A me gli occhi

Stampa questo copione

“ A ME GLI OCCHI “

vaudeville di

GEORGES FEYDEAU

traduzione di Marco Parodi


personaggi:

                BORIQUET

                GIUSTINO

                ELIGIO

              VALENCOURT

                FRANCINE

                EMILIANA


Casa Boriquet. Saletta in un appartamento da scapolo. Arredamento elegante. Un tavolino quadrato a sinistra, che può servire da tavola da pranzo. Una piccola “console” dove già si trovano piatti, quattro coltelli, quattro forchette, tovaglia, tovaglioli, quattro bicchieri, del pane, una bottiglia di vino. A destra uno scrittoio con libri, opuscoli, calamaio, ecc. Lo scrittoio deve essere piano e solido, onde permettere a Boriquet di saltarvi sopra.

 Scena 1.

Eligio, Giustino

Giustino entra dal fondo, seguito da  Eligio che porta un baule.

GIUSTINO

Vieni, vieni,  schiavo! Porta qui il tuo involtino.

ELIGIO

Pesa come un accidenti, pesa! (Scarica il baule in mezzo alla scena) Oh! Posso  tirare il fiato, come si suol dire!

GIUSTINO

Ah, io certo non mi divertirei a far scorazzare simili pesi.

ELIGIO

Perché, pensi che io mi diverta? E’ il padrone che m’appioppa ‘sta roba, cosa credi.

GIUSTINO

A me potrebbe appiopparmi quel che vuole, che avrebbe per risposta un “chissenefrega”! Del resto per le cose pesanti ho la proibizione del medico.

ELIGIO

Ma guarda!

GIUSTINO

Come non mangio aragoste, così non sposto bauli.

ELIGIO

Ma sentilo, non mangio aragoste... Neanch’io mangio aragoste. Ma questo non mi impedisce di trasportare bauli.

GIUSTINO

Perché non fai come me? Io li faccio portare al padrone.

ELIGIO

Ma và...

GIUSTINO

Parola!

ELIGIO

Tu fai portare i bauli al tuo padrone?

GIUSTINO

I suoi e i miei.

ELIGIO

Accidenti! Un padrone fuori del comune, eh?

GIUSTINO

Puoi dirlo.

ELIGIO

Eh sì, un padrone molto comodo.

GIUSTINO

E’ un orso, un porcospino, il mio padrone, altro che! Solo, io ho trovato il sistema... lo tratto con le scienze occulte.

ELIGIO

Le scienze ocché?......

GIUSTINO

....culte!

ELIGIO

Non conosco questa roba.

GIUSTINO

E’ una cosa straordinaria, sai?

Voce dall’interno: “Justin!”

GIUSTINO

Oh, sento che sta arrivando. (A Eligio) Ehi, vuoi che gli facciamo portare di sopra il tuo baule? (Eligio, ridacchiando, fa cenno di sì). Stai a vedere.

Entra Boriquet.

BORIQUET

Justin!...(Inciampa nel baule) Acc!... Ma che cosa c’è? Chi c’è qui?

GIUSTINO

C’è Elois, signore, il domestico del dottor Valencourt, che ha preceduto il suo padrone con i bagagli.

BORIQUET

Ah!

ELIGIO

Buongiorno, signore.

BORIQUET

Buongiorno. E il vostro padrone, e sua figlia, non vengono per il pranzo?

ELIGIO

No, signore... hanno detto, sa, di non aspettarli per il pranxo... che hanno già mangiato al buffet della stazione e vengono dopo, per sistemarsi qui una buona volta.

BORIQUET

Saranno i benvenuti. (A Giustino) Justin! Per il dottore la camera blu, per la figlia la camera verde. Aiuta questo giovane a portare di  sopra il baule.

GIUSTINO

Subito, signore.

BORIQUET

(Andando a sedersi) Bene bene, il mio futuro suocero e sua figlia... il dado è tratto. Ecco arrivato il giorno del fidanzamento ufficiale.

ELIGIO

(Sottovoce, a Giustino) Beh, non lo vedo portare nessun baule, come si suol dire.

GIUSTINO

E aspetta un momento-

Si avvicina a passi felpati a Boriquet, e facendogli ampi gesti alle spalle lo ipnotizza.

GIUSTINO

Sta a vedere.

Giustino continua le sue mosse. Boriquet subisce via  via l’effetto del fluido.

ELIGIO

E che cosa gli fa, a lui, ricevere quelle mosse?

GIUSTINO

Zitto... (A Boriquet) Quante dita?

BORIQUET

(Addormentato) Sette.

GIUSTINO

Ci siamo!

ELIGIO

Dio mio, è malato.

GIUSTINO

No, è sotto l’influenza del sonno ipnotico.

ELIGIO

Ha l’influenza.

GIUSTINO

(A Boriquet) Su, vieni qui tu, pappamolla! (Dirige Boriquet al centro della scena, guidandolo con un dito) Alza una gamba!... l’altra! (Boriquet obbedisce sempre). Baciami la mano! Bene.

ELIGIO

Ma guarda come è ben ammaestrato.

GIUSTINO

Là! E adesso tu sei una bella donna... è vero che sei una bella donna?

BORIQUET

Sì, sì, sono una bella donna!

GIUSTINO

(A Boriquet che esegue in pantomima tutti gli ordini: lo guida tenendogli sempre  un dito davanti agli occhi, che rimangono fissi) Su, fa una passeggiatina, bellezza... là, bene, così... Oh, un ruscello... attenta alla gonna.... (Boriquet fa il gesto di sollevare la gonna e di scavalcare il ruscello. Scavalca, in realtà, il baule. Giustino lo fa girare.)

GIUSTINO

Ma che divertente!

GIUSTINO

Ecco un fiore, lo vuoi un bel fiorellino? (Gli porge il piumino per la polvere, che è andato a prendere sul caminetto).

BORIQUET

Uh! Ha un buon odore... (Annusa il piumino con evidente soddisfazione).

GIUSTINO

Vero?

BORIQUET

Di geranio...

GIUSTINO

Bravo, l’hai detto... (Parla a Eligio davanti a Boriquet) Eh, gli faccio o no prendere lucciole per lanterne?

ELIGIO

Proprio.

GIUSTINO

Su, ridammi il fiore... per favore!... Non vuole ridarmelo... (Gli strappa di mano il piumino e lo rimette sul caminetto. Poi torna da Boriquet con la mano tesa) E ora basta fare la scimmia, fuori venti franchi!

Boriquet , automaticamente, tira fuori dal taschino del gilet venti franchi e li dà a Giustino.

GIUSTINO

Perfetto, bravo. E adesso, per il disturbo, ti prendi questo baule e lo porti nella camera blu. Quando hai fatto, torna qui. Forza, avanti! op! (gli allenta un calcio nel sedere. A Eligio, mentre Boriquet esce portando via il baule) Ecco quello che si dice le “scienze occulte”.

ELIGIO

Divertente, io però lo chiamerei, piuttosto, un calcio nell’occul...to!

Scena 2.

Detti, meno Boriquet.

GIUSTINO

Eh, cosa ne dici?

Va a sedersi sulla sedia che si trova tra il caminetto e lo scrittoio. Eligio si siede sulla sedia dall’altra parte dello scrittoio.

ELIGIO

Sono sbalordito.

GIUSTINO

Ecco cosa intendo per servitù. Far sgobbare il padrone.

ELIGIO

Sì, cioè avere un padrone al nostro servizio. E’ che non capisco come riesci a...

GIUSTINO

Eh! ho l’occhio!... E’ tutto qui, avere l’occhio... io guardo fisso il padrone “acutizzando” le pupille... così, acutizzo ed è fatta.

ELIGIO

Tu acutizzi? E’ difficile acutizzare?

GIUSTINO

No, è questione di volontà. Me ne sono accorto un giorno che guardavo una bella ragazza... mi dicevo: accidenti, che ragazza... quanto mi piacerebbe,

GIUSTINO

eccetera eccetera... Allora mi metto a farle l’occhietto, per farle capire la cosa, no? Non avevo neppure cominciato che lei sgrana le pupille e viene diritta su di me, naso contro naso, occhi negli occhi, e si mette a seguirmi a destra, a sinistra, avanti, indietro, sempre appiccicata alla punta del mio naso... Non sapevo più come liberarmene, qui va a finire che questa mi porta a letto, pensavo. (Si alza)

ELIGIO

(Alzandosi) E non era quello che volevi?

GIUSTINO

Ma non così, naso contro naso... Senza contare che mi faceva diventare strabico. Allora ho avuto un’ispirazione, anche se avevo mangiato cipolla le faccio pfffùuu!... lei fa aaah!...ed ecco come sono venuto a sapere che sono “magnetico”.

GIUSTINO

Accidenti! Ma pensi che anch’io potrei essere “magnetico” col mio padrone come te, una buona volta?


GIUSTINO

E come no, devi solo provare... perché è tutta una questione di volontà. Tu ti metti dietro al tuo uomo, così, fai un pò così con le mani (fa dei gesti; Eligio lo imita), pensi intensamente “dormi! dormi, lo voglio!”, acutizzi le pupille... (Eligio sembra sul punto di cadere addormentato)... acutizzi... ohhu! sveglia... (Eligio si risveglia di soprassalto)... acutizza un pò le pupille!... (Eligio sgrana gli occhi). Bene. Dopo di che, se vedi che il tuo padrone dorme, è fatta, puoi partire... (Si porta in fondo a destra per ascoltare se il padrone ritorna).

ELIGIO

Che bella cosa, però, la scienza! Guarda, voglio provare oggi stesso. E se il padrone una buona volta dorme. ah, allora glielo insegno io il servizio al borghese.

Ritorna Boriquet, sempre addormentato.

GIUSTINO

Eccolo qua, l’ostrogoto!

Scena 3.

Detti, Boriquet.

GIUSTINO

(Piazza il solito dito davanti agli occhi di Boriquet) . Vieni qui, tu! Hai trasportato il baule?

BORIQUET

Sì.

GIUSTINO

Va bene. Puoi sederti. (Lo fa sedere, poi torna verso Eligio) E ora attenzione: lo risvegliamo. (Gli soffia sulla faccia).

BORIQUET

(Risvegliandosi) Accidenti! Da dove arriva quest’aria?

GIUSTINO

Il signore ha chiamato?

BORIQUET

No! Ah, eccovi qua, voi due! Avete portato di sopra il baule?

GIUSTINO

Sì, sì, signore, ho le braccia rotte...

ELIGIO

(trattenendo a fatica il riso) Anch’io.

BORIQUET

Ma ci avete messo pochissimo, non ho avuto neppure il tempo di muovermi...

GIUSTINO

E’ che quando noi ci mettiamo, sa...

BORIQUET

(a parte) Niente da dire, questo ragazzo avrà dei difetti, ma quanto al servizio è di una rapidità....

ELIGIO

Io vado di là, signore... (scappa, non riuscendo più a trattenersi).


BORIQUET

Sì, andate. (A Giustino, che fa per seguire Eligio) No, voi restate.

Scena 4.

Boriquet, Giustino.

GIUSTINO

Il signore ha degli ordini?

BORIQUET

(Alzandosi) Sì, ho mia sorella, la signorina Francine, che viene a colazione da me.

GIUSTINO

(tra i denti) Ah, la zitella.

BORIQUET

(che è andato a prendere un sigaro) Come dite?

GIUSTINO

Niente, signore.

BORIQUET

Mi sembrava che aveste detto “quella bella”.

GIUSTINO

Non mi permetterei mai.

BORIQUET

Lo spero bene. (Accende il sigaro e si siede)

GIUSTINO

(a parte) Sopratutto parlando di lei.

BORIQUET

Quindi preparate tavola per due. (Giustino fa per andare) Ma prima pulite a fondo questa stanza. Ieri è stata fatta molto alla carlona, sono rimasto molto insoddisfatto del vostro lavoro.

GIUSTINO

Sono contento che il signore me lo dica, la cosa non si ripeterà.

BORIQUET

Voglio crederlo.

GIUSTINO

Il signore ha da comandarmi altro?

BORIQUET

E’ tutto... Ah, sì, a mezzogiorno in punto scendete in portineria a prendere la posta, e a mezzogiorno e mezzo andrete in cantina e porterete su un carico di legna.

GIUSTINO

Bene, signore. E’ tutto?

BORIQUET

(seduto in poltrona, mentre fuma il suo sigaro) Tutto.

GIUSTINO

(a parte, mettendosi alle spalle di Boriquet) E ora, a noi due.

Fa dei gesti magnetici alle spalle di Boriquet, il quale via via ne subisce l’influsso. Quando Giustino lo vede addormentato, lo tira a sé piazzandogli un dito davanti agli occhi

GIUSTINO

Agli ordini, tu!

BORIQUET

Cosa?

GIUSTINO

Prima di tutto non si dice “cosa”, si dice “cosa, signore”. Puoi darmi anche un pò del signore, qualche volta.

BORIQUET

(sillabando, a fatica) Si-gno-re!

GIUSTINO

Alla faccia! (Portandogli una scopa) Su, prendi questa scopa e fà la stanza a fondo. E cerca di muoverti, sai! Oh! Sembra che sei rimasto piuttosto insoddisfatto del lavoro di ieri, che hai trovato che qui non era pulito come si deve. Bene, bisogna che questo non si ripeta. Non ho nessuna voglia di prendermi delle girate da te quando ti svegli. Chiaro?

BORIQUET

Bene, signore.

GIUSTINO

Avanti! E poi preparara tavola per due, perché hai tua sorella a colazione.

BORIQUET

Mia sorella?

GIUSTINO

Sì, tua sorella, quella carampana di tua sorella che non ha mai trovato un pedalino di marito. Non so che bisogno c’era di invitare quel cesso di donna! Avremmo potuto pranzare noi due, tête à tête... Avanti, lavora. (Vedendo che Boriquet porta il sigaro alla bocca) E non si fuma quando si scopa! Su, dammi il sigaro. Non aver paura, te lo tengo io. Forza, ragazzo, all’opera!

Giustino, dopo aver tolto il sigaro di bocca a Boriquet, si accomoda a suo bell’agio a fumare sulla sedia, mentre Boriquet comincia a scopare.

GIUSTINO

Bravo, Boriquet, il sigaro è eccellente!

Vedendo che Boriquet si muove con molta fiacca:

GIUSTINO

 Ehi, tu, dove hai imparato a scopare, eh? Mica stai dipingendo? Andiamo, un pò di vigore, che diamine! più forza... Ancora! Su, ancora di più!... Di più! (Al pubblico) E’ che bisogna scuoterlo, non si applica. Però, che comodità! Io me ne sto con le mani in mano, e lui si fa venire le vesciche! Lui fa il mio lavoro, e io mi fumo i suoi sigari. (A Boriquet, che gli sta scopando la polvere in faccia) E un pò d’attenzione! Va bene, va bene, basta, hai scopato abbastanza! (Gli porta via la scopa) Ora credo che vada bene. Se poi non sei contento, lo rifai. Su, che ora ti sveglio. Ah, importantissimo: a mezzogiorno devi andare dal portiere a prendere la posta; la metti su quel tavolino e, educatamente, sai come faccio io, no? (Gli fa vedere) “La posta del signore”. Ripeti.

BORIQUET

“La posta del signore”.


GIUSTINO

Bravo. Dopo di che, ti risveglierai. A mezzogiorno e mezzo, invece, scendi in cantina e porti su un bel cesto di legna! Capito bene? Bravo, siediti là che adesso ti risveglio (lo fa sedere). Ah, aspetta! (Tira ancora una o due boccate dal sigaro, dopo di che lo rimette in bocca a Boriquet, che viene così a trovarsi nella stessa posizione di quando si era addormentato). Così, e adesso... (gli soffia in faccia per risvegliarlo) Ecco fatto, il signore è servito.

BORIQUET

Di già, ma dove diavolo trovate il tempo?

GIUSTINO

Oh, signore, posso dire che non mi accorgo di lavorare.

BORIQUET

Straordinario! Oh, ma che caldo... E’ curioso, non mi sono mosso di qui, e sono tutto sudato, come se avessi fatto mezz’ora di moto.

GIUSTINO

E’ la primavera, signore, è la primavera.

BORIQUET

Ma non siamo ancora in primavera.

GIUSTINO

Ma sta arrivando, signore, sta arrivando. (Suonano).

BORIQUET

Hanno suonato. Andate ad aprire.

GIUSTINO

Sì, signore. (Esce)

BORIQUET

Davvero, ci sono fenomeni che non mi spiego. Sta accadendo in me qualcosa di anormale...

Scena 5.

Boriquet, Giustino poi Francine.

GIUSTINO

(Entrando) E’ la signorina Boriquet.

BORIQUET

Mia sorella. Fate passare.

FRANCINE

(Entrando come un granatiere) Buongiorno Gerard, come va? Fà vedere la faccia. Oh, ma come sei pallidino! (Si toglie il cappello che depone sul camino).

BORIQUET

Pallidino!... Devo essere tutto rosso, invece, lo dicevo poco fa a Giustino. Non faccio il minimo movimento, mi siedo, fumo un sigaro...e sudo, sudo subito come se avessi fatto un chilometro di corsa.

Intanto Giustino ha incominciato ad apparecchiare.

FRANCINE

Potrebbe essere il sigaro che non ti fa bene.

BORIQUET

Non so... è un fenomeno che mi capita specialmente a quest’ora, vero Giustino?

GIUSTINO

(Continuando ad apparecchiare) Sì, direi proprio, signore.

BORIQUET

Vero?... è sempre pressappoco nelle ore in cui voi fate l’appartamento.

GIUSTINO

Casualmente, signore, sì.

FRANCINE

Curioso. Che dipenda dal fegato?

BORIQUET

Bisogna che ne parli al dottore... Bene, Giustino, potete andare. Ci servirete quando sarà pronto. (Giustino esce).

FRANCINE

Il dottor Valencourt e sua figlia non pranzano con noi?

BORIQUET

(accomodandosi sul divano) No, sai, hanno passato la notte in treno; il tempo di mettersi in ordine, di sistemarsi. Ci avrebbero fatto ritardare il pranzo. Hanno preferito mangiare un boccone al Buffet della Stazione. Saranno qui tra poco.

FRANCINE

(Commossa, tendendogli le mani) Ah, mio povero Gerard!

BORIQUET

Ma cosa c’è?

FRANCINE

Quando penso che presto sarai un uomo sposato, avrai una famiglia, dei bambini...

BORIQUET

Beh, mi sembra una cosa più che naturale.

FRANCINE

Sì, ma che cosa diverrò io per te?

 BORIQUET

Non temere; sarai sempre la mia sorellina.

FRANCINE

(molto commossa) Tu dici?

BORIQUET

Te lo prometto.

FRANCINE

Nonostante ciò, io sono felicissima per te. Fai un ottimo matrimonio. La signorina Valencourt è carina, un eccellente partito. Suo padre è un medico tra i più stimati.

BORIQUET

Valencourt, una delle glorie della Scuola di Nancy; sostenitore del “magnetismo applicato alla medicina”, la guarigione per ipnosi! Un uomo di scienza molto affermato.

FRANCINE

Sì, e pare proprio che sia una cosa seria. Io non so, mi domando come si possano addormentare le persone solo fissandole.

BORIQUET

Mia cara, dipende dai caratteri, si capisce; ci vogliono dei temperamenti fragili, nervosi. Io, per esempio, non mi addormenterei mai.

FRANCINE

Lo credo bene. Comunque chiederò al dottore di farmi assistere a qualche esperimento.

BORIQUET

Sì, ma dopo il matrimonio.

FRANCINE

Certo, mio povero caro! Ma tutto sta andando così speditamente. Il dottore non viene a Parigi per il fidanzamento ufficiale?

BORIQUET

Eh, se non ci si sposa alla mia età, dopo è troppo tardi. Il matrimonio, vedi, Francine...

A questo punto la pendola suona mezzogiorno. Il viso di Boriquet cambia espressione, lo sguardo gli diventa fisso come quello di una persona ipnotizzata.

FRANCINE

Tò, mezzogiorno. Dicevi?... (Scoprendo l’espressione di Boriquet) Oh, Dio mio, cos’hai? (Boriquet  non risponde) Gerard !... Gerard !...

Al secondo colpo di pendola, Boriquet si alza come spinto da una molla, ed esce precipitosamente per il fondo.

Scena 6.

Francine, poi Giustino, poi Boriquet.

FRANCINE

Ma dove va? (Chiamandolo) Gerard!... Non risponde!... Ma che gli prende, mio Dio, che gli prende?...

GIUSTINO

(Entrando da destra con un pollo su un piatto e una insalatiera con insalata) Vediamo di servire... Il signore non c’è?... (Posa piatto e insalatiera sulla console a sinistra).

FRANCINE

Ah! Giustino! Che ha mio fratello? Appena è suonato mezzogiorno, se ne è andato come un pazzo...

GIUSTINO

(A parte) E’ sceso dal portiere per la posta.

FRANCINE

Ma dov’è andato?

GIUSTINO

La signorina non  si impressioni. Il signore, ha come dire?, di tanto in tanto di queste stravaganze, esce e ritorna... Ma è inoffensivo... la cosa più saggia credo sia non parlargliene.

FRANCINE

Oh, ma io sono molto agitata! Povero Gerard, non è naturale! Figuratevi, stavamo parlando, di colpo si ferma... io lo guardo come sto guardando voi... (guarda Giustino che la fissa: evidentemente impressionata, ripete meccanicamente) Non guardatemi così! mi fa girare la testa.

GIUSTINO

(A parte) Tò, tò, tò!....

FRANCINE

(a parte) Che strana impressione mi fanno i suoi occhi.

GIUSTINO

(a parte) Lo stesso temperamento, fratello e sorella, guarda guarda...

FRANCINE

(a Giustino che le fa dei gesti alle spalle per sincerarsi del suo temperamento) Io allora lo guardo come... come... no non vi guardo più!... e tutt’a un tratto mi accorgo che... che... che... (resta immobile, addormentata).

GIUSTINO

(trionfante) Anche lei! Ma bene, benissimo! Così ho tutta la famiglia in pugno. (Le soffia sulla faccia per risvegliarla e ritorna al tavolo, facendo finta di apparecchiare).

FRANCINE

(ridestandosi) Dove sono? Ah! Dio mio, cos’ho avuto?

GIUSTINO

(sempre apparecchiando) Assolutamente nulla, signorina.

FRANCINE

E’ curioso, è come se mi fosse successo qualcosa dentro. Che cosa vi stavo dicendo?

GIUSTINO

Mi parlava dell’emozione che aveva avuto vedendo il signor Boriquet andarsene, ma le ripeto, signorina, non c’è da preoccuparsi, non è niente... Del resto, ecco il signore che sta tornando.

FRANCINE

Lui! Oh, guardate che lineamenti contratti! Gerard!

BORIQUET

(venendo avanti con passo da sonnambulo fino allo scrittoio di destra. Ha un pacchetto di lettere e dei giornali su una guantiera: depone tutto sullo scrittoio) La posta del signore.

FRANCINE

Eh?!

Boriquet sembra ricevere una scossa interna e, non essendo più sotto suggestione, il suo viso, da fisso e immobile che era, ridiventa disteso e sorridente.

FRANCINE

Che cosa hai detto?

BORIQUET

(Riprendendo da dove era rimasto prima di addormentarsi) Dicevo: il matrimonio, vedi, Francine...

FRANCINE

Ma no! hai detto: “la posta del signore”.

BORIQUET

Io? Sei pazza.

GIUSTINO

(sottovoce a Francine) Non lo contraddica, signorina.

BORIQUET

Scusate, Giustino, io ho detto: “la posta del signore”?

GIUSTINO

Non ho sentito, signore.

BORIQUET

Perbacco! Perché avrei dovuto dire... No! Stavo dicendo: il matrimonio, vedi, Francine... e tu hai capito: “la posta del signore”.

FRANCINE

Tu credi?

BORIQUET

Ma certo! (A parte) Sta diventando un pò sorda, mia sorella.

FRANCINE

(a parte) Povero ragazzo!...

BORIQUET

Justin, potete servire. Francine, a tavola.

FRANCINE

Sì, caro. (A parte) Mio fratello mi preoccupa!

Siedono a tavola. Giustino serve il pollo e l’insalata.

BORIQUET

Prego, Francine. Serviti.

GIUSTINO

(Fra sé) E io, adesso, dovrei stare qui a guardarli mangiare? Eh, no!

Va a prendere la bottiglia di vino che si trova sulla console a sinistra e versa da bere a Francine.

BORIQUET

 Justin, qui a servire, dove andate?

GIUSTINO

(che si era allontanato un pò) Vengo, signore.

Va a piazzarsi dietro la tavola, tra Boriquet e Francine, faccia al pubblico. Mentre l’uno e l’altra si servono, fa loro dei gesti “magnetici”.

BORIQUET

Tò, prendi questo pezzetto di... di... di... (si addormenta).

FRANCINE

Cosa dici? Vedi, non sai più cosa... co...co...(si addormenta).

GIUSTINO

(imitandola) Tu non sai più cosa...co...co... (trionfante) Eccoli qua, ho la coppia!

Scena 7.

Detti, Eligio.

ELIGIO

(Entrando da destra) Ma che stai facendo ancora?

GIUSTINO

Non vedi? Mi aumento il personale.

ELIGIO

Formidabile!

GIUSTINO

(ai due addormentati) Avanti, forza, voi due! In piedi! (Boriquet e Francine si drizzano come spinti da una molla. A Eligio) Arrivi al punto giusto, sto facendo servire. Vuoi pranzare con me?

ELIGIO

Con piacere. (Si siede al posto di Francine).

GIUSTINO

(Sedendosi al posto di Boriquet) Su, mettete due coperti.

Boriquet e Francine si affrettano a cambiare i coperti.

ELIGIO

Però, sono dei buoni domestici!

GIUSTINO

(dispiegando il tovagliolo) Cosa vuoi, non sono del mestiere. Su, passate il pollo! (Boriquet e Francine si precipitano sul piatto del pollo, ciascuno volendo servire) Calma, calma, troppo zelo, non litigate! (A Boriquet) Su, tu servi il pollo, la mammina passerà l’insalata. (Fanno come Giustino comanda).

ELIGIO

Meno male, ho proprio una bella fame...(A Giustino, che lo osserva mentre si serve) Perché mi sbirci in quel modo?

GIUSTINO

Niente... guardavo se per caso prendevi il mio pezzo.

ELIGIO

Ho preso la coscia, una buona volta.

GIUSTINO

Bene... e io prenderò il boccone del prete. (A Francine) Insalata! (Francine gli porge l’insalata)

ELIGIO

(mentre Giustino si serve) Bisogna che ci sbrighiamo, sai, perché il dottor Valencourt fra poco arriverà con sua figlia.

GIUSTINO

(mentre Eligio si serve) Cosa vengono a fare, poi, a Parigi? Come mai hanno chiesto ospitalità qui al borghese?

ELIGIO

Credo che sia per un matrimonio, vuole sposare la figlia, il dottore.

GIUSTINO

Con chi?

ELIGIO

Ah, non saprei.

GIUSTINO

Non col mio padrone, spero. Ci mancherebbe altro!

ELIGIO

(a Francine, che non ha smesso di servire, come del resto il fratello, versando da bere, ecc...) Prenderei un pò d’insalata... Ehi, signorina... ehi! (Francine non si muove) Ehi, tu! (A Giustino) Non mi dà ascolto la tua serva!

GIUSTINO

Francine, non senti? Il signore ti chiede l’insalata. (Francine si precipita con l’insalata verso Eligio).

GIUSTINO

Una meraviglia!... Ah, devo provare anch’io col mio padrone! (Suonano).

GIUSTINO

(spaventato, posando il tovagliolo) Hanno suonato!

ELIGIO

E’ di sicuro il dottore con la figlia.

GIUSTINO

Oh Dio, devo svegliarli!... Tu va ad aprire.

ELIGIO

Sì. (Esce rapidamente per il fondo).

GIUSTINO

Ehei! Voi due! Qui! (Li fa sedere tutti e due ai posti che occupavano) Bene. (Annodando il suo tovagliolo al collo di Boriquet) Su! Mangiate! (Tutti e due mangiano) E ora, svegliamoli! (Versa del vino a Boriquet e a Francine per darsi un contegno, poi gli soffia in fronte e i due si risvegliano) Là! (Quindi si dispone diritto e corretto come un maggiordomo inglese).

BORIQUET

(mangiando) Buono questo pollo.

FRANCINE

Ottimo.

ELIGIO

(entrando rapidamente) Signore... ci sono il dottor Valencourt e la signorina.

BORIQUET

(alzandosi di scatto) Loro! (A Francine) Presto, Francine, c’è la mia fidanzata con suo padre.

GIUSTINO

Ehhh!!!?

FRANCINE

La sua fidanzata! (Esce di corsa dietro al fratello).

Scena 8.

Giustino, Eligio.

GIUSTINO

Che cosa ha detto?

ELIGIO

Ha detto: “la mia fidanzata”.

GIUSTINO

Eh sì, ha detto “la mia fidanzata”... No, no, questo è troppo! Se crede che io gli permetterò di sposarsi!...(Parlando rimette a posto i coperti sulla console) Ha fatto il misterioso, non me l’ha detto... adesso vede. Una donna qui! per disturbare il nostro ménage! per mettermi i bastoni tra le ruote. E poi, chi le fa le camere!!?

ELIGIO

Sta zitto, eccoli!

Scena 9.

Detti, Boriquet, Francine, Valencourt, Emiliana.

BORIQUET

Si accomodi, caro dottore, avevo molto desiderio di averla mio ospite.

VALENCOURT

Lei è troppo gentile. Spero non ci abbia aspettati per il pranzo.

BORIQUET

No, il suo domestico ci aveva avvertiti.

FRANCINE

E’ stanca del viaggio, mia cara?

EMILIANA

Oh no, io dormo benissimo in treno. E’ il papà, poveretto, che non ha chiuso occhio.

BORIQUET

Davvero?

VALENCOURT

Eh, mi sono sorbito una piacevole notte in bianco, caro lei.

BORIQUET

Se vuole riposarsi, le camere sono pronte.

VALENCOURT

No, grazie, la siesta mi appesantisce poi per tutto il giorno.

FRANCINE

E lei, mia cara Emiliènne?

EMILIANA

Io, signorina, vorrei solo levarmi il mantello e rinfrescarmi un pò... Si prende tanta di quella polvere sui treni!

BORIQUET

Justin, volete accompagnare la signorina in camera sua?

VALENCOURT

E voi, Elois, andate a disfare i bagagli.

ELIGIO

Subito, signore.

GIUSTINO

Se la signorina vuole seguirmi...(Fra sè) Justin, incomincia la lotta! (Escono)


Scena 10.

Boriquet, Francine, Valencourt.

BORIQUET

(Ritornando a Valencourt che, durante la fine della scena, ha sonnecchiato in piedi) Ebbene, mio caro dottore!

VALENCOURT

(sussultando) Eh? Cosa succede ?

BORIQUET

Oh, l’ho svegliata !

VALENCOURT

No, no... mi si sono abbassate un momento le palpebre, non è niente. Eccomi a lei!

BORIQUET

Mio caro dottore, poiché ci troviamo qui riuniti, vogliamo parlare del progetto che mi sta a cuore?

VALENCOURT

Volentieri. Del resto non è un discorso lungo. Io non le nascondo che come genero lei mi conviene. Restavano da conoscere le intenzioni di mia figlia, io l’ho fatta parte della sua domanda, e lei ha subito aderito!

BORIQUET

Adorabile!

VALENCOURT

Mi ha detto: “Come vuoi, papà, ma facciamo presto perché ho scommesso con mia cugina che mi sposerò prima della fine dell’anno...”. Allora, la cosa le fa guadagnare la scommessa.

BORIQUET

Che sentimenti gentili!

VALENCOURT

E ora, io in affari sono franco... Lei ha?...

BORIQUET

Trentott’anni.

VALENCOURT

Dicevo di patrimonio.

BORIQUET

Ah! Dodicimila franchi di rendita in titoli di Stato, Ferrovie, Suez, qualche Panama...

VALENCOURT

(con una smorfia) Ah, ah, ah... le Panama!

BORIQUET

Sì, lo so.

VALENCOURT

Vanno a rotoli le Panama.

BORIQUET

E poi ho il mio guadagno, che varia da quindici a ventimila all’anno.

VALENCOURT

E... eredità in vista?

BORIQUET

Mia sorella qui presente.

FRANCINE

(che è seduta dall’altra parte dello scrittoio) Mi realizzi subito?

BORIQUET

No, ti porto in conto.

VALENCOURT

Bene, e io do a mia figlia trecentomila franchi, in titoli di Stato, Fondiarie, qualche azione delle miniere d’oro di Saint-Germain-en-Laye...

BORIQUET

Ah, ah, ah... le miniere d’oro di Saint-Germain-en-Laye sono una montatura, sa, non valgono niente.

VALENCOURT

Infatti mi hanno consigliato di disfarmene al più presto, perciò le costituisco in dote.

BORIQUET

E’ che...

VALENCOURT

Oh, ma sono pochissime !

BORIQUET

(Alzandosi) E poi, io non faccio questioni di denaro.

VALENCOURT

E allora, caro genero, qui, tra le mie braccia. (Si alza e tende le braccia).

FRANCINE

(molto commossa, precipitandosi al posto del fratello) Oh, signore!

VALENCOURT

No, dicevo a suo fratello.

FRANCINE

Lo so... vai, Gerard!

BORIQUET

Mio caro suocero!

VALENCOURT

E ora, quanto alla sua fidanzata, benché io sia certo del suo consenso, sarà bene che si dichiari lei stesso, personalmente... Faremo in modo di creare subito un incontro intimo.

BORIQUET

Caro dottore, lei mi rende il più felice degli uomini. Lasci, perciò, che le esprima un sentimento che mi viene dal cuore... (la pendola suona mezzogiorno e mezzo. La faccia di Boriquet si trasforma, diventa fissa. Si volta e dice) ... vado a prendere la legna.

FRANCINE e VALENCOURT

Eeeh?!!

Boriquet esce rapidamente con andatura da automa.

FRANCINE

Oh, Dio mio, gli riprende!

VALENCOURT

Che cos’ha?

FRANCINE

(andando verso il fondo e chiamando) Gerard!...Gerard!... se ne va... è già per le scale...

VALENCOURT

Gli prendono sovente simili... fantasie?

FRANCINE

(molto agitata) Oh, non lo so!... non so... Justin!... Justin!...

Scena 11.

Detti, Giustino.

GIUSTINO

(Arrivando dalla porta di destra) La signorina desidera?

FRANCINE

Ah, Justin, che cosa significa, il signore all’improvviso se ne è andato un’altra volta!

GIUSTINO

(con finta sorpresa) Il signore?

VALENCOURT

Sì, ha detto: “Vado a prendere la legna”.

GIUSTINO

Che ore sono?

FRANCINE

Ma come, che ore sono?

GIUSTINO

(A parte) Mezzogiorno e mezzo. Sì, è sceso in cantina. (A voce alta) La signorina non si impressioni...a certe ore fisse, al signore prendono di questi capricci. Scende per la posta, porta su la legna... Ma è inoffensivo, ed è meglio non parlargliene dopo, gli secca.

FRANCINE

Tutto questo non è naturale, dottore.

VALENCOURT

Cosa vuole, sono fenomeni che talvolta si manifestano in nature “ordinate”.

GIUSTINO

E poi penso lo faccia per ragioni igieniche. Il medico gli ha raccomandato il moto: il signore è un pò anemico.

VALENCOURT

Ah, beh, allora è chiaro. (Vedendo Boriquet che ritorna) Eccolo.

Boriquet, sempre addormentato, entra portando una cesta di legna sulle spalle.

FRANCINE e VALENCOURT

Oooh!!

FRANCINE

(precipitandoglisi incontro) Gerard!...Fratello mio!

Senza dir motto, Boriquet respinge la sorella e proseguendo il suo cammino con incedere da sonnambulo esce per la porta di destra.

FRANCINE

(seguendolo) Ah, Dio mio, Gerard! (A Giustino, sempre seguendo il fratello) Venite, Justin!

GIUSTINO

Vengo, vengo. (Escono entrambi).

Scena 12.

Valencourt, poi Eligio.

VALENCOURT

(ridendo) Ah,ah, ah ! Divertente! Col cesto della legna! Bé, mi piace... indubbiamente non è un uomo comune. (Cambiando tono) Oh, come sono stanco, mi sento cascare le palpebre. Meglio chiuderle del tutto.

Rimanendo in piedi, semplicemente appoggiato al divano di sinistra, chiude gli occhi e sonnecchia.

ELIGIO

(entrando) Ecco qua, ho disfatto il baule...(Vedendo Valencourt che sonnecchia girato di spalle) Oh, il padrone è solo!... Se provassi una buona volta il sistema di Justin!.. (Va a passi felpati dietro a Valencourt, gli fa dei gesti roteando gli occhi e mormorando qualcosa a voce bassa, come gli ha insegnato Giustino. Valencourt, nello stesso momento, lascia cadere la testa in avanti, addormentato). Eh?... Dorme!... Ho addormentato il padrone... Ah, alla buon’ora! (Si avvicina a Valencourt e gli assesta un calcio nel didietro, poi gli tende la mano) E ora, fuori venti franchi!

VALENCOURT

(ridestandosi di soprassalto) Ma, oh! Sei tu, disgraziato!

ELIGIO

(terrorizzato) Non dormiva! Non dormiva!

VALENCOURT

Ma cosa fai, scimunito? Che cosa fai!? (Lo riempie di pugni).

ELIGIO

Ohi! Ohi! Ohi! Ohi! (Gira intorno al divano, inseguito dal padrone).

VALENCOURT

Tu ti permetti!... Mascalzone! Tò! Tò e tò! (Chiude in bellezza con un calcio nel sedere) Tieni, e fila via!

ELIGIO

(cercando scampo nella fuga) Ohiohiohiohi!

VALENCOURT

S’è mai vista una cosa simile!... prendermi a pedate!... Mascalzone! (Ricomponendosi di colpo, alla vista di Boriquet che torna, senza cesto ma sempre addormentato). Mio genero; calma.

Scena 13.

Valencourt, Boriquet, Giustino, Francine,

FRANCINE

(rientra, lamentandosi, dietro al fratello) Oh mio Dio, mio Dio!

Boriquet è ritornato esattamente allo stesso posto in cui si trovava prima di addormentarsi. Di colpo il suo volto cambia espressione; Boriquet si risveglia. Gli altri lo guardano ansiosamente.

BORIQUET

(riprendendo il filo del discorso, come se niente fosse) E allora... cosa stavamo dicendo?

VALENCOURT

Quando?

BORIQUET

Poco fa.

VALENCOURT

Poco fa? Lei non diceva niente. Trasportava tronchi.

BORIQUET

Come?

VALENCOURT

Trasportava legna, se preferisce.

BORIQUET

(al pubblico, ridendo) Vaneggia, il dottore.

GIUSTINO

(sottovoce, a Valencourt) Dottore!... Le ho detto che si secca!...

FRANCINE

Dio mio! Dio mio!

VALENCOURT

Io, se fossi in lei, farei piuttosto del sollevamento pesi.

BORIQUET

Perché, del sollevamento pesi ?

VALENCOURT

Perché è più efficace dei cesti di legna.

BORIQUET

(poco convinto) Ah!...

VALENCOURT

 E ci aggiungerei del “ferro chinato”.

BORIQUET

(al pubblico) Chiaramente, vaneggia. Perdoni, dottore. Stavamo parlando del contratto, e lei viene fuori con pesi e “ferro chinato”?

VALENCOURT

Ah, lei dice.... (al pubblico) Che sia davvero un pò squilibrato?

BORIQUET

Quando avrò l’onore di parlare da solo a solo con la signorina sua figlia?

VALENCOURT

Vado subito a chiamarla. (A parte) Dovrò tenere sotto osservazione questo ragazzo. (Esce a destra)

Scena 14.

Detti, meno Valencourt.

FRANCINE

Sei proprio sicuro di star bene, caro?

BORIQUET

Chi? Io? Ma si può sapere cosa avete tutti? Ho l’aria sofferente, Justin?

GIUSTINO

(nel frattempo, sempre osservando, piega i tovaglioli e rimette tutto a  posto sulla console) Il signore sta d’incanto.

BORIQUET

Oh! E adesso, Francine, và di là; sta venendo la mia futura sposa, voglio rimanere solo.

FRANCINE

Come vuoi. (Esce sospirando e scuotendo la testa).

BORIQUET

E’ ridicola mia sorella...

GIUSTINO

Oh, sì, è proprio ridicola... (ma un’occhiata di Boriquet lo fulmina).

BORIQUET

Non ho bisogno di voi, Justin! (E va a sedersi sul divano).

GIUSTINO

Bene, signore. (Fa finta di uscire) E il momento! (Si porta a passi felpati dietro a Boriquet, e gli fa i soliti gesti alle spalle) Vlang! Vlang!... Via! Andiamo! (Boriquet, sotto l’influsso del fluido, si è via via addormentato).

Ecco fatto!... Boriquet, la tua fidanzata è brutta, è orribile! Vero che è orribile?

BORIQUET

(ipnotizzato) ...Sssì!... Sì!

GIUSTINO

Non avrai paura di dirglielo?

BORIQUET

No, no!

GIUSTINO

Devi dirle che non la vuoi sposare. Sarai molto sgarbato, vero? Più villano che puoi, capito?

BORIQUET

Sì, sì!

GIUSTINO

Bravo! (Vedendo arrivare Emiliana da destra) Eccola. Vado. Mi raccomando, Boriquet....

Scena 15.

Boriquet, Emiliana.

EMILIANA

Papà mi ha detto che deve farmi la dichiarazione ; sono tutta commossa. (Vedendo che Boriquet non le risponde) Mio padre mi ha detto che desidera parlarmi...

BORIQUET

Lei?... Oh, quant’è brutta! Che mostro!

EMILIANA

(stordita) Come?

BORIQUET

Che muso da porco! Dove l’hai preso quel brutto muso? Và a nasconderti!

EMILIANA

Oh, mio Dio! Ma cos’ha?

BORIQUET

Che schifo!Tò! (Tira fuori la lingua, facendole un’orribile smorfia).

EMILIANA

E’ diventato pazzo!... E lei... lei mi vorrebbe sposare?

BORIQUET

Io entrare nella famiglia di quell’idiota di tuo padre?

EMILIANA

Oh!

BORIQUET

(incalzandola) Io sposare un pitale come te! Eh no, cara! Togliti dalle palle, mostriciattolo! Pùssa via! Via!... Vattene via!...

EMILIANA

Oh, Dio! Papà! Papààà!...(corre via sconvolta).

BORIQUET

(come percorso da un tremito nervoso) Ma quant’è brutta! Quant’è brutta!


Scena 16.

Boriquet, Giustino, poi Valencourt ed Emiliana, infine Francine.

GIUSTINO

Perfetto! Benissimo! E ora arriva il dottore... Boriquet, sai cosa sei tu?

BORIQUET

No.

GIUSTINO

Tu sei una scimmia del Continente Nero. E’ vero che sei una scimmia?

BORIQUET

Sì, sì! (Fa schioccare la lingua come una scimmia, con movimenti scimmieschi).

GIUSTINO

Perfetto...(Vedendo entrare Valencourt con Emiliana) Il suocero, perfetto. (Si defila sul fondo).

EMILIANA

(seguendo il padre, lamentandosi) Oh, papà!... Papà!...

VALENCOURT

Lascia fare a me, Emiliènne. (A Boriquet, che fa la scimmia) Signore, che cosa ha detto a mia figlia?

Boriquet fa un balzo, accompagnato da schiocchi di lingua e da gesti scimmieschi.

VALENCOURT

Ma che cos’ha, Justin?!

GIUSTINO

(fingendo inquietudine) Non lo so... Anch’io ho trovato il signore così.

VALENCOURT

E’ un attacco di febbre tropicale. Presto, andate a chiamare la sorella...

GIUSTINO

Corro... (Al pubblico) Aspettala, la sorella! (Esce correndo).

Boriquet, intanto, fa una corsa folle per la stanza, saltando sui mobili.

EMILIANA

E’ spaventoso!

Boriquet si calma improvvisamente, e adesso appare intento a cercarsi le pulci e a mangiarsele come una scimmia.

VALENCOURT

Su, Boriquet, amico mio, torni in se stesso.

Boriquet prende Valencourt per il collo, lo avvinghia con un braccio e con la mano libera incomincia a spidocchiarlo.

VALENCOURT

Vuole lasciarmi!?

EMILIANA

Oh, papà, papà!

VALENCOURT

Non gridare! (Vedendo Giustino che ritorna) Ebbene, la signorina Francine?

GIUSTINO

Arriva.

VALENCOURT

E che arrivi! (Andandole incontro) Signorina! Signorina!

GIUSTINO

(al pubblico) A lei ho intimato di essere Carmen e di ballare la “Cachucha”.

VALENCOURT

Venga, signorina, venga!

FRANCINE

(canta sull’aria della “Carmen”):

                            “E’ l’amore uno strano augello...

                            nessun lo può domesticar!”

VALENCOURT

Anche lei?!

Emiliana, terrorizzata, si è rifugiata tra le braccia del padre. Intanto Boriquet, accovacciato sul tavolo di sinistra, imita il suono della chitarra, facendo le smorfie come le scimmiette automatiche delle pianole.

VALENCOURT

Ma è una famiglia di pazzi! Emiliènne, tu non entrerai in questa famiglia! Andiamo!

Escono dal fondo, mentre Francine canta e danza con furia orgiastica, e Boriquet, afferrando libri  e incartamenti dallo scrittoio, li scaglia dietro ai fuggitivi.

GIUSTINO

(trionfante) Hurrà! Vittoria! (Cerca di interrompere l’esibizione dei due) Adesso basta, voi due! Ehi! Ho detto basta! (Ma la coppia sembra essersi molto immedesimata nei rispettivi ruoli) Basta, insomma! Maledetti! Insomma!... Tu, là! E tu, là! (Li fa risedere a tavola.. Ficca nella forchetta di Boriquet un pezzo di pollo, e in quella di Francine dell’insalata) E adesso...(soffia loro in faccia) ... arrangiatevi! (Esce a sinistra).

FRANCINE

Che caldo!

BORIQUET

Strano, anch’io ho un gran caldo.

FRANCINE

Non capisco che cosa mi abbia messo in questo stato.

BORIQUET

Neanch’io.

Scena 17.

Detti, Velencourt, meno Giustino.

VALENCOURT

(entrando da destra, col cappello in testa) Eligio! Eligio!

BORIQUET

(alzandosi da tavola) Oh, eccola qua, caro dottore!

VALENCOURT

(facendo un balzo all’indietro) Ancora!

BORIQUET

Ha detto alla sua deliziosa figliola?...

VALENCOURT

La mia deliziosa figliola!... Basta, signore! I nostri impegni sono infranti!

BORIQUET e FRANCINE

Come?!!

BORIQUET

E perché?

VALENCOURT

Perché non intendo legare mia figlia a dei pazzi furiosi.

FRANCINE

Come dice?

VALENCOURT

Evidentemente, adesso la crisi è passata... ma io vi ho visti, e mi è bastato, “signor Scimpanzé”!

BORIQUET

Come?!

VALENCOURT

(accennando la danza del ventre) E la “signora bajadera”!

FRANCINE

Io?

BORIQUET

E no, scusi, signore, lei sta oltrepassando i limiti. Che lei voglia rompere, va bene, che noi non siamo legati, va bene...

VALENCOURT

No, voi siete “da legare”!... Siete pazzi da legare!

BORIQUET

Mi sembra che il pazzo sia lei, signore!

VALENCOURT

Perché voi non vi siete visti.

FRANCINE

Gerard, ti prego, ritiriamoci!

BORIQUET

Sì, hai ragione, andiamocene. Lei, caro dottore, faccia come vuole, le cedo il campo.

VALENCOURT

(seccamente) Buongiorno!

Boriquet esce a sinistra, seguito da Francine.

Scena 18.

Valencourt, poi Emiliana ed Eligio.

VALENCOURT

Quando penso che stavo per dare in moglie mia figlia a un alienato!

EMILIANA

(entrando da destra) Ah, papà!

VALENCOURT

Vieni, figlia mia, vieni. Andiamocene da questa casa.

EMILIANA

Sì, papà!

Fanno per uscire, ma li ferma Eligio, che, in lacrime, si getta ai loro piedi.

ELIGIO

Ah! Ah! Ah!

EMILIANA

Eligio, che avete?

VALENCOURT

Ancora tu, deficiente!

ELIGIO

Ah, signore... mi butto ai suoi piedi!

EMILIANA

Ma che cos’ha?

ELIGIO

Perdono, signore, perdono!

VALENCOURT

Perdonarti!

ELIGIO

Sì, signore... per la familiarità che mi sono permesso con voi...

VALENCOURT

Chiamala “familiarità”!...

ELIGIO

Non è colpa mia, signore, è colpa di Justin, il domestico, che mi ha dato il cattivo esempio. E questo mi ha dato l’ardire di provare su di voi una cosa che mi avrebbe aiutato nel lavoro.

VALENCOURT

Ma di cosa vai cianciando?

ELIGIO

Non ciancio, signore, dico solo che Justin fa sempre così col suo padrone (imita i gesti di Giustino)... dei trucchi così... e poi così... e: “dormi, lo voglio!”... e poi ancora con gli occhi... con degli occhi “specifici”, e allora il suo padrone, come si suol dire, si addormenta...

VALENCOURT

Oh lampo!

ELIGIO

E questo mi ha dato manie di grandezza! Perdono, signore, perdono.

VALENCOURT

Ora capisco... quelle crisi... quegli attacchi... è chiaro, il domestico ipnotizzava quei disgraziati.

ELIGIO

(supplicando) Signore...

VALENCOURT

Ma certo, certo. Dov’è questo Justin? (Chiama) Justin!

EMILIANA

Ma cosa succede?

VALENCOURT

Niente, lasciami fare. Justin!!

GIUSTINO

(entrando da sinistra) Il signore ha chiamato?

VALENCOURT

Vieni qui, miserabile! Che cosa hai fatto ? (Lo prende per il bavero e lo trascina al centro della scena).

GIUSTINO

Io, signore?

VALENCOURT

Ne ho sentite delle belle!... Tu ti permetti di addormentare il tuo padrone... di ipnotizzarlo!

GIUSTINO

Io, signore?... Chi gliel’ha detto?

VALENCOURT

Lo so... e  anche sua sorella! Confessa!

GIUSTINO

(dibattendosi) Mi lasci, signore.

VALENCOURT

Ti dico di confessare...

GIUSTINO

Non vuole lasciarmi?... Ebbene, stia a vedere!

Giustino, mentre Valencourt lo tiene per il bavero, cerca di difendersi con la sua potenza magnetica: si sforza di ipnotizzare l’avversario, facendo dei gesti, magnetizzandolo con lo sguardo.

VALENCOURT

(intuendo le sue intenzioni) Tu vorresti giocare a questo gioco con me... Ah! capiti bene.

Valencourt, senza lasciarlo, si mette a fissarlo nel profondo degli occhi. Giustino lo fissa allo stesso modo; i due uomini, come in un duello, lottano a chi farà addormentare l’altro.

EMILIANA

Vi prego, Elois, separateli.

ELIGIO

Li lasci fare, signorina; è una lotta di gladiatori.

VELENCOURT

(prendendo a poco a poco il sopravvento su Giustino) Te ne accorgerai! Sono uno dei più forti della scuola di Nancy!

GIUSTINO

La vedremo!

La lotta continua, seguita con ansietà da Emiliana, con ammirazione da Eligio. Infine Giustino, stroncato dal fluido superiore di Valencourt, appare totalmente in suo dominio.

VALENCOURT

(vittorioso) “Ecce homo”!

ELIGIO

(applaudendo) Bravo!

EMILIANA

(abbracciandolo) Oh, papà!

VALENCOURT

(a Giustino) E adesso, in ginocchio! (Giustino si mette in ginocchio. Valencourt va a chiamare Boriquet e Francine) Venite, voi!

Scena 19.

Detti, Boriquet, Francine.

BORIQUET

Lei è ancora qui, dottore?

VALENCOURT

Sì, e ne sentirete delle belle.

FRANCINE

Ma che cosa fa, Justin, in ginocchio?

VALENCOURT

Appunto, signorina Francine, la parola a lui!... Poco fa io vi avevo presi per pazzi.

BORIQUET

Preferirei non tornare su quest’argomento!

VALENCOURT

Torniamoci, invece. Perché no, voi non eravate pazzi... L’istigatore dei vostri atti, che avevano parvenza di follia... eccolo là!

BORIQUET e FRANCINE

Ma quali atti?

VALENCOURT

Voi non potevate averne coscienza, eravate ipnotizzati.

BORIQUET

Andiamo, via!


BORIQUET

Sì, Giustino ha cercato di ipnotizzare anche me! Ma qui ha avuto a che fare con qualcuno più forte di lui; e ora è lui che soccombe dormiente! State a sentire: parla, tu! Confessa che sei stato un miserabile, che ti sei comportato con i tuoi padroni da scellerato!

GIUSTINO

Oh, sì! Sono un miserabile! Sono io che ipnotizzavo tutti i giorni il padrone per fargli fare l’appartamento, dare la cera ai parquets, portare su la legna, insomma tutto il servizio.

BORIQUET e FRANCINE

No!

GIUSTINO

Sì! Sono io che poco fa gli ho ordinato di dire villanie alla sua fidanzata. Io che gli ho intimato di essere una scimmia delle foreste africane!

BORIQUET

Una scimmia, io!

GIUSTINO

Sì, e alla signorina di essere la Carmen e di ballare la “cachucha”.

FRANCINE

(per un momento compiaciuta) La “cachu...”... ah, miserabile!

VALENCOURT

E perché facevi questo?

GIUSTINO

Perché volevo mandare a monte il matrimonio del signore per averlo sempre al mio servizio.

BORIQUET

Ma io lo uccido!

VALENCOURT

Lasci stare. Piuttosto, è convinto?

BORIQUET

Sono indignato...

FRANCINE

Addormentare noi... un domestico!

BORIQUET

Carogna!

FRANCINE

Quando penso che avrebbe potuto abusare di me!

BORIQUET

No, questo è impossibile.

VALENCOURT

Voglio sperare che dopo questo chiarimento lei vorrà tornare ad essere mio genero, signor Boriquet. (Gli tende la mano).

BORIQUET

Se la signorina acconsente.

EMILIANA

Beh, certo... è stato molto sgradevole poco fa, ma era... “per procura”!

BORIQUET

Oh, signorina, com’è buona! (Si stringono le mani, sopra la testa di

Giustino).

FRANCINE

E di lui che ne facciamo?

BORIQUET

Lo metto alla porta seduta stante.

VALENCOURT

No, ascoltate: poiché lo tengo in pugno, ne farò un domestico modello. Justin! Ti impongo di rinunciare per sempre ad esercitare il tuo perfido influsso sui tuoi padroni, e ti invito a servirli come il più devoto dei domestici!

GIUSTINO

Lo farò.

VALENCOURT

E per penitenza, ripeti per un’ora: “Sono un miserabile!”

GIUSTINO

(in ginocchio, battendosi il petto) Sono un miserabile! Sono un miserabile!

VALENCOURT

E’ la legge del taglione!

Sipario

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 25 volte nell' ultimo mese
  • 361 volte nell' arco di un'anno