‘A pizza fortunata

Stampa questo copione

'A pizza "Furtunata"

‘A pizza “Furtunata”

Commedia rev.1

di

Salvatore Macri

Autore Posizione SIAE 184727 - Codice Opera SIAE 884103A

(è disponibile anche la versione in italiano)

mail: macrisa@libero.it - anno 2008

Personaggi:    Lina                                           Moglie di Peppe           D

Peppe Fortunato                                                  U

Pasquale                                    Figlio di Peppe     U

Luigi                                          Vicina di casa              U

Angela                                       Sorella di Lina             D

Michele                                      Malvivente         U

Filippo Minutolo                           Vicino di casa            U

Mario                                         Musicista            U

Gruppo musicale “’A pusteggia”      Comparse

Nota:    I Protettori citati nel testo sono tutti autentici Santi del Martirologio Romano.

Scena                    Appartamento modernamente arredato in un paesino ai sobborghi di Napoli. Tavolo al centro con sedie, un divano. Uscita a destra, camere interne a sinistra.


SCENA PRIMA: Lina, Peppe, Angela

 

 Lina                      Io vulesse sape’ comme aggia fa’! Ma è mai possibile che tu ‘e mena’ sempe secce? E statte zitto, na’ bona vota!

Peppe                    Scusa, ma quale seccia? Tu curri comme ‘na pazza, senza cinture, ‘e luci che nun s’appicciano tutte quante… Io t’aggio ditto sulo ‘e te calma’ ‘nu poco… La’ nun è comme int’ ‘o paese… chella strada ‘a sai, ce stanno sempe pattuglie…! Passa addo’ n’elettrauto, cammina ‘nu poco cchiu’ chiano… tanto pure si ce mitte cinche minuti ‘e cchiu’, nun more nisciuno…!

Lina                       E dalli! Ma si’ tuosto! E mo’ te mitti a parla’ pure ‘e muorti? Chi vuo’ fa’ muri’, oggi?

Angela                   Poveri muorti nuosti! Anime d’ ‘o Paraviso, aiutateci! Madonna d’ ‘o Carmene e San Lorenzo, prutetturi ‘e ll’anime d’ ‘o Priatorio, aiutatele vuje! Povero zio!

Peppe                    Sentite, ma cu’ vuje nun se po’ parla’? ‘O zio, io nu l’aggio fatto niente! ‘A festa ‘e Sandruccio s’ è ghiuto a ‘nciucca’ ‘e chella manera…! V’ ‘o ricurdate che diceva che se vuleva mettere a vula’, e po’ s’ è menato d’ ‘o balcone, cantanne? Quanne ‘o Spidale m’ ‘anno ditto che nun ce stevano speranze, io ve l’aggio sulo ditto… E mo’ fusse stato io a farlo muri’?

Angela                   Povero zio nuosto! Anima santa! Chillo ‘o sapeva che se n’eva sagli’ ‘n Cielo!

Lina                       Tu’ comunque si’ ‘nu pericolo pubblico! Tu puorti jella! Quanne arape ‘a vocca, muorti, incidenti, cartelle d’ ‘e tasse, rapine, inondazioni, machine che se scassano, attentati, culera, multe, carestie… Nun sai cchiu’ comme sfiziarti!

Peppe                    Ma comme, tu te pienzi che overamente fusse io…! (a parte) Si tenessi ‘stu putere, ‘a mo’ che … (fa il segno di ascesa al Cielo verso Lina)

Lina                       Comunque io mo’ vaco! E statte zitto! E nun dicere niente!

Peppe                    E Angela…? Nun t’accumpagna?

Angela                   No, no… stasera no… tengo cocche Rusario arretrato… Me metto int’ ‘a stanza mia… cu’ ll’aiuto ‘e Sant’Alfonso…

Peppe                    E allora… ciao! Quanne tuorni? Mangiammo ‘nzieme o…

Lina                       Nun ‘o saccio! Chisto è n’incontro delicato! Stasera ce sta ‘o finanziatore!

Peppe                    E chi è? ‘O canusci? E’ ‘na perzona brava o fosse… tu me capisci..

Lina                       E basta? Vulisse sape’ pure ‘o nummero d’ ‘e scarpe? Abbasta ca caccia ‘e sorde! ‘A chisto dipende ‘o futuro nuosto! E nun ‘o saccio, stasera ce sta ‘na riunione cu’ tutt’ ‘e soci… se fa tardi! Torno quanno me viri! E si vulite magna’, faciteve veni’ ‘na pizza, ca nun aggio cucenato e nun ce sta niente ‘e pronto! Pure ‘a carne m’aggio scurdata ‘e scungela’! Anzi, ordina ‘na teglia grossa, pure pe’ Angelina, Pascalino e pe’ me… Angeli’, comme ‘a vuo’, ‘a pizza?

Angela                   Ah, com’ ‘è è! Nun facimmo peccati ‘e gola… Abbasta che è bella grossa, ‘mbuttita bona… anzi… doppia farcitura… ‘o poco ‘e presutto… ‘a muzzarella tagliata longa, ‘na meza pummarola sana ‘ncoppa… ‘na “Vesuvio”!

Lina                       Allora nun piglia’ ‘a teglia, pizze singole! Ma io nun ‘a voglio fredda!

Peppe                    Allora tu me dici quanne vieni, e io l’ordino…

Lina                       Ma tu si’ scemo overamente! Nun ‘o saccio! Po’ essere ‘e nove, all’unnece…

Peppe                    E io comme t’ ‘a faccio truva’ cavura, ‘sta pizza? Vo’ dicere che t’ ‘a scarfi…

Lina                       Oilloco! ‘E menato ‘a seccia che ‘a trovo fredda!

Peppe                    Sienti… calma, eh… si ‘a pizza ‘a portano ‘e nove e tu viene all’unnici…

Lina                       E vuje m’aspettate!

Peppe                    Va buono, aggio capito… (tra se’) E pure stasera ce murimmo ‘e famme…

Lina                       Allora io vaco… Ordina ‘e pizza, ma nun l’ordina’…

Peppe                    Comme?

Lina                       Guaglio’, ‘a vuo’ ferni’ ‘e fa’ ‘o difficile? Io vaco ‘e pressa e tu me fai fa’ tardi! Po’ dici che nun aggia correre! T’ ‘o spiego c’ ‘o cucchiarino… Tu fai l’ordine, ma ‘a cunferma ce ‘a dai quanne vengo io…! Angela ‘a ditto ‘a soja… pe’ Pascalino, ‘a solita; ‘a toja t’ ‘a scigli tu… ‘a mia ‘a voglio “Bianconera”, ma c’ ‘a muzzarella ‘e bufala, senza puparuoli, doje mulignane ‘e cchiu’, niente aulive nere… facce mettere pure ‘nu poco ‘e presutto cruro, doppo cotta!… e basta! Ce verimmo! (esce di corsa)

Peppe                    (le urla dietro) ‘E chiavi! ‘O telefonino!

Lina                       (rientra) M’ ‘e menato ‘a seccia, overo? Si nun dicive niente, io nun m’ ‘e scurdavo!

Peppe                    Ma comme…! Te n’iri già juta senza niente… e comme l’abbiavi, ‘a machina…? Io te l’aggio sulo arricurdato…

Lina                       E nun me chiamma’ busciarda! Si’ tu che puorti jella! (prende chiavi e telefonino dal tavolo ed esce) 

Angela                   Buon viaggio…! San Cristoforo, prutettore d’ ‘e viaggiatori, aiutala tu! Peppe, io me ne vaco… Quann’ è ‘o mumento d’ ‘a penitenza, me chiammi, pe’ piacere? (esce)

Peppe                    (dopo che lei è uscita) …Allora, so’ ‘e sette… si vene all’unnece so’ quatto ore… E’ meza jurnata! Io già tengo ‘nu poco ‘e famme… Quasi quasi me faccio manna’ ‘na pizza mo’… e prenoto ll’ati quatto, pure ‘a pizza ‘e Lina, primma ca me scordo ‘e comme ‘a vo’! Me pare ‘na bona idea! (prende il telefono) Pronto…!Si, una pizza a domicilio…, e ne vulesse ordina’ n’ati quatto, anzi, prenota’… caso mai ve fernisce ‘a pasta… Si, via dei Gerani trenta… si, so’ Peppe Fortunato, ‘o cliente vuosto… Comme? …No, manco stasera…! Ma… si, ‘o saccio che troppe pizze fanno ‘ngrassa’… ma… …si, ‘ate ragione… giusto… va buono… si, è ‘nu cunsiglio… sentite, pozzo ordina’? …Oh, allora, mo’ me mannate ‘na bella pizza “Lunapiena”, funghi e panna… ah… è fernuta… allora poco pomodoro… funghi… Pure chilli? Mannateme ‘na pizza… a surpresa! Vedite vuje e facite ampressa… Doppo, signateve ‘na “Pellerossa”… …meno male! Po’ ‘na “Zittoemagna”, na’ “Vesuvio” e ’na “Bianconera” bufalina, niente puparuoli, cchiu’ mulignane, niente aulive e ‘nu poco ‘e presutto a cruro…! Si, aggio fernuto… E chi se ne ‘mporta? Chiammatela comme vulite, l’importante che m’ ‘a mannate quanne v’ ‘a chiammo… doje, tre ore… Va buono…? Si, ‘a primma subito… Allora aspetto, grazie! (chiude il telefono) E’ fatta! E  mo’, pe’ magna’ ‘na bella pizza, appriparammo ‘a tavula… però dint’ ‘a cucina, cca’ no, po’ essere che vene coccheruno… e ce jammo a piglia’ chella bella birra gelata int’ ‘o frigo…! Ah! M’aggia proprio cunsula’! (esce)

SCENA seconda : Pasquale, Peppe, Luigi

Pasquale               (entra sbadigliando) Ohe’, Paperino…! Aro’ stai? Paperino? Paperino!

Peppe                    (entra)  Ma ve vulesseve leva’ ‘stu vizio fetente? Quanti vote t’aggia dicere che si me vuo’ parla’, ‘e essere tu a veni’ addo’ me?

Pasquale               Si, si, vabbuo’… stivi parlanne ‘e pizze?

Peppe                    Si’, ‘a vulisse mo’, pure tu, subbeto subbeto? Guarda che mammeta nun ‘a cucenato!

Pasquale               A chi? Io mo’ me so’ aizato… nun tengo appetito… e po’ ‘a pizza fa ‘ngrassa’!

Peppe                    Allora stasera nun mangi?

Pasquale               Pecche’, è sera? Overamente?

Peppe                    Eh, già! ‘Sti vacanze te stanno facenne perdere ‘o ritmo, overo? N’ata settimana è, po’ fernisce ‘sta vita!

Pasquale               Vi’ che bell’augurio! Me vulisse fa’ muri’ ‘ncapo a ‘na semmana?

Peppe                    Sienti, nun abbiammo pure cu’ te… nun aggio ditto che è muri’, capisceme buono… N’ata settimana e se torna a fatica’…

Pasquale               Cicciuvettola! Nun m’ ‘o dicere…

Peppe                    …si no fernisce che succere veramente e che ‘e turna’ a fatica’? (sarcastico) Scusate se mi sono permesso… (deciso) Ma tu a fatica’ ce tuorne ‘o stesso, pure si io me stongo zitto!

Pasquale               Ma io tengo ‘na pussibilità ca tu nun t’immagini… me so’ jucato ‘na schedina ‘o Megalotto…! Si vinco, ‘a fatica ‘a saluto!

Peppe                    Mo’ n‘anno ‘nventata n’ata? E ‘a quanne?

Pasquale               ‘A vuo’ vede’? Tie’, ‘a lasso ‘ncopp’ ‘o tavolo… sturiatella e nun ‘a perdere… accussi’ m’ ‘a cuntrolli pure, ca io me scoccio! (esegue) Ma nun ce pruva a juca’… nun ‘e robba p’ ‘e vicchiarielli… specie sfurtunati comme a te!

Peppe                    Premesso che io nun songo…

(bussano alla porta)

                             Ah, sarra’ ‘o guaglione d’ ‘o pizzaiuolo… Si’ sicuro che ‘a pizza nun ‘a vuo’? Si’ ‘e cagnato idea, ‘o dicimmo a isso… (va ad aprire)

Pasquale               No, nun fa niente… me vaco a fa’ ‘na doccia! (esce)

Luigi                      (entra con impeto)  Buona sera! Scusate se disturbo… ‘A signora Lina?

Peppe                    Don Luigi… è asciuta, e torna… tardi!

Luigi                      Ah, va buono… Datemi ‘o telecomando!

Peppe                    ‘O telecomando?

Luigi                      Si, ‘o telecomando mio! Stammatina nun putevo arapi’ ‘o garage pecche’ a‘ pila d’ ‘o telecomando s’ è scaricata, e ‘a mugliera vosta m’ ‘a visto, e m’ ‘a dato ‘nu passaggio… e ‘a ditto che m’ ‘a faceva cagna’ essa, e ‘o deva a vuje…! Aro’ sta?

Peppe                    Ah…! ‘O deva a me… eh? …don Lui’… ecco… forse…

Luigi                      Aggio capito tutte cose! Ve site scurdato! Chella m’ ‘a ditto ca tenite ‘na capa ‘e… ca tenite cierti cose p’ ‘a capa… E mo’ comme facimmo? Io aggia i’ a fa’ spese! Tengo ‘o frigo vacante! Faccio vigilia?

Peppe                    No, nun ve preoccupate… mo’ ‘a telefono, vedimmo… (telefona, senza avere risposta)  …Beh… se vere che sta ‘mpegnata… nun sente… don Lui’, chella nun risponne!

Luigi                      Ma nun esiste proprio! Io aggia asci’ e mo’ me trovo senza machina e senza niente! Io nun voglio rimmane’ digiuno!  Chiammate n’elettricista, ‘e pumpieri, ‘nu ladro… verite che ‘ata fa’!

Peppe                    ‘On Lui’, nun è pe’ cuntraddi’… ma a chest’ora l’elettricisti nun ce ne stanno, e chiamma ‘e pumpieri me pare ‘nu poco esagerato… e ladri nun ne canosco! Nun putesseve aspetta’ ‘nu poco che parlo cu’ Lina? Chella nun ‘a risposto, forze pecche’ steva guidanne… che saccio… forze ‘ammo chiammato proprio quanne vereva ‘nu posto ‘e blocco…

Luigi                      Ma io nun voglio aspetta’ cchiu’! M’invitate a cena’ ‘a casa vosta?

Peppe                    ‘On Lui’… stasera nuje… io… nun ce sta…

(bussano alla porta)

                             Scusate… (apre la porta,  scambia parole non udibili con il tafforino, e rientra con una pizza in carta) ‘On Lui’, senza offesa… mentre che trovo a Lina… l’addimanno… e truvammo ‘stu telecomando vuosto… vulesseve gradì’ ‘nu poco ‘e pizza? Verite, me l’anno purtata mo’ mo’…

Luigi                      Ah, pe’ mo’ stimmo a posto! (si impossessa della pizza) Grazie, e arrivederci! Truvateme ‘o telecomando! (esce)

Peppe                    (annusando nell’aria, con rimpianto)  Chi sa che pizza era… che profumo… e che famme!

SCENA terza : Pasquale, Peppe

Peppe                    E jammucenne… (prende il telefono) Pronto…!Si, una pizza a domicilio…, Si, via dei Gerani trenta… si, so’ Peppe Fortunato, ‘o cliente vuosto, aggio chiammato poco fa… Comme? …No, no, è venuto, ‘a cunsignato proprio a me, tutto a posto… ma ne vulesse n’ata… ‘a stessa!   …No, era ‘na pizza a surpresa, nun saccio comme se chiamma… …no… e che ne saccio che ce steva ‘ncoppa? …No, stongo buono… è che… tenevo famme e nun me so’ miso a vede’… Si, passateme ‘o pizzaiuolo… Gerardo? Si, nun me ricordo comme m’ ‘ate fatta… N’ata uguale… Va buono allora? Pe’ chell’ate prenotate, aspettammo ancora… si, si… Grazie, grazie! (chiude il telefono) E’ fatta! E mo’, panza mia, fatte capanna!

Pasquale               (entra in accappatoio e pantofole)  Ma comme s’adda fa’, int’ ‘a ‘sta casa? Ohe’, Paperino…! Aro’ stai? Paperino? Paperino!

Peppe                    (spaventato) Che è succieso?

Pasquale               E’ fernuta l’acqua ossigenata! Me serve! Aggio miso ‘o pere ‘ncopp’ ‘a ‘nu pezzicciullo ‘e vrito, e me so’ fatto male!

Peppe                    Fa’ vede’… esce ancora sangue?

Pasquale               No, s’ è fermato! E nun se vere niente… Ma io me voglio disinfetta’!

Peppe                    Va buo’… (guarda ll’orologio) Aspetta ‘nu mumento… ‘a farmacia starra’ ancora aperta… Accatto pure ‘e cerotti… vaco e vengo! (prende la giacca ed esce)

Pasquale               (rimasto solo, prende il telefono; mentre compone il numero si slaccia l’accappatoio, lasciando vedere che è vestito) Lallalla’… lla’… la’! Pronto, tesoruccio? Comme stai? …Si, ma sulo duje minuti… l’aggio sbarcato… sienti, ce vedimmo… addo’? …A che  ora? …Si, si…! Vengo… ah…! E tenivi famme! Allora… ma era bona? Ma sulo meza? Vabbuo’, nun te preoccupa’… mangio coccosa cca’ o fernisce che me fermo p’ ‘a strada e accatto ‘na pizza pure io… Facimmo meza a perono!

(bussano alla porta)

                             ‘A porta! Se sarra’ scurdato ‘e chiavi… Cia’, ciao, ce verimmo! Bacio bacino! (va ad aprire la porta, parlando con il fattorino non visibile, e ritira una pizza in carta) Buonasera… Ah! ‘A siconda? E si’, si site sicuro… strano, però… Nun ce l’evo ditto! Va buono, grazie… No, no, è proprio cca! Po’ passa isso a pava’, d’accordo? (ritorna in scena con la pizza) E bravo a chillo paperino!‘A penzato pure a me! Mo’ sa’ che faccio? Int’ ‘a cucina sta ancora appriparato, ‘a birra nun s’ ‘a bevuta… e m’ ‘a bevo io! (uscendo) Lallalla’… lla’… la’!

Peppe                    (entra, con una busta di medicinali)  Ue’…, se sente ancora l’addore ‘e chella pizza! (suona il telefonino, si ferma e risponde) Pronto! Ue’… comme jammo? Aro’ stai?Io…? Che aggio ditto…? Ma no… calmati… e nun strilla’… Ma nun è colpa mia! Quant’ è ‘o verbale…? Maronna, ma che ‘e fatto? … Calmati… (stacca l’orecchio dal telefonino)  …Nun strilla’… ‘o pavo io, va buono…? Calmati…! Siente, sapisse ‘o telecomando… Ah… e va’ chiano… Anzi… nun ghi’ chiano… insomma veratella tu… io nun aggio ditto niente…! Si’… ma ‘o telecomando… stanno prenotate, nun te preoccupa’… Ma quanne mai! No!, nun te lasso digiuna…! …E allora chiuri, si no te ne fanno n’ata…! Si, ciao… ciao… (chiude il telefono) Povero a me! Duimila quatto ciento nuvantasette euro! Ma che ‘a fatto… ‘a menato sotto ‘o Presidente? Mah… veco si pozzo fa’ ricorso… pe’ infermità mentale! (grida vesro l’interno) Pasquale! ‘A ‘mericina!

Pasquale               (entra, con accappatoio chiuso e in pantofole) Grazie… e grazie pure d’ ‘a pizza! Ce vuleva!

Peppe                    ‘A pizza…? No! Te si magnato ‘a pizza mia?

Pasquale               Ne’ ma tu fussi scemo? ‘O fatturino m’ ‘a ditto che chella era ‘a siconda! Chella pe’ te l’eva purtato primma! E vulivi fa’ doje a zero e me lassavi digiuno?

Peppe                    Ma comme, primma dici che nun tieni famme… che fa ‘ngrassa’…

Pasquale               Ma chella era sapurita! E pure’a birra era bella fredda!

Peppe                    (con tono indagatore) Ah… te si bevuto ‘a birra… e ‘a pizza… t’ ‘e magnata tutta quanta?

Pasquale               Pure ‘o curnicione! Pero’ aggio pure jettato ‘a scatula, ‘a butteglia e aggio levato ‘a tavula! ‘E visto comme so’ stato bravo? (sbadiglia) Ah… già, damme ‘a mericina… me vado a disinfetta’! (prende la busta ed esce)

Peppe                    Io me metto ‘nu poco scuorno… ma ‘a famme è brutta!… (prende il telefono) Pronto…!Si, una pizza a domicilio…, Si, via dei Gerani trenta… si, so’ sempe Peppe Fortunato, sempe ‘o cliente vuosto, aggio chiammato poco fa e chesta è ‘a terza vota… Comme? …No, no, è venuto, ‘a cunsignato buono, tutto a posto… ma ne vulesse n’ata… ‘a stessa!   …No, è ‘na cosa longa, nun aggio visto che ce steva… sentite… chiammatela pizza “Furtunata”, comme a me, facimmo primma! Addimannate a Gerardo, ca sape tutte cose! Va buono allora? Pe’ chell’ate prenotate, ‘a quatto, passano a tre, levate ‘a miezo ‘a “Pellerossa” aspettammo ancora ‘nu paro d’ore… Ah! Mannateme pure ‘na birra fredda… si, si… Grazie, grazie! (chiude il telefono) E’ fatta! E mo’, ‘essa apparicchia’ n’ata vota ‘a tavula…! Ma nun ce vaco si nun vene primma ‘o guaglione… pe’ scaramanzia!

SCENA quarta : Peppe, Pasquale, Luigi, Angela

(bussano alla porta)

Peppe                    E comm’ è, già ‘a fatto? Ma nun po’ essere… (va ad aprire)

Luigi                      Permesso… Allora, ‘ate truvato ‘o telecumando mio?

Peppe                    (avvilito) No, ‘On Lui’… Nun me ce so’ pututo mettere… cu’ Lina  ce aggio parlato… ma steva arraggiata pe’ via ‘e ‘nu verbale che l’anno fatto… e insomma… nun ‘o tengo ancora! Aggiate pacienza…

Luigi                      Pacienza? Chesta è limitazione della mia libertà, custrizione senza pruvviste, appropriazione indebita di cumandi elettonici, spregio della vicinanza… e cheste so’ sulo ‘e primme cose ca me veneno a mente! Io, si vulesse, ve putesse pure denunzia’! Ma comme, ‘a mugliera vosta è tanto gentile, tanto aggarbata, se mette sempe a disposizione ‘e tutte quanti… e vuje? Chella ‘a fatto ‘nu guaio quanno s’ è spusata…! Nisciuno s’adda spusa! Vuje site ‘nu rimbambito! Pussibile che nun v’arricurdate aro’ sta ‘o telecumando mio? Chillo è gruosso, tutto niro, pare uno ‘e chilli d’ ‘a televisione, peza miezo chilo! Nun è possibile ca ve site scurdato…  ma ‘o stesseve facenne apposta?

Peppe                    ‘On Lui’, scusate… Avite ragione…! Ma forze… nun so’ sulo io ca me so’ scurdato…! Si tenesse n’ata machina ve desse ‘e chiavi mo’ mo’… v’accumpagnasse a fa’ spese, ve purtasse pure ‘e buste ‘ncoppa! Ma nun ‘a tengo… che aggia fa’?

Luigi                      E io che aggia fa’, si m’ ‘e venuto a truva’ frateme? N’ ‘o manno digiuno? Le faccio magna’ ‘o ghiaccio cundito cu’ ll’acqua? Vuje ‘ate fatto ‘o guaio, e vuje arrimediate!

Peppe                    Aggio capito… ‘On Lui’, ‘na pizza comme a chella che… ata avuta vuje, ve va’ bona? Forse ‘o frato vuostro ‘a vulesse gradi’? E ce sta pure ‘a birra fredda…

Luigi                      Me pare ‘o minimo! Aro’ sta?

(bussano alla porta)

Peppe                    E’ arrivata! (va ad aprire la porta e parla con il fattorino che rimane fuori) Si, grazie… so’ sempe io… ‘a birra? Grazie, grazie… ‘a mancia… doppo! (ritorna in scena con la pizza e la birra incartata) Teccove cca’,… (cerca di annusare la pizza) Certo che adda essere bona… v’ è piaciuta chella ‘e primma?

Luigi                      (prende pizza e birra con malagrazia) E si nun me piaceva, ‘a jettavo ‘a copp’abbascio e turnavo arreta addo vuje! Ma si a frateme nun le piace, io vengo n’ata vota, ricurdatavello buono! E si torno, ce prenotate ‘o ristorante… a carico vuosto! Ce verimmo! (esce)

Peppe                    Vi’ che scustumato… ‘ave ragione, però ce putesse i’ pure cu’ calma… chi sa Lina addo’ ‘o tene ‘o telecumando… (annusa in aria) …che addore…! E mo’? Mo’ è ‘na scummessa! Io ‘a pizza “Furtunata” m’aggia magna’, a costo e ll’ordina’ n’ata vota! Che scemo! ‘A putevo ordina’ ‘o fattorino! Forze nun è ancora asciuto d’ ‘o palazzo…! (esce)

Pasquale               (entra) Ohe’, Paperino…! Aro’ stai? Paperino? Paperino!

Angela                   (entra) Ma che succere, stasera? Gente che allucca, porte che s’arapono… ma che d’ è? Pecche’ stai strillanne? Nun me facite cuncentra’…

Pasquale               ‘A zi’, ma che t’ ‘e cuncentra’?

Angela                   Ma io tengo ‘e preghiere ‘a dicere… nun ‘e voglio recità a pappavallo… me serve silenzio, cuncentrazione… si no, nun valeno a niente!

Pasquale               Ih, quanta storie! Tu doje preghiere ‘e dicere… fattelle, e bonanotte!

Angela                   Miscredente! Ateo! Peggio ‘e ll’Ebrei, e ll’Arabi e ll’Indu’! Pure loro pregano, sentono che nun stanno suli, ca ce sta n’entità superiore… vanno addereto a ‘na luce divina… Tu che tieni? Nun te sienti niente a ‘rinto? Proprio niente?

Pasquale               Veramente… io dinto coccosa ‘a tenevo… tenevo ‘na famme… ma mo’ me so’ magnato ‘a pizza e me’ è passata…!

Angela                   Sant’Agostino, cca’ ce vo’ ‘a scienza toja! ‘A perzo ‘a fede!

Pasquale               No io aggio perzo a pàteme…

Peppe                    (rienta, con il fiatone) Ce l’aggio fatta…

Pasquale               Paperino, che tieni… te sienti buono?

Angela                   Overamente… che è chest’ affanno? Aggia chiamma’ ‘o mierico, ‘a ‘mbulanza, ‘o prevete?

Peppe                    Po’ dice che so’ io che meno ‘e secce! No… ‘na cummissione urgente… me so’ dovuto fa’ ‘e scale a pieri… so’ sciso ‘e corza cu’ ll’ascensore, l’aggio bluccato, e me so’ fatto tutt’ ‘e cinche piani a sagli’!

Pasquale               E chesta era ‘a cummissione? (ad Angela) Chisto nun sta buono c’ ‘a capa… Miettece tu ‘na parola bona… Chi è ‘o Santo protetore d’ ‘a capa?

Angela                   Facile! Pietro ‘e Verona… Millediuciento, murette cu’ n’a roncolata ‘e ‘nu brigante dint’ ‘e cerevella!

Peppe                    Mamma d’ ‘o Carmene! Ma n’ato Prutettore meno… sfurtunato nun ce sta?

Pasquale               Mettiteve d’accordo vuje viecchi… Paperino, io esco! Ce verimmo dimane… ‘o biglietto d’ ‘o Megalotto ‘o lasso cca’, nun ‘o vulesse perdere!

Peppe                    E chi t’ ‘o tocca?

(bussano alla porta; Pasquale va ad aprire e parla con il fattorino che rimane fuori) Si, grazie… Ah, ma Paperino comme ‘a fatto a sape’? Pure ‘a birra? Grazie, grazie…! Po’ passa sempe isso a pava’… e te faccio lassa’ pure ‘a mancia! (ritorna in scena e mostra la scatola dalla pizza e la birra incartata) Grazie, Paperino! Comm’ ‘e fatto a sape’ che me serveva ‘na pizza? Chesta ce ‘a magnammo ‘a salute toja, io e Annalisa… chella puverella tene famme…! Ciao, ciao! Lallalla’… lla’… la’! (esce senza dare modo a Peppe di replicare)

Peppe                    Aggio perzo pure chest’ata pizza! E chillo se n’era magnata n’ata poco fa…

Angela                   Poveri guagliuni… affamati! Glorioso Sant’Antonio, patrono d’ ‘e muorti ‘e famme, proteggili tu! Peppe, tu’ si’ ‘nu benefattore, n’anima santa! Sant’Antonio te guardasse buono pure a te! (annusa)  Ma che pizza era? Che addore…!

Peppe                    Saccio sulo che se chiamma Furtunata! L’ammo inventata ‘a poco io e Gerardo ‘o pizzaiuolo…

Angela                   Sant'Alberto di Lovanio, patrono d’ ‘e pizzaiuoli, si’ tu che l’ è illuminati! Grazie!

Peppe                    Che dici… ‘a vulisse assaggia’ insieme a me? Mita’ o una sana? ‘A cumanno subbito…

Angela                   ‘Na pizza, primma ‘e magna’ ‘a pizza? Nui facimmo peccato di ingordigia! No… ecco… tutta proprio no… ‘nu pezzicciullo, piccerillo piccerillo… ma po’… ‘essa avanza’, e se spreca ‘a grazia ‘e Dio? Nun sia maje! Falla veni’, e facimmo mita’ a perono!

SCENA quinta : Peppe, Angela, Filippo

Peppe                    (prende il telefono) Pronto…!Si, una pizza a domicilio…, Si, via dei Gerani trenta… si, so’ sempe Peppe Fortunato, sempe ‘o cliente vuosto, stasera chiammo sulo io, scummetto… Comme? …No, ‘o guaglione ‘a sempe cunsignato buono, tutto a posto… me serve ‘na pizza “Furtunata”… Gerardo ‘a sape!  …Va buono? Ah! Pure ‘na birra fredda… si, si… Grazie, grazie! (chiude il telefono) E’ fatta! E mo’, po’ cari’ ‘o munno, io ‘a cca’ nun me ne vaco!    

Angela                   Allora io vaco a pripara’ ‘a tuvaglia… ce mettimmo int’ ‘a cucina, accussi’ pure si vene coccheduno, t’ ‘a puo’ magna’ in pace! (esce)

Peppe                    Allora… ‘a primma s’ ‘a pigliata ‘a signora Luigi… po’ Pascale… po’ Luigi… po’ Pascale…! Stammo quatto a zero! Aggia fa’ ‘nu regalo ‘o guaglione… s’ è fatto tutta chella strada… meno male ca ce sta l’ascensore… Mamma mia! L’ascensore! Io me so’ scurdato d’ ‘o sblucca’!

(bussano)            

                             Nun po’ essere isso…! Se chiamma “Furtunata”, no “Veloce”!

Angela                   (entra)  Che è? E’ venuta ‘a pizza?

Peppe                    Nun credo… (va ad aprire)

Filippo                   (entra piano, ansimando) Scusate… Sapisseve vuje comme sblucca’ l’ascensore? Aggiate pacienza, io nun ‘o saccio fa’, tengo ancora muglierema c’ ‘a spesa abbascio ‘e scale, chella nun ce ‘a fa’ a sagli’… (mette la mano sul cuore) …e forse manco io…

Peppe                    Si’… ‘o saccio fa’… ma assettateve, arripigliateve ‘nu mumento!

Angela                   San Bernardo, protettore d’ ‘e scalatori, aiutalo tu! Ma comm’ è che tenite st’affanno?

Filippo                   (ansimando) Signo’, nuje simmo puverielli… ‘a machina nun ‘a tenimmo pecche’ costa assai…, jammo a pere fino ‘o ‘o supermercato “Kappao” pe’ sparagna’… Vuje forze ‘o sapite quant’ è luntano… cu’ tutte chelli buste…! Io stevo acciso, e quanne ‘ammo visto l’ascensore bluccato, ce stevemo mettenne a chiagnere! Che putevo fa’? Aggio lassato a muglierema, e me so’ fatto tutt’ ‘e campanielli! Scartanne l’uffici che stanne chiusi, o nun arapono manco ‘a porta o nun sanno comme se fa… nisciuno…! (a Peppe) Vuje site ‘o primmo che dice che si…!

Angela                   E vuje ve site fatto cinche piani, senza truva’ a nisciuno che ‘o sapesse fa’? Ma ‘o citofono nun ce avite penzato?

Filippo                   Signo’, ‘e chisti tiempi o site canusciuti o nun ve danno aurienzio! L’aggio pruvato… ma mentre che abbiavo a parla’, m’ ‘o chiurevano ‘nfaccia! Che ‘eva fa’?

Peppe                    Faciteve passa’ ‘o sciatone, e jammo… ‘amma scennere fino abbascio a tutto!

Filippo                   Allora mo’ avviso a muglierema… permettete! (prende il telefonino) Pronto, Rosali’… mo vengo… aggio truvato finalmente ‘na perzona gentile… Si, subito… stongo ‘o quinto piano… m’arripiglio ‘nu poco e scenno! Ce verimmo…! (chiude il telefonino) Scusate… ‘e telefunate costano, ma chesta ce vuleva, si no chella se preoccupava… Ma io vulesse sape’ chi è ‘o carugnone che se mette a fa’ chesti cose!

Peppe                    (guarda preoccupato Angela) Ma io… forse… n’idea ‘a tenesse…

Angela                   (decisa ed aggressiva) Pure io! E tengo pure n’idea precisa ‘e chilli ca fanno ‘e cose comme a chesta, e po’ s’annasconnono areto ‘o dito!

Peppe                    (c.s.) Ma ‘o fatto è che… cierti vote… (per cambiare discorso) Comme ve sentite, vulimmo i’…?

Filippo                   Sentite… nun me facite fa’ ‘e scale n’ata vota… nuje ‘amma arriva’ ‘o piano ‘e coppa… scennite vuje… sbluccate, facite sagli’ a muglierema e ‘e buste d’ ‘a spesa fino a cca’, e po’ ce ne jammo ‘ncoppa! Faciteme sta’ carità, ‘o saccio che a scennere è cchiu’ facile… ma nun ce ‘a faccio!

Angela                   (decisa ed aggressiva) E me pare pure ‘o minimo ca putisse fa’! Vai, vai… forza!

(bussano)            

Peppe                    (va ad aprire e ritira pizza e bottiglia incartata dal fattorino)  Oh, grazie! Sienti… t’aggia fa’ ‘nu regalo… appena me so’ magnato ‘sta pizza… Grazie, grazie…!

Angela                   (gli toglie di mano pizza e birra) Fusse capace ‘e metterte a magna’ mo’, lassanne chisti duje puverielli dint’ ‘e ‘mpicci? Te vuo’ magna’ ‘a pizza? Allora va’, e spicciati!

Peppe                    (annusa il cartone) Che capolavoro ce adda sta’, cca’ dinto… Vengo subito! (esce)

Angela                   (a Filippo) Scusate… è ‘na pizza… ‘a vaco a purta’ in cucina… ma… ne vulisseve ‘nu’ pezzicciullo? Anzi… vuje state in cumpagnia cu’ ‘a mugliera vosta, è overo? Allora pigliatavella vuje, e v’ ‘a magnate c’ ‘a signora! Mentre che spartimmo, che ce rimmane?

Filippo                   Signo’, grazie… nun dico che no… chesta tene n’addore… ca fa resuscita’ ‘e muorti! Muglierema s’essa mettere a cucina’…  ma so’ sicuro che, cu’ ‘e niervi che tene, nun cumbina niente! Ce facite ‘nu piacere gruosso… Anzi, sapite che faccio? Me so’ arripigliato… mo’ m’abbio ‘ncoppa, e le faccio truva’ pure appriparato… ‘a telefono, e ‘a faccio sagli’ direttamente!

Angela                   Allora jate, e facitele ‘a surpresa! E purtateve pure ‘a birra! (gli consegna gli involti)

Filippo                   Grazie! Signo’ io chesta gentilezza nun m’ ‘a scordo! Puzzate sta’ bona vuje e ‘o signore che ce ‘a aiutato… Pe’ cient’anne! (esce)

Angela                   (eleva le mani al Cielo) Sant’Antonio ‘e Padova, patrono d’ ‘e benefattori, arricuordate pure tu…! (abbassa le mani) Mo’ che vene Peppe, l’acconcio io p’ ‘e feste! (eleva le mani al Cielo) San Leonardo ‘e Francia, prutettore d’ ‘e maltrattati, levamillo ‘a dint’ ‘e mani! (abbassa le mani) Ma ‘o faccio ‘na mappina ‘o stesso!

SCENA sesta : Peppe, Angela, Mario

Peppe                    (entra, respirando affannato) E so’ doje…! M’aggio fatta n’ata vota tutt’ ‘e scale a pere… Chella teneva quattordici buste, ‘a n’ato poco nun ce traseva manch’essa…! E po’ steva na’ fila pe’ sagli’… e pure p’ ‘e scale ce sta ‘nu sacco ‘e gente! Chi sa che aspettano… Io nun putevo aspetta’, che ‘a pizza s’arrefredda! Aro’ sta?

Angela                   Brutto carugnone che nun si’ ‘ato! T’ è piaciuto ‘e lassa’ bluccato l’ascensore? E’ fatto peccato! E tienete ‘a penitenza!

Peppe                    Si, hai ragione! Ma… ‘a pizza?

Angela                   E dalli! ‘E lassato famiglie sane a pere, vicchiarielli, signore ch’ ‘e guagliuni ‘mbraccio, paralitici, storpi, sciancati, senza l’aiuto… e pienze ‘a pizza? Miettete scuorno! Fa’ penitenza! Pienze all’anema toja!

Peppe                    Nun esagerammo, ce sta ‘nu poco ‘e gente p’ ‘e scale, ma nun songo accussi’ ‘nguaiate! …Me dispiace, ca me so’ scurdato!  Ma… ‘a pizza?

Angela                   ‘A pizza ce l’aggio data a chillo puveriello, che ‘a mugliera nun ce ‘a faceva a cucena’! E’ ‘a penitenza pe’ l’ingordigia toja! Miettete scuorno! Ma nun te sienti niente?

Peppe                    Io tengo ‘na famme che nun ce vedo cchiu’! Crampi ‘e dulore, me gira pure ‘a capa…! Veco sulo pizze che girano, e mai nisciuna ca se fermasse…! Ma nun te putive fa’ ‘e fatti tuoi? Si proprio ce vulivi riala’ ‘na pizza, l’ordinavo!

Angela                   Santa Maria Maddalena, prutettrice d’ ‘e penitenti, aiutalo tu! Chisto nun sente ribrezzo p’ ‘o peccato fatto…! E mo’ nun ‘a puo’ ordina’? Che ce vo’? Chiammo io?

Peppe                    No… chiammo io! (prende il telefono) E’ occupato!

Angela                   (eleva le mani al Cielo) San Gabriele, prutettore d’ ‘e telecomunicazioni… miettece ‘na manella tu…(abbassa le mani)  Vai Peppe, chiamma!

Peppe                    (incredulo) Ma chillo sta occupato… (prende il telefono) Sta chiammanne! (guarda Angela) Ma chesta comme fa…? Pronto…!No…, nun voglio prenuta’ posti…! Me serve ‘na  pizza a domicilio…, e po’ tengo prenutate tre pizze pe’ cchiu’ tardi, nun ve scurdate! Si… sempe via dei Gerani trenta… si, so’ sempe Peppe Fortunato, sempe ‘o cliente vuosto, aggiate pacienza… ‘a solita “Furtunata”… e ‘na birra …grossa! Gerardo sape tutte cose!  …Va buono? …Si, si… Grazie, grazie! (chiude il telefono) E chesta è ‘a sesta!

Angela                   Allora mo’ aspettammo…

(suona il telefonino di Peppe)

Peppe                    (guarda il chiamante) Uh! Lina… Pronto… dici! Mamma mia, e io che ne saccio? Ma aro’ stai? …Aspetta, forze ‘o sape Angela… (rivolto alternativamente ad Angela ed al telefono) ‘A perzo ‘a strada! Sta tra Caserta e Frattamaggiore… Si…? Ah, Frattaminore… forze! Ma si nun sapimo addo’ stai, comme te guidammo? …Ah… sulo chesto? …Sta int’ ‘a ‘na piazza che tene ‘na funtana… Ah, è ‘na statua che mena acqua! …E ce sta pure ‘a pubblicità ‘e ‘nu circo…! Angeli’, sapisse tu addo’ sta, e che via adda piglia’, pe’ turna’ ‘a casa?

Angela                   Diccelle ‘e piglia’ pe’ l’autostrada… trova sicuro l’ati cartielli!

Peppe                    Sienti, Angela dice ‘e piglia’ l’autostrada… cioè ‘e piglia’ pe’ ll’autostrada, chella via te porta ‘ncopp’ ‘e svincoli impurtanti… Ah… Dice che s’ ‘è perza facenne proprio chesto!

Angela                   (alza le mani al cielo) San Cristoforo, aiutala ‘nu poco! Pe’ ‘na vota ca nun ce so’ ghiuta…

Peppe                    Brava! ‘A truvato ‘o cartiello pe’ Napoli… mo’ mo’! Allora tutto a posto…?

Angela                   (alza le mani al cielo) Grazie, San Cristo’, stammo obbligati!

(bussano)

Peppe                    (fa segno ad Angela di aprire) Si, hai ragione… E’ vergugnoso! …Nun po’ manca’ ‘a segnaletica…

Angela                   (apre la porta) Ohe, giuvino’… Ritiro io, ‘o vidi ‘o padrone ‘e casa… sta a telefono! Grazie, grazie! (ritira la pizza e la birra, e la porta in cucina, facendo segno a Peppe che, ancora parlando, cerca di sentire l’odore)

Peppe                    Ma si’… giusto… sienti, vulesse sape’ ‘na cosa ‘e ‘nu telecomando… Ah, si, si… Hai ragione…! Certo! Pure io so’ d’accordo… (cenni di impazienza)  Ma che ne dici si ne parlammo ‘a vicino? …No! Nun aggio ditto chesto! …Quanne mai? …Sicuro che nun te vereno… Sicuro! A n’ato poco è pure scuro, e  abbiano a gira’ cu’ l’etilometro… Ah…! E quante bicchierini? …Ma te sienti bona…? Ce viri… (allontana il telefono dall’orecchio)  Calma! …Nun stongo menanne secce…! M’infurmavo sulamente… certo che otto so’… paricchi, ecco… Ah… V’ate fernuta? Ma si’ sicura che erano sulo otto? Ah…! Si’ è ‘na bona nutizia… Chiano ‘ncopp’ ‘o svincolo…(allontana di nuovo il telefono dall’orecchio) Si… no… tu guidi buono, sulo ‘o poco ‘e liquore… allora ce verimmo tra poco…? (cenni di impazienza) Si, fai cu’ calma, oramai ‘a strada ‘a sai… Si… ciao, ciao…! (chiude il telefono) Maronna mia, liberace d’ ‘e guai…! Io po’ vulesse sape’ come fa’ Angela, pare ca tene ‘o filo diretto c’ ‘o Paraviso…

                             (bussano)

                             E chi sarrà? ‘a pizza è arrivata… (apre)

Mario                     (entrando in gruppo con gli altri musici e facendo confusione) Bonasera! Don Miche’, scusate, ma nuje v’amma fa’ senti’ ‘e piezzi nuosti… Chest’ è ‘a meglio musica p’ ‘a pizzeria vosta! (senza dar modo a Peppe di replicare) Guagliu’, attaccate! (Suoni scoordinati ed atroci si levano dagli strumenti – artigianali- che porta il gruppo; meglio se con un cantante volutamente stonato)

Peppe                    Basta, pe’ pietà…! Fermateve! Zitti… Chiammo ‘e cani…! Stateve zitti…! Ma che vulite?

Mario                     Nuje simmo ‘o famusissimo gruppo “ ‘A Pusteggia”! Don Miche’, ce venimmo nuje, ‘a pizzeria nova!

Peppe                    Ma io nun me chiammo Michele! ‘Ate sbagliato purtone!

Mario                     No, no… ‘o cumpare nuosto nun sbaglia mai… Ma vuje nun site don Michele, allora? E chi site? E che ce facite cca’?

Peppe                    Chesta è casa mia! Ascitevenne fore primma ‘e mo’, si no so’ palate!

Mario                     Vuje nun sapite niente! Sta venenne ‘on Michele… e nuje ‘amma fa’ ‘o pruvino!

Peppe                    Ascite fore! Cca’ nun ce sta nisciuno che se chiamma accussì! Fore!

Mario                     E nuje ce ne jammo e l’aspettammo fore! Guagliù, ascimmucenne… ce facimmo tutt’ ‘o palazzo a suon di musica, sotto e ‘ncoppa! (escono suonando; la musica cala lentamente)

Peppe                    (chiude la porta) Ma tu viri che te succere… cu’ chella pizza che s’arrefredda…

Angela                   (entra, mestamente) Caro Peppe, nun te preoccupa’, ‘a pizza… nun s’arrefredda… io t’aggia chiedere perdono…! Aggio fatto ‘nu peccato gruosso… Mentre tu parlavi, aggio abbiato a assaggia’ ‘a pizza… Tu parlavi… e io magnavo… tu parlavi…, nun venivi… io magnavo a uocchi chiusi… e me l’aggio fernuta senza che me n’accurgevo!

Peppe                    Ma comme! Nun è possibile…! E nisciuno Santo t’ ‘a ditto niente, visto ca ce stai accussi’ in buoni rapporti?

Angela                   Perdonami, ma chella era troppo bona… ‘na cosa delicata… ‘nu sapore… n’addore… è scesa liggera comme ‘o pane d’ ‘o Paraviso… quasi quasi nun ce vuleva manco ‘a birra!

Peppe                    Ah, pecche’, te si bevuta pure ‘a birra?

Angela                   Perdonami! Faccio penitenza! Dici che pozzo fa’, pe’ farme perduna’!

Peppe                    Fa’ ‘na preghiera ‘o protettore d’ ‘e pizzaiuoli, ca ce cunserva a Gerardo cu’ bona salute, accussi’ finalmente m’ ‘a faccio fa’ pure pe’ me, ‘sta pizza!

Angela                   (alza le mani al cielo) Sant'Alberto di Lovanio, te prego in maniera speciale… Fa’ che Gerardo ‘o pizzaiuolo, che sta facenne onore ‘o mestiere suojo, se mantenga cu’ bona salute pe’ almeno cient’anne… accussi’ pure Peppe po’ essere che, primma o poi, ave ‘a pizza soja!

Peppe                    E che bell’augurio che m’ è fatto! Che te pozzano ‘mpennere! Mo’ sa’ che faccio? Mo’ scengo, vaco ‘a pizzeria, m’assetto ‘o tavulino e m’ ‘a mangio lla’! Me vaco a cunsula’ ‘o frisco! Ce vedimmo, Angeli’! (esce)

SCENA settima : Angela, Filippo, Mario

Angela                   Allora, ‘a penitenza l’aggio fatta… ‘a pizza l’aggio… assaggiata… quasi quasi, cchiu’ tardi invece d’ ‘a “Vesuvio” me piglio ‘a “Furtunata”… troppo bona!

(bussano)

                             E chi sarra’? Mo’ pizze nun ne aspettammo… (apre a Filippo, che porta una pizza in carta) Prego, accomodatevi…

Filippo                   Signo’, scusate l’ora, ma pe’ nuje è importante! ‘O signore che m’ ‘a aiutato… forse è ‘o marito vuosto… nun ce sta?

Angela                   No, è sciso, e po’ è mio cognato…

Mario                     (si infila nell’uscio) Site vuje don Michele?

Filippo                   No… no, ma che manere!

Angela                   ‘Ate sbagliato porta! Nun ce sta nisciuno che se chiamma Michele, cca’…

Mario                     Chesto ‘o sapevo, ma saccio pure che ‘adda veni’! E nuje l’aspettammo ancora! L’amma fa’ senti’ ‘a musica nosta! ‘Nu bisciu’! (manda un bacio sulle dita) Scusate! (esce)

Angela                   (chiude la porta) Ma tu viri che tipo… Santa Cecilia, falle truva’ tu ‘a porta justa…! Ve serveva cocche cosa?

Filippo                   No, no, già ‘ate fatto a sufficienza…! Vedite, chella pizza… spettaculosa! Quanno simmo jute a arapi’ ‘o scatulo, simmo rimasti! Muglierema l’ ‘a fatto pure ‘na fotografia!

Angela                   E’ overo…! V’ è piaciuta?

Filippo                   M’aggio mangiata sulo io… chella, muglierema, ‘eva fatto ‘nu fioretto… e s’ ‘a magnato ‘na cosa fatta lla’ lla’…! Nuje ‘a chiammammo ‘a “Quaresima”… ‘nu poco d’acqua e farina, senza criscito e senza sale… cotta ‘ncopp’ ‘o gas, e ‘ncoppa sulo ‘nu poco ‘e verdura strascenata senza uoglio e senza niente… manco ‘a pummarola! Comme ‘o pane ‘e ll’Ebrei…

Angela                   Proprio ‘na Quaresima…

Filippo                   Eh, si! Nuje nun ce putimmo mettere a pari cu’ chella che ce avite rialato, ma, mudestamente…, si nun ve dispiace… ve n’aggio purtata una… accussi’, pe’ vede’ comm’ ‘è fatta…!

Angela                   Grazie! Me fa veramente piacere! Grazie! (prende la scatola che le viene presentata) Site veramente gentili! Vedite, ogni tanto, ce vo’ pure ‘nu poco ‘e “Quaresima”… fa bene all’anema!

Filippo                   Grazie a vuje… io me mettevo ‘nu poco scuorno… Ma ce pareva ancora cchiu’ brutto nun fa’ niente! Però vuje m’ata dicere chella pizza addo’ ‘ate pigliata, pe’ piacere!

Angela                   Ah, Gerardo ‘o pizzaiuolo, cca’ abbascio, se chiamma “Furtunata”!

Filippo                   Scusate… io songo ‘nu poco rimbambito… m’ ‘o scrivo… (prende la sua penna e cercando una carta, trova la matrice del biglietto) Pozzo piglia’ chisto fuglietiello?

Angela                   (senza badare al foglietto) Si, si, facite…

Filippo                   (scrive)  Piz-za Fur-tu-na-ta! Ah… fatto!‘A prossima vota, quanne ‘o fioretto ‘e muglierema è fernuto, ce ‘a pigliammo pure nuje… e sperammo ca ce porta furtuna overamente…! (uscendo) Signo’, mo’ me ne saglio… salutateme ‘o cognato vuosto, e ringraziatelo ancora!

Angela                   (apre la porta) Arrivederci e ringraziate ‘a signora d’ ‘o penziero (chiude la porta e ritorna al centro scena, apre la scatola della pizza e la richiude)  Proprio ‘na “Quaresima”…! Però è bona p’ ‘e juorni ‘e penitenza! Purtammola int’ ‘a cucina… (esce)

SCENA ottava : Angela, Peppe, Mario

Peppe                    (rientra, di cattivo umore; si siede e tamburella con le dita)

Angela                   (entra) Peppino…! Allora, ‘sta pizza… comm’era?

Peppe                    Vi’ che jurnata! Aggio dovuto commattere cu’ ‘nu sacco ‘e gente che nun me vuleva fa passa’… L’aggio dovuto caccià ‘a carta d’identità, si no stevo ancora abbascio! Chi sa chi aspettano… E nun me parla’ cchiu’ ‘e pizza! ‘A pizzeria ce sta ‘nu sciumme ‘e gente, tavulini tutti occupati, senza prenotazione nun t’assiette… Ce aggio pruvato pure, ma me n’anno cacciato! Vulesse sape’ oggi cca’ che sta succerenne! ‘A cassiera tene pure ‘a lista ‘e prenotazioni p’ ‘e pizze in carta ca pare ‘nu papiello…! Io putevo fa’ vale’ ‘a prenotazione mia… ma Lina nun ce sta ancora, e chelle se fanno fredde! 

Angela                   Io nun saccio si si’ sfurtunato o si’ scemo… (alza le braccia al cielo) Santa Teresina, tu che aiuti chilli pure che stanno fore casa, dalle ‘e lumi…!

Peppe                    Ma io so’ scemo proprio…! Mo’ ce aggio penzato…! Putevo fa’ vale’ ‘a prenotazione p’ ‘a pizza mia, e ne facevo n’ata pe’ tre! Me desse tanti schiaffi ‘nfaccia…! Ma… si stata tu…?

Angela                   Forse è stata Santa Teresina, e si ‘a ringrazi, nun ce pierdi niente! E po’… tieni ancora tanta, tanta famme?

Peppe                    E tu che ne dici? Io stongo murenne… Verevo pizze pe’ tutte parti… rummore ‘e furchette e curtielli… ‘o sùscio d’ ‘e buttiglielle che s’arapevano… gente che magnava e rideva… Cocche scemo ‘e chilli che nun se ferneva manco ‘a pizza… e io tenevo ‘a lengua ‘a fore…! Scennesse n’ata vota, ma nun voglio cummattere n’ata vota cu’ chella gente e po’ me sape che Lina sta pe’ veni’! Si me ‘ncoccia dint’ ‘a pizzeria, e essa sta pure digiuna, arapete Cielo!

Angela                   E tieni ancora tanta, tanta sete?

Peppe                    Ma me vulisse piglia’ pe’… forze hai ragione… si…! Me magnasse qualunque cosa… e me bevesse…

Angela                   Allora, ‘a Pruvvidenza ‘a penzato a te! Int’ ‘a cucina ce sta ‘na pizza… “Quaresima”… di nomme e di fatto, capisci a mme! E po’ tieni tanta bella acqua int’ ‘o frigo… Buon appetito!

Peppe                    Tu overamente dici? E aro’ vene?

Angela                   ‘A Pruvvidenza…! Vai, mangiatella… l’ ‘a purtata chillo signore che è aiutato… teneva sulo chella, e l’ ‘a offerta c’  ‘o core!

Peppe                    Vaco ‘e corza! (esce)

Angela                   Verimmo si tene overamente famme… (conta silenziosamente sulle dita, arrivando fino a tre)

Peppe                    (dall’interno)  Maronna, che schifezza!

Angela                   Allora nun tene famme! E’ sulo sfizio!

Peppe                    (entra, con la mano sulla bocca, facendo smorfie di disgusto) Mamma d’ ‘o Carmene, quant’ è brutta ‘a Quaresima! Hai voglia ‘e vevere, ‘stu sapore amaro nun se ne va…

Angela                   Pacienza! Doppo ‘a Quaresima, vene Pasca! Ma t’ ‘e magnata tutta quanta?

Peppe                    A chi? ‘Nu pezzicciulo che manco se vere… e m’ è abbastato!

(suona il telefonino di Peppe)

Peppe                    (guarda il chiamante) Uh! Angeli’… è Lina! Pronto… dici! Aro’ stai? Overo…? Allora pozzo ordina’! …Ma …Quanti ne songo? Ma che t’ è venuto pe’ capo? Ma tu fussi scema? Addo’ ‘A mettimmo tutta ‘sta gente? E… (stacca il telefono dall’orecchio) …ah, sulo isso?  Meno male…! …Penzavo che venevano a mangia’ tutte addo’ nuje…! …No! Ce sta ‘nu sacco ‘e gente! Nun ce sta posto pe’ uno, figurati ‘nu tavulillo pe’ quatto! …’O saccio pecche’… ce so’ sciso a cuntrulla’ si ce steva sempe ‘a prenotazione! Beh, allora… (stacca il telefono dall’orecchio) …si, …va buono, …allora… Ordino ‘e pizze! Ce verimmo! (chiude il telefonino e si rivolge ad Angela) Finalmente! Putimmo ordina’ ‘e pizze! Ahhh! Però tenimmo n’ospite… Uh! Ce vo’ ‘na pizza ‘e cchiu’!

Angela                   E allora vai… nun è tardi, ‘na pizza ‘e cchiu’ po’ asci’… e po’ tieni sempe ‘a “Quaresima”!

Peppe                    Stai pazzianne? A costo ‘e rimmane’ digiuno, io chella cosa nun m’ ‘a magno! Sciapita, amara, ‘nchiummosa, tosta, senz’addore… mo’ se sarra’ fatta pure fredda…

Angela                   Va buono, va buono… po’ vedimmo…

Peppe                    E nun me fa’ mettere appaura! Chillo che mena secce songo sulo io, nun t’arrubba’ ‘o mestiere! Ma… sapisse cocche cosa…? L’amici tuoi… d’ ‘o Paraviso… t’ ‘essero ditto pe’ caso che chella è ‘a pizza mia pe’ stasera…?

Angela                   Vulessemo fa’ ‘e perzone serie? Mo’ te mitte a piglia’ pe’ sciemi pure ‘e Santi? Ma che te pienzi, ca tengo ‘na linea diretta? E ‘nu poco ‘e rispetto! Io so’ ‘na puverella, ogni tanto ‘mbrocco ‘na preghiera… e si pure tu facisse ‘a stessa cosa, te sentissi pure meglio! Jammo, telefona ‘a pizzeria, fa’ ampressa! E già ca ce simmo, famme fa’ ‘a “Furtunata”, ‘o posto d’ ‘a “Vesuvio”!

Peppe                    (prende il telefono) Pronto…!Si, tre pizze a domicilio… No…! Già l’aggio ordinate ‘e sette… verite buono… Si, si, è chella… via dei Gerani trenta… si, so’ sempe Peppe Fortunato, sempe ‘o cliente vuosto… allora putimmo cagna’ ‘na cosa? Allora me mannate ‘na “Bianconera” bufalina speciale, si… niente puparuoli, cchiu’ mulignane, niente aulive e ‘nu poco ‘e presutto a cruro… si… si… esatto… e po’ tre “Furtunata”… si… so’ quatto pizze… a io n’evo prenotato quatto, e po’ so’ sciso a tre… n’ata nun se po’ mettere? Ah… verite buono… raspate pe’ sotto, forze ci esce ‘nu poco ‘e pasta… No, eh? E si c’ ‘a pasta ‘e tre ne facite quatto…? Manco chesto…! …E si, avite ragione… nun se po’ fa… E si ‘a pasta v’ ‘a porto io? …’A n’ata pizzeria! L’accatto e v’ ‘a porto! …No, nisciuna respunsabilità…! Ve firmo pure ‘na dichiarazione! No, eh…? …Comme? Verite ‘e m’accuntenta’… mo’ scengo e pavo tutte cose, e lasso pure ‘a mancia ‘o guaglione… Ah! Pure quatto birre grosse… gelate! …Grazie, grazie! (chiude il telefono) Maronna mia, ‘a telefunata l’aggio fatta! Ma mo’ ‘amma vede’ che ci esce!

Angela                   Allora, che pizza te magni?

Peppe                    Io me magno ‘a “Furtunata”! A chill’amico ‘e Lina ce dammo ‘a “Quaresima”!

Angela                   ‘E fernuto ‘e fa’ peccati? Te ne si’ accuorto che, pe’ ‘nu sfizio, vulive corrompere l’onestà d’ ‘o pizzaiuolo, te si fatto caccia’ ‘a ‘na pizzeria comme a ‘nu ladro ‘e posti riservati, stai penzanne ‘e ‘mbruglia’ ‘nu frato tuojo, te miette a chiedere ‘a lemmosina senza bisogno…, 

Peppe                    Ma io tengo famme!

Angela                   Nun è overo! Si tenive famme, te magnave chella pizza ca sta int’ ‘a cucina, e ringraziavi pure a Dio p’ ‘a Pruvvidenza! Tu si’ peggio ‘e ‘nu criaturo capricciuso! (eleva le mani al Cielo) San Leonardo ‘e Francia, prutettore d’ ‘e maltrattati, famme sta’ ferma, si no a chisto l’affogo! (abbassa le mani) Anzi, è meglio si me ne torno a prega’!

Peppe                    Nun saccio si è merito d’ ‘e preghiere toje, ma io aggio avuto n’ata idea! M’accatto ‘na prenotazione…! Però nun è cosa ca se po’ fa’ pe’ telefono… Aggia cunvincere ‘nu cliente a vennerme ‘o posto suojo… magari le dongo coccosa ‘e sorde… po’ ce stanno parecchie pizzerie, cca’ attuorno…! Ah… si venesse Lina…!

                             (bussano)

                             Ohe, fosse che ‘e fatto ‘na preghiera? (apre, e Mario introduce la testa)

Mario                     Ma don Michele… nun è venuto ancora?

Peppe                    (lo spinge fuori)  Vavattenne! Nun Ce sta! E lassace ‘nu poco in pace! Angeli’, canuscisse tu chi s’adda invoca’ pe’ essere lassati in pace…?

Angela                   ‘A Maronna! E’ Essa ‘a Rigina d’ ‘a pace… però Essa tene assai che ffa’! Sa’ a quante perrzone adda penza’? Ce vo’ ‘na preghiera cchiu’ longa…

SCENA nona : Peppe, Lina, Michele, Mario

(bussano rabbiosamente alla porta)

Angela                   Ah, e chesta è essa…

Peppe                    Si…, è arrivata, meno male! (apre e fa entrare Lina e Michele)  Ciao, bentornata… (protende le labbra come per dare un bacio)

Michele                 Buona sera signori… scusate, ma non ‘ammo ancora fernuto ‘e parla’ ‘e affari… vi scucceremo ‘nu poco…!

Lina                       (gli passa davanti ignorandolo) Che serata! Miche’, assiettete… (rivolta a Peppe) ‘O verbale ‘o pavi tu, allora! (si siede vicino ad Michele)  Allora… ma chillo s’adda accuncia’! A che serve che tieni ‘e tavulini e ‘e segge? L’impianti s’ ‘anna fa’ nuovi!

Peppe                    (rimanendo in piedi) Ehm… hemmm! Lina… putesse sape’ comm’ è succieso ‘o fatto d’ ‘o verbale? E po’, ce sta ‘nu telecomando che gira… ne sapisse niente? E chisto signore…?

Lina                       (sempre rivolta ad Michele)  Ce vo ‘o progetto ‘e ristrutturazione, e l’ ‘anna autorizza’… permessi e tutte cose, po’ s’ ‘anna fa’ ‘e lavori… pure ‘o cundizionamento!

Peppe                    (non ricevendo risposta, urla) Io scenco! Vaco a piglia’ ‘e pizze ‘e persona…

Lina                       (girandosi appena)  Ah, sì, se chiamma Michele… Miche’, chesta è sorama Angela, e chisto è mariteme! Bravo…, pero’ primma apparecchia, ca nuje tenimmo famme… spicciati!

Peppe                    Ah, don Michele… è isso? Ma tu che che vuo’ ‘a me? Santo… Giobbe, cca’ ce vo’ ‘a pacienza toja…! Tu nun ‘o puo’ fa’?

Lina                       (si alza minacciosa) Ma comme te permetti? Tu nun fai niente d’ ‘a matina ‘a sera, cca’ si nun ce stesse io, magnassi pane e cepolla…! Io stongo impegnata, nun ‘o vidi? Vai e fa’ ampressa, ca tengo famme, t’ ‘aggio ditto! (ritorna a sedersi)

Peppe                    (ad Angela) Mo’ ce aggia fa fa’ ‘a figura annanze a chillo? Manco io pozzo perdere tiempo… Angela, nun dicere che te cumanno, ma tu ‘o sai che aggia fa’… vulissi pripara’ tu, pe’ piacere?

Angela                   Vai, Peppe… nun te preoccupa’… e bravo p’ ‘a pacienza! Lina, tu e chisto signore… ve putisseve spusta’ ‘ncopp’ ‘o divano? Ah, don Michele, pare che ce sta coccheduno abbascio ‘o palazzo che v’aspetta…

Peppe                    Io scenco! (apre la porta)

Mario                     (si intrufola dentro, seguito dai musici; Peppe cerca invano di ostacolarli) Don Miche’ bonasera! Site vuje, se vere subbeto… Nuje simmo “ ‘A Pusteggia”! ‘E meglio musicanti p’ ‘a pizzeria vosta nova! Sentite che opera d’arte! Guagliu’ attaccate! (suoni come in precedenza; dalla porta entrano delle comparse che iniziano a ballare)

Peppe                    Basta, jatevenne! (il gruppo continua)

Lina                       Ma che è ‘sta robba…?

Angela                   (tappandosi le orecchie) Santa Cecilia bella, aggi pietà!

Michele                 (alza appena un dito e tutti tacciono) Bravi guagliuni… ma site venuti cu’ ‘nu poco ‘e anticipo… chi v’ ‘a ditto?

Mario                     ‘O cumpare nuosto, che tene ll’onore ‘e ve servi’… ‘O chianchiere Feliciello…

Michele                 Uh, che bravo chillo Feliciello… sentite, quanne ‘a pizzeria arape, ve faccio chiamma’, va buono?

Mario                     Grazie a signuria! Guagliu’, ‘o concerto ‘e ringraziamento! (suoni come in precedenza)

Michele                 (alza un dito e tutti tacciono) Grazie ‘e ll’onore… ma mo lassatece suli… Ve faccio veni’ a truva’ d’ ‘o Canario, quann’ è ‘o mumento! Mo’ jatevenne e nun ce scucciate cchiu’… ma chi ce sta lla’ fore?

Mario                     Mah, nun l’aggio cuntati… (enumera faticosamente) ma ce sta Ciro ‘o pittore, Vittorio ‘o cusetore cu’ tutt‘a famiglia, pure ‘e piccerilli, ‘cocche guardia giurata… nun ‘e canosco, e po’… Vicenza ‘a piscatora, uno cu’ n’a sporta e sacicce, e ll’ati… pe’ ‘ncopp’ ‘e scale! Pare ‘o presebbio!

Michele                 Allora mo che jesci, dincelle che se ne jessero pure loro! Cca’ ‘amma parla’ ancora, e fatica nun ce ne sta! Doppo se vere! Va buono? Dincello a nomme mio!

Mario                     Grazie a signuria! Guagliu’, jammucenne! (escono suonando e ballando)

Michele                 Io a chisti ce manno ‘o Masto ‘e Musica c’ ‘o… trumbone! E ‘o manno pure a Feliciello… accussì se ‘mpara a fa’ ‘a spia!

Peppe                    Lina, io scenco! Angeli’, miette ‘o caletto ‘a porta! (esce)

SCENA decima : Lina, Michele, Angela

Lina                       Allora, mettimmoce assettate cca’! (si sposta insieme ad Michele, mentre Angela apparecchia) ‘A fine d’ ‘e cunti, sulo ‘e lavori se pigliano n’anno… po’ ce sta l’avvio… ‘a pubblicita’ nun porta subbeto ‘e clienti… ‘a gente adda cunoscere… l’investimento è almeno duje o tre anni, po’ s’abbia a guaragna’! Allora… perciò tu capisci, ce vonno paricchi surdarielli… tu quante ce ne può mettere?

Michele                 Ah, tre anni… facimmo cinche…!  ‘Essa incassa’ cocche cosa… putesse liquida’ cocche creditore… putesse fa’ subito belli surdarielli… si! Aggia fa’ duje cunti, ma… cinche anni… si, ce ‘a faccio! Ma chi ce mettimmo, ‘a rento?

Lina                       E tu già pienze ‘e cammerieri?

Michele                 Io penzo a tutto! E voglio ‘a garanzia che l’impresa va! Io ce metto ‘e sorde e percio’ ce voglio mettere gente ‘e fiducia mia! Gaetano…

Lina                       Gaetano? Ma nun è chillo che…

Michele                 Proprio isso! Che fa che è ‘nu poco sfrigiato? Comme cassiere va proprio buono! Nun se fa scappa’ a nisciuno ‘a dint’ ‘e mani! E chi ce prova ‘na vota… nun ‘o fa cchiu’! E Amedeo… chillo è ‘nu cuoco ecceziunale…! S’ ‘a fatto otto o nove misi, ancora ‘nu poco e esce, pe’ bona cundotta! Quanne stevemo… ‘nzieme…, pure cu’ ‘na patana vecchia e ‘nu poco ‘e sale, ‘a fatto vede’ che è capace ‘e fa’!

Lina                       Ma pecchè sta…

Michele                 Eh! M’ ‘a fatto ‘nu piacere… mo’ te dico, tanto ormai simmo soci! Ce stevano cierti perzunaggi che… devano fastidio…! L’aggio spiegato ‘a cosa e l’aggio ditto: “Fa’ tu!”… ‘Ammo fatto ‘na bella cena… aggio affittato ‘nu locale sano sano, aggio fatto veni’ ‘o cuncertino, ‘o Canario che cantava, piante, sciuri e belle guaglione ch’ ‘e cosce ‘a fore pe’ tutte parti… aggio fatto spara’ ‘e botte… chillo ‘a scritto pure ‘o menu’ d’ ‘a serata! Ce steva ‘o fuglietiello stampato annanze a ogni invitato! ‘Na cosa sciccosa… nun m’arricordo tutte cose, ma ‘o meglio piatto era ‘a pizza “Paraviso”! E’ bastata chella, e m’ ‘a levati ‘a ‘nanze tutte quanti…! E io ce songo asciuto pulito pulito… “Decesso per avvelenamento da cibi guasti”! ‘A fatto ‘nu capolavoro!

Lina                       …e n’annetto ‘e carcere…! Ma a me accussi’ nun me piace! Io voglio fa’ ‘na cosa signurile…! Senza cheste…

Michele                 E io voglio ‘e garanzie ‘e guaragna’! Po’… ‘o settore Sviluppo ce mettimmo Giuvanni ‘o Masterascio… insuperabile!

Lina                       Ma ce steva pure stasera? Nun m’arricordo!

Michele                 Ce stevano tutte quante! Giuvanni è piccerillo… nun se nota… ma quanne se tratta d’incassa’… nu’ spreca ‘nu centimetro ‘e lignamme! E si s’ ‘adda liquida’ ‘nu creditore, ‘o fa’ scumpari’… e che è ll’acqua? Figurati che sciucchezza, pe’ isso, tratta’ cu’ ‘nu cuncurrente che… aiza ‘a capa! Chillo ce ‘a taglia proprio!

Lina                       (incerta) Ma forze… io nun avevo capito tutte cose… vulevo…

Michele                 Ohe’ ce vulisse ripenza’? Chello che è detto, è detto! Io tiempo nun ne perdo… mo’ stammo ‘nzieme… e ce rimmanimmo! L’affare se fa, cara socia mia! E se fa, comme dico io… d’accordo?

Lina                       No, nun ce stongo, a cheste condizioni! ‘E decisioni l’avimma piglia’ ‘nzieme, e no sulo tu!

Michele                 ‘E decisioni ‘e piglia chi ce mette ‘e sorde! E ‘e sorde c’ è metto quasi tutte io! Tu che fai? ‘O disegno, ‘o prugetto, chilli duje nummarielli, forze riesci pure a farlo appruva’ senza ll’aiuto mio… po’ ‘a decurazione, scigli ‘e tuvaglie, pienzi ‘e culuri d’ ‘a pittura… e vulisse pure cumanna’? Tu ‘o massimo puo’ scegliere ‘o nomme d’ ‘e pizze, e chello che ce s’adda mettere ‘ncoppa! Mo’ magnammece ‘sta pizza… accussi’ abbiammo a vede’ ‘a piazza ‘e ‘stu paese che vo’! E cercammo ‘e ce spiccia’, ca stanotte tengo ‘a fatica’ assai!

Lina                       (molto incerta, ad Angela) Angeli’… tu sai niente… d’ ‘e pizze…?

Angela                   (che nel frattempo ha finito di apparecchiare)  Peppe t’ ‘a ditto… è ghiuto perzunalmente abbascio a pigliarle… pe’ fa’ primma! (tra se’) Santa Barbara, che pruteggi ‘e perzone int’ ‘e periculi cchiu’ gruossi… miettete ‘nu poco tu a sbruglia’ ‘sta cosa!

Michele                 Ue’, Lina… a me m’ ‘e venuto… ‘nu bisogno curpurale! Aro’ sta?

Lina                       (confusa, si alza)  Che cosa…? Ah, aggio capito… si… viene… te faccio vede’…

Michele                 (si alza e va con Lina) Scusa… sulo cinche minuti! (escono)

Angela                   (alza le mani) Santa Barbara, aiutace! E nun te mettere scuorno… si pe’ te è troppo, fatte da’ ‘na mano pure tu… tanto… chi ‘o sape? Sulo tu e Isso!

SCENA undicesima : Peppe, Lina, Michele, Angela

Peppe                    (rientra e poggia quattro birre sul tavolo) Cca’ ce stanno ‘e birre… fammelle pusa’…! So’ fredde!

Angela                   Peppe… ‘e birre so’ quatto… e ‘e pizze?

Peppe                    (va un momento fuori scena e rientra con quattro cartoni) Manco a peso d’ ‘oro! Niente ‘a fa’! Tre erano, e tre so’ rimaste! M’’ero fatto appripara’ pure ‘o scatulo… ma è rimasto vacante!

Angela                   Miettele dint’ ‘e piatti… e nun te scurda’! Si t’addimannano, tu n’ ‘e purtate quatto! Qual’ è ‘a “Furtunata”?

Peppe                    (indicandola) Cheste doje cca’! Siente che addore!

Angela                   Tu te magni una ‘e cheste, te l’ ‘e ammeritata… a chillo amico ‘e Lina, ce mettimmo ‘a Quaresima dint’ ‘o piatto… damme ‘a scatula!

Peppe                    (esegue) Ma se vere ‘a differenza!

Angela                   Lassa fa a me, aggio chiesto pure l’aiuto ‘e Santa Barbara… e forze accussi’ l’aiuto… chello ca ce manca, ce ‘o metto a cruro… ‘a pitto… ‘a scarfo… mo’ vedimmo ca se po’ fa’…

Peppe                    Ma comme, primma dici che s’adda essere caritatevoli…

Angela                   Zitto…! Saccio a me, doppo te spiego…! (esce con la scatola vuota) Santa Barbara, damme ‘na mano! Anzi, tutt’ ‘e doje! E nun te mettere scuorno…!

Lina                       (rientra, abbattuta e si siede) Ue’, Peppe… tu cca’ stai?

Peppe                    (allibito) Si… e addo’ ‘essa sta’…? Chesta è ‘a casa nosta…! Ma tu nun stai bona…! T’aggio ditto che ‘o verbale m’ ‘a veco io… che ce sta ancora…? (si siede vicino a lei) Che ‘ato è succieso? Si m’ ‘o dici… vedimmo che se po’ fa’… a duje è meglio…! Ue’, ‘o sai…? Angela è ‘nu portento… Quanne dice ‘na preghiera, ‘e Santi ‘a stanno a senti’ overamente! Io primma nun c’evo mai fatto caso…! Parlammone pure cu’ essa…

Lina                       No… nisciuno po’ fa’ niente… ce vulesse ‘nu miraculo! Vaco a vede’ chisto che sta facenne… è ghiuto dint’ ‘o bagno e nun esce cchiu’! (esce)

Angela                   (rientra con la pizza truccata; apre la scatola)  Peppe… vieni a vede’…

Peppe                    Ma è ‘a stessa… Comm’ è fatto?

Angela                   Aggio abbarato sulo ‘e culuri… ce sta ‘o melone tritato, duje  puparuoli sott’aceto, ‘a granella d’ ‘e biscotti, l’alici fritte avanzate, ‘nu poco ‘e sugo ‘e pummarola ’e miezjuorno, chisti songo chiapparielli, doje mardorle, ‘a salsa greca… e chesta è ‘a panatura ‘e chelli cose ‘e pesce surgelate… cu’ nu’ poco ‘e zucchero… l’aggio scarfata dint’ ‘o microonde…

Peppe                    Maronna! Ma fa cchiu’ schifo ‘e primma!

Angela                   Lassa sta… ‘e culuri però so’ chilli… (la depone sul tavolo)  …e nun t’ ‘a magna’ tu!

Peppe                    Fussi scemo! Anzi… mo’ m’assetto… Ahhh! (verso l’interno) Lina! Vulite veni’?

Angela                   (si siede davanti alla sua pizza e alza le mani) Maronna mia,  santa Barbara, aiutatece! Io ‘na manella ce l’aggio misa… Nun pozzo fa’ cchiu’ niente!

Lina                       (entra con Michele) ‘A pizza mia…? Ah… si… è chesta! (si siede)

Michele                 (si siede) E allora chesta è ‘a mia! Comme se chiamma?

Peppe                    “Furtunata”! L’ammo inventata io e ‘o pizzaiuolo… ohe’! ‘A avuto assai successo!

Michele                 ‘E capito? ‘A tenite dint’ ‘e vene, ‘sta voglia ‘e fa’… ue’, è proprio bella cavura…!

Angela                   E allora buon appetito (si fa il segno della croce, imitata da Lina e Peppe; a Michele; tutti aprono il cartone)  Vuje… nun ve signate?

Michele                 Ma chesta è ‘na pizza, che jate truvanne? (ridacchia)  E chesta nun è ‘na chiesa…! (inizia a tagliare la pizza, incurante degli altri)

Angela                   Sapite, addo’ nuje s’ausa… è pe’ ringrazia’ ‘a Dio… (recita la preghiera) Pruvvidenza divina, che c’ ‘e tanto aiutato, nun ce lassa’ int’ ‘a chisto mumento! Gesù, Madonna mia, Santa Barbara, …

Michele                 (interrompendo la preghiera) E chesta allora è ‘a meglio pizza d’ ‘a zona? Verimmo, verimmo… (mette un pezzo in bocca, e comincia a sputacchiare)  Ma che fetenzia! Che m’ate dato? E chesta fosse ‘a  cosa cchiu’ meglia?

Peppe                    Comme, ‘a meglio pizza ca ce sta…!

Angela                   ‘Ncopp’ ‘a chesto, nun ce stanno dubbi! Proprio ‘a vosta, è stata curata cu’ ‘na ricetta speciale… e è stata fatta c’ ‘o core!

Michele                 Chesta è stata fatta ch’ ‘e pieri! (continuando a sputacchiare) Meglio n’anno ‘e carcere, che magna’ ‘sta cosa…! (a Lina)  E io essa investi’ ‘e denari miei int’ ‘a stu’ paese aro’ chesta è ‘a meglio pizza ca ce sta? Ma jatevenne a muri’ accisi! Chi ce vene, cca’? E ‘a chiammate zona turistica? E si ce vene coccheduno pe’ sbaglio, si nun more, se ne fuje! No, no, statte bona, Lina… io m’arritiro d’ ‘a societa’, e cca’ nun ce vengo cchiu’!

Lina                       (scatta in piedi)  E allora vavattenne, primma ca te piglio a scupate! Tu, l’amici tuoi, e tutt’ ‘e sorde ca tieni! Nun ce veni’ cchiu’!

Michele                 Nun te preoccupa’…! Vuje site nati int’ ‘a munnezza e lla’ ce schiattate! (uscendo)  See! ‘O prugetto… ‘a pizzeria… clienti ‘a tutt’ ‘e paisi…

Angela                   (alza le mani)  Santa Barbara, si’ stata grande! Ringrazia pure chi t’ ‘a aiutato! Grazie!

Lina                       ’Nu miraculo! E’ stato proprio ‘nu miraculo! Io nun ‘o sapevo… chillo disgraziato, era ‘nu lupo… e pareva ‘na pecurella…! Angeli’, dimane jammo a appiccia’ ‘na diecina ‘e cannele ‘a Maronna…

Angela                   E a Santa Barbara!

SCENA dodicesima : Peppe, Lina, Luigi, Angela

(bussano)

Lina                       Ma chi è ‘stu scustumato che vene a scuccia’?

Angela                   Aspetta, vaco io… (va ad aprire a fa entrare Luigi)

Luigi                      Ohh, scusate! Nun sapevo che steveve a tavula… Linetta… chillo stunato… cioè ‘o marito tuoio… nun s’arricorda addo’ ‘a miso ‘o telecumando mio… e io me sentevo ‘nu poco ‘e languidezza…

Lina                       (fredda) ‘O telecumando tuoio sta dint’ ‘a machina nosta! Nun ce l’aggio dato! E mariteme nun sapeva niente!

Luigi                      Ah… allora pe’ chesto nun se truvava… e nun ‘o putisse i’ a piglia’? Io me vulesse i’ a accatta’ coccosa… cu’ chella pizza nun ce aggio fatto niente… è scesa comme a ll’acqua… vulevo…

Peppe                    ‘On Lui’… senza cumplimenti… ‘A vedite chella pizza? Chillo che se l’eva magna’ nun vene… ‘a vulesseve vuje? Ce manca sulo ‘nu pezzicciullo, che è stato tagliato pe’ l’assaggia’…

Luigi                      Beh… si nun ve serve…

Angela                   A nuje nun ce serve cchiu’! ‘A fatto ‘a figura soia, e tanto abbasta…! Però facite ampressa a magnarla… si s’arrefredda doppo nun è bona cchiu’…!

Lina                       Dimane matina quanne jesco, te dongo ‘o telecumando… anzi t’ ‘o metto ‘ncopp’ ‘a fenesta d’ ‘o curtile!

Luigi                      Grazie… comme si’ gentile!

Angela                   (chiude il cartone e glielo porge)  Ecco cca’! Ma purtateve pure ‘na birra… v’aiuta a farla scennere! Chesta è ‘na pizza ‘e sustanza, verite che nun scenne comme a chell’ ata!

Luigi                      (prende scatola e bottiglia ed esce) Grazie, grazie! Chesta nun m’ ‘a scordo!

Peppe                    Ce crero!

Angela                   Pure io…!

SCENA tredicesima : Peppe, Lina, Filippo, Angela

                             (bussano)

Peppe                    Ma insomma, chi ‘ato è? S’arricordano tutte quante mo’…

Lina                       Angeli’, pe’ piacere, viri chi è, e cerca d’ ‘o manna’!

Angela                   Mo’ verimmo… (va ad aprire a fa entrare Filippo)

Filippo                   (timidamente) Scusate… m’immaginavo ca steveve a tavula, ma è ‘na cosa troppo grossa…! Io e muglierema nun putimmo aspetta cchiu’! (ad Angela) Signo’, v’arricurdate chillo pezziccullo ‘e carta addo’ ce aggio scritto ‘o nomme d’ ‘a pizza… “Furtunata”?

Angela                   Si… e allora?

Filippo                   Signo’ chillo era ‘na bulletta d’ ‘o Megalotto… ! Io penzavo che era vecchia… ma, quanno ‘aggio liggiuto meglio, aggio visto che nun puteva essere… chella è ‘na nuvità! E l’estrazione era proprio pe’ oggi…! Signo’, io stevo guardanne ‘a televisione… guardate vuje ‘a cumbinazione… l’aggio cuntrullato pe’ sfizio… chillo biglietto ‘a vinto! E’ furtunato pure isso!

Peppe                    Comme? Facite vede’! (prende il biglietto che gli viene teso) ‘O biglietto ‘e Pascalino!

Lina                       E quanto ‘a vinto?

Filippo                   ‘Na furtuna! Ottomila euro!

Peppe                    (deluso) Quanto?

Filippo                   Eh, si’! Belli surdarielli, overo? Chi sa quanti cose se ponno fa’ cu’ tanti sorde…

Lina                       Ma… site sicuro…?

Angela                   Grazie! Vuje site ‘na perzona pe’ bene! Peppe… io so’ sicura che Pascalino nun s’arraggia ‘e dividere ‘a vincita c’ ‘o signore… tanto manco ‘a cuntrullava ‘a schedina!

Peppe                    Si, facimo accussi’… Scusate, vuje ve chiammate…?

Filippo                   Io… Filippo… Filippo Minutolo, stongo ‘o sesto piano… ma nun pozzo accetta’! ‘A schedina è ‘a vosta, e io m’aggio pigliata pe’ sbaglio…! Pure muglierema nun ‘o permettesse mai!

Angela                   Chello che dicite ve fa onore, ma almeno ‘nu regalo l’avite accetta’!

Filippo                   Signo’, si vulite proprio sape’ ‘a verità… io ‘nu penziero l’avevo fatto… int’ ‘all’ammuina, quanno ‘ammo visto che era ‘o biglietto vincente… io e muglierema ‘evamo penzato… ce simmo gurdati ‘nfaccia e ce l’ammo pure ditto…! Perdunatece, ma forze capitava pure a vuje ‘nu desiderio… ‘na cosa ce servesse… ma chella costa assaie…

Angela                   E forza, dicite!

Filippo                   Ce servesse ‘na bicicletta! Ma… a duje posti e c’ ‘o portapacchi! Ce sparagnassemo ‘e i’ ‘o supermercato ogni semmana a pere… cu’ chelli buste che pesano… ce putessemo i’ io e muglierema, tutt’ ‘e juorni… ‘nu sacchetiello ‘a vota…

Peppe                    Ma ‘na machina, nu’ mezzo…

Filippo                   No, no… costa assai! ‘A benzina, l’assicurazione, ‘o bollo, ‘o parcheggio, e l’ati spese… e si po’ s’arrobbano? No… nuje simmo sulo a duje… ‘na vota uno pedala uno, n’ata vota n’ato… facessemo ampressa a fa’ ‘a spesa, facessemo pure ‘o poco ‘e moto… e po’ int’ ‘all’ascensore ‘e biciclette c’ ‘e portano già… quanne nun ce serve ‘a sagliessemo ‘ncoppa…

Angela                   Allora, appena arrivano ‘e sorde, Pascalino ve regala ‘na bicicletta comme vulite vuje!

Lina                       E mentre che arriva, ve dongo io ‘nu passaggio ‘o supermercato, tutt’ ‘e vote che ve serve!

Filippo                   Grazie… puzzate sta’ buoni tutte quante… Mo’ me ne saglio, scusate ll’ora… int’ ‘e preghiere noste, mo’ ce state pure vuje… grazie… pe’ cient’anne! (esce)

Peppe                    Che brava gente…

Lina                       E chi ‘o sapeva ca ce steva gente accussi’…? E so’ pure vicni ‘e casa!

Angela                   Ue’, stasera diciteve ‘na preghiera… e mettitece pure a loro int’all’intenzioni… e mo’ spicciammoce… cca’ ‘a pizza s’arrefredda! (si siede)

Lina                       Io tengo overamente famme! E me sento bona, senza chillo peso ‘ncopp’ ‘o stommaco!(si siede)

Peppe                    Panza mia, fatte capanna! (si siede) Pronti…? Buon appetito… via! (iniziano tutti a mangiare) Finalmente! Ahhh… ma è bona overamente!

Angela                   E’ meglio d’ ‘a primma… se vere che Gerardo ‘a perfeziunato ‘e dosi… Sant'Alberto di Lovanio, patrono d’ ‘e pizzaiuoli, tienece a Gerardo pe’ cient’ anne! Glorioso Sant’Antonio, patrono d’ ‘e bisognosi, grazie pe’ ave’ soccorso ‘sta famiglia int’ ‘a famme…

Lina                       ‘A prossima vota, m’ ‘a piglio pure io…

(bussano; tutti continuano a mangiare senza muoversi)

Peppe                    Ahhh… me pareva d’ave’ ‘ntiso ‘nu rummore…

Lina                       Mhhh… adda essere cocche machina che passa…

Angela                   Me dispiace, ma io nun sento proprio niente! Se vere che stongo addiventanne sorda… San Francesco ‘e Sales, putente protettore d’ ‘e surde…, lassame ‘nu poco accussi’… mentre fernisco ‘a pizza!

Pasquale               (dalle quinte, dopo una pausa, bussa di nuovo) Ohe’! So’ io, so’ Pascalino…! Nun trovo ‘e chiavi! Ma nun ce sta nisciuno…? Papa’… mamma’… zietta! Ma nun ce sta nisciuno…?

(tutti continuano a mangiare tranquilli)

fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 28 volte nell' arco di un'anno