‘A casa nova

Stampa questo copione

'A casa nova

'A casa nova

due atti in dialetto napoletano

di Paolo Cappelloni

Personaggi

Fabio

Gabriella - sua fidanzata

Antimo - amico

Gloria - amica

Marina - vicina di casa

TUTELA SIAE

L'uso senza permesso da parte di chiunque, in qualunque forma, è assolutamente vietato.

Per eventuali comunicazioni contattare l'autore.

cell: 338 9 338 116

e mail: paolocappelloni@yahoo.it

Nel caso di rappresentazione dichiarare alla SIAE il titolo originale.

La scena rappresenta una stanza che deve essere adibita a salotto; è completamente vuota e fa parte di un appartamento ancora disabitato. Non ci sono altre uscite oltre la comune, in fondo.

Primo atto

Gabriella -          (Entra credendo di essere seguita da Fabio)… E pe' cchello ca riguarda 'o salotto, i 'o vedesse accussì:… (Si volta e non vede Fabio) Ma addó è ghiuto? (Si sporge oltre la comune e grida) Fabbio!… Fabbio! Puozze schiattà!… (Entra Fabio con atteggiamento annoiato) Possibbile ca ogni tanto t'aggia perdere? Manco si fosseme 'nda nu castello!… Vaco in t'a cucina e tu staie ancora dint'a stanza 'e lietto, vengo 'nda stanza 'e lietto e tu stai dint'a terrazza, vengo 'nda terrazza e tu staie dint'o gabbinetto!

Fabio -               Bè, chella vota d'o gabbinetto è stata na necessità! Accussì l'aggio inaugurato!

Gabriella -          Solo chillo putive inaugurà. Allora dicevo ca pe' chello ca riguarda 'o salotto io 'o vedesse accussì: dunque, 'o divano 'o mettesse dint'all'angolo là abbascio… (Indica l'angolo di fondo, a destra del pubblico) Nu bellu divano 'e tipo moderno, tutto niro, cu gruossi cuscini a fiori…

Fabio -               Eh, e doie cannele pe' parte, accussì appena uno se stenne putimmo fà 'a veglia vicino 'o muorto!

Gabriella -          Nun fà 'o spiritoso e famme fà a me, ca tu 'e sti cose nun capisci niente. (Continua) Certe cuscini grosse… e annanze 'o divano nu bellu tavulino, basso basso, tutto 'e cristallo fumé.

Fabio -               Na curona 'ncoppa 'a porta…

Gabriella -          (Non lo ascolta) In modo ca dint'a stu punto (Ci si mette) putimmo comodamente vedé 'a televisione, ch'a mettimmo proprio llà. (Indica la parte opposta).

Fabio -               E 'o stereo?

Gabriella -          'Ncoppa 'a televisione, scemo! Facimmo nu blocco unico: televisione, videoregistratore e impianto stereo, va buono?

Fabio -               Va benissimo!

Gabriella -          Grazie p'a approvazione.

Fabio -               Prego.

Gabriella -          P'e lampade, invece, ce vulesse tre o quatto punti 'e luce: duie 'e lati 'e lati 'o divano, uno affianco 'a televisione in più na serie 'e faretti azzeccati 'n faccia 'o muro, chilli tipi ca se girano, no?

Fabio -               (Senza scomporsi) 'A che parte s'hanno a girà?

Gabriella -          Guarda, Fabbio,quanti fai accussì me fai scennere 'o core dint'e calzette! Invece d'essere contento 'e sistemà sta casa nova… guarda llà! Sempe co 'o muso a sotto! Pare ca te fanno nu dispetto! Guarda ca si tiene ripensamenti m'o può pure dicere! Jà a combattere cu mammema!

Fabio -               Ce mancasse pure!

Gabriella -          In tal caso ce sta pure Luca ca nun aspetta at'e me spusà! M'ha ditto pure ca mammemaè simpatica!

Fabio -               Luca è chillo che va sempe in giro pecché fatica dint'o circo?

Gabriella -          Eh, sta areto 'e bestie d'o zoo.

Fabio -               Ah ecco. Mo se spiega… Av'a che ffà cu j orangutang!

Gabriella -          E chesto che c'azzecca cu 'o fatto ch'è simpatica… (Comprende l'allusione di Fabio) Oh brutto…! T'aggio ditto mille vote ca nun ti a permette 'e fa cierte battute sceme 'ncuollo a mammema!

Fabio -               Va' bbuó… e mo' che facimmo?

Gabriella -          Comme che facimmo? Penzammo 'a sistemazione!

Fabio -               Gabbriella, so' doie mise ch'avimmo pigliato st'appartamento addó imm'a venì 'e casa appena spusate: cchiù o meno fra tre mise, e so' doie mise ca me trascini dint'a sta casa, pure 'e dumméneche. (Fa un gesto per dire: "come oggi") E tutt 'e juorne me dice sempe 'e stesse cose! Picciò so' sessanta juorne ca me dice, senza cagnà na virgola, 'a posizione 'e tutt 'e mobbile, 'e mobbilette, 'e segge, 'e tavole e j accessori vari. Tenesse quacche vota nu ripensamento… no! Sempe 'e stessi cose dint'e stessi posti! Ormai m'aggio 'mparato tutto a memoria! M'aggio ambientato! Saccio pure addó tiene 'e bicchiere, 'e piatte, 'e forchette, 'e curtielle i 'e cucchiare d'o servizio buono! (Si dirige a sinistra del punto in cui deve essere posto il televisore e mima l'atto di aprire un'anta di un mobile ed estrarre due bicchieri) Ja, so' chisti, 'e bicchiere?

Gabriella -          Uuuuh! Na vota tanto co 'o senzo 'e l'umorismo tuoie m'è fatto venì a mmente l'idea d'a disposizione finale: Fa' a vedé ca te miette assettato 'n coppa 'o divano.

Fabio -               Che itto?

Gabriella -          Fa' poche storie ch'è capito bbuono! Mittete assettato comme si vulisse guardà 'a televisione! (Fabio esegue controvoglia) Bè? E' 'o modo 'e sta assettato accussì?

Fabio -               (Ironico) Aggi'accavallà 'e ccosce? (Le accavalla e allarga le braccia come per appoggiarle sullo schienale) Aaah, cumm'è bello! Viene pure tu!

Gabriella -          'A fernisce, scemo! Dimme nu poco: comme se vede 'a televisione da llà?

Fabio -               Ooooh! Se vede bbuono! E' perfetta! Issa 'a levà solo nu poco 'e culore che da fastidio dint'all'uocchie!

Gabriella -          Mo' aizate e viene accà, vicino 'a finesta. (Fabio s'alza e sta per avviarsi) Ma che ffaje? Stru! Annanze 'o divano ce sta 'o tavulino 'e cristallo fumè! Ci hai a passà attuorne!

Fabio -               Ah, già, che 'nzallanuto che songo! Mo jevo a sbattere 'e ginocchia!

Gabriella -          'E caviglie!

Fabio -               Pecché 'e caviglie?

Gabriella -          Pecché 'o tavulino è cchiù curto! (Riflette) Comunque 'o tavulino ha da stà cchiù spustato, a si no chi sta assettato 'n coppa 'o divano ha da fa nu ggiro troppo luongo pe' venì miezzo 'a stanza.

Fabio -               Puveriello! Sai che sudata! E si 'o luammo addirittura?

Gabriella -          'O tavulino? Ma stai pazziando?! Che schifo 'e salotto vene fora? Chello ca me preoccupa, invece, è 'o mubbiletto veneziano che sta vicino 'a televisione!

Fabio -               Pecché?

Gabriella -          Pe' mezzo d'a fenesta! Tengo paura che quando s'arape, nun 'o saccio, se putesse arruvinà.

Fabio -               'A fenesta?

Gabriella -          'O mubbiletto veneziano, cretino!

Fabio -               Scusme.

Gabriella -          Certo ca si nun penz'io a certe cose, stammo frische!

Fabio -               Si pozzo dicere a mia…

Gabriella -          Sentimmo.

Fabio -               Ecco: stu mubbiletto veneziano… cioè, pe' "veneziano" t'intiende chille mobbile laccati bianche, ch'e rifiniture dorate…

Gabriella -          Chille!

Fabio -               Ecco, nun te pare ca stona nu poco cu chillu tavulinetto?

Gabriella -          Ma stai pazziando 'o vero? Ma quante strunzate dice? 'O bello è proprio llà! Dint'o contrasto tra l'antico i 'o moderno! Nu tiene manco nu poco 'e fantasia artistica!

Fabio -               Pecché i penzavo…

Gabriella -          Che penzavi? Che penzavi? Ca nun te jeve bbuono neanche 'a cucina firmata componibbile rossa ch'e cuoricine rosa 'ncoppa 'e bacheche che è 'a fine d'o munno! Troppo… troppo… comme itto che è?

Fabio -               Stucchevole.

Gabriella -          Stucchevole! Sì, ce mancasse! Cu cchello che ccosta! M'hanno garantito ch'è tutto legno massello! Ate che stucco!

Fabio -               Va' bbuó, comunque nun vojo parlà d'a cucina, ma vuleva dicere ca comme dint'a stanza 'e lietto…

Gabriella -          (Lo interrompe) Nun te permettere 'e criticà 'a stanza 'e lietto! Ca simmo una d'e poche, pochissime coppie ad avé 'o lietto rotondo, e simmo invidiati 'a tutti quanti!

Fabio -               Ah sì! Ce 'o venene a chiedere in prestito, 'o lietto rotondo c'a cuperta in finto leopardo e senza 'a testiera! A proposito: dimme comme ess'a fà pe' leggere dint'o lietto?

Gabriella -          Ah, fai ambressa: nun legge, pecché 'a cosa ca nun supporto e vedé a ggente che legge dint'o lietto!

Fabio -               E' na cosa normale! Pe' mme è l'unico mumento pe' me rilassà e leggere quaccosa!

Gabriella -          Liegge primma 'e venì a durmì! (Acida) Nu faje manco nu poco 'e sacrificio pe' mugliereta ca quanno va a lietto… nun vò rotture 'e palle?

Fabio -               Credo ch'aggio afferrato 'o senzo. (Cambia discorso ed indica l'angolo nei pressi della ribalta, a destra del pubblico) E 'nta chill'angolo che ce vuó mettere? Nun c'e ancora penzato!

Gabriella -          Ci aggio penzato, ci aggio penzato, ma nun aggio ditto niente pecché ero indecisa si mettere nu portariviste oppure na bella pianta. Tu che dice?

Fabio -               (Sorpreso) Ioooo?

Gabriella -          E cu cchi sto parlando?, co 'o muro?

Fabio -               I dicesse ca ce sta bello na pianta…

Gabriella -          No, no, 'a pianta sporca. No, è meglio nu bbello portariviste, 'o stesso tipo d'o tavulino.

Fabio -               In cristallo fumè?

Gabriella -          Sicuro! Accussì fa la parur!

Fabio -               Bè, cchiù d'a parur… dicesse ca fa venì na bbotta!

Gabriella -          Ja, mo' stamme a sentì: i vaco a pulezzà 'a cucina e 'o terrazzo, tu, intanto, miette na lampadina sciué sciué dint'o salotto a si no nun se vede niente… Pure si, detto fra noi, 'e lampadine mise accussì me fanno venì na tristezza… (Esce)

(Fabio, rimasto solo, si guarda attorno per cercare un punto di corrente, guarda in alto ma dal soffitto non pende niente, esce un attimo dalla comune e rientra con una scatola per gli attrezzi da cui estrae un lungo filo elettrico con portlampada e spina)

Fabio -               (Grida) Nun ce stanno cchiù lampadine!

Gabriella -          (Da fuori) Acchiappa chella d'o gabbinetto!

Fabio -               (Esce con portalampada e spina. Da fuori) E si aggia fa quaccosa d'urgente comme faccio a vedé?

Gabriella -          Vai a mmazzo.

(Fabio rientra con la lampadina, già avvitata, nella mano sinistra e la spina nella destra, va alla ricerca di una presa che trova nel punto, nascosto al pubblico, fra il sipario e la quinta, poi appoggia la lampadina e il filo in terra, esce e torna con un attaccapanni verticale, tipo "uomo morto" che pone al centro del palco e sul quale sistema la lampadina girando il filo a mo' di pianta rampicante; esce fra la quinta e il sipario, attacca la spina, la luce si accende, rientra)

Fabio -               (Grida) Fatto!

Gabriella -          (Entra) E chilo che d'è?

Fabio -               Nu lampione!

Gabriella -          'O vide addó sta 'a fantasia architettonica! Dint'e scemità! Stutala mo', sta lampadina, che sta luce appicciata me da nu senzo 'e scuro!

Fabio -               (Andando verso l'angolo della spina) 'Na luce ca dà nu senzo 'e scuro… (Ad alta voce, da dietro il sipario) Chisto è nu paradosso!

Gabriella -          Che schifo! Scamazzalo 'n terra st'animale ca me fa venì 'o friddo 'ncuollo! (Fabio rientra, allibito ma ormai rassegnato all'ignoranza di Gabriella) … L'è acciso?

Fabio -               (Ironico) Comme no! Ne tenevo quatto o cinche, 'e chilli paradossi e l'aggio scamazzati tutti quanti! (Campanello).

Gabriella -          E mo' chi è?

Fabio -               Sarà Antimo cu Gloria, ajere m'hanno chiesto si puteveno vedé l'appartamento.

Gabriella -          E tu l'è invitate??

Fabio -               E pecché no?

Gabriella -          (Andando ad aprire) Si 'o solito cretino! (Da fuori) Che sorpreeeeesa! (Entrano: Gabriella, Antimo e Gloria) Comme so' cuntenta ca site venute!! E' nu cuofano 'e tiempo ca diceve a Fabbio: ci aggia fa vedé l'appartamento nuovo a Antimo e a Gloria!!

Fabio -               Sì, sì, ha fatto na uallera tanta!

Gabriella -          (Ipocrita) Oh, scusate 'o burdello ma sapite cumm'è, l'appartamento è nuovo 'e zecca!

Antimo -            Nun te preoccupà, Gabbriella. (A Fabio) Allora, Fabbio? Te staje priparanno 'o nido d'ammore, eh?

Fabio -               Eh sì.

Gloria -              E' arioso, luminoso!

Gabriella -          A si no nun 'o pigliavo! 'A primm'acchitto tenevo na mezza idea 'e me piglià nu selvatico 'e campagna…

Fabio -               Se dice "rustico" 'e campagna!

Gabriella -          E va bbuó: rustico… selvatico… Me 'mbroglio pe' sta cu nu grezzo comm'a tte!

Gloria -              Comunque è bellella.

Gabriella -          Azz! Cu chello che ccosta! E po’ nu è visto 'a stanza 'e lietto che tene na fenesta ch'affaccia 'ncoppa 'o giardino. Vien'a vedé, che chella già è apposto e remane a bocca aperta. (Escono Gloria e Gabriella)

Antimo -            E allora?

Fabio -               E allora che cosa?

Antimo -            (Guardandosi attorno) Chisto ess'a essere 'o salotto!

Fabio -               Ess'a essere. Invece vennarrà na camera ardente cu nu tocco 'e settecento veneziano pe' ravvivà l'ambiente!

Antimo -            Me pare 'e capì ca 'e gusti tuoie so' differenti d'e suoie.

Fabio -               Certamente, e fosse solo p'o salotto… a proposito, aspetta nu mumento. (Esce un attimo, nel frattempo Antimo osserva il lampione improvvisato. Rientra Fabio con una cassa vuota e alcune sedie da cucina) Ohì, avimmo fatto pure 'o salotto, assiettete, vaco a vedé dint'a cucina si ce sta quaccosa pe' bbere. (Fabio esce mentre Antimo si accomoda; rientra Fabio con una bottiglia di vino e due bicchieri) Tengo solo 'o vino, va bbuono 'o stesso?

Antimo -            Va bbuono, ma nun te mettere in cerimonie. (Scherzando) Steva vedendo sta bbella lampada forma 'e stelo. E' n'idea toia?

Fabio -               Pe' forza! Si fosse stato pe' Gabbriella ev'accattato 'o lampadario d'o San Carlo solo pe' ffa 'a luce durante 'e lavori!

Antimo -            Stamm 'a sendì, Fabbio, nun so' fatte de mi ma , onestamente… nun tiene pe' niente 'a faccia de uno ca s'ha da spusà! M'aspettava 'e te vedé più cuntento!

Fabio -               No, no, è tutto apposto ma, 'o saie, 'o matrimonio nun è na pazziella, è nu passo importante e ma pare ca sta situazione è comme chist'appartamento: ce stanno tutt'e cose da fa!

Antimo -            E' normale! Ti a ancora spusà!

Fabio -               Eh, speriamo ca ce stanno 'e fondamenta buone!

Antimo -            'Nda stu palazzo?

Fabio -               No, 'nda chistu matrimonio! (Rientrano Gabriella e Gloria)

Gabriella -          Ah, bravo! C'immo miso pure a festeggià! Te sì fatto pure 'o salottino! (A Gloria) Scusa, Gloria, ma simmo misi ancora accussì, a la sanfasòn. Parecchi mobili hanno ancora arrivà.

Gloria -              Ma figurate!

Fabio -               Addó m'ev'a mettere, dint'a cucina addó nun ce stanno manco doie persone?

Gabriella -          Si nun te soddisfaceva 'a metratura d'e stanze 'o putesse dicere primma! Ce truamme nate appartamento! (A Gloria) Nun è ch'a cucina ' piccerella, ma 'o fatto è ca ce stanno ancora parecchie cose sott'an coppa! Poi ammo miso pure 'a lavastoviglie! A proposito, 'o sapite addó jamme in viaggio di nozze?

Fabio -               (Sorpreso) No!

Gabriella -          Comme no! Jamm'e Sei ascèlle!

Fabio -               Sì, e ai quatto gomiti! Ma nun èreme indecise tra Mauritius e le Maldive?

Gabriella -          Io aggio tajato 'a testa a 'o toro e jamme alle Sei ascèlle!

Fabio -               (Ironico ma sconsolato) Uh, è 'o vero! Che scemo! (A Fabio e a Gloria) Immo deciso 'e ji alle Seychelles!

Antimo -            In effetti m'hanno ditto che so' bbelle!

Gabriella -          Ah! Poi chist'anno è obbligatorio a ji llà, ce vanno tutte quanti!

Fabio -               Eh, ormai ce vanno a fa 'e gite aziendali cu pranzo al sacco!ù

Gabriella -          Quando sei scemo! Saranno 12 ore 'e viaggio! Mica se portano 'a marenna 'ncoppa 'e spalle!

Gloria -              Fabio sta pazzianno.

Gabriella -          Ah, pecché 'n se capisce maie quanno sta facendo 'o vero e quanno sta pazzianno! (Cambia discorso) Stamm'a sentì a me, Gloria… 'O vide,'ccà dint'o salotto ce vulesse mettere nu divano a angolo.

Fabio -               Niro…

Gabriella -          Sì, E annanze…

Fabio -               …Nu tavulino 'e cristallo fumè.

Gabriella -          E 'a televisione, 'o videoregistratore e tutto l'apparecchio stereo ch'avimmo già urdinato, proprio 'ccà 'nnanze. (Indica l'ubicazione)

Fabio -               In modo ca d'o divano, niro, ad angolo, putimmo guardà in grazia 'e ddio 'a televisione.

Gabriella -          Vicino 'a televisione ce vulesse mettere nu mobile 'e "stile veneziano"…

Fabio -               Ca è nu pugno dint'all'uocchio.

Gabriella -          Ca fa cuntrasto co 'o moderno d'o divano…

Fabio -               E d'o portariviste ca fa na gran parur insieme 'o tavulino.

Gabriella -          Mentre pe' i punti - luce…

Fabio -               Guarda ca Gloria e Antimo nun se ne 'mportano proprio d'e punti - luce tuoie.

Gabriella -          (Grida) Fabbio m'hai scassato!! E 'a fernisce 'e me stuppà!! (A Gloria) Comme punti - luce metto doie steli 'e late d'o divano, na lampada vicino 'a televisione cchiù na serie 'e faretti dizerion… direnozia… diroiz… 'e chelle ca se ponno girà. Bello, no?

Gloria -              Sssì. Po’ s'ha dda vedé 'o tipo 'e lampada…

Gabriella -          E' normale! Cu chesto vaco 'ncoppa 'o sicuro pecché piglio certi steli firmati e picciò nun c'essere a sta problema!

Fabio -               Sì, sì, nun ce starà nisciuno problema pecché avimmo pigliato tutta 'a robba firmata; pure, senza offesa, 'ncoppa 'o scupettino d'o bagno ce sta na firmetta, piccerelle piccerella, ma ca garantisce ca funziona alla perfezione!

Gabriella -          Sì, tesoro! E' 'o vero! Vuó mettere nu scupettino normale cu chillo firmato da nu desailer?

Fabio -               (Ironico) Eh, Stai pazzianno? Pienza quanta fatica hanno fatto chilli progettista a ffà chella linea particolare pe' po' firmarla! Sicuramente uno doppo, 'a fa cu tutto un ato gusto!

Antimo -            Bè, mo' luammo 'o disturbo.

Gabriella -          No, no! Rimanete ancora! Ce fate piacere, pure si nun tenimmo niente a v'offrì, pe' colpa soia (Indica Fabio) ca nun penza maie a sti ccose!

Antimo -            Pe' ccarità! Nun è pe' chesto, è ca già so' stato invitato a pranzo 'a na guagliona e song in ritardo.

Gabriella -          (A Gloria) Allora rimane tu.

Gloria -              No, ti ringrazio, vaco pur io.

Gabriella -          Comunque turnatece a truvà ca nuie stammo sempe 'ccà tutt'e juorne, doppo faticato. (Gabriella li accompagna alla comune)

Fabio -               Sì, sì, tutt'e juorne, t'iss'a a scurdà?

Gloria -              Ciao Gabbriè, ciao Fabbio. (Saluti, escono)

Gabriella -          (Rientrando) Guai a te si ce 'o dice n'ata vota 'e ce venì a truvà prima ca ce sistemammo!

Fabio -               Ma si le 'nvitati tu proprio mo'!

Gabriella -          I l'agg'itto accussì tanto pe' dicere! Scè! Sta tranquillo ca nun veneno!

Fabio -               Tu, Gabbriè, tiene quaccosa ca nun funziona 'nda 'a capa. Si nun te faceva piacere te putive sta zitta!

Gabriella -          Sì, pe' ffa 'a figura 'e mmerda ca fai sempe tu!

Fabio -               Ah, pecché tu, cu cchella mania d'a firma, si proprio na finezza!

Gabriella -          Ah, lasciammo sta' 'a finezza, ca cierte vote me fai mettere scuorno pe' ccome t'accuonce, cu chilli jeans che t'è accattato 'o mercato!

Fabio -               Pecché, che ce sta 'e diverso 'e jeans accattati dint'o mercato cu chilli che s'accattano dint'a boutique, dimmelo.

Gabriella -          E' na questione de principio i 'e moda.

Fabio -               No, è na questione 'e denare i 'e fregature!

Gabriella -          Ah, certo ca pe' uno comm'a tte ca nun s'interessa per niente d'o look… nun saccio comme faie!

Fabio -               (Ironico) Ma 'o saie ca cierte vote m'o chiedo pur io?? 'E notte me sceto subbeto, tutto surato, e ddico: Fabbio, pecché nun te ne futte 'e niente d'o look?... Pó vaco in crisi e me metto a chiagnere!

Gabriella -          Mo' aggio capito bbuono ca staie facenno 'o scemo e nun te rispongo pe' niente! Ja, va' llà, va' a pulezzà 'e battiscopa ca io me ne vaco dint'a cucina. (Esce)

Fabio -               (Va oltre la comune e prende un secchio d'acqua e uno straccio con cui si metterà carponi a lavare i battiscopa, cantando) Se non va non va non va/c'è una novità/Forza ragazzi spazzola e tutto cambierà!/ Chissà se va, chissà se va ,chissà se va, se va! Ma sì che va, ma sì che va, che va…

Gabriella -          (Si affaccia) … a murì ammazzato!

Fabio -               Ma mo' che vuó?

Gabriella -          'O ssaie ca nun sopporto quand'uno canta mentre fatica! (Esce)

Fabio -               E si cagno canzone? (Gabriella non risponde, Fabio riprende a cantare) Figaro qua, Figaro là, Figaro su, Figaro giù!! Sono il factotum della città della cittààà della….

Gabriella -          (Compare da dietro facendo sobbalzare Fabio per lo spavento) E' fornuto d'alluccà?

Fabio -               Ma chisto era Rossini!

Gabriella -          No, chist'ire tu! Vuó vedé ca mo' nu riconosco 'a voce toia?... E' fernuto 'e lavà 'e battiscopa? Quanta n'è pulezzata?

Fabio -               (Facendo il gesto) D'accà a 'llà.

Gabriella -          Sule??

Fabio -               Oh, è na fatica a sta 'ngenucchiato!

Gabriella -          Allora miettete stise. E mentre fernisce accà i me ne vaco a mangià quaccosa.

Fabio -               E i mo' rimango a ppère!

Gabriella -          Te veng a piglià cchiù ttarde… si tengo genio.

Fabio -               Allora me ne vengo cu ttico.

Gabriella -          No, no, mo' e' cumminciato e fernisce! (Esce)

Fabio -               (Grida) E i quanno mangio? (Nessuno risponde. Si rimette in ginocchio e canta) Ma Dio delle città/ e dell'immensità/ Se è vero che ci sei/ Fai c alle vene quaccosa… (Campanello. Fabio ha un gesto di stizza) E mo' che vvò? (Esce dalla comune da cui rientra un Fabio completamente trasformato da uno smagliante e inebetito sorriso, in compagnia di una bella ragazza)

Marina -             Mi scusi del disturbo, mi chiamo Marina e stong 'e casa all'appartamento 'cca a ffianco.

Fabio -               Sì.

Marina -             Sento 'a parecchio ca state sistimanno l'appartamento e nun ce simmo maie 'ncuntrate.

Fabio -               No.

Marina -             Allora aggio penzato ca, faticanno 'cca nu tenite 'o tiempo 'e ve cucinà, accussì m'è venuto a mmente, ecco, se lei, si tu e mugliereta vulite approfittà e venì a mangià quaccosa… i stong sul io…

Fabio -               Sì.

Marina -             Allora, si nun v'offendite, putimmo mangià assieme.

Fabio -               Sì, cioè, 'a cosa… 'a nnammurata mia mo' nun ce sta.

Marina -             Ah, nun site ancora spusate?

Fabio -               Ancora no, pe' ffort… ecco, essa è ghiuta a mangià a casa d'a mamma e i stevo accuvacc… e steve pulezzanno 'e battiscopa.

Marina -             Va bbuó, nu ffa niente, se ne parla 'a prossima vota.

Fabio -               No, no, ecco, si… si nun t'offiende… apprufittasse volentiere 'e mangià quaccosa… giusto pe' ffermà 'o stommaco.

Marina -             Pe' mme va benissimo, ce vo' paricchio pe' fernì 'e battiscopa?

Fabio -               Me manca solo chillu piezzo.

Marina -             Benissimo, allora t'aiuto, accussì facimmo primma.

Fabio -               No, no! Fernisc i.

Marina -             Ma stai pazzianno? Quanto ce vò? (Si mette ad aiutarlo, cantando) … E se domani/ io non potessi/ rivedere te… (Fabio si ferma ad ascoltare, piacevolmente, Marina che canta. Marina si volta e lo sorprende in contemplazione) Scusa, nun ce simmo ancora presentati.

Fabio -               I me chiammo Fabbio.

Marina -             E 'a 'nnammurata toia?

Fabio -               (Cerca di far mente locale) Eeee…. Gabbriè… sì, Gabbriella. Tu, invece, 'e do sì?

Marina -             'E Napule, nun se sente?

Fabio -               Sì, ma 'e dó, precisamente…

Marina -             Piazza Dante, e tu?

Fabio -               Via dei Mille.

Marina -             Allora stevemo 'e casa vicino da piccirilli!

Fabio -               Po’ essere, però nun ce simmo mai incuntrate pecché i so' cchiù grosso… Quant'anne tiene? Oh, scusa!

Marina -             Ma quale scusa! Mica me metto scuorno! Tengo 24 anne, e tu?

Fabio -               Eh?

Marina -             E tu, quant'anne tiene?

Fabio -               33.

Marina -             L'ann 'e Cristo.

Fabio -               Sì. Proprio quanno l'hanno miso in croce.

Marina -             Ma quanno tenite intenzione 'e ve spusà?

Fabio -               'E ccose hann'a precipità fra poco.

Marina -             Ma parle comme si fosse na disgrazzia!

Fabio -               Pecché, ch'aggio ditto?

Marina -             Stai parlanno 'e precipitazioni! Ma che d'è, na valanga o nu matrimonio?

Fabio -               Boh!

Marina -             Bè, c'iss'ha penzà… (Si mette a pulire i battiscopa canticchiando) I sogni son desideri/di felicità….

Buio

È passata una settimana. Gabriella e Fabio stanno sistemando delle scatole contenenti oggetti e prodotti per le pulizie e suppellettili varie. Il salotto è nelle stesse condizioni della settimana prima.

Fabio -               (Entrando con un enorme scatola) E chisto addó 'o metto?

Gabriella -          Che ce sta, dinto?

Fabio -               Che cce vuó ca ce sta? Tutte 'e condizioni metereologgiche! (Guardando all'interno della scatola) Baleno e lavoro meno, Tuono il detersivo buono, Lampo p'a zuzzimma nun ce sta scampo e Sole col limone che disintegra 'o crustone. Manca quaccosa?

Gabriella -          Me pare che no, 'e strunzate l'è ditte tutte quante!

Fabio -               Allora addó 'o metto?

Gabriella -          Dint'a cucina, chiòchiaro! (Fabio esce. Gabriella, ad alta voce) E' passata n'ata semmana i 'o salotto nun ce sta ancora! Si pe' dimane nun m'o portano vaco abbascio e faccio nu bburdello! 'E ffaccio mettere scuorno a tutte quante!

Fabio -               (Rientrando) Tiene pacienza, ca vène pure 'o salotto, ca po’, cchiù tarda…

Gabriella -          Ca vulisse dicere?

Fabio -               Ca cchiù tarda e cchiù putimmo pulezzà meglio.

Gabriella -          Pecché nun te credere ch'aggio capito che 'o alotto nun te piace tanto ma a me nun me ne 'mporta proprio pecché tu nun tiene 'a fantasia 'e vedé chello che vène fòra… dunque: 'o divano 'o mettimmo dint'all'angolo…

Fabio -               No! No! Pe' ccarità! Gabbriè, nun accumincià n'ata vòta 'a descrizzione d'o salotto ca m'esce da dint'all'uocchie!

Gabriella -          'O vide? Doppo pe' fforza ca nun te piace! Pecché nun riesce a te l'immagginà!

Fabio -               Me l'immaggino, me l'immaggino!

Gabriella -          Allora sai che ha fà?

Fabio -               Nun m'o dicere!

Gabriella -          Va' a piglià tutte 'e scatole ca tenimmo e fa' 'o salotto pe' vedé 'a sistemazzione e l'effetto finale… Allora, va' a piglià chilli gruosse pe' fa 'o divano. (Fabio esegue, torna con grosse scatole che dispone ad angolo, secondo le direttive di Gabriella) Ecculloco… va bbuó… mo' cu cchello d'e detersive facimmo 'o tavulino 'e cristallo fumè. (Fabio esegue)

Fabio -               Nun è tropp àuto?

Gabriella -          Scè! Chesta è apposta!

Fabio -               Ah, va bbuó, s'è apposta…

Gabriella -          Mo' miette chillu scatolo gruosso ca sta dint'o corridoio addó ha da ji 'o mobbiletto veneziano.

Fabio -               (Portando la grossa scatola verso la finestra) Vicino 'a fenesta…

Gabriella -          Sì, ma no troppo vicino a si no s'arruvina.

Fabio -               (Ironico) 'O scatulo?

Gabriella -          'O mobbiletto veneziano! Scè! (Fabio prende dei resti di cartone e li dispone con cura sul pavimento) E mo' che ha fa'?

Fabio -               'A moquette!

Gabriella -          Ma 'a moquette nun 'a mettimmo!

Fabio -               Allora facimmo apposta ch'è nu tappeto! Ja… è tutto apposto, a parte 'e punti - luce.

Gabriella -          No, manca 'o portariviste.

Fabio -               Uh, 'o vero, 'o portariviste fumè comme 'o tavulino.

Gabriella -          'O vì? Quanno vuó comme t'arricuorde 'e ccose? Piglia 'o scatolo ca sta dint'a cucina e mettel'allà. (Fabio esegue)… 'O vì ca va bbuono?! Miettete assettato 'ncoppa 'o divano.

Fabio -               Maronna mia! Mo' vuó fa n'ata vòta 'a scena 'e chillo ca guarda 'a televisione?

Gabriella -          Uh, aspetta. (Prende una sedia e la mette al posto del televisore) 'E scatole so' fernute, 'a televisione 'a facimmo cu cchesta… Ooooh, mo' se capisce quaccosa! Ja, babbasone, assiettete! (Fabio si siede sullo scatolone che funge da divano, si sbilancia e ci casca dentro) Matriale! Si fai accussì cu 'o divano te faccio trasì p'a porta e te faccio ascì p'o balcone! Dalle na sistimata, babbuino! (Fabio esegue)

Fabio -               Speriamo ca chillu vero nu ttene 'a stessa consistenza… a si no mammeta ha da sta sempe aizata!

Gabriella -          Che vulisse fa, de l'insinuamenti 'ncoppa 'o peso suoie?

Fabio -               Nun è un'insinuazione, è una constatazione.

Gabriella -          Ma che const… che cons… ma quante strunzate dici? Si mia mamma è nu poco robusta è pecché sta bbòna 'e salute!

Fabio -               E' chisto è 'o fatto… (Con rammarico) Che è de salute…

Gabriella -          A proposito, jammuncenne ca a chest'ora già sarà pronto, 'o saie ch'essa vò mangià ambressa… doppo che t'ha pure invitato…

Fabio -               Va' pure, va', i rimango 'ccà, accussì dongo 'na messa a posto.

Gabriella -          Che vuó mettere a posto? Che d'è st'accanimento impruvviso d'a pulizia?

Fabio -               Vuó lascià 'o salotto 'e cartone? Aggi'a mettere tutto a posto!

Gabriella -          No, no, lascialo accussì, ch'appena vengo aggi'avé 'o colpo d'occhio.

Fabio -               Ah, po’ aggi'a controllà 'o sciacquone d'o bagno ca perde nu poco.

Gabriella -          Aggio capito: o nu tiene famme o nu tiene genio, comme 'o solito, 'e venì addu mammema, comunque i vaco e nu cumbinà danne… matriale comme sì! (Esce)

(Fabio, solo in scena, guarda l'orologio, lascia passare un po' di tempo, gira per la stanza, prova a risedersi sul divano, si rialza, si ravvia i capelli, si sistema gli abiti ed esce. Rientra quasi subito con Marina)

Fabio -               Te voglio fa' vedé 'o salotto…

Marina -             (Lo osserva e si mette a ridere) E' origginale! E' na ditta ca nun se mette paura 'e fa vedé 'o materiale che s'adopera!

Fabio -               No! Naturalmente chisto è nu esempio d'a sistemazione!

Marina -             L'eve capito… ma è simpatico 'o stesso!

Fabio -               Nun t'aggio chiesto ca mestiere faie.

Marina -             Faccio 'a 'nfermera.

Fabio -               Oddio santo! E fai pure 'e serenghe?

Marina -             E' normale!

Fabio -               Co 'o pizzicotto?

Marina -             Si uno vo'…

Fabio -               Che bellillo! A me me l'ha fatte sempe a gnora mi, ma invece 'e me fa 'e pizzicotte m'abbuffa 'e cavece, pe' nun me fa sentì 'o dulore, dic'essa… (Campanello) Maronna santa! Chesta è Gabbriella! S'è fermata all'antipasto i è turnata! (Esce e rientra con Antimo) No, no, trase, nu ddisturbe… assaie. Steve… (Antimo vede Marina) stevemo parlanno. Chesta è Marina, 'a vicina.

Antimo -            (Colpito da Marina) I song Antimo, l'amico intimo.

Fabio -               Ma comme parle?

Antimo -            (Fissando Marina) Eh, era pe' continuà 'a poesia! Gabbriella nun ce sta?

Fabio -               No, è ghiuta a mangià. I so' rimasto 'ccà pecché ev'a fernì ancora quaccosa. Assiettete.

Antimo -            Addó? 'Ncoppa 'e scatule?

Fabio -               Uh, 'o vero! Vaco a piglià 'e segge. (Esce)

Antimo -            (Eloquente silenzio di Antimo colpito da Marina. Dopo un po' rompe il silenzio e le parla in italiano) E' assai che conosci Fabbio?

Marina -             Ce simmo conosciuti dummeneca passata.

Antimo -            Stai di casa qui attaccata?

Marina -             Sì, all'appartamento affianco.

Antimo -            Con la famiglia tua?

Marina -             No, 'a verità proprio stongo sola.

Antimo -            Capisco.

Marina -             Che capisci?

Antimo -            Che stai sola.

Marina -             Eh, te l'aggio dett'io!

Antimo -            E' vero, che sbadato! (Entra Fabio con tre sedie e Marina accorre ad aiutarlo. Si siedono)

Fabio -               (Ad Antimo) Allora, comm'è sta visita?

Antimo -            (Torna parlare in dialetto) Niente, accussì, aggio fernuto 'e mangià ampressa, nun tenevo niente a fà...

Fabio -               (Lo interrompe) I è penzato 'e venì 'ccà...

Antimo -            Vuleva vedé comme vanno nnanzi 'e lavore.

Fabio -               Eh, s'ha dda usà nu poco 'e fantasia. (Indicando il salotto di cartone)

Antimo -            Ah, pensavo ca fosse l'ultimo modello 'e salotto firmato.

Fabio -               Che faie... me pigli p'o culo?... Scusa Marina.

Antimo -            No, no, era na battuta. (Guardando Marina) Pecché a me me veneno accussì (Schioccando le dita)... op!

Fabio -               A proposito, vulite bere quaccosa? Comme è 'o solito tengo solo 'o vino.

Marina -             No, ti ringrazio, Fabbio, me n'aggi'a ji, tengo 'a robba 'ncoppa 'o fuoco.

Antimo -            Ah, sì, lascia sta', me n'aggi'a ji pur io, ero venuto pe' ffa nu salto. (Con noncuranza) Te pozzo accumpagnà, Marina?

Marina -             Guarda ch'aggi'attraversà solo 'o pianerottolo, nu corro nisciuno pericolo.

Fabio -               Pò, in tal caso ce stong io.

Marina -             (A Fabio, con un sorriso) Grazie!

Fabio -               Prego!

Antimo -            Va bbuó, allora me ne vaco.

Marina -             Ma guarda che 'mbranata che songo! I l'avevo miso a ffà 'o sugo, ma poi l'aggio stutato! Allora nu bicchiere m'o piglio volentieri!

Antimo -            (Che non può più cambiare idea) Bè, allora... me n'aggi'a ji... (Guarda Marina) Ciao, Marina...

Marina -             Ciao, Cosimo.

Antimo -            Antimo.

Marina -             Ah, sì, ciao.

Antimo -            Ciao Fabbio.

Fabio -               Ciao, grazie per la visita improvvisa.

Antimo -            'E niente. M'ess'intrattenuto ma... (Esce guardando Marina)

Marina -             Entiso? Se fosse 'ntrattenuto ma... se vede ca le scappava!

Fabio -               Ma nun l'avrai fatto apposta?

Marina -             (Ironica e sorridente) A secutarlo?? Io?? Ma stai pazzianno? Pe' chi m'è pigliato?

Fabio -               Raccuntame quaccosa 'e te...

Marina -             Che t'aggio raccuntà... T'aggio ditto ca faccio la 'nfermera a 'o spitale 'a tre anne, vivo sola pecché so' rimasta sola...

Fabio -               In che senzo?

Marina -             'Ndo senzo ca nun tengo nisciuno.

Fabio -               Mariti, 'nnammurate, nu gatto... niente niente?

Marina -             Aggio avuto nu 'nnammurato pe' nu poco 'e tiempo ma faticava a Telecom...

Fabio -               E allora?

Marina -             Allora: invece 'e fa 'e telefonate se faceva 'e telefoniste accussì aggio staccato 'e file.

Fabio -               'E fatto bbuono!

Marina -             E tu?

Fabio -               Che cosa?

Marina -             Comme si' arrivato 'ccà?

Fabio -               A strascino. M'aggio miso a fa ammore cu Gabbriella a 18 anni...

Marina -             Bella età.

Fabio -               Sì, pecché nun se capisce niente! Senonché m'aggio fidanzato, aggio truvato 'a fatica e mo' sto 'ccà.

Marina -             E stai bbuono?

Fabio -               Prego?

Marina -             No, dicevo: si' felice?

Fabio -               Mah, comme se fa a dicere?

Marina -             E' difficile?

Fabio -               Sinceramente sì.

Marino -             Eh, capisco.

Fabio -               Che ccosa?

Marina -             Chello ca vuò dicere. Comme se fa a raggiungere a completa felicità? Solo nu scemo po' esse completamente felice... Allora, viene a mangià, sì o no?

Fabio -               E' ditto ca 'o sugo...

Marina -             Statte tranquillo ca 'o saccio fa bbuono 'o mangià. 'A semmana passata nun si rimasto soddisfatto?

Fabio -               Hai voglia!

Marina -             Allora sta a sentì a me! (Escono)

(La scena rimane vuota per qualche secondo, quindi entra Gabriella come una furia)

Gabriella -          Addó staie, addó staie... Fabbio!! (Lo cerca nelle varie stanze poi torna in scena. Grida più forte) Fabbiooo!! (Entra Fabio impacciato e con la bocca piena)

Fabio -               Sto 'ccà.

Gabriella -          Cu cchi stive? Che stive facenno?

Fabio -               Steva mangiando quaccosa ca... ecco, è capitato ch'aggio fatto conoscenza c'a vicina 'e casa e essa m'ha invitato a mangià quaccosa.

Gabriella -          Diciamo ca si stato tu a l'invità 'ccà, pecché ha itto Antimo ca quanno è arrivato t'ha truvato in dolce conversazione!

Fabio -               (Incredulo) Antimo t'ha telefonato apposta pe' tte dicere ca stevo cu essa??

Gabriella -          Pecché, ha fatto malamente?

Fabio -               (Alza la voce) Pecché, ce sta quaccosa 'e male a scagnà doje parole cu na coinquilina?

Marina -             S'ha da vedé comme se so' scagnate cheste doje parole. (Campanello) Aspietta 'ccà ca nun aggio fernuto ancora. (Va ad aprire e rientra con Marina alla quale si rivolge impettita) Bongiorno... Allora?

Marina -             Scusatemi si 'nzò venuta subbito, song 'a vicin'e casa e visto ca primma Fabbio m'ha voluto fa' vedé, tutto orgoglioso, 'a disposizione d'o salotto, allora aggio penzato d'o invità a mangià quaccosa addu me, ma... (Apparendo entusiasta e ammirando il vestito di Gabriella)... chistu vestito è na favola! Se vede ca tiene buoni gusti! Ma addó l'è accattato?

Gabriella -          (Presa di contropiede, combattuta ma lusingata) Oh, nun è niente, è na cusarella ch'aggio accattato 'a boutique "Tormento" e ch'aggio pavato 450 euri...

Marina -             E' proprio na delizia!

Gabriella -          Grazie... Vuó approfittà pe' vedé l'appartamento... o l'è già visto?

Marina -             No, Fabbio ancora nun me l'ha fatto vedé.

Gabriella -          (A Fabio) 'O solito scustumato! (Escono. Dopo alcuni secondi si sente un urlo di Gabriella che rientra di corsa, seguita da Marina. Gabriella si rivolge a Fabio) Chi t'ha itto 'e mettere tutta chella fetenzia toja dint'a cammera 'ccà affianco?

Fabio -               Eh, tanto chella è na cammera de 'mbruogli.

Gabriella -          'O dice tu! Ci aggio 'a mettere tutta 'a robba 'e mammema!

Fabio -               Pecché, nu ttene cchiù posto a casa soja?

Gabriella -          No, pecché ha da venì 'e casa 'ccà

Fabio -               Che ccosa??? Mammeta ha da venì a sta 'e casa cu nuie? E quanno n'avimmo parlato?

Gabriella -          Nun sarà capitato ma è accussì!

Fabio -               E pàtete?

Gabriella -          Oh, isso sarà tutto cuntento!

Fabio -               Chesto me l'immaggino, comunque nun so' d'accord io! Vivesse sul essa 'a putesse pure capì, ma accussì nun ce sta raggione!

Gabriella -          Ce sta! Ce sta! I aggio pure bisogno 'e quaccheruno ca me da na mano, oppure quacche cunsiglio quanno me trovo in difficoltà.

Fabio -               Oh, Maronna santa!

Marina -             Scusate, forse è 'o caso ca io levo 'o disturbo.

Gabriella -          No, no, rimane pure 'ccà (Guardando Fabio) tanto ormai si' 'e casa.

Marina -             A parte 'o fatto ca nun me sento " 'e casa ", e pò nun me pare giusto ca rimang'a sentì 'e questione voste private.

Gabriella -          Ah, se sì accussì delicata...

Marina -             Bè, piacere d'averti conosciuta.

Gabriella -          (Melliflua e ipocrita) Il piacere è il mio.

Fabio -               T'accumpagno.

Gabriella -          Ah, Fabbio, sta a sentì a mme... (Marina se ne va da sola)

Fabio -               Che d'è?

Gabriella -          (Sottovoce, con ira repressa) Si permiette, voglio fernì 'o discorso!

Fabio -               Quale? Chillo suojo o chillo 'e mammeta?

Gabriella -          Tutti e duje: primmo: A essa nun 'a voglio vedé manco si more... Secondo: mammema vène a sta 'e casa 'ccà!

Fabio -               Pozzo dicere a mia? Primmo: Si tu nu vuó vedé Marina, l'unica cosa ca può fà è chella 'e chiudere l'uocchie. Secondo: Tu 'o ssaje bbuono 'e rapporti ca corrono tra mammeta e me, essa nu pò vedé a mme e io so' cchiù cuntento quando nun 'a veco, quindi 'a signora, 'ccà nu trase!

Gabriella -          Si 'ccà nu trase mammema nu trase nemmanch'io!

Fabio -               E si invece trase essa me ne vaco io!

Gabriella -          Sai che danno!

Fabio -               Ah! Allora tu preferisce... (Campanello)

Gabriella -          Vaco io! (Esce e rientra con Gloria) No, no, steveme parlando 'e mammema.

Gloria -              Allora levo 'o disturbo.

Gabriella -          No, no, oramai stai 'ccà... (Fabio le porge una sedia)... e Antimo?

Gloria -              Che ne saccio, nun so' mica 'a nnammurata soia... pe' fortuna!

Fabio -               Ben detto!

Gloria -              Aggio 'ncuntrato 'a vicina 'e casa vosta, 'ccà ffora, l'avite già conosciuta?

Gabriella -          Chi? Chella sciacquetta? Dincello a Fabbio.

Fabio -               Nun è 'o vero ch'è na sciacquetta, è essa ca nun 'a pò vedé!

Gabriella -          Uh, cielo! Nun me mette mica paura, na cosa comme a cchella!

Gloria -              Pure a me nun m'ha fatto na bella impressione, è tutta na prosopopea!

Gabriella -          Fosse solo 'a prosopoppea...! (Facendo un gesto per indicare il seno) L'è vista pure areto?

Fabio -               (A Gloria) Comme faje a parlà male 'e una ca nun 'a cunusce nemmeno?

Gloria -              E' stata n'impressione a prima vista, me pozzo pure sbaglià.

Gabriella -          No, no, ca nun te sbagli!

Fabio -               Certo ca vuje, si putisseve mettere 'a croce 'n cuollo a quacc'ata femmena...

Gabriella -          Nun è 'o vero pe' niente! Cu tte nu capita maie?

Fabio -               Ah, chesto è 'o vero! Comme me dai 'a croce 'n cuollo a mme nun 'a daie a nisciuno!

Gabriella -          Guarda! Mo' fa 'a vittima! Puveriello! Aspietta ca ce spusammo...

Fabio -               (Preoccupato) Quanti manca?

Gabriella -          (Perentoria) Poco.

Gloria -              Fabbio! Pecché dice accussì? Pare ca ji a na condanna a mmorte!

Gabriella -          Ah, è sempe accussì! I nun saccio cchiù chello ch'aggi'a fà! Certo che, si 'o vvene a sapé mammema ca se comporta accussì...

Fabio -               Maronna santa! Nun me parlà 'e mammeta! Ca sulo 'o penziero d'a 'nnumenà già m'a veco 'n cuollo!

Gloria -              (Con tono di rimprovero) Fabbio...!

Gabriella -          Comunque già ciagg'itto ca è 'nventato na scusa pe' nu ghi a mangià addu essa.

Fabio -               (Preoccupato) E essa ch'ha itto?

Gabriella -          (Truce) Niente, ha fatto 'e nocchere dint'e dete e ha dato nu cazzotto 'ncoppa 'o tavulino ca ancora bballa.

Fabio -               (A Gloria) Siente che gnora tengo? Chella me vò vattere pure a me!

Gloria -              Pecché? A chi vatte?

Fabio -               'O marito! L'ha fatto già ji tre vote 'o spitale!

Gabriella -          (Lo corregge) Doje vote!

Fabio -               Ah, già, 'a terza vota s'è curato sol isso. (A Gloria) Oramai s'è 'mparato pecché ce da sempe 'o stesso punto!

(A questo punto si odono dei passi pesanti e cadenzati, tutti tacciono. Sulla parete che sta dietro alla comune compare una enorme sagoma di donna. Fabio e Gloria sono immobili)

Gabriella -          (A Fabio, con un ghigno) Anduvina chi è?

Fabio -               (Terrorizzato) Mammeta!!!

Sipario

Fine del primo atto

Secondo atto

Il giorno dopo, verso sera. Il salotto in casa di Marina, arredato con gusto un po' bamboleggiante ma carino, con la stessa uscita sul fondo. Marina è in scena, sta spolverando e canticchiando.

Marina -             I sogni son desideri / di felicità... (Campanello. Marina va ad aprire e rientra con Gloria)

Gloria -              Allora? Comme jammo?

Marina -             Nisciuna novità, sento nu cuofano 'e ppicciche, 'a robba che sbatte pe' terra, ogni tanto sento na voce d'omme ca nun saccio chi è...

Gloria -              E' 'a mamma soja.

Marina -             Ah, comunque 'a situazione nun è cagnata pe' niente.

Gloria -              Vide ca quaccosa cagna. Isso nun ci 'a fa cchiù.

Marina -             E che t'o fa penzà?

Gloria -              Tutto. Essa continua a se comportà comme pare a essa. Isso 'a vede comme 'a mamma in miniatura. Basta na parola 'e cchiù e 'a molla scatta.

Marina -             Certo ch'è curioso! Tu me parlavi 'e sta coppia addó essa 'o trattava comme na pezza pe' lavà pe' terra, ce ne diceva 'e tutte 'e culure e isso, puveriello, subbéva, tant'è vero ca i me diceva: "Sarà nu poco scemo?" E pò, guarda 'e case d'a vita: me si venuta a dicere ca venevano a sta 'e casa proprio vicino a me.

Gloria -              E tu è fatto in modo d'o incuntrà...

Marina -             Pe' curiosità! Nun m'immagginavo ca pruvavo subbito quaccosa; nun m'era mai capitato 'o classico colpo di fulmine!

Gloria -              Pò succedere. E nun te credere ca me dispiace! Aiere, mentre parlavo cu loro, aggio fatto n'esperimento: aggio itto che t'avevo 'ncuntrata e ca m'ive fatto na brutta impressione, iv'a vedé comme t'ha difeso Fabbio!

Marina -             E' na sagoma! Puveriello! Aggio visto ca quando sta cu essa cagna proprio atteggiamento!

Gloria -              Ah, pe' forza! E' visto cu chi ha dda cumbattere? Io aggio continuato a frequentallo pecché song'amica 'e Fabbio, a si no... E tante vote, a tu per tu, aggio pruvato a fallo parlà pe' capì che ce truvava 'nda chill'essere 'e femmena ma 'e visto comm'è, nun se sbilancia maie! (Campanello)

Marina -             Scusa. (Va ad aprire e rientra con Fabio)

Fabio -               (Sconvolto) Scusa, Marina, ma... (Vede Gloria) e tu che ce fai 'ccà?

Gloria -              (Ripete, presa di contropiede) Che ce faccio?... (Cerca di inventare qualcosa) Sai che aiere me sbagliavo 'ncoppa 'o cunto 'e Marina?? 'A primma impressione d'a mia era completamente sbagliata. Oggi ce simmo incuntrate 'mmiezzo 'e scale e ce simmo mise a parlà, pò m'ha offerto nu caffè e... immo fatto amicizia!... E comme va?

Fabio -               Male. (Si tocca la testa) Gabbriella è cchiù esaurita d'o solito pecché l'è arrivato 'o divano grigio fumo anziché niro. 'A mamma s'è pigliata mezza proprietà 'e l'appartamento assieme a Fufi...

Marina -             E chi è stu Fufi?

Fabio -               'O cagnolino suoie... nu Dobbermann c'a cuccia e tutte l'attrezzi, e comme l'aggio itto na cosa m'ha tirato 'o scupettino firmato d'o cesso, ca s'è pure rotto. Pò Gabbriella se l'è pigliata cu mico e m'ha fatto pure na scenata 'e gelosia.

Marina -             Pe' via d'o scupettino??

Fabio -               No, pe' via toja! (Accenna a sedersi su di un divanetto poi si alza, indicandolo) Posso...?

Marina -             Certo! Mica stai a casa toja!

Gloria -              Bè, è meglio ca mo' me ne vaco (A Marina) Grazie p'o ccafè e arrivederci a presto.

Marina -             'O spero pur'io (L'accompagna alla porta)

Gloria -              Ciao, Fabbio.

Fabio -               (Distratto) Eh?

Gloria -              Aggio ditto ciao!

Fabio -               Ah, sì, sì, ciao!

Marina -             (Tornando verso Fabio) Famme vedé nu poco sta capa.

Fabio -               Oh, ce sta poca robba, dinto.

Marina -             Vulevo dicere 'a ferita. Oh, ma ce sta sulo nu bombolone! (Gli tocca la testa)

Fabio -               Ahio! Chiammalo bombolone! Chisto è nu soprosso!

Marina -             (Sorridendo) Statte zitto! Soprosso! Aspietta nu mumento. (Esce e torna con della carta bagnata che gli mette sulla parte dolorante) Ecco qua!

Fabio -               Io, Marina, nun cia faccio cchiù. Scusa si me sfogo cu te ma... comme posso dicere... me pare 'e te cunoscere 'a na vita, tengo ta sensazione!

Marina -             Nun te preoccupà, dice.

Fabio -               Ecco: fin a poco tiempo fa ieva tutto bbuono, o forse pecché er'io ca 'o vulevo fa ji bbuono, ma poi all'improvviso, nun 'o saccio si è stata 'a nuvità d'a casa nova c'ha scemenuto Gabbriella o 'o penziero d'o matrimonio ca m'ha fatto riflettere, nun 'o saccio. Nun so cchiù sicuro 'e niente, sto jenno in crisi. Pò, a guarnì a torta, te si misa tu...

Marina -             E i che ciazzecco?

Fabio -               Ciazzicche, ciazzicche.

Marina -             Tu, Fabbio, è fa comme te dice 'o core. Ce se mette a ffà ammore apposta! Si va bbuono va bbuono, e si no...

Fabio -               No.

Marina -             Eh sì! (Si sente una cupa voce maschile, fuori scena)

|Voce

|maschile

|fuori

|scena -               Fabbio!! Babbasone!!

Fabio -               Uh! 'A gnora mia! Me n'aggio a fujì! (Si alza)

Marina -             Pecché dici: " Me n'aggio a fujì"? Tiene paura d'a gnora toia??

Fabio -               Paura? Terrore!! Ma tu l'hai mai vista?

Marina -             No.

Fabio -               Meglio accussì!

Marina -             Rimane 'ccà e falla alluccà!

Fabio -               Eh sì, accussì, quando vaco allà me tira quaccos'ato!.. Marina...

Marina -             Dice.

Fabio -               Aiuteme tu! (S'inginocchia ai suoi piedi) (Campanello) I nun ce stongo, eh? (Marina va ad aprire e rientra con Gabriella)

Marina -             Sì, sì, Fabbio sta 'ccà. (Terrore di Fabio)

Gabriella -          (Entra guardandosi attorno con uno sguardo disgustato, poi si rivolge a Fabio) Che d'è, chesto, 'o prolungamento d'appartamento nuosto? È l'appendicite soia??

Fabio -               Songo venuto 'ccà pe' mme riparà dall'attacchi 'e mammeta!

Gabriella -          Puveriello! Ave bisogno d'a tana!

Marina -             Accomodati.

Gabriella -          No, grazie, me da fastidio 'e sta dint'e stanze addó nun passa 'a luce. (Nota il divanetto, con fare ipocrita) Oh, guarda! 'O divano 'o stesso ch'aggio visto dint'o ballatoio d'o dentista d'a mutua. Bellillo!!!

Marina -             Certo ca nun è sicuro d'a stessa classe d'o divano niro firmato.

Gabriella -          Bè, certo! Volevo dicere... bè, è tutta n'ata cosa. (A Fabio) Oh, tu! Mo' m'è spiecà pe' filo e pe' segno 'o comportamento tuoie!

Fabio -               E i, pe' filo e pe' segno te dico ca so' venuto 'ccà pe' sciatà!

Gabriella -          Puveriello! J è venuto 'o sciatone! (Perentoria) Iammuncenne 'o lat'allà, ca mammema se ne va... pe' mmo'! 'A vuó salutà?!

Fabio -               (Prendendo coraggio) No!

Gabriella -          Comme no??

Fabio -               No, si nun me chiede scusa!

Gabriella -          Scusa pe' cche cosa?

Fabio -               Comme pe' ccosa? P'o scupettino ca m'ha dato 'n capa!

Gabriella -          Ma si tu ch'hai 'a da chiedere scusa a essa i a me ch'aggi'accattà nu scupettino nuovo! Anzi, l'è rutto tu e l'accatti tu! (A Marina) Pecché se nun de diceno 'e ccose subbeto, pò aroppo ce vò a mano 'e ddio!

Marina -             E' proprio chello che le steve dicenno poco fa.

Gabriella -          (A Fabio) E allora?

Fabio -               Allora niente, vengo allà solo quanno se n'è ghiuta essa.

Gabriella -          Chesta, mammema, s'a pesarrà malamente proprio!

Fabio -               Se pò sfunnà pure 'a valanza!

Gabriella -          (Minacciosa) Fabbio, mo' stai esaggerando!

Fabio -               Nun te preoccupà, va' e dici a chella... cosa, chello che t'aggio ditt'i.

Gabriella -          (Fissando trucemente Fabio) Stai 'n coppa 'o filo d'o rasoio...

Fabio -               Puozz'a te squartà sana sana!

Gabriella -          (A Fabio, c.s.) Ce vedimmo aroppo... (Uscendo, a Marina) Ciaaaaaao... (Fabio, appena uscita Gabriella, va ad appoggiare l'orecchio alla parete che divide i due appartamenti)

Marina -             Sta ancora là?

Fabio -               Se ne sta jenno mo'. (Si sentono pesanti passi che si allontanano) Bè, me n'aggi'a ji. Nun saccio si ritorno... vivo!

Marina -             Arricordate chello che t'aggio ditto! (Fabio esce. Marina telefona a Gloria) Pronto? Gloria?... Sì... sì... hai raggione tu: 'a molla 'o primmo scatto l'ha fatto, stong'aspettando 'o salto finale... Sì, sì... va bbuó... (Campanello) Sì, scusa, stanno sunanno 'a porta, ce sentimmo dimane. Ciao. (Va ad aprire e rientra con Antimo)

Antimo -            Ero venuto a trovare Fabbio ma poi mi sono detto: meglio si vaco a truvare prima Marina. Ho fatto malamente?

Marina -             Mah. Chissà. Se fanno tante scemenze... Mettete pure assettato. (Gli prepara qualcosa da bere) Nu whisky?

Antimo -            Liscio, grazie. Siente na cosa, Marina, ma tu stai sempe sola? Nun tieni cumpagni? Che fai il sabato sera?

Marina -             Accummincia d'o capo e dimme na cosa 'a vota.

Antimo -            Ah, sì, scusa. Qual era la primma?

Marina -             Si stongo sempe sola, risposta: da chistu mumento no. Pò ce steva si tengo 'e cumpagni: da chistu mumento sì.

Antimo -            E sabato sera che fai?

Marina -             Chello ca me pare a mme.

Antimo -            Allora puoi uscire con me?

Marina -             Ma manco morta.

Antimo -            Come non detto. Vieni a sedere qui...

Marina -             (Ironica) Oh, grazie! (Si siede)

Antimo -            (Mettendole un braccio intorno al collo) Eh, cara Marina...

Marina -             (Togliendoglielo) Eh, caro Priamo...

Antimo -            Antimo.

Marina -             Ah, sì. E' fernuto chillo whisky?

Antimo -            No, perché?

Marina -             Pecché aggi'a preparà 'a cena.

Antimo -            Oh, scusa! Fai, fai...

Marina -             Comme, "fai fai"? Mica t'aggio invitato!

Antimo -            (Rimettendole il braccio intorno al collo) Ti sto a guardare.

Marina -             (Togliendoglielo e alzandosi) È meglio ca tu vai a casa a guardà 'a televisione.

Antimo -            Allora dimme che me ne devo andare...

Marina -             Ah! E' 'nduvinato!

Antimo -            (Maligno) Ah, ma io le cose le capisco... Mo' ci sta Fabbio, è 'o vero?

Marina -             Mo' ce sta chi me pare e tu ti ha fà 'e fatte tuoie, bonanotte!

Antimo -            Buonanotte, buonanotte. (Si alza) Ma non sai quello che ti perdi!

Marina -             Eh, nun ce dormo 'a notte, p'o rimpianto!

Antimo -            (C.s.) Scusa, Marina... ma tu, oltre al dialetto, l'italiano non lo conosci?

Marina -             Certo che sì, come vuoi che ti mandi a quel paese, in italiano o in napoletano?

Antimo -            (Andandosene) Ma va'...

Marina -             (Grida in perfetto italiano)... a morire ammazzato! Tu e tutta la razzaccia tua!

Buio

(La sera dopo. Marina è seduta intenta alla lettura di un libro. Ha una scopa appoggiata vicino a sé)

Marina -             (Legge a bassa voce o con voce registrata) Jenny era sola in casa ma sapeva che di lì a poco sarebbe entrato qualcuno. Ella avvertiva paura e coraggio insieme. Ad un tratto la luce si abbassò misteriosamente, (La luce si abbassa e Marina si guarda attorno stupita) subito dopo, altrettanto misteriosamente, tornò regolare. (La luce si rialza) "Meno male" - pensò Jenny - "che possa vedere bene con chi avrò a che fare". Il coraggio, comunque, le veniva anche dal fatto che teneva la sua fedele carabina vicino a sé. (Marina allunga un braccio e trova il manico della scopa appoggiata lì accanto) Ad un tratto... (Campanello. Marina ha un sobbalzo) Puozza jettà 'o sanghe! (Marina va ad aprire ed entra Gabriella, come una furia)

Gabriella -          Allora ce l'è fatta! Brutta schifosa! 'A bbotta 'e ce dato l'è fatto ascì fora c'a capa, a chillu scemo 'e Fabbio!

Marina -             Guarda ca Fabbio è nu poco 'e tiempo ch'è asciuto fora c'a capa pe' mezza toia!

Gabriella -          Ma ferniscela! Sciacquetta! Comunque nun te credere ch'è fernuto 'ccà. Te faccio vedé ca le faccio pavà tutte 'e mobbile e tutto 'o riesto ch'aggio ordinato e ca pò, naturalmente, rimanene a mme!

Marina -             (Sorpresa) Eh, bè, certo ca chesta è 'a primma cosa ca te pò venì 'a mmente!

Gabriella -          Pecché? M'aggi'a disperà pe' uno comme Fabbio?

Marina -             Scusa, ma allora pecché te vulive spusà?

Gabriella -          'E vote m'o chiedo pur io! Saie comme sto bbuono cu mammema!

Marina -             Sicuramente facite na bella coppia!

Gabriella -          (Avviandosi) Te auguro 'e scuppià!

Marina -             Altrettanto! Statte bbuona!

Gabriella -          Pure tu! (Uscendo incrocia Fabio che sta entrando) (A Fabio) Ce vedimmo pe' ffa 'e cunte! Mica songo 'o zibellino tuoie!

Fabio -               Se dice "zimbello"! Gnuranta fin'all'ogna d'o père! (Appena Gabriella è uscita, esulta) Finalmente ce l'aggio fatta! Ciaggio ditto tutto chello ca tenevo in cuorpo!! 'E essa e d'a mamma! Dòppo dudic'anne!!

Marina -             Ma 'a mamma steva annanze?

Fabio -               No. A essa le faccio na telefonata (Massaggiandosi la testa) Per essere cchiù sicuro.

Marina -             Bravo! Era ora!

Fabio -               (Prendendole la mano fra le sue) Marina... 'o saccio ca chisto nun è 'o mumento adatto ma so' talmente euforico ca me vene 'a te dicere tutto chello ca provo pe' tte: D'o primmo mumento ca t'aggio vista... (Si ferma)

Marina -             Allora...?

Fabio -               Aggio perzo 'o filo. Ange paciènza! Nun songo cchiù abbituato a ffà 'e dichiarazioni!

Marina -             Nu ffa niente. (Lo bacia) Te voglio bene pur io. Gabbriella comme ha reagito cu te?

Fabio -               Primma m'ha rignuto 'e parole, pò te n'ha ritto pure a te e alla fine m'ha promiso ca fà 'e cunte c'a robba che s'ha da tené e c'a rummasuja ca rimane a me.

Marina -             'O necessario ch'è risolto tutt'e cose!

Fabio -               Aaah! Sì! Aggio dato nu taglio definitivo! Me sento n'ato! Cchiù liggiero, cchiù fforte! Cchiù... cchiù omme! Sai quanto me ne fotte d'e storie ca me tira chella strega! Me pare già d'a sentì: "I te lascio 'o rasoio elettrico ca m'è custato na fortuna ma l'aniello d'oro 'e brillante che m'è regalato, essendo ch'è nu regalo 'e compleanno, mo tengh'i!"

Marina -             Ma è stata sempe accussì acida e inviperita?

Fabio -               Mo' ca ce penzo... sempe! Pienza ca chella vota ca l'aggio purtata a ffà 'a passeggiata romantica simme jute vicino 'o mare, 'e notte. E m'arricordo ca m'è venuto 'a ce dicere: "Te desse tanta vase quanta pisce ce stanno a mmare!" E essa m'ha risposto: " 'Ndo cunteggio lieva 'e sarde ca me fanno avutà 'o stommaco!"

Marina -             Ah, sì! Proprio romantica!

Fabio -               E' proprio accussì: I primma nun ce facevo caso.

Marina -             Jammo ca mo' è tutto risolto!

Fabio -               Sì, sì! L'unico probblema è 'a casa...

Marina -             Pecché? L'appartamento è intestato a tutt'e duie?

Fabio -               Ma stai pazzianno? È intestato a essa! No, sto parlanno 'e l'appartamento addó stongo in affitto, ca siccome me n'eva a venì dint'a casa nova, aggio già fatto 'a disdetta primma e mo' ce sta 'a robba 'e l'inquilino nuovo. Insomma a na poco stongo miezzo a na via!

Marina -             Quanno te n'iss'a ji?

Fabio -               Improrogabbilmente fra duje mise.

Marina -             Insomma, fra duje mise, si nun è truvato niente e si fra tutt'e duje va bbuono, putisse... voglio dicere, puó venì 'e casa addu me.

Fabio -               Marina! Fosse comme stesse 'n paraviso!

Marina -             Nun esaggerà! Nun è mica comme l'appartamento ca sta accuncianno Gabbriella!

Fabio -               Pe' furtuna!

Marina -             Mo' t'o pozzo pure dicere, Fabbio: l'incontro nuoste nun è stato occasionale...

Fabio -               In che senzo?

Marina -             Nel senzo ca grazie a Gloria, ch'è na vecchia cumpagna d'a mi, sapevo da tiempo comme jeva a fernì 'o rapporto cu Gabbriella, i 'a cosa m'era indifferente, p'a verità...

Fabio -               E allora?

Marina -             Tutt è cagnato quanno t'aggio visto p'a primma vota, quanno t'aggio sentuto 'e parlà: Aggio capito subbito ch'ire nu guaglione senzibbile, indifeso, allora... patapù!

Fabio -               Prego?

Marina -             Aggio ditto: Patapù. Fosse 'o colpo 'e fulmine.

Fabio -               Ah, pecché a te 'o colpo 'e fulmine fa accussì? Pur'io l'aggio sentuto 'a primma vota ca t'aggio vista ma m'ha fatto tutto n'ato rummore. Anzi, 'o rummore nun l'ha fatto proprio. E' stato comme na rascatella...

Marina -             L'importante è che è stato reciproco.

Fabio -               'A rascatella?

Marina -             No, 'o colpo 'e fulmine!

Fabio -               Pienze ca stammo bbuono assieme?

Marina -             Pecché no?

Fabio -               (Sognante) Accuminciammo na vita in due... romantica, senza ci'appiccecà, senza probblema...

Marina -             Sarà tutto diverso, Fabbio.

Fabio -               Che bbello! Allora a na poco, si nu trovo niente, me pozzo trasferì cu chella poca robba addu te...

Marina -             Certamente! Accussì 'nda quacche modo staie 'e casa 'nda casa nova!

Fabio -               L'importante è ca ce sta pure na femmena nova, e cchiù meglio!

Marina -             Pò, si vene 'e casa 'ccà, quaccosa imm'ha rinnovà pure nuje. 'O divano, per esempio: ave raggione Gabbriella, sta miso malamente. Ne pigliammo uno nuovo, tutto russo, e i 'o mettimmo 'nda chill'angolo... no, le rimpetto, in modo ca vedimmo bbuono 'a televisione... ch'aggi'a cagnà pecché è vecchia e me vulesse piglià chella a cristalli liquidi... (Fabio ha un brivido. La luce si abbassa e s'illumina la parete dietro la comune dove riappare l'enorme sagoma di donna (la nuova suocera??) Marina continua)... pò nu tavulino nuovo ca mettimmo annanze 'o divano... basso basso... doje lampiuncine....

Sipario

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 20 volte nell' ultimo mese
  • 173 volte nell' arco di un'anno