Accussi’ voli Diu… Tu mangi e ju’ taliu

Stampa questo copione

Dalle stalle alle stelle

Accussì voli Diu……

……tu mangi e jù talìu !

Commedia in 2 atti

di Alfia Leotta

Libero adattamento ed elaborazione

della commedia MISERIA E NOBILTA’

di Eduardo Scarpetta

Finito di scrivere nell’Aprile 2010

Alfia Leotta -  Posizione SIAE n° 118377

Via Alessandro Volta, 67 – 95010 Santa Venerina (CT)

www.compagniailmelograno.it – info@compagniailmelograno.it

tel/fax – 095 953470 – 3485101868

PERSONAGGI

NICOLINO…………………………………………..scrivano pubblico

PASQUALE…………………………………………salassatore

LUCIA………………………………………………..convivente di Nicolino

CARMELA…………………………………………..moglie di Pasquale

ROSETTA…………………………………………… figlia di Carmela e Pasquale ( una bambina )

CICCINO……………………………………………. figlio di Nicolino

DON GIACOMO…………………………………..padrone di casa

CAV. PAOLO PIGNATA

ELENA……………………………………………….sua figlia

MARCHESINO PIGNATELLI

MARIA……………………………………………….cameriera di casa Pignata, moglie di Nicolino

MATTEO…………………………………………….servo di casa Pignata

UN CLIENTE

1°  CAMERIERE

2° CAMERIERE

DESCRIZIONE DELLA SCENA

PRIMO ATTO

Camera squallidissima in casa di Pasquale. Nella parete di fondo, a destra un letto con due guanciali e una vecchia coperta a sinistra una vecchia cucina malconcia con vario pentolame. Al centro, un lucernaio alto con grata o una finestra ove si supponga che la casa sia sotto il livello della strada.  In prima a sx un comò, a seguire un uscio e poi un vecchio tavolo. Sparse nella camera 6 sedie spagliate, rotte e una senza fondo,

In prima a dx, tre sedie a formare un lettino per la bambina, con un cuscino e una copertina. A seguire la porta d’ingresso.

SECONDO ATTO

Salotto di casa Pignata. Ambiente ricco ma pacchiano. Mobili in oro, un divano, due poltrone e diverse poltroncine.

In fondo al centro, una porta finestra che conduce al giardino, ai lati due consolle con specchi e grossi vasi di fiori. A dx e a sx due porte.

ATTO PRIMO

Siamo in casa di Pasquale e Nicolino. Rosetta sta dormendo sul suo accomodato giaciglio e sul letto dormono Carmela e Lucia e in comica posizione su due sedie Pasquale e Nicolino.

                                                                                                    SCENA 1°                                                

( Lucia, Carmela, Rosetta, Ciccino,  Nicolino e Pasquale )

CICCINO       ( cercando di fare il meno rumore possibile, sta scostando il comò dalla parete, nella quale c’è un buco. Ciccino lì dentro tiene nascoste le sue provviste. Ne esce un pezzo di salame e una pagnottina. Rimette a posto il comò e mangia avidamente )

NICOLINO    ( si sveglia, si alza, facendo cadere Pasquale che era appoggiato a lui )

CICCINO       ( Scappa a nascondersi dietro l’uscio di sx )

PASQU.        Morti subbitania.

NICOLINO    ( alle due donne ) Susitivi, ca ora tocca a nuatri.

LUCIA                       Di già?

CARMELA    E comu voli Diu! ( si alza, e con Lucia si posizionano come i due uomini prima )

NICOLINO    ( e Pasquale, con scena a soggetto si sistemeranno nel letto e iniziano a russare )

LUCIA            ( non riesce a prendere sonno e sospira )

CARMELA    E stativi ferma.

LUCIA            E vui livativi ‘sta manu di ccà.

CARMELA    ( non potendo prendere sonno, anch’ella si muove in continuazione )          

LUCIA            N’aviti ancora p’assai?

CARMELA    Uffa. ( Si alza, va a sciacquarsi il viso e  inizia a canticchiare )

LUCIA                       ( che era appoggiata a lei, precipita lateralmente. ) E va bè! Volidiri ca non si dormi cchiù………( sospira e si alza ) ……Ma jù non capisciu comu vi spercia di cantari ccù ‘stu chiaru ‘i luna

CARMELA    Appuntu ppì scurdarimi i guai……C’avissa fari comu a vui ca suspirati da matina a sira?........Ogni suspiru  ‘ntrona a vucca di l’arma e ‘a fami si senti cchù assai………………Megghiu cantari ca suspirari.

LUCIA            Ca beatu u vostru Santu ca vi manteni stu sangu friddu.

CARMELA    Beatu u vostru, ca vi manteni caurulina……..   U sapiti comu si dici: bontempu e malu tempu non dura tuttu u tempu.

LUCIA            Si, ma ccà avi misi e misi ca sdilluvia cuntinuamenti….. U malu tempu si dumiciliau ‘nta sta casa.

CARMELA    Esattamente di quannu trasistivu ‘nta sta casa, vui e Don Niculinu.

LUCIA            Chi sintiti diri, ca vi purtamu sfortuna?

CARMELA    No,… sfortuna no………malasorti, svintura……..fami di carina.

LUCIA            Aviti raggiuni…………A curpa l’havi me maritu….. Jù sta cunfidenza non vi l’avissa datu.

CARMELA    Sicuru,…..’a principessa San Clementi, ca non mangia, non dormi e non pussedi nenti………… Comu putiti parrari  di cunfidenza?........ Ca si non era ppì me maritu ca vi dava ricoveru a vui e a dd’autru vagabunnu di Niculinu a st’ura durmeuvu sutta l’archi da’ marina.

LUCIA            Sintiti, sfugativi comu vuliti……….ma n’affinniti a me maritu……ca chiddu è un vero lavoratore………e c’è ‘na gran differenza fra Niculinu e vostru maritu, ca è ‘n miseru varveri.

CARMELA    Prego, me maritu appartiene alla categoria dei dottori. Alla medicina è un salassatore.

LUCIA            E’ appizza mignatti…….ca ogni tantu ppì campari iddu ci ha livari u sangu all’autri……..Mio maritu invece è un nobile scrivano pubblico diplomato.

CARMELA    Bonu…..bonu……ca finitila!......Vostru maritu è ‘n titnu suca ‘nchiostru.

LUCIA            E va beni!.........Ma oggi si deve decidere!.....Ccà non ci vogghiu stari cchiù.

CARMELA    Casu mai vinni iti ‘a Lucana ‘A stidda……Ah si non era ppì ddù picciriddu.

LUCIA            Aviti raggiuni…..comu si susi me maritu s’ha dicidiri.

CARMELA    E comu si inchi ‘a vucca……..Maritu!......Almenu fussi vostru maritu appiddaveru.

LUCIA            Donna Carmela, ora basta!............Chistu è troppu.

CARMELA    Picchì, non è a virità?

LUCIA            Si è veru………e sta virità mi fa sentiri cchiù povera di chiddu ca sugnu……. Aviti raggiuni,……ma cu’ ccù ma pigghiu, cca’ me malasorti?…… ( piange )

CARMELA    Donna Lucia e chi è, chianciti?...... Ora mi faciti ristari mali……… Sugnu ‘na stupida, cumpatitimi……..U sapiti chi è? ‘A fami, ‘a privazioni………. Non fanu ragiunari……. E jù non sacciu chiddu c’haja dittu……Mi vuliti scusari?

LUCIA            Ma di chi? Del resto è veru………………Ma criditimi, quannu scappai ccù Niculinu, non lu sapeva ca era maritatu e spattutu da’ muggheri…….. e mancu ca era ‘n dispiratu, ccù ‘n figghiu a caricu. Quannu u sappi era già troppu tardi…….. Ora havi tri anni ca semu assemi. Niculinu mi voli beni e jù mi cci affiziunai…….. Ma tri anni di peni, mi stancaru. ‘N pocu di oru c’aveva e a biancheria bona, l’haiu ‘mpignatu ppì d’iddu, ppì putiri mangiari, ppì tirari avanti…….. Ma d’accussì non po’ cuntinuari!........Comu mi pozzu spignari tutti cosi, jù mi ni tornu ‘o me paisi …. Niculinu senza di mia putissi turnari ccù so’ muggheri e forsi fussi megghiu ppì tuttii.

CARMELA    Ma chi lo sa,…….tuttu è distino………….. Non dispiramu ( guarda fuori dal lucernaio )....... Agghiunnau.

ROSETTA     ( svegliandosi ) Mamma……

CARMELA    Gioia.

ROSETTA     C’haiu fami!

CARMELA    Hai raggiuni figghia mia, hai raggiuni…….Ma non haiu chi dariti…… Dormi a mammitta, dommi.

ROSETTA     Ma non pozzu dormiri sempri.

CARMELA    Accussì sulu, non senti a fami, vita mia……..

LUCIA            E Cicciunu unn’è?

ROSETTA     Chi ni sacciu…..Forsi ‘o gabinettu.

LUCIA            ( lo cerca all’uscio di sx ) Ciccinu?

CICCINO       ( esce ) Cu mi chiama?

LUCIA            Chi ci facevi o gabinettu, non ti senti bonu?

CICCINU       Picchì, ppì fari a pipì unu non s’ha sentiri bonu? Mah!

LUCIA            Megghiu accussì! ( si avvia e squote Nicolino e Pasquale ) Sveglia……sveglia………

NICOLINO    ( di soprassalto ) Ah?......Chi fu?.....Cu voli soddi?

LUCIA            Nuatri!……E’ ura di iri a vuscarivi a pagnotta.

PASQUALE  ( sbadigliando ) Chi si mangia?

CARMELA    Aria fritta, ni voi?

PASQU.        Nenti colazioni?

CARMELA    Lorsignori, vogliono ordinare? ……..Lucia, prendi l’ordinazione dei signori.

LUCIA            Il menù del giorno prevede: comu antipastu, stuppagghi stufati, ova di bratti alla Carmela e furmaggiu arrusicatu de’ suggi. Ppì primu, lazzi di scappi stricati ‘nta cinniri o in alternativa scocci di vaccareddi al cartoccio.

NICOLINO    Jemu ‘o secunnu ca ‘sti cosi su’ pisanti.

PASQU.        ( si alza, con la punta delle dita bagnate nell’acqua del catino, si tocca gli occhi e come se fosse cecato va alla ricerca dell’asciugamano )

LUCIA            Ppì secunnu….. Fulinii arrustuti, con contorno di chiova arriuggiati  e ppì desser scappi arriggummati in crema di lippu.

NICOLINO    Ma chi schifiu si cucina ‘nta casa?

LUCIA            Chiddu ca c’è……praticamenti nenti!........E ora susiti e votinni a travagghiari. ( facendolo alzare lo spinge verso la porta )

NICOLINO    E ‘n mumentu…….ca m’haia canciari.( si toglie il soprabito, si toglie la camicia, la gira al rovescio, la rimette  indossa nuovamente il soprabito, il cappello logoro e rotto e si avvia ) Aspittati a mia ppì mangiari……Si mi cercunu sugnu all’ufficiu…….. Ciccinu, si’ prontu?

CICCINU       Prontissimu! ( sull’attenti di fianco al padre )

NICOLINO    Bravu!......( lo guarda e poi non convinto ) Bah!.......Camina, vah! ( via insieme )

CARMELA    ( al marito ) E a tia, unni t’attrovu?

PASQUA.      ( anche lui, uscendo ) Staju jennu a fari u salassu o ricivituri do’ bancu di lottu.

LUCIA            E comu voli Diu…….aspittamu e spiramu………..Ah! ( sospira )

CARMELA    U viditi ca suspirati macari vui?.................E facemannilla ‘nzemi ‘na bella suspirata…..unu,….dui…..e tri………( BUSSANO ) …Mancu u lussu di rispirarini ni putemu permettiri………Cu è?

SCENA 2°

( Lucia, Carmela, Rosetta e un cliente )

CLIENTE       ( da fuori ) Abita ccà Don Niculinu?

LUCIA            E vui cu siti?

CLIENTE       M’aggiuva ‘na littra.

LUCIA            ( aprendo ) Preco s’accomoti……..

CLIENTE       Buongiorno signora, cercu a Don Niculinu lu scrivanu e m’indicaru ‘sta casa.

LUCIA            U po’ truvari ccà sutta, all’angulu da strata. Non si po’ sbagghiari. C’havi ‘ntavulinu senza ‘n pedi…….3 pedi e ‘na cascia.

CARMELA    Picchì u quartu ciù ruppiru ‘nta carina.

CLIENTE       E propriu di ddà staji vinennu……Mi dissiru ca non s’ha vistu…….Vaddassi siccomu haju ‘na littra ‘mpurtanti di scriviri, jù tornu ddà, si no’ ‘ttrovu ddà, tornu cchiù tardu ccà.

LUCIA            Partiu di ccà ppì ‘gghiri ddà, perciò u trova sicuru.

CARMELA    Ca comu!

CLIENTE       Si torna ccà, no facissi iri ddà…......picchì si jù vegnu ccà e iddu va ddà, appoi haia turnari ddà e peddu tempu.

LUCIA            Stassi tranquillu ca u tegnu ddà……..( correggendosi ) cioè ccà!...... Mi fici ‘nsalaniri.

CLIENTE       Compermesso.

LUCIA            Prego.

CARMELA    Hata vistu?.......Vostru maritu è nu sfacinnatu.

LUCIA            Donna Carmela, attaccamu?

ROSETTA     Mamma…….haiu fami……..Non è ca ni finisci comu aieri?

CARMELA    Ma chi ci pozzu fari si ddu gran disgraziatu di to’ patri n’arrinesci a purtari nenti.

LUCIA            Lu gran lavoratori……..

ROSETTA     Senti sai ora chi fazzu?.........Mi susu e mi mettu all’angulu da strata a dumannari l’elemosina……..

CARMELA    Mai!......Non diri cchiù ‘na cosa di chista!........Me figghia sta ‘n casa ccù mia. Semmai ci va Donna Lucia.

LUCIA            Chi dicistu?.......Ma ppì cu mi pigghiastu?.......Stativi muta s’annunca vi scippu i capiddi unu ppì unu.

CARMELA    ( gridando ).....A cu ci tirati i capiddi,…..a cui?

LUCIA            ( gridando ) A vui….a vui……..

CARMELA    E picchì non ci pruvati……( nel frattempo BUSSANO )avanti

LUCIA            Vi pari ca mi scantu?.......

DON G.          ( sentendo avanti, entra e vedendo le due donne all’attacco, resta sulla soglia, continuando a bussare nella porta aperta )

CARMELA    E pruvatici, ca v’allisciu u cuticchiuni

ROSETTA     Bussano!

LUCIA            Non mi spagnu de vostri minacci……ora vi fazzu vidiri di chi erba è fatta a scupa ( si sbraccia )

ROSETTA     Mamma, tuppulianu.

CARMELA    ( sbracciandosi ) Avanti, forza ddocu.

ROSETTA     ( si mette in mezzo ) E basta!......Stanu tuppuliannu, no sintiti? ( le due si bloccano )

SCENA 3°

( Lucia, Carmela, Rosetta e Don Giacomo )

DON G.          Donna Carmela……

CARMELA    U patruni di casa………Ora ci parrati vui.

LUCIA            Jù? E chi ci cuntu, i 7 jorna do’ fistinu?

DON. G.         Timminastu? ( entra )

CARMELA    Buon giorno Don Giacomo, n’ha scusari……..

DON G.          Lassamu stari i convenevoli. Unn’è vostru maritu?

CARMELA    A travagghiari.

DON G.          E scummettu ca mancu don Felice c’è

LUCIA            Bravu,…..mancu iddu.

PASQ.           ( sta per entrare, vede Don Giacomo e si nasconde )

DON G.          Sintiti, non pozzu fari cchiù viaggi. .......L’aspettu ccà fora e si oggi non mi pavati, va fazzu finiri mali. ( via )

CARMELA    E ora?

LUCIA            S’attacca ‘o tram. Non c’avemu cchiù nenti di ‘mpignari.

SCENA 4°

( Lucia, Carmela, Rosetta, Nicolino e Pasquale )

PASQUALE  ( entra di corsa ) ……Ppì ‘n pilu non mi ‘cucciau.

CARMELA    Ti sta ‘spittannu fora.

PASQ.           E tu lassilu aspittari. Appena torna Niculinum ci pensa iddu.

ROSETTA     Papà chi fazzu,  ‘a mettu supra a pignata?

PASQU.        No,……mettila sutta e supra.

ROSETTA     Comu, non ni purtasti mangiari?........Jù c’haiu fami.

CARMELA    E u salassu ‘o ricivituri do’ bancu lottu?

PASQ.           E’ morto………Du’ minuti prima d’allipparici i mignatti, mossi.

ROSETTA     E non puteva moriri dopu, st’autru!

CARMELA    D’accussì non vuscasti nenti ?!

PASQ.           Si,…..vuscai du’ pugna e ‘n coppu di seggia de’ parenti, ca si strariavunu ppì l’eredità……..E menu mali ca potti scappari.

ROSETTA     Papuccio, e ora?........Jù non m’ha fidu cchiù da fami.

PASQ.           Figghia mia, ‘n pocu di pacenzia……Ora torna Niculinu, porta qualche cosa di soddi e jù ti fazzu mangiari.

ROSETTA     E ‘o patruni di casa, chi ci duni?

PASQ.           E chistu è u guaiu…….Fa cuntu ca torna e voli i misati………Anzi, quantu sprangu a porta……..( fa per andare, mentre si presenta al centro della porta Don Giacomo )

SCENA 3°

( Lucia, Carmela, Pasquale e Don Giacomo )

DON               Finalmente v’attrovu ‘n casa.

PASQ.           Oh che bella sorpresa!....... Caro Don Giacomo, assittativi.

DON               Grazie, non m’assettu……Jù vinni……

PASQ.           Vuliti vidiri ca ‘u ‘nzettu?.........Ppè misati, veru?

DON               Caspita!.....E com’è ca u ‘nzittastu?

PASQ.           Questioni di ‘ntilligenza, è.

DON               No,…….è ca siti ‘mbrugghiuni, …..e aviti ‘na facci di petra. ……Jù vogghiu i sei misati c’avanzu……..’A funniaria la pagu, la ricchezza mobili e l’acqua macari……..Si non siggiu mancu ‘n soddu, comu fazzu?........ M’hata pavari, u vuliti capiri, si o no?

PASQ.           E va beni, non faciti vuci……..A fini di cunti, quant’avanzati?.....Avi sei misi ca stamu ccà: il primo mese l’ho pagato…..e allura su’ 5 e non 6,……. l’annu ancora n’ha passatu………..

DON               E vui ccù ‘stu misi ca pavastivu, vuliti staru ‘n annu?....... Non sulu ca jù affittai a casa a tri, a vui, vostra muggheri e vostra figghia, ora siti sei…..

PASQ            Ecco il punto giusto……..Comu  Nicolinu pava a mia, jù pagu a vui…… Putiti stari tranquillu.

DON               Don Niculinu a vui non vi paga e vui non pagati a mia!......Bella tranquillità.

PASQ            Donna Lucia, u sintiti chi m’haia sumpurtari ppì vostru maritu?......Quannu mi pagati, mu sapiti diri?

LUCIA            Quannu vui pagati u patruni di casa, jù pagu a vui.

PASQ.           Accussì arrispunniti?................Malidittu!!!!!!......... Di quannu  purtai ccà intra a vui e a Niculinu, passai ‘n guaiu!

LUCIA            Jù, di quannu vinni ‘nta sta casa passai u guaiu.

PASQ.           No, u guaiu u passai jù

LUCIA            Ancora?.....Vi dicu ca u passai jù e Niculinu.

DON               Basta, non vi strarriati, ca u veru guaiu u passai jù…… Siti quattru morti di fami, unu cchiù ‘mbrugghiuni di ‘n autru……. Ma comu vi putistivu jungiri e cascari ccà, ‘n casa mia……..Ma io ho ottenuto la sentenza di pignoramento e sfratto…….. Dumani vegnu ccù l’usceri e vi pignuriu tuttu……Tutti cosi vi pignuriu……( guardandosi intorno ) ….tuttu ,……senza…..pietà……… Ma chi c’haia pignuriari, si non c’è nenti?...............Macari l’autri soddi ci appizzai!

PASQ.           Don Pasquali non faciti accussì. Vi pregu d’aviri ‘n pocu di pazienza…… Facitilu ppì st’anima santa ( portandosi davanti la bambina )…..  Comu veni Niculinu ni mittemu d’accordu e facemu qualunque cosa ppì darivi i soddi, macari ca ni ‘mpignamu l’occhi……Ve lo giuro!

DON               Per ora mi ni vaju, ma cchiù tardu tornu, accussì mi sfogu u cori ccù d’autru puddicinedda cchiù di vui……..Sugnu dispostu a rinunciari e soddi, ma almenu lassatimi a casa.

PASQ.           E unni jemu?....... Fussi ppì nuatri, macari sutta l’archi da marina, ….ma ccù du’ picciriddi………Lei c’ avissa u curaggiu di lassarli a l’acqua e ‘o ventu’?

DON               E allura v’haia cianciri ppì forza jù?.......Quantu mi ni vaju, ca mi sta pigghiannu ‘na morti subbitania.

PASQ            Speriamo!

DON               A vui e a Don Niculinu. Accussì si muriti vi binidiciu ccù tuttu u cori i misati c’avanzu…….’Mbrugghiuni, latri….dilinquenti. ( via )

PASQ.           Oh chi mala jurnata!

CARMELA    E chi brutta sirata ca si’ prepara.

LUCIA            Non sulu morti di fami, macari rimproverati e spubblicati…….e ancora sa comu n’ha finiri.

CARMELA    E cchiù peggiu d’accussì, comu po’ finiri?

ROSETTA     Ma ci pinsati quant’avi ca non mangiamu?

LUCIA            Di quannu non c’avemu cchiù nenti di ‘mpignari.

PASQ.           Non esageriamo……..’Na simana fa mangiamu ca n’abbuffamu: pani, furmaggiu e nespuli.

CARMELA    Avanzaieri sulu nespuli……

ROSETTA     E assira sulu l’ossa.

LUCIA            Ma comu s’arritira Niculinu, sugnu sicura ca…….

PASQ.           …….Diunu completu!

LUCIA            Megghiu ca non vi dugnu cuntu e pigghiu aria,……ca siti n’accupazioni. ( sta per uscire, quando vede arrivare il marito )……..Ccà è, mi parrava u cori.

PASQ.           Sintistivu u ciauru?

SCENA 4°

( Lucia, Carmela, Ciccino, Pasquale e Nicolino )

                       

LUCIA                        Trasi……….trasi……..Stidda da me’ vita, ricchizza da me casa.(  mogio, con le mani in tasca, entra Nicolino, seguito da Ciccino ) Nicolino, nuatri hama aspittatu a tia ppì mangiari.

NICOL.          Bravi……cunzamu a tavula allura. ( Le donne prendono il tavolo, mettono due fogli di giornale per tovaglia e prendono posto: Le donne ai lati e gli uomini al centro ) …..Semu pronti?

TUTTI             Pronti.

CICCINO       Ma quannu si mangia?

LUCIA            Si no’ dici tò patri,……… comu mangiamu?

NICOL.          Jù l’haia diri?.........Mangiamooooo!

LUCIA            Ma u mangiari u purtasti?

NICOL.          Jù l’hava purtari?........Picchissu aspittauvu a mia? ( leva il tavolo, divide un pezzetto di giornale per ognuno, compreso lui ) Ni putemu stuiari u mussu ca finemu di mangiari.

LUCIA            Ma comu?......Mi dicisti……..

NICOL.          Avi di quannu niscii ca sugnu assittatu davanti a ddù tavulinu, ca’ pinna a manu, ……….senza uscari ‘n soddu!.............’Na jurnata sana all’angulu da strata, ca addivintai ‘n gilatu.

PASQ.           MI pari ca doppu ‘na mangiata di chista ci voli ‘na bella fumata. ( accende un mozzicone di sigaretta e va a sedersi di lato, mentre Nicolino e Lucia siedono dall’altro lato )

LUCIA            Ma comu, non vinni ddù cristianu ca vuleva scritta ‘na littra?

NICOLINO    Cui?....Nuddu passau.

LUCIA            Allura aspettulu ccà, ca mi dissi ca turnava.

CARMELA    Accussì macari stasira m’haia curcari morta di fami? Arristai fridda fridda…….

PASQ.           Vadda chi fai, prima di curcariti, laviti i piatti accussì quarìi.

CARMELA    Spatti ci scherzi?.........Puddicinedda, vacabbunnu bonu a nenti.

PASQ            Carmela,…..’n pocu di contegno. Non facemu ridiri certi ridicoli…… pensa ca sono l’uomo.

CARMELA    Tu ‘omu?.......Tu si’ ‘n coppu di fumu…..ca m’anniricasti da testa ‘e pedi!..... Assassinu da me vita……..Comu non t’affrunti ca non si’ capaci di darini a mangiari ‘n pezzu di pani?.........Ma jù mi ni vaiju ni me matri e ti lassu sulu e minnicu comu u figghiu di Cicala.

PASQ            Chiddu era Cicala, ma jù……..

CARMELA    Tu si’ ‘n salifizziu, ca m’avvilinasti l’esistenza!.........Non ni pozzu cchiù! Ti lassu……..mi ni vaju……..Rosetta……( via con la figlia )

NICOL           ( che durante la precedente scena ha riso a crepapelle ) Ben ti sta. Chistu succedi quannu unu non si sapi scegliri la compagna della vita,….quannu unu non canusci beni i fimmini………Vidisti a Lucia?........E non è me muggheri… Donna intelligente, comprensiva, ubbidiente……….Brava, brava a Luciuzza mia……….Ora per premio ti fazzu nesciri, ni facemu du’ passi.Ti levi…………..

PASQ.           Sta vesti e ti metti chista stissa.

NICOL           Nossignore……………Ti levi u mantali, ti pettini i capiddi………e ti portu a villa!.........Ti fazzu vidiri i signori comu s’alliccunu u gilatu.

LUCIA            Ah???............Ialiotu…..Dilinquenti, cunsuma casati. …….Disgraziatissimu….

PASQ            Lucia,….Lucia non damu soddisfazioni a qualche persona di bassa condizioni.

LUCIA            Mutu statti, bassa condizione,…..ca ccà semu tutti sutta terra. ….. Comu po’ parrari, latru da me robba e da me vita………Senti, chista è la tua sintenza: ti dugnu tempu du’ jorna…….si non procuri i 20000 liri e mi spigni tuttu l’oru e a biancheria, ti giuru ca ti dugnu ‘na sugghiata di vastunati ca non ti l’ha scurdari ppì tutta la to’ vita…….Anzi, ti dugnu l’anticipu, accussì non tu’ scordi. ( lo bastona, mentre Pasquale ride sgangheratamente )  Ah!.... Ora sugnu sazia. ( via )

NICOL.          ( si alza e va davanti alla porta ) Ti ni isti?.....Su torni……

PASQ.           Ti duna l’autri.

NICOL.          A verità è. Quantu chiudu a porta, prima ca torna. ( esegue e va a sedersi )

CICCINO       ( attraversa la scena passando davanti ai due seduti al centro della scena )

NICOLINO    ( che lo sta guardando, lo ferma e lo osserva ) Veni ccà? …….( non convinto lo lascia ) Mah!

CICCINO       Papà, staju jennu ccà supra a ghiucari ccù Paulinu. ( via )

NICOLINO    Beata gioventù, macari astomucu leggiu, c’hanu l’armu di jucari.

PASQ.           Caro Nicolino, semu veramenti du’ poveri disgraziati.

NICOL.          Non sugnu d’accordu. I misteri ca facemu su’ superati, non rennunu cchiù.

PASQ.           Veru è…….Pò me misteri, a curpa è de’ medici, ca proiberu alla popolazioni di farisi livari u sangu!............’Ntantu chi succedi?.......Non c’è ‘na simana ca non si senti a morti di 3 o 4 cristiani,…..ed è giustu, picchì u sangu ogni tantu voli nesciri,……non  trovando nessuna porta di uscita, si ferma ‘nto cori e si mori di morte repentina, morti subbitania……..Si inveci si facissiru salassari, chistu non succidissi e perciò certa gente oggi mori ppì troppa pienezza di sangu.

NICOL-          E nuatri muremu ppì troppa pienezza di fami……….Prima, facennu u scrivanu pubblicu, guadagnava beni…………..Ora la genti non è cchiù ignoranti, sapi leggiri, scriviri……studiunu tutti………..di conseguenza è nata la concorrenza. Basta ca sanu scriviri du’ paroli, fannu dumanni, sbrigunu documenti e jù non guadagnu cchiù mancu chiddi ppì mangiari.

PASQ.           Picchì non si’ istruitu comu a tanti autri…………Tu ogni dumanna ca scrivi, ‘nta vinti paroli fai deci errori…….’a genti non torna cchiù.

NICOL.          Appoi tu…..Chi c’entra, ogni tanto un piccolo errore capita. E poi comu si dici: Cu mangia fa muddichi.

PASQ.           Si,…ma tu fai cucciddati, vasteddi di ‘n chilu e menzu………Senti, vaiu a circari i fimmini, prima ca fanu dannu. ( apre la porta e dietro c’è il cliente che stava per bussare )

SCENA 6°

( Nicolino, e il cliente )

CLIENTE       Mi deve ascusare, è tonnato Don Nicolino che non lo attrovo a nudda banna?

PASQ.           Eccolo là ( via )

NICOLINO    Prego, si accomodisca………..In che cosa posso esserle utile?

CLIENTE       Devo scrivere una littra…….

NICOLINO    Ah, bene…..( prendendo l’occorrente )

CLIENTE       …….’Na littra di carta.

NICOLINO    Picchì, ora i littri si scrivunu di porcellana?

CLIENTE       No sa com’è?

NICOLINO    Dunque…..Lei è ignorante?

CLIENTE       Io?...Si, ignorante.

NICOLINO    Bravo, bravo…..Viva l’ignoranza……Tutti accussì avissara essiri……e si c’havi figgi…..ne mannassi a scola ppì carità…..li faccia sguazzare nell’ignoranza!

CLIENTE       No, non ni tegnu……c’haiu sulu ‘nu compari-nipoti……E propriu da lui che ci devi  scrivere la lettera.

NICOLINO    A lui……( prende dal cappotto diverse lettere già scritte ) Quanti anni c’ha sto compare?

CLIENTE       45

NICOLINO    ( sfogliandole ) 45…..45…..45……45! Eccola qua……Questa va benissimo

CLIENTE       E che de’?

NICOLINO    Vede,  io le lettere le scrivo prima, così poi quando viene la persona….è già bella e pronta…….. e non si perdi tempu.

CLIENTE       None……tu non lu sai che si di deve ascrivere là dentro

NICOLINO    E chi voli diri……..vadagnamu tempu, no?

CLIENTE       Ma chi sai li fatti mia?

NICOLINO    Scusi, mi ha detto che suo compare nipote ha 45 anni?

CLIENTE       Si.

NICOLINO    E allura?!.........Sta littra fu scritta 3 anni fa ppì unu ca n’aveva 42

CLIENTE       E s’tu signore chi è lu cumpari meu?

NICOLINO    Ma va beni u stissu

CLIENTE       E no!

NICOLINO    E si!…..Gli andrà bene.

CLIENTE       Non si ni parra.

NICOLINO    A voli nova?

CLIENTE       Certu…..nova.

NICOLINO    E facemula nova ( prendendo l’occorrente per scrivere ) …. Semu ccà apposta…… Ju u diceva ppi lei……Ccù ‘sta littra, lei avissa  risparmiatu

CLIENTE       Bravu!

NICOLINO    Dunque……Voli dittari ppì cortesia?

CLIENTE       Scriva: Bronte…..

NICOLINO    Picchì Bronte si semu a Catania?

CLIENTE       Picchì sugnu Bruntisi trapiantatu a Catania.

NICOLINO    Parti di ccà a littra?

CLIENTE       Si.

NICOLINO    E allura si scrivi Catania…….Perciò….Catania…ecc… ( scrivendo la data )

CLIENTE       Caro Giuseppe, compare nipote……

NICOLINO    Caro Giuseppe non è sufficiente?

CLIENTE       No, picchì è compari nipote.

NICOLINO    Va be’……Caro Giuseppe, compare nipote…. ( durante tutta la dettatura, schizzerà addosso al cliente, l’inchiostro del pennino )

CLIENTE       A Catania, staci facennu la vita do signori

NICOLINO    Staci….staci…..io staci, tu staci ……

CLIENTE       Non ti piaci?

NICOLINO    Ma non esisti ‘stu verbu

CLIENTE       Comu non esisti…..staci facennu

NICOLINO    Ah…….sto, sto facendo…..E chi mi fa scrivriri…..( cancellando )

CLIENTE       E io che ho detto!

NICOLINO    E sant’Iddio, comu s’ha fari…….comu s’ha fari…..( sempre schizzando l’inchiostro )

CLIENTE       ( che si è ripulito ogni volta ) Hei, amico mio……’sto vistitu esti novu

NICOLINO    Bellu!

CLIENTE       E mu stati canciannu di culuri……..( continuando a dettare ) Pavu sempri io

NICOLINO    Bravu…..bravu…..accussì si fa…..si paga.

CLIENTE       ……alla sera….me ne vago allu tabbareni……

NICOLINO    ( continuando a scrivere ) Alla sera, …….

CLIENTE       Me ne vago allu tabbareni…..

NICOLINO    Me ne vago……si dice me ne vado….

CLIENTE       ….e me ne esco quanno chiodo…….( asciugandosi all’occhio perché colpito in pieno dall’inchiostro ) Ma ccà staci chiuvennu ‘nchiostru.

NICOLINO    ( scrivendo ) Quando piove…..

CLIENTE       No…quanno chiodo.

NICOLINO    Chiodo……

CLIENTE       Quannu chiodono le porticati

NICOLINO    ah…quando chiude!

CLIENTE       E jù c’haia dittu?.........E per questo…..

NICOLINO    E per questo……sintissi, mi dicissi il succo,……il pensiero…..stringiamo…..

CLIENTE       E per questo…….mandame…….nu pocu ……..de soldi………

NICOLINO    ( che stava scrivendo, ripetendo le parole ) di soldi……avanti, veloce.

CLIENTE       ………perché non ci ho nemmeno quelli pe’ pacare questa littra allo scrivano che sta scrivento in questo preciso momento.

NICOLINO    ( contenendo la rabbia ) E poi?

CLIENTE       Poi, mettici le saluti e lo punto

NICOLINO    ( mordendogli un orecchio dalla rabbia ) Ma quali saluti e saluti…… Fora, fora di ccà……….

CLIENTE       La me littra………Oramai è scritta, no?

NICOLINO    Voli a littra?......M’ha mangiu chiuttosto ca dariccilla. ( rabbiosamente l’accartoccia e se l’infila in bocca. Poi scaccia il cliente e chiude la porta in faccia a Pasquale che stava entrando )

SCENA 6°

( Nicolino, Pasquale e Don Giacomo )

PASQ.           ( lo vede con la bocca piena ) Eccu spiegata ‘sta primura di chiudiri. Ti stavi abbuffannu ammucciuni…Fammi vidiri,….. Chi sta mangiannu, disgraziatu?

NICOLINO    ( si soffoca e sputa la carta )

DON               ( bussa ) Don Pasquale……Don Nicolino…….

PASQ.           U patruni di casa!..........E comu facemu?

NICOL           Oh madunnuzza…….staiu murennu……….

PASQ.           Benissimo…..e chistu ha fari!.......Devi morire!

NICOL           Jù haia moriri?.............E picchì non t’abbìì a mari tu!

PASQ.           Sentimi bene Nicolino, si tu mori, abbissamu tutti cosi!

NICOL.          Jetta sangu!.......

PASQ.           Antura Don Giacomu mi dissi ca sulu morti ni binirici i misati c’avanza.

NICOL.          E allura passa avanti tu ca jù poi vegnu.

PASQ.           Non capisti…........Tu fai finta ca si’ mortu, jù chianciu e do’ patruni di casa ni facemu dari i soddi ppè funerali, accussì jemu a pigghiari i fimmini e ni purtamu fora a mangiari……..Ti piaci?

NICOL           Tu sulu a putevi fari ‘na pinsata di chista………Bah! Speriamo ca non finisci a lignati.  (  Pasquale sistema un fazzoletto bianco al mento di Nicolino che si distende lungo sul letto con le braccia incrociate. Pasquale piangendo esageratamente, va ad aprire. )

DON               ( entra, ha un involto in mano ) E ci vuleva tantu ppì aprìri sta porta. Ma c’aviti?......Picchì chianciti?

PASQ.           E comu fu……..Figghiu…….figghiu……e comu squagghiau…….Non mi pari veru……..

DON               ( vedendo Nicolino ) Mortu?........( togliendosi il cappello, si segna e posa il pacchettino sul tavolo, coprendolo col cappello ) E quannu fu?

PASQ.           Ora, ora…..

NICOL.          Ora…ora ‘u purtaru…..ora ora.

PASQ.           Di chi parrava, s’abbannunau e morsi…….Ancora è cauru cauru.

NICOL.          Cauru cauru è…….di porcu e che bellu!

DON               Cu è?

PASQ.           No, nenti…..vanniunu ‘nta strata.

DON               Questo non ci voleva……..Mi dispiace veramente………Che cosa avete deciso di fare?........Quannu su portunu?

PASQ            E cu su porta?......Comu su portunu?.......Unni su portunu?.

DON               Ca ‘o campusantu, no?......U vuliti lassari ccà?

PASQ.           E ccù quali soddi?.......Cu pava u funerali?

DON               A mia ma cuntati?.....Affari vostri su’.

PASQ.           Ppì mia po’ stari ccà cent’anni.

DON               Vui pazzu siti!............Chiamati a carrozza do’ cumuni ca non costa nenti, l’importanti ca mi sbarazzati a casa.

PASQ            Mai!.....Ccà carrozza da povertà mai……. Niculinu era comu ‘n frati ppì mia e st’affruntu non ci lu dugnu. Mu tegnu ccà finu ca n’arricogghiu i soddi, almenu ppà carrozza di secunna classi.

DON               Secunna classi?.....Jù u mannassi co’ carrettu da munnizza.

NICOL           Mannatici a vostra soru!

DON               Chi è ca dicistu?

PASQ.           Dicu,…..si era vostra soru, vostru frati, u mannavu co’ carrettu da munnizza?

DON               U capì!......................( dal portafogli esce fuori 3 biglietti da 1000 ) Tiniti ccà, contribuisco.

NICOL           Quanti su?

PASQ.           3000 liri.

NICOL.          Picca su’.

PASQ            U sacciu.

DON               Chi dicistivu?

PASQ.           Ca sunu picca……no’ sintistivu? Jù si e vui no?

DON               Ma c’aviti?......Vi mummuriati,……di unni vi nesci sta vuci?

NICOL           Cci arrunchiau.

PASQ            Arrunchiau ppò duluri. Don Giacomo, ccà ci vulissiru minimu 10 , 12 mila liri

DON.              BUMH!

PASQ            Eccu, ccù stù bum, mi facistu arriurdari, ca duranti l’accompagnamentu voli sparati i bummi e 50 metri di muschittaria.

DON               E chi passa u santu?

PASQ.           Ppì mia era ‘n santu……..Figghiu, comu mi lassasti?....Comu……( piange )

DON               Vih……ca santa e santissima pazienza!.....( prende altre 3000 lire e le tiene saldamente in mano senza consegnarle ) Tiniti ccà…….e non mi diciti cchiù nenti, sannunca mancu chisti vi dugnu.

NICOL.          Quanti su’?

DON               N’autri 3mila liri ( avviandosi verso Nicolino ) Ma di unni veni sta vuci?

PASQ            Dati ccà……..Ma comu non capiti ca è u duluri ca mi fa sparrari……… Dumani dopu u funerali, vi sbarattamu a casa. Siti cuntentu?

DON               Sugnu cchiù cunfusu ca pirsuasu……Ma cu l’hava diri?!

PASQ            Ca Niculinu nisceva mortu di sta casa?

DON               No, ca jù hava nesciri tutti sti soddi!.........Vegnu dumani, mi raccumannu in serata vogghiu a casa libera, sta beni?.......( in questa scena,nel prendere il cappello, l’involto scivolerà per terra. Poi rivolgendosi a Nicolino ) Pace all’anima sua. ( via )

PASQ            ( va a chiudere la porta )

NICOL.          ( alza il braccio destro e fa le corna ) Tiè!

PASQ.           Non puteva iri megghiu:……….6000 liri!......Ora ‘o circamu i fimmini e…… ( si accorge del pacchetto e gioca a pallone. Poi lo apre e odorando ) Carni cò sucu?

NICOL.          E patati ‘nto menzu.

PASQ            Ficutu frittu o baccalaru?

NICOL.          Signorina calassi u panaru ca ci caccu u baccalaru…..u baccalaru, zum zum

PASQ.           E chi finiu a cantata?......’Nu mangiamu? ( assaggia ) Bonu sapi….. ( mangiano avidamente )

DON               ( bussa ) Don Pasquali, apriti……

PASQ.           Niculinu,….mori, mori subbitu.

NICOL.          ( si rimette il fazzoletto e si corica, ma al contrario )

PASQ.           ( andando ad aprire, piange ) Figghiu….figghiu, comu fu?.............Comu  squagghiau…….

DON               ( entra e cerca per terra ) Don Pasquali, hata vistu per casu ‘n pacchettino di carta bianca?

PASQ.           Chi c’era, qualche oggetto prezioso?

DON               No.

PASQ            Cosi di mangiari?

DON               Si,….cioè no. Si mangia ma non l’omini.

PASQ.           I fimmini?

DON               No, né omini né fimmini,….ora vi spiegu……Hata sapiri ca c’haiu ‘na partita di casi vecchi, ca ci su’ certi suggi, ca parunu cunigghia………Farcitivi u cuntu ca ci mettu i jatti e i trovu morti……….. Allura pigghiau ‘n pezzu di carni e do’ farmacista ci fici fari du’ ‘gnizioni di velenu potentissimu, accussì i suggi morunu avvilinati…….’Nta l’involto appuntu c’era ‘sta carni……..Ora la me paura è siddu la trova qualche picciriddu e s’ha mangia…..mori di sicuru.

PASQ            Ma scusati, chi è ‘n vilenu ca fa moriri i picciriddi?

DON               No,….picciriddi e granni…….Comu fazzu……( si volta e vede Nicolino al contrario ) E cchi è?.........Canciau posizioni?............ Non l’aveva di dda banna a testa?

PASQ            Si è veru. Niculinu prima di moriri mi lassau dittu ca ogni menz’ura l’haja vutari. E jù rispettu la so vuluntà.

DON               Macari ddocu era curiusu!

PASQ            Mi pari ca già passau….chi faciti m’ha dati ‘na manu?

DON               Quali, vui pazzu siti!........Vi salutu……Mi raccumannu, si truvati l’involto non ciù faciti tuccari a nuddu ca è pericoloso!.....A dumani. ( via )

PASQ            Dumani trova du’ morti appiddaveru. ( con scena a soggetto sono convinti di sentirsi male, con dolori e prossimi alla morte, finchè si accorgono di stare bene e che è stato uno scherzo )….L’avissuru ammazzari! ( escono per l’uscio di sx )

SCENA 7°

( Ciccino, Nicolino, Pasquale,Lucia, Carmela e Rosetta )

CICCINO       ( entra, si guarda intorno, non c’è nessuno, da sotto il maglione esce fuori due filoncini di pane e una caciotta, scosta il comò dal muro e li infila nel buco per poi rimettere tutto a posto ) Ah si non ci fussi jù.

NICOLINO    ( torna, seguito da Pasquale ) C’haiu ‘na dibulizza………. ( si ferma al centro della scena, come un cane da caccia annusa l’aria ) No’ senti?

PASQ.           Cchì?

NICOLINO    ( vicino al comò ) No’ senti stu ciauru di furmaggiu?

PASQ.           Furmaggiu…….ccà………Ma leviti, vah……a fami è!

NICOLINO    Eppuru……..E’ accussì chiaru?......Ciccinu, tu no’ senti?

CICCINO       Jù?......... No!

CARMELA    ( entra, seguita da Lucia e Rosetta. Toglie il soprabito al marito, lo piega e lo consegna a Rosetta )

PASQ.           Chi sta’ facennu?

CARMELA    To’ figghia ha mangiari e perciò ‘mpignamu u to’ cappottu.

NICOLINO    Brava Donna Carmela!

CARMELA    Rosetta, vai ‘nto putiaru e fatti dari du’ chili di maccarruni…..

PASQ.           Quali maccarruna….………Spaghetti, pigghia spaghetti.

NICOLINO    Pasquali, ccù sta fami ca c’è, talii si su’ spaghetti o maccarruna?

PASQ.           M’arrestunu supra ‘o stomucu.

CARMELA    Poi ti fa dari, menzu chilu di sasizza e du’ buatti di sassa. Dudici ova e du’ mozzarelli……

LUCIA            A mozzarella mi fa acidità…….megghiu provola

NICOLINO    All’autra?....

CARMELA    U burru ciù mittemu, no?

NICOLINO    Quali burru…….ca ni veni u polistirolu……Ogghiu, ogghiu d’aliva.

CARMELA    Va beni, ‘na buttigghia di ogghiu e du’ mazzi di lattuca ppà ‘nzalata.

LUCIA            E frutta, c’haiu cori di frutta…….Fatti dari ‘na chilata di raggina, una di pruna e dui di ficudinia.

NICOLINO    Accussì ‘ntuppamu e poi ci voli u sali ‘nglisi. No, megghiu pira, ma duci e maturi, mi raccumannu.

ROSETTA     Scusati…….( apre e mostra il cappotto pieno di buchi ) Chiddu appena ci dettu ‘sta lista e c’ammostru ‘stu sculapasta, autru ca maccarruna e sasizza, mi strogghi i cani e m’assicuta.

BUSSANO

SCENA 8°

( Nicolino, Pasquale,Lucia, Carmela, Rosetta e Marchesino )

MARCH.        Permesso,…..posso Bellezza mia?

PASQ.           Favorisca…….Quanto onore Marchesino,….s’accumutassi. ( TUTTI, si affollano per prendere le sedie e si siedono, lasciandolo in piedi. Pasquale si accorge della gaf e gli offre la sua, ma è spagliata e la passa, ne riceve un’altra sulla quale c’era un catino, ma è bagnata e la passa,ne riceve una terza sulla quale c’era il braciere, è sporca e la passa, ne riceve una quarta, la pulisce bene e l’offre al marchesino. Tutta la scena molto velocemente ) Mi dispiace che ci trovate di questa maniera……Per voi questa è una stalla, una rimessa…..

NICOLA         ( indicando Pasquale ) E chistu è u sceccu.

PASQ.           Accomodatevi marchesino. ( TUTTI siedono. . La sedia spagliata è finita a Nicolino, che sedendosi ci s’incastra dentro ) Nicolino, il marchesino è figghiu du patruni di casa mio, di quannu avevo a bottega di salassatore….. E papà, come sta?....Sta bene?.....Ci va sempri appressu i ballerini?

MARCH.        Sempre, sempre Bellezza mia……. Da quando mamma non c’è più, poi…..

NICOLINO    ( segnandosi ) Pace all’anima sua.

PASQ.           E sua zia la contessa?

MARCH.        Benissimo grazie…..meglio di me!

PASQ.           Permette?......Presento un mio caro amico.

MARCH         ( di scatto si alza e si presenta. Tutti si alzano ) Battistini, Bartolotti, Battistelli, Marchese di Borgo Pignatelli Pigliati questa. …..E lei?

NICOL.          Nicolino, acchiappiti st’autra.

MARCH.        Tanto piacere Bellezza mia. ( si siede e tutti siedono )

NICOL.          Lei c’havi ‘n nomu ca pari ‘n calinnariu sanu. Comu su’ po’ riurdari mai?

MARCH.        Basta solo marchese Pignatelli, oppure Pigliati questa.

NICOLA         No, no….megghiu sulu Pignatelli.

PASQ.           Dunque, signor marchese, in che cosa posso servirlo?

MARCH.        Si tratta di un favore che solo voi potete farmi……..Ma non so se posso…….. ( alludendo a Nicolino ) Bellezza mia.

PASQ.           Parrassi liberamente,……è comu a ‘n frati ppì mia.

MARCH         Dunque, posso fidarmi?

PASQ            Si fidi, si fidi……

NICOLINO    Jù sulu non m’ha fidu cchiù da fami.

MARCH.        Dovete sapere che amo pazzamente la figlia di un certo Paolo Pignata……

NICOLINO    Accussì si marita a Pignata che’ Pignatelli.

LUCIA            ( gli da una gomitata )

MARCHE.     Questo Paolo Pignata, è stato cuoco fino a poco tempo fa, poi fece fortuna e adesso è Cavaliere,……ammalato di nobiltà……..Non mi vuole dare la piccola Pignata, perché vuole…….

NICOLINO    ‘N pignatuni o ‘na quadara.

LUCIA            ( come prima ) Lo scusassi!

MARCH.        Perché vuole che porti a casa sua, mio padre e mia zia per la richiesta di matrimonio. Purtroppo, come ben sapete, i miei appartengono ad una schiatta di blasonati e non si abbassano ad andare in casa Pignata,….un semplice cuoco, Bellezza mia

PASQ.           E allura?

MARCH         Per arrivare al mio scopo, ho pensato d’accordo con la mia fidanzata, di portare un finto padre così ho pensato a voi Bellezza mia…..Voi sarete il marchese Ulderico Pignatelli……….

NICOL.          Acchiappiti chista.

MARCH.        Esattamente…..vostra moglie sarà mia zia la contessa Del Pero e giacchè si trova questo vostro amico , lui sarà mio zio,….il Principe Lanfronio di Casa D’Oro…..Bellezza mia.

NICOLINO    Ma unni i piscunu ‘sti nomi sdirrubbusi.

PASQ.           Marchesino, non credo ca la Pignata se ne accorge, non essendo nuatri tanto ‘struiti…Come coraggio cci semu, ma comu istruzioni…..mi pari ca…….

MARCH.        State tranquilli, il cavaliere è tanto buono, tanto ricco, ma tanto ignorante. E poi ha una voglia matta d’imparentarsi con gente nobile, che non capirà nulla……..Allora, accettate bellezza mia?

PASQ.           ( cerca conferme dagli altri che annuiscono ) Sta bene marchesino…… Ma c’è a picciridda, unni ‘a lassu?

MARCH         La portate con voi,….Mia zia la contessa, ha una figlia ….è un po’ più grande, ma non fa niente…….Sarà la contessina………

NICOLINO    ….do’ piricocu.

CARM.           Del Pero……. Si Jù sugnu del Pero, macari idda è Del Pero.

MARCH         Brava la signora!

NICOLINO    Allura jù sugnu u principi di cacio e ova, veru?

PASQ.           Si, u principi da’ frittata…….Casa d’Oro.

LUCIA            E u picciriddu?

MARCH.        Non ci sono figli maschi in famiglia,……

 

CICCINO       Non c’è problema, restu intra……Sugnu ranni oramai e mi sacciu teniri accura.

MARCH.        Visto? Bravo piccolino!

NICOLINO    Scusi marchesino, andando in casa di un cuoco, si mangerà sicuro, no?

MARCH.        Ma certo……pranzo luculliano.

NICOL           Lucu chè?......Ma comu parra chistu?

CICCINO       Si mangia?........Allura ci vogghiu veniri.

NICOL.          No’ sentisti chi dissi? Non po’ essiri!

CICCINO       Uffa!!!!!

MARCH.        Ecco il biglietto con l’indirizzo di casa Pignata. Ma penso che non c’è ne sia bisogno. ( lo mette sul tavolo )

PASQ.           ( mostrando gli abiti ) Marchesino ma……

MARCH.        Già…….Facciamo così, più tardi vi faccio mandare i costumi della vostra misura……

NICOLINO    Chi n’hama fari u bagnu?

MARCH.        Gli abiti per vestirvi di nobili. Domani verrò di mattina e proveremo come dovete comportarvi e poi nel pomeriggio andremo in casa della mia fidanzata, bellezza mia.

PASQ.           Perfetto!.....Stassi tranquillu.

LUCIA            Un momento signor marchesino, ‘stu signore che devi fari so ziu, u principe de’ cazzaroli…..

NICOLA         Non ni sappimi sentiri cchiù……Pignati, pignatelli e cazzaroli…….

PASQ.           Casa D’Oro.

LUCIA            E si, chistu……Non ci l’ha dittu ca c’havi ‘na muggheri?......Non ci pozzu veniri macari jù?

MARCH.        Mi dispiace, io ce l’ho una v ecchia zia, proprio la Principessa di Casa D’Oro, ma è tanto ammalata, piena di acciacchi e da un anno non esce più di casa…. Lo sanno tutti.

NICOLA         Ti vo’ stari muta?......Non ti ‘mmiscari nella mia posizioni di Principi!...Zitta. Ti stai intra ccù Ciccinu.

LUCIA            E va beni, non parru cchiù……..Accussì vuatri mangiati e nuatri no, chi è giustu? ( Dopo di ciò, Lucia prende il biglietto che si trova sul tavolo e se lo mette in tasca ) Chistu mi po’ aggiuvari.

MARCH         Sentite buona donna, per mangiare state tranquilla,…..ci ho già pensato io…. per tutti……….. Allora posso andare?......Marchese Pignatelli…( s’inchina ) Principe di Casa D’Oro..( s’inchina ) Arrivederci a tutti….A domani bellezza mia. ( via )

SCENA 7°

( Nicolino, Pasquale, Lucia, Carmela, Rosetta e Don Giacomo )

LUCIA            Iddu fa u principi……d’autru u marchisi,…..chista fa a cuntissa……e jù intra a fari a serva!

CARMELA    Non c’è nenti di mali…...quannu si voli beni a ‘n omu si fa tuttu.

LUCIA            Vui stativi muta, picchì havi di ‘sta matina ca mi scippati di l’ugna….. ma non mi vogghiu allurdari i manu……..

CARMELA    E allurdattivvilli ‘sti manu, forza. ( la istiga

NICOLINO    ( con Pasquale si mettono in mezzo ) C’ha vuliti finiri?

LUCIA            Sugnu stufa!.......Niculino, spignimi a roba ca ti lassu.

NICOLINO    E ci torni?.........Maliditta a miseria, s’ ‘u puteva fari…….

PASQ.           ( uscendo i soldi di Don Giacomo ) Donna Lucia, v’abbastunu chisti?

LUCIA            Ma comu l’aviti ‘sti soddi?

NICOLA         Cci scippamu ‘o patruni di casa. Vi vuleumu purtari fora….. ( entra Don Giacomo )……. a mangiari e biviri alla facciazza do’ patruni di casa,…..ddù gran disgraziatu ca ni voli ittari fora. ( Pasquale, se ne accorge e fa cenni a Nicolino. Questi alla fine vedendolo, si rimette il fazzoletto al mento, ad uno ad uno bacia tutti e va a ridistendersi morto. La scena tutta in mimica, finchè Don Giacomo alzando il bastone su Nicolino, esplode )

DON               Latri…..truffatori…….V’ammazzu appiddaveru……( tutti gridando, lo fermano ) Datimi sti soddi ( strappa via i soldi di mano a Pasquale ) Chisti su i mia,……non sulu ca non mi pavati a casa, spatti vuleuvu mangiari a spisi mia;……sbagghiu c’è. Dumani vegnu ccù l’usceri…… Vi fazzu abbiari fora…. Anzi, ora stissu vi dinunziu e carabbineri……..Dilinquenti, truffatori ( via )

SCENA 8°

( Nicolino, Pasquale, Lucia, Rosetta, Ciccino, Carmela e 2 camerieri )

PASQ.           Arrivati a ‘stu puntu, bisogna riconoscere ca semu veramenti quattro disgraziati.

NICOLINO    Confermo!

ROSETTA     Papà, c’haiu fami.

PASQ.           Macari jù, chi ti pari……L’avemu tutti, ma non ni lamintamu……Chi ti pari ca Ciccinu è spitittatu? Eppuru è cchiù nicu di tia e non si lamenta mai….. Ciccinu, c’hai fami?

CICCINO       Jù?.....No!

PASQ.           A vistu?

NICOLINO    ( che lo sta osservando ) Mah!

PASQ.           Ma si po’ sapiri chi hai?.....Avi di ‘sta matina ca ti sentu fari mah!

NICOLINO    Non mi capacitu.

LUCIA            Di cchì?

NICOLINO    Com’è ca ‘stu picciriddu non c’havi mai fami e unchia senza mangiari

PASQ.           Tutta aria è non ti preoccupari…..( annusando l’aria ) Non sintiti ciaru di salami?

NICOLINO    Allura u senti macari tu ?

PASQ.           ( vicino al comò ) Veni di ccà. ( lo apre e con Nicolino rovistano dentro ) Ccà non c’è nenti……( Passano all’altro cassetto.)

CARMELA    E secunnu vuatri comu c’arrivava intra a ‘n casciolu stu salami?

CICCINO       ( preoccupato ) Ca finitila di fari i picciriddi….( va a chiudere i cassetti, chiudendogli le mani dentro ) Nenti c’è.

NICOLINO    ( e Pasquale, cacciano un urlo ) Ahaiai………

ROSETTA     E tu picchì c’hai tutta sta prescia?

CICCINO       Jù?....Quali prescia?

NICOLINO    Ciccinu chi sta’ ammucciannu?

CICCINO       Nenti.

PASQUALE  Ciccino, dinni a verità

CARMELA    Poviru picciriddu….lassatilu stari…….Chi po’ ammucciari ‘stu criauturi.

LUCIA            ( avvicinatosi al comò come un cane cirneco, lo ha spostato e scoperto il buco ) Eccu c’ammucciava st’anima santa.

NICOLINO    ( sorpreso ) Ciccinu…….e tuttu ‘stu ben di Diu chi ci fa ccà?

PASQ.           Eccu picchì era sempri spitittatu.

NICLINO       Ciccimu, parra.

CICCINO       ( nascosto dietro Carmela ) Papà, non mi dari corpa, però…..

NICOLINO    Si mi dici a verità, non ti ni dugnu. Unni u rubasti?

CICCINO       ( punto nell’orgoglio, esce ) Jù non sugnu latru…….Chistu è fruttu do’ mo’ travagghiu

NICOLINO    Tu?....Travagghiu……Ci pigghiasti ‘o zu Pippinu u salumeri, veru?

CICCINO       Iddu mi l’ha datu…..Jù l’aiutu puttannu a roba ‘n casa de’ cristiani e iddu m’ha pavatu accussì.

NICOLINO    ( vorrebbe prenderlo a calci, ma lui sfugge ) Grandissimu disgraziuatu….. e n’ha fattu moriri di fami?......Chistu è u ringraziamentu pp’avirtii misu ‘o munnu ?......Veni ccà, non scappari

1° CAMER.   ( entrano due camerieri e s’inchinano ) E’ questa la casa di Don Pasquale e di Don Nicolino?

PASQ.           Si.

2° CAMER.   Possiamo procedere?........... ( prendono in tavolo e lo mettono al centro della scena )

NICOLINO    Chisti l’usceri su’……U viditi, si stanu purtannu u tavulinu.

CAMER.        ( escono e rientrano, portando a spalla un lungo rettangolare cassetto coperto con un drappo scuro da sembrare una bara. I quattro s’inginocchiano. Questi scoprono ed escono una valigia, da cui escono l’occorrente per apparecchiare per 4. Mettono le vivande e una zuppiera che scoprono facendone uscire l’odore della posta fumante e mettendola in mostra. Poi fanno sedere le donne ai fianchi e gli uomini al centro tavolo. Salutano e via )

TUTTI             ( esterrefatti, con scena a soggetto, mangeranno ingordi )

FINE PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

La scena rappresenta una camera nobile. Vetrata al centro, due porte laterali. A sinistra un divano e poltrone. La casa è arredata con lusso ma non con gusto.

SCENA 1°

( Paolo, Biagio, Maria e Matteo )

PAOLO          ( entra dal giardino, spingendo Biagio ) Trasi deficenti, trasi.

BIAGIO          ( ha in mano una ghirlanda di fiori ) Signor patrone, chi ni sapeva jù, vossia mi dissi fammi fari ‘na ghirlanda di ciuri e jù ci la fici fari.

PAOLO          Secunnu tia chista putissi essiri ‘n rialu di compleannu?

BIAGIO          Vossia picchì non parrava chiaru……..m’hava diri: pigghia ‘n buchè, oppure ‘n mazzu di ciuri……Jù ppì ghirlandi canusciu chisti.

PAOLO          U cammareri cchiù scemu do’ paisi, giustu ccà hava veniri a cascari……Ma chi mi cercu ccà cimedda?.....

BIAGIO          ( ride ) Bella chista ppì unu ca non sapi piscari.

PAOLO          Non ridiri ca mi fa veniri a nirvusa……..Trasi fora, vah!

BIAGIO          ( ride ) Trasu fora?......Bella st’autra!

PAOLO          Giovinotto….picca cunfidenza!......( spingendolo fuori ) ‘Otinni vah!

MARIA           ( entra da sinistra ) Signor padrone a tavola è tutta apparecchiata.

PAOLO          Dudici posti?

MARIA           Sissignura dudici: cincu e cincu di latu e vossia e a signorina capi tavula. E’ giustu?

PAOLO          Benissimo. La stanza l’hai chiusa?......Prima ca ci passa me figghia e finisci a sorpresa.

MARIA           Si, a chiudìi……..però ci vulissi cunsigghiari, di fari livari tutti ddì ciuri da stanza ‘e pranzu,…..su’ assai,…..doli a testa e pari ‘na stanza di mortu.

PAOLO          All’autra?........Ci vuliti ittari a cucca?....’Nta ‘na jurnata di grande festa tu dici ‘sti paroli. Mi pari malu auguriu, capisci?

MARIA           Voscenza mi scusa, jù lu diceva picchì, misi ‘nto saluni, non sulu ca è cchiù granni, ma stanu megghiu……..Comu ci putissi augurari cosi brutti a signurina. Vossia u sapi quantu a vogghiu beni.

PAOLO          Basta non fare accussì. Io non ti ho rimproverato……U sacciu ca voi beni a me figghia. Del resto ora avi tant’anni ca si’ ccà,….me figghia senza matri s’affizziunau a tia……tu non si cammarera, ma la sua consigliera, è veru?

MARIA           Si, chistu è veru, a signurina non fa ‘na cosa senza dirimmilla e jù a vogghiu beni comu ‘na figghia.

PAOLO          Ma comu mai to’ maritu ti lassau……..tu ca si accussì bona.

MARIA           Non mi lassau iddu.

PAOLO          U lassasti tu?

MARIA           Veramenti,…..no……’A curpa fu di du’ cosi: ‘a fami ….e ‘na strafallaria…..

PAOLO          Ho capito. Non ti pigghiari di collira, sbagli della vita……. Pinsamu alla festa di oggi. A propositu, dimmi ‘na cosa Maria……..non credo ca ci dicisti a me figghia del pranzu e di ‘nvitati?....... Devi essere ‘na sorpresa.

MARIA           Ci lu giuru…..nenti haia dittu.

PAOLO          Brava…….del resto macari me figghia dici ca havi ‘na sorpresa ppì mia. Tu non lo sai chi è sta sorpresa?.......Non m’ ‘u po’ diri?

MARIA           Signor patrone, nenti sacciu……beddamatri.

PAOLO          E va beni……Senti, ‘n autra cosa…..quannu ci su l’invitati e genti estranea, non mi chiamari signor patrone…….sta genti po’ pinsari ca jù, picchì sugnu riccu, misi superbia e pritennu di la servitù tutti sti attenzioni……. Jù non ci tegnu. Chiamami sempri Cavalieri, ca è cchiù facili e cchiù megghiu, ti piaci?

MARIA           Si signor patrone……..cavaleri! ( via )

MATTEO       ( da fuori ) Permesso?

PAOLO          Avanti Matteo.

MATTEO       ( entra con due lettere in mano ) Cavaleri…….due lettere.

PAOLO          ( prendendole ) Quanti voti ti l’haia diri ca la posta si porta ‘nta ‘na guantiera?........ T’ ‘u scordi sempri?

MATTEO       No cavaleri,………ma non c’è genti e perciò………

PAOLO          Macari quannu sugnu sulu!......E che non si arrebblichi più.

MATTEO       Non ci sarà rebblica, cavaleri. ( resta per sbirciare la corrispondenza )

PAOLO          E mettiti i guanti. ( legge la 1° lettera ) Cavalieri Pignata, mi dispiace………. ( legge nella sua mente )…..E chista non ci vuleva. E’ la famigghia La Rosa ca non po’ veniri, perciò su’ quattro menu a pranzu……..Videmu chi dici ‘st’autra?........Signor Pignata,…..’stu cretinu, mancu cavaleri ci metti…….…. ( continua a mente ) ‘N autri tri ca non venunu…… e di 12 semu a cincu: Don Giacomu ccù so’ muggheri e so’ figghia a viduva, jù e me figghia…….. E comu facemu? Semu picca…….piccatu, tuttu ddù beddu mangiari

SCENA 2°

( Paolo,Maria, Elena e Matteo)

ELENA          Papà caro…….sto bene vestita così?

PAOLO          Bella, ……affascinosa…….mi pari ‘na bambola di porcellana di Bisquì…..

MATTEO       Farà onore a tutti gli ‘mmitati…….Oh, mi scappau!

ELENA          Quali invitati, papà?

PAOLO          ( guardando di traverso Matteo ) Ecco la sorpresa. Ho invitato dieci persone ppì pranzo in onore all’anno avversario della tua nascita.

MATTEO       L’anno avversario? Ma chi ‘ncucchiati,…anniversario si dici.

PAOLO          Picchì, chi dissi?.......E tu mutu!..........Ma ora ricivìi due lettere…….

MATTEO       ….. e sette persone non venunu.

PAOLO          ( a Matteo ).... Ma tu chi voi?......’Otinni!..... Perciò semu ‘n sei……..

MATTEO       Cincu.

PAOLO          Sei.

MATTEO       Cincu…… Dudici menu setti, fa cincu, cavalieri ‘ccillenza.

PAOLO          Ancora ccà si’?........ Via, via……..( Matteo via )perciò, stava dicennu?....Ah si……. Semu picca, troppu picca

ELENA          No papà, non saremo pochi……U pranzu non puteva capitari cchiù oppurtunu e u me compleannu non puteva festeggiarisi cchiù felici di chistu……. Papà beddu comu sugnu cuntenta.

PAOLO          Mi fa tantu piaciri, ma non capisciu……

ELENA          Mi spiegu subbitu. …….Non ti dissi ca c’era ‘na sorpresa ppì tia?....... Bene,…..’u me fidanzatu u marchesinu, sta vinennu ccà, cù so’ patri, so’ zia e so’ ziu, ppì chiedere la mia mano.

PAOLO          No?!.......( viene meno e si siede ) All’anima da sorpresa….. Non si dununu ‘sti nutizii accussì, all’improvvisu…… Ma è propriu veru?

ELENA          Si, papà……I cunvinciu picchì mi voli troppu beni.

PAOLO          Un marchese………un principi……na cuntissa….’nta me casa……. Figghia, figghia fortunata…..figghia assortata…..figghia nobilitata……. E quannu venunu?

ELENA          Ora…….U me fidanzatu è già ccà, sutta ‘o me  barcuni, ca aspetta ‘n signali di mia e in pochi minuti veni ccù iddi.

PAOLO          E allora prestu…….tu facci u signali……Questi personi non ponnu aspittari. 

ELENA          Curru  ( via )

PAOLO          ( a Maria che era entrata poco prima portando una cesta di frutta che ha posato per terra in un angolo vicino al divano ) Tu Maria, avvisa in cucina di stari attenti….e portimi a giacca…….( Maria via, ad alta voce chiama  ) Biagiu……Biagiu

BIAGIO          ( entra ) Cumanni.

PAOLO          Scinni ‘nto purtuni u spalanchi tuttu, fai trasiri a carrozza e poi torna ccà.

BIAGIO          Quali carrozza?

PAOLO          Chidda do mortu.......ehmmm ..ma chi mi fa’ diri……Chidda do’ Principi. Sicuramenti arrivunu ‘n carrozza e minimu ccù  4 cavaddi………

BIAGIO          E i cavaddi?.....L’haia fari trasiri macari?

PAOLO          Ma chi dumanni scunchiuduti ca fai…..Ca certu, no?.....Otinni bestia!

( Biagio via ) Che onore!...... Che onore…….Speriamu ca non facissi mala figura ‘nto parrari,……chisti su’ nobili e littirati,………..megghiu ca parru cchiù picca possibili…….( chiama ) Matteo….Matteo….

MATTEO       Sull’attenti cavalieri ‘ccillenza.

PAOLO          Bravu……sull’attenti e mentiti ccà. ( posizionandolo vicino all’ingresso ) Mi raccumannu….sta’ rittu rittu e senza aggiuccariti.

MATTEO       E si mi veni di stranutari?

PAOLO          Si arrifriddatu?

MATTEO       No.

PAOLO          E allura picchì avissa stranutari.

MATTEO       No sacciu, accussì.

PAOLO          In casu tu tratteni

ELENA          ( torna ) Papà, sta vinennu u me fidanzatu, prima voli parrari ccù tia e poi fa acchianari i so’ parenti. Va beni?

MARIA           ( torna con la giacca, la fa indossare a Paolo e poi esce )

PAOLO          Si….si…..fighia mia…..

SCENA 3°

( Paolo, Elena, Matteo, il Marchesino, poi Pasquale ,Nicolino, Carmela e Rosetta )

BIAGIO          Cavaleri…….Il Marchese Pignatelli.

PAOLO          Fallu passari.

MATTEO       Subbitu cavalieri.

MARCH.        Permesso?........Cavaliere, eccomi al vostro cospetto per mantenere una mia promessa. Il Marchese Pignatelli mio padre, la Contessa del Pero mia zia, e il principe Lanfronio di Casa D’Oro, mio zio, chiedono di essere ricevuti dalla signoria vostra per chiedere la mano di vostra figlia…….Bellezza mia.

PAOLO          E io sono secco nei robbi………. Non saccio parlari,….attendo con grande orgasmo di riceverli.

MARCH.        Grazie……..Elena tesoro, credo che sia opportuno che tu ti ritiri, ti conosceranno dopo, ti sembra?

ELENA          Si caro……con permesso. ( via )

MARCH.        Cavaliere……..vado e torno con loro. Mi raccomando, riceveteli come si conviene a persone di tale rango. Bellezza mia.

PAOLO          Staju sudannu friddu…….Signuri binidittu, mannatimmilla bona…… Non sugnu degnu di ringraziarivi……..Avete ricevuto la mia soddisfazione……. Grazie…….Grazie………

( entrano il Marchesino, poi Nicolino e Pasquale, vestiti da nobili esagerati: Uno

porta il bastone e l’altro l’ombrello )

MARCH.        Andate a ricevere mia zia la contessa…….spetta a voi.

PAOLO          Ah!.....Spetta a mia……..Eccomi quane……Con permesso ( via  di corsa per la comune )

PASQ.           ( Porge a Matteo il cappello e il bastone, ma lui non si muove )

PAOLO          ( rientra tenendo la contessa per mano. La segue Rosetta ) Venite, venite signora contessa…..accomotativi preco.

PASQ.           ( come prima a Matteo, ma visto che lui non si muove, li butta a terra )

PAOLO          ( accortosi, fa cenno a Matteo di raccoglierli )

MARCH.        Papà. Zia. Zio……vi presento il cavaliere Paolo Pignata.

I TRE              ( che avevano adocchiato la frutta, si abbassano per prenderne alcuni pezzi e nasconderla nelle giacche, inchinandosi al contrario, dando il di dietro a Paolo ) Vi salutu….( poi si rivoltano )

MARCH.        ( sottovoce ) Ma che fate?........Cavaliere, vi presento mio padre il marchese Ulderico Pignatelli, mio zio il principe Lanfronio di Casa D’Oro,  mia zia la contessa del Pero e sua figlia la contessina Rosetta.

PAOLO          ( fra sé ) E ora comu l’haia salutari, comu a iddi?........Volidiri ca ‘nta ‘ristocrazia si usa accussì. ( s’inchina come hanno fatto loro ) Piacere della vostra riconoscenza.

NICOLINO    E unni semu ‘nto Maroccu. ( siedono sul divano )

PAOLO          ( a Matteo ) Porta i gilati, spicciti……..

MATTEO       Subbitu cavaleri ‘ccillenza. ( gli mette in mano cappello e bastone e va via. )

PAOLO          ( Trattenendo la rabbia li poggia da qualche parte, poi alza la mano con l’indice teso ) Posso…..

PASQU.        Potete andare.

NICOLINO    Ci sciugghiu u stomucu.

PAOLO          No,….posso  parlari?

PASQ.           Palli…..palli…….

PAOLO          Caro marchese,.....cara contessa…..e per conoscenza al signor pirincipe . Speriamo che questa mia parlata vi trovi bene d’accordo….come spero…..

NICOLA         Sentire di te……Sta scrivennu ‘na littra.

PASQ.           Non tu dissi u marchesi ca è ‘gnuranti?

PAOLO          Proseguisco…… Come spero che mi perdonati. La vostra presenza mi fa divintari un mammalucco, anzi un impotente……. Sono imbarazzato di quello che dico……..Io piglio mia figlia e ve la butto nei vostri bracci!.......Mettetela sotto……..il vostro manto di ristocrazia……..Amatela e proteggetela…… E sono il vostro affezionato e divoto Cavaliere Paolo Pignata. ( si asciuga il sudore )

NICOLINO    Chiudiu a littra.

PASQU.        Doveti saperi, che prima noialtri erumu contrari a questo matrimoniu, ma poi dopo aviri riunitu tutta la parentela, ci siamo accalati……Sulu mia soru qui prisenti era un pocu duretta……

NICOLINO    Era,….tant’anni fa……Ora è modda modda.

PASQ.           Ma poi ha finuto per accalarisi pure lei.

PAOLO          Megghiu accussì.

CARMELA    Si jù era ‘n pocu duretta, aveva mille canni di raggiuni…..

NICOLINO    C’ha ‘gghiri a piscari?

CARMELA    Ca ci passava di supra mio fratello il marchese e l’altro mio fratello u principe de’ cazzalori…….

NICOLINO    Casa d’oro contessa,,,,,,

CARMELA    ( riprendendosi ) Ah!....Sicuro di casa d’oro…..ho sbagliato.

NICOLINO    La contessa sbaglia sempri i cognomi……Ah questa contessa, questa contessa…… ( sottovoce ) Stativi muta ca ni stati mintennu ‘nte guai.

CARMELA    Iddi erunu patroni di fari zoccu vulevunu, ma io….la contessa del piede….

NICOLINO    Del pero, contessa,…..del pero

CARMELA    Scusati principi……del pero lo dicono chiddi di basso ceto, noi chi semu nobili, diciamo del piede.

NICOLINO    Non ci faciti vutari u stomucu ‘e genti….Stativi muta.

PAOLO          Pirdunatimi principi, ma mi pare che la contessa avi raggiuni…..Lo pero chi lo dici?.....Propriu i genti di strata.

PASQ.           Sintiti a ‘st’autru trunzu!

CARMELA    Dunque,…io la contesso Del Piede, imparentarimi con una di basso ceto?..... Mai……Chistu sulu mi faceva stari in attitudini di sospensioni. Ma poi  sentendo che la carusa aveva sani e boni principi, alla fini ho diciuto: Ebbene, sia fatta la vostra volontà.

PAOLO          E io ve ne ringrazio e mi abbutto con la facci per terra.

MATTEO       ( entra con il vassoio dei gelati ) Eccu sirvutu, cavalieri ‘ccillenza.

PAOLO          Bravu, dammi a mia……Preco i signori di accittari ‘n gilatu

PASQ.           Oh, ma pecchè questo distrubbo. ( precipitandosi con gli altri a prenderlo e mangiano con avidità

NICOLINO    U sapi nuatri mangiamu sempri gilati.

PAOLO          Ma quali disturbu!....E’ duviri, nient’autru ca duviri.

NICOLINO    Aveva sei anni ca non mangiava gilatu.

MATTEO       ( appena finiscono, raccoglierà il tutto e poi via)

PASQ.           Basti……basti………Ora tocca a noi. Nicolino cuminciu jù o tu?

NICOLINO    Comincia tu ca jù finisciu.

PASQ.           Dunque. Prima di tuttu faciteci conoscere la picciotta che deve impalare mio figlio.

PAOLO          Si ‘ccillenza, la vado a prelevare. ( s’inchina e via )

PASQ.           Marchesino, comu n’addipurtamu?

MARCH.        Bene, bene….ma non esagerate. Parlate il meno possibile. L’importante è che l’ha bevuta.

NICOLINO    Iddu ha bivutu ma nuatri vulemu mangiari……. Co’ sulu gilatu c’hama fari

MARCH         Dopo, dopo…….Silenzio che stanno venendo.

PAOLO          ( portando Elena che s’inchina ) Ecco mia figlia, la piccola Pignata davanti a voi…….Elena, quella è la tua seconda madre, quello è il secondo padre e quello è il terzo.

NICOLA         E chi è, figghia di ‘na coperativa?

ELENA          Sono felicissima di conoscervi.

PASQ.           Bene, bene…….Bravo mio figlio……..La ragazza è di mio piacimento.

NICOLA         Caro fratello, hai ragione…….E’ biddoccula……

CARMELA    Finicchia….finicchia assai.

PASQ.           Adesso è venuto il momento della mia predica.

NICOLINO    Semu a missa, perciò…..

PASQ.           Fratello, fai silenzio!........Dunque, vedendo mio figlio che picciava la matina, picciava la sira, picciava la notti…….

NICOLINO    Era un picciatorio completo.

PASQ.           Non pensando da quale alta noblessa discende la nostra schiatta,…..sono venuto nel vostro arbituro per chiedere le mani di vostra figlia…….Ho detto miei cari, ho detto! ( si siede )

NICOLA         E finiu a predica…..Putemu arricogghiri.

PASQ.           Fratello, adesso diccinni quattro tu.

NICOLA         Grazie fratello………( si schiarisce la voce ) Io ho attentato questo momento che mio nipote si sposassi……… Lo voglio bene come un figlio….. e siccome io figli non ni ho per colpa fisiologica di mia moglie, a morte mia…… ( facendo le corna )…… tutte le mie sostanze vanno a lui,…… che ammontano giù per su a ……….( facendosi il conto con le dica ) …..a 30milioni e rotti.

PAOLO          ( sbalordito ) Trenta milioni?

NICOLA         ( alzandosi con il bastone in mano ) Che vi parono picca?

PAOLO          No……….No…….Io resto alloccuto!!!!

NICOLA         Ah….., mi pareva! ( torna a sedere )

CARMELA    Ma scusati signor principi, c’è anche pure mia figlia, che è vostra nipote, no?

NICOLA         E sempre una cosa mi dite contessa? Io le robbe mie le do a chi mi pare e piace. La contessina c’ha il vostro patrimoniale……Avete tanti milioni

MARCH.        Non mi sembra questo il momento…..poi ne parlerete a casa.

PASQ.           Dunque, dicevamo……..Naturalmente, oltre a quello che ci do io. Essendo figlio unico, ci tocca tuttu: liquido, palazzi, villa. Casi, cavalli, oro, argento……

CARMELA    ….e mirra!....Arrivaru i Re Magi.

PASQ.           ( guardandola di traverso )…..eccetera eccetera……..Che potete considdirari, sotto e sopra, a destra e a sinistra…….4-3….., 7-5-12….. dalle dodici alle………

NICOLINO    Due e ‘n quarto.

PASQ.           Alle 25milioni……..Vi abbastano?

PAOLO          Signori ‘ccillenza……..Io divento un frommicola.

PASQ.           Noi semo troppo ricchi…….Il denaro ci cafolìa.

NICOLA         Tant’è veru ca ci mittemu ‘a naftalina.

PASQ.           L’altro giorno mio figlio mi ha detto:……Papà, hai un po’ di spiccioli?...... Io ci avevo un milione e mezzo minuto e ci l’ho dato…….Che ne hai faciuto?

NICOLA         S’accatau a calia.

MARCH.        Dovevo pagare certi conti dal sarto e dei lavori in campagna

PAOLO          A proposito marchesino, vostra zia la principessa di Casanova…

MARCH.        Casa D’Oro.

PAOLOA       Eccu, si….mogli di vostro zio qui prisenti, era ammalata?.....Adesso comu sta

MARCH.        Male, molto male.

NICOLINO    Malattia inguaribili caro mio…….si tratta di petto.

PASQ.           Mischina!.....Non si arriconosci più…….Si è arriddotta un filo di scuma.

NICOLINO    Aieri sera, sono arrivati quattri specialisti di Londra, in Francia…..e dui di L’america, di Copenachen…………………E dopo averla osservata dissiru: Caro principi è meglio che te la scordi, non ci ha più né polmoni e né ficato…. Si, un poco di ficato c’è, ma pocu, troppu pocu.

PASQ.           Non ci abbasta mancu ppì iatti

NICOLINO    Appoi dissiru: se la milza si mantiene ancora fresca, potrà campare un autra simanata,……ma è dispicile, perché sta già per putrefarsi. ( ride )

PAOLO          Chi schifiu!

MARCH         Povera zia, fa proprio compassione…..( a Nicolino ) Non capisco perché dire tutte queste bestialità

PAOLO          ( fra sé ) Ci sta murennu a muggheri e mancu si ni ‘ncarica. Signor principi, mi piaci u so’ caratteri.

NICOLINO    Ah,…io sogno sempri così…….sempri di buon umore e poi, prima o poi si deve morire, no?......Chi si po’ fari?.....Pazienza, mi ni maritu ‘n autra.

PAOLO          Chi principi schizzoso………( chiamando in disparte il marchesino )  Senta signor marchesino, io vorrebbe invitarli a pranzo……Chi dici posso permettermi?.....Non credo si offendono?

MARCH.        Provateci.

PAOLO          Signor marchese,…signor principe,…..signora contessa……posso avere l’onore e la confirenza di ‘mmitarli a pranzo?

I TRE              ( di scatto si alzano ) Comu vi permettete?

PASQ.           Voi ci avete offeso.

NICOLINO    Chi vi apparemu morti di fame?

PAOLO          Ma io…….era per festeggiare l’anno avversario della nascita e il fidanzamentu di me figghia,……se volunu accittari……per me sarebbi un atto eroico, una conquista.

NICOLINO    E chi pigghiau u furtinu? Un momento quanto mi consiglio…..( agli altri ) Caro fratello,….cara sorella……Chi dici, accittamu?

PASQ.           Dicci si, prima ca si ni penti.

NICOLINO    Accittamu. Però nella ristocrazia, non si fanu festi incocchiati……Quinti oggi arristiamo a pranzo per l’anno avversario e domani nautru pranzu ppì festeggiari u fidanzamentu.

PAOLO          Ma certu…..ccù tantu piaceri.

PASQ.           Ma vi fa tantu piaceri ca mangiamo quane?

PAOLO          Assai assai.

NICOLINO    Allora per farivi contento, arrestiamo anche dopodomani.

PAOLO          Quanto volete voi.

PASQ.           Anche pure una simanata?

PAOLO          Ma pure una misata.

NICOLINO    Facciamo dui?

PAOLO          Anche sei misi se vi fa piaceri.

PASQ.           Un anno!

PAOLO          Due anni.

NICOLINO    E ccù si movi cchiù di ccà………. E noi vi faremo contento

PAOLO          Affare fatto! Per due anni

CARMELA    Vili cu si ni penti!

NICOLINO    A ora,…era scemu!

PASQ.           Qua la mano cavalieri! ( si stringono le mani tutti e quattro )

SCENA 4°

( Paolo, Elena, Matteo, il Marchesino, Pasquale,Nicolino,Carmela e Don Giacomo )

MATTEO       ( entra e si avvicina a Paolo ) Cavalieri…..c’è il suo amico Don Giacomo.

PAOLO          Si….l’avevo invitato. E’ con la moglie e la figlia?

MATTEO       No, cavaliere, è solo.

PAOLO          Fallu passari.  ( Matteo via ) Scusatemi, ho una visita.

ELENA          Contessa, permette che porti la contessina in giardino a vedere i cigni?

CARMELA    Ma preco….andati, andati……

ELENA          Con permesso ( si allontana con Rosetta )

DON               ( entrando ) Buongiorno signori…..Caro Paolo

I TRE              Mizzica…..U patruni di casa. ( aprono l’ombrello e si nascondono dietro )

DON               Mi devi scusare, ma non pozzu ristari a pranzo…….Oggi haju troppu cchiffari…….Sugnu puntatu ccù l’usceri, ppì ‘gghittari fora da casa du’ ‘mbrugghiuni ca ‘nta tuttu u munnu non ci n’è ‘i stissi……Avi sei misi ca non mi pagunu….e ppì giunta mi ficiru ‘n scherzettu ca non m’ ‘u scordu ppì tutta ‘a vita……….Ma stasera c’ha scurari fora,  ammenzu a strata.

PAOLO          Mi dispiaci ca non resti, ma prima ca ti ni vai, ti vogghiu prisintari tri pezzi ‘grossi…..tri illustrazioni della nobiltà,….ca ora addivintamu parenti

I TRE              ( sono in apprensione, vorrebbero scappare )

DON               No, ppì carità……Mi trovu vistutu accussì, non vogghiu fari brutta figura….’N autra vota Paolo, ‘n autra vota.

I TRE              ( si rilassano, si alzano e danno le spalle )

PAOLO          Non insistisco…..Comu voi……..T’accumpagnu.

DON               Illustrissimi signori, bacio le mani. ( sta per inchinarsi, )

PAOLO          ( lo blocca per fargli fare l’inchino al contrario ) No,no,no…..accussì si fa.

DON               ( esegue incredulo e poi via, seguito da Paolo )

NICOLINO    Niscemu di sutta ‘n trenu.

CARMELA    E si si prisintava?

PASQ.           Non ci vogghiu pinsari.

PAOLO          ( rientra ) Scusatemi.

PASQ.           ( minaccioso ) Signo Pignata, cosa volevo fari…..presentarici un tinto patrone di casa?......Come vi permettete?

PAOLO          E siccomi non vi conosci……….io……..

NICOLINO    A lei ci pari………E poi avete sentito cosa ha detto? Che devi buttare fuori a due inquilini, perché non pacano………. Che bestia!.......Dove vanno quei poveri disgraziati senza un sordo?.....Fratello?

PASQ.           Giustu!......Unnè ca jemu u sapi sulu Diu.

CARMELA    Bistiuni……ccà, ppì du’ anni, semu ccà, no?

PAOLO          Domanno scusi e perdono…….Vogliamo andare nel salone a prendere qualche cosa?

CARMELA    No grazie,….c’havemu già tuttu ppe il salone.

PAOLO          Che sghizzosa la contessa…….dicevo un vermuttino, qualche pasta….

MARCH         Con piacere…….Andiamo Bellezza mia?

PASQ            Di cursa.

NICOLINO    Io mi faccio due passi in giardino. Andati voi….andati. ( tutti vanno via, tranne Nicolino )E’ veramenti ‘na bella cosa essiri ricchi. Basta non aviri u pinseri di chi mangiu……comu pavu a casa……comu mantegnu a famigghia… ( ha preso in mano un campanello e simula i ricchi, suonandolo) …….. Iddi sonunu e venunu sirvuti….. …… Ah, maliditta la miseria, ca ti fa divintari vecchiu prima do tempu. Mi vogghiu godiri ‘sti du’ anni di bonu stari, alla facci di chiddi ca non c’hanu chi mangiari……ca poi volidiri di mia stissu.

SCENA 5°

( Maria e Nicolino )

MARIA           Comandi!

NICOLINO    Mortisubbitania, cu è?  ( si volta, la vede e si nasconde con la bombetta ) Mizzica, mè muggheri è!......e si ficiru i ficu

MARIA           Jù, sugnu, a cammarera da’ signurina. Non c’è bisognu ca s’ammuccia….. sacciu tutti cosi.

NICOLINO    ( scoprendosi ) Mariuzza mia, chi ci fai ccà?

MARIA           Tu?!........Niculinu?........E comu si’ cumminatu?

NICOLINO    Dici ca sapevi tutti cosi? U sai o no sai?

MARIA           Sacciu ca u marchesinu ppì trasiri ‘n casa avissa purtatu unu qualunque ca faceva so’ patri, ma no ca eri tu…..E comu t’arridducisti, omu di nenti!........

NICOLINO    Mariuzza, jù……

MARIA           L’hai ancora ddà fimmina, ‘nfami trapuleri?........U vidi, jù fazzu a cammarera ppì causa tò, non t’affrunti?

NICOLINO    Non fari vuci ppì carità……..Pirdunimi mugghiredda mia…… Si veru è,….fai la cammarera, ma almenu tu stai beni, mangi……..Non poi sapiri quanti peni ca staju passannu, non m’ha fidu cchiù di campari……. Su sapissi…….

MARIA           ( sente venire gente ) Camina ‘n cucina……..tradituri….cuntimi, vogghiu sapiri tuttu. ( via )

SCENA 6°

( Paolo, Biagio e Matteo )

PAOLO          ( entra dal salone, spingendo Biagio e Matteo ) Vuatri mi vuliti ruvinari. Davanti a dd’illustrazioni mi faciti fari ‘sti cumparsi?

BIAGIO          Signor patrone, si stavunu allippannu ‘nte buttigghi

PAOLO          E c’era bisognu di scipparriccilli?.....Volidiri ca ‘nta nobiltà si fa d’accussi…...

MATTEO       Si mi pozzu permettiri cavalieri ‘ccillenza, jù non l’haia ‘ntisu diri mai.

BIAGIO          Ppì mia su’ 4 morti morti di fami, autru ca nobili.

PAOLO          Siti du’ scrianzati, eccu chi siti. Comu putiti mettiri in dubbiu la parola do’ marchesinu…… e poi non viditi chi classi, chi eleganza……

MATTEO       Chi ignoranza…….Ma ne’ sintiti comu parrunu?....

PAOLO          Basta!.....( a Biagio ) Tu in sala da pranzu e tu ddà banna. E si vi sentu arridiri ‘n autra vota, parola mia ca finiti ammenzu ‘na strata. N’ahama caputu?

MATTEO       ( in coro con Biagio ) Si signor patrone

PAOLO          E non mi chiamati accussì.

MATTEO       ( in coro con Biagio ) Si signor patrone ‘ccillenza cavaleri. ( via )

PAOLO          ( entrando in sala da pranzo ) Scusati l’assenzio…….Eccomi quane.

SCENA 7°

( Pasquale, marchesino, poi Matteo e Paolo )

                                                                                                                                                    

PASQ.           ( entrando col marchesino dal giardino ) Marchesino mi pari ca finu a ora tutto va beni, no?

MARCH.        Si, si e speriamo che il cavaliere continua a credere, così potrò sposare la mia Elena…… Se arriverò al matrimonio, vi farò un bel regalo a voi e Nicolino ……..Ma dov’è andato?

MATTEO       ( entra ) Permesso?.......Il cavaliere non c’è?...... Debbo annunziare una visita……..( dirigendosi alla porta del salone ) Cavaliere……

PAOLO          ( entra di corsa ) Chi è ca jetti uci?......

MATTEO       La principessa di Casa D’Oro chiede di essere ricevuta.

MARCH.        Com’è possibile?

PASQ            U sapeva jù ca fineva mali

PAOLO          Falla passari…….Anzi, la ricevo io stesso ( via buttando di lato Matteo che lo sta per seguire ) Tu resta fermu ccà.

PASQ.           E comu si fa ora Marchesino?

MARCH.        Non capisco come mia zia abbia saputo………

NICOLINO    ( entrando ) Ccà siti vuatri?......Pasquali non po’ sapiri chi sorpresa.

PASQ.           A vera sorpresa è chidda ca ni putemu spugghiari………..U sai cu vinni? A principessa di Casa D’Oro.

NICOLA         Completu…….Spogghia, ….spogghia ( si toglie la giacca )

MARCH         Sssttttt…..Silenzio, c’è il cameriere………Non perdete la testa, state calmi….. mi volete rovinare Bellezza mia?

NICOLINO    Ccà cuminciunu i vastunati bellezza mia.

CARMELA    ( entra con Rosetta )

SCENA 7°

( Paolo, Lucia, il Marchesino, Pasquale e Nicolino )

PAOLO          ( sorreggendola ) Quanto onore oggi in casa mia.

LUCIA            ( vestita da gran dama, porta un grande cappello con un velo che le copre il viso ) Grazi……grazi……..Dateme una seggia, quanto mi assetto… Sogno ammalata e stanco presto………Grazi. ( porge a Matteo borsetta e ombrellino, che come prima non prende.)

PAOLO          ( prende una poltrona e la sistema al centro della scena ) Ma perché principessa avete vulutu venire, pinsati alla vostra saluti.

MARCH.        ( tira un sospiro di sollievo ) Cielo ti ringrazio, la moglie di Nicolino

LUCIA            ( sedendosi ) Perché intra mi seccavo, sola come un cane……Eppoi non vogghio stari lontana di mio marito. Dove sei?......Avviciniti mio principi azzurro…..quantu ti fazzu ‘n occhiu niuru.

PAOLO          ( gli toglie di mano borsetta e ombrellino che porge a Matteo immobile. Poi glieli mette in mano e non visto dagli altri, a calci lo scaraventa fuori

NICOLINO    Qua sogno diletta consorti……… Ti mangiava a testa!......Ppì forza vilenu ni l’ha fari fari.

LUCIA            ( tossisce e sputa lateralmente proprio sui piedi di Paolo, che si sposta dal lato opposto )

CARMELA    Cara cognata, ma co la malattia c’aviti, uscire di casa significa proprio accuzzarisi la vita.

LUCIA            E’ veru, ma che volete,….se proprio debbo morire, voglio attirantarimi in mezzo ai miei dilettanti parenti,….fra gli bracci del mio consorto.

PAOLO          Ma chi vinni a moriri ‘nta me casa, chista?

LUCIA            Lo so, che voi aspettati con tribolazione la mia morte…….Ah…..lo so, lo so… Lo sapete come si dice…….Morte addisidirata non veni mai.

PAOLO          Ah, questo è sicuro ( Lucia tossisce e sputa come prima ma dal lato dove si trova Paolo, che nuovamente disgustato si sposta )

LUCIA            Si avessi avutu ‘n pocu di affizionamento per me, vi doveva spirciari di diri: Povera principessa, cchì farà sola in casa,…..noi ci divertiamo ……..e quella poveraccia sta digiuna!........( tossisce, sta per sputare indecisa se a destra o a sinistra, mentre Paolo fa un comico balletto perché non sa dove mettersi, finchè verrà beccato. )

MARCH.        ( a Paolo ) Non ci badate, fa sempre così

PAOLO          ( fraintendendo ) Viditi chi schifu di casa.

MARCH         Ma cara zia, se state digiuna è perché il medico vi ha proibito di mangiare.

LUCIA            Ma comunque……..Ora in mezzo a voi sono tranquilla e mi sento più meglio assai……….( tossisce nuovamente, sputa, ma stavolta Paolo non si fa beccare, che soddisfatto esulta ) …..Caro cavaliere Pignata, sono venuta perché me lo sentivo troppu ardenti……….  ( colpetto di tosse )

PAOLO          Cccchiiiii?

LUCIA            ……..il desiderio di conosciri la donzella che ha fatto perdere il ciricoppolo a mio nipote……. Ma dov’è…….me la poteti ammostrari?

PAOLO          Subito principessa, la vado a prelevari. ( via )

PASQ.           Siti sempri vui ca scumminati tuttu, non vi putevu stari intra?

LUCIA            Sintiti, vui putiti parrari accussì ccù vostra muggheri ………Ma jù di iddu pritennu u massimu rispettu…… Iddu è ccà, mangia vivi e si diverti e jù macari. Quannu non ti cunveni, sai chiddu c’ha fari, ognunu ppà so’ strata ! .......Ma prima m’ha spignari u beddu oru e a biancheria……….Ti cunveni?

NICOLA         A facci de’ soddi!.........S’avissi 20mila liri, non subissi ricatti e umiliazioni.

SCENA ultima°

( Paolo, Elena, il Marchesino, Pasquale,Nicolino, Carmela e Maria )

MARIA           ( entrando ) Ti dugnu jù…….Sugnu to’ muggheri e mi lu pozzu permettiri, basta ca spezzi sta catina ccù ‘sta strafallaria.

LUCIA            A mia strafallaria?......Ahu,…tinta cammarera, v’o laviti i piatti.

MARIA           Senti avi tri anni ca ti prummittìi ‘na sugghiata di vastunati…..e mi pari ca ora arrivau u mumentu. ( le due donne si afferrano, cadono per terra. Grande confusione. Poi le dividono e nella confusione Nicolino perde mezzo baffo. Entrano Biagio e Matteo che in disparte ridono. Poi  Paolo ed Elena che restano sbalorditi. )

PAOLO          Ma che succedi?......Signor principi,……il baffo!.......Signor marchese, spiegatevi.

LUCIA            Parro io……..Chisti su’ tri morti di fami……U marchisi è Don Pasquali u salassatori, u principi è Don Niculinu u scrivanu pubblicu…e mancu bonu, e a cuntissa, non è nuddu mmiscatu ccù nenti.

MATTEO       TOMBOLA!

BIAGIO          Ha vistu patruni ‘ccillenza, aveumu o no raggiuni?

MARCH         Calma per carità, calma……..Cavaliere lasciate che vi spieghi…… Ma prima permettemi di fare uscire questa donna, la quale col suo comportamento ha dimostrato di nutrire bassi sentimenti e merita di essere cacciata via.

LUCIA            Non mi tuccati…….non c’è bisognu……Sugnu jù ca mi ni vaju, Picchì l’unica cosa ca stu disgraziatu ancora non m’ha livatu….è la dignità. ( esce mettendosi il cappello di traverso )

PAOLO          Signori, a questo punto non capisciu cchiù nenti.

ELENA          Papà, ti prego, fai parlare il mio fidanzato……lui ti spiegherà tutto.

MARCH.        Cavaliere, vi giuro sul mio onore che ho fatto tutto questo , per la vostra insistenza di avere in casa i miei, i quali mi hanno già dato il loro consenso, per iscritto. Io pensavo che la presenza di questi due avrebbe fatto più colpo………..Ma invece ho rovinato tutto!..........Vi domando umilmente scusa. Ma prima di andare via, è bene che sappiate che la mia vita senza la vostra Elena non ha nessuno scopo…….Bellezza mia.

CARMELA    ( scoppia a piangere, seguita da Biagio e Matteo )

PASQ.           Cavalieri e comu non si commuovi.

NICOLINO    Ma chi pignata è?

CARMELA    Avanti, ci mittissi u cummogghiu.

ELENA          Papà, mancu jù putissi cchiù campari senza d’iddu.

PAOLO          Figghia bedda………non fari accussì……. Signor marchesino, ppì daveru c’havi u cunsensu de’ so’ parenti?

MARCH.        Eccolo ( lo fa vedere ) E poi se non ci credete, domani stesso potete venire a casa mia, che mio padre vi riceverà molto volentieri. Poi quando conoscerà la mia adorata Elena sarà lui a venire a frequentare casa vostra.

PAOLO          ( spinge la figlia fra le braccia del marchesino ) Figghia mia ti benedico. Signor Marchese la facissi felici……ca su c’è ‘qualcunu ca non po’ campari senza d’idda , chiddu sugnu jù.

PASQ.           Bravu…..Bravu…..Evviva u cavalieri Pignata.

MARIA           Signor padrone cavaliere, u fazzu serviri u pranzu?

PAOLO          Si, andiamo a mangiare………Però ‘sti tri…..

NICOLINO    Comu, ….cavaleri……..e chi curpa avemu , picchì s’ha pigghia ccù nuatri?

PAOLO          Ma no, ……stava dicennu, ‘sti tri, datu ca hana fattu i finti parenti, ora fanu i veri ‘mmitati e pranzunu ccù nuatri. Favoriti tutti ddàbanna.

MARIA           Signor patrone, a me maritu si permetti mu’ portu ‘n cucina ( a Nicolino ) T’haia fari ‘n discursu longu………chiaccu di furca

PAOLO          Non signore, si me’ jenniru permetti, facemu accussì:

MARCH         Fate, fate liberamente……papà.

PAOLO          Papà……mi chiamau papà………..Allura, i fidanzati a braccettu, l’ex marchese con l’ex contessa, Maria a braccetto col defunto principe e risuscitato marito…..e jù vi seguo, vi piaci?

TUTTI             Bene….bravu…….benissimo…..

NICOLINO    Cavalieri a stu puntu debbo diri ca siti ‘n perfettu galantomu e ‘na vera persona per bene,….senza offesa ppì nudddu,……la vostra nobiltà d’animo supera qualunque titolo e posizione.

MARCH         Vogliamo andare Bellezza mia?

FERMO SCENA

PASQ.           Pubblico rispettabile, lo spettacolo è terminato………..

NICOLINO    ………….Speriamo ca do pubblicu  nuddu s’ha siddiatu.

PASQ.           Finita è la ricchezza e pur la nobiltà………….

NICOLINO    …………..Picchì non semu nobili e nuddu è riccu ccà.

PASQ.           La scena è finzione, tutto dura un istante…………….

NICOLINO    …………….E restunu l’occhi chini e li manu vacanti.

PASQ.           Finita è la commedia, la tela ora cadrà……………..

NICOLINO    ……………..Calannu lu sipariu, accumincia la realtà.

PASQ.           Ma c’è ‘na cosa vera ca fa’ ricco l’attore……………..

NICOLINO    ………………L’applausu do’ pubblicu su è di veru cosi!

                                                                                                                        

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 34 volte nell' arco di un'anno