‘A cammarera nova

Stampa questo copione

’A CAMMARERA NOVA

’A Cammarera nova

da La Tigre reale, di Eissenchitz

Commedia in tre atti

Personaggi

Pasquale Cotugno, Felice Sciosciammocca

Errico Battaglia, cappellaio

Alfonso Battaglia, capitano dei pompieri

Achille Pagnotta, medico

Alberto Conocchia, guantaio

Totonno, parrucchiere

Ciccillo Ventresca, cuoco

Michele, pompiere

N. tre pompieri, che non parlano

Teresina Cotugno, madre di Pasquale

Concetta Palomma, cameriera

Erminia Battaglia, moglie di Errico

Ninetta Esposito, cameriera

Adelina Cotugno, nipote di Pasquale

L’azione si svolge a Napoli.

ATTO PRIMO

Camera con due porte in fondo, e tre laterali. Una finestra a destra prima quinta. In fondo nel mezzo uno stipone. Un tavolino con occorrente per scrivere. Sedie, ecc.

SCENA PRIMA

Concetta, Teresa, Adelina.

CONCETTA (parlando a destra):Va bene, va bene, me ne vaco, vuje comme la tirate a luongo! Comme fatico ccà fatico a n’ata parte!

TERESA (uscendo con Adelina):Ch’è stato? Ch’è succieso?

CONCETTA: L’aggio cu D. Pascale lo marito vuosto, ca m’ha fatto n’ata cancariata e m’ha ditto c’assolutamente me n’aggia j!

TERESA: Aggio pacienzia, Concè, che vuò ca te dico, chillo è nervuso! A te non te mancarrà na casa comme a chesta, e forse meglio de chesta.

CONCETTA: Ma ve pare, signora mia; io primma de tutto pe vuje faccio qualunque cosa. E pò chi se fide de stà cchiù dinta a sta casa, mamma mia! Io aggio saputo ca ogge vene pure la cammarera nova.

TERESA: Sì, è na figliola ca m’ha proposta lo sanzale.

CONCETTA: Lo saccio, lo saccio! Seh, e assaje nce dura co lo marito vuosto. Però, signò, isso m’ha da fà lo certificato de ben servito.

TERESA: Ah! Se capisce!

CONCETTA: A me non ce sta niente da dicere, me ne vaco pecché portavo quacche lettera de la signurina a lo nnammurato sujo, D. Alberto Conocchia. Ma senza scopo d’interesse.

ADELINA: Grazie, grazie Concettè! Però zi zio have voglia de fà, have voglia de dicere, che io Alberto m’aggia spusà! A rischio de qualunque cosa! Pecché ha da essere tanto cuntrario a stu matrimonio? Alberto è nu buono giovane, educato, e me vò bene. Forse pecché fà lo guantaro? E che male nce sta?

TERESA: Si tu te faje sentere, e faje chiacchiere, è peggio per te! Cu Erminia soreta non faceva lo stesso? Ammuine, allucche, pecché afforza se vulette spusà a D. Errico, doppo seje mise non ha parlato cchiù.

ADELINA: Lo saccio, ma nun lo vò vedé manco muorto, e chella povera sora mia quanno nce vene a truvà vene essa sola. E na bella cosa chesta?

TERESA: E chiano chiano, se vede accuncià pure stu fatto.

CONCETTA: Chella è giovane, cara signora, l’avita cumpatì.

ADELINA: Si tenesse a mammà e papà tutto chesto non sarrìa.

TERESA: Ma pecché, io forse nun te voglio bene comme a na figlia?

ADELINA: Io non parlo de vuje.

TERESA: E Pascale pure te vò bene. Trova quacche difficoltà quanno t’esce nu matrimmonio ma lo fà pe te mmaretà bbona, pe te fà avè na furtuna.

ADELINA Io la fortuna l’aggio truvata. Alberto me vò bene, me piace e a chillo voglio!

TERESA: E a chillo te piglie, ma haje tené cchiù maniere, e nun l’haje da piglià de faccia!

SCENA SECONDA

Erminia e dette.

ERMINIA: Zi zi buongiorno.

TERESA: Buongiorno, Ermì.

ERMINIA (ad Adelina):Ch’è stato, pecché staje accussì?

TERESA: Lo ssoleto, nun lo ssaje? Pascale nun vò che fà ammore cu Alberto.

ERMINIA: E pe chesto t’aflligge? Sora mia, ne putarrisse fà ammeno! Tu saje c’aggio passato pe spusà Errico!

ADELINA: Ma mò sta facenno peggio! Ha ditto che se lo trova ccà n’ata vota lo rucelea pe li grade!

CONCETTA: E pe stu fatto n’ha cacciato pure a me, pecché se crede ca io le dongo mane!

ERMINIA: Va buono, chillo zi zio fà accussì, ma in fondo pò è nu buono ommo e nce vò bene.

TERESA: Oh, chesto è certo!

ERMINIA: Basta. Che me dicite de la lettera che ve mannaje aiere ssera, vulite venì nu pare de juorne a la casa mia? Dimane è dummeneca de carnevale, nce spassammo nu poco. Errico n’have tanto piacere, ogge e dimane sta tutta la jurnata a la casa.

TERESA: Io me metto paura ca Pascale l’appurasse!

ADELINA: Comme l’appura, nuje avimmo cumbinato accussì bello!

ERMINIA: E c’avite cumbinato?

TERESA: Facimmo a vedé che ghiammo a Puortice adda commara mia, pe nu pare de juorne.

ERMINIA: Bravissimo!

ADELINA: Isso pure stammatina adda j a Caserta pe vedé na massaria che se venne.

ERMINIA: Bravo! Allora stamme a cavallo!

CONCETTA: Spassateve signurì, alla fine vuje non facite niente de male! Permettete, io me vaco accuncià tutta la robba mia. Quacche vota ve pozzo venì a truvà?

ERMINIA: Anze, me faje piacere. Ma comme, doppo quatte anne se ne manne na cammarera?

CONCETTA: Embè, che nce vulite fà! Ne vene n’ata meglio de me... e sta frisco! (Via.)

ERMINIA: È stato nu peccato, pecché Cuncettella è na bona figliola, affezionata a la casa, faticatora, quieta.

ADELINA: Io pe me a chella che vene, nun la guardarraggio manco nfaccia!

TERESA: Anze, tu haje fà vedé ca la tratte bone, e che non t’ha fatto dispiacere che se n’è ghiuta Cuncettella.

ERMINIA: E se capisce!

TERESA: E accussì Errico comme se porta?

ERMINIA: Che v’aggia dicere zia mia, aggio truvato proprio na perla de marito. Nun have cchiù che fà pe vederme cuntenta. Fatica, puveriello, da la matina a la sera! Nun me fà mancà niente, qualunque gulio me vene me lo fà passà! Appena tengo nu dulore de capo nun ragione cchiù, subbeto manna a chiammà a Don Achille lo miedeco, vi assicuro ca nun lo putevo truvà meglio! E zi zio ca nun lo pò vedé! Nun putite credere che currivo ca me sento!

ADELINA: E t’è marito! Figurate lo currivo ca me sento io!

ERMINIA: Basta, io me ne vaco, venite ampressa.

TERESA: A mjeziuorno stamme a casa toja.

ERMINIA: Bravo! Dimme faccio na lasagna ca v’aggia fà alleccà li dete! Adelì, e statte de buon umore, statte allegra! Zi zi io v’aspetto mpunto mjeziuorne, e nun perdite tiempo, spicciateve!

TERESA: Mò venimmo, mò venimmo! (Erminia via.) Aggia scrivere na lettera a la commara a Puortice dicennole ca si pe cumbinazione vede a Pascale dicesse ca simme state llà sti duje juorne.

ADELINA: Ah, se capisce! Lo vedite ccà a zi zio sempe cu chella faccia arraggiata!

TERESA: Nun lo risponnere!

SCENA TERZA

Pasquale e dette.

PASQUALE (in veste da camera e berretto):Sà,te dico na cosa, nun me parlà de Cuncettella, de la fà rimmanè, de la perdunà, pecché me faje fà cose de pazzi! Io non intendo che stia più in questa casa, è scostumata, è na lazzarona! Nun la voglio tené cchiù, è inutile che mi pregate, basta!

TERESA: Ccà nisciuno te sta preganno! Haje ditto ca se n’adda j, e se ne va, a n’ato ppoco vene pure la cammarera nova.

PASQUALE: Bravo! S’era arrivato a nu punto ca nun se puteva j cchiù nnanze! Primmo de tutto s’è miso a fà ammore nientemeno cu nu sguattero de cucina, il quale continuamente l’aspetta mmiezo li grade, e llà se metteno a chiacchierià, e chi passa adda tenere la cannela a loro!

ADELINA: Chesto non è overo!

PASQUALE: Silenzio voi... con voi poi faremo i conti! E chesto sarrìa stato niente, fino a che faceva ammore mmieze li grade comme le gatte nun me mpurtava, ma mò aveva accuminciato a purtà lettere amorose... e di chi poi?... De nu disperato!...

ADELINA: Ma vui ve ngannate zi zi, Alberto nun sta disperato. Informatevi meglio.

PASQUALE: Me so’ informato, me so’ informato... bella cosa nu guantaro, attaccare parentela cu nu guantaro, e chesto nce mancarrìa! Tu lo capisce ca io so’ nu signore, che mio padre è stato assessore Municipale, oggi o domani mi faranno consigliere e poi assessore e... e co lo tiempo pozzo addeventà pure sinneco... chi lo ssape!

ADELINA: E Alberto a maggio ha ditto che mette la puteca a Tuledo... ve pare niente?

PASQUALE: Me fà tanto piacere; quanno aggio bisogno de guante vaco addo isso, ma che sposa a te, chesto se l’adda luvà da la capa! Tu dipendi da me, sono tuo zio e tutore. (A Teresa.) Tu nun rispunne?

TERESA: Ch’aggia risponnere! Nce l’aggio ditto che a te stu matrimmonio non te fà piacere... (Fa segno di tacere ad Adelina.) Pe mò... appriesso pò se vede.

PASQUALE: Che appriesso e appriesso, nun me farrà piacere mai. Sicuro, mò facimmo lo fatto de chell’ata capricciosa de sorete che pe se mmaretà s’ha pigliato a nu cappellaro... Bell’onore... non ce pozzo penzà, tenè nu nepote cappellaro

ADELINA: Chesto nun vò dicere niente, basta ch’è nu giovane onesto, la vò bene, e l’ha fatto felice.

PASQUALE: E io nun la pozzo cchiù trattà pecché nun sta a livello mio... e basta sa... nun voglio parlà cchiù cu te. (A Teresina.) Te prego nun la fà parlà!

TERESA: E già, mò l’appile la vocca... Statte zitto, ah... famme stu piacere...

PASQUALE: Ajere ssera me pigliaje chello poco de collera, neh pe chi? Pe na femmena de servizio. M’aggio fatto nu suonno stanotte ca nun saccio comme nun sò muorto! Neh! Che me vaco a sunnà? Che nientemeno Cuncetta me pesave dinto a nu murtale! M’aveva fatto addeventà na papocchia! Io diceva: Va buono mò; fenimmole, statte cujete, e essa niente, co lo pesature mmane scamazzave, ntrunchete, ntranchete. senza pietà! Pò ha fatto nu purpettone e me steva menanno dinto a lo fumo. Appena aggio visto le fiamme è stata tale la paura che me so’ scetato. Figurateve si la pozzo tené cchiù dinta a la casa mia. Chella è stata na visione. Si la faceva stà n’ato ppoco chi sa che guajo avarrìa passato!

TERESA: Va buono. Cheste so’ le solete esagerazione toje!

PASQUALE: Sarrà. Mò che vene la cammarera nova falle tutta la scola, nun la dà chiacchiarià, nun adda fà ammore, nun adda purtà lettere amorose a nepoteme, si no l’accumpagno a cauce abbascio a lo palazzo!

TERESA: E se capisce! Intanto io mò sto penzanno, nuje jammo a Puortice adda cummara. Tu ajeressera diciste ca jve a Caserta a vedé la massaria che se venne. Chi rimane pò ccà?

PASQUALE: Comme chi rimane? ’A cammarera nova!

TERESA: E nun me pare na cosa regolare, nun sapimmo ancora chesta chi è, la rummanimmo dinta a la casa.

PASQUALE: Embè, comme vuò fà?

TERESA: Si nun te dispiace, aggio ditto a Cuncettella che rimanesse fino a dimane a ssera, nce fà vedé l’uso de la casa. Si pò te dispiace nun ne parlammo cchiù!

PASQUALE: Va bene, trattandosi fino a domani, però nun la voglio vedé.

TERESA: Nonsignore, nun te la faccio vedé; l’haje da fà sulamente lo certificato de ben servito.

PASQUALE: Sicuro, lo certificato nce lo faccio! (Nce lo voglio fà comme dich’io!).

TERESA: Jammo Adelì, jammece a priparà.

ADELINA: Eccome ccà. Zi zi vi bacio la mano.

PASQUALE: Grazie, nun fà niente, andate!

ADELINA: Abbasta ca non ve pigliate collera, io faccio tutto chello che vulite vuje!

PASQUALE: Va bene, andate! (Le due donne viano a sinistra.) Povera figliola da na parte me fà pena, ma io non posso mai permettere ca se sposa a nu guantaro!

SCENA QUARTA

Achille e detto.

ACHILLE: È permesso?

PASQUALE: Oh, dottò, favorite, accomodatevi!

ACHILLE: Grazie tanto! E così, come state?

PASQUALE: Non c’è male. Dottò, aggio passato na brutta nottata cu nu suonno che m’aggio fatto!

ACHILLE: E che suonno? Putesseme fà li nummere?

PASQUALE: Ato che nummere! È na cosa stranissima! Pare che Concetta la cammarera m’aveva miso dinto la nu murtale e co lo pesaturo me scamazzave.

ACHILLE (ridendo):Ah! Ah! Chesto è bello!

PASQUALE: Io ce diceva: basta, finiscila, e chella cchiù ncasava la mano! Al momento che so’ diventato nu purpettone e essa me vuleva nfunà, io vedenno le fiamme me so’ scetato. Figurateve comme me sento; dulore de capa, tutto stunato...

CICCILLO: Fatemi vedere la lingua. (Pasq. esegue.) La lingua non sta male. Ieri sera avete cenato?

PASQUALE: Niente, manco l’acqua! Doppo chello ppoco de collera che me pigliaje co la cammarera, pensavo a cenà?

ACHILLE: Ajeressera v’appiccecasteve co la cammarera?

PASQUALE: L’aggio cacciata, non fà cchiù pe me!

ACHILLE: Pe causa de chillo giovinotto, lo nnammurato d’Adelina?

PASQUALE: Perfettamente!

ACHILLE: E allora quella è stata la ragione! Vi siete coricato nervoso, arraggiato pe causa de la cammarera, e v’avite sunnato che ve scamazzava into a lo murtale!

PASQUALE: Già, quanno io la cacciaje, essa teneva lo pesaturo mmane, steve pesanno lo sale, dicette: Va buono, me ne vaco... Ah! Comme scamazzo stu sale vularria scamazzà la capa e chi dich’io!

ACHILLE: Ah, nc’è stato pure chesto?

PASQUALE: Già, già!

ACHILLE: Succede sempre così! Il sogno non è altro che la visione di quello che noi desideriamo o temiamo assai! Mò ve scrivo nu calmante per i nervi, e ve lo piglierete a sorsi durante la giornata. (Scrive.)

PASQUALE: Grazie, dottò! (Si piglia la ricetta.)

ACHILLE: Vuje ve pigliate troppa collera caro D. Pasquale, voi dovreste essere più sciolto.

PASQUALE: Vorrete dire che mi devo purgare?

ACHILLE: No, dico che dovreste essere meno colleroso, non arrabbiarvi mai.

PASQUALE: È na parola!

ACHILLE: Oh, D. Pascà, io sono venuto per rivolgervi una preghiera.

PASQUALE: Na preghiera? E di che si tratta?

ACHILLE: Ecco qua, voi sapete che io sono amico stretto di Errico Battaglia, il marito di vostra nipote Errninia. Ieri andai a casa sua, e parlando così, in discorso mi fece capire che avrebbe piacere di avvicinarsi a voi. Essendo ormai vostro nipote, le sembra brutto essere trattato in questo modo. Se voi credete di smettere questa indifferenza io ve faccio fà pace.

PASQUALE: Dottò mi dispiace, ma non posso! La mia dignità non lo permette! Errico Battaglia ha parlato assai male sul mio conto, ha detto parole che non le posso dimenticare! Nu juorno me chiammaje: ommo de stoppa! Capite, uomo di stoppa! E poi tante altre cose che è meglio che non le ricordo! Seje mise fà se spusaje a nepoteme, vincettene lo punto, e mò nce facimmo le fatte nuoste, lloro stanne cuiete da na parte e nuje da n’ate! Erminia è padrona de venì quanno vò, ma Errico Battaglia non lo voglio vedere più! Scusatemi, dottò!

ACHILLE: Ma niente, per carità! Don Pascà, scusatemi se vi faccio una domanda: è vero che 15 giorni fà a na cena che ve purtaino certi giovanotti ve presentaino a na figliola che steva llà e che vuje dicisteve de chiamarvi Errico Battaglia?

PASQUALE: Chi ve l’ha ditto?

ACHILLE: Me l’ha ditto il figlio d’un mio cliente, aggiungendo ca vuje pigliasteve na pella nummero uno!

PASQUALE: Dottò, pe carità, nun alluccate, nun voglia maje lo Cielo e sente muglierema! Io passaje nu brutto guajo chella sera, nun saccio comme so’ vivo! Duje amice mieje me vulettene purtà a cena de giardine de Torine, llà truvaimo a na figliola ca steva cenanno co lo frate, ma ve dico nu vero zuccariello! La chiammamo e la vuletteme pe forza fà assettà a la tavola nosta. Essa subbeto accettaje. Io però nun vulette dicere lo nomme mio pe paura ca se fosse appurato, e nel momento della presentazione, nun sapeva che nomme dicere, me venette mmocca Errico Battaglia!

ACHILLE (ride):Ah! Ah! E veramente ve ’mbriacasteve?

PASQUALE: Così, nu poco! Non abituato a bere tanto! Ma lo guajo lo passaje cu chella figliola, la quale non se vulette movere cchiù da vicino a me! S’erano fatto li tre doppo mezanotte, non me fidavo cchiù, e pe me la luvà da tuorno ce dicette: Vi sposerò, anima mia!

ACHILLE (ride):Oh, bella, bella veramente!

PASQUALE: Ma dottò, vi assicuro, nu tipo nuovo, eccentrico, si chiamava Gemma, ed era veramente na Gemma, che bucchella, che diente, che manella...

ACHILLE: E da quella sera non l’avite vista cchiù?

PASQUALE: No, fortunatamente! Dottò, ve raccomando!

ACHILLE: E ve pare... chesto che cos’è, m’avite pigliato pe na criatura! Ma stateve attiento però! Si la mugliera vosta appura na cosa de chesto comme facite?

PASQUALE: Ah, non ce penzate! Ho fatto giuramento di non capitarci più!

ACHILLE: Dunque, per l’affare de D. Errico, non può essere?

PASQUALE: Mi dispiace caro D. Achille, ma non posso! Isso se fà li fatte suoje e io me faccio li mieje!

ACHILLE: Va bene. Intanto ho creduto mettermi in mezzo perché speravo farvi far pace. Buongiorno D. Pascà, e ricordatevi di mantenervi sciolto, tutto sciolto! (Via.)

PASQUALE: Ma vedete che cos’è Napoli, io me credevo ca nisciuno sapeva niente de lo fatto de chella sera, e lo duttore sape tutte cose! Ma che simpaticone ch’era chella Gemma, non me la pozzo scurdà, che sciasciona... (Via a destra.)

SCENA QUINTA

Concetta, Alberto, poi Pasquale.

CONCETTA (vestita per uscire):Nun ce sta nisciuno, trasite, trasite, D. Albè.

ALBERTO: Grazie, grazie Concettè, tu sì proprio la fata mia!

CONCETTA: E mò sta fata vosta sparisce pecché lo padrone l’ha licenziata...

ALBERTO: T’ha licenziata?! E pecché?

CONCETTA: Pe causa vosta! Ha saputo che io porto le mmasciate a la signurina.

ALBERTO: Ma che male nce sta ch’io faccio ammore co la nepote, perché tant’odio contro di me, io non capisco?

CONCETTA: Chillo è nu pazzo, che vulite ca ve dico? Ma a vuje nun ve mporta, la signurina ve vò bene assaje, e chesto ve lo pozzo assicurà io.

ALBERTO: Oh, grazie, grazie, cu sti parole tu me cunzuole. Me dispiace sulamente ca pe causa mia haje perduto lo posto!

CONCETTA: No, io sempe me ne jevo, nun me fidavo de sta cchiù dinto a sta casa! Mò sentite D. Albè, ve voglio dà na bona notizia. La patrona nzieme co la signurina mò fanno a vedé ca vanno a Puortice adda commara, e invece vanno a la casa de D. Errico Battaglia, lo marito de D. Erminia, a lo largo de la Carità N. 83, e llà se starranno ogge e dimane, jatece pure vuje cu na scusa.

ALBERTO: Sicuro ca nce vaco! Errico Battaglia è amico mio.

CONCETTA: Benissimo!

ALBERTO: Grazie, Concettè, de tutto chella ca faje pe me!

PASQUALE (uscendo con soprabito; tossisce ad Alberto):Insomma D. Albè, non la volete finire?

ALBERTO: Vedete D. Pascà, io era venuto pe ve parlà n’ata vota e dirve ca io so’ pronto...

PASQUALE: Non voglio sentì niente! Voi siete pronto e io no! Io v’aggio ditto ca stu matrimmonio nun se fà!

ALBERTO: Ma per quali ragioni?

PASQUALE: Io non sono obbligato a dirvi la ragione. Voi siete un buon giovane, ma disgraziatamente non vi potete apparentare con me. Voi siete guantaro, è vero? E non fate per mia nipote, comme ve l’aggia dì? Cantanno, sunanno, abballanno! Io nu guantaro a mia nipote nun ce lo voglio dà!

ALBERTO: Ma scusate, perché? Che l’avita dicere a stu guantaro? Avite saputo forse che vaco facenno male azioni? Che so’ nu sfaticato, nu mbruglione? Stu guantaro, D. Pascà, è nu giovane onesto e di buona famiglia, stu guantaro tene core mpietto, e sanghe dinto a li vene, e vedennose trattà de chesta manera è capace di qualunque cosa, capite?

CONCETTA: E se sape...

ALBERTO: Non ne parlammo cchiù! Aggio fatto lo galantomo fino a mò, e me vulevo regolà comme se regola ogne giovane onesto, ma nun me mporta, pensammo diversamente. Adelina, ricordatelo, adda essere de la mia, e doppo che nce avessa appezzà la vita, la mia sarrà! Stateve bene! (Via.)

PASQUALE: Queste minacce non mi fanno impressione... (A Concetta.) Tu ancora te n’haje da j?

CONCETTA: La signora m’ha pregato de restà fino a dimane a ssera pe fà cumpagnia la cammarera nova e pe lle fà capì l’uso de la casa.

PASQUALE: Ah, la signora t’ha pregato?

CONCETTA: Gnorsì!

PASQUALE: E va bene, t’aggia suppurtà n’ata jurnata, nun fà niente, dimane pure passa!

CONCETTA: Oh, chesto è certo! Me pareno mill’anne! Tenite, chisto è nu foglio de carta, faciteme lo certificato de ben servito!

PASQUALE: Ah, sicuro, lo certificato te spetta e te lo faccio in piena regola, con tutta coscienza. (Va al tavolino e scrive:) «Certifico io qui sottoscritto che Concetta Palomma è stata quattro anni in casa mia, in qualità di vaiassa...».

CONCETTA: Vaiassa? So’ stata vaiassa io?

PASQUALE: Comme vuò mettere, serva?

CONCETTA: Serva?! Cammariera.

PASQUALE: E va bene... (Scrive:) «in qualità di cameriera...». Lassa fà a me, statte zitta!

CONCETTA (Cielo mio, mantieneme la pacienzia, si sferro non saccio comme va a fernì, sto ntufata ca non me ne fido cchiù!).

PASQUALE (terminando di scrivere):«Pasquale Cotogna». Chisto è lo certificato.

CONCETTA (legge) «Certifico io qui sottoscritto che Concetta Palomma è stata quattro anni in casa mia in qualità di cameriera, e posso assicurare sul mio onore e sulla mia coscienza ch’è una lazzara, una sfaticata e una rucca rucca di prima qualità». A me! Chisto è lo certificato ca facite a me?

PASQUALE: Se capisce! È buscia che sì na rucca rucca?

CONCETTA: D. Pascà, ve voglio fà vedé de che sarrà capace sta sfaticata e sta rucca rucca! Nun ve ne ncarricate; ve voglio fà chiagnere a tante ’e lagreme, ve voglio fà dicere: chesto teneva ncuorpo Cuncettella! Vuje m’avite vista moscia, e avite ditto: chesta è na scema, è na stupeta, la pozzo trattà comme vogl’io! Ma ve site ngannato assaje! Io ammento tanta cose, dico tanta buscie pe dinto lo quartiere, ca nun ve faccio cchiù cumparì pe la strada... La lengua mia pateme la chiammava lo pesaturo, chi fà piglià collera a me lo scamazza comme se scamazza la carne dinto a lo murtale, lo faccio addeventà na purpetta, nu purpettone! (Via dal fondo.)

PASQUALE: Tiene mente la cumbinazione! Io stanotte me l’aggio sunnato! Ma che me po’ fà, io sono fin troppo conosciuto nel quartiere. Essa è na vaiassa, e chi la pò credere? Nisciuno!... M’aggia spedì stu calmante, si no nun me rimetto cchiù co li nierve!

SCENA SESTA

Teresina, Adelina e detto.

TERESINA: (vestita per uscire):Dunque, Pascà nuje nce ne jammo.

ADELINA: Zi zi statevi bene.

PASQUALE: Arrivederci!

TERESINA: Ch’è stato? È succiesso quacch’ata cosa?

PASQUALE: M’aggio pigliato n’ato sacco de collera con la vostra cameriera. Ha ditto ca me vo mettere ncoppa a nu puorco, pe tutto lo quartiere, che me vò fà addeventà na purpetta!

TERESINA: Nun la dà audienza, famme stu piacere, chella dimane a sera se ne va!

PASQUALE: Ha ditto che tu l’hai pregata che fosse rimasta.

TERESINA: Va buono, l’aggio pregata, nun fà niente.

PASQUALE: Intanto mò vene la cammarera nova, restene sole, e chi sa che ce dice, te cride ch’è na bella cosa farla rimmané ccà?

TERESINA: Ma nuje sapimmo Concettella comme la penza.

PASQUALE: Ma io non capisco, tu perché la difendi?

TERESINA: Io non la difendo affatto, ma nun me piace de fà chello ca fai tu!

PASQUALE: (Mò faccio vedé che parto e me stongo dinta la cammera mia, voglio sentì che dice la cammarera nova!). Basta, vuje jatevenne a Puortice, salutateme tanto la cummara., e venite ambressa.

TERESINA: Lunedì matina stamme ccà.

PASQUALE: E na vota che venite lunedì, io me trattengo fino a dimane a sera a Caserta in casa del mio amico.

TERESINA: Te raccomanno cu st’amico, e non me fà sentì novità!

PASQUALE: Che nuvità! Scennite vuje pe la scala grande, io me ne scengo pe la scaletta de servizio, nun me voglio ncuntrà con quella lazzara ineducata! (Via.)

TERESINA: Statte buono! Che ommo stravagante!

ADELINA: Zi zi, ve voglio dicere na cosa.

TERESINA: Che cosa?

ADELINA: Facimmo sapé ad Alberto ca jammo da Erminia.

TERESINA: E pecché?

ADELINA: Accussì chillo nce vene a truvà.

TERESINA: Oh, chesto pò no, cercheme tutto ma chesto no!

ADELINA: Comme vulite vuje!

SCENA SETTIMA

Concetta, poi Ninetta e dette.

CONCETTA: Signò, è venuta la cammarera nova, la pozzo fà trasì?

TERESINA: Falla trasì!

CONCETTA: Trase, trase Ninè!...

NINETTA: Buongiorno, signò!

TERESINA: Ah, bravo... na simpatica figliola!

NINETTA: È bontà vosta, signurì.

TERESINA: E ve canuscite?

CONCETTA: Sissignore signò, io so’ rimasta meravigliata quanno l’aggio vista, nuje nce canuscimmo da tanto tiempo!

TERESINA: Ve chiammate Ninetta, non è vero?

NINETTA: A servirve Mariannina Esposito.

TERESINA: Bravo! Lo sanzale m’ha parlato tanto bene de vuje. Site mmaretata?

NINETTA: Nonsignore!

TERESINA: Io mò vaco de pressa, pecché aggio che fà, turnammo dimane a sera. Concettella vi dirà tutto. Che ve credite mò Concettella se ne va pe na cosa de niente, pe na stravaganza de maritemo.

NINETTA: Ma, signò, si sta cosa se pò accuncià a me me fà piacere.

TERESINA: E se capisce, na vota ca ve canuscite da tanto tiempo, quanno turnammo vedimmo che se pò fà!

CONCETTA: Oh, non ce penzate signò, me dispiace, ma lo marito vuosto non me fido de lo supportà cchiù!

ADELINA: Have ragione, have ragione!...

CONCETTA (Sotto voce ad Adelina):D. Alberto sape addò jate, nce l’aggio ditto io.

ADELINA: Veramente? oh, che piacere!

TERESINA: Basta, jammuncenne Adelì. Dunque, avete capito? Attenzione alla casa! (Via con Adelina.)

NINETTA: Jate signò, jate a penziero sicuro!

CONCETTA Viene ccà, damme n’abbraccio, cumpagna affezionata!

NINETTA: Cu tutto lo core! (Si abbracciano.)

CONCETTA: E accussì che te ne sì fatta? So’ duje anne ca nun ce simme cchiù viste, tu facive la mudista, comme va ca te sì mise a fà la cammarera?

NINETTA: Ma io la cammarera nun l’aggio fatto ancora, chesta è la primma casa ca vengo a servì. So’ na decina de juorne ca vedennome redotta co li spalle nfaccia a lo muro me so’ decisa de fà chesto. Ch’aveva fà? M’aveva murì de famma?

CONCETTA: Oh, chesto è certo! Ma ccà te pozzo assicurà che starraje bona. La padrona è na pasta de mele, la nepote è na figliola de core, e si tiene la pacienzia de suppurtà a chillo pazzo de D. Pascale, haje fatto lo colpo! Io, pe te dicere la verità, me ne vaco pe nun passà nu guajo, pecché si no nu juorno de chisto, co lo carattere mio, me scurdavo d’essere la cammarera e lo mannavo a li Pellerine!

NINETTA: Ah! Ah! Ma io a chesto nun arrivo, si è accussì io ccà cchiù de tre mise non credo ca ce stongo, forse me mmarito!

CONCETTA: Ah, te mmarite? È meglio accussì!

NINETTA: Sì, me piglio nu buon’ommo chiammato Totonno, nce faccio ammore da n’anno, è parrucchiere.

CONCETTA: Io pure faccio ammore, e lo mese che trase sposo.

NINETTA: Ah, neh! Mò aggio capito la vera ragione pecché te ne vaje da cca.

CONCETTA: Si, la verità pure pe chesto me ne vaco. Lo fidanzato mio è cuoco, e nce cunviene de stà a tutte e duje dinta a una casa a servì.

NINETTA: Ah, se capisce!

CONCETTA: Se chiamma Ciccillo, e si lo vide quanto è simpatico, tene sultanto nu difetto, è nu poco stunato, mò nce dice na cosa e a n’ato ppoco già se lo scorda. (Suono di campanello d.d.) Sarrà isso, se vene a piglià a robba mia, te lo voglio fà conoscere. (Via fondo.)

NINETTA: Chi se puteva maje credere de truvà a Cuncettella ccà.

SCENA OTTAVA

Concetta, Ciccillo e detta.

CONCETTA: Trase, trase, Ciccì.

CICCILLO (porta il grembiule da cuoco ed indossa la giacca. In mano una valigia):Cuncettè, aggio purtato sta valigia vacante si pe chi sa nce haje da mettere quacc’ata cosa da dinto.

CONCETTA: Haje fatto buono! Ninè, chisto è lo nnammurato mio.

NINETTA: Piacere, è un simpatico giovane.

CICCILLO: Bontà vostra, pe carità!

CONCETTA: Chesta è na cumpagna mia, Ninetta Esposito.

CICCILLO: Ciccillo Ventresca, ai vostri comandi. Faccio lo cuoco, ossia pe mò so’ secondino, ma lavoro meglio de quacche cuoco primario. Nfaccia a na tiella nce stongo buono assai. Nu poco de menestella io saccio fà, lo piezze de carne lo mbettono, lo ndoro, e lo saccio presentà, nfaccia lo ddoce po’ nun nce sta chi m’appassa. Faccio lo secondino pecché addò so’ ghiuto già tenevano lo cuoco e m’aggia avuta cuntentà. Mò che me sposo a Cuncettella cercammo de truvà na piazza meglio pe stà assieme.

NINETTA: La vulite bene a Cuncettella?

CICCILLO: Cchiù de ll’uocchie mieje, cara D. Giulietta!

NINETTA: No, io me chiamme Ninetta.

CICCILLO: Ah, già scusate! Jammo, fà ambressa Concettè.

CONCETTA: Sta balice nzieme cu ll’ata rrobba mia che sta fore la puorte addò ziema Rachele ncoppa a li chianche a la Carità, tiene a mente N. 23.

CICCILLO: 23, va bene. Nuje pò nce vedimmo stasera?

CONCETTA: All’otto, vicino a la statua de Carlo Poerio.

CICCILLO: Sperammo ca sta vita la facimmo sulamente n’ato ppoco, nun me fido cchiù de sta luntano da te! Permettete D.a Richè!

NINETTA: Ninetta, Ninetta!

CICCILLO: Ah, già, Ninetta, me scordo sempe. Dunque sta rrobba l’aggia purtà ncoppa addo zieto Michele.

CONCETTA: Quà Michele... Rachele...

CICCILLO: Rachele... e va bene, addu Carlo Poerio...

CONCETTA: A le chianche a la Carità...

CICCILLO: A N. 33.

CONCETTA: 23, puozze sculà!

CICCILLO: Ah, già, 23, aggio pacienzia, me so’ scurdato.

CONCETTA: Sà che buò fà, aspetta fore a la sala, n’ato ppoco nce ne jammo nzieme.

CICCILLO: Allora nun me movo da fore a la. sala, aspetto a te. (Via.)

CONCETTA: Viene, Ninè, te voglio fà vedé la cucina.

NINETTA: Si, si, penzammo c’avimma fà marenna, tengo na famma ca mò moro!

CONCETTA: Aspetta, mò faccio quatt’ove cu nu poco de muzzarella, pecché pur’io tengo famma, nce suppuntammo nu poco lo stommaco!

NINETTA: Si, si, faje buono!

CONCETTA: E viene cu mmico! (Via pel fondo a sin.: seguita da Ninetta.)

SCENA NONA

Totonno, poi Ninetta.

TOTONNO (d.d.):permesso? (Fuori.) Ccà manco nce sta nisciuno! Aggio addimannato a nu ntotero ca steva fore a la sala cu na balice: sapite si è venuta na certa Ninetta? M’ha ditto: Sissignore, sta dinto, trasite... Ma dinto addò? Mò vedimmo si sta femmena nun me fà chiagnere li juorne mieje ngalera!

NINETTA: Guè Totò, tu staje ccà?

TOTONNO: Li patrune stanno dinto?

NINETTA: No, nun nce stanno, stongo io sola cu Cuncettella.

TOTONNO Don Rafele lo sanzale m’ha ditto ch’ire venuta ccà a servì, allora io so’ venuto pe sapé si stasera avimma j a lo viglione?

NINETTA: Ah, se capisce, io lo viglione nun lo voglio perdere a la verità; mò nce lo ddico a Cuncettella ca stasera me vaco a divertì nu poco.

TOTONNO: Allora pozzo j a piglià li biglietti?

NINETTA: Se capisce!

TOTONNO: Sciasciona mia, nce vulimmo spassà, avimmo abballà tutta la nuttata!

NINETTA: Aspè Totò, faje marenna cu nuje, te magne pure tu doje ove cu nu poco de muzzarella, te haje da cuntentà.

TOTONNO: Ma te pare, vicino a tte, se fosse pane assoluto addeventa nu pranzo scicco! Ah! Mannaggia st’arta nfame ca me mparaje! (Riprendendosi.)

NINETTA: Pecché, ch’è stato?

TOTONNO: Nun pozzo fà marenna cu ttico, aggia j a fà la barba a lo cavaliere Sanguetta.

NINETTA: E allora nun mporta, stasera a lo viglione nce scuntammo tutte cose!

TOTONNO: Ninè, te raccumanno, nun me fà piglià collera!

NINETTA: Lo saccio, me l’haje ditto nu sacco di vote!

TOTONNO: Lo fatto de chillo D. Errico Battaglia che truvaste ncoppa a la Trattoria...

NINETTA: E che c’entra, chillo era n’amico de frateme... se mettette a cenà a la tavola nosta, e pe pazzià dicette quacche cosa.

TOTONNO: Lo vì chisto, lo tengo sempe pronto! (Mostra un revolver.)

NINETTA: Ma va llà vattenne, astipate stu revolvere, famme lo piacere!

TOTONNO: Dunche, allora stasera a li nove te vengo a piglià, fatte truvà pronta.

NINETTA: Nun ce penzà, statte buono, e nun fà cattive penziere!

TOTONNO: Accussì sperammo! (Via seguito da Ninetta vista di spalle da Pasquale.)

SCENA DECIMA

Pasquale, poi Ninetta.

PASQUALE: Chella ha da essere la cammarera nova! Si ascevo nu poco primma la vedevo de faccia. Ha accompagnato a n’ommo fore, mò che trase m’ha da dicere chi è, e voglio sapé Concetta che l’ha ditto de me!

NINETTA: Se n’è ghiuto finalmente!

PASQUALE: (Che veco... Gemma!...).

NINETTA: (Errico Battaglia!). Comme ve truvate ccà scusate?

PASQUALE: Comme m’e trovo ccà?... Me trovo... me trovo ccà, pecché ccà m’aggia truvà!

NINETTA: Ah, sissignore, me ricordo, vuje me lo dicisteve chella sera quanno nce lassajeme: Nun ce penzate, io non me scordo de vuje e quanno meno ve lo credite ve ncoccio! E mò m’avite ncucciata!

PASQUALE: Perfettamente, mò t’aggio ncucciata! (E comme la cumbino cu chesta?).

NINETTA: Ma caro D. Errico, io ve lo dicette ca nun era libera, che faccio ammore cu nu parrucchiere, e vuje dicisteve che perrucchiere e perrucchiere, vuje me piacite e avita essere la mugliera mia, a rischio de qualunque cosa.

PASQUALE: Ah! Chesto ve dicette?

NINETTA: Sissignore... che d’è, nun ve lo ricurdate?

PASQUALE: (Ih che pelle ca pigliaje chella sera!).

NINETTA: Io non ve pozzo dà retta, si no songo arruvinata.

PASQUALE: (Chesta se n’avarria j da ccà ncoppa! Si no io passo nu guajo!). Senti Gemma! (La putesse fà mettere paura!).

NINETTA: Ma quà Gemma! Io chella sera me cagnaje nomme, io me chiammo Ninetta.

PASQUALE: Ah, ebbene senti Ninetta, io sono venuto deciso, se tu non acconsenti all’amor mio, io esco fora a la sala e m’accide!

NINETTA: Ah, no, D. Errì pe carità, non facite chesto, io cercarraggio tutti li mezze de m’appiccecà cu Totonno e ve sposo. Ma si me vulite bene overamente non ve muvite da ccà, e non facite chello c’avite ditto.

PASQUALE: (Ma guardate che cumbinazione terribile ch’è stata chesta!).

SCENA UNDICESIMA

Concetta e detti.

CONCETTA (con mesale, bottiglia di vino, un piatto con prosciutto):Jamme, simme leste, mettimmece a tavola. (Che beco, D. Pascale!).

PASQUALE: (Statevi bene!).

NINETTA: Chesta ccà è na compagna mia, Concetta Palomma. Concettè, chist’è nu signore che conoscette 15 juorne fà ncoppa a na tratturia addò jette a cenà nzieme cu frateme, se chiamma Errico Battaglia.

CONCETTA: Ah, neh? Se chiamma Errico Battaglia! Tanto piacere!

NINETTA: Tene na grande simpatia pe me, e pe forza me vò spusà. M’ha da dà nu mese de tiempo, quanno trovo na ragione qualunque, pe me lassà cu Totonno. Chillo nientemeno ha ditto ca se vò accidere ccà, fore a la sala, dille tu quacche cosa, falle capace tu!

CONCETTA: Ma caro D. Errico Battaglia, quanno na figliola v’ha ditto: dateme nu mese de tiempo, che vulite cchiù? Pecché ve vulite accidere? E quanno pò ve site acciso, che ne cacciate? Ma no, luvateve sti penziere da la capa! Vuje mò facite marenna cu nuje ve mangiate doje ove, nu poco de presutto, ve bevite nu bicchiere de vino, e songo certa ca ve mettite talmente in allegria, ca nun penzate cchiù a sti cose. Ninè, va dinto a la cucina, lo ffuoco è pronto, e invece de quatto ove fanne sei, e porta n’ata butteglia de vino. Va, non te ne ncarricà, mò lo calm’io!

NINETTA: Grazie, grazie Concettè, mò faccio lesto lesto. (Via.)

CONCETTA: E bravo, bravo! Il signor Pasquale Cotugno va pe coppa li tratturie, se cagna nomme, e se mette a fà ammore cu na figliola! Bravissimo! E pò dinta a la casa spute sentenze, parla de moralita, fa cancariate a tutte quante! Chillo è cappellaro, chillo è guantaro, mio padre era assessore Municipale... Io so’ rucco rucco e me fa chisto certificato! Ve voglio recrià lo stommaco! Mò primma de tutto dico a Ninetta ca ve chiammate Pasquale Cotugno e che site nzurato, e pò dico tutte cose a la mugliera vosta!

PASQUALE: No, Cuncettè, pe carità! Io te faccio nu bello certificato, te cerco scusa de tutto chello ca t’aggio fatto, ma non di niente famme stu piacere. Si muglierema appura sta cosa io addò me vaco a mettere?

CONCETTA: E va bene, mò mangiammo e non dico niente. Oggi poi ci metteremo d’accordo pe li condizione!

PASQUALE: Chello ca vuò tu!

CONCETTA: Zitto, ecco ccà Ninetta!

SCENA DODICESIMA

Ninetta e detti, poi Totonno prima dentro e poi fuori.

NINETTA (con uova e bottiglia):Ecco ccà ll’ove e ll’ata butteglia de vino.

CONCETTA: Brava! Assettateve D. Errì. Ninè, assiettete vicino a isso. Assaggiate stu vino, vedite che bellezza! Chesto lo padrone mio lo fà venì a barile, e io me ne veco bene! Isso a la matina, pe sparagna pecché è n’avaro puorco, me ne dà nu bicchieriello tantillo, io pò quann’è lo juorno scengo abbascio a la cantina e me ne vevo nu litro a la faccia soja!

PASQUALE: (A la faccia de mammeta!).

CONCETTA: E stu presutto vedite che bella cosa! Io tengo la chiava fauza de la dispensa, quanno ne voglio nu poco arape e me lo piglio!

NINETTA: E faje buono!

CONCETTA: Embè, quanno chillo puorco se lo ttene accussì nzerrato, manco si fosse oro... Che ommo, mamma mia! Me pareno mill’anne ca me ne vaco pe nun lo vedé cchiù! Che miseria! Sciù pe la faccia soja! Mangia Ninè, mangiate D. Errì!

PASQUALE: Grazie!

CONCETTA: Ma quant’è simpatico stu D. Errico Battaglia! Viate a te che te lo spuse! Avite saputo scegliere, e bravo, e bravo D. Errico Battaglia! Bevite, bevite.

PASQUALE: Grazie! (Bevono tutti.)

NINETTA: Ve piace stu vino?

PASQUALE: Non c’è male!

TOTONNO (d.d.):È permesso?

NINETTA: Che sento, Totonno lo nnammurato mio!

CONCETTA: Possibile! (Si alza e va in fondo.)

NINETTA: Annascunniteve, pe carità! Chillo v’accide!

PASQUALE: E addò m’annasconno?

NINETTA: Ccà, ccà, sotto lo tavulino!

PASQUALE: (Cielo mio, aiutame tu!). (S’infila sotto il tavolo.)

CONCETTA: Ma a chi vulite, scusate? (D.d.)

TOTONNO (d.d.):A Ninetta, a Ninetta Esposito.

CONCETTA: E ccà non ce sta! (D.d.)

TOTONNO (d.d.):Comme nun ce sta, io poco primma ccà l’aggio rimasta.

NINETTA (va in fondo):Trase, Totò, trase!

TOTONNO (fuori) Che d’è mò nce staje?

CONCETTA: Aggiate pacienzia, io me credevo ca nun ve vuleva ricevere.

NINETTA: Chistu giovane, Concè, è lo nnammurato mio. Totonno lo parrucchiere ca t’aggio ditto.

CONCETTA: Ah, chisto giovane è... e io che ne sapevo, aggiate pacienza.

TOTONNO: Ma niente, pe carità! Lo cavaliere Sanguetta la barba non se l’ha vuluto fà.

CONCETTA: Assettateve!

TOTONNO: Grazie! Ninè, assettate! (Seggono.)

CONCETTA: V’avita cuntentà, se tratta de na piccola marenna.

TOTONNO: Qualunque cosa mi offrite voi, è sempre un onore per me.

CONCETTA: Ah, si putesse venì D. Alberto a chisto momento, trovarrie a D. Pascale sotto la tavula, che bella cosa che sarria... Aspè, mò nce scrivo nu biglietto e nce lo manno pe Ciccillo. (Si alza e va a scrivere in fondo.)

TOTONNO: Ih, che bello presutto se squaglia mmocca!

NINETTA: E prova stu vino, vide che bella cosa!

TOTONNO: Magnifico! Vero Pusilleco!

CONCETTA: Mò vengo, aggiate pacienza, cinche minute de permesso.

TOTONNO: Facite li fatte vuoste. (Conc. via.) Ninè, ccà nce stanno tre pusate, e tre piatte, mangiava quaccheduno cu vuje?

NINETTA: No, sulamente io e Cuncettella!

TOTONNO: Embè, sta pusata cu stu piatto pe chi serve?

NINETTA: E che ne saccio! Forse quacc’ata amica de Cuncettella.

TOTONNO (urta con un piede su Pasquale):Chi è? Che nce sta nu cane ccà sotto? Passa llà, passa llà! (S’inchina e scorge Pasquale.) Che veco! Chill’ommo de chella sera! Errico Battaglia?!

PASQUALE: Signore... per carità...

NINETTA Siente, Totò...

TOTONNO: Zitta! E me faje chesto a me! Chistu sorte de tradimento! A mme? A Totonno lo nzisto? Mò avita murì! (Caccia il revolver. Strilli di Ninetta, accoppiati a quelli di Concetta che è sopraggiunta. Pasquale cerca di ripararsi ed esce da sotto al tavolo mandando tutto sossopra.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

Camera con porta in fondo, tre laterali ed una finestra a destra prima quinta. Due consolle in fondo, un tavolino, sedie, ecc.

SCENA PRIMA

Errico e Adelina, poi Alberto p.d. pf

ERRICO (uscendo dal fondo):Facite ambressa, belli figliù, state fravecanno da stammatina, e che diavolo? Vuje vedite che aggio passato... Lo sarto a lo sicondo piano ha vuluto mettere lo gas, e hanno avuta passà la tubulatura pe dinto a la saletta mia... e io aggia tenè la porta aperta. (Ad Adelina affacciata alla finestra.) Adelì, ma se pò sapé che faje affacciata a sta fenesta da che sì venuta?

ADELINA: Niente, sto piglianno nu poco d’aria...

ERRICO: Staje piglianno nu poco d’aria? Nun credo, va trova chi ha da passà!

ADELINA: Ma no... io sto guardanno li pumpiere de rimpetto.

ERRICO: Chillo è lo posto de li guardie e de li pumpiere.

ADELINA: E chillo è lo frate vuosto, Don Alfonso?

ERRICO: Già, è capitano dei pompieri.

ADELINA: Comme è curiuso, me sta guardanno fitto, fitto! Ma pecché li pumpiere lo parlano dinto a la recchia?

ERRICO: Perché è nu poco surdo. Mò lo vide de venì, abita cu nuje, io l’aggio ceduto chella cammera. (Indica a destra, poi va alla finestra.) Quanno viene? A n’ato ppoco? E fà prieste! Sente meglio da luntano ca da vicino!

ADELINA: (Lo vì llà Alberto!). (Fa segno di salire.) (Che bella cosa, mò vene!).

ERRICO: Ch’è stato, ch’è succiesso?

ADELINA: Niente, stongo allegra, che d’è nun pozzo stà allegra?

ERRICO: Anze, me fà piacere, accussì voglio che staje sempre, allegra, di buon umore.

ADELINA: Zi Teresina addò sta?

ERRICO: Sta preparanno la tavola nzieme cu Erminia. E accussì D. Pasquale sape che site jute a Puortice?

ADELINA: Già, ca simme jute da la cummara, e isso è ghiuto a Caserta, pe vedé na massaria che se venne.

ERRICO: Io non capisco chill’ommo pecché nce l’have tanto cu me!

ALBERTO (d.d.):È permesso?

ERRICO: Chi è?

ADELINA: Favorite.

ERRICO: Aspè... statte zitto! Chi è?

ALBERTO (fuori):Songh’io!

ERRICO: Che beco, Alberto Conocchia? Trase, trase, e che d’è fra di noi nce vò a cercà permesso?

ALBERTO: Grazie tanto. Comme stai?

ERRICO: Non c’è male. Assettete. Che te ne sì fatto che nun t’aggio visto cchiù? (Guarda Adelina.) Che d’è, statte quieta?

ALBERTO: Primma de tutto so’ stato duje mise malato, e pò tu lo ssaje ca nun me pozzo movere da dinto a la puteca.

ERRICO: E lo saccio, comme a me!

ALBERTO: Aggio saputo ca te sì nzurato, e m’ha fatto piacere!

ERRICO: Sì, la verità, non me fidavo cchiù de stà sulo! (Ad Adelina.) Ma che d’è, che te fai afferrà? Ah, ho capito... vuoi essere presentata? Adelina, mia cognata... Alberto Conocchia, mio carissimo amico.

ADELINA: Vostra serva!

ALBERTO: Padrona mia!

ADELINA: Tanto nce vuleva pe venì?

ALBERTO: Io non aggio perduto manco nu minuto de tiempo. Te raccomanno Errì, si no faccio n’arruina!

ADELINA: Io me mengo da coppa abbascio!

ERRICO: A la casa toja però, si no me faje passà nu guajo a me!

SCENA SECONDA

Erminia e detti, poi Adelina, poi Alfonso e Michele.

ERMINIA: Errì, si D. Achille lo miedeco mange cu nuje, io metto n’ato posto a tavola.

ERRICO: Ma sì, tu lo ssaje che chillo non fa cerimonie. E nce fa compagnia pure l’amico mio qua presente, Alberto Conocchia. Chest’è muglierema!...

ALBERTO: Tanto piacere!

ERMINIA: Ah, vuje site Alberto Conocchia?

ADELINA: Chist’è lo nnammurato mio!

ERMINIA: Bene, bene! Ma nun sapimmo zi zia che dice, pe me so’ contenta che l’hai invitato a pranzo, ma...

ALBERTO: Vulite dicere co la zia se pò dispiacè? E allora io me ne vaco e so’ cuntento lo stesso!

ERRICO: Ma no, tu staje dinta a la casa mia! Sarrìa bello chesto... nun poté nvità n’amico a mangià cu me.

ADELINA: Sarria na cosa strana!

ERRICO: Jammo dinto, mò nce lo dico io!

ADELINA: Bravo D. Errico! Jammo Albè, jammo!

ALBERTO: Comme vulite vuje!

ERRICO: Trase, trase! (Alb. e Adel. seconda sin.) Ma comme, te l’haje scurdato chello che facevano nuje primme?

ERMINIA: E chello c’avimma fà sempe, pecché io pe me so’ sempe la stessa!

ERRICO: E io pure, io pure, Erminia mia, a me me pare comme non fosseme spusate, me pare che facimmo sempe ammore!

ERMINIA: E nce pozzo credere?

ERRICO: Ma nce haje credere pe forza, non vide quanto te voglio bene? (L’abbraccia.)

ADELINA (uscendo):Neh, quanno venite? (Vedendoli abbracciati.) Uh, mamma mia, facite proprio avutà lo stommaco a la gente!

ERRICO (ridendo):Ah! Ah! Jammo, Ermì! (Viano tutti.)

ALFONSO (d.d. gridando):Voglio vedé si la fernite de fravecà ccà fore me state tuccanno li nierve! Io, come capitano dei pompieri, vi potrei far sospendere il lavoro, avete capito? E zitto quanno parl’io, sangue di Bacco! (Fuori con Michele.) Michè, tu è inutile ca viene appriesso, io lo rapporto l’aggia fà afforza, debbo fare il mio dovere!

MICHELE: Ma vuje me facite multà a me puveriello, alla fine che male aggio fatto?

ALFONSO: Comme? Stive distratto? E a me non me ne preme. Il pompiere non deve stare mai distratto, e pò tu non stive distratto. Ieri sera venni a fare la mia ispezione a S. Carlo e te truvaje durmenno dinto a li quinte... il pompiere non deve dormire...

MICHELE: Ma io tanno, tanno, m’ero appapagnato nu poco!

ALFONSO: Ah, fu per causa de lo gioco? Peggio ancora!... La notte te faje la partetella co li cumpagne, e la sera pò tiene suonno!

MICHELE: Nonsignore, io nun aggio ditto chesto! Aggio ditto ca tanno m’era appapagnato nu poco.

ALFONSO: Guè, nun alluccà sà, che te chiavo na sciabola nfaccia! Ricordatevi il rispetto e la subordinazione, mettetevi sull’attenti... piantatevi... (Michele esegue.)

MICHELE: (Mannaggia l’arma de mammeta... puozze passà nu guajo!). Eccomi, signor Capitano!

ALFONSO: Che ve credite ca so’ li tiempe de na vota? Adesso il pompiere è soldato. E deve rispettare il superiore! Che? E zitto! Non voglio sentì niente!

MICHELE: (E chi sta arapenno la vocca!).

ALFONSO: Per ora vi alzo la mano, e non vi faccio rapporto, ma un’altra volta che vi trovo dormendo nelle quinte ve la farò pagare a caro prezzo! Avvisate a tutto il corpo che domani c’è manovra nel cortile del quartiere generale. Preparate tutti gli attrezzi, scale, fune...

MICHELE: (Pe te mpennere!).

ALFONSO: Che? Che dice?

MICHELE: Ho detto: va bene, capitano.

ALFONSO: Potete ritirarvi.

MICHELE: (Nuje nce addurmimmo dinto a li quinte, e isso che fà lo farenella cu tutte li ballerine nun lo ddice!).

ALFONSO: Che cos’è?

MICHELE: Ai comandi, capitano! (Soggetto dietro front. March. Via.)

ALFONSO: Eh, ccà si nun me faccio sentere chiste nun me fanno niente! Quanno cammino, li femmene me guardano ncantate... per esempio stammatina la cognata de frateme, chella sciasciona de figliola, è stata cchiù de doje ore affacciata a chella fenesta, e nun ha fatto auto che guardarme sempe, e m’ha fatto pure cierti segni, ma nun l’aggio capito... m’ha fatto saglì tutto lo sango a la via de la capa! Io mò so’ capitano de li pumpiere, sfido qualunque incendio, qualunque fuoco, eppure non sè domare la fiamma d’amore! Me, voglio j a luvà sta cosa da cuollo, pecché cchiù me nfoca! A ttavola, ogge, m’aggia mettere vicino a essa, me voglio cunsulà! Chella la guagliona ha saputo scegliere, simpatico, giovane, capitano dei pompieri, che vuleva truvà cchiù! (Via a destra.)

SCENA TERZA

Ciccillo, poi Totonno.

CICCILLO: Se pò trasì? Nun ce sta nisciuno! Largo della Carità N. 83. Chest’è la casa che m’ha ditto Concettella. Ma nun me ricordo stu biglietto a chi l’aggia dà... è uno che sta ccà, dinto a sta casa cu n’amico sujo, che manco me ricordo lo nomme, mannaggia sta capa, mannaggia... Largo Carità n. 83, chesto me l’aggio ricordato, lo nomme non me lo ricordo... È nu nomme de na casa ca tenene tutte li viecchie... Ah! Tabbacchera! No, tabbacchera no... Scaldino... no... nemmeno... na cosa ca nce sta pure na strada... ncoppa, ncoppa... a la sagliuta a... mannaggia sta capa, mannaggia... a sta sempe vicino a lo ffuoco me songo arruinato la fantasia! Almeno me ricurdasse l’amico sujo, lo patrone de sta casa... statte... D. Errico... Battilocchio... no... Battipaglia... eh, Salierno!... D. Errico... Guerra!... Basta, ccà quaccheduno ha da ascì! (Siede in fondo.) Ah, D. Errico Battaglione no, nemmeno!

TOTONNO: È permesso? Bello giò, tu te ricuorde quanno poco primme so’ venuto a la casa de D. Pasquale Cotugno, che ghievo truvanno a Ninetta, e tu m’haje ditto trasite?

CICCILLO: Io?!

TOTONNO: Chella è la nnammurata mia, so’ trasuto e aggio truvato ca steva facenno marenna nzieme cu na cumpagna soja chiammata Cuncettella.

CICCILLO: Concetta Palomma, la mia futura.

TOTONNO: Futura! E che d’è futura?

CICCILLO: La mia fidanzata del futuro...

TOTONNO: La nnammurata toja?

CICCILLO: Gnorsi!

TOTONNO: Dunque, m’hanno nvitato pure a me, me songo assettato e stevo mangianno, tutto nzieme so’ ghiuto pe vedé sotto la tavola, nce steva annascunnuto n’ommo... nu carogna qualunque!

CICCILLO: E chi era st’ommo?

TOTONNO: Lo nnammurato de Ninetta!

CICCILLO: E puteva essere pure lo nnammurato de Cuncettella?

TOTONNO: No, pecché io l’aggio canosciuto, è uno che n’ata vota pure lo ncucciate cu Ninetta, nu certo Errico Battaglia.

CICCILLO: Errico Battaglia?! Puozze passà nu guajo!

TOTONNO: A chi, a me?

CICCILLO: No, a isso! Io so’ venuto a purtà nu biglietto de primura a n’amico sujo che sta accà. Chest’è la casa soja, la casa de D. Errico Battaglia!

TOTONNO: Lo saccio! Pecché quanno so’ trasuto dinto a lo salone che sta a lo vico de lo Nunzio, llà nce stà lo patrone ch’è amico mio, vedennome accussì sbigottito ha voluto sapé che m’era succiesso, quanno l’aggio contato lo fatto ha ditto: Sangue de Bacco, io a stu Errico Battaglia lo cunosco, è cappellaro, so’ seje mise che s’è nzurato. Capisce, è pure nzurato, forse chella povera Ninetta non ne saparrà niente. Allora aggio ditto: famme lo piacere, sapisse pe cumbinazione addò sta de casa? Pecché? No, niente, lle voglio cumbinà primma nu bello piattino co la mugliera, e pò parlo cu isso. Lo cumpagno mio m’ha dato l’indirizzo, accussì songo venuto. Mò comme avvarrìa fà pe fà ascì la mugliera?

CICCILLO: E che saccio? Ccà non nce sta nisciuno. Io pure avarrìa dà stu biglietto all’amico sujo. Scusate, le vecchie cu che se metteno a filà?

TOTONNO: Co lo canneve.

CICCILLO: No!

TOTONNO: Co lo lino.

CICCILLO: No!

TOTONNO: Co la stoppa.

CICCILLO: Nemmeno. Io dico le vecchie che teneno mmane?

TOTONNO: Lo fuso!

CICCILLO: Nooo!

TOTONNO: La cunocchia!

CICCILLO: La cunocchia! Puozze murì de subbeto! La cunocchia! D. Alberto la Conocchia! Vih, che c’è vuluto pe me ricordà stu nomme... Stu biglietto l’aggia dà a D. Alberto la Conocchia... Puozze sculà!

TOTONNO: Tu e isso!

CICCILLO: Aspettate, sta ascenno uno da chesta parte, addimmannammo a isso!

SCENA QUARTA

Alfonso e detti, poi Errico, Alberto, Teresina, Erminia e Adelina.

ALFONSO (senza mantella):Ah, mò me sento cchiù frisculillo!

TOTONNO: Buongiorno, oscellenza signò.

ALFONSO: Tengo n’appettito ca lle manca la parola, ogge me voglio fà ciuotto, ciuotto!

CICCILLO: Buongiorno, oscellenza signò!

ALFONSO: E quando mi sarò messo in brio, farò la mia dichiarazione ad Adelina. Nun voglio perdere cchiù tiempo, na vota che io so’ simpatico a essa, essa è simpatica a me, neh, che nce aspettammo?

TOTONNO (facendosi vedere):Buongiorno, oscellenza signò!

CICCILLO: Servo vostro.

ALFONSO Chi è, chi siete?

CICCILLO (a Tot.):Parlate primme vuje.

TOTONNO Ecco, eccellenza, io aveva dicere doje parole a la mugliera de D. Errico Battaglia.

ALFONSO: Lo vico vicino a lo serraglio? E non è ccà, bello mio!

TOTONNO: Nonsignore, la mugliera de D. Errico Battaglia!

ALFONSO: Ah, D. Errico Battaglia.

TOTONNO: Vurria parlà co la mugliera.

ALFONSO: Avita pulezzà la cemmenera? E pulezzatela, che vulite da me?

TOTONNO: Uh, chisto è surdo, e comme combinammo?

ALFONSO: Appresso, voi che volete?

CICCILLO: Io aggia dà nu biglietto a D. Alberto la Conocchia.

ALFONSO: Se rumpette la conocchia? E n’accatte n’ate, quanto sta na conocchia? Quatte solde!

CICCILLO: Chisto capisce na cosa pe n’ata!

TOTONNO: Jammuncenne, turnammo a n’ato ppoco.

TOTONNO: Puozze passà nu guajo! (Via).

CICCILLO: Ih! Che belli recchie che tene!

ALFONSO: Io non capisco, chille venenne ccà pe dicere che la cemmenera s’ha da pulezzà, e la cunocchia se rumpette! Hanna essere proprio duje turze!

ERRICO (seguito da Adelina, da Alberto, Teresa, Erminia):Guè, Alfò, sì venuto?

ALFONSO: So’ arrivato poco primme.

TERESINA: Carissimo D. Alfonso.

ALFONSO: Signora rispettabile, donna Erminia i miei rispetti. Signorina Adelina. (Strette di mano.)

ADELINA: Caro D. Alfonso.

ERRICO: Albè, ti presento mio fratello Alfonso, capitano dei pompieri.

ALBERTO: Tanto piacere! Alberto Conocchia.

ALFONSO: Alfonso Battaglia, fratello di Errico.

ERRICO: Alfò, nce l’aggio ditto!

ALFONSO: Capitano dei pompieri!

ERRICO: Nce l’aggio ditto! (Gridando.) ogge sta pur’isso a mangià cu nuje!

ALFONSO: Bravo, mi fà immenso piacere!

(Posizione scenica)

Errico

Alberto

Erminia

Alfonso

Teresina

Adelina

ALBERTO: Signora mia, io non volevo accettare, so’ stato lloro ca m’hanno voluto fà rimanè afforza!

TERESINA: Ma io non ci trovo nessuna difficoltà, è per causa di D. Pasquale, ca nun voglia maje lo Cielo lo vene appurà, cu mmico se la piglia!

ERRICO: Ma alla fine ccà non se sta facenno niente de male! Nce divertimmo, chesto è tutto! Alberto è nu buono giovane, è un galantuomo, e nun c’è che dì!

ALBERTO: Ma io ad Adelina mme la voglio spusà, ccà nun se tratta de fà la commedia!

TERESINA: Lo saccio, lo saccio, ma avita tené nu poco de pacienzia!

ERMINIA: Si sapisseve quanto n’avimmo tenuto io e Errico!

ERRICO: Nu juorno nun ne putette cchiù, sferraje, mettette nterra, e nce stevemo sciaccanno io e D. Pascale!

TERESINA: Ma nonsignore., sta vota non s’ha da arrivà a chesto! Chillo pò, l’avimmo da dicere, è furiuso, arraggiuso, nun vò cedere, ma all’ultimo fernesce che facimmo sempe tutto chello ca vulimmo nuje! È carattere, che nce vulite fà, ma pò è nu buono ommo e de core!

ERMINIA: Oh, chesto è certo!

ALBERTO (ad Alfonso che fà delle moine ad Adelina):Capitano... Capità... Signor capitano...

ALFONSO: Chi è, chi mi vuole?

ALBERTO: Ogge siete libero, nun site juto a lo quartiere?

ALFONSO: Come?

ALBERTO: Ogge non site jute a lo quartiere?

ALFONSO: Sicuro, ci sono stato dalle otto fino a mezzogiorno.

ALBERTO: E nun nce avita turnà?

ALFONSO: No, e io so’ Capitano! Stasera tengo l’ispezione al Politeama, fanno il primo veglione.

ERRICO: Ah, già, stasera nce sta lo veglione! Nce vulimmo j tutte quante?

ERMINIA: Uh, sì, sì, pigliammo nu palco!

TERESINA: Nce jate vuje, pe me nun ce pozzo venì. Vuje pazziate, nce vede quaccheduno! Vulite vuje sta bene, ma a nuje non ce conviene.

ERRICO: E ve pare, che rimanimmo a vuje sole ccà; nun fa niente, nce divertimmo dinta a la casa!

ALFONSO: Signori miei, ho fatto una pensata! Perché questa sera non andiamo tutti al veglione?

ERRICO: Ah, sicuro! (E nuje fino a mò c’avimmo ditto?). (Tutti ridono sottovoce.) Nun ce putimme j, pecché D.a Teresa se mette paura.

ALFONSO: E che paura avete quando state con me?!

TERESINA: Non è pe nisciuna paura, è pe chi sa me vede maritemo, che nun sape niente!

ALFONSO: Nce fà troppo viento? Ma noi andiamo in automobile chiusa.

ERRICO (gridando):Nun ce pò venì... nun ce pò venì!...

ALFONSO: E non fà niente, ci andremo l’anno che viene, così Donna Adelina non deve dare conto a nisciuno, e verrà con me al veglione!

ALBERTO: Errì, fratete che dice?

ERRICO: Nun lo dà audienza, chillo è surdo!

ADELINA: Vì comme è seccante, lasseme sosere da ccà! (Si alza e subito Alfonso la segue, girano per la scena, Alberto fa altrettanto.)

SCENA QUINTA

Achille e detti.

ACHILLE: Signori, buongiorno a tutti!

TERESINA: Oh! Ecco ccà D. Achille.

ERRICO: Finalmente! V’avimmo aspettà cchiù?

ACHILLE: Dovete scusarmi, caro D. Errico, aggio avuto tanto che fà!

ERRICO: E si capisce, e vi prevengo, che sta jurnata non v’avita movere da ccà, avita stà cu nuje fino a li tre stanotte nce divertimmo nu poco!

ACHILLE: Fino alle tre! Vuje pazziate! Io domani alle sette mi dovrò trovare all’ospedale.

ERRICO: E nun nce jate, facite festa! D. Achì, site stato da D. Pascale?

ACHILLE: Nce so’ stato, nce aggio parlato, ma nun ne vo’ sapé proprio niente. Sta troppo arraggiato cu vuje, ha ditto ca vuje lo chiammasteve ommo de stoppa!

ERRICO: Io l’aveva chiammà quacche cosa de peggio, doppo chello ca facette isso! Basta, non ne parlammo mò!

ACHILLE (a Teresa):Signò, e vuje comme va che state ccà?

TERESINA: Simme venute pe nu pare de juorne, ma Pasquale nun sape niente! Dottò, vi raccomando!

ACHILLE: Oh, vi pare!...

ERRICO: Signori mieje, pe mangià nce vò tiempo, n’ato pare d’ore. Io diciarrìe, facimmece nu tresette. Simme juste quatte. Che ne dite, dottò?

ACHILLE: Come volete voi!

ERRICO: Albè, pigliammo stu tavulino, mettimmelo ccà. (Eseguono.)

TERESINA: E nuje intanto jammo a sollecità lo pranzo.

ERMINIA: Buon divertimento!

ERRICO: Grazie!

ERMINIA: Jammo, jammo dinto! (Le tre donne viano.)

ERRICO: Dottò, vi presento l’amico mio, Alberto Conocchia.

ACHILLE: Dottor Achille Pagnotta. Piacere.

ALBERTO: Ai vostri comandi... Dunque, jucammo o no?

ERRICO: Io vaco cu frateme... Alfò, Alfò!

ALFONSO (s’è fissato a guardare da dove e uscita Adelina, poi si volta scorgendo i tre a tavolino):Io direi facciamoci una partita!

ERRICO: Già l’abbiamo detto. Tu viene a ccumpagno cu mmico.

ALFONSO: Vengo ncampagna cu ttico?

ERRICO: A ccumpagno, a ccumpagno di giuoco!

ALFONSO: Ah, ho capito, eccomi qua! (Tutti seggono.)

ACHILLE (dà le carte):Buon gioco!

ALFONSO: Buongiorno, chi è?

ERRICO: Lo duttore ha ditto buon gioco!

ALFONSO: Ah! Va bene.

ERRICO: Quatte denare è di mano.

ALFONSO: Neh, io direi facciamo come si usa lo quatto denare è di mano.

ERRICO: Alfò, sì nu guajo cu sti recchie!

ALFONSO: Che dice?

ERRICO: Niente, niente!

ALFONSO: (Che bella guagliona, che bocca, che manella, è inutile quella ragazza dev’essere mia moglie forzosissimamente!).

ALBERTO: Eppure va a fernì che forzosissimamente aggià sciaccà lo capitano de li pumpiere!

ACHILLE: Tengh’io quatto de denare!

ERRICO: Allora voi giocate.

ACHILLE: Io, piombo a nu palo mettete la bona.

ERRICO (gioca).

ALBERTO: Aggio pigliato io co lo re. Liscio per voi, datemi la meglio.

ALFONSO (gioca distratto).

ERRICO: Lo tenive sulo?

ALFONSO: Che dice?

ERRICO: Lo tenive sulo, lo tenive sulo?

ALFONSO: Che cosa?

ERRICO: L’asso, lo tenive sulo?

ALFONSO: No!

ERRICO: E pecché nce l’haje dato?

ALFONSO: Me credevo ch’avive jucato tu!

ERRICO: Me credevo... si staje stunato è meglio ca nun ghiucammo!

ACHILLE: È cosa de niente, caro D. Errico, è stata una distrazione. (Riprendono il gioco.)

SCENA SESTA

Ciccillo e detti, poi Erminia.

CICCILLO (uscendo):Signori, scusate...

ERRICO: Chi è?

CICCILLO: Aggia dà stu biglietto de premura a D. Alberto la Conocchia... Sapite si nce sta?

ALBERTO: A me... damme ccà!

CICCILLO: Site vuje?

ALBERTO: Gnorsì, songh’io! (Si piglia il biglietto.) Signori, scusate.

ALBERTO Ch’è, D. Alberto non vuol giocare più?

ERRICO: È stato chiamato...

ALBERTO (leggendo) «Venite subito, voi e l’amico vostro D. Errico, perché avrete una bella soddisfazione. Vì farò trovare la porta aperta, entrate senza farvi sentire, e vedrete che cosa ha saputo fare la vostra aff.ma Fata». Aggio capito, chest’è Cuncettella, va trova ch’ha cumbinato!

ERRICO: Ch’è stato neh? Albè? (Va vicino a lui.)

ALFONSO: Errì, non vuoi più giocare?

ERRICO: Aspetta, lasseme fà...

ALBERTO: Chisto è nu biglietto che m’ha mannato Cuncettella, vide si capisce de che se tratta.

ERRICO (legge):«Venite subito, voi e l’amico vostro D. Errico, perché avrete una bella soddisfazione. Vì farò trovare la porta aperta, entrate senza farvi sentire e vedrete che ha saputo fare la vostra aff.ma Fata». E che sarrà? Aspè, mò te lo dico io. Chesta Cuncettella va trova che pasticcio ha fatto, c’ha cumbinato cu D. Pascale, e mò nce manna a chiammà pe lo fà surprendere da nuje!

ALBERTO: E che vulimmo fà?

ERRICO: Avimmo da j a vedé de che se tratta. (A Cicc.) Dimme na Cosa, sta lettera te l’ha data Cuncettella?

CICCILLO: Sissignore!

ERRICO: E non t’ha ditto niente a voce?

CICCILLO: Sissignore, m’ha ditto na cosa... aspettate, quanno m’arricordo... Ah, ha ditto accussì... che ghiate subbeto llà, e ve fà vedé che bello servizio ha cumbianto a... D. Coso... llà... a D...

ERRICO: A D. Pascale...

CICCILLO: Gnorsì, a D. Pascale!

ERRICO: Va bene. Tiene, pigliate li sigarette. (Lo regala.)

CICCILLO: Grazie tanto... Servo vostro! (Via.)

ERRICO: Jammo bello, e nun perdimmo tiempo Albè! Neh, permettete nu mumento, nuje ascimmo nu poco. (Lasciando il biglietto sul tavolo. Viano.)

ALFONSO: Ch’è stato? Ch’è succiesso?

ACHILLE: E chi ne sape niente! Chillo giovane amico de D. Errico ha ricevuto nu biglietto, l’hanno letto e se ne so’ scappate nzieme. Forse qualche affare di premura.

ALFONSO: È ghiuto a la Prefettura?

ACHILLE: No, so’ ghiute addò Quistore!... Qualche cosa di premura! Aspettate hanno rimasto lo biglietto ccà ncoppa, vedimme che dice. (Prende il biglietto lasciato e legge:) «Venite subito, (Erminia esce e si mette inosservata ad ascoltare:) voi e l’amico vostro D. Errico, perché avrete una bella soddisfazione...».

ALFONSO: Che dice? È asciuto na bella strazione?

ACHILLE: (Sì, è asciuto 6 e 22!). (Gridando.) Una bella soddisfazione! «Vi farò trovare la porta aperta, entrate senza farvi sentire e vedrete che ha saputo fare la vostra aff.ma Fata.»

ALFONSO: Fata?... E chi è sta fata? (Lazzi a soggetto.)

ERMINIA (avanzandosi):Dottò, scusate, D. Errico e D. Alberto addò stanno?

ACHILLE (nasconde il biglietto dietro la schiena):Ah! Non sò, so’ scise nu mumento tutte le duje, che saccio pe ghì a fà nu servizio, ma mò le vedite venì!

ERMINIA: E comme, accussì tutto nzieme, mentre steveno giocando, so’ scise pe fà nu servizio... Ma vuje stiveve liggenno nu biglietto, pecché vedenno a me l’avite nascosto? Che d’è stu biglietto?

ACHILLE: Ma no, chillo ora nu biglietto de nu cliente mio, nu malato che m’ha mannato a chiammà!

ERMINIA: No, quello è un biglietto che riguarda mio marito e D. Alberto! Ve ne prego, datemelo!

ACHILLE: Ma vedete, signora...

ERMINIA: Datemmillo, ve dico... (Prende il biglietto.) Ah, nfame, scellerato traditore! Me bassa e se ne va cu ll’amico sujo adde la fata? Doppo seje mise de matrimmonio... Ah, è troppo! È troppo!

ACHILLE: Ma vedete, signò, chillo l’amico sujo...

ERMINIA: Stateve zitto, nun parlate, nun me dicite niente, nun voglio sentere niente, non m’aspettava maje na cosa de chesta!

ACHILLE: Ma la lettera non l’ha avuto isso, l’ha avuto Alberto.

ERMINIA: Lo sò, è D. Alberto che tiene la sua fata, la quale manne a chiammà pure a maritemo!

SCENA SETTIMA

Adelina e detti, poi Teresina.

ADELINA: Ermì, s’ha da mettere a tavula?

ERMINIA: Che tavula e tavula... Arrecettate tutte cose pecché nun se magne cchiù! Avimma ascì, avimma j a truvà a chilli duje assassine!

ADELINA: Chi assassine?

ERMINIA: Errico e D. Alberto! Chille ca nuje credevamo doje perle... Teh, legge ccà... liegge sta lettera che poco primme ha ricevuto D. Alberto. Bravo D. Alberto Conocchia!

ADELINA (riceve la lettera e dopo aver letto) Possibile!... Ma è overo chello c’aggio letto? Sta lettera è stata portata proprio a D. Alberto?

ACHILLE: Sissignore... nce l’ha purtato nu giovane poco primme. È overo, D. Alfò?

ALFONSO: Io saccio ch’è asciuto na bona strazione... Ma che Errico e l’amico sujo avessero vinto na quaterna e pe la priezza se ne so’ scappate?

ACHILLE: (Uh, mamma mia, ma chisto è surdo proprio!).

ADELINA: Nfame, traditore, birbante!

ACHILLE: Ma calmateve!

ERMINIA: Stateve zitto! Jatevenne! Lassateme stà!

ALFONSO: Ma dottò, ch’è stato?

ACHILLE: Eh, e mò capisce tu! Jammoncenne dinto a la cammera vosta e llà ve conto lo fatto!

ALFONSO: Che dicite? E stata na bona strazione?

ACHILLE: Jammo, jammo, trasite... Signò, calmatevi!... (Prende a braccetto Alfonso e viano.)

ADELINA: Ma dico io na vota ca teneva sta fata, pecché è venuto a ncuità a me?

ERMINIA: E pecché sta fata non se la tene pe isso, e la fà conoscere pure a maritemo? Adelì, damme lo cappello, mò proprio aggia ascì!

ADELINA: E addò vai?

ERMINIA: Voglio fà arrevutà lo quartiere! Pigliame lo cappiello!

TERESINA (uscendo):Ch’è stato? Neh, ch’è succiesso?

ERMINIA: Ah, zia mia! (Piange.)

ADELINA: Zia mia bella! (Piange.)

TERESINA: Ch’è stato? Parlate!....

ERMINIA: Errico me tradisce!...

TERESINA: Te tradisce? E comme?

ADELINA: Don Alberto poco primma ha ricevuto sta lettera, e subbeto se ne so’ ghiute tutte e dduje! (Dà la lettera a Teresa che legge.)

ERMINIA: Nun me dicite niente zi zi, pecché lo voglio lassà, voglio fà cose de pazze!

ADELINA: Nun aggia credere cchiù all’uommene, manco si li veco de murì! Me voglio chiudere dinto a nu cunvento!

TERESINA (che ha letto):So’ cose ca nun se credono! Ma comme, D. Errico è capace de chesto? Ma significa che ha perduto li cervelle! E sta lettera comme la tiene tu?

ERMINIA: Forse se l’ha scurdata ccà! La steve leggenno lo duttore, e appena m’ha visto se l’ha annascosta!

TERESINA: E chi sarrà sta fata? Have ragione Pascale! E vuje nun lo vulite sentere a chill’ommo!

SCENA OTTAVA

Totonno e dette.

TOTONNO: Permettete... Scusate...

TERESINA: Chi è? A chi vulite?

TOTONNO: Io songo Totonno lo parrucchiere, tengo lo salone dinto a la Curzea, avarrìa dicere doje parole a la mugliera de D. Errico Battaglia!

ERMINIA: Songh’io proprio, che m’avita dicere?

TOTONNO: Ve voglio dicere che ve tenite lo marito vuosto nu poco cchiù frenato, pe nun lo fa j ncuitanno li figliole! Si no fa passà nu guajo a quacche pover’ommo!

ERMINIA: Ma pecché, scusate? Che ne sapite ca maritemo va ncuitanno li figliole?

TOTONNO: Lo saccio, pecché è proprio la nnammurata mia ca nun vò fà sta quieta!

ERMINIA: La nnammurata vosta?

TOTONNO: 15 juorne fa li truvaje a tutte e duje pe Tuledo e me stette zitto, pecché essa me dicette ch’era amico de lo frate. Io facette a vedé che me lo credette e nun ne parlaje cchiù! Stammatina però, mentre steveme facenno marenna tutte e dduje, a core a core, aggio visto co lo marito vuosto steva annascosto sotto lo tavulino. V’assicuro, signò, ca nun l’aggio sparato pe nu miracolo!

ERMINIA: Ma io sto durmenno o sto scetata?

TERESINA: Ma fosse nu sbaglio? Stu tale se chiamma proprio Errico  Battaglia?

TOTONNO: Sissignore! Errico Battaglia! Mme so’ nfurmato, e m’hanno ditto ca s’è nzurato da seje mise e ca chesta è la casa soja!

ERMINIA: Ma che vulite sentere cchiù? E da quanto tiempo è stato stu fatto che l’avite truvato annascosto sotto lo tavulino?

TOTONNO: Cosa de n’ora fa!

ERMINIA: N’ora fa? Nfame! Birbante! E scusate, diciteme na cosa, addò stiveve facenno marenna?

TOTONNO: A la casa de nu certo D. Pascale Cotugno, addò la nnammurata mia ogge è trasuta a servì.

TERESINA: Aspettate, che state dicenno? A la casa de D. Pascale Cotugno? Ma ne site sicuro?

TOTONNO: Sissignore!

TERESINA: E comme se chiamma la nnammurata vosta?

TOTONNO: Mariannina Esposito.

TERESINA: Possibile! Allora fa ammore co la cammerera nova?

ERMINIA: E già, prufittanno ca vuje stiveve ccà!

TERESINA: E D. Errico è ghiuto dinto a chella casa senza metterse paura de li patrune?

TOTONNO: Nun nce steva nisciuno de li patrune!

TERESINA: E già, sapenno che Pascale è ghiuto a Caserta! E ll’ata cammarera nce steva?

TOTONNO: Gnorsì, nce steva, e pur’essa faceva marenna!

TERESINA: Allora Cuncettella è d’accordo cu D. Errico! Pirciò se canusceva cu Ninetta. Ah! Ma è terribile sa, è terribile! (Costernata passeggia.)

ERMINIA: Assassino, galiota!

TERESINA: E diciteme n’ata cosa, stu D. Errico Battaglia è nu giovane co li mustaccielle?

TOTONNO: Nonsignore, mustacce nun ne tene, è sbarbato!

TERESINA: Sbarbato?!

ERMINIA: Sbarbato?!

TERESINA: E allora nun è isso, è n’ato!

ERMINIA: E chi è?

TERESINA: E chi lo ssape! Currimmo subbeto a casa, senza perdere tiempo! (A Tot.) Aspettate abbascio a lo palazzo, nuje mò scennimmo!

TOTONNO: Va bene (Via pel fondo.)

TERESINA: Adelì, damme lo cappello, fà ambressa!

SCENA NONA

Alfonso, Achille, Erminia, Adelina, Michele e tre pompieri.

ALFONSO (tutti escono secondo l’ordine):Signò, ch’è stato?

TERESINA: Aggia correre a la casa mia!

ALFONSO: Avita correre pe la via... e pecché?

TERESINA: Stanno gente a la casa! (Via a sin.)

ALFONSO: S’incendia la casa? Sangue di Bacco, e comme è succiesso? (Alla finestra.) Pompieri correte, mettete in ordine le pompe, ccà nce sta l’incendio. Fate presto!... (Grida.) Aprite tutte le porte. (Corre per la scena.)

ACHILLE (uscendo):Capità, ch’è succiesso?

ALFONSO: Se sta abruscianno la casa... Salvatevi!

ACHILLE: Lo cappiello mio addò sta... Capità, salvatemi lo cappello! Quale cammera s’è appicciata?

ALFONSO: Nun lo saccio! Ma nun ve mettite paura, ccà sta lo capitano de li pumpiere! (Escono le tre donne coi cappelli.)

LE TRE: Jammo, jammo!

ACHILLE: Pe dò avimma fuì?

LE TRE: Ma ch’è stato?

ACHILLE: Se sta incendianno la casa!

MICHELE (appare alla finestra con una pompa):Scostateve! Scostateve! (Contemporaneamente escono dal fondo tre pompieri con pompe. Le donne gridano.) Aiuto! Aiuto! (Il capitano sguaina la sciabola ed a tutto fiato grida.) Sgombrate! Coraggio, figliuoli! Fatevi onore! Sgombrate, sangue de Bacco!

TUTTI (scappano per la scena gridando).

ACHILLE: Capità, salvateme lo cappiello! (In tutta questa confusione generale.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

La stessa scena del primo atto.

SCENA PRIMA

Ninetta, poi Concetta, Errico e Alberto.

NINETTA: Ah! Ah! Io mò moro da le risa! Concettella m’ha contato tutte cose. Chist’è lo patrone de casa D. Pascale Cotugno. Ma che paura che s’ha miso, si nun piglia na malatia è nu puro miracolo!

CONCETTA: Trasite, trasite, si arivaveve n’ora primma, trovaveve nu bello spettacolo! (A Ninetta.) Che sta facenno?

NINETTA: Sta ncoppa a la pultrona, cu nu forte dulore de capa!

CONCETTA: Ninè, chisto è lo marito de la signora Erminia, e chist’ato è lo nnammurato de l’ata nepote. Chesta è la cammarera nova.

ERRICO: Ma comme, D. Pascale dicette che se chiammava Errico Battaglia?

CONCETTA: Gnorsì, cenaje cu chesta figliola na sera ncoppa a la tratturia, e le dicette ch’era scuitato e che se la vuleva spusà.

NINETTA: La cumbinazione, mentre steva ccà, è venuto lo nnammurato mio e l’aggio fatto mpezzà sotto lo tavulino...

CONCETTA: E io tanno v’avarria vuluto!

NINETTA: ...s’ha pigliato na paura che nun putite credere!...

ERRICO: Ma guardate, fa tanta chiacchiere cu nuje, predica moralità e pò va facenno chesti mbruoglie!

CONCETTA: Mò acconcio tutti li fatte vuoste, nun ve ne ncarricate, mò adda fà tutto chello ca vulimmo nuje! Trasitevenne dinto a chella cammera che ve faccio vedé belli cose!

ERRICO: Jammo Albè, jammo dinto e vedimmo che succede! (Viano.)

NINETTA: Zitto, sta venenno!

CONCETTA: Annascunnimmece, sentimmo che dice!...

SCENA SECONDA

Pasquale, poi Ninetta, poi Concetta, poi Errico e Alberto.

PASQUALE (con un fazzoletto alla fronte):Ato che ricetta, ccà nce vò addirittura nu miedeco assistente vicino a me! Comme m’è venuto ncapo de rimmanè ccà, si jevo a Caserta tutto chesto nun sarrìa succieso!

NINETTA (avanzandosi):Comme state, D. Errì? V’è passato lo dolore de capo? Nun putite credere quanto me dispiace ca non ve sentite buono! Nce ha avuto colpa tutto chillo lazzarone!

PASQUALE: Ninè, fernimmo sta storia! Io non me chiammo Errico Battaglia, io songo Pascale Cotugno, lo patrone de sta casa, e non te pozzo spusà pecché so’ nzurato.

NINETTA: Comme? Che dicite? Vuje nun site Errico Battaglia? Ah! Ah! (Ride.) Jatevenne, faciteme stu piacere! Aggio capito, vuje chesto lo dicite pecché ve site già seccato de me e nun me vulite fà penzà cchiù a vuje! Ve ngannate, caro signore, mò nun me putite lassà! Totonno mò m’ha lassato, l’aggio fatto chistu tradimento, e chi me lo dà cchiù a Totonno? Addò lo trovo cchiù a Totonno?

CONCETTA (avanzandosi) Ch’è stato neh, Ninè?

NINETTA: Stu signore ha ditto ca non se chiamma Errico Battaglia, ma se chiamma Pascale Cotugno lo patrone de sta casa!

CONCETTA: Accussì ha ditto? E che site asciuto pazzo neh, signò. E pecché vulite dicere sta sorte de buscia?

NINETTA: Pecché s’è seccato de me, e trova scuse pe me lassà!

CONCETTA: È na scusa ca nun po’ j nnanze, però! Embè, che d’è, io nun ce stongo che dico la verità? Vuje site D. Pascale Cotugno? E lo putite dicere chesto mò che ce stongo io presente? Vuje Pascale Cotugno? Vulesse lo Cielo e lo patrone mio fusseve vuje! Allora io sta casa nun la lassarrìa! Fra vuje e isso, caro D. Errico, nce sta na grande differenza! Vuje site simpatico, buono de core, mentre D. Pascale è brutto, nfame e puorco!

PASQUALE: (Ncase, ncase dinto a lo murtale, nun te ne ncarricà!).

CONCETTA: E pò, te vuò assicurà si stu signore è D. Pascale? Nun nce vò niente... Mò facimmo nu telegramma a la mugliera, la facimmo venì ccà, e sentimmo essa che dice, vulimmo fà accussì?

PASQUALE: Ma sei terribile sa... vai penzanno a cierti cose...

CONCETTA: E chi site vuje? Comme ve chiammate?

PASQUALE: Errico Battaglia!

CONCETTA: E site nzurato?

PASQUALE: Nonsignore!

CONCETTA (a Ninetta):Sì cuntenta mò?

NINETTA: Grazie, grazie, cumpagna mia!... Ma pecché, scusate, pecché me vulite lassà? Che putite dicere de la cundotta mia? Facevo ammore sulo cu Totonno, e pe causa vosta aggio perzo nu buono matrimmonio!

CONCETTA: Va buono meh, chillo D. Errico ha pazziato, mò nce pigliammo na bella carrozza e nce ne jammo a mangià a Pusilleco... che ne dicite?

PASQUALE: Comme vulite vuje!...

NINETTA: Vulimmo stà allegre fino a stasera!

CONCETTA: Jammo, jammece a priparà, non perdimmo tiempo! (Ninetta via.) Cu tutto lo talente vuosto stiveve facenno chistu guajo! Vuliveve fà credere a Ninetta ca nun site Errico Battaglia, ma site invece Pasquale Cotugno, patrone de sta casa, e pe ghionta nzurato. E bravo! Accussì Ninetta essenno stata mbrugliata da vuje nce lo diceva a Totonno e aviveve na bella curtellata dinto a la panza! Vuje ve la vulite luvà da tuorno? E lo trovo io lo mezzo!

ERRICO: Brava Concetta! (Si avanza.)

ALBERTO: Sì na femmena d’oro! (c.s.)

PASQUALE: (Che! Errico e D. Alberto?!).

CONCETTA: A sti duje l’aggio fatti venì io!

ERRICO: E sapimmo tutte cose!

ALBERTO: Tutto chello c’avite fatto... jsteve a cenà cu na figliola...

ERRICO: ...ve pigliasteve lo nomme mio!...

ALBERTO: Stamattina avite fatto marenna cu essa...

ERRICO: Pò è venuto lo nnammurato e stiveve passanno nu brutto guajo!

PASQUALE: (Chiste sanno tutte cose! So’ rovinato!).

ERRICO: Io putarrìa dicere tutte cose a la mugliera vosta, ma pe farve vedé comme la penzo non dico niente a nisciuno, ma però m’avita fà na dichiarazione.

ALBERTO: E a me pure!

CONCETTA: E a me pure! Anze, assettateve e screvite!

PASQUALE: Ma io... vedete...

CONCETTA: Pss!... Silenzio, scrivete!... Dichiaro io qui sottoscritto... (Pasquale ripete.) Che Concetta Palomma è stata in casa mia quattro anni... in qualità di prima cameriera, e posso assicurare (Pasq. c.s.) sul mio onore che ella è una buona giovane, onesta, fidata e gran lavoratrice. Punto. Se l’ho mandata via è stato perché sono un pazzo, uno stravagante. Però ho visto di aver fatto male, e se vuol restare la terrò sempre con piacere. Firmate Pasquale Cotugno.

PASQUALE: Ecco fatto!

CONCETTA: Bravo! Dateme ccà. (Prende la dichiarazione.)

ERRICO (a Pasq.):Scrivete, scusate! (Detta, ePasq. ripete.) Carissimo e gentilissimo D. Errico. Vi prego di venire subito da me, perché io ardo, brucio dal desiderio di fare pace con voi. Voi siete la perla dei gentiluomini. Vostro aff.mò Pasquale Cotugno.

PASQUALE (dopo scritto):Eccovi servito.

ERRICO: Grazie! (Prende la dichiarazione.)

PASQUALE: Aggia fà niente cchiù?

ALBERTO: Sicuro, a me mò! Scrivete!

PASQUALE: (Ato che purpettone, chiste m’hanno passato pe dinto lo setaccio!).

ALBERTO (detta, e Pasq. ripete):Gentilissimo e nobilissimo D. Alberto.

PASQUALE: Non facciamo esagerazioni! Stu nobilissimo nun ce azzecca, vuje site nu guantaro!

ALBERTO: Io nce lo voglio fà azzeccà! Sono nobile di azioni e di condotta... Scrivete. Mi pento, mi addoloro e sono tutto mortificato di avervi offeso, voi siete lo specchio della virtù...

PASQUALE: Ma questa è na preghiera, scusate...

ALBERTO: Scrivete! Voi siete lo specchio della virtù. Io sono fortunatissimo che voi sposate mia nipote Adelina! Vostro aff.mo Pasquale Cotugno.

PASQUALE: Ecco fatto!

ALBERTO: Grazie tanto! (Prende la dichiarazione.)

ERRICO: Mò spassateve, divertiteve, e non ve ne ncarricate!

PASQUALE: Io me metto paura che muglierema non turnasse da Puortece?

ERRICO: Ma quà Puortece e Puortece! La mugliera vosta nzieme c’Adelina stanno a la casa mia, l’aggio mmitate io pe duje juorne!

PASQUALE: Comme, lloro hanno ditto che ghieveno de la cummara a Puortece! M’hanno mbrugliato, e bravo!

ERRICO: Pirciò stateve a penziero quieto, pecché le trattengo io fino a lunedì.

PASQUALE: Benissimo! Dateme nu bacio! (Bacia Err. e Alb.) Io v’aggio voluto sempe bene, voi non mi avete capito.

ERRICO: Simme state duje ciucce, avite ragione!

CONCETTA: Ve raccomanno, non dicite niente a la signora e a la signorina de chello ch’è succiesso.

ERRICO: Ma te pare! Nuje sti lettere le facimmo vedé dimane, e dicimmo che tanno D. Pasquale ce l’ha mannate.

CONCETTA: Perfettamente!

PASQUALE: Allora io mò vaco a urdinà la carrozza! (Via.)

SCENA TERZA

Achille, poi Alfonso e detti.

ACHILLE: Neh, signori, mieje, vuje state ccà? Favorite D. Alfò, D. Errico sta ccà!

ALFONSO: Errì, tu che diavolo haje fatto? Ma ch’haje perduto la capa?

ERRICO: Ch’è stato?

ACHILLE: Comme, ch’è stato? Llà sta na casa sotto e ncoppa! D. Teresina co li doje nepote me pareno 3 jene, hanno fatto cose de pazze!

ERRICO: E pecché?

ACHILLE: Pecché vuje ve site scurdato ncoppa a lo tavulino chillo biglietto ch’ha ricevuto l’amico vuosto, D.a Erminia l’ha letto, l’ha fatto leggere a D.a Teresina e Adelina, figurateve ch’è succiesso l’inferno!

ERRICO: Ah! Ah! Aggio capito! Lo biglietto tujo, Albè, llà steva firmato «la tua aff.ma Fata», e diceva «venite subito con l’amico vuosto D. Errico», e chelle hanno creduto... Ah! Ah! (Ride.)

ALBERTO (ride):Chesta veramente è stata bella!

ACHILLE: Seh, vuje redite, chelle mò le vedite venì ccà.

ERRICO: E pecché veneno ccà? Chi nce l’ha ditto ca la lettera l’aveva mannata Concettella?

ACHILLE: E che ne saccio, se l’avarranno supposte; e pe causa de li convulsione, hanno tricato!

ERRICO: Le convulsioni?!...

ACHILLE: E se capisce, pecché lo frate vuosto l’ha fatto mettere na paura terribile D.a Teresina ha ditto: «Avimma correre, stanno gente a casa», e chillo ha capito: «Sta n’incendio a casa». (Tutti ridono.) S’è miso alluccà, ha fatto saglì li pompieri, e me l’ha fatto credere pure a me... io mò moro, non tengo cchiù fiato!

ERRICO: Ma comme, tu cu sti recchie nun la vuò fernì!

ALFONSO: Nce ne vulimm’j? Che dice?...

ERRICO: Và te fà squartà! E comme se cumbinà neh? Concè chelle mò venene ccà, se ncontrano cu D. Pascale e l’avimma cuntà tutto lo fatto.

CONCETTA: Succeddarrìa nu guajo! Aspettate, lassateme penzà!

SCENA QUARTA

Totonno e detti, poi Ciccillo.

TOTONNO: D.a Cuncè, Ninetta addò stà, chiammatela, pecché ha da fà nu faccia a fronte!

CONCETTA: Che faccia a fronte?

TOTONNO: Ccà, mò vene la mugliera de D. Errico Battaglia, io l’aggio cuntato tutte cose, e cioè ca stu D. Errico Battaglia fà ammore Co la nnammurata mia, e che stammatina l’aggio trovato ccà, annascosto sotto lo tavulino.

CONCETTA: Puzzate passà nu guajo! Vuje c’avite fatto?

ERRICO: Vuje m’avite arruinato!

TOTONNO: A buje? E pecché? Che c’entrate vuje?

ERRICO: E comme sapiveve la casa de stu Errico Battaglia?

TOTONNO: Me l’ha mparata n’amico mio.

ALBERTO: E la mugliera c’ha ditto, che vene ccà?

TOTONNO: Stanno venenno!

ERRICO: E comme facimmo?

ALBERTO: Chille vonno sapé chillo biglietto pecché nce l’haje mannato.

CONCETTA: Zitto, non ce vò niente! E l’aggio trovata! V’aggio mannato a chiammà pecché avevo persuaso a D. Pascale, ve vulevo dà li doje lettere che m’avevo fatto scrivere.

ERRICO: Aspetta! E stu D. Errico Battaglia che fà ammore co la nnammurata de chisto e che l’ha trovato sotto a lo tavulino?

CONCETTA: Ah, già e chi putarrìa essere?

CICCILLO (uscendo):Cuncè, steva la porta aperta, io l’aggio chiusa, aggio fatto buono?

CONCETTA: Sì! Statte! Ecco ccà Errico Battaglia.

TOTONNO: Nonsignore, nun è chisto!

CONCETTA: Stateve zitto vuje! Ciccì, mò che vene la signora tu haje da dicere che te chiamme Errico Battaglia, e che faje ammore co la cammarera nova, e che stu giovane stammatina t’ha truvato annascunnuto sotto a lo tavulino.

CICCILLO: E pecché?

CONCETTA: Pecchesto! Statte zitto, anze miettete dinto a stu stipo, quanno io l’arape tu jesce.

CICCILLO: Io pe te faccio qualunque cosa, tu lo ssaje! Signori permettete. (Entra nello stipo.)

ALFONSO: Chi è qualche ladro? (Sguaina la sciabola e si mette di guardia davanti allo stipo.)

TOTONNO: Ma nonsignore, chillo non è D. Errico Battaglia!

CONCETTA: Chillo c’avite truvato sotto lo tavulino è lo padrone de sta casa, e se chiamma Pasquale Cotugno, D. Errico Battaglia è chisto ccà!

CICCILLO: Vulite a me? (Lazzo di Alfonso.)

CONCETTA: Nonzignore, chiude lloco! (Cicc. rientra.)

TOTONNO: Comme, vuje site Errico Battaglia?

ERRICO: A servirvi!

TOTONNO: E v’aggio combinato chistu piattino co la mugliera vosta?

ERRICO: M’avite fatto nu bello guajo!

TOTONNO: Ma stu D. Pascale Cotugno addò sta?

CONCETTA: Bellu giù, vuje quanno avite a Ninetta e ve la purtate, avita ave niente cchiù?

TOTONNO: Nonzignore!

CONCETTA: E allora avita fà chello che v’aggio ditto io... avita dicere che chillo c’avite truvato sotto a lo tavolino era Errico Battaglia, cioè chistu ccà. (Mostra Ciccillo dallo stipo.)

SCENA QUINTA

Ninetta e detti.

NINETTA: Neh, Concettè... Che beco, Totonno?...

TOTONNO: Ah, te sì fatta vedé finalmente? Nfama! (Per inveire.)

NINETTA: Madonna!!...

ALFONSO (con la sciabola sguainata):Alto là! Fermatevi!

CICCILLO (comparendo):Che d’è, neh? (Alf. lazzo.)

CONCETTA: Trase dinto, puozze sculà! Ninè, aggio visto ca stu giovane te vò bene, e tu nun l’haje fà piglià cchiù collera! (A Totonno.) Vuje l’avita perdonà, pecché si ha fatto na mancanza è stato pecché lo patrone mio lle jenchette la capa de chiacchiere!

TOTONNO: Allora te perdono, per l’ultima vota però!

NINETTA: Nun ce penzà, ca non ce capito cchiù!

ERRICO: Nuje mò c’avimma fà?

CONCETTA: Ninè, ccà mò vene la padrona nzieme co li doje nepote, e avimma salvà a D. Pascale, e a stu povero giovane, ca lo nnammurato tujo l’ha fatto nu guajo!

NINETTA: Che guajo?

SCENA SESTA

Pasquale e detti, poi Achille, Teresina, Erminia e Adelina.

PASQUALE: Neh, signori miei, io aggio visto saglì a muglierema co li ddoje nepote! Aggio fatto li grade a quatto e a cinche... Comme facimmo mò?

CONCETTA: Ninè, viene cu mmico. D. Pascà, venite, mò ve dicimmo nuje comme v’avita regolà.

ERRICO: E nuje?

CONCETTA: Vuje ricordateve site state chiammate pe li lettere.

ACHILLE: E io comme me trovo ccà?

CONCETTA: Site venuto pe v’assicurà de lo fatto.

ALFONSO: E io?

CONCETTA: Lo stesso!

ALFONSO: A me? A me sta parola! Haje ragione ca sì femmena, putive essere ommo te sceppave lo core da pietto!... Ad un capitano dei pompieri se dice chesto, ma me la pagherai però, me la pagherai! (Via.)

CICCILLO (dallo stipo):Ch’è stato?

ALFONSO: Và muore de subbeto, ca mò me la sconto cu ttico! (Suono di campanello d.d.)

CONCETTA: Li bbì ccà! Jamme, venite! Dottò, aprite vuje la porta. Attiente! (Via con Pas. e Nin. a destra. Ach. va ad aprire.)

ERRICO (cacciando la lettera di Pasq.):Albè, caccia la lettera! Che piacere! Che soddisfazione!

ALBERTO: Sta lettera è nu tesoro pe me! (Esce Achille con le tre donne.)

ACHILLE: Calmatevi, signora, ve ne prego!

ERRICO: Oh! Zi zi, Ermì, che site venute a fà ccà? Nuje mò nce retirammo.

TERESINA: Ah! Mò ve retirate... Bravo!

ERMINIA: Te retire tu, ma a me nun me truove cchiù!

ADELINA (ad Alb.):Nfame! Birbante!

ERRICO: Ma ch’è succiesso?

ERMINIA: Chello ch’è succiesso te lo dice stu giovane! Mò va trova che ll’haje ditto, ma isso non s’ha da cagnà!

TOTONNO: Nonzignore, io non me cagno!

TERESINA: Concettella e Ninetta addò stanno?

ERRICO: Poco primma steveno ccà!

ERMINIA: La vostra bella fata, ha ntiso lo campaniello e se n’è fiuta! Me voglio spartere, non te voglio vedé cchiù!

ERRICO (ridendo):Ma aspettate, vuje c’ammuina state facenno! Chisto è n’equivoco c’avite pigliato! Stu biglietto l’ha mannato Concettella pecché siccome ha persuaso a D. Pascale de fà pace cu me e d’acconsentì a lo matrimmonio d’Alberto du Adelina, l’ha fatto fà sti doje lettere, pe nce dà na sorpresa ha mannato a chiammà Alberto nzieme cu me. Invece pò de se firmà Concettella ha miso Fata, pecché Alberto accussì la chiamma!

ALBERTO: Chesta è la lettera mia! (La dà a Teresina.)

ERRICO: E chesta è la mia! (La dà a Erminia.)

ERMINIA (dopo aver letto):Possibile! E nuje nce avimmo pigliato tanta collera?

TERESINA: Avimmo fatto stu poco de ammuina...

ADELINA: ...e senza ragione!

ERMINIA: E diciteme na cosa mò! Chillo tale Errico Battaglia che ncuitava la nnammurata vosta, e che avite truvato annascosto sotto a lo tavulino, è chistu ccà?

TOTONNO: Nonsignore! Io ve l’aggio ditto ca mustacce nun ne teneva!

TERESINA: E chi è stato allora ca s’ha pigliato lo nomme de mariteto e fa ammore co la cammarera nova?

ERRICO: E chi lo sape?

TOTONNO: E nu mbruglione, signò, è na carogna, ca si lo trovo lle tiro la capa da dinto a la noce de lo cuollo!

SCENA ULTIMA

Pasquale, Concetta, Ninetta e detti.

CONCETTA (d.d.):Signò, nun mporta, perdunatela pe sta vota!

NINETTA (d.d.):Lo Cielo ve lo renne!

PASQUALE: Niente, non perdonerò mai e poi mai! (Fuori.) Ah vuje state ccà? Che d’è, nun site jute a Puortece?

TERESINA: La verità simme state a la casa d’Erminia. E tu pò nun sì ghiuto a Caserta?

PASQUALE: No, io so’ rimasto pe vedé sta cammarera nova comme la pensava! Bella cosa! Bella cammarera che t’ha proposto lo senzale, na sguaiata, na faccia tosta!...

TOTONNO: No, chesto nun l’avita dicere!

CONCETTA: Stateve zitto bell’ò, lassatelo sfucà!

PASQUALE: Me vuò fà sfucà o no? Da dinto la mascatura de chella porta, aggio visto che tanto Concettella quanto la signorina Ninetta steveno facenno marenna e s’avevano fatto seje ove co la muzzarella, presutto...

CONCETTA: Chella teneva appetito, c’aveva fà?

PASQUALE: Teneva appetito, va bene! Doppo nu poco è venuto nu tale che se faceva chiammà Errico Battaglia! Tutto nzieme è trasuto chist’ato, amante di Ninetta, e ha fatto nu chiasso terribile! Strille allucche, revolverate, un inferno! E tutto questo in casa mia, in casa di un uomo onesto!

TERESINA: E tu pò stive llà dinto e non te muvive?

PASQUALE: E se capisce, llà se trattava de revolverate! Addò sta chillo mbruglione ca steva annascosto sotto a lo tavulino?

CONCETTA: Signò, nun mporta, perdunatelo! Lo vedite ccà, s’è annascosto dinto a lo stipo! Jesce, jesce da lloco dinto!

CICCILLO: Aggiate pacienza, nun lo faccio cchiù!

ERMINIA (a Totonno):Era chisto?

TOTONNO: Sissignore!

PASQUALE: Chi sì tu, comme te chiamme?

CICCILLO: Errico Battuglia... Bettiglia, Butteglia, Bagaglio.

PASQUALE: Jesce mò proprio da dinto a la casa mia!

CONCETTA: Signò, ma chisto nu sbaglio c’avite pigliato! Stu giovane non era venuto pe Ninetta, era venuto pe me!

PASQUALE Pe te?

CONCETTA: Gnorsì, pecché cu me fà ammore, e no cu essa!

CICCILLO: Sissignore, e me chiammo Errico Battaglia, mò me ricordo... mannaggia a la battaglia!...

TERESINA: Basta! Ninè vuje nun facite pe me, a buje pigliateve la nnammurata vosta, e purtatevella!

TOTONNO: So’ lesto... Jammuncenne, Ninè...

NINETTA: Concettè, statte bona!

CONCETTA: Statte bona. Ninè!

NINETTA (a Pasq.):Signù, stateve bene, e perdonateme! (Quanno te ncontro mmiezo a la strada facimmo li Ctmte!). Scusate, signò! (Via.)

PASQUALE: Andate, andate!...

TOTONNO (a Pasq.):Avita compatì, è stato l’ammore! (Quanno è mmiezo a la strada, te faccio fà marenna!). Perdonate! (Via.)

ERMINIA: Zi zi, io ve ringrazio de la lettera c’avite scritto a Errico.

ADELINA: E io pure ringrazio che me facite spusà a Alberto.

ALBERTO: È veramente nu buon ommo!

ERRICO: Tene nu core de lione!

TERESINA: Ma io ve lo dicevo, ve pare non conosco a maritemo!

CONCETTA: So’ stato io a ca co li belli maniere l’aggio persuaso!

TERESINA: Me fa meraviglia, doppo tant’odio ca teneva pe te!...

PASQUALE: Il cuore, il cuore!...

CONCETTA: Già! E m’ha fatto pure stu bello certificato, all’ultimo vedite comme sta scritto.

TERESINA: «Però ho visto che ho fatto male, e se vuol restare la terrò sempre con piacere».

ADELINA: Ah, bravo zi zio!

CONCETTA: E io pe ve fà vedé, voglio restà!

TUTTI: Brava!

PASQUALE: (L’ultimo colpo de pesaturo!).

TERESINA: E na vota ca te tene cu piacere isso, te tengo cu piacere pur’io!

CONCETTA: E io ve ringrazio tanto tanto! Però, signò, mò che me sposo a stu giovane, ve l’avita piglià comme a cuoco.

CICCILLO: Ve faccio alleccà li dete, signò!

TERESINA: Si Pascale vò...

CONCETTA: Signò, che ne dicite?

PASQUALE: E c’aggia dicere! Io aggio capito ca sì na bona femmena, e faccio tutto chello ca vuò tu!

CONCETTA: Grazie tanto!

CICCILLO: Grazie oscellenza!

ERRICO: Signori mieje, io diciarrìa jammo a mangià mò... Venite zi zi... nce vulimmo mbriacà! Cuncettè, viene tu pure.

CONCETTA Comme vulite vuje!

ERMINIA: Jammo, jammo!...

CONCETTA: D. Pascà, comme me so’ purtata, dicite la verità?...

PASQUALE: Magnificamente; e sperammo ca pure nuje nce simme purtate buone con questo rispettabile pubblico!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

Fine della commedia

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 22 volte nell' ultimo mese
  • 139 volte nell' arco di un'anno