‘A morte ‘e carnevale

Stampa questo copione

‘A MORTE ‘E CARNEVALE

3 atti di Raffaele Viviani

Personaggi:

‘Ntunetta

Carnevale

‘O cantante

Rafele

Don Gennaro

Nannina

Il becchino

Il rappresentante

Donna Filumena

Donna Peppina

Il notaio

Sisina

‘A signora

Donna Vicenza

Don Giovanni

‘O cafettiere

L’altro becchino

‘O tranviere

Don Andrea

‘O custode d’ ‘o campusanto


ATTO PRIMO

Preludio

Tela. La scena.

L’interno della sudicia abitazione terranea di Pascale Capuozzi, detto Carnevale. Il basso fa parte d’un vecchio palazzo, sito in uno dei più popolosi e poveri vicoletti della “Concordia”. A sinistra, la porticina che conduce alla cucina; a destra, la porta d’ingresso dalla strada. Nel fondo, anche verso destra, una piccola finestra bassa, che affaccia nell’androne del palazzo, il cui portone s’immagina perciò attiguo al basso di Carnevale. Accanto alla finestra, un comò con sopra, fra varie ed inverosimili cianfrusaglie, un grande quadro di Madonna, due candelieri anneriti, ed un grottesco ingrandimento fotografico, che riproduce il padrone di casa. A sinistra, una specie di piano rialzato, al quale si accede mediante qualche scalino, con sopra il letto matrimoniale, di ferro grezzo, due comodini, qualche seggiola sgangherata. L’ambiente è in completo disordine, ed ingombro dei più bizzarri arnesi domestici. Pomeriggio di giugno. Carnevale, seduto su una poltronaccia sgangherata, presso un tavolo al centro della stanza, è intento a conteggiare alcuni rotoli di monete che trae da un sacchetto, e quindi a prenderne nota sopra un registro, che è diventato uno scartafaccio. Egli è un vecchio omaccione settantenne, dal fiato corto, dalla respirazione stentata. Ha il cranio lucido, i baffi biancastri spioventi, le sopracciglia unite, e porta un paio d’occhiali di metallo bianco che non gl’impediscono di star con gli occhi quasi incollati alle sue carte e di farlo sembrare ancor più curvo di quello che è, sotto il peso degli anni. E in maniche di camicia, e panciotto, in mutande e pantofole. Pausa. Entra da sinistra ‘Ntunetta, recando una tazza di latte su di un vassoio. E una donna matura, ancora piacente, fors’anche per la peculiarità con cui veste, per la sua casalinga accuratezza.

‘Ntunetta - Pasca’ pigliatella sta tazza ‘e latte.

Carnevale (non si muove)

‘Ntunetta - È chiena ‘e zucchero, meh!

Carnevale (scattando) - Ah! (Guarda male la donna, e torna a ficcare il naso nelle sue carte)

‘Ntunetta (insiste, con voce amorevole) - E t’ ‘o ffaie fa’ friddo.

Carnevale - E aspetta! (Pausa) ‘O scarparo m’ha dato mezza lira mancante! (Ha un violento scatto di furore)

‘Ntunetta - E tu pe’ meza lira te vuo’ piglia’ collera?

Carnevale (la guarda male) - ‘A vi? ‘a mugliera ‘e Roscilde! (Pausa) E meza lira ‘a ccà, e quinnice solde ‘a llà: accussi s’arrobbano ‘e mmigliare‘e lire! ‘E mmigliare! (Pausa) T’ha pavato ‘o furnaro?

‘Ntunetta (esitante) - No.

Carnevale (con un ghigno) - No?! (Pausa) ‘A mugliera d’ ‘o guardiomanco è venuta, ‘o masterascio nun s’è visto cchiù... E accussi m’hanno fatto veni’ ‘a malatia ‘e core! Pe’ forza: io magno veleno d’ ‘a matina ‘a sera. Sempe cu ‘o palpito, sempe cu ‘o palpito...

‘Ntunetta (lo ammonisce con una voce che tradisce il rimprovero) - E putisse penza’ pure nu poco ‘a saluta toia. Oramaie tiene n’età; na lira nun te manca, nun tiene figlie...

Carnevale - e ‘e solde mieie se l’hann’a magna’ nu poco pedono, è ove’? (Irritatissimo) Embè tu me faie passa’ nu guaio, ‘a vicchiaia!

‘Ntunetta (seccata) - E tu muore!

Carnevale (la fulmina con lo sguardo, ma non osa replicare. Pausa)

‘Ntunetta - Pigliate ‘o llatte.

Carnevale (con voce roca e biliosa) - Nun ne voglio.

‘Ntunetta (rassegnata, poggia il vassoio sul tavolo. Entra un giovane dall’aria miserabile, vestito di scuro. È un posteggiatore d’osteria)

‘O cantante (parlando con voce afona) - Permesso? (Si scappella)

‘Ntunetta (sorpresa) - Favurite.

‘O cantante (un po’timido) - Me canuscite?

Carnevale (guarda ‘Ntunetta con aria diffidente ed interrogativa)

‘O cantante - Io songo ‘o cantante d’ ‘a cantina affianco; ‘a cantina ‘e Don Giuvanne.

Carnevale - Eh! (Come dire: bell’arnese!)

‘Ntunetta - E dicite.

‘O cantante - Se n’è scesa ‘a voce pe’ nu colpo d’aria, e sono otto juorne, cu ogge, ca nun pozzo canta’.

Carnevale (gli sbarra gli occhi in faccia, guarda ‘Ntunetta, poi, con sufficienza) - Beh?

‘O cantante - Me servarriano... duiciento... lire...

Carnevale (lo interrompe, beffardo) - Eh! (Con tono di chi non ammette replica) Jatevenne, nun perdite tiempo.

‘O cantante - Si garantirebbe Don Giovanni stesso.

Carnevale (con feroce ironia) - Ah! Bellu mariuolo, isso e ‘o pato, ‘a bonanima.

‘Ntunetta - Nun è cosa, figliu mio.

Carnevale - Chi v’ha mannato ccà? Don Giuvanne? E ce ‘o ddicite: me desse primma ‘e solde ca me truffaie ‘o pato, e po’ se mette a ffa’ ‘o garante a vvuie! (Indispettito) Avette ragione ca murette, si no, che fa? isso a me nun me pavava? E nun aggi’a muri’ io, pe’ nun ‘o i’ a scassa’ ‘e ccorne a ll’atumunno!

‘O cantante (sempre più timido, ed anche un tantino petulante) - Manco ciento lire?

Carnevale - Manco se’ solde! (A ‘Ntunetta, perentorio) Cacciannillo.

‘O cantante (offeso) - Ched è? “Cacciannillo”!

Carnevale (levandosi in piedi, con uno sforzo e inveendo) - Vattenne! (Dà uno spintone a ‘O cantante, per buttarlo fuori dalla porta)

‘O cantante (eccitato, con voce normale) - Stateve cuieto cu ‘e mmane!

Carnevale - Mo ‘a tene ‘a voce!

‘Ntunetta (intervenendo, trattiene Carnevale; al giovane) - Meh, nun ‘o facite piglia’ collera! Stateve buono, ‘a Madonna v’accumpagna!

‘O cantante (fremendo d’ira, e additando il vecchio) - E chillo nun tene tre solde ‘e salute, e stenne pure ‘e mmane! (Esce)

Carnevale (vorrebbe rincorrerlo, ma è trattenuto da ‘Ntunetta; inveisce verso la porta) - E pe’ chesto vulite ‘e solde? pe’ mm’ ‘e truffa’, eh? Mariuolo! Mariuolo!

‘Ntunetta (che è riuscita a ricondurre Carnevale verso la sua poltrona, ed a farlo sedere) - Zitto, zitto, nun ce facimmo senti’.

Carnevale - E vide si nun veneno a spennere tutte quante ‘a casa mia! (Entra Rafele. È un uomo ancor giovane. Ha un aspetto umile e dimesso, che nasconde una naturale furbizia)

Rafele - Permesso? (Al vecchio) ‘O zi’, buongiorno. (E a ‘Ntunetta) Bongiorno, ‘a zi’.

Carnevale (lo guarda male)

Rafele - Ch’è stato?

Carnevale (a ‘Ntunetta) - Chisto n’è n’ato! Accumpare comme ‘a cumeta. (A Rafele) Che vvuo’? Te serve quacche cosa?

Rafele (stupito) - Nonsignore. (Tra sé) Jh, che bell’accuglienza! (A Carnevale) Ve so’ venuto a truva’...

Carnevale - Ah?! E grazie tante.

‘Ntunetta (a Rafele) - Nun ‘o da’ retta, Rafe’: chillo sta tuccato ‘e nierve, e scumbina.

Carnevale (seccato, a ‘Ntunetta, indicando Rafele) - Ogne vota ca vene ccà, quacche cosa lle manca. Saccio ca mo nun lle serve niente?

Rafele (con una certa reticenza) - No, nun è proprio ca nun me serve niente...

Carnevale (rapido, a ‘Ntunetta) - ‘O vi, ca quacche cosa lle manca?!

Rafele - Eh, ma pare ca me rivolgo a na perzona estranea, io me rivolgo a na perzona ‘e famiglia.

Carnevale (ironico) - È ove’? (Pausa)

‘Ntunetta (a Rafele) - Ma comme, nun he potuto vede’ ‘e te mettere a ffa’ quacche cosa; ‘e te piazza’ a quacche parte? N’ommo comme a tte, svelto, chino’e salute...

Rafele (con profonda, sincera amarezza) - ‘A zi’, io so’ nato disoccupato! E se capisce ca, doppo girato na jurnata sana, inutilmente, ‘o juorno appriesso nun me ne occupo proprio ‘e i’ vedenno, pecche già saccio d’ ‘o juorno primma, ca nun trovo niente...E accussi passano ‘e mise, passano ll’anne; e quanno nun saccio proprio addo’ aggi’a i’...

Carnevale - Viene a ddu me!?

Rafele (mortificato) - E vengo a ddu vuie, e addo’ aggi’a i’? Si io nun tengo a nisciuno. Vuie e ‘a zia, site l’uniche perzone ‘e famiglia. (Pausa) V’ ‘o ppozzo dicere ca so’ duie juorne ca nun magno? V ‘o ppozzo dicere?

Carnevale (brontola) - No, nun ce ‘o ffa’ sape’. (Pausa) Guardate llà, nu giovane chino ‘e salute... duie juorne ca nun magna! (Pausa. A ‘Ntunetta) Dalle na tazza ‘e cafè.

‘Ntunetta - Eh, sì arrivato!

Carnevale (scattando) - E tu falle na bistecca! (Si calma, e, accorgendosi della tazza di latte rimasta intatta sul tavolo) Dalle nu poco ‘e pane e s’ ‘o ‘nfonnedint’ ‘a tazza ‘e latte. Tanto, io manco ne voglio, pure s’ha dda jetta’.

‘Ntunetta (a Rafele) - Che dice? ‘O vvuo’?

Rafele - ‘A zi’, lasciate sta’... A me ‘o llatte nun me piace...

Carnevale (risentito, alla donna) - ‘O vvì? Chillo tene ‘e vizie! Veziuso e sfaticato!

Rafele - Ah, no! Sfaticato, nun ‘o pputite dicere, pecche io aggio fatto tutte ll’arte ca Ddio ha criate!

Carnevale - E nun te n’hè ‘mparata nisciuna!

Rafele - E pecche erano assaie, comme mm’ ‘e ‘mparavo?

Carnevale - Vatte’, nun me fa’ fa’ ‘a siconda croce!

Rafele (dopo una pausa) - Me jette a fa’ vuluntario ‘e guerra: e, sciorta mia, appena jette ‘o fronte, me pigliaieno prigiuniero. E llà nun faticavo? Zappaie pe’ se’ anne ‘e seguito...

Carnevale - E se capisce: cu ‘o fucile arreto ‘e spalle... (A ‘Ntunetta) E lla, si nun zappava, ‘o sparavano.

Rafele - Fernette ‘a guerra, venette in Italia, e m’arruolai nel corpo delle Guardie Regie... Se sciugliette ‘o cuorpo! E ce ne mannaieno tutte quante a casa. Truvaie nu posto dint’ ‘e Fferrovie, comme a cantuniere, ai passaggi a livello... Arrivaieno ‘e cchiusure automatiche! Mediante lettere, impegni, raccomandazioni, me piazzale come usciere: aprivo e chiudevo porte alla Banca Italiana di Sconto... Fallette ‘a Banca! (Pausa) Che aggi’a fa’? Io si me metto a fa’ scazzettelle p’ ‘e ccriature, nasceno ‘e guagliune senza capa!

‘Ntunetta (al vecchio) - Ma ‘o pato che faceva?

Carnevale - ‘O pato faceva ‘o rilurgiaro, era n’artista!

‘Ntunetta - Embè, Rafe’, nun te può mettere a ffa’ ‘o rilurgiaro tu pure? Comme se dice? “Ll’arte ‘e tata è meza ‘mparata”.

Rafele - Io po’ tengo ‘o rilorgio sott’a ll’uocchie, veco ca se fa tarde e nun se mangia e cchiù mme tocco ‘e nierve.

Carnevale (grida a ‘Ntunetta) - Chisto nun vò fa’ niente!

Rafele - Niente, no; ma na cosa spicciativa. All’età mia, me metto a pazzia’ cu ‘e sferre?

Carnevale - Ma insomma tu che vvuo’?

Rafele - Pe’ primma cosa ve so’ vvenuto a truva’...

Carnevale - Va buo’, ‘o ttruva’ è ll’urdema cosa. E po’?

Rafele - E po’... m’aggi’a sistema’? (Pausa) Pure pe’ vvuie... Chi me vede sempe a spasso: “Chillo è ‘o nepote ‘e Carnevale!”. E che figura facite? (Pausa) ‘O zi’, io mi preoccupo più per voi che per me... (Pausa) Me voglio mettere a fa’ ‘o sciaffero ‘e piazza. (Mostra il berretto, che ha in capo) ‘O vvedite? ‘A coppolagià me l’aggio accattata!

Carnevale (ironico) - S’ha accattata ‘a coppola!

Rafele - Eh! E mo m’aggi’a piglia’ ‘a patente. E, pe’ mme piglia’ ‘a patente, s’hann’a caccia’ ‘e ccarte. E, pe’ caccia’ ‘e ccarte, ce vonnodduiciento...

Carnevale - Lire! (A ‘Ntunetta, con un sorriso sardonico) He visto? È venuto a truva’ a mme!? È venuto a truva’ ‘e dduiciento lire!

Rafele - Allora aggi’a i’ addu n’estraneo, pe’ ve mettere scuorno ‘n faccia?

Carnevale (alla donna) - He capito? Chillo è venuto addu me, per salvaguardare il mio decoro. (A Rafele) Ma nun te ne vuo’ i’.

Rafele - ‘A zi’, ma dicite vuie... (A Carnevale) Giesù, ma si tengo a vuie ca chesto facite, pecche aggi’a i’ addu n’ato? Ce vulite mettere l’interesse? Mettitece l’interesse! Vulite ca ve firmo na cambiale? Io v’ ‘a firmo, che ce perdo?

Carnevale - No, ce perd’io!

‘Ntunetta - Ma comme, Rafe’, chillo se piglia ‘a cambiale ‘a te?

Rafele - E allora me desse ‘e solde senza cambiale: a fiducia. Faccio fede, io?

Carnevale - No.

Rafele - E ghiammo! Accussi me sistemo. Me metto ‘ncopp’a nu taximmo ‘e piazza, vaco ‘n zuocolo d’ ‘a matina ‘a sera, e ‘a zuppa ha dda asci’.

‘Ntunetta (a Carnevale, convincente) - Meh, Pasca’, fallo cuntento. Alla fine, sempe nepote t’è!

Carnevale - E già! Accussi nun tengo figlie e chiagno nepute, è ove’? Noi fino a che starranno ll’uocchie mieie apierte, ‘e solde mieie vuie nun v’ ‘e magnate! (Pausa) Quanno po’ mor’io... (e fa le corna) allora... (Pausa.

Guarda Rafele, poi, a ‘Ntunetta) Oh tu, po’, overo te cride ca chillo se vò piglia’ ‘a patente? Addo’? Chillo s’ ‘e mmagna, ‘e dduiciento lire... e ‘a patente po’, m’ ‘a dà a me!

‘Ntunetta (spazientita, fa per interloquire)

Carnevale - Vide addo’ he ‘a i’ tu e isso! (Pausa) Ogne tanto, mme porta nu guaio. (Pausa) Venesse maie na vota cu na faccia allera: “‘O zi’, aggio pigliato nu terno! Facimmo miezo pedo’!”.

Rafele - E io nun gioco...

‘Ntunetta - E va buono, Pasca’, e nun ‘o murtifica’ cchiù! Tu overo ‘a morte nun ce cride! (Decisa) Rafe’, nun ‘o da’ retta. T’e ddongh’io ‘e dduiciento lire, e quanno ‘e ttiene mm’ ‘e ddaie!

Rafele - Ma nonsignore...

‘Ntunetta - T’ ‘e ddongh’io!

Rafele - Nonsignore, lassate sta’. Me l’ha dda da’ ‘o zio!

Carnevale - ‘A me ‘e vvo’, he capito?

‘Ntunetta - E ma se sape! È ll’unico nipote! E po’, che songo pe’ tee, Pasca’, dduiciento lire?

Carnevale (con ironia) - È ove’?

‘Ntunetta - Ma certo: chi ce l’ha dda da’?

Carnevale (messo alle strette, a Rafele) - E io t’ ‘e ddongo!

Rafele (con effusione) - Grazie! (Si affretta a baciare la mano al vecchio, che si ritrae)

Carnevale - Scuostete... scuostete...

Rafele - Io ‘o ssaccio, ‘a zi’, chillo fa “buba” ma po’ se molla!

Carnevale - Me mollo, eh?! (Cava dalla tasca del panciotto, con estrema lentezza, il vecchio portafogli)

Rafele - Giesù, e pure a me, ve pare ‘o zi’, ca me fa piacere ‘e veni’ ccà ogne minuto a ve cerca’ denare?! (Pausa. Con uno scatto) Aggi’a vede’ quanno m’ ‘o levo stu scucciamiento!

Carnevale -? Aggi’a vede’ quanno ‘o Pateterno me te leva ‘a tuorno!

Rafele (alla vista delle banconote, si avvicina, avidamente)

Carnevale - Scuostete!

Rafele - E ch’è? Mm’ ‘e zzuco?

Carnevale (osserva un biglietto da cento, e vi soffia su varie volte, per assicurarsi che non ne siano due)

Rafele - È uno! è uno!

Carnevale - Teh! Cento e duecento! (Gli dà il danaro)

Rafele - Cheste momentaneamente bastano

Carnevale - No! Cheste hann’abbasta’ eternamente!

Rafele (intascando il danaro) - ‘A coppola me l’aggio fatta...

Carnevale - Eh! Cacciate ‘a patente, fatte na bella divisa...

Rafele (ironico) - M’accattopure ll’automobile...

Carnevale - Eh!

Rafele (gridando) - ‘O zi’, chelle so’ dduiciento lire!

Carnevale - Eh! E so’ dduiciento aneme ‘e chi... (L’imprecazione gli muore in gola, è preso come da un collasso, e s’abbatte sulla poltrona, riverso, lasciando cadere il portafogli)

‘Ntunetta (chinandosi sul vecchio) - Pasca’! Pasca’! Ched è!

Rafele - ‘O zi’!

Carnevale - Me sento male... Me sento male...

Rafele - ‘A zi’, ma che se sente?

‘Ntunetta (preoccupata) - E chillo ha tenuto sempe na certa debulezza ‘o core, nu poco ‘e respiro stentato... E mo è cchiù ‘e nu mese ca se va sempe cchiù aggravanno...

Rafele - Embè, e che hanno ditto ‘e miedece?

‘Ntunetta - ‘E miedece? E che l’aggio maie pututo chiamma’?l Ogne vota ca io dico: “Chiammammo a nu miedecol” risponne: “Nun da’ retta! Nun me voglio fa’ arrubba’ denare!”.

Rafele (a Carnevale, che ha riaperto gli occhi) - Ma almeno pe’ vede’ che tenite...

Carnevale - ‘O ssaccio che tengo. Sto malato. Quann’è venuto ‘o mumento mio, m’accuieto. (Si tocca la tasca del panciotto. Smania) ‘O portafoglio! Addo’ sta ‘o portafoglio?!

Rafele (raccattandolo) - Sta ccà: l’avite fatto cade’ ‘n terra.

Carnevale (gli strappa il portafogli, ne verìfica il contenuto, lo intasca. Poi si alza, a fatica, racimola lo spicciolo, che aveva davanti a sé, e lo ripone nel sacchetto, che nasconde nella tasca dei pantaloni. Frattanto Rafele ha appoggiato la mano sul tavolo. Il vecchio gliél’afferra, per tema che l’altro abbia potuto nascondere nel palmo qualche moneta; e rassicuratosi del contrario, s’avvia, traballando, verso la cucina)

‘Ntunetta (gli grida dietro) - Mme vuo’?

Carnevale (senza voltarsi) - No. (Esce)

Rafele (dopo una pausa) - Che tipo!

‘Ntunetta (con improvvisa tristezza) - Che nne vuo’ sape’, Rafe’? Chesta è ‘a vita ca facc’io! ‘O vi ccà nun ce sta né Pasca né Natale! E nun c’è pericolo ca io ascesse, ca putesse fa’ duie passe, me putesse piglia’ nu poco ‘e sole: niente!

Rafele - Eh?

‘Ntunetta - Eh! ‘A che se sose, vicino a chillu tavolo a ffa’ cunte, fino a che

se va a cucca’. (Pausa) Chi me l’avesse ditto, eh? E che n’aggio, Rafe’? Che n’aggio?

Rafele - Pe’ mo certo, nun putite ave’ niente. Ma ‘a ccà a cient’anne ca ‘o Signore s’ ‘o chiammarrà, v’ha dda riconoscere pe’ fforza.

‘Ntunetta (scettica) madonna, cient’anne aggia apettà???

Rafele - Nun tene a nisciuno cchiù. Tenarrie... a me, comme a nepote. E ‘o vvedite? Pe’ mme da’ dduiciento lire, m’ha cunzignato mille e ottuciento lire ‘e ‘mpruperie! (Pausa) D’altra parte, appriesso, nun s’ ‘e ppò purta’...

‘Ntunetta - Io è overo ca nun lle songo mugliera, ma comme si fosse. Chella che murette, manco nu pilo ‘e me, Rafe’. Lle levava ‘e ppelle ‘a cuollo! E io, invece, ‘o vi? Vaco comme a na pezzente. E che n’aggio? ‘O ppoco ‘e mangia’! (Pausa. Sospira) E mme ne sento parole... Eppure so’ femmina ancora, e stongo vicino a nu viecchio!

La voce di Carnevale - ‘Ntune’!

Rafele - Jate jà! (‘Ntunetta esce)

Don Gennaro (il portinaio dello stabile appare alla finestra in fondo, e spianella stanza. E un omino piccolo e rotondetto di mezza età)

Rafele (si volta) - Chi è?

Don Gennaro - Don Pascale nun ce sta?

Rafele - Mo esce. È gghiuto nu mumento dint’ ‘a cucina.

Don Gennaro - Vuie site ‘o nepote?

Rafele - Sissignore, e vuie site ‘o guardaporta?

Don Gennaro - Eh... (Tira fuori di tasca una carta) Aggi’a fa’ cierti cuntarielle.

Rafele - Venite ‘a dinto. (Lo prende in giro, facendo il gestire dei pupi)

Don Gennaro - E che c’entra?! (Scompare, entrando poco dopo dalla porta)

Rafele (verso la cucina) - ‘A zi’, mo ch’ascite, nu bicchiere d’acqua.

Don Gennaro - Permesso?

Rafele - Avanti, avanti.

Don Gennaro (alludendo a Carnevale) - Aiere se sentette tanto male...

Rafele - E pure mo l’ha pigliato n’atu dolore ‘mpietto.

Don Gennaro (fissa Rafele con intenzione) - Dio sape chello che ffa!

Rafele (che ha capito l’allusione all’eredità) - A chi? (come dire: non hosperanze)

Don Gennaro - E chillo nun tene a nisciuno.

Rafele - E ‘Ntunetta?

Don Gennaro - Ah! la serva padrona!

Rafele - Ehi (Approva, con malizia) Nun ve pare ca chella...

Don Gennaro - E chella mo l’è più che mugliera.

Rafele - E dunque? Sola, cu isso, chi sa ‘a quanto tempo, se sarrà fatta mettere tutte cose ‘n faccia a essai (Cioè avrà fatto il testamento in suo favore)

Carnevale (entra dalla cucina e si avvicina al tavolo. Non riconosce il portinaio, gli chiede) - Chi sì?

Don Gennaro - Don Gennaro, ‘o guardaporta.

Carnevale (sedendo alla sua poltrona) - Ahi E che vuo’?

Don Gennaro - Vulevo fa’ stu cuntariello... (Depone la carta sul tavolo)

Carnevale (dopo aver consultato un registro, a Don Gennaro) - No, no, tu he scuntato, nun m’hè ‘a da’ niente cchiù. (Pausa) Ce stanno sulo 50 lire ‘e ‘nteresse.

Don Gennaro (piano, a Rafele) - Aggio scuntato, nun l’aggi’a da’ niente cchiù! (A Carnevale) E ‘o ‘nteresse, quant’è?

Carnevale - Cinquanta lire. Sì ssurdo?

Don Gennaro (deponendo la moneta sul tavolo) - Ccà ce stanno ‘e ccinquanta lire!

‘Ntunetta (entra con l’acqua, a Rafele) - Tie’, fresca, fresca.

Rafele - Grazie. (Beve)

Don Gennaro (a Carnevale) - Cuntataville...

Carnevale (a lui) - Tu sì nu galantommo... (E mastica le monete, per accertarsi che non sono false)

Don Gennaro - Me piace ‘a fiducia!

Carnevale - Va buo’, vattenne.

Don Gennaro - Ve vulevo dicere...

Carnevale - Ah, noi Mo nun me dicere niente cchiù! Mo nun pozzo senti’ niente. Sto malato, e danaro nun ne caccio cchiù. Mo introito soltanto!

Don Gennaro (esita)

Carnevale - M’hè pavato. Nun aggi’ave’ niente cchiù: te ne può’ gghi’. Vattenne!

Don Gennaro - Ma io pe’ pava’ stu cunto viecchio, aggi’avut’a fa’ n’atu debbeto...

Carnevale - E mo, ne vuo’ fa’ n’ato pe’ t’ ‘o leva’? (Gridando) Nun voglio caccia’ cchiù solde! Ch’avite visto, ‘mmiez’ ‘a Cuncordia, ca sto malato, e vulite piglia’ denaro ‘mmano?

Don Gennaro (offeso) - Io?

‘Ntunetta - Don Genna’, aggiate pacienza, nun ‘o facite arraggia’. Chillo già s’è tuccato ‘e nierve cu ‘o cantante d’ ‘a cantina appriesso.

Don Gennaro (giustificandosi) - Ma io nun sto dicenno niente. Io aggio saldato ‘o cunto viecchio...

Carnevale (rapido, a ‘Ntunetta) - pecche vuleva arapi’nu cunto nuovo! (Vedendo Rafele, che nel frattempo si è avvicinato a Don Gennaro, per indurlo ad andarsene) Gué, Rafe’, sì turnato n’ata vota? (Pausa) ‘A patente te Thè pigliata?

Rafele - ‘O zi’, io nun me so’ muoppeto ‘a ccà.

Carnevale - Ah! (Con un cenno della mano fa avvicinare a sé il nipote e con gesto deciso fa capire a Don Gennaro di allontanarsi. A Rafele, all’orecchio, ma a voce alta) Cacciane ‘o guardaporta!

Don Gennaro - Eh! Ce l’ha ditto sotto voce pe’ nun m’ ‘o ffa’ senti’!

Rafele (avviando Don Gennaro, a voce alta) - Jatevenne!

Don Gennaro (con lo stesso tono) - Ho capito! (Uscendo) Nun ‘a voglio ferni’ ‘efa’ ll’ommo onesto! (Pausa)

Carnevale (s’abbatte ancora) - Io nun mme sento buono...

Rafele (accorrendo, premuroso) - E mannammo a chiamma’ nu miedeco.

‘Ntunetta (anch’essa accorsa presso Carnevale) - Ce va Rafele!

Carnevale (convinto) - Eh, Rafe’, va’ a chiamma’ ‘o miedeco... Po’ t’allunghe fino ‘a strada Pignasecca numero 94... (Con un sospiro di dolore) Lia cesta’onutaro...

Rafele (guarda ‘Ntunetta) - ‘O nutaro, beh?

Carnevale - Se chiamma Gerolamo Cunziglio... Si ce sta, t’ ‘o puorte cu ttico... si no lassa ‘a ‘mmasciata ‘a casa, ca, appena se retira, venesse addu me...

Rafele (affettuoso) - ‘O zi’!

Carnevale (con un filo di voce) - Va’! (E sempre più si accascia)

Rafele (piano, a ‘Ntunetta) - ‘A zi’, vò fa’ testamiento? Nun l’ha fatto ancora?

‘Ntunetta - Eh, almeno...

Rafele (pieno di speranza, si curva sullo zio, e gli bacia la mano e la fronte, ripetutamente) - ‘O zi’, songh’io ca ve vaso... Songo ‘o nepote vuosto, Rafele...

Carnevale (cerca, con lenti gesti, di allontanarlo da sé)

Rafele - ‘O zi’, pe’ chello ca facite a mme, ‘o Signore ve spaparanza ‘e pporte d’ ‘oParaviso!

Carnevale (con una voce ch’è un soffio) - Nun ce penza’... È già tutto stabilito... Va’... (E si abbatte di nuovo)

Rafele (con uno scoppio di gioiosa speranza) - Quant’è bello! “Già tutto stabilito!” (Febbrile).. ‘A zi’, priparatele vuie, ‘a vuluntà. Penzate pe’ vvuie e penzate pe’ mme... Ca io sulo a chillo spruoccolo tengo! (Sospirando, si avvia alla porta) Anema ‘e paterno, aiutarne tu! (Esce. Pausa)

‘Ntunetta - Pasca’, ma che te siente?

Carnevale - E che saccio... ‘O core me va a vviento... E po’... n’abbattimento generale...

‘Ntunetta - E tu d’ ‘a matina ‘a sera te piglie collera! E po’ te siente cchiu male. (Pausa) Te vulisse cucca’?

Carnevale (ritrovando, in un moto di stizza, un nuovo vigore) - Chi?! Chillo ha dda veni’ ‘o pumpiere a purtarme tutt’ ‘a settimana... Chillo già mme pava a stiento... Si me vede dint’ ‘o lietto, adderittura nun me dà niente cchiù! (Ha un brivido)

‘Ntunetta - ‘O vi ca t’ha pigliato ‘o friddo? Miettete sta cuperta ‘ncopp’ ‘e spalle! (La va a prendere dal letto, e gliela pone addosso a guisa di scialle)

Carnevale (se la strappa di dosso, con violenza) - Ah! Afforza vò fa’ vede’ ca sto murenno! ‘A ggente ‘mpóntano ‘e pagamente... (sottovoce) e nun pigliammo manco nu soldo cchiù! (Si sente male. Pausa lunga. Poi, con voce stentata) ‘Ntune’, mo ca vene ‘o nutaro, portate a Rafele dint’addu Nannina. (Mostra la porta di sinistra)

‘Ntunetta - Si. (Pausa)

Carnevale - Lassateme sulo... pecche io aggi’a rimane’ tutte cose scritte, tutte cose chiare, si no nepoteme Rafele affaccia pretese... (Pausa)

‘Ntunetta (raggiante, ma con finta pietà nella voce) - Va buo’... L’unico nepote...

Carnevale (ironico) - ‘O sciafferro? (Pausa) E va buo’... Pensarraggio pure pe’ isso! (Pausa. Si ode bussare alla porta di sinistra. ‘Ntunetta va ad aprire, mentre Carnevale rimane come assopito sulla poltrona. Entra Nannina. È una giovane operaia a domicilio, subaffittuarìa del vecchio)

Nannina - Permesso? (A ‘Ntunetta, mostrandole il vecchio) Ch’è stato?

‘Ntunetta - Eh! L’ha pigliato n’ata vota ‘o dolore ‘o core!

Nannina - E avite mannato a chiamma’ nu miedeco?

‘Ntunetta - C’è gghiuto ‘o nepote. (Pausa) Ha mannato a chiamma’ pure ‘o nutaro.

Nannina - Ah? (Pausa) E stu nepote comme steva ccà? L’ha mannato a chiamma’ isso? (Indica Carnevale)

‘Ntunetta - No, s’è truvato a veni’, pecche lle serveveno cierti solde.

Nannina - Comm’ ‘o ssoleto! (Pausa) Si, ma stateve attiento, donna ‘Ntune’, mo che vene ‘o nutaro: s’avess’a affuga’ tutte cose ‘o nepote?

‘Ntunetta (sicura di sé) - No. (Pausa) ‘O zio ha ditto ca ‘o ricunosciarrà, ma rrobba’ epoco...

Nannina (guarda Carnevale) - E pecche nun ‘o cuccate?

‘Ntunetta - E dice c’aspetta gente ca l’hann’a purta’ danare, e nun se vò fa’ vede’ ca sta dint’ ‘o lietto. Si no, dice ca nun ‘o pavano cchiù.

Nannina - Adderittura? (Si avvicina al vecchio) Don Pasca’?

Carnevale (apre gli occhi, senza vedere la donna) - Chi è? ‘E solde ll’hè purtato?

‘Ntunetta - È Nannina! È Nannina!

Nannina - Songh’io. (Pausa) Comme ve sentite?

Carnevale (seccato) - Me sento buono! Me sento buono! (A ‘Ntunetta).. E nun è venuto nisciuno ancora?

‘Ntunetta - No, pienz’a tte!

Nannina - Don Pasca’, cheste song’ate diece lire ‘ncopp’ ‘o pesone. L’ati venti lire v’ ‘e ddongo quann’è sabato. (E gli dà la moneta)

Carnevale (vivamente contrariato) - Ah! Figlia mia, tu me ll’hè ‘a da’ tutt’assieme! Io, a ddiece e vvinte lire ‘a vota, nun me ne veco bene. ‘O padrone ‘e casa, io ‘o pavo ‘o quatto, sabato n’avimmo 29...

‘Ntunetta (mortificata) - E va buono, chella mano mano che pò, t’ ‘e ddà! (Carnevale comincia ad irritarsi)

Nannina - M’avite visto comme aggio faticato sta semmana? Aggio cunzignato nu sacco ‘e biancaria, e tutte quante hanno ditto: “Sabbato te pavammo!”.

Carnevale - E già, ma io m’aggio levata ‘a meglio cammera, ‘a parte d’ ‘a strada... E mme songo astrignuto dint’a sta cammarella, appunto p’alleggeri’ ‘o pesone... E pe’ quanto tu sì na bona piccerella, è sempe na schiavitù... ‘A cucina in comune...

‘Ntunetta (scattando) - E va buono! Che ‘o ddice a ffa’ sta rrobba?! Ce ll’hè affittata sta cammera? Te sta pavanno? E basta, Pasca’, basta!

Carnevale (si alza, frena, a stento, la sua collera, e, dopo aver guardata minacciosamente ‘Ntunetta, si dirige verso la cucina)

‘Ntunetta - Te cucche?

Carnevale (voltandosi) - No! Afforza, afforzai! So’ muorto, è ove’? So’ muorto? Manna a chiamma’ ‘e schiattamuorte (Esce)

Nannina (seguendo il vecchio con lo sguardo) - Mamma ma’, e comme sta nervuso!

‘Ntunetta - Agge pacienza, Nannina mia. Chillo sta accussi, nun tanto p ‘a paura ‘e muri’ ma pecche ha dda lassa’ ‘e solde!

Nannina (ha un sorriso ironico) - ‘Ntune’, senza cerimonie, qualunque cosa...

‘Ntunetta - Si, sora mia, e pe’ fforza. Ccà si chisto chiude ll’uocchie, succede ‘a caccia ‘a ùfera... (Entra il becchino, magro, anziano, nella sua sudicia divisa. Si toglie il berretto)

Il becchino - Salute a vvuie!

‘Ntunetta - Chi site?

Il becchino - L’incaricato delle pompe funebri.

Nannina (meravigliata) - ‘O schiattamuorto!

‘Ntunetta (guardando, preoccupata, verso sinistra) - Sia fatta ‘a vuluntà ‘e Ddio! Chi v’ha chiammato?!

Il becchino - M’hanno ditto ca Carnevale è muorto.

Nannina - Nonsignore!

‘Ntunetta - Già l’hanno fatto muri’!

Nannina (al becchino, con ansia) - Jatevenne, nun ve facite a vede’... Chillo sta llà, dint’ ‘a cucina...

‘Ntunetta - e si esce e ve vede, faciarrà arrevuta’ nu vico!

Il becchino (interdetto) - Ma allora, comme s’è sparza sta voce?

‘Ntunetta - E pecche sta buono malato.

Nannina - E mo ‘o nepote è gghiuto a chiamma’ ‘o miedeco e ‘o nutaro!

Il becchino - Oh, e allora è questione di ore... È na cosa ca sempe ce avit’a penza. Sapennelo nu poco primma, uno vede d’apprunta’ na carrozza meglio; mette sotto ddoie pariglie scelte; nu bello guarnemiento, ‘e sciocche ‘ncopp’ ‘e ttestere; na bella cuperta a cascetta. Se fa’ na cosa cchiù pulita. Si no, dint’ ‘ammuina, cu ‘o curre curre: “Afferra ccà, acchiappa llà...”. Spennite danare ‘o stesso, e riesce na cosa arrangiata.

Nannina - Già ha fatto l’esequie!

‘Ntunetta (nervosa) - E ghiatevenne, po’ se ne parla. Ca chillo jesce, e ve trova ccà... (Entra un giovane distinto, con gli occhiali a stanghetta ed una borsa di pelle sotto il braccio. È un rappresentante di pompe funebri)

Il rappresentante - Salute a vvuie! ‘O muorto sta ccà?

Nannina - Eh! n’è vvenuto n’ato!

Il becchino (sgarbato) - Amico!

Il rappresentante - Ch’è stato?

Il becchino - Chesta è n’educazione nova? S’io già sto trattanno l’affare...

‘Ntunetta (avvilita) - Pataterno! (A Nonnina, in fretta) Va’ int’ ‘a cucina, trattiene a chillo... Si esce, chi ‘o tene... (Nonnina esce)

Il rappresentante (al becchino, risentito) - Ma tu, sì schiattamuorto? E fa’ ‘o schiattamuorto! Pecche vuo’ fa’ ‘o rappresentante?

Il becchino (di rimando) - Ma pecche, chesta è ‘a primma vota ca io cumbino a nu muorto, e mme piglio ‘a percentuale?

‘Ntunetta (che nel frattempo è corsa ad origliare alla porta della cucina) - Jatevenne! Jatevenne! (I due continuano a bisticciarsi) Eh! ma che stammo ‘mmiez’ ‘o Mercato?!

Il rappresentante (si fa avanti) - Giesù, ma comme trattate cu isso (indica il becchino) putite tratta’ cu mme. Vedite chi ve dà cchiù cunvenienza, guardateve ‘o catalugo... (E lo mostra)

Il becchino (tirando da parte il rappresentante) - Leva chisto ‘a miezo! Chillo caccia pure ‘o catalugo. Lloco c’hè ‘a mettere ‘e cane ‘a dinto! (Entra Carnevale, invano trattenuto da Nonnina. Ha indossato un paio di calzoni)

‘Ntunetta - Bonanotte!

Carnevale (avvicinandosi al tavolo) - E chi so’ chiste?

Il rappresentante (s’avanza. Verso di lui) - Sono un rappresentante di pompe funebri. Sono venuto per le esequie.

Carnevale (cade nella poltrona, tramortito)

Il becchino (richiamando il rappresentante) - Gué!

Carnevale (a ‘Ntunetta con voce d’angoscia) - Che te pozzano ‘accidere! Chella overo ha mannato a chiamma’ ‘e schiattamuorte!

‘Ntunetta (scattando) - Chi? Chille so’ venute llorol Chi l’ha chiammate?Chisto overo è pazzo!

Il rappresentante (che ha capito l’errore, al becchino, indicando Carnevale)Ah, ma chillo è...?

Il becchino (confermando) - Eh! Eh! Chillo ca ce avimm’a piglia’!

Carnevale (levandosi a stento) - E mo che vvulite?! Jatevenne! Jatevenne! Mo piglio na mazza ‘e scopa! (I due, in atteggiamento sbigottito, sono fermi all’ingresso) Eh! aggio mise ‘e cciucciuvettole for’ ‘a porta! (Ad essi) Chi v’ha chiammato? Nepotemo?

‘Ntunetta (rapida) - Nonsignore.

Carnevale (di rimando) - Sissignore! Nepotemo è stato! Io l’aggio ditto chiamma ‘o miedeco e ‘o nutaro, e isso ha chiammato pur’ ‘e schiattamuorte!

Il becchino - Ma nonsignore, io nun ‘o cunosco proprio a stu nepote vuosto.

Carnevale - E allora pecche site venute? Chi v’ha chiammato?

Il rappresentante - A me, me l’ha ditto ‘o guardaporta affianco.

Il becchino - E a me, ‘o cantante d’ ‘a cantina appriesso. Stevo llà pe’ me fa’ ‘o soleto bicchier’ ‘e vino, e m’ha ditto ca, salute a vuie, ireve spirato!

Carnevale (sempre più irritato) - Ah! chilli piezz’ ‘e carognal Vanno dicenno ca io so’ spirato, pecche nun m’hanno pututo spilla’ danare! (A ‘Ntunetta) He capito? Mo se sparge ‘a voce ca io so’ muorto (quasi piangendo) e nun me paga nisciuno cchiù. (Fa uno sforzo supremo, per alzarsi in piedi) Io nun tengo niente! Sto buono! sto buono! (Grida ai due estranei) Jatevenne! Jatevenne!

‘Ntunetta (lo sorregge) - Zitto, e nun te sbattere, ca po’ te siente cchiù mmale! (E lo accompagna alla poltrona, dove il vecchio s’accascia)

Nannina (grida ai due beccamorti) - E manco ve ne jate? (Entrano Donna Filumena, sua figlia Sisina e Donna Peppina: sono vicine di casa, popolane, che abitano nei bassi, di fronte a quello abitato da Carnevale. Accorrono alle grida, e, vedendo il vecchio in quello stato, lo circondano rumorosamente)

Donna Filumena - Ch’è stato?

Donna Peppina - Ched è?

Carnevale (affannando) - So’ venute ‘e schiattamuorte, pe’ me purta’ primma d’ ‘o riempo!

Donna Filumena (ai due) - E chi v’ha chiammato?

Donna Peppina - Ma so’ ccose ‘e passa’ guaie?!

Donna Filumena - Ma comme: ve mettite a trasi’ dint’ ‘e ccase d’ ‘a ggente primma ca uno more?

Sisina (mostrando Carnevale) - E facitelo spira’ apprimma!

Carnevale (scattando) - Eh! Se l’hanno miso ‘n capo...

Donna Filumena - Sia fatta ‘a vuluntà ‘e Ddio! (Pausa)

Donna Peppina - Donna ‘Ntune’, appicciate chelli ddoie cannele’a Madonna; e nuie dicimmelo n’Ave Maria...

Donna Filumena (a Carnevale) - Si! Si! ca Essa v’ha dda fa’ sta’ buono! (Mentre ‘Ntunetta si avvia al comò, le tre donne si dispongono intorno al vecchio, e cominciano ad intonare “Ave Marie” con quella cadenza cantilenante della plebe napoletana, quando prega. Carnevale gira gli occhi intorno a sé, seccato e sbalordito)

Rafele (entrando, ha l’impressione che lo zio sia spirato. Ha un violento sussulto, e, le mani nei capelli, comincia a piangere ed a disperarsi, esclamando) - È muorto! È muorto! E nun ha fatto manco ‘o testamiento!

Carnevale (scostando da sé le donne, e alzandosi in piedi, gli grida) - So’ vvivo! So’ vvivo! (E si abbatte, di peso, sulla poltrona)

Rafele (ha un momento di stupore, non credendo ai suoi occhi, poi, è come preso da una mossa epilettica, e cade anche luì affranto e inebetito sulla sedia, ch’è alla destra del tavolo. Le donne, interrotta la loro preghiera, si affollano intorno a lui)

Sisina - Don Rafe’! Don Rafe’!

Rafele (lentamente, si rianima, e, con voce rotta, vuole giustificarsi) - Giesù, io vengo ‘a fore all’improvviso... Veco a vvuie attuorno ‘o zio ca lle cantate ‘o rusario e lle dicite ‘a litania... ‘A zia che appiccia ‘e ccannele... ‘E schiattamuorte sott’ ‘a porta... E se capisce che aggio penzato: “‘O povero zio mio è spirato!”. (Guarda il vecchio) Giesù, chillo sta tantu bello...

Carnevale (rantolando) - Sto buono... sto buono...

Rafele - ‘O sentite? Sta buono! Chillo nun more cchiù! (Pausa. Guarda i becchini, che son rimasti immobili, ed a ‘Ntunetta) E che vonno chiste ‘a ccà?

‘Ntunetta - ‘O cantante e ‘o guardaporta vulevano denare; chisto (mostra Carnevale) nun ce l’ha vuluto da’: e lloro, pe’ se vendica’, vanno dicendo ca zieto è muorto; e hanno chiammato pure a chiste d’ ‘e ppompe funebre...

Rafele (guarda, di nuovo, i due beccamorti)

Il becchino - Eh... nuie colpa nun ne tenimmo!

Il rappresentante - Nuie simmo state chiammate!

Rafele - Embè, certo, sti puveriellecolpa nun ne teneno: so’ state chiammate. (Si alza, si avvicina ad essi, dicendo loro con tono confidenziale) Embè, ma mo a chi aspettate, ca nun ve ne jate?

Il becchino (vedendo che le donne sono tutte intorno a Carnevale, a Rafele, sottovoce) - Vuie site l’erede?

RAFELE - Forse...

Il becchino (con aria confidenziale) - Embè, sempe cu vvuie aggi’a parla’...

Rafele - Parla’ ‘e che?

Il becchino - Giesù! (Indicando Carnevale) E nun ‘o vedite comme sta? Chillo, si e no, pò arriva’ fin’a stasera.

Rafele - Già l’ha tirata ‘a sentenza! Jatevenne!

Il becchino (andando) - Insomma io so’ venuto primma. Resta per me. Ricordatevi “Arciello”.

Il rappresentante - Ma dateme nu sfizio (presentando il catalogò) vediteve ‘e prezze.

Rafele (spingendo fuori entrambi) - Va buo’... Po’ se ne parla...

Il becchino - Ricordatevi “Arciello”.

Il rappresentante - “De Angelis”. (Escono, cacciati via da Rafele. Pausa)

Rafele (alle donne) - Ma so’ ccose d’ ‘e ppiglia’ a schiaffe?!

Donna Filumena - E aggiatece pacienza, che ce vulite fa’?

Donna Peppina (alludendo ai due) - Chiste stanno assetate!

Donna Filumena - Appena senteno ca uno tene nu dolore ‘e capa, subbeto s’appresentano.

Sisina - Nuie avimme sentuto ‘e strille ‘a rimpetto... (Pausa)

Donna Filumena (congedandosi) - Don Pasca’, lassate fa’ a Ddio; e dicitela l’Ave Maria ‘a Madonna, ca nuie pure pregammo pe’ vvuie. (E si avvia verso l’uscio, seguita da Donna Peppina e da Sisina)

Donna Peppina - Permettete.

‘Ntunetta - Prego. (Le tre donne escono. Pausa)

Nannina (a Rafele, che si avvicina allo zio) - Avite chiammato ‘o miedeco?

Rafele - ‘O meglio miedeco ca ce steva! Centocinquanta lire ‘a visita.

Carnevale (smaniando) - Centocinquanta lire?! ‘O pigliave ‘e tremila!

‘Ntunetta (a Rafele) - Che ce Thè ditto a ffa’?

Rafele - E va buono, ‘o zi’, facimmo na meza visita.

Carnevale (sempre più nervoso) - E comme se fa?

Rafele - Sulo ‘o lato ‘e coppa... Na cosa superficiale!

Carnevale (mugola frasi sconnesse)

‘Ntunetta - Nun fa niente, Pasca’, abbasta ca staie buono!

Rafele - Aggio rimasto l’indirizzo ‘a casa: appena se retira vene ccà.

Carnevale (con premura) - E ‘o nutaro?

Rafele - Sta venenno. L’aggio accumpagnato fino a fore ‘o vico, cu ‘a carruzzella. È gghiuto a piglia’ ‘a carta bullata. (Pausa)

Carnevale (quasipiangendo) - Pigliarranno’o terno...

Rafele - Chi?

Carnevale - Abballarranno tutt’ ‘a settimana...

Rafele - Ma chi?

Carnevale - Tutte chille ca m’hann’a da’ denare! (/ due beccamorti spiano nella stanza, attraverso la finestra)

Rafele (inavvertitamente, va a sputare fuori dalla stessa finestra e colpisce in pieno viso il becchino, che si ritrae, in fretta, pulendosi col fazzoletto)

Carnevale - Rafe’...

RASELE - ‘O zi’...

Carnevale - Tu si te ne vuo’ i’, nun fa’ cerimonie. Te ne può’ gghi’.

Rafele - Uh’a zi’...

‘Ntunetta - Ch’è stato?

Rafele - ‘O zio overo nun sta buono... Chillo nun ragiona...

Carnevale (lo guarda, con aria interrogativa)

Rafele - Giesù, ‘o zi’, ma vuie pazziate? Me ne vaco? E che ssite fatto n’estraneo? (Pausa) E po’, na cosa cchiu de n’ata, ‘e notte, ‘a povera zia sola che ppò ffa’? (Pausa) Pacienza! Vò dicere ca me sfilo nu matarazzo; m’ ‘o metto ‘ncopp’ ‘e ssegge, ‘n terra... Insomma io stanotte nun m’aggi’a movere ‘a ccà! (Pausa)

Carnevale (con suprema decisione) - Me cocco... Me cocco... (E si leva, sorretto da Rafele e da ‘Ntunetta)

Musica

 (I due beccamorti tornano a spiare. Sembrano soddisfatti di quanto avviene)

‘Ntunetta - Pasca’...

RAFELE - ‘O zi’...

Carnevale - Nun ce ‘a faccio a sta’ all’erta... Succede chello che succede, aggi’a penza’ ‘a salute, e all’anema mia.

‘Ntunetta - Nanni’, scummuoglie ‘o lietto!

Nannina (corre a scoprirlo)

‘Ntunetta (accompagna Carnevale, lo fa sedere sulla sponda del letto)

Rafele (voltandosi, scorge i beccamorti, e a Nannina) - Chille stanno aspettanno ca more!

Carnevale (aiutato dal nipote, si toglie il panciotto. Rafele vuol metterlo sopra una sedia, accanto al letto) - Miette ccà! (E, così dicendo, il vecchio prende dalla tasca del panciotto il portafogli, lo avvolge nel panciotto stesso, che ripone accuratamente sotto il cuscino)

‘Ntunetta (A Rafele) - ‘E ppantofole!

Rafele (sfila le pantofole al vecchio e, non sapendo dove andarle a posare, le nasconde ai piedi del letto, sotto il materasso. ‘Ntunetta e Nannina ridono, e l’operaia toglie le pantofole di là e le mette a terra. Aiutato dal nipote, quindi, Carnevale si toglie i calzoni, che Rafele va a riporre in un tiretto del comò)

Carnevale (è a letto, chiede) - ‘A cuperta ‘ncopp’ ‘e piede!

Rafele (la prende, e la porge alle donne, che la sistemano sul letto)

Carnevale (a ‘Ntunetta, che è al suo capezzale, mentre Nannina e Rafele sono ai piedi del letto) - ‘Ntune’...

‘Ntunetta - Pasca’...

Carnevale - Mo sentimmo che ddice ‘o miedeco, e si moie sento ancora accussi, me confesso pure.

Rafele (impaziente) - E stu nutaro, ca nun vene!

Carnevale - ‘Ntune’...

‘Ntunetta - Pasca’...

Carnevale - Si ‘o miedeco nun ve persuade, chiammatene pure a n’ato, n’ati duie, n’ati ttre.. Qualunque medicina, nun badate a spese! Spendete, spendete!

Rafele (piano, a Nannina) - Mo accummencia a ffa’ ‘o sciupone!

Carnevale - E scarfammella, ‘Ntune’, chella tazza ‘e latte: m’ ‘a voglio piglia’.

‘Ntunetta - ‘Ncopp’ ‘a tavula, Nanni’; e viene cu mme. (Le due donne escono)

Carnevale - Rafe’...

RAFELE - ‘O zi’...

Carnevale - Chiammàteme a nu bbuono prevete, si m’aggi’a cunfessa’...

Rafele - ‘O zi’, nun ve mettite appaura! Basta ‘a bbona azione ca facite mo ame, ca ‘a ccà a cient’at’anne c’ ‘o Signore ve chiammarrà ‘mParaviso,nun avit’a manco cerca’ permesso; salutate e trasite.

Carnevale - Me fanno passa’?

Rafele - E comme!

Carnevale - Io me metto scuorno, pecche ‘e peccate mieie songo assaie...

Rafele - E pecche ‘e peccate vuoste l’avit’a dicere a nu prevete sulo? Io ve chiammo a cinche o se’ prievete, e e’ ‘e spartite nu poco pedono. (Pausa) Vuie po’, tutto summato, qua’ peccate murtale tenite ‘ncopp’ ‘a cuscienza?

Carnevale - Ehi ‘O maestro...

Rafele - ‘O maestro ca se sparaie, pecche vuie lle prutestasteve ‘e ccambiale?!

Carnevale - Eh!

Rafele - Giesù! e chillo nun ve pavaval Putiveve maie immagina’ ca, prutestannole ‘e ccambiale, chillo pigliava na rivoltella, e se sparava?!

Carnevale - È ove’?

Rafele - Certo!

Carnevale (riflette, si rabbuia) - ‘O fatto d’ ‘a morte ‘e figliema Maria...?!

Rafele - Embè, e pure p’ ‘o fatto d’ ‘a morte d’ ‘a bonanema ‘e Maria, vuie si, ce avite colrja, ma sempre fino a un certo punto.

Carnevale - È ove’?

Rafele - Ma se sape. Comme a ppato, ‘o matremmonio ca essa vuleva fa’nun ‘o vedisteve buono, e nun le disteve ‘o cunzenzo.

Carnevale - Proprio. Putevo maie penza’ ca chella arapeva ‘a fenesta e se menavaabbascio...?! (Pausa)

Rafele - E che ato ce sta?

Carnevale - Eh! (come dire: altro che!) Muglierema...

Rafele - Ah?! ‘O fatto d’ ‘a zia ca, p’ ‘o dispiacere d’ ‘a figlia, e p’ ‘a relazione vosta cu ‘Ntunetta s’arricettaie dint’a manco tre gghiuorne?!

Carnevale - Eh! Eh! (Approva, come impaurito)

Rafele - Ah, e che c’entra? Lia fuie tutta na conseguenza. (Pausa) E che ato ce sta?

Carnevale - Che aggio dato ‘e denare cu ‘o ‘nteresse...

Rafele - Ma chesta è na sciucchezza!

Carnevale - Comme?

Rafele - Ma si: e allora ‘e Bbanche avarriano ‘a i’ tuttuquante all’inferno?!

Carnevale - Ah?! (comedire: davvero?)

Rafele - È logico. (Si volta e scorge i due beccamorti, che son tornati a far capolino dalla finestra. Ha uno scatto di rabbia incontrollata, corre alla finestra, ne scavalca il davanzale, ed insegue quegl’intrusi che fuggono. Si ode, subito dopo, il chiasso prodotto da un vivacissimo litigio, che si immagina che avvenga nel vicolo)

Spezza la musica

Carnevale (spaventato, vorrebbe uscir dalle coltri, grida) - ‘Ntune’! ‘Ntune’!

Sisina (entra, correndo dalla porta di strada) - Donna ‘Ntune’! Donna ‘Ntune’!

‘Ntunetta (appare da sinistra, seguita da Nannina) - Ched è?

Sisina - Currite ccà (indica fuori) ca ‘o nepote vuosto sta piglianno a schiaffe achillo d’ ‘e ppompe funebre... (Le tre donne escono, in fretta, per la porta di strada. Il chiasso esterno continua ancora per un poco, poi decresce, fino a cessare)

Rafele (riappare stravolto, un po’ ansimante, l’abito maltrattato, la cravatta in disordine. Ha nelle mani un berretto, che ritiene il suo, mentre è quello del becchino, con la scritta “Pompefunebri”)

Carnevale - Rafe’...

Rafele - E fammece ‘e dda’... Hanno avuto forme ‘e schiaffe, ca mo ‘o tavuto ce vò pe’ lloro!

Carnevale -.. Ma comme, io stongo ‘e chesta manera, e tu mme daie chistuschianto?!

Rafele - ‘O zi’, e chilli dduie non se n’erano jute: passiavano fore ‘a fenesta, aspettanno gli ordinativi... (Si commuove, avvicinandosi al letto) Io già, Ddio ‘o ssape, comme stongo, ca vuie ve sentite accussi... (Scoppia apiangere, accentuando volontariamente il suo dolore, ed appoggiandosi alla spalliera del letto) ‘O zi’, io ve voglio bene...

Carnevale - Rafe’, nun chiagnere...

Rafele - ‘O zi’, io ve voglio bene...

Carnevale - Rafe’, nun chiagnere... Io ‘o ttengo pe’ malaurio! (‘Ntunetta e Nonnina sono rientrate, e ridono)

Rafele (sempre piangendo) - Ma pecche v’aggi’avut’a perdere...?

Carnevale - Aspe’, tu nun m’hè perzo ancora! (Pausa) Rafe’, damme ‘na mano... (Vuol sollevarsi, per meglio respirare)

Rafele (si pone il berretto in testa, e si avvicina allo zio, per aiutarlo)

Carnevale (legge la scritta “Pompe funebri”, sbarra gli occhi e, con voce strozzata dall’emozione, esclama) - ‘A coppola... ‘A coppola... Mo ll’affare ‘o vulisse fa’ tu?!

‘Ntunetta (a Rafele) - Gué, levate ‘a coppola!

Rafele (ha un sobbalzo, si toglie il berretto, e lo getta a Sisina che, entrata in quel momento, gli lancia, a sua volta, il suo berretto ed esce in fretta) - Embè, ‘mmiez’ ‘e cazzotte, apposta ‘e me piglia’ ‘a coppola mia, m’aggio pigliata ‘a coppola ‘e chillu carogna!

‘Ntunetta (come ricordando, con un piccolo gridò) - Uh! ‘O llatte ‘ncopp’ ‘o ffuoco! (Va in cucina, seguita da Nannina. Sotto la porta è comparso il notaio. Ha un fare pretesco, untuoso, si scappella, mostrando una luminosa calvizie)

Il notaio - Permesso?

Rafele - Uh! ‘O zi’, ‘o nutaro! (Corre incontro al nuovo venuto, gli toglie con grande premura il cappello di mano, i guanti, e fa per baciargli la mano, che l’altro ritrae)

Il notaio (si avvicina al letto) - Buongiorno, Don Pasca’!

Carnevale (con uno scialbo sorriso) - Nota’, ce simmo!

Il notaio (stringendogli la mano) - Eh! vuie state na bellezza!

Rafele (verso la cucina) - ‘A zi’, ‘o signurino nutaro!

‘Ntunetta (entra dalla cucina, con la tazza di latte) - Buongiorno.

Rafele - Nota’, un po’ di latte?

Il notaio - No. (E lo guarda sorpreso)

Rafele (pulisce una sedia con il suo fazzoletto, e la porge al notaio che siede con le spalle alla finestra)

Carnevale - ‘Ntune’, posa sta tazza ‘ncopp’ ‘a culunnetta, e vattenne dint’a ddu Nannina. Portate pure a Rafele.

Il notaio (nel frattempo, ha tirato fuori dalla borsa, che aveva con sé, alcune carte)

Rafele (si è seduto comodamente alla sua sinistra, ed aspetta che s’incominci...)

Carnevale - Rafe’! Rafe’! Eh! chillo s’è assettato!

‘Ntunetta - Rafe’! E viene cu mme!

Rafele (si leva a malincuore, passa dietro il notaio, e gli sussurra all’orecchio) - Mi raccomando.

Musica

 (Il notaio fa un gesto come di assenso. Rafele si china e gli bacia la calvizie, quindi, esce, compunto, seguendo ‘Ntunetta. Il notaio lo guarda, sbalordito. Lunga pausa)

Spezza la musica

Il notaio - Don Pasca’, posso...?

Carnevale (glifo un cenno d’assenso)

Il notaio (legge quanto va scrivendo) - “In nome di S.M. Vittorio EmanueleIII, per grazia di Dio e volontà della Nazione Re d’Italia, alla presenza delsottoscritto notar Girolamo Consiglio fu Francesco, io, Pasquale Capuozzi, fu Nicola, in piene facoltà mentali lascio...”.

Carnevale (lentamente, scende dal letto con la coperta sulle spalle, origlia alla porta di sinistra, e va a sedersi alla sua poltrona) - Nota’, ripetete... “Io, Pasquale Capuozzi...”.

Il notaio - “... Fu Nicola, in piene facoltà mentali...”

Carnevale ”.... in piene facoltà mentali lascio...”

Musica

 (Si china a parlargli all’orecchio, mentre dalla strada giunge allegro il suono di un pianino)

FINE DEL PRIMO ATTO


ATTO SECONDO

Tela. La scena.

Il vicoletto nel quale, a sinistra, s’affaccia il basso di Carnevale, tra l’osteria di Don Giovanni ed il portoncino del palazzo, ch’è annerito e contorto, per l’incuria degli uomini e del tempo. Di fronte, il basso di Donna Filumena e di Sisina, in primo piano, e quello di Donna Peppina, in secondo piano. In fondo, alcuni scalini di pietra conducono ad un altro vicolo, che corre trasversalmente, anch’esso con il suo traguardo di palazzetti stonacati, ed in completo abbandono. Bandiere di povera biancheria, da porte a finestre, impediscono quasi la vista del cielo.

Son trascorsi due giorni. È il pomeriggio del 29 giugno. Carnevale è morto, ed il suo cadavere s’immagina esposto in casa. Le donne sono davanti alle loro abitazioni, e lavorano di bianco. Don Gennaro è presso il suo palazzetto e discorre con la giovane popolana Donna Vicenza. Affacciata ad una finestretta ad un primo piano sovrastante il basso di Donna Filomena, c’è ‘A signora, una donnetta all’antica, smunta e miserabile. Dall’interno dell’osteria si odono le allegre note della canzonetta di Raffaele Viviani, “Tanno EMO mo” cantata da ‘O cantante.

Musica

Sisina - Don Genna’, levateve ‘a coppola. Cu ‘o muorto là...

Don Gennaro (si toglie il berretto, sbuffando) - Io me l’aggio levato diciassette vote ‘a stammatina! Stesse Dino vascio, ma io stongo ‘mmiez’ ‘a via.

Sisina - E allora, scustateve. Pare brutto, pe’ chi vede...

Donna Filumena - No pe’ Carnevale, ca nun s’ ‘o mmereta, ma pe’ rispetta’ ‘a morte: ca, a chi primma e a chi doppo, ce ha dda veni’ a felicita’ a tutte quante.

Don Gennaro - Gesù! Vuie vedite a me, ca stongo cu ‘a coppola ‘n capo e ‘o cantante ca sta cantanno dint’ ‘a cantina, nun ‘o sentite?

Donna Peppina E pure chillo s’avarri’a sta’ zitto. Chesta che purcariaè? Già, me dispiace pe’ Don Giuvanne, ca ce ‘o ppermette!

‘A signora - Ma lo sa il cantiniere che, affianco, vi è un morto?

Don Gennaro - Comme non lo sa? Chillo aiere vuleva spara’ e bbotte, e vu leva appiccia’ ‘e bengale.

‘A signora (scandalizzata) - Oh!

Donna Vicenza - Chille steveno appiccecate ‘a tantu tiempo, pe’ cierti solde ca Carnevale ‘ ‘mprestaie ‘a bonanima d’ ‘o pato ‘e Don Giuvanne; e nun l’hapututo cchiù ave’. (Pausa)

Sisina - Overo, ma facit’ ‘o sta’ zitto a stu cantante! È proprio na cosa ca nun va.

Don Gennaro - E chi ce ‘o ddice?

Sisina (sorridendo) - Vuie.

Don Gennaro - Nenne’, io te faccio pazz’ ‘a! Pecche mme vuo’ fa’ appicceca’?

Donna Peppina (decisa) - Mo ‘o chiammo io. (Va alla soglia dell’osteria, e chiama verso l’interno) Don Giuva Don Giuva’! (Entra Don Giovanni scamiciato, rosso in volto, le mani sui fianchi)

Don Giovanni - Dite.

Donna Peppina - ‘On Giuva’, facit’ ‘o sta’ zitto a chisto che canta...

Don Giovanni (seccato) - Chi ve l’ha ditto? ‘O guardaporta? (E guarda minacciosamente Don Gennaro)

Don Gennaro - Chi? Io nun aggio apierto ‘a vocca.

Don Giovanni - Chillo sta cantanno cà fora, ‘a cammarella ‘a parte d’ ‘a strada.

Donna Peppina - Eppure se sente.

‘A signora - Chiudete almeno questa porta!

Sisina - Tanto, è ‘a cucina.

Don Giovanni - E già, cu tutt’ ‘e ffurnacelle appicciate? Io po’ moro asfissiato!

Donna Filumena - E allora s’hann’a senti’ ‘e suone, e chillo che canta, cu ‘o muorto là?

Don Giovanni - Ma pecche, chillo pure è nu muorto, c’ha dda essere rispettato?

Donna Filumena (ammonendo) - Tutte quante hann’a essere rispettate, quanno so’ muort.

Donna Vicenza - Meh, bellu figliulo!

Don Giovanni (per farsi ragione) - Ma comme! Chillo pe’ duiciento lire ca’mprestaie a paterno, in un momento ca paterno nun e’ ‘e pputeva da’, ‘o dette tanto ‘e chillo ttuosseco, ca ‘o pover’ommo nne pigliaie na malattia: ‘e pprete dint’ ‘o fegato! ‘O facette muri’!

Donna Peppina - Embè, e mo è muorto pur’isso: e, quanno uno è muorto, è scusabile.

Donna Filumena - Fosse vivo, dice: “Io ce l’aggio...”.

Sisina - Ma chillo è muorto!

Donna Vicenza - Cu chi v’ ‘a pigliate?

Don Gennaro - Cu n’essere defunto?!

‘A signora (appoggiando gli altri) - Eh!

Don Giovanni (sembra persuaso, esce. Si ode la sua voce gridare) - Stateve zitte! Stateve zitte! (La musica ed il canto s’interrompono)

Donna Peppina (soddisfatta, alle altre) - E si! fammece ‘o ddicere!

‘A signora - E che diamine! Certi rancori dopo la morte debbono sparire.

Donna Vicenza (guarda nel basso di Carnevale, ed alludendo al morto) - Giesù! Giesù! Nun se cunosce cchiù! Signo’, v’arricurdatequant’era...

‘A signora - Come….quell’omone!

Don Gennaro - E pecchesto ‘o chiammavano Carnevale. (Pausa) Ma mo, non per dirne male, pecche sta ‘o munno ‘a veritàma Don Giuvanne have ragione! (Pausa) E intanto, ‘a buonanima, cu ‘o sango d’ ‘a ggente, e magnannese ‘e ppelle d’ ‘e crestiane, lassarrà ‘a quatto cinqueientomila lire...

A signora - Veramente?

Don Gennaro - Ah, no? E comme s’ ‘e ffaceva? Sfruttanno ‘o prossemo: ‘o ciento pe’ treciento! E, sciorta mia, chillo quanno avev’a muri’? Quann’io l’aggio scuntato fino all’ultimo cientesimo! (Pausa)

Donna Vicenza (curiosa) - E a chi va, mo tutta sta fortuna? Chillo nun tene nisciuno.

Don Gennaro - E comme? nun l’avite visto ‘o nepote? Appena vedette ca ‘o zio steva pe’ muri’, nun s’è muoppeto cchiù ‘a vicino a isso. E dint’ ‘e braccia d’ ‘o nepote è spirato...

Donna Vicenza - Ah, neh?

Don Gennaro - Si, ma io aggio paura ca Carnevale, quanno mannaie a chiamma’ ‘o nutaro, l’avett’a fa’, ‘o testamiento: na piccola cosa ‘o nepote, etutt’ ‘o riesto ‘a femmena soia!

‘A signora (cascando dalle nuvole) - A chi? Aveva una femmina?

Don Gennaro - ‘Ntunetta.

‘A signora (meravigliatissima) - La cameriera?

Don Gennaro (rifacendola) - La cameriera? tant’anne fa Chille ‘a na quindicina d’anne facevano vita aunite.

‘A signora - Si?

Donna Vicenza - E nun vedite comme s’ ‘o chiagne?

‘A signora - Vedete! vedete!

Donna Vicenza - Che fortuna, che?!

Don Gennaro - Chella jette pe’ ffa’ ‘e servizie; a Carnevale po’ lle piaceva; e la passò a fare gli altri servizi...

‘A signora - E lei?

Donna Vicenza - E essa ch’era scema?

‘A signora - E va bene, ma sempre un sacrifizio...

Donna Vicenza - Che sacrificio?! che fastidio lle puteva da’ nu viecchio a chella aita? Se tenette ‘a posta, pecche sapeva ca doppo s’arrunzavatutto cosa essa... (Con sincerità) E ll’avarrìe fatto pur’io... (Guarda ‘A signora, che le sorride) E pure vuie, signo’!

‘A signora (seccata da tanta confidenza) - Ah, io, no! (E si ritrae, per poco)

Don Giovanni (ironizzando quell’ostentato pudore) - Essa no!

‘O cantante (appare dall’osteria come una furia. Alle donne) - Chi ha ditto a Don Giuvanne ca io m’avev’a sta’ zitto? (Le donne guardano Don Gennaro) Tu?

Don Gennaro (scattando) - Dalle! Afforza!

‘O cantante (giustificandosi) - Ma comme, mo è trasuta na cumitiva ‘e ggente, na tavula ‘e quinnece, sidece perzone; mo mm’aggi’a abbusca’ na lira, me sto zitto? Io nun canto pe’ pazzia’, canto pe’ m’abbusca’ ‘a campata. E chi me leva ‘a campata a mme, io m’ ‘o magno! (Fa per inveire contro Don Gennaro, che si ritrae di qualche passo)

Donna Peppina (convincente) - Ma llà ce sta nu muorto...

‘O cantante (indicando) - E ccà ce sta na cantina! E dint’ ‘a cantina, se canta! E io canto! (Esce. Si ode la sua voce decisa) Sunate! (La musica all’interno dell’osteria ripiglia, e dopo l’introduzione, ‘O cantante ricomincia a cantare)

Donna Peppina - Ma guardate! (E si volge attorno, irritata)

Sisina (a Don Gennaro) - ‘A verità, Don Genna’, io nun m’ ‘a tenarrìe. Jate llà e ‘ntustatancella...

Don Gennaro - C’aggi’a ‘ntusta’

Donna Filumena (con intenzione, e sorridendo alla figlia) - All’aita soia...? (Vedendosi fissata da Don Gennaro).. se pò mettere cu chillo?

Sisina (attardando verso il basso di Carnevale) - ‘Ntunetta! ‘Ntunetta! (Le donne assumono atteggiamenti di compunzione. A signora si riaffaccia)

‘Ntunetta (entra, vestita di nero, asciugandosi gli occhi. E sorretta da Nannina, che, porgendole una sedia, la fa sedere fuori del basso)

Nannina - Eh, ma vuie v’avit’a calma’! E si no, che ffacite? Alla fine chillo è muorto quase ‘e vicchiaia.

Ntunetta (fra le lagrime) - Nanni’, famme sfuga’! Nanni’, famme sfuga’! Aggio avuto che pperdere!

Nannina - E avite avuto che pperdere, fino a nu certo punto. Avite visto che primma ‘e chiudere ll’uocchie, a vuie ha penzato?!

‘Ntunetta - Si, pecchesto si, chi dice ‘o ccuntrario? Ma isso nun m’avev’a lassa’!

Nannina - Ehi “Nun m’avev’a lassa’!”. Chillo teneva sittant’anne!

Donna Filumena - Eh! (Come dire: altro chel)

‘Ntunetta - M’ha vuluto bene! bene m’ha vuluto! D’ ‘o primmo juorno ca se accummenciaie a senti’ male “Manna a chiamma’ ‘o nutaro! Io aggi’a ruminane’ tutte cose scritte, tutte cose chiare, si no nepotemo affacciapretese”. (Pausa)

Donna Vicenza - E quanno venette ‘o nutaro, vuie ce stiveve?

‘Ntunetta - Niente, io me n’ascette fora... E chi teneva ‘o curaggio ‘e senti’? (Pausa) Neh, ma nisciuno ce l’ha ditto a chisto ca sta cantanno, ca ‘a femesse?

Sisina - E comme!

Donna Peppina - Ce l’avimmo ditto.

Sisina - E nun ha vuluto senti’.

Donna Filumena - Dice ca isso canta pe’ magna’.

‘Ntunetta - E ce ‘a dammo, quacche cosa ‘e solde, abbasta ca se sta zitto.

Nannina - Don Genna’, dicitencello.

Donna Peppina - Jate, jate.

‘A signora - Siete l’unico uomo in mezzo a noi.

Don Gennaro (titubante) - Ma pecche me vulite fa’ abbusca’?!

Donna Peppina - E ghiammo! (Anche le altre donne lo incoraggiano)

Don Gennaro (si decide ad entrare nell’osteria. Si ode la sua voce) - Pss! Pss! Basta! Basta! (La musica ed il canto s’interrompono, ma dopo un attimo il portinaio si alza, quasi scappando, per non essere colpito da una seggiola che qualcuno gli ha tirato appresso)

Donna Peppina (indignata, verso l’osteria) - E fernitela!

Sisina - Overo!

Donna Filumena - Chesta che schifezza è?

‘O cantante (entra inferocito, trattenuto da Don Giovanni) - Chi ‘o ddice che m’aggi’a sta’ zitto? (E guarda Don Gennaro, che furtivamente mostra ‘Ntunetta)

‘Ntunetta (dopo una breve pausa) - ‘O ddich’io. (Ancora una pausa) Vuie che dicite? Che avit’a magna’ cu ‘o ccanta’? E ve pav’io, abbasta ca nun cantate.

‘O cantante - Sta bene.

Don Giovanni (a lui) - ‘O vedite? Ve pava ‘a signora.

‘Ntunetta (fruga nella tasca del grembiule: non vi trova spiccioli) - Mo ca vene ‘o nepote, ve faccio da’ na ventina ‘e lire, va buono?

‘O cantante - Sissignore.

Don Giovanni (a lui) - Avite visto? Avite avuto pure venti lire.

‘O cantante (mettendo i puntini sulle i) - Io nun aggio avuto niente ancora!

Don Giovanni - E le avrete.

‘O cantante - Ah, le avrò... (Escono)

Donna Vicenza (per riattaccare il discorso, a ‘Ntunetta) - Giesù! Giesù! Accussi diceva? “Io aggi’a ruminane’ tutto scritto?”.

‘Ntunetta (confermando) - “... Tutto cosa chiaro, si no nepotemo affaccia pretese”.

Don Gennaro (sbalordito) Sicché è chiaro, ca nun l’ha rimasto manco nu soldo.

Donna Filumena (considerando) - Uh. Giesù! E Don Rafele sta facendo tanta ammuina! Sta jenno, sta venenno...

‘Ntunetta (sicura) - Ehi E mo siente, mo ca vene ‘o nutaro, s’arape ‘o testamiento, e sape ca ‘o zio ha rimasto tutto cosa a me! (Pausa)

Donna Filumena - E va bene... Vuie po’ tenite ‘o core buono...

Donna Peppina - Ce ‘a date vuie quacche piccola cosa a isso...

‘Ntunetta - A me? E io tradesse ‘a vuluntà soia? (Ed indica il morto) Nefaciarrìe nu bello rispetto! Sartiena birbante! (Pausa) Si nun ce l’harimasto ‘o zio, vo’ dicere ca nun teneva nisciuna ‘ntenzione ‘e ce ‘o rummane’. (Pausa) Io faciarrìe nu tuorto ‘a memoria soia? Vuie pazziate? Chillo me venarrìe ‘n zuonno, me faciarrìe sbremmena’ d’ ‘a paura!

Nannina (guardando, verso destra) - ‘O nepote ‘o nepote!

Rafele (entra dal fondo, sovraccarico di fagotti. Lo segue uno scalcinato caffettiere, in maniche di camicia, che reca un vassoio con sopra una chicchera contenente del cioccolato, una tazza ed un piattino con dei biscotti savoiardi. Rafele ha al cappello e al braccio sinistro il segno di lutto)

Le donne - Don Rafe’, bongiorno.

Rafele - Bongiorno. (Premuroso, a ‘Ntunetta) ‘A zi’, pigliateve nu poco ‘e ciucculata. Meh, è caverà caverà!

‘Ntunetta - E chi tene genio ‘e pruva’ niente?

Rafele - Eh. ma che vulite cade’ in debulezza pure vuie? (A ‘O cafettiere) Miette ‘a ciucculata.

‘O cafettiere - Pronto. (Versa il cioccolato nella tazza)

Rafele (a Donna Filumena e a Don Gennaro, che gli sono vicini) - Chella sta ‘a vintiquatt’ore senza pruva’ na goccia d’acqua.

Donna Filumena - Ma certo...

Rafele (vedendo che ‘Ntunetta comincia a sorseggiare il cioccolato) - Meh, ‘a zi’, duie biscotte, meh!

‘Ntunetta (come disgustata) - No, niente biscotte.

Rafele (insiste) - So’ liggiere, so’ savoiarde, e danno nutrimento.

‘Ntunetta (sospirando, prende un biscotto dal vassoio, che le va porgendo ‘O cafettiere, lo bagna nel cioccolato e in due bocconi lo mangia, poi allunga nuovamente la mano e ‘O cafettiere, pronto, le presenta il piattino. Ella, sempre sospirando, prende un secondo biscotto che, come il primo, divora, poi ne prende un terzo e, masticandolo, ricomincia a piagnucolare) Giesù... dint’a manco tre gghiuorne... (Mangia un quarto biscotto, e ne prende macchinalmente un quinto) Tre gghiuorne... (Ne prende un sesto) È stato nu fulmine... (Ne prende un settimo) Comme a nu fulmine...

Rafele - Sparisceno ‘e bbiscotte! (Donna Filumena e Don Gennaro ridono)

‘Ntunetta (continua a piagnucolare ed a mangiare)

Nannina - Don Rafe’, e che so’ sti cartacce?

Rafele - Aggio fatto nu poco ‘e spesa: aggio pigliato nu poco ‘e pesce.

‘Ntunetta - E chi tene genio ‘e magna’? A me me s’è cchiusa ‘a vocca ‘o stommaco... (E macchinalmente, mangia sempre)

Don Gennaro (sottovoce) - Ce pare!

Rafele - Nanni’, teh! (Le porge i fagotti)

Nannina - Pare brutt…

Rafele - Che “pare brutto”? Chello è magna’: è sostentamento, nun è scustumatezza!

Nannina - E date ccà! (Nasconde i fagotti, sotto il suo grembiule)

Donna Filumena - Don Rafe’, nun facite cerimonie: Nannina ‘o ppò gghi’ a cucena’ dint’ addu me.

Rafele - Grazie. E allora me facite ‘o favore: ‘a tavula pure ‘a mettimmo dint’ addu vuie.

Donna Filumena - Figurateve!

Rafele - Nanni’, va’.

Nannina (a Rafele) - Che pisce avite pigliato?

Rafele - So’ duie chile ‘e ciefere. (Pausa) ‘A zi’, ‘e ciefere ‘e facimmo arrustute?

‘Ntunetta (sempre con voce lagrimosa) - Eh. Nanni’, arrustele a fuoco lento, nun e ffa’ abbruscia’. (Man mano che parla, la voce prende a tornare nitida, come s’ella avesse già dimenticato il dolore recente) Doppo, l’accuonce pure: ne lieve ‘e spine... ‘E ffaie cu ll’aglietiello, ‘o ppoco ‘e petrusino, ‘o ppoco d’uoglio e ‘o ppoco ‘acito...

Rafele - Me pare ca dint’ ‘o dulore nun s’ha scurdato niente! (Le donne ridono in sordina. A Nannina) Miette pure ‘a tiana. (A ‘Ntunetta) ‘A zi’, ‘e maccarune comme ‘e facimmo? Cu ‘a salsa ‘a marenara?

‘Ntunetta (che ha capito di essersi lasciata andare, riprendendo la sua voce lagrimosa) - Facite chello ca vulite vuie, nun me dicite niente! Faciteme sfuca’! Faciteme sfuca’! (E riprende a piangere)

Rafele (spingendo Nannina nel basso di Donna Filumena) - Facit’a sfuca’, facit’a sfuca’...

Donna Filumena (a Nannina) - ‘O ffuoco già sta appicciato. Miette n’ati dduie ggravune. Stanno sott’ ‘o fuculare. (Nannina esce)

Rafele (alcaffettiere) - Quanto he’ ave’?

‘O cafettiere - Tre lire.

Rafele - Tre lire, na tazza ‘e ciucculata?

‘O cafettiere - ‘A tazza ‘e ciucculata sta uttanta cienteseme. Po’ ce stanno 2,20: unnece biscotte.

Rafele (a ‘Ntunetta) - ‘A zi, unnece biscotte? (Le donne sorridono)

‘Ntunetta (come stordita) - E che nne saccio!?

Rafele - Ma se sape! cu l’anemo ulcerato puteva cunta’ ‘e biscotte? (Paga il caffettiere) Tie’, e vattenne. (Il caffettiere esce)

‘O cantante (dalla “cantina” a ‘Ntunetta) - È venuto ‘o nepote vuosto?

Rafele (mentre tutti si guardano) - Sissignore, e pecche?

‘O cantante - ‘A principale ‘o ssape.

‘Ntunetta - Ah, si... lla dd’ave’ na dicina ‘e lire.

‘O cantante (rapido) - Avete detto venti. (E guarda intorno, per trovare testimoni)

Rafele (a ‘Ntunetta) - Ma pecche l’ha dd’ave’?

‘Ntunetta - E chillo steva cantanno dint’ ‘a cantina, e ccà fore se senteva... E io pe’ farlo sta’ zitto...

Rafele (marcando) - P’ ‘o fa’ sta’ zitto, vinte lire? (A ‘O cantante) E pe’ te fa’ canta?

‘O cantante - Ma io quanno canto, m’abbusco a jurnata: e si mme stango zitto, comme mm’abbusco cchiù? C’ ‘o ffaccio, pe divertimento?

Rafele - E diece lire nun te abbastano?

‘O cantante - E ce stanno pure ‘e sunature, simmo quatto. Che facimmo? Ddoie lire e meza pedono?

‘Ntunetta (alzandosi, seccata) - Rafe’, nun fa’ chiacchiere, nun fa’ chiacchiere... (E torna nel basso)

Rafele (dandosi importanza, e seguendo ‘Ntunetta, a ‘O cantante, dopo essersi tastato, come per vedere se ha danaro) - Adesso manderò a cambiare e sarete soddisfatto.

‘O cantante (fa un cenno d’assenso ed esce, dopo aver data un’occhiata minacciosa a Don Gennaro. Pausa)

Don Gennaro (con circospezione, rivolto alle donne) - Mo ‘o nepote caccia ati solde...

Donna Filumena (alle altre donne) - Chesto po’, manco sta, ‘a verità ‘e Dio!

Donna Peppina - Io ce ‘o ddicesse proprio a Don Rafele. (Le altre approvano)

Don Gennaro - Nonsignore, che ce ne ‘mporta a nnuie?

Donna Filumena - E pecche chillo puveriello ha dda caccia’ ati danare, quanno nuie già sapimmo ca, all’urdemo, nun avarrà niente?

Donna Vicenza - E cu che cuscienza po’? ‘A femmena soia, si; e ‘o nepote ca ll’èsango,no?

Sisina - ‘O lasceto l’ha avuto essa? E essa ha dda fa’ ‘e spese! (Esce)

‘A signora (decisa) - Don Genna’, chiamate il nipote con una scusa e ce lo dite.

Don Gennaro (che ha capito) - A chi, signo’?

‘A signora (sicura) - Al nipote...

Don Gennaro - Io ve faccio pazza!

‘A signora - Perché?

DON Gennaro - Io già dint’ ‘a cantina aggio avuto na siggiata!

A signora (gli fa un gesto come dire: “Esagerato!”. Si ritrae, e dopo poco scende, nel vicolo)

Donna Vicenza (alle altre) - Stateve zitte. Na parola pedo’... (Le donne approvano ed ella, con circospezione, fa un gesto verso il basso di Carnevale) Don Rafe’, sentite.

Rafele (viene fuori)

Donna Vicenza - Venite ccà. (Lo prende per un braccio e lo porta in avanti. Donna Filumena e Donna Peppina a sinistra, e ‘A signora, Donna Vicenza e Don Gennaro a destra, circondano il nipote di Carnevale)

Donna Filumena (dopo essersi assicurata che ‘Ntunetta non possa vederla, a Rafele che non ha ancora compreso il perché di tanta segretezza) - Sentite. Don Rafe’, nuie pe’ scrupolo ‘e cuscienza ve ravimm’a di’, pecche stammo vedenno ca ve state piglianno tanto fastidio e state facenno nu cuofeno ‘e spese. E siccomme... (Spingendo Donna Peppina accanto a Rafele) Cumma’, e parlate pure vuie: mme state facenno dicere tutto cosa a mme!

Donna Peppina (la guarda male, e, facendosi coraggio) - Ecco ccà, poco fa ‘ ‘Ntunetta, primma ca venisseve vuie, chiagnenno, là fora, ha confessato, ca... Don Genna’, e ddicite...

Don Gennaro (seccato di essere stato tratto in ballo, è costretto tuttavia a parlare) - ca ‘o muorto, primma ‘e fa’ ‘ ‘o testamiento... (Spinge avanti ‘A signora, perché continui il discorso)

‘A signora - ha detto ad Antonietta: “Io voglio rimanere tutto scritto, tutto chiaro...” (Spinge avanti Donna Vicenza)

Donna Vicenza - “... si no nepotemo affaccia pretese”.

Rafele - Overo?!

Le donne (approvano, con le facce di circostanza)

Don Gennaro - Quasi a far capire...

Donna Filumena - che avesse lasciato tutto cosa a essa...

Donna Peppina - In altri termini...

Rafele - Io nun aggio niente!

Le donne (tacendo, compunte, confermano)

Rafele (dopo una pausa, pallido, sgomento, balbetta) - Uh Giesù! E io aggio fatto ‘a copp’ ‘a quattuciento lire ‘e debbeto! (Ha uno scatto verso il morto) Uh m’all’anema ‘e...

Le donne (con un piccolo grido, gl’impediscono di continuare la bestemmia)

Rafele - E chille me l’hanno dato pecche sanno ca io aggi’a piglia’ o lasceto (Pausa) Uh m’all’anema ‘e... (Si frena a stento) Giesùl Giesù io aggio dato pure ciento lire in acconto ‘o sarto p’ ‘o vestito ‘e lutto! Aggio chiammato ‘o carro ‘e siconda classe! E si sapevo chesto, io nun ‘o pigliavo ‘o carro ‘e siconda classel Io ll’affittavo na carrettella!

Donna Filumena - Eh!

Donna Vicenza - Nun ‘o ddicite!

Donna Peppina - ‘A fernite, si o no?

Rafele (disperandosi) - Ma comme... Io aggio urdinata pure ‘a ghirlanda ‘e fiori! “Al caro zio, il nipote adorato”. (Descrive con il gesto la positura dei nastri con le scritte, propri delle corone mortuarie) E chi ‘e ppava a tutta sta ggente?! (Ripete il gesto, con esasperazione, due volte)

Donna Peppina (dopo una pausa) - E va buono... Alla fine, sempe sango v’è...

Rafele (sempre più indignato) - Qua’ sango? Chist’è sango ‘e puorco!

Donna Vicenza (ammonendolo) - E beneditto Ddio. senza vede’, ve mettite a fa’ spese?

Rafele - Embè... (Come dire: che ci volete fare?!)

‘O cantante (riappare dall’osteria)

Rafele (nel vederlo, gli si avvicina minaccioso, mentre le donne lo pregano di essere calmo)

‘O cantante - Neh, vuie avite cagnato?

Rafele (aggressivo e deciso) - Nun aggio cagnato ancora! Aspetta! Chillo va pure ‘e pressa!

‘O cantante - E almeno io e ‘e sunature ce ne jammo, nun perdimmo tutt’ ‘a jurnata.

Rafele (con sarcasmo) - Aggio mannato a cagna’ mille lire! (E con il gesto, attribuisce al foglio da mille, la lunghezza esagerata di un braccio).. E nun è facile, ‘a ccà tuorno

‘O cantante (ripete il gesto) -?! Mille lire?

Rafele - Eh! Accussi so’! (Insiste nel gesto) LI’avite viste maie, ‘e mille lire?

‘O cantante - No!

Rafele (fra i denti) - E maie ‘e vide...!

‘O cantante (esce, borbottando)

Rafele (fa per scagliarsi nuovamente contro di lui, ma è trattenuto. Pausa. Si rivolge alle donne) - Va buo’, grazie... Certo, io mo, nun pozzo dicere niente, fino a che nun se legge ‘o testamiento, che sarrà questione ‘e mumente. (Al portinaio, facendogli segno di stare zitto) Don Genna’, m’arraccumanno...

Don Gennaro (lo rassicura)

Rafele - Grazie (E il gruppo si sparpaglia)

‘Ntunetta (entra dal basso)

Rafele (le va incontro, stranamente premuroso, come di proposito, le offre una sedia) ‘A zi’, ascite assettateve! Oramaie... (Prende la sedia, che è davanti al portone) Don Genna’, permettete...

Don Gennaro - Fate.

rafele (siede presso la zia) - Dunque ‘a zi’, io v’aggi’a essere sincero. ‘O zio, primma ca venesse ‘o nutaro, me dicette testualmente: “Nepote mio, io aggi’a rimmane’ tutte cose scritto, tutto chiaro e specificato, si no ‘Ntunetta affaccia pretese”.

‘Ntunetta (si scuote, guarda negli occhi Rafele) - Accussi dicette?

Rafele - Parole soie, chillo sta là... (Indica il basso)

Donna Vicenza (che unitamente alla Signora e a Don Gennaro, va seguendo il colloquio da lontano) - Che lle starrà dicenno?

Don Gennaro - Mah!

‘Ntunetta - Giesù e pure a mme dicette o stesso. “Io aggi’a rimmane’ tutte cose scritto, tutto chiaro, si no nepotemo nun te lassarrà quieta!”.

Rafele (con un lieve sorriso) - E ve lo avrà detto p’essere lasciato ‘mpace, durante la sua estrema volontà; e ve lo prova il fatto che, quando ha dettato lo strumento, vulette rimmane’ sulo...

Donna Peppina (piano, a Donna Filumena) - È a lluongo, ‘o fatto! (Le due donne, anch’esse, dai loro posti cercano di afferrare qualche parola dei due)

Rafele - Ora dunque, ammesso che avesse lasciato qualche cosa pure a vvuie, data la compagnia fatta, e i servizi resi per tanti anni... pecche sti danare s’hann’a spartere?

‘Ntunetta (ha capito dove vuole andare a finire Rafele; rimane interdetta e non sa pronunciarsi)

Rafele (insinuante) - Vuie rummanite sola? Nun è possibile! Site ancora troppo giovane e bella, pe’ pute’ rinuncia’ ‘o munno. E io, cu tre o quattuciento mila lire dint’ ‘a sacca, figliulo ca songo, che faccio? Mme dico ‘o rusario? Mo eh’ ‘o ppozzo fa’, cerco ‘e me sistema’ pur’io. (Pausa) Nun ve pare?

Don Gennaro (alle due donne, che ha vicino) - Aggio paura ca chelli cannele serviranno a doppio uso... (Le due donne approvano)

Donna Filumena (a Donna Peppina) - S’ ‘a sta cumbinanno!

‘Ntunetta - Che vuo’ dicere, Rafe’?

Rafele - Io diciarrìe... dal mumento ca vuie avit’a truva’, e io aggi’a truva’, si io nun ve dispiacesse, dato ca vuie nun me dispiacete, pecche nun rimmanimmo tutto comme sta, e ce aunimmo zia e nepote, ‘a salute d’ ‘a bonanema?!

‘Ntunetta (tace, pensierosa)

Sisina (dal vicolo di sinistra, tornando, alle donne) - Neh, ‘o carro è venuto. (Le donne corrono a vedere)

‘Ntunetta (scompare nel basso, con un sospiro, come di sollievo)

Donna Peppina - E che fa? ‘O carro s’è fermato ‘mmiez’ ‘a piazza?

Rafele - E già, ‘o vico è stritto.

Don Gennaro - ‘O cucchiere comme avutava?

Rafele (alle donne) - Io diciarrìe... mo faccio arapi’ ‘o vascio ‘e Nannina. Accussi ‘o facimmo passa’ stesso ‘a là! (Le donne approvano. Verso il basso di Donna Filumena) Nanni’! (E a lei, che entra) Nanni’, va’ dinto, arape ‘a porta d’ ‘a cammera toia... ‘o facimmo asci’ ‘a là... (Nannina entra nel basso di Carnevale, mentre Rafele scompare nel vicolo)

Sisina (guardando il carro) - Quant’è bello!

Don Gennaro (scherzoso) - Nenne’, t’ ‘a vuo’ fa’ tu pure na passiatella?

Sisina - A me? (E si gratta come contro il malaugurio)

Donna Filumena - Don Genna’! (Come dire: che vi viene in testa?)

Sisina - Gué, mammà, viene videquanta gente!

Don Gennaro (sentenziando) - Tutte vittime!

‘A signora (a Donna Filumena) - Neh, io vado da quella parte; buttassero i confetti?

Donna Filumena - Eh, signo’, ch’è morta na criatura? Quanno moreno ‘e ccriature, se buttano ‘e cunfiette!

‘A signora - Ah, neh?

Don Gennaro (alla signora) - A chisto ‘o menano ‘e gghiastemme!

Donna Peppina - E zitto!

Il becchino (vien fuori dal basso di ‘Ntunetta, accompagnato da un aiutante. Si scappella) - Nuie stammo ccà. L’incaricato addo’ sta?

Sisina (verso il vicolo, chiama) - Don Rafe’... (Rafele accorre)

Donna Filumena (riconoscendo il becchino) Don Genna’, chisto è chilo che abbuscaie

Don Gennaro (a Rafele) - Gué, ma l’affare isso l’ha vuluto cumbina’!

Rafele - È stato tre gghiuorne for’ ‘o vascio, senza durmi’!

Il becchino (a Rafele) - Ce ‘o putimmo piglia’?!

Rafele - Eh! (becchini fanno per entrare nel basso, ma Nannina, venendo fuori, li ferma)

Nannina - C’avit’a piglia’? Chella ‘a casciaè piccerellal Chill’è nu piezzo d’ommo! (Donna Filumena va nel basso, per curiosare)

Il becchino - E va buo’... L’arrugnammonu poco ‘e ccosce!

Rafele (intervenendo) - C’avit’a arrugna’?! Si uno nun se pò stenderemanco doppo muorto?

Il becchino (a Rafele) Ma me vulitefa’vede’?

Donna Filumena (rientrando) - Nun ce cape...!

RaFEle (si avvicina al basso, e guarda... Poi) - E dire ca io ve l’avevo ditto: ‘a mesuracchiù grossa, ‘a mesura cchiù grossa!

altro becchino - Sissignore! E chesta è ‘a siconda taglia!

Don Gennaro (fra sé) - Ma ched è na maglia!

becchino (a Rafele) - E allora?

Rafele - E allora che? Ll’avit’a cagna’! Chella è corta! Chella è bona pe’ Don Gennaro! (Lo mostra)

Don Gennaro (scostandosi) - Nun ve mettite in cerimonie!

IL becchino (osserva il portinaio) - Eh, chella è proprio p a mesura vosta!

Don Gennaro - Ah! (Si allontana di qualche passo) Famme fa’ na grattata!

Rafele (ai becchini) - E gghiate, nun perdite tiempo!

becchino (guarda il compagno; a Rafele, non convinto) - Me permettete, quanno ce dongo n’occhiata?

Rafele (frenandosi a stento) - Jate a vede’! (I due becchini vanno nel basso. Pausa)

Don Gennaro (piano, a Rafele) - ‘E ccannele chi la accattate?

Rafele - Io, a credenza!

Nannina (che guardava nell’interno del basso) - Ma che stanno facenno?

rafele - S’ ‘o stanno mmesuranno c’ ‘o metro!

Don Gennaro - Se so’ fissate, sa’!

Rafele (ai becchini che risortono, sconfortati) Beh, ce va?

Il becchino (prende il metro dalle mani del compagno, e osservando la misura) - Ce mancano na trentina ‘e centimetre!

L’altro becchino - E mo, fino a che ghiammo n’ata vota ‘o magazzino!

Il becchino - Ma he mmesurato buono? (Gli strappa il metro dalle mani) Miette ccà! (E rientra nel basso)

L’altro becchino (a Rafele, facendosi ragione) - E vedimmo! (Segue il compagno)

Rafele (ai presenti) - So ccose d’ ‘e ppiglia’ a schiaffi!

A signora (a lui) - Abbiate pazienza!

Rafele - Vuie capite?! Chille pe’ nun fa’ ‘a fatica ‘e i’ a piglia’ na cascia cchiù grossa, vonno fa’ i’ scommodo ‘o muorto!

Donna Filumena (trovando enorme) - Eh!

Sisina (sorrìdendo) - Che state dicenno?

Donna Vicenza - Sia fatta ‘a vuluntà ‘e Ddio!

Nannina (alle donne) - Io stasera me chiudo ‘a cammera, e me ne vaco a d’ ‘a zia. Chi ce dorme cà!?? (E ritorna nel basso di Donna Filumena)

Rafele (ai becchini che risortono sempre più sfiduciati) - Site cunvinte?

IL becchino - Eh! (Come dire: purtroppo!)

Rafele (avviandoli) - E gghiammo, nun perdite tiempo; ca nuie a vuie aspettammo.

L’altro becchino - Statte tu ccà, io scappo nu mumento ‘o magazzino! (E scompare per il vicolo a destra)

Il becchino (gridandogli dietro) - Eh! fa’ ampressa! ca io avverto ‘o cucchiere (Esce a sinistra, e dopo poco, ritorna)

Rafele (guardando verso destra) - E stu ddiece ‘e nutaro, ca nun vene!

Donna Vicenza - Avev’a veni’?

Rafele - E comme! Aiere ssera, appena ‘o zio spiraie, io ‘o jette a ‘nfurma’: pecche, ‘ncopp’a busta d’ ‘o testamiento, ce sta scritto: “Da aprirsi subito dopo il mio decesso”. L’appuntamento era p’ ‘e qquatto, so’ quase ‘e ccinche. (Alle donne, che gli sono intorno, sottovoce) Lia, avarrà specificato ogne cosa. Pure p’ ‘e spese e ll’esequie. Aggi’a vede’ sti solde a chi l’ha rimaste?! Accussi si nun m’ha lasciato niente, me metto l’anima ‘mpace, e nun me fernesco ‘e ‘nguaia’!

‘Ntunetta (entra dal basso, mentre il gruppo si scioglie, a Rafele) - Ma a chi s’aspetta? che hanno fatto, nun se l’hanno pigliato cchiù?

Il becchino - ‘O cumpagno mio è gghiuto a pruvvede’ pe’ n’atu tavuto, pecche chillo è curto.

‘Ntunetta (alle donne) - Giesù, mme pareno mill’anne, ca s’ ‘o portano! Tutte ll’uocchie ccà dinto! (E mostra il suo basso)

Rafele (guardando a destra) - ‘O nutaro! ‘o nutaro! Favorite... favorite...

Il notaio (entra dalla destra, con la sua borsa sotto il braccio, risponde al saluto che fanno al suo passaggio, e scompare nel basso di Carnevale)

Rafele (fermando ‘Ntunetta, che fa per seguire il notaio, mentre le donne e Don Gennaro l’osservano, meravigliate) - ‘A zi’, che mme dice?

‘Ntunetta - Ma so’ discorse ‘a fa’, mo?

Rafele - E mo, s’hann’a fa’, apprima ca s’arape ‘o testamiento. Si no, doppo, ‘o fatto nuosto addeventa nu commercio pe’ mme e pe tte. (Pausa) Cheddice?

‘Ntunetta (vinta) - E sine, sine... (Scompare nel basso)

Rafele - ‘O zi, perdonarne! (E segue la donna)

Don Gennaro (piano, alle donne) - Neh, ma avite visto cà?

Donna Filumena - Vuie pure ve ne site accorto?

Donna Vicenza - Me pare e’ ‘o nepote se stesse danno da fa’!

‘A signora - E che è scemo, quello? Adesso si aggrazia la zia, in caso che lui non ha niente.

Don Gennaro - Me pare però, ca s’ ‘a stesse aggrazzianno nu poco troppo.

Donna Filumena (disgustata) - E che caspetal facite asci’ apprimma ‘o cadavere!

Donna Peppina - Mare a chi more, Donna Filume’!

Donna Filumena - Eh! (A voler dire: come siete ingenual) Mo appena s’ ‘o portano, magnano pure. Hanno apparicchiata pure ‘a tavula dint’a ddu me!

RAFELE (entrando, mentre le donne, nel vederlo, si sbandano) - Neh, servono duie testimoni, pe’ leggere ‘o testamiento... Don Genna’, faciteme’a cortesia...

Don Gennaro (si leva il berretto) - Vi prego. (E scompare nel basso)

Donna Filumena (a Rafele, che è interdetto) Ll’ata testimone ‘a pozzo fa’ io?

Rafele - E si, pò essere pure una testimona. (Donna Filumena esce ed egli la segue, abbottonandosi la giacca per darsi un contegno. Le donne si vanno avvicinando al basso desiderose di sapere)

Musica

Nannina (entrando) - Neh, è venuto ‘o nutaro? (E alla conferma) Mo se legge ‘o testamiento!

Donna Peppina - Chisto è ‘o mumento decisivo! (Dall’interno del basso si ode

indistinta la voce del notaio. Sul volto delle donne appare l’ansia, l’attenzione, la disillusione ed, in ultimo, l’ostentata indifferenza. Poi il gruppo si sparpaglia)

Rafele (appare dal basso, nervosissimo, in preda ad una viva collera. Al becchino) - Trasite, pigliatavillo, purtatavillo, levatammillo ‘a ‘nanze a ll’uocchie!

IL becchino (sbalordito) - E nu mumento! ‘O cumpagno mio è gghiuto a piglia’ ‘a cascia cchiù grossa. Si nun vene...?

Rafele - ‘O mettite dint’a chella cascia là! (Indica la cassa che è nell’interno del basso)

Il becchino - Ma...

Rafele - ‘O furzate nu poco!

IL becchino - Ma nun ce cape...

Rafele (contenendosi, a stento) - Avessem’a fa’ n’ata vota a cazzotte?

Il becchino - No!

Rafele - Embè, vuie avit’a capi’ ‘o mumento psicologico di un individuo... Jate, vuie site d’ ‘o mestiere, ‘o ‘ncasatenu poco. Abbasta ca mm’ ‘o levate ‘a ‘nanze a l’uocchie, e nun m’ ‘o facite vede’ cchiù!

Il becchino (interdetto, scompare nel basso)

Rafele (comincia a strapparsi dal braccio il segno di lutto)

Nannina (consigliata dalle donne, si avvicina a Rafele) - C’ha fatto? Ha lassato tutto cosa a ‘Ntunetta?

Rafele - Nu vitalizio ‘e trenta lire ‘o mese a ‘Ntunetta, e tutto ‘o riesto alle Opere Pie. (Le donne, meravigliate, tornano ai loro posti, commentando. A Don Gennaro e a Donna Filumena, che tornano dal basso, anche loro avviliti) Avite capito? Ha voluto fa’ n’opera bbona, primma ‘e muri’, pe’ se presenta’ ‘nnanze a Ddio, cu ‘a cuscienza pulita. Dice: “Accussi Chillo me cancella tutt’ ‘e peccate!”. Carogna emerito! (E si allontana, sacramentando)

Donna Vicenza (a Don Gennaro) - E ‘e spese ‘e ll’esequie?

Don Gennaro - L’ha dda fa’ ‘o nutaro.

Il becchino (appare dal basso, sudato, a Rafele) - E io sulo nun ce ‘a faccio, veniteme a da’ na mano...

Rafele - Don Genna’, faciteme ‘o piacere... (E lo avvia)

Don Gennaro (seccato) - E sulo chesto ce mancava... (Eva nel basso, seguito dal becchino)

Rafele (alle donne) - Vuie capite?! N’ommo c’ha fatto sempe male, pe’ sittant’arme ‘e seguito, primma ‘e muri’ ha vuluto fa’ na bbona azione, p’arruvina’ a mine!

Nannina (dopo un istante, guardando il basso di Carnevale) - S’ o portano... (Le donne si avviano, in processione mesta, nel basso del morto)

‘A signora (fa cenno a Nannina di non lasciare Rafele in un momento così triste e segue le altre)

Rafele (rabbiosamente, si asciuga gli occhi)

Nannina - Don Rafe’, meh, faciteve curaggio, che ce vulite fa’?

Rafele - Haie ragione! Nun voglio chiagnere! Che chiagno a ffa’? (Pausa) Nanni’, va’. (E l’avvia verso il basso) Appena songo asciute tutte quante, chiude ‘a porta.

Nannina (timidamente) - E vuie nun ghiate appriesso?

Rafele (ironico) - Pe’ chisà, nun sape ‘a strada? (Pausa) Va’. (Nannina esce) Vaco appriesso comme a persona ‘e famigliai?

Spezza la musica

‘Ntunetta (entra, seguita dal notaio) - Rafe’, ccà ce sta ‘o nutaro ca te vò saluta’!

Rafele - Nun saluto a nisciuno!

Il notaio - Eh! Il saluto è degli angeli!

Rafele (nervosissimo) - E io nun saluto manco ‘e diavule! (‘Ntunetta lo esorta alla calma) Chisto è n’atu gesuita!

Il notaio (visibilmente seccato) - Moderate i termini!

Rafele (aggressivo) - Nuta’, mo chello ca nun aggio fatto ‘ ‘o muorto, ‘o ffaccio ‘o vivol Io nu responsabile vaco truvanno! (A Don Gennaro).. E dire ca m’ ‘o purtaie dint’ ‘a carrozza, cu tutto ca erano tre passe ‘e strada! E ‘o cumplimentaie pure ‘o ccafèl A mmachina nu ‘o vvulette, ‘o vvulette espresso; settanta cienteseme, e quatto solde ‘e mancia, m’arruvinaie na lira! E ce facette tutta ‘a lezione, p’ ‘a via! Parola pe’ parola come avev’a dicere, ‘o zio. “Badate ca vuie tenite nu nipote che porta il vostro nome, e che perpetuerà la vostra memoria nel benessere... A isso, ce avit’a fa’ ‘o lasceto! A isso, e a nisciuno cchiù!” E invece... tutto inutile!

Il notaio (giustificandosi) - E glielo dissi, alla buonanima... Ma, appena feci un cenno per perorare la vostra causa, mi rispose: “Vuie avit’a fa’ ‘o nutaro? e facite ‘o nutaro! Sapete scrivere? E scrivete!”. E io aggio scritto!

Rafele - E avete scritto? E ‘a Madonna ve benedice e stateve buono! (E lo avvia)

Donna Filumena (entra, precedendo le donne)

Il notaio (nell’andar via, si sofferma, a curiosare nel basso di Donna Filumena)

Rafele (beffardo) - Che avite visto, nuta’, ca ce sta ‘a tavula apparicchiata? Ve vulisseve assetta’ pure vuie?

Il notaio (offeso) - A mme? Io ve faccio pazzo! (Le donne tentano di calmarlo, ma egli va via infuriato)

Rafele (gli grida dietro) - E quanno moro io, ‘o testamiento mio tu nun m’ ‘o faie! (Le donne lo rabboniscono. Nannina dal basso di ‘Ntunetta passa in quello di Donna Filumena. Donna Peppina rientra in casa. Sisina ripiglia il suo lavoro, seduta accanto alla madre, che, dall’interno, preso un colapasta contenente delle patate, comincia a sbucciarle. ‘A signora e Donna Vicenza fanno gruppo, infondo, mentre Don Gennaro si avvicina a ‘Ntunetta, che è rimasta pensosa al suo posto)

Rafele (con il tono di chi vuol darsi coraggio) - ‘A zi’, alleramente: ca nun è muorto nisciuno!

‘Ntunetta - Adderittura!

Rafele - E Carnevale nisciuno era, pe’ vvuie e pe’ mme. Si c’era quacche cosa, nun ce lassava a pena’. Mo ca isso s’è acquietato, diceva: “Sti solde ca nun me l’aggio saputo gude’ io, veditevenne bene vuie!”.

Don Gennaro - E già, ma chillo ha lasciato tutto alle Opere Pie!

Rafele (scattando) - E cchiù pio ‘e me? Io so’ unu piezzo ‘e pio, ‘a capa ‘o pede! Io m’avev’a chiamma’ Pio! (Pausa) Quanno teneva chella ‘ntenzione, aveva ave’ ‘o curaggio ‘e mme dicere: “Nepo’, nun perdere tiempo, ca ccà nun gghiesce niente”. Invece tu vide, ca io vaco e vengo, faccio diebbete, nuttate... chiagno... (e accentua la parola) po’ te ne vaie, e nun me lasse manco nu par’ ‘e lire? “Teh, accattate nu paccuttino ‘e sigarette!” E accussi se more? (Dà uno spintone a Don Gennaro) Ma jatevenne, ‘mparateve ‘e muri’!

Don Gennaro (allontanandosi) - Che c’entro io? (E si unisce a Donna Vicenza e alla signora, che gli domandano le ultime novità)

‘Ntunetta (dopo una pausa) - Rafe’, siente! a Donna Filumena, mo l’avessem’a ‘nvita’ a magna’ cu nnuie. Pe’ na certa cunvenienza. Ce sta facenno cucena’ ‘a rrobba...

Rafele - E ‘nvitammela. So’ cchiù ‘e duie chile ‘e pesce, chi s’ ‘e mmagna?!

‘Ntunetta (chiamando) - Donna Filume’!

Donna Filumena (lascia di sbucciare le patate, e premurosamente si avvicina) - Dicite!

‘Ntunetta - Si nun ‘o ttenite per offesa, doppo, vuie, aunita cu ‘a piccerella, ve assettate, e ve magnate nu poco ‘e pesce cu nnuie.

Donna Filumena (confusa, ma contenta) - Grazie, ma pecche tanto fastidio?

‘Ntunetta - Io nun tengo genio manco d’arapi’ ‘a vocca!

Rafele (sorridendo, piano, a Donna Filumena) - Unnece biscotte!

Donna Filumena - Che ‘o dicite a ffa’? Io accetto cchiù pe’ ve tene’ nu poco cumpagnia, pe’ ve fa’ sta’ nu poco cchiù sollevata... (Alla figlia, che s’è messa a sbucciare le patate) Gué, viene ‘a ccà. (E a Sisina, che si avvicina) Lassa sta’.

Sisina - Pecche?

Donna Filumena - Magnammo cu lloro!

Sisina - Grazie! (Allegramente, va a togliere di mezzo le patate)

Donna Filumena (a ‘Ntunetta, guardando il basso di Donna Peppina) - E pe’chell’ata?

‘Ntunetta - Donna Peppina? (E a Rafele, che ironico le guarda) E si, pare brutto...

Rafele - E ‘nvitammo pure a Donna Peppina. (La chiama) Donna Peppi’!

Donna Peppina (entrando dal suo basso) - A me? (E si avvicina)

Rafele - Donna Peppi’, lassate sta’ ‘e cucena’.

Donna Filumena - Tenimmo cumpagnia a Donna ‘Ntunetta. Magnammo cu essa!

Donna Peppina - Obbrigatissima!

Donna Filumena (guardando Don Gennaro, Donna Vicenza e ‘A signora, come dire: invitiamo anche loro) - E...

Rafele (che ha capito) - Vulisseve ‘nvita’ pure a chill’ate tre?! (Ha uno scatto e grida verso l’alto) Signo’...

Donna Filumena - Eh...!

Rafele - Vulimmo ‘nvita’ pure ‘a signora ‘o quarto piano?

Donna Filumena - Che dicite?

Rafele - E ccà, nun avimmo avuto nisciuno lascitol Chesta (indica ‘Ntunetta) p’ave’ ‘e pprimme trenta lire, ha dd’aspetta’ nu mese. (Le tre donne rìdono) Piuttosto, faciteme ‘a gentilezza, jate dinto cu essa (indica ‘Ntunetta) arricettate, e levate tutte cose ‘a miezo. (Guarda nel basso)

Donna Filumena (seguita da ‘Ntunetta e da Donna Peppina, vanno nel basso di Carnevale) - Lassate fa’ a nnuie. (Escono)

Rafele (passeggia nervosamente)

Don Gennaro (si avvicina con la signora e Donna Vicenza, a Sisina) - Che se dice?

Sisina - Ce hanno ‘nvitato pure a nnuie.

‘A SIGNORA - A pranzo?

Sisina - Gnernò, a magna’ cu lloro!

Don Gennaro (caricaturandola) - No, a pranzo, a magna’ cu lloro!

‘A signora - È la stessa cosa!

Sisina - E nuie pare ca ce assettammo pe’ magna’...? Nuie avimmo accettato pe’ tene’ cumpagnia a ‘Ntunetta. Se sape, ca po’ quanno jesce ‘o pranzo, che fa? lloro magnano, e nuie tenimmo mente? Stennimmo’a furchetta, e puzzuliammo pure nuie na cusarella!

La voce di Nannina - Sisi’, ‘o ssale addo’ sta?

Sisina - Mo vengh’io! (Esce)

‘A signora (come prendendo una decisione, si avvicina a Rafele) - Sentite, Don Rafe’, da voi proprio non me lo sarei aspettato!

Rafele (cadendo dalle nuvole) - ‘E che?

‘A signora - Eppure io abito qui, al primo piano...

Rafele - Ma ch’è stato?

‘A signora - Eh! a tutte avete invitato, e a me no!

Donna Vicenza - Signo’, e manco a me! e che sto dicenno niente?!

Don Gennaro - Uh, Giesù! io songo ‘o guardaporta: aggio fatto ‘o testimonio, aggio purtato ‘o muorto ‘ncopp’ ‘e spalle, e nun sto arapenno ‘a vocca?

Rafele (seccato, ma volendo giustificarsi) - Chello è stato pe’ fa’ tene’ nu poco cumpagnia ‘a zia.

‘A signora - E come ce la facevano le altre, la compagnia, alla zia, ce la potevo fare pure io.

Rafele - Ma per me, figuratevi!

‘A signora (con sussiego, a Donna Vicenza e a Don Gennaro) - Lo vedete? Lo dicevo io, ch’era stato un equivoco.

Donna Vicenza (sorridendo) - Allora, grazie.

‘A signora - Grazie.

Don Gennaro - Obbligatissimo.

Rafele (è costretto a far buon viso a cattivo gioco) - E tanto, ‘o magna’ ce sta! (Alle due donne) Allora, giacché ve truvate, faciteme nu favore. late dinto addu Donna Filumena a da’ na mano a cucena’. Si no nun magnammo manco a n’at’ora; e a me ‘o stommaco già se n’è gghiuto.

Donna Vicenza - Subito! (Le due donne vanno nel basso di Donna Filumena)

Rafele (a Don Gennaro) - Vuie, pe’ gentilezza, jate dinto addu Don Giuvanne, faciteve da’ quatto litre ‘e vino. V’ ‘o ffacite mettere ‘n frisco.

Don Gennaro (s’avvia tutto contento verso l’osteria)

‘O cantante (ricompare sulla soglia e, come al solito, lo guarda male)

Don Gennaro (sgattaiola, impaurito, e scompare)

‘O cantante (a Rafele) - Neh, vuie avite cagnato?

Rafele - Nun aggio truvato ‘a cagna’! D’altra parte, ‘o muorto se l’hanno purtato; e pirciò putite canta’ ‘a mo, fino a doppo dimane!

‘O cantante (amareggiato) - E a chi canto? Chille ‘e cliente se ne so’ gghiute!

Rafele - E ghiatevenne pure vuie!

‘O cantante (va a guardare nell’interno del basso di Carnevale)

Rafele - Gué, chillo s’assicura pure!

‘O cantante (sembra avvilito)

Rafele - Facite na cosa: veniteve a magna’ nu poco ‘e pesce cu nnuie!

‘O cantante (illuminandosi) - Grazie! (Va alla soglia dell’osteria e grida) Gué! Ascite! Se magna! (Entrano, come in processione, i posteggiatori. Uno di essi ha pure un bambino per mano. ‘O cantante li guida al basso di Donna Filumena)

Rafele (ridendo, suo malgrado) - Mo resto pure diuno! (Pausa)

‘Ntunetta (ricompare dal suo basso, e. dopo una pausa) - Rafe’..

Rafele (scosso) - Eh!

‘Ntunetta - Che te passa p’ ‘a capa?

Rafele - Tanta cose. Avevem’a essere ricche, e simmo cchiù pezziente ‘e primma Mah! Che ce ne ‘mportal? Comme se dice: “Un cuore e una capanna!”.

‘Ntunetta - Rafe’... (Alza le spalle, con un sorriso scettico)

Rafele - Che “Rafe’”? Tu he ditto ca si...

‘Ntunetta - Si, si Pascale lassava ‘a furtuna soia a te o a me. Ma mo, ca nun ha lassato niente a nisciuno, che facimmo? aumentammo ‘a razza d’ ‘e pezziente!?

Rafele - E tu nun he avuto trenta lire ‘o mese?

‘Ntunetta - E sì arrivato! Nun ce vò niente a mettere na casa? O me vulisse fa’ sta’ ancora dint’ ‘o vascio d’ ‘o muorto?

Rafele - No! Io, cà, nun sarrìe buono a fa’ niente...

‘Ntunetta - Oh, ma dich’io, tu, si o no m’avarraie visto na ventina ‘e vote, e si nun era pe’ stu fatto, continuaveme a nun darce retta, addo’ t’è venuto tutto st’ammore? Tu he penzato a sta cosa p’ ‘o fatto d’ ‘e solde. E mo ca solde nun ce stanno cchiù, che fa? tu te spuse a me?

Rafele (deciso) - Me te sposo.

‘Ntunetta - Rafe’, lassammo sta’! (Pausa) Io nun tengo sciorta cu c’u l’uommene. ‘O vi a zieto? Me pigliale figliulella, tenevo sidece anne, e succedette chello ch’è succiesso. L’aggio fatto cumpagnia pe’ vintecinc’anne ‘e seguito, fino a che ha chiuso l’uocchie! E he visto ‘a ricumpenza?

Rafele (in uno scatto di sincerità) - E io ca nun aggio faticato maie, pe’ tte me metto a ffatica’... Me piglio ‘a patente ‘e chaffeur.. Tu sì ‘a femmena ca me fa fa’ l’ommo... Che dice?

‘Ntunetta - Me spuse pure senza ‘o lascito?

Rafele - E tu nun me spuse ‘nguaiato ‘e diebbete? Pare ca io ne facesse nu mistero.

‘Ntunetta - E va buono. A maggio cagnarrammo casa, cagnarrammo quartiere, sei mise ‘e lutto…

Rafele - Pure ‘o lutto?

‘Ntunetta - P’ ‘a ggente, e po’ spusammo.

Rafele - Fatto.

Nannina (entrando, a Rafele e ‘Ntunetta) - Neh, cà simmo pronte. (Poi verso il basso di ‘Ntunetta, e sottovoce) Neh! (Chiama le donne, che appaiono saltellanti, ed entrano nel basso di Donna Filumena)

Rafele (le insegue, prendendole in giro)

Don Gennaro (entra dall’osteria con una grossa secchia contenente quattro bottiglie di vino, e segue le donne)

‘Ntunetta (fa per seguire il gruppo, ma si ferma) - Rafe’... (Sta per confessargli qualcosa di molto importante, ma esita)

Rafele - ‘A zi’, ce he penzato meglio? Nun me vuo’ cchiù?

‘Ntunetta - No! (Pausa) Rafe’, io tengo ‘ncopp’a na libretta cento mila lire...

Rafele (aprendo gli occhi) - Ciento mi...

‘Ntunetta - Zitto! (Come a scusarsi) Eh! Aggio penzato ‘a vicchiaial... S’ha pigliata ‘a ggiuventù mia!

Rafele (con uno scatto di gioiosa euforia) - ‘A zi’! quanto sì bella. (Fa per abbracciarla)

‘Ntunetta - Gué!

Rafele - ‘A zi’, quanto sì bella!

‘Ntunetta (ridendo e schermendosi) - ‘A vuo’ ferni’? ‘Mmiez’ ‘a via! (Entra l’altro becchino, guidando una carrettella con sopra un’enorme cassa da morto)

L’altro becchino - Io sto ccàl ‘A cascia sta lla! Lla ce vanno dduie perzone ‘a dinto!

Rafele (beffardo) - Io e ‘a zia!

‘Ntunetta - Leh! (E si gratta)

L’altro becchino (va a guardare nell’interno del basso di Carnevale, è sbalordito) - E ched è? ‘O muorto se l’hanno purtato?

Rafele - No, mo ce ‘o ‘mbarzamavemo!

L’altro becchino - Cu chella cascia lla?

Rafele - Gnorsi! E vattenne pure tu, nun perdere tiempo!

L’altro becchino - A chi? Io aggi’a essere pavato!

Rafele - Vattenne! (E gli dà uno spintone)

L’altro becchino - Gué! Statte sodo cu ‘e mmane!

Rafele - Uh stu piezz’ ‘e carogna! (Si azzuffano. Rafele lo getta in terra. Escono, frattanto, dal basso di Donna Filumena, richiamati dalle grida di ‘Ntunetta, le donne, Don Gennaro, ‘O cantante, i posteggiatori. Rafele lascia il becchino sacramentare e spingendo il gruppo nel basso, grida) Jammo! Jammo! Jammo a magna’!

FINE SECONDO ATTO

ATTO TERZO

Preludio

Tela. La scena.

L’una e mezza dello stesso giorno. Il basso di Carnevale, come al primo atto. Sopra il comò, e davanti all’ingrandimento fotografico del vecchio, vi è un lume ad olio. La lampada elettrica che pende dal soffitto è accesa. Wtunetta, seduta sulla poltrona, conversa con Donna Filumena, che le è a fianco, con Sisina. Accanto al tavolo vi sono Donna Peppinaesuo marito ‘O tranviere: un bell’uomo, rubicondo.

Donna Filumena (a ‘ ‘Ntunetta) - Giesù, ma vuie overo dicite?

‘Ntunetta - V’aggio ditto: nun me cocco! Vuie pazziate? Ogge ‘e quatto se hanno purtato a Pascale... Mme pare ca ‘o veco ancora pe’ miez’ ‘acasa!

Sisina (stringendosi alla madre) - Mamma mia, stanotte nun me facite durmi’manco a me!

Donna Peppina (a ‘Ntunetta) - Capisco... E nun avite pututo vede’ ‘e ve ne i’ manco a n’ata parte?

‘Ntunetta - Si, ma dimane ‘o ffaccio. A costo c’aggi’a i’ all’albergo! E chi ce dorme, ccà? Chesta sarrà na nuttata ca faciarraggio chiara chiara.

Donna Filumena - E nun putite chiamma’ a Nannina?

‘Ntunetta - E chella scema, pe’ l’impressione, s’è chiusa ‘a cammera, e se n’è gghiuta a dd’ ‘a zia! C’aggi’a fa’? Dimane chiudo a chiave pur’io, po’ chiammo a nu sapunaro e me vengo tutte cose. Sta rrobba nun ‘a voglio vede’ cchiù. (Pausa)

‘O tranviere - Vedete, quando morì mio suocero...

Donna Peppina (scattando) - Uh! Federi’, e nun parla’ cchiù ‘e muorte!

‘O tranviere - No, per dirle... (e si rivolge a ‘Ntunetta) dato ca io ‘o tenevo dint’ ‘a casa, me succedette ‘o stesso fatto vuosto. M’ ‘o vedevo sempe attuorno: addo’ m’avutavo, vedevo l’ombra soia. ‘A matina, io m’alzo presto, per andare al Deposito... Embè, io andavo in cucina per lavarmi? e ‘o vedevo ca pigliava l’acqua sott’ ‘a funtana! Me scartavo nu poco ‘e cafè? e ‘o vedevo cu ‘a tazzulella ‘mmano, ca s’ ‘o steva piglianno primm’ ‘e me. Scendevo? e l’incontravo abbascio ‘o palazzo. Po’, m’aspettava ‘nnanz’ ‘o Deposito. Saglievo ‘ncopp’ ‘o trammo e a farse ‘o biglietto, era mio suocero!

Tutti - Uh!

Donna Filumena - Don Federi’, nun dicite palle!

‘O tranviere - Giesù! ero io ca ‘o vedevo a tutte parte. (Improvvisamente fissando un punto della stanza, presso la porta di sinistra) Mo ve pare strano? ‘O vedite llà, fermato sott’ ‘a porta!

Sisina (con un grido di spavento, afferrandosi alla madre) - Mammà!

Donna Filumena (a ‘O tranviere) - ‘A fernite o no?

Donna Peppina (al marito, che ride) - E statu gliogliero! chi te ‘o ffa fa’?! Jammece a cucca’, ca dimane ‘o gallo canta matina. () Donna ‘Ntune’, addurmiteve, faciteve unu suonno. Tanto, è quistione ‘e duie o tre ghiuorne, fino a che truvate casa. (Pausa) Vulite niente ‘a nuie?

‘Ntunetta - Grazie.

‘O tranviere (alzandosi, ed avviandosi anche lui) - Ma si, Donna ‘Ntune’, chillo oramaie Carnevale è muorto. E quanno uno more, è fernuto tutto cosa. (Pausa) Ma vuie overo credite ‘o spirito ‘e n’individuo ca torna ‘ncopp’ ‘a terra? E che vene a fa’ cchiù? E po’, si ogge proprio se n’è gghiuto, che venarrie a ffa’? Al massimo pe’ se vennere sti quatto scartapelle c’ha lassate, pecche nun se l’ha pututo purta’E pe’ nne fa’ che? Mo ch’è ausuraro a ffa’ cchiù? Mo, nun magna, nun veve, nu vestito nun s’ ‘o fa’... Pe’ vede’ a vvuie? E si ve vò vede’, ‘o vedite llà (mostra il ritratto del morto) arape ll’uocchie e ve guarda. ‘O vedite comme ve fissa?

‘Ntunetta - Uh, Don Federi’

Donna Peppina (spingendo il marito) - Jesce. Chillo overo è na criatura! Aggiatece pacienza, Donna ‘Ntune’. Felice notte.

‘Ntunetta - Felice notte.

Donna Peppina (esce col marito)

‘Ntunetta - Donna Filume’, nun facite cerimonie, jateve a cucca’ vuie pur,e!

Donna Filumena - Pe’ mme, figurateve. Si vulite, io nne manno a Sisina, e ve pozzo fa’ cumpagnia pure tutt’ ‘a nuttata.

‘Ntunetta - No, nun durmarrìe io, e nun ve faciarrìe durmi’ manco a vvuie. Jate.

Donna Filumena - E mo è ampressa. (Alla figlia) Va’ a ddi’ a pateto ca io metrattengo n’atu ppoco cu Donna ‘Ntunetta. E tu spogliete e coccate.

Sisina - A chi? Io me metto appaura.

Donna Filumena (a lei) - Va’, chesta overo comme è cretina!

Sisina - E Donna ‘Ntunetta, ca se mette appaura, pure è cretina?

Donna Filumena - E Donna ‘Ntunetta vede ‘o spireto ‘e Carnevale; tu a chi anema ‘e mammeta vide?

Sisina - ‘O suocero ‘e Don Federico!

Donna Filumena - Mo t’ ‘a siente na scarpunata! (Si alza) Permettete. Accumpagno a chesta, e vengo subbeto. Tanto, m’aggi’a arrepezza’ nu poco’e biancaria, m’ ‘a porto ccà. (Si avvia)

Sisina (si attacca alle gonne della madre, ma sulla porta, come se avesse visto qualche cosa d’impressionante, dà un grido)

Donna Filumena (spingendola) - Jesce! (Escono)

‘Ntunetta (ha accompagnato le due donne, seguendole con lo sguardo)

Rafele (appare dalla finestra e, scorgendo ‘Ntunetta sola, bussa ai vetri)

‘Ntunetta (chiude la porta e si volta di scatto) - Ah! (Vede Rafele) Che paura m’hé fatto mettere!

Rafele (fa per scavalcare il davanzale)

‘Ntunetta - E che vuo’ fa’?

Rafele - Ve so’ venuto a tene’ cumpagnia. Aggio penzato ca ve putiveve mettere appaura...

‘Ntunetta - Pe’ ddo’ sì trasuto?

Rafele - P’ ‘o purtone e p’ ‘a fenesta! Stongo ‘a mez’ora ‘a ccà dereto. Aggio sentuto tutt’ ‘e discorse che avite fatto cu ‘o tranviere, ‘a mugliera, Sisinella e Donna Filumena.

‘Ntunetta - E he sentuto ca Donna Filumena mo torna? E vattenne!

Rafele (fa un gesto come dire di no)

‘Ntunetta - No, Rafe’, nun te voglio fa’ vede’ a chest’ora, ccà, cu mme. Dimane, figurate, tutt’ ‘o quartiere... No pe’ niente, metteno ‘e manifeste!

Rafele - E che fa? Tu, nun m’hè ‘a essere mugliera?

‘Ntunetta (sempre vicino alla porta) ” E già, ma quanno? Doppo passato ‘o lutto.

Rafele - Ah?! E quantu tiempo dicettemo ‘o lutto? Quinnece juorne?

‘Ntunetta - No, vintiquatt’ore! Sei mise!

Rafele - E avimm’a spusa’?

‘Ntunetta - E se sape, jh, quant’è bello! E si no, comme me pruove ca me vuo’ bene?

Rafele - Io te ‘o ppozzo pruva’ pure mo, subbeto subbeto. Scengo e t’ o pprovo!

‘Ntunetta - Nun te mettere ‘n cerimonie!

Rafele (insistente) - E nun te pozzo tene’ manco nu poco cumpagnia?

‘Ntunetta - ‘A tengo ‘a cumpagnia. Mo torna Donna Filumena. Vattenne!

Rafele - Ce vedimme dimane?

‘Ntunetta - Si, vicino ‘a Posta, a miezjuorno.

Rafele - Dentro, dove dice “raccomandate”?

‘Ntunetta - Dove dice “raccomandate”.

Rafele - Buonanotte. (Si allontana dalla finestra)

‘Ntunetta - Buonanotte. (Siede sulla poltrona)

Rafele (tornando dopo poco, bussa ai vetri)

‘Ntunetta (corre alla porta con un piccolo grido)

Rafele (giustificandosi) - Don Gennaro s’è miso a fuma’ ‘a pippa for’ ‘o palazzo. Mo me n’aggi’a asci’ p’ ‘o vascio... (Fa per scavalcare il davanzale della finestra)

‘Ntunetta - E sempe nun te vede? (E lo trattiene)

Rafele (nervoso) - E allora sparisco!? Pe’ ccà, no... (Indica la porta) Pe’ ccà, no... (Indica il portone) A ddu Nannina, sta chiuso...

‘Ntunetta (guarda cautamente fuori dalla porta del basso, poi, tenendola socchiusa, a Rafele) - Scinne chianu chiami.

Rafele (entra nella stanza)

‘Ntunetta - Don Gennaro s’è alluntanato. Nun ce sta nisciuno, scappa! (Ed apre la porta)

Rafele (avvicinandosi alla donna, voglioso) - Aspetta, nu bacio, nu pigno...

La voce di Donna Filumena - Va bene! Sine, sine...

‘Ntunetta (ritraendosi) - Mannaggia... (Esce dal basso. Si ode la sua voce) Donna Filume’, per gentilezza, mme date nu cerino...

Rafele (nel frattempo, s’è ficcato sotto il letto)

‘Ntunetta (rientrando, e non vedendolo) - Addo’ è gghiuto? Gué, addo’ staie? Addo’ staie? (E intanto corre a spegnere la lampada, che è sul comò)

Rafele (cacciando la testa) - Sott’ ‘o lietto! (E subito si ritrae)

‘Ntunetta - Vedite! Sott’ ‘o lietto! (A Donna Filumena, che entra) Avite truvato ‘o cerino?

Donna Filumena - No, ce l’aggio ditto a maritemo. Ve l’è gghiuto a piglia’. Che avit’ appiccia’?

‘Ntunetta - ‘O lumino ‘nnanze a Pascale, ca s’è stutato. (Entra Don Andrea: un vecchietto arzillo e pieno di arguzia. È il marito di Donna Filumena)

Don Andrea - Permesso?

‘Ntunetta - Trasite, Don Andre’.

Don Andrea - Favorite, Donna ‘Ntune’. Ccà sta ‘o cerino.

‘Ntunetta - Grazie. (Va a riaccendere la lampada)

Don Andrea (siede con sua moglie, alla sinistra del tavolo. A ‘Ntunetta) Neh, che se dice? È overo ca, stanotte, nun putite durmi’?

Donna Filumena - Sciucchezze!

Don Andrea - Sciucchezze? Fino ad un certo punto. ‘E muorte, quanno hanno na contrarietà, so’ vendicative. Uno ‘e vvotedice: “Neh, chillo oramaie è muorto, nun ce sta cchiù, nun pò fa’ niente cchiù...”. No! ‘E muorte nun se ne vanno, pure si uno ‘e vvò caccia’...Restano! Nun se vedono, e ce stanno! Uno ‘e ppò piglia’ a cavice? Chille s’annasconneno... A tutte parte, dinf’e ssegge, dinf’e mobile, sott’ ‘e riggiole; persino dint’ ‘o lietto... Io m’arricordo e stu fatto mme costa a me! murette n’ommo viecchio, ca teneva na bella femmena pe’ mugliera, e nu nepote d’ ‘o muorto, appena chesta rummanette vedova, lle facette ‘a pruposta; cunvincette ‘a vedova e... ‘a notte ca se jette a cucca’ cu chesta... Madonna! comme a nu terremoto! Tremmava tutt’ ‘o lietto... ‘O lumino se n’asceva e traseva ‘a dint’ ‘o bicchiere... Isso ‘o metteva ‘a dinto, e chillo se n’asceva ‘a fore... Po’ accuminciaino a chiovere pònie, schiaffe, cavice... ‘O povero giovane, dint’ ‘o scuro, se penzava ca era ‘a femmena ca ‘o vatteva... No, nun era ‘a femmena, era ‘o muorto!

Rafele (caccia il capo di sotto al letto, con un’espressione di spavento)

Don Andrea - Vuie sapite a chillu disgraziato stette cuccato tre mise? Eh! E, p’ ‘a paura, mo ca s’è susuto, nun è buono a ffa’ niente cchiu!

Rafele (con un soffio di voce) - Mamma mia!

‘Ntunetta - Vuie che ddicite?

Don Andrea - Eh! ‘O ppurtaieno pure ‘e giurnale! (Pausa) ‘O muorto,Donna ‘Ntune’, se pò vendica’ meglio d’ ‘o vivo. E già, pecche struppea e nun è visto! E perciò ca è doppiamente vivo! E, ‘ncopp’ ‘o munno è destinato a ffa’ ‘e ccose cchiù importante!

‘Ntunetta - Overo?

Don Andrea - E comme no? Ma pecche ‘e nummere‘ncopp’ ‘o campusanto, tutte sti munacielle, sti spirete, queste anime vaganti, chi so’ Nun songo ‘e muorte?

‘Ntunetta (impressionatissima) - Don Andre’!

Donna Filumena (al marito) - Ma tu sì venuto pe’ farle nu poco ‘e cumpagnia, o pe’ farla stringena’ d’ ‘a paura?

Don Andrea - No, serve per ragionare...

Donna Filumena - E statte zitto!

Don Andrea (a ‘Ntunetta, dopo una pausa) - Oh, e mo che facite? Nun ve jate a cucca’?

‘Ntunetta - E no...

Donna Filumena - E doppo chello ca tu ll’hé ditto...

‘Ntunetta - Aspetto ca me vene ‘o suonno, accussi m’addormo pe’ stanchezza.

Don Andrea (con ironia) - E diciteme na cosa, Donna ‘Ntune’; ‘o nepote vuosto, ‘o nepote vuosto...? Che se n’è fatto?

‘Ntunetta (un po’irritata) - Se n’è gghiuto! E che se cuccava cu miche?

Don Andrea - Jh, che bellu tipo! Mia moglie m’ha raccuntato tutto cosa... ‘Mbruglione autentico!

Rafele (caccia il capo di nuovo da sotto al letto, con una espressione di rabbia)

Don Andrea - Neh, dico io: “Tu ‘e stu zio d’ ‘o tuio nun he pigliato maie cunto, nun te ne sì maie curato...”. Io, per mio conto si l’aggio visto veni’ tre quatto vote in tutto, è pure assaie... “Neh, appena saie e’ ‘o viecchio sta pe’ muri’, subbeto curre ccà, e ti vesti da erede: chiamme ‘o nutaro, faie ‘a ghirlanda, anticipi spese... (Con disprezzo) Farabutto, mascalzone, delinquente!”.

Rafele (mostra ancora una volta il capo, fremendo di collera)

Don Andrea -.. E Carnevale che era scemo? Avett’a dicere ‘n cuorpo a isso: “Me faie schifo!”.

Rafele (al colmo dell’esasperazione, gli lancia uno sputo)

Don Andrea (colpito, si pulisce col fazzoletto, esclamando) - Donna ‘Ntune’, stateve accorta... Se sarrà schiattata ‘a cannola ‘e ll’acqua d’ ‘o Serino...

‘Ntunetta - Ma no... (È impaziente, temendo che da un momento all’altro, Rafele possa venire scoperto)

Don Andrea - Donna ‘Ntune’, vi dico di si... Avit’a pruvvede’. Io ‘e ssaccio sti ccose... Si no, ve s’allaga na casa.

Donna Filumena - Che esagerazione!

Don Andrea - Gué, io aggio avuto nu zampillo ‘n faccia!

‘Ntunetta - Chello sarrà ‘o sudore... (Con altro tono) Dunque, stiveve dicenno?

Don Andrea - Ah, ecco, m’avit’a credere: pe’ vvuie me dispiacette sinceramente ca Carnevale nun v’ha lasciato niente; ma p’ ‘o nepote, n’avette ‘o ddiece d’ ‘o piacerei (Stomacato) Ah! Proprio il tipo dell’avventuriero!

Rafele (vorrebbe scagliarsi contro di lui, ma si frena a stento)

‘Ntunetta (per cambiare discorso) - Sicché, Don Andre’, vuie credite ca ‘e muorte, quanno vonno, se ponno pure vendica’?

Don Andrea - Proprio, Donna ‘Ntune’. Quanno ‘o muorto è scuntento ‘e quacche cosa, v’ ‘o vedite sempe ‘e passia’ pe’ tutt’ ‘a casa... Mamma mia è viva, e ce ‘o pputite spia’: nun senteva sempe ‘a voce ‘e paterno ‘a sott’ ‘o lietto?

‘Ntunetta (con agitazione) - ‘A sott’ ‘o lietto?

Don Andrea - Eh! Li per lo più, si posano gli spiriti: sott’ ‘o lietto.

La voce di Sisina (spaventata, in lontananza) - Mammà! Mammà!

Don Andrea (alla moglie) - Vide a figlieta, llà...

Donna Filumena (va alla porta, e grida verso l’esterno) - Gué! Ch’è stato? (A ‘Ntunetta) Neh, io v’ ‘a voglio fa’ vede’. Venite ‘a ccà. (‘Ntunetta la segue fuori della porta. Escono)

Don Andrea (si guarda intorno, un po’ perplesso)

Rafele (sporge un braccio, e muove una sedia)

Don Andrea (si scuote al rumore, si accorge del movimento insolito, dà un grido di spavento)

Donna Filumena (rientrando, frettolosamente) - Ched è? Andre’?

‘Ntunetta (rientrando anch’essa) - Ce truvammo stasera, o no?

Don Andrea (convulso) - Gesù! Gesùl E comme putite durmi’, figlia mia, ccà ddinto? Vuie dicite ca Carnevale se n’è gghiuto? A chi?! Vuie ‘o tenite dint’ ‘a casa!

‘Ntunetta - A chi?

Don Andrea - A isso! ‘O spirito ‘e Carnevale! S’ha aizata ‘a seggia!

Donna Filumena (al maritò) - Vattenne!

Don Andrea - Che “vattennel”? Chella, ‘a seggia, s’è fatta na passiata!

‘Ntunetta (sospira)

Don Andrea - Sora mia, io nun ce stame stanotte ccà... Sapite ch’è stato? ‘A bonanema se sarrà pigliata collera ca ogge avite fatto ‘o pranzo dint’ ‘a ddu me... E perciò ca ha fatto spaventa’ pure a figliema... Chillo mo, ‘ovvedite? aspetta ca vuie chiudite e rummanite sola... Ma nun appena ve cuccate, se piazza ‘ncopp’ ‘a panza e nun se ne va cchiù!

Donna Filumena (al marito) - Jammo dintol Si no chell’ata scema (allude a Sisina) nun chiude ll’uocchie...

‘Ntunetta - E si, jate, jate...

Donna Filumena - Donna ‘Ntune’, nun date retta... Felice notte. E, pe’ qualunque cosa, chiammatece.

Don Andrea (seguendo la moglie, che s’avvia alla porta) - Gesù, e vuie site chella ca ve mettite paura? Vuie tenite ‘o curaggio ‘e nu lione!

Rafele (muove, ancora una volta, la sedia)

Don Andrea (se ne accorge, con un grido) - ‘O vvedite? ‘O vvedite? Bonanotte, bonanotte! (La moglie lo trascina via, escono)

‘Ntunetta (chiude la porta, rapidamente)

Rafele (vien fuori, irritatissimo) - Ha dda ave’ cierti fforme ‘e schiaffe, dimane, pe’ tutt’ ‘e ‘mpruperie che m’ha ditto!

‘Ntunetta - E già! e comme se dice ca ll’hè saputo?

Rafele - Dico ca mm’è venuto ‘n zuonno ‘o zio, e me l’ha ditto. ‘O zio ‘o pputeva senti’...

‘Ntunetta (guarda fuori dall’uscio: è contrariata) - Ah! E comme jesce, mo?

Rafele - E pecche?

‘Ntunetta - Ce sta Don Gennaro... Chillo aspetta ‘o giurnalista d’ ‘o “Matino”ca s’arretira ‘e ttre!

Rafele - Embè... io me ne vaco ‘e ttre e meza.

‘Ntunetta - All’alba? (Pausa)

Rafele - ‘Ntune’...

‘Ntunetta - Ched è?

Rafele - Ma me n’aggi’a i’ pe’ fforza?

‘Ntunetta (ha un brivido)

Rafele - Io t’aggi’a essere marito...

‘Ntunetta (gli mostra il suo vestito nero)

Rafele - ‘O llutto?

‘Ntunetta - Si.

Rafele - M’ero scurdato d’ ‘o llutto!

‘Ntunetta (unisce gl’indici delle due mani, per indicargli il matrimonio)

Rafele - E d’ ‘o spusa’!

‘Ntunetta - Eh!

Rafele - Embè, ma si esco e Don Gennaro me vede, tu farraie na figura...

‘Ntunetta - Nun ‘a fa’ pesante!

Rafele - Ah, neh? E io me ne vaco. (Fa per avviarsi)

‘Ntunetta - Aspetta. (Lo trattiene)

Rafele (con impazienza) - Embè, tu t’hè ‘a decidere, figlia mia. Io me moro’e suonno, nun songo abituato a ffa’ chest’ore. O me faie i’ a cucca’ ‘a casa mia, o me faie arremedia’ ccà.

‘Ntunetta - Ccà? Sì pazzo?!

Rafele - E allora... buonanotte. (Si avvia, di nuovo, alla porta)

‘Ntunetta - Aspetta! (Lo trattiene) Ce sta Don Gennaro... (Pausa)

Rafele (sbuffa, guarda il ritratto di Carnevale, parla al morto) - ‘O vi? Chi l’ha miso a Don Gennaro fore ‘o palazzo? Nun l’hé miso tu? Tu! Pecche tu mo sì spireto; e si nn’ ‘o vulisse fa’ i’, ‘o facisse na ballatella, e chillo se ne jesse. Invece tu nun te muove, staie lloco; e vuo’ vede’, ccà, comme va a ferni’... Oh, e tu ca sì spireto nun te l’immagine comme va a ferni’...?! (Pausa. A ‘Ntunetta) Che aggi’a fa’? Me ne vaco? Rieste sola? E si ‘o zio veramente se fosse pigliato collera p’ ‘o fatto nuosto? p’ ‘a tavuliata d’ogge? pecche nisciuno l’ha accumpagnato? pecche è gghiuto scommedo dint’ ‘o tavuto? e t’ ‘o vide ‘e passia’ p’ ‘a casa?! Eh! Tu sola, che ffaie? Cu n’ommo vicino, invece, è sempe na sicurezza maggiore... E si no io me ne vaco, e t’ ‘a vide tu e isso (mostra il ritratto) Io me levo ‘a miezo. (Pausa) Che aggi’a fa’?

‘Ntunetta (con un sospiro, va all’uscio, e lo chiude a chiave)

Rafele - Oh! (£ si toglie la giacca)

‘Ntunetta (voltandosi) - Gué, e che faie?

Rafele - Me spoglio. Pe’ me cucca’, m’aggi’a spuglia’?! Che m’aggi’a cucca’, vestuto? ‘A bonanema accussi faceva? (Pausa. Poi sornione) Pe’ me cucca’ m’aggi’a spuglia’!

‘Ntunetta (combattuta) - Mannaggia! (Pausa) Ma pecche ce sì venuto?

Rafele (con finta ingenuità) - Giesù, pe’ te tene’ cumpagnia.

‘Ntunetta - Ma ccà, dint’a sta casa... dint’ ‘o lietto suio...

Rafele - E tu nun he cagnato ‘e llenzole?

‘Ntunetta - Va bene, ma sempe... E po’, chillu ritratto, ca pare ca ce guarda...

Rafele (gira il ritratto a faccia a muro) - ‘O zi’, agge pacienza: tu nun he ‘a vede’. Si no te piglie collera, passie pe’ tutt’ ‘a casa, e nun ce faie durmi’. (Pausa. A ‘Ntunetta) Sta buono, accussi? nnun vede niente. Dimane matina, quann’io me n’esco, tu l’avuote n’ata vota... (Pausa) Vide attuorno... Ce stesse quacche ata cosa, ca te ricurdasse ‘o muorto? Vulimmo spusta’ ‘o lietto? ‘O mettimmo cu ‘a spalliera ‘a via ‘e ccà?

‘Ntunetta - No.

Rafele - Vulimmo mettere ‘a consolle ‘o posto d’ ‘o cummò.

‘Ntunetta - No.

Rafele - E allora me pozzo ferni’ ‘e spuglia’?

‘Ntunetta - Sì...

Rafele - Oh! (E si toglie il panciotto. Pausa)

‘Ntunetta (fermandolo con un gesto) - E ‘o llutto?

Rafele - E nun so’ passate vintiquatt’ore?

‘Ntunetta - Ehi E sì arrivato!

Rafele (perde la calma, e, sbottonandosi i pantaloni alla cintola, ne apre e chiude i due lembi con interrogativa impazienza) - Ch’aggi’a fa’? (Pausa)

‘Ntunetta (convincente) ~ Rafe’ mo te metto nu matarazzo ‘ncopp’ ‘e ssegge.

Rafele (riabbottonandosi i pantaloni con rabbia, e rimettendosi il panciotto e la giacca) - Ojne’, fallo p’ ‘a Madonna! Io ero venuto ccà pe’ m’accuncia’ ll’osse... Aggio fatto già tre nuttate ‘n terra, mo manco dormo... E di’ ca me vuo’ atterra’ pure a mme... Po’, simme a dduie a passia’ pe’ ‘mmiez’ ‘a casa io e ‘o zio! (E si avvia, per uscire)

‘Ntunetta - Aspetta.

Rafele - E vattenne, ch’aggi’a aspetta’?! (Mostra il ritratto) Chillo sta avutato ‘a tre ore, già s’è rassignato! (Pausa)

‘Ntunetta - E allora... te miette ‘mponta ‘mponta?

Rafele - ‘Mponta ‘mponta!

‘Ntunetta - Cuieto cuieto?

Rafele - Cuieto cuieto... Ma ch’aggi’a fa’ ‘a scherma?

‘Ntunetta - E ghiammo!

Rafele (si toglie la giacca)

‘Ntunetta (lo guarda, immobile)

Rafele - Gué, e nun te spuoglie? A chi aspiette?

‘Ntunetta - Aspetto ca t’adduorme, quanto sì grande!

Rafele (seccato) - Ojne’, a chi vuo’ fa’ perdere ‘a capa? (Si rimette la giacca, e s’affretta a girare il ritratto, dandogli la sua posizione normale. Parla al morto) ‘O zi’, tu può’ guarda’... Stanno avutato, chi sa che te cride, e ccà nun starnino facenno niente! (Pausa) Oh! Io mo me vesto e me ne vaco; essa resta sola... E tu, allora, afferrala e falle nu ddiece ‘e mazziatone, pecche s’ ‘o mmereta. (E fa per andarsene)

‘Ntunetta (trattenendolo) - Aspetta...

Rafele (scattando) - E vattenne! Ch’aggi’a aspetta’?!

‘Ntunetta - E ghiammo!

Rafele - M’aggi’a spuglia’?

‘Ntunetta (con il capo accenna, timidamente, disi)

Rafele - M’aggi’a proprio spuglia’?

‘Ntunetta (approva)

Rafele (togliendosi di nuovo la giacca) - Mme staie facenno cunsuma’ ‘e mmaneched’ ‘a giacchetta! (Pausa)

‘Ntunetta - Rafe’, ma tu dimane te n’hé ‘a i’ ‘e notte ‘e notte ‘e notte...

Rafele (accenna di si con il capo)

‘Ntunetta - Primma d’ ‘e ttre.

Rafele (sbuffando, si rimette la giacca)

‘Ntunetta - Che f aie?

Rafele - E allora me n’aggi’a i pecche aggio già fatto tarde! (E si avvia verso la porta)

‘Ntunetta - E che songo ‘e ttre, mo?

Rafele - E che ce manca? Cinche minute! Quanno me spoglio e me vesto! (Pausa)

‘Ntunetta - ‘O ritratto...

Rafele (spazientito) - Ah! Diciarrà ‘o zio: “Aggi’a vede’ si te truove!”. (E rivolgendosi al morto) Agge pacienza! (E gira, ancora una volta, il ritratto verso il muro)

‘Ntunetta (lentamente si toglie il velo nero, che aveva sulle spalle)

Rafele - Lassa fa’ a Ddio! S’è levato ‘o llutto!

‘Ntunetta (si toglie il grembiule)

Rafele (sospira)

‘Ntunetta - Rafe’, a chistu ritratto ce avimm’a mettere na bella curnice.

Rafele (consarcasmo).. Cchiù curnice ‘e chella ca ce mettimmo mo?

‘Ntunetta - Pecche?

Rafele - E mo ‘o ‘ncurniciammo buono!

‘Ntunetta - E avotate...

Rafele (si gira, dandole le spalle. Improvvisamente si odono le note allegre di un’orchestrina)

‘Ntunetta (con gesto fulmineo, si rimette il grembiule e il velo sulle spalle mentre Rafele si volta di scatto. I due si guardano interrogativamente,preoccupati) - Chi sarrà?

Rafele - ‘O zio!

‘Ntunetta (infastidita) - Uh, nun pazzia’!

Rafele (interdetto) - Embè, e sul’isso ‘o ssape ca io stongo ccà; e ce ha vulutopurta’ ‘a serenata.

‘Ntunetta - Chi pò essere?

Rafele (rimettendosi la giacca) - Vide pe’ dint’ ‘o pertuso d’ ‘a mascatura.

‘Ntunetta (si avvicina alla porta, ne toglie la chiave, e spia) - Ah!

Rafele - Chi è?

‘Ntunetta (sottovoce, impaurita) - Don Gennaro, Donna Filumena, Don Andrea, Donna Peppina e ‘o marito, ‘O cantante d’aiere, Sisinella,Donna Vicenza e ‘A signora...

Rafele - Mme pare ca nun ce manca nisciuno cchiù!

‘Ntunetta (disperandosi) - T’hanno visto!

Rafele - Quanno?

‘Ntunetta - Quanno sì trasuto d’ ‘o palazzo. Pirciò ca Don Gennaro s’è miso fore ‘e sentinella, e nun s’è muoppeto cchiù!

Rafele - E al massimo m’avarrà visto Don Gennaro... Lla ce sta nu cuofeno ‘e ggente!

‘Ntunetta - E Don Gennaro l’avrà ditto a Donna Filumena; e se so’ chiammate ll’uno cu ll’ato...

Rafele - E ‘e sunature addo’ ‘e ppigliaveno?

‘Ntunetta - E forse se ritiraveno. Chille ‘a ccà ‘ncoppa stanno ‘e casa.

Rafele (fremendo) - A te mo t’attocca d’arapi’?!

‘Ntunetta - E comme! si no che faccio vede’...?

Rafele - Io mo m’annasconno; ma, si chille m’hanno visto, è inutile...

‘Ntunetta - ‘O ddice pure?

Rafele (gridando) - E nun l’aggi’a di’?

‘Ntunetta (nervosa) - Zitto!

Rafele - E tu me faie tucca’ ‘e nierve!

‘Ntunetta - Avascia ‘a voce! (Decisa) Io mo arapo ‘a porta: appena traseno loro, tu t’ ‘a svigne p’ ‘o purtone.

Rafele (sacramentando, scavalca il davanzale della finestra, e scompare)

‘Ntunetta (apre la porta del basso. La musica si fa più distinta. Verso l’esterno) - Ched è, neh?

La voce di Sisina - Donna ‘Ntune’, ascite pure vuie!

La voce di Donna Filumena - Na serenata.

‘Ntunetta - A chi? (Entrano Donna Filumena, Sisina e Donna Vicenza)

Donna Vicenza - Ogge è San Pietro, 29 giugno.

‘Ntunetta - E chi è ‘o festeggiato?

Donna Filumena - Don Pietro Barbiere, ‘o patrone ‘e casa.

Sisina - ‘E suone ce l’ha mannato ‘o ‘nnammurato d’ ‘a figlia.

Donna Peppina (entrando) - Permesso?

‘Ntunetta - Favurite.

Donna Peppina - Nuie avimmo ‘ntiso ‘e suone, e ce simmo menate d’ ‘o lietto.

‘Ntunetta - Giesù, e io aggio ‘ntiso ‘e suna’ proprio ‘nnanz’ ‘a porta mia... Aggio pensato tra me e me: “E chi m’ ‘a porta sta serenata? ‘o muorto?”. (Le donne ridono) Ah, è stato ‘o ‘nnammurato d’ ‘a figlia... (Le donne approvano) Na bella attenzione!

‘O tranviere (entrando) - Si può?

Donna Vicenza - Trasite, Don Federi’.

Donna Peppina (vedendo il marito in maniche di camicia e con i pantaloni da pigiama, bianchi) - Gué, comme vaie cammmenanno? Te miette a trasi’ dint’ ‘a casa d’ ‘a ggente accussi cumbinato?!

‘O tranviere - Che vvuo’? A chest’ora, chi mme vede?

‘Ntunetta - Facit’ ‘o fa’... (La musica si conclude)

‘O tranviere - Capirete, Don Pietro, ‘a coppa mo s’ha dda disubbliga’. Ha ll’arape’o balcone, e ha dda mmita’ tutte quante. E, siccome nuie stammo presente, ce ha dda mmità pure a nnuie!

Donna Filumena - E saglite ‘ncoppa accussi cumbinato?

Donna Peppina - Chisto overo nun ragiona!

‘O cantante (entrando) - Si può?

‘Ntunetta - Favorite.

‘O cantante - Donna ‘Ntune’, per gentilezza, dateme nu bicchiere d’acqua!

‘Ntunetta - Sisine’, pigliancillo, tu stessa, dint’ ‘a cucina!

Sisina - Chi? Io me metto paura!

Donna Filumena - E te vuo’ mmareta’?

Sisina - Già, pecche quanno una se mmarita, vede ‘o spireto?

‘O tranviere - Ato che spireto!

‘Ntunetta (a ‘O tranviere) - Don Federi’, pigliatancillo vuie!

‘O tranviere (fa per andare in cucina, poi voltandosi, scherzoso) - Mo me ‘ncontro cu ‘o suocero mio! (Le donne ridono ed egli scompare, a sinistra)

‘Ntunetta (al cantante) - ‘A chi site stato chiammato?

‘O cantante - ‘A Don Alberto Scaglione.

Donna Vicenza (spiegando) - ‘O ‘nnammurato d’ ‘a figlia ‘e Don Pietro...

‘Ntunetta (alludendo a Don Alberto) - E isso, mo nun ce sta?

‘O cantante - No.

Don Gennaro (entrando) - Insomma, stanotte nun se dorme?

‘Ntunetta - E che ssacciol Menu male ca dimane è dummeneca.

Don Gennaro - ‘E balcune ‘e Don Pietro, già se so’ illuminate.

Sisina - Mo ce starrà ‘a bicchierata!

Don Gennaro - E nuie pe’ chesto stammo ccàl S’è scetato tutt’ ‘o vico!

‘O cantante (ironico) - Ogge cu ‘o muorto, stanotte cu ‘o vivo. State facenno zite e murticielle.

Don Gennaro - Embè! (Come dire: che ci vuoi fare?)

‘O tranviere (uscendo di nuovo con l’acqua e porgendola al cantante) - Acqua...

Sisina (mentre il cantante beve) - ‘On Federi’, ll’avite visto a ‘o suocero vuosto?

‘O tranviere (fa cenno di st) - S’è sciupato!

Donna Peppina - Quant’è indisponente!

‘O cantante (dà il bicchiere a ‘O tranviere) - Grazie. (Poi gli altri) Neh, veniteve a senti’ sta canzuncella. (Esce)

Donna Filumena - E venite, Donna ‘Ntune’...

‘Ntunetta - No, grazie. (Le donne e Don Gennaro escono. ‘O tranviere, non visto, torna a sinistra, per posare il bicchiere. Dopo unattimo, ricomincia la musica e si ode la voce del cantante intonare la canzone di Raffaele Vviani “‘O mare ‘e Margellina”)

Musica

 (‘Ntunetta chiude la porta)

Rafele (ha scavalcato il davanzale della finestra ed è di nuovo nella stanza)

‘Ntunetta - Guél Tu nun te ne sì gghiuto?

Rafele - E ce sta ‘A signora assettata fore ‘o palazzo, Don Andrea cu ‘o vascio apierto.... Ce stanno ‘e sunature ca mme cunosceno...

‘Ntunetta (appare vivamente contrariata)

Rafele (con tono perentorio) - ‘A serenata nun vene a tte: chiude, e nun ricevere a nisciuno cchiù!

‘Ntunetta - Nonsignore. Appena può’, jesce fore e mmìscate ‘mmiez’a ll’ate...

Rafele - Sì pazza?! (E fa per togliersi la giacca)

‘Ntunetta - Gué!

Rafele - Chiude, ca me cocco!

‘Ntunetta - Ma siente...

Rafele - Me cocco! Arrangiate! (Si toglie la giacca)

‘Ntunetta (indispettita) - Ah, si? (Prende la chiave dalla toppa, spegne la luce, ed esce)

Rafele (credendo di parlare a ‘Ntunetta) - Sta luce nun ‘a putive fa’ ‘a mmeno d’ ‘a stuta’? (Siede, accingendosi a levarsi le scarpe. Si ode il rumore della chiave nella toppa) Oh, he fatto buono che he chiuso! (Pausa) ‘Ntune’! ‘Ntune’!

La voce di ‘Ntunetta - Grazie! Graziel Tanti auguri, Don Pie’!

Rafele (trasecolando) - Uh, chella piezza ‘e carogna, m’ha chiuso ‘a dinto! (Si riveste in un baleno)

‘O tranviere (appare dalla cucina brancolando nel buio e si dirige verso la porta d’ingresso)

Rafele (vede la sua forma bianca, fantomatica, ed urla) - Ah! Ah! ‘O zi’, nun ‘o ffaccio cchiù!

‘O tranviere - Songh’io! songh’io! (Entra in fretta ‘Ntunetta, ed accende la luce. La seguono le donne, e, poco dopo, ‘O cantante. La musica s’interrompe)

‘Ntunetta - Ch’è succieso?

‘O tranviere (a Rafele, che appare tramortito sulla poltrona) - Songh’io, Don Federico ‘o tranviere.

Donna Filumena - Che ll’avite fatto?

‘O tranviere - Chi ll’ha fatto niente?

Rafele (prendendo fiato) - E comme ve truvaveve vuie dint’ ‘a cucina?

‘O tranviere - Ero juto a pusa’ ‘o bicchiere!

Donna Peppina (al marito) - E tantu tiempo ce he miso? Perché nun sì asciutosubbeto?

‘O tranviere - E vulevo vevere pur’io, e me so’ miso a sceria’ ‘o bicchiere cu ‘a scorza ‘e limone p’ ‘o disinfetta’.

‘Ntunetta (offesa) - E pecche ll’avev’a disinfetta’? Che stongo malata?

‘O tranviere - Chillo ce ha vevuto ‘o cantante... Io ‘o schifo!

‘O cantante - Tu schife a mme? (Fa per scagliarsi, ma tutti lo trattengono e lo spingono fuori)

‘Ntunetta (a Rafele, con accento di finta meraviglia) - E tu comme te truvave dint’ ‘o vascio? Pe ddo’ sì trasuto?

Rafele - P’ ‘o purtone e p’ ‘a fenesta!

‘Ntunetta - E nun he visto ca steva ‘o scuro, e e’ ‘a porta steva ‘nchiusa?

Rafele - E sapenneve paurosa, aggio penzato: “Mo c’ ‘a zia trase, ‘a voglio fa’ piglia’ paura; voglio fa’ na pazzia.” Sapevo po’ che asceva ‘a morte ‘a dint’ ‘a cucina e ‘a paura mm’ ‘a pigliavo io?

Donna Filumena (a Rafele, con sottinteso) - Embè, e sta bene, po’? Chella Ddio ‘o ssape comme sta...

Donna Vicenza - E so’ pazzie ca se fanno?

Donna Peppina - Nun sta bene.

Rafele - E n’ata vota nun pazzeo cchiù! (Alzandosi dolorante, e baciando la mano alla zia) ‘A zi’, scusate tanto... Bona notte. (Fa per andare, e sentendosi male, a ‘O tranviere) Ma si mme vene ‘a freva, so’ mazzate, ehi (E via)

Sisina (a ‘Ntunetta) - Saglimmece nu mumento ‘ncopp’a ddu Don Pietro.

Donna Filumena - Accettammo na cosa, e ce ne scennimmo.

‘Ntunetta - No, nun me sento. E po’, ogge è succiesa ‘a disgrazia... Facite ‘e scuse meie.

‘O tranviere (uscendo, seguito dalle donne) - E allora, bonanotte!

‘Ntunetta - Buonanotte. (Accompagna all’uscio il gruppo e, appena tutti sono usciti, chiude a chiave)

Rafele (nel frattempo, ha scavalcato la finestra, ne ha chiusi i vetri, e comincia a spogliarsi)

‘Ntunetta (con un grido soffocato) - Uh! (Pausa) T’ha visto nisciuno?

Rafele - Tutta Napule! (Si toglie la giacca, il panciotto ed il solino. Cerca, poi, qualcosa sotto il letto)

‘Ntunetta - Che vaie truvanno?

Rafele (non le risponde e va in cucina)

‘Ntunetta (è pietrificata)

Rafele (torna, siede sul letto, e comincia a togliersi le scarpe. A ‘ ‘Ntunetta) Tu nun te viene a cucca’? (Pausa) ‘O zio sta ccà!

‘Ntunetta - No! (E, impaurita, si avvicina piano piano al letto)

Rafele - Chillo mo caccia ‘a mano ‘a sotto ‘o lietto, t’afferra ‘o pede ‘mmano...

‘Ntunetta (salta, con un grido, sul letto)

Rafele (l’afferra per le spalle, avido. Pausa) - Te siente cchiù sicura dint’ ‘e braccia meie?

‘Ntunetta (dopo un attimo di smarrimento, guarda, con un sorriso, Rafele. Ha un sussulto) - Si! (Si ode, più in lontananza, la canzone udita precedentemente)

Rafele (ascolta interdetto, poi) - No, no, è ‘ncoppa.

‘Ntunetta (dolcemente si scioglie dalle braccia di Rafele, e s’incammina verso il comò)

Rafele - Ched è?

‘Ntunetta (sincera) - M’aggi’a dicere ‘e ccose ‘e Ddio! Tutt’ ‘e nnotte mm’e dico. Ciento avummarie e ciento gloriapate. (E dopo essersi segnata, comincia a pregare davanti all’immagine della Madonna)

Rafele (scende dal letto, si rimette le scarpe, quindi, avvicinandosi al tavolo, comincia a vestirsi)

‘Ntunetta (voltandosi) - Addo’ vaie?

Rafele - Me vaco a sentere ‘a primma Messa ‘o Carmene. Songo abituato, ogne dummeneca matina... (Si ode una bussata ansiosa, e forte alla porta del basso)

‘Ntunetta - Madonna!

Rafele - N’atu guaio!

‘Ntunetta (senza muoversi, dal suo posto, grida) - Chi è?

Una voce d’uomo - Arapite, songo ‘o custode d’ ‘o campusanto!

‘Ntunetta (sorpresa, non credendo alle sue orecchie) - Chi?

La voce - ‘O custode d’ ‘o campusanto! (Pausa) È ccà addo’ aieré se pigliaieno ‘o muorto?!

‘Ntunetta (guarda Rafele, sempre più sorpresa) - Si...

Rafele (sbalordito) - O custode d’ ‘o campusanto?

‘Ntunetta (impaurita) - Madonna, e che vvò! (Verso la porta) Aspettate. (Piano, a Rafele) Madonna, e che sarrà? (Pausa) Forse nun avvarrà avuta ‘a regalia?

Rafele - E veneva ‘e ttre d’ ‘a notte?! (Pausa) Fosse sparito ‘o muorto ‘a dint’ ‘o tavuto?

‘Ntunetta - Madonna, io sto tremmanno tutta quanta!

Rafele - Tu? Io me sto tuccanno ‘e nierve! ‘O pigliarrie a schiaffe! (Indicando la fotografia sul comò) Vicin’ ‘o ritratto!

‘Ntunetta - Fa’ ampressa! Chillo sta bello, commeto commeto...

Rafele (prende la giacca, il cappello e tutte le sue cose, e si dirige piano piano nella cucina)

‘Ntunetta (va ad aprire la porta)

‘O custode d’ ‘o campusanto (entra trafelato, con il berretto tra le mani) - Scusate, vuie site ‘a mugliera d’o muorto?

‘Ntunetta - Gnorsi.

‘O custode d’ ‘O campusanto (impacciato) - E venite cu mme! (Pausa) Lia è succieso nu fatto assaie curioso. Ecco ccà... Comme simmo jute a mettere ‘o tavuto dint’ ‘a cella mortuaria, avimmo ‘ntiso nu rummore ca veneva a’ dint’ ‘a cascia... Avimmo apierto, e avimmo visto ca ‘o muorto risciatavàancora...

‘Ntunetta (non riesce a soffocare un grido)

‘O custode d’ ‘o campusanto - L’avimmo fatto addura’ allora nu poco ‘acito e chillo ha apierto ll’uocchie... Che avevam’a fa’? L’avimmo aizato, e ll’avimmo purtato dinto a ddu me... Mo sta vicino ‘o ffuoco, pecche ‘o povero viecchio ll’ha pigliato ‘o ppoco ‘e friddo. ‘E primme parole che ha ditto: “Jate addu muglierema ‘Ntunetta, e dicitencello ca io nun so’ muorto!”. ‘O direttore vuleva telefona’ ‘a Questura, ma ‘o viecchio ha insistito: “Jate addu muglierema ‘Ntunetta”. E io ve so’ venuto a chiamma’.

‘Ntunetta (terrea) - E ascite nu mumento, quanno mme fernesco ‘e vesti’.

‘O custode d’ ‘o campusanto (si avvia) - Facite ampressa. (Ritorna sui suoi passi) Scusate, ma vuie chiammasteve a nu miedeco o a nu veterinario?

‘Ntunetta (desolata) - ‘O miedeco d ‘o Municipio. Trasette, ‘o vedette ‘a luntano, e dicette: paralisi cardiaca.

‘O custode d’ ‘O campusanto - E allora se spiega... È stata na finta morte. E ch’è ‘a primma vota ca succede nu fatto ‘e chiste? E pirciò ca nuie pigliammo sempe ‘e pricauzioni... (Pausa) Ma che salute, signo’, ‘o marito vuosto! Eh, nun ce vò niente niente p’ ‘o fa muri’ a uno comm’a Carnevale...

‘Ntunetta - Avviateve, ca mo vengo.

‘O custode d’ ‘O campusanto - M’arraccumanno’, facite ampressa. (Esce)

Rafele (riappare dalla cucina, pallido come un cadavere, il cappello in testa)

‘Ntunetta - Tu he ‘ntiso?

Rafele (a stento, fa un cenno d’assenso con la testa)

‘Ntunetta - E fa’ ampressa, va’, ch’aggi’a chiudere.

Rafele - E ‘o fatto nuosto...?

‘Ntunetta - Oramaie... Tutto a monte!

Rafele - E allora?

‘Ntunetta - E allora, che? T’hè ‘a mettere a fatica’.

Musica

Rafele (avviandosi all’uscita) - Ma comme?! Vaco ‘o fronte, e mme pigliano prigioniero; m’arruolo dint’ ‘e Guardie Regie, e se scioglie ‘o cuorpo; me voglio sistema’, trovo na vedova cu cientomila lire, e risuscita ‘o marito! Cose ‘e pazze! Cose ‘e pazze!

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 16 volte nell' arco di un'anno