A qualcuno piace caldo

Stampa questo copione

A QUALCUNO PIACE CALDO

di Billy Wilder

Personaggi:

JERRY (DAPHNE)

JOE (JOSEPHINE)

STRILLONE

GHETTE

DONNA

NELLIE

POLIAKOFF

SUSIE

BIENSTOCK

LE RAGAZZE DELLA BAND:

MARY LOU

ROSSELLA

DOLORES

OLGA

IRIS

ALICE

NICOLE

CLAUDINE

BRIDGET

STELLA

EMILY

OSGOOD

ROBERTA

RAGAZZO DELL’ALBERGO

MUSICISTI

BALLERINE

GANGSTER

MILIONARI

PRIMO ATTO

SCENA INIZIALE - Sipario chiuso

Strillone, Passante 1, Passante 2 (i passanti potrebbero essere Susie e Bienstock)

In sottofondo: Ouverture

STRILLONE - Edizione straordinaria! Edizione straordinaria! La polizia irrompe in un locale clandestino gestito dal temutissimo boss Ghette e dalla sua banda di gangster spietati! Coinvolte le maggiori personalità di Chicago! Edizione straordinaria!

PASSANTE 1 - Ma guarda… non sanno più cosa inventarsi per spacciare whisky! Senti qui! Chicago, 12 novembre 1929: “Il proibizionismo aguzza l’ingegno: la polizia ha scoperto un club dalla copertura insolita. Dietro l’insospettabile facciata di una ditta di pompe funebri, si nascondeva niente di meno che uno scatenato locale, dove illustri cittadini di Chicago si godevano whisky di prima qualità allietati da un jazz… da far risvegliare i morti! Beh, doveva essere ben caldo… questo jazz!”

PASSANTE 2 - Cosa vuoi, si sa! Oggigiorno… a qualcuno piace caldo!

Si apre il sipario sulla musica di A qualcuno piace caldo. In scena i musicisti, tra cui Joe e Jerry, ballerine, a un tavolo Ghette con la sua Donna e altri gangster. Coreografia: A qualcuno piace caldo (tutti)

SCENA 1 - Strada

Jerry e Joe

JERRY - (Ironico) Beh, adesso che abbiamo perso il lavoro… ci siamo tolti un pensiero: non dobbiamo più preoccuparci di chi pagare per primo. Certo, la padrona ci sbatterà fuori di casa, dal salumiere possiamo anche scordarci le salsicce a credito e sulle ragazze non possiamo contarci perché… le hanno portate in prigione.

JOE - Vuoi chiudere il becco?

JERRY - Guarda il mio contrabbasso: sta più caldo di me!

JOE - Jerry… se vuoi vivere nel mondo del varietà devi anche correre certi rischi…

Canzone e Coreografia: I martiri del varietà (Jerry, Joe e ballerini per strada)

SCENA 2 - Ufficio (illuminare solo una parte del palco)

Joe, Jerry, Nellie

JOE - Niente oggi?

NELLIE - Ah, sei tu! Una bella faccia tosta!

JOE - Grazie!

NELLIE - Joe! Vieni subito qui!

JOE - Oh, senti cocca bella, se è per sabato sera posso spiegarti tutto!

NELLIE - Che carogna! Io spendo quattro dollari per farmi la permanente, mi compro una vestaglia di chiffon, gli faccio una bella pizza napoletana… (a Joe) …e tu dov’eri?

JERRY - Già, dov’eri?

JOE - Con te!

JERRY - Con me?!

JOE - Ma sì! Avevi un dente cariato, ti si era gonfiata tutta la lingua, avevi una guancia che sembrava un pallone…

JERRY - Ah, sì? Sìììì! Sì, mi faceva un male…

JOE - Eh sì, ho dovuto portarlo in ospedale, han dovuto fargli una trasfusione di sangue, gli ho dato il mio… vero?

JERRY - Ah sì, sì, abbiamo lo stesso gruppo sanguigno.

JOE - Tipo O.

NELLIE - O?!

JERRY - Sii buona, Nellie! La signora Poliakoff non ha niente per noi? Siamo disperati!

NELLIE - Beh, sarà un caso, ma sta cercando proprio un sassofono e un contrabbasso.

JOE - Di che si tratta?

NELLIE - Tre settimane in Florida! Al Ritz di Miami. Trasporto e tutte le spese pagate.

JOE - Oh, non è una donna formidabile? Andiamo a parlare con la signora Poliakoff!

SCENA 3 - Ufficio di Poliakoff (illuminata un’altra parte del palco)

Poliakoff, Susie, Bienstock

SUSIE - Si può essere più incoscienti? Io faccio i salti mortali per combinargli una tournée a Miami e che ti fanno? Il sassofono scappa con un commesso viaggiatore e il contrabbasso si fa mettere incinta! Bienstock, dovrei licenziarti!

BIENSTOCK - A me? Io sono l’amministratore, non il guardiano dell’harem!

POLIAKOFF - Pronto? Mi chiama Bessie Malone per favore?… Che ci fa a Philadelphia? (attacca) Questo è il colmo! Bessie si è data al classico! Suona l’arpa con Stokowsky.

SUSIE - Ma che è impazzita?!

POLIAKOFF - Figuriamoci che sinfonia!

BIENSTOCK - Senti, tu sai che tipo di ragazze ci servono. È affar tuo dove le trovi, basta che le mandi stasera alle otto alla stazione.

POLIAKOFF - Ho risolto situazioni peggiori. Dovessi farle con le mie mani, le ragazze te le trovo. (Escono Susie e Bienstock, mentre Joe e Jerry entrano)

SCENA 4 - Ufficio di Poliakoff (di nuovo illuminato solo l’ufficio di Poliakoff)

Poliakoff, Joe e Jerry

JOE - Senti, dobbiamo parlarti.

JERRY - È per quella tournée in Florida! Siamo arrivati in tempo?

POLIAKOFF - Non vi facevo così spiritosi! Levatevi dai piedi! (al telefono) Interurbana? Datemi l’agenzia William Morris, a New York.

JOE - Non ti servono un contrabbasso ed un sassofono?

POLIAKOFF - Gli strumenti sono giusti, ma voi no! Vi manca qualche curva in più!

JOE - Hai intenzione di metter su un’orchestra di gobbi?

POLIAKOFF - Dovreste avere meno di 25 anni.

JERRY - Possiamo farlo credere.

POLIAKOFF - Dovreste essere biondi.

JERRY - Possiamo tingerci i capelli.

POLIAKOFF - E dovreste essere donne.

JERRY - Possiamo…

JOE - No, non possiamo!

JERRY - Ma allora è un’orchestra di donne! Ragioniamoci. Joe, perché no? L’anno scorso alla taverna zingara portavamo gli orecchini d’oro! Che ci vuole, con un paio di parrucche e quei seni che si gonfiano, Joe e Jerry diventeranno Josephine e Geraldine.

JOE - Josephine e Geraldine?! Andiamo!

POLIAKOFF - Sentite, se vi accontentate di racimolare qualcosa avrei un lavoretto per voi, tutto quello che vi posso dare è un ballo di studenti stasera per S. Valentino.

JOE - Aggiudicato!

POLIAKOFF - D’accordo! Sono sei dollari a testa. Trovatevi a Urbana alle otto.

SCENA 5 - Ufficio

Joe, Jerry, Nellie e altra segretaria

Escono nell’ufficio esterno, si illumina l’altra parte di palco, come nella scena 4.

JERRY - Sono cento miglia! E sta nevicando! Come ci arriviamo laggiù?

JOE - Qualcosa inventerò!

NELLIE - Come è andata, ragazze?

JERRY - Ti staccherei la lingua!

JOE - Via Jerry, è il modo di parlare a una signora? Nellie, cara, cosa fai stasera?

NELLIE - Stasera? Perché?

JOE - Avrei un programmino…

NELLIE - Stasera starò a casa… a mangiare quella famosa pizza!

JOE - Stai a casa tutta la sera?

NELLIE - Sì!

JOE - Bene! Allora la macchina non ti serve!

NELLIE - La macchina?! Brutto… (non può finire di parlare perché Joe la bacia)

JERRY - Ma che gli farà questo alle donne… (Buio)

SCENA 6 - Strada

Joe, Jerry, Ghette, Mafiosi, Charlie Stecchino (voce fuori scena)

JOE - La macchina di Nellie dovrebbe essere parcheggiata da queste parti

JERRY - Ehi Joe! Ma quello che sta arrivando non è Ghette con i suoi scagnozzi? Ma non l’avevano arrestato?

JOE - Certo che è lui… presto, nascondiamoci! (Joe e Jerry si nascondono, ma restano visibili al pubblico. Entra Ghette con tutta la sua banda. Il dialogo che segue è fuori campo. Ghette è in scena e sta aspettando che i suoi mafiosi facciano il lavoro. Accende un sigaro, sorrisetto da Al Capone. Solo Stecchino è voce fuori scena. Occhio di bue o faretto su Ghette)

DONNA - Salve Charlie!

STECCHINO - Salve ragazzi!

GHETTE - È un pezzo che non ci si vede…

STECCHINO - Cosa c’è? Che ci fate qui?

GHETTE - Siamo passati per sdebitarci con te per la sorpresina che ci hai mandato ieri al locale.

MAFIOSO - Addio Charlie!

STECCHINO - No! Nooo! (Spari)

GHETTE - Ok, e anche questo è sistemato. (Rumore. Ghette si accorge di Joe e Jerry) Andiamo, venite fuori di là! (Joe e Jerry prendono gli strumenti e scappano in monopattino, mentre entrano i mafiosi) Prendeteli!

Canzone e coreografia: Canzone dei gangster (Ghette e ragazze vestite da mafiosi)

SCENA 7 - Buio

Joe e Jerry

Sono dietro a un pannello, in controluce: si vedono solo le teste.

JERRY - Ci ha visto! Joe, dove andremo?

JOE - Il più lontano possibile! Dammi un gettone. E poi… ci serve un rasoio.

JERRY - Un rasoio? In un momento simile? Mentre quelli ci cercano per riempirci di buchi tu pensi a raderti?

JOE - I peli delle gambe stupido! (al telefono, con voce da donna) Pronto? Signora Poliakoff?… Mi dicono che lei sta cercando due suonatrici di jazz.

SCENA 8 - Stazione

Joe, Jerry (Josephine e Daphne), Zucchero, Bienstock, Susie e tutte le ragazze

VOCE FUORI SCENA - (Rumori di stazione) Treno per la Florida in partenza al binario sette. Ferma a Washington, Charleston, Savannah, Jacksonville e Miami. In vettura! In vettura! (Entrano Joe e Jerry vestiti da donna, fanno visibilmente fatica a camminare. Un po’ alla volta arrivano anche tutte le ragazze, con gli strumenti e le valigie)

JERRY - Joe!

JOE - Che ti prende adesso?

JERRY - Mi sento nudo! Mi sembra che tutti guardino me!

JOE - Con quelle gambe? Sei matto? Andiamo! (Si avvicinano al treno e vengono superati da Zucchero)

JERRY - Hai visto quella come cammina? Come si muove… sembra fatta di gelatina… se io mi dimenassi così, mi perderei i pezzi. È inutile, è un sesso del tutto diverso! No, Joe, stavolta non mi convincerai a fare qualc… (Zucchero si gira e fa l’occhiolino a Jerry e Joe)

JERRY - Mi hai convinto! (Le ragazze si salutano, contente di andare a Miami. Battute a soggetto per introdurre la canzone)

Canzone e coreografia: Il sole ci scalderà (tutte le ragazze, Zucchero, Joe, Jerry, Bienstock e Susie)

Alla fine della coreografia si conclude la scena: le ragazze salgono sul treno.

SUSIE - Mary Lou, Rossella… forza, Dolores, muoviti! Olga, come va la schiena?

BIENSTOCK - Clarinetto, percussioni, trombetta, trombone… ci siamo quasi… (interrotto da Joe)

JOE - Bene, eccoci qua.

BIENSTOCK - Vi ha mandato l’agenzia Poliakoff?

JOE - Sì, siamo le nuove ragazze.

JERRY - Nuove di zecca!

SUSIE - Il nostro amministratore, il signor Bienstock. Io sono Susie.

JOE - Io mi chiamo Josephine.

JERRY - E io Daphne!

SCENA 9 - Treno

Joe, Jerry, Zucchero, Bienstock, Susie e tutte le ragazze

JOE - (prende Jerry da una parte) Daphne?!

JERRY - Non mi è mai piaciuto il nome Geraldine! (Si avvicinano alle altre) Salve! Io sono il contrabbasso! Mi chiamo Daphne!

JOE - Io sono Josephine, sax.

TUTTE - Salve! (Joe e Jerry si appartano e parlano tra loro, ma sorprendono Zucchero che sta bevendo. Lei si spaventa vedendoli arrivare)

JERRY - Oh, scusa…

ZUCCHERO - Non fa niente! Credevo fosse Susie. Non lo direte a nessuno, vero?

JERRY - Che cosa?

ZUCCHERO - Se mi scoprono di nuovo a bere, mi cacceranno via dall’orchestra… voi siete le nuove del contrabbasso e del sax, vero?

JERRY - Sì! Io sono Daphne e questa è Josephine.

ZUCCHERO - Io sono Zucchero Candito. Suono l’ukulele. E canto anche.

SCENA 10 - Treno

Joe, Jerry, Zucchero, Bienstock, Susie e tutte le ragazze

SUSIE - Forza, ragazze, avanti, prendete gli strumenti, proviamo qualcosa! Anche voi due del conservatorio! E, mi raccomando, metteteci un po’ di ritmo! Cominciamo!

Canzone e coreografia: Senza Guai (Zucchero e ragazze che suonano)

Alla fine della canzone, a Zucchero scivola la bottiglietta del whisky, che aveva infilato nella giarrettiera. Susie vede la bottiglia ed è scandalizzata.

SUSIE - Bienstock!!!

BIENSTOCK - Sì, Susie, cosa c’è?

SUSIE - Credevo di aver detto chiaramente che non voglio che si beva in questa orchestra!

BIENSTOCK - (raccoglie la bottiglia) Coraggio ragazze. Di chi è questa fiaschetta? Su, allora, fuori il rospo. (a Zucchero) Zucchero, ti avevo avvertita.

ZUCCHERO - La prego, signor Bienstock…

BIENSTOCK - Questa è l’ultima goccia. A Kansas City tenevi il whisky nella bottiglia dello shampoo. Poi ti ho pescata con una bottiglia nell’ukulele… (interrotto da Jerry)

JERRY - Scusi, potrei avere la mia fiaschetta?

BIENSTOCK - Certo. (dà la fiaschetta a Jerry; poi continua a parlare con Zucchero) Prepara le tue valigie: alla prossima stazione… (a Jerry) …la tua fiaschetta?!

JERRY - Sì, solo un po’ di bourbon. Mi deve essere scivolata.

BIENSTOCK - Dammi qua! (riprende la fiaschetta)

SUSIE - Ci sono solo due cose che non vengono ammesse assolutamente durante le ore di lavoro: una è l’alcool e l’altra gli uomini.

JERRY - Uomini?

JOE - Oh, di questo non deve preoccuparsi!

JERRY - Se c’è una cosa che schifiamo sono gli uomini! Quelle bestie pelose, con cento mani… e poi vogliono una cosa sola quei bruti!

BIENSTOCK - Badi a come parla, signorina!

SUSIE - D’accordo, ragazze. Per oggi basta, andate a dormire! (Tutte cominciano a prepararsi per andare a letto. Susie e Bienstock si appartano un momento)

SCENA 11 - Treno

Joe, Jerry, Zucchero, Bienstock, Susie e tutte le ragazze

JERRY - Buona notte, Mary Lou! Dormi bene, Dolores! Sogni d’oro e buon risveglio! (uomo) Joe… guardale!

JOE - (uomo) Statti calmo… e ripeti sempre a te stesso che sei una donna!

JERRY - (tra sé) Sono una donna… sono una donna, sono una donna… (a Zucchero) Buona notte, Zucchero!

ZUCCHERO - Buona notte, tesoro!

JERRY - Mi ha chiamato tesoro! Joe…

JOE - (spegne la luce e tira le tendine) Buona notte, Daphne!

JERRY - Buona notte, Josephine! (tra sé) Sono una donna… sono una donna, sono una donna… preferirei essere morto… sono una donna! (Buio. Le cuccette sono in controluce: si vedono le sagome)

SCENA 12 - Treno: cuccetta

Zucchero, Jerry, Susie

ZUCCHERO - (Mentre tutte dormono, scende dalla sua cuccetta e si avvicina a quella di Jerry) Daphne! Daphne!

JERRY - (apre la tenda) Oh, Zucchero!

ZUCCHERO - Volevo ringraziarti per avermi salvata. Sei una vera amica.

JERRY - Oh, non è niente. Noi donne dobbiamo aiutarci tra di noi…

ZUCCHERO - Se non fosse stato per te mi avrebbero sbattuta giù dal treno, e a quest’ora sarei là fuori a piangere seduta sul mio ukulele. Se ci sarà mai qualcosa che posso fare per te…

JERRY - Oh, ci sono un milione di cose! (Zucchero si sdraia velocemente nella cuccetta insieme a Jerry, per non farsi vedere da Susie che nel frattempo si è alzata e sta andando in bagno. Tornerà a letto prima della caduta di Jerry)

JERRY - …questa è una, per esempio!

ZUCCHERO - Shh! È Susie! Non voglio che sappia che facciamo comunella!

JERRY - Non lo diremo a nessuno, nemmeno a Josephine!

ZUCCHERO - Forse è meglio che rimanga finché non è tornata a letto!

JERRY - Rimani pure quanto vuoi!

ZUCCHERO - Non ti sto troppo addosso, spero!

JERRY - Oh, no! È così intimo!

ZUCCHERO - Quando ero ragazzina, nelle notti fredde come questa, mi ficcavo nel letto di mia sorella. Andavamo sotto le coperte e fingevamo di essere sperdute in una caverna e di non trovare più l’uscita.

JERRY - (comincia a sudare) Che spasso!

ZUCCHERO - Qualcosa non va?

JERRY - No, tutto bene, tutto bene.

ZUCCHERO - Oh, poverina, ma stai tremando tutta!

JERRY - È ridicolo!

ZUCCHERO - La fronte scotta!

JERRY - È ridicolo!

ZUCCHERO - Hai i piedi freddi!

JERRY - Non è ridicolo?

ZUCCHERO - Lascia che te li scaldi un po’! (gli scalda i piedi) Ecco… così va meglio?

JERRY - Sono una donna, sono una donna…

ZUCCHERO - Che cosa hai detto?

JERRY - Sono una donna… molto malata!

ZUCCHERO - Vado, prima che mi attacchi qualcosa!

JERRY - Oh, no, non è contagioso!

ZUCCHERO - Io ho così poca resistenza!

JERRY - Ascolta Zucchero, quando cominci a sentirti poco bene, la cosa migliore da fare è bere del whisky.

ZUCCHERO - Tu hai del whisky?

JERRY - Sììì! (tira fuori la bottiglia)

SCENA 13 - Treno: cuccetta

tutte le ragazze, Jerry, Zucchero, Joe

DOLORES - (sale dalla scaletta) È un’orgia privata o ci si può aggregare?

JERRY - È privata. Vattene, per favore.

ZUCCHERO - Dolores, ce l’hai ancora quella bottiglia di Cinzano?

DOLORES - Certo!

JERRY - E che ci vuoi fare col Cinzano?

ZUCCHERO - Abbiamo il whisky… possiamo fare un cocktail.

DOLORES - Okay. (scende e va a prendere il Cinzano)

JERRY - Un cocktail! A quest’ora di notte? Sei pazza?

ZUCCHERO - (a Dolores) E porta lo shaker per il cocktail!

JERRY - Ma Zucchero, mi rovinerai la sorpresa!

MARY LOU - (a Dolores) Che succede?

DOLORES - Si beve al numero sette!

MARY LOU - Io porto formaggio e crackers!

DOLORES - Io penso allo shaker. Tu procura un cavatappi! (Le seguenti battute dovrebbero essere recitate in parallelo, incastrandosi a vicenda. Non è proprio fondamentale che si capisca tutto, comunque ci deve essere confusione)

DOLORES - (sveglia Iris) Ehi, Iris! C’è baldoria al numero sette! Prendi questo! (le dà il Cinzano e cerca lo shaker)

IRIS - Davvero? Wow! (sveglia Alice) Ehi, Alice! Sveglia! Una festa al numero sette! Non avevi del vino?

ALICE - Cosa? No, l’abbiamo finito… ma forse Nicole ha qualcosa!

IRIS - Chiama anche Claudine!

ALICE - Ok. (sveglia Nicole) Nicole! Nicole!

NICOLE - Che vuoi?

ALICE - Pigiama party al numero sette! Porta il vino! E sveglia Claudine!

NICOLE - Sì! (sveglia Claudine) Claudine! Si beve al numero sette!

CLAUDINE - Fantastico. Dovrei avere un salame. (sveglia Bridget) Bridget! Dai, c’è una festa al numero sette! Il cioccolato ce l’hai ancora?

BRIDGET - Certo!!!

MARY LOU - (sveglia Rossella) Ehi, ehi, Rossella!

ROSSELLA - Eh?

MARY LOU - Party al numero sette! Hai un cavatappi?

ROSSELLA - No, ma Stella ne ha uno!

MARY LOU - Ok, porta dei bicchieri!

ROSSELLA - Ok! (sveglia Stella) C’è festa al numero sette. Ce l’avevi tu il cavatappi, vero?

STELLA - Eh? Sì, adesso lo cerco!

ROSSELLA - Io prendo i bicchieri!

STELLA - (sveglia Olga) Olga, bevono al numero sette! Porta quella bottiglia…

OLGA - Subito! (sveglia Emily) Emily, Emily, sei sveglia?

EMILY - Sì! Ho sentito! Sto cercando i biscotti!

Le ragazze si svegliano tutte e “silenziosamente” vanno alla cuccetta di Jerry, ciascuna porta qualcosa.

IRIS - Ecco il Cinzano.

OLGA - Io ho del Vermouth.

ROSSELLA - Bastano dieci bicchieri?

JERRY - Dieci bicchieri? No, che vi prende? Dove credete di andare?

MARY LOU - Salve! Ho portato crackers e formaggio, casomai qualcuno avesse fame!

JERRY - Ah, no! Questa è una festa privata. Ve ne andate per piacere?

STELLA - Il cavatappi!

NICOLE - Dammelo, che stappo questa!

ALICE - Cos’è?

NICOLE - Non ne ho idea, me l’ha regalata un tizio…

ZUCCHERO - Oh, Emily, sta attenta col piede, schiacci tutti i crackers!

JERRY - Ragazze! Questa è una festa privata! Ve ne volete andare?

ZUCCHERO - Ma non arriva lo shaker?

BRIDGET - Controllo! Dolores, che fine ha fatto lo shaker?

DOLORES - Sto cercando!

JERRY - Sveglierete l’inquilina del piano di sotto, Josephine!

CLAUDINE - Zucchero, tu cosa vuoi?

ZUCCHERO - Passami quello!

OLGA - Tieni, Bridget, passa il cavatappi!

JERRY - Ma vuoi stare più attenta con quell’arnese? Mi levi un occhio!

IRIS - Dove l’hai preso il formaggio, Mary Lou, è divino!

ALICE - È vero, spalmane ancora un po’ sul cracker, io non ci arrivo.

IRIS - Te lo spalmo col dito, va bene?

JERRY - Niente crackers col formaggio a letto! Ma insomma! Volete andare a fare festa a casa vostra?

DOLORES - Ecco qui lo shaker! (arriva con la borsa dell’acqua calda)

MARY LOU e BRIDGET - Era ora!

EMILY - Ci vorrebbe del ghiaccio!

JERRY - Tredici ragazze in una cuccetta porta sfortuna, bisogna che undici se ne vadano!

STELLA - Passami ancora il formaggio!

CLAUDINE - Chi vuole un po’ di salame?

OLGA - Adesso no, ho in bocca il cioccolato.

IRIS - Dallo a me!

NICOLE - Dove sono i biscotti?

JERRY - Basta mangiare! Sarò divorata dalle formiche!

ALICE - (sveglia Joe) Ehi, hai per caso delle ciliegie al maraschino?

JOE - Eh?

ALICE - Lascia perdere!

JOE - Ciliegie al maraschino?! (si rende conto e si alza) Che sta succedendo qui? Daphne! Daphne! Dove sei?

JERRY - (tira fuori la testa) Non è colpa mia, non le ho invitate io!

JOE - Andiamo ragazze, a dormire! A dormire!

JERRY - Avete sentito Josephine? Fuori, fuori, tutti quanti! Tu no, Zucchero, eh!

ZUCCHERO - Vado a prendere un po’ di ghiaccio! (va verso il bagno)

JOE - Fuori fuori! Oh, bene Zucchero! Adesso tutte le altre. Via!

MARY LOU - Non fare la guastafeste!

BRIDGET - Vieni anche tu!

DOLORES - Vuoi qualcosa?

JOE - Parlate piano! Siete impazzite?

JERRY - Zucchero! Zucchero! Non lasciarmi qui sola!

JOE - Su, smettetela, sono le due! Vi siete divertite abbastanza! Dai, la festa è finita. (Zucchero gli piazza in mano un enorme pezzo di ghiaccio) Andatevene tutte a casa. (si accorge del ghiaccio) E questo cos’è?

ZUCCHERO - (un po’ lontano) Josephine! Dai, vieni qui che si scioglie!

SCENA 14 - Treno

Joe, Zucchero, Olga.

Joe va verso Zucchero che gli porge uno dei piatti della batteria. Occhio di bue/faretto, buio sulle altre.

ZUCCHERO - Mettilo qui.

JOE - Zucchero, se continui così ti metterai nei guai!

ZUCCHERO - (sta rompendo il ghiaccio con la bacchetta della batteria) Sta’ attenta, guarda se arriva Bienstock!

JOE - Se ci pesca ancora, non pensi al rischio che corri?

ZUCCHERO - Sono un po’ stupida, credo!

JOE - No, no! Non direi proprio! Distratta, forse!

ZUCCHERO - No, proprio stupida! Altrimenti non sarei su questo orribile treno con questa orribile orchestra!

JOE - E perché ci sei venuta allora?

ZUCCHERO - Una volta cantavo con le orchestre maschili, ma ho dovuto smettere! Sei mai stata con un’orchestra di uomini?

JOE - Io?! Ma che dici?

ZUCCHERO - È da quelli che cerco di fuggire! Ho lavorato con sei orchestre diverse in due anni. Oh, mamma!

JOE - Non puoi fidarti dei ragazzi.

ZUCCHERO - Vuoi dire di me stessa! Ho un debole per i suonatori di sassofono! Specialmente sax tenore! Non so cos’è, ma basta che suonino otto battute di “Mia malinconica bambina” e la mia spina dorsale si affloscia, mi viene la pelle d’oca, e gli casco tra le braccia…

JOE - Lo sai… io suono il sassofono tenore!

ZUCCHERO - Ma tu sei una donna, grazie al cielo!

JOE - Sì…

ZUCCHERO - Ecco perché sto con questa orchestra. Farei qualsiasi cosa pur di evitare quei farabutti! Sai come son fatti! Ti innamori e pensi che sia l’idillio più bello dopo quello di Giulietta e Romeo, lo ami davvero e sai che succede? Che si fanno prestare i soldi per giocarli alle corse dei cani! Poi una mattina ti svegli, lui se ne è andato e il sax con lui e non è restato altro che un paio di calzini vecchi e un tubetto di dentifricio tutto strizzato! Tu provi a tirarti su finché non trovi un altro lavoro e un altro sassofonista e si ripete la stessa storia. Adesso hai capito: non sono furba! Ma lo sai che ti dico? Questo non capiterà più! Mai più! Sono stufa che mi capiti sempre la ciliegia col verme.

OLGA - (arriva dalla parte buia, un po’ più luce finché non esce) Il ghiaccio? Com’è che non arriva? Le belve diventano irrequiete!

JOE - Ci sarebbero un paio di cocktail per noi?

OLGA - Sicuro! (esce col ghiaccio che le ha dato Zucchero. Luci solo sui due)

ZUCCHERO - Lo sai che compio 25 anni a giugno? È un quarto di secolo! Sono cose che fanno pensare! Ti fanno pensare… al futuro! Per esempio a un marito, per questo sono contenta di andare in Florida. Sai, ci sono i miliardari. A battaglioni. D’inverno vanno tutti a sud, come le rondini! E io… ne voglio acchiappare uno. Oh, non importa che sia ricco, l’importante è che abbia uno yacht, un treno privato e il suo dentifricio personale. Forse anche tu ne troverai uno, Josephine! Io il mio lo voglio con gli occhiali! Gli uomini con gli occhiali sono molto più gentili, buoni e indifesi, ci hai mai fatto caso?

JOE - Ora che mi ci fai pensare…

ZUCCHERO - Gli si indebolisce la vista a furia di leggere… sai quelle lunghe colonnine di numeri piccoli piccoli delle quotazioni di borsa…

OLGA - (arriva da “fuori” con i due cocktail, luci come sopra) Quel contrabbasso… lei sì che lo sa come si organizza una festa! Auguri ragazze! (va via, luci solo sui due)

ZUCCHERO - Beh, alla salute!

JOE - Spero che stavolta ti capitino ciliegie mature e senza verme! (Buio sui due, luci sulla cuccetta di Jerry)

SCENA 15 - Treno: cuccetta

Jerry, ragazze, Zucchero, Joe

DOLORES - Il fantino senza una gamba dice…

JERRY - Cosa dice?!

DOLORES - Il fantino senza una gamba dice: non ti preoccupare per me, fuggo io… (interrotta dal singhiozzo di Jerry)

JERRY - Mi dispiace proprio…

STELLA - Mettetele del ghiaccio sul collo, così le passa!

JERRY - No, ragazze! È freddo! Basta ragazze, per favore!

IRIS - Ehi, soffre il solletico! (Cominciano tutte a fargli il solletico)

JERRY - Basta!!! (Nella confusione scende dalla cuccetta, proprio quando arrivano Zucchero e Joe. Le altre si accorgono che Jerry non c’è più)

MARY LOU - Daphne! Dove sei?

BRIDGET - Oh, eccola!

CLAUDINE - Ragazze ci pensate che domani saremo tutte a Miami?

EMILY - Già non vedo l’ora!

ALICE - Spiaggia, mare, caldo!

NICOLE - Appena arriviamo voglio andare a fare il bagno!

Canzone e coreografia: Un tuffo al mare (tutte le ragazze, Zucchero, Jerry e Joe)

SIPARIO

SECONDO ATTO

SCENA 16 - Miami

Joe, Jerry, Zucchero e tutte le ragazze.

Entrano tutte le ragazze, Susie e Bienstock, con le valigie, facendo confusione. Sono contente di essere finalmente a Miami

Canzone e Coreografia: Senti che caldo - prima parte (tutte le ragazze, Zucchero, Jerry e Joe)

Dopo la canzone, le ragazze riprendono le valigie e escono dalla parte opposta a quella da cui sono entrate, come se entrassero in albergo.

JERRY - Porto io gli strumenti! (a Zucchero)

ZUCCHERO - Grazie, Daphne! (le dà l’ukulele)

JOE - Grazie Daphne! (le dà anche il sax) È davvero un tesoro! Così noi possiamo andare a caccia di milionari! (Zucchero e Joe seguono le altre ridacchiando. Mentre Jerry resta in scena carico di valigie, si avvicina Osgood)

SCENA 17 - albergo

Osgood, Jerry, milionari

Mentre Jerry cerca di portare strumenti e valigie, perde una scarpa o le cade qualcosa. Osgood, che entra dalla stessa parte da cui sono entrate le ragazze, la recupera e lo ferma.

OSGOOD - Pardon signorina, posso? (mentre le mette la scarpa) Sono Osgood Fielding II.

JERRY - E io sono Cenerentola III.

OSGOOD - Mi lasci portare uno degli strumenti!

JERRY - Grazie (glieli dà tutti) È davvero un tesoro!

OSGOOD - Sa, mi ha sempre affascinato il mondo dello spettacolo! Per la verità è costato un bel po’ di quattrini alla mia famiglia!

JERRY - Lei finanzia compagnie?

OSGOOD - No… soubrette! Ne ho sposate sette o otto nella mia vita. Le dirò, mammà sta cominciando ad arrabbiarsi con me. Così quest’anno, all’apertura della stagione teatrale mi ha spedito qui in Florida. Infatti lei pensa che io sia sul mio yacht, sì… a pescare.

JERRY - Mi dispiace per lei signor Fielding. Questa volta ha sbagliato pesce.

OSGOOD - Se le prometto di fare il bravo bambino viene a pranzo con me?

JERRY - Mi dispiace… suoniamo all’ora di pranzo!

OSGOOD - Oh, naturalmente… ma lei quale suona di questi strumenti?

JERRY - Contrabbasso.

OSGOOD - Lei dev’essere una ragazza unica! La mia ultima moglie era una danzatrice acrobatica… lo sa: una contorsionista. Era capace di fumare una sigaretta tenendola tra le dita dei piedi. Capperi!!! Ma mammà mandò tutto a monte! Sa, non può sopportare le ragazze che fumano!

JERRY - Beh, io devo andare!

OSGOOD - Oh, no no no! Non mi mollerà così facilmente! (le dà una pacca sul sedere)

JERRY - Con chi crede di avere a che fare, signor Fielding? (gli dà uno schiaffo)

OSGOOD - La prego… non accadrà mai più! (Jerry se ne va) La prego torni indietro!!!… Capperi!

Canzone e Coreografia: Canzone dei milionari (Osgood e Le Dame Del Ritmo)

SCENA 18 - Albergo

Roberta, Bienstock, Susie, Joe, Jerry, Zucchero e le ragazze

Scenografia: bancone reception, tipo la scrivania di Nellie, con telefoni e registri, magari qualcosa per appendere le chiavi sulla sinistra guardando il palco. il resto del palco libero per dare spazio ai due balletti.

Roberta è dietro al bancone, gli altri sono tutti in scena con le valigie.

ROBERTA - Questo è l’elenco delle vostre stanze ed ecco le chiavi.

BIENSTOCK - Grazie signorina! Coraggio ragazze! Ecco l’assegnazione delle stanze! (cerca gli occhiali e non li trova) I miei occhiali! Dove sono finiti i miei occhiali? (continua a cercare e Susie gli strappa la lista di mano)

SUSIE - (legge) Olga e Mary Lou stanza 412. Josephine e Daphne stanza 413. Dolores e Zucchero stanza 414.

ZUCCHERO - (a Joe) Speravo ci mettessero nella stessa stanza!

JOE - Lo speravo anch’io! Ma non ti preoccupare, Zucchero! Ci vedremo spesso! (nel frattempo, senza farsi notare, ha rubato la valigia di Bienstock)

ZUCCHERO - Oh… 414! La stessa stanza che avevo a Cincinnati, l’ultima volta che suonavo con un’orchestra maschile. Che canaglia quel sassofonista!

JOE - Scordatelo, Zucchero! Scordalo e vedrai che incontrerai un milionario. Uno giovane…

ZUCCHERO - Chi te lo dice?

JOE - Intuito femminile!

SCENA 19 - Camera 413

ragazzo, Joe, Jerry, Bienstock

Cambio scena: buio e musica di sottofondo. Sparisce il bancone ed entrano due letti o un letto a castello, tipo le cuccette del treno, e una doccia.

RAGAZZO - Sono queste le tue valigie?

JOE - Uh uh… e anche questa! (indica la valigia di Bienstock)

RAGAZZO - Bene cocca!

JOE - Scommetto che vuoi la mancia!

RAGAZZO - Oh, no, non ti preoccupare! Dopotutto lavoriamo tutti e due qui! E, credimi, è un vero piacere averti nell’azienda! A che ora stacchi stasera?

JOE - Perché?

RAGAZZO - Sai… faccio il turno di notte e ho una bottiglia di gin da parte… magari in un momento tranquillo… (cerca di abbordarla)

JOE - Vai fuori dai piedi!

RAGAZZO - È così che mi piacciono! Grosse e sfacciate! Ci vediamo più tardi! E manda a spasso la tua amica! (tira l’elastico del farfallino. Esce e si incrocia con Jerry che sta entrando. Il seguente dialogo tra Joe e Jerry è con voci da uomo)

JERRY - Vecchio sporcaccione!

JOE - Che è successo?

JERRY - Ho beccato un pizzicotto sul sedere!

JOE - Vedi che vita fanno le donne?

JERRY - Beh, sono stufo! Andiamocene via di qui, filiamocela! Potremmo trovare un’altra orchestra, un’orchestra di uomini!

JOE - Senti, stupido: Ghette e i suoi amici ci stanno cercando in tutte le orchestre maschili d’America, lo sai, no?

JERRY - Va bene, va bene! Ma quanto tempo credi potremo resistere? E comunque lo so perché vuoi rimanere qui! Stai appresso a Zucchero!

JOE - Zucchero?

JERRY - Vi ho visto, sai, sull’autobus. A chiacchierare fitto fitto, a ridacchiare, a scambiarvi il rossetto…

JOE - Ma cosa dici? È come se fossimo due sorelle! (Bienstock bussa)

BIENSTOCK - È permesso? Siete vestite?

JERRY - (voce da donna) Sì, avanti!

BIENSTOCK - Avete visto per caso una valigia marrone con una striscia bianca sopra? (nel frattempo, Joe cerca di nascondere la valigia di Bienstock) Era la mia valigia! Con tutti i miei abiti estivi!

JOE - (donna) No, affatto.

BIENSTOCK - Non capisco. Prima mi spariscono gli occhiali… adesso la valigia… Ci dev’essere un ladruncolo in giro! (esce, mentre sta entrando Zucchero)

ZUCCHERO - Noi andiamo in spiaggia a fare il bagno. Venite anche voi?

JERRY - Un bagno? Certamente!

JOE - Un momento Daphne. Tu non hai un costume da bagno!

ZUCCHERO - Non fa niente, non ce l’ho nemmeno io!

JERRY - Vedi? Non ce l’ha nemmeno lei! (si rende conto della cosa. A Zucchero) Non ce l’hai?!

ZUCCHERO - Li noleggeremo allo stabilimento! Tu vieni Josephine?

JOE - No, io resterò qui a fare una doccia calda.

ZUCCHERO - Con una giornata così? Io mi rifiuto!

JERRY - Lasciamola bollire! Andiamo! (Appena escono, Joe apre la valigia di Bienstock e tira fuori dei vestiti)

SCENA 20 - Spiaggia

Jerry, Zucchero, tutte le ragazze, Joe

Cambio scena: si portano fuori letti e doccia e le ragazze, mentre fanno la coreografia, si tolgono i vestiti, avendo già sotto il costume noleggiato, e montano la scenografia da spiaggia, ombrelloni, sdraio, ecc. Porteranno fuori tutto loro tranne la sdraio di Joe.

Canzone e Coreografia: A qualcuno piace caldo - reprise (tutte le ragazze)

Finita la canzone, le ragazze e Jerry stanno giocando a palla. Durante le seguenti battute, entra Joe coi vestiti di Bienstock e si siede su una sdraio.

ZUCCHERO - C’è una cosa che proprio ti invidio, sai Daphne?

JERRY - Ah, sì? Cosa?

ZUCCHERO - Hai il petto così piatto! I vestiti ti stanno molto meglio che a me! (Zucchero lancia la palla a Jerry che, distratto per la battuta, non la prende. La palla va verso Joe)

ZUCCHERO - Vado io! (Mentre va a recuperare la palla, Joe le fa lo sgambetto e Zucchero cade)

SCENA 21 - Spiaggia

Joe, Zucchero, Jerry

JOE - (voce sofisticata) Oh! Mi dispiace tanto! Non si sarà mica fatta male, no?

ZUCCHERO - No, credo di no!

JOE - Sa, vorrei esserne sicuro! Di solito quando la gente scopre chi sono si procura una sedia a rotelle, un avvocaticchio e mi fa causa per un milione di dollari.

ZUCCHERO - Oh! Io non le farò causa, gliel’assicuro, chiunque lei sia!

JOE - Grazie! (si risiede)

ZUCCHERO - Ma… chi è lei?

JOE - Andiamo, via!

RAGAZZE - Zucchero! Vieni! Insomma!

JOE - Arrivederci! (Zucchero fa per andare verso le ragazze, poi ci ripensa e lancia la palla a Jerry. Si rivolge di nuovo a Joe. Durante il seguente dialogo, le ragazze, giocando a palla, si spostano piano piano fuori dalle quinte)

ZUCCHERO - Senta… non l’ho già vista da qualche parte? Il suo viso mi sembra noto!

JOE - È possibile che l’abbia visto sui giornali o sulle riviste, cronache mondane…

ZUCCHERO - Già, sarà così…

JOE - Le dispiacerebbe togliersi da lì? Mi blocca la visuale!

ZUCCHERO - (si sposta) La visuale di cosa?

JOE - Issano la bandiera bianca e rossa sullo yacht quando è pronto l’aperitivo!

ZUCCHERO - Lei ha uno yacht???… Dica: chi è che issa la bandiera, sua moglie?

JOE - No, il mio segnalatore.

ZUCCHERO - Ah… e chi è che prepara gli aperitivi, sua moglie?

JOE - No, il mio barman. Senta, se le interessa sapere se sono sposato…

ZUCCHERO - Oh, non mi interessa affatto!

JOE - …non lo sono!

ZUCCHERO - Molto interessante! (Joe riprende a leggere il giornale) Come va la borsa?

JOE - Su, su, su…

ZUCCHERO - Scommetto che mentre parlavamo lei ha guadagnato 100.000 dollari!

JOE - È probabile. Lei si occupa di borsa?

ZUCCHERO - No, di ukulele. Canto anche. Siamo un gruppo di ragazze… suoniamo all’albergo. “Susie e le sue dame del ritmo”.

JOE - Dame del ritmo… vuol dire che suonate quella musica moderna… il jazz?

ZUCCHERO - Sì, jazz caldo.

JOE - Oh. Beh, a qualcuno piace caldo! Ma, personalmente, io preferisco la musica classica!

ZUCCHERO - Beh anch’io! Cosa fa questa sera?

JOE - Questa sera?

ZUCCHERO - Potrebbe venire a sentirci suonare!

JOE - Mi piacerebbe, ma… temo sia impossibile. Vede, io vengo a terra solo due volte al giorno, con la bassa marea. (nota un secchiello con le conchiglie) È per via di queste conchiglie. Sono il mio hobby.

ZUCCHERO - Fa collezione di conchiglie?

JOE - Sì, come fecero mio nonno e mio padre prima di me. Noi abbiamo una passione per le conchiglie. Questo spiega il marchio della nostra benzina… (fa vedere una conchiglia)

ZUCCHERO - Lei è il signor Shell?

JOE - La prego, niente nomi… mi chiami solo Junior.

JERRY - (li interrompe per chiamare Zucchero) Zucchero! È ora di cambiarsi per la cena!

ZUCCHERO - Vai avanti, Daphne! Ti raggiungerò più tardi!

JERRY - Va bene! (si rende conto che Zucchero sta parlando con Joe e si volta a fissarlo) No!

JOE - Cosa c’è signorina? Perché mi guarda così?

JERRY - Tu… tu…

ZUCCHERO - L’ho riconosciuto anch’io. La sua fotografia è su tutte le riviste…

JERRY - Riviste?

JOE - Le dispiace spostarsi un po’?

ZUCCHERO - Sì, gli togli la visuale. Sta aspettando un segnale dal suo yacht.

JERRY - Il suo yacht?!

ZUCCHERO - Siiii! Questa è la mia amica Daphne, suona il contrabbasso

JOE - (alzandosi, va verso Jerry) Ho sentito una storia triste su una ragazza che suonava il contrabbasso. Fece la spia alla sua compagna di stanza e fu trovata strangolata col suo stesso reggiseno.

JERRY - Eh, già. Bisogna stare attenti nella scelta delle amicizie!

ZUCCHERO - Credo sia meglio andare!

JOE - È stato un piacere conoscere tutte e due.

ZUCCHERO - Verrà a sentirci suonare?

JOE - Se mi sarà possibile.

JERRY - Su venga! Ci faremo quattro risate! E porti il suo yacht.

ZUCCHERO - Andiamo Daphne! (Jerry e Zucchero vanno avanti, mentre Joe prende il monopattino e scappa) Giù le mani, Daphne, l’ho visto prima io!

JERRY - Zucchero, lascia che ti dia un consiglio: se io fossi una ragazza… e lo sono… starei attenta a non caderci.

ZUCCHERO - Se non fossi caduta non l’avrei conosciuto! Non vedo l’ora di dirlo a Josephine!

JERRY - (si illumina) Già! Josephine! Chissà che faccia farà. Dai, corriamo andiamo a dirglielo!

ZUCCHERO - Non c’è bisogno di correre!

JERRY - Sì invece!

SCENA 22 - Stanza 413

Joe, Jerry, Zucchero, Dolores, Osgood fuori campo

Cambio scena: dentro letti e doccia con Joe. Jerry e Zucchero entrano col fiatone.

JERRY - Josephine! Dove sei?

ZUCCHERO - Sarà andata a fare spese…

JERRY - Sì, sono sicura che tra un secondo entrerà con un vestito nuovo! (Si sente canticchiare dalla doccia. È Joe)

ZUCCHERO - Josephine!

JOE - (tira fuori solo la testa con parrucca. Jerry è sbalordito) Non vi avevo sentito entrare… vi siete divertite ragazze?

ZUCCHERO - Oh, Josephine… è successa una cosa fantastica! Indovina!

JERRY - Dai… se fai uno sforzo ci arrivi!

ZUCCHERO - Ne ho incontrato uno! Junior, della Shell! Ha i milioni, ha gli occhiali e ha uno yacht!

JERRY - (nota il monopattino) Non solo ha lo yacht, ha anche un monopattino!

JOE - Daphne! (a Zucchero) Continua! Dimmi tutto di lui!

ZUCCHERO - Beh, è giovane, è bello, è scapolo, è un vero gentiluomo. Non il solito mandrillo! Comunque stasera lo conoscerai. Ha detto che verrà a sentirci suonare, forse.

JERRY - Ah… ma come forse? Verrà sicuramente! Ho visto, sai, il modo in cui ti guardava! Ci verrà di sicuro!

ZUCCHERO - Lo spero! (Entra Dolores)

DOLORES - Ehi, Zucchero sei qui? Hai tu le chiavi? Sono rimasta chiusa fuori e sto allagando il corridoio!

ZUCCHERO - Ci vediamo dopo ragazze!

JERRY - (accompagna le due ragazze alla porta. Mentre è voltato, con voce da uomo) Ma mi dici dove l’hai preso quell’accento fasullo? Non c’è nessuno che parla così! Te ne ho visti fare di brutti scherzi alle donne, ma questo è il più lurido, il più basso, il più… (si interrompe perché girandosi vede Joe uscire dalla doccia, completamente vestito da uomo a parte la parrucca. Ha un’aria minacciosa) Non credere di farmi paura! Quando mi arrabbio io divento una tigre… (indietreggia) Dai non guardarmi in quel modo, Joe. Va bene, d’accordo… te lo stiro io il vestito, ok? (gli prende la giacca. Suona il telefono)

JOE - (uomo) Pronto? (donna) Pronto?… Sì qui è la 413… Da nave a terra?… Va bene, me lo passi!

OSGOOD - (fuori scena) Pronto, Daphne? Sono ancora quel cattivone, ricorda?

JOE - Chi?… Osgood? Ah… Nella hall… Le ha dato uno schiaffo?! Ah, sì?… No, non sono Daphne sono una sua amica, Daphne è occupata adesso. È una cosa urgente?… Certo, mi dica… Ricevuto. Cenetta, yacht, spettacolo… (si illumina) Quale yacht?… Ah, il Nuovo Caledonia, bene… (stupito) Soltanto voi due? E dov’è l’equipaggio?… Ho capito, li ha mandati in permesso… E secondo la capitaneria di porto ci sarà la luna piena? Bene!… Sì, glielo dirò, stia tranquillo… Fagiano freddo e champagne! Lei è un mago, Daphne andrà in brodo di giuggiole!

JERRY - Io in brodo di giuggiole? Ma chi è?

JOE - Sssh! Sì signor Fielding, (pausa) verrà a prenderla con il motoscafo dopo lo spettacolo. Arrivederla!… Cosa ha detto?… Ah! Capperi!… Le darò il messaggio. Arrivederci!

JERRY - Che messaggio, che motoscafo?!

JOE - (uomo) Hai fatto colpo! Fielding ti vuole a cena con lui sul suo yacht. Solo voi due su quell’enorme barcone!

JERRY - Può scordarselo! Richiamalo e digli che non ci vado.

Joe. Si capisce che non ci vai. Ci vado io!

JERRY - Vuoi andare sullo yacht con quel vecchio pomicione?

JOE - No, voglio andarci con Zucchero. Mentre lui resterà a terra con te!

JERRY - Oh no, stasera no, Josephine! E poi… non ti rendi conto di quello che stai facendo a Zucchero?

JOE - Ma guarda che io lo faccio per lei! Voglio fare qualcosa per lei. Oh!

JERRY - Sì, certo, come no!

Canzone: Le farò un regalo (Jerry e Joe)

SCENA 23 - Albergo

Jerry, Joe, Zucchero, tutte le ragazze, Susie, ragazzo, Osgood

Cambio scena: via la stanza e dentro ragazze con strumenti e leggii che si portano loro. Il ragazzo porta dentro qualche tavolo e sedia. Le altre ragazze potrebbero fare delle comparse, tipo cameriere, signore ai tavoli, ecc.

Canzone e Coreografia: Io voglio che mi ami tu (Zucchero, Le Dame Del Ritmo e comparse)

JOE - (cerca il miliardario. Osgood è fra il pubblico e sulla musica della canzone c’è il dialogo) Daphne, il tuo pretendente ti fa segno!

JERRY - Andate tutti e due a buttarvi a mare!

JERRY - Ma ceni con lui stasera! Sorridigli, coraggio, un bel sorriso, mostragli tutta la dentiera (Jerry fa un sorriso enorme. Arriva il ragazzo con i fiori)

RAGAZZO - Ehi bambole, chi di voi è Daphne?

JOE - Contrabbasso!

RAGAZZO - Lo manda boccuccia di rosa, tavolo sette. (Jerry sorride a Osgood e viceversa. Il ragazzo toglie un fiore per Joe) E questo è per te, cocca!

JOE - Levati dai piedi!

RAGAZZO - Lascia pure chiusa la porta, ho il passe-partout! (stesso gesto con il farfallino. Zucchero ricomincia a cantare. Mentre canta, Joe fa scambio: prende i fiori di Jerry e mette un bigliettino diverso)

JERRY - Che diavolo fai coi miei fiori?

JOE - Li prendo in prestito, te li restituisco domani. (ne prende uno e lo dà a Jerry. Zucchero finisce di cantare. Entra Susie, continuano a suonare)

ZUCCHERO - (si avvicina a Joe e Jerry) Credo che ormai non verrà più, è già l’una meno cinque… se ne sarà dimenticato?

JOE - Beh, sai come sono questi milionari… Questi sono per te. (le dà i fiori)

ZUCCHERO - Oh, per me?! (guarda il biglietto) Oh, è la Shell! Mi chiede di cenare con lui sul suo yacht. Mi verrà a prendere al molo. Oh Josephine, pensa un po’! Io Zucchero Kandinskji di Sandusky, Ohio, sullo yacht di un milionario… se mia madre potesse vedermi ora! (Osgood saluta Daphne)

JERRY - Se la mia povera mamma vedesse me!

SUSIE - Beh, è tutto per questa sera amici, qui è Susie che vi augura la buonanotte. Ricordo a tutti i nonnetti in sala che ognuna delle mie ragazze è una virtuosa e che intendo mantenerle tali!

ZUCCHERO - Via, via! (esce in fretta. Appena Zucchero è uscita, se ne va anche Joe. Mentre le altre ragazze finiscono di cantare e sbaraccano la scenografia, Joe e Zucchero, fuori scena, si preparano per uscire. Joe tiene gli orecchini, poi col monopattino attraversa il palco, e incrocia Jerry e Osgood. Osgood e Jerry stanno parlando, Jerry ha in mano un fiore)

SCENA 24 - Molo

Osgood, Jerry, Joe

OSGOOD - Oh, ma è un tale spreco! La luna piena, lo yacht vuoto…

JERRY - Soffro il mare.

OSGOOD - Allora andiamo a ballare, c’è un localino delizioso lungo la costa! C’è un’orchestra cubana formidabile… Andiamoci, bendiamo i suonatori e balliamo il tango fino all’alba! (Escono. Entra Joe col monopattino e aspetta Zucchero. Entra immediatamente anche Zucchero. Si ferma un po’ lontano)

JOE - Ehilà! (si accorge degli orecchini e se li toglie subito prima che arrivi Zucchero)

ZUCCHERO - Aspetta da molto?

JOE - Non importa quanto si aspetta ma chi si aspetta.

ZUCCHERO - Grazie per i fiori.

JOE - Volevo far venire in aereo delle orchidee dalla nostra serra ma sfortunatamente Long Island è in mezzo alla nebbia.

ZUCCHERO - È il pensiero che conta!

JOE - Beh, vogliamo andare? Sa… stasera il tempo non è dei migliori… potremmo metterci un po’ di più ad arrivare allo yacht.

ZUCCHERO - Non importa quando si arriva ma con chi si arriva!

SCENA 25 - Yacht

Joe, Zucchero

Buio, la scena si divide in due: metà palco per Zucchero e Joe e metà palco per Jerry e Osgood.

JOE - Eccoci qui…

ZUCCHERO - Oh, è delizioso, sembra un castello galleggiante!

JOE - È passabile per uno scapolo. Champagne?

ZUCCHERO - Lo accetto volentieri.

JOE - Vento in poppa, come dicono i marinai!

ZUCCHERO - Bon voyage! (beve) Dov’è la collezione di conchiglie?

JOE - Oh sì, certo, dunque, vediamo, dove posso averla messa… Vede, il giovedì io mi sento sperduto qui dentro. Sa… l’equipaggio è in permesso.

ZUCCHERO - Vuol dire che siamo soli a bordo?

JOE - Assolutamente!

ZUCCHERO - Sa, non sono mai stata completamente sola con un uomo nel mezzo della notte nel mezzo dell’oceano… ci sono uomini che cercherebbero di approfittare di una situazione come questa.

JOE - Oh… è perfettamente al sicuro, è che io, ehm… sono innocuo.

ZUCCHERO - Innocuo? E cioè?

JOE - Non so come esprimermi, ma… mi capita sempre con le ragazze… beh, mi lasciano del tutto freddo.

ZUCCHERO - Insomma è frigido?

JOE - È più una specie di blocco mentale, il fatto di essere solo con una donna non mi fa il minimo effetto.

ZUCCHERO - Vuol dire che non può innamorarsi?

JOE - No, non più, mi innamorai una volta ma preferisco non parlarne. Gradisce del fagiano freddo?

ZUCCHERO - Che le capitò?

JOE - Beh, ero al primo anno di università, c’era questa ragazza, si chiamava Nellie, suo padre era il vicepresidente della Hupmobile. Portava gli occhiali anche lei. Quell’estate passammo le nostre vacanze al Grand Canyon, eravamo sulle rocce più alte a guardare il tramonto. All’improvviso ci venne l’impulso di baciarci. Io mi tolsi gli occhiali, lei si tolse gli occhiali, io feci un passo verso di lei, lei fece un passo verso di me e…

ZUCCHERO - Oh no!

JOE - Sì! Otto ore dopo la riportarono su a dorso di mulo. Facemmo tre trasfusioni, avevamo lo stesso sangue, tipo O, ma era troppo tardi. Da allora in poi non provo più niente, come se il mio cuore fosse pieno di novocaina.

ZUCCHERO - Oh. È terribile davvero! Non c’è proprio speranza?

JOE - La mia famiglia ha fatto tutto il possibile, ha assunto le più belle cameriere parigine, mi ha preso un istitutore perché mi leggesse tutti i libri proibiti dalla censura, ha importato una compagnia di danzatrici di Bali, sa, quelle con i campanellini alle caviglie, le unghie lunghe… che spreco di denaro! (Pausa)

ZUCCHERO - Ha mai provato con le Americane?

JOE - Perché? (si baciano)

ZUCCHERO - Non ha sentito niente?

JOE - (scuote la testa) Grazie lo stesso. (mangia)

ZUCCHERO - Dovrebbe andare da un dottore, da un buon dottore!

JOE - Ma ci sono stato! Ho passato sei mesi a Vienna col professor Freud sdraiato sulla schiena. Poi alla clinica Mayo, iniezioni, ipnosi, bagni minerali… se non fossi tanto vigliacco mi ucciderei!

ZUCCHERO - Non dica così! Ci sarà una ragazza da qualche parte che può…

JOE - Se trovassi una ragazza che ci riuscisse la sposerei in quattro e quattro otto!

ZUCCHERO - Io non sarò il dottor Freud o la clinica Mayo ma… mi fa provare un’altra volta?

JOE - E va bene, se insiste… (si baciano)

ZUCCHERO - Niente neanche adesso?

JOE - Temo proprio di no, mi dispiace per lei.

ZUCCHERO - Vuole un altro po’ di champagne? Se facessimo un po’ di musica?… Come si fa ad abbassare le luci? (cerca l’interruttore nella cabina)

JOE - Senta, lei è veramente gentile a volermi aiutare ma è tutto inutile! Credo che l’interruttore sia là a destra. (Zucchero abbassa le luci)

Canzone: Un qualcosina in più (Zucchero e Joe, Osgood e Jerry)

Durante la canzone, le luci sono alternate: mezzo palco per Joe e Zucchero, mezzo palco per Osgood e Jerry. Al termine della canzone, buio completo su Joe e Zucchero, che escono. Luce piena su Osgood e Jerry che stanno ballando un tango.

SCENA 26 - Locale tango

Osgood, Jerry, suonatori mascherati.

Canzone e Coreografia: La cumparsita (Osgood e Jerry)

SCENA 27 - Camera 413

Jerry, Joe, Zucchero

Buio. Cambio scena: stanza con letti e doccia. Jerry, sul letto con le maracas, canticchia il tango. Il seguente dialogo tra Joe e Jerry, fino all’entrata di Zucchero è, ovviamente, con voci da uomo.

JOE - Ah, ciao Jerry, è andato tutto bene?

JERRY - Sono fidanzato! Osgood mi ha chiesto la mano, pensiamo di sposarci a giugno! (canta)

JOE - Ma sei diventato pazzo? Non puoi sposare Osgood!

JERRY - E perché no? Si è già sposato sette o otto volte! (canta)

JOE - Ma tu sei un uomo! Perché un uomo vorrebbe sposare un altro uomo?

JERRY - Ma per sistemarsi! (canta)

JOE - Jerry, è meglio che ti sdrai, tu non stai bene! Hai pensato alla luna di miele?

JERRY - Oh sì, ne abbiamo già discusso, lui vuole andare in riviera ma io insisto per le cascate del Niagara! (Canta)

JOE - Jerry! Ma sei matto da legare! Ma come speri di farla franca?

JERRY - Ma non mi aspetto che duri, Joe! Gli dirò la verità quando verrà il momento.

JOE - E cioè?

JERRY - Subito dopo la cerimonia Così otteniamo l’annullamento, lui mi dà una bella sistemazione e io mi becco gli alimenti ogni mesetto (canta)

JOE - Jerry, Jerry, ascoltami, ci sono le leggi, le convenzioni, sono cose che non si fanno!

JERRY - Joe, forse è l’ultima occasione che ho di sposare un milionario!

JOE - Senti Jerry, vuoi starmi a sentire? Scordati questa storia, eh?! Devi ripetere a te stesso: sono un uomo, sono un uomo!

JERRY - Sono un uomo, sono un uomo… Oh! Vorrei essere morto! Sono un uomo, sono un uomo! Oh, che scarogna! E ora che ne faccio del regalo di fidanzamento? (prende il braccialetto) Osgood mi ha regalato un braccialetto. (lo fa vedere a Joe)

JOE - Ehi, sono diamanti veri!

Jerry. Certo che sono veri, credi che il mio fidanzato sia un disgraziato? Ora dovrò restituirglielo!

JOE - Un momento, non precipitiamo, non è mica il caso di offenderlo, vero? (Zucchero bussa. Da questo momento Joe e Jerry parlano con voci da donna)

JOE - Un momento! (si mette la parrucca e si infila sotto le coperte)

ZUCCHERO - (da fuori) Sono io, Zucchero!

JOE - (quando è pronto) Avanti!

ZUCCHERO - Ho visto la luce accesa, dovevo parlare con qualcuno, non ho voglia di andare a dormire!

JOE - Ti sei divertita?

ZUCCHERO - Ah, è stato tremendamente bello!

JOE - Come avrei voluto esserci!

ZUCCHERO - E lo vedrò ancora stasera e ogni sera. Credo che mi chiederà di sposarlo appena ne avrà il coraggio!

JERRY - Un bel coraggio!

JOE - Daphne ha avuto una proposta stasera!

ZUCCHERO - Davvero?

JERRY - Da un milionario ricco!

ZUCCHERO - Ma è meraviglioso! Oh, povera Josephine!

JOE - Perché?

ZUCCHERO - Daphne ha il suo bello, io ho il mio, se potessimo trovare qualcuno per te… (Entra ragazzo)

RAGAZZO - Eccomi, cocca! (stesso gesto con il farfallino)

SCENA 28 - Albergo

Ghette e gangsters

Cambio scena. Buio. Fuori stanza.

Canzone e Coreografia: Canzone dei gangster - reprise (Ghette e mafiosi)

MAFIOSO 1 - Ehi: (legge) “Decimo congresso degli amici dell’opera italiana.” Siamo noi! Vero capo?

GHETTE - Già!

MAFIOSO 2 - Dov’è che ci dobbiamo registrare?

GHETTE - Non lo so se ci dobbiamo registrare… non credo che gli altri “delegati” ci aspettino…

MAFIOSO 3 - E perché, capo? Anche a noi piace… l’opera italiana. (risatina d’intesa)

GHETTE - Già, ma credo che tutti quanti avrebbero scommesso la testa che non saremmo venuti. Probabilmente ci credono ancora in lutto per la morte di quel traditore di Charlie Stecchino! (Risata di tutti i gangster)

MAFIOSO 1 - Tutti dobbiamo andarcene prima o poi.

GHETTE - (minaccioso) Bisogna stare attenti: chi sarà il prossimo? Ragazze… spero abbiate portato tutto! Non vi sarete scordate qualcosa di importante, vero?

MAFIOSO 3 - Tranquillo, capo. (tira fuori una rivoltella dal fondo dei pantaloni) Non ci saremmo mai dimenticate il secchiello per giocare.

GHETTE - Ragazze… prima che facciate passi falsi, ripassiamo bene la lezione. Che cosa rispondete se qualcuno vi chiede dov’eravamo alle tre il giorno di San Valentino?

MAFIOSO 2 - Eravamo con te, al Rigoletto!

GHETTE - Brava!

MAFIOSO 3 - Capo, che mi dici della lavanderia De Luxe?

GHETTE - Perché?

MAFIOSO 3 - Il giorno dopo la sparatoria ci hai mandato un paio di Ghette sporche di sangue.

GHETTE - Mi sono tagliato radendomi.

MAFIOSO 1 - Ti radi con le Ghette?

GHETTE - Io ci dormo con le Ghette! Dovresti saperlo!

MAFIOSO 1 - Sì, scusa, capo!

MAFIOSO 3 - In ogni caso… capo, lo sanno tutti che sei stato tu a sgonfiare le gomme al povero Charlie!

GHETTE - Tutti chi?

MAFIOSO 3 - Beh… almeno… quei due testimoni che abbiamo cercato per tutta Chicago!

GHETTE - E che non avete trovato…

MAFIOSO 1 - Sono spariti, capo, volatilizzati nel nulla!

GHETTE - Siete voi che siete degli imbecilli! Se non li trovate appena torniamo, sarò io a farvi volatilizzare! Mi sono spiegato?

MAFIOSO 2 - Stai tranquillo Ghette, vedrai che un giorno salteranno fuori quei due tipi.

GHETTE - Certo che salteranno fuori… dalla tomba! (Continuano a parlare sottovoce durante il dialogo che segue tra Jerry e Joe)

SCENA 29 - Albergo

Joe, Jerry, Ghette e mafiosi, Bienstock

JERRY - (uomo) Mi sento proprio una donnaccia ad accettare con l’inganno dei gioielli da un uomo! Gli si spezzerà il cuore quando scoprirà che non posso sposarlo! (toglie rossetto e specchietto dalla borsa)

JOE - Anche a Zucchero quando scoprirà che non sono un milionario. Che vuoi farci, per salvare la pelle bisogna sacrificare qualcosa.

JERRY - Sì, però mi sacrifico sempre io!

JOE - Gnè gnè gnè! Senti, abbiamo lo yacht, abbiamo il braccialetto, tu hai Osgood io ho Zucchero, siamo a cavallo… (Nello specchietto, Jerry vede i gangster)

JERRY - Fai finta di niente, ma siamo caduti da cavallo! (Joe si gira e vede Ghette)

JOE - Vieni Daphne! (Stanno per andarsene, quando Ghette le vede e cerca di abbordarle)

GHETTE - Ferma! (si toglie il cappello) Non vorrei essere sfacciato, ma ci conosciamo già bambolone?

JOE - Ci scambierà con altre bambolone.

GHETTE - Siete mai state a Chicago?

JERRY - Noi? Non ci andremmo neanche morte a Chicago! (Joe e Jerry si allontanano verso il proscenio, mentre Ghette e mafiosi si siedono ad un tavolino per assistere al concerto delle ragazze che nel frattempo stanno montando la scena)

JERRY - Joe, cercano noi. Ci metteranno contro un muro e… TATATATATATATA! Troveranno due donne morte, ci porteranno all’obitorio femminile e quando ci spoglieranno io morirò dalla vergogna!

BIENSTOCK - (entrando) Ehi, voi due! Vi volete muovere? Stiamo per cominciare, aspettano solo voi!

JERRY - (a voce bassa) Joe… che facciamo?

JOE - (c.s) Sta’ zitto! Fa’ finta di niente! (a voce alta) Eccoci!

SCENA 30 - Albergo

Jerry, Joe, Susie, Zucchero, tutte le ragazze, Ghette e mafiosi.

Canzone e Coreografia: Quando vedi un uomo a Chicago (Susie e ragazze con strumenti)

Finita la canzone, Ghette e i mafiosi applaudono. Joe e Jerry decidono che è il momento di scappare: lasciano gli strumenti e, con finta nonchalance, passano velocemente davanti al tavolo di Ghette.

GHETTE - Guardate! Le due bambole di prima! Ehi, accomodatevi! (Joe e Jerry scappano)

MAFIOSO 3 - Ma che hanno quelle due donne?!

GHETTE - Forse non sono donne! Stesse facce, (va verso il palco) stessi strumenti, (apre il contrabbasso) e qui c’è ancora la tua firma!

MAFIOSO 1 - I due musicisti del garage?

GHETTE - Neanche morti vogliono andare a Chicago? E noi li finiremo qui! Venite! (Comincia l’inseguimento: Jerry, Joe, Ghette e mafiosi che vanno da una parte all’altra del palco. Ogni tanto, a caso, salta fuori uno, o più di uno, sul monopattino. Musica di sottofondo. Alla fine buio secco e cambio scena: entrano i letti e la doccia)

SCENA 31 - Camera 413

Jerry, Joe, Zucchero, mafiosi 1 e 2 (fuori scena), Ghette e mafiosi per inseguimento finale.

Entrano Joe e Jerry stremati per la corsa.

JOE - Muoviti! Fa’ le valigie! (Cominciano a fare le valigie e buttano tutto a casaccio)

JERRY - (prende le maracas e canticchia, poi le mette in valigia) Non troverò mai più un uomo così gentile con me! (guarda il braccialetto e i fiori di Osgood) Allora, dimenticato niente?

JOE - Zucchero! Non posso mollarla così, senza neanche dirle addio!

JERRY - Le manderai una cartolina, quei gorilla possono arrivare da un momento all’altro!

JOE - (va verso il telefono) Stanza 414?… Centralino da nave a terra!… Pronto, mio tesoro adorato, sono lieto di sentire la tua voce!

JERRY - Mi fai vomitare! (esce verso il bagno)

Joe. No, non ho dormito troppo bene tesoro, per la verità non ho chiuso occhio… Ah, capisco, mi fa piacere che tu invece abbia dormito bene… Sì, per l’appuntamento di stasera volevo… No, ecco… purtroppo non posso stasera… né domani. Cara vedi, devo partire, è successo qualcosa di inaspettato e devo salpare… per il Sud America. Abbiamo dei grossi interessi in Venezuela, ho avuto un telegramma da papà e il consiglio di amministrazione ha deciso una fusione…. Già, starò via un bel po’… Per essere esatti non tornerò affatto… Non fare così… Sai, è un po’ complicato, è quella che chiamano “alta finanza”. Il fatto è che il presidente del sindacato petrolifero ha una figlia e allora io… Beh, sì!… Se è bella? Non lo so… Secondo il nostro consigliere fiscale è… così così, ma è questa la via del petrolio, sai, un uomo della mia posizione ha una certa responsabilità nei confronti degli azionisti, tutta quella povera piccola gente che ha investito tutti i propri risparmi, capisci?… Ne ero sicuro. Vorrei solo poter fare qualcosa per te. (gli viene un’idea: mentre parla apre la scatola delle orchidee e infila il braccialetto, poi la lancia fuori scena, davanti alla camera di Zucchero) A proposito, hai ricevuto i miei fiori?… Sai, le orchidee della mia serra… Come no? Sei sicura?… Sì, la nebbia si è diradata a Long Island e le hanno mandate giù in aereo stamane… Strano, le ho mandate in camera, avrebbero già dovuto consegnartele. Controlla davanti alla porta… Ci sono? Bene. Ti piacciono?… Cosa? Ah, quello è solo un regalino di addio… Beh, dovevo pur ringraziarti per quello che hai fatto per me! (vede Jerry che rientra) Oh, è entrato l’ufficiale di rotta, siamo pronti a salpare. Addio mia cara!

JERRY - Puah! Non so le intenzioni del capitano ma l’ufficiale di rotta prende il largo. Un momento… il mio braccialetto. (prende la scatola del braccialetto ma la sente leggera) Che ne è del mio braccialetto?

JOE - Ne abbiamo fatto l’uso migliore.

JERRY - Ma dì, sei impazzito? L’albergo brulica di gangster, la carestia è alle porte e tu ti comporti come il re del petrolio! Ci serviva il braccialetto! Ma come faremo ad andarcene via? E come mangeremo?

JOE - Andremo a piedi e se occorre faremo la fame. (Prendono le valigie e stanno per uscire dalla porta, quando sentono le voci di due mafiosi)

MAFIOSO 1 - (fuori scena) Ci sono scivolati tra le mani!

MAFIOSO 2 - (fuori scena) Non preoccuparti. I nostri sorvegliano le stazioni, le strade, gli aeroporti, non possono scappare! (Jerry e Joe chiudono di scatto la porta)

JERRY - Hai sentito?

JOE - Sì… (idea) Ma non sorvegliano gli yacht! Vieni a telefonare a Osgood e digli che scappi con lui!

JERRY - Scappare? Ma ci sono le convenzioni, le leggi…

JOE - Ma ci sono anche quei fuorilegge e l’obitorio femminile! (Jerry va di corsa al telefono, ma si blocca con la cornetta in mano perché entra Zucchero)

ZUCCHERO - Dove l’hai quel whisky?

JOE - Che ti è successo Zucchero?

ZUCCHERO - Non lo so, tutto ad un tratto mi è venuta sete. (beve dalla bottiglia) Junior… va in Sud America a sposare un’altra donna. È quella che chiamano alta finanza.

JERRY - È quella che chiamano una carognata! Zucchero, se fossi in te…

JOE - Daphne! (Jerry mima la telefonata con Osgood, mentre Joe e Zucchero parlano)

JERRY - Pronto? Osgood? Ciao caro, sono Daphne…

ZUCCHERO - Era la prima persona gentile che avessi incontrato, il solo che mi abbia dato qualcosa.

JOE - Lo dimenticherai, Zucchero.

ZUCCHERO - E come faccio? Dovunque vada c’è un distributore Shell ad ogni cantone!

Canzone: Non amerò mai più (Zucchero)

Durante la Canzone, Jerry finisce di telefonare e si accorge del braccialetto che Joe ha regalato a Zucchero. Al termine della canzone:

JOE - (con voce da uomo) Non piangere Zucchero, non c’è uomo che lo meriti! (la bacia)

ZUCCHERO - Oh! Josephine! (rimane completamente intontita fino alla scena dopo)

JERRY - (uomo) Scusate se interrompo. Tutto sistemato! Osgood ci aspetta al molo.

JOE - Non ci siamo ancora al molo! Addio, Zucchero! (Altro inseguimento come prima, magari più breve. Joe e Jerry arrivano da Osgood)

SCENA FINALE - Molo

Joe, Jerry, Osgood, Zucchero

JERRY - Salve! Questa è la mia amica Josephine, ci farà da damigella d’onore.

OSGOOD - Piacere di conoscerla. (Jerry lo trascina via) Com’è impaziente! (Nel frattempo arriva Zucchero in monopattino)

ZUCCHERO - Aspettate, ci sono anch’io!

JOE - Zucchero, che ci fai qui?!

ZUCCHERO - Te l’ho detto che non sono intelligente!

JERRY - Andiamo!

JOE - Non sono fatto per te Zucchero, sono un bugiardo e un fasullo, sono un sassofonista, una di quelle canaglie da cui volevi fuggire.

ZUCCHERO - Lo so, ma non me ne importa niente!

JOE - Zucchero, fammi questo favore, ritorna dove ci sono i milionari, niente più ciliegie col verme né cavoli freddi in faccia, calzini vecchi o tubo del dentifricio schiacciato…

ZUCCHERO - Coraggio, metticela tutta a convincermi! (Si baciano)

OSGOOD - Ho telefonato a mammà, ha pianto dalla felicità. Ti darà il suo vestito da sposa, è di merletto bianco.

JERRY - Non posso sposarmi con l’abito di tua madre. Vedi, io e lei non siamo fatte allo stesso modo.

OSGOOD - Qualche colpo di forbice…

JERRY - Ah no, te lo scordi! Osgood, voglio essere leale conte, non possiamo sposarci affatto! In primo luogo non sono una bionda naturale!

OSGOOD - Non mi importa!

JERRY - E fumo, fumo come un turco!

OSGOOD - Non mi interessa!

JERRY - Ho un passato burrascoso, per più di tre anni ho vissuto con un sassofonista!

OSGOOD - Ti perdono!

JERRY - Non potrò avere bambini… (commosso)

OSGOOD - Ne adotteremo un po’.

JERRY - (uomo) Ma non capisci niente! (si toglie la parrucca) Sono un uomo!

OSGOOD - Beh, nessuno è perfetto!

Canzone e Coreografia: A qualcuno piace caldo - finale (tutti)

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 7 volte nell' ultima settimana
  • 8 volte nell' ultimo mese
  • 47 volte nell' arco di un'anno