‘A cullana d’ ‘a marchesa

Stampa questo copione

COMMEDIA NAPOLETANA

SILVIO  CALANDRELLI

‘A  cullana d’ ‘a marchesa

Commedia in due atti

1994

Personaggi

Gennaro Scognamiglio                        nobile napoletano

Maria,                                                                 sua moglie

Margherita,                                                loro figlia

Iolanda,                                                     la cameriera

Titina,                                                                 sorella di Maria

Alfredo Esposito,                               suo marito

Filomena,                                                   loro figlia

Ciccillo,                                                      fratello di Gennaro

‘Ntoneniello Improta,                        un vicino di casa

Rosa,                                                         sua moglie

Arturo,                                                       ‘o putecaro           

Nicola Quaresima,                                      il portiere

Amalia,                                                               sua moglie

Giovanni,                                                   loro figlio

Nunziello e Gerardo,                          “i sempre accesi”

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

            In casa di Gennaro Scognamiglio. Camera da pranzo arredata con gusto, senza mobili o oggetti che possono far pensare ad un'ostentazione di ricchezza, ma nemmeno niente che possa far intuire qualche ristrettezza. Una sola stonatura: su una delle pareti troneggia un grosso ferro di cavallo. Al centro della stanza un tavolo con quattro sedie e su di esso, in maniera disordinata, sono poggiati telegrammi e biglietti da visita. In fondo a destra un arco che separa il disimpegno dalla camera da pranzo. Alla fine del disimpegno, non in vista, la porta di ingresso. Sul fondo una finestra che si affaccia sulla strada. Prima quinta a sinistra una cristalliera dello stesso legno del tavolo. Seconda quinta a sinistra una camera da letto. Prima quinta a destra un'altra camera. Seconda quinta a destra la cucina.

            All'apertura del sipario Maria è vicino al tavolo intenta a leggere telegrammi e biglietti da visita; vicino, premurosa, le è Rosa. 'Ntoneniello è alla finestra.

MARIA   No donna Rò, non vi date pensieri, quella, mia sorella Titina, a momenti starà qua. E' andata via apposta un poco prima che la cerimonia finisse. Mi ha detto:"Marì io qua che ci faccio! Mò me ne vado a casa a preparare qualcosa di caldo e ve lo porto sopra" e così ha fatto. 'A verità m'ha fatto piacere, non per me, ma per Gennaro mio marito. Donna Rò voi ci scherzate? Quello dal momento in cui mia suocera c'ha lasciato (Si fa il segno della croce, imitata da donna Rosa) salute a nuje! Non ha toccato nemmeno un filo d'acqua.

ROSA      Eh! Di mamma ce n'è una sola!

MARIA   Quando siamo tornati dai funerali, gli ho detto: "Gennà, mangiati una frutta, pure ti sostiene un poco".Comme se avisseve parlato cu 'o muro. Mò se n'è ghiuto llà dinto 'nziem' 'o cainato, dice ca tene da sistemà certi fatti d' 'o negozio.

ROSA      Donna Marì ma io che ci metto, stammo porta 'a pporta, nun nce sta manco Iolanda, e che cosa è chesta! Iammo, na tazzulella 'e cafè ve l'aggia fà! Un momento, vado dentro e ve la porto bella fresca fresca, cavera cavera.

MARIA   Donna Rò, ma non vi disturbate, veramente...

ROSA      Nisciuno disturbo. Quanno na cosa 'a pozzo fà ‘a faccio cu tutt' 'o core, e 'Ntoneniello m'è testimone; è overo 'Ntuneniè?

'NTONENIELLO          ('O ssapevo ca me chiammava pè testemmonio! Chesta quanno m' 'a spusaje, s'assicuraje, 'o testemmonio a vita). Comme no! e c'è bisogno di conferme?

MARIA   Se proprio insistete...

ROSA      'Ntoneniè, vado e torno; damm' 'o o chiavino 'e casa.

'Ntoneniello esegue e Rosa esce.

'NTONENIELLO          Signora Marì, ma quanti anni aveva la buonanima?

MARIA   Novantanove.

'NTONENIELLO          (Ce sarrà rummasto mal' 'a puverella ca nun ha potuto apparà o' seculo!). E comm'è ca don Gennaro nun dà segn' 'e rassegnazione?

MARIA   Uh Giesù! 'Ntoneniè ma che dicite? Chella era a mamma!

'NTONENIELLO          Io non dico che non deve dispiacersi, ma doppo quasi nu secolo, me pare ca nu poco se ll'era pure aspettà: ‘a bon'anima nun è ca spuntava mò 'o primmo dente.

MARIA   E che significa! 'A mamma è sempe mamma! E poi mia suocera era una santa donna! Mio marito ha perso molto con la sua dipartita. Noi tutti abbiamo perso molto. Alla buon anima ricorrevano un pò tutti, pure mia figlia Margherita. Quando qualche cosa ci stava particolarmente a cuore, dicevamo: mammà, 'a nò, a seconda di chi le si rivolgeva, fammi una preghiera; e lei sempre pronta...

'NTONENIELLO          Ma le preghiere poi, arrivavano a destinazione?

MARIA   Come no! Certo non sempre, ma...

'NTONENIELLO          Scusate, e come facevate a saperlo?

MARIA   Mia suocera aveva un sistema infallibile per saperlo. Diceva che se le sue preghiere venivano interrotte da una bussata o da una chiamata del portiere, poteva sgranare tutti i rosari del mondo, quello era un segno che la preghiera non sarebbe arrivata a destinazione.

'NTONENIELLO          A proposito d' 'o purtinaro, avito saputo che c'è capitat' 'o prufessore?

MARIA   No! pecchè ch'è succiesso?

Entra Rosa con in mano un vassoio sul quale ci sono tre tazze da caffè e una caffettiera fumante.

ROSA      Primma aggiu rummasto 'a porta accustata pè nun perdere 'o tiempo pò a tuzzulià. Il caffè bisogna prenderlo bollente come si dice... con le tre ci. Ho messo solo tre tazze: una per voi, una per don Gennaro e una per Alfredo.Nuje 'nce l'avimmo pigliato proprio nu mumento fa.E' overo 'Ntoneniè?

'NTONENIELLO          (Te pareva ca nun me chiammava pè testemmonio) Mò, nu mumento primma 'e trasì ccà.

Rosa versa il caffè.

MARIA   (Indicando la stanza dove sta Gennaro e Alfredo) E jà,’Ntoneniè, chiammatelo vuje, può essere che a vuje nun sape dicere ca no; chiammate, chiammate, sta llà dinto.

'NTONENIELLO          (Avvicinandosi alla porta indicata) Don Gennà, don Gennà...

GENNARO        (Dall'interno) Chi è? ch'è stato? (Poi entrando in scena seguito da Alfredo) Ah 'Ntoneniè site vuje?

Le due donne girano premurose lo zucchero nelle tazzine

'NTONENIELLO          Jammo don Gennà, Alfrè, pigliateve na tazzulella 'e cafè cavera, cavera.

ALFREDO         (Prendendo la tazzina dalle mani di Maria) Chesta è stata proprio na bella penzata.

GENNARO        (Cercando di evitare la tazzina che Rosa tenta di dargli in mano) Signora Rò non vi offendete! Non riesco proprio a mandarlo giù.

ROSA      Ah no! Don Gennà si facite accussì me facite piglià collera! Jammo nù sorsettino ve farrà bene!

GENNARO        (Aprendo la giacca e, scoprendo attaccato alla cinta dei pantaloni un corno di notevoli dimensioni) Ma non è per cattiveria! Donna Rò, m'avita crerere, tengo 'o stommaco chiuso, comme se c'avessero miso na sarracenesca e avessero jettata a chiave!

ROSA      (Mettendo la tazzina nelle mani di Gennaro con modi che non ammettono repliche) Non signore, ve l'avita piglià! Don Gennà, all'anima d' 'o cuorno ca tenite sotto 'a sarracenseca!

GENNARO        Cu tutto 'o cuorno e avimmo sti mmazzate, figurammoce si..... poi la verità, in qualche modo dovevo risolvere il problema. Io ero uno schiavo! Tutt' 'e vvote ca passavo nnanze 'a portineria, aveva tenè sempe 'e mmane int' 'a sacca. Quando faceva freddo era anche piacevole, ma quando faceva caldo o avevo tutt' 'e ddue le mani impegnate cù nù pacco, nù fagotto, era un problema serio.

ROSA      Uh Giesù! E pecchè aviveva tenè 'e mmane int' 'a sacca?

GENNARO        E per poter grattare con discrezione, le parti che.......vanno grattate contro il malocchio!

ROSA      Il malocchio di chi? d' 'o purtinaro?

GENNARO        E di chi se nò! Quello donna Rò non è uno che si è improvvisato  jettatore , per cui uno può sperare pure che qualche volta pò sgarrà. Quello donna Rò, è l'ultimo discendente vivente di una famiglia di jettatori!

ALFREDO         Overo? Ma perchè pure il padre.......?

GENNARO        Il padre? Non ne parliamo poprio!

MARIA   Eh fai bbuono! Nun l'accummencià proprio stu cunto!

ALFREDO         No, pecchè, fall' o parlà. Stu fatto nun 'o saccio!

'NTONENIELLO          Continuate don Gennà, sò curiuso pur' io 'e sapè.

ROSA      Ah, ecco! (Alludendo al corno) Adesso mi spiego! E il padre pure........?

GENNARO        Il padre? Era più conosciuto del figlio! Quando saliva sulla funicolare per andare da Via Roma al Vomero, 'a gente se dava 'a voce, e, comme a quanno se sente na' scossa 'e terremoto, all'improvviso si vedeva un  fuggi fuggi generale e, 'ncoppa 'a funiculare restava sul' isso! Quanno saglienno pò, se fermava a Montesanto, pareva 'o treno pe' l'inferno, tutto illuminato e senza passeggeri!

ROSA      Mamma mia don Gennà e  che 'mpressione. E 'a gente che aspettava 'a fermata?

GENNARO        A gente 'o lasciava passà e aspettava 'a corsa dopo. E 'a ditto niente, quanti vvote 'e puverielli erano stato costrett 'a scennere sotto 'a galleria pecchè se staccava 'a currenta o se rumpeva 'a motrice? Eh! Ma con questa soluzione (Gennaro si tocca il corno) il problema è risolto! Apro la giacca e passo! E per evitare anche la formazione di vescichette! Inevitabili quando ero costretto a passare più volte nell'arco di una giornata!

MARIA   Menu male! Accussì aggio fernuto pur' io 'e cosere 'e ssacche d’’e cazune'! Ca, gratt'ogge e gratta dimane, se rumpevano una cuntinuazione. (Rivolta a Gennaro) Comme sì esagerato!

GENNARO        Io sò esagerato?

MARIA   Gennà tu si fissato! Guardate llà, un uomo di cinquant'anni che cammina cu' nu' cuorno appiso 'o cazone cchiù gruosso d'isso. Ma che ne parlammo 'a ffà. Volete sapere l'ultima?

ROSA      Eh, sentimmo! Sentimmo! Comme me piaceno sti fatti!

GENNARO        (Un po' risentito) Figurati se ti lasciavi sfuggire l'occasione!

MARIA   Embè ce ll'aggia dicere. L'ato juorno Iolanda, facenn 'e pulizie 'e casa ha rutt' 'o specchio d' 'o bagno. Quella ogni settimana mi rompe qualcosa! Questa settimana è toccato allo specchio! Vuje 'o ssapite chisto c'ha fatto? Ha raccolto tutti i pezzi rotti, li ha messi in un giornale, poco c'è mancato ca 'nce facesse pure 'o fiocco 'ncoppo, e ll'è ghiuto a ghiettà a mare. Nun parlammo pò d' 'e gatte nire!

GENNARO        Io 'o ssaccio pecchè tu parle accussì, ma cu mme nun c'’a spuntate nè tu nè tua figlia. 'A Giuvanno s' 'o pò scurdà. Io nun mu metto uno dint' 'a casa col rischio ca se port' appriesso nu padre jettatore. Chillo è capace 'e se portà 'ncoppa pure a Caronte: 'o gatto nire ca s'he pigliato pè cumpletà 'o quadro. Ma voi ve l'immaginate? Io, don Nicola e Caronte dinto 'a stessa stanza! Mamma d' 'o Carmine!

'NTONINIELLO           Va buò mò! Don Gennà vuie sito nu poco esagerato. Chelle sò chiacchiere d' 'a gente, incomnciate con qualche coincidenza.

GENNARO        Vuie chiammatele coincidenze!

MARIA   Ma cheste sò cos' 'e pazze. Guardate llà, chillo è capace 'e se mettere contro 'a figlia pè 'na fissazione soja.

GENNARO        Ma pecchè, Arturo 'o putecaro nun è bbuono? Chillo l'adora 'e penziere, nun aggiu capito ancora pecchè Margherita nun 'o vole.

MARIA   Perchè puzza! Puzza 'e casecavallo!

GENNARO        Ma vedete se una persona può rifiutare un partito buono, solo  percchè sente 'a puzza 'e casecavallo! Che poi, nun ssaccio pecchè 'a chiammate puzza! Quello è un odore sopraffino! Ma pure se fosse, il problema è risolvibile. Se porta 'na buttigliella 'e profummo appriesso e quanno stanno 'nzieme 'nc'a sfratta 'ncuollo.

MARIA   E tua figlia si deve portare il profumo appresso per tutta la  vita, deve rinunciare a quel bravo giovane di giovanni, neh e pecchè? Perché tu sei superstizioso,  perchè sei convinto nella tua mente malata, che il padre di Giovanni è iettatore.

ALFREDO         Marì, 'a verità quanno passo 'nnanzo 'o purtinaro 'na grattata m' 'a faccio pur'io. Perchè con tutta la razionalita con cui riesco quasi sempre ad affrontare le cose, il dubbio, si insinua. Tu mò vedi quello che è capitato al professore.

ROSA      E' o vero donna Marì, voi stavate ai funerali non potete saperlo.

ALFREDO         Io me sò truvato pè cumbinazione (rivolgendosi a Gennaro) quanno sò turnato pè te piglià 'o telegramma 'e Ciccillo, tuo fratello, ca tu vulive leggere subbeto.

MARIA   Ma insomma pozzo sapè che è succiesso?

ROSA      Donna Marì, chiste sò nummere! 'O prufessore comme 'o ssolito, scenneva primma 'e miezejuorno pè se 'j' a piglià 'o giurnale all'angolo d' 'o palazzo, quando improvvisamente, 'o gatto d' 'o purtinaro, Caronte, saglie 'e scale comm' 'a nu fulmine e  passa doje vote mmiezzo 'e cosce d' 'o prufessore. 'O pover'ommo ha cercato tutt' 'e mezze p' 'o scanzà, ma se sò 'ntravugliato 'e 'na manera, cosce e gatto, ca sò ruciliato p' 'a grariata abbascio tutt'e duje. 'O prufessore s'è rotta 'na coscia e sta ricoverato ai Pellegrini. 'O gatto pareva muorto! A vederlo cu chillo sangue 'ncoppa 'a fronte faceva 'na pena!

GENNARO        Hanno ricoverato pure a isso?

ROSA      Chi?

GENNARO        'O gatto!

ROSA      'O gatto! Si mò 'nce mettevano 'a bombola d'ossigeno e 'o ricoveravano 'a rianimazione! Don Gennà... quello dopo cinque minuti, l'aggio visto cu nu cerotto 'ncoppa 'a capa, chiu verzilletto 'e primma!

GENNARO        Cheste sarriano sempe coincidenze! E chisto nun è nu palazzo 'e casa! Questa è una stazione ferroviaria!

MARIA   Quanto sei spiritoso!

Suona il campanello.

MARIA   Alfrè, vide nu poco chi è, ca Jolanda ancora nun torna. A proposito, stamattina sta tardando più del solito, ca nun le fosse succiesso quaccosa?

ALFREDO         (Andando verso la porta) Marì tu ti preoccupi sempre eccessivamente, avrà truvato folla 'a puteca!

MARIA   Si, folla 'a puteca! Chella sò tre ore ch'è asciuta!

ROSA      Donna Marì, siamo a carnevale, i negozi di alimentari sono pieni zeppi, la gente si abboffa! Comme si pò 'o facessero veramente 'o diuno quanno arriva 'a quaresima!

MARIA   Mò 'nce vò!

ALFREDO         (Rientrando) Gennà, fuori ci sono due persone che dicono di essere i sempre accesi.

MARIA   E chi sò chiste? I sempre accesi! E che bonnno 'a nuje?

GENNARO        Vurranno essere stutate! Alfrè falle trasì.

ALFREDO         (Guardando verso l'ingresso) Avanti, accomodatevi!

Entrano due persone di mezza età (Gerardo e Nunziello); il primo porta in mano un borsone, l'altro una cartellina con dei moduli.

GENNARO        Ah! Siete voi? Mò così vi fate chiamare? I sempre accesi?

I due si guardano meravigliati.

GERARDO        Ma perchè ci conoscete?

GENNARO        E voi siete tutti uguali! Camminate sempre in coppia come i carabinieri!

NUNZIELLO     I carabinieri! A coppia! Ma vuje che state accucchianno?

MARIA   Gennà, ma se pò sapè chi sò?

GENNARO        E non li riconosci? Uno con la borsa, l'altro con i fascicoli in mano, sono i Testimoni di Geova!

ROSA      E' o vero don Gennà! (Guardandoli,più attentamente) avete ragione! L'altro giorno facevamo la stessa riflessione pure io e 'Ntoneniello.

'NTONENIELLO          (Precedendo la moglie ironicamente) E' o vero 'Ntoneniè?

ROSA      Come sei antipatico!

GERARDO        Guè nun accumminciammo! Nuie cu 'a legge nun c'avimmo avuto mai a che ffà!

NUNZIELLO     Pe' primma cosa, a Genova non ce simmo maje state e pò...

GERARDO        Testemmonio a chi? Nuje nun avimmo visto proprio niente? Jammuncenno Nunziè, ca cu niente te fanno truvà mmiezzo 'e 'mbruglie!

Tutti ridono

ALFREDO         Ma vuje ch'avite capito?

GENNARO        Ma allora non siete testimoni di Geova?

GERARDO        'N'ata vota! Nuje nun avimmo visto niente, v' 'o vulite mettere 'ncapo si o no?

GENNARO        Va buò,va buò, aggiu capito! Ma allora chi siete?

NUNZIELLO     Noi siamo i titolari dell'agenzia " I sempre accesi" e siamo venuti per proporvi i nostri servigi:

MARIA   E qual'è l'oggetto della vostra azienda?

GERARDO        L'oggetto è il lumino.

Tutti si guardano stupiti

GERARDO        Il lumino... il cero!

GENNARO        Il lumino, il cero, ma possiamo sapere l'oggetto dell'azienda, ciò di cui si occupa? I servizi che offre!

NUNZIELLO     Ah! Ho capito? E voi scusate dite l'oggetto? Ecco qua. La nostra azienda, assicura con una modica spesa mensile, semestrale o annuale, a seconda dell'abbonamento che volete sottoscrivere, un cero sempre acceso sulla tomba della vostra defunta.

Ritornano a guardarsi tutti stupiti

MARIA   Ma come avete fatto a sapere della disgrazia? E il nostro indirizzo?

GERARDO        Mbè, questo non è stato difficile, noi siamo quotidianamente in contatto con l'ufficio del comune, denunzie nascite e morte e...

'NTONENIELLO          Hai capito comme se sò organizzati?

ROSA      E che velocità! Questi se migliorano il servizio sono capaci di arrivarti in casa primma ca spire!

MARIA   Ma fatemi capire bene, come avverrebbe il servizio? E quale sarebbe la modica spesa?

NUNZIELLO     Adesso vi spiego! (Rivolto a Gerardo) Gerà, arap' 'o bursone e miette 'a rrobba 'ncoppa 'a tavola.(Gerardo apre il borsone è caccia fuori lentamente, uno per volta, una serie di ceri disponendoli in ordine di grandezza) Ecco, con la merce davanti mi posso spiegare meglio e anche voi, potete rendere meglio conto dei servizi e dei costi.

ALFREDO         Ce ne sono di tutte le misure e per tutti i gusti. Non ho mai visto una campionatura completa come questa!

NUNZIELLO     Come dicevo prima, l'abbonamento può essere mensile, semestrale o annuale.

GENNARO        Manco fosse 'na rivista specializzata!

NUNZIELLO     Il cero viene acceso tre volte alla settimana, il lunedì, il mercoledì e il venerdì da un nostro dipendente che lavora fisso al cimitero.Il costo dell'abbonamento varia a seconda della durata e del tipo di cero che scegliete.Naturalmente la scelta del cero ha la sua importanza, perchè a seconda della grandezza dello stesso, si accelera o si rallenta il passaggio.

GENNARO        Quale passaggio?

NUNZIELLO     Il passaggio in paradiso del defunto!

ROSA      E' giusto! E si no 'o lumino ca s'appiccia a ffà!

MARIA   E voi, che cosa ci consigliate?

GENNARO        Ma perchè vorresti veramente...

MARIA   E perchè no! Miette che per un motivo o per un altro non possiamo andare a cimitero,quella santa donna di tua madre che ffà resta al buio?

GERARDO        Non sia mai signò! Quelli, i defunti, senza luce perdono la strada e devono ricominciare tutto d'accapo, chesti ccose nuje 'e ssapimmo pecchè 'nce l'ha ditto 'o mediano e pure...

ALFREDO         'O centrattacco!

GERARDO        E pure don Celestino 'o schiattamuorto, al quale, la notte, capita spesso di vedere talune anime brancolare nel buio in cerca della strada smarrita.

ROSA      Uh mamma d' 'o Carmine! Me s'è fatta a pelle 'e papera! E chi dorme stanotte! Signora Marì, non ci pensate sù due volte, fate l'abbonamento.

MARIA   (A Nunziello)E ci stavate consigliando...

NUNZIELLO     Certo, ecco qua! Con questo cero (prende il più piccolo) per arrivare in paradiso ci vuole molto tempo, praticamente un'eternità; capirete, cu chellu ppoco 'e luce ca fà, si può sbagliare facilmente strada e il povero defunto è costretto a tornare indietro e perde solo tempo.

MARIA   No,avete ragione! Questo è troppo piccolo non lo prenderei mai! Non perchè mia suocera ne avesse particolarmente bisogno...

ROSA      Mò 'nce vò, quella era una santa donna!

MARIA   Ma se posso accelerare in qualche modo il passaggio ne sono felice.

NUNZIELLO     Signò ho capito non ci sono dubbi, voi siete la classica signora napoletana! Voi non badate a spesa, voi badate al risultato.

GENNARO        E si capisce!

NUNZIELLO     (Rivolgendosi a Gerardo) Gerà, va piglia chillo ch'avimmo lasciato nnanze 'a porta.(Gerardo esegue) Signò, ho proprio quello che fa per voi!

GERARDO        (Rientrando con un cero esageratamente grande) ecco qua!

Tutti si guardano e si interrogano con gli occhi

NUNZIELLO     (Prendendo il cero dalle mani di Gerardo) Signò, con questo la defunta andrà veloce come in autostrada! E vuje ce pazziate? Questo non è un cero, questo è un faro nella notte! (Nel cercare di metterlo in bella mostra gli cade di mano e colpisce in pieno il piede di Gerardo).

GERARDO        Ah! M'ha cuoto 'ncoppo 'o ditone! Madonna santissima e che dulore! M'ha fatto vedè 'e stelle 'ncielo!

NUNZIELLO     Signò avite 'ntiso? Ha visto 'e stelle senza nemmeno appicciarlo!

GENNARO        Sta vennenno 'o mellone cu 'a prova! Guè faro! Autostrada! Arrecuglite sti cannelotte e jatevenne! La cosa non ci interessa.

NUNZIELLO     Ma comme, ' a signora...

GENNARO        'A signora oggi è troppo emozionata per decidere obiettivamente.

MARIA   Gennà io non ti capisco! Se tua madre dall'aldilà potesse esprimere il suo pensiero, sono sicura che non ti approverebbe.

GENNARO        Marì ma tu overo fai? Ma ti rendi conto delle scemità che ci stanno raccontando questi due sempreverdi?

GERARDO        (Riponendo i ceri) I "sempre accesi"! C'ha pigliato pè duje alber' 'e pino!

GENNARO        Va buò,  sempreverdi o sempre accesi sempe nu' cuofano 'e fesserie ce state cuntanno.

GERARDO        Ma voi che dite? Noi siamo una ditta seria, quando si accendono i nostri lumini al cimitero sembra.........

'NTONENIELLO          'A festa 'e Piedigrotta!

NUNZIELLO     Vedo che voi volete scherzare, ma vi assicuro che siete in errore. (A Gerardo) Gerà hai messo tutto a posto?

GERARDO        Ancora un attimo e sono pronto.

MARIA   (A Nunziello) Sentite, signore sempre acceso, io oggi non voglio contrastarmi con mio marito, voi lasciatemi il vostro indirizzo, che quanto prima verrò per definire l'abbonamento.

GERARDO        (Tirando dalla tasca un biglietto da visita) Ecco qua signò, ci trovate tutti i giorni dopo le ore diciassette.

MARIA   (Legge il biglietto) "Via Anime morte numero quarantotto". Mamma mia che brutto indirizzo!

NUNZIELLO     No! Perchè signò? Anzi la gente quando viene da noi, man mano che percorre la strada.........

ALFREDO         (Al pubblico) Se fà sotto d' 'a paura!

NUNZIELLO     Entra già in atmosfera e quando arriva da noi.......

GENNARO        (Al pubblico) C'appicciate direttamente 'o lumino 'nfaccia pecchè c'arriva morta! Puzzate jettà 'o bbeleno tutt'e duje!

      "J" quanto ne penzano!

MARIA   Va bene, allora quanto prima verrò io da voi.

NUNZIELLO     Arrivederci e buona giornata.

GERARDO        Arrivederci.

I due escono di scena

GENNARO        (Lisciandosi il corno) I sempre accesi! Via Anime morte numero quarantotto, dopo le ore diciassette! Pure i numeri se li sò cercati con cura! Quarantotto 'o muorto ca parla! Diciassette 'a disgrazia! Un indirizzo che è tutto un programma.

'NTONENIELLO          Don Gennà io sono d'accordo con voi, pò, 'a verità, chillo coso gruosso 'ncoppe 'a tomba io nun c'o veco! Chillo nun è nu cannelotto, è nu cannone! nu missile puntato contro 'o cielo!

ROSA      Ma illumina bene la strada!

'NTONENIELLO          Comme si all'ato munno avessero bisogno ancora d' 'e strade! Quelli volano, non camminano! Già, ma cu te ca 'nce parlo affà! Tu sei una bietolona nata!

ROSA      Io ca sò?

'NTONENIELLO          Niente Rusè, nun t'aggiu ditto niente 'e male! Piuttosto, 'nce ne vulimm' 'j? Se arriva 'o funtanaro nun ce trova.

ROSA      Hai ragione! Speriamo ca nun è venuto ancora, pecchè chillo rubinetto ca perde nun 'o pozzo suppurtà cchiù. E' nu mese ca tengo chella goccia dint' 'e rrecchie! Tic, tic, tic, ca rumpimiento 'e........

'NTONENIELLO          Rusè........ jammuncenne ja! Don Gennà, signora Maria, arrivederci. Alfrè stateve bbuono.

ROSA      (Prendendo il vassoio con le tazzine e la macchinetta) Arrivederci signora Marì, per qualunque cosa chiamatemi.

MARIA   (Accompagnandoli alla porta) Grazie, grazie donna Rò, arrivederci.

I due escono

MARIA   Gennà, io vado a mettere a posto un poco là dentro, tu continua a dare un'occhiata a questi telegrammi che sono arrivati quando noi non c'eravamo. A proposito, hai letto 'o telegramma 'e Ciccillo tuo fratello? Che fà, vene?

GENNARO        Sì, arriva appena possibile.

MARIA   Eh! Quella buonanima di tua madre è morta senza avere avuto il piacere di rivederlo. Certo, lui pure tiene le sue ragioni, 'a 'Merica è luntana! Quando poi rimase vedovo, con un figlio da seguire, venire in Italia gli è risultato sempre più difficile!

GENNARO        E così , pazzianno pazzianno so trascurse trent'anne!

MARIA   (Avviandosi nell'altra stanza) 'E ccarte ca nun te servono jettale, fà nu poco 'e pulizia.

Gennaro e Alfredo restano soli

GENNARO        (Si guarda intorno per assicurarsi meglio che non ci sia nessuno e, tutto agitato) Alfrè, comme faccio! nun ce stanno scappatoje! Qua si scopre tutto! Ma tu he capito bbuono? Quello, da un momento all'altro starà qua per definire l'eredità. Uh mamma d' 'o Carmine!

ALFREDO         Gennà, ma tu hai guardato bene?

GENNARO        E comme no! Ieri sera, oggi........ addò stà, niente! Niente! Alfrè, i buoni fruttiferi stavano nella cassaforte di mia madre, insieme alla collana, solo io ne conoscevo l'esistenza, oltre naturalmente il professore, del quale mia madre si serviva per comprarli. La buon'anima solo di lui si fidava.

ALFREDO         E Maria, non ne sapeva niente?

GENNARO        Niente! Quella non si è mai interessata di queste cose. D'altra parte, quando il professore veniva, mia madre gli parlava sempre in privato.

ALFREDO         Gennà, ma nun è che Iolanda.......(Fa un gesto con la mano molto significativo, alludendo ad un eventuale furto).

GENNARO        Non ci pensare nemmeno! Sono due generazioni che la sua famiglia serve la nostra e non è mancato mai niente in casa e poi, la chiave della cassaforte l'avevamo solo io e mia madre. Io la porto sempre appresso (Fa vedere la chiave insieme alle altre che porta in tasca) e mia madre la portava appesa al collo come una collana.

ALFREDO         Ma tua madre, possibile che quando apriva la cassaforte non si è mai accorta della mancanza dei buoni fruttiferi? Insomma Gennà, cento milioni di buoni fruttiferi non possono sparire senza lasciare traccia! nun se ne sarranno vulato 'mparadiso 'nzieme 'a bon'anima!

GENNARO        Io tengo un dubbio. In questi ultimi tempi, sta casa è stata nu via vai 'e padronesse, 'e presidentesse di comitati 'e beneficenza e mia madre, nun ce stava più con la testa, non era più quella di una volta. Il suo unico scopo di vita era diventato quello di fare opere buone. E, tra i bambini del buon Gesù, le ragazze madri del Sacro Cuore, il terzo e il quarto mondo, secondo me c'hanno fatto 'a festa ai buoni fruttiferi.

ALFREDO         E tua madre, quando metteva i buoni a posto, non si è mai accorta che mancava la collana?

GENNARO        No! Perchè io l'astuccio l'avevo lasciato al suo posto. Quando impegnai la collana, pensai che se tutto fosse andato male, avrei potuto sempre ritirarla con il ricavato dei buoni fruttiferi e nisciuno se ne sarria accorto.

ALFREDO         Quanti soldi ti hanno dato per la collana al Monte dei Pegni?

GENNARO        Cento milioni, ma ne valeva molti di più. E' una collana d'oro tempestata di zaffiri e brillanti, che mia nonna, la marchesa Gunegonda, aveva ricevuto in dono di nozze dal padre, il marchese dei Campi d'oro.

ALFREDO         E con il ricavato dei buoni fruttiferi ce l'avresti fatta a coprire i cento milioni?

GENNARO        Certo! Mia madre non teneva spese, tutto quanto ricavava dai fitti delle sue proprietà lo investiva in buoni fruttiferi. Ma dimmi tu adesso come faccio! Come faccio a spiegare a mio fratello e alla famiglia che ho impegnato la collana per far fronte a debiti di gioco.

ALFREDO         E nun te avvilì, chi c'ha criato nun è puveriello! D' 'a notte cchiù nera schiara sempe juorno.

GENNARO        Alfrè, mannaggia quanno te stette a sentì pè 'a primma vota e venetto cu tte all'ippodromo! E tu, comme facive 'o masto: "chisto è favorito, quest'altro lo giochiamo piazzato, Rondinella è un purosangue....." e chille pure 'o sangue se sò pigliato! E si l'appura Maria..... Alfrè cca se chiude 'a casa!

ALFREDO         Gennà, nun fà accussì, me fai piglià collera! In questi casi bisogna reagire, non bisogna abbattersi (Si guarda intorno come per assicurarsi che nessuno lo senta). Gennà, io aggio avuto na' suffiata pe’ nu cavallo sicuro.

GENNARO        Alfrè, cu tutt' 'o viento ca te si pigliato cu sti soffiate, manco na' brunchita bbona t'è vvenuta, almeno me te levavo da tuorno pè nu poco!

ALFREDO         Vedo che lo spirito non ti manca!

GENNARO        No, chillo me ll'hanno lasciato! Non era commerciabile!

ALFREDO         Ma che colpa è a mia si te si misso sotto 'o palazzo chillo schiattamuorto? Tu primma 'e venì a giuocà te pigliavi chelle benedizione!

GENNARO        E mò, pe' nun me fà benedicere, me vuttavo pe' 'o balcone! Guè m' 'o fosse scanzato 'na vota! 'O truvavo sempe llà, sempre presente 'a reto a chella guardiola! Con quel ghigno sulla faccia me pareva ca diceva: "mo jate? e jate, ja, ma non vi fate illusiuoni, i cavalli sanno già quello che devono fare!". Embè, io nun 'o ssaccio comme aggio fatto a nun passà nu guaio cu chillo!

Rientra Maria e sente l'ultima frase di Gennaro

MARIA   Nu guaio? Ma che stà succedendo? Gennà, io non ti vedo normale! Certo, la morte di tua madre nun è cosa 'e niente! Tu mi nascondi qualcosa! Io ti vedo troppo strano e non può essere solo per la morte 'e mammà. Gennà, mò mme 'a dicere tutto, se nnò faccio arrevutà 'o palazzo.

GENNARO        Ma che t'aggia dicere, io nun tengo a te dicere proprio niente.

ALFREDO         Marì, ma che vai pensanno, quello Gennaro.........

MARIA   Statte zitti tu, nun parlà, pure nu cecato capirebbe ca ve site accurdate comme a duje strumenti primma 'e sunà!

GENNARO        Ma che voui sapere?

MARIA   Tutto!

GENNARO        E allora, si proprio 'o vvuò sapè........

In quel momento entrano Margherita e Filomena. Quest'ultima porta due cerotti sulla fronte.

MARGHERITA            Mammà, ho tardato un poco perchè mi sono fermata con Filomena a comprare la cravatta nera per papà. (Tirandola fuori dal pacchetto che reca in mano) Speriamo che gli piace.

MARIA   Pecchè, ce stà pure da piacè? 'A cravatta nera, è nera e basta! Comme 'e guaje, sò nire e basta! Mica ce sta nu guaio chiaro!

MARGHERITA            (All'oscuro di quanto sta succedendo in casa, si stupisce della reazione un po' acida della madre) Mammà, ma che stai dicenno?

MARIA   Niente, niente! Filomè fammo 'o favore, accosta chella fenesta, se nò cu sti spifferi 'nce pigliammo pure nu malanno e completammo 'o quadro.

FILOMENA       Subbeto, zì Marì.

Filomena, che nonostante la fortissima miopia non vuole portare gli occhiali perchè pensa che la imbruttiscano, si avvicina alla finestra e, dopo aver inciampato in una sedia, ci sbatte contro con la testa, chiudendola.

ALFREDO         Ecco fatto! Ha truvato nu sistema veramente sbrigativo. Ma vedete un poco se un genitore deve sopportare che la figlia insiste a fare la cieca di Sorrento, solo perchè nun se vò mettere 'e llente.

FILOMENA       (Piangendo)No, io 'e llente nun me metto! Nun me piaciono!

ALFREDO         E rrumpete 'o musso! Te stai segnanno chella fronte ca me pare l'indiana bianca e nun'arrienno! Azzeccate 'n'ato cerotto!

MARIA   Nun 'a murtificà mò a chella criatura. Filomè, và 'nzieme a Margherita dinto 'a cammera soja, la mettete un poco in ordine, chella Iolanda nun ha avuto tiempo stammatina.

MARGHERITA            (Prendendo Filomena sotto il braccio) Viene Filomè, ca te metto pure nu cerottino.

ALFREDO         Eh! miettece pure 'na penna 'ncapo, così si tiene pronta per la sfilata di Carnevale.

Suona il campanello.

MARIA   E chi può essere mò. Alfrè fammo 'o favore, vide nu poco chi è. (Alfredo esegue) Iolanda nun è pecchè tene 'a chiave. Titina non credo che pò stà già ccà. (Si avvicina a Filomena e guardandole attentamente la fronte) Guardate ccà! Te putive spaccà 'a capa stammatina!

ALFREDO         (Rientrando seguito da Arturo) Marì, qua ci sta Arturo 'o putecaro.

MARGHERITA            (Al pubblico) Uh, mamma mia, comme è azzeccuso chisto!

ARTURO            Buon giorno, signora Marì, mi sono permesso di portarvi un presentino. Mi dispiace per la disgrazia, anche noi del quartiere eravamo molto affezionati alla buon'anima.

MARIA   Grazie Artù, voi siete sempre molto gentile.

GENNARO        Artù, non era il caso che ti.............

MARGHERITA            Mammà, noi andiamo di là.

MARIA   Aspetta ‘a mammà! Arturo non conosce Filomena, tua cugina, presentaccella!

MARGHERITA            (Capisce subito le intenzioni recondite della madre) Certo mammà, hai ragione. Signor Arturo, questa è mia cugina Filomena.

Filomena si avvicina ad Arturo per dargli la mano e, dopo un primo tentativo a vuoto, disinvoltamente afferra un salume dal cesto che Arturo ha ancora in mano e lo scuote energicamente.

FILOMENA       Arturo, che mano  fredda e dura che avete!

ARTURO            (Al pubblico) A sotta! Chesta ha pigliato 'o salame pe' 'a mana mia!

ALFREDO         Filomè, lassa 'o salame!

FILOMENA       Oh scusate, sono morficata! (E questa volta afferra la mano con l'aiuto di Margherita)

ARTURO            (Per toglierla dall'imbarazzo) Signorì, non vi preoccupate, pure io sono molto distratto, pensate, non me ne sono proprio accorto che m'avite strett' 'o salame invece d' 'a mano.

ALFREDO         Se nun a fermavo, chella 'nce strigneva pure 'e casecavalli!

MARIA   Artù, dateme stu' ciste. Margherì, Filomè, pusatelo nu' poco 'int' 'a cucina.

Mentre le due ragazze eseguono, entra Iolanda dando le spalle ad Arturo: In una mano porta la borsa della spesa, coll'altra mantiene il cappello messo sulla testa di sghimbescio, in evidente equilibrio instabile.

IOLANDA          Puozzo jettà 'o bbeleno! Me 'llero miso accussì bello stammatina.

MARIA   Iolà ch'è stato?

IOLANDA          Signò v' 'o ddico mò, io fino a quanno nun fernesce Carnovale, nun esco cchiù!

MARIA   Ma pecchè, che è succiesso?

IOLANDA          E' succiesso ca duje fetiente 'e guagliune, m'hanno fatto 'a posta stammatina. Comme sò asciuta fore d' 'a puteca d'Arturo, m'hanno tirato na' palla 'e pezza, precisa 'ncoppe 'o cappiello e io, pè acchiappà a isso ca se ne volava, so' sciuliata 'ncoppa 'a ddoje ove fracete e sò ghiuta a fernì longa longa 'nterra, 'nnanz' 'o cane d' 'o putecaro, che m'ha leccata bona e meglio. Guardate qua, nun m'ha lasciato nu' filo d'uovo 'ncuollo! Me sento ancora chella lengua raspulenta vicino 'e ccosce.

MARIA   Hh Giesù! Giesù! E nisciuno t'ha aiutata?

IOLANDA          Aiutato? Quelli, signò, parevano de stà 'o cinematografo! Poco c'è mancato ca chillo cafone arruzzenuto 'e Arturo nun se facesse pagà pure 'o biglietto, dato che tutto è successo 'nnanze 'a puteca soja.

ARTURO            Guè, e comme te permiette? A me, cafone arruzzenuto! Guardate ccà, sulo 'o 'mbrello ce manca pè 'ffà 'a brutta copia 'e Meri Poppins.

IOLANDA          Ah! Vuje state ccà? Pecchè, vulisseve dicere d'essere chiù 'e nu cafone?

GENNARO        Dalle!

IOLANDA          Cu sti scocche rosse 'nfaccia e 'o canisto mmano, che ate vuliveve parè?

MARIA   Iolà, fernescela!

IOLANDA          E perchè, io dico la verità. Si l’avisseve visto comme l'hanno visto ll'uocchie mieje, 'o ddiciarrisseve pure vuje.

GENNARO        Dalle, Iolà non esagerare, Arturo è un ospite!

IOLANDA          Overo? Quanno l'aggio visto io, me pareva Lorenzo tra 'e mappine.

MARIA   E chi è mo' stu' Lorenzo mmiezo 'e mappine?

IOLANDA          'O prumesso sposo d' 'a Monaca 'e Monza.

ALFREDO         Siente lloco, siè! Chesta, 'o romanzo l’avrà letto sotto e 'ncoppa!

IOLANDA          Insomma, me pareva chillo cafunazzo ca purtava 'e capune dint' 'o cisto. Con la sola differenza che al posto d' 'e capune, dint' 'o canisto isso ce purtava 'e casecavalli. Signò, io mo' me ne vaco 'a llà a mettere 'a rrobba a posto.

MARIA   Eh! va, va, fai proprio na' cosa bbona.

Iolanda se ne va.

GENNARO        Artù, aggi pacienza. 'E cammarere? Tutte equale! E non ci puoi dire niente! Se manco 'e cane t'arrischi a farci nu' richiamo, ti puoi trovare da un momento all'altro senza la colf.

ARTURO            Senza 'a macchina?

GENNARO        Senza 'a macchina?

ARTURO            Eh, senza la macchina, senza la golf!

GENNARO        Seh, senza 'o maggiolino! Artù, colf, colf, collaboratrice familiare!

ARTURO            E scusate, io non lo sapevo.

GENNARO        Se ne fai andare la colf, puoi incominciare a saluatre pure tua moglie! Perchè le mogli, possono perdonarti tutto, ma chesto nun t' 'o perdonano facilmente.

MARIA   Il solito esagerato! (Ad Arturo) Artù, il cesto poi ve lo faccio capitare per Iolanda. Quella, adesso è un poco urtata ma poi le passa.

ARTURO            Con comodo signora Marì, non vi preoccupate. Io adesso me ne vado. Mi ha fatto piacere,  conoscere pure la signorina Filomena, che spero di rivedere. (Cerca di dare la mano a Filomena, che nel frattempo è rientrata, ma nonostante l'aiuto di Margherita non ci riesce) Arrivederci (Saluta tutti ed esce di scena).

MARGHERITA            Mammà, io e Filomena andiamo in camera mia. Iammo Filomè.

ALFREDO         Gennà, io vado incontro a Titina, ci vediamo fra poco.

Margherita, Alfredo e Filomena escono di scena.

MARIA   Finalmente un'altra volta soli.

GENNARO        Avrei anche io qualcosa da fare........ Vengo subito.

Gennaro fa per andarsene, ma Maria gli si para davanti.

MARIA   No Gennà, tu rimani!

GENNARO        Io?

MARIA   Sì, tu. Mi devi dire tutto!

GENNARO        Tutto?

MARIA   Tutto!

Gennaro resta fermo e pensieroso, come in cerca di parole adatte per iniziare, mentre Maria lo scruta attentamente.

GENNARO        va bene Marì, t' 'o ddico, perchè è giusto che te lo dica. Tanto sarebbe solo questione di giorni, ed il mio segreto non sarei più in grado di mantenerlo.

MARIA   Un segreto? E che segreto?

GENNARO        Marì, quello che ti devo dire non ti piacerà, ma ti prego, non interrompermi, perchè se mi fermo non sò se  avrò il coraggio poi di continuare.  E' incominciato tutto per caso. Io, i cavalli li avevo visti solo nei films western o sotto 'a ‘na carrozza! Mò no, mò 'e cunosco bbuono!’ E chiammo pè nomme, cunosco 'e mamme, 'e pate, saccio 'a ddò sò nate..... Eh, eh! Senza nemmeno accorgermi mi sò fatto ‘na cultura equina!

MARIA   Gennà, nun 'a piglià 'a luongo! me staie facenno murì!

GENNARO        Dunque, dicevo che è cominciato tutto per caso. Un sabato pomeriggio di quattro o cinque anni fa, tu come al solito, andasti a giocare a scopone da tua sorella Titina. Quel giorno dicesti: "Che fai ccà sempe sule 'nnanze 'a 'na televisione, viene, ci sta pure Alfredo, te fai na' partitella cu' isso". Io accettai. Quando arrivammo a casa di Titina, voi vi metteste a giocare a scopone e Alfredo ed io ce ne andammo a fare una passeggiata

MARIA   E chesto m' 'o rricordo, pecchè è stata l'unica vota ca si venuto cù mè 'a quanno jucammo a ccarte. E allora?

GENNARO        Arrivammo per caso o forse nemmeno per caso, davanti all'ippodromo di Agnano: Alfredo ci andava abitualmente! Gennà te la vuoi fare una giuocatina? Disse Alfredo. Io, per soddisfare solo una curiosità, accetai. Dopo quel pomeriggio ci andammo ancora altre volte insieme. Poi ho continuato ad andarci ancora da solo e così........

MARIA   Si ghiuto a fernì comme a nù sorice, cù 'a capa dint' 'o mastrillo!

Suona il campanello

IOLANDA          (Uscendo dalla cucina e avviandosi alla porta) Sarrà n'ata visita 'e condoglianze.Pure 'e prete, pure 'e prete 'e miezo 'a via 'a vulevano bene!

MARIA   Stu via vai ogge nun fernesce cchiù!

IOLANDA          (Dall'interno) Accomodatevi donna Amà, ah! C'è anche vostro figlio Giovanni! Avanti, avanti.

Gennaro udendo i nomi dei visitatori dà subito segni di insofferenza.

MARIA   Comme si spruceto!

Entrano Amalia e Giovanna, la prima reca in mano un cesto di vivande ricoperto da una tovaglia, il secondo porta in mano un fiasco di vino.

AMALIA Donna Marì, vi ho portato qualcosa che potete mangiare anche freddo, con comodo.

MARIA   Donna Amà, ma non era il caso.......siete stata comunque molto gentile, accomodatevi, siediti Giovà.

Amalia si siede.

GIOVANNI        Grazie donna Marì preferisco stare in piedi. E Margherita non c'è?

GENNARO        (Con acredine) No! Margherita non c'è!

MARIA   Iolà, miette sta cesta dint' 'a cucina. (Iolanda esegue) Giuvà, nun ce fa caso, quello mio marito oggi.......

GIOVANNI        Oggi!

GENNARO        Hai ragione! Non è solo oggi! E' stato così pure ieri e sarà lo stesso pure domani!

AMALIA (Alzandosi) Non credo che la nostra visita sia molto gradita!

MARIA   Donna Amà, ma che dite? Voi siete sempre la benvenuta in casa mia! (Rivolgendosi a Giovanni) Non ti preoccupare, le cose con il tempo si aggiusteranno.

AMALIA (A Gennaro) Ma ca tenite 'a pposto d' 'o core? Nà pret’ 'e sciummo?

GIOVANNI        Noi ci sposeremo, con, o senza il vostro consenso, pecchè ce vulimmo bene e chesto nisciuno c'o pò levà!

GENNARO        Chesto è chello ca pienze tu!

MARIA   E ca penso pur'io!

GENNARO        E pò vedimmo chi vence!

GIOVANNI        Io, non ne faccio una questione di principio, per me contano solo i sentimenti e quelli, quando sono profondi come lo sono i nostri, non temono sconfitte!

AMALIA (Avviandosi alla porta) Giuvà jammuncenne, sarà meglio affrontare la questione un'altra volta, oggi non è cosa! Arrivederci donna Marì, don Gennà stateve buone!

GIOVANNI        (Seguendo la madre) Hai ragione mammà! Arrivederci donna Marì. Don Gennà, arrivederci. Se vi sono sembrato sfrontato, arrogante, scusatemi! Non era nelle mie intenzioni esserlo. Di nuovo......

MARIA   (Accompagnando i due alla porta) Scusate donnà Amà, arrivederci.

I due escono di scena

MARIA   Gennà, tu tiene nu core ‘e cane!

GENNARO        Io nu' core 'e cane? Solo perchè cerco di difendermi, di proteggere me e la mia famiglia?

MARIA   Proteggere da chi? Da che cosa? Tu te la devi togliere questa fissazione. Ma te ‘o' vuò mettere dinto a stà capa tosta ca tiene ca chille se vonno bene? Con il tuo atteggiamento ostile potresti spingerli a fare una pazzia! Comunque questo discorso lo riprenderemo un'altra volta. Prima che venisse donna Amalia mi stavi dicendo che............

GENNARO        Che ero ghiuto a fernì comma 'a nu' sorice cu 'a capa dint' 'o mastrillo.

MARIA   Eh!

GENNARO        Hai ragione tu, hai detto proprio bene, sò ghiuto a fernì cu 'a capa dint' 'o mastrillo! Infatti, per far fronte ad un debito contratto con una scommessa clandestina, mi sono rivolto a Giovanni Scognamiglio, un tizio che si aggirava in mezzo a noi giocatori, sempre pronto a far prestiti, naturalmente a interessi molto elevati.

MARIA   Un usuraio !

GENNARO        Si, uno sporco cravattaro! Quando hai bisogno non ci pensi su due volte, così grande è il desiderio di venire fuori dal problema. Solo quando è troppo tardi ti accorgi che invece di uscirne dal problema ti ci sei infilato fino al collo tanto che lo senti come un nodo scorsoio di una cravatta che ti stringe sempre più, sempre più, fino a toglierti il respiro. E così, per  venirne a capo,qualsiasi soluzione  ti sembra quella buona pur di non sentire più quel senso di soffocamento che ti opprime.

MARIA   E allora ?

GENNARO        Allora ho impegnato la collana di zaffiri di mammà, e adesso non so come trovare la cifra per ritirarla prima che Ciccillo torni.

MARIA   'A cullana 'e zaffire 'e mammà? E quanto ti occorre?

GENNARO        Cento milioni.

MARIA   Cento milioni? Uh mamma mia, cento milioni! Uh vergine santissima, cento milioni! Cento mil....... aiutatemi, aiutat........

Maria si accascia su una sedia e Gennaro accore per sostenerla.

GENNARO        Marì, Marì, nun fà accussì, me fai mettere appaura! Nun te preoccupà, tutto s'aggiusta, e 'na manera s'ha dda aggiustà! (Alzando la voce) Iolà, Iolà, Iolà........

IOLANDA          (Arrivando di corsa) Che è stato? Che è succiesso!

GENNARO        'A signora s'è sentita male. Iolà pigl' 'acito.

IOLANDA          Uh Giesù Giuseppe e Maria, ma vedite nu' poco che jurnata! Sant'Antonio de Padova aiutaci tu! Santissima..........

GENNARO        Iolà fernesce 'o rusario! Va pigl' 'acito (Iolanda corre continuando le sue preghiere).

GENNARO        Marì perduoname, nun sapevo chello ca facevo! Marì, Marì......

IOLANDA          (Arrivando di corsa) Ecco qua. Don Gennà scustateve, facitele piglià nu' poco d'aria. Signora Marì, (Scuotendole il viso) signora Marì.

Squilla il campanello d'ingresso.

IOLANDA          Nu' mumento! (Iolanda va ad aprire, mentre Maria si riprende gradualmente)

Iolanda, Alfredo e Titina entrano, portando un cesto di vivande.

IOLANDA          Signora Titì, 'a sora vosta nun sta bbona.

Titina vedendo la sorella abbattuta, le si avvicina seguita da Alfredo.

TITINA   Marì, jammo mò! E già vedè si fernesce sta jurnata! E datte nu' poco 'e curaggio! Chi primma, e chi doppo, tutte quante l'hamma lascià stu munno. (Andando verso il proscenio) Comme s' 'a chiagnene, comme s' 'a chiagnene! Io nun aggi’’o visto chiagnere ancora nu' muorto, comme se stanno chiagnenno a sta vecchia 'e cient'anni.

Cala il sipario.

ATTO SECONDO

      Stessa scena del primo atto. Sul tavolo un bicchiere pieno d'acqua con un messaggio vicino. Sulla cristalliera la fotografia della defunta. All'apertura del sipario, Iolanda, intenta a riassettare, si ferma davanti al tavolo.

IOLANDA          Ecco qua 'o solito bicchiere! E chisto è 'o solito messaggio lasciato dalla signora Maria! (Prende il messaggio e lo legge) Per Iolanda: "porta il bicchiere con l'acqua a Ciccillo prima del caffè. Le gocce le ho già messe". Comme si nun 'o sapessemo che nun ce l'ha mise!! Guè, tene n'avversione p' 'e medicine sta signora ca nun ce se crede: "si deve risolvere tutto in modo naturale" dice! E intanto chillo puveriello è 'na settimana che, come dice lui, non può soddisfare i suoi bisogni corporali. Il cambiamento d'aria porta questi imbarazzi! (Bussano alla porta) Un momento, sto arrivando! (Esegue e rientra seguita da Rosa) Accomodatevi donna Rò, vi posso servire in qualche cosa?

ROSA      Grazie Jolà, mi serve un poco di prezzemolo. A 'Ntoneniello lle venut' 'o desiderio de magnarse a pranzo 'na linguinella fatta sulo cù 'a pummarola, nù suchetto sciuè sciuè, ma nun tengo manco 'na fronna 'e pretusino.

IOLANDA          Mo v' 'o ppiglio, (Andando in cucina e portando il basilico) 'o ttengo bello frische frische, proprio ieri l'ha purtato 'a signora.

ROSA      (Prendendo il basilico dalle mani di Iolanda) Ma 'a signora nun ce stà?

IOLANDA          No! Forse sarrà ghiuta in ospedale da donna Titina.

ROSA      E' overo! Hai ragione Jolà! Quella pare che stamattina la dimettevano. Comunque nun appena 'a vide ce ha dicere ca tengo a 'nce fà 'na mbasciata importante.

IOLANDA          Va bene signora Rò, non dubitate.

ROSA      Statte bbona Jolà, grazie per il prezzemolo (Esce di scena accompagnata da Iolanda).

IOLANDA          (Rientrando in scena) 'E famme vedè si don Ciccillo s'è scetato, accussì 'nce porto primma 'o cafè e po' me metto a recettà. (Si affaccia nella camera di Ciccillo) Dorme ancora! (Riguardando il bicchiere) Il bello è che lui è convinto de pigliarse 'e gocce lassative tutte 'e matine, e 'a signora invece, 'nce manna acqua fresca. Mò 'nce mmetto io dieci gocce, si nò va 'a fernì ca 'o mericano 'nc'o iucammo cu nu' blocco intestinale. (Esegue) Una, doje, tre......... Quando si sveglia 'nce porto 'nziem' 'o cafè. Famme mettere a posto 'a stanza d' 'a signora primma ca torna. Sò asciute comme 'e lupi panari stammatina, tutt' 'ampressa! E' rummasto sulo chillo cataplasma dint' 'o lietto (Entra nella stanza da letto dei signori ed esce di scena).

Entrano Filomena e Margherita. Filomena porta gli occhiali.

MARGHERITA  Filomè, controlla un poco dove stanno Iolanda e zio Ciccillo, io piglio 'a valicia dint' 'a cammera mia. Quella è quasi pronta, l'ho preparata stamattina.

Filomena si affaccia per le camere. Margherita entra nella sua stanza e ne esce subito con una valigia in mano e degli indumenti. Posa quindi la valigia sul tavolo scostando il bicchiere e il messaggio e si mette a sistemare in valigia le ultime cose.

MARGHERITA            Filomè, hai visto come stai bene con gli occhiali?

FILOMENA       Sì è vero. Si nun era pe' Arturo ca me cunvinceva, facevo ancora 'a cecata.

MARGHERITA            Ti piace Arturo?

FILOMENA       Sì me piace. Ma nun cagnà discorso. Margherì, tu 'o vuò fà murì 'e crepacore a chillo puveriello 'e pateto?

MARGHERITA            Filomè è inutile, Giovanni ha ragione. Se noi non ce ne scappiamo, non ci sposeremo mai. Papà 'o figlio 'e don Nicola 'o iettatore, comme dice isso, nun m' 'o farrà mai spusà.

FILOMENA       E tua madre? A tua madre non ci pensi?

MARGHERITA            Lei non ne soffrirà più di tanto. Il dispiacere di non vedermi con il velo bianco in chiesa, sarà largamente compensato dal piacere che le farà sapendomi poi sposata con l'uomo che amo. (Riferendosi alla valigia) Adesso la metto nello stipo dietro la porta, così quando stanotte Giovanni mi farà il segnale, non avrò difficoltà a portarla fuori. (Esegue. Poi rimettendo il bicchiere ed il messaggio dove stavano prima che li spostasse) 'O solito bicchiere d'acqua fresca! Mò 'nce metto io 'e gocce 'into all'acqua se no zi Ciccillo e mo' 'o soddisfa 'o bisogno corporale (Esegue).

FILOMENA       Margarì, ma zì Maria è ghiuta in ospedale?

MARGHERITA            Filomè, oggi dimettevano tua madre e mammà nun se faceva truvà  llà in primma fila? Quella c'è andata tutti i giorni, figuriamoci se mancava oggi!

FILOMENA       Chella tena 'a capa tosta!” Mammà riguardate ca 'o diabete è traditore! Mammà lassa chella sfugliatella, 'o ddoce te fà male!” Manco pe' 'a capa! Allora se fa' nu poco 'e cura, quanno 'a ricoverammo in ospedale.

MARGHERITA            Filomè, iammucenno ca tengo da piglià gli ultimi accordi con Giovanni.

Escono dalla porta d'entrata mentre entra nella sala da pranzo Iolanda.

IOLANDA          Addò ll'aggi’’u  lasciato! Stu cacchio 'e piumino ogni tanto 'o perdo! (Vedendolo sulla sedia) Ah stai ccà? Secondo me, tu me faje 'e dispiette! Te ne approfitti pecchè nun pozzo manco alluccà! Eh già! Pecchè se me sentono 'e sciarrià co tico, me pigliano pe' pazza! E allora te ll'aggia dicere zitto zitto ca si nu' fetente, 'na carogna! Nu' 'nfame! 'Nfame sissignore! Comme, nuje stammo tutt' 'e juorne 'nzieme! Mano nella mano................. tu te si miso d'accordo cu 'o battipanno! Chillo pure sti scherzette me fà! Ma cù me nun c' a spuntate! Jesce! A ffaticà! (Si affaccia nella camera di Ciccio) E chisto dorme ancora!

      (Se ne ritorna nella camera da dove era venuta, mentre entrano dall'ingresso Gennaro e Alfredo).

GENNARO        Alfrè, non ci sono vie d'uscita. Almeno che non succeda un miracolo, nun né pozzo venì fora.

ALFREDO         Quando dovete andare con tuo fratello dal gioielliere per stimare il valore della collana?

GENNARO        Oggi! Abbiamo preso appuntamento per oggi. L'eredità dei beni immobili l'abbiamo definita ieri dal notaio. E' rimasta solo la collana. (Guardando il bicchiere sulla tavola con il messaggio, lo prende in mano) E chisto è 'o solito bicchiere, ormai fa' parte d'arredamento! Aspetta Alfrè, famme fa stu servizio se nò va a fernì ca pure stammatina Ciccillo se beve acqua fresca! (Prende le gocce e le conta nel bicchiere) Sarrà meglio ca 'nce metto doje superchie (Esegue).

ALFREDO         Ma che sono?

GENNARO        Niente, niente, poi ti spiego.

Rientra Maria. Porta in mano la borsa della spesa.

MARIA   (Dall'interno) Donna Rò chisto nun è 'o mumento, mo nun tengo tiempo, io chiudo che fà corrente. (Entrando nella sala da pranzo) Mamma mia, chesta sta sempe fora 'a 'na porta! Ma nun tene maje niente che ffà dinto 'a casa? (Poggia sul tavolo la borsa)

ALFREDO         E Titina? L'hai accompagnata a casa?

MARIA   Alfrè, Titina deve rimanere in ospedale ancora otto giorni!

ALFREDO         E pecchè? Sò sorte complicazioni?

MARIA   Non sono sorte complicazioni: Ma praticamente è come se in ospedale nun ce fosse mai stata: ha dda cummecià tutto d' 'o capo!

ALFREDO         Uh! E pecchè? Chella stava accussì bella!

MARIA   Eh, steva accussì bella pecchè magnava e beveva, ma può rischiare un collasso da un momento all'altro!

GENNARO        Nun c'aggi’’o capito niente! Sta bella bella e rischia nù collasso?

MARIA   E adesso mi spiego. Lunedì della settimana passata, le cambiarono la cura a lei e a un'altra malata che sta nella stessa stanza,  quella ricoverata per deperimento organico!

ALFREDO         'A signora Concetta? Chella secca secca?

MARIA   Eh, chella llà. Dunque, dicevo, a mezzogiorno si presentò una nuova infermiera ca purtaje 'o pranzo completo 'a Titina e, 'o buttiglione d'acqua ca tutt' 'e juorne le facevano zucà per via indovena, c'ho passaje 'a signora Concetta.

GENNARO        'O buttiglione d'acqua? La flebo-clisi!

MARIA   Eh! Comme cacchio se chiamm'isso! La sera e i giorni che seguirono, sia a pranzo che a cena, l'infermiera veniva, ce faceva 'na serenghella dint' 'o buttiglione da signora Concetta e a Titina, le portava maccarune, bistecche e, a second' 'e juorne, pure 'o dolce.

ALFREDO         Si è pè chesto, Titina 'o diceva pure a me che 'a trattavano bbona!

MARIA   Io veramente 'nce ll'aggi’’o ditto chiù 'e 'na vota: Titì, a me pare ca magnavi meno a casa che ccà!

ALFREDO         Seh, è pazza 'a vì! Te 'a sarrai fatta nemica! E essa ca te rispunneva?

MARIA   "Si m' 'o danno vuol dire ca m' 'o pozzo magìà", me rispunneva 'nquietata! E poi, aggiungeva: "Marì, tu allora la televisione non la vedi! Non hai mai sentito che le migliori diete si fanno mangiando molto? Che ne vuoi sapere tu! Può essere che i cibi che mi stanno danno, contengono proteine bellicose, aristocratiche".

GENNARO        Aristocratiche? Nobili!

MARIA   Ecco! Nobili! Embè? l'he dicev'io! E lei sempre più convinta e convincente: " chelle sò fetente 'e proteine nobili! Nun sha fanno cu nisciuno! Quelle comme vedono 'e lipidi e i glucidi s'he schiaffano sotto e s' he pulezzano. Colpiscono senza pietà! E praticamente dalla mia dieta vengono eliminati i grassi e gli zuccheri".

GENNARO        A comme dice essa, 'o campo 'e battaglia (Indicando lo stomaco) 'o pò jenchere tutt' 'e mumente! Tanto poi ci sono gli aristocratici, i cavalieri del re, ca lancia in resta 'nce penzano a fà pulizia!

ALFREDO         Si se tratta 'e magnà, nun se ferma 'nnanze a niente e a nisciuno! Cerca 'e 'mpapucchià 'a tutte quante!

MARIA   'A storiella d' 'e proteine bellicose io nun m' 'a sò mai bevuta; ma chi poteva immaginà che l'infermiera aveva scambiato la cartella clinica di Titina con quella della signora Concetta!

GENNARO        Chello che s'aveva magnà 'a signora deperita sò magnava Titina?

MARIA   Eh! e 'a serenghella che l'avevano fà a Titina, 'nc'a facevano 'a chella puverella, ca sule ll'uocchie le sò rummasto! Poco c'è mancato ca nun l’ha arrecettavano!

ALFREDO         E comme se sò accorto d' 'o sbaglio?

MARIA   'O miedeco! Passando per combinazione ieri all'ora di cena ha truvato a Titina cu na coscia 'e pullasto mmano e 'n'ata mmocca, e 'a signora Concetta ca se zucava o buttiglione dinto 'e vvene. Dopo cinque minuti, mi ha detto Titina, il  quadro era completamente cambiato! stamattina ll'aggi’’o truvato cù 'o buttiglione 'ncapa, afflitta e scunsulata, perchè dice che non ci trova soddisfazione quando il nutrimento glielo iniettano direttamente nelle vene, lei preferisce le vie orali!

ALFREDO         E sulo l'infermiera stunata 'nce mancava! ti ha detto se le devo portare qualcosa?

MARIA   No, niente, anze 'nce può passà pure vers' 'o tardo, mò aggi’’u 'ncuntrato a Margherita e Filomena ca saglievano 'ncoppa a farle nu poco e cumpagnia (Guardando il bicchiere sul tavolo). Ma che fà stu bicchiere ccà 'ncoppa? Ancora nun s'e sosuto Ciccillo? (Alzando la vce) Jolà..........Jolà.......

IOLANDA          (Entrando) Signò ca vulite?

MARIA   Pripara 'o ccafè pe' don Ciccillo.

IOLANDA          Subbeto signò.

MARIA   Alfrè fammo 'o favore, puorto nu poco stu bicchiere cu 'e gocce a Ciccillo e fall 'o venì. Dicce ca 'o ccafè l'ha miso 'ncopp' 'o ffuoco.

ALFREDO         (Prendendo il bicchiere e avviandosi nella camera di Ciccillo) Mo' 'nce dico ca sta saglienno, accussì fà chiù priesto.

MARIA   Gennà, nun ha potuto fà niente c' 'o direttore d’’a banca, è ovè? Te se legge 'ncoppa 'a faccia senza ca nemmeno apri bocca! E mo' chi c'o ddice a frateto? Io nun c'o ddico!

GENNARO        E c'o ddico io! Chiù nera d' 'a mezanotte nun pò venì!

MARIA   Ce ll'he 'a dicere subbeto, mo' ca se vene a piglià 'o ccafè. Io nun c'a faccio cchiù a tenè stu segreto. Sò diece juorne ca me vaco sulo annascunnenno pecchè nun 'o riesco a guardà dinto 'a ll'uocchie.

GENNARO        Se ti ho detto che glielo dico, glielo dico. Nun me purtà fretta.

IOLANDA          (Entrando con un vassoio sul quale sono poggiate le tazze e la caffettiera) Signò, 'o ccafè è pronto, 'o pozzo servì?

MARIA   Fà Jolà, fà. (Alzando la voce) Ciccì 'o ccafè è pronto!

CICCILLO         (Entrando seguito da Alfredo) Marì come erano amare quelle gocce stamattina. (Passando vicino a Iolanda e mettendole una mano sul sedere) Jolà, 'ncell 'e miso nu poco 'e zucchero 'e cchiù?

IOLANDA          Guè! Che mane longhe ca tene stu viecchie 'nzellanuto! Ce ll'aggi’’o miso, ce ll'aggi’’o miso! Vi comme è viziuso! (Si avvia in cucina)

CICCILLO         Comme è 'nfumosa sta cammarera! Io mo' che ll'aggi’’o fatto? Marì, overo, chelle gocce stammatina..............

MARIA   E miettete n'atu ppoco 'e zucchero dinto 'o ccafè, così quel sapore amarostico si toglie dalla bocca.

CICCILLO         Quel sapore amarostico? Quello era un bicchiere di fiele! Le altre mattine non erano così amare. (Prende il caffe).

MARIA   (A Gennaro) Per forza, le altre mattine le gocce nell'acqua non le avevo messe. (Ad Alfredo) Pigliatella pure tu 'na tazza 'e cafè.

GENNARO        (Tirando Maria in disparte) Pecchè stammatina 'nce ll'he mise?

MARIA   Sì, pecchè me so' fatta piglià d' 'o scrupolo. Però resto sempre del parere che............

GENNARO        Marì, ce le ho messe anch'io!

MARIA   Pure tu? E pecchè?

GENNARO        Pecchè me penzavo ca pure stammatina tu l'avive priparato sule ll'acqua.

MARIA   Mo' siente ca ssuccede! (Spingendo Gennaro verso il fratello) Guè, tu ce ha dicere 'o fatto d' 'a cullana! Muovete! Sbrigate!

GENNARO        (Timidamente) Ciccì, io ti devo dire una cosa.

CICCILLO         Ha dda essere 'na cosa seria! Gennà, tu tiene 'a faccia ca me pare nu muorto!

GENNARO        Purtroppo è cosa seria! Dunque............

CICCILLO         (Massaggiandosi la pancia) Guè! Oh! Uh! E che sò sti torcinielli. (Alzando la voce) Guè! Oh, oh! Uh mamma d' 'o Carmine me sento arrevutà tutt' 'a panza!

ALFREDO         Ciccì, ca te succede?

MARIA   'O ssaccio io ca le succede!

GENNARO        E 'o ssaccio pur'io

CICCILLO         (Cercando di darsi contegno) Permettete un momento, vengo subito. (Fa due passi lentamente e poi di corsa verso il bagno)

ALFREDO         (A Gennaro) Questo è l'effetto delle gocce che gli hai messo nel bicchiere?

MARIA   E di quelle che gli ho messe pure io!

ALFREDO         Ah! Perciò va accussì 'e fretta!

Entra Iolanda per riprendere le tazze sporche e portarle in cucina.

IOLANDA          E don Ciccillo? S'ha pigliato 'o ccafè?

GENNARO        Sì, ha fatto a tiempo a tiempo!

IOLANDA          Comme ha fatto a tiempo a tiempo?

GENNARO        E ha fatto a tiempo a tiempo, pecche ha avuto 'na chiammata urgente addò nun ha potuto cummannà a nisciuno! C'avuta 'j' isso!

IOLANDA          Ah! Ho capito! Si aspettava 'a signora ca 'o faceva chiammà, ghiev’a 'a fernì ca so' chiammava primma 'o Pataterno!

MARIA   Jolà, ma che staje dicenne?

JOLANDA          Chello ca sentite signò! Stammatina quanno aggi’’o visto chillo solito bicchiere d'acqua, ‘a verità nun ce ll'aggiu fatto cchiù! Aggiu pigliato 'e gocce e 'ncell'aggi’’u sfrattate dinto! Anze ll'aggi’’o miso pure 'o buon piso!

GENNARO        Pure tu 'nce miso 'e gocce dint' 'o bichiere?

IOLANDA          Pecchè, chi ate 'nce l'ha mise?

GENNARO        Io e 'a signora!

IOLANDA          'A sotta!

ALFREDO         Nun l'avito fatto truvà arrecietto a chillo bicchiere stammatina!

Arriva Ciccillo cercando di darsi un'aria disinvolta

CICCILLO         Allora Gennà, scusami, stavi dicendo?

GENNARO        (Cerca di evitare l'argomento) Ti stavo dicendo qualcosa?

MARIA   Sissignore! Gli stavi dicendo qualcosa!

GENNARO        (Rassegnato) Ah! Sì è vero! Dunque Ciccì.........

CICCILLO         (Mettendosi ancora le mani sulla pancia) Sant'Antonio de Padova! E che è 'na scossa ‘e terramoto?

MARIA   Uh ! Mamma mio 'o terramoto!

ALFREDO         'O terramoto!

GENNARO        Priesto, mettimmece sott' 'a l’arco d’’ a porta!

ALFREDO         San Gennà, salva 'a muglierema!

Corrono tutti e quattro verso l’arco mentre, richiamata dagli strilli, accorre Iolanda.

IOLANDA          'O terramoto! 'O terramoto!  Signò voglio murì 'nzieme a vuje! Faciteme trasì pure a me!

CICCILLO         Jolà, miettete 'nnanze a me!

IOLANDA          Io 'nnanze a vuje? Manco si me care 'o palazzo 'ncuollo!

CICCILLO         E mmuore sotto 'e pprete!

MARIA   (Prendendo Iolanda per mano e attirandola a lei) Jolà, nun avè appaura,  io nun sento niente cchiù! 'A primma scossa sarrà passata!.

GENNARO        (Guardando il soffitto) Strano però, 'o lampadario nun se move.

MARIA   Dint' 'a credenza nun è caruto niente.

GENNARO        Ma chi l'ha sentut' 'a scossa?

CICCILLO         Maria!

MARIA   Io? Io nun aggiu sentuto proprio niente!

CICCILLO         Ma comme? Tu hai hai strillato pe' primma!

MARIA   Ma no! Si stato tu , me lo ricordo benissimo! Hai detto: "e che è 'na scossa 'e terramoto!"

CICCILLO         Ma io mi riferivo a nu spustamento d'aria dint' 'a panza!

GENNARO        Ciccì, vatte fà squartà! C’ha fatto squaglià 'o sangue 'a cuorpo!

IOLANDA          (Ritornando in cucina) Ma vedite nu poco, putevo rummanerce sott' 'o colpo!

CICCILLO         Guè! 'O vi lloco 'n 'ata vota! E che dè nè! Io me sto gunfianno come 'a 'na mongulfiera! (Corre nel bagno)

GENNARO        Alfrè viene nu poco cu me dint' 'a cammera mia, m' he dà 'na mano a tirà fora 'na cosa 'a sott' armadio.

I due si allontanano.

MARIA   Famme mettere dint' 'o stipo stu ppoco 'e pruvvista ca so' riuscito a ffà. Guè, chella dicette che non sarebbe uscita più fino a che nun ferneva carnovale, e accussì ha fatto! (Alzando la voce per far sentire a Iolanda in cucina) Meno male che domani incomincia la quaresima! Fossero tutte chiste 'e guaje! tengo chillo chiuovo d' 'a cullanna dint' 'e cervelle! Chisà comme va a fernì! (Apre la porta del ripostiglio e vede la valigia) Uh mamma mia! E che ffà sta valicia ca dinto? (La solleva) E' piena! Uh mamma d' 'o Carmine! Gennaro sta priparanno 'a fuga!

Entra Margherita.

MARGHERITA            Mammà 'a signora Rosa te vò parla.

MARIA   Lass' 'a 'j' 'a signora Rosa, chella tene tiempo 'a perdere! Piuttosto, t'aggi’’a dicere 'na cosa importante.

MARGHERITA            Mammà, ma che è succiesso, te veco preoccupata!

MARIA   Tuo padre ci lascia!

MARGHERITA            Ma perche, non sta bene? (Poi con la voce rotta dal pianto) E perchè me lo avete tenuto nascosto? Povero papà mio! Primma 'a nonna mò................

MARIA   Ma che vai penzanno! Margherì, tuo padre gode ottima salute!

MARGHERITA            E allora........

MARIA   E allora, abbandona la nave!

MARGHERITA            Papà abbandona la nave?

MARIA   Eh! Comm' 'e surece! Quando la nave affonda 'e surece che fanno?

MARGHERITA            S' 'a squagliano!

MARIA   E tuo padre sta pe' s' 'a squaglià!

MARGHERITA            S' 'a squaglia! E dove va?

MARIA   Dove va non riesco ad immaginarlo! Ma il perchè lo sò!

MARGHERITA            ma come fai ad esserne così certa? Non può essere solo un tuo pensiero, una tua fantasia?

MARIA   Fantasia! Chillo ha già priparato 'a valicia!

MARGHERITA            Pur'isso?

MARIA   Perchè, c'è qualcun altro che parte?

MARGHERITA            (Cerca di rimediare alla gaffe) No! Dicevo....... Pure lui non si fa nessuno scrupolo come tanti uomini, di lasciare sola la sua compagna dopo anni di vita in comune.

MARIA   Ah! Ma se pensa di lasciarmi in mezzo ai guai si sbaglia! Se lui fà il don Abbondio, io non farò certo il fra Cristofaro della situazione! Io m' 'a squaglio primma d'isso!

MARGHERITA            Mammà, ma che sta succedendo? Calmati! Ti sbagli sicuramente!

MARIA   Mi sbaglio? 'A valicia già priparata dint' 'o ripostiglio! Pecchè 'nce l'ha miso?

MARGHERITA            'A valicia dint' ' stipo? (Rientrano Gennaro ed Alfredo. Margherita, rinfrancata dall'equivoco della madre, cerca di sviare il discorso) Zi Alfrè, Filummena è rummasta in ospedale a fà cumpagnia 'a zia. Se si fa un poco tardi, ha detto di non stare in pensiero.

ALFREDO         'A zia comme sta?

MARGHERITA            Sta bene, ma l'aggi’’u lasciata smaniosa, dice che starebbe di sicuro meglio, se potesse mangiare qualcosa di solido! A proposito, ricordate de purtarce 'o babbà quanno vaje, non mi ha raccomandato altro!

GENNARO        Sempe 'a na cosa penza chella!

MARIA   (Tirata in volto) E che ate ha da penzà? Tiene nu marito affezzionato lei! Ca nun le dà penzieri!

GENNARO        (Un po' stupito) Marito affezionato........ Penzieri............. Marì, ma che stai dicenno? Non li scopriamo mica adesso i sentimenti profondi che legano Alfredo a Titina!

MARIA   Appunto dico! Quelli sono sentimenti!

GENNARO        (Un poco risentito) Marì, ma tu che stai accucchianno? Ma t'he succiesso quaccosa? Nu mumento fa' stive bona, quanno sò ghiuto dinto e sò turnato..............

MARIA   Che m'ha da succedere! A me nun pò succedere niente! Deve avere paura chi si mette in viaggio! A quelli sì, può succedere qualcosa!

GENNARO        Obbì ca tengo ragione! Io te veco tutta 'ntruvuliata! Certo, chi si mette in viaggio ha sempre da temere qualcosa, le strade sono pericolose di questi tempi.

MARIA   Non solo le strade! Qualche viaggiatore può avere pure un incidente in casa, prima di mettersi in viaggio!

GENNARO        In casa, primma 'e partì?

MARIA   Eh! Se pò scuntrà cu 'na taccarata 'ncapa, nu' piatto volante...........

GENNARO        Ma comme sò asciute miezzo mò 'e viaggiatori nun 'o ssaccio!

ALFREDO         Ma qualcuno deve partire?

MARIA   Io no!

GENNARO        E nemmeno io!

ALFREDO         E allora neh, pecchè ve pigliate tanta penzieri?

MARGHERITA            Ma no, tu lo sai mammà come è fatta. Si preoccupa sempre di tutto e di tutti. Piuttosto zio Ciccillo dove stà?

MARIA   Stà nel bagno.

MARGHERITA            Ah! Hanno fatto effetto le gocce che gli ho messo nel bicchiere stamattina! (Rivolta alla madre) Si apettava a te, mo se ghiev'assettà dint' 'o bagno!

MARIA   Pecchè 'ncell'he mise pure tu 'e gocce?

MARGHERITA            Sì, pecchè chi ate 'ncell'ha mise?

ALFREDO         Chiunque, s’è truvato 'a passà 'nnanze a chillo bicchiere stammatina!

GENNARO        Tengo 'o suspetto ca zio Ciccillo, c'ha dda passà paricchio tiempo dinto 'o bagno! Ate ca 'na ssettata! Chillo s'ha dda sdraià!

MARGHERITA            Ma pecchè?

GENNARO        E perchè fino adesso, siamo in quattro persone che ci siamo preoccupate de liberà zio Ciccillo dall'imbarazzo.

MARGHERITA            Uh! Mamma mia!

MARIA   Sarrà meglio ca vaco a rifornì 'o bagno 'e carta igienica!

ALFREDO         Come stanno 'e fatti, ccà 'nce vole nu' grattacielo de morbidezza, altro che dieci piani, come dice la pubblicità!

CICCILLO         (Tornando dal bagno) Ma ca c'avite miso int' 'a chillo bicchiere stammatine? Nu' concentrato 'e tritolo? Dinto a chillo cesso me pareva scoppiata 'a terza guerra mondiale! Certi cannunate! Poco 'nce mancato ca nun sò rummasto senza 'a tazza!

Suonano alla porta.

MARIA   Jolà, Jolà, va vide chi è.

IOLANDA          (Venedo dalla cucina) Subbeto signò. (Esegue)

GENNARO        Va buò Ciccì, nun te preoccupà mò! Sicuramente stammatina, dint' 'a fretta, a Maria le saranno scappate doje gocce superchie! Assettate!

IOLANDA          (Dall'interno) Donna Tittina bella! Comme state?

MARIA   Uh! Mamma d' 'o Carmine! Chella se n'è fujuto d' 'o spitale!

Rientra Iolanda seguita da Titina, Filomena e Arturo.

FILOMENA       M'ha miso 'ncroce! M'ha miso 'ncroce! Allora l'ha fernuto quanno aggiu chiammato Arturo pe' 'a fa venì a piglià.

TITINA   Io llà 'ncoppa a fà 'o diuno, nun ce stongo! Manco 'a zuppa 'e latte m'hanno dato stammatina! Comme si nun fosse figlio 'a Dio pur'io! E quanto è brutta chella 'nfermera nova! Me pare nù carabiniere! Me teneva d'uocchio manco fossi 'na mariola!

MARIA   Pecchè puro chesto faciarrisse pe' magnà! 'A mariola, sissignore, 'a mariola! Vedite llà sta sempe muro a muro cu 'o spitale e nun ne fà faccia!

ALFREDO         Titinè, ma tu te 'a cunvincere! Si vuò passà bbona nu poco 'e sacrificio ll'he 'a fà! Titinè, te 'a curà!

TITINA   Curate tu! 'O sacrificio fallo tu! Io voglio magnà! E nun me chiammà Titinella pe' me accurdà! Pecchè me faje tuccà 'e nierve!

GENNARO        Ma Titina cara, tu devi ragionare! Se il dottore ritiene che in questo momento devi essere alimentata con le flebo, un motivo valido ci deve essere! Non ti intestardire! Se tell'he 'a fà stu ppoco cura, fattella, pò.................

ARTURO            Don Gennà, non ci fate niente! Non sente ragioni! Pure io ho cercato di convincerla, ma non c'è stato verso!

TITINA   Come è vero che il sazio non crede il diuno! Allora site cuntenti quanno me vedite cu ll'uocchie e 'a lengua 'a fora! Ma stu piacere nun v'’o dongo! Si proprio aggia murì, voglio murì sazia!

IOLANDA          E' overo! Puverella! Ave ragione! Nun c'è stà malatia chiù carogna d' 'o diabete. Donna Titì, avete tutta la mia solidarietà!

ARTURO            Comme si nuje nun fossimo solidale! Vì che dice chella! Ma questo non significa che non le dobbiamo far capire i pericoli a cui va incontro!

IOLANDA          (Al pubblico) Ha parlato 'o maccarunaro!

MARIA   Pazza, pazza! Ma comm' he fatto a te ne ascì d' 'o spitale?

FILOMENA       Come ha fatto? E' semplice, ha detto che si sentiva bene, ha firmato e si e fatta mettere in uscita.

ARTURO            A nulla è servito far intervenire il primario; ha 'ncucciato che se ne aveva 'j' e nun c'è stato santo che l'ha fatta ragiunà.

ALFREDO         Chesta è gente che s'ha dda cocere int' 'a ll'acqua soja!

MARIA   Dimane, dimane............. T'accumpagn'io e vediamo si rimmani oppure no! Pecchè si nun te magnavi tutto chello bene 'e Dio ca nun te tuccava all'ora 'e mò t'avarrisse levato 'o penziero.

TITINA   Siente lloco, siè! Manco fossi stata 'o ristorante tutt' 'e juorne! Chello nu poco 'e pasta lavata me davano, pure chello nun m'aveva magnà?

FILUMENA       E 'a carne?

TITINA   Uh 'a carne! Quatt'osse, cchiù pulite 'e chelle ca se dann' 'o cane, m' 'a chiamme carne?

ARTURO            Va buò! Però 'o dolce manco 'o mannaveve 'a reto!

TITINA   Uh Giesù! Chille m' 'o devano!

MARGHERITA            E nun 'a murtificate cchiù! Domani ricomincia un'altra volta la cura! (Accarezzando la zia) E' overo 'a zì?

GENNARO        Comme no, accussì ha ditto! (Suonano alla porta) Jolà, v'arape 'a porta! Domani è un atro giorno! (Iolanda esegue)

MARIA   Certo! Ci penseremo domani! Cioè ci penseranno quelli che restano! (Guardando significativamente Gennaro) Perchè chi si mette in viaggio, se ne lava le mani!

GENNARO        'O vi lloco! Sò asciute miezzo n'ata vota i viaggiatori! Neh, ma se pò sapè chi parte?

IOLANDA          (Rientrando) Signò, fora 'nce stà don Nicola!

GENNARO        Don Nicola 'o purtinaro?

IOLANDA          Eh, don Nicola 'o purtinaro! e chi se no?

MARIA   E che vole?

CICCILLO         Ma chi è? Don Nicola 'o iettatore? Io me ne torno dint' 'o cesso! (Esegue)

MARGHERITA            Papà, e vide ca vole, fall' 'o trasì. Io Filumena e Arturo ce ne jammo dint' 'a cammera mia.

MARIA   E portate pure 'a zì Titina, accussì se riposa nù poco. (Eseguono)

GENNARO        (Si apre la giacca e strofina il ferro di cavallo alla parete. Alfredo lo imita e per l'occasione tira fuori dalla tasca un piccolo corno. Poi rivolgendosi a Iolanda) Fall' 'o trasì! (Iolanda esegue)

NICOLA (Entrando) Buongiorno! (Si ha un mancamento istantane di energia elettrica)

MARIA   Accomodatevi don Nicò.

GENNARO        (Vuole liberarsi quanto prima dell'ospite non gradito) Che accomodatevi! Quello va di fretta! Ha lasciato 'a fenestella 'e maruchiaro sola!

ALFREDO         'A fenestella 'e maruchiaro?

GENNARO        'A guardiola Alfrè! (A don Nicola che porta un paio di occhiali scuri) V’he e site fatto pure 'e llente nere? (Al pubblico) Chillo 'o quadro non era completo!

NICOLA Me li ha consigliati il medico.

GENNARO        Per coprirli! (Al pubblico) Se vede ca le facevano 'mpressione! 'O puveriello nun era tranquillo!

NICOLA Sì, perchè dice che è meglio non farli sforzare a guardare............... a fissare! (Manca ancora per un istante l'energia elettrica)

MARIA   Fate bene, non li sforzate! Anzi, se vi posso dare un consiglio, per non affaticarli teneteli proprio chiusi, tanto 'a reto 'e llente nere chi v' he vede!

GENNARO        Chesta è 'na bbona penzata! Accussì stammo tranquilli nuje e vuje!

NICOLA E voi che c'entrate? L'uocchie sò 'e mieje!

GENNARO        Appunto pecchè sò 'e vuoste! Vedete, se fossero stati di una persona qualunque, a noi non ce ne importava proprio! Ma voi siete il nostro portiere! Ci teniamo che ve li conserviate bene, sono occhi conosciuti!

Suonano alla porta.

MARIA   Jolà, v'’arape 'a porta

IOLANDA          Subbeto signò. (Esegue)

MARIA   Speriamo ca nun è 'a signora affianco! E' 'a stammatina che sto cercanno de m' 'a scansà! Chella mò è tanto accrianzata, ma quanno 'ncoccia ca t'ha ddà dicere quaccosa, runneja fino a quanno nun t'assietto e 'a staje 'a sentere! Embè, pè stu difetto ca tene.................

GENNARO        Ma ca vvole?

MARIA   E che ssacc' io!Stà sfrennesianno 'a stammatina ca m'ha dda dicere na' cosa importante! Di sicuro, qualche altra sciocchezza! ccà tenimmo 'a capa vutata e manco 'o tiempo 'e nce vutà 'a reto! E chella..............

IOLANDA          Signò, fore ce stà donna Rosa ca ve vò parla. Chella è 'a stammatina che ve stà cercanno, io me sò scurdato de vo dicere quanno site arrivata.

MARIA   Ecco qua, dopo un buon lavoro ai fianchi m'ha chiuso all'angolo comma 'a nu boxer! Mò m'aggi’’a sentere pè fforza! (A Iolanda) Fall' 'a trasì.

NICOLA Comme si 'a cunuscesseme oggi e a donna Rosa! (Mettendo le mani in tasca) Don Gennà, comunque io sò venuto pè...................

IOLANDA          (Introducendo Rosa) Donna Rò, fa friddo stammatina!

ROSA      Fa fridde? 'A fanno bbona 'a sfilata 'e carnovale stasera! Scioscia nu viento gelato ca ha ferrato pure 'a funtana 'ncoppa 'a scesa!

      (A Maria) Donna Marì, ve ll'aggi’’a dicere, pecchè si nò nun sto quieta cò penziero!

MARIA   E acquietateve! Ma facite na' cosa 'e subbeto, pecchè stammatina tengo ancora d'avvia 'o pranzo!

ROSA      E' una questione di coscienza! E io cu 'a cuscienza voglio sta a posta! Nun se pò maje sapè chello ca tenimmo 'a reto 'a porta! E poi, pure voi! Vuje pò ca dicite? Tu lo sapevi e non mi hai detto niente!

MARIA   Donna Rò, ma che state accucchianno? Che sapite vuje ca io nun saccio?

ROSA      Che ssaccio? Io sò delle cose che devono ancora avvenire! per fortuna qua ci sta pure don Nicola che ci può aiutare a spiegare l'arcano. Lui qualche cosa deve sapere. Perchè è coinvolti in prima persona!

Tutti si guardano allarmati.

NICOLA Io?

GENNARO        E che c'entra don Nicola?

ROSA      C'entra, c'entra! Prima perchè è protagonista anche lui di ciò che sto per svelarvi e poi, perchè lui ha più confidenza con le forze occulte e può tirarne fuori significati più precisi di quelli che potremmo tirarne noi.

Tutti toccano qualcosa che possa garantire influssi positivi.

NICOLA Donna Rò, e comme ve vene mò? Ma vedite nu poco..............

ROSA      Io m'intento, voi conoscete bene la cabala e.................

MARIA   Ma pecchè che è stato?

ROSA      Donna Marì, io ho fatto un sogno terribile!

GENNARO        E noi che c'entriamo? 'O suonno è 'o vuosto!

ROSA      Ma le cose terribili nel sogno, accadevano a voi!

Tutti fanno scongiuri come prima.

IOLANDA          (Al pubblico) Te pozza seccà 'a lengua!

MARIA   (Avvicinandosi a Gennaro) Famme tuccà stu cuorno pure a me!

GENNARO        Donna Rò, ma pure dinto 'e suonne ve facite 'e fatte 'e ll'ate!

      Ma pecchè nun ve sunnate 'e fatte d' 'a casa vosta!

ROSA      E suonne sò a comme veneno. E che colpa è 'a mia si me sonno ca ve succede qualche disgrazia?

TUTTI     Disgrazia!

Tutti fanno scongiuri.

GENNARO        Donna Rò, vuje durmite troppo! Aggi’’a dicere a 'Ntoneniello de ve mantenè chiù sveglia 'a notte.

ROSA      Donna Marì, comme pareva vero! Questa casa era distrutta!

GENNARO        Dalle! E sule vuje 'nce mancaveve stammatina!

Tutti fanno scongiuri.

ROSA      Carevano bombe 'a tutt' 'e pparte

ALFREDO         Siente lloco, siè!

MARIA   (Al pubblico) Puozzo jettà 'o bbeleno! Se sunnasse 'na vota 'na cosa allegra! Che ssacio, nu festino, nu banchetto! Addò, sule disgrazie se sonna sta femmena! 'E ccose chiù allegre ca se sonna sò 'a famme, 'a carestia, 'a guerra! Mi sembra un concentrato dei quattro cavalieri dell'apocalisse!

NICOLA Io non vi vorrei impressionare, ma il sogno è chiaro! 'E bombe, portano disgrazie!

ALFREDO         (Al pubblico) Meno male ca nun ce vuleva 'mpressiunà

Tutti fanno scongiuri.

ROSA      E poi, un fatto così strano! Cu tutte chelle bombe ca carevano, nisciuno se muveva! Solo uno, che nel sogno non ho riconosciuto, correva avanti e indietro, avanti e indietro, senza un attimo di tregua!

GENNARO        E chillo era Ciccillo!

ROSA      Non lo sò, non l'ho riconosciuto.

GENNARO        (Indicando il bagno) Curreva 'a chella parte?

ROSA      Sì, da quella parte.

GENNARO        Allora era Ciccillo! Pè riguardo  'o bumbardamento, chillo già c'è stato!

ROSA      Don Gennà vuie pazziate? Quelli i sogni sono roditori!

ALFREDO         'E suonne sò surece?

ROSA      Ma chi l'ha ditti che i suonne sò surece?

MARIA   Vuje! Avite ditto ca 'e suonne sò roditore.

ROSA      Embè, e che c'entrano 'e surece? Io ho detto che i sogni sono roditori, nel senso che preannunciano ciò che dovrà avvenire!

GENNARO        Te pozza carè 'a lengua 'nterra!

ALFREDO         Vi che scarrafune jett' 'a fora chesta, quanno parla in pulito!

GENNARO        Premonitore, donna Rò! Premonitori!

ROSA      Embè nun è chello che aggiu ditt'’io? Come siete difficili!

MARIA   E dint' 'o suonno nun avite visto 'na valicia............ non sò............ nu traditore ca parteva................ (Guardando Gennaro) un uomo fedifrago........................

GENNARO        Marì, ma che stai dicenno? Ogni tanto me pare ca me mine 'na zeppata!

MARIA   Gennà, ma che vai penzanno, io dicevo così per dire, e perchè ti dovrei menà zeppate! (Al pubblico) 'Na scarpunata 'ncapa, chella sì, nisciuno ‘nce 'a leva!

IOLANDA          Signò a proposito dei rosicchiatori..............

ALFREDO         Zitto, ha inizio la seconda parte!

IOLANDA          Stammatina n'aggio visto uno dint' 'a cucina. Signò, deve essere quello là che ha capito come funziona 'a tagliola, pecchè era bello chiattu chiatto! Ha ditto niente 'o furmaggio ca s'ha magiato! Pare ca 'nce servimm' 'o pranzo tutt' 'e juorne! Nun tene nemmeno cchiù paura chillo fetente! Penzate, stammatina l'aggi’’u truvato cù 'o furmaggio mmocca ca ballava 'nnanze 'a tagliola.

MARIA   E tu nun ce ll'he data 'na mazzata 'ncapa?

IOLANDA          Signò, m'ha fatto pena, era troppo bellillo!

MARIA   Allora 'nc'o tenimmo a 'ngrassà!

IOLANDA          Signò, ma c'aggia fà! Me manca 'o curaggio! Ce cunuscimmo 'a troppo tiempo! Io pò che faccio, pe' nu poco 'e furmaggio me porto nu scrupolo pe' tutt' 'a vita?

MARIA   Allora ca nce'o miett''a ffà 'o mastrillo 'a sera?

GENNARO        Se trova 'a servì a nuje e apparecchia 'a tavula pure 'a isso! Jolà, ma 'nce l'avisse ditto tu comm' ha ddà fà pe' se magnà 'o furmaggio senza fà scattà 'a tagliola?

IOLANDA          Don Gennà ma che dicite? Chillo po', 'o sorece aveva bisogno d' 'o corso 'e formazione! Accussì ve penzate vuje! I topi di oggi don Gennà, sono esperti in mastrilleria! Nun 'o truvate chiù 'o battilocchio de 'na vota ca s'assettava dint' 'o mastrillo e se faceva chiurere 'a dinto. Oggi sono tutti svegli! Allora 'o gatto Silvestro pe' televisione vuje nun l'avite visto maje? Quello non ha acchiappato mai un topo. Sule mazzate 'ncapo s'è abbuscato! (Guardando sotto la cristalliera) Don Genna, don Genna, don............

GENNARO        Che c'è, ca buò?

IOLANDA          Don Genna, non vi muovete, 'o vedite? 'O vedite addò stà chillu fetente?

GENNARO        Chi?

MARIA   (Guardando sotto la cristalliera) Gennà 'o sorece! Piglia 'a scopa!

ROSA      (Salendo su una sedia) Mamma d' 'o Carmine, 'o sorece!

NICOLA Don Gennà nun ve prioccupate 'nce penz'io! (Afferra una mazza a portata di mano e roteandola, colpisce in piena fronte don Gennaro)

GENNARO        Ah! M'ha ciaccato! (Si mette una mano in fronte e ritirandola insanguinata) Mi correggo m'ha acciso! (Si accascia su una sedia)

ROSA      E' ccummenciato 'o bumbardamento!

MARIA   Gennà! Gennà! Uh mamma mia! Chisto c'ha rott' 'a capa! Jolà, Jolà piglia nu poco d'acqua e 'na benda!

IOLANDA          Subbeto signò.

GENNARO        Aiutatemi! Aiutatemi!

NICOLA Don Gennà scusate, io cu st'acchiare nun ce vedo bbuono!

GENNARO        Nun ce vedite buono e menate sti mazzate! Figurammoce che ha dda essere chisto senza 'e llente nere! Uh mamma d' 'o Carmine chi v'ha mannato ccà stammatina!

ALFREDO         Gennà 'e fatt' 'a fine d' 'o gatto Silvestro! Ma 'o sorece che fine ha fatto?

NICOLA Ma io nun l'aggi ’’o visto proprio!

IOLANDA          V'ha visto isso a vuje cu chella mazza mmano!

ROSA      Allora stammo tranquilli, pozzo ripiglià 'o cunto?

GENNARO        Pecchè 'nce sta pure 'o sicondo tiempo?

ROSA      Certo! Mò vene 'o fatto 'e don Nicola!

GENNARO        Allora era proprio destino ca v'aveva 'ncuntrà stammatina!

NICOLA Io non ho ancora capito perchè cu tanta gente ca ce stà, vuje ve site juto a sunnà proprio a me? Pò miezz' 'o bumbardamento! Chillo già guaje nun ne mancano maje! Donna Rò 'a vota prossima nun me mettite mmiezzo 'a sti 'mbruoglie!

ROSA      E che, songh'io? Chillo 'e suonne fanno tutto a pe' lloro! Perchè sono preroditori! Se nò comme v' 'o spiegate ca stammatina state ccà?

MARIA   E che amma dicere nuje che avimmo avuto 'e bombe dinto 'a casa?

ALFREDO         E facitela parlà! Sò curiuso 'e sentere 'o fatto comme và 'a fernì!

ROSA      E' andata a finire che a un certo momento, quel ferro di cavallo che è alla parete, (Lo indica) ha preso improvvisamente vita, si è staccato dalla parete e come una saetta ha colpito in piena fronte don Nicola, lasciandogli un segno terrificante!

NICOLA Tè! (Fa le corna con tutt'e due le mani) Te pozzono fà 'e mmane comm' 'e piere e 'a lengua secca comm' 'a ll'esca! 'O ssapevo ca quaccosa m'aveva succedere!

GENNARO        E pò?

ROSA      E pò è fernuto! Pecchè m'ha fatto accussì 'mpressionà don Nicola cu chella cianfa 'e cavallo 'nfronte, ca me sò svigliata.

IOLANDA          Mamma mia signò, che suonne brutte ca ve facite!

'Ntoneniello da fuori la porta chiama Rosa

ROSA      Nu mumento, nu mumento! Signora Marì, io me ne vaco, 'Ntoneniello sta nervuso stammatina!

GENNARO        Pe fforza! vuje 'a notte 'o lasciato sule! E chillo 'a matina sta nervuso!

ROSA      Io 'o lascio sule?

GENNARO        Donna Rò, si a notte pensasseve nu poco e cchiù 'a 'Ntoneniello, 'a matina, a isso, 'o truvarrisseve meno nervuso e nuje starriamo cchiù tranquilli!

ROSA      Don Gennà, nun dicite scemità! Arrivederci, arrivederci. (Esce di scena)

GENNARO        Don Nicò, ma vuje me vuliveve dicere quaccosa?

NICOLA Ah sì, è overo! Io sò venuto pe' ve purtà sta lettera da parte d' 'o prufessore ca sta ancora in ospedale (tira fuori dalla tasca una busta chiusa). Sapete, sono andato a trovarlo stammatina e mi ha pregato di consegnarvela.

GENNARO        'O prufessore me manna 'na lettera?

NICOLA Dice che è una lettera di vostra madre per voi e che, su richiesta della buon'anima, il professore vi doveva consegnare solo dopo la sua morte. Lui non ha potuto prima, perchè essendo in ospedale, solo adesso si è data l'occasione.

GENNARO        (Visibilmente emozionato) Ma vuje ca state dicenno?

NICOLA Chello ca sentito don Gennà! Io me ne vaco pecchè aggiu lasciato 'a guardiola sola, stateve bbuono! Arrivederci!

TUTTI     Arrivederci!

Nicola esce di scena.

MARIA   Jolà va a cuntrullà 'o ragù 'ncopp' 'o ffuoco.

IOLANDA          Vaco signò.

MARIA   (Curiosa e agitata nello stesso tempo) Gennà arape sta' lettera!

GENNARO        (Con la lettera che gli trema tra le mani) Uh Madonna e che emozione! E' comme si m'avesse scritt’ all’ato munno!

ALFREDO         Gennà, e arape sta lettera! Me staje facenno murì 'e curiosità!

GENNARO        (Sconvolto dall'emozione) Marì, leggi tu, io nun c'a faccio!

MARIA   (Apre la lettera e legge, anche lei emozionata in modo evidente) Caro Gennaro, miei cari, vi ho scritto queste poche righe per sollevarvi da un pensiero che vi tormenta.

GENNARO        Che santa donna! Era ancora in vita e già pensava di aiutarci anche dopo la sua morte! (sospendendo la lettura) Purtroppo può scrivere tutt'e pparole belle ca vuò, 'a matassa è troppo 'mbriacata! (Guardando la defunta in una fotografia, in bella evidenza su un mobile) Mammà nun 'a può sbruglià!

MARIA   (Continuando la lettura) Gennà, sono sicura che ti chiedi ancora che fine hanno fatto i buoni fruttiferi! (Interrompendo la lettura) I buoni fruttiferi di cui mi hai parlato?

GENNARO        Eh! Sentimmo, sentimmo! Forse riusciamo a sapè che fine hanno fatto!

MARIA   (Continuando la lettura) Quei buoni li ho utilizzati, tramite il professore per ritirare la collana dal monte dei pegni, servendomi anche della ricevuta che tu avevi lasciato nell'astuccio vuoto. (Interrompendo la lettura) Gennà, mammà ha ritirato la collana, ma tu hai guardato nell'astuccio?

GENNARO        No!

ALFREDO         Ma comme, nun 'e guardato dinto 'a ll''astuccio?

GENNARO        Ma che nce guardavo a ffà si propr'io 'nce ll'avevo levata?

MARIA   E va, curre, va vide!

Gennaro corre in una delle stanze.

ALFREDO         Chisto è nu miracolo!

MARIA   (Sedendosi su una sedia) Alfrè, m'è sagliuto 'o sangue 'ncapa, m'aggia assettà!

GENNARO        (Rientrando con l'astuccio vuoto) Sosete Marì! E fatte scennere 'o sangue n'ata vota abbascio 'e piere, pecchè ccà nun ce sta niente!

MARIA   Nun ce sta niente?

ALFREDO         Ma a vuò fernì 'e leggere sta benedetta lettera?

MARIA   (Continuando a leggere) Poi, per evitare che tu scoprendo tutto per caso, potessi incorrere nello stesso errore, perchè avevo saputo della tua passione per i cavalli, un giorno che non c'era nessuno in casa, pregai l'infermiere che veniva a farmi l'iniezione di metterla dietro il ferro di cavallo della camera da pranzo, facendola passare per un amuleto.

ALFREDO         Ma che cos'è, nù giallo de Agatha Christie?

MARIA   (In continuazione) Il ferro di cavallo, ero sicura che non l'avresti mai toccato! (Interrompendo la lettura) Come ti conosceva bene! (Riprendendo la lettura) In seguito consegnai questa lettera al professore, pregandolo di farvela recapitare dopo la mia morte. Vi abbraccio, mammà.

Restano tutti e tre trasecolati. La prima a riprendersi è Maria.

MARIA   Gennà, leva 'o fierro!

Gennaro esegue, prende la collana e la mostra ai due.

ALFREDO         Che splendore!

MARIA   Mettila nell'astuccio e riponila nella cassaforte. Questo è un segno che non saremo mai soli! Tua madre ci segue con amore anche dall'altro mondo!

ALFREDO         E chisto è 'u suonno 'e donna Rosa! 'O fierro 'e cavallo ca è ghiuto a fernì 'nfronte a don Nicola!

MARIA   Ma don Nicola c'ha purtato 'na bbona nutizia! Allora nun è 'o vero ca è jettatore.

GENNARO        Hai ragione Marì, doppo chello ca m'è succiesso ogge voglio stà 'npace co tutte quante! Jolà, (Alzando la voce) Jolà...........

IOLANDA          (Entrando nella sala da pranzo) Eh! Don Gennà! Io nun sò sorda! ca vulite?

Richiamati dalle voci alte, entrano Margherita, Titina, Filomena, Arturo e Ciccillo recitando a soggetto.

MARGHERITA            Papà che è stato? Io ve veco tutto agitato!

CICCILLO         (Mantenendosi ancora i pantaloni e mettendo una mano sul sedere di Iolanda) Jolà che è succiesso? Che sò sti strille? M'avite fatto correre cu 'e braghe appese!

IOLANDA          Manco 'e strille però ve fanno scurdà 'a mano addò ll'avita mettere! Guè, chisto  nun c'a fà manco a stà allerta e m'adda mettere 'a mano 'a part' 'e reto!

CICCILLO         Ma io non lo faccio apposta, quella va da sola!

IOLANDA          S'è lasciata sola! 'A via nc'è ll'avite 'mparata bbona! Ma vedite...........

GENNARO        Jolà, ogge è juorno 'e festa, chiamma a don Nicola, a donna Amalia, a Giuvanno, a donna Rosa, 'o marito, voglio brindà cu tutte quante 'na bbona nutizia.

IOLANDA          (Andando verso la porta) Don Gennà, ho capito bene? Pure a don Nicola, 'a mugliera e a Giuvanno?

MARIA   Sì, sì, hai capito bene, và Jolà!

MARGHERITA            Papà ma allora tu acconsenti al mio fidanzamento con Giovanni?

GENNARO        Ogge accunsento a tutto, è giorno di festa per me e voglio che tutti siano contenti!

MARIA   (Prende affettuosamente Gennaro sotto il braccio e insieme si avviano sul proscenio)Gennà sei contento? Puoi anche disfarla quella valigia, non c'è più motivo di partire!

GENNARO        Marì, ma io............

MARIA   Zitto, zitto Gennà! Nun dicere niente! E' troppo bello stu mumento, famm’ ‘o fissà dint' 'a mente! Me ll'aggio arricurdà pe' tutt' 'a vita.

GENNARO        Hai ragione ce l'avimmo arricurdà pe' tutt' 'a vita! E allora facciamo un brindisi a noi, agli sposi e pure a te Ciccì, con l'augurio ca te 'nzure n'ata vota e 'a fernisce 'e fà 'o secutavajasso.

TUTTI     Evviva! Evviva!

Si chiude il sipario.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 106 volte nell' arco di un'anno