A spartenza

Stampa questo copione

A SPARTENZA (?E TRE ?DA CHIAZZA)

di Giulio Caso

La scena si svolge in un vicolo solitario ? di sera.

Ferdinando (?A Faina) (Uscendo con cautela) ? Pascà, Pascalì, viene, iesce fore, nun ce sta cchiù nisciuno.

Pasquale (?O ?nding ?ndang) ? Uh! Maronna mia! Ferdinà, ?nce l?avimmo vista overamente brutta stavota? e? Gennarino ?O Parsifal addò è ghiuto?

Ferdinando ? E chi ?o sape; quanno ?a signora nc?a visto e s?è misa alluccà, è successo il finimondo, il ?si salvi chi può?.

Pasquale ? Io nun aggio arraffato niente.

Ferdinando ? E io nemmeno, però Gennarino ?O Parsifal ha pigliato ?nu sacco pesante assaie, chissà che ?nce steve arinto!

Pasquale ? Intanto si nun ?o trovammo ampressa chillo se venne tutto all?Asso Pigliatutto e chi se visto se visto.

Ferdinando ? Zitto che sento ?nu rumore??Chi è llà, ascite fora che ?

Pasquale - ..Nuje tenimmo paura (semitono).

(Esce Gennarino)

Gennaro ? Ah! Aah! Ferdinando ?A Faina e Pascalino ?O ?Nding ?Ndang. E vuie ccà state, site scappate e m?avite lasciato sulo; belli cumpagni aggia truvato! (Poggiando il sacco a terra ? Tono accusatorio) ? ?A fatica l?aggia fatta sul?io.

Ferdinando ? Ué! nun accuminciammo a fa? storie, nuje simme una banda tutt?aunita ? (Serio, minaccioso) ? Avimma sparte a tre.

Pasquale ? (Più accomodante) ? Doppo l?avventure che avimmo vissute assieme, accussì parlate?

Gennaro ? Ma quale avventure, né! Io v?aggia visto poco fa, muorte ?e famme e pe compassione vi ho arruolato e v?aggia purtato a ffa é pale cu? mme pe stu lavoro. Cu? mme: ladro professionista, mariuolo onorate e de carriera. Mo jatevenne ca nun v?a site guadagnata ?a jurnata. E? ghiatevenne co bbuono, si no? (fa segno di prendere la molletta).

Pasquale (Punto sul vivo, facendosi coraggio) ? E io pure ?a tengo ?a mulletta (mette le mani in tasca).

Ferdinando (Solidale) ? se è pe? cchesto pur?io (Stesso gesto).

Gennaro ? Va bbuò, l?avite vulute vuie, (Caccia una molletta) a chi aggia bucà pe primmo?

F. e P. (Impauriti) ? Veramente pazziavamo, state calmo! State calmo!

Pasquale ? Chesta è ?a mulletta mia (Caccia una molletta per i panni), m?ha data muglierema pe? me fa ricurdà che ll?avevo accattà, ca so fernute.

Ferdinando ? E pur?io (Affranto) ?a stessa cosa (Caccia analoga molletta).

Gennaro ? (Nel frattempo aveva rovistato nel sacco) ? E vuie site uommene ?e guapperia? (Rivolto a se stesso) ? Cca ?o munno sta cagnanno. (Ai due) Cumpà, ?na bbona notizia, tenite, spartitevele, avite fatto ?a spesa?so? tutte mullette. Nun se po? arrubbà cchiù ?na cosa bbona. (Si allontana pettinandosi i capelli con la sua ?molletta? che in realtà è un pettine).

F. e P. (Si consolano con il bottino) ? Una a me, una a te, una a mme?

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 22 volte nell' ultimo mese
  • 200 volte nell' arco di un'anno