‘A taverna ‘e Portacapuana

Stampa questo copione

CAPOSECCA (uscendo dalla taverna e dando la voce da venditore) E’ cuotto ‘e cuotto , e comme addore , lu sufffirtto è cuotto ,

 Posizione siae :Nellantonio Aprea POSIZIONE N.216006

All’autore farebbe piacere essere contattato per eventuali cambi 3389932568

‘A Tavernare e Portacapuana

Commedia in 2 atti di Nellantonio Aprea

Liberamente ispirata ad Annella di Portacapuana Di G.D’avino

PERSONAGGI

Porzia

Cuosemo

Meniello

Annella

Cleonice

Capasecca

Mbruoso

Rita

Patrizia

Lunella

Cianno

Bettina

Carmelina

Semmulella

Baronessa

Margherita

La scena rappresenta una piccola piazzetta settecentesca nei pressi della popolosa Portacapuana, a destra dello spettatore è ubicata la tavena di Porzia al centro c’è la casa di Mbruoso con annesso negozio di frutta a sinistra dello spettatore c’è la casa di Cuosemo castagnaro. Al lato destroy del palazzetto centrale ,cioè la casa di mbruoso, c’è la commune , un vicoletto stretto dove si intravede anche la casa di Lunella la fattucchiara. Sono le sette del mattino circa …piano piano la piazzetta si anima.

Atto primo scena prima

Entrano in scena Bettina e Carmelina due anziane che vengono da un altro paese quindi hanno un accento da montanare .

BETTINA carmeli bella da sore..e che paese curiose e chiste, nui simme abituate a muntagne campagne pecore caciuttelle e prusuttelle

CARMELINA e overe bettina…io me mette appaura, ma ‘o parulane  se ne ghiute?

BETTINA menumale che avimma truvate a chillu cristiane e ciccio ‘o parulane ce simme sistemate ngoppe e vedure e c ne simme scise a napule

CARMELINA tu mieze e verdure io steve mieze all’ortagge..e comme erano tuoste chill cucuzzille…

                                                                                                                                                                             

BETTINA Carmelì ma mo comme ‘o truvamme a ciannutiello nuoste…

CERMELINA betti’ isse dicette che steve sempe pe Portacapuna…chiste è lu luogo …accà adda passà …spiamme a quaccherune… (vedono Capasecca) signore…signore…

BETTINA Buonuomo buonuomo….

CAPASECCA decite a me? Parlate

CARMELINA Betti’ parla tu’

BETTINA carmelì tu ‘o spieghe meglio, tiene na bella voce parle tu

CARMELINA no t’aggia ditte parla tu …

BETTINA/CARMELINA( insieme) nui cercamme a nostro nipote ….cianne…’o cunuscite?

CAPASECCA  nennelle, a una a vota …faciteme capì

BETTINA carmelì parlo io…nuie cercamme a nostro nipote, Cianno accussì ‘o chiammene ma se chiamme Giovanni

CAPOSECCA e quindi?

CARMELINA ma vuie ‘o canuscite

CAPOSECCA a chi?

BETTINA a nostro nipote

CAPOSECCA vostro nipote?

CARMELINA sine …

CAPOSECCA none…

BETTINA  e allora perché c date confidenza? Se nun canuscite a nostro nipote?

CARMELINA  allore  è segno che nun canuscite nemmeno a nuie

BETTINA site poprio nu screanzato …iammucenne…

CAPOSECCA ma vui vedite che se passe a primma matine, forza, facimmece a croce e accuminciamme…..E’ cuotto ‘e cuotto , e comme addore , lu sufffirtto è cuotto , iamme guaglio’ votte e mane e miette aute graunelle sotte a Furnacella e nun te fa vedè che mane mane che a cummandante te ne caccie

SEMOLELLA nun ve ne ncaricate maestro ca io tengo genio e bisogno e faticà, ve servo subito subito    (VIA)

CAPOSECCA  pe sta vicino Annella ,a figlia da tavernare, me so ariddotte a fa o garzone dinte a chesta bettola, ma tante che aggia fa e tante de scumbina che aggi mettere ma io me l’aggia maretà

LUNELLA E DETTO

LUNELLA capasè buongiorno e salute….

CAPOSECCA  uè donna lunè vuie già state scetate? Che ghiate facente apprimma matina?

LUNELLA  vache truvannetre pile e gatta nera,  aggia fa nu ncatesime a na figliola

CAPOSECCA e i che se tratte?

LUNELLA uè io so secreta, so comme ‘o confessore…in tutti i mode l’hai viste a gatta nera?

CAPOSECCA  si a vedeve ma cucenave… una vote veniette a du te pe me fa levà nu puorre a fronte e me faciste asci nu cuorne e chesta manera 

LUNELLA uè ma che vaie truvanne io ogne tante me nzallanesche …vattele a mbara’ tutte e formule megiche che me mbaraie a nonne, è a cumme vene…però po m’arricorde e angarre..bona iurnate

CAPOSECCCA  bono iurnate lunè…po me fai sapè…che guaie e combinate, semmulè semmulèèè votte e mane fai ambressa…(VIA)

BETTINA E CARMELINA INCONTRANO LUNELLA

LUNELLA (alle due ) ne belli cristià, bona iurnate…ve pozze chiedere na cortesia?

BETTINA prego decite…abbasta che nun ce facite mettere appaura

CARMELINA nui simme fureste…

LUNELLA aaa, nun site e cca?…allora nun me putie aiutà….io cercave na Gatta nera

BETTINA no nui cca nun a tenimme…o paese si

LUNELLA e i che paese site?

CARMELINA i valle pilosa

LUNELLA che paese straveze

BETTINA vui invece ce putite aiutà a truvà nostro nipote?

LUNELLA gesù i cheste facce

CARMELINA a trovagente ?

LUNELLA io songhe cartomante, veggenta e astrologa…ve veco tutto e ve trovo tutto ..però m’avita pagà…

BETTINA  San Pascasio mio è cheste e na strega….p’ammoe e dio carmelì fuimme…(VIA)

LUNELLA accuminciamme buone a iurnate…micia, micia nera, miciarella…(VIA)

MENIELLO

MENIELLO Tutte   me dicene perché nu dorme , ma comme posso dormire cu sta sfrennesia che me piglia ‘o core, nun me pozze levà a dinte a mente ad Annella Mia . so talmente geluse che affruntarria a tutte e spasimante suie e specialmente a  stu piezze  e battilocchio che tena ‘a puteca ca nanze,  Mbruoso e  la mamma ha acconsentite e ce da pe sposa, ma lu destino me è contrarie assaie perché la mamma chella fanatica  se  poste ngape e me da alla primma figlia soia Cleonice e io pe nun lassà sta casa faccio u finto nammuratee chillu purpe  che mala sciorta che mala sciorta…e io supporte tutto pe stà vicino ad Annella Mia

ANNELLA Meniè, core e stu core

MENIELLO Bellezza de sto core

ANNELLA  Che d’è io ancora m’aggia vestire e tu già si asciute? Si fatte matenante?

MENIELLO  Io nun vulesse essere matenante , ma ‘o pensiere mio pe te me fa dannà

ANNELLA Ma tu cu me po sta tranquille, so io che veco tante vespe attuorne o miele….capisce a me , e si veco ‘o sacce quaccose me facce afferrà pe pazza

MENIELLO  E se pe cheste pur’io, se acchiappe Ambruose che te fa nu sguarde o nu carizze me facce afferrà pe pazz

ANNELLA  Quindi io me stonghe accorta ‘o pate e tu statte accorta a figlia

CAPOSECCA E DETTI

CAPOPSECCA  uè meniè tu ca staie? Fuitenne che la padrona sta dinte,Annè  fuitenne pure tu che se mammete aesce ca fore se mangia ‘o tuppe pa arraggia

 ANNELLASi tiene ragione è meglio cha me ne trase..core mio si a vita mia nun to scurdà

MENIELLO  Tu si o doce da vita….

CAPOPSECCA    Meniello mio, lo nammurate e comme lo marvizze, che se crede che annascunnenne la cape sta sicure, invece, nun sape ca tutte ‘o cuorpe sta fore…prudenza nun è mai abbastanza

  MENIELLO  Mannaggia a morte, ma te pare vita chesta da poter sopportare?

   CAPOPSECCA    Ma si proprio nu locco ? ma comme tu sai che Annella te vo n’ammore pazze e te scunfire e chesta manera?’o rieste nun mporta , ‘

PORZIA E DETTI

PORZIA Ne capasecca capesecca…ma vuo venì a parte e dinte? Stai sempe ngiucenianne loca fore? Ca, se sta abbrucianne tutte cose,’o caprette a cacciate a lengua a fore , e sasicce vanne abballane ngoppe a furnacella  e che marina e chesta(scorge meniello cambiando tono) caposecca…mi fai fare sempre la zandragila mi potevi avvisare che ce stave meniello qua fuori?’ o caro meniello benvenute

MENIELLO    buongiorno Zia  Porzia

PORZIA        bongiorno faccia d’angelo già l’hai  viste all’ammore tuoiè?

                                                                                                                                                              

PORZIA                (fraintendendo con Annella) Si già aggia avute la visione?

PORZIA Comme chella svergognata e Cleonice già è asciute i mo l’aggia viste dinte ‘o liette

MENIELLO   None zia Porzia mie io me sono confuso ..io me laggia sunnate

CAPOSECCA Sai che paura

PORZIA E allora mentre Caposecca ta va a chiamma io t’appripare  na bella cusarella da spuzziuliare..Capuse’ va chiame a Cleonice e nun a fa mettere paura

CAPASECCA  A paura ma faccio io appena ma veche annanze (VIA )

MENIELLO  Nun ve scomodate ..nun ve mettite troppe in obbligo cu miche

PORZIA  Obblighi? ma quale obblighi? mo ca te spuse a Cleonice mia,te facce avedè ca te succede, basta ca ta spuse

MENIELLO E ce credo

PORZIA       Iamme trase dinte e fatte servì chelle che vuoi

DON EUSTACCHIO E DETTI

EUSTACCHIO  Donna Porzia, Pace e bene, che il signore vi accompagni per tutta la giornata..

PORZIA      ma io nun voglie mbicce apriess, io tengo che fà tutta a giornata, stu signore appriessE me mette soggezione, pace e bene don Pistacchio

EUSTACCHIO  Eustaccio no Pistacchio Sempre simpatica e spiritosa la nostra Tavernara…che profumino …oggi che si mangia?

 PORZIA Donn esutacchio é fecato e come al solito ne volete un poco per rinfrescare le anime del purgatorio, in particolare l’anima di mio marito, ca pozz essere beneritto, fece proprio una buona riuscita, frisc all’anima sua…

EUSTACCHIO Murett   viecchio?

PORZIA No,… a quarant’anni ..e pe chest che fece na bona riuscita, murett primme che addeventave pesante,  l’ommme è buone fino a quarant’anni, doppe pe fa na bellla figura ,adda nurì….si no accumcene a da fastidio a essere pesantone, a cummannà a coppe a na seggia  a essere mbicciuse e fetuse…

EUSTACCHIO Sagge parole sagge parole..ma noi parliamo di uomin, no di monaci è vero?

PORZIA No, munaciè vuie nun servite ne primme ne doppe e quarant’anne…assettateve che mo

ve donghe a mangià….

CARMELINA , BETTINA E DETTI

CARMELINA giramme giramme e stamme sempre ccà comme avimma fa?

BETTINA carmelì se aperta la lucanda…addimandamme

CARMELINA signurì scusate una domanda

PORZIA prego dicite a No..

BETTINA signora bella per caso conoscete a mio nipote?

PORZIA io? E chi o sape

CARMELINA ma, l’avete visto?

PORZIA ma si nun ‘o cunosco…

BETTINA ma voi ne siete sicura? quello ci assomiglia…

CARMELINA e tantu nu bellu giovane

PORZIA allora già state  ricenne na fessarria …perché se v’assumiglia nun po essee nu bellu giovane

BETTINA a signora sta spiritosa …e meglio che ce n iamme nun ce canosce e vo cunoscere a

nostro nipote..

CARMELINA vedite che genta strane se ncontre pe mieze a sta Napule

PORZIA uè peccerè ma vui site fureste?

BETTINA sine, simme e Valle Pelosa

PORZIA i ro site?.... ma  vuie ‘o sapite che  tenite prorio a facci e Valle Pelosa …ma valle pelosa vecchia?

BETTINA si simme ro centro do paese ‘o borgo

PORZIA me lo immaginavo…tenite propriodoie facce e valle pelosa vecchia ….chelle che pile ammusciate….

CARMELINA signò ma vuie ce vulite sfottere?

PORZIA ma quante maie? Io nun so proprio capace e sfottere a gente, io so cattolica postolica romana napoletana …so seria…

BETTINA Carmelì iammucenne ….ch’è meglio è meglio

CARMELINA buona giornate e se vedete a nostro nipote dicitancelle che le zie sono arrivate..

PORZIA appene ‘o veco cio’ dico..state tranquille e salutateme a paese vuoste cu tutte e pile..

MBRUOSO RITA E PATRIZIA

MBRUOSO tu è inutile che chiagne è inutile che a mastu cianne ti devi sposare

RITA      tu me può fa piezze piezze ma io nun mo spose

PATRIZIA  Papà, a sorella ave ragione…

MBRUOSO ma tienemente a cheste doie stamatine comme se so poste…chille è nu buone giovane ricco e faticatore

RITA Locco

PATRIZIA Papuscio

RITA e debosciato

MBRUOSO ma che vulite? La femmina adda essere bella, l’omme buono e faticatore

PATRIZIA ma chille fete e scarafone

PORZIA ne mbruò ma ogne juorne a stessa musica cu sti figliole?

RITA zia Porzia …parlate vuie dicetancelle

PORZIA e certe che mastu Cianne pe sta creatura e nu poche troppe ,chille overe ca fete e scarafone, po ca cerevelle nun ce sta tante, ma perché vulite nfelicitare a sta povera figliola?

MBRUOSO perché, a mane a bonananeme do pate, facietteme chistu patte e io songhe nomme d’onore

PORZIA e capite nennè? chille ave ragione, a mane o pate facette ‘o patte …mica speve che mastu cianne a gruosse addeventave sceme?…come uomo di chiesa frà pistacchio parlate nu poche vuie

EUSTACCHIO donna Porzia,  Eustacchio, Eustacchio  no pistacchio…  e poi…  se ‘o pate mpone na cosa, bisogna rispettarla, i patri sono i patri vanno rispettati

PORZIA e i figli sono i figli …don pichiacchio don  pistacchio comme ve chiammate io Eustacchio nun ‘o ngarre a dicere

EUSTACCHIO ma se adesso l’avete detto

PORZIA e mi è scappato scusate…e poi è  meglio che vi state zitto mangiate che è  molto meglio …vedite che facce buono io che vi chiamo pistacchio adesso zitto mangiate…(dandogli uno scappellotto dietro la testa facendolo andare con la faccia nel piatto)

MBRUOSO del reso pure vuie avite date a prumessa e me fa spusà cu Annella appena aggia sistimate a chesti doie zitelle

PORZIA e certo ma resto ‘o patte che aunimme e dui casamiente e allargamme a taverna

CAPASECCA CLEONICE E DETTI

CAPASECCA  donna porzia aggia sciovete a figlia vosta

PORZIA sciovete? E che le pigliatee pe nu cane?

CAPASECCA no…scusate vuleve dire scetate a quel fiore di vostra figlia

CLEONICE  buongiorno a tutti…meniello mio buongiorno (forte sbadiglio)

RITA se scetate ‘a vacca

MENIELLO buongiorno signorina Cleonice..

PORZIA stamme ancora ca signorina? chiammatela pe nomme e datele nu vasillo

RITA madonna mia ce vo ‘o stomaco

PATRIZIA a matina è chiu brutta…

PORZIA zi mbruoso mio, vedite  comme songh’io, e figlie mie le faccio decidere a loro, è vero a mammà …perché si tu nun o vuo a don Meniello mammà nun to dà

MENIELLO fosso ‘o cielo …

CLEONICE mammà ‘o me spose a isse o a morte e o mio e o mio…appena spusate taggia fa zumpà a coppo o liette comme a na rille

PORZIA Cleonice a mammà te veco nu poco riscaldata perché non scendi un poco giù alla cantina mammà tiene la ghiacciera e t’assitte ngoppe a na forme e ghiaccio …furniscele nun me fa fa brutti figure….

CAPOSECCA  accussì se squaglia a ghiacciera….e comme stamme nfucate….

ANNELLA E DETTI

ANNELLA  buongiorno e salute a tutti

MBRUOSO buongiorno zuccariello mio

ANNELLA zi mbruoso mio, ve prego e nun ve pigliate tante cerimonie cu miche

MBRUOSO ma nuie  c’avimme spusà

ANNELLA e se ce spusamme arraggiunamme

MBRUOSO donna porzia ma vuiee a sentite? Se ce spusamme

PORZIA ue nennè ma che vaie recenne?

RITA comme so belle chiste matrimonie spontanei (ridendo)

PORZIA tu statte zitte e fatte e fatte tuie, frà pistacchio parlate vuie

CAPASECCA mo parla la curia..chille sta affucanne dinte ‘o piatte sai che capisce mo

EUSTACCHIO è vero i matrimoni devono essere spontanei senza interferenze…e senza interessi

PORZIA Pistacchio picchiacchio ..mangiate mangiate ch’è meglio

MBRUOSO  meglio che me ne trase a parte e dinte …ogge nun è ghiurnate (VIA)

PORZIA annè cu l’uommene ce vo maniera…e primme tiempe, doppe spusate o può trattà pure che piere…ma primme no…

MENIELLO è meglio che me ne vache pure io …

CLEONICE nooooo adddo vaie …( si siede sulle gambe di meniello) tu acca nun te movere

CAPASECCA signori, p’ammore da Madonna, nun ve muvite assaie, che vui facite nu movimente scustumate e cacciate a mufete a sotte…

ANNELLA c’hanna suppurtà l’uocchie mie …

MENIELLO signorina Cleonice per favore un poco d’aria..

CLEONICE L’ho fatta? Ve ne siete accorto?

MENIELLO mamma mia ate che aria, chiste è ‘o colere…

CAPASECCA io vi avevo avvisato, mamma mia nun se respire, l’ata matna arrapette a feneste passaie n’ucielle murette e subbete …è troppo nu fetorio …

EUSTACCHIO una signorina perbene non si comporta così…

PORZIA pistacchio mangiate …Cleonice dobbiamo riprendere la cura di menta salvia e gelsomino per le viscere…

CLEONICE perché mammà si sente?

PORZIA nooooo…meniello e addiveniate chiù biondo…

CUOSEMO E DETTI

(cuosemo apre la sua bottega di castagnaro e scorge il figlio Meniello seduto alla Taverna)

CUOSEMO ne piezze e birbante ..scaenza ruvina da casa mia..ogne ghiurne alla taverna e me vuo’ vedè distrutto  

MENIELLO maronn pateme ….

CUOSEMO e tu vecchia della malora a vuo’ ferni cu figliemo?

PORZIA – a quale vecchia ‘e viste ca fore? ca nun ce stà nisciuna vecchia …

CUOSEMO cu tico ..cu tico, vecchia vrucculosa…

PORZIA facce finte che nun aggia sentetute e me trase dinte …

CUOSEMO e nun te conviene e parlà cu miche si no te sbreogne tutte e corne toie..a quante si nate

EUSTACCIO vi prego signore lasciateci mangiare in santa pace

CUOSEMO ne monaco mbriacone e parle pure tu mieze?

PORZIA ce lave  con vuie …pistacchio…

EUSTASCCHIO .con me ? con me? E che va truvanne a me?

ANNELLA ma avita alluccà sempe ca fore?

CLEONICE ‘o gnore mio , fa sempe cheste!

CUOSEMO ‘ognore? ‘o gnore? ne scimbanzè vestite a femmene e comme te permiette e te piglià chesta parentela…io nun tenghe niente non ho niente, sule craunelle e castagne chi se piglie a figlieme se spose pure a famma mia…

PORZIA uè cippe e pianta secca che nun fai nascere manghe nu funge …e che de chistu parlà…?arricuordete ca si figlieme se piglie a figliate da famma toie ce ne sbattimme…

CUOSEMO ne voccola  vecchia , fanatica ciantella ..tienemete pe meze che tene doie figlie zetelle e strappulelle se vo accuncià doi ove dint a nu piatte a chiu bellella c’ aprummise a mbruose ncagne e chi sa che cose, chillu ruotale e munnezze avessa piglià a figlieme?…se vuò a figlieme me ha pagà …e capite io n’aggia spise carline a quante e nate, fatte ‘o cunte a mamma murette nfiglianze e aggi avuta pagà a na vammana po fa zucà a chillu malerittt l’aggia vulute vestere ogne tre  anne nu vesteminte nuove…e tutte ‘o mangià che s’a vuttate nganne a quante e nate a mmo….me ha pagà me a pagà

PORZIA ( prendendo una forcina per i panni) io aggia capite una cosa, che tu vuo murì dinte e mane mie ..e io t’accuntente viecchie avare purecchiuse…manche e zoccole tiene chiù dinte a casa che se ne so fuiute pa disperazione …ogne sere che te crire ca  nun te veco che vai facenne qustione che cane ca fore pe te acaparrà o mangià lore…miette scuorne scuorne …

CUOSEMO se vuò ca figlieme spose a figliate me l’hai pagà a peso d’ ore a peso d’ore

MENIELLLO ( mettendosi in mezzo ) mo basta ,Annè puortete a mammeta dentro …fernimmele e fa l’opera ca fore

CAPASECCA lasciate stà, lascaite sfucà, è na vita che ngottene nguorpe

PORZIA lassateme lassateme pe carità che ‘o voglio fa piezze piezze e me l’aggia cucina po da mangià e cane…a chilla anima nera…

ANNELLA mammà iamme dinte basta

CLEONICE frà Eustacchio ma voi non fate nulla?

EUSTACCHIO  e che posso fare sorella…mo vache  ‘o convento mi inginocchio e prego

…(scappa via)

TUTTI DENTO RESTA SOLO MINIELLO CON IL PADRE

CUOSEMO figlio senza core, maleritto

MENIELLO papà ferniscel, ca comme stonghe co sanghe all’uocchie,te manco de rispetto (corre via)

CUOSEMO si fuiuto …mbiso…dinta a sta casa nun adda mettere chiu pere.. guardate guardate sul’io aggia accuncià ‘o puoste e isse se ne facenne taverna taverna (prende una cesta e si accorge che si è rotta) mamma mia …mamma mia bella …che sventura che sventura che sfortuna che sfortuna…madonna mia te stai spassanne nguolle a me che sfortuna..(piange disperato)

Escono Porzia Annella Cleonice Mbruoso Retella Capasecca

PORZIA maronna mia che succiese meniell l’accurtellate? Nun me facite vedè ‘o sanghe

ANNELLA meniello mio, se mise dinte e guaie

CLEONICE mammà io me mette appura

CAPOSECCA faciteve da parte mo veco io

PORZIA maronna ‘o sanghe me fa troppo impressione troppo

CAPOSECCA zì cuoseme ch’è passate?

CUOSEMO aiutateme, aiutateme che ruvina che ruvina…

PORZIA Capasecca pe favore acchiappatele dinte a nu sacche e purtatele ‘o spitale

CAPASECCA e ch’è fatto na gattà?ma che stai pasanne?

CUOSEMO vide cca , se rutte o manico do panare …

PORZIA ch’è succiese ?ca passate? Che tanna accirere vivo vivo io me credeve che comme minimo teneve na curtellata mbiette

CUOSEMO nu panare che era e papà mio ca o teneva a mano o nonne e patem

PORZIA vuie avite capite …aveva essere ‘o panare ca teneve Adamo e Eva ce metteve e mele adinte…ca puozze murì co fiete e gravone…

CUOSEMO  e mo comme faccio ..comme faccio ..so ruvinate

MBRUOSO RITA E PATRIZIA

MBRUOSO ma che sta succedenne? Che so chist allucche?

RITA nun se po sta nu poche Ngrazie e Dio ca mieze

PATRIZIA Zi Cuoseme, che ve manche ?

PORZIA avuta na brutta perdita

ANNELLA na grave perdita

CAPASECCA e comme si avesse perse nu figlio…(ridono)

CUOSEMO vui redite redite ..e chi ma da chiù nata cesta comme chella?

MBRUOSO mo aggia capite se rutte ‘o panare? E fai sempre cheste? …ce vulesse nu poche e funicella

CUOSEMO e chi ma da a funicella a me?

MBRUOSO patrì damme nu poco e funicella…

CUOSEMO song obbrecato…(Caccia un coltellino e cerca di aggiustare la cesta …poi lancia un urlo impovviso)

CAPASECCA mo s’è fatte male

RITA maronna mia se luvate ‘o dite

PORZIA benfatt so mmerita….

CUOSEMO che sfurtuna, che sfutuna…nun abbastava o cesta rotta , nu figlio taverniere e maleritte…perché nun more…doppe cheste che aggia passate perché nun more…

CAPASECCA zi mbruò mettimece nu poche e vine a coppe accussi se stagne ‘o sanghe

CUOSEMO ma che sanghe e sanghe se rotta a ponta do curtiello che me rigalaio ‘o nonno mio …e comme se fa..comme se fa…

CAPASECCA zi cuosimo mio, ma tenite tutte piezze d’antiquariato?

MBRUOSO basta ..mo basta

RITA papà nui stamme chine  e ceste dancelle una

PATRIZIA mo ta piglio io

PORZIA a fernute e chiagnere…

CUOSEMO pigliame chella chiù strappatella …..

PORZIA a pigliate pe pullastella

CUOSEMO dico chelle chiu resistente …brava chesta va bona….a maronna vo renne…

PORZIA se aquitate a criatura…(via dentro)

CAPASECCA iamme a faticà summulèèèè votte i mane fatica…

TUTTI VIA  RESTA SOLO MBRUOSO IL QUALE VA A BUSSARE ALLA PORTA DI LUNELLA

MBRUOSO  lunè lunè arape nu mumento…

LUNELLA uè cumbare mbruò che vai truvanne?

MBRUOSO me fa nu piacere troppo ruosse, me fa nu legamento cu annella…m’arraccumanne….

LUNELLA (caccindo una forbice dalla tasca) damme na ciocca e capille tuoie e o  rieste mo veco io,  damme pure 30 carline, fa ambresse che te facce vedè comme Annella te cade ai piere tuoie…

MBRUOSO m’arracumanne…

LUNELLA io so fidata ,  so na granda fatucchiare ,pe qualsiasi cosa viene addu me…io te leve uocchie sicche, te scioglie e t’attacche fatture, scippecentrelle, schiante e paure, pil a zizze e tante altre cose…

MBRUSO pare che te arraputa na lucanna…statta bona e nun fa a nzallanuta…Patrizia ..iammucenne ‘o mercato

PATRIZIA papà ma sempre io aggia venì cu vuie? Io me so scucciate

MBRUOSO uè mappenella...e tu rispunne pure, tu e fa chelle che faccio io e basta cammina

PATRIZIA. Ma quant’è che esco da galera….(via con mbruoso).

BARONESSA E MARGHERITA

BARONESSA margarì, ma tu te ricuorde buone?

MARGHERITA si,ne so certa, io ca o lasciaie, fore a una e chesti porte…

BARONESSA Domandiamo a questa locanda (chiamando) c’è nessuno? C’è nessuno

SEMMULELLA decite che vullite???

BARONESSA giovane, vorrei un informazione

MARGHERITA nuie nun simme e cca’, ma tiempe fa, circa na ventina d’anne fa’passaiene pe sta via…

SEMMULELLA sentite i so troppo giovane  nun ve pozze da’ nisciuna nfurmanza

BARONESSA Margherì, la vedo tragica…

SEMMULELLA aspettate mo ve chiamme ‘o principale Capaseeee…ascite cca fore

CAPASECCA E DETTI

CAPASECCA bona iurnate signorone , assettateve,  ogge ve facimme arricrià lu stenteniello

SEMULELLA capase’ nun vonne mangià…

CAPASECCA statte zitte…e famme fa…

BARONESSA buon uomo, io vorrei un informazione molto delicata…

                                          

CAPASECCA signore bella e nun è meglio che v’assettate e mangianne mangianne ve di co tutto quello che volete sapere…

MARGHERITA bellu cristià nun è cose,  la mia padrona e delicate di stommaco, nun mangia tutto

CAPOSECCa e ce pare che mangia poco, e si mangiava tutto se mangiava pure a te?

BARONESSA forza Margherita non facciamo chiacchiere …il signore ha ragione assetammec e mangiamme…

CAPOSECCA forza trasite che va apperecchie na tavola degno di voia…

MARGHERITA e te pareva che nu s’assettave e mngiava a baronessa…

CAPOSECCA semmulè…semmulèèèè forza votte e mane..

SEMULELLA sine sine…chiste me fa ascì pazze….

TUTTI ENTRANO

 RITA POI MASTU CIANNE

RITA ma comme po essere che nu pate accussi avare e brutto è potute asci’ nu figlio accussì belle e accuonce….comme aggia fa io so troppa nammurate e meniello mio e nun crede che isse fa ovee ca se vo spusà a Cleonice…

 CIANNE sapunare robba vecchiaaaaa….sapunare…

RITA Maronna mia è arrivate ‘o scarafone

CIANNE bongiorne  Ritelle…

RITA  (come se non parlasse nessuno) si gira di lato

CIANNO comme stece?

RITA   assettate ….e se m’aize sto allerte

CIANNO e questo pure è vero …ma io dico comme stace co la  salute?

RITA mo stonga bone ma quante stonga cuccata sto con la febbre…

CIANNO e pure questo è vero… io invece nu stonghe buone stanotte nun aggia dormito

RITA che hai tenute e pullece dinte ‘o lietto?

CIANNO gnorno’ o lietto ‘o tengo pulito soreme l’accisa tutte quante

RITA e allora?

CIANNO sorema fresella, ha fatte una lagna tutta a nuttata pe via che le faceva male a mole

RITA  na caria???

CIANNO no  , le stà spuntanne…

RITA ma quant’anne tene?

CIANNE e chiu’ strappatella e me…ma è nu poca ritardata …

RITA che bella famiglia…

 CIANNE Rituccia io so venute ccà pe face l’ammre cu tiche

RITA e gihamme accummience…

CIANNO  a fa che cose?

RITA  l’amore…

CIANNO e comme aggia fa?

RITA e se nun ‘o sai tu? Io che te pozze dicere…io so figliulella…

CIANNO io nun ce capisco niente…

RITA e io nemmeno

CIANNO e vabbuone, mo vache da sorema fresella la quale essa na ventina di anni fà era fidanzata e le chiede comme se fa…aspettame mo vengo…e te faccie avvedè

RITA t’aspette, statte buone…

CIANNO (VIA)

LUNELLA E DETTA

RITA lunella mia..io te cercave, a tiempe a tiempe…io vulesse  nu piacere a te

LUNELLA e dimme …dimme ca ne sarraie accontentate…

RITA io vulesse fa nu legamento d’ammore…

LUNELLA e chesta e na fessarria pe me….dimme con chi tu vuoi accucchiare…

RITA  cu Meniello o figlio do castagnaro

LUNELLA me serve na ciocca e capille e io te facce ‘o serizio…

RITA a viccanne aiere ma pigliaia do barbiere suio …m laggia cuccate vicino a me…so i sete sti capille

LUNELLA e brave, dammelle,  damme pure trenta carline…

RITA te ne donghe quarante, basta che fai ‘o servizio sistemato…

LUNELLA nun tenè pensiero, te faccio o capo servizio…o capo servizio

   intante nun so capace e truvà a gatta nera…

  mo veco se dinte a taverna trova a gatta nera..se nun me sbaglie io ccà l’aggia viste na vota..

PORZIA E DETTA

PORZIA ne ..streghe e beneviente che vai truvanne a ccà fore?...

LUNELLA na gatta nera…

PORZIA mamma mia, povera bestia, e che ne fa?

LUNELLA aggia fa accuppià co micione mio che è ghianche e voglie fa e mucille bianche e nere

PORZIA busciardona malignona,tu chi sa che guacchie e fa? Una vota veniette d ate pe me fa levà napaura che m’avevo fatto..che tanna accidere, me menaste nu cate r’acqua gelate nfacce, belle e buone, che pigliaia a brunchite e a paura aumentai..nun me fa arricurdà

LUNELLA  vuie nun ireve predisposta bene a nonna accussi me diceve e fa

PORZIA doppe a paura ‘o schiante…state zitte..

LUNELLA in tutti i mode a gatta nera a tenite ‘o no?

PORZIA  e sicondo ten a femmene comme a mme na tene? A tenghe…ma …a tengo annascusa…era da bonanima e mio marito…sul’isse a puteva tuccà….quindi a tengo nzerrate adinte e ogni tante a facce piglià nu poche e aria…ma perchè tu na tiene?

LUNELLA  a tenghe ,ma verità e chesta, a me me servessene tre pile…

PORZIA e perchè nun te tire da gatta toie?

LUNELLA che vaggia dicere a tenga tutta spennata…

PORZIA e io sceppasse tre pile a coppa a nirona mia? tu si pazze?

chille mariteme facess e zumpe a sotte o turrene, che dico e zumpe, chille si zompe rompe a cascia, e capriole,ero troppo geluse da nirona mia..lunè nun è cosa…truvete nata gatta…

LUNELLA e vabbè…e vabbè….tengo troppo na malasciorte avessa ie da qualche collega da mia me fa levà l’uocchie a cuolle….(entra in casa sbattendo la porta)

PORZIA sta streghe e beneviente tante che aggia fa, aggia fa cagnà casa…uocchie e maluocchie fruttecielle all’uocchie…sperite fatte a rasse nvizzete nguorpe ‘’o cuntrabbase…Sciò scio’ ciucciuvettola…

CAPASECCA BARONESSA E MARGHERITA

CAPASECCA Donna Porzia ca ce sta chesta signurona, che doppe che se fatta ciotta ciotta , vuleve sape’ na nfurmazione da me

BARONESSA questo screanzato, primme mi ha ditto che sapeva tutto…

MARGHERITA e comme  ò faceve credere bello ca sapeve tutte cose

PORZIA signo’ decite amme, che vulite sapè…?

BARONESSA ‘O fatto non Riguda me ..ma la mia nutrice…

PORZIA cheste è stata a balia vosta?

BARONESSA si , ma date a zucà…

PORZIA signo’ e va sita zucata tutta quanta

BARONESSA mi ha fatto da madre, la poverina circa 20 anni fece una scostumatezza.

PORZIA se metteve e dete dinto ‘o nase’?

BARONESSA ma che dite? fece una mancanza…

PORZIA ma che state accucchianne?

BARONESSA avett nu figlio senza marito…

PORZIA e brava a Balia..allora facett a zucculella…mentre vui zucaveve essa frà na zucate e nate se deve da fà a cristiane…tienemente, e pure cierte vote a chi manche t’aspiett , iamme, signò, vui v’aspettaveve che na ietteche e cheste se firave e fa chello poco, I me immagino a mamma a chella puverella …ca dicett? Ma ‘o pate a vattett?(Alzando la voce come da rimprovero) Se danne chiste dispiacere ai genitori ? e non si fà è peccato..tienemente chelle ride…signò e vuie ca decisteve?

BARONESSA nu memento , io vulevo ave’ na nfurmazione a vuie e vui m’avita addimandate tutta a vita e chesta disgraziata?

CAPASECCA donna Porzia, in poche parole, sta scorteca ‘o figlio o pusaie mieze a sta piazza, vicino a na porte e cheste, e mmo vuleve avè nutizie do guaglione

PORZIA te fatte ‘o scrupulo do ricuttare? I a vattesse , primme l’abbandunate e doppe vintanne o va truvanne?…comme si fossa scurdate ‘o ragu’ ngoppe o fuculare …signo’ è meglio che parlo cu vuie cheste me fa attaccà trope e nierve, comunque, sicondo me  a scema nun s’arricorde, perchè ca stanne tutte figliulelle, sta sule nu mascule, che è figlio e n’avaro puorco e castagnaro , o quale figurrammece pe comme e avare isse se se pigliave dinte a casa na criatura e o deve a mangià..nun è possible…

BARONESSA margherì..non ricordi bene allora…facciamoco un’altro giro

MARGHERITA ma io so sicura, Cca ero ‘o posto

PORZIA ma chelle è maronna  ta nazllanuta chiu assaie pe nun to fa truvà…

MARGHERITA mannagg che nun pozze parlà..Baronè iammucenne

BARONESSA andiamo e cerca e t’arricurdà nzallanuta…

PORZIA a gatta stunata, doppe vintanne vo trunanne ‘o mucille che scuorne e comme ha campate sti vintanne?

CIANNO e POI CUOSEMO

CIANNO mannagge la ciorta mia neara , sorema è uscita e io nun sacce comme aggia fà?

(vedendo Cuosemo che esce dalla taverna) ne zi cuo’,scusateme, una domanda

CUOSEMO m’arracumanne, diceme tutte e nun me cercà niente

CIANNO io vulevo sapè comme aveva da fà pe fa l’ammore co Retella?

CUOSEMO e o buò sapè a me? Chelle pe me so cose antiche

CIANNO quante m’appresente a casa della nammurate, io c’agggia fa’?

CUOSEMO dipende, se sta sola te cumpuorte e na manare, se sta ncumpagnia te cumpuorte e nata manera

CIANNO mettimme che sta sola

CUOSEMO si sta sola , allora tu vire se essa coce d’ammore pe tè,  e si è accussi ,allora puoi fare tutto, m’e capite?

CIANNO allora se essa coce io le pozze fare tutto

CUOSEMO sine sine, nun te preoccupà , ma mo te catte doi castagne?

CIANNO ma, a me nun me piacciono

CUOSEMO io taggia dato chesta nfurmazione e tu manche na castagne t’accatte?

CIANNO ma a me nun me piacene

CUOSEMO e te catte ‘o stesso , quante ne vuo’?

CIANNO Facite vuie…..

CUOSEMO (ne riempie un cuoppo intero )Cheste te vanne bone? So 25 carline

CIANNO e ne so assaie..chi se mangie?

CUOSEMO ormaie l’aggia fatte, te li devi prendere

CIANNO vedite che pazienze Teniteve ‘e solde

CUOSEMO (Prende I soldi) mo te faccie nu piacere, mo te ne leve doie, tante pure e ghiette(svuota il cuoppo e ne rimane tre)

CIANNO grazie grazie assaie….

CUOSEMO aggia fatte n ‘a bona aziona(entra soddisfatto contando I soldi)

CIANNO (chiamando Rita) Retella, Retella, sono tornado, mo sacce tutte cose

 

RITA (uscendo nervosa) che vai truvanne?

CIANNO stai sola?

RITA sine

CIANNO  sta accaldate ?tiene la freva? Fame vedè?

RITA (prende la scopa) mo te face vedè io a freva, io sto troppa bbona ,vattenne vettenneeee

CIANNO sicondo me nun teneve la freva, mo vache da lu pate allu mercate e ce dico tutto

ANNELLA poi PORZIA e CLEONICE

ANNELLA comme è strana e nafama chesta vitamia , essere legate a n’omme comme ‘a meniello mio e maggia tenè st’ammore affucate dinte a panza, comme a nu strille senza voce. Ma io a Mbruoso nun o voglio nun pozze spusà….mammà po fa’ chelle che dice esse fino a nu certo punto, ma a vite è a mia e basta….

CLEONICE mammà mammà tenghe tante araggia nguorpe che nun saccie che farrie…

PORZIA cleonì bella a mammà, tu a  raggia nguorpe è meglio ca ta lieve…tu ggià tiene ‘o ntestino difettose, nun aumentemme e cose …io nun saccie comme aggia fa cu chesta e meglie cure e meglie medecine, decuotte rinfrescante e tene sempe sta panza mbarazzate che quante fa l’aria devente na nuvola gialla ca aesce a dinte a solfatare e Pozzuoli

ANNELLA mammà pe furtuna che c’avimma spartute dinte e cammere perché io a notte nun riciatave…a matina me susseve tutta nzallanute….

CLEONICE mammà aiutateme vuie ..si no comme faccio a primma notte e matrimonio…chille s ene fuie?

PORZIA  figlia mia ..che te pozze dicere quante e tanne te miette nu tappe…

CUOSEMO E DETTE

CLEONICE mammà sta o sorice a fore ‘o mastrille…

 

CUOSEMO sta gente sta cca fore?...mo m’avessa ndussecà nata vota?

PORZIA levamme l’occasione, trasimme adinte si noml’accide comme ‘o purpe…affucate

ANNELLA mamma, io deciarria è meglio co ‘o pigliamme co buone ….me dipiace che poi Meniello quanne s’arretira s’antosseca sempe…

PORZIA hai ragione Cleonì, vance a parlà nu poche ,pigliale co buone…

CLEONICE …zi cuoseme…v pozze chiedere na cosa…?

CUOSEMO castagne nun ne regale .. se te n’arruobbe una, io me ne accorgo, e tengo cuntate

PORZIA io me vulesse sta zitte..zi mbruo’ ma vui cu chi ve credit…(annella gli tappa la bocca con una mano)

ANNELLA mammà…mammà e vui subbete partite…

PORZIA ma ve sbagliate, a nennella ,vi vuole chiedere una cosa..

CLEONICE ve vuleve chiedere se ve faceva piacere nu poco e vino?

CUOSEMO ma mu regalate? Io in cambio nun ve pozze dà niente…

PORZIA e ve pare, .nennè piglia ‘o perettiello e dancelle…(CLEONICE SI AVVICINA E CUOSOMO AVVERTE  IL CATTIVO ADORE)

CUOSEMO mamme do carmine …e chiste e ‘o culere…

PORZIA Cleonì…taggia ditte ‘o perettiello o pertiello…maronna sta murenn o viecchio

CUOSEMO maronna mia arrapite na fenesta…

PORZIA a perza ‘a capa …nui stamme nchiazza…no dinta a casa

CUOSEMO me manca l’aria,  mme sente e venì meno

ANNELLA bevite nu poche  e vino

CUOSEMO (beve) me sente meglio ..ma chè succieso…all’intrasatta me so sentuto comme a dinta a nuvole e fiete….e che sarrà succieso?

CLEONICE e chi ‘o sape….???

PORZIA vedite che fccia tosta…comunque avimma capite ca se cio’ vulimme luvà a mieze cleonì ce pienze tu….

CLEONICE zì cuosemo mio nuie e meglio che ghiamme d’accorde …io ‘o figlio vuoste o vache truvanne e pur’isse a mme

CUOSEMO e sta bbene …ma io voglio essere pagate…pagate …pagate

PORZIA e parlate che bulite…nui ccà simme disponibile pe nu bene e na figli se fa chest e aute

CUOSEME laciame pensà….

PORZIA e nun penzà assaie…

CUOSEME  voglie tutte chelle ca tiene e io donghe a figlieme

PORZIA ma tu che canchere dice…ma fusse pazze?

CUOSEME e io ‘o cuntratte nun to firme m’oppongo m’opponghe ..o tutte chelle ca tiene o niente

PORZIA lascece penzà poi ne parlamme

CUOSEME e nun ce penzà assaie…a parola mia è una..e o vine me l’avita date?

PORZIA ‘o tiene ancora mmane..

CUOSEME è sule cheste…?

PORZIA e che vulive na votta…nun te baste…nun te baste…

CUOSEME nooooo(RIENTRANDO)

ANNELLA mammà i ve veco e penzà…mica vulite accunsentere a proposte e chillu puorche

CLEONICE io ‘o voglio ‘o voglio …mammà nun fa a perucchiosa (via piangendo)

PORZIA comme è difficile a essere Mamma…

 

ANNELLA mammà arricurdateve ce pur’io tengo voce dinte ‘o testamiente…

PORZIA o sacce mo vedimme che putimme fa..a siente a sorete..

ANNELLA (annusando ) e comme nun a sente…

PORZIA sta peggiorando…

BETTINA E CARMELINA

CARMELINA bettì…e nuie e a terza vota che Passamme acca nanze…c’anna ditte che chillo mbuoste e frutte appartene a nammurate e cianno nuoste

BETTINA finalmente c’arrepusamme nu poche….

CARMELINA chiamme ..chiamme

BETTINA c’è nessuno? C’è nessuno….

RITA (DD) chiè?

CARM/ BETT siamo noi…

RITA chi noi?

CARMELINA noi

BETTINA  noi le tue ziette

RITA iatevenne le mie ziette so morte..

CARMELINA maronna simme morte…?

BETTINA ma siamo le tue zie vive…le zie di cianno

RITA maronna mia…e addò sono uscite chesti doie?

CARMELINA simme venute pe cunoscere la sposa….

RITA chi sposa?

BETTINA la sposa che sposa a Cianno nuosto…

RITA ma vuie non ‘o sapite? Cianno vuoste nun se sposa cchiù …

CARMELINA e comme maie?

RITA e pecchè….a sposa è morta…sissignora e morta

BETTINA ma vuie che decite (PIANGENDO)

CARMELINA mamma mia che dispiacere chillu povere cristiane ggià e vedovo…ma mo addo’ sta’ che vulimme ie a truvà

RITA se ne ghiute natavota a Vallepelosa…iate ..’o truvate ‘o paese suoie..iate

BETTINA co core chine e spine ce ne iamme

CARMELINA che despiacere…che despiacere…

BETTINA ‘o despiacere e o mio

CARMELINA no è o mio

BETTINA t’aggia ditte che è o mio (così vanno via)

RITA i che belle pariente ca tene Cianno ..so chiù scieme d’isse…

PORZIA, CAPASECCA

CAPASECCA chiste è o mumente e ce luvà a meniello a capa ad annella..aggia accumcià a fa nu poche de scumbine se me voglie spusà annella mia…(VEDENDO PORZIA USCIRE) zia Porzia mia , mo v’avita calmà…è inutile che ve vulite ndussecare cun nu butto cane rugnuse e Cuosemo

PORZIA capasecca mia ..ma ogne ghiuorne ne caccia una nove chillu viecchio da malora

Io nunn ‘o posse denucià, si no che scuorne ce farria ca gente …sarrà sempe ‘o gnore e figliame cleonice…si no ‘o chiuresse dinte a nu mastrille addo s’acchiappene e zoccole a chillu viecchie percchiuse…

CAPASECCA ma vuie site sicure che meniello vo bene a cleonice a figlia vosta

PORZIA e che taggi dicere? Iamme parla, vorpa vecchia che me vuo’ Fa capì?

CAPASECCA io cu vuie voglie chiarire, me despiace che venite cuffiata …ma meniello e rimaste ngappate

PORZIA ngappate e chi?parle rispunne….

CAPASECCA nun ve ngrfate …i Rita a figlia e Mbruoso

PORZIA ma tu che dice ? chella è prumessa a mastu Cianno…

CAPASECCA e nun sentite l’appiceche ca fanne tutte e iurne? Che Rita s’oppone sempe a chistu matremmonio ?

PORZIA e cheste pure è vero…

CAPASECCA mettiteve ccà fore annascusa e vedite appena se vedono che succede?

PORZIA e nun te ne ncarricare…nun l’ahi ditte a na sorda mo veco io…(VIA)

CAPOSECCA scuseme Meniello cumpagnu mio …è overe me tiene comme amico e te fide e me , ma io so chiù ngappate e te c’annella …damme tiempe a tiempe e vedimme chi vence

FRA’ EUSTACCHIO E MENIELLO

EUSTACCHIO caro meniello ma comme te l’aggia dicere …e pate nun se ponne sconoscere

MENIELLO ma io nun c facce chiù ogne ghiurne me tratte comme si fosse nu cane…e poi

Frà Eustacchio mio io mi voglio confesare…io a vuie v’aggia dicere tutta a verità…io faccia ammore cu Cleonice, sule pe accuntentà alla mamma, ma io voglie bene annella e essa vo bene a mme…

EUSTACCHIO ma diceve buon io…è maie possibile che meniello se mette cu chella caccavella e trippa fetosa…

MENIELLO Frà Eustacchio…

EUSTACCHIO maggia mettere natavota in punizione…dico sule ciucciarie..San Francì aiuteme tu Sant’Anto’ nvizzete mocca  a mme e parla tu..

RITA E DETTI

RITA meniè tu stai ccà?

EUSTACCHIO cancaro sta figliola chiu passe ‘o tiempe e chiu se fa bona ..San pasquà aiuteme tu…

MENIELLO Ritè …mo sto parlanne cu Frà Eustacchio …doppe parlamme

EUSTACCHIO ma nun te piglià pensiero…se poi mai lassà na femmena bella accussi..parlate parlate…nun ve preoccupate…

RITA lo siente? Vuleve sapè comme staie ?

MENIELLO e comme aggia stà …cu nu pate che m’azzeffonna sempe…

RITA tu nun t’ammierete ne  tantu tuosseco ne tantu fieto capisc amme! … e si fosse pe me te desse sule ammore

MENIELLO che ammore me vulite dà se vuie site nammurate e mastu cianne

RITA maronne ‘o fridde nguolle…ma nun mo nummenate

MENIELLO ma si patete già ha fatte tutte..

RITA e so piglia isse..o marite adda essere a gusto mio e vero frà eustacchio?

EUSTACCHIO vui ve site spiegata troppa bona…

RITA a meniello mio tu si ‘o struiamiente mio

MENIELLO e io che c’azzecca?

RITA ma nun vide comme so arredotta pe te?

EUSTACCHIO azz…e femmene nun perdeno tiempo e ca si ‘o sape a Tavernare succede casuriavule

MENIELLO iamme ferniscele io taggia vista e parlà tanta vote cu mastu cianno…

PORZIA (uscendo dal nascondino) mo fai ‘o gelusiello?

MENIELLO u mamma do carmene..

EUSTACCHIO santi do paraviso scinnite cca basce

PORZIA frà pistacchio mo i facce scendere io…nun ve preoccupato, (a rita ) che dè mo nun parle chiù? ‘e fatte a faccia chiu verde do solito…piglite scuorne….

RITA o scuorne e o vuoste Vecchia de fichesecche che afforza vulite ammareta a chella bestia fetosa cu chiste sciore e ciardino

PORZIA a me vecchia de fichesecca …tu si na pupate e zucchere squagliata …

MENIELLO iamme trasee dinte retella

PORZIA mo ta defiente pure ?…Annella Annella…Cleonice…Cleonice ascite cca fore

ANNELLA mammà ch’è succieso?

CLEONICE parlate, tenite na faccia bianca

PORZIA cleonì ,anne’o vedite a meniello…l’aggia acchiappate che faceve o pullastielle cu chella  checcerenella nfucate

CLEONICE (prende il centro della scena gonfia le guance come un pallone si mostra arrabbiata poi esplode e nel frattempo tutti sentono una gran puzza) Mammà che stai dicenne?

PORZIA maronna mia accussì nun l’aveva mai fatta? E cca murimme asfesiate

EUSTACCHIO santa Barbara proteggici da lampi e tuoni…(scappa via)

ANNELLA cleoniiii…me sente male …..a te lacertale vermenare appena te ncontre te scippe e zinfere a cape

RITA aiuto aiuto ma sta vuttanne fuoche a muntagne?....brutta cana rugnosa..

ANNELLA a me brutta ..tu sulo a mastu cianno te puo’ spusà si brutta e sceme comm’a isse

CUOSEMO E DETTE

CUOSEMO ma sta iurnata nun se trova arrecietto? Che cancaro succede?

PORZIA talu pate talu figlio

CUOSEMO che buo dicere ?

PORZIA chillu nfame faceva l’ammore cu figlieme e sa spassave cu Retella

CUOSEME e o facive pe senza niente? scemone…t’aviva fa pagà

PORZIA ma siente a chistu zuccuolone viecchie…che dice..e tu si pate buone ?(va vicino al suon negozio e gli rompe  le ceste e gli butta tutte le castagne in a terra)

CUOSEME vecchia strozza criature …mo’ t’accide…me nguiate…

PORZIA e vai mo’ l’e arrunà a terra ca lengua

CUOSEMO meniè nun fa accustà a nisciuono cheste so e castagne mie(raccogli da terra con avidità)

MBRUOSO CIANNO CARMELINA E BETTINAE DETTI

MBRUOSO ma che sta succedenne?

CIANNO ziette, avete visto nun è morta…a vedite

CARMELINA menumale, si tu, bettina ca si nzallanute e hai capite na cose pe nate

BETTINA io so nzallanuta??? Tu parle sempe e nun mefai capì mai niente

PORZIA  Mbruo’ a vide a figliate appena ha ‘vuta l’occasione se ne apprufittatte e Meniello o nammurate e cleonice

CLEONICE mammà …mammà…me senta troppa mala…me sente e schiattà dinte ‘a panza

CIANNO ma che decite chelle è a sposa mie

PORZIA bellì, tu ggià si priore a santu Martine..

CIANNO nu è possibile i ma spose o stesso

CLEONICE Mammà sto talmente abbuffate che pozze vulà comme a na mungulfiera

PORZIA no p’ammore e Dio aiesce dinte…ca succere na carneficina…

ANNELLA mbruo’ so da toie, appripare e carte dimane spusamme…

MENIELLO no ..nunme po fa chesto…no…

PORZIA brava Annella accussì addeviente matreaa e chella mbesa e a può fa na mazziata

CIANNO appriparate pure i carte mie che ce spusamme e overe Retella?

RITA sine..te spose…te spose pe despietto….

CIANNO Ziette ..ziettee….ziette

CARM/BETT ciannno cianno cianno

PORZIA Cianno rutte ‘o caspet…iamnme bello

MBRUOSO e tu meniello caro che te miette affa mieze…che te mborta si me sposo Annella?

MENIELLO me  mborta…m borta…mo te mette doie rete nganne (lo insegue)

ANNELLA no fermateve (Insegue i due)

PORZIA maronna mia ogge ce scappe ‘o muorte..fermateve…

CLEONICE me sento ‘o fuoco o fuoco…

PORZIA maronna mia ..cleoniiii pare ca vinne e mellune…furnescela ….fa coccose assettette…(scappano tutti in torno al palzzotto centrale)

LUNELLA E DETTI

LUNELLA se m’arricorde buone aggia fa accucchia’ cheste doie ciocche e capille …io so troppe na nzallanuta …hanna ragione…(mette le due ciocche in un mortaio ci sputa dentro, fuoriescono Mbruoso e Meniello mano nella mano che  che si fanno le ciance come 2fidanzati)

NBRUOSO meniello mio , ma tu o ssaie che taggia sempe desiderato? Echi te lascia chiu?

MENIELLO sarai mio per sempre

ANNELLA ma che succede

RITA ma chiste e nu ncantesimo? Luneeeee…che cumbinate?

RITA però ‘o  legamento è riuscito, I pile erene sbagliate

CUOSEMO Nun è pussibile…nun è pussibile…pure cu l’uommene…e o fai sempre pe senza niente? Fatte pavà fatte pavà…loche piglie chiù assaie…Fatte pavààà

PORZIA (rivolta a cuosimo e tenda di strozzarlo)  ma quante fai schifo, cleoni’ a mamma’ piensece tu ,

CLEONICE pende il centro della scena

TUTTI noooooooo

FINE PRIMO ATTO

Secondo Atto

La scena è la stessa dell atto precedente, è  pomeriggio di qualche giorno dopo

Dalla finestra è posta Annella mentre Rita dal Balcone Cleonice è seduta all’osteria Cianno è posto alla sinitra del pubblico

CIANNO ma io nun ce capisco niente, me diceno che l’ammore e na freva che te piglia e quanto te vene sta freva  vuo’ sta sempe cu la persona amata…invece Rituccia quante me vede se disgust sana sana, comme si si fosse mangiate fele e gallina vecchia e ndussecate…ma allore st’ammore comme funzione? Io vaco alla pazzaria…

ANNELLA ogne suspire mio na iastemme pe tte…nfame senza core, comme e putute farme tutto cheste?

RITA  che guaie che aggia fatte??? Che guaie… pozze truvà mai arremedio? Io nun mo pozze spusà….e comme faccio?

MENIELLO essere trattato comme nfame…comme a tradetore…meglio la morte che st’ammore

CLEONICE me sto bevenne acqua e gesummine me sto mangianne menta piperna e petele e rose…a dinta a sta panza avarria asci adore e ciardine…invece aesce mufete e cantine….

TUTTI INSIEME (sospirando) ahh….l’ammore….

Tutti dentro tranne cianno poi BETTINA E CARMELINA

 BETTINA ciannutiè, tu cca staie ?

CARMELINA io o sapevo..’o passere quante sta ncalore va ‘o nivo…

CIANNO zizie ma ce penzate chelle ha ditte che me spose

 BETTINA ma spieghece na cosa, ma comme maie la sposa tua, quante te vede addeventa Verde?

CARMELINA che verde e verde…addevente Giallo limone

CIANNO nun lu sacce…forse e l’emizione…oppure tene la freva

CARMELINA La freva?

CIANNO sine la freva..pecchè si tene la freva è segno che sta nfucate e io ce posse fare tutto

BETTINA  ciannutiè..cheste so cose muderne che nui nun capimme….ma tu hai capito che frà poche te spuse..

CARMELINA mo nun da retta a nisciune…iammucenne a casa che le zie te vestono tanto bellillo e po venimme ad appuntare lu Matremmonio….

CIANNO grazie zizie…ma io senza e vuie comme facesse…me voglie vestire bellillo bellillo

Ma poi avimma vestì pure a Fresella

BETTINA è certo…avimma fà nu grande matremmonio acussi quante iamme a Vellepelosa avimma fa ‘o riesto…

CIANNO Zi zie ..sono contento

BETTINA Bravo a zizia..e nui cheste vulimme l’alleria tua

CARMELINA tu si la gioia della vita nosta…

CIANNO sono contento

BETTINA brave e ghiamme a casa ….

CIANNO sono contento… (vanno via)

CARMELINA avimma capite iamme a casa…

BETTINA facimme anbressa ca doppe turnamme…

CIANNO  Sono contente

CAPASECCA POI ANNELLA

CAPASECCA m’aggia arruvinate che mane mie stesse, io me credevo che alluntananne Meniello da Annella io ne puteve trarre profitto, già ma vedeve dinte e braccie mie, invece dinte a nu ditte e nu fatte ,annella pe dispiette sposa Mbruoso, e io so rimaste cu tante na vocca aperta. io sta vite e taverniere nun ma fire chiu’ da fa, Donna Porzie e asfessiante pe nu parlà I chillu fetore ambulante da figlia, chi troppo vuole null astringe, me pegliasse a pacchere sul’io…

ANNELLA capasecca mio, a te cercave pe me sfucà nu poche,che guaio che aggia passato,e chi s’ aspettave che chillu mbiso e meniello faceva o papuscio vicino a retella, grazie a te che ce mise nguardia.

CAPASECCA ma io , nun capisco pecchè stai tante disperate? Comme se dice , more nu pape e se ne fa nate..guardate attuorne, a vita è una, non po’ fa che pe fa nu sfreggio arruvine tutta a vita toia…

ANNELLA ‘o sacce, ma io cu meniello me pensave e avè truvate l’ammore, chill ‘overe, chille che una vote t’abbussa allu core e ce trase pe tutta la vita

CAPASECCA ma ‘a situazione toie è delicate assaie , mammete mica t’accunseteve e ce levà ‘o nammurate a Cleonice e to deve a  te? che eri  pure prummisa a Mbruoso?

ANNELLA cheste pure è vero…ma io penso che l’ammore faceve passà tutte chiste scumbine,pecchè l’ammore chille che aggia sentute io era na medicina contra a tutte I malanne, invece  isse comme era faveze, comme trattava a sorema feceva ‘o stesso pure cu miche..(abbracciando Capasecca) capase’ songa disperata..disperata…

CAPASECCA nun facite accussi’…mannaggia a morte..vire nu poche che me capita?

ANNELLA e mo, me trove che aggia date na parole a Mbruose e me laggia spusà pe forza

CAPASECCA Signuri’, che facesse pe v’aiutà….’o villoche è isse

MENIELLO E DETTI

MENIELLO Bongiorno amico mio, a vuie nun ve salute pe nun ve da a suddefazione che nun me salutate

ANNELLA ma chi  te pensa chiu’…oramai tutto è fernuto

MENIELLO Capasecca mio ma comme è possible che veramente a gente se crede che io songhe nu nfame

ANNELLA Capasecca cunfessore mio, se io sapeve che l’ommene erano tutte eguale stu matrimmonio cu Mbruose l’avessa fatte da paricchio tiempo…

MENIELLO Capsè , io aggia pensate, è meglio che me na vache a Napule, co primme bastimiente ca trove me na parte e me ne vache luntane…

ANNELLA (sussultando )No!

MENIELLO no che cosa?

ANNELLA No..dicevo no…ma che vulite a me? Che vulite a me? (scappa via piangendo)

CAPASECCA meniè me dispiace e chelle ca è succieso , ma nun fa nisciuna iute e cape…pe favore stamma a sentere..

MENIELLO nun stonghe a sentere chiu a nisciuno, a vita è a mia …state bbuone..(VIA)

CAPASECCA me sento  nu poche e scruopol …avessa fa quaccosa…(Via)

PORZIA, CUOSEMO, MBRUOSO E LUNELLA

Seduti al tavolo della taverna

CUOSEMO gatta do malagurio ch’è cumbinate? Nu figlio masculille m’hai fatte addeventa femmenella?  Ma… ,Mo… si sicura che è tutto apposto?

PORZIA ‘o giovane funzione natavote?  E mbruoso? Chille sadda spusà a figlieme! L’avessema sapè  e cose comme stanne…

MBRUOSO Donna Porzia nun ve ne preoccupate io funzione…

PORZIA no pe niente…ma vuie già site nu poche vicchiarielle e già ce vo a mane e nostro signore, po ascesse a fore ca tenite pure ‘o defettiello…io maggia assicurà a mia figlia a chi a donghe, pecchè, Se mia figlia ha pigliat e me….che me facite dicere?

 MBRUOSO lune’ lune’ , …m’e nguaiate na reputazione, nomme comme a mme, essere murtificate e chesta manera? Donna Porzia, si vulite vi do subbito na dimostrazione, che vaggia dicere?

PORZIA e ma a me che bbuo’ io ce laggio cu Lunella…luna nera t’aviva chiammà

LUNELLA ma vuie che vulite a me? Chella a colpa è stata de pile io nun ce pozze fà niente…nu poche e pacienza

PORZIA e pile…. E pile…infatti,  ce vo tante ca nu pile e chiste nun finzione chiu’, chille già sta bell , ogni tante piglie e parlese mocche…

CUOSEMO sta fattucchiare è pura carastosa ,  ‘e vuluto ati quaranta carline pe sciogliere a fattura, e te l’aggia vuluta dà pe forza pecche si no figlieme e mbruose aveven pure nu figlio, e comme steve bellille  tutti e duie mano nella mano…se guardavene mocche pe gulio

PORZIA ne cuo’..e quaranta Carline te l’aggia prestae io…nun ce scurdamme

CUOSEMO io nun m’arricorde

PORZIA e to faccio arricurdà io…già se menate dinte e campane…

LUNELLA però , m’avita dà na soddisfazione , avita viste comme eravate innamorate l’uno dell’altro? Peccato che ….

MBRUOSO mo a scassa a capa a sta fattucchiara…

CUOSEMO però aggia dicere a verità, me faceve piacere che figlieme s’accucchiave cu tiche, nu brav’omm faticatore e chine e carline…

LUNELLA se vulite , cu aute quaranta carline ve facce natavote ‘o servizio

PORZIA(rivolgendosi a Cuosemo)  ma chist overe fa schifo? E tu stai sempre pronto?

MBRUOSO nè, ma , che v’avite  mise ngape? Ma ‘o capite che io frà giorni me spose Co Annella…ma vedite che se passe? ce volute tiempo, ma pò aggia ottenuto chelle che vuleve senza fa fatture

PORZIA  overe , c’avvimma fà cu chesti fatture, te facesse abbrucià strega fatucchiara…

LUNELLA nun dicite accussi’, me facite piglià collere, in fonde io pe nu pelo aggia sbagliate

PORZIA io  sa che facesse? Acchiappasse tutte e pile ca tien ngape e chiu’ chille e chella spennata da gatta toie e facesse una tirata…

LUNELLA ma vuie nun parlate accussi…nun ve mettite appaura che ve pozze fa coccose

PORZIA Tu! M’amminacce? Guarda, che io nun me mette appaure e nisciuno, guard che tengo a sotte (caccia una borsettina da petto) Cape e santu nastasio , abettusciello da maronne ‘o carmine , scarpetella da madonne e piererotte , lengue e sant’antonio san cuosem e san damiano, san vastiano e san Gaetano e po’ Io so nata ‘o mese e Gennaio e fatture nun me cogliene.ttie’

LUNELLA e ca si fossere tutte comme a te nun ‘o putesse fa chiu ‘o mestiere…mamma mia nun facite campà a nisciuno….

CLEONICE E DETTI

CLEONICE mamma, mamma….ma nun vire comme songhe arredotte? Aggia sfunnate ‘o liette , na seggia e o canter…caggia fa chiu’?

CUOSIMO state facenne uno ngiucenià a sta matina ngoppe a stu fatte, figlieme a pigliate a mala salute, suspire sulamente guardannne nfacce e fenestre da casa vosta, io nun aggia sta maie ngrazie e dio…

PORZIA e io caggia dicere? Figliate mi ha sedotto sta creature, la quale , nun mange chiu’ (vedendo la figlia che mangia e a bassa voce gli dice) mappina fetosa, aggia ditte che nun mange chiu’…. a criatura mia (cleonice posa il cibo) nun dorme chiu’ (controscena di cleonice sbarrando gli occhi) nun parle chiu’, sta povera creature sfurtunata

CUOSEMO fete sulumante, a povera saittella sfurtunate…e che se steve mangianne che nun se magia chiu’?

PORZIA teneve mane nu poche I pane e pummarole che io c’aveve accunciate…

CUOSEMO e mo che facite? o ghittate?

PORZIA che facce? O ghiette? Aroppe ‘o sponge e c menge nanze e galline

CUOSEMO no…

 PORZIA  (saltando)ch’è passate?

CUOSEMO p’ammore e Dio, chille è sacrileggio, è peccate nu piezze e pane e chella manera nanze e galline? Datamelle a mme, io m’o stipo pe dimane a miezeiurno e mo mangio…

PORZIA Cuo’,puozze ittà ‘o bene, tienatella, e fanne salute…mammamia…..e accorte addo’o miette che se ‘e zoccole se ne accorgene so fanne pulito pulito

CUOSEMO  state quiete io mo cocche co miche, e maggia abbuscate pure ‘o mangià pe dimane…ma dimme na cosa? Nun è che dinte a stu pane accunciate ce stesse quacche fattura comme l’avita fatte a Meniello mio che s’e’ invaghito e stu scuonceche e figlia che tiene?

PORZIA e chi ma faceva? Chella stunate e Lunella ? sta sicure ca figlieme s’annamurave da gatta, ro sorice o do cane, chelle ne bone ne comme femmene ne cumme fattucchiare

CUOSEME ngoppe a cheste ce truvamme, ma fatte caccià quaranta carline pe sciogliere a fattura a meniello mio chi sa chi c facette a chilli guaglione…

PORZIA figlete e peggio e te…a vire a chesta nun arriposa chiu’

CLEONICE niente niente n’arriposo chiu’…mamma penzate vuie pe mmè...

 

PORZIA zi cuosem mio, oramai, Annella  ha pigliata a strada sua e se spose co mbruose, ma sta criatura c’hadda fa’? io  songhe na mamma ca pe filgie facesse quassicosa..quindi tagliamme a curto , quante vuo’..

CUOSEMO tu gia sai chelle che voglio

PORZIA nun se ne parla…..(Caccia un sacchetto pieno di monetee le fa scrollare) mic mic..tiè tiè…piglia, tu accunsiente a chiste matremmonio e poi te donghe o riesto

CUOSEMO ma po festino io nun caccio niente , comme Massimo pozze da nu chile e castagne po rinfresco

PORZIA a pigliate pe cunfiett! State tranquillo nun caccie niente mo veco io, però nun fa ‘o faveze e accuorde a Meniello…appena me cunsigne a meniello to paghe, e viste a mamma? Te l’aggia accattate

CLEONICE grazie mamma

PORZIA e chest’è, a Natale nun hai niente chiu’..trase a dinte fa ambressa, aspetta fame trasì primma a mme accussi se ‘e fa coccose vai libera…M’arracummane cuoseme…

CUOSEMO state ca cape cuieta…mo veco io…però nun te scurdà do riesto che me prummise…io mo vache a chiamma’ già a zi prevete e accurdamme e matremmonie….(via per la strada incontra Mbruoso)

MBRUOSO RITA E PATRIZIA

MBRUOSO Ne cuoseme addo vaie accussi’ allere e di pressa?

CUOSEMO mbruo’ , tutte s’è apparate…vache a chiamma sia a zi prevete e po me facce appriparrà ‘o cuntratto e matrimmonio do nutaio….vengo subbito

MBRUOSO bravo vai che appuntamme pure o matremmonio mio co Annella e  chille e Rita cu Cianno …fa ambressa…(Chiamando presso la sua abitazione) Ritella, Patrizia, ascite cca’ fore, prieste, che ogge è una grande giornata avimma appriparà duie matrimmonie

PATRIZIA E DETTO POI RITA

PATRIZIA papà, ha ditte Rita, che pe esse invece do matrimonio appriperate ‘o funerale

MBRUOSO Ma che dice? Chelle fa ancora storie?

PATRIZIA papa, ma vui a vulisseve da tuorte? Io murarrie do scuorne se m’avessa spusà a nomme comme e chille

MBRUOSO mo chelle ch’è fatto è fatto, a prossima vota ce pensave meglio(chiamando rita)allora aiesce o nun aiesce?

RITA papa, pe mme’, appriparate nu funerale, pecchè io nun mo spose, nun mmo spose e nun mo spose

MBRUOSO O to spuse! O te ne caccie da casa….te faccie ie pezzente…

RITA chelle è a colpa mia, pe fa nu dispiette a meniello diciette chella ciucciaria che me spusave a Cianno…Papà nun ‘o voglio nun ‘o voglioooooo(scappa via)

MBRUOSO Retella retell..aspiette…parlamme…

PATRIZIA nun ‘o vo…(la segue dento)

CIANNO BETTINA E CARMELINA

CIANNO zizie …sono contento

BETTINA bella di zia e pure noi siamo contente….

CARMELINA io chiu’ assaie

BETTINA e mettere sempe a coppe…Ciannutielle allora che dice?

CIANNO sono contento

BETTINA vuleveme sapè comme te siente?

CIANNO sono contente

CARMELINA allora mo iamme da spose, e appuntamme ‘o matrimmonio

CIANNO sono contente

BETTINA (a bassa voce a carmelina) carmelì ma chiste a quante a sapute che se spose se scemunute

CARMELINA hai ragione dice sempe a stessa cosa..aspetta mo mo vech’io

BETTINA nun ‘o fa mettere a pura

CARMELINA ciannutiè , bella da zia, oggi che giorno è

CIANNO sono contente

CARMELINA è scemunute

BETTINA è scemenute! e mo comme facimme? Chille nun se spose chiu’

CARMELINA betti’ mennammece nu poche d’acqua nfacce, mo mo facce piglià da tavernara (chiamando verso l’interno della taverna) Tavernà…tavernaaaaa

SEMMULELLA E DETTI

SEMMULELLA cummannate che vi occorre?

BETTINA scusate , vulessem nu bicchiere d’acqua pe nostro nipote

SEMMULELLA ve servo subbito …..

PORZIA E DETTI

PORZIA  semmulè ch’è succiese?

SEMMULELLA niente padrò, vonne nu bicchiere d’acqua

PORZIA e dancelle…ma scusate, mastu’ cianne ma pecchè  nun vo po da  Rita appriesse sta bevute r’acqua? Vuie mo’ v’avita spusa’? vu vedè ca chella ha cagant idea e va nzurdà n’atavote a meniello?

CIANNO sono contente

PORZIA bravo…e pur’io io sono  tutta priata, quante avite pensate e ve spusà?

CIANNO sono contente…

PORZIA ho capito, ma dico ‘a data do matrimmonio l’avita stabbilita?

CIANNO sono contente….

PORZIA maronne ma chiste nun sta bbuone

BETTINA e mo che ce dicimme a chesta, ca chiste è scemunute?

CARMELINA none…chille ha fatte nu vute che adda ricere sempe ch’è cuntente parlate cu nuie…signora bella, ma chille ‘o bicchiee d’acqua era na scusa, nuie vuleven parlà cu vuie pure do matremmonie, nui vulimme organizza’ nu festine e vulevene fa’ addo vuie

PORZIA e parlate…decite…io v’accuntente, anche pecchè avimma addeventà pariente

BETTINA ma nui già simme pariente

PORZIA overe? Ma io dinte a valle pelose nun tenghe nisciune parente

BETTINA mo ve spiego, na sora cucina da mia venette a napule a ffa a cammarere

CARMELINA Marittina?

BETTINA sine, brava, a stunate ha capite, Marittina, sta cucina da nostra se facette cresema’ a sta padrona, Vicenza a capi vacche, a sapite

PORZIA comme nun a sacce , chella è na cummarella da mia…

BETTINA avita viste simme cummare

PORZIA nooo….vire bbuone nui simme sore…

CARMELINA allora cummà, nuie po rinfresche vulimme na cose e lusse, a nuie ce sta bene tutto, però ‘o paese nuoste pe tradizione facimme e bocconotti d’amarena vui e facite?

PORZIA Io? Noooo io sti cose nun è facce…facite sti cose a vallipelose

BETTINA soreme porte a banner e a chiu brave do paese

PORZIA  tienemente, e fa’ ancora? Se fire ancore e fa’?...allora facite na cosa, vist che site accussi’ brava ‘a ffa chisti bocchinotti di amarena, io ve mette a cucina adisposizione e ve facite, va a ferni’ ca io nun ‘e sacce ffa buone e pe nu bocchinotto ce ndussecamme….

CIANNO ziette sono contente…

BETTINA statte zitte…statte zitte

CARMELINA ma che st’acqua arriva ‘o no

PORZIA e signo chille sti guaglione ‘e ogge so musce assaie(chiamando verso l’interno)Semmulleee… fai prieste a purtà sta giarre d’acqua…t’è zeccate che piere pe terra?

SEMMULELLA signo’ , eccovi servita…bevite

BETTINA damme a mme, ciannutiè viene accà(con le dita gli butta l’acqua in faccia) iamme forze sbloccate

CARMELINA tienemete ‘o sta arraquanne comme a nu merlezze

CIANNE zizie sono contente

PORZIA zizie, ca ce vo nu sicchie d’acqua…chiste nun s’arrepiglia, permettete mo’ mo veco io (prende due coperchi di pentola si pone dietro cianno e fa un forte rumore)

CIANNE mamme do carmine maronna de galline mie, che succiese?

PORZIA si è sbloccato…

CARMELINA grazie grazie grazie

BETTINA sono  contente

CARMELINA simme contente

PORZIA mamma do carmine mo s’hanna bloccate e vecchie?

CIANNO (chiamando verso caso di Rita) rita retell…spusarella mia…

BETTINA finalmente, tienemente a mise ‘o russe nfacce

PATRIZIA POI RITA E DETTI

PATRIZIA ha, site vuie? Mia sorella sarrà troppa cuntente e ve vedè

CIANNO e ce crede, Guarda comme me so vestute bellille…le ziette m’hanno cusute lu vestetiello sia a mme che a sorema fresella, E comme sta belle sorema fresella, pare na bambele de porcellane

PATRIZIA e tu pare ‘o pastore e coppe o presepio

CIANNO stonge buone accussi’ abbardato

PATRIZIA mo ca te vede sorema svene…

CARMELINA e certo che svene, chille nostre nipote tene ‘e sette bellizze

BETTINA none , otte bellizze

CARMELINA e mettere sempe a coppe…

CIANNO iamme ziette, non fate le creature de latte, trasimme dinte e appuntamme lu matremmonio comme se deve…sono contente sono contente sono contente

PORZIA mo vech’io(prende coperchi e a mo di Marcia li fa entrare da Mbruoso)

Chiste sta proprio nguaiate.

BARONESSA E BALIA

BARONESSA hai ragione chiste è o poste, pure ‘o cucchiere se arricurdate, quindi avimma spià meglio

MARGHERITA che vi dicevo? Io, cca o pusaie….

BORONESSA domandamme a chiste mbuoste e castagnare, chiamme

MARGHERITA c’è nessuno? Castagnaro?...

CUOSEMO  DALLA STRADA E DETTE

CUOSEMO  a ditte zi prevete ca mmo vene e cumbinamme ‘o matremmonio….signuri’ cercate a mmè?

                   

MARGHERITA nuie vulimme sapè se vui sapite quaccose e chille guaglione che fu lasciato cca fore vintanne fa dint a …

CUOSEMO …. a nu panare cu nu laccettine nganne da Maronne ‘o Carmine….

BARONESSA sine…allora sapite addo sta’ chi su pigliaie?

CUOSEME io nun sacce niente …niente

MENIELLO E DETTI

MENIELLO papa’ io me ne vache a napule aggia decise…

BARONESSA chi è chistu guaglione? Maronna, nu brivide m’è venute pe cuolle

CUOSEMO chillo guaglione murette dope poche iuorne, è inutile che ‘o iate cercanne…è muorte

BARONESSA ma io voglio sapè chiste chi è?

CUOSEMO me figlio..figlio, l’unica cosa che me rimmaste doppe a morte e mugliereme…

MARGHERITA baronè, ma stu giovane e una goccia r’acqua ‘o barone e Acquavite

BARONESSA state zitte..statte zitte…

MENIELLO ma che vulite?

CUOSEMO trasetenne dinte….

MENIELLO diciteme che vulite…???

BORONESSA niente ..niente..

CUOSIMO vattene dinte che doppe to dico…

MENIELLO (VIA)

MARGHERITA Baronè..è isse, tene o nievere areta recchia, è isse, ‘o figlio vuoste

BAONESSA state zitte imbecille……

MARGHERITA Baronè, scusate…ma io ne so sicura, me sente na cosa strana che dice che stu giovane è o figlio vuoste…vuleve dicere ‘o figlio mio

CUOSEMO ma che state dicenne? ‘ o figlio vuosto ‘o figlio e chell’ata, chiste è figlio a mme e basta…iatevenne iatevenne…iatevenne…

BARONESSA calmatevi ce ne andiamo state tranquillo ..ma mi darete spiegazioni…e poi vedete..

MARGHERITA perchè nun decite ‘a verità? Che stu guaglione l’avite truvate cca fore dinte a na cesta sula ca na meragliella da Maronne ‘o carmine…dicite a verità pur’isse ave deritte e sapè a verità, passateve a mana pa cuscienza e parlate….

BARONESSA iammucenne margheri’…nun è ‘o memento…me lo vedo io…

LUNELLA E DETTO

LUNELLA zi cuo’ ma ch’è passate?

CUOSEMO niente l’unè…niente sto facenne e cunte co passate…

LUNELLA fame capi’? (impone le mani e con lo sguardo nel vuoto cerca di vedere il passato) aggia viste chelle ca tiene dinte ‘a capa…vint’anne fa pusaiene nu guaglione cca fore e tu nun si cattive comme pare all’uocchie e tutte quante, to crisciste e pe anne è iute dicenne che tere figlio…aggia visto…

CUOSEMO azz tu si capace e vedè tutti sti cose? Allore si overe na maga? E dimme comme va ‘a ferni’ stu fatto..dimme tutto..

LUNELLA aggia fa è studie mie…damme na ciocche e capille e te faccio ‘o servizio

CUOSEMO pigliatelle…piglitelle

LUNELLA e damme pure quarantacinque carline..

CUOSEMO tu fussa pazza? Fame primme ‘o servizio e io po te paghe, anze facimme na cosa io te paghe in natura

LUNELLA e che me ne faccio e te? Si me dai a figliete allora si…

CUOSEMO ma ch’è capito ? io te ne donghe tutte castagne…a tanto u mese..

LUNELLA accussi faccio a fine e cleonice, s’abboffa a panza e sai che caccio a fore…damme e solde fa ambressa…

CUOSEMO ma io solde nun ne tengo

LUNELLA allora… sotta a siconda mattunella da stanzuellella e liette ce sta na cascetta…

CUOSEMO zitte zitte ….nu fa sentere a nisciune

LUNELLA allora nun me dicee buscie e damme e solde..

CUOSEMO tecchete e solde(lazzi)

LUNELLA fra poche te faccie sapè che succede… (VIA)

CUOSEMO e chesta me fa sempe fesso…(via In casa)

ANNELLA E LUNELLA

LUNELLA annè, te veca sanza luce, ma statte cuiete che tutte s’acconce

ANNELLA comme te vurria credere..

LUNELLA ‘o saccio , niscinune me crede, ‘o fatte è sulo che io so nu poca nzallanuta però te sacce vedè dint’o o core che tiene

ANNELLA pe favore lascieme sta

LUNELLA io’o sacce che dinte a chistu core ce sta meniello ….

ANNELLA zitte nu dicere niente, chelle mammeme m’accidarria. Essa ha cumbinate tutte cose e se puosta ngape e me fa spusà a Mbruoso pa mbrammusia e Renare e pe cummerccio, e aggia vedè ca sorema adda avè chella ciorta

LUNELLA tutte s’acconcie, arricurdete a ciorta toie sta areta a fenesta

ANNELLA vuo’ dicere areta a porta?

LUNELLA none, te dico a reta a fenesta

ANNELLA dice comme vuo’ tu…io intanto nun sacce comme aggia fa pe parlà cu mammema

LUNELLA puorteme na ciocche e capille e ce penzo io

ANNELLA nun dicere ciucciarie…eppo’ io solde nun ne tengo

LUNELLA nun voglio niente damme sule a ciocche e capille e io a mammeta cio leva a capa e fa spusà a Cleonice cu Meniello tuoio

ANNELLA e va bbuo’ rutte pe rutte facimme accussi’….tante nun tengo niente a perdere aspietteme loche che subbito ta porta

LUNELLA chesta vote nu maggia nzallani’…ce l’aggia fa buone ‘o servizio

(VOCI INTERNE DI ANNELLA E PORZIA)

ANNELLA mama, sule na ciocca…è troppa Bianca me parite na vecchia

PORZIA ma a chi aggia da cunto..statte ferma…sta fetente m’ha tagliata….

ANNELLA (USCENDO) aviccanne tienetella e fanne buonuoso…(corre via dentro)

LUNELLA nun te preoccupà te faccio ‘o cape servizio…ma chistate pile e chi so’? ma io me so scucciata so trope na nzallanuta….(va via parlando da sola)

MBRUOSO E DETTI

MBRUOSO (con uno scatolino per anelli) forza ascite acca fore tutte quante…che ogge è ghiurnate e festa

CUOSEMO brave ..brave..io gia’ aggia chiammate lu prevete pe fa appuntà ‘o matremmonio cu cleonice…

MBRUOSO tante ch’è fatto te si spugnato…quante t’hanna dato?

CUOSEMO parole e denare…frà poco cuncludimme l’affare, aggia iute da lu nutare e ggià m’appriparate li capitele e vi canne, me l’adda  firma’ sulamente…ma io so vorpa vecchia, mo che vene don Eustacchio ce facce firmà nanaze a isse…

FRATE EUSTACCHIO E DETTI

EUSTACCHIO eccume arrivato, finalmente apparamme chiste matrimmonie?

MBRUOSO certo certo (chiamando) Donna porzia ..Annella …Ritella, patrizia ascite tutte acca fore che ogge e ghiurnate de gioia

ESCONO RITA, PATRIZIA CIANNO E LE ZIE

                                                                                                    

MBRUOSO (vedendo venire rita tutta intossicata) figlia mia iamme fa nu poche e faccia allere….pare che e ie allu patibbolo

PATRIZIA allu patibbele ve mannasse a vuie…

MBRUOSO state zitte, tu parle sempe mieze?

PATRIZIA si ‘o pataterna ma fatte ca lengua è significato cha aggia parlà

MBRUOSO doppe te faccio parlà io..nun me voglo intossicare la giornata

CIANNO forze ave raggione lu gnore ogge è ghiurnate de festa …e doppe voglie abballare la tarantella…

CARMELINA sine …sine fra giuste   tre ghiurne ve spusate

BETTINA ma la sposa nun tene na faccia allera?..comme maie?

MBRUOSO se a sposa nun a fernesce a faccia ndussecà a iurnata..forze e ride nu poche…

CIANNO spusulella, ma nun si cuntente comme songh’io?

RITA none…songhe chiu cuntenta di te…

BETT/CARM brava….brava..biva la sposa ebbiva…ebbiva

PORZIA, ANNELLA E CLEONICE

PORZIA (BUTTANDO DEI CONFETTI )benvenute, benvenute, venite figlie mie venite che ogge è ghiuorne d’allegria…

CIANNO maronna mia li prete..e chi li sta butane

CARMELINA scemone so cunfiette…

BETTINA chille ave ragione …o stevene ciaccanne

EUSTACCHIO tanti auguri…alle tre spose prosperità e figli mascoli a volontà

PORZIA obbrecata , obbrecata

CUOSEMO iamme don Eustacchio accurdamme stu matremmonio ca stanne e carte

MBRUOSO aspettate, Rita va a vasà a Porzie e Annella

RITA Eccume so lesta

MBRUOSO prima e ogni cosa voglie che se leva chesta ruggine…

PORZIA ma quale ruggine, viene ccà nennè, fatte da nu vase

ANNELLA infondo simme criscute nzieme, niente pe mme e niente pe ttè

CLEONICE augure augure ….che bello matremmonio stai facenne…Meniello a fine a scelte isse amme…

RITA e meglio che me stonghe zitte e ghiamma annanze, dammece nu vase…e  te facce tanti augurie

ANNELLA infondo nuie ce simme volute sempe bene

RITA comme sore

CIANNO zi zie me fanno veni’ a chiagnere, io so tienero de core…

EUSTACCHIO che bella cosa

CUOSEMO iamme forze vulimme accumincià?

PORZIA e comme accuminciamme se meniello nun ce sta?

CLEONICE accuminciamme buone

PORZIA e po c’avimma fa?

CUOSEMO avimma accumincià a firma e carte pe le pubbricazione e matremmonio e c’avimma dà a mano

PORZIA e tecchete a mano..

CUOSEMO nu pazzià e fa a seria

PORZIA io so seria, ma che so sti carte?

CUOSEMO songhe lu strumiento po matremmonio

EUSTACCHIO no signora , questa è una donazione che lei fa beneficio al signor Cosimo di tutto quello che possiede, stabili, oro, argento , biancheria , rame ecc….

PORZIA e chi è il sig cosimo?

EUSTACCHIO ‘o castgnare!

PORZIA cuoseme?

CUOSEMO ma tu nun hai ditte che si te deve a figliemo tu me facive a donazione?

PORZIA io  te deve quaccose ,to pagave buone, ma chi ha parlate mai e donazione

ANNELLA mannaggia a mala pasca che ve vatte, sta avarune se vonne vesti’ c’arrobba mia? Mamma tu cheste vai facenne? T’accatte l’ammore da gente, scuorne scuorn

CLEONICE a robbe e pure a mia, quindi, Mammà firmate che chelle che è o mmio ‘o donghe a cuoseme

CUOSIMO e pure vache buone…firma

ANNELLA mamma nu cummetite stu sacrlileggio

CLEONICE firma mammà…..si no schiatte nguorpe…

PORZIA io nu firmo ‘o rieste eniente……e tu schiattete pure nguorpe

ANNELLA e fai buone

CLEONICE e tu si na nfame tu e soreme…va via (si piega per fare una scorreggia VIA)

PORZIA ce l’ha fatte sta fetosa? Mamma mia è una esagerazione

MBRUOSO allora appuntamme ‘o matremmonio nuoste

ANNELLA io nun me spose a niscuno ..a niscine, me votte a mmare chiu toste  ma io nun te spose…

CARMELINA allora appuntamme lu matremmonio de ciannutiello nuoste

BETTINA sine ..Cianno e Rita frà te ghiurne spuse

RITA vuie site pazze? Ca nisciune se spose chiu’ e io mavessa spusà stu guaio e notte e vostro nipote? Iatevenne iatevenne

CIANNO zi zie..ma cosa sta dicendo

CARMELINA niente a zia..

BETTINA stai tranquillo nun è niente

CARMELINA nu te spose chiu’

EUSTACCHIO ma che m’avita chiammate affa’ ? si niscune se spose

CIANNO comme? E io  comme faccio? Chi ho  dice a sorema fresella che ggià sta tutta abbardate cu la nocca ngape

PORZIA chiste penza a nocche da sore ….noce nucelle castgne nfurnate e quanta guaie che aggia passate….

BUIO CON STACCHETTO MUSICALE FASCIO DI LUCE SOLO SU LUNELLA CHE CON IL SUO MORTAIO FA UN SORTILEGGIO

PORZIA POI CUOSIMO

PORZIA maronna nu sacce comme me sento…me sente a capa pesante e ‘o core che me sbatte forte forte

CUOSEMO (uscendo da casa sua) mi sento come un fringuello stamattina ma cu na capa pesante pesante

PORZIA (sorridendo e salutando con la mano a cuosemo) cosimo…cosimino ..buongiorno…

CUOSIMO buongiorno porziella…

PORZIA ma io a chiste nun l’avessa salutà invece nun ne pozze fa a meno….che se dice…comme stai te veco sciupatiello

CUOSIMO mamma do carmine ma chesta sta bbona?

PORZIA è mangiato sta matina? E fatto colazione

CUOSIMO none..nun haggia fatto niente…

PORZIA peccirillo..peccirillo….io me laggia civà cumme a na ucelluzze, viene ccà mo te donghe a mangià io..vieni…cosimino…vieni

CUSIMO ma te sienta bbona? Dice ‘a verità ma me vulisse purtà a parte e dinte cu na scusa e po m’accide e me fai piezze piezze?

PORZIA ma che dice? Io t’acceressa…ma quante maie….viene cca assettete vicino a mme?

Ma quant’anne tiene mo

CUOSIMO (fa per parlare)tengo …

PORZIA maronna pare chiu piccerillo….però te taglià nu poche sti capille..oppure fatte nu tuppille nzomme t’è hai  lava’…

CUOSIMO sta sera regne a tina e me lava

PORZIA a chi ora? Te vengo a scerià adderete e spalle

CUOSIMO nun è che m’affuoche?

PORZIA io …ma si pazzo? Io te faccio nu bello bagnitiello te regne e povere t’attacche e capille

CUOSIMO e me manne ‘a scola?

PORZIA comme si spiritoso….si simpatico…tiene e sette bellizze…

CUOSIMO ma stesse sunnanne? Io a chesta nun a veca bbona

PORZIA cosimino oggi ti invito a pranzo nella mia tavern, ma’arracumanne non mancare…

CUOSIMO ma si sicuro?

PORZIA tutto o lasciate è perdute…non te preoccupà io t’aspetto…viane ambressa….(PORZIA)

CUOSIMO ccà e fatte nun stanne bbuone….Comunque è meglio che me vache a ffa na

lavatella…nun se po maie sapè…

CAPASECCA,MENIELLO POI RITA

CAPASECCA meniello mio , mi devi ascoltare na vote e pe sempe.’o piane che aggia fatto è perfetto , io stanotte mette na scala fore a fenesta i Annella e te facce sagliè dinte a cammara soie e tu ce passé a ‘a nuttata, aroppe nisciune po dicere niente e te le spusà pe forza

MENIELLO embè te voglio sta a sentì…pe l’urdema vota po me votte a mmare

RITA ( si affaccia dalla sua casa e sente cosa dicono I due)

CAPASECCA  ma comme si esagerato?...statte tranquillo che chesta notte ogne pena d’ammore trove ‘o rimmedio suoie….

MENIELLO allora facimme accussì ce vedimmo cca fore ‘o primme ragge e luna

RITA (fa controscena e va via)

CAPASECCA lasse fa a mme…

MENIELLO grazie cumpagnio mio..grazie (VIA)\

CAPASECCA e sine io po’ te facevo chistu piacere…mo che Annella a sciuovete ‘o matremmonio cu Mbruoso ? io a scalella a metto vicino a fenesta e Cleonice e poi te facce avvedè che succede… ce n’avimma fa rise…(corre via)

RITA POI PORZIA E CLEONICE

RITA marammè, che mbrigliune songhe l’uommene, ma io mo voglio chiamma’ a Porzia e Cleonice e avvisarla de tutto (chiamando) zia Porzea…Cleonice…ascite nu mumento

PORZIA che d’è, che buo’ Retella?

RITA Chiammate pure a Cleonice

PORZIA sta venenne …Cleoni’ viene..ma nun siente’

CLEONICE mamma’ steve fore a l’uorte, ma nun aggia capite pecchè hanna seccat tutte e rose …

PORZIA figlia mia tu ogne ghiurne e vai addaquanne e curanne chiste e o problem…nun ce ie cchiu’..’o buo capi’ che tu si pericolosa..chi sa dinte a sta panze che tiene

CLEONICE e a colpe è sempa a mia…in tutti I mode che bbuo’?

PORZIA Rita c’adda parlà…

RITA mentre steva affacciata cca fore, aggia ntise e parlà a Capasecca cu meniello…

CLEONICE Meniello mio

RITA sine..sine… e sanna mise d’accorde che stanotte meniello mette na scala sotte ‘a fenesta e Annella e va nquità durante a notte e doppe sapo’ spusà…

PORZIA Annella? E che c azzecca Annella?...

RITA locca ca site tutte e doie..chille Meniello e ngappate p’Annella…

CLEONICE tu che dice?...nfame che si..chesta e na buscia:..

RITA Zitta zitta…che nun te dico fessaria…e a verità…

PORZIA brutti nfamune...mo vache adinte e a spenna san asana

CLEONICE Mammà mo a chiure dinte a camera e a faccio rummanè senza ciato…gialla a facce addiventà

RITA ma che decite…calmateva…chesta sera cu na scusa cagnate Cammera e po t e facce avvedè che succede…

PORZIA brave Retella….bella penzata

CLEONICE mamma tengo suonne…ma che ore sono

PORZIA già tiene suonne?...te paiaciute a soluzione  e retell?

CLEONICE mamma a Guerra è Guerra e sadda fà…(via dentro)

RITA zi porzia mia chille ‘o guaie e o mio…nun sacce comme me pozze levà a chille a tuorne..Stateve bona io me ne trase, ce vedimme stanotte quante sente e lucchè….ah ah ah…che resate che maggia fa (VIA)

PORZIA e rire rire ..chille ‘o guaio e ‘o tuoio…a proposito e guaio, ma Cosimino che fine ha fatto?  (chiamando)

Cosimino cosimuccio

Cosimo (esce tutto vestito perbene) Che vulite ? chi me chiamme?

PORZIA oooo cosimino come siamo carucci….io o dico io che si trope bellillo…comunque chesta sera lascia a porta da camera mia aperta …t’aspette

COSIMO pe fa che cosa?

PORZIA niente…che putimme fà…io a notte nun riesche a durmi’..me viene a ffa nu poche e cumpagnia

COSIMO  stai pazzianne?

PORZIA e me vide na femmina che pazzea?…io so seria, cosimino questa notte lascio la porta nzeccata , non mancare io ti attende…ti attende…..baste che vutte a porte s’arrape…

COSIMO a porte?...e va bbuone..se nun piglie suonne aspiettem

PORZIA se piglie suonne, dimane e meglio che nun te scite……statte buone a chiu’ tarde

(via)

Baronessa e balia

Baronessa (Vedendo Cuosimo) a vuie cercave

CUOSIMO io nun tengo niente e ve dicere chiu’

MARGHERITA comme nun tiene niente chiu’ a dicere…tu è dicere a verita’ parla

CUOSIMO ma quala verità io nun sacce niente chelle ca sapeve ve l’aggia ditte lasciateme sta cuiete (via)

BARONESSA Margheri’ io so sicure che ‘figlieme è o figlio do castagnare, sta notte a passamme ccà , accussi dimane pa matine tante che aggia fà aggia purtà a termine sta situazione

MAGHERITA songhe d’accorde cu vuie…vedimme se putimme alluggià dinte a chesta Taverna…(chiamando) c’è nessuno? C’è nessuno??

SEMMULELLA prego decite a mme…

MARGHERITA nuie stamme nata vote ccà ….nun vulimme mangià

BARONESSA margherì e comme a tire a luonghe…giuvino’ tenite na cammere pe chesta notte sule na notte e basta…

SEMMULELLA a cammere ce sta…trasite venite a parlà ca principale è meglio

BARONESSA menumale ….accussi m’arrepose nu poche e dimane aggia tirà stu cape nderre…so trope anne che vive dinte ‘o scrupule…me sto facenne pelle e osse pe meze e sto fatte…

MARGHERITA baronèè…trasite dinte ch’è meglio…pelle e osse…chelle e capace e se mangià pure I cavalle a sotte a carrozza…

(TUTTI VIA CALA LA SERA)

ANNELLA E LUNELLA

LUNELLA annè a vide a luna? Vide comme è ghianca? Chesta notte è na notte nfurtunata…e na notte d’ammore…siente pure e ggate allucchene….siente c’addore e gesummino

ANNELLA lunè, io oramai nun crede chiu’  niente….

LUNELLA ma ‘o siente sta addore? Nun te regne ‘o core?

ANNELLA (annusando) ma cheste e addore e Cleonice…

(cleonice Porzia e detti)

CLEONICE  ( In camicia da notte) annè, ha ditte mamma che stanotte avimma cagnà cammera…

                                                                                                                                                   

ANNELLA  e perchè..? chelle dinta a toie nun se respire…ma già staii pronte pe te cuccà?

CLEONICE tengo nu suonne…..

PORZIA e proprio pe cheste a facimme fà nu poche e pausa…vi dovete un poche alternare si no a stanze e cheste se mprenge troppe assaie…

LUNELLA sine sine ..cagnele sta stanza…sarrà a ciorta toie…

PORZIA ma che dice..strega …vattenne

LUNELLA annè stanotte a luna è a toie….anze o primme raggie e lune che se mosta cca fore te porte l’ammoreeee….

ANNELLA lunè basta ….basta …e  vabbuo’ stanotte me cocche dinte a cammera toie…

PORZIA brava brava…..

CLEONICE, mamma me sente e sveniiii….

ANNELLA ma che sta succedenne? Io nun ve capisco

LUNELLA io aggia capite tutte cose…tutte cose…..ce ne avimma fa de rise…Anne’ ce vedimme stanotte…

ANNELLA ma che dice? ….perchè stanotte

LUNELLA perche tante de lucche, ce scetamme tutte quante…Statta bbone(via)

ANNELLA ‘oi mà i m’arretiro…allore me ne vache dinte a camera e Cleonice…(via)

CLEONICE mamma…ce l’avimma fatta….a guerra e guerra

PORZIA nennè e vinte na battaglia ma no a guerra….stanotte cirche e te trattene’ nu poche …perchè si no Meniello appena trase dinte a cammere ce manca l’aria e svene....si pure io saglie e dico: ha violato mia filgi se l’adda spusa’ a gente che trase che vede …’o cadaver?percio’ statte cuiete e trattienete…

CLEONICE mamma’ abbaste che saglie a coppe a fenesta che io nun ce donghe manco o tiempe e risciatà…nun te peoccupà..

PORZIA in tutti I mode..stanotte vene a fine e Meniello...Cleoni’…se ‘o scasse mamma nun te ne accatte nate….iamme adinte ia…

CLEONICA mamma io me vache a mettere din’o lietto….tengo suonneeee…

(VIA)

CIANNO E LE ZIE

CARMLINA ciannutiè io e zia Bettina avimma avute una idea…

BETTINA se te vuo’ spusà subbete subbete…e mo comme cio decimme a chiste nui simme doie femmenlle e paese ….

CIANNO zi zie ma io nun ve capisco…caggia fà..io sto trope disperate io aggia penzate I me menà a mare..pa desperazione

BETTINA none e peccate mortale nun se dicene chesti cose

CIANNO infatti poi c aggia penzate..e aggia ditte se me votte a mmare io poi nun sacce nuotare…e comme facce?

CARMELINA  ciannutiè, baste cu chesti ciucciarie, stamme a sentere, tu chesta notte e trasi’ dinte a cammere e retella appena stai ngoppe mena nu strillo, nui venimme e te facimme spusà subbito subbito…

CIANNO e comme faccio a trasi’ dinte a cammere e Retella?

BETTINA cu na scalella t’appuoste cca fore , e te nfizze a dinte e poi a zumpe ncuolle

CIANNO ma primme aggia vedè si sta nfucate si tene la freve

CARMILINA  ma che freve e freva …tu subbete te mine ncuolle e chelle la freva ce vene …

CIANNO zizie io me fide de voie…facccio comme decite vuie….

BETTINA forza iammucenne a casa,  quante a luna manne e raggie suie ccà nderra nui c appresntamme….

CIANNO zizie sono contente

CARMILINE ueeeee ciannetièèèè…nun accuminciamme…..

BETTINA basta c avote a cape, aiesce a casa….

(VIA)

MUSICA MUTAMENTO DI LUCI é NOTTE

MENIELLO CAPASECCA

MENIELLO capasecca mio, chiu s’avvicina lu memento e chiu’ me tremmene e cosce …e si annella s’oppone a chesta cosa , io comme faccio?

CAPASECCA statte zitte e nun fa storie …iamme saglie…

MENIELLO e se la fenesta è chiusa?

CAPASECCA vottele che s’arape, ‘o lucchetto è guastate…

MENIELLO e fame sagliere e luvammece ‘o pensiero….

CAPASECCA e saglie saglie fa ambressa….

MENIELLO  (sale ed entra nella finestra)

CAPASECCA ma sa che succede me ne voglia fa resate, mo me ne saglie io ngoppe da

annella…..(sposta la scala in direzione della finestra di Annella)

CUOSIMO E DETTO

CAPASECCA e chiste mo chi è? …fame annasconnere m’avessera piglià pe mariuole? (si nasconde)

CUOSIMO tutto ‘o lasciate è  perso…me so mise pure o cazunette e quante spusaie, maggia fatten a grande lavata cu lacqua …a quantu tiempo nun me lavave cu l’acque…a ditte che me lasciave a porta aperta ..e vedimme nu poche che succede …speriamme che m’arriocrde ancora (via nella taverna)

CIANNO E DETTO

CIANNO maronne che scurore, ma perchè la notte e scura e lu iuorne e chiare?

 ma chesta e na scalella ? allore le zizie già l’hanna appriarate…comme songhe brave (sale e entra nella finestra)

CAPASECCA e chiste è nu Mariuole…               

CARMELINA E BETTINA  E DETTO

 CAPASECCA (vedendo dal buio le due anziane) maronn io sapeve so l’anime do priatoie che me so venute a piglia….aiutatemeee..(corre nella tavena)

CARMELINA E BETTINA cianno …ciannutielllo addo staie …???

MBRUOSO RITA PATRIZIA E DETTI

MBRUOSO ma che rè chisto frastuone?

RITA  patri’ e comme te dicevo ….mo te facce avvede che bello matremmonio hanna apparato…niente pe mme niente pe essa….

PATRIZIA e fatte buone….

MBRUOSO ma sti doie vecchie che vonne a ca fore?

CARMILINA facite asci’ a Cianno

BETTINA se nfzzate dinte ‘o lietto e Retella ….sanna spusà pe forze

CARMILINA nostro nipote è stato violato

BETTINA quello era signorino

 RETELLA ma quale lietto? E nun me n’accurgeva..chille comme traseva accussi’ o vuttave  abbascio….ma che dicite?

PORZIA INSEGUITA DA CUSEMO

PORZIA maronna mia ….ma che sta succedenne dinte a sta nuttata? Bello e buone maggia truvate a chiste din ‘o lietto ….sono compromessa …cosimino mi devi sposare…

COSIMO ma che dice ? io nun aggia fatte manco a tiempo a vuttà vicino a porta che subbete maggia sentute acchiappate comme si stesse dinte a na core e zefele…

PORZIA  Tu ti sei abbusato di me..comme ha fatte figliete co figliame Cleonice…Cleoni’ a mammà che t’hanna fatto?

CIANNO (dalla finestra) Zizie aiute…e che me sta succedenne? Io nun sapeve che quante se sfucavene e femmene adoppe asceve pure ‘o fume e Fetevene…

PORZIA mamma de ciente spade!! Ma chille che ce fa la ngoppe?

 

CARMELINA ma che c e fa chille a coppe a chella fenesta?

BETTINA ciannutiè ma chella nun è a stanza e Retella

RETELLA  (Ride) Cose e pazze….ma è ghiute da Annella?

CLEONICE mammà chiste pure va bbuone….me piace assaie…’o ciele ma mannate e guai a chi mo tocche…

CAPASECCA USCENDO DAL NASCONDIGLIO

CAPASECCA sanghe da marine allore menielle cu chi sta? cu Annella??

PORZIA ma che sta succedenn? Annella Annella ….Rete’ ma comme è succiese stu fatte

RITELLA io vaggia ditte a verità, io aggia sentute che capasecca e meniello pigliavene l’accorde …e vaggia cunsigliate e falle cagnà e cammere

PATRIZIA e fatte peggio….

CAPASECCA mannaggia a ciorta mia fracita…

PORZIA annella…annella…Mamma do castiello chelle nun risponne….

ANNELLA E MENIELLO

escono dalla tavern mano nella mano

ANNELLA    che vulite? Perchè nun vi iate a cucca’?

MENIELLO grazie capaseee…grazieeee

CUOSIMO e nun si cuntente? Pe me è na gioia che meniello se nzora ad Annella…e comme si fosse nate natavota…aggi fatte tante sacrificio po mo crescere, a verità e che io o truvai cca fore …..io nun aggia state mai spusate…

PORZIA cosimino allora sei signorinoooo…??

COSIMO sine…songhe signorino

BARONESSA  (che ha ascotato tutto) ‘o sanghe mo diceve….è filgio a mme

PORZIA e cheste addo è asciute?

MARGHERITA a baronessa e a mamma e meniello a vera mamma

PORZIA e chelle diceve che ere figlie a Balia?

BARONESSA maggia mise sempe scuorne , ma o vero scuorne è state chille ro lassà ca mieze, perchè era figlio dell’amore….

CUOSEMO Baronè, laggia cresciute comme si overe ere figlio mio …

BARONESSA nun te preoccupà tu sarraie sempe ‘o pate…

 

COSIMO vai a papà abbraccete a mammate….

PORZIA maronne se so aizate tutte e pelille a cuolle

ANNELLA aveva ragione Lunella cheste era na nuttatta affatata…

LUNELLA E DETTI

LUNELLA che dicevo l’ammore tuie sta areta a fenesta ….tutte cheste io già o sapeve

E overe songhe nu poche nzallanute…ma tanti cose l’aggia fatte e proposito …zi porzia l’aggia levate a raggia e a zi cuosimo a perucchiamme….me despiace pe mbruoso pe capasecca che so rimaste a vocca asciutte…pero’ mai dire mai

PORZIA Capasè ma tu pecchè è cumbinate stu scumbine?

CAPASECCA a verita’ e che pure io ero ngappate p’annella

MBRUOSO Scopaaaa…pure tu?...e ca chi è riamaste a vocca asciutte songh’io?

CAPASECCA e pur’io

RETELLA io peggio e tutte….

CAPASECCA ma Retell mia …se a te nun dispiace comme nun dispiace a mme io chiedo la tua mano …

RITA  a me nun me despiace anze,a me l’omme mature l’omme e conseguenze me sempe piaciute, papa vui che decite?

MBRUOSO baste ca te puorte a sorete cu tiche io ne so cuntente…baste cu sti femmene dinte a casa….

PATRIZIA tu me ne cacce?…ma songhe io che me ne vache..papà io facce ammore a n’anne e miezo cu semmulelle…semmulè aisce

SEMMULELLA scusateme …io a voglie bene zi mbruo’ io ma spose

PORZIA e capite a semmullelle..e a chella mucia sorda…acqua chete fa pantane e fete

PATRIZIA ma mai comme a cleonice vostra filgia…

CARMELINA zi mbru’ io nun so spusata…facitece nu pensiere…

BETTINA e io nemmeno ..e già vo dico so meglie e sorema…..e po ve facce avvedè..

MBRUOSO p’ammore e ddio ….voglio rummane’ solo a vita….

BETTINA carmeli’ pure a napule ce schifene

CARMELI e turnammacenne a Vallepelose…è meglio oramai a ciannutiello l’avimma sistemate….

PORZIA  Ma….addo iate? Proprio mo  ve ne vulite ire?, mo che appriparamme feste e festine?…iamme vuie avita fà i bocconotti…

CUOSIMO avimma fà grande festeggiamnete pe tutte sti spose e spusell e io pe dimane e matine me spose a Purziella

 MENIELLO e io so cuntento e me spusà annella e truvate mammella

PORZIA A vita è chesta …se po cagna’ sempe e denare nun se ponne penzà

CUOSIMO avutammece attuorne , guardamme nfacce a gente  e nun penzamme sempe e fa ‘o malamente …

PORZIA capase’ forze va adinte e vutte maccarune che a Tavernare e portacapuana fa mangià a tutte sti signure….

CALA LA TELA

FINE

 

    Questo copione è stato visto
  • 2 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 57 volte nell' arco di un'anno