‘A casa d”e pazze

Stampa questo copione

LOGO COMPAGNIA

8


Versione napoletana in due o tre atti(7u+7d-ABB)della commedia comico riflessiva:

“LA CASA DEI PAZZI”

di

PASQUALE CALVINO(per la SIAE:”La casa dei pazzi” di Pasquale Calvino Posizione SIAE n.180531)

La commedia si può avere con un numero maggiore o minore di personaggi, battute… scrivendo a:

calvinopasquale@gmail.com   cell. 347-6622400)

Libero adattamento e traduzione in italiano da

“FALOUSE”(1897)

di ALEXANDRE BISSON (1848-1912)e dal teatro di E.Scarpetta(1853-1925)

Versione e adattamento in napoletano di

PAOLO DI PERNA

(2016)


PERSONAGGI E INTERPRETI

(In ordine di entrata)

SISINA, cameriera (*)                                                 _____________________

PASQUALE SALSICCIA, suo marito, domestico             _____________________

GEMMA, padrona di casa, moglie di Felice                      _____________________

FELICE, padrone di casa                                                _____________________

ALFREDO, fratello di Gemma                                         _____________________

DON CARLO CULATELLO, commerciante                      _____________________

CONCETTINA, sua figlia                                                        _____________________

VITTORIO MARULLI, avvocato                                    _____________________

ROSARIA, sua moglie                                                    _____________________

MARIA, madre di Gemma                                                         _____________________

GIUSEPPINA, cameriera di Maria e sorella di Sisina(*)  _____________________

DON SALVATORE, padre di Gemma                              _____________________

DON CAMILLO, avvocato matrimonialista                      _____________________

DONNA MADDALENA PASSERA, solo voce                  _____________________

 (*)  I ruoli delle due cameriere possono essere affidati alla stessa attrice, essendo due sorelle gemelle


ATTO PRIMO

Napoli. Camera da pranzo della casa di Felice e Gemma.

Se il regista lo ritiene opportuno ci può essere un paesaggio della città di Napoli con il Vesuvio.

Vetrata frontale con terrazza o giardino e panorama. Due porte a destra e due a sinistra.

All’aprirsi del sipario, Sisina sta spolverando. Pasquale entra da dx con una busta e un foglio in mano. Sulla scena Pasquale si sistema a sinistra e Sisina a destra.

SCENA PRIMA

(PASQUALE e SISINA)

Pasquale       Ma tu guarda ‘a combinazione!Justo ogge m’avevano chiamà?Justo ogge?!

Sisina             Ma pecché, che d’e?

Pasquale       Che d’è?... Che d’è? (Si inorgoglisce)Tu sarrajela cunsorzia del presidente… ‘A presi-dentessa! Saremo perzone ‘mpurtante… ‘a vita nosta cagnarrà… Me chiammarranno a me signor Presidente, e a te signora Presidentessa… ‘Nce accattarrammo‘na ma-china ‘mpurtamte, ‘na machina presidenziale!… Nun ‘o vvide pe’ dinto ‘a televisio-ne? Presidente ‘accà, presidente ‘allà… Eccellenza… Presidente d’‘a Repubblica, Presidente d’‘o Cunziglio, Presidente d’‘o Senato, d’‘a Corte d’‘e Cunte… Presidente dell’Ordine d’‘e miedece… Cavaliere presidente… Sarraggio pur’io presidente! Che onore, che grande onore!

Sisina             Ma chi t’ha mannata‘sta lettera, ‘o Senato, ‘a Cammera, ‘a Corte d’‘e Curte… d’‘e cunte, d’‘e barune, d’‘e marchese…?

Pasquale       ‘A cammera… sissignore, ‘a cammera. Je‘na vota ce songhe stato. È ‘na cammera grossa assaje, cu’assaje poste, assaje segge… ‘A lettera ‘a manna… (Guarda sulla bu-sta)‘a cammera d’‘a… (Legge) Società d’‘e camerieri, e dice: “La Società dei camerieri si riunisce oggi nella camera… (Marcando) camera presidenziale alle ore quindici in assemblea generale e…”(Tutto contento) me mannano a chiammà‘e pressa espressa. Lieggeccà! Liegge, liegge… e liegge!

Sisina             ‘Nu mumento! Quanno una piglia e legge, comme si fosse facile! Allora… (Legge co-me una bambina di prima elementare) “Il socio fondatore, il signor Pasquale Salsiccia…”

Pasquale       Songh’je, songh’je! (Si batte in petto)

Sisina             ‘O ssaccio, ‘o ssaccio! (Riprende a leggere) “…è pregato vivamente di  intervenire nella sede della società alle ore quindici per partecipare alla elezione del nuovo presiden-te.” Ma allora ‘o fattonunn’è sicuro?... E tu…?

Pasquale       E je… je tengo paricchie pussibbilità‘e addeventà presidente, anze songhe sicure, e già aggio appriparato ‘o discorso. Ma si nun m’apprisento, chilli llà fanno presidente a quacchedun ato! Je‘nce aggio ‘a jì afforza. Me darranno‘nu stipendio ‘a presiden-te e accussì lassammo pe’ ssempe ‘sta casa. Tu puòpure nun venì, ‘a prisenza toja nunn’è indispensabile.

Sisina             Quanto sì bello… Ma tu sì ppazzo! Pur’jeaggio ‘a venì, songo mugliereta! Nientepopodimeno ca je addevento… ‘a presidentessa!... Zitto! Aggio ‘ntisa‘a porta. Stanno turnanno ‘e patrune!

Pasquale       Zitta!

Sisina             (Guarda verso la porta d’ingresso, a destra) No, no, niente, m’aggio sbagliata. ‘E patrune nun tornano ancora. Viene‘a ccà, stammo sule, assettammoce.

Pasquale       Ch’è stato?

Sisina             Assettate. Si ce sta ‘a possibilità ca tu addeviente Presidente ‘e ll’ordine d’‘a Società d’‘e Cammeriere, je ca te songhe mugliera aggio ‘a essere prisenta, comme signora Salsiccia, anze, signora presidentessa Salsiccia. ‘A prisenza mia è importante … tu nun ‘o vvide pe’ dinto ‘a televisione tutte ‘e mugliere d’‘e presidente sempe ‘ntridece?... Penza Pascà, ca pe’ ffurtuna m’aggio fatto pure ‘nu vestito nuovo... Si vedisse quant’è bello! Pure ‘o cappiello, ‘a burzetta e ‘e scarpe d’‘o stesso culore! Me l’ag-gio fatto p’‘o spusalizio ‘e nepotema, ma m’‘o metto ogge… È tutto in tinta!

Pasquale       (È un poco sordo) In tinca? Ma ‘a tinca nun è ‘nu pesce?... E po’ ‘e pisce fetono!

Sisina             In tinta… TINTA! (Grida) In tinta, tutto tale e quale, d’‘o stesso culore!

Pasquale       Ma come facimmo ogge p’ascì? E po’ justo ‘e ttre, quanno ‘e patrune se mettene a tavula!

Sisina             Se metteno a tavula quanno nun s’appiccecano pe’ vvia d’ ‘a gelusia tremenda d’‘a mugliera! Dint’a ‘sta casa se senteno sulamente allucche e strille! Eh, si nun fosse ca pure sorema gemella, Giuseppina, fatica dint’‘a casa d’‘e suocere a Surriento!

Pasquale       ‘O ssaccio. E nun ‘a putimmo ausà pe’ te sostituì…

Sisina             Eh, si nun fosse pe’ tutte ‘e vvote ca m’ha sostituita, chi ‘o ssape ‘a quantu tiempo me ne fosse juta! Chisti dduje nun songhe marito e mugliera, songhe cane e gatte! Anzi, essa è ‘na lionessa e isso ‘nu pecuriello. Essa se vò sempe appiccecà, pure pe’ ‘na cosa ‘e niente, ma spicialmente p’‘a ggelusia, e quanno s’appiccecano, nun se ponno suppurtà; fernesce sempe ca essa se ‘ncazza e se ne va addu’ donna Carmela ‘o terzo piano. E pe’ ripicca ‘on Felice se ne va addu’ ‘on Vicienzo, ‘o duttore ca sta ‘e casa ‘o piano ‘e sotto… almeno accussì dicene…

Pasquale       Ma dimme ‘na cosa, stamattina addò sò gghiute?

Sisina             Sò gghiute a ffà spese ‘o centro commerciale ca mò ha araputo, però primma ‘e ascì l’aggio ‘ntise già se stevene appiccecanno, comme ‘o ssoleto.

Pasquale       E te pareva! L’ammore nun è bello se nun è litigarello!

SCENA SECONDA

(GEMMA e detti, poi FELICE)

Gemma           (Entra da destra con in mano alcuni pacchetti) Sisina, ma sì addeventata sorda? Non mi hai sentita entrare?

Sisina             Ma stavo qua, signora!

Gemma           E nun hê stà lloco! Hê stà fore, dinto all’ingresso, quanta vote te l’aggio ‘a dicere? Vai, porta ‘sti pacchette dint’‘a cammera mia!

Sisina             (Prende tutti i pacchetti, meno uno che Gemma sbadatamente lascerà cadere di cui Sisina non si accorge) Subito, vi servo subito…

Gemma           E quest’altro? Quest’altro non lo prendi? Stupida! (Entra Felice)

Sisina             ‘Nu momento! (Fra sé) Che pacienza ca ce vò!

Pasquale       Buongiorno, don Felice!

Felice            Buongiorno. (Nel fare l’azione Sisina e Pasquale si chinano a raccogliere il pacchetto caduto)

Pasquale       Che peccato! S’è rotto…

Gemma           Si è rotto? Meglio accussì! Non me ne passa manco p’‘a capa. (A Sisina) Tu vattenne dint’‘a cucina e appripara ‘o pranzo. Ma solo pe’ maritemo, pecché io non tengo fame e non mangio, voglio restà digiuna! (Sisina esce a sinistra)

Felice            Tesò, pecché nun te daje ‘na calmata? Te sto currenno appresso ‘a mez’ora!

Gemma           Nun me voglio calmà, vabbè? Voglio murì, accussì sarraje libbero ‘e fà il porco comodo tuo. Io m’aggio spusata a ‘nu traditore, ‘nu fessigrafo… ‘nu fedigrafo… fedifrago…, ‘nu comme cacchio se dice… ‘nu mandrillu disgraziato! Nun ce ‘a faccio cchiù! Si vulive fà ‘o playboy, nun t’avive spusà cu’ mme!

Felice            Ce simme fatte ‘a croce, eh? È schiarata ‘n’ata jurnata!

Pasquale       Ce vò pacienza, sono donne…

Gemma           Vuò ‘n’esempio? Stamattina simme asciute d’amore e d’accordo. Gli avevo detto: “Voglio andare a fare le spese al centro commerciale, chillo c amò s’è araputo, accumpagname”.

Felice            E io t’aggio accumpagnata. Simmo jute dint’a ‘nu negozio ca venneva ‘e sciarpe. Ci stava una commessa, brutta comme ‘na multa ‘e cinquanta meliune, ma assai gentile e cortese. Appena m’ha visto, ha cominciato a ffà ‘nu sacco ‘e cerimonie. “Che cosa comanda il signore? In che cosa possiamo servirla?...” Sai, comme fanno spesso.

Pasquale       Ma voi la conoscevate ‘sta guagliona?

Felice            No, no, mai vista!

Gemma           Ma quanto sì busciardo! Quanno nun se cunosce ‘na persona, nun se fanno tutte chelli smorfie! ‘A civetta nun m’hêva vista perché stevo cchiù addereto e credeva che il signorino fosse solo, capisci? Teneva ‘nu davanzale prosperoso e ‘a camicetta aperta… Indossava ‘e sciarpe… nascunneva ‘a faccia… faceva: “Cucù… tetèèè!” E ho dovuto sopportare chella bella scena! Essa ca se strusciava tutta quanta e isso tutto ringalluzzito. Cretino! Deficiente!... Quanno vede ‘na scollatura si scemunisce… Sì ebete, cretino, demente e oligofrenico fenilpiruvico… come dice mio zio medico!

Felice            Ch’ha ditto?

Pasquale       V’ha chiamato cretino… deficiente…

Felice            Ah, va bene. (Faccia di chi rinuncia alla risposta per paura di una rissa in cui avrebbe la peggio)

Gemma           Nun saccio chi mi m’ha trattenuta, o si no afferravo chella disgraziata p’‘e capille e ‘a facevo ‘o strascino pe’ tutto ‘o centro commerciale! ‘Nce facevo passà ‘a voglia ‘e fà l’indossatrice erotica di sciarpe.

Pasquale       Avite ragione, signò.

Felice            Guarda a chisto, lle dà pure raggione! Ma vai, vai… vai a priparà ‘o pranzo, baccalà!

Pasquale       Baccalà non ce ne sta in cucina. ‘A signora dice ca è difficile ‘a digerire… A me me piace ‘o baccalà, ma ‘a signora dice ca puzza pure… (Esce a destra)

Felice            Ammore mio, je nun faccio niente ‘e male, m’hê ‘a credere! È sulamente ‘n’anno ca ce simme spusate, ma pecché ‘nce avimmo ‘ncazzà sempe ‘e chesta manera? Tu pensa all’esempio d’‘e genitore tuoje: trentaquattro anni e nun hanno avuto mai ‘nu screzio, ‘na discussione, sempe d’amore e d’accordo, sempre in perfetta armonia!

Gemma           E vuò mettere a papà cu’ tte?! Ma papà mio è ‘nu santo! Ha amato ‘na femmena sulamente, chella santa donna ‘e mammà! Mica comme a tte, ca guarde ‘e ffemmene cu’ desiderio, comme si t’‘e vvulisse magmà e stisse diuno ‘a mise… E po’ nun saccio che ce faje, ‘e femmene…

Felice            Ma che ce faccio Gemma, ‘a spesa ‘a matina!

Gemma           Quante volte mi hai tradita? Confessa!

Felice            Ma che dice, ma pecché faje accussì? Ma ti rendi conto? Io te giuro che nun t’aggio mai tradita!

Gemma           No?

Felice            (Le si avvicina e l’abbraccia amorevolmente. Gemma accetta, anche perché vuole scoprire la verità) Io voglio bene a te, sulamente a tte! Desidero solo te!

Gemma           Non te credo!

Felice            Ma pecché nun me cride?

Gemma           E la commessa?

SCENA TERZA

(ALFREDO e detti)

Alfredo         (Entra da destra) È permesso?... Oh, scusate…

Gemma           Ciao Alfrè. (Gemma e Alfredo si scambiano baci, sonoramente)

Alfredo         Sorellina mia! Caro Felice! Scusate si ve disturbo, di solito veco ca v’appiccecate sempe e invece mò ve trovo core a core… Scusate… Scusate…

Felice            Allora, che me dice? Comm’è gghiuto l’esame all’università?

Alfredo         Ma qua esame, cognato mio? M’ha bocciato ‘n’ata vota! Manco ‘o diciotto politico m’ha vuluto dà… Ha ditto ca aggio turnà ‘e scole elementare

Felice            Bene, bene… (Pensando ad altro) Bravo!

Alfredo         Chesta è ‘a terza vota ca me bocciano.

Felice            Complimenti! Pure Manzoni era scarzulillo in italiano… Einstein era ‘na crapa in matematica… Eduardo de Filippo po’, uno dei più importanti autori teatrali europei e non solo, se ne fujette ‘a dinto ‘o culleggio e nun ce turnaje cchiù…

Alfredo         Grazie, grazie d’‘e paragone… Pur’je ‘nu juorno addevento comme a lloro… sarò un grande uomo! Però papà nun ha da sapè niente e ha da continuà a me mannà ‘o mensile pe’ studià a Napule. (Goliardicamente) Je songo giovane e me voglio addevertì! Tanto papà sta sfunnato ‘e denare… E po’ che studio a ffà? Je voglio fà ‘o stesso mestiere ‘e papà:… ‘o padrone ‘e case, affitto comme a isso case, negozi, terreni… e po’ pozzo sempe fà l’ attore… m’aggio truvato pure ‘na mugliera ricca…

Gemma           ‘A quantu tiempo nun vide a papà e a mammà? Stanno bene?

Alfredo         Benissimo, sempre d’amore e d’accordo comme dduje palumme. Tubano sempre…

Felice            Gemma, amore mio, me scuse? Aggio ‘a fà ‘nu zumpo al Caffè d’Italia, all’angolo: tengoo ìn’appuntamento cu’ ‘na perzona ca m’avesse ‘a turnà addereto cierte sorde ca lle ‘mprestaje quacche tempo fa.

Gemma           E tuorne ampressa? (Durante l’azione Pasquale attraversa la scena da sinistra a destra)

Felice            Dieci minuti e torno. Alfrè, famme ‘na cortesia, falle tu cumpagnia. (Complimentoso, per accaparrarsi la benevolenza della moglie) Oggi è proprio ‘na bella jurnata ‘e maggio! ‘Nu zuccariello! (Esce da destra e, sonoramente, manda un bacio alla moglie)

Gemma           Me manna ‘e vase!?! Sicuramente tene appuntamento cu’ ‘n’ata femmena! E se penza ca je nun l’aggio capito! Ma je nun songhe mica scema? Me tradisce cu’ quacche amante d’‘a soja… Nun ce ‘a faccio cchiù!

Alfredo         Jamme sorellì, calmate. Sò vvenuto pe te parlà del mio prossimo matrimonio. Stavota aggio deciso, aggio dato ‘a parola mia d’onore. Me songo ‘nnammurato! Sta guagliona è comme a ‘na rosa ‘e maggio, è ‘nu bocciuolo, ‘na perzeca… ‘na conchiglia pallida e rosa… Sto addeventanno poeta!

Gemma           Ma ‘sta cozza… ‘sta cunchiglia, è ricca?

Alfredo         Ricchissima!

Gemma           E ghiamme, contame tutte cose…

Alfredo         ‘O pate se chiamma don Carlo Culatello, ‘n’ignorantone commerciante ‘e puorce.

Gemma           Ma comme, Alfrè, commerciante ‘e puorce?! Tene pure ‘o nomme azeccato… Produce prusutte, salame, culatielle… d’‘o puorco nun se jetta niente, tutte cose se trasforma in denari… ‘e sorde, i beneamati soldi!

Alfredo         Sì, ma sta proprio chino ‘e denare! Non tene cchiù a nisciuno d’‘a famiglia soja e l’ unica perzona ca ll’è rimasta è ‘a figlia. Un vero angelo! Se chiamma Concettina, bella, simpatica, pure so è ingenua assaje, e assaje timida. L’aggio cunusciuta a casa ‘e cierti amice, ccà a Napule, addò lloro songhe venute in gita. È vergine…

Gemma           Comme?! In che senso?

Alfredo         È nata ‘o diece ‘e settembre, ‘na semmana adoppo a mme, ca songo nato ‘o tre…

Gemma           Ah, aggio capito… bravo, bravo! L’hê purtate a Surriento a conoscere a mammà e a papà?

Alfredo         Ancora no: primma ‘e pporto addu’ te e dimane ‘e pporto a Surriento.

Gemma           Benissimo, allora visto ca venene ccà, mangiate tutte quante cu’ nuje. (Chiama) Sisina!... Pasquale!...

SCENA QUARTA

(SISINA, PASQUALE e detti)

Sisina             (Entradasinistra con Pasquale)Comandate signò.

Gemma           Prepara per altre tre persone. Mi raccomando, lasagne e coniglio all’ischitana.

Pasquale       (Visibilmente agitato) Lasagne e cuniglio p’ati ttre ppersone, hê capito Sisì? Venene a magnà ati ttre pperzone!

Gemma           Ma perché, ti crea tanti problemi?

Pasquale       P’ammore ‘e Ddio! Voi siete la padrona… Altre tre persone! (A Sisina) E quanno ascimmo nuje? Mai! Mai!

Sisina             Statte zitto… statte zitto! (Esce a sinistra seguita da Pasquale)

Alfredo         Grazie sorellì, mò vaco e subbeto torno cu’ Concettina e con il mio futuro suocero. (Esce a destra)

Gemma           E intanto Feliciello nun torna! Ma si fra cinche minute nun sta ccà, vaco ‘o Ccafè d’ Italia e, si ‘o trovo cu’ quacche femmena, faccio ‘na scenata ca faccio correre ‘e gguardie… e divorzio, nun voglio sentì raggione! (Esce a sinistra)

Pasquale       (Rientra da destra con Sisina) Niente! Niente! E ‘o patrone nun torna ancora! E je quanno ce vaco all’elezione d’‘o Presidente d’‘a Cammera… cioè d’‘a Cammera d’‘e Cammariere, quanno?!

Sisina             Nun t’hê ‘a preoccupà, pecché ce vengo pur’io. Siente ch’aggio penzato ‘e fà...

Pasquale       Che vvuò fa? Nun facimmo strunzate!

Sisina             Nossignore, stamme a sentì. Chesta è ‘na buccettina ‘e prufummo, ‘sta buccettina ce salvarrà, famme fà a mme. Zitto! Zitto, me pare ca sta turnanno ‘on Felice. Tu fallo parlà, distrailo, hê capito? A tutto ‘o riesto ‘nce penz’je.

Pasquale       Vabbuò, vabbuò, aggio capito!

SCENA QUINTA

(FELICE e detti, poi GEMMA)

Felice            (Entra da destra. Pasquale e Sisina parlano a bassa voce fra di loro, osservando Felice) Niente! Niente! Chillu disgraziato ‘e ll’amico mio ha saputo ca ‘o stongo cercanno pe’ me fà dà ‘e sorde ca ‘nce aggio prestato e isso è sparito ‘a dinto ‘o Ccafè d’Italia! E chilli sorde je m’‘e ppozzo scurdà oramaje… Ma è colpa mia: nun me voglio levà ‘o vizio ‘e ‘mprestà denare… Me faccio bello e piglio ‘e ffregature!

Pasquale       Scusate signò, vi vedo nervoso, è succieso quaccheccosa?

Felice            Niente, niente, sò ffatte d’‘e mieje. (Mentre Felice sta di fronte a Pasquale, Sisina gli spruzza il profumo sulla giacca, alle spalle, e dopo esce a destra)

Pasquale       Ogge tenite gente a pranzo, sapete?

Felice            Invitati a pranzo? Allora jate a ppriparà e ffacite ampressa, pecché tengo famme!

Pasquale       Vaco a priparà, vaco… (Esce a destra)

Felice            Mannaggia! Si ricuperavo chilli denare almeno putevo jì ‘e ccorze a me jucà ‘nu cavallo sicuro!

Gemma           (Entra da sinistra) Finalmente sì turnato! L’amico tujo t’ha trattenuto assaje? Si nun te ne sì addunato staje in ritardo ‘e diece minuti!

Felice            E allora avimmo perzo ‘a coincidenza! Nossignore tesoro mio, io aggio aspettato, ma l’amico mio nun s’è visto.

Gemma           No?

Felice            Ah, Pasquale m’ha detto che tenimmo ospite a pranzo…

Gemma           Sì, fratemo Alfredo cu’ ‘a futura sposa e ‘o pate.

Felice            Alfredo se ‘nzora? (Da sinistra entrano in silenzio Pasquale e Sisina)

Gemma           Sissignore.

Felice            E bravo! Accussì ogge finalmente è capace ca te veco ‘nu poco allera. Viene ccà, damme ‘nu vaso. (Si abbracciano)

Gemma           ‘Nu mumento! Che d’è ‘stu profummo?

Felice            Ma che d’è? Che staje annusanno? Me pare ‘nu cane! (Pasquale e Sisina ascoltano, facendo finta di spolverare e riordinare)

Gemma           Felì, nun negà l’evidenza mò, tu tiene ‘ncuollo ‘nu profumo ‘e femmena ca nun è chillo ca auso je, cu’ chi te sì abbracciato?

Felice            Ma nun dicere fesserie! (Annusa il braccio) È ‘overo, chisto prufummo nun è ‘o tujo! Ma comm’è ca ‘o tengo ‘ncuollo?

Gemma           Mò fai pure l’ingenuo! Silenzio, traditore! Chi ‘o ssape addò sì gghiuto, quanmo sì asciuto… Cu’ quà femmena te sì ‘cuntrato ‘e nascosto?

Felice            Amore mio ti sbagli, io t’‘o ggiuro, songhe ‘nnucente!

Gemma           Innocente?! (Rivolta a Pasquale e Sisina) Lo sentite anche voi questo profumo?

Pasquale       (Allusivo ed ammiccante) Comme no? Se sente! Ma è ‘nu prufummo ‘e femmena!

Sisina             (Allusiva ed ammiccante) E nun è chillo ca ausate vuje, io lo conosco bene! Ma da dove viene? Chissà…

Pasquale       Nun ‘o ssaccio, mia cara…

Gemma           Sta ‘ncuollo al mio signor marito! È il profumo di qualche sua amante che isso va a truvà di nascosto. Sì, ma vuje me site testimoni pecché io me voglio spartere: nun ce voglio stà cchiù dint’a ‘sta casa!

Felice            E vattenne, vattenne! Famme sta cujeto ‘na vota e pe’ ssempe!

Gemma           (Rivolta a Pasquale e Sisina) Avite ‘ntiso? Mi caccia di casa! Ma tu sì ‘nu mostro! Io me ne vaco! (Al marito) Sì, me ne torno addù mammà stesso dimane, non voglio stà cchiù cu’ ttico! Me ne torno a Surriento, dint’‘a casarella mia! (Esce a sinistra; Sisina e Pasquale escono a destra; Felice esce a sinistra)

SCENA SESTA

(ALFREDO, DON CARLO e CONCETTINA)

Alfredo         (Entra da destra seguito da don Carlo e da Concettina) Trasite don Carlo, senza cerimonie…

Don Carlo    E vieni piccerè, nun te mettere scuorno. Vuej site gentila assaje, ma nunn’è ca damme fastidio?

Alfredo         Ma quando mai! Prego, accomodatevi, nessun fastidio. Mia sorella sarà felicissima ‘e ve cunoscere.

Don Carlo    Allora va buono. No, sapite pecché? Pecché a me nun me piacene l’ammuina, ‘e disordine, ‘e pperturbazioni, ‘e catacliseme… a me me piace sulamente ‘e stà cujeto, tranquillo, ‘mmiezo a ggente pacifica. Io amo il silenzio, ‘a pace, ‘a tranquillità… Je songhe abituato a stà sempe dint’‘a campagna sin dall’infanticidio… insomma, sì, ‘a quann’ero piccirillo… seme ‘mmiezo a ppecore, vacche, puorce… ‘A città è bella, sì, ma sulamente pe’ ppoco tiempo… ‘A città dà ‘nu sacco ‘e fastidio cu tutte chille rummure! ‘E machine, ‘a motociclette… Io po’ ‘st’anno sò stato pure ‘nu poche am-malato, pecché a furia ‘e magnà poco stevo murenno. Aggio avuto jì add’‘o duttore ca m’ha dato ‘a bellezza ‘e diece serenghe arrefrescanti… cioè rinforzante, ca m’ag-gio avuto fà ccà, serenghe sottocatania!

Concettina   Si dice sottocutanee, papà! Ah, si te sentesse zi’ Redenta…

Alfredo         Don Carlo, ve pozzo garantì ca ‘sta casa è ‘nu paraviso ‘e tranquillità, ‘nu ritiro spirituale, ‘n’eremo, ‘nu cunvento… Me fa assaje piacere ca state ccà… (Leggermente imbarazzato) Vulite rimmanè a pranzo?

Don Carlo    Nun ‘o sssaccio, je magno in modo particolare…

Alfredo         Comme magnate? Cu’ ‘e mmane?

Don Carlo    Ma che dicite?! Je magno cu’ ‘a cultella e ‘a forca!

Alfredo         A chi avimmo ‘mpiccà?

Don Carlo    (Ignorando l’allusione, correggendosi) ‘A furchetta… Je vulevo dicere ca songhe ‘nu vegetale.

Alfredo         (Al pubblico) No, chist’è propreto ‘n’animale! (A don Carlo) Ma nossignore, simmo tutte Quante animale, appartenimmo ‘o regno animale, e vuje site ‘o rre… ‘o rignante.

Don Carlo    Grazie, grazie d’‘e cumprimente… (Proseguendo) Vulevo dicere ca magno sulamente verdura e frutta… Me piacevene assaje ‘e salame, ‘e presutte, ‘e culatielli, ‘e sasicce… ma a furia ‘e mangnà puorce addeventaje ‘nu puor… addeventaje duicientocinquanta chile, e ‘o duttore me dicette ca avevo ‘a fà ‘a dieta vegetominerale… comme se dice… magnà sulamente frutta e verdure… e allora ‘e cuntadine mie me purtajene sulo cetrulle, zucchine, fave, pastenache, pesielle, patane e quacche uvicciullo frisco… po’ frutta, mele, pere, uva, mandarine, nespole, arance, fiche…

Concettina   Papà, perché metti tutto al femminile?!... Si dice fichi!

Alfredo         Site addeventato vegetariano… Ma sicuro, tenimmo tutte ‘e vverdure e tutta ‘a frutta ca vulite… cetriulle, pastenache… arance, pere, perzeche… Signorina prego, vi volete sedere vicino a me? Qua, qua, qua…

Concettina   Seduta vicino ad un giovanotto in una casa estranea?!... Può passare l’elettricità… prendiamo la scossa se ci tocchiamo… se veniamo in contatto… e se poi ci eccitiamo?... E se poi lo sa la zia Redenta?

Alfredo         Ma chi è ‘sta zia Redenta?

Don Carlo    Assettate ccà tu, piccerella mia, ccà… E je m’assetto ccà, vicino a vvuje. (In mezzo) Allora, zia Redenta è ‘na sora d’‘a mia ca s’è fatta monaca dint’‘o cunvento d’‘e Llamentatrice d’‘a Cchiesa ‘e San Liborio ‘a Pignasecca. Sorema s’allamenta ogne quinnece minute… s’aiza e cunforta ‘e ssorelle dicenno: “Sorella… sorella… È passato un altro quarto d’ora della tua vita… Ricordati che devi morire… Non te lo dimenticare mai… mai…mai!” Essa, sorema, se l’ha crisciuta ‘a quann’era ‘na criatura, pecché ‘sta piccerella è scorfana… sì, è ‘na scorfana ‘e mamma. ‘Nce ha imparate tutte cose… (La figlia lo guarda) Tiene raggione, nun se dice l’ha ‘mparata ma… l’ha ‘nzegnato… a memoria tutto il cataclisma di Dio.

Concettina   Insegnato, orfana e catechismo, papà!

Don Carlo    È ‘a stessa. ‘O guaglione è intelligente, ha capito. Vedi figlio mio, ‘sta guagliona ha studiato, io invece… che v’aggio ‘a dicere… mi sono fatto tutto je sulo… faccio tutto da me… o da sé… nun tengo bisogno ‘e nisciuno, sulamente ‘e figliema. Songhe… comme se dice?... Un’auto ‘e tatto… ‘n’autoritratto… è arrivata: ‘n’autodidatta! Songhe propetamente bravo, l’aggio ‘mparata e m’‘a rricordo pure! E chillu miezu scemo d’‘o duttore dice ca tenghe ‘nu principio ‘e aiza ‘e metre… aizaemeter… Ma pecché parlano sempe angrese? ‘E pparole in italiano hanno ‘a fernì sempe cu’ ‘na vucale, o si no me ‘mbriache…

Concettina   Alzheimer… morbo di Alzheimer…

Don Carlo    Troppo cumplicato… Je dice morbo ‘e aiza ‘e metre.

SCENA SETTIMA

(VITTORIO, ROSARIA e detti poi, da dentro, GEMMA e FELICE)

Vittorio        (Entra da destra insieme alla moglie Rosaria) Eccoci qua, caro Alfredo.

Rosaria         Simmo venute a ffà ‘na visitina a Gemma.

Alfredo         Don Carlo, vi presento l’avvocato Vittorio Marulli e sua moglie Rosaria, amici di fa-miglia. La signorina Concettina e suo padre don Carlo Culatello.

Don Carlo    Je songhe cummercianto di maiale e pruprietario di beni terrestri… case, negozzie, casale, cascine, maiale… Tenche cinchemila ettari di turreno acriculo e ‘ndustriale… Diecimila maiali, tre salumifici, vinte macellerie, dduje centre cummerciali… Je cu’ ‘e maiale ‘nce aggio fatto ‘nu sacco de sorde! Dateme ‘a mana…

Vittorio        Ma non saprei…

Don Carlo    Ma nun ve mettite in sospensione! Se mette in suspensione pe’ mme? Nun songhe presuntuso, songhe mudesto, nun ve percolate, songhe alla buona… Me piace dà e havê ‘o ttu.

Vittorio        Simpatico.

Rosaria         E questa è la tua futura sposa? Complimenti, veramente graziosa!

Don Carlo    Grazie, ‘a buntà è ‘d’‘a vosta. Rispunne, bella ‘e papà!

Concettina   Grazie, bontà vostra.

Don Carlo    Avite ‘ntise? Risponne! Quanno ‘nce facite una dimanda, essa risponne, è istituita… è strutta e cunzumata… s’è istituita ‘ncoppa ‘e libbre e ha cunsumato cervello, cervellette e cervellate… E si sapisseve quanta libbre legge! Accattamme sulamente libbre. M’aggio dovuto ‘nzignare… no, se dice ‘mparare, i nommi degli scrittori che scrivene ‘e libbre ca legge figliema pecché quanno vaco in città ‘nce li accatte je…

Rosaria         E a quando i confetti?

Don Carlo    Calma calma cu’ cunfiette e zuccarielle… Io primma debbo cunoscere la famiglia. Debbo sapere si songhe cujete, calme, serene e tranquille. Nun me piacene ‘e nevrastenice… ‘E pazze no, no e no!

Vittorio        Ma su questo potete stare tranquillo. Conosco questa famiglia da anni e posso garantire che questa è una casa dove regnano sovrani l’amore e l’armonia, la serenità e la tranquillità. Non si vedono e non si sentono, come se non ci fossero… (Rumori di porcellane infrante)

Gemma           (Dall’interno) Nun te voglio vedè cchiù, sì ‘nu mostro. Vattenne!

Felice            (Dall’interno) Tu sì ‘na pazza, pe’ tte ce vulesse ‘o manicomio! Tu sì schizofrenica e paranoica… psicotica e pazza furiosa… M’hê ‘nguajata l’esistenza d’‘o primmo juorno ca t’aggio spusata! Me putevo spezzà ‘na coscia chillu juorno maledetto… putevo jì sotto ‘na machina, sotto ‘nu treno… me puteva cogliere ‘nu fulmine, invece ‘e venì dint’‘a cchiesa a te spusà… Patemo m’‘o ddiceva: “Pigliatenne mille e una  ma nun te ne spusà nisciuna.” Ma mò basta, nun ce ‘a faccio cchiù! (Rompe un bicchiere)

Don Carlo    Ma che sta succedenno ccà dinto?

Concettina   Papà, io mi metto paura… Voglio tornare in convento da zia Redenta!

Alfredo         No, niente, è sorema Gemma ca ogne tanto tene quacche piccola discussione cu’ ‘o marito. Chille accussì s’addevertene, recitano per nun s’annoià… (Rivolto a Vittorio) Andate a vedere che sta succedendo. (Vittorio e Rosaria escono a sinistra)

Don Carlo    Quacche piccola discussione?!... Recitano?!... Chille se stanno accedenno!

Gemma           (C.s.) Je nun ce ‘a faccio cchiù, t’accido, pure si aggio ‘a jì carcerata! Ma me levo ‘o sfizio… Aggio ‘a vedè ‘o sanghe ca jesce a sciumme!

Felice            (C.s.) T’accido primma je, pecché m’hê ‘nguajata ‘a vita!

Concettina   Papà dai, andiamocene…

Don Carlo    E certo ca ce ne jamme. Chesta fusse ‘a famiglia vosta? Chesta fosse ‘a casa addò regnano pace e serenità? Chiste sò ppeggio ‘e cane e gatte! Chiste sò belve, iene, lupe, trighe affamate… Je sto tremmanno, mò me vene ‘nu ficus… fictus… ictus… ‘nu fallo… ‘n’infarto… Jammuncenne, tengo ‘o core debbole!

Concettina   Andiamo papà, andiamo! (Esce a destra insieme a don Carlo)

Alfredo         Sanghe ‘e Bacco! E mò comme faccio?!... E chsto è ‘nu guaio gruosso! (Cercando di recuperare la situazione verso don Carlo, supplicandolo e accomodante. Esce a destra)

SCENA OTTAVA

(FELICE, VITTORIO, GEMMA e ROSARIA)

Felice            (Entra da sinistracon Vittorio, li seguono Gemma e Rosaria) Lassame stà! Basta, m’hê scucciato!

Vittorio        (A Felice) Ma datte ‘na calmata…

Gemma           Nun voglio sentì raggione, voglio chiudere!

Rosaria         Gemma, ma che staje dicenno?

Vittorio        Ma insomma, se pò ssapè ch’è ssucieso?

Gemma           Me metto scuorno pure a llo ddicere… Ma nun ‘a sentite ‘a puzza ca tene ‘ncuollo maritemo?

Vittorio        (Avvicinandosi a Felice e odorandolo)È ‘overo… Ma nun è ‘na puzza, è ‘nu prufummo… Tu addure ‘e ‘nu prufummo ‘e femmena ca nunn’è chillo ‘e mugliereta! Ma pecché?

Felice            (Spazientito ed incapace di dare una spiegazione)Nun ‘o ssaccio… Nun ‘o ssaccio!

Gemma           (Ormai convinta che il marito le nasconda qualcosa)Guardate, guardate… Tene ‘ncuollo ‘nu prufummo ‘e femmena e nun sape ‘o ppecché! È ‘nu ‘mbruglione! Me voglio spartere, nun ‘o voglio vedè cchiù manco muorto! Spartimmece, ognuno p’‘a via soja…

Felice            Va bene, pe’ mme pure dimane.

Gemma           (Dispettosa) Pe’ mme pure chesta sera stessa!

Rosaria         (Cercando di mettere pace) Gemma agge pacienza, nun esaggerà, ma chisto nun me pare ‘nu mutivo sufficiente pe’ te spartere ‘a maritete. Staje facenno tutta ‘sta sceneggiata pe’ ‘n poco ‘e prufummo!

Felice            Mi fa schiattà d’arraggia.

Gemma           No, songh’je ca schiatto ‘e raggia! Rosà, tu sì ‘na femmena troppo ingenua e debole. State accorta, bisogna sempre diffidare dai mariti! E io a isso nun ‘o credo cchiù!

Rosaria         Ma nessuna moglie fa accussì, scusame!

Gemma           Io faccio chello ca me pare e piace e nun aggio dà cunto a nisciuno. (A Rosaria) Tu ‘ntricate d’‘e fatte tuoje!

Rosaria         (Piccata) Certo, tiene raggione. Io aggio parlato p’‘o bbene tujo! (A Vittorio) Vittò, jammuncenne, ‘sti fatte a nuje nun ce riguardano.

Vittorio        Aspetta ‘nu mumento…

Rosaria         No, me ne voglio jì!! Je songhe amica ‘e Gemma, ma mò nun raggiona! (Esce a destra)

Vittorio        (A Felice) Scusala, se l’ha pigliata…

Felice            Vittorio, pur’je so deciso! Dimane stesso vaco a Surriento, aggio ‘a stà prisente quanno Gemma darà ‘a nutizia a ‘e genitore suoje. (Con enfasi) M’aggio ‘a discolpà primma e pò pur’io chiederò ‘a separazione

Gemma           Legale… Faremo la separazione legale!

Felice            Se capisce!

Vittorio        (Totalmente incredulo) Ma nun ce facite ridere! (Sicuro che tutto finirà in una bolla di sapone) Ce vedimmo dimane a Surriento… Sempe si ce vaje a Surriento… (Esce a destra)

Felice            (Dopo qualche attimo di silenzio durante il quale sia lui che Gemma saranno rimasti in silenzio aspettando che fosse l’altro il primo a parlare) Brava, hê ‘nvitato gente a pranzo e po’? Hê fatto chesta bella figura!

Gemma           Tu hê fatto ‘na bella figura annanze a tutte quante! (Risoluta) Mò basta però, nun te voglio parlà cchiù. (Chiama) Sisina… Sisina…

SCENA NONA

(SISINA e detti, poi PASQUALE)

Sisina             (Entra da destra con in mano un piatto di portata con una vivanda) Dicite signò…

Gemma           Vado dalla mia amica Carmela al terzo piano e torno stasera pe’ ddurmì. Nun me venì a chiammà pecché nun voglio sapè niente ‘e nisciuno. Mangio con Carmela, anzi… digiuno! (Esce a destra)

Felice            (Chiamando anche lui) Pasquale…

Pasquale       (Entra da destra con una bottiglia di vino in mano) Cumannate…

Felice            Io esco… (Cercando di trovare velocemente una destinazione) Vaco a ffà ‘na partita a carte da don Vincenzo, ccà abbascio. (Altero) Non mi scocciare pe’ nisciuna ragione. Mangio da lui… (Esce a destra)

All’uscita di Felice comparsata dei due servitori che, abbandonando vassoio e bottiglia, si apprestano ad andare alla riunione per l’elezione del presidente dei camerieri.

Sipario

FINE DEL PRIMO ATTO


ATTO SECONDO

Camera soggiorno in villa a Sorrento. La si può ricavare anche dalla scenografia del primo atto con qualche mobile diverso.

Si vede, di fronte, un terrazzo ed un panorama marino con una porta centrale che va in giardino.

Lateralmente due porte a destra e due a sinistra.

Sedie e un tavolo preparato per ricevere ospiti.

È mattina, sono circa le otto.

SCENA PRIMA

(MARIA, poi GIUSEPPINA)

Maria             (Chiamando) Giuseppina… Giuseppì, addò staje? Se pò ssapè che staje facenno? (Tra sé, al pubblico) Quanno vaje truvanno ‘a serva nun ‘a truove maje! Ma allora a che serve ‘a serva si nun serve? E quanno serve nun truove ‘a serva… Ah, scusate, nun se chiamma cchiù serva, mò se chiamma colf… collaboratrice famigliare…

Giuseppina     (Entra da sinistra) Stò ccà, cumannate padrona…

Maria             Finalmente!

Giuseppina     Guardate che v’aggio purtato, guardate… (Mostra un mazzo di fiori)

Maria             Comme sò belli!

Giuseppina     L’ha cugliute appositamente pe’ vvuje don Salvatore dint’‘o ciardino. Ha ditto: “Puortale alla signora padrona con gli omaggi di suo marito, il signor padrone.” Sò dalie.

Maria             Ah, me pareveno crisanteme… ‘A verità mio marito, il signor padrone, tene sempe penziere affettuosi… Ma siente comme sò prufumate!

Giuseppina     È ‘overo, songhe prufumate assaje! Signò, ‘e mmetto dint’a ‘nu vaso?

Maria             E certamente! E addò ‘e vvuò mettere?

Giuseppina     Nun ‘o sssaccio, je faccio chello ca dicite vuje. Signora mia, site ‘na femmena furtunata, tenite ‘nu marito che vi adora! Ma ‘o ssapite mò addò sta? Dint’‘o ciardino, ha mannato ‘o ciardiniere a v’accattà ‘e ccastegne condite… no, candite, e sta aspettanno ca torna. ‘Nc aggio ditto: “Don Salvatò, patrone mio, jate ‘a via ‘e dinto, ‘o ‘spetto io…” E isso invece m’ha risposto: “No, no, l’aggio aspettà je, pecché voglio fa ‘na bella surpresa a muglierema. E tu nun ce dicere niente, m’arraccumanno!”

Maria             E ha raccumannato ‘a pecora ‘o lupo… Però quant’è affettuoso! Infatti proprio stam-matina ‘nce aggio ditto ca m’era venuto ‘o vulìo ‘e me magnà quacche castagna candita e isso subbeto me l’ha accattate. E così fa cu’ tutte cose! Non faccio a tiempo a esprimere ‘nu desiderio ca isso subbeto m’accuntenta, qualsiasi desiderio, pure p’‘a rrobba ‘a magnà… salame, sasicce, culatielle, supressate… nun parlammo po’ d’‘e dolce e d’‘a frutta… cannuole alla siciliana, babà napulitane, delizie a limone ‘e Surriento… e po’ banane, mele, prugne, meloni… perfino ‘a cacciagione! Ll’aucielle ‘e spara isso proprio, sulamente ca… porta sempe aucielle piccirille piccirille… ‘A che-sti pparte, dint’a ‘stu periodo, ‘nce stanno assaje passere scopaiole, isso spara e… Je ‘nce aggio ditto; “Tu spara sulo quanno vide aucielle belli in carne, gruosse, no ll’au-celluzze ca manco se vedono…”

Giuseppina     Signora mia, ‘a verità ll’attenzione ca ve fa ‘o marito vuosto fanno venì ‘o votastommaco… Songhe tutte desiderie ‘e stommaco, ‘e pancia… Je tenesse ati desiderie, cchiù ‘mpurtante…

Maria             Comme? Ma che staje dicenno? Ma sì scema? Che ce sta ‘e cchiù bello del buon cibo?... Poì, comm’è brutto dicere “me fanno venì ‘o votastommaco”… Semmai ti fanno rovesciare, cu’ ddecenza parlanno …

Giuseppina     Nonsignore, voglio dicere ca fanno commuovere, saglie ‘nu nudeco ‘o stommaco p’ ‘a tenerezza… Tutte ‘e marite, doppo quacche anno ‘e matrimonio, so’ distratte, pure sgarbate, ma ‘o vuosto no, tene sempe chell’attenzione ‘e spusine in viaggio ‘e nozze, pure doppo tant’anne. Sì, sì, fa venì ‘o votastommaco… (Detto intenzionalmente e, per rimediare, cambia tono) p’‘a commozione… Signora padrona, ma pure vuje l’accun-tentate in tutto e per tutto, qualunque cosa ve chiede?

Maria             Se capisce! L’amore deve essere reciproco… Tu vuò bbene a mme, je voglio bbene a tte… Tu m’accuntiente a mme, io t’accuntento a tte… Tu me daje ‘na cosa a mme e io te donghe ‘na cosa a tte… Tu me daje ‘a cosa cchiù bella ca tiene, je te donghe ‘a cosa cchiù bella ca tengo… t’arricuorde ‘a canzone? E po’ ‘o ddiceva pure Dante Alighieri, chillu cantautore antico… “Amor che a nullo amaro amor perdona!” (Invece di “Amor che a nullo amato amor perdona”)

Giuseppina     Signora bella, ma qual’era l’amaro? Ce steva ‘a pubblicità?

Maria             Forse era chillo… “Lo vuoi un Campano?… L’amaro ca nun è amaro!”

Giuseppina     Je preferisco ‘nu napoletano oppure ‘nu siciliano. Comme se dice: “Mariti e voje d’ ‘e paise tuoje”. Signora mia bella, padrona illustrissima… comm’è bbello, vuje ch’a-vite studiato… site juta ‘a scola… (Si tocca la pancia) me vene ‘o votastommaco…

Maria             E dalle cu’ ‘stu votastommaco! Maritemo è ‘na perzona eccezionale e tutte ll’amiche meje me l’hanno ‘nvidiato sempe. Doppo vintiquatt’anne ‘e matrimonio, non m’arri-cordo maje ‘na litigata seria, maje ‘na vota ca m’avesse fatto venì ‘nu poco ‘e collera… Né io l’aggio fatta mai venì a isso! Vintiquatt’anne ‘e pace e silenzio, ‘e serenità assoluta…

Giuseppina     Penzavo ca pure mammà me vuleva fà addeventà allitterata! Me mannaje ‘a scola, ‘a primma alimentare, ma a me me veneva ‘o votastommaco, e allora mammà me mannaje a ffaticà dint’a ‘na salumeria… sempe scola alimentare era, ma se magnava… ‘e libbre no, nun se magnano… e allora invece di andare in seconda alimentare e diventare ‘na femmena corta, addeventaje salumiera… Che belli salume me deva ‘o patrone! Salamini cacciatori, salame napulitane, sasicce… quacche vvota pure ‘nu salame bellu gruosso… ma po’ maggio fatta ‘na curt uraje sola, aggio liggiuto molto! (Al pubblico, guardando i fiori) Quanta sciure! Fresche e secche! ‘Sta casa me pare ‘nu campusanto. (Alla signora) Beata a vvuje, che v’aggio ‘a dicere, beata a vvuje! Tenitavello caro caro ‘o marito vuosto, è ‘overamente eccezionale! È ‘nu patrone bravo, ve regne ‘e sciure… (Al pubblico) Je avesse preferito ‘e salume d’‘o salumiere!

Maria             (Rivolta verso il giardino) Salvatò… Salvatò che staje facenno? Pecché nun viene? ‘O ccafè è pronto, Giuseppina l’ha appriparato ‘a paricchiu tiempo… (A Giuseppina) Sta dint’‘o ciardino… Eh, ‘o ssaccio ca a chest’ora ‘nce piace ‘e piglià ‘na tazzulella ‘e cafè cu’ mmico. Io ‘o faccio ancora cu’ ‘a napulitana, vene cchiù aromatico… S’ha dda stà attiente sulamente alla quantità d’acqua… ‘nce vò ‘nu poco ‘e tiempo ‘e cchiù, ma nuje facimmo tutte cose chianu chianu… e ‘nce aggio misa pure ‘na zolletta ‘e zucchero, comme ce piace a isso…

Giuseppina     Comme fosse ‘nu cavallo…

Maria             Jamme a vvedè, jamme… Nun ‘o veco proprio cchiù mò…

Giuseppina     Ma steva ccà, dint’‘o ciardino… no, oilloco… se sta muvenno ‘nu cespuglio…

Maria             Ma addò?... Chillo è ‘nu cane!... Nun ‘o veco, nun ‘o veco…

Giuseppina     Ma addò sta?

SCENA SECONDA

(DON SALVATORE e detti)

Maria             (Mentre Salvatore entra alle loro spalle) E che ne saccio?! Oh, se raffredda ‘o ccafè…

Salvatore     (Entrato e fermatosi alle spalle delle donne, minaccia Giuseppina con un torso di rapa, a mo’ di revolver) Mani in alto! Questa è una rapina!

Giuseppina     (Trema tutta come per un attacco isterico) Non me facite male! Ve dongo tutto chello ca vulite, pure a me stessa!

Maria             (A Salvatore) Ma che ffaje? Te piace ‘e pazzià sempe a tte… M’hê fatto piglià ‘na cacchiarola ‘e paura! Nun ‘o penzà Giuseppì, maritemo è ‘nu poco pazzariello…

Giuseppina     (Va a sedersi tutta tremante) No no, è tutto pazzo! Chesta me pare ‘a casa d’‘e pazze!

Salvatore     E ghiammo, nun essere esagerata! T’hê misa appaura? Maria no! (Rivolto alla moglie) Marì, tu t’hê… t’hê misa appaura?

Maria             E se capisce!

Salvatore     E nun te preoccupà, ccà ce sta ‘o maritino tujo, ca te cunzola e te protegge da ‘e mariuole… (L’abbraccia) Stive in penziero?

Maria             Salvatò, ‘o ccafè già è pronto.

Salvatore     E allora pigliammoce subbeto subbeto ‘stu ccafè, anze, ‘sta ciucculata fatta con le tue manine d’oro… Prima però t’aggio ‘a dicere ca tengo ‘na surpresa… Anduvina che ce sta dint’a ‘stu sacchetto?

Maria             Nun accummenciammo cu’ ‘e sicrete… Che m’annascunne? Je nun ‘o ssaccio. Jamme Salvatore, dimmello tu ca me faje venì ‘a curiosità.

Salvatore     Primma, mentre stavemo magnanno, tu ch’hê ditto?

Maria             Ch’agioo ditto?

Salvatore     Ma comme?! T’è vvenuto ‘nu sfizio, ‘nu vulio… ‘nu desiderio…

Maria             Ah, sì, vulesse ddoje castagne candite.

Salvatore     E ccà ce stanno ‘e ccastagne candite! Te l’aggio fatte accattà.

Maria             Ma pecché? Nun era ‘o caso… Io l’aggio ditto accussì, pe’ ddicere, e tu te sì precipitato, comme si je stesse incinta…

Salvatore     Ma che ce’ azzecca?! Ogni desiderio della mia mogliettina, per me è un ordine! Io te donghe ‘na castagna a tte e tu me daje ‘na castagna a mme… Jamme bello su, ‘na castagna a te e una a me… Poi una a me e una a te… tutte a te e tutte a te… tutte a te!

Maria             E tutte a me me faje strafucà…

Salvatore     (Rivolto a Giuseppina) Ah, complimenti pecché tu ajere m’hê fatto magnò ‘overamente bene… Me sento ancora ‘ntufato e ogge m’hê fà magnà ancora meglio!

Giuseppina     Ve sentite abbuffato d’ajere?... Sulo ogge vulete magnà meglio, neh patrò?... Vuje ogne ghiuorno vulite magnà sempe meglio e sempe cchù assaje… Vuje magnate sempe con gusto… e assaje!

Maria             E chillo s’ha ddà mantenè ‘nu poco ‘o guagliuncello mio. Guarda che panza ca tiene!

Salvatore     Chesta nun è panza, è ‘nu muscolo… rilassato. (Ride) Eh, ma pure tu hê fatto ‘nu poco ‘e panzulella… (Si tocca) Queste sono le maniglie dell’amore… Te piacene, eh? Marì, pure tu ‘e ttiene…

Maria             Che ttemgo?... Ah, ‘e maniglie… Sì, ‘nu pucurillo… ddoje manigliette… una a destra e ‘n’ata a sinistra…

Salvatore     Ma nun t’hê ‘a preoccupà, è segno di salute. Allora, ce pigliammo ‘stu ccafè! Chisto è proprio ‘o mumento justo pe’ ‘na bella tazza ‘e cafè! Ch’addore!... Mamma mia che bell’addore!... Ce vulessere ddoje belle sfugliatelle, ricce e frolle!

Giuseppina     L’aggio fatto proprio comme ve piace a vuje, cu’ ‘a machinetta napoletana… ‘a machinetta di Eduardo de Filippo!

Salvatore     Che bellu culore! Chistu colore se chiamma color manto di monaco. ‘A ‘stu culore se ricunosce ‘o ccafè fatto bene… (Beve il caffè)

Giuseppina     Comm’è?

Salvatore     ‘Na schifezza! ‘Na vera schifezza! È ‘na ciofeca, ‘nu lavarone… sulamente ‘o culore è buono! È tiepido e po’ è troppo doce… è ‘na caramella ‘e cafè! ‘O cafè buono ha dda essere denso, amaro e vullente… ha dda tenè ‘e tre C… Comme Cacchio Coce! Ma quanta vote te l’aggio ‘a dicere ca je voglio ‘e ccose fatte a mestiere? Spicialmente quanno se tratta ‘e rroba ‘a magnà… Je pavo e pretendo, e a chi aggio ‘a rendere conto? Modestamente dint’‘o paese m’aggio fatta ‘na pusizione, tutte quante me rispettano… ‘O Pateterno ‘nce ha gratificate a me e muglierema, ma ‘a cosa cchiù ‘mpurtante è ‘a salute… ‘a salute innanzitutto!

Maria             ‘A salute è ‘a primma cosa!

Salvatore     E po’ dduje figli, uno meglio ‘e chill’ato, ‘o masculo e ‘a femmena.

Giuseppina     Comme so’ belle!

Salvatore     ‘A femminuccia ha fatto ‘nu bellu matrimonio, e quanto se vonno bbene chilli duje spuse! Quando ‘e vvaco a truvà a casa loro e ‘e vveco accussì ‘nnamurate e felici, songo felice pur’io… felice della loro felicità. E pure ‘ masculo…

Maria             Che bellu guaglione!

Salvatore     ‘Nu bellu piezzo ‘e guaglione, intelligente… Simmo riuscite a ‘nce fa fà l’ università… Isso nun ce vuleva jì ma alla fine l’avimmo cunvinto e isso ‘nu juorno sarrà istruito e corto… no, se dice culto… sarrà ‘o bastone d’‘a vicchiaia nosta! Che putimmo vulè di cchiù d ‘a vita? (Accende la televisione, c’è un attore che declama versi)

Voce TV         “Vivamus mea Lesbia, atque amemus

Rumoresque senum severiorum

Omnes unius aestimemus assis.

Sol uccidere et redire possunt:

nobis, cum semel occidit brevis lux,

nox est perpetua una dormienda.

Damihi basia mille…

Maria             (A Salvatore che guardava come se stesse capendo) Salvatò,  e che d’è, tu cunusce ‘o ttedesco? Miette ‘nu canale italiano… anzi, stuta propeto. (Salvatore esegue) Steveme dicenno… magnammo e bevimmo e ce vulimme bbene fino a che ‘o pputimmo fà, e sperammo ancora pe’ ‘nu paro ‘e centenare ‘e anne…

Salvatore     Oggi tenimme visite. Don Camillo l’avvocato, e donna Maddalena. Avimmo ‘a fà ‘a scopa e ‘o scupone. Venene ogge pomeriggio… Noo, nò me scurdavo! Doppo magnato avimmo jì nuje addu’ donna Maddalena e don Camillo vene a gghiucà!

Maria             E va bene, vò dicere ca ce facimmo quatte passe e duiciento scalini… A proposito, ajeressera don Camillo m’ha pregato si tu putisse parlà cu’ donna Maddalena, pecché si isso non s’‘a sposa nun riesce a campà cchiù.

Salvatore     E ghiamme, che esagerazione! Cheste so ccose ca se dicene…

Giuseppina     Scusate si me permetto, a me donna Maddalena me sta accussì antipatica ca je, si fusse ‘n’ommo, nun ‘a guardasse manco ‘nfaccia! Se spara tanti ppose… Me pare ‘a principessa ‘ncoppa ‘o pisello!

Salvatore     ‘O pisello! Ma quà pisello?!... Sciacquate ‘a vocca quanno parle ‘e donna Maddalena, anzitutto pecché è ‘na gran signora e po’ pecché è una delle mie migliori inquiline!

Giuseppina     Eh… (Come se volesse abbandonare il discorso, per poi dire l’ultima parola) Chella femmena è accussì superba… inquilina preferita!

Salvatore     (A Giuseppina) Ueh senti, invece ‘e stà ccà a parlà, piglia ‘o vassoio e puortelo dint’‘a cucina!

Giuseppina     Vabbuò, aggio capito! Però vuje ‘o ssapite, je songo educata cu’ tutte quante, ma donna Maddalena cumanna comme si fosse essa ‘a patrona ‘e chesta casa e io nun ‘a supporto! (Esce a destra)

Maria             Ma nun ‘a dà retta.

Salvatore     ‘Na vota ‘e cheste ‘a licenzio! Dunque, stevemo dicenno ca don Camillo se vulesse ‘nzurà cu’ donna Maddalena.

Maria             Accussì pare.

Salvatore     Ma nun è possibile, pecché donna Maddalena, doppo ‘a morte d’‘o marito nun vò cchiù a nisciuno… E te pare ca ‘na femmena accussì, si avesse vuluto, non avesse truvato ‘nu partito meglio?

Maria             Ma chi è ‘sta donna Maddalena, ‘a riggina Elisabetta? Nun esaggerammo! Don Camillo m’ha pregato di intercedere per lui e tu prova a ce mettere ‘na bona parola.

Salvatore     Ma te pare ca donna Maddalena se ‘nzora cu’ don Camillo?! Don Camillo è ‘na brava persona, ‘nu bravo avvocato, ma all’età soja sta ancora attaccato ‘a vunnella ‘e mammà!

Maria             Almeno l’accuntentammo. E po’ tene ‘na bbona pusizione… Jamme, fancello ‘stu piacere… Ma te dà tantu fastidio si chella lle dice ‘e sì?

Salvatore     Ma che me ne ‘mporta a mme? Figurammoce, mica me l’aggio ‘a spusà je!... Vabbuò, si trovo ‘o mumento adatto, parlo cu’ donna Maddalena e po’ vedimmo chello ca succede. Mò aggio ‘a jì ‘nbanca e po’ faccio ‘nu poco ‘e spesa.

Maria             Va bene, ma nun te scurdà ‘e donna Maddalena.

Salvatore     Aggio capito, che te cride, ca m’aggio ‘nzurduto? Comme te sta a ccore ‘o spusalizio ‘e donna Maddalena, manco fosse figlieta…

Maria             No, me fa piacere pecché ‘na femmena sola è sempe ‘na femmena sola… e ‘na femmena giovane tene bisogno ‘e ‘n’ommo, ‘e ‘nu marito… putesse truvà quacche criminale delinquente, non liegge ‘e giurnale? Putesse essere violentata, sedotta…

Salvatore     Ma ccà a Surriento ce sapimme tutte quante…

Maria             E ‘e furastiere nun ‘e ccunte? Chille songhe ‘n’ esercito!Stanno sempe ccà, ‘a staggione cu’ ‘a scusa d’‘o mare, a vierno cu’ ‘a scusa ‘e ll’aria bbuona e d’‘o panorama… Ma pecché, te dispiace tanto ca donna Maddalena se ‘nzora?

Salvatore     Noo, me fa piacere!... Comunque s’è fatto tarde, aggio ‘a fà ‘a spesa. Ch’aggio piglià, ‘nu poco ‘e pesce?... Te piace ‘o pesce?

Maria             Comme, nun ‘o ssaje ca me piace assaje?! ‘O cefalo, ‘o merluzzo… me piaciene pure ll’alice… Ma nun se trova mai pesce ccà a Surriento, s’‘o godono tutto ‘e straniere… (Ci pensa) e gli stranieri. ‘O pesce d’‘e surrentine ‘mmocca ‘e furastiere, e nuje ce magnammo sulo muzzarelle!

Salvatore     Si faje ampressa, ‘e ttruove, si no all’unnnece ‘a mattina sò fernute pure ‘e latticine. Certo ca dduje belli muzzarelle… chelle ‘e Agerola… m’‘e magnasse cu’ piacere. Me piacene quanno jescene ‘e ggocce ‘e latte, m’arricordano ‘e ffemmene ca allattano… Si trovo ‘e vvongole l’accatto, ‘e facimme cu’ ‘e spaghetti. Si trovo ati frutte ‘e mare… ‘e cozze pelose, ‘e cunchiglie pallide e rosee, comme ‘e cchiammava ‘o prufessore ‘e Gemma, facimmo spaghetti cu’‘e frutte ‘e mare… Tenimmo ‘a pasta ‘e Gragnano e ce cunsulamme cu’ ‘nu poco ‘e peperoncino piccante, ca è comme a pillulella blu ca eccita ‘e sense assopite. Po’, pe’ ssicondo, prendo un bel pesce, si ‘o trovo, uno pe’ tte e uno pure pe’ Giuseppina, pur’essa tene bisogno, ha dda magnà… Pe’ mme, si ‘e ttrovo, me piglio dduje belle muzzarelle ‘e Agerola, m’è vvenuta voglia, e ‘na bella fetta ‘e provolone d’‘o monaco… Pe’ ffrutta piglio banane, mele, perzeche e fiche fresche, si ‘e ttrovo…

Maria             E si nun trovi ‘o pesce?

Salvatore     Si nun ‘o ttrovo v’accatto dduje salamine, uno a te e uno a Giuseppina, ‘e cacciatorine, ca se ponno magnà pure a muorze ‘nfaccua… (Si mette il cappello) ‘E cchiacchiere sò belle, ma ‘o tiempo passa! (Esce)

SCENA TERZA

(GIUSEPPINA e SALVATORE)

Le luci si attenuano fino al buio completo. L’orologio viene posto in modo da indicare che sono trascorse due ore. Pian piano le luci illuminano di nuovo la scena. Un sottofondo musicale appropriato può rendere al meglio la cosa.

In scena ci sarà GIUSEPPINA intenta a sbucciare dei piselli

Salvatore     (Entra, si toglie il cappello, si asciuga il sudore e posa le borse) Giuseppì, che stai facendo?

Giuseppina     E nun ‘o vvedite don Salvatò? ‘E pesielle… Ve piacene ‘e pesielli? ‘E sto ‘munnanno.

Salvatore     Nun me piacene, e tu ‘o ssaje. (Si arrabbia) Po’ cu’ tutte chilli salume… fanno male!

Giuseppina     ‘A mugliera vosta m’ha fatto cogliere fave e pesielle e ha ditto ca ogge se magna pasta e pesielle, ma no cu’ ‘o ssalame. ‘A pasta e pesielle se fa cu’ ‘a pancetta…

Salvatore     Je nun aggio ditto ‘o ssalame, aggio ditto ‘e salume, e ‘a pancetta ‘o paese mio è ‘nu salume grasso assaje… Io aggio’a dimagrì.

Giuseppina     ‘A mugliera vosta ‘nce piaccene ll’uommene cu’ ‘a panza, dice ca songhe cchiù ‘mpurtante… Site juto ‘a banca a piglià ‘e sorde p’‘o stipendio mio?

Salvatore     Nun c’è stato bisogno, ringrazianno Iddio m’aggio scanzata ‘a fila: aggio ‘ncuntrato a donna Maddalena ca m’ha dato ‘e ttre mise ‘e pesone, accussì te pozzo pavà a tte e me rimmane pure quacche cusarella pe’ mme.

Giuseppina     E donna Maddalena teneva tutte ‘sti denare dint’‘o burzellino? (Con sarcasmo)

Salvatore     Nossignore, nun ‘e tteneva dint’ ‘o burzellino, m’ha voluto purtà afforza a casa pe’ me dà ‘e pesune… je nun ce vulevo jì…

Giuseppina     Ma però ‘ce site juto?! E ch’avite fatto cu’… (Allusiva) donna Maddalena?

Salvatore     E ch’avevo ‘a fa neh Giuseppì?! Simmo arrivate tutte sudate… ‘Nce stanno duiciento gradine p’ arrivà a casa soja, tu ‘o ssaje… Comunque, songo sagliuto ‘ncoppa e essa m’ha addimannato si putevo aspettà cinche minute pecché teneva ‘nu bisogno urgente ‘e se fà ‘na doccia… (Giuseppina si interessa) eh Giuseppì, ‘na doccia… Io ‘nce aggio ditto: “Ma certamente, voi state a casa vostra…” E lei: “No, io sono una vostra inquilina… la casa è vostra…”

Giuseppina     Vabbuò ma comunque ‘nce avite parlato ‘e don Camillo, l’avvocato ca se vò ‘nzurà cu’ essa, o… ‘nce avite lavate ‘e spalle… (Allusiva) mentre se faceva ‘a doccia?

Salvatore     (Sedendosi) Mentre donna Maddalena se faceva ‘a doccia, io aggio appriparato ‘o ccafè dint’‘o ciardino. Ma mentre buttavo l’acqua calda dint’‘a macchinetta napoletana, pecché tene ancora ‘a napoletana… è asciuta donna Maddalena cu’ l’accappatoio pe’ piglià l’indumente intime, mutandine e reggiseno ca stevene ‘ncoppa ‘o stendino. Bell’e bbuono s’è araputo l’accappatoio e aggio a visto donna Maddalena tutta annuda. Je nun vulevo, m’aggio pure menato l’acqua bollente ‘mcoppa ‘e mmane, m’ag-gio cuperto ‘a faccia… Donna Maddalena, comme si niente fosse stato, ha chiuso l’ accappatoio, è venuta vicino a mme e m’ha addimannato si m’ero bruciato… Je tremmavo sano sano e aggio ditto ca hêvo ‘nzerrato ll’uocchie, ma l’hêvo vista ‘o stesso… Essa m’ha ditto: “Che ce sta ‘e male? Mica avite visto ‘nu mostro?! ‘Na femmena comme all’ate, comme era pure ‘a mugliera vosta …”

Giuseppina     E bravo don Salvatore! Invece ‘e parlà ‘e don Camillo, avite fatto ‘o don Giovanni!

Salvatore     Ma quale don Giovanni?!... Je te pozzo giurà ca l’aggio vista sulamente, ma nun l’ aggio manco tuccata, pecché ‘n’ata vota, quacche tiempo fa… Ma comme, aggio ‘a dicere ‘e fatte mieje a tte? Cose ‘e ll’atu munno! (Si calma, si mette le mani sul volto e riflette. Lunga pausa) Vabbuò, Giuseppì, t’aggio dicere ‘nu sicreto, pecché m’aggio ‘a levà ‘nu piso ‘a coppa ‘o stommaco, ma si tu ‘nce ‘o vvaje a dicere a quaccheduno… je te giuro ca piglio ‘o fucile e te sparo! Giuseppì, te faccio fa ‘a fine ‘e ll’aucielle…

Giuseppina     (Interessata) Quà aucielle? (Pensa) State senza penziero, don Salvatò, io sarò muta come un pesce… comme ‘n’auciello… Ve giuro ‘ncoppa all’anema santa d’‘a nonna mia can un dico niente manco sotto tortura!

Salvatore     Arricuordete ca hê giurato! (Giuseppina fa come i bambini quando giurano di mantenere un segreto) Hê ‘a sapè ca ‘na sera dell’estate passata, donna Maddalena steva dint’‘o ciardino; je ‘a jette a ttruvàa… Quant’era bella sotto ‘a luna cu’ chella veste scullata! ‘N’ apparizione! Donna Maddalena me pigliaje pe’ mmano, me purtaie vicino ‘a funtana e me dicette: “Guardate quel povero pesciolino rosso, è morto.” E io: “Quello sta dormendo.” E essa: “No, no, è morto!” “No, sta dormendo.”… Allora donna Maddalena s’arrotolaje ‘a manica d’‘a cammisa ‘ncoppa ‘o vraccio e je, vedenno chelli ccarne annude, janche comme all’avorio… perdette ‘a capa, pigliaje chillu vraccio e ‘o vasaje… Giuseppì, je t’‘o ggiuro, a muglierema nun l’aggio tradita maje… c’è stato, tra me e donna Maddalena, sulamente ‘nu vas, poi ‘nce chiedette scusa… ‘nce dicette: “Scusate donna Maddalena, è stato più forte di me ma mi scuso umilmente e vi prometto che non avverrà mai più.” Giuseppì, voglio sperà ca pure tu perduone ‘nu vaso a mariteto… ‘o fidanzato tujo… ‘na perzona ca dint’a chillu mumento ha perzo ‘a capa!

Giuseppina     Nientemeno?! Je me penzavo ch’aviveve fatto!... ‘Nu vaso?... Nunn’o ddicite nemmanco pe’ pazzià, si no ve facisseve sfottere ‘a tutte quante… Je me pensavo ca teniveve, che ssaccio, un harem… ddiece, quinnece femmene o peggio ancora, diece uommene… ‘Nu vaso, cose ‘e pazze! Cose ca nun se credene, nun se ponno credere!... Piuttosto, avite parlato stammattina doppo ‘a doccia cu’ donna Maddalena d’‘o fatto ‘e don Camillo, ca s’ha pigliata ‘na cotta pe’ essa, o ve ne site scurdato?

Salvatore     Sissignore, ‘nce aggio parlato, ‘nce aggio ditto… (Bussano alla porta) E nun vaje a arapì?

Giuseppina     Me penzavo ca vuliveve essere galante pure cu’ mme… (Va ad aprire)

SCENA QUARTA

(DON CAMILLO e detti, poi MARIA)

D. Camillo    (Da dentro) Buon giorno Giuseppì, c’è la signora?

Giuseppina     (Da dentro, entrando durante la battuta) Accomodatevi avvocà, pe’ mmò ce  sta ‘o signore, ca ha parlato ‘e vuje a donna Maddalena… (Salvatore le fa segno di stare zitta)

D. Camillo    (Entrando) Don Salvatò, come siete bello e caro! È ‘overo? Le avete parlato di me?

Giuseppina     Come noo!... Je vaco a dà ‘na mano ‘a patrona… (Esce ma ascolta non vista)

Salvatore     Accomodatevi, avvocà…

D. Camillo    Sì, ditemi tutto… ch’ha ditto? Vuole essere mia moglie?

Salvatore     Nun ghiate ‘e pressa, avvocà. Ce stanno bbone speranze… ha detto pe’ primma cosa: “Perché me lo chiedete voi e non me lo dice lui? La mano di una donna si chiede direttamente e non per interposta persona!”

D. Camillo    Ma vuje ce avite ditto che sono timido, che mammà mi ha trattato sempre comme ‘nu criaturo e m’ha allontanato dalle donne e dai piaceri femminili? Io all’età mia sono ancora vergine! Ha avuto piacere ‘e chistu fatto della mia verginità? ‘Nce lo avete detto? Se non ce lo avete detto ce lo dovete dire… (Si innervosisce) Io sono un buon partito, tengo un sacco di clienti… Col mio lavoro di avvocato guadagno più di cento milioni l’anno e ho più di cinquanta milioni di rendita da negozi, case, titoli… (Si eccita) Don Salvatò, ce stanno ragazze ‘e vint’anne ca me fanno ‘a corte, vogliono fare le prove… provare con me per una notte, ma vuje ce penzate? E io dico sempe ‘e no, che mammà non vuole, che non sono pratico di queste cose… Stella, ‘a figlia d’‘o nutaro, ha detto che mi spiega tutto lei, io non devo fare niente e… e… (Quasi scoppia a piangere)

Salvatore     E vuje pecché nun accettate? Vi fate ‘na cultura… ‘na cultura sessuale pratica, perché diceva donna Maddalena: “Si l’avvocato, alla sua veneran… alla sua età, non ha avuto mai ‘na fidanzata, non ha fatto mai l’amore cu’ ‘na femnmena, ‘nu mistero pure ce ha dda stà… qualcosa sotto ci deve pur stare…” Essa tene ‘nu poco paura di questa vostra… dicimmo inesperienza… innocenza… ignoranza. ‘Na vota, tant’anne fa, ‘o pate, quanno ‘o figlio addeventava giuvinotto, ‘o purtava ‘a scola d’ammore… Po’ arrivaje ‘a Merlin e…

D. Camillo    Ma se vado a scuola, se imparo bene l’arte dell’amore… lei poi diventa mia moglie?

Salvatore     Ma pecché nun ve mettite d’accordo tra di voi? Essa ha ditto che le potete parlare, potete spiegarle… Je nun capisco, vuje putisseve essere ‘n’ommo felice, chieno ‘e sorde… Io pure putesse essere ‘n’ommo cuntento: nun me manca niente, e invece penzammo a donna Maddalena… cioè, vuje ce penzate…

D. Camillo    Ma quale ricco e felice, don Salvatò… Vi confido un segreto, ma giuratemi ca nun ‘o ddicite a nisciuno! (Salvatore con le dita fa il giuramento) Don Salvatò, io primma ‘e ogne ccosa, songo ‘n’avvocato sbagliato. Io non volevo studiare legge, ma per fà cuntenta a mammà, andai all’università… pensavo: “Tanto doppo ‘a laurea faccio quello ca voglio io…” Don Salvatò, io volevo fare l’attore, il fine dicitore… Tengo tutte ‘e nastre e tutte ‘e rregistrazione ‘e Gassman, Albertazzi… Vabbè, nun divagammo: dopo la laurea, pigliata col minimo dei voti perché ‘e lleggi proprio nun me ‘nteressavane, mammà me piazzaje dint’‘o studio ‘e ‘n’avvocato; io le avevo detto, doppo ‘a laurea, ca vulevo fà l’attore, ma essa se mettette a chiagnere. “Molto meglio se pulisci le strade”, me dicette, “almeno quando esco di casa trovo la strada pulita… è una cosa utile. L’ attore è una perdita di tempo, un divertimento… Tuo padre, grande avvocato, prima di rendere l’anima a Dio, disse: «Giurami che nostro figlio farà l’avvocato!» e io giurai.” Don Salvatò, piangeva comme ‘na creatura… io che putevo fà? L’accontentai, pensai: “Tanto mò posso frequentare pure i teatri, gli attori… e nun appena se prisenta l’occasione…” Don Salvatò, l’avvocato d’‘o studio me facette fà l’esame per l’avvocatura, me raccumannaje e io addeventai avvocato, e da allora nun aggio cchiù pututo fà l’attore, o meglio, ‘o ffaccio, ma non sul palcoscenico: quando me piglio l’anticipo ‘a ‘nu cliente ce dico, comme si recitasse: “Vedrete che vinceremo sicuramente questa causa… Vedrete, prenderemo un sacco di soldi, gli alimenti e pure il patrimonio…” Po’, quanno ‘o giudice gli… ci dà torto, trovo mille scuse teatrali. La maggior parte dei clienti ce crede, ma quaccheduno se vendica. poco tiempo fa me bucajene tutte ‘e rrote d’‘a machina… (Si copre la faccia con le mani) ‘A notte me sonno ‘o pubblico ca me sbatte ‘e mmane… Io volevo fare l’attore, il fine dicitore, declamare la poesia… (Si sposta al centro della scena, intanto entra Maria)

“Qui fit, Maecenà, ut nemo, quam sibi sortem

seu ratio dederit seu fors obiecerit, illa

contentus vivàt, laudet diversa sequentes?

Maria             No don Camì, pe’ piacere, nun ve mettite pure vuje cu’ ‘o ttedesco!...

D. Camillo    Ma quale tedesco? È latino, la nostra madre lingua… Allora declamerò Leopardi:

“Sempre caro mi fu quest’ermo colle

e questa siepe che da tanta parte

dell’ultimo orizzonte il guardo esclude…” (O altra poesia di Leopardi)

Salvatore     (Bussano alla porta) E mò chi sarrà? Io… nuje avimmo ‘a mangià! (Va ad aprire)

SCENA QUINTA

(VITTORIO e detti)

Vittorio        Don Salvatò buongiorno, devo parlarvi… posso parlare?

Salvatore     Ch’è succieso?

Maria             Parlate, avvocà!

Salvatore     Quacche disgrazia?

Maria             Gemma nun sta bbona?

Vittorio        No, no, niente di tutto questo, state tranquilli. Gemma e suo marito stanno bene, benissimo! (Salvatore sorride) ma… ma vogliono separarsi legalmente. (Salvatore barcolla, lo fanno sedere)

Maria             Se vonno spartere?

Salvatore     E pecché?

Vittorio        Per una litigata terribile che hanno fatto stamattina. Io mi trovavo da loro con mia moglie Rosaria e non vi dico! Don Salvatò, è successo il finimondo! Hanno deciso che vogliono separarsi al più presto e non hanno voluto sentire ragioni. Da un momento all’altro vedete che arrivano qua.

D. Camillo    (Che ha ascoltato con molto interesse) E che problema c’è? Questo è il mio mestiere… Sono matrimonialista!

Salvatore     (Confuso) Nooo! Lloro nun vonno ‘o matrimonio… non vonno ‘o matrimonialista! Avite ‘ntiso? Vonno ‘a separazione… Ce vulesse ‘nu separatista! (Riflette) Sono stato un cattivo padre… (Si vorrebbe prendere a schiaffi) Ma comme, venene ccà? Jamme mò mò nuje addù lloro! Venene propeto ccà?!

Vittorio        Sissignore, perché Felice vuole giustificarsi con voi… Dice che dovete sentire le sue ragioni…

Maria             Oh, ma ‘sta figlia nosta è asciuta pazza? Vò lassà ‘o marito? E nuje che figura facimme? Ma se fosse ‘nnammurata ‘e quacche attore?... Chella, quand’era piccerella, se ‘nnammurava ‘e tutte ll’attore, pure si tenevene cient’anni! Don Camì, vuje recitate, nun è ca se fosse ‘nnammurata pure ‘e vuje?

D. Camillo    E che tengo, cient’anni je? Io sono un verginello…

Salvatore     (Non bada a quello che dice la moglie) Ma tu capisce?! Quanno se vene a ssapè ‘na cosa ‘e chesta, che figura, che briogna… e addò ‘a mettimmo ‘a faccia?! (Poi riflette) Vabbuò, però ogge paricchie ‘e lloro divorziano… e divorziammo pure nuje… pure lloro… Ce putimmo accidere!

Maria             Che briogna, che briogna!... Che vergogna, che vergogna!

Vittorio        Mia moglie ed io abbiamo tentato di tutto per dissuaderli, ma non c’è stato verso: sono decisi! (Disperazione dei due genitori con esclamazioni che si sovrappongono. Salvatore cerca anche di confortare Maria a gesti)

SCENA SESTA

(GIUSEPPINA e detti)

Giuseppina     (Entra da destra) Signò, v’aggio purtato ‘a cammumilla, ca ve fa bene.

Salvatore     Nun serve cchiù, puortatella ‘a via ‘e dinto! Hê jì ‘a farmacia e t’hê ‘a fà dà ‘nu chilo ‘e brumuro, diece buccettelle ‘e Valium e tanta barbitorici.

D. Camillo    I barbiturici… Nembutal… il Pentotal… Ma vuje vulite murì? E poi le farmacie non li danno più questi farmaci senza la ricetta medica, e se li dovessero dare, io li cito in giudizio, faccio chiudere ‘a farmacia! Con me non si scherza, io sono un uomo di legge! Io sono un avvocato… Io… Io ho carta bianca!

Giuseppina     E si… e si… e si e si… sì… (Cambia tono) Ccà comme faje faje, sbaglie sempe! Uno se crede ‘e fà ‘na cosa bbona… (Esce ciabattando a destra e commenta al pubblico) E che gente… ‘E selvagge, ‘e zulù, zulù! Chiste sò pazze furiose… Ccà ce sta ‘o manicomio criminale ‘e Aversa!

Salvatore     Vattenne dint’‘a cucina, và! Invece ‘e parlà a schiovere… ‘A tragedia è succiesa: figliema divorzia!

Vittorio        Vedendo che il litigio era insanabile, ho pensato fosse giusto avvisarvi. Perciò siamo partiti da Napoli prima del previsto.

Maria             Site stato gentilissimo come sempre. Grazie, avvocà, grazie assaje.

Salvatore     (A Vittorio) Avite ditto ca Felice se vò giustificà cu’ mme… Allora è Gemma, figliema, ca se vò spartere?!

D. Camillo    Non importa chi se vò separà, basta che la separazione sia consensuale, ca tutt’e dduje songhe d’accordo… Po’ lloro non hanno figli, possiamo fare finta che lui non è capace di consumare il matrimonio… oppure che gli piacciono gli uomini… oppure incompatibilità di carattere… ‘Na scusa ‘a truvammo sicuramente, basta che la richiesta di separazione sia consensuale, che tutt’e due si vogliano separare. (Rivolto a Salvatore) Don Salvatò, ci facciamo dare gli alimenti a vostra figlia, e pure il patrimonio del marito… la facciamo diventare ricchissima! (Salvatore lo guarda pensando a ciò che ha detto prima. Lui capisce e zittisce)

Vittorio        Sì, sono d’accordo tutti e due. Lei, è stata la prima, ma poi si è deciso pure lui: dice che sua moglie è una pazza, una gelosa paranoica, che è affetta da delirio schizofrenico paranoico… paranoico di gelosia, ha un carattere insopportabile, che si è stancato e non ne può più! Preferisce la morte piuttosto che vivere nella stessa casa… con Gemma…

Salvatore     E tene ragione! Felice ha ragione, mia figlia è ‘na pazza scumbinata. (Rivolto alla moglie) Ma t’arrecuorde chello ca ce ha fatto passà quann’era piccerella? “E voglio ‘a cullanina, e voglio ‘a bambulella, e voglio ‘o suldatino…” ‘A casarella, poi ‘o vestitino, ‘e ffotografie ‘e ll’attore… nun era mai cuntenta! E tu ce ‘e ffacive vencere tutte quante! Ma io ‘nce ‘o ddicevo: “Tu ‘nce ‘e ffaje vencere tutte quante e ‘a stai ‘nguajanne!” E accussì è stato, l’hê fatta ascì pazza… L’hê fatta addeventà… comme se dice… scazzofrenica pallaroica!

Maria             (Amara) Avvocà, avite capito? Mò ‘a colpa ‘e chello ca è succieso è tutta d’‘a mia!

D. Camillo    Non è importante di chi è la colpa, l’ho già detto… l’importante è che sono d’ac-cordo nel separarsi.

Salvatore     Don Camì, ma nun è meglio ca vuje jate a parlà cu’ donna Maddalena? Don Camì… e jamme, andiamo a mietere il grano, o si no non raccoglieremo l’amore (Lunga pausa di riflessione poi, rivolto alla moglie) Nun era chella l’educazione  ca se dà a ‘na figlia… l’ hê ‘nguajata!

Maria             E pecché nun ce l’hê data tu l’educazione?

Salvatore     E comme ce ‘a devo? Io nun putevo parlà ca tu me zumpave ‘ncuollo e me sbranave!

Maria             No, caro mio, tu nun parlave pecché, ‘a verità, nun te sì ‘nteressato maje d’‘a famiglia. Tu penzavi sulamente all’affare… ‘E denare… ‘e denare…

Salvatore     Je penzavo all’affare? Ma famme sapè ‘na cosa, t’aggio fatto mancà nai niente? Avvocà, je aggio faticato comme a ‘nu ciuccio pe’ tutt’‘a vita dint’a ‘sta casa. (Due volte battendo le mani sul tavolo e poi cercando di battere con la testa sul tavolo)

SCENA SETTIMA

(GIUSEPPINA edetti)

Giuseppina     (Entra da destra avendo sentito il rumore) Avite chiammato?

Salvatore     (Sgarbato) Hê ‘ntiso ‘o campaniello? Nun t’aggio chiammata, vattenne dint’‘a cucina. E nun te movere ‘a lloco, hê capito?

Giuseppina     (Ad alta voce, spaventata) Ma ch’è succieso? (Rivolta a Salvatore) Signò, me facite mettere appaura… Ve po’ venì ‘n’infarto, ‘nu fictus… (Scappa via a destra)

Vittorio        Don Salvatò calmatevi, vi viene un ictus…

Salvatore     Ma quà fictus e… ficus ficus… ma quà calmateve e calmateve! Basta, mò è troppo. Mò te faccio abbedè je comme se fa ‘o pate. Ato ca calma e demucrazia… Voglio fa ‘o tiranno!

Vittorio        E che volete fare?

Salvatore     (Indeciso) Comme arriva figlieta, me ne vaco je!

D. Camillo    (Sottovoce) Non vi conviene, è abbandono del tetto coniugale. Poi, quando faremo questa seconda separazione, vi troverete in difficoltà… Fatelo abbandonare a vostra moglie il tetto…

Maria             Salvatò, te ne vuoi jì? Te ne vaje? E vattenne, ma nun te fa vedà mai più, hê capito?!

Salvatore     Sì.

Maria             Allora te ne vaje… E addò te ne vaje?

Salvatore     Nunn’‘o saccio! Parto, me ne vaco luntane!... Me ne vaco ‘a Svezia, ‘o paraviso ‘e ll’ uommene!

Maria             E và, và!… Doppo vintiquatt’anne ca simme spusate è ‘a primma vota ca me parle accussì. Allora vò dicere ca ‘overamente te sì scucciate ‘e me!

Salvatore     Ah! Finalmente l’hê capito! M’aggio scucciato ‘e te e de tutte quante! M’aggio ‘a truvà ‘na mugliera nova… Ah, m’aggio ‘a libberà ‘e tutte quante!

Maria             Nun è ggiusto. Nun è ggiusto pecché addò ‘a truove ‘n’ata mugliera comme a mme? Chi t’appripararrà ‘e ppappe bbone? Chi te purtarrà add’‘o miedeco? Chi te farrà piglià ‘e mmedicine? Chi te farrà ‘e ssiringhe? Chi te mettarrà ‘e suppostine? Addò ‘a truove a ‘n’ata comme a mme? (Alterata) Chi te darrà ‘a…

Salvatore     Quaccosa ‘e buono m’‘a darrà! ‘A trovo, ‘a trovo ‘na femmena ca me darrà quaccosa ‘e buono… ‘A trovo pure cchiù giovane, cchiù ddoce e cchiù bella!

Maria             E ttiene ‘o curaggio ‘e me lassà? (Comincia a piangere)

Vittorio        Basta don Salvatore, l’avete fatta piangere!

Salvatore     E l’aggio fatta chiagnere, pecché quanno me ‘ncazzo addevento terribbile! Ma che chiagne a ffà?! (Rivolto a Maria) ‘A lasso… (Piange pure lui) Ma je nun ‘a lassasse maje! Io ‘a voglio bbene… Sò ccose ca se dicene quann’uno s’arrabbia…

Vittorio        Quando mai avete fatto queste litigate?

Maria             Mai avvocà, m’avite ‘a credere: chesta è ‘a primma vota!

Salvatore     Nun songo abituato a m’appiccecà cu’ muglierema avvocà, e quanno ‘o ffaccio esaggero.

Vittorio        E va bene, però è finita, abbracciatevi. (Maria e Salvatore si abbracciano)

D. Camillo    Noo! E poi come le facciamo le separazioni?

Salvatore     Don Camì, v’‘o ddico ‘n’ata vota, pecché nun jate a ffà chillu servizio addu’ donna Maddalena?... (Don Camillo va via, quindi Salvatore, rivolto alla moglie) Sì, te voglio perdunà… te perdono!

Maria             E nun me dice cchiù chello ca m’hê ditto? Non t’‘a truove ‘n’ata cchiù giovane, cchiù bella e cchiù ddoce?

Salvatore     Ma nonsignore, nun me trovo a nisciuno e nun te dico cchiù niente. Nun ‘o ddico cchiù… Jamme, damme ‘nu vasillo… (Si baciano)

Maria             Marito mio bello…

Salvatore     Avimme fatto pace. (Rivolto a Vittorio) Avvocà, però vulevo sapè ‘na cosa, mò ca torna chella capallerta ‘e figliema, nuje comme ce avimme ‘a cumpurtà?

Maria             Comme ce avimme ‘a regolà? Ma ce facimmo capì ca fanno male a ffà accussì!

Vittorio        È giusto.

Salvatore     No, perché si po’ s’appiccecano ‘n’ata vota, s’‘a pigliano cu’ nuje ca ce avimmo fatto fa ‘a pace.

Vittorio        Dovrebbero fare pace spontaneamente, da soli, senza che nessuno gli dicesse niente. Ma io prima… Don Salvatò, quando ho visto che litigavate, ho avuto un’idea.

Maria             Quale idea?

Vittorio        Quale idea? Una grande trovata! Sì, dovreste essere molto naturali…

Salvatore     Naturali a fdà che ccosa?

Vittorio        ‘Na finzione… ‘na recita.

Salvatore     Spiegateve meglio…

Vittorio        Venite qua. (Si avvicinano tutti al tavolo) Dunque sedetevi. (Si siedono Maria e Salvatore, mentre Vittorio passeggia parlando) Dovete sapere, miei cari, che anticamente a Sparta…

Salvatore     Addò?

Vittorio        A Sparta.

Salvatore     Avvocào, facimmo cchiù vicino… a Beneviento nun va bbuono?

Maria             Ma che ce azzecca Beneviento? È ‘n’ata città!

Vittorio        No, Sparta è una città dell’antica Grecia. Per ispirare nei giovani l’orrore ed il disgusto per l’ubriachezza, sapete cosa facevano gli spartani?

Salvatore     Avvocato, je nun ce stevo, dicitimmello vuje che facevene.

Vittorio        Facevano ubriacare gli schiavi! La vista di queste persone ubriache, senza più freni i-nibitori, faceva disgusto. Adesso voi dovreste…

Salvatore     No avvocà, perdunateme, addimannateme qualsiasi cosa ma nun me facite vevere vino, alcooliche… L’alcool me fa male! Je me posso abbuffà ‘e muzzarelle, ma l’al-cool no, no e poi no…

Maria             E nemmanch’je me pozzo ‘mbriacà. L’alcool me fa male e me fa venì ‘o mal’‘e capa e… me metto a ridere… (Ride) e… m’avota tutta ‘a capa comme a ‘na trottola…

Salvatore     Chella addeventa proprio scema!!

Maria             Nun ce addimannate chesto, pe’ ccortesia!

Vittorio        Ma no, io non intendevo dire questo. Io volevo dire… zitti, zitti, sento una macchina… Deve essere vostra figlia con il marito… Venite di qua, vi dico quello che dovete fare… (Maria e Salvatore si alzano e con Vittorio si avviano verso le camere a sinistra)

Salvatore     Però ve prego: nun me facite fà cose da schiavo ‘mbriaco ‘e Beneviento, pecché nun ‘o ppozzo fà, me fà avutà ‘o stommaco!…

Vittorio        Ma no!

Maria             Statte zitto! (Via con Vittorio e Salvatore)

SCENA OTTAVA

(GEMMA, GIUSEPPINA e FELICE)

Gemma           (Entra seguita da Giuseppina e da Felice) Ma che d’è, nun ce sta nisciuno?

Giuseppina     Che bella surpresa, signò! Era cchiù ‘e ‘nu mese ca nun veniveve… Comme state bella!... E comme sò cuntenta ‘e ve vedè!

Gemma           Addò stanno mammà e papà?

Giuseppina     Mò mò stevene ccà, ‘e vvaco a cercà e v’‘e cchiammo.

Gemma           (Dandole dei soldi) Tiè, pavame ‘o tassì e famme scaricà ‘e bagaglie.

Giuseppina     Sissignora.

Felice            (Dandole anche lui dei soldi) Pavateme pure ‘o tassì e purtateme ‘a balicia ‘ncoppa.

Giuseppina     Comme cumannate vuje. Ma che d’è, marito e mugliera venene cu’ ddoje machine? Ma addò s’è vista maje ‘na cosa ‘e chesta?

Felice            Ma mò avesseme pure dà spiegazione a vvuje! Simme venute cu’ ddoje machine, è vietato? ‘A legge nun ‘o ppermette?... Mò jatevenne!

Giuseppina     Subbeto. (Esce per il centro)

Gemma           Pozzo sapè pe’ quantu tiempo ancora aggio ‘a suppurtà ‘a prisenza toja e pecché m’hê vuluto accompagnà pe’ fforza fino a ccà?

Felice            Dint’‘o treno vuje avite viaggiato dint’‘o scumpartimento d’‘e non fumature, e je dint’a chillo d’‘e fumature. ‘Na vota ca simme arrivate ‘a stazione avimmo pigliate dduje tassì separate, me vulite dicere che fastidio v’aggio dato? (Cambiando tono) Signò, vuje facite perdere ‘a pacienza pura a Giobbe!

Gemma           E tenite intenzione ‘e rimmanè dint’a ‘sta casa?

Felice            Nossignora. Doppo ch’aggio parlato cu’ ‘e genitore vuoste, me ne vaco dint’a ‘n’al-bergo e dimane me ne torno a Napule, ma voglio sta ccà quanno parle cu’ lloro.

Gemma           Je ce raccont tutta ‘a verità!

Felice            (In contrapposizione) E pur’io! Che bella nutizia ca simme venute a purtà! Ma nun ce pienze ca sentendo chello ca è succieso, chilli povere viecchie ponno pure murì p’‘o dispiacere?

Gemma           ‘A colpa nun è d’‘a mia!

Felice            Gemma, stammo ancora a tiempo! ‘E genitore tuoje nun sanno ancora niente e, si tu ‘o vvuò, nun ‘o saparranno maje. Pienzece buono, je songo innocente, m’hê ‘a credere! (L’ abbraccia amorevolmente) Non t’aggio tradita maje, sò tutte allucinazioni d’‘e ccerevelle toje ammalate…

Gemma           (Rifiuta l’abbraccio)E ‘a ddò veneva chillu prufumo ‘e femmena? ‘E chi era?

Felice            Nun ‘o ssaccio! M’hê ‘a credere, nun ‘o ssaccio!

Gemma           Nun ‘o ssaje, eh?

Felice            No!

Gemma           Allora nun ne parlammo cchiù. O me dice ‘a verità, o si no ce spartimme.

Felice            E fà chello ca vuò tu! Je ‘o ffaccio pe’ mammeta e patete, pecché si po’ a uno ‘e lloro ‘nce vene quaccheccosa p’‘o dispiacere, t’‘e ttruove tu ‘ncoppa ‘a cuscienza! Mò basta: tu sì capatosta e allora hê ‘a essere tu a me cercà per te scusà si vuò fà pace!

Gemma           Arricuordete ca nun stammo a casa nostra ccà, stammo dint’‘a casa ‘e duje sante… Chesta è una chiesa! (Dall’interno rumore di stoviglie rotte) Madonna, ch’è stato?

Felice            (Ironico) ‘O terremoto dint’‘a cchiesa!

SCENA NONA

(MARIA e SALVATORE dall’interno, poi in scena MARIA e detti, indi SALVATORE)

Maria            (Dall’interno) Assassino!

Salvatore    (Dall’interno) T’hanno accidere! Hê fà ‘a fine d’‘o capitone!

Maria            (Entra da sinistra con una benda macchiata di sangue che le cinge il capo) Assassino! Maritemo è ‘n’assassino! È ‘n’ommo senza core! Mamma mia e che dulore! Io aggio ‘a fa ‘a fine d’‘o capitone? E tu chella d’‘a gallina p’‘o brodo!

Gemma           Mamma, ma che sta succedenno?

Maria            (Rivolta prima a Gemma e poi a Felice) Figlia mia, e che ce faje ccà? Feliciè, pure tu ce staje?! È stato ‘o Cielo ca v’ha mannate!

Gemma           Ma che è succieso?

Maria            (Tragica) Figli miei, abbracciateme! Figlia mia bella, damme ‘nu vaso… e pure tu, Feliciè, damme ‘nu vaso. Vuje nun putite capì quanto bisogno tengo del vostro affetto… Pateto… ‘o vide a pateto? (Indica la testa bendata) M’ha vuttata ‘na spazzola ‘nfronte. Dduje centimetre cchiù vascio e m’accedeva!

Felice            Ma pecché ‘o marito vuosto v’ha fatto chesto?

Gemma           Eh?

Maria            (Imbarazzata per la spiegazione che è chiamata a dare) Pecché? (Generica) Pecché è ‘nu ‘nfame! Nun l’abbastava ‘a spazzola, no… m’ha pigliata a punie e m’ha dato ‘na bastunata ‘ncapa, e nun cuntento c’‘o bastone ha scassata ‘a cristalliera! Je me ne voglio jì ‘a dint’a ‘sta casa, purtateme cu’ vuje, nun voglio restà ‘mmano a chillu delinquente! Sì ‘nu delinquente traditore! Chillo m’accide… Nun ‘e liggite ‘e giurnali? “Marito uccide la moglie col coltello da cucina”… Chillo tene pure ‘o fucile!

Felice            Ma è asciuto pazzo?!

Gemma           Ma pecché papà sta facenno chesto?

Maria            (Di nuovo imbarazzata dalla domanda) Eh, pecché papà sta facenno chesto? (Per prendere tempo) Eh, perché papà sta facenno chesto? (Cambiando tono)

Gemma           Eh, mammà, pecché papà sta facenno chesto?!

Maria             Pecché… (Incapace ad improvvisare) Nun t ‘o pozzo dicere! Sò ccose terribbile, nun se ponno dicere… Basta, mò salgo ‘ncoppa ‘a terrazza e me votto abbascio! (Fa l’atto di avviarsi al balcone)

Gemma           Noo! Feliciè, fermala!

Felice            No, aspettate signò, che vulite fà? (Insieme a Gemma trattiene Maria dall’ipotetico folle gesto)

Salvatore     (Entra dalla sinistra, anch’egli con una vistosa garza macchiata di sangue. Si rivolge alla moglie, non accorgendosi della figlia e del genero) Ah staje ccà?! Allora stamme a sentere, je stanotte dormo dint’‘o saluttino ‘ncoppa ‘o divano, (Accorgendosi di Gemma e Felice) ma dimane me ne vaco luntano ‘a chesta casa! E soprattutto luntano ‘a te, strega!

Gemma           (Meravigliata di ciò che dice il padre) Papà!

Salvatore     Ueh, piccerè, tu staje ccà? E pure tu, Feliciè… Figli miei, viate a vvuje ca nun sapite chello ca sta succedenno dint’a ‘sta casa… Cose tremende! Cose ‘a sant’uffizie!... M’aggio ‘a spartere ‘a chesta strega… m’ha menato ‘ncapa ‘o posacennere ‘e attone… ‘Ncapa, ce penzate?... Sò svenuto… Nun ce ‘a faccio cchiù… Me voglio spartere, nun ‘a voglio tene cchiù annanze all’uocchie meje!

Maria             E pur’je me voglio spartere, e quanto primma, e nun te voglio vvedè, manco morto!

Gemma           Ma insomma, se po’ ssapè ch’è succieso?

Felice            Ma pecché ve vulite spartere?

Salvatore     Pecché… Pecché… (Anch’egli in evidente imbarazzo) Cose terribbele, cose ca nun se ponno cuntà! È meglio nun sapè… meglio ignorare… cose incredibbele… ‘E tradimiente, ‘e ccorna, songhe niente al confronto!

Maria             Ma nun dicere fesserie!... Bravo, tu me vuò lassà?

Salvatore     Sì!

Maria             E je vaco a ffà ‘e bbalice e dimane stesso me ne vaco!

Salvatore     Nun te voglio vedè cchiù!

Maria             E nun me vidarraje cchiù, statte tranquillo!

Salvatore     Addio!

Maria             Statte buono Salvatò, addio! (Esce verso sinistra)

Salvatore     Và, vattenne, grandissima… disgraziata, nun te voglio vedè cchiù, hê ‘a fà ‘a fine ca t’ammierete! ‘O Signore t’ha dda punì pe’ tutto ‘o mmale ca m’hê fatto! Chi ha fatto male a mme, a isso pe’ ttre… assassina! M’hê distrutto, je nun valgo cchiù niente… M’hê acciso! (Esce a destra)

Gemma           (Meravigliata della piega delle cose) Papà! (Al marito) Ma songhe asciute pazze?

Felice            (Sorridendo) Sentite, cheste sò ccose ‘e ll’atu munno!

Gemma           Penzo ca nun ce sta niente ‘a ridere.

Felice            Sto redenno p’‘a cumbinazione! Ma comme, nun solo nuje ce appiccecamme, pure loro? Gelosia?

Gemma           È chiaro ca cu’ ‘na situazione ‘e chesta, ‘o duvere nuosto è chillo ‘e intervenire seriamente, mettere pace e nun ‘e ffà spartere.

Felice            Sono d’accordo.

Gemma           Spartute nun putessero campà, doppo trentaquatt’anni ‘ematrimonio. E po’ nun ce a-vimme fa capì assolutamente ca pure nuje ce simme appiccecate e ce vuolimme spartere.

Felice            Ah, certamente je nun parlo.

Gemma           Facimme accussì: facimmo finta ‘ jì d’amore e d’accordo, po’, quando lloro fanno pace, ‘nce dicimme ‘a verità e parlammo d’‘a decisione nosta.

Felice            Va bene, facimmo accussì, ammore mio. (Bacio)

SCENA DECIMA

(GIUSEPPINA e detti, poi SALVATORE, indi MARIA)

Giuseppina     (Entra) Tutto a posto signò, ‘e tassì sò state pavate e ‘e bagaglie scaricate.

Gemma           Giuseppì viene ccà, dimme ‘na cosa: pecché papà e mammà s’hanno appiccecate?

Giuseppina     E che ne saccio?! Steveno tutte d’amore e d’accordo quando po’, all’intrasatte, ‘a signora ll’è vvenuto ‘nu svenimiento e ‘o signore pareva ‘nu diavulo. Se l’ha pigliata pure cu’ mme!

Salvatore     (Entra da destra) Addò sta?... Addò sta chella strega ‘e muglierema? (Rivolto a Giuseppina) E tu che ce faje ccà? Sì ‘na capera, vattenne dint’‘a cucina!

Maria             (Entra da sinistra) Piccerella mia! (Accorgendosi della presenza del marito) Ah, nun ‘o ssapevo ca ce steva pur’isso.

Salvatore     (Con ripicca) Je stongo dint’‘a casa mia!

Maria             (Parlando con la figlia) Tu ‘o ssaje ca ‘a cammera pe’ vvuje nun ‘a tenimme, pirciò stanotte tu te viene a cuccà cu’ mammà toja.

Salvatore     (Rivolto al genero) Feliciè, agge pacienza, pe’ stanotte ce arrangiamme dint’‘o saluttino, tu ‘ncoppa ‘o divano e io ‘ncoppa ‘a pultrona.

Felice            Va benissimo, nun ve preoccupate.

Maria             (Alla figlia) Me dispiace ca pe’ stanotte t’aggio ‘a spartere da ‘o maritiello tujo…

Gemma           Vabbuò mammà, pe’ ‘na notte nun sarrà la fine del mondo!

Felice            Noo, nun sarrà la fine del mondo! (A parte) O si no ‘o munno fosse fernuto paricchie vvote...

Salvatore     Putimme fa pure ‘e ‘n’ata manera, me ne vaco dint’a ‘n’albergo.

Felice            Ma pecché? Nun ce ne sta bisogno.

Gemma           V’assicuro ca songo accussì stanca d’‘o viaggio, ca appena me metto ‘ncoppa ‘o lietto subbeto piglio suonno.

Felice            Pur’io sono stanchissimo.

Maria             Scusate, ma nun v’aggio manco addimannato si vulite magnà quaccheccosa…

Gemma           No grazie, io nun tengo famma.

Felice            Io ‘nu poco d’appetito ‘o tengo!

Maria             Giuseppì, che ci sta da mangiare?

Giuseppina     Mezzo pollo.

Maria             E allora porta pure ‘nu poco ‘e furmaggio, e taglia quacch’ata fella ‘e salame, chello ch’ha fatto maritemo… il mio ex marito… quacche sottaceto… ‘Nce avessero ‘a stà ll’alice salate d’‘a custiera… chelle ‘e Cetara songhe ‘e mmeglie alice, ‘a fine d’‘o munno!

Giuseppina     M’‘o bbech’je. Porto pure ‘na bella buttiglia ‘e vino d’‘o Vesuvio o ‘e Solopaca… ‘o vino ‘e Gragnano è finito! (Si avvia verso la cucina, ma viene fermata)

Salvatore     No, aspetta! Appripara pure ‘nu stuzzichino pe’ nuje, ‘nu bellu vassoio. Miettece salame, coppa, culatello, sasicce, furmagge varie e ‘nu piezzo… dduje piezze… tre piezze ‘e pane e vino rosso pe’ nuje uommene: ce sta ‘na bella butteglia ‘e Negramaro ca è ‘a fine d’‘o munno…

Giuseppina     Subbeto ve servo. (Esce a destra. Nell’azione seguente coloro che sono in pace si salutano e si scambiano baci)

Maria             Feliciè, bonanotte. Me dispiace ca te porto via ‘a bambulellaa…

Felice            Nun ve preoccupate… Bonanotte mammà.

Salvatore     Bonanotte, core ‘e papà tujo… Bonanotte e santa notte.

Gemma           Bonanotte papà.

Maria             E che faje, te ne vaje accussì e nun ‘o salute? Nun ce daje ‘o bacio d’‘a bonanotte?

Gemma           A mio marito?... Buonanotte, marito mio caro caro! (Lancia un bacio che permetterà la successiva battuta di Salvatore)

Salvatore     (A parte) ‘Nce ha sputato ‘nfaccia.

Felice            Buonanotte, moglie mia dolce dolce! (Le lancia un bacio)

Gemma           Papà, mamma, V’aggio dicere ‘na cosa.

Maria             (Speranzosa che sputi il rospo) Che cosa, figlia mia?

Gemma           Voglio la prova che mò fate pace e ve vulite bene ‘overamente.

Salvatore     E cioè?

Gemma           Abbracciateve e vasateve pure vuje!

Salvatore     ‘Nu vaso a essa?... A chella strega?... Mai!

Maria             Meglio ‘a morte! Nun se merita ‘o riesto ‘e niente chist’assassino, mascalzone farabutto. Jammuncenne, figlia mia! (Esce a sinistra con Gemma)

Salvatore     Vieni Feliciè, jammuncenne pure nuje. (Rivolto alla moglie) ‘Ntribunale t’aggio vedè… in tribunale! Cundannata primma ‘a fucilazione e po’ all’ergastolo! (Riflette) Cioè, tut-t’‘o ccuntrario… Jammuncenne Felì, viene… (Salvatore e Felice escono a destra)

La scena si fa buia. SALVATORE e MARIA, in camicia da notte, non visti, con un monocolo di candela in mano, si vanno ad incontrare per darsi la buonanotte)

Salvatore     Maria, moglie mia!

Maria             Marito mio bello!

Salvatore     Buonanotte.

Maria             Buonanotte.

Salvatore     A domani.

Maria             A domani.

Salvatore     Amore mio!

Maria             Gioia! (Proseguonoi a soggetto)

Sipario

FINE DEL SECONDO ATTO


ATTO TERZO

Stessa scena del secondo atto.

Tavolo preparato per ricevere ospitie e sedie. L’orologio segna le nove

Tra secondo e terzo atto ci può essere, a discrezione del regista, anche solo una dissolvenza di chiusura ed apertura luci ad indicare il passaggio della notte.

Campanello interno.

SCENA PRIMA

(GIUSEPPINA, poi VITTORIO e MARIA, indi SALVATORE)

Giuseppina    (Campanello) ‘Nu mumento, sto venenno… sto arrivando… vengooo! Mamma mia, ih  che jurnata ch’è schiarata! Chi me chiamma ‘a ccà, chi me chiamma ‘a llà… Chi vò ‘o ccafè amaro e chi ‘o vvò doce… E po’ gente ‘nzorata, dico gente ‘nzorata ca se cocca dint’a ddoje cammere diverse? Ma comme? ‘A matina ognuno fa colazione pe’ ffatte d’‘e suoje?! No, e chisti ccà nun songhe marito e mugliera, chiste songhe cane e gatte, tigre e lione… pazze ‘a manicomio! (Campanello interno) Vengo! Don Salvatò sto arrivanno, ‘nu mumento ‘e pacienza! (Esce a destra)

Vittorio        (Entra da sinistra insieme a Maria) Signora cara, e allora, che cosa è successo? Mia moglie è molto preoccupata, vorrebbe avere qualche notizia.

Maria            Accomodatevi avvocà… (Si siedono) Purtroppo teniveve ragione, sò ddecise: se vonno spartere. E chesta è ‘na cosa ca me dispiace ‘overamente assaje. No pe’ chello ca putarrà succedere quanno ‘sta cosa se venarrà a ssapè, ma pe’ figliema Gemma, povera figlia mia!

Vittorio        E va bene, ma non vi preoccupate signora, vedrete che tutto si sistemerà. Voi fate co-me vi ho detto io e vedrete che Gemma e Felice fanno pace di nuovo.

Maria            Fanno pace? Eh, fanno pace!... Vuje nun sapite chello ca fuje capace ‘e fà Gemma pe’ se spusà a Felice!... E io ‘nce ‘o ddicevo quann’erane fidanzate: “Feliciello nun è l’ommo per te, è ‘nu farfallone, ce piacieno ‘e ffemmene, ce piace ‘e pazzià…” “No!” Rispunneva essa, capatosta, “voglio a isso, voglio a Felice, voglio sulamente a isso!” E mò ben le sta. Si sapisseve ‘e dispiacere e ‘e dulure ca sta passanno chillu povero marito mio pe’ vvia ‘e ‘stu fatto… Eh, caro avvocato!...

Salvatore    (Entra da destra) Ah, Maria!

Maria            Salvatore mio!

Salvatore    Moglie mia cara, che senza ‘e te ‘sta nuttata nun passava maje… Che brutta notte! Ah, buongiorno avvocà…

Vittorio        Buongiorno, don Salvatore!

Salvatore    (A Maria) Tu invece hê riposato bbuono?

Maria            Nun ne parlammo, nun aggio chiuso uocchio! Gemma ha durmuto poco, po’ s’è scetata e ha accummenciato a smanià… E Felice?

Salvatore    Ha russato tutta ‘a notte! Pareva ‘nu trumbone scassato, m’ha fatto venì ‘nu mal’‘e capa ca nun m’ha fatto ‘nzerrà ll’uocchie. E po’ chello ch’ha fatto ajeressera... Felice, ajeressera, m’ha fatto ‘n’interrogatorio! Ha vuluto sapè a tutte ‘e coste pecché io e te ‘nce hêveme appiccecate!

Vittorio        E voi che gli avete detto?

Salvatore    Eh, avvocà, che ‘nce aggio ditto… ìNce aggio ditto ca muglierema era diventata insopportabile p’‘a ggelusia e ca je nun ce ‘a facevo cchiù! Ca s’era fissata ca je tenevo ‘na tresca cu’ donna Maddalena e ca tenevo pure paricchie ati ffemmene… Ogni femmena ca vedevo pensava ca era ‘n’amante d’‘a mia!

Vittorio        Benissimo! Siete stato grande, un grandissimo attore!

Maria            E io no? Pur’io aggio avuto l’interrogatorio… Aggio ditto ca tu sì ‘nu libertino, ‘na capallerta e ca m’avive tradita paricchie vvote; m’avive addimannato scusa, m’avive prummiso ca nun l’avisse fatto cchiù… Io t’aggio perdunato paricchie vvote, ma po’ cu’ donna Maddalena nun ce l’aggio fatta cchiù, e nun sulo! Hê continuato a ffà ‘o zezo pure cu’ ‘e ccriature ‘e vint’anne… Ca ‘o tujo era ‘nu vizio, ca nun ne putive fà a mmeno…

Salvatore    Je vezziuso ‘e femmene?... Io ‘na capallerta ca te mette ‘e ccorne cu’ tutte quante?... Povero ammore mio! Avvocà, ch’avimmo ‘a fà, avimme continuà a recità ‘sta parte?

Vittorio        Si capisce! Per lo meno per tutta la giornata di oggi. Anzi, dovete aumentare la dose!

Maria            (Si alza) E va bene, però faccimmola fernì ampressa ‘sta storia, pecché a me nun me piace a stà ‘ncazzata cu’ Salvatore manco pe’ pazzià!

Salvatore    Avvocà, nun me piace manco a mme, me pare ‘na cosa accussì strana! Almeno ‘nce pozzo dà ‘nu vasillo?

Vittorio        Senza esagerare però, non commettiamo imprudenze!

Salvatore    Sapite comm’è, si je mò ‘nce dongo ‘nu vaso a muglierema, adoppo me sento cchiù fforte p’affruntà ati sceneggiate d’appicceche… pozzo piglià pure ‘a rivoltella… scarica…

Maria            (Compiaciuta dall’affetto del marito) Ma che belli pparole… Me vuò dà ‘nu vaso?

Salvatore    (Fa cenno di assenso) Ammore mio, tesoro caro… mugliera cara cara!

SCENA SECONDA

(CAMILLO e detti, poi FELICE)

Camillo        (Entra dal centro) È permesso? (Vedendo Maria e Salvatore in affettuosità) Scusate… fate, fate… Non vi mettete in soggezione per me… Sono un uomo felice e lo voglio gridare a tutti! Fate, fate, baciatevi, fate tutto quello che volete, signofoca che vi sentite meglio… E allora porto subito la bella notizia a donna Maddalena, che ieri sera era assai preoccupata per voi e non ha fatto altro che ripetermi: “Avvocà, mi raccomando, domani fatemi avere buone notizie di donna Maria e di don Salvatore!” Io allora la vado a tranquillizzare… Ah, vi debbo dire una cosa: donna Maddalena ha accettato… ha accettato il mio amore… mi ha insegnato tutto… Ho dormito da lei… Ha detto donna Maddalena che non sono più verginello. È stata ‘na cosa bellissima! E io per tanti anni, niente donne… Ah, se potessi tornare indietro! Il Signore Iddio ha creato una cosa così bella come l’amore e io non ne ho mai usufruito… Ma con donna Maddalena mi rifarò!... Posso darle buone notizie da parte vostra. Donna Maddalena ci tiene assai a voi… quasi quasi mi ingelosisco… No, meglio di no… poi vuole bene pure a vostra moglie, ci tiene che restiate insieme…

Maria            E ringraziatela assaje da parte mia.

Camillo        Certo, certo… Scusate, non mi sbaglio, ma quando stavo entrando… stavate dando un bacio a vostra moglie?

Salvatore    Sissignore.

Camillo        E allora fatemi la cortesia di continuare.

Salvatore    Guardate, in verità, je nun pozzo accummencià ‘a jurnata si pe’ primma cosa nun ce donghe ‘nu vaso a muglierema. Si nun ‘o ffaccio, me pare ca accummencia malamente!

Camillo        E fate, fate liberamente! Fate tutto quello che volete, noi non guardiamo!

Maria            (Si accorge di Felice che è appena entrato da destra ed inveisce verso il marito) Levate! Lassamme stà!

Vittorio        (Avvisa Salvatore sottovoce)È entrato Felice!

Maria            Che curaggio! Che faccia tosta! Nun me tuccà!

Camillo        È uscita pazza la signora! Mò si volevano bacia…

Salvatore    ‘A jurnata fernesce malamente, vaco a fernì carcerato!

Camillo        Pure voi, don Salvatore… Voi andavate così d’amore e d’accordo! Ma questi sono pazzi! (Riflette) Esame di psichiatria criminale. Molti psicotici… pazzi… hanno bruschi cambiamenti d’umore… Allora sono pazzi criminali! Devo chiamare l’ospedale psichiatrico!

Maria            Nun me tuccà!... Me vò mettere ‘e mmane ‘ncuollo!... Guardie! Guardie! Chiammate ‘e gguardie!

Salvatore    Ma chi te tocca? Nun fà l’eterna martire! Falsa e busciarda, chesto sì ttu, falsa e busciarda!

Felice            (Comprensivo) E fernitela, calmateve…

Maria            Ah Felì, staje ccà?

Felice            Sissignore, ma vuje v’avite dà’na calmata. (A Vittorio) Ah, pure tu stai qua?

Vittorio        Sì, sono arrivato stamattina da Napoli per un affare importante.

Felice            Don Camì, metteteci pure voi ‘na bbona parola… ‘O ssapite ca papà e mamma s’ hanne appiccecate e se vonno spartere?

Camillo        (Cade dal pero; Salvatore e Maria cercano di sviarne l’intervento) Si vogliono separare? Loro due? Ma com’è possibile? Quelli prima si stavano baciando!... O sò pazzo io o sò ppazze lloro, da qua non si scappa!

Salvatore    Ah! Te l’aggio ditto primma, ‘nce vulimme spartere!

Camillo        Sì, sì, lo sapevo, ma credevo che avessero fatto pace… che scherzavano!

Felice            No, no!

Maria            E io pe’ cchesto v’aggio mannato a chiammà stammattina!

Camillo        (Non ha compreso) A me?

Maria            Sissignore, me voglio spartere cu’ maritemo: nun ‘o voglio vedè cchiù a ‘stu lazzarone! Mò però primma m’aggio ‘a repiglià  ‘a tutto ‘o vveleno ca m’aggio pigliato a-jere e stanotte; cchiù ttarde ve voglio vedè pecché v’aggio ‘a cunsultà legalmente. E pure vuje, don Vittò, voglio ‘n’esercito ‘e avvocate! ‘O voglio vedè distrutto a ‘stu delinquente! Ce vedimmo tra ‘n’oretta, e purtate carta, penna… e ‘o codece. Aggio havê giustizia! Voglio ‘a separazione pe’ mme e ‘o carcere a vita pe’ isso! Vuje site avvocato, facite ‘e spartizione? E je me voglio spartere!... ‘A legge nun m’‘o permette? Me voglio levà ‘stu sfizio, ‘o voglio vedè comme a ‘nu… capitone a piezze! Ll’a-vite fa addeventà ridurre povero, poverissimo, senza ‘na fetente ‘e lira! Hê jì a magnà ‘a tavola d’‘e poverie ‘A fucilazione o l’ergastolo, chesto t’ammierete! (Esce a sinistra)

Camillo        Che esagerazione! Ma io non ci capisco niente!

Salvatore    (Rivolgendosi in direzione della uscita di Maria) Io l’ergastolo l’ho avuto quando ti ho sposata! Basta, basta, mi voglio separare, basta! Voglio evadere da questa prigione, questo è un vero ergastolo! Mi potevo rompere una gamba quando ti sposati… Era meglio che andavo sotto un treno…

Vittorio        Bene… cioè, male! Io adesso devo andare perché ho un appuntamento. Camillo, tu s cendi con me? Ti voglio parlare di questa causa di separazione. (Allusivo) Ti devo spiegare tante cose…

Camillo        Benissimo, pure perché vorrei qualche chiarimento su questo fatto di don Salvatore e donna Maria, non credo di averci capito molto.

Vittorio        Benissimo! Don Salvatore, a più tardi, con permesso. (A Salvatore sottovoce) Insistete, insistete, tutto procede benissimo! Bravo, bravo, a più tardi… siete un grande attore! (Fa cenno di applaudire, poi esce dal centro insieme a Camillo)

SCENA TERZA

(GEMMA e detti)

Gemma           (Entra da sinistra) Papà, ma che ssò tutte ‘st’allucche? Avite accummenciato ‘n’ata vota?

Felice            Sì, e ogge è peggio d’ajere. Pare ca stevene aspettanno proprio a mme p’accummen-cià.

Salvatore    Viene ccà, figlia mia. Dimme ‘na cosa, te sì arrepusata bbuono ‘stanotte?

Gemma           Sissignore papà.

Salvatore    Eh, maritete invece, puveriello, ha durmuto malissimo.

Felice            Je?

Salvatore    Sissignore, hê durmuto male, hê durmuto male. Se capisce: ‘ncoppa a ‘nu divano… Ma avesse durmuto malamente pure si fosse stato ‘ncoppa a ‘nu lietto ‘e rose, pecché steva luntano ‘a te. Nun è ‘overo?

Felice            Certamente.

Salvatore    Figli miei, venite ccà. Vuje ve vulite bene assaje, è ‘overo? E ‘o Signore ha dda benedicere chesta felicità vosta pecché guai, quanno tra marito e mugliera se ‘mpizza ‘a discordia! Che brutta cosa non amare più la propria donna… o il proprio uomo. Meglio ‘a morte!

Gemma           Avite propeto ragione, papà.

Felice            E po’ spesso ‘sti cuntrasti tra marito e muglieta succedene sempe pe’ ‘na fesseria… (Sguardo allusivo alla moglie) pe’ puntiglie, dispiette, gelosie stupide…

Salvatore    Bravo, bravo, dice bbuono mariteto, pe’ ffesserie. Per esempio vuje, pecché ve site appiccecate?

Gemma           Nuje?

Salvatore    (Cerca di mascherare l’errore in cui è caduto)Insomma… voglio dicere… Io e muglierema, pecché ce simme appiccecate? Pe’ ‘na fesseria, pw’ ‘na scemità ca po’ naturalmente è crisciuta cu’ ‘e silenzie, ‘e musse luonghe, ‘e malumore e stammo pe’ fernì ‘o tribunale. E quando ‘o tribunale me darrà ‘a separazione, je penzo ca sarrà sicuramente per incompatibilità ‘e carattere.

Felice            Incompatibilità ‘e carattere doppo vintiquattr’anne ‘e matrimonio?

Salvatore    Marito e mugliera nun ‘a fernescene maje ‘e se cunoscere. Dicevo, quanno me danno ‘a separazione, allora vò dicere ca me ne vaco a stà ‘e casa a Napule. E ammacare vengo a casa vosta, nun voglio credere ca nun ce date ‘na stanzulella ‘o vuosto genitore… viecchio e ammalato…

Felice            Nossignore papà, ‘a figlia vosta nun ve nega ‘a stanzulella. Però v’aggio avvisà ca, si venite a casa nosta, truvate pure ‘a vecchia genitrice.

Salvatore    (Contrariato) No! Pure muglierema?

Felice            Ha prenotato ‘a cammera ajere, primma ‘e vuje.

Salvatore    Vabbè, allora vò dicere ca me piglio ‘na camera dint’a ‘na pensione cu’ ‘na badanta giappunese… (Grida) ‘Na geisha! ‘N’amico mio novantenne e vedovo se l’ha pigliata… ‘a geisha! Pare cchiù giovane ‘e ‘na quarantina d’anne, ha avuto dduje figlie e m’ha ditto ca vò battere ‘o record d’‘a vita: vò campà fino a cientovint’anne pe’ vvedè ‘e figlie gruosse. (Riflette) E vvuje me venite a truvà e je sarraggio assaje felice ‘e ve vedè aunite e cuntente, altrimenti, si nun trovo ‘a geisha, m’aggio ‘a truvà ‘n’ata femmena giovane e povera… ‘nce aggio ‘a lassà quacche proprietà… (Gemma e Felice si guardano atterriti)

Gemma           Papà scusa, ma pecché invece nun faje pace cu’mammina? Si te truove ‘na mugliera nova, chella te putarrà avvelenà pe’ se piglià tutte ‘e sorde tuoje…

Salvatore    Mai! Mammeta nun m’ha saputo maje capì. Quanno ‘na bbona mugliera vò bbene ‘overamente ‘o marito, ‘o fà arraggiunà, ‘o  rinsavì cu’ bbone pparole e cu’ tanta pacienza. ‘A dolcezza e ‘a pacienza vincene sempe… Bisogna saper perdonare.

Felice            (Allusivo) Parole sante! ‘Na mugliera bbona chesto ha dda fà. Ha dda essere doce, comprensiva, paziente…

Gemma           (Altrettanto allusiva) E fosse troppo commoto marito mio! Ce stanno femmene ca nun ‘a penzano accussì…

Salvatore    E mammeta è una ‘e chelle ca ‘a penza comme a tte. Sta sbagliando mammeta, cara mia, e arrecuordate ca chi semina discordia raccoglie tempesta! (Esce a destra)

Felice            Hê ‘ntiso? Hê ‘ntiso bbuono chello ch’ha ditto patete? Impara comme s’ha dda trattà ‘nu marito!

Gemma           Je a papà nun ‘o pozzo responnere, pecché ‘nce avesse avuto ‘a dicere ca nun ce se cumporta comme ha fatto isso cu’ ‘na femmena ca ‘nce è stata vicina pe’ tant’anne!

Felice            Ma pecché, che ‘nce ha fatto?

Gemma           L’ha tradita, si è miso cu’ ‘n’ata femmena… E nun sulo! Oltre a chest’ata femmena fissa ha avuto pure paricchie avventure passeggere…

Felice            (Scettico) E patete fosse ‘nu play-boy… play-man… play old man?... Ma famme ‘o piacere! ‘N’ommo tutto casa e famiglia… Nun ce posso credere. manco si ‘o vedo dint’a ‘nu lietto cu’ ttre ffemmene tutte ‘nzieme… Penzarraggio ca sarrà ‘nu scherzo, ‘na recita, ‘nu juoco…

Gemma           È ‘nu marito, caro mio, e ‘e marite songhe tutte eguali: tradiscono ‘e mmugliere!

Felice            Ma hê pigliata ‘na fissazione?! E po’ sentimmo, chi fosse ‘sta presunta amante?

Gemma           Mammà nun me l’ha ditto, ma damme ‘nu poco ‘e tiempo e ‘o vengo a ssapè!

SCENA QUARTA

(GIUSEPPINA e detti)

Giuseppina    (Entra da destra) Signori, aggio appriparato ‘o ccafè e ‘a colazione fore ‘o ciardino. Si ve vulite accomodarà…

Felice            Sì, grazie, mò vengo. Ma tu che vvuò scuprì? Nun ce sta niente ‘a scuprì. Patete ca tene ‘n’amante? Ma famme ‘o piacere! (Esce al centro)

Giuseppina    Signò, e vuje nun jate a ffà colazione?

Gemma           No Giuseppì, nun tengo famma, ma viene ccà e dimme ‘na cosa: chi songhe ‘e ffemmene ca normalmente frequentano ‘sta casa?

Giuseppina    Uhm… ‘e ffemmene, ‘e ffemmene, faciteme penzà… ‘A verità una sola, donna Maddalena, ca vene ‘a sera a se fà ‘na partitella ‘e carte. E comm’è antipatica! È superba assaje e io nun ‘a pozzo suppurtà! Vene ccà, s’assetta e cumanna e scumanna manco stesse ‘a casa soja…

Gemma           È ‘na bella femmena?

Giuseppina    A me nun me piace, pecché tene ‘na voce sensuale… e po’ avisseve ‘a vedè comme se veste, ‘a vedovella… tutta scullacciata! Sapite che ppenzo? Ca nun è ‘na femmena onesta e po’ sapite che m’ha ditto ‘a cammarera soja? Ca ‘a signora a casa se fa ‘a doccia tutte ‘e juorne… annuda… pure quando ci sta gente! (Guarda verso Salvatore) Po’ pazzea sempe… ‘Nce dice vicino ‘o pate vuosto: “Ve piace ‘o balcone mio?”

Gemma           Tene ‘nu balcone cu’ ‘e sciure, ma addò sta ‘e casa?

Giuseppina    Dint’‘o villino ‘e proprietà d’‘o pate vuosto… Ma essa nun parla d’‘o balcone fiorito, essa parla d’‘a scollatura… e doppo ch’ha ditto: “Ve piace ‘o balcone mio?” Dic pure: “È tutta robba naturale, niente silicone.”

Gemma           ‘Nce piace ‘e pazzià… Ah, è ‘n’inquilina ‘e papà? aggio capito. E chella povera mammarella mia ca nun tene ‘o curaggio ‘e dicere niente… Menu male ca ce stongh’ je ccà e parlo cu’ ‘sta signora, lle dico ca nun ha dda mettere cchiù ‘o pede dint’‘a ca-sa nosta. Pure si, puverella, nun male a nisciuno… pazzea cu’ papà. Damme ‘o nom-me e ‘o cugnomme e ‘a strata addà sta’e casa, pecché è passato assaje tiempo e je, ‘mmiezo a tanti ccaase, nun m’arricordo cchiù…

Giuseppina    Se chiamma Maddalena Passera… Via Monte Tetta n° 6… o n° 16, non m’arricordo bbuono… (Gemma esce a sinistra; Giuseppina resta in scena mettendo in ordine. Gemma rientra indossando un cappello e si dirige verso l’uscita al centro)

SCENA QUINTA

(MARIA e dette, poi SALVATORE, indi FELICE)

Maria            (Entra da sinistra in tempo per scorgere Gemma che sta uscendo; nel frattempo Giuseppina esce a destra) Addò vaje Gemma?

Gemma           (Dal fondo) Mò vengo mammà!(Rientra) Povera mammà, comme ve capisco… Ma faciteve curaggio e fidateve ‘e me!

Maria            M’aggio fidà ‘e te?

Gemma           Sissignora, je ‘o ssaccio ca staje suffrenno, povera martire, sul’je te pozzo capì. Ma mò ca stonghe ccà, ce penz’je. E ‘sta storia ha dda fernì! (Esce dal centro)

Maria            (Non capendo l’allusione) Povera martire… ‘Sta storia ha dda fernì… Ma quà storia?... Ma che vvuleva dicere?

Giuseppina    (Entra da destra con in mano i fogli dei conti che appoggerà sul tavolo) Signò, vaco dint’‘a cucina p’appriparà ‘o pranzo; ‘ncoppa ‘a tavula ce sta ‘o conto d’‘a spesa. (Esce a destra)

Maria            Vedimme quant’ha spiso…

Salvatore    (Entra da destra, si guarda intorno con circospezione) Marì!

Maria            Salvatò!

Salvatore    Che staje facenno?

Maria            Sto guardanno ‘o cunto d’‘a spesa, ma me fa assaje male ‘a capa pecché nun aggiochiuso ll’uocchie tutta ‘a nuttata.

Salvatore    Pur’je nun aggio chiuso uocchio tutta ‘a nuttata! M’aggio assettato ‘ncoppa ‘o divano e m’aggio mieso a penzà a tanti ccose. Aggio penzato pure a nuje quann’ereme fidanzate.

Maria            Quann’io e ttico ereme fidanzate? Quant’anne sò ppassate…

Salvatore    (Con tenerezza) E che vvò dicere? Songhe sempe belli ccose ‘a ricurdà: l’ammore, ‘a passione, ‘a gioventù…

Maria            (Cantando)Tiempe belle ‘e ‘na vota… Tiempe belle addò state?...

Salvatore    (Prosegue cantando) Vuje ce avite lassato… Ma pecché nun turnate?... (Entra Felice dal centro e si rende conto del trucco. Con un cenno obbliga Salvatore a non denunciare la sua presenza mentre si avvicina a Maria, la quale lo scambia per il marito, e la bacia da dietro)

Maria            Ma che staje facenno? Famme vedè ‘e cunte! (Abbassa la testa) Statte cujeto, ca si ce ‘ncocciano Gemma e Felice zompa tutta ‘a cummedia nosta!

Salvatore    (Ponendosi davanti a Maria)Ma je stonghe ccà!

Maria            Tu staje lloco? E allora chi m’ha vasata?

Felice            Sò stat’je mammà, e aggio capito tutte cose: ce stacite ‘mbruglianno da ajeressera!

Salvatore    Noi?... Quando maje! (Poi riflette) E va bbuono sì, è accussì, ‘a nosta è ‘na recita.

Felice            Ma pecché l’avite fatta?

Salvatore    L’avimmo fatto p’‘o bbene vuosto. Pecché tu te vuò spartere ‘a figliema Gemma?

Felice            Nossignore, ve sbagliate: è Gemma ca se vò spartere ‘a me… Ma a vuje chi ve l’ha ditto?

Salvatore    Don Vittorio, l’avvocato, ca ajeressera steva a casa vosta proprio mentre v’appicce-caveve.

Maria            E nuje allora avimmo fatto ‘sta recita pe’ ve fà capì comm’è brutta ‘a discordia tra marito e mugliera quanno arrivano a se vulè spartere.

Felice            Aggio ‘a riconoscere ca avite avuto ‘na bellissima penzata.

Maria            ‘A verità è stata ‘na penzata ‘e don Vittorio, ‘na persona intelligente assaje. Però tu mò nun dicere niente a Gemma, è asciuta poco fa. Penza, mi’ha ditto cierti pparole ca nun aggio capito bbuono, comme… “Povera martire, ma mò mamma, ce penz’je ca songhe ‘a figlia vosta”. Poi m’ha dsato ‘nu vaso e se n’è gghiuta.

Felice            (Rivolto al pubblico) Sicuramente sarrà juta a cumbinà quacche guajo. (Rivolto a Salvatore) ‘Onna Marì, quanno Gemma ‘nce ha chiesto pecché v’ireve appiccecate, essa… essa ‘nce ha ditto ca vuje tenite ‘n’amante!

Salvatore    (Meravigliato) ‘N’amante?

Maria            Gemma insisteva e vuleva sapè pecché ce steveme appiccecanne.

Felice            Aggio capito! E mò s’ha miso ‘ncapa ‘e scuprì chi è chest’amante.

Maria            Primma l’aggio vista ca parlava cu’ Giuseppina e certamente Giuseppina sape quaccheccosa. (Chiamando) Giuseppina!... Giuseppina!...

Salvatore    (Sempre più meravigliato)Io nun capisco proprio ‘e chi putesse maje suspettà…

Felice            P’‘a figlia vosta tutt’‘e ffemmene songhe suspettate d’essere l’amante ‘e quacche marito.

Giuseppina    (Entra da destra) Cumannate signò!

Maria            Giuseppina, sai addò è juta figliema Gemma?

Giuseppina    Addò è ghiuta? Ah, ha dda essere juta ‘a casa ‘e donna Maddalena, pecché ha vulto sapè ‘a me addò steva ‘e casa.

Maria            Oh! (Ridendo) È juta addu’ donna Maddalena!

Salvatore    (Immaginando dove tutto questo potrà portare) ‘Nu mumento! ‘Nu mumento, addu’ donna Maddalena? (Rivolto a Giuseppina con aria di rimprovero) E tu ‘nce dato l’indirizzo?

Giuseppina    Sissignore. Ha vuluto sapere quali ffemmene frequenteggiano ‘sta casa e io ‘nce aggio ditto ca dint’a ‘sta casa vene sulamente ‘a vedovella donna Maddalena.

Salvatore    Ma che modo ‘e parlà è chisto?! ‘A vedovella… Chella è ‘na gran dama e ‘na femmena onesta!

Giuseppina    (Ribattendo) Ma nisciuna l’ha trattata malamente!

Salvatore    Vattenne ‘a dint’‘a cucina e lievete ‘a nanze all’uocchie mieje.

Giuseppina    E sissignore, me ne vaco, me ne vaco, nun alluccate!(Rivolta al pubblico) Mah, dint’a ‘sta casa non ce sta cchiù ppace, pecché songhe addeventate tutte pazze! Faccio bbuono je, ca me ‘ntico sulamente d’‘e fatte mieje!... (Esce a destra)

Salvatore    Chella è ‘na strega… ‘na strega!

Maria            Ma pecché te staje scarfanno accussì? ‘Nce dicimmo a donna Maddalena ca Gemma ha pigliatoo ‘na cantunata e ca ce scusasse assaje…

Salvatore    E già, fernesce tutto a tarallucci e vino, ma staje pazzianno? No, je aggio ‘a jì addu’ donna Maddalena a me scusà!

Maria            Ma nun essere esagerato… guarda che faccia ca tiene! Sì addeventato russo russo comme a ‘nu puparuolo!

Salvatore    (Imbarazzato) Ma quale puparuolo?

Maria            Ma pecché hê pigliato tanto a cuore ‘sta faccenda?

Felice            Papà, pare ca ‘sta donna Maddalena v’interessa ‘overamente!

Salvatore    Me dà fastidio ca chella capera ‘e Giuseppina va cuntanno tuorno tuorno ‘e fatte nuo-ste!

SCENA SESTA

(ALFREDO e detti, poi GIUSEPPINA)

Alfredo        (Entra dal centro) È permesso? Si può?... Buon giorno papà, buon giorno mammà. (Maria stende la mano che Alfredo bacia)

Maria            Comme ‘o ssoleto, tu arrivi senza manco avvisà.

Alfredo        Mammà, papà, m’avite aiutà.

Maria            Ch’è succieso?

Alfredo        Fore, dint’‘o ciardino, aggio lassato don Carlo Culatello, ‘nu ricco commerciante ‘e maiale, cu’ ‘a figlia Concettina… stanno aspettanno…

Salvatore    E che aspettano, ‘o tram? Ccà ce stanno sulamente scale, nisciuno tram…

Alfredo        Don Carlo dice ca nun è educato trasì all’intrasatto dint’‘a casa d’‘a gente: primma vò essere annunciato e, quann’è sicuro ca nun dà fastidio, tanno trase. Ha ditto pure ca ce vulesse ‘nu preavviso ‘e tre gghiuorne… Isso accussì ‘a penza.

Salvatore    Eh, quanta cerimonie! Falli trasì.

Alfredo        Mammà ‘e pputimmo fa magnà a pranzo cu’ nuje? Avete ‘a vedè quant’è bellella Concettina!

Maria            Aggio capito, chesta è ‘n’ata fidanzata d’‘e ttoje.

Alfredo        Mamma, chesta è ‘a vota bbona: stavota m’aggio ‘overamente ‘nnammurato. Concettina non vede l’ora ‘e ve cunoscere pecché je, pe’ tutto ‘o viaggio, nun aggio fatto ato ca ce raccuntà che coppia eccezionale site vuje e ca ‘a vintiquatt’anne ‘e matrimonio cchiù ‘n’ati ddiece ‘e fidanzamento, vi amate dolcemente cu’ papà e site l’orgoglio d’‘e figlie vuoste. (Rivolto a Felice, cambiando tono di voce) Scusa, voglio dà ‘nu vaso a papà mio, ca po’ è comme si fosse pure ‘o tujo…

Felice            Prego, prego…

Alfredo        (Bacia il padre sulla testa e riprende il tono di prima) Ce aggio ditto a lloro ca quanto primma ve cunsegnane ‘na pergamena d’encomio pe’ tutte ll’anne passati ‘nzieme d’amore e d’accordo. Premio “la famiglia felice”. Pensa papà, ca ‘sta cosa ca aggio cuntato pe’ fà colpo cu’ ‘o pate ‘e Concettina, isso se l’ha creduta ‘overamente!

Salvatore    Jamme, falli trasì.

Alfredo        Subbeto ‘e vvaco a chiammà! (Esce dal centro)

Salvatore    Io pe’ ttramente vaco ‘a villa addu’ donna Maddalena pe’ me scusà. ‘Nce porto ‘nu bellu mazzo ‘e sciure… rose… rose… ‘nu bellu mazzo ‘e rose. (Esce dal centro; Felice esce a sinistra)

Giuseppina    (Entra da destra) Signò, ch’aggio appriparà, carne o pesce? Quante ne site a tavula?

Maria            Nun ‘o ssaccio… Nun è ‘o mumento… Primma aggio ‘a mettere a posto cierti ccose e po’ penzammo a chello ca s’ha dda magnà. Fà ‘nu bellu sartù ‘e riso, amatriciana e spaghetti a vongole, ‘nu poco pe’ parte… po’ purpette o purpettone, sacicce cu’ ppatane e friarielle, parmigiana ‘e mulignane… p’‘o riesto vidatella tu. Ah, mò me scurdavo, a Feliciello ‘nce piace assaje ‘o gattò ‘e patane, fanne uno abbondante pe’ sseje o sette perzone.

Giuseppina    Allora nun abbasta ‘na jatta… ce ne vonno ddiece, oppure ‘na tigre… e diece cuoche! Aggio capito, faccio a modo mio… (Rivolta al pubblico) Mò nun è ‘o mumento! Aggio sempe fatto a modo mio, cucino quello ca me piace a mme! (Esce a destra)

SCENA SETTIMA

(GEMMA e detta, poi GIUSEPPINA)

Gemma           (Entradal centro) Mammà, tutto a posto. Sò gghiuta a pparlà cu’ chella vedova, donna Maddalena.

Maria            Tu sì gghiuta a casa soja?

Gemma           Sissignore.

Maria            Però primma ‘e ce jì m’‘o pputive dicere!

Gemma           E si te l’avisse ditto m’avisse fatta jì?

Maria            No!

Gemma           E allora aggio fatto bbuono a non te dicere niente. Mammà, tu sì ‘na femmena troppo debole ed dint’a ‘sti ccose s’ha dda essere decise, ‘o mmale s’ha dda taglià ‘a radice!

Maria            Ma che ‘nce hê ditto ‘a vedova?

Gemma           ‘Nce haggio cuntata ‘na buscia pe’ ssapè ‘a verità. Aggio fatto abbedè ca già di sapevo tutte, cioè ca essa e papà tenene ‘na relazione.

Maria            Cu’ patete? Ah, cu’ patete! (Passa dal tranquillo all’allarmato incredulo)

Gemma           Sì, essa ha penzato e po’ m’ha ditto: “È stato ‘nu sbaglio. Ve prego ‘e me perdunà, ma mò è fernute tutte cose… V’‘o ggiuro, nun succedarrà cchiù. Saccio ca ‘o pate vuosto, pe’ mmeza mia…” Je, avenno ‘ntiso chello ca m’hêva ditto, nun aggio aspettato cchiù ati pparole e me n’aggio turnata facennece vedè tutt’‘o disprezzo mio.

Maria            Ma allora è ‘overo! Veramente m’ha tradita?! (Sempre più incredula)

Gemma           Mammà, chella ha cunfessato!

Maria            Oh mamma mia, e je ca nun me n’aggio accorta maje! Che scema ca songhe stata! Pirciò quando ha saputo ca tu stive jenno…

Gemma           Add’‘a vedova…

Maria            Mò capisco pecché non se vuleva interessà pe’ don Camillo ca s’‘a vò spusà! Assassino!... Schifoso!... Verme! Madonna mia, me sto sentenno male, aiutateme! (Sviene)

Gemma           (Chiama) Giuseppina!... Giuseppina!...

Giuseppina    (Entra da destra) Ueh, calma, nun alluccate! Ch’è succieso?

Gemma           Mammà è svenuta, miettete vicino a essa ca je vaco a priglà ‘e sale. (Esce a destra)

Giuseppina    Signò… signò…

SCENA OTTAVA

(SALVATORE, FELICE e dette, poi DON CARLO, ALFREDO e CONCETTINA, indi GEMMA)

Salvatore    (Entra dal centro mentre da sinistra entra anche Felice) Marì! Maria mia, ch’è succieso?

Giuseppina    ‘A signora se sente male!

Salvatore    Se sente male?! Marì, non me fà mettere appaura, ce stongh’io ccà! Guardame! Guardame, me ricunusce? Chi songo? Chi songo?

Maria            (Riprendendosi) Assassino schifoso puzzulente! Nun mu tuccà!

Salvatore    Ma pecché me dice chesti ccose?

Maria            Pecché t’‘o mmiereti, viecchio vezziuso, rimbambito e ‘mpunito!

Salvatore    Ma tu ‘overamente dice? (Nel frattempo entrano don Carlo, Alfredo e Concettina)

Maria            E se capisce ca ‘o ddico ‘overamente! E chesto nun è niente ancora!

Gemma           (Rientra da destra con i sali) Mammà… mammà, addurate…

Maria            (Con rabbia crescente) Nun voglio addurà… nun voglio niente! Me voglio spartere! Mò ch’aggio capito che razza d’ommo sì, nun te voglio vedè cchiù! (Offensiva, dirigendosi verso la ca-mera da letto) Traditore!... Giuda! (Esce a sinistra)

Gemma           Mammà, calmateve! (Segue la madre)

Giuseppina    (Uscendo a sinistra dietro Gemma e Maria) Signora… signò…

Salvatore    (Rivolto al pubblico) Ma chesta sta facenno apposta o sta facenno ‘overo?... Aggio capito, forse me sta trattanno accussì pecché l’avvocato don Vittorio ha ditto: “Insistete, insistete nella finzione e litigate, litigate…” Mò ce penz’je. (Fingendosi arrabbiato) Caro Felice, chesta nun è ‘na femmena, è ‘na strega! Basta, me sò scucciato… basta! (Esce a sinistra)

Don Carlo    Don Alfrè diciteme, ma tenite ati pariente ‘a ce fà cunoscere? (Urla, strilli e rumori di stoviglie rotte da dietro le quinte) E chesta fosse ‘a coppia ca hêva ricevere ‘a pergamena d’encomio? Chesta fosse ‘a coppia modello ca venceva ‘o premio “la famiglia felice”?

Alfredo        M’avite ‘a credere: nun ce sto capenno’o riesto ‘e niente. Nun è succiesa maje ‘na cosa ‘e chesta…

Concettina   Mamma mia quanti strilli! Papà, io ho paura! Voglio tornare in convento, da zia Redenta!

Don Carlo    Avite ditto ca ‘stu signore v’è cugnato, è ‘ovè? (Rivolto a Felice, con aria da rimprovero) E ride, vedite comme ride! (Rivolto a Concettina) Jammuncenne ‘a dint’a ‘sta casa, figliarella mia. ‘Sta casa nun fa pe’ nuje!

Concettina   E pare che aspettano sempre a noi per strillare…

Don Carlo    (Rivolto ad Alfredo) Nuje ce ne jamme, dint’a ‘sta casa ‘nce stanno ‘e diavule! Ce ne turnamme ‘mmiezo ‘e pullaste e ‘e ggalline! (Esce dal centro insieme a Concettina)

Alfredo        E je comme faccio senza a Cuncettina mia?! Ma po’ pecché poi mammà s’è ‘ncazzata ‘e chella manera cu’ papà?

Felice            Chella è ‘na finzione, stanno recitanno pe’ ce fà vedè a soreta comm’è brutto quanno marito e mugliera s’appiccecano sempe. Me l’hanno cunfessato lloro stessi poco fa. È ‘na finzione!

Alfredo        ‘Na finzione! E justo mò l’hêvene fà? Sperammo ca don Carlo ce crede. Je ‘nce ‘o vvaco a dicere… (Correndogli dietro esce dal centro) Don Carlo, Concettina, è sulamente ‘na finzione...

Felice            (Complice, rivolto al pubblico) Però, cu’ tutto ca è ‘na finzione, Salvatore ha avuto belli offese d’‘a mugliera… poco ce mancava ca ‘o pigliava pure a pacchere!

SCENA NONA

(GIUSEPPINA e detto, poi GEMMA, indi SALVATORE)

Giuseppina    (Entra da sinistra; ha una lettera in mano) Signò, fore ‘o canciello è arrivato ‘nu guaglione ch’ha purtato ‘sta lettera pe’ vvuje. (Consegna la lettera a Felice ed esce a sinistra)

Felice            Grazie Giuseppì, grazie. E di chi sarrà? ‘A calligrafia nun ‘a cunosco. (Apre la lettera e legge le firme) Pasquale e Sisina Ventresca. Ma songhe ‘e servitore nuoste! E pecché me scrivono? (Legge al pubblico) “Illustrissimo signore, il profumo da donna che ieri a-vevate addosso, è stata mia moglie Sisina che ve lo ha spruzzato di nascosto per farvi uno scherzo” (Interrompe la lettura riflettendo, poi prosegue) “e anche perché avevamo un impegno.” E comme s’è permisa? (Riprende a leggere) “Ora però, rendendosi conto del pasticcio creato che vi ha portato a litigare con vostra moglie e che la situazione si è fatta seria, ho pensato doveroso scrivervi per chiarire la situazione, Vi preghiamo di perdonarci e di ritornare a casa dove vi aspettano i vostri affezionatissimi e fe-delissimi servitori. Pasquale e Sisina Ventresca. P.S. Sono diventato presidente… ma onorario e non ricevo soldi, poiché avanziamo tre mensilità. Vi preghiamo di farvi dare i soldi da don Salvatore.” E bravi! Mò ca turnammo a casa ‘e llicenzio a tutt’e dduje! (Ripiega e imbusta la lettera e la mette nella tasca interna della giacca)

Gemma           (Entra da sinistra) Mammà nun vò sentere raggione. Però è giusto, papà non l’hêva trascurà, nun l’hêva umilià accussì. Ma comme, se va a mettere cu’ ‘n’ata femmena!

Salvatore    (Entra da sinistra) Ma cheste sò ccose ‘e pazze! Muglierema m’ha sbattuto ‘a porta ‘nfaccia e nun me fa trasì dint’‘a cammera nosta!

Gemma           Papà, ma che jiveve truvanno ‘a ‘na mugliera fedele ca s’è ‘ntisa tradita dint’‘a fiducia ch’ha sempe avuto p’‘o marito?

Salvatore    Ma che staje dicenno? Je nun l’aggio mai tradito a mammeta!

Gemma           Donna Maddalena è addeventata rossa rossa, ha cunfessato! Ha ditto ca nun mettarrà cchiù ‘o pede dint’a ‘sta casa.

Salvatore    Ha cunfessato che ccosa? T’‘o ddico ‘n’ata vota: io nun aggio mai tradito a mameta!

Gemma           Ma me l’ha ditto mammà ca pe’ vvia ‘e ‘stu fatto ve site appiccecate e ve vulite spartere!

Salvatore    Ma quanno maje? È ‘nu scherzo!

Gemma           ‘Nu scherzo? E pecché?

Felice            Pe’ ccolpa toja!

Gemma           Mia?

Salvatore    Sissignore, vaje addu’ mammeta ca te spiegarrà tutte cose.

Gemma           Mò mammà m’ha dda dicere ‘a verità! (Esce a sinistra)

Salvatore    Che gghiurnata, che gghiurnata! Muglierema ‘a ‘na parte, donna Maddalena ‘a chell’ata… Chello ca me dispiace ‘e cchiù, cridemi Felì, è stato ‘o fatto ca m’aggio trascinato pure a donna Maddalena dint’a ‘na situazione addò chella povera femmena nun c’azzeccava proprio! Chella è ‘nnucente! Maddalena è ‘na santa… ‘na santa!

Felice            Don Salvatò, mò ca simme fra uommene me putite pure dicere ‘a verità, ‘e me ve putite fidà: ‘a vedovella, chesta donna Maddalena, ‘overo è ‘na fiamma d’‘a? vosta

Salvatore    ‘A verità, Felì, t’‘a pozzo cunfessà: è stata l’unica fesseria ch’aggio fatto ‘a quanno m’aggio ‘nzurato… Però ‘a colpa nun è d’‘a mia… ‘a colpa è stata d ‘e giesummine… e d’‘o

Felice            Qua’ giesummine?

Salvatore    Hê ‘a sapè ca l’estate passata, muglierema jette a truvà ‘a sora ca steva poco bbuono e je rimmnette sulo, e ‘a notte faticavo a piglià suonno. ‘Na sera m’aggio ditto: “Che ce sta ‘e male? Vaco a truvà a donna Maddalena!” Songo juto ‘a villa e aggio truvato donna Maddalena dint’‘o ciardino. Quant’era bella sotto ‘a luna cu’ ‘nu vestito tutto scullacciato! Je m’avvicinaje, essa me pigliaje p’‘a mano e me purtaje vicino ‘a funtana dicenno: (Imitando la voce femminile) “Guardate… quel povero pesciolino rosso è morto…” “No” dicette je, “quello dorme”. (Imitando la voce femminile) “No, è morto”… “No, dorme”. Allora, p’‘o piglià, s’arrutulaje ‘a manica ‘ncoppa ‘o vraccio. Je, vedenno chelle ccarne annude, janche… aggio perzo ‘a capa, m’avvicinaje a essa e… ‘a vasaje. Felì, crideme, è stata l’unica fesseria ch’aggio fatto dint’a trentaquatt’anne ‘e matrimonio, pecché nun aggio smiso maje d’amà a muglierema. È ‘overo! E pensa ca…

SCENA DECIMA

(ROSARIA e detti, poi VITTORIO)

Rosaria         (Entra dal centro) Buon giorno a tutti. Gemma addò sta?

Salvatore    Buon giorno. (Rivolto a Felice) È venuta pure ‘a muglie ‘e don Vittorio, l’avvocato.

Rosaria         Allora, addò sta Gemma?

Salvatore    Dint’‘a cammera ‘e lietto cu’ ‘a mamma.

Rosaria         E avite visto a maritemo Vittorio?

Felice            Sì, è passato primma, po’ se n’è gghiuto pecché teneva ‘n’appuntamento importante.

Rosaria         ‘N’appuntamento importante, eh? Benissimo! Continuasse, continuasse pure a ffà il suo porco comodo, il mio signor marito. Eh, ma io nun sò scema comme ‘na vota! Gemma, ‘a figlia vosta, m’ha arapute ll’uocchie e finalmente m’ha fatto capì tutte cose.

Salvatore    Va vide ch’avarrà cumbinato ‘stavota! Ma che v’ha fatto scuprì figliema? Ma pecché nun se fa ‘e ca…vole suoje?

Rosaria         (Apre la borsetta ed estrae una lettera) Chesta lettera… ‘sta lettera vergognosa! Ma je nun faccio tanta chiacchiere comme ll’ati mugliere! Mò ca tengo ‘a certezza ca me mette ‘e ccorne, ‘o lasso subbeto. Me voglio spartere, mi voglio… E dire ca ‘nce voglio bene assaje!

Salvatore    Comme comme? Non aggio capito bbuono…

Rosaria         Io ‘nce voglio bbene, ‘nce aggio dato sempe tutta ‘a fiducia mia. Scema, scema, vivevo in piena incoscienza e po’ ‘a figlia vosta, giustamente, m’ha cunsigliato ‘e nun me fidà e d’‘o tenè d’uocchio. “Nun ce stanno marite ‘nnucente!” m’ha ditto, “vide bbuono dint’‘o portafogli, dint’‘e ssacche d’‘a giacca e vide… vide ca sicuramente truvarraje ‘e pprove d’‘e ccorne ca te mette!”… E teneeva ragione. Chesta è ‘a lettera chaggio truvato, sentite che ce sta scritto: (Legge) “Tesoro mio, domani sera mio marito parte per Roma, se vuoi possiamo vederci. (Entra don Vittorio dal fondo senza che nessuno dei presenti se ne accorga) A mezzanotte scavalca, come al solito, il muro del giardino, troverai la mia finestra socchiusa. Ti aspetto con ansia, firmato, tua per sempre, Margherita.” Avite ‘ntiso, don Salvatò? Si nun fosse stato pe’Gemma, io nun a-vesse scuverto maje niente e maritemo mò avesse continuato a scavalcà ‘o muro d’‘o ciardino. Traditore! Mascalzone!

Vittorio        Ma che dici?

Rosaria         Tu ccà staje?

Vittorio        Quale giardino? Quale finestra? ‘Sta lettera non è mia, me l’ha data tre mesi fa don Capuano, un mio amico, per fare una perizia calligrafica per una causa in tribunale.

Rosaria         Nun te credo, cheste so sulamente belli cchiacchiere!

Vittorio        È la verità! È la prova principale che una sua cliente tiene nella causa di separazione contro il marito.

Rosaria         Nun è ‘overo, nun te credo. Tu sì avvocato e nun me faije ‘e scema cu’ belli cchiacchiere… all’ate sì, ma a me no. Caro il mio amaritino, a questo punto mi voglio separare… me voglio spartere!

Vittorio        Ti vuoi separare? Ma tu non hai mai parlato così! Allora ci sta qualche altra cosa? Dimmi la verità! La lettera è ‘na scusa, ‘nu pretesto, parla chiaro! Forse vuoi dare u-na svolta alla tua vita perché è successo qualcosa di nuovo? Ti sei innamorata di un altro? Siamo tra persone civili, confessami che sei innamorata di un altro ed io ti abboffo la faccia di paccheri e ti uccido! Scusate don Salvatò… Ti vuoi dividere? Staremo a vedere!

Rosaria         Staremo a vedere!

SCENA UNDICESIMA

(GEMMA, MARIA, GIUSEPPINA e detti, poi ALFREDO)

Gemma           (Entra da sinistra insieme a Maria ed a Giuseppina. Si rivolge al pubblico) Mò cunfesso tutte cose. (A tutti) Cara mammà, fino a mò nun aggio parlato pecché nun ‘o ssapevo ca l’ap-picceco vuosto era ‘na finzione, ma mò v’‘o ddico ‘n’ata vota: me voglio spartere!

Maria            Brava figlia mia, tiene raggione!.

Salvatore    Marì! Maria, mugliera mia!

Maria            Statte zitto, traditore! Io nun ‘o tengo cchiù ‘nu marito, aggio deciso: me voglio spartere!

Giuseppina    Tene raggione ‘a signora! Scusate, je stongo d’‘a parte d’‘e ffemmene pecché songo ‘na femmena pur’io.

Salvatore    Tu statte zitta si no te mengo ‘na scarpa ‘nfronte.

Vittorio        (Alla moglie) Quando ti avrò dimostrato la mia innocenza ti prenderò a paccheri, civetta, e mi dovrai delle scuse!

Rosaria         Io? Io ‘e scuse a yte?

Vittorio        Sì, tu!

Rosaria         Avite ‘ntiso? Site tutte testimone ca ha ditto che me piglia a pacchere e m’ha chiammata civetta!

Felice            Guarda! Guarda che burdello sì stata capace ‘e cumbinà, capricciosa ca nun sì ato! (Alfredo entra dal centro e, con l’aria di saperla lunga, osserva la scena)

Gemma           Avite ‘ntiso? M’ha chiammata capricciosa… Site tutte testimone!

Maria            Giuseppì, famme ‘na cortesia: porta ‘stu telegramma ‘a posta, è pe’ sorema… ancora nun tene ‘o telefono…

Salvatore    ‘Nu mumento! Pecché hê scritto chillu telegramma?

Maria            Aggio scritto a sorema pecché stess’ogge me ne vaco addu’ essa. Faccio ‘e vvaliggie e me ne vaco, nun te voglio vedè cchiù!

Salvatore    Te ne vaje? E vattenne addò vuò tu, hê capito?! Vattenne, nisciuno te trattene!

Maria            Avite ‘ntiso? Me n’ha cacciata ‘e casa! Arricurdatavello tutte quante, l’avite testimonià ‘o tribbunale!

Alfredo        Eh no eh? State pazzianno tutte quante! Chesta è ‘na finzione, è ‘overo? Je mò aggio spiegato tutte cose a don Carlo e aggio fatto ‘a pace. Sta fore ‘o ciardino cu’ ‘a figlia, ‘a fidanzata mia, ‘e ppozzo fà trasì?

Salvatore    Ma a chi fai trasì?! Ccà ce sta ‘o terramoto!

Alfredo        Ma allora ‘o ffacite apposta?

Salvatore    Ma quà apposta!

Alfredo        E comme faccio? Io a don Carlo ‘nce aggio spiegato ca l’appicceco ‘e primma era ‘nu scherzo… Chillo mò m’abboffa ‘e cavece! Signori calmateve, io aggio fà trasì ‘a fidanzata mia cu’ ‘o pate. Papà… papà… (Si avvicina al padre e lo bacia sulla testa) chella guagliona è ricca assaje e cu’ ‘a dote ca porta me pozzo sistemà pe’ tutt’‘a vita! Signori… (Si avvicina agli altri) pe’ piacere, faciteme ‘nu piacere: calmateve pe’ ìna mezz’oretta e po’, si vulite, v’appiccecate ‘n’ata vota…

Salvatore    Marì, hê ‘ntiso? Se tratta d’‘a felicità d’‘o figlio nuosto. (Ad Alfredo) Va bene, falli accomodare.

Alfredo        Subbeto ‘e chiammo! (Esce dal centro)

Rosaria         Hê tenuto ‘o curaggio ‘e me chiammà civetta? Hê ditto ca songo ‘na civetta?!

Vittorio        E certamente, perché non si tratta in quel modo un marito!

Salvatore    Calmateve.

Gemma           E cu’ tte nun è fernuta, ‘o ssaje? (Avvicinandosi al marito) Mò vide chello ca te cumbina ‘sta guagliona capricciosa!

Felice            Che vulisse fà? Je tengo ‘e pprove ca songo ‘nnucente!

Gemma           Ah, sì?

Felice            Sì!

Salvatore    Calmateve! Sta venenne don Camillo… Ma che và truvanno?

SCENA DODICESIMA

(CAMILLO e detti, poi, al telefono, DONNA MADDALENA PASSERA)

Camillo        Buongiorno a tutti. Scusate disturbo? Don Salvatò, grazie per la vostra intercessione e grazie pure a donna Maria. Sono venuto a portarvi una bella notizia: donna Maddalena ha accettato la mia proposta di matrimonio e ha deciso anche la data… ed il mese prossimo ci sposiamo, grazie don Salvatò!

Salvatore    E che ho fatto?

Camillo        Come, che avete fatto? Ieri sera avete parlato di me a donna Maddalena e lei m’ha detto che siete stato tanto persuasivo… insomma, il mese prossimo ci sposiamo! (Avvicinandosi a Maria) Ne ho parlato pure con mammina che prima era contraria, perché voleva che io stessi sempre con lei perché non vuole restare sola, ma io l’ho rassicurata dicendole che una volta sposato io e Maddalena saremmo sempre rimasti a casa con lei e mammina mi ha dato il consenso. Mi sposo… Ih, come sono contento! (Guardando donna Maria)

Maria            Quant’è bello! (Risatina) Avvocà, e chi l’avrebbe mai detto?

Salvatore    Hê ‘ntiso Marì? Donna Maddalena se ‘nzora… ‘a rivale toja se ‘nzora, sì cuntenta? Damme ‘nu vaso!

Maria            Tu nun te credere ca s’è risolto tutte cose! Hê ‘a stà senza vase pe’ ‘na semmana!

Vittorio        Camì, fammi un piacere. Hai la copia di quella lettera che ti serviva per la causa di separazione di quella cliente?

Camillo        Certamente! (Frugando in tasca) Perché?

Vittorio        Falla vedere a mia moglie, perché l’originale ce l’ha lei, l’ha trovato nella tasca della mia giacca ed s’è convinta che appartiene a me.

Camillo        No signora, vi sbagliate, questa è la lettera di una mia cliente: guardate e confrontatela con la copia, sono uguali. (Marito e moglie confrontano le lettere)

Rosaria         (Rivolta al marito) Vabbuò, tenive raggione tu. Sono stata ‘na stupida ma crideme, me songo arrabbiata pecché te voglio bbene!

Vittorio        (Prendendole le mani) Ed è per questo che ti perdono.

Salvatore    Hê visto Gemma, figlia mia? È succieso tutte cose pe’ ccolpa toja, s’ cuntenta? Jamme bella mò, fai pace cu’ maritete.

Gemma           Maritemo m’avesse ‘a dà paricchie spiegazioni: m’avesse ‘a dicere pecché ieri teneva ‘ncuollo chillu prufumo ‘e femmena. E penzo ca nun le cunvene. (Avvicinandosi al marito)

Felice            Tesò, nun tengo niente ‘a nasconnere, te pozzo chiarì tutte cose. (Si rivolge alla cameriera) Giuseppì, che m’hê cunsignato stammatina?

Giuseppina    No, no, je stongo a sentere sulamente chello ca me dice ‘a patrona mia.

Felice            Sissignore, ma nun può negà ca m’hê purtato ‘sta lettera. (Apre la lettera e rivolto alla moglie) Liegge, liegge: è stato ‘nu scherzo d’‘e servitore nuoste!

Gemma           ‘A cammarera nosta se permette ‘e fà ‘nu scherzo ‘e chiste pigliannese tanta confidenza cu’ ttico?! Ma allora ‘nce ha dda stà quaccheccosa cu’ ‘a cammarera nosta! (Tutti sbuffano spazientiti)

Salvatore    Vabbuò, Gemma, vò dicere ca quanno turnate a casa ne cacce ‘a cammarera. Jamme, fà pace cu’ maritete, dateve ‘nu vaso! (Rivolto all’avvocato e alla moglie) E dateve ‘nu vaso pure vuje.

Vittorio        Con tutto il cuore. (Squilla il telefono, Giuseppina va a rispondere)

Giuseppina    Pronto, chi è?... Chi parla?... Chi chiacchiera?...

Telefono       Sono Maddalena Passera, mi passate don Salvatore?

Giuseppina    (Copre la cornetta) Donna Maddalena va truvanno a don Salvatore.

Maria            (Ha una specie di svenimento, poi si riprende) Dince ca nun ce sta e miette ‘o vivavoce!

Giuseppina    No, non c’è, è andato… a cogliere ‘e pesielle, ma putite dicere a mme.

Telefono       Ma… non so se posso… sì, forse è meglio di sì, ma dovete riferire solo a don Salvatore e a nessun altro, va bene?

Giuseppina    Va bene, v’‘o ggiuro sulla vita di mio nonno che dico tutte cose sulo a don Salvatore.

Telefono       Allora dovrai dire a don Salvatore che stamani è venuta qui da me sua figlia Gemma e mi ha chiesto se io e don Salvatore eravamo amanti. Io, sapendo che don Salvatore e donna Maria stavano fingendo con lei recitando la parte di chi vuole separarsi, ho subito capito la situazione e ho detto di sì, ho finto di essere l’amante di don Salvatore. Devi dire a don Salvatore di spiegare anche a don Camillo, col quale mi sono fidanzata e col quale il mese prossimo mi sposo, i motivi della mia bugia. Hai capito tutto bene o vuoi che te lo ripeta?

Giuseppina    No nun ve preoccupate, aggo capito bbuono: voi avete detto a Gemma che siete l’a-mante del padre per nun ce fà capì ca l’appicceco d’‘e genitore era ‘na finzione fatta a fin di bene … E pure vuje avite ditto ‘na buscia a fin di bene…

Telefono       Esatto! Sei perspicace, buona giornata. (E attacca)

Giuseppina    Ha ditto ca songo p’‘e spinace… E che vvò dicere? Avite ‘ntiso? (Tutti allegri danzano)

Maria            Salvatò, e tu nun m’abbracce?

Salvatore    E come no!? Viene ccà, ammore mio… (Abbraccia la moglie) E te voglio bene Marì, ma cierti vvote me vene voglia ‘e te purtà ‘ncoppa ‘a terrazza e te menà ‘a coppa abbascio.

Maria            (Ironica) Che bellu modo ‘e me vulè bbene ca tiene!

Salvatore    Amici, allora festeggiammo chesta pace generale!

SCENA TREDICESIMA

(ALFREDO, DON CARLO, CONCETTINA e detti)

Alfredo        (Entra con a don Carlo e a Concettina. Indicando la scena a don Carlo) Allora, che ve ne pare?

Don Carlo    Bello assaje.

Concettina   Quanto sò bellille! (Guardando tutti) Papà, guarda quanto so bellille! (Girando fra le coppie) Me parene ‘e pasture d’‘o presepio ‘e zia Redenta!

Don Carlo    Ah, quant’è bella ‘a pace dint’‘a famiglia!

Alfredo        Papà, mammà, signori, ho l’onore di presentarvi don Carlo e sua figlia Concettina.

Don Carlo    Don Alfredo m’ha addimannato si se puteva ‘nzurà cu’ figliema e io aggio visto ca ‘a vosta è ‘na famiglia ‘e gente cujeta e pirciò dico ca sì. Jennero mio, damme ‘a mana… Tu te ‘nzure cu’ ‘n’angelo, ‘na guagliona ‘e cchiesa e onesta ca nun è stata maje prena… (Tutti si scandalizzano)

Concettina   Papà, ma che state dicenno? (Rivolta a tutti) Papà vuole dire che sono disinteressata! (Sollievo rumoroso di tutti)

Salvatore    E allora amici, festeggiamme! (Rivolto a Giuseppina) Và dint’‘a cucina e appripara ‘nu bellu pranzo pe’ tutte quante.

Giuseppina    (Con aria preoccupata) Ma comme, tutta ‘sta gente a pranzo? E comme faccio a cucinà pe’ tutte quante?!

Salvatore    Vai a cucinare, si no te ne caccio!

Giuseppina    (A parte) Aggio ‘a cucenà je sola pe’e tutte quante! Allora mò ‘nce l’appriparo je ‘nu bellu piattino! (Spruzza del profumo addosso a Salvatore)

Don Carlo    (A Salvatore) Don Salvatò… ‘o figlio vuosto m’ha ditto ca avite fatto tutto chist’appic-ceco pe’ pazzià.

Salvatore    È ‘overo.

Don Carlo    Ma je m’addimanno che soddisfazione avite a ffà ‘sti ccose pe’ pazzià!

Salvatore    Mio caro, primma o doppo tutte quante simme costrette a fingere pe’ tirà annanze, cierti vvote pure a fin di bene… pe’ ce divertì ‘nu poco… Po’ figliema e ‘omarito se vuleveno spartere pe’ quacche fessarie… e accusì io e muglierema, ca vulimmo ‘nu bene ‘a pazze ‘a figlia nosta, ‘nce avimme fatto vedè quant’è brutto a s’appiccecà. (Stesso termine di don Carlo) E figliema e ‘o marito hanno capito e mò se vonno cchiù bbene ‘ primma.

Maria            (Si avvicina al marito e lo annusa) E che è ‘stu prufummo ca tiene ‘ncuollo?

Salvatore    Io tengo ‘nu prufummo ‘ncuollo?

Maria            Sissignore! E chisto è ‘nu prufummo ‘e femmena!

Salvatore    È ‘nu prufummo…

Maria            Chisto è ‘o prufummo d’‘a vedovella, ‘e donna Maddalena, ‘o cunosco: te sì ‘ncuntrato ‘e nascosto cu’ essa… Assassino! Assassino! ‘A telefonata era faveza… (Rivolto a Camillo) Avvocà, tenite ‘e ccorna!

Camillo        Don Salvatò, non posso pensare di voi, ho… avevo tanta stima…

Salvatore    E l’avite ‘a tenè ancora, perché m’‘a mmereto, pecché songo ‘na perzona sincera e onesta, pecché dico fesserie sulo p’‘o bbene ‘e tutte quante. Don Camì, po’ ve spiego tutte cose. Figlia mia viene ccà, tutto chello ca è succieso è stato tutta pe’ colpa toja e d’‘a ggelusia ca tiene… Mò sì cuntenta? Mammeta è addeventata pazza, speramo ca putarrà guarì cu’ quacche cura, cu’ ‘e mmedicine, cu’ ‘e pissicofarmace o cu’ l’elet-troterapia.

Gemma           Tenite ragione papà, perdunateme, ‘a colpa è stata tutta ‘e chesta pazza e sfrenata gelusia ca tengo, è accussì. (Abbraccia la madre che ha un tic)

Don Carlo    Sperammo ca donna Maria putarrà guarì. Pure ‘a mugliera ‘e Pirandello era gelosa pazza e jette a fernì ‘o ‘spitale. Avite ‘ntiso? (Al pubblico) S’ha dda campà cujete, s’ hanno ‘a cercà sempe l’ammore e ‘a pace. Gentili signore, credite ‘e marite vuoste, nun facite ‘e ggelose, pecché ‘a gelusia accide l’ammore e ‘a pace. E vuje marite, stateve vicino ‘e mugliere voste, nun jate a ve cercà sempe avventure, ‘e mugliere coste ‘e vvote perdono ‘a capa e se penzano chissà cosa. Nun v’appiccecate, e soprattutto nun v’appiccecate pe’ fesserie pecché po’ ‘a gente ve ride appresso. Sulamente ‘na vota è buono ca ‘a ggente ve ride appresso, anze ‘nfaccia… quanno site attore e state a teatro, ‘ncoppa ‘a scena e chi ve ride ‘nfaccia è ‘o pubblico ca p’‘e ffatiche voste ve sbatte ‘e mmane!

Sipario

FINE DEL TERZO ATTO

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 5 volte nell' ultima settimana
  • 19 volte nell' ultimo mese
  • 184 volte nell' arco di un'anno