Accadde tutto in canonica

Stampa questo copione

1

ACCADDE TUTTO IN CANONICA

Commedia in due atti di Nato Stabile

Personaggi

Don Felice

anni

65/70

Fifì

40

Stefano

26

Maria

50

Gianni

36

Rita

30

Lele

10

Brigadiere

55/60

Anna

15

Lucia

20

Codice Opera  S.I.A.E.

814770A

Codice Autore

100052

Per contattare l’autore:

Stabile Illuminato

Via Piemonte, 2

91011 Alcamo

TEL. 0924/502104


2

PRIMO ATTO

La scena si svolge in una sacrestia. Quadri sacri alle pareti, un grosso crocifisso, qualche statua … una scrivania con sopra delle carte, alcune sedie … Qualche mobile intonato al-l’ambiente. Il tutto deve comunque ricreare l’atmosfera tipica della sacrestia di una piccola parrocchia … Un’atmosfera molto calda, quasi magica .


D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE


(All’apertura del sipario è seduto alla scrivania. Sta sistemando alcuna

carte)

(Entra. Si vede subito dall’aspetto che è un tipo strano. È un semplicione.

La sua età anagrafica si aggira sui quaranta anni, ma ragiona spesso come

un bambino) Buongiorno, patri paracu … !    (Indossa uno strano coprica-

po)  Patri paracu, ci purtavi la tonaca chi ci avia aggiustari me matri. La

cotta ‘nveci ancora unn’è lesta … !

Grazie, Fifì. Talà, a chi ci si’ mettila ddà dintra, ‘un ti siddiari … E la cot-

ta ?

A bon punto … Mezza cotta … ! Me matri la sta finennu. (Esce per una

porta che comunica con una stanzetta adiacente. Posa il pacchetto con la

tonaca e rientra in scena) La misi ‘ncapu lu tavulinu.

Bravissimu … (È abituato alla presenza di Fifì, che passa in canonica la

maggior parte del suo tempo. Continuando il suo lavoro) Perciò Fifì, chi

mi cunti stamatina ?

Tempu tintu ! Tempu tintu !

Ma chi dici, Fifì … si c’è un suli chi spacca li petri … !

Accussì parissi … ! Ma c’è a vista un putenti timpurali ! Accussì dissi me

matri !

(Continuando sempre il suo lavoro, distrattamente) … E to’ matri chi fa

parti di lu serviziu meteorologicu di l’aeronautica ? !

Stanotti a me matri ci facia mali la spadda, e quannu a me matri ci fa mali la

spadda veni a diri chi avi a chioviri ! Sé sé !

E allura, ora chi to’ matri v’addivintannu vicchiaredda … un ni ‘nni viremu

chiù lustru nuvatri … !

(Timidamente) … Patri, patri paracu … ci . ci avissi a fari ‘na dumanna …

Pozzu ?

Certu chi po’, Fifì … Parra …


3


FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

STEFANO

D. FELICE

STEFANO

D. FELICE


… Secunnu vossia , io quannu addiventu granni … m’è maritari ?

(Sorpreso) Co … comu, Fifì ?

… Secunnu vossia iu quannu addiventu granni … m’è maritari ?

(Imbarazzato) … Ma … secunnu mia …

No, no ora ! … Quannu addiventu granni !

Fifì, ma tu lu sa’ quant’anni ha’ ?

Iu haiu tri anni chiù picca di me cucinu Larenzu …

E to’ cucinu Larenzu quant’anni avi ?

Me cucinu Larenzu è tri anni chiù granni di so’ frati Nenè

Ma secunnu tia, accussì . … a occhiu … tu si’ granni o nicu ?

Iu sugnu nicu, picchì haiu tri anni chiù picca di me cucinu Larenzu !

E allura po’ stari tranquillu, Fifì … Ci nni voli tempu prima chi va’ pischi a

to’ cucinu Larenzu !

A mia, quannu addiventu granni, mi piacissi maritarimi … !

E vuol diri chi ti trovi ‘na bedda picciuttedda, e ti mariti.

A mia però mi piacissi truvari ‘na picciuttedda chi mi vulissi beniri comu

me matri … Idda mi controlla prima chi nesciu … La notti mi cummogghia

… Si c’è malu tempu mi lu dici prima …

Vabbe’, pi chissu un t’à scantari … C’è la televisioni chi lu sapi puru si

chiovi o no …

(Meravigliato) Picchì, la televisioni puru dulura avi !?

(Sorpreso dalla domanda) E … Comu ? ! Ah, no … però lu sapi lu stessu !

(Temendo di essere preso in giro) Po’ essiri mai ? !

Senti Fifì, mi lu facissi un favuri ? … Ci issi accattarimi lu giornali ?

Certu chi ci vaiu … Ci vaiu subitu prima chi chiovi !  (Esce)

Propriu oggi avi a chioviri pi forza ! Ormai è deciso così ! Nuttata tinta appi

ad aviri donna Ciccina !

(Suona alla porta con grande vigore)

(Preoccupato, si avvia verso la porta) Arrivo, arrivo … ! La maniglia … !

‘Un mi senti ! … È aperto ! … La maniglia ! … Roba chi caccherunu sta

murennu ! (Nel frattempo è arrivato alla porta. Apre)

(Entra. È nervoso. Si sente braccato) Fatemi entrare ! Fatemi entrare !

(Sorpreso. Con ironia) Ma perchè non entrate ? ! Prego, prego !


4


STEFANO D. FELICE STEFANO D. FELICE STEFANO D. FELICE STEFANO D. FELICE STEFANO D. FELICE STEFANO D. FELICE MARIA D. FELICE MARIA D. FELICE MARIA D. FELICE MARIA


Chiudete quella porta ! Chiudete quella maledetta porta !

(Sempre più sorpreso) Scusate, ma …

(Deciso) Poche chiacchiere … Cerchiamo di capirci subito ! Io ho bisogno

di restare un po’ qui … Ma nessuno lo deve sapere ! Nessuno !

… E vabbe’… vuol dire che non lo diremo a nessuno… ! Contento voi … !

Voi siete un prete, vero ?

(Ironico) … Certo che siete un tipo molto perspicace !

Nessuno sospetterà di voi. Tranne che voi non facciate brutti scherzi ! Ma in

tal caso … ! (Mostra una pistola nascosta sotto la giacca)

(Accusa il colpo, ma cerca di ostentare disinvoltura) Ho … Ho capito …

Si vede che è un vestito di marca … ! Non c’è bisogno che mostriate l’eti-

chetta … !

Spero di essere stato chiaro ! Niente scherzi da prete !

(In crescente imbarazzo) … Si … simpatica … ! Questa è simpatica. (Suo-

nano alla porta) Un momento ! … Un momento ! (A Stefano) Sentite, na-

scondetevi di là … Ecco, quella porta …

(Mentre si avvia nella stanza indicata da Don Felice) Non una parola ! Al-

trimenti ! (Accenna alla pistola)

State tranquillo … Mezza parola ! (Temendo di essere stato frainteso, pre-

cisa) … Così … è uso che si dice …! La maniglia !… Un colpo verso sotto

deciso … e uno verso sopra leggero …! (Visto che lo squillo si ripete, men-

tre è ormai arrivato quasi alla porta) … Niente, non c’è verso ! (Apre)

(Entra)  (I toni e i modi sono quelli di una persona semplice. Si occupa del-

la pulizia della chiesa) Bongiornu, patri paracu … Comu semu ?

(Imbarazzato per la presenza di Stefano nella stanza accanto) Signora Ma-

ria, Bongiornu … Comu mai pagghiri ccà ? !

(Sorpresa) Ma … veramenti un ci trovu nenti di stranu … Vinni pi la puli-

zia ! Aeri un vinni, oggi sì…Un ghiornu sì, un ghiornu no…Sta iurnata è lu

iornu sì!

(Quasi tra sé) … A mia mi parissi lu iornu no !

(Si avvia per andare nella stanza dove è nascosto Stefano)

No ! ! !

(Meravigliata) Comu, no ? ! … Si haiu accuminciatu sempri di ddà dintra !


5

D. FELICE         … E vabbe’ … per oggi … ddà dintra un si fa … !

MARIA               Stamatina vossia avi lu babbiu … ! Percio’, secunnu vossia, propriu ddà dintra, chi tra l’altru l’atra vota un fici attempu a fari, propriu ddà dintra … avissi arristari senza fattu ! ?

D. FELICE         E chi ci fa ? ! Tantu ddà dintra un ci va quasi nuddu mai …! Lassati stari … Vi spirugghiati prima …!

MARIALu sacciu picchì vossia un voli chi fazzu ddà dinitra …! Lu sacciu …! D. FELICE(Confuso)Ve … veramenti …! ?

MARIA               … Vossia lu fa pi farimi travagghiari cchiù picca …! Ma chiddu chi s’avi a fari, s’avi a fari (Si avvia decisa . Entra nella stanza)

D. FELICE         A lu spissu l’haiu duvutu quasi suppricari, pi fari ‘ssa stanzicedda … Sta-matina! E vabbe’ … vuol dire che era destino ! Cunsumatu sugnu ! (Siede alla scrivania. Mette la testa tra le mani) Un miraculu sulu mi po’ salvari !Cunsumatu sugnu !

MARIA               (Rientrando in scena) Ah, picchì un mi vulia fari trasiri ! Un mi vulia faricanusciri a Don Ancilu ! Ossà sta’ tranquillu, un ni lu dicu a nuddu chi già arrivau !

D. FELICE         (Frastornato) Co … Comu ? !

MARIA               Lu capivu … Vistu chi vinni cu cacchi iornu di anticipu, rispettu a la nove-na, un voli fari capiri nenti a nuddu, pi fallu stari chiu’ tranquillu ! E vabbe’, un ni lu dicu a nuddu !

STEFANO             (Compare in scena vestito da prete. Indossa la veste che ha posato prima nella stanzetta Fifì) Fate pure, fate pure … Io starò un po’ di qua con il par-roco…

D. FELICE         (Sbalordito) … Vui … ma … iu … Don Ancilu ! ! !

MARIA               (Rimane un po’ sorpresa dall’atteggiamento di don Felice. Poi trova co-munque una giustificazione)… Sempri schirzusu lu nostru patri paracu…Parissi comu si ancora un ni lu avissi salutatu ! Vabbe’, puliziu la stanzetta ! Fazzu subitu…(Esce)

D. FELICE         Ma … co … come vi permettete … ! ? Chissu è un abitu sacru !

STEFANO             Non avevo altra scelta. E poi penso che sia il modo migliore per passare inosservato. Tra l’altro mi pare di aver capito che aspettavate un sacerdote. Bene, fate finta che quel sacerdote sia già arrivato ! State bene attento … Io


6


D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ


sono don Angelo !

… E iu era don Felice … picchì haiui la vaga impressioni di essiri un pocu

na li guai ! (Bussano) Ma po’ chi traficu ! … Un momento ! (Vorrebbe

dire qualcosa a Stefano, ma non ha il tempo. Entra Fifì, il quale non si ac-

corge di Stefano, che nel frattempo rientra nella stanzetta).

(Entrando) Mih, mi lu ‘nsignavi bonu comu si grapi … Un corpu versu sut-

ta, un curpiceddu versu ‘ncapu e un curpiceddu …

(Imbarazzatissimo) … Ohe’ , Fifì ! … … E tu comu mai pagghiri ccà ! ?

(Rimane sorpreso dalle parole di don Felice)

E bravu a Fifì chi mi fici sta bella sorpresa ! Bravu ! Bravu veramenti !

(La sua sorpresa è sempre più grande) … Patri paracu … si … si … senti

bonu … ? !

Picchì mi fa’ sta dumanna, Fifì ? ! Haiu … ‘na brutta cera ! ?

Un ci pensa chi antura mi manna’ accattari lu giornali ?

Ah, sì ! … Comu no ? Certu ! Lu … lu purtasti ?

Lu capivu ! Babbiava ! Vossia avi sempri lu scherzu, e iu ci ‘ncagghiu ! …

Ossa’ tenni ccà lu giornali. Mih, ‘nta la prima pagina c’è la fotografia di unu

chi scappa’ di lu carceri ! Un tipu veramenti periculosu ! Dici chi ha am-

mazzatu du’ cristiani e menzu … ! … Mizzica !

(Sulle spine) … Co … comu veni a essiri … “e menzu”, Fifì ? !

(Con eccitazione) Ammazza’ du’ cristiani e unu lu ferì, duranti ‘na rapina !


Èun tipu troppu periculosu ! Chi spara … Ta - ta - ta - ! ! ! (Mima lo spa-ro) A mia a pinsaricci mi pigghia lu friddu ! (Mima il brivido di freddo) Ivi’, ivi’ chi friddu !

D.FELICE     … E … e vabbe’ … ‘Sa dunni tracodda paccamora chissu ddocu ? !


FIFÌ

D. FELICE


No, no ! Dicinu chi avissi a essiri ni ‘sti zoni nostri ! Accussì dicianu ni lu

giornalaru ! Dici chi è scrittu puru ni lu giornali ! Ossa’ lu leggi ! Ossa’ lu

leggi !

(Prende il giornale)  (Legge e man mano va avanti nella lettura comincia a

sudare freddo) “Pericoloso latitante evaso dal carcere di massima sicurezza

di … Chiunque avesse notizie utili alla sua cattura è pregato di telefonare …

Accanto al titolo una foto segnaletica dell’evaso …” (Guardando la foto ri-

conosce Stefano) Mi sentu leggermenti … di moriri ! (Si siede sulla sedia,


7

semisvenuto)

FIFÌ                     Patri paracu ! Patri paracu ! (Lo scuote con grande, troppa forza) Murì lu

patri paracu ! Murì !

D. FELICE         (Con un filo di voce) Fifì, un mittemu limiti alla provvidenza … Aspetta un

pocu … prima d’appizzari li carti !

FIFÌ                     Miraculu ! Miraculu ! Arriviscì lu patri paracu !

MARIA               (Entrando in scena precipitosamente) Ivì, ma chi successi ? !

FIFÌ                     Lu patri paracu avia murutu, po’, comu un miraculu, arriviscì arrè.

MARIA               Ivì, ma chi sta dicennu Fifì ! ? Don Felice, comu vi sintiti ?

D. FELICE         Ccà semu, ni li manu di lu Signuri !

MARIA               Ma accussì, tuttu ‘nta un corpu ! Morta sugnu, morta sugnu ! (Accorgendo-

si di Stefano che si è fin qui mantenuto defilato, quasi per nascondersi) Ah,menu mali chi c’è don Ancilu ! (A don Felice) Don Felice, facitivi forza … Taliati cu c’è ? ! Don Ancilu c’è ! Chi avi a diri, mischinu … chi è lu ben-venutu chissu ! Ma Signuri me’ va, morta sugnu, morta ! (Don Felice sem-bra peggiorare) Ivi’ beddamatri … ! Don Ancilu, faciti cacchi cosa, pi fau-ri !

STEFANO             … Ma cosa posso fare ? Io, non sono mica un medico !

MARIA               E vabbe’ … diciticci cacchi cosa ! Vui siti ‘na persona studiata !

STEFANO             (Cercando di calarsi nel ruolo) Come vi sentite, don Felice ?

D. FELICE         Si devo essiri sinceru … Mi putissi sintiri puru megghiu !

STEFANO             Avanti … respirate profondamente … Bene, bene … così … È una cosa che

vi succede spesso ?

FIFÌ                     Se’, se’ … Spissu si senti mali ! Avi assa’ chi soffri di stomacu … Se’, se’

… lu sacciu ! È una cosa cronica !

D.FELICE(Non riesce a rinunciare alla sua innata ironia)Sé, sé … Più che altro èuna cosa … “cronaca” ! (Alludendo al giornale)

STEFANO             (Che ha compreso) State tranquillo. Se vi mantenete calmo … questa situa-zione “cronaca” non vi creerà troppi problemi !


D.FELICE

STEFANO

D.FELICE

MARIA


Me lo promettete ! ?

Avete la mia parola d’onore !

(Tirando un sospiro di sollievo) … Mi sentu megghiu !

Don Ancilu, ma siete meglio di un dottore !


8


FIFÌ

STEFANO

D. FELICE

MARIA

FIFÌ

D. FELICE

MARIA

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ


Ah, ora lu capivi ! Lei è lu parrinu chi avi a predicari pi la novena !

Sì … sì … sono proprio io.

(Alzandosi) Nenti, mi sentu veru megghiu. Tuttu passatu.

Putemu stari tranquilli, patri paracu ? !

Non è chi mori arre’ !

(Guardando Fifì in malo modo) Fifì, ma propriu li menzi misuri…unni li

canusci !?

Iu mi vaiu allestu ddà dintra. (Ritorna nella stanzetta)

(A Stefano) Don Ancilu, lei l’ha liggiutu lu giornali. C’è scrittu chi unu

scappà di lu …

(Sulle spine) Fifì, lassa stari … Chi ci cunti a don Ancilu ! ?

(Sempre più elettrizzato) Chissu ha ammazzatu du’ cristiani e menzu !

Fifì, v’accattami li sicaretti !

(Meravigliato) Ma iddu vossia ha fumatu ma’ ! ? … Lu capivi, scherzava !

(Riprendendo il suo racconto) Dicinu chi è armatu ! ! !

(Non sa più cosa fare per fermare Fifì) Fifì, v’accattami una scatola di ciri-

na cu lu filtru ! (È ormai nel pallone)

(Continua il suo discorso) ‘Nta lu giornali c’è puru la fotografia ! Taliassi !

(Si avvia per prendere il giornale che è sulla scrivania)

(Lo blocca giusto in tempo) Fifì !Quannu pari a tia canci discursu ! A don

Ancilu tutte queste storie non ci interessano ! Comu ti l’è fari capiri

Fifì !Don Ancilu non legge queste cose brutte chi sunnu ni li giornali ! Pre-

ferisce storie più belle, più semplici ! Fifì , don Ancilu ama di più le storie

di evasione ! (Rendendosi successivamente conto della battuta infelice)

Vabbe’ … Allura mi nni vaiu, prima chi chiovi … !

No Fifì … si vo’ stari, po’ stari … Anzi, ni fa cumpagnia.

No, no … mi nni vaiu … picchì si sta’ mittennu a chioviri !

Ah, Fifì … senti a mia … unni lu diri a nuddu chi don Ancilu arriva’ … Lu

sa’ com’è … po’ accumencianu tutti a veniri ccà … e don Ancilu avi ‘nveci

bisognu d’arripusari un pocu … Veni di luntanu, lu capisci ! Fifì, don Anci-

lu veni di luntanu …

Lu capivi … Lu capivi … Don Ancilu veni di luntanu ! Avi bisognu di arri-

pusari un pocu ! Lu capivu … Mi nni vaiu, prima chi chiovi ! (Avviandosi)


9


D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

STEFANO

D. FELICE

STEFANO

D. FELICE

STEFANO

D. FELICE

STEFANO

D. FELICE

STEFANO

D. FELICE

STEFANO


Arrivederci … Arrivederci, don Ancilu. S’arripusassi un pocu, chi lei veni

di luntanu !

Fifì, mi raccomando …

… (Continuando) Don Ancilu veni di luntanu, avi bisognu di arripusari !

Sé Fifì, pero’ ora basta … ripassatillu sulu ni la to’ menti !

(Mimando la concentrazione, fa capire con i gesti che sta ripassando la fra-

se) (Saluta con la mano ed esce mentre fa ancora capire che sta ripassan-

do “mentalmente “ la frase)

(In imbarazzo) … Eh, siamo qua … ! Eh già ! … Lei … lei fuma ?

No …

Bravo ! … Io neanche … ! … Se ha bisogno di qualcosa, parli pure … se

posso … Non so, ha mangiato … ? Vuole qualcosa ? Parli pure …

Dite la verità … avete paura di me, vero ?

(Non sa cosa è conveniente rispondere) No … ! Sì … ! Un poco … ! Più

che altro … diciamo che sono un poco confuso … ! Non sono abituato a

questo tipo di sorprese …

(Intenso) Stare là dentro è un inferno ! Cinque, sei in una piccola cella. Chi

ha voglia di dormire, chi vuole parlare. Chi vuole gridare, chi sta male ! Li-

tigare per niente, magari per chi deve versare l’acqua nel bicchiere ! Si di-

venta bambini … o forse si diventa simili alle bestie ! Capite quello che vi

voglio dire, vero ?

… Più che altro, me lo immagino … Io non sono mai stato in questo tipo di

… conventi … Io sono di un altro ordine.

Voi siete un uomo fortunato. Vi invidio ! Sicuramente sarete rispettato da

tutti, stimato. Io invece sono considerato un mostro ! Anche voi mi conside-

rate un mostro … Non è vero ?

(Prontamente) No, quando mai !

E come definireste un individuo che ha ammazzato due persone ed una terza

l’ha ferita gravemente ? Su, ditemi come lo definireste ? !

(Imbarazzatissimo) … Ecco, non so … lo definirei una persona … un po’

nervosa … !Eh … ali voti li nervi fannu fari cosi chi unu un vulissi fari !Ah,

chi cosa brutta li nervi !

(Prontamente) No ! Una persona che ha fatto questo. Non puo’ essere altro


10

che un mostro !

D. FELICE         E vabbe’, ma per arrivare a tanto … io penso che avrà subito qualche grosso torto !

STEFANO             No, nessun torto ! Una tragedia solo per procurarsi poche lire !

D. FELICE         (Suda freddo) Ah … so … solo … per poche lire … !

MARIA               (Rientrando in scena) Patri paracu, ddà dintra è fattu ! A propositu, avi aviriri di cantialli tutti ‘sti oggetti preziosi chi ci sunnu ccà e ddà … Cu tutta questa delinquenza che c’è in giro … ! Ormai, caro don Angelo, non c’è ri-spetto piu’ per niente e per nessuno ! Lu viri, pi pigghiarisi ddi oggetti pre-ziosi chi ci sunnu ddà dintra, non ci pensassero due volte a scagliarisi contru lu patri paracu ! Armaleddu, l’atra vota ci ficiru prendere na botta di scan-tu ! Non c’è piu’ mondo ! Questa è la vero verità !

D. FELICE         (Si sente di nuovo svenire, cerca la sedia) Mi sentu arre’ …leggermenti dimoriri … !

MARIA               Ivi’, ma stamatina allura di veru dici ! Don Ancilu, aiutatimi !

STEFANO             Don Felice, forza … tiratevi su … Vi do’ la mia parola che non vi succederà niente.

D. FELICE         (Con un filo di voce) Co … come avete detto … ?

STEFANO             Vi rido’ la mia parola d’onore che non vi succederà niente.

D. FELICE         (Tirando un sospiro di sollievo) … Promesso ! ?

STEFANO             … Promesso.

MARIA               (Notando che don Felice sta decisamente meglio) Don Ancilu, ma siete me-glio di un dottore ! Basta la vostra parola d’onore, e già sta bonu ! … Don Angelo, scusate, mio marito avi tre giorni chi è curcatu cu li dulura … Mi la dati la vostra parola d’onori chi ci passanu ? ! … A vui, chi vi costa ? !

STEFANO             … Avete … la mia parola d’onore. (Tenta di assecondarla)

MARIA               Ah, lu Signuruzzu vi lu paga ! Patri paracu, natru iornu lu puliziamu ccà dintra. Quantu vabbiu si me maritu si voli susiri ! Arrivederci. E grazii tan-tu, don Angelo ! (Esce)

STEFANO             (Ironico) Quasi quasi ci vado prendendo gusto ad interpretare questa parte !Dite la verità, a voi piace la vostra parte, è vero ?

D. FELICE         … In che senso, scusi ? !

STEFANO             È bello interpretare la parte del buono ! A me, invece, è toccata la parte del


11


D. FELICE

STEFANO

D. FELICE

STEFANO

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

STEFANO


cattivo !

Scusate, ma … se voi volete cambiare … parte, si può. In questa commedia

che interpretiamo tutti quanti, nella commedia della vita, c’è di bello che

ognuno la sua parte se la può scegliere … E se non gli piace, la può pure

cambiare.

(Amaro) No, caro don Felice, non è così semplice … Non lo è. Quando un

ruolo viene assegnato, è difficile cambiarlo. Difficile. E il guaio è che spes-

so il ruolo viene assegnato senza considerare le reali capacità dell’interpre-

te. Così a caso ! E fino a quando ti capita di interpretare un ruolo bello, vab-

be’ … sia pure per sempre. Ma quando il ruolo è brutto, è dura interpretarlo

per tutta la durata della commedia. Anzi, della tragedia ! (Con sincerità)

Non so cosa darei per cambiare il mio ruolo !

(Scosso da quelle parole) Be’ … io … se … se posso fare qualcosa … Non

so … sono a vostra disposizione.

Una cosa già la state facendo. Mi state ascoltando. Sono anni che nessuno

mi ascolta più !

(Entra senza bussare) Patri paracu … patri paracu … ! Lu zu Vicinzinu,

chiddu chi sta’ ‘nfacciu di mia, sta murennu ! Ossa’ veni, ci avi a dari l’e-

strema unzioni !

E comu fazzu ? !

Ossa’ si spirugghia, sta murennu ! Iu ci lu dissi di fallu aspittari, ma capaci

chi si un si spirugghia mori prima chi vossia arriva.

(Ironico) Quando si dice “lu destinu” ! Lu ziu Vicinzinu avi centodue anni

… E dopo centodue anni, quannu si va decidi a moriri ? …Proprio oggi !

Ossa’ si spirugghia ! Anchi picchì si sta mittennu a chioviri !

(Rassegnato) E vabbe’ … (Come per chiedergli il permesso) Don Angelo,

io dovrei andare ad assistere questo fratello che dopo centodue anni … ci

vinni la prescia di andarsene …! Torno subito. Fifì rimane con voi. Se avete

bisogno di qualcosa … lui sa tutto ! (Nel frattempo si è preparato per usci-

re, aiutato da Fifì) Fifì, mi raccumannu … si don Ancilu voli cacchi cosa,

aiutalu. Con il vostro permesso … (Attende il consenso di Stefano)

Stassi tranquillu ! Ci penso io !

Fate pure, fate pure …


12


D. FELICE

STEFANO

FIFÌ

STEFANO

FIFÌ

STEFANO

FIFÌ

STEFANO

FIFÌ

STEFANO

FIFÌ

LELE

FIFÌ

LELE

FIFÌ

STEFANO

FIFÌ

STEFANO

LELE

STEFANO

LELE


Sia fatta la volontà di Dio ! (Esce)

(Dolcemente) Fifì, ma tu gli vuoi bene a don Felice !

Mih, troppu assa’ ! Tutti ccà lu vulemu beni a don Felice ! Iu vogghiu beni

puru…

Pure a chi ? Continua …

(Timidamente) … Puru a lei … ! Si viri subitu chi lei è bravu … ! Sé, sé …

si viri subitu ! Appena lu virinu, sicuramenti lei ci farà simpatia a tutti ! Si-

curamenti !

Me lo auguro.

(C.S.) … Fussi bellu si lei arristassi sempri ccà. Don Felice v’addivintannu

vicchiareddu, e siddu avissi na manu d’aiutu fussi bonu.

Anche a me piacerebbe restare qua, ma credo che non sarà possibile ! …

Certamanti li so’ superiori lu vonnu beniri assa’, e un vonnu chi sta’ sempri

luntanu di iddi !

Eh, sì … ! Se dipendesse da loro non mi lascerebbero andare mai. (Si sente

suonare il campanello della porta. Stefano si irrigidisce)

Un momento che arrivo … ! (Mentre Fifì si avvia ad aprire, Stefano fa in

modo di defilarsi per dare le spalle al nuovo entrato)

(Entrando) Buongiorno …

Ciao Lelu’ ! Lu patri paracu un c’è. Tu avii vinutu pi parrari cu iddu ?

… Sì, gli volevo fare vedere una cosa di scuola … C’è … c’è una cosa che

non capisco.

Fussi natra cosa, t’aiutassi iu ! Ma per uso cosi di scuola un sugnu tantu pra-

ticu ! Po’ passari chiu’ tardu.

No Fifì, aspetta … Vediamo se possiamo aiutarlo noi.

Ma lei veni di luntanu, avi arripusari !

Non preoccuparti … Servirà anzi per svagarmi un po’. (A Lele) Forza, ve-

diamo un po’ di cosa si tratta … Ah, non mi sono ancora presentato : io

sono don Angelo, predicherò la novena in questa vostra bella chiesa.

Io sono Gabriele … Gli amici mi chiamano però tutti Lele … Ogni tanto

vengo a farmi aiutare da don Felice … Quando c’è qualcosa di difficile.

E oggi, c’è qualcosa di difficile ?

Oggi, sì.


13


STEFANO

LELE

STEFANO

LELE

STEFANO

LELE


Dai, vediamo un po’ di cosa si tratta …

Si … si tratta … di un problema … (Prende nel frattempo il quaderno, ma

si vede che è un po’ in imbarazzo, che tentenna)

Be’, leggiamolo … Spero che non sia troppo complicato, perché la matema-

tica non è mai stata il mio forte.

(Tentenna) No, non c’è bisogno di leggerlo … Lo conosco a memoria.

Immagino che si tratti di una mamma che deve comprare delle cose e che …

Sì, in effetti in questo problema c’è una mamma … e c’è anche, diciamo

così, un padre …


STEFANO


(Comincia ad essere un po’ perplesso)


Ah, si tratta di un problema piuttosto


complicato, vedo … !


LELE

STEFANO

LELE

STEFANO

LELE

STEFANO

LELE

STEFANO

LELE

STEFANO


Credo proprio di sì. E ci sono anche dei figli. Tre figli. Il più grande si chia-

ma Gabriele, come me.

Comincio a pensare che per risolvere questo problema bisogna attendere il

ritorno di Don Felice.

Don Felice ci ha provato tante volte. Ma non c’è ancora riuscito. Mi piace-

rebbe se ci provaste anche voi.

Be’, veramente io non saprei da dove cominciare … No … non conosco

bene il … il problema. Te l’ho detto, non sono bravo in matematica !

Il protagonista del problema si chiama Gianni. È mio padre. Passa spesso le

notti fuori casa … Quando torna è quasi sempre ubriaco, fuori di sé … Se la

mamma cerca di farlo ragionare, non esita a prendere a botte pure noi figli

… Soprattutto me, che non resisto a tutto ciò e cerco spesso di mettermi tra

lui e la mamma …

(Scosso) Co … cosa sono questi segni sul viso ?

Sono solo gli ultimi segni, lasciati dalle ultime botte. Ormai non ci faccio

più neanche caso.

E … e tua madre, cosa … cosa fa, cosa dice ?

La mamma ci dice sempre di volere bene a papà. Ci dice che papà non era

così. Che papà un tempo era una persona meravigliosa. Ci dice che dobbia-

mo aiutarlo, e che tutto passerà. Ma quando don Angelo ? Quando tutto pas-

serà ?

(Turbato) Be’, vedi Lele, forse la mamma ha ragione. A volte anche le persone


14


LELE

STEFANO

LELE

STEFANO

FIFÌ

STEFANO

FIFÌ

STEFANO

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ


migliori si ritrovano a fare delle cose di cui non pensavano neanche lontana-

mente potessero essere capaci. A volte basta un istante per cambiare la vita di

una persona. E capita che siano le persone più sensibili, a volte, a precipitare

nel baratro.

(Contento per le parole di Stefano) Sapete, don Angelo, è la prima volta

che sento dalla bocca di un estraneo delle parole di comprensione per mio

padre. Sono tanto contento don Angelo, grazie. (Commosso) Perché io a

papà, anche se lui è così, sento di volergli proprio tanto bene !

(Istintivamente accarezza Lele, che ora si appoggia al suo petto e piange)

(Con tenerezza)  Vedi Lele, io non conosco tuo padre però sento che merita

di essere aiutato … Perché sono sicuro che il padre di un bambino meravi-

glioso come te … non può essere una persona veramente cattiva.

(Felice) Vado a casa a dirlo alla mamma ! Vado a dirle di venire qui a par-

lare con lei ! Sarà felice di sentire queste parole dalla sua bocca ! Grazie,

don Angelo ! (Lo bacia e scappa via)

… Lele, no … aspetta …! Io … (arrendendosi all’evidenza) La frittata è

fatta !

(Ha seguito partecipando mimicamente all’evolversi della discussione. An-

che lui appare commosso) Quannu iu sugnu granni e addimentu papà … mi

piacissi aviri un figghiu comu Leluzzu !

(Sorride. Quindi …) Senti un po’ Fifì, tu conosci il padre di Lele ? Che tipo

è ?

È un tipu un pocu camurriuseddu …! Però’ na vota unn’era accussì. Iu ci

pensu. Quannu era nicu ali voti iucavamu ‘nsemmula. Po’ iu a stari a natra

banna e stesi assa’ senza virilu … Ora ogni tantu lu viu …Ogni tantu, picchì

spissu sentu diri che parti. Manca cincu … sei misi, e po’ torna … Forsi sof-

fri lu cavuru, il caldo va’ … Picchì sentu diri chi si nni va a lu friscu. Bo !?

Ah, va al fresco …! Ho capito.

Pero’ unn’è veru chi ‘cca fa cavuru … Non ci deve credere … Ccà semu

sollevati … Tuttu al più po’ essiri qualche giorno ogni tanto di sciloccu …

Ma si po’ resistiri … Forsi iddu è chiu’ delicatu ! Bo ! ?

(Rientrando)  (È un po’ bagnato) Sia fatta la volontà di Dio !

Patri paracu, chi fa si vagna’ ? ! Ci lu dicia chi chiuvia !


15

D. FELICE         (Ironico) Siddu c’eranu dui o tri nuvoli, eranu assai ! Ma di quannu misi

peri fora un m’hannu lassatu chiu’ ! Il tempo chi trasivi ni lu ziu Vicinzinu

… giustu ci parsi aspittarimi ! A lu ritornu, m’aiusu l’occhi … ancora

appressu di mia. Quannu era quasi arrivatu, giustu ci parsi farimi vagnari !

Accussì, pi sciampagneria !

FIFÌ                     E lu ziu Vicinzinu l’aspittà Patri paracu ? O si fici truvari mortu ?

D. FELICE         Na mala parti di chissa lu ziu Vicinzinu non mi l’avissi fattu mai ! Quannu ti partisti pi veniri a chiamari a mia … si ripigghià ! Lu ivi a truvari a menzu lettu chi fumava la pipa ! E lu bellu chi quannu vitti a mia s’arrabbià ! Vulia soddisfazione ! Lu pigghiau come un segno di malaggurio ! E inveci di da-ricci l’estrema unzioni, avi di tannu chi cercu di cummincilu chi era di pas-saggiu e trasivi … Accussì, pi farici na visita ! Centodue anni ! E qua novità ce ne sono ? Fifi ? … Don … don Angelo ?

FIFÌ                     Avia passatu Lele. Vulia aiutu a risolveri un problema. Parrà cu don Ange-

lo. Don Angelo, ci lu dicissi lei …

STEFANO             Ecco, più che altro mi ha parlato dei suoi guai familiari …

D. FELICE         Povero Lele, con quel padre sciagurato che si ritrova …!

STEFANO             Suo … suo padre è veramente un poco di buono ?

D. FELICE         Mi sembra una definizione abbastanza benevola per una persona che passa

la maggior parte del suo tempo in carcere ! Però, pensandoci bene … forse

il carcere gli ha giovato … Avrà conosciuto là dentro dei galantuomini e si

sarà riveduto su certe cose … (Ostentando convinzione) Sì, sì … ultima-

mente ho notato qualcosa di diverso in lui …! È vero Fifi ? !

FIFÌ                     Sì, sì … Veru è ! Si cancià la machina !

D. FELICE         (Ironico) Ecco ! … Grazie Fifi ! Meno male che ci sei tu, sempre pronto a

cogliere le sfumature !

(Suonano alla porta)

(In ansia) Sì, un momento …! Don Angelo, per favore, haiu l’impressioni

che sarebbe più opportuno che vi nascondiate … (A Fifì che è rimasto un

po’ perplesso alle parole di don Felice) No Fifì, vedi che è … lu fattu è per

non sciupare la sorpresa a quelli che poi vennu a la novena ! Capito ! ?

FIFÌ                     (Convinto) Giustu ! Giustu ! Ci amu a fari na bella sorpresa a tutti ! Ammuc-


ciativi don Angelo !


D.FELICE FIFI’

DON FELICE FIFI

DON FELICE


16

(Mentre accompagna Stefano nella stanzetta adiacente) Fifì, viri cu è….!

(Va ad aprire. Rivolto verso l’esterno) …Sé… sé… prontu sugnu iu…( Scom-pare per qualche istante ) Tempu chi ci lu và dicu a me matri e ni nni putemuiri…! Vabbe’ , ni juncemu dintra di mia…! ( Rientra )

Cu era, Fifì…?

Eranu la signorina Lucia e la signorina Daniela…Iu mi nni vaiu cu iddi… Vossia , versu chi ura veni…?

(Perplesso, non ricordando ) Versu chi ura … vegnu…?! Dunni … dunnie’ veniri…?


FIFI                     Comu veni a essiri “dunni e’ veniri “ …?! ‘Un ci pensa cchiu’… patri parracu…!?


D.FELICE

FIFÌ

DON FELICE

FIFÌ

D.FELICE

FIFÌ

D.FELICE

FIFÌ

D.FELICE

FIFÌ

D.FELICE

FIFÌ

D.FELICE


(sempre più perplesso ) … ‘ Un ci pensu cchiù a soccu, Fifì ? (affettuoso) Allura veru è chi va addivintannu vicchiareddu!

(ironico) Fifì, tu chi si’ cchiu’ nicu di to cucinu Larenzu, e la menti l’ha’bedda frisca…mi lu vo’ diri , pi fauri , dunni avissi a veniri…?

..’Sta jurnata c’è l’incontru a la Chiesa Granni di tutti li gruppi parrocchiali… L’incontru chi si fa ogni misi…!

(sconsolato ) … L’ incontru chi si fa ogni misi…! Veru è…!Allura chi fa’ …ni juncemu ddà ?

Senti a mia Fifì…fammi un fauri…Dicci chi pi ‘sta vota ‘un pozzu veniri…!

Chi fa, nun si senti bonu patri paracu?

(non sa cosa dire ) …Non lo so…mi sentu un pocu…

(imitandolo )… Un pocu… Lu capivu !...Passu di lu dutturi e ci dicu chi civeni a fa’ na visitedda…!

(Cambiando atteggiamento) E chi bisognu c’è di dutturi…! Iu ti vulia ririchi mi sentu… un pocu…un pocu ….’nchiffaratu! Ecco, haiu troppu cosi di fari… ‘Un mi pozzu alluntanari…! ( Gli viene l’idea vincente )…Fifì, nun mi pozzu moviri di ccà ! Tu lu sa chi c’è Don Vincinzinu…

...Centodue anni!

Propriamenti…! Fifì, chiddu parsi chi si ripigghià…ma non è chi po’ durari assa’ …! Da un momento all’altro viri curriri caccherunu a circarimi…Ed è dovere di un parroco stare vicino al fratello più bisognoso….! Fifì, chiddu


17


FIFÌ

D.FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE


potrabbe lasciarci da un momento all’altro…! ( per essere più convincente )

…Mi ricordu ancora la bonarma di lu zu’ Giuvanninu…! Avia na simana

chi nun Parrava…Chiamà a so figghiu a lu capezzali e ci dissi…” Haiu di-

siu di …maccarruna…e pi secunnu…” ( mima il segno della morte con l’in-

dice e il medio ) …Fifì, ‘un fici a tempu a urdinari lu secunnu…! E accussì

sarà puru pi lu Zu’ Vicinzinu…! Ti lu dissi, potrebbe lasciarci da un mo-

mento all’altro…!

Vabbè, allura iu mi nni vaiu…

Senti a mia, Fifì…Ma pi forza ci ha’ ghiri…?

Se, patri paracu, li picciotti m’aspettanu …! E po’ me matri mi priparà tutti

cosi…! ( si avvia )

Fifì…! Sta’ attentu, mi raccumannu, senza diri a nuddu chi arrivà Don An-

cilu !

Tranquillo, tranquillo. ( sta per uscire, si ferma ) …Ah, patri paracu …! Si

lu Zu Vicinzinu n’ avissi a lassari amentri chi un ci sugnu…’ossa mi lu sa-

luta!

( Accennando un tenero sorriso) …Resterai servito.


Fifì è ormai fuori. Don Felice, rimasto solo, guarda verso la porta dove c’è Ste-

fano. La sua espressione diventa sempre più intensa. Si sentono le note del tema musi-

cale. Dopo qualche istante cominciano a sfumare le luci fino a spegnersi. Quando si riac-

cendono la scena è vuota. Poco dopo compare in scena don Felice con una piccola caf-

fettiera e una tazzina, il tutto su di un piccolo e modesto vassoio ; don Felice entra nella

stanzetta dove si trova Stefano. Ne riesce poco dopo. Guarda verso quella stanzetta ; la

sua espressione tradisce il tormento che regna dentro al suo cuore. Sfumano le note del

tema musicale.

Si sente bussare. Don Felice apre la porta.


FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE


(Entrando) Buongiorno Don Felice.

Buongiorno Fifì.

Patri paracu, aeri fu troppu bellu. Peccatu chi un ci potti veniri. Prima ci fu

la missa, po’ la parrata e po’ ni misimu a cantari e fari tanti giochetti. Mih, fu

troppu bellu veru ! E don Ancilu come sta, chi fa ?

Don … don Ancilu è ddà dintra … Si sta priparannu pi la novena … Si sta

ripassannu la vita di lu Santu !

Lu disturbu un minutu sulu pi salutallu. (Entra nella stanzetta) (Suonano

alla porta)

Arrivo … arrivo … (Apre la porta)


18


BRIGADIERE

D.FELICE

BRIGADIERE

D.FELICE

FIFÌ

D.FELICE

FIFÌ

D.FELICE

BRIGADIERE

D.FELICE

FIFÌ

BRIGADIERE

D.FELICE

FIFÌ

D.FELICE

BRIGADIERE

D.FELICE

FIFÌ

D.FELICE


(Entrando) Si puo’ ?

Avanti, avanti !

(È in divisa) Buongiorno al nostro caro don Felice !

(Sulle spine) Ca … carissimo brigadiere ! Come va ? Come stiamo ? (Nel frattempo Fifì è rientrato) Che piacere rivederla ! (Il suo tono è esagerato) Proprio antura facia tra di mia “quant’avi chi un viu a lu brigadieri” ! Veru, veru … Iu puru lu ‘ntisi !

(Sempre più confuso ; guardando in malo modo Fifì) … E tra me e me fa-cia … “forsi arristà siddiatu l’atra vota picchì a la briscula un ci fici vinciri mancu na partita” ! (Ha detto questo nel tentativo di fare dello spirito, per allentare la tensione)

(Convinto) Veru è ! Iu puru lu ‘ntisi !

(Sempre in ansia ; teso) Brigadiere, in cosa posso servirvi ? Sono a vostradisposizione !

(Meravigliato dal tono di D. Felice) Caro don Felice, vi trovo più frizzantedel solito. Bene, me ne compiaccio ! Dunque, sono qui per due motivi ; uno personale e l’altro di servizio. Cominciamo con il motivo personale. Sono a sua completa disposizione, dica …!

(Convinto) Parrassi, parrassi brigadiere … Siamo a sua completa disposi-zione !

(Sorride) E allora, come lei sa caro don Felice, mia figlia ha avuto un belbambino …

Come no ! ? Le ho fatto visita ! Brigadiere … spiccicato ! È tutto lei ! (Tentando di fare ancora dello spirito) Quannu lu vitti dissi tra di mia :“Ma chi ci fa lu brigadieri ni la culla !”

(C.S.) Veru è ! Iu puru lu ‘ntisi ! (Il brigadiere e don Felice ormai sorrido-no alle parole di Fifì)

Caro brigadiere, ha un nipotino che è veramente un amore ! Tutto lei !

Lei mi lusinga !

Stessi capelli, stessa fronte, stesso mento ! Stessi … (Indica gli occhi cer-

cando il consenso di Fifì)

(Distratto) … Occhiali !

(Guardando Fifì in malo modo) … Occhi, stessi occhi !


19


BRIGADIERE

D.FELICE

BRIGADIERE

D.FELICE

BRIGADIERE

D.FELICE

BRIGADIERE

D.FELICE

FIFÌ

D.FELICE

FIFÌ

D.FELICE

FIFÌ

D.FELICE

BRIGADIERE

D.FELICE

BRIGADIERE


(Con un pizzico di delusione) Gli occhi … gli occhi sono di un altro colo-re !

(Convinto) Ma quelli poi cambiano ! Garantito !

(Sorridendo) Be’, comunque … anche se dovessero restare così, va bene lostesso. Dunque, don Felice, le stavo dicendo… io, mia figlia, mio genero… insomma, tutti noi, avremmo il piacere che il bambino fosse battezzato nella sua chiesa, visto il rapporto che ci lega …

Caro brigadiere, saro’ veramente onorato di tenere a battesimo la creatura di due giovani che ho sempre amato e stimato, nonché il nipote di una colonna delle forze armate !

Troppo buono, troppo buono ! Be’, andiamo adesso al motivo di servizio. Non so se avete letto la notizia che stamattina riportava il giornale … (Prontamente) No, quella notizia non l’ho letta !

(Sorpreso) Scusate, voi di quale notizia state parlando ? Io mi riferisco allanotizia relativa alla evasione di un pericoloso detenuto dal carcere di massi-ma sicurezza …

Ecco, proprio questa notizia … non l’ho letta ! Di che si tratta ?

Si tratta di chiddu pericolosu chi scappà di lu carceri ! Di chiddu chi ha am-mazzatu du’ cristiani e menzu ! Un ci pensa ? ! C’è puru la fotografia ‘nta lu giornali ! ?

(Imbarazzatissimo) Senti Fifì …

Dicinu chi è un tipu troppu pericolosu ! Spara ! Tà-tà-tà … Fifì, attentami …

(Sempre più eccitato) Mi’, si lu ‘ncontru … Tà-tà-tà … ci sparu e ci fazzuviriri a chissu !

(Spazientito) Fifì ! Pi fauri ! Eh ! Ci spari tu ! Quantu e ghica e ci spari tu !E il brigadiere chi fa ccà, sintemu ! ? Chi è la legge qua ? ! (È ormai nel pallone. Rivolto a Fifì che ha le dita che mimano la pistola) Fifì, posa quel-la pistola ! È un ordine !

(Sconcertato) Vabbe’, dai … non è il caso di … (C.S.) No ! Lui non spara proprio a nessuno !

(Disorientato) Certo che non spara proprio a nessuno. Lui voleva solo … (A Fifì, tanto per assecondare don Felice) Dai Fifì, metti da parte quella pi-


20


FIFÌ

D.FELICE

BRIGADIERE

D.FELICE

BRIGADIERE

D.FELICE

BRIGADIERE

D.FELICE

BRIGADIERE

D.FELICE

BRIGADIERE

FIFÌ

STEFANO

BRIGADIERE


stola !

(Sorpreso dall’accaduto) Vabbe’, iu la mettu da parti … Pero’ iu un vuliasparari propriu a nuddu ! (Pausa. Agitando le dita a mo’ di pistola) Chista è scarica, patri paracu !

(Calmatosi un po’) Scusatemi, io quando vedo certi atteggiamenti violenti,mi … mi … mi … ! E non aggiungo altro !

(Cercando di riportare tutto su un binario più logico) E allora, scusate …ritorniamo a noi. Ecco, dicevo, sembra che un pericoloso evaso si trovi nella nostra zona. Se qualcuno avesse sue notizie è pregato di metterle a disposi-zione della forza pubblica. Comunque, ve l’ho detto più che altro per scru-polo, per dovere, che per altro. Sono sicuro che quell’uomo a quest’ora si trova in un altro continente. Altro che qui.

(Tirando un sospiro di sollievo) Eh, voi avete fiuto caro Brigadiere ! Avetenaso in queste cose !

Più che altro esperienza. Figuratevi se un evaso si ferma a pochi chilometri dal luogo dell’evasione !

E poi mi dite che esagero quando vi dico che siete una colonna dell’arma ! Peccato pero’ ! Sì, in un certo senso è un peccato che non sia da queste parti

…Pensate che ci sono cinquanta milioni di ricompensa per chi saprà fornire notizie utili alla sua cattura !

Cinquan … cinquanta milioni ! ?

Eh sì ! Si tratta di un individuo assai pericoloso ! Don Felice, quello sarebbe capace di sparare pure a un prete !

Ah, si … si tratta di un individuo assai pericolo … (Si sente venire meno) Che succede, don Felice ? Dai, non vi impressionate ! Quello per ora, come minimo, sarà al polo nord ! Lasciatevi pregare ! (Don Felice è ormai quasi svenuto) Don Felice, dai … respirate profondamente …! Fifì, per favore …chiama qualcuno ! Non sapevo che eravate un tipo impressionista !

(Verso la stanzetta) Don Ancilu ! Don Ancilu, vinissi ccà, lu patri paracusta mali ! Vinissi ccà, ci dassi la so’ parola d’onori ! Don Ancilu, pi fauri ! (Entrando in scena) Che … che succede ? (Cercherà sempre di evitare di mostrare il viso al brigadiere)

Si è sentito male all’improvviso. Forse è rimasto impressionato dalle mie


21


STEFANO

FIFÌ

BRIGADIERE

STEFANO

D.FELICE

STEFANO

D.FELICE

BRIGADIERE

D.FELICE

FIFÌ

FIFÌ

D.FELICE

BRIGADIERE

D.FELICE

BRIGADIERE

STEFANO

D.FELICE

BRIGADIERE

STEFANO BRIGADIERE

D.FELICE

BRIGADIERE

D.FELICE


parole !

Facciamogli un po’ d’aria. Don Felice, come vi sentite ?

Murì, murì lu patri paracu ! Stavota veru murì !

Dai Fifì, prendi un po’ d’acqua fresca ! (Segue Fifì, che si avvia)

Dai, don Felice, rilassatevi … Non vi preoccupate, non è niente … Non suc-cederà niente !

…Non … non succederà niente … ? ! (C.S.)… Parola d’onore …!

(Manifesta evidenti segni di ripresa) Speriamu !

(Riavvicinandosi) Don Felice, su ! Ci avete fatto spaventare ! Come vi senti-te ?

…Meglio … meglio … Mi sento meglio.

(Rientrando con un bicchiere d’acqua, lo porge a don Felice) Ccà … ccà,vivissi patri paracu !

Patri paracu, non è chi avissi a moriri prima di lu ziu Vicinzinu !

Veramenti iu, un ci la vulissi fari sta mala parti !

(Fissando Stefano) Scusate, ma voi siete … sicuro, voi siete … No, certa-mente non mi sbaglio, voi siete …

(Si sente di nuovo venire meno) Ivì, mi sentu arrè tintu …! (Con tono pero’ basso, tale da non essere sentito dagli altri)

Ma sì ! Siete il predicatore della novena del Santo ! Molto lieto, io sono il

brigadiere Li Calzi Giovanni.

Lieto di conoscerla.

(Tirando un sospiro di sollievo) Quando si dice “l’occhio avvezzo a ricono-scere persone e cose” !

Che volete, si vede subito che non è un sacerdote delle nostre parti ! Scusa-te, don …

… Angelo … Don Angelo …

Bel nome ! Scusate, don Angelo, da dove venite ?

(Sulle spine, prontamente) Da lontano ! Don Angelo viene da un paesemolto lontano !

Siete di un paese del nord ?

(C.S.) Più lontano ! Più lontano ancora !


22


STEFANO

BRIGADIERE

D.FELICE

BRIGADIERE

D.FELICE

BRIGADIERE TUTTI

D.FELICE

FIFÌ

RITA

D.FELICE

RITA

STEFANO

RITA

STEFANO

RITA

STEFANO


Il nome del mio paese non vi direbbe nulla. È un paesino sperduto tra i monti. Diciamo che negli ultimi anni sono comunque stato impegnato per lo più quaggiu’, da queste parti.

Neanche io sono di queste parti. Ma devo dire che mi ci trovo bene … An-che se a volte, così magari senza un motivo, a volte dicevo … mi verrebbe voglia di scappare via ! Non so se mi capite.

Vi capisce, vi capisce ! A tutti a volte viene voglia di scappare … È una cosa naturale ! (Suda freddo) Non c’è niente di male ! Se uno a volte ha vo-glia di scappare, bisogna capirlo ! Veramente ! (Si accalora) Io non li con-danno a questi che vogliono scappare ! Capita ! Non è che uno può stare tanti anni sempre nello stesso posto ! E no, a lungo andare stanca !

(Un po’ sorpreso dalla strano atteggiamento di don Felice) E vabbe’, don Fe-lice… abbiamo capito che siete d’accordo con chi ha voglia di evadere un po’! Be’, si è fatto proprio tardi, devo tornare in caserma. Don Angelo piacere di averla conosciuta ! Ci vediamo. Quest’anno ho l’impressione che parteciperò’ assiduamente alla novena. Lei mi è simpatico. Arrivederci, don Felice. Per il battesimo, ci risentiamo.

Non c’è fretta, non c’è fretta. C’è tempu. E poi io non me lo scordo. Tranquil-lo.

Sempre molto gentile. Buongiorno a tutti. Ciao, Fifì.

Buongiorno brigadiere … Arrivederci brigadiere …

(Rassegnato) E adesso anche le forze dell’ordine sanno che quest’anno lanovena sarà predicata da don Angelo ! Mi’, ch’è bellu !

(Entrando) Scusate …

Prego, prego … si accomodi … (Rassegnato)

Buongiorno … Lei è don Angelo, vero ?

Si … sono proprio io …

(Tono dolce, dimesso, ricco però di umanità) Io sono Rita, la mamma diLele

Ah, molto lieto …! Piacere di conoscerla … Lele mi ha parlato di lei con molto entusiasmo … … I bambini sono sempre molto generosi …


23


RITA

STEFANO

RITA

D. FELICE

RITA

STEFANO

RITA

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

RITA

STEFANO

RITA

STEFANO

RITA


Don Angelo, mi perdoni, potrei parlare un attimo con lei … ?

(Imbarazzato) … Penso … penso di sì … Dica, dica pure …

(Guardando gli altri due) … Veramente io, vorrei parlare …

Senti figliola … don Angelo è stanco del viaggio … Non … non potresti

tornare domani … Tanto don Angelo, non è chi scappa !

(Dolce) Solo un attimo … Don Angelo, per favore …

Be’ … io … per me …

Don Felice, la prego !

(Rassegnato) Fifì, aiutami a sistemari li seggi per la funzione …

No, un si preoccupassi, già li ‘mpustavi stamatina ! Tranquillu !

E allura sistimamu li cannili …

Già fatto, già fatto !

Fifì, semu sicuri chi un c’è chiu’ nenti di priparari ? !

Niente, tutto a posto ! Tranquillo ! Garentito !

(Costernato) Comu dici tu !

(Chiamando mimicamente in disparte don Felice) Amuninni un pocu ddà

dintra, picchì secunnu mia la signura Rita avi bisognu di parrari cu don An-

cilu …

(Rimasto senza parole) … E vabbe’ … (Si avvia con Fifì. Escono)

Lele … le avrà parlato del nostro problema …

Sì … credo di sì …

(Apre il suo cuore. Ha bisogno di sfogarsi) Gianni non era così. No, non

era così. Era una persona meravigliosa. Sensibile, educato. Poi, un giorno

(Con delicatezza) Un giorno …

Gianni lavorava come autista presso una ditta di trasporti. Viaggiava spesso

con un compagno con il quale si davano il cambio quando erano stanchi …

Quella notte la strada era ghiacciata. Il compagno di Gianni voleva che si

fermassero in un’area di servizio, per passarvi la notte. Gianni, però, non

volle ascoltarlo. Gli disse che avrebbe guidato lui. Che secondo lui non c’e-

ra alcun problema. E così continuarono. Erano quasi arrivati a destinazione,

quando ad una curva … perse il controllo del mezzo. Gianni rimase illeso.

Mario, si chiamava così il suo compagno, rimase gravemente ferito. Morì


24


STEFANO

RITA

STEFANO

RITA

GIANNI

RITA

GIANNI

RITA

GIANNI


dopo quindici giorni di atroci sofferenze. In quei quindici giorni Gianni non

si allontanò un attimo dal suo capezzale. Lasciò la moglie e una bambina di

tre anni … Da quel giorno Gianni ha vissuto nel rimorso. A poco a poco si è

lasciato andare. Ha cominciato a bere. È diventato irascibile, manesco …

Ha conosciuto il carcere. No, non è più lui … povero amore mio …!

(Scosso) … Capisco … capisco …

(Con intensità) Don Angelo, cosa posso fare per aiutarlo ad uscire da que-

sto tunnel ? Vi prego, aiutatemi !

Forse io sono la persona meno adatta … perché … perché mi rendo conto

che noi … sacerdoti … possiamo sembrare di parte. Insomma, sembra che

noi dobbiamo sempre dire una parola buona, anche quando non ne siamo

convinti … Ma, io … io sono sicuro che … (La sua espressione va diven-

tando sempre più intensa) Gianni ritroverà se stesso … Ed è forse quando

sembra che il fondo si sia toccato, che si ritrova la forza, misteriosa, di risa-

lire !

Forse le vostre parole, don Angelo, sono le stesse che ho sentito tante volte

… Troppe volte. Ma sono bellissime lo stesso ! Non so, stavolta mi sembra-

no più vere !

(Entra)  (È inquieto, irascibile)  (Alla vista della moglie) Ah, sei qui ! ?

Sempre dietro alle sottane dei preti ! Dietro ai venditori di parole !

Andiamo a casa Gianni… Ti prego, andiamo a casa … I bambini sono soli

…!

E perché li hai lasciati soli, eh ? ! Per venire a sentire le prediche di questo

venditore di carità ? ! Per questo li hai lasciati soli ? ! Su, dimmi cosa ti ha

detto ! ? Dimmelo ! Ti ha detto che sono un mostro, vero ! ? Che sono un

padre degenere ! Che non merito nessuna considerazione e che devi abban-

donarmi al mio destino ! ? Ti ha detto così, vero ? ! (Ora quasi piange)

(Teneramente, come se parlasse ad un bambino) No, amore mio no … Non

mi ha detto niente di tutto ciò … Mi ha detto solo che voleva conoscerti.

(Confuso, disperato) Non voglio conoscere nessuno io, nessuno ! Nessuno

voglio conoscere … Tanto meno un prete ! Che ne sapete voi della vita ?!

Della vita quella dura, cattiva ! Della vita dei marciapiedi, della vita che di-

vora ! Della vita che uccide ! Che ne sapete voi della disperazione nera, più


25

nera di una notte senza luna ! No, voi conoscete solo le parole, le belle paro-

le !

STEFANO

(Con delicatezza) Forse hai ragione Gianni. Forse.

GIANNI

No, non datemi ragione …! Tanto lo so che provate per me solo pietà ! Mi

ascoltate solo per pietà !

STEFANO

Perché dici così ?

GIANNI

Perché è così ! Lo so che è così ! Tutti mi vogliono aiutare, tutti mi com-

prendono, tutti mi tendono la mano … e quando qualche volta io ci sto ca-

scando … ecco che quella mano aperta diventa immediatamente un pugno

chiuso ! Come dire : non facciamo confusione ! Io voglio aiutarti … ma

ognuno al proprio posto ! Anche voi adesso volete aiutarmi, ma nel rispetto

dei ruoli : io il disperato e voi l’angelo buono !

STEFANO

(Sorride amaro) È proprio vero ! Nella vita bisogna essere pronti ad inter-

pretare tutti i ruoli !

RITA

(A Gianni, teneramente)

Su, tesoro, dai … andiamo a casa. I bambini sono

soli.

GIANNI

(Con toni quasi isterici)

No, no … aspetta …! Voglio sentire la predica del-

l’angelo buono ! Dai, sono tutto orecchie !

D. FELICE

(Rientrano in scena richiamati dalle grida di Gianni)

E FIFÌ

GIANNI

(Grida) Sto aspettando !

D. FELICE

Ivi’ beddamatri !

RITA

Andiamo a casa, ti prego !

D. FELICE

Avanti, avanti … tornate a casa … per favore …

FIFÌ

Don Ancilu è stanco, veni di luntanu !

GIANNI

(Sfidando Stefano) Non sapete cosa dire, eh ! ? ! Sapete solo dire belle pa-

role alle donnette ! Poi, voi, dovete avere un particolare riguardo per le don-

ne ! È vero, don Angelo ? ! Voi il vostro tempo lo perdete solo con le don-

ne, è vero ? ! !

STEFANO

(Deciso) Adesso basta !

GIANNI

Guarda, guarda … L’angelo buono sta diventando cattivo ! Ringraziate il

cielo che indossate quella veste nera !

STEFANO

(Con forza) Io questa veste nera me la posso anche togliere …

D. FELICE

No, pi carità ! ! !


26


STEFANO GIANNI STEFANO GIANNI STEFANO RITA FIFÌ


Ma tu quel cervello dalla testa hai grandi difficoltà a toglierlo ! E adesso

ascoltami bene ! La vita ci riserva a volte delle brutte sorprese … E andia-

mo giù ! Ma proprio giù … senza neanche pudore, senza più neanche digni-

tà ! Ma viene un momento in cui bisogna fermarsi, e risalire !

Risalire ! ? ! Come ? ? ! E poi perché … per cosa ? ? !

Per chi ! ! ! … Per loro Gianni ! Per lei, per Lele, per quei bambini che vo-

gliono un vero padre ! Per loro !

(Si copre il viso con le mani e piange disperatamente)

(Scuotendolo con forza) Basta Gianni ! Basta ! È giunto il momento di dire

basta ! … E ascolta bene un’altra cosa : io e Lele adesso siamo amici …

Non ti azzardare più a sfiorarlo !

(A Gianni che ora appare più sereno. Evidentemente le parole di don Ange-

lo gli hanno fatto bene) Andiamo, dai … i … i bambini ci aspettano. (Si

avviano) Arrivederci … Arrivederci don Angelo, scusate … (Rita prende

lei Gianni a “braccetto” ed escono)  (Stefano, don Felice e Fifì li guarda-

no in silenzio)

E bravu don Ancilu ! E viva don Ancilu !


FINE PRIMO ATTO


27


SECONDO


ATTO


La scena è la stessa del primo atto


D. FELICE STEFANO D. FELICE STEFANO D. FELICE STEFANO D. FELICE STEFANO D. FELICE


(Guarda verso fuori dalla finestra)

(Entra, proveniente dalla stanzetta adiacente, non visto da don Felice) …

Avete … avete sentito la radio, stamattina ?

Sì … sì, l’ho sentita.

Secondo la polizia, io sarei ormai lontano da qui …

Sì, sembra proprio così …

Hanno messo sottosopra tutta la zona, ma qui non sono neppure entrati …

… Già …

Vuol dire che non sospettano minimamente che in questo luogo possa esser-

ci … un assassino …

(Il suo atteggiamento nei confronti di Stefano appare ora diverso. Comincia

a nutrire verso di lui quasi sentimenti di stima e di affetto ; insomma vede

barcollare molti dei suoi preconcetti) … È strano, sapete … Voglio dire …

non avrei mai immaginato di trovarmi faccia a faccia con un … un … come

dite voi … un assassino …! Io ho sempre pensato che un assassino lo si ri-

conoscesse a diverse miglia di distanza … che ce lo avesse scritto in faccia


…il male che ha fatto …!

STEFANO… E invece … ?

D. FELICE     E invece mi ritrovo davanti voi !

STEFANO… Non capisco …

D. FELICE(Con intensità)Ma sì, sì …! Mi ritrovo davanti voi … Voi che avete unafaccia così pulita … Voi che sapete fare il prete meglio di me ! Voi che in pochi giorni mi avete insegnato quanto io in anni e anni non avevo capito ! E voi vi ostinate sempre a ripetermi che siete un assassino ! Perché, perché dite sempre così ? ! (È disperato) Io … io non ci credo ! Non ci credo no, è tutto un bluff ! Vi siete preso gioco di me ! Voi non siete un assassino ! Sie-te don Angelo !

STEFANO(Toccato dalle parole di don Felice, risponde con l’intensità di chi si prepa-ra ad aprire il proprio cuore, come per alleggerirlo, almeno in parte, del-l’angoscia che da tempo lo riempie) No vecchio mio, no …! Io non sonodon Angelo …! Dio solo sa cosa non farei perché le vostre parole diventas-


28

sero realtà ! Ma io … sono io ! Voi state parlando solamente ad un uomo che si è macchiato del più orrendo dei delitti !

D. FELICE         (C.S.) Non è vero !

STEFANO             (Con intensità crescente) È vero, è vero vi dico ! Io ho ucciso ! Le miemani hanno tolto la vita ! Hanno distrutto famiglie !

D. FELICE         (Sempre più disperato) Ma perché, perché l’avete fatto ! ? Su, dai … inven-tatevi pure il perché !

STEFANO             No, non ho bisogno di inventarla quella tremenda storia … Essa è ancora qui … Qui che brucia nella mia mente … Qui, che mi fa impazzire di rimor-so ! (Si calma. Sente il bisogno di aprire totalmente il suo cuore) … Ascol-tatemi, ascoltatemi vi prego … Ho bisogno di qualcuno che mi ascolti … per dargli un po’ della mia angoscia … (Pausa. Comincia il suo racconto liberatorio) … Non ho mai conosciuto mio padre … Scappo’ con un’altradonna quando io avevo ancora sei mesi di vita … Non ha più sentito il biso-gno di farsi vivo … Mia, mia madre … mi ha tirato su contando solo sulle sue forze … Ed io … (amaro, pentito, disperato) per … per ringraziarla … non ho fatto altro che farla disperare ! … Solo disperare ! Tutti gli amici sbagliati li ho frequentati io …! Volevo sentirmi forte, fare il duro …! Forse dimostrare a me stesso e agli altri che ero un uomo vero … anche senza un padre ! … Quando non resistevo, quando mi sentivo un fallito … quando l’angoscia divorava anche la mia anima … c’era lei … lei a darmi coraggio …! Prima uno spinello … poi l’hascisc … poi l’eroina ! E i soldi non basta-vano mai …! (Musica) Mia madre, poverina, s’è venduta pure l’anima per aiutarmi … per non farmi andare a rubare … Mi teneva chiuso in camera a volte anche giorni … poi non le bastava il cuore a vedermi in quella stato … e mi dava i soldi … supplicandomi che fosse l’ultima volta … L’ultima vol-ta ! (Amaro) Quante volte è stata l’ultima volta ! … La vigilia di Natale si sei anni fa … tornai come sempre a casa all’alba … (Il suo tono manifesta rimpianto e nostalgia, a volte quasi struggenti) Pero’ quella era stata per meuna notte diversa … Avevo conosciuto una ragazza, anche lei disperata come me … ed insieme avevamo giurato di cambiare vita, di dire basta ! … Entrato in casa, mi diressi nella stanza della mamma … Avevo voglia di ab-bracciarla e di piangere tra le sue braccia come un bambino … La chiamai più volte … non rispondeva. Pensai che dormisse … Mi avvicinai … le ac-


29

carezzai il viso … La chiamai ancora … Non … non poteva più sentirmi … Un infarto l’aveva portata via nel sonno ! … Caddi nella disperazione più profonda …! Ed una notte, per procurarmi i soldi per l’eroina, entrai in un piccolo bar di periferia … (Stop musica) Pensavo di trovare solo il proprie-tario che stava ormai per chiudere … Lo minacciai con un coltello e gli inti-mai di consegnarmi l’incasso della giornata… (Man mano il ricordo di quella notte diventa più incisivo, il suo tono e l’espressione manifestano pa-lesemente tutta la sua sofferenza nel rivivere quella tristissima e tragica av-ventura) … Sembrava ormai fatta, quando con un movimento rapido estras-se una pistola dal cassetto … Istintivamente mi lanciai addosso a lui per di-sarmarlo … Ci riuscii … In quello stesso istante entrarono due clienti del bar … Non si erano neppure accorti che avevo una pistola tra le mani … Si lanciarono addosso a me … Non capii più nulla … Istintivamente premetti il grilletto… una, due, tre volte … E scappai via ! Solo qualche ora dopo, ca-pii cosa era successo veramente. Per tentare di impossessarmi di poche lire

…avevo ucciso due persone …e una terza l’avevo ferita gravemente …! Ero ancora incredulo, quando suono’ il campanello di casa … Era bastata qualche ora alla polizia, per risolvere il caso.

D.FELICE     … Sembra quasi … una storia vera …

STEFANO             E sembra quasi una storia finita ! Ma io non voglio che finisca così, non vo-glio sciupare la mia vita senza essere riuscito a dargli almeno un po’ di sen-so !

D. FELICE         … Cosa avete intenzione di fare ?

STEFANO             Non lo so, non lo so neanche io … In carcere ho passato momenti terribili

…Ma un po’ per necessità,. un po’ per scelta … sono ormai anni che non mi drogo più. E più la mia mente diventa lucida, più sento il bisogno di dare un po’ di senso a questa inutile vita mia !

D.FELICE     Be’ … io credo che già siate sulla buona strada …


FIFÌ

STEFANO

D. FELICE


(Entra con un pacco in mano) Patri paracu, ci purtavi la cotta ! Buongiorno

don Ancilu !

Ciao Fifì …

(Per cercare di allontanare Fifì, in modo da poter continuare il discorso

con Stefano) Fifì, fammi lu fauri di mettila ddà dintra.


30


FIFÌ

D. FELICE

STEFANO

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

STEFANO

FIFÌ

D. FELICE

STEFANO

D. FELICE

STEFANO

MARIA

D. FELICE

MARIA

D. FELICE

MARIA

D. FELICE


Va beni. La mettu ‘ncapu la tavula ddà dintra. (Esce con il pacco)

(Continuando il discorso) … Intanto fra tre giorni comincerà la novena del

santo … E capite benissimo che …

Certo … certo …

(Rientra soddisfatto) La cotta è a posto !

(Sempre per allontanarlo) Senti Fifì, ci à ghiri accattarimi lu giornali ?

Bò ? Vossia chi dici, c’è ghiri ?

Comu ? … Ah, sé … iu dicissi di sé.

E allura ci vaiu !

Grazie Fifì.

Torno immediatamenti !

No Fifì ! … Non c’è prescia, va …!

Don Ancilu, tempu chi arrivu e tornu !

(Sorriso dolce) Certo Fifì, certo. Ti aspettiamo.

(Avviandosi quasi di corsa) Staiu vinennu ! (Esce)

Vi stavo dicendo che questa situazione non puo’ durare. Fra tre giorni co-

mincerà la novena e arriverà il vero predicatore.

(Con un velo di malinconia) … Non preoccupatevi … Troveremo una scu-

sa … e andrò via …

(Comincia a capire distintamente che il momento dell’addio sarà per lui un

momento difficile) … E dove andrete ?

… Non lo so … So solo che qui … è un posto dove mi sarebbe piaciuto re-

stare.

(Entra) Buongiorno !

(Seccato per quella entrata indelicata, con tono ironico) Ma picchì un tra-

siti …! Un c’è bisugnu di sunari ! Ccà ormai siti di casa !

(Meravigliata, non cogliendo l’ironia, va a guardare se dietro la porta c’è

qualcuno) … Patri paracu, ci appiru a fari l’aricchi. Un c’è nuddu ! Dunqui,

iu vinni pi la pulizia. Un ghiornu sì, un ghiornu no …

(Continuando) … Oggi è lu iornu sì ! … Accuminciati di ddà dintra.

No, no … mi dispiaci, ma stamatina haiu picca tempu ! Natra vota lu face-

mu ddà dintra !

(Quasi di scatto, senza rendersene conto) E allura un si fa mancu ccà din-


31

tra !

MARIA               (Meravigliata) Comu dicistivu ? !

D. FELICE         O a tutti du’ banni, o nenti !

MARIA               (C.S.) Patri paracu, ma stamatina vi sintiti bonu ? !

D. FELICE         (A sua volta sorpreso) … Pi … picchì, vui chi mi viriti

MARIA        Chissacciu …! Prima vi paria chi tuppuliavanu, ora vuliti fatta ddà stanzi-cedda pi forza … (A don Angelo) Don Angelo, lo vede lei il fatto socchè

…Io ci ho un visita puntata dal dentista, che spesso ho … comu ci avissi a diri … fette forte, ma forte … tipo fettone …! L’altra voltaccia mi ho tirato un’anga, ma secondo me ci appi a restare la radica …! Certi momenti mi vengono fette chi unn’augurassi mancu a don Felice !

D.FELICE     (Sorpreso, disorientato, indispettito)Ma picchì propriu a mia !


MARIA

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

FIFÌ

D. FELICE

MARIA

D. FELICE

MARIA

D. FELICE

MARIA

D. FELICE

MARIA


No, per dire … mancu a vui chi siti pacinziusu ! Mancu vui vi firassivu a

suppurtalli !

Vabbe’, comu diciti vui !

(Rientra di corsa. Va sedere su una sedia e cerca di riprendere fiato)

Fifì, ma tu già ccà si’ ? ! Fifì, santu figghiu, uncà tu veru di cursa ti l’avii a

fari ? !

(È stanchissimo, ma soddisfatto) Un ci stesi veru … veru picca ! ?

… E lu giornali,Fifì ?

(Dandosi un colpo in fronte) Ivi’, lu giornali ddà mi scurdavi ! (Si alza e

riparte di scatto. Esce, poi rientra) Staiu vinennu ! (Esce)

(Tenta di fermarlo) No Fifì … aspe’ …! Troppo tardi !

Allura, patri paracu, chi amu ‘a fari ?

(Confuso) Chi amu a fari ?

Ddà dintra unni lu pozzu fari. Vi cuntintati si fazzu sulu ccà dintra ?

(Rassegnato) Faciti soccu vuliti fari ! Chi v’è diri !

Ivi’, ma iddu chi l’avia taliatu lu roggiu ! Mancu ccà pozzu fari ! Paccamo-

ra, lu dentista a mia aspetta !

Unca’ bonu, unni lu faciti aspittari … chi chiddu paccamora capaci chi sta

‘mpinseri !

Mi nni vaiu, mi nni vaiu … Ah, patri paracu … lu sapiti a cu ‘ncuntravi sta-

matina chi facia la pulizia ‘nta un ufficiu di lu stessu palazzu dunni vai a


32

fazzu li pulizii iu ?

D. FELICE         (Ironico) No, veramenti ancora unn’haiu avutu lu tempu di leggiri lu gior-nali, stamatina !

MARIA               Esageratu ! Lu giornali ! Avanti, diciti un nomu … Forza, lu primu chi vi passa pi la menti …

D. FELICE         (Rassegnato) … Isacco !

MARIA               Isacco ? ! Picchi, ‘su Isacco avi ‘mpresa di pulizii ? !

D. FELICE         Mi dumannastivu lu primu nomu chi mi passava per la menti … ?! Isacco ! Mi passa per la mente Isacco ! Chi ci pozzu fari ! ?

MARIA               Vabbe’ … Comunqui unn’era ‘su Isacco … Lu sapiti cu era ?

D. FELICE         (Ironico, spazientito) … Sintiti, signora Maria … non è chi avissimu a faricacchi concorsu pi stabiliri lu nomu di ‘ssu cristianu ? ! Si mi lu vuliti diri, mi lu diciti … diversamenti … pacenza ! Del resto, non si può avere tutto dalla vita !

MARIA               Vabbe’, vi lu dicu iu … Lu signor Gianni ! Lu patri di Lele ! Mi parsi n’ag-guriu a virilu cu la scupa e lu catu tuttu attentu a puliziari ‘ddu’ufficiu ! Mi-schina so’ muggieri quantu ha chianciutu ! Speriamu chi si mittissi arre’ la testa a postu ! Mi parsi veramenti n’agguriu !

STEFANO             (Con interesse) Siete sicura che era proprio lui ?

MARIA               (Sorpresa da quell’interessamento) Ma picchì, lei puru lu canusci ?

STEFANO             (Cercando di correggere il tono precedente) … Don Felice, se non mi sba-glio è quel signore che è venuto l’altro giorno qui, è vero ?

D. FELICE         Sì, si … è proprio lui.

MARIA               Lu capivu, avia vinutu addumannari cacchi carta di milleliri … Mah, speria-mu chi fussi la vota bona chi s’assistimassi ! (Guardando l’orologio) Ivi’, vi’, vi’ … Ma iddu accussì tardu è ? ! Facitiminni iri, pi fauri ! Facitiminni iri !

D. FELICE         (Ironico) Senza fari cerimoni ! Si vuliti stari ! Nuvatri stamu natranticchia !

MARIA               (A Stefano) No, no … lu viri chi è … Ci ho un puntamento puntato col den-tista … Ci ho questa anga che mi fa mali. Ma, mali pero’ !

STEFANO             Si, si … me lo avete detto.

MARIA               Ah, già veru ! A propositu, per le fette in bocca … Nenti putiti fari ?

STEFANO             Be’ … per i denti … non saprei …


33

D. FELICE

… Ddu poviru dentista paccamora appi a telefonari a li carabineri !

MARIA

Mi nni vaiu, mi nni vaiu ! Patri paracu, dumani passu pi la pulizia. Arrive-

derci … Buongiorno don Angelo ! (Si avvia, guardando l’orologio) Chi si

fici tardu ! Chi si fici tardu ! (Esce)

D. FELICE

Finalmente ! (Pausa)

Avete sentito quello che ha detto la signora Maria ?

Sono anni che cerco di convincere Gianni a rimettersi a lavoro, a riprendere

una vita normale, onesta … E non ci sono mai riuscito. Voi in pochi minuti

avete compiuto il miracolo ! (Sincero) … Grazie per la lezione che mi ave-

te dato !

STEFANO

Io ho cercato solo di dirgli quello che sentivo.

D. FELICE

E per questo vi ringrazio. Tante volte facciamo una gran fatica a trovare le

parole giuste …Cerchiamo di abbellire i nostri discorsi, di renderli più effi-

caci … E non ci accorgiamo che, a volte, basterebbe solo aprire il cuore per

trovarvi una grande miniera di parole, di parole vere.

FIFÌ

(Rientrando di corsa)

(Agitando il giornale) Stavota, un mi lu scurdavi !

(Si lascia cadere su una sedia per riprendere fiato)

STEFANO

Bravo Fifì, sei stato velocissimo.

FIFÌ

(Soddisfatto ; mimando con le mani l’acceleratore) Mih, mi la fici tutta ac-

celeratu !

D. FELICE

(Alludendo al fatto che non riescono a restare soli lui e Stefano) Pazienza !

(Pausa) Don Angelo, continueremo dopo il nostro discorso. Anche perché

a quest’ora mi stanno già aspettando di là … Fifì, tu che fai ? Vieni con me

o resti con don Angelo ?

FIFÌ

(Contento) Ccà, ccà … iu restu cu don Ancilu

D. FELICE

(Esce verso l’interno per andare in chiesa) A più tardi.

FIFÌ

Don Ancilu. A mia mi piaci stari cu lei …

STEFANO

Anche a me piace stare con te, caro Fifì. Tanto.

FIFÌ

Mih, fussi veramenti bellu si lei stassi sempri ccà !

STEFANO

E sì, sarebbe bellissimo anche per me ! (Con un velo di tristezza) Ma pre-

sto ci lasceremo, caro Fifì.

FIFÌ

Avi a ghiri a predicari a natra banna ?

STEFANO

Non proprio predicare … Però, devo proprio andare …

FIFÌ

Si un fussi pi lassari sula a me matri … quasi quasi mi piacissi veniri un


34


STEFANO

FIFÌ

STEFANO

FIFÌ

STEFANO

ANNA

STEFANO

ANNA

STEFANO

ANNA

STEFANO

ANNA

STEFANO

ANNA

STEFANO

ANNA

STEFANO

ANNA

STEFANO

FIFÌ

STEFANO

FIFÌ


pocu cu lei …!

No, non ti troveresti bene nel posto dove io devo andare, anzi … devo tor-

nare.

Vabbe’, ma pi ghiricci lei, avi a essiri un postu bellu !

(Gli si arrossano gli occhi) … Pero’, pero’ ti scrivero’ … Fifì

… Don Ancilu, avi l’occhi russi … Chi fa ci abbrucianu ?

No Fifì, no … sta tranquillo, non mi bruciano gli occhi … È solo che i miei

occhi non erano più abituati a vedere tanta luce !

(Entrando) Permesso ?

Entrate … entrate pure …

Buongiorno, don Angelo.

(Sorpreso) Mi … mi conosce ?

In paese tanti ormai la conoscono. Quest’anno la novena sarà particolarmen-

te frequentata.

Lei vuole scherzare !

No, non scherzo affatto … Ah, non mi sono presentata : il mio nome è Anna

… (Tesa, emozionata) Ho bisogno di confessarmi !

(Non avendo compreso) Be’, dovrebbe passare più tardi. Don Felice è im-

pegnato in chiesa.

Lo so …

Penso che non farà tardi.

Don Angelo, io vorrei confessarmi con lei …

(Sorpreso) Con … con me ? !

Sì. Con don Felice non ci riuscirei … Ci conosciamo da così tanto tempo.

Lui mi stima molto e …

(Imbarazzato) Ma, non so … Secondo me è bene confessarsi con il proprio

confessore … Lui … lui conosce meglio le situazioni … Cioè, voglio dire

… può essere più preciso nel darle un consiglio …

(Avendo capito che è meglio togliere il disturbo) Don Angelo, iu staiu vi-

nennu. Vaiu un pocu a la casa e tornu.

(Prontamente) No, no Fifì, aspetta … ho bisogno di te.

(Facendo cenno a don Angelo, come per dirgli che è meglio che vada, che

tolga il disturbo per far confessare Anna) … Torno subito … Compermes-


35


ANNA STEFANO ANNA STEFANO ANNA STEFANO ANNA STEFANO ANNA STEFANO ANNA STEFANO ANNA STEFANO ANNA STEFANO ANNA STEFANO ANNA STEFANO


so. (Esce)

La prego, mi ascolti !

Ecco … io … io … l’ascolto … Ma in quanto a confessarla, mi sembra giu-

sto che lei si confessi con don Felice …

D’accordo. Ma adesso mi ascolti, la prego ! … Io sono la figlia minore del

brigadiere … Lei lo conosce, è stato qui alcuni giorni fa. La mia è una delle

famiglie più conosciute e stimate del paese. Mio padre è qui una autorità.

D’altra … d’altra parte mi sembra anche giusto …

Se lui lo sapesse, mi ucciderebbe !

Addi … addirittura !

Don Angelo, per lui è inammissibile che io … No, non riesco neanche a dir-

lo ! Don Angelo, io …

(Sempre più imbarazzato) Senti … senti, figliola … Se ti viene difficile,

non dirlo … Parlane con don Felice. Lui ti capirà. Ti saprà consigliare … È

un saggio sacerdote, don Felice … Davvero.

No, mi vergognerei ! Lo devo dire a lei. Devo trovare il coraggio di dirlo a

lei !

Non ti sforzare. Se secondo te non è il momento di dirlo … non dirlo.

No, devo dirvelo ! Don Angelo, io … io … (Chiude gli occhi e tutto d’un

fiato) … Ieri sera ho baciato il mio ragazzo sulla bocca !

(Sollevato, si sforza di mantenere un tono serio, per non deluderla) Su …

sulla bocca ! ?

Proprio così ! È successo senza neanche rendermene conto ! È grave, è

vero !?

(Solo per non deluderla) Certo non è una bella cosa … Soprattutto nella tua

posizione … Voglio dire, la figlia di un brigadiere dovrebbe essere più rigi-

da …!

(Disperata) Lo sapevo ! Lo sapevo !

Tuttavia …

(In ansia) Tuttavia ?

Vediamo un po’ … Tu gli vuoi bene a questo ragazzo ?

(Con slancio) Da morire !

E lui ti vuole bene ?


36

ANNA

Sì, dice che sono la cosa più importante della sua vita !

STEFANO

Be’, se le cose stanno così … diciamo che la cosa è un po’ meno grave di

quanto sembrava al primo impatto.

ANNA

È meno grave ? Sul serio ? !

STEFANO

Sì, sì … penso che ci siano, come dire, delle valide attenuanti. Pero’ …

ANNA

Però ?

STEFANO

Eh …! Però bisogna andarci piano a fare le cose di nascosto alle forze del-

l’ordine !

ANNA

(Meravigliata) Alla forze dell’ordine ! ?

STEFANO

… Soprattutto ai brigadieri !

ANNA

Dice ? !

STEFANO

Eh sì ! … Ecco, come regola … diciamo che bisogna sempre fare le cose

che si farebbero se fossero presenti le forze dell’ordine !

ANNA

… I brigadieri ! ?

STEFANO

Soprattutto ! … Tuttavia, penso che anche i brigadieri perdonerebbero un

bacio dato con affetto …!

ANNA

… Anche … anche in bocca ? !

STEFANO

(Finge di tentennare un po’) … E vabbe’, anche in bocca.

ANNA

E allora, mi posso considerare assolta, o … o devo ancora confessarmi con

don Felice ?

STEFANO

Be’, visto che il pentimento è sincero … e soprattutto che le intenzioni era-

no buone, mi assumo io la responsabilità di assolverti.

ANNA

(Sollevata) Oh, grazie ! (Fa il segno della croce) E come penitenza ?

STEFANO

(Non comprendendo) Come … penitenza ? !

ANNA

Cosa, cosa devo dire ?

STEFANO

Cosa … vuoi dire ?

ANNA

Quanti Padre Nostro e quante Ave Marie ?

STEFANO

Ah, sì ! Dirai tre Padre Nostri e Tre Ave Marie, e … soprattutto d’ora in poi

comunicherai alle forze dell’ordine i tuoi spostamenti. Magari i più impor-

tanti.

ANNA

(Ha capito, sorride)

… Magari al primo brigadiere che mi viene a portata

di mano !

STEFANO

(Sorride anch’egli)

Ottima idea !


37


ANNA

STEFANO

ANNA

STEFANO

LELE

STEFANO

LELE

LUCIA

STEFANO

LELE

STEFANO

LELE

STEFANO

LUCIA

STEFANO

LUCIA


Lo faro’ senz’altro ! (Porge la mano) Arrivederci don Angelo, e grazie !

Ciao Anna, (Accarezzandole i capelli) Sii felice !

(Esce) Musica

(Rimasto solo, cominciano a sentirsi le note di un tema musicale piuttosto

malinconico. Si attenuano le luci. Stefano rimane illuminato da un faro.

Estrae dalla tasca una foto. È quella della madre. Con commozione) …

Hai … hai visto madre mia … Sono riuscito a far sorridere qualcuno … Sei

… sei contenta di me ? … Aiutami, madre mia … Aiutami …! So che qui

non posso restare … ma non so … non so cosa devo fare …! Ti prego … tu

… tu … mi hai sempre indicato la strada giusta … Anche se … anche se io

…! Indicami la strada ! Aiutami a trovare ancora un senso alla mia vita ! Ti

prego, angelo mio !  (Stop musica)

(Entrando) Permesso ? (Lo segue Lucia)

(Come svegliandosi da un sogno) Lele, sei tu ? !

Buongiorno, don Angelo. (Presentando Lucia) Lei è Lucia, la mia maestra

di catechismo.

Lieta di conoscerla. Lele mi ha parlato tanto di lei.

(Manifesta un pizzico di imbarazzo) Il … piacere è tutto … mio. Allora

Lele, come va ? Sono contento di vederti, sai.

Bene, va proprio bene …! Mamma e papà sono al lavoro. Tutt’e due, insie-

me ! E io sono tanto felice !

Anch’io, Lele !

Non è un gran lavoro … Fanno la pulizia in alcuni uffici, ma hanno già mol-

te richieste ! Perché sono proprio in gamba, sa ! ? (I suoi occhi brillano)

Insieme sono una forza della natura !

Ne sono convinto.

Don Angelo, desideravo chiederle un parere su di una iniziativa che vorrei

proporre ai ragazzi del catechismo … Be’, a dire la verità, lo spunto me lo

ha dato, come spesso accade, il nostro Lele. (Dicendo questo scompiglia a

Lele i capelli in modo affettuoso)

Dica, dica pure … Se posso essere utile …

Stamattina il giornale porta un articolo che parla di una madre disperata che

cerca aiuto per salvare il proprio figlio. Le racconto brevemente la storia.


38


LELE

LUCIA

STEFANO LELE

LUCIA STEFANO

LUCIA

LELE

STEFANO

LELE E LUCIA


Dunque, questo ragazzo, che oggi ha vent’anni, si trovava sei anni fa in compagnia del padre … Stavano tornando a casa da un festa, quando, passa-ti davanti ad un bar, si sono fermati perché il padre voleva comprare le siga-rette. Scese anche il ragazzo per fargli compagnia. Appena dentro al bar, si accorsero che il proprietario del bar, che tra l’altro era un loro vecchio ami-co, era vittima di un’aggressione a scopo di rapina … Istintivamente si lan-ciarono per aiutarlo. Il ladro, però, aveva tra le mani una pistola e vedendosi in difficoltà non esitò ad esplodere alcuni colpi. Il proprietario del bar e il padre del ragazzo morirono sul colpo. Il ragazzo rimase gravemente ferito. Da allora ha lottato disperatamente per ritornare ad una vita, se non norma-le, almeno … più vivibile, più autonoma. Ha già subito diversi interventi chirurgici e la madre si è venduta tutto quello che aveva, la casa, un pezzo di terreno, per procurargli le cure di cui aveva bisogno. Ora sembra che il peggio sia passato, ma ci vogliono almeno altri quaranta milioni per un nuo-vo intervento, che tra l’altro dovrebbe essere quello risolutivo.

(Con slancio) … Ecco, noi vorremmo proporre a tutti i ragazzi del catechi-smo di fare una raccolta, insomma di mettere da parte i nostri risparmi e mandarli a questa povera madre disperata.

(Facendo un’amara considerazione) Tra l’altro il giornale diceva che lapersona che ha sparato quella notte, da alcuni giorni è evasa dal carcere …! Be’, cosa ne pensa don Angelo ?

(È rimasto impietrito) … Co … come ?

Non pensa sia il caso che facciamo qualcosa per aiutare questo povero ra-gazzo sfortunato ?

Forse sarà poco, ma penso che abbiamo almeno il dovere di provarci. (Sempre rigido) … Certamente … mi sembra una cosa molto … molto bel-la …

Grazie don Angelo …! Coraggio Lele, andiamo di sopra a parlarne con i compagni. E se sarà il caso, vedremo di coinvolgere anche gli scout e altri gruppi. Faremo una grande raccolta !

(Felice) Certo ! Arrivederci don Angelo … Tornerò presto a trovarla ! (C.S.) … Arrivederci …

(Escono per la porta interna, come per andare nell’aula del catechismo)


39


STEFANO

FIFÌ

STEFANO

FIFÌ

STEFANO

FIFÌ

STEFANO

FIFÌ


(Prende il giornale, lo sfoglia. Trova la notizia. La legge mentalmente,

mentre la musica di un’organo sottolinea la drammaticità del momento)

Stop musica

(Entra) ‘Un stassi ‘mpinseru chi ccà sugnu, don Ancilu !

(Quasi sorpreso) Fifì !

Don Ancilu, si l’accetta, ci purtavi un regalinu. (Apre un involto, esce delle

scarpe da notte di lana) … Li fici me matri cu li so’ manu … Iu nn’haiu un

paru li stessi ! Ci piacinu ?

(E rigidissimo. Ha accumulato una tensione enorme)

(non comprendendo) … Don Ancilu, ci piacinu ?

(Fissa Fifì come se cercasse in lui un disperato aiuto. Grande tensione, poi

…) Fifì ! … Fifì ! (Abbraccia Fifì disperatamente)

(Dopo un attimo di smarrimento) … Lu dicia chi ci piacianu ! … Lu dicia

chi ci piacianu ! (È felice)


Musica - Si attenuano le luci fino a spegnersi. Qualche attimo di buio. Quando si riaccen-dono sono in scena Stefano e don Felice - Stop musica.


D. FELICE STEFANO D. FELICE STEFANO D. FELICE STEFANO BRIGADIERE D. FELICE BRIGADIERE


Allora, siete … siete proprio deciso … ?

(Appare ora sereno, determinato) Sì, sono sicuro che è la cosa più giusta. Il

resto non conta.

Non posso che approvare la vostra scelta. Ma mi rendo conto che approvar-

la è molto semplice, il difficile è metterla in pratica.

Avete parlato con il brigadiere ?

Sì, sarà qui a minuti.

Vi prego ancora di una cosa … Non dite mai a quella povera madre che i

soldi che le avete mandato per aiutare suo figlio a guarire, sono in qualche

modo un regalo … dell’assassino di suo marito. Non voglio che possa nean-

che lontanamente associare la vita del suo uomo … a dei soldi. Sarebbe per

lei un tormento. Ed ha già sofferto troppo, povera donna.

(Entra) Permesso ?

Si accomodi brigadiere, si accomodi.

Buongiorno. (A Stefano) … Don Felice mi ha già spiegato tutto. Ho già

preparato un verbale … Be’, visto che ci siamo, vediamo cosa ve ne pare …

(Legge) “Alle ore venti del giorno … il parroco della parrocchia … notava

un individuo sospetto introdursi nella canonica. Il citato individuo era truc-


40


D.FELICE

BRIGADIERE

STEFANO

D.FELICE

STEFANO

D.FELICE


cato con baffi e barba finta, e sembra che proprio grazie a questo espediente abbia potuto aggirarsi per alcuni giorni indisturbato in alcuni paesi della zo-na. Ma l’occhio osservatore del parroco, don Felice … , ha notato subito che quell’individuo somigliava all’evaso di cui i giornali avevano più volte ri-portato le foto. Il coraggioso prete ha così informato tempestivamente il bri-gadiere della locale caserma dei carabinieri. E mentre da una parte faceva finta di abboccare al trucco architettato dal pericoloso evaso, dall’altra si adoperava per riconsegnare alla legge il pericoloso … criminale. Alle ore venti e trenta il brigadiere faceva irruzione nella canonica, da solo, e dopo una feroce colluttazione aveva la meglio sull’evaso, che veniva così condot-to in caserma” (Sorride amaro) Eh, don Felice, avete proprio ragione … sono proprio una colonna dell’arma ! Domani tutti i giornali parleranno di noi … Di questi due pozzi di coraggio …!

L’imbarazzo che provo è combattuto solo dalla voglia di riuscire a fare qualcosa per quella povera donna e per quello sventurato ragazzo … D’altra parte solo in questo modo potranno essere riscossi i cinquanta milio-ni della taglia promessi a chi avesse dato notizie utili alla cattura dell’evaso. Come dire … “eroi per forza” !

Ed eroi veri lo siete sul serio amici miei …! Perché, se posso permettermi, una cosa credo di averla capita nella mia disperata esistenza … Il difficile nella vita, in questa vita, non è essere eroi … e neanche essere dei disperati …! Tante volte questi ruoli vengono assegnati in un attimo e te li ritrovi ad-dosso, come un marchio incancellabile, per tutta la vita ! Il difficile è essere uomini, uomini veri. È vivere ogni giorno nel silenzio, nella normalità. È sa-per vivere con dignità ogni momento, ogni istante della tua vita …! Io ieri sono stato un disperato … Oggi, ai vostri occhi, sono quasi un eroe ! Ma il mio sogno resta quello di diventare un uomo. Un vero uomo !

(Commosso) … Credetemi … siete veramente … sulla buona strada …! (Dopo qualche istante di silenzio irreale, avvicinatosi a don Felice lo fissa intensamente) … Addio, don Felice … In questo posto ho trascorso i giornipiù belli della mia vita !

(Sempre più commosso) … Addio, ragazzo mio … Se permetti, ti verrò a tro-vare …


41


STEFANO D. FELICE


Ed io vi aspetterò, vecchio mio … Come ho aspettato per tutta la vita …

quel padre che non ho mai avuto …! (Trattiene a stento le lacrime) … Ad-

dio ! (Abbraccia don Felice)  (Musica)

(Al massimo della commozione, stringendolo al petto) Sii forte, ragazzo

mio ! (Dopo un lungo abbraccio prende un rosario da una tasca interna

della sua veste, che si troverà proprio all’altezza del petto, e lo mette tra le

mani di Stefano. Ora stringe forte le sue mani) … E … e adesso va, e non

voltarti … Ti prego …! (Cominciano le note del tema musicale)


Stefano e il brigadiere si avviano. Don Felice non guarda Stefano allontanarsi, perché sente che non riuscirebbe a trattenere le lacrime. Giunto alla porta, Stefano si fer-ma a guardare per l’ultima volta quel luogo dove ha vissuto momenti indimenticabili, felici. Guarda don Felice che è rimasto immobile, si asciuga una lacrima dal viso e offre le mani al brigadiere per le manette. Il brigadiere, anch’egli commosso, gli fa cenno col capo che non occorrono e appoggiandogli affettuosamente una mano sulla spalla si avviano. Esco-no. D.Felice adesso asciuga qualche lacrima che non riesce più a trattenere. Ancora qualche istante di musica. Quindi …


RITA

GIANNI

LELE


Permesso … Buonasera don Felice.


D. FELICE

RITA

D. FELICE

GIANNI

D. FELICE

LELE

D. FELICE

LELE

GIANNI

D. FELICE

RITA

GIANNI


Buonasera …

Scusi don Felice, eravamo passati per parlare un attimo con don Angelo.

… Don Angelo non c’è …

Volevamo invitarlo uno dei prossimi giorni a pranzo da noi … Ci farebbe

molto piacere … Pensate che accetterà ?

… Don … don Angelo, è partito …

(Deluso) Come, è partito ? Così, senza dire niente ?

Sì, Lele … È dovuto andare via urgentemente … Non ha avuto il tempo di

salutare nessuno … Ha incaricato me di salutare … gli amici …

(Quasi piangendo) … Non si fa così però …!

(Per consolare il figlio)  (Teneramente) Dai, non te la prendere … Sicura-

mente si sarà trattato di qualcosa di molto urgente … Magari stava male

qualche suo familiare …

Ecco sì, è proprio così …! Stava male un suo familiare ed è dovuto tornare a

… casa sua … Così, all’improvviso …

Se avrà modo di sentirlo, ce lo saluti e … ce lo ringrazi ancora …

(Accarezzando il figlio) Coraggio … andiamo. Magari il prossimo anno tor-

nerà. È vero, don Felice ?


42


D.FELICE

RITA

GIANNI

LELE


… Sì, si …

Arrivederci don Felice … Buona serata … (Escono)


D. FELICE         Arrivederci … Buona … buona serata …

FIFÌ                     (Entra quasi di corsa) Patri paracu, patri paracu … Vitti a don Ancilu ‘nca-

pu la machina cu lu brigadieri ! Dunni stavanu ennu ?

D. FELICE         (Con delicatezza) Fifì … Fifì … senti … t’è diri na cosa …

FIFÌ                     Parrassi …

D. FELICE         Fifì, don Ancilu appi a turnari di cursa a lu so’ paisi … Lu brigadiere l’ac-

cumpagnà a la stazioni … C’era so matri chi stava mali e … avia bisognu di

iddu. Fu … fu una cosa all’improvviso … Unn’appi mancu lu tempu di sa-

lutari l’amici … (Fifì diventa triste) Dai Fifì … don Ancilu un putia stari

sempri ccà … Lu sapiamu di quannu arrivà … chi un putia stari sempri ccà

… (Le parole di don Felice sono sempre più tenere e intrise di malinconia

e di rimpianto) … Un fari accussì, Fifì …

FIFÌ                     (Lentamente si avvia per uscire. Mani in tasca, sguardo a terra ; espressio-

ne di grande delusione)  (In sottofondo il tema musicale)

D. FELICE         (Lo guarda allontanarsi. Quando Fifì sta quasi per uscire) … Fifì …! Fifì,

un ti nni iri … fammi cumpagnia … (Si avvicina a Fifì. Gli prende con te-

nerezza il volto tra le mani) fammi cumpagnia … Un mi lassari sulu Fifì …

(La musica cresce) Un mi lassari sulu !

SIPARIO


43

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 20 volte nell' arco di un'anno