A famigghia du me zitu megghiu si nun tu dicu

Stampa questo copione

(

Belmonte Mezzagno 27/ 10/ 10

Prefazione

Lisetta, confida alla madre di essersi innamorata di Giacomino, un ragazzo sordo. La ragazza, vorrebbe nasconderlo al padre, ma quando lo presenta in famiglia, si nota che qualcosa non va. Carmelo, inizia a non vedere bene questa storia, se ne convince ancora di più, quando conosce la famiglia del futuro genero. La zia che parla in modo scorretto, la madre che ha il tic, il padre ha atteggiamenti equivoci. Una proposta allettante, cambia le idee nella mente di Carmelo,iniziando ad amare i futuri consuoceri, ma va a finire che…

A famigghia du me zitu

megghiu si nun tu dicu

Commedia brillante in due atti di:

               Giovanni Allotta

       Prefazione

Carmelo                       Capo famiglia

Lucia                            Moglie

Lisetta                          Figlia

Santino                        Papà di Lucia

Giacomino                   Fidanzato di Lisetta

Zia Pippina                  Zia di Giacomino

Bettina                         Madre di Giacomino

Ambrogio                    Papà di Giacomino

(Scena composta come un normale arredamento da sala pranzo. Vetrina con piatti, bicchieri. Quadri antichi, un comò col telefono sopra, tavolo, una poltrona. A sinistra ci sarà la porta di uscita dalla casa. A destra, l’ingresso nelle altre stanze. Ci sarà un po’ di disordine nella stanza. Tutto è buio)

LUCIA

(Entra in vestaglia. Accende la luce. Guarda quel pandemonio in giro) chi manicomio! Pari ca si fermò u terremoto all’aria di servizio! Patri, figghiu e spiritu santu (rassetta. Prende un paio di pantaloni da terra, pieni di buchi) Taliati chi cavusi si usano ora! Nun sacciu si è la moda, o ficiru a pugna cu trenu! (Prende dal cassetto ago e filo, non le riesce mettere l’ago dentro la cruna) tutta cecata sugnu, mancu u bucu vju(Chiama il marito) Carmelo veni cca, infilaccilla tu, ju nun lu vju u bucu (Prova con fatica. Entra Carmelo assonnato in ciabatte, pantaloncini e canottiera. Ignora la moglie, cammina lentamente verso la poltrona. Lo osserva) osservate questo esemplare di scimpanzè ca panza, in versione estiva!

CARMELO

(uomo col pancione. Si siede in poltrona) ancora hava a durari stu scherzu!

LUCIA

Trasisti senza dirimi buongiorno e ti senti puru offeso?

CARMELO

Quannu ti sposavu, u parrinu mi dissi: nella salute, nella malatia devi amarla schifarla, tutti i giorni fino ca mori. U fatto ca te diri buongiorno, nun mi lu dissi

LUCIA

(Nervosa) Portami rispettu Carmelo, si pigghiu u ferro pi stirari, ti fazzu un tatuaggio nno nasu

CARMELO

(Come se fosse dispiaciuto) Scusami, nun ti havia vistu! Buongiorno principessa sul pisello! Si contenta? Ora va fa ‘n culu!

LUCIA

(in modo provocatorio, gli batte mano in spalla) Senti gargamella, quannu parri cu mia, lavati i denti cu spazzolinu du gabinettu! E poi sciacquati cu l’acido muriatico, scimunitu di guerra!

CARMELO

Poco fa, ti grapivi i cannarozza,chiamannumi. Chi cosa ce infilari nno bucu?

LUCIA

(Con ironia) A to soru! Cretinu, havi ‘na vita ca lu fai, ora tu scordasti?

CARMELO

Esatto! A chi sugnu energetico, priparati prima chi vennu l’avutri, smuoviti!

LUCIA

Secunnu tia, è megghiu si lu facemu docu ‘na poltrona ca c’è cchiù luci?

CARMELO

No, ma chi dici! È fraccullidda, appena ni ci mittemu di supra, si scassa!

LUCIA

Veni, ni mittemu ‘na seggia!

CARMELO

Nun ci capemu! E poi, si sta scomodi! Astuta la luci, ca lu facemu o scuru, ti fazzu vidiri i scintilli ca fazzu!

LUCIA

Quali scuru! Poi, u bucu nun lu vidi! Però mica pozzu perdiri tutta a jurnata pi ‘na fissaria! Spicciati, fai ‘na cosa veloce ca haju primura!

CARMELO

‘na fissaria? Quannu fazzu certi cosi, ci metto la firma! Priparati, ca ti fazzu pigghiari focu!

LUCIA

Facemulu supra u tavulu! Veni cca!

CARMELO

Supra u tavulu dunnu manciamu u vo fari? Si pazza!

LUCIA

(Irritata) Supra a poltrona no, supra a seggia no, supra u tavulu no, unni schifiu u vo fari!!!

CARMELO

Supra u lettu! Stamu comodi e putemu fari le posizioni del coccodrillo, del cervo a primavera, del toro…

LUCIA

(Ad ogni parola, assume una posizione buffa, come se l’abinasse a ciò che dice)du pescispada, du baccalaro! U fattu è ca si maliziusu! Mi ci a infilari u cuttuni ‘na vugghia! –ago-

CARMELO

Chi ti vinissi l’acidità ‘nta lingua! Chi ci vuliva a dirimillu prima! Io mi stava priparannu pissiecologicamente, pinsannu di fari bum bum!

LUCIA

I masculi pinsati sempri a ‘na cosa, sempri a ‘na cosa! Pi un vermi schifusu chi tennu menzu li cosci, vi sintiti kinghi konghi?!

CARMELO

Sentimi bene, vidi ca u vermi ca dici tu, è chiddu chi ti fa sentiri i farfalli ‘nto stomaco e ti fa veniri l’asma smaniosa!

LUCIA

Ma quali asma mi fa veniri, ca mancu ti…bocca mia statti zitta! Si parru, fazzu dannu! (Porgendogli ago e filo) Ci la infili o nun ci la infili?

CARMELO

Dammi,ti fazzu vidiri comu si fa un lavoro di classe! (Prende il filo, lo passa in bocca lo infila nella cruna dell’ago)Teni!U vidisti?Nun ci fici sentiri nenti

LUCIA

(indignata) U sacciu ca nun fai sentiri nenti quannu fai sti lavori delicati. Da quannu staju cu tia, pi pruvari emozioni forti, me pigghiari a pugni davanti o specchiu! (Si siede e si mette a cucire, entra il padre di Lucia)

SANTINO

(È un anziano arzillo, molto spiritoso ride sempre. Entra col pigiama e berretto della notte. Ha un asciugamano intorno i fianchi. Canta o Saracino) o saracino za za za, o saracino za za za, beddu coglione o saracino za za za, tutte e femmene si fici scappà. (Ride) za za!

CARMELO

Accumincià ca matinata. A voli finiri ca matinata di diri strunzati?

SANTINO

Io finivu. Ora, accuminci tu a fari u strunzu? (Ride) Picciotti, vi devo dare una bellissima notizia!(Si toglie l’asciugamano dai fianchi, evidenzia pantaloni bagnati) Mi pisciavu di supra! (Ride a crepapelle)

LUCIA

Nun ti pari mali alla tua età che perdi pipì!

SANTINO

Ho la prostàta bucata, e si metti a pisciari sulu. (Ride)

CARMELO

Stassi attentu, si cocchi notti  mori annegato!!!

SANTINO

Ogni notti dormu ca fotografia di me mugghieri attaccato nno pettu e nun pozzu moriri! quannu era viva (Con le braccia evidenzia, la rotondità) la sua circonferenza mi dava fastidio, ora ca muriu, mi porta fortuna!

CARMELO

Ma chi voli diri, cu sta specie di parrari chi havi!

SANTINO

Devi sapere nella vita per campare, ci vuole culo (Ride a crepapelle)

LUCIA

Papà, senza offendiri a mamma(Manda un bacio in cielo) Pace all’anima sua

SANTINO

Ma che offesa! Quannu si nominano persone morte, ci brilla l’anima!

LUCIA

Tu mica nominasti a mamma!

SANTINO

Allura ci brilla u culu! (ride. Ricorda la moglie) gioia mia, chi l’havia beddu incatramato! Era così molleggiato, ca si ci dava ‘na manata, havia a stari attentu che nel rimbalzo, mi pigghiava a pugni io stesso! Beddi ricordi!  

LUCIA

Purtroppo a vita è chista! Voli diri era destino ca a mamma, andasse in cielo

SANTINO

Certu ca fu cretina to matri, lassa a casa dunni stava, pi traslocare menzu a tutta da cunfisioni e lassarimi sulu!

CARMELO

Voli traslocare puru lei? Facissi i valigi ca lu jettu da finestra! Entru cinqu minuti, vola tre metri sotto terra!

LUCIA

Zittuti, topo gigio ca panza! Cocchi jornu ti fazzu fari vulari a tia tre metri fora da finestra! Senti a mia papà, nun ci pinsari cchiù, pensa che sei incontinente! ti devi guarire. U capisti?

SANTINO

Nun ci sugnu continente io! Quannu mi veni di pisciari, mi scontinento tutto! (Ride)

LISETTA  

(una giovane bella ragazza ventenne. Già vestita. Entra con un bicchiere di latte che adagia sul tavolo bacia i presenti) Buongiorno a tutti. Cosa avete da vociferare così di buon mattino?

CARMELO

Nenti, to nonno si pisciò di supra!

SANTINO

Che sei splendido a dirlo. Fra cinquant’anni appena mi veni a trovi in continente, poi ni taliamu ‘nte facci!

LUCIA

(Lo accompagna ad uscire da destra) Bonu, nun ci pinsari cchiù! Canciati e fatti u bidè.

SANTINO

Si, mi lu fazzu, se no l’uccellino della comare, mori pisciatu! (Ride uscendo)  

LUCIA

Scusami gioia, purtroppo si deve capire alla sua età. Mancia (Torna a cucire)

LISETTA

Gradite un po’ di latte?

LUCIA

No gioia, pigghiatillu tu che sei giovane, così ti pigghia un calcio nall’ossa

CARMELO

Sugnu allergico al lattice, bivitillu tu! (Si alza prende un giornale adagiato in un angolo della stanza, torna in poltrona a leggerlo. Lucia mentre cuce, canta una canzone,stonando. La figlia beve il latte pensierosa. Infastidito dal canto della moglie) ‘un po’ travagghiari ca vucca chiusa, mi sta facennu sciogghiri l’inchiostro! (Lucia Continua a cantare con sprezzante aumento del tono di voce) zittiti! U latti a to figghia ci sta facennu vilenu!

LUCIA

Si ti da fastidio, vai a leggiri ‘nto cabinettu! A picciridda nun ci da fastidio che canto, è vero a mamma? (La figlia mangia, con la mente altrove) Lisetta mi senti? Ci sei? Mancu si movi!

CARMELO

(A Lucia) po’ essiri ci vinni un blocco intestinale ‘nta faccia?

LISETTA

(Rientra in se) Scusate, ero distratta. Avevo la testa fra le nuvole!

LUCIA

(guarda attentamente la figlia) chi c’è! Sento che mi devi dire qualcosa. vero? (Lisetta nasconde il viso sorridente) Tu leggiu ‘nta faccia è scrittu a stampatello (La figlia fa segnale che ci sta il padre. Lucia lo spinge ad uscire da destra) Susiti cicciobello. Và trova a me patri in continente! Cu to figghia avemu a parrari di discorsi vietati ai minori, sciò sciò  (Carmelo esce. Torna idillica) Po’ parrari ora.

LISETTA

(felice) dici ca mu leggi nna faccia chi cosa te diri. Chi vidi scrittu?

LUCIA

Senza occhiali nun sacciu leggiri, figghia mia! (La figlia esita a parlare dondolandosi su se stessa sorridente. Curiosa, dondola come la figlia) amunì, che mi devi dire! …ca parra…non farmi stare con le spine…dai…

LISETTA

(felice)Mamma …mi fici zita!

LUCIA

(agitata) Zita? Comu zita? Vidi ancora sei celibata e zita, nun ti ci puoi fare

LISETTA

Chi mali c’è che sono zita! Avissi a essiri contenta ca ti portu dintra un’altra persona!

LUCIA

Chistu è u problema! Picchì, aumentanu i cosi di lavari, stirari…(Lisetta è triste. Lucia esita, poi idillica) scherzavo! sugnu contenta! La mia picciridda bedda, si è faciuta zita…Cu è stu curnutu?

LISETTA

(Rimanendoci male) Che dici mà!

LUCIA

Era un complimento! (Si siede accanto la figlia, è molto curiosa) È paesano?

LISETTA

(Con gioia) no, è urbano!

LUCIA

Comu? Cu tanti beddi figghi chi ci sunnu o paisi, ti isti a pigghiari a unu talebano!

LISETTA

Chi capisti! Urbano significa che sta in città (Felice nel parlare del fidanzato) é un bel ragazzo, si chiama Giacomino!

LUCIA

Giustu giustu! Si chiama comu u porco chi havi to patri! Navutru nomi di cristianu nun si lu putiva scegliri! Comunque, vai avanti!

LISETTA

(Felice) Ha due occhi stupendi, un nasino delicato, una bocca delicata… (Sospira)

LUCIA

Chi havi a bocca delicata? Lisetta, nun facemu ca ci taliasti a vucca?

LISETTA

Ha un bel viso, e poi havi una lingua sciolta, si bella allungata!

LUCIA

(Si irrita) chi cosa havi chissu allungato? Ancora sei allippata, le cose grosse, non le puoi vedere. Si vidisti cosi cu l’occhi, t’ammazzo!

LISETTA

Lo so che sono illibata! Giacomino ha la lingua allungata, cioè ca sapi parrari bonu! In bocca havi paroli dolci mà, mi fa sciogliere come il miele!

LUCIA

Fino ca ti fa sciogliere ci semu, appena accumincia a pizzuliariti comu ‘na l’apa nun veniri a chianciri ne mia, picchì u restu di vastunati ti dugniu!

LISETTA

Mamà fuvu fortunata a truvari un ragazzo bello fuori e … pulito dentro!

LUCIA

(Irritata) Pulito di dentro? Io ti avviso, appena resti menomata, ti vaju a chiudu o manicomio nelle sorelle col cappuccino!

LISETTA

Capisci sempri o cuntrariu! Pulito dentro, significa ch’è una bella persona ricco di pregi! …Però c’è sulu un problema!

LUCIA

Chiddi nun mancanu mai! Scummissa ca iddu nun lu sapi ca siti ziti?

LISETTA

No chi c’entra! È sulu ca…comu ti le diri…

LUCIA

Nun mi mannari massaggio nell’uccellulare, nun lu sacciu leggiri. Dimmillu ca vucca. Forza!

LISETTA

Allura mamà, u me zitu è …surdu!

LUCIA

Mi pariva chi cosa havia! E qual è u problema.

LISETTA

(Preoccupata) u problema è u papà. Tu sai ca iddu è camurrusu! Voli un ragazzo bonu  pi mia. Appena sapi ca è surdu, mi scantu si ni fa lassari!

LUCIA

Nuatri mica ci l’avemu a diri ca u to zitu è surdu!

LISETTA

Appena iddu u vidi ca è surdu?

LUCIA

Nun ti preoccupari, a surdia nun si vidi! Si senti!

LISETTA

E si lu senti?

LUCIA

Nuatri nun ci la facemu sentiri ca è surdu!

LISETTA

Se u papà sente ca iddu nun ci sente, poi u vidi ca è surdu!

LUCIA

(Confusa) Basta, cu stu senti nun mi senti e si mi senti, ni sintemu. Senti tu a mia, to patri havi u dono di natura di essiri cretino! Non ci farà caso, ca u to zitu è surdu. E poi, iddu puru surdu è! Quannu u chiamu, mi lassa sbattiri.

LISETTA

La famiglia di Giacomino non l’ho conosciuta, però mi nni parrò bonu. Mi dissi che hanno in casa una zia zitella. Mia suocera dice che è rimasta traumatizzata dall’incidente di suo marito, e ci vinni u tic.

LUCIA

Mischina, questo mi dispiace ca ci vinni u ticket! Comunque, importanti ca è ‘na famigghia sistemata comu nuatri!

CARMELO F. S.

Finistivu di parrari? Pozzu trasiri?

LISETTA

(Preoccupata) Mamà, mi pari mali a diriccillu o papà. Ci lu dici tu?

LUCIA

Allura chi ci staju a fari cca, nenti?! Ci penso io! (A Carmelo) Po’ trasiri, finemu di parrari.(Lucia lo va a prendere sulla porta, seguita da Lisetta. Lo trattano come un pascià) vieni qua amore, assettati! (Lo adagia in poltrona)

LISETTA

(Prende il giornale si mette in posizioni come se stesse leggendo) Papà, vedi che sono brava, pi nun ti fari affaticari, mi leggiu u giornale al posto tuo

LUCIA

Amore, vuoi che ti scioscio con la palma o con la bocca piccina picciò?

LISETTA

(Gli massaggi i piedi) papà, ti faccio quattro messaggi, per rilassariti!

CARMELO

Ma sbattistivu a testa, o vi drogastivu? Mi pariti un poco strane!

LISETTA

(Fa segnali alla madre, di iniziare il discorso) Che dici Papà, noi ti vogliamo troppo bene! Che mondo sarebbe, se muori tu! (Abbraccia il padre, continuando a far segnali a Lucia)

LUCIA

(Disgustata) fussi puru u mumentu! Caro Carmelo ti devo parlare!

CARMELO

Troppo leccamento c’è, mu immaginava! Cosi di rumpiri ci sunnu!

LISETTA

Io vado di là! Fai il bravo paparino mio! (lo bacia ed esce, in realtà si nasconde dietro la porta per ascoltare, facendosi vedere solo da Lucia)  

LUCIA

Carmelo apri bene le orecchie, picchì tu si surdu! Però, mi fa piacere avere un sordo in casa, anzi, si nni avissimu dui, fussi puru bonu!

CARMELO

Surdu ju? Tu sbattisti a testa! Ho l’orecchio bionico, puru si bussano a porta, io ci sentu! Sugnu surdu, sulu quannu mi chiami tu!

LUCIA

(Irritata) Appunto!! Comunque, nun è mumentu di pigghiariti a paroli, picchì ti devo dire una bella cosa. È una cosa che tu hai sempre desiderato.

CARMELO

Mi lassi e ti nni vai per sempre? (l’abbraccia) Grazie amore, grazie! Quannu ti nni vai, ora o subitu?

LUCIA

Vidi comu si scoprinu gli imbrogghi! Desideri chistu? Ti pistu a faccia comu racina, ti po sbattiri i corna o muru, ju resta cca (Carmelo è dispiaciuto) Comunque, ti vuliva diri ca to figghia, si fici zita!

CARMELO

Comu si fici zita! Cu un masculu?

LUCIA

No, cu una fimmina! Ca certo si fici zita cu un masculu, Carmelo!

CARMELO

Alla sua età è ancora pura lana vergine, e si fa zita cu un masculu? Chi vergogna, chi vergogna dintra a me casa! (Si dispera Lisetta)

LUCIA

(Rivolgendosi alla figlia, in modo che il padre non capisca) Carmati, non disperare, ora a stu cretinu lu facemu accettare!

CARMELO

Dici a mia cretinu? 

LUCIA

No, alla rima baciata! Turnannu a nuatri, si to figghia nun si fa zita, a lana vergine comu a perdi, sula?

CARMELO

Secunnu tia, u miu è un ragionamento sbagliato? U primu masculu chi veni, pigghia e ci dugniu a me figghia vergine? No no!

LUCIA

Ci la vuoi dare, pronta per l’uso? U bello sta proprio in questo, daricilla impacchettata!

CARMELO

Ancora a picciridda è nica pi farisi zita. Punto e basta!

LUCIA

(Lisetta si dispera. Lucia la conforta) stai tranquilla! Se non accetta che l’amore a tia in testa ti pigghia, ci dugniu focu cu tutta a panza di canigghia! –dalle mie parti,Canigghia è una presa in giro, per chi ha il pancione-

CARMELO

Così all’improvviso divintasti poeticosa? Nun sacciu picchì, sti versi d’amore, mi pari ca lu sacciu a cu sunnu dedicati! È inutili ca fai così, a picciridda è nica! (Sta per alzarsi dalla poltrona, Lucia lo risiede)

LUCIA

Nica? A mumentu ci accettanu a pensioni, e tu dici sempri nica!

CARMELO

Pi mia è sempri nica! È inutili, ma nun canciu idea!

LUCIA

(Gli parla dolcemente) Immagina, i nipotini ti chiamano: “nonnino, me lo compri un panino?” i picciriddi dalla felicità ti vasanu tuttu chi manu lordi, facennuti divintari un pezzu di fangu! Dimmi a verita, ti piacissi, vero?

CARMELO

(Intenerito) Mi piacissi! In fondo, sunnu sempri i figghi di me figghia! (Esita un po’) va bene, a picciridda mia, si po fari zita. Ad una condizione! Prima vogghiu canusciri a stu zitu!

LISETTA

(Grida felice, corre dentro) lu chiamu subitu subitu!

CARMELO

Mih, già mi sintiu!

LUCIA

Puru idda havi le aricchie bioniche comu tia! Vistu ca u zitu sta vinennu, mi vaju a levu sta vestaglia. Va sistemati puru tu!

CARMELO

Bonu sugnu! Mica s’hava fari zitu cu mia. Non è l’abito che fa il monaco!

LUCIA

(Con biasimo) ma è a panza, ca fa u porco! (Esce da destra sotto gli occhi allibiti di Carmelo)  

CARMELO

A megghiu parola è chidda ca nun si dici! (prende il giornale e si posiziona nella poltrona) ora videmu, stu zitu chi hava a veniri! Speriamo ca nun voli essiri campatu di mia. Speru ca havi i piccioli, almenu mi campa iddu. (Legge il giornale)

SANTINO

(Da dietro, avanza in silenzio con una pistola ad acqua. Si camuffa la voce) Mani in alto, questa è una rapina! ( Carmelo, balza in aria. Tiene le mani in alto, tremante) o la morte o la vita!

CARMELO

(Tremante, da le spalle a Santino, quindi non sa dello scherzo) Signor scippatore, si pigghiassi a me mugghieri e semu a paci

SANTINO

Cosa scegli tra la morte e la vita?

CARMELO

Facissi lei, basta ca nun custa assai!

SANTINO

Mettiti in ginocchio (Carmelo si mette in ginocchio, trema )

CARMELO

(tremante) Signor rapitore, soffro di obelisco, mi pozzu stari in piedi? Ci dicu navutra cosa, per favore, mi sparassi piano piano così nun sentu duluri. (Santino esce dalla tasca delle palle di carta, le tira addosso Carmelo, facendo con la bocca il suono di uno sparo. Carmelo, si lamenta) chi duluri, ahi! Aiutatimi, staju murennu. (Si lamenta e cade a terra) Sono morto! (Santino si tappa la bocca per non fari sentire che ride)

LISETTA

(Entra, va di corsa a baciare il padre) Grazie papà. Ho chiamato il mio zito, tra un po’ arriva. Chi sta facennu coricato a terra?

CARMELO

Nun si vidi ca sugnu morto, si orba?

LISETTA

Ma quali mortu, si parri cu mia!

CARMELO

Voli diri ca sugnu un morto vivo!

LISETTA

(nota il nonno che sta per esplodere dalle risate) Chi hai nonno ca ti tappi a vucca, ti viene da vomitare?

SANTINO

Sugnu siddiatu, picchì ammazzavu a to patri! (Esibisce la pistola finta. Esplode a ridere. Carmelo si alza, si rende conto dello scherzo)

CARMELO

Allura era uno scherzo! Ti pari ca ti talìu? T’ammazzo! (Lo insegue la figlia urla e chiama la madre) mi vulivi fari moriri! Fermati, ca te fari quattro carezze d’amore, fermati ti dissi (Esce Lucia vestita, che seda il marito, mettendosi in mezzo tra il padre e Carmelo)

LUCIA

Ti senti intelligente a darici lignati a un cristianu ca nun si sapi difendiri! Fallu cu mia u scaltru, ca ti fazzu a faccia a cocco bello!

SANTINO

Ci ristò male to marito, ca muriu pi finta! A prossima vota, ci sparu veru!

LUCIA

(Carmelo è irritato, lo mette a sedere) Assettati! (Al padre) Finiscila di fari scherzi, pari un picciriddu a ottant’anni! A mumentu, veni u zitu, e siti tutti esaltati! State calmi! (Suona il telefono va Lucia) Pronto…pronto. Io sugnu pronta e tu? Va fa ‘nculu! (Chiude) era unu ca diciva sempri pronto!

SANTINO

Po’ essiri ca mentri parrava, si ci incantò l’ernia a disco! (Ride tanto)

CARMELO

(Risuona il telefono, sta per andare Lucia, la ferma Carmelo) Ci penso io! (Risponde) pronto, cu si? U capivu ca si pronto, ma cu si? Sentimi, tu pozzu fari un complimento? Va dicci curnutu a to patri! (Chiude) cosi di pazzi!

LISETTA

(suona il telefono, corre a prenderlo) Pronto? Ah sei tu! (Ai genitori) è l’amore mio! (Al telefono) Cippi cippi cippi, micio micio micio, bau bau bau…

SANTINO

Stannu facennu la vecchia fattoria telefonica? (Ride)

LISETTA

(Al telefono) dimmi tutto – vuoi portare i dolci? non c’è bisogno!– dico, non c’è bisogno! Ni veni a carie nei denti! No, nei venti, nei denti. De-n-ti. Esatto denti, chiddi ca ti mancianu. Ti aspittamu – nun ti sparamu, ti aspittamu! Ok, ti amo! – ho detto ti amo! no piano, ti amo!... t come tu, i come io, amo come amo! Capisti, ti amo! ciao amore! (Chiude) sta venendo!

CARMELO

ma com’è surdu stu zitu?

LISETTA

Chi dici papà! Siccome u filo du telefono è fino, i paroli chi ci diciva, ci arrivavano a unu a unu! U tempu ca li pigghiava tutti, ci vuliva tempu!

LUCIA

Lisetta senti, veni cu mia, ca mi devi aiutare a purtari sacchetti, si veni qualcunu nun avemu nenti di offrire (Al padre e Carmelo) vuatri, stati calmi. (Le due donne escono da sinistra)

SANTINO

Dimmi ‘na cosa, a picciridda si fici zita?

CARMELO

Almeno, così sintivu diri!

SANTINO

Sugnu veramenti cuntentu, l’unica niputi chi haju si sta facennu zita. 

CARMELO

I piccioli pi farici u regalo, li priparà?

SANTINO

Comu u regalo! Quannu una persona si fa zita, si deve fare u regalo?

CARMELO

Certo! Si nun si fa u regalo, chi rispetto è! E poi, si sta facennu zita so niputi, mica una di menzu li strati!

SANTINO

Io sugnu all’antica, chiddu chi mi fannu, io fazzu! Quannu muriu to soggira, idda u regalu ci lu fici? No!

CARMELO

Si proprio ci teni, accuminciassi a sborsarimi mille euro a mia, appena mori, ci fazzu un regalo da liccarisi i baffi! (Gli allunga la mano)

SANTINO

Sugnu curiusu, chi regalo mi fai?

CARMELO

È una sorpresa! Dopo ca lei mori, ci lu dicu chi regalu ci fazzu. Intanto mi duna mille euro, accuminciu a farmi una idea. (Santino obbietta sul fatto dei soldi, nel mentre si sente una voce)

VOCE FUORI SCENA

Micio micio micio micio

SANTINO

C’è qualcunu ca persi a jatta!

VOCE FUORI SCENA

Bau bau bau bau

CARMELO

Ma quali jatta. Quarcunu persi u cani! (Bussano, va Carmelo ed entra Giacomino) Buongiorno, a cu cerca?

GIACOMINO

( ragazzo bruttarello, con occhiali grandi e baffi, capelli in aria. Qualche dente nero. Entra ben vestito. Porta un papillon, un girasole nella tasca della giacca. Ha un mazzo di fiori. Essendo sordo, parlerà con un tono di voce alto) C’è cippi cippi?

CARMELO

(Risponde con tono alto) ci semu sulu cip e ciop!

GIACOMINO

(Tra se) Però l’indirizzo chistu mi pari! Scusate, a me zita sta cca?

CARMELO

Comu fazzu a sapiri si a to zita sta cca, si nun sacciu cu si tu!

GIACOMINO

Io sugnu u zitu!

CARMELO

Allura sta cca sta a to zita. Trasi!

SANTINO

(sottovoce a Carmelo) Beddamatri ch’è bruttu! È parenti du sinnacu du paisi. Parino ‘na stampa!

CARMELO

Zittuti, po’ essiri  ca l’apparenza inganna!Videmu si appena accuminciamu a canuscillu, diventa cchiù beddu! Prego, assettati!

GIACOMINO

(parlerà per tutta la commedia, con un tono di voce un po’ più alto degli altri. Da la mano ai presenti) Piacere, io sono lo zito della zita!

CARMELO

(ricambia il saluto con la mano) piacere, io sono il papà della zita. Questo è il nonno della zita! (Al suocero) Di quant’havi ca arrivò, jetta vuci. Ci pari ca semu surdi?

SANTINO

(Sottovoce) Po’ essiri ca vinni patati senza microfono?

GIACOMINO

Questi fiori, li ho portati per il mio fiore più bello!

CARMELO

(Li prende, li da a Santino, il quale li mette sul tavolo) Grazie, appena veni me figghia, ci li dugniu. Intanto, assettati!

GIACOMINO

(Da la mano ai presenti) Piacere, io sono lo zito della zita!(scruta la stanza) nun vju a nuddu! Dunni è a me zita?

CARMELO

Me figghia è nisciuta.

GIACOMINO

Com’è cresciuta? A lassavu nica pi telefono e già divintò granni! Mah, comu passa u tempu.

SANTINO

Una telefonata, allunga la vita!! (Ride) picchì stai in piedi, assettati!

GIACOMINO

(Da la mano ai presenti) Piacere, io sono lo zito della zita!

CARMELO

u capemu, u capemu! Di quantu voti l’hai dittu, u sacciu a memoria ca si u zitu! (Lo prende con forza, e lo siede) Assettati! Comunque, sono Carmelo. Comu ti chiami? (Giacomino lo guarda sorridendo con impaccio, ma non risponde) ti dissi, comu ti chiami? (Nessuna risposta) si bloccò?

SANTINO

Po’ essiri ca nun la capisci a to lingua! Parraci con l’alfabeto antropomorfe

CARMELO

(con visibili gesta delle mani, attira l’attenzione di Giacomino a far si che guardi le sue labbra. Parla urlando spezzando le  parole) ti – di-ssi po- co fa, Co- mu ti chi- a- mi tuuuuuuu!

GIACOMINO

(Risponde allo stesso modo del suocero) mi chi- a- mu, Gi- a- co- mi- no! U ca- pi- sti?

SANTINO

U sentisti Carmelo! Stu cretinu si misi u nomi, di lu porco chi hai tu! (Ride)

CARMELO

Vol diri ca so patri quannu u spirimintò, fici u porco e ci vinni l’ispirazione du nomi.

SANTINO

(Gli da la mano) piacere, sugnu u nonno. Mi chiamo Santino!

GIACOMINO

Mi dispiaci tantissimo che alla sua età, lei è cretino. Megghiu di nenti!  

SANTINO

(Si irrita. A Carmelo) u sentisti? Mi dissi cretino! A mia, cretinu nun mi l’ha dittu mai nuddu! L’unico cretinu, ca mi dissi cretinu, si trova ricoverato al camposanto! (A Giacomino, gli da la mano) amico bello, cretino ci si tu!

GIACOMINO

(Contento) esatto, ha indovinato ca mi chiamo Giacomino! Cu ti lu dissi?

CARMELO

(Santino non si fa persuaso del comportamento di Giacomino) Lassalu iri a me soggiru, parra cu mia. Tu, di cu si patri? (Nessuna risposta. Aumenta il tono di voce) cu è to patri?

GIACOMINO

(urla, da far spaventare tutti) beddamatri, cca sunnu! (Si nasconde dietro la sedia, dal modo in cui fa, fa spaventare anche Santino e Carmelo che si nascondono assieme) state attenti, si ni vidinu, semu fritti! Aiuto!!!

SANTINO

(spaventato) Beddamatri, a cu schifia vitti chistu, ca mi fisti scantari! Du scantu, mi sto scontinentando tutto!

CARMELO

Cu c’è, Giacomino? A cu vidisti?

GIACOMINO

Comu sunnu, razzisti? (più spaventato) minchiuni, a tutti i capiddi ni tagghianu!

CARMELO

(Ad alta voce) Mu vo diri, chi dici? E a cu schifia vidi?

GIACOMINO

Chi fa nun mi capisci, è surdu? Mi lu dissi lei ca ci sunnu i latri, razzisti

CARMELO

(esce dal nascondiglio Nervoso) appena continua a schirzari, ci dugniu un pugnu nna vucca, ca u pani ci le fari manciari di darreri u coddu! – collo!-

SANTINO

Senti maialino coraggioso, si vinisti pi schirzari, megghiu ca ti nni vai. A  me niputi, nun la pigghi pi fissa. Fimmini comu me niputi nun esistinu. Altissima, purissima, levigatissima! U capisti? Cu tia parru! Vidi chi faccia di bumma chi havi, mancu mi rispunni!

CARMELO

(gli va vicino) A tia nuddu ti la insegnato l’educazione? Si rispunni sempri, quannu unu parra!

GIACOMINO

A chitarra? No, nun la sacciu suonari, mi dispiace! Da due anni suono al conservatorio con la tromba!

CARMELO

Mizzica, ca tromba! Picchì, campanellu nun hannu?

GIACOMINO

Scusate, haju parratu assai, vorrei un poco di acqua naturale!

CARMELO

Bonu accuminciamu! Mancu ha misu peri dintra, e ci voli biviri!

SANTINO

Stai calmo, ci penso io! (esce e poco dopo rientra con un bicchiere, la da a Giacomino) Mi dispiaci,sulu chista mi ristò. Bevi!(Giacomino beve. Santino ride sotto il naso)

GIACOMINO

Pi essiri bona è bona, un poco zuccherata però.

SANTINO

Lo so, purtroppo haju a diabete (Carmelo capisce il gesto scostumato del suocero, si irrita, ammonendolo con gesti) 

GIACOMINO

(Gustando la bevanda) ma è acqua colorata?

SANTINO

bevi bevi,  è acqua orinata! (ride a crepapelle, mentre Giacomino beve)

GIACOMINO

Buonissima, l’aranciata!

CARMELO

Chi schifia d’acqua ci detti, chidda pisciata?

SANTINO

Ma picchì usi questi vocaboli, irripetibili! Iddu vuliva l’acqua naturale, sono andato in continente, (Fa segno di far pipì) E ci detti l’acqua naturale(Ride. Nel frattempo entra Lucia e Lisetta)

LUCIA

(Stanca, porta sacchetti) chi stanchizza! (Vede il genero) cu è stu zingaro?

LISETTA

Ma quali zingaro! Questo è l’amore del mio cuore! (Va verso Giacomino, il quale vedendola, le va incontro prendendole la mano, stringendola al petto)

GIACOMINO

Amore, mi sei mancata. Dove sei stata?

LISETTA

Sono uscita con mamma!

GIACOMINO

Certo amore, se vuoi andiamo a nanna! Io e te, ciu ciu ciu ciu

CARMELO

Ueh, quali nanna bigiù bigiù! Mi pari a mia, ca curri troppu stu scimunitu!

LUCIA

(Guarda Giacomino. Sottovoce a Lisetta) Figghia mia, chistu è u to zitu?

LISETTA

Si! U vidi ch’è beddu?

LUCIA

Beddu? Figghia mia, tu hai problemi seri! Quannu vi facistivu ziti, a cu taliavi, i muschi? Tu hai biddizzi di vinniri, iddu havi bruttezza a credito!

LISETTA

Tu parri pi mia, tu chi ci vidisti o papà ca ti lu sposasti?

LUCIA

Quannu mi sposavu cu to patri, era o scuru. Dopo ca ci dissi di si o parrinu, mi putiva tirari cchiù indietro? No! …sai chi ti dico? Sposatillu! L’amore è orbo, quannu ‘na persona si innamora, si tappanu tutti i difetti (Sorridente con Giacomino) Scusi, lei è lo zito della zita? (non le da retta) Mi senti?

LISETTA

(da un leggero spintone alla madre ammiccando, facendole segnale nell’orecchio. Lucia si ricorda) Certo mamma che questo è il mio zito! Ve lo presento a tutti, signori e signore questo è il mio…

SANTINO

(Precede la nipote) …Porco!  (Ride)

LISETTA

Nonno! Come ti permetti a dire che il mio zito è maialo! Ti taliasti tu, pari un citrolu cu clistere!

SANTINO

Dissi porco, picchì già ni presentamu e sacciu comu si chiama.

LISETTA

(si abbracciano, scambiandosi effusioni come due piccioncini) mi sei mancato micio micio micio…

GIACOMINO

Anche tu bau bau bau…

SANTINO

Scusate, visto ca siti micio micio bau bau, u sapiti il coccodrillo come fa? (Ride a crepapelle)

LUCIA

Figghia mia, ancora mancu mi hai presentatu a stu beddu picciotto di zito!

LISETTA

Amore, ti presento mia mamma Lucia! (Lucia gli da la mano, Giacomino non avendo sentito che fare…)

GIACOMINO

Già parte signora? (Gli da la mano) buon viaggio, auguri e figghi masculi!

LISETTA

(Gli urla nelle orecchie) chista è me matri Lucia. Dicci comu ti chiami!

GIACOMINO

Picchì jetti vuci, ti pari ca sugnu surdu? (A Lucia)Piacere Giacomino

LUCIA

Giacomino, che fai nella vita? (Nessuna risposta. Lisetta fa cenno di alzare la voce, Lucia si mette in piedi sulla sedia) che fai nella vita? (Nessuna risposta. Lisetta, fa cenno di scendere e Lucia si inginocchia. Il nonno ride) Che fai nella vita? (Nessuna risposta. Lisetta le fa cenno di alzare, facendola irritare) si po’ sapiri comu cazzarola me fari capiri di chistu? Isata no, calata no, com’è ca me fari capiri?

SANTINO

Di vicino nun ti senti è miope. vai nna stanza di lettu ci mandi un telegramma, così ti senti! (Ride)

LISETTA

Menu mali ca u sai u me zitu havi u bucu du timpanu nicu, e i paroli nun ci trasinu! Ci devi jettare voci, pi faricilli infilari tutti!

SANTINO

A risolvu ju sta situazioni! Con permesso! (Esce di fretta da destra)

LUCIA

(si sistema, si siede e urla) Giacomino, chi schifio fai tu nella vita?

GIACOMINO

Chi ci fazzu ju a zita? Mica ci lu pozzu diri a lei! Poi si pigghia d’invidia e li fa puru lei cu so maritu!

CARMELO

(Adirato) Disgraziato, dimmi tuttu chiddu chi faciti e chiddu chi nun faciti! Parra o ti scippu aricchi! (Tira le orecchie a Giacomino il quale grida)

LUCIA

(Adirata) Dimmi a virità, vi mandati massaggi tonnografici? Parra!

CARMELO

Faciti posizioni archittettoniche? Lisetta, sta specie di animale ti tocca tutta?

LISETTA

A vuliti finiri! Quannu ni videmu facemu il tuca tuca

CARMELO

Chi fati?(Prende Giacomino per la camicia, scuotendolo) A me figghia ci fai vidiri il tuca tuca? Appena la metti incinta e a lasci vedova, t’ammazzo!

GIACOMINO

(Piange) ci lu giuru, ju nun ci sugnu mai pazzo! Sulu quannu mi alzo a matina, chi capiddi ‘nta l’aria, paru scappatu du manicomio!

LISETTA

Fermati papà! (Carmelo lascia Giacomino, Lisetta lo soccorre) amore mio, faccillu vidiri a me patri, il tuca tuca!

CARMELO

No no, grazie! Mi basta chiddu miu! Cosi, schifiati nun li vogghiu vidiri!

LUCIA

Cosi schifiati? Semmai, cosi frischi! Vo mettiri iddu, cu tia! Iddu è giovane, è il tuca tuca ci canta! Chiddu tuo, si scurda i paroli!

LISETTA

(Alza Giacomino da terra, le parla nelle orecchie) Te la senti di fare tuca tuca, davanti a tutti? (Giacomino dice si. I due si dispongono uno di fronte l’altra. Carmelo cerca di impedirglielo, Lucia trattiene il marito, invitando Giacomino ad agire. Parte la base del Tuca Tuca, i due fidanzati ballano. Sotto gli occhi allibiti di Lucia e Carmelo)

SANTINO

(Entra, interrompendo il ballo dei due. Ha con se un grosso imbuto  parla usandolo come megafono) attenzione attenzione! Picciotti semu salvi. Truvavu u modo pi ficcarici i paroli ‘nto timpanu a Giacomino!

LUCIA

Cu chistu? E comu fai?

SANTINO

Così è tantu facili (Si avvicina con l’imbuto nell’orecchio di Giacomino, il quale come se nulla fosse. Lisetta ferma il nonno)

LISETTA

(Gemente) Fermati nonno! Nun ci fari mali al mio zito! Si mori iddu, navutru o paisi ca si chiama Giacomino, nun lu pozzu truvari!

SANTINO

Mali chi va, c’è u porco di to patri (Ride. Lisetta si dispera. Santino gli urla con l’imbuto nelle orecchie facendolo balzare in aria) buongiorno! (Giacomino dallo spavento cade a terra, viene soccorso da Lisetta )

LISETTA

(Lo riempie di schiaffi per farlo riprendere, il quale già ripreso cerca di evitarli) zito mio, ripigghiati. Cca sugnu! Mi vidi, cca sugnu!

GIACOMINO

Ma dari navutru pugnu? Sei troppo pazza d’amore, fatti controllari!

LUCIA

Dammi stu altoparlante papà (Santino le da l’imbuto e parla all’orecchio di Giacomino) poco fa, ti dissi cosa fai nella vita! Chi travagghiu fai?

GIACOMINO

Nenti. Nascivo disoccupato e nun haju dirittu a travagghiari

CARMELO

Comu? Cu sta fisofolia di parole vulissi essiri campatu di mia?

GIACOMINO

Ci l’ahju zappatu a me zia? No no, si lu zappa idda il giardinello (Carmelo s’innervosisce)

SANTINO

Lucia, dacci l’altoparlante se no i paroli nun ci trasinu in testa  

LISETTA

(Spaventata)Comu in testa? Finiu ca c’infila dintra lu timpanu? Beddamatri, si ci inchiti a testa di chiacchere, poi mi le maritari cunfusu! (Intanto Lucia, ha già portato l’imbuto a Carmelo) 

CARMELO

Funziona stu cosa? (parla dall’imbuto) Uno, due, tre prova di pressione, ok funziona! Allura, vo essiri campatu di mia?

GIACOMINO

Di lei? Certo, visto che sono lo zito della mia zita, è giustu ca mi campa lei visto che lo devo chiamare, papà!

SANTINO

Carmè, ti mittisti l’acqua dintra e u rubinettu di fora cu chistu! (ride) ti isti a riparari dunni chiovi, stai attentu e ti allaghi! (Ride)

CARMELO

(prende per l’orecchio Giacomino e lo accompagna alla porta. Lisetta lo prende dall’altro orecchio tirandolo a se. Giacomino urla dal dolore) Si nun si ti nni vai, ti fazzu divintari concime pi basilico! (Carmelo lascia la presa, facendolo cadere)

SANTINO

Cu vinciu in questo lascia o raddoppia? (ride)

CARMELO

Altro che lascia e raddoppia. (A gridare vicino le orecchie) Si nun si nni va, a testa ci fazzu fari a ruota della sfortuna!

GIACOMINO

(Disperato) nun sulu aricchi, puru a testa!

LISETTA

(Gemente, abbraccia Giacomino)Si jetti fora a iddu, m’impicco, mi butto sotto un ponte e mi taglio le vene.(Lucia si dispera)

SANTINO

(Dispiaciuto) Gioia mia, chi dici! Vale la pena sentire tanto dolore per amore? Ti spari, nun senti nenti!

LUCIA

Papà, puru tu, ti ci metti! Lisetta rifletti bene a chiddu ca dici! Vedrai che tutto si sistemerà! (A Carmelo) quannu ni sposamu, ricordi ca eri senza travagghiu, senza ‘na lira! E puru vidi dunni semu arrivati! Lassali contenti! Giacomino, appena ti sposi a me figghia nenti ci farai mancare?

GIACOMINO

(Non avendo sentito, parla di tutto altro) Comu fici a indovinarlo? (Lucia guarda il marito soddisfatta) da quando sono arrivato devo pisciare, però nun sapiva dunni farla (Tutti rimangono pietrificati, il nonno si ammazza dalla risate, esce rientrando subito dopo con un vasetto con la pianta)

SANTINO

Visto che sei continente puru tu, falla in questo bagno a domicilio! (Ride)

GIACOMINO

Scusate, la vado a fare a casa. Almenu mi concentru megghiu nel mio bagno. (Si saluta con Lisetta strofinandosi il naso) ciao cippi cippi

CARMELO

Ma chi stannu facennu? Chi hannu manciasciummi? – prurito?-

SANTINO

Si stanno sciusciannu u nasu in società! (Prende un qualsiasi indumento lo da ai ragazzi) Scusate, questo vi può servire per soffiarvi in pace (Ride)

LISETTA

A finisci nonno, ca ni stamu salutannu! (Sdolcinata) Ciao micio micio. Vieni presto, non posso stare senza di te!

SANTINO

Ti raccomando, vieni subito perché a mia nipote si ci rifredda la ciancata!

fiancata-  

GIACOMINO

Verrò più tardi con i miei genitori! Appena ti conosceranno, saranno felici di scoprire una ragazza speciale come te! (Felici si abbracciano. Sia avvia sulla porta) a più tardi signori, porterò i miei genitori.

CARMELO

Speriamo che i to genitori nun sunnu di jttari comu tia?

GIACOMINO

Si certo, c’è puru me zia. È tanto simpatica, parra cu nasu!

SANTINO

Parra cu nasu? Cu è, a fatta turchina? Io puru havia uno zio, ca quannu manciava…sunavu cu culu (Ride)

LUCIA

Giacomino, ora vai in pace. Porta tutti chiddi chi voi. A me casa nun è chiesa, ma è china di parrini!

GIACOMINO

E purtari puru i me cugini? Ma quali chiddi du paisi, o chiddi di ci cago?

CARMELO

(esaurito, lo accompagna fino a spingerlo fuori) fammi un favori, nun purtari a nuddu. Si nun veni manco tu, mi fai un grande favore! 

GIACOMINO

Veru? Lei faciva l’attore? In quale film?

CARMELO

L’uomo nudo con le mani in tasca! Vai e nun veniri cchiù, se no ti jetto a mare

GIACOMINO

Vero? Mi fa recitare! Pi quali film, putissi essiri bonu io?

SANTINO

L’uomo invisibile! vatinni, e nun veniri cchiù! Diventerai famoso! (Ride)

LISETTA

Ma che dici! (Gemendo) Si nun veni cchiù, nun mi pozzu fari cchiù zita

CARMELO

Pi fariti zita, mica c’è bisogno ca pi forza ci hava a essiri iddu! (lo spinge fuori il quale, si trattiene con forza continuando a fare con la figlia “ Cippi cippi…micio micio…bau bau. lo fa uscire e chiude la porta) Speriamo sa scorda a casa e nun veni cchiù!

SANTINO

Difficili mi pari! I maiali hannu u nasu grosso, e quannu ‘na cosa ci piaci a puzza sutta u nasu, nun si la scordanu cchiù! (Ride)

LISETTA

Finitela, tutti e due! Il mio Giacomino, a puzza sutta u nasu nun ci l’havi! è inutile che fate così, io me lo sposo papà! (Scappa da destra piangendo)

LUCIA

Si sempre chiddu chi consuma i famigghi! A picciridda mia, si lu deve sposare alla faccia tua!

CARMELO

Così, iddu fa u porco e idda fa a porchetta! (Adirata Lucia esce, seguendo la figlia. Carmelo si siede vicino al suocero)

SANTINO

Certo ca, to figghia truvà un bravo ragazzo! a parte ca è surdu quannu parra, è un ragazzo sistemato!

CARMELO

Io l’havia caputu subitu ca è surdu u zitu. Io nun lu diciva, per non faricillu ricurdari ca nun ci senti!

SANTINO

Ora dici puru ca so zia chidda, parra cu nasu. Ma comu schifia fa a farisi nesciri i paroli, di sti dui buchi? Mah!

CARMELO

Certo ca l’ignoranza è troppo forte! Si po’ mai parrari du nasu! Si dice così per dire ca, parra cu una vuci strana, tipo …tipo…u capisti?

SANTINO

U capivu. Parra tipo tipo!

CARMELO

Comunque, appena veni videmu chi vuci strana havi chista! (Qualche secondo di pausa) Penso e dico: si Giacomino è surdu, so zia parra cu nasu. Dico io, so matri e so patri, comu hannu a essiri? Bhoooooo.(cala il sipario)

Fine primo atto

Secondo atto

(la scena comparirà la stessa del primo atto. Lucia vestita normalmente, sistema la stanza)

LUCIA

Lisetta, veni cca dammi ‘na manu!

LISETTA F. S.

Nun po’ essiri mamà, ci l’haju impegnata.

LUCIA

Dammi l’avutra allura!

LISETTA F. S.

Puru impegnata ci l’haju!

LUCIA

Possibile ca mancu n’hai una di scorta, disponibile!

LISETTA

(Entra ben vestita) Che aiuto ti servi?

LUCIA

(Ammira la bellezza della figlia) Sei una fimminazza! U to zitu, si nun ci sentiva quannu eri vistuta normale, ora ca ti vidi elegantissima, ci veni a stitichezza ‘nta l’occhi!

LISETTA

Grazie mamma, gentilissima (Le da un bacio) ancora così stai? Va sistemati

LUCIA

Aiutami a livari stu tavulu(Lo portano fuori scena) facemu spazio (Rientrano con un tavolino per adagiare vassoio) chistu è meno ingombrante

LISETTA

Continuo a sistemare io, va puliziati! (Esce Lucia. Sistema le sedie e la poltrona vicino al tavolino) Non vedo l’ora di conoscere i miei futuri suoceri. Chissà che impressione gli farò. Quanto sono felice! Finalmente, mi fidanzerò col mio Giacomino piccino piccino!

CARMELO

(entra ben vestito) Lisetta, comu staju?

LISETTA

Stai benissimo papà! (Lo bacia) Grazie papà, che mi stai facendo felice!

CARMELO

Io? Mica ti sta facennu zita cu mia! Cu to zitu!

LISETTA

U sacciu! Dico, mi fai felice, perché hai preso in casa Giacomino!

CARMELO

Non è che l’ho preso, trasiu sulu chi so peri! E poi, importante ca si felice tu, ci sugnu puru ju! (Si abbracciano e Lisetta lo bacia) me lo prometti, u primu figghiu masculu, lo intitoli comu mia?

LISETTA

E si mi nasci una fimmina?

CARMELO

Ci metti sempri u me nomi. Tanto a differenza non si nota!

LISETTA

Ne parlerò con Giacomino. Lui sarà l’autore du figghiu! Io, ci lu pubblicizzo

CARMELO

Diccillu, ca fa un figghiu cu l’aricchi aperta! Nun facemu ca nasci surdu comu u patri?

LISETTA

(Colpita) Comu fai a sapillu?Cu tu dissi, ca Giacomino soffre di sordologia?

CARMELO

Cu mu dissi? Si vidi du megghiu luntanu ca è surdu! (Lisetta si rattrista) ci voli u traduttore pi farici capiri i cosi! Ni putivi truvari unu megghiu (Nota tristezza di Lisetta) picchì sei siddiata?

LISETTA

(Gemente) Scopristi ca Giacomino è surdu, ora lo guardi con occhi diversi!

CARMELO

(Dispiaciuto) Io schirzava! Ti prometto ca lu talìu chi me occhi, e lu sentu chi me aricchi, ma tu nun essere triste!

LISETTA

(Triste) devi sapere che tutti avemu i pregi e i difetti! Nessuno è perfetto al mondo. Quindi, a Giacomino mi lu sposo lu stissu.

CARMELO

Anzi sugnu felice! È sempre stato il sogno della mia vita, aviri un jenniru surdu! Quindi, stai tranquilla.

LISETTA

Tu mi lu dici, pi nun mi fari chianciri! Tu, pi mia hai sempri circatu un ragazzo senza difetti!

CARMELO

Chistu lu pensi tu,no io! A tua insaputa, fici un annuncio nno telegiornale: “ cercasi fidanzato pi me figghia. Senza piccioli, importate ca è malu cumminatu!” u vidisti? Grazie a mia, trovasti a stu porco…(Si riprende) vuliva diri Giacomino!

LUCIA F. S.

Lisetta, veni un minutu, spicciati!

LISETTA

Arrivo! (Bacia il padre) Grazie papà, te ne sarò grata per avermi fatto trovare Giacomino, la mia fortuna di vita (Esce, chiamata dalla madre)

CARMELO

Fortuna di vita? Sfortuna pi sempri! Per ora è felici ca havi u zitu surdu. Appena diventa so maritu e vidi ca nun ci senti, i piatti volano da finestra, e poi veni a chiama o papà.(Entra Santino)Pensaci a chi si in tempo

SANTINO

(Vestito in modo bislacco. Giacca al contrario, coppola, scarpe da lavoro, sigaro. Occhiali di mare in testa. Fa lo snob) halò, Halò babi. common! Common, chi mmi fai babi?

CARMELO

Chi ci fazzu? Si nun si leva davanti i me occhi, ci dugniu una forma di guanta (Evidenziando il palmo della mano) ca ci fazzu capiri a differenza tra  stelle e stalle.

SANTINO

(parla come gli viene) Senti amigos, sogno siculo americano della playa del sol de puerca vacca! Me chiamo Santino corason, vengo da broccolino provincia della America. Sono partito esta noce, sono atterrato con duos bananos!  Baciamo le mani a vossia!

CARMELO

Chi havi ca parra straniero? Si scordò u ciriveddu dintra u cabinettu?

SANTINO

(Parla normale) nun accuminciari ad affinnirimi! Ognuno, comu si voli vestiri, si veste! Sceglivo un abbigliamento diverso dal solito, per essere diverso da voi, per farmi dare un colpo d’occhio degli invitati!

CARMELO

Altro che colpo d’occhio. Appena u vidinu, ci duna a tutti un colpo di grazia

SANTINO

Finiscila! Dimmi a verità (con accento americano) con questo mio parlare americanino, vestito io così, fare una bella figura  con parenti dello zito?

CARMELO

Ma è normale che fa una bella figura… (Tra se) di merda!

SANTINO

(Accende sigaro e con accento americano) ok babi. Chi mmi fai? (Fa la conta con le dita) Uane, ciune, trine, fore, fave! Vedi Carmelo che saccio parrare miricano ? Oh yeah! Common! Chi mmi fai, chi mmi fai babi?

CARMELO

Navutra vota? Si nun astuta stu sigaru, ci dugniu un colpo di scarpa a pedale, così poi in continente ci  va cu culu a fisarmonica!

LUCIA

(Entra ben vestita. Lamentandosi dalla puzza) Chi cosa è sta puzza? Traseru cani morti? Grapiti a finestra. (Apre finestra) papà, jetta sta schifezza!

SANTINO

(Con aria da snob) Cara figlia, questo essere sicarro pi li persone importanti comu mia! Questo fare profumo di primavera!

LUCIA

(Glielo leva con forza dalla bocca, lo lancia dalla finestra) Quali profumo di primavera, chistu fa puzza di cimiteru! (nota il vestiario del padre) comu cazzarola si vistutu? Pari arlecchino ‘mbriaco! (Al marito) vidi a me patri vistutu così, nun ci dici nenti?

CARMELO

Per me è elegante. Pari un porco ca cravatta.

SANTINO

Dico io, vi vuliti fari i cavuli vostri! Ognunu è patruni di vistirisi comu voli! Sono vestito mare e monti! Pinsati pi vuatri! (Bussano)

LUCIA

(Agitata) cca sunnu! Beddamatri chi emozione. (Sistema tutti) Carmelo, mettiti cca a destra, appena trasinu ci strinci a manu. Papà, mettiti a sinistra, appena trasinu ci strinci …

SANTINO

…u culu!

LUCIA

(Bussano di nuovo)ti raccumannu, nun fari u maladucatu! A mano a strinciri

SANTINO

(irritato) Sai ca sugnu mancino.Si mi metto a sinistra, sulu culi pozzu tuccari

LUCIA

(inverte i posti) Carmelo, mettiti a sinistra. Papà, mettiti a destra e di cca a manu ci la po’ strinciri! (Bussano) un momento, ni stamu sistimannu! Mi mettu nno menzu, così ci ridu ‘nta faccia, man mano chi vennu trasennu. Mi pari ca siamo pronti. (Bussano) potete trasiri.

CARMELO

To figghia dunni schifia è? Chiamala!

SANTINO

Aspettati! Visto ca tutti vennu pi to figghia, nun ci la fari truvari subitu. Idda va nell’altra stanza, appena a chiami trasi e fa a sorpresa a tutti.

CARMELO

Sta pinsata mi piaci! ‘na vota ogni tantu a dici ‘na fesseria intelligente

LUCIA

Ok, va bene. Semu tutti pronti? Putemu grapiri? (Apre la porta col sorriso) Buongiorno. prego entrate!

ZIA PIPPINA

(Donna matura zitella. Possibilmente grassa di sedere. Parlerà una specie di italiano scorretto e con voce fine. Entra sottobraccio con la sorella, la madre di Giacomino.) buongiornissimo a voi tutte signore e signori. Permetterebbe che ci assettassimo prima che ci presentassimo, se no i piedi mi bruciassero?

LUCIA

Certamentissimo! Prego (Nel mentre entra Giacomino, lasciando porta aperta. con se ha una confezione regalo alquanto evidente) ciao Giacomino, che piacere rivederti

GIACOMINO

(Col suo modo di parlare a voce alta) Buongiorno a tutti! Dov’è la mia zita?

LUCIA

Assettati, a navutru poco veni!

GIACOMINO

Comu? nun c’eni! E io chi mi fazzu zitu sulu?

CARMELO

(Al suocero) Haju l’impressione ca oggi, ni ricoveranu a tutti

LUCIA

(Urla) stai tranquillo, fra poco me figghia viene a farisi zita cu tia! chiudi a porta, se no, trasinu i vò cumprà e mi fannu accattà cosi ca a mia, nun mi va (Non avendo sentito, Giacomino si siede, non chiudendo la porta)

ZIA PIPPINA

Signora, perché buttassimo voci. Lo sa, che le siccano le cannarozza?

LUCIA

(Sottovoce) A da cosci lordi di to soru! (Normale con sorriso) lo so signora, ho una voce squillante! Comunque, possiamo avere il piacere di conoscerci? (Si danno la mano) Mi chiamo Lucia, sono la madre della fidanzata.

 

ZIA PIPPINA

Piaciere, mi chiamassi la zia Pippina. Per gli amici Pippina. Questa mummia nella mia fiancata, essere mia sorella. Lei per fortuna, soffre di alta tensione nervosa, anche una piccola emoziona, ci viene la tarantella in tutto il corpo.

LUCIA

Mischinazza! Picchì fa a tarantella?

SANTINO

Picchì a fari u tanga nun ci piaci! (Ride)

BETTINA

(Donna ipertesa con capelli ricci, occhiali grandi come fondo di bottiglia. Parla in maniera esaltata) piacere sono la madre dello sposo. Mi chiamo Bettina. La zita non c’è? (I parenti di Lisetta le danno la mano ricambiando il nome)

LUCIA

Signora Bettina, piacere. Semu tutti parenti da zita. Io sono la madre, questo è mio marito Carmelo, questo è mio padre. Ora la chiamo a mia figlia. Ne approfitto per farle le condoglianze, ho saputo che suo marito appi una disgrazia! (Bettina inizia ad avere tic piuttosto evidenti. Le trema la gamba, si muove con la testa. Fa versi strani con la voce contorcendosi la bocca)

CARMELO

(Tutti si spaventano) Beddamatri, ma chi ci pigghiò! Si sta trasformannu?

SANTINO

Picciotti, chiamate un esorcista! (Si allontano da lei, facendo croce con le dita) Va via, da questa casa!

GIACOMINO

(preoccupato le da coraggio alla madre) presto, aiutate la mamma! Aiuto, alla mamma è venuto lo ticchio! (piange) Mamma, non morire ticchiata!

BETTINA

Per favore, datemi un po’ di vino ca mi passa stu tic tac! (Santino corre a prenderlo, torna col bicchiere lo da a Bettina che dopo averlo bevuto, sbuffa come un cavallo,quietandosi) Giacomimo sto bene. Nun chianciri cchiù, se no a zita ti vidi tuttu pisciatu! (Giacomino si riprende)

ZIA PIPPINA 

Purtroppo, mia sorella avere trasuto in coma, quando ha venuto suo marito dall’incidente, con un pezzo in meno. Quando sente parlare di lui, le vengono le ticchiate! Come stare Bettina? Avere fatto spaventare tutti. Facesse capire che tu stare bene, come quando ti salutare allo specchio!

SANTINO

(A Carmelo sottovoce) Secunnu mia, chista si manciò u vocabolario o contrario

BETTINA

Scusatemi signori, quando sento parlare di mio marito, mi viene l’ icchitusse in testa! Ca disgrazia chi ci vinni, mi ha rovinato l’esistenza! Però, bevendo un po’ di vino, allago il cervello, e dimentico tutte cose!

LUCIA

Mi dispiace per lei, ma nun ci pinsassi cchiù! Oramai, suo marito si trova lassù in mezzo agli angeli!

BETTINA

Ma quannu mai, stu crastu si trova vivo in menzu li cristiani!

CARMELO

Vivo? Comu, dici ca appi una disgrazia, ed è vivo!

SANTINO

Po’ essiri ca va facennu u cadavere paisi paisi!

ZIA PIPPINA

(Ride)Che avessivo capito! Mio cognato avere avuto la disgrazia, però avere campato vivo! Tra un poco, avisse a venire! Giacomino tuo padre, stassivo venendo?(Giacomino non risponde) hai sentito quello che ti ho diciuto?

CARMELO

È so niputi, e mancu sapi ca soffri di tamponamento sordologico. Signora, se mi permette haju u metodo pi fallu sentiri (Attira l’attenzione di Giacomino) Di-ci to zi- a to pa- tri do-ve schi- fi- a, a- ve- re sta- to?

GIACOMINO

Me pa- tri sta vi-ne-nnu! Mi di-ssi ca pri-ma di ve- ni-ri pa-ssa- va du ba-r.

BETTINA

Giacomino, picchì parri a cambiali? Parra in contanti ti capisciu megghiu!

SANTINO

È proprio ‘na bedda famigghia. Di unni nisceru, du manicomio? (Ride)

LUCIA

Aspittamu a so maritu, e faccio entrare la mia bambina! No picchì è me figghia, è una ragazza speciale pura, bella, si gira tuttu u paisi comu idda nun ni trova. È una ragazza, acqua e sapone.

ZIA PIPPINA

Anche mio nipote è latte e caffè. Sogno veramente felicia, sapere di avere una nipota, speciala! Sei accontentata Bettina della zita del nostro Ciacomino?

BETTINA

A questo punto mi pari giustu conoscere la zita. La chiamassi. Nun aspittamu a nessuno! (Leggero tic) Vulissi vidiri comu è fatta sta zita! Po’ essiri ca nun mi piaci, e poi mi l’avissi ad annacari io, inveci di me figghiu!

LUCIA

Ueh, si carmassi! Si me figghia nun ci piaci, mi la tegniu ju! E poi, biddizzi, ni havi di vinniri! Cari signori con immenso piacere che vi presento…

AMBROGIO

(entra con fretta con vassoio di dolci. Essendo gay, avrà movenze modo di parlare di conseguenza. Vestito con pantaloni neri, camicia bianca aperta dal collo fino al petto, foulard rosso attaccato nel braccio destro, occhiali da sole buffi.) buonasera a tutti! Scusate il ritardo, ho avuto un culloquio con un amico (Bettina riprende con i tic in tutto il corpo. Mette gli occhiali sulla testa. Porge la mano ai presenti) piacere, sono Ambrogio papà del fidanzato. (Lucia, Carmelo, Santino ricambiano col nome, Carmelo è indeciso nel dargli la mano. Ambrogio gliela tira per salutarlo, al termine Carmelo si gira, si sputa sulla mano l’asciuga sul viso di Santino. Lucia è stupita per le movenze di Ambrogio) Signora, si sente bene?

LUCIA

(Si sblocca) Sto benissimo! Avevo l’encefalogramma piatto. si accomodassi che faccio entrare la zita! (Chiama) Lisetta, Lisetta arricogliti che i tuoi suoceri sunnu cca! (Lisetta entra come se stesse facendo una sfilata. Ambrogio è entusiasta)

GIACOMINO

(Si alza applaudendola) bravissima amore mio. Sembri una fotoromanza!  

AMBROGIO

(applaude) bis bis! (Va a baciarla) Complimentissimi cara! Sei bellissima, bravissima e bassissima! (Lisetta è meravigliata)

SANTINO

(Sottovoce a Carmelo) nun sapennu ne leggiri e ne scriviri, secunnu mia chistu è un poco sciddicato! – dalle mie parti, sciddicato vuol dire gay.

CARMELO

Un poco? Chistu è tuttu finocchio!

AMBROGIO

(Guarda Santino in maniera strana) Bello il suo vestiario. L’ha scelto lei? (Santino annuisce) Che moda è?

CARMELO

Ci lu dicu ju chi moda è. Spogghiati e va curcati!

LISETTA

Mamà, cu è stu ricchionello?

LUCIA

(Lucia le tappa la bocca) Vuoi u coccobello? Ca prima fatti zita, ca poi u coccobello ti lu da u zitu (Sottovoce) vidi ca chiddu è to soggiro!

GIACOMINO

(Le si inginocchia, baciandole la mano) Amore mio, sono qui per chiedere la tua mano, al tuo papà!

CARMELO

(Adirato) Scherzi o dici veru! Si la vuoi a me figghia, o ti la pigghia intera o niente! A pezzi a pezzi, no! …Quantu mi dai, pi faritilla zita?

ZIA PIPPINA

Ciacomino, perché non ci avesse fatto la commemorazione di questa bella ragazza

GIACOMINO

Ora? Porca vacca! Mamà a zia nisciu pazza! U stissu mi pozzu fari zitu?

ZIA PIPPINA

Che avessimo capito, tronzo! Io avere diciuto che ho venuto qua, per conoscere a questa pella signorina!

LUCIA

Gliela presento io! Lisetta, questa è la zia Pippina

LISETTA

Piacere di conoscerla zia Pippina.

ZIA PIPPINA

Il piaciare fossimo tutto mio.  Già mi piacesse questa ragazza!

LUCIA

Lisetta, questa è tua suocera Bettina!

LISETTA

Piacere signora Bettina!

BETTINA

(Ha un leggero tic, tremando con la testa e con le mani che dandole la mano a Lisetta tremano entrambe) Piacere sono la madre dello sposo. (La osserva) devo essere sincera, sei una bella ragazza. Si po’ fari, si po’ fari!

ZIA PIPPINA

Per favora, qualcuna porterebbe un bicchiere di vino a mia sorella così lei starebbe meglio (Va di corsa Lisetta, entra le da il bicchiere a Bettina che lo beve e le passa il tic)

LISETTA

Va meglio ora? (Bettina la ringrazia)

BETTINA

Lisetta, sai cucinare? Nun vulissi che al mio bambino, lo fai morire infamato

LISETTA

Certo che so cucinare.

BETTINA

Qual è il tuo piatto forte?

LISETTA

L’ova sbattuti o muru! (Ambrogio e le zia Pippina ridono)

GIACOMINO

Mamma, vedi ch’è sapurita la mia zita? Me la posso sposare?

AMBROGIO

(Gli va vicino, baciandola) certo che puoi, scemo! Sapi fari puru le uova. Piacere, sono il papà di Giacomino. Sono sicuro che diventeremo ottime amiche! (Bettina accentua il tic con la testa, ogni tanto da scatti improvvisi muovendo tutto il corpo, facendo spaventare la famiglia di Lisetta)

ZIA PIPPINA

Allora Lisetta, cosa facessivo tu nella vita?

LISETTA

Faccio la domestica.(Col sorriso guarda Lucia) Prendo lezioni per diventare una buona moglie, soprattutto una buona mamma, come la mia!  

ZIA PIPPINA

Senti Bettina che brava nuora? Piglia lezioni di mammografia!

SANTINO

Scusate signora, nun la vidi a sua sorella che balla a tarantella! Nenti fa?

ZIA PIPPINA

Vero! Portassimo un bicchiere di vino che passassivo la tarantola. (Riparte Lisetta e rientra con un altro bicchiere di vino che lo da a Bettina, che lo beve, riprendendosi. Di tanto in tanto singhiozza, barcolla anche da seduta)

GIACOMINO

(si siede vicino la fidanzata, stringendola a se con tante moine) Amore!

LISETTA

(Ricambia le moine sotto gli occhi dei genitori irritati) Tesoro!

GIACOMINO

Tu, sei la vacca…

LISETTA

Tu il toro! (Entrambi i fidanzati, fanno le fusa. Sotto gli occhi sconcertati di Carmelo e Lucia)

GIACOMINO

Non immagini come è bello guardarti da vicino, con le palle degli occhi!

CARMELO

(Irritato) ueh! Appeni parri di nuovo erotico, ti dugniu dui pugna, ca le palle degli occhi ti fazzu manciari, così diventi il signore quattro palle!Allontanati se no pigghi a corrente (Giacomino resta seduto) Cu tia parru, susiti

AMBROGIO

Lo perdoni è sordo!

CARMELO

Anche lei però, a so figghiu inveci di insignarici l’educazione, ci insignò a surdia! Eh, mi scusi!

AMBROGIO

Lo so, la colpa è mia! Quando si trovava nel grembo della madre, (Sottovoce a Carmelo) facevamo l’amore, gli ho fatto un buco nell’orecchio.

CARMELO

(sottovoce) perché lei in queste condizioni, fa (Emette versi sonori, imitando rumore delle molle del letto che cigolano) ii…ii…ii con la moglie?

AMBROGIO

Tre volte al giorno. Mattino, mezzogiorno e sera. Litighiamo perchè non si sa mai chi deve fare l’uomo (ride. Carmelo si scandalizza)(Attira l’attenzione del figlio) dice tuo suocero…(Urla nelle orecchie) Stoccati u coddu e susitiiiii (Giacomino balza in aria) Scusate per l’italiano forte

GIACOMINO

Perché mi devo susiri? Staju bonu vicinu a zita. Stiamo, vicini vicini!

CARMELO

(Lo prende col braccio lo mette a sedere in un’altra sedia) si nun ti levi di cca, ti fazzu sposare cu me figghia, pi via aerea. A tia ti mannu o spitali, a me figghia, nno conventu! Mi deve scusare che mi comporto così signor Anfrocio, l’onore è onore!

AMBROGIO

Ma quale signore e signore! Mi fati siddiari se mi date del lei. Oramai semu parenti, no? Datemi del tu, scemi!

SANTINO

Senti Gaytano, quannu i grapi sti dolci mi sta arrivannu ‘n terra a liquorina.

LUCIA

(Lo sgrida) Papà, come ti permetti a parlare così! Si chiama Anfroc …Ambrogio!

SANTINO

Si lu dissi iddu, datemi del tu! Dici ca semu parenti! E poi dunni sbagliavu, u chiamavu pi cognome, gaytano!

ZIA PIPPINA

(Ride) questo cristiano, essere molto piritoso! Lei essere singole, o posato?

SANTINO

Signora, io essere un vedovo inconsolabile! (finge un pianto) mia moglie, una donna santa! Ricca di pregi, nessuno difetto! Poi, era superfortunata!

ZIA PIPPINA

Come mai, avere stata superfortunata sua mogliera?

SANTINO

Era superfortunata, picchì havia un culu quantu ‘na casa!

LUCIA

Papà! Ta vo tappari sta vucca! Scusate. Cosa posso offrirvi?

ZIA PIPPINA

Io prendessimo solo nu poco di acqua. Hajo una forte linguaggite e se non bevo, incomincia a sudare! (A Bettina) Tu, cosa vuoi bevere?

BETTINA

(Trema leggermente) tanto per cambiare, un bicchiere di vino

AMBROGIO

(Si avvicina alla moglie e le tocca la fronte) A mia moglie purtatici ‘na bella camomilla al thè, così questo tic toc le passa, vero amore? (Bettina, trema sempre più fino a non trattenersi, avendo impulsi in tutto il corpo) Poverina, ha le contrazioni! Fate qualcosa!

SANTINO

Picciotti, a signora havi le sottrazioni! Aiutamola! (Tutti accorrono. Chi le da l’acqua, Lucia la schiaffeggia, Santino va avanti e indietro col secchio che riempie aria dalla finestra, tirandogliela in viso) livativi, ci tiru un catu d’aria

AMBROGIO

Ma che fate! Pi ripigghiarisi dal ticket, havi di bisogno il vino. Scemi!

LUCIA

Lisetta, va pigghia un bicchieri di vino, curri! (Lisetta sta per andare)

GIACOMINO

Aspetta amore, vengo con te!

CARMELO

(Lo afferra in tempo per il collo della camicia) Veni cca amore, dunni vai. Vidi ca ti fazzu la capitolazione collo cervicale!

ZIA PIPPINA

(Disperata) lo sapessivo io, che doveva etichettare così! (Ad Ambrogio) tu, la volere finire di parrare?! Tua moglie avere questo tarantolamento per colpa tua (Rientra Lisetta, da il vino alla suocera, la quale si riprende sbuffando come un cavallo)

LUCIA

Signora, si è ripresa? Come sta?

BETTINA

Si sto bene. Scusate se ho avuto questo attacco di attacchi, mi capita spesso ultimamente!

LISETTA

Non fa nulla per guarire? Crede che esista una cura per per fargliela passare?

BETTINA

Si, avissi ammazzari a me marito!

AMBROGIO

L’erba tinta nun mori mai. Scema! (Ricorda) Che sbadato! Ho portato dei dolci caldi caldi, si saranno freddati, che scemo! (Scarta il vassoio coi dolci) Giacomino, offri i dolci ai suoceri! (Gli va vicino) Mi senti? Ci sei? Arruspigghiati deficiente!

GIACOMINO

Ti fa mali u dente? chi mi dici a mia! Megghiu, così dolci nun ti nni manci!

AMBROGIO

Quannu fai così, si cchiù stupitu di to patri!

SANTINO

Nun havia vistu mai, unu cretinu chi si faciva i complimenti sulu! (Ride)

LUCIA

Finiscila papà! Prego, servitevi! (Ognuno si prende il proprio dolcino)

GIACOMINO

(Prende un dolcino e lo offre a Lisetta) Lisetta, con tutto il cuore ti offro questo mio dolce che ho scelto per te, un babà alla banana (Sta per darglielo)

CARMELO

(lo ferma) fermati Lisetta! Vidi ca tu scherzi col fuoco! Me figghia, certi frutti di stagione nun li canusci! L’unico frutto dell’amor, dopo il matrimonio. Prima ci veni l’artrosi ‘nta l’occhi! 

AMBROGIO

(A Carmelo, con occhi dolci) spero che nessuno me ne voglia. Carmelo, te lo posso offrire un bel cannolo siciliano?

CARMELO

No, grazie. Sono astemio!

LUCIA

Chi capisti, cretino! Anfr…cioè lui, voleva offrirti un cannolo dolciario!

CARMELO

Si tantu ci teni, pigghiatillu tu, stu cannolo dolciario!

LUCIA

Alla facciazza tua mi lu pigghiu. Tu ca lu fai pi mestieri, nun mi nni dai. Iddu ca è allergicu, mi lu offri! (Prende il cannolo e lo mangia)

ZIA PIPPINA

(Ride) mi facessivo ridere sempre! Siete una famiglia molto piritosa!

AMBROGIO

(mentre mangiano i dolci, nota le mani di Lisetta) Lisetta hai delle bellissime mani! Che fantastiche unghie! (Le mostra la mano) vedi? Purtroppo, le mie, non lo sono più! l’altro giorno, mentre mi facevo il bidè, mi si è spezzato l’unghia del minchiolino. La mia passione è essere bella come una farfalla, anzi no, un farfallone! (Bettina ha il tic)

LISETTA

Fai bene. Anche a me piace curarmi per essere bella dentro e fuori!

GIACOMINO

I fiori? Amore, te li ho portati ieri. Nun ti preoccupari, sono buoni. Il fioraio, mi disse che scadono ogni tre anni!  

AMBROGIO

Anche mio figlio come me ama la natura, i fiori, gli animali! Carmelo, qual è il tuo animale preferito? O meglio, se fossi un animale, che animale vorresti essere?

CARMELO

(con vanto)  Vulissi essiri…il re leone!

LUCIA

Il re leone, cu sta panza chi hai! (Risata ironica) Semmai, bingo bongo!

SANTINO

A faccia di babbuino ci l’hai! (Ride. Carmelo li manda a quel paese)

BETTINA

(Ride) siti proprio una bella famiglia! Mi stati facennu ridiri. Guardannuvi, dicu ca cchiù consumati da me famigghia, ci nni stannu! (La famiglia di Lisetta, si guardano meravigliati)  

AMBROGIO

Se fossi un animale, vorrei essere un uccello! Mi libbrerei in aria, conoscendo tanti uccelli! (Gira per la stanza, come se volasse, va a posare vicino Carmelo, parlandogli voce fine) sai che uccello sarei? Il…cuculo!

CARMELO

Levati di cca per favore, sugnu allergico o pilu degli uccelli!

ZIA PIPPINA

La volessimo finire di parrare di altre cose. Parratemi di voi, signorina Lucia

LUCIA

Chi c’è diri? Me maritu è un uomo di panza. me patri ci l’haju adottato dintra. Io semplici comu a luna. Me figghia bedda comu u suli!

SANTINO

È tantu bedda comu u suli, mancu si po’ taliari (Ride. Lisetta ci resta male)

LISETTA

A mia brutta? Tu, si ti metti nudu, fa moriri di risati puru i sordo muti!

SANTINO

Ueh ueh, stai calma! L’ultima fimmina ca vinni a letto cu mia, si trova in stanza di rianimazione, pronta pu cimiteru! Che sia ben chiaro!

CARMELO

Po’ essiri ca inveci di andare a letto in una casa d’appuntamento, sbagliò e andò in una casa mortuaria! (Ride)

SANTINO

Nun mi cridi? Vidi ca nesciu la bestia e vi fazzu bloccari a crescita a tutti! (Si slancia il cinturino)

AMBROGIO

Si si dai, non fermarti! Olele olala, faccelo vedè fammelo toccà! Olele olala, faccelo vedè fammelo toccà…

LUCIA

(Ferma il padre)Papà, ma si pazzo! Vo fari moriri a tutti di miopia? Assettati

ZIA PIPPINA

Sua figlia avesse ragiona. Io soffrire di pedagogia nel cuore e vedere cerette cose piccole, mi mettesse paura!

SANTINO

(Dandosi arie) piccole? Le mie dimensioni mettono paura! Base per altezza, diviso due!   

LUCIA

Chiuso argomento, basta! Mi parrassi di la sua famigghia, Bettina.

BETTINA

Nun la viditi? Questa è me soru Pippina. Ci l’haju dintra casa, picchì nun trovava l’abito da sposa a misura pi lei.

ZIA PIPPINA

Avesse ragiona mia sorella che sogno zitellona. Non succedesse mai che il principio azzurro, venisse a pigliarimi col cavallo bianco. Ma io l’aspetterebbi ancora!

SANTINO

Po’ essiri u principe bucò u cavaddu e sta vinennu a cavaddu e scarpi? (Ride)

BETTINA

Poi c’è me figghiu Giacomino, purtroppo è surdu di l’aricchie. Vi assicuro che lui nun è mai sordo. Sulu quannu u chiamanu!

SANTINO

Scummissa ca quannu nun lu chiama nuddu, ci senti? (Ride)

LUCIA

Nun si preoccupassi! Aviri un figghiu surdu nun è ‘na vergogna. Allura chi avissi a diri ju, ca haju un marito ca panza! (Carmelo evidenzia il pancione)

BETTINA

Poi ci sono io, sono quella che mi vedete e poi c’è…(Inizia ad avere leggero tic.) poi c’è…(Aumenta il tic. Da Lucia, Carmelo, Santino, Lisetta dicono “Chi c’è?)

AMBROGIO

(Con gioia esclama) Ci sono io! Bello e puro come l’aria! (Bettina riprende con i tic violenti, mettendo sottosopra la quiete in casa. Ognuno si mobilita per farla riprendere) Dovete darle il vino, solo così potrà riprendersi, scemi!

SANTINO

Lisetta, porta ‘na buttigghia di vino ca ci facemu una flebo di l’insulina vinosa. Almeno, pi qualche orata, sta bona! (Lisetta esce e rientra con la bottiglia, la prende Santino la da a bere a Bettina)))))))))))))))))))))))))))))))))

AMBROGIO

Ma cosa fa? Gliela da a bere tutta? Ma non le darà alla testa?

SANTINO

Stia tranquillo ca u vinu ci lu sparamu dritto nno stomaco!

ZIA PIPPINA

Ma ci facessivo male tutto stu vino! Lei per stare bene col cervello ne pigliasse solo nu bicchiere.

SANTINO

Ora invece l’allago tutta e scoppia di salute! Vi fazzu vidiri ca haju ragioni io (Gli toglie bottiglia dalla bocca) Ni voli ancora? (Bettina non le da retta è frastornata, resta immobile sulla sedia con testa china, inizia a singhiozzare)

CARMELO

A scusa da tarantola, dui cento litri di vinu si futtiu a cammella! Comu mai ogni vota chi parra di so maritu, ci vennu sti attacchi ‘nto corpo? Bho!

AMBROGIO

(Dispiaciuto) la causa sono io! Mia moglie è una santa donna. Tutto è cambiato dal giorno in cui ho avuto l’incidente ed ho perso una parte di me! Una parte importante che non le permette più di vivere serena!

LUCIA

(Carmelo e Santino si stringono a Lucia, parlano sottovoce) Ci manca una parte importante, ma chi ci manca? Io ci vju tutti cosi!

SANTINO

Po’ essiri ca persi u portafoglio pi chistu so mugghieri sta male!

CARMELO

Ora ci dumannu. Ambrogio, oramai si può dire che siamo parenti, quindi nun ci deve essere segreto. Si po’ sapiri cosa è ca ti manca?

AMBROGIO

(Triste) Ero in giro con la mia bici ribaltabile, quannu ‘un curnutu cu muturi mi vinni a sbattiri di davanti e mi fici cadiri…(Fa il viso dolorante)

SANTINO

Chi ti fici cadiri?

AMBROGIO

(Con voce fine) … il pinnolino! (Carmelo e Santino, si toccano come a sentire il dolore) 

LUCIA

(Sottovoce a Santino e Carmelo) Pi chistu a so mugghieri ci vinni u tic tic, picchì nun po’ fari cchiù u toc toc!

ZIA PIPPINA

Proprio questo avere stato la causanza che a mia sorella, ci venisse l’attack in testa (Bettina inizia a dare segni di rinvenimento, singhiozzando)

AMBROGIO

Mi dispiace per la mia famiglia. Però adesso sono felice. Sono leggero, volo in alto nell’aria pura alla ricerca di tanti uccellini!

CARMELO

(Sottovoce parla a Lucia e Santino) nun sacciu chi ni pinsati vuatri, secunnu mia chista è ‘na famigghia consumata!

LUCIA

Nenti putemu fari! To figghia è innamorata du surdu! Mica ci putemu diri di lassallu. Si ragazzi si vonnu, lassamuli felici. A nuatri da famigghia nun ci interessa!

BETTINA

(Singhiozzerà sempre. Da ora in poi, barcollerà per effetto del vino e sarà ubriaca. Riderà quasi sempre. Canta) oggi o mare quanto è bello…spira tant sentimento…

LISETTA

(Le va incontro, sostenendola) Come ti senti? Adesso stai bene?

BETTINA

Si che sto bene! (Si alza e barcolla) ma dunni sugnu? (Guarda i presenti) taliati chi sunnu cretini! Cinquant’anni di cristiani, si mettine a fari u girotondo! Firmativi e salutamuni.(cerca di stringere la mano a qualcuno, è come se lo facesse a vuoto) Buonasera, mi presento sono io me medesima!

GIACOMINO

Mamma, ma chi hai? Ti senti bene? Guarda che stai salutando l’aria.

BETTINA

Signore e signori, vi presento mio figlio Giacomino, pari scemo ma è tutto cretino! (Ride) fici a poesia (Ride. Lucia, Carmelo e Santino, sono allibiti)

ZIA PIPPINA

Bettina, ti dovessimo assettare che siamo in una casa estranea di cristiane.

BETTINA

Ma chi havi a lingua a senso unico? (Ride) ti avissi a stappari a lingua e daritinni un colpo ‘nta l’occhi. Almenu, vidi chiddu ca dici! (Ride)

AMBROGIO

(Interviene, cercando di farla sedere) ti vuoi sedere! Guarda che siamo nella casa dei futuri consuoceri! Stiamo facendo brutta figura! Sai che io ci tengo all’mmagine, scema!

BETTINA

(Felice) Talìa chi c’è! (lo abbraccia) gioia mia, quanto tempo ca nun ti vidiva! Signori, vi presento a mio marito Anfrocio! Amore, ti sei fatto male, quando sei scivolato sulla buccia di banana?

LUCIA

(Sconvolta) Si assettassi signora Bettina, havi a lingua tutta sudata

CARMELO

Inveci di jettalli fora a tutti, ci dici di farla assittari!

LISETTA

Papà la smetti! (Quasi piangente) questo doveva essere il giorno più bello della mia vita, e tu me lo stai rovinando!

CARMELO

Io? (Fa il gesto di darle uno schiaffo con mano aperta) Appena u dici di nuovo, ti lancio un manicotto ca ti fazzu ridiri pi ‘na settimana! Nun lu vidi ca è ‘na famigghia consumata! Chidda parra ca lingua masterizzata, chidda havi a tarantella, chiddu havi aricchi surda, chiddu ci piacinu l’uccellini! Ti rendi conto, in che schifo di famigghia ti stai infilannu?

ZIA PIPPINA

Cosa volessimo dire che noi fossimo una famigghia con la consumazione?

AMBROGIO

Carmelo da te non me lo sarei mai aspettato che fossi razzista! Chi sputa in cielo in faccia torna! Chi lo sa un giorno diventerai come me! (Carmelo gli fa il TIè con le braccia)

SANTINO

Oggi come oggi, prima ca unu dici, mi fazzu zitu, hava a canusciri u statu di famiglia, u codici fiscali, libretto sanitario, libretto bancario, casa mortuaria. E poi, forsi si fa zitu!

BETTINA

Vulissivu diri a me famigghia è consumata? Si la taliati chi vostri occhi! Bivitivi cinquanta litri di vinu o jornu comu mia, viditi ca si girati tuttu u munnu, ‘na bella famigghia comu chidda mia, nun la truvati cchiù! (Ride)

GIACOMINO

(Prende il pacco regalo che aveva posato in un angolo e va da Lisetta, inginocchiandosi) al mercatino sono stato, a Mustafà ho incontrato. Ho comprato il regalo più bello per te, per dirti che sei il mio amore più bello che c’è. Quest’oggi te l’ho portato,davanti a tutti te lo infilerò,così per sempre ricorderai che il mio amore sempre sarai! (Scatta l’applauso con lodi da parte di tutti, tranne di Carmelo)

LISETTA

(Emozionata apre il regalo. Tira fuori un anello) è bellissimo. Grazie amore mio! (Bacia Giacomino) non c’era bisogno che spendessi così tanto per me!

ZIA PIPPINA

Vedesse signor Carmelo, mio nipote avere spenduto una sfortuna per comprare questo anello alla mia nipota!

SANTINO

(Sottovoce a Lucia e Carmelo) Mustafà cu cinque euro, di chisti anelli mi nni vinni dieci chili

AMBROGIO

(Giacomino esce dalla scatola un foglio) Carmelo non ha capito ancora che averci incontrati è una fortuna. Senti cosa avrà da dire mio figlio a tua figlia

CARMELO

Pi mia è ‘na fortuna, si scumpariti dalla faccia della terra!

GIACOMINO

Amore, vedi questo foglio? Qui dentro c’è il nostro futuro! Qui c’è la casa dei nostri sogni. Se tu firmerai, diventerai proprietaria di una villa con piscina idromassaggio e campo di calcio.

CARMELO

Chi cosa? Si me figghia firma, diventa…padrona di sta villa?

BETTINA

Sulu vostra figghia? Si vuliti divintari ‘na famigghia consumata come noi, firmate!

LUCIA

Cioè, significa si nuatri firmamu, divintamu puru padroni?

AMBROGIO

Certo! Mi servono le vostre firme, per avere quello che ci spetta dalla banca! Nessuno ha voluto aiutarci. Quando mio figlio ha detto di vostra figlia, abbiamo pensato subito a voi. Credo che cercherò altri collaboratori visto che non vi va a genio la mia famiglia!

CARMELO

Non ci va a genio? Una famigghia comu vuatri, la circavamu da una eternità (Abbraccia Ambrogio) Picciotti, firmati tutti! Da oggi in poi semu froci… (Ambrogio è felice) vuliva diri soci! (Lucia, Santino, Lisetta, Carmelo firmano) ci voli un brindisi (Lisetta prende i bicchieri dalla vetrina)Forza, pigghiati ‘na buttighia di vinu!

SANTINO

Ma quali vino! Su sucò tutto, a cammella! (Indicando Bettina)

CARMELO

(Adirato) Chi ci scoppiassiru i corn…(Idillico) futtitinni, brindiamo cu l’acqua

LISETTA

Papà, acqua nun avemu! Havi un misi ni lavami cu l’umidità, tu scordasti?

CARMELO

(Attimo di perplessità) nun ti scantari. Brindamu senza nenti. All’asciutto! (Lisetta, divide i bicchieri vuoti)

LUCIA

Sugnu veramente felice! Comu si dice, non tutti i mali vengono per nuocere!

GIACOMINO

Cuocere? Menu mali, finalmente si mancia! U pitittu, mi sta facennu acidità!

CARMELO

(Gli da un pizzico affettuoso) Caro genero, continua ad essiri surdu, mi piaci assai assai! Ti raccumannu, tu dicu davanti a to patri. Nun mi fari nipotini ca ci sentinu, picchì se no, ci resto male  

AMBROGIO

Un attimo di attenzione! Volevo brindare a questo nuovo…

BETTINA

Scusate, siti ubriachi? Nun lu viditi ca i bicchieri sunnu vacanti, chi ni vivemu, l’aria? (Ride)

AMBROGIO

Volevo brindare a questa nuova famiglia che si unisce e all’apertura del mutuo con l’aiuto della famiglia di Carmelo! (Applaudono tutti)

SANTINO

(Va ad aprire la porta, non vede nessuno) ma cca nuddu c’è!

LUCIA

A cu cerchi?

SANTINO

Gaytano dissi l’apertura del muto. Mi pariva ca c’era navutru figghiu fora, e ci grapivu a porta!

AMBROGIO

Ma quale muto. Mutuo! Prestito, capite?

LUCIA

Ah si, u capivu! Vi stati facennu un prestito. Complimenti!

ZIA PIPPINA

Si, un prestito di cinquecento mila evuro!

CARMELO

Mizzica! Pi pagari tutti sti piccioli, ci voli una eternità! Gente ricca come voi, nun ci sunnu problemi!

SANTINO

Pi farisi fari u prestito, voli diri ca lu ponnu pagari! 

AMBROGIO

Li possiamo pagare!

CARMELO

Certo, li possiamo paga…comu? Aspetta, che vuoi dire, li possiamo pagare

AMBROGIO

Avete firmato il foglio, ora siamo tutti soci e quindi, li pagheremo tutti insieme! (Carmelo, Santino, Lucia e Lisetta sono stupefatti) state tranquilli, grazie all’aiuto di un amico, pagheremo la tassa per soli cinquant’anni. Però alla fine, la villa con campi, sarà nostra!!!!

CARMELO

Aspetta un momento, parra a stampatello, spiegamelo in parole povere.

AMBROGIO

È semplice! Insieme pagheremo un mutuo di cinquant’anni, a mille euro al mese. Alla fine, la villa è nostra! Capisci? (felice)

LUCIA

(Sconvolta) chistu significa ca semu…

SANTINO

…curnutu e vastuniati!

LUCIA

Nuatri, mancu avemu piccioli pi campari, comu li putemu pagari, tutti sti debiti!

BETTINA

Me figghiu è surdu e nun ci sente ca hava a travagghiari. Me marito è ricchionello. Io sono atea al lavoro. Li putiti pagari vuatri! U vidistivu ca divintastivu comu nuatri, cunsumati (Ride. Lucia le viene un mancamento, si siede, il padre le fa prendere aria)

CARMELO

Stai tranquilla Lucia, io ritratto tutto!

GIACOMINO

Ma quali ritratto tutto! A nuatri, ni servi a villa!

LISETTA

Miracolo! Amore, ti si sono stuppate le aricchie?

CARMELO

A ura di interesse, a surdia, passa a tutti!

AMBROGIO

Mi spiace Carmelo, oramai hai firmato, non puoi più tirarti indietro!

CARMELO

Non posso più tirarmi indietro?Fazzu retromarcia e vi mannu a fari ‘nto culo

AMBROGIO

Non puoi farlo, perché hai firmato e a fari ‘nto culu, ci veni puru tu!

CARMELO

E va bene, accetto! Dammi il foglio, devo evidenziare il mio nome! (Ambrogio gli da il foglio. Ride sarcasticamente) Cancellare nun si po’ cchiù! Tornare indietro, non si può! Pi nun sapiri ne leggere e ne scrivere, sapiti chi vi dico? Mi rimangio la parola!

SANTINO

Comu schifia fai Carmelo, oramai è tutto scritto. Semu consumati!

CARMELO

Invece no! Vo vidiri comu mi rimangio a parola?

LUCIA

Stai attento Carmelo, si ti va di traverso, perdi il filo del discorso!

CARMELO

Tranquilla! Si nni vo, ce ne puru pi tia! Buona salute a tutti! (Strappa il foglio e lo mangia, dandone anche alla moglie. Santino glielo mette in bocca ad entrambi, tenendo lontani Ambrogio e Pippina che vogliono impedirlo. Bettina ubriaca, li osserva ridendo come una matta. Cala il sipario)

Fine

www.giovanniallotta.it

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 8 volte nell' ultimo mese
  • 34 volte nell' arco di un'anno