A la suocera… dig semper de sì

Stampa questo copione

“A LA SUOCERA…DIG SEMPER DE SI’”

“A LA SUOCERA…DIG SEMPER DE SI’”

COMMEDIA COMICA IN DUE ATTI DI

ROBERTO FERA

 

Personaggi :                                              

Edoardo Galimberti : il secondo marito di Lena        

Lena Scapuzzoni : la moglie                                       

Carlotta : la figlia di Lena                                          

Anacleto Tironi : il gasista                                        

Rinaldo Marcovaldi Gambero : l’amico di Carlotta      

Florabella Marcovaldi Gambero : la zia di Rinaldo    

Edoardo Galimberti, secondo marito della noiosissima e pedante Lena Scapuzzoni, conduce una tranquilla vita da pensionato accettando con cinismo ed ironia, ma ormai rassegnato, le continue vessazioni della moglie.

La sua esistenza  si movimenta alquanto il giorno in cui in casa irrompe  tale Rinaldo Marcovaldi Gambero, compagno di studi di Carlotta, la figlia di Lena, un giovane rampollo di buona famiglia che ha sempre allegramente sperperato il denaro inviatogli dalla facoltosa zia Florabella per proseguire gli studi all’Accademia di Belle Arti…

Ma quest’ultima ha improvvisamente deciso di fargli visita per constatare di persona come proseguano gli studi del nipote e che compagnie frequenti…

Con la complicità di Carlotta a Rinaldo non rimarrà dunque altra soluzione se non trasformare Edoardo, la moglie Lena e gli altri membri della famiglia in uno sconclusionato gruppo di artisti insieme ai quali far credere di abitare, coinvolgendo tutti in un comicissimo e vorticoso “gioco delle parti”, con tutte le divertenti conseguenze che si possono immaginare.

Tutti i diritti della commedia sono tutelati dalla S.I.A.E. - Codice Opera : 839920A

I ATTO

La scena si compone di un moderno salotto. Al centro un divano con cuscini, alla destra del palco un tavolo con un telefono possibilmente di vecchio modello, all’ingresso un attaccapanni e, appoggiato alla parete (visibile al pubblico), un contatore.

Il sipario si apre. In scena Edoardo, seduto sul divano, sta leggendo (a volte commentando a soggetto) un giornale sportivo. Squilla il telefono.

Ed-(in maniera indolente lo guarda una, due volte, appoggia la Gazzetta e va a rispondere) Pronto, chi parla ? Oh te sè ti Ubaldo…alura, disgrasià, te se andà a ciapà infurmasiun per la tua pensiun ? T’ho dì se te se andà a ciapà infurmasiun per la tua pensiun…cume te se andà a l’usel ? Ma no, to dì de andà a l’USSL, minga a l’usel…ma sì, l’USSL, oggi ASL…cume te se andà in Curs Roma ? Te l’ho dì che la s’è trasferida in Curs Garibaldi…ah, te minga capì e te se andà in Curs Roma e te ghe dumandà a una veduva se la saveva in due l’era l’usel…e le se la t’ha rispost cus’è ? Al cimiteri…ma te se propri una bestia ! Comunque una volta arivà in Curs Garibaldi, te se andà in di ufisi ? Ho dì te se andà in di ufisi…Sì, te truvà un impiegà e se te ghe dì cus’è ? Sono l’Ubaldo Scannagatta, quel che el mung i vacc a Casina Goba…e lù se’l t’ha rispost ? Che el parla minga ingles ? Ah, ho capì, te avrè truvà vun del tacc che el capis minga el milanes…comunque se’l t’ha dì cusè ? De andà a cà tranquill che’l cuntruleva se te set un interdet ? (riflette un attimo)…ma no, l’ha dì che’l cuntruleva su internet…ma sì, internet, è una nuova forma di comunicazione…si viaggia in rete…in rete…sì, la nassa de andà a pescà ! El t’ha dì anca che casomai el te mandava un nimal a cà ? Ma non un nimal, un e-mail ! Sta atent che ades el te manda el nimal per fa la cassoeula a Natal ! Ma sì, un e-mail, l’è la posta elettronica ! Eh, te ghe rasun, se va via la curent fa prima a rivà una racumandada…Ubaldo, in internet si naviga…si naviga…sì, con la Costa Crociere…te devet procurà un monitor…ma nò muntà el tor…un monitor cul mouse…sì…te ghe scepet el mus al tor…sì sì…sculta Ubaldo, fa una roba, metes a fa la raccolta punti del Mulino Bianco, la pension te la ciapet no, ma una pirofila per fa i spaghett te la dann de sicur !

(cambiando argomento) La mia tusa, la Carlotta ? Quest’ann la m’è custada una vagunada de danèe…si è iscritta all’Accademia delle Belle Arti…la pitta, la pitta ! (offeso) Ma no che la peta ! Peterà i to vacc ! La pitta, dipinge…pensa, la m’ha dì : “Papà, io faccio un ritratto alla mamma e se un domani diventassi famosa, questo ritratto potrà valere 20 30 40 mila Euro !” E mì g’ho rispost : “porca vaca, mì la mama la do via gratis ades, figures per 40 mila Euro ! La meti in curnis e la vendi subit ! “ Po’ tì, la m’ha dì : “Verrai con me ai vernissage a Milano” Sì, cume no, andem a vernisà Milan…ghe smaltum la Madunina ! …I vernissage sono le mostre…gnurant ! Le mostre di pittura ! La Lena, la mia mièe ? Ma varda, l’è tuta tribulada…ma cume perché ? Perché de notte la ghe va in sogn el so prim marì, l’Eupilio, el ghe dis che gh’è di numer per la cà, de cercai e de giugai al lott…che la fa i danèe ! Dumà che per cercai la g’ha dì de fa una ginastica strana…mì su no, la me par tuta scumbinada ! Ben dai, cerca de moves, portum chi i incartament che ghe do un’ugiada…sì, te speti, te speti…te saludi (chiude)

Si risiede sul divano e si rimette a leggere. Irrompe all'improvviso la moglie Lena, agitata e urlante.

LE - Oh mama, oh mama... Duard, Duard !

ED- (abbassando a poco a poco il giornale e guardandola in maniera insofferente)...Se gh'è ?

LE- (agitata) L'ho sugnà...l'ho sugnà ancamò !

ED- Un'altra volta ?

LE- Sììì...l'era propri lù...propri el me por Eupilio...l'era lù...oh car, car el me Eupilio...

ED-(cinicamente,tra sè) El prim marì, l'Eupilio, quand l'è mort l'era tucc cuntent perchè per lù, andà, l'è stada ona liberasiun...mì che sunt el secund marì ades cume ades me senti minga de dag tucc i tort...cunt ona mièe inscì ! (a Lena) Lena,e se'l t'ha dì cus'è l'Upilio ?

LE- Nient...cioè, a dì la verità, sui prim sunt stada mì a dig de minga parlà...

ED- Neanca da mort te ghe fè dervì buca...por Upilio, anca da mort el dev tasè !

LE- (proseguendo) Eh ma el g'aveva ona bela cera eh...bel...bel...l'era lì che el me guardava incantà, sto por om...te capiset Duard ? El me guardava cume la prima volta, quand el m'ha dì che l'era inamurà de mì...(leziosa) Adiritura in del sogn el me guardava con voluttà !

ED- (cinico) Cun che roba el te guardava ?

LE- Con voluttà...insoma, ancora desideroso di me !

ED- (ancora più cinicamente) Guarda Lena che l'era minga incantà per tì...

LE- Ah no ? E per che roba alura ?

ED- Se ved che l'era ciuc...se ved che el Signur, anca de là, el g'ha dà el permes de bev...quindi el te guardava minga con voluttà...el te guardava...come vun che l'è in gajna !

LE- Ma tas un po', vilan...Dopo un po' che el me guardava g'ho dì : "Eupilio, ste gh'è de guardam inscì, sensa parlà ? Dim on quai cos !"

ED- El t'ha minga dì de andà a mung el tor ?

LE- No, perchè l'era minga ona bruta buca cume tì...l'Eupilio el m'ha dì de fà dù pas avanti e pò dopu dù pas indrèe...(esegue)

ED- (guardandola stupito) Ste gh'è ? Te set tarantulada ?

LE- Lasum finì...el m'ha dì de fà dù pas avanti, dù pas indrèe...(esegue di nuovo)

ED- (interrompendola) Inscì te se trovet al punt de prima, cioè chi davanti a mì a rumpum i ball !

LE- (proseguendo)...E pò dopu di scorlire la testa e de sta atenti in duve me burlava giò l'occ...se lì gh'è di numer, de giugai al lott ! Te capiset ?

ED- (tra sè) L'è a drè a fà i tagliand per el manicomi...

LE- (mimando la scena) Uno, due...uno, due...scorlire un po' la testa...(si guarda in giro, poi delusa) mì de numer ne vedi minga !

ED- (osservandola) Lena...per forsa tì i numer ti a vedet minga...ti te se drè a dai !

LE- (cambiando discorso) Ancamò...ancamò te se sentà giò sul cusin bel ! Quanti volt t'ho dì de sentas de che la part de chì ?

ED- (cambiando posizione e replicando tra sè) Su minga se avelenala cunt l'amuniaca o cunt l'acid muriatic...(a Lena) Chì inscì va ben ?

LE- Sì, lì va ben...però, semper cun la Gaseta in man...te custa tropp leg on quai liber ?

ED- La culpa l'è minga di donn...la culpa l'è de num omen che gh'em dà la parità !

LE- Dai, lasa giò la Gaseta e legg on quai cos de pusè interesant !

Edoardo si alza infastidito e appoggia il giornale sul tavolo

LE- Lì inscì el giurnal sta minga ben !

ED- (riprendendo il giornale, tra sè) Mì prima o pò la cupi...(si avvicina allo scaffale per prendere un libro)

LE- E ades, cusa te fet ?

ED- Te m'è dì de ciapà un liber...

LE- Non qui lì...te'l set che en lì per l'estetica...varda, leg el giurnal che l'è mei !

Edoardo fa per versarsi un bicchierino di marsala

LE- Bev minga tutt el marsala, che l'è quasi finì...e pò dopu ne resta pù per i ospit !

ED- (rassegnato) Cià, alura bevi un bel cafè...

LE- No no eh...el cafè no, perchè el te ecita el sistema nervus e te dormet minga de nott...te dormet minga tì e te me fè restà sveglia anca mì...

ED- Ma se te runfet cume un tram, de nott !

LE- Fu finta, fu finta de durmì, ma riesi minga perchè gh'è semper la tua abat-jour acesa !

ED- La mia abat-jour acesa ? Ma se hin tri mes che la g'ha la lampadina brusada !

LE- Certo, e la lasi brusada aposta perchè se no ti te la acendet semper...e te set perchè ? Perchè el cafè el te ecita el sistema nervus...alura bev el marsala che l'è mei...(accingendosi ad uscire) Dopu però ricordes de andà giò in cantina a tò ona butiglia nova ! In cantina ricordes de smursà la lus e de dag dù gir de ciav a la porta, che l'è mei ! (Edoardo ripete a seguire tutte le battute di Lena) (esce)

ED- (si versa il marsala risiedendosi sul cuscino brutto) La m'ha fa fà el gir del mund per pò truvam ancamò chì cun la Gaseta e el marsala...(si guarda intorno per vedere che non ci sia la moglie) Tanto vale pugià el cù sul cusin bel ! (cambia cuscino)

Suona il campanello.E'Anacleto.

ED- (andando alla porta) Avanti...

AN- (entrando) Oh buondì sciur Eduard...disturbi ?

ED- (facendolo entrare) Oh Anacleto, te sè tì...ma no, assolutamente...vegn, vegn avanti...Se gh'è ? Ancamò el cuntoeur del gas che funsiona minga ? Gh'è ona quai perdita ?

AN- (che ha un tic all'occhio destro) Ma no sciur Eduard, l'è nient de periculus, ma l'è semper mei tegnil suta cuntrol...el capis ?

ED- (rispondendo con tic) Capisi...alura dag un'altra ugiada,

 prima de saltà tucc per ari !

LE- (apparendo in quinta) Sì però Anacleto, l'è giamò la tersa volta in dù dì che te se chì a cuntrulal...(fà due passi avanti, due indietro e scuote il capo cercando poi i numeri che non trova) Nient ! Neanca stavolta un numerett ! (ad Anacleto) Se'l gh'avarà mai sto cuntoeur ?

AN- (imbarazzato)  Nient, nient de particular sciura Lena, la fò dumà per la vostra sicuresa...

LE- Tì uhì, Anacleto...fà dù pass avanti...

AN- (stupito) Che la me scusa, sciura Lena...ho minga capì se g'ho de fà...

LE- Fà dù pass avanti, per piasè !

AN- (imbarazzato, esegue) E ades che ho fà dù pass avanti ?

ED- (intervenendo) Ades fan dù indrè poi scorlisci il collo e se te vedet di numer, daghi subit !

AN- (imbarazzato esegue) Sciur Eduard, sciura Lena...mì vurevi dumà cuntrulà che el cuntoeur el perdeva minga del gas...

LE- Anacleto...

AN- (con tic) Eh ?

LE- Te vedet di numer ?

AN- No sciura Lena, me dispias !

LE- (uscendo) Alura cuntrola quel che te gh'è de cuntrulà a la svelta, che g'ho de druvà el gas per fà de mangià !

AN- Che'l me scusa sciur Eduard...ma la sua mièe, per caso, la bev ?

ED- Macchè...

AN- Alura la se droga...

ED- Ma neanca...la parla cunt el sò prim marì...l'Upilio...

AN- Ma se el sciur Eupilio l'è mort...

ED- Appunto, e de nott el ghe và in sogn...

AN- In sogn ? E se la ghe dis cus'è ?

ED- La ciapa per el cù ! La ghe dis che gh'è di numer in gir, inscì la ghe fa fà la maratona in cà !

AN- (stupito) La maratona ?

ED- Ma sì, quand lù l'era viv le la faseva cur...ades che l'è mort lù, per vendicas , el fà cur la Lena avanti e indrèe cume un tram da un capolinea a l'alter !

AN- (tra sè) Mì la me par ona cà de matt ! (a Edoardo) El sà sciur Eduardo che per mì el por sciur Eupilio el g'aveva una simpatia particular ? El me cunsiderava on fiò cunt i numer giust...che'l pensa che 'l me diseva semper che hin poc i person che poden veghi...e mì, l'Anacleto Tironi, gasista de l'Asienda Municipalisada, sunt vun de quei : gran lavuradur, sensa visi e soprattutto con lo stipendio sicuro...eh, me manca dumà che la tusa che la me pias la me disa de sì...

Entra Carlotta, la figlia di Lena, mentre Anacleto si accinge a controllare il contatore

CA- Ed...Ed...la mamma dice di offrire qualcosa all'Anacleto...

LE- (apparendo ancora in scena) Appunto Duard...dag  on quai cos de bev, che magari che'l fiò chì el g'ha set...dai, moves, Duard, dai !

CA- Mamma, a Ed l'ho già detto io...cosa continui...?

LE- (prima di uscire di nuovo) Uh, ma mì el cugnusi el Duard eh... l'è lung cume la fam...

AN- (a Edoardo) Che'l me scusa sciur Edoardo...ma in cà la ciamen in ingles ?

ED- Ma certo...(indicando prima Carlotta) Ed...(indicando poi Lena) Duard...Eduard...te devet savè Anacleto che ho persin studià a Oxford...

AN- Ma de bun ?

ED- (rincarando la dose) Pensa che la regina Elisabetta la m'ha numinà anca Sir...

AN- Caspita...el savevi minga !

ED- Cume no...Sir de la manica lunga e sensa i mudand !

AN- Adiritura...

ED- E sì eh...una volta davan via i titul inscì...e pensa che sunt anca amis del Carlo e de la Camilla !

AN- Ma che'l me disa minga...Lù l'è amis de quela cun la facia de caval ?

CA- (rientrando) Allora Anacleto...cosa che c'è che non va nell'impianto del gas ?

AN- (timidamente) No, l'è che...sicume me par...cioè, per la

 sicuresa...saria mei...ecco Carlotta...mi vurevi...volevo solo...

CA- Controllare il contatore del gas ! Non è per questo che sei qui ?

AN- (rassegnato) Sì...propri per quest...minga per alter...(rimane incantato a guardare Carlotta mentre esce)

ED- (intuendo a questo punto che quella del contatore è solo una banale scusa per vedere Carlotta-tra sè) Ades ho capì perchè l'è chì tri volt al dì per cuntrulà tuta la strumentasiun ! A l'è inamurà de la Carlotta ! (ad Anacleto) Uhè, Romeo !

AN- (riscuotendosi) Che'l disa, sciur Eduard...

ED- Alura te diset che  ghe serv una ugiada a sto cuntoeur, o podem fan anca a meno ?

AN- Beh, vist che ho giamò cuntrulà tri volt tra ier e incò...diseria che 'l me par a post, e alura...

ED- (benevolmente) Alura magari dopu mesdì l'è mei dag un'altra ugiada...se sa mai...te set, i perdit del gas l'è mei tegnii suta cuntrol...o sbagli ?

AN- Lù el dis ben, ansi, benisim ! I fug del gas hin ona roba periculusa ! Meglio controllare due volte al giorno che saltà per ari !

ED- Già, periculus...quasi cume i donn !Dumà che la fuga de gas almen l'è silensiusa...la parla minga...

AN- El g'ha rasun, sciur Eduardo...el gas el te cupa sensa fà nisun travaj...i donn invece...

ED- (amaro) I donn te cupen cunt l'indiferensa, cunt i sò occ che se hin cume lampadin smors, vor dì che g'han pù nient de dit...vor dì che g'han pù nient de iluminà...e alura se fà sira...ansi, se fà nott...una nott scura e silensiusa...vona de chi nott brutt a vides, ma inscì bruta che te vegn un gropp in gola e a tì te par de borlà giò in un bus negher che'l finis mai...ecco se l'è, car el me Anacleto, la vita sensa pù l'amur d'una dona...un bus negher che'l finis mai...

AN- (stupito) Ades capisi perchè la regina Elisabetta l'ha fà Sir...

ED- Dam a trà, dam a trà a mì, gasista...intant che te se giuvin tras denter, tras denter cun tuti i fors che te ghè, perchè se l'amur el te scapa via di man, te resta merda...e quela la spusa e basta ! (si asciuga di nascosto una lacrima)

AN- Ma lù, sbagli o el piang...?

ED- No Anacleto, un Sir el piang mai...l'è che ho pelà prima di scigull, te'l sè, per fà ona supa...mì vù matt per la supa cunt i scigull...

AN- Sciur Eduard...lù l'ha capì che mì sun timid, vera ?

ED- Mì ù capì nagott Anacleto, propri nagott...però dam a trà, se te rieset minga a parlà, sì insoma...a dichiaras, fà inscì : stopa i occ e fà andà la lingua...quel che vegn fora el vegn fora, va semper ben, se l'amur el vor capit el te capis istess !

AN- Lù el dis de fà inscì ?  Stupà i occ e fà andà la lingua ?

ED-E un'altra roba : se ti te voret cunquistà una tusa, prima te devet cunquistà la sua mama, sì insoma, la suocera...

AN- In che senso ?

ED- A la suocera...dig semper de sì !

AN- Già, e al suocero ?

ED- Che'l lì el cunta cume el dù de picc a briscula !

Rientra nel mentre Lena facendo due passi avanti,due indietro e dando infine una scrollatina.

LE- (buttando l'occhio) Nient ! Neanca stavolta !

AN- (imitandola prontamente) Neanca mì sciura Lena, ma la vedarà che prima o pò i numer salten fora !

LE- Sperem ! (a Edoardo) Tì uhì, Duard...te ghe ufert on quai cos de bev a che'l fiò chì ?

ED- A dì la verità l'Anacleto l'era inscì impegnà a cuntrulà el cuntoeur che el m'è scapà de ment !

LE- (rimbrottando il marito) Te se semper el solit ! Anacleto, te voret bev on quai cos ?

AN- Ma sì sciura Lena...cià, on cafè el bevi vulentera !

ED- (sottovoce) Alura per veg on cafè dumandeg on marsala !

AN- (di rimando sottovoce) Cume on marsala ?

LE- Ma el cafè el te fà minga durmì, Anacleto !

ED- (sottovoce) Dam a trà, dumandeg on marsala...

AN- (obbedendo) La g'ha rason sciura...magari cunt el cafè stenti a ciapà sonn...che la me daga alura on marsala !

ED- (sottovoce) Ades te vedarè che la te ufris el cafè !

LE- On marsala a la tua età ? No no no, alura l'è mei che te bevet on cafè...Mei un po' nervus che alculisà ! Cià che vù a preparatel ! (esce) 

AN- Vurarisi dumandaghel curet, sciur Eduardo, ma g'ho paura di cunseguens !

Rientra nel mentre Carlotta seguita da Rinaldo, un giovane elegante ed affettato,che parla in maniera blesa. Rinaldo reca con sè un libro.

CA- Dai Rinaldo, non ti preoccupare, vedrai che troveremo una soluzione !

RI- (preoccupato) Fpeviamolo  Cavlotta, altvimenti zia Flovabella quefta volta mi taglia i vivevi pev davvevo !

ED- (ad Anacleto) Teh, por fiò...inscì giuvin el perd giamò la dentera !

AN- Mì g'ho in bursa el bostik,  se propri el g'ha bisogn...

CA- Oh Ed, Anacleto...questo è Rinaldo Marcovaldi Gambero, un mio compagno di studi alle Belle Arti...

(a Rinaldo) Lui è Edoardo, detto Ed, il marito di mia mamma...

RI- (allargando le braccia e facendo nel mentre un mezzo inchino,alzando anche la gamba sinistra) Cavo, cavo, cavo...

ED- (imitandolo stupito) Cavo, cavo, cavo...

RI- (dopo averlo abbracciato prima a ds e poi a sn arretra)

Che piaceve conoscevla !

ED- Sapesse pev me...(poi tra sè) Ho giamò capì che incò l'è una giurnada pesanta...

CA- (indicando Anacleto) E lui invece è Anacleto, l'operaio del gas...

RI- (come sopra) Cavo, cavo, cavo...

AN- (spaesato) Sciur Eduardo...sù no se fà...

ED- Leva la gamba de drè, met el bust in avanti e prima de rispundeg, spuda dù incisiv !

AN- Cavo, cavo, cavo...

Rinaldo arretra

AN- L'ha vist sciur Eduardo, l'è per quel che el se ciama Gambero...el va propri indrè !

ED- Anacleto, mì ho giamò capì...quest chì el fà copia cun quela de là...

RI- (sospirando) Ah...

ED- (di rimando) Ah...

AN- (non sapendo cos'altro fare) Ah...

ED- Anacleto, taca minga anca tì, per piasè !

AN- No sciur Eduardo, l'è che savevi minga se fà...partecipavo al sospiro !

CA- Ed, Anacleto...dovete sapere che Rinaldo ha un problema

ED- Dumà vun ?

RI- (intervenendo) Eh fì, un gvosso, anzi, un gvossissimo pvoblema...cavi amici...non so se divvelo...

ED- Dica, dica pure Vinaldo, tant uramai ghe sem...

AN- Se l'è per la dentera mì me dà no fastidi...ghe dò una pasada de bostik...

CA- Ma no...il problema è un altro...dovete sapere che Rinaldo è mantenuto...

ED- Mantenuto ? Da chi ?

AN- Mì chi person chì me piasen poc...

CA- Ma non fraintendetemi, stavo per dirvi che da anni è mantenuto agli studi da sua zia Florabella...

RI- Aggiungevei nobildonna mantovana, lontana pavente dei Gonzaga...

CA- ...E zia Florabella ha deciso all'improvviso di venire a Milano a fargli visita...

ED- E alura ?

RI- (quasi piagnucolando) E allova quando zia Flovabella avviverà fcopvivà che fono molto indietvo con gli ftudi...fì infomma, che i foldi che lei mi ha inviato menfilmente più che ufavli pev compvave libvi li ho ufati pev compvave una folta un  papillon, una folta un paio di pantaloni, una folta  le fcavpe... ma d'altvonde, cavi amici, foi mi capite...come fi può vinunciave (indica volta per volta gli abiti che indossa) a un papillon cofì, a un paio di pantaloni cofì, a delle fcavpe cofì...ditemi, come fi può vinunciave?

ED- E' vevo, è vevo...come si può vinunciave a tutta quella voba cofì...(ad Anacleto) E tì vergognes, te ve in gir cun la targheta de l'Asienda del gas...spend un pò de danèe e vestiset cofì !

AN- Vestim cofì ? No sciur Eduard, mì i danèe i risparmi per spusam !

Entra nel mentre Lena con il caffè.

LE- Anacleto, varda che el tò cafè l'è prunt...

AN- (prendendolo) Grazie sciura Lena (comincia a sorseggiarlo)

LE- Magari te'l vurevet cunt un pù de latt...

AN-ED- (simultaneamente) Nooo !!!

ED- (proseguendo) No no Lena, el cafè el va ben inscì...vera Anacleto ?

AN- Sì sì...sciura Lena, el va ben inscì !

LE- (accorgendosi di Rinaldo) E che'l bel fiulet chì, chi l'è ?

ED-(tra sé) L’han cascià fora dal Paolo Pini perché gh’era minga de sit e l’han mandà chì a cà mia…

CA- Mamma, lui è Rinaldo Marcovaldi Gambero, studia con me alle Belle Arti…

RI- (con le movenze di cui sopra) Fignova Lena, è un onove e un piaceve conofevla...(baciamano)

LE- (ricambiando l'inchino, aiutata da Edoardo che, prendendole il braccio sinistro e la gamba destra la flette) Piacere, Scapuzzoni, Lena Scapuzzoni...(confusa) Anch'io, odorata e compiacente...

CA- (sottovoce) Mamma, si dice "onorata e compiaciuta" !

LE- Perchè Carlotta, mì se ho dì ?

ED- Che te spuset e che te ghe ste facilment !

RI- (donandole il libro che nel mentre aveva appoggiato)

Fapendo di venive a conofevla mi fono pevmeffo di omaggiavla di quefto piccolo penfievo...

LE- (conquistata e confusa) Grafie neh, grafie...ma el duveva minga disturbas...(lo guarda) Che liber l'è ?

RI- Oh, niente di pavticolave...è un libviccino fulla vita e le opeve di Efchilo, il gvande poeta e attove...

LE- Che'l me scusa Rinaldo, ma el cugnusi minga...che'l sciur chì l'è per caso de Milan ?

Ed-Sì, l’è de Porta Ticines…

CA- (sottovoce) Mamma...cosa dici ? Eschilo era greco !

RI- Fììì...di Eleufi, ficino ad Atene...quefto libvo contiene le fue più gvandi opeve : il "Pvometeo incatenato"…

ED-Sì…g’han mis i manett…

RI- "I Pevfiani"…

Ed-El giusteva i taparel…

RI-… E altvi inteveffanti lavovi come "Le supplici"...

ED-Sì, semper in gesa a pregà…

AN- (a Edoardo) Che'l me scusa l'ignuransa, sciur Eduard, ma "eschilo" l'è un'altra manera de dì "tirel fora" ?

ED- Ma no, ma te par la manera ? Se dis “uschilo”…infat se dis “scusi, lei me lo usce ?” Oppure “Me lo uschi”…so no mì…Ma te minga capì ? Quest chì l’era vun che’l faceva el suplent ad Atene...

AN- Quanti rob che'l sà lù, sciur Edoardo...d'altronde lù l'è un Sir...

LE- Oh, ma lù lè tropp gentil Rinaldo...l'è tropp gentil de bun...el sà se fù ? Tegnerù el liber sul cumudin e na legerù ona quai pagina ogni sira prima de indurmentam !

ED- (tra sé) Po’ sun mì quel che tegn pisa l'abat-jour cunt la lampadina brusada e fà minga durmì la gent !

LE- E mi, cume podi sdebitam, Rinaldo ? Ghe ofri on quai cos de bev ?

ED- AN- (simultaneamente) Nooo !!!

RI- Ma fì invece...

ED- Cumincia la via crucis...

LE- E se podi dag ?

RI- Quello che pvefevife, fignova...

LE- Mì sù no...che'l me disa lù...secund i sò gust !

AN- Ostrega, la sciura Lena l'è in crisi...el g'ha dumandà nient de precis !

CA- (sottovoce) Piantatela voi due !

LE- Alura...ghe fù un bel cafè ?

RI, No no no, il caffè mi eccita il fiftema nevvofo...

LE- Eh sì, el g'ha rasun Rinaldo...alura ghe dò un bel marsala a l'oeuv ?

RI- Mavfala ? No no no, niente alcolici...fa cofa gvadivei ? Un buon tamavindo !

LE- Tamarindo ? Gh'el prepari subit ! Con permesso (esce con il libro in mano)

ED- Teh, và che copia de rufian !

AN- Sciur Eduard, però la sciura Lena l'è propri fada malament ! A mì per dam on cafè la m'ha fà fa el gir del lela, a quest chì, quel che lù el dumanda la ghe dà !

CA- E' che voi non siete capaci di prenderla !

ED- Carlotta, disem che mì l'ho ciapada e me sunt incurgiù tropp tardi dell'ordigno bellico che m'era capità tra i man !

RI- (ricordandosene) Zia Flovabella ! Me ne ftavo dimenticando ! Cavlotta, cofa facciamo ? Fe non tvoviamo una soluzione favò vovinato !

CA- Rinaldo, io un'idea ce l'avrei...non mi hai sempre detto che a zia Florabella piacerebbe incontrare degli artisti...

RI- Fì...

CA- ...capire le loro opere, il loro mondo...

RI- Fì...

CA-...parlare di pittura, di poesia...

RI- Fì...

CA- ...e allora perchè non farle credere che  viviamo in una Comune insieme a pittori, poeti, scultori...

RI- Fì Cavlotta, è una buona idea ! Ma dov'è quefta Comune?

Dove fono gli avtifti ?

CA- Semplice Rinaldo...qui !

RI- (capendo al volo) Fììì !!!

ED- Fì on para de ball ! Carlotta, fin a prova cuntraria questa chì l'è una cà de person nurmal...a parte la Lena che l'è l'ecesiun che cunferma la regula...e chì denter la zia Clarabella la g'ha meta minga pè !

CA- Ed, si chiama Florabella...Clarabella è la mucca di Topolino !

ED- Quel che l'è Carlotta, manca dumà un'altra che la riva e la dis "fììì, i veftiti cofì, le fcavpe cofì"...Te'l disi subit Carlotta: scavi una trincea, me meti sù l'elmett e carichi la baiuneta !

AN- Sciur Eduard, mì andaria perchè me par che tira un'aria grama...

CA- Anacleto, mi stupisco di te...pensavo che almeno tu volessi darci una mano...

AN-  (cambiando subito idea) Eh, dai, sciur Eduard...demeg una man al Rinaldo...tant l'è no che na custa tropp !

ED- Te vist che el pes l’ha abucà a l’am ? Quand parla la Carlotta tì te v'è in bambula subit ,eh ?

RI- Fu, dica fì, fignov Edoavdo, non fia infensibile...penfi a quefto povevo vagazzo al quale vevvà tolto tutto...fenza più papillon, fenza più pantaloni, fenza più fcavpe, fenza più nulla al mondo...

ED- El me cumov...ma almen te restan i mudand, o te ve in gir cun la strumentasiun che dundula ?

CA- Fù, dì fì...cofa ti cofta ?

AN- Fù, dì fì...cofa ti cofta ?

RI-  Fù, dì fì...cofa ti cofta ?

ED- Eh, vist che uramai ì decis vialter anca per mì...va ben ! La sarà ona cà de artista ! In de la vita m'è capità de tucc i culur, ma questa chì l'è propri nova !

CA-RI- (simultaneamente) Evviva !

AN - E alura ades cume prucedum ?

RI- Lasciate fave a me che conofco zia Flovabella !

LE- (rientrando) Rinaldo, il tamarindo...per dag un po’ de savor ci ho messo un’acciughina…

RI- (prendendolo) Gvazie Signova Lena...(beve, sputa e la inonda con uno spruzzo)

LE- E pensà che l’avevi preparà coi sette sentimenti…

ED-Sì, ma te manca l’utav !

LE-Tì uhì Carlotta, vegn de là in cusina a dam ona man, che el Rinaldo el se ferma a mangià !

CA- (uscendo con Lena) Mi raccomando !

I tre rimangono soli

RI- (ponendosi al centro della scena) Qui qui qui...qui fubito da me !

ED- Ades el taca !

AN- (quando giunge vicino a Rinaldo, questo gli tocca il sedere-spaventato) Uhè, sciur Eduard, quest chì el me tuca el dedrè !

ED- Se te dì prima ? Demeg una man...ades lù el ricambia !

RI- Allova, quando avviverà zia Flovabella, io vi pvesentevò come due impovtanti avtifti milanefi...lei Fignor Edoavdo potvebbe dive di effeve, che fò, un poeta dialettale, mentve Anacleto potvebbe fingevsi un pittove naif...vevo Anacleto ? (toccandogli ancora il sedere)

AN- Sciur Eduardo, quest chì el seguita a tucam el dedrè !

ED- Lasa fà Anacleto, a l'è on artista !

AN- Ho capì...ma el cù l'è el mè !

ED- Anacleto, se g'ho de dit...i artista g'han un modo de fà semper un po' strano !

AN- Ho capì, ho capì...però mì quand a vò in di cà a rilevà i scatt, ghe tuchi minga el cù a la gent !

RI- Non divaghiamo, che il tempo stvinge ! Vicovdate piuttofto che a zia Flovabella piace molto difcuteve d'avte e che uno dei fuoi pittovi pvefeviti è Magvitte, capito ?

ED- Sì, magritt l'Anacleto l'è magritt...mì gh'el disi semper: "mangia, mangia" ma lù nient ! Uhè, l'è dur cume un sass !

RI- Ma no, ma no ! Io intendevo Magvitte, il pittove, non magvitt...

ED- (oramai in confusione) Sì sì, l'è vera, l'è no magritt...el sciopa de salut ! Varda lì, l'è persin gunfi !

RI- (tra sè) Cominciamo bene ! (Ad Anacleto) Anacleto, ti folefo domandave una cofa...

AN- Dumandum quel che te voret, basta che te me tuchet minga el dedrè !

RI- Fe zia Flovabella ti dovesse domandave qualcofa ful tuo ftile pittovico, mi vaccomando ftai sul vago. Dille che la tua pittuva è influenzata dai luoghi, dalle abitudini...con quefto intendo dive che tu dipingi gli oggetti che ti fono vicini, che pev te la pittuva è un pvolungamento del tuo ftato d'animo...

AN- (in piena crisi) Sciur Eduard, ho minga capì...a che la dona che ariva se g'ho de dig ?

ED- Dig che te pitet i cuntoeur  e che per tì pità l'è una prolunga  denter in d'uno stato influensato dai luoghi e dalle abitudini...

AN- Che'l me scusa sciur Eduard...vuraria minga ves vilan ma ho capì men de prima !

RI- (toccandogli ancora il sedere) Vicovdati che a ogni uccello suo nido è bello !

AN- (con un balzo) Sciur Eduard, ades oltra che tucam el taca anca a parlam de usei !

ED- Lasa fà...a l'è un artista !

RI- E poi, chi più ne ha più ne metta ! (tocca ancora il sedere a  Anacleto)

AN- (spaventato) De che roba ?

RI- Intendo dive di fantafia...(ad Edoardo-toccandogli il sedere) Dobbiamo fav cvedeve a zia Flovabella che non c'è pane senza pene!

ED- Des el taca cunt mì !

AN- Che'l lasa fà, sciur Eduardo...tant l'è un artista !

RI- Con quefto intendo dive che non è poffibile nell'avte guadagnavfi fama e onove fenza fatica e pena ! (toccando ancora il sedere a Edoardo) Pevò, chi la duva la vince !

ED- (scocciato) Ancamò !

AN- Sciur Eduard, che'l lasa fà...tant l'è un artista !

ED- Sì, ma mì el mandi a dà via el cù !

RI- Intendevo dive con quefto che nell'avte bifogna teneve duvo pev diventave famofi ! E vicovdatevi: (toccando il sedere a entrambi) chi fi contenta gode !

ED- T'è vist Anacleto ? Ades la fà una palpada in stereo !

RI- Ciò sta a significave che un avtifta deve effere fempve felice di ciò che efprime...e poi natuvalmente da cofa nafce cofa !

ED- Uhè Anacleto...te vist? Te fà murus !

RI- (estraendo la pochette dal taschino e lasciandola cadere)

Foi immaginate che noi fiamo quefto : un giovno alle ftelle (la lascia cadere), il giovno dopo alle ftalle...quefta potvemmo definivla "la caduta pevpendicolave dell'uomo"...

ED- Des chi l'è che la cata sù?

AN- Mì no de sicur, vori neanca pensà a quel che me pò suced

RI- Fcufate ma il mio mal di fchiena mi impedifce di vaccoglievlo...chi di foi due farebbe cofì...

ED- (senza lasciarlo terminare) El pitur, cioè...l'Anacleto

AN - (chinandosi) Semper a mì ! (lo raccoglie e nel mentre Rinaldo gli tocca il sedere) Mì la savevi, porca martina! (rendendoglielo) Scherzi di mano, scherzi di villano !

Tutta questa scena è studiata nella sua lentezza.Gli attori devono mimare l'imbarazzo e con gestualità appropriata rendere il necessario effetto comico.

RI- (tenendo in mano la pochette) Avete vifto ? Quefto invece è l'uomo che cevca di falive al cofpetto dell'infinito ma effendo punto infinitefimale, vi cafca (lo fà cadere)

AN- Sciur Eduardo, ades tuca a lù catal sù !

ED- (guardando in alto) Ma il cielo è sempre più blu...

RI- (guarda verso l'alto mentre Edoardo rapidamente raccoglie e gli riconsegna la pochette) E' vevo, è vevo...oggi il cielo è di un blu zaffivo !

AN- (borbottando) Però l'è minga giust ! Quand me pieghi mì el me tuca, quand se piega lù el guarda per ari !

ED- L'è minga culpa mia se te set ciula !

Rientra Carlotta

CA- Sù coraggio, che il pranzo è pronto !

AN- Sciur Eduardo, dopo tanti patiment un piat de pasta pensi de meritamel anca mì !

ED- Vori minga pensà al rebelot che sucedarà quand ariverà la sia de quest chì !

RI- Pvego, fateci ftvada...

AN- No no, el vaga pur avanti ! (a Edoardo) Figuremes se mì ghe giri el cù !

CA- Anche la mamma è d'accordo, si spaccerà per un'anziana ballerina in pensione !

ED- Sì, cume no...el sò maester l'è sta l'Upilio che'l g'ha insegnà el paso doble !

RI- Poi pevò dovremo tvovave anche abiti adatti, ma fopvattutto pevsonalizzave la cafa...quefta è o non è una Comune di avtifti?

ED- Anacleto, dim che l'è un incubo, dim che sun drè a sugnà...

AN- No sciur Eduardo, l'è vera...l'è tucc vera !

ED- G'ho minga el curag de pensà a quel che capiterà dopu mesdì !

Fine I atto

II ATTO

Il sipario si apre e troviamo la casa completamente trasformata:la scenografia mostra un ambiante artistico.

Alle pareti due quadri:il primo è una tela bianca con un puntino nero in mezzo. Questo quadro sarà chiamato "L'infinito".

Il secondo quadro, chiamato "L'uomo essenziale", ritrae un uomo stilizzato.Poi un manichinino completamente avvolto nella carta igienica, quattro sedie di diversa misura coperte da un telo a formare uno sghembo divano chiamato "Cavalcando".Un cavalletto sostiene una tela con scritto "silenzio" in italiano, inglese, francese e tedesco, un vaso sul quale è posta una spirale di fil di ferro è chiamato "L'anima verde", una poltrona avvolgente viene definita "Rilascio", un lampione da giardino "...e luce fu !"

Tutti i personaggi indossano abiti consoni al loro ruolo.

AN- (entrando con il lampione in mano e vestito con basco da pittore e gilet e camicia variopinti) Rinaldo, e quest chì in du'è che'l pogi ?

RI- Lì lì Anacleto, appoggialo lì...(dopo che Anacleto l'ha appoggiato) ...E luce fu !

ED- (che ha seguito il tutto con rassegnazione) Ma che luce fu...che 'l g'ha la lampadina brusada !

RI- Edwavd, facciamo folave la noftva fantafia, pev favove...

ED- (sottovoce) Mi cerchi de fà vulà la fantasia...se ved che la mia la g'ha i pè de piumb...varda tì cume el m'ha cumbinà la cà !

AN- Però, sciur Eduard, l'è minga brut el sò apartament con questo stile moderno ed essenziale !

ED- (guardandolo) Se te sé diventà, el Sgarbi de la Lumbardia ? Eh, ades metes anca tì a dag rason a quest chì, me racumandi...

RI- (controllando che non manchi nulla, indica) Allova...l'infinito ce l'abbiamo, l'uomo effenziale anche, il "filenzio" in quattvo lingue c'è (leggendo)  "filenzio, filence, bitte rhue, filence..." l'avte ha bifogno di filenzio...

ED- Sta atent che ades podi nanca pù parlà a cà mia...

RI- (proseguendo indicando il manichino) L'uomo in cvisi....

ED- (sottovoce ad Anacleto) Pusè che in crisi el me par in merda...

RI- (con accento tedesco) Bitte, rhue ! (vhue) Danke ! Pev appvezzave l'avte bifogna vimaneve in filenzio...

ED- Se'l fà quest chì ades ? El taca a parlà in tedesc ?

Raus, kartofell !

AN- (spaventato) Se'l g'ha sciur Eduardo, el sta mal ?

RI- Filenzio ! E' scvitto anche lì ! (proseguendo) "L'anima vevde"...eccola là, e "cavalcando" è qua...

ED- Gh' avevi lì una bela pianta e varda lì... el m'ha mis  un ramet de fer, magher cume un ciod, e me la ciama "anima verde"...

AN- Mì la ciamaria "patiment"...

ED- El m'ha mis chì quater cadreg scumbinà che se me senti giò me vegn el culp de la strega e el dis che el se ciama "cavalcando"...che'l quader là el g'ha fà un punt in mes e el dis che l'è "l'infinito"...lì gh'è scritt "silenzio, silence, bitte rhue e  silence" varda tì se l'è la manera de scumbinam la cà...e pò in ultim el m'ha vestì che pari un famej...

AN- (muovendosi anch’egli con movenze affettate) Ma lù el deva capì, sciur Eduard, che l'arte la g'ha i sò esigens...

ED- Taca minga a trà el cù de chì e de là anca tì, perché mi te meti a la porta. Eh, ades te se impieniset la buca cun l'arte, fin a ier te savevet neanca se l'era...

RI- Silence, please...(proseguendo) "...E luce fu" l'abbiamo portato...

ED- Fu...fu  perchè la lampadina l'è andada...

RI- (scocciato)...Pevò manca "vilascio"...

ED- Madonna, ades el ghe l'ha cun "rilascio"...

AN- L'ho vist mì, l'em lasà giò in purtineria...

RI- In povtinevia ? Edwavd, pvesto, dobbiamo fiftemave anche "vilascio"pvima che avvivi zia Flovabella ! Andiamo noi a pvendevlo, le davò una mano, ma facciamo in fvetta !

ED- (avviandosi) Prima o pò ona tarlada in cò ghe la dò a quest chì !

RI- Pvego...

ED- No no, che'l vaga prima lù...

RI- No, la pvego, pvima lei...

ED- (uscendo) Cià, fasem a la svelta...(Rinaldo gli tocca il sedere) Mì la savevi, vacca bestia !

AN- (rimasto solo) Donna Clarabella...o Florabella ? Me ricordi pù quela che l'è parenta col Topolino...per minga sbaglià ghe disi "Cara Bellaflora"...o "Flora Carabella"...(atteggiandosi) Sì, la mia pittura nei luoghi è abituata ad avere l'influenza...diciamo che l'è una prolunga di uno stato in cui gli oggetti mi sono vicini...(compiaciuto) Bela, cume presentasiun gh'è minga mal !

Entra nel mentre Carlotta

CA- (guardandosi in giro) Dio, finalmente questa casa ha cambiato faccia...era ora ! Ti piace Anacleto ?

AN- Diciamo che l'è una prolunga di uno stato in cui gli oggetti mi sono vicini...anche se hanno un po' di influenza...

CA- E Rinaldo, ed Ed ?

AN- Hin andà giò a ciapà "rilascio"...(con tic) E visto...che

siamo qua io e te...da soli...vuraria aprufitan per dit una roba che ho mai dì a nisuna...

CA- (incuriosita) Una cosa che non hai mai detto a nessuna ? Beh, allora dimmi...

AN- Cià, dam un marsala !

CA- (oltremodo stupita) Un marsala ? E' questa la cosa che non hai mai detto a nessuna ?

AN- (sempre con tic) No, ho dì dam un marsala...per veg un

cafè...però la roba che g'ho de dit l'è un'altra...

CA- Anacleto, non ho capito se vuoi un marsala o un caffè...deciditi, se vuoi un marsala ti dò un marsala, se vuoi un caffè ti dò un caffè...

AN- (tra sè) Sarò pirla, ma ho namò capì cume funsionen i rob in che la cà chì !

CA- Allora, marsala o caffè ?

AN- Se te dumandi marsala, te me det un marsala ?

CA- D'accordo, e per la cosa importante che mi devi dire ?

AN- Ah già, la roba impurtanta...ecco, per quela g'ho de stupà i occ e fà andà la lingua, però preferis fal sedendomi su "cavalcando"

CA- (tra sè) Anacleto deve avere un esaurimento nervoso...

AN- (chiudendo gli occhi e cercando timidamente le parole, seduto) Carlotta, te devet savè che mì sunt un grand lavuradur...el mè stipendi el riva puntual ogni fin del mes...pò mì sunt minga un om che'l va in gir a bev opur a trà via danèe...cume ciapi la paga questa la finis diretament sul cunt curent...

CA- (accorgendosi nel frattempo che la bottiglia di marsala è quasi vuota) Questa bottiglia è sempre vuota...scusami Anacleto, ne vado a prendere un'altra in cantina ! (esce)

AN- (ormai nell'enfasi non si accorge delle parole di Carlotta e prosegue)...Per ades l'è minga una paga altisima, però in de l'asienda gh'è la pusibilità de fà cariera...magari podi fà un pò de straordinari inscì a fine mes ghe sarà pusèe danèe...e se ti te voret, si insuma...se anca tì magari, cume mì, te vuraria met sù ona famiglia, sì insoma, spusas...mì Carlotta te spusaria subit...perchè l'è tant, l'è tant che sun inamurà de tì...

Entra nel mentre Lena indossando un tutù

AN- (proseguendo)...Te se minga ubligada a dim de sì subit...anca perchè mì vori prima dimustrat che g'ho i numer...

Lena ascolta interessata

AN- ...Sì, mì g'ho i numer giust, e te set perchè ? Perchè el por Eupilio el me l'ha dì...

Lena ha un sobbalzo

AN- ...El m'ha dì che hin poc i person che poden veghi...e mì sunt vun de quei !

Lena strabuzza gli occhi

AN- ...E mì tei disi subit...

Lena ha quasi uno svenimento

AN- 34, 14, 3,61 e 67 !

Lena dopo averli memorizzati esce velocemente

AN- (proseguendo) Sì, 34 hin i mè ann, 14 i ann che lavuri, 3 i bagai che desideri, 61 e 67 hin i numer del me cunt curent...credum Carlotta, hin minga numer de poc...penseg Carlotta, penseg, perchè mì te vori ben...de bun !

Rientra nel mentre Carlotta con la bottiglia nuova di marsala

CA- Che casino c'è in cantina ! Scusami, ma non la trovavo !

AN- (aprendo gli occhi)...Se no  resta merda in man, e quela la spusa e basta !

CA- (sbigottita) Come ?

AN- Disevi che la merda la spusa e basta !

CA- (infuriata) Ma come ti permetti, brutto cafone, villano che non sei altro...basta, non rivolgermi mai più la parola !

AN- Oh mama...se ho dì de mal ?

CA- In quanto al marsala, bevitelo al bar !

AN- Ma Carlotta...

CA- Pensavo che la cosa importante fosse ben altra, non quella di dirmi parolacce ! (esce furiosa)

AN- (rimasto solo) Se ghe disevi che la me sta sui ball, chisà che roba la me faseva !

Rientra nel mentre Edoardo portando da solo una poltrona moderna, di quelle a forma d’uomo seduto, seguito da Rinaldo

ED- (con fatica) Uhè, che rela che'l g'ha ados... el dis "andiamo a pvendeve vilafcio" e pò dopu el me carica cume un camel...rembambì de l'ostrega !

RI- (che non muove un dito) Ed, lei fi lamenta fempve...

ED- (appoggiando la poltrona e sedendovicisi sopra) Sì, mì me lamenti semper, ma tì l'unica roba che te fè andà l'è la lingua...fam ciapà fià, và...che che'l rob chì, el rilascio, l'ho purtà sù per quater pian a pè...

Entra Lena che indossa sopra il tutù una mantellina e delle babbucce

LE- Scusè, scusè...ma g'ho de cur a giugà i numer del lott prima che sara sù la ricevitoria...me sà che entro stasera sunt miliunaria !

ED- (tra sè) Uhè, l'Upilio ades el ghe slunga la strà, prima la faseva pirlà dumà per la cà, ades el cumincia a mandala anche fora...

LE- Ridi ridi, uomo di poca fede, ma la Lena stasera fà le palanche ! Minga cume tì che te se semper setà giò a fà nient !

ED- Ma porca vaca ! Se te parlet cus'è, che l'è tutt el dì che vò sù e giò...a pari la "Grillo Traslochi"...

RI- (battendo le mani) Fu fu, bafta difcuffioni, che è in avvivo zia Flovabella !

LE- (uscendo) Mì vù a giugà i mè numer, ve saludi !

ED- (vedendo Anacleto triste e mesto) Uhè Anacleto, se te ghe, te set in agunia ? Cià, dam una man a tiram sù da "rilascio"...

AN- (alzandosi ed aiutandolo) Ma sciur Eduard, l’ha ciapà la postura ?

Ed- Ma sì, sti pultron mudern…(Edoardo ha infatti preso la forma della poltrona, poi si scioglie)

AN-Sciur Eduard, mì ho fà cume l'ha dì lù, ho stupà i occ e ho fà andà la lingua...ma quand a la Carlotta g'ho dì i robb che'l m'ha dì lù...la m'ha mandà al tal paes e ades l'è arabiada cun mì...

ED- Podi imaginà la cunfusion che te fà ...cià cià, cerca de parlag ciarament un'altra volta sensa seguità a menà la giorgia...

RI- (curioso) Fcufi Edwavd...cofa vuol dive "menave la giovgia" ?

ED- Quand in campagna i paesan sgranavano le pannocchie usavano un attrezzo chiamato la “giorgia”...

AN- ...E alura se dis "mena minga la giorgia"...

RI- La cultuva contadina ha degli afpetti vevamente intevessanti...

Il campanello annuncia l'arrivo di Florabella, una signora elegante che parla come il nipote

RI- (andando ad aprire) Zia, zia Flovabella ! (l'abbraccia) Che piaceve, che piaceve rivedevti...entva, entva...accomodati puve...

FL- (entrando) Vinaldo, nipote cavo, come ftai ? Oh ma giuoia, ti vedo un po' dimagvito, un po' depevito...come mai tefovo ?

RI- Gli ftudi zia, gli ftudi...ftudio talmente tanto che mi dimentico peffino di mangiave !

ED- (ad Anacleto) Porca vaca, che casciaball ! L'ha magnà mes chilu de spaghett con la velocità d'una pantegana !

AN- Sciur Edoardo, però a guardal ben el g'ha rasun, el g'ha del ratasc de fogna...

FL- Vinaldo, teforo di zia, lo fai che devi mangiave...lo fai che zia Flovabella non ti vuole fedeve magvo cofì...

ED- Oh Madona, ades la taca anca lè col "cofì" !

RI- Mangevò zia, ti pvometto che mangevò di più !

ED- Alura el prosim gir i spaghett hin un chilo !

FL- Allova Vinaldo, fù, cofa afpetti a pvesentavmi i tuoi amici, di cui tanto mi hai pavlato ?

RI- Hai vagione zia, hai vagione...(presentando Edoardo) Quefto è Edwavd Galimbevti Fcapuzzoni, poeta dialettale di chiava fama intevnazionale...

FL- (allungando la mano per il bacio) Molto lieta, Flovabella Mavcovaldi Gambevo...

ED- (senza baciarle la mano e cercando un improbabile inchino) A l'è un piasè, sciura !

FL- (ripetendo il gesto) Molto lieta, Flovabella Mavcovaldi Gambevo...

ED- (senza baciarle la mano e cercando un improbabile inchino) A l'è un piasè, sciura !

Edoardo non le fa il baciamano-Florabella guarda i presenti in modo stupito

RI-(sottovoce) Zia...il poeta è un po' fovdo...

FL- Ah, è fovdo, povevino...(alzando la voce) Molto lieta, Flovabella Mavcovaldi Gambevo !

ED- Ho capì ! Se la g'ha de vusà sciura ?

FL- Ma io...io non capifco...

RI- (sottovoce ad Edoardo) Il baciamano...deve fave il baciamano con inchino...

AN- (prendendogli la gamba da dietro) Eh sì sciur Eduardo, el dev levà la gamba de drè, met el bust in avanti e spudà dù incisiv anca lù...

ED- Sciura, cioè...sì insoma...(allunga dietro di sè la gamba destra in maniera scomposta baciandole nel mentre la mano)

Cava, cava, cava...che piaceve, fono Edwavd Galimbevti Fcapuzzoni...

AN- (intervenendo) Eh sì, Cara Bellaflora, pensi che Edward è Sir...l'è stada la regina Elisabetta a nominarlo così...

RI- (sottovoce ad Anacleto) Non è Cava Bellaflova...è zia Flovabella

FL- (stupita) Addivittuva Fiv...

AN- Sì sì, Sir de la manica lunga ma sensa i mudand !

FL- Incvedibile...

AN- Amico del Carlo e de quela cun la facia de caval...cume la se ciama...ah sì, la Camilla !

FL- Davvevo fiete amico di Cavlo e Camilla, Fiv Edwavd ?

ED- Oh, cume no ! Sem cù e camisa !

FL- Come ftanno allova i veali ? E' molto che non li fente ?

ED- Veramente non ho capito...

FL- (tra sè) Ah già, è fovdo...(A Edoardo, alzando la voce) Dicevo, come ftanno i veali...

ED- (in crisi, guardando sia Anacleto che Rinaldo, che cercano di aiutarlo mimando ora una cavalcata quando Rinaldo dice che Carlo monta la Camilla, ora la costruzione di una casa mentre Edoardo dice che “l’è drèe a fa su una cà a Bergum”, altre a soggetto, con risposte a soggetto) Eh, i van, i vegnen...el Carlo el munta la Camilla…no…eh, un po' en sù, un po' en giò de mural...sà, c'hanno anche un po' di debiti eh...la sà cume l'è sciura...el mutuo de la cà, el Carlo l’è drèe a fa su una cà a Bergum… i bagaj che vegnen grand...eh, cara la mia Clarabella, non è mica semplice, i ragazzi quando crescono costano ! Che la me scusa ades, ma sicume sunt andà sù e giò cume un jo-jo, me scaparia una pisadina ! Cun permess...vù, trò via acqua e turni subit ! (esce)

RI- (imbarazzatissimo) Zia Flovabella, fai, fiv Edwavd in quefto momento è un po' ftvano...(sottovoce) Ma è pev via dell'opevazione che ha fubito...

AN- (intervenendo) Eh sì, pover uomo, ha subito una difficile operazione...

FL- (dispiaciuta) Oh mio Dio, ne fono fpiacente...(ad Anacleto) E dove l'ha fubita ?

AN- (in crisi) Dove l'ha fubita ? L'ha fubita...l'ha fubita...(guarda Rinaldo che alle spalle della zia col dito indica in basso)

AN- Alla prostata ! Ha subito un'operazione alla prostata !

Rinaldo si mette le mani sulla fronte per la disperazione

FL- (stupita) Alla pvostata ? Oh povevino, povevino...

Rinaldo fà segno di no e subito dopo con il palmo della mano rivolto verso l'alto gli mima di salire

AN- (oramai in confusione) Alla prostata...e c'ha anche...(guarda Rinaldo che continua) c'ha anche il morbo di Alzhaimer...

Rinaldo dietro fa segno di no

AN- Cioè...diciamo che ce l'ha a intevalli...un pò el và e un pò el vegn...

FL- Oh, chiffà che vita infevnale...ma d'altvonde i poeti, nevvevo è che non hanno mai avuto una vita femplice...

RI- Zia, lui invece è Anacleto...

AN- (intervenendo senza fargli terminare la frase e facendo il baciamano anch'egli con la gamba sghemba e in maniera irruente) Tironi, Anacleto Tironi...mì sunt el gasista !

FL- Il...gafifta ?

RI- (oltremodo imbarazzato) Fì zia...Anacleto...dipinge

FL- (interessata) Un pittove ? Che mevaviglia...allova pevò cofa c'entva col gafista ?

ED- (rintrando) El pita cuntoeur ! (spiegandosi) Lui dipinge contatori...sì insomma, contatori del gas !

FL- Ah, capifco...allova è un naiv...

AN- Sì sì, sun nativ...nativ chi del post !

RI- (sempre più imbarazzato) Zia, Anacleto attvavevso la fua pittuva defcvive il fuo cavatteve ombvofo...capifci ? Lui è un uomo tenebvoso, cofì come tenebvofa è la fua avte...i fuoi quadvi fono una veva vivoluzione cultuvale, una penetvazione dell'anima, i fuoi colovi fono un nuovo linguaggio, un linguaggio che ftupivà il mondo intevo...vevo Anacleto ?

AN- A dì la verità mì la savevi in un'altra manera...cara Floravacca...

ED- La se ciama Clarabella, cume quela del Topolino !

AN- Sì cioè, cara Bellaflora...

RI- (perdendo la pazienza) Flovabella !

AN- Sì, Florabella...la mia pittura nei luoghi è abituata ad avere l'influenza...diciamo che l'è una prolunga di uno stato in cui gli oggetti mi sono vicini...

FL- Capifco Anacleto...ma i contatovi, cofa c'entvano ?

ED- (intervenendo) Lui, attraverso i contatori, el cerca...el cerca...(muove la mano)

FL- (tra sè) Dio, fta avendo un attacco di Alzhaimev...(quando Edoardo cessa il movimento) No, pev fovtuna gli è paffato !

RI- Cevca l'altva metà del cielo, quella che nella filofofia è la donna

FL- Adeffo capifco ! Foi Anacleto cevcate l'amove attvavevfo la pittuva ! 

AN- Sì, cioè...per dì la verità, Flora...e basta, io l'avevo trovata, ma pò dopu ho stupà i occ, ho fà andà la lingua, ma quand g'ho dì "resta in man la merda e quela la spusa e basta" la m'ha girà i spall e l'è andada !

FL- (sempre più frastornata) Vesta in man la mevda e bafta ? (guardando tutti con aria interrogativa) Fcufate, io davvevo non capifco...

RI- (intervenendo) Ma come zia ? Davvevo non viconofci i vevfi di Fiv Edwavd ? (sottovoce) Fpevo che tu non voglia favmi fave bvutte figuve zia...quefta è una delle fue poefie più note !

FL- (con una risata imbarazzata) Ma cevto, ma cevto ! Che fciocca fono ftata ! Come non vicovdavfi di quefti famofi vevfi ! "Vesta in man la mevda e quela la fpufa e bafta" (guardandolo incantata) Edwavd, voi fiete un maudit...l'ultimo dei maudit !

ED- (fraintendendo-a Rinaldo) Se sun cus'é ? De la mubilia ?

RI-(imbarazzato, dà un colpetto all'inguine ad Edoardo che, spaventato, si piega toccandosi)

FL- (tra sè, vedendo Edoardo che si tocca l'inguine) Oddio, anche la pvoftata...

RI- Zia Flovabella intende dive che fiete un pavnaffiano...(sottovoce a Edoardo) I maudit, i pavnaffiani, evano i poeti maledetti...

FL- Fiv Edwavd, non ditemi che anche foi come Vimbaud...

AN- (intervenendo) Avete la prostata infiammata...

RI- (incenerendolo con lo sguardo) Vimbaud non aveva la pvoftata infiammata !

FL- Dicevo, anche voi come Vimbaud fiete ftato avvuolato nella legione ftvanieva ?

ED- (agitando la mano) No no Clarabella...

FL- (tra sè) Oddio, ecco un altro attacco...(poi quando smette) No, pev fovtuna è ceffato anche questo !

ED- Mì sun mai stà in mes ai maruchin !

RI- (sottovoce) Flovabella ! La zia fi chiama Flovabella, Fiv Edwavd

AN- Rinaldo, ma alura la Floravacca, chi l'è ?

RI- Non lo fo e non mi inteveffa fapevlo !

ED- (imitando la parlata) Vinaldo, è che con tutti quefti nomi vado cofì in confufione...

FL- Edwavd, poffo chiamavvi cofì, vevo ? Femplicemente Edwavd ?

ED- Concesso sciura !

FL- Fatemi fentive qualche altvo vevso...folo uno...

ED-(imitandola) Folo uno ?

FL- Folo uno...

ED- (atteggiandosi)..."Quand la camula in de l'armadi la trova naftalina, o la mena i toll opur la crepa per la spusa..."

FL- (ripetendo) "Quand la camula in de l'avmadi la tvova naftalina, o la mena i toll opuv la cvepa pev la fpusa..." (a Edoardo) E quefta bveve, fplendida poefia, Edwavd, cofa fignifica ?

ED- L'è la storia de una camula inamurada de un para de mudand de lana, che la trova in su la sua strada un para de ball de naftalina...ma lè, per minga rinuncià al sò grand amur, la se lasa murì asfisiada visin ai sò mudand !

RI- Come nell'Alcefti di Euvipide...lei pvefevifce movive piuttofto che pevdeve il fuo amato Admeto...

FL- "Amami folo pev amove, s'ama cofì pev fempve...pev l'etevnità!” (citando) Elifabeth Bvowning...

RI- (di rimando) "E t'amo, t'amo, ed è continuo fchianto..."(citando) Giufeppe Ungavetti...

ED- (a sua volta di rimando e con evidente orgoglio) "La camula inamurada" di Edoardo Galimberti Fcapuzzoni...uhè, che l'è minga un pirla !

Rientra nel mentre Lena, mestamente

LE-Nient…hin minga vegnù fora…(alzando gli occhi al cielo) Eupilio…mi hai tradito anche stavolta ! (cominciando ad imprecare) Mentitore, disgrasià, balabiott…falsun…

FL-(che l’ha seguita con lo sguardo, allibita) Fignova…fi…fi sente bene ?

ED-(a Florabella) Che la se preocupa minga…la Lena la sta ben…hinn i alter che la fa stà mal…

LE-Eupilio, te se stà busard, busard e inganatur !

ED-L’è adrèe a cantà el rap de l’Upilio inganadur…

RI-Fi zia, lo canta tutti i giovni…

FL-Ah capifco…ma la fignova è pev cafo una ballevina in penfione?

ED-(intervenendo)No, a l’è ona mesa mata ancamò in atività…

AN-(a Florabella)La signora è la moglie di Sir Edward…

FL-La moglie di Fiv Edvavd ?(dà la mano a Lena flettendosi sulle sole ginocchia in un perfetto inchino)Onovata…Flovabella Mavcovaldi Gambevo…

LE-(ricammbiando con un inchino disastroso) A l’è on piasè…Lena Scapuzzoni Galimbaerti…la mièe de l’urluc…

FL-Fignova…fa che io la invidio ?

LE-A mì ? E perché ?

FL-Pevchè ? (a tutti) Che donna modefta…(a Lena) Ma pev fuo mavito…penfi, ha dei numeri che tutti vovvebbevo…fì, fuo mavito è un uomo con i numevi…

LE-(furiosa, ad Edoardo) Ma alura te gh’è tì i numer, disgrasià ?

ED-Mì ? Ma tì te se mata !

FL.Ma cevto che li ha…me lo ha dimoftvato poco fa…

LE-Dami subit eh…! Dami subit che quei lì hinn i numer del mè por Eupilio…

ED-Uhè balenga, varda che podi minga dat i numer mì…i numer tei det tì !

RI-(intervenendo) Penfa zia Flovabella che la fignova Lena ha danzato anche al Bolscioi…vevo fignova ?

LE-Tanti anni fa…hù dansà anca lì…

FL-Ma allova conoscevà ficuvamente Bivukin, il famofo ballevino vuffo….

ED-Dighel Lena, dighel che te cuniuset el birucin…

AN-(sottovoce ad Edoardo) Ma sciur Eduard, che’l guarda che la sciura Lena la cunius minga quel lì…

ED-Ma và ? S’eri cunvint del cuntrari !

LE-Birucin ? Sì, l’era amis…l’era amis…

RI-Zia, Bivukin era un gvande amico dell’impvefavio della fignova Lena…

FL.Uh che bello, e chi eva il fuo impvefario, fignova ?

ED-(intervenendo) L’Upilio…l’Upilio Crippa di Usmate Velate…la cunius sciura Clarabella ?

FL-(pensandoci) Cvippa ? Cvippa…no, pvopvio no…

ED-(ad Anacleto)Eh, car el mè Anacleto, l’è propri vera…chi l’è minga bun de purtà la crus el po’ minga purtà la curuna…

RI-Zia, ti fa di fedeve il vefto della Comune

FL-Ma cevto Vinaldo cavo, cevto…vifitiamola…

LE-La sarà un po’ in disurdin, ma che la vegna, che la vegna pur…

Tutti si accingono ad uscire

ED-(sottovoce ad Anacleto) Tì sta chì che te mandi la Carlota...me racumandi però, chiaro e coinciso ! (esce)

AN-Che’l se preocupa minga, sarò chiaro e circonciso…(sedendosi) Eco Carlota…mì vurevi…vurevi scusam per prima…l’è no che mì vurevi ufendet, no, ansi…vurevi dumà fat capì che roba l’è un omm sensa amur…sì insoma, a l’è un suldà sensa baiuneta, ona pianta sensa foi, un busc sensa piant…

Entra nel mentre Florabella silenziosamente

AN-(proseguendo)…E mì sensa tì sunt tucc chi robb chì…mì sensa tì sunt on faro sensa lus…l’è giust che tì tel sapiat che mì…mì…io…io ti amo e…eco, me vegn minga fora i parol, perché cunt i parol bisogna avegh cunfidensa…bisogna frequentai…savè se vor dì una roba e po’ un’altra e po’ un’altra ancamò…ma po’ cume dis el sciur Edoardo : quand l’amur el vor capit el te capis istess…

FL-(che lo ha ascoltato rapita) Anacleto…mio cavo Anacleto…cofa divti?  Quefte tue pavole mi accendono…

AN-(riaprendo gli occhi) Oh Signur, a l’è la Floravacca..io…io…

FL-(interrompendolo) No, non dive niente…non fervono altve pavole…io penferò, penferò pvofondamente a quello che mi hai detto…e fe anch’io, nonoftante tutto, mi accovgevò di amavti, ti favò un fegnale…

AN-No..io…ecco…volevo dirle…

FL-No, ti pvego, non aggiungeve altvo…vicovdati che quando ti chiedevò un caffè vovvà dive che potvemo viveve la noftva ftovia d’amove…e fe non favà un caffè, allova…allova vovvà dive che il noftvo amove non potvà aveve feguito…(uscendo) addio mio cavo, addio…e fappi che mi hai vefa felice…(esce)

AN-Ma io sono innamorato di un’altra ! Porca vaca, che figura !

Rientra Carlotta

CA-Complimenti, una dichiarazione davvero splendida…e io che ti credevo timido e impacciato….

AN-No no Carlotta…i parol che ho dì a la Bellaflora…eren per tì !

CA-Ah sì, e adesso cosa pretendi ? Che ti creda anche ?

AN-Sì vuraria…vuraria tant…

Rientra Edoardo

ED-Sì, credeg, credeg Carlota, credeg…l’è un ciula perché l’ha fa la sua dichiarasiun a tucc el cundumini men che a tì…ma i so parol eren esclusivament per tì…e tì te set che de l’Edoardo te podet fidas…

CA-(con slancio verso Anacleto) Allora è vero ? Oh Anacleto, Anacleto…

AN-(abbracciandola a sua volta) Carlotta…

Rientrano Lena, Florabella e Rinaldo

FL-Fplendida, davvevo fplendida la voftva Comune…

RI- Vevo zia ?

LE-Dopu ghe cuntarò de cume l’Eupilio, sì insoma, el mè impresari, el me dà i numer in sogn…

FL-Ecco qui i nofvi avtifti…Anacleto, fe vuoi accetto il caffè…

AN-Sciura Lena, se la dis de fag un cafè a la Florabella ?

RI-Non vevo, ha azzeccato il nome…

LE-On cafè ? Ma no, ma no Frondabella…che la beva minga el cafè che el ghe ecita il sistema nervus…che la ciapa putost un bel marsala…magari a l’ov…

FL-(tristemente) Ho capito…ho capito…niente caffè…è stato bello comunque…(tra sé) mai fidavfi degli avtifti…

(a Lena) la vingvazio fignova ma il mavfala non lo gvadifco…(salutando tutti) au vevoiv fiv Eduavd, e fi cuvi la pvoftata…Cavlotta, fia felice…Vinaldo, vicovda che zia Flovabella ti ftavà sempve vicino…signova Lena, a lei auguvo di vinceve al Lotto…(guardando il contatore) magavi con quefti numevi…(esce)

ED-Porca vaca…l’Upilio el gh’aveva rasun…eco in due che l’eren !

AN-L’ha vist sciura Lena che eren propri in cà ?

LE-Fermi, fermi tutti ! Chi lì hin i mè ! (si avvicina al contatore) 12,32 e 48…un bel terno in su la roda de Milan…Anacleto, và subit a giugami, per piasè !

AN-Vulentera sciura Lena…(a Edoardo) a la suocera…dig semper de sì ! Però prima vuraria fa un gest prupisiatori…el me dà una man, sciur Eduard ?

ED-E cume no…a fa cus’è ?

AN-Rinaldo…? Rinaldo…?

RI-Fì…?

AN-Guarda il cielo come è blu…

RI-Fì, è vevo…(non termina la frase)

AN-Sota sciur Eduard, ansi Eduard…tuchemeg el cù che porta furtuna !

FINE
    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 84 volte nell' arco di un'anno