‘A pazziella s’è rotta

Stampa questo copione

‘A PAZZIELLA S’ E’ ROTTA

Commedia in tre atti

di

Salvatore Macri

Autore Posizione SIAE 184727 - Codice Opera SIAE 905267A

mail: macrisa@libero.it - anno 2012

Personaggi:

Teresa Capece, Contessa di Aversa                        D

Caracciolo, Cerimoniere                                                           U

Gesualdo , Marchese delle Rose                                          U

Sofia Pedicini, Duchessa di Benevento                  D

Carmela, domestica                                                       D

Ferdinando, Re di Napoli                                                          U

Scena:                        l’ambiente è una sala di sgombero di un Palazzo Reale (es. Reggia di Caserta), ma non decorata; fondali semplici, con una comune dotata di porta apribile a comando remoto e locale; è necessario un tavolo in un angolo con alcune sedie, non uguali tra loro, un paravento davanti al quale saranno sistemate delle casse, da sistemare necessariamente all’angolo opposto della scena e discosto dal fondale quel tanto che serve perché una persona possa passarci dietro; eventualmente dietro il mobile vi sarà una praticabile, non accessibile alla visione dal pubblico. L’ambientazione sarà completata con casse anche rustiche (non scatole di cartone) di cui un paio dietro il paravento, appendiabiti (non metallici), portaombrelli, cappelliere a muro, stivali accantonati, quadri con vecchie cornici, bandiere arrotolate, cestini in vimini ed eventuale cianfrusaglia. Sul tavolo sarà presente un cestino con arnesi per taglio e cucito, un calamaio con penna d’oca, alcuni libri antichi (di cui uno con una pagina inserita, strappabile), uno specchio con manico, una candela su bugia e una scatola di zolfanelli. Nel terzo atto è necessario disporre un bigliettino, su una sedia accostata al tavolo e un foglio di carta con dello scritto.

Nota per il Lettore (eventualmente da notificare prima dello spettacolo agli Spettatori):

                                      L’opera è scritta con la visuale etica del XVIII secolo, superstiziosa, bigotta, libertina e per nulla tendente all’altruismo, con la quale i Nobili e soprattutto il Sovrano (qualunque egli sia stato) trovava fertile terreno per dominare, talvolta in modo paternalistico, e conservare il suo potere quasi assoluto sulle classi cosiddette inferiori. L’ignoranza e la falsa cultura erano diffuse a tutti i livelli, come il ricorso alle cosiddette arti magiche. L’epoca storica è quella della Restaurazione borbonica, dopo la fine della sfortunata Repubblica Napoletana del 1799.

Atto primo, scena prima: Teresa, Caracciolo

Teresa                        (seduta vicino al tavolo, cuce un orlo a un vestito e canticchia, molto lentamente) Cecerenella tene ‘na gatta, che sempe magna e mai che se schiatta… (mima la puntura dell’ago) te pozzano accirere! Ce se mettono pure l’aghi… pacienza… che hamma fa’!

Caracciolo                 (entra con la sua mazza) Contessa Teresa! Ma che ve sta succerenne? Comme mai int’ ‘o guardaroba?

Teresa                        Comme site scucciante, Caracciolo! Vulevo sta’ sola… ccà nun ce vene mai nisciuno… e po’ ccà sta ‘a roba che me serve pe’ cosere! Pecchè site venuto?

Caracciolo                 ‘A cerimonia è fernuta… vulevo pusa’ ‘a mazza… ma state faticanne… proprio vuie?

Teresa                        (sospira) Eh, caro Caracciolo… ‘e tiempi belli so’ passati!  Nun ‘o sapite? Nun ce stanno cchiu’ serve, cammerere, sarte…  l’uommene stanno fore e loro stanno tutte quante a fatica’ ‘a terra o a pascula’ l’animali che ce so’ rimasti… e chelli poche libere che ce stanno servono tutte ‘a Rigina!

Caracciolo                 ‘O saccio, eccomme! Mannaggia ‘a guerra… e i Giacobini! (depone la mazza da una parte)

Teresa                        (guardando il proprio lavoro) Faciteve senti’, che ce sta ‘na palla pronta pure pe’ vuie! (si alza, mostrandogli l’indumento)  Che ve ne pare?

Caracciolo                 Contessa… (prendendo l’indumento e ispezionando molto da vicino l’orlo) vui site ‘nu bisciu’! Pare fatto ‘a chella puverella ‘e Niculina, bon’anema… site proprio brava… stevo pensanne… ce sta ‘nu punto addo’ chella mazza se sta scusenne… e tengo cocche cazettino ch’ ‘e buchi… ma vui non…

Teresa                        E v’ ‘e tenite accussi! (strappandogli il vestito dalle mani) Ma viri ‘nu poco che se passa! A che simmo ridotti! Secondo voi mò io me metto a fa’ ‘a sarta pe’ l’ati!

Caracciolo                 Scusate, Contessa… (si inchina) non mi sarei mai permesso di pensare a voi pe’ chesto… vulevo sulo addimannare si vulesseve ‘insigna’ a cosere ‘e piccerelle… ‘a guerra l’ammo vinta e mò, chiano chiano… tutto essa turna’ comme a primma!

Teresa                        Vulesse Dio! Ma chilli che so’ muorti… certo che nun tornano! E po’… io nun l’essa dicere… ma comme si me sentesse… cchiu’ stanca! Nun me vene voglia ‘e fa’ cchiu’ niente!

Caracciolo                 Seee… jate ‘nu poco addo’ ‘a Rigina… chella ve fa veni’ subito ‘a voglia e ve fa senti’ bona! Fa ‘o stesso pure c’ ‘o Re!

Teresa                        (posa il vestito sul tavolo e si torce le mani) Povero Re Ferdinando… ‘a quanne simmo turnati ‘a Palermo, tene ‘na faccia janca, nun mangia cchiu’… manco ‘a Rigina ce ha potuto!

Caracciolo                 Eh, chella puverella che ‘eva fa? ‘A sofferto assai… ‘o mare nun le piace… ‘o Re ‘eva penzato che se vuleva spassa’ ch’ ‘e guaglione, mentre che essa… ma nun ‘a cumbinato niente! (sospiro) Che ‘amma fa’, i tiempi belli so’ passati pure pe’ isso… (si avvicina a Teresa e sussurra) se sta facenne vicchiariello overamente!

Teresa                        Uh… Maronna mia aiutami! E accussì m’ ’o dicite? E io… nuje… comme facimmo?

Caracciolo                 Ohe, Contessa, nun è che sta murenne, Dio ce ne scanzi… io dicevo sulo che… vui me capite… ‘e guaglione… pare che nun ‘e guarda cchiu’ comme a ‘na vota! Me l’ha ditto pure l’Ammiraglio, mentre stevemo turnanne ‘a Palermo! Cioè, ‘e guarda sempe… ma nun ‘e chiamma, niente ammasciate, manco ‘nu biglietto!

Teresa                        Povero re nuostro! ‘O fatto è grave… chillo ‘a fatto sulo chello fino a mo’… a guverna’ ce ha sempe penzato ‘a Rigina… ah! Però po’ sempe ghi’ a caccia e a pesca, all’osteria, ‘e feste…

Caracciolo                 E che ce va a fa’ all’osteria, ‘e feste si po’ nun… po’ fa’ cchiu’ chello che faceva?

Teresa                        Maronna mia… vuie avite ragione! ‘Amma fa’ coccosa! Chillo s’appecundrea… e more!

                               

Atto primo, scena seconda: Teresa, Caracciolo, Gesualdo

Gesualdo                  (entra) Ma insomma, cos’è questo indegno cicaleccio?

Caracciolo                 Stammo a posto!

Teresa                        (facendo un leggero inchino) Marchese… come mai la vostra persona si è degnata di entrare in questa stanza secondaria?

Gesualdo                  Cerco qualcuno che mi aiuti, Contessa! Sono disperato! Qui non funziona più niente, il mio valletto è scomparso, sono rimasto senza jabot! Ne avete visto uno in giro, qui?

Caracciolo                 Marchese, se la mia vista non m’inganna… uno ‘o tenite!

Gesualdo                  (sdegnato) Turpe villano! Come osate contraddirmi?

Teresa                        Marchese… nun ve ‘nquartate! ‘O veco pure io che ‘o jabot ‘o tenite!

Gesualdo                  (lezioso) Ma questo ha perso il profumo, Contessa! Non posso portarlo ancora… sto girando ovunque alla ricerca di qualcuno che mi possa dotare di qualcosa di più… fresco!

Caracciolo                 E’ ‘na parola… nun site sulo vuie chillo che le manca ’a robba! Sulo ‘a Rigina tene già quasi tutte cose!

Gesualdo                  Mi fa piacere... e il Re?

Caracciolo                 (sospirando) Tene ‘ate cose a che penza’… povero  Re nuostro! Io le voglio tanto bene… (va a verificare la sua mazza)

Teresa                        (con fare complice, si avvicina a Gesualdo) Marchese… me diceno che… nun guarda cchiu’ ‘e guaglione!

Gesualdo                  Maronna d’ ‘o Carmine, chisto è ‘nu guaio… (tossicchia) volevo dire che il Re si trova in grandi ambascie! Ma… la causa?

Teresa                        Si dice che po’ essere ‘a stanchezza… o pecchè s’è fatto vicchiariello…

Caracciolo                 Chillo se preoccupa troppo d’ ‘e Giacobini!

Gesualdo                  Volete dunque tacere? Voi siete solo un cerimoniere, cosa ne potete capire di queste cose? Contessa… noi dobbiamo fare qualcosa per far recuperare al Re la… piena salute!

Teresa                        Eh! E comme se fa? Primma ‘e tutto, essa essere proprio isso che dice che… sta malato… qual è ‘a malatia che tene… e che se vo’ cura’… l’argomento è delicato… mica putimmo ghi’ addo’ ‘o Re e le purtammo pubblicamente ‘a cura… che po’ nun saccio manco che ce vulesse…

Gesualdo                  Voi, turpe bifolco! Andate dal Re e significategli che lo vogliamo aiutare e conosciamo anche il modo! (a Teresa) Conte’, saccio ‘o fatto mio, ‘a cura ‘a tengo!

Caracciolo                 Marchese… vi ringrazio d’ ‘a fiducia… ma io addo’ ‘o Re pe’ le dicere ‘na cosa ‘e cheste… nun ci posso andare… e nun ce vaco! (posa la mazza, dando un colpo) L’ate ditto vuie… io songo solo ‘nu cerimoniere, nun saccio niente… nun capisco niente… magari me scordo ‘a robba p’ ‘a via… dicitancello vuie, direttamente!

Teresa                        (prevenendo la reazione di Gesualdo) Me sape che avite ragione, Caracciolo, proprio vui nun ce putite ghi’! E manco vui, Marchese… è ‘na cosa troppo delicata! Ce vaco io… e veco direttamente! (prende l’indumento dal tavolo) Chesta è ‘na cosa che sulo ‘na femmena po’ fa’! Vaco io! (si batte sul petto) Me sacrifico io p’ ‘o bene d’ ‘o Re!

Gesualdo                  Ah! Allora… voi… gli direte…

Teresa                        Allora… vaco… si nun sta… buono… me n’accorgo subito… e si sta buono… me faccio almeno dieci ducati! (esce cantando e accennando una danza) Cecerenella tene ‘na gatta, che sempe magna e mai che se schiatta, e che nun tene né ossa e né pelle…

Atto primo, scena terza: Caracciolo, Gesualdo

Caracciolo                 ‘A faccia d’ o sacrificio!

Gesualdo                  Secondo me, il Re dimostrerà ancora una volta tutte le sue splendide e virili capacità!

Caracciolo                 Non per contraddirvi Marchese… ma si succeresse che… nun fosse accussì… vui che facesseve?

Gesualdo                  Non ci sono dubbi! Il Re ha tanti nemici… questo è un malocchio… giacobino!

Caracciolo                 Si fosse accussì… ce vulesse ‘na zingara che ce ‘o levasse… ma mò nun se ne trovano tante… e po’, mò è pure pericoloso, ce stano ‘e lazzare giacobine che se vestono ‘a zingare… ce vulesse ‘na perzona fidata… meglio si fosse nobile…

Gesualdo                  Eh! Certamente voi non siete al livello di conoscere certa gente… magari sapete i nomi delle persone… ma non avete le amicizie… giuste come le nostre!

Caracciolo                 Voi forse state pensanne ‘a Duchessa Sofia Pedicini?

Gesualdo                  E vui che ne sapite…?

Caracciolo                 Marchese… chella ‘a cunosceno pure ‘e prete! V’arricurdate chella muntagna ‘e Benevento? Dice che è stata essa a farse ‘o ritratto!

Gesualdo                  Vuje nun sapite niente! Nun ve permettite ‘e dicere chesti cose! Che diamine! Oh! Parlare così di una nobile è una cosa riprovevole! Chella è stata… ‘a bisnonna soia!

Caracciolo                 (inchino) Scusate, Marchese, è comme dicite vuie… ma chella è ‘na janara famosa ‘o stesso, comme ‘a nonna e comme ‘a mamma! L’arte loro s’ ‘a so’ passata in famiglia! Eh… si putesse parla’… sapisseve quanti fattarielli se diceno… quanti cose che è stata capace ‘e fa’…

Gesualdo                  Ordunque, parlate!

Caracciolo                 Ma io non mi pozzo mettere a paragone con vostra signoria… (inchino) io songo sulo ‘nu cerimoniere scemo… cu’ vui nun ce pozzo parla’, è questione di nobiltà… comme avite ditto vuje!  (inchino)

Gesualdo                  Che c’entra… su certe cose non si guarda…

Caracciolo                 Ma vui ce guardate… quanne jate a farve fa’ ‘e carte addo’ ‘a zingara Zaira, ve vestite comme a ‘nu lazzero, cu’ ‘nu cappellaccio ‘n capo per nun ve fa’ cunoscere!

Gesualdo                  Ma, veramente… quello è solo per il gioco… e po’ vui che ne sapite?

Caracciolo                 Chello che nun se fa, nun se sape! ‘A Reggia pure ‘e mura teneno ‘e recchie!

Gesualdo                  Insomma… (va vicino a Caracciolo) diciteme che sapite, jammo!

Caracciolo                 Va buono… ‘o sapite che dieci juorni fa, ‘a fatto chiovere, ‘na masseria sì e una no? ‘Anno avuto l’acqua sulo chilli che l’anno pavata! E ‘na semmana fa, ‘a fatto scumpari’ tutta ‘a selvaggina attuorno ‘o Casino Reale! ‘O Re era ghiuto a caccia justo là, ‘a visto ‘a mala parata e se n’ è ghiuto a pisca’ a Patria… ohè, appena è arrivato, so’ scumparsi tutti ‘e pisci d’ ‘o lago, mentre ‘o Casino turnavano cervi, cinghiali, cunigli e pure i maravizzi! Dice che so’ stati ‘e Giacobini a pavarla… vulevano fa’ ‘a posta ‘o Re… però ‘e lancieri l’anno acchiappati mentre stevano annascusi dint’ ‘e frasche, pe’ fortuna!

Gesualdo                  Maronna!

Caracciolo                 Ma nun sapite l’ultima… è d’aieri, quanne s’è fatta ‘a cena cu’ l’Ambasciatore austriaco… era invitata pure essa! Sentite buono, che saccio chello che dico! Io stevo dint’ ‘a cucina, me facevo ‘na ‘mpustarella mentre ‘e munzu’ appriparavano ‘e piatti p’ ‘a cena… sapite, io nun m’assetto ‘a tavula c’ ‘o Re, quanne ce stanno gente ‘e fore… m’aggia arrangia’ ‘a sulo, e allora assaggiavo mò chesto e mò chello… quant’era bona chella robba! Ohè… appena ’anno purtato ‘e piatti dint’ ‘a sala… che succere? Sotto ‘a luce ‘e tutte chelle cannele s’è visto buono… ‘a Duchessa ‘a sulo aizato ‘na mano, facenne finta e s’accuncia’ ‘a parrucca… e all’improvviso tutte cose so’ addiventate gialle che faceva schifo a vede’! L’Ambasciatore ‘a fatto ‘a faccia storta, ma nun ‘a ditto niente e magnava… ‘a Rigina le teneva cumpagnia senza guarda’ chello che teneva dint’ ‘o piatto… l’invitati nun hanno potuto dicere niente… ma chillo povero Ferdinando nuosto… se vedeva che faccia faceva! ‘A fine, s’è miso coccosa ‘mmocca… ma ‘e piatti suoi turnavano ‘a reta sempre chini! ‘A fine s’è aizato e se ne ghiuto a magna’ int’ ‘a cucina… s’è fatto ‘nu pullastro sano sano! So stati n’ata vota ‘e Giacobini a pavarla… vulevano fa muri’ ‘e famme ‘o Re!

Gesualdo                  Chesta è pericolosa! Sta sempe c’ ‘e Giacobini!

Caracciolo                 Chella sta cu’ chi ‘a pava! ‘E sorde nun l’abbastano mai!

Gesualdo                  Chi sa po’ che ne fa… è nobile, ricca… ma vui sapite si… è spusata?

Caracciolo                 Quanne mai? E chi s’ ‘a piglia? Sulo cocche povero schiuvato ce ‘a pruvato, gente che nun teneva arte né parte… o uno che sta ‘nguaiato ‘e diebbiti, ce se po’ accusta’!

Gesualdo                  Già… overo… nun ce avevo penzato… chi sa si è gelosa…

Caracciolo                 Gelosa, chella? State pazzianne! Nun ‘ave bisogno d’ ‘a gelusia… si coccheduno le fa ‘nu sgarro piccirillo accussì…, s’ ‘a vede nera!

Atto primo, scena quarta: Teresa, Caracciolo, Gesualdo

Teresa                        (entra) Marchese… verite che s’adda fa’! Io ero ghiuta pe’ me fa dieci ducati…

Gesualdo                  E allora, Contessa?

Teresa                        A n’ato poco ce li dovevo dare io a isso! Chillo sta ‘nguiato! Qual’ è ‘a cura vostra?

Gesualdo                  ‘A cura è chella ‘e chiamma’ ‘a Duchessa Sofia…

Teresa                        Maronna! Vui state pazzianne… nun po’ essere!

Caracciolo                 Quanne ce vo’, ce vo’, Contessa! Almeno simmo sicuri che chella mette a posto tutte cose!

Teresa                        Però io me metto ‘nu paro ‘e cuorni ‘è cchiu’ ‘ncuollo… e comme facimmo?

Caracciolo                 Adda essere ‘na cosa riservata… ‘a facimmo veni’ ccà, a essa e ‘o Re!

Gesualdo                  Però… a coccosa servite pure vui, cerimoniere… grazie per aver esplicitato la mia soluzione a così delicato problema!

Teresa                        Ah… ‘a soluzione “vostra”? E allora… jatela a chiamma’ vui ‘a Duchessa!

Gesualdo                  Io? Ma manco p’ ‘a capa! Cerimoniere, andate voi!

Caracciolo                 (inchino) Va bene, Marchese, sarà fatto… ma ce sta ‘nu piccolo problema… chella primma ‘e veni’, vo’ ‘e ducati! Chi pava?

Gesualdo                  Ah! (guarda Teresa)

Teresa                        Eh! (guarda Gesualdo)

Caracciolo                 Nun me guardate a me!

Gesualdo                  Ebbene… sia! Mi recherò io stesso dalla Duchessa! La pregherò di agire come si conviene e immolerò la mia libertà di scapolo sull’altare di Sua Maestà, affinché non ci sia mercimonio alcuno per la sacra salute del nostro Sovrano!

Teresa                        Marchese… ve sentite buono? Ve vulite spusa’ cu’ chella… pe’ nun pava’?

Caracciolo                 Pure chisto era ‘nu problema delicato… il Marchese già ce steva penzanne, overo? Eh… pure isso se vo’ sacrifica’ p’ ‘o Re!

Gesualdo                  Ebbene sì! Il destino ha voluto che i miei amorosi pensieri che già avevo rivolto alla Duchessa, trovassero nuovo slancio in questa gravissima ambascia Regale! Caracciolo… addo’ ‘a trovo, ‘a Duchessa?

Caracciolo                 Sicuro a chest’ora se sta piglianne ancora ‘a ciucculata int’ ‘o giardino inglese… ‘a truvate llà!

Gesualdo                  Vo’ ad affrontare il mio futuro! Si deponga qui la veste celibataria e si proceda all’unione con lo spirito eletto della mia futura sposa! (esce)

Teresa                        Mah! Chi sape comme va’ a ferni’!

Caracciolo                 Contessa, ma si ‘o fatto nun jesse buono… vulessemo penza’ pure a cocch’ata cosa?

Teresa                        E che vulite fa’? Llà… ce vo’ ‘nu miracolo! No, no… abbiammo a priparà ‘a stanza… pe’ quanne vene ‘o Re!

Caracciolo                 Ah, e che ce vo’? ‘O Re le basta ‘na bella seggia… (prende una sedia e l’allontana dal tavolo, mettendola piu’ verso il centro) ecco fatto! Mò ‘o vaco a dicere primma ‘o Re e po’… sperammo che ‘a Duchessa Sofia accetta!

Atto primo, scena quinta: Teresa, Caracciolo, Sofia

(la porta si apre da sola)

Teresa                        (guardando la porta, dalla quale non entra nessuno) Maronna! E che è succieso? ‘O viento?

Sofia                            (entra dopo un paio di secondi) V’aggio sentuto! Stavate parlann’ ‘e me! Che jate truvanne?

Teresa                        (inchino) Duchessa, che onore… stevemo parlanne ‘e vuie, pecchè ‘o Re pare che… ave bisogno ‘e aiuto!

Caracciolo                 (inchino) Duchessa… l’è succieso ‘a peggio cosa che le puteva succedere a ‘nu Re che ‘a avuto sulo quattordici figli!

Sofia                            Overamente? Ma… ‘ate visto buono… (pausa)  Contessa?

Teresa                        Uh! E vui che ne sapite… vabbuò… sì, aggio cuntrullato proprio io… nun ce sta… nun ce stanno speranze… ‘o Marchese Gesualdo dice che è ‘nu maluocchio…

Sofia                            (sventagliandosi) Chillo è meglio che se sta zitto, nun capisce niente e vo’ fa’ vede’… nun è ‘nu maluocchio, è ‘na fattura! Ne stanno giranne paricchie, ‘a quanne è fernuta ‘a guerra!

Caracciolo                 ‘E Giacobini! So’ stati loro! ‘O sapevo! Duchessa… a vui nun mancano ‘e mezzi… ‘o vulite aiuta’?

Sofia                            Me state addimannanne ‘e leva’ ‘a fattura ‘o Re? Ce vonno cinchemila ducati! Chi m’ ‘e da’?

Teresa                        Maronna! Cinchemila… e chi c’ ‘e passa?

Caracciolo                 ‘O Marchese Gesualdo! Ve jeva truvanne proprio pe’ chesto, Duchessa! (inchino)

Sofia                            See… ‘ate truvato proprio chillo justo! Chillo sta chino ‘e diebiti!

Teresa                        Eppure ‘a ditto che ve vuleva parla’… chi ‘o sape!

Sofia                            Hm? Nun è ‘o primmo… facimmolo parla’… voglio vede’ che se fira ‘e fa’! Caracciolo… chiammatelo e facitelo veni’… io e ‘a Contessa ‘amma parla’ ‘e cose ‘e femmene!

Caracciolo                 Subito, Duchessa! (si inchina ed esce)

Atto primo, scena sesta: Teresa, Sofia

Sofia                            (si siede sulla sedia destinata al Re) Pigliateve ‘na seggia pure vuje, Contessa! Allora, ‘o Marchese s’è miso ’n capo che vo’ pava’ ‘e diebiti suoi ch’ e sordi miei?

Teresa                        (esegue e si siede) Io nun ‘o saccio…

Sofia                            ‘O saccio io! Ma diciteme… ‘o Re… proprio niente, eh?

Teresa                        Uh, ‘ammo pruvato ‘e tutt’ ‘e manere… e manco ‘na vota sola… niente… era accussì dispiaciuto… me metto appaura che chillo s’appecundrea!

Sofia                            Allora ce vo’… chello che ce vo’! Ve site visti dint’ ‘a stanza ‘e lietto?

Teresa                        No, Duchessa… ce steva ‘a Rigina che girava… ce ne simmo ghiuti dint’ ‘a stalla, è l’unico posto aro’ essa nun ce va mai e ‘o Re le piace l’addore d’ ‘e cavalli!

Sofia                            Chella ‘nziriosa! Ma ‘a quanto tiempo ‘o Re sta accussì?

Teresa                        Dice che è ‘ncuminciato ‘a quanne simmo turnati ‘a Palermo… duje semmane fa!

Sofia                            E’ paricchio! Allora m’aggia spiccià! (si alza, prende un vecchio libro, lo apre e ne strappa un foglio)

Teresa                        Maronna mia! Che ‘ate fatto!

Sofia                            Me serve ‘nu poco ‘e carta!  (si siede al tavolo e si china a scrivere, mormorando) Allora…  Ferdinando Antonio Pasquale Giovanni Nepomuceno Serafino Gennaro Benedetto, per grazia di Dio Re di Napoli e di Sicilia… e chisto è uno… mò ce vo’ n’ato che se piglia ‘n cuollo ‘a fattura! Contessa… vui chi dicite?

Teresa                        Ma comme… vulite fa’ muri’ a ‘n’ato… e ‘a fattura nun se leva?

Sofia                            Primma ‘e tutto ‘a luvammo ‘a coppa ‘o Re! Chillo è… nun è cchiu’ giovane, insomma… ‘a menammo ‘n cuollo a chi ‘a po’ suppurta’ pe’ ‘nu poco… e po’ penzammo a isso, tanto nun è manco fattura a morte! Tenite coccheduno che v’è antipatico?

Teresa                        Io… nun ‘o saccio, me pigliate ‘a sprovvista!

Sofia                            Hmm… ‘o Marchese Gesualdo! (gira il foglio sottosopra e scrive di nuovo) Gesualdo Filippo Antonio, Marchese d’Afflitto e delle Rose… ecco fatto!

Teresa                        Ma comme, chillo ve vo’ bene, e vuje…

Sofia                            Contessa, chillo vo’ bene sulo ‘e ducati miei! E po’… me serve sulo pe’ poco che s’accolla ‘a fattura! (continua a scrivere, mormorando) Tre ore… una cammisa… Giacobini… sole ca viene… ve schiatto n’cuorpo… va buono… (si alza) dateme ‘na mano… vui ce state e vui m’aiutate! Nun putimmo chiamma’ gente… e chello che facimmo mò, ‘a ccà nun esce! Ce simmo capite?

Teresa                        Gnorsì… Maronna! Ma che aggia fa’?

Sofia                            Jammo, spustammo cchiu’ luntano chesta tavula… chiano che ce sta ‘o foglio e ‘a cannela! (eseguono e sgombrano il centro palco) E levate ‘sta seggia ‘a miezo! (prende la scatola di zolfanelli sul tavolo e accende la candela che metterà al centro palco) Contessa… ve mettite appaura?

Teresa                        Veramente… io me stongo quaglianne sotto! Ma mò che ‘ata fa’?

Sofia                            Ancummincio ‘o rito… nun se po’ sbaglia’ cu’ chesti cose… (sposta la candela un poco più avanti) Mò va buono! (prende la candela e la porge a Teresa) Tenite chesta ‘n mano… e quanne ve faccio segno, mettitela aro’ steva… ‘o punto preciso… nun è difficile!

Teresa                        (facendo volutamente tremare la candela) No… quanne mai… però forse è meglio si ’a mantengo a doje mani!

Sofia                            (prende il foglio dal tavolo e lo poggia sul palco, al posto della candela; tende le braccia verso l’alto; la luce sul palco diminuisce, lasciando solo Sofia illuminata, meglio se dal basso)

Spiriti di stregoni maleritti,

streghe appicciate e diavoli curnuti,

guardate ‘sti’ parole che aggio scritto

venite ampressa, ca ce serve aiuto!

Re Ferdinando ‘a avuto ‘na fattura;

fattura nun a morte, ma ‘a pigliato!

L’hanno attaccato nella sua natura

e l’hanno fatto comme a un debosciato!

         

Passate ‘a voce, nun v’ata ‘ntallia’,

ve voglio tutti quanti dint’ ‘a stanza!

Faciteve ‘sto rito, state ccà,

o faccio veni’ a tutti ‘o mal’ ‘e panza!

Comm’ ‘o surbetto gira dint’ ‘o ghiaccio,

schiuvammo ‘sta fattura ‘a Ferdinando!

Io dico, voglio e pozzo, e accussì faccio:

te piglio e giro, ordino e cumando!

Te torcio comme fussi ‘na matassa,

te levo comme fa ‘o tirabuscio’

nun me ne ‘mporta niente si te scassi,

‘a Ferdinando jesci, vuoi o no!

(sempre a mani tese in avanti) Contessa, mettite ‘a cannela vicino ‘o foglio!

Teresa                        (esegue, facendo tremare la candela) Ecco… uh… ‘o foglio è addiventato giallo!

Sofia                            Nun ve preoccupate… e stateve zitta! (riprendendo)

Vedite ‘n coppa ‘o foglio che cumanno:

v’aggio signato buono tutte cose;

chesta fattura jesca ‘a Ferdinando

e jesse add’ ‘o Marchese delle Rose!

Muvimmo tutti ‘nzieme ‘sta putenza,

guverna chilli ‘e coppa, nonna mia!

Chi ha fatto ‘sta fattura, che se penza?

Dalle ‘stu schiaffo ‘n faccia… e accussì sia!

(le luci tornano normali; Sofia abbassa le braccia)

                                      Ecco… (prende il foglio e la candela, la spegne e poggia tutto sul tavolo)

Teresa                        (con voce esitante) E’ fernuto? Tutto a posto?

Sofia                            L’aggio dato ‘a primma botta… forse nun abbasta… ma mo vui ‘ata cuntrulla’!

Teresa                        Che cosa?

Sofia                            Comme sta ‘o Re! Jammo bella, v’accumpagno io, p’ ‘a via… però primma mettiteve ‘nu poco ‘e cipria… pure ‘nu poco ‘e profumo… po’ jate addò ‘o Re e… state allera! Forza! Cantate! (prende il foglio dal tavolo e si incammina per uscire)

(la porta si apre da sola)

Teresa                        (con voce stridula e tono alto, meglio se steccando) Cecerenella tene ‘na gatta, che sempe magna e mai che se schiatta… (esce camminando incerta, insieme a Teresa)

Fine primo atto

Atto secondo, scena prima: Caracciolo, Carmela

Caracciolo                 (entra, gira per il palco e mette una sedia al centro) E jammuncenne! Nun aggio capito pecchè se so’ fissati ‘e veni’ ccà… ce stanno tanti posti cchiu’ belli… comodi… e senza… (si gira intorno, nervoso) spiriti… e ragni che te scenneno ‘n cuollo!

Carmela                     (entra) Uh, che ce facite ccà, ‘o zi’? Ve site venuto a piglia’ ‘a mazza? Eppure io nun sapevo niente… chi vene? Quanne se fa ‘a cerimonia? E che ci fa ‘sta seggia, justo ‘miezo? E’ brutta! (la prende e la rimette a posto)

Caracciolo                 Carmeli’… nun ce stanno cerimonie, oggi… e ‘a seggia… serve ’miezo ‘a stanza! (la rimette al centro) Lassala sta là e fatti ‘e fatti tuoi!

Carmela                     Hm? Allora chi ‘adda veni’ accussì importante… int’ ‘o guardaroba… aggio capito! ‘Ata fa’ coccosa c’ ‘o Re! Però,  si  ‘o Re vene ccà… nun se vo’ fa’ vede’ d’ ‘a Rigina… allora se tratta ‘e femmene!

Caracciolo                 Carmeli’, e comme si’ trasiticcia! T’è fa ‘e fatti tuoi… che si’ venuta a fa’?

Carmela                     Me l’ate ditto vui che quanne fernevo ch’ ‘e piatti ve l’eva diciere! E si nun ve facevo ‘a posta e ve venevo ‘a reta, comme facevo? Allora,’o zi’, mò che aggia fa’? Però… me piacesse ‘e vede’ che succede… pozzo rimmane’?

Caracciolo                 ‘O fatto che io mò nun tengo tiempo pe’ te…. e ccà nun ce puo’ sta’! Va’ a lava’ ‘e bicchieri!

Carmela                     E jammo, ‘o zi’! Mò sta a vede’ che proprio io dongo fastidio… io me metto zitta zitta, bellella bellella… (guarda la scena) addereto ‘o paravento! Accussì sento tutte cose… e nisciuno me vere! Me piace, me piace! (saltella e batte le mani)

Caracciolo                 Justo a te che ogni doie e tre te vene ‘o segliuzzo? Te sentono, te trovano… e ce vaco pe’ sotto io! ‘O Re nun te canosce ancora! Me vuo’ ‘nguaia’? Pe’ piacere… lassa perdere… te faccio cunta’ tutte cosa d’ ‘a Contessa Teresa quanne le fai ‘e capilli…

Carmela                     Chella è sprucida e nun dice mai niente!

Caracciolo                 E allora me faccio dicere tutte cose a me e po’ t’ è dico!

Carmela                     Manco p’ ‘a capa! ‘A Cuntessa Teresa ce po’ sta e io no? Che so’ ‘sti cose?

Caracciolo                 Ma essa è  nobile… sientimi ‘nu poco… (si avvicina a bisbigliare) saccio che adda veni’ una perzona speciale… assai importante… e assai riservata, ‘a cosa… è proprio… personale, pure io nun pozzo resta’!

Carmela                     Addirittura? Fosse… aggio capito! Ma… ‘o Re… ce ha penzato buono? Chella è pericolosa…

Caracciolo                 Io ce l’aggio ditto… ma isso ‘a risposto che ‘o vo’ fa! Nun po’ proprio sta’… nun se fira ‘e aspetta’ cchiu’!

Carmela                     Maronna! Chella tene pure ‘o fidanzato!

Caracciolo                 Ma chi?

Carmela                     ‘A figlia ‘e l’Ambasciatore! Ce l’aggio addimannato proprio io, l’ato juorno, mentre le mettevo ‘o busto…  sperammo che ‘o fidanzato… o ‘o padre nun ne sape niente… si no, succere ‘na guerra c’ ‘a Francia!

Caracciolo                 (sospira)  Meno male… no, basta guerre… perciò… ‘e capito ‘a cosa… che te serve ‘e t’annasconnere ccà?

Carmela                     E, sì, overamente… magari pozzo aiutà ‘o Re… mentre essa sta ccà, io metto ‘miezo ‘o Biribisso… ‘e faccio mettere a ghiuca’ luntano… e nisciuno che ‘a va’ truvanne!

Caracciolo                 Bravissima, Carmelina! Accussì loro duie stanno cchiu’ quieti! Mò, però… jammucenne, sta pe’ veni’ ‘o Re… in incognito… tene ‘o saio ‘n cuollo!

Carmela                     Se vere che ce tene proprio! Si ‘o ‘ncoccia ‘a Rigina, vestuto ‘a monaco dint’ ‘a Reggia… le fa’ passa’ ‘nu brutto quarto d’ora!

Caracciolo                 Perciò… ‘o vidi? ‘A cumpagnia nun ce vo’!

Carmela                     Però io, doppo, voglio sape’ tutte cose, va buono? Faciteve dicere tutte cose, pe’ filo e pe’ segno… e po’ m’ è dicite! Vaco a lava’ ‘e bicchieri! (esce)

Caracciolo                 Meno male che ‘a capito! E che c’è vuluto! (esce)

(la scena rimane vuota per due secondi)

Carmela                     (dischiude la porta, si guarda intorno, la richiude alle sue spalle e si infila dietro il paravento, in silenzio)

Atto secondo, scena seconda: Ferdinando, Teresa, Carmela

Teresa                        (entra e tiene la porta aperta per far passare Ferdinando, al quale si inchinerà)

Ferdinando              (entra vestito da frate;  si libera del saio, aiutato da Teresa, scoprendo il suo abbigliamento nobiliare)  Dateme n’a mano a levarmi ‘sto coso! Lassa fa’ a Dio! Nun saccio ‘e muonaci comme fanno!

Teresa                        Ecco qua… (prende il saio che metterà su una cassa e gli avvicina la sedia) assettateve! Però ‘o saio ve steva buono…

Ferdinando              Nun ne parlammo! M’è venuto vicino Luigi ‘o cucchiere… se vulava cunfessa’ cu’ me!

T eresa                       E che l’ate ditto?

Ferdinando              Che l’eva dicere? Aggio fatto segno che dopo… e me ne so’ fiuto! Chillo sape bona ‘a voce mia e i peccati suoi… nun m’interessano! Si veneva Carulina… allora era n’ata cosa! Ma… simmo pronti?

Teresa                        Io credo che sì… ‘o Marchese Gesualdo v’ ‘a ditto tutte cose?

Ferdinando              Chillo è scemo! Stevemo dint’ ‘a sala Gialla, ce steva pure Carulina che parlava ch’ ‘e Ministri, e chillo trase senza addimanna’ niente, dicenne che me putevo leva’ ‘o maluocchio! L’aggio subito mannato ‘o paese ‘e Pulicenella!

Teresa                        E manco Caracciolo v’ ‘a ditto niente?

Ferdinando              Caracciolo vuleva parla’, mentre me metteva ‘sto coso… ma io saccio già tutte cose  e l’aggio fatto sta’ zitto! Io tengo esperienza, ‘o sai? Già n’ata vota m’anno levato ‘o maluocchio! E’ stata ‘na zingarella… ‘a spustato ‘o malocchio ‘n copp’ ‘a n’ato… e s’è pigliata ‘nu ducato sano sano!

Teresa                        Veramente, Maestà, stavota nun è ‘nu malocchio e nun ce sta zingarella…

Ferdinando              Ohè, io muonaci femmenielli e maghi masculi nun ne voglio! Chi sta venenne?

Teresa                        Maestà… niente masculi… vene ‘a Duchessa Sofia Pedicini… e vo’ cinchemila ducati!

Ferdinando              Maronna! Justo chella? E tutti chisti ducati? Che ‘ate cumbinato?

Teresa                        Però c’ è da ‘o Marchese… cioè… chillo s’ ‘a vo’ spusa’… e allora…

Ferdinando              E allora aggio perzo cinchemila ducati… e pure ‘o Marchese! Chella la fa fa’ ‘na brutta fine!

Teresa                        Maestà, nun se puteva fa’diversamente… vui nun tenite ‘nu malocchio… è ‘na fattura!

Ferdinando              Maronna! Tu che dici? ‘A ditto ‘a Duchessa? So’ stati sicuro ‘e Giacobini!

Teresa                        Sulo loro ponno essere! Ccà ve vonno tutti bene… e pure io… (allusiva, si allontana, accostandosi al paravento)  

Ferdinando              Beh… Contessa… (alzandosi e andando vicino a Teresa) chi sa che oggi… ‘e cose ponno ghi’ meglio…

Carmela                     (esce da dietro il paravento, dalla parte opposta dei due e sorveglia la situazione)

Teresa                        Chi sa se… però sta venenne ‘a Duchessa!

Ferdinando              E che fa? Chella nun è gelosa ‘e me! E tu, fussi gelosa, pe’ caso?

Teresa                        Ma che dicite, Maestà… (comincia ad infilarsi dietro il paravento)

Ferdinando              (si infila anche lui)Ah… ma ccà addereta… nun se po’ fa’ niente! E’ troppo stritto! Si care ‘stu cosa fa rummore… corrono tutti ccà!

Carmela                     (gira intorno al paravento e rientrerà dopo che i due sono usciti dall’altro lato)

Teresa                        (uscendo) Overamente è stritto!

Ferdinando              (uscendo anche lui e scuotendosi l’abito) E ce stanno pure ‘e filinie! Mettimmece ‘n copp‘ ‘a seggia! Pruvammo llà n’ata vota! (comincia a togliersi la giubba)

Atto secondo, scena terza: Ferdinando, Teresa, Carmela, Sofia, Gesualdo

(la porta si apre da sola)

Ferdinando              (guarda la porta e si blocca a metà operazione) Maronna… ma che succere? Chesto nun pare viento… stammo ‘o chiuso!

Teresa                        Nun ve preoccupate, Maestà… sta sulo arrivanne ‘a Duchessa Sofia!

Ferdinando              Ma comme, proprio mò… (rimette la giubba) vi’ che pacienza!

Teresa                        Ma è p’ ‘o bene vuostro! Jammo, assettateve!

Gesualdo                  (entra, si inchina al Re e poi rimane chinato in attesa del passaggio di Sofia) Ben trovato, vostra Maestà! Ho l’onore di introdurvi Sofia Pedicini, Duchessa di Benevento e mia futura fidanzata!

Ferdinando              (sedendosi) Ah, ‘a miso sotto prova pure a te, mò? Auguri…!

Sofia                            (entra, portando un foglio di carta piegato in mano, fa un inchino appena accennato al Re) Maestà, ce simmo… putimmo ancumincia’!

Ferdinando              Ma che ‘amma ‘ncumincia’? Io nun saccio niente!

Sofia                            E vui niente ‘ata sape’! L’importante è che saccio io! Vuje v’ata senti’ sulo buono… proprio comme a primma, e pure meglio! Chello che v’è succieso aieri matina ve l’ata scurda’! (apre il foglio e lo mette al centro del palco)

Ferdinando              (rivolgendosi a Teresa) ‘E fatto ‘a spia n’ata vota, eh?

Teresa                        Ma è sempe p’ ‘o bene vuostro, Maestà!

Gesualdo                  Overamente, Maestà! Noi non possiamo godere della gioia della vostra compagnia, sapendo che non siete in perfetto splendore e che…

Ferdinando              Vabbuo’, statte zitto! (a Sofia) Che s’adda fa’?

Sofia                            Vui, niente… ‘ata sta’ sulo assettato comme a mò! Teresa… piglia ‘na seggia e miettila vicino a chella d’ ‘o Re! Ah… simmo sulo nuie, ccà dento, overo?

Teresa                        (esegue avvicinando una sedia circa mezzo metro da quella di Ferdinando, non affiancandola, ma mettendola in modo che i due possano guardarsi in faccia senza girare troppo la testa) Sì, simmo sicuri… aggio guardato pure addereto ‘e cascie e ‘o paravento!

Sofia                            ‘Nu pericolo ‘e meno! Gesualdo… va’ e assettate!

Gesualdo                  Ma io non posso… troppo onore…

Sofia                            (isterica) T’aggio ditto ‘e fa’ ‘na cosa! Muovete, spicciati, rumpiti ‘e cosce!

Gesualdo                  (si siede intimorito, facendo gesti di scusa verso Ferdinando) Scusate, Maestà…

Sofia                            Tutti zitti! Nun voglio senti’ vula’ ‘na mosca… me so’ spiegata?

(tutti assentiscono, mentre Sofia si porta tra le due sedie, lievemente indietro; Carmela si sporge lievemente dal suo nascondiglio)

Sofia                            Teresa… appiccia ‘a cannela… e miettila addo’ sai tu!

Teresa                        Maronna… cioè… sì Duchessa… (esegue con visibile tremito e mette la candela a terra, un po’ davanti alle sedie occupate) e mò… che faccio?

Sofia                            Mò lievete ‘a nanze! Miettiti  cchiu’ luntano che puo’… vicino ‘o paravento, ‘o vi? Accussì nun ce stanno pericoli e nun dai fastidio! Ancuminciammo n’ata vota… e stateve zitti, m’arraccumanno… si no ‘e spiriti nun capiscono buono!

(Teresa si mette dall’altro lato del paravento rispetto a Carmela, che sporge la testa; gioco di luce in sala e sulla figura di Sofia, come in precedenza; Sofia tende le braccia e dispone le mani in modo che siano al di sopra delle teste di Ferdinando e Gesualdo)

Maghi, stregoni, streghe e janare,

spiriti ‘e l’inferno maleritti!

Avimmo perso sulo tiempo, aiere!

Nun ‘ate ‘ntiso chello che aggio ditto!

Chello che dico, voglio che ‘o facite!

L’ordine mio nun s’adda trascura’!

Chisto è ‘o mumento! Subito! Obbedite!

Chella fattura ‘o posto adda cagna’!

‘O malo Giacobino che ‘a vuluto

menare ‘n copp’ ‘o Re chesta fattura,

adda fa’ ‘a fine d’ ‘o piecuro curnuto,

primma s’accire e po’ s’appenne annuro!

 (impone la mano sulla testa di Ferdinando, che sussulta)

Mala parola, stuorto chiaviello,

jesci ‘a ‘sta capo, te chiammo fore!

Comme sta scritto ‘nto foglietiello

Nun ce turna’ fino a quanno more!

Jesci ‘a ‘sta capo che male te vene,

viento e tempesta te leva ‘a llà!

(Ferdinando fa dei gesti di protesta; Sofia lo zittisce, sempre gestualmente, anche picchiandolo in testa, e tocca solennemente con la mano anche la testa di Gregorio, che sgrana lentamente  gli occhi e  resta come inebetito)

Chisto è ‘o suggetto, trasici ampressa!

Io te cumanno e tu nun fa’ storie!

Chi t’ ‘a mannato è ‘nu povero fesso,

ciuccio ignorante e chino di boria!

Jesci ‘a ‘sta capo che male te vene,

viento e tempesta te leva ‘a llà!

Nonna Florinda, riavuli e streghe,

chisto è ‘o mumento che l’amma spusta’!

Comme a ‘na spada che ‘o fuoco se piega,

tu devi stare alla mia voluntà!

Jesci ‘a ‘sta capo che male te vene,

viento e tempesta te leva ‘a llà!

Viento d’inferno, soscia cchiu’ forte!

Fino a ccà dento tu c’è arriva’!

Non te’ fermare annanze alla porta!

Chiuovo ‘e lignamme, t’aggia appiccia’!

Jesci ‘a ‘sta capo che male te vene,

viento e tempesta te leva ‘a llà!

(la porta si apre da sola; rumore sibilante di vento)

Teresa                        Maronna mia… io me sento male!

Sofia                            (senza muoversi) Statte zitta!

Carmela                     (da dietro il paravento) Hic!

(la porta si richiude; Sofia ritira le mani, le luci tornano normali; Ferdinando si rilassa mentre Gesualdo rimane immobile, chiudendo gli occhi)

Atto secondo, scena quarta: Ferdinando, Teresa, Carmela, Sofia, Gesualdo

Sofia                            Nun se po’… nun ce sta ‘nu minimo ‘e serietà! Io ‘o dicevo, che s’eva fa’ ‘o cimitero! Mah… ‘e spiriti ce stevano, sperammo che sia juto a posto… (prende foglio e candeliere da terra e li mette sul tavolo)

Carmela                     (da dietro il paravento) Hic!

Sofia                            (guardandosi in giro) Ma chi è?

Teresa                        (singhiozza anche lei) Hic! Scusate! Duchessa… io nun saccio comme me sento… però… che ‘ate fatto? Me vulite spiega’ ‘nu poco? E ‘o Re comme sta? Hic! Uh… pare che dorme… ‘a funziunato? E ‘o Marchese… me pare ‘nu pullastro spennato… hic!

Sofia                            Ohè… Contessa, che so’ ‘sti domande… ve sentite bona o ve fosse venuto mal’ ‘e  capa?

Teresa                        A chi? Hic! Scusate! No, nun me fa male niente… me sento… ‘nu bisciu’! Me sento… liggiera liggiera… che dicite, ‘o Re… s’è sanato? E comme facimmo a vede’? Vulessemo chiamma’ ‘a Rigina? Ma se vere subito si s’è sanato?

Sofia                            Ohe’, ‘nu mumento! Mò verimmo… (scuote Ferdinando) Maestà… Maestà, scetateve, è fernuto!

Teresa                        E Gesualdo? Uh, che brutta faccia… a isso nun ‘o scetate? Ma è ghiuto tutte cose buono? E pecchè se so’ addurmuti? Succere sempe chesto? E mò ‘o Marchese… ‘a teneisso, ‘a malatia?

Ferdinando              (si stiracchia) Me so’… addurmuto… (sbadiglia) è ‘nu segno buono?

Sofia                            ‘Amma vede’… nun ‘o saccio ancora, ce ‘a facite a aizarvi? (gli da una mano) Forza!

Teresa                        Uh, Maesta! Che bello, che ve veco aizato n’ata vota! Me piace, me piace! (saltella girando sul palco e batte le mani)

Ferdinando              Io… me sento liggiero liggiero… me sento… vacante… comme si tenesse famme!

Teresa                        Allora venite cu’ me! Jammo int’ ‘a cucina… cacciammo fore a tutti quanti… e ce facimmo… ‘nu bello pullastro… o ‘na custatella!

Sofia                            Allora jate… e sì ‘o Re ‘o pullastro s’ ‘o vulesse magna’ dint’ ‘a stalla… forse è meglio!

Teresa                        Sì, sì! Me piace, me piace! (saltella e batte le mani) Jammucenne Maestà! (gli offre il braccio e lo conduce fuori)

Ferdinando              (uscendo) Chiano, Contessa… certo, pe’ chillo maluocchio, è stato cchiu’ facile! (escono)

Sofia                            (si rivolge a Gesualdo, che pur restando immobile, ha riaperto gli occhi) Marchese Gesua’… jammo, che te si’ scetato! Aizati!

Gesualdo                  Mamma d’ ‘o Carmine… io… me sento debole!

Sofia                            Ah, meno male!

Gesualdo                  Comme, “Meno male”?

Sofia                            Tu nun è capito niente, eh? Jammucenne a fa’ ‘na ‘mpustarella pure nui… tanto ‘a cucina ‘nu minuto… e se libera! Ma… ce ‘a fai a cammina’?

Gesualdo                  (si alza faticosamente)  Sì… dopo di voi, Duchessa…

Sofia                            Forza! (si avvia ad uscire; la porta si apre e si chiude da sola dopo il suo passaggio; Gesualdo arranca dietro di lei)

Gesualdo                  Dolcezza mia… non camminate così veloce… che ne direste se vi dessi il braccio… ce la faccio! Aspettate! (esce)

Carmela                     (si sporge da dietro il paravento, guardinga, poi si porta lentamente verso il tavolo, appoggiandosi alle sedie) Povera a me! Nun ‘o faccio cchiu’! Se steva ‘nu poco stritti… ma nun po’ essere che pe’ chesto me sento accussì stanca… accussì senza forze… m’è passata’a voglia ‘e fa’ tutte cose… ma io aggia fa’ coccosa… mo’ vaco a lava’ ‘e bicchieri… no, primma vaco a truva’ a Marinella… chella sta sempe cuntenta… abballammo… cantammo… (esce camminando incerta, cantando con voce malferma, meglio se steccando) Cecerenella tene ‘na gatta, che sempe magna e mai che se schiatta…

Fine secondo atto

Terzo atto, scena prima: Caracciolo, Ferdinando

Caracciolo                 (entra, prende la sua mazza, guardando in giro con circospezione, e fa per uscire)

Ferdinando              (entra, vestito col saio, a cappuccio sugli occhi)

Caracciolo                 (urla impaurito, poi si calma) Ahhh! Maestà… ma site vuie… (inchino) che ce facite ccà, vui sulo e cu’ ‘sto saio ‘n cuollo? Scusate… ‘o saccio che nun so’ fatti miei… ma ‘a surpresa è stata assai grossa!

Ferdinando              (si alza il cappuccio e passeggia) Io sulo ccà trovo pace! E’ na semmana che tutte ‘e femmene d’ ‘o Regno me vonno curà, e manco ‘e mariti le diceno niente! Giovani, vecchie, zitelle, spusate… e che marina! Nun riesco manco cchiu’ a ghi’ a caccia, a pesca… me fanno ‘a posta! Primma io mannavo ‘e bigliettielli… mò ce vo’ ‘o fucile p’ ‘e fa sta’ ferme! Nun se ne po’ cchiu’!

Caracciolo                 Maestà, ‘o vedite comme ve vonno bene? Ah… ve chiedo ancora scusa pe’ nepoteme…

Ferdinando              Ah, ma nun è stata colpa soia, l’ha ditto pure ‘a Duchessa…  ce puteva pure rimmane’… meno male che chello s’è accunciato subito! Caracciolo, aiutame a levarme ‘sto coso ‘a cuollo, fa cavuro!

Caracciolo                 Subito, Maesta! (poggia in una canto la mazza e lo aiuta a togliere il saio che poi metterà su una cassa)

Ferdinando              Ah, mò se va buono! (si siede)

Caracciolo                 Putessemo ghi’ ancora meglio… si se putessemo accuncia’ a vuie, cioè…

Ferdinando              Ohè, mò te ce vuo’ mettere pure tu? Che vai dicenne? Me vulissi manna’ pure tu ‘nu bigliettiello?

Caracciolo                 Maestà, io… vulevo dicere che forse… si chiamassimo ‘o prevete… pe’ ‘na benedizione speciale ccà dento… chesta stanza è stata chiena ‘e spiriti… forze ce stanno ancora… ecco, se putesse fa’ benericere ‘a stanza… e si ce state pure vui, forse è meglio!

Ferdinando              E sicondo te, io nun me so fatto già benericere? Oramai tutti quanti sanno ‘o fatto… aggio chiammato prievete, muonaci e Vescovi, ce manca sulo ‘o Papa! Mannaggia che cu’ chillo stongo appiccecato, nun ‘o pozzo chiamma’! E aggio fatto veni’ pure ‘e meglio mierici ‘a fore… tu stesso me l’ ‘e purtati e… niente! Nisciuno che se sape spiega’ ‘sta cosa accussì… improvvisa! Io ce crero veramente che adda essere chella fattura!

Caracciolo                 Sì, però per vuie ‘a cura… chiammammola accussì… nun ha funziunato… vulite pruva’ n’ata vota  c’ ‘a Duchessa?

Ferdinando              Pe’ forza! Chella beneritta… se puteva sparagna’ ‘a freve quartana! Pe’ farla sta bona primma, aggio mannato ‘e mierici pure a essa! E che ‘anno fatto? S’ ‘anno  sulo saputo piglia’ ‘e ducati!

Caracciolo                 Certo che chi ‘a mannato ‘a fattura, sapeva a isso!

Ferdinando              Appena ‘o acchiappo, ‘o faccio appennere… anzi, no… ce ‘a faccio fa’ ‘a stessa fattura pure a isso!

Terzo atto, scena seconda: Caracciolo, Ferdinando, Concetta

Carmela                     (entra di corsa) ‘O zi’! Addo’ sta ‘o monaco… uh, Maestà! (fa un goffo inchino) Scusate… nun sapevo che pure vui stavate ccà… aggio sentito che ‘a Rigina jeva truvanne ‘o monaco nuovo…

Caracciolo                 Ma a te, coccheduno t’ ‘a ditto d’ ‘o truva’?

Carmela                     No, nisciuno! Però, si se po’ da’ ‘na mano… me fa piacere! ‘O zi’… nun l’ate visto?

Ferdinando              No! Nun l’ha visto… e ccà nun ce sta nisciuno monaco!

Carmela                     Scusate, Maestà… (si avvia lentamente ad uscire) si me pozzo permettere… auguri p’ ‘a salute, Maestà… diceno che nun state buono…  ‘o zi’, vaco a lava’ ‘e piatti…

Ferdinando              Ohè, comme te chiammi! Aspetta!

Carmela                     (si blocca e torna indietro) Dicite, Maestà!

Caracciolo                 Maestà, scusatela, mia nipote sape sulo lava’ ‘e piatti… nun sape che nun se ne po’ ghi’ si nun ce ‘o dicite vuje… e se chiamma Carmelina!

Carmela                     (inchino) A servirvi, Maestà!

Ferdinando              Carmeli’… ‘a sai ‘a malatia mia?

Carmela                     Sì, Maestà! Dice che nun putite cchiu’ fa’ figli!

Ferdinando              Già… ce stongo pruvanne ‘e tutte manere a farme sana’… pure tutt’ ‘e suddite me vonno aiuta’…  e tu? Pecchè nun m’ ‘e ditto che me vuo’ aiuta’?

Carmela                     Io? Ma io songo ‘na serva, Maestà… nun me pozzo mettere ‘o livello vuostro, nun ce penzo manco!

Ferdinando              Ah! Caracciolo… chesta è ‘na mosca janca!

Caracciolo                 Maestà, sì permettite… (fa un inchino) ‘a famiglia nostra cunosce ‘o rispetto vero… che vene d’ ‘o core… no’ chillo che coccheduno ve mena annanze pe’ fa’ vede’, e po’ ve tira ‘e secce ’a reto!

Ferdinando              Caracciolo… e sicondo te, io nun saccio che tutti fanno accussì?

Carmela                     Maestà… scusate… sicondo me ‘a malatia vosta vene a chesto!

Caracciolo                 Embe’? Comme te permietti?

Ferdinando              Lassa sta’…  Carmeli’, allora tutt’ ‘e regnanti…

Carmela                     Che c’entra? Vui site ‘o Re cchiu’ ricco che ce sta! Vedite si ‘a fattura ‘a fanno all’ati… che le vene dint’ ‘a sacca? ‘E diebiti?

Caracciolo                 (si guarda con Ferdinando) Ma chi t’ ‘e dice, ‘sti cose?

Ferdinando              Statte zitto… ave ragione… (scatta in piedi) Caracciolo… ‘ammo sbagliato tutte cose! Pure ‘a Duchessa… nui ce penzavamo che erano ‘e Giacobini… perciò ‘a fattura m’è rimasta ‘n cuollo! E’ stato coccheduno… d’ ‘a Corte! Piezzo ‘e disgraziato… m’attaccano ‘e spalle…

Caracciolo                 Forze accussì se spiegasse pecchè nun ha funziunato… e pecchè ‘a povera Duchessa è caduta malata… ma io nun saccio a chi penza’… chi po’ essere stato? Ccà ve vonno tutti bene!

Ferdinando              Almeno uno ce sta… Caracciolo… mò facimmo ‘na cosa… tu te viesti ‘a monaco… e vai cunfessanne a tutti quanti!

Carmela                     Sì, sì! Me piace, me piace! ‘O zi’, chi sa comme site bello, vestuto ‘a monaco! (saltella e batte le mani, poi si ferma, colpita da un pensiero) Uh… però… nun è sacrilegio?

Ferdinando              E chillo nun le da’ l’assoluzione… accussì stimmo a posto!

Caracciolo                 Maestà… vi ringrazio… ma nun è che cunosceno ‘a voce mia? E po’, simmo sicuri che chillo che è stato a fa’ ‘a fattura… se vo’ cunfessa’? E che ne sapimmo si dice overamente tutti ‘e peccati?

Ferdinando              Pare che ‘o fai apposta! Allora… fai ‘o cuntrario!

Caracciolo                 M’aggia ghi’ a cunfessa’ io… addo’ chillo fetente?

Ferdinando              No, che ‘e capito… fai finta che pure tu me vai contro… cocche parulella ccà… cocche mussetella ‘a llà… e vidi d’ ‘o fa’ scupri’!

Carmela                     E nun ‘o facite vesti’ cchiu’ ‘a monaco? Uh, me dispiace!

Caracciolo                 Ohè, ‘a vulissi ferni’? (a Ferdinando) Maestà… io nun pozzo dicere che no… però mi dispiace assai dicere che… beh, me capite… spero sultanto che chillo fetente ‘o scanaglio ampressa…

Ferdinando              Allora è deciso! Ah! Me pare quasi che me sento meglio… sì… scummetto che s’è fatta ora ‘e marenna…

Carmela                     Vulite che v’appriparo coccosa io Maestà? ‘Na bella mpustarella… senza chelli cose ‘nguacchiose pe’ coppa… pane ‘e grano ‘nfuso cu’ uoglio e acite, pummarole e muzzarella? Nui ‘a chiammammo ‘o pullastriello… comme fosse “ ‘o pullastro d’ ‘e puverielli”!

Ferdinando              (a Caracciolo) Io vaco a assaggia’ ‘a ricetta d’ ‘a monzu’ nova… m’arracumanno!

Caracciolo                 (si inchina) ‘E cumanni vuostri, Maestà!

(Ferdinando e Carmela escono confabulando)

Carmela                     Quanto ‘a faccio grossa ‘a fella ‘e pane… e… ve piace salato?

Ferdinando              Carmeli’… ‘nu pullastro, pe’ ‘nu Re, adda essere a suddisfazione!

Terzo atto, scena terza: Caracciolo, Gesualdo

Caracciolo                 Che bella cosa che se sente meglio… (prende il saio)  e io m’eva mettere chisto coso? Chi sa si me va pure… ‘o voglio pruva’… pe’ sfizio! (infila il saio) Però ce vulesse ‘nu specchio… nun veco niente! (prende lo specchio dal tavolo, cerca un posto dove appenderlo e così facendo si porta anche dietro il paravento)

Gesualdo                  (entra, vestito da monaco) Ah, meno male… nisciuno! Vedimmo si sta ccà… (guarda sul tavolo, spostando i materiali che vi sono sopra, poi si china a guardare anche sotto)

Caracciolo                 Ma chi è? (si copre col cappuccio)

Gesualdo                  (si alza in fretta, coprendosi il viso) Fratello… io sono un cercatore… stevo cercanne… ‘na figurella che m’è caduta d’ ‘a sacca! Ma nun ce sta… ‘a vaco a truva’ ‘a n’ata parte… arrivederci fratello! (fa per uscire)

Caracciolo                 Aspetta ‘nu poco… fratello cercatore! Vi’ che pressa… ma chi si’? (posa rapidamente lo specchio, lo prende per il saio e così facendo gli scopre la testa) Uh… Marchese Gesualdo! Che ce facite… vestuto ‘a monaco?

Gesualdo                  (scopre anche lui la testa di Caracciolo)  Ah! ‘O cerimoniere… me pensavo chi sa chi fosse! Meno male… ma nun chiammatemi Marchese… si sente coccheduno… (si gira intorno nervoso)

Caracciolo                 Allora… fratello…, che jate cercanne, accussì cumbinato… fosse che… coccosa ‘e riservato?

Gesualdo                  Beh… riservato… sì e prezioso… nun vulesse che capitasse dint’ ‘e mani sbagliate… vuje nun ‘ate visto…?

Caracciolo                 Forse putesse compromettere coccheduno… nun se sape mai ‘a gente comm’ ‘a penza…

Gesualdo                  Già… ‘e chisti tiempi… nun se po’ da’ fiducia a nisciuno… ce stanno ancora ‘nu sacco ‘e Giacobini… ma vuje pe’ caso avesseve visto…

Caracciolo                 Eh… sapite, Marchese… secondo me ‘e Giacobini ‘anno sbagliato… so’ ghiuti troppo ‘e corza… a caccia’ ‘o Re…

Gesualdo                  Avite ragione… troppa precipitazione… ‘e cose se fanno chiano chiano… no comm’ è succieso in Francia! Addirittura… nun me ce facite penza’… io cunuscevo buono a Luigi e a Maria Antonietta… puverielli…

Caracciolo                 E allora vuie… che avisseve fatto?

Gesualdo                  Certo nun l’avesse accisi! Magari… nun facennoli guverna’… ma vuje nun ‘ate visto…

Caracciolo                 Magari… nun facennole cchiu’ fa’ figli… chilli so’ sempe ‘nu pericolo…

Gesualdo                  Ecco… comm’ è succieso ‘o Re Ferdinando… ma io aggia correre a truva’ chella figurella mia! Veramente… è cchiu’ grossa… pare ‘na lettera… l’aggio perza ‘a ‘na semmana, aggio guardato pe’ tutte parti, po’ m’è venuto ‘n capo che so’ stato pure ccà… vuje nun l’avite vista, overo?

Caracciolo                 Io mò so’ trasuto… ero venuto a piglia’ ‘a mazza pe’ farla cosere ‘a na parte… nun me so’ miso a guarda’… è sicuro che l’ate perza ccà dinto? Ma che lettera è?

Gesualdo                  E ‘na lettera… ‘nu bigliettiello… sentimentale! Vui capite, si va ‘n mano a Sofia… chella m’accire!

Caracciolo                 (scettico) Eppure saccio che ‘a Duchessa nun è gelosa…

Gesualdo                  Beh… ma io nun le voglio da’ ‘nu dispiacere! Aiutateme a truvarla, forza! Aggio visto pure sotto ‘a tavula… nun ce sta!

Caracciolo                 Allora… io veco n’ata vota vicino ‘o tavulino… vuie guardate ‘a parte d’ ‘e casce!

(Caracciolo e Gesualdo si dividono e vanno a cercare nei due punti opposti)

Caracciolo                 Ohe’… sento coccheduno che canta dint’ ‘o corridoio… sta venenne ccà!

Gesualdo                  Maronna, e comme faccio? Io… m’annasconno! (si infila dietro il paravento)

Caracciolo                 Aspettate… vengo pur’io!

Gesualdo                  (da dietro il paravento) Fuori di qui! Questo è un posto solo per nobili!

Caracciolo                 Fratello… lièvate primma ‘o saio, e po’ vedimmo! Spicciateve… si acchiappano a me, pigliano pure a vuje!

Gesualdo                  Ma nun ce sta posto!

Caracciolo                 E nui ci facimmo piccirilli! (va dietro il paravento anche lui; salendo su due casse diverse, dietro al paravento, Caracciolo e Gesualdo fanno sporgere le loro teste incappucciate; a tratti ciascuno mette la mano sulla testa dell’altro per costringerlo ad abbassarsi)

Terzo atto, scena quarta: Caracciolo, Gesualdo, Teresa

Teresa                        (entra timidamente, portando un vestito da riparare) Permesso… ce sta nisciuno? Nisciuno omme e nisciuno… spirito… no, eh? Io so venuta sulo pe’ cosere ‘na cosa… po’ subito me ne vaco, nun ve dongo fastidio… (scosta dal tavolo la sedia con il bigliettino sopra e si siede senza guardarlo; canta guardandosi intorno) Cecerenella tene ‘na gatta, che sempe magna e mai che se schiatta… e che nun tene né ossa… (prende ago e cotone dal cestino e comincia a cucire disordinatamente, muovendo il busto ogni tanto, come se le desse fastidio qualcosa) né pelle… chesta è la gatta di Cecerenella… Cicerenella tene ‘na palla… tutta pittata di rosa e di gialla… ma che ce sta ‘n copp’ ‘a ‘sta seggia? (si alza, prende il bigliettino e si risiede per leggerlo) Ecco che era! Chi sa ‘e chi è… mò l’arapo… e vedimmo si ce sta ‘nu nomme… accussì saccio a chi ‘o pozzo da’!

(dietro al paravento, Caracciolo e Gesualdo fanno sporgere le loro teste)

                                      Vedimmo… ah! E che ce sta scritto? Nun se capisce niente… ah! Che parole longhe… ecco… cocche parulella se legge… Maronna! Chesta robba ‘e periculosa! (si alza) Io l’aggia purta’… ‘a gendarmeria… no, ‘o capo d’ ‘e guardie… no, forse ‘o prevete… no! E’ meglio che ‘o faccio vede’ ‘o Re! Maronna aiutaci! (esce, lasciando il vestito sul tavolo) Maestà…! Addò state?

Caracciolo                 (uscendo dal paravento) Marchese… ma che razza ‘e bigliettiello era?

Gesualdo                  Io… era ‘nu bigliettiello riservato… mò ‘e fatti miei fanno ‘a fine d’ ‘e stracci ‘o mercato! Io… nun me pozzo fa’ vede’ in giro…‘a ccà nun jesco cchiu’!

Caracciolo                 Facite ‘a fine d’ ‘o sorice! E jammo, ascite! Ve ne vulite scappa’?

Gesualdo                  (uscendo)  E arò me ne fujo? Si scappo d’ ‘e guardie, me pigliano ‘e Giacobini, e si scanzo chilli ce stanno ‘e spiriti… chilli ce ‘o diceno a  ‘onna Sofia! Povero a me, che guaio!

Caracciolo                 Facite ‘na cosa… teniteve ‘sta tonaca ‘n cuollo… perlomeno ‘e chesta ‘anno rispetto!

Gesualdo                  State pazzianne! Me faccio nemici pure ‘e muonaci! No… l’unica cosa che pozzo fa’… è turna’ ‘a casa… stanotte, quanne se fa scuro… e scrivo ‘na lettera ‘e scuse…

Caracciolo                 ‘A penna sta pure ccà… pecchè nun scrivite subito? Nun è meglio?

Gesualdo                  Sì… primma è, meglio è! (si siede spalle alla porta)

Caracciolo                 Ve pozzo da’ ‘na mano? (si siede al suo fianco) A chi scrivite, Marchese? ‘O Re?

Gesualdo                  (cercando sul tavolo) Ma ccà nun ce sta manco ‘nu fuglietiello ‘e carta!

Caracciolo                 (si alza a frugare sul tavolo e prende un foglio sciolto) N’aggio trovato uno… è ‘nu poco scritto ‘a reta… ma nun fa niente, ‘a cosa è urgente!

(mentre Caracciolo fa per prendere il foglio e porgerlo a Gesualdo, entra all’improvviso Teresa)

Teresa                        (spalanca la porta ed urla, additando le due figure in saio) Ahhh! Maronna! ‘E spiriti! ‘E spiriti… d’ ‘e muonaci! Teniteve ‘o vestito… tenitavillo! Ccà nun ce vengo cchiu’! (esce di corsa)

Gesualdo                  (con una mano al cuore)  Maronna aiutaci!

Caracciolo                 (malfermo sulle gambe) Era sulo ‘a Cuntessa Teresa… s’è misa paura!

Gesualdo                  Pecchè, vui no? A me pe’ poco nun me veneva ‘nu colpo!

Caracciolo                 (sedendosi) Poverella… l’essa spiega’ comme so’ ghiute ‘e cose… ma’o faccio doppo che ‘ate scritto… ccà ce sta ‘o foglio… (lo porge con mano tremante)

Gesualdo                  (prende il foglio e se lo rigira tra le mani) Ma… chisto è ‘o biglietto mio! Grazie! (abbraccia e bacia Caracciolo) So’ ancora vivo! Evviva (balla per il palco,ora  sventolando il foglio, ora rimirandolo con attenzione) E’ proprio isso! Evviva!

Caracciolo                 Ma comme… nun ce steva scritto quasi niente… e nun era chillo…

Gesualdo                  Era… è ‘a lettera ‘e credito d’ ‘a banca! Maronna ti ringrazio, che me l’he è fatto truva’! Ahhh… comme me sento meglio!

Caracciolo                 Allora… nun era ‘nu foglio… pericoloso… giacobino?

Gesualdo                  (togliendosi velocemente il saio e mettendo in tasca il foglio) Ma quando mai? Io sono un suddito fedelissimo di sua Maestà! E voi… che ci fate con questo saio addosso? Vi volete attirare l’ostilità dei frati, indossandolo indegnamente? Ma forse…. Il giacobino siete voi… turpe bifolco! Vi additerò al Re!

Caracciolo                 Va bene Marchese… (si sfila il saio e si inchina) Io ho fiducia nella giustizia di sua Maestà, si  aggia essere giudicato, nun me ne ‘mporta… isso è ‘na persona seria e nisciuno ‘a mai ditto che ‘e sentenze soie non erano bone! (prende il vestito lasciato da Teresa) Vaco a portare questo ‘a Contessa… e le le dico che è succieso, puverella…

Gesualdo                  Non nominate me! Non vi permettete!

Caracciolo                 Nominare voi, Marchese? Non mi permetterei… e po’ è inutile… ve conoscono buono tutti quanti! Per non parla’ d’ ‘a fidanzata vosta, ‘a Duchessa Sofia!

Terzo atto, scena quarta: Caracciolo, Gesualdo, Ferdinando, Teresa, Carmela

(entrano in silenzio due soldati in vestito borbonico, che si schierano ai lati dell’ingresso)

Gesualdo                  Mamma d’ ‘o Carmine!

(entrano prima Ferdinando e poi Teresa; Gesualdo e Caracciolo si inchinano; Caracciolo posa il vestito sul tavolo)

Ferdinando              (tenendo un foglio in mano) Contessa, allora qual è’a seggia?

Teresa                        (timidamente, indicando la sedia su cui era seduta) Chesta ccà, Maestà!

Ferdinando              Chi di voi ci si è assettato?

Gesualdo                  Maestà, io ero seduto su questa! (ne indica una diversa)

Caracciolo                 Io mi sono appoggiato a quest’altra, Maestà! (ne indica un’altra)

Teresa                        Mi ci sono assettata io, Maestà!

Ferdinando              ‘O saccio, me l’he ditto già! Io voglio sape’chi ce steva assettato primma ‘e te!

Caracciolo                 Maestà… chisto è ‘nu puorto ‘e mare… ‘a gente va e vene, nun ce sta nisciuno che cuntrolla… nun ve saccio risponnere|

Gesualdo                  (indicando Caracciolo) Maestà, è lui il responsabile! Dovete punirlo in modo esemplare, per mostrare a tutti la vostra suprema giustizia! Guardie, prendetelo e buttatelo in prigione in attesa di giudizio!

Carmela                     (entra di corsa) ‘O zi’! Stai ccà…? (si gira intorno, sorpresa di vedere gli altri e fa un inchino a tutti) Uh, scusate!

Gesualdo                  Questa piccola selvatica! Soldati, prendete anche lei! Portatela in galera! Deve imparare come ci si comporta!

(i soldati non si muovono)

Ferdinando              (sedendosi) Ohè… Marchese, tu me si’ simpatico… ma nun te piglia’ ‘o vraccio cu’ tutt’ ‘a mano!

Caracciolo                 Maestà, Marchese, Contessa… scusate mia nipote! Carmeli’, ma te si’ scurdata comme se fa, quanne se trase int’ ‘a ‘na stanza?

Carmela                     (inchinandosi di nuovo a tutti) Scusate… ma è ‘na cosa urgente… ‘o zi’… sta arrivanne ‘a carrozza nera!

Teresa                        Maronna!

Gesualdo                  Madonna, aiutaci veramente… io m’aggia annasconnere! ‘O saio… addò sta ‘o saio? (corre a prendere quello che si era sfilato e comincia a indossarlo, andando ad occultarsi dietro il paravento)

Caracciolo                 Tanto, chella ve trova ‘o stesso!

Ferdinando              Neh, ma chi è che sta venenne?

Caracciolo                 Sulo ‘a Duchessa Sofia tene ‘a carrozza nera, Maestà!

Teresa                        Maronna, che impressione!

Ferdinando              Ah! Ma nun steva malata?

Caracciolo                 Se vede che l’è passato… Carmeli’… ma tu si’ sicura’?

Carmela                     So’ sicura… l’aggio vista ‘a copp’ ‘a fenestra d’ ‘o sicondo piano!

Teresa                        Chi sa che va truvanne… Marchese, ne sapite niente?

Gesualdo                  (da dietro il paravento) Va truvanne a me! E’ sicuro! Io nun ce stongo… si me trova… m’accire! Arricurdateve… io… songo sulo ‘nu povero frate cercatore!

Ferdinando              Ma che l’ è fatto?

Gesualdo                  Sulo ‘nu piccolo prestito, Maestà… m’ ‘a prestato mille ducati pe’ ’nu debito… e io… me l’aggio jucati e l’aggio perzi!

Ferdinando              Ah! Me sape che hai ragione ‘e te mettere appaura… mò ce penzo io!

Teresa                        Le date vuje ‘e ducati, Maestà?

Ferdinando              Quanne mai? Nun abbasta ‘o Banco pe’ pava’ ‘e diebiti d’ ‘o Marchese!

Gesualdo                  (sporgendosi dal paravento) Maestà… ve ringrazio… ma allora che aiuto me vulite da’?

Ferdinando              Ah, ma tu si’ ‘nu monaco… c’ ‘a voce d’ ‘o Marchese… (agli altri) è ‘nu peccato che isso se n’è ghiuto e ce ‘a lassato sulo ‘sto monaco… però l’assumiglia assai… fratello… po’ essere che ‘a Duchessa te scagna p’ ‘o Marchese e te fa’ passa’ ‘nu brutto quarto d’ora… mò te faccio mettere ‘o sicuro! Forza, guardie, purtate ‘sto monaco ‘n galera… ma senza catene e chiuritelo ‘a sulo! Fratello… chesta guagliona (indica Carmela)  è ‘a monzu’ nova e cucina apposta pe’ te, nun te preoccupa’… cocche juorno ‘n galera nun te fa male,  te salvi ‘a pelle e nisciuno te scoccia quanno te dici ‘e preghiere!  Va buono? Si’ cuntiento?

(i soldati prendono Gesualdo e lo trascinano fuori)

Gesualdo                  (uscendo) Maestà… grazie… ma nun ve scurdate ‘e me fa’ asci’!

Caracciolo                 Maestà… io… (si inchina) sperammo che capisce!

Teresa                        Sperammo pure che ‘a Duchessa ‘o perdona… chella è capace ‘e mannarle ‘na fattura pure là!

Carmela                     Maestà… grazie! Vaco subito a cucina’ p’ ‘o Mar… monaco! (si inchina prima al Re e poi agli altri ed esce)

Terzo atto, scena quinta: Caracciolo, Ferdinando, Teresa, Sofia

Ferdinando              Ma allora se po’ sape’ ‘e chi era chillo foglio?

Caracciolo                 Ve l’aggio ditto, Maestà… chesta stanza è comme ‘nu puorto…

(la porta si apre da sola)

Teresa                        Accussì ampressa? Comm’ ‘a fatto?

Caracciolo                 Maestà, ce sta n’ata veste ‘e muonaco, ccà… ‘a vulisseve pure vuje?

Ferdinando              Nun sia mai! E che, mò song’io che m’aggia mettere appaura?

Sofia                            (entra, fa un lieve inchino al Re) Che piacere ‘e ve vede’, Maestà!

Ferdinando              Fa piacere pure a me, Duchessa! Ma nun stivi dint’ ‘o lietto c’ ‘a freve?

Sofia                            Me l’aggio fatta passa’ a forza! So’ venuta pe’ truva’ ‘nu certo Marchese… che nun se fa cchiu’ vede’ ‘a casa mia… e pe’ pigliarmi ‘na cartuscella che forze aggio lassato ccà … che mò me servesse proprio…

Teresa                        Mamma d’ ‘o Carmine!

Caracciolo                 Allora è ‘a vostra, Duchessa?

Sofia                            Ah, che bella cosa che l’ate truvata! Chi ‘a tene?

Ferdinando              ‘A tengo io… Duchessa… ‘o sai che ce sta scritto?

Sofia                            Sicuro che ‘o saccio! L’ate liggiuta pure vui? Dicite ‘a verità… v’è piaciuta? 

Ferdinando              Ma comme! Là ce stanno scritte cose ‘e… stregoneria giacobina!        

Sofia                            (sorridendo) Vedite buono…  pigliatela e leggite annanze a me!

Ferdinando              Contessa Teresa! (le tende il foglio) Liggila tu!

Teresa                        Maestà… io saccio leggere sulo ‘e parole piccerelle…

Ferdinando              Caracciolo! Tu… sai leggere!

Caracciolo                 Io sì, Maestà!

Ferdinando              E allora forza! (gli tende il foglio)

Caracciolo                 (guarda attentamente il foglio, si schiarisce la voce e declama)

                                      Cecerenella tene ‘na gatta,

                                      che sempe magna e mai che se schiatta

                                       e che nun tene né ossa né pelle

                                      chesta è la gatta di Cecerenella!

                                      Cicerenella tene ‘nu gallo,

                                      tutta la notte ce viaggia a cavallo

                                      ce va viaggianne senza la sella

                                      chisto è lu gallo de Cicerenella!

                                      Cirerenella tene ‘na palla

                                      Tutta pittata di rosso e de giallo…

Ferdinando              (interrompendo Caracciolo) Basta! Contessa Teresa… e chesta era ‘a carta pericolosa e giacobina? Ih, che te pozzano accidere!

Teresa                        (inchino) Perdonateme, Maestà… nun aggio letto buono… ma chesto ve dice comme ce tenimmo a vuie!

Ferdinando              Duchessa… ma che n’ ‘e fa’ ‘e chesta… canzone a ballo?

Sofia                            Maestà, addo’ ‘o trovo ‘nu maestro ‘e chisti tiempi? Ce sta ‘na guagliuncella d’ ‘e mie che s’adda ‘mparà a leggere! ‘A canzone ‘a sape… accussì ancummincia a capi’ comme se scrivono ‘e lettere e ‘e parole!

Caracciolo                 Pure io aggio fatto accussì c’ ‘e figli miei! Primma ch’ ‘e canzoni, po’ ‘e preghiere… ohé, ‘a forza ‘e cupia’, se ‘mparano subito!

Fedinando                E allora… io stongo ‘o punto ‘e primma! Anzi… è peggio! Mò nun saccio manco chi m’ ‘a fatto ‘a fattura!

Sofia                            Maestà, io ce aggio pensato buono… chesta nun è ‘na cosa fatta sulo pe’ vui… è ‘na maledizione che ‘a pigliato tutt’ ‘a nobiltà e vene d’ ‘o popolo ‘e tutt’ ‘e paesi… vedite che è succieso in Francia!

Ferdinando              Oh, Maronna mia! Allora perciò nun s’è spustata!

Teresa                        E nun se po’ fa’ niente?

Sofia                            Che vulite fa’? Chesta nun è ‘na fattura… è ‘na rivoluzione! ‘O munno sta cagnanne, scurdateve ‘e tiempi belli… so’ fernute tutte cose!

Caracciolo                 Ah… Duchessa… ma site sicura?

Ferdinando              Duchessa… me pari ‘na ciucciuvettola! (fa degli scongiuri) Dici ‘a verita’… nun si’ capace cchiu’ ‘e fa’ niente! Te si’ fatta vecchia!

Sofia                            Maestà (inchino) forse io me songo fatta cchiu’ vecchia, ma ‘a capa va sempe bona e veco assai cchiu’ luntano d’ ‘a gente… e pure ‘e vuje, Maestà!

Ferdinando              (si alza) Guarda che io nun songo cecato, ce veco buono… ‘a faccia toja! M’è scucciato! Vavattenne, ‘e capito? Nun te voglio vede’ cchiu’! E puortati pure chillo schiuvato d’ ‘o Marchese! L’aggio miso ‘n galera… pe’ diebiti!

Sofia                            Maestà (inchino piu’ profondo e con voce sempre piu’ tremante) mi dispiace… ma forse è meglio accussì… io obbedisco e me ne vaco, però si qualche volta vulesseve veni’ d’ ‘e parti mie… ce fa ‘nu bello frisco d’estate… tengo sempe disponibile l’appartamento reale pe’ vui, la Regina e pe’ chi vulesse veni’…  fino a quanne se po’ ancora viaggia’… senza pericoli… fino a quanne nun arrivano pure addò me… me dispiace, Maestà… me dispiace… ‘a pazziella s’è rotta… mò nun se pazzeja cchiu’! (si copre il viso, per mascherare il pianto ed esce)

                                     

Terzo atto, scena sesta: Caracciolo, Ferdinando, Teresa

Ferdinando              Lassa fa’ a Dio, che liberazione! Scummetto che è stata essa a farmi ‘a fattura… e mò nun m’ ‘a po’ leva cchiu’! Ma io… chiano chiano… ce l’aggia fa’! (si siede di nuovo)

Teresa                        Maestà, v’aiutammo tutte quante, io pe’ primma!

Caracciolo                 Maestà, che ne dicite si facessimo ‘nu ricevimento? Pura ‘a Rigina le piacesse… invitammo ‘o Vescovo…

Ferdinando              Ma tu che te si’ miso ‘n capo? See… chillo nun abballa, parla sulo ‘e cose ‘e chiesa… è capace che ce mette tutti quanti a dicere ‘o Rusario! No, no… nuje c’ ‘amma spassa’… aggia fa’ vede’ a chella scema che ccà nun s’è scassato niente! Caracciolo!

Caracciolo                 Dicite, Maestà!

Ferdinando              Chiamma cuochi, musicanti, gente che abballa e che canta! Voglio vede’ chino ‘o curtile d’ ‘a Reggia… e no uno sulo! Stasera… appicciate tutt’ ‘e cannele, arapite tutt’ ‘e porte… appriparate ‘na tavulata… voglio sta’ c’ ‘o popolo mio!

Teresa                        Maestà, che bella cosa!

Caracciolo                 Maestà… io faccio chello che me dicite, però… ‘e musicanti nun so’ turnati ancora d’ ‘e muntagne… cuochi nun ce ne stanno, è rimasta sulo ‘a povera Peppenella e n’ati doie che fanno chello che ponno fa’… ‘e tavule l’ammo appicciate dint’ ‘e cammini pe ce scarfa’… ‘e cannele ce ne stanno poche… ‘a gente… tene ancora  ‘e ferite ch’ ‘e fasce, nun se po’ movere assaie… e int’ ‘a cucina ce sta sulo chello che serve p’ ‘a Corte… pe’ ‘na semmana… si se cucenasse tutte cose… po’ coccheduno rimane digiuno già ‘a dimane!

Ferdinando              Ah! Ma oggi fosse ‘a jurnata d’ ‘e cicciuvettole?

Teresa                        Maestà… è cagnato ‘o fuoglio!

Ferdinando              E allora?

Teresa                        Pure si ce manca coccosa… fino a che ce stammo nuje… vui site sempe ‘o Re nuosto! Parola di Teresa Capece, Contessa di Acerra! Caracciolo!

Caracciolo                 Dicite, Contessa!

Carmela                     (entra di corsa) Maestà! Maestà, io so rimasta senza fa’ niente! ‘A duchessa s’è purtato’o monaco… cioè ‘o Marchese… e io mò chello che l’evo appriparato… che ne faccio? Pecchè nun mettite ‘n galera cocche’ato monaco?

Caracciolo                 Carmeli’! Ma quanne te ‘mpari?

Ferdinando              Statte zitto… Carmelina… ma che l’he priparato, ‘o monaco?

Carmela                     Maestà… me metto ‘nu poco scuorno d’ ‘o dicere… nun è robba… elegante…

Ferdinando              Famme senti’ buono… che robba è?

Carmela                     Doje pizzelle ‘e sciurilli c’ ‘a ricotta… taralluccii ‘nzogna e pepe, cucuzzielli ‘a scapece e po’ era avanzata ‘nu poco ‘e pasta… aggio fatto ‘a frittata!

Ferdinando              Addo’ ‘e pigliata sta’ robba?

Carmela                     Maestà… era robba avanzata o che nisciuno se mangia…  s’eva jetta’… e io l’aggio cucinata… tanto era p’ ‘o monaco ‘n galera!

Ferdinando              ‘O pullastriello che m’ è fatto era buono… famme assaggia’ ‘sta robba…

Carmela                     Uh! Maestà… vaco a pigliarla e vengo! (inchino) Scusate! (esce)

Ferdinando              ‘Ate visto? ‘Ate capito buono? Chella, cu’ niente… ‘a fatto ‘nu pranzo!

Teresa                        Ce ‘amma ‘mpara’ ‘a essa! Caracciolo!

Caracciolo                 Dicite, Contessa!

Teresa                        ‘O Re l’ è venuta voglia ‘e gente che canta, sona e abballa! Forza, pigliate cocche cosa… ‘na tamorra, ‘nu putipu’…

Caracciolo                 Contessa… io tengo sulo ‘a mazza!

Teresa                        E allora ‘mparateve pure vui! Facite ‘a musica cu’ chella! Forza… e ‘a gente… ce sta! Aillanne! (indica la sala)

(Teresa inizia a cantare, mentre Caracciolo batte il tempo con la mazza; Ferdinando si alza e danza a tempo; rientra Carmela con un vassoio di tarallucci e Ferdinando, pur continuando a ballare, si serve, mangia e dimostra approvazione; Caracciolo lo imita; Carmela, che regge il vassoio, lo porgerà ora a Caracciolo, ed ora a Ferdinando; poi Caracciolo e Carmela coinvolgeranno gli spettatori, scendendo in sala ed invitandoli sul palco a danzare, con frasi a soggetto; Carmela offrirà il vassoio al pubblico e Ferdinando, dal palco, inciterà il “suo” popolo a fare festa, ballare e mangiare, sovrapponendosi alla voce di Teresa)

Teresa                        Cecerenella tene ‘na gatta,

                                      che sempe magna e mai che se schiatta

                                      e che nun tene né ossa né pelle

                                      chesta è la gatta di Cecerenella!

                                      Cicerenella tene ‘nu gallo,

                                      tutta la notte ce viaggia a cavallo

                                      ce va viaggianne senza la sella

                                      chisto è lu gallo de Cicerenella!

                                      Cirerenella tene ‘na palla

                                      tutta pittata di rosso e de giallo

                                      e chi la tocca se tegne la pelle

                                      chesta è la palla de Cicerenella!

                                      Cicerenella tene ‘na votte

                                      si mette da coppa, esce da sotto

                                      pecchè ce manca tumpagno e cannella

                                      chesta è la votte de Cicerenella!

                                     

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 17 volte nell' arco di un'anno