A portea do condominio

Stampa questo copione

Tre atti brillanti

di

ENRICO SCARAVELLI

PERSONAGGI IN ORDINE DI APPARIZIONE:

Combin                                         portea

Marco                                             postin

Paola Carboni                                attrice

Marina Tromboni di Peagna               attrice

Arturo Freni                                  chauffeur

Camillo Casagrande                     appuntato

Rosario La Fauci                           maresciallo

Rina                                               condomina

Serena                                          condomina

Giuliano                                          fidanzato di Serena

Sartori                                             amministratò do condominio

In te ‘ condominio a Nervi a-o dì d’anchêu

ATTO PRIMO

Atrio dell’ingresso di un condominio. Portone diagonalmente a sinistra accanto al fondale. Subito sul fianco dell’entrata, accanto allo sgabuzzino della portineria, ci sono le cassette della posta (numero a piacere). All’angolo a destra e a sinistra sul citato fondale ci sono due rampe di scale. Un cartello appeso con la scritta:”tenere i cani al guinzaglio- non gettare oggetti nel distacco”. Su una sedia accanto allo sgabuzzino c’è un mazzo di fiori. Colomba, la portinaia chiamata Combin, sta pulendo (o lavando) l’atrio.

Scena I

(Combin – Marco)

Combin    :- (sulla cinquantina, si ferma, sbuffa per la fatica e si palpa la schiena dolorante) “Ahimemì… vint’anni fa no i sentivo i dolori… Aççendemmo un po’ a radio” (va nello sgabuzzino, accende la radio e si sente la canzone “Grazie dei Fior”. Guarda il mazzo sulla sedia) “Devan avei visto i fiori… Chissà chi l’è che gh’éi manda ä scià Carboni… Bello tipo quella lì… A dixe, che oltre a reçità in teatro a va a fa assistenza ai anzién… Me sa tanto ch’a dovieiva ëse fra i ascitìi anche lé” (prende il mazzo, lo guarda e vede un biglietto) “Gh’è ûn biggetto in ta bustinn-a…” (fa il gesto di prenderlo per leggerlo, poi, comica) “No, no sta ben cuiusà” (un attimo comico di indecisione, guarda la bustina, scrolla le spalle e la prende  giustificandosi) “…a l’è averta…” (ripone i fiori, toglie il biglietto e legge) “<Con immenso affetto dal suo ammiratore Cavalier Busoni, banchiere nella città  di Locarno>. Adreitûa.. “ (osservando la calligrafia)” ‘Sta calligrafia me pä finn-a de conoscila… Ma no, no l’è poscibile… mi banchieri no ne conoscio….Conoscio solo o bancà Marieto de Quinto” (ripone il biglietto)

Marco       :- (postino, sulla quarantina, entra dal portone con in mano della corrispondenza) “Bongiorno Combin… sempre in scià breccia, eh?!”

Combin    :- (dandosi un ravvivata ai capelli) “Bongiorno postin, sempre avanti e indrè con a posta?”

Marco       :- “Eh, scì, sempre in cammin…O l’aveiva raxòn maê poaê ch’o me dixeiva: <Stûddia che ti faiae da stradda>. Ho stûdiòu, me son diplomòu e oua,  consegnando a posta ne fasso  pe’ coscì da stradda”

Combin    :- (apprensiva) “Invece mi chissà in che stradda andiò  finì doppo e ûrtime proposte faete da l’assemblea di condomini a l’amministratò”

Marco       :- “A veu dî che levan a portineria?... Ma anche l’anno passòu l’han proposto e poi no n’han faeto ninte… Peu däse che anche quest’anno…”

Combin    :- “Mah…me sa che doviò çercäme ‘n’ätro travaggio, sperando d’attrovälo… con i tempi che cöran… specialmente pe’ che comme mì, han i anni finiscian in <anta>”

Marco       :- “Intanto a va a fa di travaggi pe’ l’attrice Paola Carboni e poi, chissà, peu anche däse che se passan a vöxe tra condomini…”

Combin    :- “No creddo che quelli, o mëgio <quelle>, che votan pe’ scorïme, me ciammian a faghe i travaggi de casa”

Marco       :- “Ma han za deciso?”

Combin    :- “L’amministratò o dixe che veuan mette i citofoni con a videocamera da-o portego; coscì perdiò anche o scïto in dotazion ä portineria. Dixan che i condomini a ‘sto moddo risparmiàn…”

Marco       :- “In te ‘n caseggiato de corso Carbonara aveivan serròu a portineria ma doppo quarche meize han constatòu che faxendo ben i conti di servizi, vale a dî o costo pe’ l’impreiza de pulizie, l’assegûazion, l’impianto de video camera e a so manuntenzion, o portego che o ciù de votte o l’arrestava averto, tanto l’è véa che ghe son staeti di fûrti in quarche appartamento, son ritornae a mette a portineria, anche pe’ avei ‘n’euggio de sentinella con tûtta  a gente che circola e quello che sûccede a-o dì d’ancheu…E poi questo, comme o caseggiato de via Carbonara, o l’è ûn condominio grande, con duì porteghi e ‘na portéa a ghe veu…” (con galanteria)“Do resto… ‘na bella donna comme lé, a no vorrià mïga restà sempre viddoa… a no ghe sta ben serrà in te quello sgabûzzin, o so posto o l’è… “ (con studiata enfasi)  “in te ‘na saera de reuze”

Combin    :- (civettuola) “Sempre galante postin… chissà a quante donne, con a scûsa da posta, o ghe dixe e stesse cöse…”

Marco       :- “E figûremmose… e poi ch’a no me ciamme <postin>, o no l’è mïga o mae nomme” (sempre galante, si avvicina intenzionato)  “Me ciammo Marco, Marco Frassino…e son de legno bon”

Combin    :- (si allontana) “Anche o legno bon o fa e seu càmoe… Saià mëgio ch’o mette a posta in te cascette, maniman i condomini se ne veddan a ciacciarà ghe fan l’azzunta pensando chissà cöse”

Marco       :-(sospira con teatralità) “Magara ghe fïsse o motivo de pensälo… Invece…”

Combin    :- (cercando di tagliar corto) “Invece s’o veu o me peu lascià a posta da mette in te cascette… comme a-o solito”

Marco       :- ”A me scöre?”

Combin    :- “O l’è ‘n caseggiato pin d’euggi ch’agguietan e no vorrieiva che fessan di ciaeti…pe’ ninte poi…”

Marco       :- (prendendole le mani ) “Perché no levemmo quello < pe’ ninte> e o femmo diventà: <pe’ quarcösa>?”

Combin    :- “Ma postin… cös’o fa?”

Marco       :-(contrariato) “E dagghela cö postin! Me ciammo Marco; ch’a se o scrive”

Combin    :- “Me marco Marco?”

Marco       :- “Combin… ch’a me promette stavotta de accettà l’invito a ballà sabbo che vegne… Andiemo ä Sala Primavera”

Combin    :- “Cös’o l’è… ûn ..” (letteralmente) “dancing?”

Marco       :- “A l’è ‘na sala familiare frequentà da gente per ben, comme nuiätri… Foscia ghe saieiva ciù cäo andà a-o Lido… ma  mi no son abituòu a frequentà locali troppo sciù… no me gh’attreuvo”

Combin    :- “Manco mì se l’è pe’ quello… Ghe pensiòu e ghe saviòu dï”

Marco       :- (soddisfatto) “Alloa ghe conto! Ghe lascio a posta” (consegna) “… a riveise Combin” (le manda un bacio ed esce)

Combin    :- “A riveise” (scorre le buste leggendo i nomi dei destinatari) “Famiglia Beccalossi…da l’agenzia delle entrate…Veramente son entrate solo pe’ l’agen- zia, de segûo no pe’ quelli che riçeivan ‘sta posta… Vedemmo…ah, tre lettie pe’ quello strano tipo do <Misterius> o mago guaritö. Che coraggio gh’ha çerta gente…”

Scena II

(Combin – Carboni)

                   (mentre Combin sta guardando la posta entra l’attrice Paola Carboni)

Carboni    :- (sulla sessantina e più, ha sul capo un cappello a larghe tese, con l’intento di apparire un donna fatale. Saluta Combin con sussiego e usa un parlare ricercato, come recitasse) “Ciao Colomba, ancora qui? Sei stata a fare le pulizie nella mia dimora?”

Combin    :- “Buongiorno scià Carboni… Son staeta in casa seu e levà a püa e a rifaghe o letto, ma…” (perplessa) “… no saveivo che gh’éa anche <la sua di… dimora>. Dovv’a l’è?”

Carboni    :- (con sufficienza) “Ma è la stessa cosa…la mia dimora… a mae casa“ (vedendo che ha la posta in mano) “E’ tutta posta dei miei ammiratori?”

Combin    :-(con finta cortesia) “Foscia ‘n po’ meno. Devo ancora finire di darci un’oc- chiata”

Carboni    :- “Ci sarà senz’altro qualche missiva per me! Arrivano sempre a iosa”

Combin    :- “Ah, a Iosa… no a lé”

Carboni    :- (sempre teatrale) “Ah, ah, ah…” (cambia improvvisamente tono e con sgarberia) “T’è proppio ignorante!” (rientra subito nel ruolo di attrice) “A iosa significa a bizzeffe…”

Combin    :- “Nö conoscio manco lé. Comunque chi scià ghe n’ha ûnn-a ch’a spûssa de profûmmo…”

Carboni    :- (redarguendola) “Il profumo non puzza… Caso mai… <olezza>” (gliela strappa di mano, l’annusa; sospira) “Ah, sempre lui… è perseverante!”

Combin    :- “Scià l’ha accappìo da l’ödô ch’o l’è o sciò Perseverante?”

Carboni    :- (con maleducazione) “Non capisci un beliscimo! La busta è irrorata da <parfûmme pour homme>, che solitamente usa l’onorevole…” (teatrale) “No! No l’è o cäxo de fa di nommi…” (come a far vedere che riceve troppa posta) “Comme a-o solito ghe ne saià de l’ätra posta di mae fans, immagino”

Combin    :- “Scià l’ha immaginou giûsto… Ecco chi ätre due” (annusa) “Questa a dev’ëse de’n cheugo… a spûssa de çioula” (consegna)

Carboni    :- (prende la busta e con malo modo) “Figuriamoci se odora di cipolla!” (sente l’odore, fa una smorfia, l’apre, legge non dando importanza) “Mmm…è del ristorante <o gozzo>, ‘n’invito pe’ ‘na çenn-a de beneficenza… Me despiaxe  ma mi no gh’ho tempo da perde…”

Combin    :- “E questa invece a dev’ëse do solito ammiratò: a bolletta do gazzo. Pe’ ancheu no ghe n’è ätre”

Carboni    :- (incuriosita) “De chi son e ätre bûste?... Oh, no che me interessan intendemmose, ma dal momento che ce l’hai…”

Combin    :- (scimmiottandola) “Dal momento che ce l’ho… Vedemmo: Questa a l’è tûtta coloria e…” (annusa) “anche questa a spûssa de profûmmo… volevo dire che ole.. ole..?”

Carboni    :- “Olezza di profumo” (la prende e odora e con imvidia) “Chanel! Adreitûa!”

Combin    :- “Scià conosce anche Canèl?”

Carboni    :- “Chanel…” (sorpresa, quasi tra sé) “Guarda, guarda, guarda… E’ indirizzata a quella…” (innervosendosi, perde l’atteggiamento da snob) “… quella scixerboa pinn-a de àie da Scià Tromboni… E chi mai ghe mandià de lettie coscì?”

Combin    :- “Saià dell’onorevole Trombato” (le riprende la busta e legge l’indirizzo) “Alla magnifica signora Marina Lucrezia Tromboni di Peagna”

Carboni    :- (stizzita) “T’accapiae che magnifica, con quello cognomme… Tromboni”

Combin    :- (finta ingenua) “Ma nisciûnn-a porrià mai ëse ciù magnifica della qui presente attrice Paola Carboni…”

Carboni    :- (edificata dalla lusinga, come declamasse) “Oh, comme se vedde ch’a se ne intende de teatro” (cambiando tono, come a redarguirla) “Però a no l’è mai vegnûa a veddime!”

Combin    :- “Ghe prometto che veniòu a battighe e moen”

Carboni    :- “In scè locandinn-e che sempre o mae nomme fra i primmi: Paola Carboni di Montefeltro! Nomme ch’o ciòcca comme ‘na campann-a…”

Combin    :- “Scià dïxe ben… o ciocca proppio”

Carboni    :-  (sprezzante) “Sempre mëgio che: Marina Lucrezia Tromboni di Peagna!”

Combin    :- (legge altri indirizzi) “Se scià permette ë pöso in to sgabûssin, poi ë scistemo…” (si avvia controllando sempre la posta)

Carboni    :- (scorre le sue buste poi teatrale) “De solito arrian tante léttie” (fingendo di non darsi importanza) “Scommetto che alla posta ce ne saranno altre dei miei ammiratori, del mio pubblico… Ma non posso rispondere a tutti… Me ne manca il tempo… Son coscì piggià dä mae pasciòn che… non potrei mai rinunciare alle luci della ribalta“

Combin    :- “No conoscio questa <Ribalta>…. A reçita con lé?”

Carboni    :- (delusa) “No gh’è guaêi gûsto parlà de teatro con chi no se n’accapisce”

Combin    :- “O postin o dïxe ch’o porta ciù reclamme che corrispondenza, perché oua con o computer scrivan con a posta elettronica e mandan messaggi in sciò …” (letteralmente) “<face book>… ma che roba a l’è?”

Carboni    :- (che vuol far vedere che sa cos’è, ma non ne è certa) “O l’è… ûn scistema moderno” (cercando di dimostrare d’essere saccente) “Ma Colomba… Si mandano dei messaggi col computer e si risparmia il materiale cartaceo” (presuntuosa) “Ed è anche per questo che mi arriva meno corrispondenza… cliccano tutti su <face book>”

Combin    :- “Scià gh’ha o computer? E dovv’o l’è che no l’ho visto?”

Carboni    :- (imbarazzata) “Beh…L’ho lasciato al mio impresario che provvede per me!... Combin… a me pä troppo curiosa!” (va verso le scale ed esce di scena. Combin va nel suo sgabuzzino)

Scena III

(Combin – Marina - Arturo)

(si ode il rombo di un motore e lo stridio di una brusca frenata)

Marina     :- (entra, con aria sofisticata, elegante, sfarzosa, boa al collo. Ha in braccio un cagnolino che accarezza. E‘ seguita da un giovanotto col berretto da autista) “Arturo prendi quei pochi bagagli sulla macchina e portali nella mia mansarda”

Arturo      :- “Subito signora!” (esce per andare a prendere i bagagli)

Marina     :- (chiama) “Portinaia!”

Combin    :- (entra in scena) “Riveria Scignoa…Benvegnûa. Tutto bene il viaggio?”

Marina     :- (che sembra sopportare il parlare di Combin e con aria da snob…) “Uff! Come al solito. Da New York a Roma una noia che non ti dico. Poi è venuto il mio chauffeur a prendermi a Fiumicino con la Lamborghini”

Combin    :- “Ûnn’ätra attrice?”

Marina     :- “Chi?”

Combin    :- “Ma quella... Lambertini”

Marina     :- (cambiando tono, come a redarguirla) “Lamborghini e no Lambertini… a l’è ‘na macchina, ûnn’automobile ca costa ciù de ‘n scïto!” (allo chauffeur, che sta rientrando, con aria di comando) “Arturo? Sbrigati!”

Arturo      :- (entra stracarico, trascinando comicamente numerose borse e valigie) “Portéa, o funzionn-a l’ascensore stavotta?”

Combin    :- “L’han appena-a riparòu”

Arturo      :- “Meno male” (si avvia faticosamente verso l’ascensore)

Marina     :- “Arturo! Non mi pareva che ci fossero solo quei due bagagli li!”

Combin    :- (meravigliata) “Ghe n’è ancon?”

Arturo      :- “Se scià permette Signoa… faiò ‘n’ätro viägio perché … oltre a questi dui soli bagagli, ghe n’è atri dui comme questie in te l’ascensore no ghe stan tûtti in te ‘n viägio solo”

Marina     :- “Va bene, va bene… fai il tuo dovere…”

Arturo      :- (faticosamente esce di scena avviandosi verso l’ascensore)

Marina     :- (dà intanto un’occhiata alla sua cassetta della posta, poi alla portinaia) “Colomba! Non c’è posta in cassetta! Ciò non è possibile!”

Combin    :- “A no ghe stava in ta cascetta e pe’ a settemenn-a che scià l’éa a nevajorke,l’ho missa in te ‘na scattoa…Vaddo a piggiäghela” (va nello sgabuzzino mentre Marina sembra agitata. Combin riappare con una scatola da scarpe, l’apre e la dà a Marina) “Ecco scignòa”

Marina     :- (scorre con la mano dentro la scatola, prende una busta a caso, l’apre) “Ho, il solito gioielliere…Cartier…” (a Combin) “Non posso accontentare tutti i miei ammiratori….”

Combin    :- “L’è quello ch’a dïxe anche l’attrice Paola Carboni”

Marina     :- (snobbandola e assumendo un tono affatto snob) “Chi? Attrice quella? Puah!  Ma scià no me fasse rïe… Sono quarant’anni che fa le solite particinn-e e poi… in vernacolo!”

Combin    :- “No, no in <vernacolo>… in zeneize!”

Marina     :- “Ma è la stessa cosa… significa in dialetto… Ma lasciamo perdere, è un’attricetta che ha raggiunta una bella età ed attricetta è rimasta”

Combin    :- “Una certa età?... Ma no gh’éi a stessa…”

Marina     :- “A stessa ûn bello ninte!... Non è certamente al mio livello, non si può paragonarla a me: a Marina Lucrezia di Peagna…”

Combin    :- (con finta ingenuità) “…e Tromboni…”

Marina     :- (seccata) “A no l’è mïga tanto spiritosa a sâ?” (legge gli indirizzi sulle buste) “Solo questa posta?... Di solito ne arriva molta di più”

Combin    :- “Ma cià anche tre bollette della luce, due del gazzo, quella del telefono, lettere dä banca… Ah, gh’è anche ‘na raccomandà do Tribûnale…”

Marina     :- (seccata) “Ma che dici? Non vedo lettere del tribunale qui dentro!”

Combin    :- (estrae dalla tasca una lettera) “Non la vede perché ce l’ho nella stacca. L’ha portà stamattin ûn messo do Tribunale; ho firmòu mì pe’ riçevua: Parodi Colomba… Baccere! Cià ammiratori anche in Tribunale eh?”

Marina     :- (dà la scatola a Combin ed apre la busta del tribunale nervosamente; legge, da un gridolino, agguanta la scatola e s’incammina lestamente verso l’ascensore)

Arturo      :- (appena uscito dall’ascensore, si scontra con l’agitata Marina, facendo cadere la scatola con le buste) “Oh signora… sono sconcertato….”

Combin    :- (si affianca ad Arturo intenzionata ad aiutare a raccogliere la posta)

Marina     :- (inviperita, all’autista “Cretino!” (fuori di sé gli allunga un ceffone. Proprio in quell’attimo Arturo si abbassa a raccogliere la posta cossicché Combin, in piedi dietro all’uomo, riceve in pieno lo schiaffone di Marina)

Combin    :- “Ahia!... Ma comme scià se permette? Scià m’ha daeto ûn lerfon!”

Marina     :- “Ah sci?... Semmai ti gh’ò ridae a l’Arturo!” (prende la scatola ed esce di scena avviandosi all’ascensore)

Arturo      :- (si rialza ed a Combin, dispiaciuto) “Me despiäxe Combin…”

Combin    :- (massaggiandosi la guancia) “Co se figûre a mì… Beliscimo che lerfon!... E che scignorilitae” (facendo il verso a Marina) “Arturo… vai a prendere quei due bagagli sulla mia <Lambertini>…”

Arturo      :- “Lamborghini!”

Combin    :- “Va ben, quello ch’a l’è… Saià mëgio ch’o vadde a piggià… quei due bagagli primma che m’arrîe ‘n’ätro lerfon… Cö me ricorde che ghe o devo restituì!”

Arturo      :- “E comme no!” (esce a prendere gli altri bagagli)

Combin    :- (sente squillare il telefono nello sgabuzzino e va a rispondere) “Scì?...” (pausa) “Chi?... La Finanza?... Sì, sono la portinaia del civico 17 di via Oberdan, ma cöse gh’intro mì con a Finanza?” (pausa) “Chi? La signora Marina Lucrezia Tromboni di Peagna?... Se l’ho sentita?” (si massaggia la guancia) “Ätroché che l’ho sentita!” (pausa) “Sì. E’ appena arrivata… A che ora?... Saranno cinque minuti…”

Arturo      :- (rientra ancora stracarico e con un piede spinge verso l’ascensore una scatola, mugugnando) “Meno male ch’a l’ha portou poca roba” (esce di scena)

Combin    :- (sempre al telefono) “Non devo dire niente alla signora della vostra telefonata? E scià se figûre se ghe diggo che a çercan i finanzieri; no me incallo, a l’è bonn-a de tiame n’ätro lerfòn…! Tranquillo signor finanziere… sarò muta come un <loasso!>” (pausa) “Cos’è un loasso?... E’ un pesce dei molto più meglio che c’è. Daccordio!” (scandendo con sicurezza) “Mi no sento, no veddo, no parlo!” (pausa) ”Proprio come le tre scimmiette ?... Ma mi no son ‘na scimmia!” (Posa il telefono ed esce pensierosa dalla sua postazione; riflette, poi rientra e fa una telefonata) “Pronto? Oh, sciò Arturo scià l’è za sciù? Ghe miga di ätri bagagli?...Senta, mi passa la signora Tromboni?... Grazie…” (pausa)  “Oh, signora  Tromboni mi scusi se…” (viene interrotta) “Va ben, va ben… ca no s’arragge… Non la chiamerò più Tromboni… Ho capîo…Come? Cöse veuggio?... Mi ninte signora Tr… Marina di Peagna… a l’è a finanza che veu quarcösa da voscià… La desturbo per questo perché han telefonòu per sapere se era arrivata. Se son raccomandae che no devo avvisäla e coscì me n’ammïo ben de fälo…No veuggio mïga andà in ti pacciûghi “ (pausa) “E mi che ne so? Se non lo sai lei… Mi a Finanza a no me çerca de segûo… Avian sacciûo do lerfon che scià m’ha mollòu…” (pausa)“…de ninte, me n’avvardo ben de avvertila che a çercan, maniman” (posa il ricevitore. Guarda l’ora) “S’è za faeto l’òa de çenn-a. Pe’ ancheu ho finïo e andemmo a preparà quarcösa in cûxinn-a” (esce dallo sgabuzzino e di scena andando verso il fondo)

Scena IV

(Arturo – Marina – Casagrande – La Fauci)

Arturo      :- (proveniente dall’ascensore, appare con due valigie e quatto quatto passa furtivo davanti alla portineria. Guarda dentro e non vedendo la portinaia si volta e fa cenno a Marina che avanza con la borsetta in mano. Stanno per uscire dal portone quando entrano un maresciallo ed un appuntato della finanza)

Camillo Casagrande:- (appuntato, si para davanti ad Arturo) “Scusi lei chi è?”

Arturo      :- “E a lei che glie ne frega?”

Casagrande:- “Scià no fasse tanto o spiritoso” (mostra una tessera) “Camillo Casagrande, appuntato della Guardia di Finanza”

La Fauci   :- (mostra a sua volta la tessera a Marina) “Permette signora? Rosario La Fauci, maresciallo della Guardia di Finanza. Lei è?...”

Marina     :- (dandosi un contegno, altezzosa) ”Perché vuole sapere chi sono?... Come si permette?!”

La Fauci   :- “Perché glielo chiedo. Mi mostri un suo documento”

Marina     :- (lo cerca nella borsetta) “Sono Marina Lucrezia di Peagna”

La Fauci   :- (controlla il documento) “…nonché Tromboni”

Marina     :- (batte il piede agitatissima) “Nonché!”

Arturo      :-(impaurito, non trova i documenti, si guarda nelle tasche, balbetta rispondendo a Casagrande) “Sono Arturo Fre-Freni… accom… accompagno la si-signora all’aeroporto Cri-Cristombolo Co-Colo-foro ”

Casagrande:- “Vorrà dire <Cristoforo Colombo!>”

Arturo      :- ”Scì… mi scusi ma…me s’è ingheuggeita a lengua”

La Fauci   :- (il maresciallo fa posare a terra ad Arturo, le valigie) “Posi pure le valigie signor… Signor?

Arturo      :- “Arturo Fre-Freni”

La Fauci   :- “Bene! Freni pure. Appuntato….”

Casagrande:- “Ricevuto! Signor Freni stia fermo lì!”

Arturo      :- “No-me… no-me…

Casagrande:- “Le sue generalità dopo”

Arturo      :- “Voeivo dî: <no me mescio>

La Fauci   :- “Si rilassi signora Tromboni… Dove stava scappando?”

Marina     :- “Scappando?... Ma non ho alcun motivo di scappare. Vado a Roma per uno spettacolo a teatro. Spero non mi faccia perdere l’aereo”

La Fauci   :- “Penso che dovrà rimandare…E come mai, appena arrivata dall’Ameri- ca è già sul piede di partenza? E’ stata forse avvertita del nostro interessa- mento nei suoi confronti da qualcuno?

Marina     :- “No, no! La portinaia non mi ha avvertito”

Casagrande:- (scambiando un’occhiata significativa col maresciallo) “Avevo visto giusto che sarebbe stata informata e avrebbe cercato di svignarsela e noi l’aspettava-mo al varco”

Marina     :- (impettita e teatrale) “Io non me la svignavo caro lei….Io sono una donna molto ricercata da…”

La Fauci   :- (interrompendola) “…ricercata per evasione fiscale ed altro ancora”

Marina     :- “Intendo dire ricercata da registi di fama per importanti spettacoli teatrali. Non sono un‘attrice qualunque! Sono anche in procinto di firmare un contratto cinematografico con una famosa casa americana” (con alterigia) “Lei  non sa chi è Maria Lucrezia di Peagna!”

La Fauci   :- “Non dimentichi anche Tromboni”

Marina     :- “Ma sì, ma sì, era il nome di mio marito, il senatore”

La Fauci   :- “Appuntato Casagrande, faccia lasciare le valige in portineria”

Casagrande:- “Agli ordini!... Sentito signor Freni? Andemmo. Ch’o lascie ûn biggetto pe’ a portéa dixendoghe ca ghe-e custodisce” (eseguono)

Arturo      :- “Sci… sciscignoro…” (esegue impaurito seguito dall’appuntato)

La Fauci   :- “Bene…” (attende il ritorno di Arturo) “E adesso vi prego di seguirci alla  nostra sezione di Nervi!”

Marina     :- (impaurita) “Ma… per cosa?... Mi no ho faeto mïga ninte”

La Fauci   :- “No? In questo le dò ragione. Non risulta che lei abbia fatto nulla… nulla infatti per dichiarare al fisco di avere una Lamborghini, una barca per minicrocere nel Mediterraneo ed altri immobili non dichiarati”

Marina     :- “Ma la Lamborghini è… è un omaggio del Duca di Castelfidardo…. Ma…chi ve l’ha detto?”

La Fauci   :- “Se permette le domande le faccio io!”

Marina     :- “Posso avvertire il mio avvocato?”

La Fauci   :- “Se ritiene di averne bisogno, le farò telefonare da noi. Vogliamo andare?”

Casagrande:- “Vi diamo un passaggio con la nostra fuori serie: una panda. Doviei strenzive ‘n pitinin!” (escono)

Scena V

(Serena – Giuliano - Rina)

Serena      :- (giovane ragazza, entra col suo ragazzo, Giuliano) “Ma…a no l’éa a famosa attrice Maria di Peagna quella ch’emmo appena-a visto con trei ommi?”

Giuliano   :- “Ti a conosci ciù ti de mi. Mi conosco de vista o so autista… l’ho notòu perché o l’éa a-o volante de ‘na Lamborghini che te lascio dì… A costa ‘na barcà de palanche”

Serena      :- “A scignoa a me paiva spaventà… Ti dixi che l’han rapïa?”

Giuliano   :- “Adreitûa… Ti ghe n’è da fantaxia…”

Serena      :- “Domandemmolo ä portéa”

Giuliano   :- “A l’è feua servissio a quest’öa”

Rina         :- (di età avanzata, evidentemente stranita, appare nell’atrio provenendo dalle scale. Indossa una camicia da notte con scialle sulle spalle, come dovesse andare a letto. Una papalina, o fazzoletto in testa, ciabatte e bastone da passeggio. Sta avviandosi all’uscita. Vede i due giovani, fa un saluto col capo e prosegue)

Serena      :- (dopo aver data un’occhiata d’intesa con Giuliano, ferma la donna) “Bonn-a sèja scignoa…dovv’andemmo de bello a quest’öa?”

Rina         :-“Ma che razza de domanda ti me fae? No ti veddì che staggo sciortindo?”

Giuliano   :- “Ma… in camixa da neutte?”

Rina         :- “E ti veu che sciorte solo con ûn mariolo? Eh, ‘sti zoveni…” (come desse una lezione, con ironia) “E’ sera e presto sarà notte e allora s’indossano abiti  per la notte…” (accennando alla propria camicia da notte) “Ciû vestïo da neutte de questo!”

Giuliano   :- (sta per replicare ma si para davanti a Rina e con pacatezza) “Ma no l’è che fasse molto <scignoa>… sciortì coscì staséja, anche se devo ammette ch’a l’è ‘na camixa da neutte molto elegante”

Rina         :- (a Serena) “Sto zoenotto o me piäxe…Chi o l’è?”

Serena      :- “O l’è Giuliano, o mae galante ch’o m’ha accompagnou a casa”

Rina         :- “Ma ti stae chì de casa? A che ciàn?”

Serena      :- “In to so stesso ballou. A cian taera”

Giuliano   :- “Scignoa, se scià me offre o brazzo l’accompagnemmo in ca seu… Comme scià se ciamma?”

Rina         :- “Come me ciammo? Ma mì no me ciammo mai!”

Giuliano   :- “No capiscio”

Rina         :- “Son i ätri che me ciamman?”

Giuliano   :- “Ah! Bonn-a questa… E comme a ciamman?”

Rina         :- “Con a bocca”

Serena      :- “Lascia perde Luciano” (a Rina) “Scià Rina, meno male che l’emmo fermà… a no gh’aveiva o vestì giûsto”

Rina         :- “Che descorsci ti me fae? No eo mïga nûa… Ero degnamente vestita… e poi, cäa figgetta ricordite che l’arbitro non fa il monaco

Giuliano   :- “…manco o segnalinee…”

Serena      :- “Ma mi me domando e diggo comme a l’hae faeto a sciortì de casa…”

Rina         :- “Oh, benedetta ignoranza… Ma l’è cosci semplice! Ho averto a porta e  me son attrovà chì, alloa ho pensòu: <visto che gh’ho o vestì de nêutte vaddo a fa ‘n gietto finn-a a porticciolo de Nervi>”

Giuliano   :- “Ma a se rende conto a che pericolo a l’andava incontro? Se fa scûo e a riscc-iava de no ricordäse a stradda do ritorno”

Rina         :- “Esageròu… Alloa sciortimmo e portaeme a casa che devo vedde ä televixon dì programmi divertenti”

Giuliano   :- “Ah scì? Che programmi?”

Rina         :- “Quelli me i ricordo son: <La cieca di Sorrento>, <La sepolta viva>, <La mano tagliata>, <La muta dei Portici”

Serena      :-“O l’è ûn programma proppio allegro. A se ricorda donde a sta de casa?”

Rina         :- “Ma s’accapisce… Via Oberdan… o via Cesare Battisti…no me o ricordo o nûmero, ma quande veddo a stradda me ven in cheu… Alloa, voemmo andà?”

Serena      :- (a Giuliano) “Vegni, accompagnemola” (a Rina) “Semmo arrivae”

Rina         :- “Za?... Emmo faeto fïto però!” (si avviano uscendo di scena. Si sente suonare il campanello ad una porta)

Voce         :- (fuori campo la voce della badante che, con cadenza dell’est, apostrofa Rina) “Ma signora Rina como ha fato… io molto preoccupata! Ah, niema karasciò… no dobre… no buono… Venire dentro casa… Grazie bàrisgnà … signorina… spassibo”

Giuliano   :- “Prego… Ma la tenga d’occhio che è meglio”

Serena      :- (riapparendo col fidanzato in scena) “A l’è ‘na badante Ucraina, armeno creddo… Ma ti te rendi conto a che pericolo a l’andava incontro quella pövia vegia?”

Arturo      :- (entra dal portone, affannato)

Giuliano   :- “Ma lé o l’è mïga o proprietäio de quella fantastica Lamborghini?”

Arturo      :- (turbato) “Lamborghini? No! Son solo l’autista e…” (si guarda attorno circospetto)

Casagrande:- (entra lestamente col maresciallo La Fauci. Agguanta Arturo, lo volta e gli mette le manette ai polsi)

La Fauci   :- “Dove credeva di scappare?... “

Arturo      :- “Mi no scappavo… Ho visto a porta da vostra sede averta e ho pensòu che poeivo andamene”

La Fauci   :- (ironico) “Mi spieghi come mai ‘erano tutti quei soldi nell’intercapedine della portiera della macchina?”

Casagrande:- “O l’avià piggià pe ‘n bancomat”

Arturo      :- “Mi no ne so ninte…no gh’intro ninte. Son solo l’autista da scignoa…e a macchina a lascemmo quaexi sempre in garage quande semmo a Zena”

Casagrande:- (ai ragazzi) “Conoscete quest’uomo?”

Giuliano   :- “No… l’ho visto a-o volante de quella Lamborghini…”

Serena      :- “Ho l’è l’autista de Marina Lucrezia de Peagna, a famosa attrice”

La Fauci   :- “Per adesso è un indiziato di riciclaggio di denaro di dubbia provenienza, con la…” (salace) “…famosa signora di Peagna. Se vi venisse in mente qualche altro indizio, anche se apparentemente insignificante, venite a riferire da noi a Nervi; intesi?”

Serena      :- “Ma, veramente noiätri semmo solo ch’a l’è sempre in televixon, ch’a l’è ‘n’attrice e no semmo ätro”

La Fauci   :- “Beh, potreste sempre venire a conoscenza di particolari apparentemente insignificanti che però potrebbero avere peso per le nostre indagini“

Casagrande:- “Andemmo chauffeur… che gh’emmo tante domande da faghe!”(escono mentre il sipario si chiude)

FINE DEL PRIMO ATTO

  

ATTO SECONDO

Scena I

 (Sartori -Combin)

(stessa scena del primo atto)

Sartori      :- (sta parlando con Combin, seduta davanti allo sgabuzzino) “E mi, scià Bernardini, no so cöse dighe: l’assemblea do condominio ha no l’ha ancon deciso se ä fin de l’anno cessa l’attivitae da portineria e mì, comme amministratò, ho rimandòu a decision a ‘n’ätr’anno”

Combin    :- (con rassegnazione) “Eh coscì, doppo vint’anni che son chì… cesso l’at-tivitae…”

Sartori      :- “Oua, <cesso>… ûsemmo ‘n’ätro moddo de dî… dimmoghe che a portineria a se modernizzieiva con l’installazion de ‘na telecamera de sorveglianza ch’a saià cûrà da ‘na ditta specializzà. Pe’ e pulizie se contattià ‘n’impreiza e lé, me dispiäxe ricordaghelo, salvo ripensamenti o proroghe de l’assemblea, a dovià lascià l’appartamento condominiale attualmente in ûso ä portineria”

Combin    :- “E chi gh’intrià in te quello scïto?”

Sartori      :- “Scià o sa che o proprietäio a l’è o sciò Imbroggini, ch’ho l’affittòu a-o condominio pe’ a portineria”

Combin    :- “Scì, quello ch’o stà a-o penûrtimo cian…ch’o se fa ciammà mägo Misterius, o guaritò…”

Sartori      :- “Zà, o mago Misterius… al secolo signor Imbroggini”

Combin    :- “Ogni nomme ‘na garanzia. O dïxe che i Dei l’han dutòu de poteri sorvianatürali… Scià pense che ven finn-a gente de feua Zena pe’ consûltälo”

Sartori      :- “E o l’è anche proprietäio do scïto donde o sta oltre a quello, occupòu momentaneamente da lè, comme portineria”

Combin    :- (con tristezza) “Za… momentaneamente… Doppo tûtti questi anni… Ho visto nasce tanti figgin che oua son grendi. Ho faeto da badante anche a tre personn-e anziann-e… L’ûrtima che m’è arrestòu e l’è a scià Rina e ghe son affezionà…De votte a va ‘n po’ feua de testa ma a me veu ben… Se vaddo via no so se porriò aggiuttäla”

Sartori      :- “Coscì van e cöse… Ch’a me digghe ûn po’, comm’a l’è andaeta a finì tra a finanza e a scià Marina di Peagna?”

Combin    :- “A l’è ai arresti domiciliari, sciù in ta seu mansarda, servìa da o so chauffeur, rilasciòu… comme se dixe… cö pë libero”

Sartori      :- (con ironia) “Scì… cö pë libero e o brazzo occupòu… A piede libero, cioè libero de mesciase, ma sempre a disposiziòn da giûstissia. Va ben, oa scappo perché gh’ho ‘n’assemblea in te ‘n’ätro condominio. M’arracco-mando Scià Bernardini… ca se dagghe da fa pe’ çercase ‘n’ätro scïto dovve andà, ammisso che i condomini no cangian idea… A maggioranza pe’ òua a no gh’è ancon” (si avvia all’uscita)

Combin    :- “Tranquillo raguioniere, primma che cesse a portineria, quarcösa aviò trovòu… spero”

Scena II

(Combin – Rina – Serena – Giuliano)

Serena      :- (tiene a braccetto Rina, che si aiuta col bastone) “Bongiorno Combin”

Combin    :- “Ciao Serena…” (a Rina, con molto affetto) “Bongiorno scià Rina.. Tûtto ben?”

Rina         :- “Ciao Combin… a figgetta a m’accompagna ä Posta a piggià a penscion … Mae figgia a l’è a travaggià”

Combin    :- “A l’è brava a Serena, a fa n’opera bonn-a…” (alla ragazza) “Stanni attenta ai scippi.  Ghe son quelli ch’aspëtan fêua da Posta e personn-e anziann-e pe’ piggiaghe a pensciòn”

Rina         :- (con fierezza, agitando il bastone) “I piggio a bacchaê in to coppûsso, i piggio…”

Serena      :- “Tranquilla Comba…Vegne anche o mae galante”

Giuliano   :- (entra da fuori) “Bongiorno! Scûsae o ritardo ma n’attrovavo de posteggio”

Combin    :- (con dolcezza) “Ch’a stagghe attenta de no cazze”

Rina         :- (sull’uscita a Combin con affetto) “Ciao Combin… Ti m’è tanto càa…ti t’as-someggi tûtto a mae figgia Nora” (a Serena) “Se no l’éa pe’a Colomba a quest’öa saieiva fra i ciù tanti…”

Combin    :- “Serena, stanni all’euggio… ammïte da chi te sta a-e spalle”

Giuliano   :- “Ch’a no stagghe in pensiero.. stemmo all’euggio” (escono)

Scena III

(Combin – Marco)

Combin    :- (prende una scopa con straccio per pulire a terra e commenta) “Che brava a scià Rina… A parla sempre comme se so figgia a fïsse ancon viva… Son anni ca no gh’è ciù meschinetta. Quande a so badante a l’è andaeta in ferie a me l’ha affidà…Me pàiva d’avei ancon mae moaê… De votte a raxonn-a finn-a ben e de votte a l’è ‘n po’ svampîa…”

Marco       :- (entra il postino pimpante) “Salve Combin… comm’a boccia?...”

Combin    :- “Comme a-o solito… Siamo in attesa della sentenza!”

Marco       :- “Quella da Marina di Peagna?”

Combin    :- “No! Quella de savei se tegnan ancon a portineria o no… Ä scià Marina Lucrezia de Peagna gh’han sequestròu a Lambertini e…”

Marco       :- “Lamborghini!”

Combin    :- “Va ben, quella lì; a Lamborghini e anche a mansarda, dovve a l’è ai arresti domiciliari. Pare ca l’agge anche di ätri appartamenti accattae sotto ‘n fäso nomme… Coscì dixan”

Marco       :- “La star del teatro italiano; a grande diva ch’a viagiäva in Lamborghini senza dichiarà ninte a-o fisco, manco i seu scïti! A risultava <nullatenente>. Primma che fassan o processo ghe ne veu do tempo… Che faccia a gh’ha çerta gente. A se dava tante de quelle äie… a m’ammiava da l’èrto a-o basso, comme fisse ûn… ûn cercopiteco”

Combin    :- “Cöse l’è ch’o çerca?”

Marco       :- “Ûn cercopiteco… a l’è ‘na scimmia”

Combin    :- “E o no poeiva dì ‘na scimmia senza andà a çercà o… o piteco!”

Marco       :- “Perché poi a no l’è vegnûa a ballà quello sabbo?”

Combin    :- “Perché me son ascordà… e poi no m’éo mïga impegnà” (cambia discorso) “Posta pe’ a dïva?”

Marco       :- “No ghe n’è. Solo bollette”

Combin    :- “Eh… appreuvo a-o döçe ven l’amäo… Mi no me n’accapiscio, ma me pàiva strano tûtto ‘sto lûsso pe’ reçità in teatro… L’è proppio véa che quande o sciûmme o se ingrossa, l’aegua a no l’è mai ciaea”

Marco       :- “Eilà… femmo da filosofia?”

Combin    :- “A vitta a n’insegna tante cöse, se semmo interpretala e no pretende de voei de ciù de quello che ne serve…” (con amara ironia) “Però me saieiva cäo poei dimostrà che anche a fa a portéa, se peu vive dignitosamente, senza dimandà e senza avei bezeugno de nisciûn”

Marco       :- “Orgogliosa, eh?”

Combin    :- “No so… Ho bezeugno de sentimme rispettà pe’ quello che son; consciderà anche se fasso, armeno pe’ òua, a portéa de ‘n condominio…In fondo o l’è ûn travaggio onesto, ûn servissio pe’ i casiglién. Tûtti i travaggi, se son rispettosi e se fan con coscensa, son degni de stimma”

Marco       :- “Ricordi do passòu?... Via a malinconia…Coraggio Comba…” (cercando di convincerla) “Poemmo andà sempre a ballà”

Combin    :- “Ma postin, o no pensa a ätro?”

Marco       :- “E dagghela con ‘sto postin! Me ciammo Marco!”

Combin    :- “Va ben, poi o marco. Sciù, vedemmo a posta”

Marco       :- (seccato) “Ghe penso mì!” (cerca i nomi nelle cassette per inserirvi la posta)

Combin    :- “O l’è anche permaloso?... Alloa semmo in duì… Co fasse püre”

Marco       :- “Ma no… gh’è poca röba… Torna due bûste pe’ a scià Paola Carboni…” (le passa a Combin che le guarda)

Combin    :- (perplessa) “E pûre ‘sta calligrafia me pä de conoscila… Mah!” (posa la posta)

Marco       :- “Oh, gh’è na bûsta per la signora Bernardini Colomba… e anche volûminosa… Quarche rivista?”

Combin    :- (stupita) “Pe’ mi?”

Marco       :- (prima di consegnarla legge sull’angolo a destra della busta, il mittente) “Comitato per la difesa dell’ambiente”

Combin    :- “Questa a l’è a posta che riçeivo mì. Vorrian de palanche… ma mi no n’ho”

Marco       :- “Ch’a stagghe attenta… gh’è da brava gente ca se dà da fa ma ghe son  anche tanti imboggioin. Salute Combetta!” (esce)

Combin    :- “Combetta? Ma no son mïga ûn funzo!”

Scena IV

(Combin – Carboni)

Carboni    :-  (addobbata sempre con esagerata stravaganza) “Bongiorno Combin…” (con

                     malignità e curiosità. sottovoce) “Ch’a me digghe: no l’han ancon portà in galéa a grande diva>?”

Combin    :- “A l’è ai arresti domiciliari con obbligo de firma a orari stabilìi”

Carboni    :- “E che orari son?... Perché vorrieiva inconträla… dimmoghe <pe’ cäxo> quande a va a firmà pe’ vedde a so faccia…” (si muove con movenze sgraziate irridendo Marina) “Tsè! Ûn po’ de röba scì! A grande attrice de Scecchespirre:” (declama comicamente) “Oh, Amuleto, Amuleto, dove ti t’è cacciòu, Amuleto?” (presa dal dubbio) “Foscia me sbaglio…No l’è Amuleto ch’o dïxe coscì… Dev’ëse a Giulietta ch’a çerca o Romeo. Va ben, com-m’a l’è a l’è lì!... E a me snobbava anche…Combin a se ricorda quande a l’è vegnûa da l’America, sempre ca no segge ‘na balla, ch’a gh’a dïto: <Che noia o viägio…E con a posta? …Lëze tûtti i messaggi di ammiratoì, Cartier, a modda…” (con rabbia non repressa) “Anche mì gh’ho o mae pûbblico co me segue e o me veu ben…”

Combin    :- “Anche e commedie coscidïte <dialettali> son divertenti… Me ricordo o Govi in te <Corpo de timon> e Marzari pe’ aradio in to <Sciò rattella>”

Carboni    :- “A propoxito de teatro… gh’ho ‘n’invitto per andà a o Carlo Feliçe a vedde ‘n’opera…”

Combin    :- “Che opera?”

Carboni    :- (cerca nella borsetta ed estrae un biglietto che legge tenendo lontano il braccio)  “Giulieo e Romietta”

Combin    :- “Mai sentìa”

Carboni    :- (strizza gli occhi e rilegge) “Ah, no: <Giulietta e Romeo>… senza spëggetti ghe veddo ‘n po’ meno. Ma no so se posso andaghe..” (esagerando) “Gh’ho e preuve de ‘na commedia de Goldoni tradûta in zeneize… <La Colandiera>”

Combin    :- “La colandiera?... E cöse veu dî?”

Carboni    :- (controlla un appunto) “Ah, no,  me sbagliavo… <La Locandiera>. A veu mïga andaghe lé a vedde l’opera?… Son dui posti in galleria” (dà i biglietti)

Combin    :- “Duì?... Grassie… in to cäxo çerchiò chi m’accompagna”

Carboni    :- (entrando nello sgabuzzino) “Ca me dagghe ûn feuggio che ghe scrivo due righe da dà a-o butteghin pe’ scûsame, ma…” (con teatralità) “Quande l’arte a me ciamma in palcoscenico no posso refûà”

Combin    :- (esegue e Carboni scrive e consegna. Combin legge, poi guarda la Carboni e rimane un po’ perplessa e sottovoce) “Ecco a calligrafia!…”

Carboni    :- “Quarcösa no va?... Cöse gh’intra a calligrafia?”

Combin    :- (riprendendosi) “Che… che scià l’ha ‘na bella calligrafia…mi invece…a propoxito… ghe son due lettie pe’ lé…”(con sottile ironia)  “…senz’ätro de ammiratoì” (consegna le buste)

Carboni    :-  “Grassie… rispondiò tûtt’assemme con e ätre…Oua passo d’in casa e poi andiò da o tabaccante a-accattà de bûste per risponde ai mae fans. Son arrestà senza. Ghe tegnan tanto a riçeive due righe da mì…. o ciù de votte veuan ûn autografo e ‘na mae fotografia… A riveise Combin” (si allontana verso le scale)

Combin    :- “Scignorìa e grassie pe’ i biggetti de l’opera” (salace) “Ecco de chi a l’éa a calligrafia… Me pàiva de conoscila...” (sorpresa non più di tanto) “T’hae accappïo? A se scrive e lettie da sola, ätro che ammiratoì. Eh, a sûperbia, l’invidia… Ma l’è tanto bello ëse sempre quello che semmo. No dovemmo stûdià pe’ voei ëse ‘n’ätra personn-a se no se riscc-ia de ascordase quello che voemo interpretà… L’è comme ûn böxardo ch’o deve avei ‘na bonn-a memöia pe’ ricordase e balle ch’o l’ha contòu e no cazze in contraddisiòn… Vanni  lëze in testa de çerta gente. Bah, andemmo a lavà e scäe primma che l’amministratò o me mugugne”(mette un cartello con la scritta) <SONO ALLA PRIMA SCALA”

Scena IV

(Serena – Giuliano – Rina)

(rientrano nell’atrio Serena che, con Giuliano riportano a casa Rina)

Giuliano   :- “Ecco chì, tûtto  posto Scià Rina”

Rina         :- (stanca e sbuffante) “Son proppio stracca… faeme ‘n po’ assettà… Serena piggia ‘na carega lì dä Combin” (accenna allo sgabuzzino della portinaia)

Serena      :- (esegue) “Ecco chi scià Rina… ch’a se ripöse ‘n pitinin… Scià l’è a posto con a pensciòn?”

Rina         :- “Ghe l’ho in sen…Grassie figgeu” (si guarda attorno) “A Combin a no gh’è?”

Giuliano   :- (accennando al cartello)“A l’è a lavà in ta primma scä…Devo ciammäla?”

Rina         :- “No, no… Ma accompagnaeme in casa che no ne posso ciù” (l’aiutano ad alzarsi e mentre si dirigono verso il fondo ironizza sulla vecchiaia) “Eh… diventà vëgi l’è bello ma… ësilo proppio no… “

Serena      :- “Ma se se campa se diventa anche vëgi”

Giuliano   :- “Scià l’ha ancon tanti anni davanti”

Rina         :- “Calla, calla…. De zoeni ne meue quarchedûn ma… de vëgi no ghe ‘n’arresta nisciûn”

Giuliano   :- (a Serena) “Però… a no me pä mïga tanto svampìa”

Rina         :- (salace) “Diggo bambin… Son consciderazioìn da fa?”

Giuliano   :- “Ma… l’éa solo ‘na constatasion poxitiva… ch’a me scûse...”

Rina         :- “Me vegne in cheu mae poaè bon’anima che quande o se sentiva di dolori, pe’ famme arraggià o me dixeiva: <Cä figgia, son vëgio e i vëgi bezeugneiva ammassali fin da piccin>”

Serena      :- “O l’éa spiritoso so poaè”

Rina         :- “Finn-a troppo. Va ben… portaeme a ca mae pe’ piaxei”

                       (I due giovani l’aiutano ad alzarsi e si dirigono verso il fondo uscendo di scena)

Scena V

(Carboni – Arturo – Sartori - Marina)

Carboni    :- (appare per uscire. Chiama la portinaia) “Combin!” (vede il cartello) “A l’è in ta scä. Voeivo domandaghe a che öa a sciorte per andà a firmà dä Polizia a…” (facendo una mossa ridicola) “…a Diva… la Star…”

Arturo      :- (entra dal portone e si avvia cupo all’ascensore) “Bongiorno scignòa”

Carboni    :- “Bongiorno sciò Arturo…(con curiosità)  “Comme mai chi?”

Arturo      :- “Devo accompagnà a scià Marina de Peagna a… a fa ‘na comiscion”

Carboni    :- (insinuante) “Capiscio, capiscio… Ch’o me a salûte”

Arturo      :- “No manchiò, grassie” (va all’ascensore)

Sartori      :- (entra nell’atrio) “Bongiorno scignoa… a portéa?”

Carboni    :- “Da-o cartello a risûlta a lavà e scae”

Sartori      :- “Vaddo a vedde” (va verso il fondo)

Arturo      :- (poco dopo si sente Arturo parlare con Marina nell’atrio) “Doppo che scià l’ha faeto a firma dä Polizia, ghe vaddo a fa quella comiscion….”

Carboni    :- (sente la voce di Arturo. Contenta di sorprendere i due, entra nello sgabuzzino della portinaia per non farsi vedere)

Marina     :- (un po’ più dimessa nel vestire, abbattuta, si guarda attorno e si rinfranca vedendo che non c’è nessuno) “In che situazion se semmo cacciae… Han sequestròu tûtto e doviò lascià anche a mansarda”

Arturo      :- “Purtroppo anche i contratti teatrali son staeti disdïti e mi gh’ho l’ob-bligo d’ëse reperibile in ogni momento… Meno male che fasso servissio cö pulmin pe’ ‘na scheua privà e porto i figgeu, armeno rimedio quarche palanca”

Carboni    :- (appare dietro di loro. Salace) “Oh, chi se vedde… Comm’à va? ... Scià sta andando… a l’aeroporto diretta a Nevejorke?”

Marina     :- (stizzita, dopo aver sussultato per l’improvvisata) “Perché no? E lè a se sta preparando pe’ andà a reçità in te ‘n’ostàia a Pentema?”

Carboni    :- “Mëgio andà o Pentema fra gente per ben invece ëse obblighaê a stà tappà in casa…. Scignoria” (esce impettita e soddisfatta)

Arturo      :- “Ch’a no ghe dagghe a mente… a l’è ‘na bûgaixe!”

Marina     :- (uscendo con Arturo) “Va a finì che me tocchià andaghe mì a Pentema”

Arturo      :- “Speremmo primma de tûtto de no finì drento” (escono)

Scena VI

(Sartori – Combin)

Sartori      :- (arriva nell’atrio dal fondo parlando con la portinaia che ha un secchio in una mano e il bastone con straccio nell’altra) “Ho vosciûo confermaghelo, coscì ancon pe’ ‘n’anno a peu sta tranquilla”

Combin    :- “Son ûnn-a precàia anche mì… Comunque grassie ragioniere. Con ûn anno de respîo posso çercà magara ûnn’ätra portineria”

Sartori      :- “Se m’accapita quarcösa a tegnò informà. Ha no l’ha sentîo ninte l’ätra neutte quande l’è arrivou a Polizia e a l’ha arrestòu l’Imbroggini?”

Combin    :- “Mi no! Me l’ha dïto o seu vixin, o geometra Pedemonte, perché i poliziotti se son sbagliae, han piccou ä seu porta e a lé ciù ‘n po’ ghe ven  ‘n’infarto… Scià l’accappià. A seu etae sentìse piccà forte de nêutte ä porta, vedde i poliziotti armae che l’agguantan…”

Sartori      :- “Fortûnatamente o s’è rimisso. Gh’ammancava anche questa. O caseggiato o no se fa ûn bon nomme…A scià Marina de Peagna indagà per associazion a delinquere e trûffa ai danni de l’erario; o mago Misterius arrestòu appreuvo a ‘na denuncia pe’ circonvenzione d’incapace…”

Combin    :- “Circo.. circoncisione d’incapace?”

Sartori      :- “No, Combin… circoncisione a l’è tûtta ‘n’atra cösa… invece <circonvenzione d’incapace> veu dî ëssise approfittòu, dimmoghe, de l’ingenui-tae da gente per fregaghe di dinae o plagiala”

Combin    :- “E gh’è anche a scià Rina che staneutte a l’è staeta portà con o 118 a-o pronto soccorso a San Martin. Andiò a vedde comm’a sta appena-a finîo o mae orario natûralmente””

Sartori      :- “Natûralmente… Eh, pövia donna… Seu màjo o gh’aveiva ‘na grossa impreiza edilizia; l’ho conosciûo quande o l’ha costruìo questo caseggiato e s’è tegnûo sei appartamenti in to condominio. Scià peu dî grassie a seu moggé, ä scià Rina Garbuggin, perché con o nûmero di mileximi de proprietae di sei appartamenti a l’è riûscia a-avei a maggioranza ch’a l’ha deliberòu de rimandà de ‘n’anno a decision se tegnì ancon o meno a portineria”

Combin    :- “Che brava donna a scià Rina… Meno male che a so badante a gh’è staeta appreuvo. Doppo ch’a l’ha perso a so ûnica figgia, a l’è arrestà sola e a l’è arrivà a quaexi novant’anni: Speremmo che ghe mettan ‘na pessa…”  

Sartori      :- “Eh, purtroppo de zoeni ne meue quarchedûn ma…de vëgi no ghe ‘n’ar-resta nisciûn. Ch’a me tegne a-o corrente. Se vedemmo…” (come darle un rimprovero) “Ch’a stagghe troppo a perde do tempo cö postin…”

Combin    :- “Cö postin? Ma son anni ch’o vegne senza che nisciûn àgge quarcösa da dì… e chi l’è che se lamenta?”

Sartori      :- “Ch’a no se preoccupe; a l’è ûnn-a che, visto comm’a l’è acciappà a faieiva mëgio a pensà ai faeti seu. Se vedemmo scià Bernardini” (esce di scena)

Combin    :- (stizzita) “Ma l’è mai poscibile che ghe segge tanta malignitae in gïo?   Gente che invece de pensà de tegnïse avvardaê i faeti so a s’intriga in ti faeti di ätri solo pe’ semenà zizzania?” (guarda l’ora) “Oua metto o cartello che son in ta segonda scà e vaddo a-o pronto soccorso de San Martin e vedde comm’a sta a scià Rina, meschinn-a” (Mette il cartello: SONO NELLA SECONDA SCALA, si aggiusta un po’ i capelli, si… accomoda il seno con comicità. Prende dallo sgabuzzino una giacca o mantello, si accerta di non essere vista ed esce)

Scena VII

(Arturo – Marina – Carboni)

Arturo      :- (rientra con Marina) “Me despiaxe doveilo ammette scignoa… ma me pä ch’andemmo sempre ciù a bagno”

Marina     :- (preoccupata, legge un documento che ha in mano) “N’han notificòu che ghe saià entro ûn meize l’istrûziòn do processo…  M’han anche bloccòu o conto corrente, posso prelevà solo ‘na miséia pe’ vive… mi che pranzavo a aragosta e champagne…  No gh’ho manco ciù o coraggio de famme vedde in gïo”

Arturo      :- “Beh, pe’ questo gh’ha pensòu o giudice de no fäla vedde in gïo.. Oh, ch’a me scûse no voeivo intende ai arresti domiciliari”

Marina     :- “Intanto ti l’he dïto!... Madûcòu”

Arturo      :- “Ghe domando torna scûsa” (prende una sediadallo sgabuzzino e fa accomodare Marina) “A portea a l’è in ta segonda scä… ch’a s’assette ûn momento intanto”

Marina     :- “Me despiäxe anche pe’ ti che ti perdi o travaggio comme mae chauffer… Speremmo che l’avvocato Causapersa, o riesce a tiäne feua…” (col magone trattenuto) “Paiva tûtto coscì semplice, gh’éa chi faxeiva frûttà i mae dinae, con prestiti <ad personam>… Gente che n’ho mai né visto, né conosciûo. Tì, ti m’hae sempre levòu ‘ste rogne camminando pe’ mì… Con a percentuale de guagno erta son riuscïa a avei di scïti e di fondi de negossi da quelli che no poeiva restituì o prestito con i interessi. No so chì, ma gh’éa chi provvedeiva, comme a çercà a clientela; mì prestavo e palanche e faxeivo i mae affari. No l’ho denunziae perché ho intestòu a di prestanomme i scïti pe’ evità de pagà e tasce. Pe’ forsa risûlto no avei de reddito! E oua m’accûsan de estorsion e de usura… Ma quande mai!”

Arturo      :- “A dî a veitae a l’è usura, o pëzo ancon: estorsion. In ciù o conscideran riciclaggio di denaro sporco”

Marina     :- “A mi o me pàiva pulito”

Arturo      :- “Però scignòa, a pensaghe ben… quei meschinetti ch’han perso tütto,  che gh’è stato portòu via o travaggio de ‘na vitta, ‘n’attivitae andaeta a remengo perché son staeti stranguaê da… ch’a me scûse se me permetto, da prestadinaè…natûralmente no me riferiscio a Voscià, me riferiscio a quelli ch’han organizzou questo scistema capestro…”

Marina     :- (come un ricatto) “Comme mai questi boin propoxiti sciortan òua?...T’è staeto ben finn’òua e quande m’è arrivòu a Lamborghini no t’hae pensòu de dì che no l’éa giûsto. E poi se a gente ch’a no sa fa i seu interesci se sa ben finisce coscì… e a s’è merita d’ëse…”

Arturo      :- “… d’ëse magara aggiûttà”

Marina     :- “Perché no ti l’hae faeto? T’è son vegnûi i scrupoli doppo che l’è vegnûa a Finanza?”

Arturo      :- “Me son vegnûi anche primma ma aveivo puìja e ghe l’ho ancon, quella a l’è gente organizzà ch’a ricore a scistemi drastici e mi… no son ‘n’eroe”

Marina     :- “A l’è gente decisa e penso ch’a no n’abbandonià… In fondo s’a va mä pe noiätri a va pëzo pe’ loiätri”

Arturo      :- “E con i contratti teatrali rescissi comme a se mettià?”

Marina     :- “Se l’avvocato o riesce a convinse a Giûria e-o Giûdice che semmo staeti solo ingenui a credde che tûtto l’éa regolare…”

Arturo      :- “Con quello Giûdice?  Ma scià o sa comme o se ciamma?”

Marina     :- “Mi no… ma perchè, ti o conosci?”

Arturo      :- “Mi no, ma o l’ha ûn nomme ch’o l’è tûtto ûn programma…”

Marina     :- “Comme o se ciamma?”

Arturo      :- “O se ciamma: MASSIMO DELLA PENA!”

FINE DEL SECONDO ATTO

TERZO ATTO

(stessa scena degli atti precedenti)

Scena I

(Combin – Marco)

Combin    :- (con uno straccio sta pulendo una sedia) “Eh,  anche a scià Rina, meschinetta, a se n’è andaeta…”

Marco       :- (con aria festosa) “Salute signora Colomba!”

Combin    :- “Oh, postin… O l’ha guagno a o gratta e vinci ch’o l’è tûtto regaggîo?”

Marco       :- “Proppio a no riesce a ciammame pe’ nomme, eh?”

Combin    :- “L’è mëgio ch’o se sbrighe perché m’han faeto osservasiòn che perdo do tempo a parlà con lé”

Marco       :- “Ma non gh’han ätro da fa?... Voeivo ringrassiala de NO AVEIME INVITOU a-o Carlo Feliçe, visto che gh’an daeto dui biggetti… Chi ha la portòu a vedde l’opera?”

Combin    :- “Son affari mae”

Marco       :- “Eh, cöse gh’ho faeto pe’ trattäme a ‘sto moddo? Mi l’ho invità a ballà, ma lé…”

Combin    :- “O m’ha invitòu perché so moggé a l’éa in Calabria dai parenti. No saveivo ch’o l’éa sposòu, visto ch’o no porta a vera”

Marco       :- (scornato) “Ah… ma o l’éa ‘n’invito faeto comme amïxi, senza malissia”

Combin    :- (seria) “Conoscio i ommi… Gh’è da posta?”

Marco       :- “Scì… posso lasciaghela?”

Combin    :- “Perché no?”

Marco       :- (dà un po’ di posta, poi a parte trae dalla borsa una busta raccomandata per la portinaia) “A deve mettime ‘na firma chì”

Combin    :- “Ûnn-a firma da mì? E pe’ chi… torna pe’ a Peagna?”

Marco       :- “No creddo ch’a riçevià da posta visto comm’a l’e andaeta finn’òua.. A l’è ‘na raccomandà per la signora Bernardini Colomba!”

Combin    :- “Pe’ mì? Saià mïga o <via-vattene> comme portéa?”

Marco       :- (guarda la busta in alto a sinistra e indica alla donna consegnando ) “<Studio notarile Bacigalupo & C>, indirizzà a lé, a Bernardini Colomba… Ûnn-a firma chì pe’ piaxei” (fa firmare su un libretto o cartolina di ritorno)

Combin    :-“Ma mi no conoscio questo stûddio. Saià n’errore de sbaglio… Basta che no veuggian de palanche” (si appresta ad aprire la busta)

Marco       :- (si avvicina curioso)

Combin    :- (si sposta) “Marco postin!.. A corrispondenza a l’è riservà…no se cuiusa”

Marco       :- “Ah! Alloa a posta a metto in te cascette senza fäghela cuiusà!”

Combin    :- “Va ben, ch’o fasse comm’o veu” (entra nel suo sgabuzzino, posa la busta)

Marco       :- “A no l’arve?”

Combin    :- “No gh’ho sprescia. A riveise Marco postin”

Marco       :- (stizzito) “Chi gh’è a posta. S’a veu mettila ben, se de no a me o dixe e d’òua in avanti a metto in te cascette mì!”

Combin    :- “Ch’o no s’ä pigge… A metto mì… ch’o vagghe in päxe”

Marco       :- “Son cuiuso de savei con chi a l’è andaeta a vedde l’opera a-o Carlo Feliçe”

Combin    :- “Mì proppio pe’ ninte!... A riveise postin!”

Marco       :- (seccato) “Ho accapìo… se vedemmo doman… se gh’è posta” (esce)  

Scena II

(Combin – Sartori)

Combin    :- (apre la busta) “Finalmente o se n’è andaeto… Chissà cöse o vorrià ‘sto notaro Bacigalupo” (legge… poi appoggia una mano sul tavolino, siede pesantemente) “No!... No ghe creddo… No l’è poscibile…”

Sartori      :- (che nel frattempo era entrato da fuori) “Oh, Scià Bernardini, son vegnûo a ringrassiala ancon pe’ aveime invitòu a vedde Romeo e Giulietta a-o Carlo Feliçe…” (osservandola) ”A se sente mä?”

Combin    :- “Bongiorno ragioniere… Son frastornà!”

Sartori      :- “Cöse l’è sûccesso?”

Combin    :- (dà il documento a lui che legge) “Questo!”

Sartori      :- “Ah, tütto chì? … O saveivo…Complimenti…Questa scì ch’a l’è sorte… Ha l’ha faeto ben a pensà a lé”

Combin    :- (si alza ed esce dal posto)  “Ö saveiva?”

Sartori      :- “Gh’ho faeto da testimonio quande a l’ha depoxitou a so tempo o testamento da o notaro”

Combin    :- “Questa a l’è ‘n’ätra sorpreisa. Però scià l’è ‘n birichin… Muto come un pesce eh?”

Sartori      :- “Son contento pe’ lé… Con questo a l’è scistemmà ben e… anche se a portineria a saeran, a l’è senza pensciéi, ghe pä?”

Combin    :- “Chi l’avesse mai dïto ch’a m’e stimava coscì tanto… Sei appartamenti… me pä imposcibile”

Sartori      :- “A ghe deve a vitta e mi… ghe l’ho ricordòu”

Combin    :- “Ragioniere… son solo ‘na portéa…”

Sartori      :- “A l’è ‘na donna ch’a no l’ha mai faeto o dïto mä de nisciûn, manco de quelli, o mëgio <quelle> ch’aveivan sempre quarcösa da dï, tanto da çercà de serrà a portineria… Ma oua a peu camminà drïta comme ûn fûso e… s’ha l’ha bezeugno de mì… son sempre a so disposizion…”

Combin    :- “Penso d’avéi za de bezeugno… Comme fasso a pagà e tasce pe’ i scïti ereditae se no gh’ho manco ‘na palanca?”

Sartori      :- “Sentimmo o notaro… magara mettendo in vendita ûn appartamento e pagà e tasce… pagà pe’ no finì comme a Scià Marina Lucrezia, ecc, eccetera!. Comme ghe ripeto, sentimmo o notaro. Se vedemmo in to so stûddio a çinq’öe comm’o dïxe in ta raccomandà… Son sempre a so disposizion comme testimonio da De Cuius”

Combin    :- “Chi a l’è?”

Sartori      :- “De cuius l’è chi ha lasciòu l’ereditae… a Scià Garbûggin”

Combin    :- “Ragioniere… scià no digghe ninte de questo” (agita il documento del notaio)

Sartori      :- “Me n’avvardo ben” (ilare, con voce intrigante) “Veuggio vedde o muro de çerte casigliann-e quande… quande a piggià possesso di scïti. M’arracco- mando… a çinq’öe da-o notaro Bacigalupo”

Combin    :- “Scignoria e… grassie de tûtto”

Sartori      :- (uscendo mima che non è il caso di ringraziare)

Scena III

(Combin – Carboni)

Carboni    :- (vestita in modo abbastanza eccentrico va verso Combin) “Son ancon scioccà pe’ a pövia scià Rina…L’è passòu solo tre giorni e no me pä ancon véa… A se n’e andaeta coscì, in to seunno…”(sempre teatrale) “La ruota del mondo gira e tutto si ripete” (cambiando discorso, felice e salace) “A l’ha visto? L’han missa in sciò giornale!” (mostra il giornale)

Combin    :- “Ghe l’ho faeto mette mì”

Carboni    :- “A richiesta de condanna pe’ a Peagna?”

Combin    :- “Cöse gh’intra quella…Intendo dî o necro… necrologio da pövia Rina”

Carboni    :- “Ma no, parlo de l’attrice… puah…attrice… lascemmo perde… intendo dî a Marina Tromboni di Peagna. Ecco chi: ”(mette gli occhiali e legge) “<Al processo per riciclaggio di denaro, usura e evasione fiscale, il P. M…>”

Combin    :- “P.M?”

Carboni    :- “Eh, saiàn e iniziali do nomme de l’avvocato de l’accûsa: P.M… comme fïse Pietro Micca” (legge) “<Si presume che il P.M, richiederà la condanna, come prescritto in questi casi dal Codice, a cinque anni di reclusione per l’imputata Marina Lucrezia Tromboni di Peagna e alla confisca di tutti i suoi beni che serviranno come risarcimento alle persone truffate >” (soddisfatta) “Ah! Questa a l’è ‘na bella notizia… a no me snobbià ciù a Sciaccaspire!”

Combin    :- (col pensiero altrove) “No s’impara mai abbastanza a valûtà e personn-e…. De votte, da chi meno ûnn-a a se l’aspëte, accapitan de situazioìn che no se l’asseunnan manco”

Carboni    :- “E l’è quello ch’a s’e meitava quella lì! Chi semenn-a agugge non vagghe descäso” (curiosa) “Son cuiusa de savei a chi andian a finì i appartamenti da scia Rina… A l’éa viddoa, a figgia e gh’è morta anni fa… “

Combin    :- “Son cuiusa anche mì”

Carboni    :- “Mah… quello o quelli che ereditian peuan dî che gh’han ûn…” (mima ciò che non dice)

Combin    :- (interrompendo ) “Ha l’ha rëizo l’idéa”

Carboni    :- “Ghe fasso ‘na confidenza.. ‘Na votta, ch’a l’éa in sen,  gh’ho domandou a chi saieivan tocchae i appartamenti quande… quande saieiva arrivou o momento… e…”

Combin    :- “A me pä ‘na domanda poco delicà…”

Carboni    :- “Eh, oua… poco delicà… l’éa tanto pe vedde cöse a me rispondeiva…”

Combin    :- “E… a ghe l’ha dïto?”

Carboni    :- (perplessa) “A m’ha risposto in te’n moddo strano… comme s’a fïse za a-o de là… A m’ha dïto: <Nascemmo tûtti savendo che semmo solo de passaggio e de passaggio son anche e cöse de proprietae… Tanto de de là no portemmo ninte, no porta ninte manco chi avià quello che avià>”

Combin    :- (sul chi vive) “A… no l’ha faeto di nommi?”

Carboni    :- “Pe’ ninte”

Combin    :- “Se son reuze scc-uiàn! Se o vegno a savèi che o diò”

Carboni    :- “Son contenta pe’ lé che armeno ancon pe’ ûn anno a saià a nostra portéa”

Combin    :- “Saià quello che saià, a meno de quarche sopreisa… “ (guarda l’orologio) “Ch’a me scûse ma devo andà…”

Carboni    :- (come redarguirla) “Ma…l’è za l’öa?”

Combin    :- “Permesso speciale…ca stagghe tranquilla” (esce dopo aver indossato una giacca o un mantello) ”…recûpero”

Carboni    :- “A fa a misteriusa… a l’è solo ‘na portéa spiantà e a l’arrestià sempre ‘na portéa spiantà… “ (con un pizzico di malignità) ”Sempre se a tegnan”

Scena IV

(Carboni – Serena – Giuliano – Marina)

Marina     :- (entra dal fondo per uscire. Accenna col capo, un po’ infastidita, un saluto a Carboni)

Carboni    :- “Bongiorno signoa” (calca su <scignoa> e poi con battuta frizzante) “Se ghe serve ‘n penna pe’ andà a firmà a presenza ä Polizia ghe a presto”

Marina     :- (inviperita, senza profferir parola, le molla un colpo con la borsa, sulla schiena)

Carboni    :- (si avvinghia a lei scrollandola. Lottano)

Giuliano e Serena:- (che entrano in quell’istante dall’esterno, si danno da fare per separarle. Giuliano riesce nell’intento) “Ma calmaeve… Ma cöse ve piggiou?”

Serena      :- “No son compartamenti da scignoa questi”

Marina     :- (a Carboni) “Lengua de vipera!” (si ricompone)

Carboni    :- “A mi tiame de borsettae?... Ch’a l’abbasse e äe che no semmo in televixon dovve tûtti crïan, e manco in te ‘n palcoscenico!”

Marina     :- “A no sa manco cöse l’è ûn palcoscenico… E poi ûn po’ de attrice scì… Tanto pe’ fallo savei a tûtti…a se scrive e lettere da sola pe’ fa vedde ch’a l’ha di ammiratoì!... Fanfaronn-a!”

Carboni    :- (fa per lanciarsi contro di lei, ma viene trattenuta)

Serena      :- “Ma voei däve ‘na calmà?... Bell’esempio che dae a noiätri zoveni!”

Scena V

(Carboni – Serena – Giuliano – Marina – La Fauci – Camillo)

La Fauci   :- (entra col collega Camillo, vede il parapiglia e blocca Marina) “Né, signò… ma che state facendo?... La lotta greco-romana?”

Camillo    :- (è andato a trattenere la Carboni)

Carboni    :- “E’ QUELLA LI che mi ha aggredito”

Marina     :- “QUELLA LI, sarai tu, guitta!”

Carboni    :- (cerca di azzuffarsi con Marina ma Camillo la tiene)

Camillo    :- “Che rattellose che séi… Ma no gh’éi de mëgio da fa?”

Giuliano   :- “Meno male che sei arrivae se no no so comme  saieiva andaeta a finì”

Serena      :- (ai finanzieri) “Come mai ancon chi? Gh’è quarche ätra novitae?”

La Fauci   :- “E pecché non basta quanto avete già dato?... Come condominio in una zona signorile abbiamo già la signora Marina Tromboni che è…”

Carboni    :- (feroce) “Trombata!”

Camillo    :- “Ch’a saere ‘n po’ quella bocca se no, no a finimmo ciù e ne tocca portave a-o Comando!”

La Fauci   :- “….Stavo dicendo che oltre alla signora… “ (indica Marina) “… abbiamo appreso che il signor Imbroggini è stato arrestato… Ecché…. Datevi ‘na regolata signori miei… Signora di Peagna, siamo venuti a notificarle questo avviso” (consegna un documento) “Come potrà notare, il processo si terrà fra otto mesi. Nel frattempo sarà soggetta a libertà vigilata con l’obbligo di rimanere qui e di firmare negli orari stabiliti!”

Carboni    :- (con aria da <meninpippo>) “Sciò finanziere… ch’o me molle pure… No sûccede ninte… a ghe n’ha za abbastanza de rogne. Posso andà in casa?”

Camillo    :- “Maresciallo?”

La Fauci   :- “Ma sì, iattevenne e datevi una regolata, intesi?”

Carboni    :- “Staeve ben!” (va verso il fondo)

Serena      :- “Ma a Combin a no gh’è?”

Giuliano   :- “Strano ch’a no segge a-o so posto”

La Fauci   :- (a Marina) “Vada pure a firmare signora e, mi dica, Arturo Freni, dov’è?”

Marina     :- “Non saprei… doveva venire a prendermi per portarmi al Comando di zona della Polizia per firmare ma… non s’è più visto… No ghe saià mïga sûccesso quarcösa?”

Camillo    :- “Ha il suo numero di cellulare? Al telefono fisso non risponde”

Marina     :- “No, non l’ho mai avuto. Ma perché lo cercate?”

La Fauci   :- “A signò…chillo galantuomo è ricercato dall’Interpol pecché era lui il boss che tirava le fila della banda di strozzini e lei è stata usata e raggirata, facendole credere di avere auto di lusso, appartamenti intestati a prestano- me, che poi erano prestanome di Arturo Freni”

Marina     :- “Ma ho visto mì e case, ho prestòu i dinae pe’… pe’ quello che son staeta accûsà”

Camillo    :- “In sciò so conto corrente gh’è appena-a appena-a o minimo pe’ vive. Tûtto quello che pàiva seu o no l’éa seu!”

Marina     :- (che nel frattempo si teneva una mano sulla fronte, viene meno e sviene)

SCENA BUIA – MUSICA DI SOTTOFONDO OPPURE SI SENTE IL TIC-TAC DEL TEMPO CHE SCORRE. QUANDO LA SCENA SI SCHIARISCE…

Scena VI

(Combin – Marina – Marco)

Combin    :- (appare nell’atrio, proveniente dal fondo, elegantissima)

Marco       :- (entra in quell’istante dall’esterno con la solita posta. Si blocca sbalordito al vedere l’eleganza ed il comportamento signorile della donna) “No!... Ma… a l’è lé?

Combin    :- “Chi? Mî? No, son ûnn’ätra!... Lè, ciûtttosto, son dui meizi che nö vedemmo… l’han misso drento per sottrazione di valori postali?”

Marco       :- (che appare sembre sbalordito) “M’han mandou in te n’ätra zona a sostituì ‘na collega ch’a l’è andaeta in maternitae… ma lé Combin…no l’ho mai vista coscì elegante… A sta in portineria coscì?”

Combin    :- “Ho lasciòu a portineria… gh’è ‘n’ätra a-o mae posto... Mi devo sta appreuvo ai mae… çinque appartamenti ch’a m’ha lasciòu a scia Garbûggin … Pe’ dï a veitae ean sei… ma con e tasce ûn l’ho dovûo vende…” (guardando divertita il postino) “O me pä sorpreizo… comme mai?”

Marco       :- “E a me o domanda? Baccere! Chi l’avesse mai direbbe?”

Combin    :- “Ma comm’o parla?”

Marco       :- “Voeivo dî che no me o saieiva mai aspettòu”

Combin    :- “Oh, se l’è pe’ quello manco mì”

Marco       :- “E chi a saieiva oua a portéa?”

Marina     :- (spunta un scena con una scopa, fazzoletto in testa e si avvicina, pulendo, allo sgabuzzino)

Marco       :- (sbalordito) “Le?!!”

Marina     :- (triste, a capo chino) “Scì, son mì a portéa…M’han mollou tûtti quelli che pàivan amïxi… A scià Bernardini a m’ha convinto de accettà a-o momento,questa scistemazion, visto che no posso allontaname da donde staggo... e devo anche vive… Purtroppo da o cattïo passo bezeugna sciortine comme se peu… Postin… gh’è da posta da mette in te cascette?”

Marco       :- “E ca-cascette… a posta?...”

Combin    :- “O se ciamma Marco”

Marco       :-“Ah, a s’e ricordà comme me ciammo!”

Sartori      :- (entra elegante dall’esterno e va verso Combin) “Colomba sei pronta?”

Colomba  :- “Sì caro… I biglietti per la crocera li ho in borsetta… A riveddise!”

Marco       :- (resta a bocca aperta indicando i due che escono e guarda)

Marina     :- (allarga le braccia e a capo chino…) “L’è proppio véa che chi accatta o lardo dai gatti e-a faenn-a da-o spezià, fito s’attreuva in bolletta e ghe tocca dimandà!”

                                                                     F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno