siamo miliardari! Vado a comprare il giornale, quanno torno, nun 'o voglio truva'!

Maria:      (Dopo che il marito e' uscito) L'affare mi interessa, ...mo 'o faccio parla' cu' Graziella. Si se quaglia 'o fatto vaje buono pure tu!

Ciccillo:    O kkay!  Io ve 'o lasso, ma nun me 'o mmappuciate! (Rivolto a Jack) Statte bai bai Jack! (Va via)

Maria:      (A Jack, sillabando) Allora caro Gecche, mo vaco a chiamare mai figliema ca te po' 'mpara'  'a parla'  'o ttaliano!

Jack:        Yes, O.K,  'o ttaliano!

Grazia:     (Entra dalla sinistra, ha in mano un bicchiere di vino. Vede Jack, vacilla  colpita dal fascino dell'americano, a stento riesce a posare il bicchiere) Ooh!  Bu... buongiorno!

Jack:        Good morrning!

Grazia:     (Estasiata) Mo... morning!

Jack:        Do you speack Inglish?

Grazia:     Yes, i do!

Maria:      Neh, Grazie'!

Grazia:     Mamma', quanto e' bello, ...ma chi e'?

Maria :     L'ha purtato Ciccillo, E' uno ca se vo' 'mpara' a parla' l'italiano.

Grazia:     (Pavoneggiandosi) Ed ha scelto proprio la persona giusta! (A Jack) Well, My name is Grazia end your?

Jack:        Jack!  And i am very happy to meet you! (Le va vicino e le bacia la mano)

Maria:      Vuo' vede ca qua se quaglia 'nu fatto cchiu' importante. Grazie'!

Grazia:     Mamma', fammi lavorare!

Maria:      Alla faccia del miccio e comme s'e' appicciata!

Jack:        (A Grazia) You are very fine!

Maria:      Venne 'e fave?  Grazie', fa' 'o parulano?

Grazia:     Ma ti stai un po' zitta?  Ha deto che sono molto bella!

Maria:      Ma comme parla chisto!

Grazia:     (Con freddezza) Inglese!

Maria:      Ah gia'!  (Lentamente, rivolta a Jack) Voi avere molto buon gosto!

Jack:        (Strillando) Bongusto?  Oh yes!  I know Bongusto.  (Canta) Frida, t'aggio voluto bene, ma doppo tantu bene, te si scurdata e me...

Grazia:     (Lo interrompe) No Jack, you don't  undestand, (Traduce) hai capito      male (Gli prende la mano)  My mater tell that also you are very fine! (Alla mamma) Gli ho detto che anche lui e' bello!

Jack:        Oh well, thank you, tank you!

Maria:      Grazie', liquida lo straniero ca si torna papa' accuminciammo n'ata opera 'e pupe!

Jack:        (A Grazia) Oh yes, you are pupata!

Maria:      'E capito 'o mericano?

Grazia:     (A Jack) Well, you come back (come a tradurre per le mamma) Tornare,  tomorrow, ...domani and we begine...

Maria:      'A begine? Te vuo mettere a balla' 'a begine?

Grazia:     No, 'o tango!

Maria:      E te pare 'o mumento?

Grazia:     Cerca di non dire cretinate!  Begin significa iniziamo, iniziamo le lezioni di italiano!

Maria:      Tu parli 'e pressa ed io non ti capisco!

Grazia      :             (A Jack) And tomorrow we begine italian lesson!  Ok?

Jack:        Ok!  Ok my dear,  tomorrow we begine, good bye!(Va via)

Maria:      (Piange)

Grazia:     Perche' piangi?

Maria:      Mo te spuse 'o mericano e te ne vai lontano in una terra straniera!

Grazia:     Come corri! (Sospira) Ah, ci siamo appena conosciuti!

SCENA  VIII          (Gennaro, Grazia, Maria, Michele)

Michele:   (Dal fondo) Dove sta' papa'?

Maria:      E' andato a comprare il giornale!  'E visto figliu mio?  si nun 'nce stive tu me affugava!

Michele:   A questo punto pure io penso che e' pazzo!

Maria:      (Vedendo Gennaro che rientra) Zitto, pe' carita', sta' venenno!

Gennaro: E pensa' che sta' femmena s'adda gode' 'e denare mieje; ma non si puo' mai sapere. Puo' darsi che Dante abbia scherzato, e fra poco lo sapremo; se i numeri non escono, ha pazziato e se no fra otto mesi...

Michele:   Che succedera' fra otto mesi?

Gennaro: Una cosa spaventosa, spaventosa... (torna verso la strada)

Maria:      (A Michele che sta andando verso il padre) Statte vicino a me', ...nun me lassa', me fa paura!

Grazia:     Non mi fai pieta', e' colpa tua, gliele hai date sempre vinte tutte!

Maria:      Si, ma nun e' maje arrivato a chesto, ...me steva accedenno!

Grazia:     A questo punto io temo per l'incolumita' di tutti! (Si gira e vede il padre    sull'uscio) Facciamo attenzione, ci sta' guardando, (rivolta al padre, prende il bicchiere con il vino e glielo porge) papa' ti ho portato il vino.

Gennaro: (Entra) Grazie!  (Beve) Questa e' l'ultima volta che servi tuo padre.

Grazia:     (Accomodante) Certo papa', come vuoi tu'!

Gennaro: Tra qualche giorno assumeremo maggiordomo, cameriere, cuoco...

Grazia:     Certo, papa', certo...

Gennaro: Cambieremo casa, compreremo vestiti nuovi, sostituiremo tutti i vecchi mobili e me voglio accatta sulo pe' me 'na macchina longa longa, con radio,televisione, telefono, bar, servizi igienici e... (con voce rotta dal pianto) sarete tutti felici.

Grazia:     Anche tu, papa', sarai felice!

Gennaro: Io no, saro' l'uomo piu' infelice del mondo!

Maria:      Mo accummencia 'a litania n'ata vota!

Gennaro: Che staje murmurianno?

Maria:      Niente, dicevo a Michele che con quelle 50.000 lire 'o vulevo accatta' 'na cammisa nova!

Gennaro: E io invece ho comprato qualcosa di meglio!

Maria:      E se capisce, tu sei un commerciante nato, ...e che e' accattato?

Gennaro: Quattro miliardi!

Maria:      Ah, 'e fatto 'n'affare!  E da chi li hai comprati?

Gennaro: Dal governo!  ...cioe', ho giocato al bancolotto 50.000 lire 'ncopp' 'a na quaterna, …...80.000 volte la posta fanno 4 miliardi!

Maria:      Pecche', 'a 'straziona gia' e' asciuta?  so' asciuti 'e nummeri?

Gennaro: No, ma e' solo una formalita'; i numeri usciranno! Stanotte me so sunnato ca stevo 'ncielo...

Maria:      E ce putive rumane'...

Gennaro: Non mi interrompere, ...dunque, stevo 'ncielo passianno 'ncopp'e nuvole, quanno m'e' venuto 'nu signore 'ncontro; era alto, sicco, cu 'o naso a pappavallo e 'nu mantello russo.

Grazia:     E chi era?

Maria:      E nun 'e capito?  Era l'amico suo, ...Dante Alighieri!

Gennaro: La tua intelligenza sfiora la mostruosita'! Brava! ...Dante Alighieri, amico mio da tanti anni! Al principio non l'avevo riconosciuto, ma poi non ho avuto dubbi; ci siamo abbracciati, baciati e poi lui mi ha portato in una strada dove c'erano tanti lumini accesi, poi mi ha detto :"Gennaro, tu sei uno dei pochi che si ricordano di me; giorni fa ho visto in casa tua il mio busto, significa che mi sei devoto ed io voglio ricompensarti: Gennaro, guarda.cosa c'e' scritto su quel muro..."

Grazia:     (Interessata) Cosa c'era scritto?

Gennaro: Il mio nome e sotto quattro numeri. Allora io gli ho chiesto chi aveva scritto chilli quatte nummeri sotto 'o nome mio e lui mi ha risposto: "Il destino! Gennaro, gioca quei quattro numeri sulla ruota di Napoli e diventerai ricco!"

Maria:      Aggio refuso 50.000 lire!

Gennaro: La tua venalita' fa schifo!

Grazia:     Mamma', fallo continuare!

Maria:      Continua!

Gennaro: M'ha fatto 'a grazia!         Allora a questo punto ho ringraziato Dante e gli ho chiesto che significavano chilli quatto nummeri, ma isso nun m'ha risposto, ...m'ha pigliato 'a mano e m'ha strignuta forte... Allora io ce l'aggio chiesto n'ata vota...

Maria:      E isso?

SCENA  IX            (Carolina, Maria, Gennaro, Michele, Grazia)

Carol:       (Entrando) Nhe', ma ch' e' succiesso, me parite tante mummie!

Maria:      E' succiesso che il mio signor marito, s'ha jucato 50.000 lire 'o bancolotto 'ncopp' 'a quatte nummere!

Carol:       50.000 lire 'ncopp' 'a quatto nummere? ...e 'ncopp'all'ambo e 'o terno?

Maria:      Niente!  Quaterna secca!

Carol:       Aggio capito mo'  'o fatto d' 'e quattro miliardi!

Maria:      (Con sfotto') Ce li da' il governo!

Gennaro: E' inutile che faje 'a spiritosa...¬† Miche', mettiti sulla porta e appena vide a Ciccillo, 'o figlio ‚Äėe Carulina, dimmello; aggio 'ncaricato 'a isso 'e me purta' 'a straziona!

Michele:   (Con rassegnazione) Va buono!  (Si posiziona sull'uscio)

Carol:       Che nummeri avite giucato?

Gennaro: 8, 13, 52 e 90.

Carol:       'E nummeri so' buoni, ...chi ve li ha dati?

Maria:      Che domanda!  Il suo amico; Dante Alighieri, ...l' 'e ghiuto 'nzuonno stanotte!

Gennaro: A me Dante ha sempre detto 'a verita'...  Qualche anno fa' me dicette che avrei avuto una grande gioia; embe', tre giorni dopo murette 'o prevete ca me spusaje cu sta' sanguetta!

Michele:   (Dall'uscio) Papa', sta venenno Ciccillo!

Gennaro: Sta' allegro?

Michele:   E' ancora troppo lontano!

Gennaro: Comme cammina?

Michele:   Cu 'e gambe!

Gennaro: Cretino, corre 'o va chiano?

Michele:   Corre comme si fosse secutato 'a 'nu cane!

Gennaro: Aggio vinciuto... Caruli', dateme 'na seggia! (Carolina gli porge una sedia)

Michele:   Papa'...

Gennaro: Ch'e' stato?

Michele:   S'e' fermato!

Gennaro: Puozze jtta' 'o sango... Me fa' veni' 'na mossa!

Grazia:     (Che e' andata sull'uscio pure lei) Sta parlando col barbiere, gli fa vedere un foglio bianco!

Gennaro: E' quello che gli ho dato pe' scrivere 'a straziona, ...sta' sempe fermo?

Grazia:     Si, ora parla col panettiere, gesticola come un pazzo!

Gennaro: (Mesto) Ho vinto... ho vinto...

SCENA  X             (Michele, Grazia, Ciccillo, Maria, Gennaro, Carolina)

Michele e Grazia : (Chiamano insieme) Ciccillo...

Ciccillo:    (Da fuori) Ha vinciuto..., ha vinciuto...

Michele e Grazia : (Rientrano e vanno vicino al padre)

Grazia:     Hai vinto papa'...

Maria:      (Sentendosi mancare) Ma allora...

Gennaro: Nun ha pazziato, Dante nun ha pazziato... (sviene).

Ciccillo:    (Entra, tutti gli vanno incontro) So' asciute tutt' 'e  quatto, guardate, ca 'nce sta' 'a straziona!

Grazia:     Famme vede', (leggendo) 8... 13... 52... 90.

Michele:   Quattro miliardi!

Grazia:     Siamo miliardari (si abbracciano contenti)

Maria::     Cicci', ma tu avisse sbagliato?

Ciccillo:    State a pensiero sicuro, me l'ha scritto 'o pustiere, ...don Ignazio in persona!

Michele:   Ma papa' addo' sta'?

Ciccillo:    E' svenuto, ...sarra' stata 'a cuntentezza!

Carol:       Grazie', va a piglia' 'nu poco d'aceto! (Grazia esce).

Michele:   Ma che sarra'?

Carol:       Niente, sarra' stata l'emozione!

Grazia:     (Entra con l'aceto)  Ecco l'aceto!

Maria:      Dammello a me (lo mette sotto il naso di Gennaro)

Gennaro: (Riapre gli occhi) ...Addo' stongo?

Maria:      Vicino alla tua mogliettina adorata, amore mio...

Gennaro :               Tu lievete 'a vicino a me, si no t'affogo 'overamente! (A Ciccillo) Allora,           tutt' 'e quattro?

Ciccillo:    Tutt' 'e quattro, site cuntento?

Gennaro: (Sembra gioire, ma poi disperato...) No, nun so' cuntento... nun pozzo    essere cuntento!

Grazia:     Ma pecche' papa'? pensa, hai vinto quattro miliardi!

Gennaro: Io non posso essere contento come voi!

Tutti:         Perche'?

Gennaro: Perche' non vi ho detto ancora comme fernesce 'o suonno! Sapete che mi ha risposto Dante quando gli ho chiesto il significato dei quattro numeri sotto 'o nomme mio?

Tutti:         No!

Gennaro: Mi ha risposto: "Gennaro, quei quattro numeri sono la data della tua morte!"

Maria:      La data della tua morte? E pecche' 8... 13... 52...e 90?

Gennaro: Io moriro' fra otto mesi, alle 13, all'eta' di 52 anni, 90 giorni dopo il mio compleanno. E se Dante ha 'ngarrato 'e nummeri, ha 'ngarrato pure 'o riesto!

Maria:      Allora fra otto mesi, saro' vedova e ricca?

Gennaro: (Furente d'odio) Guarda comme s'arrecrea! Gia', vedova e ricca!

Maria:      Gennari', pensa 'a salute!

Gennaro: (Cerca di assalirla, Maria se ne fugge, Michele e Ciccillo lo trattengono, Grazia va verso la madre) Nun me mantenite, nun 'a faccio niente, ..l'acciro  sulamente!

Jack:          (Entra in scena, vedendo il movimento che c'e' sulla scena, pensa che stanno ballando e si mette a cantare)

B U I O    E    S I P A R I O.


A T T O    SECONDO

(Musica che sfuma man mano che il sipario si apre. Le luci vanno man mano in assolvenza fino a raggiungere la massima intensita' a sipario aperto)

(Scena: salotto elegante in casa di Gennaro a Napoli. In fondo la comune. A destra un'altra porta. Davanti al busto di Dante, che e' situato sopra un mobiletto, un lumino acceso)

SCENA  I                               (Michele, Grazia, Giovanni, Titina, Gennaro, Musicanti)

(All'alzarsi del sipario sono in scena  Michele e Grazia che stanno sistemando dei festoni, Titina che li sta aiutando e Maria che cerca di dirigere l'azione)

Maria       :  (Al figlio) Un poco piu' in coppa!

Michele    :  (Sfottente) Piu' in coppa?  Agli ordino! (Ride)  Ecco fatto, tutto e' prontoper la festa!

Giovanni  :  (Entra dalla comune con una torta in mano; sulla torta vi sono delle candeline spente) Hanno portato anche la torta!

Grazia      :  Mettetela sul tavolo!

Maria       :  Il concertino e' arrivato?

Giovanni  :  I maestri d'orchestra stanno sotto casa pronti ad eseguire la canzone   augurale ad un mio cenno!

Michele    :  Zitti! Hanno aperto la porta! (Va sulla comune) E' papa', accendete le candeline e spegnete la luce!

(Giovanni accende le candeline e Grazia spegne la luce. La scena, oltre che dalle candeline e' illuminata da un cono di luce che inquadra la torta)

Gennaro  :  (Entra dalla comune) E che d'e' 'stu campusanto?

Tutti          :  (Applaudono e cantano) Tanti auguri a te, Tanti auguri a te...

Grazia      :  Spegni le candeline papa', spegni...

Gennaro  :  Ma...

Michele    :  Dai, non farti pregare ( Lo prende sottobraccio e lo porta vicino alla torta; anche gli altri si avvicinano)

Maria       :  Su caro, fai lo stuta cannele!

Gennaro  :  (Sta per replicare)

Tutti          :  Spegni, spegni, spegni!

Gennaro  :  (Rassegnato, spegne le candeline)

Tutti          :  (Applaudono)

Grazia      :  (Accende la luce)

Giovanni¬† :¬† (Va al proscenio, fa un cenno con la mano; dal fondo della sala escono i¬† musicisti che, cantando ‚ÄúCU TUTTO ‚ÄėO CORE augurale, salgono sul palcoscenico).

CU TUTTO ‚ÄėO CORE

(Testo e musica di Umberto Castaldi)

‚ÄėNu juorno accuss√¨ bello ogge √® schiarato,

e nuje venimmo a farve ‚Äėa serenata,

pecch√© ve avimmo a di‚Äô cu tutto ‚Äėo core

‚ÄúCiento ‚Äėe ‚Äėsti juorne cu‚Äô salute e ammore‚ÄĚ

Ciento ‚Äėe ‚Äėsti juorne avimmo ‚Äėa festeggi√†

e¬† nuje ‚Äėnziemecu¬† te, ce avimmo arricri√†;

ciento ‚Äėe sti juorne senza maje suffr√¨

e senza maje pensà ca tu ce può lassà!

E dopo aver cantato ‚Äėa serenata,

‚Äėa voce in verit√† s‚Äô√® un po‚Äô abbrucata,

ma se l’augurio è stato assai gradito

facce brindà cu’ te, dicenno ancora:

Ciento ‚Äėe ‚Äėsti joune senza maje suffr√¨

E senza maje pensà, ca tu ce può lassà!

 

(Alla fine della canzone tutti applaudono e, tra baci ed abbracci,rinnovano gli auguri a Gennaro)

Music       :  Don Genna', insieme al mio complesso artistico, radiofonico e televisivo "I POSTEGGIATORI DEL GOLFO", vi porgo gli auguri felicissimi di noi tutti, anche a nome dei vostri familiari: la ricorrenza del vostro compleanno e' per tutti un giorno di festa!

Gennaro  :  (Visibilmente commosso) Non quanto quello della mia morte!

Michele    :  Ma ora offriamo qualcosa a questi amici e facciamo un brindisi  augurando lunga vita a papa'!

Maria       :  (Sospirando) Miche', il destino e' destino!

Gennaro  :  Quanto me vo' bene chesta!

Giovanni  :  (Ha tagliato la torta, la ha distribuita e riempito i bicchieri per il brindisi)

Michele    :  (Alza il bicchiere) Brindiamo... Auguri, papa'!

                   (Tutti brindano)

Gennaro  :  Grazie, grazie! (da dei soldi ai musicisti) Per il vostro disturbo!

Music       :  Ma quale disturbo, e' stato un vero piacere.  Jammucenne guagliu'! (Escono accompagnati da Giovanni e Titina)

Gennaro  :  E cosi' e' cominciato il conto alla rovescia: meno novanta!

Maria       : Sperammo ca passano ambresso!

Gennaro  :  Accussi' te lieve 'o pisemo 'a coppa 'o stommaco!

Maria¬†¬†¬†¬†¬†¬† :¬† Nossignore! Accussi' vide ca nun succede niente, te lieve 'o pensiero e ‚Äėa fernisce e 'nce turtura'!

Michele    :  Mo' accuminciate n'ata vota?  E meglio ca me ne vaco a  fatica', io me ne vaco, (Via)

Grazia      :  E pure io, uffa'!  Vado a ritemprarmi con una partita di tennis!

Gennaro  :  (A Maria) E tu?  Rimani per la veglia all'agonia?

Maria       :  No! Me vaco a cucca' e spero e me sceta' fra 91 juorne! (Via)

Gennaro  :  Nun te sceta' proprio cchiu'!  E' l'ultimo desiderio di un condannato a morte, nun me 'o puo' nega'!

 

SCENA II (Gennaro, Giovanni, Bellomondo, Semmenzella)

Giovanni  :  (Dalla comune) Il signor Bellomondo ed il suo aiutante!

Gennaro  :  Fai entrare!

Giovanni  :  Bene signore!  (Rivolgendosi ai due) Prego accomodatevi!

Bellom     :  (Entra dalla comune seguito da Semmenzella) Caro don Gennaro, buongiorno auguri e salute!

Semme    :  Ancora per novanta giorni.  Requiem eternam...!

Gennaro  :  Grazie dell'augurio disinteressato,  accomodatevi!  (Bellomondo e Semmenzella vanno a sedersi sul divano, Gennaro prende posto su di una sedia)

Bellom     : Don Genna', se Dante Alighieri ha ditto 'a verita', allora va a ferni' ca 'overo 'a n'ati tre mise ve ne jate oll'aria 'e Cardone... E' 'overo Semmenze'?

Semme    :  E io chesto sto' aspettanno... M'aggio accatta' 'na coppola nera e 'na cravatta!

Gennaro  :  E aspiette a me ca.. (fa segno con le dita di morire) Bellomo', se Dante ha ditto 'a verita', prima di andarmene voglio sistema' buono 'e cose, voglio accummincia' 'a ll'esequio!  Te cunosco 'a tantu tiempo... e po' pe te fa scurda' ca mia figlia nun t'ha vuluto, . voglio essere fatto 'ofunerale 'a te!

Bellom     :  Onore e piacere, don Genna', vi ringrazio!  E per dimostrarvi ca nun me so' pigliato collera, per il rifiuto da parte di vostra figlia, e ca vi porto comunque eterna riconoscenza, permettetemi di recitarvi dei versi che ho composto pensando a voi!

Gennaro  :  Bellomo' ti ringrazio, ma nun tengo genio!

Bellom     :  (Si imbroncia)

Semme    :  Don Genna', nun facite accussi'... Mo' site vuje ca 'o facite piglia' collera, e va a ferni' ca ve fa' l'esequio malamente!

Gennaro  :  (Rassegnato) E va' bene, ma fa' ambresso!

Bellom     :  (Rinfrancato)  Grazie,  don Genna'! Dunque s'intitola:  "Non fa' piu' pu...  pu..."

Gennaro  :  E dalle 'na purga!  Ne' Bellomo'!

Semme    :  Non interrompete, don Genna, sentite com'e' bella!

Gennaro  :  (Sospira rassegnato)

Bellom     :  (Si concentra, si rischiara la voce) Non fa' piu' pu' pu', pu' pu'!

Quando nell'ora piu' gioconda

te ne andrai sull'altra sponda,

il gufo cantera' la sua canzone

e tu  proverai grande emozione!

Nel mentre piano salirai lassu'

il tuo cuore non fa piu' pu'... pu'...

E sai perche' non hai toccato il fondo?

Perche' l'esequio te l'ha fatto Bellomondo!

(finita la declamazione, si rivolge a Gennaro) Che ve ne pare, don Genna'?

Gennaro  :  (Con sfotto') Bravo Bellomondo, ...dei versi brevi, ma pieni di sentimento! Il tuo lavoro lo fai con passione, percio' voglio essere fatto l'esequio 'a te!

Bellom     :  Grazie, don Genna', ...Semmenze', ringrazia anche tu!

Semme    :  Frisco all'anima vosta...

Gennaro  :  E famme primmo muri'!

Semme    :  Don Genna', pe' mme e' comme si fusseve gia' muorto! Io gia' ve veco,bello, chiatto chiatto, stiso dint' 'o tavuto! Mi dovete credere, io muorti simpatici comme 'a vuje n'aggio visti pochi! ...Requiemeternam!

Gennaro  :  Semmenze', si nun 'a fernisce, te scasso 'na seggia 'ncapo e te faccio avvia' lla' 'ncoppa a me aspetta'!

Bellom     :  Don Genna', perdonatelo, chillo nun capisce niente, sulo 'e muorte; comunque stateve senza penzieri, perche' io quanta muorti aggio atterrato...

Semme    :  ...maje nisciuno s'e' lagnato!

Gennaro  :  E ce credo!

Bellom     :  Vorrei, con l'occasione, elencarvi alcune delle nostre offerte promozionali!

Semme    :  (Caccia un volantino) Cominciamo dalle corone...

Bellom     :  (Parla come un imbonitore) Prendi tre e paghi due, tutte con fiori di prima scelta della riviera ligure!

Semme    :  Ed ora le casse...

Bellom     :  ...in acero bianco o noce di massonia al prezzo stracciato di un comune palisandro!

Semme    :  Ed ora il tocco di classe: i carri!

Bellom     :  Abbiamo quelli tradizionali con borchie d'argento, angeli intarsiati, trainati da sei a dieci cavalli olandesi castrati!

Gennaro  :  E pecche' castrati?

Semme    :  Pecche' si passa una cavalla e sentono l'odore della femmina, si possono eccitare e invece di un funerale facimmo 'nu film a luce rosse!

Gennaro  :  Ma cheste so' cose 'e ll'atu munno!

Bellom     :  Se preferite possiamo usare delle modernissime Mercedes o Volvo, da bleu notte a grigio metallizzato, tutte ad iniezione elettronica!

Gennaro  :  ...Pe quanto me ne 'mporta!

Bellom     :  E dulcis in fundo, tutta la nostra esperienza, tutto il nostro servizio extra lusso, tutto il comfort per il defunto ed i suoi familiari, con uno sconto del 50% sul listino speciale per i grossisti! (A Gennaro) Che ne dite?

Semme    :  Site cuntento?

Gennaro  :  (E' frastornato, non sa' cosa dire) ...me 'o facite 'nu piacere?

Bellom     :  E potrei mai negarvi qualche cosa?  Dite!

Gennaro  :  Jate a fa' nc.....

Semme    :  Neh, don Genna'!

Bellom     :  Lascia perdere Semmenze'!  Comunque don Genna', lassate fa  'a me!Ve faccio 'na bella pompa...

Gennaro  :  ...na pompa?

Bellom     :  'Na bella pompa funebre!

Gennaro  :  Ah 'mbe'!

Bellom     :  'Na bella pompa funebre cu 'nu bellu carro 'e primma classe con cristalli lucenti, borchie d'argento e lampioni...

Gennaro  :  Colorati!

Semme    :  'E lampiune colorati?

Gennaro  :  Eh!  'E voglio celesti!

Bellom     :  Accussi' 'o pigliano pe' 'o carro 'e Piererotta!  Dunque stavo dicendo: 'nu bellu carro...

Gennaro  :  Cu nu tiro 'e sidice cavalli!

Semme    :  Esce 'a cavalleria!

Bellom     :  Faciteme fa' a mme! Sei morelli abbrigliati e guarniti a quel dio biondo! E pennacchie 'e vulite?

Gennaro  :  E chilli 'nce vonno!

Bellom     :  E se sape! 'E metto 'ncopp' 'e testiere de' cavalli, po' appriesso 'na bella carrozza 'e rispetto!

Gennaro  :  Nun 'a voglio, io nun rispetto 'a nisciuno!

Bellom     :  Ma 'a carrozza 'nce vo', ...per i familiari, vostra figlia, 'o figlio vuosto, ...la vedova: vostra moglie!

Gennaro  :  Si, hai ragione, ma si vene mia moglie, nun te scurda' 'e pennacchie!

Semme    :  Nun dubitate, vuje pensate sulo a muri'!

Gennaro  :  E tu pienze a gghitta' 'o veleno!

Bellom     :  Don Genna', lasciate perdere... Piuttosto diteme quanno v'aggio 'a manna' a piglia' 'e misure p' 'a cascia... Anzi, Semmenze', pigliacelle mo'!

Semme    :  (Va verso Gennaro, caccia il metro e gli prende le misure) Bellomo' scrivete...

Bellom     :  (Caccia un notes e scrive)

Semme    :  ...altezza 1 e 50...

Gennaro  :  E che d'e' me so arrugnato?

Bellom     :  Semmenze', 'a capa 'nce 'a tagliammo?

Semme    :  Ah, si, scusate. Ah, aggiungete 25..., larghezza, ahe'..., (si gira verso   Bellomondo) Bellomo', modello dadaumpa?

Bellom     :  Non c'e' bisogno!

Gennaro  :  E chede' stu' dadaumpa?

Bellom     :  Modello dadaumpa (mima una gobba).

Gennaro  :  'A cascia cu 'o scartiello?

Bellom     :  No, e pe chilli che teneno 'a panza, don Genna'!

Semme    :  Eh!

Gennaro  :  Basta, 'e misure m' 'e piglie n'ata vota!  Nce sta' tiempo, ...comme ha ditto isso (mostra Dante) adda succedere tra tre mise all'una!

Bellom     :  (Scrivendo) Ore tredici!  Cose 'e pazze!  Oggi si muore per appuntamento, sia fatta 'a vulunta' e...

Gennaro  :  ...Dante Alighieri!

Semme    :  'O fatto 'e l'appuntamento e' 'na cosa bbona pe' nuje, nun ve pare Bellomo'? Ah si se putesse prugamma' 'a fatica!

Bellom     :  Ma statte zitto... Beh, speriamo ca s'e' sbagliato, ma nun credo, st'uommene lloco sanno chello ca diceno!

Gennaro  :  Allora, Bellomo', t'arraccumanno...

Bellom     :  Da oggi a 90 giorni precisi, 'npont'all'una, vengo cu 'e schiattamuorte, ve porto 4 candelabri e 'na bella croce!

SCENA  III                             (Gennaro, Bellomondo, Semmenzella,Titina, Dottore)

Titina        :  (Dal fondo) Don Genna' 'nce sta' 'o duttore!

Bellom     :  "O duttore? ...(con rimprovero) don Genna', ve la fate con la concorrenza?

Gennaro  :  (Quasi scusandosi) Sapete, non vorrei lasciare nulla di intentato...

Semme    :  E nun sta' bene, ...Che ne parlammo a fa', primma (mimando quanto hadetto Gennaro in precedenza) ...te cunosco 'a tantu tiempo, ...me 'a fa'     tu l’esequio, (rivolgendosi di nuovo a Gennaro)...ci fate illudere, mentre tramate alle nostre spalle!  Vergognatevi!

Gennaro  :  Ma chisto e' scemo 'overo!

Bellom     :  E no, scusate!  E' vero ca mo state in uno stato, come dire, un po' confusionale, ma Semmenzella mo' ave ragione; se vi fate assistere da un medico, puo' pure darsi ca 'o fatto nun succede e l'affare se ne va' 'nfumo!

Gennaro  :  (Quasi piangendo) Ma chisti me tirano 'e piede!

Semme    :  Ma chi e' 'o duttore?

Gennaro  :  (Rivolgendosi a Titina) Ma chi e' venuto?

Titina        :  Il dottor Noncescampo!

Bellom     :  E allora stammo a posto!  E' un'ottimo collaboratore: tutti i suoi pazienti, primma o poi passano alle nostre cure!

Semme    :  ... non ci fa' mancare il pane quotidiano!

Bellom     :  Jammucenne Semmenze', ...sia fatta a vulunta'...

Semme e Bellom  : (insieme) ...'e Gesu' e Maria! (Via dal fondo).

Gennaro  :  S'e' sciugliuto 'o curteo, ...(a Titina) fai entrare il dottore (Titina esce da dove e' entrata).  Ma vedite 'nu pover'ommo c'adda passa'!

Dottore     :  Buongiorno, don Gennaro, Vi vedo un po' agitato stamattina!

Gennaro  :  Colpa di due... Amici che m'hanno fatto sagli' 'o sango 'ncapo!

Dottore     :  Calmatevi, nel migliore dei casi, potreste avere un ictus... ma non preoccupatevi perche' ho un metodo particolare per curarli!

Gennaro  :  Cerchiamo di evitarlo!  P' 'o  mumento misuratemi 'a pressione!

Dottore     :  (Gli mette il bracciale e gonfia molto)

Gennaro  :  (Lamentandosi) Chiano, chiano, me state struzzanno 'o braccio!

Dottore     :  Brutto segno... E' chiaro che vi e' un difetto di circolazione.  Opterei per una diagnosi di stenosi con incipiente angina periferica!

Gennaro  :  (Tra se') Sicuro chesta sta' abbaccata cu' Bellomondo. (Rivolto aldottore) Ma la pressione quant'e'?

Dottore     :  Ae', se se... facile a dirsi... Ci vorrebbe un consulto! I valori sono 80 e 150! Resta da stabilire qual'e' la minima e quale la massima, perche' se la minima e' 150 e' alta e se la massima e' 80 e' bassa...

Gennaro  :  (Congestionato) Ma a quale universita' vi siete laureato?

Dottore     :  (Con orgoglio) Con il massimo dei voti alla Sapienza di Roma!

Gennaro  :  E nun sapiete proprio niente!

Dottore     :  Ma...

Gennaro  :  Jatevenne!

Dottore     :  Scostumato! (Via)

Gennaro  :  Mo' aggio capito pecche' Bellomondo se arricreava... (Rivolgendosi a             Dante) 'E visto che m'e' fatto?  Ah, tengo n'ati 90 jurne 'e tiempo? E allora saje che faccio?  Me vaco a fa' n'atu litro 'e vino alla faccia tua! (Via per la comune)

SCENA  IV (Giovanni, Titina, Maria)

Giovanni  :  (Entra seguito da Titina) E chi s' 'o credeva che un giorno dovevo andare a servizio dint' 'a 'na casa 'e pezzienti sagliute!  Signori si nasce, mia cara, e i padroni nuoste, so' tutta n'ata cosa!

Titina        :  Ma che te lamienti a fa', nun so' comme dice tu, ma teneno 'o core bbuono!

Giovanni  :  Questo e' vero, ma vedi, mia cara, io sono abituato a lavorare in case signorili.

Titina        :  E allora vattenne!

Giovanni  :  E addo'?  Fatica nun se ne trova, e io m'aggio 'a da' 'e pizzeche ncopp' 'a panza! Quello ca nun supporto, pero', e' che  a don Gennaro nun le va niente buono 'e chello ca faccio e dico...

Titina        :  Colpa tua, io che te dicette quanno venisti dinto 'a sta' casa?: "Con la signora puo' parla' strevezo comme parli tu', ma con don Gennaro devi essere piu' alla buona"  tu invece faje 'e capa toja e chillo se' 'nquarta!

Giovanni  :  Cheste so' cose 'e pazzi! Io ho sempre avuto a che fare con i signori veri e quindi parlo di conseguenza!

Titina        :Siente, io t'aggio avvisato! Comunque, te voglio dicere ca proprio aiere don Gennaro diceva alla signora che a tene' pure 'o cameriere e' proprio un'esagerazione! Va a ferni' ca te ne manna!

Gennaro  :E me leva 'nu pisemo a coppa 'o stommaco! (Spolvera il busto di Dante)

Titina        :Statte accorto a nun stuta' 'o lumino a Dante... 'O ssaje 'a signora          quanno ce tene e si 'o stute, va a ferni' ca te ne caccia cchiu' ambresso e senza  'na lira!  L'angiolo tutelaro, comme dice 'a signora, adda tene' sempe 'o lumino appicciato!

Giovanni  :E se sape! L'ha fatto chillu piacere: l'ha fatto truva' chilli quattro denari 'nterra... e' logico che lo consideri l'angelo tutelaro!

Maria       (Entrando) Chi ha aperto il telaro?

Giovanni  Nessuno, signora, stavo dicendo che il lumino deve stare acceso tutte le ore!

Maria:      Bravo Giovanni, ricuordatello sempe! (Cambiando tono) Mio marito e'rintanato?

Titina:       (A parte) Sta' ancora dint' 'a cajola!

Giovanni: (Trattiene a stento la risata) Non ancora signora. Se vuole appena rincasa l'avvisero'!

Maria       :Grazie. (Rivolgendosi a Titina) E la signorina?

Titina        :E' andata a giocare a tennis!

Maria       :A piedi o con la lancia?

Giovanni  :(In disparte) Cu l'arco e 'e frecce!

Titina        :A piedi, signora!

Maria       :Sola, o con un signore straniero di fuori?

Titina        :E' uscita sola, signora!

Maria       :Bene, non mi servite piu'... fate la ritirata entrambi due!

Giovanni  :Ce ne jammo a Caporetto. ...Con permesso signora...

Titina        :Come vuole la signora...

Maria       :E tenete pronto il te!

Titina        Va bene signora! (Va via)

SCENA   V                             (Giovanni, Titina, Maria, Gennaro)

Giovanni  :(Giovanni  sta  per uscire quando entra Gennaro, si inchina) Signore...

Gennaro  :Ch' e' stato, hai perso qualcosa?

Giovanni  :No, signore...

Gennaro  :E aiza 'a capa, si no ti esce 'o sango p' 'o naso!

Giovanni  :Mi inchinavo per salutarla!

Gennaro  :Ne puo' fa a meno: aiza sta' capa!  Fa 'nu calore ca nun se po' respira' tu te miette a fa' pure 'a ginnastica?

Giovanni  :(Avvicinandosi a Gennaro) Permette signore?

Gennaro  :Che vuo'?

Giovanni  :Il cappello signore!

Gennaro  :E pecche' te pigli tanta cunferenza?  Come ti permetti di chiedere!

Giovanni  :Il signore non ha capito....

Gennaro  :Ho capito ca vuo' essere regalato 'o cappiello, ...questo e' nuovo, l'aggio           accattato aiere, te ne daro' un altro!

Giovanni  :C'e' stato un malinteso, signore... Poiche' fa caldo le consigliavo di togliersi il cappello!

Gennaro  :Ah, ho capito (si toglie il cappello e lo porge a Giovanni).  Giova', me putisse fa' 'nu piacere?

Giovanni  :Certo signore, e' mio dovere!

Gennaro  :Quanno staje ccu mme', parla comme t'ha fatto mammeta!

Maria       :Che sono questi motteggi?

Gennaro  :Ah, qua' sta' anche la signora, ...buonasera signora... (rivolgendosi aGiovanni) Hai capito?

Giovanni  :Lei si e' spiegato benissimo signore, ma nelle case dove ho servito, prima di avere l'onore di essere al suo servizio, si parlava in italiano!

Gennaro  :Pecche', io parlo turco?

Giovanni  :No, signore, ma...

Gennaro  :  La gente comme a nuje, deve parlare in modo semplice, e non difficilecomme a te e alla mia nobile consorte, si no se fa a figura de pezziente sagliute!

Titina        :  (Entra in scena, spolvera qualche mobile)

Maria       :  Gennaro...

Gennaro  :  Statte zitta... (rivolgendosi a Titina) Dico bene, Maruzze'?

Maria       :  Ti proibisco di chiamare la cameriera con quel nome pieno di  volgarezza!

Gennaro  :  Titi', al paese tuo, comme te chiammavano?

Titina        :  Maruzzella, don Genna', pecche' quann'ero piccerella ero moscia moscia!

Giovanni  :  E si rimasta tale e quale!

Gennaro  :  Ti dispiace se io ti chiammo Maruzzella?

Titina        :  No, anzi me pare e sta sempe 'a casa mia!  Me fa piacere!

Gennaro  :  (Regala dei soldi a Titina) Fa piacere pure a mme!

Titina        :  (Fa un gesto di dispetto verso Giovanni)

Maria       :  Adesso basta con queste confidenzialita', (rivolgendosi a Giovanni e a Titina) ...Potete levarci il disturbo (Gennaro e Titina vanno via).

SCENA   VI  (Maria, Gennaro)

Maria       :  (Rivolta a Gennaro) Ma la vuoi finire?  Hai deciso di farmi diventare lo zimbrello davanti a tutti?  Statte sicuro ca primma 'e ridere 'ncopp' 'e spalle meje,  ridono 'ncuollo a te!

Gennaro  :  E a me' che me ne fotte!

Maria       :  Scostumato, volgare, Gennaro contegnati! ...noi non siamo piu' quelli di prima: abbiamo sagliuto diverse grariate, quindi fa l'uomo del tuo catasto!

Gennaro  :  Io nun te faccio 'nu pernacchio pecche' nun stongo 'e genio!

Maria       :  Nun te permettere, ricuordate che sono una signora, io!

Gennaro  :  No, tu si 'a caricatura malriuscita 'e 'na signora! 

Maria       :  Ma...!

Gennaro  :  Ma te si scurdata che sono agli sgoccioli, ca oggi e' il mio compleanno e che fra 90 giorni aggia muri'?

Maria       :  Finalmente!

Gennaro  :  (Rifacendo il verso) Finalmente, ...ma nun te credere ca me ne vaco zitto zitto...,  te ne accorgerai quando il notaio leggera' il testamento!

Maria       :  (interessata) Pecche', 'e fatto testamento?

Gennaro  :  Si, e nun te lasso manco 'na lira, si nun l' 'e capito!

Maria       :  E salutece a fibbia, dicette don Fabio! Ma chesto po' se vede... per ora mi ritiro sdegnata nelle mie stanze... (Via)

Gennaro  :  Buffona! (Rivolgendosi a Dante) E' inutile ca me tiene mente, io 'e 'na manera aggio 'a sfuga'!  Che ne parlammo 'a fa'... tutti quanti s'arrecreano cu 'e denari mijei e io aggio 'a muri';.....ma pecche' nun te pigli primmo 'a essa?  'A faje muri' cu 'na morte lenta lenta,.… doce doce...(Si ferma) Manco tu 'a vuo'e' 'overo?  E allora io te stuto 'o lumino (spegne il lumino).

SCENA  VII (Giovanni, Titina, Gennaro)

Titina        :  (Entra dalla comune) Don Genna', sono andata dal fratello d' 'a purtiera e ce aggio cunsignato chella rroba 'e 100.000 lire come avete detto voi; avisseve visto che cuntentezza, s'e' miso 'a chiagnere e v'ha mannato tante benedizioni pecche' erano due giorni ca isso e 'a mugliera nun mangiavano, ...poi ho portato le medicine, la coperta e altre 100.000 lire a donna Munzicchiella...

Gennaro  :  Come sta'?

Titina        :  Male, don Genna', molto male...

Gennaro  :  Cchiu' tardi va dal dottore e digli ca passasse a visitarla... Nun se preoccupasse p' 'a visita pecche'  pago io...

Titina        :  Comme siete buono...

Gennaro  :  E' cosi' bello aiutare quelli che ne hanno bisogno.... E po' uno spera ca si fa' bene, bene le vene...  E sperammo ca chi m'adda pesa'... (fa cenno al cielo) ne tene cunto... Ma tu nun puo' capi'! (Alza le spalle,    sospira ed esce)

Giovanni  :  (Entrando) Finalmente stai sola...

Titina        :  E con cio', ...che vuoi? (Giovanni tenta di abbracciarla ma Titina gli sfugge)

Giovanni  :  Titi', Titi', nun scappa', viene 'a cca'...

Titina        :  Nun te avvicina' si no' me levo 'a scarpa e t' 'a dongo 'ncapa!  Si puo' sapere che vuoi?

Giovanni  :  Un bacio, solo un bacio... (Declamando) E poi, cos'e' un bacio?  Un apostrofo rosa scritto tra le parole "TI AMO".

Titina        :  Ma tu si' pazzo, afforza me vuo' compromettere...

Giovanni  :  Pe' nu' bacio... Ma 'o saje ca pizzeche e vase nun fanno purtose?

Titina        :  Te cride tu!  Si nun te staje fermo, te dongo 'nu pizzeco e vediamo se te lo faccio o no 'o pertuso!

Giovanni  :  Mo aggio capito pecche' si ancora zetella...

Titina        :  Meglio zetella ca cu 'nu coso brutto comme 'a te!

Giovanni  :  So' brutto  io?

Titina        :  Si brutto, nun me piaci e nun te voglio, ...e se non la finisci ce 'o dico al padrone!

Giovanni  :  E io dico alla padrona ca vaje facenno 'a ruffiana p' 'o marito, ...ma nun ce appiccecammo, ...jamme Maruzze'...

Titina        :  Maruzze'? ...e che d'e' sta cunferenza?

Giovanni  :  Ma comme, quanno te chiamma don Gennaro te tiene 'a maruzza e cu mme' te puzza?

Titina        :  Don Gennaro e' n'ata cosa!  Primma cosa me vo' bene, ...e po' si 'o fatto e' overo, 'na vita longa nun 'a tene, ...pecche' nun l'aggia fa' passa' 'nu sfizio accussi' innocente...

Giovanni  :  Innocente, ...puveriello, ...chillo te magna cu' ll'uocchie!

Titina        :  Me voglio fa' magna', va be'?  Tu magnete 'o limone!  (Da una spinta a Giovanni, poi scappa dalla parte opposta e va via)

Giovanni  :  Embe', si t'acchiappo... chi 'o sape... (fa l'atto di rincorrerla quando si   odono delle voci)

SCENA  VIII   (Giovanni, Grazia, Jack)

Grazia      :  (Entra seguita da JacK.  A Giovanni) Avverti la mamma che sono tornata!

Giovanni  :  Bene signorina (fa per uscire).

Jack         :  (Con accento inglese) Uno momento, Giovanni avvertire signora piu'              tardo, capito?

Grazia      :  (A Giovanni) Avvertila fra qualche minuto!

Giovanni  :  (Si inchina ed esce)

Jack         :  (Affettuosamente) Io volere restare...

Grazia      :  (Correggendo) Io voglio...

Jack         :  Voglio?

Grazia      :  Si!

Jack         :  Io voglio restare un poco con te, ...ho detto bene?

Grazia      :  Si, ma e' piu' di un'ora che siamo insieme.

Jack         :  Poco.  E poi fuori con tanta gente, ...vie di Napoli essere molto belle,   ma troppa gente, troppa 'mmuina, ...non e' vero?  E quando io e te rimasti soli, visto tuo papa' con macchina.

Grazia      :E tu sei diventato bianco come un panno lavato...

Jack         :No, io non sapere lavare panni!

Grazia      :  Volevo dire che hai avuto paura!

Jack         :  Oh yes!  Molta paura, ma per te.  Tuo padre essere uomo molto severo, no?

Grazia      :  E' tanto buono, e poi non ci ha visti.

Jack         :  Sua macchina correre come lepro...

Grazia      :  Lepre!

Jack         :  Grazie, professore, essere contenta di ...scolaro?

Grazia      :  Molto!

Jack         :  Volere bene tu a ...io?

Grazia      :  Tanto!

Jack         :  (Abbracciandola) Cara! ...sai che mio papa' venire a Napoli per conoscere professore che amo?

Grazia      :  Ma come, non mi hai detto niente!

Jack         :  Volere fare a te sorpresa, ...papa' arrivare fra qualche giorno.

Grazia      :  Oh come sono contenta, e dimmi, credi che piacero' al tuo papa'?

Jack         :  Sono sicuro che ti volera' subito bene. And you father, e tuo padre sara' contento di me?

Grazia      :  Si, Jack.

Jack         :  Tu presentare me a lui come tuo fidanzato?

Grazia      :  Ti ho fatto salire proprio per questo!

Jack         :  Se tuo papa' essere buono come bona tua mamma, io essere uomo piu' felice del terro!

Grazia      :  ...terra!

Jack         :  Oh yes, terramento!

Grazia      :  (Ridendo) Dio, quanti spropositi, figuriamoci quando viene mamma'!

SCENA  IX  (Grazia, Jack, Maria)

Maria       :  (Entrando dalla porta di destra) Oh signor Jecche!

Jeck         :  (Andandole incontro) Signora! (Le bacia la mano)

Maria       :  Prego, prego, non vi mettete in soqquadro per me, come state?

Jack         :  Very well, ...Oh scuse me... bene, e voi come andate?

Maria       :  (Interdetta) Sempre con la macchina, a piedi mi stanco....

Grazia      :  Mamma', Jack voleva sapere come stai!

Jack         :  Yes, come stare?

Maria       :  Ah, ...e chillo parla cosi' stravagante. Gecche, vi diro', ho un poco di emicranio alla testa, ...ma passera', ...ma accomodatevi, come vanno le lezioni?

Jack         :  Molto bene, (indica Grazia) mio professore d'italiano molto bravo.

Grazia      :  Non esagerare, tu impari molto facilmente, hai molta disposizione.

Jack         :  Non vero (indicando la testa) io essere molto duro...

Maria       :  Di comprendonio...

Jack         :  Yes, ma sparo...

Grazia      :  Spero.

Jack         :  Spero parlare molto presto corrottamente la vostra lingua!

Grazia      :  (Fa per intervenire ma Maria la previene)

Maria       :  posso offrirvi una tazza di te?

Jack         :  Si, grazie.

Maria       :  Grazia, vai a dire alla servitu' di portare il te.

Grazia      :  Subito, papa' e' in casa?

Maria       :  Si, credo che sta' nello studio.

Grazia      :  Vado a salutarlo (esce).

Jack         :  Noi avere visto papa' fuori, ma lui non visto noi! Sua macchina correre come lepre!

Maria       :  Lepra...

Jack         :  Lepra?  Non lepre?

Maria       :  quando e' una si dice lepra, ...lepre si dice quando sono molte...

Jack         :  Ah, capito, comunque papy uomo molto audace...

Maria       :  Si, e' molto coraggioso, piu' di... Orlando.

Jack         :  Chi essere signor Orlando?

Maria       :  Come non lo conoscete?

Jack         :  Nessuno presentare me a lui.

Maria       :  Quanto siete ignorante, ...e pe' forza, quello e' tanto tempo che e' stinto!

Jack         :  Stinto?

Maria       :  Stinto, defungette, come vi devo far capire, ...moro', insomma e' muorto!

Jack         :  Oh, ...signor Orlando essere morto?

Maria       :  Si, poveretto...

Grazia      :  (Entra ed assiste divertita alla conversazione)

Jack         :  Giovane?

Maria       :  Non so se era giovane, (vedendo la figlia) Grazia, Orlando mori' giovane?

Grazia      :  (A Jack) L'Orlando Furioso e' un poema dell'Ariosto!

Jack         :  Morto arrosto?

Grazia      :  Ma che arrosto!  (Scandendo la parola) A R I O S T O.  L'ariosto era un poeta!

Jack         :  Io non conoscere questo signor poeta Ariosto!

Maria       :  Ma signor Gecche, voi non conoscete nessuno!

Jack         :  No, sono a Napoli da pochi mesi...

SCENA   X  (Grazia, Jack, Maria, Giovanni, Gennaro)

Giovanni  (Entra portando il te. Depone tutto su di un tavolino)

Grazia      :  Puoi andare Giovanni.

Giovanni  :  (Fa un inchino ed esce)

Grazia      :  (Versa il te nelle tazze, poi rivolta a Jack...) Lo preferisci con il limone?

Jack         :  Si, grazie.

Grazia      :  (Serve il te a Jack e alla mamma)

Maria       :  (Rivolgendosi a Jack) Vi trattenerete ancora molto a Napoli?

Jack         :  Lascero' vostra citta' dopo avvenimento molto importante...

Maria       :  Un avvenimento importante?

Gennaro: (Entra dalla destra. Non visto, osserva il gruppetto...)

Jack         :  Non posso dire per ora, signora. Segreto. E' cosa molto bella, vero Grazia?

Grazia      :  (Arrossendo) Non so di cosa parli...

Jack         :  Bugia, (a Maria) sa tutto... (Zitto a Grazia) I love you, i love you.

Maria       :  Ho capito. si tratta di un piccolo misterio!

Jack         :  Yes, misterio! (ridono tutti e tre)

Gennaro  :  Eccoli li, felici e contenti, non pensano a questo pover'uomo con un piede nella fossa. Ma il castigo verra', ne parlammo fra 90 giorni!

Grazia      :  (Vedendo il padre) Ah, papa'...

Jack         :  (Alzandosi) Signore...

Gennaro  :  Disturbo?

Grazia      :  Ma ti pare, papa'!  Ti presento il signor Jack!

Maria       :  Il signore straniero di fuori al quale nostra figlia da lezioni di italiano.

Gennaro  :  Gia, il signore straniero di fuori.

Maria       :  Proprio lui, simpatico vero?

Gennaro  :  (A Jack) Non state in piedi, accomodatevi (gli da una spinta e lo fa sedere).  Non fate complimenti con me... Io sono di passaggio... Fra due mesi parto!

Jack         :  E addo' vaje?

Gennaro  :  Alla faccia dello straniero.

Grazia      : Gli ho insegnato anche qualche parola di napoletano.

Jack         :  Allora, dove andare?

Gennaro  :  Molto lontano!

Jack         :  America?

Gennaro  :  Magari, parto per conto mio, ...lassu'!

Jack         :  Andare in cielo?

Gennaro  :  Cosi' sta' scritto 'ncopp' 'o muro ! Basta, vi saluto!

Grazia      :  Papa', non andare via, resta un po' con noi...

Maria       :  Degusta una tazza di te!

Gennaro  :  'O brodo m' 'o piglio quando mi purgo!

Grazia      :  (Piano) Papa', ti prego non essere scortese con Jack, (forte) Mamma', dai una tazza di te a papa'!

Maria       :  Certamente. Come lo vuoi, caro, al limone o lattiato?

Gennaro  :  Cu 'e friarielli!

Maria       :  (Dandogli la tazza, con tono imperioso)  Bevi!

Gennaro  :  (Beve, poi rivolgendosi a Jack) Al vostro paese ne bevete molta di questa sciacquatura?

Jack         :  Yes, a noi piacere molto, come dire voi, sciacquatura!

Grazia      :  (Per troncare il discorso) Papa', poco fa' ti abbiamo visto in macchina, per via Caracciolo. Ti volevamo fermare, ma correvi come il vento!

Gennaro  :  E quello a Rafele 'o sciaffeur l'e' venuto 'o sfizio 'e correre ed io l'ho fatto fare, ...tanto, o mo' o fra 90 giorni, e' 'a stessa cosa!  E comme    taccariava quel figlio di un cane!

Jack         :  Autista essere figlio di cane?

Gennaro  :  Si, di un pastore tedesco e di una volpina!

Jack         :  Io non capire...

Gennaro  :  Meglio cosi', lassate perdere!

Grazia      :  (Piano) Papa', e ti avevo pregato, ti sembra logico trattare cosi' il tuo probabile futuro genero?  (Forte) Mamma, il signor Jack se ne va'!

Jack         :  (A Gennaro) Arrivederci!

Gennaro  :  Cu bai!

Jack         :  Sale inglese?

Gennaro  :  No, bicarbonato 'e soda!

Jack         :  No, io volere dire do you speak inglish?  Very good, thank you...  Very much for all, assiu again, very sun, saloon (Via con Grazia)

Gennaro  :  Saloon alla', alla'!  (Si fa la croce)

Maria       :  'A vuo' ferni' o no?

Gennaro  :  Perche' che ho fatto?  Ho solo risposto al saluto in inglese!

Maria       :  Ma mo' adda dura' assaje sta' musica?

Gennaro  :  90 giorni!

SCENA   XI  (Grazia,  Maria,  Gennaro)

Grazia      :  (Rientrando) Papa', perche' sei stato cosi' scortese con Jack?  Eppure ti avevo pregato! Ma si sa', tu sei chiuso nel tuo cieco egoismo, non pensi ad altro che a te stesso! Ti piangi e ti compiatisci per una ipotetica morte che dovrebbe avvenire fra 90 giorni... Non ti rendi conto che cosi' ti avveleni l'esistenza e rendi a noi la vita impossibile, ma pensa a cose piu' serie!

Gennaro  :  Chiu' seria d' 'a morte..., e addo' sta?  Ma gia', quella si tratta della mia morte, non della vostra!  Ma comme, io so' stato scortese?  Ho pure bevuto la sciacquatura per fargli piacere!

Grazia      :  Potevi per lo meno dirgli due parole gentili, e che cacchio!

Gennaro  :  Ah, finalmente te sento 'e dicere 'na parola come si conviene!  E po', non per giustificarmi, ma io so 'nu cundannato a morte, e tu hai mai sentito un condannato a morte che passa le sue ultime ore facenno cumplimenti alla gente?

Grazia      :  Sei anche ottuso, papa', chiuso nel tuo cinismo ad aspettare in una turris eburnea la signora con la falce!  Basta, ho gia parlato troppo con  te!  Ciao! (Va via)

Gennaro  :  (A Maria) No, tu mo' me 'a dicere cu chi l' 'e fatta  a chella, pecche' nun po' essere figlia a me!  E gia, mo' nun parlammo manco cchiu'... Io nun saccio chi me mantene (Spegne il lumino davanti a Dante e fa l'atto di voler prendere il busto)

Maria       :  Genna', nun te permettere, sa',  nun tucca' chella capa si no' me faccio  afferra' io pe' pazza!

Gennaro  :  Hai ragione, e' il tuo benefattore e t' 'o vuo' riguarda', ma sta' sicura ca primma ca moro 'o mengo abbascio! (Va via)

Maria       :  (Va vicino al busto di Dante, lo accarezza) Nun te preoccupa', pe' sicurezza, stanotte, te metto dint' 'o lietto cu me'!  Guardate, ha stutato  'o lumino! (Lo riaccende)

SCENA   XII  (Giovanni,  Maria,  Carolina, Rosina)

Giovanni  :  (Entra ed annunzia:) La signora Carolina e la signorina Rosina!

Carol        :  (Entra seguita da Rosina) Buona sera Mari', ...mamma mia che stanchezza!

Maria       :  Buona sera Caroli', ciao Rosina!

Rosina     :  Buonasera!

Carol        :  E' vero che nun simmo aristicratiche comme 'a vuje, ma ce putiveve manna' a piglia' alla stazione cu l'automobile!

Maria       :  Haie ragione, scusame, ma saje tenevemo visite cca' e nun ce simmo  potute movere. Ma assettateve: Rusi', comme staje?

Rosina     :  Nun c'e' male, grazie, ...e Michele?

Maria       :  Sta nella sua azienda!

Rosina     :  Ma comme, sapeva ca oggi arrivava 'a nnammurata e...  Sicuramente sta appriesso 'a 'na femmena!

Maria       :  Nun ce pensa' manco pe' pazzia, chillo te vo' tantu bene!  E po' (a Carolina) so' pure io ca nun veco l'ora ca Michele impalli la tua Rosina!

Carol        :  C'adda fa' Michele?

Maria       :  Deve convocare a nozzole con tua figlia!

Carol        :  Ma comme parli Mari'?

Maria       :  Ci dobbiamo adattare, cara mia, adesso noi viviamo con genta molto fina. Noi andiamo sempre piu' su', sempre piu' su'! 'E chistu passo chissa' addo' arrivammo!

Carol        :  'Ncielo!

Maria       :  (Facendo le corna) 'O cchiu' tardi possibile!  Rusi', va a telefona' a Michele ca si venuta!

Rosina     :  Subito... (esce)

Maria       :  E Ciccillo?

Carol        :  E' venuto pure lui a Napoli con noi, ma appena siamo usciti dalla stazione della vesuviana ci ha lasciate dicendo: "Avviateve ca io po' vengo... Devo vedere un cliente per concludere un affare importante".

Maria       :  Un affare qua',  a Napoli?

Carol        :  Accussi' ha ditto, sperammo sulo ca nun se va a mettere int' a 'nu 'mpiccio!

Maria       :  Sta' senza penziero, nun e' chiu' 'nu criaturo e penso ca mo 'o sape chello che fa'..., ma turnamme a nuje, che se dice a Castellammare?

Carol        :  Parlano ancora tutti quanti d' 'a ciorta c'avite avuta! Ah, si te vedessero  accussi' elegante, mmiezo 'a gente fina!

Maria       :  E questo e' niente, tra poco ce 'mparentammo pure cu gente straniera!

Carol        :  Nientemeno?  Po' me dice tutte cose, ma mo dimme comme sta' mariteto?

Maria       :  Nun me ne parla'!  Cu chella fissazione c'adda muri', nun ce fa' truva' pace, e po' e' diventato pure malamente!

Rosina     :  (Rientrando) Michele mo' vene: comm'e' cuntento!  Ha detto ca nun vede l'ora e m'abbraccia': vuole che rimango qualche giorno a Napoli, accussi' possiamo andare a comprare i mobili pe ce spusa'... (alla mamma) ti manda tanti saluti!

SCENA   XIII  (Giovanni,  Maria,  Carolina, Rosina, Ciccillo)

Giovanni  :  (Entra ed annunzia) Il signorino Ciccillo!

Ciccillo     :  (Entra mogio mogio e con un occhio livido) Buongiorno!

Giovanni  :  (Va via)

Rosina     :  Cicci', ch'e' stato?

Ciccillo     :  E' stato ca 'o destino mio e' chillo d'essere abbuffato 'e mazzate!

Maria       :  Ma pecche', ch'e succiesso?

Ciccillo     :  (Alla mamma) E' succiesso che appena v'aggio lassate alla vesuviana,me so' ghiuto a mangia' 'nu cazone fritto, chino 'e cicule e ricotta...

Rosina     :  Questo era l'affare importante c'aviva fa' cu 'nu cliente?

Ciccillo     :  E a te che te ne 'mporta? Allora, avevo fernuto appena 'e mangia' 'a pizza, stevo trasenno dint' 'a na salumeria pe me fa' 'nu panino cu pruvulone e murtadella, quanno m;aggio 'ntisa 'na mano 'ncopp' 'a spalla!

Maria       :  E chi era?

Ciccillo     :  Era un mio vecchio cliente, Che appena m'ha visto ha ditto: “Finalmente t'aggio 'ncucciato, piezzo 'e 'mbruglione!"

Rosina     :  Pure a Napule te si fatto cunoscere! Ne facisse meza bona!

Ciccillo     :  Tu fatte 'e fatti tuoi si no t'ho faccio scunta' a te chello c'aggio passato! Mamma' falla ferni'!

Carol        :  Rusi', bella 'e mamma', nun 'o da retta. (A Ciccillo) Ma se po' sape' che l' 'e cumbinato 'a chillu puveriello?

Ciccillo     :  Qualche mese fa' me dicette ca se vuleva spusa' 'na francesa, pecche' gli piacciono 'e femmene cu l'erre moscia!

Maria       :  E tu, naturalmente, ce l' 'e truvata?!

Ciccillo     :  Si!  Una sera stavo mangiando al ristorante cinese 'e Vico Equense: me stevo cunsulanno donna Mari',  me stevo mangianno dduje fegatini 'e pescecane alla veneziana...

Rosina     :  Che schifo!

Ciccillo     :  (Marcando) 'Na specialita'!  Dunque, me stevo cunsulanno quanno trasette 'na femmena ca parlava francese!

Rosina     :  E tu sicuramente le faciste 'a pruposta!

Ciccillo     :  E se capisce!  Essa subito accettaje perche' dicette ca faceva 'a ballerina e ca s'era stancata 'e fa' chella vita!

Maria       :  E accussi' 'a faciste cunoscere al tuo cliente!

Ciccillo     :  Si, il giorno dopo!

Rosina     :  E le piacette?

Ciccillo     :  Le piacette?  Se ne 'nnammuraje subbeto subbeto e se 'a vuleva spusa', ma Josephine dicette che preferiva la convivenza e accussi' se mettettero 'nzieme.  Il mio cliente, felicissimo, mi pago' e po' nun aggio                      saputo cchiu' niente fino a stammatina!

Maria       :  E po' ch'e' succiesso, pecche' t'ha pigliato a mazzate?

Ciccillo     :  Tra 'na mazzata e n'ata, m'ha ditto che la prima notte, lei si nego' truvanno 'nu sacco 'e scuse, e cosi' la cosa ando' avanti per qualche settimana... Alla fine, il mio cliente, nun ne putette cchiu' e uso' la forza...

Rosina     :  (Interessata) E allora?

Carol        :  Ma vedite che discorsi va facenno annanze a sta' creatura!

Rosina     :  Mamma, sono maggiorenne e vaccinata, Fra poco mi sposo, nun ce sta'bisogno e fa' tutti sti scrupoli! (A Ciccillo) E allora...?

Ciccillo     :  E allora scopri' che Josephine era...

Tutti          :  Era...?

 Ciccillo    :  ...Peppino Esposito!

Tutti          :  (Ridono)

Maria       :  Chisti si, ca so' nummeri!

Carol        :  E comm'e' ghiuto a ferni'?

Ciccillo     :  E' ghiuto a ferni' che il mio cliente, innamoratissimo, gli ha dato trenta milioni pe se fa' l'operazione a Casablanca, ma chillo se l'e' squagliato cu 'e soldi, e chi s'e' visto s'e' visto!

Maria       :  'O fatto overo e' comico e 'o puveriello ce sarra' rimasto assaje male, ma mo' che va' truvanno a te?

Ciccillo     :  Vuole che gli procuro 'na francesa overo, pero' 'a va truvanno 'cu tutti gli accessori femminili!

Rosina     :  E me pare che ha ragione, ma siente a me nun te ne 'ncarrica' se no chissa' quale altro guaio te fide 'e cumbina'!

Ciccillo     :  Mamma', ma comma aggio 'a fa' cu chesta, chesta nun e' 'na sora, e' 'na... Caina

Carol        :  Nun 'a da retta, pensa sulo a nun te mettere dinto a natu 'mpiccio!

Ciccillo     :  Nun te preoccupa, mamma'... Basta mo', sapete che c'e' di nuovo, cosa da non credere...

Maria       :  T'e' venuta 'nu poco 'e famma!

Ciccillo     :  Eh,  donna Mari', scusate se mi permetto, ma nun ce sta' niente 'a mangia'?

Maria       :  Qualcosa ce starra', va, va dint'a cucina: ce sta' Titina, fatte prepara' 'na marennella!

Ciccillo     :  Grazie, ...permettete! (Via)

Carol        :  Ma vedite che si passa!

                   SCENA   XIV      (Maria,  Carolina, Rosina, Gennaro, Michele)

Gennaro: (Entra in scena)

Carol        :  (Vedendo Gennaro) Don Genna', buongiorno!

Gennaro  :  Buonasera, donna Carolina!

Carol        :  Come state?

Gennaro  :  Male, anzi malissimo!

Carol        :  Vuje state accussi' bello, e po nun ce pensate, state allegro, l'allegria fa buon sangue e fa campa' cchiu' assaje!

Gennaro  :  E allora vuje campate quanno 'nu pappavallo!

Carol        :  E pure voi!  Io nun sbaglio maje, so' come Dante...

Gennaro  :  Chill'ommo 'e... quatto solde!

Michele    :  (Entra dalla comune, abbraccia Rosina) Come staje?

Rosina     :  Miche' mo' sto' bene pecche' sto' 'nzieme a te'!

Michele    :  Come so cuntento ca si' venuta (si abbracciano di nuovo).

Carol        :  Uhe', guagliu' e calmateve, jate chianu chianu!

Michele    :  Non vi preoccupate, cara suocera... Ho capito, siete gelosa, un abbraccio pure a voi (la abbraccia).

Carol        :  Uheee, tu me ammappucie sana sana, (a Gennaro) 'o vedite comme sta' allero pur'isso?

Gennaro  :  ...i che schifezza 'e famiglia!

Michele    :  (Alla mamma) Mamma', oggi ho fatto un affare e primm'ordine! 'O cuntratto c'aggio fatto oggi ci fara' guadagnare l'anema de' soldi!

Maria       :  Eh... io l'aggio sempe ditto, tu si intelligente!

Michele    :  Papa', e tu nun dice niente?  Alla fine 'e ll'anno, alla chiusura del bilancio, vedrai, non ti metterai 'e mane dint' 'e capille!

Gennaro  :  'O ssaccio, 'o ssaccio, alla fine dell'anno 'e mane nun me pozzo mettere 'a nisciuna parte!

Michele    :  (Alla madre) Ma che tene?

Maria       :  'O ssaje, dice che adda muri' fra tre mise!

Michele    :  Papa', e basta cu sta' storia, invece, dimme na cosa, hai ritirato tu dal nostro conto corrente cinque milioni?

Gennaro  :  Si!

Michele    :  Hai pagato qualche tratta?  ...scusa se te lo chiedo, ma se non segno tutto po' nun me trovo cchiu'!

Gennaro  :  Li ho presi per spese personali!

Maria       :  Per spese personali?

Gennaro  :  Cheste so' cose ca nun te riguardano!

Maria       :  'O dice tu, che n'e' fatto?

Gennaro  :  Li ho regalati!

Maria       :  Regalati, e a chi?

Gennaro  :  A chi ne aveva bisogno, ho fatto opere di carita'!

Maria       :  Opere di carita'? ...io po' scema scema m' 'o credo!

Gennaro  :  Nun te preoccupa', nun l'aggio spise comme pienze tu, ...ho aiutato chi ne aveva bisogno, ...malati ca nun tenevano manco 'e medicine,  ...chi nun teneva che mangia' e..., tanta tanta ata gente!

Maria       :  E tu p'aiuta' duje pezziente, lieve cinque milioni a 'e figli tuoje. Ah, questo e' enorme!

Gennaro  :  No, non e' enorme questo, e' enorme quello che regalero' in seguito! Eh, mia cara, primma e ve saluta', voglio fa' per lo meno cinquanta milioni 'e bene!

Maria       :  Signori, io resto di princisbecco! Mo ditemi voi se di fronte a un montegatto simile si puo' restare calmi!

Michele    :  Mamma' ave ragione!

Gennaro  :  Tu statte zitto... Dovete sapere che la settimana scorsa mi sognai a don Pasquale 'o sagrestano, ...me dicette: Genna', ho saputo che fra poco  sarai dei nostri, ...so' gia' asciuti 'e manifesti, ..."Fra poco Gennaro Curatolo".  Si lo so', gli ho risposto, ...saro' dei vostri, ...vengo 'mparaviso!  A questo punto se facette 'na risata e me dicette: "...Genna' tu staje 'nguaiato, pero' tiene chiu' e tre mise 'e tiempo pe te salva'. Cerca di fare del bene per riscattare i peccati".  Percio' in questi tre mesi io aggio 'a cerca' 'e me salva' l'anima pecche' nun voglio andare al'inferno e quindi, nun bado a  spese!

Maria       :  Ma allora ce vuo' ruvina'? Ma ho deciso: 'o saccio chello c'aggio 'a fa'! Mo' piglio io 'a risoluzione, te faccio inteneri'!

Gennaro  :  (Furente) Ah, chisto e' 'o ringraziamento per averti fatto diventa' 'na signora! Cose 'e pazzi! Mi si nega il pio desiderio di salvarmi l'anima!

Carol        :  Don Genna', calmateve, chella 'o dice ma nun 'o fa!

Maria       :  nun 'o faccio?  Stesso mo' vado dall'avvocato, si no chella capa 'e 'mbrello pe' se salva' l'anima dilapidisce tutto il patrimonio!

Gennaro  :  Ah, tu vaje dall'avvocato? e allora io vaco 'o cimitero!

Maria       :  Te vuo' fa atterra' cchiu' ambresso?

Gennaro  :  No!  Te vaco a prenota' 'na tomba pure pe' te, pecche' io t'acciro! (Si avventa sulla moglie, tutti gli altri cercano di dividerli).

B U I O    E    S I P A R I O.


A T T O    TERZO

(Stessa scena del secondo atto: salotto elegante in casa di Gennaro a Napoli. In fondo la comune. A destra un'altra porta. Davanti al busto di Dante, che e' situato sopra un mobiletto, un lumino acceso)

SCENA  I                               (Rosina, Michele, Giovanni, Titina)

(All'alzarsi del sipario sono in scena Rosina e Michele, seduti sul divano)  

Rosina     :  Miche', ma quando ci sposiamo?  Prima nun tenevemo 'na lira, e va  bene, ma mo' che aspettammo a fa'?

Michele    :  Un altro poco 'e pazienza, Rosi'... appena se sistema 'o fatto 'e papa',  'nce spusammo!

Rosina     :  Oggi e' il famoso giorno c'avesse... raggiungere il suo amico Dante! Se spicciasse, accussi' ce mettimmo l'anima in pace... Sei mesi di lutto e po' 'nce spusammo!

Michele    :  Rosi', ma che vaje dicenno... sei mesi?

Rosina     :  (Delusa) So' pochi?

Michele    :  Pochi?  So' assaje, ...Rusi', doppo 'nu mese 'nce spusammo!

Rosina     :  Oh, Michele mio, quanto te voglio bene, e che gioia che m' 'e dato, ...me credevo ca nun me vulive cchiu'!

Michele    :  Ma che vaje dicenno? So' cinque anni c'aspetto e nun veco l'ora! Sta' tranquilla, tutto e' pronto!  Dobbiamo prenota' sulo 'o ristorante!

Giovanni  (Entra seguito da Titina)  Signorino, vi desidera vostro padre!

Michele    :  Uh e quant'e' scucciante!  Che va' truvanno?

Giovanni  :  Non so signore, ...quello che le posso dire e' che e' molto nervoso!

Michele    :  Rosi', andiamo a vedere che va' truvanno (escono).

Titina        :  Puveriello, nisciuno 'o capisce! Sta assaje nervoso?

Giovanni  :  Nun puo' credere! Ogni cinque minuti sona 'o campaniello!

Titina        :  Forse se vo' mettere a fa 'o sagrestano (Ride). Che ce vuo' fa',  'nce vo' pazienza, caro Giovanni!

Giovanni  :  Ma anche la pazienza ha un limite, cara Titina; figurati che ieri,...scusa se mi permetto di raccontare questo fatto, ...ma so' cose 'e ll'atu munno...,  dunque dicevo: ieri, forse a causa della tensione accumulata in questi giorni, ho avuto delle impellenti necessita' fisiologiche; io sono un neurodistonico e, quando sono teso, 'a panza nun vo' senti' ragioni! ...Bene, ero appena entrato in bagno, quando il signore ha suonato il campanello... Preoccupatissimo, sono corso, ...mi devi credere, cu 'a panza mmano e ll'uocchie 'a fora!

Titina        :  E che voleva?

Giovanni  :  Ha detto: "Giovanni, famme veni' a Michele". Ho eseguito, sono ritornato in bagno..., avevo appena conquistato la posizione, quando..., dlin dlin, un'altra scampanellata... Cosa avresti fatto tu?

Titina        :  Non ci sarei andata!

Giovanni  :  E cosi' me diceva 'a panza, ma il cuore ha detto va'!

Titina        :  E allora?

Giovanni  :  Ha vinto il cuore, ma la pancia si e' vendicata!

Titina        :  E cosi' te si fatto... (fa il segno nei pantaloni).

Giovanni  :  E con somma vergogna che devo rispondere "SI"!

Titina        :  Che risate, pare 'na barzelletta...

Giovanni  :  Hai ragione 'e ridere, ma cheste so' cose 'a chiagnere! Se continua cosi' mi licenzio...

Titina        :  Non te preoccupa',  appena don Gennaro stara' bene, tutto tornera' comme 'a primma!

Giovanni  :  Voglia il cielo.  Mo famme 'i a dicere 'a cuoca c'adda cucena'!

Titina        :  Va Giova', ...e (alludendo alla pancia) ...cerca 'e nun fa 'o bis!

Giovanni  :  Preferirei morire. (Via)

Titina        :  Ma vide che si passa! Cu chello ca succede dint' 'a sta' casa, se putesse fa' 'nu film!

SCENA  II                              (Titina, Ciccillo)

Ciccillo     :  (Entra dalla comune mogio mogio. Anche stavolta le ha prese) Ciao Titi', ...io nun ce 'a faccio cchiu'!

Titina        :  (Ride, poi in modo sfottente...) Ch'e' scciesso, hai incontrato qualche altro cliente che (in modo allusivo come se dicesse: "t'ha vattuto") ...t'ha voluto ringrazia'?

Ciccillo     :  Eh, m'ha ringraziato a cazzotte 'nfaccia!

Titina        :  Chesto l'aggio capito, ma pecche', che l' 'e cumbinato?

Ciccillo     :  E che 'o putevo cumbina', ...l'aggio truvato 'a mugliera!

Titina        :  ...ca pure chesta e' asciuta cu 'o difetto...

Ciccillo     :  Ma qua' difetto, chella, 'a puverella, oltre ad essere 'na bella femmena, ' bona 'e core e a tutte chille ca le fanno 'a corte nun sape dicere 'e no!

Titina        :  ...e allora 'o puveriello tene sempe male 'e capa (fa le corna)

Cicillo       :  Proprio cosi', ...ma po' se l'adda piglia cu 'a mamma!

Titina        :  E  pecche'?

Ciccillo     :  Pecche' quanndo nascette 'o mettette nomme Cornelio, ...mo 'o va truvanno 'a me?

Titina        :  Cicci', ma famme 'o piacere... Mo', pero', contame ch'e' succiesso!

Ciccillo     :  Io t' 'o dico, ma doppo nun me 'nquita'! ...dunque, ho incontrato a Cornelio De Rosa ca steva tutto nervoso, mi ha detto: "Cicci', non e' che io ti considero la causa di tutti i miei mali, pecche' io so' filosofo e me piglio tutto comme vene, ma nun me ne fido cchiu'!  Ma addo' 'a tenive astipata chella femmena? ...chella , nun sulo me mette 'e corne, ma me sfotte pure!

Titina        :  'O sfotte?

Ciccillo     :  Accussi' ha ditto! Stamattina, poiche' Cornelio si lamentava della situazione, la moglie gli ha risposto: "Che te lamiente a fa', guarda la cosa dal lato positivo: e' 'overo che le corna quando spuntano fanno male, ma quando so'  spuntate, so' come i denti: ce puo' mangia' ! "

Titina        :  Ma vedite che faccia tosta!  E comm'e' ghiuto 'a ferni' con De Rosa?

Ciccillo     :  E ghiuto 'a ferni che mano mano ca  raccuntava, se 'ncazzava e alla fine dicendo: "Ma io l'accido, l'accido", m'ha pigliato pe' pietto e m'ha rignuto 'e mazzate!

Titina        :  Chisto 'o fatto 'overo e' comico!

Ciccillo     :  Sarra' pure comico, ma io tengo tutta 'a capa 'ntrunata!

Titina        :  E va buono, Cicci', nun ce pensa', fatte 'na bella mangiata e te passa tutte cose!

Ciccillo     :  Haje ragione, sai che faccio? Mo' devo andare a pigliare mamma' alla vesuviana; m'avvio 'nu poco primma e me vaco a mangia' 'na ranfa                   'e purpo e 'nu poco 'e carnacotta! Statte bona (via).

Titina        :  (Ride) Io nun aggio ancora capito pecche' hanno chiuso e manicomie!

SCENA  III                             (Titina, Grazia, Michele, Jack)

Grazia      :  (Entrando si rivolge a Titina) Non e' ancora venuto il mio fidanzato?

Titina        :  Si e' venuto, ma vostro padre l'ha mandato a cercare il dottore!

Grazia      :  Speriamo che riesca a trovarlo... (Rivolgendosi a Titina) Puoi andare!

Titina        :  Va bene. (Esce)

Michele    :  (Entra, uscendo dalla camera del padre)

Grazia      :  (Vedendo Michele) Come sta' papa'?

Michele    :  E' piu' agitato che mai!

Grazia      :  E l'hai lasciato solo?

Michele    :  Sta' con Rosina, ...e poi vuole che vado subito a parlare con il commendatore Esposito!

                   (Si sente suonare il capanello della porta)

Grazia      :  Il commendatore Esposito, e chi e'?

Michele    :  Mo' nun te posso spiega', ma quanno torno te dico tutte cose! Adesso va 'a via e dinto e nun 'o lassa' sulo, ...agitato comme sta', po' fa' qualche fesseria!

Titina        :  (Entrando dalla comune) Signorina, c'e' il suo fidanzato!

Grazia      :  (Preoccupata...) Speriamo che ha trovato il dottore... (...poi rivolgendosi a Titina) Tu vai da papa'!

Titina        :  Subito (esce).

Jack         :  (Entra tutto trafelato) Purtroppo dottore non in casa...

Grazia      :  (Nervosa) E ne cercavi un altro!  (Affettuosamente) Sei proprio, come dice papa', un pachiochio.

Jack         :  Non conoscere dottor Pachiochio!

Grazia      :  Si, va bene... (Cambiando tono) Jack, ho tanta paura! Credi che il babbo...

Jack         :  Prima di andare a cercare dottore, io guardato lui, come dire, molto attentamente, ed essere convinto che sua malattia e' grande paura di morire!

Grazia      :  Ma anche di paura si puo' morire!

Jack         :  Ieri, quando parlato con dottore, lui detto che per questo non pericolo.Vedrai, mio piccolo professore impaurito, che appena essere passata l'una di oggi, lui guarire immediatamente. In America, mai successo questo, i dollari. come tutti i soldi, danno molta allegria, a chi li tiene, e non fanno perdere il cervello!  Napoli essere cita' molto bella, ma tanto strana per noi! Chi essere ora con papa'?

Grazia      :  Titina!

Jack         :  E mamma' essere ancora coccata, dint' 'o lietto?

Grazia      :  (Sorride) Si!

Jack         :  Ecco, brava, sorridere, asciugare lacrime dai tuoi bei occhi! Sono sicuro che papy venire in chiesa per nostro matrimonio! Andiamo da lui!

SCENA  IV (Grazia, Jack, Carolina, Ciccillo)

CAMPANELLO

Grazia      :  Dev'essere il dottore!

Jack         :  (Esce dalla comune per vedere chi e', quindi rientra) Essere simpatica parente!

Carolina      (Entra seguita da  Ciccillo)

Carol        :  (Affannata) Che e' succiesso?

Grazia      :  Papa' sta male!

Ciccillo     :  E che tiene?

Grazia      :  Niente, deve solo morire!

Carolina   (Fa per replicare ma Jack la previene)

Jack         :  Secondo suo sogno, ore tredici deve morire!

Carol        :  E tu pe' 'na cosa 'e niente me faje chella telefonata?! Io a telefono nun aggio capito niente; me credevo ca era succiesso qualcosa a Rosina; Chella 'a creatura e' 'a primma vota ca sta' luntano d' 'a casa. Preoccupata aggio subito pigliato 'a vesuviana ed eccomi qua'!

Ciccillo     :  Io si sapevo ca era p' 'o fatto d' 'o suonno nun ce venevo proprio!

Carol        :  (Rivolta a Jack)  Ma ve pare possibile ca 'mpunt'all'una more?

Jack         :  (Non capendo) Appuntamento all'una amore? Voi volere fare l'amore?

Ciccillo     :  Ma che avete capito, Quella diceva 'o fatto d' 'o suonno!

Jack         :  Avere sonno? Andare a dormire!

Ciccillo     :  ...il fatto ca se sunnaje a Dante...

Jack         :  (Sempre piu' confuso) Volere voi aiutante?

Ciccillo     :  Ma quale aiutante! (A Grazia) Neh, ma a chisto 'o tenite sciuoveto p' 'a casa?

Grazia      :  Non ci fate caso... Ma tonando a papa', non vi nascondo che sto' in     apprensione, ...se lo vedeste, ...e' ridotto uno straccio!

Jack         :  ...mappina, come dire voi a Napoli!

Ciccillo     :  Statte senza penziero, Grazie'... pateto all'una e 'nu minuto se va a fa' 'na bella corza cu 'a machina!

Grazia      :  Speriamo!

Carol        :  Ma il dottore lo avete chiamato?

Grazia      :  Si, ha solo detto che ha i nervi scossi, ma io non vorrei che la paura di morire lo facesse impazzire!

Ciccillo     :  Ma no! Che vaje dicenno!

Carol        :  Lassamme fa' a Dio, lassamme fa' a Dio!

                   SCENA   V          (Grazia, Jack, Carolina, Ciccillo, Maria, Titina)

Maria       :  (Entra, e' tutta vestita di nero) Ah, Carolina mia che dulore, che dulore! Stu' dulore me fa il cuore quanto un pizzichillo!

Carol        :  Hai ragione, Mari', io 'o saccio che significa perdere 'o marito!

Titina        :  (Entrando) Il signore vuole uscire fuori!

Grazia      :  Ma e' uscito pazzo! Vieni Jack, andiamo da papa'!

Jack         :  Si, ma tu non fare lavorare piu' io, io essere stanco, non dormito tutta notte!

Grazia      :  Hai ragione, amore, dopo ti riposerai! Vieni. (rivolgendosi a Titina) Vieni anche tu! (Escono)

Carol        :  Mari', se permetti mi vado a rinfrescare un poco (Via).

Ciccillo     :  Donna Mari', lo sapete che il nero vi sta' bene?  Vi fa' piu' giovane!

Maria       :  (Lusingata) 'Overo? Ma che vaje dicenno, ...non mi sono neanche  ristrutturata con un poco di rimmello, di fardo... (Cambia tono) ...Ma non potevo, ...Gennaro, all'una more! (Piange)

Ciccillo     :  Non sciupate questi occhi belli, donna Maria... le lacrime fanno venire 'e rughe, ...e voi siete ancora tanto giovane!

Maria       :  (Disorientata) Neh, guaglio', ma te vulisse pigliare il posillipo con me?...me vulisse 'ncuita'?

Ciccillo     :  Non mi permetterei mai, donna Maria... Solo che e' 'nu peccato che 'na femmena comme 'a vuje, trascorsa la vedovanza adda rimane' sola...Tra i miei clienti tengo un generale a riposo, ...un nobile, e voi, nella vostra condizione, se pensate a ve 'nzura' n'ata vota...

Maria       :  Cicci', ma si' asciuto pazzo pure tu?  Io con un altro uomo?  Se nun e' Gennaro nun voglio a nisciuno! (Cambia tono, ...interessata) Un  generale a riposo?

Ciccillo     :  (Speranzoso) Si!

Maria       :  E quant'anne tiene?

Ciccillo     :  Settantacinque!

Maria       :  (Delusa) ...e' overo che 'a gallina vecchia fa' buon brodo, ma nun 'o tenisse cchiu' giovane, ...cchiu' frisculillo, ...(cambia di nuovo tono,...imbarazzata) Ma che me faje dicere, ...vai via diavolo tentennatore, ..mi ritiro costergnata! (Via)

Ciccillo     :  Va a fa' bene 'ncopp' 'o munno!  Basta, mo vaco dint' 'a cucina, ...chissa' comm'e'  ma...,  tengo 'nu poco 'e famma! (Via)

SCENA   VI (Grazia, Gennaro, Giovanni, Titina)

                   (Dalla camera da letto esce Gennaro sorretto da Grazia e Titina.Giovanni entra da un'altra parte e va ad aiutare le ragazze. Fanno sedere Gennaro su di una poltrona)

Grazia      :  Papa', ma perche' non sei rimasto a letto?

Gennaro  :  Voglio sta' cca', ...ma che fatica 'a cammena, ...e se capisce, quella e' la  paralisi...

Giovanni  :  Nelle sue condizioni, il sgnore avrebbe fatto meglio a rimanere a letto!

Gennaro  :  Voglio sta' qua, va bene? ...dint' 'o lietto me pare 'e suffuca...

Giovanni  :  Sono convinto che a letto sarebbe stato meglio...!

Gennaro  :  Levateme 'a chisto 'a tuorno!  Ahi, ahi, me stanno venenno e dulure, ...chiammate...

Giovanni  :  (In disparte) 'a vammana!

Gennaro  :  Chiammate 'o duttore, ...mamma mia, ...e che friddo, ...e che dulore 'e rine!

Grazia      :  (A Titina)  Vai a prendere dei cuscini e pure un plaid!

Titina        :  Subito (via).

Grazia      :  Papa', stai tranquillo, il dottore ha detto che stai bene!

Gennaro  :  E chillo nun capisce niente!

Titina        :  (Rientra con cuscino e plaid: il cuscino lo sistena dietro la schiena ed il plaid sulle gambe di Gennaro)

Gennaro  :  Grazie, Maruzze', ...non ti pentirai del bene che mi fai, ...mamma mia e comme me sento male!

                   SCENA   VII        (Grazia, Gennaro, Giovanni, Titina, Carolina, Rosina)

                   (Entra Carolina seguita da Rosina. Carolina ha in testa un cappello che sembra quello di un prete, ha un libricino in mano, ...legge le compere da fare, ...pare stia pregando).

Carol        :  S'adda accatta' sulo 'a frutta, ...e dato ca me trovo me faccio pure 'a spesa p' 'a casa!

Gennaro  :  Mamma mia, se stanno appannanno l'uocchie, se sta' oscuranno 'a  vista... (Intravede Carolina e la scambia per un sacerdote) Ah, ce sta pure 'o prevete, ...buongiorno padre!

Carol        :  Ma no, don Genna', sono Carolina!

Gennaro  :  Ah, Carolina, siete venuta a vede' comme me ne moro?

Rosina     :  Ma no, mamma' e' venuta a Napoli a fare delle spese ed e' venuta a ve truva'!

Carol        :  Proprio cosi', ...stevo leggenno 'a nota d' 'a robba c'aggio accatta'! Comme state, don Genna'?

Gennaro  :  Male donna Caruli', molto male, ...guardate comme so' ridotto, pelle e  ossa!

Carol        :  Me pare ca 'nu poco 'e carne pero' c'e' rimasta!

Gennaro  :  Si, ma se sta' 'nfracecanno juorno pe ghiuorno!  Che ora e'?

Rosina     :  Le undici e dieci...

Giovanni  :  (Guarda l'orologio) No, mezzogiorno e dieci!

Rosina     :  Il vostro orologio va male (fa dei segni come per dire di assecondarla)

Giovanni  :  Ah, va bene, ...ma le undici o mezzogiorno e' sempre la stessa cosa!

Gennaro  :  Ma tu staje pazzianno?  Tu 'a piglie pe' niente n'ora pe' uno che adda muri' a orario fisso! (Rivolgendosi a Grazia) Mamma' addo' sta'?

Titina        :  Sta durmenno dint' 'a camera degli ospiti!

Gennaro  :  Ma comme, io muoio e essa dorme?

Rosina     :  L'ho fatta mettere un po' io 'ncopp' 'o lietto, ...nun ne puteva cchiu', ...m'ha ditto che stanotte nun ha chiuso occhio!

Gennaro  :  E' 'overo!  Siamo stati tutta la notte svegli, io tenevo 'e smanie e l'aggio scetata, ...era l'ultima notte e... abbiamo fatto pace!

Carol        :  Mo' se spiega pecche' ve sentite debole!

Gennaro  :  Mi ha dimostrato ca me vo' ancora bene, ...m'ha giurato ca nun parlarra' cchiu'  punto e virgola e ca tenarra' sempe 'o lumino stutato annanze a Dante!

Rosina     :  Mo' sta appicciato!

Gennaro  :  (Guardando verso il busto di Dante) E chi l'ha appicciato?

Giovanni  :  Io!

Gennaro  :  Mangiapane a tradimento, stutalo immediatamente, anzi, ...porta chella capa 'a via 'e fore, ...jettala dint' 'a munnezza!

Giovanni  :  Va bene! (Fra se) Votta 'a veni' l'una! (Esce con il busto)

Gennaro  :  Embe', pare 'na pazzia, ...eppure, appena se n'e' ghiuta 'a capa, me sento meglio!  Michele e' turnato?

Grazia      :  Non ancora!

Gennaro  :  Speriamo c'ha truvato 'o posto comme dico io!  'O direttore d' 'o campusanto, il commendatore Esposito, me l'ha promesso: una tomba isolata e chiena 'e sole!

                   SCENA   VIII       (Grazia, Gennaro, Titina, Rosina, Maria)

                   (Entra Maria, oltre al vestito, ha indossato anche un cappello nero con veletta)

Carol        :  'A vedova, 'a vedova!

Maria       :  Genna', povero marito mio, comme te si ridotto!  Avive ragione, ...il  sogno si avvera ! ...comme faccio a vivere senza 'e te?

Gennaro  :  Vienetenne cu' me'!

Maria       :  (Senza raccogliere) Caruli', e che dulore! (la abbraccia).

Carol        :  Mari', e m'ammappucie tutto 'o vestito, ...abbracciate a Graziella!

Maria       :  Grazie', bella 'e mamma, che dulore... (la abbraccia, ...piange).

Grazia      :  Mamma', non fare cosi'... (Piange anche lei).

Maria       :  Aggio perso 'nu bello marito!

                   (Piangono tutti)

Gennaro  :  (Rinvigorito) Neh, uhe', ...e faciteme primma muri'!

Maria       :  Pe' me e' comme si fusse gia' muorto, Gennaro mio!

Gennaro  :  Ma io me sento 'nu poco meglio!

Maria       :  Pare a te', tu tiene 'e recchie bianche, 'o naso friddo...

Rosina     :  Ma pecche' nun chiammate 'nu duttore?

Grazia      :  Titina, telefona alla guardia medica!

Titina        :  Subito! (Via)

Gennaro  :  Che ore so'?

Carol        :  Mezzogiorno e mezza!

Gennaro  :  M u o i o.....

Rosina     :  Ma no, sono le undici e mezza!  Mamma', andiamo a vedere che sta' facenno Ciccillo!

Carol        :  Si andiamo, accussi' me dico 'na postula 'e Rusario!  Me voglio mangia' qualche cosa pure io: 'o dispiacere m'ha fatto sceta' 'na famma ca nun ne pozzo cchiu'!  Viene Rusi'! (Escono)

SCENA   IX(Grazia, Gennaro, Maria, Michele)

Michele    :  (Entra dalla comune) Tutto a posto, ...comme staje papa'?

Gennaro  :  In partenza!

Michele    :  Me pareno mill'anne ca se fa' l'una!

Gennaro  :  M'ha vuluto sempe bene stu' figlio! ...e allora che t'ha ditto 'o commendatore Esposito?

Michele    :  S'e' dimostrato un amico!  t'ha fatto ave' 'o posto! ...'nu bello posto asciutto e chieno 'e sole, ...miez' 'a doje tombe, una chiu' bella 'e n'ata, 'ncopp' 'a chella a sinistra 'nce stanno scolpite ddoje belle ciucciuvettole e a chella a destra ddoje cape 'e morte!

Gennaro  :  Benissimo, vaco mmiezo 'e ciucciuvettole!  Dunque, venite qua', sentite le mie ultime volonta'! (Si siedono tutti intorno a Gennaro)

Grazia      :  Non ti affaticare, papa'!

Gennaro  :  Non ti preoccupare, figlia mia, ...voi non potete immaginare che grande disgrazia e' la morte del capo di casa, ...una casa senza il capo e' come una nave senza cocchiere!

Grazia      :  (Corregendo) Nocchiero, papa'!

Gennaro  :  Va bene, come una nave senza nocchiero in balia della porcella...

Grazia      :  (Corregendo) Procella, papa', ...ma perche' parli cosi',  ha finito la mamma e incominci tu'?

Gennaro  :  E chella m'ha 'nfettato! Allora una nave in balia della... tempesta, va be'? (A Michele) ...e la governerai tu!

Michele    :  Si, papa', come vuoi tu!

Gennaro  :  ...farai sposare tua sorella cu 'o Pachiochio americano e le darai la parte che le spetta, ...a tua madre non fare mancare mai niente, ma se la vedovanza la fa' veni' qualche cattivo penziero, falle fa' chello che vo', ma nun le da' cchiu' manco 'na lira...

Maria       :  Genna', ma comme puo' pensa' ca io..., miettete 'ncapo ca 'nzieme a tte, moreno tutte l'ate uommene pe' me!

Gennaro  :  E va buo'..., chi vivra' vedra', ...allora appena morto mettetemi 'o vestito niro, la camicia bianca cu 'e buttune 'e madreperla e 'e cazettielle 'e seta. Nun me mettite 'e scarpe lucide, pecche' so' strette e me fanno male.  Per quanto riguarda il trasporto funebre ho incaricato Bellomondo, fategli fare le cose in grande e non tirate sul prezzo! Dietro al carro voglio una banda, un'altra la voglio in fondo al corteo! Appena smette 'e suna' chella 'e nanze adda accummincia'  chella 'e reto, ...al cimitero fatele suonare tutte 'e ddoje, ...il corteo non lo sciogliete subito, fatemi fare una bella passeggiata, magari pe' via Caracciolo, poi, mi raccomando, venite tutti i giorni al Camposanto e fatemi dire perlomeno dieci messe al giorno, ...vedite 'e truva' 'nu prevete a spasso e per il prezzo facite a forfait!

SCENA    X(Grazia, Gennaro, Maria, Michele, Giovanni, Bellomondo, Semmenzella)

Giovanni  :  (Entra ed annuncia) Il signor Bellomondo e il signor Semenzella!

(I due entrano, Giovanni va via)

Gennaro  :  (Ai figli) Facitele assetta'!

Bellom     :  Io sto cca', come vedete so' preciso all'appuntamento e fedele all'impegno!

Gennaro  :  Te mettive paura 'e perdere l'affare! ...ma nun e' ambresso?

Bellom     :  Semenze', ma che ora e'?

Semme    :  Dieci requiemeterna all'una!

Gennaro  :  Ma chisto mangia pane e requiemeterna?

Bellom     :  E' 'nu vizio ca nun se vo' leva'.  Comunque don Genna', state senza pensiero ca aggio fatto tutto come avete ordinato!

Maria       :  Mamma mia bella... (con voce rotta dal pianto) ...ma allora e' 'overo, 'o maritu mio bello se ne more?  ...pecche' site venuto?

Bellom     :  Ma pecche', se io nun venevo nun mureva?

Semme    :  E ce faceva 'st'affronto?  Io m'aggio miso pure 'o vestito nuovo! Requiemeterna...

Gennaro  :  Ma chisti 'overo me tirano 'e piere?

Bellom     :  Don Genna', io eseguo solo i vostri ordini...: 'a carrozza 'e rispetto, 'e pennacchie, Semme     :           E che carro, don Genna', 'na sciccheria, ...fa veni' 'o genio 'e muri'! Requiemeterna...

Gennaro  :  Grazie, grazie, 'o Pataterno v' 'o renne!

Bellom     :  Comunque, nuje stammo fora. Appena ve decidete ce chiammate!

Gennaro  :  E comme te chiammo?

Semme    :  Facite 'nu sisco...

Gennaro  :  Embe', io a chistu scemo 'o sputo dint' 'a n'uocchio, ...mo' 'overo m' 'o porto cu mme!

Bellom     :  Don Genna' perdonatelo, (a Semenzella) jammo a via 'e fora jammo! (a Gennaro) Arrivederci al piu' presto. ...requiemeterna...(Via)

SCENA   XI                            (Gennaro, Grazia, Maria, Michele, Carolina , Rosina)

Carol        :  (Entra seguita da Rosina,  e' piuttosto brilla) Don Genna', allora si parte?

Gennaro  :  Quanto manca?

Maria       :  Poco, Genna, poco!

Gennaro  :  Dieci?

Maria       :  Meno!

Gennaro  :  Cinque?

Maria       :  Genna', ...mancano dduje minuti!

Gennaro  :  (A Carolina) Avvisateme appena sponta l'una!

Carol        :  (Con tono da radiocronista) Sono le ore dodici e cinquantanove minuti! Abbiamo trasmesso il segnale orario!  Attenti ora a quello delle tredici!

Grazia      :  (A Rosina) Ma cosa e' successo a tua madre?

Rosina     :  Invece di dire il rosario, s'e' fatta 'nu litro 'e vino!

Carol        :  ...Meno trenta!

Gennaro  :  Mari'...

Maria       :  Che te siente?

Gennaro  :  'Nu poco 'e famma..., me facesso 'nu panino cu 'o provolone..., me sentomeglio...

Maria       :  No, Genna', quella e' 'a miglioria d' 'a morte!

Gennaro  :  E lievete 'a dint' 'e recchie si no nun moro cchiu'.

Carol        :  Perdonatela, don Genna', nun 'o fa' cchiu', ...murite! (Guarda l'orologio)  meno dieci...

Gennaro  :  (Si aggiusta) Famme truva' 'na posiziona cchiu' comoda...

                   (Confusione generale, Maria piange, i figli vanno vicino a Gennaro;Carolina continua...)

Carol        :  Cinque, quattro, tre, due, uno,  Dlin dlon: abbiamo trasmesso in diretta la morte di Gennaro Curatolo!

SCENA   XII

(Gennaro, Grazia, Maria, Michele, Carolina , Rosina, Govanni, Titina, Bellom, Semm., Dottore)

                   (Tutti piangono. Giovanni, Titina, Bellomondo e Semenzella portano i   candelabri e aggiustano Gennaro)

Titina        :  (Va via dal fondo, poi rientra annunciando:)  E' arrivato il dottore!

                   (Tutti piangono piu' forte)

Grazia      :  (Vedendo il dottore che entra) Troppo tardi, dottore, papa' e' morto!

Dottore     :  Calma, signori calma, fatemi vedere, (dopo aver visitato Gennaro, si rivolge a Maria) Signora, suo marito sta meglio di me e di lei!

Maria       :  Vuje che dicite dutto'?

Gennaro  :  (Apre piano un occhio, poi l'altro) Dottore, mi avete salvato la vita!

Dottore     :  Ma io non ho fatto niente, ...voi avete una salute di ferro!

Gennaro  :  Vedetemi il polso...

Dottore     :  (Esegue) Regolarissimo!

Gennaro  :  E il cuore?

Dottore     :  (Glielo ausculta) ...voi camperete altri cento anni!

Gennaro  :  (Ai familiari) Prendete note, ...dotto', adesso mi dovete fare il piacere di mangiare con noi, ...certo vi dovete adattare, ...cu tutta sta' ammuina chi ha avuto 'o tiempo 'e pensa 'o mangia'! (Rivolgendosi a Giovanni) Che cosa avete cucinato?

Giovanni  :  Antipasto misto, lasagne al forno, costatine di maiale con patatine, contorni vari, macedonia di frutta esotica, cannoli alla siciliana, amaro e caffe'!

Gennaro  :  Era muorto Carnevale. (A Giovanni e a Titina) Andate a preparare.

                   (Giovanni e Titina escono).

Dottore     :  Vi ringrazio, ma non posso, ...tengo un consulto all'una precisa!

Gennaro  :  E l'avete perso!

Carol        :  Mo' e' l'una e dieci...

Michele    :  L'una e sette...

Grazia      :  L'una e un quarto...

Dottore     :  Ma che state dicendo? il mio orologio va preciso, ...l'ho regolato con il segnale orario!

Gennaro  :  E che ora porta?

Dottore     :  L'una meno dieci!

Gennaro  :  Me sento male... (cade sulla poltrona).

SCENA   XIII (Gennaro, Grazia, Maria, Michele, Carolina , Rosina, Bellom. Semen., Dottore, Jack) Jack           :                 (Entra nella stanza) Aspettare papy, non morire, io avere buona notizia!

                   (Tutti lo guardano meravigliati)

Gennaro  :  (Gli va incontro) Che e' stato?

Jack         :  Prima, quando tu essere uscito per venire qui, io essere rimasto in camera tua e, siccome molto stanco, mi sono appisellato su tuo letto...

Grazia      :  Appisolato!

Maria       :  'A lezione 'a faje dimane, fallo parla'!

Jack         :  Thank you, dunque, io appi...solato e fatto sogno: avere sognato che stare in cielo e passeggiare su nuvole, quando avere incontrato signore con naso a mangiagallo... (fa segno storto)

Grazia      :  Pappagallo!

Jack         :  Oh, yes, pappagallo e con mantello rosso!

Gennaro  :  Dante!

Jack         :  Non sapere; lui molto contento vedere me, mi ha abbracciato e baciato, poi guardato me e avere detto: "Gennaro, come ti sei fatto secco, si vede che stare per morire, ...ma cosa avere fatto tu stanotte, ...io venuto non trovato te, ...io devo te dare buona notizio!" (Si ferma)

Gennaro  :  'Na bona notizia, e qual'e'?

Jack         :  Signor Dante continuato: "Io avere ottenuto che tu invece di morire potere fare come S. Francesco!"

Gennaro  :  Aggio 'a parla' con gli uccellini?

Jack         :  No! Dante detto che tu devi regalare tutti i tuoi soldi ai poveri prima dell'una e cosi' non morire piu'!

Gennaro  :  (Si guarda intorno, cerca consensi, ma tutti si girano da un'altra parte, allora risoluto...) Facite ambresso, chiammate 'o nutaro!

Maria       :  (Sgomenta e tutta agitata) Genna', pienzece buono, ma che staje pazzianno? ...che figura ce faje? ...'e gia' prenotato 'o carro, 'a carrozza 'e rispetto, 'e cavalli cu 'e pennacchie! ...e po' tutti gli amici stanno aspettanno 'a nutizia pe te manna' 'e fiori!

Gennaro  :  E a me che me ne 'mporta!  Nun voglio muri'!

Maria       :  E no, Genna', questo e' l'amore ca tiene pe' me, per i tuoi figli? ...ce vuo' manna' mmiez' 'a 'na via?  Tu gia' ti eri rassignato, percio' muori e nun ne parlammo cchiu'!

Gennaro  :  (Costernato) Mari', ma comme, stanotte... (a Grazia) Ma tu 'a siente a mammeta?

Grazia      :  Papa', io ti ho voluto sempre bene, ...ho sempre preso le tue difese, ..(in imbarazzo) ma mi sembra che ora la mamma abbia ragione!

Gennaro  :  Ah, ...(guarda speranzoso il figlio) Miche'...

Michele    :  Papa', ma tu che vuo' 'a me, ...fa' chello ca vuo' tu, pero'...

Gennaro  :  E' meglio ca moro!

Tutti          :  Ehhh!

Gennaro  :  Bellomu', ma tu 'e siente?

Bellom     :  Don Genna', per quanto vi stimo, v'aggio 'a da' tuorto! ...e po' si nun murite chi 'e paga 'e spese? ...'o carro, 'e fiori, 'a carrozza 'e rispetto...

Semme    :  'O tavuto!  'On Genna', avite 'a vede', quant'e' bello! Tutto 'e nucelle!

Bellom     :  No, 'e semmente! Semenze' ma qua' nucelle, ...di noce!

Semme    :  Ah, gia', di noce, 'o vulite vede'?

Gennaro  :  (Sgomento) No, Semenze', lassa sta',  Bellomo' non ti preoccupare, l'affare nun 'o pierde, 'o funerale se fa', anzi ne faie quattro!

                   (Tutti guardano Gennaro con tono interrogativo)

Bellom     :  Quattro, e perche'?

Gennaro¬† :¬† Pecche' l'accido a tutte 'e tre! (Si avventa sui figli, sulla moglie, tutti scappano, Bellomondo e Jack cercano di mantenerlo ma Gennaro si svincola. Tutti scappano, Gennaro li insegue ‚Äď

Buio e lampada stroboscopica., ...dopo qualche secondo...)

S I P A R I O

FINE 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 23 volte nell' arco di un'anno