A famigghia Cimmiciolla

Stampa questo copione

(La scena sarà adornata con dei quadri, raffiguranti i componenti della casa

Belmonte Mezzagno 18 / 11/ 09

Prefazione

Cornelio fiero della sua vena poetica, deluso per la sua famiglia. Moglie e figlia brutte. Una suocera fastidiosa. Il fidanzato della figlia, scemo. Nel giorno in cui, Vincenzino va a casa di Carmela per fidanzarsi, Zà Bastiana rimasta sola col genero, approfitta della momentanea assenza dei componenti, e decide di svelargli un segreto, ma finirà per essere fraintesa da Cornelio. A seguito di un imprevisto, la suocera muore sulla sedia, non svelando il suo segreto. A due giorni dalla morte, in casa Cimmiciolla, si presenta un notaio. Il quale va a leggere il testamento per il lascito dell’eredità di zà Bastiana ai congiunti. Il lascito non soddisferà nessuno, ma tra gioie e dolori si scopre che il tanto discusso segreto di cui parlava la suocera, si nascondeva ...

A famigghia Cimmiciolla

Commedia brillante in due atti:

      Giovanni Allotta

          Personaggi

Cornelio(35anni)                 Capo famiglia

Concetta(30anni)                 Moglie

Carmela(20anni)                  Figlia

Zio Giuvanni(60anni)                   Lo zio

Giacomina(30anni)              Badante

Zà Bastiana(50anni)             Mamma di Concetta

Vincenzino(20anni)             Fidanzato di Carmela

Dottoressa(30anni)

Notaio(40anni)

(La scena sarà adornata con quadri raffiguranti i volti dei componenti della casa. Cornelio, Concetta. Carmela la nonna Bastiana. Mamma e figlia, brutte come la pece. Al centro un tavolo, delle sedie. Nella parete centrale un mobile, sopra vi si trova un telefono. Lato destro, ci sarà la porta d’ingresso per la casa. A sinistra l’uscita, una finestra aperta una sedia a sdraio. In scena Cornelio con i gomiti sul tavolo, scrive)   

CORNELIO

(Si alza e si stiracchia) Sugnu ‘na putenza! Pirandello confronto a mia, è Pierino torna a scuola! A bonarma di me patri, nun havia ne arti e ne parti, io di cu schifia pigghiavu con tutta sta artecolazioni ‘nto sangu? bho! (Dandosi arie) Artista si nasce! Immaginu i fimmini, appena sentinu i versi di questa poesia, di lu troppu svenimentu, si hannu a scippari li capiddi! (Prende il foglio e recita la poesia) L’amore è come una stella che mi piglia in un corpo di grazia nella testa, acchiana li muntagni e scinni ‘nta valli...

VOCE FUORI SCENA

...Va jettati a mare!

CORNELIO

(si affaccia alla finestra) Cretinu, nun mi fidu a nuotari! Poi si affunnu, cu mi veni a pigghia, ca mancu haju picciuli ‘nto telefonino!

VOCE FUORI SCENA

Allura va sparati, quantu nun parri cchiù!

CORNELIO

Genti nutuli! Siti invidiusi picchì haju l’endovena artistica e vuatri siti senza coltura! (Chiude la finestra) Havia a nasciri nno paisi con la ragioneria! No, di sceccologia! (riprende con la poesia. Concetta si affaccia dalla porta di destra e ascolta il marito che non la vede) L’amore è come una stella che mi piglia in un corpo di grazia nella testa, acchiana li muntagni e scinni ‘nta valli. Fulmina u lampadaio du ciriveddu, e mi fa diventare cieco nella popilla. Mi fa l’abbagliante nella mente, pi nun mi fari vidiri nenti, e andarmi a sdirubbare in un vallone ricco di amore, in un battito importante...

CONCETTA

(Donna grassa, brutta. Entra battendo le mani. Va a baciarlo) Complimenti. Bravo bravissimo! Continua amore mio, sei mister muscolo della poetica!

CORNELIO

(Adirato la respinge. Sputa a terra, pulendosi le labbra) Ma chi è tutta sta confidenza ca arrivi e mi vasi! Ficimu u surdatu ‘nzemmula? Nun fallu cchiù, se no ti dugniu un pugnu ‘nta faccia ca ti scippo a gastrite! Quantu voti ti l’haju a diri, non mi devi chiamare amore mio, davanti le persone

CONCETTA

(Gira la testa a destra, sinistra) Veramente tutti sti persone, nun li vju!

CORNELIO

Io ti paru vugghia? –ago-

CONCETTA

Ma tu, sei una specie di persona.

CORNELIO

Ma sempri cristianu sugnu!

CONCETTA

Viditi quantu è strana a vita, haju avutu un maritu cristianu e io ca pinsava, ca fussi sulu porco! (Ride da non trattenersi)

CORNELIO

Chi ci ridi! Io ci nascivu e criscivu cristianu! E ci mettu puru l’escramazione! Ridi idda, ca è uno scherzo della natura!

CONCETTA

Io? Grazie a Dio, nun mi manca nenti! Haju i capiddi, dui tappi di occhi, un naso con due tubi di scarico,‘na vucca, ‘na lingua longa, cinquanta denti e dui bocce (Toccandosi il seno) Chi vogghiu di più dalla vita?

CORNELIO

Un chilo di ciriveddu senza grasso!

CONCETTA

Chista è l’invidia chi ti fa parrari! Io ho la garanzia che sogno una cristiana! Sugnu scritta ‘nta cartina geografica  du municipio!

CORNELIO

(Prendendola in giro) E io nna l’aeronautica spaziale du paisi! Ma zittuti, se continui cu stu ciriveddu scadutu chi hai, diventi comu to matri!

CONCETTA

Me matri havi u ciriveddu in tilt, picchì havi la sua età! Appena diventi comu idda, vogghiu vidiri si nun si prontu pu macellu!

CORNELIO

Tintu pi comu putissi divitari, carni pu macellu ci divento. Almenu mi vinninu pi carni di pisci! To matri, manco a discarica di profughi a vonnu!

CONCETTA

(Adirata) Senza tuccari a me matri, se no ti smuntu pezzu pi pezzu, sai!

CORNELIO

Mancu vogghiu tuccari a tia pi nun pigghiari malatia ed è tuccari a to matri!

CONCETTA

(Prende la mano del marito la strofina sul suo corpo. Cornelio a fatica la ritira, ma viene trattenuto dalla forza di Concetta) Tocca cca, chista tutta roba geneticamente coltivata! Avutru chi malatia! Chista fa nasciri i morti!

CORNELIO

(Toglie la mano. disperato) Pazza! Sei una pazza a domicilio! Chi mi fai fare u tuca tuca? Appena a sta manu ci veni il morbo del Parchegion, è megghiu ca affunni ‘nto cabinettu prima chi ti trovo io! (Si bacia la mano)

CONCETTA

Sti malatie ora ci l’haju! Vinti anni fa quannu ficimu a to figghia, malatie nun ni havia?!

CORNELIO

Chiddu fu, un tamponamento di percorso! Curpa di l’amici mia. U jornu du me compleannu mi dissiru: “C’è una fimmina chi ti aspetta supra u cofano da machina, cu sipario aperto” Vinni e tu havii u cuscinu ‘nta facci! Taliannu du panorama, mi ci infilavu cu tutti i scarpi ed i quasetti!

CONCETTA

(Sdolcinata, gli si avvicina, strofinandoglisi) Dimmi a verità, ti piaciu, ah?

CORNELIO

Mi piaciu fino ca nella troppa trapanarella, nun ti cadiu u cuscinu da facci! Mi facisti incatramare tutti cosi. Ci ristavu futtutu e sposato! Si to figghia pari a sorella da scimmia di tarzan, a curpa è tua!

CONCETTA

Vidi ca a picciridda quannu si sistema, pari ‘na bambolina!

CORNELIO

Chidda è ‘na bambola assassina! A matina quannu si susi du lettu, pari a controfigura di king kong in ferie! Si nun staju attentu a non taliala ‘nta facci quannu mi talia idda, mi fa veniri una artrosi cervicale ‘nta l’occhi!

CONCETTA

(gli da qualche schiaffo, Cornelio alza la sedia per tenerla a bada) Disgraziato! Neghi to figghia! Si to figghia è così, è frutto di la to semenza!

CORNELIO

Di la mia semenza? Si pigghiava di mia, viniva la più bella del reame! A curpa fu tua, ca mi taliasti cu sta facci di cadavere chi hai, mentri coltivavo il giardino!

CONCETTA

Tu parri così, comu si fussi beddu!

CORNELIO

(Dandosi arie di vanto) Vidi ca in gioventù, vincivu il concorso dell’uomo più bello del terzo mondo! Vincivu u corso di miss...

CONCETTA

(lo precede)...Misschifiavu! ( Bussano alla porta)

CORNELIO

Talè cu parrò, miss rovescio! I genti dispirati chi nun trovanu ispirazione pi moriri, basta chi talianu a tia, si sparanu subitu subitu! (Concetta va ad aprire. Entra zio Giovanni, vecchiotto ricurvo a 90° in avanti. in mano porta un vassoio di dolcini. Tira dritto, si ferma non appena la sua testa, sbatte sull’addome di Cornelio)

CORNELIO

(Guardando lo zio nelle spalle, dovuto al fatto di non potersi alzare) Buongiorno! Docu sutta, chi tempu fa?

ZIU GIUVANNI

C’è a nebbia e nun si vidi nenti! E docu supra chi si dici?

CORNELIO

Cca, ni stamu pigghiannu u suli! Acchiana zio, ca facemu u caffè!

ZIU GIUVANNI

Scinni tu, ca a scinniri tutti i santi aiutanu! (prova posizioni insolite per riuscire a baciare lo zio. Si curva a 90° come lo zio, ma non riesce a baciarlo. Allarga le gambe allo zio, gli si infila sotto, tipo come fanno i meccanici con le auto, ma c’è distanza a baciarlo. Si rialza disperato. Concetta va dallo zio lo bacia come si baciano le statue dei santi, poggia le mani sul corpo e le porta sulle sue labbra. inizia dai piedi, fino alla fronte)

CONCETTA

Dammi stu vassoio zio ( lo posa sul tavolo) fa pisu davanti e invece di acchianari, vai sempri a scinniri! (lo fa sedere) Assettati! (sedendosi lo zio, è come se nulla fosse. Resta eretto su se stesso)

CORNELIO

U vidi come è bello così zio! Almenu ni taliamu ‘nta facci! (Si salutano)

ZIU GIUVANNI

Sugnu un tipu ca mi adeguo a tutto! Puru a stari assittatu comu li cristiani!

CONCETTA

Zio, io ti ringraziu ca vinisti! A picciridda appena ti vidi, sarà cuntenta!

ZIU GIUVANNI

Nun putiva mancari a stu zitamentu! Si scappa puru chistu, a picciridda è megghiu ca si fa sorella du fratello da chiesa! Mi dispiaci, nenti regalo! Appena pigghiu a pinsioni fra deci anni, ci lu fazzu!

CORNELIO

Scusate, non per essere intromettentistico, ma quali zitamento?

CONCETTA

Comu quali zitamento, chiddu da picciridda!

CORNELIO

(Sorpreso)A picciridda si deve inzitare? Pi caso, a purtastivu o zoo, e cocchi scimpanzé a vitti?

CONCETTA

U scimpanzé, ci lu vai a dari a dda cosci lordi di to soru Bettina! A vinti anni, ancora è schetta vecchia! A picciridda mia è bedda e nun po’ ristari singole pi sempri? A mumento veni lo zito! (Lo spinge per uscire) Va sistemati nun ti fari trovari così comu uno spezzente!

CORNELIO

(Non esce e si irrita) Ca matematica sugnu sottozero, ma dicitimi ‘na cosa, mi pari ca io cca dintra ci sugnu comu pupu di pezza! Veru è?  

CONCETTA

No no! Stai cca comu frutta di marturana! Misa esposta pi fiura ‘nta latrina!

CORNELIO

(Nervoso) E tu con tranquillimento mi dici ca to figghia si sta facennu zita!   

CONCETTA

Ti havia a mannari u postinu cu tutta a raccumannata?

ZIU GIUVANNI

(Cornelio è furioso, gira per la stanza) Calmati! Chisti sunnu dimenticanze chi capitanu a chiddi chi si dimenticano ca nun hannu ciriveddu.

CORNELIO

(Nervoso) A navutru poco a picciridda diventa nonna, si sposa fa i figghi, e ancora io e canusciri o zitu! (Guarda al cielo) Signuri, picchì fai moriri sulu genti brava, si hai bisogno facci di cani, dintra a me casa, è china!

CONCETTA

Da sciacqua lattuchi di to matri c’è facci di cani! Di comu fai tu, pari ca avissi ‘na vita ca to figghia è zita e nun ti l’avemu dittu! Si e no, havi ca è zita...(Come se pensasse) cinqu anni!

CORNELIO

Quantu? (con rabbia contenuta) Si nun fussi ca li barberi si fannu pagari assai pi un tagghiu di capiddi, mi sbattissi a testa mura mura!

CONCETTA

Pi oggi senza jettari casa ‘n terra, hava a veniri u sposo! Dumani, ti pigghi u motozappa e ci cuminci di matina! (Cornelio si siede disperato. Da fuori, si sentono le indicazioni della badante, entra sostenendo la mamma di Concetta, una vecchietta)

GIACOMINA

Amunì, si assettassi cca, e si stassi bedda sistimata! (lascia cadere zà Bastiana nella sedia a sdraio che per le molle che vi si trovano, rimbalza)

ZA’ BASTIANA

(balzando sulla sdraio)Aiuto u ballamento c’è! Chiamate l’ambulanza!

GIACOMINA

(La trattiene per le spalle, facendola fermare) Ferma! Chisti nun è u Tipitipiteru. Chisti sunnu i molli chi ci ballanu sutta u culo sicco!

ZA’ BASTIANA

Buongiorno a tutti! Scusati si fici tardi, haju avutu un po’ di maremoto ‘nto stomaco. Haju statu curcata ‘nto cabinettu!

CONCETTA

Nun ti scantari mamà! Stai tranquilla! Nuatri cca, stamu cuntannu li cunta.

ZA’ BASTIANA

(Cerca di vedere bene in lontananza) U zitu è chiddu assittatu dda? (Si rivolge a zio Giuvanni) Cchiù schifu da picciridda fa! Dunni lu truvò, ne patatini scaduti?

CONCETTA

Ma chi dici mamà! Chiddu u ziu Giuvanni è!

ZA’ BASTIANA

Scusatimi, ‘nta l’occhi haju a scheda du telefono bruciata e vju le cristiani in bianco e nero!

ZIU GIUVANNI

Nun c’è bisogno chi da spiegazioni, ni canuscemu di picciriddi! Ora semu vecchi e divintamu comu i cartoni animati. Facemu ridiri puru i polli!

CONCETTA

Giacomina, cu me matri tutto apposto? A facisti manciari?

GIACOMINA

A fici manciari, a fici dormiri, ci fici fari puru u ruttino ca fu peggiu di una trombata d’aria!

CONCETTA

Ma u bagnu ci lu facisti?

GIACOMINA

Ci fici shampoo, permanente, taglio e cucito. Ci puliziavu aricchi cu stuppa lavandinu, lei u sapi ca ogni tanto so matri è surda!

CONCETTA

(In disparte) Dimmi ‘na cosa, almenu cu tia u bidè si lu fici?

GIACOMINA

Nenti, nun ci potti nenti! Pi nessun motivo si fici livari i mutanni di mia!

ZA’ BASTIANA

(Avendo sentito ciò che stessero dicendo, interviene a voce alta) È’ inutili ca fati abilii! Io i mutanni nun mi li fazzu livari!

CONCETTA

(la ammonisce ricordandole che ci sono uomini in casa) Chi dici mamà! Nun ti pari mali! Statti zitta, semu assai cca dintra!

ZA’ BASTIANA

Picchì i masculi nun li hannu puru i mutanni! Nun m’interessa nenti, io i mutanni nun mi li fazzu livari di nuddu!

GIACOMINA

Si continua così, poi ci voli u scavatore pi livari i surci morti ri dda dintra!

ZA’ BASTIANA

Si proprio insistiti, fammi u bidè cu tutti i mutanni! Ti raccumannu, mu fazzu u bidè, però col lavasecco! Picchì, si ci trasi acqua di dintra, si allaganu tutti cosi!

ZIU GIUVANNI

Si facissi calari i mutanni e ci dassi ‘na bedda disintossicata! Io un misi ca nun mi faciva u bidè, chiamavu o varberi pi farimi tagghiari a parrucca!

ZA’ BASTIANA

Di quant’havi chi muriu me maritu, i manu da dintra nun ci fazzu infilari a nuddu! Devo custodire u tesoro chi mi ristà!

CORNELIO

Minchiuni, e chi ci l’havi d’oro!

GIACOMINA

Io pi oggi finivu! So matri è cca, ci pensa lei ora signora Concetta?

CONCETTA

Resta navutru poco, sta vinennu u zitu di Carmela!

GIACOMINA

La ringraziu, ma haju chiffari! Ci facissi l’auguri a Carmela da parte mia! buongiorno a tutti! (Sta per uscire e viene fermata da zà Bastiana)

ZA’ BASTIANA

Aspetta! Chi ti pigghiassiru i corbi nivuri, ti stavi scurdannu a purtariti a lettera chi scrivivu stanotti ca pinna e calamaro!

GIACOMINA

Veru, ma stava scurdannu! Amunì, ma duna ca la vaju ad imbucare!

ZA’ BASTIANA

(Allarga il vestito, lato petto) Pigghiala tu, ci l’ahju cca menzu! (Giacomina le infila le mani nel seno) Ci sunnu così di rumpiri docu dintra, attenta a nun fari dannu! Ca poi, custa chiossà riparari ca accattalli novi!

CORNELIO

Mamà, di quant’havi chi muriu me soggiru, lei i buchi i tappa così?

ZA’ BASTIANA

A sapiri fugghiu miu, a tempu di carestia ogni minna è galleria!

GIACOMINA

(estrae la lettera dal seno di zà Bastiana. Si guarda la mano) Chi schifiu, ma chi havi a fabbrica du miele docu dintra! Pi livari sta puzza, che fari?

ZA’ BASTIANA

Ma quali puzza! Chista tutta saluti è! Quannu mi vennu attacchi di tarantolamento, m’infilu u nasu docu menzu, e mi ripigghiu!

GIACOMINA

Chi havi u nasu di plastica! A mia, mi sta vinennu di moriri, e idda si ripigghia! Comunque,Mi nni vaju!

ZA’ BASTIANA

Ti raccumannu, vai a posta e fai una raccumannata con ricevuta di andata e ritorno, senza inversione a U.

GIACOMINA

Ci pensu ju! (Si ferma sulla porta)Zà Bastiana, chissà avissi a moriri di cca a stasira, mi facissi un corpo di telefono, così dumani matina mi alzo cchiù tardi

ZA’ BASTIANA

A tia appena nesci di cca, ti avissi a pigghiari di pettu un trenu cu tutta a stazione! (Giacomina esce)

CORNELIO

Concetta senti chi fazzu, mi vaju a fari ‘na caminata! Haju i scarpi sudati e ci vogghiu fari pigghiari anticchia di aria!  (Si avvia alla porta)

CONCETTA

(Si avventa sul marito, lo afferra per la maglietta con rabbia) Sta vinennu u maritu di to figghia, pi vinirisi a fari zitu cu idda e nun ti fai truvari!

CORNELIO

Puru si ju nun ci sugnu chi fa nun si ponnu divorziare  u stissu!

CONCETTA

Nun ti rischiari a nesciri di cca, picchì ti scippo i pila du pettu e ti fazzu u maglioncino setteveli! Assettati!

CORNELIO

(Si siede) Nun si po’ schirzari cchiù, ca  si trasforma in uomo ragno

ZIU GIUVANNI

Nun è giustu ca si deve festeggiare i nozze d’argento da picciridda e tu nun ci si! (dalla porta di destra entra gioiosa Carmela, con un vestito largo e antico. Calzettoni di lana di due colori diversi. Scarpe col tacco lungo, da non camminare bene. Capelli neri, ricci e voluminosi. Sopracciglia stile foresta amazzonica. Sul viso ha grossi nei con peli. Basette che le scendono lungo le guance. Ha alcuni denti neri! Rossetto rosso le esce dalle labbra. Porta un paio di occhiali grandi, non da vista, da svago)

ZA’ BASTIANA

(Grida dallo spavento) Aiuto, un echisiterrestrico?

ZIU GIUVANNI

(spaventato) Beddamatri, un fantasma chi capiddi c’è!

CORNELIO

Calmativi! (A Concetta) Vidi chi malafiura chi nni fa fari to figghia! Si vesti comu a fata turchina e fa scantari i genti!

ZIU GIUVANNI

Corpu di sangu, un cacaruni mi fici veniri. Nun sa putiva fari a varba prima di trasiri!

CARMELA

(Saluta zio e nonna) Mamà, guardami cu li cincili di l’occhi, come sogno?

CONCETTA

Sei vistuta troppo sechisi! Sei sensualitica! Fai u girotondo quantu ti vju megghiu! (Carmela gira su se stessa e cade a terra) Sti scarpi sunnu alcolizzati, va levatilli ca ti fannu girari a testa!

CARMELA

Pi falli veniri così lucidi, i puliziavu cu l’acido muriatico! Parinu u specchiu da regina Polpetta!

CONCETTA

Almenu pi dintra levatilli l’occhiali da sole.  U suli pi oggi, si è astotato!

CARMELA

Ma chisti nun sunnu occhiali da sole, sunnu pa luna!

CONCETTA

(felice nel guardarla) Cchiù ti taliu, e pensu ca sei una ragazza duci, duci duci, comu u peperoncino! (La bacia)

CORNELIO

Io chiossà a taliu e pensu ca è uguali precisa precisa precisa a ‘na cacata di sceccu masculu!  (Carmela esplode a piangere come un asino che raglia)

CONCETTA

(va a sostenere la figlia) Quannu parri tu, fai sempri dannu! (Accarezza la figlia)A picciridda mia, nun chianciri. A mumenti ti devi zitare! Asciugati la faccia, se no quannu u zitu ti voli vasari, ci sciddica a lingua!

CARMELA

(piangente) Mamà,  u papà mi ha diciuto ca sugnu cacata!

CONCETTA

U sai puru tu, ca to patri havi u nasu masterizzato e nun sente odore. In aria c’è bel profumo di scarpi bolliti, stai tranquilla cacata nun ci si! Tu fazzu diri da nonna ca puru s’è orba di l’aricchi, ci senti bona! Mamà, a picciridda nun è bedda? (Madre e figlia uniscono i visi)

ZA’ BASTIANA

Tutti e due paritu un beddu quadro di Van Cocco! Mi sirvissi ‘na fotografia vostra, pi quannu nun pozzu iri di corpo!

CORNELIO

(Disperato) Si sapiva ca havia ad aviri ‘na famigghia mala cumminata, era megghiu ca mi impiccava prima di nasciri!

CONCETTA

Ancora in tempo si, a impiccariti prima di moriri!

ZIU GIUVANNI

Ti lamenti e dici, ca nun si cuntenti di sta famigghia! Nun fusti tu a sposariti a Concetta e a spirimintari a picciridda?

CORNELIO

Talè ziu Giuvanni, nun mi fari parrari ca è megghiu! E poi, tu si nicu pi capiri certi discursi! (Con ira va verso la figlia) Staju parrannu cu tia! hai statu zita e nun mi hai mai dittu nenti!

CARMELA

(Carmela guarda il padre dritto negli occhi, il quale si mette una mano come paraocchi per non incrociare il suo sguardo con la figlia e gira su se stesso, inseguito da Carmela) Te l’ho nasconnuto, picchì ti vulia fari ‘na sorpresa!

CORNELIO

(Girando) Chista a chiami sorpresa? Così quannu vaju o corso du paisi, tutti i scimmie chi incontro mi ci presento, “piacere io sono tuo nonno”

ZA’ BASTIANA

Concetta, spiegami ‘na cosa: o sunnu iddi dui chi jocanu a nascondino, o sugnu ju chi mi trovo ‘nte giostre!

CONCETTA

(Con veemenza ferma il girotondo di padre e figlia) Mamà, po’ scinniri de giostre, ca fineru i picciuli! Chi vi pigghiassi a tutti e dui ‘nta circolazione pascolare, ma chi jucati o trenino?

CORNELIO

Vidi ca ancora sugnu giovani, pi moriri! Si taliu a to figghia ‘nta l’occhi, mi fa mummificare tutti i pinseri mentali!

CONCETTA

Zittuti, citruluni di guerra! Me figghia havi a faccia bedda pulita comu un pisci mortu, appena piscatu! Si vidi ca è figghia mia!

CORNELIO

Ti lassu puru i diritti d’autore, basta ca nun dici ca è figghia mia!

ZIU GIUVANNI

Carmela veni cca vicino o ziu, lassali stari a sti zulù e no mentri chi aspittamu, dimmi comu è fattu stu zitu!

CARMELA

(Si siede accanto lo zio) U me zitu è troppo beddu! Havi i capiddi, havi l’occhi. Havi puru u nasu. Havi a faccia, havi un poco di aricchie ca parabola . (Con dolcezza) e poi havi ‘na bedda vucca, ca ci servi...

CORNELIO

...pi rovesciarisi quannu ti vidi!

CARMELA

U me zitu non si rovescia quannu mi vidi. E’ l’invidia picchì u me zitu, mi ama alla follia!

CORNELIO

Ci cridu ca ti ama alla follia, sulu un pazzu orbo si po’ sposari cu tia! Ora basta parrari di zitu, picchì mi sta vinennu di gomitare.

CARMELA

Quannu mi bacia, mi dice sempre in bocca ci lascio un sapore di...

ZA’ BASTIANA

(la precede) ...Baccalaro friscu!(Cornelio da sensi di vomito, ma si tappa la bocca con la mano)

CARMELA

Zitta, vecchia mongola! U me zitu mi dice ca ci lascio in bocca un sapore di ...munnizza frisca appena sfornata! (Cornelio scappa con la mano in bocca, facendo capire che va a vomitare)

CONCETTA

Basta parrari di sti cose vasa vasa munci munci! (Sottovoce) Ci sunnu anziani! Si ci veni lu desideriu, nun li putemu manteniri cchiù! (Bussano)

CARMELA

Eccolo eccolo! È lui! (da dietro la porta fa i richiami “iuiuiu” ) Sei tu dolce scimunito mio?

VINCENZINO F. S.

(Ha una voce piccola, come un bambino) Amore, sono il tuo Vincenzino.

CARMELA

Non ti credo! Puru u lupu di Cappuccetto Rosso, si chiamava Vincenzino! Dimmi la parola chiave, o ti rumpo la porta in testa!

VINCENZINO F. S.

Sono Vincenzino U Lapino, tutto grande e piccolino. Amo Carmela Cimmiciolla, ch’è più bella della colla! (Ride. Carmela apre la porta lanciandoglisi al collo, lo bacia ovunque riempendolo di rossetto. Vincenzino dai modi di fare, parlare, sembra un bambino. Entra ben vestito con uno smoking nero col papillon. Dopo l’assalto di Carmela, sarà trasandato. Porta occhiali a fondo di bottiglia. Ha orecchie sporgenti. In mano porta un mazzo di fiori) Amore, questi fiori li ho cogliuti sul sopracciglio della strada pi tia! (Carmela butta a terra il mazzo di fiori, si toglie anche gli occhiali e ripiglia a baciar Vincenzino)

CONCETTA

Ora basta! Si lu vasi tuttu ora, a prima notti chi fa, vi taliati ‘nte facci? Presenta u zitu ai parenti! (Entra Cornelio che va asciugandosi la bocca con un fazzoletto. La nonna si va assopendo)

CARMELA

(strattona Vincenzino, tirandolo per la mano da un posto all’altro, come fosse un burattino. Va dallo zio) Ziu, chistu è u me zitu Vincenzino!

ZIU GIUVANNI

(Lo zio appena si alza dalla sedia per porgergli la mano, si curva su se stesso.) piacere Giuvanni Conlapinna (Vincenzino ride)

CONCETTA

(Va ad aiutare lo zio a sedersi e tornare eretto) Scusa Vincenzino, mio zio soffre di pontologia ‘nte spaddi! Appena si susi ci veni di fari u pontista!

CARMELA

(lo trascina dal padre) Papà, questo è il mio zito! Ti piaci?

CORNELIO

Mi  ce curcare io, ca m’hava a piaciri a mia!

VINCENZINO

(gli da la mano a Cornelio) Piacere Vincenzino U lapino!

CORNELIO

Sbaglio o u to cognome fa rima cu cretino!? (Vincenzino ride. Carmela gli molla uno schiaffo) Indovinavo! (Gli da la mano) Cornelio Cimmiciolla! Taliannuvi ‘nta faccia dicu, quanta strada facistivu pi truvarivi tutti e due?

VINCENZINO E CARMELA

(In perfetta sintonia) Il nostro è stato un colpo di fulmine nel cuore!

CORNELIO

Avutru chi corpo di fulmine nel cuore, chistu fu un corpo di culo! A dui esemplari rari come voi, mancu o museo di mummie vi pigghiavanu!  

CARMELA

Vieni Lapino, ti porto dalla nonnina! (Vincenzino è felice e ride)

CONCETTA

(Fermandolo, sottovoce a Vincenzino) Senza ridiri cu sta faccia, cretino! Me matri soffre di battito animale! Havi u telepass ‘nto cori!

CARMELA

(Nota che la nonna dorme, la strattona con violenza. Gridando) Nonna!

ZA’ BASTIANA

(Balza in aria, è scossa) Aiuto u zu nami c’è! Chiamate finchè la barca va!

CONCETTA

(va a calmarla) Mamà ripigghiati! Nun ti scantari ca u zù nardo nun c’è! A picciridda ti deve presentari lo zito!

VINCENZINO

(Gli da la mano) Piacere Vincenzino U lapino. (Ride)

ZA’ BASTIANA

Carmela, ma cu tu purtò stu zitu, a befana? Nun mi piaci nun mi piaci!

CARMELA

No no, u truvavu menzu a strata! (Vincenzino ride)

ZA’ BASTIANA

Cu chistu dormirai sonni tranquilli! Chistu, piseddi nun ni ha vistu mai! Nun mi piaci, nun mi piaci!  

CARMELA

Picchì mi dicisti così nonna?

CONCETTA

(Smorza subito) Nenti nenti! A nonna è maliziusa! (fa sedere Vincenzino. Carmela gli si siede accanto, stando vicini) Nun ci fare caso, mia madre nun ci vidi bonu di vicinu! Scummissa, si ristavi a to casa, ti vidiva megghiu!

VINCENZINO

A curpa è di Carmela chi mi dissi di veniri! A prossima voti chi nni facemu ziti, resto a me casa e ni presentamu da televisioni. (Ride)

ZIU GIUVANNI

Allora, Vincenzino chi fai nna vita?

VINCENZINO

Nella vita nun fazzu nenti! Ma durante il giorno lavoro! ...e anche la notte!

CORNELIO

Travagghi puru a notti? (Vincenzino annuisce allegramente)

ZA’ BASTIANA

A notti inveci di dormiri vai incuitannu i cani chi dorminu? Disgraziato! Nun mi piaci, nun mi piaci!

CARMELA

Il mio zito a notti nun disturba a nuddu, mentri lavora, dorme cu l’occhi aperti!

ZIU GIUVANNI

Quantu discursi pi capiri chi schifiu di travagghiu fa! Parra potabili! Tantu cca dintra, i denti da latti  i misimu tutti!

VINCENZINO

La notte vaju girannu pi strati a cuntari scoccie di banana!

ZA’ BASTIANA

E di jornu chi fai, ti mangi? Nun mi piaci, nun mi piaci!

VINCENZINO

Di giorno, lavoro in una ditta di campagna! Sono messo in regola!

CORNELIO

Almenu in questo nun ti pozzu diri nenti! Sei un travagghiaturi, ca testa supra li spaddi, bravo! Sintemu, di cosa ti occupi in questa ditta?

VINCENZINO

Faccio lo spaventapasseri! (Ride)

ZA’ BASTIANA

Picchistu o paisi nun si vidinu cchiù aceddi cu l’ali! Certo, di quant’havi ca sannu ca sta faccia di vilenu è vivo, aceddi canciaru paisi! Nun mi piaci, nun mi piaci!

CORNELIO

Mi pari puru giustu Vincenzino! Cu da facci chi hai, vulivi fari u modello?

CARMELA

Fai u spaventapasseri? Allura, mi dicisti una bugia! Mi dicisti ca facivi u manico di scupa, pi fari scantari aceddi! (Piange come un asino che raglia)

ZIU GIUVANNI

Chi ci chianci! U to zitu essendo pieno di cortura, ti dissi in italiano ca fa u manicu di scupa! In dialetto campagnolo si dice spaventapasseri! U Capisti?

CARMELA

(si asciuga le lacrime col vestito, soffia il naso sulla camicia di Vincenzino. Lo abbraccia, facendo gli occhi dolci) Amore mio, non sogno aggiornata di dialetto campagnolo! Sacciu sulu il dialetto italiano quello di paese!

CONCETTA

Vieni con noi Vincenzino, ti presentamu a casa! Viniti tutti! (Carmela prende per la mano Vincenzino e lo trascina fuori scena, zio Giovanni li segue) Mamà vò veniri?

ZA’ BASTIANA

No figghia mia, nun mi sentu bona. Restu sula cca! Andate pure.  

CONCETTA

(A Cornelio) Cu tia parru! Dacci un occhio a me matri!

CORNELIO

C’è dari un occhio a to matri? Idda invece di tinilli in esposizione chiddi sui, dicci ca li usa!  A mia l’occhio mi servi!

CONCETTA

Chi ti vinissi un miracolo in testa! Ti dissi di darici un occhio, no senso di starici attentu! (Esce)

CORNELIO

(Tra se) Ci pari ca sa pigghianu? Mancu ni vonnu i cani!

ZA’ BASTIANA

Fu u destinu chi ni fici ristari suli. Haju bisognu di parrariti! Dimmi a virità, ma tu, mi vò beni?

CORNELIO

U sapi ca a scola nun ci fuvu mai, nun cominciassi a farimi sti domandi difficili, ca nun sacciu chi c’è diri!

ZA’ BASTIANA

Tantu u sacciu ca nun mi vò beni. Fussi pi tia, havi chi mi avissi fattu moriri, ‘na vita!

CORNELIO

Nun sbagghiassi a parrari, io ci tengo alla mia onestabilità! Sti cosi, nun l’haju mai dittu ( pausa)...l’ahju sulu pinsatu!

ZA’ BASTIANA

Sentu ca manca picca e nun ci sarò più! Ponnu essiri minuti, ore, chi dicu ore, misi, anni... manca picca e fazzu u salto di qualità, per l’aldilà!

CORNELIO

Menu mali ca manca picca! Di comu parra, resta pi semenza!

ZA’ BASTIANA

Prima di moriri, vuliva esaudiri l’ultimo desiderio. (Colpo di tosse) Vogghiu ca fussi tu ad esaudirimillu. Mi lu dai questo onore?

CORNELIO

(S’intenerisce) Quannu lei mi parra così, cu sta pigghiata pi fissa, mi fa divintari u cori nicu quantu un palluni!

ZA’ BASTIANA

Grazie figghiu miu, veni cca, fatti vasari a manu. (Cornelio con falsa modestia va dalla suocera, la quale gli bacia le mani) Ti sarò riconoscente per tutta la vita! (Colpi di tosse)

CORNELIO

Finiu ca sta murennu? Comu fa a canuscirimi pi tutta a vita, si dici ca mancanu anni e fa u volo di qualità! Bho! (Cornelio si siede)

ZA’ BASTIANA

U desiderio chi mi devi realizzare, è un regalu chi ti vogghiu lassari( Cornelio freme dalla voglia) è chiddu di ...livarimi i mutanni! (Cornelio pietrifica rimane con la bocca aperta) Chi hai? Stai facennu a bella statuina?

CORNELIO

(Si sblocca) Quannu mi deve dare sti notizie ammazza cristiani, mi lu dicissi prima ca mi mettu aricchi sott’aceto, così nun ci sentu!

ZA’ BASTIANA

Chi dissi di mali? Ti dissi di livarimi i mutanni e ti lassu u regalino. (Tosse sempre più intensa)

CORNELIO

Mancu ci levu i mutanni a me mugghieri, e livari chiddi sui! E poi, di sti regali nun li vogghiu! Jatta morta nun haju chi mi nni fari! A mia mi piaci, a sarda viva

ZA’ BASTIANA

Ma quali jatta morta! Cca dintra (Indica nelle zone basse) c’è u tesoro!

CORNELIO

Docu dintra c’è un metru di tartaro, ca pi livallu mancu u trattore ci po’! Si mi lu diciva cent’anni fa ca docu dintra havia u tesoro, nun ci pinsava mezza vota, mi tuffava cu tuttu u salvagente!

ZA’ BASTIANA

Nun diri così Cornelio! Regalandoti u me tesoro, ti vogghiu veniri incontro!

CORNELIO

Lei mi voli pigghiari di petto, avutru chi incontro!

ZA’ BASTIANA

(La tosse persiste, intensificandosi) Già lu sentu ca nun staju cchiù bona! Pensaci bonu Cornelio, nun lu fari perdiri  stu beni di Dio!

CORNELIO

Pi mia si lu po’ purtari in funnu o mari, tuttu stu bene!(Za’ Bastiana a seguito dei ripetuti colpi di tosse sviene rimanendo sulla sedia, abbattuta di lato) Mamà mi senti? (Vicino l’orecchio) Uno, due, tre prova! C’è nessuno in casa? (Ascolta dall’orecchio) Chista veru mali sta! Concetta chiama i pompieri to matri sta male!

CONCETTA

(Entrano tutti) Beddamatri, chi ci facisti a me matri, disgraziatu!

CORNELIO

Havi vint’anni chi sugnu in astinenza! Pi sbloccari le cellule capillari, mi serve una cavadda, no ‘na jatta morta!  

ZIU GIUVANNI

(Essendo curvo, si avvicina al viso di zà Bastiana) Picciotti, viditi ca chista nun respira cchiù, ci manca l’aria!

CORNELIO

Pigghiu un bastuni, così ci damu un colpo di messa in moto, ‘nte capiddi!

CARMELA

No, ci voli una pompata ‘nto stomaco pi farici fari adduma e astuta cu cori! 

CONCETTA

Si si, brava! Va pigghia a pompa du camion ca la vunciamu! (Carmela e Vincenzino escono e rientrano con una pompa a pedale. Mettono in bocca a zà Bastiana il tubicino per la fuoriuscita dell’aria) Picciotti, datimi l’onore di pompalla io a sta becca di me matri! (Concetta pompa col piede, ma le viene pesante, andando lentamente)

CORNELIO

Troppo piano vai, mi staju addumiscennu! Così l’aria ‘nte corna ci arriva dumani notte! Mettici più gas!

ZIU GIUVANNI

Picciotti, l’unione fa la forza! Aiutamu Concetta e pompiamo tutti insieme! (Tutti si mettono in linea con Concetta assumendo la stessa posizione, col piede pronta a schiacciare sul pedale) Pronti, via! (Tutti insieme, imitano Concetta nel pompaggio per mandare aria alla madre. grazie al loro supporto, Concetta ha forza di pompare, tanto che aumentano tutti  il ritmo, allegramente) Fermi tutti! la stamu vunciannu quantu ‘na vacca! Videmu se si è ripigghiata! (Si avvicina al viso) Ancora nun respira! Chi facemu?

VINCENZINO

Ho una soluzione! Visto ca l’aria diretta nun ci arriva in testa, mandiamoci l’aria indiretta ‘nto nasu! Ora ni mittemu divisi tre da un lato, due dall’altro. (Lato destro si posizionano Cornelio, Concetta e Zio Giovanni. Lato sinistro Vincenzino e Carmela) Pronti? Al mio cinque dobbiamo sciosciare tutti! uno, due, tre, quattro, cinque via! (Tutti soffiano in aria a Zà Bastiana.Dopo ripetuti soffi, zio Giovanni si avvicina al viso di zà Bastiana)

ZIU GIUVANNI

L’aria ‘nto nasu nun ci passa, ci vulissi un soffio a gomito ca ci facissi acchianari il nostro scioscione nella testata

VINCENZINO

Ci voli la respirazione bocca a bocca! Chi la fa? (Tutti si guardano in viso perplessi, poi guardano Cornelio, come a dire “ falla tu”)

CORNELIO

Chi cosa? Vuatri siti impazzuti! Pi mia, po’ moriri puru dumani matina, ma io respirazione boccale nun ci la fazzu!

CARMELA

Vado a chiamare u prufissuri a domicilio (corre fuori tirandosi  Vincenzino)

CONCETTA

(Disperata) Chista vita è? ‘nta cent’anni si campa e ‘nta mezz’ora si mori! (Le da schiaffi alla madre) Mamà risuscita! Ancora sei giovani pi moriri!

CORNELIO

Giovane? s’è giovane idda, io ancora mancu haju nasciutu!

VINCENZINO

(Entra con Carmela) Abbiamo telefonato al dottore, tra meno di subito veni

ZA’ BASTIANA

(Da segni di rinvenimento) ahi ahi! Chi mi sentu strana! Chi mi successi?

CONCETTA

Nenti, nun ti successi nenti! Havii murutu e ora sei campata di nuovo.  

ZIU GIUVANNI

Concetta, visto ca to matri si ripigghiò, telefona o dutturi e ci dici ca nun veni cchiù! Mancu pa strata persa chi fa!

CONCETTA

Carmela telefona o dutturi e ci dici ca nun veni, a nonna nun mori cchiù pi oggi! (Carmela sta per uscire con Vincenzino, bussano e si fermano)

CARMELA

(guarda dal buco della serratura) Cca è!

CONCETTA

E ora, chi bella figura ci facemu appena vidi a me matri viva?

CORNELIO

(Alla suocera) Mamà, facissi a brava, murissi navutra vota! Appena si sveglia ci accattu u gelato, ah? (la suocera, niente. Bussano)Grapiti, sta mala fiura nun la vogghiu fari (esce. Concetta fa segnale alla figlia di aprire)

DOTTORESSA

(Entra una bella donna con cappotto lungo fino alle ginocchia, con borsa da medico) buongiorno! Vi porgo le scuse del dottore che non potendo venire, a mandato me. Piacere, dottoressa Bonapoco Maria. 

CONCETTA

Buongiorno. Quannu chiamamu, mia madre era siccata, ora si lei a talìa è ‘na morta viva! A curpa nun è mia, s’è resuscitata prima chi viniva lei! La stavamo pi chiamare, pi nun ci fari fari strata persa, ma...

DOTTORESSA

(Ridendo) Vedo che lei ha voglia di scherzare con questo giro di parole (Si avvicina a zà Bastiana) buongiorno signora! Cosa le è successo?

ZA’ BASTIANA

(Con un filino di voce) A testa mi fici u giro giro tondo e sono cascata tutti giù per terra! Haju a tussi tantu forti, ca si nun mi muzzicu a lingua, mi nescinu i tonsilli du nasu!  

DOTTORESSA

(toglie il cappotto mettendo in evidenza un sexi vestitino bianco) Stia tranquilla, adesso le farò un controllo, vedremo cos’è che non va. ( le fa un accurato controllo medico, sotto gli occhi stupiti dei parenti. Entra spensierato Cornelio, che beve acqua dal bicchiere. Vede di spalle la dottoressa e sputa l’acqua dalla bocca e gli manca l’aria. Concetta, Carmela e Vincenzino, corrono a soccorrerlo)

CONCETTA

(gli da pugni dietro le spalle, finisce per ammazzarlo) Nun ti scantari ti aiuto io! Sputa l’osso! (Vincenzino e Carmela gli alzano le braccia in aria, facendo su e giù) bravi così, fatici fari la moto ca ci veni l’aria ‘nta lingua! (Cornelio viene deposto sulla sedia accanto lo zio, la dottoressa va da Cornelio)

DOTTORESSA

Cosa l’è successo? Qualcosa andato di traverso?

CORNELIO

(Ancora col fiatone) Nun si preoccupassi, ho avuto un leggero attacco d’infarto nell’osso pizziddu da gola, mentre biviva l’acqua! Ora staju bonu

DOTTORESSA

In questa famiglia, avete le battute facili! (Porgendogli la mano a Cornelio) Piacere, sono la dottoressa Maria Bonapoco.

CORNELIO

(Guardandola bene. si alza) Ma lei è bona tutta, altro che bona poco! U sapi ca mi staju sintennu arreri mali, mi controllassi! (finge di barcollare. Concetta gli da uno schiaffo dietro la nuca) Piacere Cornelio Cimmiciolla, per servirla!

DOTTORESSA

(Ignorando lo scherzo di Cornelio) Signora, mi dia dell’acqua! Darò una pillola a sua madre per la pressione sanguigna, vedrà che starà meglio (Carmela traina Vincenzino, escono e rientrano con un bidone da dieci litri vuoto, lo da alla dottoressa) Cosa me ne faccio di un bidone vuoto?

CARMELA

Dici ca voli l’acqua! Cca c’è u biduni, va o puzzu e si la va a riempire!

CONCETTA

Dottoressa nun ci facissi caso, me figghia havi u cervelletto allagato! Ci piaci aiutari gli assitati! Ora ci la vaju a pigghiu ju! (Esce)

CORNELIO

(Tra se) Quantu stimu a saluti, mi facissi trent’anni di ergastolo, pi farimi violentare!

DOTTORESSA

(Rientra Concetta con un bicchiere di acqua la da alla dottoressa che prende la pillola dalla borsa e la da a zà Bastiana) Questa pillola stabilizzerà la pressione sanguigna (Continua a visitare zà Bastiana. Cornelio si avvicina allo zio Giovanni, parlano sottovoce)

CORNELIO

Cu sta dottoressa, vulissi moriri ogni jornu pi farimi visitari!

ZIU GIUVANNI

(incantato) Macari ju mi facissi seppelliri cu idda!

CORNELIO

Di comu sugnu accalorato, ci sfardassi u vestitinu cu l’occhi e facissi ‘na stragi!

ZIU GIUVANNI

Io macari ca dentiera ci sfardassi i mutannuni!  

CORNELIO

Cu una comu chista, nun mi firmissi mancu pi manciari! Facissimu i turni! ‘na vota mangia idda, ‘na vota io!

ZIU GIUVANNI

Io mi facissi mettiri ‘nto cori a batteria du treno, e nun mi firmissi mancu si i vigili mi facissiru a murta!

DOTTORESSA

(La dottoressa si appoggia sul tavolo e scrive una ricetta. Al termine la da a Concetta che la mette in tasca) Ecco la ricetta. Le ho prescritto medicinali, da prendere subito! Dovuto all’età avanzata di sua madre, il sangue tende a coagularsi, non permettendo il deflusso in tutto il corpo e verrà a mancare ossigeno al cervello, di conseguenza al cuore! Seguite questa cura e sua madre, starà bene!

CONCETTA

(Le bacia le mani)Grazie dottoressa! Si ci dugniu u me numero di casa, appena la fannu divintari santa, me lo da un corpo di telefono? 

DOTTORESSA

(Rimette il cappotto) La smetta! In questa famiglia sembrate tutti degli attori, con le battute sempre pronte! Signori vado. Bongiorno a tutti!

CORNELIO

Scusi, siccome io soffro di diverse malattie sparse per tutto il corpo, spesso e volentieri, mi vengono gli attacchi di ipsilon in testa, lei mi cura?

DOTTORESSA

Voleva dire l’ictus! Dovesse avere di bisogno, mi chiami e verrò!

CORNELIO

(Ammaliato) L’avverto, a mia sti attacchi mi vengono principalmente la notte! Lei fa pure l’infermiera di notte?

DOTTORESSA

Si faccio anche il servizio notturno!

CORNELIO

(allegramente, scrive su un pezzo di carta il numero di telefono) Questo è il mio numero privato! Mi chiamassi quannu si senti mali! A fazzu ripigghiari io!

CONCETTA

Ora ti fazzu sentiri mali a piaciri miu! Dottoressa si nni va! A me maritu, lu curu ju! Salutami a nonna!(La dottoressa va via) Ti vulivi sentiri mali, pi fariti controllari da una sconosciuta? Io nun ti pozzu controllari?

CORNELIO

Tu? Mi cuntentu moriri di subitu, no ca mi facissi tuccari di tia!

CARMELA

Mamà, io e Vincenzino stiamo andando in  cameretta(Escono allegramente)

CONCETTA

Andate in pace. Amen!

CORNELIO

(Grida nella direzione la quale sono usciti i due) Vincenzino stai attentu! Vidi ca me figghia è una cannibala! Poi, nun mi veni a diri ca nun ti dissi nenti!

ZIU GIUVANNI

(Da seduto) Picciotti, puru io mi nni vaju. Tornu dintra, nun è giustu ca a me casa è sula ed io sugnu cca! (Si alza e si curva su se stesso. Va da zà Bastiana) Stamu attentu zà Bastiana, facemunni forti!

ZA’ BASTIANA

Grazie! Io ci provo, ma quannu arriva la nostra ura, nun ci po’ cchiù nenti! Prima o poi, puru a tia ti devono schiattare l’occhi!

ZIU GIUVANNI

(Si tocca le parti basse) Ueh! Accuminciassi a fari strata, ca fra cent’anni vegniu puru ju! U Signuri vi binidici! (Esce)

CORNELIO

Vaju anticchia da dintra, priparu cocchi cosa di manciari!

CONCETTA

(Si siede accanto la madre, le tiene la mano. Zà Bastiana ha gli occhi chiusi) Mamà, picchì hai l’occhi chiusi, già sei partita per l’altro mondo?

ZA’ BASTIANA

Chi vi vinissi ‘nta punta da lingua! Vidi ca primura nun n’haju! (Tosse)

CONCETTA

Fai con comodo! (si stringe alla madre) Mamà, si proprio sicura ca ni vò lassari! Rinvia u viaggio! Sai ca io ti vogghiu beni!

ZA’ BASTIANA

(Accarezzandole la testa) Figghia mia, nun spetta a mia decidiri di lassarivi. È a vita chi decidi! A nuddu fa piaciri lassari a propria famigghia pi sempri, ma a vita è chista! Quannu arriva, arriva. (Tosse)

CONCETTA

(poggia la testa sulla spalla della madre, la quale le accarezza il viso) Mi ricordo quannu ero nica, tu nun manciavi ‘na cosa si nun mi la davi prima a mia. Nun ti andavi a curcari, si nun mi davi u bacio da bonanotti! E ora io, nun sugnu degna, mancu di appoggiarimi nna to spadda!

ZA’ BASTIANA

(Tosse sempre più forte) Di quantu havi ca muriu to patri, hai mantinutu un segretu, ora ti lu vogghiu svelari, pi fariti ricca di amuri! Levami i mutanni!

CONCETTA

(Si alza di scatto, irritata) Accuminciamu! A Giacomina ci hai fattu sudari a vucca sempri a diritillu, e tu nenti! Ora mi devi fare infettare a mia, no!

ZA’ BASTIANA

Ma tu sei me figghia! Ti vogghiu lassari la me vita ‘nta li to manu!

CONCETTA

No no, a to vita portatilla! A mia, mi basta chidda chi haju io! E poi, chi piaciri c’è a moriri senza vita, mah!  

ZA’ BASTIANA

(la forte tosse l’accascia e parla con difficoltà) Apprufittani ora! Ora ca sugnu in menzu a vuatri. Dopo ca moru, agneddi e sucu e finiu u vattiu! (Tosse forte)

CONCETTA

Mamà mi dispiaci, riguardu a li mutanni nun ti pozzu aiutari! Sarà un castigo, ca quannu moru puru ju, me figghia i mutanni a mia nun mi li leva!

ZA’ BASTIANA

(colpi di tosse violenta, e poi si tocca la parte del cuore) Concetta, mi sentu mali! I medicinali mi facisti pigghiari a farmacia?

CONCETTA

Aspetta ca ci mannu a Carmela! (Grida) Carmela...Carmela, stoccati subitu li jammi cca, ca devi andare a pigliare i medicinali a nonna!

CARMELA

(La nonna sempre più male con tosse. Da fuori scena Carmela Grida “Arrivo”.Entra. lei normale.Vincenzino tutto scomposto dalla testa ai piedi) Dimmi Mamma!

CONCETTA

Ma chi ci successi a stu cretino! U pigghiò di pettu un aereo?

CARMELA

Nenti mamà, ci fici quattro messaggi cinesi!

CONCETTA

(Prende dalla tasca, la ricetta e i soldi) Teni sti picciuli e te sta ricetta chi medicinali, va pigghiali di cursa! (Esce di corsa trascinando Vincenzino) Stai tranquilla mamà, a navutru poco chi medicinali, ti senti megghiu.

ZA’ BASTIANA

(Za’ bastiana si lamenta toccandosi il cuore e continua a tossire)Ahi ahi u core! Ahi ahi u core!

CONCETTA

(Tenendole la mano) U capivu mamà ca hai u cori! Ju puru ci l’haju u ficatu

CORNELIO

(Da fuori inizia  a gridare) Pronto! (Entra con una pentola reggendola per i manici. Essendo caldi gira e rigira per sbrigarsi a posare la pentola sul tavolo) Brucia! Brucia! (inciampa e riversa la pentola di spaghetti addosso a zà Bastiana, la quale inizia a gridare perché si scotta e poi china la testa)

CONCETTA

(entrambi dispiaciuti guardano la pasta a terra, non curando che zà Bastiana non desse più segni di vita) Ma pi ciriveddu dunni ti servi? O mercatino! Talè quantu beni di Diu jettasti in terra! Ora chi nni manciamu, l’aria?

CORNELIO

Chi ci pozzu fari, i manici eranu bollenti! Io a vuliva pusari subitu, ma...

CONCETTA

...Facisti allagari a me matri chi spaghetti! U sai ca spaghetti longhi nun ni mancia! (Guarda la madre) scusalo mamà, u sai ca iddu è... (Vede che la madre ha la testa abbassata) Mi senti? Oh, ma si surda? Chi fici, muriu?

CORNELIO

Po’ essiri ca dormi cu l’occhi chiusi e nun ci senti!

CONCETTA

(Tocca il cuore della madre) Nun fa tu tu, allura muriu! Così si mori assittati ‘nta seggia? Ma nun si muriva nno letto?

CORNELIO

Nun si mori cchiù nno letto! To matri è una tipa che va a spasso con la moda. Sapi ca ora si mori ‘nta seggia, e crepò assittata!

CONCETTA

(Piange con strazio abbracciando la madre) Almenu un ciao mu putivi diri! Stai attenta mamà quannu ti nni vai in cielo, vidi ca ci sunnu l’aerei e tu si nica nica e ti ponnu pigghiari di petto! Appena vidi o papà, mu saluti! Appena arrivi, mu fai u squillo? (Cornelio Piange con disperazione) Bonu fai maritu miu a chianciri, si li merita ‘na pari di chili di lacrimi (Piange)

CORNELIO

(piangendo) Ti pari ca chianciu pi idda! Chianciu taliannu a pasta ‘n terra e dicu, ca oggi si mancia cu stomaco vacanti! (Piange)

CONCETTA

(piangendo) Macari ju, haju i furmiculi ‘nto stomaco! (Con rabbia) Disgraziato! Ammazzi a me matri ca pasta e pensi a manciari?

CORNELIO

Avissi a essiri cuntenta ca almenu idda muriu ca panza china! Inveci nuatri ristamu cu l’occhi chini e a panza vacanti!( Piange)

CONCETTA

(Mentre piange, poi si blocca portando la mano nella fronte) Carmela! Spicciati chiama a to figghia, a mannavu ad accattari i medicinali! Dicci ca nun li accatta, ca oramai picciuli persi sunnu!

CORNELIO

(Inizia ad urlare come un forsennato) Carmela! Carmela!

CONCETTA

No, così! La chiamari cu telefono!

CORNELIO

(prende il ricevitore del telefono e senza comporre il numero, grida come un pazzo) Carmela! Carmela!

CONCETTA

Talè ci vaju io ‘nta ‘na cursa, si aspetto a tia, to figghia accatta tutta a farmacia!

CORNELIO

Ti fazzu cumpagnia! (Stanno per avviarsi e si fermano) A to matri a lassamu sula? Diccillu ca stamu niscennu! Si nun ni trova e si vidi sula, si scanta!

CONCETTA

(Alla madre morta) Mamà aspettami cca, ora vegniu! Si avissi a veniri corcunu, dicci ca nun ci semu! (A Cornelio) amunì, pronti via! (Escono correndo. Cala il sipario)

Fine primo atto

 

Secondo atto

(Medesima scena di prima. Entrano lamentandosi dal dolore e sono vestite di nero. Lo zio e Cornelio sono impassibili. Vincenzino ha una fascia nera sulla fronte. Cornelio entra con le cuffie nelle orecchie)

CORNELIO

(Si siedono tutti. Toglie le cuffie) Finalmente! Haju i peri, parinu un fritto misto! Un jornu e una notte di veglia pasquale, pi taliari a morta. Navutru jornu tra chiesa, invitati, vasati, strinciuti, chianciuti, sprimuti! Chi manicomio prima di arrivari o cimiteru, pi l’addio o celibato!

CONCETTA

(Con lamento) A chi ci semu, ni giramu l’occhi e nun ci semu cchiù! Nun è giustu ca si mori senza cumpagnia! Mischina me matri, muriu sula sula! (Sotto fondo si sentirà il lamento di Carmela e la vocina afflitta di Vincenzino che dice: “è morta la nonna... la nonna è morta...”

CORNELIO

Vidi ca semu ancora in tempo, amuninni ca ti ci vaju a lassu!

CONCETTA

Nun è giustu ca cu mori l’hannu a seppelliri sutta terra, ca quannu chiovi si bagnanu tutti! Povira matre, ti isti a riparari dunni chiovi! (Piange)

CORNELIO

Cu tutta da terra, pensi ca l’acqua trapana to matri? Nun ci po’ arrivari mai!

CONCETTA

A terra cu l’acqua si squagghia e nun vulissi ca me matri in vita a fattu a santa, e di morta avissi a divintari...un pezzu di fangu! (Piange)

CORNELIO

(irritato) Ora basta! Pari ca nun avissi murutu mai nuddu di comu fai tu! Ti pari ca chiancennu, to matri ti senti? Basta! Mancu pi lacrimi po’ fari. Risparmiali pi quannu ristamu senza acqua.

ZIU GIUVANNI

Finiscila! Mancu hai rispettu pi to mugghieri! Ci voli u ventu in chiesa, ma no ad astutari i cannili! Quannu muriu a bonarma di to matri, nun chiancivi?

CORNELIO

(Con pacatezza) Certo ca chianciva! A mamma è mamma, cu a perdi nun la guadagna!

ZIU GIUVANNI

E allura! Nun giudicari a to mugghieri! Lassala sfogari ca ci fa beni!

CORNELIO

Pi mia po’ chianciri quantu voli. Però, basta ca la finisci subitu!

ZIU GIUVANNI

Tra tutti li cosi tinti chi esistinu supra a terra, l’unica bona sapiti qual è? A morti! Nun fa distinzioni pi nuddu. Ne ricco, ne povero, ne granni, ne nichi! Facemunni forza e rispittamunni da vivi. Chiudennu l’occhi, si astutanu i lampadini e...bonanotti e sunaturi!

CONCETTA

Ni avissimu a rispittari da vivi. Murennu è sulu tempu persu! (dalla parete prende il quadro raffigurante zà Bastiana, parla con dolore) Taliatila, taliati che bedda me matri, pari viva! Mamà pirdunami, quannu eri viva ti ridiva ‘nta facci. Ora ca muristi, chianciu darreri i to spaddi! (Bacia la foto e si schifa) Chi schifiu, almenu ta putivi dari ‘na spolverata ‘nta faccia!

ZIU GIUVANNI

Nun ci pinsari cchiù Concetta! Amunì, mi nni vaju a casa, ca mi vaju a ripusari un poco ‘nto letto. (Si alza e si curva) Cara concetta fatti forza! U Signuri vi binidici! (Esce)

CONCETTA

U Signuri vi binidici! (Posa il quadro)

CORNELIO

(Sbadiglia) Concetta, capisciu ca sei addulurata, e nun ti va di fari nenti. Nun pensi ca fussi tempu di priparari un beddu piattu di pasta, ca haju fame

CONCETTA

(Disperata) Cu quali curaggiu mi dici sti cosi! Me matri muriu, e vò manciari?

CORNELIO

Ti pari ca avissi a moriri puru ju! Ma chi hai in testa, pagghia!?

CONCETTA

Quannu una persona è siddiata, hava a stari cu stomacu vacanti!

CORNELIO

Tu fammi a pasta, ca io mi siddiu ca panza china! E poi sai comu si dici? Morti sua e saluti nostra!

CONCETTA

U Signuri ti avissi a fari divintari fimmina, così impari a chianciri! (Piangendo) Si un omu senza cori! Inveci di chianciri cu mia, pensi a manciari! Vastasu  vastasu e vastasu!

CORNELIO

Levati davanti a mia, ca già mi stai facennu allergia! Va fammi un piatto di pasta, curri! (Concetta continua a ripetere “Vastasu” Cornelio si irrita)

CARMELA

(Va a prenderla sotto braccio) Mamà, amuninni da dintra a chianciri, u papà nun havi cori pi chianciri!

CORNELIO

(Infuriato le caccia) Itivinni! Livativi di cca! (Le donne escono) Poi dici ca un cristianu sfasa di ciriveddu. Avennu ‘na famigghia di chista, mi pari logico! Mi dicinu a mia senza cori, io ca sugnu a perla di cristiani! Sugnu l’oro chi cammina ...(Si guarda le scarpe) chi scarpi sfurnati, ma sempre oro sugnu! (A Vincenzino) Pi lu mali chi ti vogghiu, nun ti sposari! Se no, diventi cchiù babbu di comu si! 

VINCENZINO

Di sti problemi cu Carmela, nun ci l’ahju! Quannu ci dobbiamo parlare, ni taliamu ‘nta facci e ni capemu! Nun facemu storie!

CORNELIO

Per ora, a vita è tutta rose e fiori. Puru si ci dai un pugnu a zita, idda ti dici, ti amo! Appena ti sposi, a fimmina diventi la reincarnazione di Bruce lee! Nun ci po’ diri chi beddi occhi havi, ca i lignati fetinu! Ogni pilu è un travo

VINCENZINO

(Traumatizzato) Veru? Chistu significa ca nun mi devo sposare? Quasi quasi ci fazzu un pensierino!

CORNELIO

Bravo Vincenzino! Purtroppo a virità è chista! ...(attimo di pausa, serve per tornare idillico) Però, ti dico una cosa! Tu sai cosa sunnu i fimmini?

VINCENZINO

Certo ca u sacciu! I fimmini hanno i capiddi longhi e a mente fina!  

CORNELIO

E tu hai l’osteoporosi ‘nta vucca a quannu dici fissarii! A fimmina, è una bella poesia chi scrissi Dio! Havi u cori nicu, ma tantu granni da abbrazzari u munnu. Da a vita pi farisi chiamare mamma! Cu nenti, è capaci di fariti vidiri u paradisu. A fimmina è un ancilu senza ali chi camina chi peri ‘n terra. Pi chistu è speciali!

VINCENZINO

Allura nun è veru ca i femmine sunnu comu brucia line! Ci ripinsavu, mi sposo!

CORNELIO

Nun pinsari picchì dissi sti belle parole, i fimmini sunnu tutti uguali! U Signuri, quannu fici i fimmini, scrissi ‘na poesia. Appena ci finiu l’inchiostro, fici due scarabocchi...me mugghieri e me figghia!

CONCETTA

(Entrando) Chi hai cu to mugghieri e to figghia!

CORNELIO

Nenti haju.

CONCETTA

Siccome, mi sintiva friscari aricchi! E mi sintivu sparlata!

VINCENZINO

Signora Concetta, so maritu dissi belle cose. Dici ca siti a poesia cchiù bella di Dio!

CONCETTA

(Emozionata) Beddamatri chi emozione! (Chiama la figlia) Carmela veni subitu cca, ca to patri dici ca semu due poesie!

CORNELIO

Andateci piano! Io mica dissi a vuatri, parravu in generale! (A Vincenzino, cerca di schiaffeggiarlo) U vidi tu, si nun parri cchiù picca, ti tagghiu a vuci

CARMELA

(Entra felice) Cu dissi ca sugnu poesia, Vicenzino? (Gli si lancia al collo, come un treno)

CONCETTA

U dissi to patri (Carmela si scansa da Vincenzino, spingendolo)

CARMELA

Papà, ma tu sti schifia di poesie chi scrivi, dunni li pigghi?

CORNELIO

(Irritato) Oh, modera li paroli. Se no, ti dugniu un pugnu ca manu o cuntrariu, ca ti fazzu u tatuaggio cu l’unghia! I poesie chi scrivu...li leggiu do libru di Dio!

CONCETTA

Ah, ora capisciu picchì li to poesie sunnu belle, e ti fai granni dicennu che sei un artista! Certo, li copi do libro du Signuri!

 

CORNELIO

Parrari cu vuatri è comu parrari sulu comu un pazzo ca nun havi aricchi! Diciva, li copio do libru du Signuri, picchì mi arrivano dal cuore. Ci metto amore nelle poesie chi scrivu!

CARMELA

Puru ju, si mi taliu ‘nto specchio di Sophia Loren, sugnu bedda comu idda! Oramai ti tirasti a terra sutta e peri, sulu sulu!

CORNELIO

Ma finitila, ca vuatri nun ni capiti nenti!

CONCETTA

Chi vò diri! Accettalo ca i poesie nun sunnu tue! Ti fai bellu chi cosi di l’avutri!

CORNELIO

(Innervosito) A vuliti finiri! Io sugnu sicuru di li me fatti! Io sacciu, li mie capacità! (Alzandosi la camicia, per evidenziare il braccio) I viditi sti vini, si mi tagghiu nescinu poesie!

VINCENZINO

Signor Cornelio, visto ch’è così, ni la dedicassi ora una sua poesia!

CORNELIO

Chi dici! Ti pari ca mi tagghiu i vini, così cu è ca vidi stu mare si arte si fa a trasfusione! No no!

VINCENZINO

Nun mi capiu! Intendevo, una poesia vera!

CORNELIO

È tempu persu cca dintra, sprecare le mie parole! (Concetta e Carmela lo incitano, ma Cornelio resta impassibile)

CONCETTA

Amunì, s’è vero ca li scrivi tu sti poesie, dimostramelo! Dai! (Continuano ad incitarlo le due donne, fino al punto da convincerlo)

CORNELIO

Va bene! Reciterò una mia poesia! Pi farivi vidiri ca nun sugnu un quaquaracquà! Ma un artista con la A tisa tisa! (I tre si siedono, disponendosi uno accanto all’altro, davanti Cornelio che recita la poesia) Questa poesia è dedicata a chi si ama!

CARMELA

(Felice) Vincenzino, questa poesia te la dedico!

VINCENZINO

No amore mio! Io sono il masculo, quindi, te la dedico io!

CARMELA

(aumentando il tono) Ma io sono la fimmina, e te la dedico meglio di tia!

VINCENZINO

(Aumenta il tono) No, io te la dedico ancora meglio di te! In questa dedica, ci metto puru a cravatta!

CARMELA

E io te la dedico, cu papillon! Quindi, te la dedico meglio assai io! (Questo loro modo di accavallarsi uno su l’altro pur di averla vinta nella dedica, finirà per farli litigare)

CORNELIO

(Urla per farli smettere) Ooh! Ancora vi l’haju a cuntari sta specie di poesia, e già mi facistivu pentiri ca a scrissi! Nun la dicu cchiù! (Tutti lo implorano, ma lui impassibile. Lo pregano in ginocchio)Ve la dirò, perché sono un artista con la A tisa tisa! Si l’havia moscia, nun vi la cuntava! (fa la svolta nelle maniche della camicia. Fa le prove di tosse, si fa dare un bicchiere d’acqua, fa gli sciacqui e fa prova di tenore e poi...) L’amore è una immacolata poesia scritta da due cuori sui muri della vita, con inchiostro indelebile. Se a scriverla si è da soli non è poesia, ma favola! (Tutti l’applaudono in piedi e lui inchinandosi, manda baci ai tre con finta commozione)

CONCETTA

Veramente bella, nun haju nenti di diri! Sulu ‘na cosa ti vuliva diri...ma chi schifia vulivi diri cu sti paroli? (Cornelio rabbia contenuta)

CARMELA

Mi facisti attisiri i pila cu tutta a peddi! Ora pi curpa tua, mi devo fare la ceretta!  

VINCENZINO

Signor Cornelio, complimenti! Lei è sprecato nna stu paisi! Lei avissi a stari impiccicato ‘nto muru, in un beddu quadro antiricuariato!

CORNELIO

Canusciu li me capacità, e sacciu dunni vogghiu arrivari. Però dico, sia fatta la volontà di Dio. Si mi lu meritu un posto tra gli artisti, meglio così! In caso contrario, non sarò un fallito, ma ugualmente felice.

GIACOMINA

(Bussano, va ad aprire Carmela) Buongiorno a tutti!

CONCETTA

Chi ci fai cca? Nun lu sai ca me matri(Gemendo) nun c’è cchiù! Tu mancu a vinisti a vidiri comu era bedda truccata dintra a cascia, pariva una sposa chi durmiva!

GIACOMINA

Mi deve scusare signora Concetta, nun vinni a vidiri a zà Bastiana, ma vuliva ricurdari di viva e vedova! No di morta sposata! Comunque, vinni picchì haju un appuntamentu e cinqu.

CONCETTA

Un appuntamentu e cinqu? Con chi?

GIACOMINA

Ieri ricivivo sta lettera, (la esibisce) da parte du notaio Firmabene Filippo! C’era scritto di essiri presenti in via dei Caduti morti ammazzati numero 23, alle cinque. Da chiddu chi mi risulta è a vostra casa!

CORNELIO

U notaio? Chi cosa hava a veniri a fari dintra casa nostra? Hava a veniri a nuotari?

GIACOMINA

Se a nuotari! Il notaio è u funzionario dei tribunali!

CORNELIO

Chi m’interessa si stu notaio fa u meccanico e fa funzionari i tribunali! A nuatri chi cosa ni hava a fari funzionari?

GIACOMINA

U ciriveddu!

CONCETTA

Ueh! Ti pigghiasti a manu cu tuttu u peri? Vidi ca nell’amicizia che ci lega, ti scippu u midollo osseo e ci fazzu i dadi pa pasta!

GIACOMINA

Chi capiu signora Concetta! Ju diciva, ci voli ciriveddu pi fari u notaio! Vuatri aviti troppa intelligenza e nun havi nenti di chi farivi funzionare! (Bussano, va ad aprire Concetta ed entra lo zio Giovanni)

ZIU GIUVANNI

Buongiorno a tutti! (Va a sedersi e si mette eretto. Guarda in giro) Ah menu mali, ma fici a cursa mi pariva di essiri in ritardu.

CORNELIO

Picchì ziu, ti ha pigghiari a pinnula? Ti scurdasti cocchi cosa?

ZIU GIUVANNI

(Esibisce la lettera divorata) Arrivannu a casa, truvavu sta lettera ‘nta vucca di surci, fici in tempu a scipparicilla e liggivu ca mi la mandò u notaio Firmabene Fulippo. C’è scritto di veniri cca e cinqu.

CORNELIO

Stu cornutello di notaio, si fa bello chi cosi di l’avutri! Picchì nun la faciva a so casa sta riuniorne di condominio, inveci di veniri a farla a me casa!

CONCETTA

Po’ essiri è un parente di molto molto lontano, mancu si vidi cu bernoccolo!

CORNELIO

Parenti ca si chiamano Firmabene, nun ni avemu! I cognomi cchiù famosi nna nostra famiglia sunnu: Cimmiciolla, Ovafrischi, Ammazzapatri, Affucamugghieri, Fammiridiri! Quindi, sta cosa inutili, cu è?

CONCETTA

Certo ca è un beddu nome, Firmabene! Scumissa ca chistu, nasciu ca pinna ‘nte manu!

ZIU GIUVANNI

Stati facennu cunfisioni inutilmente! Fatilu veniri a stu nutaru, e poi videmu di cosa si tratta! Parrati a sproposito, picchì siti senza università!

CORNELIO

Talè cu parra! Si tu avissi avutu l’asilo, avissi nasciutu ca ponteggiatura ‘nte spaddi? Pensu di no! (Lo zio deluso, resta muto)

GIACOMINA

(Guarda l’orologio al polso) Quannu veni stu notaio, sunnu i cinqu meno dui minuti!

CONCETTA

Si l’appuntamentu è alle cinque, ancora ci voli navutra mezza jurnata!

GIACOMINA

Ma io haju cosi di fari! e ghiri dall’estetista a depilarimi li jammi!

ZIU GIUVANNI

Scusi Signora, si voli risparmiari soldi, a casa haju u secca tutto universale! Lu usu pi avvilinari u tirrenu e fari moriri a terra, e nun spunta l’erba!

GIACOMINA

Grazie, lei è molto gentile! Mi dicissi ‘na cosa, funziona stu cosa? Nun facemu ca mi fannu siccari puru li unghia di pedi?

ZIU GIUVANNI

Certo ca funziona, signora! l’unghia, mancu i talìa! È così forte, ca siccanu puru i petri. Quindi, si lei havi calcoli renali, ci siccanu puru chiddi!

GIACOMINA

Appena finisci stu comiziu, vegniu a casa cu lei e mi lu passa lei stu secca tutto ‘nta coscia!

CONCETTA

Vidi ca me ziu havi sessant’anni! Nun c’è cchiù abituato a fari certi cosi!

 

ZIU GIUVANNI

Fatti i fatti to, ca ju u sacciu comu si passa u vilenu ‘nte cosci e fimmini!

CORNELIO

Ziu, nun ti azzardari a fallu! Alla tua età, sicchi appressu chi pila!

ZIU GIUVANNI

(Fa un evidente “TIE’ ” con le braccia) A faccia tua, campu navutri ducent’anni! U cori l’ahju cchiù duru di corna! Chiddu chi si è ammosciuto è...(Guarda verso le zoni basse, alludendo al pipino)

CORNELIO

Trafficu pi morti, nun ni vogghiu fari cchiù! Mi bastò dui jorna pi me soggira! Si avissi a moriri nun mi veniri a circari, passaggiu pu campusantu nun ti nni dugniu!

ZIU GIUVANNI

Tranquillo, ma fazzu a peri! Si proprio a vogghiu fari eleganti, mi chiamo un taxi!

GIACOMINA

Finitila! Viditi quantu discursa pi fari siccari sti pila! Mi stati facennu siddiari, ca nun mi levu cchiù!

CONCETTA

Nun ti pigghiari collera Giacomina! Tantu ziu e niputi sunnu, si li metti vicini, di dui un ciriveddu bonu nun si po’ fari! 

GIACOMINA

Ma unni è Carmela? Già si sposo?

CONCETTA

Sta naschi lordi, nisciu cu du strunzu du so zitu, havi un’ura e ancora nun vennu! Appena si ricogghinu, le fari pisciari du supra di li lignati! (Bussano) Cca sunnu sti figghi da befana! (Apre ed entra un baldo giovane, ben vestito. Con se, porta una valigetta. Cornelio guarda l’orologio al polso)

NOTAIO

Buongiorno a voi tutti, signore e signori. Mi presento, sono...

CORNELIO

(Lo precede) ...il notaio Firmabene Filippo!

NOTAIO

(Sorpreso) Ah! E pensare che non ci siamo mai visti prima di adesso. Lei cos’è veggente?

CORNELIO

No! Io sugnu chiddu chi talìa l’orologio e vitti ca sunnu i cinqu!

NOTAIO

Le cinque? Che c’entra con...(col sorrisino) Ah si! l’incontro che avevo prefissato era esattamente per le cinque!

CONCETTA

Chi significa stu manicomio a me casa! Ci fu c’è posta per tutti, io ca sugnu a capa da casa, mancu un tettogramma, pi capiri chi cosa voli lei di nuatri.

NOTAIO

La mia attitudine è quella di essere perspicace, con idillicità con la quale mi contraddistingue da molti che esercitano il mio lavoro, sarò chiaro con i miei clienti, quindi vi spiegherò tutto per filo e per segno!

CORNELIO

Nun cominciassi a parrari difficili! Pi capiri chiddu chi dissi ora, mi fici veniri un ematoma celebrale! Parrassi cu nostro linguaggio...in parole povere! (Zio Giovanni e Concetta si alzano da seduti e applaudono Cornelio. Ovviamente lo zio, quando si alza si curva)

CONCETTA

(Applaude con gioia) Bravo Cornelio! Si u megghiu maritu miu!

ZIU GIUVANNI

(applaude con gioia) Bravo! Si u megghiu, quannu nun c’è nuddu!

CONCETTA E ZIU GIUVANNI

(Fanno tifo da stadio, accompagnando al nome, un battito di mani) Cornelio! (Battito di mano) Cornelio! (Battito di mani) ... (Tutto questo sotto lo sguardo attonito del notaio, e l’imbarazzo di Giacomina)

GIACOMINA

(irritata) A vuliti finiri! Vi sintiti o stadiu! Signor notaro, lei cosa voli pinsari pensa, basta nun pensa ca fazzu parti di sta famigghia ignorante

CONCETTA

(La minaccia puntandole il dito contro) Hai campatu assai? Quannu nomini a me famigghia puliziati la vucca cu l’acido lattico! Appena dici un’altra parola offensiva, ti accurzu a lingua di un metro!

GIACOMINA

Prima di parrari a troffa di cachì, grapissi u telegiornale e liggissi chi significa ignorante! Non è parola offensiva. Anzi, pi genti comu vuatri è un complimento!

CONCETTA

Signor notaro, l’arrestassi a sta omosessuala ca ci va tuccanu u culu e vicchiareddi!

ZIU GIUVANNI

(Sorpreso)Comu? Si ti dugniu u me nummaru di telefono, mi veni a trovi stanotti?

GIACOMINA

Nun la cridissi signor notaro, a sta balena chi baffi! Io assisto gli anziani!

CONCETTA

(con astio le si avvicina) A cu dici balena chi baffi, citrola sicchi menzu i favi!(Giacomina e Concetta si acciuffano per pochi secondi, il notaio col suo urlo le blocca)

NOTAIO

(Stizzoso) Smettetela! Mi sembra di essere al mercato della frutta. Chi urla a destra, chi si litiga a sinistra! Per la miseria! Se avessi saputo di venire a trovare una famiglia di matti, non sarei venuto!

CORNELIO

Stassi carmo, se no ci acchiana l’ossigeno in testa e ci diventanu i capiddi ossigenati. Facissi u bravu! (Ai presenti) Cu parra ci devoro seccare l’organi genitoriali! Signor notaro ni facissi capiri chiddu chi voli diri!

NOTAIO

(Indugia qualche secondo, facendo lunghi sospiri) Allora, sono venuto in questa casa, perché due giorni fa ho ricevuto una lettera nel mio ufficio...

ZIU GIUVANNI

(Lo interrompe. Il notaio si inasprisce) ...Puru ju ricivivu a lettera a me casa! Mi la purtò a postina da posta, Giannina a Futtimutanni, mugghieri di Simuni Culugrossu.

CONCETTA

Ziu, vistu ca parrasti prima tu, ora ti sicca u pisellino! Mi dispiaci!

ZIU GIUVANNI

Se pi chistu, pozzu stari tranquillo!

CONCETTA

Chi bo diri?

ZIU GIUVANNI

Havi deci anni, ca siccaru puru i radici! Nonostante ca ci faciva manutenzione, si è aggrippato! Mancu sutta l’acqua si isa cchiù a testa pi respirari!

GIACOMINA

(Si alza per andar via) Mi scusassi signor notaro, ma io me ne vado!

NOTAIO

Sa che le dico? Le vengo dietro! Mi spiace per il testamento dell’eredità  della signora Bastiana, ma io scappo via. Buongiorno! (i due vanno via)

CONCETTA – ZIO - CORNELIO

(Si guardano sorpresi, poi con lo stesso fiato, ripetono) Eredità? (Tutti e tre, corrono fuori ad andar ad acchiappare Giacomina e notaio, i quali rientrano lamentandosi. Concetta e Cornelio trattengono il notaio. Lo zio, Giacomina)

NOTAIO

(si dimena per liberarsi) Lasciatemi, o vi denuncio per violenza carnale!

GIACOMINA

(allo zio) è inutili ca lei mi tira, tantu u culiddu a lei nun ci lu vegniu a puliziu stanotti! (Arrivati al centro della stanza, vengono lasciati)

CONCETTA

Signor notaro, havi un’ura ca lei è cca e nun mi dici ca me matri fici u testamento pi l’eredità? Si la voli futtiri lei? Lei è un rubatore chi corna! Ma lei nun sapi ca ju sugnu comu l’arrotinu, ca ci li sacciu ammolare – limare-

NOTAIO

Ho cercato di parlare per spiegarvi il motivo per il quale, sono qui! Voi, (Ironico) giustamente, mi interrompavate e non mi permettevate di parlare!

CORNELIO

(Gli porge la sedia, facendolo sedere) La prego si assettassi che ora, più nessuno ci rompe niente! Picciotti, a cu parra ci veni una diarrea oceanica! Ca pi passarici, hava a ghiri assicutannu i rotoloni di carta iginenica, paisi paisi!  

NOTAIO

Che nessuno parli! (Silenzio da tomba) Due giorni fa, ricevetti una lettera in ufficio. Aprendola, lessi che mi era stata recapitata dalla signora Bastiana Abballacoilupi. In breve; mi scrisse che dopo avvenuta sua morte, avrei contattato le persone citate in lettera e riuniti tutti in questa casa, avremmo adempiuto all’apertura del testamento. Ci  sono domande? (Intanto esce una busta dalla borsa, la mette sul tavolo)

CORNELIO

Quale domande! Si spicciassi a spartirini sti miliardi! Ca poi, ci fazzu pigghiari un beddu caffè ca panna smontata!

GIACOMINA

Ora capisciu! A lettera chi mi raccumannò a Zà Bastiana di purtarla a posta, era chidda chi sta dicennu u nutaru!

CONCETTA

Me matri, era ‘na santa!(Guarda in alto) Grazie mamà che hai vivuto in questa terra. Peccato che hai moruto in cielo. Amen!

NOTAIO

Signora, certo che il suo lessico, è veramente particolare.

CONCETTA

(Gemente) L’unicu cani chi haviamu si chiamava Rintintin. Siccome parrava assai stu beccu, me maritu ci sparò ‘nta lingua, mischinu!

NOTAIO

(A Cornelio, con ironia) Lei, è un animalista eccezionale!

CORNELIO

(Infastidito) Comu si vidi ca lei nun mi canusci bonu! Non sono animalista, io sono cristianesimo

NOTAIO

(Sbuffa infastidito dalla loro ignoranza. Esibisce la busta) In questa busta sigillata vi si trova per iscritto il testamento della vostra cara parente scomparsa.

CORNELIO

Mi perdoni ca l’ho romputa a lei, ma nun hava a diri fissarii! Me soggira ci pari ca era magica ca è scomparuta? No! Me soggira siccò ‘nta seggia, ca panza china, a vitti cu l’occhi me!

NOTAIO

È la stessa come dire morta, deceduta! Adesso farò i nomi delle persone citate nella lettera per l’apertura del testamento. Si pregano i signori nominati di darmi del presente.

CORNELIO

(Cornelio inizia a piangere contorcendosi il viso dal dolore. Manda baci in cielo) Grazie Mamà, che ci lasciasti tutti sti miliardi! Grazie d’esistere! (Si soffia il naso, poi si asciuga le lacrime. il notaio si disgusta) Prego!

NOTAIO

(Legge dal foglio, ognuno che viene nominato, dice “Presente”) Giovanni Conlapinna. Giacomina Peddivacca. Concetta Piritascaduti in Cimmiciolla. Cornelio Cimmiciolla. Carmela Cimmiciolla e il mio futuro nipote. (Ai presenti) come mai non ha scritto il nome del nipote?

CONCETTA

Me matri canuscìu u zitu due giorni fa, quindi nun sapiva comu si chiama. A navutru poco avissiru ad essiri cca, è nisciutu cu me figghia!

NOTAIO

Si era detto alle cinque! Signora, dovrei già esser in un’altro posto, se non avessi perso tempo!

ZIO GIUVANNI

Nun si preoccupassi! Grapissi u testamento, ca ci lu dicemu nuatri a me niputi, chi ci lassò so nonna!

NOTAIO

La richiesta della signora Abballacoilupi, era quella di essere tutti presenti, al momento dell’apertura. Non posso trasgredire le volontà della buonanima

CORNELIO

Signor notaro, ma pigghiu ju a responsabilità! Appena la vju a me soggira ci lu dicu ju ca a curpa del leggimento nun è a sua!

NOTAIO

(Tutti si avvicinano al tavolo, contemplano la grazia nelle gesta del notaio, nell’apertura della busta) Leggerò quanto scritto dalla buonanima! Ci tenevo a precisare, che ho ricopiato il testamento, grazie alla traduzione di un siculo arabo. Non si capiva in che lingua fosse stata scritta!

CONCETTA

Nun si preoccupassi, a lingua da mamma si canusci puru si parra tedesco!

NOTAIO

(col foglio in mano, si alza in piedi e legge) Io sottoscritta Bastiana Abballacoilupi, dichiaro in questo mio testamento di lasciare l’eredità ai quei faccia da baccalaro della mia famiglia, dopo il mio crepamento! A zù Giuvanni,(Zio Giovanni entusiasta) che ci conosciamo ancor prima che nascessimo, visto che soffre di ponteggio nelle spalle, lascio in eredità la chiave inglese di mio marito!  

ZIU GIUVANNI

(Sorpreso) A chiavi inglese? E chi schifia nne fari!

CORNELIO

Comu chi nna fari! Visto ca soffri di ponteggi ‘nte spaddi, ca chiavi inglese, strinci  i bulloni e ti raddrizzi!

ZIU GIUVANNI

(Rimasto deluso) Havi ‘na matinata chi aspetto sta eredità e mi lassa a chiavi francisi! Appena moru ju, nun c’è lassari nenti, mancu l’occhi pi chianciri, a sta mutanni fitusi (Esce, lamentandosi. Sulla porta si scontra con Carmela e Vincenzino che rientrano)

NOTAIO

Si fermi, deve firmare il foglio del testamento( Lo zio va via)

CONCETTA

(Vincenzino porta in braccio tanti pacchetti col pane, da non vedere dove va) Dunni aviti statu, mancati di ‘na simana! Pi casu, vi facistivu u bagno a scopello?

CARMELA

U panitteri era o cabinettu picchì havia mal di mare ‘nto stomaco. Pi lu tantu tempu chi ni fici aspittari, mischinu pi recuperari mancu si lavò i manu, nisciu du gabinettu e ni fici subitu u pani.

CONCETTA

Taliati a stu avutru surdatu ‘nnamuratu ca si ammuccia a facci, pi nun si fari canusciri ca è trunzu di pitrusinu! (Andandogli vicino, scuotendolo) Pezzu di vastasu, a scusa du pani chi ci tuccasti a me figghia, ah?

VINCENZINO

(posa i pacchetti del pane) Io nun ci curpu nenti signora Carmela! Mentri io ero fermo, fici tutti cosi Carmela, io la guardavo solamente!

CONCETTA

(Da uno schiaffo a Vincenzino dietro la nuca) Hai puru u curaggiu a dirimillu! Inveci di aiutarla, a guardavi! I cosi si fannu in due, bacchittuni di guerra!

NOTAIO

Signora la smetta! Se deve fare la sceneggiata, la faccia dopo che io abbia terminato il mio lavoro!

CARMELA

Ma cu è stu ricchionello?

CORNELIO

Assittativi tutti e dui, pasta chi fasoli a beccafico! Chistu è il signor notaro, ca ni purtò l’eredità di to nonna! Continuassi notaro.

NOTAIO

(Legge) Alla mia cara figlia Concetta (Concetta è ansiosa di sapere) lascio in eredità il mio specchio da cesso. Almeno quando si guarda, si accorge ch’è una strunza! (Cornelio ride)

CONCETTA

(Adirata, guarda il soffito) Strunza a mia? Scinni cca sutta, ti fazzu du panelle cavuri cavuri (Fa segno di legnate) Fai a scarta picchì sei tre metri sopra il cielo! Appena mi accattu a scala otto metri vicino a luna, acchianu e ti ammazzo!  

NOTAIO

(La invita a firmare sul foglio) Signora, prima che scappi anche lei. Firmi il foglio. (Concetta si poggia sul tavolo e scrive)

CORNELIO

Nun scriviri a peri di cocò, Firmabene!

NOTAIO

(Sentendosi chiamare, risponde) Dica! (Cornelio fa cenno di non voler nulla. Continua a leggere)Alla mia nipotina, lascio in eredità il rasoio di mio marito. Così la mattina appena si stocca le gambe giù dal letto, si fa la barba e non mi fa morire di crepacuore!

CARMELA

(Salta dalla gioia)Wow! Risparmiu i soldi du varberi e a varba me la fazzu dentro!(manda baci al cielo) Grazie Nonna. U Signuri ti deve benedicere, con l’acqua piovana! (Il notaio le porge il foglio. Carmela firma)

CORNELIO

Ti raccumannu, nun scriviri in giapponese! Firmabene!

NOTAIO

(A Cornelio)Mi dica Signor Cimmiciolla (Cornelio rifà il gesto con la mano. Legge)Alla mia unica badante, che mi ha sostenuta nei miei bisogni, lascio l’oggetto mio più caro(Giacomina è felice) dal valore inestimabile. Lascio lo scopettone del cesso, così quando si fa il bidè,  pensa a me.

GIACOMINA

(Delusa) Dopo tanti anni chi ci haju puliziutu u culu cu l’antismog, mi lascia u scopettone! Signora Concetta, si scurdassi u me nummaru di telefono! Pi mia so matri po’ moriri, nun vegniu cchiù (Esce di casa furiosa)

NOTAIO

(la insegue fino alla porta) Signora, deve firmare il testamento!

GIACOMINA F. S.

Mi dispiaci, nun firmu nenti pa zà Bastiana! Ci promettu, appena mori lei, lu firmu u testamento! (Il notaio si tocca le parti basse, per gli scongiuri)

VINCENZINO

Signor notaro, signor notaro! Ma a me, la nonna mi lassò nenti!

NOTAIO

Lei chi è?

CONCETTA

Stu handicappato pissiecologico è il nipote ca me matri nun sapiva comu si chiama.

NOTAIO

(Legge) Per il mio nipote che si farà zito con la mia nipote, lascio i miei occhiali col satellite. Almeno ci torna la vista. Solo un cieco, si po’ mettere con quel mostro di mia nipote!

CARMELA

(Piange) A nonna mi disse mostro!

CONCETTA

Nun chianciri! A nonna ti fici un complimentu! Nun ti ha mai capitatu di diri, talè chiddu è un mostro di bravura! Ti vuliva diri ca si troppo brava!

CARMELA

Chianciu, picchì a nonna mi cambiò pi masculo! Io sugnu fimmina. Quindi nun sugnu un mostro, sugnu una mostra!

CORNELIO

E chi bella mostra! Com’è ca nun ti hannu ancora fatta santa!

NOTAIO

(Porge il foglio a Vincenzino) Prego, metta una firma anche lei. (Vincenzino ha difficoltà a firmare, per il fatto che non vede bene. Firma col viso appiccicato sul foglio)

CORNELIO

Cca navutru orbo di ciriveddu c’è! Ma picchì nun vi fati un viaggiu a Lurdis! Ti raccomando, Firmabene!

NOTAIO

(Irritato) Si può sapere, cosa vuole! Mi chiama e finge di non averlo fatto!

CORNELIO

Ma cu schifia l’ha chiamato! Ma chi fa si sogna a me vuci?

NOTAIO

Ch’è arrogante! Tutte le volte che chiama Firmabene, non sta forse chiamando me? Le sembra che non so come mi chiamo?

CORNELIO

(Sorride ironicamente) Ah vero, lei havi sta specie di cognome cretino! Io mi riferivo a sti rozzi individui da me famigghia di firmare bene!

NOTAIO

(Idillico) Ah, mi scusi. (Legge) Per finire lascio a mio genero tutto quello che ho (Cornelio dalla gioia ha la bava in bocca) accumulato in vita. Con grande onore lascio in eredità, tutto il mio amore e sentimento! (Ci rimane di stucco, rimanendo con la bocca aperta. Tutti lo osservano)

VINCENZINO

Ma chi fici, puru iddu muriu?

CORNELIO

(Fa il “TIE’ con le braccia a Vincenzino” Irritato) Chista eredità è? Mi avanza chiddu chi haju ju sentimento! Haju dui aricchie ca sunnu dui satelliti, puru si ridinu l’anticorpi, li sentu. Poi dici ca si fannu li stragi di suocere. Certu, lassanu u sintimentu, mi pari giustu affucalli!

NOTAIO

(Leggendo) Prima di morire, mio marito vendette il suo patrimonio di case, chiese, cose, terreni, vacche, pecore, cristiani, banane, citrola e motori. Il ricavato lo depose in un libretto di risparmio, che ammonta ad un milione di euro che lascio a mia figlia Concetta.

CONCETTA

Chi cosa? Mi lascia un milione di euro! Ma è pazza! Mi lascia cchiù picca di quantu guadagna me maritu!

CORNELIO

Appunto! (Rivolto al cielo) Mamà, mi senti? Pronto! (Sale su di una sedia) ora semu cchiù vicini! Chi senti fari cu sta elemosina! Pi lassarinni cuntenti, ni lassa un milione di euro. Io travagghiannu tuttu l’annu, ni guadagnu mille e cento euro! Quindi, cento euro in più, mi bastanu!

NOTAIO

Allora lei è veramente ignorante! Ma non capisce!

CORNELIO

Menu mali che lei è intelligente e vede, ca almenu me patri pi eredità mi lassò l’ignoranza! Anche se, il mio è un dono di natura. No comu certi genti nutuli, ca ti fannu l’elemosina con un milione di euro!

NOTAIO

Mi perdoni, lei è scemo o sta recitando! Si rende conto quanti zeri ha un milione di euro? Ben sei!

CONCETTA

Signor notaro, si li sapi fari i cunta? Secunnu mia, lei mancu sapi qual’ è a so manu dritta. Lei voli mettiri sei zeri a confronto di cento euro, ca di zeri ni havi cento. No uno due, cento!

NOTAIO

Con un milione di euro, potreste comprarvi tutto il paese, vi rendete conto quanti soldi sono!

CORNELIO

Mi pariva quantu eranu! Io cu centu euro, mancu mi pozzu accattari u pani! E lei cu un milione di euro dici...(Si ferma a pensare) Comu dissi?

NOTAIO

Che il paese è vostro con tutti quei soldi! Capite che siete ricchi! (Cornelio sviene. Viene soccorso da Vincenzino e Carmela)

CONCETTA

(Anche lei da segni di indebolimento. Con poca voce) Mi scusassi, po’ ripetiri di nuovo, nun lu sintivu ca havia le aricchie dintra i capiddi

NOTAIO

(Cornelio si rialza sostenuto da figlia e genero) Ho detto che con questo lascito, siete ricchi! (Sviene Concetta. Carmela e Vincenzino lasciano Cornelio il quale ricade a terra, e vanno a sostenere Concetta. Il notaio aiuta a sedersi Cornelio. Anche Concetta viene riposta sulla sedia)

CORNELIO

(Con debolezza) Signor notaro, continuassi a leggiri piano e mi dicissi unni si trovanu sti soldi. U dicissi pianu, se no mi veni un trauma nella prostata e sveniscio di nuovo.

NOTAIO

(Legge) il libretto con tutti quei soldi, per paura che me lo potessero rubare, lo tengo posato, dentro...

CONCETTA

Fermi tutti! u capivu! U libretto si trova dentro! Quindi si deve mettere la casa sotto quadro!

CARMELA

Dentro dove?! Dentro dentro di là (indica la porta che conduce all’interno della casa) o dentro fuori di là (La porta che si accede a fuori casa)

CORNELIO

Nun importa dentro di cca o fora di là, importante ca truvamu sti miliardi! Spartemuni! Dui di cca e dui di là! Cu li trova, mi facissi una trombata! (Carmela Vincenzino fuori. Concetta Cornelio dentro casa)

NOTAIO

(Tra se) Se mi avessero detto che i pazzi stanno fuori dal manicomio, non ci avrei creduto! Guardando loro, mi ricredo! (si sente confusione, poi rientrano tutti)

CONCETTA

Truvastivu nenti?

VINCENZINO

(Felice) Io io, truvavu i miliardi (Da i soldi in mano a Cornelio) Teni cca cinque centesimi! (Carmela gli molla un ceffone a Vincenzino)

CORNELIO

Signor notaro, ni sapi nenti dunnu sunnu sti soldi! Vidissi si sunnu nascosti docu dintra sta lettera!

NOTAIO

(Irritato) Se mi faceste finire di leggere, ne capiremmo qualcosa di più un po’ tutti! (Legge) Per paura che me lo potessero rubare, il libretto lo tengo posato dentro...le mie mutande! (la disperazione di Cornelio e Concetta)

CONCETTA

(Disperata) Pi chistu mi dissi a mia di livarici i mutanni. Ma idda mu putiva diri ca c’erano i soldi, ca ci li livava cu tutti i vistiti i mutanni!

CORNELIO

(Disperato) Puru a mia mi havia dittu di livaricci i mutanni, io mi scantava a vidiri jatta morta! Concetta, sicuru ca to matri muriu cu tutti i mutanni? po’ essiri i lassò dintra a lavastoviglie!

CONCETTA

(Piangendo) Si purtò! Si purtò! Chi ci siccassiru i manu, a quannu si misi i mutanni pi moriri!

CORNELIO

(Disperato, con Concetta) U Vidi tu, ti devi vergognare a diri che hai una madre attaccata ai soldi. Tanto attaccata, ca ci ristaru dintra i mutanni! Disgraziata fimmina!

NOTAIO

Ehi, vi sembra giusto parlare così di una persona che non c’è più!

CONCETTA

(Piange) Bene ci fa, almenu si ci abbivira l’anima! (Anche Cornelio piange) Chi piccatu, sti beddi soldi! e pinsari ca avissi fattu a principessa cu tutti di soldi. Ora pi campari, mi nni pozzu iri a stazione a lavari zoccoli e muli surdi.

NOTAIO

(Dispiaciuto) Che peccato! Avete avuto la fortuna nelle mani, e ve la siete lasciati scappare!

CORNELIO

(Di scatto) Mi vinni un colpo di fulmine in testa! (Esce di scatto sotto gli occhi allibiti di tutti. Rientra con due picconi e due zappe. Una coppia la da a Concetta)

CONCETTA

(Piangendo) Ti pari chistu u mumentu di iri a chiantari patati!

CORNELIO

Ma quali patati! Dobbiamo andare a zappare

NOTAIO

Guardi, non mi dica ch’è come penso io! Perché non può farlo!

CORNELIO

Non posso farlo? A soggira chi è a sua? No, è mia! Allura Concetta, sentimi bonu. Ora andiamo o cimiteru, tu ci grapi i jammi a to matri e io ci zappu dintra i mutanni!

NOTAIO

Ma non potete farlo! È una bestemmia! Una profanazione! È una offesa al corpo di vostra madre! 

CONCETTA

Nun si scanta, ca me matri nun si offende si ci scavamu dintra i mutanni! Anzi, ci facemu pigghiari un poco di aria al fiorellino!

CORNELIO

Stamu pirdennu troppo tempo! Carmela e Vincenzino, vuatri viniti puru. Io e to matri zappamu, vuatri ci dati a parrari a to nanna, pi nun farla sdrammatizzare! Signor notaro, lei voli veniri, c’è travagghiu puru pi lei!

NOTAIO

No no, grazie! Non sono mica pazzo che faccio queste cose! Meglio fare il barbone,  che per soldi far una cosa del genere!

CORNELIO

Allura sapi chi ci dicu? Salutami a nonna! Arrivederci e grazie!  New york New york! (Escono tutti correndo)

NOTAIO

(Parla tra se) Che gente matta che esiste sulla terra! Spero di non incontrarne più! Torno al mio lavoro che ho già perso tanto tempo! (Sta per uscire e gli suona il cellulare) Pronto!  buongiorno capo, mi dica! – Si, sono ancora a casa della famiglia Cimmiciolla. – ha ragione, ho perso tanto tempo, ma ho già finito! – Si, vado subito dalla famiglia Leccalecca – che sarà mai due ore di ritardo! – (Sconforto) Cosa? Non può farmi questo! ho perso tempo, ma non può licenziarmi per questa mia mancanza, la prego! Pronto...pronto! ha riattaccato! I datori di lavoro, sono tutti senza cuore! (Disperato) Per venire in questa famiglia malandata ho perso il lavoro! Mannaggia! (Si siede a piangere, poi gli si illumina la mente) Aspetta, il signor Cimmiciolla cercava aiuto per zappare! Con tutti quei soldi, potrò lavorare per lui! ( Si toglie la giacca, la lancia al volo, va nell’altra stanza, prende picone e zappa) Aspettatemi, vengo a zappare pure io! (Esce di corsa. Cala il sipario)

Fine

www.giovanniallotta.it

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 42 volte nell' arco di un'anno