‘A vita è tutta ‘nu ‘mbruoglio

Stampa questo copione

‘A vita è tutta ‘nu ‘mbruoglio

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

(detto Ezio)

15/11/2003

Personaggi:   12

Gaetano Disonesto

Saverio Esposito

Pietro Gattomorto

Giorgio Senzatesta

Rosaria Tivatto

Tiziana

Anita La Schiava

Carlo Dovero

Giuseppe Garibaldi

Assunta Albero

Gioacchino Presepio

il Commissario Gino Brutto

Napoli, giorni d’oggi. Quattro personaggi per nulla raccomandabili si riuniscono in strada per programmare una serie di truffe a personaggi malcapitati. Il capo è Gaetano Disonesto, personaggio che ha già alle spalle una luga carriera. E’ ricercatissimo dal commissario Gino Brutto, il quale non è mai riuscito ad arrestarlo per le capacità di Disonesto di sottrarsi con furbizia e tenacia alle grinfie della polizia. Il commissario chiede allora aiuto al generale in pensione Carlo Dovero, visto che Disonesto non lo conosce e non potrebbe evitarlo con la sua destrezza. Ma i complici di Disonesto non sono alla sua altezza e rovinano sempre i suoi piani.

Le truffe sono due: il falso quadro d’autore e l’agenzia matrimoniale. 

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

            Siamo in una via di Napoli, per strada. Ai due lati ci sono due lampioni, sulla destra una panchina e alle spalle di tutto questo l’entrata di un palazzo.

ATTO PRIMO

1. [Gaetano Disonesto e Saverio Esposito]

                 Da sinistra arrivano due loschi figuri: Gaetano e Saverio. Si fermano al centro.

Gaetano: Basta, non ne posso più di te, he’ capì? Mi combini solo guai.

Saverio:  Hai ragione, Gaetà, però mi devi scusare, non ci posso fare niente.

Gaetano: Savé, prima di conoscerti, ero il miglior truffatore di Napoli. Io facevo fessi a

                 tutti quanti! Embé, ‘a quanno cunosco a te, so’ tutte quante che fanne fesso a me!

Saverio:  E vabbuò, ja’, aggie pazienza, io nun sbaglio cchiù.

Gaetano: Aggia avé pazienza? Ma chesta è già ‘a terza vota che m’’o ffaje. La terza!

Saverio:  Ma quanno maje?

Gaetano: E invece sì. ‘A primma vota, fuje ‘a truffa d’’a penzione: io t’accumpagnaie ‘a

                 posta a piglià ‘e sorde. Tu te vestiste ‘a viecchio: dovevi fare mio nonno.

Saverio:  E già. Io me mettétte pure ‘e baffe.

Gaetano: E stava andando tutto bene, ma tu bell’e buono facìste ‘nu starnuto, mettìste ‘e

                 bbaffe ‘a vicchiarella a fianco! Uahm, ‘e che precisione! E così ci hanno scoperti.

Saverio:  E che vvuo’ ‘a me? Io nun ‘o vuléve fa’ ‘o starnuto, chillo m’è scappato!

Gaetano: E nun te ll’’iva fa’ scappa. E intanto chesta fuje ‘a primma. Nun me fa’ arricurdà

                 ‘a siconda, po’: ‘a truffa d’’a pellicceria. Tu te vestiste ‘a femmena e io ti dovevo

                 accompagnare a comprare la pelliccia. Tutto bene fino a che...

Saverio:  Se ne scennétte ‘o pietto fino e dint’’e ccazette!

Gaetano: Appunto! E aroppo ‘e che bella scusa che dicìste!

Saverio:  Io dicette: “Non ci fate caso, tengo le “tettoie” che si montano e si smontano!”...

Gaetano: E io apparàie dicénno: “E quello è per mezzo del silicone”!....

Saverio:  E diciste buono!

Gaetano: Però stammatina me n’he’ fatta ‘n’ata... quella più indignante: la truffa della

                 gioielleria. Tu ti sei vestito da neonato nel carrozzino. Io da mamma premurosa.

Saverio:  Premurosa? Tu nun m’he’ vuluto allattà ‘e nisciuna manera!

Gaetano: (Lo guarda male) Savé, e comme t’allattàvo, io? Che te facévo zugà?!

Saverio:  Dicevo così per dire. E intanto, io stevo ‘int’’o carruzzino. E comm’era stritto!

Gaetano: Eh, mò t’’o facìve fa’ su misura! Chillo è ‘o carruzzino ‘e mio nipote. Intanto,

                 quanno simme trasute ‘int’’a gioielleria, è venuta ‘a signora vicino a te, dicénno:

                 “Fatemi vedere questo bel pupo!”... E tu ce spute ‘o ciucciotto ‘nfaccia?!

Saverio:  E pe’ forza, chella m’ha spermmuto ‘e gguance!... Spriemme e spriemme, è

                 partuto ‘o ciucciotto e l’è gghiuto ‘nmocca! Io ch’aggia fa’?

Gaetano: Sì, ma nun è chesta ‘a cosa cchiù grave.

Saverio:  Ah, e qual è? Chella scimmità ch’è succiesa aroppo?

Gaetano: Chella scimmità? Savé, nuje simme vive pe’ miracolo!

Saverio:  E chella, ‘a signora, m’ha vuluto cagnà afforza ‘o pannulino! Chella, quanno m’ha

                 levato ‘o pannulino, ha truvato chella surpresa!

Gaetano: Eh, e intanto ‘o marito ce ha curruto appriesso pe’ ce sparà cu’ ‘o fucile!

Saverio:  Sì, però non ci ha colpiti. (Beffardo) ‘E che fesso, tene ‘o fucile e nun sape sparà!

Gaetano: Savé, ma sì scemo? E menu male che nun sape sparà. Insomma, con questa tua

                 ultima prodezza, ho preso una decisione. Da oggi si cambia: ho convocato due

                 professionisti che collaboreranno con noi per le truffe. Li ho presi alla Standa!

Saverio:  Ah, sì?

Gaetano: Sì, ce steva ‘o 3x2!

Saverio:  Ma comm’è, mò ‘a Standa vénnene pure ‘e marjuole?!

Gaetano: Miezu scé! Li ho conosciuti alla Standa. Stavano rubando dei vestiti.

Saverio:  Ho capito. Aspié, però c’è un problema: mò che ci stanno pure questi due nuovi,

                 noi non possiamo dividere più diviso due, ma dobbiamo dividere diviso quattro!

Gaetano: Ma si nuje nun simme state capace ‘e truffà maje a nisciuno! Forse questa sarà la

                 volta buona! (Guardando l’orologio) Solo che questi due sono in ritardo.

Saverio:  E ggjiammele a cercà. Che t’aggia dicere?

Gaetano: (Sospirando) E mò finalmente vedìmme si nun s’accòncene ‘e ccose. Andiamo.

                E vanno via alla loro destra.

2. [Pietro Gattomorto e Giorgio Senzatesta]

                Arrivano, da sinistra, altri due loschi figuri: Pietro e Giorgio. Sembrano spaesati.

Pietro:    Eccoci qua. Siamo arrivati.

Giorgio: Pietro, ma quei due che dobbiamo incontrare non ci stanno. Forse sono in ritardo. 

Pietro:    Eh, e aspettàmme. Mica sono tutti puntuali come noi!

Giorgio: Ma famme capì, ch’amma fa’ cu’ ‘sti duje?

Pietro:    Niente, dobbiamo fare un certo lavoretto, capisce a me!

Giorgio: Ah, aggio capito. Pietro, ma nuje simme asciute ‘a galera tre gghiuorne fa! Ma mò

                ce vuo’ turnà ‘n’ata vota?

Pietro:    Ma non ti preoccupare. In tre anni di carcere, ho studiato la situazione a menadito.

Giorgio: ‘O vero? In carcere t’he’ ‘mparato ‘o “Meneito”?!

Pietro:    No, ‘o “Tiburon”! E intanto, si ce amme fatte tre anne a Poggioreale, è stato pe’

                colpa toja. Noi eravamo innocenti. Sulo che tu he’ vuluto corrompere ‘o giudice.

Giorgio: Io aggio vuluto corrompere ‘o giudice? Ma quanno maje? Io l’aggio juto a truva’

                sulo in tribunale! Ce aggio ditto: “Signor giudice, non ci mandate in galera. Noi

                non abbiamo fatto niente. Vi siete sbagliato: avete preso un abbacchio!”.

Pietro:    Eh, ‘a cacciatora! Ignorante, si dice abbaglio.

Giorgio: Giusto. E ho aggiunto: “Se fate il bravo, io vi ricompenso in moneta!”. E isso ha  

                ditto: (Effeminato) “Se mi ricompensi in natura, te faccio ‘a villa a Saint-Tropez”!

Pietro:    Ma era finocchio?

Giorgio: No, era ricchione! E ‘o ssaje che vuleva ‘a me? M’ha fatto ‘na proposta oscema!

                Ha ditto: “Giorgio, torno subito!”. E doppo mez’ora, è turnato cu’ ‘nu perizoma

                leopardato e ‘na frusta ‘nmana! Vuléva fa’ ‘o San Tommaso!

Pietro:    Eh, ‘o San Pascale! Se dice “sadomaso”!

Giorgio: Appunto! E m’ha curruto appriesso pe’ tutto ‘o tribunale cu’ ‘a frusta ‘nmana...!

                Allora io ce aggio miso ‘o sgambetto e isso è inciampato. L’ho lasciato per terra,  

                gridando: (Effeminato) “Barboncino mio, torna da me!”. Ma io me ne so’ fujuto.

Pietro:    Ma comme, Giorgio, l’he’ rifiutato?

Giorgio: E se capisce.

Pietro:    E nuje picciò invece ‘e avé tre mmise amme avute tre anne ‘e carcere!

Giorgio: E ch’aggia fa’, io? Chillo, a me, me vuléva afforza.

Pietro:    Animale chino ‘e zecche! E tu pecché nun he’ apprufittato?

Giorgio: Néh, Pietro, ma tu nun staje buono? Io era fa’ sfizià ‘o giudice ‘ncuollo a me?

Pietro:    E intanto, ce facìve sparagnà tre anne ‘e turmiente. E invece no.

Giorgio: Pietro, ma a me me piàcene sulo ‘e ffemmene. E io so’ tre anne ca nun ne veco

                una! (Eccitato) Mò è meglio che tutt’e ffemmene ‘e Napule se stanne accorte!

Pietro:    Ma famme ‘o piacere! Invece tu dovevi tenerti il giudice.

Giorgio: No, p’ammore ‘e Dio!

Pietro:    E allora so’ state cchiù belle ‘e tre anne ‘e carcere? Io, in ‘carcere, nun ce voglio

                turnà maje cchiù.

Giorgio: E allora facìmmece ‘e fatte nuoste. ‘E ttruffe nun so’ mestiere nuosto. Si vulìmme

                fa’ coccosa ‘e sorde, io me vaco a vennere ‘o rilorgio ‘e zi’ Giorgio!

Pietro:    Ma stai tranquillo, noi lavoreremo con due professionisti veri, non come noi. Del

                resto, doppo tre anne a Puceriale, che sapimme fa’? E allora dobbiamo arrangiarci. 

Giorgio: (Rassegnato) E già, he’ raggione tu: amma fa’ sulo ‘e ttruffe! Però si acchiappo a

                ‘na femmena ‘nmiezo ‘a via, povera a essa!

Pietro:    Ma cammina! Va’ a cercà ‘o giudice femmeniello e pigliatillo!

                E vanno via alla loro sinistra discutendo.

3. [Carlo, il Commissario Gino Brutto]

               Da destra tornano il commissario Gino Brutto (assonnato) e Carlo che racconta:

Carlo:    All’improvviso, un caccia volava sulle nostre teste e ci sparava col suo mitra...

               I due si siedono sulla panchina (e il commissario si appisola).

               Chilli colpe ‘e mitragliatrice hanne cugliuto a tutt’’e cumpagne mie, ma a me no!

               ‘Na cosa che nun se po’ credere...! (Nota Gino che dorme e lo sveglia gridando)    

               Commissà, ma vuje durmite sempe? Ma tenìte ‘a malatia d’’o suonno?!

Gino:     (Si sveglia di soprassalto) No, no, dicìte. (Stavolta però lo ascolta)

Carlo:    E allora ho preso la pistola, ho pigliato la mira e... poh! Aggio abbattuto ‘n’aereo!

               Sulo ca nun ‘o ssaccio comm’è gghiuta a fernì, pecché me so’ scetato d’’o suonno!

Gino:     Ma perché, non è vero niente? Cioè vuje, ‘a tre ore, me state cuntanno ‘nu suonno?

Carlo:    E certo, commissà. Io sono un generale, però nun aggio maje fatto ‘na guerra! Sto’

               prijanno a Dio tutt’’e juorne, ch’a cocche parte d’’o munno, fanne ‘na guerra e me

               chiàmmene pure a me! Pure se sto in pensione, la speranza non muore mai!

Gino:     Generà, cu’ chisti chiare ‘e luna, vuje vulìte a ffa’ ‘e gguerre?!

Carlo:    E vabbé. E allora parlàmme ‘e chello che m’’iveva dicere primma. Mi avete

               chiesto di aiutarvi un’altra volta. Ma a ffa’ che?

Gino:     Vedete, io nella mia vita ho arrestato tanti malviventi, anche grazie al vostro aiuto

               prezioso. Ma ci sta un criminale che mi frega sempre: un tale Gaetano Disonesto.

               Nel suo ambiente è detto il “duce”. Per me, arrestarlo è diventata un’ossessione!

Carlo:    Scusate, ma che ffa chisto? E’ ‘nu scippatore?

Gino:     No, è un truffatore. Mi dovete credere, è un genio. Sape tutt’’e strataggémme pe’

               ffa’ fesse ‘e ggente! Pensate, ha scritto pure un libro: “Il manuale del truffatore”!

Carlo:    Ah, e allora mò ‘o scrivo pur’io ‘nu libro: “Il manuale della guerra”!

Gino:     Generà, vuje pazziàte? Ccà ‘o fatto ‘e serio! Ultimamente, a Gaetano, l’ho visto

               che stava istruendo a un certo Saverio Esposito, ex borseggiatore. Secondo me sta

               architettando qualcosa. Me pare che se sta danno troppo ‘a fa’!

Carlo:    Embé, e si vuje l’ate visto, pecché nun ll’ate arrestato?

Gino:        Perché non l’ho mai preso sul fatto. Quello è furbo: se sape annascònnere, se

                  sape travestì, sape cagnà nomme, sape parlà ‘e lingue... e se ne sape pure fujì!

                  Vi raccomando, voi lo dovete pedinare notte e giorno.

Carlo:       E va bene, ci penso io. Ma dove lo trovo?

Gino:        Molto vicino a noi. Una mia amica, la signorina Camilla, abita nel palazzo alle

                  nostre spalle. Mi ha detto che un uomo ha affittato un suo appartamento tramite

                  agenzia. Ebbene, si tratta proprio di Gateano. Secondo me, sta organizzando

                  delle truffe. Allora, io lavoro nell’ombra… e mi travesto da signorina Camilla*!

Carlo:       Ve vestite ‘a femmena?

Gino:        Certo! Così, appena scorgo l’occasione giusta, lo arresto sul fatto. E tutto questo,

                  grazie a voi. Più tardi ci ritroviamo qui e vi porto la foto di Gaetano. Va bene?

Carlo:       Ho capito, ho capito. Agirò come quel giorno grigio e tempestoso che...

Gino:        No, pe’ piacere, basta! Jammuncénne, signurì!

                  Gino va via. Carlo, dubbioso, siede sulla panchina e legge il giornale.

 

4. [Anita La Schiava e Giuseppe Garibaldi. Poi Carlo]

                  Da sinistra arrivano Anita e Giuseppe, due fidanzati che stanno litigando.

Anita:       Uhé, ma tu chi te cride ‘e essere?

Giuseppe: So’ chillu fesso che fa sempe chello che vvuo’ tu. Ma mò però basta, è fernuta!

Anita:       ‘A verità è che tu si’ sulo geluso, e quanno se ‘nfoca ‘a gelusia, faje ‘a vittima.

Giuseppe: E tu, quanno vide a ‘n’ommo, vaje alla carica: me pare ‘o Settimo Cavalleggeri!

Anita:       E tu invece, quanno vide a ‘na femmena, me pare ‘o Battaglione San Marco!

Giuseppe: Ma come osi farmi cambiare battaglione? Io sono Giuseppe Garibaldi!

Anita:       Eh, e vattenne a ffa’ ‘a spedizione dei Mille!

                  Carlo chiude il giornale, si alza dalla panchina, passa davanti ai due, li guarda,

                  e poi va sotto il lampione, apre il giornale e legge. I due continuano a discutere.

Giuseppe: Dove eravamo rimasti? Anì... nun m’arricordo cchiù!

Anita:       E m’arricordo io. Quando mi hanno presentato a te, io già stavo fantasticando:

                  “Isso è Giuseppe Garibaldi, io songo Anita, saje che bella coppia facìmme?!”…

Giuseppe: Ma pecché, che me manca? Comme avéssa essere, io?

Anita:       Romantico, deciso e forte. No ‘n’addurmuto comm’a te! Hai capito?

                  Intanto Carlo chiude il giornale e passa di nuovo davanti ai due, li guarda e poi               

                  va sotto il lampione di destra. I due lo guardano e poi riprendono a discutere.

Giuseppe: Anita, se non la smetti, io faccio una pazzia: mi butto a mare e annego.

Anita:       Ma a chi vuo’ sfottere? Tu faje ‘o bagnino!

Giuseppe: (Imbarazzato) Ehm... beh… ma inzomma, tu me vulìsse lassà accussì?

Anita:       Sì, chiuttosto ‘e sta’ cu’ te, io me metto a rubbà! Anzi, voglio trovarmi un lavoro.

Giuseppe: Ma nun me fa’ ridere!

Anita:       Un egoista, questo sei. Io invece sono altruista: amo dare consigli a tutti... e dopo

                  mi piace farmi pagare!

Giuseppe: E secondo te, ‘e ggente, t’avéssena pava’ pe’ chilli belli cunziglie che ddaje tu?!

Anita:       E certo. Io lavoravo in un’agenzia matrimoniale. Perciò, so consigliare la gente.

Giuseppe: Infatte nun t’hanne maje pavata e t’hanne licenziata. Anì, saje che te dico? Io…

                  Intanto Carlo chiude il giornale, passa di nuovo davanti ai due e si ferma sotto il

                  lampione a sinistra e di tanto in tanto guarda i due (che lo osservano sorpresi).

Anita:       (Giusé, ma che vvo’ chisto che passa e spassa annanzo a nuje?).

Giuseppe: (E io che ne saccio? Sarà un passante. E se fosse un mostro?).

Anita:       (Eh, Giusé, e mica è accussì brutto?!).

Giuseppe: (Ma no, io dicevo un mostro di quelli che uccidono le coppiette, le fanno a pezzi

                   e poi se le mangiano!).

Anita:       (Un cannibale?).

Giuseppe: (No, è uno che se magna ‘e ggente: un magnanimo!).

Anita:       (Preoccupata) (Ma tu ‘o vero dice? Ho paura! Giuseppe, perché non lo cacci?).

Giuseppe: (Ma che d’è, ‘nu muscone?! E poi ci sono io qua che ti proteggo!).

Anita:       (Ma perché, tu non ti metti paura?).

Giuseppe: (No, ma che paura?!).

Carlo:       (Così si avvicina ai due) Scusate!

Giuseppe: (Terrorizzato) Maronna d’’o Carmene, me vo’ magnà!

                  E fugge via a destra a gambe levate. Carlo lo osserva perplesso.

Anita:       (Terrorizzata) No, signor mostro, non mi fate niente, vi prego!

Carlo:       Ma che dite?

Anita:       Io vi dò il mio corpo, però non mi uccidete!

Carlo:       Ma io voglio sape’ sulo ‘n’informazione: addò sta ‘nu pisciavìnnele? Aggia

                  accattà ‘o baccalà!

Anita:       (Si rianima) Ah, ma allora non mi volete mangiare?

Carlo:      Io m’aggia magnà a vuje? Pe’ carità, io tengo ‘o colesterolo! Non mangio carne!

Anita:      E va bene, allora adesso vi accompagno io dal pescivendolo.

Carlo:      E io vi ringrazio tanto tanto. Permettete? Generale Carlo Dovero.

Anita:      Ah, siete un generale? Scusate, ma ‘a divisa addò sta? Io nun ‘a veco.

Carlo:      E con ciò? Mò pe’ mezza che sso’ generale, aggia tené sempe ‘a divisa ‘ncuollo? Anita:      Ah, già, non ci avevo pensato. Io, invece, sono Anita La Schiava.

Carlo:      Ah, però me servésse proprio ‘na schiava! Vulìte venì ‘a casa mia?

Anita:      Oh, ma ch’ate capito? La Schiava è il mio cognome.

Carlo:      Uh, scusate. E allora mi accompagnate a comprare il baccalà?

Anita:      Volentieri.

Carlo:      Così, per la strada, vi racconto la mia carriera nell’Esercito Italiano!

Anita:      (Non contenta) Ah, ehm... mi fa tanto piacere...

Carlo:      (Comincia il racconto) Dunque: c’era una volta l’Esercito Italiano...

                 E vanno via a sinistra (Carlo davanti che racconta e Anita dietro che sbuffa).

5. [Gaetano e Saverio. Poi Pietro e Giorgio]

                 Da destra tornano Gaetano e Saverio, correndo affannati. Si fermano.

Gaetano: Imbecille, hai rischiato di farci arrestare un’altra volta. Nun he’ saputo scippà

                 manco ‘a borza a ‘na vicchiarella cionca!

Saverio:   E che vvuo’ ‘a me?

Gaetano: Ma che perdo a ffa’ ‘o tiempo cu’ te? Io sono un grande professionista.

Saverio:   E intanto, chilli duje d’’a Standa nun se védene. Assettàmmece duje minute, va’!

                 Si siedono sulla panchina dietro di loro (Gaetano a destra e Saverio a sinistra).

                 Da sinistra ecco Pietro e Giorgio, anche loro stanchi (non notati dagli altri due).

Pietro:     Mamma bella, nun ce ‘a faccio cchiù a cammenà!

Giorgio:  E appoggiati su quel lampione. Che miseria, un poco di organizzazione!

Pietro:     No, pe’ carità. Io, apprimma, pe’ m’appuggià vicino a ‘nu camion ‘e l’Ippodromo

                 ‘e Agnano, m’è arrivato ‘nu cavallo ‘ncuollo!

Giorgio:  Si putésseme domandà a coccheduno. (Si guarda intorno e nota i due alle proprie

                 spalle. Così si felicita) Pietro, Bingo!

Pietro:     Ma comme, nuje amma truva’ a chilli duje, e tu te vuo’ mettere a jucà ‘o Bingo?!

Giorgio:  Ma no... mò chiedo informazioni a quei due signori dietro di noi.

Pietro:     Uhm? E che ce addimànne: “Scusate, avete visto a due truffatori?”...

Giorgio:  A chi? Io ce addimànno addò stanne ‘e ffemmene! Ccà nun se ne vede una!

Pietro:     Sì, pienze ‘e ffemmene, tu. Nuje amma vedé che s’ha da fa’!

Giorgio:  E vabbuò. Allora vaco a domandà a chilli duje.

                 Si avvicina ai due seguito da Pietro.

                 Ehm... signori, scusate...

Saverio:  (Risponde in maniera arrogante) Che vvulìte?

                 Giorgio e Pietro saltano dallo spavento.

Giorgio:  E si già me rispunne accussì, mò che te dico che voglio sapé, tu me vatte proprio?

Saverio:  Siente, Gaità, pe’ piacere, vide che vonno ‘sti duje.

Gaetano: (Risponde in modo arrogante) Che vvulìte?

                 I due saltano dallo spavento.

Giorgio:  E so’ ddoje! Pietro, ‘sti duje nun cunòscene proprio ‘e buone maniere!

Pietro:     E tu insisti.

Giorgio:  Ehm... signori... veramente, io volevo sapere... avìsseve visto... avìsseve visto…

Pietro:     (Suggerisce sotto voce) (A duje truffatore?).

Giorgio:  A duje fruttajuole?!

Gaetano: Duje fruttajuole?

Pietro:     (Suggerisce sotto voce) (No, due truffatori!).

Giorgio:  Ah, no, due tuffatori!

Saverio:  Due tuffatori? E chi so’?

Giorgio:  So’ chille che fanne ‘e tuffe ‘a copa ‘o trampolino!

Pietro:     (Suggerisce) (No, due malviventi!).

Giorgio:  Ah, no, ‘sti duje tenene ‘e male ‘e diente!

Pietro:     (Suggerisce) (No, nun ‘o ténene!).

Giorgio:  Ah, no, ‘sti duje nun ‘o ténene! So’ addiventàte transessuale tutt’e dduje!

Pietro:     (Suggerisce) (No, due diseredati!).

Giorgio:  Ah, due disidratati! So’ state troppo tiempo ‘o sole!

Pietro:     (Spazientito) Vabbuò, ja’, liévete ‘a nanzo, nun si’ buonoo. (Lo sposta, si mette al

                 posto suo) Sentite, noi vogliamo sapere se voi avete visto a due truffatori.

Gaetano: Ah, ma voi due siete quelli della Standa. Ma che fine ate fatto? Fatemi sentire.

                 I quattro si spostano verso il centro.

Pietro:     E ora vi racconto: Mentre venivamo qua, il mio compare Giorgio qui presente,

                 per fare più presto, mi ha consigliato di scavalcare un muretto. E io, disgraziato

                 come sono, ho detto di sì. Embé, amme scavalcato ‘stu muretto e ce simme

                 truvate ‘int’’o canile municipale! Marò, tutt’’e cane ‘ncuollo a nuje…!  

Giorgio:  E almeno a te t’ha assalito ‘nu Bassotto, a me invece m’ha miso sotto ‘nu piezzo

                 ‘e Alano enorme. Era pure effeminato! Alluccava accussì: (Voce gay) Bau, bau...!  

Pietro:     E già, aroppo ‘o giudice femmeniello, he’ acchiappato pure ‘o cane effeminato!

Giorgio:  E se vede ch’è destino! E vuje invece, pecché ate fatto tarde?

Gaetano: (Imbarazzato) Pecché io e isso amme abbuscato ‘a ‘na vicchiarella ‘e uttant’anne!

Saverio:  E chella pecché sapeva fa’ ‘o Karatè, o si no abbuscava essa!

Gaetano: Ma stattu zitto, che chella t’ha pigliato p’’e capille e t’ha sbattuto accà e allà! E

                 va bene, signori, torniamo a noi. Presentiamoci. Io sono Gaetano Disonesto

Saverio:  Salve, io mi chiamo Saverio. E voi?

Pietro:     Io sono Pietro Gattomorto e lui è Giorgio Senzatesta. E diffidate dalle imitazioni:

                 lui è senza testa di cognome e di fatto: ‘a capa ‘a tene sulo pe’ mantené ‘e capille!

Giorgio:  E tu ‘a tiene pe’ ffa’ cumpagnia ‘o cuollo!

Gaetano: Bene, ora veniamo a noi: signori, io vi ho ingaggiati per fare delle truffe ai danni  

                 di personaggi che ci capiteranno a tiro. Del resto noi, senza i fessi, non potremmo

                 campare! Le truffe sono due: io e Saverio ci occuperemo dell’operazione

                 “Agenzia matrimoniale”. Voi due invece vi occuperete dell’operazione “Falso

                 quadro d’autore”. Basterà mettere qualche annuncio sui giornali. E’ facile.

Pietro:     Scuse, ma po’ addò ‘o vennìmme ‘stu quadro, ‘ncoppa ‘e bbancarelle?

Gaetano: Ma che ll’ate pigliata p’’a festa ‘e San Ciro?!

Saverio:  Gaità, e chiste fòssene ‘e duje professioniste che he’ truvato ‘a Standa?! E t’hanne

                 fatto fesso! Restituiscili!

Gaetano: Stattu zitto! Ehm... comunque, tutte le operazioni avverranno in un appartamento

                 nel palazzo alle nostre spalle. Ne ho affittato uno al secondo piano, interno 7.

                 L’appuntamento è per domani. E adesso sincronizziamo gli orologi. Ce li avete?

I tre:        No!

Gaetano: Azz ,‘o tengo sul’io? Accumminciàmme buono!... Vabbuò, venite quanno vulìte

                 vuje, abbasta che venite. E domani vi dò tutte le istruzioni. Allora ci vediamo.

Saverio:  Cià, Gaità, te ne vaje?

Gaetano: No, tu viene cu’ me. Jammuncénne.  

                 I due vanno via celermente a sinistra.

Pietro:     He’ ‘ntiso, Giorgio? Andiamo a preparare l’operazione “Falso quadro d’autore”.

Giorgio:  Pietro, ma io nun ‘a saccio fa’. Me metto appaura che putìmme sbaglià.

Pietro:     E pazienza. Vulìmm’ì a cercà o giudice femmeniello?  

Giorgio:  (Subito si convince) No, andiamo fare le truffe. E’ meglio! Io ho già qualche idea.

                Vanno via a destra, confabulando.

6. [Rosaria Tivatto e Tiziana]

                Da sinistra arrivano Rosaria Tivatto e sua figlia Tiziana. Si fermano al centro.

Rosaria: Tizià, siente ccà, a mammà, fermiamoci un momento. Allora, in tutto il tragitto

                che abbiamo fatto da casa fino a qua, hai visto qualche ragazzo che ti piace?

Tiziana:  Sì, mammà. Ne ho visti 50 o 51!

Rosaria: E te piàcene tutte quante?

Tiziana:  Esattamente.

Rosaria: Benissimo! Chisto è ‘o mumento ‘e te truva’ marito!

Tiziana:  Mammà, ma io lo voglio trovare piano piano.

Rosaria: Ma che chianu chiano? Tu he’ ‘a fa’ ambresso! He’ ‘a ì appriesso ‘e guagliune. Te

                li devi “risucchiare”!... Se no se li prendono le altre sciaurate, e a tu rimani a zero! 

Tiziana:  E che dovrei fare?

Rosaria: Ah, ma t’aggia dicere tutto cos’io? Chilli guagliune che he’ visto, vance areto,

                rimorchiali, pìgliete ‘o nummero ‘e targa! E pìgliete pure ‘o nummero ‘e telefono!

Tiziana:  Mammà, ma che dici? Quelli, poi, chi sa che si pensano!

Rosaria: Figlia mia, ma tu staje proprio ‘nguajata. E poi ti sei dimenticata del nostro patto?

Tiziana:  Guarda che l’hai fatto tu da sola. Io nun aggio capito niente e niente voglio capì!

Rosaria: Allora che ddice a ffa’ che he’ capito? Vuoi un riassunto delle puntate precedenti?

Tiziana:  Aéh, mò accummencia ‘n’ata vota!

Rosaria: Dunque, riassunto: un anno fa, giusto giusto, mi sono spartuta con tuo padre.

Tiziana:  No, mammà, caso mai ti dei divisa con papà.

Rosaria: Sì, però mi sono pure spartuta! (Sospira) Eh, tuo padre: il cavalier Alberto di

                Borbone, discendente dei Borboni. Un uomo ricchissimo, bellissimo, altissimo,

                biondissimo, azzurrissimo di occhi... nun saccio ch’“issimo” aggia dicere cchiù!

                ‘A verità proprio, nun aggio maje capito pecché l’aggio lassato. Quanto so’ fessa!

Tiziana:  Mammà, ‘stu fatto, ‘a stammatina, me l’hé cuntato justo trenta vote. (Poi sbuffa)

Rosaria: E nun sbuffà, o si no te dongo ‘nu rovescio, te faccio ‘e diente comm’’a tastiera

                d’’o pianefforte: uno si e uno no!

Tiziana:  E parle, parle, sfuòghete!

Rosaria: Io ho lasciato a quel pezzo d’uomo di tuo padre. E ora ne voglio un altro, però che  

                non sia “issimo”! Lo voglio brutto, inutile, “tordo”, laureato... e soprattutto ricco! 

Tiziana:  E perché lo vuoi brutto, inutile e “tordo”!

Rosaria: Perché io non mi sposo, faccio solo la convivenza. Un matrimonio basta e avanza.

                Mò voglio sulamente sorde assaje. Tizià, io e te parìmme doje pezzente: io me so’

                ridotta a vennere ‘e lumine e tu ‘e ciure ‘ncoppa ‘o cimitero. E ora basta.

Tiziana:  E io che dovrei fare in tutto questo?

Rosaria: T’he’ ‘a spusà, pecché io aggio fatto ‘na scummessa cu’ zia Dora: che ti sposi

                prima tu e poi sua figlia Sara. E se si sposa prima lei, io perdo la scommessa.

Tiziana:  Mammà, ma comme se sposa primma Sara? Chella tene quatt’anne!

Rosaria: E che ne puo’ ssape’ tu? Chelle, ‘sti gguaglione ‘e oggie, ténene ‘a capa pazza!  

Tiziana:  Eh, ma nun dicere scimmità.

Rosaria: No, no, Tizià, pe’ piacere, nun me fa’ perdere ‘a scummessa, o si no aggia pava’

                mille Euro. E io ‘a dò ‘e ppiglio?

Tiziana:  E tu me vuo’ fa’ spusà pe’ ‘na scummessa? Io voglio un matrimonio normale.

Rosaria: Disgraziata, ma nun pienze che stamme campanno comm’a doje barbone? ‘A casa

                nosta è troppa stretta. Parimme doje tartarughe ‘int’a ‘na sola scatuletta!

Tiziana:  Ma che scatoletta? Guscio! E intanto è colpa tua, papà ci teneva nel lusso.

Rosaria: Appunto! Un tempo io vestivo tutta firmata. Il mio stilista preferito era Moschillo!

                Mò invece, ‘e muschille, ‘e ttengo ‘ncapa!

Tiziana:  E che intenzioni hai?

Rosaria: Tizià, qua il tempo è tiranno!  Così, domani si va in un’agenzia matrimoniale.

Tiziana:  (Sorpresa) Agenzia matrimoniale? E perché?

Rosaria: Quelli te lo trovano loro il marito. Accussì veco si ce sta coccosa pure pe’ me!

Tiziana:  Eh, s’ha da accattà ‘e scarpe, chesta!  

Rosaria: E nun essere acida! Io me trovo a ‘nu tizio posticcio. Faccio la convivenza. E ppo’

                ‘n’indomani, ‘o lasso e me ne vengo a sta’ addù te! E faccio ‘a signora!

Tiziana:  No, ma nun se ne parle proprio. Siente, nun me cunvince.

Rosaria: E ja’, a mammà, te dongo ‘a bella cosa!

Tiziana:  No, no e no...

                E vanno via a sinistra discutendo.

7. [Gioacchino Presepio, Assunta Albero e Anita]

                      Da destra arrivano due coniugi molto anziani: Gioacchino e Assunta.

                      Vanno a sedersi sulla panchina.

Assunta:       Gioacchì.

Gioacchino: Che d’è, Assù?

Assunta:       Te pozzo fa’ ‘na domanda?

Gioacchino: (Seccato) Fammella.

Assunta:       Vogliamo fare un figlio?

Gioacchino: Assù, ma nuje tenìmme ‘n’età.

Assunta:       E che significa? Quando due persone si vogliono bene…! Il fatto è che tu non

                      mi accontenti più.

Gioacchino: Ma tu vuoi fare ancora le avventure erotiche! E tutt’’e juorne: Lunnedì, aggio

                      fatto ‘o dromedario cu’ te ‘nzina a me! Martedì, amme fatto ll’alpinismo

                      ‘nfaccia all’armadio. E aiére aggio fatto a Tarzàn appiso ‘ncoppa ‘o lampiero!

                      Tu, ‘ncoppa ‘o lietto, facìve a Jane in pericolo! Veramente, questa, più che

                      erotica, pareva un’avventura sclerotica! Assù, nuje ce simme fatte viecchie.

Assunta:       Ma l’importante è lo spirito.

Gioacchino: E cu’ tutto ‘o spirito che m’aggio miso ‘ncuollo! Io sto’ tutto struppiato!

Assunta:       Mamma, mà, e comm’è brutta ‘a vicchiaia!

                      Pausa di silenzio. I due sembrano ignorarsi. Poi Assunta ricomincia...

                      Gioacchì.

Gioacchino: Che vvuo’ ‘n’ata vota, Assù?

Assunta:       Se io dovessi morire...

Gioacchino: (Sorpreso) Assù...

Assunta:       E nun fa’ chella faccia. Tu mommò l’he’ ditto: ce simme fatte viecchie. E se

                      io morirò, tu dovrai fare una cosa: dar da mangiare al nostro coniglietto Luigi!

Gioacchino: Assù, io me penzavo che gghive truvanno!

Assunta:       Ma me lo prometti?

Gioacchino: E vabbuò. Che se magna ‘o cuniglio nuosto? ‘E ccarote?

Assunta:       Sì, ma tu gliele devi macinare, poi le metti nella bottiglina e gliele dai a bere!

Gioacchino: Pure? E ce aggia fa’ fa’ pure ‘o ruttino?!... ‘E quanta uòmmeche!

                      Un’altra pausa di qualche secondo. Poi Assunta rompe il silenzio...

Assunta:       Gioacchì.

Gioacchino: ‘N’ata vota! Che vvuo’, Assù?

Assunta:       Si pe’ caso muore primma tu...

Gioacchino: Dalle, ratta, rà...!

Assunta:       Nel tuo testamento, darai tutti i tuoi averi al nostro coniglietto Luigi?        

Gioacchino: (Fa un momento di silenzio. Poi…) Assù, mò m’’a faje tu ‘na promessa?

Assunta:       Tutto chello che vvuo’ tu.

Gioacchino: Si ‘o coniglietto Luigi more primma ‘e nuje, ce ‘o facìmme ‘a “cacciatora”?!

Assunta:       (Dopo un po’ di pausa) Secondo me... muore primma tu!

                      Di nuovo una pausa. Da sinistra torna Anita. Ha appena smesso di piangere.  

Anita:           (Nota i due e fa un colpo di tosse finto) Uhm... uhm...

Assunta:       Gioacchì, ce sta ‘na signurina che ce sta guardanno. Cacciala ‘nu mumento!

Gioacchino: Assù, e piacere! Ma respira ‘sta bell’aria e stattu zitta ‘nu poco!

Anita:           (Si stacca dal lampione e si avvicina ai due) Chiedo scusa. Permettete?

Assunta:       (Impaurita) No, nun ce tuccate, o si no ve mengo a mio marito appriesso!

Gioacchino: Eh, m’ha pigliato pe’ ‘na busta ‘e munnezza!

Anita:           Ma signora, io non voglio farvi del male. Permettete? Io mi chiamo Anita.

Assunta:       Piacere, io mi chiamo Assunta e lui è mio marito Gioacchino Presepio. Però  

                      da signorina, io mi chiamavo Assunta Albero.

Gioacchino: Facevamo il duo Albero e Presepio! Infatte, ce cunuscétteme a Natale!

Anita:           Capisco. E allora, voi vi domanderete cosa voglio da voi. Beh, passando di

                      qua, ho sentito i vostri discorsi. Vedete, io ho litigato col mio innamorato. E

                      ho notato che voi pure stavate litigando. Per piacere, non litigate.       

Assunta:       E pecché?

Anita:           Pecché è brutto quanno duje ‘nnammurate s’appìccechene.

Gioacchino: E che simme ‘nnammurate, io e muglierema?!

Anita:           Beh, secondo me, voi due siete una coppia un po’... come dire... demotivata.

Assunta:       E se capisce. Chillo, mio marito, nun vo’ fa’ cchiù a Tarzàn!

Gioacchino: Ohi né, io tengo quase uttant’anne! Signurì, m’’isseva vedé a me vestuto ‘a

                      Tarzàn, cu’ ‘o custume leopardato ‘ncuollo! ‘O ssapite che faccio? Zompo

                      d’’o comodino fino ‘e‘ncoppa ‘o lietto! Arrischio ‘e me rompere ‘a capa!

Anita:           Ah, sì? Bravo, voi fate Tarzan. Signò, scusate, e vuje che facite, Cita?

Assunta:       Ma che? Io faccio Jane! Non vedete la somiglianza?

Anita:           (Ironica) Comme, no? Vuje site tale e quale!

Assunta:       Signurì, dicìteme comm’aggia fa’. Mio marito me pare ‘nu muorto! Vuje

                      sapìsseve a coccheduno che sape fa’ Tarzàn?!

Gioacchino: (La riprende) Assù!

Assunta:       No, era per curiosità!

Anita:           Signò, ma cheste nun so’ ccose pe’ vuje! Per voi ci vuole qualcosa di più

                      tranquillo. Ad esempio: ricordatevi di quando vi siete conosciuti.

Gioacchino: Pe’ carità, io m’’o voglio scurdà, chillu juorno!

Anita:           E allora vi dò un consiglio: don Gioacchì, andate in un’agenzia matrimoniale e

                      dite così: “Cerco la donna della mia vita”. Intanto, la signora si presenta alla

                      porta e voi dite che è lei la donna della vostra vita. E vissero felici e contenti!

Assunta:       (Entusiasta) Uh, sì, sì, mi piace assai! Gioacchì, l’amma fa’, pecché me piace.

Gioacchino: Assù, ma nun te puo’ mettere a ffa’ ‘a cazetta comm’a tutte ‘e vvecchie?!

Assunta:       E nun fa’ ‘o muorto! Dai, ci andiamo domani.

Gioacchino: E vabbuò, Assù. Però è ll’urdima vota, eh!

Assunta:       Te lo prometto. Signorina, scusate, conoscete qualche agensia matrimoniale?

Anita:           Sì, se ne sta aprendo una nuova nel palazzo dietro di noi. Ci abita una mia zia.

Assunta:       Grazie, signurì. Noi ce ne andiamo. Viene, Gioacchì. (Si alza in piedi)

Gioacchino: (Si alza pure lui) Allora arrivederci.

Anita:           Un momento. Sono 200 Euro.

Gioacchino: Pe’ che cosa?

Anita:           Per il consiglio che vi ho dato.

Gioacchino: E io v’’essa pava’ pe’ ‘stu bellu cunziglio? Ma chi ve l’ha cercato?

Anita:           Ma io ho lavorato in un’agenzia matrimoniale. Sono brava e esperta.    

Gioacchino: E con ciò? ‘A prossima vota ve facìte ‘e fatte vuoste. Jammuncenne, Assù.

                      Gioacchino e Assunta si avviano a sinistra.

Anita:           Aspettate, mi dovete pagare. Facciamo 150 Euro! O forse 100! Ehi, signori!

                      E li segue a sinistra.

FINE ATTO PRIMO

            Siamo nell’appartamento affittato da Gaetano per le truffe. A destra della stazna c’è una scrivania contornata da quattro sedie (due davanti e due di dietro). Accanto, c’è una porta che conduce ad altre stanze. Sul muro al centro della stanza c’è un armadietto. A sinistra c’è un divanetto con un tavolino davanti. Sempre a sinistra, c’è la porta d’ingresso.  

ATTO SECONDO

1. [Camilla*, Gaetano, Anita e poi Saverio]

                  Gaetano (in abito scuro) gironzola nervosamente in stanza. Suonano alla porta.

Gaetano:  E chi è mò? Ah, già, sarrà ‘a signurina Camilla.    

                  Va ad aprire: è la signorina Camilla *(è Gino travestito, il quale camuffa un po’

                  la voce), in vestaglia e bigodini. Gaetano si spaventa per la sua bruttezza.

                  Mamma ‘e ll’Arco! Ehm… salve, signorina Camilla, vi stavo aspettando.

Camilla*: Signor Gaetano, mi dovete scusare, ma io ho perduto il rilorgio! Mentre

                  cucinavo i fagioli con le cotene, mi è caduto dentro alla caurara! Ho fatto

                  proprio uno ‘nguacchio! Ma secondo voi, possono fare male?

Gaetano:  (Ironico) E certo, con tutti i numeri che ci sono nell’orologio, vi possono venire i

                  calcoli! (Nota i bigodini) Scusate la curiosità, siete uscita coi bigodini in testa? 

Camilla*: E a chi aggia da’ cunto? Io stongo ‘e casa ‘o piano ‘e sotto! E ora ascoltate bene:  

                  come vedete, vi lascio questo appartamento, ben arredato, lavato, disinfettato...

Gaetano:  Eh, e stirato!

Camilla*: (Ripete) E stirato! Voi che vi pensate? Io lo pulezzo con le mie mane!

Gaetano:  (Siente, siente!).

Camilla*: E guardate com’è lucido il “soffitto per terra”!

Gaetano:  (Sorpreso) Il soffitto per terra? Scusate, ma il soffitto non è quello che sta sopra?

Camilla*: No, quello è il pavimento!

Gaetano:  (Ma che tene ‘a casa sotto e ‘ncoppa, chesta?!).

Camilla*: E vi raccomando: non fate feste, festini, festeggiamenti, festività e festival vari!

Gaetano:  Ma almeno putìmme respìrà?

Camilla*: Se vi fa piacere!

Gaetano:  Ah, grazie! Allora ve ne state andando? Arrivederci!

Camilla*: Uhé, ma me state caccianno?

Gaetano: No, per carità. Però stongo aspettanno che ve ne jate!

Camilla*: (Offesa) Sentite, per i soldi dell’affitto mi faccio viva io. Vi saluto, buonasera.

                  Gli volta la faccia ed esce via di casa, imbronciata.

Gaetano:  Oh, menu male. E mò speràmme che va tutto cose buono. (Chiama) Anita!

                  Da destra entra Anita, assunta come segretaria: è vestita con camicetta e gonna.

Anita:       Comandate, maestà!

Gaetano:  Ma che maestà? Chiamami dottore. Dunque, Anita, stammi a sentere... ehm... a

                  sentire...! Oh, ‘a padrona ‘e casa m’ha attaccato pure a me! Insomma, tu chi sei?

Anita:       Anita La Schiava, figlia di Pasquale La Schiava e Nunzia Tortora...!

Gaetano:  Ma no! Guagliò, tu t’he’ ‘a scetà! Tu stai qua perché sei la mia segretaria.

Anita:       Ah, sì, e questo lo so!

Gaetano:  E adesso ascolta bene: quando suonano alla porta, tu che fai?

Anita:       Mi metto a sentire come suonano!

Gaetano: Ma che staje, ‘o San Carlo? Anita, che cosa si fa quando suonano alla porta?

Anita:      Che cosa si fa?

Gaetano: Eh, vulìss’ì a risponnere ‘o telefono?

Anita:      Ah, va bene.

Gaetano: Ma che va bene? Quando suonano alla porta, devi andare ad aprire la porta.

Anita:      Ah, già.

Gaetano: E se suona il telefono?

Anita:      Vado ad aprire il telefono!

Gaetano: No, va’ a arapì ‘a fenesta e mìnete abbascio!

Anita:      Va bene, signore! (Si volta per andare via verso destra)

Gaetano: Addò vaje?

Anita:      A cercare la finestra!

Gaetano: Ma viene ccà. Insomma, a quale annuncio hai risposto sul giornale?

Anita:      Diceva: “Cercasi segretaria, anche non molto intelligente. Presentarsi a piedi.”!

Gaetano: ‘E ch’annuncio scemo! E se capisce, l’ha scritto Saverio. A proposito, dove sta?

Anita:      Lo vado a chiamare?

Gaetano: Subito!

Anita:      Agli ordini!

                 Fa il saluto fascista e se ne va via a destra.

Gaetano: ‘E ‘cchiappo a tutte quant’io! Tengo proprio ‘a calamita d’’e scieme!               

                 Da destra entra Saverio in giacca e cravatta.

Saverio:  Gaità, io so’ pronto.

Gaetano: (Ironico) ‘O vero? Si ero a te, venévo direttamente dimane!

Saverio:  Ah, e vabbuò, allora vuo’ che me ne vaco ‘n’ata vota?

Gaetano: Addò vaje, disgraziato? Niente di meno, ce he’ miso sei ore pe’ te fa’ ‘na doccia?

Saverio:  E pe’ forza. Io aggio perzo tiempo, pecché ‘int’’o bagnoschiuma mio, ce steva ‘na

                 mosca morta ‘a dinto. E così ho pensato: ma nun è ch’aroppo feto ‘e mosca?

Gaetano: No, tu fiete ‘e scemo! A proposito, ma che schifo di annuncio hai scritto sul

                 giornale! Niente di meno, m’è arivata ‘na segretaria cchiù scema ‘e te!

Saverio:  ‘O vì, he’ visto? Tu dice sempe ca io so’ scemo! Mò ne tiene pure a ‘n’ata!

Gaetano: Si’ cuntento, accussì tiene pure ‘a concorrenza. E l’altro annuncio l’hai messo?               

Saverio:  Sì, quello dell’agenzia matrimoniale. Adesso te lo faccio sentire. Aspié. (Prende

                 un giornale dalla scrivania) Ecco qua: “A.A.A. Venite a cercare da noi i gemelli

                 con l’anima! Forza! Occasioni e sconti del 10%!”. Te piace?

Gaetano: Ma quali gemelli con l’anima? Quella è l’anima gemella!

Saverio:  Vuoi che lo faccio scrivere un’altra volta?

Gaetano: No, va buono accussì. Jammuncenne dinto, che mò hanna venì chilli duje p’’a

                 truffa d’’o quadro. Fra poco incominciano le grandi manovre! E che truffa sia!

                 E vanno via a destra.

2. [Pietro e Giorgio. Poi Anita e Carlo. Infine Gaetano]

                Dalla porta d’ingresso (a sinistra) entrano Pietro e Giorgio.

Pietro:    Gaetano e Saverio ancora hanna venì. Menu male che tenìmme ‘a chiave! (Gliela

                Mostra, poi la posa sulla scrivania) Allora, Giorgio, ascolta bene: nella truffa del

                falso quadro, io sono il Marchese Pietro dei Gatti Morti! E tu invece sei un pittore.

Giorgio: Ah, aggio capito: amménte tu vinne ‘o quadro, io aggia pittà ‘a casa!

Pietro:    Ma no, tu sei un pittore vero. Un pittore bulgaro.

Giorgio: Bulgaro? Ma io nun saccio parlà bulgaro.

Pietro:    E tu dice doje scimmità, po’ ce penz’io! Tu sei Giorgio Mellonov, pittore di un

                movimento pittorico che poi mi inventerò io, là per là. Tu pensa a parlare bulgaro.

Giorgio: Senti, ma noi, il quadro, lo dobbiamo vendere veramente?

Pietro:    No, noi lo vendiamo per finta a un cliente, ci facciamo dare i soldi e gli diciamo di

                venirselo a prendere domani. Così quando verrà a ritirarlo, noi non ci saremo più.

Giorgio: Murìmme?

Pietro:    No, ce ne fujìmme!

Giorgio: Ah, menu male. A proposito, he’ miso l’annuncio ‘ncoppa ‘o giurnale?

Pietro:    Sì, sì. Eccolo qua: “Vendesi quadro di un grande artista bulgaro. Muovetevi prima

                che se lo rubano!”. Così la gente viene più presto!

Giorgio: Vabbuò, ma parlàmmece fra me e te: ma chi vuo’ che ce vene, ccà?

                E invece suonano alla porta. Giorgio va in agitazione.

                Uh, Marò, ‘a porta! Pietro, va’ a arapì tu...

Pietro:    (Va in agitazione pure lui) Ehm... no, arape tu!

                Ma da destra accorre Anita e si ferma: fa mente locale. I due la guardano stupiti.

Anita:     E’ la porta. Allora aggia risponnere ‘o telefono! (Risponde) Pronto... Pronto... Ma

                ccà nun risponne nisciuno!

                Suonano di nuovo alla porta.

                Ah, già: se suona la porta si deve aprire la porta. Vengo! (E va ad aprire)

Giorgio: (Eccitato) Pietro, ‘na femmena!

Pietro:    Stai calmo!

                Anita apre la porta e così entra Carlo (in mano ha un piccolo quadro chiuso in un

                foglio di carta da imballaggio). E’ vestito in abito scuro e cappello. Lei è stupita.

Anita:     Buonasera, generale, che sorpresa!

Carlo:     (Si toglie il cappello) Buonasera a voi, signorina. E voi che ci fate da queste parti?

Anita:     Io ci lavoro. E voi, invece?

Carlo:     Io sono un amante dell’arte. Perciò sono venuto qua ad acquistare un quadro.

Anita:     Qua sopra? Scusate, ma questa è un’agenzia matrimoniale!

                Pietro va da Anita e la spinge (anche Giorgio le va vicino e la guarda eccitato).

Pietro:    Ma no, che dici? E a voi, benvenuto nella mia casa d’arte.

Anita:     Ma comme, fin’e duje minute fa era ‘n’aggenzia matrimo...

Pietro:    E te staje zitta? Ma chi si’ tu?

Anita:     Sono la nuova segretaria. Mi chiamo Anita.

Giorgio: (Eccitato) Che peccato che nun t’aggio maje vista primma!

Pietro:    (Ai due) Ehm… no, niente, il maestro non ha parlato! Ma caro signore, datemi il   

                cappello. (Glielo prende di mano e lo getta a via) E ora, Anita, vai a fare il caffè.

Anitra:   E va bene. Con permesso!

                Anita se ne va via a destra, Giorgio la guarda eccitato. Pietro lo richiama.

Pietro:    Maestro, accomodiamoci, così parliamo meglio. Venite, venite.

                Carlo si siede alla scrivania. Di fronte a lui Pietro e Giorgio. Pietro esordisce.

                Finalmente, eccoci accomodati. Scusate, per curiosità, ma che tenete in mano?

Carlo:     No, niente, è un libro. (E lo posa sulle gambe)

Pietro:    Ah, ecco. Dunque, adesso mi presento: io sono il marchese Pietro Dei Gatti Morti.

Carlo:     E io sono il generale Carlo Dovero. Esercito Italiano, naturalmente!

Pietro:    Bene, ora vi presento il grande artista bulgaro Giorgio Mellonov. Egli fa parte del

                movimento pittorico dei... dei… dei “Saponari”. Infatti, egli è un “saponaro”!

Giorgio: E sì, è vero, io sono un saponaro. Picciò, si ata ittà coccosa, datammélla a me...!

Pietro:    Ehm... datela a lui per trovare l’ispirazione!

Carlo:     Scusate, ma voi avete detto che lui è bulgaro. E quello parla italiano!

Pietro:    E lui vive in Italia da alcuni anni, perciò dice giusto due parole della nostra lingua.

Carlo:     Capisco. E a che stile si ispira?

Pietro:    Ehm... alla Pop Art.

Giorgio: Infatte, io quanno veco ‘e ppoppe, aésco pazzo! (Fa il gesto dei seni con le mani)

Pietro:    Ehm... fa i nudi femminili. Infatti, l’ultimo capolavoro del maestro è proprio un

                nudo femminile. Dopo ve lo mostriamo.

Carlo:     E come lo ha intitolato?

Pietro:    Ora glielo traduco in italiano: maestro, qual è il titolo dell’opera?

Giorgio: “Tutto cose ‘a fora”!

Carlo:     Che grande artista! Vorrei tanto commissionargli un quadro di mia nipote che fa

                la modella. Quella sarebbe disposta a posare perfino nuda!

Giorgio: (Con gli occhi di fuori) E a chi aspiette, puortammélla!

Carlo:     Come?

Pietro:    Ehm... no, niente. Generale, non si può, non si può e non si può. Va bene?

Carlo:     E va bene, non fa niente. E adesso voglio fare qualche domanda al maestro.

Pietro:    Fate pure e io traduco. Ve l’ho detto, lui è bulgaro! Parla pochissimo l’italiano.

Carlo:     E allora ditegli che una volta sono stato pure io in Bulgaria.

Pietro:    Eh... (E mò comme se dice?!). Ehm...

                Pietro finge di palrare bulgaro. I due parlano, invece, velocemente in napoletano.

                Ehm... Friarié...

Giorgio: Chi gghié?!               

Pietro:    Io nun tengo famme, però magno ‘o stesso!

Giorgio: E ‘a chi ‘o vvuo’?!

Giorgio: Ha detto che è commosso!

Carlo:     Scusate, ma siete sicuro che questa è lingua bulgara? A me mi pare napoletano!

Pietro:    E quello il maestro è della Bulgaria del Sud, allora la lingua sembra il napoletano.

Carlo:     Ah, ecco! Che bello, voglio vedere il quadro.

Pietro:    Sì, adesso chiedo al maestro di andarlo a prendere. Ehm... ‘O paré...!

Giorgio: Oh!

Pietro:    Va’ a piglià ‘o Picasso!

Giorgio: E addò ‘o vaco a ffa’?

Pietro:    Sta areto ‘o Bidet!

Giorgio: ‘Int’’o cesso?!

Pietro:    Eh!

Giorgio: Mò vaco e vengo!

                Si alza, fa l’inchino e esce via a destra

Carlo:     Scusate, ma che vi stava dicendo?

Pietro:    Ha detto che è felice!

Carlo:     Sarà, ma a me mi sembra napoletano. Ormai le lingue sono tutte quante uguali!

                Torna Giorgio col quadro (stessa grandezza di quello di Carlo) avvolto in un telo.

Giorgio: Ecco qua.

Pietro:    (Si alza) Oh, grazie, maestro. (Toglie il quadro dal telo) Generale, ecco il quadro.

Carlo:     (Si alza e lo guarda da vicino) Uh, sì, è stupendo. E chi è questa bella modella?

Pietro:    E’ la sua donna.

Giorgio:  Eh, fosse ‘o Dio!

Pietro:     Ehm… ha detto che è la sua sposa! Allora, generale, cosa ne dite? Lo comprate?

Carlo:      Ma certo. Sono senza parole. Solo che vi volevo chiedere: che prezzo fa?

Pietro:     Aspettate un momento che io e il maestro ci appartiamo per deliberrare!

Carlo:      (Eh, mò me danne ‘a sentenza!). Ehm... prego, prego, fate pure.

                 I due se ne vanno in disparte dall’altra parte della stanza. Intanto, Carlo, quatto

                 quatto, sostituisce il quadro originale (che mette nel foglio di carta) col suo (che

                 ripone nel telo). Dopodiché si siede facendo finta di niente. I due tornano da lui.

Pietro:     Allora abbiamo deciso, per voi facciamo un’eccezione: dateci solo 200.000 Euro!

Carlo:      ‘A faccia ‘e ll’eccezione! E scusate, non ci sarebbe un piccolo sconticino?

Pietro:     Ma che ll’ate pigliato pe’ ‘nu giubbino ‘e pelle? L’arte non ha sconti!

Carlo:      E vabbé, e allora vada per 200.000 Euro. Lo posso portare via subito?

Giorgio:  No, domanov!

Pietro:     Ah, il maestro dice domani. E sì, perché vuole prepararlo nel telo come si deve.

Carlo:      Giusto. Allora vi faccio l’assegno. (Prende il libretto degli assegni e lo compila)

                 I due fanno finta di non vedere, poi Carlo stacca l’assegno e lo cede a Giorgio.

                 Ecco qua. Ora però devo scappare, se no mi scoprit... cioè, si è fatto tardi. (Si alza  

                 in piedi) Allora a domani. Arrivederci, maestro. Arrivederci, signor Marchese.

                 Se ne va di corsa e dimentica il cappello. Appena esce i due festeggiano.

Giorgio:  E vai, alla grande! Il duo terribile colpisce ancora! Amme spennato a ‘n’atu pollo!

Pietro:     Però ‘e che pollo scemo! S’ha scurdato pure ‘o cappiello lloco ‘nterra!

                 Da destra entra Gaetano incuriosito da quelle grida di gioia.

Gaetano: Ma ch’è stato? Ah, siete voi, ragazzi? Allora, com’è andata a finire?

Giorgio:  Gaità, amme vennùto ‘o quadro a ‘nu battilocchio! Dimane s’’o vene a piglià! E

                 questo è l’ assegno di 200.000 Euro! (Lo sventola)

Gaetano: Uh, bravi, che colpo! Guagliù, siete grandi. E ora voglio baciare il mio quadro!

                 Facitammìllo vedé...! (Lo prende e si rende conto che non è il suo) Uh, Marò,

                 addò sta ‘o quadro? Addò sta?

Pietro:     Ma pecché, nun è chillo?

Gaetano: No, perché il mio raffigura una donna nuda. E questo è un paesaggio.

Giorgio:  Embé, e nun è ‘a stessa cosa?

Gaetano: Deficiente! (Intuisce) Aspié, aspié, mò aggio capito. Chillu tizio s’ha pigliato ‘o

                 quadro mio e v’ha lassato ‘o suojo. Uh, mannaggia ‘a miseria!

Giorgio:  Gaità, ma che te ne ‘mporta? Tanto, chillo ‘o quadro tuojo è fàvezo!

Gaetano: Ma qualu fàvezo? Chillo vale overamente duicientomila Euro!

Pietro:     (Sorpreso) Dicientomila Euro? E tu c’’ive ditto ch’è favezo.

Gaetano: E ch’ero scemo, io? Si ve dicevo ch’era origginale, l’occasione fa l’uomo ladro!

Giorgio:  Vabbuò, Gaità, però chillo ce l’ha pavato. Chisto è l’assegno. (Glielo dà) Liegge!

Gaetano: (Controlla) Ce sta scritto: “Andate a lavorare”!... Embé, v’’o facésse magnà! E

                 mò jate a cercà a chillo e nun turnate ccà senza ‘o quadro. Ate capito?!

I due:       Sì, sì...               

                 I due escono via di corsa di casa.

Gaetano: ‘Sti duje incompetente m’hanne perzo ‘nu quadro ‘e valore!

                 Da destra arriva Anita immalinconita e trasandata.

Anita:      Duttò, scusate ‘nu mumento.

Gaetano: E tu che vvuo’?

Anita:      Tenìsseve ‘na chiave inglese? E’ scuppiata ‘a funtana!

Gaetano: Uh, Marò, e mò chi ‘a sente ‘a signurina Camilla*. Disgraziata che ssi’!

                 E corre via a destra preoccupato lasciando Anita da sola.         

3. [Anita, Rosaria e Tiziana. Poi Gaetano e Saverio]

                 Anita è sola e dispiaciuta.

Anita:      Marò, ch’aggio cumbinato! Nun saccio fa’ manco ‘nu poco ‘e café!

                 Suonano alla porta.

                 Uh, ‘stu telefono sona sempe! (Risponde) Avanti! Ma nun è nisciuno!

                 Suonano di nuovo alla porta.

                 Ah, ma è ‘a porta? E chi sarrà, mò? Io non sono presentabile!

                 Si sistema un po’ e va ad aprire. Entrano Rosaria e Tiziana.

                 Pronto!

Rosaria:  Comm’è, pronto?!

Anita:      No, no, niente. Scusate, ma mò ve ne state andando?

Rosaria:  Ma si nuje mò simme trasùte! Ma ‘a do’ è asciuta chesta?

Anita:      Sentite, tanto per cominciare, io non sono chesta. Io sono Anita La Schiava!

Rosaria:  Ma che razza ‘e ggente ce sta ccà?! Invece ‘e tené ‘a segretaria, ténene ‘a schiava!

Tiziana:   Mammà, perché non ce ne andiamo?

Rosaria:  Ma addò vuò ì? (A Anita) E a te, senti, vai a chiamare il tuo padrone!

Anita:      Volete dire il mio principale. Mò lo vado a chiamare. Voi aspettate qua.

                 E esce via a destra.

Rosaria:  E mò tanto ce ne jamme, quanno amme truvato a duje uommene comme dich’io!

Tiziana:   Sì, mammà, però io volevo dirti che...

                 Si interrompe perché arrivano Gaetano e Saverio. I quattro si notano.

Gaetano: Muòvete, Savé. Ce stanne doje cliente.

Saverio:   E chi fòssene, chelli ddoje? A me me pàrene cchiù doje femmene d’’e ppulizie!

                 I due si avvicinano a Rosaria e Tiziana.Saverio le accoglie.

                 Sentite, scusate, venite domani a fare le pulizie! Oggi abbiamo da fare!

Rosaria:  Uhé, embé? Ma quali pulizie? Noi siamo due clienti. Avanti, serviteci!

Saverio:   Eh, è venuta a accattà ‘o pprusutto, chesta!

Gaetano: Stai zitt… Ehm… gentili clienti, scusate l’equivoco. Si siedano alla scrivania.

Rosaria:  Grazie. Viene, Tizià. E sorridi!

Tiziana:   E che ce sta ‘a sorridere?!

                 Le due vanno ad accomodarsi alla scrivania. I due si siedono di fronte a loro.

Gaetano: Allora, siamo qua. Io sono il Dottor Gaetano Disones... ehm... Disarmato. Avete  

                 capito, care clienti? (Puntualizza) Io sono Disarmato.

Rosaria:  Ho capito, ho capito. E lui?

Saverio:   Io invece sono Saverio Espos…

Gaetano: (Lo interrompe) Ehm… Esperto! Salverio Esperto! Lui è l’esperto Esperto!

Rosaria:  Tanto piacere.

Saverio:   E’ tutto vostro!

Gaetano: E noi con chi abbiamo il piacere di parlare?

Rosaria:  Tivatto!

Gaetano: Signò, me vulìte vattere a me?

Rosaria:  No, Tivatto!

Saverio:  Signò, ma vuje site manesca!

Rosaria:  Néh, ma site ‘nzallanute, tutt’e dduje? Io mi chiamo Rosaria Tivatto.

Saverio:  (Chesta fa schifo già d’’o cugnomme!). Ehm… e questa graziosa puzzetta chi è?

Gaetano: Ma quala puzzetta? Pulzella!

Rosaria:  E’ mia figlia Tiziana. Vai, Tiziana, saluta.

Tiziana:   (Disinteressata) Sì, sì, buongiorno.          

Gaetano: Bene. Adesso, fatte le presentazioni, direi di passare ai fatti.

Rosaria:  Sì, dottò, praticamente, cercateci un uomo per me e per mia figlia.

Gaetano: Aspettate, fatemi capire: voi volete un uomo in due?!

Rosaria:  Ma ll’ate pigliato pe’ ‘na brioscia? Io dicevo un uomo per me e uno per Tiziana.

Gaetano: Ah, ecco. Sicché, non siete qua solo per vostra figlia, ma anche per voi.

Rosaria:  Sì, noi stiamo qua per lei. Però, se rimane qualche altra cosa, vedo pure per me!

Saverio:  (Eh, ‘e scarte!). Ehm... ma perché, la signora non è sposata?

Rosaria:  Son separata. Però non fatemi raccontare il resto, se no mi sputo in faccia io sola.

Gaetano: No, no, fatelo dopo a casa vostra! E ora voglio sentire dalla signorina i suoi gusti. 

Tiziana:   Beh, io, veramente...

Rosaria:  (Interviene) Lo vuole bello e ricco. Se poi è ricchissimo, è più meglio ancora!

Gaetano: Savé... cioè... esperto Esperto, segna sul block notes.

Saverio:   Jate, jate. (Prende un block notes che sta sulla scrivania e scrive proprio tutto!)

Gaetano: Cara signorina, su per giù, di che età lo volete?

Tiziana:   Beh, io direi...

Rosaria:  (Interviene) Va bene anche ventotto-ventinove-trenta-trentun’anni!

Gaetano: Signò, scusate, ma ‘a figlia vosta nun sape parlà?

Rosaria:  Sì, certo. Però lei deve dire le stesse cose che dico io, se no le spezzo le gambette!

Gaetano: Ma lasciatela parlare, io voglio capire il suo carattere. Avete capito?

Saverio:   Gaità, e gghiate cchiù chiano, ca io nun ce ‘a faccio a scrivere!

Gaetano: Ma che staje screvénno, tutto cose? Tu devi scrivere solo l’essenziale. Hai capito?

Saverio:   E m’’o vvuo’ dicere primma?! (E poi riprende a scrivere)

Gaetano: Dunque... dicevamo? Ah, sì. Signora, perché non lasciate parlare la ragazza?

Rosaria:  Dottò, sapete cos’è? La ragazza è un po’ timida... come dire... un po’ schivosa! E

                 per questo suo difetto, una volta ha rifiutato un dottore: un Motorino Inguaiato!

Tiziana:   Vuole dire un Otorino Laringoiatra! Ma quello teneva i pidocchi!

Rosaria:  Embé? E tu ce facìve ‘o sciampo!

Saverio:  Gaità, ma comme se scrive sciampo?!

Gaetano: E che ne saccio? Scrive ‘e ‘na manera! Vabbé, dicevate, signora?

Rosaria:  Comunque, lei lo vuole bello, ricco e simpatico. Avete scritto, esperto?

Saverio:  (Affannato) Ho scitto, ho scritto! (Si asciuga il sudore, poi riprende a scrivere)

Rosaria:  Molto bene. Dottore, invece, a me, lo sapete come me lo fate?

Gaetano: Eh, cu’ ‘a pummarola, ‘o fiore ‘e latte e ‘a vasinicola! Ma che d’è, ‘na pizza?! 

Rosaria:  No. Lo voglio simpatico. Poi, con i capelli biondi, neri, castani e rossi!

Gaetano: Signò, ma comme fa a tené ‘e capille ‘e quatte culure? ‘O culore è uno sultanto.

Saverio:  Vabbuò, facìmme accussì: nuje v’’o truvàmme cu’ ‘e capille janche. Po’, aroppo,

                 ce ‘e pittate come vulìte vuje!

Rosaria:  Sono d’accordo! Comunque, l’importante è che è un professionista.

Gaetano: Va bene! Allora, esperto Esperto, vogliamo far vedere qualcosa alle signore?

Saverio:  (Stanco e affannato, non scrive più) Aspié, famme piglià ‘nu poco ‘e ciato!

Gaetano: Sta facenno ‘a maratona, chisto! Avanti, muoviti!

Saverio:       Signore, volete vedere qualcosa in vetrina?

Gaetano:      Ma che se stanne accattanno, ‘na borza? Falle vedere il catalogo.

Saverio:       E addò sta?

Gaetano:      Ehm… care clienti, non c’è il catalogo. Sapete cos’è, abbiamo aperto da poco.

                      E come si fa? (Nota il taccuino sulla scrivania) Uahm, ‘e che mazz… cioè…

                      che fortuna! Sul nostro taccuino leggo che tra poco verranno due nuovi iscritti.

                      Io ve li faccio conoscere e se vi piacciono, fissate un appuntamento. Ora, se

                      gentilmente aspettate nell’altra stanza, vi chiamamo al loro arrivo. Va bene?

                      I quattro si alzano in piedi.

Rosaria:       Allora aspettiamo che ci chiamate. Però vi raccomando, non ci abbandonate.              

Gaetano:      Ma scherzate? Esperto Esperto, jette a ‘sti ddoje... cioè, accompagna le clienti.

Saverio:       (Sgarbato) Uhé, ja’, a tutt’e ddoje, jate ‘a parte ‘e dinto!

Gaetano:      (Lo richiama) Savé... cioè, dottore... gentilmente!

Saverio:       Allora, signore, andiamo.

Tiziana:       Mammà, però io ti devo dire una cosa...

Rosaria:       M’’a dice aroppo...

                      E Saverio, Rosaria e Tiziana vanno a destra.

4. [Gaetano, Anita, Gioacchino e Saverio]

                      Gaetano si porta al centro della stanza, visibilmente preoccupato.

Gaetano:      ‘E che palla aggio ditto: oggi non deve venire nessun nuovo iscritto. E a chi

                      ce faccio cunoscere a chelli ddoje? Si almeno ce stéssene Giorgio e Pietro...!

                      Suonano alla porta.

                      Uhé, forse abbiamo risolto il problema. (Chiama) Anita!

                      Da destra arriva Anita celermente.

Anita:           Eccomi! (Dubbiosa) Scusate, ma è il telefono, la porta, oppure tutti e due?

Gaetano:      Ma inzomma, te vuo’ ‘mparà comme fa ‘o campaniello d’’a porta?!

Anita:           Ma io a quanta cose cose aggia penzà?

Gaetano:      (Ironico) Povera criatura, p’’arapì ‘nu poco ‘a porta s’è sciupata! Va’, aràpe!

                      Anita va ad aprire senza fiatare. E’ Gioacchino che entra.

Gioacchino: Buonasera.

Anita:           Uh, salve! Il signor Presepio. Ma allora avete seguito il mio consiglio. Bravo!

Gaetano:      (Accorre) Ehm... Anita, ma te ne vuo’ ì? Hai aperto la porta?

Anita:           Sì.

Gaetano:      Embé, e mò nun sierve cchiù! Vatténne dinto!

Anita:           E che m’ate pigliata p’’a cammarera? Nun abbasta ch’aggia fa’ tutto ‘o tragitto

                      d’’a cucina fino e ‘a porta. No, aggia essere trattata pure accussì. Embé, sapìte

                      che c’è di nuovo? ‘A prossima vota, arapitavélla vuje, ‘a porta!

                      E se ne va imbronciata a destra.

Gaetano:      (Vergognato) Ehm... non ci fate caso. Povera guagliona, è malata di testa!  

Gioacchino: Uh, comme me dispiace! E mò comme se fa?

Gaetano:      E che vvulite fa’? Certamente nun ‘a pozzo ittà! Chella po’ servì ancora!

                      Vabbé, adesso, torniamo a noi. Accomodatevi alla scrivania.

Gioacchino: Grazie.

                      I due vanno ad accomodarsi ai rispettivi posti.

Gaetano:      Allora... posso parlare in confidenza col signore?

Gioacchino: Vulìte parlà in confidenza cu’ ‘o “Signore”? E jàteve a cunfessà!

Gaetano:      E che ce azzecca? Io parlavo di voi. Volete che vi dò del tu o del voi?

Gioacchino: No, nun me piàcene. Purtàteme ‘n’Amaretto ‘e Saronno!

Gaetano:      Ma che state ‘o Bar? Io volevo dire: volete che ci parliamo col tu o col voi?

Gioacchino: Ah, io non ci tengo. Datemi del voi!

Gaetano:      Molto gentile! E vabbuò. E allora, come vi chiamate?

Gioacchino: Io mi chiamo Gioacchino Presepio.

Gaetano:      (Aeh, ‘e che presepio overamente!). Ehm... età?

Gioacchino: Quasi ottanta! Però ne dimostro di meno!

Gaetano:      Se lo dite voi…! E sentite, che lavoro fate?

Gioacchino: Giesù... ma secondo voi che lavoro posso fare?

Gaetano:      Il DJ!

Gioacchino: No.

Gaetano:      Lo scaricatore di porto!

Gioacchino: No, io sono un pensionato.

Gaetano:      Complimenti! Non si direbbe! E adesso, mi dite il motivo per cui state qua?

Gioacchino: Per cercare una donna.

Gaetano:      Eh? Una donna? Ed è per voi?

Gioacchino: (Ironico) No, ‘a sto’ cercanno su commissione. Certo che è per me, si capisce.

Gaetano:      Capisco. Voi, giustamente, visto che state per morire, volete trovarvi una

                      compagna! Eh, in amore non ci sono limiti d’età!... (‘E che manicomio!).

                      Da destra torna Saverio.

Saverio:        Gaità, t’aggia dicere ‘na cosa...

Gaetano:      Savé, nun è ‘o mumento. Ehm... signor Presepe...

Gioacchino: Presepio. 

Gaetano:      Appunto! Vi presento il mio collaboratore, l’esperto dottor Saverio Esperto.

Gioacchino: Piacere.

Saverio:        Sì, sì, piacere. Gaità... cioè, dottor Disarmato... io cu’ chelli ddoje lloco ddinto

                      nun ce ‘a faccio cchiù! Me servésse ‘nu domatore ‘e liune! ‘O tiene?!

Gaetano:      ‘Nu domatore ‘e liune? (Tra sé e sé) (Ma che idea: mò a chisto ce presento ‘a

                      signora Tivatto, accussì il gioco è fatto!). Ehm... ho una bella notizia per voi,

                      caro Presepio: vi abbiamo trovato un albero di Natal... cioè, una donna!

Gioacchino: ‘O vero? E comm’è?

Saverio:        Ehm... è una donna... innanzitutto femmina! Eh, e ppo’?

Gaetano:      Vabbuò, accompagna il signore nell’altra stanza.

Saverio:       (Seccato) Uahm, m’aggio sfastriato proprio ‘e ì annanzo e areto!

Gaetano:      Allora, siete contento? Oggi è il vostro giorno fortunato!

Gioacchino: Sì, ma prima vi debbo dire una cosa...

Gaetano:      No, non dite niente. Sto per farvi conoscere una donna eccezionale!

                      Gli dà una pacca sulla spalla e lui tossisce.

                      (Aéh, speramme almeno che l’arriva a vedé!). Venite, andiamo dentro!

Gioacchino: No, ma io…

                      I tre escono a destra: Saverio e Gaetano tirano per le braccia Gioacchino.

5. [Anita e Camilla*. Poi Gioacchino e Gaetano. Infine tutti gli altri]

                      Da destra torna Anita con un secchio e una mazza.

Anita:           Jamme bello! (Posa il secchio a terra) Forse riesco a lavà ‘nterra ccà ddinto.

                      Suonano alla porta.

                      Mò accummencia a sunà ‘sta porta!

                      Va ad aprire ed entra Camilla-Gino Brutto. Però parla con voce maschile.

Camilla*:     Salve. (Si guarda intorno) Bene, bene. E’ tutto organizzato perfettamente.

Anita:           Ma… ma… Scusate, ma chi siete?

Camilla*:     Io sono il commiss... ehm… (Di nuovo voce artefatta) Sono la signorina

                      Camilla, padrona di questa casa.  

Anita:           E che volete da qua dentro?

Camilla*:     Adesso ti dò un anticipo.

Anita:           (Tende la mano) Sì, grazie!

Camilla*:      Ma mica di soldi? Io dicevo, un anticipo di quello che succederà qua dentro.

Anita:           Ma perché, che deve succedere?

Camilla*:     Un terremoto.

Anita:           Uh, Marò! Ha da da fa ‘nu terremoto ‘int’a ‘sta casa? Io me metto appaura!

Camilla*:     Capisco, tu non c’entri niente con quelli là. E allora il terremoto non ti colpirà!

Anita:           Ma pecché, vuje site ‘a padrona d’’o terremoto?

Camilla*:     Brava, brava, resta per sempre così ingenua. Anzi, diciamo un po’ stupida!

                      No, io direi direttamente cretina! Beh, pensandoci meglio...

Anita:           Uhé, e basta. Ma fùsseve venuto ccà pe’ m’offennere a me? Ja’, uscite! Aria!

Camilla*:     E va bene, OK. Me ne vado. Ma ci rivedremo presto. Va’, va’, mò può lava’!

                      E se ne esce di casa sotto lo sguardo perplesso di Anita.

Anita:           Ma chi era chillo? Mah...! (E prepara lo straccio per lavare a terra)

                      Da destra tornano Gaetano e Gioacchino.

Gaetano:      Senti, Anita, lavi dopo per terra. Ora dobbiamo parlare.

Anita:           (Spazientita) Ma se po’ ssape’? Me metto a lava’ ‘int’’o bagno e me mannàte

                      ccà ddinto. Mò me ne vengo ccà a lava’ e vuje me mannàte ‘n’ata vota allà?! E

                      mò basta, nun voglio lava’ cchiù! Io faccio la segretaria, non la lavatrice!

                      Mette lo straccio e la mazza nel secchio, poi lo prende e esce via a destra.

Gaetano:      (Imbarazzato) Ehm... non ci fate caso, signor Presepe.

Gioacchino: Presepio. Sentite, duttò, ma io v’aggia dicere ‘na cosa...

Gaetano:      No, stateve zitto! Facìteme fa’ a me! Ora l’esperto Esperto accompagna qua le  

                      due clienti! Vieni, Saverio, porta per i capelli a quelle due!

                      Infatti, da destra, torna Saverio, portando Rosaria e Tiziana per i capelli.

Saverio:        Prego, entrate!

Rosar&Tiz: Uhé, làsseme sta’, he’ capito?

Gaetano:     (Interviene) Ma che staje facenno? Lasciale! (Schiaffeggia le mani di Saverio)

Saverio:        (Molla i capelli delle due) Gaità, ma me l’hé ditto tu ‘e...

Gaetano:      Fai silenzio! Gentili clienti, scusatelo, l’esperto Esperto stava scherzando.

Rosaria:       Ma purtàtele ‘o canile municipale e lassàtele lloco ddinto!

Gaetano:      Ehm... esperto Esperto, chiedi subito scusa alle signore.

Saverio:        E hanne voglia ‘e aspettà!

                      Suonano alla porta.

Gaetano:      La porta? Niente paura, mò ci va Anita. (Chiama) Anita!

                      Da destra arriva Anita.

Anita:           Sì, vado io. (Si ferma e legge un foglio) Ecco qua, me lo sono scritto: quando

                      fa drin è la porta e quando fa din don è il telefono. Allora apro la porta.

                      E va ad aprire.

Gaetano:      Ma chi me l’ha mannata a chesta?!

                      Anita apre la porta ed entra Assunta.

Assunta:      Buonasera a tutti quanti.

Saverio:       Signò, ate sbagliato porta. ‘O spizio sta ‘a traversa chiù bbascio!

Gioacchino: No, dottò, aspettate. Ecco la donna della mia vita!

Gaetano:      (Sorpreso) Ma chi? Chella vecchia?

Gioacchino: Sì. Ho deciso, a me mi piace quella.

Gaetano:      Ma no. (Indica Rosaria) Pigliàteve a chesta. (Indica Tiziana) Oppure ‘a figlia!

Gioacchino: E’ meglio ‘a figlia. Però prima devo diventare vedovo. Tanto, ci manca poco!

Rosaria:       Néh, e che me n’avéssa fa’ ‘e chisto?

Tiziana:        E figurati io!

Saverio:        Ma non vi preoccupate, nella botte vecchia ci sta il vino buono!

Gaetano:      E poi è pure ricco. Don Gioacchì, abbracciate la vostra futura moglie!

                      Li fa abbracciare con la forza.

Rosaria:       Ma chi schifo! (Si stacca dall’abbraccio)

Assunta:      (Accorre dai due, arrabbiata) Leva ‘e mmane ‘a cuollo ‘a chisto. He’ capito?

Rosaria:       Néh, ma chi ‘o vo’?

Assunta:      (A Gioacchino) E tu viene ccà!

Gaetano:      (Ad Assunta) No, signora, il Presepio è già occupato!

Assunta:      E cu’ chi? Cu’ chesta cosa brutta?

Rosaria:       Néh, ma chi è ‘sta “fenestrara-vasciaiola” che ce ll’ave cu’ me?

Tiziana:       Mammà, e lascia stare. Perché non ce ne andiamo? Io devo sempre dirti che…

                     Suonano alla porta e tutti stanno in silenzio.

Anita:          Apro io.

                      Apre e entra Carlo.

Carlo:          Salve!

Anita:          Generale, di nuovo voi? E come mai?

Carlo:          E ve l’ho detto, io sono un’amante dell’arte, soprattutto della pittura.

Gaetano:     Ma questa è un’agenzia matrimoniale!

Anita:          (Ma chesta è ‘na casa d’arte o è ‘n’aggenzia matrimoniale? Va’ a capì!).

Carlo:          Signori, scusate, io sono il generale dell’Esercito Carlo Dovero!                  

Rosaria:      (Lo nota e gli si avvicina) Brutto, inutile, ricco, sporco e generale! Tizià, è isso! Tiziana:       Menu male, accussì ce ne jamme ambresso ambresso!

Rosaria:      (Gli si avvicina in modo sexy) Generale, tu sei l’uomo della mia vita!

Carlo:          No, ma io, veramente, sono venuto per cercare...

Rosaria:       E mi hai trovato!

Gaetano:     (Accorre) No, no, signò, vuje v’ata piglià a don Gioacchino, no a chisto!

Rosaria:      Ma chi è ‘stu Gioacchino? Duttò, facìteme fa’ a me!

                     Suonano alla porta e tutti tacciono. 

Gaetano:     Anita, aràpe ‘nu mumento.

                     Apre la porta ed entra Giuseppe.

Giuseppe:    Salve a tutti!

Anita:          (Sorpresa) Uh, tu?

Giuseppe:    Sì, songh’io.

Anita:          E comm’’o ssapìve che stevo ccà?

Giuseppe:    Eh, a me non sfugge niente! Volevo vedere che fai. E mò vieneténne cu’ me.

Saverio:       (Interviene) No, chesta nun se move ‘a ccà. Ma tu chi si’?

Giuseppe:     Sono Giuseppe Garibaldi.

Saverio:        E io so’ Vittorio Emanuele!

Giuseppe:     Faje ‘o spiritoso? Io songo ‘o ‘nnammurato suojo. Uhé, a te, jesce ‘a casa.

                      Tiene astipata ‘na mazziata…!

Anita:           Generale, aiutatemi voi, mi vuole rapire! (E si mette sotto braccio a Carlo)

Giuseppe:     Ah, mò t’’a faje cu’ ‘o mostro?!

Carlo:           Ma qualu mostro? Io sono una persona perbene. E portate rispetto. Questa è la

                      casa d’arte del Marchese dei Gatti Morti!

Anita:           Dottò, ma inzomma, chesta è ‘na casa d’arte o è ‘n’agenzia matrimoniale?

Gaetano:      E chi s’arricorda? Nun ce sto’ capénno cchiù niente!

                      Suonano alla porta

Rosaria:       Anì, arape ‘a porta!

Anita:           E lo so, lo so! (Acida) Me l’ha da dicere essa ch’aggia arapì ‘a porta!

                      Apre la porta ed entra Camilla*.

Camilla*:     Ma che succede ccà ddinto? Se sente ‘nu burdello fino e bascio ‘o palazzo!

Gaetano:      Ehm... signorina Camilla*, niente.

Camilla*:     Don Gaetà, state facendo qualche festino? Io però vi avevo pregato di no.

Gaetano:      No, è solo la mia agenzia matrimoniale. Vedete quanti clienti che tengo?

Camilla*:     E già. Ma allora funziona. Sentite, me lo trovate qualcuno pure per me?

Saverio:        Eh, è venuta bella fresca fresca, chesta!

Camilla*:     (Nota Giuseppe) Anzi, vi dirò: a me mi piace quello. Che si può fare?

Anita:           No, nun se po’ ffa’ niente!

Giuseppe:     Ah, sì? Embé, Anì, mò t’’o faccio, ‘stu dispietto! Veramente, io ho messo gli  

                      occhi su un’altra ragazza. (Indica Tiziana) Lei! (Ad Anita) Accussì te ‘mpare!

Anita:           Ah, sì? E io me piglio ‘o generale!

Rosaria:       Uhé, ma chillo è ‘o mio!

Carlo:           E invece a me me piace ‘a signurina Camilla*.

Camilla*:     Ma a me me piace Giuseppe!

Giuseppe:     Ma a me me piace Tiziana!

Tiziana:        Ma a me nun me piace nisciuno!

Assunta:       Gioacchì, e vuo’ dicere coccosa pure tu?

Gioacchino: Ehm... Scusate, tutti quanti, a me me piace ‘sta femmena ccà. (Indica Assunta)

Saverio:        Che casino!

                      Suonano alla porta.

Gaetano:      Ma che d’è oggie? S’hanne dato tutte quante appuntamento ccà ‘ncoppa?

                      Apre lui stesso la porta. Entrano Giorgio e Pietro.

Pietro:          Uhé, Gaità, nuje stamme ccà.

Gaetano:      Ah, state ccà? E allora? L’avìte truvato a chillo che s’ha arrubbato ‘o quadro?

Pietro:          Ma che? Chi sa addò se n’è fujuto? (Poi nota Carlo) Ah, ‘o vì ‘ccanno, è isso!

Carlo:           Io?

Gaetano:      Ah, sì? E allora facìmmele ‘na paliata!

                      Lo afferra per un braccio, ma Giorgio nota tutte le donne presenti in stanza.

Giorgio:       (Incomincia ad eccitarsi e grida:) Ua’, quanta femmene!

                      E corre dietro ad ognuna. E tutti, spaventati, scappano (a destra e fuori casa).

FINE ATTO SECONDO

            Appartamento preso in fitto da Gaetano, “stanza delle truffe”: è il giorno dopo.

ATTO TERZO

1. [Anita. Poi Gaetano, Saverio, Giorgio e Pietro]

                 Anita spazza a terra: ha un occhio nero e il mal di schiena. Smette di spazzare.

Anita:      Ah, che paliata m’ha fatto Giuseppe! M’ha fatta ‘n’uocchio niro. E non contento,

                 m’ha scassato pure ‘na seggia ‘int’’e rine! Uh, ‘e che dulore! (Torna a spazzare)

                 Da destra entra Gaetano rimproverando Saverio, Giorgio e Pietro.

Gaetano: Tre incompetenti, questo siete! E Saverio, già sapevo che era scarso. Ma ‘sti duje,

                 me penzave ch’érene duje professionisti veri! Ma addò stanne? Addò stanne?

                 I tre si guardano intorno come per cercare qualcuno. Gaetano si unisce a loro.        

Saverio:  Ma chi, Gaità?

Gaetano: Embé, m’’ita credere, ve mettesse dint’a ‘nu frullatore, ve macenasse! (Nota la  

                 presenza di Anita) Ah, ce sta chest’ata? (Va da lei) Anita, mi devi dire qualcosa?

Anita:      Come no!

Gaetano: Ah, e fammi sentire.

Anita:      Allora: quando fa din don, è la porta! Quando fa drin, è il telefono!

Gaetano: Eh, e io putéve maje tené sulo a tre scieme? No. ‘Eva tené pure ‘a quarta! Vabbé,

                 senti, senti, ora lasciami solo con questi tre signori. Dobbiamo parlare un po’.  

Anita:      Ah, e allora continuo a spazzare dopo. Con permesso.

                 Lascia la scopa al muro e si avvia a destra, ma Giorgio (eccitato) la blocca.

Giorgio:  Anì, so’ tre anne che nun veco a ‘na femmena! Picciò, jamme, facimme ammore!

Gaetano: (Interviene e lo spinge via) Uhé, ma che vvuo’ fa’? Anita, pe’ favore, vatténne!

Anita:      Sì, sì.                

                 E scappa via terrorizzata.

Gaetano: Giorgio, ma te vuo’ sta’ qujeto? Ma che vvulìve fa’, aiére? (Lo imita) “Ua’,

                 quanta femmene”! Ténive ll’uocchie tanto ‘a fora. A ‘n’appoco se n’ascévene ‘a

                 ‘into all’orbite! Pensa a cose più importanti, invece. Aiére, pe’ mezza ‘e vuje tre e

                 ‘e chell’ata sciauràta, è gghiuto tutto cose stuorto! E Giorgio e Pietro, po’, hanne

                 fatto ‘o finale: s’hanne fatte fregà ‘nu quadro ‘e duicientomila Euro!

Saverio:  Gaità, io dicésse: ma pecché nun ‘o denunciàmme ‘a polizia?

Gaetano: Deficiente! Chille ce arréstene primma a nuje! E a me. Io, ‘o quadro, me l’aggio

                 arrubbato. E così ieri, alla fine, insieme a voi, aggio fatto schifo pur’io! Che onta!

Saverio:  Eh, veramente, Gaità, he’ fatto proprio schifo!

Gaetano: Tu nun parlà propio! Astìpete ‘o ciato p’arrispirà! (Si calma) Vabbé, voltiamo

                 pagina. Ci ho pensato io.

Saverio:  Ah, sì? Pecché, che he’ fatto?

Gaetano: Per fortuna, non tutto il lavoro di ieri è andato perso: ho promesso alla signora

                 Tivatto un uomo per lei e uno per sua figlia.

Saverio:  Ah, sì? E addò stanne ‘sti duje puverielle?

Gaetano: Io avrei una mezza idea! (E fissa Giorgio e Pietro)

Pi& Gio: (Intuita l’idea, gli chiedono) Nuje?

Gaetano: Risposta esatta! Giorgio se piglia ‘a mamma e Pietro se piglia ‘a figlia.

Giorgio:  Io m’aggia piglià ‘a pazza?

Pietro:     E io m’aggia piglià ‘a figlia d’’a pazza?! Beh, però nun me dispiace st’idea!

Giorgio:  E se capisce, a te t’attòcca ‘a figlia! Pecché nun t’’a piglie tu, ‘a mamma?

Gaetano: Ma mica ve l’ata piglià overamente? Quando la signora Tivatto avrà sborsato i

                 soldi per l’agenzia, vuje sparite d’’a circolazione!

Pietro:     E dove andiamo?

Gaetano: A ffa’...

I due:      (Lo interrompono) Abbiamo capito, abbiamo capito!

Gaetano: Perfetto! Fra poco quelle due tornano qua. Ora andate dentro, cambiatevi d’abito,

                 mettetevi in modo più decente. Poi vi faccio chiamare da Saverio. Avete capito?

                 I tre non rispondono.

                 Me sa che nun ate capito niente nisciuno ‘e tutt’e tre! Signori, bisogna preparare

                 l’operazione “Agenzia matrimoniale 2, la vendetta”! Sincronizziamo gli orologi.

Saverio:  Ehm... io nun ‘o tengo!

Pietro:     Manch’io!

Giorgio:  Io pure!

Gaetano: E manco v’’o ‘rrubbate ‘nu rilorgio! Beh, veramente, non ce l’ho manco io. Se l’è

                 arrubbato aiére ‘nu criaturo ‘e diece anne, a Porta Nolana. In che mondo viviamo!

                 E vanno tutti e quattro a destra.

2. [Anita, Rosaria, Tiziana e poi Gaetano e Saverio]

                Poco dopo, da destra, entra Anita (con un borsone in mano) un po’ preoccupata.

Anita:     Uh, stevo nascosta areto ‘a porta e aggio ‘ntiso tutto cose: chiste so’ quatte  

                malviventi. Ma allora chesta nun è ‘n’aggenzia matrimoniale. Uff, me so’ cacciata   

                ‘int’a ‘n’atu pasticcio! (Realizza) E allora me n’aggia fujì. E’ l’unica cosa da fare!

                Si avvia verso l’uscita (a sinistra), ma suonano alla porta. Si spaventa.

                Uh, e chi è mò? E mò che faccio? Aggia arapì? E vabbuò, ‘nu poco ‘e curaggio... 

                Posa il borsone a terra, s’avvicina alla porta. Apre ed entrano Rosaria e Tiziana.

                Ah, signora, siete voi?

Rosaria: Sì, Tivatto!

Anita:     Comme?

Rosaria: Tivatto!

Anita:     No, signò, e io già aggio abbuscato d’’o ‘nnammurato mio!

Rosaria: No, Tivatto!

Anita:     Signò, me vattìte aroppo! Mò, però, pe’ favore, stàteme a sentì ‘nu mumento. E’

                succiesa ‘na cosa gravissima. Il dottor Disarmato e gli altri tre...

                Da destra arrivano Gaetano e Saverio.

Saverio:  Anì, he’ araputo ‘a porta?

Anita:     (Immediatamente cambia discorso) Ehm... l’Euro e il dollaro sono scesi!

Rosaria:  ‘O vero? E addò so’ gghiute?

Gaetano: Anita, lascia stare le signore e vai dentro.

Anita:      Ehm... ma io… (Frustrata) Sissignore. Con permesso...

                 E va a destra a testa bassa.

Saverio:  Allora, signore, accomodatevi. Fate come se foste in un’agenzia matrimoniale!

Rosaria:  Ma pecché, addò stamme?

Saverio:  Ehm… in un’agenzia matrimoniale. E sedetevi… o si no dico cocch’ata scimmità!

                 Le due vanno a sedersi alla scrivania. I due fanno lo stesso.

Gaetano: Allora, possiamo offrirvi del caffè?

Rosaria:  Oh, no, mi metto paura che mi può far male. Io bevo solo Sangria!

Tiziana:   No, a me la Sangria mi disgusta! Io preferisco la Tequila!

Gaetano: ‘E che delicatezza! Signore, scusatemi, ma la Sangria e la Tequila non le teniamo.

Rosaria:  E vabbé, allora io e mia figlia ci accontentiamo del caffè!

Gaetano: Vi faccio servire subito dalla segretaria. Esperto Esperto, caffè per tutti!

Saverio:  Va bene. (Comme so’ scucciante ‘sti ddoje!).

                 Si alza ed esce via a destra.

Gaetano: Bene, torniamo a noi. Allora, come sta la signora oggi?

Rosaria:  (Si guarda intorno, poi...) Quala signora, scusate?

Gaetano: Comm’è quala signora? Voi.

Rosaria:  Ah, io? Eh, beh, le solite preoccupazioni. Tutto questo per mezza del cimitero...

Gaetano: Il cimitero? Quale cimitero?

Tiziana:   Ehm... mammà, ma che dici? Non ti emozionare!

Rosaria:  No, ho detto cimitero? Ehm... sì, perché io possiedo un cimitero. Sono la

                 proprietaria. Me lo sono aperto un anno fa.

Gaetano: Ma che d’è, ‘na pizzeria?! Scusate, e voi vi andate ad aprire un cimitero?

Rosaria:  E che volete? C’è chi si apre un Bar e chi si apre un ristorante. Io mi sono aperta

                 un cimitero! E’ una novità. Se mi volete venire a trovare…!

Gaetano: No, grazie, ce vengo quanno moro! E invece, la signorina?

Tiziana:   Io vendo fiori: i crisantem... ehm... voglio dire le rose, le petunie, le violette...

Gaetano: Ah, brava, brava. Allora adesso aspettiamo che ci portano il caffè...

                 E da destra tornano Saverio e Anita con due bicchieri di caffè su vassoio.

Saverio:  Ecco i caffè... pe’ ‘sti doje scassambrel... no, cioè, per le nostre clienti! (Si siede)

Gaetano: Ma vedìte ‘e che modo ‘e purtà ‘o ccafé, senza ‘o vassoio!

Rosaria:  E scusate, ma è solo per noi? Dottore, e voi non ci accompagnate?

Gaetano: Pecché, addò ata ì?

Rosaria:  No, io dico a bere.

Gaetano: Ah, no, io non bevo mai quando sono in servizio!

Anita:      (Si spazientisce) Uhé, chisto, ‘o ccafé, coce!

Saverio:  ‘E che passaguaje che ssi’! Dancello, muòvete!

                 Anita si avvicina alle due, e mentre posa i bicchieri sulla scrivania, cerca di

                 bisbigliare loro qualcosa, aiutandosi con segni fatti con gli occhi.

Anita:      (Sentite, questi due... questi due…).

Rosaria:  (Non capisce) Eh?

Anita:      (Questi due sono... tuaori!).

Rosaria:  Guagliò, ma che tiene ‘a zeppola ‘nmocca’? E fatte capì!

Gaetano: Anita, non disturbare le nostre ospiti. Vai dentro.

Saverio:  Anita, vattene a cuccia dentro! Marsh!

Anita:      Ehm... (Rassegnata) Sissignore.

                 E va via a destra. Rosaria e Tiziana prendono i bicchieri (ma non bevono).

Gaetano: Allora, signora “Tipicchio”...!

Rosaria:  No, Tivatto, Tivatto.

Gaetano: Vabbé, il concetto è lo stesso! Dunque: cosa vi avevo promesso ieri?

Rosaria:  Nun m’arricordo. Dicìte, dicìte! (E comincia a bere un sorso di caffè)

Gaetano: Tra poco vi presento i due uomini che conoscerete. 

                 Dall’emozione, Rosaria sputa il caffè addosso ai due che si alzano contrariati.

Saverio:  Signò, ce avìte fatto ‘o bagno!

Gaetano: Guardate ccà ch’ate cumbinato! ‘A giacca nova!

Rosaria:  Uh, scusatemi se vi ho ‘nfosi!

Tiziana:  Mammà, e stai attenta.

Rosaria:  Mò ci penso io... (Prende un fazzoletto sgualcito dala borsa) Tenete!

Gaetano: Ah, grazie. (Lo prende e si comincia a pulire)

Rosaria:  Non vi preoccupate, quel fazzoletto l’ho usato solo io per soffiarmi il naso!

Gaetano: (Inorridito, butta via il fazzoletto sulla scrivania) E m’’o date a me?!

Rosaria:  (Lo prende e lo posa in borsa) Mamma mia, duttò, ma comme site “schifiuso”!

Tiziana:  Scusatela, dottore, esperto Esperto. Prego, accomodatevi e parliamo.

Saverio:  (Si siede di nuovo) Signò, allora siete contenta della notizia?

Gaetano: (Si siede di nuovo) E nun se vede d’’a giacca mia?! (Mostra la sua giacca)

Rosaria:  Dottò, ma mò questi due signori dove stanno? (E ricomincia a bere)

Gaetano: Stanno nella sala interna che vi stanno aspettando.

                 E Rosaria sputa di nuovo colpendo i due che balzano in piedi.

                 Ma che miseria!

Rosaria:  Uh, scusate un’altra volta! Ma quella è l’emozione!

Saverio:  Gaità, ma falle vévere primma ‘o ccafé e ppo’ parlate! (E si risiede)

Tiziana:  Mammà, ti ho detto di stare attenta. Guarda che hai combinato.

Gaetano: Signò, m’’ita fa’ ‘o piacere, fernìte ‘stu ccafé!

Rosaria:  E va bene. (E finisce il suo caffè in fretta e furia) Ecco fatto!

Gaetano: Assa fa’...! (E si risiede) E mò, primma che me facìte ‘n’ata doccia, faccio venì a

                ‘sti duje ccà ddinto, accussì v’’e ffaccio cunoscere e nun ne parlàmme cchiù! 

Rosaria:  Dottò, che emozione! Speriamo che non mi viene da andare in bagno!

Gaetano: E pur’io! Savé, ehm... esperto Esperto, fai venire quei due signori qua.

Saverio:  E va bene. (Si azla in piedi) (Ma che m’hanne pigliato, p’’o maggiordomo?!).

                 Esce via a destra.

Gaetano: Allora fra poco arriva il momento magico!

                 E si dà una pulitina alla giacca, mentre le due confabulano.

3. [Gaetano, Rosaria e Tiziana. Poi Saverio, Giorgio e Pietro]

                 Rosaria e Tiziana parlano fra loro, mentre Gaetano continua a pulirsi la giacca.

Rosaria:  (Tizià, hé visto, a mammà? Finalmente ci stiamo riuscendo...).

Tiziana:  (Uffà, mammà, ma io ti devo dire sempre una cosa...).

Rosaria:  (E m’’a dice aroppo. Mò nun ce sta tiempo!). Duttò, ma quanno vénene ‘sti duje?

                 Da destra torna Saverio con Pietro e Giorgio (in giacca e cravatta).

Saverio:   Entrate, entrate, stanno qua dentro.

Gaetano: (Si alza in piedi) Ah, eccoli qua. Ma andiamo tutti al centro, c’è più spazio.

                 Rosaria si alza di scatto, Tiziana si alza disinteressata. Vanno tutti al centro.

                 Allora, esperto Esperto, fai le presentazioni.

Saverio:  (Indica Pietro) Cara signorina, questo qua è il vostro: si chiama Pietro Gattò!

Rosaria:  Gattò? Comm’e ‘o gattò*?!                                       *(in napoletano: il gateau di patate)

Pietro:     Di patate…! Ehm... piacere, Pietro!

Tiziana:  (Disinteressata) Piacere, Tiziana.

Rosaria:  Duttò, ma è rrobba bona?

Saverio:  Ma che scherzate? Quello è un tipo sportivo.

Rosaria:  Ah, sì? E che sport gli piacciono?

Pietro:     A me me piace ‘o pallone e ‘a pallina!

Gaetano: Vuole dire il calcio e il tennis! Ma a lui piacciono pure altri sport. Pietro, diglieli.

Pietro:     A me me piace ‘o buling, ‘o bumerang e ‘o ping-pong!               (Con le “g” dolci)

Rosaria:  (Soddisfatta) Uh, Tizià, he’ ‘ntiso, a mammà?

Tiziana:   (Ironica) Comme no, tengo ‘o friddo ‘ncuollo!

Gaetano: Ma tanto, vostra figlia lo potrà conoscere dopo con calma.

Tiziana:   Va bene, allora è stato un piacere. Buonasera!

                 Va per andare via a sinistra, ma Rosaria lo blocca.

Rosaria:  Addò vaje? Tu nun te muove ‘a ccà! Scusatela, è un po’ nervosa! Sapete cos’è,

                 quello c’è in palio un matrimonio! Ma dottò, proseguite.

Saverio:   Signò, invece quest’altra bestia... cioè, quest’altro signore è il vostro.

Rosaria:  Piacere, Tivatto Rosaria. (Lo osserva bene) Ma… scusate, non è troppo giovane?

Gaetano: No, ma che dite? Quello tiene la vostra stessa età. Però se li porta bene.

Rosaria:  Scusate, esperto Esperto, e voi che ne dite, vi piace?

Saverio:   E che m’ha da piacè a me? V’ha da piacé a vuje!

Rosaria:  Sì, sì, mi piace. Lo prendo!

Saverio:   Allora ve lo incarto?

Gaetano: Ma che d’è, ‘na butteglia ‘e prufumo?

Rosaria:  Scusate, ma come si chiama?

Saverio:   Si chiama Giorgio Mellonov!

Rosaria:  E che fa, non fa niente?

Gaetano: Ehm... lui è un matematico. E’ vero, Giorgio?

Giorgio:  Sì, sì! Ma voi ci pensate? Io saccio fa’ ‘o più, ‘o per, ‘o meno e ‘o diviso!

Gaetano: Avete visto? E’ un genio!

Rosaria:  (Meravigliata) Marò, duttò, ate raggione! Tizià, ma tu staje sentenno?

Tiziana:   Comme, no? E m’avota pure ‘o stommeche!

Rosaria:  (Osserva bene Giorgio) Aspettate, duttò. Ma io a chisto ‘o saccio!

Gaetano: (Preoccupato) Ah, veramente?

Rosaria:  Sì, l’aggio visto aiére ccà ‘ncoppa: è quello che gridava: “Uà, quanta femmene!”.

Giorgio:  (Amme fernuto ‘e fa’!).

Gaetano: Ehm… e già, è vero, è lui. Ma lui fa sempre così, perché così si usa nel suo paese.

Rosaria:  Perché, di dov’è?

Giorgio:  ‘E San Giuanne!

Gaetano: Ehm... sì, vive a San Giovanni, però non è italiano. Viene dalla Bulgaria.

Rosaria:  Ah, viene dalla Purcarìa?!

Tiziana:  Mammà, ha detto Bulgaria!

Rosaria:  E sì, e quelli, all’estero, sono tutti un poco strani!

Gaetano: Vabbé, allora io e il mio collega vi lasciamo soli, in intimità. Così parlate e vi

                 conoscete meglio. E datevi de tu, che è più confidenziale.

Giorgio:  Aspettate, ma io non so parlare italiano.

Saverio:   E pecché, mò staje parlanno turco? E poi c’è il Gattò che parla bene bulgaro!

Pietro:     ‘O vero? Ah, sì, già.

Gaetano: Va bene, esperto Esperto, andiamo di là e lasciamoli da soli. In intimità!

Saverio:   E v’arraccummanno a tutt’e quatte, nun facìte ‘e zuzzuse!

Gaetano: E vieneténne!

                 Gaetano afferra Saverio per un braccio e se ne vanno via a destra.

4. [Pietro, Giorgio, Rosaria e Tiziana. Infine Gaetano e Saverio]

                Pietro, Giorgio, Tiziana e Rosaria sono rimasti soli. Ma sono tutti imbarazzati.

Rosaria: (Rompe gli indugi) Embé, ragazzi. E prendete le seggie!

                I due prendono le sedie solo per loro e si siedono. Le due li osservano perplessi.

                Eh, e comme so’ belle ‘sti duje, s’hanne pigliate ‘e sseggie sulo pe’ loro!

Tiziana:  Scusate, ma non è che potreste prendere due sedie anche per noi?

Pietro:    Aggio capito, ja’: Giorgio, aìzete. Jamme a piglià doje seggie pure pe’ ‘sti ddoje!

                Vanno a prendere le sedie e poi le porgono: Giorgio a Rosaria e Pietro a Tiziana.

Giorgio: Prego.

                Ma mentre Rosaria va per sedersi...

                Uh, è sporca...

                Le tira via la sedia e lei sta per cadere, ma Tiziana la afferra per un braccio.

Rosaria: Mò me facìve assettà ‘nterra! Damme ‘sta seggia! (Gli tira via la sedia e si siede)

                Gli altri pure si siedono. Poi però, per l’imbarazzo, nessuno parla.

                Vabbuò, aggio capito. Incomincio a parlare io. Va’, Tizià, fai qualche domanda!

Tiziana:  Ma nun avìve ditto che vulìve parlà tu?

Rosaria: No, parle tu. Tu saje fa’ tanti belli domande! 

Tiziana:  E va bene. Ehm... Pietro, ti piace leggere?

Pietro:    E questa, mò, è una domanda molto difficile! Diciamo di sì. Io adoro i libri gialli.

Tiziana:  Ah, sì? E fammi un esempio di libro Giallo.

Pietro:    Ehm... le Pagine Gialle! Cchiù gialle d’’e Paggine Gialle, nun ce sta!

Rosaria: (Interessata) Siente ccà! Però io nun me songo maje emozionata.

Pietro:    E tu non ti immedesimi, forse. Ma nei libri Gialli, sai cosa conta di più? Il patos.

Rosaria: Sì, ma oltre al patos, ci deve stare pure la mammas!

Pietro:    Giusto, è vero! A proposito, ma tu lo sai che io scrivo pure le poesie con la penna? 

Rosaria: Veramente? E ci vuoi dire qualche poesia piccola piccola?

Pietro:    Ma certo.

Giorgio: (Aéh, mò voglio vedé comm’’a mette nomme!).

Pietro:    Vi reciterò la poesia dal titolo “Afa”: “Oh, afa... afa... afa ‘nmocca a soreta!”.

Rosaria: (Lo applaude da sola) Bravo, bis, tris…!

Pietro:    No, cose da niente. Lo so che sono bravo! Ma sono fesserie di caffè!

                E poi di nuovo silenzio, rotto da Tiziana che fa una domanda a Giorgio.

Tiziana:  Senti, ma tu ti chiami Giorgio?

Giorgio: Sì, mi pare che mi chiamo Giorgio Mellonov. Io sono straniero, non parlo italiano.

Rosaria: Uh, e mò comme facìmme?

Pietro:    E vabbé, Rosaria, traduco io. Ti sei dimenticata? Io parlo bulgaro.

Rosaria: Ah, già. Allora ne approfitto. Ehm... Tizià, falle cocche domanda!

Tiziana:  Eh, e io ‘o ssapeve!

Pietro:    Ehm... Giorgio, appizza ‘e rrecchie! Gli ho detto: “Senti, Giorgio, devo farti delle

                domande, perché loro vogliono sapere qualcosa di te e della tua incredibile vita”!

Tiziana:  Mammà, ha ditto tutto chesto?

Rosaria: E che parlo ‘o purcarese, io?

Tiziana:  Pietro, chiedigli come si chiamano i monti che stanno nel suo paese.

Pietro:    Che sso’ chelli muntagnelle d’’o paese tuojo?

Giorgio: Il Monte Faitov, il Monte Sommov e la Solfatarav!

Rosaria: Giesù, tale e quale a Napule! Ce hanne cupiato pure ‘e mmuntagne!

Pietro:      E ci sta pure un fiume bellissimo. Adesso gli chiedo come si chiama:

Giorgio:   Sì, è vero...

Pietro:      Aspié, ancora t’aggia fa’ ‘a domanda!

Giorgio:   Ah, eh, già!

Pietro:      Ehm... Addò t’’e llave ‘e piede?

Giorgio:   Il fiume Sarnov! Marò, e comme fete!

Pietro:      Ha detto che il fiume si chiama Sarnov ed è un po’ fetoso!

Rosaria:   Uh, ‘e che bella cosa!

Pietro:      Adesso glielo traduco: Oh, ‘e che piezza ‘e figlia che tene chesta!

Giorgio:   Rattuso!

Pietro:      Ha detto “va bene”!

Rosaria:   (Dubbiosa) Scusate, ma “va bene”, in purcarese, si dice “rattuso”?

Pietro:      (Non sa che dire) Ehm... beh…

Rosaria:   E no, chesto è napulitano. Io, ‘sta parola, ‘a cunosco! Chiste ce vonno ‘mbruglià.

Tiziana:    Già. E questo sarebbe bulgaro? Chisto è cchiù napulitano ‘e nuje! Jammuncenne.

                  I quattro si alzano in piedi.

Giorgio:   Ma no, viene ccà... (Mette una mano sulla spalla di Rosaria)

Rosaria:   Uhé, vattenne che te dongo ‘na borza ‘nfaccia!

                  Da destra accorrono Gaetano e Saverio.

Saverio:   Uhé, ma ch’è stato?

Rosaria:   Ah, state ccà tutt’e dduje? Comme so’ bellille!

Gaetano:  Signora, adesso calmatevi e spiegatemi tutto.

Rosaria:   E chisto fosse bulgaro? Ma chi? Chi sa ‘e quala parte ‘e Napule è?!

Gaetano:  No, non avete capito. Quello è mezzo bulgaro, mezzo napoletano...

Saverio:   Miezu scemo...!

Rosaria:   Embé Tizià, sai che ti dico? ‘O marito, pigliatìllo comme vuo’ tu e addò vuo’ tu.

Tiziana:    Ah, finalmente. Sto cercando di dirtelo da ieri: io ho già trovato un fidanzato.

Rosaria:   E m’he’ fatto fa’ tutto ‘stu paraustiello?

Tiziana:    E tu non mi hai fatto parlare. Ecco, che questo ti serva di lezione.

Rosaria:   Ammén! E allora jammuncenne!

                  Le due si voltano e se ne escono di casa.

Gaetano:  Aspettate, signò, turnate ccà. Savé, viene pure tu. Jammele a piglià ‘n’ata vota.

Saverio:   (Seccato) Voglio vedé quanno fernesce ‘sta mmuina!

                  Gaetano e Saverio le inseguono. Pietro e Giorgio restano da soli. 

Giorgio:   Pietro, che ddice, amme fatto schifo?

Pietro:      No, peggio! E mò ce n’amma sulo fujì. Chillo, Gaitanò, quanno torna, ce accìde!

Giorgio:   E allora jamme dinto, pigliàmmece ‘a rrobba nosta e jammuncenne. Forza!

                  E vanno via a destra.

5. [Anita, Giuseppe e poi Camilla*]

   

                   Da destra, quatta quatta, esce Anita. Si guarda intorno, si avvia verso l’uscita,

                   quando suonano alla porta.

Anita:       (Si spaventa) Oh, ma ‘o ffanne apposta? E chi sarrà mò? Mannaggia!

                   Apre la porta e entra Giuseppe.

                  (Sorpresa) Tu, Giusé?

Giuseppe: (Col tono di voce di chi si è pentito di qualcosa) Sì, io. Sono venuto a chiederti

                  scusa. Sapessi come sono stato male senza di te. Pensa, che ho cercato perfino di

                  suicidarmi, ma non ci sono riuscito.

Anita:       (Orgogliosa) Uh, tu vulìve fa’ chesto pe’ me?

Giuseppe: A chi? Quelle sono cose che si dicono! Io me metto appaura pure ‘e ‘na furmica!

Anita:       (Un po’ delusa) E vabbuò, però ‘nu tentativo ‘o putive fa’!

Giuseppe: Siente a chesta che cunziglie me da! Anita, io sono tornato da te anche se mi hai

                   fatto le corna col generale.

Anita:        Ancora? Giusé, io volevo solo farti solo ingelosire. Ma secondo te, io ti tradivo

                   con un uomo che può essere mio nonno? Io voglio bene solo a te.

Giuseppe: E pur’io. (Realizza) Un momento, ma allora che ci sei venuta a fare qua sopra?

Anita:        Sono venuta per lavorare come segretaria. E invece ho scoperto che sono finita

                   nel covo di quattro malviventi: quattro truffatori.

Giuseppe: Ma tu ‘o vero staje dicenno?

Anita:        Sì, e mò me ne stavo scappando. Jamme, fujimme, o si no chiste tòrnene e...

                   E all’improvviso suonano alla porta.                 

Giuseppe: (Spaventato) E chi è mò?

Anita:       (Spaventata) Uh, mamma mia...! Saranno loro che stanno tornando.

Giuseppe: Uh, e mò comme facìmmn?

Anita:        Siente, mò saje che faccio? Apro e li affrontiamo.

Giuseppe: No, a me nun me cuntà proprio, ca io me metto appaura!

Anita:        Tié tié, ‘e ch’ommo che ssi’! Ma almeno damme ‘na mana. Io direi, facciamo

                   così: mettimmece areto ‘a porta... e quando entrano, li sorprendiamo.

Giuseppe: ‘E ffacìmme appaurà?

Anita:        No, li colpiamo. Ecco: io con una scarpa e tu, per esempio... (Nota la scopa che

                   sta per terra: l’aveva gettata lei prima) ...con quella scopa!

Giuseppe: E tu, cu’ ‘na scopa e cu’ ‘na scarpa, vulìsse affrontà a quatte perzone?

Anita:        No, so’ duje, pecché chill’ati duje stanne dinto.

Giuseppe: E vabbé, facciamolo. (Prende la scopa) Ah, Anì, che me faje fa’ a me!

                   Lei si toglie una scarpa, poi apre la porta, quindi Giuseppe va da una parte e

                   lei dall’altra, dietro la porta. E’ Camilla*, sempre in vestaglia e bigodini.

Camilla*: (Entra lentamente) E’ permesso?

Anita:        Via!

                   I due scattano, ma nessuno dei due la colpisce. Camilla* li nota.

Camilla*: Néh, ma che state facenno tutt’e dduje?

Anita:       Ah, è la signorina Camilla*. Ehm... stavamo facendo un po’ di ginnastica!

Giuseppe: E già. (Fa dei movimenti improvvisati con la scopa) Uno, due, tre e quattro...!

Camilla*: E ch’esercizie so’?

Anita:       Ehm... si danno in testa! Cioè… fanno bene alla testa! (E si rimette la scarpa)

Giuseppe: Anì, chesta nun ce azzecca niente cu’ chillu fatto?

Anita:       No, lei è la padrona di casa. Signorina Camilla*, lui è il mio fidanzato Giuseppe.

Camilla*: Piacere. Scusate, Anita, ma i vostri principali non ci stanno?

Anita:       Principali? Quelli non sono principali. Sono dei malviventi... dei truffatori.

Camilla*: (Finge spavento) Dei truffatori? Uh, Marò, me sento ‘e svenì!

Anita:       Giusé, pigliala, sta pe’ svenì. Acchiappala, acchiappala!

Giuseppe: E’ ‘na parola!

                  Camilla* (Gino) finge di svenire e la prende Anita al volo.

Anita:       Jamme bello, Giusé, l’aggia avuta piglià io. Almeno tu mantienele. Io vaco

                  dint’’a cucina a piglià l’aceto.

                  Gliela lascia (Giuseppe la abbraccia) e Anita corre via a destra.

Giuseppe: Mamma bella, e comme pesa chesta!

                  I due incominciano a girare, pare quasi che ballino un romantico lento.

                  Signorina, sedetevi sulla sedia.

                  La fa sedere su una sedia. Torna Anita con una boccetta d’aceto.

Anita:       Eccomi qua, ho portato l’aceto. Tié, Giusé.

Giuseppe: (Prende la boccetta d’aceto) Ch’aggia fa’? Me ll’aggia vevere?

Anita:       No, è per lei, sotto il naso.

Giuseppe: Ce ll’aggia mettere ‘int’’o naso? E nun s’affoga?

Anita:       Cretino, mettiglielo sotto il naso, così lo respira e rinviene.

Giuseppe: Ah, e vabbuò. Signorina, svegliatevi...

Camilla*: (Rinviene) Ah, chi sono? Dove sono?... Ah, sì, adesso mi ricordo...

Anita:       Signorina, i truffatori...

Camilla*: Uh, me sento ‘e svenì ‘n’ata vota! (E finge svenimento di nuovo)

Giuseppe: E so’ ddoje! Ma che tene chesta, ‘na debbulezza?

Anita:       Miettece ‘n’ata vota l’aceto sotto ‘o naso.

                  Giuseppe esegue e Camilla* rinviene.

Camilla*: Chi sono? Dove sono? Ah, si, ora ricordo... i truffatori.

Anita:       Uh, Marò, me sento ‘e svenì! (Sviene)   

Giuseppe: (Riesce ad afferrarla) E so’ tre! Ma che d’è, ‘n’epidemia ‘e svenimento?

Camila:    (Si alza) Fatela sedere qua.

Giuseppe: (La fa sedere sulla sedia dove stava Camilla*) E vedìmme si ‘a quagliamme!

                  E la fa rinvenire con l’aceto.

Anita:       Ah, chi sono? Dove sono? Ah, sì, ora ricordo... i truffatori!

Giuseppe: Uh, Marò, me sento ‘e svenì!

                  E stavolta sviene Giuseppe, che però viene preso al volo dalle due.      

Anita:       (Preoccupata) Giuseppe... Giusé... Facciamolo sedere...

                  Lo fanno sedere. Anita gli prende l’aceto di mano e lo fa rinvenire.

Giuseppe: Ah, chi sono? Dove sono? Che è successo?

Anita:       Niente, ci sono i truffa...

Giuseppe: No, basta, nun ‘a dicere cchiù, chella parola! O si no passàmme tutta ‘a serata a

                  svenì e a rinvenì! (Si alza in piedi e cede l’aceto a Camilla*) Tenete l’aceto!

Anita:       Sentite, e mò cosa facciamo?

Camilla*: Dobbiamo chiamare la polizia. Presto, scendiamo giù a casa mia.

                  E si avvia di corsa avanti, uscendo di casa.

Anita:       Jamme pure nuje, Giusé. Nun sia maje chiste ce tròvene ccà, pòvere a nuje.

Giuseppe: No, no, io dicesse, quase quase, scennìmme pure nuje!

                  E escono pure loro di casa.

Scena Ultima. [Tutti e infine il Commissario Brutto]

                   Da destra, Pietro e Giorgio vengono fuori quatti quatti.

Giorgio:    Pietro, nun ce sta nisciuno! E allora ce ne putimme fujì.

Pietro:       E da questo momento in poi, mai più truffe. E mò ascìmme.

                   Si avviano a sinistra, ma suonano alla porta. I due si spaventano. 

Giorgio:    Uh, Giesù, e chi è mò? Che dici, apro?

Pietro:          E che t’aggia dicere? Va’, arape.

                      Giorgio apre timidamente ed entrano Gioacchino e Assunta.

Gioacchino: Buonasera a tutti quanti. Assù, saluta!

Assunta:       Buonasera.

Gioacchino: Io e mia moglie Assunta, siamo venuti qua per cercare il dottor Disarmato.

Giorgio:       Scusate, ma che vvulìte ‘a isso?

Gioacchino: Mi spiego in parole misere: ieri sera, quando qui dentro ci fu quella caciotta...!

Pietro:          ‘A caciotta? Quala caciotta?

Gioacchino: Chella mmuina!

Pietro:          Allora volete dire caciara!

Gioacchino: Bravo! Quando ci fu quella muina, in mezzo a tutto quel fuja fuja generale,

                      qualcuno ha sferrato involontariamente un cazzotto in bocca alla mia consorte!

                      E le so’ zumpate tre diente ‘a vocca: ‘nu molare, ‘nu premolare e ‘nu canino.

Assunta:       Erano gli ultimi tre denti che tenevo. ‘O riesto è tutta dentiera!

Pietro:          Scusate, ma che c’entra con questo fatto Gaetano?

Gioacchino: C’entra, c’entra. Ci deve risarcire i tre denti zombati dalla bocca di Assunta! Il      

                      dentista ha voluto 1000 Euro a dente. Sono tre denti, ossia 3000 Euro in tutto.

Giorgio:        Aéh, sta ‘nguajato Gaitano!

                      Suonano alla porta.

                      ‘N’ata vota ‘a porta? Pietro, amma arapì?

Pietro:          E se capisce.  

                      Giorgio apre la porta ed entra Carlo Dovero.

Carlo:           Salve a tutti.

Pietro:          Ah, tu staje ccà? Ma mò facìmme ‘e cunte...

Carlo:           Fermi! Voi non mi potete toccare. Io tengo il vostro quadro in ostaggio. Se lo

                      rivolete, mi dovete dare 250.000 Euro.

Pietro:          A chi? Ma che ce ne frega, a nuje? Mica ‘o quadro è ‘o nuosto?

Giorgio:       E già. Nuje mò ce ne jamme, e ‘o fatto nun ce riguarda cchiù.

                      E suonano alla porta.

Pietro:          Eh, me sa che si è Gaitano, ‘o fatto ce riguarda e comme! Arape, va’.

Giorgio:       Ma che m’he’ pigliato p’Anita? Signò, pe’ piacere, arapite vuje.

Assunta:       E come faccio? Io non tengo i denti!

Pietro:          Ma pecché, ata arapì cu’ ‘a vocca?

Gioacchino: Assù, muòvete a arapì.

                      Assunta apre ed entrano Gaetano, Saverio, Tiziana e Rosaria (Carlo la nota).

Gaetano:      Eccoci qua insieme alla signora Tivatto e a sua figlia.

Carlo:           Marò, ce sta ‘a pazza! (E si nasconde dietro Assunta) Scusate, è una necessità!

Pietro:          Uhé, Gaità, site turnate? E comme va?

Gaetano:      Abbiamo convinto la signora a tornare qua.

Rosaria:       Sì, però a patto che mi ritrovate il generale.

Giorgio:       Ma nun c’è bisogno d’’o cercà, chillo sta là! (Lo indica)

Carlo:          Ma nun t’’e ssaje fa’ ‘e fatte tuoje?!

Rosaria:       (Sorpresa piacevolmente) Uh, bambolotto di porcellana!

Carlo:          (Si fa avanti) Ma quala porcellana? Io songo ‘e mattunella!

Gaetano:      Ah, ma tu staje ccà? E allora staje pronto p’abbuscà!

Carlo:           No, no, niente violenza. Io tengo il vostro quadro. Mi dovete 250.000 Euro!

Rosaria:       Ma lascia stare i soldi! Vieni qui, che ti metto incinta... anzi, no, è al contrario!

Carlo:           Mamma mia, aiutooo!

                      Lui scappa via e lei lo rincorre (i due entrano nella stanza a destra).

Gaetano:      Buono, accussì po’ essere ca nun ce aggia da’ cchiù ‘e sorde, a chillo!

Gioacchino: Scusate, don Gaetà, io devo avere 3000 Euro!

Gaetano:      E per che cosa, scuasate?

Gioacchino: Non posso lasciare a mia moglie senza denti. Chella già è troppo bella!

Assunta:      ‘O vero? So’ bella? Uh, grazie! Sulo ch’è strano, tu nun me l’he’ maje ditto!

Pietro:          Gaità, siente, io e Giorgio ce ne vuléssem’ì. Ce ‘a puo’ dda’ ‘a liquidazione?!

Gaetano:      (Si spazientisce) Uhé, ma che ve penzate che vaco arrubbànno?!

Saverio:        No, p’ammore ‘e Dio!

                      Suonano alla porta. Tutti guardano Assunta.

Assunta:       Aggio capito, arapo io!

                      Assunta apre sbuffando ed entrano Camilla*, Anita e Giuseppe.

Camilla*:     Ah, don Gaetano, state qua?

Anita:           L’assassino torna sempre sul luogo del delitto!

Giuseppe:     Vuje vulìveve ‘mbruglià ‘a ‘nnammurata mia. E mò facite ‘e cunte cu’ me!

Gaetano:      (Tono minaccioso) Ah, sì? E che ffaje?

Giuseppe:    (Impaurito, ci ripensa) Ehm... per questa volta vi perdono!

                      Da destra torna Carlo di corsa (da solo).

Carlo:           Ce l’ho fatta, l’ho seminata!... (Nota la presenza di Camilla-Gino) Commissà,

                      vuje state ccà? Annascunnìteme!

Gaetano:      Commissà?

Gino:            E va bene, sì, sono io. (Toglie vestaglia e qualche bigodino) Fermi tutti!

Pietro:          Questa è una rapina!

Gino:            Questa è una rapin... No, non è una rapina. Io sono un commissario di polizia.

Gaetano:      (Preoccupato) (Ah, e che ce fa ccà, chisto?). (E fa finta di niente)

Giorgio:       (Preoccupato) ‘A polizia? Ah, Pietro, mò accumméncene ‘e guaje!

Pietro:          (Fa finta di niente) Ehm... uhé, commissario bello!

Gino:            No, io sono il commissario Brutto! Gino Brutto. E mi sono travestito da 

                      signorina Camilla per spiare tutte le vostre truffe!

Gaetano:      Commissà, ma nun esagerate, mò.

Gino:            Gaetano Disarmato? E bravo, ti sei dato pure il cognome falso. E’ bene che    

                      tutti sappiano che lui si chiama Gaetano Disonesto. Sono due anni che gli sto

                      dando la caccia per il furto di un quadro.

                      Gli altri si guardano sorpresi. Così Gino passa a presentare agli altri Carlo.

Gino:            Signori, voglio presentarvi il generale Carlo Dovero, mio collaboratore nelle

                      indagini più pericolose e scoccianti.

Carlo:           E’ sempre un piacere.

Gino:            Allora, Gaetano, direi che la farsa è finita. Adesso arresto te e i tuoi complici.

Giorgio:       He’ visto, Pietro? Mò, pe’ mezza toja, aggia ì ‘n’ata vota ‘ngalera!

Pietro:          Mannaggia ‘o juorno che m’aggio miso ‘int’a ‘stu guajo!

Saverio:       Gaità, ‘sta vota io nun aggio sbagliato niente. Il piano era imperfetto!

Gaetano:      Stattuz sitto, scé! Commissà, ma a chi vuoi arrestare? Quali prove tieni?

Gino:            Ti ho spiato. Ti ho fotografato. Ormai so tutto. E allora, che fai, confessi?

Gaetano:      (Rassegnato) E va bene. A questo punto mi devo spogliare davanti a tutti voi!

Gli altri:       (Contrariati) Nooooo! Noooo!

Gaetano:      No, ma ch’ate capito, tutte quante? Io mi voglio spogliare metaforicamente.

Gli altri:       (Risollevati) Aaaah!  

Gaetano:      Io voglio confessarvi la verità. Mi chiamo Gaetano Disonesto, detto il “duce”.

                      E questo signore non si chiama Saverio Esperto... anche perché lui è esperto   

                      solo di mozzarelle. Infatti, le sue truffe, sono delle bufale!  

Saverio:        Ehm... piacere. Io però andrei, perché tengo la macchina in terza fila.

Gino:            Addò vaje? Fermo là! Prego, Gaetano, prosegui.

Gaetano:      Loro due sono nuovi: Giorgio Senzatesta, di nome e di fatto...!

Giorgio:       Scusate, ma non è vero. Io sono bulgaro!

Saverio:       Ma famme ‘o piacere. Nun ‘o data retta, chisto è ‘e San Giuanne a Teduccio!

Gaetano:      E quest’altro si chiama Pietro Gattomorto. E questo è tutto.

Tiziana:        E menu male ca io e mammà nun ‘eveme pavato ancora!

                      Intanto, da destra, torna Rosaria e si ferma.

Rosaria:       Addò sta ‘o generale? (Nota tutti schierati) E che d’è? Tizià, ma ch’è stato?  

Tiziana:        Mammà, ne parlamme aroppo.

Rosaria:       Vabbuò, comunque, mò, aggia da’ ‘nu vaso a chillu grandu signore d’’o

                      dottor Disarmato! Chillo m’ha fatto truva’ ‘nu bijou: ‘o generale!

Tiziana:        No, mò è meglio che te staje zitta!

Gino:            Allora, Gaetano, non hai più niente da aggiungere?

Gaetano:      E che altro devo dire? E’ vero, volevo truffare. Invece sono stato truffato io. E

                      me lo merito pure! Però c’è una cosa che ho imparato dalla vita. Sapete quale?

Gino:            Faccelo sapere. Che hai imparato?

Gaetano:      A scappare! Fujìte, guagliù!

Saverio:        Fuje, Gaità...!

                      Gaetano scansa Gino e dopo scappa via di casa, seguito dai tre “compari”.

Gino:            M’hanne fatto fesso! Ma io v’aggia acchiappà...!

                      E li rincorre insieme agli altri, tranne Gioacchino, Assunta, Anita e Giuseppe.

Assunta:       E allora, Gioacchì, ce ne vulìmme turnà ‘a casa? Torniamo alla solita vita.

Gioacchino: E nun si’ felice?

Assunta:       (Amara) Sì, sì, vabbuò. Su, andiamo, è l’ora della solita passeggiata nel parco.

Gioacchino: No, jammuncenne ‘a casa. Aggia cercà ‘o custume ‘e Tarzàn!

Assunta:       (Il suo viso si illumina di felicità) Uh, ‘o ssaccio io addò sta!

Gioacchino: E gghiammele a piglià! Signori, con permesso!

                      E vanno via pure loro (uscendo, Gioacchino fa un urlo alla Tarzan).

Anita:           Giusé, siamo rimasti solo noi.

Giuseppe:     Già. A questo punto ti devo chiedere scusa per tutto. Ma io non avevo capito.

Anita:           L’importante è che noi abbiamo fatto pace. Dai, vogliamo andare a casa mia?

Giuseppe:     No, Anì, ‘a casa toja no. Tu tiene ‘o cane, e io me metto appaura!

Anita:           E vabbé, allora vogliamo andare nel parco in mezzo agli uccellini?

Giuseppe:     No, Anì, io me metto appaura ‘e ll’aucielle!

Anita:           Siente, allora puòrteme addò vuò tu, abbasta ca ce ne jamme!

Giuseppe:     Ti porto a casa mia: là non ci sono animali!

                       I due si mettono sottobraccio ed escono via.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno