‘A luna ‘nto puzz!

Stampa questo copione

Giambattista Spampinato
“’A LUNA ‘NTO PUZZU!”
Commedia in due atti
“’A LUNA ‘NTO PUZZU!” – Commedia in due atti di Giambattista Spampinato


PERSONAGGI:
Don Camillo Cannata
Signora Marianna, sua moglie
Teresa
Filippo loro figli
Mia
Dott. Fichera, padre di
Antonio, fidanzato di Teresa
Pinuzza Bellassai, elettrice
Peppino Battaglia, propagandista
In un paease della provincia di Catania, oggi.
Ogni riferimento a fatti o persone è puramente casuale.

ATTO PRIMO
Studiolo in casa Cannata, composto da una scrivania, posta sulla sinistra della scena; dietro di
essa ci sarà una libreria con libri scolastici, qualche testo di legge e dei romanzi di poco
valore; sulla destra della scena, un divanetto di vimini con poltrone e relativo tavolinetto;
sulla scrivania c’è posato un telefono; qualche quadro non d’autore adorna la parete. Sulla
parete centrale la comune; su quella di destra altra porta che comunica col resto della casa; a
sinistra una finestra o balconcino. Sui mobili sono posati manifesti e facsimili elettorali. Per
l’occasione lo studio di casa Cannata si è trasformato in Segreteria politica del candidato
locale alle elezioni politiche, avv. Sferracavalli, datore di lavoro di Teresa, figlia dei coniugi
Cannata.
E’ la sera della chiusura della campagna elettorale e si attende che l’avvocato Sferracavalli
torni dalla città per pronunciare il discorso di chiusura.
SCENA PRIMA
Teresa, Marianna, e poi Filippo e Mia.
MARIANNA – (A Teresa che, seduta alla scrivania, sta lavorando al discorso che Sferracavalli
deve pronunciare) Si’ sicura ca l’avvucatu Sferracavalli incaricau a tia di priparari ‘u discursu ppi
‘sta sira?
TERESA – Mammà, quanti voti ti l’haju a diri ca i discursi c’i priparu tutti ju?
MARIANNA – Ma chistu è ‘u discursu di chiusura d’a campagna elettorali d’u nostru paisi!
TERESA – E, allura?
MARIANNA – Ha essiri ‘n discursu speciali ca ha smoviri i petri. Hannu a vutari ppi iddu, non
sulu i componenti d’u nostru partitu, ma puru l’avversari politici, compresi monichi e parrini!
TERESA – Non ti preoccupari ca sugnu in gradu di smoviri macari ‘u basulatu d’a strata ‘ritta.
MARIANNA – Figghia, m’ha’ scusari si dubitu, ma tu ni po’ sapiri quantu ni sapi l’avvucatu?
TERESA – Mammà, precisiamo: intanto mi sono laureata in legge con centodieci e lode, ho vinto il
concorso per procuratore e, perciò, sono sua collega; e poi, preparare un discorso elettorale è la cosa
più facile di questo mondo; è difficile, invece, mettere in atto o far credere di farlo, ciò che si
promette nel discorso.
MARIANNA – E chi ci ha’ scrittu ‘nta ‘stu discursu? Fammi sentiri.
TERESA – Va bene. (Prende i fogli sulla scrivania, li ordina, e legge) Cittadini !…
FILIPPO – (Entrando) Evviva Sant’Ajta!
TERESA – Filippo, finiscila ccu ‘stu spiritu di patata!

FILIPPO – Chi dissi? Non si rispunni accussì?
TERESA – Non è ‘a festa di Sant’Ajta.

FILIPPO – Dicisti: Cittadini!… Quannu unu dici: Cittadini!… S’ha rispunniri: Viva Sant’Ajta!
MARIANNA – To’ soru mi stava ligennu ‘u discursu ca ha priparatu all’avvucatu ppi ‘sta sira.
FILIPPO – C’i scrivi Teresa i discursi? Non s’a fida ad invintalli di testa so’? E’ un incapace!
TERESA – Li sa inventare i discorsi; è che non ha il tempo di prepararli.
FILIPPO – Chistu ‘u dici a tia e tu ci ammucchi comu ‘na babbasuna.
TERESA – Non vedi che è sempre in giro a fare comizi?
FILIPPO – Di sira; di jornu si ‘ratta ‘a panza.
TERESA – Di giorno prepara le arringhe.
FILIPPO – E comu i fa, affumicati?
TERESA – Stupido, non ho detto le aringhe, ma le arringhe… le arringhe dei processi penali.
FILIPPO – (Sfottente) Ah, ho capito; chiddi d’i causi persi.
TERESA – Spiritoso!
MARIANNA – Filippu, ora ti dugnu ‘na scoppula si non ti nni vai!
FILIPPO – A mia, l’avvucatu Sferracavalli, mi è antipaticu e votu non ci nni dugnu.
MARIANNA – E tu chistu ha’ fari e poi ti po’ chianciri ppi mortu!
FILIPPO – Allura, chi è megghiu ca ti dicu ca ci ‘u dugnu e poi, inveci, votu ppi l’onorevoli
Pappalia?
MARIANNA – Ppi ‘ddu mangiatariu ca non si po’ allinchiri mai?
FILIPPO – L’onorevole Pappalia è un signore e a mia mi fa simpatia.
TERESA – Con quella faccia da gesuita e quel pancione grosso come un pallone frenato?
FILIPPO – Però, è l’avversario politico di Sferracavalli.
MARIANNA – Ma chi t’ha fattu Sferracavalli ca non ‘u po’ vidiri?
FILIPPO – Non mi piaci comu si cumporta ccu Teresa: ci fa ‘u cascamortu!
TERESA – Non è vero; sei un bugiardo!
FILIPPO – Allura, è bugiardo macari Antonio ca ti fici ‘na scenata quannu visti ca macari tu ci
facevi ‘a jatta in calore! (Fa il verso delle gatte in calore) Miaooo!… Miaooo!…
TERESA – Ma che sei pazzo? Mamma, gliela fai smettere?

MARIANNA – Senti, strammafesti, pirchì vinisti? Chi voi?
FILIPPO – La verità fa male, vero?
MARIANNA – Filippu, ‘a vo’ sapiri, tu, ‘a virità? ‘A voi propriu sapiri?
FILIPPO – A mia non mi fa mali pirchì ‘a cuscenza ju ci l’haju pulita. Po’ parrari!
MARIANNA – (Dandogli uno scappellotto) Mi stai stunannu ‘a testa!
FILIPPO – (Piagnucoloso) Ahi!… Ahi!…
MARIANNA – Allura, macari a tia fa mali ‘a virità!
MARIANNA – Ma pirchì t’a stai pigghuiannu ccu mia?
MARIANNA – Pirchì parri assai!
FILIPPO – Va beni, non parru cchiù. (A questo punto arriva Mia con un mangianastri portatile a
tutto volume che la fa muovere al ritmo della musica)
MIA – Filippo, tanto ci vuole? Dobbiamo far presto chè ci aspetta la ghenga per andare a ballare.
MARIANNA – Siccomu tu non balli mai!
MIA – Mi esercito, mammà! (Continua a muoversi al ritmo della musica)
FILIPPO – Sugnu quasi prontu. Mammà, unni jvu a finiri ‘a taddarita?
MARIANNA – (Spaventata) Santa Matri di Diu, trasìu ‘na taddarita?
FILIPPO – ‘Unni ‘a ‘mpurtusasti?
MARIANNA – (Che non ha ancora capito) Ju?! Ju mi scantu d’i taddariti!
FILIPPO – Bonu, va’!… ‘A puddira, mancu?
MARIANNA – Ma chi sta’ dannu i nummira? Ti pari ca ju mi mettu ad acchiappari taddariti o
annunca puddiri?
MIA – Ma che hai capito, vecchia? Il papillon!
MARIANNA – Ahu, ci ‘a vuliti finiri ccu ‘sti paroli mammalucchini? Ca parrati comu e’ cristiani!
MIA – (Alla sorella) Terry, spiegaglielo tu alla vecchia che cosa cerca Filly.
TERESA – Mammà, Filippo cerca la cravatta a farfalla. Sai dov’è?
MARIANNA – Bedda Matri, ‘sti carusi d’oggi, cchiù crisciunu e cchiù antipatici si fannu!… ‘A
taddarita, ‘a puddira! Macari i nomi si stracangiunu: Terry, Filly, Mia!… Ca parrati comu quannu
eruvu picciriddi ca eruvu accuddì bidditti e graziusi, e tutti ‘sti smorfii non i faceuru!

FILIPPO – Io sono un boy moderno!
MARIANNA – (A Mia) To’ frati è un voi, tu chi si’, ‘na vitedda?
MIA – E tu si’ ‘na vacca svizzira!
MARIANNA – (Inseguendola) Ehi, malaccrianzata ca non si’ autru!… Veni ccà, fatti acchiappari
ca t’appariggiu ‘u jmmu!… (Mia scappa nell’altra camera, chiudendo la porta alle spalle) ‘A
sintisti?!… To’ soru divintau accussì, di quannu pratica ccu tia!
FILIPPO – Sempri ccu mia t’a pigghi?
MARIANNA – Sissignuri, ccu tia! Tu t’a porti a mala strata!
FILIPPO – ‘U papà voli ca m’a portu. Si ju caminassi sulu, mi capitassiru cchiù cugninturi.
MARIANNA – Chi è ca ti capitassiru a tia, sciccazzu di Pantelleria ca non si’ autru?
FILIPPO – Love story!
MARIANNA – ‘A storia di l’ova?
FILIPPO – No, d’i patati!… Love story!… Avventure amorose!
TERESA – A tia? Ccu ‘dda facci?
FILIPPO – Chi havi ‘a me’ facci, sintemu? La mia è la faccia del maschio latino, del latin lover!
MARIANNA – D’u latti ccu l’oca?
FILIPPO – Guarda il mio pofilo aquilino.
MARIANNA – Ma finiscila, inquilinu e patruni di casa! Vidi cc’ha’ fari e leviti d’ammenzu i pedi!
FILIPPO – Tu non puoi capire queste cose perché sei arretrata, comunque ti ringrazio per avermi
fatto così bello! (La bacia)
MARIANNA – Ti nni vai, ah? Prima ca chiddi ca non potti dari a Mia, ‘i dugnu a tia!
FILIPPO – M’i duni a mia o a tia?
MARIANNA – A tia, a tia!
FILIPPO – Pirchì dicisti, allura, a mia e a tia?
MARIANNA – Pirchì v’i sonu a tutti dui.
FILIPPO – E, allura, t’i soni macari tu!
MARIANNA – (Comprendendo finalmente il giuoco di parole) Morti subitania, ccu ‘sta speci di
nomi ca vi mittistiru!

TERESA – Lascialo perdere, mammà, chè l’avvocato sta per arrivare.
FILIPPO – Perciò, m’u vo’ diri unn’è ‘a cravatta a puddira?
MARIANNA – Ahu, chi nni sacciu? Adduniti ‘nta l’armadiu d’a cammira da lettu.
FILIPPO – Ci vuleva tantu? Non m’u putevi diri subitu? C’era bisognu di fari tutta ‘sta polemica?
MARIANNA – (Afferra un oggetto e fa per lanciarglielo) Senti, ti nni vai?
FILIPPO – (Scappa via prima che Marianna lanci l’oggetto)
MARIANNA – Videmu si putemu stari tanticchia in paci!
TERESA – Perciò, ‘u vo’ sentiri ‘u discursu?
MARIANNA – Certu. Attacca!
TERESA – (Riprende i fogli e si appresta a leggere) Cittadini!
FILIPPO – (Ricomparendo) Viva Sant’Ajta! (Viene inseguito dalla madre che chiude la porta)
MARIANNA – Po’ cuntinuari ca non torna cchiù.
TERESA – (Riprendendo a leggere) Cittadini!… (Viene interrotta dal suono del campanello.
Delusione di Marianna e schizza di Teresa che comincia a sbuffare)
SCENA SECONDA
Antonio e dette.
ANTONIO – (Alla comune) E’ permesso?
MARIANNA – Cu’ è?
ANTONIO – Io sono, Antonio. Posso entrare?
TERESA – (Contrariata) Che vuoi?
ANTONIO – Apri e te lo dico. (Teresa è indecisa se farlo entrare)
MARIANNA – Fallu trasiri. ‘U vo’ lassari arredi ‘a porta?
TERESA – (Continuando a sbuffare, va ad aprire e fa entrare Antonio) Entra…
ANTONIO – Ciao, Teresa.
TERESA – (Freddamente) Ciao.
ANTONIO – Buona sera, signora Marianna.
MARIANNA –Buona sera, Antonio.

ANTONIO – (E’ imbarazzato per la freddezza della ragazza) Disturbo, forse?
MARIANNA – (Subito, d’istinto) No, quali disturbu…
TERESA – Veramente, avevamo da fare con la mamma.
ANTONIO – Scusate… Tolgo il disturbo…
MARIANNA – (Sempre d’istinto) Ma no, ‘u putemu fari dopu chiddu ca stavumu facennu.
TERESA – Dopo non c’è più tempo.
ANTONIO – Capisco…
MARIANNA – (L’imbarazzo del giovane la mette a disagio) Hai bisognu di qualcosa?
ANTONIO – Volevo parlare con Teresa.
TERESA – (Tagliando corto) Ora non è possibile.
ANTONIO – Sarò molto breve.
TERESA – Non ho tempo. Devo ancora completare e rivedere il discorso dell’avvocato.
MARIANNA – (E’ dispiaciuta per la freddezza della figlia) Antonio ti sta assicurannu ca farà
prestu.
TERESA – E va bene.
MARIANNA – Ju mi nni vaju ddà banna. Quannu finiti, mi chiamati.
ANTONIO – Grazie, signora.
MARIANNA – Con permesso. (Via)
TERESA – (Dopo che la madre è uscita) Che c’è? Che hai da dirmi di così urgente?
ANTONIO – Tante cose avrei da dirti, ma desidero prima e innanzi tutto domandarti scusa per la
scenata che t’ho fatto l’altra sera nello studio del tuo principale.
TERESA – (Come punta da una vespa) Il mio principale, come lo chiami tu, è l’avvocato
Sferracavalli. Mio esimio collega nonché gentilissimo amico.
ANTONIO – Ma, scusa, non è il tuo datore di lavoro?
TERESA – L’avvocato mi onora d’insegnarmi la professione.
ANTONIO . Non volevo offenderlo.
TERESA – Va bene, hai finito?

ANTONIO – Non ho ancora cominciato, ma, se la mia presenza ti dà fastidio, dillo ed io me ne
vado. Io sono venuto per chiarire, una volta per tutte, la nostra situazione. Non ho nessuna difficoltà
a chiederti scusa se ho mancato verso di te, ma ho tutto il diritto di conoscere quali sono attualmente
i tuoi sentimenti nei miei confronti, se non altro in nome di quella sincerità a cui tu hai fatto sempre
appello e dei cinque anni di fidanzamento che ci hanno legato.
TERESA – Sei scusato. Ora, permettimi…
ANTONIO – Non hai ancora risposto alla mia domanda!
TERESA – Non è il momento.
ANTONIO – Ah, non è il momemto? E quando pensi che potrà venire codesto momento in cui io
potrò finalmente conoscere la verità? Domani? Dopodomani? Fra un mese? Fra un anno? E chi sei
tu che puoi disporre, così, ad arbitrio, del tempo degli altri? E, durante il tempo in cui mi tieni in
sospeso, che cosa farò io? Continuerò ad andare avanti e indietro, da casa mia a qui, o dovrò
starmene in attesa che mi si degni di una schioccata di dita per farmi correre ai tuoi piedi?
TERESA – Ho bisogno di riflettere.
ANTONIO – Non ti sono bastati cinque anni? Vuoi ancora tempo?
TERESA – Dopo cinque anni si può cambiare, non credi?
ANTONIO – No, non credo. Io non sono cambiato. Ti amo come il primo giorno quando ti ho
incontrato all’Università, tu semplice matricola, io laureando.
TERESA – Ma chi sei diventato in cinque anni? Che posizione sociale ti sei fatta? Che vita mi
potrai offrire? Quale sicurezza economica?
ANTONIO – Ah, la metti in questo tono? E’ forse mia la colpa se ancora, dopo quattro anni da
quando mi sono laureato, non sono riuscito a sistemarmi? Non sono l’unico medico disoccupato.
Non l’ho voluta io la riforma sanitaria… L’hanno votata gli amici di Sferracavalli, agevolando i
Mammasantissima del bisturi e i primari delle case di cura private, mentre i giovani medici come
me, non solo vengono ostacolati nella carriera, ma trovano tutte le porte di accesso al lavoro
sbarrate. E tu ora mi rinfacci il mio stato e la mia posizione sociale. Io, quando ti ho conosciuta, non
ho badato alla tua posizione sociale, né a quella della tua famiglia; non m’interessava minimamente
che tuo padre fosse un semplice usciere, mentre il mio era direttore di banca; ti ho amata così
com’eri, anzi mi facevi più tenerezza con quel vestitino di poco prezzo e fatto in serie. Che cosa ne
ho avuto in cambio se non lo scorno di vederti accettare la corte del tuo… esimio collega perché è
un uomo arrivato, sia nella professione che nella politica, senza badare ai vent’anni di differenza
d’età e al suo precedente matrimonio fallito!
TERESA – Hai finito d’ingiuriarmi? Ti sei sfogato? Ora lasciami in pace!
ANTONIO – Perché la metti in questo tono? Io non ho inteso affatto di offenderti. Sto cercando di
dire le cose precisamente come stanno. La mia è una constatazione di fatti, non uno sfogo. Tu, da
quando ti ho fatto la scenata, mi sei diventata ostile, direi quasi nemica. Ma ci permetti che il mio
comportamento sia naturale e conseguenziale al tuo e a quello di Sferracavalli? Per chi è
innamorato, vedere un estraneo che si permette certe libertà con la persona amata, gli dà ai nervi,
specialmente dopo una sfilza di scuse da parte tua per non uscire la sera con me.
TERESA – Non erano scuse; avevo molto lavoro da sbrigare; stavo preparando la difesa di un
importante processo.
ANTONIO – Però, avete trovato il tempo di andare a cena fuori.
TERESA – Era una cena di lavoro e, poi, che c’è di male tra colleghi?
ANTONIO – Nulla di male se la cena non fosse sfociata nel ballo; perché, usciti dal ristorante,
siete passati in discoteca.
TERESA – A bere l’innocente bicchiere della staffa.
ANTONIO – Non sapevo che il bicchiere della staffa si bevesse stando abbracciati e col sottofondo
di una musica lenta e romantica.
TERESA – E tu come fai a sapere tutto questo? Mi fai spiare?
ANTONIO – Non occorre in un piccolo paeae come il nostro, dove ci si conosce l’uno con l’altro.
Me l’hanno raccontato e certamente non ci ho fatto una bella figura.
TERESA – E, allora, ti avranno anche detto che non abbiamo fatto nulla di male.
ANTONIO – Non è questo che pensa la gente.
TERESA – Me ne infischio di quello che pensa la gente! Io sono una ragazza libera, sono
maggiorenne e vaccinata e non devo dare conto a nessuno!
ANTONIO – Tu non sei libera; sei legata a me!
TERESA – Non ancora! E, stando così le cose, non credo che lo sarò mai!… Non sopporto che si
possa ridire sul mio comportamento da parte di nessuno! (Pausa) Antonio, scusami se sono così
brutale, ma a me è piaciuta sempre la franchezza e, perciò, desidero che ci parliamo francamente. Io
ho quasi ventiquattro anni e tu ventinove; io ho già cominciato a lavorare e a guadagnare, tu fai
ancora l’assistente volontario senza il becco di un quattrino. Cerchiamo di essre pratici e di guardare
in faccia la realtà. Che futuro potrò mai avere con te? Quali prospettive?
ANTONIO – Hai ragione… Io, ora, potrò offrirti solo un cuore e una capanna, che a te non bastano
più!
TERESA – Cerca di capire. Io ho avuto una infanzia e una adolescenza piene di stenti, ma ora tutto
questo può finire; i miei figli, se ne avrò, dovranno avere quello che io ho sempre desiderato e che
mio padre non mi ha potuto dare; ed io stessa ho il diritto di migliorare, dopo i sacrifici che ho fatto.
ANTONIO –Accanto ad un uomo che può essere tuo padre?
TERESA – Vent’anni di differenza in un uomo non sono tanti. Sferracavalli è un galantuomo, ha
molto sofferto e mi ama. Sono certa che con lui sarò felice.
ANTONIO –Come puoi parlare così?… Tu ti sei lasciata irretire dalla sua oratoria e dalla sua
politica. Un principe del Foro, probabile futuro parlamentare, certamente val più di un medico
disoccupato, ma non puoi cancellare cinque anni d’amore pieni di ricordi e di gioia, almeno che tu
non abbia al posto del cuore una calcolatrice elettronica!
TERESA – Ormai ho deciso. Ed ora ti prego di andare perché, come ti ho detto, devo rivedere il
discorso che lui pronuncerà questa sera a chiusura della campagna elettorale.
ANTONIO – Sì, me ne vado… ma se, per caso, qualcosa ti andrà storta, non venirmi a cercare!
(Via di furia, ma s’imbatte sulla porta con Camillo)
SCENA TERZA
Camillo e detti, e poi Marianna.
CAMILLO – (Entrando) Oh, Antonio, unni vai accussì di fretta?
ANTONIO – (Molto imbarazzato) In ospedale, sono di turno.
CAMILLO – Non t’u senti ‘u comiziu di Sferracavalli?
ANTONIO – Non m’interessa. Mi scusi, ma devo andare.
CAMILLO – Aspetta!… Ma comu? Venunu di fora paisi ppi sentiri all’avvucatu e a tia, paisanu,
non t’interessa?
TERESA – Papà, Antonio ti ha detto che è di turno all’ospedale.
CAMILLO – Si fa sostituiri. Non po’ perdiri un’occasioni di chista! ‘Sta sira ci sarà ‘a chiazza
china china. Ci passai ora e già pigghiau postu ‘u caliaru, chiddu d’i crispeddi e chiddu di l’acqua
zammù.
ANTONIO – (Ironico) ‘U focu non ci ‘u sparunu?
CAMILLO – Ca forsi ci ‘u sparunu macari. Venicci ca t’addiverti.
TERESA – Papà, ti pari ca è ‘a festa d’u Santu? Un comizio è una cosa seria.
CAMILLO – Pirchì, ‘a festa d’u Santu chi è ‘na cosa ppi ridiri? Non l’haju caputu!
TERESA – Ma non è una festa.
CAMILLO – Sintemu ‘st’autra: ‘a festa non è festa! Chi è mortoriu?
TERESA – Ju parrava d’u comiziu.
CAMILLO – Ah, mi pareva d’a festa. (Ad Antonio) Perciò, ci veni?
ANTONIO – (Distratto) A’ festa?
CAMILLO – Bonu, non nni sappumu capiri cchiù.
ANTONIO – Mi scusi, ero distratto. Diceva?

CAMILLO – Ci veni o’ comiziu, sì o no?
TERESA – Papà, non l’hai capito ancora che non può venire?
CAMILLO – Ma c’è ‘u caliaru, chiddu d’i crispeddi, di l’acqua zammù, e ci sarà macari ‘u focu
d’artificiu: rutini, tricchi tracchi, muschittaria, bummi baiocchi, chiddi a culuri, cassa ‘nfirnali!…
TERESA – Ma non si deve andare al comizio ppi chiddu ca ha’ dittu tu, papà; ci si deve andare per
sentire…
ANTONIO – (Prontamente, interrompendola) …le frottole che si raccontano: tipo la lotta
all’inflazione, alla disoccupazione, alla violenza, alla mafia!… Oppure, la soluzione ai problemi
dell’occupazione giovanile, la riforma della scuola, quella sanitaria, e la riduzione delle tasse, del
costo della vita, eccetera, eccetera!
TERESA – Non sono frottole!
ANTONIO – (Ironico) Scusa, non sono frottole, hai ragione, è verità! Come quella che tu mi hai
detto in questi cinque anni in cui siamo stati insieme!
TERESA – (Punta sul vivo) Ora basta!… Stai oltrepassando i limiti! Io ho cercato di essere sincera
con te, senza mezzi termini e senza giri di parole. La tua ironia è fuor di luogo!
ANTONIO – (Ormai sconfitto) Hai ragione, scusa.
CAMILLO – Ma chi successi? (Alla figlia, senza aver capito) T’a stai pigghiannu pirchì Antonio
non po’ veniri o’ comiziu? Poi ci ‘u cunti tu chiddu ca dirà l’avvucatu.
ANTONIO – Sì, va bene. La saluto, signor Cannata. Addio, Teresa.
CAMILLO – Ciao, Antonio. Ni videmu dumani e, mi raccumannu, daccillu ‘u votu a ‘ddu
galantomu di Sferracavalli, ca s’u merita.
ANTONIO – (Amaro) Comu no, autru si s’u merita! (Via di fretta)
CAMILLO – (Dopo che Antonio è uscito) Ma chi ci aveva Antonio? Mi parsi tanticchia
mammaluccutu.
TERESA – Niente, abbiamo avuto una discussione.
CAMILLO – Elettorali?
TERESA – (Tergiversando) Sì, divergenze politiche.
CAMILLO – E, allura, ‘u chiamu e chiariti ogni cosa.
TERESA – Non c’è bisogno.
CAMILLO – Ma, ‘nza mai non ci duna ‘u votu a Sferracavalli! Sai, ‘n votu po’ essiri determinanti!
TERESA – Non ti preoccupare.

CAMILLO – Nenti, megghiu ‘u chiamu! (Fa per uscire)
TERESA – (Categorica) Papà, non t’immischiare!
CAMILLO – Ma ju…
TERESA – Non sono affari tuoi! (A questo punto rientra in scena Marianna)
MARIANNA – (Che ha sentito l’ultima battuta) Quali non su’ l’affari di to’ patri?
TERESA – (Caustica) Quelli miei, evidentemente!
MARIANNA – Certu, si non su’ di Ponziu, su’ di Pilatu!
TERESA – E, invece, non su’ né di Ponziu e mancu di Pilatu, per il semplice fatto che Ponzio e
Pilato sono la stessa persona.
MARIANNA – Lassamu a Ponziu Pilatu e dicitimi di chi affari si tratta.
TERESA – Niente, lasciamo perdere.
MARIANNA – (Apostrofa con gli occhi il marito)
CAMILLO – Ju non haju caputu nenti!… Sugnu, comu si dici? Rimminchiolonito!
MARIANNA – Chi successi?
CAMILLO – Non ‘u sacciu.
MARIANNA – Staju sintennu ‘n ciauru di vastunati! Non ‘u sintiti vuatri?
CAMILLO – Ju sugnu rifriddatu; haju i naschi ‘ntuppati.
MARIANNA – ‘U ciauru si sta sintennu cchiù vicinu!… (Intanto si arrotola le maniche del vestito)
CAMILLO – Ju staju niscennu. Mi scurdai di passari d’a farmacia.
MARIANNA – ‘Nta farmacia ti ci staju mannannu ju, ppi fariti midicari, si non mi dici chiddu ca
successi.
TERESA – (Finalmente si decide a parlare) Mamma, l’ho rotta con Antonio!
CAMILLO – (Che non ha afferrato il senso della battuta) Chi ci rumpisti ad Antonio? A mia mi
parsi c’aveva tutti cosi sani.
MARIANNA – (Non badando al marito) E comu ‘a pigghiau?
TERESA – C’è rimasto male, naturalmente.
CAMILLO – Mi vuliti spiegari macari a mia?

MARIANNA – (C.s.) Ci dicisti ‘a virità?
TERESA – Sì, mi è sembrato più onesto.
CAMILLO – Ma, insomma, si po’ sapiri chi successi? Chi rumpìu Teresa?
MARIANNA – (Scoppiando) Camillu, pirchì si’ accussì ritardatu? Rusbigghiti ‘na vota ppi sempri!
Non stari ammenzu e’ nuvuli! Chi puteva rumpiri Teresa?
CAMILLO – Chi nni sacciu? ‘Na tazzina d’u cafè? ‘N piattu? ‘N biccheri? A vuatri v’u staju
dumannannu!
MARIANNA – A to’ soru ‘a monica rumpìu!
TERESA – (Con calma) Ho rotto il fidanzamento.
CAMILLO – E pirchì?
MARIANNA – Pirchì i cosi longhi diventunu serpi!

CAMILLO – Ma si havi appena se’ misi ca su’ ziti!
MARIANNA – In casa… Ammucciuni havi cinc’anni!
CAMILLO – E dopu cinc’anni si rumpi ‘n fidanzamentu comu si fussi nenti? Si fa scappari
un’occasioni di chista? Unni ‘u trova n’autru partitu ‘u stissu?
MARIANNA – Ma, a la fini, cu’ è Antonio?
CAMILLO – Comu, cu’ è? ‘U canusciunu tutti ‘nto paisi: ‘u figghiu d’u diritturi d’u Bancu di
Sicilia!
MARIANNA – Dell’ex diritturi. Ormai è in pensioni.
CAMILLO – Va beni, ma ‘a genti ‘u sapi cu’ è!
MARIANNA – Ma tu ‘u sai?
CAMILLO – (Non comprendendo dove vuole andare a parare la moglie) Certu ca ‘u sacciu: ‘u
figghiu d’u dutturi Fichera, l’ex diritturi d’u Bancu di Sicilia. Ma chi discursu è chistu?
TERESA – Papà, la mamma ti vuole dire: che cosa è Antonio?
CAMILLO – Medicu!… Ma dicu, mi pigghiastiru ppi rimbambitu?
MARIANNA – Mi pari ca ci divintasti ppi daveru e prima d’u tempu!
CAMILLO – Vi vuliti spiegari megghiu?
MARIANNA – Antonio, comu medicu, ancora non è né carni né pisci! Non è sistimatu, ‘u capisti?
E, prima ca si sistema, ci voli tempu.

CAMILLO – Ma non travagghia o’ ‘spidali, a Catania?
TERESA – Come assistente volontario, senza stipendio.
CAMILLO – E chi ci fa? Casu mai si sta o’paisi e si metti a fari visiti.
MARIANNA – ‘Na vota!… Ora po’ fari visiti di cortesia: o’ parrucu, o’ farmacista, o’ maresciallu
d’i carrabbineri… Bon giornu, bona sira, comu sta’?
CAMILLO – Ma chi ci ‘ncucchi? I medici s’a passunu tutti beni.
MARIANNA – Ma in chi munnu campi? Di ‘sti tempi ci su’ cchiù medici ca malati!
TERESA – Papà, Antonio si è laureato da quattro anni ed è ancora mantenuto da suo padre.
CAMILLO – E tu hai ‘u curaggiu di lassari a ‘ddu carusu ppi ‘na cosa di chisti?
TERESA – Io devo pensare al mio avvenire.
MARIANNA – Havi ragiuni. Oggi s’ha aviri ‘a testa supra i spaddi e s’ha ragiunari. Non s’hannu
aviri l’occhi ‘ntuppati comu e’ nostri tempi ca, senza mancu canuscirini, ni nni fujemu ppi pintirini
poi dopu.
CAMILLO – Ju non mi nn’haju pintutu, ma mi nni staju cuminciannu a pentiri.
MARIANNA – Ju havi ‘n pezzu ca mi nni pintii!…Ju, caru miu, puteva fari ‘n matrimoniu cch’i
fiocchi, si non m’inciammava di tia! Cu’ schifìu eri tu? ‘N tintu custureri ca faceva ‘a fami.
CAMILLO – Ju, modestamenti, era sarto per donna!
MARIANNA – ‘A donna di coppi!… Ma, fammi ‘u favuri, a stentu rivultavi qualchi paru di causi.
CAMILLO – C’era ‘a crisi; c’era stata la guerra.
MARIANNA – E tu non nni sapisti approfittari. Sissignuri, d’u fattu di essiri reduci. T’u scurdasti
ca i reduci trasevunu a tutti banni? Aveunu la preferenza.
CAMILLO – E ju non trasii o’ Municipiu?
MARIANNA – Comu usceri.
CAMILLO – ‘U postu di Segretario comunale era già occupato.
MARIANNA – E si non era pp’u sinnucu, ca era me’ cuginu, e pp’i viaggi ca ci fici ju, ristavi ccu
‘na manu davanti e n’autra d’arredi.
CAMILLO – Mentri, ppi meritu to’, i manu m’i misi tutti dui d’arredi!
MARIANNA – Ha’ statu forsi capaci di fari carrera? Comu usceri trasisti e comu usceri ti nni jsti
in pensioni!

CAMILLO – Chi ci pozzu fari si chidda di l’usceri è ‘a carrera di l’appuntatu?
MARIANNA – E’ inutili, si’ incapaci e ju non vogghiu ca me’ figghia, avvucatessa cc’u Foru, s’ha
pigghiari ppi maritu a un incapaci comu a tia!
CAMILLO – Ma scusa, cui, megghiu di ‘n medicu, ci po’ ‘ntuppari ‘u foru a to’ figghia?
SCENA QUARTA
Filippo, Mia e detti.
FILIPPO – (Entrando insieme a Mia. Sono vestiti molto estrosamente) Ahu, non mi chiamati a mia
ca ju purtusi non nni ‘ntuppu. Non sono tappabuchi!
MIA – Io, nemmeno. Io ho voglia di ballare! (E continua a dimenarsi freneticamente)
TERESA – (Che non ne può più) Oh, insomma, basta! La volete finire di scherzare sulla mia pelle?
FILIPPO – Ju non scherzu, ‘u staju dicennu ppi daveru. Questa sera voglio fare faville!
MIA – Io vincerò il primo premio del Rook anda Rol!
CAMILLO – Unni pinsati di jri tutti dui cumminati accussì?
MIA – Alla disco-danging!
FILIPPO – A sviluppari vita!
CAMILLO – Ora ccu ‘n papagnu ti sviluppu ‘u ciriveddu ca l’hai ‘ntasatu!… Vo’ spugghiativi ca
Carnaluvari havi ‘n pezzu ca finìu!
MIA – Tu sei Matusa e non puoi capire! (Camillo le molla uno scappellotto) Fascista, non mi usare
violenza! Con me i sistemi coercitivi non allignano! La coercizione è una sopraffazione tirannica e
una repressione violenta che annulla la volontà. La coercizione è da barbari!
CAMILLO – (Alla moglie) Ha’ caputu? Chissa è ‘a democrazia ca ci ‘nsignasti tu!
MARIANNA – (Perdendo la pazienza) Ahu, sucasimmuli, si non vi nni jti subitu ddà banna, vi
sminuzzu l’ossa comu ‘n grissinu! (Filippo e Mia, borbottando, ubbidiscono)
FILIPPO – ‘Nta ‘sta casa non si po’ mancu parrari! (Via)
MIA – (Alla madre) Nazista! (Via anche lei)
CAMILLO – Ora, signuri mei, ni vulemu calmari accussì mi mittiti al corrente di chiddu ca
successi?
TERESA – Papà, te l’abbiamo detto: ho rotto con Antonio che, dopo cinque anni di fidanzamento,
non è in grado di offrirmi una sicurezza economica.
CAMILLO – Chistu l’aveva già caputu.

MARIANNA – E, allura, chi vo’ sapiri?
CAMILLO – Mi pari logicu: ‘u motivu di ‘sta decisioni improvvisa.
TERESA – Non è stata una decisione improvvisa, papà. E’ stata ponderata attentamente.
MARIANNA – In paroli poviri, to’ figghia ha ricivutu autri proposti cchiù consistenti e immediati.
CAMILLO – E di cui?
MARIANNA – Di ‘na pirsuna seria, stimata e benvoluta.
CAMILLO – Cu’ è? ‘U canusciu ju?
MARIANNA – ‘U canusci…
CAMILLO – E dicitimi cu’ è!… Stamu jucannu e’ quiz?
TERESA – E’ l’avvocato Sferracavalli.
CAMILLO – (Sorpreso) ‘U to’ maestru?
MARIANNA – Propriu iddu.
CAMILLO – Ma havi ‘u duppiu d’a so’ età!
MARIANNA – Non esageramu: appena vint’anni.
CAMILLO – (ironico) Nenti!… Chi su’ vint’anni?… Quannu tu nascevi, iddu si faceva ‘u serviziu
militari. Quannu tu avrai la so’ età, a iddu ‘u ponu ricoverari all’ospiziu d’i vecchi!
MARIANNA – A tia t’avissiru a ricoverari all’ospiziu!
CAMILLO – A mia o’ manicomiu mi ricovirunu pirchì, matri e figghia, mi stati facennu scimuniri!
MARIANNA – Tu si’ sempri ‘u solutu. Ma ci pensi? Po’ essiri ‘a furtuna ppi me’ figghia Teresa, e
non sulu ppi idda pirchì, appena Sferracavalli verrà elettu deputatu, po’ sistimari a ‘ddu svitatu di
to’ figghiu Filippu e a ‘dda tapallira di to’ figghia Mia, senza diri ca po’ truvari macari ‘n bellu
postu di responsabilità ppi tia!
CAMILLO – Certu, po’ essiri. Però, m’ha’ spiegari ‘na cosa: ‘ddu svitatu di Filippu e ‘dda
tapallira di Mia su’ figghi mei, mentri l’avvocatessa è figghia to’?
MARIANNA – Certu, m’assumigghia e ‘a pensa comu a mia!
CAMILLO – E spiegami n’autra cosa: ‘stu jenniru, ca t’ha veniri, sistema pp’i festi macari a tia?
TERESA – Vi prego, non la mettiamo su questo tono. Il mio matrimonio non deve essere la
sistemazione della famiglia, ma la mia felicità e il coronamento delle aspirazioni per la mia carriera.
CAMILLO – Cuntenta tu!… Ma, rispunni ccu sincerità: si convinta di chiddu ca stai ppi fari?

TERESA – Convintissima.
CAMILLO – Hai riflittutu beni?
TERESA – Sì, papà.
CAMILLO – E dimmi n’autra cosa: si è dichiarato? Ti ha chiesto in moglie?
TERESA – Ancora no, ma me l’ha fatto capire in tutti i modi.
CAMILLO – Stai attenta figghia… Vidi ca chissu si voli divertiri… E non vurrissi ca poi resti fora
d’u ‘nfernu e luntana d’u paradisu!
MARIANNA – Ma chi dici?! ‘Na pirsuna seria comu a Sferracavalli?
CAMILLO – ‘Na pirsuna seria comu a Sferracavalli si diverti seriamenti!
TERESA – No, papà, non lui. Lo conosco bene.
MARIANNA – Ahu, tu si’ ‘na cucca!… E ora vo’ fatti quattru passi ca ccu Teresa avemu chiffari.
CAMILLO – Vi portu ‘mpacciu?
TERESA – No, papà, che dici? Stavo facendo sentire alla mamma il discorso che ho preparato per
la chiusura della campagna elettorale.
CAMILLO – Parri macari tu?
TERESA – No, il discorso lo farà l’avvocato.
CAMILLO - E ci l’ha’ scrittu tu?
MARIANNA – Tuttu idda, di sana pianta.
CAMILLO – E, allura, ‘u vogghiu sentiri macari ju.
MARIANNA – Attacca, Teresa!
TERESA – (Prende nuovamente i fogli dalla scrivania dove li aveva posati e comincia a leggere)
Cittadini!… (Viene interrotta ancora dall’arrivo di donna Pinuzza)
SCENA QUINTA
Donna Pinuzza e detti.
PINUZZA – (Entrando) C’è pirmissu?… Scusati si disturbu…
CAMILLO – Avanti, cummari Pinuzza. Trasiti, accumudativi.
MARIANNA – (Contrariata) Ahu, Camillu, fatti l’affari to’!… E chi è? Arrivau ‘u patruni d’u
papuri!… Trasiti, accumudativi!… Scangiasti ‘a segreteria politica dell’avvucatu Sferracavalli ppi
‘n funnucu?

CAMILLO – Crideva di essiri in casa mia…
MARIANNA – (Non badandogli) Scusati, cummari Pinuzza, ma chista non è ura di ricivimentu.
PINUZZA – A mia mi dissiru di veniri ccà.
MARIANNA – Cu’ v’u dissi ?
PINUZZA – Pippinu Battaglia, ca ‘u ‘ncuntrai anturitta ‘nta chiazza. Mi dissi: vo’ jti in casa di don
Camillu Cannata ca vi dununu soddisfazioni.
CAMILLO – (Tra sé) Menu mali, è ancora ‘a me’ casa!
MARIANNA – Intantu, ppi precisari, chistu è ‘u studiu di l’avvucatu Cannata.
CAMILLO (C.s.) Mi lauriai ‘sta notti!
PINUZZA – Sbagghiai porta?
TERESA – (Per tagliare corto) Non avete sbagliato: è anche la casa di mio padre. Che desiderate?
CAMILLO – (Prontamente) Voli soddisfazioni!
PINUZZA – (Assentendo) M’u dissi Pippinu Battaglia.
MARIANNA – (Cominciando a perdere la pazienza) Ma chi vi dissi Pippinu Battaglia?
PINUZZA – Dici: cummari Pinuzza, vo’ jti in casa di don Camillu, unni vi diciunu unu di tuttu, vi
spiegunu ogni cosa e vui putiti aviri soddisfazioni.
TERESA – (Cercando di mantenersi calma) Va bene, ora siete in casa di don Camillo, perciò diteci
che cosa vi dobbiamo dire.

PINUZZA – E chi vi l’haju a diri ju? Vuatri l’aviti a sapiri! S’u sapeva, non vineva finu a ccà.
MARIANNA – O Santa Matri di Diu, non nni stamu sapennu sentiri! Cummari Pinuzza, Pippinu
Battaglia vi fici veniri ccà, ci semu?
PINUZZA – Propriu accussì; ‘u ‘ncuntrai ‘nta chiazza.
MARIANNA – E vi dissi ca nuatri vi spiegavumu ogni cosa. Dicu giustu?
PINUZZA – Precisamenti comu dissi iddu; e aggiungìu ca avissi ricivutu…
MARIANNA – Soddisfazioni!… Chistu già l’aviti dittu!… Ma nuatri chi v’avemu a spiegari?
PINUZZA – Chistu dumannataccillu a iddu.
TERESA – (Per liquidarsela) Va bene, appena lo vediamo, glielo chiederemo. E’ meglio, intanto,
che veniate un altro giorno.

PINUZZA – Ahu, tutti i stissi su’ ‘sti politicanti: prima ti fannu tanti prumissi e poi ti mannunu a
‘ddu paisi!
CAMILLO – Scusati, pirmittiti ca m’intromettu? Forsi, poi, ni capemu megghiu.
MARIANNA – (Ironica) Largu tutti ca parra Seneca!
CAMILLO – Pipita fimminina!
TERESA – Fallu parrari, mammà.
MARIANNA – E cu’ ‘u tratteni? Parra, basta ca cunchiudi!
CAMILLO – Oh, finalmente mi è stata concessa la parola!… Cummari Pinuzza, dicitimi ‘na
cosa…
PINUZZA – (Interrompendolo) E ci torna, parrina e ciuscia!… Vuatri aviti a parrari, ju non sacciu
nenti!… Sugnu comu a chiddu: non vidu, non sentu, non parru!
CAMILLO – E chi faciti omertà ccu mia? Divintastiru di bottu ‘na fimmina di panza?
PINUZZA – Ju non sacciu nenti!
CAMILLO – Ma, v’a pozzu fari ‘na dumanna? Si sapiti, rispunniti, annunca nenti.
PINUZZA – E si rispunnu giusta, mi dati ‘u premiu?
CAMILLO – ‘U sapiti ca siti strudusa?… Perciò…
PINUZZA – Dumannati.
CAMILLO – Oh, finalmenti!… Nunca, Pippinu Battaglia vi dissi di vutari ppi l’avvucatu
Sferracavalli?
PINUZZA – Propriu accussì.
CAMILLO – E vui ci dumannastiru comu si fa a vutari ppi ‘ddu galantomu?
PINUZZA – Nonsignura, ju ci dumannai chi mi nni trasi a mia si ci dugnu ‘u votu.
CAMILLO – E, allura, Pippinu vi dissi: vo’ jti in casa di don Camillu ca…
PINUZZA - … ca vi duna soddisfazioni!
CAMILLO – Si fissau cc’a soddisfazioni!
PINUZZA – Ma mi pari ca finu ad ora non nn’haju avutu mancu a brodu!
TERESA – Ma perché non vi spiegavate prima?
PINUZZA – Havi menz’ura ca cercu di farimi capiri!

CAMILLO – E si, modestamenti, non intervineva ju, erumu ancora ammenzu a ‘na strata!
PINUZZA – Ma mi pari ca ancora non avemu fattu mancu ‘n passu avanti!
CAMILLO – Però, avemu appuratu di chi si tratta.
TERESA – Dunque, comare Pinuzza, che cosa avete bisogno?
PINUZZA – Scusassi, ma pirchì ci l’haju a veniri a cuntari a lei?
MARIANNA – Pirchì me’ figghia è ‘a segretaria particolari di l’avvucatu Sferracavalli, prossimu
deputatu al Parlamento italiano.
PINUZZA – Vogghiu ‘u postu.
MARIANNA – Facitimi capiri: pritinniti un impiegu?
PINUZZA – Precisamenti. Dici ca l’avvucatu a cu’ ci duna ‘u votu, ci duna ‘u postu.
TERESA – Ma, scusate, non vi sembra un po’ troppo? Un posto in cambio di un voto? Se si
dovessero accontentare tutti quelli che votano per l’avvocato, ci vorrebbero almeno ventimila posti.
PINUZZA – L’autri su’ d’u stissu partitu di l’avvucatu e hannu ‘u duviri di daricci ‘u votu; ju no!
Si voli ‘u me’ votu, m’ha dari ‘u postu!
TERESA – Ma in fondo che cos’è un voto? Una croce su una scheda!
PINUZZA – E ‘u postu chi è? ‘Dda stissa cruci ca una si leva d’incoddu!
MARIANNA – ‘U postu è ‘a sistimazioni ppi tutta ‘a vita!
PINUZZA – E macari ‘u votu! Non si sistema ppi tutta ‘a vita Sferracavalli?
CAMILLO – Viva la sincerità!
TERESA – E va bene. Che cosa sapete fare?
PINUZZA – ‘A consavrazzi.
MARIANNA – Ma non esistunu posti di consavrazzi.
PINUZZA – Si c’è ‘u postu di mammana, ci po’ essiri chiddu di consavrazzi.
MARIANNA – Chi c’entra, è n’autra cosa. Donna Pinuzza, chi vi scappa d’a vucca? ‘A mammana
è utili: fa nasciri i picciriddi!
PINUZZA – Ma ‘sti picciriddi ca nasciunu, poi crisciunu, vannu a’ scola, jocunu, cascunu e si
rumpunu ‘u coddu, i jammi, i vrazza… Allura, chiamunu a mia, ju curru e c’i conzu!
CAMILLO – ‘Nsumma, vuliti divintari conzavrazza comunali comu l’ostetrica?

PINUZZA – Si è statali, mi cuntentu megghiu, accussì, si mi passa ‘u ghiribizzu, mi trasfirisciu in
Continenti.
CAMILLO – Certu, megghiu statali!… Accussì aviti a chi fari cc’u Statu ca duna cchiù garanzii.
PINUZZA – Non è bona ‘sta pinsata?
MARIANNA – Ottima, merita ‘u primu premiu!
CAMILLO – ‘A putiti mannari a’ “Duminica d’u Correri”!
PINUZZA – Chi fa, mi sfutti vossia?
CAMILLO – Cui, ju?… Mancu ppi sonnu!… Diceva ca s’a mannati a’ “Duminica d’u Correri” ‘a
cosa po’ divintari a carattiri nazionali: ponu bandiri macari ‘n cuncursu.
PINUZZA – Ah, no! Prima haju a trasiri ju! Annunca, poi, ppi trasiri ci voli ‘a raccumannazioni.
CAMILLO – E non c’è l’avvucatu Sferracavalli?
PINUZZA – Chi po’ fari ‘ddu mischinu? Ascutunu a iddu!
MARIANNA – Oh, chista è bella!… Non vi l’ha dari iddu ‘u postu?
PINUZZA – Sì, ma sugnu ju sula… S’a cosa si sapi e ‘mpitittunu l’autri, addiu postu!
CAMILLO – Havi ragiuni, non bisogna spargiri ‘a vuci. Cummari Pinuzza, affari fattu.
TERESA – Ma, papà…
CAMILLO – Teresa, pigghia appunti. Cummari Pinuzza, datici i cannutati a me’ figghia.
PINUZZA – Sissignura, mi po’ scriviri: Pinuzza bellassai, fu Pasquali e fu Fulippa Banneramunti.
Di anni 43, nubila, cioè schietta, signurina, vah!… E ora spiegatimi comu si vota.
MARIANNA – (Prende un facsimile di scheda elettorale dalla scrivania e lo apre) Chista è ‘a
scheda e ccà, a manu ‘ritta, c’è ‘u stemma d’u partitu di Sferracavalli; vui ci faciti ‘na cruci di supra
e ‘nto rigu ci scriviti ‘u nummiru “15” ca è chiddu di l’avvucatu.
PINUZZA –Ma ju non sacciu scriviri!
MARIANNA – Comu mai?
PINUZZA – Me’ patri non mi ci vosi mannari a’ scola pirchì era gilusu di mia.
MARIANNA – E, allura, comu si fa?
TERESA – Non potete votare per l’avvocato.
MARIANNA – Nenti votu e nenti postu.

TERESA – Mi dispiace.
PINUZZA – Dispiaci cchiù assai a mia. Ju già era sicura di fari carrera. Aveva pinsatu di
allisciaricci ‘u jmmu ad Andreotti e tiraricci ‘u coddu di fora ca ci l’havi ‘ncasatu a’ parti d’intra, ca
pari ‘na tistunia!
CAMILLO – (Improvvisamente) Aspittati, mi vinni un’idea. Cummari Pinuzza, l’asti i sapiti fari?
PINUZZA – Sissignuri: L’asti i sacciu fari.
CAMILLO – Benissimo. Dicitimi n’autra cosa: nn’aviti vistu mai, ppi casu, sirpenti additta?
PINUZZA – Pirchì?
CAMILLO – A mia rispunnuti.
PINUZZA – ‘Na vota, ‘n campagna, visti ‘na vipira cc’a lingua di fora.
CAMILLO – ‘A sapissiru stampari ‘nta scheda?
PINUZZA – Ci provu. ‘A lingua ci l’haju a stampari macari?
CAMILLO – No, annunca pari ca voli abbuffuniari. Videmu, pruvati a stampalla ccà ‘nta scheda.
(Le porge un facsimile e una penna) Prima un’asta e, allatu, ‘na bella vipira additta. (Pinuzza
esegue) Brava, accussì!… Ahu, mancu Giottu!… Signuri mei, ccà c’è ‘u nummiru “15”!
MARIANNA – Bravu a me’ maritu, non t’a faceva ‘sta capacità!
TERESA – Bravo, papà, meriti un bacio! (Lo bacia sulla guancia)
CAMILLO – Ora, cara cummari Pinuzza, vi nni putiti jri cuntenta ca ‘u postu di consavrazza…
PINUZZA – … statali!
CAMILLO – … statali, certu… sta ppi vui. Non erumu d’accordu accussì?
MARIANNA – Purtativi ‘u facsimili d’a scheda ca vi servi comu ‘mmustra.
PINUZZA – Quannu mi fazzu vidiri?
TERESA – Dopo l’elezioni.
PINUZZA – Bacio le mani a tutti e viva l’avvucatu Sferracavalli!
MARIANNA – Sempre viva! (Comare Pinuzza via dalla comune)
SCENA SESTA
Filippo, Mia e detti, e poi Peppino Battaglia.
FILIPPO – (Entra insieme a Mia. Sono già pronti per andare in discoteca) Abbiamo sentito tutto.
Ci fate pena!

MIA – Vergogna! Irretire così ignominiosamente una povera ignorante è da disonesti!
FILIPPO – Andrò a raccontarlo all’on. Pappalia quali sono i sistemi elettorali di Sferracavalli!
TERESA – No, Filippo, ti prego! Io non volevo.
MIA – Dovevi impedirlo!
MARIANNA – Di to’ patri è ‘a culpa. A iddu ci vinni ‘sta bella idea.
CAMILLO – Certu, di cu’ puteva essiri ‘a culpa?… Quannu ‘na cosa rinesci, ‘u meritu è d’idda,
ora, inveci, ‘a culpa è ‘a mia! Faciti beni ‘nta ‘stu munnu!
FILIPPO – Signori miei, le elezioni non si vincono con l’inganno e i sotterfuggi!
MIA – Tutti i nodi verranno al pettine!
TERESA – Filippo, ti dò diecimila lire se starai zitto.
FILIPPO – Il mio silenzio non è in vendita!
MIA – Neanche il mio! Io parlerò!
MARIANNA – (Afferrandola per una orecchia) Senti, zivittula nica, non schirzari cch’i cosi serii,
annunca cuminciunu i lignati!
MIA – E’ inutile usare la violenza con me, io parlerò ugualmente!
TERESA – (Tirando fuori due carte da 10.000 lire) Ecco, diecimila lire per uno, divertitevi alla
mia salute!
MIA – Ti ho detto che non mi vendo!
FILIPPO – Cosa vuoi che possano rappresentare diecimila miserabili lire di fronte alla
soddisfazione di ridicolizzare Sferracavalli!
TERESA – E va bene, ve ne dò ventimila.
FILIPPO – L’onorevole Pappalia ce ne darebbe cinquantamila.
MARIANNA – (Minacciosa) Picciriddi, haju a fari ‘a stragi di l’innoccenti?
MIA – Filippo, accettiamo. Per questa volta le facciamo uno sconto. In fondo Terry è la nostra
sorella maggiore.
FILIPPO – E sia. Terry, sgancia! (Teresa sborsa i soldi che loro intascano velocemente)
MARIANNA – E, ora, vo’ jtavinni di tutta cursa, prima ca mi nni pentu, vi levu i soldi e vi chiudu
a chiavi ‘nto sgabuzzinu! (A questo punto irrompe in scena agitatissimo Peppino Battaglia)
PEPPINO – E’ permesso?… Sugnu mortu!… Facitimi assittari!… Datimi ‘n bicchieri d’acqua !

MARIANNA – Chi fu, Pippinu?
CAMILLO – Assettiti e calmiti.
PEPPINO – ‘Na parola!… (Siede e continua a balbettare) Cosi di l’autru munnu!
TERESA – Ti vuoi spiegare?
PEPPINO – Non pozzu parrari!… Acqua!… Datimi tanticchia d’acqua, quantu mi passa ‘u scantu!
MARIANNA – Ma chi fu? Pirchì ti scantasti?
PEPPINO – Acqua!
CAMILLO – Ci ‘u vuliti pigghiari ‘n bicchieri d’acqua?
TERESA – Mia, vai a prenderlo. (Mia esegue)
PEPPINO – (Dopo aver bevuto) Grazie, ‘u Signuri v’a renni!
MARIANNA – Perciò, chi successi?
CAMILLO – ‘N mumentu, lassaticci pigghiari ciatu!…
PEPPINO – Cosi da pazzi, giustu a nuatri aveva a capitari!
TERESA – Ma che cosa?
CAMILLO – Calma, calma!
TERESA – Puoi parlare?
PEPPINO – Ci provu.
MARIANNA – E parra!
PEPPINO – Parru, parru…
MARIANNA – Parri, parri e non dici nenti!
CAMILLO – Figghiu, ni lassasti appisi ‘nta l’aria!
TERESA – Volete stare zitti e lasciarlo parlare?
PEPPINO – L’avvucatu…
TUTTI – L’avvucatu?
PEPPINO – Sferracavalli…
TUTTI – Sferracavalli?

PEPPINO – Ha vuto…
TUTTI – Ha avuto?
PEPPINO – Un incidente di macchina!
TERESA Quando?
PEPPINO – Un’ora fa.
MARIANNA – Chi si fici?
PEPPINO – Si cunsumau tuttu.
FILIPPO – Morsi?
PEPPINO – No, ppi furtuna.
TERESA – Signore, vi ringrazio!
MARIANNA – Unn’è ora?
PEPPINO – A Catania, o’ prontusoccorsu.
CAMILLO – O’ “Santa Marta”?
PEPPINO – No.
MARIANNA – O’ “Vittoriu Emanueli”?
PEPPINO – No.
FILIPPO – O’ “Bamminu”?
CAMILLO – Bestia, aveva a parturiri?
MARIANNA – Unn’è, allura?
PEPPINO – O’ “Garibaldi”.
TERESA – Mammà, vado a trovarlo.
MARIANNA – Fatti accumpagnari da Filippo.
CAMILLO – Accussì ricovirunu macari ad idda.
TERESA – Non c’è bisogno. Tornerò appena potrò.
MARIANNA – Stai attenta, figghia. Guida con prudenza.
TERESA – Non ti preoccupare. (Via)

PEPPINO – (Dopo che Teresa è uscita) Signuri mei, semu nei guai!
CAMILLO – Pirchì?
PEPPINO – Cu’ ‘a chiudi ‘a campagna ‘sta sira?
CAMILLO – ‘U massaru. Non havi ‘a chiavi?
PEPPINO – Ma no ‘a campagna, campagna!
CAMILLO – E, allura, chi? ‘A campagna, città?
MARIANNA – ‘Ntrunatu, Pippinu voli diri ‘a campagna elettorali!
CAMILLO – Qualcunu ci sarà o’ Partitu.
PEPPINO – Non c’è nuddu; su’ tutti impegnati fora. L’unica fussi Teresa.
MARIANNA – Pirchì non ‘u dicevi prima? A ‘st’ura partìu.
CAMILLO – Filippo, curri, vidi si Teresa è ancora ddocu a fora e, casu mai, ‘a blocchi! (Filippo
via per tornare subito dopo)
MIA – (Mentre Filippo è via) Terry, non sarà in grado di parlare.
PEPPINO – Comu, un’avvocatessa?
MIA – E’ troppu agitata.
CAMILLO – Quantu ci voli pp’u comiziu?
PEPPINO – Un’ora, al massimo.
FILIPPO – (Rientrando) Era già partita. Non ho fatto in tempo a bloccarla.
CAMILLO – E ora comu si fa?
FILIPPO – ‘U discursu ‘u fa Pippinu.
PEPPINO – Ju? Chi si’ pazzu? Non sugnu cosa. ‘U fa don Camillu.
CAMILLO – Vuliti perdiri l’elezioni?
PEPPINO – Ma, almenu, ci po’ spiegari e’ genti i cosi comu stannu.
CAMILLO – Mi dispiaci, ma non si nni fa nenti.
PEPPINO – (Guardando Filippo) Tu si’ d’u partitu di Pappalia e ‘u sannu tutti… (A Mia) Tu fussi
pronta sulu si ti facissiru ballari… Cu’ resta?
FILIPPO – La mamma!

MIA – (Contemporaneamente) La vecchia!
CAMILLO – (Ironicamente) Idda fussi propriu adatta. A’ casa comizii ni fa ogni jornu!
MARIANNA – Chi ci vo’ diri?
CAMILLO – Nenti, ca ‘u po’ fari tu ‘u comiziu.
MARIANNA – E ‘u fazzu ju!
PEPPINO – Brava ‘a signura Marianna!
MARIANNA – ‘U discursu ci l’haju, m’u ‘nsignu bonu e ‘u fazzu!
CAMILLO – E macari ca ti scordi qualchi cosa, a tia ‘u scilinguagnulu non ti manca.
MARIANNA – Non ti preoccupari ca non ci restu arredi!
FILIPPO – Brava a me’ matri! Si parri tu, ju non ci vaju a ballari, vegnu o’ comiziu!
MIA – Ju macari!
CAMILLO – Ju, ‘nveci, mi staju intra.
PEPPINO – Comu, non s’a senti a so’ muggheri?
CAMILLO – ‘A sentu tutti i jorna intra, l’haju a sentiri macari fora?
PEPPINO – E, allura, signura Marianna, ni dassi un assaggiu. Chi ci dici agli elettori?
MARIANNA – Attaccu accussì: Cittadini!…
TUTTI – (Insieme) Viva Sant’Ajta!
S I P A R I O

ATTO SECONDO
La stessa scena del primo atto. L’azione si svolge tre giorni dopo, cioè dopo le votazioni. Si è,
infatti, in attesa del risultato e della sorte che toccherà all’avvocato Sferracavalli.
SCENA PRIMA
Filippo e Mia, e poi Camillo.
FILIPPO – (Come al solito sta ballando con Mia una musica sfrenata emessa dal mangianastri) Ci
‘a fai a fari ‘sta figurazione? (Esegue dei passi di danza) Ahu, mancu Fred Astaire di ‘ddi tempi!
MIA – Ppi mia chissu è ‘n jocu! (Esegue anche lei) Olè!… E chi sono io, Heater Parisi?
FILIPPO – Mia, ‘u sai chi t’haju a diri? Semu bravi!… Semu ‘na cannunata!… Ni putemu
prisintari alla Corrida di Canali Cincu!
MIA – Sugnu sicura ca ci facissimu fari malacumparsa macari e’ megghiu ballarini! Pirchì non nni
prisintamu?
FILIPPO – Ora ci scrivu. (Intanto continuano a danzare mentre la musica rintrona tutta la casa)
CAMILLO – (Arriva dalla comune) Ahu, e chi è ‘stu baccanu? Ci ‘a vuliti finiri ccu ‘sta speci di
musica ca si sta purtannu i ciriveddi?
MIA – Com’è che non si può stare un momento in pace? Se suoniamo in cucina, disturbiamo la
vecchia; se ci trasferiamo nella mia stanza, disturbiamo l’avvocatessa; veniamo qui, nello studio, e
diamo fastidio a te!
FILIPPO – Nel mio stanzino non c’è spazio!
MIA – Insomma, dove possiamo andare?
CAMILLO – A nudda banna. Aviti astutari ‘st’ordignu ‘nfirnali!
FILIPPO – Ma senza musica non si può ballare!
CAMILLO – E non ballati! Chi è fattu di pattu ca aviti a ballari? Non è necessario.
MIA – Il ballo è tutto per me: è l’estrinsecazione del mio subconscio che si materializza, facendomi
realizzare in tutta la mia completezza!
CAMILLO – Ora ti realizzu ju ccu quattru jargiati, si non astutati immediatamenti ‘stu cosu!
FILIPPO – Ma perché odii la musica? La musica è la voce degli angeli!
MIA – E’ l’espressione dolce e soave dell’armonia!
CAMILLO – Chista musica ‘a chiamati? Chista è ‘a cintrali d’u sgrusciu!
MIA – Sei incompetente, non puoi capire! (Spegne l’apparecchio)

CAMILLO – E ju non vogghiu capiri! (Pausa) Unni su’ ‘a mamma e Teresa?
FILIPPO – A ‘nfurmarisi d’u risultatu di l’elezioni.
CAMILLO – Ancora nenti si sapi?
FILIPPO – Finu a ‘st’ura, nenti.
CAMILLO – Sferracavalli non s’ha fattu sentiri? Non ha telefonatu?
FILIPPO – Nuddu ha telefonatu, mancu Pippinu Battaglia.
CAMILLO – E di l’onorevuli Pappalia ha’ saputu cosa?
FILIPPO – Chiddu acchianau di sicuru.
MIA – Ppi Pappalia ci vutaru tutti pirchì sprizza simpatia da tutti i pori.
FILIPPO – Papà, dimmi ‘a virità: ppi cu’ vutasti tu?
CAMILLO – Ppi cu’ puteva vutari, bestia?
MIA – Ppi Pappalia?
CAMILLO – No! Chi c’entra Pappalia?
FILIPPO – Ppi Sferracavalli?
CAMILLO – Certu!
FILIPPO – Siccomu a mia mi risulta ca Sferracavalli non ti è tantu simpaticu…
CAMILLO – Ma chi dici? E’ ‘u maestru di Teresa!
MIA – E non sulu ‘u maestru, macari ‘u spasimanti!
FILIPPO – ‘U cascamortu, voi diri!
CAMILLO – Ahu, picciriddi, chi su’ ‘sti discursi? Circati d’ammugghialla!
FILIPPO – Ma pirchì voi ammucciari ‘u suli cc’u crivu?… Ormai è di dominiu pubblicu!
MIA – ‘U sannu tutti ca Sferracavalli fila ccu Teresa.
CAMILLO – Fila?!
MIA – Fila, fila!
CAMILLO – E chi voli diri?
MIA – Flirta, smiela, sdolcina, smidolla!

CAMILLO – (Guarda Mia con gli occhi sbarrati) Chi fa?!
FILIPPO – Amoreggia, papà! Aggiornati!
CAMILLO – Non è vero!
MIA – Lo sa anche la mamma.
CAMILLO – E a vuatri cu’ v’u dissi?
FILIPPO – Ma nessuno… Sono cose che s’intuiscono!
MIA – Teresa ha piantato Antonio per mettersi con Sferracavalli.
CAMILLO – Ma chi si’ pazza? E poi, chi è ‘stu modu di parrari?
MIA – Perché, che cosa ho detto?
CAMILLO – Chiddu ca ha’ dittu! Non su’ paroli c’ha pronunciari ‘na picciridda comu a tia!
MIA – Non ti fari scrupuli, papà. Non sono più una bambina; anch’io ho il ragazzo!
CAMILLO – Ma vardati chi c’è ccà: ‘stu tappu di pila ca havi il ragazzo! Macari i pulici hannu ‘a
tussi!
FILIPPO – Papà, siamo nel duemila, aggiornati!… E poi, non ‘u sai macari tu? Pirchì fai l’omu?
CAMILLO – Haju a fari ‘a fimmina?… Chi sacciu ju, sintemu?
FILIPPO – Che Teresa se l’intende con Sferracavalli.
CAMILLO – (Dandogli uno scappellotto) Ahu, Filippu!
FILIPPO – ‘Nta ‘sta casa non si po’ diri ‘a virità!
CAMILLO – Non vi risicati a farivi scappari d’a vucca, mai cchiù, discursi simili annunca vi
rivotu d’intra ‘n fora!… Ancora non c’è nenti di chiddu ca diciti vuatri. Se sono fiori, sbocceranno!
FILIPPO – Papà, havi ca sbucciaru!
CAMILLO – Ancora, vah! Vo’ vuscari l’autri?
FILIPPO – Non parru cchiù.
CAMILLO – Menu mali. (Pausa) Ju staju niscennu a circari a’ mamma. Vuatri chi faciti?
MIA – La mamma ci ha detto di restare a controllare il telefono.
CAMILLO – Pirchì?
MIA – Per i risultati delle elezioni, in caso che chiamino dal Partito o dallo studio di Sferracavalli.

CAMILLO – Va beni. (Si Sente suonare il campanello della comune) Viditi cu’ è. (Filippo va ad
aprire)
FILIPPO – (Dalla porta) E’ ‘u papà di Antonio.
CAMILLO – Fallu accumudari. (Gli va incontro)
FILIPPO – S’accomodi, dottore Fichera.
SCENA SECONDA
Fichera e detti.
FICHERA – (Entrando) E’ permesso?
CAMILLO – Prego, dutturi, s’accumudassi.
FICHERA – Buongiorno, signor Cannata. Buongiorno, ragazzi.
CAMILLO – Bacio le mani. (Filippo e Mia salutano a soggetto) Pozzu essiri utili in qualchi cosa?
FICHERA – Dovrei parlargli.
CAMILLO – A sua completa disposizione.
FICHERA – Se non gli dispiace, vorrei parlargli a quattr’occhi.
CAMILLO – Carusi, vo’ facitivi quattru passi.
MIA – A quest’ora non c’è dove andare.
CAMILLO – Vi nni jti a’ villa.
FILIPPO – La mamma ci ha ordinato di restare a casa per ricevere le telefonate.
CAMILLO – Ju, inveci, vi ordinu di nesciri; i telefonati i ricivu ju.
FILIPPO – E va bene, andiamo, Mia. Qui non ci si vuole.
MIA – Lo vedo. Noi non siamo della famiglia; siamo bastardi.
CAMILLO – (Con un grido) Ahu, vi nni vuliti jri o avemu a fari ancora polemica?
MIA – Calma, bello, non t’agitare! Ce ne stiamo andando.
FICHERA – Scusate, ragazzi, se vi ho importunato.
CAMILLO – I scusassi lei, chiuttostu, pp’a maladucazioni ca hannu.
FILIPPO – (Incamminandosi verso la comune) Vieni, Mia… Buongiorno, dottore Fichera. (Via)
FICHERA – Ciao, caro.

MIA – Io non assumo responsabilità se non sai rispondere al telefono. Poi, te la vedi tu con la
vecchia. Ciao, ciao… (Via anche lei)
CAMILLO – Va beni, poi m’a spudugghiu ju. (A Fichera, dopo che i ragazzi sono usciti) Ora po’
parrari liberamenti.
FICHERA – MI scusi, signor Cannata, se la importuno a quest’ora, ma sono alquanto preoccupato.
CAMILLO – Prego, ju non aveva nenti da fari. Ora ca mi misi in pensioni, haju a fari passari ‘u
tempu. Di chi si tratta?
FICHERA – Di mio figlio Antonio. A proposito, ‘sta mattina, per caso, è venuto qui?
CAMILLO – No, non s’ha vistu. Havi di prima dell’elezioni ca non si fa vidiri.
FICHERA – Lo immaginavo perché, in questi ultimi giorni, è stato taciturno e pensieroso. L’ho
interrogato, ma ha risposto molto evasivamente. Non si è voluto confidare neanche con sua madre.
E’ successa qualcosa?
CAMILLO – (Imbarazzato) Non saprei…
FICHERA – Signor Cannata, lei che è padre come me, mi deve capire. Io sono molto preoccupato
per Antonio e, più di me, lo è mia moglie. Come lei sa, noi abbiamo questo unico figlio e abbiamo
riversato su di lui tutto il nostro affetto. Vederlo in quello stato, ci addolora molto, anche perché,
non conoscendo la causa della sua sofferenza, non sappiamo cosa possiamo fare per toglierlo dallo
stato di prostazione in cui è caduto.
CAMILLO – Capisco…
FICHERA – Se capisce, mi deve aiutare a conoscerne la causa e a farlo tornare sorridente e pieno
di vita come prima.
CAMILLO – Ma non so come potrei aiutarlo…
FICHERA – Oh, sì che può. Si tratta forse di Teresa? Hanno litigato? Parli, la prego… Se sa
qualcosa, me la deve dire.
CAMILLO – Veramenti…

FICHERA – Sua figlia, di sicuro, gli avrà raccontato qualcosa o, se non l’ha fatto a lei, l’avrà fatto
a sua moglie che gli ha riferito… Mi dica, la prego, non mi tenga sulle spine!
CAMILLO – Ma chi ci pozzu diri ju? Ju sugnu ‘na povira cappa e ‘nta ‘sta casa cuntu quantu ‘n
dui di briscula!
FICHERA – Lei, invece, è un galantuomo e merita tutto il mio rispetto. Lei sa e, forse, non mi può
dire. Che cosa è successo?… Perché questa rottura di rapporti tra Antonio e Teresa? Perché rottura
c’è stata! Ne sono convinto. Peccato, però… Giusto ora che le cose si mettevano bene per Antonio e
si poteva cominciare a parlare di matrimonio.
CAMILLO – Trasìu di rolu o’ ‘spidali?

FICHERA – Non all’ospedale, ma in una U.S.L. Proprio questa mattina è arrivata la lettera di
assunzione.
CAMILLO – ‘Sta matina? Ora?
FICHERA – Sì, Antonio ancora non l’ha vista. Lo sto cercando anche per questo.
CAMILLO – Forsi si nni jvu o’ ‘spidali.
FICHERA – No, era libero oggi. Deve essere in paese, ma non so dove.
CAMILLO – E mi dicissi ‘na cosa, dutturi: che stipendio avrà?
FICHERA – Ma non so… Non ho idea…
CAMILLO – Ma all’incirca?
FICHERA – Beh, intorno ad un milione e mezzo.
CAMILLO – Caspita, tutti ‘sti soldi?
FICHERA – Questo sarà lo stipendio iniziale; in seguito prenderà di più.
CAMILLO – E, allura, ‘u circassi, dutturi… ‘U circassi e ‘u truvassi!
FICHERA – Proprio quello che ho intenzione di fare. Ma, quando l’avrò trovato?
CAMILLO – ‘U purtassi ccà; e si non voli veniri, s’u strascinassi cc’a forza!
FICHERA – Ma, allora, è successa qualcosa?
CAMILLO – Ppi com’ora non ci pozzu diri nenti di cchiù. Anzi, ci dicu l’ultima cosa: si, ppi casu,
ppi strata, ‘ncontra a me’ muggheri e a Teresa, non ci dicissi nenti. Facissi finta di non vidilli.
FICHERA – Perché, scusi?
CAMILLO – ‘U sacciu ju. Lei si fida di mia? (Fichera annuisce) E, allura, ascutassi a mia. E, ora,
si nni jssi a circari ad Antonio.
FICHERA – Va bene, signor Cannata. Farò come lei mi ha detto. La ringrazio e non le chiedo più
niente. Ma, spero, che un giorno mi spiegherà.
CAMILLO – Bacio le mani, dutturi. E mi vulissi beni pirchì ju a lei ‘u rispettu e ‘u stimu assai
assai.
FICHERA – Anch’io, signor Cannata, come un fratello. E ora, arrivederci. Ci vediamo più tardi.
CAMILLO – A Dio piacendo. (Fichera via dalla comune. Intanto Camillo va al telefono e
compone un numero) Prontu?… Ciccina, tu si’?… Camillu sugnu. Senti, me’ muggheri ddocu è ?…
Teresa, mancu?… Ma, s’hannu vistu ‘sta matina a’ to’ casa?… No?… E unni si nni jeru?…
Comu?… Nenti si sapi ancora… Certu, Sferracavalli, appena sapi ‘u risultatu, telefona subitu…

Va’, ti salutu… statti bona e salutami a to’ maritu. (Chiude e compone un altro numero) Nenti, ‘u
telefunu di Sferracavalli pigghiau cunfidenza: tu, tu, tu! Ora chiamu ‘nto Partitu, videmu si su’ ddà.
(Compone il numero) E macari chistu è occupatu. Ora telefunu a Pippinu Battaglia. (Compone il
numero) Prontu? Sugnu Camillu Cannata, c’è Pippinu?… Non c’è?… Comu?… Sì, ccu so’ figghiu
vuleva parrari… E’ o’ Partitu o ‘nta l’avvucatu?… Sì, ma ‘u telefunu è sempri occupatu… Sì,
megghiu ca ci vaju di pirsuna… ‘Ssa benedica e mi scusassi. (Chiude il telefono, ma squilla il
campanello della comune) E chi è ‘a casa d’u sinnucu? (Va ad aprire)
SCENA TERZA
Donna Pinuzza e detto, e poi Marianna.
CAMILLO – Cu’ è?
PINUZZA – (Dall’esterno) Ju sugnu, Pinuzza Bellassai.
CAMILLO – (Apre e la fa entrare) Oh, cummari Pinuzza, vui siti?
PINUZZA – In persona.
CAMILLO – C’è cosa?
PINUZZA – Ju sugnu ccà.
CAMILLO – Ju sugnu macari ccà e semu tutti dui ccà.
PINUZZA – Ju mi staju facennu vidiri.
CAMILLO – Brava, ju macari sugnu espostu alla vostra vista.
PINUZZA – Mi nni cumpiacciu… ‘U trovu ‘n saluti.
CAMILLO – Non mi lamentu e ringraziu a Diu. Vui siti bona?
PINUZZA – Tanta bedda, grazii.
CAMILLO – Mi nni cumpiacciu macari ju.
PINUZZA – ‘A so’ signura comu sta?
CAMILLO – Chidda vinni saluti.
PINUZZA – E i so’ figghi?
CAMILLO – Tutti bene, grazii.
PINUZZA – Perciò, ju sugnu ccà.
CAMILLO – ‘U staju vidennu ca siti ccà.
PINUZZA – M’ha dari cumanni?

CAMILLO – Nessuna prijera.
PINUZZA – E, allura, m’assettu.
CAMILLO – Scusati, cummari Pinuzza, ma ju haju a nesciri.
PINUZZA – Vossia mi fa ccu comudu.
CAMILLO – Ma vui non putiti ristari ccà.
PINUZZA – ‘A signurina mi dissi di veniri ora.
CAMILLO – ‘A ‘ncuntrastiru?
PINUZZA – L’autru jornu m’u dissi, non s’u ricorda? Mi dissi: “Cummari Pinuzza, turnati dopo
l’elezioni”. E ju sugnu ccà.
CAMILLO – Non c’è me’ figghia intra.
PINUZZA – So’ muggheri mancu?
CAMILLO – Nuddu c’è; sugnu sulu.
PINUZZA – Bih, e, allura, mi nni vaju subitu ca ju mi scrupulìu a stari ccu ‘n omu sulu… Ju sugnu
picciotta schietta… Chi ponu diri i genti? Ju ci tegnu all’occhiu sociali.
CAMILLO – Brava, ju macari. Megghiu ca vi nni jti.
PINUZZA – Sì, sì, mi nni vaju… ‘nza mai i mali genti mi mettunu ‘nta vucca!… Scanzatini,
Signuri!… Non c’è peggiu d’i mali cristiani!… Non è d’accordu vossia?
CAMILLO – Certu, aviti ragiuni.
PINUZZA – ‘U ponu sapiri ca ju vinni ccà ‘nnuccentementi?… Pensunu ca, sapennu ca vossia era
sulu, ju mi vinni a ‘nficcari ccà apposta. E, poi, ‘u sapi com’è, ‘a pagghia allatu o’ focu sbamba!…
Non si sapi mai… Chi dici vossia?
CAMILLO – S’u diciti vui!…
PINUZZA – Ca vossia non è poi tantu vecchiu… Ju sugnu picciotta… Non è megghiu livari
l’occasioni?
CAMILLO – Ahu, donna Pinuzza, chi vi scappa d’a vucca?
PINUZZA – A mia?!… Nonsignuri, non sugnu ju a fari ‘sti pinseri… Su’ i mali cristiani!… Vossia
non po’ ‘mmaginari quantu su’ tinti!… A ‘st’ura, vidennumi trasiri ccà e sapennu ca vossia è sulu,
pirchì ‘u sannu di sicuru ca vossia è sulu in casa, si nn’accorgiunu di unu di tuttu; perciò, comu ci
stava dicennu, sapennu ca vossia è sulu, cu’ sa’ quali mali pinseri fannu?.. E non è bellu ppi ‘na
picciotta schietta comu a mia!… Chi dici vossia?
CAMILLO – Aviti ragiuni, megghiu ca vi nni jti subitu, tantu cchiù ca ju stava niscennu.

PINUZZA – Mi nni sta mannannu? Però, l’avvertu ca si mi nni vaju ora, i mali cristiani pensunu
mali. Dici, don Camillu si nn’apprufittau ca era sulu, vidennusi davanti ‘dda bella picciotta di donna
Pinuzza, si ci allanzau e ‘dda mischina si nn’appi a scappari.
CAMILLO – Non i pensunu tutti ‘sti storii ca ‘ncucchiati, ca ‘a genti non è sfacinnata comu a vui.
Perciò, vi nni putiti jri tranquilla.
PINUZZA – Vossia mi m’ascuta: è megghiu si mi curnuciu n’autra tanticchia.
CAMILLO – Ahu, haju chiffari!
PINUZZA – Si preoccupa di cumprumittirimi?
CAMILLO – A vui staju pinsannu e o’ patruni di casa!
PINUZZA – Pirchì, ci fazzu schifu?… Ju, tantu ppi sapillu, fazzu ciauru di gelsuminu e rosi!…
Forsi pirchì mi sta vidennu accussì?… Ju, quannu m’abbersu, mi fazzu taliari di tutti! ‘Na vota unu
mi dissi ca haju ‘u fascinu slavu!… Veramenti, non ‘u capii che vuleva diri, ma ‘a signura Franca,
‘a muggheri d’u farmacista, ca di ‘sti cosi si nni ‘ntenni assai pirchì va sempri o cinima, mi dissi ca
mi fici ‘n complimentu troppu finu. A vossia ci pari ca ju sugnu schietta pirchì non haju pututu
truvari maritu? Nn’haju avutu matrimonii!… A cafolu!… A dui a dui!
CAMILLO – M’u ‘mmaginu… ‘na fudda!
PINUZZA – Maria Santissima!… E’ ca ju sugnu tanticchia schizzinosa e trovu sempri ‘u pilu ‘nta
l’ovu!… ‘Na vota si prisintau ‘n picciottu ca era ‘n pileri, beddu comu ‘n quatru d’u Cori di Gesù,
jautu comu n’asta di bannera, biunnu e ccu l’occhi celesti ca pareva ‘n tedescu… Nisceva pazzu ppi
mia… Mi vinni d’appressu ppi qualchi du’ misi, ma ju nenti… non nni vosi sentiri! ‘U sapi pirchì?
CAMILLO – No, Bedda Matruzza!
PINUZZA – Mi faceva ‘mprissioni ‘u so’ misteri. M’inserta chi faceva!
CAMILLO – Ma non ‘u pozzu ‘nsirtari.
PINUZZA – Vossia mi ci prova.
CAMILLO – Non ‘u sacciu… ‘U macellaiu?
PINUZZA – Acqua!
CAMILLO – ‘U calciolaiu?
PINUZZA – Acqua!
CAMILLO – ‘U muraturi?
PINUZZA – Ancora acqua!
CAMILLO – E, allura, lassamu perdiri.

PINUZZA – Avanti, mi si sforza!
CAMILLO – Accussì mi cala ‘a vaddira!
PINUZZA – E, allura, s’arrenni?
CAMILLO – Chi voli diri?
PINUZZA – S’arrenni?
CAMILLO – Pirchì m’haju arrenniri?
PINUZZA – Pirchì non è capaci d’insirtallu. Accussì si dici: s’arrenni?
CAMILLO – Ca m’arrennu, basta ca livamu l’occasioni. Avanti, dicitimi chi misteri faceva ‘stu
cristianu ca staju pirdennu ‘a pacienza!
PINUZZA – Ora ci fazzu fari quattru risati.
CAMILLO – Ju non vogghiu ridiri! Vogghiu sapiri chi misteri faceva ‘stu cristianu, e spicciativi a
dirammillu pirchì staju murennu d’a curiosità!
PINUZZA – I risati vossia s’i fa appena ci dicu chiddu ca faceva.
CAMILLO – E, forza, facitimi fari ‘sti risati, basta ca ci ‘a finemu!
PINUZZA – Faceva tabuti! (Camillo la guarda allibito) Non s’i fici i risati?
CAMILLO – Ah, sparti haju a ridiri?… Unu ca fa tabuti fa ridiri?… Unu ca fa tabuti fa chianciri!
PINUZZA – A mia mi faceva ridiri.
CAMILLO – E va beni, ognunu ‘a pigghia comu voli! Ora, si non vi dispiaci, vi nn’aviti a jri.
PINUZZA – Basta, vossia mi sta ammuttannu ccu l’occhi!… Non ci piaci ‘a me’ cumpagnia?
CAMILLO – Vui stissa aviti dittu ca i genti fannu mali pinseri.
PINUZZA – A mia non m’interessa d’i genti; ponu pinsari chiddu ca volunu: “Aria netta non havi
paura d’i trona!”. Almenu che vossia non si scrupulìa.
CAMILLO – Ah, ora sugnu ju ca mi scrupulìu? Havi menz’ura ca ‘a ruzzuliati di tutti i lati e ora
jvu a finiri ca sugnu ju chiddu ca si scrupulìa?… Ebbeni, sì, mi scrupulìu!… Anzi mi scantu ca
m’assaltati e mi seduciti!
PINUZZA – Vossia po’ stari tranquillu ca non ci fazzu nenti. Vossia non è ‘u me’ tipu.
CAMILLO – Menu mali: l’anuri è salvu! (A questa battuta entra Marianna dalla comune. Reca
una busta di plastica con la spesa)
MARIANNA – (Entrando) Di quali anuri stati parrannu?

CAMILLO – Bonu, Cicca, spudigghiativi ‘st’autra marredda, ora!… (Alla moglie) Nenti, si
parrava accussì ccu donna Pinuzza di l’anuri in generali.
MARIANNA – Chistu non ‘u sapeva.
CAMILLO – Chi non sapevi?
MARIANNA – Ca c’è l’anuri generali e chiddu colonnellu.
CAMILLO – Chi c’entra ‘stu discursu?… Si fa ppi diri.
MARIANNA – (Minacciosa) Camillu, non cridu ca ‘nta vicchiania ti mittisti in testa idei fasulli?
CAMILLO – Ma chi si’ pazza? Ccà c’è donna Pinuzza ca po’ tistimoniari!
MARIANNA – Va beni, facemu finta di cridiricci.
CAMILLO – Chiuttostu, chi si sapi di l’elezioni?
MARIANNA – Ancora nenti. CcuTeresa passamu d’u Partitu, ma ancora non sapeunu nenti.
CAMILLO – E Teresa unn’è?
MARIANNA – ‘A lassai ‘nta l’avvucatu. Stannu aspittannu ‘nsemi i risultati.
CAMILLO – Pirchì non aspittavi macari tu?
MARIANNA – Pirchì ancora aveva a fari ‘a spisa. Non ‘u vidi? (Mostra la busta con la spesa che
poi va a sistemare in cucina, tornando tosto)
PINUZZA – Scusati si m’intromettu, ma ppi mia non si sapi nenti?
MARIANNA – Chi s’ha sapiri, cummari Pinuzza?
PINUZZA – D’u postu di consavrazza statali.
MARIANNA – Ancora non si sapi si Sferracavalli acchianau e vui vuliti sapiri d’u postu?
PINUZZA – Ma ‘a signurina Teresa mi dissi di farimi vidiri dopu l’elezioni.
MARIANNA – Ma no, all’indomani!
PINUZZA – E, allura, chi fazzu?
MARIANNA – Nenti, chi vuliti fari? Aspittati. Chiuttostu, vutastiru beni?
PINUZZA – Comu m’insignastiru. Ci misi ‘a cruci supra ‘a bannera e ‘nto rigu ci stampai l’asta
cc’a vipira.
CAMILLO – Unni ‘a mittistiru ‘a cruci?
PINUZZA – ‘A manu ‘ritta, ‘nta scheda, non c’è ‘a bannera? E ju ci stampai ‘a cruci.
CAMILLO – ‘A bannera è a manu manca ed è ‘u partitu di Pappalia.
MARIANNA – Ci dastiru ‘u votu a Pappalia?
PINUZZA – Chi sacciu?… Vuatri mi dicistiru di mettiri ‘a cruci supra ‘u stemma ca c’era a manu
ritta.
MARIANNA – (Prendendo dalla scrivania un facsimile di scheda elettorale e consegnandola a
donna Pinuzza) Videmu, facitimi vidiri unni vutastiru?
PINUZZA – (Naturalmente la scheda che le porge Marianna, lei la riceve capovolta) Ccà vutai, a
manu ‘ritta. Non c’è ‘a bannera?
CAMILLO – (Che ha notato l’equivoco) Però, ‘a scheda ppi vui è a testa sutta. S’a girati, ‘a
bannera veni a manu manca, mentri ‘u stemma di Sferracavalli è a manu ‘ritta.
PINUZZA – Chi nni sacciu ju?!… Vuatri mi l’avivati a spiegari qual’era ‘a ‘ritta e quali ‘a storta!
MARIANNA – (Che non riesce a consolarsi) A Pappalia ci ‘u desi ‘u votu, la bestia!… A ‘ddu
mangiatariu!… (Al marito) ‘A culpa è ‘a to’ ca ci cunfunnisti ‘a testa ccu l’asta e ‘a vipira!
CAMILLO – ‘U sapeva ca ‘a culpa era ‘a mia!… ‘Nta ‘sta casa ‘u parafulmini ci l’haju ju sulu!
PINUZZA – E ora comu si fa?
MARIANNA – Nenti, chi vuliti fari, ormai? Non c’è cchiù rimediu.
PINUZZA – E ‘u postu?
MARIANNA – Facitavillu dari da Pappalia. Non ci ‘u dastiru a iddu ‘u votu? Nenti votu, nenti
postu!
PINUZZA – Ah, sì? Siti ‘na maniata di disonesti e ‘mbrugghiuni, tutti pari, deputati e galuppini!…
Faciti vidiri ‘a luna ‘nto puzzu ai poviri ‘gnuranti comu a mia, ma quann’è ura di pigghialla, l’acqua
s’infrusculìa e ‘a luna scumpari sutta l’occhi! ‘U sapiti chi vi dicu, allura? Vo’ faciti ‘n culu tutti
pari! (Via velocemente per la comune)
CAMILLO – (Alla moglie) Ti sta beni, nn’haju piaciri!
MARIANNA – Faciti beni e’ porci!
SCENA QUARTA
Filippo, Mia e detti.
FILIPPO – (Entrando insieme a Mia) Chi ci facistiru a donna Pinuzza? Pareva ‘na furia.
MIA – Si murmuriava e sparraciava sula.
MARIANNA – ‘U votu ci ‘u desi a Pappalia.

FILIPPO – Si dimustrau ‘na fimmina inteligenti.
MARIANNA – Si dimustrau ‘na bestia!… Dopu ca ci persumu tuttu ‘ddu tempu a spiegaricci comu
aveva a vutari, ‘a cretina ci ‘u desi a Pappalia!
FILIPPO – Comunque il voto non è andato perduto.
MARIANNA – No, fu truvatu.
FILIPPO – Appunto, da Pappalia.
MARIANNA – Non nni parramu cchiù, ppi favuri, prima ca sbottu!
MIA – Cu’ sapi quanti autri elettori ficiru comu a donna Pinuzza?
MARIANNA – Ora basta!
CAMILLO – Carusi, finitila ca, ‘nza mai Sferracavalli non avissi acchianari, vostra matri ni
cunsuma a tutti!
MARIANNA – Tu si’ ‘na cucca!… ‘U sacciu ca a tia l’avvucatu non t’ha fattu mai simpatia, ma
ccà t’arresta (Indica la gola) pirchì, non sulu verrà elettu, ma pigghia cchiù voti di Pappalia!
FILIPPO – A propositu, ‘u sapiti chi mi dissiru l’amici mei ppi Sferracavalli?
MARIANNA – Chi autri nuvità ci sunu, sintemu?
FILIPPO – Ca fu Antonio, o’ prontu soccorsu, a salvallu quannu ebbi l’incidenti.
CAMILLO – E comu fu?
FILIPPO – Ca Antonio non presta serviziu o’ prontu soccorsu d’u “Garibaldi”? Venerdì scorsu,
dopu ca si nni jvu di ccà, scinnìu a Catania e muntau di serviziu. In corsia truvau ricoveratu a
Sferracavalli ca stava troppu mali; aveva già l’occhi sbarrati. Antonio capìu ca stava trasennu in
coma; subitu ‘u fici purtari in sala di rianimazioni, ci fici le cure del caso e ‘u salvau. Menu mali ca
Antonio è un bravo medico, annunca l’avvucatu avissi fattu ‘a morti d’u surgi!
MARIANNA – Ma si l’avvucatu è sanu comu ‘n pisci?
FILIPPO – Ora, grazied Antonio, ma s’a stava quagghiannu.
MARIANNA – Non ci cridu.
FILIPPO – Dumannicci a Teresa.
MARIANNA – Ma Teresa non m’ha dittu nenti.
FILIPPO – Voli diri ca non havi ‘a facci di cuntaratillu.
MIA – T’ha cuntari tutti cosi? Ci sono certe cose della propria vita intima che non si possono
raccontare neanche alla madre.

MARIANNA – Zivittula, vidi ca tu a mia m’ha cuntari tuttu, annunca ti sminuzzu!
MIA – Ecco, sempre la violenza! Voi Matusa, della generazione delle caverne, vorreste risolvere
tutto con le minacce e la violenza.
MARIANNA – Quannu i cosi non i vuliti capiri cc’u bonu, v’i fazzu capiri cch’i lignati!
MIA – Ma tu non hai mai provato a parlarci con le buone; sei sempre ricorsa alle maniere forti.
MARIANNA – Ccu vuatri è inutili.
MIA – Ma perché? Noi giovani moderni, invece, abbisogniamo d’affetto e, soprattutto, di dialogo.
MARIANNA – Chi vo’ diri ca non v’avemu vulutu beni?
MIA – A modo vostro e non è questo il tipo d’affetto che noi vogliamo. L’affetto muto e represso
poteva andare bene ai vostri tempi quando vi vergognavate di esternare i vostri sentimenti con le
persone care. Quando tu avevi la mia età, ti sei mai permessa di baciare tuo padre?
MARIANNA – Me’ patri non nni mangiava di ‘sti smorfii!
MIA – Ecco, per te sono smorfie e, se vuoi proprio saperlo, a me piace tanto farne a papà e a te, e
sono sicura che anche a voi piacciono le mie smorfie. Vero, papà? (Camillo sorride come per
approvare e Mia gli si butta tra le braccia e lo bacia) Vedi? Non ci è costata niente questa felicità.
CAMILLO – (Affettuosamente) Brava a me’ figghia Mia ca sarà ‘u vastuneddu d’a me’ vicchiania!
Ora, dacci ‘n vasuni macari a’ mamma!
MIA – Ma sì, anche a lei che muore dalla voglia di stringermi tra le sue braccia! (Abbraccia e bacia
la madre che l’accoglie affettuosamente tra le sue braccia)
FILIPPO – Ahu, Mia, ‘u sai ca non ti faceva accussì sintimintusa? Mi facisti cummoviri!
MIA – E vuoi un bacio anche tu, vero?
FILIPPO – Ca, si m’u duni, ti pari ca non l’accettu? (Mia l’abbraccia)
MIA – (Dopo una pausa) Vedete, esteriormente possiamo sembrare estrosi e strambi; sono i tempi.
Nel nostro intimo, però, siamo rimasti i bravi ragazzi che avete sempre desiderato che fossimo. Solo
che non lo diamo a capire come voi che mascherate i vostri sentimenti.
FILIPPO – Brava, Mia! Ti sei espressa come un libro stampato. Alle prossime elezioni ti potrai
presentare candidata per il partito radicale.
MIA – E, inveci, si vo’ sapiri ‘a virità, a mia mi piaci assai ‘u partitu d’a me’ casa!

CAMILLO – Tu si’ ‘na carusa giudiziusa!… Ora, scusatimi si passu di pala in frasca, ma sugnu
curiusu di sapiri ‘na cosa. Antonio ccu Teresa s’incuntraru o’ prontu soccorsu?
FILIPPO – Certu ca s’incuntraru. Quannu Teresa arrivau o’ ‘spidali, truvau ad Antonio o’ capizzali
di Sferracavalli.

CAMILLO – E chi successi, ‘u sai?
FILIPPO – Nenti, papà, c’aveva a succediri? Antonio si cumpurtau comu si nenti fussi. Non ti
scurdari ca prima di tuttu è medicu.
CAMILLO – Però…
MARIANNA – Però?
CAMILLO – Nenti, nenti… Pensu a ‘na cosa e mi veni da ridiri.
MARIANNA – Chi pensi?
CAMILLO – Ca si Antonio era n’autru, tagghiava ‘u tubu e l’avvucatu attisicava i palitti!
MARIANNA – Ma chi si’ pazzu?
FILIPPO – Antonio è un signor medico, onesto e scrupoloso, tanto che l’ha salvato e, dopo due
giorni, l’ha messo in condizioni di lasciare l’ospedale.
CAMILLO – Ahu, ‘u dissi ppi ridiri!… E chi è, non si po’ cchiù mancu schirzari?
MARIANNA – Piccatu ca Teresa s’a pinsau accussì. A mia Antonio mi piaceva.
CAMILLO – Ora ca fici ‘st’attu di valuri, ti piaci? Prima eri entusiasta di l’avvucatu!
MARIANNA – Tu non capisci nenti! Ppi Teresa, Sferracavalli è la sistemazione… Antonio è
l’amore! Mannaggia, non ci putevunu essiri tutti du’ cosi?
CAMILLO – A propositu, t’haju a fari ‘n discursu. Carusi, vo’ facitivi quattru passi!
FILIPPO – Ci risemu?
MIA – E, allura, haju parratu turca! Mi ero illusa che avreste cambiato sistema con noi… che
avreste dialogato… Invece, siamo punto e d’accapo!
CAMILLO – Miuzza, hai ragiuni, ma ci avissi a diri a’ mamma ‘na cosa ‘mpurtanti.
FILIPPO – Anche noi apparteniamo alla famiglia; non siamo estranei e Teresa è la nostra sorella
maggiore e l’abbiamo a cuore quanto voi!
CAMILLO – Ma è ‘n discursu delicatu…
MIA – Le nostre orecchie lo possono sopportare; perciò, puoi parlare.
CAMILLO – E va bene. Ant’ura fu ccà ‘u dutturi Fichera… Circava ad Antonio… Era
preoccupatu assai… Sapeva della rottura d’u fidanzamentu…
MARIANNA – E, allura?
CAMILLO – Mischinu, mi fici pena! Mi parrau cc’u cori in manu… Poi, mi desi ‘na bona notizia.

MARIANNA – Quali?
CAMILLO – Antonio truvau ‘u postu. L’hanno assunto in una S.L.U.P.
MARIANNA – Unni?!
CAMILLO – In uno S.L.I.P….
FILIPPO – Sì, ‘nte mutanni!… U.S.L., papà!
MARIANNA – E chi è?
CAMILLO – Non ‘u capii bonu, ma dici ca guadagnerà intorno ad un milione e mezzo al mese.
FILIPPO – L’U.S.L. è l’Unità Sanitaria Locale.
MARIANNA – Ni sacciu quantu prima.
MIA – E’ una specie di condotta medica.

CAMILLO – Chiddu ca è non ha importanza, è ‘mpurtanti, ‘nveci, ca pigghia ‘u postu, travagghia
e guadagna.
MARIANNA – Mi fa piaciri ppi iddu ca s’u merita.
CAMILLO – E, allura, avemu a fari qualchi cosa ppi ‘sti du’ carusi ca, ‘n funnu, si amano.
MARIANNA – Chi putemu fari? Teresa è ‘nciammata di Sferracavalli!
CAMILLO – E si sciamma!
MARIANNA – ‘Na parola!
FILIPPO – Organizzeremo qualcosa per farglielo togliere dalla mente.
MIA – Io sono a conoscenza di un particolare che potrà fare scoccare la scintilla per la riuscita della
nostra missione.
CAMILLO – E chi semu in guerra?
FILIPPO – Dobbiamo far finta di esserlo. Anzi, immaginiamo che si deve conquistare una
posizione importante per la riuscita della guerra e della vittoria finale.
MIA – Perché non immaginiamo, invece, che dobbiamo liberare il Santo Sepolcro dagli infedeli?
CAMILLO – Carusi, è troppu complicatu.
MIA – Ma, papà, tu sei stato in guerra e non ti dovrebbe essere difficile immaginare; tu hai
combattuto!
CAMILLO – Ca quali, ju era ‘nta Sussistenza:

FILIPPO – E noi ti promoviamo in un’arma combattente. Che preferisci: Fanteria, Artiglieria,
Genio, Marina o Aviazione?
CAMILLO – (Facendosi influenzare dall’entusiasmo dei ragazzi) Nell’Aviazione! A mia mi
piacevunu assai l’ariuplani!
FILIPPO – Benissimo, ti nominiamo capitano!
CAMILLO – Non è megghiu colonnellu?… Si non autru ppi rispettu all’età!
FILIPPO – Va bene, allora tu sei il colonnella Cannata. (Lo saluta militarmente) Comandi, signor
Colonnello!
CAMILLO – (Assecondandolo) Soldato Cannatello, riposo!
FILIPPO – Ha ordini da darmi?
CAMILLO – Nessuna preghiera!
FILIPPO – Papà, facemu cirimonii?!… Mi devi dare gli ordini.
CAMILLO – Quali ordini?
FILIPPO – Tu l’ha’ sapiri ca si’ ‘u colonnellu!
CAMILLO – Ma ju non sacciu chi ‘ntinzioni aviti di fari!
FILIPPO – Basta ca vulisti fari ‘u colonnellu!
MIA – Mancu ‘u capitanu d’i muschi tu po’ fari!
CAMILLO – E ju vi nominu Aiutanti di Battaglia accussì faciti tutti cosi vuatri!… Soldato Filippo
e soldata Mia, attenti!…
MARIANNA – Ora basta! Finemula ccu ‘sta farsa e pinsamu, chiuttostu, comu putemu cunvinciri a
Teresa. Mia, chi sai tu di Sferracavalli?
MIA – Una cosa che non posso dire ora, ma che dirò all’ultimo momento.
MARIANNA – Ahu, picciriddi, chi vuliti fari la guerra del silenzio?
FILIPPO – Mamma, zitta, il nemico ci ascolta!
MARIANNA – E non ‘u dicu ju ca finìu a farsa!… Va beni, fazzu a modu miu: quannu veni
Teresa, ‘a pigghiu di pettu e ci cuntu tutti cosi!
CAMILLO – No, ca po’ otteniri l’effettu cuntrariu pirchì s’incarugnisci.
MARIANNA – Camillu, o s’aggiusta ‘sta cosa o si stramma del tutto!
MIA – Mammà, meglio la prudenza!

FILIPPO – Non ti sduvacari tutta ‘nta ‘na vota.
CAMILLO – Giustu diciunu i carusi: non ti jttari ccu tuttu ‘u sceccu.
MARIANNA – E, allura, pinsatici vuatri. Ju mi nni lavu i manu.
CAMILLO – Aspettiamo meglio gli sviluppi della situazione.
MARIANNA – Accussì, “mentri ‘u medicu studia, ‘u malatu si nni va”!
MIA – No, no, dobbiamo fare qualche cosa subito.
FILIPPO – Sono d’accordo con Mia.
MARIANNA – (Al marito) Chi ci dicisti tu o’ diritturi Fichera?
CAMILLO – Di circari ad Antonio e di purtallu ccà.
MARIANNA – Ma quannu venunu, chi facemu?
CAMILLO – Nenti. Chi putissimu fari? I facemu trasiri e i facemu assittari.
MARIANNA – E chi ci cuntamu si non avemu nenti di diri? Megghiu ca non ci ‘rapemu. Facemu
finta ca non semu in casa.
FILIPPO – Vuliti ammucciari ‘a testa sutta ‘a sabbia comu ‘u struzzu?
MARIANNA – Ju non vogghiu sapiri nenti. Spudigghiatilla tu.

CAMILLO – E diri ca riunii ‘a famigghia ppi riciviri ajutu! (Suonano il campanello) Ccà sunu!
FILIPPO – Ci staju ‘rapennu. (Apre)
SCENA QUINTA
Fichera, Antonio e detti.
CAMILLO – (Molto imbarazzato) Prego, accumudativi.
FICHERA – Disturbiamo? Signora, ci scusi; forse questa non è l’ora più opportuna, ma sono stato
incoraggiato da suo marito a tornare insieme a mio figlio.
MARIANNA – Prego, non disturbate affatto.
ANTONIO – Grazie, signora. Lei è stata sempre molto comprensiva nei miei riguardi.
CAMILLO – Tu ccà si’ di casa.
ANTONIO – (Amaro) Già…
FILIPPO – Antonio, congratulazioni per il posto. Abbiamo saputo che sei stato assunto in una
U.S.L.

ANTONIO – Proprio questo mi ha appena detto mio padre.
CAMILLO – Mi fa tantu piaciri.
MARIANNA – Macari a mia.
MIA – Io mi posso congratulare con un bacio fraterno? (Lo bacia)
ANTONIO – Grazie, Mia, sei una brava ragazza. Ma, forse, non accetterò.
CAMILLO – Comu?
MARIANNA – Pirchì?
FICHERA – Vuole andare via dall’Italia.
CAMILLO – E unni si nni voli jri?
ANTONIO – In Africa, a prestare la mia opera in un lebbrosario.
MARIANNA – (D’istinto) Ma chi si’ pazzu?
FICHERA – Anch’io gli ho detto la stessa cosa.
ANTONIO – Scusate, sarei pazzo perché desidero portare il mio contributo a chi ne ha di bisogno?
Sono stato pazzo fino ad ora che l’ho fatto qui e gratuitamente?
MARIANNA – Chi c’entra, è n’autra cosa!
CAMILLO – Ccà semu in Italia!
ANTONIO – Egregio signor Cannata, il male non ha confini né nazionalità. In Africa c’è tanto
bisogno di medici perché c’è molta sofferenza che deve essere alleviata.
CAMILLO – E ci hai a jri giustu tu?
MARIANNA – Specialmenti ora ca pigghiasti ‘u postu!
ANTONIO – E perché non io?
FICHERA – Perché tua madre morirebbe vedendoti partire.
ANTONIO – Mia madre è una donna forte e sopporterà.
FICHERA – E a me non pensi?… Io ho riposto in te tutte le mie speranze!
ANTONIO – Ma non vado a morire, papà!… Vado a dare il mio apporto di uomo e di medico in
quella società sottosviluppata e martoriata.
MARIANNA – E a Teresa non ci pensi? (Per un momento si fa un silenzio che accapona la pelle)
ANTONIO – (Dopo una pausa) A Teresa?… A Teresa ci penserò sempre, ma come un caro
ricordo della mia giovinezza. Un ricordo pieno di gioia e di amarezza.
FICHERA – Perchè, allora, hai accettato di venire qui se ti ostini a restare dell’idea di partire?
ANTONIO – Volevo salutare e ringraziare i signori Cannata per avermi trattato come un figlio.
FILIPPO – Quando sarà la partenza?
ANTONIO – Fra quindici giorni.
FILIPPO – ‘Nta chinnici jorna po’ moriri ‘n papa e si nni po’ fari n’autru! Veru, Mia? (Cenno
d’intesa)
MIA – Ju haju l’impressioni ca ‘stu papa mori prestu!
ANTONIO – Che volete dire?
FILIPPO – Nenti, un semplice proverbio; e nuatri ci cridemu e’ proverbi.
MARIANNA – Intanto ci dobbiamo congratulare con te per aver salvato così brillantemente
l’avvocato Sferracavalli.
CAMILLO – L’abbiamo saputo da Filippo. Dici: sei stato pronto e tempestivo.
ANTONIO – Ho fatto il mio dovere di medico.

CAMILLO – Ma non avevi nessun obbligo…
ANTONIO – A lei pare! Un medico, di fronte alla vita di un uomo, non deve badare ai risentimenti
o all’odio personale. Deve fare ogni sforzo per strappare alla morte il paziente che ha in cura. Ed
ora, scusateci, ma togliamo il disturbo. Grazie per tutto quello che avete fatto per me e per l’affetto
sincero e disinteressato che mi avete dimostrato.
CAMILLO – Aspetta… Chi è tutta ‘sta primura? Marianna, mancu i ficimu assittari… Certu ca
semu… V’u pigghiati n’aperitivu? Marianna, pensici tu! (Marianna, aiutata da Mia, esegue)
ANTONIO – Non si disturbi, signor Cannata.
CAMILLO – Non mi disturbo affatto. Intantu, accumudativi ‘nto divanu accussì, ‘nto mentri, torna
Teresa.
ANTONIO – (Che intanto si era seduto, a sentire il nome di Teresa, salta subito in piedi) E’
meglio che non ci incontriamo con Teresa.
CAMILLO – (Rimettendolo a sedere) E pirchì? Teresa si pigghia di collira si parti senza salutarla.
FICHERA – Ha ragione il signor Cannata. Non c’è alcun motivo per non salutarla. Dovete restare
amici. (Intanto Marianna e Mia servono gli aperitivi)
MARIANNA – (Riferendosi all’aperitivo) E’ don Petru, non sacciu si vi piaci?

CAMILLO – Ma chi ti scappa d’a vucca, Marianna? Quali don Petru e Paulu?!
MARIANNA – Pirchì, comu si chiama, allura?
MIA – Petrus. Mammà… Non sai leggere?
MARIANNA – Non ci haju l’ucchiali.
CAMILLO – Forsi preferisciunu un amaru cchiù leggeru?
FICHERA – Va bene questo, grazie.
CAMILLO – Dici ca ‘u Petrus è ppi l’omini forti e nuatri avemu a dimostrare tanta forza d’animo
pp’a partenza di Antonio.
ANTONIO – Ma non vado in capo al mondo!
CAMILLO – No, ca quali!… Stai jennu o’ Librinu!
ANTONIO – Siamo nel duemila e non devono esistere distanze.
CAMILLO – (Brindando) Beh, alla tua salute e alla tua carriera!

MARIANNA – Ca ‘a Madunnuzza d’i lacrimi t’avissi a proteggiri notti e jornu da tutti i mali e da
ogni periculu!
ANTONIO – Grazie. Io vi ricorderò sempre con affetto.
FICHERA – Io un augurio solo voglio farti: che tu serenamente possa rivedere le tue decisioni e
cambiarle.
FILIPPO – Vogghiu brindari macari ju e ‘u fazzu ppi mia e ppi Mia, cioè, non ppi mia sulu, ma ppi
mia ca sungu ju e ppi Mia ca è me’ soru: viva i proverbi antichi!
ANTONIO – Non so che significa, ma brindo con te e Mia! (Bevono)
SCENA SESTA
Peppino Battaglia e detti.
PEPPINO – (Arriva ansante ed eccitato per la notizia che porta. Reca una bottiglia di spumante)
Vittoria!… Vittoria!… Abbiamo stravinto!
MARIANNA – Veru è? Acchianau Sferracavalli?
PEPPINO – Acchianau, acchianau!… Non sulu, ma ha avutu cchiù voti di Pappalia! E’ stato il
terzo degli eletti nel nostro Partito.
CAMILLO – Una vittoria schiacciante!
FICHERA – Mi congratulo. (Antonio, alla notizia resta ammutolito come se la vittoria di
Sferracavalli segni la sua definitiva sconfitta)

PEPPINO – Sferracavalli mannau ‘sta buttigghia di spumanti per brindare alla vittoria.
FILIPPO – Quantu ni ebbi voti cchiù assai di Pappalia?
PEPPINO – Cchiù di duimila. E ‘u sapiti che cosa ha influito in tutto questo? Il gran numero di
voti che ha avuto ‘nto nostru paisi. Su 5.700 voti di lista, ha avuto 5.456 voti di preferenza.
FICHERA – Quasi la totalità.
PEPPINO – E ‘u sapiti pirchì?
CAMILLO – Pirchì?
PEPPINO – Pirchì ‘a campagna elettorali fu chiusa d’a signura Marianna.
MARIANNA – (Schernendosi) Mi vo’ pigghiari in giru?
PEPPINO – ‘U diciunu tutti. Vossia fici ‘n discursu ca tuccau ‘u cori a tutti i fimmini.
MIA – Tutti ristaru impressionati.
FICHERA – E’ vero, l’ho sentito dire anch’io. Io, purtroppo, non ho potuto ascoltarlo il comizio,
ma mi è stato riferito che la signora Marianna è stata molto brillante.
MARIANNA – Ma si mi scurdai tuttu ‘u discursu ca Teresa aveva priparatu!
PEPPINO – Fu megghiu pirchì a’ genti ci parrau cc’u cori in mano! ‘U sapiti chi mi dissi
l’avvucatu Sferracavalli? Dici che alle prossime elezioni amministrative fa prisintari macari a’
signura Marianna.
FILIPPO – Viva me’ matri, sindachessa d’u paisi!
MARIANNA – Ti pari ca non mi bastassi l’armu a fari ‘u sinnucu? Abbissassi tanti cosi ‘nto paisi
ca non ha saputu abbissari nuddu.
CAMILLO – Ni sugnu convintu. ‘U paisi s’abbissassi, ma ‘a nostra famigghia si strammassi!
MARIANNA – E pirchì?
CAMILLO – Pirchì ci fussi la dittatura completa.
PEPPINO – Signuri mei, ‘a vulemu stappari ‘sta buttigghia di spumanti ca mi desi l’avvucatu per
brindare alla vittoria?
CAMILLO – Aspittamu a Teresa.
MARIANNA – A propositu, unni ‘a lassasti?
PEPPINO – ‘Nta l’avvucatu ristau ca ci aveva a parrari.
ANTONIO – Noi togliamo il disturbo…

CAMILLO – Quali disturbu… Ni fa tantu piaciri si ristati, accussì brindati ccu nuatri.
ANTONIO – La mamma è sola in casa…
CAMILLO – E chi ci fa? E’ di jornu, e poi non è ca v’aviti a curcari ccà… Chi dici lei, dutturi?
FICHERA – Io resterei volentieri, tanto più che mi farebbe piacere di salutare Teresa.
MARIANNA – E, allura, ristati.
PEPPINO – Teresa non tarderà assai pirchì già tutti l’amici dell’avvucatu si nni stavunu jennu.
CAMILLO – (Sentendo il rumore della chiave nella serratura) Ccà è, ccà è, arrivau.
SCENA SETTIMA
Teresa e detti.
TERESA – (Arriva piangendo. Appena scorge Antonio, gli va incontro e lo abbraccia in silenzio,
poi si scioglie dall’abbraccio e corre ad abbracciare la madre, scoppiando in singhiozzi. Antonio è
rimasto allibito non aspettandosi l’abbraccio di Teresa)
MARIANNA – Chi fu, Teresa? Pirchì stai chiancennu?
CAMILLO – Parra, figghia, non nni lassari ‘nte spini!
TERESA – (Calmandosi) Antonio, avevi ragione, ed anche tu, papà. Sono stata una sciocca!
PEPPINO – Scusate, ma io devo andare.
TERESA – No, Peppino, devi restare. Anche tu mi hai messo sull’avviso. E’ giusto che io faccia
pubblica ammenda di fronte a tutti coloro che erano al corrente del mio peccato di superbia e,
tuttavia, hanno continuato a volermi bene.
MARIANNA – Ma ti voi spiegari megghiu? Chi successi?
TERESA – Non l’hai capito ancora, mamma? Tua figlia è un’ingenua e una sciocca. Quella figlia,
di cui tu eri tanto orgogliosa e fiera, come Lucifero ha voluto porsi sullo stesso piano di chi già si
trovava sopra un piedistallo, calpestando e disprezzando il paradiso che possedeva e senza
accorgersi che quel piedistallo era, invece, d’argilla.
MARIANNA – Figghia, lassa perdiri i mitafori e spieghiti chiara ca ni sacciu quantu prima.
TERESA – E’ giusto che lo faccia… che tutti sappiano!
ANTONIO – Non abbiamo alcun diritto di sapere le tue cose, che appartengono a te e a te soltanto!
TERESA – Tu sei troppo buono, ma anche per questo ho il dovere di parlare. Vi ho fatto soffrire
tanto; soprattutto a te, Antonio. E’ giusto che ora sia io a soffrire. Nella mia ingenua stupidità ho
creduto di far suscitare in Sferracavalli sentimenti d’amore nei miei confronti; in lui vedevo la
risoluziome della mia carriera, nonché un futuro brillante. Io ho avuto poco dalla vita; avere, perciò,
davanti agli occhi la visione di un avvenire pieno di successi accanto ad un uomo vincente, mi ha

resa cieca e pazza. Oggi, dopo che abbiamo brindato alla vittoria e quando tutti se n’erano già
andati, gli ho chiesto di rendere pubblica la nostra posizione; e, allora, ho ricevuto la più cocente
umiliazione della mia vita, perché ha riso di me! Non sono la persona adatta ad agevolarlo nella
carriera, a farlo diventare ministro. Chi sono, mai, io? Nessuno! Così mi ha dato il benservito.
CAMILLO – E pirchissu chianci? Ha essiri cuntenta, inveci!
MARIANNA – Figghia, ti libirasti di ‘na cappa di negghia fitta c’avevi supra ‘a testa; e ora turnau
a splenniri ‘u suli!
TERESA – Ma non capite che per me non ci può essere mai più sereno dopo questa sconfitta?

FICHERA – Non è vero. Ricordati che le sconfitte servono a ritemprare le forze e ad acquisire
esperienza. Piuttosto, fai ora una buona azione: convinci quella testa calda di Antonio a non partire.
TERESA – Partire?! E dove vuole andare?
FICHERA – In Africa, a prestare la sua opera in un lebbrosario.
TERESA – (Ad Antonio) Te ne vuoi andare per causa mia?
ANTONIO – C’è tanto bisogno di medici…
CAMILLO – Ora ca aveva truvatu ‘u postu…
TERESA – Non andare, Antonio, ti prego. Fallo per tua madre!
ANTONIO – Non ho più motivo di restare.
TERESA – Hai ragione, ma se ciò può far bene al tuo orgoglio, sappii che con Sferracavalli non c’è
stato mai niente, solo parole.
MARIANNA – E, allura, pirchì faciti i sostenuti?
FICHERA – Se vi amate ancora, abbracciatevi e dimenticate il passato.
MIA – Antonio, Teresa ti ha detto la verità. Non ci può essere stato niente perché Sferracavalli ha
avuto annullato il precedente matrimonio per impotenza.
MARIANNA – (Rimproverandola) Mia, chi su’ ‘sti discursi?
MIA – Mamma, è ‘a virità. Era chista ‘a notizia segreta che tenevo in serbo.
FICHERA – Su, Antonio, neanche il tuo orgoglio di maschio è stato scalfito.
TERESA – (Avvicinandoglisi) Antonio, mi puoi perdonare?
ANTONIO – (Come a rispondere a Teresa, apre le braccia e la ragazza gli si rifuggia dentro)
CAMILLO – Pippinu, ora ‘a poi stuppari ‘sta buttigghia, ma ppi brindari ad Antonio e Teresa, a la
facci di Sferracavalli!

PEPPINO – Sugnu prontu, signor Cannata! (Apre la bottiglia, facendo fare il tradizionale botto,
mentre Marianna e Mia portano le coppe che vengono riempite e distribuite)
CAMILLO – (Brindando) Alla felicità di Antonio e Teresa, che si ricordino che la politica è ‘a
luna ‘nto puzzu!
S I P A R I O
Catania, 11 marzo 1985.
Giambattista Spampinato
Via Orto Limoni, 60 – 95125 – CATANIA
Tel. 095.436657 – Cell. 338.6374574

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 29 volte nell' arco di un'anno