A’ ricchezza da’ povertà

Stampa questo copione

A’ RICCHEZZA DA’ POVERTA’

A’ RICCHEZZA DA’ POVERTA’

di

Raffaele Caianiello        

PERSONAGGI: DON ACHILLE                            padrone di casa

                            DONNASOFIA                             moglie

                            CATERINA                                   figlia

                            VITO                                              fidanzato 

                            TATUCCIO                                    cameriere

                            MARIUCCIA                                sorella di Achille

                            ERNESTO                                      zio di Achille

                            CONCETTA                                   madre di Vito

                            GENNARO                                    padre di Vito

                            CESARE                                        ragioniere

                            MICHELINO                                 spasimante       

                            DON PASQUALE                         padre di Michelino

                            ROSINA                                         madre di Michelino

                            MARIA                                          sorella di Vito

I° ATTO

SCENA 1^

LA SCENA SI SVOLGE IN UN SALONE BEN ARREDATO DI UNA CASA PATRIZIA , UNA PORTA IN FONDO , UNA LATERALE ED UNA FINESTRA,Tatuccio cameriere di casa entra con il vassoio della colazione.

TATUCCIO: Ecco quà e sperammo  ca stammatina accuminciamme buone, dunque biscotte ,cafe ‘ e latte,ce stà tutte cose ..ah mo me scurdave o zucchero, (Entra dentro e và a prenderlo)

ACHILLE: ( aggiustandosi la cravatta si avvicina al tavolo e dà una guardata) al solito ci manca sempre qualcosa ,Tatuccio,Tatuccio!

TATUCCIO:  ( con lazzi) ecchime qua Don Achì,  o zuccariello è pronto

ACHILLE: eh ed io me faccie a zucatelle.Tatù si nun t'mpare ti licenzio, eh capite ca in questa casa le cose vanno fatte e dette perbene, hai ragione che Sofia ti, protegge si no all'ore e mò t'avisse atturnate e stracciulille e avisse fatte a valigia ( si siede e comincia a farre colazione) a proposito Donna Sofia dove stà?

TATUCCIO: viramente l'aggiu vista e parlà ca sora vostra, pare ca stammatina se riuniscono, sapite quella la signora Mariuccia  è da quando è moruto il marito che nun se fà na rinfrescata  e allora, prima di farla... per non avere il morso 

ACHILLE: del serpente

TATUCCIO: quà serpente Don Achì?

ACHILLE : si dice rimorso ignorante

TATUCCIO: va buone comme dicite vuie e allora per non avere lo scrupo della cuscienza prima di improscinarsi con quaccheduno che gli piace .. vuole chiedere il permesso alla buonanima, l’ho sentuto quando ce lo diceva a Donna Sufia

ACHILLE: e allora ci risiamo, ho capito stamattina me ne debbo uscire subito,prima di essere coinvolto nella  seduta spiritica di mia moglie, ormai si è fissata  a tal punto di essere una Medium , che ha convinto anche i vicini di casa,   cosi si è passato il guaio,e oltre a trovarmi una moglie petulante ,me la trovo pure,  sensitiva, ca guaie, ca guaie

TATUCCIO: quà guaie Don Achì? quella Donna Sufia ci azzecca

ACHILLE: si le fiurelle, Tatù io esco e dici alla signora che torno per mezzogiorno  (Uscendo) ci voleva pure  Mariuccia..i comme le prore! a chell'ata

TATUCCIO: ma però io ci crero anche perchè donna Sufia ogni vota ca me fà dà o cauce sotto o tavuline me dà sempe diecemilalira (bussano alla finestra) e chiste scummette ca è Vito, iamme a vedè ( apre la finestra) ohe ca vuò?

VITO: Tatù vuò vedè si ce stà Caterina?

TATUCCE: e quande me daie?

VITO: Tatù. lo sai ca non tengo mezza lira, però in compenso ti ho portato un uovo di gallina fresco, 

VITUCCIO (prendendo l'uovo ) va buò mo te la chiammo (esce e ritorna con Caterina) io faccio la spia parlate ma a prossima vota e ove portane doie si no voglie a mille lire

CATERINA: Vito aspetta ti faccio entrare ( a Tatuccio: e tu statte accorte ca po la mille lire te la dò io apre la porta e Vito entra) Vito finalmente ,vieni entra, i miei non sono in casa, mio padre è uscito e mia madre è salita dalla zia Mariuccia ( chiude la porta e lo abbraccia)

VITO: Catarì ogni volta che ti vedo mi sembri sempre più bella,nun veco l'ora ca ce spusamme, così potrò essere sempre vicino a tè ,attaccato attaccato come un francobollo sulla busta,

TATUCCIO: (affacciandosi) pronte pe essere spedite all'ospedale si ve vede Don Achille

VITO: Tatù tu la spia la devi fare e fuori non dentro hai capito? vattenne fore... tu vide che lazzare io già facce e capriole per vederti, a rischio di  essere ciaccato da tuo padre si c'incocce insieme, Catarì facimme qualche cosa io non ne posso più. io voglio vivere, vivere, non morire di speranze  

        

CATERINA: anch'io vorrei.... vorrei  vivere con tè in un posto isolato, solo io e tè

VITO: vedrai realizzeremo il nostro sogno, io ti voglio bene e ci sposeremo presto

CATERINA ( preoccupata) e dove andremo a vivere dopo sposati e di che vivremo?

VITO: andremo a Napoli, o a Torino ,oppure a Firenze comunque in una grande città dove possiamo  fare tutto quello che vogliamo

CATERINA: cioè?

VITO: apriremo un negozio, un piccolo negozio, magari una pizzeria.. la chiameremo " Pizza Catarì",no .no non mi va che poi tutti i clienti ti chiamano per nome

CATERINA: allore la possiamo chiamare " Vito e pizza"

VITO; e così penseranno che sono io una pizza

CATERINA : ho una idea chiamiamola "mondo pizza" così verranno clienti da tutto il mondo

VITO: brava,e vedrai che sarà sempre affollata, verranno clienti da tutto il mondo, sarà una pizzeria multietnica, tu sarai alla cassa  ed io prendo le ordinazioni e servo ai tavoli

CATERINA : e dove prenderemo i soldi  per coprire le spese?

VITO: non preoccuparti per questo, i miei mi aiuteranno e poi bastano due cuori e una capanna per essere felici

CATERINA ; Vito io con te sarei felice pure  senza una lira.quando sono vicino a te  sento un calore che mi prende come se mi si stesse incendiando il sangue nelle vene

VITO: a me succede la stessa cosa Catarì (si avvicina e prende le mani di Caterina)

TATUCCIO: ( entrando ) e facita una lampa si mò ve vede a padrona, Vitù smamma ca sta saglienne e scale

CATERINA ; scappa Vito. altrimenti succede una tragedia...ma che fai non di là ,li .li dall'altra porta

VITO : ( tornando)ciao Catarì a presto (via)

SCENA 2 Tatuccio Sofa, Mariuccia: ; ed Ernesto

  

TATUCCIO: ebbiccannne oi, mo me guadagne n'ata diecimilalire  ( si nasconde dietro la porta del fondo)

SOFIA: trase Mariuccia, mittitete commode oggi e propeto il giorno adatto

MARIUCCIA: Sufì,ma poi mi ci faie parlà con Ferdinando mio?

SOFIA: Mariù, ma allora si scema, e te l'aggie già ditte ca nun se pò, cu l'anema de muorte e chi te muorte, ci pòsso parlà sulamente io , si na Medium tu?, no e allora

MARIUCCIA: e va bene  però ci devi addimandare tutto quello che ti dico

SOFIA : e va bene aggie capite me lo hai già detto, tu le vuie addimandà si puoie (fa gesti)

MARIUCCIA: e si ma pure ate cose , quello con Ferdinando, la buonanima, nun ci parlo ormaie da sette anni da quando il Signore se lo chiamò e allora

SOFIA:  e allora ca vulisse sapè tutta chella ca a fatte dinta a sette anne. Mariù chilla a stento ci riuscimme a parlà, pecchè si,intrattengono poco,quindi addimamdammele sule cose necessarie

MARIUCCE ; e allora  domanda comme stà  e dicce  chillu fatto e speramme ca capisce , isse è muorte ma io so vive  Sufì, viva,e doppe sett'anne nun ce la facce cchiù.m'aggia sfucà  Sufì, ( gli prende le mani ) m'ggia sfucà

SOFIA:ehh nu mumento calmati,eh statte nu poche assettate ca mi vado a priparare ,Tatuccio,Tatuccio

TATUCCIO: ecchime cumannate Donna Sufì

SOFIA: Tatù offre qualcosa a Mariuccia e prepare o tavuline ca stammatina ce riunimme, Don Achille addò stà?

TATUCCE: appena  ha sentute puzza di seduta se ne scappate

SOFIA: ce le ditte tù?

TATUCCE: ma chè ,chille a sente pe l'aria,       

SOFIA: va buò vuole dicere ca chiammamme o zi Ernesto

TATUCCE : Donna Sufì,vuie pazziate quello è sordo

SOFIA: meglio accussì nun sente niente, allora cu permesso ( va)

TATUCCE: Signò ca preferite o cafè, o nu bicchierino

MARIUCCE facite vuie, ,ah beato a vuie ca site giovane è o vero?

TATUCCE: e me pare signò tengo appena vint'anne

MARIUCCE; ca peccate ca nun tenite vint'anne e cchiù  site accussì simpatiche

TATUCCE: (azze e cheste comme stà infucate) signò vengo subbeto cu permesso ( esce)

ERNESTO: ( entra con il bastone si siede e non si accorge di Mariuccia  ,canta) ah ca frischezza ca me sente stammatina, ( va allo specchio , si guarda  si pettina) Ernè si nu bisciù , donne ,a me ( si gira e trova Mariuccia che lo guarda compiaciuta) oh nu se po esprimere nu desiderio ca subbeto eh, donna Mariù ma da dove siete uscita?

MARIUCCIA: veramente,  quando siete entrato stavo già all'interno

ERNESTO: stavate all'inferno

MARIUCCIA:  ( avvicinandosi all'orecchoi ) nossignore, ero seduta  sul divano, e voi non mi avete visto  

          

ERNESTO: è vero,mia cara, però vi stavo pensando e quando vi penso, io non vedo ..sogno, ditemi siete venuta  finalmente per mè, solo per mè?

MARIUCCIA: sono venuta per un consulto, una seduta spiritica,e se tutto va bene, (si avvicina) Don Ernè  finalmente vi permetterò di baciarmi,perchè voi ,volete baciarmi non è vero,voi mi volete , voi mi desiderate è vero? me ne sono accorta ma per rispetto del mio povero marito defunto ( imbarazzo) non vi ho dato alcuna occasione ma se tutto va bene, se ottengo il permesso, allora....

ERNESTO:   allora, nun agge capite niente,parlate cchiù forte, e nun ve facite  troppe sotte ca si nò perdo o controlle, e divento  ardito, pericoloso,

MARIUCCIA:  (avvicinandosi) oh anch’io, anch’io, ( si prendono le mani)

TATUCCIO: ( entrando) ecco quà un bel bicchiere di limncello

ERNESTO: ( si allontana) puozze sculà proprio mò aveva trasì, qua limoncello , cammina vaie a fare il caffè

TATUCCIO: ma veramente..

ERNESTO: esegui, è un ordine ( Tatuccio si mette sugli attenti e poi esce) Mariuccia mia cara ( si avvicinano) il mio è un tormento , starvi vicino e non potervi avere,datemi almeno un bacio, vi prego soltanto un bacio, per sentirmi in paradiso

MARIUCCIA: oh Ernesto, Ernesto ( gli prende le mani) voi mi farete impazzire ( fanno per abbracciarsi ed entra Tatuccio)

TATUCCIO: scusate comme o vulite o cafè ,dolce o amaro? ( i due si scostano)

ERNESTO:( puozze  ittà o sanghe, vire chiste si nun stà sempe attuorne a scassa  e scatole e cristiane) amaro, amaro comme o fele ca nun te vene ( alza il bastone poi si calma) và và a farme na cammomilla  mò và...o ti fucilo ( Tatuccio scappa via)

MARIUCCIA: forse è meglio così, meglio che non è successo niente,  fatemi parlare prima  cu Ferdinando, e poi  ( si avvicina) sarò vostra,ho sette anni di arretrati da recuperare ,aahh, aahh     ( entra Tatuccio)

TATUCCIO: ( posando il vassoio) le sò venute e priemmete e panza,  ecco quà  ,camomilla per la signora.... serve per stare calma.... durante le seduta

SOFIA:: ( con manto) oh eccoci tutti pronti, putimme cominciare  mettiamoci seduti  a quel tavolo e mi raccomando silenzio, Tatuccio appanne a finestra e assettatete, zio Ernesto voi venite vicino a mè e non fiatate

ERNESTO: ( si siede) niente patate, l'ultima volta me sò rimaste ncoppa a panza

SOFIA: qua patate e patate o zì, facciamo la seduta

ERNESTO: ah quella seduta. ( si alza) allora me ne vaco

MARIUCCIA: Don Ernè  sedetevi facitele ppe mè, vi prego.... e pe vuie

TATUCCIO: e pure pe mmè ( mimando soldi:)

SOFIA: o zì iamme assettateve se no il cerchio non si chiude e poi lo sai, dopo ...

ERNESTO: e va buò ma per l'ultima volta.   un Generale  non può perdere tempo in queste cose ( si siede:

SOFIA: adesso poggiate tutti ,le vostre mani sul tavolo e unitele ,pollice e mignolo, così ( tutti obbediscono) non parlate, e non vi muovete, e concentratevi ( all'orecchio di Ernesto) sulle mie parole ( accende una candela, poi si concentra muovendo la testa) Anime del purgatorio, dell'inferno e del paradiso rivelatevi , anima di Ferdinando Capece fatti sentire rivelati, si,si ( tutti fremono) vedo vedo una moltidudine di anime , sono al buio, avanzono, avanzano, sento un grido , un grido d'aiuto (dall'esterno, all'improvviso un grido di donna che chiede aiuto e raggiuge la porta, tutti si spaventano e si alzano dal tavolino ,confusione poi,) Tatuccio accendi la luce

TATUCCIO: ( accende la luce) Madonna do Carmine, ca paura

DONNA: scusate  si so trasute dinta a casa vostra, ma n'omme me correva appriesse l'agge incruciate dinto o vico ca pe forza me vuleva afferrà, io me ne sono scappate e isse cu nu curtielle mmane me curreva appriesse e accussi a primma porta ca agge truvate aperte so trasute, e isse  è scumparse comme a nu fantasime

SOFIA: pigliateve nu poco e cammumilla ( gliela  offre) e diciteme nu poco comm'era chist'omme ca v'inseguiva

DONNA: alto, cu na faccia grossa, e nu nase tante

MARIUCCE: era nu poche zuoppe a na gamba

DONNA: Gnorsì

MARIUCCE : e teneve e capille russe e o pizzetto

DONNA;  si teneva e capille russe e o pizzetto

MARIUCCE: Ferdinando, capisce era Ferdinando,  Sufì, tu  ne  chiammate l'anima e chille se presentato aneme e cuorpe   

TATUCCIO: e a nuie ce steve facenne fà sotte, ca paura

ERNESTO:  paura, un soldato non ha mai paura, semmai batte  in ritirata ( si mantiene i pantaloni e va tremando) 

SOFIA: Mariù per oggi basta e spirite stanne nquietate meglio provare un altro giorno

MARIUCCIA: haie ragione  Sufì ma chelle ca nun capische è pecchè Ferdinando se vuleva sfucà cu stà puveretta, si proprio lo voleva fare ,pecchè nun se rivolta a mmè ,oltretutte m'avesse fatte pure piacere e nun  avesse  manco opposta resistenza

TATUCCIO: ma l'avite vista bene la signorina, e ve pare ca chille n'occasione tene, e nun se fà passà o sfizio comme le pare

MARIUCCIA: ma Ferdinando mi voleva bene

TATUCCE: prima di morire, poi ...

SOFIA:  Mariù, nun te preoccupà ca primma  o  poi   cu Ferdinando ci parleremo, quanto a voi  cara signorina nun avite paura mo    Tatucce vi  accompagna  fino alla fine del vicolo

MARIUCCIA: allora approfitto e vado pure io arrivederci

DONNA: arrivederci e scusate tanto ( escono)

SCENA TERZA Sofia, Achille,Tatuccio,

SOFIA:( sistemando il tavolo) mamma mia e che paura, e meno male che Achille nun ce steva, addirittura ,Mariucce se creduta ca era cumparse o marito va truvanne chi era chillu sbalestrate

ACHILLE ( apre piano la porta e guarda dentro poi entra asciugandosi il sudore) oggi fà proprio caldo, Sofì ma tu la senti che afa che ci stà'

SOFIA; se continua così, ci conviene anticipare le ferie per il quindici del mese , ma dove sei stato?

ACHILLE: ah sono sceso a comprare il giornale, le solite notizie economiche, però meglio essere aggiornati

TATUCCIO:scusate Don Achì è arrivata la posta a vulite vedè subbeto o a porta dinto o studio?

ACHILLE : no dammela può esserci qualche richiesta urgente,mettila sul tavolo

TATUCCIO; ( posa le lettere  sul tavolo) Donna Sufì,io vaco dinto o giardino, se avite bisogno mi chiammate

ACHILLE : ( si siede e comincia a leggere) anticipare le ferie per mè è impossibile, se vuoi partire tu e Caterina, io vi raggiungerò la fine del mese, ho degli affari da sbrigare, ho comprato tutte le mele della zona ancora sulle piante, e se riesco ad entrare nel mercato dell'est, farò un affarone

SOFIA: Caterina pure tene sempe cheffà, pare ca nun trova maie o tiempe e fà niente, si deve priparare l'esame di monotonia,

ACHILLE: e quello glielo puoi preparare tu,chiù monotoma e tè nun c'è stà nisciune, Sofì,si dice anatomia

SOFIA: va buò comme dice tù. poi  il mese prossimo deve mantenere,l'esame del pianoforte nel conservatoio, ( lazzi di Achille) a proposito,hai telefonato alla ditta per il piano nuovo?

ACHILLE: arriverà in settimana

SOFIA: ca te ne pare si o mettimme vicino a chella parete,o pienze ca va meglia vicine a finestre?

ACHILLE; (continuando a sfogliare la posta) Sofì mittele a ddò te pare ma fammi portare un bevanda  fresca, magari una spremuta di limone, quest'anno sono così belli e succosi

SOFIA: te la priparo io stessa, e con l'acqua frizzante, è più buona

ACHILLE: ( leggendo mentalmente una lettera, resta per un attimo smarrito e incredulo) aspetta ( si asciuga il sudore

SOFIA: che c'è ....ca succede , te siente male?

ACHILLE: ( dopo un attimo di pausa) guarda, ( gli mostra la lettera) nostra figlia  , capisci nostra figlia, da parecchi mesi si vede con il figlio di un bufaliaio, lo stalliere del signor Caciottola , un disperato che non ha neanche gli occhi per piangere

SOFIA: uh mamma mia e chi te l'ha ditte,  ma si sicure?

ACHILLE: tè liegge

SOFIA: ( con  lentezza e pronunciando qualche parola) ca virgogna, ma mo pensannece buone, quarche suspetto m'era venute , Caterina ogni tante teneve nu cumportamente strano, però nun t'agge ditte niente pe nun farte preoccupà

ACHILLE: siente Sufì a mè non  và proprio giù il fatto che Caterina frequenti, quello straccione

SOFIA: hai ragione, Caterina non si deve più avvicinarsi a chillu giovine, , sò sicure ca o signurine addurate o caso dinto o pertuse,e si e mettuto a fargli la corte sule pecchè nuie simme ricche

ACHILLE: bisogna impedirglielo a tutti i costi

SOFIA: ma come ,quella Caterina è maggiurenne

ACHILLE: ( adirato) a mè nun m'interessa niente si è maggiorenne o nò,è mia figlia e ho il dovere di aiutarla ( prende un bastone nel portaombrello e brandendolo in alto) nun te preoccupà ca si nun o capisce, glielo facciò capire io con le buone o con le cattive

SOFIA: Achì. per amor di Dio nun fà sciucchezze,sta attiente a chelle ca faie

ACHILLE: Io non voglio rovinarmi la reputazione,l'ho fatta studiare, le ho dato il meglio di tutto, i migliori vestiti, i migliori maestri, i migliori divertimenti, d'altra parte la nostra condizione economica ci permetteva questo ed altro,e adesso   perde la testa per un mandriano qualsiasi, ma lo sà la signorina che cosa può avere  da quel mandriano? ( continua ad agitare il bastone) ... solo questo

SOFIA: Achì   ca vuò fà , posa stu bastone, nun fà sciocchezze

ACHILLE: ( guarda il bastone) mi serve per puntellare la porta del garage

SOFIA; sia lodato il cielo che t'hà dato nu poche e buonsenso

ACHILLE :io devo impediglielo a tutti i costi ...devo impedirgli di fare questa sciocchezza,

SOFIA;le putimme parlà, farle capìre a che cosa và incontro, una comme a essa ca nun è abituata alla miseria ca è sempe vissuta dinto o lusso, ca ha avuto  sempe tutto quello ca chiedeva, nun riuscirà a sopportare una vita di sacrificio

ACHILLE: a quella testa dura di tua figlia ci vorrebbe un martello pneumatico per piantarle nella zucca queste cose elementari, queste cose che qualunque persona con un minimo di cervello,riuscirebbe a capire, ma tua figlia no! tua figlia, è  innamorata,accecata da un sentimento che si chiama amore, un sentimento che ti avvolge il cervello, ti rende scemo e . che ti fà apparire tutto bello,tutto possibile,    

si dice buono, “a femmena pe l’omme diventa pazza,

SOFIA: e l’omme pa femmina addeventa fesso, Achì mò me lo ricordo pure io, anche tu quando mi venivi appresso, sembravi nu scimunito, facive tutto chella ca te dicevo to ricuorde? ah e comm'ire  innamorate  

ACHILLE : e comm'ero cecate Sofì, nun capeve niente, mo sì però, ehh uno  dopo tanto tempo uno le bende se le toglie

SOFIA; ca vuò dicere,che non mi vuoi bene più?

ACHILLE: ma che dici, io ti voglio sempre bene, è solo che certe cose adesso si valutano diversamente,  è vero noi ci siamo sposati perchè innamorati, ma anche perchè  avevamo già una solida base economica,  la quale ci ha permesso di vivere una vita agiata e senza scontri, ognuno ha rispettato i difetti dell'altro, tu con la  tua  fissazione di crederti una sensitiva, io con la fissazione dei cavalli e quindi, non dovendo fare alcun  sacrificio sono trascorsi vent'anni senza che ci fosse mai uno screzio tra noi, ma nostra figlia no,non ha fatto la scelta migliore  ed è per questo che non dobbiamo permetterle  di sbagliare

S0FIA; comme parle buone, accussì mi piaci, ma ca putimme fà?, mica la possiamo chiudere  dentro e nun a facimme ascì cchiù

ACHILLE: questo no non servirebbe a nulla, penso sia meglio parlare con i genitori di quel tizio, di quel balordo.... sono dei  poveracci, dei semplicioni......con una piccola mancia posiamo comprare la loro collaborazione e allontanare quel bufalotto selvatico da nostra figlia

SOFIA: mi pare na bell'idea, ma a Caterina non dobbiamo far sapere  niente, niente per carità,hai capito se nò quella più si incaponisce

ACHILLE: vado a telefonare dallo studio al signor Caciottola e gli chiedo se può far venire quì subito i suoi garzoni, oggi è sabato ed a quest'ora sono liberi, e la vedremo chi la spunterà, intanto con una scusa, vedi se  tua sorella  Mariuccia può accompagnare  Caterina dalla sarta, così saremo soli, quando verranno, i cafoni 

SOFIA: Achì però m’arracumanne ( si affaccia Tatuccio e poi ascolta di nascosto) fai le cose con calma e facciamo   in modo di non fare trapelare niente di questo “fidanzamento” tu la conosci a Mariuccia, è così suscettibile  che sarebbe capace di far succedere il quarantotto,non ne parliamo di  zio Ernesto poi,quindi  combiniamo bene prima tutto e poi gli diciamo le cose come sono andate

ACHILLE: lo sò.. lo sò li conosco bene quei due, sarebbero capaci .comme se dice  ah..e metterce a cavalle a nu puorche   

SOFIA: soprattutto tuo zio

ACHILLE: mio?, vuoi dire tuo zio

SOFIA: embè io non ho capito ancora quello a chi è zio

ACHILLE: è naturale, perchè è l’unico parente in comune a tutte e due, ma ti assicuro che è piu zio a tè!.... va bene io vado a telefonare in modo da combinare quest’incontro fatale!

 

SCENA  QUARTA, Sofia, Tatuccio, Ernesto e Mariuccia

SOFIA; ( telefona a Mariuccia,poi siede sul divano e comincia a sfogliare una rivista entra Tatuccio  e comincia a pulire) ah sei tornato,tutte stu tiempe pe accumpagnà a signurina  a fine do vicolo?

TATUCCIO: Donna Sufì chella nun è na signurina , chella è na rosa e maggie, na fravula nzuccherata,( facendo lazzi) na sfugliatella fresca, donna Sufì ci simme date n'appuntamento

SOFIA; tatù, te si nzallanute  pure tu e subbeto subbeto,  và ,và vide che è fà , pulizze buone stà stanza ( gesto di tatuccio che ricomincia a pulire)

ERNESTO:( ha in testa un basco e si muove a passo di militare gridando) Squadra  a ..ttenti

TATUCCIO: (spaventato gli cade una guantiera dalle mani e assume la posizione di attenti) puozze ittà o sanghe, chiste cocche vota me farrà venì na verminara

SOFIA: (presa di soprassalto anche lei)  ma vattenne  a coricare

ERNESTO:ordine e disciplina, un militare va defecare tutte le mattine, Riposo

TATUCCIO: ( sul riposo) scusate, me ne pozze ire, io stamattina non ho, ancora defecacato

ERNESTO: silenzio truppa,e fai il tuo dovere,pulisci!

SOFIA: quanta vote t'agge ditte che non devi entrare allìimprovviso

ERNESTO: come chi hanno ucciso?

SOFIA: se,se.. pe parlà cu te ce vulesse n'altoparlante

ERNESTO: il figlio del comandante.. peccato era così un bravo giovine

SOFIA: ma quale comandante\

ERNESTO: il padre del morto

SOFIA: o mamma mia c'è stato un morto?

ERNESTO: certo

SOFIA; e tu come fai a saperlo?

ERNESTO: me lo hai detto tu che è morto il figlio,del comandante

SOFIA: zizì a chi vuò fa diventà pazza, mancave sule tu ndà stu mumento, cu tutte e preoccupazione ca tenimme, saie chè fà,? vai a fare una passeggiata e torna per la minestra

ERNESTO; un generale non entra mai dalla finestra, ma dalla porta principale, dopo che è stata abbattuta dalla truppa( cerca invano il bastone)

TATUCCIO: si ,,generale... ogni giorno aumentamme e grado,ieri eraravate un semplice maresciallo

ERNESTO: e bèh maresciallo capo, e il maresciallo capo non è forse il capo di tutti i marescialli?, se no che capo sarebbe? ma tu non puoi capire queste cose, tu sei solo un aggregato alla truppa

SOFIA: o zì è meglio che esci,vatti a fare una passeggiata

ERNESTO: è scomparso il bastone, chiama subito la truppa a rapporto, la voglio schierata quì entr tre minuti

SOFIA : quale truppa e truppa, il bastone è servito a mio marito

ERNESTO : cosa al tuo prurito? tu ci hai il prurito e ti devi grattare con il mio bastone? ogni cosa al suo posto, in questa casa ci vuole ordine e disciplina, ordine e disciplina, e gli ordini non si discutono, (   a Tatuccio) fuori il bastone

TATUCCIO: ( facendo lazzi) signor generale vi giuro, i nun aggiù tuccato nisciune bastone, e mo ce vò, tuccave proprio o vuostre

SOFIA: ti ho detto che l'ha preso tuo nipote

ERNESTO:eh... hai visto che te prore, e ne hai approfittato

SOFIA: ( gridando) l'ha pigliate Achille.

ERNESTO: e cosa ne ha fatto del mio bastone!

SOFIA : ed io che ne sò dimmannancelle  a isse

ERNESTO: Squadra Dietro front, all'attacco, lo deferirò alla corte marziale per appropiazione indebita di arma  di guerra   ( avvicinandosi a Sofia) nun te scurdà  e chiammà a Ferdinando, si no io... perde a Mariucce    ( esce di scena marciando )

SOFIA: sia lodato Iddio, chiste cu sti recchie sorde ca tene, ogni vota,me fà scimunì a mè

TATUCCIE: a vuie Donna Sufì?  chille me fà ire al manicomio, chesta nun me pare na  casa ma na caserma e bersagliere e col fatto poi che si sente un  graduato,me fà  fà l'attendente da matina a sera,non ne parliamo quando vede,la signora Mariuccia poi,pare  na machinette e cafè in  ebolizzione

SOFIA ; va buò Tatù mo nun drammatizzare, e stamme buone a sentere, io adesso salgo sopra , ho da sistemare alcune cose, tu intanto pulisci bene il salone,fallo splendere, perchè aspetto gente. e le voglio fà a vedè  qual'è a differenza fra na casa e signure e na casa e cafune, e se nel frattempo avessero arrivà, falle aspettà. io vengo ampresse (per uscire)

TATUCCIO: nun ve preoccupate signò,ci penzo io  la passo a pulitura tutta quanta (continua a pulire,poi bussano alla porta e v a ad aprire)

MARIUCCIA: ( entra con un vassoio ricoperto in mano ) Tatù, achille addò stà Sufia, aggiù purtate e struffole, guarda ccà so chine e mele ( li porta sulla tavola)

TATUCCE: ( ehee. l’ha purtate pe l’occasione,vuoie avvidè  che donna Sufia si riferiva proprio a lei per questo misterioso fidanzamento) a signora è andata a pripararse, pare ca aspette ospite, Donna Mariù nun sacce comme ve veco, tutta cuntenta, priparata,

 

MARIUCCIA: ah ,si devo uscire , devo accompagnare mia nipote Caterina dalla sarta ( entra Caterina) ciao zia , io sono pronta, vogliamo andare?

MARIUCCIA: certamente andiamo; Tatuccio, di a mia sorella del dolce (via)

SCENA QUINTA: Tatuccio, Concetta ,Gennaro,Sofia ,Achille

TATUCCE: nun ve preoccupate ... eh  aggiù capite tutto cosa, Don Achille arrà ricevuto n’offerta e matrimonio per la signora Mariuccia , e oggi stesso aspettano ospiti pe cumbinà, in questo caso , devo fare  subito rapporto al graduato, che mi pagherà profumatamente! ( bussano alla porta)  

GENNARO: bongiorno a signuria!

CONCETTA: bongiorno signò ( entrano guarandosi intorno con meraviglia)

TATUCCIO: chiste me pare ca so trasute dinta a nu museo, scusate chi vulite?

GENNARO: veramente simme state chiammate da don Achille o patrone e stà casa, e nun sapimme manco o pecchè, vuie o sapite?

TATUCCIO: no nun saccio niente ma mo subbeto ve lo chiamo, intanto accomodatevi ( si guardono con lazzi) assettateve

GENNARO: dove? io nun veco seggietelle

CONCETTA: ( dandogli una gomitata accenna alla poltrona) va benissimo noi intanto ci assettiamo quà ( Tatuccio li guarda poi va via)

GENNARO: Concè ma cheste so poltrone?

CONCETTA: si. e nun c’è stà manco nu poco e polvere( pausa) tu pienze ca quà di zoccole c’è ne stanno?

GENNARO: e comme nò, addò ce stà ricchezza c’è sempre da mangiare,e addò ce stà o mangià ,ce stanno e zoccule

CONCETTA: e addò s’annasconnener? io nun veco mamcu nu pertuse

GENNARO: Concettì ,quelle sono furbe, ca venene a mangià e addò nui veneno a ddurmì e a figlià

CONCETTA:haie Ragione Gennà, saie ca penso , che qui se ci sono, sarranne diverse dalle nostre,sarranne chiù signore, chiù lucente, chiù sciupatelle e pure nu poco debolucce

GENNARO: sarrà ,ma sempre zoccule sono( pausa)

CONCETTA: Gennà, io me sento nu poco nervose, nun riesco a immaginare, chiste signure ca ponne vulè da poveracci come noi

GENNARO: Concettì, i signori da noi vonne sule lavoro e sottomissione,forse ce vonne fà faticà nella loro azienda mah abbastà ca ce pagono bene, comunque basta aspettare per sapere

     

TATUCCE: nu mumento sulamente e subbito arrivano

GENNARO:scusate giuvinò,facite servizio a paricchie dinta a stà casa?

TATUCCE: sissignore, da quanne tenevo,tre anne

CONCETTA: tre anne! e che servize facevate  a tre anne

TATUCCE: tutti signò, quella la buonanima di mamma mia. mi si portava sempre appresso,e accussì.me so imparate presto, na cosa a faceva storta nata a diritta.e mi sono trovato o pane pa vicchiaia

GENNARO: e diciteme na cosa: e patrune vuoste comme sò, voglio dicere, so ricche assaie?, so buone patrune?

TATUCCE: signò, tenene e sorde a palate, pensate ,ca ciocane pure dinta a borsa, ( si guardano stupiti)  so brava gente però sò nu poche tirchie, uh ebbiccanne stanne venenne  ( entrano Achille e Sofia)

  

GENNARO: buon giorno a Signuria,( si tiene il cappello e accenna un inchino)

CONCETTA: signò, appena c’è l’hanno ditte siamo subbito curruti, ma come mai ci avite fatti entrare in questa bella casa?

SOFIA: accomodatevi,stando seduti, si discute meglio

ACHILLE: Tatù, vai a prendere, qualcosa da bere ai signori, vedi se gradiscono una premuta di limoni

GENNARO: ( si guarda intorno) Concettì, ho sentito bene ?ci ha chiamati signori ( Concettina annuisce) io vi ringrazio, ma vedete, io nun pozze ire e cuorpe normalmente, figurateve se mi metto a bevere o zughe e limone, e poi io e mia moglie qua presente ci siamo appena bevuto nu quarte e olio di ricino apperuno per scialare le intestine

TATUCCE: saie  doppe ca contraerea

SOFIA: ( guardando  Achille) e va bene accettate almeno qualche cosa

CONCETTA: chi non accetta non merita,....io accetto tutte cose, panni ca nun mettite cchiù,scarpe consumate, vestite strappate,pure si sò cazune co buco a culo vanne bbuone o stesso, nuie e usamme pa campagna, facimme lavore pesante e a robba se consuma

TATUCCE:   eh so venute o mercato americane 

SOFIA: ma certamente ,appena trovo il tempo di rovistare negli armadi, vi metto da parte tutti gli abiti demodè

CONCETTA; signò  si nun e tenite e motè ,vanne buone pure chille e cuttone 

ACHILLE : alora che dicevate, vi piace questa casa?

GENNARO: assaie ,assaie, è propeto una casa di signori come voi

SOFIA: e sapessseve cosa ci vuole per tenerla pulita, due inservienti non bastano Tatucce tu te ne puoi ire ( Tatuccio esce)

ACHILLE:certo è che, chi è abituato in questo lusso,difficilmente potrebbe vivere in una casa di campagna vi pare?così come un villico, non sarebbe capace di vivere una casa così

CONCETTA: però si facesse nu terno o banculotto avessuaedè vidè comme mi civalizzarei  subbito 

ACHILLE: e voi Gennaro, come la pensate?

GENNARO: io penso che uno non deve tenere grilli per la testa,e s’addà accuntentà e chella ca tene , per chi s’accuntente, pure na stalla po essere cchiù bella e na reggia

ACHILLE:bravo, voi sì che ragionate, ora ditemi voi avete prole?

GENNARO: ma veramente, non sò ( guarda la moglie) Cuncè tenimme e prole?

CONCETTA: Gennarì nun o sacce, ma che sò? caciuttelle

ACHILLE:  scusatemi,io volevo dire se tenete figli

CONCETTA; ah si,  certamente,  ora ho capito nuie tenimme un prolo e una prola

GENNARO: un maschio e una femina

ACHILLE: oh ed è proprio di vostro figlio che volevo parlarvi

CONCETTA: Gesù, ca ha fatto, che l’è succiese

ACHILLE:per ora niente di grave ma potrebbe mettersi in una situazione incresciosa, se non lascia in pace nostra figlia

GENNARO : l’ha mancate forse e rispetto

ACHILLE: no! ma le fà la corte eh  ed è questo il guaio

CONCETTA: Gesu’, Gesu’ me stava scuppianno ‘o core ‘mpiette, chissa’  che credeve che avesse fatto,chille so giuvane e ‘o sapite comme vanno sti cose.

ACHILLE: Queste cose non vanno, e non vorrei essere costretto a farvi avere una diffida.

CONCETTA: ma questa “sifida” che le vulite manna’ e’ robba ca se puo’ mettere ‘ncuolle, dotto vuje ‘o sapite noi abbiamo bisogno di tutto

ACHILLE (ironico fa cenno alla moglie di tacere): sii se la puo’ tenere tutta la vita .

GENNARO: e vuje pensata che una vostra diffida puo’ seccare alcuni sentimenti e rinverdirne altri? nuje avimmo sempre ‘mparato a nostro figlio a nun nascondere ‘e sentiment buone ,e mo ca sento ‘e vule’ bbene, comme vuje dicite a na fanciulla di rango superiore ‘o vulimme considera’ culpevole ‘e quacche cosa. O ce sta’ na legge che vieta d’amar?

ACHILLE: una legge....... una legge scritta non c’e’, ma esiste una legge di natura, “Usucapione”, percui ognuno deve unirsi ai suoi pari.

CONCETTA: ma quale “Capocchione” ‘o figlie vuoste e’ sicche ,sicche e tene na faccella tunnulella ,tunnulella, e’ a ccussi belle ‘a mamma soje.

ACHILLE: immagginate che un cavallo, animale nobile, superbo, pulito ,si metta con una scrofa: non sara’ mai che avvenga una cosa del genere.

GENNARO: so daccorde cu vuje, figliema nun ave bisogno di una chic-chic, di una fammena vizziate che spenne  tiempe e denere a truccarsi, a ‘mbalzamarsi e a pittarse le unghie ,ma ha bisogno di una donna ca le tene ‘a casa pulita ,le fa truva’ nu piatto e minestra pronta e le cresce ‘e figlie.

CONCETTA: io ce lo dico sempre si deve trovare una donna sistemata e giudiziosa non come le signore ca so tutte cicciuvettole

SOFIA: signora ma che dicite? i buoni e i cattivi sono dapperttutto !

CONCETTA: si ma ‘e signore ricche nun teneno masi niente ‘a fa’,tennena ‘e cammarere mentre una cumme a me ca da matine a sera ftene ‘a fatica inte e gambe e ‘a stanchezza  dinte all’uocchie difficilmente penza a fa’ chiacchiere

ACHILLE: brava il buon senso non vi manca ,siete davvero persone ragionevoli, anzi visto che siamo tutti daccordo mi farete un favore: vieterete a vostro figlio di incontrare nostra figlia , non deve guardarla nemmeno da lontano, anzi non appena la vede deve cambiare direzione ed io in segno di riconoscenza vi offro uno cheque ( tira fuori dalla giacca il libretto degli assegni e  comincia a compilarlo)

GENNARO: grazie  a vossignoria ma v’aggio gia’ ditte ca nun me posso piglia niente, si no nun vaco ‘e cuorpe

CONCETTA: ma si e’ robba usata datele a me , annuje serve sempe tutte cose ,vestite viecchie, cazune squartate, mutande smullate, in campagna sono sempre utili

SOFIA: ma no, mio marito intende darvi una mazzetta...., un  po’ di soldi per farvi ricordare l’impegno preso

CONCETTA: Gesu’, Gesu’ ,accussi’ se chiammano ‘e solde de ricchi (rivolta al marito ) Genna’ pigliate chistu “sceicco” ca te fa ire ‘e cuorpe, piglialo,piglialo (Cerca di prendere l’assegno)

GENNARO: posa ‘lloca!

CONCETTA: piglialo

GENNARO: posa (glielo strappa di mano e lo rimette sul tavolo)

ACHILLE: forse e’ poco un milione , facciamo tre, anzi cinque!

CONCETTA: acchiappa, acchiappa ,Genna cu chisti solde  puo’ ghire ‘e cuorpe pure ddoje vote ‘o juorne

GENNARO: aggio ditte ca no!

ACHILLE: ecco un’assegno uno cheque di dieci milioni accettatelo e non ve ne pentirete

CONCETTA: Gesu’, Gesu’ , e  comn e ce purtamme tutti sti sorde nuje simme venute a piedi

GENNARO: Donn’Achi quanno ‘o ciuccio nun vo ‘a paglia aje voglia do a sciuscia’. io nun posso e nun voglio decidere pe figlieme ,nuje simme poveracci, povera gente, si, ma nun simme abbituate a vennere  i nostri sentimenti, percio’ teniteve pure il vostro “ sceicco” ma  lasciatece la nostra dignita’, e se vi fa’ senso sapere ca ‘o filglie nuoste ha osato guardare vostra figlia mette sotto chiave lei e scusate ‘o disturbo( si accinge ad uscire  ma Concetta cerca di prendere l’assegno) t’aggie ditto posa! ( ed escono di scena )

FINE I° ATTO

II° ATTO

SCENA SESTA: Sofia, Achille. Mariuccia ,Tatuccio

SOFIA: gentaglia.....e che gentaglia!non possono apparentarsi con noi, sule a pensarce, mi viene la pelle d'oca

ACHILLE: sono dei bifolchi,ignoranti e pure presuntuosi, non hano di che sfamarsi e si permettono anche di rifiutare i soldi

SOFIA: Achì guarda ca io nun voglio assolutamente che si faccia questo matrimonio,piuttosto l'ammazzo ( strilla ) addò stà, addò stà ca me la voglio mangiare a muzzeche,  ( si dispera e piange) pecchè, ma pecchè, ca gente ca gente,non sanno neanche parlare , quello pensa solo ad andare nel cesso,quell'altra" date a mè. date a mè".. ci vogliono spogliare..ma io l'ammazzo,l'ammazz0( in preda ad una crisi di nervi,comincia a buttare tutto per terra e a sbattere i piedi poi fà per andare)le strapperò tutti i capelli, la ucciderò con le mie mani

ACHILLE : ( la blocca sull'uscio) calmati, Sofia calmati, e cerchiamo di ragionare: dobbiamo trovare una soluzione che ci permete di uscire puliti, non dobbiamo agire come quei miserabili... quello voleva darmi anche lezione di dignità, quel bifolco...a mè poi....capisci...ehh ma è tutta colpa di tua figlia

SOFIA: nostra figlia

ACHILLE: no quella ne ha presa tutto di te, come tuo zio testarda e linguacciuta,non poteva mettersi con un suo pari?,no doveva trascinarci così in basso, ma io l'ammazzo ..l'ammazzo..dove stà,dove stà ( si avvia ma lo ferma Sofia;

SOFIA: oohh, calmate,dice a mè ca mìagge calmà , ca devo ragionare, e tu? tu vuoi fare il pazzo, assettate( Achille si siede spossato sul divano) ho un'idea,potremmo mandare Caterina  lontano per qualche tempo, così lo dimentica, puo essere che la sua è solo una infatuazione , nu fuoco e paglia insomma.. e visto  che  tua sorella Mariuccia  va Milano partirebbe con lei

ACHILLE: e che risolviamo? che ci vuole ad andare a Milano? sarà ancora peggio perchè lì non posiamo controllarla,ne tantomeno possiamo contare su quella squinternata di mia sorella

SOFIA: allora possiamo mandarla da....mia( si sente bussare alla porta) Tatuccio, Tatuccio vai ad aprire( Tatuccio va ad aprire ed entra Mariuccia)

MARIUCCIA; ah eccoli qua i due piccioncini, sempre a tubare

ACHILLE ; parlanne do diavolo, spuntano e corne

MARIUCCIA: posso fermarmi solo due minuti,ma come siete belli tutti e due,rossi rossi in volto, eh aggiù capite  approfittavate di essere soli e vi stavate facendo qualche cerimonia...  non vedo Caterina.. dove stà?

SOFIA: ma non era uscita con te?

MARIUCCIA: ah, già, mo me lo scordavo,mentre ci stavamo ritirando, ha incontrato un amico,  ha detto di scuola, a mè me pareva un suo spasimante,e così si è fermata a parlare dietro il vicolo, non ancora è tornata?

ACHILLE: e tu l'hai lasciata sola con un uomo senza sapere chi era,

MARIUCCIA :  no!questo no, perchè m'è l'ha presentato,,ah ca bellu goivine

ACHILLE ; disgraziata: io t'affido mia figlia, e tu me la lasci con il primo venuto

MARIUCCIA: manco si fosse peccate mortale,e che diamine  è naturale che una ragazza  così carina e giovine  si metta con qualche ragazzo, io alla sua età..

ACHILLE:. è inutile, femmene , ciucce e crape tenene tutte a stessa capa, come faccio a farle capire, esco e se li trovo insieme.....guai

SOFIA; Achì fermati, madonna mia mò succede nu guaio ( esce)

MARIUCCIA: (ridendo) ahh,ahhh comme su curiuse tutte e duie ahhh (entra Tatuccio

 

 TATUCCIO: oh cara donna Mariuccia, ma ca è succieso agge visto o padrone e la padrona,che uscivano tutti incazzati

MARUICCIA: niente ,,niente, si sono accorti di avere,.. una figlia femmina!

TATUCCIO : ma pecchè primma comm'erà?

MARIUCCIA: Tatù, al solito nun e capite niente,a proposito don Ernesto addò stà ?

TATUCCIO: nella sua camerata, stise ncoppo o liette appucundrute  e intristito  

MARIUCCIA: e perchè? glì è forse succiese quacche cosa? è malato forse?

TATUCCE: pecchè vuie nun sapite niente?

MARIUCCIA: o Gesù e che debbo sapere

TATUCCE: ma come, l'avite curteggiate pe tantu tiempe , l'avite fatte campà e speranze fina a mò senza  darlo maie o canze e ve vasà e adesso, aumm.aumm zitta ..zitta, vi state per fidanzare con un altro, eeehe io però l'aggiù fatto subito rapporto ed ho scommigliato il copierchio

MARIUCCIA: Tatù ma tu stammatina fusse carute a coppe o liette? ma quale cupierchie e cupierchie, ma comme te venute dinte e cerevelle e penzà sta cose?

TATUCCE: ma comme chille don Achille parlave propeto di un fidanzamento, ed io subbito agge pensate a vuie

MARIUCCE:  e già! fosse state o cielo e invece   era quello di sua figlia, brutto animale .. ma tu vide, ca pasticce  ha cumbinate stà cape e scamorze....ma adesso basta !permesso o non permesso,  caro Ferdinando io passo ai fatti nun ne pozze proprio più, e madomma mia    (esce)

   

TATUCCIO: ma tu vide a cheste comme stà ammuinate,e mò comme a mette nomme col generale, famme avvidè comme aggià fà per rimediare...  e si... debbo rimediare ..qua si rischia la fucilazione immediata

ACHILLE: ( entra tutto affannato, insieme a Sofia )  te lo dico io ,oggi tua figlia e quel cafone sono stati veramente fortunati, perchè quando è vero che mi chiamo Achille  Trotta  se l’avesse incucciate insieme e magari a sbaciucchiarsi, a quest’ora, sarriano tutti e due all’ospedale, e invece ...

SOFIA: e invece è stato meglio accussì, ora nostra figlia , sà come la pensiamo, siamo stati abbastanza chiari con lei.

ACHILLE:  e tu pensi che quello che gli abbiamo detto serve a qualcosa ,no tua figlia è cocciuta,e quindi dobbiamo pensare ad un’altra soluzione, ma quale?        

SOFIA: la potremmo mandare in collegio in Inghilterra

TATUCCIO: magari in Cina,accussì   mieze a tutti chilli cinesi nun se trova chiù

SOFIA: e tu ca faie ccà? smamma ca nun sò affari tuoi, tu vide ca intrigante

TATUCCIO: ( uscendo) io volevo collaborare

ACHILLE: esci fuori;( le mani sul volto,  pausa ) ci vorrebbe un’idea,ma quale? no..non va bene,..forse... ma si ...sì.. forse può essere la soluzione migliore    

SOFIA: e che cè voluto pe te fà venì caccosa ncapa, parla, fammi sentire, quale sarebbe quest’idea

ACHILLE: ho pensato...ho pensato di fidanzarla!

 

SOFIA: ue’ guaglio’, ma tu sei diventato pazzo! fino ad un minuto fa’ quello era un essere schifoso, un pezzente e mo’, con una spremuta che ti sei fatto si e’ capovolta la frittata e quello che stava sotto e’ andato a finire sopra.

ACHILLE: ma non hai capito, in queste situazioni bisogna giocare d’anticipi, ci vuole un chiodo che scacci un’altro chiodo ,mi spiego: quando non si riesce a tirar fuori un chiodo arruginito basta inchiodarci sopra un chiodo nuovo cosi’ a colpi di martello lo acacci, in poche parole ci vuole un nuovo fidanzato per Caterina , un vero fidanzato in modo che essa veda la cosa concreta ,palpabile, reale e cosi’ si dimentica di quel miserabile.

SOFIA: e chistu chiuove che dici tu dove andremo a prenderlo?

ACHILLE: eh eh , lo teniamo sotto il naso lo vediamo passare tutte le mattine sotto al balcone e non avevo mai pensato che poteva essere un buon partito.....

SOFIA: parla chiaro chi sarebbe “il buon partito”

ACHILLE: ancora non l’hai capito ? solo io potevo fare una pensata cosi’ geniale : a noi si era presentato il servo per il padrone , basta scambiare le pedine, entra il padrone ed esce il servo, ( fa un gesto con la mano)  la fidanzeremo col figlio del Signor Cavalli.

SOFIA: e,si’! accussi facimmo  “ TROTTA TROTTA CAVALLINO ” !

ACHILLE: e ghiammo all’ippodromo di Agnano , Sofi io sto parlando del figlio del Commendatore Cavalli. Si ...proprio lui . Gente ricca , molto piu’ di noi  ,i soldi non hanno piu’ dove metterli che te ne pare e’ una  soluzione ?

SOFIA: adesso ho capito ,il figlio del commendatore , si l’idea mi sembra buona, ma come facciamo a metterli insieme ?

ACHILLE: a questo ci penso io . Oggi stesso vado a parlare con il commendator Cavallino, tra uomini d’onore basta la parola , tu intanto vai a parlare con Caterina e digli che e’ giunto il momento per un’accordo serio.Io nel frattempo mi libero dagli impegni per portare a termine il piano.

SOFIA: vado subito e cerchero’ di convincerla in tutti i modi (uscendo ) stu mtrimonio s’adda fa’ mi piace , mi piace assaje assaje!

ACHILLE ( ad alta voce ) : Zio Ernesto .... Erne’ ahe , ‘e na parola, mi devo procurare un cannone che spara a salve per farmi sentire da questo....... Tatuccio....Tatu’

TATUCCIO ( entrando): eccomi qua’ ,cumannate donn’Achi’.

ACHILLE: dove sta’ lo zio Ernesto ...

TATUCCIO: e’ in giardino ,  e  ha detto ca nun vo essere disturbato!

ACHILLE: vai subito a chiamarlo e di che e’ na cosa urgente!

TATUCCIO:  agli ordini donn’Achi’ ( esce marciando)

ACHILLE ( tra se stupito): in questa casa mi faranno diventare scemo ( prende un giornale e  siede in poltrona)

SCENA SETTIMA: Achille, Ernesto,Caterina, poi Tatuccio

ZIO ERNESTO: (entrando  ): attenti! a rapporto Signore!

ACHILLE ( si alza spaventato): Zio Erne’ quacche vota ‘e chesta mi ci fate restare secco su questa poltrona ,  per carità cercate di entrare  con meno foga 

ZIO ERNESTO: chi è che affoga

ACHILLE: Zio Erne’ ma cosa avete capito ..ohhh , piuttosto stammi a sentire ,mi devi fare un favore .

ZIO ERNESTO: vuoi fare all’amore, biato a te’.

ACHILLE: ‘O zi ma che avete capito, rizzate bene le orecchie, mi dovete fare un favore, un piacare.

ZIO ERNESTO: amore e piacere , se si fa’ l’uno si fa’ anche l’altro! dimmi che devo fare.

ACHILLE(avvicinandosi all’orecchio di Zio Ernesto): dunque, davi recarti alla banca dell’agricoltura e trasferire gli ottocento milioni  della nostra societa’ , La Company Fruit alla Caracci Boschereccia di cui rileviamo le azioni........io purtroppo ho degli impegni urgenti , e’ meglio che vai tu a fare questa commissione.

ZIO ERNESTO: questo alleato non lo conosco, come hai detto che si chiama ? La Puttanesca? mi servono le coordinate geografiche.

ACHILLE : ‘o Zii... Boschereccia ed e’ una societa’ che opera su tutto il territorio nazionale ed ha quasi il monopolio per l’acquisto delle pesche , e noi ci prepariamo ad avere il monopèolio delle vendite cosi’ con l’apertura delle frontiere orientali  con la possibilita’ di fare soldi a palate !

ZIO ERNESTO: no si se care malato lasciammo perdere, io gia’ sto’ chino ‘e botte.

ACHILLE:ma qualu malato , ho detto faremo soldi cosi ( strofina il pollice ed indice per dare l’idea)

ZIO ERNESTO: quando diriggevo io la societa’ era tutto chiaro: si sapeva a chi compravi e a chi vendevi , ma ora nono si capisce piu’ niente, manca ordine e disciplina, ordine e disciplina!

ACHILLE: ‘o  zi i tempi sono cambiati , bisogna adeguarsi se no si rischia di rimanere schiacciati dalla concorrenza.

ZIO ERNESTO: perche’ con l’influenza si puo’ anche schiattare?

ACHILLE: (seccato) capite sempre una cosa per un’altra site propio surde.

ZIO ERNESTO: sordo a me! come ti permetti di offendere tuo zio!

ACHILLE: ho capito lasciamme sta’, e’ necessario che voi al piu’ presto andate a fare questa operazione non ve ne dimenticate , perche’ da essa dipendera’ io nostro futuro

avete capito bene?

ZIO ERNESTO: ancora mi manchi di rispetto? pensi che sia rincitrullito?solo che non ho capito perche’ devi investire tutti questi soldi e come si chiama questa societa’.

ACHILLE: facciamo cosi’ te la scrivo su un pezzo di carta in modo che non possa sfuggirti niente ( cerca della carta ma nnon tovandola tira fuori un fazzolettino su cui annota): ritirare ottocento milioni dalla Company Fruit, e comperare azioni della Caracci Boschereccia........ecco qua’ conservalo e ricordati che e’ un’acquisto molto importante( gli porge il fazzolettino).

ZIO ERNESTO: la missione sarà eseguita( prende il fazzolettino e se lo infila in tasca)

ACHILLE ( uscendo) mi raccomando non fare tardi!

ZIO ERNESTO: (accingendosi ad uscire parla tra se) azione numero uno,: controllo documenti ( si accerta di averli in tasca) azione numero due controllo del piano di lavoro ( si assicura di avere il fazzolettino ) azione numero tre armarsi di bastone ( prende il bastone ) azione numero quattro una sturatina all’orecchio , azione numero cinque controllo orario di partenza ( guardando l’orologio) o cappa, all’attacco.

CATERINA: ( entrando di corsa)  zio, zio ..ti devo parlare, tu mi devi aiutare, zio ..aiutami tu ( lo abbraccia)

ERNESTO:vuoi ballare?  ti faccio avere un invito alla festa degli ufficiali, è un grande onore  sai

CATERINA: ( piangendo)  zio, aiutami, mi devi aiutare, sono disperata! e se non mi aiuti,scappo di casa, mi butto sotto un treno, non sò neanche io cosa farò

ERNESTO: avanti riferisci il tuo rapporto

CATERINA: papà e mamma  si sono intromessi nella mia vita privata, mi vogliono farmi fidanzare con il figlio del signor Cavallino...( piange).. io invece amo il mio ragazzo  e non lo voglio perdere  solo perchè è povero

ERNESTO: ami un povero pazzo

CATERINA: no, non è pazzo ,è buono, intelligente,  generoso, affettuoso, e mi vuole un bene da morire, ma i miei genitori, lo ritengono non degno di stima perchè è povero, e non possiede niente se non  il suo diploma  di ragioniere ed un grande cuore

ERNESTO: però è anche un po'..( si tira il lobo dell’orecchio) vero?

CATERINA: no! non è vero queste fandonie le dicono i miei genitori perche non vogliono che sposi il mio Vito. Io amo il mio ragazzo.............perche’ non si fanno gli affaracci loro?!(piange)

ERNESTO: e di questa che ne dici ( tira fuori dalla tasca una lettera ancora nella busta e comincia a leggere ad alta voce ma lentamente come se facesse fatica a capirne la grafia) “Egregio Comandante non faccia fidanzare sua nipote con Vito perche’ e’ un finocchio, ma mica poco, un matrimonio cosi’ indegno disonorerebbe non solo lei ma tutto l’Esercito! “ firmato un amico devoto.( ripiega la lettera e la rimette in tasca) tu che ne dici?

CATERINA: sono solo maldicenze per strapparmi al mio ragazzo!.....Vito e’ un uomo vero!

ERNESTO:ma........ allora.....tu.....hai.......cioe’....sai che.........che deve fare il servizio militare .

CATERINA: certo ,e’ sano sotto tutti gli aspetti.

ERNESTO: su tutti i letti?.........alla faccia del pazzo..........ma allora chi potrebbe essere l’autore di questa missiva, hai qualche sospetto?

CATERINA : come faccio a saperlo?

ERNESTO: uhm....io forse si . Su non piangere piccola  mia sembri un torrente in piena( mentre Caterina cerca di asciugarsi col dorso delle mani ) asciugati le lacrime..... un fazzoletto non ce l’hai, su tieni questo( distratto le da il fazzolettino sul quale era scritto la missione da compiere) qui’ ci vuole ordine e disciplina. Il comandante supremo assumera’ la direzione delle operazioni belliche, bisognera’ innanzitutto conoscere l’entita’ delle forze nemiche , e poi sferrare una contr’offensiva.

CATERINA: Zio ti voglio bene, cerca di convincere i miei genitori, io lo amo!

ERNESTO: tu ritorna nei ranghi e ubbidisci ai tuoi superiori, avanti march!

CATERINA: Zio  mi raccomando(esce).

(TATUCCIO:entra con fiori freschi e spolverino e non vede Ernesto)

ERNESTO: (lo guarda stupito ) truppa Attenti ( a Tatuccio sfugge tutto di mano)

TATUCCIO: puozza ietta ‘o veleno, comandate

ERNESTO: cosa sono questi fiori ,c’e’ una festa forse?

TATUCCIO: io nun saccio niente ,mi hanno detto di pulizzare perbene il salone e e di mettere i fiori freschi perche’ la signorina Caterina aspetta lo sposo promettuto.

ERNESTO:  uno sposo spremmuto    ah! siamo gia’ a questo punto ? allora mi debbo muovere!   fatti da parte truppa ( lo sposta ) devo compiere una missiona delicate che solo i generali possono risolverla ( esce)

SCENA OTTAVA: Tatuccio, Sofia, Achille, Mariuccia

TATUCCIO: ma tu vide  che guaio aggio passato cu chisto!

SOFIA (entrando): Tatu’ hai riordinato l’argenteria?

TATUCCIO : sissignora. l’aggià fatta ascì lucente lucente

SOFIA: hai spolverato bene i tappeti?

TATUCCIO: certo signora!

SOFIA: metti le bevande in frigo , prendi pure in cantina na butteglia ‘e dom perignon e miettila ‘o frische, bisogna festeggiare bene l’occasione, oggi Caterina si fidanza ufficialmente col Sigor Cavalli.

TATUCCIO: azz! e comm’e’ stu fatto e  comme và ca la vulite spusà accussi ambresse

SOFIA: va comme dicimme nuje, va..va.. fa ambressa, che ci dobbiamo ancora preparare ( mentre Tatuccio si allontana ) aspetta....quei fiori li’ non mi piacciono.....proviamo a metterli in quell’angolo la’, oh... pare che stanno meglio, mo va a sistemare ll’ati ccose!(Tatuccio esce mentre lei osserva ancora se tutto e’ in ordine)

ACHILLE (entrando) :Sofi’ che dici va bene questa cravatta su quest’abito?

SOFIA: no, questa ci muore sotto, mietti quella a palline che ti regalo’ Caterina per la festa del papa’ oppure cagnate ‘o vestite, e te mjette chillu a righe grige e nere, io mettero’ un vestito di seta che ho comprato giovedi’ scorso.

ACHILLE: hai telefonato alla pasticceria per ordinare i dolci .

SOFIA : gli ho detto di portarli per le diciannove, va bene?

ACHILLE: e hai ordinato il bouquette per Caterina, mi raccomando deve essere grande e bello.

SOFIA: l’aggiu fatto nu mazzo accussi’ gruosso , nun te ne preoccupa’ , saremo all’altezza , chiuttosto fa presto a vestirti , perche’ tra poco arriveranno gli ospiti!

ACHILLE: io sono quasi pronto ,

 SOFIA: allora se faccio tardi comincia a riceverli tu io vado a truccarmi un po’ mi sento cosi’ agitata( si sente bussare alla porta). telo aveve ditto che accumminciavano a veni’, pienzece tu’ io nun me voglio fa truva ‘ accussi’.

ACHILLE: Tatuccio,Tatuccio vai ad aprire ( Tatuccio và ad aprire ed entra Mariuccia cambiata d’abito)

MARIUCCIA: caro Achille, dov’è Sofia? devo parlargli

ACHILLE: Sofia è in camera si stà cambiando, e se non è una cosa urgente forse è meglio rimandare, vedi,questo non è il momento adatto, stiamo aspettando degli ospiti e....

MARIUCCIA: ed io sono inopportuna non è vero?

ACHILLE : no non è questo è che stiamo cercando di risolvere una questione delicata

MARIUCCIA: ho capito, state per fidanzare Caterina e aspettate  il pretendente giusto?

ACHILLE: chi t’è l’ha detto?

TATUCCIO: ( fa mosse per scongiurare la sua partecipazione)

MARIUCCIA: l’ho saputo, qui le notizie volano per l’aria anzi sai che ti dico, voglio proprio essere presente quando verrà questo giovanotto, Caterina è mia.. nipote e quindi anche a mè stà a cuore la sua felicità

ACHILLE: se tanto ci tieni resta anzi se vengono ricevili io intanto vado a vedere Sofia se è pronta   ( esce )    

SCENA NONA: Mariuccia; Tatuccio, Cesare, Ernesto

MARIUCCIA: Tatù, e parlate cu  don Ernesto?

TATUCCIO: Signò nun’ aggio avute o canze  neanche e  veverme nu bicchiere d’acqua, curre accà ,curre allà  pulizze ncoppe e pulizze sotte nun ce la faccio cchiù, cheste pecchè, pe nu fidanzamento, e quanne se trattarrà da spusà che  succerarra’ ca dentro, la carica dei seicento? aggiate pacienza appena fernisce stà mmuine ce lo dico ( bussano alla porta )

MARIUCCIA: và Tatù và ad aprire, forse è il fidanzato di Caterina

TATUCCIO : ( apre la porta) prego ,accumodatevi,voi siete...

CESARE: si..si.. ma chiamatemi il signor Achille

TATUCCIO: (azze e comme va e presse chiste) nu mumento Don Achille viene subbito si è andato a cambiare d’abito, sapete  com’è visto l’evento

CESARE: ah subito si è adeguato, scusate quella  è la signora?

TATUCCIO: no quella è la sorella del padrone.... è vedova

CESARE: ah, però,nun è male e ditemi mentre aspetto.. potete presentarmi visto che in qualche modo pure lei è interessata al motivo della mia visita

TATUCCIO: e come no ci mancherebbe, ( avvicinandosi a Mariuccia parlando sottovoce) signò è  il fidanzato di Caterina,venite ve lo presento ( si avvicinano al Ragioniere) Signor ...come vi chiamate

CESARE: Cesare..Cesare Sanguetta, ragioniere

TATUCCIO: ( sanguetta..azze   ce lo hanno scelto bene il fidanzato) signor Sanguetta, la signora Mariuccia, sorella di Don Achille

CESARE:  onorato signora, ( Mariuccia le porge la mano e mentre  Cesare fà per baciarla  entra Ernesto)

  

ERNESTO: ah ..tradimento, tradimento...( alza il bastone ) e perfino in casa, ma venderò caro la pelle, difenderò strenuamente il mio onore di uomo e di soldato a noi! ( si avventa su Cesare con il bastone mentre Tatuccio  e Mariucca cercano di fermarlo)

MARIUCCIA: fermati per l’amor del cielo lui non c’entra

ERNESTO: lo so io chi c’entra e saranno botte anche per lui ( mima colpi di bastone

TATUCCIO: don Ernè, calmateve avasciate stu bastone,    

ERNESTO : silenzio truppa. farò una strage, ( rivolto a Cesare) e tu serpe velenosa, mangiapane a tradimento, preparati a morire( Cesare tenta di fuggire e Tatuccio cerca di fermare Ernesto, mentre Mariuccia esce chiamando aiuto e accorre Achille e Sofia,  fra lazzi e confusione si chiude il sipario..).

FINE SECONDO ATTO

III° ATTO

SCENA DECIMA

Stessa scena del 2° atto ; Achille e il Rag. Cesare Sanguetta poi Sofia.

ACHILLE: Ragioniere mi scuso per il fuori programma , ma come avete ben capito c’e’ stato un quiproquo ma adesso veniamo a noi: ditemi come mai siete venuto a trovarmi, forse avete saputo anche voi del fidanzamento si mia figlia ?

CESARE: Dotto’, veramente io sono venuto per un altro motivo , diciamo per dovere d’ufficio.

ACHILLE: E va bene , mentre parliamo una bevanda fresca la possiamo sempre sorbire ,sapete oggi e’ un giorno di festa , si fidanza mia figlia col figlio del commendator Cavalli, intanto ditemi che problemi avete  .

CESARE: Io credo che si stia meglio seduti ,se permettete.

ACHILLE: Certo.. certo, accomodiamoci qui’.( si siedono sui divani)

CESARE: Avete dato uno sguardo ai giornali di oggi?

ACHILLE: No! non ne ho avuto il tempo,  e’ caduto forse il Governo?

CESARE: No, nella pagina economica ho letto ..........

ACHILLE: L’annuncio del fidanzamento?.....

CESARE: C’era scritto: Supercrisi del mercato delle mele, crollano le azioni della “Caracci-Boscherecci”..........proprio cosi’.

ACHILLE: Che significa Ragionie’....

CESARE : Che avete perduto ottocento milioni !....ottocento milioni bruciati

ACHILLE: Abbiano perduto tutto?.....

CESARE: Avete perduto tutto!

ACHILLE: No , non e’ possibile......era stato tutto curato nei minimi particolari, mi sento male, mi sento male....( si mette le mani in testa e si accascia sul divano)

CESARE: Meno male che stava seduto ( cerca di farlo rinvenire scuotendolo , senza riuscirci e guardandosi intorno), C’e’ nessuno ...... Signora .......   chi c’e’ in casa....

SOFIA ( entrando): Mamma mia che succede......

CESARE: Suo marito e’ svenuto!

SOFIA: Madonna mia facciamo qualche cosa aiutatemi....

CESARE: Mettiamogli un po’ d’aceto sotto il naso , si riprendera’

SOFIA: Non ne abbiamo ,in casa non lo usiamo.

CESARE:Allora non si potra’ riprendere, mi meraviglio di voi, una famiglia cosi’ agiata non ha un antidoto contro gli svuotamenti.

SOFIA:Raggionie’ ,come ragionate?  piuttosto pigliate un po’ d’acqua fresca e’ sul tavolo (il ragioniere po rta l’acqua e Sofia gliela spruzza in faccia)

ACHILLE: (sospirando) Ahh....! siamo rovinati !

SOFIA: Che vuol dire ?

CESARE: Aspettate Signo’ una sedia.(gli mette una sedia dietro) Dotto’ mo potete parlare.

ACHILLE:Siamo finiti in mezzo ad una strada, abbiamo perso tutto!

SOFIA: No questo no! ( sviene ).

CESARE( rivolto al pubblico): Meno male che le ho dato la sedia!

ACHILLE: Siamo rovinati........,Raggionie’, come dobbiamo fare....siamo rovinati!

CESARE: Eh eh si! Siete proprio rovinati!

ACHILLE: A voi anche sembrava un affare.

CESARE: Si , ma il capitale era vostro.

ACHILLE: Siamo tutti rovinati!

CESARE: E dagli , voi siete rovinati non io!

ACHILLE: Anche voi raggionie’ : Perche’ siete licenziato!

CESARE: Dotto’ voi non avete piu’ una lira e volete conservare il potere di licenziarmi? Qui’ , chissa  se le propeieta’ che vi restano bastano per la buonauscita che mi dovete , dopo tanti anni di onorato servizio, Dotto’ sono io che vi licenzio, oggi non siete piu’ il mio datore di lavoro, ma vi do un consiglio , cercate di concludere questo matrimonio se volete risollevare le vostre sorti .(Si alza ) Vi faccio tanti auguri ( si avvia verso la porta ,poi si  ferma ) non vi scomodate , conosco la strada.

SCENA UNDICESIMA: Achille, Sofia, Michele, Caterina

ACHILLE( tra se ): Che Sanguetta!

SOFIA (e’ stata svenuta tutto questo tempo ): Achi’, come hai fatto!....come hai potuto?...Questo non me lo dovevi fare , io non voglio essere povera, non mi si addice, sono una signora!

ACHILLE: Non ti preoccupare,riusciro’ a ricostruire l’azienda, magari con l’aiuto del commendatore., ora dobbiamo stare attenti, a non farci sfuggire questa occasione il fidanzamento cade proprio a puntino (si apre la  porta e compare Michele ben coperto e con una sciarpa al collo)

 

MICHELE: c’è permesso? la porta era aperta ed io sono entrato

SOFIA: ma chi è l’esattore delle tasse o l’ufficiale giudiziario?

MICHELE: (starnutendo) ma come, non mi avete riconosciuto , sono Michelino, lo sposo di Caterina

ACHILLE: Michelì, sei tu? vieni vieni ,  la chiamo subito,sai con quella sciarpa ed il cappello,non ti avevo riconosciuto, ma prego accomodati e togliti  questa roba di dosso

MICHELE: non sia mai! mammà mi ha detto che non mi debbo scoprire, sennò può venirmi anche la bronchite

ACHILLE: fà come vuoi ( rivolto verso la porta) Tatuccio ,Tatuccio,

TATUCCIO; eccomi  comannate, ( e chi è stu scuorfane,mò)

ACHILLE; Tatù avverti Caterina che è arrivato lo sposo sù.. che aspetti vai a chiamarla

TATUCCIO:( mamma mia chiste pare nu turze e cavurusciure) vaco ,vaco

SOFIA:   ( alzandosi e andandogli incontro) caro Michelino  benvenuto nella nostra casa, finalmente è arrivata l’ora di stringere questa unione ( si avvicina per stringergli la mano e riceve uno starnuto in faccia  intanto entra Caterina seguito da Tatuccio)

MICHELE: scusate il raffreddore

SOFIA : niente niente ..Caterina  su vieni a salutare il signorino Michele

CATERINA ( seccata, rimane sul posto e accenna un inchino goffo) buonasera!

ACHILLE: Michelì sei venuto solo?

MICHELE: si, mammà e papà ,verranno fra poco. io sono venuto prima perchè ero ansioso di vedere Caterina,(lazzi) mammà ha detto che la posso anche toccare, proprio così ha detto: toccala e falle capire che sei un uomo

CATERINA : e che uomo

TATUCCIO:  scartato dinta a munnezza

SOFIA: si, si, hai fatto bene così avete anche il modo di conoscervi meglio.mettetevi lì sul divano l’uno acanto all’altro( Michele starnutisce)

TATUCCIO: e ccà ce vò ‘o ‘imbrello

ACHILLE: su Caterina,siediti vicino a Michelino (  Caterina si siede e Michele ancora starnutisce e poi guarda ammirato Caterina mentre Sofia fà segno al marito che è meglio lasciarli soli)

ACHILLE: noi andiamo...( fà gesti. fà per andare e si accorge di Tatuccio che non si muove) e tù che fai? via! ( Tatucccio fà lazzi ed esce)

MICHELE: Caterì,a questo posto c’è corrente và a chiudere la finestra prima che mi piglio una polmonite

CATERINA: vi manca solo quella e poi siete a posto, ( si alza và a chiudere la finestra e poi torna)

MICHELE: ( con la punta del mignolo che fuoriesce dal guanto cerca di toccarle una mano)

CATERINA:  ma insomma con  quel dito che vorreste fare?

MICHELE: vorrei toccare un po', ha detto mammà, che si può

CATERINA: è meglio che lo mettete in tasca, potrebbe congelarsi|

MICHELE: veramente? hai fatto bene a dirmelo   Caterì, mi puoi prendere un bicchiere d’acqua alle otto devo prendere la pillola  ( mette la mano in tasca e tira fuori una decina di medicinali e comincia a ascegliere quello giusto, Caterina gli porta l’acqua ,ma nell’atto di porgergliela investita da ino starnuto gliela versa addosso).

MICHELE: Cateri’ io gia’ tenevo la cinese mo con questo bagno che mi hai fatto mi fai venire pure la francese.

CATERINA: Don Micheli’ che volete che vi venga per un poco d’acqua ,al limite se vi dovesse venire un po’ di tremoliccio ,vi potete sempre ricoverare al pronto soccorso.

MICHELE: No !io all’ospedale non ci vado , quando sono ammalato la medicina me le da mamma , e mi porta pure la zuppa di latte con i biscotti al letto , come farete anche voi quando saremo sposati.

CATERINA: Ah si ! e mamma ve li mette pure in bocca i biscotti?

MICHELE : Cateri’ , ma tu che credi che sono un bambino?.....io so fare tante cose : so stare a tavola , so mangiare senza far cadere la minestra sulla tovaglia, e contemporraneamente guardare la telavisione ah! sapessi come mi piacciono i cartoni animati, quando ci sposeremo ci metteremo vicini ,vicini e ce li vedremo tutti.

CATERINA: Don Micheli’ , levatemi una curiosita’ ci sta qualcosa che non sapete fare?

MICHELE: Quando ci ho voglia so fare tutto........! solo che la voglia non mi viene mai, mamma mi dice sempre: Micheli’ tu tieni un’intelliggenza che farebbe paura pure a Einstein , ma non ti devi sfruttare se no ,potrebbe venirti qualche cosa......qualche malattia nervosa. Veramente ci sta’ una cosa che mi viene lento e storto e’ questo( indica il nodo della cravatta) percio’ me lo fa mamma, oggi e’ venuto male perche’ ero impaziente di vederti, anzi Cateri’ visto che e’ cosi’ moscio perche’ non me lo tiri un poco su’!.

CATERINA: Come volete Don Micheli’ ( si avvicina e nel tentativo di stringergli il nodo finge di strizzarlo).

MICHELE: No! cosi’ e’ stretto .....mi fai affogare....piu’ lento....piu’ lento, allarga ....allarga ,mi manca il respiro......no,no.....no, cosi’ e’ troppo largo si appende tutto ( Caterina stringe ancora, mentre  Michelino non riuscendo a aparlare fa segno con la mano di allentare ,poi appena puo’ aggiunge ) mamma mia e’ piu’ delicata.

CATERINA: Voi non vi dovete mai allontanare da mamma , tenetevela cara cara.

MICHELE: Mamma mia mi da tutto quello che voglio....., sapessi che piatti saporiti mi prepara ,cannelloni, lasagne , tortellini con la panna, dovresti assaggiare pasta e fagioli leccheresti anche il piatto , quando ci sposeremo mi cucinerai tu , a proposito sai cucinare come mamma?

CATERINA: Noo , quello che fa la mamma e’ sempre migliore, non si e’ mai visto che la moglie cucini meglio della mamma.

MICHELE: E va bene vuol dire che il pranzo ce lo fa mamma e noi ce lo mangiamo, e dopo una bella mangiata ce ne torniamo a casa e mentre io guardo la tivvu tu metti un po’ d’acqua tiepida nella bacinella mi lavi i piedi.

CATERINA ( motteggiandolo ): Io metto un po’ di acqua tiepida nella bacinelòla e vi lavo i piedi.

MICHELE: Proprio cosi’, una buona moglie deve servire il marito in ogni momento e tu in segno di rispetto la sera prima di mettermi a letto mi laverai i piedi.

CATERINA: E come no! Magari per fare il servizio meglio nella bacinella ci mettero’ pure un  po’ di acido muriatico, vedrete che splendore ( da dietro le quinte si sentono le voci ed i convenevoli tra i genitori di Caterina e di Michele )

SCENA DODICESIMA: Achille, Sofia, Pasquale.Rosina.Michele,Caterina,Tatuccio

ACHILLE: ( entrando insieme agli altri ) Benvenuti nella nostra casa

DONNA ROSINA: Finalmente ci siamo .

DON PASQUALE: Oggi e’ un gran giorno .

DONNA SOFIA.: Lo ricorderemo per tutti i giorni che ci restano da vivere.

TATUCCIO: e speramme ca ne sò assaie!

ROSINA: Non fosse altro per il caldo che stiamo soffrendo, ma voi lo ricordate un caldo cosi’?

MICHELE: Quella e’ mamma , hai visto quando e’ bella?

TATUCCIO: a me me pare na papera ncravattata

ROSINA: Micheli’ come ti senti dillo a mamma tua, hai preso la medicina?

MICHELE: si mammà hofatto tutto quello che mi avede detto ( avvicinandosi alla mamma) mammà l’agge tuccata!

ROSINA: bravo,bravo

TATUCCIO: che atto eroico

PASQUALE: Permettetemi di complimentarmi con la promessa sposa con l’augurio di trascorrere una vita ricca di felicita’ e di viaggi!

CATERINA: da un policlinico all’altro

SOFIA:su accomodatevi, così possiamo parlare dei preparativi, prima che cominciono ad arrivare gli invitati Don Pasquale voi sedete là vicino a mio marito, mentre donna Rosina stà quì vicino a mè ( siedono)

ACHILLE: voi quando pensate che si possa celebrare questo matrimonio?

DON PASQUALE: quando  vogliono i ragazzi, per noi anche domani, la casa gliela abbiamo già sistemata, bisogna solo arredarla e preparare le carte

MICHELE: Caterì, io  per voi le carte le sò fare pure false

ROSINA: ( rivolta a Sofia) e voi a che punto state con la dote?

SOFIA: ( guarda il marito) eeemm la dote?... beh... il corredo è tutto pronto, manca solo qualche piccolezza, io veramente volevo comprargli proprio tutto, ma poi sapete comìè ho pensato che era meglio lasciare perdere, questi giovani non apprezzano niente vogliono sempre l’ultima moda

DON PASQUALE: e poi’

SOFIA:( guardandosi attorno) e poi? ah e poi dicono perchè hai comprato queste cose che io non volevo!

DON PASQUALE: no dicevo.... va bene il  corredo, le lenzuole, le coperte, e poi?

SOFIA:( fingendo di non capire) e poi le camice da notte, la biancheria intima, le maglie di lana,le...

DON PASQUALE: questo lo abiamo capito, ma per regolarci, lo sò è scortese  chiederlo, ma per regolarci sulle spese che andremo a fare..... insomma a quanto ammonta in soldi la dote?

TATUCCIO:  evilloco oi  mo bussano a sorde

SOFIA: Achì siamo arrivati al punto

ACHILLE: e va daccapo

ROSINA: donna Sofì, voi ci dovete perdonare  se sembriamo cosi venali, ma noi a a Michelino non vogliamo far mancare niente, perciò ve lo chiediamo, in modo che se manca qualche cosa provvediamo noi

ACHILLE; se volete provvedere, provvedete, non fate complimemti

SOFIA: e stammo sempre o punto e primme

DON PASQUALE:  ma insomma  in denaro quanto volete dare a vostra figlia

ACHILLE: don Pasquale voi ci dovete perdonare, ma le cose sono avvenute così in fretta che non abbiamo avuto neanche il tempo di spiegarci...noi abbiamo avuto..come dire una scivolata per cui oggi non siamo in grado di dare  a Caterina neanche una lira.. ma se voi sarete cosi paziente di aspettare e così generoso di prestarci 50 milioni, appena ci rialziamo Caterina avrà la  dote che si merita

DONNA ROSINA: e chi l’avrebbe mai detto che eravate così squattrinati

TATUCCIO: chiste so addiventate povero e io nun speve niente

 DON PASQUALE: E dovrei prestarvi anche cinquanta milioni sai che affare .........facciamo una cosa rinviamo il fidanzamento poi quando vi rimettete in piedi ne riparleremo ( rivolto a Michelino ) Micheli’ andiamo il fidanzamento e’ caduto!

MICHELE: No io voglio Caterina ( sbatte i piedi a terra) io voglio Caterina !

ROSINA: Micheli’ non prenderti collera il fidanzamento lo faremo un’altra volta , ora ubbidisci a papa’.

MICHELINO: Io non me ne vado da qua’

ROSINA :Micheli’ non insistere ,il matrimonio non e’ piu’ possibile non fare arraggiare papa’.

MICHELE: No ! Tu mi devi comprare , .........io voglio Caterina , me la devi comprare........( continua a piangere e tossire)

TATUCCIO: accattatele  a bambulelle, povero criature!

CATERINA : Don Micheli’ ubbidite fate come dice mamma!

ROSINA : Micheli’ non piangere vieni da mamma tua che ti vuole tanto bene, su calmati, se no ti aumenta la tosse.

DON PASQUALE( alla moglie ): Eh, eh ..cunfuorta ‘o bambiniello, lo vedi come lo hai fatto crescere , tiene vent’anni e ancora non conosce il valore del denaro.

ROSINA :Non rimproverarlo lo sai che e’ molto sensibile.

DON PASQUALE: Andiamocene,sulo e fesse se pigliano a” mugliera’ncuntante e a rota ‘ncredenza ( verso i genitori di Caterina) scusateci ma negli affari non si puo’ sbagliare (fanno per uscire ).

CATERINA : E questo soprammobile lo lasciate qui’?

TATUCCIO: si è accussì io ogni tanto o passe a puliture!

ROSINA: Micheli’ vieni

MICHELE: No!

DON PASQUALE: Andiamo!

MICHELE: No! io voglio a Caterina

DON PASQUALE ( alla moglie) Convincilo sa! se non vuoi che te lo  sciupi ( si apre la porta ed entra Zio Ernesto )

SCENA TREDICESIMA: Ernesto e detti

ERNESTO: Squadra attenti!

TATUCCIO: ahe è venuto o generale,mo siente

DON PASQUALE: E chi e’ quest’altro? ( alla moglie ) mica e’ un tuo parente ?

ROSINA: E chi lo conosce!

ERNESTO: Grande ufficiale Ernesto Pisapia, pluri decorato per meriti di guerra ,medaglia d’oro per la resistenza , e ora rispondete alle mie domande: Voi siete il commendator Caciocavallo?

DON PASQUALE: Cavalli, prego!

ERNESTO ( a Donna Rosina):Per conseguenza voi siete allora la Cavalla !

ROSINA: Signora Cavalli, prego!

ERNESTO: Ne deduco quindi che questo ciuccio , il famigerato sposo sia vostro figlio !

DON PASQUALE: Ma voi cosa volete?

ERNESTO: Ordine e disciplina! vorrei mettere un po’ d’ordine ( si avvicina minaccioso a Michelino ) sei tu il carcioffolino , cioe’ ....voglio dire Michelino?

MICHELINO: Si signore.

ERNESTO: Sei tu l’aspirante marito di Caterina?

MICHELE: Si signore!

ERNESTO: Sei tu che mi hai mandato una lettera anonima?

MICHELE: Si......e voi come lo sapete?

TATUCCIO: agge fatte io la spia

ERNESTO: Ti ho visto armeggiare vicino alla cassetta delle lettere. , quindi ti dichiari colpevole?

MICHELE: Si , perdonatemi , io ero geloso di Vito , perche’ volevo io Caterina, non mi fate male......!

ERNESTO:Non ti faccio niente ma questo matrimonio non si fara’ mai piu’, perche ‘ tu ti sei dimostrato ignobile ricorrendo alle lettere anonime e voi ( rivolto ai genitori ) avari e senza scrupoli pronti a concludere un matrimonio basato sul denaro e non sull’amore, percio’ vi invito ad uscire tutti da questa casa!

CATERINA : Grazie Zio, mi hai tolto un peso dallo stomaco!

TATUCCIO: e un  soprammobile in meno da pulire

ROSINA : E chi ci vuole restare in questa casa di squattrinati.......Micheli’ dammi la mano .

DON PASQUALE: Andiamo .... ( escono trascinandosi il figlio dietro)

SCENA QUATTORDICESIMA: Achille ,Sofia;Ernesto,Vito;Gennaro;Concetta; Maria, Tatuccio.

SOFIA: E ora che diremo agli inivitati?

ACHILLE: La verita’

SOFIA : Quale verita’....quale verita’, che siamo poveri e che e’ fallito il matrimonio perche’ Caterina non potra’ avere piu’ una dote?.......povera figlia mia, il primo lo abbiamo cacciato perche’ era povero, questo se ne e’ scappato perche’ siamo poveri noi, e cosi’ questa povera figlia e’ restata fuori dalla festa di Cancello e pure da quella di Arnone.

 

ERNESTO: un momento non tutto è perduto, ho una sorpresa per voi ( apre  la porta e d entrano Vito ed i suoi genitori)

CATERINA: Vito Tu qui!

ACHILLE: voi qui?..... perchè?

SOFIA: noi non abbiamo più una lira.

MARIA: quella è la sposa di Vito?....comme è  secca  mammà me pare n’alice scurticata

CONCETTA: zitta che  ca Vito s’arrabbia, tu o saie ca a tene dinto o core

ERNESTO: silenzio ( si avvicina a Vito)|Tu guardami negli occhi e rispondi, vuoi proprio bene a questa nipote mia?

VITO: e come nò

ERNESTO: che hai dettto che è un comò?

VITO: ho detto che l’amerò per tutta la vita

ERNESTO: allora  questo è il matrimonio che si ha da fare

CATERINA: grazie  zio, sei la mia salvezza

SOFIA: ma noi non abbiamo più una lira

ACHILLE : siamo ridotti sul lastrico

TATUCCIO: ma allore è o vero, stò mieze a na via pure io

 GENNARO: abbiamo saputo e ce ne dispiace per voi

CONCETTA: non vi preoccupate, a mangià se mangia sempe   

ACHILLE: ma voi avete capito bene? noi siamo proprio rovinati noi non abbiamo più niente, e non possiamo dare a Caterina neanche una camicia ,salvo quello che ha addosso

GENNARO: dottò i soldi a che servono,basta a salute, e nu poche e bona vuluntà. e uno si rimette in carreggiata

ACHILLE: hai ragione, ma io oltre al commerciante non ho mai fatto niente, e per farlo c’è bisogno  almeno di un minimo di capitale

CONCETTA: Dottò non ve preoccupate vorrà dicere, che chellu poco ca tenimme o mettimme a vostra disposizione quanto alla dote di Caterina o rimedio ce stà, avevo priparato della biancheria per figliema Maria , ma chelle è ancora criatura, vo dicere che mò la piglia Caterina e poi o signore ce penserrà

MARIA: mammà e io comme facce se mi capiterà nu matrimonio all’improvviso

CONCETTA: tu si ancora guagliona

MARIA: e dancelle , ma se trovo marito vorrà dicere che me la farai cchiù bella:

GENNARO: tu pensa a crescere  ca poi  penzamme pure a tè

TATUCCIO:  però?  comme è simpatica stà guagliona io già ce stò penzanne

VITO: noi veramente per tirare avanti avevamo pensato ad aprire una pizzeria

ERNESTO: cosa una pisceria e che ci dovete fare?

VITO: faremo pizze, antipasti,pepate di cozze,e poi con il mio diploma di ragioniere chissà, che non capiti qualche occasione  per diventare ricchi

ACHILLE : e con quali soldi?

CONCETTA: cu chille ca aviime risparmaiate nuie, nuie ce damme volentiere,  poi Iddio vede e provvede

CATERINA: Papà voi  non vi dovete preoccupare verrete a mangiare da noi

GENNARO: dottò, potete anche venire addò nuie,ce faciarria tanto piacere

ACHILLE: grazie , grazie io sono confuso, sono...mortificato.perchè oggi, oltre ad essere  diventato povero di sostanza in questo momento mi accorgo di essere stato sempre  povero nell’animo

GENNARO: Don Achì ,non c’è da vergognarsi,   poichè non siamo noi a decidere dove e quando nascere, e come nascere, se ricco se povero, se nobile o se disgraziato,la verità vedete è una sola.: la povertà o la ricchezza è come un vestito che si può cambiare e si può togliere, perciò, quello che conta veramente è chi lo porta questo vestito

ACHILLE: voi ci dovete, perdonare, se  siamo stati così ciechi e presuntuosi,  e vorrà dire che quello che non abbbiamo  adesso da darci in soldi lo daremo sicuramente in affetto

ERNESTO: avete visto anche mio nipote, non vuole essere in difetto pertanto sicuramente  darà  in dote  ai ragazzi la proprietà che ha aqcuisito recentemente

SOFIA: o zì ma tu fusse asciute pazze

ACHILLE: nui nun tenimme manco una lira

ERNESTO: come voi non ricordate ed io poi sarei il pazzo?

SOFIA: ma cosa dobbiamo ricordare

ERNESTO: ( ad Achille) ricordi che mi  mandasti alla banca?

ACHILLE: nun l’avesse maie fatte, nun fossimo caduti così a terra!

ERNESTO:ricordi che mi dicesti di prelevare 800 milioni e andare in via Caracciolo?

ACHILLE :  io ... a via Caracciolo,  ma che stai dicendo?

ERNESTO: ti ricordi che volevi le azioni della banca Bayerisce, io te le comprai, e ora che sono raddoppiate , una metà la puoi pure dare in dote a Caterina

ACHILLE: come! tu alora mi vuoi dire che invece di comprare le azioni della Boschereccia, hai comprato quella della Bayeriscie... o santo Iddio...ci hai salvato dalla catastrofe

SOFIA: allora siamo di nuovo ricchi, sia ringraziato il padreeterno che ti ha fatto diventare sordo, che bello essere ricchi, ah finalmente,potremo fare quello che vogliamo

TATUCCIO: azze so turnate ad essere ricche pure io

GENNARO:( alla moglie) Cuncè turnanmacenne a casa   che questi sono saliti di nuovo sulla scala

 SOFIA; non lo dovete dire neanche per scherzo, voi siete cosi generosi e nui simme state accussì scortese nei vostri confronti, voi ci avete dato una lezione di vita di cui vi saremo riconoscenti per tutta la vita venite abbracciamoci ,che la felicità non ha prezzo ( tutti si abbracciano )

GENNARO: adesso ci dovete scusare ci ritiriamo, perchè, il lavoro ci chiama

CONCETTA: si nun vi dispiace i ragazzi oggi mi vulesse purtà a casa a mangià cu nuie , poi domani penseremo a tutto

ACHILLE: non ci dispiace affatto, andate ,andate ( escono )

SCENA: QUINDICESIMA: Ernesto,Achille, Sofia, Tatuccio,poi Mariuccia

ERNESTO : adesso un piacere lo posso chiedere pure io

SOFIA: o zì qualsiasi cosa tu ci hai ridato la vita e la dignità

ERNESTO: la....... non importa ora veniamo a noi, come sapete io e Mariuccia vorremmo sposarci, purtroppo è fissata. e non vuole fare nessun passo prima che la buonanima del marito le abbia dato il permesso, ora se noi combinassimo una seduta truccata e facessimo in modo che il marito parlasse per bocca di Sofia tutto fosse risolto

SOFIA: ma veramente, non è  leale fare una cosa del genere, e poi faremmo anche un torto alla  buonanima

ERNESTO: Sofì,io ti dico che la buonanima sarà contento,perchè riposerà più in pace, Mariuccia la finirà di scomodarlo in ogni occasione, che diamine, non lo lascia mai in pace con le sue richieste 

ACHILLE: forse lo zio ha ragione, e sono disposto anche io a darti una mano, ma che sia l’ultima volta che farai una seduta

SOFIA: bene, chiamiamola e facimme stà seduta, Tatuccio,prepara il tavolo e acqua in bocca, tu Achì telefona a Mariuccie e falla venire

TATUCCIO: signò pè mè ca ci stà il solito?

SOFIA: no questa volta il doppio, fa ambresse..chiuttosto ( preparono il tavolo e poi si sente bussare ed entra Mariuccia)

SOFIA: Mariù ti ho mandata ha chiamare perchè oggi sento che è il giorno buono sei pronta ?

MARIUCCIA: sono pronta

SOFIA: bene! venite tutti a sedervi al tavolo, Tatù vieni pure tu e spegni la luce

SOFIA: ci siete, mi raccomando il massimo silenzio, unite le vostre mani ,pollice e mignoli,( si concentra una pausa) spirito di Ferdinando Capece ti invoco, vieni fatti sentire,spirito di ferdinando se ci sei batti un colpo ( si sente un rumore  e d il tavolino comincia a tremare) spirito di Ferdinando sei d’accordo se Mariuccia si sposa ad Ernesto....( pausa) grazie sei generoso e Mariuccia ti sarà grata per tutta la vita grazie ( all’improvviso da dietro compare una figura in bianco la notano e nel’oscurità  si spaventono)

CUOCO:  ( dopo una pausa di sconcerto) signò o pranzo è servito

TATUCCCIO: (corre ad accendere la luce ) puozzi’ittà o sanghe e che paure

SOFIA: mamma do Carmine, che spavento,però Mariù , Ernè felicitazione!

Ferdinando a ditte ca sì

MARIUCCIA: assa fà Dio !era ora io ed Ernesto ti saremo riconoscenti per tutta la vita

ACHILLE: cosi come noi siamo riconoscenti a voi spettabile pubblico per averci  pazientemente seguito.     

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 101 volte nell' arco di un'anno