‘A cavadda addumisticata

Stampa questo copione

‘A cavadda addumisticata

Commedia in due atti e quattro quadri in siciliano

di

 

Turi Giordano

La commedia è tutelata dalla SIAE a cui bisogna rivolgersi per la rappresentazione

PERSONAGGI DELLA COMMEDIA

BATTISTA MENNULA, ricco gentiluomo di Catania

LUCIO, innamorato di Bianca

PITRUZZU, corteggiatore di Caterina

LORENZU: pretendente di Bianca

GEREMIA: altro pretendente di Bianca

TONIO, domestico di Lucio

BRUNU, domestico di Pitruzzu

CATERINA, la scavaddata, figlia di Battista Mennula

BIANCA, altra figlia di Battista

NATALINA, serva di Pitruzzu (la stessa attrice volendo può interpretare anche Isabella)

ISABELLA,  vedova,  futura moglie di Lorenzu

ATTO PRIMO

(Primo Quadro)

SCENA PRIMA - Una piazza pubblica

(Entra TONIO, con fare circospetto, guarda e poi dice:)

TONIO: Non c’è nuddu, menu mali, via libira, patruni putiti nesciri tranquillamenti, ccà non c’è mancu ‘n’anima viva!

 

LUCIO: (con una maschera in volto) Presto allora, non perdiamo tempo, accompagna con la tua chitarra la serenata per la mia bella innamorata: (Canta)

Dal dì che t’ho mirata

Colpito m’hai il cuore

Mia bell’innamorata

Io palpito d’amore.

Son qui che aspetto invano

Un cenno tuo, un fare,

vorrei la tua mano

e un giorno anche sposare!

(parla rivolto ad un ipotetico balcone) Bianca, Bianca, sono io, hai sentito la mia serenata? Aspetto una tua risposta, affacciati, non mi fare penare!

BIANCA: (esce da dietro le quinte con un balconcino “portatile”) Zitto, non parlare, sai che ti voglio tanto bene, ma in questo momento non posso uscire dalla mia stanza. Mio padre sta parlando con due pretendenti che chiedono la mia mano ad ogni costo. Sai che la mia volontà dipende da mio padre… Ma io ti giuro, che se un giorno dovessi sposarmi, l’unico a cui darei la mia mano, sarai tu. Anche se ancora non conosco il tuo viso e non mi hai detto neanche come ti chiami!

LUCIO: Oh, anima divina, questo tuo giuramento mi fa sentire l’uomo più felice del mondo, ed io ti giuro che appena entrerò in possesso delle mie ricchezze svelerò, prima a te e poi a tutti, la mia vera identità, e niente potrà fermarmi dal chiedere la tua mano a tuo padre, amore mio!

BIANCA: Attento non avvicinarti troppo all’ingresso di casa mia perché credo che mio padre stia per uscire con due miei pretendenti. (rientra scordandosi il balconcino)

TONIO: (richiamandola) ‘U balcuni!

BIANCA:  (esce e porta dietro le quinte il balconicino)

TONIO: Patruni… ammucciamuni ca è megghiu! (i due si nascondono)

SCENA SECONDA

(Escono da casa BATTISTA, GEREMIA e LORENZU)

BATTISTA: Basta, basta, non vogghiu sentiri cchiù nenti, vi l’haju dittu milli voti com’è ca la pensu. Bianca, me figghia a nica, si po’ maritari sulu dopu ca s’ha maritatu Catarina, me figghia a granni. Si vuliti a Catarina, siccomu sacciu di chi famigghia siti, basta ca mi lu diciti, e ppi mia non ci sunu problemi!

GEREMIA: Ppi vui non ci sunu problemi, ma ppi mia sì…

LORENZU: Chidda chi è fimmina ca unu si po’ maritari?

GEREMIA: Unu ha essiri pazzu ppi putirisilla maritari.

LORENZU: E’ accussi sghinfignusa, superba, smurfiusa,bisbetica e scavaddata ca fa’ nesciri ‘i sintimenti di fora macari a Santu Giobbi!

GEREMIA: E vui ca siti so’ patri  l’ati ‘a sapiri megghiu di nuatri!

BATTISTA: Intantu Bianca, mi dispiaci ppi vuatri, arresta chiusa ‘nta so’ stanza, facennu cunpagnia sulu a li libra e a li strumenti musicali, e l’unichi pirsuni ca po’ vidiri sunu li maestri di puisia e musica. Cchiù prima si marita Catarina, cchiù prestu ci sarà ‘nmaritu macari ppi Bianca!

LORENZU: Ma accussì a vuliti beni a vostra figghia Bianca?

GEREMIA: A Catarina non la volunu mancu si cci l’arrialati.

LORENZU: Non si la pigghiunu mancu si cci dati ppi doti tuttu l’oru di lu munnu.. e sì ca havi ‘na bella doti!

GEREMIA: Si vidi ca siti propriu ‘npatri disamuratu.

LORENZU: Aviti la pussibilità di maritarini una…

GEREMIA: …e inveci d’accussì… v’arrestunu tutti dui ppi cappata supra ‘o stomucu.

LORENZU: E poi… Catarina ha circari di essiri un pocu cchiù calma.. è troppu sghiribbizzusa…

GEREMIA:…..antipatica…

LORENZU:….lunatica….

GEREMIA:……fanatica…

LORENZU:…..collerica….

GEREMIA:….matelica…..

LORENZU:…..asmatica!

BATTISTA: (sorpreso) Asmatica?

LORENZU: No sacciu… però fa rima!

BATTISTA: O rima o non rima… mè figghia non è asmatica, non è matelica, non è lunatica, non è collerica, non è antipatica e mancu bisbetica…. Mè figghia è ‘nciuri: ‘na rosa adurusa…

LORENZU:… ma tutta spinusa..


BATTISTA:… è ‘nvinu squisitu…

GEREMIA:… ca sapi d’acitu…

BATTISTA:..’n’aceddu ‘nta jaggia…

LORENZU:… ca sempri s’arraggia…

BATTISTA:… ‘ncanuzzu fidili…

GEREMIA:…. ca ci havi la bili!

BATTISTA: Basta, ju sulu canusciu com’è veramenti mè figghia Catarina. Comu a mè figghia non nn’attruvati mancu si girati tutta la Sicilia di sutta e di supra. Ju vi pozzu garantiri ca cu’ si pigghia ppi mugghieri a mè figghia Catarina sarà l’omu cchiù filici di lu munnu…. Pirchì nonostanti pari scavaddata è la picciotta chiù duci, cchiù raggiunevuli, cchiù assinnata, cchiù abbasata, cchiù cumprinsiva e cchiù calma ca cci po’ essiri  ‘nta lu munnu!

LORENZU e GEREMIA: (assieme) Ma ju vogghiu a Bianca!...

(Dall’interno si sente gridare Caterina e si vedono volare oggetti che entrano in scena colpendo Lorenzu e Geremia)

SCENA TERZA

(Detti più CATERINA)

CATERINA: (dall’interno)Voitivinni pezzi di scunchiuruti…ca viniti ‘nta me casa sulu a ‘nsuttarimi ppi farivi beddi davanti mè soru …ora ca sacciu ca non vinistivu ppi mia, ‘u sapiti chi vi dicu?..  Ca a unu comu a vuautri ‘no vulissi mancu ppi cannileri ‘nta ‘na stanza di mortu… (entrando in scena) megghiu monica ca pigghiari unu di vuatri ppi maritu… ci haviti ‘a facci peggiu di ‘npummaroru ‘nfracitutu… siti boni sulu a ‘nsuttari i beddi picciutteddi ca tranquillamenti stanu ‘nta so’ casa… iti a ‘nsuttari e vostri matri ca a st’ura sunu cuccati cu qualcunu di li so’ 1.500 amanti, pronti a stamparici ‘n’autru bellu paru di corna e vostri patri… (insegue Lorenzu e Geremia) via.. via di ccà.. tannu sugnu cuntenta quannu vi viru appinnuti ‘nta ‘nbellu chiaccu di furca! (Lorenzu e Geremia scappano via) Ah… chi pirsoni insopportabbili!

BATTISTA: Calmati Catarina… calmati!

CATERINA: (Quasi con le lacrime agli occhi) Patri com’haju a fari? Nuddu mi voli ppi mugghieri, venunu sulu ppi mè soru… Chi ci haju ca non và? Mi lu sapiti diri?

BATTISTA: Figghia mia non ti rattristari, tu sì la picciotta cchiù perfetta ca c’è ‘nto munnu… hai un sulu difettu.. si ‘npocu isterica…un pocu collerica… un pocu manisca… un pocu bizzusa… un pocu bisbetica… e accussì ‘npocu di ccà e ‘npocu di ddà… tuttu summatu… si’ ‘na picciotta scavaddata!!!

CATERINA: (inveendo contro il padre) Ju non sugnu bisbetica e mancu scavaddata! Sugnu ‘npocu cammuriusa è veru… ma chistu pirchì a mia mi piaci trattari i masculi di paru a paru pirchì non mi piaci essiri cunsidirata ‘na fimmina ca non cunta nenti! Ju sugnu fatta accussì, e mi dispiaci ca propriu vui, vui ca m’hata crisciutu, sia comu mamma ca comu babbu, mi dispiaci, dicu, ca mi criditi ca sugnu ‘na picciotta ‘npocu scavaddata! Ju non sugnu scavaddata…. (grida) non sugnu scavaddata… non sugnu scavaddata… (esce mentre nitrisce)…. Ih…ih…ih…

BATTISTA: Ma chi mali haju fattu ppi miritarimi ‘na figghia accussì pazzaredda!’U tragicu è ca d’anima ‘nnuccenti di Bianca non si po’ maritari si prima non si marita Catirina…pirchì accussì vosi a bon’arma di mè mugghieri.  E Bianca… santa criatura… ppi cuppa di sta cavadda storna… ha ristari ‘mpurtusata intra studiannu da matina ‘a sira musica e latinu. A propositu… dumani ci haju a circari i prufissuri novi pirchì chiddi ca c’erunu si nni scappanu appena appunu a chi fari ccu Catirina… Và..và…và.. megghiu ca non ci pensu pirchì s’annunca mi veni di sdilliriari macari a mia…. (esce)

SCENA QUARTA

(GEREMIA e LORENZU rientrando in scena)

GEREMIA- E ora comu facemu?

LORENZU – Già… comu facemu?

GEREMIA – Ci vulissi qualcunu c’avissi ‘u curaggiu di pigghiarisi ppi mugghieri a Catirina…

LORENZU - … e finalmenti quannu Catirina ha pigghiatu maritu… don Battista po’ fari maritari macari a Bianca… Ma c’è ‘nto munnu unu ca si po’ pigghiari ppi mugghieri a Catirina?

GEREMIA – No!

LORENZU – E allura voldiri ca ci l’amu a truvari nuatri..

GEREMIA – Ma varda ch’è bellu ca unu ca si voli pigghiari ‘na bedda picciotta ha fari macari di ruffianu.

LORENZU – ‘Ntantu… ‘nmaritu a Catirina ci l’amu a truvari… ma se nno…a Bianca nni la putemu scurdari.. Ci voli ‘nmaritu!

GEREMIA – Ci voli ‘nmaritu? Ci voli ‘ndiavulu! Comu putemu spirari d’attruvari a qualcunu, accussì insensatu di putirisi accasari ccu ‘na fimmina accussì scavaddata!

LORENZU- Scavaddata ma china di soldi… Perciò basta unu ca ci interessunu ‘i soldi e ‘u maritu è bellu attruvatu.

GEREMIA – E allura circamulu… Anzi facemu ‘npattu, finu a quannu non truvamu stu maritu, nuatri non nni sciarriamu cchiù ppi Bianca… voldiri ca ricuminciamu appoi doppu!

LORENZU – Va beni… sugnu d’accordu… Allura forza… circamu stu maritu…. Ju vaju di ccà… (esce)

GEREMIA – E ju di ddà… (esce)

 

SCENA QUINTA

(Entra LUCIO seguito da TONIO)

LUCIO – (senza la maschera) Tonio, come farò adesso che la mia adorata Bianca non può sposarsi se non dopo che si sia sposata quella peste di Caterina?

TONIO – Ccà ci voli ‘na bella pinsata. Si dda scavaddata di Catirina non trova un maritu siti propriu distinatu a fari la corti ‘a ‘na zitella chiusa intra i quattru mura da so casa, vita natural duranti! ‘U sintistivu ‘u signor Battista chi dissi? Sulu i du’ prufissuri ponu vidiri e parrari cche mè figghi.

LUCIO – Sorte ingrata. Così non potrò più vedere la mia adorata Bianca!?

TONIO – Patruni v’arripetu ca ccà ci voli ‘na bella pinsata…

LUCIO - … in questo sì triste momento non mi viene in mente proprio niente…

TONIO - … e a mia inveci mi vinni ‘na bella pinsata..

LUCIO – Parla servo… e se la tua idea risolverà i miei problemi, sarò io per una volta a fare da servo ai tuoi voleri.

TONIO – Patruni.. ‘u signor Battista dissi ca i prufissuri si nni scappanu ppi non cummattiri cchiù ccu dda scavaddata di Catirina, e perciò nni sta circannu n’autri dui … Giustu?

LUCIO – Sì, è proprio così… Ma non capisco dove vuoi arrivare…

TONIO -  Ma comu… è accussì semplici! Ju attruvai unu de du’ prufissuri…

LUCIO – E chi è?

TONIO – Vui patruni miu, vui! Vi travistiti di prufissuri d’arti puetica e di latinu, ca vui ‘u latinu ‘u canusciti troppu bbonu, vi prisintati ‘o signor Battista… e accussì ccu a scaciuni di ‘nsignaricci ‘u latinu e a puisia e so figghi… putiti stari vicinu… anzi vicinissimu a la vostra adurata Bianca….

LUCIO – Servo… avere un servo che serve come servi tu… fai sentire più servo me che non son servo che te che sei servo veramente….

TONIO – Non capii nenti… ma ancora nn’haju finutu di sirvirivi….

LUCIO – Parla allora!

TONIO – ‘U signor Battista non dissi macari ca prima ca si marita Bianca s’ha maritari Catirina?

LUCIO – Sì.. ha detto così ahimè…

TONIO – Ora ju pensu ca si ju facissi in modu di fari annammurari di mia la pestifera Catirina e s’avissi a dari ‘u casu macari ca idda s’annammurassi di mia, datu ca idda è ‘na cavadda e ju hau statu sempri sceccu… pò darisi ca si cuncludi stu matrimoniu…. e vui….

LUCIO - … ed io potrò sposare la mia Bianca e nel contempo ti darò metà delle mie ricchezze e ti renderò libero come il più nobile di tutti i miei avi…

TONIO – (baciandolo) Grazie.. grazie patruneddu beddu. Cu l’hava a diri ca ‘njornu avissimu addivintatu cugnati !

LUCIO – E no… invece preferisco che anche tu faccia la corte a Bianca, ma non per conquistarla ma per tenere a bada gli altri pretendenti e farli poi destere dal loro proposito.

TONIO – Bravu ‘u mè patruneddu, macari pirchì ju non mi vuleva maritari ccu dda furia.

LUCIO – Bando alle ciance adesso…. Mettiamoci all’opera…. Seguimi… (escono)

SCENA SESTA

(Entrano PITRUZZU e il suo servo BRUNU)

PITRUZZU – (in groppa a Brunu) Sceccu… camina… l’ultimu sforzu e semu quasi arrivati davanti a casa do mè amicu Lorenzu..

BRUNU – Patruni sugnu propriu stancu, havi cchiù di menza jurnata ca vi portu a cazzicaledda da vostra casa a finu a ccà… haju tutta l’ossatura sfasciata… ju non sugnu un quadrupedi sceccu… ju sugnu un bipedi….

PITRUZZU - …ma sempri sceccu…

BRUNU - … un bipedi servitori vostru…

PITRUZZU – E allura si sì servitori statti mutu e camina…

BRUTU - … ju non sugnu sceccu…

PITRUZZU – Si ‘u sceccu morsi di fami a curpa è da tò…

BRUNU – E allura chi è? Hava a moriri ju da fami?

PITRUZZU – Pirchì voi diri ca forsi ti tegnu dijunu?

BRUNU – No.. ca quali… mi faciti mangiari ‘na vota ‘a simana..

PITRUZZU – E non t’abbasta? Quantu voi mangiari… ‘na vota ogni tri jorna? ‘U sai ca non mi pozzu permettiri di fariti mangiari accussì assai! Ju ‘u fazzu po tò beni… pirchì stà divintannu ‘na badda di lardu…

BRUNU – Ma si sugnu accussì siccu ca ‘u viddicu mi s’incucchiau ccu ‘a carina?

PITRUZZU - Mutu e camina… ‘u sceccu morsi pirchì ci mangiasti tutti ‘i so favi…

BRUNU – ‘U sceccu morsi pirchì non mangiava da du’ simani….

PITRUZZU – E si ju ppi du’ simani non appi bisognu do sceccu, ca arristai intra, chi fa ci hava a dari a mangiari ‘u stissu? Stannu fermu chi bisognu aveva di mangiari?

BRUNU – Sì… però d’accussì cci appizzastivu ‘u sceccu. Ora quannu n’arricugghiemu mi tocca di vurricarlu ‘nta qualchi fossa!

PITRUZZU – Tu sì tuttu scemu… chi vurrichi… vurrichi! Appena turnamu ‘u squartamu e mi fazzu a riserva di carni ppi tuttu l’annu…m’haju arricriari a mangiari…

BRUNU – E ju chi fazzu…. Vi taliu? Non mangiu..

PITRUZZU – Chi sì cannibali? Ricordati ca ‘a carni de’ propri simili non si po’ mangiari..

BRUNU – E ju non sugnu omu?

PITRUZZU – No! Tu sì sceccu e perciò carni di sceccu non nni po’ mangiari..

BRUNU – E allura si è d’accussì ‘u primu ca ‘ncontru cci acchianu d’incoddu e m’ ‘u spurpu sanu sanu…

PITRUZZU – Bravu.. e accussì t’attaccunu  e ti fanu passari ‘u restu da tò vita a pani e acqua…

BRUNU – A pani e acqua?.... Bonu! Sempri megghiu d’arristari dijunu..

PITRUZZU – Ora statti mutu… fermati ccà e fammi scinniri pirchì chista mi pari a casa di l’amicu mè Lorenzu ca havi ‘nbellu pezzu ca non lu vidu! (scende)

BRUNU – (stirandosi) Ah… finalmenti mi pozzu arripusari tannicchia… (fa per sedersi a terra)

PITRUZZU – (richiamandolo) E chi è t’assittasti? Sempri stancu sì?

BRUNU – Ma ju….veramenti…

PITRUZZU – Basta… sempri ca parri sì? Varda chi fai, sùsiti e battimi dda porta…

BRUNU – E pirchì patruni haju a battiri dda porta? Forsi ca ‘nta sta chiazza i strati sunu tutti ‘ntuppati e nuatri non putemu nesciri di nudda banna?

PITRUZU – Sceccu… sì veru sceccu… battimi ddà beddu forti.. (indica la porta di Lorenzu)

BRUNU – Comu patruni… vuliti essiri battutu propriu ddà? E ccu sugnu ju ppi putirivi battiri? Non sia mai, ju non sugnu capaci mancu di tuccarivi ccu ‘njriteddu… No… no… mi dispiaci ma non pozzu…

PITRUZZU – Ma propriu ju ci appi a cummattiri ccu stu sceccu? Segui il labiali… (parla scandendo le parole) ti staju dicennu battimi ddà porta pirchì s’annunca t’abbattu ju ccu ‘ncoppu di lignu… mi stà capennu?

BRUNU – (sillabando anch’egli) Comu l’haju a battiri ddà porta, ccu ‘na spaddata o ccu ‘na pirata?

PITRUZZU – (continuando a sillabare) Ju ti staju abbiannu ‘na pirata pirchì mi stà facennu siddiari?

BRUNU – (sillabando) Ma pirchì stamu parrannu d’accussì?

PITRUZZU – Tuppulia ‘nta dda porta… scunghiurutu! (lo insegue)

BRUNU - (scappando) Aiutu.. aiutu… ‘u mè patruni niscivu pazzu … mi voli ammazzari!

PITRUZZU – Fèrmiti ca nenti ti fazzu… ti vogghiu sulu strafuttiri di vastunati…

SCENA SETTIMA

(detti più LORENZU)

LORENZU – (rientrando) Ma chi stà succidennu? Chi sunu sti strèpiti?

PITRUZZU – Nenti… nenti… stava assicutannu a ‘mpezzu di sciccazzu!

LORENZU – Ma scusa… ma tu non sì Pitruzzu?

PITRUZZU – E tu non sì Lorenzu?

LORENZU – Pitruzzu!!!

PITRUZZU – Lorenzu!!! (si abbracciano)

LORENZU – Ma chi ci fai ccà a Catania?

PITRUZZU – Vinni ppi sistimari qualche facenna ppi li mè affari. Vinni a circari furtuna datu ca mè patri mossi e mi lassau….

LORENZU - …chinu chinu di dinari… veru?

PITRUZZU -… No… chinu chinu di debiti! Accussì ho deciso di vinirimminni ccà a Catania e vidiri si pozzu attruvari ‘na bedda picciotta disposta macari a maritarimi, cca havi ‘na bella doti, e fussi capaci di guvirnarimi la casa e soprattuttu livarimi tutti ‘i debiti ca fici mè patri.

LORENZU – C’è…

PITRUZZU – C’è… chi cosa?

LORENZU – C’è…c’è…

PITRUZZU – C’è qualchi problema?

LORENZU – C’è …. E’ propriu chiddu ca stava circannu. Tu sì l’omu cchiù furtunatu di lu munnu! Tu cerchi ‘na mugghieri ricca?

PITRUZZU – Sì!

LORENZU – C’è!!! Tu non poi sapiri quali gioia mi stai dannu ‘nta stu mumentu! Amicu miu, a tia ti mannau ‘u celu! Tu cerchi ‘na mugghieri ricca? C’è… è ccà… Attruvai ‘u maritu! Abbracciami!! (lo abbraccia)

BRUNU – (che non ha capito niente) E chi è? ‘U signor Lorenzu si voli maritari cco’ mè patruni? Viditi comu su cangiati ‘i tempi…auh…!?

PITRUZZU – (divincolandosi dall’abbraccio) Lorenzu mi stai facennu ‘nsalaniri… Spiegati megghiu….

LORENZU – Tu non stai circannu ‘na mugghieri ricca? C’è, c’è, cè!!

PITRUZZU – Ah.. c’è?

BRUNU – (forte come uno starnuto) C’è!

PITRUZZU e LORENZU – (assieme) Saluti!

BRUNU – Sunu tutti dui scemi!

LORENZU – Però t’avvertu di ‘na cosa… vidi ca sta picciotta… havi ‘nbruttu carattiri…. Però è tantu ricca ca sugnu sicuru ca ppi tia li so ricchizzi cuntunu cchiù assai di lu so’ carattiri.

PITRUZZU – Havi ‘nbruttu carattiri?

LORENZU – E’ scavaddata!

PITRUZZU – Scavaddata?

LORENZU – L’unicu neu!

PITRUZZU – Ma scavaddata assai?

LORENZU – Scavadduna!

PITRUZZU – Ma è ricca?

LORENZU – Riccuna!

BRUNU – E’ riccuna ma scavadduna! Ma ccu li so ricchizzi cu’ si ‘nn’adduna ca è scavadduna?

LORENZU – Sempri ccu li manu all’aria… vucitara..  non voli sentiri raggiuni di nuddu, ‘ntricalora, jetta cauci, muzzica e azzicca l’ugna peggiu di ‘n’addannata…

BRUNU – E chi è ‘na scimmia ‘nsitata ccu ‘na jatta?

PITRUZZU – Ma è riccuna!

LORENZU – Chi nni pensi?

PITRUZZU – Beh…. Beh… Chi voi ca ti dicu? Difittucci!

BRUNU – Difittucci?

PITRUZZU – Comu si chiama?

BRUNU – Jena!... vuleva diri: Jana!

LORENZU – No… si chiama: Catirina…

PITRUZZU – Catirina…. E so patri?

BRUNU – Domatore! … Vuleva diri: Salvatore!

LORENZU – No… si chiama: Battista! Battista Mennula.

PITRUZZU – Ma ju ‘a stu Battista Mennula l’haju ‘ntisi diri… di sicuru era ‘n’amicu di mè patri. E dimmi unnu sta?

LORENZU – Propriu ddà ‘nfacci!

PITRUZZU – Dicisti ca si chiama Catirina, veru?

LORENZU – Sì!

PITRUZZU – Catirina… mi piaci stu nomu!

LORENZU – Perfettu! Allura ti cunfidu ‘n’autra cosa, stu don Battista Mennula havi du’ figghi fimmini, a nica si chiama Bianca…..

BRUNU – Bianca è ‘a mennula mentri inveci a Catirina ci ha quagghiari ‘a mennula! Ah..ah…

PITRUZZU – Brunu… ppi carità… basta ccu sti minchiati!

BRUNU – Non parru cchiù!

LORENZU - … si chiama Bianca e mi piaci assai assaiuni, tantu ca cci l’ addumannai a so patri ppi maritarammilla… , ma so patri non mi voli dari la so manu pirchì prima dici ca s’ha maritari Catirina, ora si tu ti spusi ccu Catirina ju ci haju campu libbiru ccu Bianca.. Capisci?

PITRUZZU – Ci ‘a staju jennu a dumannari!

LORENZU – Bravu!

BRUNU – Ma patruneddu miu.. ‘u sintistivu chi carattiri havi sta Catirina? Chi vi vuliti mettiri l’acqua intra?

PITRUZZU – Ma quali acqua intra… ju ‘u sacciu comu sunu sti fimmina scavaddati… hannu bisognu di qualcunu ca li sapi cavalcari a duviri e ammansari comu si devi.. Stu tipu di fimmini fannu li so commudi pirchi ancora non hannu truvatu un veru masculu ca li sapi addumisticari… Caru miu quannu li fimmini sunu fatti di sta manera quannu appoi s’arrimoddunu addiventunu tuttu ‘nfocu e chini di passioni ardenti ppi lu masculu ca li sapi mettiri a versu giustu!

LORENZU – Bravu Pitruzzu! Di masculi comu a tia ‘nta stu munnu ci nni vulissunu a migghiara. Ora t’ha dumannu ‘n’autru favuri, siccomu don Battista Mennula sta circannu un maestru di musica ppi la bedda so figghia Bianca, ju pinsai di travistirimi di prufissuri di musica e tu avissi a fari in modu di prisintarimicci comu tali accussì pozzu stari cchiù vicinu a la me adurata Bianca! Mi lu po’ fari stu favuri?

PITRUZZU – E c’è bisognu ca mi lu dumanni? Stracangiti e appena si prontu ti cci prisentu!

GEREMIA – (da dietro le quinte) Di ccà.. di ccà.. viniti ccà..

LORENZU – Mutu… mutu… chista mi pari a vuci di geremia l’autru pritinnenti di la amata Bianca… Ammucciamuni ccà arretu… sintemu chi dici.. (i tre si nascondono)

SCENA OTTAVA

(GEREMIA e LUCIO)

GEREMIA – (entrando seguito da Lucio travestito da professore) Prufissuri… vogghiu ca cci liggiti a le mè adurata Bianca sulu libbra di poesii d’amuri, da matina ‘a sira, tantu ca di quannu s’arrusbigghia finu a quannu si vo’ curca l’unica parola ca ci ha nesciri da vucca ha essiri A-MU-RI! Semu ‘ntisi?

LUCIO – Le leggerò solamente poesie dove si esalteranno le qualità di Cupido ed Eros, di Venere e d’Apollo!

GEREMIA – No… ccà nn’ha vèniri nuddu pollu! E a poi ccu’ sunu tutti sti genti, cu’ i canusci? Troppu nomi… appoi si cunfunni… ci hati a diri puisii unni si parra di lu mè amuri e di li mè biddizzi…. Ad esempiu comu a chista …(prende un foglio e legge) :

“Signu di gilusia, zagra d’aranciu,

sugnu arrassu di tia e malu pensu;

la notti non dormu e lu jornu non manciu,

bedda, ju sempri a lu to’ amuri pensu.

Bedda, mi lu dirai, o moru o campu,

si amari a tia è perdita di tempu;

non curu tronu no, non curu lampu,

pri tia currissi cu lu malu tempu!”

LUCIO – (ridendo) Va bene, va bene… non dubitate… le leggerò solo poesie che metteranno in risalto le vostre doti amatorie e lo farò con tanto ardore e calore da farla innamorare di me… Di me…. che poi…. sareste voi. Chiaro?

GEREMIA – Bravu… d’accussì hati ‘a fari! Ora viniti ca vi cci presentu…

SCENA NONA

(detti più LORENZU, PITRUZZU e BRUNU)

LORENZU – (uscendo) Carissimu Geremia, comu stati?

GEREMIA - Magnificu… alla facci vostra. Ora non mi faciti perdiri tempu pirchì staju jennu nni don Battista Mennula pirchì ci prumittii ca ci avissi truvatu, ppi la bedda mè ‘nnammurata Bianca, un prufissuri di littri…. E casu vosi d’incuntrarimi ccu stu picciottu ca è veramenti un allittratu capaci di ‘nsignaricci tutti li puisii d’amuri ca parrunu di lu mè beni!

LORENZU – Appostu… allura semu pari e patta… pirchì macari ju attruvai un prufissuri di musica ca ci po’ ‘nsignari alla mè amatissima Bianca tutti li canzuni d’amuri ppi falla ‘nnammurari cchiù assai di mia. Fa cuntu ca veni…

GEREMIA – Allura ppi pricidenza ju trasu prima datu ca ‘u prufissuri l’haju a purtata di manu, appoi quannu arriva ‘u vostru … trasiti macari vui.

LORENZU – Va beni. Ma chistu non è ‘u mumentu di parrari di pricidenza. A cosa cchiù ‘mpurtanti è… ca ppi puru casu oggi vinni a truvarimi ‘n’amicu di Sirausa ca è ‘ntirissatu assaiuni a pigghiarisi ppi mugghieri a Catirina!

GEREMIA – No!... Appiddaveru? Ma allura semu a cavaddu!... Ma a propositu di cavaddi… st’amicu di Sirausa ssà pigghia d’accussì… senza canuscilla? ‘U sapi chi pesti di fimmina è?

PITRUZZU – (facendosi vedere) Sacciu tutti cosi… Sacciu ca è ‘na cavadda ca curri a brigghia scioti e tratta l’omini comu pagghiazza di li pedi. Ma cu tuttu chistu.. m’ha pigghiu ‘u stissu!

GEREMIA – Certu ca ci voli stomucu… Ma comunqui… qualunqui cosa vi servi, soddi o favuri, sugnu sempri a vostra disposizioni! Ma scusati… pi casu chi siti un domatore di liuna?

PITRUZZU – (ridendo) ah.. ah… Nenti affattu. Ma ppi ‘nmarinaru comu a mia ca ha supiratu mari ‘ntimpesta, fulmini e saetti, marimoti e burraschi… chi vuliti ca mi po’ fari ‘na lingua di fimmina? Mi po’ alliccari comu ‘na canuzza di passu.

GEREMIA – Ma vui siti propriu cascatu do celu…cascati propriu comu ‘u furmaggiu supra ‘e maccarruna…

BRUNU – (al pubblico) E chisti ci volunu… i maccarruna! Ci haju ‘na fami ca mi mangiassi a muzzicuna ju stissu!

SCENA DECIMA

(detti più TONIO)

TONIO – (entrando vestito da Lucio) Scusatimi signuri si v’arristrubbu… Ppi casu mi sapiti addisignari a strada cchiù curta pp’arrivari ‘nta casa do signor Battista Mennula, chiddu ca havi du’ beddi figghi fimmini?

GEREMIA – Vuliti a iddu… o a una de so’ figghi?

TONIO – A iddu e a una de sò figghi… Ma pirchì c’è qualchi ‘ntoppitu?

PITRUZZU – Di sicuru non circati chidda scavaddata, è veru?

TONIO – No, no, no… quali a scavaddata, ju sugnu fattu ppa’ paci… a mia mi piaciunu i fimmini quieti!

LUCIO – (a bassa voce a Tonio) Tonio sei venuto proprio a tempo.

LORENZU – Ci pirmittiti ‘na parola? Ppi casu chi siti un pritinnenti di Bianca?

TONIO – E si macari fussi a vui chi v’interessa?

GEREMIA – Nni ‘interessa pirchì prima di vui cci semu nuatri ca la pritinnemu. Quistioni di pricidenza è!

TONIO – Ma scusati, pricidenza o non pricidenza, a strata siccomu è di tutti, com’è da vostra è macari da mia!

GEREMIA – A strata sì… ma ‘a figghia no!!

TONIO – E ppi quali mutivu?

GEREMIA – Pirchì ppa figghia do signor Battista ci pensu ju! 

LORENZU ….. e macari ju!!

TONIO – Allura semu tri ‘i pritinnenti di Bianca.

BRUNU – Mih… ‘i ‘nnammurati a tri a tri l’havi sta Bianca! Ju a vidu janca!

TONIO – Scusati ma chi cosa cangia ppi Bianca aviri dui o tri pritinnenti? Si è ‘na picciotta assinnata di sicuru si pigghia a chiddu ca cchiù ci cunfanfira! E chiddi esclusi, essennu veri galantomini, voldiri….

BRUNU - … ca s’alliccunu ‘a sarda!

LUCIO – Ah…ah… Giusto!

LORENZU – Ma vui… ‘i canusciti ‘i figghi do signor Battista?

TONIO – Si e no… sacciu ca n’havi dui, una scavaddata e ‘n’autra ‘nzuccarata!

PITRUZZU – Chidda scavaddata lassatammilla a mia ca ‘ntempu nenti a fazzu divintari ‘nzuccarata… pirchì si no’ ‘u sapiti Bianca, ‘a ‘nzuccarata, non si po’ maritari si prima non si marita Catirina ‘a scavaddata.

TONIO – Allura quann’è accussi, si vui mi faciti stu bellu favuri, di maritarivi ‘a granni, non m’arresta autru ca dichiararimi sempri a vostra disposizioni!

GEREMIA e LORENZU – Macari nuatri!

PITRUZZU – Qua la mano! (i quattru si stringono la mano)

LUCIO – Allora dato che siete tutti d’accordo non vi resta che festeggiare con un bel pranzo…. (rivolto a Tonio) Dico bene signore?

BRUNU – Ah… finalmenti si mangia!!!

TONIO – Certu.. certu… ‘u prufissuri havi raggiuni.  (a Lucio) E ‘nta quali casa festeggiamu?

LORENZU – Ma a mè casa è logicu…

GEREMIA – No.. no… megghiu ‘nta mè…

TONIO – Facemu ‘nta chidda mè?

LORENZU e GEREMIA e TONIO – (assieme) A mè casa, a mè casa!

BRUNU – Voi vidiri ca si sciarrianu e arristamu tutti dijuni?

LUCIO – Se permettete, essendo io al di sopra delle parti, vi suggerisco di festeggiare a casa del signor Tonio essendo lui l’ultimo pretendente che s’è presentato.

TONIO – Giustu… ‘u capii… a mè casa e non si nni parra cchiù. ‘Nnimici ‘nta li ‘nnammuramenti… ma amici ‘nta li divittimenti!!

GEREMIA e LORENZU e PITRUZZU – Aggiudicatu!

BRUNU – Oh… finalmenti si misunu d’accordu…. Si mangia… si mangia… (a Pitruzzu) Patruni amuninni a mangiari…

PITRUZZU – Amuninni a mangiari? Pirchì tu chi sì ‘nnammuratu di qualchi figghia di Mennula?

BRUNU – No, ju non sugnu ‘nnammuratu né di mennula e mancu di nucidda…

PITRUZZU – E allura arresta dijunu pirchì chista è festa ca non t’apparteni!

TUTTI  eccetto  BRUNU – Amuninni… amuninni a mangiari.. ah.. ah..

BRUNU – (rimasto solo se la piglia con se stesso) Ma com’è ca mi pigghiassi prima a timpulati e appoi a muzzicuna! Sì a muzzicuna accussì almenu mangiu macari ju! (si morde le mani)

(In lontananza si sentono le risate degli altri mentre vanno via)

FINE PRIMO QUADRO

QUADRO SECONDO

Casa di Battista Mennula

SCENA PRIMA

(CATERINA e BIANCA)

CATERINA – (entra in scena tenendo per le mani Bianca) Parra, parra, vogghiu sapiri quali di tutti sti muscagghiuni ca ti fanu la corti ti piaci cchiù assai…. E poi vogghiu sapiri pirchì vannu tutti appressu a tia e nuddu inveci si prisenta a dumannari la mè manu… Parra…

BIANCA – Ti giuru che non ce n’è nemmeno unu che mi piace…

CATERINA – Lorenzu? Forsi ti piaci Lorenzu e non mi lu voi diri? Dimmi ca ti piaci Lorenzu… parra.. parra…

BIANCA – Lorenzo pigiatelo tu con tutte le scarpe… E’ cusì fastidioso che non lo sopporto più. Ti piace? E’ tutto tuo!

CATERINA – Ah… allura voldiri ca ti piaci Geremia? Chiddu havi tanti soldi e ti po’ fari passari tutti li capricci…

BIANCA – Sei gelosa di Geremia perchè ha tanti denari? Ma tu cosa crede che son così materialista e scema da prendere un uomo solo perchè è ricco? I soldi non fanno la felicità. Ora lasciami andare, mi stai facendo del male!

CATERINA – Ah… allura voi diri ca ‘a scema sugnu ju? Addumannimi scusa ppi chiddu ca mi dicisti…

BIANCA – Ma io non ti ho detto niente…

CATERINA – Tu mi discisti “scema”.

BIANCA – Parlavo di me. Lasciami andare ora…

CATERINA – T’haju arridduciri di ‘na manera tali ca nuddu ti po’ taliari cchiù ‘nta facci…. (cerca di strapparle i capelli)

 BIANCA – (scappando) Ahi… ahi…

SCENA SECONDA

(BATTISTA e detti)

BATTISTA – (entrando) Basta.. basta… chi sunu sti vuci? E’ mai possibili ca non jti mai d’accordu e v’hati a sciarriari sempri comu du’ jatti sarvaggi?

BIANCA – Ha tentato di strapparmi tutti i capelli… (piangendo va dal padre)

BATTISTA – (stringendola a se) Veni ccà Bianca…non chianciri cchiù… curina do papà… (a Caterina) Ma chi ti fici, chi ti fici ca ‘a facisti chiangiri? (poi a Bianca) E tu bedda do papà vattini ‘nta tò cammira a raccamari e non ci dari cchiù cuntu a sta stròlica…

BIANCA – (andandosene) Ce l’ha con me perchè ho alcuni pretendenti mentre lei non ne ha nemmeno uno…

CATERINA – (le fa uno sberleffo) Ahhhhhh!!!!!!

BIANCA – (scappa piangendo)

SCENA TERZA

(BATTISTA e CATERINA)

BATTISTA – Ma dicu… ti vuoi quietari? Chi è ca hai… i diavuli ‘ncorporati? Ma quannu nascisti chi c’era malutempu ca ‘na saitta ti fici addivintari accussì furiusa?

CATERINA – Cettu… ju sugnu ‘a figghia do malutempu…. Chidda furiusa! Mentri idda è a figghia da jurnata ‘e suli! Tutti volunu a Bianca… Bianca di ccà… Bianca di ddà…  E sintennu a l’autri ca volunu a Bianca ju addiventu niura! A mia non mi voli nuddu… chi haju a mòriri zitella? Però… siccomu ju sugnu a figghia granni.. prima m’haju a maritari ju… perciò idda si po’ fari priari di tutti chiddu ca ‘a volunu… ma tantu… tempu persu è! Ccà ci arresta! (segnandosi la gola)

BATTISTA – Ma viditi chi malasorti mi nni vinni a mia mittennu ‘o munnu a sta scavaddata! (si sente bussare alla porta) Passa dda banna ca ‘ntisi tuppuliari.

CATERINA – Si è qualchi spasimanti di Bianca diciticci ca è tempu persu, megghiu mi si fa monucu! Prima m’haju a maritari ju… ju… (esce gridando)

SCENA QUARTA

(BATTISTA, GEREMIA, LUCIO, LORENZU, TONIO e PITRUZZU)

BATTISTA – Avanti… avanti…

GEREMIA – (entrando seguito da: Lucio vestito da professore di lettere, da Lorenzu travestito da maestro di musica con chitarra in mano, poi da Tonio vestito elegantemente  con un libro in mano e in fine da Pitruzzu) Carissimu signor Battista bona jurnata!

BATTISTA – Bona jurnata a vui e a tutti li vostri amici! Pirchì sta fudda?…Successi cosa?

PITRUZZU – Scusati siti vui ca aviti ‘na figghia bedda e virtuusa ca si chiama…

BATTISTA – Bianca!

PITRUZZU – No… Catirina!

BATTISTA – Catirina?

GEREMIA – (fermando Pitruzzu) Calma, calma… alleggiu amicu miu, non curriti d’accussì!

BATTISTA – Sì.. mè figghia ‘a granni si chiama Catirina…

PITRUZZU – Ju mi chiamu Pitruzzu, sugnu siracusanu e avennu ‘ntisu ca vostra figghia Catirina è bedda assai, è modesta, pussedi tutti i megghiu qualità do munnu ma soprattuttu havi ‘ncarattiri duci e mansuetu, comu si fussi ‘n’angilu do paradisu, ju vinni propriu ppi canuscilla di prisenza ed eventualmenti addumannari la so manu. E ppi essiri beni accolto da vui, sapennu ca iti circannu un maestru di musica vi purtai un amicu ca è un prufissuri di musica veramenti eccesso…

LORENZU - … (correggendolo) Eccelso!

PITRUZZU - …. Capaci di ‘nsignari musica macari ‘e scecchi ca passianu strata strata… discinnenti di ‘na famigghia di musicisti di rera e riritoria, tant’è ca so nannu , trombettiere di sua maistà…. Mentri sunava a trumma di chi morsi?...

LORENZU – Di trombosi!

PITRUZZU – Stati virennu?

BATTISTA – Ju nni sugnu onoratu e accettu ‘u vostru maestru ben volentieri… abbasta però ca non mi fa moriri a figghia di catarru… datu ca sona a chitarra! (risata generale) Turnannu a mè figghia Catirinia, ascutati a mia, chidda non fa ppi vui.

PITRUZZU – Forsi non vi piàciu comu jenniru?

BATTISTA – No… no… anzi… siti ‘nbeddu picciottu! Sulu ca me figghia Catirina..

GEREMIA – (interrompendolo) Scusati si m’intromettu, a propositu di prufissuri, macari ju vi purtai ‘nprufissurunu ppe vostri figghi. Un illuminatu di la puisia ca sapi ‘u latinu, ‘u grecu, ‘u francisi, ‘u spagnolu…

LUCIO  - E soprattutto l’italiano!

BATTISTA – Ah.. sapi ‘u talianu? E chi c’è bisognu… non è ca i me figghi hanu a jri all’estru!

GEREMIA – L’accittati comu un mio dono?

BATTISTA – Cettu ca l’accettu. Grazii. Ma ‘u turcu ‘u sapi?

LUCIO – Il turco?

GEREMIA – ‘U turcu? E pirchì?

BATTISTA – Ppi capiri megghiu a mè figghia Catirina, pirchì chidda sicuramenti ci farà vidiri cosi turchi! (ride solo Tonio) Scusati, ma chistu cù schifiu è?

TONIO – (dandosi delle arie da nobile) Mi chiamu Luciu, sugnu un pritinnenti di vostra figghia Bianca e ppi essiri beni accittatu da vui vi purtai in omaggio, ppe vostri figghi, ‘nbellu libruni di puisii!

BATTISTA – Ah.. perfettu… accussì arrisparmiu ‘nto materiali didatticu, specialmenti ca ora non ci si po’ mancu appiricari di quantu costunu!

PITRUZZU – Ma riturnannu a vostra figghia Catirina, si idda s’innamurassi di mia supra quali doti putissi cuntari?

BATTISTA – Ah… ma vui allura siti ‘nsistu?

PITRUZZU – Vinni propriu ppi chistu!?

GEREMIA e TONIO – E nuatri inveci ppi Bianca!

BATTISTA - Allura, ora facemu d’accussì: i prufissuri cco strumentu e ‘u libbru vanu ddà banna a darici i primi lezioni a Bianca e a Catirina…

LUCIO – (prendendo il libro da Tonio) Finalmente… era proprio quello che volevo fare… andare da Bianca per le poesie d’amore! (esce)

LORENZU – (con la chitarra) E ju inveci ci staju jennu a ‘nsignari e vostri figghi comu si manìa ‘u strumentu ccu tutti du’ manu! (esce)

BATTISTA – (ai presenti) Vuatri inveci viniti ccu mia a mangiari quattru cosa duci accussì ‘nto frattempu parramu di chiddu ca ci addutati e mè figghi in casu di matrimoniu!

PITRUZZU – Don Battista ppi mia ‘u tempu è denaru vinni ppi vostra figghia e non pozzu perdiri tempu a divirtirimi….

BATTISTA – (a Geremia e a Tonio) Allura vuatri itivi a mangiari i cosa duci… mentri ju arrestu a discurriri ccu stu picciottu…. ‘U capiti veru ca si prima non si marita Catirina vuatri non aviti nudda spiranza ppi Bianca? Giustu!

TONIO – Non faciti ‘na cosa troppu longa… (esce)

GEREMIA – Sì… pirchì ju haju ‘u zuccuru ‘nto sangu e cosa duci non nni pozzu mangiari! (esce)

SCENA QUINTA

(BATTISTA e PITRUZZU)

BATTISTA – Allura?

PITRUZZU – Ripetu la domanda: si Catirina s’innamurassi di mia supra quali doti putissi cuntari?

BATTISTA – Subitu ‘ncuntanti 100 mila scudi…

PITRUZZU – E a morti vostra?

BATTISTA - … a morti mia…. facennu corna… di ccà a n’autri cent’anni… mità di tutti li mè terri e possedimenti!

PITRUZZU – Benissimu! Ju inveci comu contradoti … cci ‘ntestu a mè mugghieri, ‘ncasu ca avissi a campari cchiù assai di mia… tutti li mè terri e i mè beni… dovunqui s’attrovunu!

BATTISTA – Magnificu!

PITRUZZU – Allura facemu subitu stu cuntrattu di matrimoniu e non nni parramu cchiù!

BATTISTA – Giustissimu…. Appena mè figghia decidi di pigghiarivi ppi maritu! Pirchì ‘a cosa cchiù gravi è propriu chista!

PITRUZZU – Ah… ‘na cosa di nenti… Appena mi vidi sugnu sicuru ca casca ‘nte me vrazza… ‘nnammurata pazza!

BATTISTA – Pazza di sicuru… ‘nnammurata non cridu!...

SCENA SESTA

(CATERINA, LORENZU e detti)

CATERINA – (da fuori) ‘O gratticcilla ‘a tò soru… vastasunazzu!

LORENZU – (uscendo di corsa dalla stanza di Caterina con la chitarra a mò di cappello) Chista è ‘na vera pazza… havi ‘i diavuli ‘ncorpu….

BATTISTA – Maestru… ma chi succidiu? Accussì ci ‘nsignati a chitarra a mè figghia?

LORENZU – Quali chitarra e chitarra, chidda  l’unicu strumentu ca pò sunari è ‘u tamburinu pirchì ci piaci a pigghiari  a vastunati li genti. Chidda po’ sunari sulu strumenti a percussioni… Tamburi.. piatti…

BATTISTA – No… piatti no…ca già m’ha spariggiatu dudici sirvizzi novi novi! Passati ddà banna e ammuccativi quattru cosa duci!

LORENZU – (uscendo) Ma vui comu cci putiti cummattiri ccu sta scavaddata? (via)

BATTISTA – (a Pitruzzu) Chi vi diceva? Vui aspittatimi ccà, ‘u tempu ca l’acquietu e poi v’’a mannu! Non v’aspittati però ‘n’accoglienza tutta rosi e ciuri…. (esce)

SCENA SETTIMA

(PITRUZZU solo)

PITRUZZU – Allura è veramenti ‘na scavaddata… megghiu accussì… sacciu ju comu ammansarla! Si idda m’insulta… ju cci dicu calmu calmu ca la so vuci è aggraziata comu chidda do canariu… si fa a facci tutta ‘ncagnata, ci dicu ca è bedda frisca comu ‘na rosa di maju… si si sta muta e s’arrifiuta d’arrispunnirimi mi cungratilu ppi la so’ mudestia ‘nto parrari…. si mi dici di iraminni… ci vasu li manu comu ‘na pirsona china di gintilizzi e si a poi s’arrifiuta di maritarisi ccu mia … ju cci dicu subitu lu jornu e la chiesa di lu nostru matrimoniu…. e mi la spusu! (sente ridere) Ma cu è ca sta vinennu? Ora m’ammucciu e vidu cu su’… (si nasconde)

SCENA OTTAVA

(LUCIO e BIANCA)

BIANCA – (entra seguita da Lucio) Ah… ah… Questo tuo travestimento è proprio bello, nessuno potrà riconoscerti così come sei camuffato….

LUCIO – Il mio servo Tonio si spaccia per me, così tuo padre crederà che io sia un vero professore di lettere!

BIANCA – Hai avuto una bellissima idea… e mentre gli altri credono che io stia con te a prendere lezione di poesie amorose…

LUCIO -…. In verità non facciamo altro che stare assieme e poterci amare in tutta tranquillità…

BIANCA – Come sono contenta d’averti sempre a me vicino…

LUCIO – E altrettanto lo sono io… Sai non è bello amare una persona senza sperare poi di poterla portare all’altare…

BIANCA – Lo so… tutta colpa di mia sorella Caterina. Se prima non si sposa lei io non posso neanche amoreggiare con colui che amo.

LUCIO – Ma credo che oggi capitolerà… C’è un certo Petruzzo interessato a lei…

BIANCA – Oh.. speriamo che le piaccia e si sposano… Perché io non voglio rimaner zitella vita natural durante…

LUCIO – Amore stai tranquilla… Appena Caterina si sposa… io faccio venire mio padre da Messina per chiedere a tuo padre la tua mano per me.

BIANCA – (abbracciandolo) Oh.. gioia infinita….

LUCIO – (baciandola) Oh… amore mio grande!

PITRUZZU – (tossisce dal nascondiglio) Oh…oh…

BIANCA – C’è qualcuno…

LUCIO – (come riprendendo una lezione) … e quindi come diceva Aristotele “L’amore è costituito da un’unica anima che abita in due corpi…” Mentre Platone invece sosteneva: che l’amore….

BIANCA - … è il mezzo che ti permette di mettere le ali e raggiungere la felicità”..

LUCIO – Ora passiamo alla lezione di grammatica…. Le vocali sono cinque…

BIANCA – A….. E…. I… O….U….

LUCIO – Con la vocale A vi sono diverse parole come… “Amore”….

BIANCA – “Amami”….

LUCIO – “Amiamoci”…. (escono)

SCENA NONA

(PITRUZZU solo indi CATERINA)

PITRUZZU – (uscendo dal suo nascondiglio) Varda varda a Bianca… chidda ca pareva a cchiù ‘nnuccenti di tutti…. Chissa nni sapi cchiù di Catirina, autru ca babba!

CATERINA – (entrando furiosamente) Cu è ca mi voli?

PITRUZZU – Oh… buonjornu Rina! E’ accussì ca ti chiamunu è veru?

CATERINA – Fossi siti ‘npocu stunateddu, pirchì vui ‘u sapiti comu mi chiamu. O forsì siti ‘ntuppatu d’aricchi e non capistivu lu mè nomu? Ju mi chiamu Catirina… tuttu sanu…

PITRUZZU – Ma ju ‘u diceva ppi n’allungari ‘u broru… Ca-ti-ri-na!... troppu longu… Voi ca ti chiamu Cati?

CATERINA – (infuriatissima) Né cati e mancu sicchi… Mi chiamu Catirina e basta… si non ti piaci ti nni po’ iri!

PITRUZZU – Ma comu sì dilicata ‘nto parrari sì propriu la gintilizza ‘mpirsonificata!

CATERINA – Avanti finiscila di sfuttiri… chi voi di mia?

PITRUZZU – Rina sì megghiu di comu t’immaginavu! E sì ca m’avunu dittu ca eri bedda, duci, virtuusa, assinnata, educata, eccetira eccetira…. Ma di prisenza sì ancora cchiù supiriori…. Brava, brava… complimenti!

CATERINA – Chisti sunu tutti munzignarii… Ju non sugnu propriu comu dici tu!

PITRUZZU – No… inveci sì… E’ ca tu non ti nn’accorgi! E siccomu ju staju circannu da bedda figghia comu a tia ccu tutti sti pregi… vinni a Catania apposta di Siracusa p’addumanarrici a tò patri la tò manu! Già ccu to patri nni misimu d’accordi supra la doti e tuttu ‘u restu…

CATERINA – Ma tu sì tòntiru… Unni quannu…. A ti pari ca era ‘npezzu di mobbili misu all’asta a ccu offri cchiù assai? Veramenti sì tu ca sì ‘nveru pezzu di mobbili!

PITRUZZU – Ah sì? E chi speci di mobbili?

CATERINA – ‘Ntintu sgabbellu!

PITRUZZU – Allura si sugnu ‘ngabbellu, veni… assettiti supra i me jammi!

CATERINA – Ju non n’haju muntatu mai scecchi comu a tia!

PITRUZZU – E mancu ju fimmini comu a tia!

CATERINA – E non nni ‘ncravaccarai mai! Chistu è certu… viddanazzu ca non si autru!

PITRUZZU – Scusami…si ti ‘ncravaccu mancu sintirai quantu pisu… sacciu ca sì fragili e liggera…

CATERINA – Troppu liggera ppi ‘nbistiuni armali comu a tia! E ora vattinni!

PITRUZZU – Ma mia carissima Rina… ju sugnu ‘ngalantomu…

CATERINA – Ih… ‘ngalantomu… nn’haju vistu scecchi ‘a fera… ma mai comu a tia!

PITRUZZU – Certu ca avevunu raggiuni chiddi ca dicevunu ca eri comu ‘na lapa di meli!

CATERINA – Si sugnu ‘nlapuni allura sta’ attentu ‘o mè pungigghiuni!

PITRUZZU – E allura voldiri ca ora pigghia e ti lu scippu!

CATERINA – Già… ma prima ha sapiri unn’è ca l’haju!

PITRUZZU – Ma ‘u sanu tutti unn’è ca ‘u lapuni havi ‘u pungigghiuni sutta ‘a cura…

CATERINA – No… ‘nta lingua!

PITRUZZU – Quali lingua?

CATERINA – ‘Nta chidda me… Da to’ non sacciu chi faramminni! Pirchì è bona sula a cuntari fantonii…. E ora v’attinni a ddu’ paisi! Ti salutu! Pezzu di capruni!

PITRUZZU – Ma quanti belli paroli ca mi sta’ dicennu… si vidi ca già ti sta’ ‘nnammurannu di mia!

CATERINA – Sì… staju propriu smaniannu ppi tia… Non ti pigghiu a jancati pirchì m’allordu ‘i manu!

PITRUZZU – Si cci provi ti nni fazzu pèntiri!

CATERINA – Varda ca si mi metti ‘i manu ‘ncoddu allura voldiri ca non sì ‘ngalantomu ma ‘nvastasunazzu…

PITRUZZU – (la prende e la tiene ferma) Ah… ora viremu accussì com’è ca mi scappi!

CATERINA – Lassimi stari s’annunca t’astruppiu!

PITRUZZU – Ma quantu sì aggraziata… tutti dicevunu ca eri un’ursa scuntrusa e ‘na vipira vilinusa…. Tutti chiacchiri! Tu sì spassusa, amabbili, aggarbarata, fina e duci comu ‘nciuri di primavera!

CATERINA – Ma unni ‘i studiasti sti belli paroli ‘o manicomiu?

PITRUZZU -  Su’ paroli ca ereditai do spiritu di mè matri bon’arma!…

CATERINA – Matri spiritusa e figghiu ‘ngnacitutu! Vattinni… ‘o cucchiti!

PITRUZZU – Sì… mi cuccu! Ma ‘nto tò lettu! Forza accunsenti… ca sugnu ‘u maritu ca fa ppi tia….

CATERINA – Megghiu monica!

PITRUZZU – E unni ’attrovi ‘na matri badissa ca ti voli?

CATERINA – Carogna!

PITRUZZU – Ppi sta luci ca fa sbrillicchiari a tò biddizza, ppi sta biddizza ca già s’annammuravu di mia…

CATERINA – Tintu bistiuni!

PITRUZZU – Tu non ti poi maritari autru ca ccu mia, pirchì sugnu ju chiddu ca ti po’ ammansari!

CATERINA – Sì sta’ friscu… si vidi ca ti manca qualchi rutella do ciriveddu…

PITRUZZU – E allura quann’è accussì…vasimi! (con forza la bacia)

SCENA DECIMA

(detti più BATTISTA)

BATTISTA – (entrando) Allura caru Pitruzzu… comu và ccu mè figghia?

PITRUZZU – Bonu… non putissi iri megghiu!

BATTISTA – E tu figghia mia comu t’attrovi ccu Pitruzzu?

CATERINA – E ci hai ‘u curaggiu di chiamarimi figghia? Chi bellu affettu, chi bellu patri ca sì ca voi ca mi maritu ccu ‘mpazzu… ccu unu nisciutu do’ manicomiu, ‘nmisirabbili buffuni.. ‘mbrogghipopulu ca ccu quattru paruleddi cci pari ca po’ vuliri tuttu chiddu ca voli…

BATTISTA – Allura Pitruzzu chi nni diciti di mè figghia?

PITRUZZU – Tuttu ‘u beni possibbili e ‘mmagginabbili… Babbu?

BATTISTA -  Già mi chiamati “babbu”?

PITRUZZU – Certu… E’ fatta… E vui e tutti l’autri haviti dittu sulu munsignarii contru Catirina… Non è scavaddata… ma quieta comu ‘na palumma, non è manisca ma bbona comu ‘na madonna… ‘Nsumma ppi concludiri jemu tantu d’accordu ca ‘u matrimoniu avemu decisu di farlu duminica ca veni!

CATERINA – Ti vogghiu vidiri prima appinnutu ‘nta ‘n’arvulu di furca! (scappa)

PITRUZZU – Ficiumu ‘npattu…ju e Catirina… ca quannu semu suli si cumporta comu ‘n’angilu, ma quannu semu davanti ‘e genti torna a essiri ‘a scavaddata di prima. Non putiti cridiri quantu beni ca mi voli…. Quant’è duci… M’acchiana di ‘ncoddu e non ci la finisci cchiù di vasarimi e abbrazzarimi. Ora vaju a Palermu p’accattari tuttu l’occorrenti p’ ‘o matrimoniu! Vui babbu pinsati p’ ‘a festa e p ‘’e ‘nmitati ppi tuttu ‘u restu cci pensu ju!

BATTISTA – Chi vi pozzu diri? Chiamatimi milli voti “babbu”… ma ‘njenniru comu a tia mancu cco’ lantirninu ‘u puteva attruvari… (chiamando gli altri) Geremia, Tonio, viniti ccà….

SCENA UNDICESIMA

(detti più GEREMIA, TONIO indi LORENZU)

GEREMIA – Chi c’è?

TONIO – Chi successi?

BATTISTA – E’ fatta… è fatta! Duminica prossima Catirina si marita ccu Pitruzzu!

GEREMIA – Benissimu… E allura ju fazzu di tistimoniu…

TONIO – E macari ju!

PITRUZZU – Babbu… amici… Catirina… Nni videmu duminica ‘nchiesa. Addiu! (esce)

GEREMIA – Ma allura ora caru don Battista putiti pinsari di maritari macari a Bianca? V’arricordu ca ju fui ‘u primu a dumannarivi la so’ manu…

TONIO – Ma ju sugnu cchiù picciottu e perciò Bianca sceglierà a mia!

GEREMIA – A mia….

TONIO – No.. a mia!...

GEREMIA – A mia!

TONIO – A mia!

LORENZU – (entrando) A mia!

BATTISTA – Macari ‘u prufissuri ‘i musica?

LORENZU – Ma quali prufissuri, ju sugnu Lorenzu e ppi stari vicinu a Bianca mi stracangiai di prufissuri ‘i musica…

BATTISTA – Ah… pezzu di furfanti… allura fici bonu Catirina ca ti spasciau ‘a chitarra ‘ntesta!

LORENZU – Pirdunatimi…. ‘u fici per amore… nno ppi autri fini!

GEREMIA – Su’ pirdunatilu.. però dopu stu travistimentu, Bianca ora tocca sulu a mia!

TONIO – Pirchì ju non cuntu?

BATTISTA – Calma.. calma signori! Chiddi ca cuntunu sunu ‘i fatti, e a chiddu ca po’ mantèniri megghiu a mè figghia Bianca ju cci dugnu la so’ manu! Vui Tonio chi cci addotati a mè figghia?

TONIO – Tutti li mè terri e trentamila scudi..

GEREMIA – Ju tutti li mè terri e quarantamila scudi…

TONIO – Cinquantamila…

GEREMIA – Centumila..

TONIO – Ducentumila…

 

GEREMIA – Cincucentumila….

TONIO – ‘Nmiliuni…

GEREMIA – ‘Nmiliuni di miliuni di miliuni di miliuni di miliuni… (lo ripete fino a che gli manca il fiato)

BATTISTA – (a Tonio) E vui?

TONIO – Più uno! (fa il gesto dell’ombrello) Tiè!

BATTISTA – (stringendogli la mano) Aggiudicata!

FINE PRIMO ATTO

 

ATTO SECONDO

(Primo Quadro)

Casa di Pitruzzu

Interno d’una stanza con un tavolo da pranzo e diverse sedie.

SCENA PRIMA

(BRUNU solo)

BRUNU – (Venendo da fuori) Finalmenti arrivai…. Fu e non sarà cchiù! Maliditti tutti i cavaddi ciunchi, maliditti tutti i fimmini pazzi, maliditti tutti i strati ‘mpantanati e soprattuttu malidittu ju ca ppi guadagnari ‘npizzuddu di pani mi misi a sivizziu do signor Pitruzzu… ca pari ‘nbonu cristianu… ma quannu ci pigghiunu i cincu minuti ci duranu ppi qualchi menz’ura! Stavamu cavalcannu beddi tranquilli da Catania a iri ccà, ccu ‘nsuli ca spaccava i petri, quannu a ‘ncertu puntu si nni vinni n’acqua… ma accussì forti ca pari ca abbiavunu cche sicchi… i strati addivintanu ciumara… i lampi e i trona ficiunu ‘nfuriari i cavaddi… ju circava di firmalli ma iddi currevunu cchiù forti di mia… Appoi ‘a cavadda unni c’era a mugghieri do mè patruni si misi a sautari comu ‘n’ariddu… ‘a signura ppo scantu si misi a ittari vuci… u mè patruni circava d’ammansari sia a idda ca a cavadda…. ‘nsumma… comu fu comu non fu… a ‘ncertu puntu visti a signura Catirina abbulari comu ‘na fogghia ritta ritta intra ‘na fossa china di fangu…. a cavadda s’abbiau di latu…. a signura chianceva… a cavadda nitreva… ju curreva…. e u patruni arrireva! Ddocu  li maliparoli di idda si fitenu comu a ‘ncani mortu… ‘u patruni inveci d’aiutalla pinsava di frinari ‘u cavaddu e ‘ntra vuci, fangu, acqua, lampi e trona mi dissi di passari avanti e pripararicci ‘a tavula ‘i mangiari. Ah chi bella coppia… secunnu mia stu matrimoniu arura di Natali a Santu Stefunu. A propositu di natali…. (chiama)  Natalina… Natalina unni sì?

SCENA SECONDA

(BRUNU e NATALINA)

NATALINA – (serva e cuoca) Ccà… ccà sugnu… non ittari vuci ca a mia ‘i vuci mi fanu smòviri a nirvatura… ccu mia ha parrari quasi in silenziu…

BRUNU – Sì… ora mi mettu a parrari che segni de muti! Avanti smoviti… non fari sempri a ‘dummisciuta. Hamu a priparari a tavula ppe nostri patruni…

NATALINA – I nostri patruni? Voi diri ‘u nostru patruni!

BRUNU – Ah veru… tu non sai nenti… ‘U patruni si spusavu!

NATALINA – Attruvau ‘na mugghieri? Di sicuru ha essiri ‘n’autra pazza cchiù assai di iddu!

BRUNU – Pazza no… ma comu si fussi! Non sai chiddu ca cumminavu ‘u patruni ppo’ matrimoniu..

NATALINA – Cuntimi… cuntimi…

BRUNU – Sì però ‘nto frattempu apparicchiamu ‘a tavula… (durante il discorso di Bruno i due apperacchiano la tavola) Accuntu mentri tutti erunu a chiesa beddi vistuti e allicchittiati ca aspittavunu ‘u zitu…

NATALINA – Cioè ‘u nostru patruni?

BRUNU – Stunata.. si stamu parrannu di iddu!

NATALINA – Allura?

BRUNU – Ccu ‘na scusa mi fici passari avanti dicennumi di diri a tutti l’invitati ca iddu purtava ‘npocu di ritardu… di dui tri uri… pirchì ‘u so cavaddu s’hava sciancatu duranti a strata….

NATALINA – Chistu mentri a zita era all’altaru veru?

BRUNU – Sicuru! Doppu tri uri ca tutti ‘u spittavunu comu s’aspetta ‘u Missia… si senti ‘na scarrica di rutti e pirita ca fici ‘ntrunari ‘a chiesa…

NATALINA – E ccu fu?

BRUNU – Fu ‘u nostru patruni ca trasennu ‘nta chiesa a ‘mpistavu di fetu ca a tutti i ‘nvitati cci vinni macari ‘u vommicu!

NATALINA – M’u ‘u ‘mmagginu…. Dda chiesa addivintavu ‘na fogna…

BRUNU – Ma ancora n’haju finutu… ‘U patruni.. ca tutti s’aspittavunu beddu vistutu comu ‘a nfiurinu… era ‘ncunnatu di ‘na manera ca ‘u spaventapassiri ca cc’è ‘nta campagna ‘ncunfrontu a iddu pari ‘u principi di Galles!

NATALINA – A ora? Accussì malu cumminatu era?

BRUNU – ‘Na cosa ca non si puteva taliari… pari ca ‘i robbi l’hava pigghiatu ‘nti Puddu ‘u pizzaru!... ‘Na cammisa tutta camuliata ca ogni purtusu era tantu…

NATALINA – Mischinu.. acussì pigghiava aria, no?

BRUNU – ‘Nparu di causi accussì curti ca parevunu sciarriati che scarpi… e ‘ncappiddazzu ca pareva ‘na cruvecchia spunnata!

NATALINA – Mih.. certu ca si vistivu all’ultima moda di Pariggi ah? Ma a zita.. a zita chi diceva?

BRUNA – Nenti! Muta comu ‘a ‘npisci.. ccu tanti di occhi scannaruzzati… e ccu ‘nfilu di fumu ca cci nisceva d’aricchi!

NATALINA – Stava abbruciannu da collira!

BRUNU – L’unicu ca parravu fu ‘u soggiru, don Battista Mennula, ca ccu ‘na vuci abbabaleccata peggiu di ‘na jaddina affucata ci dissi: “ Chi-chi vi-vi su cce-ccessi? Pirchì vi-vi vististivu di sta ma-manera? Chi-chi chista è ‘n’affisa non su-sulu ppi l’invitati ma so-soprattuttu ppi me fi-figghia Ca-Catirina. Vò-vò itivi a ca-canciari!”

NATALINA – E ‘u patruni chi fici?

BRUNU  - Nenti… non si smuvivu di ‘npassu.. dissi sulu: “ Scusati caru soggiru… forsi ca Catirina s’ha maritari i mè vistiti e non inveci la è pirsuna?”

NATALINA – Bravu ‘u patruni!

BRUNU – ‘Nsumma ppi falla brevi, ‘u parrinu ‘i maritavu ccu ‘na missa ca duravu cincu minuti e subitu, senza perdiri tempu, ‘u patruni si carricavu ‘nto cavaddu a zita, ca ‘nta tuttu stu frattempu appi sulu ciatu di diri “sì”… e currennu di gran carrera, mentri ju cci jeva d’appressu… si partivu ppi veniri ccà!

NATALINA – E ‘u ricevimentu? Non ni ficiunu festa?

BRUNU – Qali festa.. festa… Lassamu tutti cosi… C’era ‘na tavulata avanti ‘a chiesa tutta china di beni di Diu ca ‘u mangiari ni lu putevumu fricari mussu mussu… e inveci partemu tutti tri a dijuna! Ora.. doppu du’ jorna di viaggiu ti pari c’hamu mangiatu? ‘U patruni non n’ha fattu tuccari mancu l’acqua… né a mia e mancu a so mugghieri! (fa per portare in bocca qualcosa della tavola imbandita)

NATALINA – (con un colpo di forchettone lo riprende) Posa l’ossu… chisti non su’ cosi ppi tia… chisti sunu cosi ppi lu patruni e ppi la nova patruneda! A st’ura hanu aviri ‘na fami?!

BRUNU – Ah pirchì.. ju non n’haju? Famiccilla dari ‘n’alliccatedda… tantu non si nn’accorgiunu!

NATALINA – No! Nenti! Mancu ‘u ciauru! Tu ‘u sai ca si ‘u patruni non trova ‘u mangiari fattu bonu… appoi s’ha pigghia ccu mia!

BRUNU – E appuntu ppi chistu ‘u vogghiu assaggiari… accussì ti dicu si è fattu bonu!

NATALINA – Bonu è fattu… non c’è bisognu ca mu dici tu!

BRUNU – (prende furtivamente una cosa da mangiare e scappa)

NATALINA – (lo insegue) Fermiti pezzu di birbanti e posa ddocu!

BRUNU – Acchiappimi si cci a fai!

NATALINA – Ti nn’apprufitti ca haju ‘i caddi ‘e peri e non pozzu curriri… ma dammi tempu ca ti perciu! (s’inseguono attorno al tavolo)

SCENA TERZA

(detti più PITRUZZU)

PITRUZZU – (entra e va a sbattere contro Natalina, cadono a terra) Bellu modu d’arriciviri ‘u patruni ‘ncasa propria!

NATALINA – (facendo alzare Pitruzzu e spolverandolo) V’addumannu scusa, pirdunatimi! Stavumu cunsannu a tavula ppi vui e ppi la vostra signura.

PITRUZZU – Unn’è… unn’è ddu sciamunitu ca mannai avanti ppi farimi attruvari tutti cosi pronti?

BRUNU – (da sotto il tavolo) Ccà.. ccà sugnu patruneddu beddu… Comu viditi a tavula è già bella e sistimata!

PITRUZZU – Beni! E allura non smòviti, nesci di ddocu ‘a sutta, ammuccalapuni.. Vai fora e porta intra la tò nova patruna ca ancora è attaccata supra ‘o cavaddu.

BRUNU – (uscendo da sotto il tavolo) Attaccata supra ‘o cavaddu?

PITRUZZU – Sì.. l’appi ‘attaccari ppi ‘na fari cascari ppa cintesima vota!

NATALINA – Pirchì già ha cascatu 99 voti?

PITRUZZU – Tu non t’intricari ‘nte cosi di l’omini e pensa cchiùttostu a purtarimi ‘nsicchiettu d’acqua pulita ccu ‘na tuvagghia!

NATALINA – Subitu patruni! (esce)

PITRUZZU – (a Brunu) E tu ancora ddocu sì? Smoviti… porta intra a mè mugghieri!

BRUNU – Subitu…subitu! (esce)

NATALINA – (entrando con secchio e asciugamani) Ccà c’è l’acqua e a tuvagghia!

PITRUZZU – (mentre si lava) Ah… finalmenti mi pozzu lavari ‘npocu! (si lava e si asciuga poi posa il tutto in un angolo, poi gridando a Brunu che ancora è fuori)  Allura… Brunu… chi fa.. a sta’ purtannu a mè mugghieri ntra la so nova maggioni?

CATERINA – (da fuori sbraita come un’ossessa) Fermu… fermu… non mi tuccari… non vogghiu ca mi metti ‘i manu di ‘ncoddu… lassimi stari.. sacciu scinniri do’ cavaddu cche mè manu senza bisognu ca mi pigghi….

BRUNU – (da fuori) Allura forza.. scinnissi..

CATERINA – (c.s.) Pigghimi…pigghimi..pigghimi ca cascai! (si sente un tonfo)

PITRUZZU – Ora su centu! Ah..ah..ah.. (poi a Natalina) Dacci ‘na manu macari tu..

NATALINA – (fa per uscire ma poi si ferma su la porta dicendo) Patruneddu vostra mugghieri sta trasennu bedda comita che so peri…( le fa ala)

PITRUZZU – (fecendole segno di entrare) Trasi…. Trasi Catirina…. Trasi ‘nta la tò nova maggioni!

SCENA QUARTA    

(DETTI più CATERINA)

CATERINA – (entra su tutte le furie gridando, è tutta sporca ed ha il vestito da sposa tutto lacerato) Aaaaahhhhhh…… arrivai finalmenti! (si guarda in giro, la casa le fa schifo, poi dice dolcemente) Mi vulissi lavari ‘npocu! E’ possibbili?

PITRUZZU – (a Brunu) Brunu prestu porta ddu sicchiettu d’acqua a la tò patruna!

BRUNU – Subitu! (va a prendere il secchio)

CATERINA – Finalmenti ‘npocu d’acqua pulita!

BRUNU – (porta il secchio a Caterina ma inciampa e glielo rovescia addosso)

CATERINA – Veramenti acqua nn’hava pigghiatu picca!

BRUNU – M’ha scusari…

PITRUZZU – (inveendo contro Brunu) Pezzu d’armali è accussì ca si servi la tò nova patruna propriu lu primu jorna ca trasi ‘nta sta casa? Natalina pigghimi ddu nervu pirchì si merita ‘na cinquantina di nirvati ‘nta carina!

CATERINA – No.. no..mariteddu miu… no’ fici apposta… appi ‘a truppicari ppi culpa do pavimentu ca è tuttu sbasulatu! Non ti pigghiari collira.. lassulu stari.

PITRUZZU – Quali culpa do pavimentu… è ca havi ‘i peri tunnu e cummina sempri guai!

CATERINA – Pirdunatilu.

PITRUZZU – (a Brunu) Ringrazia la tò patruna ca intercediu ppi tia. Vasicci a manu!

BRUNU – (a Caterina) Grazii patrunedda…  (fa per baciarle la mano)

CATERINA – (ritirandosi la mano) Non c’è bisognu… non nni vognu vasata manu!

PITRUZZU – (a Brunu) Ora pigghia dda tuvagghia e ccu tutta a dilicatizza possibbili e immagginabbili asciughila comu di duviri.

CATERINA – No… no… non c’è bisognu… Mi asciugu da mè! Datimi sta tuvagghia!

BRUNU – (da la tovaglia a Caterina) Ccà c’è a tuvagghia…. (le bacia le mani) Grazie.. grazie... patrunedda mia…

CATERINA – (infastidita) Ti dissi ca non nni vogghiu vasati manu… e comu ti l’haju a diri? (le dà uno scappellotto che lo fa cadere a terra)

PITRUZZU – Brunu ora basta… falla asciugari.

CATERINA - Auh ma è propriu ‘nsistu! (si asciuga)

PITRUZZU – Catirina… amuri miu… cridu ca a st’ura ha aviri ‘npocu di famuzza.. è veru?

CATERINA – (gridando) ‘Npocu? Su’ du’ jorna ca non mangiu! L’unichi cosi c’haju agghiuttutu hanu statu acqua di celu e pruvulazzu di terra!

PITRUZZU – Calmati… calmati! Voldiri ca ora ti rifarai di tuttu chiddu c’ha patutu ‘nta sti jorna. (a Natalina) Natalina prestu servi la cena!

NATALINA – Subitu signor patruni!

PITRUZZU – Carissima Catirina ora ti fazzu assaggiari la bona cucina di Natalina ca è ‘na cuoca veramenti supraffina…. Ti fazzu alliccari l’ugna!

CATERINA – E’ tanta la fami ca haju ca m’accuntentu macari di n’ovu frittu!

PITRUZZU – Ma chi dici… ‘a mè casa si mangia megghiu da corti di Francia… Mangiari di Re!

NATALINA – (porta un vassoio con della carne) Eccu ccà.. Castratu arrustutu ccu patati vugghiuti!

CATERINA – Bonu.. a mia mi piaci ‘u castratu… cco salamarigghiu e ‘u limoni mungiutu! (fa per prenderne un pezzo)

PITRUZZU – (bloccandola) Ah….ah… Prima am’ha diri a prijera… non è giustu mangiari senza prima ringraziari a Diu! Accumenci tu o accumenciu ju?

CATERINA - …. Veramenti….

PITRUZZU – Accumenciu ju! “Signuri t’arringraziamu ppi stu bellu mangiari ca nni vulisti dari stasira”.

CATERINA – Amen. (fa per mangiare)

PITRUZZU – (la blocca) Aspetta… ancora nn’haju finutu…. “….e benedici ogni cosa ca sta supra sta tavula”.

CATERINA – Amen. (fa per mangiare)

PITRUZZU – (la blocca) Un mumentu… ancora ci nn’è… “… e stasira sia ju ca me mugghieri Catirina ti rinnemu grazii pirchì finalmenti nni stà facennu sfamari”.

CATERINA – (forte e incazzata) Amen!!!!! Putemu mangiari ora?

PITRUZZU – Ora putemu mangiari!

CATERINA – Finalmenti! (prende una costata e fa per mangiarla)

PITRUZZU – (la blocca nuovamente levandole la costata dalle mani) Ma comu è arrustutu stu castratu? Natalina veni ccà… secunnu tia stu castratu è cucinatu bonu?

NATALINA – Certu… è cucinatu ccu tutti i sacramenti.

PITRUZZU – Nni sì propriu sicura?

NATALINA – Sempri accussì l’haju fattu!

PITRUZZU – E stasira inveci ti vinni tuttu abbruciatu…. Talia parunu tanti pezzi di carvuni….

CATERINA – A mia mi pari arrustutu bonu…

PITRUZZU – Ferma… no’ ‘u tuccari… non senti lu fetu d’abbruciatu ca fa?

CATERINA – Veramenti fa ‘nbellu prufumu…  e a poi mu’ mangiassi macari abbruciatu!

PITRUZZU – Natalina jetta stu castratu ‘nta munnizza pirchì non è cosa ca si pò mangiari.

NATALINA – (prendendo il vassoio) Comu cumanna ‘u signor patruni!

CATERINA – (fermandola) Aspetta.. aspetta… Almenu lassa ‘i patati!

PITRUZZU – (prendendo le patate) E chisti mi chiami patati vugghiuti? Su cchiù duri de cutulisci… appena arrivunu ‘nta panza ‘nchiummunu! Brunu, Natalina ittati tutti cosi ‘nta munnizza, ittati macari i piatti i cazzalori i pignati e macari ‘u fucuni! E jettiti macari tu (a Natalina) maliditta vecchia scunchiuruta ‘ncapaci di cucinari ‘npocu di carni comu di giustu! Vattinni s’annunca ti pigghiu a pirati!

NATALINA e BRUNU – (prendono il tutto e lo portano fuori)

CATERINA – Vi scungiuru… lassatila stari a sta povira vecchia… forsi ‘u focu era troppu forti e fici abbruciacchiari a carni! Ma vulennucci pinsari non era accussì vummicusa! Secunnu mia si puteva mangiari!

PITRUZZU – Tu pensi di pirdunari propriu a tutti. Pensa a malafiura ca mi sta facennu fari propriu a prima sira a tavula ccu tia. Chiddi chi erunu cosi di mangiari? ‘U carvuni nni vuleva fari mangiari… Tu ha sapiri ca ‘u medicu mi pruibbiu di mangiari sia carni  troppu cruda ca troppu abbruciata, pirchì dici ca ‘a carni o cruda o abbruciata fa veniri ‘a bili e fa ‘nsarvaggiri macari ‘i cristiani cchiù abbasati!

CATERINA – E allura chi mangiamu?

PITRUZZU – A megghiu cosa… ppi sta sira… è…. arristari…. dijuni!

CATERINA – Ancora?

PITRUZZU – Accussì dici la Midicina! Voldiri ca dumani a matina mangiamu comu a du’ purcidduzzi! E a poi ‘u mè medicu dici sempri: “Chiù longu è ‘u dijunu chiù apprizzatu è ‘u mangiari”.  (chiamando) Natalina… Natalina… Accumpagna a la tuletta la mè signura e appena è pronta la porti ‘nta stanza ‘e lettu!

NATALINA – (entrando) Viniti patrunedda bedda ca v’accumpagnu!

CATARINA – Sì… ‘nta stu mumentu sugnu cosa propriu di iri ‘nta tuletta… è megghiu ca mi canciu… (a Natalina) Tenimi però.. pirchì non ci a fazzu mancu a stari additta! (escono)

SCENA QUINTA

(PITRUZZU solo)

PITRUZZU – (ride) Ah…ah..ah… Mi pari ca fin’ora haju recitatu troppu bonu a parti do maritu ‘ncazzusu! Mi dispiaci ppe mè servi ca non l’haju mai maltrattatu di ‘sta manera. Catirina… ora comu ora… è veramenti tutta allaccarata….Morta di fami e allattumata do viaggiu… Non ci a fa mancu a stari additta! Ah..ah..ah.. Ci calmanu l’agghi e cci finenu tutti i capricci c’aveva ‘ntesta! Ah…ah… Inveci di ‘na jatta sivvaggia mi sta parennu ‘na cavadda addumisticata. Ma ancora nn’haju finutu… Ci haju a fari passari ‘na nuttata “d’amuri” ca si l’ha riurdari finu ca campa. Non l’haju a fari arripusari ppi nenti. Non ci haju a fari chiudiri occhiu… Tantu l’haju a teniri arrusbigghiata  ca l’haju a fari addumisciri additta additta…. E appena chiudi l’occhi ci haju a fari sautari ‘i vermi maligni… tantu ca ha maliriciri lu jornu quannu mi canuscivu..  E vi giuru ca dumani a matina mi preirà a quattru pedi comu ‘na picuredda dicennumi ca si metti a fari tuttu chiddu ca ci dicu abbasta ca ‘a lassu dormiri tannicchia! Criditimi, pp’ammansari li fimmini scavaddati comu a idda, chistu è l’unicu modu ppi falli acquietari! Ora mi vaju a cangiari macari ju pirchì staju fitennu peggiu di ‘npurceddu! Anzi, mentri ci sugnu, vaju macari ‘ncucina e mi vo’ mangiu ‘npocu di castratu arrustutu pirchì staju murennu da fami. Ddu castratu era arrustutu troppu bonu… e a jttallu è veramenti piccatu.. (esce)

SCENA SESTA

(CATERINA e NATALINA)

CATERINA – (entrando in punta di piedi seguita da Natalina) Allura? Po’ essiri o non po’ essiri?

NATALINA – Mi stati addumannanu ‘na cosa ca non pozzu fari. Si ‘u veni a sapiri ‘u mè patruni m’abbia fora a pirati di sta casa!

CATERINA – Ma pirchì ora non sugnu macari ju ‘a patruna di sta casa?

NATALINA – oscenza havi ragiuni, ma ‘u patruni voli ppi vui li megghiu cosi ca ci ponu essiri. Si appoi non vi piaciunu? Chiddu sicuramenti s’ha schitta ccu mia!

CATERINA – Ma santa cristiana, tu chi cridi ca mi maritavu ppi farimi mòriri da fami? ‘A mè casa a Catania c’era mangiari in abbunnanza e tuttu chiddu ca arristava ci ‘u davumu a ccu ‘nn’haveva di bisognu. A mè casa si traseva dijuni e si nisceva sazii! Varda ju nn’haju priatu propriu a nuddu p’aviri qualcosa e ora inveci pp’aviri ‘npizzuddu di pani mi tocca fari a dumannera comu ‘na pizzenti. ‘U capisci ca ju vulissi qualcosa di mangiari e inveci mè maritu mi sta inchennu di mutuperii e maltrattamenti, di vuci e sgarbataggini? Secunnu iddu si ju mangiu ‘npocu di carni pozzu cascari malata… Quannu mai s’ha dittu ca a carni fa mali? A mia mi piaci…. Mi piaci ‘u castratu… mi piaci a sasizza… mi piaci ‘a carni ‘i porcu…. Mi piaci a carni ‘nta tutti li maneri…. Ma si non è possibili aviri ‘npocu ‘i carni… m’accuntentu macari di ‘npocu di virdura…  di na lattuca…  di ‘npummaroru… macri di ‘nfinocchiu… abbasta ca mangiu! Ti nni preju Natalina mentri iddu non c’è portami qualcosa di mangiari… s’annunca mi mettu a jttari vuci ca fazzu curriri a tuttu ‘u vicinatu! Dammi a mangiari m’asannunca ti mangiu a muzzucuna!...

NATALINA – No… no.. ppi carità… ju ca non ci haju nenti chi perdiri… E va beni… vi portu qualchi cosa… Però ‘u patruni nn’ha sapiri nenti, arristamu ‘ntisi!

CATERINA – Varda po’ si o no’ ju stanotti mancu ‘a vucca grapu… accussì non senti ‘u ciauru do mangiari!

NATALINA – Va beni… vi portu chiddu c’attrovu… Vi piacissi ‘nbellu pedi di porcu?

CATERINA – Ora comu ora mi mangiassi macari ‘nperi di tavulinu….

NATALINA - ….. ccu ‘na bella lumia mungiuta….

CATERINA – Sì…sì… mungicci chiddu ca voi…. abbasta ca mu’ porti!

NATALINA – (fa per andare poi ritorna) No… ‘u peri ‘i porcu cridu ca fa mali ‘o ficutu... Vi portu megghiu ‘nbellu piattu di mussi e carcagnola?

CATERINA – Ah… troppu bellu… ju nesciu pazza ppe mussi e i carcagnola! Però ora smoviti… isa li carcagna!

NATALINA – (fa per andare poi ritorna) Ma patrunedda chi dici… i mussi e i carcagnola non su’ troppu pisanti specialmenti ‘a prima notti di nozzi?

CATERINA – Nooooo…. Inveci mettunu sustanza e sunu macari afrodisiaci. Va’ pigghili.

NATALINA – (c. s.) Ma non fussi megghiu ‘nbellu pezzu di carni ugghiuta ccu l’ossu ‘nto menzu?

CATERINA – Ah… certu… l’ossu ccu ‘a cannedda ah? Pirchì a mia a cannedda mi piaci assai assai…

NATALINA – (c. s.) Allura vi portu sulu l’ossu?

CATERINA – L’ossu do coddu t’ha rumpiri… ancora ccà si?

NATALINA – No… ju diceva…

CATERINA – Non diri nenti… haju caputu… mi stai pigghiannu ppi fissa , veru? Si peggiu do tò patruni… (urla) Vattinni, vattinni, prima ca ti sminnittiu tutta e ti mangiu a pezzi a pezzi accussì cruda comu si!... Fora… fora…

NATALINA – Aiutu… aiutu…. Avemu ‘ncasa ‘na cannibbala.. aiutu! (esce)

SCENA SETTIMA

(CATERINA e PITRUZZU)

PITRUZZU – (entrando) Catirina… amuri miu ti vidu ‘npocu furiusa… chi successi? Forsi eri ‘npinseri ppi mia? Ccà sugnu non ti preoccupari! Ora ni nni jemu a curcari e ti fazzu passari la notti cchiù meravigliosa di tutta la tò vita.

CATERINA – (scostandosi) No… non mi tuccari… ccu tia non mi cci curcu!

PITRUZZU – Eh no! Chistu non lu po’ diri e mancu fari… ricorditi ca ora sì mè muggieri e tu hai l’obbligu di soddisfari tutti li mè vuliri.

CATERINA – Unni.. quannu… ju sugnu ‘na fimmina emancipata, libbira di fari e diri tuttu chiddu ca mi pari e piaci. Caru miu ‘i tempi su’ cangiati… ti pari ca semu fermi ‘e tempi di l’omu di li caverni? ‘Na mugghieri po’ dicidiri secunnu la so vuluntà specialmenti si ‘u maritu non  è capaci di sustintarla mancu ccu ‘nbellu pezzu di carni!

PITRUZZU – Carni? ‘U sacciu ju ppi tia chi carni ci voli…

CATERINA – Pezzu di vastasunu ca non si’ autru! Accussì porti rispettu a tò mugghieri? Si vidi propriu luntanu centu migghia ca si’ ‘nviddanu ccu ‘a scoccia ca ti vulisti maritari ccu mia ppi sdirrozzariti ‘npocu!

PITRUZZU – Ah.. d’accussì a pigghi? E allura videmu cu’ ‘a vinci… tu o ju! (l’insegue, Caterina non si fa prendere, si lanciano oggetti dicendosene di tutti i colori, poi Pitruzzu afferra Caterina) E ora di ccà non mi scappi.. ( la sculaccia)…

CATERINA – Basta… basta… pezzu di ursu mastinu…. Ha veniri ddu jornu ca cumannamu nuatri fimmini…

PITRUZZU – Quannu a poi veni si nni parra… Ppi ora cumannunu ‘i masculi e si fa chiddu ca vogghiu ju… Spogghiti e mettiti sutta ‘i linzola…

CATERINA – No… ju ccu n’armali comu a tia non mi ci curcu..

PITRUZZU – Non ti ci curchi? E allura curchiti sula… voldiri ca non assaggerai mancu ppi sta sira il “dolce frutto dell’amore”. Arresti dijuna non sulu di mangiari ma macari di… di… di autri cosi! Ju mi vaju a curcari ‘nto mè lettu… e ddà t’aspettu… si non ti vuoi curcari ccu mia… dda banna c’è ‘a stadda e ti curchi cco’ sceccu. Sogni d’oro! (fa per andare poi ritorna) Ah… e dumani ti portu nni tò patri… (esce)

SCENA OTTAVA

(CATERINA sola)

CATERINA – (gli lancia qualcosa… poi rimasta sola, getta un urlo) Aaaahhhhhh!!!! No’ sumportu cchiù… nò sumportu!! Ppi forza haju a fari chiddu ca dici iddu. Ju sugnu Catirina… Catirina Mennula, figghia di Battista Mennula… di Catania… Non sugnu ‘na mugghieri qualunqui ca unu po’ cumannari a so’ modu e piaciri. Ju appartegnu sulu a mia stissa… ju… ju… ju però m’innammurai di stu Pitruzzu pirchì è l’unicu ca mi sapi tèniri testa. (dolce) Quannu mi pigghi ccu li so’ manu caddusi e forti… ju mi sentu squagghiari tutta. Però ju non ci vogghiu dari saziu… aspettu ca m’addumanna di curcarimi ccu iddu ccu’ ‘npocu di gintilizza… pirchì l’amuri… ah… l’amuri… l’amuri è ‘na cosa troppu bella. E si a poi ‘o to’ latu c’è ‘nmasculu comu a Pitruzzu, ca ti voli tutta ppi iddu, ca ti stringi ‘nta li so’ razza e ti fa sèntiri lu càuru e lu ciàuru di li so’ carni allura ha essiri ancora cchi bellu! Sì… sì… Pitruzzu è propriu l’omu ca fa’ ppi mia… Ma… c’è un ma.. Ancora è troppu prestu ppi daraccilla vinta… ‘u vogghiu fari piniari ancora ‘npocu, ci vogghiu fari stirari ‘u coddu… e a poi…. Quannu propriu non nni po’ cchiù… sugnu sicura ca mi fa’ passari li megghiu nuttati d’amuri ca mai fimmina ha passatu ‘nta so’ vita. L’haju a fari cascari comu dicu ju! (con “goduria”) Ah…. Ah… (si butta su di una sedia, questa si rompe e Caterina cade a terra) Ahi…ahi…Per ora cascai ju! (movimento di stizza e grido di rabbia) Aaaahhhh!!!!

FINE PRIMO QUADRO DEL SECONDO ATTO

ATTO SECONDO – QUADRO SECONDO  

A casa di Battista

SCENA PRIMA

(TONIO, BATTISTA, GEREMIA e LORENZU)

TONIO – Signor Battista semu tutti ccà riuniti pirchì nni misimu d’accordu ca v’hamu ‘a diri ‘na cosa ca interessa non sulu a nuatri ma macari a vui.

BATTISTA – A mia? E di chi si tratta?

TONIO – Vui sapiti ca nuatri semu pritinnenti di Bianca e sapiti macari ca a vulemu beni.. ora è tantu ‘u beni ca cci vulemu ca nuatri semu disposti a rinunciari a la manu di vostra figghia.

BATTISTA – Ah bellu beni cci vuliti! Successi cosa?

LORENZU – Non ci arristati mali ppi piaciri. Si nuatri n’arritiramu accussì di bottu… è signu ca oltri a nuatri tri… ci nn’è n’autru ca la pritenni!

BATTISTA – Ma chi c’intrati vui? Vui non siti ‘u prufissuri di musica!

LORENZU – Signor Battista ju sugnu Lorenzu, ‘u vostru vicinu di casa, e mi fingii prufissuri sulu ppi stari cchiù vicinu a Bianca. Ma a quantu pari chidda di mia non nni voli sentiri mancu parrari.

BATTISTA – E ccu’ è st’autru pritinnenti ca a voli e ju non nni sacciu nenti? Ju oltri a vuatri tri non canusciu a nuddu!

GEREMIA – E inveci ju vi dicu ca ‘u canusciti, e macari troppu bonu. Addirittura fui ju ca vi lu purtai ‘ncasa vostra comu prufissuri…

BATTISTA – ‘U prufissuri di puisia? Di iddu stati parrannu?

GEREMIA – Iddu.. iddu.. E l’amici mei ccà, mi dissunu ca ‘ntra ‘nsunettu e ‘na ballata hannu vistu a Bianca amuriggiari ccò prufissuri…

BATTISTA – ‘Ntra ‘nsunettu e ‘na ballata?

TONIO – E macari ‘ntra li filastrocchi…

BATTISTA – Ah sì?.. Allura vol diri ca m’ha ficiunu sutta l’occhi?!

GEREMIA – Propriu accussì. E a quantu pari l’amuri è veramenti ricambiatu! Su’ propriu du’ versi di la stissa strofa…

LORENZU -… Du’ versi a rima “baciata”…

BATTISTA – Ah… macari l’ha baciata! Oh… ma allura datu ca l’ha baciata si l’ha maritari ppi forza… ormai ‘u dannu è fattu! Ma siti sicuri ca sunu veramenti ‘nnammurati l’una di l’autru e non si tratta ‘nveci di ‘nfocu di pagghia?

LORENZU – Sunu ‘nnammurati finu alla morti… i visti ju ca amuriggiavunu mentri stava circannu di ‘nsignarici a Bianca ‘i setti noti musicali, cioè Do Re Mi Fa Sol La Si Do. Si parravunu a baccagghiu usannu ‘i noti musicali.

BATTISTA – E comu?

LORENZU – Accussì: iddu ci diceva “Bianca dove facciamo la lezione?” E idda ci arrispunneva: “Do ve la fa la mi sol re la”…. “La sol so fa”… “La mi sol re la la fa sol so fa? Allora anch’io!”

BATTISTA – ‘Nto sofà? A lizioni a facevunu supra ‘o sofa?

LORENZU – E iddu: “E dimmi dopo la lezione cosa vuoi mangiare?”E idda “Si mi fa fa mi mi fa la fa sol la”….

BATTISTA – ‘A fasola? E non ci jetta pisanti?

LORENZU – E appoi ppi quannu iddu ci diceva “Bianca vuoi darti a me?” Idda ci arrispunneva…

BATTISTA – Chi ci arrispunneva? Chi ci arrispunneva?

LORENZU – “Si re sol la mi do si mi fa fa re la do re sol so fa”

BATTISTA – L’adore?

LORENZU – L’amore…. Licenza poetica no?

BATTISTA – Ah… figghia scrianzata, allura la cosa è gravi appiddaveru! Ma stu prufissuri di chi casata è? E’ di bona famigghia? N’havi soddi ppi manteniri a mè figghia?

TONIO – Pozzu garantiri ju. Anzi, datu ca oramai semu arrivati a stu puntu è megghiu ca vi dicu cu sugnu veramenti ju! Ju non sugnu Luciu…

BATTISTA – E ccu schifiu sì?

TONIO – Ju mi chiamu Toniu e sugnu servu do signor Luciu fintu prufissuri di puisii ma veru mè patruni.

BATTISTA – ‘Nmumentu…’nmumentu ca mi sta furiannu ‘a testa… Non staju capennu nenti… ‘U prufissuri di musica non è ‘u prufissuri di musica ma Lorenzu ‘u mè vicinu di casa e spasimanti di mè figghia Bianca, vui non siti Luciu spasimanti di mè figghia Bianca ma Toniu servu di Luciu ca non è prufissuri di puisia ma è ‘u vostru patruni ed è innammuratu di mè figghia Bianca…. Speru sulu ca vui (rivolto a Geremia) siti appiddaveru ‘u signor Geremia e non qualchi fimmina travistuta di masculu ca vinni ‘nta mè casa p’addumannari la mè manu?

GEREMIA – Masculu… masculu sugnu… e non vinni p’addumannari la vostra manu ma chidda di Bianca!

BATTISTA – E vi chiamati Geremia?

GEREMIA – E mi chiamu Geremia, anzi ppi essiri precisu mi chiamu Geremia Gedeone Gennaro Gerolamo Geraldo Gelsomino! Ppi l’amici Ge gè!

BATTISTA – Almenu unu arisuttau veru! (poi a Tonio) Allura ‘u tò patruni s’ha passa bonu?

TONIO – E’ nobili di setti generazioni e so patri è nentidimenu ca ‘u diritturi do bancu de pegni di San Paulu!

BATTISTA – Ah.. San Paulu… vicinu a Sant’Aita ‘e Vattiati. Bonu allura è ‘u picciottu. (a Lorenzo) Vui non aviti nenti in cuntrariu veru si ‘a manu di mè figghia ci a dugnu a stu signor Lucio?

LORENZU – Ju sugnu ‘n’omu di munnu e capisciu ca quannu c’è ‘nto menzu lu veru amuri nenti lu po’ cuntrastari. E poi ppi diri a virità ci haju ‘n’autra fimmina di riserva, ‘na bedda viduva, ricca, senza figghi ca non aspetta autru ca ju cci dicu di sì ppi cunchiudiri stu matrimoniu!

BATTISTA – Ah bravu… jucaviru ccu du’ mazzi di carti ah?

LORENZU – Trattannusi di fimmini è megghiu aviri  cchiù occasioni!

BATTISTA – (A Geremia) E vui, signor Gegè, chi nni diciti di sta situazioni?

GEREMIA – Ju ormai sugnu troppu vecchiu ppi circari di fari ‘nnammurari di mia qualchi autra fimmina… a la mè età è megghiu ca m’arritiru ‘i pupi prima di fari qualche mala cumparsa. Megghiu mi staju ccu st’onuri ca essiri ‘ncurniciatu (fa il segno delle corna) di li ‘mmiriusi!

BATTISTA – Allura è decisu! Cuntenti vui… cuntenti tutti! Ma soprattuttu cuntentu ju e macari mè figghia ca nni ‘mparintamu cco bancu ‘i San Paulu! E poi sona macari bonu: Bianca Mennula di San Paulu…. E ‘u primu figghiu ‘u sapiti comu s’ha chiamari?

TONIO – Pistacchiu di Bronti…

TUTTI – (ridono)

BATTISTA – Chista è bella… va beh… appoi ‘o nomu si cci pensa… ‘Ntantu jemu a priparari ‘u fistinu ppi stu bellu fidanzamentu…

GEREMIA – TONIO – LORENZU – Accussì prestu, lampa e stampa?

BATTISTA – Sì.. sì…’i cosi s’hanu a fari cauri cauri… Pirchì vuatri ‘u sapiti comu sunu ‘i fimmini…. oggi s’innamurunu di unu e dumani po’ essiri ca n’attrovunu n’autru!…

GEREMIA – TONIO – LORENZU – Allura prestu, ‘o jemuni a priparari. (escono tutti commentando)

SCENA SECONDA

(LUCIO e BIANCA)

LUCIO – Mia diletta Bianca dimmi se da i nostri incontri stai provando profitto e piacere.

BIANCA – Oh tantissimo. Ma dimmi qual è l’argomento che hai scelto oggi così per non dare nell’occhio?

LUCIO – Ti parlerò dello stesso argomento che spero di esercitare insieme a te: l’Arte di Amare di Ovidio.

BIANCA – Sì… continua a parlarmi di quest’Arte perché vedo che come la insegni tu nessun maestro fin’ora me ne ha fatto così tanto appassionare.

LUCIO – (leggendo un libro) Così scrive Ovidio: “O tu che vieni alle armi della guerra d’amore per la prima volta, sappi che la donna non ti cadrà dal cielo, ma dovrai esser tu a cercarla con abilità. Per disarmare una donna riempila di carezze. Non arrenderti se inizialmente lei sembra non gradire: quando meno te lo aspetti, lei cederà alla voglia che cerca di trattenere. La donna brucia di desiderio più dell’uomo, ma lo sa nascondere bene. Se non fossi tu a prendere l’iniziativa prima o poi sarebbe lei stessa a chiederti di accarezzarla”. (fa per accarezzarla)

SCENA TERZA

(DETTI più TONIO)

TONIO – (entrando) Oh..oh.. scusatimi si m’intromettu accussì di bottu ‘nta vostra lizioni… ma v’haju a dari ‘na nutizia ca cridu sarà beni accetta a tutti dui..

BIANCA – Dite pure.

TONIO – Vi vuleva diri ca sia ju ca ‘u vostru maestru di musica, ca ppi diri a virità è ‘u signor Lorenzu, ca si travistivu di maestru…

BIANCA – Lorenzo? Uno dei miei vecchi pretendenti?

TONIO – Propriu iddu. Dunca comu vi stava dicennu, sia ju ca ‘u signor Lorenzu abbiamo decisu di rinunciari a pritenniri la vostra manu….

BIANCA – Oh come son contenta! E il signor Geremia insiste ancora?

TONIO – No, macari iddu ci livau manu d’addumannari ‘a vostra manu. E ora arristau un sulu pritinnenti?

BIANCA – Ah.. ce n’è ancora un altro? E chi è? Lo conosco?

TONIO – Sì, si chiama Luciu!

BIANCA – Lucio? Ma Lucio non sei tu?

LUCIO – Sì, mia cara, il vero Lucio sono io (si toglie il travestimento) che come ben sai mi sono travestito da professore per starti più vicino e conoscerti meglio e mi sono presentato sotto queste mentite spoglie perché desideravo che t’innamorassi di me, non perché bello e ricco, ma per la mia indole di giovane innamorato, anima mia!

BIANCA – Io ti ho sempre amato, fin da quando mi cantavi le serenate d’amore sotto il mio balcone.

LUCIO – Ed anch’io mi sono innamorato di te mentre tu ascoltavi.

BIANCA – Sai che ti devo dire? In fondo in fondo anche sotto queste vesti da professore hai fatto in modo che m’innamorassi ancor più di te. Devo dire che ci sai fare… sia con le canzoni che con le lezioni amorose. Dolce amante mio!

LUCIO – Allora sigilliamo con un abbraccio il nostro raggiunto scopo. Bianca…

BIANCA – Lucio... amor mio! (si abbracciano)

LUCIO – Finalmente!

SCENA QUARTA

(DETTI e BATTISTA)

BATTISTA – (entrando vede i due abbracciati) Ah.. ah… ecculi ccà ‘i du’ picciuneddi..

BIANCA – Padre non pensar male… questo giovane deve parlarvi..

LUCIO – Signor Battista devo confidarvi una cosa e nel frattempo chiedervi scusa…

BATTISTA – Sacciu tutti cosi… Non c’è bisognu ca mi parrati e m’addumannati scusa. Vui non siti ‘u prufissuri di puisii ma siti ‘u signor Luciu figghiu do diritturi do bancu ‘i San Paulu e mi vuliti addumannari ‘a manu di mè figghia Bianca. E’ veru?

LUCIO – Verissimo!

BATTISTA – E tu figghia mia voi ca ju prumettu la tò manu a stu falsu prufissuri ma veru signor Luciu?

BIANCA – Sì… con tutto il cuore!

BATTISTA – E allura datu ca siti d’accordu… stasira stissa facemu festa ppi cunchiudiri stu fidanzamentu!

BIANCA – LUCIO – TONIO – (assieme) Evvivaaaaaa!

SCENA QUINTA

(DETTI più PITRUZZU, CATERINA e BRUNO)

PITRUZZU – (entrando seguito da Caterina) Caru soggiru ccà c’è vostra figghia Catirina.

CATERINA – Patri… (va dal padre e lo abbraccia)

BATTISTA – E chi fu? Cunchiuru ‘nfidanzamentu  e si sburdiu ‘nmatrimoniu? Caru jenniru successi cosa?

PITRUZZU – Nenti di tuttu chiddu ca putiti pinsari! Ju non puteva attruvari ‘na mugghieri megghiu di Catirina..

CATERINA – E ju ‘nmaritu megghiu di Pitruzzu!

BATTISTA – E allura?

CATERINA – Siccomu Pitruzzu dumani ha partiri ppi Palermu e manca ‘na dicina di jorna, datu ca non mi voli lassari sula intra ‘ncampagna a cummattiri ccu la sirvitù e l’armali, pinsavu di lassarimi ccà nni vui accussì pozzu stari filici e cuntenta a latu di me patri e di mè soru!

PITRUZZU – Sì pirchì la vogghiu fari stari tranquilla e ripusata ccà ‘ncasa vostra senza faricci patìri li peni di lu viaggiu purtannammilla appressu a mia.

CATERINA – Ma non è troppu bonu st’amuri di maritu?

BATTISTA – Assai assai!

PITRUZZU – Catirina merita di stari tranquilla e cuntenta!

CATERINA – (a Pitruzzu) Quantu ti vogghiu beni…

PITRUZZU – Macari ju! (si abbracciano)

BATTISTA – Ch’è bellu vidilli d’accussì filici! (agli altri) Non è veru?

BIANCA – LUCIO – Commovente!

BRUNO – Mi veni macari di chianciri! (si asciuga una lacrima)

BATTISTA – Va beni… ora basta cco picciu! Pinsamu a chiddu ca c’è di fari. Pitruzzu, Catirina, vui vinistivu propriu a propositu. Stasira ‘nta sta casa ci sarà ‘na duppia festa granni, la prima è chidda ppi lu fidanzamentu di Bianca ccu stu beddu picciottu…

CATERINA – E mè soru ‘u voli?

BIANCA – Sì cara sorella… anch’io “non potevo trovare di meglio”.. ah.. ah..

LUCIO – Ed anch’io! (si abbracciano)

BATTISTA – Matri… mi stà parennu ‘a fera di Bracciano….

TONIO – Pirchì di Bracciano?

BATTISTA – Pirchì ddà s’abbràccianu tutti! (risata generale) E a secunna festa è chidda ppi mè figghia Catirina ca niscivu da casa scavaddata e turnavu ammansata! Stasira festa granni!

CATERINA – Patri.. inveci di farla stasira… n’ha putemu fari prima?

BATTISTA – Prima? Pirchì?

CATERINA – Havi quattru jorna ca non mangiu e non ci staju vidennu cchiù di l’occhi!

BATTISTA – Caru jenniru…. Chi è stu fattu ca me figghia havi quattru jorna ca non mangia?

PITRUZZU – Ordini do medicu, dici ca lu dijunu fa calmari lu spiritu ardenti e ammansa la furia cavaddina.. Non stati vidennu quant’è tranquilla ora vostra figghia Catirina?

BATTISTA – Veru è…. Allura l’hamu a lassari ancora dijuna?

CATERINA – No… già mi passavu a scavaddaggini… Ma ora si non mangiu addiventu peggiu di prima…. (gridando) Vogghiu mangiariiiiiiiiii!

TUTTI – (ridono) Ah…ah…ah…

BATTISTA – E allura mangiamu tutti e subitu…. Festa… facemu festa… Servi priparati a tavula e fati veniri l’invitati…

SCENA SESTA

(TUTTI)

BRUNO e TONIO – (imbandiscono la tavola) Finalmenti si mangia… Varda quantu belli cosi ca ci su’… Quant’havi ca non videva tutti sti prilibatizzi… (nominano i vari piatti)

GEREMIA – Eccumi prontu ppi lu fistinu… quannu s’accumencia?

BATTISTA – Subitu….  E Lorenzu unn’è?

GEREMIA – Ivu a pigghiari l’amanti so’… a viduva ca sta ccà ‘nfacci!

CATERINA – Si cunsulau subitu ah?

GEREMIA – Subitissimu… e ‘a viduva mancu cci pari veru!

BATTISTA – Allura si ‘a tavula è lesta…. pigghiamu postu…. Di ccà i du’ fidanzati, di stu latu Catirina e so maritu, di st’autru latu vui e ju ccà…e quannu arriva ‘u signor Lorenzu ccu ‘a viduva s’assettuna ddà!

BRUNO e TONIO – E nuatri unni n’assittamu?

BATTISTA –  Vi vuliti assittari? Siti servi perciò… sirviti!

TONIO  - Mih… ma ha veniri ddu jornu ca non ci sarannu cchiù servi …

BRUNO – Sì aspetta e spera… finu a quannu ci su’ patruni i servi non mancherannu mai!

TUTTI – Muti… non vi murmuriati e sirvitini…

LORENZU – (con la vedova sotto braccio) Scusati ‘u ritardu ma ‘u sapiti comu su’ ‘i fimmini quannu s’hanu ‘a vestiri.. si sapi quannu accumenciunu e non si sapi quannu finisciunu….

ISABELLA – Sì…scusati… non mi potti mancu attruccari cco me commudu! Sugnu tutta ‘mpastizzata ‘nta facci…

LORENZU – Non ti preoccupari ca sempri bedda sì, Isabella… e a poi l’importanti ca piaci a mia!

BATTISTA – Assittativi ddà…

LORENZU e ISABELLA – (si siedono)

CATERINA – (impaziente perché vorrebbe mangiare) Si mangiaaaaaaaa???

BRUNO e TONIO – (servendo) A ddocu…. Mangiati e…. abbuffativi!

PITRUZZU – (frenando l’impeto di Caterina) ‘Nmumentu… propongo un brinnisi a la saluti di li fidanzati!

TUTTI – Sì… giustu… ‘nmbrinnisi cci voli!

PITRUZZU – (col bicchiere colmo di vino in mano) “Brinnisi fazzu a manu dritta e a manu manca ppi lu fidanzamentu di Luciu ccu Bianca!”

TUTTI – Evviva… evviva…

CATIRINA – (a mò di brindisi) “E datu ca ‘nta tavula c’è stu beddu mangiari… chi fa’ vulemu finalmenti accuminciari”?

TUTTI – Sì.. sì… bon’appituttu a tutti… bon’appititu..

PITRUZZU – (mangiando) Ccà non si fa autru ca mangiari e a poi assittarisi ppi mangiari n’autra vota…

BATTISTA – Caru jenniru chista è ‘a bella usanza ca cc’è ccà a Catania!

PITRUZZU – Catania è ‘na città china di cosi rari, tant’è veru ca cci attruvai a Catirina.

LORENZU – A vulissi aviri ju sta tò gran bella sorti.

PITRUZZU – E chi è Lorenzu ti scanti di Isabella?

ISABELLA – (puntuta) Veramenti di mia non s’ha scantatu mai nuddu..

PITRUZZU – Non vi scaldati donna Isabella… non ci l’aveva ccu vui! Ci l’aveva ccu Lorenzu.. ca mi pari ‘npocu  appagnatizzu…

ISABELLA -  (a Caterina) Oh..oh… chista è bella… ‘U voi ca cci dici curnutu ‘o sceccu..

CATERINA – (a Isabella) Ma chi stati dicennu?

ISABELLA – Chiddu ca mi fa diri vostru maritu.

PITRUZZU – Attacca Catirina..

LORENZU – Fozza Isabella…

PITRUZZU – Centu scudi ca Catirina s’ha metti sutta..

LORENZU – Veramenti chista è cosa ca cumpeti a mia..

PITRUZZU – (facendo un brindisi) Alla saluti di st’omu cumpitenti…

BATTISTA – Signor Geremia chi nni diciti di stu battibeccu?

GEREMIA – Ora viditi comu si scannunu…

BIANCA – Di sicuro vincerà mia sorella.

TUTTI – (ridono) ah..ah…

CATERINA – (alzandosi) Signuri mei si cci pirmittiti. Signura Isabella… Bianca… viniti ccu mia… (le tre donne escono)

BATTISTA – Caru jenniru mi staju cunvincennu ca a tia t’ammattivu ‘a fimmina cchiù scavaddata di Catania.

PITRUZZU – Ju pensu di no. E ppi darivinni prova chiamamu ognunu a nostra fimmina  e a chiddu ca cci arrisutta cchiù ubbidienti cchiù lesta a veniri appena chiamata vinci ‘a scummissa.

LORENZU – Ju cci staju … Quantu nni jucamu?

LUCIO  – Cinquanta scudi.

PITRUZZU – Tantu mi jocu ppi ‘na cussa di cavaddi… ma ppi me mugghieri vinti voti tantu.

LUCIO – Va bene anche per me… 1.000 scudi!

BATTISTA – Mih… Ma non su’ assai?

GEREMIA – 1.000 scudi? Ma chi è… aviti soldi di ittari?

LORENZU – Ppi mia sta beni, accettu!

GEREMIA e BATTISTA – Ma su’ propriu pazzi!

PITRUZZU – LORENZU – LUCIO – 1.000 scudi!!! (si stringono la mano)

BRUNO e TONIO – (applaudono) Bravi! Bravi!

LORENZU – Ccu accumencia ppi primu?

LUCIO – Incomincio io che sono il festeggiato. Tonio..

TONIO – Sì patruneddu…

LUCIO – Vai Tonio e prega la mia amata Bianca di venire subito qua.

TONIO – Avvolu! (esce)

BATTISTA – Senti ju scummettu a mità di chiddi tò ca Bianca veni subitu ccà!

LUCIO – No… non ne voglio soci… preferisco vincere da solo.

GEREMIA – E di sicuru vinci tu.

TONIO – (ritorna) Patruneddu…

LUCIO – Allora?

TONIO – A signura patruna vi manna a diri ca ppi ora havi chi ffari e non po’ vèniri.

TUTTI – (ridono) ah…ah…

PITRUZZU – Comu comu? Havi chi fari e non po’ vèniri? Bella risposta appiddaveru! Ah.. ah…

GEREMIA – Pitruzzu priati ‘u signuri ca chidda ca vi manna vostra mugghieri non è ancora cchiù peggiu!

PITRUZZU – Si non vi dispiaci pensu ca sarà ancora cchiù megghiu!

LORENZU – Ora tocca a mia. Tonio vai ddà banna e supplica la signura Isabella di veniri ccà. Subitu subitu.

TONIO – Va beni. Subitu subitu… (esce)

PITRUZZU – Ah va beh… accussì non vali… si la supplichi comu ‘na Maronna chidda ha vèniri ppi forza..

LORENZU – Inveci ppi to mugghieri cridu ca mancu ‘i supplichi cci abbastunu! Ah…ah…

(da dietro le quinte si sentono grida ad alta voce da parte delle donne)

TONIO – (rientra come inseguito da qualcuno, con affanno)

LORENZU – Unn’è Isabella?

TONIO – (dopo aver ripreso fiato) Dici ca vui niscistivu pazzu e di ddà non si smovi.. si a vuliti v’attaccati ‘i scarpi e a iti a truvari!

TUTTI – (ridono) ah..ah.. ah…

PITRUZZU – Sempri cchiù peggiu! Addirittura è iddu ca avissi a iri ddà banna! Ah.. ah… (chiamando) Brunu…

BRUNU – Cumanna!

PITRUZZU – Brunu và ‘nta tò patruna e dicci ca cci ordinu di curriri subitu ccà.

BRUNU – (si fa il segno della croce) Curru… (esce)

LORENZU – Ju già m’ammagginu ‘a risposta!

PITRUZZU – E fussi?

LORENZU – “Non mi stunati a testa e non mi rumpiti l’anima”… ah…ah..

(si sentono altri schiamazzi da parte delle donne)

BATTISTA – A st’ura a ddu mischinu di Brunu ‘u stanu scippiddiannu tuttu! Ah…ah..

BRUNO – (rientra come se le avesse prese, molto dispiaciuto, invece poi sorride e con gioia dice) Eccola!

CATERINA – (entra trascinando a se le altre due che protestano)

BATTISTA  -  Sia lodatu Gesù Cristu… Catirina vinni…

GEREMIA – Non ci pozzu cridiri…

CATERINA – (parlando alle due donne)  V’avissiru a virgugnari tutti dui……. Finitila ccu sta funcia dispittusa e cuntrariata.. (alla vedova) Tu ‘u vo’ capiri ca già sì viduva e avisti a furtuna d’attruvari ‘n’autru maritu ca oggi comu oggi p’attruvari ‘nmasculu s’ha chiddu c’ha fari ‘na fimmina datu ca ppi ogni masculu ci sunu setti fimmini… (a Bianca) E tu cara sorella pirchì ha ruvinari ‘a tò biddizza facennu l’occhi storti contru lu tò futuru maritu ca inveci l’ha rispittari comu ‘nveru Diu capaci d’addifenniri la tò vita ppi ogni jornu ca passati assemi?  Iddu è chiddu ca ti manteni vita natural duranti, ca travagghia ppi tia tutti ‘i jorna all’acqua e ‘o ventu, co’ friddu ca pizzia e cco’ suli ca fa’ squagghiari ‘i carni, ca sbatti ‘a destra e a manca sia ppi terri disulati ca ppi mari ‘ntimpesta ppi guadagnari ddi picciuli ca a poi a tia ti servunu pp’accuntintari tutti li tò capricci, mentri tu ti nni stai bedda stinnicchiata chiusa intra ‘nto cauru da casa passannu li jurnati senza fari nenti o al massimu a guvirnari li servi p’accuntintari li tò vuliri. Certu fussi ‘na fimmina di la glebba avissi a pinsari a puliziari a casa a daricci densa ‘o fucularu a stari a menzu ‘e cazzalori, ‘e mappini, ‘e scupi, ‘e picciriddi ca chianciunu, a lavari ‘i robbi, a stinnilli, a’ ‘sciugalli, a cucinari ppa’ famigghia, a friiri mulinciani, pipi, cacocciuli, a daricci ‘u latti ‘e picciriddi, a filari ‘a lana, a pigghiari l’acqua ‘nto puzzu, e a poi n’autra vota a puliziari ‘a casa… a daricci densa ‘o fucularu… Ma tu sì ‘na fimmina benistanti unni ppi tutta ‘a jurnata ‘u massimu sforzu ca po’ fari è sciusciariti da matina ‘nfinu a sira! St’omu non pritennni nenti di tia, voli sulu essiri rispittatu comu signuri - patruni e capu di casa, voli sulu ‘npocu d’affettu e d’amuri ca lu ponu fari sèntiri megghiu dopu ‘na jurnata di travagghiu pisanti. Sì capaci di daricci sulu chistu contra tuttu chiddu ca iddu ti ‘runa? Ju beddamattri m’affruntu quannu vidu fimmini d’accussi ‘ntòntiri ca si mettunu contru li so’ masculi quannu ‘nveci s’avissiru a mèttiri ginucchiuni pirchì sunu distinati sulu a figghiari e fari la filicità di lu propriu masculu! E poi scusati ‘u nostru fisicu pirchì è beddu morbidu, lisciu, dilicatu, ciaurusu, ammalianti e sensuali? Pirchì nuatri semu fatti pp’amari nostru maritu, ppi saziallu di piaciri e ppi fallu sèntiri lu veru Diu ‘nterra. Certu macari ju haju statu rivugghiusa ccu la testa cchiù dura di la sciara e cco’ ciriveddu fucusu comu ‘a lava di l’Etna. Ma ora m’addugnu ca li nostri lanci sunu spuntati ca è inutili cummattiri contru a chiddi ca di nuatri ponu fari carni di sasizza. Nuatri effettivamenti semu “il sesso debole” ma propriu sta nostra dibulizza è la nostra forza….. pirchì l’omu nni po’ supraniari ‘nta tutti cosi…. Ma appena senti ‘npocu di ciaùru di fimmina sfiziusa ca lu fa’ ‘mbriacari addiventa ‘nveru passuluni appagnatizzu ca suttastà a tutti li nostri vulìri! E perciò mittemu di cantu tutta la nostra superbia contru di iddu e circàmu di vincillu sulu e sulamenti ccu lu nostru amuri e lu nostru beni. E ora taliati, mettu ‘a mè manu sutta ‘i  pedi di me’ maritu pp’addimustraricci rispettu e suttamissioni pirchì si iddu voli ppo’ aviri di mia tuttu l’amuri e lu beni ca si merita.

(Alla fine tutti applaudono)

PITRUZZU – Brava! Chista è a mugghieri ca vuleva! E ora vasimi ccà… (segna la bocca)

CATERINA – Sì… unni voi tu. (lo bacia)

TUTTI – (applaudono)

BATTISTA – (rivolto a tutti) Musica! (parte la musica)

TUTTI -  ( ballano allegramente)

FINE

TURI GIORDANO

(SECONDO FINALE  FACOLTATIVO)

(ad un certo punto del ballo si bloccano come le belle statuine e solamente Caterina avanza verso il proscenio e parla col pubblico)

CATERINA – (al pubblico) Chistu chiaramenti è ‘u finali ca scrissi Shakespeare…’u finali do 1593…. Ma oggi ‘na mugghieri putissi diri ddi paroli ca Catirina dici a Pitruzzu? Mai mai! Anzi oggi è ‘u maritu ca ha essiri cchiù sevvizievuli e suttamisu e’ vuliri di la propria cunsorti. Veramenti fussi megghiu ca mariti e mugghieri si purtassiru rispettu l’unu ccu l’autru e fari ‘na vita di coppia veramenti esemplari accussì quannu i figghi su’ beddi granni, pirchì quannu dui si volunu beni figghiunu tanti picciriddi, diceva accussì quannu i figghi su’ beddi granni, taliannu li propri genitori vicchiareddi ca ancora si vasunu e si talianu ‘nta l’occhi comu du’ ‘nnammurati di primu pilu, ponu diri ccu tutta sincerità… ma quantu si volunu beni me’ matri ccu me’ patri… chissu sì.. ca è veru AMURI! Pitruzzu abballamu……

(Caterina riprende a ballare assieme agli altri attori)

FINE

Per la rappresentazione di questa commedia rivolgersi alla SIAE poiché il testo è tutelato e nessuno può appropriarsi nemmeno di una singola battuta o dichiararlo come suo.

L’AUTORE: TURI GIORDANO

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 9 volte nell' ultimo mese
  • 44 volte nell' arco di un'anno