A bedda pinsione

Stampa questo copione

Silvio Marascia

A BEDDA

PINSIONE

Commedia brillante

In tre atti

Di Silvio Marascia

POSIZIONE SIAE 217443

PERSONAGGI

TOTUCCIO CARRUBA...................................Pensionato finto cieco

AGATINA........................................................Sua moglie

CARMELO........................................................Il cognato

FIAMMETTA BONASSAI......................................La vicina di casa

AGNESE CARRUBA..................................................La figlia

GIANLUCA CARRUBA................................................Il figlio

LAURA BELTRAME...............................Ispettore Guardia Di Finanza

DOTTORE DI FRESCO............................Ispettore Previdenza Sociale

MARCO LOCURATOLO.....................................Fidanzato di Gisella

GIULIA LOCURATOLO..........................................Mamma di Marco

ALESSIO LOCURATOLO..........................................Papà di Marco

IL POSTINO                                                                                               

IL CARABINIERE                                  

Trama

In un paese della Sicilia, uno come tanti altri, una famiglia vive nell’inganno e nella rassegnata convinzione che l’unico modo per poter avere una vita decente, senza che niente possa mancare, sia farsi beffa di quel sistema che tutto può dare e che tutto può togliere.

Così Totuccio, un falso invalido, si ritrova a passare le giornate segregato in casa col cognato Carmelo, anch’esso invalido, mentre la moglie Agatina, intenta ad accudire i due, provvede ai fabbisogni domestici, assistendo dunque alla nascita della storia d’amore della figlia Agnese con un ragazzo torinese, e alle continue richieste di denaro del figlio, un adolescente appassionato di informatica.

Una famiglia che vive da dieci anni nel benessere, un benessere spigoloso, nato dall’inganno e dalla truffa, abilmente messe in piedi con l’aiuto del cugino della moglie, un uomo che conosce bene certi espedienti per vivere alle spalle del sistema.

E mentre la vita in casa Carrubba va avanti, nella quotidianità delle giornate vissute tra i travestimenti repentini di Totuccio ad ogni arrivo a sorpresa dell’Ispettore della previdenza sociale, l’unica nota sincera, genuina e romantica della storia, è l’amore vero e sognatore tra Marco e Agnese.

Fiammetta interviene come elemento di rottura in questa vicenda, divisa tra le faccende domestiche di casa Carrubba, nella quale lavora come collaboratrice domestica, e l’amore e il desiderio che Totuccio nutre per lei.

Ma, in un gioco di sotterfugi, di cose dette e non dette, di elementi nascosti e taciuti, le verità vengono inesorabilmente a galla, svelando l’ingannevole struttura con la conseguente irreversibile caduta nel baratro della vergogna, della perdita di tutto quello che, piano piano, la famiglia Carruba si è costruita intorno.

PRIMO ATTO

La scena si apre con Gianluca che chatta seduto al tavolo davanti ad un portatile indossando le  cuffie. La porta di ingresso si apre ed entrano Totuccio, con addosso cappello, occhiali scuri e bastone da cieco, e Agatina. Tornano dall’ufficio postale dove hanno ritirato la pensione d’invalidità di Totuccio.

SCENA 1

GIANLUCA – TOTUCCIO – AGATINA - CARMELO

Gianluca

(Toltosi le cuffie) Finalmente siete arrivati, tanto ci voleva? Che c’era folla all’ufficio postale?

Totuccio

(Stupito) Picchì, stavi ‘npinseri pi nuatri?

Gianluca

(Giustificandosi) Non ce la facevo più a badare con lo zio Carmelo, non mi lasciava chattare!

Totuccio

(Ignaro del significato) Gianluca, nun si ricinu sti cosi!

Gianluca

(Sorpreso) Perché, che ho detto?

Totuccio

Ca u ziu Carmelu non vuleva schiattari!

Gianluca

(Dandogli piccoli colpetti in testa) Papà, c’è nessuno in casa? Chattare e non schiattare! Chattare vuol dire comunicare con altri utenti attraverso il computer!

Agatina

(Guardando ironica il marito) Viri ca a pinsioni ha pigghiasti!

Totuccio

(Sorpreso dall’affermazione della moglie) U sacciu ca a pigghiavi, nun eramo ‘nsemmula all’ufficio postali?

Agatina

(Confermando) Appuntu, e allura chi ci aspetti a canciariti e a finilla di fari u fintu orbu?

Totuccio

(Accorgendosi soltanto adesso di indossare gli accessori da cieco) Chi ci vò fari, oramà nun sacciu chiù quannu è finciri e quannu ha recitari!

Gianluca

(Rimessosi intanto le cuffie continua a chattare) Ciao Mariella 90, sono Gianluca 88 e al momento sono in chat con te su facebook, e Mimmo, dito di fulmine, su twitter. Quanti giga hai in moto?

Totuccio

(Lo guarda perplesso) Mah! Certi voti haiu l’imprissioni ca chistu nun è figghiu miu! (rivolgendosi alla moglie) Agatina, ma semu sicuri ca a Gianluca, sta scatola nivura nun lu fici rincoglioniri completamente?

Agatina

Ma chi dici? Nostru figghiu è un granni espertu di infornatico!

Totuccio

E allura picchì nun si rapiu un furnu? Almenu avissimu manciatu pani gratis!

Agatina

Ma chi ci trasi u pani? Io parrava di ciriveddu elettronicu!

Totuccio

(Asserendo) Ragiuni hai, Gianluca ‘nto ciriveddru avi resistenzi e fili elettrici! E’ sempri assittatu davanzi a da scatula nivura, nun duna cuntu a nuddu e quannu mi talia è sulu picchì sta tuppuliannu a picciuli!

Gianluca

(Continuando a chattare) Io vado in stand bay, quando puoi, ricordati di collegarti al sito www.incontrionline.it (chiude la chat e guarda fisso il padre).

Totuccio

(Rivolto al pubblico) Quantu ci scummittiti ca sta partennu a dumanna di finanziamentu a fondo perduto?

Gianluca

(Confermando il timore del padre) Papà, mi dai 100 euro?

Totuccio

(Rivolto al pubblico come a confermare) E c’avia dittu? (Al figlio) Chi cosa è ca voi?

Gianluca

(Ribadendo) 100 euro.

Totuccio

Chi cosa ha fari cu 100 euro?

Gianluca

Devo comprare un programma per fare un sito!

Totuccio

(Capisce a modo suo) Chi cosa? T’accattari un programma pi fariti zitu? (Rivolgendosi alla moglie) U sintisti Agatina? Ti l’avia dittu ca sta scatola nivura u fici divintari un minchiuni! Pi farisi zitu avi bisognu du programma!

Gianluca

Ma cosa hai capito? Ho detto sito, è uno spazio per entrare nella rete!

Totuccio

Quali rete? Rete quattru?

Gianluca

Si, canale cinque! Papà, la rete, la rete informatica è un insieme di dispositivi elettronici in grado di comunicare tra loro!

Totuccio

(Non riuscendo a capire il significato) Nun capivi mancu una palora di chiddu ca dicisti, ma una cosa l’affirravi: tu ti vo fari zitu e iu è mettiri manu o portafogghiu! Tu e tò soru nun faciti autru ca tuppuliari a picciuli!

Gianluca

(Insistendo) Dai papà, per favore! Per fare il sito devo allargare la memoria del pc!

Totuccio

(C.S.) Chi? A chiantari a cicoria n’to wc?

Gianluca

Ma che wc e cicoria dici? Devo espandere la memoria del PC, e mi serve più ram!

Totuccio

Ah, ti servinu i rami? E picchì nun mi l’avissi dittu prima figghiu miu! Chiù tardu iamu in campagna e ti ni serru tanticchia!

Gianluca

Ma cosa farfugli? Non ho detto RAMI, ho detto RAM, parlavo di aumento di memoria del computer!

Totuccio

Sé, tu ci aumenti a memoria e a mia mi diminuisci u portafogghiu.

Contrariato, Gianluca esce di scena.

SCENA 2 

AGATINA – TOTUCCIO - CARMELO

Agatina

(Rivolta al marito) Ma nun lu capisci ca du picciottu s’avi a costruiri un futuru? Chi ti pari ca avi a fari u disoccupatu comu a tia?

Totuccio

(Ribadendo) Pensionato da previdenza sociale, prego!

Agatina

(Contrariata) U rici comu si fussi meritu tò ca pigghi a pinsioni! Ma di quali pensioni va parrannu, ca n’ta vita nun ha travagghiatu mai!

Totuccio

(Continuando con le sue rime) Chiddu c’haiu fattu ha statu sempri assai!

Agatina

(C.S.) Se, continua chi tò poesii, ma siddu nun era pi mè cucinu Cosimo (fa il gesto come ad indicare una persona di peso) ca ti fici aviri a pensioni cu 100% di invadilità a chistura nun lu sacciu comu avissimu tirato avanti a baracca!

Totuccio

(Asserendo) Chistu è veru! Quannu iu appi l’incidenti stradali cu lapinu, to cucinu Cosimo priparò tutti i carti dichiarannu ca a botta ca pigghiavi mi provocà un dramma cranico ca mi fici addivintari orbu, ma è puru veru ca stù fauri nun lu fici a gratis picchì ogni misi voli passatu un vitalizio.

Agatina

E allura? Tu ogni misi ci passi u vitaliziu ma cu restu da pinsioni ca pigghi, facemu ‘na vita di lussu, senza cuntari l’arritrati di pinsioni e accumpagnamentu ca hannu arrivari a mè frati Carmelu!

Carmelo

(Sentendo le parole della sorella) Accumpagnami a posta ca è ghiri a pigghiari a pinsioni!

Agatina

(Rispondendo al fratello) Nun ha ghiri a pigghiari nenti ca ancora t’havi arrivari!

Totuccio

(Acido) Iddu però, o cuntrariu di mia nun s’avi a finciri orbu!

Agatina

Nun s’avi a finciri orbu picchì iddu a pinsioni a pigghia onestamente! Fici na vita di travagghiari o canteri finu a quannu tri misi fà cariu di l’impalcatura e arristà tanticchia curpitu ‘ntesta!

Carmelo

(Ripetendo le ultime parole) C’è una festa? Abballamu, abbalamu!

Agatina

(Al Marito) Tu ha travagghiatu mai na to vita? 

Totuccio

Io sono obiettore di coscienza!

Agatina

(Questa volta è lei a costruire una rima) Tu si lagnusu d’esperienza!

Totuccio

(Elogiandosi) Ma chi ti pari ca è facili recitari sta parti? A ringraziari ca sugnu un attore impegnato!

Agatina

Se, impegnatu a nun fari nenti! Ma poi vulissi sapiri ‘nsoccu hai di lamentariti ca nun ni manca nenti e mantinemu du figghi all’università!

Totuccio

(Acido) A vuatri nun manca nenti! A mia mi mancanu tutti cosi! Ca scusa ca pi tutti sugnu orbu nesciu di dintra sulu pi ghiri all’ufficio postali, nun frequentu a nuddu e nun mi permetti d’accattari mai nenti!

Agatina

Ma tu u sai ca l’ispettori da previdenza sociali ti fa i visiti a sorprisa. Po’ veniri da un momentu all’atru e si ti scoprinu semu n’te guai! Tu pi tutti sì orbu e ha nesciri sulu cu mia ca ti fazzu da accompagnamento!

Totuccio

E vidi chi bedda cumpagnia!

Agatina

(Sentendosi offesa) Chi cosa vulissi diri?

Carmelo

(Con le sue solite rime) Cu sta bedda cumpagnia passa ogni malatia! Tu nun è ca capisci ca u vastuni e l’occhiali di orbu l’è purtari jò!

Agatina

Peggiu pi tia! Siddu tu avissi travagghiatu comu fannu tuttu l’autri astura stu problema nun l’avissimu avutu! Fu pi causa da tò lagnusia ca fummu costretti a sturiari st’umbrogghiu da pinsioni!

Carmelo

(Sentendo le parole della sorella) Accumpagnami a posta ca è ghiri a pigghiari a pinsioni!

Agatina

(Rispondendo al fratello) Zittuti, ti dissi ca nun ha ghiri a pigghiari nenti ca ancora t’havi arrivari!

Totuccio

(Rivolto al cognato) Carmè, u sai qual è a differenza tra mia e tia? tu rincoglionisti pi curpa du travagghiu, iu inveci staiu rincoglionendo pi curpa di to soru!

Carmelo

(Ripetendo le ultime parole) Pi curpa di to soru!

Totuccio

(Rivolto al cognato) Di to soru, no di me soru!

Carmelo

(Ripetendo le ultime parole) Di to soru, no di me soru!

Totuccio

 (Arrendendosi) Vabbè u capivi, lassamu perdiri!

Entra Agnese

SCENA 3 

AGNESE - TOTUCCIO – AGATINA - CARMELO

Agnese

(Auricolari nelle orecchie entra parlando al telefonino in viva voce) Ma tu mi ami?

Totuccio

(Facendole il verso) Ma quanto mi ami?

Agnese

(C.S.) Quando non sei con me sono così angosciata! Non smetterei mai di parlarti!

 

Totuccio

No, parra figghia mia, nun ti scantari, tantu un fissa chi fa i ricarichi di cellulari ni stà casa u truvamu sempri! (Indicando se stesso).

Agnese

(C.S.) Continua a lavorare ma non stancarti troppo. Ci sentiamo più tardi.(Chiude la conversazione e si rivolge al padre) Papà, si stà esaurendo il credito del telefonino, mi dai 100 euro per fare la ricarica?

Totuccio

(Rivolto al pubblico) Natru clienti arrivò! E nun è cuntu ca si eccanu vasci, sutta i centu euro non scinni nuddu! (Alla figlia) Mi dispiaci Agnesù ma l’ultimi centu euro c’avia ci promisi a to frati ca s’avi a fari zitu!

Agnese

(Sorpresa) Cosa?

Agatina

Lassalu parrari Agnese! Nun ti proccupari ca ti dugnu iu centu euri!

Totuccio

Se, daccilli tu! Picchì a tia cu è ca ti duna, a cassa du Menziornu?

Carmelo

(Ripetendo le ultime parole) Menziornu è, priparamu pi manciari!

Totuccio

 (Rivolto al cognato) Quali menziornu, i deci sunnu! Statti zittu!

Agatina

(Al marito) Ma u capisci oppure no, ca l’epica è differenti e i figghi vannu accuntintati? Nuatri campamu di previdenza sociale.....

Totuccio

(Interrompendola) E iddi si futtinu a patrimoniale!

Agatina

(Riprendendo con il tono della voce più alto) Nuatri campamu di previdenza sociale.....

Totuccio

(Interrompendola) E iddi s’agghiuttinu salmone e caviale!

Agatina

(Sempre più nervosa) Nuatri campamu di previdenza sociali.....e quannu rici tu mi fa finiri di parrari.

Totuccio

(Acconsentendo) Parra!

Agatina

Dicia ca nuatri campamu di previdenza sociale e i beddi picciuli ca pigghiamu ogni misi hannu a serviri pi la felicità di nostri figghi! Si iddi sunnu felici....

Totuccio

(Creando una rima) .....U Signuri ni benedici!

Agatina

(Replicando con tono di voce alto) Si iddi sunnu felici.... sugnu felici puru jò!

Totuccio

(Ribadendo) Eh certu! Ccà l’unicu ‘nfelice sugnu iu, ca per esempio avi d’un saccu di tempu ca mi vulissi accattari un televisori a cristalli liquefatti, in acquaddì cu picci e pic e mi dici sempri no!

Agatina

(Fornendo una plausibile giustificazione) Nun hai bisognu di accattari nudda tilivisioni ca sì orbu!

Totuccio

(Sarcastico) Iu sugnu orbu quannu cunveni a tia! Ti ricordu ca è fari l’orbu quannu sugnu fora da casa, ma dintra nun c’è bisognu ca finciu!

Agatina

(Persuadendolo) Ma è pi tiniriti allenatu, accussì nun perdi l’abitutini, ascuta a mia, tu, puru dintra, finci!

Carmelo

(Capisce tutt’altro) D’unni sunnu i sfinci? Vogghiu i sfinci, i sfinci vogghiu! (Si siede sulla poltrona e si copre con la coperta)

Totuccio

Zittuti, pi San Giuseppi si ni parra!

Carmelo

(Alla sorella) Agatina pigghiami u pappaddu!

Agatina

(Cercandolo) Totuccio dunni u mittisti u pappaddu di me frati Carmelu?

Totuccio

(Con sfottò) Mischineddu mi facia pena sempri chiusu n’ta aggia e u liberavi... (Con rabbia)Ma chi cosa voi ca ni sacciu du pappaddu di to’ frati carmelu?

Agatina

(C.S.) Dunn’è bottarisali? Chiddu di n’capu si fa! (Finalmente lo trova) U truvavi Carmelu, resisti! (Mette il pappagallo sotto la coperta posata sulle gambe di carmelo che comincia a far pipì emettendo gesti di soddisfazione)

Agnese

(Rivolgendosi alla madre) Mamma, hai parlato con papà?

Totuccio

(Preoccupato)  Chi successi? Ci sunnu novità?

Agatina

(Imbarazzata) Agnese avi quattru misi ca frequenta un picciottu! 

Totuccio

(Risoluto) E picchì mu stai dicennu ora? Putevi aspittari natri ottu misi accussì fistiggiavamu un annu paru paru!

Agatina

Nun si tratta di chistu, u problema è chi Marco, stu picciottu, è di bona famigghia, alta e locata. So patri fa archi e tetti e so matri...

Totuccio

(Intervenendo)………Pilastri e pavimenti!

Agatina

(Indispettita) Accuminciasti arrè chi to battuti scimuniti? (Ripete la frase) Dicia chi so patri fa archi e tetti.....

Totuccio

(C.S.)………E so mugghieri ciù permetti!

Agatina

(C.S.) ‘nca và, quannu fa d’accussì nun lu sacciu chi ci facissi!

Carmelo

Agatina, finivi. Levami u pappaddu, u pappaddu levami, levami u pappaddu!

Agatina

(Confusa) Aspetta un minutu, bottadisali! Leva u pappaddu, metti u pappaddu, nun ni posso chiù di cummattiri cu tia e cu pappaddu puru!

Totuccio

(Consigliandola) Ascuta a mia accatta dui cardellini e a iddu u sistemi direttamente n’to cessu!

Agnese

(Seria) Papà, la mamma poco fa voleva dire che il padre è architetto e la madre lavora al comune! 

Totuccio

(Incuriosito) E sunnu compaesani nostri?

Agnese

(Imbarazzata) Veramente no! Non sono siciliani!  

Totuccio

(C.S.) Calabrisi?

Agatina

Mancu!

Totuccio

(C.S.) Campani?

Agnese

Neppure!  

Carmelo

Agatina, i campani stannu sunannu, i campani, cu muri?

Agatina

(Al fratello) Zittuti ca nun murì nuddu, nun sunnu i campani ca pensi tu!

Totuccio

(Innervosito) ‘Nsumma, chi sunnu molisani, basilichi pugliani?

Agnese

Piemontesi!  

Totuccio

(Stupito) Piemontesi? E dunnu u canusciti, quannu u canuscisti, comu u canuscisti?

Agatina

(Alla figlia) Quali busta scegli a unu a dui o a tri?

Agnese

(Raccontando) Sono di Torino, con Marco ci siamo conosciuti quest’anno al mare, loro vengono tutti gli anni in Sicilia per le ferie. Ci siamo innamorati subito, è stato un colpo di fulmine in un giorno di pioggia!   

Carmelo

(Alla sorella) Sta chiuvennu, Agatina chiui a finestra!

Agatina

(Al fratello) Dormi ca fora c’è u suli!

Totuccio

(Risoluto) Un corpu di fulmine? E poi dicinu ca in estate ni nuatri nun chiovi mai! E iddu chi fa?

Agatina

Cerca!

Totuccio

(C.S.) Chi cerca, travagghiu?

Agatina

No, cerca!

Totuccio

E su dui, u capivu, ma ‘nsoccu cerca?

Agatina

U medicu!

Totuccio

Cerca u medicu? Picchì sta mali? Soffri di quacchi malatia?

Agnese

(Intervenendo) Papà, la mamma voleva dire che Marco è ricercatore medico all’università di Torino, con i suoi studi contribuisce alla ricerca dei rimedi per curare varie malattie! 

Totuccio

L’importante è ca nun ci rumpi i cabbasisi truvannu i rimedi per guariri i finti orbi comu a mia!

Agnese

(Imbarazzata) Il problema è proprio questo papà! Non potevo certo dirgli che tu ti fingi un falso invalido per avere la pensione! Almeno per i primi periodi devi recitare anche con lui la parte del finto invalido! Poi si vedrà!

Totuccio

(Tranquillizzandola) Agnese, siddu si tratta di recitari stà parti po’ stari tranquilla ca sugnu allenatu! Un vero attore!

Agatina

(Facendogli il verso)....Un vero attore!

Totuccio

(Indispettito)Parrò u pappaddu!

Carmelo

(Ripetendo le ultime parole) Agatina pigghiami u pappaddu, pigghiami u pappaddu!

Agatina

(Al Marito) Totuccio, t’avi a siccari a lingua! Chiffari nun n’avii di pronunciari a parola pappaddu? Aspetta Carmelu, resisti ca tu pigghiu subitu!

Bussano alla porta

Agatina

(Spaventata) Bedda matri, l’ispettore! Prestu Agnese, pigghia u vastuni di orbu di tò patri, pigghia l’occhiali di suli, pigghia u birrittu, pigghia i certificati di invadilità, Totuccio, mi raccumannu, recita bonu! (Preparano il falso invalido)

Agnese, nella concitazione prende l’ombrello invece del bastone da cieco, il cappello della madre invece del basco e il suo occhiale al posto di quello da sole di Totuccio.

Agatina

(Confusa rimprovera la figlia) Agnese, ma chi cummini? Bottadisali spicciamunni ca sinnò resuscitiamo il sospetto dell’ispettore. (Terminati i preparativi dopo aver sentito ancora bussare...) Cu è?

SCENA 4

FIAMMETTA – AGATINA

Fiammetta voce F.S.

Signora Agatina, Io sugnu, a nova vicina di casa, a signora Fiammetta Bonassai!

Agatina

(Rasserenata) Bottarisali a iddra, mi fici pigghiari un corpu!(Si rivolge verso la porta d’ingresso senza aprirla) Chi dici signora Fiammetta?

Fiammetta voce F.S.

Signora Agatina, n’aviti prezzemolo di ‘mpristarimi ca staiu cucinannu spaghetti aglio e olio?

Agatina

Mi dispiace signora Fiammetta prezzemolo nun n’avemu, nuatri n’te spaghetti agghiu e ogghiu ci mittemu u pitrusinu!

Fiammetta voce F.S.

Grazie lo stesso signora Agatina, Buongiorno.

Agatina

Buongiorno a lei.

SCENA 5

AGATINA – TOTUCCIO – CARMELO - AGNESE

Agatina

Chista avi tri misi ca v’inni abitari ccà o latu e pari a mia, ca scusa d’addumannari sempri quacchi cosa, vulissi annaschiari troppu!  

Totuccio

Nun a putevi fari trasiri? ti pari educatu parraricci attraversu a porta?

Agatina

(Prendendolo in giro) Ma viri chi omu di galateo! Ma chi ti pari ca nun mi n’addunavi ca ti nescinu l’occhi di fora quannu vidi a signora Fiammetta?

Totuccio

(Con le sue solite rime) A signora Fiammetta è ‘na fimmina fina, ma du me cori sulu tu sì a regina!

Agatina

(Sfottendo) Parrò Giosuè Carduccio! Mi staiu mittennu a chianciri! Agnese, pi favuri, pigghiami un fazzulettu!

Carmelo

(Ascoltate le ultime parole) Nun ci vogghiu iri n’to lettu! Nun ci vogghiu iri!

Agatina

(Fra sè) Aho, chistu capisci sempri favi pi ciciri!

Entra Gianluca, attraversa, ballando, la scena con computer e auricolare ed esce.

Totuccio

(Colto alla sprovvista) Agatina, ma semu sicuri ca chistu nun havi quacchi condensaturi scarutu ‘nto ciriveddu? Iu mi staiu cuminciannu a proccupari!

Agatina

(In difesa del figlio) Ccà se c’è quacchidunu ca havi u ciriveddu scarutu, chiddu si tu!

Agnese

(Si rivolge al padre) Papà, ho anche detto a Marco che tu hai avuto l’incidente stradale che ti ha causato la cecità mentre ti recavi all’ufficio postale dove lavoravi come impiegato! Sai com’è, non mi andava di dirgli che lavoravi con il lapino!

Totuccio

(Confermando) Bonu facisti, figghia mia. Travagghiari e posti ha statu sempri u mè desideriu!

Agatina

N’ca perciò, u tò desideriu ha stato sempri chiddu di nun fari nenti da matina a sira!

Totuccio

(Discolpandosi) Tu ti n’approfitti picchì mi trovu n’ta stu statu

Agatina

Ascuta a mia, è na fortuna ca ti trovi n’ta stu statu, picchì si t’avissi attruvatu na Francia oppuru n’ta Germania astura fussi n’galera!

Totuccio

(Amareggiato) A virità è ca pi tia nun sacciu fari nenti!

Agatina

Nun è veru! Una cosa chi sa fari bona c’è!

Totuccio

(Incuriosito) E chi cosa?

Agatina

‘Nvintari sti poesii ca mi fannu veniri u duluri di stomacu!

Carmelo

(Alle parole della sorella) Duliri di stomacu aiu, Duliri di stomacu aiu, Agatina pigghiami a pala!

Totuccio

(Ironicamente alla moglie) E di poi è a mia ca m’havi a siccari a lingua veru?

Bussano di nuovo alla porta

Totuccio

(Ironico) Sarà arrè a signora Fiammetta ca voli imprestata puru a pasta!

Agatina

(Innervosita) Beddra matri ca siddu è natra vota idda stavota i spaghetti c’incoppulu ‘ntesta!

Carmelo

(Con voce più alta) Duliri di stomacu aiu, Duliri di stomacu aiu, Agatina pigghiami a pala!

Agatina

(Nella massima confusione) Beddra matri mi staiu cunfunnennu! U pappaddu, a pala, a porta....(Nervosa si rivolge al marito) Totuccio d’unnè a pala? (Continuano a bussare alla porta)

Totuccio

(Ironico) A lassavi n’to furguni vicinu a ‘mpastatrici!...(Con rabbia) Ma chi cosa voi ca ni sacciu d’unnè a pala?

Agatina

(Continuano a bussare alla porta) Cu è?

SCENA 6

POSTINO – TOTUCCIO -  AGATINA – AGNESE - CARMELO

Voce maschile F.S.

Famiglia Carrubba, c’è nessuno in casa?

Agatina

(Spaventata) Bedda matri, l’ispettore! Prestu Agnese, pigghia u vastuni di orbu di tò patri, pigghia l’occhiali di suli, pigghia u birrittu, pigghia i certificati di invadilità, Totuccio, mi raccumannu, recita bonu! (Preparano il falso invalido tra la solita concitazione generale) Un attimo che vegno! Cu è?

Voce F.S.

Signora Carrubba, il postino sono!

Totuccio

(Scherzandoci su) Tranquilla Agatina, rapici a porta. E’ un mio collega!

Agatina

(Rasserenata) E sunnu dui! Ma chi mi vonnu fari veniri un infarto al mio cardo?(Apre la porta)

Postino

C’è una lettera per la signorina Agnese Carrubba.

Agatina

(Prende in consegna la lettera del postino) E’ ‘na littra di Marco (La porge alla figlia)

Postino

(Rimane fermo sull’uscio di casa)Niente mancia?

Carmelo

Si mancia? Sé, sè, haiu pitittu, haiu pitittu!

Agatina

Statti bonu ca nun è ura di manciari! (Rivolgendosi al postino) Ccà c’è un euro, buongiorno!

Postino

(Prende i soldi ed esce) Buongiorno a voi.

SCENA 7

TOTUCCIO -  AGATINA – AGNESE - CARMELO

Totuccio

(Sorpreso si rivolge alla figlia) Ma comu, semu n’to trimila e ti scrivi i littri? Nun ta putia mannari un’amalia?

Agatina

(Informandosi) E cu è Amalia?

Agnese

(Corregendoli) Ma quale Amalia, si dice e-mail! Marco scrive le lettere perché è un ragazzo romantico!

Agatina

(Incuriosita) Forza Agnese, leggi....leggi....

Agnese

(Scrutando la lettera) Amore mio....

Agatina

(C.S.) Leggi....leggi....

Agnese

(Continuando con tono più alto) Amore mio....

Agatina

(C.S.) Leggi....leggi....

Agnese

(Innervosita) Mi fai parlare si o no?

Totuccio

(Intervenendo) Silenzio....parla Agnese!

Agnese

(Legge alcuni passaggi) Amore mio, i miei vogliono conoscerti. Gli ho raccontato di te, dei tuoi genitori fantastici, di tua madre che accudisce due invalidi e manda avanti da sola la famiglia. Ho detto loro di tuo padre, onesto lavoratore (pausa generale mentre Agnese e Agatina guardano Totuccio) rimasto addirittura cieco in un incidente stradale mentre si recava al lavoro all’ufficio postale. I miei sono molto religiosi ed hanno a cuore gente come voi!

Amore mio verremo al mare in Sicilia anche questa estate e dopo aver fatto incontrare le nostre famiglie penseremo seriamente al nostro matrimonio. Tuo per sempre Marco.

Totuccio

E poi nuautri siciliani parramu mali du nord! In funnu u sannu puru iddi ca semu persone per bene, onesti e lavoratori! 

Agnese e Agatina

(Insieme guardando Totuccio) Onesti?

Totuccio

(Correggendosi) Vabbè, persone per bene e lavoratori!

Agnese e Agatina

(Insieme guardando Totuccio) Lavoratori?

Totuccio

(Innervosito) Ahò, m’arristà di diri sulu persone per bene, u possu diri o è megghiu ca mi staiu zittu?

Agatina

(Approvando) U vidi ca u capisti? Statti zittu ca è megghiu!

Agnese

Papà, i genitori di Marco sono felici di questa nostra unione, ma io sono preoccupata se vengono a scoprire questo imbroglio del falso cieco!

Totuccio

(Sicuro di sè) Stai tranquilla figghia mia, u sai ca sugnu un attore nato!

Agatina

(Con tono ironico) Picchì, d’unnè ca ha recitatu fino a ora?

Totuccio

(Battuta fuori tema) N’ta Compagnia Teatrale Baucinese!

Agatina

(Attestando fuori tema) Ah bè, allura......

Agnese

(Ansiosa torna in argomento) Io sono terrorizzata da questa messa in scena del falso invalido che va avanti da anni! Un giorno o l’altro finirà male!

Totuccio

(Sicuro di sè) Oramà avi 10 anni ca fincemu e ha ghiutu tuttu bonu! Stai tranquilla ca nun ni la leva nuddu stà bedda pinsioni!

Carmelo

(Sentendo le parole del cognato) Accumpagnami a posta ca è ghiri a pigghiari a pinsioni!

Totuccio

(Rispondendo al cognato) Ti rissimu ca nun ha ghiri a pigghiari nenti ca ancora t’havi arrivari!

Agatina

(Assecondando il marito) Agnese, i cosi foru sturiati troppu boni e se continuamu a recitari ognunu a so parti comu amu fattu finu a oggi, nun ni po’ succerini nenti! (Guardando il marito con gli occhi storti) Sempri ca iddu nun si impappina!

Totuccio

(Sarcastico) Iu nun mi impappinu si tu nun ti impappini ma puru ca m’impappinassi mi disimpappinu!

Carmelo

(Sentendo le parole del cognato) C’è Pippinu, rapici a porta, Pippinu c’è!

Agatina

(Confusa) Ma chi Pippinu va ricennu puru tu? Mi stati facennu impeppinari puru a mia!

Agnese

(Ascolta scoraggiata il dialogo) Ritorno a dire che un giorno di questo finirà male! Io esco, ho lezione all’università.(Uscendo Agnese incontra la signora Fiammetta) Buongiorno signora Fiammetta, si accomodi.

SCENA 8

FIAMMETTA - TOTUCCIO – AGATINA - CARMELO

Fiammetta

(Entrando) Ciao Agnese, buongiorno signora Agatina, signor Totuccio... Chi fa disturbu? 

Totuccio

(Cortese) Lei nun disturba mai signora Fiammetta!

Agatina

(Contrariata guarda male il marito) Veramente avissi tanticchia di chiffari, di chi cosa avi bisognu signora Fiammetta?

Fiammetta

(Con modi umili) Signora Agatina lei u sapi ca iu arristai vedova in giovane età e avissi bisognu di travagghiari, picchì economicamenti nun sugnu tantu bona! 

Carmelo

(Ripetendo le ultime parole)  Nun è tantu bona, nun è tantu bona!

Totuccio

(Al cognato) Zittuti ca tu nun ni capisci nenti. Fatti priari di mia: è bona! 

Agatina

(Guarda male il marito) Chi dicisti?

Totuccio

(Giustificandosi) No, ripitivi chiddu ca dissi a signora Fiammetta: economicamenti nun è tantu bona! 

Fiammetta

(Continuando il discorso) Signora Agatina lei è sempri ‘nchiffarata a cummattiri chi so familiari e chi pulizii da casa, se voli iu ci putissi dari ‘na manu d’aiutu. 

Agatina

(Rivolta alla signora Fiammetta) Chi voli ca ci dicu signora Fiammetta, finu a oggi nun haiu avuto bisognu, ma nun si po’ mai diri. Siddu mi sirvissi aiutu, ciù fazzu assapiri!

Fiammetta

(Illustrando le sue abilità) U sapi signora Agatina, iu sacciu stirare bonu, sugnu una brava cuoca e sacciu fari puru i gnizioni!

Totuccio

(Contento si rivolge alla moglie) U capisti? Tutti cosi sapi fari! Accussì i ‘gnizioni mi po’ fari idda! 

Agatina

(Contrariata) Nun ti pigghiari stu pinseri ca i ‘gnizioni a tia ti fazzu iu!

Totuccio

(Irritato) Tu mi fai mali! Quannu m’azzicchi a ugghia pari ca stà priparannu i spitini!  

Fiammetta

(Replicando) Nun si scantassi signor Totuccio, iu haiu i manu di fata!

Totuccio

(Alla moglie) U sintisti? E’ ‘na fata!  

Agatina

(Ironica) E’ tu sì u principi azzurru, veru?

Fiammetta

(Imbarazzata) Ora mi ni vaiu ca nun vogghiu disturbari oltre! Buongiorno. (Esce)

Agatina

(Agitata) Ancora u cascamortu avii a fari ca signora Fiammetta Bonassai veru? Quannu vidi a chista s’adduma comu un cirino! Autru chi Fiammetta, pari ca vidissi ‘na vampa!

Totuccio

(Recita una sua solita poesia) c’è l’incendiu n’to me cori cu l’adduma nun è fiammetta ma una vampa sempri ardente quasi fussi ‘nà stellina: u so nomi è Agatina!

Agatina

(Ironica) Sé, pari a mia ca tu cu sti poesii, mi vulissi accattari! Ni po fari a menu, picchì chistu succireva quannu eramu ziti, oramà nun m’incanti chiù!

Carmelo

(Ripetendo le ultime parole) Nun cià canti chiù, nun cià canti chiù!

Agatina

U vidi? Si n’addunò puru mè frati Carmelo!

Totuccio

(Al cognato) Carmè, puru tu ti ci metti? (Rivolto alla moglie) Agatina tu a mia nun mi capisci, certi voti mi sentu ‘na cosa inutili!

Agatina

(Si finge dispiaciuta) No Totuccio, nun diri sti cosi.... (Con rabbia) tu sì sempri na cosa inutili! Quannu ni maritamu, trent’anni fa, nun ni vulisti sapiri nenti di lassari u paisi e emigrari al nord a circari un travagghiu seriu.

Totuccio

(Asserendo) E fici bonu!

Agatina

(Ribadendo) Ora magari avissi un beddu pusticeddu senza bisognu di cumminari tutti st’imbrogghi! (Prendendolo in giro) Vulia fari l’autotrasportatori cu du lapinu tuttu scassatu ca s’accattò!

Totuccio

(Irritato)Nun parrari mali du lapinu! Ca fu grazie a l’incidenti ca fici cu iddu chi appimu sta pinsata da pensioni! Ma di poi chi ti lamenti ca trasinu dumila euro o misi, senza cuntari chiddi di to frati! ti fannu schifiu?

Carmelo

(Ripetendo le ultime parole) Ci fannu schifiu, ci fannu schifiu!

Agatina

(Rivolgendosi al marito)  Intantu ti ricordu ca a mè frati, a pinsioni ancora c’havi arrivari ‘nsemmula a l’arretrati! E di poi nun mi fannu schifiu i sordi, mi fa schifiu continuari a viviri ‘nta sta recita e tuttu pi corpa tua ca nun vulevi emigrari!

Totuccio

(C.S.) Ma chi è curpa mia si sugnu affezionatu a me terra? Iu a Torino nun ci vosi iri picchì a mia a Lombardia nun mi piaci. A mia mi piaci a mè terra e vogghiu moriri ccà!

Agatina

(Rimproverando il marito) Tu a mia, mi stà facennu moriri ccà! Campamu c’una bedda pinsioni, ma facemu ‘na vita casa e Chiesa cu fattu ca tu t’ha finciri orbu. Nun putemu frequentari a nuddu e quannu caminamu n’mezzu a strata paremu dui strammiati: tu ca tà finciri orbu e io ca e finciri di accumpagnariti!

Totuccio

Semi nuatri ca nun vulemu frequentari a nuddu! Per esempiu, a mia mi facissi piaciri strinciri amicizia ca signora Fiammetta!

Agatina

(Innervosita) E ‘nsisti ca signora Fiammetta! U sacciu io chi cosa ti piacissi strinciri a tia! Totuccio staccura picchì.... uomo avvertito.....

Totuccio

(Completando la frase) .....Non ha mai tradito!

Entra, ballando, Gianluca con computer e auricolare

Gianluca

(Fissando il padre) Papà mi servirebbe un ipad!

Totuccio

(Rispondendo al figlio) Hai....?

Gianluca

Pad!

Totuccio

(Replicando) Hai....?

Gianluca

(Con voce più alta) Pad!

Totuccio

Mi fa finiri di parrari? Stava dicennu HAI a possibilità di iri a fari n’to culu?

Agatina

Ma u vò lassari iri? Ti ci voti sempri sgarbatu! 

Carmelo

(Ripetendo le ultime parole) Nun u vogghiu u catu, vogghiu u pappaddu, u pappaddu vogghiu, u pappaddu vogghiu...(continua a chiedere il pappagallo mentre...

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

Agatina sta apparecchiando la tavola mentre Totuccio fuori scena sta cantando.

SCENA 9

 

TOTUCCIO -  AGATINA

Totuccio F.S.

(Facendo la parodia a una canzone dei Ricchi e Poveri) Che bellu fari l’orbu accussì nun travagghiu chiù, mi dunanu a pinsioni cu tutti i detrazioni, non chiedo di più!

Agatina

(Ironica) Inveci di cantari venimi aiutami a cunsari a tavula ca è quasi ura di manciari!

Entra Agnese  con il fiatone.

SCENA 10

 

AGNESE -  AGATINA - TOTUCCIO

Agnese

(Ansimando) Mamma dalla finestra della mia stanza ho visto parcheggiare la macchina dell’Ispettore della Previdenza Sociale!

Agatina

(Spaventata) L’ispettore! Prestu Agnese, pigghia u vastuni di orbu di tò patri, pigghia l’occhiali di suli, pigghia u birrittu, pigghia i certificati di invadilità, Totuccio, mi raccumannu, recita bonu! (Preparano il falso invalido nella concitazione generale)

Totuccio

(Innervosito) ma dicu iu chistu è orariu di fari i controlli? Nun si po’ mancu manciari in santa paci!

Suonano alla porta

Agatina

Cu è?

SCENA 11

 

AGNESE -  AGATINA – DOTTOR DI FRESCO - TOTUCCIO

Voce F.S.

Famiglia Carrubba, sono il dottor Di Fresco della previdenza sociale!

Agatina

(Apre la porta) Caro Ispettore come stà? Si accomodi, stava facennu manciari a minestra a mè maritu, volete favorire?

Nel frattempo l’Ispettore saluta Totuccio, Agnese e Carmelo.

Dottor Di Fresco

No, grazie signora. Ero venuto per il solito controllo a vostro marito. Come stà vostro fratello Carmelo?

Agatina

Comu voli ca avi a stari Ispettore? Si movi a stentu e parra sulu per ripetiri chiddu ca dicemu, oppure quannu senti pronunciari a parola “pinsioni”!

Carmelo

(Sentendo le parole della sorella) Accumpagnami a posta ca è ghiri a pigghiari a pinsioni!

Agatina

(Rispondendo al fratello) Nun ha ghiri a pigghiari nenti ca ancora nun t’arrivatu! U vidi Ispettore? Chi cosa ci avia dittu?

Dottor Di Fresco

(Accomodandosi al tavolo vicino a Totuccio) E lei signor Totuccio? Come va?

Totuccio

(Autocommiserandosi) E comu avi a ghiri dutturi Di Fresco. Quannu unu è orbu da nascita ci fa l’abitutini, ma quannu s’addiventa orbu di granni, a causa di n’incidenti si rischia a depressioni! (Mangiando la minestra Totuccio tossisce addosso all’Ispettore)

Agatina

(Fingendosi dispiaciuta) Che cummini Totuccio? Scusasse Ispettore, ma chi ci voli fari....nà so condizioni....!

Dottor Di Fresco

(Asciugandosi la giacca) Non date peso signora Agatina! Capisco perfettamente!

Totuccio

(Fingendosi afflitto) Oramà addiventai un rottame, nun mi va di manciari, nun mi va di dormiri, a matina appena susutu nun mi va mancu di vistirimi! Nun assumigghiu certu a lei ca si ni va in giro beddu eleganti cu l’abitu blu! (Pausa generale)

Dottor Di Fresco

(Insospettito) Come fate a sapere che indosso un abito blu?

Agatina

(Imbarazzata) No, dottore Di fresco, quella è stata mia figghia ca s’affacciò a finestra e dissi ca c’era un signore distintu in abito blu ca ci parsi l’Ispettore da previdenza sociale!

Dottor Di Fresco

(Insospettito tenta un gioco di furbizia) Signora Agatina, vorrei finire di pulirmi, per favore mi date un’asciugamani?

Agatina

Certo Ispettore, aspettassi ca cià pigghiu!

L’Ispettore approfittando che Agatina si è alzata dal tavolo mette alla prova Totuccio.

Dottor Di Fresco

(Fingendo di voler continuare a pulirsi la giacca) Signor Totuccio, mi passate un altro tovagliolo per favore?

Totuccio non cade nel tranello, allunga le mani sul tavolo e rovescia la bottiglia di acqua sull’Ispettore, che si alza di scatto.

Agatina

(Mortificata) Totuccio, chi cummini? Vinissi ccà dutturi Di Fresco ca ci asciucu i cavusi!

Totuccio non visto dall’Ispettore gli fa il gesto dell’ombrello.

Dottor Di Fresco

(Rassegnato) Lasci stare signora Agatina, la colpa è mia. Adesso vado, ci vediamo al prossimo controllo. Buongiorno signor Totuccio (gli dà la mano e Totuccio finge di ignorarlo) buongiorno signora Agatina, signorina Agnese buongiorno anche a lei.

Famiglia Carrubba

Buongiorno Dottore Di Fresco.

SCENA 12 

TOTUCCIO – AGATINA - AGNESE

Totuccio

(Dopo l’uscita di scena dell’Ispettore) Minchiuni, a mia vulia futtiri! (Tra sé) Dottore Di Fresco......po’ stari Friscu!

Agatina

Sé, po’ stari friscu! Intantu siddu nun era pi mia ti futtia pi daveru! Totuccio, ma chi cummini? U vistitu blu...a chi c’eri ci putii diri puru u culuri da cravatta!

Totuccio

Appi un attimu di sbandamentu mentali, ma m’arripigghivi subitu! A vidisti a scena du tovagliolu? Iu pi futtiri e arristà futtutu!

Agnese

Si papà, ma questo trucchetto dell’Ispettore stà a significare che ha qualche sospetto! Dio mio, perché avete messo su tutta questa macchinazione?

Carmelo

(Sentendo le parole della nipote) Nun ma fazzu a vaccinazione, nun ma fazzu!

Agnese

(Inquieta) Se lo vengono a sapere Marco e la sua famiglia finisce male! (Rivolgendosi alla madre) Mamma, ma papà non poteva lavorare come fanno tutti, invece di andare a cacciarsi in questa truffa?

Agatina

Chi ci vò fari figghia bedda! Dicia ca era sciarriatu cu nord! A mia mi sa ca era sciarriatu cu travagghiu!

Totuccio

N’uccenti! Idda nun organizzà nenti cu sò cucinu Cosimu! Idda i schifia i sordi ca pigghiu ogni misi tra ‘nvalidità, accumpagnamentu e pinsioni! 

Carmelo

(Sentendo le parole del cognato) Accumpagnami a posta ca è ghiri a pigghiari a pinsioni!

Agatina

(Rispondendo al fratello) Ancora ‘nsisti? Nun ha ghiri a pigghiari nenti picchì ancora t’havi arrivari!

Agnese

Mamma, esci un po’ con mè? Ho bisogno di distrarmi.

Agatina

Certu figghia mia. Totuccio, nuatri nescemu tanticchia, l’ispettore già vinni e perciò è difficili ca ritorna. Comunque sia, tu si senti bussari, pigghia tutti l’attrezzi e recita bonu a to parti! ‘Nto frattempu lavami i piatta, passa u cannavazzu e staccura a mè frati Carmelu! (Agnese e Agatina escono di scena)

SCENA 13 

TOTUCCIO – CARMELO - FIAMMETTA

Totuccio

(Infastidito) Iddi nescinu e fannu chiddu ca vonnu e io è stari incastratu dintra a puliziari e a cummattiri puru cu chistu (Guardando Carmelo)! Veremu si ni putemu passari tanticchia di tempo sfuttennu a Carmelo! (Fingendo di parlare con la moglie) Agatina, quannu a pigghiamu a pinsioni?

Carmelo

(Sentendo le parole del cognato) Accumpagnami a posta ca è ghiri a pigghiari a pinsioni!

Totuccio

(C. S.) Agatina, mi parsi di vidiri vulari un pappaddu!

Carmelo

(Sentendo le parole del cognato) Pigghiami u pappaddu, pigghiami u pappaddu, u pappaddu pigghiami!

Mentre Totuccio se la ride bussano alla porta.

Totuccio

(Agitato si prepara nel suo solito abbigliamento) E chi fa u sapevanu ca sugnu sulu? Aspittassi un minutu ca sugnu in disabigliè! (Terminati i soliti preparativi...) Cu è?

SCENA 14

 

FIAMMETTA – TOTUCCIO - CARMELO

Fiammatta voce F.S.

Signor Totuccio, Io sugnu, a signora Fiammetta da porta accantu! V’è dumannari un fauri!

Totuccio

(Apre la porta) Buongiorno signora Fiammetta, trasissi, s’assittassi, i mè figghi e mè mugghieri sunnu sciuti a fari compere, u sapi mè figghia Agnese si fici zita cu un picciottu torinisi ca fa u cercatori di midicini!

Fiammetta

Mi fa piaciri signor Totuccio, soprattutto pi lei chi appi stu castigu, certu nun sarà piacevole nun putiri taliari i cosi belli da vita!

Totuccio

(Mentre Fiammetta da le spalle per sedersi Totuccio sollevando gli occhiali scuri la  guarda dal basso in alto facendo gesti di apprezzamento) Eh si, chi beddi cosi ci sunnu nà vita!

Fiammetta

(Accorgendosi di essere squadrata) Signor Totuccio, certi voti aiu l’imprissioni ca lei mi talia!

Totuccio

(Giustificandosi) Signora Fiammetta, iu la viu nella mia immaginazioni e mi pari d’aviri davanti una fata!

Fiammetta

Comu siti galante signor Totuccio!

Totuccio

(Informandosi) Chi cosa m’havia a diri signora Fiammetta?

Fiammetta

(Con voce suadente) Viu ca so mugghieri è troppu ‘nchiffarata a cummattiri cu dui persone invalide, ma capivi ca nun è tantu d’accordu a farimi travagghiari ccà, ma forsi...si ci parra lei...

Totuccio

(Su di giri) Signora Fiammetta, quannu torna me mugghieri ci pensu iu! Nun sapi quantu mi facissi piaciri a sò cumpagnia! Inveci è stari ccà in cumpagnia di stù sbulunatu di mè cugnatu!

Carmelo

(Ripetendo le ultime parole) Sbullunatu è mè cugnatu, sbullunatu è mè cugnatu!

Totuccio

Iu parrava di tia, sbullunatu ci si tu!

Carmelo

(C.S.) Sbullunatu ci si tu, sbullunatu ci si tu!

Fiammetta

(Intervenendo) Si calmassi signor Carmelo! (Rivolta a Totuccio) Signor Totuccio, parrannu ca verità puru a mia mi piaci a sò cumpagnia, lei è un omu schirzusu e mi fa piaciri parrari cu lei! 

Totuccio

(Elettrizzato) Signora Fiammetta, lei mi dici sti cosi e a mia mi firria a testa!

Fingendo, si avvicina alla fine del palco per essere fermato da Fiammetta che prontamente lo rincorre.

Fiammetta

(Bloccandolo quasi alla fine del palcoscenico) Si firmassi signor Totuccio, vinissi ccà, s’assittassi! (Lo prende per mano e lo fa sedere).

Totuccio

(Accarezzandole la mano) Signora Fiammetta, chi bedda manu liscia avi, nun è certu a manu di mè mugghieri ca pari carta vetrata nummaru 500!

Fiammetta

(Lusingata) Signor Totuccio, nun mi dicissi sti cosi ca iu sugnu sensibili!

Totuccio

E lei mancu s’ummagina quantu sugnu sensibili iu!

Fiammetta

(Congedandosi un po’ imbarazzata) Ora mi ni vaiu, nun si scurdassi di parrari cu sò mugghieri! Buongiorno.

Totuccio

(L’accompagna alla porta mentre non visto fa gesti di apprezzamento) Buongiorno a lei signora Fiammetta, a presto!

SCENA 15 

TOTUCCIO – CARMELO - AGATINA

Rimasto solo Totuccio si toglie il basco, gli occhiali scuri, posa il bastone e tutto elettrizzato va avanti e indietro nella stanza.

Totuccio

(Al cognato) Carmè ha vidisti? (Fantasticando) Di cugnomi si chiama Bonassai....avi puru u cugnomi seducente!

Carmelo

(Ripetendo le ultime parole) Nun ci vogghiu iri in continente, nun ci vogghiu iri!

Totuccio

D’accordu cu tia sugnu Carmè, ma ora zittuti e lassami riflettiri! (Concentrandosi) Ora u problema è circare di cunvinciri a tò soru! Chiddra quannu senti parrari da signora Fiammetta ci veni u duluri di stomacu! Ccà ci voli un’idea! (Tutt’un tratto esulta) Minchiuni....ma certu! E’ truvari u metodo pi falla stancari o puntu ca nun po’ chiù fari a menu di circari ‘na collaboratrici!

Da fuori scena sente la voce della moglie che ritorna

SCENA 16

 

AGATINA – CARMELO - TOTUCCIO

Agatina

(Entrando) Totuccio, tuttu a postu? Vinni nuddru?

Carmelo

(Ricordando la scena precedente) A signora Fiammetta vinni, a signora Fiammetta!

Agatina

(Infuriata) CU E’ CA VINNI?

Totuccio

(Non visto dalla moglie tira un calcio al cognato) Nun vinni nuddu!

Agatina

(Sospettosa) Ma siddu mè frati stà dicennu ca vinni a signora Fiammetta?

Totuccio

(Giustificandosi) E tu criri a du rincoglionito di tò frati?

Carmelo

(Ripetendo le ultime parole) Rincoglionitu sugnu, rincoglionitu sugnu!

Totuccio

(Soddisfatto) U sintisti? U dici puru iddu ca è rincoglionito!

Agatina

(Anmmonendolo) Totuccio, staccura picchì iu ti cuntrollu! 

Totuccio

(Replicando) E sai chi novità? Tu mi cuntrolli, l’Ispettore mi cuntrolla! Sugnu l’omu chiù cuntrullatu du paisi! Haoooo, ma picchì nun vi dati ‘na cuntrullata? Sugnu stancu di essiri cuntrullatu! (Mentre si agita finge di storcersi il piede) Ahi ahi! Ci mancava sulu chista!

Agatina

(Preoccupata) Chi c’è? Chi hai?

Totuccio

(C. S.) Ahi ahi! U pedi! Pigghiavi na storta e mi fa mali! Fammi assittari ca nun possu caminari! Ci mancava sulu chista!

Agatina

(Aiutandolo a sedersi) Veni ccà, assettati, vò chi chiamu u dutturi?

Totuccio

No, quali dutturi! E’ stari sulu a riposu senza muvirimi!

Agatina

(Infastidita) Bottadisali, nun mi ni và una giusta! Ora è cummattiri iu cu tutti!

Totuccio

(Con tono dimesso) Agatina, pi fauri, pigghiami ‘na seggia ca mi ci appoiu u pedi!

Agatina gli prende la sedia e gli sistema il piede sopra

Totuccio

(C.S.) Agatina, pi fauri, pigghiami un cuscinu ca staiu scomodo! 

Agatina, lamentandosi,  gli prende il cuscino.

Totuccio

(C.S.) Agatina, pi fauri, mu pigghi un bicchieri d’acqua?

Agatina

(Contrariata) Haoooo! Senti ccà! Iu aiu un saccu di cosi di fari! Nun possu cummattiri cu tia!

Carmelo

(Lamentandosi) Uuu....

Agatina

(Preoccupata) Ca c’è l’autru! Chi c’è Carmelu? Ti fa mali quacchi cosa puru a tia?

Carmelo

(C.S.) Uuu....

Agatina

(C.S.) Chi hai? Dimmillu!

Carmelo

(Lamentandosi) Uuu....

Agatina

(C. S.) Uuu....

Carmelo

(Lamentandosi) Uuu pappaddu pigghiami!

Totuccio

(Alla moglie) U voi un cunsigghiu? Fallu assittari direttamenti n’to gabinettu e lassalu tuttu u jornu da!

Carmelo

(Lamentandosi si ripete) Uuuu pappaddu pigghiami!

Agatina

(Confusa e nervosa) Haooo, ma chi mi vuliti mannari o manicomiu? (Prende il pappagallo al fratello) Pari a mia, chi ca ci fussi bisognu d’una badanti!

Totuccio

(Prendendo la palla al balzo) Ragiuni hai a mugghieri! Nun fussi mali aviri ‘na badanti cu tutti i sirviza ca ci sunnu di fari dintra a casa, oltri ca ha cummattiri cu mia e cu tò frati! Picchì nun ciù dici a signora Fiammetta? U sai chi cerca travagghiu e avi tantu bisognu, povera cristiana!

Agatina

(Schernendolo) Sant’omu, chi animo nobile! Idda avi bisognu di travagghiari, tu inveci di cosa hai bisognu? Senti ccà Totuccio, iu a signora Fiammetta ciù possu puru diri di aiutarimi, ma st’accura a tia! Siddu t’azzardi a fari u iaddu ti scippu l’occhi!

Totuccio

(Lasciando trapelare una certa contentezza recita una sua solita poesia) Nta mè casa c’è un pollaiu, quantu beddi puddasteddi, ma Totuccio che è lu jaddu talia sulu ‘na jaddina: u so nomi è Agatina!

Agatina

Sé, recita i tò soliti poesii! E va bene, dicemuccillu a signora Fiammetta, ma viri ca ti tegnu sutt’occhiu!(Si avvicina alla porta e chiama la signora Fiammetta) Signora Fiammetta, signora Fiammetta...

SCENA 17

 

FIAMMETTA -  AGATINA – CARMELO - TOTUCCIO

Fiammetta

Chi c’è signora Agatina?

Agatina

Avvicinassi ca c’è parrari!

Fiammetta

(Entrando) Mi dicissi signora Agatina.

Agatina

Nun possu chiù cummattiri cu tutti i cosi iu! Ora si ci misi puru me maritu ca si fici mali ‘nto pedi! Siddu a sò offerta è ancora valida, po’ veniri a travagghiari ni nuatri.

Fiammetta

(Contenta di quella richiesta) Certu signora Agatina, cu tuttu u cori! Si voli accominciu subitu!

Agatina

(Acconsentendo) Sé, accuminciassi subitu anchi picchì s’annu a fari i pulizii generali. U sapi, hannu a veniri u zitu di me figghia Agnese ca sò famigghia, sunnu di Torino e ci tegnu a farici accapiri ca nuatri siciliani semu persone acculturati, gentili e ospitali!

Carmelo

(Sentendo le parole della sorella) Nun ci vogghiu iri o spitali, nun ci vogghiu iri!

Totuccio

(Sfottendolo) Siddu voi ti putemu purtari ‘nto munnizzaru!

Agatina

(Si rivilge al fratello guardando male il marito) Stai tranquillu ca nun ti portu a nudda banna!

Fiammetta

Va bene, allura và chiuiu a porta da me casa e vegnu subitu! (Esce)

SCENA 18 

TOTUCCIO - AGATINA – CARMELO

Totuccio

(Alla moglie) Agatina, u vidisti? Risolvisti i tò problemi!

Agatina

(Diffidente) Risolvivi chiddri mè o chiddri tò? Totuccio, staccura a comu ti cumporti picchi sinnò ti scippu l’occhi!

Totuccio

(Scherzandoci sù) Ma nun t’abbasta ca sugnu orbu? Puru l’occhi mi vò scippari?

Agatina

Esattamenti! d’accussì nun c’è chiù bisognu ca l’ispettore ti veni a fari i visiti di cuntrollu! E ricordati, quannu a signora Fiammetta è ccà, recita bonu a parti di l’orbu, nun vulissi ca s’insospettissi!

Totuccio

(Accondiscendente) Stai tranquilla, sarò orbu comu un pisci!

Agatina

(Correggendolo) Si dici mutu comu un pisci! No orbu!

Totuccio

(Riprendendosi) Eh, e allura voli diri ca io sarò orbu cumu un pisci.....congelato!

Agatina

Chiuttostu, vidi ca u prossimu misi hannu a veniri Marco e i so genitori a cenari ccà ni nuatri, accussì ni canuscemu!

Totuccio

(Informandosi) E alloggiano puru ccà?

Agatina

No, prenotaru ‘nta na pinsioni!

Carmelo

(Sentendo le parole della sorella) Accumpagnami a posta ca è ghiri a pigghiari a pinsioni!

Agatina

(Rispondendo al fratello) E ‘nsisti! Nun ha ghiri a pigghiari nenti! Stava parrannu di nautru tipu di pinsioni!

SCENA 19 

FIAMMETTA - TOTUCCIO - AGATINA – CARMELO

Fiammetta

(Rientrando) E allura di dunni accuminciu signora Agatina?

Totuccio

(Pronto) Accuminciamo da ‘gnizioni, accussì mi levu u pinseri!

Agatina

(Acida) U pinseri tu po’ livari puru subitu picchì a ‘gnizioni a tia ta fazzu iu! Ci sunnu i robi di stirari signora Fiammetta, po’ cuminciari cu chisti! (Porge la cesta con i vestiti da stirare a Fiammetta e si appresta ad uscire) Iu vaiu a sistimari a stanza di pranzu (lanciando un’occhiataccia al marito) Totuccio, mi raccumannu!

Totuccio

(Chiedendo spiegazioni) Mi raccumanni cosa?

Agatina

(Alzando il tono di voce) Nenti! Ti raccumannu di ripusariti ca n’hai bisognu na tò condizione! (Esce)

SCENA 20 

FIAMMETTA - TOTUCCIO – CARMELO

Fiammetta

(Rivolta a Totuccio) Ma vostra mugghieri sempri accussì nirvusa è?

Totuccio

(Spiegandosi) Nirvusa? Ni stu periodo me mugghieri è serena e ripusata, quannu è nirvusa ccà dintra scoppia a terza guerra mondiale!

Fiammetta

Ma comu fa ad essiri nirvusa? Aviti ‘na bedda famigghia, du beddi figghi e nun vi manca nenti! Ca, si c’è qualcunu ca s’avissi a lamintari, chistu è lei signor Totuccio, inveci puru n’ta so condizioni lei è sempri allegro!

Totuccio

(Dimenticandosi) Quali condizioni?

Fiammetta

(Sorpresa) Ma comu quali condizioni? Lei nun è orbu?

Totuccio

(Riprendendosi) Ah, si certu! Sognu orbu! Oramà sugnu talmenti orbu ca mi scordu puru di essiri orbu!

Fiammetta

(Sorridendo) Signor Totuccio, lei è proprio una persona simpatica!

Totuccio

(Inizia a fare il galletto) Puru lei è simpatica, Fiammetta! A possu chiamari accussì, veru?

Fiammetta

(Acconsentendo) Certamente signor Totuccio!

Totuccio

(C. S.) Quale signor Totuccio, mi chiamassi Toty con la ypslon finale!

Agatina

(Voce F. S. chiama il marito) Totuccio!

Totuccio

(Credendo sia Fiammetta a chiamarlo) No, ci dissi ca preferisciu Toti!

Fiammetta

(Riportandolo alla realtà) Ma nun sugnu iu ca vi chiamu, è vostra mugghieri!

Totuccio

(Inpaurito, finge di fare lo sdolcinato con la moglie) Chi c’è sanguzzu miu?

Agatina

(Voce F. S. gli fa la ripassata) Sé, sanguzzu miu! Appena finisci a trasfusioni, dicci a signora Fiammetta d’unnè u sciroppu di mè frati Carmelu ca accussì ciù duna!

Totuccio

(Commentando) Chi lari carattiri chi avi! (Rivolto a Fiammetta) E’ pusatu supra o mobili, u pigghiassi lei Fiammetta!

Fiammetta

(Lo versa in un cucchiaio e imbocca Carmelo mentre Totuccio alle sue spalle fa gesti di apprezzamento) Avanti signor Carmelo, si pigghiassi u sciroppu!

Carmelo

(Rifiutandolo lo sputa) Nun lu vogghiu u sciroppu!

Fiammetta

(Con gentilezza) E cosa vuliti signor Carmelo?

Totuccio

(Conoscendolo) U sacciu iu ‘nsoccu voli! E’ veru Carmelu? ‘Nsocchè ca voi?

Carmelo

(Pronta risposta) U pappaddu vogghiu, u pappaddu vogghiu!

Totuccio

(Spiegando a Fiammetta) Avi dui amanti! A sira fannu u triangolo n’to lettu! A pala a sinistra, u pappaddu a destra e iddu n’to centru!

Entra Gianluca

SCENA 21 

GIANLUCA – FIAMMETTA - TOTUCCIO

Gianluca

Buongiorno signora Fiammetta, ciao papà!

Fiammetta

Ciao Gianluca!

Totuccio

(Anticipandolo) Picciuli nun ci né!

Gianluca

(Sorpreso da quella affermazione) Ma chi ti ha chiesto niente?

Totuccio

U sai comè, a scansu di equivoci!

Gianluca

(Contrariato, esce) Con te non si può neanche parlare!

SCENA 22 

AGATINA – FIAMMETTA - TOTUCCIO - CARMELO

Agatina

(Entra in scena e rimprovera il marito) Totuccio, sempri tu a essiri! (Rivolgendosi a Fiammetta) U vidi com’è me maritu signora Fiammetta? E’ orbu e pari ca nun ci curpa, ma ni fa una o minutu!

Fiammetta

(Confermando) Mi n’avia addunatu signora Agatina, sò maritu è omu di spiritu!

Agatina

Sé, u spiritu di patati! I iurnati ci passanu a invintari poesii e sfuttiri a mè frati

Totuccio

(Indispettito) Eccu, arrivò l’avvocatu difensuri! Iu, siddu a tò figghiu nun lu frenu, fussi capaci di manciarisi tutta a pinsioni!

Carmelo

(Sentendo le parole del cognato) Accumpagnami a posta ca è ghiri a pigghiari a pinsioni!

Agatina

(Rispondendo al fratello) E finiscila tu cu stà pinsioni, sempri ‘nà cosa hai ‘ntesta?

Totuccio

(Schernendo il cognato) Dimmi nà cosa Carmè, preferisci ca t’accumpagnamu a pigghiari a pinsioni oppure ca ti pigghiamu u pappaddu?

Carmelo

(Entrando in confusione) Accumpagnatimi a posta ca è ghiri a pigghiari u pappaddu! A pinsioni nun la vogghiu! Datimi a pala ca m’ha scurdavi a posta!

Agatina

(Confusa e Inviperita) Totuccio, bottarisali t’avi a siccari a lingua! (Rivolta al fratello) Bonu Carmè calmati, voi un bicchieri d’acqua?

Carmelo

No, vogghiu u.... vogghiu u ....

Totuccio

(Sfottendolo) U pappaddu!

Carmelo

U pappaddu vogghiu, u pappaddu!

Agatina

(Rivolta al marito) Iu cu tia nun ni possu chiu! (Si accinge a ritornare nell’altra stanza) Iu và finisciu di sistimari a stanza di pranzu! Signora Fiammetta, lei quannu finisci di stirari, pi oggi si ni po’ puru iri.

Fiammetta

Staiu finennu di stirari l’ultima camisa di so maritu e mi ni vaiu. Ni videmu dumani matinu!

Agatina esce

SCENA 23

TOTUCCIO – FIAMMETTA - CARMELO

Totuccio

(Rimasto solo con Fiammetta) Siddu avissi saputu, m’avissi accattatu un negoziu di camisi, accussì lei nun finia chiù di stirari e continuava a stari vicinu a mia!

Fiammetta

Signor Totuccio, mi metti in imbarazzu, lei è troppu galanti!

Totuccio

(Con voce sdolcinata) Fiammetta, allura ni videmu dumani matinu!

Fiammetta

(Indagando) Ni videmu?

Totuccio

(Correggendosi) Cioè, vulia diri ca lei vidi a mia chi so occhi, iu ‘nveci la viu ca sensazioni d’aviri davanti a mia ‘na sirena! (Fiammetta esce)

Carmelo

(Spaventato) A sirena! Minchiuni, ambulanza sta arrivannu! Agatina mi stannu vinennu a pigghiari! (Chiamando più forte la sorella) Agatina, Agatina...aiutu nun ci rapiri, nun mi ni vogghiu iri!

Totuccio

(Innervosito) Zittuti, chi vucii? Quali sirena capisti?

Carmelo

(Gridando) Già ci rapisti? Aiutu, chiui, chiui, nun mi ni vogghiu iri! 

Totuccio

(C.S.) Zittuti, chi vucii? Stà facennu un pandemonio!

Carmelo

(Terrorizzato) m’hannu a purtari o manicomiu? Aiutu, aiutu Agatina o manicomiu mi vonnu purtari!

Totuccio

(Fuori di se) Carmè, u sai chi ti dicu? Vaffanculu tu, a sirena e l’ambulanza e u manicomiu puru!

FINE SECONDO ATTO

TERZO ATTO

SCENA 24 

TOTUCCIO – FIAMMETTA - CARMELO

La scena si apre con Totuccio che sta facendo un solitario con le carte da gioco .  Carmelo è seduto sulla sua poltrona.

Totuccio

(Rivolto al cognato) Carmè, stanotti nun potti dormiri o pinseru ca Fiammetta stamatina ritorna a fari i pulizii! Era accussì suratu ca mè mugghieri, crirennu c’avia a frevi, mi misi u termometro! 

Carmelo

U citofono, u citofono!

Totuccio

Ma quali citofono? Dissi termometro!

Carmelo

U citofono, u citofono! Agatina è! Dicci ca mi pigghia u pappaddu!

Totuccio

Ma sempri un pinseri hai ’ntesta? Tò soru nisciu e mi lassà stù beddu incaricu! (Prendendolo per un braccio) Vini cu mia ca risolvemu subitu u problema! (Esce di scena con Carmelo)

Lo accompagna al bagno, si sente il rumore dello sciacquone. Totuccio rientra in scena

Totuccio

(Allarga le braccia soddisfatto) Statti assittatu n’to gabinettu e nun ci rumpiri i cabbasisi!

 

Suonano alla porta e Totuccio, riposte le carte, si prepara nel suo solito abbigliamento.

SCENA 25

 

TOTUCCIO - FIAMMETTA

Totuccio

(Prendendo tempo) Un attimo che sono in disabiglié!

Fiammetta voce F.S.

Iu sugnu signor Totuccio!

Totuccio

(Contento va ad aprire la porta) Fiammetta arrivo!

Fiammetta

(Entra in scena con un vestitino provocante) Buongiorno signor Totuccio.

Totuccio

Buongiorno Fiammetta, a lei aspittava, nun vidia l’ura!

Fiammetta

(Stranizzandosi) E comu facia a vidiri l’ura?

Totuccio

Era un modu di diri! (Confidandosi) Fiammetta, stanotti nun potti dormiri, avia un pinseri fisso n’ta menti!

Fiammetta

(Iniziando a fare le pulizie) A chi pinsava signor Totuccio?

Totuccio

A nuatri dui!

Fiammetta

A lei e so mugghieri?

Totuccio

No, a nuatri dui!

Fiammetta

A lei e sò cugnatu?

Totuccio

Sé, propriu a du strammiatu staiu pinsannu!

Fiammetta

E allura?

Totuccio

(Con voce suadente) Fiammetta, ma ancora lei nenti ha caputu?

Fiammetta

Capiri cosa?

Totuccio

(Confessando) Iu sugnu innamoratu!

Fiammetta

(Compiaciuta) Sugnu cuntenta pi lei signor Totuccio! A st’età essiri ancora innamorato di sò mugghieri è ‘nà bella cosa!

Totuccio

(Stupito) Di mè mugghieri? Ma chi capiu? Iu sugnu innamorato di lei!

Fiammetta

(Incredula) Di mia?

Totuccio

(Confermando) Si Fiammetta, di lei! Di lei ca m’addumà u focu dintra! Di lei ca di colpu azzerò vint’anni da mè vita e mi fici riturnari un giovanotto!

Fiammetta

Ma lei è sposatu!

Totuccio

C’iaddumannu u divorziu!

Fiammetta

Ma aviti dui figghi!

Totuccio

C’iaddumannu perdono!

Fiammetta

Ma c’è sò cugnatu!

Totuccio

U mannu affanculu!

Fiammetta

(A disagio)Signor Totuccio, lei mi sta mittennu in imbarazzu!

Totuccio

(Cercando di convincerla) Fiammetta, nun mi diri no! Pensaci bonu prima d’arrispunnirimi!

Fiammetta

(In difficoltà)Signor Totuccio....pi fauri!

Totuccio

(Speranzoso)Fiammetta, ma tu, tu nun provi nenti pi mia?

Fiammetta

Nun si tratta di chistu! E’ ca iu nun sacciu....iu nun criu....

Totuccio

Fiammetta, dimmi a virità...è picchì sugnu orbu, veru?

Fiammetta

E’ già una situazione difficili chidda ca si vinni a criari, ma ancora chiù difficili sarebbe cummattiri tutta la vita c’un ciecu, iu sugnu ancora giovane e mi vogghiu addivertiri, nun criu di essiri capaci di sacrificarimi!

Totuccio

(Sorridendo felice) Siddu mi dici sti cosi voli diri ca puru tu ci teni a mia! E allura iu ti dicu ca tu nun ha sacrificari nenti!

Fiammetta

(Incuriosita) Chi veni a diri nun è sacrificari nenti?

Totuccio

(Sorridendo) Ti vò addivertiri? E iu ti fazzu addivertiri! Siddu è sulu chistu ca ti frena, nun ci sunnu problemi!

Fiammetta

(Incuriosita) E picchì?

Totuccio

(C.S.) Picchì t’ha cunfissari ‘na cosa ca quannu a senti non crederai alle tue orecchie!

Fiammetta

(C.S.) E sarebbe?

Totuccio

(Accingendosi a confessare) Fiammetta, iu nun sugnu....iu nun sugnu...

Agatina voce F. S.

(Chiama il marito) Totuccio, Totuccio!

Totuccio

(Continuando la frase)...Iu nun sugnu tantu fortunatu! Bottarisali a idda, nun putia aspittari natri deci minuti pi rincasari? (Rispondendo alla moglie) Ccà sugnu Agatina, chi c’è?

Agatina entra in scena 

SCENA 26 

AGATINA - TOTUCCIO – FIAMMETTA – CARMELO

Agatina

(Entra in scena portando dei sacchetti della spesa) Sugnu stanca morta! Cu fattu c’hannu a veniri i torinisi mi staiu ammazzannu a vita chi preparativi! Totuccio, d’unnè me frati Carmelu?

Totuccio

Stamatina quannu niscisti, u fici assittari n’to gabinettu!

Agatina

(Incredula) Stamatina quannu niscivi? Ma passaru quatt’uri! Nun mi diri ca è mezza jurnata ca mè frati è assittatu n’capu a tazza?

Carmelo voce F. S.

(Gridando) Agatina, Agatina u darreri mi fa mali, u darreri mi fa mali, veni a pigghiami!

Agatina

(Rimproverando il marito) Totuccio, u sai ‘nsoccu sì?

Totuccio

Provu a ‘nsirtari: (In coro con Agatina) ‘na cosa ‘nutili!

Agatina

(Va a prendere Carmelo al bagno) Aspetta Carmelo staiu vinennu.

Suonano alla porta

Entra Agnese

SCENA 27

AGNESE - AGATINA - FIAMMETTA – CARMELO - TOTUCCIO

Agnese

Buongiorno signora Fiammetta, ciao mamma, ciao papà. Mamma a che siamo con le pulizie?

Agatina

A buon puntu siddu nun fussi ca è cummattiri cu tò patri e cu tò ziu! Ti sintisti cu Marco?

Agnese

Si mamma. (Felice) Arrivano questo fine settimana. Hanno già prenotato l’albergo e domenica pomeriggio verranno a conoscerci!

Fiammetta

(Osservando Agnese) Agnese, comu si vidi ca sì felici!

Agnese

Signora Fiammetta, non mi sembra vero, credo di stare vivendo una favola!

Carmelo

(Sentendo le parole della nipote) A tavula, a tavula, ura di manciari è!

Totuccio

Dissi favola, nun dissi tavula! Nun è ura di manciari, e di poi Carmè....tu menu manci e soprattuttu menu vivi, megghiu è!

Agatina

E’ finiri di puliziari u bagnu! Veni cu mia Agnese, signora Fiammetta lei finissi di puliziari stà stanza!

Agatina e Agnese escono

SCENA 28 

FIAMMETTA – CARMELO - TOTUCCIO

Fiammetta

(Rimasti soli si rivolge a Totuccio) E allura? Chi cosa mi stava dicennu?

Totuccio

Fiammetta, picchì mi dai ancora di lei? Sulu si mi dici ca puru tu t’innamorasti di mia, ti possu fari sta cunfissioni!

Fiammetta

(Confermando) Certu Totuccio, puru iu persi a testa pi tia! Parra, nun ti scantari!

Totuccio

(Esitante) Fiammetta, iu nun sugnu...

Fiammetta

(Invogliandolo) Tu nun sì....

Totuccio

(Decidendosi) Fiammetta, iu nun sugnu... nun sugnu orbu! (Si toglie il basco, l’occhiale scuro e posa il bastone da cieco).

Fiammetta

(Sorpresa da quella rivelazione) Tu ci vidi?

Totuccio

(Confermando) Megghiu di tia!

Fiammetta

(Chiedendo spiegazioni) E picchì tutta sta farsa?

Totuccio

Avi deci anni ca finciu! Ficimu tuttu stu ‘mbrogghiu pi pigghiari a pinsioni!

Carmelo

(Sentendo le parole del cognato) Accumpagnami a posta ca è ghiri a pigghiari a pinsioni!

Totuccio

(Spazientito) Zittuti, camurria!

Fiammetta

(Incredula) Sunnu deci anni ca finci e nun si n’addunatu nuddu?

Totuccio

(Confidandosi) Deci anni di segregazione ccà dintra m’haiu fattu, senza vidiri a nuddu, quasi senza nesciri mai!

Fiammetta

(Complimentandosi) E bravo Totuccio! Complimenti veramente!

Totuccio

(Abbracciandola) Ma ora finiu finalmente! Addumannu u divorziu e ni ni iamu di stu paisi, iamu a vivere al nord, anzi, emigramu in America!

Fiammetta

(Calmandolo) Calma Totuccio, a facenna è complicata! Nun ti scurdari ca c’è di menzu u zitamentu di tò figghia! Organizzamu tutti i cosi ca calma, e poi realizzamu u nostru progettu!

Totuccio

(Pervaso dalla felicità) Ragiuni hai, sì ‘na fimmina bedda e intelligente! Dopu u zitamentu di mè figghia cu pulintuni dichiaramu i nostri intenzioni!

Carmelo

(Sentendo le parole del cognato) No! Nun m’ha vogghiu fari a gnizioni!

Totuccio

Carmè, tu sulu ‘na cosa ha fari, a ghiri a fari n’to culu!

Fiammetta

Ora mi ni vaiu ca finivi di puliziari e nun vogghiu fari insospettiri tò mugghieri! Ni videmu dumani e poi dumani ancora e poi pi sempri!

Totuccio

(Raggiante) Sì, pi sempri vita mia! A dumani gioia du mè cori!

Fiammetta

(Chiamando Agatina) Signora Agatina, iu finivi e mi ni vaiu, ni videmu dumani!

Agatina voce F.S.

Va bene signora Fiammetta, nun tardassi ca dumani c’è di finiri di puliziari l’autri stanzi!

Fiammetta manda un bacio con le mani a Totuccio ed esce.

Le luci affievoliscono e una voce narrante fuori scena recita cosi’:

Passano le ore, passano i giorni, in casa Carruba tutto e’ pronto per ospitare il fidanzato di Agnese ed i suoi genitori e finalmente quel giorno tanto atteso giunge. E’ il giorno della felicita’ per qualcuno e quello dell’epilogo per altri. Riusciranno Agnese ed i suoi genitori a conquistarsi le simpatie della famiglia torinese dei Locuratolo? Riuscira’ Totuccio ad abbandonare la famiglia per fuggire con Fiammetta continuando, nel frattempo, a nascondere la sua condizione di finto cieco? Lo scopriremo dopo il suono del citofono!

Si sente il suono del citofono mentre le luci si accendono lentamente trovando la famiglia Carruba schierata, tutti in piedi, al gran completo: Carmelo, Totuccio, Gianluca, Agnese e, pronta ad accogliere gli ospiti, Agatina.

SCENA 29

AGATINA – GIULIA – ALESSIO – MARCO - TOTUCCIO - AGNESE – CARMELO - GIANLUCA

Agatina

(Sorridente) Piacere di conoscervi io sono Agatina Carruba la mamma di Agnese.

Giulia Locuratolo

Signora Carruba sono felice di conoscervi. Le presento mio marito Alessio e mio figlio Marco.

Alessio Locuratolo

Onoratissimo di conoscerla!

Marco Locuratolo

(Da un bacio ad Agatina e uno a Agnese) Buongiorno signora, sua figlia Agnese mi ha tanto parlato di lei. Sono felice di conoscerla.

Terminate le presentazioni si accomodano.

Alessio Locuratolo

(Rivolgendosi a Totuccio) E allora signor Carruba quma ste-ti?

Totuccio

(Ignaro del significato) Quma chi?

Giulia Locuratolo

(Spiegando)Come sta? Mio marito, in dialetto torinese, le chiedeva come sta?

Totuccio

L’havi presente un cassunettu da munnizza?!

Alessio Locuratolo

(Ignaro del significato) Scusi?

Agatina

(Spiega, guardando male il marito) Mio marito, in dialetto siciliano, diceva che si sente tanticchia di fiacchezza! Cosa vuole...una vita di orbu!

Agnese

(Corregendola) Mamma, Una vita da cieco!

Alessio Locuratolo

(Ribadendo) He già, una vita condizionata!

Giulia Locuratolo

(Ribadendo) He già, una vita sacrificata!

Totuccio

(Concludendo) He già, ‘na vita di merda!

Carmelo

(Sentendo l’ultima parola del cognato) Agatina, pigghiami a pala!

Agatina

Totuccio quantu voti ti dissi di non dire certe palore davanti a mè frati? Gianluca, a mamma, porta lo zio alla toilette!

Totuccio

Gianluca, o papà, eccalu direttamenti dintra u cessu!

Carmelo e Gianluca escono di scena mentre Agatina guarda di malocchio Totuccio!

SCENA 30

GIULIA – AGNESE – MARCO - TOTUCCIO - AGATINA

Giulia Locuratolo

E allora Agnese? Mio figlio si è preso una bella cotta, ma lo posso capire, sei veramente una bella ragazza!

Agnese

Grazie signora, anch’io sono innamoratissima di Marco!

Marco Locuratolo

Agnese, come ti avevo già detto, i miei genitori mi hanno regalato un’appartamento in centro a Torino e, una volta sposati, andremo a vivere là!

Agnese

Marco, amore mio, quasi non ci vedo più dalla gioia!

Totuccio

Figghia mia, puru tu annurbasti? Pari a mia ca chista stà addivintannu a casa di l’orbi!

Giulia Locuratolo

Signora Agatina, perché non vi trasferite anche voi a Torino? Non c’è il clima della vostra bella Sicilia, ma si stà bene, potrete vedervi più spesso con vostra figlia e inoltre disponiamo di tanti centri per disabili!

Agatina

Signora Giulia, io per me venissi subito, il problema è mè marito ca dici ca a Lombardia nun ci piaci!

Alessio Locuratolo

(Rettificando) Ma signor Totuccio, Torino è in Piemonte non in Lombardia, e poi anche noi abbiamo le nostre cose genuine!

Totuccio

Caro signor Curato, iu i cosi....genuini l’haiu ccà, senza bisogno di iri a Torino! (Alludendo)

Giulia Locuratolo

Parla di sua moglie vero?

Totuccio

(Quasi tradendosi)Parlo di Fiammè....(Si riprende con una solita poesia) emh...parlo di fiamme nel giorno dell’amore, che bruciò il mio cuore trafitto da una spina, con sopra  inciso un nome, il nome di Agatina!

Giulia Locuratolo

(Sorpresa) Signora Agatina, mica me lo aveva detto che suo marito è un poeta?

Agatina

E chi ci devo dire signora Giulia, per un cristiano orbo ca nun fa nenti da matina a sera, scrivere poesie diventa un passatempu!

Giulia Locuratolo

(Sorpresa) Scrivere?

Agatina

(Riprendendosi dalla gaffe) Ehm....cioè vuleva diri ca iddu li pensa e me li fa scriviri a me medesima! N’havi un cassetto chino!

Giulia Locuratolo

Complimenti signor Totuccio!

Agatina

(Cambiando discorso) E tu Marco? Chi cosa fai esattamente?

Marco Locuratolo

Io sono ricercatore medico all’università di Torino. (Rivolgendosi compiaciuto a Totuccio) Signor Totuccio, chissà....magari un giorno, attraverso sofisticate apparecchiature, si potrà stabilire la vera natura della sua cecità!

Totuccio

Nun t’arrisicari picchì ti struppiu!

Marco Locuratolo

(Rivolgendosi a Agnese)Cosa ha detto?

Agnese

Che tu sei un ragazzo molto pio!

Si sente il rumore dello sciacquone del bagno e Carmelo, con Gianluca che lo sorregge, rientrano in scena

SCENA 31

AGATINA – GIULIA – ALESSIO – MARCO - TOTUCCIO - AGNESE – CARMELO - GIANLUCA

Agatina

(Rivolgendosi al fratello) Carmè, facisti?

Carmelo

Ottima e abbunnanti!

Alessio Locuratolo

(Odorando l’aria) He si, si sente! (Rivolto a Gianluca) E tu giovanotto?

Gianluca

(Confermando) Si, si, pure io la sento!

Alessio Locuratolo

(Sorridendo) No, dicevo e tu cosa fai?

Totuccio

(Anticipandolo) Cerca rami e sta vidennu si si po’ fari zitu!

Gianluca

Non faccia caso a quel che dice mio padre signor Alessio, io sono un appassionato di computer come tutti i ragazzi della mia età!

Giulia Locuratolo

(A Gianluca) E allora, se verrai a Torino, vedrai una città che vive all’insegna dell’informatica!

Carmelo

Agatina, puru a mia mi fa mali a natica!

Agatina

(Scusandosi con i presenti) Scusate, mè frati ripete a modo sò l’ultimi palori chi senti!

Agnese

(Cambiando argomento) Abbiamo preparato una cenetta a base di specialità siciliane! Spero vi piaccia la nostra cucina!

Giulia Locuratolo

(Pregustando) Altrochè! L’ultima volta che siamo stati in sicilia abbiamo mangiato il panino con la mivusa, le panelle, la caponata, i stiglioli, la pasta con le sarde e i cannoli! 

Totuccio

Tutti sti cosi ‘nsemmula? Minchiuni corpu d’acitu!

Giulia Locuratolo

Prima di cenare però dobbiamo passare dalla pensione. E’ proprio quà di fronte, faremo presto!

Agatina

Noi intanto cominciamo a mettere in tavola per la cena!

Escono di scena

SCENA 32 

AGATINA – GIANLUCA – TOTUCCIO - CARMELO

Agatina

(Rimasti soli) Agnese, vieni aiutami in cucina!

Gianluca

Io vado nella mia stanza, sto lavorando al mio sito!

Totuccio

(Svestendo i panni di cieco) Vai figghiu miu, va fatti zitu cu cu voi!

Agatina, Agnese e Gianluca escono di scena

SCENA 33 

TOTUCCIO – CARMELO

Totuccio

Nun mi pari l’ura ca si concludi stà facenna! Mi manca Fiammetta, chissà d’unnè a st’ura, chissà si mi pensa!

Carmelo

(Con voce seria) Totuccio, staccura a chiddu chi fai!

Totuccio

(Sicuro di sè) Nun ti scantari ca u sacciu chiddu ca fazzu! (Trasalendo).....Carmè, chi dicisti?

Carmelo

(C.S.) Totuccio, ascuta a mia, nun fari minchiati, nun ti cunsumari!

Totuccio

(Incredulo) Ma...ma....tu parri bonu, fai discursi sinsati!

Carmelo

(Rivelandosi) Sé Totuccio, Puru iu finciu!

Totuccio

(Incredulo) Chi cosaaa?

Carmelo

(Confessandosi) Quannu tri misi fa cadivi di l’impalcatura o canteri, arristai tanticchia struppuiatu, ma ‘nta testa nun mi fici nenti e futtivi a tutti! M’inni ivi in pensioni prima du tempu e pigghiavi l’infortuniu e l’accumpagnamentu!

Totuccio

(Incredulo) Ma...ma a nuatri, picchì nun dicisti nenti?

Carmelo

(Sorridendo) Eh fissa! Stà storia menu genti a sannu megghiu è! E’ resistiri ancora pi picca e poi mi ni vaiu a fari a bella vita!

Totuccio

(Meravigliato) Gran pezzu di farfanti ca sì! Chista propriu nun mi l’aspittava! E ora?

Carmelo

E ora, appena m’arriva a bedda pinsioni cu tutti l’arretrati mi ni vaiu puru iu, a mè soru ci cuntu ca mi vogghiu iri a ricoverare n’ta na clinica svizzera!

Totuccio

Ma picchì nun dicisti nenti mancu a idda?

Carmelo

Ti dissi ca nun vogghiu rischiari! Sta storia menu genti la sapi megghiu è!

Totuccio

E ora picchì mi stà cuntannu tutti cosi a mia?

Carmelo

Avia bisognu di cunfidarimi cu qualcunu e tu oramà sì ‘nguaiatu persu e nun ti cunveni parrari!

Totuccio

Certu ca nun ti stai cumpurtannu tantu bonu cu to soru!

Carmelo

Minchiuni cu parra! Totuccio, ricordati ca d’ora in poi iu mantegnu u tò segretu siddu tu manteni chiddu miu!

Agatina e Agnese rientrano in scena ed iniziano ad allestire la tavola

Suona il citofono

SCENA 34 

AGATINA – GIULIA – ALESSIO - TOTUCCIO – CARMELO - MARCO

Agatina

Ccà sunnu, Totuccio, mi raccumannu!

Giulia Locuratolo

(Rientrando) Rieccoci! (Esclamando) Hoo, che bella tavola apparecchiata!

Alessio Locuratolo

....E quante cose buone! Ho una fame da lupo!

Agatina

(Distribuendo i posti) Accomodatevi, Signora Giulia lei vicinu a sò maritu, Agnese tu e Marco mittitivi ccà.

Totuccio

(Alla moglie) A mia fammi mettiri vicinu a Carmelu!

Agatina

(Sorpresa dalla richiesta) Nun l’hai mai suppurtatu e ora ti vò mettiri vicinu a mè frati? Comu mai?

Totuccio

(Con un cenno d’intesa a Carmelo) U sai com’è, tra disabili ci si capisci!

Carmelo

Nun lu vogghiu u pisci, vogghiu a pasti chi fasoli!

Agatina

A pasta chi fasoli tà manci nautru jornu!

Totuccio

E siddu nun ta manci è megghiu, accussì evitamu i bombardamenti!

Agatina

Oggi priparavi attuppateddi cu capuliatu e sardi a beccaficu!

Marco

(Chiedendo spiegazioni ad Agatina) Attu..ppate..ddi cu capu..liatu?

Agatina

(Traducendo in italiano) In italiano si dice attoppatelli con il capo oleato!

Suona il citofono

Agatina

E cu è a ‘stura?

Totuccio

(Contrariato) Di sicuru sarà ‘na siccatura!

Carmelo

Agatina, puru iu a vogghiu a frittura!

Agatina

(A Gianluca) Gianluca, a mamma, và rispunni o citofono!

Gianluca

(Va a rispondere e torna preoccupato) Mammma, papà, è il dottore Di Fresco, sta salendo!

Giulia Locuratolo

(Curiosa) E’ un vostro parente?

Totuccio

(Seccato) No, è un nostru paziente!

Giulia Locuratolo

(C.S.) Un vostro paziente?

Totuccio

Lei mancu s’ummaggina a pazienza ca ci voli a cummattiri cu chistu!

Agatina

(Spiegando) E’ l’ispettore della previdenza sociale che fa i controlli a mio marito!

Giulia Locuratolo

(Sempre più incuriosita) Ma come, pure ad ora di cena?

Agatina

(Innervosita) Nun havi orari, ma stavota ci ni dicu quattru!

Totuccio

(Rincarando la dose) E natri quattru ci dicu iu e fannu ottu!

Suonano alla porta ed Agatina fa entrare il Dottore Di Fresco

SCENA 35 

AGATINA – DOTTORE DI FRESCO – ALESSIO – MARCO – GIULIA – AGNESE - GIANLUCA - TOTUCCIO – CARMELO

Agatina

(Innervosita) Dutturi Di Fresco, nun s’offinnissi, ma sti controlli a st’ura....nuatri avemu ospiti!

Dottor di Fresco

(Ostentando una certa sicurezza) Signora Carruba, mi perdoni ma sarà questione di un attimo! (Salutando i presenti)Buonasera signori, scusate se ho interrotto la vostra cena! Come stà signor Totuccio?

Totuccio

E comu è stari Ispettore? Su scurdà ca l’ultimu cuntrollu mu fici appena deci iorna fa?

Dottor di Fresco

(Indagando) E in questi dieci giorni è successo qualcosa?

Totuccio

E c’avia a succediri un miraculu? Orbu era e orbu arristavi!

Dottor di Fresco

(C.S.) Allegro signor Totuccio, questa sera il miracolo del quale lei parla, si avvererà!

Tutti i presenti

(Stupiti)Un miracolo?

Dottor di Fresco

(Confermando) Esatto, un miracolo. Secoli fa, nostro Signore rese la vista ad un cieco cosi come adesso io la renderò ad un truffatore!

Agatina

(Ansiosa) Ma chi cosa voli diri Ispettore?

Dottor di Fresco

Voglio dire che questa è casa Carruba!

Agatina

(Preoccupata) Ma chi siti ‘mbriacu Ispettore? Chi c’è bisogno ca nu dici lei chi chista è casa Carruba?

Dottore Di Fresco

(Giocando come fa il gatto con il topo) Signora, non mi ha capito! Ho detto, senza riferirmi al vostro cognome, che questa è una casa ca..ruba! (fa il gesto di rubare con le dita)

Totuccio, Agatina, Agnese e Gianluca

(Protestando) Ma come vi permettete?

Dottore Di Fresco

(Sicuro di sè) Ma che bella recita, adesso vi faccio vedere io come mi permetto! Signor Totuccio, conoscete una certa Fiammetta Bonassai?

Totuccio

(Asserendo) Certu ca a canusciu, è una collaboratrici di mè mugghieri!

Dottore Di Fresco

Soltanto una collaboratrice?

Totuccio

(Preoccupatissimo) ‘Nca certu!

Dottore Di Fresco

Collaboratrice di vostra moglie, ma per voi penso che sia qualcosa di più!

 

Agatina

(Spazientita) ‘Nsumma, si po’ sapiri chi succeri? Totuccio, chi ci trasi Fiammetta?

Totuccio

(Asciugandosi il sudore) Ma chi ni sacciu iu di Fiammetta?

Dottore Di Fresco

(Incalzandolo) Non sapete niente? Volete per caso negare di avere fatto ripetutamente la corte alla signora Fiammetta?

Agatina

(Sull’orlo di una crisi) Matri, matri, matri, chi cosa?

Totuccio

(Reagisce continuando ad asciugarsi il sudore) Ma quannu mai, cu vi cuntà sti fissarii!

Dottore Di Fresco

(Incalzandolo) Volete per caso negare di avere detto a Fiammetta di volere divorziare da vostra moglie per andare a vivere con lei?

Agatina

(C.S.) Matri, matri, matri, chi cosa?

Totuccio

(C.S.) Ma quannu mai, cu vi cuntà sti fissarii!

Dottore Di Fresco

(Incalzandolo) Volete per caso negare di avere programmato un fuga in America con la sopracitata signora Fiammetta?

Agatina

(Sull’orlo di una crisi) Matri, matri, matri, mali mi staiu sintennu!

Totuccio

(In completa confusione) Ma quannu mai, cu vi fissà sti cuntarii.... cioè vulia diri cu vi cuntà sti fissarii!

Suonano alla porta e Gianluca va ad aprire mentre gli astanti rimangono senza parole. Entra Fiammetta in tailleur nero con foulard e una valigetta ventiquattrore, la famiglia Carruba capisce subito che non è la Fiammetta che hanno sempre conosciuto.

SCENA 36 

AGATINA - TOTUCCIO – LAURA – GIULIA – MARCO - ALESSIO

Agatina

(Quasi in preghiera) Signora Fiammetta giustu lei, ma chi significa tuttu chistu?

Fiammetta

(Esprimendosi in perfetto italiano con atteggiamenti autorevoli) Signora, non faccia finta di non capire! Lei in questa faccenda c’è dentro fino al collo!

Totuccio

Ma....Fiammetta....signora Fiammetta....

Dottoressa Laura Beltrame

(Finalmente rivelandosi) Ma che signora Fiammetta! Io sono la dottoressa Laura Beltrame ispettrice capo della guardia di finanza!

Totuccio

(Esclamando) Minchiuni!

Agatina

(C.S.) Chi cosaa?

Dottoressa Laura Beltrame

Sono tre mesi che vi teniamo d’occhio, perché l’invalidità di suo marito non ci convinceva! Abbiamo affittato l’appartamento accanto e ci è servito per scoprire la truffa! Suo marito ci vede benissimo!

Totuccio

Nun è veru! Iu sugnu un poveru orbu!

Dottoressa Laura Beltrame

Ma la smetta di recitare, e ascolti la registrazione dei dialoghi tra lei e me? (Tira fuori dalla borsa un registratore e viene riprodotto il dialogo della scena 26 a pagina 44).

Al termine della registrazione c’è una calma spettrale interrotta da Carmelo.

Carmelo

Agatina, pigghiami a pala ca mi staiu faccennu ‘ncapu!

Totuccio

(Sull’orlo di una crisi) Agatina, a mia nun c’è bisogno ca ma pigghi, picchì già di ‘ncapu mi ci fici!

Giulia Locuratolo

(Rivolgendosi al figlio) Marco, era questa la famiglia per bene della quale parlavi?

Marco Locuratolo

(Risoluto) Agnese non c’entra niente in tutto questo!

Agnese

(Il volto coperto dalle mani) Che vergogna, che vergogna!

Marco Locuratolo

(Abbracciando l’afflitta Agnese ) Vieni amore mio, andiamo via!

Alessio e Giulia Locuratolo delusi, si accingono ad uscire insieme a loro.

Agatina

Aspittati, vi putemu spiegare...

Giulia Locuratolo

Non c’è niente da spiegare, noi non abbiamo niente da dividere con voi!

Agatina

Ma mè marito...a pinsioni...a mancanza di travagghiu...

Giulia Locuratolo

Belle scuse, ma la mancanza del lavoro non giustifica tutto questo, mortificando chi soffre veramente, chi non ha di che vivere!

Agatina

Pi fauri, aspittati, nun v’inniti...

Giulia Locuratolo

(Squadrando Totuccio dal basso in alto) Si vergogni, parassita!

Alessio, Giulia, Marco, Agnese e Gianluca escono di scena

SCENA 37 

AGATINA – LAURA – TOTUCCIO – DOTTORE DI FRESCO

Agatina

(Piena di vergogna) Chi vriognia, chi vriognia! E ora?

Dottoressa Laura Beltrame

Ora suo marito è nei guai, e lo è anche lei per complicità! Per prima cosa dovrete restituire tutti i soldi sottratti in dieci anni!

Agatina

(C.S.) E quantu sunnu?

Dottoressa Laura Beltrame

(Consultando i documenti che tiene in mano) Tra interessi e sanzioni di dieci anni....circa cinquecento (Fa il gesto con le dita)

Totuccio

(Rincuorato) E cuminastivu tuttu stu casinu pi cinqucentu euro? Pagamu subitu accussì a chiuemu ccà!

Dottoressa Laura Beltrame

(Guardandosi, con un cenno d’intesa, con il dottore Di Fresco) No, guardi che lei non mi ha capito! Parlavo di cinquecentomila euro!

Totuccio e Agatina

(Balbettando) Qua qua....qua qua....qua qua....

Dottor Di Fresco

(Rivolto a Laura Beltrame) Dottoressa, si sposti che devono passare le papere!

Totuccio e Agatina

(Lasciandosi cadere sul divano) Qua qua....qua quantu?

Dottor Di Fresco

Avete capito benissimo, sono circa mezzo milione di euro!

Dottoressa Laura Beltrame

Signor Carruba si tenga a disposizione, lei da questo momento è in stato di fermo! Verrà una pattuglia a prelevarla! Buona fortuna signori....ne avrete bisogno!

Il Dottore Di Fresco e la Dottoressa Beltrame escono di scena

SCENA 38

TOTUCCIO – AGATINA - CARMELO

Totuccio

(Inviperito) Grannissima spiuna e cosa fitusa, ecco picchì vinia a bussari ogni minutu!

Agatina

(Fuori di se) Grannissima cosa fitusa ci si tu! Fiammetta di ccà, Fiammetta di dà, e si stava organizzannu puru pi scappari a ‘Merica! (Inizia a rincorrere Totuccio nella stanza)  Pezzu di crastu ca sì, veni ccà, fatti pigghiari, curnutazzu, crastuni fitusu chi corna ‘nturciuniati!

Totuccio

(Scappando intorno alla poltrona di Carmelo) Fermati Agatina, avemu autri problemi di risolveri nì stu minutu! Nun lu capisci ca semu rovinati?

Agatina

(Contraddicendolo) Semu? Tu sì rovinatu! Deci anni di galera nun ti leva nuddu e quannu nesci ti po’ iri a curcari sutta quacchi ponti picchì cu mia chiuisti pi sempri!

Totuccio

Ma sutta i ponti c’è friddu!

Agatina

E tu vidi si trovi “quacchi fiammetta” ca ti quaria!

Totuccio

(Disperato) E tu...tu comu fai?

Agatina

Nun ti pigghiari stu pinseri ca iu e i mè figghi avemu a pinsioni di mè frati Carmelo!

Totuccio

(Si fa una sonora risata) Ah sè? Carmelo, u sintisti chi dissi tò soru? C’è a tò pinsioni!

Carmelo

Agatina pigghiami a pala!

Totuccio

(Frenando la moglie) Nun ti moviri Agatina ca cià pigghiu iu a pala...chidda di ferru però e cià dugnu ‘ntesta! Veru Carmè?

Agatina

(Sorpresa) Ma chi significa?

Totuccio

(Preparandosi a spifferare il segreto di Carmelo) Significa ca tò frati era in lista pi vinciri un premiu!

Agatina

Un premiu? Ma chi funnisti di ciriveddu? Di quali premiu và parrannu?

Totuccio

U pappaddu d’oro! Premiu come migliore ‘mbrugghiuni protagonista!

Agatina

(Inveendo contro il marito) Ma chi strampulii? Mè frati Carmelu ‘mbrugghiuni? Nun ti po’ addifenniri e ta pigghi chi poveri malati?

Totuccio

(Commiserandolo) Veru è poviru malatu! Agatina pigghiami u pappaddu....Agatina pigghiami a pala! Ni stà casa aiu vistu chiù pali iu ca un mastru muraturi! E Agatina curreva casa casa pi serviri sò frati chiù sanu d’un pisci!

Agatina

(Sbalordita) Chiu sanu d’un pisci? Carmè ma chi dici chistu?

Carmelo

(Continuando a recitare) A pala, u pappaddu, a pinsioni, carivi o canteri, sbattivi a testa!

Totuccio

(Giungendo all’epilogo) Ma zittuti, finiscila di recitari, ca sì chiù farfanti di mia! (Rivolto ad Agatina) A testa l’avi chiù bona da mia e da tua misi ‘nsemmula! Aspittava a pinsioni e l’arretrati pi ghirissinni pi cuntu propriu a fari a bella vita!

Agatina

(Allo stremo delle forze) Chi cosaaa?

Carmelo

(Oramai scoperto si avventa sul cognato) Pezzu di spiuni! Fintu orbu maleficu!

Totuccio

(Difendendosi e attaccando a sua volta) Farfanti sbullunatu! Fintu pensionatu di merda!

Agatina

(Avventandosi su entrambi) Crastuni tutti dui! ‘Nta testa o postu di corna, aviti du pala da luci!

Il suono del campanello della porta interrompe il litigio

Totuccio

(Rassegnato) Fermi tutti rapu iu, di sicuru è pi mia! Cu è?

SCENA 39

CARABINIERE - TOTUCCIO – AGATINA - CARMELO

Voce F. S.

Carabinieri, aprite la porta! (Totuccio apre e fa entrare il carabiniere)

Carabiniere

Il signor Salvatore Carruba e lei?

Totuccio

(Senza tentennamenti) Sono io!

Carabiniere

Ho un mandato d’arresto. Deve venire con me!

Totuccio

(Rassegnato) Agatina, iu sbagliavi picchì a vita è fatta puru di debulizzi, ma ti vogghiu beni, e si puru tu tanticchia mi ni voi, ogni tantu veni a trovami!

Agatina

(In lacrime) Totuccio....

Totuccio

(Rivolgendosi a Carmelo) E tu, Carmelo, lassa perdiri di iriti a curari in svizzera, statti ccà, chi i spitali boni nun mancanu!

Carabiniere

(Sollecitando) Andiamo, signor Carruba.

Totuccio

Aspittassi appuntatu, mu concedi un minutu di tempu pi diri una cosa a tutti sti cristiani ca ni stettiru a sentiri finu a ora?

Carabiniere

(Accondiscendendo) Faccia pure, ma si sbrighi!

Totuccio si avvicina al pubblico

l’orbu haiu fattu pi deci anni

ricurrennu a tanti inganni.

Ch’era bedda da pinsioni

siddu nun c’eranu ispezioni.

Ma un ingannu già è assai,

e si ci iunci autri guai

quannu menu ti l’aspetti

prima o dopu si è scoperti!

Pari fussi nà tragedia,

pi fortuna è ‘na commedia,

una recita gioviale....

per un pubblico speciale!

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 5 volte nell' ultima settimana
  • 41 volte nell' ultimo mese
  • 78 volte nell' arco di un'anno