‘A bonamma

Stampa questo copione

‘A BONAMMA

  A  BONAMMA

tre atti di Nuccio Vassallo

   da “quello buonanima” di U.Palmerini

 

PERSONAGGI

FAUSTO

GIOVANNA

LEA

FILUMENA

ZAIRA

BENFICO

CARLETTO

NINETTA

GIANCAGLIORO

                                     ______________________________________

                                                 ATTO PRIMO

La scena rappresenta un soggiorno-ingresso di una villa di campagna, comoda, anche se non prtenziosa.La comune in fondo rappresenta una grande vetrata che dà su un terrazzino che guarda il giardino.A sinistra le camere,a estra i servizi.Un grande quadro raffigurante la BUONANIMA occuperà a parete più in vista,con fiori e lampade votive a significare la recente dipartita.Arredo classico da soggiorno di campana.In scena Filomena,poi Ninetta.

                ­­­­­­­­­­­­_______________________________

Filomena -(sta mettendo in ordine.E’ tutta vestita di  nero. Passando davanti al 

           quadro della “buonanima”si segnerà  ad uso del popolino siciliano)

Ninetta-(entrando dalla comune)Allura Filomena cca cci sunnu i ciuri ca m’addumannastuvu (Si guarda in giro,vede il quadro)E chi è?Nuvità?

Filomena -Chistu l’ingrandimentu ca a signura ci fici fari ora.Lassili i ciuri ca cci pensu iù a sistimalli.

Ninetta -Bene!(Posa sul tavolo)Su non vuliti autru...Però ci vinni veramenti a postu ‘stu ritrattu.(ride)

Filomena -Ridi?Ah,su cci fussi ancora u patruni,fussi tutta nautra cosa.

Ninetta -Ma Filomena cc’è già u patruni ‘nta sta’ casa...

Filomena -Su non era ppa signura ca dopu a disgrazia vosi veniri a stari con i genitori...Ma iù mi lu ‘mmagginava ca ccu ddu cristianu non s’avissa potutu iri d’accordu...Ma su non ci va d’accordu mancu a figghia...e non ci eva d’accordu mancu...mancu.. (piagnucolante) dda bonanima di sò ienniru.

Ninetta -Ma dicennu a virità, Filomena ,ti pari na cosa pinsata bona chidda da signura di vinirasinni a chiudiri ‘nta st’eremitaggiu,specialmenti poi,ca iddi erunu abituati a stari ‘ncittà?

Filomena -E comu no?Vosunu lassari apposta a palazzina ‘ncittà e vosunu sistimari chista ppi stari ccà...ccà,vicinu a tomba di...(Non riesce a continuare per l’emozione)

Ninetta -Sarà giustu..Tutti i gusti sunnu da rispettari...Mah!

Filomena -Chi mah!??Secunnu i mariti ca s’hannu avutu...

Ninetta -Però a giudicare dai ritratti(Ridendo)mi pari...

Filomena -Chiddu era n’omu ccu ‘nciriveddu tantu...amurusu e rispittusu comu a picca... ccu ‘ncori largu quantu ‘na chiazza..era ‘nsantu..era... ’nsantu. (piange)

Ninetta -Beh!Curaggiu...curaggiu Filomena .Tantu oramai chiddu ca fu,fu.

Filomena -E u sacciu...u sacciu benissimo.Ma ogni tantu ‘mpocu di sfogu cci voli.

Ninetta - Filomena si non cci aviti bisognu d’autru iù mi nni vaiu.

Filomena -Sì,sì vai.

Ninetta -E allegra, Filomena ,allegra.(esce cantando allegramente)

Filomena -(Andandole dietro)Nina... Ninetta ma dicu iù...se viene la signora...ti senti cantari...

Ninetta -(da fuori)Scusate,non cci aveva pinsatu.(Continua a cantare mentre si allontana).

Filomena-Ma che modi...che modi...(si volta verso il ritratto e si segna,quasi a volersi scusare)

Fausto -(dal giardino) Giovanna ... Lea ...Ma varda chi cosi..(entra)Ma chi razza di postu,per la miseria!Vaddati ccà stà manu(è leggermente ferita)Ma dicu di unni cci vinni a irini a ‘nficcari ammenzu a sti fossi,sti truppicuni, terra, petri... a mumenti mi rumpeva u coddu.E datimi qualche cosa ppi disinfittari.( Filomena lo ignora)Quannu unu arriva all’età mia,voli i sò comudità;voli nesciri,caminari ppe stradi e nò ppe trazzeri. E datimi qualche cosa ppi disinfittari. (c.s.)Suddu u chiurunu ccà,allura fussi megghiu ca u chiurissunu ‘nta ‘na fossa e basta. Ma comu si fà,dicu iù,a passari ‘na iurnata sana. Accussì celu e terra. E datimi qualche cosa ppi disinfittari.Ma chi siti surda?.. A meno che unu non s’adatta a divintari pazzu,scemu,cretinu comu a tutti ‘nta sta casa...comu a mè mugheri,mè figghia, a mè cammarera...

Filomena -E già picchì semu nuatri i scemi,veru?(Ha messo sul tavolo alcool e cotone)

Fausto -Sì,sì.Pazzi...pazzi..cosa di cammisa di forza.E fasciatimi ‘sta manu! Si deve essere ppi forza pazzi ppi iri contro natura.E lassamu stari i soldi ca haia sganciatu prima e dopu ppè ‘mbrogghi...chi sacciu!E fasciatimi ‘sta manu!Ma dopu ca a chiddu cci veni a brillanti idea di livarisi da ‘mmenzu e pedi,picchì,dicu iù,s’ha costringiri ‘na famigghia, fasciatimi ‘sta manu, ’na famigghia sana a viviri segregata, fora dal consorzio civile,di sta manera? Fasciatimi ‘sta manu!Comu su tutti ,prima o dopu,non avissumu fari a stissa strada...Ecco,dicu iù..su tutti,ogni vota ca mori ‘mparenti avissumu fari accussì,u munnu addivintassi ‘ncunventu.Fasciatimi ‘sta manu!Ma dicu mi la vuliti fasciari ‘sta manu?Ma chi facistuvu stunastuvu completamenti?

Filomena -Oh...ma chi fa lariu ppi ‘na cosa di nenti.Ecco qua... ccà cc’è tutto l’occorrente.(mostra sul tavolo)

Fausto -Embè?Chi mi l’haia fasciari sulu?

Filomena -(Si avvicina,prende il cotone,guardando la mano)Ma su è ‘na sgaggiatina di nenti, ca mancu si vidi...Chi haia fari?

Fausto -Ma chi vulevuru ca m’avissa cascatu ‘nditu?...Ma cosi di pazzi!

Filomena -E poi non lu dissi lei stissu ca prima o poi avemu a moriri tutti?E allura?

Fausto -Sì,ma picchì prima e non dopu?Eh,u sacciu ca vi piacissi aviri a soddisfazioni di purtari i ciuri macari a mia...ma iù non vi la dugnu ‘sta soddisfazioni.Iù vogghiu vivere,vogghiu vivere cchiù ca pozzu a facci vostra,a facci di tutti e a facci, specialmenti, di chiddu(indica il quadro)ca quannu era vivu spirava di vidirimi moriri ppi mangiarisi i mè soldi... (rivolto al quadro)nenti! ..nenti!T’ha ristavu ccà(gola)A propositu di ccà... iù l’haiu sicca completa.

Filomena -Aviti siti?

Fausto -Ca quali siti...iù haiu fami.E’ menziiornu passatu..Chi avemu a fari? Purtati ‘ntavula.

Filomena -Oggi mi pari ca avemu aspittari.

Fausto -Picchì?

Filomena -Ca picchì le signore sono andate al cimitero e non si sà a chi ura tornunu.

Fausto -(rassegnato) Ah,o cimitero,si capisci.Ma picchì cci enu?

Filomena -Picchì? (piagnucolando) Picchì oggi c’erunu l’operai ca mittevunu a postu u bustu.

Fausto -Chi facevunu?U bustu?

Filomena -U bustu?

Fausto -Purtava u bustu?Nò sapeva.E va bene,non m’interessa.Veni a diri ca mangiu sulu.Cci sunnu ddi beddi funghi.. i ‘bbiati ‘nta l’ogghiu...tantu ogghiu… beddi fritti...

Filomena -Ma bisognerà aspettare...

Fausto -Ma chi aspittari... avanti forza...’na vota tantu nenti fiori ma opere di bene.Avanti forza...in cucina...in cucina...(la spinge mentre Filomena fa un po' di resistenza)In cucina...Videmu su ‘nta sta casa ‘na vota tantu hannu dirittu macari i vivi.(Via Filomena) Sì,sì ‘na vota tantu hannu cuntari macari i vivi.(Gira per la scena.Si ferma e guarda con astio il ritratto del genero)Non m’arrabbio...non m’arrabbio..non mi vogghiu arrabbiari... chi s’arrabbia muore...non vogghiu moriri,perciò non m’arrabbio! (gira per la stanza)Voglio vivere...(cantichia)Vivere...senza malinconia ...vivere, senza più nostalgia...(al quadro)Vivo e canto...e mangiu...(comincia a liberare la tavola per apparecchiare, cantando a soggetto.Intanto entrano,vestiti a lutto,Lea, Giovanna ed,in abito di circostanza Zaira ed il marito sig. Benfico che fanno gruppo lontano dalla tavola) Eccoli qua...s’allarga u cori a virilli...

Zaira -(a Lea )Fatti coraggio,cara.Fatti coraggio!Signor Fausto, buongiorno.

Fausto-...giorno.(continua ad apparecchiare)

Benfico-(Con aria di circostanza)Signor Fausto buongiorno.

Fausto -(c.s.)Anche a lei...boun jour,in francese.

Giovanna -Comodi...comodi(indica il sofà)

Zaira -Graie,ma è già tardi.(intanto siede)Abbiamo voluto accompagnarvi...ma dobbiamo proprio andare,adesso.

Giovanna -’Mumentu sulu...tantu ppi pigghiari ‘mpocu di respiro.

Lea -(Dopo una lunga pausa di silienzio,respira rumorosamente seguita a ruota da Benfico, Zaira e Giovanna ) Ahhhh!

Fausto -(soggetto ad ogni sospiro)

Benfico -(con dolorosa enfasi)E’ stata una cerimonia commoventissima,signor Fausto ... proprio commovente!Che busto somigliante...preciso...Mah! Povero Giulio... Certi voti pari ca u marmuru s’avissa animare e s’avissa sentiri ancora a sò vuci...da bedda vuci baritonale...

Fausto -(Fra sè,mentre continua a sistemare la tavola,canticchia)Di quella pira...l’orrendo fuoco...

Benfico -(lo guarda con commiserazione)Mah!Povero giulio...Quello sì che era un’amico.

Zaira -(Al marito)Ma Paolino...

Benfico -Oh!Scusa Lea cara,non ci pensavo.

Lea -Ma perchè?Parlare di lui può essere un conforto.E specialmente sentirne parlare da chi,come vuialtri,l’ha conosciuto bene ed ha saputo apprezzare tutte le sue buone qualità.(piange)

Benfico -Nessuno più di noi ha potuto apprezzarle...(Si asciuga una lacrima) I nostri affari li amministrava lui,e come bene... vero Zaira ?

Zaira -La verità!

Benfico -Ecco è proprio andata così...

Fausto -(Intervenendo)Peccato...peccato ca non ha saputo amministrare i sò cosi comu a chiddi di l’autri...

Benfico -Ma chi c’entra...pare che qualcuno si sia approfittato della sua fiducia.

Lea -Ma sì,papà...è stato sicuramente vittima del suo buon cuore.

Giovanna -E poi si sà come succede...si fa ‘mbrogghiu...si nni fa n’autru...

Benfico -E’ così. E’ proprio andata così!Ahhhh!!!(sospiro c.s. seguito da tutti gli altri.Pausa)

Fausto-(scena ai sospiri c.s..Poi fa rumore di stoviglie per far capire che è ora di pranzo. (Pausa) Si avvicina al gruppo e con intenzione)Mah!...Cu sapi chi ura è?

Zaira -(Sostenuta) Paolino!E’ ora di andare!

Benfico -E già...è proprio tardi.(si alza)

Zaira -(salutando)Ci vedremo dopo colazione...

Benfico -Sì cara...ma prima bisognerà che scriva quella lettera e passi dalla posta per fare la raccomandata.

Giovanna -Oh,sì,signor Paolino...mi raccomando.

Benfico -Non dubiti, signora.Userò le parole più convincenti per ottenere per la cara Lea quello che le spetta dopo tanti anni di affetto..di amore per il povero Giulio.

Lea -Ma di che si tratta?

Fausto -(con impazienza) Ma appoi si nni parra ‘nto pomeriggiu.... Ora hannu primura...

Lea -’Nmumentu papà,abbi pazienza.(fa segno a Benfico di sedersi) Comodi.. Comodi... un momento solo.

Benfico -(si risiede con la moglie)Ecco:si tratta di vedere se è possibile che lei,signora, possa avere la sua tomba accanto a quella del suo povero marito senza dover ricorrere alla esumazione di lui...dato che dove riposa è la più bella posizione del cimitero..Ddu panorama proprio davanti...

Fausto -(Che è rimasto seduto a tavola, impaziente di cominciare a mangiare) Uh!Cci havi u panorama davanti...Veni a diri ca ogni tantu si susi,si pigghia ‘na bedda boccata d’aria...Ma scusi,su è ppi l’aria e u panorama si putissi sistimari ccà ‘nto giardinu... Alla fini fu propriu iddu ca vosi veniri a stari ‘ncampagna...

Giovanna -Ma chi modu di parrari...Potissimu aviri veramente ‘na fortuna di chista...

Lea -Ma lassulu parrari,mamma.Tu lo sai che io e papà abbiamo modi di vedere tutti differenti.

Fausto -Ma non si tratta, figghia mia, di modi di vedere...si tratta di giudiziu...e poi...poi, secunnu tia,non nn’haiu tiratu fora abbastanza biglietti di milli liri,veru? Prima ppi iddu...

Giovanna -No,ti prego, Fausto.Non mi tirare ancora fora il fatto dei conti sospesi ca pagasti ppi iddu ca m’ha fattu ‘na testa tanta...Comunque,sentimi bonu, picchì iù,da ora in poi,non ti dumannu cchiù nenti...nenti!

Fausto -Ma bene!Benissimo!

Lea -(scoppia a piangere)Oh!Mamma.

Fausto -Magnificu!Subitu,subitu pigghiamu carta bullata... d’accordo,semu d’accordo.

Giovanna -(consola Lea ) Lea stai tranquilla.(a Benfico )Lei faccia il suo tentativo.

Fausto -(a tavola comincia a dare segni d’impazienza)

Benfico -Beh!(si alza)Noi andiamo.(Si avvicina a Fausto )Signor Fausto .(gli tende la mano)

Fausto -(Lo guarda e,dopo una breve pausa,gli tende la mano dove tiene la forchetta pungendolo)Oh!Scusi...( Benfico si allontana e va a salutare le signore)

Zaira -(si avvicina a Fausto )Ah,signor Fausto ,dimenticavo...

Fausto -Si scurdau qualche cosa?

Zaira -No,dicevo:mi dimenticavo di salutarla.

Fausto -(senza alzarsi)E mi saluti allora.

Zaira -Arrivederla.

Fausto -(si inchina distratto)..giorno..giorno..

Zaira -(va ad abbracciare Lea) Addio cara,ti saluto.

Giovanna -(Dopo i convenevoli con gli amici,siede a tavola con Lea e guarda con intenzione il marito,che ,capìta l’aria che tira,si dà un contegno. Pausa) Bravo! Bravo! Cci lu putevi diri chiaru e tunnu di irasinni.E certo! ’U signurinu su ssi trattava di l’amici sò non avissa avutu primura di mangiari. Ma l’amici erunu i nostri e allura... ma che modi!!(Sentenziosa) Fausto! Nausea mi fai! Nausea!(Si alza e si avvia con Lea per la camera)

Fausto -(Resta un attimo interdetto)Giovanna! Schifo mi fai!Schifo!( Giovanna e Lea via) Ma varda chi razza...

Ninetta -(Entra e lo trova che borbotta da solo)Signor Fausto, ma che ha?

Fausto -(voltandosi) Ah,niente.Niente.(Rivolto al quadro del genero) Cci stava mannannu ‘na preghiera.

Ninetta -C’è un signore che la cerca.

Fausto -’Nsignore?Bonu va! Nautru credituri.Cci dicisti ca cci sugnu?

Ninetta -A mia mi pari ‘na persona a postu.E poi arrivau ccu una di ddi automobili ca si fannu taliari.

Fausto -Ma iù non nni canusciu genti cu ‘sti automobili...(Si affaccia dal terrazzino) Ma chiddu... chiddu...mi pari...

Carletto -(da fuori) Zio...zio,sono io.

Fausto -(A Ninetta )Ma è Carletto..E mi lu putevi diri,no?(Gli va incontro) Carlino.. Carletto ...vieni dentro.

Carletto -(Torna a braccio con lo zio) Zio...ma stai bene!

Fausto -E chidda ca mi dici “E’ unu ca non canusciu..”E’ mè niputi Carletto, babba!

Ninetta -E chi nni sacciu iù!

Fausto -E già...Vai...vai.( Ninetta via)

Carletto -(a Ninetta che sta uscendo)Grazie.(allo zio)Che piacere vederti bene, zio.

Fausto -(con intenzione) Io stò bene! Io!

Carletto -Bravo!Appena ho saputo di questa mostra da tenere a Taormina... dissi”Mi vogghiu fari ‘na bella gita e vado a trovare gli zii”

Fausto -Hai fatto benissimo.Ma quant’havi ca non nni videmu? Sarannu cchiù di deci anni.Eri tantu...cchè causi curti...Ora facisti bonu a mittiratilli logghi però...(ridono) Veni ccà,assettiti...Ma unni ha statu?’Nfrancia mi pari...

Carletto -Certo,sulla Costa Azzurra. Ho lì lo studio...il mio lavoro.

Fausto -Bravo!..Bravo, Carletto ...Ho sentito che là..lì..

Carletto -A Nizza,sulla Costa Azzurra.

Fausto -Già...sulla Costa Azzurra... addivintasti ‘mpezzu grossu...dipingi...

Carletto -E già!Accuminciai a vinniri...ad aviri commissioni...e stranamenti,ogni vota vinneva sempri cchiù assai di chiddu ca mi putissi aspittari. Ma, piuttosto, ditemi un po' di voi: la zia,Lea come stanno?

Fausto -U sapisti Carletto ,ca l’annu scorso Luigi,u maritu di Lea (fa segno per dire “è morto”)

Carletto -Sì,sì ho saputo. Ma chi successi? ’Na disgrazia?

Fausto -’Na disgrazia? Eh,sì...’na disgrazia.Si truvavu ppi casu ‘na pistola puntata ccà (indica la tempia destra)proprio quannu cci vinni ‘ntic nervoso ‘nta manu e partiu ‘ncorpu.Ma quali disgrazia;chiddu s’ammazzau ppi debiti...Non puteva cchiù fari ‘mpassu senza aviri ‘e calcagni ‘ncredituri ca cci mangiava l’occhi...e iù ni sacciu qualche cosa, ca haia nisciutu tanti di ddi soldi...e ogni vota ca sonunu u campanellu mi sauta l’arma.

Carletto -E Lea ? Lea come ha superato lo shok?

Fausto -Superato?Ca quali superato.Havi di tannu.ora fa ‘n’annu,ca tutti i discursi di sta casa si concentrunu sempri ddà:morti,cimiteri,tombe...

Carletto -Ma varda chi bellu divertimentu.

Fausto -Tutti i iorna.

Carletto -Tutti?...

Fausto -E tutti l’uri di tutti i iorna...Quannu poi vulemu stari ‘mpocu allegri, parramu di ‘mbellu funerali...

Carletto -Ma roba da pazzi.

Fausto -Di ‘na parti c’è Lea ca triulia tutta a iurnata;tò zia,me muggheri,ca cci fa a secunna voci...macari a cammarera..

Carletto -A cammarera?

Fausto -Macari a cammarera...macari...Chidda è ‘nrubinettu sfasciatu...(imita il pianto) Uuuhhh! Uuuuuhhhh!!

Carletto -Povero zio.

Fausto -A cosa cchiù bella è,poi, ca non sugnu patruni di farimi ddu pasi ppi casa senza truvarammillu davanti....Ccà,cca varda (indica il quadro)U sai ca cci nn’è ‘nta tutti i cammiri?

Carletto -Sì?

Fausto -’Nta tutti i posi: di facci,di profilu, assittatu, susutu, cci nn’è unu macari mentri pisca...

Carletto -Anche?

Fausto -Anche!Ah, all’ultimu,non sapennu cchiù unni mittilli,mi nni misuru unu macari ‘nta cammira di lettu, propriu ‘nfacci. (Carletto ride)Ogni vota ca rapu l’occhi mi lu vidu propriu davanti....’Na ‘mprissioni!!! Mi talia fissu ca pari mi vulissi diri “non ti lassu ‘mpaci mancu ora”...

Carletto -Ma picchì non provi a livallu?

Fausto -Pruvai...pruvai.L’indomani ni truvai dui.

Carletto -Oh,ma chistu è troppu.

Fausto -Ma oramai.Ma u sai chi fazzu ‘nghiornu di chisti?Mi nni vaiu a Catania sulu...Mi nni tornu a Catania...vaiu a mangiari ‘ntrattoria...Non vogghiu vidiri chiù a nuddu... M’haia fari certi mangiati...

Carletto -Beh!Intantu ca ci sugnu iù,cci pensu iù a fariti svagari ‘npocu...Iemu a mari...a Taormina...a Trizza..

Fausto -Macari fussi veru, Carletto .Picchì non ti stai ‘na para di iorna ccu nuatri?

Carletto -E picchì no?!!!

Fausto -Resti?

Carletto -Sicuru.Si po' iri a caccia,iucamu e carti...

Fausto -..e bocci...

Carletto -Certu: e bocci.

Fausto -Sai iucari e bocci?Bellissimo! Iù iocu sempri e bocci...

Carletto -Iochi?

Fausto -Sì. Iocu sulu...’nto giardinu...vinciu sempri iù...

Carletto -Bravo!Senti zio,quannu partu sai chi facemu?Vi nni viniti a stari,cca zia e Lea,a Nizza ni mia.

Fausto -A Nizza?

Carletto -Già,nella Costa Azzurra.Cci stai?

Fausto -’Nta Costa Azzurra?Ma azzurra,gialla,russa...qualunque culuri va beni, abbasta ca mi nni vaiu di ccà.Mi cuntentu di dormiri macari unni teni u carbuni.

Carletto -Oh!Ma oramai haiu ‘n’appartamentu di ottu stanzi,tutte ammobiliate... Cci putemu stari comodi...

Fausto -Otto stanze?Caspita...Cci putemu stari macari ‘mmisi.

Carletto -Resta fattu ppi ‘mmisi.

Fausto -Ppi ‘mmisi...canciari aria...sole...mare...(guardando il quadro del genero) e iddu nenti... nenti.... Chiddu mori nautra vota ppa ‘nvidia.

Carletto -(a Filomena che è entrata)Buon giorno!Bella donna!(scena di Fausto . Filomena fa un cenno con la testa e osserva il nuovo venuto con curiosità)

Fausto -(Si avvicina a Carletto) Senti,comu iemu a Catania...a prima cosa ti portu ‘nta n’oculista... Uh!Bella donna?Carlo... Carletto ...(fa segno come per dire “che ti scappa dalla bocca”.Chiama)Bella donna!..( Filomena si volta)Ahu!Talia si girau...si girau...a vidisti?Cci facisti muntari a testa.(A Filomena )Nenti stavumu schizzannu... Putiti purtari ‘ntavola.

Filomena -Ma le signore...

Fausto -Le signore sono tornate.

Filomena -Sono tornate?Oh,quantu sentu.(fa per avviarsi all’interno)

Fausto -(Bloccandola)No,no!Nenti!Di dda.(indica la cucina)Lassati stari,ca ora venunu le signore. (a Carletto )Su chista va dda banna,accuminciunu: Uuuuhhh!Uuuuuhhhh! e non si mangia cchiù....e non si mangia cchiù...(a Filomena )Chi vuliti sapiri?

Filomena -(con commozione)Vogghiu sapiri...Vogghiu sapiri dò busto.

Fausto -Di chi?

Filomena -Do busto...u bustu...

Fausto -(a Carletto )O solitu.Ora si parra do busto do morto...

Carletto -Eh,già!

Fausto -(a Filomena )Beh!U busto...vistunu ‘na bella iurnata di suli..temperatura mite... dissuru ”scopriamolo”...e u scummigghianu.....u scummigghianu... Potiti iri ‘ncucina e portare in tavola.

Filomena -No,no vogghiu sentiri...vogghiu sentiri le signore...

Fausto -Ma no...no...su vi lu staiu dicennu iù?Non aviti chi iri a fari dda banna... U scummigghianu.... è bello...è bello...tuttu di marmuru...marmuru duru, stagionatu...va beni?

Filomena -(piagnucolando)Ma iù vogghiu sapiri com’è...com’è?

Fausto -E’ bello...bello...somigliantissimo...parra...parlante...dici papà e mamma... Va beni?

Filomena -(c.s.)Ma di chi parti è vutatu?

Fausto -Di chi parti?Beh,è vutatu accussì (si mette di profilo)comu a tutti i busti.

Filomena -Di profilo?

Fausto -Di profilo,certo! Non è ca u putevunu mettiri di faccia a taliari chiddi ca passunu... Accussì, è vutatu a menziornu..Va beni?...A menziornu e ‘nquartu..Va beni? Aspittati.. Aspittati ..ora ca cci pensu...è vutatu da parti ca cci piaci...Attruvanu ‘nsistema novu.Cci misuru ‘npernu di sutta.. ‘na banderuola ‘ntesta...e secunnu di unni tira u ventu gira...Avanti.avanti forza iti ‘ncucina(la spinge fino alla porta della cucina) Oh,santa paci, chista non cci la fineva chiù,caru mio.

Carletto -(ridendo)Chista è a serva?

Fausto -Già...Già,u rubinetto.Beh!Ti voi lavari i manu?

Carletto -No,zio!Chiuttostu vaiu ‘nmumentu ‘nta machina ca mancu l’haiu chiuruta. Torno subito. (Esce per il terrazzo)

Fausto -(accompagnandolo fino al balcone)Vai...vai...(rientra)Oh,mi pari di essiri n’autru...E macari l’autri quannu saprannu ca vinni Carletto ...Anzi quantu cci lu dicu...(chiama verso le camere) Giovanna , Lea ... Giovanna (Cerca nel mobile bar) Cci voli ‘na buttigghia speciali ppi l’occasioni...

Giovanna -(entra con Lea )Cosa c’è?..Che gridi?

Fausto-C’è...c’è ‘na novità ca non vi la putiti ‘mmagginari.Arrivau Carletto da Nizza.

Giovanna - Carletto ?

Fausto -Ni vosi fari ‘na sorpresa,’n’improvvisata.Ora ivu a chiudiri a machina e sta turnannu.

Lea -(gelida)Mamma,mi fai priparari ‘nta mè cammira,picchì iù non vogghiu vidiri a nuddu.

Giovanna -Mancu iù mi sentu in vena oggi.Ti fazzu cumpagnia.

Lea -Brava...brava mamma.Andiamo.

Fausto -’Nmumentu...Forsi non mi sono spiegatu bonu...Arrivau Carletto ,tò cucinu... u figghiu di mè frati Mimmu...cinc’anni ca non lu videvumu...

Lea-Ma papà..(Viene interrotta dall’ingresso di Carletto )

Carletto - Lea, zia finalmente cci siete!(con rumorosa affettuasità)Ma lasciati guardare...stai bene.. e guarda la zia...sei diventata più giovane...è daveru cchiù picciotta a zia...

Fausto -E sì,comu no.. (piano) ’Na visita ti l’haia fari passari...

Giovanna -Carlo hai saputo della disgrazia?

Carletto -Sì,sì!

Fausto -U sappi...u sappi.(Piano) Semu persi...su partunu a parrari dà disgrazia... (Forte)Su sapissi quantu fonu cuntenti quannu cci dissi ca ava arrivatu tu...ti vulevunu curriri incontro... ’na festa... Si capisci ca ora ti fermi a fari colazione ccu nuatri.

Carletto -Oh,ma io non vorrei...(Le due donne si guardano,manifestando il disagio della situazione. Deve contrastare la serietà di queste con l’esuberante entusiasmo di Fausto ).

Fausto -Si capisci... ’na cosa alla buona...accussì..minestra..Evviva Carletto ...evviva...(a Filomena forte verso la cucina)Putiti purtari ‘ntavula... (spinge quasi a forza Carletto a tavola e fa sedere anche le donne)Oggi si capisci ‘naccumudamu,ma dumani... dumani, caru miu,avemu a fari ‘mpranzu speciali:lasagni...tacchino(entra Filomena con i primi piatti:uova strapazzate ai funghi)Oh!Brava...brava...arrivastuvu finalmente. Prima a Carletto .

Carletto -Ma no, zia, che c’entra.Prima le signore.

Fausto .Dai!Dai! Non facemu complimenti.(Guardando nel piatto)Chi c’è di bello? Ah, bene: uova ai funghi.Caro mio,ora sentirai...Chisti sunnu ova ca ni fannu i puddastri cca... e chisti sunnu veri funghi di bosco...Tutta roba genuina.

Lea -(scoppia improvvisamente a piangere.Silenzio imbarazzato di tutti)

Giovanna -(Dopo un attimo la imita rumorosamente.Poi si alza con la figlia e scappano per l’interno)

Carletto -(Dopu una lunga pausa)Ma chi successi?

Fausto -(Pausa.Poi a Filomena )Ma dicitimi ‘na cosa.Chi fu?

Filomena -(Con aria di commiserazione)Chi successi?Chi succesi?Successi ca mi pari ca persi a testa.I funghi!I funghi!Ma santu giudiziu aveva nominari giustu giustu i funghi ca erunu a passioni dà bonamma?(Scoppia a piangere e fugge anche lei)

Fausto -(Si alza e grida)Ma santi dò paradisu prutiggitimi...prutiggitimi...

Carletto -(Gli va vicino)Ma zio..lascia perdere.

Fausto -Ma u vidisti a chi puntu di schiavitù m’arridducii...Non pozzu cchiù mancu mangiari chiddu ca mi piaci...(Al quadro) Ah,no sai???!!!Sta soddisfazioni non ti la dugnu... Dumani matina mi vivu macari mezza buttigghia di olio di ricinu...ma i funghi mi li mangiu tutti iù.(Versa sul suo piatto il contenuto dei piatti della moglie e di Lea )

Carletto -(Cerca di fermarlo)Ma no,zio.Ti fannu mali tutti chisti.

FINE  i° ATTO

  ATTO SECONDO

        La scena è la stessa del primo atto.Ninetta e Fausto .

Ninetta -(Continuando un discorso)....e poi vinni donna Filomena a diri ca non si nni faceva nenti.

Fausto -E vuatri ascutati a Filomena ora?Ogni annu all’epuca da vinnigna cchi ata fattu?

Ninetta -’U patruni ca c’era prima,finutu u travagghiu, ni pirmitteva di stari finu a notti a sunari e ballari.Ora dici ca non po' essiri ppi via dò luttu...

Fausto -’U luttu...u luttu...dopu ‘ngnornu di travagghiu ‘npocu di baldoria veramenti cci stassi...

Ninetta -E’ chiddu ca dicu macari iù.E inveci....Non mi vulissi sbagghiari ma u signor Benfico ccu donna Filomena stannu cumminannu qualche pastizzu.

Fausto -Picchì?

Ninetta -Picchì?Ca i vidu sempri ‘nsemi a fari pissi pissi...

Fausto -Chi fannu?

Ninetta -Pissi pissi.

Fausto -Pissi pissi?

Ninetta -Si!

Fausto -E chi è ‘stu pissi pissi?

Ninetta -Ca comu chi è?! Parruciunu a fittu...

Fausto -Ah,parrunu ‘nsemi...Tu dici pissi pissi...

Ninetta -Sì,ma parrunu alleggiu (imita) pissi pissi....

Fausto -Cci l’haiu dittu tanti voti a tutti dui ca hanna lassari tranquilla a mè figghia...Ma sunnu veri duri. Ogni iornu a donna Filomena a pigghiu ppè spaddi e abbiu fora dò canceddu e a dd’aceddu do malauguriu, ccu ‘ncauciu... unni sacciu iù...cci fazzu fari u bagnu ‘nta vasca de’ pisci...

Ninetta -(con un saltino di gioia)Benissimo!!!

Fausto -Intanto dimmi ‘na cosa:donna Filomena vi dissi di non ballari...è vero?

Ninetta -Certo.

Fausto -Iù vi dugnu ordini di ballari. Ata ballari finu a quannu cunsumati i scarpi ca aviti ‘nte pedi...

Ninetta -(Felice)Oh,che bellezza!

Fausto -E sparti vi purtati macari ‘maru di scarpi di ricambio...

Ninetta -Ma dici daveru?

Fausto -Sicuru!E nautra cosa: mannati a chiamari a chiddu cca fisarmonica, ca pagu iù...

Ninetta -Benissimo.

Fausto -E mannati a chiamari a unu ca sona a chitarra, ca pagu iù.

Ninetta -Don Faustino, chiddu ca sona a chitarra l’haiu iù...E’ mè cucinu.Chiddu veni gratis.

Fausto -Ah,si?

Ninetta -Si!

Fausto -E’ ‘ncucinu?

Ninetta -Un cugino!

Fausto -E veni gratis.

Ninetta -Gratis.

Fausto -(dopu un attimo) ’Ncucinu ca sona a fisarmnica non cci l’hai?

Ninetta -No,no.

Fausto -U pagamu.

Ninetta -Benissimo.

Fausto -E sabutu sira appena finisciu di mangiari vegnu a fari ddu sauti macari iù.

Ninetta -Macari vossia?

Fausto -Cara mia,e tempi mei facevunu a fila ppi ballari ccu mia.

Ninetta -Ma daveru?

Fausto -Era ‘mballarinu di prima...Autru!A mè specialità:valzer.

Ninetta -Oh,che bello u valzer...

Fausto -Valzer!..Sunavunu polche, marzucche... iù ballava sempri valzer……    ( Ninetta ride) Cci nnè unu ca mi piaci assai... Suddu u sannu sunari u ballamu...Anzi apriamo le danze tutti dui ccu ddu valzer.

Ninetta -Bene...Benissimo...

Fausto -E’ chiddu ca fa accussì. (Accenna il motivo di un noto valzer e fa qualche giro di ballo con Ninetta )

Ninetta -Oh,che bravo.

Fausto -(Fermandosi) Ballo...ballo... mi vogghiu ‘mparari tuti i balli moderni:a cucaraccia,la rumba e u cià cià cià...tutti cosi.

Carletto -(Entra dal fondo)Ciao zio.

Fausto -Oh, Carletto .Turnasti?

Ninetta -(Fa per uscire)Beh,io vado.

Fausto -Aspetta.(La prende per un braccio e la porta in proscenio) Scusa Carletto .

Carletto -Fai zio.(Si siede)

Fausto -(a Ninetta )Cerca di sapiri chi è ‘stu discursu do pissi pissi...

Ninetta -Quali discursu?

Fausto -’Stu fattu ca parruciunu...ca complottono...

Ninetta -Ah,sì ho capito.

Fausto -Poi venimmillu a diri, ca ppi tia cci sarà ‘mbellu paru di scarpini ppi ballari.

Ninetta -Oh,grazie.

Fausto -Vai.(Via Ninetta ) Bene Carletto ,finalmente tornasti.

Carletto -Beh,aveva ‘mpocu di cchi fari a palermo. Poi al ritorno,comu cci aveva prummittutu a Lea, passai di Catania ppi parrari ccu l’avvucatu sò,ppi vidiri a chi puntu era a situazioni.

Fausto -Chi ssi dici...chi ssi dici ‘ncittà?Mi cridi ca staiu accupannu ‘ntanatu ‘nta ‘stu paisazzu? Non nni pozzu cchiù.

Carletto -Ora avemu tuttu u tempo ppi svagarini.’Ngnornu di chisti ni mittemu ‘nta machina, ’ngnornu di chisti? E picchì non subitu?

Fausto -Subitu chi?

Carletto -(Guardando l’orologio)Facemu ‘ntempu.Ancora sunnu i deci di matina. Macari ca pattissumu fra n’ura, n’ura e mezza, cca machina ni nni emu ‘mpocu a zonzo costa costa, poi arrivamu dda supra a Taormina, facemu colazione e prima di sira semu a casa. Chi nni dici?

Fausto -Chi nni dicu? Mi proponi di iri a respirari tannicchia di aria fora di ccà e mi dumanni cchi nni dicu?

Carletto -Circamu chiuttostu di cunvinciri a zia e Lea .Macari a iddi cci facissi beni ‘mpocu di distrazioni. E i notizii ca vinni a sapiri di l’avvucatu di Lea non sunnu ppi nenti ‘ncoraggianti.... Anzi!

Fausto -(Euforico per la proposta del nipote)Senti Carletto, lassa perdiri.L’ultima cosa di cui avemo bisognu è propriu chidda di sentiri autri lastimi. Intantu partemu...poi si vidi...

Giovanna -(Viene dall’interno con Lea e Zaira) Non c’è tò maritu, Zaira .(vede Carletto) Ciao Carletto .Quant’havi ca vinisti?

Carletto -Sono qua da pochi minuti. Ciao Lea. Buon giorno signora.

Lea -Ciao.

Zaira -Buon giorno.Scusate ma io levo subito il disturbo.

Fausto -Faccia,faccia.

Lea -Papà,sai che Zaira ni lassa e va a stari a Catania?

Fausto -Chista è l’unica cosa sinsata ca haia ‘ntisu cca intra.Picchì non partemu macari nuatri?

Lea -Papà!

Giovanna -Fausto!

Zaira -Mi auguro che verrete a trovarmi nella mia casa in città.

Lea -Siediti un poco Zaira. Aspettiamo tuo marito.

Zaira -(siede)Solo qualche minuto.Poi vado via senz’altro.Cosa vuoi che sia... devo solo attraversare la strada.

Giovanna -Avete già stabilito la data del trasferimento?

Zaira -Con mio marito abbiamo deciso di restare fino al prossimo martedì per la funzione dell’anniversario; non vi putemu lassari suli in questa triste ricorrenza.

Lea -Grazie cara.

Fausto -(Fa scena con Carletto a parte)Su pigghiunu stu discursu ni fallisci a gita...(Forte per cambiare discorso) E ccu ‘na bella casa ‘ncittà ca aviti, ata statu ‘nta ‘stu paisazzu?

Zaira -Beh,non è che sia pronta da tanto tempo. Io e mio marito abbiamo dovuto fare grandi sacrifici per arrivare a questo punto.

Fausto -(piano a Carletto )Ma di unni cci vinnunu ‘sti soldi a chisti?Non hannu avutu mancu iammu di stari additta.

Lea -(a Zaira )Ma dove andrai ad abitare? Mi dovrai lasciare l’indirizzo.

Zaira -Non puoi sbagliare,cara. La casa è sul lungomare.Vi sono una serie di palazzine basse, a tre piani.Il mio appartamento è in quella palazzina rossa con le finestre ovali a tinta gialla.

Fausto -(c.s.) Scansatini! ‘Na cosa accussì non si po' cunfunniri di sicuru.

Zaira -Beh! Comunque prima di partire cci metteremo d’accordo.(Si alza)Macari vi faccio venire a prendere da mio marito.Ora devo proprio scappare.

Fausto -(piano)Pari ca cci semu.

Lea -Ti accompagno al cancello, Zaira cara.

Zaira -No,no ti prego.Resta pure. (Si baciano) Buon giorno signora Giovanna ...signor Fausto ...signor Carletto ... (convenevoli. Zaira esce,salutata fin dalla terrazza dalle due donne)

Fausto -(a Carletto )Facemu ‘ntempu veru? Dicemicci subitu di ‘sta bella pinsata ca avisti.. cincu minuti ppi pripararini e...via.....

Carletto -Stai calmo zio...C’è tempu.. c’è tempu. Fammi parrari a mia.

Giovanna -(rientrando dalla terrazzina con la figlia) Carletto come è andata?Hai fatto buon viaggio?

Lea -Hai avuto il tempo di passare dall’avvocato a Catania?

Carletto -Sì,certo.

Fausto -Aspittati...aspittati ca ora Carletto vi deve dire ‘na cosa...

Carletto -(si siede)Sì,certo.Sedete pure voi.Manco a fallu apposta l’avvocato tò, l’avvocato Ferrari,era ‘ncumpagnu di scola miu dè tempi del liceo.

Fausto -Ma ...chistu non è urgente... dicci invece...

Carletto -Aspetta zio,chisti sunnu cosi serie.

Lea -Ma dimmi Carletto: l’avvocato Ferrari ti ha detto se è riuscito a riscuotere le pendenze?

Carletto -Beh,sì...qualche cosa... minuzie...

Giovanna -Ma come minuzie? Ma Carletto, che dici?

Carletto -E’ così...è così.

Lea -Ma.....

Fausto -(Cera di attirare l’attenzione di Carletto )Pssssss...

Lea -Che c’è papà?

Fausto -(Ridendo come di un pensiero buffo) Ahhh...Ahhh!!!Niente...

Carletto -Ecco,bravo! Lasciami parlare,zio.

Giovanna -Lascialo parlare.

Fausto -Parra...parra...(Si allontana canticchiando) Evviva la torre di Pisa...

Carletto -Zio, per favore.Si tratta di cose serie,ti ho detto.Lassimi parrari.

Fausto -Tu parra...e iù cantu..Vuatri parrati.(canta)Evviva la torre di Pisa...ma è cchiù bella Taormina... là.. llà llallalà...

Giovanna -(Dando un’occhiataccia a Fausto )Volevo dire: per la liquidazione dei grandi magazzini,non ti dissi nenti?

Carletto -Sì,ma sembra che questo credito sarà assorbito da acquisti di merce prelevata da tuo marito, Lea ,negli ultimi tempi e non pagata.

Fausto -(Disturba ancora da fondo scena) Oh sole mio... sta in fronte ...

Lea -Ma papà!!

Giovanna -Ma lassini parrari...chi ti pigghiau?

Fausto -Ma parrati...parrati...finistuvu?

Lea -No.

Fausto -(avvicinandosi)Allura? Eravamo rimasti?

Carletto -Eh,rimasti...rimasti...

Giovanna -Ma ti dicevo Carletto, i conti della merce prelevata sono presto fatti: un vestito per lui,poveretto,per la buonanima...

Lea -Ma sì:un po' di biancheria per la casa...e per me,guarda: due sole camicette.

Carletto -E basta?

Lea -Basta!

Fausto -Ecco bravi.Basta!Basta! Ni nni vulemu iri?

Giovanna -Ma si po' sapiri unni ti nni voi iri?

Carletto -Aspetta zia. Lo zio ha detto bene:dobbiamo andare.Dunque ,state a sentire:non sunnu mancu i deci e mena.Tra menz’ura ni mittemu ‘nta l’automobili e versu l’una, belli frischi e tranquilli ni truvamu a Taormina.

Lea -A Taormina?

Fausto -A Taormina.

Carletto -Si mangia un boccone e quindi nel pomeriggio si torna.Prima di sera siamo a casa.Che ne dite?

Fausto -(Felice,mentre le due donne rimangono perplesse) Approvato...approvato all’unanimità.

Lea -No...no..., Carletto ...grazie,ma...andate voi...

Carletto -Come andate voi?

Fausto -Ma che dici Lea ?

Lea -Beh,è vero  che io in automobile cci sono già venuta...

Fausto -E allora?

Lea -Ma si trattava sempre di piccole gite quì nei dintorni...

Giovanna -Ma cara,veni a diri ca chista sarà una gita un po' più lunga...

Fausto -’Ncucchiamu dui o tri dintorni e ni facemu chista...

Carletto -Che ne dici Lea ?

Lea -E poi...papà...mamma..andare al ristorante...no...no...

Fausto -(la guarda)Andare al...

Lea -Al ristorante.

Fausto -(breve pausa)Al ristorante!U ristorante è ddu postu unni si mangia...

Carletto -Eh,sì.

Fausto -E non si po' iri o ristorante. Non si po' iri?Ma chista è bella.Non si po' iri cchiù mancu o ristorante... Ma cosi di pazzi!Beh!Veni a diri ca ni purtamu ‘mpaninu ccu ‘na cutuletta e na mangiamu ammucciati...’O ristorante... si cci va ppi mangiari o ristorante... non cci emu certu ppi ballari...

Carletto - Lea ,senti.Se tutta la questione è il ristorante,facemu accussì. Cerchiamo un locale un po' più appartato... a Taormina cci nni sunnu tanti. Cchi nni dici?

Lea -Beh!Se andiamo in un locale appartato...

Fausto -Ma sì,appartato...ammobiliato...comu ti piaci.Basta ca poi quannu semu dda intra si mangia.Va beni?

Lea -Tu capisci,papà? Altro è un ristorante,altro è un localino un po' appartato, no?Sono a lutto io,papà!

Fausto -Embe?Picchì unu è a lutto non deve mangiari cchiù?Su tutti chiddi ca sunnu a luttu non mangiunu cchiù,chi succedi?Ca morunu macari iddi. E allura autri lutti.. autri lutti...

Giovanna -Ma Fausto !

Fausto -Ma scusa...è accussì..’O ristorante!Ma chi discursi...E poi varda,si po' fari accussì: idda è a lutto e non ci veni o ristorante...cci vaiu iù...iù non sugnu a lutto...

Lea -(in tono di rimprovero)Eh,lo so...lo so...

Fausto -Iù mi nni vaiu o ristorante e tu ti stai di l’autru latu da strada ‘nta ‘na bella automobili tutta niura...Ti nni stai dda e veni a diri ca iù ti portu ‘mbellu piattu di pasta cco niuru e ti la mangi in automobile... Facemu accussì?Ti piaci?

Lea -E poi,papà,al ristorante cci sono le luci...no...no...

Fausto -(c.s.)Cci sono le luci al ristorante?

Lea -Eh,già!

Fausto -Ma ppi forza cci sunnu i luci: ppi vidiricci.Su non cci fussunu i luci issumu a finiri ritti ritti ‘nta cucina intra a pigghiata cco ministruni...A luci...certu ca cci voli a luci.Su non cc’è luci non ssi vidi...Unu a furchetta cchè pulpetta inveci di ficcarasillu ‘nta bucca si lu ‘nficca ‘nto nasu...A luci... Potemu fari nautra cosa:cci dicemu o patruni ca su voli ca trasemu, astutari tutti i luci...Tranni ca non avissi ‘mpocu di luci niura...

Lea -(sorride) Fai ridere anche me,papà.E poi è vero che noi,in fondo in fondo,non conosciamo nessuno a Taormina.

Fausto -Ma nè in fondo e mancu ‘ntesta.Non canuscemu a nuddu propriu.A Taormina non canuscemu a nuddu.Si poi avissumu ‘ncuntrari qualcunu ca ni canusci,cci dicemu: ca quali...paremu...paremu...ma non semu nuatri... nuatri non canuscemu a nuddu.

Lea -Beh! Basta,papà!...E va bene.

Carletto -Finalmente!

Giovanna -Ma sì, annunca tò patri non l’avissa finutu cchiù...Vieni Lea ,ca ni iemu a priparari...

Lea -Oh,papà! Non putissumu invitari macari a Zaira e sò maritu?

Fausto -Ma no,no, Lea non ti siddiari...

Carletto -Mah, per conto mio...se ti fa piacere...

Fausto -Ma chi c’entra...ni nni emu beddi tranquilli tutti quattru...

Giovanna -Ma Fausto, non ti fa piaciri ca venunu macari i Benfico ?

Fausto -Ma...

Lea- Ti fa piaciri,papà?

Fausto -Sì...mi fa piaciri ca non venunu e non mi fa piaciri ca venunu...Una dè dui.Nuatri quattru cci stamu beddi  comodi ‘nta l’automobili...

Giovanna -Ma u è ppi chissu cci stamu comudi macari sei...

Fausto -No,no...non cci capemu tutti...

Giovanna -Ma scusa Carletto ,non hai sempri chidda automobili?

Carletto -Sì,sì certo.

Fausto -Sì,sì havi sempri chidda ma non cci capemu cchiù...A lassau ddu notti ddocu a fora...ccu stu beddu umidu ca cc’è cca...arrunghiau macari idda... (ridono)

Lea -Beh,mamma andiamo a cambiarci.Quando papà si mette una cosa in testa...(Esce con Giovanna )

Fausto -(a Carletto )Oh,finalmente!Cci nni vosi..ma finalmente a spuntamu nuatri.

Carletto -Già.

Fausto -(Rivolto al quadro)Havi ‘mpocu di tempu ca fa di ddi mali cumparsi...

Carletto -(ridendo)Ma che dici,zio.

Fausto -Sta facennu tanti di ddi mali fuuri ca mi pari macari cchiù pallidu.

Carletto -Ma dai.Chiuttosto,zio,devi stare più attento.Cci vuleva picca ca ccu tutti ddi discursi e tutta dd’euforia facevi falliri a gita.Si cci devi fari capiri ppi gradi ca è necessario uscire, cambiare aria...

Fausto - Carletto ,si nuatri vulemu guarire veramente a Lea ,a prima cosa di fari è livaricci d’attornu a ddi dui: a Zaira e a ddu gufu di sò maritu.

Carletto -Ma piano,piano...vedrai che con le buone...

Fausto -Ma che buone...U sapissi iù comu si fa...Intantu mi piacissi sapiri chi è ca stannu tramannu... Dici a erunu ccu Filomena ca facevunu sippi sippi...

Carletto -Chi facevunu?

Fausto -Sippi..sippi...

Carletto -E chi è stu sippi sippi?

Fausto -Ah,no scusa...Fannu pissi pissi...’nsumma parrunu alleggiu alleggiu...

Carletto -Ah,ho capito.Beh,poi vedremo. Se non va bene con le buone,studieremo qualche altra cosa.

Fausto -Iù haiu ‘na bella idea: pigghiamu bellu vastuni...

Carletto -Ma no,zio. Non c’è bisogno di violenze.

Filomena -(entra)Cc’è ‘u carusu dò droghiere... Chi volunu mangiari?

Fausto -(La guarda con boria.Poi si avvicina a Carletto e piano)Oggi nuatri... mangiari... Uuhhhh... a Taormina...(Forte)Belladonna!

Carletto -(piano) Zio ricordati chiddu ca ti dissi.Non esagerare.

Fausto -(piano) Mutu...mutu,non ti preoccupare.(a Filomena )Prima di tutto è bene ca v’insignati ca quannu si trasi ‘nta ‘na stanza si saluta.Quannu vi l’avita ‘nsignari l’educazione.. Bimba!!!???

Filomena -(a denti stretti) E va bene...Buongiorno.

Carletto -Non vi siddiati.

Fausto -Non vi siddiati. Su vi siddiati putiti perdiri tutti i biddizzi...Non si sà mai. In quanto a spisa ppi mangiari oggi: nisba!

Filomena -Chi?

Fausto -Nisba!

Filomena -E chi veni a diri nisba?

Fausto -Nisba in lingua povera veni a diri: niente. Vi lu dicu in italiano:Niente!Ve lo dico in francese:Rien!Ve lo dico in spagnolo:Nada! In cinese:Yank yu!

Carletto -E comu u sai?

Fausto -Mi lu dissi unu ‘da Trizza!!

Filomena -Ma,insomma, picchì nenti?

Fausto -Nenti,nenti.Oggi si mangia fori di casa.

Filomena -E dove?

Fausto -Fori di casa!

Filomena -Dove?

Fausto -’Nta banchina.(ride con Carletto .Poi piano) Chidda comu senti Taormina... come senti Taormina...patapuffiti...casca ‘nterra come ‘mpiru cottu.

Carletto -Ma no!

Fausto -Chidda ‘da raggia..sbatti ‘nterra.

Carletto -Ma dai...

Fausto -Aspetta.(forte)Vuliti sapiri unni emu a mangiari?

Filomena -Sì.

Fausto -(A  Carletto ,mentre Filomena andrà vicino alla sedia dove egli è seduto) Vadda comu arriva ‘nterra...varda...varda.(Si volta e vedendo Filomena così vicina ha un moto di paura) Su vi mittiti ddà,vi lu dicu. (Filomena si allontana.Piano a Carletto ) Su mi cascava di ‘ncoddu... addiu gita...(forte)U vuliti sapiri?

Filomena -Sì.

Fausto -Andiamo...a Taormina.( Filomena vacilla dalla sorpresa) Casca... casca... casca..(In questi movimenti di forte emozione, Filomena si appoggia al tavolo che le fa da sostegno. Fausto è deluso) Non pinsamu a livari a tavula...(forte) U capistuvu? A Taormina...Taormina...turisti.. mare...musica...a Taormina...a centomila chilometri di distanza...

Carletto -Bhummmmm!Ma chi dici?

Fausto -Beh,andata e ritorno.

Carletto -Ma unni.

Fausto -A facemu dui o tri voti.(ridono)E non pinsati ca ni nni emu a pedi...ni nni emu ccu l’automobili...automobili...e chi automobili...(a Carletto ) Diccillu... diccillu tu chi automobili...

Carletto -Beh,è ‘na sissanta cavalli...

Fausto -(Lo guarda.Poi guarda Filomena )Non ha caputu nenti.

Carletto -E’ ‘na sissanta cavalli.

Fausto -Cavalli? Appoi mi lu spieghi ca iù non haiu caputu nenti.

Filomena -E cci iti tutti?

Fausto -Tutti. Tutti,tranni vui.

Filomena -(scandalizzata)Macari a signura Lea ?

Fausto -Sì,sì macari a signura Lea .Tutti.(a Carletto ) Carletto mi aiuti a scegliri qualche cosa di mittirimi? Sai iù non sugnu tantu praticu...Ppi iri cco trammi,macari m’arrevulu.. ma ccu l’automobili...

Carletto -Andiamo pure,zio.

Fausto -(Mentre si avvia con il nipote) A Taormina...a centomila chilometri di distanza.... (esce con Carletto )

Filomena -(Rimasta sola,ancora stordita per la notizia della gita)Non cc’è cchiù rispettu... (Guarda verso il quadro) Ancora non havi mancu n’annu...Non cc’è cchiù rispettu...

Benfico -(si affaccia dalla comune) Filomena ! Filomena !Non cc’è nuddu?

Filomena -Sunnu tutti dda banna.Cci sunnu novità grossi.

Benfico -Macari iù haiu novità... Zaira sta parrannu ccu Ninetta ppi circari di sfuvalla...Iù passai avanti picchì tra fimmini ponnu parrari ccu cchiù libertà.(Entrando,parla a bassa voce) Non nni putevumu sbagghiari... ’mpicciottu ca furria casa casa unni cc’è ‘na famigghia a luttu… Chi cci veni ppi la bedda facci dò ziu?

Filomena -Chista è frisca frisca. Oggi si nni vannu a Taormina.

Benfico -(Strabiliato)A Taormina?

Filomena -Ccu l’automobili!!!

Benfico -Ccu l’automobili?(Pausa di circostanza,poi rivolto al quadro)Povero amico mio, non meritava ‘na patti di chista.

Zaira -(Entrando)Siete qua?E gli altri?

Filomena -Sono di là.

Zaira -Se ne sono accorti tutti. A Ninetta, mentri era al paese, donna Mara ha chiesto chi fosse quel bel giovane che viene spesso in macchina qui da voi...e intanto ammiccava...

Filomena e Benfico -(Dopo una pausa,guardandosi negli occhi) Chi cuttigghiari,però!!!!

Zaira -Ppi l’amicizia che ci lega a Lea ,non possiamo permettere che si sparli di lei.

Benfico -E tu cara,ancora non sai che stanno andando a Taormina...

Zaira -No!

Benfico -Sì!E ccu l’automobili...

Filomena -Chista è a festa di fidanzamento.Vergogna! Ancora havi u luttu dà povira bonamma…. mancu n’annu ha passatu...

Benfico -Chisti sunnu pastizzi ca cummina ‘u patri,don Fausto .Chiddu non l’ha pututu vidiri mai a sò iennuru.

Zaira -Non è possibile continuare a  tacere.Dov’è la signora?

Filomena -E’ dda banna ca si pripara.

Zaira -Può dire alla signora se viene un minuto in giardino che ho bisogno di parlarle?Le farò perdere pochissimo tempo.

Filomena -Sì certo.( Zaira va per il giardino,mentre Filomena chiama alla porta di destra la signora)Signora Lea ...Signora Lea ...

Lea -(Si affaccia)Sì?Che c’è Filomena ?(vede Benfico) Buon giorno.

Filomena -(a Lea )La signora Zaira vorrebbe parlarle un  minuto solo in giardino.

Lea -Sì,certo.La raggiungo subito.(verso l’interno alla madre) Mamma,vengo tra un minuto. (Esce per il giardino)

Filomena -(avvicinandosi a Benfico)Menu mali ca a signura Lea havi amici affezionati comu a vuatri.

Benfico -Non si merita, a bonamma, di essiri trattatu accussì.Beh,iù mi nni vaiu. E vui stati tranquilla ca ‘sta cosa a sistimanu nuatri.(Esce accompagnato dalla Filomena .Pochi attimi di scena vuota)

Fausto -(entra con Carletto dalla sinistra.Ha indossato un soprabito,un berretto sportivo ed una lunga sciarpa) Accussì dici ca va beni, Carletto ?Non ti vogghiu fari fari mala cumparsa.

Carletto -Ma vai benissimo,zio.Sta tranquillo.

Fausto -(Forte,verso la stanza di Lea) Forza donne,ni vulemu spurigghiari?A strada è longa.Ancora mè muggheri non ha vinutu mancu a vistirisi. Arristau ccu sò figghia. (Chiama) Giovanna ... Giovanna ...

Giovanna -(esce)E non fari vuci.Iù cci staiu ‘nminutu.

Fausto -Avanti forza... Lea è pronta?

Giovanna -Ora veni...non ti preoccupari.

Lea -(entra dalla terrazza)Scusate...Scusa Carletto ...ma io non posso più venire.

Carletto -Come?

Giovanna -Ma Lea ...

Lea -Non sto bene,scusate.

Carletto -(premuroso)Ma cosa c’è, Lea ?

Lea -Niente di grave,state tranquilli.Ho solo un forte mal di testa.Ero andata in giardino sperando che con l’aria fresca mi sarebbe passato,ma è inutile. Andate voi.

Carletto -Come noi?La gita era più che altro per te,per farti distrarre.

Lea -Non posso...non posso,non mi sento proprio...

Fausto -Ma Lea ... Lea taliimi...era pronto...taliimi...

Lea -Ma sì, papà, ti guardo... Ma non è possibile... arrivederci... arrivederci... scusate (si ritira in fretta)

Giovanna -(seguendola)Aspetta cara,vengo con te.(Esce dietro la figlia)

Fausto -(lunga pausa.Guarda il quadro del genero come per dire “hai vinto ancora tu”.Si toglie soprabito,berretto e sciarpa.E’ nervoso.D’un tratto fa per slanciarsi contro il quadro per colpirlo con un pugno,ma viene fermato in tempo dal nipote.Passeggia smanioso)

Carletto -Calma,zio.Mi raccomando calma.

Fausto -(Fa segno di essere calmo,ma, con gesti nervosi,afferra una sedia la scosta dal tavolo e si siede.Ogni tanto dà occhiate feroci al quadro.)

Carletto -Ma perchè fai così?Non è successo niente.Sarà per un’altra volta.

Fausto -(cupo)E’ iddu.E’ iddu.

Carletto -Ma chi dici?

Fausto -E’ iddu ca cci preia picchì mi vannu tutti cosi storti!E’ iddu. Varda... Varda chi facci risulenti havi.

Carletto -Ma dai...

Fausto -A st’ura si sta addivittennu ddà supra...quali supra...dda sutta... ‘o ‘nfernu... chiddu è ‘o ‘nfernu...fammicci diri ‘na parola di vicinu...

Carletto -No,no stai calmo.

Fausto -Una sula...a quattrocchi.

Carletto -No,no.

Fausto -(Tamburella con la mano sul tavolo.Poi preso come da un’idea improvvisa,disegna con il dito sul tavolo le sembianze del genero, voltandosi ogni tanto per copiarle,poi afferra il berretto e lo batte violentemente su questo simbolico disegno come una liberazione) Ah,acchiappa ddocu.(Fa segno al nipote che adesso si è sfogato.Si risiede più sereno. Dopu una lunga pausa, evidentemente non soddisfatto, approfittando della distrazione del nipote, si alza,sale sulla sedia e sputa sul quadro. Il nipote non fa in tempo a bloccarlo. Fausto scende dalla sedia)Ora sì ca cci semu. Ora mi sentu cchiù leggeru.

Ninetta -(Affacciandosi dalla terrazza)Sor padrone...don Faustino ‘u capii.

Fausto -Ah,tu sì?Trasi.

Ninetta -’U capii u discursu dò pissi pissi...

Fausto -Chi capisti?

Ninetta -Ma sì,chiddu ca stannu complottannu Filomena ,a signora Zaira e sò maritu.

Fausto -Ah,sì?Parra.

Ninetta -Beh,veramenti non sacciu su pozzu parrari...(fa capire che la presenza di Carletto la trattiene)

Fausto -Ma certu ca po' parrrari.

Ninetta -Beh,tentunu di fari cacciari o signor Carlo.

Carletto -A mia?

Ninetta -Ma sì. Diciunu ca non è bello...non è giustu...a genti parra...

Fausto -Ma chi dici a genti?

Ninetta -Ma sì, insomma,sunnu cunvinti ca tra sò niputi e a signura Lea ...

Carletto -(infuriato) Iù?..Iù ccu Lea ?Ma cosi di pazzi...ma cci issi a spaccari a testa a tutti tri...

Fausto -Bravo!Bravo! Ora pigghi a focu macari tu.La vistu cu cchi razza di genti avemu cchi fari? E tu ca ti voi mettiri a discurriri...a fari predichi...

Carletto -(c.s.)Ma cosi...

Fausto -’U sacciu iù chiddu ca cci voli: ’mbellu bastuni cch’è gruppa...

Carletto -Ma chi dici,ziu...chi bastuni... sta tranquillo che a mettere le cose a posto cci pensu iù.

Fausto -Sì,bonu...cch’è predichi!

Carletto -Tu non cci pinsari.Varda, ti dugnu parola ca sistemu tuttu senza vastunati.

Fausto -Parola?

Carletto -Parola.

Ninetta -Vuleva diri, don Faustino, nuatri non nn’avemu parratu...

Fausto -Nuatri non nni canuscemu. Anzi oltre al paio di scarpe ppi ballari..tri paia di calze di seta.

Ninetta -Oh,grazie.

Fausto -E ppi ora ‘ngarofulu. (prende un fiore che si trova in un vaso in scena e glielo offre)

Ninetta -(Lo prende automaticamente e rimane interdetta;poi alzando le spalle esce per il terrazzo)

Fausto -(a Carletto )Dunque, sintemu!Varda ca suddu u tò rimediu non mi cunvinci,iù m’attaccu o mè santu di lignu.(bastone)

Carletto -D’accordo!

Fausto -Sintemu.(siedono)

Carletto -Mi devi promettere però che non commetterai leggerezze.Mi posso fidare?Dico questo perchè si tratta di una cosa molto delicata. Lea non deve sapere niente e, appunto per questo, tra me e te si dovrà fare un piccolo sacrificio.

Fausto -Un piccolo sacificio? E cioe?

Carletto -Ecco.Può darsi che noialtri, ppi non essiri costretti a fare certe confessioni, dobbiamo fingere di aver incassato del denaro e invece tirare fuori noialtri dell’altro “argent”...

Fausto -(lo blocca)Chi dici?Aspetta. Dicisti: tirari fora dell’altro “argent”?...

Carletto -Sì.

Fausto -(Lo guarda con intenzione) Hai fatto bene a dirlo in francese,accussì non haiu caputu nenti.

Carletto -Va beni..Di chistu ni parramu dopu...

Fausto -No. Di chistu non nni parramu cchiù.

Carletto -Va beni.Non nni parramu cchiù.Comunque,sentimi bonu:iù mi chiamu a parti a ‘sti pettegoli di Filomena e soci e cci fazzu ‘ndiscursennu bellu chiaru:o loro dicono a Lea ca tutti sti discursi su di lei sono delle invenzioni, per cui nessuno ha pensato e pensa male di lei e, ’nta ‘stu casu tuttu continua tranquillo e rimane integro anche il ricordo della buonanima, oppure io dico a Lea...(esce una lettera dalla tasca) Ecco, guarda qua, questo è quanto mi scrive l’avvocato.

Fausto -E chi c’entra l’avvocato?

Carletto -(gli mette il foglio in mano)Leggi e vedrai.

Fausto -(leggendo)”Caro Carlo,ricevo in questo momento la nota dei prelevamenti fatti dal defunto marito di tua cugina nei grandi magazzini e cioè (notando una lunga lista di prelevamenti) ca chista è nota.

Carletto -Vai avanti.

Fausto -(continua) ”immaggina che il famoso credito viene ad essere completamente assorbito,ad eccezione di poche centinaia di migliaia di lire,ed il peggio è che si tratta esclusivamente di generi da signora...

Carletto - Da signora...vai avanti!

Fausto -Vado avanti.(legge)”Vedi dunque che quel sospetto che mi era subito nato,da un primo sommario esame,è divenuto purtroppo certezza!..è divenuto purtroppo certezza. E cioè?

Carletto -Vai avanti.

Fausto -(legge forte) ”in quanto è da...

Carletto -Leggi piano.

Fausto -Ah? (abbassa il volume)”In quanto è da escludere nel modo più assoluto che tua cugina possa aver comprato per sè tanta roba e di così rilevante valore,conclusione dunque...” (finisce di leggere)e cca cci sunnu tanti puntini.

Carletto -Hai capito?

Fausto -No.

Carletto -Ma come? Ma su tutta ‘sta roba del valore di diverse centinaia di mila lire non l’ha avuta Lea, veni a diri ca ivu a finiri ‘nte manu di qualche autra.E siccomu è inconcepibile ca si ponnu rialari centinaia di migliaia di lire ppi semplici spiritu di altruismo,.. conclusione...

Fausto -(subito) Aveva a nautra..

Carletto -Piano, piano... non fari vuci...

Fausto -Aveva a nautra... vigliacco...aveva a nautra...

Carletto -Attento ca ti sentunu.

Fausto -Aveva a nautra... s’arruvinau ppi ‘na fimmina(rivolto al quadro)Bella facci... aveva a nautra... ppi ‘na fimmina s’arruvinau...

Carletto -(a coro) S’arruvinau.

Fausto -Aveva ‘na muggheri ca era ‘nciuri...

Carletto -(c.s.)’nciuri...

Fausto -Avissa duvutu vasari unni passava...

Carletto -(c.s.)...passava...

Fausto -M’avissa vulutu vidiri mortu.

Carletto -Mi lu dicisti.

Fausto -E ora mi vulissi livari a soddisfazioni di svergognarlo davanti a tutti? Vulissi ca non cci dicissi a sò muggheri cu cchi cocciu di piru aveva a chi fari?Nenti!U vogghiu vidiri nudu... u vogghiu vidiri ‘nterra.(sale su una sedia per prendere il quadro)E chista sarà a mè vendetta...(lo stacca dal muro nonostante Carletto cerchi di ostacolarlo) U vogghiu fari pizzudda pizzudda...(con il quadro in mano lo vedono Filomena , Giovanna e Lea che entrano in quel momento e con le loro grida creano una gran confusione mentre    

                      CALA IL SIPARIO

        FINE  II° ATTO

                            

         _________________________________________

   

    ATTO TERZO

           Lea , Giovanna e Carletto stanno in scena. Carletto avrà messo al corrente Lea dei fatti nuovi di cui è venuto a conoscenza.

Lea -(continuando un discorso.Ha ancora in mano la lettera dell’avvocato)Roba, Carletto , che io non ho mai avuto.

Carletto -Cosa vuoi che ti dica.

Lea -Di questo possiamo farci un’idea di cosa gli veniva a costare quella donna.

Giovanna -Beh, Lea ,chi facemu?Ni nni emu?

Lea -Sì,è già tardi.

Carletto -Sì, fate presto se nò perdete la messa.

Giovanna -Come perdete? Tu non vieni?

Carletto -Sì,sì certo. Dieci minuti e poi sono da voi. Scrivo una letterina e vi raggiungo.

Giovanna -Mi raccomando.

Carletto -Sì,sì certo.

Fausto -(entra dalla terrazza)Beh,chi c’è? Vi nni iti?

Lea -Sì papà. Andiamo in chiesa. Oggi è l’anniversario.

Fausto -Ah,bene,bravi! Diciticci n’ave Maria macari ppi mia.

Lea -Ciao papà. (via con Giovanna )

Fausto -(Appena soli,con aria di mistero)Carlo,Carlino, Carletto !!Cci sunnu grossi novità!

Carletto -Eh sì.Mi parevi ‘mpocu euforico.Chi c’è?

Fausto -Cc’è ca haiu ppè manu n’affari ca su va beni...su va beni...mi vogghiu pigghiari ‘na sbornia... ma ‘na sbornia ca deve durare dai 10 ai 15 giorni...

Carletto -Addirittura?

Fausto -Dai 10 ai 15 giorni esse cci...

Carletto -Comu esse cci?

Fausto -Esse cci: salvo complicazioni.

Carletto -(ride)Ma di che affare si tratta?

Fausto -Caro mio sono in trattative ppi vinnirimi u giardinu ccu tutta a casa.

Carletto -Ma dici seriamente?

Fausto -E chi fa si scherza cu ‘sti cosi?’U cumpratori cc’è...cc’è...

Carletto -Varda ca Lea non havi nudda intenzioni di irasinni di ccà.Di turnari a Catania.Non voli vinniri... non voli vinniri.

Fausto -E nuatri avissumu a perdiri ‘na bona occasioni...ppi iri appressu ‘a fissazioni di mè figghia? Nenti,nenti,nenti...Su non voli turnari a Catania ni nni emu a stari a Missina, a Palermu,’nta l’Africa,’nta Cina,’nto Giappuni... unni voli idda,ma iù ccà non cci restu cchiù...Senza cuntari ca si trattassi di vuscari qualche centinaio di biglietti di mille...

Carletto -Uh...centinaio?

Fausto -Si tratta di ‘na persona ca non si perdi sulla cifra.

Carletto -Ah,sì?

Fausto -E’ unu ca tratta mobili...Havi un grande negozio...anzi ‘na catena di negozi.Ha fattu tanti soldi ca non sapi cchiù unni mittilli.Non ci la fa mancu a cuntalli...

Carletto -Ah,beh,allura...

Ninetta -(entrando dalla terrazza)Don Faustino,cc’è un signore ca dici ca havi n’appuntamentu ppi vidiri a palazzina.

Fausto -Ecco.Lupus in fabula.

Ninetta -U fazzu passari?

Fausto -Certu. Fa passari.(Via Ninetta )

Giancaglioro -(Comparendo dalla terrazzina.Si rivolge a Carletto ) Cc’è permesso?

Fausto -Si accomodi.

Giancaglioro -(sempre a Carletto) Il signor Fausto Cavilla?

Carletto -(indica Fausto ) Eccolo.

Fausto -Eccomi.

Giancaglioro -Oh,piacere. Piacere tanto di conoscerla e scusi...scusi se ho fatto un po' di contusione...

Fausto -(interdetto) Si fici mali? Si è contuso?

Carletto -(che si è messo intanto accanto allo zio)Confusione...confusione...

Fausto -(a Carletto )Ma dissi contusione..

Carletto -Va bene,si sarà sbagliato.

Giancaglioro -Ah,dimenticavo. (presentandosi.Rimane col cappello in testa) Cavalier Leonida Giancaglioro, emporio mobili di Catania.

Fausto -Piacere.(presenta Carletto ) Mio nipote Carlo Corradi pittore famoso.

Giancaglioro -Oh!Piacere.Anch’io mi vanto di essere un mècenate degli artisti.

Fausto -(a Carletto )Chi è di l’artisti?

Carletto -(piano)Lassa perdiri,zio.Voli diri mecenàte...( Fausto lo guarda come per dire “ma come parla?”) Dicci di sì...

Fausto -(forte)Sì...sì...succedi...Beh...Vuole accomodarsi signor... signor... Tartarolo..

Giancaglioro -Oh,oh prego: cav.Leonida Giancaglioro .

Fausto -Scusi sà! Vede io ...io...per i nomi...è strano...per i nomi ed i numeri... non mi restano...

Giancaglioro -Ho capito.Ho capito.Lei manca del senso della fisionomia e quindi soffre di amnistia.

Carletto -(Notando la confusione dello zio)Amnisia.

Fausto -(piano)Dissi amnistia.

Carletto -Lassa perdiri...Dicci di sì.

Fausto -Sì...sì...succedi...ma poi passa..(indicando il cappello,al nipote)Ma il cappello?

Carletto -Lassa perdiri.

Fausto -Se si vuole accomodare...

Giancaglioro -Grazie.(Siede) Dunque...io mi trovo costà mandatario diremo del fattore...per una visita di preambolo per l’impropabile acquisto del maniero.

Carletto -(Mentre lo zio,frastornato,gli chiede aiuto con gli occhi)Maniero?

Fausto -Ma chi maniera...

Carletto -(Zittendolo)Vuole dire la villa...villa..

Giancaglioro -Già..appunto...la villa.

Fausto -Ah,villa...per la villa...

Giancaglioro -Appunto.Non è lei qua il proprietario della villa e di tutto il limitrofo circostante terreno?

Carletto  -(Dopo una piccola pausa interdetta di Fausto )Dicci di sì!

Fausto -Sì...sì...succedi...(piano) Ma comu parra chistu? Iù non lu capisciu.

Carletto -Mutu, lassa stari.

Fausto -Mi fa veniri u duluri di testa...E u cappeddu non si lu leva...(Forte) Il posto.. diciamo... lei l’ha girato e avrà visto che si tratta veramente di un piccolo paradiso ...vedrà caro signore,che se lei verrà a stare qua...se lei verrà a stare qua... non si scorderà mai di avermi conosciuto...caro signore... caro signore Pescarolo..

Giancaglioro -(correggendo) Giancaglioro .

Fausto -Ah,già.. Giancaglioro .

Giancaglioro -E.....ad aria...ad aria come stiamo?

Fausto -Bene grazie! Sì,insomma, l’aria cc’è...autru...

Carletto -Altro che.

Fausto -Uh..c’è..c’è...Cci sunnu certi iurnati ca cc’è macari ventu...(con intenzione) Ca fa abbulari i cappeddi... Oggi non cci nn’è...(fa segno a Carletto che il signor Giancaglioro non si è tolto il cappello)Insomma l’aria cc’è...Cci pozzu garantire ca ccà l’aria non è mai mancata.

Giancaglioro -(ride rumorosamente)Ahhhh...AhhhhVedo che siete piuttosto ilare.. faceto.. simpatico... ridicolo...

Fausto -(Che stava ridendo anche lui,si fa serio)Ma...

Carletto -(piano)Lassa stari...voli diri: risivo...

Fausto -Ma dissi...

Carletto -Beh! Ridicolo...risivo... si sbagghiau...

Giancaglioro-(Continua il discorso tra le risate) Eh...non volevo certo trovare aria metifica...

Carletto -(corregge)Mefitica.

Fausto -(sempre frastornato) Sì...sì...vede:come aria...le garantisco che è buona...buona... garantita...aria doppio zero...(ride)E’ un’aria questa, veramente buona...Ha pinsari ca si la venunu a pigghiari macari di l‘autri paisi...

Giancaglioro -(ride di gusto)Ahhhh...Ahhhh...Ma che simpatico...che ridicolo...( scena di Fausto ) Insomma aria sàlubre....

Carletto -(Piano) Salùbre.

Fausto -Sì,sì guardi,mentri ca è ccà...tantu ppi non stari con il dubbio...l’aria cc’è... lei si nni pigghia ‘na vuccata...(ridono) è ‘n’aria chista ca... guardi: lei po' mangiari chiddu ca voli...e cci cala tuttu ca è ‘na bellezza... vedrà.. vedrà caro signor Francaloro (si mangia la parola per evitare di essere corretto.Piano) E u cappeddu non si lu leva.

Carletto -Lassa perdiri,ziu.

Giancaglioro -Infatti se mi sono deciso all’acquisto della villa...è stato perchè la mia signora è di salute alquanto indecisa...ed i professori ci hanno proscritto..aria diciamo il più possibile asidrica per il ristoro dell’organico.

Fausto - (lo guarda dubbioso) La sua signora..havi l’organico..Mah... Bah, guardi, ha fatto bene sà? Ha fatto ene!Perchè quà la sua signora...se lei compera questo... vede c’è un’aria...mi pare di aver capito che la sua signora...è vero? Si poi si voli livari u cappeddu, non faccia complimenti.

Giancaglioro -(dopo un attimo) No,grazie. Non mi dà fastidio.

Fausto -Beh,insomma...ha fatto bene...Guardi,la sua signora se non guarisce qua... po' fari chiddu ca voli, ma...(fa segno per dire “muore”) non si po' mettiri a posto mancu suddu a porta...,tantu ppi parrari comu parra lei, mancu suddu a porta ‘nto megghiu mastru d’ascia di Catania...

Giancaglioro -Ma che simpatico...ma che ridicolo...

Fausto -Beh,se crede...se crede.. iù cci fazzu visitari a palazzina...

Giancaglioro -Ah,certo...

Fausto -Beh, chista unni semu è la stanza unni si mangia...

Giancaglioro -Ho capito: la stanza mangiareccia... il tinello...

Fausto -No!No, lavunu di nautra parti.(Carletto dovrà fare da moderatore) Questo ambiente d’estate è un frigorifero...

Giancaglioro -Ah,bene.

Fausto -C’è un tale giro di aria fresca...fresca...ca non si sapi bonu di unni veni... non si sapi... ma a mia mi lu dissuru... a ‘mmucciuni...dici ca non si po' diri ppi via dà dogana...

Giancaglioro -La dogana?

Fausto -E’ n’aria frisca ca veni dalla Russia...

Giancaglioro -Russia?

Fausto -Sì...Siberia. Poi,inveci,in inverno cc’è un giro di aria tiepida...tiepida... un’aria a veni, mi dissuru macari chistu...ca veni di l’Africa... E’ una bellezza ccà...è una stufa...’na stufa. Iù già ‘nta n’annu ca sugnu ccà mi stufai...(si corregge)’na stufa.

Giancaglioro -Ah, bene...bene...

Fausto -Permette? Dunque andiamo a visitare questa parte della palazzina che è esposta tutta a mezzogiorno...

Giancaglioro -Alle dodici.

Fausto -Ah?...Dicevo ca cci fazzu visitare questa parte della palazzina che è esposta a mezzogiorno.

Giancaglioro -Ho capito: alle dodici.

Fausto -(Guarda Carletto ,poi l’orologio) Mancunu vinti minuti...forsi cci ll’haiu arreri...(a Giancaglioro ) Iù cci vuleva diri...

Giancaglioro -Dica....dica...

Fausto -Ca ‘sta palazzina ca cci fazzu visitari è esposta tuttu l’annu a mezzogiorno.

Giancaglioro -Sì, ho capito alle dodici.

Fausto -Si fissau... si fissau.(forte) Allura aspittamu...oppure,senta, si vulemu guadagnari tempu, cci mu ora.

Giancaglioro -Ma sì,andiamo.

Fausto -Cci emu subitu?Bene!Allura visitamu ‘sta parti...prego s’accomodi.

Giancaglioro -Se permettono...faccio seguito all’anfitrione...

Fausto -(Guarda Carletto) Ma cci fussi ‘na vota ca capisciu chiddu ca voli diri... Mah! Passamu nuatri, annunca arristamu ccà.

Carletto -Zio,senti,mantre tu fai vedere la casa al signore,iù mi fermu a scriviri da littra ca ava scriviri. Poi ni videmu ccà.( Fausto e Giancaglioro escono. Carletto si porta alla tavola e si accinge a scrivere una lettera)

Benfico -(entrando dalla terrazzina con la moglie, Lea e Giovanna .Sono tutti presi dal momento doloroso che hanno vissuto in chiesa) Ah,chi cerimonia commovente...

Zaira -(che tiene sottobraccio Lea per farle coraggio) Povera amica mia...non potevamo certo mancare in questa circostanza...

Lea -Grazie,cara...non potevo dubitare.

Giovanna -(Notando Carletto ) Carletto, sei rimasto a casa?T’aspittavumu…

Carletto -(si alza)Scusate...scusa Lea ,ma proprio non ho fatto in tempo... Sai,domani devo partire ed avevo la necessità di scrivere una lettera.

Lea -Non fa niente.(Si siedono tutti) Anche tu parti, Carletto. Ci troveremo di colpo completamente soli quì in campagna.

Carletto -Picchì non ascutati u cunsigghiu dò ziu e non vi nni iti a stari in città macari vuatri?

Lea -No,no...fu iddu (rivolto al quadro) ca ni vosi ccà...Non me la sento...non mi troverei più in città.

Giovanna -Speriamo ca non vi scurdati di nuatri...e ogni tantu ni viniti a truvari.

Benfico -Ma anche lei signora Giovanna e lei signora Lea dovete venire a trovarci in città. (alla moglie) Zaira, cara, hai spiegato dove andremo ad abitare?( Zaira fa un cenno d’assenzo) Ancora i numeri non ci sono, ma non si può sbagliare.Al lungomare vi sono una serie di palazzine basse a tre piani. Il nostro appartamento è in quella rossa, con le finestre ovali pittate gialle.

Carletto -Già,la sua signora moglie lo aveva descritto.Per la verità non dovrebbe essere difficile trovarla.

Lea -Sì,certo. Grazie,cari! Se non avessi avuto voi qui,non avrei potuto resistere. Siete stati dei veri amici.

Zaira -Grazie,ma lo meritate voi e lo meritava il povero Giulio.Noi adesso dobbiamo, purtroppo, andare.(Si alza)

Giovanna -(a Benfico)Signor Benfico ,non ha ottenuto ancora risposta all’istanza fatta a mezzo raccomandata?

Benfico -Ancora no,signora. Ma stia tranquilla che appena ricevo notizie sarà mio dovere informarvi.( Benfico e Zaira ,dopo i convenevoli a soggetto, escono)

Lea -(A Carletto,che si appresta a scrivere)E tu Carletto ,ti farai rivedere tra altri dieci anni?

Carletto -La guarda,e dopo una piccola pausa)No, Lea. E se fossi sicuru di essere bene accetto... verrei tanto...ma tanto più spesso.

Lea -(Sarebbe tentata di rispondere con gioia alla velata richiesta, ma,consapevole del suo stato di vedovanza,finge di non capire e lascia cadere il discorso) Beh,io vado nella mia camera... A più tardi. (via)

Giovanna -(che ha capito l’allusione ) Carletto,caro, si capisce che sei bene accetto da tutti... da me... dallo zio... da Lea ...Veni quannu voi.(si avvia nella sua camera)Ora ti lassu scriviri in paci.(Via)

Fausto -(Dopo un attimo di pausa,durante il quale Carletto rimane soprapensiero, rientra dalla terrazza con Giancaglioro. Hanno visitato la villa) Venga...venga...ora cci vogghiu fari assaggiari un biccheri di vinu...ma ‘nbicchieri di vinu...(tira fuori bottiglia e bicchieri)

Giancaglioro -(Si siede al tavolo dove già si trova Carletto .Quando si sarà seduto Fausto dovrà essere al centro) No...no,grazie...io...

Fausto -No,no... lei ha sentiri chi uva...Vidi chistu è ‘nvinu ca si fabbrica cca vigna di stù postu ca lei ha visto...

Giancaglioro -Ah,si?

Fausto -Si capisci...Si lei fa l’affari,diventunu sò macari i pianti...poi crisci l’uva...lei mungi l’uva...mungi l’uva...(preso da improvviso pensiero) Si chiama mungiluva?

Giancaglioro -No,no: Giancaglioro !Grazie...grazie,ma io sono alquanto astemico...non è il caso...

Carletto -(piano)Astemio.

Fausto -Ah?Chi è?

Giancaglioro -Astemico...Non è il caso.

Fausto -Ah! Comunque vivennu cci passa...Sentirà chi squisitezza...Cci servi comu aperitivu...

Giancaglioro -Beh,allora guardi:appena una lacrima...

Carletto -(versa)Una lacrima...va bene.

Fausto -Dissi ‘na lacrima...Cci nni virsasti troppo.

Giancaglioro -(prende i bicchiere e beve di gusto)Uhhhhh!!!!

Fausto -Chi cci nni pari?

Giancaglioro -(pulendosi le labbra con il dorso della mano) Stomachevole!... Veramente stomachevole... ( Fausto guarda Carletto sperando in una spiegazione,ma questi allarga le braccia) Ah,dimenticavo. Scusate. (Prende la bottiglia e versa ancora nel suo bicchiere, poi lo alza e rivolto ai due) Alla salute!

Fausto e Carletto -(Si versano il vino e brindano) Alla salute!

Fausto -(dopo aver bevuto)Chi vinu!Chi vinu! Ah?

Giancaglioro -Sì,sì.Dunque la proprietà, tanto come ubicazione di posto, che come disposizione di vani, mi piace. Ma....c’è un manchevole “ma”. Il prezzo è piuttosto esuberante.

Fausto -’U prezzu?U prezzu ci pari caru?

Giancaglioro -Eh,sì...sì...

Fausto -Non lo dica...non lo dica...guardi...non lo dica. Cci rimetto...ci rimetto... glielo giuro... ci rimetto ...guardi glielo giuro...Non avissa cchiù vidiri a Filomena ...cci rimetto...

Carletto -Via signor Giancaglioro ,lei sa benissimo che non è caro.La proprietà è un vero gioiello.

Giancaglioro - Beh,lasciamo stare le parole e veniamo ai fatti.Se lei non è riluttante a defalcare dalla cifra globale qualche cosa come 200.000 lire, ai primi della settimana si stipula il contratto e la pratica è esaudita.

Fausto -Insomma lei vulissi livaricci 200.000 lire... No... no...

Giancaglioro -Ma sì...sì..

Fausto -Mi dispiaci...sapissi quantu mi dispiaci... Non ci li pozzu livari... Cci livamu 50.000...

Giancaglioro -Ma chi dici?50.000...E ppi 50.000 liri avissa parratu?

Fausto -Cci nni livamu centu mila...

Giancaglioro -E’ poco...è poco...

Carletto-Facemu 150.000 lire e non nni parramu cchiù.

Fausto -No,no..chi dici?Cci rimetto...cci rimetto...te lo giuro...te lo giuro...te lo giuro sull’anima di mè ienniru (Indica il quadro)

Carletto -(a Giancaglioro )Per lei va bene?

Giancaglioro -Beh,150 o 200...Ppi 50000 liri non fazzu difficoltà...

Carletto -E allura,ziu,facemu accussì...Si tratta di ‘na pirsuna tantu simpatica.

Fausto -Ma ....accussì dici? E accussì facemu.

Carletto -Bene,ora facemu ‘mbrindisi all’affari.(Versa il vino)

Giancaglioro -Oh,mi raccomando...appena una lacrima.

Fausto -Sì nà lacrima... A forza di lacrimi si vivi macari u tirastuppagghi... (Guarda il bichiere che Carletto ha riempito) E chista è ‘na lacrima? Chistu è ‘nchiantu a dirotto.

Giancaglioro -(Beve con soddisfazione) Insomma,vorrà dire che invece di 200mila lire, avremo una riduzione di 150...E va bene, 50 mila in fondo sono solo una miscela... sicchè diamo transito (soggetto di Fausto e Carletto )Però, s’intende, che il prezzo sarà a cancelleria chiusa. (Si versa ancora da bere)

Fausto -(Lo guarda e dopo una breve pausa) Si voli macari ddu ova duri...

Giancaglioro -(Rimette a posto il bicchiere e si pulisce ancora le labbra col dorso della mano) No, grazie...va bene così.

Fausto -Ah!...Tuttu chiddu ca dissi arriniscemu a ‘nterpretallu beni o mali... Chiddu ca non haiu caputu è u fattu da cancelleria chiusa...

Giancaglioro -Beh, in lingua povera,significa che si chiudono i cancelli e di tutto quello che c’è dentro non deve uscire niente.

Fausto -Ah,ho capito.Semu d’accordo. Mobili, mobiletti, pignati...Tutto!

Carletto -Tranne, si capisce gli oggetti di affezione.

Giancaglioro -Quello si capisce.Sono cose che vengono spontanee.(Si alza e si accorge del ritratto della buonanima) E mi dica un pò: quella è una pittura fatta da lei?

Carletto -No,no per carità.

Fausto -Su chistu u voli su po' cominciari a purtari di ora. Tantu fa parte da cancelleria.

Giancaglioro -No,è che io sono alquanto passionista di quadri...

Fausto -Ah,sì?Bravo.Vidi chisti sunnu cosi ca attruvamu ccà quannu n’accattamu a casa.

Giancaglioro -(Osservando il quadro con attenzione)Eppure quella lì è una visuale che non mi è nuova.

Fausto -(piano a Carletto )Ahi...ahi.. nautru ca avanza soldi...

Giancaglioro -E come no!!!Questo qui è quello...

Fausto -(interrompendolo)No...no,è n’autru...

Giancaglioro -Comu dici?

Fausto -E’ nautru...nautru. E poi hanna passatu seculi...seculi...Poi fu ristrutturatu...ma hanna passatu seculi...mi dissuru ca era cugnatu di Cincinnato.

Giancaglioro -Cincinnato?… Uh,Cincinnato.

Fausto -(fra sè) A’mprisa ca u canusci?(Forte) No,no...veramente non è...mi lu stai arricurdannu ora...è Belisario...

Giancaglioro -Belisario?

Fausto -Chistu non lu po' canusciri.

Giancaglioro -Non mi è nuovo...ma non mi ricordo...

Fausto -Ecco,basta. Non nni parramu cchiù.

Giancaglioro -No,perchè se era la persona di mia conoscenza,se ne poteva trattare un affare pecuniare...

Fausto -Ppi stu quatru?

Giancaglioro -Sì.

Fausto -Si ponnu vuscari soldi?E comu?

Giancaglioro -Beh,se era l’individuo di mia conoscenza,si sarebbe offerto alla sorella.

Fausto -Alla sorella?Picchì chiddu ca dici lei, aveva ‘na soru?

Giancaglioro -Sì,sì!

Fausto -Non era iddu. Iddu non aveva soru.

Carletto -(Che si è fatto particolarmente attento)Aspetta zio.Fallu parrari.

Fausto -Non aveva soru...non aveva soru...aveva ‘ncagnulinu...

Carletto -Sì,va bene. Ho capito.(a Giancaglioro )Dica,dica.

Giancaglioro -Si sarebbe offerto alla sorella...e questa,trattandosi di un fratello sorpassato...

Carletto -Trapassato.

Giancaglioro -Ecco appunto...questa lo avrebbe acquistato tassativamente...

Carletto -E lei lo conosceva personalmente?

Giancaglioro -Sì,certo. Si ricorderanno di quell’avvocato che si è suicidato personalmente...

Carletto -Sì,certo.

Giancaglioro -Ecco.Adesso il nome non lo ricordo,ma sò che aveva l’ufficio in via Bonafè.

Carletto -In via Bonafè.

Giancaglioro -Lei lo ha conosciuto pure?

Carletto -No,no. Ma ho conosciuto la sorella.

Fausto -Non aveva soru... nonn’aveva... aveva ‘mbarboncino...

Giancaglioro -Beh,io l’ho conosciuto per via del negozio.Infatti l’estinto era venuto con la sorella per arredare il suo appartamento sul lungomare.

Carletto -(subito)Sul lungomare.(fa segni allo zio di assecondarlo)

Giancaglioro -Sul lungomare.

Carletto -E ha detto che era un avvocato?

Giancaglioro -Già,con l’ufficio in via Bonafè.

Fausto -(Che comincia a apire)In via Bonafè?

Carletto -Ho capito.

Giancaglioro -L’ha conosciuto?

Carletto -No,glielo detto. Ma conoscevo la sorella perfettamente...

Fausto -(Insorge)Ma quali soru? E torna cca soru. Non nn’aveva!

Carletto -Ma sì...sì.E che bella ragazza.( Giovanna afferma) e poi così affezionata... e la casa? La casa io non l’ho vista,ma ho sentito dire che era così bene arredata.

Giancaglioro -Oh,in un modo veramente scicchere.Emporio mobili del cavalier Leonida Giancaglioro, modestamente.

Carletto -E mi dica una cosa.Questa palazzina del lungomare...a che numero sarebbe?

Giancaglioro -Oh,questo non lo ricordo...Anzi credo che non avesse ancora neanche i numeri... ma era una palazzina di tinta rossiccia.

Carletto -Rossa...

Giancaglioro -Con le finestre a forma ovoidale dipinti di giallo...

Fausto -(Con forza) Ma è chidda...(Viene frenato da Carletto che gli mette una mano davanti alla bocca e lo invita alla calma)

Giancaglioro -Beh,adesso devo proprio andare.Vorrà dire che la settimana prossima,si stipula l’atto e si passano subito le consegne.Allora tanti saluti,e veramente indisposto di fare la sua conoscenza.(saluti a soggetto. Fausto e Carletto lo accompagnano alla terrazza e rientrano)

Fausto -Ora si spiegano tanti cosi...tanti cosi Carletto .

Carletto -Ah,sì?

Fausto -Uh,e ddu Becca ficu di sò maritu...A cosa cchiù bella è ca cci porta i ciuri supra a tomba... (ride con Carletto )N’haiu piaciri...nn’haiu piaciri...ca apparteni alla congregazione dei..(fa segno delle corna)Nn’haiu piaciri...

Carletto -Lassa perdiri,ziu.

Fausto -Lassu perdiri?Mi dispaci ‘na cosa sula.

Carletto -E chi?

Fausto -Ca iddu nun lu sapi.Mi dispiaci ca nun lu sapi.

Carletto -Chiuttostu,ziu,non nni parrari...Non nni vali a pena.

Fausto -Oh,su capita l’occasioni cci lu dicu.

Carletto -Ma lassa perdiri...non servi a nenti ormai...

Fausto -Cci lu dicu velatamente...velatamente...

Carletto -Ma neanche velatamente...lassa perdiri...

Fausto -No..,no..velatamente.

Carletto -Ma fai chiddu ca voi...

Fausto -Però a Lea bisogna ca si cci dici....

Carletto -Macari a Lea ...in seguito...

Fausto -(va alla porta e chiama) Lea , Lea vieni...chiama a mamma...

Carletto -Ma aspetta, ziu.

Fausto -Mutu...mutu...fammillu livari ‘stu pisu di supra u stomucu...e poi ti scurdasti ca ni nn’avemu a iri di ccà?

Lea -(entrando) Hai chiamato,papà? (Entra anche Giovanna )

Fausto -Sì,assittativi. (Le donne siedono. Fausto passeggia un po' per la stanza) Dunque... a simana ca trasi ni nni emu a stari in città.

Giovanna -Ma Fausto,ancora cu ‘sta storia?

Fausto -’Sta vota cc’è ‘na piccola differenza...E cioè: mi vinnii a casa e u giardinu.

Lea -Ma che dici,papà?

Fausto -Propriu accussì.Vinni ccà ‘nsignore ca mi uffrivu ‘na bella somma in contanti,e abbiamo fatto l’affare.

Lea -Ma tu u sai,papà,quantu il povero Giulio cci tineva a che noi vivessimo qua.

Fausto -Senti...il povero Giulio...

Carletto -(fermandolo)Aspetta,zio. Se permetti vorrei spiegare io...

Fausto -Ma sì,fai...fai...vedrete... vedrete...Fici ‘na scuperta...ma ‘na scuperta... ca Cristoforo Colombo si po' pigghiari d’accapu ‘u panarinu e si nni po' iri all’asilu.

Carletto - Lea ,mi dispiace sinceramente darti ancora un dolore,ma vedi...è bene che tu sappia...Che Giulio non era uno stinco di santo, lo sapevi già. Ma non sapevi che la donna,causa della sua rovina,è una persona a tè vicina che ha ignobilmente approfittato della tua amicizia per pugnalarti alle spalle.

Lea -(con un filo di voce) Zaira ?

Fausto -’U sai cu cci l’ha accattata e cu cci l’ha arredata dda palazzina russa cche finestri gialli? Iddu. (Indica il quadro)

Carletto -Ascolta Lea ...non te la prendere...non ne vale la pena... Sentimi... sentitemi tutti, anche tu zio,che non ho avuto modo di parlartene.Picchì non viniti tutti a Nizza ccu mia? Iù partu dumani...Vuatri,appena espletate le pratiche per la vendita,mi raggiungerete...

Fausto -(Felice) A Nizza?Dici daveru Carletto ?

Giovanna -No, Carletto ,non possiamo abusare così...Tu sei giovane...hai bisogno della tua libertà...

Carletto -A te, Lea, piacerebbe venire a Nizza?

Lea -(A occhi bassi) Beh,io...

Carletto -(Subito) Siete due a uno, zia cara...democraticamen te.Ormai è deciso. E poi su non vi truvati boni, putiti sempri turnari.

Benfico -(Entra agitato dalla terrazza)Buon giorno...buon giorno a tutti.

Fausto -Oh,varda cu cc’è...(Tutti salutano freddamente)

Benfico -Signora Lea ...l’ho fatta di corsa...Eravamo pronti per partire quando è arrivato il postino...Che notizia!

Fausto -(Gli va vicino e gli guarda la fronte con intenzione)Buongiorno.

Benfico -(Sorpreso)Buongiorno,signor Fausto .

Fausto -Come stà?Come stà?(A Carletto che gli fa segno di smetterla) Velatamente... velatamente (Forte) Come stà signor Beccafico?

Benfico -Come dice?

Fausto -Beccafico.

Benfico -No,prego, Benfico .

Fausto -Sicuro?

Benfico -Certo!

Fausto -Guardi che deve essere Beccafico...Sarà n’errore...Anzi,appena havi ‘mpocu di tempu va o cumuni,all’ufficio anagrafi e cci lu dici..cci dici: ”Guardate che a suo tempo cci fu ‘n’errori di trascrizione...Iù non sugnu Benfico ,ma bensì Beccafico...” Cci lu dicissi (a Carletto che fa segni) Velatamente...velatamente...(Forte)Anzi cci dicissi di cancellare unni cc’è scrittu Benfico e di scrivere Beccafico...Anzi cci dici di lassari perdiri u ficu e di scriviri u restu...(Ride di gusto.A Carletto )Velatamente.

Benfico -Scusi,io non capisco...

Fausto -(a Carletto )A vistu ca non capiu nenti?

Lea -(Intervenendo)Niente,niente lasci perdere.Mi dica,piuttosto,cosa è successo?

Benfico -Signora Lea, vittoria...vittoria completa.

Lea -Ma di che si tratta?

Benfico -Ma sì,ho ricevuto adesso la conferma. La tomba che è vicina al povero Giulio è a nostra disposizione.

Fausto -Una tomba a nostra disposizione?

Benfico -Sì!

Fausto -Ne approfitti e si cci issi a ‘nficcari subitu...subitu...

Benfico -Ma io intendevo per la signora.

Fausto -La signora ne fa una girata a lei... Prima di tutto picchì lei si a merita... Mi dica, signor Beccafico...mi dica un pò:non ha diviso tutto con lui quando era in vita?Dico TUTTO?  E allura chiddu è u sò postu...Spartitivi macari l’ultimo giaciglio.

Benfico -(Lo guarda,e dopo un attimo)Ho capito.

Fausto -Finalmente...Ma cci nn’ha vulutu però!!!

Benfico -Sì,ho capito...povero Giulio.(Si avvia per la terrazza)Povero Giulio!(via)

Fausto -Chiddu non ha caputu nenti.Mah,comunque si nni ivo e non lo vedremo cchiù.

Giovanna -Ma sì, lassamulu iri figghia mia.Non nni parramu cchiù.

Lea -Hai ragione,mamma. Piuttosto,papà,se noi partiamo bisognerà pensare alla Filomena.

Giovanna -Certo, Fausto alla Filomena bisogna pensare.

Fausto -Aviti ragiuni... Filomena, povira vecchia...tanti anni ca è ccu nuatri... macari ppi non passari guai cche sindacati...Cci avemu a pinsari... (Improvvisamente) Uh,ho trovato... ho trovato...Carlo.. Carletto ...non semu arristati ca chiddu voli accattari a cancelleria chiusa?Ccu tutti i pagghiazzi, i cosi vecchi...è ‘nto cuntrattu!A lassamu ‘cca cancelleria...E’ ‘nto cuntrattu!

       FINE

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 6 volte nell' ultimo mese
  • 28 volte nell' arco di un'anno