Acsè l’è la vita

Stampa questo copione

E zugh dl'la vita - copione a due colonne

Acsè l'è la vita

Tre atti brillanti di Francesco PIRAZZOLI

PERSONAGGI

CHECCO, e’ padròn d’cà

DANIELE, un sù amigh

MATTEO, l’ha d’andé a Marina Romea…

RICCARDO, un amìgh d’Checco

LINO, nèca lò l’é un amigh d’Checco

GRAZIA, zòvna e… vèdva

SIMONA, l’è un amiga d’la Grazia

BARBARA, zovna e bèla

CECILIA, la dòna dal pulizèj

STROLGÙS, e’ strolgh de’ Mnzàn…

(se un ciàpa incù uj ciàpa dman…)

ALESSANDRO, e’ fiòl d’Checco

La vicenda si svolge ai giorni nostri.

COPIONE TUTELATO DA S.I.A.E. TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI.

E' VIETATA ANCHE LA RAPPRESENTAZIONE PARZIALE, SE NON AUTORIZZATA DALL'AUTORE.

POSIZIONE S.I.A.E.  810023 A

Atto primo

Il sipario si apre su una scena che rappresenta un soggiorno di un appartamento moderno. I mobili sono quelli che oggi si trovano nei soggiorni della media borghesia impiegatizia. Corridoio di fronte con finestra che lascia capire che a sinistra di questo vi è l'ingresso principale e a destra le camere da letto e il bagno. La parete laterale sinistra non presenta aperture, mentre a destra l'apertura comunica con la cucina. I mobili sono:un tavolo circolare adatto per chi gioca a carte, due o tre poltrone ed un divano, sei sedie, un tavolino basso, un carrello portavivande, mobili da soggiorno ai lati, telefono, vasi di fiori, posacenere, piattini ed altri oggetti a piacere. Quadri e stampe alle pareti. Portaombrello, attaccapanni, vaso di pianta da appartamento. Tre uomini tra i quaranta e i cinquant'anni sono seduti attorno al tavolo di gioco. Il loro abbigliamento testimonia di una notte calda ed afosa. Uno di loro mescola con lentezza esasperata le carte. Gli uomini sono: MATTEO ‑ RICCARDO ‑ LINO. Lino mescola le carte. Gli altri lo guardano in silenzio e con vari tic che rivelano il loro nervosismo.

MATTEO # (A Lino) Cosa ét paura ad féj mél a ch'al chért?

RICCARDO # Stà chelum, tan é sè che al chért al và armisclédi cun d'la granda chélma, sinò al s'ufend.

LINO # Giosta,propi acsè! E pù smitila d'fèm d'la simunéla che sinò am sbelì

MATTEO # Zerca ad dètt una mosa parchè mè ha j ho prissia e a mèzanott a voj smétar, parchè dmatéina a m'ho da livè prèst!

LINO # In do ét d'andè néca!?

MATTEO # (Scandendo bene) d'matéina a j ho d'andè cun la faméja in vilégiatura... a Marina Romea!!!

RICCARDO # No, a dégh, aviv sintù bén! U l'ha détt coma se duvess andè in t'la Costa Smeralda.... Marina Romea!!! (Con tono di evidente di disprezzo)

MATTEO # Mo stasij bén vujétar a cà, a rompuv al scatal da la matéina a la séra 'e a gudev tott quant stè buldézz

LINO # D'zerta che a què déntar l'è un bél chèld, us ciopa!!! (Rivolto verso la parte della cucina) Checco, mo t'an pù cumprè un ventilador?

CHECCO # (Da dentro a destra) Sè, ha l'ho! .. mo l'è rott!

LINO # (Rivolto a Riccardo) Và ad arvì la finestra de curidur, va là, avdè se a ciapén un pò d'aria...

RICCARDO # Nò! la finestra la stà asréda! Tott sudè cuma ch'à sò, và a finì che am ciép una palmunite.

MATTEO # Oh! At vut movar...! Stal chért a l'ì détt sè o nò!? (Entra Checco in maniche di camicia, regge un vassoio di cartone dove sono panini e lattine di birra. E' sudato. Si noti che l'ambiente dove si gioca deve dare l'impressione di trascuratezza e disordine; le cicche delle sigarette sono dappertutto meno che nei posacenere, bicchieri vuoti posati un pò dovunque, tovaglioli di carta sporchi sul pavimento e sui mobili, indumenti buttati sul divano ed appesi ai pomelli delle sedie. Checco posa il vassoio sul tavolo poi tira a sè una sedia dove si siede, su un'altra sedia trasferisce il vassoio ed inizia a distribuire sandwihs e panini. La majonese che cola dai panini unge tutto il tavolo).

LINO # Cosa as dét stasera da magnè?

CHECCO # E solit: ton, sotasè e majunésa, c'sa cardiv che ha j eva de témp da pérdar par parparév d'la roba diversa, par dal fazz coma vò!? (Mette i panini direttamente sul tavolo)

RICCARDO # Bravo, al chért onti cun la majunésa al sghénla cl'è una bléza.

CHECCO # Gnit paura: i fazulétt ad chérta jè una granda invenzion! (Pulisce e getta sul pavimento il fazzoletto sporco) A sit cuntént acsè!

LINO # (Che distribuisce le carte con estrema lentezza) Ona, do, trè, quatar... (A Checco) Cosa a fét, a zugat sè o nò?

CHECCO # Par sté zir a stégh zò (Strappa le lattine e schizza dappertutto)

LINO # A dì la varitè la bera um piasarébb d'béla e non fè la doza...

CHECCO # Sta zètt, t'avréss da ringraziè, cun e chéld che fa (Pone le lattine sul tavolo, si pulisce le dita con un fazzoletto che getta in terra, si alza e va ad aprire la finestra) un tira brisa un fil ad vént...

LINO # Quanti chért ét?... quatar...?

MATTEO # Stà m'in dè un'etra al guenta zénq e stà atént a dè al chért e t'ant sbeglia parchè a mezanott...

RICCARDO # T'vù smétar parchè d'matéina t'è andè in vilégiatura...

CHECCO # Osta, ma ind do' a val...

RICCARDO # Ma coma, tan e se', e va' in crociera...

CHECCO # In crociera...???

RICCARDO # E va' in crociera a Marina Romea, e va a fe' la cura dal zinzel....

TUTTI # (Ridono)

MATTEO # (Seccato) Sicura! parchè cosa aviv rabbia? (Squilla il telefono e Checco và a rispondere)

CHECCO # Pronto, a sò mè... (Volta le spalle agli amici e parla con fare circospetto e a voce bassa per non farsi sentire) Cosa a vut, péza... A t'l'ho détt tanti volt ... non rompar al scatal quand che a sò cun i mi amig... ma sicura che at voj bén ... al sò che t'am péns sémpar ... sicura a s'avdén sémpar a 'e solit post ... coma toti al zuba ... sè a la solita ora... al si e mèzz, coma t'vù tè... (Gli altri hanno lasciato il gioco e stanno con le orecchie tese) Va bè a sen pù zà d'acord... (Si gira e porgendo il telefono a Riccardo dice) L'è tu moj, ha j vut scorar?

RICCARDO # (Mentre gli altri ridono per lo scherzo, prende il telefono dicendo a Checco) Fatt dè in t'è sacc... Pronto... sì... an sò gnit... cosa... mo cosa am dit... mo a sit sicura... e quand... questa l'è grosa... adéss in dov'él... va bén, a vdirén quel che us pò fè... mo sè non preocupet ai pinsén nuiétar... ciao (Rimette a posto il telefono mentre tutti gli altri tacciono e lo guardano)

CHECCO # Mo cossa él suzèst?!?

RICCARDO # Daniele l'è scapp da cà, dgénd che us và ad amazè

MATTEO # Bhè!!!...mo cosa a ditt ...???

LINO # Ma chi c'ha gl'ha déda a tu moj stà nutézia ?

RICCARDO # Sabrina, l'ha télefunè préma...

MATTEO # (A Riccardo) Tè che t'é tott chi amigh in t'la pulizéja, parchè t'an n'j télifun par fél zarchè

CHECCO # Mo quéla pulizéja! Avdè se i l'arésta par tentato suicidio? Aquè e bsogna urganizess par truvell. Mo ha tl'ala détt parchè e vò fè sta quaiunéda?

RICCARDO # L'ha da divurziè da su moj.

LINO # Mo chi, Daniele?

MATTEO # Quésta l'è béla, e vò divurziè e pu us amaza

RICCARDO # Ma nò. Sabrina, la moj d'Daniele.

LINO # Cos'ala fatt ?

RICCARDO # Chi?

MATTEO # La moj d'Sabrina, cioè d'Daniele...

CHECCO # A dégh a siv tott in t'è mamlén? la moj d'Daniele la vò divurziè. Aviv capì adéss?

LINO # An sén pù miga stopid d'posta!

MATTEO # Questa pù l'è grosa, um pareva che j andéss acsè d'acord. Av zur che in cu dè un s'capess piò gnit!

CHECCO # E vrà dì che e farà la mi fén. Um n'aveva détt tanti da d'dri. Anzi piò che féin a la ciamarébb e prinzépi d'na nova vita d'libartè... mè l'è zénq ann che a sò lébar ...  CINQUE ANNI DI LIBERTA'!!!

MATTEO # Scarzì, scarzì pù, vujétar e intant e povar Daniele magari l'è là in s'la véta d'l'acquédott che us vò butè zò.

CHECCO # Tè rason, Matteo, a sén propi un branch ad sgraziè, mo quant'él cl'è scapp da cà?

RICCARDO # Mi moj l'ha détt che la Sabrina l'ha détt che quand i su j gl'ha détt...

CHECCO # Daj un taj Riccardo!...

RICCARDO # Da una ciopa d'or

CHECCO # Alora a fasén acsè... (Sente il rumore della serratura della porta di ingresso. Tutti stanno in silenzio e in attesa. Entra Cecilia la donna delle pulizie).

CECILIA # Buona sera compagno Checco!

CHECCO # Cecilia, ma cosa a fétt a què da stora?

CECILIA # Tott a gl'or a gl'j'è boni par e lavor d'una pruletéria sfrutéda da la burgheseja

CHECCO # An voj brisa che tam ciéma compagno, quanti volt ha t'l'oja da dì!

CECILIA # Parchè a sit contra la class uparérja?

CHECCO # Nò, mè a sò quel che ut dà e lavor, quéll che ut péga.

CECILIA # Bhè!!!... cosa a vol dì, t'ci un compagno, datore di lavoro!

CHECCO # Va là, lassa pérdar. A sit avnuda par fè al pulizej?

CECILIA # Sè, compagno capitalésta, am métt sobit a lavurè (Rivolta agli altri) um spiés, compagni, ma quand che a féz d'la fadiga an voj ancion d'atoran.

RICCARDO # An putén aviéss a stasén zughend.

CECILIA # (Si avvicina e guarda le carte) T'an vi che t'fè schiv, t'è una misera copia ad sett ...

LINO # (Ride in sordina)

MATTEO # Copia ad sett, el a vera?

CHECCO # Cecilia, par piasè, aspèta un atum...

RICCARDO # Guérda che a stasén zughend ad bajocch!

CECILIA # Sicura i bajocch che avj rubè a la class uparérja e agrécula

CHECCO # Cecilia, par piasè, daj un taj, stasera l'an è brisa la su sera, avén apéna rizivu' dal broti nutézi sora un nostar amigh...

CECILIA # Oh, coma cum spiés, eral vècc?

RICCARDO # No, un era brisa vècc!

CECILIA # In dov ha'l'aveval?

LINO # Cosa?

CECILIA # E mél...!!!

RICCARDO # Mo cosa et capì

CECILIA # Alora l'ha avù una trombosi

CHECCO # Mo quéla trombosi...

CECILIA # Sè, coma e compagno....

CHECCO # Am léssat scorar, Cumpagna de capar!

CECILIA # Ecco la borghesia reazionaria, quando un proletario parla c'è subito la repressione

MATTEO # Sintila, l'am pè Carlo Marx!

CECILIA # Parchè c's'arésatt da dì sora e marxisum?

CHECCO # Férmat, Cecilia, un nostar amigh us vò amazè parchè su moj l'ha l'ha cazè fura d'in cà

CECILIA # Oh, Madona Santa, parchè t'an num ml'è détt préma!

LINO # Quésta l'è bona!

CECILIA # E vujétar cun un amigh che stà par amazéss a stasì a què a zughè al chért?

CHECCO # Ecco, sicura, a t'avléva fè capì che stasera un è 'e chés d'fè dal pulizej, quand che sra finì gnacosa at ciamarò mè

CECILIA # Sè, Sè. Di fronte alle disgrazie, come dice il Compagno Lenin, bisogna portare aiuto e solidarietà e non pensare ai propri interessi!

CHECCO # Oh! Bréva, questi a gl'j'è béli paroll (Cecilia stende la mano con il palmo rivolto in sù. Checco la guarda poi alza la sinistra a pugno chiuso) Grazie compagna e... arrivederci (Vedendo che Cecilia non si muove) Bhè cosa a j él?

CECILIA # Vèntméla... (Facendo il classico gesto con le dita)

CHECCO # Coma vèntméla?

CECILIA # L'è l'ora che a j ho pérs par avnì a què, u j è la previdéza, e fond d'la pensiou, la Gescal, l'ilor, l'ICI, la tassa d'la salut, insoma a gli è vèntméla...

CHECCO # A la faza d'la sulidarietè.

CECILIA # Compagno, l'è la taréfa sindachéla, parò at voj fè un régal, a végh sobit a la Cisa de Chérman a dì quatar Paternoster e quatar Avmarì par la salut de tu amigh (Si avvia verso l'uscita cantando) Avanti o popolo...

CHECCO # (Chiude la porta e ritorna dagli amici dicendo) Finalment!

RICCARDO # Dimm un pò, in dov ha l'ét trova c'la fanatica ch'a là!

LINO # A mè l'am pè c'la séja un pò toca!

CHECCO # Nò, Nò ... l'è fata acsè, i su j è sémpar stè ad sinéstra e neca lì... d'capirè ... mo l'è bréva e la lavora bén. Alora cosa a  fasegna cun é povar Daniele?

LINO # D'zèrta che la fazénda l'è abasténza imbrujéda

MATTEO # Parchè an telefunè a Sabrina, par savè coma che stà veramént al coss?

RICCARDO # Al sét che l'an è brisa una cativa idea!!

CHECCO # Mè a dégh che sl'avleva fès savè qualquél, la telefunéva aquè invezi che a la moj ad Riccardo, no!

MATTEO # Nou a fasén cont ad non savè gnit, anzi, adiritura, a fasén una telefunéda anonima.

RICCARDO # Sè ... E pù cosa a j dgégna... Pronto... parlo con la vedova di Daniele?

CHECCO # Sè, intant t'ci a lè, cmandi néca quand chi fà é funarél, vést che us vò amazè? Un s'pò éssar un po' manch brutéll?

RICCARDO # Sicura, alora a dirén... Pronto quì è l'Ospedale..

CHECCO # Pezz incora ... Un s'putrebb dì, Pronto Sabrina... coma a valà cun Daniele?

MATTEO # Sè parchè cosa cridat che al donn al seja scemi? La capéss sobit che a savén ignacosa.

LINO # Avressum da truvè una frés in dov che un s'capésa brisa che nou avén capì che lì l'ha capì che nou a savén, ma che an avlén brisa fej savè che nou a savén che l'ì la sà.

CHECCO # T'am fè zirè la testa, mo ac straza ad scors èl quest?

LINO # Quest al avì da savè vujétar, mè an ho brisa stugiè.

RICCARDO # Alora, par piasè, prova ad stè zétt, invezi ad dì dal cretinéd (Silenzio, tutti pensano)

LINO # A j ho truvè... A j ho truvè!!! Sintì... pronto qui parla il maresciallo Campana...  chì è Sabrina ?

CHECCO # Mo t'ci propi un scemo, mo ac raza ad scurs ej?

MATTEO # (A voce alta prendendolo in giro) Sono il Maresciallo lo Turco ...

LINO # A j ho détt Campana !

CHECCO # (Suona il campanello) Bou, burdéll ,che j ha sunè (Si avvia ad aprire e da fuori) Bhè cosa fétt a què? (Fa accomodare in casa Daniele che appare dalla comune, sconvolto, trascinando i piedi e la giacca sul pavimento, il colletto e cravatta slacciati, occhi stralunati, capelli dritti. Gli amici gli si fanno intorno mentre Daniele si abbandona sulla poltrona)

LINO # Ch'ut ciapéss un azidént, Daniele! Mo d'in dov a détt fura?

MATTEO # Coma a vétt? ... coma a stétt ? A stétt bén ?

DANIELE # (Grugnisce qualcosa affranto)

RICCARDO # (Verso Checco) Vài a tù qualquéll ad fort, un cognac...

LINO # Al sétt che a sén stè in pinsir par tè, a t'avlimia avnì a zarchè.

MATTEO # Mo in dov a sitt stè, tott quant stè témp?

DANIELE # (Commosso) Grazie burdell, Sol vò am zarchivia, vò che a si 'i mi amigh, chiétar in s'preocupéva par gnit

MATTEO # Non stà dì dal bagianéd, tott a sen preocupè par tè, anzi al vutt savè? Préma l'ha telefunè tu moj...

DANIELE # Chi Sabrina ? L'ha telefunè par zarchém? Al savéva, povra dona, chissà coma ch'la stà padénd!

CHECCO # (Porgendogli un cognac) A dì la varitè, l'ha telefunè la moj ad Riccardo...

DANIELE # Cosa ala détt ...? Cosa ala détt...?!

RICCARDO # Mo gnit, mo gnit, che tat d'cirtia aviè d'in cà par ... andè a cumprè al zigarétt...

DANIELE # (Con calma) Me an ho maj fumè... As pol savè... cosa avl'ev'la la moj ad Riccardo?

LINO # Mo gnit... l'avléva savè  in dò cl'éra e cadévar...

DANIELE # Mo e cadévar ad chi?

RICCARDO # Mo sè, u j è stè un inzidént stradéll...

MATTEO # (Innocente) C'è stato un incidente?...!!!!

CHECCO # Par mè, vo tri avì d'avè sbatù la testa da znén (Rivolto a Daniele) Manda zò, valà che ut tira sò.

DANIELE # (Bevendo) Ala avlù e divorzi? Bene mo ha gl'ha fézz paghè par tota la vita... a m'amézz!!! Avdiv stà bosta? A què déntar u j è al mi ultum vuluntè, parche' vo' a si i mi amigh, io non voglio mettervi in mezzo a questa brutta storia di amore e di morte...

CHECCO # Par mè questa u l'ha d'avè létta in Grand'Hotel!

DANIELE # (Piangendo) Mo parchè am ét fàtt un quéll acsè? Parchè Sabrina, parchè!

LINO # Forsì l'è avnuda a savè che t'è l'amiga! T'al sè coma che agl'j'è al donn, un è che a gl'eva una gran chéra.

DANIELE # (Alzandosi di scatto e dirigendosi alla finestra) In dov a ségna a què, a e séttum pién? (Tutti si precipitano per fermarlo)

CHECCO # Mo cosa a dit, a sén sol a sést pién (E si affretta a chiudere la finestra)

DANIELE # Mo quel'étra dona? Da quand che am sò maridè, an'ho piò guardè dagl'étar, par mè l'esést sol la mi Sabrina...

CHECCO # A vut un panén cun i sotasè?

DANIELE # (Che si è seduto) Sabrina... la mi Sabrina... la m'ha lassè, an i poss credar...!

LINO # Valà, non stà fér acsè, us'arimigia ignacosa, sol a la mort un gnè rimedi

RICCARDO # (Rivolto a Lino) T'an sì bon ad stè zétt, e mi béll balusa!

MATTEO # A l'avlégna pù fè sta partida?... Nò... èl 'e vera?... A j ho capì che l'è méj che a stéga zétt

CHECCO # L'è méj che a lasegna pérdar stasera, l'an è la su sera, avdirén stetra stmana

RICCARDO # L'an è miga giosta parò, alora mè che a j ho pérs?

CHECCO # Cosa a vut che séja, una volta d'pird te, una volta a vénz mè, t'al sè coma ch'a gl'j'è al chert

MATTEO # Sè, Sè... aviéss pù, l'è quési mezanott e... mè... dmatéina ...

CHECCO # (Spingendoli verso la porta) avén capì, avén capì... (In coro) che tè t'é d'andè a Marina Romea (Tutti raccolgono gli indumenti e vanno per uscire poi ad uno ad uno ritornano sulla porta).

LINO # (Rivolto a Checco) E mi nomar t'al sè, s'duvéss avè bsogn, teléfona a qualsiasi ora, néca a la nott

TUTTI # (In coro) Ciao Daniele, pénsa a la salut...

MATTEO # Se t'è bsogn, telefona, mè a sò a l'albergo Miramare, camera 25...

TUTTI # ...A MARINA ROMEA

CHECCO # D'pù stè tranquéll, che su j è qualquéll d'urgént, at teléfunarò préma a tè!!!

CHECCO # (Chiude la porta e torna da Daniele) A vut bè un étar gozz?

DANIELE # (Scuotendo il capo) No grazie, adéss a stégh mej (Improvvisamente e con disperazione) Coma a fézia da par mè, sénza faméja, randagio come un can...

CHECCO # Daj non fè acsè...

DANIELE # Sgond a tè coma a vrèbia da fè, a sò un oman finì, un oman che l'ha pérs la stéma ad tott, a sò dvintè una nullitè ...

CHECCO # A zur che at amazarébb, quand t'fè acsè...

DANIELE # A sèn a post...

CHECCO # Cosa aj staj a fè j'amigh? An j sò mè aquè? Piotost cosa ét pinsè ad fè stanott, in dov a vét a durmì?

DANIELE # Andrò sota a i pont, in t'i sédil de viél d'la stazion, sota al lozz d'la Roca

CHECCO # T'an déga dal bagianéd, stanott d'durmirè aquè, l'apartamént l'è grand, a j ho sol dal cambar, u pù mè a sò da par mè...

DANIELE # Par stanott e pò neca andè, ma dman, pasman? In dov a véghia, in dov a durmia? D'pù stè sicur che a cà a gni végh... Mè a vrébb savè cosa che u j è ciapp, acsè a l'impruvisa?

CHECCO # Forsi Sabrina l'avrà truvè un étar oman...

DANIELE # Mocchè, Mocchè l'è impossébil...

CHECCO # Cosa a vut che a séva, mè, cun al donn un s'capéss mai gnitt...

DANIELE # Un è brisa pusébil, sora a la vartò d'la Sabrina un gnè mai stè l'ombra de dobi e sl'è par quést, gnanca sora la mi...

CHECCO # Ecco a vidat, é mi amigh, un s'ha mai coma che al s'mett al coss, l'oman é msura la vartò d'la dona a pés, la dona invezi quela dl'oman a zentématar...

DANIELE # E pò neca déss, che seja coma d'dì tè, mo mè la Sabrina, la m'ha dett cl'era straca, che la gna faséva piò

CHECCO # A vit che la séra straca

DANIELE # Coma a fala dì cl'era straca, straca d'un marè cumpagna mè... aj cavéva qualsiasi voja, a n'ì faséva manchè gnitt, a gni faséva fè gnitt, la faséva sol la sgnora, a laveva i piètt, a j'impinéva la lavatrizz, a daséva e strazz in tèra, parche mè, a vidat, aj tégn a la cà... t'avivtia da v'dè coma cl'era pulida (Vedendo i fazzoletti in terra e dovunque e cambiando tono di voce) i fazulétt cioss is mètt déntar a e ziztén (Raccogliendo la carta gettata in terra dagli amici)

CHECCO # Bhè t'al sè coma cl'è... quand ch'us zuga cun j'amigh...

DANIELE # (Continuando il filo logico della battuta precedente) ...I fiul, dop avèj lavè, a j purtéva a scola mè, andéva a fè la spésa e a faséva di magnè da lichéss i befi.

CHECCO # Ha j ho féd d'avè capì ignaquéll...

DANIELE # A cà mi l'éra tott in ordin, an a'vléva che gnit e foss fura post, se li la laséva qualquéll in disordin al mitéva in ordin mè

CHECCO # Cosa... T'al mitvita a post tè!?

DANIELE # Propi acsè, un era miga come a què déntar, che um pè d'èssar in t'un stalétt da purch...

CHECCO # (Quasi scusandosi) Mè a sò praticamént ragazz e ogni tant e vén una dona, un'ora a la stmana, a méttar un pò in ordin...

DANIELE # Tan pù immaginè ac narvos ch'um végna a stè in stè disordin

CHECCO # Non preocupet dman a ciam la dona e a j fèzz métar a post ignacosa

DANIELE # Cosa at vén'l pù a gustè un lavor acsè?

CHECCO # Quell che gosta e gosta...

DANIELE # A vétt pù neca a magnè fura e magara... a 'e Risturént?

CHECCO # Quést d'pù stè sicur, avsén in dov che a lavur mè u j è una traturèja che us magna bén e us spénd poch

DANIELE # A tu moj t'an j péns piò?

CHECCO # Cosa a j éntral la mi ex moj, quéla ormai la stà a Cesena e la teléfuna sol quand cl'ha davè j bajoch...

DANIELE # Qui d'j alimént?

CHECCO # Sicura, propi quij...

DANIELE # Alora parchè tan't pruv ad sparmiè un pò, d'putréss magnè in cà, fétt al tu pulizèj...

CHECCO # Sì... Sì... forsì a quà un dè e pò déss, vén che at vèzz avdè l'apartamént (Indicando a destra) a què u j è la cuséina... (Portandosi nel corridoio e da fuori ed in lontananza si sente la descrizione della casa) quest  l'è 'e bagn, questa la cambra d'mi fiol e quéla indò che'e durméva la purèta d'mama, d'putréss durmì a què, at vala bén?

DANIELE # A t'aringrézi, an t'avrébb brisa sturbè

CHECCO # Non fè e bagian, at l'ha dèggh avluntira, in cumpagnèja d'un étar la cà la parrà piò alégra

DANIELE # At ringrèzi, mo 'e srà sol par puch dè, intant che an truv una sistémazion

CHECCO # D'pù stè què quant cut pè, énzi, guérda, at dègh neca la ciév ad cà acsè t'at avéj quand ch'ut pè, e néca se t'at purt in cà dal dunéti mè a fèzz cont d'an avdè gnitt...

DANIELE # Sè al donn... Mè a sò inamurè d'la mi Sabrina (Gli riprende la malinconia) Sabrina... Marco... Lucia...in dò a siv, vostar babb l'è a què da par lò dispérè... (Piange)

CHECCO # Mo neca... mo daj un taj doca... (Suona il telefono. Checco risponde) Pronto... Si... Si... a sò mè... Checco... Ah sei tu...?

DANIELE # (Si avvicina all'amico) Chi èl? Ela la mi Sabrina?

CHECCO # (Sempre al telefono fa un cenno di assenso a Daniele) L'ora térda? T'al sè che mè préma dal trè a n'um vegh mai a lètt... dimmi... chi Daniele?... Sè... l'è què, a j vut scorar?

DANIELE # Dìj che an i sò brisa (Sottovoce) a n'j sò brisa, a vola scorar cun mè?

CHECCO # (Sempre al telefono) Sì bene... a capéss....

DANIELE # Dial che an i voj brisa scorar, se la dmanda scusa e pò néca déss

CHECCO # (Sempre al telefono) A j ho capì.. mo t'an péns brisa che 'e srébb mej... nò, vera...???

DANIELE # A so sicur che l'è un rimors d'cusciénza, am scumett che l'avrèbb che a turnéss! Gnitt da fè!...

CHECCO # (Sempre al telefono) Mo a vidat Sabrina, forse scurend, rasunénd insén...

DANIELE # Am scumètt che la pianz, l'è pintida (Checco fa cenno di nò) Nò!?!? (Quasi urlando) Djal che a la pardon, damm a mè che a j voj scorar...

CHECCO # Ha j ho capì... Parò non precipitè al coss... Va bene.. Ciao Sabrina... (Riattacca il ricevitore)

DANIELE # Parchè et mess zò 'e telefun...

CHECCO # L'ha dètt che dman t'véga a tù la tu roba, sinò la tl'ha bota zò da la finéstra, l'ha vo fè piturè la cambra da lett...

DANIELE # Ah sè, l'ha dètt acsè vera!...

CHECCO # (Annuisce) L'ha dètt che l'an t'vò piò avdè gnéca in futugraféja

DANIELE # Ah sè... Alora al sètt cosa che a fèzz (Urlando) al sètt cosa che a fèzz, am végh ad amazè, am végh a butè sota a 'e treno, in dov'èla la giaca?

CHECCO # (Cercando di calmarlo) Daj valà métat a què insdè, a ciacararén un étar pò, l'è sémpar mej che amazés, no!

DANIELE # (Si è seduto) L'è finida, stavolta l'è finida...

CHECCO # Sént un pò Daniele, t'avrè pù da smétar d'fè toti stal tragédi, se t'mur t'an fè étar che déj sudisfaziou, la morte tua è gioia sua, la dona che l'an è piò inamuréda l'è piò feroza d'la tigre, l'è sénza pietè e suj capita l'ucasion la fà padì l'oman (Anche lui beve assieme all'amico) dam mént a mè... a cgnoss una veduvèla c'la un'amiga... a l'invidén a magnè, a l'impinè bén bén e pù avnén a finì ad ciacarè a cà, magara sota i linzul.

DANIELE # Cosa a sitt dvént matt, mè cun un étra dona ?

CHECCO # Mo sè t'avdirè che d'matéina t'at s'cidarè cun dagli idej un pò piò céri...

DANIELE # Mo gnanch par sogn, mè un schérz acsè an 'e poss brisa fè a la mi Sabrina

CHECCO # Mo bravo e mi béll quaion, lì l'at caza fura d'in cà e tè t'e i scropul?

DANIELE # (Convinto) T'è rason, Checco, "Ma coma, mè che a sò sémpar stè un marè parfétt, t'am cazz fora ad cà?" A j fèzz tanti ad cal coran che l'am parrà un zezt d'lumegh...

CHECCO # Oh! acsè t'am piés, acsè t'scor da oman!

DANIELE # Tè t'fè prést... ristorant, champagne... donn... ma toti stal coss al gosta!

CHECCO # Quéll che gosta e gosta, basta che as divartégna...

DANIELE # Sént 'e Cont d'Turlonia, spendi e spandi, mo a la fén dè més coma a fèt ad armastèt i bajochh da dè a tu moj, da quant'èl che t'an j dè?

CHECCO # E srà zà tri miss, adèss che a j apéns, l'ha da éssar zà arivéda la posta (Apre un cassetto e prende una busta e legge) Sént a què, l'è l'avuchétt d'mi moj che mi intima di pagare...

DANIELE # Eh!...Eh... (Indica il cestino)

CHECCO # (Stropiccia la lettera e la butta nel cestino come suggeritogli dall'amico) La j ha détt cl'è nuvanta dè che an pégh, parò in definitiva j è pù sol tri miss.... l'ha da fè acsè tant ciabot, mo che l'am fèza chéusa... cosa am fala a mè!

DANIELE # Mè a j arébb una soluziou...

CHECCO # Beato tè, mè a végg sol quéla d'paghè, l'è una carogna cl'è bona ad fétt pignurè i mobil!

DANIELE # Nò mè an dgéva par quéll, a vléva dì che quand che t'invid la veduvéla cun l'amiga dimal un pò préma, at fèzz asparmiè una bérca d'suld, a fèzz ignacosa mè, a parpér una livra a la cazadora, che la piaséva acsè tant a la mi Sabrina, l'è una vera buntè.

CHECCO # Và bèh!... Và bèh!... Asparmiarén dì bajoch e pu... arvirén la caza, e la srà CAZA GROSA!!! E adess ven mò che andè fura a divartis...

DANIELE # Bhè, mo a déggh, c'sa sit dvént matt, cosa a vut andè fura lassénd la cà acsè in disordin? Prema 'e bsogna métar a post ignacosa.

CHECCO # Lasa pérdar, a j pinsarén dman, 'e mitrà tott a post la dona, avanti mètat la giaca...

DANIELE # Và bén, andè pù, mo al fèzz sol par fétt cuntént, da dman sta cà la cambiarà da acsè a acsè, gnit donn dal pulizèj, gnit traturèj, at parpararò mè di magnè da lichèt i béfi...

CHECCO # Va bèn, a farén coma t'vù tè, basta che at vèga piò  cuntént, ven mò che as avién...

Fine primo atto

Atto secondo

Stessa scena del primo atto. Tutto è pulito, tutto è in ordine. Daniele è indaffarato. Dal corridoio di fondo entra Checco con un sacco di vivande e chiude violentemente la porta.

DANIELE # (Che indossa un grembiule e che ha sentito sbattere la porta essendo girato) Oh, t'ci tè Checco!!!

CHECCO # A j ho cumprè ignacosa, tota la roba d'la lésta che t'am avivti parparè. A l'ét tirata fura la livra da é frizer?

DANIELE # Sè! E lass stà zà cusinénd... mo quant èl che t'an 'e sbrinè 'e frizer? U j è un giazon élt trè dida...

CHECCO # A n'um arculd... e 'e spumant a l'èt méss in t'è frigor?

DANIELE # Tutto a posto, parò mè a pinseva... (Vede Checco che ha appoggiato le vivande sulla poltrona) At péral quèll 'e post ma métar la spésa?

CHECCO # A dì la varitè mè a sò sémpar stè...

DANIELE # Un disurdinè, l'è da stamatéina che am stciént la schéina par méttar un pò d'ordin, mo quant'el che t'an pulivtia stà cà?

CHECCO # La dona l'è avnuda la stama paséda... (Guardando l'orologio) L'è ormai al sì e mèzz e fra un'urtéina (Allegramente e fregandosi le mani) Caza Grosa... Questa l'è vita e mi Daniele! (Canticchiando) Ah! L'amore, questo folle sentimento che... (Guardandosi attorno) In dov'èl andè a finì e giurnél cl'era a lè sora?

DANIELE # La dona l'è avnuda una stmana fà e tè int'una stmana t'ci riuscì a fè acsè un arvérs? E giurnél l'è in t'è porta rivést... e al mudan e j calzitén cioss i và méss in t'è ziztén d'la roba ciosa, e non in téra...

CHECCO # Và Bèn, t'ha m'è da scusè, an j ho pinsè...

DANIELE # Invezi t'ha j è da pinsè! In t'al cà u j stà j oman nò al bésti!

CHECCO # (Soffiando impazientito e poi con repentino cambiamento ed allegro) E la livra coma a vala?... Daniele èl tutto sotto controllo? A m'aracmand che l'an sbrusa...

DANIELE # (Preoccupato) A végh sobit a avdè... (Esce da destra rientrando poco dopo) Sént ac udurén... mè a zirc ad fètt asparmiè, t'aréss da ésar cuntént, cun gnéca vént méla frénch at ho parparè una zèina che andè a 'e risturént t'aréss spès immaca immaca zéntcinquanta méla frénch...

CHECCO # Tè t'é rason, d'ci un artésta, mo mè a séra abituè a vivar acsè a cà mì... in t'è mi arvérs a truvéva ignacosa...

DANIELE # (Lamentoso) Se quéll che a fézz un và brisa bén, dimal sobit che am avéj... ormai l'ultma pagina de libar d'la mi vita a l'ho zà scréta... cosa a féghia quà a 'e mond da par mè, sénza fameja, senza ancion...

CHECCO # Smétla ad pianzart adoss, t'ci ancora zovan, t'at pu' fè un'étra faméja, quand che ut pè... e pu' basta! Adéss i brott pinsir a j mitè da pért. Quèsta l'ha da éssar una séreda d'amor... A què u j vò un bel              Whisky, am fètt cumpagnèja?

DANIELE # Nò! E stà atènt in dov d'métt i pì che ha j ho apéna dè 'e strazz in téra... e dopp che t'è vutè métt a post la bocia (Checco allarga le braccia asasperato, và a versare il whisky in due bicchieri e uno lo porge a Daniele che sta mugolando)

CHECCO # (Sollevando il bicchiere) Alle nostre pollastrelle... A sò cargh coma una svèglia... l'è mèj che a véga fura un atum... a fègh un sélt in t'è cafè... èt bsogn ad gnitt, intant che a sò fura?

DANIELE # (Ancora mugugnando) Nò!... Parò a m'aracmand... torna a cà sobit...fra un quèrt d'ora a 'e massum t'seja a cà!

CHECCO # Agli ordini (Esce allegramente canticchiando)

DANIELE # (Esce a destra per andare in cucina. Dopo qualche attimo dalla comune entra Cecilia che canta "bandiera rossa")

CECILIA # As pol avnì avanti... a j'èl un qualcadon?

DANIELE # (Rientrando da destra) Avnin pu' avanti

CECILIA # T'à mè da scusè compagno, mo un è che mè a j éva sbagliè cà?!

DANIELE # Mo chi a zarchiv?

CECILIA # Mo a què un'j staséva Checco?

DANIELE # Sl'è par quéll u j stà ancora

CECILIA # Mo tè chi sit?

DANIELE # Mè a sò Daniele, e s'ha num sbéli vò aréssuv da essar Cecilia, la dona dal pulizéj, am sbèglia mò?...

CECILIA # L'è véra, compagno, t'ant sbéli brisa, mo fam capì cos'èl suzest?

DANIELE # Cosa a vliv dì... par tota la pulizéja che u j è?

CECILIA # A què u j è qualquéll che un và, u j è qualquéll che poza, mo quant at dal ad péga?

DANIELE # Mo gnit, mè a sò un amigh, a stesén insén e basta...

CECILIA # (Guardandolo schifita) Fàtt schiv, sa fossuv in Unione Sovietica la Siberia un v'la cavarébb ancion!

DANIELE # Ma nò cosa a pinsiv..., un è brisa quéll che a cardì, mè e Checco a sén oman nurmél, mè a stégh a què parchè mi moj la m'ha cazè fura d'in cà... (Esce da destra per andare in cucina, mentre Cecilia sottolinea a voce alta)

CECILIA # E l'ha fatt bén ... Ecco l'immoralità dei costumi della società borghese, a nun vargugnì?

DANIELE # (Rientrando dalla cucina) Dgì mo quéll che uv pè, mè um preocupa piò tant che un s'brusa brisa la livra che al vostar ciacar sénza séns...

CECILIA # Livra... (Con interesse) Coma a la parperat, compagno, la livra?

DANIELE # A trit l'aj cun e rosmarén e 'e pévar, a méscul ignacosa cun 'e vén e bréndy e pù dopp a virs ignacosa sora i pézz d'livra che ha j ho mess in t'na tégia. A léss misirè ignacosa par sì or zirca, arvulténd spèss la chèrna... a j azonz pelati senza sémi e a lèss cusar par un'étra mezz'ora...

CECILIA # E ad vén a j méttat?

DANIELE # Mè a druv sol dè Soave, che am fèzz mandè da una cantéina a l'è d'sora da Verona, ma roba soprafina... A j hoja da dì qualquel a Checco?

CECILIA # Ta j'e da dì, compagno, che Cecilia l'è sgustéda d'la curuzion e che la dà al dimission da collaboratrice domestica... visto che un ha trov un'étra...!!!

DANIELE # Mo a vl'ho pù za dett, un è brisa quéll che a pinsì!

CECILIA # Il grande Leone Trozcki nèc sl'éra un traditor d'laRivoluzion e dgéva sèmpar "Compagni non fidatevi mai delle parole della borghesia corrotta!"

DANIELE # Mo quéla burghésja, cosa a dgiv? Mè a sò un lavurador coma vò

CECILIA # D'dirè lavoratrice se mai...!!!! Quanti foj ad amlori a j métat?

DANIELE # Quatar, e adéss se un  v'piéss (L'accompagna verso la porta)

CECILIA # Sè mè am avéj da sta cà d'capitalésta, sfuttatori del popolo... (Cambiando tono) Dij che j è véntméla...

DANIELE # Chi gli sfruttatori?

CECILIA # Nò! Cosa et capì? sono 20.000... un'ora di lavoro...

DANIELE # Ma cosa a dgiv, se an avì fatt gnitt?

CECILIA # L'è listéss, l'ora che a j ho pérs chi ch'am la péga a mè! L'è mej che a stasiva in urécia, sinò a végh da i sindachet e av denozi par CONCORRENZA SLEALE...!!! (Poi si mette a cantare) Avanti o popolo... alla riscossa... (Esce)

DANIELE # (Rimasto solo) Oh! Dio la mia livra...!!! (Esce velocemente in cucina rientrando poco dopo. Guarda l'orologio da polso e si avvicina al telefono) Pronto, per favore, c'è Checco? Come... un gnè... un s'è vést?... a j ho capì... grazie... Buonasera (Chiude il telefono e poco dopo si apre la porta ed entra Checco)

CHECCO # Eccomi quà, un pò piò chèlum... (Si toglie la giacca e va a sedersi. Daniele si siede vicino a Checco)

DANIELE # As pol savè ch'ora cl'è?

CHECCO # Cos'èt l'arloj ch'un và?

DANIELE # No, no e mi e và ben, a l'avléva savè da tè se un st'piés?

CHECCO # L'è al sètt, parchè?

DANIELE # U j vò de curagg a dmandéll, tant'avivtia da vnì a cà al si e trì?

CHECCO # Cosa a vut ch'at dega, purén, in t'é cafè a j ho incontar e Galliou e as sén méss a scorar de Baracca... di nuv acquést.. de campiuned...

DANIELE # ...De Baracca!?!?

CHECCO # Mo parchè am fétt tott quanti 'stal dmand?

DANIELE # (Convinto) Quésta l'è una sturiéla cl'ha và bén da cuntè ad un inciciuì, non a mè...

CHECCO # (Allibito) At zur cl'è la varitè!

DANIELE # T'ci un busédar, un busédar e sperzur... a j ho telefunè in t'é cafè e i m'ha dètt che t'ant ci gnéca vést

CHECCO # (Imbarazzato) Sè và bèn ... am sò farmè un atum da é barbir...

DANIELE # Bravo, congratulazioni, préma e bar, pù vést che a j ho squèrt ignacosa, ...é barbir... dimm piotost che t'at d'ci sméngh...

CHECCO # (Comincia ad arrabiarsi) Dì sò... a fétt in sé séri o a schirzat?

DANIELE # T'an um zirca miga d'zirè la méla, a sò ancora drì che aspétt...???

CHECCO # A mè ditt cosa che t'aspétt?

DANIELE # A voj savè in dò d'cì andè a finì tott stè témp!

CHECCO # Ciò, a dégh, a sit dgént cumpagna mi moj?

DANIELE # Quèst nò, ma an voj brisa gnénca éssar la tu sérva. Al sétt quand cl'è che a puléss?

CHECCO # An tl'avrò miga dètt mè, par chés, d'tì piotost che tl'è avlù fè tè...

DANIELE # Nò, nò ... un mumént, ass simia méss d'acord che avréssum fatt un po' prou e non che avéva da fè gnacosa mè...

CHECCO # Cosa a vut che at déga, um s'è fatt térd e basta!!! A vétt bén acsè!!!

DANIELE # Eh nò... tropa comuda e mi amigh, la figuraza dnenz a la viduvéla um toca féla mè, se u j è qualquéll ch'un và, s'un éra par mè ut tuchéva d'purtela a 'e risturént...

CHECCO # A dégh, c'sa zavéjat, t'ci stè tè che t'ha l'è avluda invidè a què!

DANIELE # Par fétt asparmiè e non féss sputanè par tota la zitè, mè a li cgnos quéli , s'ha gli avdéva la ciustè che u j era a què a gli andéva a cuntél a tott, a l'imméginat al ciacar...???

CHECCO # Cosa a vut maj che al s'infréga lò, quéli al vén a què par pasè una nott e basta!

DANIELE # Ecco che t'chémbi scors un'étra volta...

CHECCO # A chémbi scors mè, vigliaca d'la miséria, um toca d'sintili toti, mè a t'ho uspitè avluntira coma sol un amigh 'e pò fè, e tè t'at métt a fèm dal simunéll... coma c'la faséva mi moj... mè a dègh sol che vèst che ognou u la pénsa a la propria manira d'ora in avénti a fasén acsè, tè t'at avej a la matéina e d'turan sol a la séra, a soja stè chiér?

DANIELE # (Che si alza mortificato) A j ho capì, a j ho capì, dop a tott i mi sacrifezi ecco la ricumpensa, mè a végh in t'la mi cambra e quand che è vén al clumbèli, t'at arangiarè tè, andegna bén acsè? (Esce dal fondo)

CHECCO # (Che vede svanire la serata) Daniele, an dgéva brisa in sé séri, a j ho scort sénza pinsej, an avén brisa da bravè fra nujétar... fra poch a gl'ariva al donn e mè cosa a mn'hoja da fè d'ona in piò?... Dai vén d'quà ... adéss a j apens mè, fasén acsè... adéss tè t'at apus e a lavur mè... a vèt bén acsè?

DANIELE # (Da fuori) Va là che a la cgnoss la tu voja d'lavurè...!!!

CHECCO # In sta cà un s'po' piò scharzè...!!!

DANIELE # (Rientra con la valigia) An sò brisa instizì mè, um sagriva sol d'éssar tratè coma una pèza da pì... (Si dirige con la valigia verso l'uscita)

CHECCO # In dò a vétt cun c'la valisa? Cosa a fétt? (Scusandosi) Scusum valà a sò un po' strach e narvos, um pè d'éssar coma quand che a què déntar u j era mi moj, stà situazion l'ha m'ha rés narvos...

DANIELE # St'avivtia e narvos t'an avivtia brisa da prizipiè sta discusion, t'al sè che an supurt al scéned...

CHECCO # (Allibito) Cosa hoja fatt mè....!?!?! Dai valà posa c'la valisa... che ormai a gli ariva al pulastrèli e... a fasén festa

DANIELE # Armést a què sol par non fétt fè una brota figura, quand che Sabrina l'invideva al su amighi a séra mè che a faséva i canoli sizilién cun la ricota e coma che a j favésa mè un ni fà gnéca on che stèga a Palermo...! (Rivolto a Checco) Cosa a pénsat?

CHECCO # A péns a quant che a gli è ingréti al donn...

DANIELE # (Cambiando repentinamente tono) Al sétt cosa che ha j ho pinsè d'fè Checco, a ni péns piò a Sabrina, a voj avdè coma c'la fà a frézar al patet?

CHECCO # Frézar al patét... d'scors èl quést?

DANIELE # (Ridendo) Ih..Ih... a druvarala l'oli d'sémi o l'oli d'uliva (Suonano alla porta)

CHECCO # Questi a gl'ha da éssar lò (Va ad aprire mentre Daniele si toglie il grembiule fuggendo in cucina) Ecco quà la mia bella Grazia, il mio fiore di pesco, buona sera... entrate (Le accompagna al divano)

GRAZIA #    Grazie Checco, buonasera!... Questa è Simona....

SIMONA # Ciao Checco...

CHECCO # (Galante) A t'asicur che t'an si maj stéda acsè desidereda coma staséra (Invitandole a sedere) accomodatevi belle signore ...

SIMONA # Signorina, prego...

CHECCO # Scusa, ti posso dare del tu, vero?

SIMONA # Certamente, siamo tutti amici, vero?

GRAZIA #     (Che si è seduta con Simona) Che bel ambientino ordinato e pulito, fai tutto da solo o c'è la mano di una donna?

CHECCO # (Sedutosi anche lui) Nò, c'è un amico mio...

SIMONA # (Ridendo) Ah... Ah...

GRAZIA #    ...Un amico ?

CHECCO # Nò... nò... un è quéll che a stasì pinsénd, un è miga ou ad quij... l'è una storia un po' trésta... dopp a v'la count, adéss a v'è presént (Chiama ad alta voce) Daniele?!?!

DANIELE # (Che viene dalla cucina) Buonasera!

CHECCO # Daniele, at presént Grazia e Simona, quest l'è l'amigh che av dgéva préma...

GRAZIA #    Molto piacere...

SIMONA # ...Molto lieta

DANIELE # (Un po' asciutto) Piacere mio...

CHECCO # A sò sicur che la srà una béla seréda, c'sa pinsiv vujetar?

DANIELE # St'al dì tè!

CHECCO # Stà pù tranquell, a t'la garantess mè, parchè quand in t'una festa u j è la Grazia la festa l'è assicuréda...

GRAZIA # Grazie Checco!!! Mè a sò sémpar stéda ona che l'ha voja ad ridar e d'scarzè!

DANIELE # Néca la mi Sabrina...

CHECCO # (Interrompendolo) A vlégna rompar e giazz cun ona barzaléta? A in cgnioss ona mè!

SIMONA # Sl'è una barzaléta ciosa an l'ha voj sintì!

GRAZIA # Checco dam mént a mè, trova un étar argumént...

CHECCO # Ma l'è impurténta l'introduziou, l'è dimondi imputenta. Se a j cavì quéla cosa a j avanzal!

GRAZIA # Questa l'è béla Checco, l'introduziou... Al savéva che d'cirti spiritos

CHECCO # (A Simona) Cosa a in dit tè...?

SIMONA # Cosa... sora a j oman spiritus...?

CHECCO # Nò, sora l'introduzion...!!!

GRAZIA # C'ut vègna un bén, Checco, t'am e zà méss un quéll adoss...

CHECCO # Quést um spiés, parchè mè at voj avdè chélma, distésa...

GRAZIA #    Basta Checco..!!! Se d'cunténuv acsè t'am fè murì...!!!

CHECCO # Forsì le mèj che a véga a tù da bè (Si alza)

SIMONA # Sl'è pusébil, mè an avrébb bè d'la roba alcolica, se nò a téch a ridar.

DANIELE # Neca a la mi Sabrina u j faséva e stess efétt...!

GRAZIA # Chi è la Sabrina...?

CHECCO # Mo gnit.. l'è la su ex moj...!!!

DANIELE # Piano...piano... an sen miga ancora divurziè.

SIMONA # Ah... ma coma...!?!?! (Con stupore)

CHECCO # Bhè... t'al sè coma cl'è... separati da poco...

DANIELE # Separati.. non stasén esagerè. L'ha m'ha sol cazè fura d'cà!

SIMONA # Mo questa l'è una cativéria bèla e bouna...

CHECCO # Grazia, a tè coma at piésal...??? (Con evidente intenzione) fort... o alzir...?

GRAZIA #    (Anche lei rispondendo in tono allusivo) Cosa...?

CHECCO # ...Mè a scureva dl'aperitiv... cosa a pinsivtia?

GRAZIA # Damal pù... fort, a mè um piés fort...

CHECCO # At zur Rosétta che a j avrébb scuméss la cà (Va via, in cucina).

GRAZIA #     (A Daniele) Quant'èl che t'cgnoss Checco?

DANIELE # L'è tant énn... cun la Sabrina, invezi, a sén cgniunsù a scola.

SIMONA # El dimondi che av sì separè...?

DANIELE # Da quélch dè... che parò a mè l'am pè zà un'eternitè...

GRAZIA # At èl spiasù dimondi...?

DANIELE # Um pè che um schiopa é cor..., l'éra tott par mè. (Si asciuga gli occhi col fazzoletto).

SIMONA # Um spiéss, mo parchè t'an t'pruv a preghè la Madona, la fà un sacch ad miréqual. A mè una volta l'ha m'ha fatt truvè un'anéll d'or che a j avéva pérs...

GRAZIA # Aviv di fiul?

DANIELE # Sè, dù: Marco e Lucia, la luzz di mi occ... (Singhiozza)

SIMONA # (Si siede sul bracciolo della poltrona) Non stà a fè acsè che um vè da pianzar néca a mè... mo parchè  a t'hala cazè fura d'cà? (Gli accarezza i capelli)

GRAZIA # Disal, parchè ad nou t'at pù fidè.

DANIELE # (Estrae dal portafoglio una foto) ...Guardì a què ad fata maravéja ad fiul

SIMONA # Sè, j è béll. Toh Grazia, guérda coma che j è béll (Grazia si alza e siede sull'altro bracciolo). E quéla chi èla?

DANIELE # L'è la mi Sabrina.

SIMONA # Fati crudéltè. Il sacro vincolo del matrimonio calpestato e deriso da una donna malvagia...

GRAZIA #    Zérti donn an s'è mérita brisa un oman cumpagna tè. Che sciagurè d'mi marè, che seja in té mèzz de paradis, um n'ha fatt passè ad tott i culur (Gli accarezza i capelli).

SIMONA # Povar fiul... sedotti ed abbandonati senza é babb (Tira sù col naso emozionata).

DANIELE # A n'ha gli ha fèzz piò a stè senza avdej, avéva pinsè d'amazém.. (Scuote la testa affranto).

GRAZIA # (Gli dà dei colpettini sulla mano) Non stà dì acsè. T'avdirè che ou ad stì dè us'amasarà ignacosa...

SIMONA # Parchè t'an vè a Lurd?

DANIELE # Cosa a soja ... paralétic?

SIMONA # Un s'à maj, la Madona la fà tént miréqual.. Me ha j ho un'idea... e se a pruvésum a scorar con Strolgùs, chissà ch'un posa dèt una man..

GRAZIA # T'é propi rason, e bsogna propi che a j scuregna...

SIMONA # Sè parchè a mè um fà pena, sté povar oman, acsè indifés... Chissà che non riesca a distruggere la passione che li travolge e che lei possa ritornare pentita fra le tue braccia.

DANIELE # Mo chi... chi la travolge? Cosa èla andéda sota a 'e treno?

SIMONA # Tu moj cun é sù amént...

DANIELE # Mo l'an ha miga di amént...

GRAZIA # T'è da mént a nou. Quand che una dona l'as cumporta acsè é vò dì che l'ha l'amigh...

DANIELE # Nò... nò... Un è brisa véra!!!

GRAZIA # Stà chélum. U j è... U j è... Ut é dis una che la s'inténd.

DANIELE # A gni crid gnéca sé a végh!

GRAZIA #    I mi povar oman... bèla o brota, ragaza o maridéda, l'amigh u j è sémpar.

DANIELE # Alora i marè cosa a j staj a fè?

GRAZIA #    Cosa a j éntral... quéll l'è un pèzz d'la faméja... una pért dl'aredamént...  cl'étar l'è l'amor, e grand'amor...

SIMONA #  Mè a sò cunvénta che e séja sol quéstion ad temp, mo che préma o dop l'at ciéma. E pu Strolgùs ut darà una man a fè sparì toti al cativeri che i t'pò avè fatt... A sò sicura, tu moi l'at ciamarà....

DANIELE # Ah.. l'ha ciamè, lò... par dim che andéss a tù i mi vstì, sinò la j butéva véja.

GRAZIA #    Fata sgraziéda!

SIMONA # Ma coma as fall a tratè acsè un oman coma quest (Piange sulla sua spalla)

GRAZIA # Par zèrti donn u j avrébb e bastou... quést sè cl'è un marè.. um vén da pianzar... (Piange sull'altra spalla. Piangono tutti e tre).

CHECCO # (Rientra dalla cucina sorridente coi bicchieri) Ecco qua gente...arriva il vizio..!!! (Rimane fulminato nel vedere la scena) beh!... cosa èl suzést... cosa èj tott sti piagnistèj?

GRAZIA #    Sta zètt, Checco, t'an vì che l'ha e méll d'cor...?

SIMONA # Us ha cuntè toti al su sgrézi e mè am sò quési innamuréda. (Lo accarezza).

CHECCO # Mo cosa a dit... l'è véra t'am pè la Modona di Sètt Dulur... Ma coma! Mè am'avéj tott alégar par andè a tu da bè e quand che a turan a truv tott sti piagnistéj ... da Vènar d'la Passiou...

DANIELE # Ma cosa ét fatt?

DANIELE # Mè... mè... (Scappa in camera sua col fazzoletto sugli occhi).

CHECCO # Mo guerda ac bèla seréda arvinéda. (Posa i bicchieri)

GRAZIA # (A Checco) Forsi l'è méj che avnégna un'étra volta...

SIMONA # Sè, quand che e dulor us srà calmè.

GRAZIA # La zèina a la farén a cà mi...

CHECCO # Mo u j è la livra...

GRAZIA # Un'étra volta Checco... un'étra volta. (Si avvia con l'amica verso l'uscita)

CHECCO # Mo nò, stasì a què , avdirì che adèss u j passa.

SIMONA # Nò... un è brisa giosta... a fè fèsta quand che u j è un oman acsè infelizz.

CHECCO # (Mortificato) Um spiéss ... um spiéss propi...

GRAZIA # Un è gnit. A s'avdirén in t'un étra ucasion... At télifun mè... zérca piotost ad tirél sò ad murél..

SIMONA # Se a poss dètt un cunséli, t'ha j aréss da féj cgniossar una dona...

CHECCO # Mo l'è véra! Se t'an me dgvitia tè at zur che a gn'avéva brisa pinsè

GRAZIA # Alora at salut, a'sintarén piò avénti. (Escono e Checco chiude la porta).

BUIO IN SCENA PER POCHI SECONDI

Si riaccendono le luci. Daniele è in scena che sta passando l'aspirapolvere. Suonano alla porta, Daniele va ad aprire. Entra Strolgùs. E' il classico cartomante, è vestito in maniera eccentrica, come si conviene a tali mestieranti. Ha con sè una valigetta con dentro gli arnesi del lavoro.

STROLGÙS # Bongiorno... As poll avnì avénti...

DANIELE # Sè, sè... mo chi a zarchiv?

STROLGÙS # La mì presénza a què l'è impurténta e sl'ha n'è brisa... Sono qui per aiutarti perchè mi hanno mandato...

DANIELE # Sè, sè a j ho capì... mo cosa a zarchiv, a zarchiv Checco?

STROLGÙS # Io sono Strolgùs... colui che sa tutto, vede tutto, non sbaglia mai... Chi él 'ste Checco...?

DANIELE # Ma coma chi cl'è?...

STROLGÙS # Ah! Sè Checco...!!! (Facendo finta di aver capito)

DANIELE # Checco un gnè... l'avrebb da tardè poch, .. mè a sò un amigh...

STROLGÙS # In che senso?

DANIELE # In t'é sèns d'amigh... nò dl'amigh... (Strolgùs nota dubbioso il grembiule) Anche se le apparenze possono ingannare... (Si toglie immediatamente il grembiule)

STROLGÙS # A végh... a végh...

DANIELE # Cosa a vliv, Checco, um ha uspitè in cà sù... parchè mi moi l'ha m'ha sbatù fura d'cà!

STROLGÙS # Mo mè a sò a què par tè...!!!

DANIELE # Par mè!

STROLGÙS # Simona, cl'è una dona acsè sénsébila, l'ha m'ha scort d'tè, che t'ci un oman acsè bon, mo infelizz e l'ha m'ha détt "Strolgùs cl'oman l'ha bsogn de tu aiut" ...e mè a sò a què!

DANIELE # A fè cosa...???

STROLGÙS # A détt una man ... a tl'ho pù dett... (Convincente) Dai su spogliati con mè...

DANIELE # (Allibito) Cosa?!?!

STROLGÙS # ...Lasciati andare e... mostrati dentro... Io solo ti posso dare una mano a toglierti da questo pasticcio...

DANIELE # A j ho capì ... ma cosa a vrebbia da fè?

STROLGÙS # Ti devi solo rilassare e parlare con me ... su dai sediamoci... (Siedono entrambi al tavolo) ... ecco a vidat a què déntar u j è la roba par capì cosa cl'è suzést (Indicando la sacca o borsa che ha con sè) ...parchè néca lì... (Facendo un gesto interrogativo col dito)...

DANIELE # Chi mi moj ?... Sabrina!!

STROLGÙS # Sì Sabrina... ma t'an é da essar acsè agitè ... stà chelum! Adess a tir fura al chért ... e pù a tl'ì lézz... (Estrae dalla sacca carte e panno verde che stende sul tavolo. Poi accende la candela che avrà messo nel candeliere. Inizia a mescolare le carte). Non t'nì al gamb incavàlèdi e ... liva cùn la manzèina...

DANIELE # (Va per alzare)

STROLGÙS # Alt!!!... Fèrmat!!!... at t'cit tuchè?

DANIELE # ...Cosa?

STROLGÙS # A là...

DANIELE # A là... in dov?

STROLGÙS # A voj dì ... et fatt e tù bsògn da pòch...?

DANIELE # Un quért d'ora fà...

STROLGÙS # E at t'cit tuchè?

DANIELE # Oì, se avléva féla...!!!

STROLGÙS # (Estrae dalla sacca il barattolo delle salviette e gliene porge una) Purificati!...

DANIELE # (Esegue e poi alza il mazzo delle carte)

STROLGÙS # Alora adéss a stend e tu nom... e pù dopp quell d'la tu inamuréda... quanti léttar àl 'e nom d'la tu inamuréda...

DANIELE # Sì...

STROLGÙS # Ecco questi a gli è par e tu nom ...Daniele (Ad ogni sillaba del nome stende una carta e le conta ad una ad una per verificare) 1-2-3-4-5-6-7-8-9-10.... e adéss queli d'la tu inamuréda... 1-2-3-4-5-6 (Poggia le carte dalla sua parte destra e ad una ad una comincia a scoprire le carte stese nella fila in alto partendo dalla prima a sinistra) ...Sota a i copp d'la tù cà a vègh una dona cl'è tu moj....

DANIELE # ...La mi Sabrina...

STROLGÙS # U j era un grand'amor...

DANIELE # (Commosso) L'è vera....

STROLGÙS # Parò st'amor l'è murtifichè e ut ha purtè di gross sacrifézi faséndat truvè sénza tétt... lascéndat cun e cor spezè... ut ha purtè di sacrifezi fura d'cà, murtifichéndat, facendoti vagare all'oscuro... Avdén lì... (Scopre le carte della fila di sotto sempre partendo dalla prima a sinistra) Pur avénd e benéssar sota i copp d'cà sù neca lì l'ha e cor spezè e l'è murtifichéda da 'sta situazion ssréda (Sussultando) Mo a què u j è e malocch...!!! A vsen a lì a vegh una parsona cativa e invidiosa che l'ha j ha fatt de méll... A voj fè la prova par avdè se néca tè t'e 'e malocch... (Fa scostare Daniele dal tavolo, estrae dalla sacca il piattino che farà reggere a Daniele sopra la testa. Estrae le ampolline dell'acqua e dell'olio e versa acqua nel piattino ed aggiunge 3 goccie di olio) Adesso a virs l'acqua e pù tre gozz d'oli par avdè se néca a tè i t'ha fatt e malocch... (Prende in mano il candelabro con la candela che farà ondeggiare davanti alla faccia di Daniele ed accompagnerà il tutto con un canto che andrà in crescendo) I .. Ei.. I ... Ei ho... Per tutti i guardiani vattene via a ricevere indietro tutto il male che hai mandato (Guarda il piattino per vedere la forma che hanno assunto le goccie d'olio nell'acqua, una volta analizzate fa rimettere tutto a posto) Neca tè t'e 'e malocch... ma ha j pinsarò mè! (Estrae un ricettario e scriverà la ricetta) Tè amaro con due cucchiaini di parmigiano al mattino e due goccie di questo infuso alla sera prima di coricarti...

DANIELE # Mo ad roba èla?

STROLGÙS # Estratto di lingua di rospo della Val Sugana... (Consegnando la ricetta) ...Douca a gli è 50.000 par al chèrt, 80.000 par é malocch e 30.000 par la rizéta...

DANIELE # (Estraendo da un portafogli il denaro) 30.000 par é rosp...???

STROLGÙS # At garantés che fra quelch dè t'srè un'etar oman...

DANIELE # Mo chi ch'm'ha dis a mè che...

STROLGÙS # Io sono Strolgùs colui che sa tutto, vede tutto, non sbaglia mai... (Nel frattempo avrà riposto ogni cosa nella sacca) Ricordati di Strolgùs... Tu diventerai un'altro uomo...!!! Addio ...e ricordati di Strolgùs (Esce)

DANIELE # (Si rimette il grembiule ed alquanto pensieroso riattacca la lucidatrice e si rimette a far mestieri. Entra Checco con una sigaretta in bocca che getta volutamente sul pavimento pulito mentre Daniele continua a pulire senza guardarlo. Checco comincia a rovistare nei cassetti gettando il contenuto per terra e continuando la sua opera di disordine, scombussola tutto ciò che Daniele aveva messo accuratamente in ordine) ...A zircat dal rogn?

CHECCO # Sicura!

DANIELE # Alora l'è mej che t'at chèlma un po', parchè tott st'arvérs um fà gvintè narvoss...

CHECCO # A sò cuntént. t'an pù crédar quand ch'a séja cuntènt!!!

DANIELE # A l'èt cun mè par la livra che a j ho brusè a ir séra o par al donn...?

CHECCO # Cosa a j éntral la livra, mè a déggh che a j avéva cunvént dò pulastréli avnì in cà nostra e tè in zénq minut t'ci riuscì a trasfurmè la seréda in t'un murtori. Nò! An l'ho cun tè, ha l'ho cun mè parchè an t'ho brisa lasè buté zò da la finéstra... da stora t'sréss mort e mè a putrébb tirè un suspir d'suliév...

DANIELE # (Sempre indaffarato) Beh!... a déggh, l'an sra miga stéda una tragédia...?

CHECCO # Parchè tè coma a la ciamaréssat... a sivi a què che a pianzivia tott tri... 'e témp che ha j ho méss andè a parparè j aperitiv...'e a sivia zà a lè a pianzar coma tri vidlén urfan...

DANIELE # E vò dì che a gli éra dal donn sensébili, mo e dramma d'la mi vita cs'at péral un quéll da gnit...!!!

CHECCO # Bravo! Parò quand 'e dramma l'è arivè a la fén, e cala e sipéri, l'attor é fà al sù valis e us'avéja, am soja spieghè...!!!

DANIELE # Um 'e pérs d'avè intuì una véga allusion... (Va in cucina)

CHECCO # Nò! L'à n'è un'allusion, l'è una senténza, l'è 'e padrou d'ca ch'us è rott! l'è ora che t'at aveja, che t'insèca i tù fagott e t'cièpa l'oss...

DANIELE # (Ritornando dalla cucina con la tovaglia che stende sul tavolo) E quand avrébal da suzédar stè fatt...

CHECCO # Cosa a vol dì quand...?

DANIELE # Sè a vòj dì... a m'hoja d'aviè incù o quand che ha j ho truvè una sistémaziou... (Andando di nuovo in cucina e ritornando con un coperto)

CHECCO # Nò...a degh... a schirzat o a ditt in s'è séri...???

DANIELE # (Mentre apparecchia) An schirz mai mè!

CHECCO # (Parlando a sè stesso) Checco stà chèlum... stà chèlum... (Rivolto a Daniele) Sént Daniele... l'è mej che a in scurégna serenamént par avdè d'risolvar stà situaziou... Mè a capéss che tè te avù di gross spiasè e an um péint brisa d'avét uspitè... ma ormai l'è pasè tant témp 'e e dulor t'al aress duvù avè zà adaquè!

DANIELE # Sè, l'è véra, am sò calmè un bisinì... (Va in cucina)

CHECCO # A vidat... i nostar carétar un è ch'i possa andè propi d'acord...

DANIELE # (Rispondendo dalla cucina) Sè! T'è rasou... tè t'e un caratarazz...!!!

CHECCO # Ah... a srébb mè che a j ho un caratarazz...?!?!? Mè a què a sò a cà mi e a la mand avénti coma cum pè, am soja spiéghè!!!!

DANIELE # (Tornando dalla cucina con un piatto di spaghetti) Ah... parchè stà cà, préma che a j mitéss al man mè, t'è t'ha l'ha ciamivtia cà...???

CHECCO # Ciamla mo coma che ut pè... mè a j staséva bén...

DANIELE # (Seduto davanti agli spaghetti) A m'la sintèva che la srébb finida acsè! La ricumpénsa l'ha n'è stè mond... dim un pò... a j èt fètt i count ad quéll che ha t'ho fatt asparmiè...?

CHECCO # Sè a so d'acord cun tè che la cà l'éra ciosa... nec sl'avéva che béll udurén da cioss e l'an puzéva brisa da disinfétént cumpagna adéss... (Accorgendosi che l'altro mangia) Mo guerda 'stù che què... a stasè scurénd d'coss seri e lò 'e magna i spaghétt...

DANIELE # (Ridendo di cuore)

CHECCO # (Allibito) Beh! Cus'hoja détt...? C'sa j él da ridar...?

DANIELE # I spaghett...!?!... Ah... Ah... I spaghétt...!?! Quant a sit ignurént, quist in è spaghétt, mo linguine...!!!

CHECCO # (Preso dalla rabbia prende il piatto e lo scaglia per terra)

DANIELE # T'è fatt una béla squérta ... sé t'at crid che a véga a pulì t'at sbéli d'gross..!!!

CHECCO # No!... Tè t'an l'è brisa da tuchè... Quéla l'è coma una scultura, una scultura muderna, et capì...!!!

DANIELE # Cun st'al squérti che què us capéss sol la tu ignurénza... l'è ora che a liva al ténd ... tè d'ci coma al béschi ... e al béschi a gl'j ha da stè in t'la stala...

CHECCO # At végh a parparè sobit la valisa (Si precipita nella stanza di Daniele)

DANIELE # (Rivolto a Checco) L'ha avù rasou tu moj a divurziè... j oman cumpagna tè... (Cambiando tono) ...e méttat i pidalén, che a j ho apéna finì d'è la zéra...

CHECCO # (Rientrando velocemente in scena e visibilmente alterato) A t'amèzz... a t'amèzz...!!!

Fine secondo atto

Atto terzo

Stessa scena. E' passato un pò di tempo dall'azione dei primi due atti. Sono circa le 17.00 di una domenica pomeriggio. Una radiolina diffonde la trasmissione " Tutto il calcio, minuto per minuto ". Al tavolo sono seduti Matteo, Riccardo e Lino. Checco sta parlando al telefono ma non si sente cosa dice, deve animare però la conversazione con intercalari (tipo "ho capito" ‑ " Va bene " ‑ " Ma come?" ‑ " Ma perchè" ‑ ) ed atteggiamenti che però non interrompono lo svolgimento del gioco. 

MATTEO #    E piatt é pianz... chi él cl'hà da métar sò..???

RICCARDO # Ecco la mi... (Gettando sul piatto una fiches) e tè Lino d'zérca 'dè al chert coma ch'us dév...

LINO # Forza... aviv scartè tott... quanti chért a vliv...

MATTEO #    (Risponde a soggetto)

RICCARDO # (c.s.)

LINO # Mè in toj dò...

RICCARDO # E a m'aracmand zérca d'fè full néca stà volta, mo cosa èt fatt staséra, mè ha j ho féd che t'séja propi pasè da i Capuzén, préma d'avnì què...

LINO # Cosa a vut... l'è un peréjud che a j ho tanti d'c'al spéss...

RICCARDO # E cosa avégna da paghètli nou...???

MATTEO #    Mo us capéss, mè a végh a lavurè par mantniv vò...!!! E pù...adéss un è che a séja dimondi in bajoch, a sò stè in ferie...

TUTTI # (In coro e prendendolo in giro) ...a MARINA ROMEA...!!!

MATTEO #    (Alterandosi per la presa in giro) Sicura, parchè cosa aviv da dì....

LINO # Forza, douca... E stà a tè Matteo...

MATTEO #    Mè 'arvèss...

RICCARDO # A zugh...

LINO # Neca mè...

MATTEO #    Quèsti par zughè (Getta sul tavolo 4 fiches)

RICCARDO # Piò étar dò...

LINO # Và bèn... (Mette nel piatto 6 fiches) a j stègh

MATTEO #    Néca mè... (E mette nel piatto 2 ulteriori fiches) Doppia coppia...

RICCARDO # Tris d'capou....

LINO # I capou i và bén in t'la pignata.... piccola scalettina..Ih..Ih...!!! (E ritira il piatto)

RICCARDO # (Gettando le carte) Fatt dè in t'è sacc...!!! Mo d'ci propi masè méll... Ciamim néca a zughè...!!!

LINO # Tè Checco t'an vén...? (Checco, sempre al telefono fa cenno di nò. Per un attimo lo svolgimento dell'azione scenica si sposta su Checco, trascurando gli amici che nel frattempo si saranno avvicinati alla radiolina per seguire le vicende della partita dagli stessi commentata a gesti e movenze.)

CHECCO # Sent un pò, Alessandro, parchè t'an mè télefunè prema? Cun chi a stet adess...? Ah! Con la zia! ... Nò, Nò... lasa perdar... a n'ì voj scor cun lì... tal sè pù che... Chiedile per cortesia se ti può accompagnare quì a Lugo... sè, sènt sobit...

DANIELE # (Entra dalla cucina con un vassoio, i tre amici gli si avvicinano)

RICCARDO # Oh... finalmént us magna... (Si alza e tende una mano verso una tartina ma Daniele gli da una botta sulla mano)

DANIELE # Stasì chélum... a j ha péns mè (E distribuisce) Adéss a putì magnè...

MATTEO #    Osta sl'è bouna, quésta, cosa ha j ét méss?

DANIELE # (Sentenziando) Tota la mi ért, parchè av voj salutè cun un béll ricord...

RICCARDO # Parchè, cosa a fétt? A t'avéjat. T'an zugh brisa cun nou...!!!

DANIELE # Sè, am avéj, a végh a fè la valisa cl'è zà térd... (Va in camera da letto. Gli amici continuano a mangiare guardandosi con cenni di commento alla battuta precedente di Daniele e si avviano alla radiolina)

CHECCO # L'ha dètt d'sè, va bene! ... Alora at aspètt... e non piangere... devi cercare di essere un ometto... ne parliamo comunque dopo...! Ciao, Alessandro,... a dopo (Rimane un attimo assorto, con lo sguardo nel vuoto, come assente. Gli amici non avranno nè captato, nè percepito nulla della conversazione col figlio)

LINO # (Rivolto a Checco) Checco, dimm un quèll, cosa él suzést cun Daniele...???

CHECCO # (Riprendendosi e cercando di mantenersi distaccato) Finalmént us'è sistemè, l'ha truvè un apartamént e us avéja...

MATTEO #    Al fatt péz cun su moj...

CHECCO # (Sempre distaccato) Nò... l'ha sol bravè cun mè!

LINO # Scusa se a té dmand... ma coma as fall a bravè cun un oman cumpagna Daniele...?

RICCARDO # Tott pulì, urdinè, parséna tropp pignoll...

MATTEO #    E che fà acsè dal boni tartén... am scumétt che a què u j è dè salmou...

LINO # Ut ha sistemè una cà c'la pè una réggia....

CHECCO # (Urtato) Al saviv che ha m'avì strach?... Daniele d'quà..., Daniele d'là... l'è propi par quést che a j avén bravè, mè la cà a la voj coma cum pé a mè e non coma ch'u l'ha vò Daniele!...

RICCARDO # E d'la fazénda d'è divorzi as sall piò gnitt...?

CHECCO # (Fingendo finta sicurezza) E pè che séja férum ignacosa... a stè cun mè l'è dvént un étar oman... l'è piò menefréghésta, piò temeréri, un è piò che povar oman che us avl'éva amazè!

LINO # Alora é paréqual l'è ormai passè...!

CHECCO # (Convincente) Oh.. Lino an t'count miga dal buséj... ha l'hò arvultè cumpagna un guant, ha l'ho trasfurmè da acsè 'a acsè, ha j ho insignè a vivar... (Fra sè, amaramente) Hoja pù fatt bèn... (Riprendendo con forzata convinzione) Par divan un'étra... l'ha cgnunsù una ragaza 'e é và a fè al féri in sèn cun lì... (Suona il telefono, risponde) Pronto... sì... a sò mè... oh!... dim pù Sabrina.... (Tutti si alzano per ascoltare) Sl'è a què tu marè...? Sicura!.. l'è què mo l'è drì aviéss.... ah! dvù che a t'é ciama.... (Mette giù il telefono a va a chiamare Daniele) Daniele u j è la Sabrina a é teléfun ch'la t'vò scorar...

DANIELE # (Da fuori) Dij ch'am sò za aviè...!!!

CHECCO # An poss, ha j ho détt che d'ci què...

DANIELE # D'ci sémpar é solit... cosa a vola...???

CHECCO # Cosa a vut ch'a séva... l'ha détt che l'ha vò scorar cun tè!

DANIELE # Dij che adéss ariv...

CHECCO # (Rivà al telefono) Sabrina... a sò sémpar mè... l'ha détt che t'aspéta un sgond che l'ariva... (Depone il ricevitore e và dagli amici)

RICCARDO # Ciò ad fàt mostar cl'è dvént Daniele... préma u s'avléva amazè... e adéss uj và 'arspondar quand ch'u j pè a lò ...

LINO # 'E mostar l'è stè Checco che h j ha insignè coma ch'us cumporta cun al donn... al donn a gli è coma al néspall, piò che u s'aspéta e piò che al s'madura...

DANIELE # (Entra con calma voluta e va al telefono a rispondere)

LINO # Stasì mò a sintì quéll che uj diss....

DANIELE # Pronto... Sè a sò mè... Cosa ét fatt...? Mè..? A sò drì a parparè al valiss... questioni di lavoro... incù a m'avéj... nò... nò... incù... quand? dman... l'è impussébil... a starò véja quéndg dè, forsi vént...

MATTEO #    (Sbalordito) Vigliaca d'la miséria, una cosa de génar...

LINO # (Allibito) Mo èl propi Daniele o a stéghia sugnend..?

RICCARDO # Ssstt! Ssstt! Che a vlén sintì...!

DANIELE # Sè... da par mè... A té zur... ma pù a tè cosa a t'importal? T'an é da piturè la cambra da lett? Non stà fè la tragica...!!! (Rivolto agli amici e con non curanza) L'è la Sabrina che la pianz... (Con sufficienza e sbuffando) sì.. sì ... saluta'm i burdéll... Sè at télefunarò mè quand ch'a turan... (Abbassa il ricevitore e sbuffando) Uffa!!! Et capì... la mi riverita consorte...!

RICCARDO # Fatt lavor...!!! Daniele t'ci guént un mostar...

DANIELE # Cosa a carvidia... che am foss pighè a lustréj i pì, i fà ridar j oman che j pianz drì al stanéll d'la moj, éla véra Checco?

CHECCO # Sè, t'è rason, parò...

DANIELE # (Interrompendolo) L'oman l'ha da éssar dur, se nò ac oman él?

LINO # Piò cl'è dur e piò e piéss al donn...

DANIELE # Checco, se duvéss avnì quéla che t'sé tè, fam e piasè, fala aspitè un pò , a végh a finì ad parparè la mi valisa...

CHECCO # A vut che at dèga una man..

DANIELE # Mo fam é piasè...!!! (Esce)

LINO # Alora a vlégna zughè sè o nò..!!! (Nel corso dei dialoghi, i quattro amici hanno continuato a mangiare e bere, buttando fazzoletti di carta sul pavimento. Checco si china a raccogliere e a pulire)

RICCARDO # Tott am srébb stè d'avstè, fura che 'e cambiamént ad Daniele!

LINO # (Che tiene in mano il mazzo delle carte. Gli amici sono ancora  in un chiaro stato confusionale.) Quanti chèrt

MATTEO #    Coma... quanti chèrt..??

LINO # Mè a sò precis... vujétar am dgì zènq .. e me a v'in dégh zènq...

RICCARDO # Parchè a poker quanti a s'in dalì... ott...???

LINO # Nò zènq... mo se al v'pè pochi...

CHECCO # A mè um pè che a siva tott in t'è mond d'la louna...!!! (Prende un bicchiere e lo posa sul sottocoppa. Suonano alla porta, Checco si alza e và ad aprire) Si accomodi signorina... si accomodi....

BARBARA # (E' una donna piacente, moderna, con atteggiamenti provocatori e veste in maniera decisamente eccentrica) Buona sera signori... Lei è Checco, vero?

CHECCO # A Sua disposizione, si accomodi pure...

BARBARA #               Non c'è Daniele?

CHECCO # L'è in t'la su cambra, mi ha pregato di dirle di aspettare qualche minuto, e stà fasend al valis, parchè l'an s'acomuda...?

BARBARA #                   (Si siede sul divano accavallando le gambe) Tott amigh d'Daniele?

RICCARDO # Sì... Amicissimi!!! E i amigh de nostar amigh j è neca nostar amigh... me a sò Riccardo, e quist j è Lino e Matteo...

CHECCO # Riccardo, perchè t'an offar da be a la sgnurena?

RICCARDO # Sì, certamente, subito...  Come lo prende, Signorina?

BARBARA # Come una battuta di cattivo spirito!

RICCARDO # Un Martini a pol andè bèn?

BARBARA # Sì, grazie! (Riccardo porge il bicchiere e va a sedersi sulla poltrona di fronte a Barbara e comincia a rimirarle le gambe. Matteo e Lino seguono il suo esempio molto ammirati mentre Checco sembra quasi disinteressarsi)

MATTEO #    Coma c'la bev bèn!!!... Ac fata grèzia...

LINO # (Fra sè ad alta voce) Mo d'in dov a séltla fura...???

RICCARDO # Questo è il mio biglietto da visita, se avesse bisogno approfitti pure: a su cumpleta dispusizion...

BARBARA # Oh! Coma cl'è gentil... di che si occupa?

RICCARDO # Import-export: importo materie prime ed esporto prodotti finiti in tutto il mondo. A j pol interessè, signorina...??

BARBARA # Barbara Marini

LINO # Stè cugnom ha l'ho sintù da gl'etar volt

CHECCO # Marini... Marini... mè a j ho fatt e suldè cun un zert Cesare Marini...

BARBARA # Sè! l'era mi nunén!

MATTEO #    E ac lavor a fal?

BARBARA # Pensionato statale!

MATTEO #    Intindeva lì, nò su nunèn...

BARBARA # A sò impiegheda in banca.

RICCARDO # E acsè la và in vacanza cun Daniele?!

BARBARA # A vlal dètt lò?

RICCARDO # Per nou Daniele un n'ha di segret...

BARBARA # A pasarén una vinténa d'dè a le Tremiti.

LINO # Da par vò?

BARBARA # Sè da par nò... in un nido d'amore!

MATTEO #    L'ha dètt a le Tremiti...? Mo parchè acsè luntan... a cnoss un pusticì bèll e apartè...

BARBARA # Ah, sè! E ac post èl?...

RICCARDO # MARINA ROMEA!!!

LINO # MARINA ROMEA!!!

MATTEO #    (Seccato dalla figuraccia) Vo dù a sì propi di stopid!!! L'ha fatt benessum a cunvezar Daniele ad aviev, l'an ha vést e livéll (Indicando i due amici)

BARBARA # A pèns che vò a saviva d'la su situazion familiera?!...

TUTTI # Eeehhh!!!

BARBARA # Sè... e d'coma che u s'è aviè d'in cà sbaténd la porta...

CHECCO # Chi? Daniele?...

BARBARA # E dall cunténui scened d'geluseja che duveva subì: c'la dona l'al sufucheva!

LINO # Daniele!!?

BARBARA # Pensate: una volta minacciò pure il suicidio!

LINO #  Daniele!!?

BARBARA # Nò ,la su ex moglie

MATTEO #    Ma cosa am contla...

RICCARDO # Ac dona perfida!!! Una specie di ricatto d'amore!

LINO # Mo un era Daniele che...

CHECCO # Stà zètt...!!! E c'la déga, tott quest a l'ala savù da e nostar amigh?

BARBARA #               An sò se a j eva fatt bèn a dival... vò a sivia a e curént... sè, insomma, al savivia?

CHECCO # D'zerta!

BARBARA #               Alora an savivia gnitt...?

CHECCO # D'zerta... che al savimia!

BARBARA #               Cosa a vliv... a s'à vlén tant bén... as sdgèn igncacosa... Un gnè mai stè una buseja tra nou...!!! Mai ouna...!!!

CHECCO # A j cardén magari: Daniele l'è un oman acsè sinzier!!

RICCARDO # Sè mo l'è neca dezis e virile, un è on ad chi mammoletti ammosciati che is dispera e j pianz se in ved la cara mogliettina.

BARBARA # Oh, nò, quest un è in t'è caratar de mi Fonzi...

LINO # Aviv sintù, l'al ciama parséna Fonzi...

BARBARA # Nenc se lò, per il quieto vivere, l'avrebb avlù aiutéla in tal fazénd d'cà. Mo li l'an avleva.

MATTEO # Se lo e vleva parparè da magnè....

BARBARA # Sobit li l'al mandeva veja da i furnéll...

RICCARDO # D'zerta che un s'pò miga vivar feliz a c'la manira...

LINO # E difatti Daniele...

RICCARDO # Mo stà zètt...!

LINO # Oh, un s'pò maj dì una parola...

RICCARDO # Magari li la pretendeva néca d'badè a j ragazul e magari purtej neca a scola?!

BARBARA # Sè, sè... propi acsè!

RICCARDO # Ma coma as al da fè a vivar cun una dona acsè parversa: mè am srebb suicidè!

LINO # Neca Daniele e vleva...

RICCARDO # Mo stà zett!!! E vò sémpar scorar stu cha què...!!! Pènsa a la sensibilitè e a la lealtè d'st'oman: par non scorar mèl d'la moj, a nou u s'ha cuntè e cuntreri!

DANIELE # (Che è rientrato in scena con la valigia e la giacca buttata sulle spalle) Eccomi quà. A vlegna andè, Barbara?

MATTEO #    Mo fala pusè un atum... l'è apeina arivéda..!!!

RICCARDO # Fàla finì ad bè... Brott vigliacc...

DANIELE # Nò, nò, avén prissia... (Prende la ragazza per un braccio e la trascina verso la porta. Rientra) Checco, grazie par tott quéll t'è fatt par mè... e scusa se a t'ho dè de sturb.... 'e a m'aracmand.... nou a'sén capì... vera???

CHECCO # Ma sicura...!!!

DANIELE # Arrivederci fra una vintéina d'dè...

BARBARA #               Felice di avervi conosciuti. Ciao!

RICCARDO # Mo in dov al 'l tirata fura tott che mont ad roba... Me an sò ancora bon d'credi... nò, a dégh, a gli aviv sintudi totti c'al buséj c'la tirat fura...????

MATTEO #    Bèh, e bsogna amirél par e curagg ch'la avù, mè n l'arébb avù nò d'zérta!

LINO # (Non avendo ancora connesso completamente) Sént, Riccardo, e bsogna ch'am spiéghiva chi cl'è che us avléva amazè...??? (Gli amici lo ignorano)

MATTEO #    Parò, la cosa piò impurténta l'è che u j séja passè la voja d'amazéss...

CHECCO # Stè fiol d'un can....

RICCARDO # Sò... Checco... l'an è gnaca da tè! T'al sè coma ch'a gli è al donn, l'è magari é véra quéll che dgeva     "Dal donn u gn'avrébb dò par faméja: ona mota e cl'étra pituréda in t'la muraja!!!"

MATTEO #    E piò che tagl'hà cont grosa e piò a gli créd...!!!

RICCARDO # Checco, adéss che um vén in t'la mént, cosa hala dètt....che t'é fatt e suldè cun su nunén...

TUTTI # (Ridono sguaiatamente prendendolo in giro)

CHECCO # (Reagendo con tono alterato, quasi seccato) E smitila dbutè totta quanta sta chèrta in téra, che a què l'è tott pulì e urdinè....!!! (Si china a raccogliere i fazzoletti e li getta con violenza nel cestino dei rifiuti, mentre gli amici rimangono un attimo perplessi e sorpresi e si scrutano l'un l'altro in maniera esterefatta. Checco termina l'opera di raccolta e di riassetto. Perdura il momento di imbarazzo generale dato da una reazione non proprio abituale, se non insolita, di Checco)

RICCARDO # Ha j ho zà capì! Stasera l'an è brisa la su sera...

LINO # (Rivolto agli amici) Ma cosa hal fatt Checco?

CHECCO # A m'avì strac... Mo ac raza d'amigh a siv, a pinsì sol a magnè e a zughè al chert...!!!

RICCARDO # (Risentito) Nou a sén chi amigh che i t'ha fatt passè dal sered in aligreja, che i t'ha dè una man quand d'cirtia da par tè! A sén quì che i t'ha fatt cumpagnéja...

CHECCO # (Ridendo) Cosa aviv fatt, vujétar? E pù cosa a m'aviv dè?

RICCARDO # A t'avrè dè poch, l'è vera, mo an avressum putù détt piò tant parchè quèll che ut amanca tat ta sivtia zà zughè, e non al chert...

CHECCO # Mè am zugh quel ch'um pè!!! A fegh quéll ch'um pè!!! D'la mi vita an'ho da rendar cont a ancion, sol a mè stéss, viguréss pù a tri balusa cumpagna vò...

TUTTI # (Allibiti si guardano un attimo tra loro, guardano con disprezzo Robedrto e con decisione raccolgono la loro roba ed escono decisi senza proferire parola)

CHECCO # (Si alza e violentemente sbatte la porta di ingresso. Rimane solo in casa, si muove perplesso, si guarda attorno, scruta lontano ed abbassa gli occhi. Cammina avanti, indietro, prima freneticamente, poi rallenta, poi ancora nervosamente, non si dà pace. Si ferma, poi si lascia andare ad una riflessione) Cosa am zuzédal?... I mi amigh... parchè am soja cumpurtè acsè cun lò... e Riccardo... e pareva ch'um fulminess cun che sguérd... An sò bon d'capì... L'è una vita che as cgnunsém e parchè propi adéss i num capéss...? (Suonano alla porta e con andatura apatica si avvia ad aprire. Appare Grazia)

CHECCO # Oh, t'ci tè! Vén avanti, ma cosa a fétt aquè da stora, cosa a t'èl zuzèst?

GRAZIA # Gnit... gnit... a séra in zir e ha j ho pinsè d'passè da tè, anzi da vò!

CHECCO # Da vò?

GRAZIA # Sè da vò, parchè?

CHECCO # Coma parchè, t'al sè pù che a viv da par mè!

GRAZIA # D'zérta che al sò, mo un gnè piò e tu amigh...

CHECCO # Chi, Daniele?

GRAZIA # Sè, propi lò!

CHECCO # Nò, un gnè piò...

GRAZIA # Ma in dov èl andè, ac fén hal fatt?

CHECCO # U s'è aviè!

GRAZIA # L'è turnè a cà?

CHECCO # Etar che cà!... Us è aviè cun un étra dona... e ad dona!!

GRAZIA # Coma?... Ma un era lò cl'éra desulè, abatù, dispérè par quel che u j éra zuzest, sè par la rottura cun su moi,... mo in sè séri l'è riuscì a...

CHECCO # Sè a libaréss ad cl'ussesion, e tott grazie a mè, a é mi aiut e al mi racmandazion.

GRAZIA # L'è un pchè...

CHECCO # Cosa ét dètt?

GRAZIA # Sì l'è un pchè, parchè a dì la varitè me a sò vnuda par lò, um ha culpì la su sénsibilitè... e sicoma stasera aveva bsogn d'sfughém, scorar cun una parona che l'am putess capì, am sò detta "Aspéta che a véga a truvè cl'amigh d'Checco..."

CHECCO # (Amaro, tra se e se) Daniele, sempar Daniele! An é sò cosa cl'éva cl'oman... Ma, Grazia, sora la mi amicezia d'pù sémpar cuntè, no!...

GRAZIA # (Con una risata sarcastica) La nostra amicézia..., mo va là..., e te' e curagg d'ciaméla amicézia...?

CHECCO # (Realisticamente) Sè, forsi t'è rason... (Amaro) Una nott insém e pù... gnitt t'avivtia e gnitt ut è armést...

GRAZIA # A végh che néca tè, staséra, tan sì in t'al migliori cundizion ad spirit...

CHECCO # In varitè qualquéll un è piò cumpagna préma... a j ho cminzè a pinsè...

GRAZIA # A cosa?

CHECCO # Acsè, a é séns d'la mi vita... am atruv ormai a 50 énn sénza gnitt, sénza gnitt e ancion, e mè chè am               cardéva...

GRAZIA # Cosa at cardivtia?

CHECCO # Mo gnitt, gnitt... scusum l'è stè un attum... (Fingendo falsa convinzione) Adéss a télifun a é risturént e pù andè fura a magnè...

GRAZIA # Nò, nò... un è propi e chés... (Amaramente) Neca tè tat t'cì adè d'avè butè veja la tu vita... (Con una risata amara) Tan vì che t'an crid piò in gnitt e int'ancion... cumpagna mè!

CHECCO # (Cammina nervosamente per la stanza) An é sò, an capéss piò gnitt, a sò sol che ha j ho un magon, un qualquéll a què d'déntar che an sò bon ad spiéghèm... forsi avrébb bsogn ad pianzar... parò la srebb grosa, un oman cumpagna mè...!!! E srébb propi ridécul...

GRAZIA # (Imponendosi amaramente) Checco, l'è inutil che a faségna cont... in bisaca an avèn piò gnéca un schémbi... a sén in buléta... (Le batte una mano sulla spalla. Dopo una breve ma significativa pausa, il silenzio viene rotto dallo squillare del campanello. Checco và ad aprire. Entra Alessandro. E' un ragazzino di età che può essere compresa tra i 10 e i 14 anni)

CHECCO # (Lo abbraccia e gli dà un bacio in fronte)

GRAZIA # (Interrompendo l'abbraccio ed amaramente) Tè tal'avivtia una pussion... e t'at t'la sì zughéda. Ciao             (Esce)

CHECCO # (Sedendosi assieme al figlio) E alora?

ALESSANDRO # Mama l'è a e bsdell, mi zeja l'ha dètt che un è gnit ad grév... mo mè a j ho tanta paura.... Babbo me j voj bèn a mi mè... e neca lì l'ha m'ha sempar avlù tant bén...

CHECCO # T'avidirè che un è gnit ad grév, e pu a j sò sémpar mè a quà, nò!

ALESSANDRO # Tè?!?! Mo fam é piasè... Tè tan ì sì maj stè! Tè ormai d'viv par cont tù... Quanti volt avrebb avlù scorar d'calcio, andè a la partida... mo tè in dò a sirtia...

CHECCO # (Dopo una lunga pausa) Quand, préma, as sén sintù a e teléfun, ha j ho capì e mèl che at poss avè fatt.... non sol a tè, ma néca a tu mè... a j ho pinsè sol a mè, a e mi eguisum... (Amaro) Eh, Alessandro, dal volt i grand j è piò znén d'quant tant posa credar!

ALESSANDRO # (Alzandosi, mentre Checco rimane seduto) Bhè, adess ha m'ho d'aviè, la zia mi aspetta in macchina Ciao! (Esce lasciando impietrito Checco. Questi si alza, getta un occhiata alla porta dalla quale è uscito il figlio e comincia a girare nervosamente per la stanza, poi si siede)

CHECCO # Mo casa am zuzédal? (Prendendosi la testa fra le mani) Nò! L'è un sogn, t'avdirè che adéss am dést... (Dalla porta di centro entra Cecilia)

CECILIA # Salve compagno Checco, a sò paséda ad avdè se t'avivtia bsogn... mo cosa ét fatt, compagno?... T'è una faza, um pè che i t'epa bastunè (Lo scruta)

CHECCO # Nò, an stegh bén...

CECILIA # E nò caro, cun mè un sbléffa... questo caro Checco, anzi caro compagno Checco, è il crollo della borghesia... Donn, zugh, divartimént.. e gnitt. Ecco la vostra vita. La fameja? Chi se ne frega! I         fiul? Ah sè, ogni tant a si arculdén! A j vlen bén... sè l'è tott quéll che a savén dì. Al saviv cosa ch'à sì, vuiétar, dì buratén. Am fasì schiv! Mo quéll che um fà piò schiv d'tott l'è che a fasì cont d'éssar cuntént. Comunque ho capito, am avéj, ti saluto, compagno Checco!!! (Esce)

CHECCO # E distén! Tott 'e cambia in t'un mumént e acsè in t'un atum tat atruv sbatù in téra... tè d'zirch d'tirét sò, d'rialzét, e invezi, t'vè sémpar piò zò, zò in t'è pantan. La vita! Qualcadon l'ha détt che é vél la pèna d'vivla... mo èl propi vera? A sò campè acsè, e am sò zughè 'e curag ad fè in sé séri... (Dopo una lunga pausa) E Alessandro... coma che us è fatt grand!... (Altra pausa) E mi Signor... mè e vò an sèn mai scort tant... parò stavolta davim la forza d'andè a truvè mi moj... (Si affaccia alla finestra e poi si siede) Nuval cheldi che al và e che al vén... e la nott la s'avséna... e a mè e bur um fà paura...

Sipario

Lugo di Romagna, 11 marzo 1990

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 11 volte nell' arco di un'anno