A famigghia… difittusa

Stampa questo copione

A famigghia...difittusa…

A  FAMIGGHIA…DIFITTUSA

commedia brillante in due atti

(di Calogero Maurici)

Personaggi

Santino  Colluccello              (il marito)

Assunta   Pomodoro              (la moglie)

Lavinia Colluccello               (la figlia)

Massimo Scassamento          (il fidanzato)

Stefano Scassamento             (il padre di Massimo)

Rosa  Buffa                            (la moglie di Stefano)

Felice Scassamento                (il padre di Stefano)

Maricchia Musso                   (vicina di casa dei Colluccello)

(elaborata da Pietro Maurici e Rosanna Maurici)

                                                                                                   

A famigghia…difittusa

Commedia brillante in due atti

(di Calogero Maurici)

(elaborata da Pietro Maurici e Rosanna Maurici)

                          

Non mi permetterei mai di prendere in giro persone con qualche handicap per poter ridere, anche perché sono quelli che sanno dare piu amore visto che in questa società  pochi sanno dare senza ricevere.

        Da loro c’è sempre da imparare, poi io sono uno che ha sofferto tanto per motivi di salute…quindi so cosa significa la vera sofferenza.

        Questa è una commedia come tante, un modo come un altro per fare teatro, per passare e far passare due orette in allegria e perché nò, possibilmente riflettere anche perché lo facciamo tutti poco.

       Cè’ chi scrive di malattia, di tradimento, di amori e di altro io questa volta ho voluto scrivere di difetti anche per far capire (purtroppo ancora qualcuno c’è) che nessuno è perfetto.  

       Il sig. Santino Colluccello sposato con la signora Assunta Pomodoro, è alle prese con la figlia Lavinia, innamorata di Massimo Scassamento, un ragazzo un poco balbuziente.

      Quando Santo viene a sapere che è balbuziente si oppone con tutte le sue forze ma poi accetta di conoscerlo.

       Massimo in un primo momento si presenta a casa del futuro suocero con il nonno Felice, anch’egli difettoso, vedente da un occhio e con un tremolio alla mano.

       Santo rimane deluso perché Lavinia e la madre complice, non gli e l’avevano detto.

       Santino consigliato da P. Salvatore  per non farsi prendere dai rimorsi dice alla figlia di voler conoscere i genitori di Massimo.

      Quando questi si presentano rimane colpito di fronte ad una realtà che mai si sarebbe aspettato: il padre di Massimo è gobbo mentre la moglie è storpia.

       A render ancor più esilarante e ritmata la commedia, si inserisce il personaggio di Maricchia, una vedova vicina di casa con l’assillo del malaugurio vedendo sempre incidenti, lutti, disgrazie ect…      

(dedicato agli amici: Cono Messina e Mimmo Raffa)

             A Cono Messina, attore e regista di Capo d’Orlando perché ero restio a scrivere questa commedia, ma un giorno gli raccontai la trama con delle battute di alcuni personaggi gli piacque e mi incoraggio’ a scriverla dicendomi che è anche un modo per sdrammatizzare.

 

        A Mimmo Raffa, attore, regista e giornalista di Reggio Calabria, perché è stato il primo fuori dalla Sicilia a credere in me come autore e regista.   

      ( La  scena si svolge in una casa di una famiglia comune e,  può essere rappresentata a seconda delle esigenze della compagnia e come meglio ritiene opportuno)

 S C E N A  I°

(Assunta, Lavinia, Maricchia)

Ass.    (seduta sta preparando qualcosa da mangiare, spesso guarda la figlia che

 canticchia una canzone romantica, dopo un po’ Assunta si alza e và verso la

 figlia decisa) Avi un poco di jorna ca ti vidu in aria, strana…ora tu mi cunti

 precisamente chiddu c’hai.

Lav.    (spegne la radio, si allontana con aria da innamorata, poi si riavvicina

           alla madre) Mamma, ‘u voi sapiri?! Sono innamorata…innamoratissima!

Ass.    (contenta) Ma chissa è una notizia bellissima a mamma. (la bacia)

Lav.    Solo che c’è qualche problema!

Ass.  I problemi non mancano mai a mamma…Forse iddu non lu sapi?

Lav.  Ma chi dici mamma!…e comu su sapi! Sapi tutto di mia, di fuori e di

           dentro.

Ass.  Matri chi sapi di dintra!

Lav.  Mamma Massimo è un pocu checcu…ma è pieno di pregi.

Ass.     Pregi? Chi sunnu sti pregi, signali, stampi malatii…

Lav.    Mamma i pregi sunnu cosi boni, è sulu un pocu checcu.

Ass.  Ma chi c’impunta a lingua assai?

Lav.    Un pocu, però i me aricchi non sentunu nenti, i primi jorna ci fici casu, ma

           ora sacciu ca sugnu troppu innamorata... avi un misi e pu’ scantu di dillu o

           papà, m’haiu tinutu tuttu dintra. Mamma tu si da me parti veru?

Ass.  (L’abbraccia)  A mamma io vogghiu a tò felicità e poi l’amuri ammuccia 

           ogni difetto!…

Lav.  Ma ‘u papà a sti cosi ci fa casu però.

Ass.  Pari ca si l’avi maritari iddu, e poi su voi sapiri iddu è chinu di difetti!..

Lav.  Veru?

Ass.  Si voi ti fazzu l’elencu…avi i cipuddi in tutti i dui i pedi, pilusu peggiu di

          ‘nna scimmia, e non ti dicu di quantu nei chi avi in certi punti…

Lav.  Certu pi iddu chissi non saranno difetti picchi non si vidunu.

Ass.  Non ti preoccupari, appena veni ciù dicemu piano piano, a picca a vota

           asinò un collasso ci pigghia... Ma dimmi di unni sunnu…

Lav.  Sunnu a sette chilometri di ccà, e si chiamano…non ridiri appena tu dicu…

          SCASSAMENTO

Ass.  (ride) Ma chi razza di cognome è, scusami Lavinia ma scassano veru?

Lav.  Mamma…e poi ‘u cognome nostro non è cchiù bello: Lavinia Colluccello e

           Tu Pomodoro… Rosa Pomodoro  in Colluccello.  Anchi si iddu mi chiama

           puru Pomodorina…

Ass.  Cu sti cognomi strani facemu ridiri puru i gaddini… certu tò patri ha

           sempre desiderato il Massimo per te…

Lav.  Infatti si chiama Massimo…(entra Maricchia, vedova e vicina di casa

           soprannominata la signora Malagurio per il suo carattere)

Mar.  Ciao Assunta. (vestita di nero)

Ass.  Signora Maricchia siditi…c’aviti!

Mar.  Disturbu…si disturbu mi alzu e mi nni vaiu.

Ass.  No, quali disturbu…

Mar.  Non si po’ caminari chiù pi stradi, a chi camina a chi si trova sutta ‘nna

           machina non ci voli nenti... Lavinia stai attenta ca ci sunnu tanti pazzi in

           giru…e poi non conveni nesciri assai di dintra…si unu cadi si stocca ‘nna

 gamma…poi si va ospidali e capaci ca o postu di operare a gamba struppiata

 ci operanu l’autra…matri, matri quantu cosi chi succedinu…poi quannu si

 vidunu gatti niguri qualcosa capita di sicuru…non ci pozzu pinsari, me 

 maritu nisciu di ccà dintra, vitti un gattu niguru, mancu deci minuti e ci

 vinni l’infartu, quattru jorna ospitali e muriu..(Lavinia e la madre si guardano)

Ass.  Bonu non ci pinsassi…

Lav.  Mamma a mumenti veni ‘u papà…(per togliersela dai piedi)

Ass.  Si, cosi cuminciamo  a fari certi cosi…

Mar.  Disturbu?  Si disturbu mi alzu e mi nni vaiu.

Ass.  Non disturba mai lei, però si veni chiù tardu… picchi a ma nesciri ora.

Mar.  Va beni (si alza) Mi scantu puru ghiri a putia, a chi una nesci p’accattari

           qualcosa, capaci ca passa qualche disgraziato cu motorino e ti metti

           sutta… Lavinia non t’accattari mai motorino, ca prima o poi si mori!

Lav.  Si, ‘u sacciu …‘u sacciu.

Mar.  Arrivederci, mentri chi caminu apru l’occhi tanti (fa il gesto) e sempre sa

           va scantari una. (esce)

S C E N A  II°

(Assunta, Lavinia, Santino)

          

Lav.  Matri mamma ma comu a putemu suppurtari ogni mumentu ca veni a cunta

           lastimi, ma cu ci misi aceddu di malaugurio non sbagghiau!

Ass.  ‘U sacciu, purtroppu ristau sula senza nuddu.

Lav.  Speriamo ca mi ‘nni vau a stari luntanu di stu paisi, pi tanti motivi. (entra il

           padre che aveva sentito le ultime parole)

San.  Quali sunnu sti motivi.

Lav.  Papà a signora Maricchia Musso…

San.  Pi favuri non mi parlari da signora Musso, non sulu ca veni a rumpiri ‘u

           mussu, è puru ‘na cucca…andura cadivu, mentre posteggiava a machina mi

           tamponaro e proprio assira mi dissi tri voti…sta attento quannu posteggi,

           quannu camini…ma dicu io Assunta, quannu veni cerca di mannalla subitu.

Ass.  Eh! Mischina!…

San.  Mischina…mischina, quannu veni idda mi doli sempre a schina!..

          A signora Musso Maricchia quannu parla a tutti stinnicchia!…

           A signora Maricchia Musso quannu veni ccà diventu giallu e russu!..  

Lav.  Papà t’avissi a parlari….

Ass.  Santinu t’avissi a parlari…

San.  Tutti e dui…

Lav.  No sulu io papà!

Ass.  Sulu idda!

Lav.  Papà, tu ma vulutu beni sempre vero!…

Ass.  Sempre l’hai vulutu beni...

Lav.  Fra padre e figlia è giusto che ci sia un rapporto aperto…

Ass.  Aperto! (Sant. guarda entrambe stupito) Apriti Santino.

San.  Ma picchi haiu statu chiusu fin’ora?..

Lav.  Papà sentimi.

Ass.  E sentila…

Lav.  Io ti dico tutto!

Ass.  Ti dici tutto!

San.   Oh! Mezzura avi ca m’addiri e non dici nenti (poi alla moglie) e tu pari puru   un pappagaddu.

Lav.   Papà ora parlo…

Ass.   Ora…(Santino la blocca)

San.   Muta tu!…Allura Lavinia parla, ogni padre deve  a s c o t a r e  la propria figlia venendo all’incontro in tutti i modi.

Lav.   Papà sono innamorata!…

Ass.   Sintisti? Tu dissi siccu siccu.

San.   Menumali ca non mu dissi grossu grossu.

Lav.   Papà si cuntentu?

San.   Certu ca sugnu cuntentu…chissi sunnu belli notizie…e cu è stu gran… fffurtunatu!…

Lav.   Si chiama Massimo.

San.   Megghiu Massimo ca Minimo.

Lav.   E’ un ragazzo magnifico, cu tanti pregi…

Ass.   Non sunnu malatii, cosi boni sunnu, lati positivi.

San.   Pregio!… chi mi spieghi, ti pari ca non sapia chi significava? (poi verso il pubblico) menumali ca mu dissi!…Cara figghia, essere pregiato oggi giorno non è di tutti, però è giusto ca qualche difettuccio l’avissi, picchi non guasta.

Ass.    Veramente qualcuno l’avi…l’avi.

San.  E tu comu ‘ sai?

Ass.  Mu dissi prima di veniri tu.       

San.  E cuminciastivu dai difetti a parlari!?

Lav.  Papà ha una voce delicata, bianca…bianca…

San.  Io ‘nna vuci nigura non l’ahiu vistu mai.

Ass.  Pura a lingua avrà bianca…

San.  Allura di stomacu soffri…

Lav.  Papà quannu parla mi fa volare…(chiude gli occhi e allarga le braccia)

San.  (al pubblico) Puru io mi staiu sintennu chiù leggero! (Lav. poi sempre con gli

          occhi chiusi per gioia, sospira…il padre la guarda stupito)

Ass.  Che duci! (Lav. continua a sospirare)

San.  Pari ca sta figghiannu ccà dintra! (al pubblico)

Lav.  Papà è romantico!…

Ass.  (un poco seccato) M’aviatu a diri prima ca è straneru, addirittura da

           Romania.

Lav.  Papà, ma quali stranieru, siciliano è, abitanu a Ribera, iddu nasciu a Priolo,

          so matri a Canicatti, so patri ad Agrigentu…

San.  Sunnu internazionali, menumali ca non ficiru autri figghi asinò uno nascia a

Palermo, uno a Sciacca e nautru a Messina….lassava un segno a unni si truvava truvava…

Ass.  L’importante ca è di bona razza…a bon’anima di me matri dicia sempre:

         megghiu lu tintu di bona razza ca un bonu di tinta razza!

San.  A bon’anima di tò matri ni dicia tanti di fissarii…      ‘Nveci a bon’anima di me matri dicia sempre: biddizza (per lui) e cretineria…(per la moglie) spissu vannu in compagnia..!

Ass.  Megghiu ca idda ormai abintau!

San.  Abintau, si abintau, a biddizza ammia mi passau e attia a cretineria ti aumentau.    

Lav.  Papà al più presto ti voli canusciri.

San.  (l’abbraccia) Ormai l’età è chidda giusta, io haiu voluto sempre il massimo per te, e il massimo ti stai pigghianno di nomu e mi augurio di carattere.

Ass.  L’avi troppu bellu u caratteri…(contenta)

San.  Ma si tu mancu ‘u canusci…Lavinia dimmi, ma qualchi difettuccio non l’avi stu Massimo, picchi è giustu ca ogni omo avi qualchi difettu, magari un cocciu, magari si è pilusu picchi si unu non è pilusu…

Ass.  Si c’avi a essiri pilusu comu attia?..ca pari King Kong…

Lav.  Veramente l’avi un difettuccio, ma io non lu vidu cchiù…

Ass.    Piccolo difettuccio…uccio…uccio…uccio!

San.  E qual è stu uccio…uccio…uccio!

Lav.  Eh!…eh…è un po’…poco  bal… balbuziente.

San.  (non capisce) Chi significa, dillu in siciliano.

Lav.  Un pocu checcu…checcu…(Sant. rimane deluso)

San.  Checcu?! Checcu! Checcu…checcu…checcu…

Ass.  Chi ci pigghiau ‘nna paralisi ‘nta lingua? (al pubblico)

San.  Ma di quantu picciotti chi parlanu ti va pigghi un checcu!?

Ass.  Quantu cinnè ca non parlanu proprio.

San.  Io non mi sentu di fari trasiri a un checcu dintra a me casa… me figglia zita cu unu difittusu!

Lav.  Papà ma a va trasiri dintra a me vita.

San.  (adirato) Ma prima ca trasi dintra a tò vita a va trasiri dintra a me casa…      

Ass.  Santino, non fari l’esagerato, un pocu a lingua c’impingi.

San.  Accussi a me figghia a tingi. (dopo alcuni attimi) comu si chiama so patri.

Lav.  (accanto alla madre spaventata) Stefano.

San.  Stefano comu…

Lav.  Stefano Sca…Sca…SCASSAMENTO!

San.  Scassamento! Ma proprio ccà avia a veniri a scassari… e so matri comu si chiama…

Lav.  Rosa.

San.  Rosa è bello, comu a bon’anima di me matri…Rosa comu!…

Lav.  Rosa  Bu…bu…BUFFA

San.  Ah! Buffa in Scassamento…mi stannu girannu tutti i pa…

Ass.  Ma tu chi ti scordi i nostri cognomi!?…

San.  Zittuti tu…Lavinia tu non tu pigghi a unu difittusu, sparti cu stu cognomi ca fa ridiri a tutti e a tutti ci fa girari… figurati quannu ti chiama: La...La…La…La… Lavinia, chicchia accussi?.. o cchiù lentu ancora?!

Lav.  No, La…La, du voti mu dici non quantu u dicisti tu.

San.  Sempre assai è! Tu non tu pigghi…

Ass.  Santino tutti l’avemu i difetti, puru tu si difittusu…

San.  Quali sunnu sti difetti.

Ass.  I cipuddi nè pedi, un neu grossu grossu vicinu u culu…

San.  Zittuti…asinò… (Lav. scappa nella sua stanza, mentre il padre continua a ripetere) Tu non tu pigghi!

Lav.  (dalla stanza) Io mu pigghiu…mu pigghiu..

Ass.  (mentre và nella stanza della figlia) Su pigghia…su pigghia!..

          Chiuttostu pensa al cognome che abbiamo noi: Santino Colluccello, Assunta Pomodoro…Pomodoro  in Colluccello, puru i polli ridono…(esce)  

S C E N A  III°

(Santino, Maricchia,Lavinia, Assunta)

San.  Buffa in Scassamento…Ma vautri ve lo immaginate quannu fussiru già all’altare… Lavinia Colluccello in Scassamento…chi cosi, chi cosi…

          E poi chistu quannu parla, quantu tempu ci fa perdiri a chiddi chi l’ascutanu, si unu avissi a iri d’urgenza o bagnu  a fa fari d’incontru…e si zamadio ci fussi  un pericolo prima ca ci dici a me figghia  Pe  ri  co  lo  putissi moriri…

          Pe…pe…pe…ri…ri…co…lo, no e no, troppu tempu. (entra Lavinia,si ferma vicino alla porta)

Lav.  L’occhi mei non vidunu nenti e l’aricchi non sentunu nenti (se ne entra piangendo)

San.  L’occhi soi non vidunu, ma l’occhi mei vidunu ‘ l’aricchi sentunu. Mi fa volare, voce bianca, è romantico, ma ca è checcu mu dissi all’ultimo…(entra Maricchia)

Mar.  Bongiorno Santino…

San.  Bongiorno…

Mar.  Dicemu bongiorno p’ abitudini, ma certi jurnati sunnu peggiu di quannu ci sunnu temporali, terremoti, origàni!…

San.  Si origàni, origano, basilico, prezzemomolo…

Ass.  Ma tò mugghieri e Lavinia unni sunnu.

San.  Eh! O bagnu sunnu…

Mar.  Ma ci vannu a dui a dui, o facistivu nautru bagnu?!

San.  Ccà dintra ci ‘nni vulissiru ottu bagni, datu ca  c’emu spissu!  (seccato)

Mar.  Disturbu forsi, si disturbu mi ‘nni vaiu.

San.  Ma chi diciti, vautri disturbati!…

Mar.  Santino certi voti unu fa sacrifici, si fa tanti cosi: a casa, a machina,qualchi lira di parti, poi veni un terremotu e perdi tutti cosi…(Santino si tocca…) Quantu sacrifici ca fattu pa’ tò famigghia…me maritu mischinu dicia sempre: cu sarva pi l’indumani, sarva pi li cani…       

  

 San. (al pubblico) Tutti scassamento sunnu oggi!

Mar.  Chiddu chi cunta è la saluti,  menumali ca tu l’hai…però uno a chi l’avi a chi a perdi…ci pensi a me maritu, nisciu di ccà dintra e ci vinni l’infartu.

San.  Signora Maricchia, io a iri a chiesa, a parlari cu padre Salvatore…

Mar.  Vai, stai attento quannu camini, quannu posteggi, io aspetto a tò mugghieri e a tò figghia.

San.  I lassassi stai in paci per ora, picchi hannu diarrea…

Mar.  Ah! menumali ca facisti u doppiu serviziu asinò comu facianu!

San.  Nesci cummia lei!

Mar.  Santino stai attento picchi l’autra vota vicinu a chiesa l’autobus ‘nvistiu cu Pippinu ‘u  jimmurutu, avia a moriri e ‘nveci si rumpiu tri costoli, persi un occhiu e ‘nna gamma c’ha tagghiaru.

San.  Sempre l’ahiu dittu: aviri parenti cu ‘nna gobba è una fortuna. (escono, e subito dopo entrano Assunta e Lavinia)

Ass.  Non ti preoccupare a mamma, ti fazzu vidiri ca aggiustamu tutti cosi… ‘U sintisti , avia a ghiri ‘nni Patri Salvatore…Ora ci la cuminamu, l’avvisamu pi telefonu a P. Salvatore. (prende il telefono) Pronto P. Salvatore, mi scusa a signora Assunta Colluccellu sugnu: me maritu sta vinennu da lei, sicuramente pi qualchi consiglio, Lavinia è disperata, piange e si tira i capiddi, si tira i capiddi e chiangi, voli un picciottu ma è un pocu…pocu…pocu checcu e so patri non voli, fici l’inferno, iddu predica ma ruzzula mali, proprio comu fannu certi parrini, oh! mi scusa, lei non c’entra, ci dicissi lei quattru paruleddi, picchi i so paroli colpiscono sempre il cuore di tutti, specie chiddu di me maritu…Ora ci passu un attimo a Lavinia…(mentre le dà il telefono) Fai l’esagerata…

Lav.  P. Salvatore non ho più pace, soffro maledettamente..(Assunta le prende il telefono facendo scena mentre Lav. rimane colpita dalla bravura della madre)

Ass.  Sintiu  P. Salvatò…no Lavinia, non ti pigghiari pinnuli, ma chi si pazza, ti voi avvilinari, P.Salvatore chiudo picchi c’è pericolo, mi raccumannu. (chiude)

         Tò mamma recitava sempre quannu faciamu commedie, non ti preoccupare ca sistimamu tuttu… Tò patri non voli rimorsi, iu ‘u canusciu troppu bonu e poi pi tia stravedi.

Lav.  Mamma mi pari ca haiu un problema granni quantu ‘u mari, si risolvemo chissu poi cinnè nautru.

Ass.  Comu nautru!

Lav.  Nautru, forse chiù difficile ancora.

Ass.  Ma chi si incinta per caso?..

Lav.  Ma quali incinta, forse avissi statu megghiu.

Ass.  Non diri accussi picchi fai siddiari puru ammia.

Lav.  Mamma avi un nonnu cecu di un occhiu, ci manca un braccio, e l’autru braccio avi un tremolio…

Ass.  Mu putiatu diri prima a mamma.

Lav.  Mamma però è troppu simpatico.

Ass.  Per ora non ci dicemu nenti a tò patri asinò si cunfunni.

Lav.  Mamma (impacciata)

Ass.  Chiccè…

Lav.  ‘U patri di Massimo avi a gobba…

Ass.  Madonna Santa!

Lav.  Mamma…so matri è sciangata!

Ass.  Madonna addolorata! Matri mia! Unu ca gobba, una sciangata, unu cecu e cu un occhiu e unu checcu, ma comu ti poi mai maritari cu chissu, tò patri non accetterà mai.

Lav.  Si, anchi a costu ca mi ‘nni fuiu.

Ass.  Non lu diri chiù, a fuitina mai.

Lav.  Allura aiutami.

Ass.  Per ora non ci dicemu nenti, picchi si pi sò nonnu si cunfunni, pi tò soggiri funni !…

 

Lav.   Mamma non poi immaginari di quantu sunnu tutti simpatici.

Ass.  E TUTTI  DIFITTUSI!..

Lav.  Mamma non dici sempre tu, ca l’amuri ammuccia ogni difettu?

Ass.  Veru è, però cu tutti sti difittusi pedi pedi, anchi si chiudi un occhiu appena ti giri di l’autru latu vidi già l’autru difittusu, ma unu bonu non ci putia esseri.

Lav.  Hannu un cani ca è un amore…

Ass.  Giustu ‘u cani avia essiri bonu.

Lav.  No, ci manca ‘na ricchi…si chiama difetto… mamma megghiu ‘nna famigghia di difittusi cu un cori granni, ca senza difetti e senza cori!..Massimo mi darà il massimo sono sicura, dice che mi vede (romantica) semplice, dolcissima, bellissima, purissima…

Ass.  (al pubblico) Megghiu di l’acqua levissima…

Lav.  Anche io lo vedo cosi…

Ass.  Mi dinchi ‘u cori vidennuti cosi innamorata, faremo tutto per portare avanti questo Amore cosi (stesso tono della figlia) dolce, bellissimo, purissimo.

Lav.  (abbraccia la madre) Grazie mamma, quannu una è innamorata non vede niente.

Ass.  Hai ragiuni. Quantu cosi io non vidia di tò patri…ma a tò patri l’aricchi ci l’hai vistu mai boni? L’avi troppu granni, ‘u nasu a patata, un neu a unni ti dissi antura, i cipuddi nè pedi peggiu di chiddi di Tropea, e megghiu ca mi fermu…comunque a ma fari i cosi di furbizia non ti preoccupari ca organizzamu tuttu. (entra Santino, si siede guardando la figlia)

San.  Lavinia…

Lav.  Si papà…

San.  Dimmi ‘nna cosa: ma chicchia assai?

Ass.Lav.     Piccaredda!…

San.  Ma quannu parla, si capisci assai ca c’impingi a lingua?

Ass.Lav.  PICCAREDDA!

San.  (alla moglie) E finiscila di rispunniri puru tu.

Lav.  Papà è troppu simpatico, sunnu ‘nna famigghia di di…(Ass. la guarda) di simpaticoni.

San.  ‘U vulissi canusciri subitu.

Lav.  Papà basta una telefonata, si pigghia un’ura di permesso picchi travagghia come ragioniere in una ditta di pulizii, grande esperto di compiuter, scrive poesie, sapi cucinare, sapi stirare, e sapi  A m a r e…

Ass.  (al marito) Di tutti sti cosi tu, non ‘nni sai fare mancu una…bonu è a mamma, mettulu sutta a stirare e a cucinare…

San.  Lavinia, quannu dici, sapi amare, tu comu u sai, cosa intendi!

Lav.  Papà non pensare mali, sapi amare inteso come volere bene.

San.  Telefona.

Lav.  (esplode di gioia, abbraccia il padre poi va a telefonare, intanto Assunta abbraccia il marito)

San.  Bonu, bonu, e chi ti stai facennu tu zita.

Lav.  Pronto… Pecorino, ciao sono io.

San.  Pecorino! E che formaggio?!…e a idda ca chiama Pecorina? (al pubblico)

Lav.  Vieni ti aspetto, vieni col nonno…ciao pomodorino…

Ass.  Io mi chiamo Pomodoro e tu pomodorina non mi hai mai chiamato…

 

San.  Accussi facemu ansalata…(Lavinia chiude il telefono)

Lav.  (contenta) Fra un pocu veni cu so nonnu, i me soggiri vennu nautra vota.

Ass.  Certu tutti assieme poi ‘nni cunfunnemu! (entra Maricchia)

San.  (al pubblico) ‘U malauguriu trasiu.

Mar.  (spaventata) Pigghiatimi un pocu d’acqua.

Ass.  Chi succidiu, (la fa sedere) Lavinia pigghia l’acqua, signora Maricchia parlassi chi succidiu.

Mar.  Mentre vinia ccà, si misuru sutta un gattu niguru, capaci ca mi porta malaugurio, o ammia o attia, o a Lavinia o a tò maritu. (mentre beve)

San.  (grattandosi) Chissa mi fa veniri ‘u manciasciumi a tutti i parti. (al pubblico)

Ass.  Bonu si calmassi….purtroppu semu ‘nni sta terra pi soffriri.

Lav.  Ecco perché dobbiamo cercare di vivere come meglio possiamo.

Ass.  E’ cchiù calma ora!?

Mar.  Un pochiceddu, Assunta non vi scurdati mai di chiudiri a bombola a sira.

Ass.  Certu ca a chiudemu.

Mar.  Non va scurdati mai, picchi non ci voli nenti a scoppiare, fino a me casa arrivassi, e io murissi sicuru, mi raccumannu non va scurdati mai.

San.  Si preoccupa pi idda!

Mar.  A chi una cu tanti sacrifici si fa ‘nna casa, poi scoppia ‘nna bombola e non ci resta nenti.

San.  Nautri già eramu siddiati, menumali ca c’è idda ca ‘ni porta un pocu d’allegria!

Lav.  Signora l’accumpagnu a casa cosi si riposa.

Mar.  Accumpagnami Lavinia, però non vogghiu responsabiltà s’avissi a succediri qualche disgrazia.

Ass.  Nenti, nenti succedi, vai a mamma…(escono)

S C E N A  IV°

(Santino, Assunta, Felice, Lavinia, Massimo)

San.  Tutti cosi ammia capitano, i checchi, i pecorini, i pomodorini, i becchi, i lastimusi…so maritu muriu e abintau, però a lassau a nautri…

Ass.  Purtroppu l’avemu a suppurtari finu a chi mori.

San.  Finu a chi mori, sicuramente ca nautri muremu prima di idda…o cu qualchi bombola ca scoppia, o cu qualche terremoto, o sutta qualchi machina… chi disgraziati chi semu!…(entra Lavinia)

Lav.  Papà, mamma, stannu arrivannu. (euforica)

Ass.  Matri che bellu, Santino non ci fari capiri ca chicchia, fai finta di nenti…

         Ava capiri ca nautri a certi cosi non ci facemu casu, nautri semu superiori a sti cosi…

San.  Nautri semu superiori! Ma chi ti pari ca è facile ‘u chicchiari è ‘nna cosa seria…(entrano Massimo col nonno Felice, Massimo con un bel mazzo di rose, vestito elegante; Felice, con un bastone ed con un vistoso tremolio, un occhio bendato, un braccio che gli manca)

Mas.  Bo…bo…giorno a  tu…tu…tti. (bacia Lavinia e le dà le rose)

San.  (al pubblico) Menumali ca quannu bacia non ci sta assai comu quannu parla.

Fel.    Chi bedda famigghia!… (Massimo dà un profumo alla suocera)

Mas.  Pa…pa…papà questo è pe…pe…per te. (un dopo barba)

San.  Che cos’è.

Mas.  Do…do…dopo…

San.  Mu voi diri dopo?

Mas.  No, dopo  ba…ba…barba. (Felice si avvicina a Santino)

Fel.    DENIM, per l’uomo che non deve chiedere mai. (ride)

Ass.  Accomodativi. (si siedono)

Fel.    Chi bedda famigghia…(ridendo) mi dovete scusare, ho necessità di fare pipi, alla mia età a prostata non funziona bona.

Lav.  Prego nonno, ddà dintra c’è ‘u bagno, entrando sulla sinistra.

San.  Forse è megghiu ca l’accumpagna Massimo.

Fel.    Cumpari, non sugnu cecu, cu stu occhiu ci vidu bonu, e cu sta manu a tegnu.(và)

San.  (al pubblico) Cu stu tremolio, tutta di fora a fa.

Mas.  Scu…scu…satelo, avi  stu dife…dife…difettu di uri…uri…nare sempre.

Ass.  (sottovove) Santino, picca chicchia.

San.  Iddu picca chicchia, ma so nonnu assai tremolia!

Ass.  Massimo ben venuto a casa nostra, in casa COLLUCCELLO.

Mas.  Non ve…ve…devo l’ora di co…co…noscervi. (entra Felice)

Fel.    Puru io, siti davveru ‘nna bedda famigghia!.. COLLUCCELLO…(ride)

San.  Puru vautri siti ‘nna bedda famigghia. (poi al pubblico) Chi semu cuntenti!

Mas.  (a Lavinia) Sei  se…se…sempre più be…be…lla  pomodorina.

Ass.  Anche tu Massimo!…

San.  Pari ca a zita è idda! (al pubblico)

Lav.  Pecorino mio…

Fel.    Cumpari, appena canusciti a me figghiu e me nora, divintati pani e formaggiu.

San.  Già pecorino e pecorina ci sunnu iddi, poi facemu troppu formaggio.

Fel.    (ride) Che spiritusu… chi bedda famigghia…

Mas.  Nonno ta  pi…pi…pigghiasti a pi…pi… pinnula.

Fel.    M’avia scurdatu, cu sta cumpagnia di sta bedda famigghia, mi l’avia scurdatu.

          Cumpari, si non mi pigghiu sta pinnula, mi cumencia a trimari a gamba sinistra, putroppo sti piccoli difetti mi l’assuppurtari fino a morti. (ingoia la pillola)

Ass.  Senza acqua?

Fel.    Si ma pigghiu cu l’acqua m’affucu…(ride) Chi bedda famigghia! (due volte)

San.  Massimo!

Mas.  Si pa…pa…papà, ti paria ca eru chiù che…che…checcu?

San.  Ma io nenti sapia, Lavinia non m’avia dittu nenti, mi dissi sulu di non ci fari casu, e poi io sono un tipo che a queste cose non ci bado. (poi al pubblico)

         L’intestino mi s’attorcigghiau!..

Ass.  Sig. Felice, pi stu occhiu mi dispiaci, fu un incidenti?

San.  Ma attia chi ti interessa. (poi sottovove) Fattillu diri…fattillu diri.

          (poi di nuovo) Ma attia chi ti interessa.

Fel.    Cumpari nenti ci fa, anzi m’avissi affinnutu se non dumannavavu… nascivu accussi, mi dissiru ca è colpa di me patri, picchi fino al nono mese di gravidanza ha voluto fari l’amore con mia madre… al nono mese i picciliddi sunnu fatti, io ero tutto fatto, forse mi pigghiau ‘nni stu occhiu e nascivu cosi.

         (ride) Chi bedda famigghia!…chi bedda famigghia! Si vuliti fari altre domande io sono a disposizione, picchi mi divertu… (ride) chi bedda famigghia.

San.  (stupito, verso il pubblico) Megghiu non farsi meravigghia!

Mas.  (esce un cellulare) Lavinia ti…ti…tiene, cosi ti posso rin…rin…rintracciare se…se…sempre.

Lav.  Che bello, me lo porterò ovunque, in piscina, in cucina, in bagno…

San.  In bagno, pi quannu a chiama ‘u strunzu. (al pubblico)

Ass.  Sig. Felice, gradisce un poco di caffè.

Fel.    Megghiu di no, picchi mi smovi ‘u stomaco e cu sta mano chi mi trema prima ca mi stuiu...

San.  Massimo i toi sannu tutto do zitaggio.

Ass.  Ma parla megghiu…di questo (romantica) AMORE.

Mas.  Cer…cer…certo, la mia  peco...peco…pecorina è stata acco…acco…accolta.

Lav.  Humm…Pomodorino mio, Pecorino mio…

Fel.    Ai me tempi, scarsiava puru ‘u parmiggiano, oggi cu tutti sti tipi di formaggio a vogghia di grattuggiare…(ride) chi bedda famigghia!.. (poi al pubblico) E ancora non canuscinu a me figghiu e a me nora…(ride)

San.  (al pubblico) ‘Nni stamu scialannu i carni!

Mas.  Ora ni…ni..niemu, pi…pi…picchi semu in ri…ri…ritardu.

San.  Sicuramente siti in ritardo…(poi al pubblico) Di quantu tempu chi si pigghia pi spiccicari ‘nna parola!

  

Ass.  Sig. Felice, mi scusassi ancora per la domanda di l’occhiu, ora sapemu ca fu di nascita.

Fel.    ‘Nna nostra famigghia, tutti di nascita sunnu i difetti, puru a bon’anima di me mugghieri, mancu fattu apposta era difittusa di nascita, però piccoli difettucci, avia un pedi cu quattru dita, a mano destra chiù granni da sinistra, u nasu l’avia longu e stortu a forma di  L (elle, facendo il gesto) mi dispiaci ca muriu, asinò a purtava, cosi cumpari Santino si scialava…(ride) Chi bedda famigghia…

Mas.  Ciao Pro…pro…provolina.

Lav.  Ciao Provolone.

San.  Si stagionaro megghiu! (al pubblico)

Fel.    Arrivederci…(prima di uscire) Santino mi raccumannu… ALLEGRIA, ricordati ca biddizzi, difetti e  pazzia  spissu vannu in  compagnia.   (ride ed escono) 

S C E N A  V°

(Santino, Lavinia, Assunta)

San.  (gridando) LAVINIA…tu si a me  ROVINA! Picchi non mi dicisti nenti pi tò nonnu ca era puru difittusu…

Lav.  Papà io nenti sapia ‘u vitti sula ‘nna vota e non ci fici casu.

Ass.  E non ci fici casu a picciotta.

San.  Ma comu non ci facisti casu, avia ‘’na manu ca ci trimava comu un teremoto (lo imita), l’occhiu ca paria  capitanu uncinettu, menumali ca si pigghia a pinnula pi non ci trimari a gamba, picchi asinò di comu ci trimava ‘nni pigghiava a tutti a pidati no culu, e menumali ca so mugghieri muriu…nasu sortu, senza dita…cosi di pazzi ma unni ti isti a infilari…(Lav. stretta alla madre)

Lav.  Papà ti pregu, però ‘u vidisti ca Massimo è un picciotttu d’oru, e mancu si nota ca balbetta.

San.  Bal…bal…balbetta e si nota e comu si si nota.

Lav.  Papà i medici dicinu ca col tempo o ci aumenta o ci scumpari…

San.  E si ci aumenta?!..Si pi casu scoppiassi ‘na bombola dintra a tò casa e iddu si n’accorgi prima di tia…prima ca ti dici: Pericolo, quantu ci stà, PE…PE—PE…PE…RI..,RI…CO…LO, iddu scappa e tu crepi.

Lav.  Papà si scoppiassi a bombola murissimu subitu.

Ass.  Quantu voti nu dici a signora Maricchia. (Santino si siede, si calma un poco e riflette)

Lav.  Ti prego papà…non rovinare la mia felicità…

San.  Prima non vulia, poi Padre Salvatore mi fici riflettere, poi vidennu a situazione mi ero pentito, ma vidennu puru ca siti troppo Pro vo lo ni   vi dico che avete la mia approvazioni. (gioia di Lavinia e Assunta, quest’ultima lo bacia ripetutamente)

San.  ‘U dissi io, pari ca si sta facennu idda zita.

Ass.  A bon’anima di me matri  di ci a

San.  Qualchi autra  fi ssa ria

Ass.  Ogni beddu avi ‘u so difetto e ogni brutto ‘u so talento!

San.  A bon’anima di me matri ‘nveci dicia: ‘u beddu cu so difettu  pigghialu di pettu…  ‘u bruttu cu so talentu  fallu curriri chiù forti du ventu .

          Mah! megghiu felice cu i difetti ca infelice senza difetti.

Lav.  (lo abbraccia di nuovo) Papà, ma dimmi ‘nna cosa, dici ca puru tu si chinu di difetti..(Santino guarda la moglie)

Ass.  Avi ‘nna stampa di pomodoro, una di tritrolo, pi non parlari de cipuddi ne pedi, putissimu fari l’insalata.

Lav.  Papà a parte gli scherzi, si chinu di difetti?...

San.  Ma chissi sunnu difetti ammucciati, chiddi do tò zitu e di tò nonnu  sunnu aperti al pubblico. Comunque ‘u voi, pigghiatillu, ma fammi canusciri al più presto i genitori…SCASSAMENTO, non ci pozzu pinsari…SCASSAMENTO.

Ass.  Picchi i nostri cognomi sunnu chiù belli…

Lav.  Papà al più presto i canusci sti dui simpaticoni, me soggiru è furtunatu, avi ‘nna fortuna incredibile a unni si metti si metti, e schedini o lottu, no travagghiu…

         Una for… tu… na  con la F maiuscola.

San.  Nautri avemu una  sfor… tu… na  con la s minuscola. Ora mi vaiu informu o canteri videmu si dumani si travagghia. (esce)

S C E N A  VI°

(Assunta, Lavinia, Santino, Massimo, Stefano, Rosa)

                                  

(Lavinia e la madre rimaste sole si abbracciano dalla gioia)

Lav.  Mamma i primi passi i superamo.

Ass.  Non ci cridia…forse si ghiu a cunfissari e P. Salvatore ci misi a bona parola, e ‘u fici arrimuddari.

Lav.  Ora però veni ‘u mumenu chiù difficili.

Ass.  Sta gobba di tò soggiru com’è grossa?

Lav.  Normale.

Ass.  Ci  l’hai tuccatu mai?

Lav.  Veramente mi pari bruttu, ‘nna vota a sfioravo…

Ass.  Mai l’haiu tuccatu ‘nna gobba, appena veni ma fari di tuccateddi, puru tò patri avissi bisognu di tuccalla, sempre ‘u dici: cu avi un parente jimmurutu soldi e saluti sempre  hannu ottenutu...

Lav.  Ca bucca tuttu dici, a vidiri appena ‘u vidi.

Ass.  E tò soggira si vidi assai ca è sciangata?

Lav.  Puru l’orbi a vidunu…mamma ormai a ma tentare e P.Salvatore a va fari assai si ci sunnu problemi.

Ass.  I problemi ci sunnu sicuru, ma ci pensi appena i vidi trasiri, ci pigghia un colpu. (squilla il telefono, Lavinia risponde)

Lav.  Ciao Massimo…pomodorino…state venendo? Certo che ti aspettiamo (lo baciucchia e chiude) mamma stannu vinennu, non vidunu l’ura di canuscivi.

Ass. Lav.  Chi dici mi canciu? (ridono)

Lav.  Si ti voi mettiri nautra vesta vai, poi mi canciu io.  (Ass. và)

         Signiruzzu fai che vada tutto bene. (accende la radio ed ascolta una canzone romantica si siede e chiude gli occhi facendo scena, subito dopo entra Santino, vede la figlia con gli occhi chiusi)

San.  S’addummisciu ca radio addumata!..

Lav.  Papà non dormo…sogno!..

San.  E comu si sogna senza dormiri…(entra Assunta)

Ass.  Santino stannu vinennu i cumpari, mettiti un pocu di profumo, chiddu chi mi purtau Massimo.

San.  E tu ti metti un pocu di dopo barba, chiddu chi mi purtau ammia!

Lav.  Io mi vaiu a mettu nautru vestitinu. (và nella stanza)

Ass.  E tu chi ti metti Santino.

San.  Io vistutu sugnu.

Ass.  Almeno mettiti un pocu di dopo barba.

San.  Senza barba fatta!…

Ass.  Tu metti ne capiddi, sutta asciddi, ne mutandini.

San.  (al pubblico) Stanno divintannu tutti cretini…

Ass.  Mi raccumannu non facemu casu a nenti, a chiddu chi sintemu, a chiddu chi videmu, picchi iddi sunnu scaltri e istruiti.

San.  E nautri semu babbi e rincoglioniti!

Ass.  Nautri dobbiamo essere superiori, non a ma fari casu a nenti. (bussano, entrano Massimo, poi il padre, poi la madre. Santino vedendoli entrare ad uno ad uno rimane incredulo, spalanca gli occhi verso il pubblico, si allontana dalla parte opposta del palcoscenico dicendo:)

San.  A FAMIGGHIA DI DIFITTUSI!…(sviene cadendo per terra)

Lav.  (entra) Papà.

Ros.  Che successo.

Ste.   Chi fici si impressionau!…

Ass.  No, soffre di pressione alta e cu l’emozione s’arimuddau..Santino…Santino…

         Santino ripigghiati, ma picchi ti emozioni accussi. (Lav. và a prendere l’acqua)

Mas.  Te…te…telefono o du…du…dutturi.

Ass.  No, picchi prima ca ci spieghi a situaz…oh! scusa Massimo…

Ros.  Mischinu!, l’avrà a ducentu sta pressione.

Ass.  (continua a sventolarlo) Santino svegliati, comu ti senti (entra Lavinia e lo fa bere)

Ste.   Cumpari sveglia.

Ros.  Avi assai chi soffre di pressione alta?

Ass.  Ma ogni tantu ci scinni ogni tantu c’hacchiana!

Mas.  Quannu vinni cu nonnu l’avia scinnuta. (sempre balbettando)

Ass.  Si, l’avia scinnuta..Santino…Santino…(si va svegliando)

San.  Fici un sonnu stranu..vitti ‘nna gobba, ‘nna sciangata, un checcu, un cecu cu trimulizzu…era a famigghia difittusa…a famigghia difittusa…(mentre continua a ripetere scioccato si và chiudendo il sipario)

A T T O  II°

(SCENA VII°)

(Santino, Assunta, Lavinia,Maricchia)

( Santino seduto si tocca la pancia, Assunta sistema la fruttiera al centro del tavolo, contenente banane e mele.  Intanto è passato quasi un mese)

San.  Avi un misi ca mi sentu stu stomacu in subbugghiu, a testa china…

Ass.  Chissi sunnu rimorsi di cuscenza, e finu a quannu no ti ‘ni liberi s’aggravanu chiassai.

San.  Megghiu chinu di malanni ca vidiri ‘na casa china di difittusi…

Ass.  Prima diciatu sempre ca cu avi un parente jimmuturu è furtunatu…

San.  Ma fra dillu e avillu di  pre sen za   c’è ‘nna bella   di ffe ren za!

          e poi non c’è sulu ‘u jimmurutu, c’è ‘u cecu, ‘u trimulizzu, a sciancata, u checcu…

 

Ass.  Pi tò figghia non ci pensi ca non dormi chiù, non mangia chiù, a mumenti non parla chiù.

San.  Ci passerà, ci passerà…(in quel momento entra Lavinia, si nota la depressione)

Lav.  Non mi passerà, no…no…no!!!…(Ass. và vicino la figlia)

San.  Ti passerà, chiddu chi sugnu chiù malatu sugnu io.

Lav.  Io mu pigghiu…(ferma vicino alla porta, mentre la madre la stringe)

San.  Tu non tu pigghi…

Lav.  Io mu pigghiu..mu pigghiu..(entra nella sua stanza)

San.  (più forte ancora) Tu non tu pigghi…

Ass.  E finiscila di gridari…(entra nella stanza della figlia) 

San.  Videmu si vinci idda o io…Signuri mei, ma comu si fa a vidiri dintra a me casa ‘nna famigghia di difittusi! E stu niputi comu nascissi?! Qualchi difettu ci vinissi di sicuru…chi brutto momentu!…ma giustu ammia avia capitari sta famigghia  SCASSAMENTU?!.. Signoreti chiedo perdono, sai ca haiu tanta fede ma staiu divintannu pazzu, io non ch’afazzu…(entra Maricchia)

Mar.  Santino disturbo!

San.  (ironico) Proprio da stu mumentu no!…

Mar.  Unni sunni i fimmini.

San.  Ddà dintra, si stannu confurtannu.

Mar.  Quantu è bellu lu cunfortu, specie quannu capitanu disgrazie, si non c’è cunfortu si mori prima de sò jorna…però secunnu mia megghiu muriri cu un dispiaciri ca muriri cu qualche disgrazia….tu chi dici!..

San.  Io dicu megghiu campari, a saluti  avi  r i … e futtirisinni de  dispia  c i ri!!!… 

Mar.  Hai ragiuni (breve pausa, guarda verso il tetto) matri Santino, c’è ‘nna lesione ‘no tetto, a facisti controllare?.. Cu tutti sti casi chi cadunu, ‘nna famigghia mentre durmianu mureru, ci cadiu u tettu, però ficiru ‘nna morte bona, mureru ‘no sonnu.

San.  (al pubblico) Quannu nasciu chissa, sò matri appi a moriri subitu…(chiama la moglie) Assunta, vidi ca c’è Maricchia veni e ci duni un pocu di ‘ntisa tu (sottovoce al pubblico) a sta ceddu di malaugurio! (Assunta entra)

Ass.  Io stava sistimannu i robi.

Mar.  S’ hai chiffari non ti preocupari, parlo cu tò maritu picchi penso ca ci piaci a me cumpagnia.

San.  Mi scialu!…Io avissi a nesciri picchi a sbrigari un saccu di cosi, parlassi cu me mugghieri, un po’ d’allegria ci voli pi dda. (esce)

S C E N A  VIII°

(Assunta, Maricchia, Lavinia, Stefano, Massimo)

 Mar. Assunta ti vidu tristi, ci sunnu problemi cu Lavinia? Non ci pinsari, non basta di quantu problemi e disgrazie ci riserva a vita! Ci stava dicennu a tò maritu pi ddà lesione do tettu…

 

Ass.  ‘U vapore chissu è! (entrano Stefano e Massimo)

Mas.  Permesso…

Ass.  Massimo…

Ste.   Bongiorno…(Assunta chiama Lavinia che entra subito)

Lav.  (abbraccia Massimo) Amore che gioia.

Mar.  Chi bella gobba chi avi lei.

Ste.   Grazie signora.

Ass.  Cumpari, è una vicina di casa, è vedova e ogni tanto ni veni a fari un pocu di cumpagnia.

Mar.  E un pocu d’allegria!

Lav.  Ma si veni me patri…

Ste.   Ci sunnu me patri e me mugghieri di guardia, tre squilli sul cellulare e niscemu.

Mas.  Non ti pre…pre…preoccupare ca ‘u  co..co…convincemu a tò patri.

Mar.  (si alza) Ora mi ‘nni vaiu, magari vegnu chiù tardu…(si avvicina a Stefano) Mi scusassi ci vulissi chiedere una cortesia…

Ste.   Dica…

Mar.  A putissi tuccari un pocu sta gobba? Sapi cu tutti sti disgrazi chi capitano!

Ste.   Prego…faccia pure.

Mar.  (la tocca) Matri chi sensu chi mi fa…sicuramente ‘na vostra famigghia siti tutti fortunati e tutti in saluti…arrivederci…(prima di uscire) Assunta dimmillu quannu veni ‘u signore, accussi qualchi tuccatedda ma fazzu, cusapi chiassai toccu chiù fortuna portu…arrivederci. (esce)

Ste.   Stavota vinnumu nautri, a prossima vota io fazzu a guardia e veni me mugghieri.

Ass.  Cumpari, stu fidanzmentu sa va fari, a ma sperimentare qualcosa ma sa va fari.

Mas.  La…la… Lavina ti vi…vi…vidu chiù ma…ma …magra...

Lav.  Sono questi gli attimi che mi fanno riprendere. (squilla il cellulare di Stefano)

Ste.   E’ ura di irininni.

Mas.  Ti a…a… mo…

Lav.  Anch’io….dobbiamo essere forti.

Ste.   Amuninni asinò divintamu deboli!…(escono)

S C E N A  IX°

(Assunta, Lavinia, Santino)

Ass.  Comu ti vidu subitu chiù ripigghiata appena vidi a Massimo, ora ammusciati di novu, picchi sta arrivannu tò patri e si ti vidi chiù ripigghiata po’ capiri qualcosa.

Lav.  Mamma io ‘u vogghiu, ‘u vogghiu!…

Ass.  Puru io a mamma…si tò patri non si decidi sulu o cu P.Salvatore, n’inventamu

          qualcosa pi faricci diri si.

Lav.  Asinò mi ‘nni fuiu!

Ass.  Megghiu di no a mamma, si putemu evitari megghiu è!

Lav.  Mamma si ‘u papà m’impedisce ancora di vidiri a Massimo, io…io…

Ass.  (subito) Basta ca non ti ‘nni fui.

Lav.  No, però m’invilenu…

Ass.  Ah! menumali basta ca non ti nni fui.

Lav.  Mamma ma ‘u capisti chi dissi, m’ in… vi… le… nu! Mi pigghiu

cinquanta pinnuli.

Ass.  Bastano vinti a mamma.

Ass.  Mamma!...

San.  T’invileni si, ma apposta, accussi cambia idea, a ma organizzare a scena perfetta, ora vai ‘na tò stanza, mettiti chiù siddiata, chiù disperata, mettiti ‘na coperta ‘ncoddu…(Lavinia và)

Ass.  Chi situazione camurriusa, ma talmente la devo girari picchi stu fidanzamentu sa va fari. (entra Santino e si siede triste)

San.  Mi vitti P. Salvatore, mi fici trasiri ‘na sacrestia e mi fici a predica: mi dissi ca non haiu cori, non haiu affetto pi me figghia, mi dissi ca haiu poca fede, poca intelligenza, poco amore per il prossimo e poco rispetto per i difittusi…mi fici sentiri comu un cattivu chiù cattivu di tutti i cattivi!

Ass.  (cerca di confortarlo) Bonu ‘u maritu, tu non hai poca intelligenza, sulu ca tanti voti non capisci tutti cosi…tu non è ca hai poco rispetto per il prossimo, sulu ca tanti voti ti ‘nni futti di tutti…tu non è ca hai poco amore pi tò fogghia, sulu ca ‘ni stu mumentu non la pensi ‘proprio…e poi non è ca si cattivo, sulu ca tanti voti si chiù cattivo di tutti i cattivi….

San.  Ma chi  dicisti tutti cosi chi dissi io!…Bellu confortu chi mi duni…

         Unn’è per ora a figghiuzza mea.

Ass.  Ddà dintra, non ch’a fa mancu a parlari e a stari additta.

San.  Chiamala ca ci vogghiu parlare…

Ass.  Si ch’a fa a veniri!!! (Assunta và)

San.  Iu a me figghia la devo aiutare, ma puru idda ma va aiutare. (entrano Madre e figlia, Lavinia con una coperta addosso, triste, trascurata, depressa, ovviamente accentua lo stato d’animo; alle domande del padre risponde a stento)

San.  Lavinia, chi senti friddu…

Lav.  Non sentu nenti…

San.  Lavinia io vogghiu aiutarti…

Lav.  Parla, cerco di sentirti…

San.  Tu ‘u sai ca io i vogghiu beni e ca si a figghia da me vita…

Ass.  (al pubblico) Avemu a chissa sula!..

San.  Io non ti vogghiu fari soffriri… (Lav. annuisce) ti voghiu a iutari, ci dobbiamo venire incontro…

Ass.  Fai i primi passi tu…(Santino si alza, và verso la figlia  l’accarezza)

San.  Ti aiuterò a dimenticare questa esperienza, tu dimentichi, io dimentico, tua madre dimentica, tutti dimenticamu questa situazione camorriosa…lascialo ed io ti…(non finisce di parlare e la reazione di Lavinia è fulminea e dura)

Lav.  Mai e poi mai, io ‘u vogghiu , io ‘u vogghiu…

San.  E tu non tu pigghi…(Ass. prende la figlia e la porta nella stanza mentre continuano a ripetere: IO ‘U VOGGHIU…TU NON TU PIGGHI…)

San.  Mi sta livannu a vita oh! Va crisci figghi… non putissiru ristari sempre nicareddi e giucari cu i bamboli. (entra Assunta)

Ass.  Io ‘u vogghiu…

San.  Tu non tu pigghi…

Ass.  Ma puru ammia ‘u dici? Ma chi si fusu?.. Ti stava dicennu io ‘u vogghiu continuava a diri ddà dintra…Santino ma non poi chiudere un occhiu…

San.  Chiudu un occhiu? Già difittusi cinnè a quantità e a chiuderi un occhiu puru io?!…

Ass.  Sta cadennu malata, e mi scantu s’avissi a cuminari qualchi fissaria.

San.  Chi fissaria e fissaria, poi ci passa ttto..

Ass.  E si s’invilena?!

San.  Ma chi stai dicennu!

Ass.  E si si ‘nni fuissi!?

San.  Questo mai e poi mai…tu stai attenta picchi ti ritengo responsabile.

Ass.  Io responsabilità non ‘nni vogghiu, tu inveci ta sentiri responsabile picchi a stai facennu cadiri malata. Mi pari ca chiddu chi ti dissi P.Savatore è veru…

San.  Ma insomma tu si da so parti, ma ti rendi contu in che razza di famigghia avia capitato?

Ass.  T’ahiu dittu sempre ca i difetti l’avemu tutti…

San.  Quantu nesciu e mi vaiu a mettu ‘ncapu un pizzu di ‘na muntagna accussi mi rassereno, (quasi piangendo) picchi mi stati facennu cadiri malato… (esce)

Ass.  Vai, vai ca ‘u pizzu da muntagna porta cunsigghiu….ma quantu è testardu! Lavinia veniccà a mamma…(Lav. entra)

Ass.  Non si ci po’, non ti preoccupare, cuminciamu subitu a organizzare a scena dell’invelenamento…

Lav.  Mamma mi pari troppu forte, però si serve pi daricci ‘na lezione ben venga.

Ass.  Si ti pari troppu forti, organizzamu a fuitina apposta…

Lav.  Forse è megghiu…

Ass.  Acconsentirà a tutto basta ca ti mariti bedda pulita…sentimi, ora tu scrivi una lettera dicennu ca alle (guarda l’orologio) quattro ancora non hai perso l’onore, superando le quattro, e precisamente alle quattro  dieci, se non accetti, perdi l’onore…(prende carta e penna, Lavinia inizia a scrivere) Caro papà io non voglio perdere l’onore, per questo ti lascio il mio numero del cellulare, se mi telefoni anche alle quattro e otto minuti io sarò ancora ALLABATA…

Lav.  Mamma ma quali allabata…illibata si dici…

Ass.  Ma aggiusta tu tutti i cosi chi sbagghiu io…Carò papà, non volevo arrivare a tanto, ma sappi che alle quattro e nove minuti io e Massimo cuminciamu a esseri sempre chiù vicini e  ‘n’arriminamu finu a chi adduma ‘u focu, e poi Massimo mi porterà in vacanza alle anquille

Lav.  Mamma Antille

Ass.  Ma se tu vuoi chi mi marito con onore, prima di telefonare, inginocchiati verso Dio chiedendo perdono ed io ritorno pulita, e felice…Vi voglio bene…

         Ti fazzu vidiri a mamma  comu accetta, megghiu maritarisi cu unu difittusu pulita ca cu stessu difittusu lorda…

Lav.  A mumenti sunnu i tri e mezza, e si non veni pi l’orario…

Ass.  ‘U sai ca verso i quattro veni sempre…Ormai sacciu tutti i sò abitudini.

Lav.  Ora telefono subitu a Massimo e l’avviso.

Ass.  Fai presto dai, vai ‘na tò stanza. (Lavinia và) Ora ci dicu a me figghia ca facemu ‘na prova, non vulissi ca m’ingannassi, sospittassi e me figghia non si maritassi…(bussano, entra Maricchia) Signora Maricchia, no si siddiassi, haiu da fari, a ma nesciri…

Mar.  Ti vulia diri ‘u sintisti ‘u telegiornale?

Ass.  No picchi!

Mar.  Sentitillu, ‘na picciotta di vintanni ammazzu i genitori picchi avia un forte esaurimento, mah! una fa figghi e poi mori ammazzata de figghi stessi…a chi semu vivi a chi ‘ni truvamu o campusantu!…certi voti pensu menumali ca me maritu muriu prima asinò puru io per ora a vissi qualchi figghiu….

Ass.  Va beni, poi mu sentu…(l’accompagna alla porta) vinissi nautru jornu…(esce)

         Mamma mia puru idda ci voli…(entra lavinia)

Lav.  Mamma tutto ok!..Massimo si misi a ridiri…

Ass.  Ma quannu ridi, ridi di continuo o balbetta…

Lav.  Io nenti vidu chiù…

Ass.  Hai ragiuni a mamma, mancu io vidu nenti chiù…senti facemu qualchi prova…(si preparano) Io fazzu finta ca vinni di fari a spisa, appoggio i borsi e leggiu sta littra, appena sentu ca sta arrivannu tò patri, cumenciu a chiangiri e a dispirarimi…dai, nesci, fai finta ca si ‘u papà e trasi…(cominciano)

Ass.  (posa le borse della spesa, prende la lettera, nel frattempo entra Lavinia)

         MATRI MIA! Mi sentu mali…mali, non ci pozzu cridiri, non ci pozzu cridiri, semu ‘ncapu a bucca di tuttiiiiiiiiiiiiiii…(poi fa finta che c’è il marito, dà la lettera a Lavinia ) Santino, leggi… leggi (mentre Lavina legge, Ass. continua a far scena) Figghia mia, a fuitina no…no…semu ‘ncapu a bucca di tuttiiiiiii…..

Lav.  (stupita dalla bravura della madre) Mamma, ma si megghiu di una attrice!!!…

Ass.  Quannu recitavamu nell’oratorio, io facia sempre a parte da tragediatura.

Lav.  Mamma ma si pi casu avissi a diri no…

Ass.  Allura non canusci bonu a tò patri, basta ca ti mariti bedda pulita, iddu ti fa maritari cu unu senza ‘na gamba, senza occhi, senza manu, checcu e beccu…

         Ora priparati di cursa ‘nna borsa china di roba, metticci puru ‘na para di panni bianchi.

Lav.  Ma cheffari cu i panni bianchi.

Ass.  Matri chi si ‘ngenua, poi ci facemu vidiri ca sunnu sempre bianchi e non macchiati di….

Lav.  Ah! capivu…mamma ma si troppu forti, ma vaiu a priparu (và)

Ass.  Non ma fari pigghiari di emozioni, a fari l’attrice precisa, ch’a fari diri si, lo devo fare piegare…quasi quasi facissi nautra prova! (comincia) O matri mia…si ‘nni fuiu…figghia mia, semu ‘ncapu a bucca di tuttiiiiii….mi sentu mali…mali… semu ‘ncapu a bucca di tuttiiiiii…(entra Lavinia con la borsa)

Lav.  Mamma ma chi provi ancora…

Ass.  Forse è megghiu ca  a littra ma fazzu cadiri ‘nterra e a pigghia iddu..I tuvagghi pu’ bidè ci mittisti? (Lav. annuisce) a biancheria intima, qualchi paiu du mutandini sexi, i panni bianchi…vai a mamma, portati ‘u cellulare accussi telefona…

Lav.  Mamma speriamo ca non fallemo.

Ass.  Ma chi fallemo e fallemo, a situazione risolvemo…Cu sta scenata a tò patri ci veni ‘u manciascumi no culu e prima de quattru e deci mi dici: ASSUNTA…TELEFONA!…

Lav.  E si poi non ci cridissi ca non succidiu nenti?

Ass.  Basta ca ci facemu vidiri i panni bianchi…però mi raccumannu portali bianchi…ora vai…vai…ca si fici tardu…(si baciano e Lavinia Và)

S C E N A  XI°

(Assunta, Santino, Maricchia, Stefano, Rosa)

                        (Assunta ricomincia ad accennare qualche altra prova)

Ass.  Dato ca iddu non capisci ca l’amuri ammuccia ogni difettu…pi forza l’apigghiari di pettu…  (bussano) Ma cu po’ essiri, me maritu no di sicuru picchi chiddu trasi senza tuppiari… cu è!  (è D. Maricchia, risponde da dietro la porta)

Mar.  Maricchia sugnu.

Ass.  Sugnu nuda, mi staiu facennu a doccia, vinissi dumani ca haiu l’acqua cavuda aperta.

Mar.  Stai attenta cu l’acqua cavuda, picchi a una ci nisciu di botta, si bruciau, a purtaru ospidali e ci ficiru tri operazioni…

Ass.  Va bene, grazie…chi camurria, di dumani mi fazzu a doccia cu l’acqua fridda! Speriamo ca me figghia non capita qualchi vicina accussi…anzi proprio accussi non po’ essiri, picchi c’è idda sula. (sente dei rumori, entrano Rosa e Stefano)

Ste.   Cummari, ma che tutta sta scenata, siti sicura…

Ros.  Sugnu scantata…

Ass.  Non vi preoccupati ca è tutto sotto controllo…

Ros.  E si Lavinia ritorna cu a marca da bollo!?..

Ass.  A unni mettu i manu io, tutto funziona.

Ste.   Speriamo…ma dico io, ma chi ci vidi ‘u cumpari di tantu stranu

         a stu jimmu…

Ros.  E a sta sciangata!…

Ass.  Purtroppu ci vidi…ci vidi…ma poi non è sulu pi vautri, è pi tutto ‘u contornu…ma di dumani in poi non vidi cchiù.

Ros.  Cummari ci dastivu tutti cosi a Lavinia? Me figghiu si purtau puru quattordici panni…

Ass.  Quattordici? Mancu si l’avianu a fai pi davveru!

Ste.   Siccomu sunnu vicini vicini, putissi capitari, ma nautri ci raccumannamu di non cadere nella tentazione.

Ros.  E poi è inesperiente, non l’ha fatto mai.

Ass.  Picchi me figghia che esperiente?! Ora itivinni ca a mumenti me maritu verrà… (escono)

S C E N A  XII°

(Assunta, Maricchia, Santino, Massimo, Lavinia)

Ass.  (guarda l’orologio continuamente) Certi voti a stu orario già è ccà, e si vinissi dopu i quattru e deci? No, non po’ essiri, avi trentanni ca ‘u canusciu…(si prepara bene le borse della spesa) Cià va cadiri comu un piru cottu…(sente dei rumori, entra Maricchia)

Mar.  Assunta, du minuti precisi, vinni pi diriti ca muriu Peppi arrappatu (Assunta freme per la premura) i funerali sunnu dumani…

Ass.  Va beni, grazie…dai ca a nesciri…

Mar.  Mischinu, a chi scoppiava di saluti… ‘na frevi e muriu…(Ass. la invita ad andarsene) mai ‘nna puntura e muriu all’improvviso, e io cu sti acciacchi c’haiu moru subitu allura?!

Ass.  Non si preocupassi ca lei all’autri fa muriri …( Maricchia mentre esce)

Mar.  Menumali ca io a vita ma pigghiu pi comu veni, picchissu a ma stari sempre in allegria, e sempre col sorriso. (Ass. continua a guardare l’orologio)

Ass.  Ma comu mai sta ritardannu…(passeggia nervosa) caso mai, aggiustu a littra e ci mettu e quattru e mezza…per ora cu sapi si sunnu misi vicini vicini…speriamu ca non s’addumanu subitu e chi ddu disgraziato ci telefona asinò…(sente dei rumori, si accerta che è lui e si prepara per la messinscena)

         Madonna Santa…(lo ripete ed entra Santino) Semu ‘ncapu a bucca di tuttiiiii…

         (si accascia su una sedia facendo cadere la lettera a terra) Chi vergognaaaaaa…

         (Santino prende la lettera, mentre legge, la moglie continua a far scena guardando con un occhio il marito, il quale anche lui si accascia su una sedia)

San.  Chissu non lo dovevi fare…

Ass.  Semu ‘ncapu a bucca di tuttiiiiiiiiii…(invita il marito a prolungare di più la i…)

San. Ass.     Tuttiiiiiiii….………

San.  O matri mia!…

Ass.  O Madonna Santa!.. (con un occhio verso il pubblico come a significare che ci stà cascando) Lavinia chissu non l’aviatu a fari…

San.  Chissu l’addiri io… Lavinia chissu non l’aviatu a fari…(continuano a fare un poco di scena)

Ass.  Santinu, mancanu  chiù picca di deci minuti…semu ancora in tempu…(guarda la lettera) finu e quattru e deci si mantiene pulita, poi perde l’onoreeeeee…

         Santino telefona, acconsenti…

San.  Mai e poi mai…ha tradito la mia (imita) Pecorino…pecorina…Pomodoro…

Ass.  (credendo che chiamasse lei) Chi mi chiami cu cognomu ora!…

San.  Non stava chiamannu attia…e poi chi me lo dice ca rientra con l’onore…

Ass.  Sicuramente si purtau i panni…

San.  (guarda l’orologio) I panni…i panni… mancanu quattru minuti…

Ass.  Semu ancora in tempu, sunnu chiù vicini ancora.

San.  Non mi interessa…(guarda l’orologio)

Ass.  Ora sunnu chiù vicini d’antura, si stannu taliannu…occhi negli occhi, iddu sa sta mangiannu cu l’occhi, a tò figghia ci stannu scinnennu i lacrimi e pensa: Papà picchi non telefoni!…(Santino fa scena come se stesse scoppiando) iddu a sta accarezzannu, c’iasciuga i lacrimi e ci dici: coraggio! Ora sunnu ancora chiù vicini, iddu a sta abbrazzannu, a sta tuccannu, ci livau a maghietta, iddu si sta livannu a cintura, si sunnu ‘ncapu a machina stannu ribaltannu i sedili…

San.  Bastaaaaaa dammi u numeru do cellulari…(fa il numero) Lavinia mettiti subitu a maghietta, facci mettiri i pantaloni, aggiusta i sedili da machina e ritorna subitu a casa... (Assunta gli prende il telefono)

Ass.  Figghia bedda, tò patri ti salvau e si stà inginocchiando verso Dio per il acconsentire. (Santino stenta un poco, ma poi lo fa…) Dillo bello forte…

San.  Signore io a…a…acconsento.

Ass.  Avanti beddi rientrati e non perditi tempu…(chiude) Menumali ca arrivamu in tempu…ora apena arrivanu non ti fari vidiri siddiatu.

San.  Appena vennu, devo essere sicuro ca non succidiu danno, io parlo cu Massimo, tu parli cu Lavinia e poi videmu si i cosi compacianu…

Ass.  Di tò figghia putemu essiri sicuri, putemu stari cu du’ occhi chiusi…

San.  Pi favuri, si chiudemu puru nautri l’occhi e sparti tutti e dui, cu vidi cchiù…già basta unu occhiu chiusu.

Ass.  Santino facisti bonu, u Signuri vidi tuttu…

San.  Puru io vogghiu vidiri tuttu, e tu dici di chiuderi l’occhi.

Ass.  Sugnu sicura ca sarannu felici…ci pensi e niputeddi…

San.  Quantu curri…

Ass.  Santinu chi dici ca iddu avrà autri difetti ammucciati?

San.  Non basta chiddi c’avi belli in vista!? (sentono rumori, entrano Lavinia e Massimo)

Lav.  Mamma…(si abbracciano)

San.  (al pubblico) A unni eranu dietru a vanedda?!

Mas.  Pa…pa…pà…

San.  Ma…ma…Massimo…(si abbracciano)

Lav.  (si stacca dalla madre) Papà…(si abbracciano)

Mas.  Mamma (Mas. si era staccato da Santino, si abbraccia con Assunta)

San.  (al pubblico) Mamma ‘u dici subitu!…Massimo, vieni un poco vicino a me…

         (lo guarda negli occhi) non l’hai infossati, menumali! ‘U sai comu si dici:

         Occhi infossati…corpi affaticati!.. ma vautri non mi pariti troppu affaticati…

Ass.  A tò patri inveci quannu…l’occhi ci diventanu troppu ma troppu sciunnati…e poi si senti senza forza…

San.  Massimo…

Mas.  Si…

San.  Ti devo parlare a solo a solo. (poi và verso la moglie) Tu vai ddà dintra e controlla puru  panni…

S C E N A   XIII°

(Maricchia, Stefano, Rosa, Felice e detti)

Ass.  Amunnni a mamma ca parlamu megghiu ddà dintra. (vanno)

San.  (prendono le sedie e si siedono davanti al tavolo preferibilmente) Massimo dimmi una cosa: eravate vicini vicini negli ultimissimi minuti?

Mas.  Si  Pa…pa…pà..

San.  Tu devi essere sincero al massimo con me…asinò è megghiu ca ti canci nomu…

Mas.  Si  Pa…pa…pà…

San.  Basta ca rispunni sulu Si, asinò dumani finemu…(Massimo risponde: Si)

         Vi tu…tuccastivu?

Mas.  Si…

San.  Vi ba…baciastivu…

Mas.  Si…

San.  Eravu troppu stritti?

Mas.  Qu…qu…quasi…

San.  Vicini…vicini…vicini…vicini?…

Mas.  Si…

San.  (prende una banana ed una mela che si trovano nella fruttiera sopra il tavolo,

         mentre và, al pubblico:) Spero ca sa mangiau sulu cu l’occhi…(poi si và a sedere, tenendo la banana con la mano destra, la mela con la sinistra) Chissu si tu…(indica la banana) e chissa è me figghia…(indica la mela) comu eravu misi…

Mas.  (prende entrambi i frutti un po’ impaurito e descrive la distanza) Accussi…

San.  (gli afferra la banana e la mela) Ci cridu…picchi ‘u dicisti tuttu in un colpu sicuru…menumali ca telefonavu in tempu…(entrano Ass. e Lav.)

Ass.  Santino menumali ca telefonasti in tempu….

San.  L’avia caputu prima di tia…

Ass.  Ma chi fai cu sta banana e sta mela ne manu…

San.  Mi sono assicurato ca a mela avia ancora ‘u pidicuddu e a banana non si sbucciau…

Lav.  Papà non poi immaginare di quantu sugnu felici, picchi capisti ca quannu unu rifletti, capisci i propri difetti e sai ca semu tutti pieni di difetti…

San.  Hai ragiuni figghia mia… (entra Maricchia)

Mar.  E’ permissu… disturbu, si disturbu mi ‘nni vaiu…

Lav.  Signora trasissi, oggi non disturba nuddu…

Mar.   Vi vulia diri ca quannu aviti intenzioni di prenotarivi a tomba, facitivi fari un

           preventivo di don Cola Cuppuluni, ammia mi fici risparmiari chiassai di

           seicentomlaliri… e sparti ci misi u materiali bonu.

San.  (al pubblico) Ma chissa non vidi l’ura ca muremu oh!…( subito entrano, Rosa, Stefano e Felice)

Fel.    (ridacchiando) Chi bedda famigghia!…

Lav.  (và verso i suoceri abbracciandoli) Tutto superato…

Ros.  Che bello essere in pace…

Ste.   Cumpari…iu sugnu jimmurutu, ma non v’accurgiavu ca vui eravu chiù jimmurutu di mia…

Ros.  Cumpari, iu sugnu sciangata, ma non v’accurgiavu ca eravu chiù sciangatu di mia…

Fel.    Cumpari…

San.  Malu pi mmia!…

Fel.    Iu sugnu cecu di un occhiu, ma vui eravu cecu di tutti  dui…

San.  Tutti sti difetti avia?!…Era megghiu ca quannu nascivu me matri mi ghittava…

Ste.   No,  pi ‘na matri e un patri, ‘u figghiu po’ esseri chinu di difetti, ma ci vonnu dari tanta serenità…picchi ti dunanu tanta serenità…

Ros.  Cumpari, purtroppo noi esseri umani semu pronti ad accettare tutto, quannu capita a l’autri famigghi… e poi criticamu e giudicamu…ma quannu capita  a nautri qualchi cosa, semu difficili ad accettare…vulissimu ca capitassi tuttu a l’autri… cumpari di fronte agli occhi di Dio semu tutti uguali…

San.  Non mi faciti divintari chiù difittusu di com eru…(si siede chinando leggermente il capo) ‘E vero, quannu unu rifletti cumencia a capiri i propri difetti…Assunta eramu chini di difetti…

Ass.  Tu, no io!..

San.  A li voti è difficile accettare certi cosi, senza chi unu ci fa tantu casu cadi in un dei più meschini errori…e poi magari emu in chiesa, prigamu, ni scambiamu il

          segno della pace, e poi quannu niscemu ‘ni scurdamu tutti cosi…grazie a tutti voi cumpari, grazie a me figghia, grazie a tutti ca in tempu mi facistivu capiri ca tutti semu chini di difetti, ci sunnu chiddi ca sunu belli in vista…e chiddi ca sunnu amucciati…

Fel.    Megghiu tri difetti in vista ca unu ammucciatu…(ride) chi bedda famigghia…

San. Assunta, pigghia ‘nna  buttigghia di spumanti e apremula p’agurio…

Mar.   Augurio di tutto, soprattutto pa’ saluti, basta ca stamu attenti di tutto…

 

Ass.  (rientra co la bottigglia e bicchieri aiutata dalla figlia)

San.  Mi livavu d’incontru centu chila…circamu sempre di l’autri i pila…non sapennu quantu nautri semu pilusi…certi voti facemu i rugnusi…A questo gentile pubblico voglio dire: in fondo avemu tutti certi difetti…c’è cu l’avi aperti…c’è cu l’avi ammucciati…anche essere perfetto… è già un difetto…

          E’ megghiu ca a perfezione non esiste…Auguri…(mentre brindano)

Fel.    Chi bedda famigghia!… chi bedda famigghia …(si và chiudendo il sipario)

                                             

                                             

                                               F i n e

    Questo copione è stato visto
  • 4 volte nelle ultime 48 ore
  • 11 volte nell' ultima settimana
  • 18 volte nell' ultimo mese
  • 42 volte nell' arco di un'anno