Adesso vengo

Stampa questo copione

 

Adess a vegn!

Commedia iscritta alla siae al n°856099A

due atti

di Giovanna Ganzerli

autrice siae n°131284

Personaggi                         

Olga            

Clemente          

Un signore                         

Capocameriere                      

I cameriera                        

II cameriera                       

La voce                            

Musicista                          

4 donne  3 uomini 1 voce di donna

TRAMA

Chi non si ricorda la sua prima notte di nozze: la gioia, le paure, gli imbarazzi di ritrovarsi con un anello al dito e con il giuramento di stare sempre insieme nel bene e nel male ,in salute e malattia ,in ricchezza e povertà , con la persona che abbiamo scelto?

Per Clemente e l’Olga  sarà una notte speciale e se la ricorderanno per il resto della vita…...

ENTRA LA CAMERIERA

PRIMA: E CON QUESTA DOVREI AVER FINITO.

TRE PIANI DI CAMERE DA SOLA E POI VORREBBERO ANCHE CHE FACESSI LE SCALE. ALLORA GLI HO DETTO: NEL MIO CONTRATTO C’E’ SCRITTO ABILITATA A FARE LE CAMERE E IO FACCIO SOLO QUELLE. IL CONTRATTO! GUARDA QUI ( E TIRA FUORI UN FOGLIETTO) E’ PIU’ QUELLO CHE MI PRENDONO CHE QUELLO CHE MI DANNO. RITENUTE: CPDEL, INADEL, IRAP, IRAN,IRAQ,ILOR FPC, INAIL AU  E SONO SOLDI CHE SI TENGONO EH. POI MI DICONO: COSI’ AVRAI LA PENSIONE. SPERIAMO MA SE CONTINUA COSI’ LA PENSIONE LA VEDO COL CANNOCCHIALE E DOVRO’ CONTINUARE A FARE LETTI FINO A 80 ANNI!IO NON CI CAPISCO MICA TANTO MA SO CHE I SOLDI NON BASTANO MAI E CHE LA FINE DEL MESE VIENE SEMPRE TROPPO TARDI. IO DEVO ANCORA CAPIRE COME MAI I SOLDI MI VOLANO VIA COSÌ VELOCEMENTE. E DIRE CHE NON SONO MICA UNA SCIUPONE EH. VA BENE CHE VADO A BALLARE TUTTI I VENERDI’ SERA IN UN LOCALINO NEL MANTOVANO. CI ANDIAMO IO E UNA MIA AMICA E QUANDO VAI A BALLARE NON TI PUOI MICA METTERE ADDOSSO UNA COSA COSI’, BASTA CHE SIA. PERCHE’ UNO ME LO DOVRO’ PUR TROVARE E SE POI AVESSE ANCHE QUALCHE RISPARMIO DA UNA PARTE NON SAREBBE SBAGLIATO DEL TUTTO. BISOGNERA’ CHE CI PENSI AL MIO FUTURO. ALLORA HO PENSATO CHE SE ANCHE NON E’ BELLO BELLO, POSSO CHIUDERE UN OCCHIO, ANCHE TUTTI E DUE MA NE DEVE AVERE DA COPRIRMI. E POI DEVE ANCHE ESSERE GENEROSO PERCHE’ SE LI HA E SE LI TIENE NON MI SERVE A NIENTE. MA NON E’ MICA FACILE TROVARLO. L’ULTIMO CHE MI E’ CAPITATO TRA LE MANI ERA UNO CHE AVEVO ADOCCHIATO UNA SETTIMANA PRIMA A BALLARE. COME BALLERINO ERA UN FENOMENO, SI MUOVEVA COME UNA TROTTOLA: VESTITO BENE,UNA CAMICIA CHE FACEVA SPECCHIO SULLE SCARPE E UN CHILO DI BRILLANTINA LINETTI IN TESTA, TUTTO PROFUMATO E ANDAVA DI DRITTO E DI ROVESCIO CHE ERA UN PIACERE STARE A GUARDARLO. MI CHIEDE DI BALLARE. IO: PRONTI E SALIAMO IN PISTA. TRA UNA GIRAVOLTA E UN CASQUET MI SI AVVICINA ALL’ORECCHIO. IO PENSO: CI SIAMO! E INVECE INIZIA A RACCONTARMI DI TUTTI I SUOI GUAI, DI SUA MADRE VECCHIA E MALATA, CHE LE SI è ROTTA LA DENTIERA, CHE HA IL CATETERE, DEL SUO VIZIO PER IL GIOCO, INSOMMA A FARLA CORTA MI CHIEDE UN PRESTITO. COSA?!?!? CHIEDI UN PRESTITO A ME CHE TIRO AVANTI ROMPENDOMI LA SCHIENA A PULIRE CESSI? PIEGA LA SCHIENA ANCHE TU SE VUOI DEI SOLDI.NO, NO, BEL MORETTO HAI PROPRIO SBAGLIATO PERSONA! SE SI DEVE VEDERE CHE ADESSO SONO GLI UOMINI A DOMANDARE SOLDI ALLE DONNE.

GUARDA QUI COME MI SONO ROVINATA ( passando si guarda allo specchio) DOVREI FARE UN PO’ DI ESERCIZI DI GINNASTICA. HO VISTO UN SERVIZIO ALLA TV DOVE UNA DICEVA CHE SI PUO’ FARE GINNASTICA ANCHE FACENDO LE PULIZIE. MA NE DICONO TANTE IN TV… FIN TROPPE.

SI SENTE IL SUONO DI UN BIP.E’ UN CERCAPERSONE.

COS’È QUESTO RUMORE? SEMBRA PERFINO CHE CI SIA UN PULCINO QUI IN GIRO.  PIO PIO PIO DAI SALTA FUORI CHE TI FACCIO ARROSTO… CIROOO CIROOOO…MA SONO SICURA DI AVER PULITO TUTTO BENE. BIP BIP. MA COS’È? UNA NUOVA SIRENA DEI POMPIERI? UN ALLARME NUOVO CHE HANNO MESSO QUI DENTRO? AHHHH ECCO È QUESTO ACCIDENTI CHE MI HANNO DATO. LO CHIAMANO CERCAPERSONE. LORO SUONANO E TU GLI DEVI TELEFONARE O CORRERE SUBITO IN DIREZIONE. LE STUDIANO TUTTE PER TENERTI D’OCCHIO QUELLI LA’. MI VOLEVANO DARE ANCHE UN CELLULARE, UNO DI QUELLE COSE CHE ADESSO HANNO TUTTI CHE SQUILLANO SEMPRE QUANDO SAREBBE MEGLIO CHE STESSERO MUTI, MA HO DETTO, NO NO E POI NO. IO DI QUELLE COSE LI’ NON LE VOGLIO.  CHE SE LE TENGANO LORO.

POI UN GIORNO LA MIA AMICA MARISA MI HA DETTO: MA SE NON HAI UN TELEFONINO NON SEI NESSUNO. TUTTI ADESSO NE HANNO ALMENO UNO! BEH CE L’HO E’ QUELLO DI CASA, NELL’INGRESSO SOPRA IL CENTRINO. TANTO NON SQUILLA QUASI MAI. E ALLORA CHE ME NE FACCIO DI UN TELEFONO DA PORTARMI IN GIRO HO CHIESO ALLA MARISA? MA FA FIGO, SE NON L’HAI SEI ANTICA, NON SEI ALLA MODA! MA SE CI METTO UNA VITA SOLO A CAPIRE CHE TASTO PREMERE  SE VOGLIO RISPONDERE? NON FA NIENTE L’IMPORTANTE CHE TU LO ABBIA COSI’ SIAMO ANDATI AL DISCOUNT E ME NE SONO COMPRATO UNO. LA MARISA DICEVA “ COMPRALO PICCOLO CHE VA DI MODA PICCOLO, MA IO NON MI SONO MICA FATTA FREGARE, NONO, HO DETTO CHE QUELLI PICCOLI COSTAVANO PIÙ DI QUELLI GRANDI E CHE ERA UNA FREGATURA COSI’ MI SONO COMPRATA QUESTO. BELLO EH? VERDE COME LA MINESTRA DI PISELLI  COSI’ LO VEDO SUBITO. CON UN TELEFONO COSI’ NON TI SENTI PIU’ SOLA. L’UNICO PROBLEMA CHE HO CHE CHE PER PORTARMELO DIETRO DEVO PRENDERE UNA VALIGIA E METTERCELO DENTRO COSI’ IL PIU’ DELLE VOLTE LO LASCIO A CASA MA POSSO DIRE DI ESSERE ALLA MODA ANCHE IO ADESSO. NON LO SAPEVO USARE  E ALLORA  LA MIA AMICA MARISA UNA SERA E’ VENUTA A CASA MIA E MI HA FATTO LEZIONE: GIA’ PER IMPARARE AD ACCENDERLO CI HO MESSO MEZZ’ORA MA QUELLO ERA NIENTE. PERCHE’ QUANDO HA INIZIATO DIRMI CHE PER RISPONDERE DOVEVO SPINGERE LA CORNETTA VERDE E QUANDO DOVEVO SPEGNERLO QUELLA ROSSA MI SONO DOVUTA METTERE GLI OCCHIALI. L’UNICO PROBLEMA E’  CHE NON RIESCO MAI A TROVARE I NUMERI DI TELEFONO CHE LA MARISA MI HA MESSO DENTRO E ALLA FINE SE SONO IN PIAZZA, PRENDO IL PRIMO CHE PASSA E GLI CHIEDO SE MI AIUTA ALTRIMENTI SAREI ANCORA LA’.  E I MESSAGGI? MA AVETE MAI PROVATO A MANDARE DEI MESSAGGI? ALLORA DEVI ANDARE IN MESSAGGI CHE GIA’ TROVARE LA RUBRICA MI DEVO PRENDERE UN GIORNO DI FERIE, POI CREA POI SCRITTI POI RICEVUTI POI INIZI A SCRIVERE SEMPRE CHE NON TI ABBIANO INSERITO LA FUNZIONE T8 CHE ALLORA MI SPIACE MA NON RIESCO A SPIEGARLA PERCHE’ NEANCHE IO L’HO CAPITA. E DIRE CHE SI STAVA COSI’ BENE QUANDO C’ERANO LE CABINE COI GETTONI. TU ENTRAVI FACEVI IL NUMERO ED ERA FATTA. MA NO, TI DEVONO SEMPRE COMPLICARE LA VITA. E ALLORA IO HO DETTO ALLA DIREZIONE, NO, QUEL BAGAGLIO LI’ VE LO TENETE VOI O VEDRETE CHE MI CADE NEL WATER LA PRIMA VOLTA CHE FACCIO LE CAMERE . MI BASTA QUELLO CHE MI SONO COMPRATA IL MIO TELEFONO VERDONE CHE SE NE STA SEMPRE A CASA.  BIP BIP ECCO CHE RISUONA MA IO LA SCARAVENTO GIU’ DALLA FINESTRA E POI DICO CHE SI E’ SUICIDATO DA SOLO… ECCO FATTO. VOGLIO VEDERE BIP BIP LO VANNO A FARE A QUALCHE ALTRA, NON VOGLIO DISTRAZIONI IO MENTRE LAVORO  SIA CHIARO!

CAMERIERA SECONDA:FICU FATTA, CÀRIMI `MMUCCA !!!HAI FINITO DI LAMENTARTI? NO, PERCHÉ QUI SE C’È UNA CHE TACE E LAVORA SONO IO MICA TU. PERCHÉ È PROPRIO VERO IL PROVERBIO CHE DICE: FIMMINA DI TILARU, JADDINA DI PUDDARU, E TRIGGHIA DI JNNARU. SONO QUESTE LE COSE CHE CONTANO. E POI RICORDATI TU CHE STAI SEMPRE A PENSARE ALL’AMORE CHE CU SI MARITA STA CUNTENTU UN JORNU,CU'AMMAZZA UN PORCU, STACUNTENTU UN ANNU.

  E NON SOGNARTI DI CONTRADDIRMI SAI, A FACCI IRATA TENI LA VUCCA SIRRATA. E DUNQUE PRIMA DI PARLARI MASTICA LI PAROLI.  PERCHÉ HO LE ORECCHIE PIENE DELLE TUE LAGNE CHE SE NON CI FOSSI IO IN QUESTO ALBERGO NON ANDREBBE AVANTI NIENTE, METTITELO BENE NELLA ZUCCA. PERCHÉ TU SEI BUONA DI PARLARE PARLARE PARLARE MA I BRACCINI CORTI LI HAI TU COME LI HA LA TUA AMICA MARISA. Ma ricordati che LI MEGGHIU PARENTI SU ‘LI SPADDI E SE NON TI DAI UNA MOSSA E NON FINISCI ALMENO UNA DELLE COSE CHE HAI INIZIATO QUESTA VOLTA, SONO IO CHE TI SCARAVENTO GIÙ DALLA FINESTRA INSIEME AL CERCAPERSONE PERCHÉ DEVI SAPERE CHE LA MIA PAZIENZA È FINITA 3 PIANI FA, QUANDO MENTRE TU TI LIMAVI LE UNGHIE IO DAVO GIÙ LE RAGNATELE E QUANDO TU  TI PROVAVI I VESTITI CHE C’ERANO NELL’ARMADIO, VESTITI DI CHISSÀ CHI, NELL’ALTRA CAMERA IO MI SONO FATTA TUTTI I VETRI E ANCHE GLI SPECCHI PERCHÉ `ADDU O SENZA `ADDU DIU FA JORNU E SENZA LU TO CRIVU SPAGGHIU E CERNU.MA GIA’, LU TRAVAGGHIO D’AUTRU NUN SI SENTI  E NON TI AZZARDARE A PARLARE SAI, CHE TI ARRIVA UNA SBERLA CHE IL MURO TE NE DA 40. E ADESSO VADO NELLA 26 E TU NON USCIRE DI QUI FIN QUANDO QUESTA STANZA NON È FINITA.

VA IN BAGNO E INIZIA A GUARDARSI ALLO SPECCHIO E A TRUCCARSI

Entra il pianista

PRIMA: DEVE ESSERE DIVENTATA MATTA TUTTO IN UNA VOLTA…E IO CHE PENSAVO CHE FOSSE MUTA, NE HA DI LINGUE ECCOME SE CE L’HA! DOREMI, MA HAI SENTITO? A PROPOSITO TU COSA CI FAI QUI? DOREMI SEI VENUTO A FARMI LA SERENATA? O E’ STATA UNA GENTILEZZA DELLA DIREZIONE COSI’ IO LAVORO MEGLIO? SAREBBE MEGLIO CHE CI AUMENTASSERO LA PAGA INVECE DI MANDARMI BENVENUTO A FARCI UNA SUONATA. CERTO CHE SE VOGLIONO IL PIANISTA DEVE ESSERE GENTE CHE STA BENE E MAGARI LASCIANO ANCHE MANCE GENEROSE CHE NON E’ UN MALE CON QUESTI CHIARI DI LUNA, COMUNQUE BENVENUTO

ADESSO CHE SEI QUI TACCA LA MUSICA CHE TI FACCIO SENTIRE COME CANTO , SE DIVENTO CANTANTE SALGO DI GRADO E LA SMETTO DI FARE LE CAMERE E DI PULIRE CESSI. A PROPOSITO SPETTA SPETTA CHE CI METTO ANCHE I ROTOLI CHE NON SI SOGNINO DI CHIAMARMI Più TARDI perché MANCA PROPRIO LA CARTA IGIENICA TACA MAESTRO

Inizia a cantare “LUCCIOLE VAGABONDE”

Noi siam come le lucciole
brilliamo nelle tenebre
schiave di un mondo brutal
noi siamo i fior del mal.
Se il nostro cuor vuol piangere
noi pur dobbiam sorridere
danzando sul marciapiè
finchè la luna c'è.

PRIMA: SONO O NON SONO UN FENOMENO? DAI DOREMI METTIAMO SU UN DUO E INVECE DI STARE QUI A FA PRENDERE QUATTRO SOLDI ANDIAMO IN GIRO IN TUTTE LE BALERE DI MODENA E PROVINCIA E SE CI VA BENE ANCHE QUELLE DEL MANTOVANO E FACCIAMO I SOLDI A PALATE, COSA NE DICI? E’ PERCHE’ MI VEDI COSI’ IN DIVISA DA LAVORO MA PROVA AD IMMAGINARMI CON UN VESTITO TUTTO LUSTRINI LA MESSA IN PIEGA FATTA DI FRESCO E SONO SUBITO UN’ALTRA. 

Inizia a cantare “QUE SERA SERA”

When I was just a little girl,
I asked my mother, "What will I be?
Will I be pretty? Will I be rich?"
Here's what she said to me:

Que sera, sera,
Whatever will be, will be.
The future's not ours to see,
Que sera, sera…

NON TE L’ASPETTAVI EH? E SENTI QUESTA: VAI CON LA MAZURCA DI PERIFERIA ACCIDENTI SI SONO FREGATI 4 CROCI…COSA SE NE FANNO POI? MA IO DICO SE A CASA LORO NON NE HANNO A SUFFICIENZA DA DOVERLE VENIRE A FREGARE IN UN ALBERGO?!?!? A CERTA GENTE FA COMODO TUTTO QUANDO MI SPOSERO’ IO VOGLIO UNO CHE NON MI FACCIA MANCARE NIENTE… NE’ LE CROCI NE’ LA CARTA IGIENICA PERCHE’ PRIMO O POI SUCCEDE EH E POI TI DICO ANCHE QUESTA  DEVI SAPERE CHE SONO ANDATA DALLA SOFIA, TI DICO L’OROSCOPO E SCAPPIO VIA CHE MI HA DETTO CHE MI SPOSO PRESTO VA BENE CHE UNA VOLTA MI HA ANCHE DETTO CHE SAREI SALITA MOLTI PIANI NELLA SCALA SOCIALE E A GUARDARLA IN UN CERTO SENSO HA ANCHE AVUTO RAGIONE SONO ARRIVATA FINO AL TERZO PIANO PER PULIRE QUESTA CAMERA

(VA ALLA FINESTRA) EHI CORRI CORRI ECCOLI GLI SPOSI, SONO ARRIVATI…CHE BEL VESTITO CHE HA LA SPOSA… E CHE VELO LUNGO… GIA’ QUELL’IMBRANATO DELLO SPOSO GLIELO HA GIA’ PESTATO TRE VOLTE… E SI E’ GIA’ PRESO TRE SBERLONI NEL COPETTO, INIZIAMO BENE…. LO SPOSO NON MI SEMBRA MALE ANCHE SE POTREBBE ESSERE MIO PADRE CON L’ETA’ CHE HA STANOTTE SECONDO ME QUI SI FANNO UNA PARTITA A CARTE E POI SI METTONO A DORMIREHA TUTTI I CAPELLI BIANCHI? SEMBRA PERFINO CHE LI ABBIA MESSI IN VARECHINA…A DIR LA VERITA’ NON E’ CHE POI NEANCHE LEI SIA UNA BELLEZZA, SI, E’ CARINA MA AVRA’ MEZZO CHILO DI PASTONE IN FACCIA…

CAMERIERE: EHI… TE GALLINA PADOVANA, MA SEI ANCORA QUI DENTRO? SONO GIA’ ARRIVATI GLI SPOSI…

PRIMA: SI LI STAVO PROPRIO GUARDANDO DALLA FINESTRA

CAMERIERE: ALLORA VIA SUBITO, LA CAMERA L’HAI FINITA VERO?

PRIMA: SI, SI E’ TUTTO A POSTO NON TI PREOCCUPARE, NON C’E’ NEANCHE UN GRANELLO DI POLVERE STA TRANQUILLO

PRIMA: DI PIUTTOSTO CHE TU NON PERDI L’OCCASIONE PER VENIRMI A VEDERE…

CAMERIERE: IO? VENIRE A VEDERE TE? MA DICO SIAMO MATTI?

PRIMA: MA DAI, LO SO BENE! COSA CREDI CHE NON TI VEDA QUANDO CERCHI DI SBIRCIARE SOTTO LE NOSTRE SOTTANE QUANDO TOLGO LE TENDE SULLE SCALE…

CAMERIERE: IO?

PRIMA: E POI NON PERDI OCCASIONE PER ASCOLTARE TUTTI I MIEI DISCORSI CON LA MARISA

CAMERIERE: IO?

PRIMA: DAI,CONFESSALO CHE TI PIACCIO

CAMERIERE: MA SE QUANDO TI VENGO VICINO INIZIA A VENIRMI FUORI L’ORTICARIA, PUSSA VIA CON QUELLE MANACCE CHE MI SGUALCISCI L’ABITO…

PRIMA: OH POVERINO GLI SGUALCISCO IL VESTITINO CHE LA SUA MAMMINA GLI HA STIRATO..

CAMERIERE: ME LO STIRO DA SOLO IO!

PRIMA: LO SO CHE SEI BRAVISSIMO A FARE I LAVORI DI CASA TU…

RIDONO

CAMERIERE: DAI VA VIA CHE TRA UN PO’ ARRIVANO E NON VOGLIO CHE VI TROVINO QUI

PRIMA: NON MICA IL MAL RUSSIN…MA COMUNQUE HO FINITO E SPERIAMO CHE STANOTTE SIA UNA NOTTE INDIMENTICABILE ALMENO PER LORO

CAMERIERE: MA LA PORTA DI COMUNICAZIONE CON L’ALTRA SUITE L’HAI CHIUSA?

OLGA (DA FUORI): SE NON MI PRENDI IN BRACCIO IO NON ENTRO….

CLEMENTE: (DA FUORI)PRENDERTI IN BRACCIO? LO SAI CHE MI FA MALE LA SCHIENA

OLGA: SE NON MI PRENDI IN BRACCIO NON ENTRO MANCO MORTA….

CLEMENTE: E VA BENE … DAI, DAMMI UNA MANO ODDIO MA COS’HAI MANGIATO AL PRANZO DI NOZZE? DEL PIOMBO!?!?

OLGA: MA QUANTE STORIE… E LA POESIA DOVE LA METTI?

CLEMENTE: SE.. LA POESIA…ME LA CANTA LA MIA ERNIA AL DISCO PIUTTOSTO…

La prende in braccio e tenta di farla entrare in orizzontale e le da una craniata con il muro…

OLGA: AHI… MA STA UN PO’ ATTENTO NO?

Entrano e CLEMENTE la butta sul letto e ci casca anche CLEMENTE MENTRE INIZIA A SUONARE LA MARCIA NUNZIALE

CLEMENTE: AHHHHH…..

OLGA: MAMMA MIA CLEMENTE COME SEI GIA’  TUTTO FUGHISSO…

CLEMENTE: HAI VISTO? E NON SAI ANCORA CHE COSA TI ASPETTA..

CAMERIERE: EHM…… ECCO LA SUITE “LUNA DI MIELE”… LE VALIGIE LE APPOGGIO QUI…

CLEMENTE: AH SI GRAZIE… MA NON C’E’ UN PO’ TROPPA GENTE QUI DENTRO?

CAMERIERE: E’ LA RAGAZZA DELLE PULIZIE… ADESSO SE NE VA SUBITO…

CLEMENTE: MA NO, NO, LEI PUO’ ANCHE RIMANERE…

OLGA: CLEMENTE!!!!!!

CLEMENTE: PUO’ RIMANERE FIN QUANDO NON GLI DO LA MANCIA… ECCO E GRAZIE… la cameriera esce dopo un veloce inchinoE LUI?

CAMERIERE: LUI E’ IL SUONATORE DELL’ALBERGO COME DA LEI RICHIESTO PER LA SERENATA

CLEMENTE: APPUNTO PER LA SERENATA DI STANOTTE. NON PERCHE’ STIA QUI IN CAMERA CON ME, DOVEVA STARE SOTTO LA FINESTRA

CAMERIERE: ECCO VEDE, ABBIAMO TROVATO SOLO QUESTO CHE SUONA IL PIANOFORTO, QUELLO CON LA CHITARRA ERA OCCUPATO, CAPISCE ANCHE LEI CHE UNO NON SI PUO’ METTERE IN MEZZO ALLA STRADA CON UN PIANOFORTE DI NOTTE E ALLORA ABBIAMO PENSATO CHE STAVA BENE QUI, IN CAMERA CON VOI

CLEMENTE: E AVETE PENSATO MALE. IO VI RINGRAZIO TANTO DEL PENSIERO MA VIA ANDA, FUORI DAI PIEDI TUTTI E DUE CHE NON VOGLIO SPETTATORI STANOTTE. SE HO BISOGNO LA CHIAMO POI IO.

Il pianista esce

CAMERIERE: LE FACCIO VEDERE LA STANZA

CLEMENTE: NON IMPORTA VADA PURE VADA PURE CHE MI ARRANGIO SOLO

CAMERIERE: E’ NEL MIO CONTRATTO

OLGA: CLEMENTE, LASCIAGLI FINIRE IL SUO LAVORO…. NON ABBIAMO MICA FRETTA NOI

CLEMENTE: LO DICI TU…. COMUNQUE VA BENE ,MI FACCIA VEDERE STA CAMERA E SE NE VADA

CAMERIERE: ALLORA, QUESTO E’ IL LETTO SE AVETE BISOGNO DI ALTRE COPERTE SONO NELL’ARMADIO

CLEMENTE: GRAZIE MA PENSO CHE STASERA CI SARA’ ANCHE TROPPO CALDO QUI

CAMERIERE: SE PRENDE FUOCO QUALCOSA QUI C’E’ IL CAMPANELLO PER IL SISTEMA ANTIINCENDIO….

OLGA: NON C’E’ PROPRIO NIENTE DA DIRE….UN ALBERGO DAVVERO MOLTO BELLO

CLEMENTE: TE LO CREDO CON QUELLO CHE CI PAGO UNA NOTTE QUI AVREI POTUTO COMPRARMI UNA PANDA NUOVA

CAMERIERE: LI’ C’E’ IL TELEFONO, PER CHIAMARE LA HALL PREMA 1, PER LE CHIAMATE IN USCITA PREMA 0, PER CHIAMARE ME PREMA 8, PER ORDINARE LA CENA PREMA 3, PER LA LAVANDERIA PREMA 7, PER CHIAMARE IL PIANISTA PREMA 4 PER ORDINARE IL SERVIZIO IN CAMERA PREMA 9, PER OGNI ALTRA COSA PREMA 5 E LASCI UN MESSAGGIO…HA CAPITO O DEVO TORNARE A RIPETERE?

CLEMENTE: HO CAPITO TUTTO…

CAMERIERE: QUESTA E’ LA STANZA DA BAGNO…. COME VEDE CI SONO 2 ACCAPPATOI…. NON SONO COMPRESI NEL PREZZO PER CUI CERCATE DI NON METTERLI IN VALIGIA…. POTETE PRENDERE INVECE IL NECESSAIRE PER LA TOILETTE

OLGA: NO, NON SI PREOCCUPI CI SIAMO PORTATI TUTTO DA CASA ANCHE IL SAPONE E IL DEODORANTE PER LE ASCELLE…. SA CLEMENTE HA UN ODORE UN PO’ FORTE….

CAMERIERE: ME NE ERO GIA’ ACCORTO…. COMUNQUE ECCO IO HO FINITO

CLEMENTE: MENO MALE

CAMERIERE: ALLORA VADO

CLEMENTE: VADA VADA LA CHIAMO SE HO BISOGNO

CAMERIERE: TZE’ esce

CLEMENTE: ED ORA FINALMENTE TI SALTO ADDOSSO…

CAMERIERE rientrando: PER LA SVEGLIA , MI SONO SCORDATO DI DIRVI CHE BASTA DIGITARE L’ORA IN CUI VOLETE ESSERE SVEGLIATI SULLA TASTIERA DEL TELEFONO

OLGA. GRAZIE MA CI SIAMO PORTATI ANCHE LA SVEGLIA DA CASA….

CAMERIERE: VADO ALLORA IO…

CLEMENTE: SAREBBE ORA …VADA PURE…

OLGA. TESORO ALLORA E’ VERO CHE E’ STATA UNA BELLA CERIMONIA?  E POI HAI SENTITO IL PRETE COSA HA DETTO? MA CLEMENTE COSA STAI FACENDO?

CLEMENTE: EHI OLGA MI SPOGLIO….

OLGA. MA SCHERZERAI?

CLEMENTE: COME SCHERZERAI… NO, NO, DICO DAVVERO, MI SPOGLIO

OLGA: CLEMENTE SAI CHE IO NON HO MAI VISTO UN UOMO SENZA VESTITI ADDOSSO…. IO MI VERGOGNO…

CLEMENTE: ASCOLTA OLGA ADESSO SIAMO SPOSATI CERTE COSE LE POSSIAMO FARE…. ANZI… LE DOBBIAMO FARE

OLGA: SEI SICURO?

CLEMENTE: CERTO CHE SONO SICURO, MI SONO SPOSATO PER QUELLO?!?!??!

OLGA: ALLORA NON MI HAI SPOSATO PERCHE’ MI AMAVI MA SOLO PERCHE’ VOLEVI QUELLA COSA LA’….

CLEMENTE. MA NO OLGHINA, CIOE’ SI OLGHINA  OLGA MI CONFONDI….…MA MICA SOLO PER QUELLO MA ANCHE PER QUELLA COSA LA’….INSOMMA OLGHINA SAI COSA FACCIAMO ADESSO IO VADO IN BAGNO E MI CAMBIO MI METTO IL MIO BEL PIGIAMINO MI PREPARO E POI QUANDO TORNO VAI TU DI LA E TI PREPARI VA BENE?

OLGA: VA BENE CLEMENTE… MA FA PUR CON COMODO EH….

CLEMENTE ESCE E VA NEL BAGNO

SQUILLA IL TELEFONO

OLGA: CLEMENTE SQUILLA IL TELEFONO

CLEMENTE: (da dietro la porta) RISPONDI NO?

OLGA: IO?

CLEMENTE: ALTRIMENTI ESCO IO ..MA SONO GIA’ IN MUTANDE…

OLGA: NOOOO VA BENE RISPONDO IO…… PRONTO?  SONO L’OLGA, LA SIGRORA OLGA DEL 25… MA NOOO MALEDUCATO NON SONO NATA NEL ’25 MA SONO NELLA CAMERA 25…. DAI MI PASSI STA TELEFONATA ESTERNA… MAMMAAAAAAA SI, HAI FATTO PROPRIO BENE A CHIAMARMI…. SI UN BELL’ALBERGO IL LETTO E’ MOLTO COMODO SAI, PIU’ COMODO DEL MIO A CASA, OH SI SI SONO TUTTI GENTILI QUI…. VEDESSI POI IL CAMERIERE… HA LA MATEMATICA NELLA TESTA 1,4,8,3,6…. CONOSCE TUTTI I NUMERI…E IL SUONATORE… VEDESSI IL SUONATORE. ( SUONA “FASCINATION”) MA COSA NE SO DI QUANTI ANNI HA, MA SI E’ UN BELL’UOMO, SI, TI PIACEREBBE… VUOI CHE TI CANTI UNA CANZONE? MA MAMMA!. BE’ VA BEH DAI CANTA SUONATORE… CANTA UNA CANZONE..UNA DELL’Età DI MIA MADRE… VUOI CHE TE LA CANTI IO? CE L’HO!

Era alta robusta rotonda

La chiamavano figlia dell’onda

Oh Cunegonda oh Cunegonda

Se si siede la sedia si sfonda

Se fa il bagno la casa s’inonda

Oh Cunegonda  Cunegonda del mio cuor

NO, MAMMA NON LA CANTAVO PERCHE’ TU SEI COSI’, TU MI HAI SEMPRE DATO TUTTO…AHHH QUESTA NON VA MICA BENE? PRONTI NE CANTIAMO SUBITO UN’ALTRA SONO QUI APPOSTA MAMMA PER TENERTI COMPAGNIA COL PIANISTA… SENTI TE NE CANTO UN’ALTRA MA POI LA SMETTI CHE HO DELLE COSE PIU’ IMPORTANTI DA DIRTI…VAI CON LA CAMPAGNOLA BELLA:

All'alba quando spunta il sole,
là nell'Abruzzo tutto d'or...
le prosperose campagnole
discendono le valli in fior.

O campagnola bella,
tu sei la Reginella.
Negli occhi tuoi c’è il sole
c’è il colore delle viole,
delle valli tutte in fior!...
Se canti la tua voce,
è un’armonia di pace,
che si diffonde e dice:
"se vuoi vivere felice
devi vivere quassù!..."

SEI CONTENTA MAMMA? MA SI… ADESSO LO MANDO VIA SUBITO…MA SI CAPISCE ANCHE CLEMENTE…ANCHE CLEMENTE E’ GENTILE… SI, MI FA PROPRIO PIACERE SE LA ZIA MERCEDES SI E’ DIVERTITA AL NOSTRO MATRIMONIO…. SI L’HO VISTA COME PIANGEVA FORTE…. SI SI PENSO CHE COSI’ FORTE ABBIA PIANTO SOLO AL MIO ANZI ADESSO CHE CI PENSO NEANCHE QUANDO E’ MORTO LO ZIO PIERO HA PIANTO COSI’…. AH SI E’ PROPRIO UNA BELLA SODDISFAZIONE… SI SI CAPISCE CHE HO VISTO COME PIANGEVA ANCHE MIA CUGINA AFRA….SEMBRAVA LA SIRENA DEI POMPIERI… NO NO, NO MAMMA…. LEI PIANGEVA DALLA RABBIA PERCHE’ MI SONO SPOSATA PRIMA DI LEI….OH SI, PROPRIO UN BEL MATRIMONIO….MA DAI MAMMA….. MA COSA VUOI CHE ABBIA FATTO? SIAMO APPENA ARRIVATI…. CERTO CHE MI HA PRESO IN BRACCIO, ALTRIMENTI NON ENTRAVO….ASCOLTA MAMMA, MA SECONDO TE CHE CAMICIA DA NOTTE MI POSSO METTERE? NE HO PORTATE 2  MA NOOO MAMMA NON HO FREDDO… MI SONO PORTATA ANCHE QUELLO DI LANA… SI, SI CAPISCE, UNA E’ QUELLA CHE MI HAI REGALATO TU L’ALTRA E’ QUELLA CHE MI HA REGALATO LA DELIA COME CHE DELIA ? QUANTE DELIA CONOSCI TU? ECCO SI LA DELIA DI MALAVASI, LA CONFINANTE…… MAMMA NON PARLARE COSI’ DELLA DELIA… SAI CHE E’ SEMPRE STATA GENEROSA BEH NON VUOL DIRE CHE SE LEI E’ UNA ARPIA I SUOI REGALI MI FANNO DIVENTARE COME LEI…. VA BENE SI MAMMA…. MA NOOOOO POSSIAMO STARE AL TELEFONO FIN CHE VUOI….. ASCOLTA MAMMA MA IL VOV CHE MI HAI MESSO IN VALIGIA GLIELO FACCIO BERE PRIMA O DOPO? COME TRA LA PRIMA E LA SECONDA? COME DUE? MA MAMMA QUESTO NON ME LO AVEVI MAI DETTO? MA SEI SICURA CHE SI POSSA? MA SI CAPISCE CHE CLEMENTE CI RIESCE, RIESCE SEMPRE A FARE TUTTO CLEMENTE…. AH DICI CHE QUESTE COSE SERVE LA COLLABORAZIONE DI QUELLA COSA LA’ E CHE MAGARI QUELLA COSA LA’ DI CLEMENTE NON PARTECIPA COME DOVREBBE…CADE DA TUTTE LE PARTI, NON SA DA CHE PARTE METTERSI... SI… ALLORA SE NON PARTECIPA GIU’ DEL VOV…. EHM E ASCOLTA MAMMA… VOLEVO CHIEDERTI IL PRIMO PASSO CHI LO DEVE FARE? MA NO MAMMA SIAMO GIA’ IN ALBERGO…. DICEVO QUEL PASSO LA’… E I VERSI? MA COSA DICI MAMMA?!?!?  MA NON MI DEVE MICA PICCHIARE….AHHHH HO CAPITO QUEI VERSI……MA E’ MEGLIO CHE STANOTTE ME NE STIA ZITTA O CHE URLI? MA SI… MENTRE CLEMENTE FA… INSOMMA MENTRE CLEMENTE….. E’ ALL’OPERA… MA NO MAMMA MICA ALL’OPERA A VERONA LA CI ANDIAMO D’ESTATE CON GLI AMICI DELLA MUSICA…..NO, PERCHE’ PERCHE’ LA NATALINA MI HA DETTO CHE AGLI UOMINI PIACE DI PIU’ SE UNA DONNA FA QUEGLI URLETTI…. SAI…. SI ECCO COME FACEVA QUELLA DEL PIANO DI SOPRA NELLA PENSIONCINA AL MARE CHE TU DICEVI CHE ERA ASMA….….AHHH OHHHH UHHHHH…. SI QUELLA BRAVA… AH… TU DICI CHE SIA MEGLIO STARMENE ZITTA…. MUTA…. IMMOBILE…. VA BENE MAMMA, MENO MALE CHE MI HAI TELEFONATO TU ERA UNA COSA CHE PROPRIO NON SAPEVO A CHI DOMANDARE….ALLORA IO IMMOBILE ZITTA E MUTA…. MA LO POSSO TOCCARE?   SI SI CAPITO…. SOLO IL MINIMO INDISPENSABILE…..MA SCUSA MAMMA COS’E’ IL MINIMO INDISPENSABILE?…. AH…. SI… OHHH…. INSOMMA L’ORECCHIO VA BENE , NO HO CAPITO NON TOCCARLO SOPRA IL GINOCCHIO, SI MAMMA, SI CERTO….MAMMA MA POSSO BACIARLO CON LA LINGUA? COME CHI MI HA DETTO CHE SI FA COSI’ A BACIARLO? INSOMMA MAMMA, QUALCOSINA L’HO ANCHE IMPARATA DA SOLA…. SI INSOMMA ME L’HA DETTO LA GINA… MA COME VUOI CHE FACCIA A SAPERE COME MAI LEI LO SA…. LO SA E BASTA E POI E’ SEMPRE STATA UNA DONNA CON DELL’ESPERIENZA…INSOMMA POSSO O NO? SI HO CAPITO POCO… UNA COSA RAPIDA… UNA TOCCATA E FUGA…. SOLO CON LA PUNTA E VIA DENTRO…. BOCCA SIGILLATA….. MA NOOO MAMMA…. NON STARE A PREOCCUPARTI  CERTO CHE NON GLIELO PERMETTO….SI MAMMA… CHIAMA PURE QUANDO VUOI NON CI SONO PROBLEMI…. SI MAMMA …. VA BENE MAMMA…. D’ACCORDO MAMMA…. SI ANCHE IO MAMMA…. NO NON PIANGERE COSI’ MAMMA, INSOMMMA SE VUOI UN NIPOTINO BISOGNERA’ PUR CHE IMPARI NO?  VA BENE NON URLO MA TU NON METTERTI A PIANGERE CHE ALTRIMENTI MI VIENE DA PIANGERE ANCHE A ME….. SI CERTO, MA SI CAPISCE CHE TI TELEFONO SUBITO DOPO ANZI, TELEFONA TU TRA UN PAIO DI ORE… ANCHE MENO?!?!?! TELEFONA QUANDO VUOI …. SI, SI CAPISCE CHE TI RACCONTO TUTTO NON PREOCCUPARTI CIAO MAMMA, CIAO… CIAO…..

SI SPENGONO LE LUCI SUL LETTO E SI ACCENDO IN BAGNO DA CLEMENTE

CLEMENTE: TESORO CHI ERA?

OLGA: LA MAMMA

CLEMENTE: OH NOOO… HA GIA’ TROVATO IL NUMERO DELL’ALBERGO…. ABBIAMO FINITO DI STARE BENE!!! MICA CHE IO ABBIA NIENTE CONTRO MIA SUOCERA, NOOOO, IN FONDO E’ UNA BRAVA DONNA….. FORSE SOLO UN PO’ INVADENTE MA BUONA, INSOMMA E’ UNA SUOCERA E TUTTI SANNO CHE CE NE VORREBBE UNA PER CAMPANILE…..CAPIRAI…. GIA’ QUANDO ERAVAMO MOROSI TUTTE LE SERE CHE ANDAVO IN CASA, ARRIVAVA, SI PARCHEGGIAVA COL SUO CULONE SUL DIVANO TRA ME E L’OLGA, TANTO CHE L’OLGA SI DOVEVA ALZARE PER FARLE POSTO COSI’ IO RIMANEVO CON OLGA VICINO ED INIZIAVA L’INTERROGATORIO…. ALLORA MENTINO, GIA’ QUANDO MI CHIAMA MENTINO  VADO GIU’ DI CARADA, COME STATE?… MI DA RIGOROSAMENTE DEL VOI,… E LA MIA BAMBINA FA A MODO? QUANDO VI SPOSATE ? PERCHE’ SAI SAREBBE ORA ORMAI….E’TANTO CHE SIETE MOROSI….A DIR LA VERITA’ IO NON VEDO L’ORA CHE VENIATE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA…AVETE MANGIATO?  SENTITE QUESTI TORTELLI FRITTI… LI ABBIAMO FATTI INSIEME IO E L’OLGA… E’ COSI’ BRAVA A CUCINARE….OH, MICA PERCHE’ E’ MIA FIGLIA MA VI DICO CHE E’ PROPRIO BRAVA IN TUTTO…. E SI…. L’HO PROPRIO TIRATA SU BENE…. BUONA BRAVA E BELLA PROPRIO UNA DONNINA DA FAMIGLIA…. A PROPOSITO DI FAMIGLIA TUTTE LE DOMENICHE E’ UN OBBLIGO ANDARE A MANGIARE A CASA SUA… COSA VUOI DIRLE DI NO?!?!? VUOI DARE UN DISPIACERE ALLA MAMMA? E COSI’ TUTTE LE DOMENICHE LASAGNE AL FORNO…..UN PIATTO DI TRIGLICERIDI GROSSO COME DEI RANOCCHI CHE TI GUARDANO COME PER DIRE SE TI AZZARDI A MANGIARTI TI INCHIODIAMO….E CON UN SUGO TALMENTE UNTO CHE TI INGRASSA SOLO L’ODORE….. E’ VERO CHE SONO BUONE? COSA FAI LE DICI DI NO? VUOI DARE UN DISPIACERE ALLA MAMMA?  POI C’ERA IL POLLO ALLA CACCIATORA…. SI CERTO, TUTTE LE DOMENICHE POLLO ALLA CACCIATORA CON DEI PEPERONI CHE CONTINUAVANO A BALLARMI NELLO STOMACO PER IL RESTO DELLA SETTIMANA FINO ALLA DOMENICA DOPO CHE LA STORIA RICOMINCIAVA, MA COSA CI VUOI FARE? POI DIRLE DI NO? VUOI DARE UN DISPIACERE ALLA MAMMA? E ALLORA GIU’ ANCHE IL POLLO, FATTO STA CHE QUANDO HO COMINCIATO AD ANDARE A MOROSA DALL’OLGA ERO 65 CHILI E ADESSO SONO TUTTO QUI… E I NATALI ODDIO NON DEVO PENSARE AI NATALI PERCHE’ MI VA VIA TUTTA POESIA… TUTTI I NATALI MIA SUOCERA MI PREPARAVA UN MAGLIONE A RIGHE… TUTTO COLORATO… MA MICA PERCHE’ SCEGLIESSE I COLORI…. NOOOO…. E’ CHE ME LO FACEVA CON TUTTI GLI SCARTI DI LANA CHE LE RIMANEVANO DOPO AVER PREPARATO CENTRINI, PEDALINI PER LA CASA, BABUCCETTE E LA PEDANA DELLA GATTA… ECCO CON GLI AVANZI CI FACEVA IL MIO REGALO DI NATALE….. IO NON SONO MAI STATO UNO CHE BADA A QUELLE COSE LI… MA SI SA SE MI FAI UN REGALO ALMENO FAMMELO BELLO E SOPRATTUTTO CAMBIALO…. NIENTE DA FARE TUTTI GLI ANNI LO STESSO MAGLIONE UNA VOLTA CON LE MANICHE LUNGHE E UNA VOLTA CON LE MANICHE CORTE A SECONDA DELLA LANA CHE GLI AVANZAVA….. E I FAVORI? POTEVO DIRE DI NO A MIA SUOCERA? QUALE UOMO RIESCE A DIRE DI NO A SUA SUOCERA? NESSUNO CHE IO CONOSCA E IO SONO NELLA MEDIA….. UN GIORNO MI CHIAMA E MI DICE: CLEMENTE DOVREI ANDARE A FARE UNA VISITA IN OSPEDALE MI ACCOMPAGNI? PRONTI… ALLORA… LA PASSO A PRENDERE LA MATTINA ALLE 5… LA VISITA L’HA ALLE 2 DI POMERIGGIO AL POLICLINICO A MODENA MA DICE OLGA E’ MEGLIO PARTIRE PRESTO NON SI SA MAI CHE CAPITI QUALCOSA….. ALLE SEI SONO DENTRO AL PASSO CON LA MIA PANDA TIRATA A SPECCHIO E LA VEDO USCIRE DI CASA CON UNA SPORTINA DI PLASTICA MA DI QUELLE GROSSE TIPO FAMIGLIA COOPERATIVA….TACCIO… NON VOGLIO NEANCHE SAPERE COSA HA DENTRO A QUELLA SPORTA E PARTIAMO. NON SIAMO ARRIVATI A SAN PROSPERO CHE INIZIA A TIRARE FUORI IL ROSARIO A SGRANARLO MA ALMENO SE LO MUMMIASSE DA SOLA… EH SAREBBE STATO TROPPO BELLO … IO LE DEVO FARE DA CHIRICHETTO… E RISPONDERE: AVE MARIA ORA PRO NOBIS AVE MARIA ORA PRONOBIS AVE MARIA ORA PRONOBIS … ARRIVATI AL CURVONE DEL CANTONE FINALMENTE METTE VIA IL ROSARIO E INIZIA A GUARDARE LA STRADA…HA DECISO DI FARMI DA NAVIGATORE…. IN SOSTANZA ERA MEGLIO QUANDO DICEVA IL ROSARIO: CLEMENTE VA PIANO, CLEMENTE NON ACCELLERARE, MENTINO ACCELERA, ATTENTO ALLA CURVA…… MENTINO SEI UN IMBRANATO… ORA IO SONO UN UOMO PAZIENTE MA LO STRADONE DI GRANDI E’ L’UNICO RETTILINEO CHE C’E’ PER ANDARE A MODENA  ERANO LE 5.30 DI MATTINA, UN FREDDO CANE NEANCHE LA POIANA CHE GIRASSE…. GIURO CHE AVREI APERTO LO SPORTELLO E L’AVREI BUTTATA GIU’ DALLA MACCHINA..INVECE HO RIBALTATO L’ACCELERATORE… LA PANDA E’ PARTITA CON UN RUGGITO CHE SEMBRAVA UNA FERRARI, MIA SUOCERA E’ DIVENTATA PICCOLA PICCOLA E SMORTA ED E’ SPROFONDATA NEL SEGGIOLINO CHE SEMBRAVA DIVENTATO DI GELATINA. AD UN CERTO PUNTO DA QUEL MUCCHIO DI GELATINA VIENE FIORI UNA VOCINA: MENTINO, NON ABBIAMO POI MICA TUTTA STA FRETTA!!!!! E POI PIU’ NIENTE…. QUANDO DIO VUOLE ARRIVIAMO A MODENA ALL’INGRESSO DEL POLICLINICO, FACCIO PER PARCHEGGIARE E LEI MI URLA NELL’ORECCHIO CHE NON AVEVA NESSUNA INTENZIONE DI FARSI DELLA STRADA A PIEDI NELLE SUE CONDIZIONI ERA  STATA DALLA PARRUCCHIERA APPOSTA,E AVEVA PAURA CHE LA GUAZZA DELLA MATTINA LE AVREBBE ROVINATO TUTTA L’IMPALCATURA …. PER CUI DOVEVO ENTRARE CON LA MACCHINA: SINCERAMENTE IO L’HO PRESA PERSA IO CI HO RINUNCIATO A SPIEGARLE CHE NON POTEVO E SONO ENTRATO.TRA I 200 CARTELLI VEDO IL NOME DEL REPARTO DOVE DEVE AVVENIRE LA VISITA:  GASTOENTEROLOGIA GIA’ IL NOME NON PROMETTE NIENTE DI BUONO MA TACCIO. SONO LE 7 DI MATTINA. SIAMO DAVANTI AL PIAZZALE DEL REPARTO DI GASTROENTEROLOGIA  IN GIRO NON C’E’ ANIMA VIVA  DOBBIAMO ASPETTARE FINO ALLE 2 E MIA SUOCERA COSA FA? TIRA FUORI  UN PEZZO DI TOVAGLIA ROSSA E BLU E LA DISTENDE SOPRA IL COFANO DELLA PANDA E POI TIRA FUORI UN TERMOS A QUADRETTI MARRONE E GIALLO, UNO DI QUELLI CHE DI SOLITO ALLE PESCHE DELLE SAGRE DI PAESE HA IL N° 4 ATTACCATO PERCHE’ VUOL DIRE CHE E’ UN PREMIO DI VALORE AL N° 3 DI SOLITO C’E’ UNA COPERTA FATTA DALLE SUORE AL N° 2 UN PROSCIUTTO N° 1 LA BICICLETTA INSOMMA MIA SUOCERA APRE STO TERMOS E VERSA DEL CAFFE LATTE DENTRO AL BICCHIERE DI PLASTICA CHE FA DA COPERCHIO E ME LO DA DA BERE MENTRE CON L’ALTRA MANO PRENDE UNA FETTA DI PANETTONE RIMASTO LI DALLE FESTE E PORTATO PER L’OCCASIONE E CE LA INFILA DENTRO L’ISTINTO MI DICEVA DI PRENDERLA PER IL COLLO E DI STROZZARLA MA ERAVAMO VICINO AL PRONTO SOCCORSO E AVREBBERO SEMPRE POTUTO SALVARLA E ALLORA, CON UNA CALMA CHE NON SO NEANCHE IO DOVE SONO ANDATO A TROVARE, LE DICO : NO, GRAZIE NON HO FAME E MI ACCENDO UNA SIGARETTA.

ORA, LA SIGARETTA E’ UNO DEI POCHISSIMI PIACERI CHE UN UOMO SI PUO’ ANCORA  CONCEDERE  LA PRIMA DELLA MATTINA HA POI TUTTO IL SAPORE CHE VIENE DALL’AVERLA DESIDERATA TUTTA LA NOTTE COME UNA BELLA DONNA…..MA COSA FAI? FUMAR FA MALE… SPECIALMENTE LA MATTINA A DIGIUNO… BUTTA VIA QUELLA CICCA E MANGIA IL PANETTONE E MI CAVA DI BOCCA LA SIGARETTA APPENA ACCESA STRAPPANDOMI LA PELLE DELLE LABBRA CHE SI ERANO SECCATE DAL FREDDO. SONO STATO LI’ LI’ PER TIRARE UNA SARACCA, MA VUOI DARE UN DISPIACERE ALLA MAMMA? NON CI SIAMO PIU’ PARLATI PER UNA SETTIMANA!

OLGA: CLEMENTE CLEMENTE CORRI CHE MI SONO INTRAPPOLATA…

CLEMENTE. COS’E’ CHE HAI FATTO?

OLGA: MI SONO INTRAPPOLATA NEL VESTITO E NON RIESCO PIU’ AD USCIRE DI QUI… AIUTAMI  NON STARE LI’ FERMO ODDIOOOO SEI IN MUTANDE…. SPETTA CHE MI COPRO… NON POSSO VEDERTI….ANZI NO VATTI A VESTIRE POI TORNA A LIBERARMI…

CLEMENTE:E’ INTRAPPOLATA IN QUESTO TENDONE DA CIRCO E STA A GUARDARE SE SONO IN MUTANDE O NO…. MA IO DICO….TACI E CHIUDI GLI OCCHI … MA NON SO DA DOVE INIZIARE

OLGA: ADESSO NON MI VERRAI A DIRE CHE NON SAI COME TOGLIERE UN VESTITO AD UNA DONNA

CLEMENTE: UN VESTITO SI MA QUESTA TRAPPOLA DA TOPI NO…. SPETTA SPOSTA IL BRACCIO…. OHHH ISSAAAA…. OH ISSAAA

OLGA: MA MI FAI MALE… E USA IL BUON SENSO

CLEMENTE: ALLORA SPETTA DOV’E’ LA TESTA…. SPETTA CHE LA TROVO…. NO QUI CI SONO LE GAMBE….

OLGA: E NON TOCCARMI LE GAMBE MALNETT…. CERCA LA TESTA PIUTTOSTO

CLEMENTE: E COSA SONO DIETRO A FARE? SONO SOLO PARTITO TROPPO BASSO…. SECONDO ME E’ UNA BELLA IDEA….

OLGA: SECONDO ME NEANCHE UN PO’ E DI SOLO CHE RIESCA AD USCIRE DA QUI E VEDI COSA TI SUCCEDE   E FA PIANO CHE LO TRAPPI…. E POI LA MAMMA COSA PENSA?

CLEMENTE: COSA VUOI CHE PENSI PENSERA’ QUELLO CHE PENSA SEMPRE DI ME… CHE SONO UNA BESTIA… SENTI OLGA IO CI RINUNCIO…

OLGA: COME CI RINUNCI?

CLEMENTE: INSOMMA IO NON RIESCO A TROVARCI I PIEDI…. NON RIESCO A CAVARTELO…

OLGA: E CI RINUCI COSI’?

CLEMENTE: PER QUELLO CHE DEVO FARE STANOTTE A ME VAI BENE ANCHE COSI’….

OLGA: CLEMENTEEEEEEEEE

CLEMENTE: HO CAPITO OLGA CERCO UN AIUTO…. MA NEANCHE DI QUESTE…. (VA AL TELEFONO) CHE NUMERO ERA PER CHIAMARE IL PINGUINO?

OLGA: COSA VUOI CHE MI RICORDI IO?

CLEMENTE: VA BEH NE FACCIO UNO A CASO…. PRONTI?  SONO CLEMENTE… CLEMENTE TESTONI DI PONTE Motta via provinc….. A NOOOO CAMERA 25 SI,LA CA’ ROSSA COI SCUR SAI… AVREI UNA NECESSITA’ URGENTE… NO NON VOGLIO UNA SPREMUTA DI LIMONE… NO NON SONO DISTURBATO IN QUEL SENSO…. NO NON VOGLIO NEANCHE DELLE PRUGNE SECCHE….. NON UNA URGENZA IN QUEL SENSO…ME NE FREGO SE LA CUCINA CHIUDE TRA 5 MINUTI… PRONTO PRONTO…. MI HA CHIUSO IL TELEFONO IN FACCIA…. E IO PAGO PER SENTIRMI CHIUDERE IL TELEFONO IN FACCIA… OLGA, FA SU AL PATTINI E ANDIAMO VIA DA QUI.

OLGA: PERCHE’ NON SEI STATO CORTESE PASSAMI IL TELEFONO E LASCIA FARE A ME….. PRIMA DI TUTTO DEVI PARLARE IN ITALIANO…. AVANTI FAI IL NUMERO

CLEMENTE: CHE NUMERO?

OLGA: QUELLO CHE VUOI DICIAMO IL 27… IL GIORNO IN CUI CI SIAMO CONOSCITI…

CLEMENTE: SEEE ADESSO SCRIVO TUTTA LA DATA OLGA…. MA FAMMI UN PIACERE…. ECCO PARLA

OLGA: PRONTI? SI, IO SONO L’OLGA, SI LA SIGNORA OLGA, SA MI SONO SPOSATA OGGI….

CLEMENTE: OLGA STRINGI, NON RACCONTARGLI TUTTA LA TUA VITA

OLGA:TACI CLEMENTE… LASCIA FARE A ME…. OH GRAZIE  SI E’  STATA DAVVERO UNA BELLA CERIMONIA… CERTO CHE C’ERA L’ORGANO E POI LE DIRO’ MI AVEVA MESSO ANCHE IL TAPPETO ROSSO PER ENTRARE IN CHIESA….. MA SICURO CHE MI SONO SPOSATA IN CHIESA…. AH NO, IO NON SONO UNA DI QUELLE… IO SONO  ILLIBATA

CLEMENTE: COS’E’ CHE SEI?

OLGA: TACI UN PO’… DOPO DOPO TI SPIEGO….

CLEMENTE: IO MI DOMANDO PERCHE’ LE VIENI SEMPRE AD IMPARARE DOPO QUESTE COSE…. TUA MADRE CHE PARLA  PARLA FINO A RIMBAMBIRTI LE ORECCHIE DI STO PARTICOLARE MICA MI AVEVA DETTO NIENTE…. SOLO CHE NON SIA UNA MALATTIA CONTAGIOSA L’ILLIBATA… CHE SIA IL NOME NUOVO DELLA QUARTA MALATTIA? ILLIBATA… ILLIBATA… EPPURE L’HO GIA’ SENTITA ILLIBATA, ILLIBATA...

OLGA: MA SA SIGNORINA CHE LO STESSO PROBLEMA L’HO AVUTO ANCHE IO CON LA MILLINA? SI, SI QUANDO ANDAVA IN CALORE…. (RISATINA)

CLEMENTE: MA COSA C’ENTRA ADESSO LA CAGNA IN CALORE?!?!?  OLGAAAA STO SUDANDO COME UNA BESTIA MI TOCCA ANDARE A FARE UN’ALTRA DOCCIA… LA VUOI PIANTARE?

OLGA: SEI PROPRIO INSOPPORTABILE… NO NO SIGNORINA NON DICEVO A LEI…E’ CHE C’E’ UN UOMO QUI

CLEMENTE: ECCO NON SONO NEANCHE PIU’ SUO MARITO ADESSO SONO UN UOMO… UNO QUALSIASI…

OLGA: MA CAN DA L’UA VOT TASER? NO NO SIGNORINA NON DICEVO A LEI. CANE DELL’UVA LO DICEVO A MIO MARITO CHE  NON RIESCE A SPOGLAIRMI

CLEMENTE: ECCO ANCHE QUESTA SI METTE A DIRE…. VUOI CHE TI PRENDA UN MEGAFONO PER ANDARLO A DIRE IN GIRO?

OLGA: MA NO, NON E’ UN AMPUTATO, LE HA TUTTE E DUE LE MANI, HA DUE MANI CHE SEMBRANO DUE BASULANI… NO, NON E’ NEANCHE PARALITICO…. MA …SI AVREBBE BISOGNO DI QUALCUNO CHE GLI DESSE GLI DASSE GLI DARESSE INSOMMA HA BISOGNO DI UN AIUTO CHE DA SOLO NON CE LA CAVA MICA E NON CE LA CAVERA’ MAI DI QUESTO PASSO

CLEMENTE: SE DOVEVO FARE UNA FIGURA DA PORCO TU CI SEI RIUSCITA IN PIENO A FARMELA FARE…

OLGA: CLEMENTE….. MI HA SBATTUTO IL TELEFONO IN FACCIA…. HA DETTO CHE IN QUESTO ALBERGO CERTE COSE NON LE OFFRONO… CHE DOBBIAMO ANDARE LUNGO UN CARADONE... MA COSA HO DETTO DI MALE?

CLEMENTE: NIENTE NIENTE OLGA MA ERA MEGLIO SE STAVI ZITTA…

BUSSANO ALLA PORTA

CLEMENTE: E ADESSO CHI E’?

ENTRA IL CAMERIERE

CAMERIERE: MI HANNO DETTO DI VENIRE A CONTROLLARE SE E’ TUTTO A POSTO… DALLA HALL PENSANO CHE CI SIANO DEI PROBLEMI IN QUESTA CAMERA…..

CLEMENTE: ECCO SI UN PROBLEMINO CI SAREBBE… MI DOVREBBE AIUTARE A TOGLIERE STO VESTITO A MIA MOGLIE.. MA PRIMA SI TOGLIE GLI OCCHIALI… NON VOGLIO CHE VEDA MIA MOGLIE IN MUTANTE

CAMERIERE: MA SENZA NON CI VEDO NIENTE…. DEVO ANDARE A PALPETTI

CLEMENTE: EHI ATTENTO A DOVE METTE LE MANI…

OLGA: ADOPERATE L’USTA PER FAVORE….

CLEMENTE: MI INNERVOSISCI OLGA ECCO TE TIRA DA STA PARTE…. TACI UN PO’ SOLO UN PO’…. ECCO ADESSO TIRA…. CAVA….. COSI’….. DAI CHE CI SIAMO…..OLGA ALMENO COLLABORA….

 OLGA: PERCHE’ SECONDO TE COSA STO CERCANDO DI FARE…..FINALMENTEEEE E’ VENUTO…

CAMERIERE: DI GIA’?

CLEMENTE: MA COS’HA CAPITO? VADA VADA CHE ADESSO NON ABBIAMO PIU’ BISOGNO DI LEI

CAMERIERE: ALLORA VADO…. MI RIMETTO GLI OCCHIALI…. ECCO IO ALLORA VADO…..

CLEMENTE: VADA VADA

CAMERIERE: VADO VADO….

CLEMENTE: SOLO CHE NON VOGLIA CONTINUARE AL POSTO MIO….. OHHHH OLGA ADESSO PERO’ DEVO TORNARE IN BAGNO SENTI QUI CON LA LAVORATA CHE HO DATO

OLGA: CLEMENTE GIRATI DA BRAVO CHE SONO NUDA…. ASPETTA CHE MI METTO ALMENO LA VESTAGLIA….E POI ANCHE IO AVREI BISOGNO DI UNA RINFRESCATA. POSSO ENTRARE SOLO UN MOMENTO CON TE CHE MI LAVO LE MANI?

CLEMENTE:VIENI PURE OLGA

OLGA: TI COPRO GLI OCCHI PERCHE’ VOGLIO CHE SIA TUTTA UNA SORPRESA….

CLEMENTE: MI FAI DIVENTARE ROSSO…

Entra la cameriera col pianista e mentre la cameriera si mette a rifare la camera il pianista attacca Eulalia Torricelli:

I personaggi di questa canzone
ve li hanno inventati gli autor...
Se c'è attinenza con delle persone,
scusate gentil signor...
Qui si parla di una tale
che baciar una sera si fe'
da una guardia forestale
il cui nome è De Rossi Giosuè..
Voi non la conoscete, ha gli occhi belli...
chi?
Eulalia Torricelli da Forlì...
Voi non la conoscete ha tre castelli...
chi?
Eulalia Torricelli da Forlì...
Un castello per mangiare,
un castello per dormire,
un castello per amare,
per amare De Rossi Giosuè.
Voi non la conoscete, ha gli occhi belli...
chi?
Eulalia Torricelli da Forlì...

Seconda parte, secondo programma...
Eulalia riposo non ha...
Dice a De Rossi: "Parliamone a mamma..."
Ma l'altro risponde:"Va là!..."
Poi la cosa si ingarbuglia
si ingarbuglia e sapete perchè?...
Con il treno che va in Puglia è partito Giosuè...
Vuol morire Eulalia Torricelli...
uè!...
E mangia i zolfanelli di Giosuè...
Fa testamento e lascia i tre castelli...
uè!...
A chi non ha castelli come me!
Un castello lo dà a Nisa...

ATTO SECONDO

PRIMA( al pianista) DAI DAI VENI DENTRO CHE TI RACCONTO COSA MI E’ CAPITATO AL CINEMA DOMENICA… SPETTA CHE METTO A POSTO QUESTI FIORI, SI, SI, PERCHE’ LA DIREZIONE VUOLE ANCHE CI METTA I FIORI IN QUESTA CAMERA. ECCO FATTO ANCHE I FIORI SONO A POSTO. OH TU MAI CHE MI PORTI UN FIORE CHE SO UNA MARGHERITA UNA VIOLA UN PISALET… NIENTE DI NIENTE… CHE UOMO DA SODDISFAZIONE CHE SEI, MA IO HO PAZIENZA E PRIMA O POI TI ACCORGERAI DI QUELLO CHE VALGO. COMUNQUE TI DICEVO CHE MI AVEVANO DETTO CHE C’ERA UN FILM BELLISSIMO NELLA SALA NUOVA CHE HANNO FATTO A MODENA QUELLA CHE ENTRI DENTRO E CI SONO TANTE STANZE DOVE PROIETTANO 5 FILM INSIEME MA NON LI PROIETTANO TUTTI INSIEME, NE PROIETTANO UNO DIVERSO PER OGNI SALA HO TELEFONATO ALLA MINGHINA PER CHIEDERLE DI ACCOMPAGNARMI, POI ALLA ROSINA, ALLA PASQUALINA, ALLA SANDRINA E ANCHE ALLA CLELIA. NIENTE. TUTTE OCCUPATE. OCCUPATE POI… QUELLE STANNO TUTTO IL TEMPO DAVANTI ALLA TV E NON VOGLIONO MAI MUOVERE IL CULO ECCO DOVE ERANO OCCUPATE, COMUNQUE ANDIAMO AVANTI ALLORA CI SONO ANDATA DA SOLA MI SONO MESSA IN MIO BEL CAPPOTTINO CON IL COLLO DI VOLPE SOPRA HO PRESO LA CORRIERA E MI SONO SEDUTA DIETRO ALL’AUTISTA. A PROPOSITO DOVEVI VEDERE CHE AUTISTA ERA, FACEVA MILLE VOGLIE. IO HO ANCHE CERCATO DI ATTACCARGLI BOTTONE MA LUI MI HA FATTO SEGNO DI LEGGERE IL CARTELLO DOVE C’ERA SCRITTO NON PARLATE ALL’AUTISTA ALLORA MI SONO MESSA BUONA BUONA A GUARDARE IL PAESAGGIO CHE DA QUANDO SIAMO NATE E’ SEMPRE LO STESSO. UNA LANDA PIATTA COME UN’ARA SALGATA, ARRIVO A MODENA E CHIEDO AD UN SIGNORE: SCUSI BUON UOMO PER ANDARE AL CINEMA CORSO? NON ME LO RICORDAVO BENE IL NOME DEL CINEMA E MI SEMBRAVA QUELLO. HO VISTO CHE MI HA GUARDATO IN MODO STRANO E POI MI HA DETTO: MA CE LA COMPAGNO IO SIGNORINA BEH NON FACCIAMO IN TEMPO A METTERCI A SEDERE CHE VEDO UN LAVORO, MA UN LAVORO CHE SONO DIVENTATA ROSSA DALLA PUNTA DEI CAPELLI A QUELLA DEI PIEDI. INSOMMA A FARLA BREVE ERO ENTRATA IN UNO DI QUEI CINEMA OSE’, QUELLI CON LE DONNE NUDE SOLO DOPO HO IMPARATO CHE ERA IL CINEMA CARSO E NON CORSO QUELLO IN CUI DOVEVO ANDARE MA ORMAI LA FRITTATA L’AVEVO FATTA

CORSO, CARSO, A ME SEMBRANO NOMI TUTTI UGUALI IL BELLO E’ CHE QUELLO LA’ CHISSA COS’HA PENSATO E HA CERCATO DI ALLUNGARE SUBITO LE MANI. GLI SONO ARRIVATA CON UNO SGANASSONE CHE GLI HO FATTO SALTARE LA DENTIERA E ANCHE GLI OCCHIALI IN UN COLPO SOLO E POI SONO SCAPPATA VIA DAL CINEMA MENTRE LUI ERA ANCORA LA’ IN “CUCIONE” A CERCARE DI RECUPERARE I DENTI… MA SE SI DEVE VEDERE. A ME, A ME VIENE A FARE QUESTE COSE…MA SE DEVO ESSERE SINCERE MI E’ RIMASTA LA CURIOSITA’ DI CAPIRE COSA STAVANO FACENDO SULLO SCHERMO PERCHE’ NON HO CAPITO MOLTO BENE UNA POSA. MICA CHE IO ABBIA NIENTE DA IMPARERE IN QUEL CAMPO LI’ MA SAI NON VORREI NEANCHE RIMANERE INDIETRO.

INVECE DI STARE LI’ A GUARDARMI CON QUEI DUE OCCHIONI LI MENTRE CI SEI PERCHE’ NON SUONI QUALCOSA CHE COSI’ MI SEMBRA CHE IL TEMPO PASSI PIU’ IN FRETTA. O SEI TROPPO STANCO? SEI ANDATO A SUONARE ANCHE IERI SERA? MA INSOMMA MI VUOI PRENDERE CON TE O NO? GUARDA, GUARDA CHE BEL VESTITINO MI SONO COMPRATA. DIMMI CHE NON CI FAREI LA MIA BELLA FIGURA E POI SO ANCHE MUOVERMI SAI. DAI SUONA LA BELLA GIGIGIN CHE TI FACCIO VEDERE… ( CANTA)

E la bella Gigogin,
col tramille rillellera,
la va a spass col so spincin,
col tramille rillerà.

A quindic'anni facevo all'amore,
dàghela avanti un passo, delizia del mio cuore!
A sedic'anni ho preso marito,
dàghela avanti un passo,delizia del mio cuore!
A diciassette mi sono spartita,
dàghela avanti un passo, delizia del mio cuor!

La ven, la ven, la ven alla finestra                   (Entra la seconda che canta e balla)
l'è tutta, l'è tutta, l'è tutta 'ncipriada;
la dis, la dis, la dis che l'è malada
per non, per non, per non mangiar polenta;
bisogna, bisogna, bisogna aver pazienza,
lassala, lassala, lassala maridà!

E la bella Gigogin,
col tramille rillellera,
la va a spass col so spincin,
col tramille rillerà.

 EH COSA NE DICI? TI E’ PASSATA? SEI TORNATA NORMALE? VISTO CHE A CANTARE E BALLARE PASSANANO TUTTI I PROBLEMI? E TU DOREMI COSA NE DICI? E POI ERA UNA COSA BUTTATA LI’ SENZA NEANCHE UN  MINIMO DI PREPARAZIONE. GUARDA, FIDATI, CHE TI FACCIAMO FARE BELLA FIGURA. HO ANCHE PENSATO AL NOME: IL TRIO “DA CAMERA”. COME TI SUONA? SA TROPPO DI ALBERGO? BEH IO NON HO MOLTA FANTASIA IN QUESTE COSE. COSA NE DICI DI “IL TRIO MIRACOLO” SI MIRACOLO PERCHE’ SE CI SCRITTURANO E’ GIA’ UN MIRACOLO MA HO FIDUCIA. OPPURE “LA LUIGIA LA MATILDE E IL SUO PIANISTA”E TU TACI EH, TACI SEMPRE… CON VOI DUE VICINO C’è SEMPRE UN’ALLEGRIA QUI DENTRO…

MA, VOGLIO DIRE, GLI SPOSINI MI SA CHE HANNO FATTO IN FRETTA STAVOLTA…

MATILDE:SI…O HANNO FATTO IN FRETTA O A LUI E’ VENUTO UNO “S-CIOPONE” E LO HANNO RICOVERATO IN OSPEDALE PERCHE’ LO SAI ANCHE TU CHE DDOPPU LI CINQUANT'ANNI, OGN'ANNU DECI MALANNI.

PRIMA:LEI EFFETTIVAMENTE ERA MOLTO GIOVANE, ALMENO MOLTO PIU’ GIOVANE DI LUI, LO DICO SEMPRE IO CHE PER SPOSARSI BISOGNA AVERE LA STESSA ETA’ O CI SI RIMANE A CAVALLO

MATILDE:LI GUAI DI LA PIGNATA LI SAPI LA CUCCHIARA CHI LI RIMINA.  A MENO CHE NON LO ABBIA SPOSATO PIU’ VECCHIO APPOSTA PER EREDITARE PRIMA…OGNUNU E' PATRUNI DI PULIZZIARISI U' CULU C'UN CORPU I LUPARA.

PRIMA: EREDITARE POI COSA? QUELLO DOVEVA ESSERE UNA ARPIA. MI HA DATO UN CONFETTO DI MANCIA QUELLO LA’ .

MATILDE:DUI NON SI PÌGGHIUNU, … SI NON SI RASSUMÌGGHIUNU !E LUIDEVE ESSERE UN “POVARTUSS”, O UN CONTADINOTTO CHE PROPRIO NON SA COME CI SI COMPORTA NEGLI ALBERGHI…DAI POCHE CHIACCHIERE E FINISCI ANCHE QUESTA STANZA CHE IO VADO A FARE QUELLA DI FRONTE, CHE NON HO NESSUNA INTENZIONE DI FARE GLI STRAORDINARI ANCHE STASERA… (ESCE)

PRIMA: SI PERCHE’ QUELLA LA’ MICA SI E’ FATTA VEDERE SAI… HA TELEFONATO IN DIREZIONE E HA DETTO CHE SI PRENDEVA UNA GIORNATA DI FERIE. TANTO C’E’ QUI LA SOMARA CHE TIRA. IO SONO BRAVA E BUONA MA DI CHE UN GIORNO MI TROVI MAL SEGNATA E VEDI COSA LE FACCIO, LA MANDO IN FERIE PER TRE MESI LE MORDO LA TESTA FIN QUANDO NON LE HO TIRATO VIA TUTTI I CAPELLI… PELATA LA VOGLIO VEDERE, PELATA! IO QUI A SFACCHINARE E LEI SEMPRE IN FERIE O IN MALATTIA…

ENTRA UN CLIENTE

PRIMA: OH… BUONASERA…

SIG: BUONASERA SIGNORINA…

PRIMA: HO GIA’ FINITO NON SI PREOCCUPI VADO VIA SUBITO, LA SUA CAMERA E’ GIA’ PRONTA

SIG.: MA NO, NO, RIMANGA PURE, ANZI, E’ PROPRIO UNA BELLA SORPRESA TROVARLA QUI…

PRIMA: SA, MI SONO UN PO’ INTARDATA PERCHE’ ME LO HANNO DETTO ALL’ULTIMO MOMENTO CHE DOVEVO VENIRE QUI

SIG: NON C’E’ PROPRIO PROBLEMA, A ME PIACE AVERE DELLA COMPAGNIA E POI UNA BELLA COMPAGNIA COME LA SUA…

PRIMA: LEI E’ MOLTO GENTILE, UN VERO SIGNORE DI QUELLI CHE SE NE TROVANO ANCORA POCHI

SIG: DOPO UNA GIORNATA DI LAVORO, E SOPRATTUTTO DOPO UNA GIORNATA COME QUESTA E’ DAVVERO UN PIACERE TROVARSI IN CAMERA UNA SIGNORINA BELLA COME VOI…

PRIMA: MA MI FA DIVENTARE ROSSA LEI…ANZI A DIRE LA VERITA’ SAREBBE MEGLIO CHE CE ME NE  ANDASSI E IN FRETTA CHE IL TEMPO E’ DENARO E QUI DEL DENARO NON SE NE VEDE MOLTO…

SIG: OH SI, HA RAGIONE , CHE SBADATO CHE SONO STATO, CHISSA’ DOVE HO LA TESTA. ECCO QUESTI SONO PER LEI.

PRIMA: MA GRAZIE, CHE GENEROSO, LEI SI CHE SA COME CI SI COMPORTA AL MONDO DAVVERO UN GRAN SIGNORE, NON DOVEVA POI DISTURBARSI COSI’ PER QUEL POCO CHE HO FATTO

SIG: SI, MA CONTO SU QUELLO CHE FARA’…

PRIMA: IN CHE SENSO?

SIG: EH, DAI CHE LO HA CAPITO, SOLO LA AVVERTO CHE CON L’ETA’ CHE HO NON PUO’ POI PRETENDERE TROPPO

PRIMA: OHHH MA PER CHI MI HA PRESO? COSA SI CREDE DI AVERE DAVANTI?

SIG: UNA BELLA FIGLIOLA, MOLTO DISPONIBILE PER UNA AVVENTURA SENTIMENTALE…

PRIMA: UNA AVVENTURA SENTIMENTALE? PER CHI MI HA SCAMBIATO QUESTO QUI… DOREMI DI QUALCOSA…DIFENDIMI…

SIG: NON L’HO HO SCAMBIATA PROPRIO PER NIENTE, SO BENE CHE IN CERTI ALBERGHI E’ COMPRESO NEL PREZZO DELLA CAMERA PER CUI…

PRIMA: PER CUI LEI ADESSO SI RIPRENDE I SUOI SOLDI E SI VERGOGNI ANCHE SOLO DI QUELLO CHE HA PENSATO…IO CAPIRO’ ANCHE POCO, E QUANDO SUCCEDE DI SOLITO E’ PER SBAGLIO, MA QUESTA L’HO CAPITA BENE

SIG: OH, SCUSATE, C’E’ STATO UN EQUIVOCO ALLORA, NON SAPEVO, IO CREDEVO CHE LEI FOSSE…

PRIMA: NON LA DICA, NON SI AZZARDI NEANCHE A PENSARLA QUELLA PAROLA O LE DO’ UN CALCIO NEGLI STINCHI CHE VA ZOPPO PER UNA SETTIMANA…

SIG: MA NO, SCUSI ANCORA

PRIMA: E D’ORA IN POI PRIMA DI APRIRE QUELLA BOCCA DA RANA DALLA BOCCA LARGA, CI PENSI DUE VOLTE E POI LA TENGA CHIUSA CHE FARA’ SEMPRE BELLA FIGURA!

SIG: MA NO SIGNORINA RIMANGA…STIA QUI, CHIARIAMO QUESTA PARTITA

PRIMA: NON C’E’ NIENTE DI PIU’ CHIARO…L’UNICA COMPAGNIA CHE SI MERITA E’ QUELLA DI CESARINO E SE INSISTE ANCORA UN PO’ GLIELO MANDIAMO DAVVERO! VERGOGNATEVI.DOREMI SEGUIMI CHE QUESTO NON HA BISOGNO DEL SOTTOFONDO MUSICALE E SE ANCHE LO VUOLE VENGO IO CON UN BASTONE A FARGLIELO IN TESTA, LE CAMPANE GLI FACCIO SENTIRE, LE CAMPANE….

SIG.: ECCO MI HANNO LASCIATO SOLO ANCHE QUELLE DUE E DIRE CHE IO VOLEVO SOLO UN PO’ DI COMPAGNIA. VA BEH MEGLIO NON PENSARCI NEANCHE E DISFARE LE VALIGIE METTERSI A LETTO E CERCARE DI DORMIRE. MA C’E’ LEI QUI…

MAESTRO: C’ERO. BUONANTTE

CAMERIERE: LA DIREZIONE LE MANDA LO CHAMPAGNE PER AUGURARLE CHE LA SUA VITA MATRIMONIALE PROSEGUA FELICEMENTE COSI’ COME OGGI

SIG.U: COME OGGI? VORRA’ SCHERZARE? RINGRAZI PURE LA DIREZIONE MA OGGI E’ STATA LA GIORNATA PIU’ BRUTTA DELLA MIA VITA

CAMERIERE: VUOLE FORSE DIRE CHE QUELLO DI OGGI E’ STATO UN ERRORE?

SIG.U: PIU’ CHE UN ERRORE E’ STATA UNA DISGRAZIA… E’ COME SE  FOSSI ANDATO AD ABBACCIARE UN PLATANO A 180 KM ALL’ORA …

CAMERIERE: SU, NON FACCIA COSI’ NON LA DEVE PRENDERE IN QUESTO MODO…. NON SARA’ UNO SCHIANTO MA E’ SEMPRE PASSABILE LA SUA….

SIG.U: SEEE PASSABILE ERA BELLISSIMA…. NON MI PASSERA’ PIU’ LO SO…. ECCO SARA’ MEGLIO CHE BEVA QUALCOSINA PER MANDARE GIU’ IL MAGONE…. APRA APRA E MI FACCIA COMPAGNIA…. HO PROPRIO BISOGNO DI COMPAGNIA STASERA….

CAMERIERE: VERAMENTE PENSAVO CE L’AVESSE…..

SIG.U: L’AVEVO…

CAMERIERE: L’HA GIA’ AMMAZZATA?

SIG.U: SI… MA LEI COME FA A SAPERLO?

CAMERIERE: NE HO VISTE E SENTITE TROPPE DI COSE IN 20 ANNI DI SERVIZIO IN CAMERA…. SONO ABITUATO A TUTTO

SIG.U: SI…. MA NON L’HO FATTO APPOSTA GLIELO GIURO…. PENSI CHE TUTTE LE SERE MI ASPETTAVA SUL BALCONCINO CON I SUOI OCCHINI BLU E MI CORREVA INCONTRO E INIZIAVA A LECCARMI DAI PIEDI FINO ALLA TESTA…  IO NON VOLEVO…  CI ERO ANCHE AFFEZIONATO…. E’ STATO SOLO UN INCIDENTE…..

CAMERIERE: ODDIO ODDIO ODDIO…. E DOVE L’HA NASCOSTA?

SIG.U: E’ GIU’ NEL BAULE DELLA MACCHINA…. NON HO AVUTO NEANCHE IL CORAGGIO DI CHIUDERLE GLI OCCHI….

CAMERIERE: BEH SE VUOLE E SE MI DA LE CHIAVI PROVVEDO IO

E DIRE CHE MI SEMBRAVATE PROPRIO UNA COPPIA FELICE….

SIG.U.: E LO ERAVAMO…. ALLE VOLTE PERDEVO LA PAZIENZA E LE DAVO DEI CALCI NEL CULO CHE LA ALZAVO DI 2 METRI DA TERRA… MA SA SONO COSE CHE SUCCEDONO….

CAMERIERE: CERTO, SI TORNA A CASA STANCHI DAL LAVORO E LA PRIMA COSA CHE TI FA PERDERE LA PAZIENZA CI PRENDE SOTTO….

SIG.U. ECCO LEI HA CAPITO TUTTO…. CI E’ PASSATO ANCHE LEI?

CAMERIERE: MA E’ PAZZO? DOPO QUELLO CHE HO VISTO IN QUESTE STANZE NON C’E’ DUBBIO CHE ME NE PORTI UNA A CASA….. L’HO GIURATO ANCHE ALLA MIA MAMMA…

SIG.U: E PENSARE CHE E’ STATA PROPRIO LA MIA DI MAMMA A DIRMI DI COMPRARLA PER AVERE UN PO’ DI COMPAGNIA…..

CAMERIERE: LEI L’HA COMPRATA?!?!?!?

SIG.U: CERTO…. ME NE VOLEVANO REGALARE UNA MA IO QUANDO L’HO VISTA HO DETTO : NO COSTI QUELLO CHE COSTI VOGLIO QUELLA LI’….

CAMERIERE: L’HA PAGATA?!?!?!?!

SIG.U: E SI…. OGGI SE VUOI UNA COSA DI UNA CERTA CLASSE LA DEVI PAGARE ALTRIMENTI TI RIFILANO QUELLE CON DELLE MALATTIE INVECE LA MIA ERA SANISSIMA

CAMERIERE: SE NE IMPARANO SEMPRE DI NUOVE…E’ UN PECCATO MORIRE..

SIG.U: E ADESSO COSA POSSO FARE? POSSO SOLO PORTARLA ALLA DISCARICA…

CAMERIERE: SENTA PER UNA MANCIA GENEROSA LA POSSO AIUTARE IO…

SIG. U: DAVVERO? PER I SOLDI NON CI SONO UN PROBLEMI SE MI AIUTA LE GIURO CHE LA FACCIO DIVENTARE RICCO…. SA IO NON HO PIU’ IL CORAGGIO DI APRIRE QUEL COFANO… CI ERO, NONOSTANTE TUTTO AFFEZIONATO…. QUANDO UN UOMO SE LA TROVA ACCANTO PER TANTI ANNI SA…. CI SI AFFEZIONA ANCHE SE NON VUOI…..

CAMERIERE: NON SI PREOCCUPI MI DIA LE CHIAVI DELL’AUTO E NON CI PENSI PIU’…. FARO’ UN LAVORETTO PULITO PULITO E LEI NON SE NE PENTIRA’, MA SOPRATTUTTO NESSUNO LO VERRA’ MAI A SAPERE….

SIG.U: ALLORA ASSEGNO A LAVORO FINITO MA MI RACCOMANDO FACCIA LE COSE PER BENE…..E MENTRE C’E’ LE DO ANCHE I MIEI VESTITI…. SA DURANTE LA TRAGEDIA SI SONO MACCHIATI E SAREBBE MEGLIO FARLI LAVARE…..

CAMERIERE: LEI NON SI DEVE PREOCCUPARE LO CONSIDERI GIA’ FATTO E ADESSO SARA’ MEGLIO CHE MI DIA DA FARE E’ ANCHE L’ORARIO GIUSTO…. IN GIRO NON C’E’ MOLTA GENTE E SI STA INSCURENDO…. FARO’ UN LAVORO PULITO PULITO  E POI LE PORTERO’ ANCHE LA MACCHINA A LAVARE

SIG.U: SI, BELLA IDEA PERCHE’ SA LEI AVRA’ SENZ’ALTRO LASCIATO DEI PELI IN GIRO….

CAMERIERE: PERDEVA ANCHE I PELI?

SIG U. BEH UN PO’… QUANDO INIZIANO AD AVERE UNA CERTA ETA’ SUCCEDE….

CAMERIERE: VORRA’ DIRE CHE USERO’ PRIMA L’ASPIRAPOLVERE…. E SA COSA LE DICO? HA PROPRIO FATTO BENE A FARLO…. VOGLIO DIRE A SOPPRIMERLA….

SIG. U: MA COSA DICE? E’ STATO UN INCIDENTE LE RIPETO…. COME MI SONO MOSSO CI SONO ANDATO SOPRA E L’HO SPAPPOLATA E LEI AVEVA QUELLA MALEDETTA ABITUDINE DI SDRAIARSI DOVE CAPITAVA E METTERSI A DORMIRE…

CAMERIRE: NON CI PENSI PIU’… VEDRA’ CHE SERVIZIO LE FACCIO, NON POTRA’ LAMENTARSI

SIG.U: ED IO SAPRO’ COME RICOMPENSARLA

CAMERIERE : ALLORA IO VADO LEI SI RIMETTA A DORMIRE E VEDRA’ CHE DOMATTINA SARA’ COME SE NON FOSSE SUCCESSO NIENTE E SOPRATTUTTO NESSUNO LO VERRA’ A SAPERE….

SIG. U. ALLORA STO TRANQUILLO …. VADA CHE IO MI RIMETTO A LETTO E SPERO DI PRENDERE SONNO

CAMERIERE: BUONANOTTE SIG. CLEMENTE…

SIG.U: CLEMENTE? IO NON SONO CLEMENTE…

CAMERIERE: SI, DOPO QUEL CHE E’ SUCCESSO A UNA PERSONA PUO’ ANCHE VENIRE IL DUBBIO CHE LEI NON LO SIA ..

SIG. U: MA COSA STA DICENDO?

CAMERIERE: MA DAI DOPO LE CONFIDENZE CHE MI HA FATTO SIG. CLEMENTE NON STIA A FORMALIZZARSI SUL NOME, STIA PUR TRANQUILLO….

SIG.U. INFATTI IO SONO TRANQUILLO

CAMERIERE: CERTO LE SISTEMO TUTTO IO E LEI PUO’ PROPRIO STARE TRANQUILLO

SIG.U: IO SONO TRANQUILLO!!!!

CAMERIERE: HO CAPITO CHE E’ TRANQUILLO MA LO E’ ADESSO, PRIMA NON LO ERA NEANCHE UN PO’, ANZI ERA PROPRIO AGITATO…. 

SIG.U: E LO SONO ANCORA AGITATO MA SONO TRANQUILLO….

CAMERIERE: MI ASCOLTI NON SI FACCIA PRENDERE DAL PANICO… STIA TRANQUILLO SIG. CLEMENTE….

SIG.U: IO NON MI CHIAMO PROPRIO CLEMENTE IO MI CHIAMO TRANQUILLO!!

CAMERIERE: COME?!?!? NON E’ IL SIG. CLEMENTE?!?!?

SIG. U: (TIRANDO FUORI I SUOI DOCUMENTI) IO SONO IL SIG. TRANQUILLO CAVICCHI

CAMERIERE: E ALLORA COSA CI FA QUI NELLA STANZA 25?

SIG.U: COME COSA CI FACCIO… HO PRENOTATO UNA CAMERA E ME L’HANNO DATA

CAMERIERE: NO NO NO QUI C’E’ UN ERRORE QUESTA NON E’ LA SUA CAMERA…. INFATTI QUANDO SONO ENTRATO NON MI SEMBRAVA LEI L’UOMO CHE AVEVO ACCOMPAGNO QUI CON LA DONNA E CHE ERA IN LUNA DI MIELE….

SIG: U: LUNA DI MIELE?!?!?

CAMERIERE. MA ALLORA SE LEI NON E’ QUELLO IN LUNA DI MIELE SI PUO’ SAPERE CHI E’ CHE HA AMMAZZATO?

SIG.U. MA NON USI QUELLA PAROLA CHE MI FA SANGUINARE IL CUORE…. COME CHI DISGRAZIATAMENTE HO SOPPRESSO? LA MIA GATTA NO? MA LEI COSA PENSAVA?

CAMERIERE: LA GATTA?!?!? E IO CHE AVEVO PENSATO…..AHHAHAHA…. MA FA NIENTE MEGLIO COSI’ VA LA…. MA ALLORA MI DOMANDO DOVE SONO QUELLI CHE ERANO QUI?

SIG. U: QUI QUANDO SONO ENTRATO NON C’ERA NESSUNO E ADESSO PER CORTESIA VADA A FARMI QUEL LAVORETTO E MI LASCI RIPOSARE CHE OGGI E’ STATA DAVVERO UNA BRUTTA GIORNATA

CAMERIERE: VA BENE IO VADO E NON SI PREOCCUPI

SIG,U: VADA VADA (IL CAMERIERE ESCE) CHE IO PROVO A FARMI UNA BELLA DORMITA…. ( E SI METTE A LETTO)

ENTRA L’OLGA

OLGA. AH SI… ANCHE QUELLA DI LA’ DIETRO LA PORTA PASSADORA E’ DAVVERO UNA BELLA SUITE, CON LA FRUTTA E IL CIOCCOLATINO SUL LETTO, MA ANCHE NOI NON CI POSSIAMO LAMENTARE, ANCHE LA NOSTRA E’ BELLA DI CAMERA… SPERIAMO SOLO CHE NON SI ACCORGANO CHE GLI HO FREGATO DUE ARANCIE E UNA BANANA…SPERIAMO SOLO CHE CLEMENTE SI SBRIGHI…. DOPO AVER ASPETTATO TANTO…. NON VEDO L’ORA DI CONCLUDERE…. ECCO ADESSO LASCIO ACCESA SOLO LA LAMPADA DEL COMODINO POI MI METTO COSI’…. NO FORSE DI PROFILO VENGO MEGLIO….. E IL SUONATORE SPETTA SPETTA CHE CHIAMO IL SUONATORE… SUONATORE VENGA VENGA CHE CREIAMO UN PO’ D’ATMOSFERA…

                                      PICCOLISSIMA SERENTA

Mi farò prestare
un soldino di sole
perché regalare
lo voglio a te...
Lo potrai posare
tra i bianchi capelli:
quella nube bianca
accarezzerò...

Questa piccolissima serenata
con un fil di voce si può cantar...
Ogni innamorato all'innamorata
la sussurrerà...
la sussurrerà...

Mi farò prestare
un soldino di mare
perché regalare
lo voglio a te...
Lo potrai posare
sugli occhi tuoi belli:
nel tuo sguardo azzurro
mi tufferò...

Questa piccolissima serenata
con un fil di voce si può cantar...
Ogni innamorato all'innamorata
la sussurrerà...
la sussurrerà...

Mi farò prestare
un soldino di cielo
perché regalare
Io voglio a te...
Lo potrai posare
sul bianco mio velo:
quando sull'altare
arriverò

Questa piccolissima serenata
con un fil di voce si può cantar...
Ogni innamorato all'innamorata
la sussurrerà...
la sussurrerà...

E SE SCOPRISSI UNA COSCIA…. BE’ COSA FA GUARDA?!?!? VIA VIA FUORI DAI PIEDI LA CHIAMO POI IO SE MI TORNA UN’URGENZA… ( il pianista esce) FAMMI PROVARE….. BEH E QUESTO COS’E’?!?! AHHH MI E’ SCAPPATA UNA STRISCIA DI PELI NELLA GAMBA….SPETTA SPETTA CHE DOVREI AVER PORTATO UN RASOIO CHE DO UN COLPO PRIMA CHE TORNI…. MA DOV’E’ CHE L’HO MESSO ECCO SEMPRE COSI’ QUANDO HAI FRETTA NON RIESCI MAI A TROVARE QUELLO CHE CERCHI…. TI CAPITA TRA LE MANI DI TUTTO MA QUELLO CHE VUOI SEMBRA CHE SIA SCOMPARSO…. AHHHH ECCOTI MALEDETTO… ECCO 2 COLPETTI… CERTO MAMMA CHE ME LE POTEVI ANCHE FARE PIU’ GROSSE…(CANTANDO)L’E’ BEL AL FURMINTON CULOR DAL RIS, L’E’ BEL ANCH AL ME SPOS CHE TUTT IAL DIS AL PORTA AL CRUATEN SOTTA LA GOLA, L’UM DA DI BEI BASEN CAL M’INNAMORA TATA TATA TATA. E SE CI METTESSI DELLA CARTA  O DEL COTONE…. FAMMI PROVARE….. NO, NO POI PENSA CHE IO SIA UNA DI QUELLE CHE FA VEDERE TUTTO….E SE MI FACESSI CADERE UNA SPALLINA? ECCO SEMBRA ANCHE CHE NE ABBIA DI PIU’…(CANTANDO)C’ERA LO GRILLO IN UN CAMPO DI LINO LA FORMICUZZA NE CHIESE UN FILINO,

CLEMENTE: LARICIUMBALLALILLALERO LA RICIUMBALALILLALA’…DISSE LO GRILLO CHE COSA NE VUOI FARE?

OLGA: SCARPE E CAMICIE, MI VOGLIO MARITARE

CLEMENTE: LARICIUMBALLALILLALERO LA RICIUMBALALILLALA’ . DISSE LO GRILLO LO SPOSO SONO IO

OLGA: LA FORMICUZZA, SARÒ CONTENTA ANCH’IO  LARICIUMBALLALILLALERO LA RICIUMBALALILLALA’…… MI SFREGO LE LABBRA SI…. MA IL MIO CLEMENTE NON E’ ABITUATO A UNA COSA COSI’…. NO, NO…  MEGLIO CHE STIA TUTTA NATURALE… COPERTA… ANZI SAI COSA FACCIO? MI METTO SOTTO LE LENZUOLA CHE PROPRIO NON SI VEDA NIENTE COSI’ SARA’ TUTTA UNA SORPRESA…( SI METTE SOTTO LE LENZUOLA SI SENTE MUOVERE  LE GAMBE E POI UN GRANDE URLO) AHHHHHHHHH

SIG.U: AHHHHHHH (URLA ALTRETTANTO FORTE)

CLEMENTE: (DAL BAGNO) TESORO E’ SUCCESSO QUALCOSA?

OLGA: NO CLEMENTE, NIENTE NIENTE FINISCI PURE E’ CHE MI SONO…. MI SONO….. MI SONO FATTA MALE AD UN GOMITO URTANDO CONTRO IL TAVOLINO…. UN MALE DA CANI, MA NON PREOCCUPARTI…

CLEMENTE: VUOI CHE VENGA A DARTI UN BACINO COSI’ LA BUA PASSA?

OLGA: DOPO DOPO TESORO…. FINISCI PURE E FA CON CALMA…. MA LEI CHI SAREBBE?

SIG: LEI PIUTTOSTO CHI E’ E COSA CI FA NELLA MIA CAMERA NEL MIO LETTO?

OLGA: LA SUA CAMERA? IL SUO LETTO? QUESTA E’ LA MIA CAMERA E IL LETTO MIO E DI MIO MARITO E PER PIACERE SI VESTA SI COPRA ANZI SE NE VADA SUBITO PRIMA CHE SCOPPI IL DISASTRO

SIG: NON C’E’ DUBBIO CHE IO MI MUOVA DA QUI OGGI HO AVUTO UNA DI QUELLE GIORNATE CHE NON AUGURO A NESSUNO QUESTA CAMERA E’ MIA PER CUI…

OLGA: PER CUI ADESSO LEI INSACCA IL SUO VIOLINO ( APRE LA PORTA ED ENTRA DOREMI)E VA FUORI DAI PIEDI E LA SMETTA DI GUARDARMI CON QUEI DUE OCCHI E SI GIRI DALL’ALTRA PARTE NON VEDE CHE SONO IN VESTAGLIA?

SIG: APPUNTO CHE LA GUARDO… BOCCUCCIA DI ROSA….

Dimmi dimmi che mi vuoi bene
come sai dirlo tu
Boccuccia di rosa
Dammi dammi la primavera
fiore di gioventu'
Boccuccia di rosa
Cara dimmi che mi vuoi bene
dimmelo con un fior
un romantico fior
E se sara' una rosa
la bocca ti bacero'
amor amor amor
 
 
 

OLGA: METTA GIU’ QUELLE MANACCE…SONO UNA DONNA SPOSATA, DA POCO MA SPOSATA, E SE NON SE NE VA IMMEDIATAMENTE INIZIO AD URLARE E CHIAMO LA POLIZIA…. E  SE MI POSSO PERMETTERE VORREI SUGGERIRLE DI INIZIARE AD AVER PAURA PERCHE’ DI LA’ NEL BAGNO C’E’ MIO MARITO…

SIG: PERCHE’ E’ UN UOMO VIOLENTO?

OLGA: BEH DICIAMO CHE E’ UN BELL’OMONE E SOPRATTUTTO NON HA PAURA AD USARE LE MANI SE LA VEDE E’ UN ATTIMO SALTARLE ADDOSSO PERCHE’ E’ GELOSISSIMO …

SIG: ALLORA DICE CHE SAREBBE MEGLIO PER ME ANDARMENE?

OLGA: DI SICURO

SIG: MA DOVE VADO? E POI IN PIGIAMA…. NON HO NEANCHE I VESTITI CHE LI HO LASCIATI AL CAMERIERE PERCHE’ SI ERANO MACCHIATI E LI HO FATTI LAVARE

OLGA: NON MI INTERESSANO I SUOI GUAI…. SE NE VADA FUORI DAI PIEDI E SUBITO CHE CLEMENTINO POTREBBE ENTRARE DA UN MOMENTO ALL’ALTRO….

BUIO NELLA CAMERA DA LETTO LUCE IN BAGNO

CLEMENTE: E ADESSO TU COMPORTATI BENE EH! NON FARE COME QUELLA VOLTA CHE NON C’E’ STATO VERSO DI FARTI USCIRE DALLA TANA…. EH LO SO ANCHE TU AVEVI RAGIONE…. NON ERA GRAN CHE COME DONNA…. SI AVEVA I BAFFI E  SI… ERA UN PO’ IN CARNE, MA ERA ANCORA STAGNA….. …. MA ANCHE TU STAI A GUARDARE A CERTE COSE….. E POI STASERA NON DEVI SBAGLIARE E NEANCHE FARE LA FIGURA CHE DOPO LA PRIMA TI METTI A RIPOSO… QUI SI TRATTA DELLA MIA PRIMA NOTTE DI NOZZE…. E LA MIA OLGA SI ASPETTA CHE IO FACCIA FAVILLE…. SONO 20 ANNI CHE ASPETTA…. NON MI DEVI TRADIRE TU!!! SPETTA CHE MI SENTO LE ASCELLE….. MEGLIO SE CI DO UN PO’ DI DEODORANTE…. UN PO’ QUI…. UN PO’ QUI…. UN PO’ LA’…. OHIIIIII NOOOOO SE BRUCIAAAA SPETTA SPETTA CHE MI SIEDO E PRENDO FIATO… CERTO CHE SE L’OLGA MI HA ASPETTATO PER 20 ANNI AVRA’ UNA FAME CHE MI SFINISCE…. DEVO SMETTERLA DI PENSARE A QUESTE COSE ALTRIMENTI NON CI RIESCO… LO SO QUANDO INIZIO A PENSARE CHE DEVO FARE BELLA FIGURA TU MI FREGHI SEMPRE SEMBRA CHE LO FAI APPOSTA E TI RIFIUTI DI COLLABORARE… ECCO TE LO CHIEDO IN GINOCCHIO…. STASERA COLLABORA….  ALTRIMENTI TI TAGLIO …. PAURA EH…..FAMMI FARE BELLA FIGURA POI TI LASCIO IN PACE PER 6 MESI…. TANTO DICONO CHE DOPO SPOSATI NON SI CONCLUDE PIU’ NIENTE AL MASSIMO 1 OGNI 6 MESI SE NON UNA ALL’ANNO PER CUI DOPO STASERA HAI TUTTO IL TEMPO PER STARE BUONO TI PUOI METTERE IN CASSA INTEGRAZIONE ANDARE IN ASPETTATIVA…. MA ADESSO TI SCONGIURO…. ASPETTA CHE MI SENTO IL FIATO… PUAHH CHE SCHIFO….SARA’ MEGLIO CHE MI LAVO I DENTI CON TUTTE LE SIGARETTE CHE HO FUMATO HO UN FIATO CHE SE APRO LA BOCCA AMMAZZO UN TORO…. (FA I GARGARISMI) E ADESSO PANCIA IN DENTRO E CORAGGIO E TU MI RACCOMANDO…. OLGAAA ADESSO VENGOOO…..

(SI APRE LA PORTA DEL BAGNO E CLEMENTINO ESCE)

CLEMENTE: E ADESSO TESORO……

OLGA: CLEMENTINO TESORO…. PERCHE’ NON BEVIAMO QUALCOSA PRIMA ECCO GUARDA TI HO VERSATO UN BICCHIERINO DI CENT’ERBE QUELLO CHE MI HA FATTO LA MAMMA…. BEVI BEVI CHE POI CI SENTIAMO TUTTI MEGLIO ( INTANTO IL SIG. E’ USCITO DAL LETTO E SI E’ NASCOSTO NELL’ARMADIO)

CLEMENTE: TUTTI?

OLGA: IO E TE VOLEVO DIRE…..PERCHE’ NON BEVI ANCHE UN PO’ DI MARSALA… SAI MI HA DETTO LA MAMMA CHE AIUTA UN GOCCETTO PRIMA….

CLEMENTE: IO NON HO BISOGNO DI GOCCETTI IO SONO GIA’ BELLO PRONTO PER STRAPAZZARTI COME 4 UOVA DI GALLINA PADOVANA

OLGA: SI CLEMENTE… MAMMA MIA MA HAI IL FUOCO ADDOSSO…. MA ASPETTA SOLO UN MOMENTO CHE VADO IN BAGNO IO E POI FINALMENTE CI CONOSCEREMO IN SENSO BIBLICO…(VA IN BAGNO)

CLEMENTE: EHI EHI COS’E’ STA NOVITA’? IO NON NE VOGLIO SENTIR PARLARE DI BIBBIE STASERA SE NON PER QUELLA FRASE CRESCETE E MOLTIPLICATEVI CHE E’ ANCHE L’UNICA FRASE CHE HO IMPARATO AL CATECHISMO…. VUOI VEDERE CHE STO CONOSCERCI IN SENSO BIBLICO E’ UN’ALTRA COSA CHE LE HA INSEGNATO SUA MADRE E CHE STASERA MI FA RECITARE TUTTI I MISTERI DEL ROSARIO?!?!? EH NO CARINA… ADESSO SEI MIA MOGLIE E FAI QUELLO CHE VOGLIO IO…. STAI ZITTA E MUTA COME DEVONO STARE TUTTE LE MOGLI CHE I PANTALONI LI PORTO IO IN CASA NOSTRA E NON SIA MAI DETTO CHE LA PRIMA NOTTE DI NOZZE ME NE STO TUTTA SERA A SGRANARE IL ROSARIO…. NO NO NO… TE LO SCORDI…OLGAAAAA ARRIVI….

OLGA: SI CLEMENTE SONO QUASI PRONTA…(LUCI SU DI OLGA BUIO IN CAMERA) E ADESSO COSA FACCIO? SE SCOPRE CHE C’E’ UN ALTRO UOMO IN CAMERA DA LETTO CHISSA’ COSA VA A PENSARE… SPERIAMO SOLO CHE NON SI MUOVA TROPPO DENTRO A QUELL’ARMADIO…(CANTANDO) LA FORMICUZZA DAL GRAN DOLORE IMPAZZA SPOSA DI FRESCO SI RITROVO’ RAGAZZA CLEMENTE:LARICIUMBALLALILLALERO LA RICIUMBALALILLALA’.

OLGA: MA COSA FACCIO, HO PERSINO MAL DI TESTA A FORZA DI PENSARE MI SEMBRA DI ESSERE UBRIACA…MA SE IO RIESCO A FAR UBRIACARE UN PO’ CLEMENTE MAGARI SI ADDORMENTA SUBITO E ALLORA QUELL’UOMO RIESCE AD USCIRE DA LA’ E TUTTO SI RISOLVE BENE… ECCO SI E’ L’UNICA COSA CHE POSSO FARE…. ALMENO CI FOSSE UN TELEFONO QUI CHIEDEREI CONSIGLIO A MIA MADRE… LEI SA SEMPRE COME RISOLVERE QUESTE COSE….DAI OLGA FATTI CORAGGIO ED AFFRONTA LA SITUAZIONE….(ESCE)

CLEMENTE: IL GRILLO STANCO A FORZA DI ASPETTARE FECE TRE PASSI E SE L’ANDO’ A PIGLIARE LARICIUMBALLALILLALERO LA RICIUMBALALILLALA’

OLGA: ECCOMI CLEMENTE…  METTIAMO UN PO’ DI MUSICA… CHIAMA DOREMI E VERSAMI DA BERE E BEVI UN ANCHE TU DEL RINFRESCO DI MANDORLA…SEMBRA CHE DICA BEVIMI… SAI E’ LA MIA PRIMA VOLTA DEVO TROVARE IL CORAGGIO….

CLEMENTE: ECCO TESORO, MA NON STARE A PROCCUPARTI LO SAI CHE IO TI VOGLIO BENE….

BUSSANO ALLA PORTA

CLEMENTE: MA CHI E’?

CAMERIERE: SERVIZIO IN CAMERA

CLEMENTE: (APRENDO) NESSUNO L’HA CHIAMATA COSA E’ VENUTO A FARE QUI ADESSO?

CAMERIERE: SONO SOLO VENUTO A CONTROLLARE SE ANDAVA TUTTO BENE E SE AVEVA BISOGNO DI UNA MANO

CLEMENTE: QUELLO CHE DEVO FARE RIESCO BENISSIMO A FARLO DA SOLO E NON HO BISOGNO DI AIUTI DA PARTE DI NESSUNO….( E GLI SBATTE LA PORTA IN FACCIA)

OLGA: MA CLEMENTE VOLEVA SOLO ESSERE GENTILE…. DAI BEVI QUALCOSINA CHE TI RILASSI EHH MA GUARDA LA MAMMA MI HA DATO ANCHE DELLO STREGA… MA PENSA  LA MAMMA COME TI VUOLE BENE…. NON L’AVEVA MAI APERTA QUESTA BOTTIGLIA LO HA FATTO PER TE

CLEMENTE: LA POTEVA TENERE CHIUSA COME LA SUA BOCCA….

OLGA: SEI VILLANO ANCHE LA PRIMA NOTTE DI MATRIMONIO…. IO CHE VOLEVO SOLO OFFRIRTI DA BERE….

CAMERIERE: IO ACCETTO VOLENTIERI…

CLEMENTE: MA COSA C’ENTRI TU?

OLGA: MA NON ESSERE SGARBATO SI ACCOMODI NESSUNO HA FRETTA QUI, SI SIEDA ….

CLEMENTE: E POI VUOI ANCHE CHE GLI ORDINIAMO LA CENA….

CAMERIERE: MA SI FIGURI… NON VOGLIO MICA DISTURBARE IO MA SE PROPRIO INSISTETE DUE FETTE DI COTECHINO LE MANGEREI VOLENTIERI…

CLEMENTE: IO LO ACCOPPO…

OLGA: CALMO CLEMENTE E BEVI BEVI CHE POI TI RILASSI…SE NON VUOI LO STREGA ALMENO BEVI IL NOCINO…. QUELLO FATTO PER SAN GIOVANNI IL 24 GIUGNO SONO ANDATA A PRENDERE LE 33 NOCI SOTTO LA GUAZZA PERCHE’ VIENE MEGLIO….. BEVI BEVI IL NOCINO…

CAMERIERE: (SOTTOVOCE A OLGA) NON E’ SIGNORA CHE SI E’ TROVATA QUALCOSA IN PIU’ IN CAMERA STASERA?

OLGA: COSA VUOLE DIRE? PER CHI MI HA PRESO?

CAMERIERE: MA NO… VEDE HANNO FATTO UN PO’ DI CONFUSIONE CON LE PRENOTAZIONI DI SOTTO E PENSAVO CHE AVESSE TROVATO IN CAMERA QUALCUNO CHE MAGARI ERA MEGLIO CHE NON FOSSE QUI LA SUA PRIMA NOTTE DI NOZZE…

OLGA: A DIR LA VERITA’ QUALCUNO L’HO TROVATO E NON HO ANCORA AVUTO MODO DI FARLO USCIRE DALLA CAMERA…. SA MIO MARITO E’ MOLTO GELOSO E NON VORREI CHE LO TROVASSE….SE RIUSCISSE A DARMI UNA MANO….

CLEMENTE: CERTO CHE SAREBBE MEGLIO IL MIO VESTITO DA SPOSO METTERLO APPESO NELL’ARMADIO….

OLGA: NOOOOO CLEMENTE NOOOO NON NELL’ARMADIO

CLEMENTE: SECONDO TE DOVE LO DOVREI APPENDERE FUORI DALLA FINESTRA COSI’ POI ME LO FREGANO….

CAMERIERE: LA SIGNORA VOLEVA DIRE CHE IL VESTITO E’ MEGLIO CHE LO TENGA FUORI PER QUESTA NOTTE PERCHE’ DEVE PRENDERE ARIA…. SE LO CHIUDE NELL’ARMADIO STA DI STANTIO…DI LUMATICO INSOMMA. E POI A DIRLE LA VERITA’ QUELL’ARMADIO SAREBBE MEGLIO NON APRIRLO…

CLEMENTE: E PERCHE’?

OLGA: MA BRUTTO PIANTAGRANE CHE NON SEI ALTRO… NON STARE A FARE TANTE DOMANDE SE TI DICE CHE E’ MEGLIO TENERLO CHIUSO LASCIALO CHIUSO NO…. NON ESSERE SEMPRE TANTO CURIOSO… E BEVI CHE TI RILASSI  HO ANCHE DELL’AMARETTO DI SARONNO TESORO SAI ME NE ERA RIMASTO UN PO’ DOPO AVERCI IMBIBITO GLI AMARETTI CHE HO MESSO SOTTO LE COPPETTE DI MASCARPONE…..

CLEMENTE: E SECONDO VOI IO PAGO UNA NOTTE IN QUESTO ALBERGO COME SE ANDASSI PER UNA SETTIMANA AL MARE CON DON ALEARDO ALLA PENSIONE LA CONCHIGLIA E NON POSSO NEANCHE APRIRE L’ARMADIO??

CAMERIERE: NON LO FACCIA…PER CARITA’...

OLGA: ASCOLTALO CLEMENTE NON APRIRLO E MANDA GIU’ PER PIACERE QUESTO POI AH QUESTO LO DEVI PROPRIO BERE…. E’ IL LAURINO…. SENTI SENTI IL LAURINO COM’E’ FINE…..

CLEMENTE: (cantando)“CARA DIMMI CHE MI VUOI BENE…COME SAI DIRLO TU BOCCUCCIA DI ROSE…”.QUI STA SUCCEDENDO QUALCOSA…. AH AH AH HO CAPITO VOLETE FARMI UNO SCHERZO E CREDETE CHE CI CASCHI…..

CAMERIERE: MA NO… E’ CHE CHE CHE ECCO SI… ABBIAMO APPENA FATTO LA DISINFESTAZIONE DALLE TARME PERCHE’ NELL’HOTEL TUTTI GLI ARMADI ERANO PIENI DI TARME

OLGA: ECCO CLEMENTE CI SONO LE TARME E LE HANNO DISINFESTATE E TU NON LO PUOI APRIRE…

CAMERIERE: LA DIREZIONE SI SCUSA MA E’ COSI’…. SAREBBE MEGLIO NON APRIRLO….

CLEMENTE: IO ME NE FREGO DELLA DIREZIONE DEGLI ARMADI E DELLE TARME E LO APROOOO

OLGA: NOOOOO

Appare il sig. in mutande

CLEMENTE: E LEI CHI E’?!?!?!?

SIG. SONO IL DISINFESTATORE DELLE TARME

CLEMENTE: IN MUTANDE?!?!?1

SIG. URCA SE MANGIANO……

OLGA CLEMENTE LASCIA CHE TI SPIEGHI…

CAMERIERE: C’E’ STATO UN QUI PRO QUO..

CLEMENTE: MACCHE’ QUI QUO QUA E IO CHE PENSAVO CHE FOSSI UNA SANTA DONNA…. CHE TI HO SEMPRE RISPETTATO…. CHE MI DICEVI CHE SE TI TOCCAVO UN GINOCCHIO DIVENTAVI ROSSA…. ECCOLA LI…. LA SVERGOGNATA SE LI PORTA ANCHE IN CAMERA DA LETTO LA PRIMA NOTTE DI MATRIMONIO….VIENI QUI VIENI QUI CHE FACCIO UN OMICIDIO

SIG: NO, NON FACCIA LO STESSO ERRORE MIO

CLEMENTE: PERCHE’ E’ UN OMICIDA LEI?

SIG: SI, PURTROPPO

CLEMENTE : LASCIATEMI CHE LA ACCOPPO, ANCHE CON DEI SPREGIUDICATI SI METTE…. LA DONNA DALLA DOPPIA VITA… PINGUINO VAMMI A PRENDERE LA DOPPIETTA….

CAMERIERE: SI CALMI CHE L’OMICIDIO RIGUARDA SOLO UN GATTO E FRA PARENTESI HA GIA’ RICEVUTO LE ESEQUE PER CUI MI ASPETTO LA MANCIA…. E POI LE DEVO SPIEGARE CHE E’ STATO UN ERRORE DELLA DIREZIONE  CHE HA MANDATO QUESTO SIGNORE IN CAMERA VOSTRA NON RICORDANDO CHE ERA GIA’ OCCUPATA…ADESSO SI E’ LIBERATA UN’ALTRA STANZA ED ERO VENUTO A DIRGLI CHE SI POTEVA TRASFERIRE DI LA’….

OLGA: BEVI CLEMENTE BEVI…. NO, IL VOV TE LO TENGO PER DOPO COME MI HA DETTO LA MAMMA, ADESSO E’ MEGLIO SE BEVI QUESTO QUI CHE E’ AL BASILICO CHE TI RINFRESCA ANCHE L’ALITO……

SIG: ALLORA IO VI SALUTO E TOLGO IL DISTURBO E STANOTTE MI METTERO’ I TAPPI NELLE ORECCHIE….. AUGURI E FIGLI MASCHI….(ESCE)

CAMERIERE: TOLGO IL DISTURBO ANCHE IO… E VI PROMETTO CHE PER IL RESTO DELLA NOTTATA NESSUNO VI DISTURBERA’ PIU’… MI METTO DAVANTI ALLA PORTA...(ESCE)

CLEMENTE. OLGA… E’ TUTTO VERO?

OLGA: SI CLEMENTE… TUTTO VERO…

CLEMENTE ALLORA ADESSO ABBIAMO TUTTA LA SERATA LIBERA? TUTTA PER NOI? POSSIAMO FINALMENTE CONSUMARE?

OLGA: CLEMENTE CONSUMAMI TUTTA……

SQUILLA IL TELEFONO

CLEMENTE: NON RISPONDERE OLGA….

OLGA: PRONTO? SI MAMMA, NO MAMMA DIMMI PURE …..

CLEMENTE: MA NOOOO TUA MADRE… LO SAPEVO…. CACCIALO VIA NEL BUCALINO

OLGA:  VUOI DARE UN DISPIACERE ALLA MAMMA E NON FARLA PARLARE?…..TACI  E LASCIA FARE A ME….. SI MAMMA DIMMI PURE MAMMA… ( E APPOGGIA IL RICEVITORE SUL COMODINO E  SI SENTE UNA VOCE METALLICA: ….. perché devi sapere che mi ha appena telefonato la Deanna e mi ha detto che le tende verrebbero meglio se sotto ci ricami un orlo a giorno, subito avevo pensato che era meglio uno smerlo ma pensandoci meglio credo che per una volta abbia ragione sono più fini con l’orlo a giorno….) VISTO CLEMENTE… ORA SONO TUTTA TUA…. CLEMENTE CLEMENTEEEE (SI SENTE CLEMENTE CHE INIZIA A RUSSARE VOLTANDO GALONE E LA VOCE DELLA MADRE CHE CONTINUA: poi ero un po’ proccupata per te a dir la verità sola con quell’uomo li’… va bene che è tuo marito ma tu sei sempre la mia bambina…OLGA….OLGAAAA)ADESSO CAPISCO PERCHE’ DICONO CHE LA PRIMA NOTTE DI NOZZE  NON SI DIMENTICA PIU’…..

SI ABBASSANO LE LUCI SI SENTE LA VOCE REGISTRATA DELLA MADRE CHE CONTINUA  A PARLARE A PARLARE A PARLARE MENTRE CLEMENTE CONTINUA A RUSSARE A RUSSARE……

SIPARIO.

Si riapre il sipario e ad uno ad uno gli attori entrano cantando ”Chella la”

St'ammore mme teneva 'ncatenato,
ma ho detto: "Basta!" e mme só liberato...
Mme pare cchiù turchino 'o cielo,
mme pare cchiù lucente 'o mare...
e 'o core canta p''a felicitá!

Chellallà, chellallà
mo va dicenno c'a me vo'lassà
se crede ca'me faccio o sangue amaro
se crede c'a'mpazzisco e po'me sparo

Chellallà, chellallà
nun sape che piacere ca'me fa
Me ne piglio un'ata cchiù bella
e zetella resterà
Chellallà, chellallà, chellallà

Ajere m'a mannato nu biglietto
d'a figlia d'o portiere dirimpetto,
me scrive c'a nun è felice
e c'a vurria cu'mme fa pace
ma io me sto'gustanno a libbertà

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 17 volte nell' arco di un'anno