‘A felicità addò sta ‘e casa?

Stampa questo copione

‘A felicità addò sta ‘e casa?

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

(detto Ezio)

16/08/2003

Personaggi:   11

Pasquale Bennato

Concetta

Giovanni Lunico

Nunzia

Francesco Bennato

Paola Bennato

Vincenzo Scarpone

Natale Conituoi

Ketty Frega

Pietro Calmo

il Principe Omar Espuorc

Siamo nel 2003, precisamente a Napoli, a casa Bennato. Pasquale Bennato e sua moglie Concetta cominciano a conoscere un momento di crisi, nella loro vita matrimoniale. I loro figli Francesco e Paola hanno una vita che non permette loro di realizzarsi. Il primo è inventore fallito, la seconda fallisce ripetutamente matrimoni. Tra equivoci vari e accadimenti strani, alla fine soltanto nei momenti difficili si riesce a trovare l’unità familiare. La famiglia infatti deve far fronte a ex mariti o ex fidanzati di Paola, che si prensentano a casa Bennato e chiedono il conto del suo operato alla donna che li ha lasciati.

La morale è la seguente: chi troppo cerca, non trova la felicità, perché essa è contenuta nelle cose semplici, normali, quelle di tutti i giorni.

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it      

            Napoli. Salone di casa Bennato. In mezzo vi è un tavolo con quattro sedie. Dietro si scorge l’ingresso comune (a fianco c’è un appendiabiti). Alla destra della stanza c’è la credenza con lo specchio e un divanetto con un tavolino davanti. Infine, due porte conducono: a sinistra in cucina; a destra in bagno, camera da letto e le altre stanze.

ATTO PRIMO

1. [Pasquale Bennato e Concetta. Poi Francesco e Paola]

                    Pasquale gironzola nervosamente a pochi passi da Concetta.

Pasquale:   Eccoci qua. Io e te. Trentacinch’anne ‘nzieme: due anni di fidanzamento, tre di

                    convivenza e trenta di matrimonio. M’he’ date trentacinch’anne ‘e turmiente,

                    Cuncé! E due figli anormali: Francesco, che vvo’ fa’ l’inventore, ma nun sape

                    inventà niente. E Paola, che s’è spusata tre vvote: doje vote ha divorziato e ‘na

                    vota s’è separata. Nun l’è riuscita ‘nu matrimonio! E infine, me vuo’ mettere a

                    chillu reseccato ‘e tuo padre ‘int’’a casa mia! Niente cchiù, Cuncé?  

Concetta:   Mio padre è rimasto vedovo. Mica ‘o pozzo abbandunà?

Pasquale:   No, però pàteto vo’ fa’ ‘o figlio ‘e famiglia e nun caccia ‘nu sordo!

Concetta:   E intanto, proprio perché ce lo terremo con noi, lui ha fatto il testamento, gran

                    parte in nostro favore. Tu nun vulìve chesto? Embé, si’ stato accuntentato.

Pasquale:   (Sorpreso) Cuncé, ma tu che staje dicenno? Che staje dicenno?

Concetta:   ‘O vi’? Accomme siente ‘a parola maggica “testamento”, cagne faccia!

Pasquale:   Cuncé, tu nun ‘issa parlà proprio. ‘Int’a ‘sti juorne m’he’ fatto spennere l’ira di   

                    Dio pe’ festeggià l’anniversario ‘e matrimonio nuosto. Parévene ‘e nnozze d’’a

                    reggina ‘e Svezia! Ma addò s’è viste maje? Ce simme fatte mille fotografie!

                    Mille! Però n’hanne asciute sulo quinnice! Si vede che non siamo fotogienichi!

Concetta:   Pascà, tu tiene ‘o vizio ‘e rinfaccià sempe tutto cose. Ma ch’ommo si’? 

Pasquale:   Cuncé, ma che te manca? Io tengo uno dei ristoranti più ricamati di Napoli:

                    “Pascale ‘o ‘ruosso”! E t’aggio dato sempe tutto chello che vvuo’ tu.  

Concetta:   E che m’he’ dato? ‘E sorde? Ma io voglio l’affetto.

Pasquale:   E che vaje truvanno? Io a te, ti ho sempre affettato! E poi, adesso che tuo padre

                    ci ha “dedicato” il suo testamento... quando purtroppo muore...

Concetta:   Pascà, tu tiene ammore sulo p’’e sorde. Ma come sei venoso! Come sei venoso!    

                    E va via in cucina (a sinistra). Pasquale le grida dietro delle frasi ingiurose.

Pasquale:   E vattenne, va’. Ingrata! Questo sei.

                    Va a destra. Dalla comune (al centro) entra Francesco, trasandato e deluso.

Francesco: Sono un fallito! (Posa la sua valigetta sul tavolo e si siede) La mostra delle mie

                    invenzioni a Piazza Dante è finita male. Pareva ‘o stadio: io al centro, la gente  

                    intorno a me e sul bancone le mie creazioni. Alla fine ho chiesto: “Gente, cosa

                    ne pensate delle mie invenzioni?”. Embé, nun s’è capito cchiù niente! M’hanne

                    arrivate ‘ncuollo: pummarole, ove fraceche, pisce fetuse, cachisse, purtualle… e

                    dulcis in fundo, ‘nu scarpone! Embé, io appendo le mie invenzioni al chiodo! 

                    Slaccia la cravatta. Rincasa Paola, assai triste. Passa lentamente davanti a lui.

                    Tié tié, vi’ chi è trasuta!

                    Paola si siede sulla sedia dalla parte opposta del tavolo dando le spalle a lui.

                    Eh, s’è scaricata ‘a batteria! Uhé, Paola, embé? Ma nun m’he’ visto, a me?         

                    Paola si volta verso lui molto lentamente. Francesco commenta ironicamente.

                    Eh, ha miso ‘a moviola! 

Paola:         Ah, si’ tu, Francé? (Sospira) Fratello mio, come sono infelice! Del resto, una

                    che viene da tre matrimoni falliti, come si deve sentire? E non è tutto. L’altro

                    ieri, mi sono lasciata col mio nuovo fidanzato, Vincenzo Scarpone.

Francesco: Pure? Nenné, ma nun te fidanzà e nun te spusà mai cchiù! Nun è cosa pe’ te!

Paola:         E perché? Io mi sono separata tre mesi fa dal mio ultimo marito.

Francesco: Chi, Pietro? ‘O cacaglio? Chillo, pe’ dicere “buongiorno”, ce mette ‘nu mese!  

Paola:         E già. Embé, mi credi? ‘Int’’a vita mia, acchiappo sulo pummarole ‘nfaccia!

Francesco: E a chi ‘o ddice?!  

Paola:         A proposito, com’è andata a finire la tua mostra?

Francesco: A pummarole ‘nfaccia! Guarde ccà, m’hanne pigliato p’’o tiro a segno!

Paola:         Uh, tu che ddice? E comme va?

Francesco: Eh, e comme va. La gente non capisce niente. Vuole soffrire. Odia il progresso.

                    Ma tu vuoi una dimostrazione delle mie invenzioni?

Paola:         No, no, pe’ carità!

Francesco: E no, e no. Tu mi hai sfidato, e mò beccati questa! (Apre la valigetta, estrae

                    un’invenzione) Eccolo qua: “L’ammonna purtualli automatico”! Nome

                    scientifico latino: “Automaticus purtuallos ammonnatos”!

Paola:         E come funziona?

Francesco: Ti sbuccia venti arance al minuto... cioè, no, il contrario. Vabbé, non ti piace? E

                    allora passiamo ad un’altra invenzione. (Dalla valigetta estrae...) “Il Paninaro”:

                    ti prepara un panino in sette ore! Tu metti il panino qua dentro e dall’altra parte,

                    per esempio, del salame. Poi spremi il bottone... click! Parte la molla... doing…

                    ed esce il panino... fuuum... già col salame in mezzo! Cosa ne pensi?

Paola:         Penso che sso’ tutte scimmità: “L’ammonna purtualle”, che p’ammunnà ‘nu

                    purtuallo ce mette vinte minute; e ‘o “Paninaro”, che pe’ ffa’ ‘nu panino ce vo’

                    click, doing, fuuum...! (Si alza) Siente a me: fa’ ‘nu pacco e appiccia tutto cose!  

                    E va via in una stanza alla sua destra.

Francesco: Ma siente a chesta! E’ arrivata ‘n’ata esperta! Embé, mò me ne vado nella mia

                    stanza e mi metto a creare. Da solo... sul cucuzzolo della montagna!

                    Mette le sue invenzioni nella ventiquattrore, la chiude ed esce di casa.

2. [Pasquale e Pietro Calmo]

 

                    Da destra torna Pasquale. E’ raggiante.

Pasquale:   Dunque, dunque: con i soldini del padre di Concetta, mi rifaccio il look al

                    ristorante dalla testa ai piedi. E poi devo far sposare a Paola un’altra volta.

                    Entra in casa Pietro Calmo, vestito casual: è tartaglio.

Pietro:        E’ pe-pé…? E’ pe-pé…? E’ pe-pé…?

Pasquale:   Ma che d’è, è trasuta ‘a banda musicale?

Pietro:        E’ pe-permesso?

Pasquale:   Ah, si’, tu? Caro Pietro Calmo, medico ginecologo di fama napoletana!

Pietro:        (Gli si avvicina) Buo-bongiorno, do-don Pasquà!

Pasquale:   Aspita, guagliò, ma tu he’ peggiorato. Si’ cchiù cacaglio ‘e tre mmise fa!

Pietro:        (Ironico) E sì, io so-songo ‘nu cacaglio mensile!

Pasquale:   E come mai da queste parti?

Pietro:       Do-don… Do-don… Do-don…

Pasquale:  Ma che staje sunanno, ‘a campana?!

Pietro:       Do-don Pasquà, nu-nun putite parlà cu’ Pa-Pà…? Cu’ Pa-Pà…?

Pasquale:  Aggia parlà cu’ pàteto?  

Pietro:       No, cu’ Pa-Pà… cu’ Pa-Paola.

Pasquale:  Ah, aggia parlà cu’ mia nipote? E che ll’aggia dicere?

Pietro:       Ca io nun pozzo fa’ pi-pì…! Nun pozzo fa’ pu-pù…!

Pasquale:  Nun puo’ ffa’ ‘a pipì e ‘a pupù? E va’ add’’o miereco e dincello.

Pietro:       No, non posso fare pi-più a meno di lei. Do-don Pasquà, io v’aggia fa’ vedé ‘a

                   mutà… ‘a mutà…!

Pasquale:  ‘A mutanda? A me? Nun te permettere ‘e t’acalà ‘o cazone. He’ capito?

Pietro:       No, ‘a mutà-‘a mutazione ch’aggio fatto: io me so’ ca-ca… me so’ ca-cagnato.

Pasquale:  Te si’ cagnato? E vabbuò, ce parlo io cu’ Paola. Almeno ce provo.

Pietro:       Gra-grazie, ‘on Pascà. Vuje site proprio ‘nu stru… ‘nu stru…!

Pasquale:  A me?

Pietro:       ‘Nu stru-struffolo! Site do-doce comme ‘nu struffolo. E tenite ‘nu cu… ‘nu cu…

Pasquale:  (Si guarda il di dietro) Io?

Pietro:       ‘Nu cu… cuofono ‘e qualità! E io songo ‘n’ommo ‘e me… ‘n’ommo ‘e me…!

Pasquale:  Haje proprio raggione!

Pietro:       ‘N’ommo ‘e me… ‘n’ommo ‘e medicina! (Sembra ruggire) Arr… arr… arr…!

Pasquale:  Ma che staje facenno, ‘o lione?

Pietro:       Arr… Arrivederci!

Pasquale:  Ah, me staje salutanno? Cià, Pietro, cià. 

                   Si stringono la mano, poi Pietro esce di casa. Pasquale fa una riflessione.

                   E io avessa parlà cu’ Paola? E che ll’aggia dicere? Io nun aggio capito niente!

                   Ed esce via a destra. 

3. [Giovanni Lunico, Nunzia e poi Pasquale]

 

                  Dalla comune (al centro) entrano Nunzia e Giovanni, sotto braccio. Lui ha una

                  forte miopia e porta occhiali con lenti molto spesse. Entrando, girda:

Giovanni: Ehi di casa! Siamo noi: io e mia moglie Nunzia! Scusate l’irruzione! 

Nunzia:     Giuà, ma ch’allucche a ffa’? Qua non ci sta nessuno. La tua miopia è peggiorata.

Giovanni: Nunziatì, t’aggia fa’ ‘na domanda: ma ‘sta casa, quanta porte d’ingresso tene?

Nunzia:     Una sola. Si’ tu che sbattìve ‘a capa sempe ‘ncoppa ‘a stessa parte!

Giovanni: Ah, ecco. E vabbuò, mò famme chiammà a sòrema Cuncetta. (Grida) Cuncééé...

Nunzia:     (Infastidita) Eh, mamma mia!

                  Da destra accorre Pasquale (e si ferma sulla porta).

Pasquale:  Néh, ma chi è ‘stu sapunaro che sta alluccanno? Ah, si’ tu, Giuà? (Gli va vicino)

Giovanni: Oh, Concetta mia, come stai?

Pasquale:  Ma qua’ Cuncetta, io so’ Pascale!

Nunzia:     Giuà, Giuà, e fattélle ‘nu paro ‘e lente nove! Scuse, Pascà, chillo nun t’ha visto!

Pasquale:  Aggio visto, Nunziatì. Ma accomodatevi, che ci fate in piedi?

Giovanni: Sì, grazie. Nunziatì, nun te mòvere. Voglio fare il galante. Ti porgo io la sedia!

Nu.&Pas: (Perplessi) Aéh!

Giovanni: (Stende le mani e va a tentoni) Si sulo ‘a riuscesse a truvà, ‘a seggia!

Nunzia:     Giuà, alla tua destra. Ma che ffaje? Chella è ‘a sinistra!

Giovanni: (La trova) ‘A vi’ ccanno, l’aggio truvata. Nunziatì, vieni. Si accomodi, madame!  

                   Lei cerca di sedersi a destra e lui gliela sposta a sinistra, e viceversa.

Pasquale:  Nunziatì, chisto te fa assettà pe’ terra!

Nunzia:     Giuà, famme fa’ a me, ch’è meglio!

                   Gliela prende di mano, si siede sulla sedia... e sulla mano di Giovanni!

Giovanni: (Grida) Aaaaaah...

Nunzia:     E non protestare!

Giovanni: (Sofferente) Nunziatì...

Nunzia:     Non voglio sentire ragioni...!

Giovanni: (Sofferente) Nunziatì...

Nunzia:     Giovanni, vatti a sedere.

Giovanni: E comme ce vaco, si nun scinne ‘a coppa ‘a mana mia?!

Nunzia:     (Si alza) Uh, scusa! Vabbuò, nun t’he’ fatto niente! Mò ti faccio sedere io a te.

                   Lo aiuta a sedersi, ma lui cade. Alla fine ci riescono e si siede pure Nunzia.

Pasquale:  Nunziatì, me pare che he’ fatto atterrà ‘n’elicottero! (Si siede pure lui)

Nunzia:     (Affannata) E già. Siente, Pascà, e Cuncetta?

Pasquale:  Sta parlanno ‘int’’a cucina cu’ Paola. Cose private.

Nunzia:     (Interessata, scatta in piedi) Uh, voglio sentì pur’io, voglio sentì. Con permesso.

                   Nunzia va frettolosamente in cucina a destra.

Pasquale:  E vabbuò, Nunzia se n’è gghiuta ‘int’’a cucina. Siente, te faccio ‘o ccafé?

Giovanni: No, grazie. Piuttosto, parliamo di noi (Non lo sente più) Pascà! Pascà, ce staje?

Pasquale:  Giuà, sto’ ccà. A proposito, ma stammatina che cacchio he’ cumbinato?

Giovanni: Io? Niente. Ti ho atteso davanti al Gambrinus, perché tu dovevi darmi una copia

                   della chiave del ristorante, in quanto tuo socio. Però tu nun si’ venuto.

Pasquale:  Io nun so’ venuto? Ma si io stevo a tre metre ‘a te, cercanno ‘e me fa’ vedé cu’

                   ‘e mmane accussì! (Muove le mani) Aggio pure alluccato ‘nmiezo ‘e ggente pe’

                   me fa’ sentì, ma tu niente, nun me vedive. E così hai preso e te ne sei andato!

Giovanni: Giesù, ma tu ‘o vero staje dicenno?

Pasquale:  Sì, Giuà. Ma t’’e vvuo’ fa’ ‘sti llente nove, o no?!

Giovanni: E’ giusto. Pensa, ieri sono andato a Porta Nolana a comprare la frutta. Al ritorno,

                   tenevo le buste della spesa, così ho preso il tram. Embé, io entro, e che succede?

                   Si chiudono le porte, io non le vedo… e rimango ‘o raccio ‘a fora cu’ ‘e bbuste

                   ‘nmana! Io pensavo che prima o poi il tram si fermava. Pascà, chillo nun era ‘o

                   tram, era ‘a Vesuviana: ‘o direttissimo pe’ Surriento! La prima fermata l’ha fatta

                   a Ercolano! E io so’ rimasto tutto ‘o tiempo cu’ ‘o raccio fora accussì! (Mima)

Pasquale:  E scummetto ch’aroppo, ‘a casa, he’ fatto storie cu’ Nunzia. E’ accussì?

Giovanni: E per forza, io ho portato la frutta tutta schiattata! Che brutta donna ho sposato!

Pasquale:  Tua moglie? E ‘a mia è meglio? Da quando la conosco… aggio perzo ‘a felicità.

Giovanni: Ma pecché, ch’è succieso? V’ate appiccicate ‘n’ata vota?

Pasquale:  Sì. Ma mò facìmme pace. Ormai aggio saputo che pàteto ha fatto ‘o testamento!

Giovanni: (Sorpreso) Pascà, ma tu che staje dicenno?

Pasquale:  Nun ‘o ssaje? Pàteto ce vo’ da’ ‘e sorde a nuje e ‘nu poco pure a te e a Nunzia.

Giovanni: Ma chi te l’ha ditta ‘sta fessaria?

Pasquale:  E’ stata Cuncetta. E quanno ll’aggio saputo, aggio zumpato ‘a terra!

Giovanni: E he’ fatto ‘nu zumpo inutile! Papà, nun vo’ da’ niente, né a nuje e né a vuje!

Pasquale:  (Rabbuiato) Ma tu che staje dicenno? 

Giovanni: ‘A verità. Anze, nun te fa’ sentì ‘a isso, o si no te scanna!

Pasquale:  (Si adombra) Chella disgraziata ‘e Cuncetta! E pecché m’ha ditto ‘sta palla?

Giovanni: Uh, Pascà, ma mò nun è che pe’ mezza mia v’appiccecate ‘n’ata vota?

Pasquale: No, pe’ carità, nun ne vale ‘a pena. Io ‘a levo sulo ‘a capa ‘a coppa ‘o cuollo!

Giovanni: Ah, menu male, me penzave peggio! Embé, m’hanna cecà si parlo ancora!

                  Torna Nunzia e poi emette un grido di strazio. I due saltano in piedi spaventati.

Nunzia:     Noooo!

Giovanni: (Spaventato) Ch’è stato?

Pasquale:  (Spaventato) No, niente, è sulo Nunziatina!

Nunzia:     (Accorata) Pascà, Cuncetta m’ha cuntato tutto cose. Ve prego, nun divorziate!

Pasquale:  Néh, ma chi sta divorzianno? Nuje ce simme sulo appiccecate, comm’a sempe.

Giovanni: E tu picciò he’ alluccato? Io me penzavo che t’erene sparata. Te puòzzene sparà!

Nunzia:     Ma stattu zitto, tu! Siente, Pascà, io po’ nun ‘e vvoglio sapé ‘e fatte vuoste.

                   Anze, nun m’’e ccuntà proprio. Dico sulo... ma pecché v’ate appiccecate?

Pasquale:  Eh, e chesto pecché nun ‘o vvulive sapé! No, niente, Nunziatì, so’ scimmità.

Nunzia:     Appunto! Vuje mò state sulo nervuse, ma po’ passa tutto cose e facite pace.

Giovanni: E già, dice buono Nunzia. (Guarda l’orologio) E vabbé, Nunziatì, si è fatto tardi.

Nunzia:     Ma che faje a ffa’ avvedé che guarde ‘o rilorgio? Chillo s’è fermato ‘n’anno fa!

Giovanni: (Imbarazzato) Ah, sì? Ehm... vabbé, Pascà, allora m’’a daje ‘sta chiave, o no?

Pasquale:  E vabbuò... (La prende dal taschino della camicia) Però vide addò ‘a miette!

Nunzia:     Eh, è ‘na parola! Pascà, dammella a me. (La prende e la ripone in borsa) Più

                   tardi torno un’altra volta qua e ci parlo io con Cuncetta. Metto tutto a posto io!

Pasquale:  (Accussì, invece ‘e sta’ appiccecate, ce vattimme proprio!). No, Nunzia, ma…

Nunzia:     No, no, ho deciso, più tardi torno qua. Giovanni, andiamo. E te vuo’ movere?

Giovanni: E comme me movo si nun me dice addò s’aésce?!

Nunzia:     ‘E che passaguaje! Damme ‘a mana. (Lo prende per mano)

Pasquale:  Aspettate, uò:            nun è cchiù tranquilla.scengo pur’io. Aggia ì all’aggenzia ccà ffora. Giuà, aggia truvà duje          

                   duje cameriere nuovi, ma l’aggenzia nun m’ha fatto sapé cchiù niente.

Giovanni: Vabbuò, Pascà, piénzece tu e ppo’ me faje sapé coccosa. Andiamo, Nunziatì.

Nunzia:     Giuà, e vvuo’ cammenà? (Poi, come per far camminare un cavallo) Ah, ah...!

Giovanni: Ma che m’he’ pigliato, pe’ ‘nu cavallo?!

Nunzia:     E gghiamme bello, jamme...!

                  E così escono di casa.

4. [Paola e Concetta. Poi Pasquale e Francesco]

 

                  Da destra torna Paola. Ha appena pianto, con un fazzoletto asciuga le lacrime.

Paola:       Faccio sempe chesto, io: primma cumbino ‘e guaje e ppo’ chiagno. Dopo tre

                  matrimoni falliti, mi vado a mettere con Vincenzo e poi lo lascio. E fosse sulo

                  chesto: sono incinta e il bambino e suo. Si ‘o ssanne papà e mammà, me spàrene!

                  Asciuga le lacrime. Da sinistra torna Concetta (pure lei ha pianto).

Concetta: Paola, ma che he’ fatto? Te ne si’ gghiuta bell’e buono?

Paola:       E tu he’ accumminciato a chiagnere.

Concetta: E se capisce, io aggio visto che he’ accumminciato a chiagnere tu!

Paola:       (Non sa cosa dire) Chi, io? E sì, e vero. Che strano. Piangevamo tutte e due!

Concetta: Siamo proprio due chiagnazzare! E pozzo sapé pecché stive chiagnenno?

Paola:       Ehm… perché ho visto un film commovente e poi... e poi... Mammà, nun saccio

                  dicere manco ‘na bucìa. La verità è che mi sono da poco lasciata con un uomo.   

Concetta: ‘O ssaccio, te si’ spartuta cu’ tuo ‘o marito Pietro. E nun ce penzà cchiù.

Paola:       No, mammà, non è lui. Io non te l’ho detto, ma mi sono fidanzata con un altro

                  uomo, un certo Vincenzo Scarpone. E mi sono lasciata l’altro ieri.

Concetta: (Sorpresa) Che? Ma tu ‘o vero staje dicenno?

Paola:       Sì, mammà. E non è solo questo, c’è dell’altro: io, da lui, aspetto... aspetto...

Concetta: Ch’aspiette?

Paola:       (No, nun ce ‘a faccio...). Ehm... aspetto che viene lui da me e mi chiede scusa.

Concetta: (Sospira) Ah, chest’è? E che ci sta di male? Tu vuoi rifarti una vita ed è giusto

                  così. Invece io m’arraggiasse si tu lassave a stu’ tizio, però ire incinta! Allora sì! 

Paola:       (Fa una smorfia come per dire “appunto”, poi...) No, ma quale incinta?

Concetta: E allora è un’altra storia finita male. Ormai tu sei abbonata!

Paola:       Infatti. E invece tu perché hai pianto? Non è che hai litigato di nuovo con papà?

Concetta: E certamente. Io e te non abbiamo proprio fortuna con gli uomini!

Paola:       Mica è detto? Tu non lo sai, ma io ieri sera sono andata ad un evento modano.

Concetta: Overamente, ma addò si’ gghiuta?

Paola:       Eh, mammà, si sapisse! Peccato che nun ‘o ssaje, pecché si ‘o ssapisse, te facesse

                  piacere, ma giacché nun ‘o ssaje…!

Concetta: Néh, ma se po’ ssapé addò si’ stata?

Paola:       Ad una festa lussuosissima, piena di vip.

Concetta: (Contrariata) Uhé, pe’ carità, quali “pippe”?! Fance sta’ qujete!

Paola:       Ma mammà…

Concetta: No, Paolé, nun me dicere che he fatto ‘e ppippe, pecché abbusche! 

Paola:       Ma quali pippe? Ho detto vip, cioè gente importante. E alla festa ci stava pure il

                  principe del Qatar.*                                                                               *(Si legge Catàr)

Concetta: ‘O principe d’’o catarro? No, e non ci andare. Chillo t’ammésca pure a te!

Paola:       Ma no, questo principe viene dal Qatar, che è uno stato del Medio Oriente.

Concetta:   Ah, e io che ne sapevo? Senti, ma non ti ha proprio notata, questo tizio?  

Paola:         Un giorno ti racconterò. Per ora, lasciamo stare. Cià, mammà, io esco.

                    Esce via di casa.

Concetta:   Embé, si ‘nu principe se pigliasse a mia figlia, io jesse a Pumpei a pede. Giuro!

                    Esce a sinistra. Da destra torna Pasquale. Ha un cruciverba e una penna.

Pasquale:   Ecco qua, mò me metto a ffa’ ‘o cruciverba in santa pace e nun dongo audienza

                    a nisciuno! (Si siede sul lato sinistro del tavolo) E chi me cerca, abbosca!

                    Fa il cruciverba. Da destra entra Francesco. S’è cambiato d’abito. E’ triste.

Francesco: No, nun po’ essere. Non mi viene nessuna idea nuova. Embé, certe volte,

                    davanti alla vita, mi sento impotente. (Si avvicina al tavolo) Mannaggia!                  

                    Dà un pugno sopra il tavolo. Pasquale si spaventa e salta in piedi.

Pasquale:   Chi è? (Lo nota) Francé, ma si’ scemo?

Francesco: Uh, scusa, papà, non ti ho visto proprio. Non farci caso, sto troppo nervoso.

Pasquale:   Ma pecché, ch’è stato? (Dubbioso) Nun me dicere che te servene sorde!

Francesco: No, nun è chesto. Il fatto è che certe volte, nella vita, io mi sento… impotente.

Pasquale:   E chest’è? (Poi, preoccupato) Comme? Ma tu che staje dicenno, Francé?

Francesco: Papà, ma staje addiventanno surdo? Aggio ditto che me sento impotente.

Pasquale:   Marò, che disgrazia! Tu si’ giovene! E mò ce vo’ sulo ‘n’operazione!

Francesco: (Stupito) ‘N’operazione? Ma pe’ che cosa?

Pasquale:   P’’o probblema tujo. ‘O fatto ‘e ll’impotenza!

Francesco: Néh, ma tu qual’impotenza he’ capito? Io dicevo che mi sento impotente contro

                    la vita, perché non riesco a costruire nuove invenzioni.

Pasquale:   Ah, ma tu dicive in senso metaforico? Puozze passà niente, a te e l’invenzione!

Francesco: Papà, ma io sono un genio. Ho fatto pure una mostra delle mie invenzioni.

Pasquale:   ‘O ssaccio, ll’’iva fa’ a Piazza Dante.

Francesco: E ssapìsse comm’è gghiuta a fernì: a pummarole ‘nfaccia! E non solo, c’erano

                    pure ortaggi, frutta e pisce fetiente!

Pasquale:   (Felice) ‘O vero? E ‘o scarpone t’è arrivato?

Francesco: Esatto, m’è arrivat… (Poi, dubbioso) ‘Nu mumento, ma tu comm’’o ssaje?

Pasquale:   (Imbarazzato) Chi, io? Ehm… aggio ittato a ‘nduvinà!

Francesco: Papà, ma che ffaje? Invece ‘e m’incità, tu me vutte ‘a munnezza ‘ncuollo?

Pasquale:   Ma tu devi smetterla di fare l’inventore. Lo so, tu non sai fare niente. Ma ora ti

                    dò un consiglio: scrivi una lettera d’assunzione all’azienda dove lavorava mio

                    padre, tuo nonno.

Francesco: E chi ‘a sape scrivere?

Pasquale:   E che ce vo’? Tu devi scrivere: chi sei, quanti anni hai, che studi hai fatto...

Francesco: (Ha un’idea) Ma certo, caro papà, tu mi hai dato un’idea grandiosa! Scrivo

                    all’azienda per vendergli le mie invenzioni. E già, e chi ci aveva pensato?

Pasquale:   Francé, nun he’ capito proprio niente!  

Francesco: E invece ho capito benissimo. Io vado a prendere carta e penna. Grazie, papà!

                    Lancia un bacio e corre via a sinistra. Pasquale prende cruciverba, deluso.

Pasquale:   E vattenne pure tu. Io nun voglio penzà cchiù a nisciuno, manco a te. Anze, mò  

                    vaco a ffa’ ‘o cruciverba ‘ncoppa ‘o gabinetto: solo là posso stare in pace!

                    Esce a destra. Torna Francesco con carta e penna. Sta parlando al telefonino.                  

Francesco: Pronto, scé, le mie invenzioni sono gioielli. Hai capito? E ora beccati questa…

                    (Fa una pernacchia e posa il telefonino in tasca) Ma chi è st’animale? Dice che

                    le mie invenzioni sono giocattoli. Ma io non gli dò retta! (Si siede) Allora:

                    (Scrive) “Lettera di assunzione”, due punti: “Azienda”. No, è troppo freddo.

                    “Cara azienda... virgola... mi chiamo Francesco e faccio l’inventore... virgola...

                    cioè quello che inventa le invenzioni... punto. Signori aziendali, ma per caso vi

                    serve un inventore?... punto interrogativo! Vedete bene che vi serve... punto.

                    Aspetto la vostra gentile risposta... punto... Salutatemi le vostre mamme!”. E sì,

                    per educazione! Firmato: Francesco Bennato! E se son rose, fioriranno!

                    Piega la lettera, si alza e esce di casa saltellando.

5. [Concetta, Nunzia e Pietro Calmo]

                   Da sinistra torna Concetta, triste. Si siede sul divanetto, sospira e poi riflette.

Concetta:  Ma quanno s’acconcia ‘a vita mia? Quanno? Se vede che so’ nata pe’ suffrì.

                   E abbassa gli occhi per riflettere. Dalla comune (al centro) arriva Nunzia.

Nunzia:     Concetta… Concett… (La nota) Ah, sta lloco. (Va da lei) Uhé, cià, Cuncettì!

Concetta:  Uhé, Nunziatì, si’ turnata? Viene, assiettete vicino a me.

Nunzia:      Grazie, me ce vo’ proprio. (Le siede accanto) E allora, è passata ‘a tempesta?

Concetta:  (Stupita) ‘A tempesta? Ma pecché, steva chiuvenno?

Nunzia:      No, no, dico tra te e Pascale.  

Concetta:  Ah, no, tra me e Pascale è ancora malo tiempo.

Nunzia:     E nun ata fa’ accussì, chelle so’ ccusarelle ‘e poco. Vuje ve vulite assaje bene.

Concetta:  Nunziatì, io ti ringrazio che tu mi vuoi consolare. Ma nun so’ ccusarelle ‘e poco.

                   Pascale è cagnato, nun è cchiù comm’e quanno ‘o cunuscette: affettuoso, umile,

                   alléro. Un giorno ci siamo conosciuti per caso al mercato. Cammenàveme, isso a

                   ‘na parte e io di fronte, guardannece ‘int’all’uocchie. E allora, io guardo a te, tu

                   guarde a me... Pascale sciuliaje ‘ncoppa a ‘na buccia ‘e banana e me venette a

                   fernì ‘ncuollo! E accussì amme fatto amicizia. Chella sera, me purtaje ‘o meglio

                   ristorante ‘e Napule, però i soldi che avevamo erano pochi. E invece ci siamo

                   mangiati di tutto: dall’antipasto al dolce. E alla fine, arrivaje ‘nu cunto...! 

Nunzia:     Uh, e comme ‘o pavàsteve?

Concetta:  Avettema lavà ‘e piatte: isso ‘nsapunava e io sciacquavo. E lavanno, lavanno,  

                   me dicette: “Cuncè, ‘o vide ‘stu ristorante? Un giorno ne aprirò uno così!”. E ha

                   mantenuto ‘a prumessa. E dopo due anni di fidanzamento, amme fatte tre anne

                  ‘e convivenza. P’’o scuorno, mammà e papà nun m’hanne vuluto cchiù vedé. Poi      

                  noi due ci sposammo. Però isso già steva cagnanno: quanno nun era nisciuno,

                  pe’ me era coccheduno, e mò ch’è coccheduno... pe’ me nun è cchiù nisciuno.

Nunzia:    No, nun dicere accussì. Voi due state solo in un momento di crisi.

Concetta: No, no. ‘A vita cu’ isso nun è cchiù vita. Si me fa scuccià, ‘o lasso e me ne vaco.

Nunzia:    Pe’ carità, ‘sti ccose nun ‘e vvoglio proprio sentì. Non fare la fine di tua figlia.

                  E dalla comune arriva Pietro Calmo.

Pietro:      Bu-Buongiorno!

Concetta: (Si volta e nota Pietro che va da lei e si alza in piedi, sorpresa) Pietro, tu ccà?

Nunzia:    Ma chisto è Pietro Calmo, l’ex marito ‘e Paola?

Concetta: Già, l’ultimo ex marito di Paola. Nun me fa proprio piacere d’’o vedé.

Pietro:      ‘Onna Cuncé, ma v’a... ma v’a...

Nunzia:    Uh, Cuncé, te vo’ dicere ‘na mala parola?

Concetta: Eh, e io ‘o mengo ‘na seggia appriesso!

Pietro:      No... no... ma v’a... ma v’aggia parlà, io.

Concetta: Me vuo’ parlà? E che me vuo’ dicere? Doppo tutto chello che he’ fatto a Paola!

Nunzia:    E vabbuò, Cuncé, siente che te vo’ dicere. Che te costa? E fallo assettà.

Concetta: E va’, va’, parle. Però nun t’assettà. Mi siedo io. (Si siede) Che m’he’ dicere?

Pietro:      Du-dunque, vi vo-voglio parlare di Pa-Pà…! Pa-Pà…!

Concetta: Io cu’ pàteto ce stongo appiccecata, picciò nun me ne parlà proprio.

Pietro:      Ma no, di Pa-Pà… Pa-Paola. Vo-vostra figlia è ‘na granda pu… ‘na granda pu…

Concetta: Uh, Marò!

Pietro:      ‘Na granda pu… pulzella! E ppo’ tene ddoje belli cco… tene ddoje belli cco…

Concetta: Doje belli ccosce?

Pietro:      Doje belli cco- cose: ll’anema e ‘o core. E tene cierti zi… cierti zi…!

Concetta: Cioè?

Pietro:      Cierti zi… cierti zie simpatiche!

Nunzia:    Uh, grazie!

Pietro:      ‘Onna Cuncé, pu... pu...

Concetta: Uhé, pù a me? Ma pù a te, ‘stu scustumato!

Pietro:      No... pu... pu... putesse murì mommò! Io vo-voglio ancora bene a Paola.

Concetta: ‘A vuo’ bene? Buciardo! Sapisse pe’ via toja, chella puverella comme chiagneva.  

Pietro:      (Indica in basso) Giù-giù... Giù-giù...

                  Concetta e Nunzia guardano a terra.

Nunzia:    Néh, ma che ce sta giù?

Pietro:      No, giù-giusto. Ma mò-mò voglio riparare. Si-si ca... Si-si ca...

Nunzia:    Si sì capace?

Pietro:      No, si-si capisce.

Concetta: E ‘o ddice a me? He’ vedé si essa è d’accordo. Ma mi sa che forse è troppo tardi.

Pietro:      (Indica in alto) Su-su... Su-su...

                  Nunzia e Concetta guardano in alto.

Nunzia:    Néh, ma che ce sta su?

Pietro:      No, su-su... suppongo che avete ragione. Ma io so-so’ cagnato. Glielo dite voi? 

Concetta: Io? Pe’ carità, io voglio ‘a felicità ‘e mia figlia. E tu, invece, ce l’he’ levata.

Pietro:      E vabbé. A-allora mò faccio scoppiare la bo-bomba!

Nunzia:    (Allarmata) No, vuo’ mettere ‘na bomba sotto a ‘sta casa?!

Pietro:      No, no, è-è una bo-bomba metaforica. Io tengo una pro-provola schiacciata! No,

                  una pro-prova schiacciante su una cosa. Ve la po-porterò al momento giusto.

Concetta: Ma che vvuo’ fa’ ancora?

Pietro:      E po-po’… e pe-pé… e pi-pì… e pa-pà…! Vabbuò, bo-bonasera.

                  E esce di casa.

Concetta: E mò ce mancava sulo Pietro. Paola ha fatto buono a lassarlo. E me sa che faccio

                  pur’io ‘a stessa cosa, pecché si Pascale nun cagna, io ‘o lasso.

Nunzia:    Ancora? Pe’ carità. Aroppo ch’avisse fatto ‘na cosa accussì brutta, tu penzasse...

Concetta: (Ricorda qualcosa) Uh, Marò, ch’aggio fatto?

Nunzia:    Esatto, brava, dicisse proprio chesto!

Concetta: No, io dico “ch’aggio fatto?”, pecché aggio lassato ‘a pasta ‘ncoppa ‘o ffuoco.

Nunzia:    Uh, Cuncé, nun te piglià collera, ma tu te staje ‘nzallanenno. Ja’, jamme a vedé...

                  Le due si alzano e vanno via celermente a sinistra.

7. [Vincenzo Scarpone e Pasquale. Poi Paola, Francesco, Concetta e Nunzia]

                  Dalla comune (al centro) entra Vincenzo Scarpone, guappo (ben vestito).

Vincenzo:  A Vincenzo Scarpone nun ‘o fa fesso nisciuno. Qua abita Paola. Benissimo. Mi

                   deve dire perché mi ha lasciato… o si no so’ gguaje! Ora capisco perché la

                   nostra era di nascosto. Ma non è che tiene un altro uomo? Però lei ha qualcosa

                   che appartiene pure a me: un figlio. E nun ce ‘a faccio bona. Mò l’aspetto ccà.

                   Si siede al tavolo. Dalla comune torna Pasquale (non nota subito Vincenzo).

Pasquale:  Ho risolto il problema dei camerieri! E... (Nota Vincenzo) Chisto sarrà ‘o cuoco

                   nuovo che m’’eva mannà l’aggenzia. (Lo osserva) Però, comm’è elegante!

Vincenzo:  (Tra sé e sé) Ah, chisto ha da essere ‘o cameriere d’’a casa! Però comme sta

                   vestuto brutto! (A Salvatore) Ehm... ehi, ragazzo, portami un Glen Grant!

Pasquale:  Uhé, ma qua’ Glen Grant? Iésce mommò ‘o ristorante e miettete a cucenà!     

                   Vincenzo si alza e si avvicina a Pasquale che lo guarda sorpreso.

Vincenzo:  E che songo, ‘nu cuoco?

Pasquale:  E io songo ‘nu cameriere?

Vincenzo:  Aspié, aspié, mò aggio capito: io non sono un cuoco e tu non sei un cameriere.

Pasquale:  Ah, ma sei intelligente! E allora tu chi sei? Anzi, no: voi chi siete?

Vincenzo:  Io sono Vincenzo Scarpone, un uomo tutto d’un pezzo. E voi?

Pasquale:  Io sono Pasquale Bennato, ‘nu piezzo d’ommo!

Vincenzo:  Ah, vi chiamate Bennato? E scommetto che siete un parente di Paola.

Pasquale:  Ate perzo ‘a scummessa! Io nun songo ‘nu parente ‘e Paola. Songo ‘o pato!

Vincenzo:  (Sorpreso) Suo padre? Ma tanto piacere. Io sono il fidanzato di Paola.

Pasquale:  (Sorpreso a sua volta) Scusate, siete il fidan...?

Vincenzo:  ...zato! Anzi, veramente lo ero, perché Paola mi ha lasciato senza dirmi perché.

Pasquale:  Io invece nun sapevo manco ch’era fidanzata cu’ vuje! Ma che volete da Paola?

Vincenzo:  Voglio parlare con lei. Avete capito? (E, offeso, si volta dall’altra parte)

Pasquale:  Signor Sparpone... Signor Scarpone... (S’è offeso! Vabbuò, mò provo a pigliarlo

                   cu’ ‘o buono!). Ehm... signor Pantofola!

Vincenzo:  (Si volta) Che volete?

Pasquale:  (Vedi, con le buone maniere si ottiene tutto!). Dico, ma ch’è succieso cu’ Paola?

Vincenzo:  Ah, lo volete sapere? E io ve lo dico. Vostra figlia Paola è in...

                   Dalla comune torna Paola con due borse di compere che posa sul tavolo.

Paola:        Eccomi qua. Ho comprato qualcosa per... (Nota Vincenzo e resta sorpresa) Tu?         

Vincenzo:  Ah, chi non muore si rivede! Don Pasquà, vi presento a vostra figlia!

Pasquale:  E io già ‘a cunosco!

Vincenzo:  No, dico, vi presento a vostra figlia, che prima mi ha usato e poi mi ha buttato.

Paola:        Ma nun ‘o da’ retta. Io non ho usato e non ho buttato a nessuno.

Vincenzo:  E giuralo su tuo padre qui presente.

Pasquale:  No, no, aspettate, a me levàteme ‘a miezo!

Paola:        E vabbuò, Vicié, aggià parlà? E io t’accuntento: nuje simme state ‘nzieme e io

                   t’aggio lassato. Vuo’ sapé pecché? Non mi piaci più. Ecco, fine, punto!

Vincenzo:  Ah, e brava! Ma sappi che contro Vincenzo Scarpone, non si mette nessuno.

                   Dalla comune torna Francesco: sta parlando al telefonino e fa una pernacchia.

                   Chi è stato?

Francesco: Miezu scé, nun te fa’ sentì cchiù... (E posa il telefonino in tasca)

Vincenzo:  (Si volta e lo nota) Ah, ma si’ stato tu? (Gli va vicino e gli mostra il pugno)

Francesco: (Lo guarda sorpreso) Néh, ma che vvuo’?

Vincenzo:  Voglio sapé pecché m’he’ fatto ‘nu pernacchio?

Francesco: Ma chi te sape? Io l’ho fatto al cellulare a un tizio che sfotte le mie invenzioni! 

Paola:         Vicié, lass’’o sta’, chillo è mio fratello Francesco.

Vincenzo:   (Sorpreso) Che? Tu si’ ‘o frato ‘e Paola?

Pasquale:   Ed è pure mio figlio!

Vincenzo:   E si’ pure ‘o figlio ‘e ‘on Pascale?

Francesco: E pe’ forza, si songo ‘o frato ‘e Paola, so’ pure ‘o figlio suojo! E tu chi si’?

Vincenzo:   Songo ‘o ‘nnammurato ‘e Paola.

Paola:         Vicié, tu nun si’ cchiù ‘nnammurato mio pecché t’aggio lassato. T’hé scurdato?

Francesco: (Beffardo) He’ visto? T’ha lassato!

Vincenzo:   Embé, mò te faccio ‘na paccheriata maje vista!

Pasquale:   Scarpone, ma che state facénno? E aggiate pacienza. Vuje venite ccà e ve facite

                    scagnà pe’ cuoco. Po’ cercate a mia figlia e ‘a facite ‘na cazziata. E non

                    contento, v’appiccecate pure cu’ mio figlio. Ma vuje site proprio ‘nu teppista!

                    Vincenzo lo guarda intimorito. Da sinistra tornano Concetta e Nunzia.

Concetta:   Uhé, uhé, ma che sta succedenno ccà ddinto?

Pasquale:   No, niente, te ne puo’ gghi’, nun ce sierve!

Concetta:   Uhé, io già stongo arraggiata pecché s’è azzeccata ‘a pasta ‘ncoppa ‘o fuoco…!

Nunzia:      Cuncé, calmete, che te fa male!

Concetta:   Nun te prioccupà, Nunziatì. Ma inzomma, se po’ ssapé che sta succedenno?

Pasquale:   E si nun ‘o ssaje tu! Questo qua, lo Scarpone, è il fidanzato di Paola.

Paola:         Veramente, ex!

Pasquale:   Ah, già. Chesta s’è mmisa e s’è lassata pure cu’ chillo, e io nun sapevo niente!

Concetta:   Veramente, fin’a mez’ora fa, nun ‘o ssapevo manch’io!

Vincenzo:   Sentite, ‘e rriunione ‘e famiglia v’’e ffacite aroppo. Io me sto’ sfastrianno!

Pasquale:   Scarpò, ma nun ate ‘ntiso? Paola ha ditto che nun ve vo’ cchiù. Perciò, fuori!

Vincenzo:   Sì, me ne vaco. Ma prima dovete sapere che vostra figlia è in...

Pasquale:   (Si arrabbia) Aggio ditto che te n’he’ ‘a ì...

                    Lui e Francesco lo prendono sottobraccio e lo portano fuori di forza.

Paola:         (Preoccupata) Mammà, ma che vogliono fare quei due?

Concetta:   E che ne sacc’io?

Nunzia:      Mannaggia, si almeno ce stesse mariteme Giuanne, ccà!

Concetta:   Eh, e che putesse fa’ Giuanne?! Chillo nun ce vede manco buono.

Nunzia:      Sì, però mena mazzate ‘a cecato!

                   Dalla comune tornano Pasquale e Francesco.

Pasquale:   Ecco qua. Paolé, a papà, nun avé cchiù paura ‘e chillu tizio. L’aggio fatto fujì!

                    Ed esce via a destra.    

Francesco: L’amme fatto fujì!

                    Ed esce a sinistra.

Nunzia:      Beh, io me ne vaco. E t’arraccummànno, Cuncé, facìte pace.

Concetta:   Vabbuò. Paola, accumpagne a zia Nunzia fora ‘a porta.

Paola:         Sì, sì, subito.

                    Paola e Nunzia escono per il centro.

8. [Concetta e Pasquale. Infine Paola]

                    Concetta si organizza un discorso.

Concetta:   E’ ‘na parola. Mò aggia fa’ pace cu’ Pascale. E che ll’aggia dicere?

                    Da destra torna Pasquale, additando Concetta (che lo guarda, stupita).

Pasquale:   Ah, eccola qua... (Le si avvicina piano piano additandola) Ecco la serpenta  

                    cobra! Ti arriva alle spalle, ti dà un morso e... zac, ti avvelena!

Concetta:   (Interdetta) Néh, Pascà, ma pe’ caso ce ll’aje cu’ me?

Pasquale:   Sì, cu’ te! Tu aiére he’ ditto che pateto ha fatto ‘o testamento, che ce vuleva da’

                    ‘e sorde a nuje, e ‘nu pucurillo pure a Giuanne e a Nunzia. E invece è ‘na palla!

Concetta:   (Vistasi scoperta, resta sorpresa) E... e a te chi te l’ha ditto?

Pasquale:   E no, nun t’’o ddico. Nun t’’o vvoglio dicere ch’è stato fràteto Giuanne!

Concetta:   Ah, è stato isso?

Pasquale:   (Si arrabbia) Uh, mannaggia a me!

Concetta:   E sì, è stato Giuanne. Chillo, a vedé nun ce vede, ma a parlà, sape parlà!

Pasquale:   E vabbuò, sì, è stato isso. E con ciò? Isso m’ha ditto ‘a verità. Tu no. E pecché?

Concetta:   Pecché tu he’ pigliato ‘na ‘nziria, Pascà. ‘Na brutta ‘nziria. Brutta assaje.

Pasquale:   E tu però me l’he’ fatta venì ancora peggio!

Concetta:   E allora fatte capace, papà nun da niente a nisciuno! Chillo è accussì avaro.

Pasquale:   Ma io nun aggio bisogno d’’e sorde suoje.

                    E senza farsi notare, da destra, entra Paola che li ascolta furtivamente.

                    Si sto’ facenno tutta ‘sta mmuina, è p’’e figli mie. E soprattutto pe’ Paola. Nuje

                    l’amma sta’ vicina. (S’accorge di lei) Ah, sta lloco. Paolé, he’ ‘ntiso tutto cose?

Paola:         (Va dai due) Solo la fine. Papà, mammà, io non voglio essere un peso per voi.  

                    Ho fallito tre matrimoni, non ultimo quello con Pietro. Ma io ho voltato di

                  nuovo pagina. E infatti, mammà, ora posso dirtelo ufficialmente.

Concetta: Che me vuo’ dicere?

Paola:       Ti ricordi della festa di ieri? Ebbene, mammà, ho conquistato il principe.

Concetta: (Sorpresa) Uh, Marò, tu che staje dicenno?

Pasquale: Néh, ma pozzo sapé coccosa pur’io, oppure aggia aspettà ‘o TG1 d’’e ll’otto?

Concetta: Pascà, figliete s’è fidanzata cu’ ‘o principe d’’o Catarro!

Pasquale: ‘O principe d’’o Catarro? E chi è?

Concetta: E’ uno che sta chino ‘e sorde, chino ‘e catarro... e pure chino ‘e mugliere!

Pasquale: E allora sta pure chino ‘e corne!

Concetta: Fatte d’’e suoje! Che bellezza, Paolé, t’aggia da’ ‘nu vaso ‘nfronte! (Così fa)

Pasquale: Paolé, dimme ‘na cosa: ma mò ha da venì ccà ‘ncoppa, ‘stu crestiano?

Concetta: Ma qualu crestiano? Chillo è ‘nu musulmano.

Pasquale: Ah, già. E allora ha da venì ccà ‘ncoppa, ‘stu musulmano?!

Paola:       Sì, vuole incontrarvi. Fra una mezz’oretta viene a pranzo qua.

Pas&Co.: (Si guardano sorpresi) Fra mez’ora?

Concetta: E tu mò ce ‘o ddice? Ma allora aggia scennere a accattà duje ciure.

Pasquale: (Frenetico) E io aggia ì ‘o ristorante a piglià duje cameriere.  

Concetta: Aspié, mò me levo ‘o mandesino...

                  Lei toglie il grembiule e lui va all’appendiabiti e indossa la giacca. Nel mentre…

Pasquale: Paola, a proposito, ma che se magna ‘stu principe?

Paola:       Cucina rigorosamente italiana.

Pasquale: Meglio accussì. Cuncé… Cuncè… (Spazientito) E gghiamme, vide ‘e te movere!

                  Se la tira via e i due escono in fretta e furia di casa. Paola esce a sinistra, felice.

9. [Francesco e Ketty. Infine Pasquale. Poi Paola e Pietro]

                    Da destra torna Francesco: ha uno scatolone, lo posa sul tavolo.

Francesco: Ecco il mio ultimo capolavoro. (Dallo scatolone estrae) La “TV senza filo”! 

                    La posa, si siede. Dalla comune entra Ketty. Si ferma alla comune. Lui seguita.

                    Stavolta diventerò ricco. E già mi immagino le donne fuori alla mia porta, là...!

                    Indica la comune, nota Ketty e resta di marmo.

Ketty:         (Sexy) Ciao, maschiaccio!

Francesco: Ma io ancora aggia fa’ niente e cheste già stanne ccà? E allora devo spruzzarmi

                    un po’ di deodorante spray. (Si alza) Ehm... ehi, tu, entra pure, io torno subito!

                    E corre in bagno (a destra). Ketty viene avanti incuriosita.

Ketty:         E addò è gghiuto, chisto? Ma che ha capito? (Si siede sul divanetto) Io sto qua

                    perché un certo signor Pasquale Bennato sta cercando del personale per il suo

                    ristorante. Anzi, tra poco arriva pure il mio amico Natale. E allora quando torna

                    questo tizio strano, gli chiedo se conosce il signor Bennato. Speriamo di sì!                 

                    Dà un’occhiata verso destra. Torna Francesco, che però corre alla comune.

Francesco: Eccomi di ritorn...! E che è, se n’è gghiuta? E io lo sapevo! Puteva maje essere?

Ketty:         Ma io sono qua!                  

Francesco: Ah, eccola. (Va da lei e le siede accanto) E allora, baby, rompiamo il toro...

                    cioè, tagliamo la testa al ghiaccio. Insomma, presentiamoci. Come ti chiami?

Ketty:         Ketty Frega.

Francesco: E vabbé, ma non si risponde così. Io volevo sapere solo il tuo nome.

Ketty:         E te lo sto dicendo: Ketty Frega è il mio nome e cognome.

Francesco: ‘O vero? Che cosa comica! Io invece sono Francesco. Ma per te sono “Fr”!

Ketty:         (Sente un odoraccio) Senti, Francesco, ma che strano deodorante ti sei messo!

Francesco: E già. Sulla bomboletta era scritto tutto in cinese e allora nun se capeva niente.

                    Dalla comune entra Pasquale (con un cartoccio). Nota i due, fa finta di niente.

Pasquale:   (Canticchiando) Ehm… “Dicitincello a ‘sta cumpagna vosta…”!

Francesco: Ah, uhé papà, tutto a posto?

Pasquale:   Uhé, cià, Francé. Sì, tutto a posto. Ma noto che sei in dolce compagnia!

Francesco: E già. Posso presentarti la mia nuova amica?

Pasquale:   Sì, certo. (Le va vicino) Piacere, Pasquale. Incantato! E tu come ti chiami?

Ketty:         Ketty Frega.

Pasquale:   Prego?

Ketty:         Ketty Frega.

Pasquale:   Francé, ma ‘sta nuova amica toja è ‘nu poco scustumata! O me sbaglio?

Francesco: Papà, ce si’ cascato pure tu! Lei si chiama Ketty Frega.

Ketty:         Appunto! E non potete immaginare quale onore conoscervi, signor Pasquale.

Pasquale:   E’ tutto mio. Ora però vi lascio. Tengo parecchie cose da fare. (Sente un odore

                    nell’aria) Ma che d’è ‘stu prufumo?

Francesco: Niente, è deodorante. L’ho trovato in bagno, sul lavandino. Ma per caso è tuo?

Pasquale:   No, ma chillo nun è deodorante. E’ ‘nu nuovo DDT p’accidere ‘e scarrafune. E’               

                    cinese. Embé, aggia cumbinà ‘na strage! Arrivederci, signorina, con permesso! 

                    E va via a destra. Francesco fa una faccia perplessa.

Ketty:         Scusa, che ha detto tuo padre? Che deodorante è?

Francesco: Ehm... è “Eau de scarrafon”!

Ketty:         Mai sentito! E senti, Francesco, cosa fai nella vita?

Francesco: L’inventore. Per esempio, oggi ho inventato la “TV senza filo”. Solo che non

                    ho ancora capito come funziona!

Ketty:         No, non mi piace! Ma io sono qui per altri motivi.

Francesco: E cioè?

Ketty:         Volevo conoscere tuo padre. E l’ho conosciuto. Ora tocca a te.

Francesco: E ch’aggia fa’, io?

Ketty:         (Sexy) Gli parleresti di me?

Francesco: Ce aggia parlà ‘e te? E pe’ ffa’ che?

Ketty:         Voglio lavorare nel suo ristorante. (Gli prende la mano) Mi raccomandi tu?

Francesco: (Si imbarazza e fa singhiozzi) Ih… ih… No, ma io veramente...

Ketty:         Guarda, ti piace la mia gonna pareo?

Francesco: (Singhiozza più velocemente) Ih… ih… Bella!

Ketty:         Dai, vieni con me nella tua stanzetta.

Francesco: (Ancor più imbarazzato, singhiozza di più) Ih... ih... Sta di là… ih… ih a destra.

Ketty:         E allora andiamoci. Ti farò scoprire il paradiso!

                    Lo prende e lo porta con sé a destra (Francesco esce sempre singhiozzando).

                    Da sinistra entra Paola. Si siede sul divanetto e si mette a fantasticare.         

Paola:         Chi sa com’è sposare un principe? Hai visto papà e mammà che faccia hanno

                    fatto, quando gliel’ho detto?! (Realizza) A proposito, ancora non gli ho detto

                    che sono incinta. E non sanno che il padre è Vincenzo. E chi ce l’ha il coraggio

                    di dirglielo? Ma dich’io, tre matrimonie, nun aggio fatto ‘nu figlio. Mò me

                    metto tre mmise cu’ Vicienzo e mi lascio andare come una deficiente. Faccio

                    sulo guaje, io! E invece vorrei che finalmente, dalla porta, entrasse la felicità.

                  Entra Pierto e le si avvicina.

Pietro:      Cià-cià, Paolé.

Paola:       (Fa una pessima faccia) Uh, Marò, e tu che ce faje ccà? Vattenne mommò.

Pietro:      No, no, aspié, famme parlà. So’-so’ tre notte ca nun dormo.

Paola:       (Ironica) ‘O vero? E comme va, ce stanne troppi zzanzare?!

Pietro:      Ma nun me romp... ma nun me romp...

Paola:       (Pensa ad una parolaccia e s’arrabbia) Pietro, ma che sso’ ‘sti mmale parole?

Pietro:      Nun me rompere l’ispirazione! ‘A faccia to... ‘a faccia to...

Paola:       Eh, ‘a toja e ‘e tutta ‘a razza toja!

Pietro:      ‘A faccia toja ‘a tengo se-sempe ‘int’’o core!... Tu si’ ‘na ce... tu si’ ‘na ce...

Paola:       Mò te mengo ‘na scarpa ‘nfaccia!

Pietro:      Tu si’ ‘na ce... tu si’ ‘na certezza p’’a vita mia!

Paola:       E ora te ne stai ricordando? Dopo quello che mi hai fatto passare? Mi dispiace,

                  ora sto frequentando un uomo serio e rispettoso: si tratta del principe del Qatar.

Pietro:      Ah, sì? Paolé, tu si’ ‘na femmena ‘e me... tu si’ ‘na femmena ‘e me...

Paola:       Uhé, e comme te permiette?

Pietro:      Si’ ‘na femmena ‘e me… ‘e meraviglia! Paolé, tu si’ ‘na zucc... tu si’ ‘na zucc...

Paola:       No, nun ‘o ddicere...

Pietro:      Tu si’ ‘na zuccarosa! Si’ chiena ‘e zucchero! Pi-picciò, tuorne ‘nzieme a me.

Paola:       No, Pietro, ormai è finita. A noi due ci manca quella molla che ci tiene uniti.

Pietro:      Ah, sì? Pa-Paolé, tu vuo’ ‘a mo-molla? E t’’a port’io. Al mo-momento giusto!  

                  Le lancia un bacio “tartaglio” e va via. Poco dopo, Paola fa una riflessione.

Paola:       “Il coccodrillo prima mangia i suoi figli e poi si mette a piangere!”...

                  Va a sinistra.

10. [Natale e Ketty. Poi Pasquale, Concetta e Francesco]

                  Da destra entra Ketty tutta scontenta.

Ketty:       Chillu Francesco nun è buono a niente. Sul più bello, s’è mmiso a singhiozzà!

                  (Felice) Però ha detto che parlerà con suo padre e metterà la buona parola. Sìììì!

                  Esulta. Dalla comune (al centro) entra Natale. E’ leggermente effeminato.

Natale:     Uhé, Ketty, ma tu staje ancora ccà? He’ cunusciuto ‘o signor Bennato?

Ketty:       Sì, e ho conosciuto pure suo figlio. Ha detto che mi raccomanderà a suo padre.

Natale:     ‘Nu mumento, e a me?

Ketty:       Stai tranquillo, se prende a lavorare me, prende pure te. (Esulta) E vai!

                  I due si danno il “cinque”.

Natale:     Senti una cosa, ma com’è questo Francesco? Bello?

Ketty:       Natà, nun penzà a chesti ccose. Pensiamo al signor Pasquale. Vieni con me.

                  I due vanno a sinistra e si fermano sotto la soglia della porta. Intanto dalla

                  comune entra proprio Pasquale, imprecando.

Pasquale: Io ‘o ddico sempe: ‘int’a chillu ristorante ce stanne ‘na maniata ‘e scieme! E…

                  (Nota i due che osservano nella stazna a sinistra)E chi so’ chilli duje?

                  Gli si avvicina da dietro e gli grida qualcosa.

                  Uhéééé!

I due:        (Gridano spaventati) Aaaaah! (Si portano a centro stanza, guardando Pasquale)

Pasquale: Ma tu sei l’amica di Francesco. E sì, tu ti chiami Ketty Importa!

Ketty:       No, Ketty Frega!

Pasquale: Appunto! E lui invece?

Natale:     Natale Conituoi.

Pasquale: Eh, e Pasqua con chi vuoi! Ma che me ne ‘mporta a me ‘e Natale?

Natale:     No, ma Natale Conituoi sono io.

Pasquale: Si’ tu? (Ironico) Però nun ce ‘o ddicere a nisciuno!

Ketty:       Signor Pasquale, scusateci tanto, ma io e lui vorremmo lavorare nel ristorante

                  “Pascale ‘o ‘ruosso”!

Natale:     Ah, ma site vuje po signor Pasquale?

Pasquale: (Fiero) Sono Pasquale Bennato, titolare del ristorante “Pascale ‘o ‘ruosso”!

Natale:     (Emozionato) Oddio! Finalmente vi conosco. E posso conoscere pure io vostro

                  figlio Francesco? Può darsi che mi interessa!

Pasquale: No, no, lasse sta’ a mio figlio. (Li osserva bene) E vuje fusseve duje camerieri?

Ketty:       Come no. Ma voi scherzate? Noi siamo camerieri DOC!

Pasquale: E che vvo’ dicere DOC?

Natale:      D’occasione!

Ketty:       No, qua’ d’occasione? Vuole dire che noi siamo camerieri originali! Ma voi ci

                  pensate? Io e lui ci conosciamo da bambini. E mica giocavamo a guardie e ladri,

                  a nascondino, al dottore e l’ammalato...

Natale:      Giocavamo a cameriere e cliente!

Pasquale: (Incuriosito) Ah, sì? E chi faceva il cliente?

Nat&Ket: Tutti e due!

Pasquale: Ah, ‘e che bellezza! Va bene, vi spiego tutto io. Innanzitutto, voi due siete in

                  prova. Se andate bene, vi assumo nel mio ristorante. Chi di voi sa cucinare?

Natale:     Che ti frega?

Pasquale: Ah, sa cucinare lei?

Natale:     No, dico: che ti frega? O io o lei, cuciniamo tutti e due.

Pasquale: E allora muoviamoci. Fra poco qua deve venire un principe.

Natale:     Un principe? Che bello!

Pasquale: Natà, lascia stare il principe. Nun è pe’ te. Piuttosto, apparecchia la tavola.

Natale:     E qual è ‘a tavola?

Pasquale: Vabbé, lascia stare, apparecchio io! E quando il principe arriva, voi che fate?

Natale:     Ce ne jamme!

Pasquale: No! Raccogliete l’ordinazione. Fate una cosa originale: venite a fila indiana.

Natale:     Ah, he’ capì, Ketty? Amma fa’ gli indiani!

Ketty:      Che s’ha da fa’ pe’ campà!

Pasquale: Ecco, facciamo una prova: io sono il principe. Ora mi siedo a tavola. (Così fa)

                  Voi due venite da me e fatemi vedere come prendete le ordinazioni.

Ketty:       (Gli si avivicina e con modi rudi) Néh, uhé, che vvulite magnà?

Pasquale: Ma che d’è tutta ‘sta cunferenza? Ma cu’ chi staje parlanno? Avanti, vieni qui,

                  siediti al posto mio. Mò ti faccio vedere io come si fa.

                  E così si scambiano i ruoli.  

                  Allora, signorina, che cosa volete mangiare?

Ketty:       Un Fernet Branca!

Pasquale: E mica se magna, ‘o Fernet Branca? Va bene, facciamo finta che lui vi ha detto    

                  cosa vuole mangiare. E dopo Ketty gli porta una bottiglia di vino invecchiato.

                  Magari glielo dai con un parola di cortesia e uno sputo di buon senso! Va bene? 

Ketty:       Sì, sì. Allora: al principe gli porto il vino, poi la parola e lo sputo di buon senso!

Pasquale:   Brava. E te ne vai. Poi, Natale, entri tu... e gli porti un piatto succulento!

Natale:       (Sorpreso) Che ce aggia purtà?

Pasquale:   Un piatto succulento!

Natale:       Ma nun se po’ evità ‘stu fatto?

Pasquale:   Ma che vvuo’ evità? Lo devi fare e basta. E ora andate a prepararvi in cucina.

Ketty:         (Si alza) A proposito, don Pasquà, ma va bene come stiamo vestiti?

Pasquale:   (Dà un’occhiata) Non avete la livrea?

Natale:       No, nuje nun simme ‘e Ivrea, simme ‘e Secondigliano!

Pasquale:   Ma chi me l’ha mannate a ‘sti duje! Bene, ora pensiamo al principe.

Natale:       Speriamo bene. Va a finire che se vedo il principe… io nun me trattengo!

Pasquale:   T’ha da ì ‘nu curtiello ‘ncoppa a ‘na mana! Jatevenné ‘int’’a cucina, subito!

                    I due escono celermente a sinistra. Pasquale sembra preoccupato.

                    San Pascale, miettece ‘a mana toja! Vabbuò, famme apparecchià, va’...

                    Toglie il vaso coi fiori, poi prende tovaglia, posate e tovaglioli dalla credenza.

                    Ce mancava sulo ‘o cameriere ‘nu poco effeminato! Ha ditto che vvo’

                    cunoscere a Francesco. Ma per carità! Mio figlio è un uomo maschio al 100%! 

                    Sistema un po’ le sedie e il divanetto. Da sinistra torna Francesco.

Francesco: Ma guarde a chella Ketty che sfizio s’ha fatte passà: m’ha truccato! Ha detto

                    che sono più sexy! Mah! (Nota Pasquale) Uhé, papà!

Pasquale:   (Senza guardarlo, sistema in tavola) Francé, che vvuo’? Mò tengo che ffa’. Francesco: (Gli si avvicina) Senti, per caso hai visto una certa Ketty Frega?

Pasquale:   (Senza guardarlo) Sì, sta ‘int’’a cucina. Pecché?

Francesco: No, niente. Aggio domandato pe’ precauzione.

Pasquale:   Ha ditto che te cunosce. Cu’ essa ce sta pure ‘nu tizio che me pare ‘nu poco

                    femme… (Alza la testa e lo guarda) ...niello! Francé, ma che tiene ‘nfaccia?

Francesco: No, niente, è un po’ di trucco: rossetto, matita, mascara e phard. Sto bene, vero?

Pasquale:   (Sconvolto) Che?... Francé, ma allora… tu…

Francesco: Ma no, papà, questo si tratta di uno scherzo di una mia amica, Ketty!

Pasquale:   No, tu ‘o scherzo me l’he’ fatto a me.

Francesco: (Spaventato) Aspetta, papà, ma tu non penserai mica che...

Pasquale:   Marò,che tragedia! Sulo ‘o figlio femminiello me mancava! 

Francesco: Papà, non fare così... Bagno, arrivooo...!

                    Francesco corre via di casa e Pasquale lo rincorre. 

FINE ATTO PRIMO

ATTO SECONDO

                  

1. [Pasquale, Concetta, Paola. Poi il principe Omar. Infine Pietro]

                  Pasquale sta controllando che il tavolo sia apparecchiato dovutamente.

Pasquale: Bello, aggio fatto proprio ‘nu lavoretto come si deve. Però ce sta ‘na cosa che ce

                  manca. Chi sa che cosa? Ah, già: ce manca ‘o principe!

                  Dalla comune torna Concetta. Ha dei fiori. Nota Pasquale.

Concetta: Pascà, tutto a posto. Aggio accattato ‘nu bellu mazzo ‘e ciure.

Pasquale: Brava, he’ fatto buono.

Concetta: A proposito,‘o principe, niente ancora?

Pasquale: No. Speramme sulo che vene overamente. Néh, ma è sicuro che ‘stu tizio esiste?

                  E, dalla comune, arriva Paola (tutta emozionata) che dà la notizia:

Paola:       Sta arrivando, sta arrivando. Sta quaggiù. Mamma mia, che macchina che tiene!

Pasquale: (Si alza) Néh, ma chi sta venenno?

Paola:       Il principe e tutto il suo staff: 56 persone, fra guardie del corpo e inservienti.

Pasquale: (Sorpreso) 56 perzone? E hanna venì tutte quante ccà ddinto? E addò ‘e mmetto?

Paola:       No, viene solo lui.

Concetta: Uh, mamma mia, comme me sbatte ‘o core! Non vedo l’ora di conoscerlo.

                  Entra Omar (in elegante abito scuro). 

Omar:      (Appena entrato) Fratelli e sorelle...!

Pasquale: (Eh, è trasuto ‘o Papa!).

Concetta: (Imbarazzata) Ah, ehm... don principe, molto lieta!

Paola:       (Imbarazzata) Papà, e dai, dici qualcosa. 

Pasquale: (Imbarazzato) E ch’aggia dicere? Io nun saccio parlà musulmano!

Paola:       Ma che musulmano? Vuoi dire arabo. Ma tanto, lui parla italiano. Vero, Omar?

Omar:      Certo. Or dunque, chi siete voi che osate mostrarvi davanti ai miei occhi?

Pasquale: Io sono il padre di Paola, Pasquale Bennato.

Omar:      Omar Espuorc.

Pasquale: Eh, ate raggione vuje, ‘o mare è proprio spuorco!

Paola:       No, papà, ma lui si chiama proprio così: Omar Espuorc.

Pasquale: Ah, sì? Uh, scusatemi tanto. Allora, piacere. Io sono il padrone del ristorante... Omar:      (Lo interrompe) Alt! Avete parlato già troppo! Ora voglio sentire la signora.

Concetta: Io sono la mamma di Paola e la moglie di mio marito: mi chiamo Concetta.

Omar:      Tanto piacere.

Concetta: Scusate, per curiosità: ma come mai parlate così bene la nostra lingua?

Omar:      Perché io sto sempre a Napoli. E poi mia madre è una nobildonna di Casalnuovo!

Pasquale: Ah, ecco. Signor principe, volete venire con me? Vi faccio vedere la mia casa.

                  Anzi, voglio farvi vedere soprattutto una stanza dove ci tengo tutti i miei trofei.

Omar:      Trofei di guerra o di caccia?

Pasquale: No, di “Tre sette”! Sapete com’è, sono un fuoriclasse.

Omar:      Va bene, fatemi vedere. Allora, signora Concetta, Paola, con permesso.

Concetta: Prego, prego.

Paola:       Vai pure, Omar, io ti aspetto qui.

                  Così i due vanno a destra. Paola e Concetta fanno delle considerazioni tra loro.

                  Mammà, che ne pensi di Omar?

Concetta: E’ un signore. ‘Stu principe è sempe meglio ‘e ll’ex marito tuojo: chillu Pietro!

                  In quel momento, dalla comune (al centro) arriva Pietro.

Pietro:      Buo-buo-buongiorno!

Paola:       (Preoccupata) Uh, mamma mia.

Concetta: (Preoccupata) Pietro, che ci fai qua? Che cosa vuoi?

Pietro:      Niente. (Si avvicina alle due) Vo-voglio fare un sandalo!

Paola:       Vuoi dire, uno scandalo. Pe’ carità, ma che vvuo’ fa’?

Pietro:      A-aggia dicere doje parole ‘o principe! Vo-voglio fa’ scuppià ‘a bomba!

Concetta: E ‘a faje scuppià ‘n’ata vota, ‘sta bomba! Mò nun è cosa, te n’he’ ‘a ì. He’ capì?

Pietro:      E non me ne po-posso andare. Donna Concetta, Pa-Paola è inci... è inci…

Paola:       (Lo interrompe) Ma che dici? Stai zitto.

Concetta: Aspié, Paolé, che sta dicenno, chisto? Famme sentì.

Pietro:      Paolé, se torni con me, ti fa-faccio accogliere dalla Zanzara dei Bersaglieri!

Paola:       Vuoi dire la Fanfara dei Bersaglieri!

Pietro:      Appù… appù…!

Concetta: (Si pulisce un occhio) Marò, m’ha cugliuto ‘int’a ‘n’uocchio!

Pietro:      Appù-appunto. Pa-Paolé, quando nasce il nostro fi-fì…? Il nostro fi-fì…

Concetta: Il nostro Fifì? Ma che va’ truvanno, ‘nu cane?

Paola:       (Le fa segno) E’ pazzo, è pazzo!

Pietro:      Il nostro fi-fi… il nostro fi-figlio. Lui cre-crescerà e pa-parlerà bene come me!

Paola:       Mammà, ma nun ‘o da’ retta. Chisto è depresso!

Pietro:      Ma io vo-voglio dire che Pa-Paola è inci...

Paola:       (Interrompe) Insomma, te ne vuoi andare?

Pietro:      Sì, mò aesco fo-fora ‘a po-porta e allucco ca io e te amma avé ‘nu fi-figlio! (Esce 

                  gridando) Mo-mondo intero, ascolta, io sarò pe-pé… po-po’… pi-pì…!

                  Esce via e le due sembrano preoccupate (specialmente Paola).

Concetta: Uh, mamma mia, chillo è asciuto pazzo p’’o dispiacere che l’he’ lassato.

Paola:       Jammele a fermà, o si no chisto fa arrevutà ‘o palazzo.

                  E corrono subito fuori per cercare di fermare Pietro.

2. [Pasquale e poi Concetta, Paola, Finocchio, Natale e Ketty]

                  Da destra tornano Pasquale e Omar (che nota la stanza vuota).

Pasquale: Avete capito, signor principe? Io tenevo solo due carte di “Tre sette”, eppure

                  sono riuscito a fare cappotto! Ua’, è stata una cosa memorabile!

Omar:      Bravo. Però adesso, don Pasquale, io direi di parlare di cose più importanti.

Pasquale: Sì, anzi, voglio chiedervi una cosa: ma voi a Paola ve la volete proprio sposare?

Omar:      E certo. Lei sarà la mia trentunesima moglie!

Pasquale: E giustamente, ate fatto trenta, mò facite pure trentuno! Invece mia figlia ha già

                  avuto tre mariti. Però non tutti e tre insieme!

Omar:      State tranquillo, Paola mi ha detto tutto dei suoi matrimoni sfortunati.

Pasquale: Sì, però non c’è pericolo, i suoi ex mariti non li vedrà mai più. Parola d’onore!

                  E confabulano tra loro. Dalla comune (al centro) tornano Paola e Concetta.

Concetta: Paolé, e che c’è vuluto p’’o fa’ sta’ zitto: l’aggia avuta da’ ‘na scarpa ‘ncapa!

Paola:       Sì, ma mò nun parlà cchiù. Ehm... papà, Omar, eccoci di ritorno.

Pasquale: Uhé, ma addò ve ne site jute?

Concetta: Ehm… add’’a vicina ‘e casa a cercà ‘na capa d’aglio.

Paola:       E già, e io sono andata con lei per darle una mano.

Pasquale: Ma pecché, talmente ch’era pesante, st’aglio?!

Paola:       Va bene, lascia stare. Ma adesso accomodati, Omarino!

Omar:      Ah, sì, grazie. (Si siede a tavola) Scusate, ma voi non vi sedete con me?

Concetta: E noi già abbiamo mangiato.

Paola:       No, vuole dire che loro devono fare gli onori di casa.

Pasquale: E già, noi non possiamo. E adesso, caro principe, vorrei l’onore, che è tutto

                  vostro, di assaggiare alcuni piatti preparati dal mio cuoco!

Paola:       Dal mio cuoco? E chi è?

Pasquale: Si chiama Natale. Fa sia il cameriere che il cuoco. Ci sta pure una certa Ketty.

Omar:      Scusate, ma che cos’è questo odorino di bruciato che viene dalla cucina!

Paola:       (Sente pure lei) Odorino di bruciato? Che sta succedenno ‘int’’a cucina?

Pasquale: E sarà Natale che sta cucinando.

Paola:       Mammà, andiamo a vedere. Scusaci, Omarino!

Concetta: Scusateci, signor Rosmarino!

Paola:       Ho detto Omarino!

Omar:      (Si alza e fa un inchino) Andate. Andate pure. (E si risiede)

                  Le due vanno celermente in cucina a sinistra.

Pasquale: Bene, principe, adesso vengono i miei camerieri per sapere cosa volete mangiare.

Omar:       Va bene, fateli venire, io li aspetto con ansia.

Pasquale: (Guarda a sinistra) Ora li chiamo. (Così fa) Natale, Ketty, entrate a fila indiana!

                  Entrano i due: hanno linee dipinte sulle facce, e fanno urli tipo indiani.

                  (Pasquale si dispera) (Ata ittà ‘o sango!). (E si copre un attimo gli occhi)

                  I due vanno al tavolo. Ketty prende block notes e penna e Natale parla ad Omar.

Natale:     E vuje chi site? Jatevenne, che ccà ddinto ha da venì a magnà ‘nu principe!

Omar:      Ma songh’io, ‘o principe!

Ketty:       Veramente? Uh, scusate. E allora volete ordinare?

Omar:      Portami ciò che vuoi. Basta ca se magna, pecché tengo ‘na puzzulente ‘e famme!

Ketty:       (Prende nota) “‘Na puzzulente ‘e famme”! Scritto!

Omar:      E da bere voglio del vino invecchiato.   

Natale:     Perfetto! Uhé, Ketty, facimme ambresso. Amma purtà ‘o mmagnà ‘o principe!

Pasquale: Eh, ata purtà ‘o mmagnà ‘o cavallo! E ve ne jate, o no?

                  I due stringono la mano al principe e poi tornano a sinistra in cucina.

                  Scusateli, signor principe.

Omar:       No, e perché? Io ho dei collaboratori... che ffanne cchiù schifo ‘e lloro!

Pasquale: (‘E che cunsulazione!). No, ma quelli sono in prova. Io poi li caccio via! (Dà

                  un’occhiata verso la cucina a sinistra) Ah, ma stanno già tornando.

Omar:       Che velocità!

Pasquale: (Chiamando) Ehm... Ketty, porta il vino invecchiato!

                  Entra Ketty: ha una bottiglia di vino con una barba bianca finta.

Ketty:       Ecco il vino invecchiato. E’ talmente invecchiato che tiene pure la barba bianca!

                  Gli sbatte violentemente la bottiglia davanti sul tavolo e Omar sobbalza.

                  Poi arriva la parola: ommo ‘e niente!... E infine lo sputo di buon senso: pù!

Omar:      (Sofferente) Aiuto, m’hanne sputato ‘int’a ‘n’uocchio!

Pasquale: Ketty, disgraziata, vattenne mommò!

                  E Ketty scappa in cucina.

                  Signor principe, la dovete scusare... io mi vergogno... non so cosa dirvi...!

Omar:      (Si ricompone) Non c’è problema, don Pasquà. Andiamo avanti. Proseguiamo.

Pasquale: E adesso arriva una cosa speciale: il piatto succulento! Ragazzi, venite, entrate!

                  Entra Natale carponi con un piatto di tortellini sul sedere tenuto da Ketty.            

Ketty:       Eccoci qua.

Pasquale: E che d’è ‘stu coso?

Natale:     Il piatto sul culetto!

Pasquale: (Spazientito) Ma qua’ piatto sul culetto? Mettite ccà e jatevenne!

                  Prende il piatto a Ketty, mentre Natale si alza in piedi e i due corrono in cucina.

                  Signor principe, non mi dite niente. Mangiate, sono tortellini al sugo.

                  Gli mette il piatto davanti, ma Omar lo guarda schifato e non mangia.

Omar:      E io m’’essa magnà ‘sta rrobba? Ma quel cameriere l’ha portata sul suo sedere.

Pasquale: Ma chillo teneva ‘o cazone. E poi i tortellini stanno nel piatto. Su, graditeli.

Omar:      E vabbuò, magnamme! (Assaggia, poi sentenzia) Ah, ma è buono! (Ma ad un

                  tratto sente male alla pancia e si lamenta) Aaaah! (Si piega un un po’)

Pasquale: (Spaventato) Uh, Marò, s’è ammusciato ‘o principe! Signor principe, ch’è stato?

Omar:      (Sofferente, si sbottona i pantaloni) Ma che ci sta in questi tortellini?

Pasquale: Niente, c’è il prosciutto di maiale.

Omar:       Assassino! Kamikaze! Noi musulmani non mangiamo mai carne di maiale!

                  Da sinistra escono Natale e Ketty rincorsi attorno al tavolo da Concetta e Paola.

Ketty:        Aiuto, queste due pazze ci vogliono ammazzare!

Concetta: (Ha una scopa in mano) Viene ccà, disgraziato!

Paola:       (Ha un mattarello in mano) Fatte da’ ‘na cosa ‘ncapa!

                  Pasquale blocca le due. Natale e Ketty si fermano dietro Pasquale.

Pasquale: Uhé, uhé, ma che state cumbinanno?

Concetta: Viene a vedé a ‘sti duje che hanne cumbinato ‘int’’a cucina!

Natale:     (Nora Omar, va da lui) Uh, che bello, il principe! Vieni via con me! Scappiamo!

Omar:      (Spaventato, salta in piedi) Uh, mamma mia!

Natale:     Portami sul tuo yacht e facciamo le cose sporche!

Omar:      Aiuto, ‘n’attentato!

                  Omar fugge di casa e se ne scendono i pantaloni, inseguito da Natale e Ketty.

Paola:       Uhé, lasse sta’ a Omar, he’ capito? Chillo è ‘o mio! Jamme, mammà!

Concetta: Pascà, liévete ‘a nanzo!

                  Le due, infuriate, scansano Pasquale e rincorrono Natale, Ketty ed Omar.

Pasquale: Nun capisco cchiù niente! (Confuso, si siede sul divanetto) ‘E che manicomio!

                  E rifiata un po’.

3. [Paola, Pasquale, Concetta, Francesco. Infine Vincenzo]

                  Dalla comune torna Concetta, tutta affannata.

Concetta: Niente, nun so’ stata capace ‘e acchiappà a chillu tizio. Embé, chillo rischia ‘e

                  ‘nguajà ‘o matrimonio ‘e mia figlia cu’ ‘o principe. 

Pasquale: (Si alza e le si avvicina, polemico) Pe’ me, pure ‘stu matrimonio nun va buono.

                  Ma secondo te, tua figlia s’ha da spartere ‘o principe cu’ ati trenta femmene?

Concetta: Ma quanta probbleme te vaje facénno?

Pasquale: Siente, io stongo ancora arraggiato p’’o fatto d’’o testamiento ‘e pàteto!

Concetta: E allora scuoratìllo. Papà sta buono e campa assaje. ‘A faccia toja!

Pasquale: ‘A faccia toja e ‘e tunte ‘e ggente buciarde comm’a te.

                  I due prendono una sedia a testa dal tavolo e si siedono ai due lati opposti della

                    stanza, dandosi le spalle. Paola (dal centro) entra e nota i due.

Paola:         Uh, e ch’è succieso, ccà? Aggio capito. Siamo alle solite, facite sempe chesto,

                    tutt’e dduje: litigate sempre. E se lo state facendo per me, vi ho detto che io non

                    voglio niente. Voglio sulo sta’ qujeta. Lo capite? (Non c’è risposta) E allora

                    facite comme vulite. Stàteve accussì, quante site belle!

                    Dalla comune torna Francesco, malconcio.  

Francesco: (Stravolto) Aria... aria! Sono sano, sono salvo. Sono sano e salvo!

Paola:         Uhé, Francé. (Lo guarda bene così malridotto) Ma che he’ cumbinato?

Francesco: Eh, Paolé, lasseme sta’. Io sono vivo per miracolo. Per colpa di un equivoco,

                    papà mi è corso appresso perché mi voleva menare. Embé, io sono riuscito a

                    salvarmi. Ma purtroppo mi sono ritrovato davanti alle persone che vengono alle

                    mostre delle mie invenzioni. Embé, m’hanne riconosciuto e m’hanne vattuto!  

Paola:         (Indica Pasquale e Concetta) E a questi due non li hai notati?

Francesco: Papà e mammà? E che stanne facenno? Sodoma e Gomorra?!

Paola:         Già, e sempre per i soliti motivi. E io m’aggio sfastriata ‘e fa’ ‘a mediatrice!

Francesco: E qual è ‘o problema? Mò ce parl’io cu’ tutt’e dduje e apparo ‘a situazione.

                    Francesco si avvicina a Pasquale (che non lo guarda).

                    Ehm... papà, permetti una parola?

Pasquale:   (Si volta verso lui) No! (E si volta di nuovo dall’altra parte)

Francesco: E vabbé, allora mò provo con mammà.

                    Si avvicina a Concetta (che non lo guarda). 

                    Ehm... mammà, permetti una parola?

Concetta:   (Si volta verso lui) No! (E si volta di nuovo dall’altra parte)

Francesco: Signori, abbiamo scherzato! Io vado a lavarmi perché puzzo! Con permesso!

                    Se ne va via a destra corrucciato.

Paola:         Io invece me ne scengo. Uhé, a tutt’e dduje, oggie torna a venì Omar. V’amma

                    parlà. E nun ve facite truvà accussì, o si no se ne va... e io con lui. E pe’ sempe!

                    Esce di casa, delusa. I due cominciano monologhi a distanza senza guardarsi.

Pasquale:   He’ visto, Pascà? He’ fatto cuntento sempe ‘a femmena toja! E a ch’è servuto?

                    A niente. He’ perzo sulo tiempo e denare!

Concetta:   He’ visto, Cuncé? Ll’uommene, primma te dicene belli pparole e te fanne

                    perdere ‘a capa... e ppo’, quanno passa ‘o santo, passa pure ‘a festa!

Pasquale:   Ma io nun dico bucie pe’ ffa’ fesso e cuntento. Io faccio ‘o scemo pe’ nun gghi’    

                    ‘a guerra, ma po’ voglio essere rispettato, no sfuttuto! O si no, è malacqua!

Concetta:   Che brutta malatia so’ ‘e sorde! Vonno fa’ tutte quante ‘e signure. Famme sta’

                    zitta, va’. Ccà ddinto tenene ‘a coda ‘e paglia!

                    E finisce la serie dei monologhi. Dalla comune entra Vincenzo (in abito grigio).

Vincenzo:   E’ permesso?

Concetta:   (Si volta a vedere chi è) Chi è? Ah, il signor Vincenzo Scarpone?

Vincenzo:  (Avvicinandosi) Sì, signora, sono io. Scusate, volevo parlare con don Pasquale.

Concetta:   E allora rivolgetevi all’altro reparto! (Indica Pasquale senza guardare)

Vincenzo:   Grazie tante. (E vi si avvicina da dietro) Don Pasquale…!

Pasquale:   (Senza voltarsi) Chi è? Addò state?

Vincenzo:   Sto qua, dietro di voi. Sono Vincenzo Scarpone.   

Pasquale:   (Si volta, lo nota e si alza) Ah, site vuje?  

Vincenzo:   E certo. Posso parlarvi? Voglio scusarmi con voi per quello che è successo ieri.

Concetta:   Solo questo?

Vincenzo:   No, c’è dell’altro. Vedete, io ci tengo troppo per Paola. Pì essa, facesse

                    qualunque scimmità. Venésse peffino a magnà ‘int’’o ristorante vuosto! 

Pasquale:   Ma pecché, venì a magnà ‘int’’o ristorante mio, è ‘na scimmità?

Vincenzo:   No, era tanto pe’ ddicere ‘na cosa. Il fatto è che io sto qua perché ho intenzioni

                    serie. Non voglio sposarmi con Paola solo per pagare il debito che ho con lei.

Pasquale:   Un debito? E nun ve prioccupate, ‘e sorde c’’e pputite restituì cu’ ‘o ‘nteresse!

Vincenzo:   No, non mi avete capito. Io parlavo di un altro debito. Un debito con la natura.

Pasquale:   Ah, aggio capito: ‘nu debito ‘e frutta!

Vincenzo:   Ma che ddicìte? Si tratta di un’altra cosa, però non posso ancora dirvela. Devo

                    appurare se il fatto è successo prima o durante il tempo che siamo stati insieme.

Concetta:   (Si alza e si avvicina) Sentite, nun vulimme sapé nisciunu fatto. Nun ce ne frega  

                    niente! Mò mia figlia s’è fidanzata cu’ ‘n’ata perzona e forse se sposa pure.

Vincenzo:   Va bene, calma. Allora torno più tardi e vi porto delle prove su una cosa. Voi,  

                    intanto, parlate con Paola di noi due. E badate bene, ca si essa nun torna cu’ me,  

                    stateve attiente ‘o ristorante, a vuje... e a essa. Genitori avvisati... mezzi salvati!

                    E esce di casa. Pasquale e Concetta restano turbati dalle minacce di Vincenzo.

Pasquale:   Cuncé, he’ ‘ntiso a chillo? Ha minacciato a nuje e pure ‘o ristorante mio.

Concetta:   E già. (Preoccupata) Mamma mia, Pascà, pecché nun ghiamme add’’a polizia?

Pasquale:   Ma si’ pazza? Tu ‘o ssaje comme vanne a fernì ‘sti ccose. Chillo po’ se vendica.

Concetta:   E allora vuo’ accettà ‘e mminacce ‘e chillo? Pascà, nuje tenimme ‘na famiglia,  

                   ‘o ristorante e ‘a casa. Chiste so’ anne e anne ‘e sudore. E l’amma perdere? 

Pasquale:   No, chesto no. He’ raggione tu. Jamme add’’a polizia. Currìmmele, ‘stu rischio.

Concetta:   E sì, jamme... (Toglie il grembiule e indossa le scarpe sotto l’appendiabiti)

Pasquale:   Famme piglià ‘a giacca. (Va a prenderla all’appendiabiti) Cuncé, nun ‘o

                    ssaccio si chesta è ‘a meglia cosa che fcìmme. Però facìmmele!

Concetta:   So’ d’accordo cu’ te.

                    E escono di casa.

4. [Francesco, Ketty e Concetta]

                    Da destra torna Francesco che intanto si è sistemato. Ha una lettera in mano.

Francesco: Ecco, mi sono sciacquato! A proposito, dal portiere c’era questo telegramma

                    per me. E chi m’ha scritto? (Legge sulla busta, poi esulta) Uh, è la risposta

                    dell’azienda. Questi ora mi fanno un contratto milionario! E fammi leggere,

                    va’. (Così fa) “Egregio inventore, ma tu sei quello che ci ha scritto per lavorare

                    con noi? Bene, eccoti la risposta: con le tue invenzioni, pulisciti il...”! ‘Sti

                    scustumate! (Getta via la lettera) Basta, io odio il mondo intero!

                    Dalla comune (al centro) entra Ketty: è in minigonna e camicetta trasparente.

Ketty:         Ciao, Francesco.

Francesco: (Sgrana gli occhi) Mamma bella! E comme faccio a odià a chesta?!

Ketty:         Che c’è, non mi fai entrare? E allora entro io. (E così fa)

Francesco: (Sempre sgranando gli occhi) E trase, trase... no, cioè, voglio dire, sì, sì, entra!

Ketty:         Allora, Francesco, che mi dici di bello? Hai fatto qualche nuova invenzione?  

Francesco: Sì, ho fatto un’invenzione geniale: “Lo strozzarutti”. Si tratta dello strumento

                    che stronca i rutti sul nascere!

Ketty:         E a che può servire un’invenzione del genere?

Francesco: Ehm… beh… accomodiamoci, va’, io vado a prendere da bere per noi due.

Ketty:         Vai, vai, io ti aspetto.

                    Francesco va a sinistra in cucina, mentre Ketty va verso il divanetto.

                    Eh, la vita è dura. (Si siede) Ieri abbiamo combinato quel casino, io e Natale. E

                    ora mi tocca convincere Francesco a parlare con suo padre per farci perdonare.

                    E allora devo essere gentile e sexy con lui. S’ha da fa’ pure chesto pe’ campà!

                    Torna Francesco con due bottigline di aperitivi e due bicchieri di carta.

Francesco: Ecco gli aperitivi. Mò ci facciamo un bel brindisi.

Ketty:         Ah, che bello! A me piace tanto brindare!

Francesco: (Ne versa un po’ in due bicchieri e poi le siede accanto) Ecco qua. A noi due.

                    Brindano e bevono. Dalla comune torna Concetta. E’ affannata.

Concetta:   Uff, uff! Mamma mia, che corza aggio fatto! (Nota i due e fa finta di niente,

                    canticchiando) “Ah, che bella pansé che tieni, che bella pansé che hai…”!

Francesco: Uhé, mammà.

Concetta:   Ciao, Fancé. (Avvicinandosi) Oh, ma noto che sei in compagnia.

Francesco: E sì.

Concetta:   Ma questa ragazza tiene una faccia conosciuta.

Ketty:         Ketty Frega.

Concetta:   A me? Ah, mò m’arricordo ‘e te. Tu stive ‘nzieme a chillu tizio che s’è fissato

                    cu’ fidanzato ‘e mia figlia, ‘o principe. E m’avìte ‘nguajato pure ‘a cucina.

Ketty:         Signora, perdonateci.

Concetta:   E vabbuò. E’ meglio che me ne vaco. Io devo correre in frigorifero.

Francesco: (Dubbioso) Ma pecché, che t’he’ ‘a ì a piglià? ‘Nu DDT p’’e scarrafune?

Concetta:   ‘O DDT ‘int’’o frigorifero? Francé, ma che ddice? M’aggia piglià ‘nu lassativo

                    potentissimo p’’a stitichezza mia! Sta astipata ‘int’a ddoje buttiglielle ‘e

                    aperitivo. Facite attenzione a nun v’’e ppiglià. Con permesso.

                    Concetta esce a sinistra. Francesco e Ketty si guardano nauseati.

Ketty:         Francesco, ma che mi hai fatto bere? (Posa inorridita il bicchiere sul tavolino)

Francesco: Ehm... è “Eau de stitichezz”!

Ketty :        Sto cominciando ad avere i crampi alla pancia e allo stomaco.  

Francesco: Vuoi una mia “Busta della liberazione”?

Ketty:         No, è meglio il bagno! Mi ci accompagni?

Francesco: (Rassegnato) E vabbuò, jamme ‘int’’o bagno...

Ketty:         Senti, prima che usciamo, devo chiederti una cosa.

Francesco: Aggio capito, aggia parlà ‘e te cu’ papà. E’ accussì?

Ketty:         Bravo! Ora andiamo in bagno, che non ne posso più.

                    Escono a destra. Da sinistra torna Concetta, allarmata.

Concetta:   S’hanne arrubbate ‘o lassativo mio ‘a ‘int’’o frigorifero! Ma comme? ‘Int’a ‘sta

                    casa sparisce tutto cose. (Si siede sul divanetto)

5. [Pasquale, Concetta, Francesco e Ketty. Infine Pietro e Vincenzo]

                   Dalla comune (al centro) torna Pasquale, tutto affannato. Va da Concetta.

Pasquale:  Uhé, Cuncé. Uff, ‘e che corza aggio fatto! 

Concetta:  Uhé, Pascà!

Pasquale:  (Siede accanto a lei sul divanetto) E chi ‘a tene cchiù l’età pe’ correre? (Nota gli

                   “aperitivi” sul tavolino) Cuncé, ce stanne duje aperitivi. Ne vuo’ ‘nu poco?

Concetta:  Strano, nun l’aggio maje viste, st’aperitive!

Pasquale:    Nun ‘o vvuo’? E allora m’’o bev’io. (Prende una bottiglina e beve)

Concetta:    (Osserva bene una bottiglina) Uh, nun bevere, chisto è ‘o lassativo mio!

Pasquale:    (Sputa e posa inorridito la bottiglina) E nun t’’o pputive arricurdà primma?

Concetta:    E tu nun ‘o ssaje, ma ‘stu lassativo è capace ‘e fa’ venì ‘a diarrea a ‘nu toro!

Pasquale:    Basta, nun ‘o vvoglio sapé, nun m’’o ddicere!

Concetta:    Pascà, io penzo ch’amme sbagliato a denuncià a chillu Vicienzo Scarpone.

Pasquale:    Cuncé, e allora che simme jumme a ffa’ add’’a polizia?

Concetta:    E hai ragione, ma io prima tenevo paura. Mò però tengo cchiù paura ancora!

Pasquale:    E pur’io. Però arricuòrdete ‘na cosa: fin’a che campamme, amme voglia ‘e avé

                     paura, Cuncé. ‘A vita è fatta p’avé paura, ma pure p’avé curaggio.

Concetta:    He’ raggione, Pascà. Comme t’avésse vuluto sentì ‘e parlà sempe accussì.

Pasquale:    E intanto, tengo ‘a vocca amara. Cuncé, ma che sarrà, ‘a paura?

Concetta:    No, sarrà ‘o lassativo.

Pasquale:    (Nauseato) Sapeva d’uoglio scaduto. Io me vaco a ffa’ ‘na spremmuta ‘e

                     limone. (Si alza, va verso destra) E aroppo vaco pure ‘int’’o bagn…!

                     Ma davanti alla porta si trova Ketty che sta uscendo (ha indossato, per errore,

                     la camicia di Francesco). Dice ai due:

Ketty:          Ah, mamma mia, è un toro! Finalmente si è scatenato! Signori, buongiorno!

                     E va via. I due restano stupiti. 

Pasquale:    Cuncé, ma ‘o lassativo ‘e pateto fanne venì ‘e vvisione?!

Concetta:    Boh!

                     Torna Francesco: per errore ha indossato la camicetta trasparente di Ketty.

Francesco: (Soddisfatto) Ah, papà, mammà, mò sto’ proprio a posto!

                    Pasquale resta come se avesse visto un fantasma e Concetta si alza di botto.

                    Che avete da guardare? Qualcosa non va? Uhé, sono vostro figlio Francesco.

Pasquale:    E io tenesse a ‘nu figlio cu’ ‘na cammisa accussì?

Francesco: (Si guarda) Uh, che buffo!

Pasquale:    Ma mò t’’o dongo io ‘nu buffo!

Francesco: Aspetta, papà. Questa camicia è di Ketty. Te la ricordi? L’aspirante cameriera.

Concetta:   (Accorre stupita) Marò, Pascà, ‘na vota tenéveme ‘nu maschio e ‘na femmena!

                    Mò invece tenimme ‘nu poco ‘e tutto cose! Acchiappàteme, me sento ‘e svenì!

                    Ha un mancamento e Pasquale cerca di sostenerla.

Pasquale:   (Preoccupato) Cuncé, Cuncé, scìtete...

Francesco: (Preoccupato) Mammà, mammà, che te siente?

Pasquale:    Disgraziato, tutto pe’ mezza toja! Ma mò t’accìdo!

                    Lascia Concetta (che resta in piedi) e alza le mani per minacciare Francesco.

Francesco: No, papà, acchiappa a mammà, chella cade!

Pasquale:    Uh, mannaggia! (La sostiene di nuovo e la fa sedere) Vabbuò, t’accìdo aroppo!

Francesco: Aspé, non ti muovere, prendo qualcosa da bere per mamma. (Corre a prendere

                    una delle bottigline dal tavolino e la porta a lei) Ecco qua. Mammà, bevi, bevi.

Concetta:   (Beve, si rende conto di cos’è e sputa e prende lei la bottiglina) Ma chi schifo!

Francesco: Menu male, s’è arrepigliata mammà!

Concetta:   Sì, pe’ te struppià a te! (Si alza e fa il gesto di ammollargli uno schiaffo)

Francesco: Oh, no, ritirata...!

                    Va per uscire di casa, inciampa, cade, poi si rialza ed esce via.

Pasquale:    Va’, va’, ma he’ turnà ccà! ‘O vì, pe’ colpa soja, tengo ‘n’amarezza ‘nmocca...!

Concetta:   Pascà, t’aggio ditto ch’è ‘o lassativo ‘e papà! Forza, jamme a piglià ‘sti limone!

                  E escono a destra. Dalla comune torna Vincenzo contrariato con sé stesso.

Vincenzo: Ma che ho fatto? Ho minacciato i genitori di Paola? Ma chella me fa perdere

                  proprio ‘a capa. Speriamo solo veramente che il figlio che aspetta sia mio.

                  Si siede sul divanetto e chiude gli occhi. Dalla comune arriva Pietro, dubbioso.

Pietro:      E si po’ ‘o fi-figlio ‘e Paola nun è ‘o mio? Spe-spero di avere presto le a-analisi.  

                  E si siede al tavolo. Vincenzo alza la testa e i due si notano. Si guardano un po’.

Vincenzo: E tu chi si’? (Si alza e gli si avvicina)

Pietro:      (Si alza anche lui) Io so-sono Pietro. E tu?

Vincenzo: Io sono Vincenzo. Scusami se mi vedi così turbato, ma sono un po’ nervoso. 

Pietro:      E a chi... e a chi ‘o ddice? E co-come mai stai nervoso?

Vincenzo: Siente, nun tengo genio ‘e parlà. Non è per superbia, ma io non ti conosco.  

Pietro:      Ah, aggio capito. Tu sì ‘nu scurn... tu sì ‘nu scurn...

Vincenzo: Uhé, che vvuo’ dicere?

Pietro:      Tu si’ ‘nu scurn... tu si’ ‘nu scurnuso! Te miette scuorno!

Vincenzo: E già, so’ scurnuso. Va bene, ora te lo dico. Io sto male per colpa di una donna.

Pietro:      Pu-pure tu?

Vincenzo: Sì, ma il mio guaio è un altro. Lei è incinta e il padre di suo figlio sono io.

Pietro:      Ua’, ‘a stessa cosa pu-pure a me! Proprio tale e quale.

Vincenzo: Pe’ curiosità, ma comme se chiamme ‘a femmena toja?

Pietro:      Pa-Paola. E ‘a toja?

Vincenzo: Invece la mia si chiama Paola.

Pietro:      Eh, e pu-pure ‘a mia.  

Vincenzo: E no, tu he’ ditto ch’a toja se chiamma Pa-Paola!

Pietro:      No, no, se chiamma comm’’a toja. Però, ‘a mia, ‘e cu-cugnomme fa Bennato.

Vincenzo: (Sorpreso) Ah, sì? Bennato? E guarda caso, pure la mia si chiama così...

Pietro:      Ma-ma allora tu si’ chillo che s’ha a-arrubbato a Paola mia.

Vincenzo: No, veramente è tutto ‘o cuntrario.

Pietro:      E mò-mò che vulisse ‘a ccà? Te vuò pi-piglià a essa e ‘o fi-figlio mio?

Vincenzo: E no, ti sbagli... pecché ‘o figlio ‘e Paola, è pure ‘o figlio mio.

Pietro:      E ti sbagli tu, perché io, a Pa-Paola, gli ho fatto fare le analisi del D-DNA.

Vincenzo: E pure io. Quelle analisi diranno che lui è mio figlio. E sarà bello come me!

Pietro:      E-e invece no, sarrà cacaglio comm’a me!

Vincenzo: E mò vedimme. Cchiù tarde me vaco a piglià ll’analese e t’’e ffaccio magnà!

Pietro:      No, t’’e ffa-faccio magnà io...

Vincenzo: No-no, io...

                  E escono così di casa, discutendo.

6. [Concetta, Natale e Ketty. Poi Paola, Pasquale, Giovanni e Nunzia]

                  Da destra torna Concetta, delusa. Va a sedersi sul divanetto sospirando.

Concetta: Che delusione i figli miei. Nun ce abbastava Paola. Ce vuleva pure ‘nu figlio che   

                  le piàcene lluommene. E mò a Francesco nun ce pozzo accattà cchiù ‘e cazune.

                  Mò ce vonno ‘e ggonne! Ce l’aggia dicere pure a Pascale. (Realizza) Però è

                  strano, io nun ‘eva maje sospettato che Francesco era accussì! Certo, io non ho

                  niente contro queste persone, però insomma…! Una mamma capisce quello che

                  voglio dire. E famm’ittà ‘sti buttiglielle, o si no coccheduno ato ave ‘a surpresa!

                  Li prende dal tavolino ed esce a destra. Dalla comune entrano Natale e Ketty.

Natale:      Ketty, e muòvete. 

Ketty:        E aspié, ma che curre a ffa’? Mica se ne fuje, ‘on Pascale?

Natale:      Siente, ma overamente hé cunvinto ‘o figlio a parlà cu’ isso? Famme sentì.

Ketty:        Sì, ha ditto che mò cunvince ‘o pato a c’assumere ‘int’’o ristorante.

Natale:      Ma si’ scema? Chillo ce ha da pavà ancora p’’o lavoro ch’amme fatto aiére!  

Ketty:        Natà, io dicesse: lassamme sta’. Accontentiamoci se lui ci assume un’altra volta.

Natale:      No, no e no! Ce ha da pavà. Picciò vedimme addò sta e facimmece rispettà!

                   Da destra torna Concetta.

Concetta:  Uffà, è caduta ‘na buttigliella ‘nterra e s’è scassata. Famme piglià ‘nu straccio!

                   Va per andare a sinistra e i tre si notano, e Ketty e Natale si spaventano.

                   Ah, tié tié, guarde chi ce sta. E che ce facite ccà tutt’e dduje?

Ketty:        (Impaurita) No, no, signò, pe’ piacere, nun ce facite niente...!

Natale:      (Impaurito) Nuje vulimme parlà sulo cu’ ‘on Pascale. Però subito ce ne jamme.    

Concetta:  Vulite parlà cu’ Pascale? Ma nun me dicite che vulite essere pavate!

Natale:      E si capisce, noi abbiamo lavorato.

Concetta:  Comunque, jate, sta ‘int’’a cucina, mio marito.

Natale:      (Timoroso) Scusate, signora, ma è armato?

Ketty:        Ma stattu zitto, che ddice? Signora, con permesso, noi andiamo. Jamme, Natà...

                  Vanno a sinistra indecisi. Concetta li osserva perplessa.

Concetta:  ‘E che capa fresca! Io sto ancora sconvolta. A Paola, non glielo voglio dire che

                   quel Vincenzo Scarpone ci ha minacciati. Non le voglio guastare la felicità.

                   Intanto, dalla comune (al centro), entra proprio Paola.

Paola:        Cià, mammà.

Concetta:  Uhé, Paolé, steve parlanno justo ‘e te!

Paola:        E allora, stai preparando qualcosa? Fra poco deve venire Omar.

Concetta:  E già, m’’aggio proprio scurdata. Paolé, ‘o vi’, oggie nun tengo proprio ‘a capa!

Paola:        Ma pecché, ch’è succieso?

Concetta:  Ehm… ma no, niente, che ha da succedere?  

Paola:        Ho capito: Francesco ne ha combinata un’altra delle sue. Che altro ha fatto?

Concetta:  E mò t’’o ddico: Paolé, t’’o ricuorde a Francesco? T’era frato!

Paola:        (Stupita) Eh? Che vvo’ dicere t’era frato? Ma ch’è muorto? Insomma, parla!

Concetta:  Paolé, fràteto... t’è sora!

Paola:        Mammà, ma a te te va a genio ‘e pazzià?

Concetta:  No, io dico ‘o vero. Francesco è femmeniello. L’avimme scuperto io e pateto.

Paola:        E papà, appena l’ha visto, che ha detto?

Concetta:  E’ rimasto sconvolto. Ha perzo ‘a capa. Speramme che nun accide a nisciuno.

                   Da sinistra escono di corsa e si fermano Natale e Ketty, terrorizzati.

Natale:      Aiuto, aiuto...

Ketty:        Natà, io te ll’’eva ditto: nun c’’e ccercamme ‘e sorde a ‘on Pascale!

Concetta:  Néh, ma ch’è stato?

Ketty:        ‘Onna Cuncé, ‘on Pascale ce vo’ accidere!

                   E da sinistra torna Pasquale con cattive intenzioni.

Pasquale:  Addò stanne? M’’e vvoglio magnà! Ah, state lloco? Venite ccà...!

Natale:      Ehm... è stato un piacere conoscervi! Un bacio a Francesco. Arrivederci!

                   E i tre scappano via di casa inseguiti da Pasquale fino all’uscita e vi si ferma.

Pasquale:  E nun ce venite maje cchiù ccà a cercà sorde ‘a me. Ate capito?

Concetta:  Pascà, ma che staje facenno? Si’ pazzo? E càlmete.

Pasquale: Ma che m’aggia calmà, Cuncé? (Si siede sul divanetto) Me so’ proprio sfastriato.

                  Paola fa segno a Concetta di andare da Pasquale. Le due si fanno cenno. Poi…

Paola:       Ehm... io vado a vedere se viene Omar...

                  Paola esce di casa mentre Concetta si avvicina a Pasquale.

Concetta: Ehm... c’è posto?

Pasquale: Ma che staje, ‘ncoppa ‘o pullmànn?! Viene, assiéttete.

                  E Concetta si siede accanto a lui sul divanetto.

                  Cuncé, ma che sta succedenno, ccà? Io e te ca nun ghiamme cchiù d’accordo,

                  Paola ch’è sfurtunata cu’ ‘e matrimonie, ‘e mminacce ‘e morte, e mò s’è mmiso

                  pure ‘o fatto ‘e Francesco. Ma comm’è carogna ‘a vita!

Concetta: Ccà è ‘na traggedia! Ogni minuto, ‘na nuvità!

Pasquale: Embé, si s’acconcia tutto cose, nun ‘e vvoglio cchiù ‘e sorde ‘e pàteto! Secondo

                  me, pòrtene sfurtuna!

Concetta: Già, forse è così. Però speramme che mò nun avimme cchiù nisciuna nuvità...

                  E, dalla comune, arrivano Giovanni e Nunzia festanti (si fermano all’entrata).

Giovanni: Ecco la famiglia più felice e fortunata del mondo!

Nunzia:     Biate a loro, pe’ cient’anne!

Pasquale: (Senza voltarsi) Cuncé, ‘e vvutte fora tu, o m’aggia aizà io?!

Concetta: No, lass’’e sta’...

                  Giovanni e Nunzia restano stupìti, poi si avvicinano ai due (lui va da Pasquale).

Giovanni: Cuncé... Cuncé, so’ fràteto Giuanne!

Pasquale: (Si volta un momento) Giuà, ma spàrete!

Giovanni: Cuncé, ma che brutta voce che tiene, pare chella ‘e Pascale!

Nunzia:     Giuà, ma chillo è Pascale! (Lo conduce per mano) Cuncetta sta ccà, ‘a vi’?!

Giovanni: Cuncé, he’ visto? Ti ho trovata al primo colpo!

Nunzia:     Cuncé, Pascà, ma ch’è stato? Nun saccio comme ve veco strane.

Concetta: (Si alza in piedi e gironzola) Niente, Nunziatì. Un po’ di tutto. Ma soprattutto, ci

                  sta un ex fidanzato di Paola che ci ha fatto delle minacce di morte.      

Nunzia:     (Si dispera e dà uno spintone a Giovanni) Uh, Giuà, he’ ‘ntiso?

Giovanni: Puozze passà ‘nu guajo! Mò m’ittàve ‘nterra! Nunziatì, io so’ cecato, no surdo!

Pasquale: (Si alza) E intanto, chillo nun ha minacciato sulo a nuje, ma pure ‘o ristorante.

Giovanni: Siente, Pascà, io dicesse: ma pecché a chisto nun ‘o spare?

Nunzia:     (Lo richiama) Giuà! Ma siente a chisto ‘e che cunziglie che dà.

Giovanni: E vabbé, allora vi faccio un’ultima offerta...!

Pasquale: Eh, sta vennenno ‘e ccullane, chisto!

Giovanni: Ma perché non andate alla polizia?

Pasquale: Mò ‘n’offerta t’’a faccio io: pecché nun te staje zitto?

Nunzia:     Però secondo me Giuanne ave raggione, jate add’’a polizia.

Concetta: E ce simme state. Ma forse amme sbagliato, pecché chillo mò se vendica. Tu ‘o

                  ssaje, a ‘sti ggente ccà, ‘a giustizia nun ‘e ffa niente.

Nunzia:     Uh, Marò! E tuo fìglio Francesco nun po’ ffa’ niente? A proposito, apprimma

                  l’aggio visto ‘e correre ‘nmiezo ‘a via cu’ ‘na cammisa trasparente ‘ncuollo!

Giovanni: ‘O vero? Io nun aggio visto niente!

Nunzia:     Eh, e quanno maje vide coccosa, tu?!

Concetta: Sentite, io v’’o ddico, però ha da rimané tra di noi. Vi raccomando. (Indecisa)

                  Francesco... è... è femmeniello!

Nunzia:     (Si dispera di nuovo e dà un altro spintone a Giovanni) Uh, Giuà, he’ ‘ntiso?

Giovanni: E so’ ddoje! Ma te vuo’ sta’ qujeta ‘nu poco?

Nunzia:    Cuncé, Pascà, nun sapimme che ve dicere.

Concetta: E che vvuo’ dicere? Anzi, grazie della visita. E mò scusateci, ma noi dobbiamo

                  finire di preparare. Fra poco viene il fidanzato di Paola, il principe Omar.

Nunzia:     Ah, chillo che m’he’ ditto tu? Vene ccà? Marò, finalmente ‘na nutizia bona.

Giovanni: Ma chi è, Nunziatì?

Nunzia:     Niente, Giuà, t’’o spiego aroppo. Comunque, Pascà, Cuncé, complimenti!

Concetta: Grazie. E allora noi torniamo subito.

                  Concetta e Pasquale vanno a sinistra in cucina.

 

7. [Giovanni e Nunzia. Poi Paola, Pasquale, Concetta, Omar, Vincenzo e Francesco]

 

                  Giovanni e Nunzia, rimasti soli, si siedono al tavolo.

Giovanni: Nunziatì, he’ ‘ntiso che probblema? ‘Stu fatto d’’e mminacce a Pascale nun ce   

                  vuleva proprio. Speramme che nun me venene a cercà pure a me!

Nunzia:     E invece chesto po’ succedere. ‘A chiave d’’o ristorante, ‘a tiene pure tu.

Giovanni: Uh, è ‘o vero, eh. E allora mò ce ‘a dongo ‘n’ata vota a Pascale.

Nunzia:     E intanto menu male che Paola s’acconcia ‘nu poco. Mò se sposa a ‘nu principe.

Giovanni: E brava a Paola. Speramme ch’a ‘stu principe ce ‘o fa vedé pure a nuje!

                   Intanto dalla comune entrano proprio Omar e Paola.

Paola:        Omar, vieni, vieni. Entra!

Nunzia:     (Nota i due e si alza in piedi) Uhé, Paolé, ‘a zia! Tu staje ccà?

Paola:        Vieni, Omar. (Lo conduce verso i due) Ciao, zii!

Giovanni: (Si alza in piedi) Paolé, ‘a quantu tiempo nun ce vedimme?

Nunzia:     Ma si tu nun l’he’ maje vista!

Giovanni: Ma tiene sempe ‘a dicere, tu?!

Paola:        Zii, volevo presentarvi il mio fidanzato, il principe Omar Espuorc.

Nunzia:     Ah, tanto piacere, io sono la zia di Paola. Mi chiamo Nunzia.

Omar:       Incantato, signora.

Nunzia:     Principe, lui è mio marito Giovanni.

Omar:       Ah, dunque voi siete il marito di questa tortora?

Giovanni: Sì, io sono il suo colombo! Molto piacere.

                   I due cercano una stretta di mano, ma la vista di Giovanni la rende difficile.

Omar:       (Si spazientisce) E miette ccà! (Gli afferra la mano e la stringe) Ce l’ho fatta!

Paola:       Sentite, ma papà e mammà non ci stanno?

Nunzia:     Sì, stanno in cucina. Stanno finendo di preparare.

                  Da sinistra tornano Pasquale e Concetta. Nota gli altri quattro.

Concetta: Uh, principe, buongiorno!

Pasquale: Paola, ce l’he’ fatto cunoscere ‘a zia Nunzia e ‘o zio Giuanne, ‘o principe?

Paola:       Sì, glieli ho presentati prima.

Omar:       Infatti, li ho conosciuti, li ho conosciuti.                 

Giovanni: (Prende per mano Omar) Nunziatì, accumpàgneme ‘nu mumento ‘int’’o bagno!

                   E si tira Omar (sorpreso) verso destra, ma Nunzia accorre e lo ferma.

Nunzia:     No, no, Giuà, nun songh’io. E’ ‘o principe.

Giovanni: Ah, sì? Scusatemi, signor principe, ma voi assomigliate tanto tanto a mia moglie!

Nunzia:     E fa’ attenzione! Scusate tutti, io accompagno un attimo a mio marito in bagno.

                  Escono a destra (Nunzia richiama sottovoce Giovanni).

Omar:       E allora, don Pasquale, donna Concetta, adesso direi di parlare di noi. Vedete, io

                   e Paola abbiamo il piacere di darvi una grande notizia. Anzi, dalla tu, Paola...

Paola:        Ah, io? Ehm... mammà, papà, io e Omar abbiamo deciso... di sposarci a maggio.

Concetta: (Emozionata) Uh, che bella nutizia, comme so’ felice, figlia mia. Auguri.

                   Ma dalla comune  entra Vincenzo con un mazzo di fiori in mano.

Vincenzo: Salve a tutti!

Paola:       (Sorpresa) (Uh, mamma mia, nun ce vuleva propio chisto, mò...).

Pasquale: (Preoccupato) Ah, ehm... bonasera.

Concetta: (Preoccupata) Sentite, ma nun putite turnà dimane? Mò nun è cosa ‘e parlà.

Vincenzo: Aspettate. Vedete questi fiori? Ebbene, con tutto il mio amore, sono per Paola.

                  Gli altri si guardano sorpresi (Omar resta di sasso).

                  E colgo l’occasione per dirvi che ho fissato il nostro matrimonio... a maggio!

Omar:      (Si arrabbia) Uhé, uhé, ‘a scimitarra addò sta? Aggia fa’ ‘n’omicidio!

Paola:       Omar, basta, calmati...

Concetta: Signor Scarpone, a maggio mia figlia s’ha da spusà già cu’ ‘o principe.

Pasquale: Vuje però spusàteve ‘o stesso, a maggio. Ma senza Paola!

Vincenzo: E che me sposo, io sulo? No, io me sposo sulo a Paola, e basta!

Omar:       E ti sbagli. Qua se c’è uno che si deve sposare a Paola, quello sono io.

Paola:       Vicié, fatte capace: io mi sposerò a maggio... ma con lui. Picciò vatténne.

Vincenzo: Sì? E allora mò vuo’ vedé comme cagne ‘e ccarte in tavola? Signori Bennato...

Paola:       (Preoccupata) No, Vicié, pe’ piacere...

Vincenzo: E invece parlo. Ascoltate tutti: Paola aspetta un bambino... ed è mio figlio.

                  Omar, Pasquale e Concetta, sconvolti, restano per un momento senza parole.

Pasquale: (Con voce tremante) Cu-Cuncé, ma che ha ditto?

Concetta: Pascà, nun ‘o ssaccio. ‘Int’a ‘stu mumento saccio sulo ‘na cosa: vulesse murì.

Vincenzo: E dunque Paola ha qualcosa che appartiene pure a me. E allora m’’a sposo io.

                  Ma dalla comune entra Pietro con una busta bianca grande (di analisi cliniche).

Pietro:      E io mi-mi oppongo!

Paola:      (Fa una faccia indescrivibile) Oh, no... pure questo, mò?

Pasquale: Pietro? L’ex marito ‘e Paola?

Pietro:      Ex? Do-dopo quello che sto per farvi vedere, no-non sarò più ex.

Vincenzo: Ah, sì? E che ce vuo’ fa’ vedé?

Pietro:      Io sono un gi-gine... un gi-gine...

Paola:       Sei un ginecologo, Pietro.

Pietro:      Grazie! La ve-vedete questa busta? De-dentro c’è la bomba!

                  Tutti si spaventano.

Pasquale: Una bomba! Tutti fuori!

Pietro:      No, no, sta-state calmi. Qua de-dentro ci stanno delle analisi cliniche... (Le estrae

                  dalla busta e le mette in mostra) Ecco qua: ‘o figlio ‘e Pa-Paola è ‘o mio.

                  Pasquale e Concetta non ci capiscono più nulla. Omar, innervosito, si sfoga.

Omar:       E no, mò siamo in troppi. Signori Bennato, a questo punto mi tiro indietro. Già

                  tengo trenta mogli. Bastano e avanzano pure! Addio per sempre, Paola.

Paola:        No, aspetta, fammi spiegare una cosa.

Omar:       (Si volta verso di lei) No, nun voglio parlà cchiù cu’ te. Signori, con permesso.

                  Ed esce via adirato.

Vincenzo: Pietro, sicché tu saresti venuto a rompermi le uova nel paniere.

Pietro:       No-no, io nun aggio schia-schiattato ll’ove a nisciuno!

Pasquale:   Signori, pe’ favore, nun ‘mbriacamme ‘e ccose. Scarpone, Pietro ha purtato

                    ll’analese pe’ dimostrà chello che sta dicenno. E vuje invece ch’ate purtato?

Vincenzo:  Ehm… no… per ora niente. Ma le porterò, perché Paola le ha fatte pure per me.

Paola:         Già, le ho fatte per tutti e due. E ora finalmente ne conosco pure i risultati.

Pietro:        Te-tenete, signora Concetta.

                    Pietro consegna le analisi a Pasquale e a Concetta. Loro le guardano e poi...

Concetta:   Sì, è vero. ‘O figlio è ‘e Pietro. Non c’è dubbio. Signor Scarpone, carta canta!

Paola:         Vincé, credimi, io non volevo farti del male.

Vincenzo:  (Freddo) No, nun dicere cchiù niente. Io nun ne voglio spiegazione, ‘a te. Anze,

                    Paolé, ‘a vi’ ‘sta faccia mia? Scuòrdatella, pecché nun ‘a vide cchiù...

                    Dalla comune arriva una pernacchia: è Francesco che parla al telefonino.

Francesco: Nun te fa’ sentì cchiù, scé! (E posa il telefonino in tasca)

Vincenzo:  (Si volta) ‘N’ata vota tu? Embé, è meglio che me ne vaco, o si no... o si no...

                    Lo manda a quel paese con un gesto ed esce di casa stizzito.

Francesco: Ma che vvo’ chillo, ‘a me?... Uhé, Paolé, allora t’’o spuse o no, a ‘stu principe?

Concetta:   Ma qualu principe? E’ chisto ‘o marito ‘e Paola.

Francesco: Pietro? Io nun ce sto’ capenno niente! Ma quanta gente s’ha da spusà a Paola?

Pasquale:   Uhé, a te, Francé, ma nuje nun amma parlà ‘nu poco ‘e ‘na certa faccenda?

Francesco: E no, mò nun putite parlà cchiù. Aggio deciso: me vaco a cagnà ‘a cammisa!

Pasquale:   E che ce azzecca ‘a cammisa? L’abito non fa il femmeniello!

Francesco: (Spaventato) Paolé, pàrlece tu cu’ mammà e papà. Fai la mia portavoceee...!

                    E scappa via a sinistra.

Paola:         Papà, mammà, mò basta cu’ ‘sta storia. Francesco è normale, state tranquilli. E’

                    solo che è sempre il solito imbranato: fa’ ‘e ccose sbagliate ‘o mumento giusto!

Pasquale:   E vabbuò. Po’, io e isso, ne parlamme civilmente: ‘o rompo sulo ‘a capa!

Paola:         E pur’io e Pirtro amma parlà ‘nu poco. Però non qua. Amma sta’ sulo nuje.

Pietro:        E va-vabbuò, co-comme vuo’ tu. E mò, ‘on Pa-Pascà, v’aggia dicere ‘na cosa.

Pasquale:   Sì, però cchiù svelto, o si no festeggiate ‘e nnozze d’oro e stamme ancora ccà!

Pietro:        ‘On Pascà, vuje me facite schi... me facite schi...!

Pasquale:   Chi, io te faccio schifo?

Pietro:        No, me facite schi... schi… schiattà ‘e resate! Vuje puzzate... puzzate...

Pasquale:   Addò sta, io me lavo una continuazione!

Pietro:        No, vuje puzzate... puzzate avé tantu bene! E pure vuje, ‘onna Cuncé!... Aug!

Pasquale:   Eh, è arrivate l’Apache!

Pietro:        Aug… aug… auguri a tutti e due!

Concetta:   Grazie, pure a te e a Paola. A proposito, pìgliete st’analese. (Gliele restituisce)

Pietro:        Allo-allora vi saluto. Ba-bà… No, bi-bì… No, bu-bù… No, be-bé…!

Pasquale:   Ma che d’è, nun riesce a truvà ‘a vocale?

Pietro:        Sì, l’a-l’aggio truvata: bo-bò… bo-bonasera!

Paola:         Oh, menu male. Mò ce ne putimme ì. Cià, mammà. Cià, papà.

                    E i due escono di casa. Concetta e Pasquale sembrano soddisfatti.

Concetta:   Menu male, va’. Pascà, ‘o ssaje? Aggio visto ‘na cosa che nun m’arricurdave

                    cchiù: a Paoletta felice. Pienze, teneva ‘na lacrema che le scenneva.

Pasquale:   (Un po’ commosso) E si è pe’ chesto, io ne tengo doje.

Concetta:   Forse oggie, pe’ ‘na vota, amme saputo ‘a felicità addò sta ‘e casa.

                    Poco dopo si sente un urlo dal bagno: è Giovanni.

                    Pascà, he’ ‘ntiso ‘stu llucco?

Pasquale:   E già. Me pare ch’è Giuanne. Ma che sta cumbinanno ‘int’’a chillu  bagno?!

Concetta:   E che ne saccio? Jamme a vedé. Marò, nun se po’ sta’ quiete ‘nu mumento!

                    E escono via a destra.

Scena Ultima. [Vincenzo, Giovanni, Nunzia, Pasquale, Concetta e Francesco]

                    Dalla sinistra torna Francesco, quatto, quatto. Ha cambiato camicia.

Francesco: Nun ce sta nisciuno. Mò me ne pozzo fujì!

                    Esce di casa. Da destra tornano Pasquale, Concetta, Giovanni e Nunzia.

Giovanni:   (Toccandosi la testa) Ah, chi sono?... Dove sono?...

Nunzia:      Giuà, comme te siente? (Sbatacchiandolo di qua e di là) E parle, dice coccosa...

Giovanni:   E ‘nu mumento! Me daje ‘o tiempo ‘e arriciatà? Facìteme assettà ‘nu poco...

                    Pasquale e Nunzia lo aiutano a sedersi. Giovanni si spaventa.

                    Niente, quando sono entrato, sono scivolato... e sò gghiuto a fernì cu’ ‘a capa

                    ‘int’’o gabinetto! E ‘sta scema ‘e Nunziatina ha tirato pure ‘a catena!

Nunzia:       E io sò sciuliata pur’io!

Concetta:   Vabbuò, comunque è fessaria, nun ce penzate cchiù. Mò pensiamo che tutto si è

                    risolto in bene. ‘O ssapite? Paola è incinta, però ‘o figlio è ‘e Pietro.

Nunzia:       Uh, auguri, augur... (Realizza) Aspié, e mò nun me trovo cchiù. E ‘o principe?

Concetta:    Se n’è gghiuto. Tanto, ormai, nun ce serve cchiù! Paola, ‘nu marito, già ‘o tene.   

Pasquale:    E chi se ne frega?! L’importante è che dint’a ‘sta casa, è turnata ‘a pace!  

                    Ma (dal centro) riecco Vincenzo. Va dietro a Pasquale che non lo nota.

                    Adesso sono felice, contentissimo, al settimo cielo... Adesso...

                    Concetta fa un viso preoccupato. Pasquale si volta, nota Vincenzo e si dispera.

                    Sto’ proprio ‘nguajato...!

Vincenzo:   Salve, ci si rivede! Scusatemi se sono entrato come un ladro.

Giovanni:   Néh, ma chi site? Io nun ve veco buono! (Toglie gli occhiali) Ma... ma... (Si

                    alza felice) Pascà, ma tu si’ Pascale? E tu si’ Cuncetta? E tu si’ Nunziatina?

Nunzia:      (Sorpresa) Sì, songh’io, ma... Giuà, che staje dicenno?

Giovanni:   (Felice) Io ci vedo... ci vedo...! Forse sarrà stata ‘a capata ch’aggio dato! E già.

                    E comincia a stringere la mano a tutti (che sono sorpresi), tranne a Vincenzo.

                    Marò, site tutte quante belle... Compreso te, Pascà, pure si me faje senso!

Pasquale:    E pure tu!

Giovanni:   Nunziatì, ‘o ssaje, nun t’’eva maje vista! Ti ho sposata alla cieca!

Nunzia:       E io già ‘o ssapeve! Che m’’o ddice a ffa’?!

Giovanni:   E mò voglio vedé ‘o munno! Non me lo ricordo più com’è fatto! Pascà, si vene

                    chillo che t’ha minacciato, càccele a cavice! Jamme, Nunzia, jamme.                   

                    Giovanni, felice, prende Nunzia, confusa, per mano e vanno via.

Vincenzo:   Bene, bene. Siamo rimasti soli, caro don Pasquale... e cara donna Concetta.

Pasquale:    ‘O vero? E pecché nun ve ne jate pure vuje?

Vincenzo:   Non posso. Vedete, il fatto di Paola non c’entra. Voi non ne avete colpa. Però

                    mi avete denunciato alla polizia. (Estrae un coltellino e lo accarezza) E’ così?

Pasquale:   (Impaurito) Uhé, Cuncé... ma chillu coso che ha cacciato é ‘nu curtiello?

Concetta:   (Impaurita) Sì, Pascà. Ce vo’ ammunnà comm’a ddoje cepòlle!

Vincenzo:   No, e perché? Io ho pensato ad una cosa più silenziosa: andiamo in cucina, così

                    vi lego su una sedia, poi apro la valvola del gas e me ne vado... e vi lascio soli.

Pasquale:   Cuncé, he’ visto? Nun ce accide! E sì, pecché ‘o gas, isso sulo, nun po’ scuppià!

Concetta:    Cretino, nuje murimme avvelenate!

Pasquale:    Ah, già, è ‘o vero!

Vincenzo:   Allora, andiamo in questa cucina, sì o no? Coraggio, andate voi avanti. 

Pasquale:    (Rassegnato) E vabbuò... Cuncé, addio!

Concetta:    Pascà, addio! E’ stato un piacere.

                    Vanno a sinistra in cucina. Dalla comune tornano Francesco e Omar.

Francesco: Omar, allora non ti sposi più a mia sorella? Che peccato. Tu stai pieno di soldi!

Omar:         Francé, devo scusarmi coi signori Bennato. Non dovevo andarmene in quel

                    modo. Senti, mi accompagni a parlare con i tuoi?

Francesco: Pe’ carità! Chille me vonno accidere pecché se penzene ca io so’ femmeniello.

Omar:         Tu? Ma ci mancherebbe altro.

Francesco: Tu credi a me? Ma… veramente mi credi?

Omar:         E certo. Vuoi che glielo dico io? Così mi scuso pure per prima.

Francesco: (Felice) E ‘o ddice pure? Jamme, jamme ‘int’’a cucina. Chille stanne llà.

                    I due si avvicinano alla porta della cucina, la aprono e poi la chiudono stupiti.

Omar:         Oh, no. Ce sta chillu Vicienzo Scarpone: tene in ostaggio ‘e ggenitore tuoje.

Francesco: Aggio visto, aggio visto. Omar, jamme a chiammà ‘a polizia, muvìmmece.

Omar:         No, ma si’ pazzo? Ce vo’ troppo tiempo. Ccà ce ll’amma vedé io e te.

Francesco: No, ma nun è ‘o caso! Chillo è pericoloso. Io l’aggio rignuto ‘e pernacchie!

Omar:         Muoviti, vai a prendere una corda e una mazza. Così tu vai dentro e lo distrai,

                    poi entro io e faccio il resto. Hai capito?

Francesco: E vabbuò... Aspiétteme ccà. Mamma mia, che sofferenza!

                   Va a destra e prende la roba indicata da Omar che spia dalla porta socchiusa.

Omar:        Speramme che nun è troppo tarde...

                    Torna Francesco con la corda e una scopa.

Francesco: Omar, aggio truvato cheste. Vanne buono?

Omar:        Sì, ce abbàstene. (Prende lui la scopa) Sei pronto?

Francesco: Sì. Arape tu ‘a porta. Io accomme traso, stuto ‘a luce. Une, doje e tre...

                    Omar apre la porta e Francesco entra. Poi entra lui: si sentono rumori e grida.

                    Dopo escono Pasquale, Concetta, Omar, Francesco e Vincenzo coi polsi legati.

Omar:        ‘O vi’ ccanno, finalmente l’amme pigliato.

Pasquale:   ‘On Vicié, ma che d’è, mò nun ‘o facite cchiù ‘o forte?!

Vincenzo:   (Costernato) ‘On Pascà, ‘onna Cuncé, io mò non vorrei che voi pensate male di

                    me. Ho fatto tutto questo perché sono un uomo disperato.

Concetta:   E intanto, ce stiveve accedenno. Io posso capire la disperazione, ma essere

                    assassino, no. E secondo voi, io ci dovevo dare un assassino, a mia figlia?

Vincenzo:   Sentite, ditemi quello che volete, ma non chiamatemi assassino.

Pasquale:   E allora pecché ve purtate ‘nu curtiello appriesso? P’ammunnà ‘e purtuàlle?

Concetta:   Vabbuò, baste, Pascà, chiammamme ‘a Polizia e facimmele venì a piglià.

Omar:        No, ci penso io. Me la voglio prendere io, questa suddisfazione! E scusatemi se

                    prima mi sono comportato male con voi e con Paola.

Concetta:   Ma voi non vi dovete scusare. Voi siete un signore.

Pasquale:   Volete rimanere a pranzo con noi? Oggi facciamo salsicce alla brace!

Concetta:   Cretino, ‘e ssasicce so’ ‘e maiale, e isso nun s’’e ppo’ magnà!

Pasquale:   Ah, già, chillo è allergico.

Omar:        No, veramente sono musulmano! Signori, è stato un grande piacere incontrarvi.

                   Davvero. Addio, signori Bennato. Io porto questo tizio alla polizia.

Francesco: (Irriverente) Vicienzo Scarpone, al galoppo!

                    Omar e Vincenzo escono via. Francesco allora cerca di spiegarsi coi genitori.

                    Papà, mammà…

Pasquale:   No, Francé, nun parlà. Io e mammà amme capito.

Francesco: Sì, ma io ve voglio d’a ‘na suddisfazione. Ho fatto un’invenzione incredibile.

                    Volete sapere qual è?

Pasquale:   No, Francé.

Francesco: Ma quella è un’invenzione che cambierà il mondo. E può servire pure a voi in

                    vecchiaia. Si tratta della “Dentiera che mastica da sola”! Tutt’’e viecchie ponno

                    magnà senza se sfurzà! Anzi, ho preparato pure una dentiera in versione mini.

                    Serve per i neonati! Anche loro potranno masticare, adesso! 

Pasquale:   (Ironico) E pienze ‘e mmamme comme so’ cuntente quanno hanna da’ a zucà ‘e

                    ccriature! Francé, ma ch’invenzione è chesta?

Francesco: Pecché, nun te piace? E pensare che io ti volevo proporre un affare: una società.

Pasquale:   Una società?

Francesco: Sì. Io ci metto le invenzioni e tu i capitali.

Concetta:   Lasse sta’, Francé. Tuo padre già ha sufferto troppo.

Pasquale:   E già. He’ visto, Cuncé? E’ fernuto ‘st’incubo. Che dici? Festeggiamo?

Concetta:   A proposito di festeggiare, oggie è ‘o compleanno ‘e Francesco. O me sbaglio?

Francesco: No, nun te sbaglie. Solo che me ne ero dimenticato pure io.

Concetta:   Uhé, tanti auguri.

Pasquale:   Auguri, guagliò. Allora t’amma fa’ ‘o regalo.

Francesco: No, non fatemi regali, sono io che voglio farlo a voi. Ma sì, oggi voglio

                    festeggiare, e per l’occasione vi porto a mangiare fuori.

Pasquale:   ‘O vero? E addò?

Francesco: In un posto dove si mangia bene e io non pago: nel ristorante “Pascale ‘o

                    ‘ruosso”!

                    Pasquale e Concetta si guardano in faccia perplessi.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno