A casa Maresca tutto è permesso

Stampa questo copione

"A CASA MARESCA TUTTO E' PERMESSO"

Commedia in due atti di Francesco Pace

Personaggi

Ciccillo Maresca

Nannina, sua moglie

Peppino Maresca, fratello di Ciccillo

Capa di Limone, boss camorristico

Erminia, sorella di Nannina

Retella, sua figlia

Amelia

Antonio, fidanzato di Retella

Donna Concetta, madre di Amelia

Lucia

Roberto, padrone di casa

Don Armando

Giacomino

Pasqualino, garzone del panettiere

Commissario Guardalà

Atto primo

La casa bottega di Ciccillo e Nannina. L’azione si svolge in un cosiddetto “basso” napoletano. Al centro, la comune. Due porte sia a destra che a sinistra dello spettatore. La prima porta a sinistra della comune indica la cucina, la seconda la camera da letto di Ciccillo e Nannina. La prima porta a destra indica un piccolo stanzino, mentre la seconda conduce alla camera di Lucia e al bagno. Al centro un tavolo con sedie, mentre la scena tutta intorno è costituita da tutta una serie di mobiletti su cui troviamo generi alimentari, roba di prima necessità. A sinistra della comune (destra dello spettatore) troviamo invece una piccola credenza contenente vari pezzi di pane. Affianco, tra la prima e la seconda porta a destra dello spettatore, troviamo un bancone su cui troviamo una sorta di “cassa” e una macchinetta del caffè poggiata. Al levarsi della tela è ancora tutto buio. E’ mattina, sono quasi 9.

Scena prima

Lucia(sola), poi Nannina

LUCIA(entra dalla seconda porta a destra. E’ una giovane sulla trentina. E’ in abiti da casa. Appena entrata si avvia alla comune, aprendola. Entra così un po’ di luce nell’ appartamento. Dopodichè, accanto alla comune, accende l’interruttore: la scena è completamente illuminata. Esce fuori dalla comune per dare uno sguardo, poi rientra e da uno dei mobili presenti in scena trae fuori una grossa busta contenente del caffè, e si avvia al bancone. Dopo aver messo il caffè nella caffettiera, la chiude ed esce in cucina. Dopo poco rientra, recando questa volta un grande recipiente con degli spinaci o qualcosa di simile. Si siede al tavolo, e comincia a “spezzarli”)

NANNINA(entra dalla seconda a sinistra. E’ una donna oltre la quarantina, ma ancora piacente. E’ assonnata: entra in scena, si stropiccia gli occhi, poi nota Lucia): Buongiorno Lucì!

LUCIA: Buongiorno donna Nannì!

NANNINA: E che d’è, già te si scetata? (si avvia al tavolo)

LUCIA: Già? Donna Nannì sono le nove. Il tempo di prepararci, di prenderci il caffè, po’ cominciano a venire i clienti….

NANNINA: Brava figlia mia(si siede accanto a lei, dandole una mano) stammatina nun c’ha facevo proprio a me sosere… aieressera, cu tutto chello ca succedette, io e mio marito ce iettemo a cuccà tardi…

LUCIA: Ma comme iette a fernì po’ o’ fatto d’aieressera?

NANNINA: Jette a fernì ca tra strille e allucche, donna Vicenza ha ditto ca s’adda perdere o’ nomme suoio si nun ce cumbina o’ piattino a donna Peppenella….

LUCIA: Guardate nu poco…

NANNINA: E che c’è vuluto Lucia mia pe calmà a chelli doie. Mio marito, pe cercà e’ dividerle, se mettette nmiezo e avette nu cavece ngoppo o’ ginocchio ca pure isso stanotte nun è riuscito a’ durmì…

LUCIA: Ma vuie vedite nu poco a’ gente che se fa afferrà….

NANNINA: Si, però donna Vicenza have ragione…

LUCIA: Si, chesto è overo..sperammo sulo ca mo ogge nun succede n’ata vota o’ burdello…

NANNINA: Ponno fa chello che vonno loro, tanto io aggio ditto ca pe parta mia, nun faccio niente cchiù….

LUCIA: Ma don Ciccilo s’è scetato?

NANNINA: Starrà durmenno ancora…..

Scena seconda

Ciccillo e dette

CICCILLO(da dentro): Me so’ scetato, me so scetato!!

NANNINA(a Lucia): Oì lloco!

CICCILLO(entra. Anch’ egli è molto assonnato, è un uomo sulla cinquantina, portati bene): So scetato Nanni, e chi ha maie durmuto stanotte! (nota Lucia) buongiorno Lucì…

LUCIA: Buongiorno don Ciccì!

NANNINA: Ma pecchè nun te si vuluto mettere o’ ghiaccio?

CICCILLO: Ma quale ghiaccio Nannì! O vuò capì ca nun serve a niente! Serve sulo pe te fa addiventà comme a nu ghiacciolo!

LUCIA: Io pe tramente, vaco a vede si è asciuto o’ cafè! (prende il recipiente ed esce in cucina)

CICCILLO(raggiungendo la moglie al tavolo): Quanta vote t’aggio ditto can un c’hamma mettere nmiezo a sti cose!

NANNINA: Guè ma che vuò!? Se tratta e’ mettere pace….

CICCILLO: Si, ma no mettere mazzate….

NANNINA: Uh Ciccì, e comme si esagerato!!

CICCILLO: Nannì ma te si scurdato ca o’ mese passato pe mettere pace, comme dice tu, tra chell’ati doie pazze, m’arrivaie na mazza e’ scopa nfronte?

NANNINA(cercando di giustificare): Jammo Ciccì, chella dicette “Te tiro na mazza e’ scopa appriesso”, e tu te mettiste proprio annanze!

CICCILLO: E chell’ata vota quanno avette chillu pacchero addu donna Maria pecchè me mettette tra essa e o’ marito?

NANNINA: Ciccì ma tu che vuò!? A’ prossima vota nun venì….

CICCILLO: E pe’ forza! Sino ca facimmo o’ spitale a’ Pace!

Scena terza

Pasqualino e detti, poi Lucia

PASQUALINO(ragazzino, garzone di un fornaio. Si ferma sotto la comune. Reca una grossa busta contente del pane): C’è permesso?

NANNINA: Uè Pascalì trase…

PASQUALINO(entra): Salute don Ciccì!

CICCILLO: Buongiorno Pascalì!

NANNINA: E che d’è stammatina si venuto cchiù ambressa?

PASQUALINO: E pe’ forza donna Nannì!

NANNINA: E pecchè?

PASQUALINO: Ma che d’è nun o’ sapite? So’ aumentate e’ clienti….

NANNINA: Aumentati?

PASQUALINO: S’hanno mparato tutte quante. Se metteno a vennere o’ pane pure loro!

NANNINA(a Ciccillo): He capito? S’hanno ‘mparato a’ canzone!

PASQUALINO: Mo, doppo ca so stato ca addu vuie, aggià ancora cammenà assaie primma e me ne turnà n’ata vota a’ puteca….

NANNINA: E allora mo te ne faccio ire ambressa ambressa….(chiamando) Lucì nu bicchiere d’acqua mo che iesce!

PASQUALINO: Donna Nannì o’ solito?

NANNINA: Si grazie Pascalì, fa stesso tu….

PASQUALINO(si avvia da solo alla credenza e sistema all’interno i vari pezzi di pane)

NANNINA(sottovoce a Ciccillo): Uè, vide comme e’ a’ risolvere o’ fatto e’ frateto…

CICCILLO(sempre sottovoce): Statte zitta, te pare o ‘mumento?

NANNINA(c.s.): Uè, ca se tratta d’ a casa mia e…

LUCIA(entrando con un bicchiere colmo d’acqua): L’acqua!

NANNINA: Teh, dancello a Pasqualino…

LUCIA(porge il bicchiere a Pasqualino)

PASQUALINO: Grazie Lucì, si chello che sì!(le mette una mano sotto il mento)

LUCIA(picchiando sulla mano): Uè, accuminciammo cu sti mane!

PASQUALINO: Mamma mia, e comme si antipatica!

NANNINA(un po’ divertita): E jammo Pascalì’, a vulimmo fernì?

PASQUALINO: E chella è essa, a vedite?

LUCIA: Io? Uè, cumpuortate buone ca si no te faccio vede io, criaturo e buono!

PASQUALINO: E va bene! Manco ogge avimmo fatte niente!

CICCILLO: Jamme Pascalì, lieve occasione!

PASQUALINO: E va buono don Ciccì, ce vedimmo dimane!

CICCILLO: Statte buone!

PASQUALINO: Donna Nannì, buona giornata! (poi guardando Lucia) e pure a te, zucchero mì!

LUCIA(facendogli il gesto di volergli tirare qualcosa in faccia): Vattenne!

PASQUALINO: Antipatica! Brutta! (ed esce correndo dalla comune)

LUCIA: Ma comme s’adda fa cu chillu criaturo?

Scena quarta

Don Armando e detti

DON ARMANDO(entrando quasi trionfalmente): Buongiorno a tutti!

NANNINA/LUCIA: Salute don Armà!

CICCILLO(tra sé): Uè, nun fanno manco schiarà juorno sah!

DON ARMANDO: Buongiorno don Ciccì!

CICCILO: Buongiorno don Armà!

NANNINA: Don Armà, site arrivato a tiempo….mo mo Pascalino m’ha purtato o’ pane frisco!

DON ARMANDO: Ma qua pane donna Nannì? Io me n’aggia ire a faticà….

NANNINA: E allora che site venuto a fa don Armà?

DON ARMANDO: Io v’avessa parlà urgentemente donna Nannì…

NANNINA(sorpresa): A me?

DON ARMANDO: Si si proprio a vuie!

NANNINA(ancora più sorpresa): E’ na cosa di gran premura?

DON ARMANDO: Pressantissima donna Nannì!

LUCIA(cercando di togliersi tra i piedi): E vabbuò donna Nannì, io vaco a vede a’ parte e’ dinto si è asciuto o’ cafè..accussì s’o piglia pure don Armando cu nuie(esce in cucina)

NANNINA: Jammo parlate don Armà….

ARMANDO(indica Ciccillo)

NANNINA: Ciccì e te ne vuò ire?

CICCILLO: Ma me n’aggia ire pure io?

NANNINA: Ma nun he sentuto ca don Armando m’hadda dicere na cosa urgentissima?

DON ARMANDO: Perdonate don Ciccì…

NANNINA(alzandolo): Jamme, va a parte e’ fore…po te chiammo

CICCILLO(risentito): E jammo! Cu stu ginocchio ca me fa male, m’aggia mettere a cammenà pe tutto o’ vico…

NANNINA: T’aggio ditto va!

CICCILLO: Nun so manco cchiù padrone d’a casa mia! (esce)

NANNINA(chiude le ante della comune): Allora don Armà, parlate…nun me tenite ncoppo e’ spine

DON ARMANDO(si siede al tavolo)

NANNINA: Ah, ma o’ fatto è luongo? Don Armà sentite io nun pozzo perdere tiempo…

DON ARMANDO: No no, donna Nannì è n’affare e duie minute!

NANNINA: E vuie v’avite assettato!

DON ARMANDO: No, per stare più comodo!

NANNINA(si siede): Jamme don Armà, me state facenno sudà friddo…

DON ARMANDO: Io nun saccio comme ve l’aggia dicere, me metto scuorno…

NANNINA: Don Armà facite ambresso me state facenno parturì!

DON ARMANDO: Vuie parlate bello donna Nannì! Chella muglierema manna sempre a me annanze!

NANNINA: Ma se po sapè ch’è stato?

DON ARMANDO(imprecando): Mannaggia a’ vita mia!

NANNINA: Don Armà, e calmateve!!! Che cancaro è succieso? (prende un fazzoletto e comincia ad asciugarsi il sudore)

DON ARMANDO: Ch’è state facenno donna Nannina?

NANNINA(secca): Me sto asciutanno don Armà!

DON ARMANDO: E pecchè?

NANNINA(quasi in uno scatto d’ira): Pecchè me state facenno spantecà don Armà!

DON ARMANDO: Allora io parlo?

NANNINA: Parlate!

DON ARMANDO(imbarazzato): Dunque donna Nannì, aiere….venette muglierema ccà…

NANNINA: Eh, embè!?

DON ARMANDO: E quindi…..no ma io nun c’ha faccio!!

NANNINA: Don Armà parlate!!

DON ARMANDO(tutto d’un fiato): V’hadda da’ 70 lire d’o pane!

 NANNINA(ancora in attesa): E po’?

DON ARMANDO: E po’ basta, donna Nannì..: chest’è!

NANNINA: Che cosa?

DON ARMANDO: Eh donna Nannì..chest’è!

NANNINA(tra sé, prendendo quasi un sospiro di sollievo): No, io nun c’ha faccio! (a don Armando) don Armà, ma vuie chesto m’aviveva dicere?

DON ARMANDO: Si donna Nannì!

NANNINA: Embè don Armà, m’avita credere: avita passa nu guaio!

DON ARMANDO: E pecchè?

NANNINA: Ma comme pecchè? Vuie v’avite fatto venì chillu poco..me stiveve facenno murì!

DON ARMANDO: Scusate donna Nannì, ma vuie sapite comme so’ fatto…

NANNINA: Don Armà, ma faciteme o’ piacere! (riapre le ante della comune, e chiama) Ciccì, trase nun è stato niente!

DON ARMANDO: Sapite comm’è, nun voglio fa brutte figure!

NANNINA: Ma quanne maie don Armà! Pe’ 70 lire, me putiveve da pure adoppo!

DON ARMANDO: Ma niente affatto donna Nannì, nuie simmo gente serie!

LUCIA(entrando con un vassoio recante delle tazze di caffè): O’ cafè!

NANNINA: Ah, ecco qua..accussì s’o piglia pure don Armando cu nuie!

LUCIA: Aggio fatto na tazza pure pe’ isso!

DON ARMANDO: Si, ma velocemente pecchè me n’aggia scappà

CICCILLO(entrando, non accorgendosi di don Armando): Neh, o’ “privè” è fernuto!?

NANNINA(gli fa segno di stare zitto)

CICCILLO(accorgendosi di don Armando): Uh scusate don Armà!

DON ARMANDO: Nun ve preoccupate don Ciccì! (prende una tazza di caffè e comincia a sorseggiare)

NANNINA(cercando di redarguire il marito): Pigliate o’ cafè!!(invece e’ parlà sempe!)

LUCIA(prende una tazza di caffè e comincia a sorseggiare)

DON ARMANDO: Donna Nannì, nun me dicite niente ma me n’aggià fui!

NANNINA: Jate don Armà!

DON ARMANDO: Arrivederci!!..(fa per andare, poi torna sui suoi passi) Uh!

CICCILLO/NANNINA(allarmati): Ch’è stato?

DON ARMANDO: Mo me scurdavo e’ 70 lire! (le trae dalla tasca)

NANNINA: Don Armà, vuie e sti 70 lire! (le prende, e le porge a LUCIA che va riporle nella cassa)

DON ARMANDO: Di nuovo! (esce per la comune)

CICCILLO(dopo aver riposto la tazza nel vassoio): Neh Nannì, ma che vuleva don Armando?

NANNINA: Niente, me vuleva dicere ca aiere a’ mugliera m’aveva da 70 lire!

CICCILLO: E io te veco tutta agitata…

NANNINA(sottovoce a Ciccillo): Nun he capito, io pensavo ca sapeva quacche cosa, he capito?

CICCILLO(zittendola): Zitta!

Scena quinta

Retella e detti, poi Erminia

RETELLA(entra dalla comune. Una giovane molto carina: è la nipote di Ciccillo e Nannina. E’ molto simpatica, gioviale): Buongiorno a tutti!

NANNINA: Guè buongiorno Retè!

RETELLA: Buongiorno a’ zi! (la bacia)

CICCILLO: Salute Retè…

RETELLA: Buongiorno o’ zì! Comme ve sentite?

CICCILLO: Nun me ne parlà o’ zi, nun me pozzo proprio movere!

NANNINA: Nun o’ da retta, chillo è vummecuso!

CICCILLO: Ma nun me pozzo manco sentì male dinto a sta casa?

NANNINA: Ma addirittura nun te può movere?

RETELLA(dopo essersi avvicinata a Lucia ed averla salutata): Ma o’ ghiaccio nun ve l’avite miso?

CICCILLO: Nooo, qua ghiaccio!?

NANNINA: Nun o’ da retta, Retè! Lucì, pe favore, vuò purtà chesti tazze dinto? (a Retella) tu t’he pigliato o’ cafè?

RETELLA: No, nun o’ voglio!

LUCIA(prendendo il vassoio dalla tavola): Mo lo porto dentro! (esce in cucina)

RETELLA: Dunque a’ zi, io so’ venuta pe’ tre cose…

NANNINA: E famme sentì!

RETELLA: Primma pecchè ve vulevo salutà!

NANNINA: Grazie!

RETELLA: Po’ pecchè mammà vuleva na capa d’aglio, e po’ pecchè vulevo sapè comme era ghiuto a’ fernì o’ fatto d’aieressera!

NANNINA: Ma tu po’ pecchè te ne iste?

RETELLA: E chella mammà quanno vedette ca zio Ciccillo aveva avuto o’ cavece me ne mannaie a casa!

NANNINA: E facette buono!

RETELLA(curiosa): Ma pecchè, continuaieno a s’appiccecà?

NANNINA: Nun te ne dico proprio! Nzomma è ghiuta a’ fernì ca donna Vicenza ha ditto ca s’adda perdere o’ nomme suoio si nun ce cumbina o’ piattino a donna Peppenella…!

RETELLA: Seh, voglio vedè proprio comme ce cumbina stu piattino!

NANNINA: Chella steva tanto arraggiata…. (a Ciccillo, ironicamente) è overo Ciccì?

CICCILLO: Tutto ncuollo a me ha menato l’arraggio!!

NANNINA(a Retella): E pateto comme sta?

RETELLA: Sta ancora dinto o’ lietto cu ‘a freve! Mo sta mammà cu isso….

ERMINIA(di dentro): Rita! Rita!

NANNINA: Sta chiammanno!!

ERMINIA(di dentro): Rita! Rita! (arriva alla comune) Retèèèèè!!!!

RETELLA: Che d’è mammà?

ERMINIA(entra in scena. E’ la sorella di Nannina): E te sto chiammanno a’ tre ore!!

RETELLA: Io nun v’aggio sentuto proprio!!

NANNINA: Ma quanno maie! Se senteva fino a ccà….

ERMINIA(alludendo a Retella): Chesta fa a’ scema pe nun ire a’ guerra!(chiarificando) nun vo ca a’ chiammo con il suo nome di battesimo!

RETELLA: Me da fastidio! (imitandola) Rita! Rita! (seria) io me chiammo Retella!

ERMINIA: Ma chillo e’ nu nomme ca t’hanno dato ca dinto o’ vico….tu nun te chiamme accussi!

RETELLA: L’importante è ca o’ saccio io!

ERMINIA: Vabbuò basta. (a Nannina) te l’ha ditto d’a capa d’aglio?

CICCILLO(risentito): Ermì buongiorno!

ERMINIA: Uh scusa Ciccì io nun t’avevo visto proprio!

CICCILLO: E ca nisciuno me vede!

ERMINIA(a Nannina): Ma sta nervuso?

NANNINA: Nun o’ da retta Ermì…ce fa male o’ ginocchio!!

CICCILLO: E dalle, mo accumencia a sfottere n’ata vota!

NANNINA: Ma chi te sta pensanno!! (a Erminia) scusa Ermì, dice!

ERMINIA: Vulevo sapè si tenive na capa d’aglio….

NANNINA: E nun o’ saccio…                             

LUCIA(entra): Buongiorno donna Ermì!

ERMINIA: Buongiorno Lucì!

NANNINA: Lucì, ce fosse rimasto na capa d’aglio!?

LUCIA: Niente donna Nannina mia; l’ultima se l’ha pigliata a’ signora Esposito aieressera….

ERMINIA: Ma dico io Nannì! Na puteca e’ generi alimentari ca nun tene na capa d’aglio!

NANNINA: E che vuò a’ me Ermì! (cercando di far capire a Ciccillo) s’avessa ire o’ deposito!

CICCILLO(pronto): Nun te mettere niente ‘ncapa eh?

NANNINA: Ma comme? Io e Lucia non possiamo andare, me vuò dicere chi adda ire?

CICCILLO(giustificandosi): A me me fa male o’ ginocchio!

NANNINA: Uhhhhhhhh Ciccì, c’he abbuffato cu stu ginocchio! Chella t’ha dato nu cavece ca nun abbastava a’ fa cadè manco n'aucelluzzo!

ERMINIA: E vabbuò Nannì nun fa niente!

NANNINA(a Ciccillo): Vabbuò po’ parlammo!!

RETELLA: E mo che ce mettimo dinto e’ fagioli?

ERMINIA: Fattella da a’ donna Giovannina!

RETELLA: Va bene…

LUCIA: T’accumpagno! (escono per la comune)

ERMINIA(si siede al tavolo): Ah mamma mia, è schiarata n’ata jurnata!

NANNINA: Ma Rafele comme sta?

ERMINIA: Tene ancora a’ freve….però stammatina sta meglio!

NANNINA: Lassa fa a’ Madonna!

ERMINIA(alludendo ad un fatto importante): Neh, ma s’è saputo quacche novità?

NANNINA: Ah Erminia mia, e che ne vuò sapè! (alludendo a Ciccillo) chisto nun vo’ parlà maie!

CICCILLO(pronto): Ma che vuò a me! A me me fa male o’ ginocchioooo!!!

NANNINA: Ma pecchè c’o ginocchio se parla? C’a vocca se parla…e vide comme he a fa, pecchè io dinto a sta situazione nun me ne fido e’ sta cchiù! Cu a’ preoccupazione ca può correre nu pericolo a nu mumento a n’ato!

CICCILLO(cercando di accontentarla): E vabbuò oggi ce lo dico va bene?

NANNINA(alludendo alla prima a destra): Chella a’ vì? Nun saccio cchiù comme aggio fa trasì a roba ca me porta!

ERMINIA: Ancora?

NANNINA: Tutti i giorni Erminia mia….aiere se ne venette cu na borza chiena e’ pistole!

ERMINIA(spaventata): Tu che dice?

CICCILLO(cercando di giustificare, a Nannina): Ma che staie dicenno? Chella va trova che se crede….

NANNINA: Ma pecchè chelle nun erano pistole?

CICCILLO: Si, ma erano scariche!

NANNINA: E che vo’ dicere? Sempe armamentari erano!

ERMINIA: Ma pecchè e’ porta ccà?

NANNINA: Chillo è n’agente comme se dice….nun me vene a’ parola…senza a’ divisa!

CICCILLO: In borghese Nannì!

NANNINA: Eh, e io che ne saccio! (a Erminia) comunque è n’agente accussì, e sta facenno una spedizione segreta….

ERMINIA(incuriosita): Segreta?

NANNINA: Si, comme t’aggia dicere….isso sta facenno finta e’ essere nu boss, pe cercà e capì tutte l’informazione e accussi poi l’arrestano!

ERMINIA: A isso?

NANNINA: No, Ermì, a’ e’ boss!

ERMINIA: E pecchè porta tutta sta roba ccà!?

NANNINA: Pecchè questi, come dire, altri boss, hanno dato l’incarico a lui di nascondere queste cose….

ERMINIA: Eh, ma pecchè he porta ccà?

NANNINA: Pecchè chillu mmmm mo che dicevo! “il fratello di Ciccillo” per non far vedere che intrattiene rapporti con la polizia, ha fatto credere di abitare qua!

ERMINIA: Overo dice?

CICCILLO: Ma te vuò sta zitta? Chella va trova ca se crede!

NANNINA: Ma pecchè nun è comme aggio ditto io?

CICCILLO: No!

NANNINA(ironicamente): Mo parla o’ scienziato!

CICCILLO(ad Erminia, chiarificando): Non ha detto che abita qua! Dunque, lo vedi di fronte al basso nostro quel palazzo alto?

ERMINIA: Comme, a ccà se vede!

CICCILLO: Bravissima! Quello è il covo dei boss!

ERMINIA: O’ che?

NANNINA: L’ ovo, Ermì! In italiano l’ove si dice ovo!

CICCILLO: Ma te vuò sta zitta cu sta vocca! (alludendo ad Erminia) e chesta ca ce crede pure!

ERMINIA: E io che ne saccio?

CICCILLO: “Covo” vuol dire ritrovo, posto segreto!

ERMINIA: Ah, mo aggio capito!

CICCILLO: Dunque, quelli si mettono sopra al tetto…

ERMINIA: Gli uccelli!

CICCILLO: Gli uccelli? Ma che c’azzeccano?

ERMINIA: Tu he ditto si mettono sul tetto…gli uccelli si mettono sul tetto!

CICCILLO: Mo no l’aucielle! Loro, i boss!

ERMINIA: Ahhh… i boss!

NANNINA: Po’ dice ca songo io a’ scema!

CICCILLO: E vabbuò, tanto site ‘e famiglia! Dunque Ermì, i boss con il binocolo si mettono sopra a quel tetto e controllano se Peppino mio fratello veramente nasconde questa roba!

ERMINIA: Ah, aggio capito!

CICCILLO: E isso, per farsi credere dai boss, ha dovuto dire che nascondeva la “roba” in un posto più visibile a quel palazzo….

NANNINA: A’ casa nosta! (a Erminia, ironicamente) tu he capito che ciorta?

ERMINIA: Embè, ma nun po’ succedere quacche cosa?

CICCILLO: Ma che po’ succedere?

NANNINA: Già tu parle bello! Se lo difende pure…

CICCILLO: E c’aggia fa? Nun te scurdà ca ha ditto Peppino ca una volta che l’operazione va a buon fine la polizia ci paga….

ERMINIA: Vi paga?

NANNINA: Si, per il “favore” che gli abbiamo fatto!

ERMINIA(subito): Embè Nannì e allora che te ne ‘mporta? Chilli te paveno!

NANNINA: Ermì, ma allora tu overo si scema? Ma comme che te ne ‘mporta? Io tengo o’ presentimento ca quacche juorno e’ chesto succede quacche cosa!

Scena sesta

Retella, Lucia e detti poi Donna Concetta

RETELLA(entrando dalla comune con Lucia e mostrando l’aglio): A’ capa d’aglio!

ERMINIA: Miettatello dinto a’ sacca ca mo l’hamma mettere dinto e’ fagioli!

NANNINA(sottovoce ad Erminia): Guè m’arraccumano Ermì! T’avissa fa scappa quacche cosa cu Retella?

ERMINIA: Ma si pazza!?

LUCIA(a Nannina): Donna Nannì ma overamente se don Ciccillo non vuole andare al deposito, ci posso andare pure io!

NANNINA: Lucì, ma quanno maie! Perché e’ arrivà fino a là!? Nun te preoccupà mo ce va don Ciccillo!!

CICCILLO: E afforza!

NANNINA: Guè ma tu nun tiene genio e’ fa niente?

DONNA CONCETTA(entra dalla comune): C’è permesso?

NANNINA: Uè Cuncè trase!

DONNA CONCETTA: Grazie! (nota tutti) e che d’è stammatina tutta sta gente?

NANNINA: A Erminia le serveva na capa d’aglio!

DONNA CONCETTA: Uh, e pure a me!

NANNINA: So’ fernute Cuncè, s’hanna piglià!

DONNA CONCETTA: Embè e Ciccillo nun e’ po’ i a piglià nu mumento o’ deposito?

CICCILLO: (Mo accumencia pure chesta!)

NANNINA: Ciccillo nun vo’ ire…!

CICCILLO: Ma quando mai! Cuncè nun a’ da retta! Mi fa male il ginocchio!

DONNA CONCETTA(ridendo): Ah overo, o’ cavece d’aieressera!

CICCILLO: Ecco brava!

DONNA CONCETTA: O’ saccio hai ragione ma comme se fa? A me me serve!

NANNINA: Vabbuò Cuncè pe  tramente accumencia a te piglià chello ca te serve e po’ vedimmo!

LUCIA(a donna Concetta): Donna Concè, il solito?

DONNA CONCETTA: Si grazie Lucì….

RETELLA(a donna Concetta): Donna Concè, Amelia è tornata?

DONNA CONCETTA: Arriverà a momenti!

ERMINIA: Ma pecchè nun ha fatto servizio stamattina?

DONNA CONCETTA: Si, ma e’ criature avevena ire a na gita, accussì essa se ne turnava!

ERMINIA: Mamma mia e che pacienza ca ce vo’ cu e’ criature!

RETELLA: Pure cu ‘ e gruosse!

Scena settima

Antonio e detti

ANTONIO(giovane ragazzo, è il fidanzato di Retella. Appare sulla soglia della comune abbastanza irritato): Retè! E tu staie ccà?

RETELLA: Avite visto donna Concè!? (ad Antonio) si sto qua perché?

ANTONIO: Aggio fatto tutto o’ giro d’o vico pe te truvà!(notando gli altri) buongiorno a tutti!

TUTTI: Buongiorno!

ANTONIO: So ghiuto pure a casa tua! Tre ore pe m’arapì chella porta!

RETELLA: E chillo sta papà dinto o’ lietto!

ANTONIO: Po’ aggio visto ca nun ce stive manco a’ casa…!

RETELLA: E stevo ccà! Qual è o’ problema?

ANTONIO: Nun me putive avvisà primma? Aggio fatto tre vote o’ giro d’o vico!

NANNINA: Mamma mi Antò! E tu si peggio e’ maritemo!

CICCILLO: E n’ata vota miette a me nmiezo!

RETELLA(ad Antonio): E quanno t’avvisavo? So’ venuto a truvà nu poco a’ zia!

ANTONIO: E sto tutto sudato!!

RETELLA: Mamma mi, nientedimeno!!

NANNINA(a Retella, alludendo ad Antonio): Chisto fa a stessa fino e’ zieto!

ANTONIO(a Lucia): Lucì se putesse avè nu bicchiere d’acqua?

LUCIA(che ha posizionato la roba di Concetta sul bancone): Subito t’o porto! (esce)

ERMINIA: Neh Antò ma mio marito comme sta?

ANTONIO: C’ha miso tre ore p’arapì! Se vedeva ca era proprio debole…

ERMINIA: E allora mo vaco a vede comme se sente, e metto a fa sti fagioli! (a Nannina) Nannì se te serve quacche cosa…

NANNINA: Grazie Ermì!

ERMINIA: Ce vedimmo adoppo! Buona giornata Cuncè! (esce)

DONNA CONCETTA(intanto si sarà andata a posizionare vicino ad una credenza di altri prodotti alimentari): Ciao Ermì! (trae un vasetto dalla credenza) Nannì, ma chesta marmellata e’ bona?

NANNINA: Famme vedè! (la prende e ne legge l’etichetta) si si chesta è bona! M’ha purtaieno proprio da dinto a’ campagna!

DONNA CONCETTA: E mo m’ha piglio! Chillo mio marito va pazzo!

LUCIA(entra con un bicchiere colmo d’acqua): Te’ Antò!

ANTONIO(lo prende): Grazie Lucì! (e beve)

DONNA CONCETTA: Lucì me piglio pure chesto! (mostra il vasetto di marmellata)

LUCIA: Date a me! Basta così?

DONNA CONCETTA: Si grazie….(a Nannina) Nannì comme vulimmo rimanè p’a capa d’aglio? A me me serve pe’ stasera!

NANNINA: Nun te preoccupà Cuncè, mo ce manno a Ciccillo!!

CICCILLO: E dalle n’ata vota!? Nun ce voglio ire!!

NANNINA: E invece ce vaie!

CICCILLO: T’aggio ditto che no!

DONNA CONCETTA: Vabbuò mettiteve d’accordo e po’ m’o facite sapè!

LUCIA: Donna Concè sono 150 lire!

DONNA CONCETTA: Ecco qua! (trae dalla tasca il denaro e lo porge a Lucia)

NANNINA: Nun te preoccupà Concè, stasera quanto esiste Dio, haie a’ capa d’aglio!

DONNA CONCETTA: E va buono, però nun v’appiccecate, sino don Ciccillo have n’atu cavece! (comincia a ridere)

CICCILLO: (E vide si a’ fernesce!)

RETELLA: Donna Concè, appena viene Amelia m’ha mannate n’attimo a’ casa mia?

DONNA CONCETTA: Comme no! Staie a pensiero tranquillo!

Scena ottava

Amelia e detti

AMELIA(giovane e bella ragazza. E’ una maestra d’asilo, figlia di donna Concetta ed intima amica di Retella. Appare sulla soglia della comune): E’ permesso?

DONNA CONCETTA: Ah eccola qua!

NANNINA: Uè Amè, accomodati!

AMELIA: Grazie! Mammà, pure voi qua?(la bacia)

DONNA CONCETTA: So’ venuta a’ fa nu poco e’ spesa!

AMELIA: Buongiorno a tutti! (vede Retella e le va incontro) uè Retè! (la bacia)

RETELLA: He fernuto cchiù ambresso stammatina?

AMELIA: Si, mi sono sbrigata subito! (freddamente ad Antonio) ciao…

ANTONIO(anche lui freddo): Ciao….

DONNA CONCETTA: E perché sei venuta qua?

AMELIA: Perché dovrei parlare con donnna Nannina

NANNINA: Ma che d’è stammatina vonno parlà tutte quante cu mè?

CICCILLO: Uè nun ve mettite niente ‘ncapa, io nun esco n’ata vota fore!

AMELIA: Non vi preoccupate don Ciccì, riguarda pure voi…possono sentire tutti

DONNA CONCETTA: Vabbuò Amè, allora io vaco a’ casa e metto a cucina!

AMELIA: No mammà, io non mangio a casa…vado a pranzo fuori con un amico…..

ANTONIO(di scatto si gira incuriosito guardando Amelia)

DONNA CONCETTA: Va buono….Nannì ce vedimmo adoppo! Buona giornata(esce)

LUCIA: Donna Nannì sapite che faccio? Mo ce vaco io o’ deposito….

NANNINA: Lucì t’aggio ditto nun te preoccupà!

LUCIA: Ma nonsignore donna Nannì, io accussì approfitto vaco a’ vede a’ zia comme sta!

NANNINA: E va buono, fa comme vuo’ tu!

LUCIA: Allora io vaco, torno adoppo!

NANNINA: T’he pigliato a’ lista?

LUCIA: Sissignore!(la mostra)

RETELLA: Aspè Lucì mo me ne vengo cu te, vaco a vedè papà comme sta! (ad Antonio) jammo?

ANTONIO: Retè, nun c’ha faccio manco a me movere! (in realtà vuole restare per guardare Amelia)

NANNINA(a Retella): Retè chisto addiventa addirittura peggio d’o zio!

ANTONIO(cercando di giustificarsi): Accussì, dongo na mano dinto o’ negozio mo ca nun ce sta Lucia!

RETELLA(ironica): Bravo accussì truove fatica! (ad Amelia) Amè adoppo viene a’ casa mia!

AMELIA: Sta senza pensiero! (si baciano)

RETELLA: Jammo Lucì (ad Antonio) ce vedimmo adoppo!

ANTONIO: Sissignore (Lucia e Retella escono per la comune)

CICCILLO: Amè assettate (Amelia e Nannina si siedono) dunque, a cosa dobbiamo l’onore di questa visita?

AMELIA: Adesso vi spiegherò….

NANNINA(preoccupata): Ma è quacche cosa e’ grave?

AMELIA: Ma niente affatto donna Nannì, state tranquilla!

CICCILLO: Ma a’ vuò fa parlà?

NANNINA(alludendo al fatto di prima): E si fosse chillu fatto lla?

AMELIA: Ah, ma allora già lo sapete?

NANNINA(allarmata): Ma pecchè è o’ stesso fatto mio?

AMELIA: Non lo so, voi l’avete detto!

CICCILLO: Nannì, a’ vuò fa parlà?(ad Amelia) scusa Amè, parla…

AMELIA: E’ stata tutta una combinazione. Voi vedete quant’è piccolo il mondo!

NANNINA: Ma pecchè?

AMELIA: Adesso vi spiego subito: parlando con un mio caro amico….

ANTONIO(fa apposta cadere un oggetto dal bancone per attirare l’attenzione, in segno di stizza)

NANNINA: Ch’è stato?

ANTONIO(guardando in cagnesco Amelia): Niente scusate donna Nannì, scausalmente….

AMELIA(guarda Antonio anch’ella in cagnesco, poiché ha capito la sua gelosia)

CICCILLO: Amè, continua….

AMELIA: Subito! Vi dicevo, questo (marcato ad Antonio) mio caro, anzi carissimo amico, (normale) parlando con me stamattina del più e del meno, ha scoperto che io abito in questo vicolo…

NANNINA: Uh, che bella cosa….(realizzando) e chesto che centra cu nuie Amè?

AMELIA: Centra e come! Adesso ci arrivo: il vostro proprietario ha passato questa casa a suo figlio vero?

CICCILLO/NANNINA: E tu che ne saie?

AMELIA: E questa è la combinazione! Questo mio amico, è il vostro nuovo proprietario….

NANNINA: No Amè, nun aggio capito buono: o’ proprietario e’ casa nuosto, è o’ nammurato tuoio?

ANTONIO(tossisce fortemente per richiamare l’attenzione di Amelia)

NANNINA: Guè Antò, sciò cu sti microbe!

AMELIA(sempre marcato ad Antonio): No fidanzato no, ma siamo ottimi amici…

NANNINA: Embè Amè, e nun può mettere na bona parola pe nuie?

AMELIA: Ma certo….

CICCILLO: Aspetta Nannì! Fernesce d’a fa parlà…pecchè io ancora aggio capì stu fatto che ce trase cu nuie!

AMELIA: Adesso vi spiego….

CICCILLO: (Chesta sta spieganno a’ tre ore)

AMELIA: Mi ha chiesto il favore di chiedervi se può venire a vedere la casa, le condizioni, prendere qualche misura….

NANNINA: Si, vabbuò Amè, tra nu paio e’ mise se ne parla!

AMELIA: Un paio di mesi? Quello sta giù al vicolo, aspetta che lo chiamo!

CICCILLO/NANNINA(allarmatissimi): Fore o’ vico?

AMELIA: Si, c’è qualche problema?

NANNINA(alludendo allo stanzino): No ma, come t’aggia dicere..s’avessa pulezza nu poco….

AMELIA: Ma poco importa donna Nannì, vuole vedere giusto un po’ le condizioni…. Sta qui fuori al vicolo

CICCILLO: Eh….nun o’ saccio…c’amma fa Nannì?

NANNINA: E mo dice a me?

AMELIA: Ha detto che vorrebbe fare la vostra conoscenza….

NANNINA(stretta in una morsa): E che t’aggia dicere Amè, vallo a chiammà!

CICCILLO: Si, ma adda fa na cosa e’ juorno….

NANNINA: Si si pressantissima! E soprattutto non deve visitare le stanze…(giustificandosi) s’hanna pulezzà!

AMELIA: Come volete (si alza)

NANNINA: Tu pe tramente vallo a chiammà….accussì io e Ciccillo sistemammo nu poco (si alza)

AMELIA: Adesso ve lo vado a chiamare….

NANNINA(va vicino a Ciccillo, sottovoce): Aizate e jammo a vede si putimme ‘ncatasta meglio quacche cosa dinto o’ stanzino…

CICCILLO(allarmato): O’ vuò fa trasì llà dinto?

NANNINA: Ma quanno maie! Sulo ca chella ha ditto ca vo’ vede e’ stanze….

CICCILLO: E allora jammo….(si alza)

NANNINA: Va Amè, vallo a chiammà…che io e mio marito mettimmo a’ posto o’ stanzino….(escono nella prima a destra)

AMELIA(tra sé): O’ stanzino?

ANTONIO(avvicinandosi ad Amelia, geloso): E così, te ne vai a pranzo fuori stamattina?

AMELIA(acida): Sissignore…..

ANTONIO(gelosissimo): E chi è chisto?

AMELIA: Uè ma che te ne ‘mporta? Ma a’ vuò fernì e me ncuità!?

ANTONIO: E tu a’ vuò fernì e’ me provocà?

AMELIA: Ma sentitelo! E in che modo ti provocherei?

ANTONIO: Cu cchesto! (imitandola) vado a pranzo fuori con un amico…

AMELIA: Si, e dov’è il problema?

ANTONIO: E m’o chiedi pure?

AMELIA(arrabbiata): Uè, ma te vuò mettere ‘ncapa che sei il fidanzato di Retella, la mia amica?

ANTONIO(sciolto): E che fa?

AMELIA(sorpresa): Come che fa?

ANTONIO: Non posso stare con tutte e due?

AMELIA: Ma si caduto cu a’ capa nterra? La devi smettere hai capito?

ANTONIO(avvicinandosi): E si nun vulesse smettere?

AMELIA: Dongo n’allucco ca faccio correre e’ carabinieri!

ANTONIO(cercando di giustificare il comportamento di Amelia): E vabbuò, ogge stai nu poco arraggiata cu me!

AMELIA: Ma anche domani, dopodomani, sempre! La devi smettere!

ANTONIO(subito): E damme nu bacio!

AMELIA: Uè, ma fusse asciuto pazzo?

ANTONIO: Si, di te! (l’ abbraccia)

AMELIA(divincolandosi): Uè, e lassame!

Scena nona

Peppino e detti, poi Nannina e Ciccillo

PEPPINO(entra, è il fratello di Ciccillo, l’agente in borghese): C’è permesso?

ANTONIO(subito divincolandosi, spaventato): Chi è?

PEPPINO: Uè Antò, io nun t’avevo visto proprio!

ANTONIO(ricomponendosi): Salute don Peppì!

PEPPINO(notando Amelia): Buongiorno…

AMELIA(imbarazzata): Salve….

PEPPINO(scherzoso): E che d’è (riferendosi ad Amelia) già te si miso a’ fa ammore cu n’ata? Nun t’abbasta Retella?

ANTONIO(imbarazzatissimo): Ma che dicite don Peppì….?

AMELIA: Ah ah ah, com’è scherzoso questo signore!(rivelando) Quello poco ci manca!

ANTONIO(ad Amelia): Ma che stai dicenno?

PEPPINO(interessato): Come?

ANTONIO(subito): Niente, voleva dire che poco ci manca per mangiare, è vero Amè?

AMELIA: Già, per mangiare! (sottovoce ad Antonio) mietteme n’ata vota na mano ncuollo e te faccio vedè comme te nguaio!

ANTONIO(sempre sottovoce ad Amelia): Ma che dici angelo mio?

AMELIA(sempre sottovoce ad Antonio): Ancora?

PEPPINO: Ma mio fratello e mia cognata? Non ci sono?

AMELIA: Si, certo che ci sono! Stanno in quella stanza (indica lo stanzino)

PEPPINO(preoccupato): O’ stanzino?

AMELIA: Si, dice che dovevano mettere a posto!

PEPPINO(ancora più preoccupato, tra sè): Mettere a posto?

AMELIA: Adesso però permette, esco un momento a chiamare (marcato ad Antonio) un mio carissimo amico che sta aspettando fuori al vicolo!

ANTONIO: E io l’accompagno!

AMELIA(sottovoce ad Antonio): Grazie, faccio da sola!

ANTONIO(sottovoce ad Amelia): Te piacesse eh? (a Peppino) don Peppì allora noi andiamo!

PEPPINO: Si, fate pure con comodo!

AMELIA(a Peppino): E’ stato un piacere!

PEPPINO: Il piacere è tutto mio!

AMELIA: Arrivederci…(ad Antonio che la segue) a’ vuò fernì?

ANTONIO(dispettoso): No, vengo appriesso a te! (ed escono per la comune)

NANNINA(entra dallo stanzino, parlando con Ciccillo): Niente, è impossibile! E mo comme se fa? (nota Peppino) Ah!

PEPPINO(andandole incontro): Cognata mia!

NANNINA: Ma qua cognata mia e cognata mia!

PEPPINO(andando incontro a Ciccillo): Fratello mio!

CICCILLO: Ma qua fratello mio e fratello mio!

PEPPINO: Ma che d’è, nisciuno me vo bene stammatina!?

NANNINA: Assettate!

PEPPINO: Ah, benissimo…perché io v’avessa parlà!

CICCILLO: E chisto e’ o’ terzo da stammatina!

NANNINA: No, veramente t’hamma parlà primma nuie a te! E’ overo Cicci?

CICCILLO: Si, è vero è vero!

PEPPINO: Beh, allora visto che stamattina m’aggio scetato buono, faccio parlare prima voi!

NANNINA: He ntiso Ciccì? Fa parlare prima noi….

CICCILLO: Hai visto quanto è buono mio fratello?

NANNINA: Ciccì, e vuò parlà?

CICCILLO: Ma io veramente…

NANNINA: Vabbuò aggio capito, mo parlo io! (a Peppino) siente Peppì, nuie nun c’ha facimmo cchiù!

PEPPINO: Non vi sentite bene?

NANNINA: Ma c’he capito? Nun c’ha facimmo cchiù d’o fatto tuoio!

PEPPINO(cadendo dalle nuvole): O’ fatto mio?

NANNINA: Peppì, ma tu fusse caduto cu a capa nterra! Nun putimmo cchiù nascondere a’ robba!

PEPPINO: Che?

NANNINA: Si, he capito buono! Da questo momento non contare più su di noi! (a Ciccillo) ah! Ce l’aggio ditto…..

PEPPINO(comincia a ridere): Ah ah ah ah…

CICCILLO: Embè, e mo che tiene a’ ridere Peppì?

PEPPINO: Quanto siete belli: “da questo momento non contare più su di noi!” (scoppia nuovamente a ridere)

NANNINA: Si, he capito buono Peppì!

PEPPINO(torna serissimo): Nannì, io penso che oramai non c’è più rimedio!

NANNINA: Che cosa?

PEPPINO: Io mo addò a’ metto tutta sta roba?

NANNINA: E io che ne saccio Peppì?

PEPPINO: Mi dispiace Nannì, ma non se ne parla proprio!

NANNINA(un po’ arrabbiata): Uè Peppì, chesta è a casa mia!

PEPPINO: Si, ma non capisco la vostra preoccupazione!

NANNINA: La nostra preoccupazione? Si trase quccheduno loco dinto…? (indica lo stanzino)

PEPPINO: Embè, e voi non li fate entrare!

CICCILLO: E te pare facile?

PEPPINO: Sentite, vi state facendo problemi inutili! Piuttosto parliamo di cose serie, e veniamo a noi….

CICCILLO: Serie? Cchiù serie e’ chistu fatto?

PEPPINO: Ma no Ciccì, c’è un fatto ancora più serio…..l’ultimo sacrificio!

CICCILLO/NANNINA: Che cosa?

PEPPINO: Si, avete capito bene: l’ultimo sacrificio!

CICCILLO: Peppì, o’ frate spiegati meglio!

PEPPINO: Dovete nascondere un ultima cosa…

NANNINA: Overo? E addo c’ha mettimmo?

PEPPINO: Nello stanzino scusa!

NANNINA: Peppì, chillo ce vulesse nu stanzone pe tutte chello ca ce puorte ogni juorno!

PEPPINO: Si, ma questa cosa ce la dovete far entrare per forza!

CICCILLO: Ma se po’ sapè che cos’è?

NANNINA: N’ata pistola?

PEPPINO: No!

CICCILLO: Documenti falsi?

PEPPINO: Ma niente affatto!

NANNINA: Oggetti rubati!

PEPPINO: Ma no, no, niente di tutto questo!

CICCILLO: E allora che d’è?

PEPPINO(subito): Nu cadavere!

CICCILLO/NANNINA(spaventati): Madonna!!!!

NANNINA: Ma tu che cancaro stai dicenno Peppì!?

PEPPINO: Questo, si tratta di un cadavere!

CICCILLO(spaventato): Peppì o’ frato, io credo ca t’e a fa ricoverà!

PEPPINO(tranquillo): Ma perché scusate?

NANNINA: Peppì, tu stai tranquillo si? Ma comme nu cadavere dinto a’ casa nosta?

PEPPINO: Ma si tratta di pochi giorni….

NANNINA: Ma manco si se trattasse e’ n’ora…..!!!

PEPPINO(diventa supplichevole): E jammo, non mi potete dire di no!

NANNINA: No, Peppì, noi te lo diciamo: no, no e no!

PEPPINO: Ma chilli m’accideno!!

CICCILLO(preoccupato): T’accideno?

PEPPINO: Io ho l’incarico di nascondere la roba!

NANNINA: La roba, non e’ muorte!!

PEPPINO: Jamme facite e’ brave, è l’ultima cosa che vi chiedo!

CICCILLO(preoccupato per il fratello): Si no che te fanno….?

PEPPINO(grave): M’accideno Ciccì! M’accideno!

CICCILLO(subito, a Nannina): Pigliammece o’ cadavere!!!

NANNINA: Ciccì, ma stisse ascenno pazzo appriesso a’ frateto? Po’ parle e’ me e sorema…!!

CICCILLO: Che centra! Qua si tratta di vita o di morte!

PEPPINO: E io rischio la morte!

NANNINA: Ma pecchè scusa Peppì, nun può caccià pure tu a’ pistola?

PEPPINO: E’ peggio, accusì me sparano!

Scena decima

Amelia, Roberto, Antonio e detti

AMELIA(da dentro): Vieni Roberto accomodati…

NANNINA(a Ciccillo): Sta venenno!

PEPPINO: Ma chi?

CICCILLO: O’ patrone e’ casa!

AMELIA(entrando seguita da Roberto ed Antonio): Prego, entra pure… (a Nannina e Ciccillo) eccoci qua…

ROBERTO(un giovane sulla trentina, è il nuovo proprietario di casa): Salve…

NANNINA(si alza): Si molto piacere…(stretta di mano)

CICCILLO: Molto lieto!

ROBERTO: Lei deve essere il signor Francesco Maresca?

CICCILLO: Precisamente, ma soprannominato da tutti don Ciccillo…

ROBERTO(ridendo): Ah ah ah quanto è simpatico!

ANTONIO(guardandolo da capo a piedi, tra sé): Ih quanto è brutto!

PEPPINO: Beh allora io vado a prendere quella cosa…..

NANNINA(di scatto): Nun te permettere!! (poi resasi conto di Roberto, con tono più docile) ma no Peppino, ancora no….

PEPPINO: Invece si! Io vado e torno…

NANNINA: Ma noi non abbiamo detto di si!

PEPPINO: Vabbè, ma chi tace acconsente! Io vengo subito con quella cosa….(a Roberto) permettete!

ROBERTO: Fate, fate….

PEPPINO: Io vengo subito (esce)

NANNINA(sottovoce a Ciccillo): E mo? Vene fratete cu o’ cadavere e che facimmo?

CICCILLO(sottovoce a Nannina): E c’hamma fa Nanni? C’ho chiagnimmo!

ROBERTO: Dunque, vogliamo accomodarci?

AMELIA: Si, voi parlate pure Roberto…io vado un attimo da Retella, (marcato) la fidanzata di Antonio!

ANTONIO(sottovoce ad Amelia): O’ saccio che è la mia fidanzata!

AMELIA(sottovoce ad Antonio): E allora lasciami in pace…(agli altri) io vengo subito….

ROBERTO(ad Amelia): Poi ritorni qua?

AMELIA: Ma certo, ricordi che dobbiamo andare (marcato ad Antonio) a pranzo fuori?

ANTONIO(tra sé): Parla, parla, po’ t’acconcio io pe’ feste!

ROBERTO: Si certo…e come posso dimenticarlo!!

CICCILLO: Si, e pure noi dobbiamo mangiare quindi facciamo una cosa di giorno….

AMELIA: Vi lascio soli…a dopo, vado da (marcato ad Antonio) Retella! (ed esce per la comune)

CICCILLO(ad Antonio): Antò, visto ca stai senza fa niente pecchè nun vaie dinto a cucina ad accuncià nu poco a funtana?

ANTONIO: Si subito don Ciccì…gli attrezzi stanno là?

CICCILLO: Si si sta tutto pronto….va va!

ANTONIO: Vado subito….(a Roberto) permettete! (esce in cucina)

NANNINA: Dunque, signor proprietario vogliamo parlare?

ROBERTO: Non mi chiamate signor proprietario, chiamatemi don Roberto!

NANNINA: Va bene comme vulite vuie, ma vogliamo parlare?

ROBERTO: Subito…..niente, volevo fare la vostra conoscenza….

CICCILLO(alzandosi): Ecco qua ci siamo presentati, adesso arrivederci e tante belle cose!!!!

ROBERTO(a Nannina, ridendo): Ma quanto è simpatico vostro marito!! Andate di fretta?

CICCILLO: Voi avete detto che dovete andare a pranzo fuori!

ROBERTO: Si, ma qua si tratta di una mia proprietà….non bado a spese di tempo!

NANNINA: Te vuò sta zitto…fallo parlà!

ROBERTO: Dunque, oltre a fare la vostra conoscenza…vorrei, se non vi dispiace, guardare un po’ la casa, non so le condizioni, se c’è qualche lavoro da fare….

NANNINA(pronta): Niente, niente..grazie ma stiamo a posto così!! Siete proprio gentile….

ROBERTO: Ma non si può vedere…?

NANNINA: Certo, ma sapete che cos’è? E’ che è piena di roba, poi ancora si devono fare i servizi…

ROBERTO: Ma che mi interessa signora della pulizia!? Io voglio vedere le condizioni della casa…!

CICCILLO: Appunto! Quando una casa è sporca, non è in buone condizioni…

ROBERTO(ridendo nuovamente): Ah ah ah ah…ma quanto siete simpatico!!!

CICCILLO(tra sé): Chisto pensa ca pazzeio?

NANNINA: E no don Roberto quello mio marito ha ragione: voi vedete la casa sporca, pensate che sia in cattive condizioni e così vi mettete a spendere una barca di soldi per dei lavori che non c’è ne bisogno!!

ROBERTO: Ma se c’è bisogno di lavori o no, questo non lo devo stabilire io!

NANNINA: E chi?

ROBERTO: I geometri!

CICCILLO: Ma perché pure lloro veneno ccà?

ROBERTO: Ma si capisce don Ciccillo! E sennò come vedono se si devono fare dei lavori?

NANNINA: Ma basta la mia parola, non c’è bisogno di lavori…quindi è inutile che vedete la casa!

ROBERTO(un po’ indispettito): Sentite, mi state proprio scocciando! Ma perché non mi volete far vedere la casa?

NANNINA(a Ciccillo): Perché non gli vogliamo far vedere la casa?

CICCILLO: E perché…perché ve l’abbiamo detto..è sporca!

ROBERTO: Ancora con questa storia? Basta, qui il proprietario sono io e decido io!

NANNINA(a Ciccillo): Have ragione!

ROBERTO: Dunque, vi farò perdere solo due minuti…(si alza) visiterò un po’ la casa…(indicando lo stanzino) comincerò proprio da quella camera….

NANNINA(di scatto si alza e va a posizionarsi di fronte alla porta): No, ccà no!

ROBERTO: Perché no scusate?

NANNINA: Perché questo è uno stanzino, è così pieno di roba, che non avete idea!

ROBERTO: Ma che importa!

NANNINA: Ma voi soffocate qua dentro!

ROBERTO: Ve lo ripeto, non mi importa! Su andiamo fatemi entrare….!!

NANNINA(invocando l’aiuto di Ciccillo): Ciccìì!!!!

CICCILLO(si alza): Ma sentite don Roberto…

ROBERTO(alquanto seccato): Dite!

CICCILLO: Facciamo una cosa….io e mia moglie oggi ci mettiamo a pulire la casa sotto sopra.. e così venite a vederla domani….

ROBERTO: Domani? Ma perché non adesso?

CICCILLO: Ma perché io e mia moglie, come vi devo dire, ci mettiamo un po’ scuorno di farvi vedere che la casa è sporca….

NANNINA(intervendo): Già, io songo na fissata!!!!

ROBERTO: Dite di venire domani?

CICCILLO: Ma si, lo dico per voi! Mo adesso entrate e vedete tutto sporco ma che cosa risolvete?

ROBERTO: Risolvo e come! Comincio a vedere la casa…..

CICCILLO: Ma perché tanta fretta scusate?

ROBERTO: Perché adesso mi trovo qua!

CICCILLO: E venite pure domani così vi offriamo una bella tazza di caffè, che dite?

ROBERTO: Mmm..non saprei….

NANNINA(sempre davanti alla porta): E jammo don Robè…..io me metto scuorno e’ ve fa vede a’ casa sproca!

ROBERTO(convincendosi): E va bene! Sia fatta la volontà di Dio!

NANNINA(andando incontro a Roberto): Ah, menu male! Lo dicevo io che don Roberto era tanto bravo!

ROBERTO(imbarazzato): Ma così mi lusingate…

CICCILLO: Ma niente affatto! (per aggraziarselo) voi siete la perla dei proprietari!

ROBERTO: Grazie, grazie mille!

CICCILLO: Quindi, anche se non venite domani non fa niente!

ROBERTO(ha capito che Ciccillo voleva aggraziarselo): Ah no! Domani vengo, e come se ci vengo!

NANNINA(cercando di riparare all’azione del marito): E noi qua stiamo don Robè!!

Scena undicesima

Erminia e detti, poi Antonio

ERMINIA(entrando): Uè Nannì! (si accorge della presenza di Roberto) buongiorno!

ROBERTO(porgendole la mano): Tanto piacere….

ERMINIA: Scuate non vi do la mano perché puzza d’aglio e cipolla….sto facendo i fagioli!

ROBERTO(ritirandosi la mano, tra sé): E che me ne ‘mporta a me?

NANNINA: Ch’è succieso Ermì?

ERMINIA: Tu e Ciccillo avisseva venì nu mumento a casa mia….

CICCILLO: E’ succieso quacche cosa?

ERMINIA: Rafele nun c’ha fa a muntà na cosa, ce servesse na mano!!

NANNINA(sottovoce ad Erminia): Ermì, io venesse pure…ma a chisto (riferendosi a Roberto) nun o’ pozzo lascià sulo!

ERMINIA(sempre sottovoce): E pecchè?

NANNINA: Pecchè chisto tene a’ mania e’ trasì dinto a tutte e stanze.

ERMINIA: Embè?

NANNINA: Ma comme embè? Vuleva trasì dinto stanzino….

ERMINIA: E mo comme se fa?

ANTONIO(entrando dalla cucina): Don Ciccì’ tutto fatto!

ERMINIA(come colta da un lampo di genio): Antonio!

ANTONIO: Ch’è stato?

ERMINIA: Perché non rimani tu con il signore mentre Nannina e Ciccillo veneno nu mumento a’ casa mia?

ANTONIO(accettando, con una punta di cattiveria): Con molto piacere!

NANNINA: Vabbuò, nuie venimmo subito!

CICCILLO(sottovoce ad Antonio): Antò, m’arraccumanno..chisto nun adda trasì dinto a nisciuna stanza!

ANTONIO(a Ciccillo): Nun ve preoccupate, lasciate fa a me!

NANNINA(a Ciccillo): Jammo!

ERMINIA: Accussì ve libero subito subito!!

NANNINA(a Ciccillo): E si vene frateto?

CICCILLO: E c’aggia fa?

ERMINIA(quasi tirandoli): E jammo jà! (ed escono per la comune)

ROBERTO(si siede e comincia a guardarsi intorno)

ANTONIO(gli si avvicina): E così….

ROBERTO: Sì?

ANTONIO: Voi siete il caro amico di Amelia?

ROBERTO: Precisamente! Le voglio un bene infinito….

ANTONIO(comincia a ridere)

ROBERTO(infastidito): E che tenete da ridere scusate?

ANTONIO(sempre ridendo): Volete bene ad Amelia?

ROBERTO(ancora più infastidito): Si, ma perché?

ANTONIO: Pazzo!

ROBERTO(alzandosi in piedi): Ma come vi permettete!!??

ANTONIO: Ma io lo dico per voi!

ROBERTO: Come?

ANTONIO: Ma si! State calmo e statemi a sentire….

ROBERTO(si risiede): Voglio proprio sentire perché dovrei essere pazzo!

ANTONIO: Pecchesto! Perché poi quando sarà troppo tardi vi accorgerete di quello che sto per dirvi!

ROBERTO: Ma che cosa?

ANTONIO(riferendosi ad Amelia): Tene nu carattere impossibile! Pe niente s’attacca e’ nierve, è capricciosa, vo’ sempre cummannà essa!!

ROBERTO: Ma Amelia non è affatto così!

ANTONIO: Adesso non è così! Ma poi vedrete!

ROBERTO: Ma voi che ne sapete scusate?

ANTONIO: Che ne so? Quella è intima amica della mia fidanzata, e saccio sul’io chello che vo dicere tenerla tutti i giorni davanti agli occhi…

ROBERTO: Ma voi veramente fate?

ANTONIO: E vi direi una bugia? Io l’ho fatto per..come dire…solidarietà maschile!

ROBERTO: E avete fatto benissimo!!

ANTONIO: Sentite a me, lasciatela perdere! Ve ‘ndussecate sulamente!

ROBERTO: Ma tu vedi un poco il diavolo! Sembra così carina e gentile e poi….

ANTONIO(con una punta di malignità): ….e poi invece è tutt’altro! Comincia a comportarsi così, ma poi dopo…so’ dulure e’ panza! Sapete quanti uomini ha lasciato!

ROBERTO: Ma perché è stata con parecchi uomini?

ANTONIO: Uh! A centenara…..faceva chello che vuleva e poi….li liquidava!

ROBERTO(infastidito): E chesta vulesse fa o’ stesso cu me? No no, assolutamente…è meglio che la lascio perdere subito!!!

ANTONIO(compiaciuto): Benissimo!!!

ROBERTO: Ma pe chi m’ha pigliato! E già quella mo si pensa che ha trovato un altro pollo da spennare….

ANTONIO: Precisamente! (consigliandolo) lasciatela perdere, lasciatela perdere!

ROBERTO(sinceramente): Grazie mille….non so come ringraziarvi! (stretta di mano)

ANTONIO: Ma vi pare? Se non ci aiutiamo tra noi uomini…..

ROBERTO: Grazie, grazie mille ancora….(fa per andare) dite a don Ciccillo che passo domani e ad Amelia dite che…..non lo so..dite che avevo da fare!

ANTONIO(compiaciuto): Sarà fatto!

ROBERTO: Arrivederci! Ma pe chi m’ha pigliato a me!!?? (ed esce dalla comune)

ANTONIO: Ah, che bella cosa! L’avevo ditto io ca l’accunciavo pe’ feste!

Scena dodicesima

Amelia, Retella e detto

AMELIA(entrando insieme a Retella, non nota Roberto): E Roberto?

RETELLA: Addò sta, o’ voglio cunoscere!

ANTONIO(maligno, rivolto ad Amelia): Aveva da fare!

AMELIA(ha capito che è stata opera di Antonio): Ah, aveva da fare?

ANTONIO(c.s.): Il pranzo fuori è stato annullato!

AMELIA(c.s.): E’ stato annullato?

ANTONIO: Precisamente!

RETELLA: Uh che peccato, nun ce vuleva proprio!

AMELIA(riferendosi ad Antonio): Io credo ca ce vulesse na faccia e’ pacchere!

Scena tredicesima

Ciccillo, Nannina e detti, poi Peppino

CICCILLO(entrando trafelato): E’ arrivato?

NANNINA(come Ciccillo): Addò sta?

RETELLA: Ma chi?

CICCILLO: Mio fratello!

RETELLA: No, nun è proprio venuto!

NANNINA: E don Roberto….?

AMELIA(marcato ad Antonio): Se n’è andato!

ANTONIO(marcato ad Amelia): Già, se n’è andato…!

PEPPINO(entra trascinando una busta di sughero, abbastanza pesante): Mamma mì e comme pesa!

CICCILLO/NANNINA(guardandosi): O’ cadavere!

RETELLA: Ma che tenite lloco dinto?

PEPPINO(cercando di giustificarsi): Che tengo….? Mmm

NANNINA(pronta): Tene dodici chili di arance….

RETELLA: Uh ne voglio una!

NANNINA: Nossignore, vattenne a’ casa ca è pronto va!

RETELLA: E va bene, jammo Antò!

ANTONIO(compiaciuto): Subito….(fa per uscire, poi ad Amelia) buon pranzo! (ridendo esce con Retella)

AMELIA(indispettita,sottovoce ad Antonio): Te puozze affugà! (agli altri) Buona giornata! (esce)

PEPPINO: Dunque, adesso tutto è fatto!

NANNINA: Ma comme tutto è fatto? Addo’ c’ho mettimo??

PEPPINO: Dinto o’ stanzino!

Scena quattordicesima

Lucia e detti

LUCIA(entra recando una busta di sughero identica a quella di Peppino): Eccome qua! (poggia la busta accanto a quella di Peppino)

NANNINA: He fatto?

LUCIA: Si donna Nannina mia e che stanchezza!

NANNINA: Ma io te l’aggio ditto!

LUCIA: Nun ‘mporta donna Nannì, so ghiuta a truvà a’ zia!

NANNINA: Comme sta?

LUCIA: Passa meglio!

NANNINA: Menu male!

PEPPINO: Beh, io allora vado! (riferendosi alla busta del cadavere) mi raccomando!

NANNINA: Si, si…ma mo va va! (Ciccillo e Nannina accompagnano Peppino alla comune)

LUCIA: Ah, mamma mia e che stanchezza! (PRENDE LA BUSTA CONTENENTE IL CADAVERE SENZA ACCORGERSENE E SI AVVIA IN CUCINA) Mamma mì e comme è diventata pesante! (esce in cucina)

NANNINA(rientrando con Ciccillo): Ah finalmente se n’è ghiuto!

CICCILLO: Pusammo stu coso dinto o’ stanzino!

NANNINA: Nun m’o fido manco e’ l’ho piglià! (lo tocca cercando di alzarlo, ma si accorge che è abbastanza leggero) ma che d’è nu criaturo?

CICCILLO: Pecchè?

NANNINA: E’ accussì leggiero!

PAUSA. NOTANO CHE LA BUSTA PORTATA DA LUCIA NON C’E’ PIU’ E REALIZZANO CHE LUCIA HA SCAMBIATO BUSTA….

CICCILLO/NANNINA(si guardano negli occhi, poi esclamano l’un l’altro chiamando) Lucìììììì!! (ed escono correndo in cucina)

FINE PRIMO ATTO

Atto secondo

La medesima scena dell’atto precedente. Sulla porta dello stanzino troviamo adesso un cartello con su scritto VIETATO ENTRARE. Al levarsi della tela troviamo Nannina che gira per la stanza spruzzando una bomboletta di deodorante. E’ il giorno seguente al primo atto, primo pomeriggio.

Scena prima

Nannina ed Erminia

NANNINA(spruzza il deodorante per la stanza controllando se la stanza si sia profumata)

ERMINIA(entra e nota Nannina): Uè Nannì…

NANNINA(sussulta): Chi è?

ERMINIA: Eh Nannì songh’io!

NANNINA: E tu trase e’ chesta manera Ermì!

ERMINIA: E comme aggia trasì? (nota che Nannina sta spruzzando del deodorante) ma che staie facenno?

NANNINA: Sto spruzzando o’ deodorante!

ERMINIA: E pecchè?

NANNINA: Pe ce levà a’ puzza d’o cadavere!

ERMINIA(sedendosi): Nannì sora mia, tu te staie piglianno na fissazione! L’ha presa troppo seriamente…

NANNINA(sedendosi anch’essa): Ermì tu pazzie? Io stongo cu na palpitazione ca a nu mumento a’ n’ato p’o trasì quacceduno malamente….

ERMINIA: Scusa, ma si Peppino ormai fa parte e’ chisti boss…pecchè avessena venì ccà?

NANNINA: Pe controllà no? (in confidenza) aieressera mentre io e Ciccillo stevemo a’ casa toia, m’ha ditto Lucia che è venuto nu signore cu na brutta faccia che ghieva truvanno e’ proprietari!

ERMINIA: Vuie!

NANNINA(preoccupata): Tu he capito niente? E po’ stongo cu a paura ca quaccheduno se po’ accorgere d’o cadavere….

ERMINIA(notando il cartello affisso sulla porta dello stanzino): Perciò avete scritto Vietato Entrare?

NANNINA: Nun se po’ maie sapè….pensa ca aiere Lucia sbagliaie a piglà na busta: invece e’ piglià chella d’o deposito, pigliaie chella cu o’ cadavere! Io e Ciccillo ha riuscettemo a fermà justo ‘nitiempo! Tu he capito si chella arapeva a busta?

ERMINIA(alludendo al cadavere): Ma mo sta al sicuro?

NANNINA: Sta chiuso dinto o’ stanzino!

ERMINIA: E mo comme piense e’ te regolà?

NANNINA: Aggio chiesto o’ favore a Giacumino si ogni tanto po’ sta ccà a da n’occhiata o’ vascio….chillo è nu piezzo gruosso….(guardandosi intorno) neh a proposito ma addo sta? Iol’aggio lassato ca steva ccà cu me!

ERMINIA: Forse se ne sarrà ghiuto?

Scena seconda

Lucia, Giacomino e dette

LUCIA(entra con un vassoio contenente delle tazze di caffè seguita da Giacomino): Ecco il caffè! Donna Nannì pigliatavello,è caldo caldo!

NANNINA(notando Giacomino): Giacumì e tu addo stive?

LUCIA: Steva cu me dinto a’ cucina….

GIACOMINO(giovane ragazzo, abbastanza alto e robusto): Tenevo famme donna Nannì!

LUCIA: C’haggio priparato na marenna!

NANNINA(a Giacomino): Ma o’ vuò capì che devi stare qua? O perlomeno si te ne vaie avvisami!

LUCIA(a Nannina ed Erminia): Jammo jà pigliateve stu cafè!

NANNINA(a Giacomino): Pigliatello pure tu o’ cafè accussì nun t’adduorme!

GIACOMINO: A me o’ cafè nun me piace!

NANNINA(insistendo): Pigliatello o’ stesso t’aggio ditto! (gli passa la tazza)

GIACOMINO: E pigliammancello!! (comincia a bere, ma poi lo sputa)

NANNINA: Guè Giacumì!

GIACOMINO(giustificandosi): E io ve l’aggio ditto: nun me piace!

NANNINA: E allora nun t’addurmì!

LUCIA: Jamme Giacumì overo…..tu e’ a sta sveglio, vigile! Io aieressera me mettette chella paura…

ERMINIA(sottovoce a Nannina riferendosi a Lucia): Ma pecchè pur’essa o’ sape?

NANNINA(ad Erminia): Ce l’hamma avuta dicere pe’ forza!

Scena terza

Ciccillo e detti

CICCILLO(entrando): Eccomi qua!

NANNINA/ERMINIA/LUCIA(spaventate): Madonna!!

GIACOMINO(saltandogli addosso): Chi è?

CICCILLO(divincolandosi): Uè, uè lieva sti mane a’ cuollo!!!(si divincola) songh’io!

NANNINA: Si tu? C’he fatto piglià chesta paura!

CICCILLO: Ma pecchè scusa? Io sono semplicemente entrato! (a Giacomino) e tu l’he a’ fernì e me mettere ‘e mane ncuollo! L’he fatto pure stammatina!

GIACOMINO(giustificandosi): Ma chella donna Nannina s’è misa ad alluccà!

CICCILLO: Si, ma lo vedi che sono io no? Tu te vutte proprio a pesce!

GIACOMINO(interessato): Addò sta o’ pesce? Se magna?

CICCILLO: Addò sta? Chisto pensa sempe a’ magnà…..!

ERMINIA(spaventata): Nannì, io me ne traso ‘a parte e’ dinto! Me stai facenno mettere paura….

NANNINA: Ermì e chisto è perché m’avissa da curaggio si? Vattenne va…!

ERMINIA: Si me vuò me chiamme(esce per la comune)

LUCIA: Donna Nannì, io vaco dinto a’ cucina a sciacquà sti tazze! Ve serve quacche cosa? Ve faccio na camumilla?

NANNINA: No Lucì grazie….qua camumilla, ca ce vulesse o’ veleno!

LUCIA: E nun o’ saccio si o’ tenimmo……(rendendosi conto) uh ma che sto dicenno!?

NANNINA: Lucì, a te stu fatto t’avesse scemunuto?

LUCIA: E che ne saccio donna Nannina mia? (prendendo il vassoio con le tazze ed uscendo in cucina) ah santa Lucia aiutaci tu! (esce)

NANNINA(a Giacomino): A te, miettete ccà! (gli indica una sedia situata accanto alla comune) assettate ccà, e m’arraccumanno!

GIACOMINO: Nun ve preoccupate donna Nannì! (si siede)

CICCILLO(si siede)

NANNINA(sedendosi): Allora, ch’e fatto? Si ghiuto?

CICCILLO: Sissignore, so ghiuto a’ casa e’ fratemo pe ce dicere ca aieressera venette chillu tipo…

NANNINA: Embè?

CICCILLO: M’ha ditto a’ cammarera ca nun ce steva!

NANNINA: Ma comme nun ce steva? Chisto primma ce lascia o’ guaio e po’ se ne va cammenanno?

CICCILLO: E che ne saccio Nannì! (impaurito) Nannì, io me sto mettenno paura….

NANNINA: Seh, si te miette paura pure tu stammo a’ posto! Cicci, tu si o’ capo e’ casa, tu he a’ risolvere e’ pietto sta situazione!

CICCILLO: Io? Nannì chilli me sparano pure a me!

NANNINA: E allora comme s’hadda fa?

CICCILLO(risoluto): Sbarazzammoce d’o cadavere!

NANNINA: Seh, e’ mo’ o’ dice? Nun ce l’avevema fa purtà proprio! E po si vene n’ata vota chillu tipo d’aiere e o’ va cercanno? Nuie che le dicimmo?

CICCILLO: Dicimmo ca se l’hanno venuto a’ piglià n’ata vota!

NANNINA: Ciccì, ma te fusse scemunuto appriesso a Lucia? Chillo sicuramente sarà o’ capo d’e boss…isso controlla tutte e’ movimenti! Nuie si ce dicimmo ca se l’hanno venuto a’ piglià, capisce ca o’ stammo cuffianno!! E po’ scusa pure si ce ne vulessemo sbarazzà, addò c’ho mettimmo?

CICCILLO: O’ jettammo dinto a’ munnezza!

NANNINA: Seh, dinto a’ munnezza! Cu tutta a’ gente ca ce vede?

CICCILLO: E allora che s’adda fa?

NANNINA: E mo dice a me? Pe tramente avimmo pigliato na precauzione, quccheduno ca ce po’ proteggere! (allude a Giacomino)

CICCILLO: Ma tu dice Giacumino? (guardandolo e facendolo notare a Nannina) chillo s’è addurmuto!

NANNINA(sussultando): Tu che dice? (guarda Giacomino che s’è addormentato sulla sedia, e gli si avvicina per svegliarlo) uè, Giacumì!

GIACOMINO(svegliandosi di colpo): Ch’è stato?

NANNINA: Tu nun t’e addurmi he capito? Chisto è pecchè he ditto “nun ve preoccupate”?

GIACOMINO: Donna Nannì, io m’aggio abbuccato nu poco….

NANNINA: E nun t’he abbuccà!

CICCILLO: Nannì ma chisto c’avessa proteggere? Chisto s’addorme!

NANNINA: Nun te preoccupà, mo nun s’addorme cchiù! He capito Giacumì?

GIACOMINO(sbadigliando): Sissignore!

NANNINA: E nun sbadiglià! Tu he a sta scetato, he capito? Scetato!

Scena quarta

Don Armando e detti

DON ARMANDO(entrando, con un giornale tra le mani): Permesso?

CICCILLO/NANNINA(sussultando): Chi è?

DON ARMANDO: Eh, songh’io!

NANNINA: Don Armà, m’avite fatto piglià na paura!

CICCILLO: Ma site venuto pe n’ati 70 lire?

DON ARMANDO: No no quali 70 lire! V’aggio venuto a’ purtà o’ giurnale!

CICCILLO: O’ giurnale?

DON ARMANDO: Saccio ca vuie site appassionato della pagina sportiva, o’ stevo iettanno…

NANNINA: Grazie don Armà, ma pecchè tutto stu disturbo?

DON ARMANDO: Ma quanno maie donna Nannì, cu tutte e’ piacere ca ce facite….

NANNINA: Ma nun ve preoccupate….

DON ARMANDO(mostrando la prima pagina del giornale): Teh, guardate ccà!

NANNINA: Che d’è?

DON ARMANDO: Don Ciccì, sentite pure vuie!

CICCILLO: Che cosa?

DON ARMANDO: A’ primma pagina d’o giurnale: “Introvabile il cadavere di Ignazio Saponetta, l’uomo ucciso tre giorni fa a Sant'Erasmo in un conflitto camorristico”

NANNINA(preoccupata, a Ciccillo): Ciccì, o’ cadavere!!!

CICCILLO: L’aggio capito!!

DON ARMANDO: Ma vuie vedite nu poco o’ diavolo! (sbatte il giornale sul tavolo) ma dich’io comme se fa a nascondere nu cadavere?

CICCILLO: Eh, e chello che dicimmo pure nuie!

DON ARMANDO: Ma cu che core a’ gente po’ tene nascosto o’ corpo e’ na persona!!

NANNINA: Comme se fa, comme se fa!

DON ARMANDO: Sapite che ve dico? Ca a me sta gente me fa schifo!

NANNINA: E vabbuò don Armà, nun dicite accussì…po’ essere ca l’hanna avuta nascondere pe’ forza….

DON ARMANDO: No, donna Nannì me dispiace! Nun se pazzea cu ‘ persone! Specialmente si so’ muorte!

CICCILLO: E vabbuò, può essere ca se trova stu cadavere….

DON ARMANDO: O’ spero don Ciccì, o’ spero…..e spero pure ca trovano sti fetiente che l’hanno nascosto! Ngalera hanno i’, ngalera!!!

NANNINA: Eh don Armà e’ mo basta! Me state facenno venì o’ friddo ncuollo!!!!

DON ARMANDO: Scusate donna Nannì, ma io mi sono, comme v’aggia dicere….”sfocato” cu vuie ecco…..

NANNINA: Si don Armà, ma sfocatevi con più calma!

DON ARMANDO: Io vado donna Nannì, se c’è bisogno sapite addo’ stongo!

NANNINA: Grazie assaie!!

DON ARMANDO: Arrivederci (fa per andare, poi si ferma sotto la comune guardando intensamente Ciccillo e Nannina) ‘ngalera hanna ire, ‘ngalera! (esce)

NANNINA(a Ciccillo): Ciccì he capito? Jammo ‘ngalera!

CICCILLO: Ma nun o’ da retta! Piuttosto sto pensanno ca stu fatto e’ diventato proprio na cosa nazionale!

NANNINA: Ma io vulesse sapè fratete Peppino quando vene!

CICCILLO: Sperammo ca vene ambressa!

NANNINA(rivolgendosi a Giacomino): Giacumì he capito? (nota che si è riaddormentato) seh seh, chisto s’è addurmuto n’ata vota!

CICCILLO: Nannì ma comme he pensato ca chisto ce puteva proteggere?

NANNINA: E che ne saccio? Aggio pensato ca era accussì gruosso….!

Scena quinta

Lucia e detti

LUCIA(entra dalla cucina,con soprabito,pronta per uscire)

NANNINA: Lucì addo vaie?

LUCIA(giustificandosi): Me ne vaco nu poco addu a’ zia!

NANNINA: Lucì, di’ a verità, te miette appaura tu pure?

LUCIA(vuotando il sacco): Donna Nannì chillo teneva proprio na brutta faccia! Nun aggio pututo durmì stanotte tanto d’a paura….

NANNINA: E pecchè?

LUCIA: Pecchè m’immaginavo ca puteva trasì a’ nu mumento a’ n’ato…

NANNINA: Ma tuorne tarde?

LUCIA: No no, primma ca fa buio sicuramente….e chi se mette a’ cammena a’ sera pe dinto o’ vico?

CICCILLO(a Giacomino): Uè, a te scetate!

GIACOMINO(risvegliandosi): Ch’è stato?

CICCILLO(a Nannina): Si era trasuto o’ boss già c’aveva acciso a tutte quante!

LUCIA(ancora più impaurita): Madò don Ciccì, nun dicite chesti cose!

CICCILLO: E chella è a’ verità! Chisto s’è addurmuto!

LUCIA(fremendo): Donna Nannì, io vaco!

NANNINA: Va, va e m’arraccumannno nun t’arretirà cu o’ scuro!

LUCIA: State senza pensiero!

Scena sesta

Antonio e detti

ANTONIO(entrando): C’è permesso?

LUCIA(urlando): AH!

ANTONIO(spaventato): C’aggio fatto?

LUCIA: Ma si tu?

NANNINA: Niente Antò, Lucia s’è misa appaura! Ma ch’è stato?

ANTONIO: Giacumino sta ccà?

CICCILLO: Seh seh, sta durmenno ccà!

GIACOMINO(alzandosi): Che d’è Antò?

ANTONIO: M’he a fa nu piacere! (lo prende in disparte)

LUCIA: Allora io vaco donna Nannì, permettete don Ciccì! (esce)

NANNINA(a Ciccillo): E pure chesta se n’è ghiuta!

GIACOMINO(ad Antonio): Te serve quacche cosa?

ANTONIO: M’he a fa nu piacere. Va’ a chiamma a Amelia, a’ figlia e donna Concetta e le dice c’adda venì ccà pecchè a’ vo’ Retella….he capito?

GIACOMINO: Sissignore….

ANTONIO: Ma mò proprio, va! Io po te regalo!

GIACOMINO(stende la mano pretendendo il denaro)

ANTONIO(vedendo la mano di Giacomino): Giacumì, io aggio ditto “po” te regalo, no “mo”….!

GIACOMINO(continua a tenere stesa la mano)

ANTONIO(cacciando dalla tasca qualche spicciolo): E teccate 50 lire! (gliele porge) ma mo curre và!

GIACOMINO: Nun te preoccupà Antò, t’ha porto subito ccà! (esce correndo per la comune)

NANNINA(alludendo a Giacomino): Neh, ma chillo addo è ghiuto?

ANTONIO: E’ ghiuto a me fa nu piacere!

NANNINA: Ma torna ambresso? Chillo c’hadda proteggere!

ANTONIO(incuriosito): Proteggere? Ma ‘a che cosa?

CICCILLO(intervenendo subito): Da niente Antò, da niente!

NANNINA(a Ciccillo): Ma stu frateto quanno vene!?

Scena settima

Peppino e detti

PEPPINO(entrando): Eccomi qua!!

CICCILLO: Peppì finalmente!!!

NANNINA: Peppì, dico io!! Ma addò stive?? Tu te ne vaie cammenanno…

CICCILLO(impaurito): Peppì io nun c’ha faccio cchiù!

ANTONIO(a Nannina): Donna Nannì, io vaco a me piglià nu bicchiere d’acqua, permettete?

NANNINA: Va va, nun te preoccupà che noi dobbiamo parlare!!

ANTONIO: Grazie, permettete don Peppì! (esce)

PEPPINO: Ciccì, Nannì, assettammoce che vi devo parlare….

CICCILLO: E pure nuie a te!

PEPPINO: E va bene, allora visto che mi trovate buono anche oggi farò parlare prima voi!

NANNINA(ironica): E grazie assaie! (seria) Peppì aieressera c’è stata na visione…

PEPPINO(incuriosito): T’he sunnato a’ Madonna?

NANNINA: Ma chi sa sunnato niente!

PEPPINO: E che d’è sta visione?

NANNINA: Ma no, comme se dice….aieressera è venuta na persona ccà!

PEPPINO: Ah, vuoi dire una visita!

NANNINA: Eh, na visita…comme se dice!

PEPPINO(interessato): E chi è venuto? Quaccheduno d’a famiglia?

CICCILLO(stufo): Peppì ma qua famiglia e famiglia!!

PEPPINO: E allora chi è chisto scusate?

NANNINA: O’ boss!!

PEPPINO(stupito): O’ boss?

CICCILLO/NANNINA: Sissignore!

PEPPINO. Possibile?

NANNINA: Ha ditto Lucia ca teneva na brutta faccia e jeva truvanno a nuie!

PEPPINO(riflettendoci): Capa di Limone è stato qua?

NANNINA: Che cosa?

PEPPINO: Capa di Limone, il nome “affettuoso” del boss…

NANNINA(a Ciccillo): He capito Ciccì? E’ venuto o’ limone ccà…

CICCILLO: E c’ho mettimmo dinto a’ ‘nzalata!

PEPPINO: E che andava cercando?

NANNINA: O’ limone?

PEPPINO(chiarificando): Il boss!

CICCILLO: Peppì ma che cosa puteva maie cercà? O’ cadavere no?

PEPPINO(dissuadendoli): Secondo me avete scambiato qualcuno per un altro….

NANNINA: Peppì ma comme? Chella Lucia ha ditto ca teneva na brutta faccia…..

PEPPINO: Ma voi dovete stare tranquilli!!

NANNINA(alterandosi): Peppì ma tu overo faie? Io tengo o’ core a tremila!!!!

PEPPINO: Nannì ma mi vuoi far parlare!?

CICCILLO(calmando la moglie): Statte zitta e fallo parlà!

PEPPINO: Nannì, Ciccì, voi dovete stare tranquilli!!

NANNINA: N’ata vota cu sta storia? (a Ciccillo) mo o’ piglio e’ o’ vatto!

PEPPINO(contento): Sono venuto per portare la buona novella!

NANNINA: Ch’ato vuò purtà Peppì? Là dinto nun ce va cchiù niente!!

PEPPINO(ridendo): Ma no Nannì che cosa hai capito…

NANNINA(a Ciccillo): Neh ma pecchè sta ridenno?

CICCILLO(contenta): Nannì vuole dire che ci porta una buona notizia!!

NANNINA: Overo? (a Peppino) Peppì, viene accà fatte abbraccià….(l’abbraccia)

PEPPINO: Ma non è il caso Nannì!

NANNINA: Te puorte tutta a’ roba areto?

PEPPINO(secco): No….

NANNINA: Che cosa?

PEPPINO: Qualcosa di molto meglio!

NANNINA: Qualcosa di meglio?

CICCILLO: Ma che vuò dicere Peppì?

PEPPINO(spiegando): Il “cadavere”…

NANNINA: ….è resuscitato!

PEPPINO: Nannì, nun pazzià! Ma comme o’ cadavere resuscitava?

NANNINA: Tu he ditto che era qualcosa di molto meglio!

PEPPINO: E con questo? Che centra il fatto del cadavere resuscitato?

NANNINA: Tu he ditto che era una bella notizia? Io pensavo ca o’ cadavere nun era resuscitato, nun era muorto…

PEPPINO: E infatti!

NANNINA(stupita, si guarda con Ciccillo): Peppì ma che stai dicenno? Tu mo mo he ditto ca o’ cadavere nun puteva resuscità e mo dice ca nun è muorto?

PEPPINO: Infatti!

CICCILLO(fremendo): Peppì nun da chesti risposte brevi, parla parla! Facce capì pure a nuie!

PEPPINO: Il cadavere non c’è mai stato!

CICCILLO/NANNINA: Peppì ma tu che stai dicenno?

PEPPINO: La verità! Non esiste nessun cadavere, è stata tutta una messinscena, loro pensano che io abbia nascosto il cadavere qui da voi ma in realtà non è affatto così!!

NANNINA(come toltasi da un peso): Madò Peppì! E allora che ce sta dinto a’ chella busta?

PEPPINO: L’ho riempita con dei pesetti…..

CICCILLO: Scusa Peppì ma allora pecchè nun ce l’ he ditto primma? (alludendo a Nannina) chesta sta d’aiere a’ spruzza chillu deodorante ca m’appila tutto o’ naso!

PEPPINO: Si lo so scusate ma…..

NANNINA:..ce vulive fa nu scherzo? Mi dispiace Peppì ma nun se fa! Tu me vulive vede morta, di a verità?

PEPPINO: Nanni ma quale scherzo! Quale “vedere morta”, io vi ho dovuto dire per forza così!

CICCILLO: E perché?

PEPPINO: Perché Capa di Limone stava capendo qualcosa del fatto che io sono un agente in borghese, e così ha deciso non solo di farmi osservare da sopra il tetto del palazzo di fronte, ma di installarmi un piccolo microfono per sentire cosa dicevo….!!

NANNINA(a Ciccillo): Tu he capito o’ limone che s’è fidato e’ fa?

CICCILLO: Nannì chilli so’ boss nun pazzeieno!

PEPPINO: Embè, ma nun site cuntente? Sapisseve aiere comme ve vulevo dicere a’ verità!!

NANNINA: Eh Peppì ma vide comme he fa pecchè nuie nun c’ha facimmo cchiù a tene chell’ata roba!

CICCILLO: Aiere è venuto o’ proprietario e afforza vuleva trasì dinto o’ stanzino! Si vene n’ata vota nuie comme a’ mettimmo nomme!?

PEPPINO: Non vi preoccupate, stiamo quasi per arrivare alla verità! E’ questione di giorni e saranno tutti arrestati….

NANNINA: Ciccì iammo addu sorema, c’aggia dicere ca o’ cadavere nun ce sta! Chella pure essa s’è misa appaura!

PEPPINO: Ma pecchè o’ sape pure Erminia?

CICCILLO(come per dire “che vuoi da me?”): Eh!

NANNINA: Uè chella è sorema, io cu quaccheduno m’aveva sfugà!

PEPPINO: Nannì ma io vi avevo detto di avere il massimo riserbo! O’ sape quacchedun’ato?

NANNINA: Lucia!

PEPPINO: Lucia?

NANNINA: E chella sta e’ casa cu nuie, nun c’ho dicevemo?

PEPPINO: Però m’arraccumano, nun l’hadda sapè cchiù nisciuno!

Scena ottava

Antonio e detti, poi Amelia, indi Retella

ANTONIO(entrando dalla cucina): Don Ciccì, a’ funtana steva scurrenno n’ata vota!

NANNINA(alzandosi): Antò m’he fa nu piacere!

ANTONIO: Dicite!

NANNINA: Staie ccà mentre io Ciccillo e Peppino jammo nu mumento addu sorema….

ANTONIO(che aspettava proprio questo): Nun ve preoccupate donna Nannì, state a pensiero tranquillo!

NANNINA(a Ciccillo e Peppino): Jammo!

CICCILLO: Nannì nun saie che peso m’aggio levato!

NANNINA: Tu? He a vede io! (e parlando escono insieme a Peppino)

ANTONIO: Ah, finalmente se ne so ghiute! Mo pozzo rimanè sulo cu Amelia senza Retella e mettere le cose in chiaro una volta per tutte! Nun po’ essere sta storia adda fernì, s’adda truvà na soluzione…!!

AMELIA(si ferma sotto la comune): E’ permesso?

ANTONIO: (Ai lloca!)

AMELIA(entra): Retè…(vede Antonio) ah, staie tu?

ANTONIO: Pecchè nun te fa piacere?

AMELIA: Retella addò sta?

ANTONIO: Nun ce sta!

AMELIA: Ma Giacomino mi ha detto….

ANTONIO: Lo so, sono stato io!

AMELIA: Ancora cu sta storia?

ANTONIO(avvicinandosi): Siente Amè, io voglio parlà chiaro!

AMELIA: Tu?          

ANTONIO: Sissignore io! Ho pensato a questa nostra situazione…..

AMELIA: Nostra? La situazione è tua, perché io non sono coinvolta!

ANTONIO: E invece si!

AMELIA: Ma…..

ANTONIO: Aspetta famme fernì e’ parlà! Io sono fidanzato con Retella….

AMELIA: Ah, finalmente l’hai capito…!!

ANTONIO: E voglio dare un taglio netto a questa storia!

AMELIA(sinceramente): Hai fatto la scelta giusta….

ANTONIO: Si, ne sono convinto!

AMELIA(gli si avvicina e lo prende per mano): E io ti perdono….

ANTONIO(comincia a non capire): Che cosa?

AMELIA: Si, io ci metto una pietra sopra, faccio finta che non sia successo niente!

ANTONIO: Amè, ma tu ch’è capito?

AMELIA: Che vuoi dare un taglio netto a questa storia!

ANTONIO: E allora perché mi devi perdonare?

AMELIA: Per tutto quello che è successo tra noi, no?

ANTONIO: Amè, il taglio netto lo voglio dare alla storia con Retella!!

AMELIA(gli lascia la mano e si allontana): Che cosa?

ANTONIO: Si Amè, la lascio! Io voglio sta cu tè…!!!

AMELIA: Madonna chisto è pazzo!!

ANTONIO: Fuimmo io e te!

AMELIA: Io e te?

ANTONIO: Si, pigliammo o’ primmo treno e ce ne iammo!!!

AMELIA: Antò ti prego calmati! Tu nun staie buono…..

ANTONIO: Si lo so, io non posso offrirti molto…m’arrangio, spilo e’ funtane, tu invece sei una maestrina, ma insieme putimmo crea quacche cosa…!!

AMELIA: Ma che vuò creà!? Antò te prego, basta, finiscila cu sta storia!

ANTONIO: E’ arrivato il momento di fare tutto alla luce del giorno!!

AMELIA: Ma io non voglio!!! Io sono amica di Retella!

ANTONIO: E a me nun me ne ‘mporta…me mpuorte tu!

AMELIA(tra sé): Madonna mia aiutame tu!!

ANTONIO: Damme nu bacio!!!

AMELIA: Ma qua’ bacio!!! Tu stai con Retella lo vuoi capire o no?

ANTONIO: E adesso non più, voglio sta cu te!

AMELIA(svuotando il sacco): Ma chella aspetta nu bambino!!

ANTONIO(sorpreso): Che cosa?

AMELIA(tra sé): Madonna c’aggio fatto??

RETELLA(da dentro): Si nun ve preoccupate a’ zi!!!

AMELIA: Uh!! Sta venenno Retella….(ad Antonio) presto nasconditi!!!

ANTONIO(riferendosi al fatto di prima): Ma tu che m’he ditto??

AMELIA: Adesso non c’è tempo per spiegare…..trase ccà dinto (lo chiude nello stanzino)

RETELLA(entra e vede Amelia): Guè Amè e che ce faie ccà?

AMELIA(imbarazzata): Io? Ehm…..chillo Giacomino m’aveva detto ca me vulive…

RETELLA: Veramente nun t’aggio fatto chiammà, ma ripensandoci t’aggia parlà!!

AMELIA: E pure io!

ANTONIO(da dentro, spaventato): Madonna!!!!

RETELLA(preoccupata): Ch’è stato?

AMELIA(tirandosela): Fuimmo!!! (ed escono correndo per la comune)

Scena nona

Antonio(solo) poi Ciccillo, Nannina e Peppino

ANTONIO(entra dallo stanzino tutto spaventato): Madonna, aiutateme!!!! Ma che ce steva lloco dinto!??

CICCILLO(entrando dalla comune insieme a Nannina e Peppino): Ch’è stato?

NANNINA: Pecchè è menato chillu piezzo e’ strillo??

ANTONIO: Donna Nannì ma che tenite lloco dinto?

PEPPINO: He trasuto dinto o’ stanzino?

ANTONIO(sbiancando in volto): Donna Nannì llà dinto ce sta nu cadavere!!!

CICCILLO/NANNINA: Nu cadavere!?

ANTONIO(alzandosi e facendo per scappare): Ma chi site?? Ve mettite ad ammazzà a’ gente?? Aiuto, aiuto!! (esce dalla comune correndo)

CICCILLO: Stamme a’ posto, mo o’ sape tutto o’ vico!!!

NANNINA(adiratissima con Peppino): Peppì, Peppì, me vuò spiegà!!!????

PEPPINO(impaurito anche lui) E che t’aggia spiegà Nannina mia!!!!

CICCILLO: Ma comme tu he ditto ca nun ce steva nisciuno cadavere: e chillo c’ha visto Antonio che d’è???

NANNINA: Peppì t’hanno mbrugliato!!!!

PEPPINO: Ma comme è stato possibile?? Ma allora stu Ignazio Saponetta è muorto overo???

Scena decima

Erminia e detti

ERMINIA(entrando): Neh ma ch’è stato? Aggio visto Antonio ca curreva pe tutto o’ vico e gridava “Aiuto, aiuto!”

NANNINA: Ermì, era tutta na bugia!

ERMINIA: Che cosa??

NANNINA: Nun è overo!!! O’ cadavere ce sta!!!

ERMINIA(impaurita): Ma tu che staie dicenno??

CICCILLO: Uè Peppì mo tu c’he miso dinto a’ stu guaio e tu lo devi risolvere he capito?

ERMINIA: Bravo Ciccillo!!!

PEPPINO(solenne): Amici miei, siamo nei guai!!

NANNINA: Dateme na seggia!!! (fa per accasciarsi, Erminia la sorregge)

CICCILLO(impaurito ma nello stesso tempo arrabbiato): Peppì parla, che vo dicere “siamo nei guai”?

PEPPINO: Si è overo ca o’ cadavere ce sta, v’o dicere ca e’ boss hanno capito tutte cose!!! M’hanno fregato!!

ERMINIA: Ma dico io Peppì te vuò accerta ca llà dinto ce sta nu cadavere overo??

PEPPINO: Ermì me mettevo ad arapì a’ busta e’ nu cadavere??? Me l'avranno scambiata loro…

NANNINA(ripresasi): Perciò aieressera è venuto o’ limone ccà!!

ERMINIA: O’ limone?

NANNINA: Si, o’ boss….se fa chiammà accussi!!

ERMINIA(ridendo): Uh, che nomme curiuso!!!

NANNINA: Ermì e nun ridere!!!! Piuttosto vedimmo e’ fermà Antonio…..

CICCILLO: Chillo comme sta impaurito c’ho dice a tutto o’ vico! Jammo!

PEPPINO: E io vengo cu vuie!!! Vaco a chiammà o’ commissario e gli dico di intervenire!!!

NANNINA(a Peppino): Finalmente!!! (agli altri) jammo!!! (ed escono per la comune)

Scena undicesima

Amelia e Retella,poi Antonio

RETELLA(entrando seguita da Amelia): Amè, ma tu che me stai dicenno??

AMELIA: Si, te lo giuro è la verità!!!

RETELLA(arrabbiata): E chillo continuava??

AMELIA: Io glielo dicevo ma lui niente!!!! Scusa se te l’ho detto solo adesso….

RETELLA(avvicinandosi e tenendola per mano): Nun te preoccupà, meglio tardi che mai no?

AMELIA: Mi sono sentita in dovere di dirtelo….!!!

RETELLA: He fatto buono….viene ccà!! (si abbracciano)

AMELIA: Pensavo che mi avresti odiata!!!

RETELLA: Io? Amè, ma quanno mai!! Tu se po’ dicere ca me può essere sora!!! (seria) piuttosto aggia acchiappà a chillu fetente e ce n’aggia dicere quattro!!!! Jammo…!!! He ditto ca sta llà dinto? (indica lo stanzino)

AMELIA(fermandola): No no aspetta….

RETELLA: Che vuò fa?

AMELIA: Tengo n’idea migliore!!

RETELLA: Vuò chiammà ata gente p’o vattere??

AMELIA: No,no….tu stai tranquilla e segui me!!

ANTONIO(entrando, ancora tutto impaurito): Retè…tu staie ccà? Amè….

RETELLA(facendo per scagliarsi contro): Grandiss….!!!

AMELIA(la ferma, sottovoce): T’aggio ditto guarda a me!!!! (in tono suadente ad Antonio) si, stavamo aspettando tutte e due te….

ANTONIO(incuriosito): A me?

AMELIA(andandogli vicino, sempre con voce suadente): Si, te!!

ANTONIO(sorpreso dall’atteggiamento di Amelia, ma ancora impaurito): Si, ma ce n’amma fui a ccà dinto….

AMELIA(mettendogli un dito sulla bocca, sempre in modo suadente): Shhhhh!!!

ANTONIO(tra sé): Ma se sente bona chesta?

RETELLA(ormai ha capito il gioco di Amelia; si avvicina dolcemente ad Antonio): E che fretta c’è?

AMELIA(carezzandolo): Già, che fretta c’è?

ANTONIO(tra sé): Ma che stanno facendo chesti ddoie?? (alle ragazze,indicando lo stanzino) ma llà dinto ce sta….

RETELLA(carezzandolo): Te ne vuoi andare proprio adesso che stiamo qui con te?

AMELIA(carezzandogli i capelli): Già, non hai sempre detto che volevi tutte e due?

RETELLA: C’abbiamo pensato….,e abbiamo capito che si può fare!!!

AMELIA: Tutto ciò che vuoi tu, è un ordine…..!!

ANTONIO(compiaciuto, sembra non avere più paura, le prende a se): E allora venite a’ ccà!!!

RETELLA: Tu starai con me la mattina….

AMELIA:…..e con me la sera!!!

RETELLA: Non ti lasceremo mai…!

AMELIA: Saremo i tuoi angeli…!!!

ANTONIO(alquanto eccitato): Amè, purtateme ‘mparaviso!!!

RETELLA: Ma cchiù ngoppo d’o Paraviso…!!!

AMELIA: Finalmente potrai avere quello che hai sempre voluto…..: lo vuoi un bacio?

ANTONIO(stupito): Un bacio?

RETELLA: Si, anzi, due baci!!!

ANTONIO(c.s.): Due baci???

AMELIA: Già, perché non li vuoi??

ANTONIO: Nun he voglio?? Ma certo che li voglio….ma sono troppo pochi!!!

AMELIA(dandogli un piccolo schiaffetto): Come sei impaziente!!! Dai tempo al tempo!!

RETELLA(si lascia prendere dall’ira): Si no so’ mazzate!!!

ANTONIO(si gira di scatto verso Retella, stupito): Che cosa??

AMELIA(fa cenno a Retella di aspettare e di riparare la situazione)

RETELLA(cercando di riparare, sempre con voce suadente): No, dicevo: sennò sono “mazzate di baci”

ANTONIO: Ah si si….allora vuttate e’ mane.!!!!

AMELIA: Su andiamo Antonio, chiudi gli occhi!!!

ANTONIO: Devo chiudere gli occhi?

AMELIA: Ma certo, altrimenti si perde la magia…., non trovi?

ANTONIO: Ah, già già…la magia….allora io li chiudo?

AMELIA/RETELLA: Si, chiudi!!

ANTONIO(chiude gli occhi con le labbra pronte per baciare)

AMELIA/RETELLA(si scambiano un cenno d’intesa. Stanno quasi per baciare Antonio, quando poi di scatto gli calpestano violentemente i piedi)

ANTONIO(aprendo di scatto gli occhi e urlando di dolore): Aaaaaaaaahhhhhh Madonnaaaaaa!!!! Ma ch’è stato????

RETELLA(tirandogli un orecchio, irata): Porco!!!

AMELIA(come Retella): Schifoso!!!

ANTONIO: Ma ch’è? Mo site addiventate diavole???

RETELLA(spingendolo): Te credive d’a passà liscia si?

AMELIA(come Retella): Gli ho detto tutto sai??

RETELLA(c.s.): T’aggia accuncià pe feste!!!

ANTONIO(alludendo al suo stato di gravidanza): Retè ma tu….!!

AMELIA(non volendo farlo parlare, lo spinge): E anche io!!!

RETELLA(indicando la seconda a destra): Trase llà dinto ca mo te facimmo vedè!!!

AMELIA: Su andiamo entra!!!

ANTONIO(divincolandosi e avviandosi verso la seconda a destra): Ma nuie ce n’amma fui a ccà dinto!!!

RETELLA: Primma e’ a trasì llà dinto!!!!

ANTONIO: Ma io nun o’ faccio cchiù!!!!

AMELIA: Stai zitto!!!

ANTONIO(supplichevole): Retè….

RETELLA(conducendolo nella seconda a destra): Si parle n’ata vota te ciacco!!!

ANTONIO(c.s.): Amè….

AMELIA: Cammina!!!

ANTONIO: Aiuto…!! (ed escono tutti e tre nella seconda a destra)

Scena dodicesima

Ciccillo e Nannina, poi Giacomino, indi Roberto

NANNINA(entrando agitata seguita da Ciccillo): Niente, niente nun se trova!!!

CICCILLO: Ma addò po’ essere ghiuto? Avimmo fatto o’ giro e’ tutto o’ vico!!!

NANNINA: Se sarrà menato dinto a’ quacche vascio!!! Ma tu capisci ca si o’ vene a sapè quaccheduno simmo perdute??

GIACOMINO(entra con un grosso sfilatino tra le mani, già un po’ mangiato): Eccome ccà!!

CICCILLO(ironicamente): Oì lloco Super man, chillo ca c’avessa difendere!!!!

NANNINA: Giacumì!!! Giacumì, ma comme!!! Te ne vaie invece e’ sta ccà?

GIACOMINO(sedendosi): Donna Nannì io tenevo famme!!!

CICCILLO: E quanno maie!!! Tu tiene sempe famme!!!

NANNINA: Piuttosto fa na cosa invece e’ sta ccà!!!! Va pe tutto o’ vico e cerca e’ truvà Antonio e puortammillo ccà!!!

GIACOMINO(sbuffando): Uffa!!

NANNINA(risentita): Uè, ma tu he capito ca ce ha proteggere?

GIACOMINO: Ma è possibile can un pozzo maie mangià in santa pace?? Mamma mà!!! (ed esce correndo per la comune)

NANNINA: Seh, chillo pensa a mangia, cu sti chiari e’ luna!!!(a Ciccillo) ma frateto avrà fatto?

CICCILLO: E spero che si!!! Mo hamma aspettà sulo ca vene o’ commissario e mette a posto a’ situazione!!!

ROBERTO(entrando con una valigia ventiquattrore): E’ permesso?

CICCILLO/NANNINA: O’ commissario? (si girando di scatto ma notano Roberto)

ROBERTO: Come?

NANNINA: Uh don Roberto!!!! (a Ciccillo) che piacere!!!!! Ciccì he visto chi c’è venuto a’ truvà?

CICCILLO: Comme no!! Don Roberto….!!

NANNINA: E a che dobbiamo l’onore di questa visita don Robè? (sottovoce a Ciccillo) e mo comme n’o mannammo a’ chisto?

CICCILLO(sottovoce a Nannina): E io che ne saccio?

ROBERTO(ridendo): Ah ah ah, ma quanto siete simpatici!!!

CICCILLO: (Ma chisto ride sempre?)

ROBERTO: Ma non vi ricordate? Io dissi che sarei passato oggi per vedere la casa…. (va al tavolo e si siede)

NANNINA: Uh è vero!!!! Ma come Ciccillo, ce ne eravamo dimenticati???

ROBERTO: Adesso lo vedete? Mi seggo qui e aspetto per vedere la casa….(apre la valigia e ne caccia un foglio) ho portato anche la planimetria….

NANNINA(a Ciccillo): E chi è chesta mo?

CICCILLO: Ma chi?

NANNINA: Chillo ha ditto ca ha purtato “o’ piano e’ Maria”…

CICCILLO: Ma qua piano e’ Maria!!! Ha portato la piantina della casa….!!!

ROBERTO(mostrando a Ciccillo): Su guardate qua don Ciccì: mi sono permesso di portare con me la planimetria della casa così magari da concordare qualche lavoro insieme…..

NANNINA(tagliando corto): Seh seh o’ lavoro… (a Ciccillo) Ciccì comme a’ mettimmo cu chisto? Si vene o’ limone che facimmo??

CICCILLO(a Nannina): T’aggio ditto: c’o facimmo dinto a’ nzalata!!

NANNINA(a Ciccillo): E ferniscela!!

CICCILLO(a Nannina): Aspetta! (a Roberto) don Robe…

ROBERTO: Si, ditemi….

CICCILLO: Permettete quando scambio una parola con mia moglie?

ROBERTO: Prego, si figuri. Io mi metto qui intanto a vedere un po’ la planimetria…

CICCILLO: Ecco bravo, vedite a’ planimetria! (si apparta con Nannina)

NANNINA: Allora c’avimma fa?

CICCILLO: Tengo n’idea!!

NANNINA(impaziente): E parla!

CICCILLO: Iammuncenno!

NANNINA: Che cosa? Cu chisto ccà?

CICCILLO: Appunto! Nuie ce ne iammo, chillo doppo nu poco nun ce vede e’ turnà e se ne va!

NANNINA: Hmm? E si nun se ne va?

CICCILLO: Si nun se ne va, intanto vene o’ commissario e ce spiega tutte cose!

NANNINA: A isso?

CICCILLO: Eh, sissignore, a’ isso!!

NANNINA: E po’ cu che scusa ce ne iammo??

ROBERTO(intervenendo): Signora Nannina….

NANNINA(avvicinandosi): Dite don Robè…!

ROBERTO: Mi sbaglio o ieri don Ciccillo vostro marito mi aveva promesso una bella tazza di caffè?

CICCILLO(sottovoce a Nannina): O’ cafè! Ecco a’ scusa! (a Roberto) si infatti….

ROBERTO: Vi dispiace offrirmene una tazza, che c’ho la bocca amara!!!

CICCILLO: Non vi preoccupate don Robè, adesso io e Nannina andiamo a prenderlo…

ROBERTO: A prenderlo?

CICCILLO: Ma sì, adesso io e mia moglie usciamo….

ROBERTO: Uscite?

NANNINA(riferendosi a Ciccillo): (Ma che sta dicenno chisto??)

CICCILLO: Visto che qui a casa nostra non funziona bene l’impianto a gas….

ROBERTO: Davvero?

CICCILLO: E anche a questo proposito vi volevo parlare: si deve aggiustare!!

NANNINA(a Ciccillo): Ma che staie dicenno?

CICCILLO(a Nannina): Statte zitta ca po’ ce pigliammo nuie e’ sorde!!

ROBERTO(dispiaciuto): Quindi non posso avere il caffè?

CICCILLO: Ma certo che lo potete avere!! Adesso io e mia moglie andiamo a farvelo a casa di donna Erminia….

ROBERTO: E chi è questa?

NANNINA: Mia sorella!!!

ROBERTO: Ma lasciate stare don Ciccì, si crea tutto questo casino…. Me lo date un’altra volta..! altrimenti perdiamo tempo e non posso vedere la casa!!

CICCILLO: Ma niente affatto!! Per noi è un piacere…!! Adesso voi aspettate qui tanto bello, seduto, mi raccomando, sulla sedia e noi veniamo con il caffè!

ROBERTO: E va bene, se proprio insistete!!

CICCILLO: Ma figuratevi! (a Nannina) e mo jammo!!

NANNINA(a Roberto): Permettete! (a Ciccillo) ma si sicuro ca funziona!!?

CICCILLO: Hadda funzionà pe’ forza!!!

NANNINA: Ma dico io n’idea meglio nun a’ putive tenè? Nientedimeno pe na tazza e’ cafè!!

CICCILLO: E io c’aveva fa? (e litigando escono)

ROBERTO: Dunque dunque…..(osservando la planimetria) vediamo un po’ cosa si può fare qui… (prende una matita) abbattendo questo muro qui, potremmo allargare la stanza….. (riflettendoci) ma aspetta nu mumento! (si guarda intorno) nun ce sta nisciuno….(alzandosi) finalmente posso osservare la casa, e vedere quei due cosa mi nascondono….. e mo’ verimmo!! (e si avvia spedito verso lo stanzino)

Scena tredicesima

Capa di Limone e detto

CAPA DI LIMONE(boss camorristico. Si ferma sulla soglia della comune. Un uomo sulla sessantina, portati bene: dal viso e dal portamento si nota subito un uomo “vissuto” nel vero senso della parola. Si dimostra un uomo che non guarda in faccia niente e nessuno pur di arrivare ai suoi scopi. Qualche cicatrice sul viso. Esclama in tono imperante): C’è permesso?

ROBERTO(che si era avviato verso lo stanzino si ferma di scatto, e si volta verso Capa di Limone): Si?

CAPA DI LIMONE(entra in casa, rivolgendosi a Roberto): Vuie site o’ proprietario?

ROBERTO(compiaciuto, porgendo la mano): A servirvi!

CAPA DI LIMONE(senza degnarlo neanche di uno sguardo, categorico): Assettate!

ROBERTO(ritira freddamente la mano, stupito dall’imperiosità di Capa di Limone): Che cosa?

CAPA DI LIMONE(quasi furioso): Nun tengo tiempo a’ perdere!! T’aggio ditto assettate!

ROBERTO(obbedendo): Subito, subito! (si siede) (ma chi è chisto!?)

CAPA DI LIMONE(sedendosi): Avimma parlà nu poco….(minaccioso) ce simmo spiegate?

ROBERTO(comincia ad avere un po’ paura): Prego, parlate!!

CAPA DI LIMONE: Tu saie troppe cose!

ROBERTO: Io?

CAPA DI LIMONE: Si, tu! Addò sta o’ cadavere e’ Saponetta?

ROBERTO: Che cosa?

CAPA DI LIMONE(alzandosi e andandogli incontro minacciosamente): Ah, ma allora nun capisce?

ROBERTO(impaurito): Ma c’aggia capì scusate?

CAPA DI LIMONE(prendendolo per il bavero della camicia): Io nun tengo tiempo a’ perdere! Dimme mo mo: addo sta o’ cadavere e’ Ignazio Saponetta!!!

ROBERTO(impaurito): O’ cadavere? Ma che state dicenno scusate???

CAPA DI LIMONE: Parla, carogna!!! Addò l’he annascuso? Io oramaie saccio tutte cose!!

ROBERTO: Beato voi, pecchè vulesse sapè quacche cosa pure io!!!

CAPA DI LIMONE: Ma faie pure o’ spiritoso? Io nun ce metto niente a te fa fore, sah!!

ROBERTO: No no, qua “fa fore”!

CAPA DI LIMONE: E allora parla, addo sta o’ cadavere!?

ROBERTO: (Ma c’aggio fatto e’ male??) Sentite buon uomo, io non so di cosa voi state parlando, lasciatemi andare vi prego!!!

CAPA DI LIMONE: Scusa, ma tu chi si?

ROBERTO: Roberto Cacciaguida, a servirvi!

CAPA DI LIMONE: Ma allora Ciccillo Maresca nun sta e’ casa ccà!? Aggio sbagliato vascio!

ROBERTO: No, quello abita qua!

CAPA DI LIMONE(irato): E allora pecchè he ditto ca o’ proprietario si tu?

ROBERTO: Perché è la verità! Io sono il padrone di casa dei coniugi Maresca…

CAPA DI LIMONE(volendolo sbattere al muro): E quanno m’o dice!!???

ROBERTO: Ma voi non me ne avete dato il tempo….!!!

CAPA DI LIMONE: Comunque basta, io nun tengo tiempo a’ perdere…!!!

ROBERTO: Dirò a don Ciccillo che siete passato..!!!

CAPA DI LIMONE: Ma pecchè mo addo è ghiuto???

ROBERTO: E’ uscito un attimo….e se permettete (impaurito) me ne vado pure io!!

CAPA DI LIMONE(fermandolo minaccioso): Addo vaie??

ROBERTO(impaurito): Ehm…vado via, così parlate da soli!!

CAPA DI LIMONE: Nossignore, oramaie saie tutte cose!!! Nun te ne pozzo fa ire!!

ROBERTO: Che cosa? (quasi supplichevole): Lasciatemi andare vi prego!!!

CAPA DI LIMONE: T’aggio ditto che no!!!

ROBERTO: Ma io…

CAPA DI LIMONE(puntandogli la pistola contro): Statte zitto!!!

ROBERTO: Madonna!!!! Na pistola!!!(cerca di divincolarsi)

CAPA DI LIMONE(indicando la camera da letto di Ciccillo e Nannina): Po’ mumennto trase llà dinto!!!

ROBERTO: Io??

CAPA DI LIMONE: E allora chi?? Muovete, trase o sparo!!!

ROBERTO: No no pe carità!!! (si avvia nella camera da letto con le mani in alto)

CAPA DI LIMONE: E allora muovete trase!!!!!

ROBERTO(entrando): Madonna mia aiutami tu!! (ed esce)

CAPA DI LIMONE: E mo vedimmo si arriva chisto!!!! (chiude a chiave la camera da cui è uscito Roberto)

ROBERTO(batte alla porta): No, apritemiii!!!!

CAPA DI LIMONE: Statte zitto o sparo!!

Scena quattordicesima

Amelia,Antonio,Retella e detto

ANTONIO(entra seguito dalle due donne): Ma ch’è stato?

AMELIA/RETELLA(un po’ impaurite): Ch’è succieso?

CAPA DI LIMONE(girandosi di scatto puntandogli la pistola contro): Chi è?

AMELIA/RETELLA(urlando): Madonna!!!! (si aggrappano ad Antonio)

ANTONIO(con voce tremante): Scusate, ma vuie chi site?

CAPA DI LIMONE(avvicinandosi minaccioso): Chesto nun te riguarda!

RETELLA(ad Antonio): Fa quacche cosa!!

AMELIA(ad Antonio): Mandalo via!

ANTONIO(alle due): Seh, chisto me spara!! (a Capa di Limone) Scusate ma….

CAPA DI LIMONE(puntandogli la pistola alla tempia): Parla, addo’ sta o’ cadavere!!!

ANTONIO(impaurito,tra sé): Mo addevento io cadavere!!! (si divincola, LASCIANDO LE DUE DONNE SOLE)

CAPA DI LIMONE(sempre puntandogli la pistola contro): Ah si, faie pure o’ spiritoso comme a chill’ato? (allude a Roberto)

ANTONIO: Ma chill’ato chi?? (si sentono dei rumori alla porta)

CAPA DI LIMONE(al limite della sua pazienza): Aggio capito comme aggia fa!!! (PRENDE LE DUE DONNE IN OSTAGGIO PUNTANDOLE LA PISTOLA CONTRO)

RETELLA(urlando): Aiutooo!!!

AMELIA(come Retella): Antonio fai qualcosa!!!

ANTONIO: E c’aggia fa?

CAPA DI LIMONE(minaccioso): Chiunque tu sia, si nun me dice addo’ sta o’ cadavere e Ignazio Saponetta e’ sparo!!! (alludendo alle donne)

ANTONIO(quasi come se avesse preso coraggio): No! Nun o’ ffà!!

CAPA DI LIMONE: E allora dimme addo’ sta o’ cadavere e’ Saponetta!!!

RETELLA: Antò….aiuto!!!

ANTONIO: Retè! (tra sé) ma sta parlanno d’o cadavere ca sta dinto o’ stanzino?

CAPA DI LIMONE(come in attesa di risposta): Allora?

ANTONIO: Si, saccio addo sta stu cadavere!!!

CAPA DI LIMONE: E allora parla Ciccì!!

ANTONIO(voltandosi): Addo sta?

CAPA DI LIMONE: Ma chi?

ANTONIO: Don Ciccillo!

CAPA DI LIMONE: Don Ciccillo si tu no?

ANTONIO: Io? Ma quanno maie…

CAPA DI LIMONE(irato): E comme faie a sapè addo’ sta o’ cadavere??

ANTONIO: Pecchè l’aggio visto!!!

RETELLA(quasi supplichevole ma nello stesso tempo arrabbiata): Antò p’ammore d’o Cielo, dincello addo sta stu cadavere!!!

ANTONIO(convinto): Si Retè, hai ragione!!! O’ cadavere sta…

Scena quindicesima

Peppino e detti

PEPPINO(entrando trafelato): Ciccì, Nannì….

CAPA DI LIMONE(notando Peppino): Ah!!

PEPPINO(stupito): Mamma d’o Carmine!!! Capa di Limone..!!!

CAPA DI LIMONE: Carogna, t’aggio ncucciato!!!

PEPPINO(alzando le mani in alto): Pe carità nun me facite niente!!!

ANTONIO: (Menu male ca chisto è poliziotto)

AMELIA(riuscendo a farsi sentire da Antonio): Fa quacche cosa…!!!! Ti prego!!

ANTONIO: Si, tengo n’idea!!! (senza farsi notare da Capa di Limone, si abbassa a terra e gattona fino ad entrare nello stanzino)

AMELIA(a Retella): Ma che sta facenno chisto??

CAPA DI LIMONE(a Peppino, sempre con la pistola puntata): Ma allora overo credive  e’ avè a che fa cu nu scemo!!??

PEPPINO: Ma comme avite saputo tutte cose?

CAPA DI LIMONE: L’aggio sempe saputo ch’ire nu poliziotto!!!!

PEPPINO: Arrenditi!!! E’ fernuta!!! Stanno venendo i poliziotti a prenderti!

CAPA DI LIMONE: Saie quanno m’arrenno?? Primma me dice addo sta o’ cadavere e po’ te faccio fore!!!

PEPPINO: Che cosa?

CAPA DI LIMONE: M’he capito buono!! Parla scellerato, addò sta o’ cadavere e Ignazio Saponetta?

PEPPINO(sfidandolo): E si nun t’o vulesse dicere!?

AMELIA/RETELLA(come per dire “ma che fate?”): Don Peppì!

PEPPINO: Tu he acciso na povera anima innocente, m’he ngannato, m’hai miso o’ cadavere dinto a chella busta…no, nun t’o dico!!! Muore e’ subbeto!!

CAPA DI LIMONE: E tu, don Peppino Maresca, te permiette e dicere chesti cose a me “Capa di Limone”…?

PEPPINO: Sissignore a te! E mo, sparame, accideme, fa chello che vuò tu!! Ma o’ cadavere addo’ sta nun t’o dico!!

CAPA DI LIMONE: Te l’aggia fa annuzzà nganna sta parola!!

PEPPINO: O’ cadavere adda i' a’ famiglia, no a te!!!!

CAPA DI LIMONE(sempre più arrabbiato): Ah, ma allora vuò muri pe fforza??

PEPPINO: Voglio murì piuttosto e’ te dicere addò sta o’ cadavere!!!!

ANTONIO(entra dallo stanzino con una grossa padella tra le mani, si avvicina piano alle spalle di Capa di Limone)

PEPPINO(vedendo Antonio e sentendosi ancora più sicuro): Spara, a chi aspiette!!! Te miette appaura? Nu poliziotto nun se tira maie areto!!!

CAPA DI LIMONE(accecato dall’ira): Ah si?? E allora muore!! (sta per tirare il colpo quando Antonio da dietro con forza lo colpisce alla testa con la padella; esclama così dolorante) Madonna!!! (spara involontariamente)

AMELIA/RETELLA(urlando): Aaaaaaaaaaaahhhh!!!! (si aggrappano ad Antonio)

CAPA DI LIMONE(barcollando, dolorante): Ah, Madonna….a’ capa!!! Veco e’ stelle…..ahh… e che dulore….(siede affranto su una sedia chiudendo gli occhi)

ANTONIO(stupito): Ma è muorto?

PEPPINO: E chi o’ sape!!

ANTONIO(a Retella ed Amelia): State bbuone?

Scena sedicesima

Ciccillo, Nannina, Erminia e detti, poi Donna Concetta, indi don Armando

CICCILLO(entrando, trafelato): Ch’è stato?

NANNINA(impaurita): Chi ha sparato??

ERMINIA: Retè!!

RETELLA: Mammà! (corre ad abbracciare la madre)

CICCILLO(notando Capa di Limone): Nannì!!!

NANNINA: O’ limone!!!

CICCILLO: E’ muorto?

ANTONIO: No, don Ciccì..si riprenderà tra un po’!

NANNINA: Ma se po’ sapè ch’è succieso???

ANTONIO: C’avimmo truvato a chisto cu a’ pistola ca jeva cercanno a don Ciccillo!!

CICCILLO: A me?

PEPPINO: Vuleva sapè addo steva o’ cadavere….

RETELLA(ridendo): O’ jeva truvanno ccà!!

NANNINA(imbarazzata): Già, ccà….

DONNA CONCETTA(entrando correndo): Nannì ch’è stato? (vede Amelia) Amelia, figlia mia!

AMELIA(corre ad abbracciare la madre): Mammà!!

DONNA CONCETTA: Stai bbona?

AMELIA: Si, devo ringraziare Antonio se sono ancora viva…

ANTONIO(imbarazzato): A me?

AMELIA: E a chi se no? Nun è overo Retè?

RETELLA: Si, è overo….!!

DON ARMANDO(entrando): Don Cicci chi ha sparato?

NANNINA: Nientedimeno ha sentuto tutto o’ vico!!!

DON ARMANDO: Ma hanno sparato ccà dinto a’ casa vosta??

NANNINA: Sissignore, mo proprio!!

CICCILLO: A proposito, ma don Roberto?

NANNINA: Uh, overo nun o’ veco cchiù!

CICCILLO: Che t’aggio ditto? Se ne sarrà ghiuto!!!

Si sente qualcuno bussare alla porta della camera da letto…

TUTTI: Ch’è stato?

Scena diciassettesima

Roberto e detti poi Commissario

ROBERTO(da dentro): Aprite! Aprite!!

CICCILLO(andando verso la porta): Ma chi è?

NANNINA: Arape!

CICCILLO(apre la porta)

ROBERTO(entrando, ancora tutto impaurito): Aiuto!!

AMELIA: Roberto!

ROBERTO: M’ha chiuso ccà dinto!!! (notando Capa di Limone affranto sulla sedia) eccolo! Eccolo!

NANNINA: E’ stato isso che v’ha chiuso llà dinto!?

ROBERTO: Sissignore! Jeva truvanno nu cadavere…!!

DONNA CONCETTA: Nu cadavere? CCà dinto?

NANNINA(deviando il discorso): Ma vuie vedite nu poco a’ fantasia!!

PEPPINO(deciso): No, Nannì credo sia arrivato il momento…

CICCILLO(cercando di dissuaderlo): Peppì ma che stai dicenno??

PEPPINO: No Ciccì basta! Tu e Nannina non dovete più soffrire più per causa mia….

RETELLA: Ma ch’è stato?

AMELIA: Qualcosa di grave?

PEPPINO: In questa casa davvero c’è un cadavere!!

ROBERTO(allibito): Che cosa??

ANTONIO(convinto): Allora avevo visto bbuono!!!

ROBERTO(a Peppino): State scherzando vero?

PEPPINO: Niente affatto, mai stato più serio!!

ROBERTO(minaccioso verso Ciccillo e Nannina): Voi….

PEPPINO: No aspettate, loro non centrano..è tutta colpa mia!!

ROBERTO: E allora spiegatemi meglio! Perché io davvero non riesco a capire come in casa mia ci posso essere nascosto un cadavere….

PEPPINO: Si adesso vi spiego subito. Dovete sapere….

COMMISSARIO(entrando seguito da Giacomino, trionfante): Fermi tutti polizia!!

PEPPINO(riconoscendolo): Commissario La Quaglia!

COMMISSARIO: Agente Maresca!!! Allora vogliamo risolvere il caso?

NANNINA: Commissà, si ero a vuie venevo dimane!!

COMMISSARIO: Che cosa?

NANNINA: E’ già tutto risolto!! (indicando Capa di Limone) guardate ccà!!

COMMISSARIO: No! Non ci posso credere…questo è Capa di Limone! E come avete fatto a prenderlo…?

ANTONIO: Con una padella!

COMMISSARIO: Come?

ANTONIO: Sissignore, con una padella…!!

COMMISSARIO: Non capisco..

AMELIA: E’ stato lui a prenderlo….ci ha salvato la vita!!

COMMISSARIO: Benissimo!!!

CICCILLO: Commissà! E che ce vo’ p’o arrestà a chisto? (indicando Capa di Limone)

COMMISSARIO: Oddio, ma è morto?

ANTONIO: Ma qua morto!! Ve l’ho detto: la padella!

COMMISSARIO(a Peppino): Maresca mi vuole spiegare per favore?

PEPPINO: E che c’è da spiegare? Il ragazzo(indica Antonio) si è battuto con coraggio e ha stordito il boss con una padella!!!

NANNINA: Cheste so cose c’avisseva fa vuie commissà!

COMMISSARIO(imbarazzato, volendo riparare): Avete ragione, ma su non perdiamo altro tempo…!! Dobbiamo portarlo in centrale….

DONNA CONCETTA(a don Armando): Ma vuie vedite che se passa!

DON ARMANDO: Ma io nun aggio capito ancora: stu cadavere ce sta o nun ce sta?

NANNINA: Don Armà, comme nun ce sta!

CICCILLO: Mo ve spiegammo nuie!! (e cominciano a parlottare tra loro assieme anche a Nannina, Erminia e Concetta, formando un piccolo gruppetto)

COMMISSARIO(a Peppino): Adesso arriveranno gli altri uomini e lo porteranno in centrale….

PEPPINO: Già meno male…

COMMISSARIO: Maresca, io devo farle i complimenti

PEPPINO: A me?

COMMISSARIO: Si, proprio a lei! Ha fatto proprio un ottimo lavoro….

PEPPINO: Ho fatto solo il mio dovere!

COMMISSARIO: Ma niente affatto!! Vi siete battuto con coraggio e avete nascosto la cosa per più di un mese…

PEPPINO: Dovete ringraziare anche mio fratello e mia cognata, loro hanno sostenuto il compito più duro…

COMMISSARIO: Ma certamente, nessuno lo mette in dubbio!

ROBERTO(avvicinandosi ai due): Commissario?

COMMISSARIO: Si?

ROBERTO: Scusi, ma mi vuole spiegare cosa è successo in casa mia per favore?

COMMISSARIO: Adesso vi spiego subito! (cominciano a parlottare con Peppino)

ANTONIO(imbarazzato, si avvicina a Retella che parla con Amelia): Retè….

RETELLA(acida): Che c’è?

ANTONIO: Mi perdoni?

RETELLA: Che cosa?

ANTONIO: Quanno t’aggio visto dinto e’ braccia e chill’ommo, aggio capito ca senza e’ te nun pozzo sta! Retè, aggio sbagliato…tu pe me si tutte cose….!!

RETELLA: Overo?

ANTONIO: Sissignore…!!! Retè perduoname!

RETELLA(ad Amelia): Che dice Amè, o’ perdono?

AMELIA(pensandoci): Hmmm….. ma certo che lo puoi perdonare!!

RETELLA: E allora va bene!!! (si abbracciano) ma nun te permettere cchiù!!

ANTONIO: No no, te lo giuro!! (ad Amelia) Amè, scusame pure tu!

AMELIA: Scuse accettate!!

ANTONIO(a Retella): Non ti abbandonerò, anzi me metto a cercà na fatica migliore, pure pe stu criaturo c’adda nascere….

RETELLA: Che cosa?

ANTONIO: Per il bambino!!

AMELIA(confessando): Scusa Retè, ma m’è scappato!!

RETELLA: E chesto te vulevo dicere Amè: nun songo incinta!

ANTONIO/AMELIA: Che cosa?

RETELLA: Si, aggio visto mo cu mammà!

NANNINA(che assieme agli altri avrà sentito l’ultima parte del discorso): E va buono guagliù, truvatavenne cuntenti!!

CICCILLO: Ma si, site giuvene!!

ANTONIO: E nun fa niente!!! Tanto a’ voglio bene o’ stesso!! (si abbracciano)

ERMINIA: Bravo Antonio!!

AMELIA(ad Antonio): Antò…

ANTONIO: Si?

AMELIA(alludendo a Roberto): Credo che dovresti chiedere scusa anche ad un'altra persona…

ANTONIO: Pure a isso?

AMELIA: E comme te pare?

RETELLA: Jammo muovete!!

ANTONIO: E va bene!!! (si avvicina a Roberto) Scusate….

ROBERTO: Si? Oh, caro amico mio…

ANTONIO: Scusate, ma io devo chiedervi delle scuse….

ROBERTO: A me? Ma per che cosa? Io non smetterò mai di dirvi grazie…

ANTONIO: E invece non lo dovete fare!

ROBERTO: Che cosa?

ANTONIO: Quello che vi ho detto era tutta una bugia!

ROBERTO: Ma che state dicendo?

ANTONIO: Amelia non è affatto così, vi ho mentito…

ROBERTO: Ma voi veramente fate?

ANTONIO(ammettendo): Sissignore…!!

ROBERTO: Ah si? E poi il pazzo sarei io!!! Per causa vostra mo perdevo a quel fiore…. (si avvicina ad Amelia)

AMELIA(a Roberto): Ma dico io poi, tu hai anche dubitato?

ROBERTO: E io che ne sapevo? (ad Antonio) vabbè, scuse accettate!

ANTONIO: Grazie (stretta di mano)

AMELIA(a Roberto): E quel famoso pranzo fuori?

ROBERTO: Che problema c’è? Andiamo adesso!!

AMELIA: Retè, venite pure voi!!

RETELLA: Amè, ma nuie…

AMELIA: Ma non fa niente, offre Roberto! (a Roberto) vero?

ROBERTO: (Ma vedite che se passa cu sti femmene!) Ma certo!

AMELIA: Allora è andata!

Scena ultima

Lucia, Giacomino e detti

LUCIA(entra quasi correndo seguita da Giacomino): Donna Nannì! Donna Nannì!!

NANNINA: Guè Lucì ch’è stato?

LUCIA: Giacomino m’ha ditto ca c’è stata na sparatoria ccà dinto!!

GIACOMINO: Don Ciccì che s’adda fa?

CICCILLO: Seh, tu t’appresiente mo? T’he piaciuto e’ magnà?

GIACOMINO(atteggiandosi): Addò sta o’ boss?? Ci dobbiamo battere!!!

NANNINA: Giacumì ma che vuò battere!!? Chillo sta ccà o’ i? (lo indica)

LUCIA: Uh, donna Nannì chisto è chillo cu a’ faccia brutta d’aieressera!!

COMMISSARIO(sentendo le ultime parole di Lucia): Ma perché è venuto anche ieri sera?

LUCIA: Sissignore (poi rendendosi conto) ma vuie chi site?

NANNINA: Lucì, chisto è o’ commissario!!

LUCIA: E nientedimeno ca vuie venite mo po’ arrestà?

COMMISSARIO: E voglio parlà sempe!!

NANNINA(alludendo a Capa di Limone): Neh a proposito, ma chisto quanno se sceta!?

CAPA DI LIMONE(lamentandosi): Ah….ah….ah…..

CICCILLO: Oì lloco!!!

COMMISSARIO: Zitti tutti!!!

Tutti si dispongono a semicerchio intorno a lui

CAPA DI LIMONE(delirando): O’ cadavere, o’ cadavere….

NANNINA(a Ciccillo): Va truvanno o’ cadavere!!!

CAPA DI LIMONE(si accorge della presenza di tutti): Neh ma….

COMMISSARIO(cacciando le manette): Ciro Massone,detto Capa di Limone, in nome della legge ti dichiaro in arresto!

CAPA DI LIMONE: A’ capa, me fa male a’ capa….

CICCILLO: E pe forza! Chella a’ toia, è na capa e’ limone!!

NANNINA: Statte zitto!!

CAPA DI LIMONE(sempre dolorante, mentre il commissario gli mette le manette): O’ cadavere, o’ cadavere!!! Addò sta o’ cadavere?

COMMISSARIO(fermandosi un attimo): Già, è vero ha ragione: ma alla fine questo cadavere dove sta?

NANNINA: Commissà ma nun l’avite capito ancora?

CICCILLO: Nientedimeno o’ sanno tutte quante!!!!

PEPPINO: Addò po’ sta?

NANNINA: Dinto o’ stanzino!!!

ROBERTO: Ah, adesso si spiega tutto!!

CICCILLO: Ah, mo avete capito don Robè? E (rivolgendosi agli altri) invece sapete io e mia moglie che cosa abbiamo capito?

TUTTI: Che cosa?

CICCILLO: Ca doppo tutto stu burdello, c’avimma fa nu stanzino cchiù gruosso!!!

TUTTI: Uh don Ciccì!!

Fine secondo atto - FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno