A bella de Toriggia

Stampa questo copione

“A BELLA DE TORIGGIA”

TRE ATTI BRILLANTI

in dialetto genovese

di

ENRICO SCARAVELLI

(DA UN SOGGETTO DI CARLEVARO – CAUSA – LO CASTO)

Personaggi in ordine di apparizione:

DON TEODORO REBUFFO                        parroco di Torriglia

ANDREA SIRINGA                                      medico condotto     

CESARE SINDACO detto Littorio             podestà di Torriglia

BIANCA GARDELLA                                perpetua

RACHELE SIRINGA                                  figlia del medico

GUENDALINA PITTALUGA                    prima zitella

ADELINA PITTALUGA                            seconda zitella

ALESSANDRO VIGANEGO                     contadino

ARCIBALDO DI MANESSENO                il marchese

GABRIELE CACCAMO detto Belladote    imbroglione      

    Nella canonica del parroco di Torriglia: agosto del 1930

A BELLA DE TORIGGIA

ATTO PRIMO

Nella canonica della chiesa. A destra una scrivania grande con calamaio, penna d’oca, un campanello, alcuni documenti. Dietro la scrivania una sedia da studio. Tre sedie scure all’opposto; una cassapanca d’epoca sulla sinistra; mobile radio d’epoca in un angolo; un mobile alto da canonica sul fondo. Un attaccapanni, un crocifisso a muro, due candelabri, un quadro della Madonna, straccio e scopa, un giornale quotidiano. La scena è la stessa per i tre atti. Porta a destra conduce al privato, quella a sinistra in canonica e quindi in chiesa. Un vaso con fiori in un angolo.

SCENA I

(Don Teodoro – Bianca - Andrea – Cesare)

                        (mentre il sipario sta aprendosi si ode la musica d’organo della chiesa. A sipario completamente aperto la musica cessa e da destra entra in canonica Don Teodoro, uomo sulla cinquantina. Si va vento con la mano sbuffando.  Chiama la propria aiutante. Controlla il proprio orologio)

TEODORO    :-“Zà due òe.. pé fä fïto o mangiò co tortajeu” (si netta la bocca con un tovagliolo che poi comicamente, non sa dove posare e finisce col metterselo in tasca. Brontola) “Io, a quella brava donna della perpetua, anzi …bezêugna che stagghe attento o no ciammàla perpetua perché a s’arraggia.. ghe o diggo sempre: fai delle robbe leggere..” (ripetendo) “..leggere. E invece no! Lé a fa e salsette piccanti, coscì me brüxa… lascemmo perde dovve..” (rincarando)  “O bibbìn de véi o pàiva marmo.. o cuniggio d’ ancheu.. o l’éa pesante che gh’è l’ho chì in sciò stêumego..“ (brontolando con lo sguardo al cielo) “Eh..se quande so Eminenza, ch’o  m’ha destinòu chi sciû o m’avesse dïto che finivo in te ‘sta gaggia de matti gh’avieiva pensòu tre votte: ‘Na perpetua.. ch’a no capisce ‘n.. berettin, al tempo.. foscia a capisce quello ch’a veu.. tanto l’è vea ch’a sà finn-a quanti cuniggi gh’à o Viganego, quanti ghe n’ha o Sciò Pernetto, quanti ghe n’ha quello de sotto e quello de däto a-e fasce. Se no basta, ho anche da fa con e due autoritae do pàise.. Tsè.. ‘n po’ de autoritae.. O Puistae..il signor Cesare, Sindaco de cognome e Poistae de faeto” (con sfottò) “detto Littorio ..rappresentante do Stato.. con quella divisa o l’è de lungo vestïo de neigro, manco so fisse ’n preve anche lé..  e con tanto de rivoltella in vista .. O veu comandà tûtti.." (con gesto comico) “Ma cöse o se credde de comandà quello lì.. a mì no, anzi..” (come sogghignando) “Eh, eh.. intanto da l’anno passòu gh’è in vigore o Concordato e.. se lo.. zampetta il podestà!.. L’ätro, o  dottor Siringa.. no se sa se o l’è ciû bravo a fa o veterinäio o-u mëgo.. Intanto comme mëgo dovieiva ëse ciû calmo de riflessi. Quello, se ghe cazze ‘na gussa ûn po’ ciù forte da ‘na grunda, o piggia di resäti.. E mì..” (abbattuto) “..mì son chì con o cuniggio in sciò steumego..” (si massaggia lo stomaco) “Ohimemì che dolore.. ma cöse a gh’avià infiòu in te ‘sto cuniggio.. funzi avvelenae?" (suonano alla porta ed il prete prende il campanello dalla scrivania e suona un paio di volte) “Gianca.. Gianca!.. A saià de fueua a ciaciarà comme o solito.. O perpetua!”

BIANCA        :- (capelli bianchi tirati dietro con crocchietta) “O m’ha ciammòu?”

TEODORO    :- (ironico) “E cöse te o fa credde?”

BIANCA        :- “No son miga sorda.. Ho sentìo appenn-a o m’ha ciammòu.. eo in gëxa”

TEODORO    :- “Ma se.. va ben, lascemmo perde. Devan vegni chì o mëgo condüto..”

BIANCA        :- “O dottore Siringa?”

TEODORO    :- (ironico) “Perché, chì in to pàise quanti mëghi condüti gh’emmo?.. E o puistae”

BIANCA        :- “O Sciò Sindaco”

TEODORO    :- “.. falli intrà appenn-a arrivan”

BIANCA        :- (brontolando) “Ma anche a ferragosto?”

TEODORO    :- (salace) “Anche a ferragosto! No ho dïto foscia messa anche se l’è ferragosto?”

BIANCA        :- “O vedià che no vegnan”

TEODORO    :- (sornione) “Vegnan, vegnan.. ti vediae che vegnan.. Beh.. cöse t’aspëti.. a benediziòn?.. E vanni”

BIANCA        :- (esce brontolando) “No se queta manco a ferragosto.. e con ‘sto cädo..”

TEODORO    :- (siede dietro alla scrivania, consulta una pergamena. Poi prende un ventaglio nero e si fa fresco) “In quante a-o cädo a l’ha raxòn.. Beati quello che se ne van a Zena ai bagni..”  (suonano la campanella della porta) "Gianca.." (altra scampanellata) "Figûremmose.. a l'è sorda comme 'na campann-a.. Giancaaa!.. Seunnan!"

BIANCA        :- (fuori scena) “Accomodaeve scignori.. Don Teodoro Rebûffo o ve sta aspëttando”

                        (Entrano dalla porta dietro la scrivania, Andrea Siringa, medico condotto e Cesare Sindaco, podestà del paese, sulla quarantina, in divisa da gerarca)

ANDREA       :- (uomo distinto, brizzolato) “Bongiorno reverendo.. Se o no me o mandava a ciammà m’éa zà  passòu de mente a faccenda.. foscia l’è corpa do cädo”

TEODORO    :-“Se l’è pe’ quello me n’éa ascordòu mì ascì.. ma poi ho visto a scrittûa, i appunti da mae agenda e allòa..” (sospirando) “.. magara poescimo ascordäse tûtto e..” (sottindendendo) “..sensa conseguenze..”

CESARE        :-“Ed io, dopo che mi avete avvisato, e malgrado oggi sia ferragosto, sono andato in municipio a controllare allo stato civile, e quando ho aperto il registro delle nascite.. beh..  non mi sembrava vero.. m’è persino venuto freddo..”

TEODORO    :- (aumentando il ritmo al ventaglio) “Beato voì..  Mì süo da matti con ’sto cädo”

ANDREA       :- (pensoso) “Chi l’avieiva mai dïto che çinqu’anni fa….Comme passa fïto o tempo”

CESARE        :- (preoccupato) “Cinque anni già trascorsi da quando è morto il signor Gattorna..”

TEODORO    :-“.. me ricordo comme fïse òa.. da quello lettu de morte e de agonìa.. o m’ha dïto: <Reverendo, mi gh’ò fidûccia in tre personn-e solo..>”

CESARE        :- “Noi tre”

TEODORO    :- “..per quindi, ho deciso de mettive sotto tütela a mae figgeua, l’Arabella, e de dave tûtto o mae patrimonio in amministrasiòn..” (ogni tanto si massaggia lo stomaco)

ANDREA       :- “..con quella clausola..”

TEODORO    :- “..quella che quande la bambina sarebbe stata maggiorenne, vale dì a 21 anni, doviemmo rendighe o patrimonio, i interessi e in ciù troväghe màjo!”

ANDREA       :-“A l’è ‘na parolla! Bella rogna ch’o n’ha misso in sciò zembo.. l’èa mëgio ch'o campesse ancon ‘n po’ e ch'o se a ninesse lé”

TEODORO    :- “Aveivo raxòn mì ascì quande alloa dixeivo, comme diva Plinio o vëgio quande o se faxeiva a barba senza spëgio: <Prosopopea mors sua e vitta mea.. > che o Segnô o l’àgge in grassia”

ANDREA       :- (preoccupato) “E òua.. l’è arrivòu o momento..”

CESARE        :- “Ma proprio a Ferragosto doveva compiere 21 anni l’Arabella!”

TEODORO    :- “Purtroppo gh’è da gente ch’a nasce finn-a a Natale e a capodanno, no rispettan manco è feste comandè!” (invocando) “Aggiütine ti, Santa Tecla di Stendardi..” (guarda i due e sottovoce)  “..protettrice de ‘sti benardi!”

ANDREA       :- “E poi, amixi cäi.. dimmoselo francamente..a l’è ‘n’impreisa ardua.. Questa Arabella.. a no l’è ‘n gran ché.. a l’è.. ‘n resäto.. “ (elencando) “A ghe l’ha propprio tûtte:  no se peu dî ch’a segge ërta..”

CESARE        :- “Direi bassa”

ANDREA       :- “..no se peu manco dì ch’a ségge magra”

CESARE        :- “Direi piuttosto grassa”

ANDREA       :- “E poi, quello naso..ätro che Ciranò de Bergerac..”

CESARE        :- “O pà ‘n becco!”

ANDREA       :- “E i pé?.. Gh’éi faeto cäxo che pé ch’a l’ha?”

CESARE        :- “Sembrano barche!”

TEODORO    :- “Basta, basta..a conoscemmo. O nostro compito l’è quello de troväghe ‘n màjo”

CESARE        :- “Bisognerebbe far sapere che..”

ANDREA       :- “..che a Toriggia gh’è ‘na figgia da majà”

TEODORO    :- “Mì, pe’ quante me riguarda, ho faeto abbastansa..” (sottolineando) “L’ho dïto a-a Gianca”

ANDREA       :- “E alloa, se o sà a perpetua l’è comme aveilo misso in sciò giornale”

CESARE        :- (a conferma) “Vero. L’ho notata che stava chiacchierando con le signorine Pittaluga..  tra loro c’è molta intesa ”

TEODORO    :- “Intesa..in ta lengua..Cianno delle lengue che sparan ciû siottàie loiätre che o sc-ceuppo do prae Miché!”

CESARE        :- “E chi sarebbe? Il parroco di Bargagli?”

TEODORO    :- “Ma cöse gh’intra o parroco de Bargaggi!”

ANDREA       :- “Chi?.. Quello ch’o l’ha faeto a gëxa gianca?!”

SCENA II

(Don Teodoro – Cesare – Andrea – Bianca – Rachele)

BIANCA        :-  “O m’ha ciammòu?”

TEODORO    :- “Te-a chi.. E’ arrivata madama sinfonia triste.. A sente quande no a ciamman e quande a ciamman a no sente.. A stava a sentì derré a porta?”

BIANCA        :- “O sentïo ciammà Gianca.. no son mïga sorda”

ANDREA       :- “O Gerarca chì.. il signor Podestà.. o  l’ha solo dïto che a gëxa de Bargaggi a l’è gianca“

BIANCA        :- (al prete) “Comunque mì no stavo a sentì .. figûremmose.. A propoxito de quello che dicevate prima della scignorinn-a Arabella..”

TEODORO    :- “Ancon da sé a no stava a sentì”

BIANCA        :- “.. ci sarebbero dei giovinotti bravi che vorrebbero..”

RACHELE     :- (figlia del medico, entra in quel momento) “..e so palanche!”

ANDREA       :- “Rachele!.. De cöse ti te intrighi tì?”

RACHELE     :- “Papà.. no me intrigo de ninte.. Son vegnûa a dïte che gh’è ‘na vacca do Viganego ch’a a stà pe’ avei famiggia e allòa te veuan”

ANDREA       :- (allarga sconsolato le braccia) “Ho accapìo.. mëgo e, all’occorrensa,  veterinäio”

CESARE        :- “Ma c’è quest’affare da risolvere”

ANDREA       :- (uscendo, con Cesare) “Ne parlemmo da chi 'an po'. Prima il dovere e poi..”

TEODORO    :- “Quante primma.. m'arraccomando“

SCENA III

(Don Teodoro – Bianca – Rachele)

TEODORO    :- (a Bianca) “Alloa... si presentino codesti ‘giovinotti’.. con l’accompagnatore”

BIANCA        :- “Col trattore?”

TEODORO    :- “Oh, bello Segnô cäo.. con uno che li presenti!”

BIANCA        :- “E va ben.. ho accapìo..  comme o comanda.. "

TEODORO    :- (esce dalla canonica)

RACHELE     :- (incuriosita) “Gianca.. dimme ‘un po’.. ma chi son ‘sti zovenotti? Son belli..? Magara che n’accresce ûn..”

BIANCA        :- “S’accapisce che l’Arabella ciû de ûn a no ne peu piggià.. Meschinetta.. ancora d’assai che è ricca.. coscì a pä anche meno brütta.. A l’assomeggia tütta a so papà buonanima.. il Frankestein della valle"

RACHELE     :- “Ha gh’à finn-a ‘n po’ de barbetta.. Comunque, a l’è ‘na mae amiga e no permettiò che mae poae e quei duî güffi a daggan in pasto ai caccioéi de deutta. Mëgio ‘na zitella benestante che ‘na sposa lagrimante”

BIANCA        :- “Ben dïto… E scignorinn-e Pittalûga m’han assegûò che..”

RACHELE     :- (interrompendo) “Bonn-e quelle!”

BIANCA        :- “.. che questi zoénotti son di bravi figgeu.. Tra l’ätro ûn de questi o conoscemmo”

RACHELE     :- (incuriosita) “Dài, dài.. chi o l’è?”

BIANCA        :- “O l’è o figgio do Viganego”

RACHELE     :- “Ah,  o Lûsciandro dïto o Tartaggia.. ma a quello ghe interessa solo de allargà i poderi paterni”

BIANCA        :- (con gesto di chi vuol significare: ’ma cosa dici?) “Ma no…”

RACHELE     :- (facendole il verso) “Ma scì…. t’òu diggo mì..”

BIANCA        :-  “No creddo.. o no saieiva bon de pensà a questo..”

RACHELE     :- “Foscia o zoenotto no, ma seu poaè scì.. Va ben.. vaddo a mette in to forno e lazagne pe’ o papà pe' staséia, e poi che fassan ‘n po’ quello che veuan, tanto a mì no me interessa de ninte“ (si avvia all’uscita, poi si ferma  e si volta verso Bianca) “Però tegnime informà eh?. Ciao” (esce)

BIANCA        :- “Ancon da sé che no ghe interessa “ (sospiro. Prende uno straccio e toglie un po’ di polvere, poi si ferma a riflettere) “Però, a Rachele a l’è ‘na brava figgia.. a l’ha o  poaè o mëgo....anche se quarche ‘otta ghe tocca fa o veterinäio..” (riprende, pensa e sorride) “Speremmo ch’o no fasse comme l’ätro giorno che un di seu pazienti o l’ha piggiòu a scialappa a-o posto do cavallo..”  (ride) “Ah, ah, ah, o l’è lì ch’o cöre ancòn òua..” (posa lo straccio e prende dei fiori che erano in un vaso) “Andiò  a mettili de là in gëxa, coscì o l’avansa de inversä o vaso” (esce alla sinistra)

                       (si sente suonare la campana delle ore due subito dopo il campanello della porta)

SCENA IV

TEODORO    : - (entra e chiama) "Gianca.. l'è mëgio che t'arvi tì" (silenzio) "Saviò?.. O Perpetua!"

BIANCA        :- (entra da sinistra e con sussiego) “ Eo in gëxa a scistemmà i fiöri in sciè l’artà e no de feua a ciaccerà.. e poi, se no ghe despiaxe me ciammo Bianca.. Bianca Gardella e no Perpetua”

TEODORO    :- “Za.. però t’è intrà solo quando o ciammòu Perpetua. Me pà che ti seggi sorda solo quante te ven ben.. Comunque, Perpetua a no l’è ‘n’offeisa.. O l’è ‘n grosso personaggio creò adreitûa da o Mansuni in ti Promessi Sposi.. informite” (altra scampanellata) “E vanni a-arvì e veddi chi l’è”

BIANCA        :- (esce alla destra per rientrare subito) “Gh’è so Eccellenza il Sindaco-Podestà”

TEODORO    :- (che continua a massaggiarsi) “Vegnì avanti Sciò Cesare”

CESARE        :- (baldanzoso, con le mani sui fianchi) “Eccomi qua!”

BIANCA        :- (esce. Altra scampanellata)

TEODORO    :- “Alloa.. se siete qua.. accomodatevi” (indica la sedia e chiama) “Gianca.. a porta.. vanni a-arvì“ (silenzio) “Giancaaa!.. “ (appellandosi ai Santi) “San Crisostumu da Urbi, prottettò de tutti i sordi”

BIANCA        :- (da fuori) “E sto per arrivando” (entra fermandosi sulla soglia) “Stavo arvindo   gh’è o Sciò mëgo” (Andrea entra ma viene subito bloccato da Bianca) “Ch’o me scûse l’ardì Sciò mëgo, ma m’è acciappòu ‘n dolore proppio chì..” (indica l’addome) “O m’è vegnûo doppo ch’o piggiòu quella pöviétta ch’o m’ha daeto l’ätro giorno”

ANDREA       :- “Quella giäna o quella rossa?”

BIANCA        :- “Quella giäna natûralmente.. quella rossa a l’éa pe’ e galinn-e e i cuniggi, comme o m’aveiva dïto”

ANDREA       :- “Ma no!.. L’éa o conträio!.. Quella rossa a l’éa pe’ tì e quella giäna pe’ e bestie“ (tranquillizzando Bianca che si era spaventata) “Comunque no preoccupate.. l’è o maeximo”

CESARE        :- (ironico) “Tanto.. per la differenza che passa..”

TEODORO    :- (a Bianca, sospettoso) “Ma dimme ‘n po’.. ti l’hae  mïga daeta anche ai cuniggi quella pövietta?”

BIANCA        :- “E ghe l’ho daeta scì.. quella rossa.. l’è pe’ mantegnili sén e rendili gûstosi quande se mangian”

TEODORO    :- (sbottando) “E te pàiva!.. Ecco cöse gh’éa de strano in to cuniggio d’ancheu..” (al medico) “Siringa ..chi gh’è veu ‘n antidoto..”

ANDREA       :- “Ma o no fa ninte..”

TEODORO    :- “O no fa ninte?.. E allòa cöse ghel’éi daeto a fa se o no fa ninte?”  (a Bianca) “Vanni sûbito de là a piggià l’antidoto..”

BIANCA        :- (stupita) ”Quae anti.. antilodo?”

CESARE        :- “Antidoto!”

TEODORO    :- (ironico a Bianca)  “No stagghe a pensà comme se dïxe, se no te se càmoa o çervello.. Porta trei gòttin de liquò de San Patrissio, protettò di praevi a l’Ospissio”

BIANCA        :- “Devo andà a l’Ospissio?”

TEODORO    :- “Scì.. a o mae posto..” (alza la voce)  “De là.. tre bicchierini di liquore di San Patrizio.. Capito Perpé...ehm.. Bianca?”

BIANCA        :- “Ho capìo beniscimo.. no son mïga sorda” (esce)

TEODORO    :- (brontola) “A püa  rossa.. in to cuniggio.. e poi a dixe ch’a no l’è sorda.. Che pazienza che ghe veu.. “ (preoccupato, al dottore) “E se invece me ven’aççidente?”

ANDREA       :- (ironico) “Vorrià dì che l’éa voentae do Segnô”

TEODORO    :- (fa un gesto di stizza e le corna) “Voiätri mëghi a séi lunga.. fae e preuve in sciè de noiätri e s’a va mà.. l’è voentae do Segnô, se invece a va ben, l’è merito vostro”

BIANCA        :- (entra con un vassoio e i tre bicchierini, li porge e sta ad aspettare)

TEODORO    :- “E òua.. cöse t’aspëti.. ? Tanto a tì San Patrissio o no te dà a mente”

BIANCA        :- “Aspetto che si svuotino i gottini per portarli di là a lavare”

TEODORO    :- “Li laverai dopo.. òa smamma”

BIANCA        :-  (uscendo brontolando) “L’avieiva bevûo mi ascì l’anti.. l’antilodo.. a pövietta l’ho cullà mì ascì” (esce)

SCENA V

( Teodoro – Cesare – Andrea)

TEODORO    :- (andando a sedersi dietro la scrivania) “Ho tiò feua quelli papé de çinqu’anni fa.. per l’esattezza quelle carte dove risûlta.. o patrimonnio de l’Arabella.. Insomma, quello che gh’è arrestòu..  dopo che l’abbiamo tenuto noi in amministrazione” (dà un’occhiata significativa ai due i quali si guardano, raschiandosi imbarazzati la gola) “I te questo patrimonnio.. risultano.. guarda caso.. delle mancanse” (comico, gesticolando ad indicare delle.. sottrazioni indebite) “Eh, sì.. diciamo che non si sa come.. ma risultano.. Ora, uno che legge quelle carte dice:< Belandi, qui ci sono delle mancanse..>”

ANDREA       :- (interrompendo, imbarazzato) “E chi o saieiva questo “uno” che dice che ci sono delle mancanse?”

TEODORO    :- “Basta lëze i papé.. e si vede.. quello che non c’è”

CESARE        :- “Quello che non c’è.. non si vede”

TEODORO    :- “Eh no belli. Qui quello che non c’è si vede.. e comme ch’o se vedde…. Nasce quindi un qui-pro-quo.. Di chi la colpa?.. Chi erano gli amministratori?”

CESARE        :- “Beh.. noi!.. Ma basta trovarci un rimedio”

TEODORO    :- “Per l’appunto.. perciò..”

CESARE        :- (sottile, quasi ammonendolo, lo interrompe) “A proposito  di.. mancanze... ho notato quanto ...sono belli quei nuovi arazzi in chiesa, eh?”

TEODORO    :- (sospirando e guardando in alto) “Pe’ a gloria do Segnô”

ANDREA       :- (ricordando a sua volta al prete) “Anche i.. coniggi e-a coniggëa neuva in giardin son.. pe’ a gloria do Segnô?”

TEODORO    :- (alla Don Abbondio) “Battusate.. scemmaie.. “ (a giustificazione) “A l’è a Gianca ch'a l’ha e so idée de avei carne fresca”

CESARE        :- (come prima) “Va fià bene che è sorda”

TEODORO    :- “A propoxito de sordi..” (a Cesare, restituendo le frecciatine)  “Gh’avian ninte da vedde i.. vostri altoparlanti neuvi in sciä ciàssa do municipio.. con queste.. piccole mancanse?”

CESARE        :- (scattando sull’attenti) “Per la gloria del regime”

ANDREA       :- (sibillino al gerarca) “Anche e saere neuve de orchidée son ..pé a gloria do regimme?”

CESARE        :- (restituendo) “E.. cosa ne dite, caro dottore, del vostro nuovo ambulatorio sulla piazza.. sarà per caso frutto delle.. stesse mancanze?”

ANDREA       :- “Pe’ a gloria da salûte pûbblica”

TEODORO    :- “E dìnne ‘n po’.. cäo Andrea.. anche o guardaröba neuvo de vostra figgia Rachele o l’è ..per la gloria della salute pubblica..?”

ANDREA       :- “Oh, pài.. pe’ n guardaröba.. e poi a Rachele a l’è zovena..”

TEODORO    :- “Va ben, va ben.. e giacultarorie l’emmo scangè.. intanto ghe semmo drento tutti trei“ (fa cenno di avvicinarsi alla scrivania) “Avvixinaeve..” (eseguono) “Dovemmo vegnì a ‘n’accordio. Cogito, ergo sum!.. Se no capì l’è o maeximo”

ANDREA       :-  (risentito) “A reverendo.. so de latin mi ascì”

TEODORO    :- “Chi sà de latin odia l’aegua e gûsta o vin”

CESARE        :- (sorridendo) “Allora.. quelle damigiane di bianco..”

TEODORO    :- “Son pe’ a messa.. Ma cangemmo discorso. Intanto che véi seia pregävo.. m’è vegnûo ‘n’idéa..” (con aria cospirativa) ”Noiätri semmo che, in questo Stato, per conseguire un matrimonio… ci vogliono tre cose: il permesso della santissima chiesa..”

CESARE        :- (proseguendo) “Il permesso dello Stato”

ANDREA       :- “.. e grosso moddo.. a mancansa de difetti fixici di sposi”

TEODORO    :- (con comicità) “Se demmo a mente a quello.. non ci sarà più il matrimonio dell’A- rabella!.. A no l’è ..dimmoghe.. presentabile, quindi scartemmo questa idea”

CESARE        :-“Brutta come il peccato”

ANDREA       :- “A pä o diao”

TEODORO    :- (che condivide ma, per la sua veste si schernisce) “L’éi dïto voiätri e no mi.. Comunque.. no stemmo a mette vixin o diao a l’aegua santa”

CESARE        :- (salace) “Vuol dire che quì dentro.. in questo studio.. ci sono dei santi.. tra noi?”

TEODORO    :- (che tende ad alzare la voce) “Chi drento ghe son tre autoritae che peuan dà.. “ (lancia un’occhiata significativa e abbassa la voce) “..o no dà..i relativi permessi in te questo pàise..” (vedendo che hanno compreso) “Appunto.. veddo ch’éi capìo..e quelli semmo nuiätri trei.. e allòa, se sei d’accordo.. ho stilòu questo.. documento” (inizia la lettura dopo essersi aggiustati gli occhialini sul naso) “In data 15 agosto Anno Domine 1930..”

CESARE        :- (indicando che la data va completata) “Ottavo dell’Era ..”

ANDREA       :- “Cos’era?”

TEODORO    :- (bonario e sornione, indicando il gerarca) “Da seu era..”

CESARE        :- “Era fascista”

ANDREA       :- (comico) “Ah.. era.. perché adesso non lo è più?”

CESARE        :- “Non faccia lo spiritoso.. lo sa che potrebbe incorrere in qualche guaio.. Sono cose da confino queste”

TEODORO    :- “S’éi finìo, mì vaddo avanti.. “ (prosegue) “<Noi ci impegniamo ad acconsentire al matrimonio della signorina Gattorno Arabella con..> - E chi se mette o nomme do pretendente, <.. solo di comune accordo e solo se la novella sposa..”> (prosegue soddisfatto nella voce) “<.lascerà a noi una legittima, come amministratori dei suoi beni e come tutori, consentendoci di prelevare la suddetta legittima..>" (interrompe per spiegarsi) “..quella ch’emmo zà.. dimmoghe.. adêuviòu ” (riprende la lettura) “<..dal patrimonio che noi renderemo alla sposa>”

ANDREA       :- “Patrimonio che, in fin di conti.. o l’è o seu”

TEODORO    :- (tirando un sospirone, si alza) “Purtroppo.. Coscì, in ta legittima.. che scûggieivan anche quelle.. mancanse nevvea.. Cöse ne dì?.. Me pä che se poemmo sentì a-o segûo  in questo moddo e in maniera ..regolare, ve pä? “ (si sente suonare il campanello del- la porta) “Gh’è gente, gh’è gente.. me raccomando.. aegua in bocca con tûtti”

SCENA VI

(Don Teodoro – Andrea – Cesare – Bianca - Guendalina – Adelina)

TEODORO    :- (a Bianca che entra) “Chi ha seunnòu?”

BIANCA        :- (rassegnata) “E due seu Pittalûga”

ANDREA       :- (a Cesare) “Oh, quelle due miodinn-e.. a Guendalina e l’Adelina..” (siedono in disparte)

BIANCA        :- (alle sorelle Pittaluga) “Avanti” (le fa entrare e lei esce)

GUENDALINA:-  (entra con Adelina, due sorelle zitelle.. età.. indefinita; parlano interrompendosi a vicenda, con voce tremolante.. Due tipiche beghine) “Ch’o scûse reverendo..” (indica la radio) “Semmo vegnue..”

ADELINA     :- “…pe’ sentì se o dixan in te l’aradio..”

GUENDALINA:- “..perché l’è sûccessa..”

ADELINA     :- “..na cösa grave..”

TEODORO    :- (che sposta il capo da una all’altra come stesse vedendo una partita a tennis) “Ah, scì?.. E cöse de grassia?”

ADELINA     :- “Ch’o pense ‘n po’ chi l’è morto..”

GUENDALINA:- “Chi l’è spiròu”

ADELINA     :- “Chi l’è mancòu..”

GUENDALINA:- “Chi l’ha serròu i euggi”

TEODORO    :- (sbottando) “Insomma.. a chi gh’è mancòu o sciòu?”

ADELINA     :- “..a l’onorevoliscimo..”

GUENDALINA:- “..Illûstriscimo..”

ADELINA     :- “Gentiliscimo..”

CESARE        :- “Oh, perbacco.. Ma volete smetterla e dire il nome?”

GUENDALINA:- (a Cesare) “O no se ricorda che..”

ADELINA     :- “..o vegniva chì in campagna..”

GUENDALINA:- “.. arente a so villa..”

ANDREA       :- “Se dovessan moì tûtti quelli che vegnan chi in campagna doviescimo allargà o camposanto”

TEODORO    :- (che non vede l’ora di sloggiarle) “Primma che perdei a memöia.. chi o l’è?.. Avanti ch’ò da fa e no gh’ò tempo de sta a sentì di ciaeti”

GUENDALINA:- (precisando) “O veu dì.. chi o l’éa semmai”

TEODORO    :- (sbuffa, si deterge il sudore e con voce da calma forzata) “D’accordio.. chi o l’éa..”

ADELINA     :- “O professò..”

GUENDALINA:- “..quello di nûmeri“

ADELINA     :- “..da villa in scià colinn-a..”

GUENDALINA:-  “..villa Deficit..”

ANDREA      :- “Chi o saià?”

TEODORO    :-  “Ma ei finìo o ghe n’è ancòn?”

CESARE        :- “Ah.. mi pare di averlo intravisto qualche rara volta..”

SCENA VII

(Don Teodoro –Cesare – Andrea – Guendalina – Adelina – Rachele – la radio)

RACHELE     :- (entra trafelata rivolgendosi al dottore) “Papà.. “

ANDREA      :- (redarguendola) “No se salütta?”

RACHELE     :- “Riveriscio”

RACHELE     :- “Papà.. l’è morto o professò Tortelli”

TEODORO    :- (comico. Allargando soddisfatto le braccia) “E meno male che t’è  vegnûa tì coscì semmo o nomme do morto”

ANDREA       :- (alle Pittaluga) “O l’éa vëgio?”

GUENDALINA:- “Ottantesette”

ADELINA     :- “Seu, ti te sbagli.. o conträio.. settanteutto”

RACHELE     :- “Ottanteduì”

TEODORO    :- “Terno secco in sciè tûtte e reue” (chiama) “Gianca, Gianca... n’assidoro ai sordi.. o Perpetua..  mescite che commensa o bollettin”

BIANCA        :- (entra e va ad accendere la radio. Pausa) “Reverendo.. me pä ch’a no fonsionn-a”

TEODORO    :- (nervoso) “San Feliçe da Palladio, protettò de onde radio..”

BIANCA        :- “Oa a fonsionn-a”

TEODORO    :- (occhi al cielo) “Grassie!”

GUENDALINA:- “Noiätre..”

ADELINA     :- “..levemmo o destûrbo” (le sorelle escono con passettini comici e capo chino)

TEODORO    :- “Tanto oramai, semmo chi l’è mancòu.. ”

                        (INIZIA LA TRASMISSIONE ALLA RADIO E TUTTI SONO ATTENTI)

Radio              :- <E.I.A.R. Ente Italiano Audizioni Radiofoniche> (inizio musica della marcia reale e poi lo squittio del canarino della radio) <Sono le ore 15. Bollettino radio; notizie dall’interno. Roma. Attivo è stato  il lavoro delle commissioni politiche nella capitale. Tra le altre decisioni si è data notizia che lunedì 18 corrente mese, uscirà il foglio d’ordine del partito..>(la radio prosegue a parlare)

ANDREA       :- “Quae partito?”

TEODORO    :- “Comme quae partîo.. Gh’è solo quello..”

Radio              :- <..foglio d’ordine che sarà allegato alla Gazzetta Ufficiale dove sarà pubblicata la legge 3 luglio 1930 per il riconoscimento dei cicli di grande pulizia militare e coloniale.. >(interruzione) “.. scusate>,” di grande polizia militare e coloniale..>

CESARE        :- “Buono a nulla.. lo farò destituire.. confondere la polizia con la pulizia..”         

Radio              :- < Si ha da Genova annuncio che è deceduto l’illustrissimo ed onorevolissimo acca- demico, professor Massimo Tortelli..> (mormorio dei presenti) “..che diede il nome ad una delle più rinomate scuole commerciali genovesi..”

ANDREA       :- “Quella do Portello”

CESARE        :- “Ci sono stato molte volte”

Radio              :- “< Al rito funebre erano presenti: il Cavalier Merelli..>

BIANCA        :- (a Don Teodoro) “O savesse quante l’ho paghè stamattin..”

TEODORO    :- “Cöse?”

BIANCA        :- “I merelli!”

Radio              :- “< Per il prefetto, il Grande Ufficiale Vivorio, il consultore comunale Chiossone, per il podestà il senatore Broccardi..>

CESARE        :- “Un carissimo amico”

TEODORO    : “Quello scì co l’è ‘n puistè..”

CESARE        :- (ha un cenno di scatto nervoso)

Radio              :- ..<Il segretario della Gioventù universitaria fascista, Giorgio Molfetta.. il Segretario Federale Console Celle per la federazione provinciale fascista e quindi sua eccellenza il senator Luigi Luiggi..”

BIANCA        :- “Luigi de nomme o de cognomme?”

TEODORO    :- “O cognomme o saià ben Luiggi, no?”

BIANCA        :- “Quello con dui <iggi>?”

Radio              :-  <era presente altresì il cavaliere Della Rovere per il Procuratore del Re, il Preside ed i professori dell’Istituto Tortelli, i cavalieri del Buco del Passin e Passalacqua..>

TEODORO    :- “Dio li fa e li accompagna.. o beuggio do passin e passalaegua..” (prende la bottiglia dell’..antidoto e si versa da bere)

Radio              :- <.. in seguito la salma ha raggiunto il cimitero di Staglieno in Val Bisogno..”

ANDREA       :- “Val Bisango.. gnorante”

Radio              :- (stacco) <Livorno. Il cacciatorpediniere “Zeffiro” , varato ieri a Genova, ha ricevuto oggi a Livorno la bandiera di combattimento. Presenti alla cerimonia il Grand'Am- miraglio Siriani e l’onorevole Ministro della Super Marina – Conte Ciano, il quale ha pronunciato il seguente discorso: < Sulla poppa della vostra nave è scritto: NITOR IN ADVERSUM..>

CESARE        :- (scatta sull’attenti e saluta romanamente. Ritrae la mano e sta sull’attenti)

ANDREA       :- (che non si aspettava questo scatto, ha un comico sobbalzo)

TEODORO    :- (che stava bevendo, tossisce perché gli va per traverso)

Radio              :-“Sia questa bandiera trionfatrice di ogni contrarietà della vostra avventurosa vita sui mari.. e se la sacra Maestà del Re chiamasse ancora questo divino popolo alle armi, questo drappo sarà per voi… arra di certissima fortuna, sprone ad ogni impeto e ad ogni sacrificio..>

TEODORO    :- “Amen!”

CESARE        :- (sedendo, con enfasi) “Bravo! Bel discorso che va dritto al cuore!”

TEODORO    :- “Come ‘n corpo apoplettico!”

ANDREA       :- “Speremmo che no scc-euppe ‘n’ätro conflitto..  L’è appenn-a doz’anni che l’è finìa a Grande Guaera .. e stemmo ancon rammendandose e pésse in to pané..”

CESARE        :- (con retorica) “Quando la Patria chiama si corre a difenderla perché, come dice il Nostro.. è l’aratro che traccia il solco ma è la spada che lo difende”

ANDREA       :- (salace) “Armiamoci e.. partite!”

Radio              :- “ <.. molta gente quest’anno, ha creduto meglio, in questo alternarsi di burrasche e di sole pallido, rimanere a casa propria rompendo la tradizione delle scampagnate di ferragosto. In campagna dicono che fa tanto freddo e che bisogna ricorrere a indumenti pesanti..”

CESARE        :- (che stava asciugandosi il sudore con un fazzoletto) “Ma quello e un cretino”

Radio              :- “ <con le sciroccate in corso il mare rende difficile fare i bagni>”

TEODORO    :- (che si faceva fresco col ventaglio) “Tanto chì i bagni se fan de süo..” (a Bianca)

                        “Asmorta quell’affare.. oua semmo chi l’è o morto” (indica la radio)

BIANCA        :- (uscendo) “Pöviei Tortellin..”

CESARE        :- “Tortelli!”

BIANCA        :- “Tortelli o professò.. ma  i figgeu, Tortellin” (esce)

SCENA VIII

(Don Teodoro – Cesare – Andrea)

TEODORO    :- “Il Signore dice: <A ognuno la sua Croce>, ma mì  con quella lì..” (accenna a Bianca) “..gh’è n’ho ûnn-a grossa.. Beh.. tornemmo a-e cöse serie”

CESARE        :- “Come sarebbe a dire? Forse l’annunciatore della radio non diceva cose serie?”

TEODORO    :- “Non si rescaldi Podestà.. dicevo che forse le nostre.. sono abbastansa serie. Allòa, cöse ne dì dell’accordio?”

CESARE        :- “Beh.. io.. in linea di massima.. sarei d’accordo con l’accordo”

ANDREA       :- “Se o l’è d’accordio con l’accordio o Cesare Sindaco qui presente, son d’accordio con l’accordio anche mì, dottor Andrea Siringa, medico condotto”

TEODORO    :- “Allòa, se sei d’accordio con l’accordio e mì ch’ò faeto l’accordio son ovviamente  d’accordio con o mae accordio, firmemmo. D’accordio?”

CESARE e ANDREA:- “D’accordo”

TEODORO    :- (prende la penna d’oca e firma scandendo le parole lentamente) “In fede Don Teodoro Rebuffo.. ecco, a voiatri” (gira il foglio e porge la penna)

CESARE        :- (si appresta a firmare con importanza, dicendo ad alta voce) “Sua Eccellenza il Podestà di Torriglia, Cesare Sindaco”

TEODORO    :- (con finta importanza e con aria da prendere in giro)“Sua Eccellenza..t’accapiae..”

ANDREA       :- (accingendosi a sottoscrivere, dopo aver osservato la firma del prete) “Quanti svolassi sciò preave”

TEODORO    :- “Ho imparòu a scrïve coscì a-o Semenäio”

ANDREA       :- (ironico, al prete) “Ghe devo mette anche mëgo condüto?”

TEODORO    :- “Scì…ma poscibilmente in italian”

ANDREA       :- “Andrea Siringa, medico condotto, voilà”

TEODORO    :- (ritira il foglio, lo controlla) “E chì seporrieva azzunzighe anche ‘na pustilla”

ANDREA e CESARE:- (all’unisono) “E quale?”

TEODORO    :- (alzandogli occhi al cielo) “N’invocazion: Aggiûttine tì, San Filippu d’Apaisciòn protettò de l’imbroggiòn” (escono sveltamente alla sinistra e si chiude il sipario)

FINE DEL PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

SCENA I

(Don Teodoro – Bianca – Andrea – Cesare)

                        (Il giorno dopo, in canonica nel primo pomeriggio. Don Rebuffo è seduto alla scrivania con dei codici sul tavolo. Si asciuga il sudore e sta brontolando)

TEODORO    :- L’è inûtile.. l’è proppio inûtile che.. scaville in te ‘sti codici.. Chi semmo in te ‘na situassiòn grave.. “ (scuote il capo e ragiona tra sé) “Gh’è poco da fa.. e cöse son due: O che troviamo uno.. e che o Segnô o ne o mande.. che non voglia tutto il patrimonio della sposa, oppüre che riûscimmo a mette a posto e cöse con quell’accordo ch’ò faeto firmà a quelli duì là…A propoxito..” (lo cerca sul tavolo o nei cassetti) “Ma dovve l’ho misso?.. Segnô.. speremmo de no aveilo perso ch’ò l’è da mascima importansa..” (butta all’aria dei papiri) “Ohimemì..” (allarga le braccia e occhi in alto) “Sant’Antonio de Traversu, famme attrovà quello ch’ò persu” (brontola) “Se quella benedetta donna da Gianca a lasciesse un po’ sta e cöse dunde e-e metto.. E donne..” (alterando la voce) “E donne..!”

BIANCA        :- (entrando) “Reverendo, arrian!”

TEODORO    :- “E chi? E donne?”

BIANCA        :- “Comme chi, o Sciò mëgo, so Eccellensa, e scignorinn-e Pittalûga, a Rachele e..” (sorniona) “..i pretendenti!” (esce)

TEODORO    :- “Oh! San Giûseppe, Madoninn-a, Santi Arcangeli e Paradiso tûtto.. daeve da fa, daeme ‘n’aggiûtto.. e anche tì San Zorzo protettò do nostrommo.. aggiûtta mì.. che son ‘n pövi’ommo”

SCENA II

(Don Teodoro – Andrea – Cesare – Alessandro- Guendalina - Adelina)

ANDREA       :- (entra con Cesare) “Semmo puntuali?”

CESARE        :- “Arabella è di là in chiesa, con sua figlia Rachele” (indica il medico)

ANDREA       :- (come a scusarsi) “A l’ha dïto ch’a ghe fa compagnia”

TEODORO    :- (pensieroso) “Assettaeve.. me paggéi duì birilli”

ANDREA       :- (siede e con lui Cesare) “Alloa.. semmo d’accordio eh?”

CESARE        :- “Sì.. ma nessuno deve saperlo!”

TEODORO    :- (arrendevole) “E alloa.. avanti i pretendenti con gli accompagnatori”

                         (entrano le sorelle Pittaluga) “Bello Segnô cäo..”

ANDREA       :- (scatta a sua volta) “Pe’ tûtti serpenti di farmacisti.. ma..”

CESARE        :- (indifferente, con alterigia) “E.. queste due.. sarebbero gli.. accompagnatori?”

GUENDALINA:- “Ecco o primmo..”

ADELINA     :- “..di pretendenti.. ‘na personn-a..”

GUENDALINA:- “..molto ca-a.. o conoscemmo ben..”

ADELINA     :- “..o l’è o Lûsciandro Viganego..

TEODORO    :- “Dïto ‘o tartaggia!”

GUENDALINA:- “O saieiva o figgio do..”

ADELINA     :- “..di grigua.. ch’o l’ha spusòu..”

GUENDALINA:- “..a figgia da moggé..”

ADELINA     :- “.. do cûgnòu..”

GUENDALINA:- “..da lalla de..”

ADELINA     :- “.. de quella nostra nessa..”

GUENDALINA:- “O conoscéi?”

ANDREA       :- (salace) “Me son perso in ta parentela”

GUENDALINA:- “.. nostra nessa a Toniëta..”

ANDREA       :- “Ma scì.. l’ho cûròu ch’ò l’éa ‘n bardasciamme coscì ërto” (accenna una misura da bambino)

TEODORO    :- (con gesto d’insopportabile pazienza) “O Tartaglia, l'emmo accapìo.. me ricordo .. l’ho anche battezzòu” (ironico) “Ma allòa o l’aveiva solo duì giorni e o no checchezzava ancòn”

CESARE        :- (alle due sorelle, con imperio) “Fuori voi due e dentro lui, il pretendente!”

ADELINA     :- “Allòa.. intra o primmo..” (escono ed entra Lisciandro)

SCENA III

(Don Teodoro - Cesare – Andrea - Lisciandro - Rachele)

LISCIANDRO:- (giovane, timido contadino, spettinato, fazzoletto al collo, baffetti; rigira un baschetto tra le mani.  Balbetta) “Bu-bu-..bungiornu..”

TEODORO    :- “Stanni calmo, figgio”

ANDREA       :- “Lisciandro.. no ti l’è piggiae quelli calmanti che t’ho daeto?”

CESARE        :- “Suvvia dottore, non mi sembra né il momento, né il luogo”

ANDREA       :- “Ma no parlemmo mïga de euio de ricìn.. Son solo di calmanti che o rendan ciù segûo in to parlà..”

RACHELE     :- (si affaccia all’entrata) “Posso?”

ANDREA       :- “No, No ti peu!”

RACHELE     :- (scrollandole spalle) “T’accapiae che segreti.. o sa tûtta Toriggia..” (posa sulla cassapanca la propria borsetta poi a Lisciandro, che rigira il berretto tra le dita) “E così..” (con aria da sfottò) “..saiesci voì o primmo pretendente?..”

LISCIANDRO:- (con voce insicura e un po’ meravigliato) O..o.. o primmo?.. Ma qua-qua-quanti ghe n’è?”

ANDREA       :- (alla figlia) “Tì vanni sûbito de là che no ti gh’intri.. son cöse che dovemmo regolà noiätri..”

CESARE        :- (che annuiva) “Obbedire!”

RACHELE     :- “Eh.. obbedisco.. ma stavo solo domandando, perché l’Arabella  a l'è 'na mae amiga e non vorreiva che l'imbroggessi ancon..”

CESARE        :- “Come vi permettete?.. Siamo persone responsabili e sappiamo quello che facciamo..”

RACHELE     :- "Appunto"

ANDREA       :- (sornione) “E poi, gh’è anche Don Teodoro Rebûffo.. co ne guidda..”

RACHELE     :- (si avvicina al padre e sottovoce, ma non troppo) “Ma papà.. ti l’è ammiò ben?.. Pensa ‘n po’ che discendenza ne sciortieiva.. magari tanti figgeu che tartaggian..”

CESARE        :- (che aveva udito) “Il ragionamento non mi sembra avventato.. Occorre pensare anche alla stirpe.. ai tanti Balilla che nasceranno che devono essere forti, coraggiosi e..”

TEODORO    :- (fingendo di credere a quello che dice) “.. e sorviatûtto obbedire, credere e combattere!”

CESARE        :- “M’avete letto nel pensiero”

LISCIANDRO:- “No-no..no ca-ca- capiscio cö..cöse dì.. Mae poae o l’è.. o l’è..ooo cciù ri-ricco de To-To-.. To-Toriggia, natû-ralmente.. do-do.. doppo o.. Sscc-Sscc..”

TEODORO    :- “Salûtte”

LISCIANDRO:- “..o Sscciù.. Ga-ga-gattu-turna  bbuna-bbunanima”

RACHELE     :- “Se i dinae se dimostran con e sottoscrissioìn pe’ a parrocchia alloa seu poae o l’è proppio miscio!”

TEODORO    :- “Questo l’è véa e saià mëgio mette e cöse in ciaeo.. Quante o saieiva disposto a dà teu poae pe’..dimoghe.. pe’ a funsiòn in gëxa e pe’ tûtte e pratiche do matrimonio?”

LISCIANDRO:- “Dddue.. ddue..”

RACHELE     :- “Saian duì franchi.. i soliti spilorci..”

TEODORO    :- “A propoxito.. Andrea v’han pagòu i Viganego pe’ o vitello ch’éi faeto nasce véi?”

ANDREA       :- “M’han dïto: ‘poi s’aggiûstemmo’ ”

RACHELE     :- “Natûralmente.. Armeno o t’avesse daeto ‘na galinn-a.. “

ANDREA       :- “No son cöse da donne queste”

RACHELE     :-“No son cöse da donne ti dixi?.. E alloa cöse ghe stae a fa chì.. pe’ majà ‘na cràva?”

TEODORO    :- “E ti Lisciandro.. no t’è ninte da dì?.. In fondo ti t’è presentòu pe’ l’Arabella.. Quae son e teu intensioìn?.. Cose son queste due.. che vorriesci proponn-e”

LISCIANDRO:-“No me la-lasciae pa-parlà..Mae poae o di-dixe che o vorrieiva che pi-pi..che pi-i..”

TEODORO    :- “De de là .. a primma portetta a destra..”

LISCIANDRO:- “Ma no.. che pi-pi-piggesse ‘sta fuenta perché.. ”

CESARE        :- “Coraggio, dicci il perché?”

LISCIANDRO:- “Pe-perché a l’ha.. i po-po.. poderi arente ai no-nostri” (al prete) “ e che è o vorriei-iva e due fasce grosse de terren. O sa-sa-ieiva.. anche di-disposto a ri-i-nunçià a-e palanche da deutta..”

ANDREA       :- (scattando) “Cöse?”

TEODORO    :- (interessato) “.. o rinunzia a cöse”

CESARE        :- “..alla dote. .. E’ già un primo passo.. cosa ne dite?” 

TEODORO    :- “Eh, questo a faxeiva zà a-o cäxo nostro.. S’intende pe’ o ben de l’Arabella, vea”

ANDREA       :- “Se peu procedde”

TEODORO    :- (a Lisciandro) “Te porriescimio  anche concedde a man da signorinn-a Arabella Gattorna.. Sempre ché non vegnan di neuvi pretendenti con idée.. ancon ciù brillanti.. s’intende”

ANDREA       :- (quasi sottovoce al prete) “Ma.. creddei davvei ch’attrovemmo ‘n’ätro tipo ch’o s’accontenta de piaggiasela e che o ne lasce a deutte?”

CESARE        :- (a Lisciandro) “Giovanotto; conoscete la sposa almeno?”

LISCIANDRO:- “Mmmì no.. mma s-se mae poae o di-dixe che va bben.. pe-pe mi, va ben ascì”

RACHELE     :- (invita Lisciandro ad uscire) “A l’è de là in gëxa.. ch’o vegne con mì che ghe a presento” (escono alla sinistra)

SCENA IV

(Don Teodoro – Cesare – Andrea – Rachele – Lisciandro - Bianca)

ANDREA       :- “Faxendo ben i conti a mae parte a dovieiva ëse 5.000 franchi tondi.. se no quarcösa de ciù. Se peu accattà ‘n bon scïto con quelle palanche”

TEODORO    :- “Ghe sciortieiva o matrimonio, o battezzo.. o fûnerà..  Ma cöse diggo.. Insomma se porrieiva fa quarche travaggio a-a gëxa ch’a n’ha de bezeugno”

CESARE        :- “Io mi faccio una divisa nuova e mi compro una bella balilla”

RACHELE     :- (rientrando) “Papà.. o Lisciandro o se sente mä”

TEODORO    :- “O l’ha vista!”

BIANCA        :- (entra con una caraffa d’aqua e alcuni bicchieri, posando il tutto sulla scrivania)

LISCIANDRO:- (entra sorretto da Bianca) “Mmme se-sento mä.. “ (protestando) “Mmì no a veuggio.. no a spo-sposo.. “

BIANCA        :- “Ma perché?. Ün figgeu coscì robûsto.. con dui mostascetti.. tirabaci.. Ma a no l’è mïga poi coscì brûtta.. Donna barbuta è sempre piaciuta.. Ch’o vegne de là, ghe daggo

                        .. l’antilodo”

CESARE        :- “L’antidoto”

TEODORO    :- “Tì, no ti ghe dae ‘n bello ninte.. o ghe fa ma.. Dagghe ‘n gotto d’aegua ciûttosto”

                           (Bianca e Lisciandro escono a destra)

ANDREA       :- (alla figlia) “Me sa tanto che chì sotta gh’è o teu sampin”

RACHELE     :- “Mi no gh’intro pe’n bello ninte.. O l’è l’è che quando o l’ha vista..” (pausa)

ANDREA       :- “E ben?”

RACHELE     :- “Ghe vegniva da caccià!”

ANDREA       :- “Ti me paggi ‘na damma de caitae.. Te conoscio, và”

CESARE        :- “Ma no, la signorina Rachele.. è una brava figliola”

ANDREA       :- “Lei.. Pardon.. non mi ricordavo che si dà del voi.. Voì pensae a fave a divisa neuva che a mae figgia ghe penso mì.. So ch’a l’è ‘na brava figgia.. Ma a l’è paegia a so moae..parlan, parlan, parlan.. se intrigan de tûtto e poi mì m’attreuvo in ta bratta..”

RACHELE     :- (sorniona) “Comme se in ta bratta no ti te ghe fisci cacciòu da solo.. anzi.. in trei..” (esce alla destra)  

SCENA V

(Don Teodoro – Cesare – Andrea – Guendalina – Adelina)

CESARE        :- “E così.. un pretendente, che a noi andava bene.. ma che dico.. benissimo.. s’è involato..”

ANDREA       :- (comico) “E se se n’è involato.. arrivià ‘n’ätro merlo..”

TEODORO    :- “Do resto, morto ‘n Pappa se ne fa ‘n’ätro”

CESARE        :- “Parole sante.. direi di fare entrare il secondo pretendente”

TEODORO    :- (suona il campanello ed entra Bianca)

BIANCA        :- “O l’ha seunnòu?”

TEODORO    :- “No, ho sciguòu.. Fanni intrà o neuvo acompagnatò”

BIANCA        : - “Mi no l’ho visto.. comunque..” (esce ed entrano le sorelle Pittaluga)

TEODORO    :- (ha uno scatto nervoso) "Torna?"

ANDREA       :- “E queste.. saieivan.. o neuvo accompagnatò?”

GUENDALINA:- “Cöse Scià veu.. San che femmo de opere bonn-e e..”

ADELINA     :- “ ..vegnan a çercäne..”

GUENDALINA:- “O segondo de questi pretendenti..”

ADELINA     :- “..o l’è ûn zoeno tanto cäo.. affabile..”

GUENDALINA:- “..edûcòu..”

TEODORO    :- “Ancon da sae”

ADELINA     :- “Elegantiscimo”

GUENDALINA:- ”Distintiscimo”

CESARE        :- “Ragazze.. “ (mimando con la mano) “..veniamo al dunque”

ADELINA     :- “O l’è ‘n’uffiziale e..”

GUENDALINA:- “..anche nobile.. o l’è nostro parente, pe’ via che..”

ADELINA     :- “..o l’è o nëvo da cûgnà..”

TEODORO    :- (con comica sopportazione) “ Chi veu ben a-o Segnô, veu ben anche ai Santi.. dagghe ‘n tàggio figgia, e vanni avanti”

ANDREA       :- “Pe’ a caitae, basta.. faelo intrà e che no se ne parle ciù”

GUENDALINA:- (facendo cenno alla sorella di uscire) “Comme Scià comanda” (escono e fanno entrare un giovanotto)

SCENA VI

(Don Teodoro - Cesare - Andrea – Arcibaldo)

ARCIBALDO:- (entra con spavalderia. Frustino tenuto con la mano e sotto l’ascella. Porta i guanti gialli. Cappello d’epoca) “Bongiorno a lor signori. Mì son o marcheize Arcibaldo de Manessen, di conti de Premanego, uffiziale de cavalleria de so Maestà!”

CESARE        :- “Cavalleria de Pinerolo?”

ARCIBALDO:- “Pe’ servila, Sciò..” (toglie il guanto e porge la mano)

CESARE        :- “Cesare Sindaco.. al servizio della patria.. come retto podestà del paese”

ANDREA       :- “Piaxei mì ascì.. Mi son solo o mego condüto..a-o servissio de tûtti..”

TEODORO    :- “Nonché degli animali.. E mi invece.. Sciò.. Manessén..”

ARCIBALDO:- “Al tempo.. Arcibaldo Marchese di Manesseno”

TEODORO    :- “Appunto.. no so se o l’ha notòu.. mì,  son o parroco do paise”

                             (i tre squadrano l’uomo come fosse un manichino)

CESARE        :- “Per la stirpe direi.. ottimo”

TEODORO    :- (come sentenziasse) “Famiglia antica.. elemosina cospicua.. Speremmo”

ANDREA       :- (si alza, gli palpa i muscoli) ”Fixico san comme ‘n pescio”

TEODORO    :- “Fin chì.. ben.. ma manca ancon ‘na cösa”

CESARE        :- (parlano incalzanti) “Il problema finanziario!”

ANDREA       :- “Bezeugna no transigge”

TEODORO    :- “No gh’è muscoli che tegne!”

ARCIBALDO:- (che sentiva lo sguardo fra i tre) “Ma.. ma cöse stae dixendo?”

CESARE        :- “Marchese.. scusi la franchezza.. per la questione dote.. finanze.. come la mettiamo?”

TEODORO    :- “Ben, spero”

ANDREA       :- “Anche mì spero.. e tanto..”

ARCIBALDO:- “Illûstriscimi scignori; comm’éi sentìo, mi son o discendente de ‘n’antiga e nobile famiggia.. però..”

TEODORO    :- “Ahi, ahi..gh’è ‘n però!”

ARCIBALDO:- (imbarazzato) “..in te questo momento semmo ‘n po’.. comme se dïxe..ûn po..”

ANDREA       :- “Misci!”

CESARE        :- “Venga al nocciolo, giovanotto”

ARCIBALDO:- (comicamente imbarazzato, cerca delle vie d’uscita) “Piccolesse.. quarche alienazion patrimoniale pe’.. pe’ rispettà ‘na vitta de nobiltae..”

ANDREA       :- (ironico) “Ma s’accapisce.. ûn nobile o no peu travaggià comme ‘n comûne mortale..”

TEODORO    :-  “..Mancanse patrimoniali.. ma.. mancanse insomma” (mima i soldi) “Diggo ben?”

ARCIBALDO           :- “Ma tra nobili e patrissi zeneixi.. s’è sempre ûsòu dà a deutta a-e figge da màjo.. e no o conträio.. E questa..a l’è ‘na tradisiòn che vegne ben anche ai conti de Premanego..”

CESARE        :- “Che poi sarebbe la sua famiglia”

TEODORO    :- “E.. de taere?.. ”

ARCIBALDO:- “E taere?.. A mì no me servan.. a l’è troppo bassa a taera a travaggiäla.. e poi gh’ò zà duì feudi e tre tegnûe”

TEODORO    :- (soddisfatto, batte le mani entusiasta) “Ma che bravo zoeno!”

ANDREA       :- “L’ho pensòu sitoanche mì.. Scià l'da dïto..duì feudi?”

ARCIBALDO           :- “Provenienti, nintedemeno che da l’imperatò Federigo”

TEODORO    :- (con enfasi) “Benedetto quell’imperatò!”

CESARE        :- “Per me l’affare è fatto: mano concessa!”

ANDREA       :- “A sposinn-a..a l’è de là..”

CESARE        :- “In trepida attesa”

TEODORO    :- (ammiccando ai soci) “Speremmo che no accapite comme a l’ätro!”

SCENA VII

(Don Teodoro – Cesare – Andrea – Arcibaldo – Rachele)

RACHELE     :- (entra) “Scûsae.. ho ascordòu a mae borsetta” (si accinge ad andare verso la cassapanca)

ARCIBALDO:- (vede la ragazza e, ringalluzzito, equivoca) “Oh..quale visione.. Ella sarebbe la futura marchesina.. Ma mì son incantòu!”

ANDREA       :- “Ch’o se disincante sûbito.. “

ARCIBALDO           :- “Le offrirò il mio castello..il migliore cavallo della mia scuderia e..”

TEODORO    :-“Marcheize Arci… Arcibaldo..a no l’è lé”

RACHELE     :- “Ch’o l’ammìe che c’è.. un equivoco!”

CESARE        :- “Un errore di sbaglio”

ARCIBALDO           :- (estasiato, le prende un braccio mentre la ragazza cerca di divincolarsi) “L’accetto, l’accetto subito!”

RACHELE     :- (dà un colpetto sulla mano di Arcibaldo che molla la presa)

ARCIBALDO           :- “Ahi!.. E’ anche robusta.. mi darà una discendenza forte!”

RACHELE     :- “Ma cöse o veu questo damerin?”

TEODORO    :- “Marchese..  non s’invexendi.. le dico che ha sbagliato bersaglio”

CESARE        :- “La signorina è la figlia del nostro dottore qui presente”

ANDREA       :- “E a no l’è in vendita”

RACHELE     :- (rimproverando tutti) “L’Arabella invece scì, nevvéa?”

CESARE        :- “Badi come parla.. e tenga la lingua a freno!”

TEODORO    :- “Sciù.. calmaeve e lé.. marcheize Arcibaldo de Manessen.. ch’o vadde de là a vedde a promissa, poi o vegne de sà e, se a salûtte a ghe rëze, stilemmo ‘n contrattin de matrimonio”

ARCIBALDO:- (nervoso, posa il proprio cappello sulla cassa) “Vado, ma spero che sia almeno bella quanto la signorina qui presente”

TEODORO    :- “Ch’o no stagghe a pretende troppo” (visto che non si muove) “E vada!”

ARCIBALDO:- (fa un dietro front esagerato) “Vado!” (ed esce alla sinistra)

CESARE        :- (preoccupato) “Chissà.. può darsi che di là.. al semibuio.. speriamo di toglierci questa palla dal piede”

ARCIBALDO:- (si precipita in scena gesticolando, l’attraversa temendo d’essere inseguito ed esce di corsa alla destra lasciando tutti stupefatti dimenticando il cappello Tutti fanno scena)

ANDREA       :- (sconfortato) “E duì!”

SCENA VIII

(Don Teodoro – Andrea – Cesare – Rachele)

RACHELE     :- (verso la porta da cui è uscito Arcibaldo) “No ghe sei riûscìi manco con quello”

CESARE        :- “Si capisce che.. dovrebbe celare un po’ il viso la ragazza”

RACHELE     :- “E cöse o credeiva?.. S’a l’éa bella a s’ou çercava da sola”

ANDREA       :- “Ma no ti poeivi fä compagnia a l’Arabella senza ëse de longo chi in ti pè?”

RACHELE     :- “A no l’è ‘n sacco de patatte”

ANDREA       :- “Rachele, tì no t’accapisci n’assidoro.. S’andemmo avanti de ‘sto passo, va a finì che l’Arabella a se màja con quarchedûn che.. pe’ noiätri..”

CESARE        :- “..potrebbe essere letale!”

TEODORO    :- (ironico) “..no voeriescimo che dovesse sacrificase il podestà qui presente, sposandola lé”

RACHELE     :- “Ma s’o peu ëse so poae!”

CESARE        :- “Ragazza!.. Per tua norma e regola io.. sono ricercato dalle donne.. a volte non mi danno tregua”

TEODORO    :- (ironico a Rachele) “San Cesare da Cilento.. quarchedûn spara ciù balle che sciûscioìn de vento”

CESARE        :- (sibillino) “Don Rebuffo.. un prete deve moderare il linguaggio”

TEODORO    :- “Ma in questo momento non parlava il prete.. parlava solo il signor Teodoro”

RACHELE     :- (severa) “Poi dì dë donne.. Me paggéi tûtti quanti in sciò mercòu a vende a carne da maxello!” (esce disgustata verso sinistra)

ANDREA       :- (si alza minaccioso) “Quande saiemo a casa faiemo i conti”

CESARE        :- “A proposito di conti.. dottore torniamo al dunque altrimenti chi si ferma è perduto’!”

TEODORO    :- (ironico) “Sta frase.. non mi giunge nuova..”

CESARE        :- “Pensiamo all’Arabella”

TEODORO    :- “Sant’Agneise verginella.. danni majo a l’Arabella”

ANDREA       :- “Mi dieiva de fa ‘n’interrusiòn.. m’è vegnûo anche famme”

CESARE        :- (guarda l’ora) “Sì.. è vero”

TEODORO    :- “E fa ìn cädo beccu”

ANDREA       :- “A proposito de becchi.. Se sà ciù ninte do dottor Norma?”

CESARE        :- (ironico) “Chi dottore.. quello che quando cammina.. gli spuntan le corna?”

TEODORO    :- (redarguendolo) “E voi come fate a saperlo?

CESARE        :- “Don Teodoro..” (mimando uno che la sa lunga) “Se le dico che lo sò..”

TEODORO    :- “Ah.. fa parte di una di quelle che..?" (sornione) "E allòao son segûo che o saviò anche che o dottor Norma, o l’è staeto invitoa a Palassio Venessia da..  o Cappo..”

CESARE        :- (preoccupato) “Ma.. e comme mai?.. Dovevano chiamare me e non lui.." (accorgendosi della gaffe) "Comunque dicevo coscì pe dire.. il dottor Norma è un uomo rispettabile.. l’ho dïto sûbito”

TEODORO    :- (ironico) “Ma o no l'éa.. va ben lascemmo perde” (si alza) “Allora ci rivediamo in un prosieguo di tempo. Mi vaddo ‘n momento in gëxa.. a pregà pe’ tûtti noiätri” (escono; il prete a sinistra, gli altri a destra, lasciando le sedie in disordine, la scrivania con delle carte disseminate, alcune per terra)

 

SCENA IX

(Bianca – Rachele)

BIANCA        :- (entra) “Ma ammia ‘n po’ che disordine” (mugugna sistemando) “Zà quande gh’è trei ommi che ciacciàran.. E va zà ben che o poistae o no s’è misso a fûmà quello sigàri spûssolenti.. Don Teodoro o no ghe o permette.. anche s’o l’è o poistae”

RACHELE     :- (entra all’ultima battuta) “Gianca.. a mogogna da sola?”

BIANCA        :- “Pe’ forza.. se ghe son loiätri trei, mì no posso manco sillà”

RACHELE     :- “Son ûn pëso de l’ätro”

BIANCA        :- “Ma cöse a dixe? Ûn di trei o l’è o dottore seu papà”

RACHELE     :- (scrolla le spalle) “O saià ‘n bravo mëgo ma.. o se fa imbroggià anche lé. O reverendo ch’o l’imbroggia e o l’intriga.. Lè! Sempre in mëzo ai papé d’avvocato..  Pastore di anime!”

BIANCA        :- (dispiaciuta ma reale) “Pastore ..de palanche.. Comm’o l’è cangiòu.. O l’éa ‘na personn-a tanto tranquilla.. o se diva a so messa, o se mangiava a so menestrinn-a con e euve.. quandee contadinn-e ghe ne portavan..o se metteiva a scrive in päxe e so prediche.. e o l’è anche bravo.. Poi, o me ciammava pe’ sentì insemme l’aradio.. Chi in to pàise son poche quelli che ghe l’han.. In te questi ûrtimi tempi o s’è daeto tantoda fa.. o l’ha accattòu di belli arazzi pë a gëxa, de panche neuve, o l’ha faeto tante speize..  Chissà comm’o l’ha faeto.. nisciûn dà manco mëza mutta…Ma oa, con ‘sta faccenda do matrimonio s’è incanellòu ‘n via-vai che pä d’ëse a Zena in ciàssa San Domenego.. comm’o l’è cangiòu..o l’è anche distraeto.. o sbaglia finn-a a dì messa”

RACHELE     :- “E quell’ätro?.. Quella specie de bibbin vestìo de neigro.. con quella pansa..”

BIANCA        :- (ridendo) “Ch’o çerca d’asconde..Pancia in dentro petto in fuori..” (avvicinandosi e parlando sottovoce) “Quello lì, cià tante di quelle donne..” (pensando) “Saià o fascino da divisa.. Attenta scignorinn-a Rachele che quello ti tira la monata”

RACHELE     :-“Ma cöse ti dïxi.. No preocupäte.. Con mì o l’ha poco da fa.. e poi o porrieiva ëse mae poae”

BIANCA        :- “O porrieiva ëse.. ma o no l’è!”

BIANCA        :- “E scignorinn-e Pittalûga m’han dïto che de votte o riçeive anche quattro - çinque donne in uffizio.. Do resto in ti pàisi a bellessa e l’interesse van de longo in calesse”

RACHELE     :- “Parolle comme quelle de Don Teodoro eh?.. Chi va a molìn s’infarinn-a”

BIANCA        :- “Comunque noi facciamo solo due ciaccere qui nello studio del preve senza interessase de nisciûn.. solo per spassarsi il tempo all’ombra..De feua fa ‘n cädo da moì” (spifferando) “Me vegne in mente a Laura, a figgia do panetté..”

RACHELE     :- (pensando) “Quae panetté?”

BIANCA        :- “Quello ch’o sta in faccia a-o municippio.. a m’ha dïto ch’a l’ha visto a moggé do consûltore comûnale.. a Scià Jolanda, tanto pe’ no fa di nommi.. ch’a l’intrava da-o poistae tûtta pittûà in ta.. ” (annusa) “..A torta!” (esce di corsa alla sinistra)

RACHELE     :- “Pittûà in ta torta?”

SCENA X

(Rachele – Arcibaldo – Bianca)

ARCIBALDO           :- (entra dalla sinistra) “Salve”

RACHELE     :- (ha un sobbalzo) “E cose ghe fae voì chì?”

ARCIBALDO:- “Ho aççeizo ‘na candéja in gexa.. No saveivo ch’a fïse sola.. Son vegnûo a piggià o mae cappello” (lo indica)

RACHELE     :- (seguendo l’indicazione del giovanotto) “Ah.. o l’è o seu? No gh’ò faeto manco caxo”

ARCIBALDO:- (si avvicina galante) “Ma mi.. ho notòu lé e.. me son ascordòu chi o cappello!”

RACHELE     :- “Ma Scià no me fasse rïe..  O m'aveiva solo scangiò pe' Arabella.. Ma mì, cäo scignoro.. no gh’ò e palanche ch’a l’ha lé”

ARCIBALDO:- “Lasciemmo perde.. A no è né Ara, né bella.. Quande l’ho vista m’è vegnûo da corì comme se messan aççeizo i fùgai sotto a-o .. sotto a-e scarpe”

RACHELE     :- “No se sparla di ätri.. a no saià bella ma.. a l’è molto ricca”

ARCIBALDO:- (guardandola ammirato) “Ma lé sci ch’a me piaxe.. a l’ha ‘n bello sguardo.. e ‘na delicatessa comme.. comme un fiore de crisantemo appenn-a sbocciòu””

RACHELE     :- (alzando la voce) “Che bello complimento! Grassie”

ARCIBALDO           :- “Ma mì ho viägiò in tûtto o mondo e in Giappon o crisantemo o l’è ‘n fiore che se mette in te case comme noiätri e reuze”

BIANCA        :- (rientra con un pacchetto) “Scignorinn-a Rachele.. chì gh’è ‘na fettinn-a de torta pe’ lé.. Son riûscia a levaghe o brûxòu de sotta”

RACHELE     :- (prende il pacchetto) “Grassie.. Oa vaddo.. a riveise..” (si avvia alla sinistra)

ARCIBALDO           :- “Aspetti..se permette l’accompagno” (esce dopo di lei)

BIANCA        :- “Però.. che bella cubbia” (esce a sinistra)

SCENA XI

(Bianca - Don Teodoro- Guendalina - Adelaide)

TEODORO    :- (entra da sinistra) “Se vegnan a confessà anche Ferragosto.. e doppo disnà.. con sto cädo.. “ (annusa e a Bianca) “Cöse gh’è che brûxa?”

BIANCA        :- “A prüxa?.. Chi l’è che ghe l’ha?”

TEODORO    :- “Tì.. comme o solito t’accapisci a-a primma.. Ho dïto che gh’è ödô de brûxòu.. no ti senti?”

BIANCA        :- “Ah.. a l’è a torta ch’ò faeto.. ma l’ho sarvà, coscì doman matin a colassiòn o peu mangiasene ‘na fetta” (suonano alla porta e Bianca non si muove: Suonano ancora)

TEODORO    :- (ironico) “Madamma Sinfunìa.. a porta..”

BIANCA        :- “A torta?.. Ma a l’è pe’ doman mattin”

TEODORO    :- “Perpetua!.. Han seunnòu.. Vira!”

BIANCA        :- “Chi ghe saià?”

TEODORO    :- (contenendo il nervoso) “Gianca.. ancheu a giornà a l’è incommençà storta.. L’è festa.. l’è cädo..” (sbottando) “Vanni a-arvì coscì semmo chi gh’è, va ben?”

BIANCA        :- (uscendo) “E non s’arraggi che le si gonfia il göscio.. vaddo”

TEODORO    :- “A mandieiva a vende feugge de baxaicò ma.. chi a ghe sta quaexi pe’ ninte..”

BIANCA        :- (rientra) “Ch’o l’indovinn-e chi gh’è?”

TEODORO    :- “Napoliòn!”

BIANCA        :- “Le sorelle Pittaluga”

TEODORO    :- “Oh, bello Segnô cäo.. ma no ghe l’han o galante quelle?.. Avansieivan de vegnise  a passà o tempo chì!”

GUENDALINA:- “Scignorìa.. Semmo vegnûe pe’..”

ADELINA     :- “..prenotà ‘na messa pe’..”

GUENDALINA:- “..nostro frae o Mariëto..”

TEODORO    :- (ironico) “Scûsae l’indiscressiòn.. ma no porriesci parlà ‘n giorno ûnn-a e ‘n giorno l’ätra? Guagnescimo do tempo e mi no dovieiva cûxì e vostre parolle pe’ accapighe, ve pä? Comunque metteive d’accordio con a Gianca.. De là gh’è o registro.. Gianca, ti sae sempre scrive, vea?”

BIANCA        :- “E ätre votte ho ben scrïto mi, no?”

TEODORO    :- “Tì?.. Me credeivo che dai sgorbi fïse staeta ‘na galinn-a.. E allòa..proveddi.. E voiätre due.. seguìla cosci ve levae da e..”

GUENDALINA:- (interrompemdo) “Ch’o ne dagghe primma a benedissiòn”

TEODORO    :- “E perché mai?”

ADELINA     :- “Pe’ via de quella macchina de feuea.. neigra..”

TEODORO    :- “Ma cöse gh’intra?”

BIANCA        :- (anticipando Guendalina) “Ma l’è ciaeo, no?.. Se i gatti neigri portan sfortûnn-a ‘na BU-GATTI neigra e coscì longa a ne porta de ciù”

TEODORO    :- “Che ve levae d’in ti pé.. Bugatti!…Andae de là in gëxa a pregà pe-e scemmäie che stae dixendo e ti Gianca a to posto.. ” (le donne escono) “A benedissiòn.. a Bugatti neigra.. E donne!”                       

BIANCA        :- (rientra e annuncia) “Reverendo.. gh’è de là ‘n scignoro che..o no me pä tanto normale..”

TEODORO    :- “Ghe son abituò.. Che tipo o l’è?”

BIANCA        :- “Ch’o pense un po’.. o ne vegne fin da Zena!”

TEODORO    :- ”E t’accapiae.. manco so ne vegnisse da l’Australia”

BIANCA        :- “No dall’Austria.. da Zena..e o l’è vestìo de tanti colori.. comme..”

TEODORO    :- (ironico) “Comme ‘n coriandolo?.. Vanni brava.. fallo passà”

BIANCA        :- (uscendo) “Si accomodisca”

SCENA XII

(Teodoro –Gabriele)

GABRIELE   :- (entra con spavalderia. E’ un giovanotto con una giacca a colori, pantaloni bianchi, scarpe bianche, cappello e canna da passeggio) “Buona sera Reverendo“ (dà la mano) “Mi chiamo Gabriele Càccamo.. gli amici mi chiamano Belladote. Permette?” (si toglie il cappello,che  posa con  il bastone sulla cassapanca)

TEODORO    :- (andando a sedere alla propria scrivania, ironico) “Comodo.. Ch’o fasse püre comme s’o fïsse in casa mae!”

GABRIELE   :- (con prosopopea) “M’è giunto all’orecchio che voi siete uno dei tutori della signorina Arabella Gattorna e.."

TEODORO    :- (interrompendo) ”Mi scusi.. come le è giunto all’orecchio.. da Torriglia a Genova.. forse via radio?”

GABRIELE   :- “Beh.. conoscenze.. amici.. sta di fatto che ho volutamente interrotto le mie vacanze, per chiedere la mano della vostra protetta”

TEODORO    :- (rabbonendosi) “Oh, ma davvero?.. Mi dispiace ma non posso dire nulla.. Sono solo e gli altri due tutori son andati via”

GABRIELE   :- “Vuol dire.. il medico condotto ed il Podestà?..E quando potrei tornare?”

TEODORO    :- (insospettito, tra sé) “Questo chi o sa troppe cöse..”

GABRIELE   :- “E mi scusi.. avrei bisogno di una cortesia.. Saprebbe dirmi che fiori gradirebbe la signorina Arabella?.. Che so.. orchidee, gladioli.. rose..”

TEODORO    :- “Crisantemi…. Scusi.. n’è scappata.. Guardi Signor.. Bellanotte..”

GABRIELE   :-  (interrompendo) “Belladote, prego”

TEODORO    :- (verso il pubblico) “<Ogni nomme ‘na garansia..> Ripassi domani alle tre e.. le saprò dire.. Intanto dovrebbero esserci anche i ätri duì implica.. Ehm..volevo dire.. interessati”

GABRIELE   :- “Grazie di avermi ricevuto” (si alza e a passo svelto esce)

TEODORO    :- “E chi o saià mai st’impomatòu?..San Cepriàn di eutto venti..sbreuggia tì st’incon- venienti”

BIANCA        :- (entra) “Don Rebûffo..”

TEODORO    :- “Ahi!.. Quande ti me ciammi pe’ cognomme sotto sotto ghe son de rogne”

BIANCA        :- “Ci sarebbero di là” (indica la chiesa) “..le sorelle Pittalûga che vorrieivan sempre  a benedission”

TEODORO    :- (sbottando) “A benedissiòn.. Ma che vaddan a piggiasela da-o praeve d’Appai- sciòn!” (si alza lestamente e se la squaglia a sinistra mentre si chiude il sipario)

                                                  FINE DEL SECONDO ATTO

ATTO TERZO

SCENA I

(Bianca – Rachele – Bianca – Don Teodoro - Cesare)

BIANCA        :- (sta sistemando e pulendo) “Rachele.. o marcheize de Manessen o t’ha poi accompagnòu a casa?”

RACHELE     :- “Scì”

BIANCA        :- “E.. no che me interesse ma.. comme a l’è andaeta?.. Cöse o t’ha dïto?”

RACHELE     :- “Emmo ciacciaròu do ciù e do meno.. O l’è ‘n zovenotto simpatico” (rumore di passi e di voci) “Oh, son chì torna tûtti trei.. l’è mëgio che no ti te fassi vedde sedonca o reverendo o dïxe ch’addeuviemo a canonica solo pe' fa di ciaeti”

RACHELE     :-“Loiätri invece fan solo di intrighi” (esce alla sinistra. Bianca continua a sistemmare

TEODORO    :- (entra con i due) “E se vedesci che tipo o l’è quello che se appresentòu véi séia..” (a Bianca) “E ti cöse ti ghe fae chì?”

BIANCA        :- “Nettezzo un po’ l’ambiente”

TEODORO    :- “Vanni a nettezzà de là”

BIANCA        :- “Agli ordini” (esce)

TEODORO    :- (indica di prendere posto) “No l’è ch’o me piaxe tanto..O l’è arrivòu con 'ba Bugatti negra.. o l'è intròu e o s’è assettò comme o fïse o padron do bastimento.. Ve ripeto, o l’ha ‘n muro che o no me ispira guaei.. Comunque o tornià e me diei a vostra impresciòn”

ANDREA       :- “E comme mai o l’è coscì sospettöso reverendo?.. Anche se o no l’è de chì e nisciûn o conosce, poemmo sempre informäse .. o peu ëse ‘n brao german e chissà.. o porrieiva anche fanne comodo”

CESARE        :- “Magari.. e se poi ha fatto anche il mio nome può darsi che lo conosca”

TEODORO    :- “Peu anche däse che o seu nomme o l’agge visto in ti manifesti.. a firma del podestà”

CESARE        :- (con atteggiamento importante) “Oppure che sia un mio ammiratore. Del resto i giovani oggidì sono..diciamo diversi di quando eravamo giovani noi, hanno altri atteggiamenti.. altre speranze.. ” (con enfasi) “Li forgeremo come lame d’acciaio e..”

ANDREA       :- (interrompendo) “ No voerrieva interrompe l’adunata.. ma emmo da pensà a de l’ätro ve pä?.. Do resto i zoeni obbediscian poco.. basta vedde mae figgia a Rachele”

CESARE        :- (interessato) “A proposito.. dov’è la signorina?”

TEODORO    :- “Mëgio lontan che chì.. doppo quello ch’a n’ha combinòu véi”

ANDREA       :- “Oh.. a spuntià torna.. lé s’a no ghe mette o becco.. ” (suona alla porta)

BIANCA        :- (rientra e annuncia) “Reverendo.. c’è quel signore di ieri.. quel Gabriele Cacca.. Bella.. no me ricordo ciù”

TEODORO    :- “Oh, bello Segnô cäo..ma cöse ti dixi Cacca bella?..Che ti piggi de pasticche de furbitrol.. pe' a memöia"

BIANCA        :- “Oa me ricordo: Càccamo dïto Bellanotte”

TEODORO    :- “Belladote!.. Fallo intrà.. e no stà derré a porta, inteixi?”

BIANCA        :- (esce e si sente la sua voce) “Signore.. è attenduto.. si accomodisca pure”

SCENA III

(Teodoro – Andrea – Cesare – Gabriele)

GABRIELE   :- (entra) “Signori, buogiorno”

TEODORO    :- (fa le presentazioni) “Questo è il giovinotto di cui vi parlavo.. Ecco: Sua Eccellenza il Podestà, il dottor Siringa, nostro medico condotto, ossia gli altri due tutori della ragazza”

GABRIELE   :- “Li conosco..”

CESARE        :- “Mai visto”

ANDREA       :- “Manco mì”

GABRIELE   :- “..li conosco di nome e di fama”

CESARE        :- (si pavoneggia) “Può essere.. sono il Podestà di Torriglia e poi ho tante conoscenze altolocate”

TEODORO    :- (indicando il cielo) "Le mie sono ancora più.. altolocate.."

GABRIELE   :- “Signori, scusaeme a franchezza ma o mae tempo o l'è prezioso.. do resto so tûtto di voiätri ..  paese piccolo la gente..”

TEODORO    :- (ironico) “La gente è come il Piave, mormora" (tra sé) "Saià ben che in te proscime penitenze ghe calche ‘n po’ ciù a man”

ANDREA       :- “Comunque anche noiätri no emmo tempo da perde.. e nostre attivitae son troppo importanti pe’ stassene chì assettae.. a veuo..”

GABRIELE   :- “Vegnimmo a-o södo: Son chi perché l'è mae intenzion de sposà a signorinn-a Arabella.. No ascondo che me interessa.. a dote, e taere.. insomma, ttto o patrimonio"

TEODORO    :- “E.. o no veu ätro?”

CESARE        :- “Giovinotto.. dovrà lasciarci il tempo per consultarci, le pare?”

GABRIELE   :- “'na cosa rapida però”

ANDREA       :- “Penso che a saià rapidiscima!” (i tre si appartano e parlottano)

TEODORO    :- “Mì, me sento mä”

CESARE        :- “Non drammatizziamo. Come prestanza fisica, direi che ci siamo”

ANDREA       :- “Eh za.. Ma l’è o resto che no ghe semmo”

TEODORO    :-“Scignori..l’è inûtile contäse de balle..Se mollemmo sparisce tûtto o patrimonio e..”

GABRIELE   :- “Signori, me pà d'accapì che probabilmente ve riferì a.. çerte mancanze patrimoniali..”

TUTTI E TRE :-  (si guardano stupiti)

GABRIELE   :- “Sorpreisi che o sacce mi ascì?.. Comunque..” (sornione) “..ghe porrieiva ëse a mainiea de.. scistemmàa tûtto quanto...”

TEODORO    :- (interessato) “Comme..”

CESARE        :- “Si spieghi meglio”

ANDREA       :- “Si spieghi a parole chiare”

GABRIELE   :- (con tono di chi la sa lunga) “Saieva disposto a passà de däto a çerte, dixemmo..  eventuali mancanze che porreieva avei sûbîo o patrimonio da signorinn-a Arabella Gattorna..”

TEODORO    :- (si alza di scatto) “Ün momento!” (si avvicina ai tre, appartandosi, mentre Gabriele si allontana fingendo di quardare l’ambiente)

CESARE        :- “Per la miseria! Come è potuto trapelare?”

TEODORO    :- “Chì gh’è o sampin do diao..”

ANDREA       :- “Puistae..speremmo de no andà a finì drento”

CESARE        :- “Ci penso io a mettere a tacere tutto”

TEODORO    :-(a Gabriele) “Giovinotto, senta un po’..in che modo intenderebbe agire ?”

GABRIELE   :- “Semplice! Concedere a voi tre una lauta legittima”

CESARE        :- “Complimenti.. tra veri uomini ci si intende subito”

ANDREA       :- “E mì.. doppo tre neutti che no dormo a m’andieiva anche ben”

TEODORO    :-“Calma, calma.. Pe’ mì a faccenda a me spûssa.. Troppo bella pe’ ëse véa”

CESARE        :- “Ma cosa dite?”

ANDREA       :- “Ma, reverendo..demmoghe ‘n taggio e mettemmose o cheu in paxe..”

TEODORO    :- “Ma l’è proppio pe’ avei o cheu in paxe che veuggio avei de garansie.. Caro signor Belladote.. mi deve spiegare com’è che sa tutto e cosa l’ha spinto a venire di sprescia a Torriglia e a voler concludere subito.. Scià se spieghe”

GABRIELE   :- “Ma gh’è poco da spiegave. Passavo in macchina da Torriggia.. mi sono fermòu in te 'nàstàia e ho sentito da faccenda..”

TEODORO    :- “Mmm.. che cosa intende per.. faccenda”

GABRIELE   :- “Mi mäveggio di seu sospetti. 'N' ommo de gëxesa comme lé, con 'na repûtazion onorà.. armeno finn-'a questo momento..”

TEODORO    :- (alterandosi) “Belladote..! Cöse Scià l’intende con: ‘fino a questo momento?”

GABRIELE   :- “Ma ninte de strano .. Solo 'na .. dixemmo.. allegra amministrazion do patrimonio da signorinn-a Gattorna, nint’ätro”

ANDREA       :- “E - o dice ancòn..’n'int’ätro’..”

CESARE        :- “Orbene, Don Teodoro.. acconsentiamo..”

ANDREA       :- “No saieiva manco bello rovinà ‘n matrimonio specialmente da noiatri trei che.. gh’emmo amministròu, CON COSCIENZA.. o patrimonio..”

GABRIELE   :- (sornione) “Eh zà.. con coscienza”

CESARE        :- “Tranne alcune spese resesi necessarie per il mantenimento della proprietà e le spese di amministrazione, si capisce”

GABRIELE   :- “Che immagino, saian TÛTTE documentae”

ANDREA       :- “Beh.. per la maggior parte”

CESARE        :- “Dove si è potuto..”

TEODORO    :- “Ch’o vadde primma a vedde a sposa di là.. poi ci dirà. Noiätri semmo d’accordio”

GABRIELE   :- “Con mucho gusto..saià 'n piaxéi.. E.. no ascordaeve a legittima pe' voiätri.”

TEODORO    :- “Tranquillo .. QUELLA no l' ascordemmo.. Scià vadde, Scià vadde..  poi a né diâ  se Scià l'è sempre da maexima. A figgia a l'è de là.. dä Bianca” (indica a destra)

GABRIELE   :- “Ai vostri ordini” (esce)

TEODORO    :- (sconsolato) “Ai vostri ordini… Me pä che semmo noiätri ai seu ordini”

SCENA IV

(Don Teodoro – Cesare – Andrea)

CESARE        :- “Diamine, reverendo.. cosa avete fatto? L’avete mandato a conoscere la ragazza proprio quando avevamo risolto la questione”

TEODORO    :- “Emmo zà imbroggiòu abbastansa e o Belladote o no deve dï che l’emmo fregòu.. Vede la merce e poi..decide se acquistarla o meno, ve pä?.. Daeme a mente a mì... Femmo comme dixe San Tommaso, protettò de chi gh’à naso; quello o no l’è vegnûo pe’ cäxo”

ANDREA       :- “Semmo frïti.. quando o-a vedde o svegne.. e o tempo o passa..”

CESARE        :- “Sapete bene che se non rispettiamo quello che abbiamo sottoscritto a suo tempo, quando abbiamo accettato di fare i tutori, parte del patrimonio rischia di andare allo Stato.. e lì.. bisognerà anche.. risarcire..”

TEODORO    :- “Però.. gh’è quarcösa che no me convinçe.. troppo façile finn’òa..”

ANDREA       :- “Speremmo solo ch’o a vedde a veddila a-o scûo e pe’ noiätri l’è a fin di nostri crüzi”

SCENA V

(Don Teodoro – Cesare – Andrea – Gabriele - Rachele)

GABRIELE   :- (entra) “Eccome”

CESARE        :- “Allora?”

GABRIELE   :- (fa scena come a far vedere che è titubante) “Beh.. allòa..”

TEODORO    :- “Zoenotto. O se sente ben?”

GABRIELE   :- “Beniscimo, grazie..” (sornione) “Perché?”

TEODORO    :- “Perché.. immaginemmo a risposta.. ”

GABRIELE   :- “Ho visto a sposa e..”

ANDREA       :- (preoccupato) “E trei!”

GABRIELE   :- (mentre tutti pendevano dalle sue labbra) “Son sodisfaeto”

TEODORO    :- (stupito come gli altri) “O l’è segûo de sentise ben?”

GABRIELE   :- “E s'accapisce che staggo ben”

CESARE        :- (soddisfatto) “Ci siamo!” (tutti si congratulano con Gabriele)

RACHELE     :- (entra) “Scûsaeme.. Papà, ho incontrò a Gianca da o bezagnin e ha m’ha domandòu se ti gh’è portou a so meixinn-a”

ANDREA       :- “E a m’ou poeiva domandà lé quande a rientrava no?.. A me pä ‘na scûsa pe intrigate torna” (prende un bottiglino dalla tasca e lo porge alla figlia) “Tè, dagghelo e digghe ch’a rispette a prescrisiòn.. ch'a no scange a pöviétta come l'ätra votta”

TEODORO    :- "A pensäghe me brûxa ancon o steumego" (si massaggia)

RACHELE     :- (osservando Gabriele) “E questo chi da donde o sciorte?”

CESARE        :- “Ma signorina!”

ANDREA       :- “Pe’ quante ne riguarda o saià o novello sposo de l’Arabella”

TEODORO    :- (pensieroso) “No son persuaso.. San Cirillo sempre o vinçe ma ‘sta stöia a no me convinçe”

RACHELE     :- (con sguardo indagatore) “O no me piaxe pe’ ninte..”

ANDREA       :- “No ti l’è mïga da sposà tì”

GABRIELE   :- (con aria da donnaiolo) “Purtroppo..”

ANDREA       :- (si alza ed invita Cesare e Gabriele ad uscire) “Dieiva che pe’ festezzà l’avveni- lmento andemmo a-o bar a piggiäse ‘n’aperitivo.. o ne stimola l’appetitto. Don Teodoro.. o vegne anche lé?”

TEODORO    :- “No frequento i bar”

ANDREA       :- “Ah.. lé o gh’à.. l’antidoto personale!.. Ghe l’offrimmo noiätri”

TEODORO    :- (ripensandoci soddisfatto) “Pe’ quante però.. ûn cicchettin antinflûenzale o piggio voentea” (escono tutti, tranne Rachele)

 SCENA VI

(Rachele - Bianca)

RACHELE     :- “Quello tipo o no me convinçe guaei.. o l’è ‘na brûtta micca… Pövia Arabella.. trovaghe màjo o l’è ‘n problema; primma perché, meschinetta a l’è.. quello ca l’è..ma a l’è tanto brava.. O seu guaio l’è ch’a l’è pinn-a de palanche.. se no ghe l’han mangiae tûtte..” (sospira) “Magara ghe l’avesse mì.. Ma con lé i coscì dïti pretendenti, se sa, tian a i dinae “ (analizzando) “Ûn po’ de  pretendenti scì: .. o Lûsciandro, dïto o ‘Tartaggia’, o fa tûtto quello che ghe dïxe seu paoe.. finn-a quale moggé piggià. Quell’ätro.. il signor marchese di Viganego.. ch’o m’aveiva scangiòu pe’ l’Arabella, o l’ha commençòu a parläme do seu castello, de scûderie..” (vezzosa) “In fondo o l’è anche simpatico.. e òa ‘sto chì.. ch’o ne vegne fin da Zena.. o no se credià mïga de inciuccäne con e parolonn-e.. Euggi averti ätro che..”

BIANCA        :- (entra) “Ciao Rachele.. Ho accattòu tûtto l’occorrente coscì a Don Teodoro ghe preparo na bella sûppa de trippa.. Ti m’è portòu a mëxinn-a?”

RACHELE     :- “Ecco chì.. Mae poae o l’ha dïto de no sbagliate comme l’ätra votta; questa a no l’è pe-e galinn-e, a l’è pe’ tì” (si sente suonare il campanello della porta)

BIANCA        :- (non sente) “Grassie. O l’è ‘n brav’ommo o mëgo” (suonano ancora)

RACHELE     :- “Han seunnòu torna.. Comunque ‘un cûgiarìn a-a mattìn e ûn a-a séja primma de andà a dormì”

BIANCA        :- “Capìo” (suonano ancora più a lungo)

RACHELE     :- “Ma no ti senti o campanin?”

BIANCA        :- “Segûo che o sento.. non son mïga coscì sorda”

RACHELE     :- “E alloa perché no ti arvi?”

BIANCA        :- (lontana con il pensiero) “Ah.. o l’è nostro campanin?”

RACHELE     :- “Ma Gianca.. t’è mïga  innamoà?”

BIANCA        :- (vezzosa) “Chi o sà.. O poistae o me fa i euggi döxi..”

RACHELE     :- “No l'è pe’ smontate.. ma quello o tìa a quelle che gh’han di dinae” (suona ancora il campanello)

BIANCA        :-(esce e rientra) “Gh’è o Sciò marcheize” (esce dopo averlo fatto passare)

SCENA VII

(Rachele – Arcibaldo)

ARCIBALDO:- “Buonasera signorina.. C’è il parroco?”

RACHELE     :- “No,  perché?”

ARCIBALDO:- “Voeivo dagghe ‘na risposta in merito a..  o matrimonio con quella.. Arabella”

RACHELE     :- (con aria distaccata) “Troppo tardi.. La merce è stata sistemata”

ARCIBALDO:- “Ah!.. E con chi, se peu savei?”

RACHELE     :- “Con ûn scignoro ch’o ne ven da Zena.. “ (ironica) “Ghe despiäxe?”

ARCIBALDO:- “Manco ‘na stìssa”

RACHELE     :- (che non se lo aspettava)“E come mai? Vuol darmi da intendere che le fa piacere?”

ARCIBALDO:-  “Ma naturalmente. Intanto mì aveiva za dïto de no”

RACHELE     :- “Ma.. a no gh’è interessa ciù a deutta dell’imputata.. pardòn della ragazza?”

ARCIBALDO:- “Proprio pe’ ninte..” (guardando la ragazza con insistenza) “Mi gh’ò ‘n’ätra aspiraziòn”

RACHELE     :- “Contento lé..E ch’o me digghe.. solo pe’ curiositae s’intende.. a l’è ûnn-a de Zena?”

ARCIBALDO:- “Chi sa”

RACHELE     :- “A dev’ëse ûnn-a con o sangue nobile pe’ portäla a-o castello.. ma chi de nubili  nobili ghe ne son solo due e.. sono già oltre gli ..i anta... e ch’o me leve ‘n’ätra curio- sitae.. dovv’o l’è o castello..?” (con ironia) “..in ta fòa de Biancaneve?”

ARCIBALDO:- “Ciù vixin.. o l’è a Premànego..” (tira fuori un giornale) “A permette.. intanto ch'aspëto o parroco..” (siede e legge) ”Comunque, scignorinn-a.. mì veuggio sposame solo pè amô e no pe’ interesci e.. s’attreuvo quella che me va ben.. me sposo e se nò..amen” (guarda il giornale, e si  alza, avvicinandosi a lei) “Scignorinn-a.. ch’a me scûse..a no ghe dïxe ninte questa faccia in to giornale?.. Questo bell’agibbo..” (mostra) ".. me pä finn-a d'aveilo visto sciortì de chì"

RACHELE     :- (guarda) “Ma scì.. questo muro l’ho zà visto”

ARCIBALDO           :-  (muovendo il capo affermativamente) “E dovve?”

RACHELE     :- (smorzando il tono, allontana il giorna e con sorpresa) “Chì! Scià l'ha raxòn"”

ARCIBALDO:- “Bezeugna piggià di provvedimenti!”

RACHELE     :- (restituendo il giornale) “Ecco perché o no me piaxeiva.. ”

ARCIBALDO:- “Che suggerisce?”

RACHELE     :- “A primma cösa.. a l’è quella de avvertì sûbito quei trei invexendae che basta scistemmà.. va ben, so mi cöse.. no veddan ciù in là do loro naso.. Gianca.. Gianca..” (non avendo risposta Rachele apre la porta e chiama) “Perpetua!”

 

SCENA VIII

(Rachele – Arcibaldo – Bianca)

BIANCA        :- (entrando) “T’hae pe’ cäxo ciàmmòu?”

RACHELE     :- “No pe’ cäxo.. ho ciammòu pe’n davvéi. Dimme ‘n po’ ti sae donde son andaeti quei trei belli anghaezi?”

BIANCA        :- “Chi?”

RACHELE     :- “O parroco e mae papà”

BIANCA        :- “A perrûcca do papà?”

ARCIBALDO:- “Presto.. occorre fermarli!”

RACHELE     :- “Gianca.. quande cangia o tempo ti diventi ancon ciù sorda.. Mae poae o no porta de perrûcca.. Ho domandòu dunde son andaeti o puistae e o preve e o mëgo”

BIANCA        :- “O Menego o figgio da Celestinn-a?.. E mi che ne sò?”

RACHELE     :- “Calmite e stanni a sentì. Dovve son andate o puistae, mae poae e Don Teodoro?”

BIANCA        :- “E ti m’ou poeivi dì sûbito no?.. T’hae sentîo anche tì.. andavan in to bar a piggiase n’ape.. n’aperistimola”

ARCIBALDO           :- “Cöse?”

BIANCA        :- “.. pe’ stimolässe l’appetitto primma de mangià.. comme se Don Teodoro o n’avesse de bezeugno”

RACHELE     :- “Ah za,  l’aperitivo.. no me o ricordavo ciù; andemmo” (escono sveltamente a destra seguiti da Bianca)

SCENA IX

(Don Teodoro – Cesare – Andrea - Gabriele)

CESARE        :- (entra da sinistra con Cesare, Andrea e Gabriele) “Suvvia, don Teodoro, tiri fuori quei documenti”

ANDREA       :- “Coscì firmemmo o passaggio do patrimonio chì, a-o scignoro, che a so votta o ne firma a legittima..”

GABRIELE   :- “E quel che è detto e detto”

TEODORO    :- “ Questa affermaziòn de princippio a me piaxe”

ANDREA       :-“Coscì demmo ‘n colpo de bisturi a tûtta a faccenda e se mettemmo o cheu in päxe”

TEODORO    :-(sta cercando nei vari cassetti, nella scivania e non trova le carte)“E pûre, éan chi”

GABRIELE   :- “Scià veu sbrigase reverendo?.. Ho zà perso fin troppo tempo.. no veuggio passà a vitta chì”

TEODORO    :- (su asciuga il sudore, è imbarazzato perché non trova nulla) “Invece io, intanto che cerco sensa sentimme i euggi addosso, le suggerirei di andare a fare un giro per Torriglia.. E’ bella sà?..”

GABRIELE   :- “Devo andà via fïto g'ho sprescia.."

TEODORO    :- “..potrebbe intanto dare un’occhiata alla facciata della chiesa.. Ciabbiamo dato la tinta nuova..”

ANDREA       :- “Allòa.. sciortan feua o no?”

TEODORO    :- (non visto da Gabriele, fa gli occhiacci che non le trova. Fa capire che è bene allontanare il pretendente)

ANDREA       :- (cerca di dargli una mano) “Signor Belladote, potrebbe vedere anche i nuovi arazzi della chiesa..”

CESARE        :- (salace, verso Teodoro) “Sapesse quanto gli sono costati..”

TEODORO    :- (ha un’idea. Si avvicina a Gabriele) “.. ma.. si sente bene?”

GABRIELE   :- “Torna?  Staggo benissimo"

TEODORO    :- “Ma o l’è giäno.. Nevvea dotore co l’ha a faccia giäna?”

ANDREA       :- (siavvicina lo guarda ma non vede i segni di intesa del prete) “O sta beniscimo”

TEODORO    :- (comico) “L’ätro bon! O l’ha accapìo a-a primma!”

GABRIELE   :- “Insomma, feua i papè.. firmo e me ne vaddo"

TEODORO    :- (cerca ancora, gli prende la voce tremula) “Non.. le.. trovo più!” (cade a sedere)

CESARE        :-  “E figuriamoci!”

TEODORO    :- “A Gianca..” (chiama) “Gianca!”(chiama ancora) “O Gianca..n’assidente ai sordi”

GABRIELE   :- (nervoso) “Ma perché o no va a riammala de delà

TEODORO    :- “Non si preoccupi.. ciò il sistema.. “PERPETUA!”

SCENA X

(Don Teodoro – Cesare – Andrea – Gabriele – Bianca)

BIANCA        :- (entra) “O l’ha ciammòu?”

TEODORO    :- (comico a Gabriele, sottolineando con la mano) “Cosa le dicevo?.. “ (burbero alla donna) “Ti ne sae ninte de quarche carta lascià in scià scrivania?”

BIANCA        :- “In scià scrivania?.. Ma.. gh’éan di papé ch’éan sparpaggiae pe’ taera e..”

TEODORO    :- “Saian xeuaè.. Dovve ti l’è missi?”

BIANCA        :- “E.. a-o so posto..”

CESARE        :-“E dove, di grazia?”

BIANCA        :- “Dove si mette la carta quando è in terra”

TEODORO    :- (dal nervoso comincia a balbettare) “In-so-somma.. do-dovve saieiva o po-posto?”

BIANCA        :- “Ma reverendo.. nella rumenta, no?”

TEODORO    :- “Be-bello Segnô coscì ca-ca-cäo..”

BIANCA        :- “Ch’o no s’arragge se no ghe ven da checchezzà.. e ghe ven l’affanno”

TEODORO    :- “Te o da-dago mì l’a-l’a l’affanno.. Mescite e vanni da o Ba-Baccicin.. o spassin e do-domandighe dovve o l’ha portà a rûmenta.. e vanni a ripiggià i papè”

ANDREA       :- (agitando le mani giunte) “Ma che invexendòn de’n prëve”

TEODORO    :- (a Gabriele) “Tutto si accomodda; intanto ch’o vadde de là.. Gianca fallo accomodà, dagghe da lëze.. dagghe o volûmme da stöia di Papi.. coscì o no  s’angoscia”

GABRIELE   :- (sbuffa ed esce atteso da Bianca)

SCENA XI

(Don Teodoro – Cesare – Andrea, poi  Gabriele)

TEODORO       :- (vedendo gli altri scuri in viso) “E voiätri duì non staeme a moì chi drento. E carte son a-o segûo”

ANDREA         :- “In ta rûmenta”

CESARE          :- “Ma come si fa a non dare importanza a documenti come quelli.. Voi siete un facilone, lasciatemelo dire”

TEODORO       :- (comico) “E io glielo lascio dire..Tanto no costa ninte..” (con furbizia) “Cosa vuole che le dica.. Si vede che.. è un segno del destino”

ANDREA         :- “Ciù che do destin dieiva ‘n segno do disordine!”

TEODORO       :- “Ma che disordine.. Fiaeve do santo de Bari.. quello de là o sa troppi affari”

CESARE          :- (sbottando) “Ma lasci perdere i Santi.. qui o firmiamo l’accordo o parlo a chi di dovere, delle vostre.. cosiddette mancanze”

TEODORO       :- “E lei.. pardòn, anche voi ci siete dentro.. caro signor Sindaco podestà!”

ANDREA         :- “O diae!”

CESARE          :- “IO sono l’AUTORITA’, e son ben IO come muovermi!”

TEODORO       :- (rassegnato) “San Severo dell’albero moro, se qui c’è un martire è Don Teodoro! .. Signor Podestà, chiami pure il signore..”

CESARE          :- (guarda in su e indica il cielo) “Il Signore?”

TEODORO       :- “No, quello di là” (indica Gabriele)

CESARE          :- “Signor Belladote!”

GABRIELE      :- (entra) “Alloa?"

CESARE          :- “Si firma”

GABRIELE      :- (con spavalderia) “L'éa òa!” (si sentono rumori di passi, voci)

TEODORO       :- (con sollievo) “Ghe gente, ghe gente.. No se peu firmà!”

GABRIELE      :- “Ma insomma..! “ (si avvia a grandi passi all’uscita) “Vaddo in ciazza in to bar.. aspëto solodëxe menuti epoi me ne vaddo. Son 'na personn-a seria e no me fassopiggià pe' o panè:: scûsaeme a me scappà.. " (esce a sinistra)

SCENA XII

(Don Teodoro - Cesare - Andrea – Rachele - Arcibaldo)

RACHELE       :- (entra trafelata da destra con un giornale in mano)“Don Rebûffo..Papà, ammiae cöse gh’è in sciò giornale d’ancheu!”

TEODORO       :- (si aggiusta gli occhiali, prende il giornale e legge) “<LA POLIZIA DA LA CACCIA A QUESTO TRUFFATORE DI DOTI..>” (gli altri si avvicinano e guardano) “Da-a fotografia me pä finn-a de conoscilo” <E’ STATO VISTO NELL’EN- TROTERRA LIGURE. LA SUA SPECIALITA’ E’ LA TRUFFA VERSO RAGAZ- ZE RICCHE CHE EGLI FINGE DI VOLER SPOSARE PER IMPADRONIRSI DELLA LORO DOTE E FUGGIRE. HA GIA’ MESSO A SEGNO DIVERSI COLPI. IL LESTOFANTE CORRISPONDE AL NOME DI GABRIELE CACCAMO DETTO BELLADOTE> (stupore e mormorio di scoramento da parte dei tre)

ANDREA         :- (scrollando il capo) “T’hae accapîo o Sciò FREGADOTE!?”

RACHELE       :- “Te l’aveivo dïto papà che o no me piaxeiva”

TEODORO       :- “Anche mì me o sentivo..Avete visto che era segno del destino no attrovà e carte?.. Occorre sempre avere fiducia perché o Segnô o l’ha i euggi davanti e derré.. e o n’ha faeto sparì i papé!”

CESARE        :- (avviandosi con passo marziale all’uscita) “Devo andare a fare il mio dovere..Dov'è  il telefono?”

TEODORO    :- “E chi ghe l’ha o telefono?.. Son scignorate che no me posso permette”

CESARE        :- “Allora vado in municipio e chiamo i carabinieri che vadano ad arrestarlo al bar”

ANDREA       :- “A quest’öa o l’avià sentìo l’ödô e.. sarà uccel di bosco”

RACHELE     :- (guardando teneramente Arcibaldo) “Lasci perdere signor podestà.. ci ha già pensato il signor marchese di Manesseno..”

CESARE        :- “Come sarebbe a dire?”

ARCIBALDO           :- “Sciccomme appenn-a letto o giornale l’emmo visto infiäse in to bar.. son andaeto dai carabinè e loiätri te l’ha za impacchettòu e o l’è in to loro comando che o stan interrogando..”

CESARE        :- (turbato) “Arrestato?.. Mmm.. Non vorrei che parlasse più del dovuto..”

ANDREA       :- “E cöse o peu dì.. Che abbiamo DOVUTO trattenere una.. certa somma per amministrare i beni dell’Arabella e che..”

TEODORO    :- (pensando ad alta voce) “Foscia l’éa mëgio ch’o scapesse..”

RACHELE     :- “E comme saieiva a dì..?” (vedendo lo sconforto dei tre) “Tranquilli.. birichini.. l’Arabella a no saià guaei bella ma a l’ha ‘n cheu d’öu.. A firmià lé ‘n papé che tûtta a contabilitae a l’è staeta tegnûa in moddo esemplare..”

CESARE        :- “Ma.. come fa a dire questo?”

ARCIBALDO           :- “A s’è informà da l’avvocato Massimo Della Pena.. e ha detto che ora è maggiorenne e che sarà lei a scegliere lo sposo se e quando accadrà. Parole testuali”

TEODORO    :- (tira un sospiro di sollievo) “Che brava figgia.. l’ho sempre dïto mì” (vedendo Rachele e Arcibaldo che si guardavano teneramente tenendosi per mano) “Dovemmo proppio ringrazià ‘sti dui figgeu chi.. se no l’éa pe’ loiätri..”

ANDREA       :- (ironico) “..o destìn..”

TEODORO    :- “Comunque me sa tanto che primma o poi a sposa a ghe saià.. ”

CESARE        :- “Volete dire che il marchese sposerà l’Arabella?”

TEODORO    :- (scrolla comicamente il capo, guarda Cesare) “O bello Segnô cäo.. Podestà Cesare detto Littorio.. ghe conto ‘na stöia..  staeme a sentì..: Quande o Segnô o distribuiva cässoulè de intelligenza o s’è accorto ch'o stava pe’ restà sensa e.. “ (guarda in alto) “..o l’ha allungòu o broddo da pignatta con aegua de scemensa.. Intendevo dire a proposito di matrimonio .. del marchese di Manesseno con la qui presente Rachele Siringa.. Ma non le ha viste le occhiate che si tiravano?..”

ANDREA       :- “E figûremmose.. a l’è ancon ‘na figgetta”

ARCIBALDO:- (al parroco) “Comme o l’ha faeto a capìlo?

TEODORO    :- “In to pàise se sa tûtto.. pe’ via traverse e pe’ vie.. perpetue”

CESARE        :- (sconsolato) “E io che pensavo di..poterle chiederla chiedere in mo.. ”

TEODORO    :- (comico, interrompe) “E qui sta il significato della cassolata di acqua che ha allungato il brodo..” (al medico, sottovoce)  “Dottore.. ch’o no fasse di corpi de testa.. O zoenotto o l’è marcheize..o l’ha o castello e taere.. ma cöse voei de ciù. E poi ammiaeli..” (guarda i due che.. stanno ..tubando. Si sente un forte scampanellìo) “Gianca.. han seunnòu”

BIANCA        :- (entra) “Indovinae chi gh’è?”

TEODORO    :- (timoroso) “I.. carabiné?”

BIANCA        :- (sorniona) “Pëzo” (lascia il passo)

ADELINA e GUENDALINA:- (entrano e come al solito parlano un po’ peruno)

ADELINA     :- “Semmo vegnûe..”

GUENDALINA:- “..perché gh’aviescimo..”

ADELINA     :- “..n’ätro pretendente..”

GUANDALINA:- “..o saieiva o nëvo ..”

ADELINA     :- “.. do frae do..”

TEODORO    :- (agita le mani al cielo e fugge con comicità imitato da tutti) “No, basta.. confessemmo tûtto..”

ANDREA      :- (indicando la porta) “Via, via..”

GUENDALINA:- (si avvicina a rapidi passetti verso Cesare e lo prende per un braccio. Poi con voce che vorrebbe essere invitante) “Ma signor podestà.. non mi trascuri cosi..”

ADELINA     :- (c.s.) “L’ätra votta in municippio ..era così gaudente..”

CESARE        :- (si ferma sulla porta, sivolta e poi fa le corne a due mani alle Pittaluga) “TIE’!”

ADELINA e GUENDALINA :- (assieme, come una sentenza) ”TÜTTI PAEGI I OMMI!”

(SI CHIUDE IL SIPARIO)

                       

F I N E

 

 

 

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 11 volte nell' arco di un'anno