A buttega de ratelle

Stampa questo copione

A BUTEGA DE RATELLE

                              A BUTTEGA   DE   RATELLE

        Commedia brillante in tre’ atti di Pierpaolo FERRARI e Giovanni DE MOLINER

Sinossi

Tempi grami per Siro Sciuto, titolare di un laboratorio artigianale di serigrafia e stampa nei carruggi Genovesi.

Il cattivo umore, da qualche tempo, alberga perennemente in lui, scapolo incallito, alle prese con i guai del negozio, dove gli alterchi e le alzate di capo dell’operaio Maxu provocano repentine impennate del suo carattere scorbutico, nonostante la mediazione del mite operaio Giemu, di Mario, il disegnatore e di Amelia, segretaria tuttofare, ingigantiti poi dalla “persecuzione” di una clientela tanto varia quanto eccentrica, come la signorina Carla, sua cliente abituale, la signorina Conti che, perennemente a caccia di marito, lo ha preso di mira, la signora Ferretti, bizzarra cliente occasionale.

In ultimo, a completare il quadro, la signora Tubino, proprietaria della profumeria di rimpetto, alla quale gli effluvi delle vernici usate nel laboratorio fanno fuggire i clienti ed un intervento chirurgico all’anca che sembra si andato male. Ma alla fine, come sempre, nonostante fulmini saette ed anatemi con minacce di licenziamento in tronco, tutto si risolverà per il meglio perché quella, come sentenzierà Amelia, anche se fosse deserta riuscirebbe ugualmente ad essere “A buttega de ratelle”! (la bottega dei litigi)

Personaggi

U Sciu Scio Sciutu                   - u Padrun;

Amelia                                      - a seu segretaia;

Mariu                                       - u disegnatuu;

Gieumu                                    - operaiu du Sciu, sempre tranquillu;

Maxu                                        - operaiu du Sciu Scio, sempre aragiou;

A Scignurin-a Carla               - Cliente afesiuna-a;

A Scignurin-a Conti               - Cliente inamua;

A Scia Ferretti                        - Cliente ocaxiunale;

A Scia Tubin                           - A prufumea da butega d’a-arente;

La vicenda si svolge a Genova all’inizio degli anni Ottanta, nei pressi del centro citta’.

La scena rappresenta l’ufficio di una ditta artigianale che produce targhe, timbri, stemmi e inse-

gne per negozi.

C’e’ un’uscita sul fondo che porta verso l’esterno, una a destra che porta nel laboratorio della dit-

ta ed una finestra.

Due scrivanie, una per il titolare con materiale da ufficio e telefono ed una per la segretaria con u-

na calcolatrice, un tavolino con una macchina da scrivere, alcune sedie e attrezzature varie da Uffi

cio.

Sulla parete di fondo, un’insegna: “SIRO SCIUTTO – Targhe Timbri e Affini”

Ogni volta che si apre la porta d’ingresso (non visibile) si ode il ronzare di una suoneria o un cam-

panello azionati dalla porta stessa.

L’arredamento e’ molto semplice e poco moderno.

info 349.5254263 - bandadeimisci@libero.it


-PRIMO ATTO –

La scena si apre con Gieumu che fa’ il suo ingresso dal laboratorio con un pacchetto in mano

1 – GIEUMU – (Sbuffa) “Oua me ne piggiu na posa !!” (Apre il pacchetto, prende il panino che c’e’ all’interno e comincia a mangiare) “Ogni tantu bezeugna mette in raxiun u stemagu….”

(Commenta fra se’) “Stamattin quella spussa de pittua a me l’ha inversou….!!” (Si gira verso l’uscita dal fondo e chiama) “Maxo….nu ti mangi…!?!?”

2 – MAXO – (Da fuori scena, parlando con la bocca piena) “Sun apreuvu…!!” (Entra anche lui dal fondo mangiando un pezzo di focaccia: si ferma accanto a Gieumu e osserva il suo panino) “Co

se passa u cunventu…?”

3 – GIEUMU – (Deglutisce pesantemente portandosi una mano alla gola) “Ughl…’Na resca in ta gua…!!!” (Indica il panino) “Mae mogge’ a l’ha accattou e boghe….ean a bon prexo….e o pescia’ o ghe n’ha arrembou dui chilli…..” (Morde ancora il panino, poi, alzando gli occhi al cielo) “L’e’ trei giorni che collo resche: matin, mezogiorno e seja…!!”

4 – MAXO – (Osserva a sua volta la focaccia che ha in mano) “Anch’eu, l’eujo se l’ha ascordou….

Za’ che gou tian con o pennello comme o bicocco in taera….e o tian tanto ben che no ghe n’ariva proprio….!!” (Annusa l’aria) “Cosa l’e’ ‘sta spussa….!? Paimo in te un magazin de stochefisce an-

daeto in maloa !”

5 – GIEUMU – (Indica verso il laboratorio) O l’e’ quello colore neuvo che ha ordinou o scio Scio..

dixian che o l’e’ cosci’ bon….”

6 – MAXO – (Fa’ una smorfia di disgusto: addentando la focaccia) “A giudica dall’odoo o mette angoscia !! A cose o serve ?”

7 – GIEUMU – (Convinto) “O fa’ risalta’ e scrite in sce-e targhe….o l’e’….come se dixe…..fosfo-

fluorescente…..” (Fa’ ampi cenni di assenso col capo, sotto lo sguardo per nulla convinto di Maxo: rincara la dose) “E poi, o sciuga subito….!!”

8 – MAXO – (Fa’ spallucce: poi, sogghignando) “Ho za’ accapio perche’ o l’ha accatou…: se fa’ ciu’ fito a fini-i e targhe e aumenta o goagno…..” (Risentito) “Pe le’….!!” (Poi, incupendosi) “A no

iatri, invece…..in ta stacca, ciu’ che travaggiu , no intra….!!!”

9 – GIEUMU – (Deglutisce di nuovo) “Ughll….!!! N’atra resca….N’assidente ae boghe….!!”

10 – MAXO – (Filosofeggiante) “No preocupate…..tanto tie abituou a colla’ amau….!!” (Con aria di rimprovero) “Quello che dixe – o scio Scio Scuto – pe ti’ va’ sempre ben, mai na votta che ti te ribelli….!!”

11 – GIEUMU – (Giustifica il principale) “In fondo o l’e’ un brav’ommo…..basta piggialo con e bonn-e….”

12 – MAXO – (Lo interrompe seccato) “Ciu’ che piggialo con e bonn-e, o pggieva pe o collo e ne daieva ‘na patta zu do barcon…!!”

13 – GIEUMU – (Continua a perorare la causa del suo principale) “Bezeugna capilo….o l’e’ solo.

…..o no l’ha nixiun svago….e o pensa solo a tia’ avanti a ditta….” (Poi, convinto) “E pe noiatri o l’e’ un ben….So o sera buttega….” (Indica il panino che ha in mano,  poi muovendo pollice e indi-

ce) “…..cose faemmo….??”

14 – MAXO – (Fa’ ancora spallucce) “T’hae raxion anche ti…” (Poi, perplesso) “De votte ghe penso : o l’ha za’ na serta etae, e planche ghe sciortan scinn-a da-e oegie….” (Fa’ una breve pausa, poi, drastico) “Fuise mi’ a-o so posto…..atro che ditta….: me n’andieva in te n’isoletta in mezo a l’Oceano a fa’ o scignoro…!!”

15 - GIEUMU – (Fa’ spallucce a sua volta. Poi, schiarendosi in volto) “Pe-o momento, cose ti ne dixi de anda’ a piggiane un gotto ? Con tutte ‘ste resche in ta goa ho proprio bezeugno da da’ na ru-

xenta’ a-o gardigion !”

16 – MAXO – (Accetta con entusiasmo) “Finalmente na parolla de bon senso….!! Andemmo….!!”

Si avviano entrambi per uscire dal fondo, proprio mentre sta’ facendo il suo ingresso in scena da li’ Mario.

17 – MARIO – (Entra dal fondo con dei fogli ed un metro in mano) “Ou, lavoratori….” (Li apostro

fa) “…..sei in sciopero…!?!?”

18 – MAXO – (Sarcastico) “Te-o chi’ o ‘fadiga’…..ti ghe veggni a piaggiane un gotto con noiatri ?”

19 – MARIO – (Sorride sornione) “No, grazie….za’ faeto….ho piggiou e mezue pe l’insegna do bar e o padron o m’ha offerto o caffe’….” (Si avvia verso il laboratorio) “Eppoi…o scio Sciuto o no staia’ guaei arriva’.”

20 – GIEUMU – (Un po’ preoccupato) “L’e’ veo….” (A Maxo) “Demmoghe ‘na botta, che se o no n’atreuva in buttega, son dolori…!!”

21 – MAXO – (Mastica amaro: polemico) “Ecco e solite pegoe…!!” (Si infervora) “Cose ei puia, che o ve dagghe i eutto giorni….!?!?” (Drastico) “Orriae un poo vedde commo o faieva anda’ avan-

ti sensa noiatri !!”

22 – (Ridacchia, canzonandolo) “Siamo tutti utili e nessuno e’ indispensabile….”

23 – MAXO – (Toccato nell’orgoglio, a Gieumu) “Cose o dixe ‘sto Turco….o fa’ a morale….!?!?”

24 – GIEUMU – (Cerca di smorzarne il tono) “O l’e’ un moddo de di…..” (Poi, tirandolo per un braccio verso l’uscita) “Andemmo, che g’ho e resche in ta goa…!!”

25 – MAXO – (Con aria di compatimento) “Sci, l’e’ megio….che se rispondo a quello scignorin li’ no so comme a finisce…!!” (Poi, rivolto a Mario) “Te-o diggo mi’ che ti l’hae za’ bevua l’aegoa da meua…..ti faiae carriera, filosofico….!!”

Mario rimane ad osservare ridacchiando Maxo e Gieumu che escono dal fondo proprio mentre, dal

laboratorio, fa’ il suo ingresso in scena Amelia.

26 – AMELIA – (Entra da destra con de i fogli in mano e si siede alla scrivania) “Mario, cosa suc-

cede….!?!?”

27 – MARIO – (Continua a ridacchiare) “Niente….niente….i soliti discorsi del ‘matusa’….” (Assu

me un’aria austera) “…..’l’indispensabile’….!!!” (Si avvicina alla scrivania) “Stamatin o l’ha za’ a siga’ in sce-a canna….se vedde che g’han misso o pevionetto in ta figassa !”

28 – AMELIA – (Ridacchia divertita: poi, imitando Maxo) “Orriae savvei comme a l’andieva avan-

ti ‘sta ditta sensa mi e o Gieumu…..”

29 – MARIO – (Lo scimmiotta anche lui) “I zuveni veuan insegna’ a noa’ ai pesci ! L’e’vint’anni che fasso targhe, o conoscio’ o mae travaggio ?”

30 – AMELIA – (Ride ancora di gusto: scuote la testa) “Che mentalita’ ristretta…!! Non accetta

nessuna innovazione….” (E’ interrotta dallo squillo del telefono) “Ditta Sciutto, Buongiorno….” (Risponde compita: poi, piu’ cordiale) “Oh, signorina Carla, dica…..” (Mario, che si era allontana-

to verso il laboratorio, ritorna sorridendo sornione sui suoi passi) “Gli stemmi adesivi….? Sono pronti……no’, il signor Siro non e’ ancora arrivato…..non credo che tardera’ molto….va bene, si-

gnorina, arrivederci…!”

31 – MARIO – (Allarga le braccia) “Me paiva strano cha a no serchesse un po o padron…..e’ inna-

morata….!!”

32 – AMELIA – (Distratta, proseguendo nel suo lavoro) “Del signor Sciutto…??”

33 – MARIO – (Categorico) “No, de so palanche…!!” (Si avvicina alla scrivania, allungandosi un po’ verso Amelia che ha interrotto il lavoro interessata) “E non e’ l’unica….!!”

Il telefono squilla nuovamente

34 – AMELIA – (Ancora professionale) “Ditta Sciutto, buongiorno….” (Allarga il volto in un sorri

so) “Salve, signorina Conti…..”

35 – MARIO – (Non riesce a trattenere una risata: indicando il telefono) “Te-a chi l’atra spasiman-

te…..du purtafeuggiu….!!”

36 – AMELIA – (Lo invita a tacere con un cenno, poi) “No, il signor Siro non e’ in ufficio…..no, non tardera’ molto…..d’accordo, arrivederci…!!” (Posa la cornetta: a Mario, con voce suadente) “Passera’ piu’ tardi….” (Lo guarda di sottecchi) “Pensi davvero che anche lei sia….” (Accenna ai soldi con un gesto delle dita) “….INNAMORATA….!?!?”

37 – MARIO – (Perentorio) “Ne sono quasi certo….Mi sa’ che l’attivita’ del suo negozio e’ in ribas

so e……”

38 – AMELIA – (Lo interrompe: fa’ cenno di si’ con il capo) “Effettivamente…..deve pagare anco-

ra due fatture…..”(Gli indica un registro che ha di fronte) “Mai successo prima….!!” (Commenta: gira la pagina dello stesso registro, gli indica qualcosa con una matita) “E la Signorina Carla……..

ancora tre….!!!”

In quel momento, rifanno il loro ingresso dal fondo Maxo e Gieumu.

39 – MAXO – (Entrando, a Gieumu) “A me ghe voeiva proprio ‘na goa de gianco…..quella fugassa a l’ea secca comme un ciou….!!”

40 – AMELIA – (Blocca subito Maxo) “Maxo, l’hei za impacchettae i stemmi adesivi pe-a scignuri-

n-a Carla ?”

41 – MAXO – (Quasi con fastidio) “No, ho avuo da fa’…” (Si inalbera) “No se peu sciusccia’ e sciorbi…!!”

42 – AMELIA – (Sorpresa dalla sua reazione, cerca di ribattere) “Ma….a veggne a retiali….bezeu

gna prepara’ subito o pacco…!!”

43 – MAXO – (Scostante) “Scia a no cominse a insegna’ a noa’ ai pesci…!! O so mi’ cose devo fa’!

A balia a no me serve….!! I stemmi son pronti, e pe mi ghe ne cresce….” (Esce sacramentando da destra per infilarsi nel laboratorio) “Comanden tutti….!! Ma sensa chi loua….” (Si indica) “….orri

ae in poo vedde comme a l’andieva a fini’ chi dentro…!!”

44 – AMELIA – (Piccata) “Insensou…..o gh’e’ solo le’ a travaggia’ !!”

45 – GIEUMU – (La rabbonisce) “Scia no se-a pigge, scignorinn-a, che stamattin o l’e’ ciu’ inverso do solito….” (Si avvicina alla scrivania: con un sorriso bonario) “O pachetto o preparo mi !”

46 – AMELIA – (Ricambia il sorriso) “Grasie, Gieumu….scia l’e’ sempre gentile !”

47 – MARIO – (Annusa l’aria) “Donde a ne vegne ‘sta spussa de refrescumme….!?!?”

48 – GIEUMU – (Si volta verso di lui: un po’ preoccupato) “A l’e’ quella pittua neuva pe-e targhe..

….o Maxo o s’e’ za’ lamentou….”

49 – MARIO – (L’interrompe: caustico) “Pe forsa, o l’e’ in prodotto neuvo….” (Annusa l’aria, si gratta la testa, preoccupato anche lui) “Veramente, ‘sta votta o l’ha raxion….” (Allarga leggermen-

te le braccia, poi, uscendo da destra) “Va ben, mi vaddo a disegna’….”

50 – GIEUMU – (Muove dietro di lui, uscendo a sua volta da destra) “E mi’ a impacchetta’…!!”

51 – AMELIA – (Accompagna con la voce l’uscita di Gieumu) “Grasie ancon, Gieumu…”

52 – GIEUMU – (Si ferma sull’uscita) “Dovvei….” (Indicando Mario che si e’ fermato a sua volta) “Comme dixe o Mario, siamu tutti indispensabili e nisciun poi serve a ninte….” (Si impappina: ri-

volto a Mario) “Cumme a l’e’ ciu….!?!?”

53 – MARIO – (Gli mette una mano su una spalla, accompagnandolo fuori scena) “Poi te-a spiego

…..vegni, oua, che emmo da faa….!!”

54 – AMELIA – (Rassegnata, alza gli occhi al cielo) “La giornata comincia bene !!” (Squilla nuova

mente il telefono) “Ditta Sciutto, buongiorno….si….il timbro ?…..chiedo se e’ pronto, un attimo…”

(Mette una mano sulla cornetta e, voltandosi verso il laboratorio, chiama) “Maxo…!!”

55 – MAXO – (Da fuori scena) “Cose gh’e’ turna ??”

56 – AMELIA – (Alza gli occhi al cielo, speranzosa) “O l’e’ pronto quello timbro speciale ?”

57 – MAXO – (Compare sull’ingresso) “Son apreuvo a falo….” (Poi, polemico) “Cose a l’e’ ‘sta sprescia, stamattin…!?!?”

58 – AMELIA – (Fa’ una smorfia come per dire: c’avrei giurtao. Poi, quasi supplichevole) “Quan-

do o saia’ finio…?”

59 – MAXO – (Con insofferenza) “E chi o sa’….!?!?” (Poi, girando sui tacchi e uscendo da destra) “Mi’ l’avegni’ no-o conoscio !”

60 – AMELIA – (Stizzita, alzando gli occhi al cielo) “Quando o fa’ cosci’…..o scieuppieiva !” (Poi, all’interlocutore al telefono) “Non e’ ancora pronto…..ah….e’ urgente….” (Alza nuovamente gli oc

chi al cielo sacramentando in silenzio: si rida’ un contegno) “Faremo il possibile per consegnarlo entro domani…..d’accordo, arrivederci..!”

Posa il telefono quasi con rabbia, si volta verso destra per chiamare nuovamente Maxo ma proprio in quel momento, dal fondo, fa’ il suo ingresso in scena o Scio Scio Sciutto.

61 – SCIUTTO – (Entra dal fondo borbottando fra se’, zoppica vistosamente) “Amia in po’ se quel

lo tocco de n’aze a l’ha ancon capio de no posteggia’ a macchina chi’ davanti ….!” (Distrattamente, ad Amelia) “Bongiorno, scignorinn-a…..”

62 – AMELIA – (Risponde al suo saluto) “Bongiorno, scio Sciuto…”

63 – SCIUTTO – (Urla verso il laboratorio) “MAXO….!!!”

64 – MAXO – (Da fuori scena) “Arivo….” (Entra da destra un attimo dopo) “Bongiorno scio Scio.

….cose gh’e’…??”

65 – SCIUTTO – (Piuttosto seccato) “Daeto che quello caro funebre che l’e’ chi feua ti l’hae pagou con i dinae che te daggo de paga….” (Usando un tono cortese canzonatorio) “….ti porriesci deuviame a cortexia de levamelo d’in ti pe’…???” (Brusco) “Me pa’ de avveitelo za’ dito de arrem-

balo un po’ ciu’ in la…!!!”

65 – MAXO – (Serafico) “Perche’….a da’ fasridio…??”

66 – SCIUTTO – (Ironico) “No, no….solo che pe pasaghe bezeugnia trasformase in te na sogliola...

….!!” (Mima il gesto dell’appiattimento con la mano. Annusa l’aria) “A propoxito de pesci….” (An

nusa nuovamente) “Cose o l’e’ ‘sto odou…?? Ve coxei o sctochefisce pe mezogiorno….!?!? Se fa’ baldoria, invece de travaggia…!!”

67 – MAXO – (Risentito) “Quae stochefisce…..” (Indica il laboratorio con un gesto di rabbia) “A l’e’ a pittua neuva che scia l’ha ordinou…” (Ironico) “Quella cosci’ bonn-a , che ha suggerio o Ma-

rio….!!” (Poi, sprezzante) “Puah….sti zuveni…..veuan insegna’….”

68 – SCIUTTO – (Lo interrompe deciso) “A noa’ ai pesci….o semmo….!!” (Perentorio) “Comun-

que, no te pago pe scindica’ quello che fasso….quindi…..” (Gli indica l’uscita verso il laboratorio)

“…..andale…!!!”

In quel momento, da destra, fa’ il suo ingresso Gieumu con un pacchetto in mano.

69 – GIEUMU – (Entrando da destra, rivolto ad Amelia) “Scignorinn-a, i stemmi son pronti…” (Gli porge il pacchetto: nota Sciutto, lo saluta con un sorriso) “Bongiorno, scio Scio…!!”

70 – SCIUTTO – (Ancora brusco) “Bongiorno…!!”

71 – AMELIA – (A Gieumu, posando il pacchetto sul tavolo) “Grasie, Gieumu….!!”

72 – SCIUTTO – (Sta’ avviandosi verso la scrivania: vede la scena, si ferma, poi…) “Maxo, no ti dovveivi preparali ti’ ??”

73 – MAXO – (E’ colto in fallo: un po’ in imbarazzo) “Mi l’ho faeti e poi….” (Fa’ una pausa cer-

cando una scusa plausibile: si illumina) “….me son misso appreuvo a quello timbro speciale…!!”

74 – GIEUMU – (A Maxo, toccandolo su una spalla) “Amia che o ciongio o bogge !!”

75 – MAXO – (Prende la palla al balzo per togliersi d’imbarazzo) “Brutta de ‘na miseia….!!” (U-

scendo da destra, con passo spedito) “Bezeugna che ghe dagghe ‘na botta !!”

76 – SCIUTTO – (Lo guarda bieco mentre esce) “Saia’ megio….!” (Poi, a Gieumu) “Dimme in po’

Gieumu…..” (Si riavvicina alla scrivania) “Comme a l’e’ ‘sta vernixe ??” (Annusa ancora l’aria) “Se tanto me da’ tanto….”

77 – GIEUMU – (Convinto, lo rassicura) “A me pa’ bonn-a….a parte a spussa….” (Rafforza la sua tesi) “A sciuga proprio a-a spedia e in ciu, a l’e’ trasparente, cosci’ a se peu deuvia pe tutti i colori “

78 – SCIUTTO – (Accenna ad un gesto di soddisfazione) “Va ben….poi saccime un po di…..” (Cauto) “Primma de ordinane dell’atra l’e’ megio pensaghe….” (Annusa ancora l’aria: con una smorfia di disgusto) “Arvi un po o barcon, che paimo a-o mercou do pescio de Cavour…!!”

79 – GIEUMU – (Prima di avviarsi ed uscire da destra) “Subeto, scio Scio….”

80 – AMELIA – (A Sciutto, non appena Gieumu e’ uscito) “Signor Sciutto, la signorina Carla ha cercato di lei, passera’ a ritirare gli stemmi per le bomboniere….”

81 – SCIUTTO – (L’interrompe sbuffando) “A me ghe manca le, stamattin…!! (Poi, indagatore) “A l’ha ciu’ saldae quelle fattue…??”

82 – AMELIA – (Scuote la testa) “No…ho gia’ sollcecitato ma cerca sempre delle scuse !!”

83 – SCIUTO – (Quasi ringhiando) “Scia veddia’ che quando a l’arriva a sollecito mi !!” (Si ode il campanello della porta d’ingresso: a tutta voce) “AVANTI….!!” (Poi, ad Amelia, con rassegnazio-

ne ma a voce sempre alta) “O gh’e’ anche scrito in scea porta !!”

84 – CARLA – (Fa’ il suo ingresso dal fondo, scusandosi in modo affettato) “Oh, bongiorno scio Sciuto…..m’ascordo sempre che a porta a l’e’ averta….”

85 – SCIUTTO – (Perentorio) “Specialmente pe chi veggne a paga’ i puffi !!”

86 – CARLA – (Cerca di minimizzare: con un sorriso forzato) “Scia l’e’ o solito burlon, voscia’..!”

87 – SCIUTTO – (Ancora deciso) “Se se tratta de palanche, no scherso mai !!”

88 – AMELIA – (A Carla, quasi a cercare di toglierla d’imbarazzo) “Signorina, gli stemmi sono pronti…” (Indica il pacchetto: poi, rigirando il coltello nella piaga, con un sorriso a tutta bocca) “C’e’ anche la fattura…”

89 – CARLA – (Ad Amelia, glaciale) “Grazie…!!”

90 – AMELIA – (Risponde ad Amelia con un altro sorriso, ,poi, a Sciutto) “Mi vaddo in posta a pa-

ga’ e bollette, scazzan ancheu “

91 – SCIUTTO – (Ad Amelia) “Giusto…!!” (Poi, sempre piu’ feroce, alzando lo sguardo verso l’al-

to) “Bezeugna rispetale….e scadense….!!”

92 – AMELIA – (Si alza con alcune carte in mano ed esce dal fondo) “Arrivederci….!”

93 – CARLA – (Risponde al saluto con un sorriso forzato) “Arrivederci….!!” (Poi, a Sciutto, cer-

cando di sviare l’argomento) “Comme a va’, scio Sciuto….o so zenoggio….??”

94 – SCIUTTO – (Fa’ una smorfia di dolore) “Ancheu o me fa’ ciu maa do solito…” (Allarga le braccia) “Saia’ o tempo….’sta maccaia….” (Poi, inquisitore) “E i so affari comme van…?? Pariei-

va un po’ a rilento….”

95 – CARLA – (S’irrigidisce: con sommo imbarazzo) “Eeee…..sci, ma….comme scia’ fa’ a saveilo

…..!?!?” (Butta li’ un mezzo sorriso) “Scia me leze o pensiero…??”

96 – SCIUTTO – (Deciso) “No, no….lezo i mae conti….” (Fa’ una breve pausa: poi, perentorio) “….e treuvo che gh’e’ tae fattue ancon da salda: scia ne sa’ miga ninte…!?!?”

97 – CARLA – (Contrita) “L’e’ veo….scia l’ha raxion….”

98 – SCIUTTO – (L’interrompe secco) “Ou so’, ma quella a no paga !!”

99 – CARLA – (Cerca una scusante valida) “O l’e’ in momento de crisi di valori…!!” (Comincia a spiegare, scegliendo con cura le parole) “….a-a giorna’ d’ancheu a gente a no se sposa ciu’…!!”

100 – SCIUTTO – (Caustico) “Se i VALORI ….” (Sottolinea la parola alzando il tono della voce) “….son in crisi, e mae fattue son in sofferenza ! Cose scia ne dixe de pagale e no fame ciu’ patiì ??”

101 – CARLA – (Cerca ancora di giustificarsi) “Ghe l’ho za’ dito….a gente a no se sposa ciu com-

me na votta…..e tanto meno in Gexa….!!”

102 – SCIUTTO – (Caustico) “E comme se sposen, pe telefono….!?!?” (Si avvia zoppicando, con una smorfia di dolore in faccia, verso la scrivania) “Scia l’agge pasiensa, ma no capiscio cose gh’intra ‘sto discorso de filosofia con e fattue….”

103 – CARLA – (Lo segue passo dopo passo, continuando a perorare la sua causa) “Se vende me-

no bombonee, ecco…..tutto chi’….” (Fa’ una pausa, poi con aria professionale) “O travaggio o

scarsezza, se goagna de meno, e speize son costanti…..”

104 – SCIUTTO – (Si gira di scatto, interrompendola) “E ghe voeiva tanto a dilo…? Comunque a segge, e fattue van paghe !!”

105 – CARLA – (Con rassegnazione) “E va ben, va ben….doman vegno-o a sardaghe…” (Fa’ spal

lucce) “Cose scia veu, devo treuva’ o moddo de rientra’ da-e speize .”

106 – SCIUTTO – (Si avvicina alla sedia della scrivania) “Scia l’aumente o prexo de bombonee da Battezzo….!!”

107 – CARLA – (Lamentosa) “Pe amoo de Dio….anemmo pezzu…!!” (Comincia a spiegare) “Me-

no maiezzi….meno figgieu” (Perentoria, quasi d’un fiato) “De conseguenza, meno Battezzi !!” (Poi, contrita) “Cose scia veu, o l’e’ in momento…..”

108 – SCIUTTO – (La interrompe) “Ho capio, ho capio…no ricominsemmo a cianze !” (Nel seder-

si gli cede la gamba: si lamenta) “Ahi, o zenoggio…!!”

109 – CARLA – (Si ringalluzzisce: prende la palla al balzo) “Oh, o ghe fa’ sempre maa !?!?” (Assu

me un tono preoccupato) “Ma scia no doveiva ricoverase…??”

110 – SCIUTTO – (Sbuffa irritato) “L’e’ trei meixi che aspeto o posto all’Uspia’…..” (Allarga leg-

germente le braccia) “E poi….con o travaggio….”

111 – CARLA – (Annuisce comprensiva) “Seguo che voscia’….da solo…dovvei pensa’ a tutto…..” (Poi, sorniona) “Se scia’ g’avesse n’agiutto….” (Tossicchia leggermente) “….quarcheddun vixin…

(Si avvicina) “….in to laou….eeeeee…..in ta vitta……”

112 – SCIUTTO – (Resta un attimo interdetto, poi, ironicamente, riprendendo il suo discorso) “E za’, porieiva majame….anche pe daa ‘na man a-a Societae….de bombonee….e agiuta’ a risolve a crisi de….” (Indicando gestualmente i soldi e rimarcando la parola alzando il tono della voce) “….

VALORI…..” (Poi, burbero) “Ma scinn’oua son riuscio a resta’ fantin, e cedde a-e tentazioin…..se fa’ pecou !!”

113 – CARLA – (Abbozza un sorriso. Cerca di aggirare l’ostacolo) “A-a so etae l’e’ un pecou an-

con ciu’ grosso rinunzia’ all’agiuttu de chi….” (Si raschia la gola, nervosa) “….se piggieva cura…

…” (Tossicchia nuovamente, un po’ in imbarazzo) “….de voscia’….” (Fa’ una pausa studiata: ri-

marcando le frasi) “…..da so salute…..da so veggiaia…..”

114 – SCIUTTO – (L’interrompe caustico) “Di mae dinae….!!” (Poi, a muso duro) “Scia Carla, nu attacchemmo con a morale religiosa in sce-i pecoi, perche’…..” (E’ interrotto dal suono del campa-

nello d’ingresso: sbuffa seccato, a tutta voce) “AVANTI….!!!” (Poi, perentorio, rivolto alla platea

“E gente son orbe….: bezeugna mettighe ‘na targa ca creuve tutta a porta !!”

Dopo un attimo, con passo deciso, fa’ il suo ingresso in scena dal fondo la Signorina Conti.

115 – CONTI – (Entra dal fondo: si allarga in un sorriso a tutta bocca) “Bongiorno, scio Sciuto !!”

116 – SCIUTO – (Demoralizzato, si passa stancamente una mano sulla fronte: con un filo di voce)

“Bongiorno”

117 – CONTI – (Nota Carla che la guarda in cagnesco: si irrigidisce, gli si spegne il sorriso. A Sciutto, speranzosa) “Oh…ma scia l’e’ occupou…!! Desturbo !?!?”

118 – SCIUTTO – (Scatta come una molla) “No, no…a scignurinn-a….a stava anando via…!!”

(Abbozza un sorriso feroce in direzione prima dell’una e poi dell’altra: poi, rivolto alla platea) “Al

meno…..un-a pe votta….!!”

119 – CARLA – (Si alza di scatto dalla sedia, quasi rovesciandola, poi, con un sorriso glaciale) “E za’….mi oua devo proprio anda’….” (A Sciutto) “Arrivederci scio Scio e….” (Si allunga leggermen

te verso di lui) “…..me raccomando, scia ghe pense !!”

120 – SCIUTTO – (Trafelato) “A cose….!?!?”

121 – CARLA – (Svenevole) “A-a so salute ….a-a veggiaia !!”

122 – SCIUTTO – (Caustico, a mezza voce) “Ae me’ palanche !!”

123 – CARLA – (Uscendo dal fondo, alla Conti, freddamente) “Bomgiorno, scignorinn-a”

124 – CONTI – (A Carla, con altrettanta freddezza) “Arrivederci.” (Poi, a Sciuto, dispensandogli un altro sorriso a tutta bocca, con aria sorpresa) “Scia l’agge pasiensa se m’intrigo….ma pe vo-

scia’, no l’e’ un po’ fito pe pensa’ a-a veggiaia !?!?”

125 – SCIUTTO – (Con indifferenza) “L’e’ quello che diggo anche mi’….” (Poi, ironico) “Ma paa che a gente a se preoccupe do mae avegni’….” (Allarga le braccia: con un sorriso sarcastico) “A me veu be….!!”

126 – CONTI – (Abbozza) “Me fa’ piaxei de no esse l’unica che….” (Tossicchia leggermente) “…..

ghe sta’ a cheu a so’ salute….” (Poi parte all’attacco) “A propoxito, u so’ zenoggio ?”

127 – SCIUTTO – (Stizzito) “Ta-a chi’ l’atra…dai che ghe semmu…!!” (Alla Conti, quasi ringhian

do) “Sempre pezo….!!”

128 – CONTI – (Contrita) “Oh, me dispiaxe…ma scia no doveiva fase opera’ ??”

129 – SCIUTTO – (Ingrugnito) “Sci’ , doveiva…..aspeto o posto….” (Perde la pazienza: sbotta) “Ma dove semmo, stamatin, in te in rivovero….!?!? No se fa’ atro che parla’ de salute, zenogge scia

pe’ e veggiaia decrepita e solitaria….!!” (La guarda bieco) “Scia l’a’ bezeugnu de quarcosa…??”

130 – CONTI – (In serio imbarazzo) “Ecco sci’…pe quelle fattue in sospeizo…” (Tossicchia legger

mente cercando le parole) “…..veramente son vegnua….”

131 – SCIUTTO – (La interrompe) “A cianze miseia…!!” (Seccatissimo, alzando gli occhi al cielo, sbotta) “Ma che bella giorna-a…!!!”

132 – CONTI – (In serio imbarazzo, prova ad azzardare…) “Scia l’e’ sempre scherzoso, voscia’…!

133 – SCIUTTO – (Brusco) “Ninte afaeto….son inverso comme un paa de baraghe steize…!”

134 – CONTI – (Incassa il colpo. Tossicchia leggermente, poi…) “Ecco….pe dila tutta….” (Fa’ u-

na pausa imbarazzata, poi riprende con grande cautela) “L’e’ che…a ditta che a m’ha ordinou e di

vise da travaggiu…..a me deve ancon paga’ a fornitua….” (Abbozza un sorriso) “O deve esse o mo-

mento….”

135 – SCIUTTO – (Drastico, la interrompe) “De crisi de valori sociali e con tutto che va’ a rotoli…

136 – CONTI – (Interdetta) “Scia ao pensa anche voscia’….!?!?”

137 – SCIUTTO – (Sornione) “No, ma a son de sentimelo di, comminso a creddighe !! (Fa’ una pausa, poi, perentorio) “Comunque, anche se stamattin paimo in te n’Uspia’, mi no son  a Croxe Rossa…..: pe piaxei, paghemmo ‘ste fattue e ciantemmola li’….” (Si alza) “….con i discorsci inutili

138 – CONTI – (Prova timidamente ad insistere) “Scia no porrieva aspeta’ che….”

139 – SCIUTO – (La stronca subito) “Porrieva….ma no posso…!!” (Si alza) “Ho da paga’i dipen-

denti….” (Si muove per uscire da dietro la scrivania e la signorina Conti gli si fa’ incontro con sguardo implorante) “No posso aspeta’ i comodi de tutti !!” (Gli cede il ginocchio: con una smorfia di dolore) “Ahiaa…!!” (Vacilla) “Chi parte tutta a fascellea….!!”

140 – CONTI – (Fa’ per sorreggerlo: quasi si abbracciano) “Oh, sciu Sciuto…!!” (Lo aiuta a se-

dersi) “Scia s’assette….l’aggiutto mi….”

141 – SCIUTTO – (Visibilmente dolorante, si siede) “Cian….ahi…!!” (Sbuffa pesantemente) “Ogni tanto, me piggia de fitte….paa che se streppe tutto…!!”

142 – CONTI – (Preoccupata) “Ma alloa scia l’e’ proprio ma’ acciappou !!”

143 – SCIUTTO – (Piccato) “Grasie…!!! Questu, stamattin, nu me l’avveiva ancon dito nixiun…!”

144 – CONTI – (Si rende conto della gaffe) “Ma intendeiva u so zenoggio, eh…!!” (Poi, sorniona) “Voscia’, scia l’e’ ancon in gamba !!” (Svenevole) “Cosci’ giovanile….de bella presenza….”

145 – SCIUTTO – (Si rabbuia) “Ahi, ghe risemmo !!”

146 – CONTI – (Allarmata) “N’atra fita a-o zenoggio !?!?”

147 – SCIUTTO – (Drastico) “No, da n’atra parte…: stavo pensando dove scia veu arriva’ !!”

148 – CONTI – (Nuovamente in imbarazzo) “Beh…voeivo di’….l’e’ strano che n’ommo comme vo

scia’…..” (Fa’ una pausa, si schiarisce la voce) “….ecco….o no l’agge idea de majase….”

149 – SCIUTTO – (Sarcastico) “Tombola…!! Fisse cosci’ facile indovina’ i numeri do lotto, saieva miliardario….!!!”

150 – CONTI – (Un po’ risentita) “Scia no-o digghe !! Con a so attivitae cosci’ fiorente, scia n’av-

via’ za’ ammuggiou tante palanche….” (A voce piu’ bassa, come rifflettendo tra se’) “Ghe vorriae...

ciutosto….quarcheddun che….”

151 – SCIUTTO – (L’interrompe deciso) “Me desse ‘na man a “amministrale”…veo ??” (Con tono piu’ pacato) “Scia vedde….l’e’ proprio pe quello che no me majo…!! No orriae che pe amministra-

li ben, a mogge’ a pensesse solo a spendile, e palanche…” (Si sistema con fatica sulla sedia) “E poi, a mae famiggia a l’e questa ditta…..” (Indica intorno con la mano tesa) “I mae dipendenti me veua

ben….”

152 – CONTI – (L’interrompe accondiscendente) “Oh, sci…questu l’e’ vea…!!” (Annusa l’aria) “E se ghe vedde….” (Annusa ancora) “Ghe preparan anche o pranzo….” (Pensa un attimo) “Ancheu l’e’ venerdi’….” (Torna ad annusare l’aria) “Stochefisce….!!!” (S’illumina. Interrogativa

“Boggio o accomodou ??”

153 – SCIUTTO – (Con una smorfia di disgusto) “Misso a bagno in te l’egoa raxia….”

154 – CONTI – (Trasalisce) “Cosee….!?!?”

155 – SCIUTTO – (Seccato) “O no l’e’ stocche, al’e’ a pittua pe-e targhe !!”

156 – CONTI – (Incassa il colpo) “Ah….!” (Si riprende: cerca di girare il gioco in suo favore) “A propoxito de travaggio…..”

157 – SCIUTTO – (Non si fa’ intenerire) “Ecco….a propoxito: scia e paga o no e fattue ??”

158 – CONTI – (Non demorde) “Voeivo di’….staggo aspetando n’ordine pe ‘na grossa fornitua…...

scia no porrieva dame tempo ancon ‘na settimann-a ?”

159 – SCIUTTO – (Interessato) “In te quell’ordine, gh’intrieiva anche mi ?”

160 – CONTI – (Con ovvieta’) “Pe forza….avvio’ bezeugno de duemillasinquesento stemmi pe-e di

vise da lou….ciu’ sinquemilla targhette numerae, e foscia….”

161 – SCIUTTO – (L’interrompe convinto) “Uhh…!! Va ben, alloa….ancon na settemann-a aspeto

….” (Categorico) “…..ma doppo, con o sardo, veuggio l’ordine !!”

162 – CONTI – (Raggiante) “Scia stagghe tranquillo, scio Scio….!!” (Poi, ruffiana) “Mi no savvie-

va proprio comme fa’ senza voscia’….!!”

163 – SCIUTTO – (Sobbalza sulla sedia) “Ahi….turna…!!!”

164 – CONTI – (Svenevole) “Scia l’ha za’ capio….!?!?”

165 – SCIUTTO – (Drastico, con una smorfia di dolore) “Fin-a troppo…! A l’e’ na fita !!”

166 – CONTI – (Melensa) “A-o cheu…..!?!?!?”

167 – SCIUTTO – (Esasperato: a tutta voce, indicandolo con entrambi le mani) “A-o ZENOGGIO

….!!!”

In quel momento, dal fondo, rifa’ il suo ingresso in scena Amelia.

168 – AMELIA – (Entra dal fondo con in mano delle lettere, vede la Conti, la saluta) “Oh, signori-

na Conti…..buongiorno !”

169 – CONTI – (Fredda, quasi seccata dal suo arrivo) “Buongiorno.” (Poi, a Sciutto) “Mi’ oua de-

vo anda’….poi ghe faio’ savvei quarcosa….” (Sdolcinata) “Me raccomando, scia se cure, scio Scio!

170 – SCIUTTO – (Sbrigativo) “Sens’atro….arrivederci.”

171 – CONTI – (Garrula, uscendo dal fondo) “Arrivederci….!!!”

172 – AMELIA – (Con un’espressione di stupore) “Arrivederci….!!!”

173 – SCIUTTO – (Velenoso) “Arrivederci, sci….ma con l’ordine e u sardo de fattue…!!!” (Sbuffa pesantemente, si risistema alla scrivania) “Che mattina’…!!!” (Comincia a mugugnare fra se’) “Quelle due zitelle pan faete con o stampo !!” (S’infervora) “Anche pe paga’ e fattue !!”

174 – AMELIA – (Ridacchia sotto i baffi: seriosa) “Eh….seguu che n’ommo ancon giovanile com-

me voscia’…..” (Fa’ una breve pausa: senza guardarlo, continuando a scartabellare) “…..fantin…

175 – SCIUTTO – (Scatta sulla seggiola come morsa da una tarantola: interrompendola brusca-

mente) “Se scia nu veu esse licenzia’ in tronco, scia cange discorso !!”

176 – AMELIA – (Ride con garbo) “Sciu, Sciuto, stavo scherzando…..”

177 – SCIUTTO – (Ingrugnito) “Mi no…!!” (Piu’ pacato, allungando una mano verso la sua scri-

vania) “Scia me fasse in poo vedde quello’ordine pe-o Trabucco !”

178 – AMELIA – (Abbozza un sorriso) “Subito…” (Prende dei fogli, si alza, glieli porge) “Gh’e an

che a posta…”

179 – SCIUTTO – (Prende i fogli e li controlla, mentre Amelia torna alla sua scrivania. Perentorio

) “Alle’, due fattue….tanto pe resta’ in argomento…” (S’interrompe: annusa l’aria: stizzito) “Ma senti che spussa…..!!!” (A tutta voce, allungandosi sulla scrivania e guardando verso l’uscita di de-

stra) “Gieumu….!!!”

180 – GIEUMU – (Da fuori scena) “Arrivo subito !!” (Entra dopo qualche istante con un pennello in mano, provocando un sussulto con espressione nauseata di Amelia alla scrivania: a Sciutto) “Scia digghe…!!”

181 – SCIUTTO – (Portandosi una mano al naso per il fetore proveniente dal pennello, con impeto

“Ti l’hae averto u barcon ??”

182 – GIEUMU – (Con naturalezza) “Sci’, ma poi l’ho turna serrou !!”

183 – SCIUTTO – (Con meraviglia) “Perche’…!?!?”

184 – GIEUMU – (Allarga all’indietro il braccio con cui regge il pennello, provocando un altro sussulto da parte di Amelia che salta all’indietro sulla sedia e si porta una mano davanti alla fac-

cia, dando poi il via ad una serie di gesti altamente eloquenti) “L’e’ sciortio a Scia Tumbin….”

185 – SCIUTTO – (Con rassegnazione, lo corregge) “Tubin….che Tumbin….!!!!”

186 – GIEUMU – (Confermando con ampi cenni del capo) “Sci, sci….a padronn-a da profumeria de fronte….e a te m’ha ciantou ‘na guaera che no diggo….”

187 – SCIUTTO – (Si accascia sulla sedia: esasperato, con un sospiro) “Cose a veu anche le…!?!?

188 – GIEUMU – (Con enfasi, comincia a spiegare) “A m’ha dito se a-a mae etae no ghe l’ho ver-

gheugna a zeuga’ ancun cun e fialette spussolenti de Carleva’…..” (Allarga leggermente le braccia)

“G’ho spiegou che a l’e’ a vernixe e tanto che rientrava in buttega l’e’ arrivou ‘na scignoa con a fac

cia pittua’ comme n’Indian e pinn-a de feraglie adossu comme sa fuise sciortia d’an ferramenta e tut

ta scandalizza’ a te g’ha dito se oua vendan anche l’essennza de stochefisce….” (Con un sorriso abbozzato, facendo segno di si’ con il capo) “Alloa o pensou che l’ea megio serra’ o barcon….” (Fa

una pausa, poi, convinto) “Ho feto ben, veo….!?!?”

189 – SCIUTTO – (Taglia corto) “Sci, sci….” (Con un’espressione di sommo disgusto) “….ma oua arvilo torna, sedonca va’ a fini’ che caccio anche e bele….!!!”

190 – GIEUMU – (Uscendo da destra) “Va ben, va ben….sens’atro….”

191 – SCIUTTO – (Rifiata qualche istante, poi, ad Amelia) “Scignorinn-a….’ste fattue se peuan pa-

ga’.” (Imperativo) “Me raccomando, scia l’aspete all’urtimo….son a trenta giorni…!”

192 – AMELIA – (Cercando di riprendersi dall’aggressione chimica) “D’accordo….” (Tossisce convulsamente: stentata, con voce roca) “Comme a-o solito.”

Squilla il telefono: Sciutto, che si e’ messo nel frattempo a controllare alcune carte, alza il capo ver

so Amelia che tenta disperatamente di controllare la tosse convulsa per rispondere: vede che non ci riesce e risponde lui.

193 – SCIUTTO – (Risponde al telefono) “Pronto, ditta Sciutto….” (Con un sorriso) “Oh, bongior-

no, sciu Mego…!!” (Breve pausa) “Comme a va..?? Eh, o zenoggio o me fa’ sempre ma’….” (Pusa

“Sci….me piggia de fitte…..o posto a l’Uspia…??” (Rassegnato) “No m’han ciu’ dito ninte…” (In-

terdetto) “Ah….dovviae esse question de poco tempo….?? Speremmo…!!!” (Poi, professionale) “Scia me digghe….scia me digghe pure….!” (Ancora interdetto) “Ah…..a targa a doveiva esse bleu

con a scrita ou…?? Cosci’ a no ghe piaxe….??” (Tranquillizante) “Ma pe caitee…a rifemmo…!!”

(Sobbalza sulla sedia) “Comme…..!?!? Me paa imposcibile….!!!” (Incredulo) “Ma…scia l’e’ seguo…..!?!?” (Accondiscendente) “Sci….u so’ che scia sa’ leze…..” (Impreca fra se’) “Asidente a quello pastisson….!!” (Indica il laboratorio: poi, al suo interlocutore, con fervore) “Noooo…..no dixeivo a voscia’…..!!!” (Pausa: non capisce) “Pastissee….!?!?” (Realizza: con ansia) “Noooo…...

mi dixeiva pastisson o mae operaio…!! U so’ ben che voscia’ scia l’e’ n’ortopedico de primma…..”

(Pausa, poi, un po’ ruffiano) “L’e’ pe quello che me son misso in cura da voscia’….” (Pausa: rassi-

curante) “Sci, sci….sens’atro…” (Poi, quasi mellifluo) “Scia l’agge tanta pasiensa, mi…..no so’

comme scusame…..no l’e’ mai sucessu…..” (Ancora rassicurante) “Scia l’amie, mando subito a re-

tia’ a targa….a-a rifemmo….scia l’agge ancon tanta pasiensa, sciu mego….” (Pausa: sgrana gli oc-

chi, poi, preoccupato) “Comme saieiva a di’ se vedemmo a l’Uspia’…..!?!?” (Fa’ gli scongiuri. Si rilassa) “Ah, pe l’operasion….!!” (Riprende fiato) “Oua no ghe pensavo….va ben….scia me scuse ancon, scio mego….arrivederci…!!” (Sbatte la cornetta con rabbia, poi, verso il laboratorio, a tut-

ta voce) “MAXO….!!!!! Tocco de n’aze…!!!” (Rifiata un istante, poi, con quanta voce ha in corpo) “MAAAXOOOOOO………..!!!!!!! Mi te metto in te n’a straa, animale…!!!”

194 – MAXO – (Serafico, entrando da destra) “Cose succede ?”

195 – SCIUTTO – (Imbestialito) “Che te licensio….e sensa preaviso…!!! Ti m’hae rovinnou…..” (Si alza di scatto: gli cede il ginocchio brutalmente) “Ahi….!! Che fita….!!!” (Si accascia poggian-

do le mani sulla scrivania) “Chi se streppa tuttu….!!!” (Commenta preoccupato: poi, scivolando su

se stesso) “Ahi…ahi….bruttu seppu…!!”

196 – MAXO – (Si avvicina alla scrivania, lo sorregge) “Scia s’asette….” (Lo aiuta a sedersi) “e scia se calme, da-o restu, u ghe fa’ ancun ciu’ maa…!!”

197 – SCIUTTO – (Si siede: schiumando rabbia) “Che me calme….u dixe…!!” (Fa’ un movimento brusco, altra fitta) “Ahi….che doo…!!” (Furibondo, a Maxo) “Ti me rovinn-i emi’ dovviae calma-

me….” (Altra fitta lancinante) “Ahia…!!! Sacrabando….!!”

198 – MAXO – (Interdetto) “Ma cose gh’e’….!?!?”

199 – SCIUTTO – (trattenendosi a stento e mostrando una calma che non ha) “Dimme im poo….a targa pe o mego….chi l’ha feta…??”

200 – MAXO – (Con sconcertante ovvieta’) Mi….e chi senno’….!?!? Perche’…..??”

201 – SCIUTTO – (Urla rabbioso) “PERCHE’ A L’E’ SBAGLIA’….!!!!”

202 – MAXO – (Con una flemma piu’ sconcertante di prima) “E va ben…a se rifa’…!!” (Poi, quasi a riprenderlo) “No me paa u caxo de sciatase tanto !!”

203 – SCIUTTO – (Furibondo) “Uuugll…no so cose l’e’ che me tegne e man….!!” (Fa’ per alzarsi e la gamba cede ancora) “Ahia….che maa…..!!!” (Crolla sulla sedia imprecando e tenendosi il gi- nocchio) “Ma brutta de na miseia….!!” (Si riprende: poi, sotto lo sguardo apprensivo di Amelia che si e’ avvicinata a sua volta) “Ti o sae che o mego o l’e’ superstizioso…???”

204 – MAXO – (Col massimo candore) “No….ma cose gh’intra con a targa…??”

205 – SCIUTTO – (Furibondo) “Gh’intra…..e tanto !!” (Poi, agitando le mani come un forsennato) “A doveiva esse belu, e ti l’’hae faeta neigra !!”

206 – MAXO – (Con ovvieta’) “Con a scrita ou a sta’ ciu’ ben…!!”

207 – SCIUTTO – (Sempre imbestialito) “Sci’, pecou che son i meximi colori de targhe de Pompe Funebri….e le o l’ha averto u pachetto anch’eu…..” (Con quanta voce ha in corpo) “VENERDI’ DI

SETTE…….!!!!!!!”

208 – MAXO – (Non realizza: fa’ spallucce) “Tutto chi….!?!?”

209 – SCIUTTO – (Sull’orlo di un tracollo) “Magari….!!!! Le u se ciamma Vaccarezza….” (Fa’ una pausa) “….Dottor VACCAREZZA….!” (Sottolinea alzando il tono della voce e scandendo le parole con calma: poi, concitato) “E ti…..” (Agitandogli ancora le mani contro) “Ti ghee scritu

Vaccamorta…..!!!!” (Piu’ pacato) “U l’e’ appreuvo a tocca’ tuttu quellu cu treuva…..!!!”

210 – MAXO – (Lo guarda un attimo, fa’ spallucce) “No capiscio dove o l’e’ o problema….”

211 – SCIUTTO – (Ancora schiumante rabbia) “Uhghl….o no capisce….!!” (Agitandosi convulsa-

mente sulla sedia) “O mego o l’ha piggio’ pe in scherzo…e o problema o l’e’ che o me deve mette i feri adosso, in to zenoggio….e te garantiscio che mi te metto e man adosso a ti’ se o no m’aggiusta ben ‘sto trabiccolo !!” (Si alza di scatto indicando il ginocchio: la gamba gli cede e lui crolla sedu-

to con Amelia che cerca inutilmente di sorreggerlo) “Ahia….ma brutta….!!!!”

In quel momento, squilla il telefono.

212 – AMELIA – (Allunga una mano e risponde al volo) “Pronto….!!!” (Con una smorfia di soffe-

renza) “Si’….ho capito….un attimo…..abbia pazienza….glielo passo….” (Allungandogli la cornet-

ta con un’espressione sofferta) “Scio Scio, a l’e’ a scia Tubin…..” (Sospira rassegnata) “….a pro-

fummea…”

213 – SCIUTTO – (Quasi ringhiando) “E cosa veu…!?!?!” (Agguanta la cornetta con rabbia) “Sci,              

pronto…..” (Riesce appena a sillabare) “Sci….no….se tratta de….ma no….e l’e’….” (Con impeto, schiumando rabbia) “Scia me fa’ parlaa, che me ghe manca vuscia’ con a seu spussa….!!!” (Si cor-

regge) “Ma no, voscia’ scia no spussa…!! O so ca ne veggne de chi’ a spussa….va ben ma…..ma no…l’e’ che……” (Posa la cornetta sulla scrivania, all’ingiu’: gli occhi pallati, l’espressione di chi sta’ per avere un tracollo. Guardando davanti a se’) “Amia un po’ sa te lascia parla’…!!” (Ag-

guanta nuovamente la cornetta, furioso, scandendo le parole, con quanta voce ha in corpo) “SCI’, SCIA MANDE L’IGIENE….I VIGILI….I CARABINEE…..MAGARI O PAPPA….” (Pausa bre-

vissima con sorriso di soddisfazione rivolto ad Amelia che lo sta’ guardando preoccupata, poi, tut-

to d’un fiato) “…..BASTA CA NO M’ANGOSCE CIU’…..!!!!” (Sbatte la cornetta con rabbia: ad Amelia che lo guarda fra lo stupito ed il divertito) “Poi dixen de majase….se tutte e donne fissen cumme questa…..” (Indica l’uscita dal fondo) “….e quelle atre due, i ommi saievan tutti fantin…!!”

Squilla nuovamente il telefono.

214 – SCIUTTO – (Sobbalza) “Turna….!?!?” (Ad Amelia) “Scia risponde voscia’….no ghe son pe nixiun….!!”

215 – AMELIA – (Risponde al telefono) “Pronto, ditta Sciutto….Prego…!?!? Ah….glielo passo su-

bito….!” (Rivolta a Sciutto, allungandogli la cornetta) “Scio Scio, o l’e’ l’Uspia’….!!!”

216 – SCIUTTO – (Incredulo) “L’Uspia’….!?!?” (Agguanta la cornetta) “Pronto….si’…Siro Sciut

to….il Dottor Vaccamort…” (Si corregge al  volo) “Vaccarezza, mi scusi….si’….e’ per il posto….”

(Fra se’, a mezza voce) “Te-o li’ che o me l’ha za’ feta paga’ !!” (Torna al suo interlocutore) “Co-

me..!?!? Lunedi’ mattina alle ore sette…??? Se va bene….!?!? Ma ci vengo di corsa….!!” (Sempre fra se’, avoce piu’ alta, indicando verso il ginocchio) “Se fa’ pe dii, s’intende….” (Ancora al suo in

terlocutore) “Grazie, si….Grazie, arrivederci….!!” (Posa la cornetta: ad Amelia) “Gh’e’ u postu….

Lunedi’…..” (Sospira) “L’ea oua…..!!!”

Fa’ per aggiungere qualcosa ma e’ interrotto dalla scia Tubin che urla da fuori scena

217 – TUBINO – (Da fuori scena, sul fondo) “O voei serra’ o nu, stu barcon…!?!?”

218 – GIEUMU – (Da fuori scena, a destra) “O scio Scio o l’ha dito de lascialo averto…!!”

219 – TUBINO – (Furibonda, sempre da fuori) “O serei o barcon , o ve fasso serra’ buttega…!!” (A tutta voce, allontanandosi) “Ve mando l’igiene, ve fasso causa…!!”

220 – SCIUTTO – (Segue tutta la diatriba spostando lo sguardo dal fondo a destra a secondo di chi parla, poi scatta come una molla) “Oua a scistemo mi’, quella gallin-a spennaggia !!” (Gli cede il ginocchio: rimane in piedi, appoggiandosi alla scrivania e piegandosi sulla gamba malata) “Ahia….ahia….!!! Porca seppa neigra….!!!”

221 – MAXO – (Con la solita imperturbabile ovvieta’) “Saia’ meggio che primma, scia se fasse sci

stema’ u zenoggio!!”

222 – SCIUTTO – (Sconsolato, annuisce a gesti) “Sci, Maxo, stavotta tie raxion….Anche perche’ ancheu….tra fattue da scheuve….richieste de matrimomiu….targhe sbaglie’ e spussa de stochefisce

…..” (Si e’ alzato in piedi per tenere il conto sulle dita di una mano) “….a cosa ciu’ bella che m’e’ riuscio, l’e’ che, finalmente…..” (Spalanca le braccia crollando sulla sedia) “….VADDO ALL’U-

SPIA’…..!!!!!!!!”

                                            -  S  I  P  A  R  I   O  -


                                                           SECONDO ATTO

La scena e’ rimasta praticamente invariata, tuttavia alcuni particolari danno l’idea che e’ passato del tempo: Amelia si e’ trasferita alla scrivania del principale, portando con se’ la calcolatrice, i ve

stiti dei protagonisti sono leggermente piu’ pesanti, da qualche parte puo’ apparire un cesto o un vaso con un frutto o dei fiori tipici di meta’ autunno.

Il sipario si apre con Amelia che, alla scrivania del principale, sta’ parlando al telefono.

1 – AMELIA – (sta’ parlando al telefono) “Stemmo faxendo o poscibbile, scio Trabucco…..n’an consegnou du materiale in ritardo e….” (Socchiude gli occhi, alzandoli vagamente al cielo) “Capi-

scio ma…” (E’ interrotta: riprova a far valere le proprie ragioni) “Scia l’ha raxion, ma….” (Agrot-

ta leggermente la fronte) “Pe a setteman-a proxima….?” (Fa’ una brevissima pausa) “Penso de sci’

…..va ben, d’accordo…” (Altra pausa) “O scio Scio..?? L’operasion a l’e’ andaeta ben, ma o repig-

gio o va’ pe-e lunghe….” (Altra pausa) “No, no…ninte de grave….solo che, ghe veu o so tempo…”

(Sorride salutando l’interlocutore) “Grasie, sciu Trabucco, presentio’ sens’atro….arrivederci….” (Posa la cornetta: sbuffa pesantemente) “Mamma mia, che stanca servelli….!!!”

2 – MARIO – (Entra da destra) “Quei due….” (Indica dietro di se’ verso il laboratorio) “…non so- no ancora tornati….quante ghe veu…..!?!?” (Si avvicina scuotendo la testa alla scrivania) “Chissa’ perche’ o Maxo o l’ha deciso de monta’ l’insegna do bar….no l’emmo mai fetu….!!”

3 – AMELIA – (Fa’ spallucce) “Adesso che non c’e’ il padrone, puo’ fare di testa sua…”

4 – MARIO – (Seccato) “Oriae savei cose o g’ha in te quella testa……da serreuja !!”

5 – AMELIA – (Scuote ancora la testa: controllando la posta) “Speriamo che il Signor Sciutto non lo venga a sapere, senno’….” (Si blocca) “Oh, e’ arrivato il verbale dell’igiene….” (Apre la busta, scorre il foglio: sobbalza) “O muee caa….!!” (Allunga il foglio a Mario) “Dieci milioni di multa…! E chi glielo dice al signor Siro….!?!?”

6 – MARIO – (Trafelato, afferra il foglio) “Dieci milioni….!?!?” (Lo scorre) “Roba da matti…!!” (Preoccupatissimo, ripassando il foglio ad Amelia) “O me licenzia….!!!” (Muove qualche passo in tondo per la scena) “Ghe l’ho faeta cata’mi’ quella pittua spusulente…..”

Da fuori, sul fondo, si sentono le voci di Maxo e della Tubino che stanno rientrando

7 – MAXO – (Da fuori, con aria scocciata) “Ghe l’ho za’ ditu, scia Tubin, scia l’ha raxiun….”

8 – TUBINO – (Cerca ci spiegare le sue ragioni) “Scia capisce che mi’ perdu i clienti….” (Entra se

guita da Maxo: con un sorriso piu’ pacificante possibile) “Bongiorno !!”

9 – AMELIA – (Secca) “Buongiorno !”

10 – MARIO – (Molto seccato) “Atro che bongiorno….bonn-a neutte !!” (Afferra il verbale sulla scrivania e glielo agita sotto il naso) “Son rovinnou…..!!!”

11 – MAXO – (Candidamente) “Perche’…!?!?”

12 – MARIO – (Con enfasi) “Appreuvo a-a pittua…..l’e’ arrivou u verbale…..”

13 – MAXO – (Sogghigna gaudente) “A te sta’ ben !” (Poi, indicando Mario e Amelia) “Voei fa’ e cose neuve…..moderne….” (S’incammina verso l’uscita di destra) “Puah, ‘sti zuveni….” (Gia’ fuo-

ri scena) “….veuan insegna’ a noa’ ai pesci !”

14 – MARIO – (Verso destra, con astio) “No….a ragna’ ai axi….!!!”

15 – TUBINO – (Sorpresa per la scena, un po’ preoccupata) “Gh’e’ quarcosa che no va ?”

16 – AMELIA – (Dura) “Quarcosa….!?!? L’e’ arrivou o verbale dell’ Igiene…” (Ironica) “Scia ne sa’ ninte, voscia’ ?”

17 – TUBINO – (Imbarazzata) “Ecco…mi….mi ea vegnua a dive che me dispiaxe….” (Fa’ una pausa, poi, rivolgendosi ad entrambi, sinceramente dispiaciuta) “G’ho ripensou, ecco…..in fondo o scio Scio o l’e’ n’amigo…..” (Guarda prima Amelia e poi Mario cercando un segno di rabbonimen

to che non trova) “E anche viatri…..” (Fa’ una breve pausa, poi, mogia) “Me dispiaxe…..!!”

18 – MARIO – (Sbuffa seccato, poi,perentorio) “Scia l’agge pasiensa ma do so’ dispiaxei, me ne fasso un baffo…!! (Allarga le braccia) “Quando torna o scio Scio, mi perdo o travaggio.!!”

19 – MAXO – (Esce da destra con un cacciavite in mano e l’insegna in vetro del bar in spalla: sar-

castico) “Ti porriae sempre anda’ a fa’ o rappresentante in ta ditta ca vende quella spussolenza….”

20 – MARIO – (Si volta verso di lui: rabbioso) “Maxo, o cacciavie pe regolate e reuette do servello o no te serve….a to testa a l’e’ veua !!”

21 – MAXO – (Si ferma: minaccioso) “A te va’ ben che o Gieumu o l’e’ in scia sca’ che o m’aspeta, da-o resto te-e daggo mi e reuette….!!” (Poi, perentorio) “Ma a no finisce chi’…!!” (Muo

ve per uscire, si ferma nuovamente, si gira e, prima di uscire) “I travaggi bezeugna fali con o servel

lo, attro che novitae….!!!”

22 – TUBINO – (Ad Amelia, ridendo sotto i baffi) “Son proprio can e gatto quelli dui…”

23 – AMELIA – (Agra, di rimando) “E ghe mancava ‘na vorpe pe fali asbria’ !!”

Da fuori suul fondo, si sente rumore di vetri infranti. Sobbalzano tutti: Amelia scatta in piedi, Ma-

rio e la Tubino si girano di scatto, avvicinandosi poi lentamente all’uscita. In quel momente, dal fondo, rientra Maxo con un pezzo di vetro dell’insegna in mano.

24 – MAXO – (Rientra dal fondo, imbufalito) “Oua che o scio Scio o no gh’e’, n’apruffitei con e

vostre novitae…” (A Mario, guardandolo malissimo e indicando verso il fondo) “Se peu savei chi l’a’ misso l’ataccapanni in te l’angolo…???” (Con foga, agitando le braccia) “S’e’ rotto o veddro de l’insegna do bar….oua me tocchia catalo neu e pagamelo de stacca….!!!”

25 – AMELIA – (Stavolta e’ lei a sghignazzare) “Veramente o gh’e’ sempre steto…!!!”

26 – MAXO – (Toccato) “Ah…!! (Poi, perentorio, uscendo dal fondo) “Aloa o l’andava spostou..!”

27 – MARIO – (Perfido, inseguendolo con la voce fuori scena) “Maxo, cosa l’e’ questa novitae che e insegne e montemmo noatri…!?!?” (Poi, a tutta voce, senza nascondere soddisfazione) “I travaggi van faeti con o servello, attro che novitae….!!!”

28 – TUBINO – (Interviene cercando di mettere pace) “Aggei pazienza….capi’ ben che quella spus

sa a me fa’ perde a clientela…” (Si sente guardata in cagnesco da Mario e Amelia) “….l’e’ na que-

stion de immagine…..” (Prova ancora a spiegare: poi, sentendo ancora ostilita’ nei suoi confronti) “Semmo sempre steti in boin rapporti chi, tra buttegae….a-o Gieumu ghe l’avveivo dito de tegni’ o

barcon serrou, ma le….o continuava a arvilo e…..”

29 – MARIO – (L’interrompe secco) “Scia Tubin, resta o faeto che MI….” (Si indica concitato, al-

zando il tono della voce) “….perdo o travaggio !!”

30 – TUBINO – (Allarga le braccia: non sa’ cosa dire) “Me dispiaxe….” (Seriamente dispiaciuta) “….se o saveivo, no ciamavo l’igiene….!!” (Prova a porre rimedio) “Veddio’ se posso rietia’ a de-

nunzia…..” (Poi, quasi supplichevole) “Pero’ viatri no arvi’ ciu’ quello barcon, pe piaxei !!”

31 – GIEUMU – (Entra dal fondo) “Oh, scia Trumbuin, bongiorno !”

32 – TUBINO – (Stizzita) “Tubin, prego….!!!”

33 – GIEUMU – (Con noncuranza) “Ah, za’….no me o ricordo mai o so nomme….” (Poi, con un sorriso) “Scia l’ha visto che o barcon o l’e’ serou…!?!?”

34 – TUBINO – (Un po’ risentita con lui per via del nome sempre sbagliato) “Sci’, o visto…” (Pe-

rentoria) “E pe piaxei, scia no l’arve ciu’ !!”

35 – GIEUMU – (Beffardo) “Perche’, scia l’ha puia che o nostro –prufummo- o ghe porte via i clien

ti….!?!?”

36 – TUBIN – (Acida) “No, ho puia co m’asfissie anche mi ! I clienti o se l’e’ za’ portee via d’an tocco….” (Ad Amelia, piu’ pacata) “L’e’ meggio che vadde, che me deve ariva’ in corriere…” (Muove per uscire dal fondo, si ferma: ancora ad Amelia) “O scio Scio, comme o sta’ ??”

37 – AMELIA – (Fa’ spallucce) “Ben, pe oua….” (Poi, ingrugnita) “Bezoria’ vedde quando o savvia’ da murta….”

38 – TUBINO – (Taglia corto) “Scia me-o salute, se scia o sente.”

39 – VOCE DA FUORI – (Da fuori, sul fondo) “Scia Tubi, scia gh’e’ ??” (Ilare) “Ho portou due scatoe de essenza de stocchefisce…!!!” (Scoppia in una fragorosa rista)

40 – TUBINO – (Stizzita, ai suoi interlocutori) “Ecco, veddei…..!?!? Anche i camionisti me piggia

in gio….” (Piccatissima, avviandosi per uscire dal fondo) “Arrivederci !!”

41 – GIEUMU – (Con gentilezza) “Arrivederci, scia Turchin.”

42 – TUBINO – (Si volta di scatto: sbavando fiele) “Tubin, pe piaxei…!!” (Uscendo dal fondo a

passo svelto) “Tubin…..Tubin….!!!”

43 – MARIO – (Si avvicina alla scrivania, prende il verbale e ricomincia a leggerlo: sconsolato) “Ghe –dispiaxe- a quell’atra….” (Poi, con rabbia, ributtandolo sulla scrivania) “Assidente a quan-

do me vegnuo l’idea da pittua neuva !!”

44 – GIEUMU – (Si preoccupa) “Ma….cose succede…!?!?”

45 – MARIO – (Allarga le braccia: desolato) “L’e’ arrivou u verbale dell’Igiene…..dexe milioni de multa….o padron, o me licenzia !!”

46 – AMELIA – (Cerca di consolarlo) “Dai Mario, non e’ colpa tua se la pittura puzza”

47 – GIEUMU- (Esclama, indicando inavvertitamente Amelia) “Brutta lengoa de savatta che a no l’e’ atro !!”

48 – AMELIA – (Offesa) “Come…!?!?”

49 – GIEUMU – (Si premura di spiegare: con aria di scusa) “No voscia’, scignorinn-a….!! Diggo da scia Tollin !”

50 – MARIO – (Imitandola) “Tubin, prego….Tubin !!” (A Gieumu, con rassegnazione) “Ti l’hae an

con accapio quello nomme, Gieumu !?!?”

51 – GIEUMU – (Rassegnato) “No me-o ricordo mai….” (Pensa un attimo) “Oua che ghe son: ho capio a-a primma…!!”

52 – AMELIA – (Tra se’, con diffidenza) “A me paa strana…..”

53 – GIEUMU – (Prosegue nel suo ragionamento) “L’atra votta, quando a boiava comme in can ar-

raggiou, a dixeiva che a g’ha de conoscenze…..amia in po che bello regallo che a n’ha faeto !!”

54 – AMELIA – (Supplichevole) “Gieumu, me raccomando: scia no l’arve ciu’ o barcon, da-o resto chi’ andemmo in galea !!”

55 – GIEUMU – (La rassicura) “Va ben, va ben….” (Uscendo da destra) “Oua vaddo a fini’ quelle targhette pe o Trabucco.”

56 – MARIO – (Incuriosito) “E o Maxo…!?!?”

57 – GIEUMU – (Fa’ spallucce) “O l’e’ aneto a paga’ o veddro de l’insegna: ne tuccou catalo neu.” (Poi, fra se’, ad alta voce, uscendo da destra) “Ammia in po’ quella stria da scia Torin….”

58 – AMELIA – (Lo corregge) “Tubin….” (Fra se’, scuotendo la testa) “Tanto l’e’ inutile…!”

59 – MARIO – (Si avvia anch’egli uscendo a destra) “Vado anch’io. Devo preparare il disegno per gli stemmi della signorina Conti.”

60 – AMELIA – (Cercando sulla scrivania) “A propoxito, dove o l’e’ finio l’ordine…??” (Scarta-

bellando fra le carte) “A l’e’ angosciosa , ma a ne da’ tanto travaggio….bezeugna trattala ben…!!”

(Squilla il telefono) “Ditta Sciutto, buongiorno….si’, dica pure….certo, vuole vedere qualche cam-

pione ?…..Va bene, venga pure….!! Arrivederci !!” (Si sente il campanello d’ingresso: meccanica-

mente) “Avanti…!!”

61 – CARLA – (Entra dal fondo: con un largo sorriso) “Buongiorno !!”

62 – AMELIA – (Ricambia il sorriso) “Buongiorno signorina Carla, come va !?!?”

63 – CARLA – (Si stpisce di vederla alla scrivania di Sciutto) “Bene grazie….” (Si avvicina alla scrivania: sorniona) “Alloa, cumme se travaggia, senza o padron ?”

64 – AMELIA – (Sorride nuovamente) “Megio…gh’e’ quarche rattaella de meno….”

65 – CARLA – (Con un sospiro) “Eh, za’….o l’ha proprio in bello caratterin….” (Passeggia lenta-

mente fino a centro scena, poi, con aria vagamente sognante, sotto gli occhi divertiti e increduli di Amelia) “Ma in fondo….u l’e’ in  brav’ommo….!!!” (Si riavvicina alla scrivania) “Son staeta a treu

valu a l’uspia’ all’indoman de l’operazion…..” (Si fa’ seria) “O paiva matto…!! O m’ha dito de tut-

to comme an can…..” (Ormai di fronte ad Amelia, con un sorriso forzato e con aria di chi vuol con-

vincere piu’ se’ stessa che gli altri) “Ma son segua che l’e’ corpa dell’anestesia….!! S’aresta rim-

bambii pr dui’ o trei giorni….” (Poi, con aria di assoluta convinzione) “Sci’, sci’….a l’e corpa da dormia…!!”

66 – AMELIA – (Tossicchia leggermente: sibillina) “O de fattue !?!?”

67 – CARLA – (Si blocca un momento: poi, leggermente in imbarazzo) “A dii a veitae….o parlava proprio de quelle….e de matrimoni….che bezoriae ese matti pe majase….” (Ha ripreso a passeggia

re lentamente: parla con lo sguardo leggermente puntato verso l’alto, quasi a sfuggire gli occhi di Amelia. Ancora in imbarazzo) “Specialmente con mi’….” (Si gira di scatto verso Amelia: con un sorriso tutt’altro che convincente) “Ma a l’e’ corpa de l’anestesia, son segua che o no pensa miga !!

68 – AMELIA – (Tra se’, a mezza voce) “Mi no’….!” (Poi, a Carla, ostentando un sorriso profes-

sionale) “Posso faa quarcosa pe voscia’….!?!?”

69 – CARLA – (Richiamata alla realta’, si riavvicina alla scrivania) “Ah, sci’…!! Voeivo savvei se l’e’ pronto o materiale. Devo consegna’ e bombonnee e ho in po’ premua….” (Sorniona) “O l’e’ in maiezzo altolocato….devo fa’ bella figua, scia capisce….”

70 -. AMELIA – (Si alza) “Domando subitu….” (Allungandosi verso l’uscita di destra) “Mario !!”

71 – MARIO – (Da fuori a destra) “Arrivo !!” (Entra dopo un attimo. Vede Carla) “Oh, bongiorno

!”

72 – CARLA – (Rivolta a Mario, ancora sorridente) “Bongiorno!!” (Guarda un attimo sia lui che Amelia, poi, rivolta a quest’ultima) “Ma scia l’ammie in po’ che bello zuvenotto…e anche voscia..!

(La indica lasciando intendere di apprezzarne la bellezza: poi, sorniona) “E tutti dui liberi….!!” (Parte alla carica) “Con a crisi che gh’e’, voiatri no ei mai pensou de sposave ??” (Si illumina) “Pe e bombonee …..ghe saieiva mi’ !!”

73 – MARIO – (Trasalisce, mentre Amelia assume un’espressione trafelata) “Noiatri….!?!? Majase

…..” (Indica se’ stesso e Amelia piu’ di una volta) “…..insemme….!?!?!?”

74 – CARLA – (Con garrula ovvieta’) “Ma anche ognun pe conto so…” (Allarga leggermente le braccia) “…..cosci’ a fornitua a saieva doppia…!!”

75 – AMELIA – (Imbarazzatissima, non sa’ dove guardare: a Mario che e’ rimasto di sale con la bocca mezza aperta) “Mario, o l’e’ pronto o materiale pe a scignorinn-a ??”

76 – MARIO – (Ci mette qualche attimo a riaversi) “Eh…sci….comme….!?!?” (Si scuote) “No o so’….doveiva preparalo o Maxo…..” (Uscendo da destra) “Vaddo a vedde…..”

77 – CARLA – (Prova a insistere nel suo discorso) “E sci…l’e’ proprio in peccou che dui belli zu-

veni comme voiatri seggen sensa …..” (Fa’ una pausa studiata) “Comme se dixe…?? L’anima ge-

mella !!”

78 – AMELIA – (Con tono abbastanza seccato) “Scignorrin-a Carla, visto che pe e bombonee gh’e’ o momento de crisi, scia no vorria’ miga mette sciu’ n’agenzia matrimoniale, spero….!!”

Carla tossicchia leggermente, imbarazzata: vorrebbe replicare ma l’ingresso in scena di Maxo glie

lo impedisce.

79 – MAXO – (Entrando da destra, con tono seccato) “Bongiorno !”

80 – CARLA – (Altrettanto seccata) “Bongiorno”

81 – AMELIA – (Non vede l’ora di togliersela di torno: sbrigativa) “Maxo, o l’e’ pronto o materia-

le pe-a scignorrin-a Carla ?”

82 – MAXO – (Glaciale) “No !”

83 – AMELIA – (Ha ripreso il suo lavoro: distrattamente) Ghe veu tantu a fini’ ?”

84 – MAXO – (Fa’ spallucce) “No ho manco cummensou.”

85 – AMELIA – (Salta sulla sedia) “Cooseee….!?!?!?”

86 – CARLA – (Esterrefatta) “Ma….” (Mormora appena) “….mi ho premua….!!”

87 – MAXO – (Categorico) “No so’ cose faghe.” (Poi, con aria cattedrattica) “Scia vegne chi’ con de novitae e noiatri no semmo attrezzae pe-e so esigenze.” (Sentenzia)  Quelli stemmi no se peuan fa !”

88 – CARLA – (Non capisce) “Scia l’agge pazienza…..” (Cerca di obbiettare) “….me pa’ che o no segge un travaggio diverso da-o solito….gh’e’ steto solo azzunto…”

89 – MAXO – (La interrompe malamente) “Pe piaxei, scia no veggne chi’ a insegna’ a noa’ ai pesci

…!” (Perentorio) “O so’ mi’ comme devo travaggia’ !!” (Poi, con estrema decisione) “Se no se peu

no se peu….e basta…!!”

90 – CARLA – (Non riesce a darsi ragione) “Ma o scio Scio…..” (Insiste) “….o m’aveiva dito che no gh’ea nixiun problema…” (Disperata) “E oua mi’ comme fasso….!?!?” (Prova a insistere) “Scia se mette in po’ in ti mae panni…..”

91 – MAXO – (L’interrompe nuovamente: molto seccato) “No ghe penso manco….staggo benisci-

mo in te mae braghe !!” (Poi, con presunzione) “E poi son affari che no me riguarden….” (La apo-

strofa malamente) “Se no ghe va ben comme se laoua chi, scia se rivolge da n’atra parte e ciantemo

la li’ !!”

92 – CARLA – (Offesa, sotto lo sguardo trafelato di Amelia che, dall’inizio, non fa’ altro che vol-

tarsi verso chi sta’ parlando non trovando la forza di intervenire) “Comme scia se permette de trat-

tame cosci’….!?!?” (Acidissima, con voce stridula) “Se u laou o no se poeiva fa’, dovveivi dimelo su-bito….scia se rende conto che oua mi’ son in ti guai pe corpa so !?!?” (Prende fiato, poi, quasi urlandogli in faccia) “E dovvieisci avvei un po’ ciu’ de riguardo pe chi ve da’ tanto travaggio …!!”

93 – MAXO – (Impassibile) “Quello che devo fa’ o so’ beniscimo !” (Poi, sarcastico) “In quanto a-o travaggio, scia no me fasse rie…!! O san scinn-a a prie de ‘sto caroggio perche’ scia vegne a ordi-

na’ dexe targhette striminzie pe votta !! A va za’ ben che o scio Scio da quell’oegia o no ghe sente...

…..” (Saccente) “….perche’ de votte i –socci- son a rovinn-a de ‘na ditta !!”

94 – AMELIA – (Trova finalmente il coraggio di intervenire) “Maxo, oua basta…!!” (Gli intima al

zandosi) “No sei o padron…!!”

95 – MAXO – (ad Amelia, con supponenza) “Quando ho incommensou a travaggia’ chi drento, voscia’ scia doveiva ancon nasce….” (Poi, impettito) “….e oua che no gh’e’ o padron, mi son….”

96 – CARLA – (Lo interrompe inviperita: a tutta voce) “In gran maducou, ecco cose scia l’e’..!!”

(Rivolta a Maxo e Amelia, schiumante rabbia) “Ma ve zu-u che pe tutto questo, quarcheddun me pa

ghia’ i danni, ve-o garantiscio mi….!!!!” (Si avvia per uscire al centro: si ferma, si volta: fuori di se

“Ma a no finisce chi’ !!” (Esce dal fondo: a tutta voce, da fuori scena) “A no finisce chi….!!!”

97 – GIEUMU – (Attirato dal frastuono, entra da destra) “Cose succede, gh’e’ torna a scia’ Tom-

bin….!?!?” (Allarga le braccia desolato, quasi a giustificarsi) “Oua a spussa a no se sente….!!”

98 – AMELIA – (Stizzita) “No. Oua gh’e’ odu de bruxou…!!”

99 – GIEUMU – (Annusa l’aria) “No me paa….”

100 – AMELIA – (Continua il suo discorso) “E tanto che chi’ va tutto a rottoli….” (Si alza, indica Maxo) “…..appreuvo a-o –padron- …..” (Raccoglie dei fogli) “….mi vaddo in banca….!!” (Si av-

via con passo spedito uscendo dal fondo)

101 – GIEUMU – (La guarda uscire) “Euh, mai permaluza….!!” (Annusa nuovamente l’aria) “Odo de bruxou….!?!?” (A Maxo, desolato, allargando nuovamente le braccia) “Mi no sento ninte….!!!”

(Scuote la testa) “No capiscio….”

102 – MAXO – (Tra se’) “Ti se-e che novite’…!” (Poi, a Maxo) “Ho avuo in scangio de idee con a scignorinn-a Carla….ti sae, pe quelli stemmi adesivi…..”

103 – GIEUMU – (Trasecola: l’interrompe) “A propoxito….bezeugna preparali subito, all’aveiva premua….!!”

104 – MAXO – (Con insofferenza) “A no l’ha ciu’ !!” (Assume la solita aria cattedrattica) “G’ho dito che no se peuan fa’ e che a vadde da n’atra parte, con e so’ novitae !!”

105 – GIEUMU – (Strabuzza gli occhi: quasi sofferente) “Ma….o scio Scio o dixeiva che….”

106 – MAXO – (Categorico, lo interrompe) “Quello che o dixeiva o no conta ! Oua le o no gh’e’ e  noiatri devimo tia’ avantia a baracca !!” (Scrolla le spalle) “O ghe n’avvia’ pe tanto e con i zuveni, bezeugna sta’ attenti” (Fa’ una smorfia spregiativa) “Veuan insegna’ a noa’ ai pesci e no son man-

co boin a levase d’in ti pe’ !!”

107 – GIEUMU – (Prova a replicare) “Ma a scia Carla a l’e’ ‘na cliente de vegia data….!!”(Esitan-

te) “Ti l’hae faeta arragia’ ??” (Fa’ una breve pausa, poi, preoccupato) “Se a perdemmo, o scio Scio o ghe rimette di dinae !!

108 – MAXO – (Perentorio) “O ghe goagna in salute…!! E poi, o no peu veddila manco le, quella

angosciosa in serca de majo !”

109 – GIEUMU – (Poco convinto) “Mah, speremmo ben….” (Preoccupato) “Ti o conosci o padron

…..con quello caratterin….!!”

110 – MAXO – (Lo rassicura) “No sciatate, Gieumu….ghe penso mi !!” (Si guarda attorno) “Ti sae dovve l’e’ o cacciavie ? No-o treuvo ciu !”

111 – GIEUMU – (Fa’ spallucce) “Boh….!!” (Si guarda un attimo attorno: ha un sussulto) “O no saia’ miga arrestou drento l’insegna do bar, eh…!!” (Si avvia uscendo dal fondo) “Saia’ megio che ghe vadde a vedde, da-o resto quando l’assendan sata all’aja tutto o caroggio !!”

112 – MAXO – (Ironico) “Amia de no fulminate…!!” (Poi, tra se’) “Bravo o l’e’ bravo…” (Si av-

via verso il laboratorio: uscendo da destra) “….ma o l’e’ tanto bravo che de votte ho scinn-a puia co segge rimbambio….”

Qualche istante dopo, dal laboratorio, a destra, si sente il rumore di un trapano elettrico o similie.

Un attimo dopo, dal fondo, fa’ il suo ingresso in scena la signora Ferretti: parla in continuazione, molto velocemente, senza mai lasciare agli altri il tempo di farlo.

113 – FERRETTI – (Entra dal fondo, si guarda un attimo in giro) “C’e’ nessuno…!?!?” (Non ottie-

ne risposta: fa’ una smorfia) “Boh…!” (A voce piu’ alta) “C’e’ nessuno….!?!?” (E’ coperta dal ru-

more del trapano: fra se’, a velocita’ impressionante) “Ho sbagliou negosio….questo o l’e’ o stud-

dio de un dentista….” (Sta’ per voltarsi e tornare sui suoi passi: si ferma. Perplessa) “Eppure feua

……gh’e’ scrito targhe, timbri e affini….” (Il rumore cessa: a tutta voce) “C’e’ mica quarcheduno qui….!?!?”

114 – MARIO – (Da fuori scena) “Arrivo subito !!” (Entra da destra) “Buongiorno…!!” (Si avvici-

na) “Scusi, ma con quel rumore non l’ho sentita….” (Con un largo sorriso) “Cosa posso fare per lei

…!?!?”

115 – FERRETTI – (A mitraglia) “Buongiorno….” (Allunga la mano) “….sono la signora Ferretti, piacere….”

116 – MARIO – (Allunga a sua volta la mano con un sorriso) “Pia….” (Lei la ritrae, lasciando Ma

rio, al quale si spegne il sorriso, pietrificato con la mano tesa in avanti, leggermente curvo verso di lei) “….cere…..”

117 – FERRETTI – (Non gli da’ il tempo di riaversi) “Ho’ gia’ parlato per telefono con una signori-

na….e’ una sua collega…??”

118 – MARIO – (Si riprende) “Si…..dica pure….” (Riprende il rumore del trapano: verso il labora

torio) “Ma cose o fa’, quell’atro !?!?”

119 – FERRETTI – (S’illumina) “Ah, ma scia parla zeneize…!! Bene, aloa me spiego subito….” (Parte a mitraglia, sovrastando il rumore del trapano che, cessato un attimo prima, riparte a sua volta) “Mi ho bezeugno de un serto numero de targhette metalliche….dimmo quattrosento….quat-

trosentosinquanta….seisento….foscia mille….un-a ciu’, un-a meno….poi se veddia’….” (Fa’ una breve pausa: s’interrompe il rumore del trapano. Riparte sparata: riparte il trapano) “Grossomod-

do duzze citti pe sette….o foscia trezze e mezo pe sei virgola sinque….citto ciu’, citto meno, s’inten

de….poi se veddia’…” (Altra piccola pausa: cessa il rumore. La battuta successiva e’ sempre acco

pagnata dal trapano) “Voiatri poei fornile ?”

120 – MARIO – (Che fra la valanga di parole della Ferretti ed il rumore del trapano che cessa nel preciso istante in cui lei smette di parlare, sta’ per cadere a terra stordito) “Sci’, pero’ bezeugna…

121 – FERRETTI – (Lo interrompe: il trapano riparte all’unisolo con lei) “Ecco, sci’…bezeugna che vedde in campion, giusto pe avei n’idea….” (Breve pausa: cessa il trapano. Riprende: ricomin-

cia il trapano) “Ciuttosto, pe-a scrita, comme se peu fa’? Scia me digghe, cose l’e’ meggio ? Scia me digghe, scia me digghe in po’….”

122 – MARIO – (Cessa il rumore del trapano: sospira profondamente: tra se’) “Se ghe riescio….!”

(Poi, a lei, a voce alta) “De solito se fa’…..”

123 – FERRETTI – (L’interrompe di nuovo. Riparte a mitraglia: riparte il trapano !) “Ho’ za’ acca

pio che scia l’ha capio quello che veuggio….” (Breve pausa: stop del trapano. Riprende lei, ripren-

de il trapano) “Eh za’, voiatri sei do meste’ e no ve servan tanti discorsci, basta due parolle pe inten

dise subbeto…!!”

124 – MARIO – (Cessa il trapano: gli gira la testa. Si avvia per uscire a destra) “Scia s’acommode

…..” (Cerca di tagliare corto) “….vadoo a pigia’ un campion….”

125 – FERRETTI – (Lo segue riprendendo insieme al trapano) “E pou colore, se porrieiva….”

126 – MARIO – (E’ lui a interromperla a pochi passi dall’uscita: s’interrompe anche il trapano) “Scia s’acommode….” (Ringhia quasi) “….arrivo subito !” (Tra se’, prima di uscire, mentre la sig-

gnora Ferretti torna verso centro scena) “Donde a l’e’ sciortia ‘sta mitragliatrice….!?!?” (A Maxo, da fuori scena) “Maxo, tocco d’aze, trapanite o servello che tanto no ti fee danno….!”

127 – FERRETTI – (Lo guarda uscire, poi riprende a parlare da sola, come se Mario fosse ancora li’) “Grazie, scia l’e’ molto gentile voscia’….” (Si avvicina ad una sedia) “M’assetto voentea….” (E’ messa di sbieco rispetto all’uscita di destra: continua a parlare) “Stamattin ho za’ giou meza Zena e con tutto quello invexendo pe-e stradde….” (Gira la testa guardando verso destra) “…son proprio stanca, no ho manco ciu’ testa a parla’….” (Fa’ una pausa: sbuffa) “Uff, che traffego !! I ce

leri son pin stivae, se fa’ ciu’ fito a anda’ a pe’….” (Si guarda attorno) “Che bella buttega ‘sta chi’..

….e che paxe, che tranquillitae…!!” (Fa’ una smorfia) “Scinn-a troppa…” (Si volta ancora verso destra) “Ma quanto o ghe mette…!?!? Dovve o l’e’ andaeto….!?!?” (Sbuffa ancora: allarga legger-

mente le braccia) “Ghe fuise armeno quarcheddun da fa’ dui descursci, tanto pe passa’ o tempo !!”

In quel momento, da destra, fa’ il suo ingresso in scena Maxo.

128 – MAXO – (Entra da destra, parlando fra se’) “Dovve o saia’ l’ordine do Trabucco ??” (La no

ta) “Buongiorno, scignua….serve qualcosa…!?!?”

129 – FERRETTI – (Si volta verso Maxo) “Oh, grazie…!! Ho za’ parlou con quello zuvenotto cosci

gentile….o l’e’ andaeto a piggia’ di campioin de targhette….” (Fa’ una pausa, lo fissa: di getto) “Voscia’, scia l’e’ o titolare…??”

130 – MAXO – (Sorpreso, gonfia il petto) “Beh, dimmo che momentaneamente….”

131 – FERRETTI – (L’interrompe) “Bene, cosci’ poemo parla’ anche de prexi….” (Fa’ una pausa: Maxo vorrebbe dire qualcosa ma non ne ha il tempo) “Tanto pe parla’ ciaeo, perche’ mi no g’ho gu

aei testa a fa’ tante parolle, comme sconto cose scia fa ?” (Altra breve pausa: Maxo ci riprova ma non riesce a profferire parola) “O dexe pe sento…??” (Maxo fa’ appena in tempo ad abbozzare e lei riparte) “O foscia poemmo arriva’ a-o chinze…??” (Maxo riprova a intervenire ma lei, perento-

ria) “Do vinti no se ne parla manco, veo…??”

132 – MAXO – (Stordito: deglutisce pesantemente strabuzzando gli occhi. Riesce finalmente a dire qualcosa) “Scia me fasse capi’ de cose se tratta, perche’ da-o resto….”

133 – FERRETTI – (Lo sovrasta) “Uuuuuhhh….sci, sci, sci sciii….!!! Scia scuze, scia scuze tanto !

(Allarga leggermente le braccia) “Oua no ghe pensavo, voscia’, scia no sa’ ancon ninte….” (Con ov

vieta’) “Eh, za’…ho parlou con o so’ dipendente….” (Scusandosi) “Cose scia veu, de votte me capi

ta de lasciame trascina’, cominsa’ in descorso con ‘na persun-a e finilo con ‘n’atra….scia m’intende

veo…!?!?”

134 – MAXO – (Annichilito, a lei) “Veramente no !!” (Poi, fra se’) “Oua ne daggo na patta feua de ‘sta sciaccaela!”

135 – FERRETTI – (Respira profondamente) “Ecco….” (Riparte a mitraglia) “Mi ho bezeugno de circa meza miggiaea de targhette, un-a ciu’, un-a meno, poi se veddia’….ciu’ o meno duzze citti pe sei o foscia duzze e mezo pe sette virgola euttu, poi se veddia’…servan pe-a premiazion de ‘na gara

podistica….”

In quel momento, da destra, rientra Mario con in mano alcune targhette.

136 – MARIO – (Entrando da destra) “Ecco i campioin….”

137 – FERRETTI – (Si gira immediatamente verso di lui, puntualizzando) “Oh, no…e demmo a tut

ti, no solo ai campioin, ghe manchiae atro…..a l’e’ na manifestasion amatoriale !!”

138 – MARIO – (Aggrotta la fronte, si avvicina, le porge le targhe) “I campioin de targhe, voeiva di’…”

139 – FERRETTI – (Rilancia l’urlo di prima, provocando uno scossone in Mario) “Uuuuuhhh…… scia scuze…scia scuze tantu…!! Avveivo capio bisce pe baggi…!!” (Indica Maxo) “Stavo dixendo ao so’ padron che femmo ‘na gara….”

140 – MAXO – (Interviene perentorio, interrompendola) “Scignoa, scia perdonn-e se interrompo a corsa in sce e colisse, ma se scia voeise sceglie….” (Gli indica le targhette) “Scia capisce…” (Pe-

rentorio) “….emmo in po’ da fa’ !”

141 – FERRETTI – (Seria) “Giusto !! Tanti descorsci no servan…!!” (Comincia ad osservare le tar

ghette) “Vedemmo un po’….bella questa….pero’ questa a l’e’ ciu’ bella….anche se….no so’ com-

me di’….me piaxeiva un colore….” (Le ha passate tutte) “….un po’ ciu’ in risalto….!!” (Ricomin-

cia a passare le targhette) “Cioe’….” (Si ferma su una) “….questo o va’ ben, ma se o fuise un po’ ciu’ vivo….no so’ comme di’…..ciu’ brillante, ecco !!”

142 – MAXO – (Irritandosi) “Noiatri e femmo tutte cosci’ e se…..”

143 – FERRETTI – (Fa’ spallucce) “Pecou…!! Perche’, scia me capisce, vorriae fa’ bella figua

comme comitato organizzato’…..” (Palesando falsa modestia) “No fasso pe di’, ma mi’ ho…dim-

mo….voxe in capitolo !”

144 – MAXO – (Fra se’) “Ma ti peu capi’…!!!” (Poi, a lei) “Voeiva di che….”

145 – MARIO – (Lo blocca) “Maxo, quelle che emmo faeto con a neuva pittua !?!?” (Rivolto alla Ferretti, prima di uscire da destra) “Scia l’aspete in momento…!!!”

146 – MAXO – (Inseguendo Mario con la voce) “No creddo che vaddan ben, ma piggiòe o stesso…

(Fra se’, con un’espressione di disgusto) “Puah, ‘sti zuveni….con quella spussolenza….!”

147 – FERRETTI – (Interessata) “A l’e’ ‘na novitae !?!?”

148 – MAXO – (Con indifferenza) “No, e targhette son e stesse, ma ghe demmo ‘na man de pittua speciale insimma.”

149 – MARIO – (Rientra da destra con la targhetta) “Scia l’ammie in po’ questa….”

150 – FERRETTI – (La prende, la osserva, si illumina: lancia il suo urlo) “Uuuuuhhhh…..che me-

raviglia….!!! A va’ proprio ben !” (Estrae un foglio dalla borsa) “Ecco, bezoriae riportaghe ‘sto di-

segno e a scrita, se peu fa’ ?”

151 – MAXO – (Guarda il foglio) “Me pa’ de sci’, pero’ o prexo….”

152 – FERRETTI – (L’interrompe ancora: categorica) “Scia no-o digghe manco, ho za’ accapio ao xiou: veu di’ che scia me fa’ o vinti pe sento de sconto, mi’ ne ordino in po’ de ciu’ che tanto peuen vegni’ ben pe n’atranno…” (Si alza, lo fissa) “Alloa, quante l’e’ ??” (Vede Mario titubante, lo solle-

cita) “Scia me digghe, scia me digghe….”

153 – MARIO – (Prende coraggio) “De ‘sta mezua e con ‘sta vernixe….costan euttu mialie l’unn-a za’ con o sconto….”

154 – FERRETTI – (Fa’ ampi segni di assenso con il capo) “O me pa’ un prexo raxionnou, pero’…

155 – MARIO – (Sente che non la sopportera’ oltre: per sfuggire, uscendo da destra) “Mi’ devo ri-

torna’ a-o travaggio, scignoa….scia l’agge pazienza. Arrivederci….!!”

156 – FERRETTI – (Gli dispensa un largo sorriso) “Arrivederci….!!!” (Poi, a Maxo) “Complimen

ti, scia sceglie proprio ben o personale !! Quello zuvenotto o l’e’ in gamba, e che discresion !!” (Ab-

bassa il tono della voce: si fa’ confidenziale) “O se ne va’ pe no interferi’ con a decision in scio pre-

xio, ghe ne fuisse di zuveni cosci’ !!” (Fa’ una brevissima pausa: riprende tono e velocita’) “Ecco, ciuttosto….mi ho parecchia urgenza, poei consegna’ e targhette in te ‘na settemann-a ??”

157 – MAXO – (Spazientito) “No l’e’ poscibbile ! Emmo za’ di atri travaggi in corso e…..”

158 – FERRETTI – (Lo interrompe bruscamente: con sconcertante ovvieta’) “L’immaginavo !! Fan tutti cosci’ pe tia’ sciu’ o prexo.” (Fa’ un gesto d’intesa a Maxo) “No stemmo a fa’ tanti discorsci che mi’ no g’ho testa e tanto, poi, no servan a ninte: se pe voscia’ ghe fuisse….dimmo un premio….

dimmo……millesinquesento franchi a targhetta….” (Fa’ una breve pausa: Maxo la guarda interdet

ta. Fraintende lo sguardo e si affretta a puntualizzare) “Da no fattua, naturalmente…..” (Maxo con-

tinua a guardarla senza capire: seccata e perentoria) “insomma…in neigro…!!” (Maxo si fa’ serio

lei lo incalza) “Alloa se porrieva avveile in te sette giorni ??”

159 – MAXO – (Deglutisce pesantemente) “Ma….ecco….” (Prova a fare un calcolo con la calcola

trice) “….foscia….”

160 – FERRETTI – (Lo stoppa ancora: perentoria) “O l’e’ in milione e dui, citto ciu’, citto meno…

161 – MAXO – (Deglutisce nuovamente, incredulo) “Veddiemo de fa’ o poscibile….ma no so’ se...

162 – FERRETTI – (Gli dispensa un altro largo sorriso) “Se semmo subito inteisi…! De votte ba-

sta poco, veo !?!?” (Gli allunga il foglietto) “Chi’, scia g’ha o disegno….me raccomando, fra na set-

temann-a passo a retiale….!!” (Si avvia per uscire dal fondo) “Arrivederci scio….” (Si ferma, guar-

da la targa sul muro) “Sciuto….!!” (Prima di uscire) “Ecco, bezeugna che me-o ricorde: scio Sciu-

to….!!”

163 – MAXO – (Cerca di fermarla: ancora stranito) “Ma mi’ no son….”

164 – FERRETTI – (Lo blocca immediatamente) “Scia no se sciate…!!” (Torna indietro di due pas

si: a mezza voce) “No-o savia’ nixun de quello piccolo….omaggio….” (Ad alta voce, prma di usci-

re) “Scia se figure se mi parlo !!!”

165 – MAXO – (La guarda uscire trafelato: scuote la testa, cercando di riaversi dallo choc. Poi, tra se’, osservando il foglietto) “Comme se fa’ a dighe de no’ ? Bezoriae riusci’ a parla’ !! Che len-

goa !! A sforna ciu’ parolle le’ che na tipografia….!!!” (Fa’ spallucce: poi, tra se’, pensando ad al-

ta voce) “Pero’…l’e’ a primma votta che un cliente o se aumenta o prexo da solo…..e a differenza...

…..a l’e’ pe mi’ !!”

166 – MARIO – (Entra cauto da destra: si guarda attorno circospetto) “A no gh’e’ ciu’??” (Sorri-

de a Maxo) “Ghe scommetto che ti l’hae scorria…” (Sbotta) “A ghe mancava anche le’, con o so’..

…” (Scimmiottandola) “…citto ciu’…citto meno….a-a angoscia’ chi laoua….!!”

167 – MAXO – (Si inalbera) “Voiatri zuveni no capi’ n’assidente….!!” (Tronfio) “Son riuscio a-a arrembaghe euttocento targhette a ‘na votta e mezo o so’ prexo….impare’ dai vegi a fa’ i affari…!!”

(Si volta verso l’uscita di destra) “A propoxito, bezeugna preparale subito, a l’ha premua…!!”

168 – MARIO – (Obbietta) “Primma gh’e’ da fini’ o laou da scignorinn-a Conti e do scio Trabucco

169 – MAXO – (Con euforia, drastico) “Ninte affaeto ! Cianta li’ tutto e mettite appreuvo a ‘ste tar-

ghette !”

170 – MARIO – (Prova ancora ad obbiettare) “Ma o scio Scio….”

171 – MAXO – (Perentorio) “O no gh’e’, e deciddo mi’ cose bezeugna fa’ pe primmo !!”

172 – AMELIA – (Entra dal fondo, sente la battuta: senza fermarsi, dirigendosi alla scrivania) “Im

para’ un po’ de educazion, pe comensa’ !!” (Spara agra. Poi, voltandosi verso Maxo) “E rispetta’ chi ne da’ do laou !!” (Rincara la dose) “Arrivo oua d’in banca e, doppo avei visto cose gh’e’ in scio conto, no so’ comme fa’ a paga’ e due fattue in te chinze giorni…” (Ironica)  “Seguo che se i clienti se mandan via !!”

173 – MAXO – (Altezzoso) “Stavo pe l’appunto dixendo chi’ a-o Mario che dovviesci impara dai ve

gi a fa’ i affari.” (Gonfia il petto) “Gh’e’ n’ordine de euttosento targhette a neuvemillasin….” (Sta’ per tradirsi: tossicchia leggermente) “Euttomialie l’unn-a !!”

174 – AMELIA – (Spalanca gli occhi) “Dovve o l’e’ ??” (Cerca sulla scrivania) “Ghe veu giusto sinque o sei milioni….”

175 – MAXO – (Beccato in flagrante, tossicchia leggermente) “A scia Ferretti….” (Prova ad ob-

biettare non senza un velo d’imbarazzo) “….a l’ordino solo a voxe.” (Si riprende: categorico) “No ghe serve scrive….” (Fa’ una smorfia di terrore) “Eppoi a l’ha na lengoa che a l’e’ megio de ‘na bi-

ro…a no se scarega mai…!!”

176 – MARIO – (Preoccupato) “A t’ha lasciou armeno n’acconto ?”

177 – MAXO – (Ancora trafelato) “No son manco riusci-o a domandaghelo…!!!” (Si riprende) “Ma no preoccupate….” (Ancora altezzoso) “…mi i so’ fa’ i affari…!” (Ad Amelia) “E voscia’, en-

tro na settemann-a, scia gh’avvia’ i dinae pe paga’ e fattue, scia stagghe tranquilla !!”

Da fuori al centro, si sente la voce di Gieumu che chiacchiera con la signora Tubino.

      

179 – GIEUMU – (Da fuori sul fondo) “Alloa va’ ben cosci’, scia Tumbin….”

180 – TUBINO – (Desolata, anche lei da fuori sul fondo) “Tubin ! Prego….Tubin…!!!”

181 – GIEUMU – (Ancora da fuori) “Ah, za’, no me o ricordo mai, scia l’agge pazienza…!” (Entra dal fondo: rivolto ancora verso l’esterno) “E scia stagghe tranquilla !!” (Si volta, vede i suoi colle-

ghi) “Oh…ghe semmo tutti….bene !!” (Fermandosi a centro scena) “Son riuscio a convinse a scia Torin a retia’ a denunzia….pero’ bezeugna tegni’ o barcon serrou.”

182 – MARIO – (Gli da’ una pacca su una spalla) “Bene, grazie, Gieumu….!!”

183 – MAXO – (Guarda male Gieumu) “Ti l’hae attreuvou o cacciavie ?”

184 – GIEUMU – (Candidamente) “No…!!” (Muove uscendo da destra) “Oua vaddo a sercalo de la’….”

185 – MAXO – (A Mario, muovendo e uscendo anche lui da destra) “Vegni, Mario, che organizem-

mo o laou.”

186 – MARIO – (Lo segue) “Va ben…”

Amelia rimane sola in scena: si guarda intorno, preoccupata, perplessa, dubbiosa, poi……

187 – AMELIA – (E’ alla scrivania: fa’ una smorfia di dubbio) “Mah…chissa’ cose o l’ha combin-

nou quell’atro….” (Guarda perplessa verso destra) “N’ordine verbale….senza acconto….” (Allar-

ga le braccia) “Speremmo de scistema’ tutto primma che arrive o padron…!!” (Sta’ per rimettersi al lavoro ma e’ interrotta dal suono del campanello) “Avanti…!!”

188 – CONTI – (Entra dal fondo, particolarmente pimpante) “Buongiorno !”

189 – AMELIA – (Con un sorriso di circostanza) “Buongiorno, signorina Conti….”

190 – CONTI – (E’ alla scrivania di Amelia) “Voeivo un po’ vedde a che punto o l’e’ o travaggio …..tanto ho portou quell’ordine….scia sa’, quella grossa fornitua….”

191 – AMELIA – (Ricorda benissimo) “Sci, sci…o scio Scio o m’avveiva lasciou n’appunto prim-

ma de ricoverase.”

192 – CONTI – (Prende la palla al balzo: con cautela) “Eeeee…scia me digghe in po….comme o sta’? O se repiggia ben ?”

193 – AMELIA – (Accondiscendente) “Sci’, ma ghe veu o so’ tempo” (Spiega) “Son cose lunghe, con a rieducazion….o deve fa’ ginnastica….”

194 – CONTI – (Apprensiva) “Chissa’ comme o l’e’ arraggiou….con quello carattere….!!” (Poi, pe

rentoria) “E poi l’anestesia a lascia scombussolae pe un po’ de tempo !”

195 – AMELIA – (Tanto per dire) “Speremmo che quando o ritorna o l’agge smaltia.” (Poi tra se’, a mezza voce) “Da-o resto chi scieuppa ‘na guaera….”

196 – CONTI – (Pensosa, quasi fra se’ ma ad alta voce) “E pensa’ che o l’e’ ‘na personn-a cosci’ pe r bene…..”

197 – AMELIA – (A mezza voce, alzando appena gli occhi al cielo) “Oua a l’attacca !!”

198 – CONTI – (Parte nel suo soliloquio) “L’e’ un vero peccou che o l’agge un carattere cosci’….”

(Fa’ una pausa studiata, quasi studiasse le parole) “…..burbero, veo ?” (Senza aspettare la rispo-

sta) “Se scia savesse cose o m’ha dito quando son andeta a treuvalo….de cose da no ripete !!” (Scuo

te leggermente la testa) “Ma l’ea appena ‘na settemann-a che o l’ea staeto operou e ‘l’anestesia, se sa…!!” (Pensierosa) “Me pa’ de avvei capio che o l’ha avuo ‘na richiesta de matrimonio….o paiva ‘na iena…!!” (Soddisfatta) “Se vedde che quella donna a no fa’ pe le’….” (Poi, misurando le parole

“Magara….n’atra….a porrieva faghe cangia’ idea…chissa’…”

199 – AMELIA – (Spazientita) “Scia l’attende n’attimo….” (Si alza e, uscendo da destra)  “Vaddo a vedde se i stemmi son pronti….” (Le indica una sedia) “Scia s’accomode…”

200 – CONTI – (Con smanceria) Grazie…!!” (Si siede, sospira) “Eeehhh….saieiva bello…’sta dit-

ta in societae….me pa’ che laouan anche in armonia….!!”

201 – MAXO – (Imbufalito, da fuori a destra) “Cose scia m’angoscia con i stemmi !! Ho da fa’ de l’atro, mi !!”

202 – AMELIA – (Stupefatta, da fuori a destra) “Gh’e’ a scignorinn-a Conti, cose ghe diggo oua ??

203 – MAXO – (Sempre piu’ scorbutico, da fuori a destra) “Che a peu andasene, tanto o padron o no gh’e’….e chi’ no gh’emmo tempo pe-e so scemmaje !!”

204 – CONTI – (Scatta in piedi inviperita) “Comme o se permette quello villan !?!?” (Si catapulta fuori a destra: a Maxo, a tutta voce) “Scia stagghe attento a comme scia parla, voscia’, perche’ o scio Sciuto…..”

205 – MAXO – (L’interrompe malamente: ringhiando quasi, a tutta voce) “Questa a no l’e’ n’agen-

zia matrimoniale, o l’e’ un magazin e l’e’ –vietato l’ingresso- a-i estranei chi dentro….scia vadde in uffizio….!!!!”

Si sente la voce di Amelia che cerca di calmare entrambi, poi, dal fondo, agitatissima entra in scena la signora Tubino.

206 – TUBINO – (Furibonda, entrando dal fondo) “Alloa me veuan piggia’ in gio !!!” (Urla) “Gh’e’ nixiun chi….!?!? O voei serra’ quello barcon, sci o no ??? Senti che spussa, roba da matti !!

207 – CONTI – (Entra in scena da destra: parlando verso l’uscita) “Ma a no finisce chi ‘sta stoia, veddiemo un po’ cose ne dixe o scio Sciuto !! Spero che scia segge licenziou !! E me paghiei i dan-

ni….!!!!”

208 – AMELIA – (Cercando disperatamente di fermarla) “Scignorinn-a, scia l’aspete…u l’e tutto un malinteso….!!”

Si scontra praticamente con la signora Tubino, ferma a centro scena.

209 – TUBINO – (Ferma a centro scena, le mani sui fianchi: digrignando i denti) “Dovve o l’e’ o Gieumu !?!?

210 – AMELIA – (Distrattamente, indicando verso destra) “De la’…” (La Tubino parte di scatto, uscendo da destra come una furia. Amelia alla Conti, cercando di rabbonirla) “Scia no ghe dagghe a mente ao Maxo, o l’ha in caratteraccio….!! No l’e’ mai successo de fa’ de parolle con i clienti…”

E’ interrotta dallo strepito furibondo della signora Tubino.

211 – TUBINO – (Da fuori a destra, a tutta voce) “Voscia’, scia l’ha ancon capio de tegni’ o bar-

con serrou…..!?!?!?”

212 – GIEUMU – (Da fuori a destra, con voce trafelata) “Ma….scia Trumbuin….”

213 – TUBINO – (Sempre da fuori, lo interrompe malamente strepitando a tutta voce) “Tubin….

Tubin….!!!!! Comme ve-o devo di’ !?!?!?”

Amelia, che stava seguendo trafelata la gazzarra, e’ scossa dal ritorno della signorina Conti.

214 – CONTI – (Schiumante rabbia) “Scia lasce perde….!! Voeivo paga’ e fattue, ma i dinae i ved-

diei quando saia’ pronto o materiale….!!” (Fa’ per uscire dal fondo: si ferma, si gira di scatto. Con voce iraconda) “E se o scio Scio o permette a un so’ lavorante de tratta’ cosci’ i clienti, l’ordine pe quella fornitua o se-o scorda !!”

215 – AMELIA – (Cerca ancora disperatamente di fermarla) “Ma….noiatri semmo ‘na ditta seria e son segua che….”

216 – CONTI – (Furibonda) “Questa a l’e’ a buttega de rattaelle….” (Uscendo dal fondo) “….attro che ditta….!!!”

217 – MARIO – (Entra in scena da destra: trafelato, ad Amelia) “Se peu savei cose succede ancheu

…..!?!?”

Da fuori, a destra, tuona la voce di Maxo.

218 – MAXO – (Da fuori a destra, a tutta voce, alla Tubino) “Scia me ghe manca anche voscia’ con a spussa de stocchefisce !!”

219 – TUBINO – (Da fuori a destra, inviperita) “Oua Basta….!!!” (Irrompe in scena da destra: a Mario e Amelia che la guardano e si guardano straniti, furibonda) “Oua basta! Me piggiae in gio ? E alloa saccei che mi’ g’ho de conoscenze….” (Uscendo dal fondo a passo di carica) “E ve fasso serra’ buttega….!!!!”

220 – MARIO – (Rimane fermo impietrito alcuni secondi: poi, ad Amelia, allargando le braccia sconsolato) “E oua….!?!? Comme i scistememmo ‘sti pacciughi primma che arrive o padron ??” (Scuote la testa, al colmo della desolazione) “O ne manda via tutti….” (Indica a destra con rabbia) “…..apreuvo a quello tonno de la’ co no sa’ noa !!”

221 – AMELIA – (Ha un’espressione sconsolata: poi, tornando alla scrivania, cerca di consolarlo)

“No preoccupate…!! Ghe vorria’ do tempo primma che o ritorne….” (Gli regala un ampio sorriso, poggiando le mani sul pianale della scrivania) “Son cose lunghe, e…..”

E’ interrotta dalla voce di Sciutto proveniente da fuori sul fondo.

222 – SCIUTTO – (Da fuori sul fondo, piu’ burbero del solito) “Maxo, tocco d’aze….!!!! Leva d’in ti pe’ ‘sto remorchio…..!!!!!!”

223 – MARIO – (Sgrana gli occhi: terrorizzato) “O scio Sciuto…..!!!!”

224 – AMELIA – (Resta impietrita: poi, disperata) “Semmo a bagno….!!!!” (Crolla letteralmente sulla sedia, dietro la scrivania).

-S  I  P  A  R  I  O  -

 

 


                                           TERZO ATTO

La scena e’ rimasta praticamente invariata: a testimoniare che e’ passato qualche giorno, qual-

Che piccolo dettaglio nell’abbigliamento e/o pettinatura di Amelia ed il fatto che la calcolatrice e’ ritornata sulla scrivania della segretaria.

Il sipario si riapre che Amelia e’ gia’ in scena, intenta nel suo lavoro.

1 - AMELIA – (E’ seduta alla scrivania, sta’ controllando dei documenti. Fra se’ a mezza voce) “No ghe semmo miga no, chi’…..”

2 – GIEUMU – (Entra da destra: ad Amelia, dopo aver dato una rapida occhiata) “O no gh’e’ an-

con o scio Scio ?”

3 – AMELIA – (Continuando nel suo lavoro) “No, primma de vegni’ in uffizio o va a fa’ ginnastica

….” (Alza la testa verso Gieumu: specifica) “Pe o zenoggio !!”

4 – GIEUMU – (Si ricorda) “Ah, za’…le veo !!…..Voeivo domandaghe na cosa…..” (Fa’ spalluc-

ce) “Va ben….o l’arrivia.” (Si avvicina alla scrivania: preoccupato) “Cose o l’ha dito do verbale de l’igiene ??”

5 – AMELIA – (Si ditoglie dal suo lavoro: rabbuiandosi) “O no sa’ ancon ninte, no n’emmo ancon parlou….” (Fa’ spallucce a sua volta: quasi giustificandosi) “L’e’ solo trei giorni che o l’e’ ritorno-

u……” (In ansia) “E poi….chi ghe-o dixe….!?!?”

6 – GIEUMU – (Respira profondo) “Scia l’aspete ancon in po’….serchio’ de mette in raxion a scia Trumbuin…..”

7 – AMELIA – (Sorride) “Gieumu, scia serche de impara’ quello cognomme, peu d’ase ca s’arrag-

ge in po meno….” (Si allunga leggermente verso di lui) “A se ciamma Tubin, scia se-o ricorde….”

8 – GIEUMU – (Desolato) “Ghe provio’….” (Allarga le braccia) “….ma l’e’ inutile !!” (Rassegna-

to) “Quande a me s’asbria boiando comme un can da guardia, a me manda in to ballon e no capiscio ciu’ ninte…..” (Scuote la testa) “In po’ de caratterin, a porrieva anda’ d’accordo con o padron, a scia Trumbuin…..” (S’accorge dell’errore: tenta di correggersi) “No, no….Tumbin, ecco….Tum-

bin !!

9 – AMELIA – (Scuote la testa sconsolata) “Ghe veu da gran pazienza….” (Rovista sulla scrivania

“No ho manco ammiou a posta…..”

In quel momento, dal fondo, fa’ il suo ingresso in scena Siro Sciutto: zoppica leggermente ed e’ di cattivo umore.

10 – SCIUTTO – (Entra in scena dal fondo: brontola ad alta voce) “Brutton de’n laoua marso !! Comme ghe-o devo di’ a quello bezugo de leva’ a macchina d’in ti pe’…” (Ad Amelia, brusco) “Bongiorno, scignurinn-a.”

11 – AMELIA – (C’e’ abituata: non si scompone. Con un sorriso) “Bongiorno, scio Scio, comme a va’ stamattin ?”

12 – SCIUTTO – (Quasi ringhiando) “Pezo de vei…!!” (Va’ alla scrivania: sacramentando) “Atro che rieducazion….!! Gh’e’ mancou ninte che a strangoesse, a frizo….firzo….” (Ha uno scatto d’ira

“Comme a se ciamma quella li’ che a t’aciappa a gamba, a te-a stroscia comme se a voeise tia’ o col

lo a ‘na gallin-a…..!?!?!?”

13 – AMELIA – (Trattenendo a stento una risata) “Fisioterapista….”

14 – SCIUTTO – (Sedendosi pesantemente) “Ecco…sci’…quella li’ !” (Comincia a scartabellare) “Pe cose m’han, piggiou, pe un bibin sotta Natale….!?!?” (Con un moto di stizza: poi, con un’espre

ssione di disgusto) “Puah….!! Za’, a l’e’ na donna fantinn-a…..anzi, zitella…!!” (Si ferma, guardan

do Amelia) “….e con in pa’ de speroin comme in galletto….!!” (Batte le mani sulla scrivania) “Ami

a un po’ se tanto che t’e’ li’ a fate tortura’, ti devi sentite di’….” (Parlando i falsetto) “Comme mai scia no se sposa….!?!? A-a so’ ete’ !!” (Sempre con stizza) “E tutti quelli descorsci in sce a veggiaia triste e solitaria, tipo scignorinn-e Carla e Conti…..” (Perentorio) “Pe mi, se connoscen e se son pas

se’ a voxe….!!” (Fa’ una breve pausa, tornando al suo lavoro: poi, tassativo) “Oua me mettio’ na targa a-o collo con scrito…..” (Si indica la targa sul petto) “Majeve pure…..” (Indica se’ stesso) “...

….ma no con mi…!!!” (Sbuffa pesantemente, tornando al lavoro) “Uff….!!! Ciantemmola li’, che ancheu ho za’ a lunn-a de traverso…!!!”

15 – AMELIA – (Ha perso il sorriso. Preoccupata, fra se’) “Speremmo ben…!!!” (Timidamente, portandogli delle buste) “Gh’e’ a posta.”

16 – SCIUTTO – (Prende le buste) “A no l’ha ancon averta ??”

17 – AMELIA – (Tornando alla scrivania, leggermente in imbarazzo) “Eeee…no! Stamattin no.”

18 – SCIUTTO – (Cominciando ad aprire le buste) “A propoxito de scignorinn-e, l’han ciu’ pagae e fattue quelle due angosciose in serca de majo ?”

19 – AMELIA – (In piedi accanto alla scrivania, rovistandoci sopra) “A scignorinn-a Carla, sci…..

a scignorinn-a Conti….” (Fa’ una pausa, tossicchia imbarazzata) “….ancon no…”

20 – SCIUTTO – (Sbatte nuovamente le mani sulla scrivania provocandole un sobbalzo) “Brutta de na miseia !” (Sbotta) “Cose a l’aspeta….!?!?” (Poi, con aria indagatrice) “E l’ordine….a l’ha ciu’ mandou….!?!?!?”

21 – AMELIA – (Frugando disperatamente sulla scrivania alla ricerca di qualcosa) “No….” (Im-

barazzata) “peu dase che o segge in ta posta…..” (S’illumina: ha trovato quello che cercava: racco-

glie il documento e si avvicina alla scrivania di Sciutto) “Eeeee….mi’ avviae da anda’ a fa’ un ver-

samento….” (Timidamente, indicando l’uscita sul fondo) “Se posso…..”

22 – SCIUTTO – (Con u cenno della mano) “Scia vadde pure….”

23 – AMELIA – (Infilando di volata l’uscita sul fondo) “Arrivederci !!”

24 – SCIUTTO – (Guardandola uscire) “Arrivederci.” (Con una smorfia, perplesso) “Belleu, che quinta !!” (Continua ad aprire la posta: si ferma, trasalisce) “E questo cose o le’e’…in sollecito ??

(Ancora perplesso) “A no dovveiva paga’ e fattue quell’atra…!?!?” (Fa’ spallucce) “Mah, a ghe sa-

ia’ andaeta oua….” (Si ferma, pensoso) “L’e’ trei giorni che a l’e’ strana, evasiva…..” (Alza la cor-

netta del telefono, compone un numero) “No orriae che m’ascondessan quarcosa, chi dentro…” (At-

tende la risposta dall’altro capo del telefono per qualche attimo) “Sci, pronto…ditta Sciutto….bon-

giorno, scignorinn-a Conti….eh sci’, son ritornou….a mezo servizio….tutto ben, grazie….e voscia’

…?? Bene, son contento….” (Fa’ una pausa un po’ piu’ lunga) “Sci’, pe quell’ordine….” (Altra pa

usa: gli si spegne il sorriso che aveva sulle labbra, trasalisce) “Comme….!?!? Mi’ no so’ ninte…..

ma….alloa…..impara’ l’educazion….!?!?!? No capiscio…..” (Pausa: sacramenta in silenzio, poi,

alla Conti) “No, no, no….no fasso o finto tonto….!!!” (Trattenendosi a stento) “No poriescimo par-

lane de personn-a….?? Pe telefono, scia sa’….” (Sobbalza sulla sedia) “Scia veggne chi….!?!? Gra

zie, scignorinn-a, grazie….!!!” (Sbatte la cornetta: con rabbia) “E cose o l’ha inandiou, quell’atro..

…..!?!?” (Si alza per andare in laboratorio) “E senti che spussa de stochefisce !!!!”

 

Muove verso l’uscita di destra, ma e’ bloccato all’altezza dell’entrata sul fondo dall’ irruzzione in scena della Signora Tubino.

25 – TUBINO – (Fa’ irruzzione in scena dal fondo, per niente tranquilla) “Oua son stuffa, a me pa-

zienza a l’ha un limite !!” (Si trova faccia a faccia con Sciutto: si blocca di colpo) “Oh, scio Sciuto..

….” (Fredda) “….comme va ?”

26 – SCIUTTO – (Glaciale) “Ben…” (Stizzito) “Ma a porriae anda’ megio !”

27 – TUBINO – (Venefica) “Seguo…!! Bastiae un po’ de bon senso…!!” (Infuriata) “E tegni’ o bar

con serou pe no appesta’ tutto o caroggio con ‘sta spussa…!!!”

28 – SCIUTTO – (S’imbestialisce a sua volta) “Eo proprio chi’ che andavo a arvilo, o barcon se o fuise serrou…!!” (Allarga le braccia: platealmente) “Sta in po’ a vedde che in casa me’ no posso fa

quello che veuggio…!!!”

29 – TUBINO – (Sempre piu’ agitata) “Alloa no l’e’ bastou a contravvenzion dell’Igiene !?!?!”

30 – SCIUTTO – (Cade dal quinto piano) “Quae contravvenzion….!?!?”

31 – TUBINO – (Strepitando con rabbia) “Scia no fasse o finto tonto…..”

32 – SCIUTTO – (L’interrompe brusco) “Turna…!!” (Poi, brusco) “Scia Tubin, son za’ abbastanza inverso pe-i faeti mae, e me ghe manca ancon che me daggan do tonto, ancheu….” (Quasi ringhian-

do) “Cose a l’e’ ‘sta stoja da contravvenzion…..!?!?!?”

33 – TUBINO – (Ancora su’ di giri) “A no l’e’ na stoja….” (Poi, maligna) “Scia no l’ha visto o ver

bale…??”

34 – SCIUTTO – (Si calma: si gratta la testa. Indicando la sua scrivania) “Chi no gh’e’ nixiun ver-

bale….” (Si avvicina alla scrivania di Amelia) “….scia o veu capi’ !?” (Rovista sulla scrivania di A

melia: lo trova) “Ma questo….” (Lo legge: trasalisce) “Coooseee….!?!?!?” (Si irrigidisce: quasi non riesce a parlare) “De….de…dexe…milioni …..de multa….!?!?!? E na diffida….!?!?!? Ma mi..

….” (Trafelato. Poi si riprende) “Ma….scia poeiva dimelo….!!!” (Allarga le braccia) “Primma de ciamma’ l’Igiene, avviescimo treuvou ‘na soluzion tra noiatri….!!!”

35 – TUBINO – (Allarga a sua volta le braccia) “Scia no gh’ea , e mi’ o parlou con i so dipendenti.

…..” (Con ovvieta’) “Eo disposta a retia’ a denunzia ma…..” (Annusa l’aria, scuote la testa) “….no l’e’ servio a ninte, me pa’!!” (Perentoria) “A quanto pare fan quello che veuan, chi dentro….” (Rin-

cara la dose) “E anche da rescoso de voscia’….!!”

36 – SCIUTTO – (Sta’ per esplodere: si trattiene) “No….!!!!” (Perentorio) “Chi comando mi, per-

che’ pago….” (Un po’ in imbarazzo) “Quando eo all’Uspia’…..avian feto quello che….ghe paiva megio…..” (Si inalbera) “Ma oua son chi’, e deciddo mi’ !” (Si calma: con tono piu’ pacato) “Com

me g’ho za’ dito, d’oua in poi quella pittua no-a deuviemo ciu’…” (Categorico) “N’ho abasta cosci’

…..garantiscio mi’, scia Trumbuin…..” (Si accorge della gaffe, trasecola) “Eeee…nooo…voeivo di

…..”

37 – TUBINO – (L’interrompe acida) “Tubin…!!!” (Scrolla le spalle: con aria offesa) “Za’, ho pro

prio puia che me pigge’ in gio, chi dentro !!”

38 – SCIUTTO – (Piccato) “Ma ghe manchiae, scia Tubin…!!” (Fermo ma pacato) “In te ‘sto ca-

corrio semmo sempre staeti in boin rapporti, tra buttegae….me dispiaxe che pe n’inconveniente si-

mile se deve fa’ de parolle….”

39 – TUBINO – (Tubino: si rabbonisce: sinceramente rammaricata) “Anche a mi’….” (Decisa) “Ma quelli so lavoranti son proprio dui de comprendonio….!!” (Sbuffa. Poi, abbozzando un palli-

do sorriso) “Va ben, sciu’….dimmo che o verbale o l’ea….” (Fa’ una breve pausa lasciandolo per un momento sul chi vive) “…..’na missa in scena….!!” (Sciutto sbuffa pesantemente come liberato da un grosso peso) “G’ho na conoscenza e voeivo mette in po’ de puia ai so dipendenti…..”

40 – SCIUTTO – (Rinfrancato) “Ancon d’assae…..!!!” (Sospira: accenna anch’egli ad un sorriso) “Gh’e’ mancou ninte che scia me fasse vegni’ un corpo a mi !!”

41 – TUBINO – (Sorride piu’ convinta: bonariamente) “No parlemmone ciu…!! Ma tegni’ o bar-

con serrou, da-o resto o verbale o l’arriva pe davvei !”

42 – SCIUTTO – (La rassicura) “Scia no temme, stoche fisce no ne cheuxiemo ciu’ !!”

43 – TUBINO – (Rinfrancata a sua volta) “Eo segua che tra noiatri se saiescimo capi-i…..” (Si av-

via uscendo dal fondo) “Arrivederci e…..auguri pe-o repiggio….!!”

44 – SCIUTTO – (Sorridendo a tutta bocca) “Grazie, scia Tubin….arrivedderci…!!!” (La guarda u

scire: appena e’ fuori, gli si spegne immediatamente il sorriso) “Ghe manca anche ‘sta chi’ con i so scherxi….da dexe milioni….!!!!” (Sacramenta fra se’: poi, sempre ad alta voce) “E ammia che figua…no m’han dito ninte….!!!!” (Verso il laboratorio, urlando) “GIEUMU….!!!!!!!”

45 – GIEUMU – (Da fuori a destra) “Arrivo !!” (Entra un attimo dopo) “Scia digghe, scio Scio…”

46 – SCIUTTO – (Lo aspetta in piedi a centro scena, con il verbale in una mano e l’altra appoggia

ta ad un fianco) “Ti ne sae ninte de ‘sto verbale ?”

47 – GIEUMU – (Trasalisce: deglutisce pesantemente, poi, imbarazzatissimo) “Ehm….za’….ecco..

…” (Tenta di spiegare) “…..a scia Tumbin a dixe…”

48 – SCIUTTO – (Scatta come una molla) “De tegni’ o barcon serrou, da-o resto me dan na multa de dexe milioni…!!!” (Con calma) “E se dovesse succede….” (Scatta nuovamente) “Sacci che ti-i paghi ti….!!!” (Quasi ringhiando) “Me son spiegou…..!?!?!?”

49 – GIEUMU – (In imbarazzo) “Ou sci’…” (Poi, timidamente) “Veramente o l’e’ o Maxo che…”

50 – SCIUTTO – (L’interrompe secco) “Alloa saian sinque a testa !!”

51 – GIEUMU – (Tenta ancora timidamente di ribattere) “Sci ma….o Mario o l’avveiva suggerio...

52 – SCIUTTO – (Drastico) “No m’importa, arrangiaeve tra voiatri e ricordaeve che quello barcon o deve esse serrou !!” (Lo guarda malissimo) “Va ben….!?!?”

53 – GIEUMU – (Batte prudenzialmente ritirata: uscendo all’indietro da destra) “Va ben, scio Scio….va ben…va ben….”

In quel mentre, dal fondo, fa’ il suo rientro in scena Amelia.

54 – AMELIA – (Fra se’, entrando dal fondo) “Ho faeto fito, stamattin…”

55 – SCIUTTO – (La sente, si gira di scatto, la blocca) “Giusto voscia !” (Con calma apparente) “Scia me digghe in po’….quando mi’ eo a l’Uspia’, scia l’ha sempre controlla’ a posta ?”

56 – AMELIA – (Sorpresa) “Sci’, comme ao solito…” (Comincia a capire: preoccupata) “Gh’e’ quarcosa che no va !?!?”

57 – SCIUTTO – (Impassibile, gli indica il verbale) “Questo cose o l’e’ ??”

58 – AMELIA – (Si sente perduta: fingendo indifferenza) “A za’, o verbale…” (Tossicchia imbaraz

zata) “Ecco….primma de parlane aspetavo…”

59 – SCIUTTO – (Imbufalito, scatta come una molla) “Che ne fessen sara’ buttega, veo…!?!?” (De

cisamente alterato) “L’e’ trei giorni che son ritornou e no ne so’ ninte perche’ a segretaja a no parla

….e fasso na figgua da ciccolate’ con a Tubin !!” (Furibondo) “Roba da matti….!!!! A l’aspeta !!!!

E cose, che a profummea con a stoja da spussa a ne lasce tutti in muande….!?!?!? Scia se ricorde che chi dentro son MI’ che pago e veuggio savei tutto !! E subito…!!!” (Esce da destra: da fuori, su tutte le furie) “Che a ciante’ li’ con ‘sta pittua…..!!!!”

Squilla il telefono: Amelia, trafelata, si dirige alla scrivania e risponde.

60 – AMELIA – (Ancora scombussolata dalla ripassata ricevuta) “Pronto !!” (Assume subito un at-

teggiamento professionale) “Oh, scio Trabucco….sci. o l’e’ ritornou….o sta’ ben….” (Con un’esp-

ressione eloquente) “O l’e’ in gran forma…!!” (Poi, tornando professionale) “Ghe-o ciammo subito, scia l’attende…” (Posa la cornetta, esce da destra: da fuori scena) “Scio Sciuto, gh’e’ o Tra

bucco au telefono….”

61 – SCIUTTO – (Rientra da destra: ancora incarognito, si siede, prende la cornetta) “Pronto…!!”

(Professionalmente cordiale) “Bongiorno…!! Abbastanza ben, grazie….devo fa’ ginnastica….ghe veu o so tempo….pe-a settemann-a proxima ? Pensieva de sci….” (Comincia a sfogliare la posta) “Dovvievan ese quaexi pronte….d’accodo, scio Trabucco….arrivederci !!” (Posa la cornetta e con-

centra la sua attenzione su una busta che ha tenuto in mano) “E cose a l’e’ sta chi ? N’avvocato…!

(Apre la busta trafelato: comincia a leggere, rimane di stucco) “Richiesta danni….!?!? E che danni

….!?!?” (Scorre il foglio) “Mancata fornitura come da accordi verbali….ditta….” (Sobbalza sulla sedia) “Coooseee….!?!? A Scignorinn-a Carla ?? No gh’an deto i stemmi !?!? Sinque milioni de ri-

sarcimento…..!?!?!?” (Con un’espressione stravolta, a tutta voce, verso destra) “Scignorinn-a…!!!

SCIGNORINN-A….!!!!!!”

62 – AMELIA – (Compare da destra: lo vede assorto a leggere, si ferma un attimo, sospira, alza gli occhi al cielo,  si fa’ il segno della croce ed entra) “Scio Sciuto, scia l’ha ciammou ??” (Piu’ ac-

cattivante che puo’) “Scia me digghe !!”

63 – SCIUTTO – (Con un grugnito) “Tutte e votte che piggio un feuggio da ‘sta scrivania, treuvo da paga’ di milioni…..” (Furibondo) “Cose ei combinnou quando no gh’eo, se peu savvei….!?!?!?”

64 – AMELIA – (Esitante) “Pe…perche’, cose gh’e’….!?!?”

65 – SCIUTTO – (Schiumante rabbia) “A scignorinn-a Carla a veu o risarcimento di danni, materia

li e …..” (Con un’espressione terrorizzata) “….MORALI !!!” (Quasi fra se’, piu’ calmo ma per nul

la tranquillo) “No orriae che me tocchesse sposala, pe scistema’ ‘sta faccenda !!” (Ad Amelia, semp

re torvo) “Perche’ no gh’ei deto i stemmi, cose l’e’ successo….!?!?”

66 – AMELIA – (In grave imbarazzo) “Eeeee….ecco….a l’ha avuo….na piccola discusscion con o Maxo, e…….”

67 – SCIUTTO – (La fulmina con lo sguardo, zittendola di colpo) “Ho accapio…!!!” (A tutta voce, verso il laboratorio) “MAXO…..!!!!!!!”

68 – MAXO – (Da fuori) “Arrivo !!” (Entra dopo un attimo da destra) “Cose gh’e’?”

69 – SCIUTTO – (Trattenendosi a stento) “Ti l’hae finio o travaggio pe-a scignorinn-a Carla ?”

70 – MAXO – (Perentorio) “O no se poeiva fa’, no gh’emmo l’attrezzatua adatta.”

71 – SCIUTTO – (Lo guarda di sghimbescio) “E quella macchinetta che emmo accattou dui mexi fa

a cosa serve ??”
72 – MAXO – (Imperturbabile) “Sc’, l’e’ veo….” (Fa’ spallucce) “….ma gh’ea dell’atro da fa’ e g’ho dito che se a l’avveiva premua a se revolgesse da n’atra parte….”

73 – SCIUTTO – (Schizza come una molla) “Coseee…..!?!?” (Esplode) “Ti t’e rimbambio tutt’as-

semme….!?!? O manda via a clientela, st’aze….!!! Ti l’hae ancon capio che chi dentro o padron son mi….!?!?”

74 – MAXO – (Senza smuoversi piu’ di tanto) “Ou so’, ma mi pensavo….”

75 – SCIUTTO – (Lo interrompe: furibondo) “O pensava….o pensava….!!!! Te-o diggo mi’, cose penso !! Se stava ancon un po’ a l’Uspia’, ve mangiavi a ditta, mannega de incapaci !! Oua a veu i danni, e ricordite che ti-i paghi ti’ i sinque milioni !!” (Indica l’uscita di destra, scattando in piedi) “E vanni a laoua, che no gh’emmo tempo da perde…!!!!”

Maxo esce mogio da destra, senza replicare: Sciutto va’ alla sua scrivania sacramentando sotto lo sguardo preoccupato di Amelia che si siede timidamente)

76 – SCIUTTO – (Va’ alla scrivania, si siede, gli cede il ginocchio: con una smorfia di dolore) “Ahi….!!! Che punziggia !!” (Sacramenta ad alta voce) “Brutta de ‘na miseia….o se ghe mette an-

che le’….rieducazion…puah….!!” (Scrive qualcosa su un foglietto: rivolto ad Amelia) “Scignorinn-a, pe paxei….” (Lo porge ad Amelia che nel frattempo si e’ alzata e si e’ avvicinata alla sua scriva-

nia) “….scia me vadde un po’ accatta’ ‘ste pastiglie….” (Si muove male: altra fitta. Con una smor-

fia, portandosi la mano al ginocchio) “….ahi…!!! Me l’ho ascorde’ a casa….”

77 – AMELIA – (Prende il foglio ed esce dal fondo) “Subito…!!”

78 – SCIUTTO – (Sbuffa, sacramenta fra se’, cerca un numero di telefono: ad alta voce, componen

dolo) “Oua comme a scistemo ‘sta rogna…!?!?” (Preoccupato, aspettando la risposta) “Speremmo che a raxionn-e….!!” (Gli rispondono) “Ditta Sciutto….bongiorno, scignorinn-a Carla….sci’, son in buttega….a va’ ben, grazie….ecco…..ho ricevuo a richiesta danni….voeivo dighe…ghe dev’esse steto in malinteizo….” (Butta li’ accomodante: si rabbuia subito) “Ah no…?? O Maxo o l’ha parl-

ou fin troppo ciaeo, eh….ecco….no se porrieva vedde de ….aggiustase tra noiatri dui…!?!?” (Non gli da’ il tempo di rispondere) “Pe a so’ proposta….ecco….gh’avieiva penso’….sci’, pe quello che..

…ecco, no l’e’ dito che….” (Pausa: s’illumina) “Scia veggne chi….!?!? Grazie, scia mefa’ proprio in grosso piaxei….ma scia fasse pure con comodo, eh…!!” (Stupito) “Subito….de corsa…!?!?” (No

sa’ che dire) “Comme….comme scia preferisce….se vedemmo, se vedemmo….arrivederci !” (Posa la cornetta: con un’espressione di meraviglia) “Mah…!! Primma a me domanda i danni, eppoi….a veggne chi de corsa…..” (Trasalisce: terrorizzato) “A no l’avvia’ miga capio che veuggio sposala, eh…..!?!?!?”

Sciutto fa’ spallucce e si rimette al lavoro: passa qualche istante e dal fondo fa’ il suo ingresso in scena la Signora Ferretti.

79 – FERRETTI - (Entra dal fondo, garrula come al solito) “L’e’ permisso ?? Bongiorno !!”

80 – SCIUTTO – (Alza la testa, la guarda diffidente) “Bongiorno.”

81 – FERRETTI – (Avanza fino alla scrivania e comincia a parlare) “In sce-a porta gh’e’ scrito A-

VANTI e alloa mi son entra’….”

82 – SCIUTTO – (Fra se’, quasi a consolarsi) “Almeno questa a sa’ leze !!”

83 – FERRETTI – (Senza interruzioni) “Piaxei….” (Gli tende la mano: Scitto si allunga verso di lei per stringerla, ma lei la ritrae immediatamente) “….son a scia Ferretti….son vegnua a vedde se o

travaggio o procede……Se se poeise anticipa’ de un giorno o dui’ pe mi’ saieva megio….con l’or-

ganizzazion semmo a bon punto….alloa, scia me digghe in po’, giorno ciu’, giorno meno, quando poei consegnale e targhette ?”

84 – SCIUTTO – (Stravolto dal fiume di parole) “Que….quae targhette….???”

85 – FERRETTI – (Con ovvieta’) “Quelle pe-a premiazion, duzze virgola eutto pe sette e mezo, cit-

to ciu’, citto meno….con quello colore cosci’ bello che o risalta !! Ma scia a none sa’ ninte ??” (Non gli da’ il tempo di rispondere) “Ah, za’…avveivo parlou con o titolare, o scio…” (Non ricor-

da il nome, fa’ una pausa per pensarci) “Comme o se ciamma ciu’…!?!?”

86 – SCIUTTO – (Comincia a capire: approfitta della pausa) “Maxo…??”

87 – FERRETTI – (Con un gesto della mano) “De cognomme !!”

88 – SCIUTTO – (Spalanca gli occhi: sibilando) “Sciuto…!?!?”
89 – FERRETTI – (Si illumina: riprende la corsa) “Ecco, sci’…!! Voscia’ , scia l’e’ in lavorante, veo ? Ah, che fortunn-a avvei un padron comme o scio Sciuto, o me pa’ proprio in gamba…se sem-

mo accapii subito, anche in sce-o prexo !!”

90 – SCIUTTO – (Venefico) “Davvei ??”

91 – FERRETTI – (A ruota libera) “Oh sci…!! A di’ a veitae pensavo scinn-a de spende ciu’ tanto..

avveivo za’ sentio de atre ditte,ma, dito tra noiatri, me raccomando scia no ghe digghe ninte, son riu

scia a fame fa’ un prexo strassou !”

92 – SCIUTTO – (Trattenendosi a stento) “Ah sci ? Bene, son contento…” (Quasi ringhiando) “Pe voscia’…!!” (Tra se’, sibilando) “O strangoo, quell’imposto’ !!”

In quel momento, da destra, entra Maxo con una targhetta in mano.

93 – MAXO – (Entra da destra: cerca Amelia) “Scignorinn-a, gh’e’ da….” (Vede la Ferretti: si

blocca. Imbarazzatissimo, tossicchiando) “Bongiorno….ehm….”

94 – FERRETTI – (Vede Maxo e si illumina) “Ecco o scio Sciuto !! Bongiorno, sercavo proprio vo-

scia’…” (Gli si avvicina e parte a raffica) “Stavo dixendo chi’, a-o so operaio, che me son treuva’ proprio ben con voiatri….na ditta seria, efficiente….” (Accenna alla targhetta che Maxo ha in ma-

no) “Ghe scommetto che quella a l’e’ unn-a de mae targhette, veo ?”

95 – MAXO – (Imbarazzatissimo, gliela consegna) “Sci….ecco…voeive dighe…..”

96 – FERRETTI – (Lo interrompe subito) “Che bella !! L’ho dito, sei proprio efficienti: ve faio’ da pubblicitae durante a manifestazion….” (Declama) “Ditta Sciutto, targhe, timbri e un po’ di tutto !!

(Soddisfatta di se’ stessa) “Cosci’ o fa’ anche rimma: bello, veo ? A porriae ese n’idea !!” (Rivolta a Sciutto) “Ciuttosto, se porrieva anticipa’ a consegna de un giorno o dui’ ??”

97 – SCIUTTO – (Alza le mani) “Mi no so ninte…..” (Indica Maxo guardandolo malissimo) “….sci

a o domande a-o titolare !!”

98 – MAXO – (Non sa’ cosa fare: si guarda attorno cercando disperatamente un aiuto che non tro-

va: imbarazzato) “Ehm….faiemo o poscibbile….” (Lancia un’occhiata a Sciutto che lo fulmina con lo sguardo) “Pero’….ecco….emmo un po’ da fa’….”

99 – FERRETTI – (Sorride: con ovvieta’) “L’immaginavo….” (Estrae dalla borsa una busta) “…

cosci’ ho za’ portou quello regallo pe voscia’…..” (La allunga a Maxo che la prende come se fosse incandescente) “….ecco chi !!”

100 – MAXO – (Tiene la busta in mano come se dovesse esplodere da un momento all’altro) “Ma ..

…mi….veramente….ecco….”

101 – FERRETTI – (Imperativa) “Ninte ma !! I accordi son accordi. Scia m’ha faeto un bon prexo e l’e’ giusto che scia l’agge o so’ goagno. Alloa se veddiemo pe-a consegna….arrivederci scio Sciuto

102 – MAXO – (Stentoreo) “A…arrivederci….”

103 – FERRETTI – (A Sciutto, con un largo sorriso) “Arrivederci anche a voscia’, scio….???”

104 – SCIUTTO – (Freddo) “Sciutto…”

105 – FERRETTI – (Sorpresa) “Davei…!?!? Scia l’e’ parente do padron…??”

106 – SCIUTTO – (Glaciale) “No, no…solo un dipendente.” (Con un sorriso gelido) “Arrivederci”

107 – FERRETTI – (Ad alta voce, tra se’, uscendo dal fondo) “Che bella ditta, e che armonia !!”

Sciutto la guarda uscire, poi guarda Maxo che e’ rimasto fermo, davanti a lui, inebetito, con la bu-

sta in mano.

108 – SCIUTTO – (Aspetta che la Ferretti sia fuori, poi si scatena: furibondo, a Maxo) “Te-o li’ perche’ se scoran i  clienti de veggia data….pe fa’ posto a quelli che fan di –regalli- !! Ma tegnili belli streiti quelli dine’ li’….” (Indica la busta) “….perche’ te garantiscio che no te basten pe paga-

me i danni, disgraziou che no t’e atro !!” (Si alza, furioso) “Ecco perche’ neghemmo torna in ta spus

sa de stochefisce….pe accontenta’ a scia –parlantin-a- con e so targhette –citto ciu’, citto meno- !!!”

109 – MAXO – (In ambasce, tenta confusamente di giustificarsi) “Scio Scio, posso spiega’….scia l’agge pazienza….”

110 – SCIUTTO – (Fuori dalla grazia di Dio) “N’ho avua scinn-a troppa….!!!!!” (Urla con quanta voce ha in corpo) “T’e licenziou…..!!!!!”

E’ interrotto da Amelia che rientra dal fondo.

111 – AMELIA – (Rientra dal fondo con una scatoletta in mano) “Scio Sciutto, pastiglie no ghe n’e

a….m’ han daeto e supposte. O farmacista o dixe che l’e’ o stesso….”

112 – SCIUTTO – (Si gira di scatto: furibondo) “Ah sci’, l’e’ o stesso….!?!? Chissa’ se o l’ha mai provou a collane due con mezo gotto de aegoa….!?!?!?” (Impreca a voce alta) “Brutton de’n laoua’ marso, ma ancheu ne veu anda’ unn-a drita !?!?” (A Maxo, con rabbia) “Ancon d’assae che i zuveni veuan insegna’ a noa’ ai pesci….” (Lo indica: rivolto ad Amelia che e’ rimasta ferma immobile, a-

spettando trepidante che si esaurisca la sfuriata) “Ammiaelo, ‘sto vegio rimbambio, comme o cono

sce o travaggio !! O se fa’ frega’ da-a primma che passa, o padron…!!!” (Sempre piu’ alterato) “Pe-

ro’ e buste o l’e’ bon  a piggiale, o disgraziou….!!!!”

113 – MAXO – (Prova disperatamente a giustificarsi) “Scia me lasce spiega’…scia vegne a vedde e targhette….l’emmo faete con do materiale de recupero, o l’e’ n’affare….”

114 – SCIUTTO – (Perentorio) “Sci’, vegno de la’…..” (Spinge Maxo verso l’uscita di destra) “….

…e te convegne treuva’ ‘na spiegazion a tutto, da-o resto te metto in sce-o lastrego….” (Segue Ma-

xo uscendo da destra) “….delinquente….!!!!”

Amelia li guarda uscire, poi si dirige alla sua scrivania: posa la scatola che ha in mano e sospira pesantemente.

115 – AMELIA – (Si siede alla scrivania: preoccupata, alza gli occhi al cielo) “Oua scieuppa a bomba….e speremmo che o no s’accorze dell’insegna da bar…!!!”

116 – MARIO – (Entra da destra: trafelato, ad Amelia) “Ma cose succede, chi…!?!?” (Agitato, indi

cando a destra) “O l’e’ arrivou de la’ comme na furia…ho pensou co se mange o Maxo pe pan…!!”

117 – AMELIA – (Concitata) “O veu licenzialo, apreuvo a quelle targhette da scia Ferretti….!!! O paiva matto….me paì d’avei capio che o Maxo o l’ha piggiou na busta…!!!”

118 – MARIO – (Si illumina) “Ecco perche’ bezeugnava lascia’ perde tutto e fa’ solo e targhette…..

o g’avveiva o so’ tornaconto !!” (Decisamente seccato) “Eppoi o ghe l’ha con i zuveni…!! Saieva megio che o l’imparesse le’ a noa’, quell’aze….!!!”

In quel momento, dal fondo, fa’ il suo ingresso in scena la signorina Conti.

119 – CONTI – (Entra dal fondo, abbastanza sostenuta) “Bongiorno, scignori….sercavo o padro…

120 – MARIO – (Senza neanche salutare, assorto nei suoi pensieri scuri) “O l’e’ occupou….” (Indi

ca a destra) “…..in laboratorio….”

121 – CONTI – (Mostrando insofferenza) “Ghe veu tanto tempo ?? Posso aspeta’ ??”

122 – MARIO – (Agro) “Vaddo a vedde” (Poi, insinuante, dirigendosi verso destra per uscire) “Son seguo che se l’e’ pe voscia’, o l’arriva subito !!” (Uscendo) “A giudica’ dall’aia che tia ‘sti giorni…..”

123 – CONTI – (Sobbalza: ad Amelia, speranzosa) “Davvei…!?!? Che aia tia, quarche novitae in vi

sta……!?!?!?”

124 – AMELIA – (Vaga, riprendendo il suo lavoro) “Un po’ de rivoluzion in to travaggio…”

125 – CONTI – (S’illumina: fra se’) “Ecco perche’ o l’ha telefonou !!” (Poi, ad Amelia) “Eh za’, na

malattia a peu anche cangia’ o carattere de ‘na personn-a.” (Fa’ una breve pausa, poi sentenzia) “Anda’ in te l’Uspia’ o ne fa’ sciorti’, ciu’ bravi, ciu’ dipsonibili con i atri….meno burberi, insom-

ma !!”

E’ interrotta dalle urla a tutto spiano di Sciutto da fuori a destra.

126 – SCIUTTO – (Da fuori a destra, a tutta voce) “Pe ‘sta votta, ben cosci’ e ritegnite fortunou. Ma ricordite che no ti sciorti de chi’ dentro finche’ no tiae finio tutto l’aretrou, compreiso quello da scia parlantinn-a, semmo inteixi…..!?!?”

127 – AMELIA – (Scuote leggermente la testa: tra se’) “Meno burberi,eh….meno male !!”

128 – SCIUTTO – (Sta’ per rientrare da destra: si ferma, si volta verso l’esterno. Sempre molto so-

pra le righe) “I straordinari ti e i scordi: fatte basta’ quelli do regallo…!!” (Si riappresta a rientrare, si ferma nuovamente voltandosi indietro) “Che no se ripette ciu’ ‘na cosa scimile, perche’ mi te ro-

vinn-o….” (Vede la Conti con la coda dell’occhio: rincara la dose) “E no te permette ciu’ de tratta’ cosci’ a scignorinn-a Conti !!!”

129 – CONTI – (Si ringalluzzisce: ad Amelia, soddisfatta) “Cose g’ho dito !?!?”

130 – SCIUTTO – (Entra, si trova di fronte alla Conti: con sussiego) “Bongiorno, scignorinn-a.”

131 – CONTI – (S’illumina) “Oh, bongiorno, scio Sciutto…comme a va ?”

132 – SCIUTTO – (Allarga leggermente le braccia) “Abbastanza ben, grazie !!” (Ad Amelia) “Scia me fasse un piaxei, scia vadde a piggiame quelle che ho lasciou a casa pastiglie….”

133 – AMELIA – (Con un sorriso, si alza) “Sens’altro, scio Sciutto….”

134 – SCIUTTO – (Prosegue nelle indicazioni) “Son i sce-a toua da cuxinn-a…” (Poi, quasi suppli

chevole) “Me raccomando….pastiglie !! Scia no fasse comme o farmacista.”

135 – AMELIA – (Si appresta ad uscire: chiede) “E ciavi de casa ?”

136 – SCIUTTO – (Fa’ un gesto di diniego) “No serva, a quest’oa gh’e’ a donna de puliscie”

137 – AMELIA – (Uscendo dal fondo) “Va be….” (Alla Conti) “Arrivederci !!”

138 – CONTI – (Ad Amelia, senza entusiasmo) “Arrivederci” (A Sciutto, civettuola) “Scia g’ha a fi-

lippinn-a ?”

139 – SCIUTTO – (Con noncuranza) “Oh no, a se ciamma Cattainin e a ne vegne d’in te’n grebano che no me ricordo manco o nomme…” (Si dirige alla scrivania) “Ma ancon pe poco…a no me ser-

via’ ciu’…”

140 – CONTI – (Speranzosa) “Alloa veu di’ che….ehm….scia l’ha cangiou idea, riguardo a-o matri

monio….”

141 – SCIUTTO – (Perentorio) “O pai de no’ !!” (Si ferma: gli balena un’idea) “Anche se….beh…

(Comincia con cautela, quasi misurando le parole) “….all’Uspia’ ho avuo tempo de riflette….de

pensa’ un po’ a mi’….all’avegni’…” (Fa’ una pausa: pensieroso) “Eh za’….da solo…..”

142 – CONTI – (Tra se’ ragggiante) “O savveivo che a l’ea cosci’ !!” (A Sciutto, con bonario rim-

provero) “Pero’, quando son vegnua a treuvalo, scia l’ea arraggiou appreuvo a quella richiesta de matrimonio….de quella scignorinn-a che aveivo incontrou chi’, in buttega….”

143 – SCIUTTO – (Continua la sceneggiata) “Beh, se pe caxo decidesse de majame, avvio’ armeno o diritto de sceglie a mogge’, scia no treuva ?”

144 – CONTI – (Va’ in brodo di giuggiole: decisa) “Giusto…!!” (Poi, con la dovuta prudenza, par-

te alla carica) “Ecco…mi’….son anche appascionna’ pe-i travaggi de casa e….” (Guarda speranzo

sa Sciutto che annuisce fingendo interesse: si rinfranca e prosegue) “….un giorno porrieva anche la

scia’ perde l’attivitae da ditta….e pensa’ a scistemame….”

145 – SCIUTTO – (Tra se’) “Te-o li’ che a l’e bella cheutta !!” (Alla Conti) “Scia l’ha dito ben, sci-

stemase…e queta’, veo ?” (Sospira) “Eeeeh….a un-a serta ete’, l’e’ giusto….” (Fa’ una pausa stu-

diata) “Anche se, voscia’ scia l’e’ ancon zuvena…..ma mi, i mae annetti….”

146 – CONTI – (L’interrompe decisa) “Oh, scia no digghe manco…!!” (Sdolcinata) “Cosci’ giova-

nile….” (Seriosa) “Eppoi, oua che g’han riparou o zenoggio….se peu proprio di’ che….” (Con una risatina vagamente isterica) “….scia l’e’ in gamba….!!”

147- SCIUTTO – (Ride leggermente) “E za’…!” (Sornione, fra se’) “Oua ghe fasso sgancia’ l’ordi-

ne…!!” (Alla Conti, serio) “Ma parlemmo un po’ de travaggio, pe oua….” (Volutamente remissivo)

“Mi no savveivo ninte de quello che l’e’ successo…!! O mae operaio, de votte o se piggia de inizia-

tive che mi’ no condividdo….” (Con aria dispiaciuta) “E me dispiaxe che ghe segge staeto da fa’ de parolle.” (Si fa’ serio) “L’e’ veo che o s’e’ piggiou a libertae de di’ che mi e….voscia’….” (Si schiarisce la gola fingendo imbarazzo) “…..insomma, scia me capisce….??”

148 – CONTI – (Completamente in bambola, con aria sognante e voce fioca) “L’e’ veo…ma no im

porta, scio Sciuto….” (Sospira profondamente) “Da comme scia me parla oua, capiscio che o l’avve

iva raxion, o so’ operaio….” (Fa’ una breve pausa: sempre trasognata) “Se vedde che voscia’ scia l’ha lasciou intende quarcosa anche a-o personale…..” (Sospira ancora profondamente) “Eh….suc-

cede….quando se g’ha o cheu in te reuze, no se sa’ manco ciu’ quello che se fa’….!!!”

149 – SCIUTTO – (Beffardo) “L’e’ veo, no se capisce ciu’ ninte !!” (Poi, serio) “Ma scia stagghe tranquilla, l’ho scistemou, o Maxo…no se ripetia’ mai ciu’ ‘na cosa simile !”

150 – CONTI – (In solluchero) “Eo segua che con voscia’ se saiescimo capii…” (Estrae un foglio dalla borsa) “Ho portou l’ordine pe quella fornitua…..” (Trionfante) “Ecco chi…sinquemilla stem-

mi e sinquemilla targhette: son ciu’ do previsto…” (Accattivante) “Orria di’ che scia me faia’ un po

de sconto….” (Poi, con disarmante ovvieta’) “Ma….no se porrieva dase do ti !?!? Ormai….”

151 – SCIUTTO – (Rivolto alla platea, con un’espressione trafelata) “Eeeeeh….ormai…!!!” (Poi, alla Conti, preoccupato) “Sci, va ben ma…..” (Deglutisce pesantemente, allentandosi il nodo della cravatta) “….foscia no me son spiegou ben….”

152 – CONTI – (Completamente cotta, ormai in visibilio) “Oh no, ho accapio tutto…a-o xiou !!” (Perentoria, alzandosi in piedi) “Basta solitudine…!! Eh, bezeugna proprio di’ che l’Uspia’ o t’ha feto ben: t’e proprio cangiou carattere…!!” (Chinandosi verso di lui) “Passo ciu’ tardi a paga’ e fat-

tue….se vedemmo poi, eh….!!”

153 – SCIUTTO – (Si allenta ulteriormente il nodo della cravatta) “Sci, sci….poi…!!!”

154 – CONTI – (Accomiatandosi) “Alloa….” (Lo bacia su una guancia) “…ciao, Scio….!!!”

155 – SCIUTTO – (Impietrito, sillaba) “Cia…ooo…”

156 – CONTI – (Garrula, uscendo dal fondo) “E me raccomando….fanni a cura che t’han deto, pig

gia e pastiglie….ciao….!!!”

Sciutto la guarda uscire come paralizzato, poi, dopo un attimo, si riprende.

157 – SCIUTTO – (Sbuffa pesantemente, lasciandosi andare sulla sedia: con un filo di voce) “Mue caa…!!!!” (Si riprende: si ricompone, si rassetta la cravatta. Fra se’, ad alta voce) “Saia’ megio che stagghe attento con ‘sta sceneggiata, da-o resto no me-a levo ciu’ d’in ti pe’ !!” (Prende il foglio con l’ordine, lo osserva soddisfatto) “Intanto, l’ordine a l’ha lasciou….e ciu’ tardi a porta e palan-

che….” (Ridacchia soddisfatto) “L’Uspia’ o t’ha feto ben…” (La scimmiotta: ride ancora di gusto)

“M’han ravattou in to zenoggio, miga in te servelle….!!”

158 – MARIO – (Entra dal laboratorio con un foglio in mano) “Scio Sciuto, voeivo faghe vedde ‘sto disegno….”

159 – SCIUTTO – (Tende la mano verso Mario) “Cose o l’e’…??”

160 – MARIO – (Gli porge il foglio) “Un schizzo da allega’ a-o preventivo pe quell’insegna…cose scia ne dixe, o peu anda’ ben ?”

161 – SCIUTTO – (Osserva il foglio: fa’ cenno di si’ col capo) “Me pa’ de sci…a euggio e croxe…

162 – MARIO – (Si avvicina e guarda anch’egli il disegno: poi) “Pensavo che se ghe descimo ‘na man de quella pittua neuva a porriae risalta’ de ciu’, sta cornixe…”

163 – SCIUTTO – (Annuisce) “Sci…” (Poi, dispensandogli un largo sorriso) “T’hae avuo ‘na bonn-a idea a fame accatta’ quella spussolenza….anche e targhette da scia –descorsci- son vegnue proprio ben: bravo !!”

164 – MARIO – (Rinfrancato) “Grazie !”

Squilla il telefono.

165 – SCIUTTO – (Risponde) “Pronto, ditta Sciutto….ah sci, bongiorno !!” (Abbozza un sorriso) “A va’ un po’ megio, grazie….scia digghe…” (Stupito) “L’insegna a no s’assende ciu’? E mi cose ne posso…!?!?” (Pausa: si rabbuia) “Comme – devimo aggiustala….no l’emmo miga missa sciu’ noiatri, ghe machieva ancon…!!!” (Risoluto) “Scia se rivolge a chi l’ha attacca’ in ta muagia…!!”

(Pausa: sobbalza sulla sedia) “En staeti i me’ operai….!?!? E quando…???” (Sacramenta fra se’ in silenzio: poi) “Va ben….scia vedia’ che a qualche moddo l’aggiustiemo….d’accordo, arrivederci !”

(Sbatte la cornetta furioso: a tutta voce) “Maxo…..MAXO….!!!!!!”

Da fuori a destra si sente un colpo sordo e poi un rumore di latte che rotolano.

166 – MAXO – (Da fuori a dstra, sacramentando) “AHIA…!!! Ma porcassa mixeia…!!”

167 – SCIUTTO – (A Maxo che entra da destra, zoppicando e tenendosi una gamba) “E cose gh’e’ ancon….!?!?!?”

168 – MAXO – (Si appoggia alla scrivania di Amelia, massaggiandosi la gamba) “Me son ingam-

bou in te latte de quella pittua e se n’e’ inversou due….” (A Mario, con livore) “T’hae avuo proprio do senso a fa accatta’ quella roba…..puah, i zuveni veuen….”

169 – MARIO – (L’interrompe risentito) “Intanto ti l’hae deuvia’ pe quelle targhette….e me pa’ che t’aggi avuo o to’ goagno !!”

170 – MAXO – (Avanza furioso verso Mario) “Stanni attento a come ti parli, senno’….”

171 – SCIUTTO – (Scatta in piedi furibondo: a Maxo, a denti stretti) “Se gh’e’ un che o deve sta’ attento a quello che o fa’, t’e ti !!! Chi t’ha auturizzou a monta’ l’insegna do bar, quando mi’ no gh’eo….!?!?!?”

172 – MAXO – (Si blocca di colpo: quasi sillabando) “Ma mi’….pensavo….”

173 – SCIUTTO – (Perentorio) “Maxo, fanne a meno….tutte e votte che ti pensi, ti ne fe’ un-a !!!”

(Poi, guardandolo malissimo) “Oua l’insegna a no s’assende e bezeugna riparala…” (A gran voce, quasi ringhiando) “….E TUTTO O TEMPO CHE GHE PERDEMMO, TE L’ADDEBITO !!”

174 – MAXO – (Tenta di scaricare le responsabilita’: con foga) “Veramente o l’e’ o Gieumu che o l’ha attacou i fi’….!”

175 – SCIUTTO – (Verso il laboratorio) “Gieumu….!!!” (Si sente un rumore di latte che rotolano per terra: rimane un attimo interdetto, poi, a gran voce) “GIEUMU…..!!!!”

176 – GIEUMU – (Da fuori a destra) “Arrivo….” (Entra dopo qualche istante) “Me son ingambou in te latte….s’e’ versou tutta l’aegua raxa….gh’e’ za’ a pittua pe taera…..” (Fa’ per ritornare in la-

boratorio) “Bezeugna cacciaghe da serreuia….”

177 – SCIUTTO – (Lo blocca) “Momento….!!!” (Scatta in piedi: perentorio, a Gieumu) “Ti’ vanni subito aggiusta’ l’insegna do bar che a no s’assende….a puli’o pavimento ghe pensa Maxo…” (Lo indica) “De corsa…!!”

178 – GIEUMU – (Si avvia con Maxo verso il laboratorio) “Me piggio dui feri.”

179 – MARIO – (Muove a sua volta uscendo da destra: a Sciutto) “Daggo na man a-o Maxo.”

180 – SCIUTTO – (Li guarda uscire, scuote la testa) “Poi o se lamenta di zuveni, quell’atro…” (Si risiede) “Bezoriae faghela sciorbi’ con a lengoa, a pittua….attro che serreuia !”

181 – GIEUMU – (Transita entrando da destra e uscendo dal fondo: a Sciutto) “Alloa mi vaddo..”

182 – SCIUTTO – (Lo segue con la voce) “Sci….poi me rendiei conto anche de ‘sto pacciugo !!”

(Sbuffa, scrolla nuovamente la testa desolato, ricomincia a controllare i fogli. Fra se’, ad aalta vo- ce) “Vedemmo un po’ se sciorte quarche atro garbuggio, de chi’….” (Li fa’ passare osservandoli con attenzione) “….quarche atro milione da paga !!” (S’interrompe: guarda davanti a se’. Sconsola

to) “Ha faeto ciu’ danni o Maxo che n’invaxion de cavallette !!”

In quel momento, dal fondo, fa’ il suo ingresso in scena la Signorina Carla.

183 – CARLA – (Entra dal fondo: apparentemente risentita) “Bongiorno, scio Sciuto …!”

184 – SCIUTTO – (Piu’ cordiale che puo’) “Oh, scignirinn-a Carla, bongiorno…!!! Grazie de esse vegnua….” (Si alza, gli indica la sedia davanti alla sua scrivania) “Scia s’accomode !!”

185 – CARLA – (Si siede) “Grazie !!” (Aspetta che Sciutto si sia riseduto a sua volta, poi, con aria da circostanza) “Alloa, comme o va’ o zenoggio ?”

186 – SCIUTTO – (Fa’ spallucce) “Mezo e mezo…..ogni tanto sento comme ‘na ponzigia’…mah...

187 – CARLA – (Sempre piuttosto fredda) “Beh, ghe veu o so’ tempo…scia ne fa’ fisioterapia ?”

188 – SCIUTTO – (Con un’espressione di sofferenza) “Oh sci, ma o l’e’ un patimento !”

189 – CARLA – (Sorpresa) “Davvei ??”

190 – SCIUTTO – (Desolato) “No l’e’ pe-a ginnastica….” (S’infervora) “A l’e’ quella scignorinn-a

a fisi….fise….” (Con stizza) “Comme se dixe….!?!?!?”

191 – CARLA – (Con ovvieta’) “Fisioterapista…!!”

192 – SCIUTTO – (Imbufalito) “Proprio quella…!!!” (Grugnisce quasi) “A l’e’ le o patimento !!” (Piu’ pacato) “A continua a fa’ di discorsci strani in sce-o matrimonio e…..” (Assume un’espresio-

ne trafelata) “….a me gh’acresce…!!!” (Si fa’ serio) “Ma parlemmo de cose in po’ ciu’ serie….son dispiaxuo pe quello che l’e’ successo : tra noiatri, no gh’e’ mai staeto da fa’ de parolle e voscia’….”

(Con aria dolente) “….scia me fa’ scrive da n’avvocato !!”

193 – CARLA – (Piu’ malleabile) “A mae buttega a l’ha un nomme de un certo prestigio a Zena…..

no posso fa’ na brutta figua con certe personn-e appreuvo a quello gran maducou do so’ operaio…” (Spiega piuttosto seccata ma con pacatezza: rincara la dose) “E scia l’ammie che o no fa’ manco l’interesse de ‘sta ditta….scia pense che o m’ha dito de rivolgime da n’atra parte…” (Fa’ una pausa

: piccata) “Pe no di’ o resto…!!!”

194 – SCIUTTO – (Allarga le braccia: mortificato) “Mi no so’ comme scusame, scignorinn-a, ma no gh’eo….se posso fa’ quarcosa pe remedia’…..pe quande o ghe serve quello materiale ??”

195 – CARLA – (Rassegnata) “Dopodoman.”

196 – SCIUTTO – (Speranzoso) “Se o fuise pronto doman, scia porrieva pensa’ de retia’ a richiesta danni ?”

197 – CARLA – (Sorpresa) “Beh, in te ‘sto caxo….” (Si rabbonisce) “….creddo proprio de sci’ !” (Non del tutto convinta) “Ma comme fae a preparalo cosci’ fito…!?!?”

198 – SCIUTTO – (Perentorio) “Scia l’ha a me parolla !!” (Indicando verso l’uscita di destra) “O Maxo o faia’ ciu’ oe che o releuio, cosci’ o l’impara !”

199  - CARLA – (Si scioglie) “Scio Sciuto, eo segua che con voscia’ se siescimo inteisi, ma o Maxo o m’avveiva misso na raggia…!!! Scia pense in po’ co s’e’ permisso de di’ che mi me servo in te ‘sto negozio solo perche’….” (Fa’ una pausa, tossicchia imbarazzata) “Scia capisce, veo, i danni morali cose son…??”

200 – SCIUTTO – (Abbozza) “Veramente no…!” (Tra se’) “Oua ghe semmo !!”

201 – CARLA – (Riprende: sempre in imbarazzo) “Pe dila tutta….o l’ha insinuo’ che me servo da ‘sta ditta…..” (Si raschia la gola, tossicchia leggermente: tutto d’un fiato) “…perche’ orriae sposa’ o titolare….”

202 – SCIUTTO – (Fa’ la faccia piu’ meravigliata del mondo) “Davvei…!?!? O l’ha dito cosci’ !?”

(Con un’incredibile faccia tosta) “Ma alloa i danni scia ghe-i domande a le !! A l’e’ na calunnia….”

(La guarda sornione) “….veo ?!?!”

203 – CARLA – (Un po’ avvilita) “Beh…ecco…dimmo de sci’….” (Rassegnata) “Anche perche’ voscia’ scia no ghe sente da quell’oegia….” (Tossicchia leggermente, poi azzarda) “Forse anche perche’….scia no l’ha ancon treuvou a donna giusta….”

204 – SCIUTTO – (Drastico) “Saia’ perche’ no l’ho manco serca’ !!” (Annusa l’aria, scuote la te-

sta: verso destra, a tutta voce) “Maxo !!! E arvi un po’ o barcon….!!!”

205 – MAXO – (Da fuori a destra) “Va ben…”

206 – SCIUTTO – (A Carla) “Scia scuze…han versou due latte de pittua….che spussa !!!” (Ha un attimo di debolezza: sorride, si lascia andare) “In to so’ negozio, invece, se respia profummo…con

fettue….ciccolata….chi’ solo veleni !” (Fa’ spallucce) “De votte me vegne coae de cianta’ li’ tutto..

…ma poi, solo comme un can, cose faieva ??”

207 – (Si rinfranca: speranzosa) “Scia no digghe cosci’, via….i momenti de crisi capitan a tutti…!”

(Lo rincuora: poi parte all’attacco) “Son segua che oua scia l’e’ ancon scombusolou da l’anestesia, ma se scia l’ha bezeugnu de aggiutto….” (Convinta, mettendosi una mano sul petto) “….son chi’ mi

eh…!!!”

208 – SCIUTTO – (Trasalisce: tra se’, mordendosi la lingua) “Cose ho dito…!!!” (Poi a Carla, con un sorriso) “Grazie, scignorinn-a……scia l’ha raxion: l’e’ corpa de l’Uspia !”

209 – CARLA – (Non demorde) “Scia gh’avvieva bezeugno de un po’ de distrazion….” (Lo incalza

“Scia sciorte un po’, scia se svaghe…” (Prova a piazzare la botta decisiva) “Anche mi’ son sola…..

porriescimo veddise quarche votta….coltiva quarche hobby, quarche pascion…..A mi me piaxe an-

da’ a scia’…..” (Tutto d’un fiato) “Voscia’ scia sci-a, scio Scio…!?!?!?”

210 – SCIUTTO – (Sorpreso dalla serie di parole) “Sce…scio….sci…!!!” (Fra se’, rivolto alla pla

tea) “No te se storse mai e lengua….!?!?!?”

211 – CARLA – (Raggiante) “Ooohhh….!!! Scia vedde…?? Emmo za’ na pascion in comune !!”

212 – SCIUTTO – (Tra se’, desolato) “E Oua chi a ferma ciu’ !?!?”

213 – CARLA – (Quasi scegliendo le parole, con falso pudore) “E poi….l’e’ za in po’ che voeivo dighelo. Ecco…..”

214 – SCIUTTO – (Tra se’, disperato) “Aggiutto !!!”

215 – CARLA – (Prosegue imperterrita) “Sci’….noiatri dui….insomma….poriescimo….”

216 – SCIUTTO – (Trafelato, con un filo di voce) “Cose….??”

217 – CARLA – (Garrula) “Forma’ na ditta unica…..fonde o capitale….”

218 – SCIUTTO – (Si riprende) “A l’e’ ancon adaeta ben !!”

219 – CARLA – (Speranzosa) “Cose scia ne dixe, a no l’e’ na bella idea ??”

220 – SCIUTTO – (Colto di sorpresa, non sa’ che dire) “Sci’…foscia….ma oua no savviae cose di’

221 – CARLA – (Seria) “Giusto !! Scia ghe pense ben, con calma….” (Poi, con ovvieta’) “Ma no porriescimo dase do ti’, se conoscemmo da na vitta !!

222 – SCIUTTO – (Trasalisce: fra se’) “Turna !?!?” (Poi a Carla, ostentando naturalezza) “Ma sci

sens’atro….!” (Ancora tra se’, con la stessa espressione) “Tanto….un-a ciu’, un-a meno…..”

Un attimo dopo, dal fondo fa’ il suo ingresso in scena Amelia.

223 – AMELIA – (Entra, vede Carla) “Bongiorno.”

224 – CARLA – (Stranamente piu’ cordiale del solito) “Bongiorno !!”

225 – AMELIA – (Resta un attimo interdetta dalla cordialita’ di Carla: scuote lievemente la testa, poi, a Sciutto) “Scio Sciuto, ho attreuvou solo ‘ste gosse….”

226 – SCIUTTO – (Spazientito) “Scia l’ha ancon accapio che ho da piggia’ de pastiglie !?!? Quelle gosse …..” (Indica lo scatolino che ha in mano Amelia) “….son pe-a cocoritta, me l’ha za’ faete col

la’ ‘na votta a serva pe sbaglio…..” (E’ interrotto dallo squillo del telefono: ad Amelia, burbero) “Scia risponde !!”

227 – AMELIA – (Fa’ spallucce, va’ alla scrivania, risponde) “Pronto, ditta Sciutto….buongiorno dottore…..glielo passo subito !” (Rivolta a Sciutto) “O l’e’ o mego….”

228 – SCIUTTO – (Alza il ricevitore) “Pronto…..oh, dottor Vaccarezza, bongiorno….mezo e mezo

…..a fisio….sci’, quella cosa li’ a fasso, ma ogni tanto sento comme ‘na punziggia’…..i raggi…? I

urtimi…?? Ghe l’ho, perche’ ?? (C’e’ una pausa un po’ piu’ lunga durante la quale l’espressione di Sciutto assume connotati sempre piu’ terrorizzati) “Ghe manca n’aguggia in ti feri ….!?!?!? Coosee

…..!?!?!? A porrieva ese in to me zenoggio !?!?? Ma….no l’ei serca’ pe tera…?? In gio….??? Da tutte e parti….???? Bezeugna fa’ di accertamenti ?” (Disperato) “Turna l’anestesia…!?!? Ma mi’ ve

gno rimbambio do tutto….va’ a fini’ che me sposo !!” (Furibondo) “Scia se rende conto de cose scia me dixe !?!? Che me calme….!?!?!? Cose scia pensava de cuxi’, invece de un zenoggio, na sim

ma….!?!?!?” (Pausa: con voce falsamente calma) “Ah, voscia’, scia no l’e’ un maxella’….” (Fero-

ce) “…..e mi’ no son na casetta da resarsi’, vabben cao dottor….” (A tutta voce, con rabbia) “…….

…VACCAMORTA !!!”(Sbatte la cornetta) “Roba da matti !! N’aguggia in to zenoggio….!!!”

229 – CARLA – (Piu’ suadente che puo’) “No piggiatela, Scio….se t’andiae turna a l’Uspia’ vegno

a treuvate, e…”

E’ interrotta da un colpo come di un petardo e da un rumore di vetri rotti proveniente da fuori, sul fondo, che fa’ sobbalzare tutti. Poi, si sente la voce alterata della signora Tubino.

230 – TUBINO – (Da fuori sul fondo, furibonda) “Disgraziou che no t’e atro, a mae macchina !!!”

231 – GIEUMU – (Da fuori sul fondo, implorante) “A l’e’ staeta ‘na fatalitae, scia Turin….”

232 – TUBINO – (L’interrompe) “Tubin….TUBIN…!!!!” (Urla con quanto fiato ha in gola) “E senti che spussa…..o barcon averto….!! Ma oua vezuo che e paghei tutte…..!!!”

Un attimo dopo, rientra Gieumu dal fondo.

233 – GIEUMU – (Rientra dal fondo: ha un cacciavite in mano e la faccia annerita) “Scio Scio….”

(Con un filo di voce) “….l’insegna….!!”

234 – SCIUTTO – (Si alza dalla scrivania e va’ verso di lui: trafelato) “Ma cose l’e’ successo, tur-

na…..!?!?”

235 – GIEUMU – (Quasi ansimando, comincia a spiegare) “Me paiva de avveila aggiusta’….quan-

do l’ho asseisa….a l’e’ scieuppa !!” (Fa’ un gesto eloquente con la mano) “Che botta…!! A l’e’ che

ita in scia macchina da scia Tobia….!!” (Mostra il cacciavite) “Drento a l’insegna, gh’ea o caccia-

vie….!!!”

236 – TUBINO – (Da fuori a destra, fuori di se’) “A mae macchina…!! Mi’ ve denunzio….ve man

do tutti in galea…!!!”

Sciutto muove per uscire dal fondo, ma in quel momento entrano in scena da destra Maxo inseguito da Mario.

237 – MARIO – (Entra inseguendo Maxo: furibondo) “Ecco perche’ a faxeiva cosci’ spussa, ti l’e’ diluia con l’eugua raxa….!!! Te l’avveivo dito de usa’ quello diluente neuvu….”

238 – MAXO – (Si ferma a centro scena: a Mario) “Ho sempre usou l’eugua raxa, mi…!! Voiatri zuveni e-e vostre novite’…!!! Voei insegna’ a noa’….”

239 – SCIUTTO – (Ha seguito trafelato tutta la pantomima: esplode) “BASTAAAA….!!!!” (Ottie-

ne silenzio: spara a zero) “Oua vaddo a casa a piggiame e pastiglie e i raggi da porta-a ao mego, poi

ciu’ tardi, ritorno…..” (Furibondo, a tutta voce, prima di uscire dal fondo) “….E VE GARANTI-

SCIO CHE CHI DENTRO….CANGIA TUTTO….!!!!!!!!”

240 – CARLA – (Si alza di scatto) “Aspeta, Scio….te accompagno…!!” (Esce dal fondo: da fuori) “No t’arraggia’, che te fa ma’ a-a salute….”

Maxo e Gieumu si guardano un attimo in faccia, trafelati. E’ Maxo a riprendersi per primo.

241 – MAXO – (Scatta uscendo dal fondo) “Scio Scio, ma se l’e pe a pittua….” (Da fuori) “…oua che so’ che con i diluente a no spussa…..”

242 – GIEUMU – (Scatta a sua volta, uscendo dal fondo dopo Maxo) “Pe l’insegna, poi….” (Da

fuori)  “…ghe parlo mi’ con a scia Trumbuin….”

Restano in scena Mario e Amelia, che sorride sorniona, scuote la testa e riprende tranquilla il suo lavoro.

243 – MARIO – (Esterrefatto, batte le mani) “Mue caa…!!” (Rivolto ad Amelia) “O cangia tutto….

Amelia, l’e’ a votta co ne licenzia….!!!”

244 – AMELIA – (Ride sorniona, interrompe il suo lavoro: lo rassicura) “Tranquillo, Mario, che no cangia ninte….” (Indica l’uscita dal fondo) “O-o sa’ anche le’ che anche se o ne licenziesse tutti,

questa….” (Allarga le braccia: con un sorriso, rivolta alla platea) “…..a l’arrestieva sempre a But-

tega de Rattelle….!!!!!!!”

-S  I  P  A  R  I  O –

     

                  

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno