Agamennune

Stampa questo copione

Contatti:

r.leonelli80@gmail.com

RICCARDO LEONELLI

AGAMENNUNE

OVVERO

CRONICA DE ‘NA FINE SINDITA TRA CAP’ E COLLU

TRAGICOMMEDIA IN DIALETTO TERNANO

DEPOSITATO SIAE IL 06/10/2014

CODICE OPERA 915417A

PERSONAGGI

AGAMENNUNE

CLITENNESTRA

CASSANTRA

CORIFEO

STRÒFE

ANTÌSTROFE

SINDINELLA

ARALDU

PROLOGO

Reggia degli Atrìdi, sul tetto accovacciata, la sentinella. Non è ancora l’alba.

SINDINELLA: Oh, dèi ! liberatemi da questa vigilia che da un anno dura ! Ve prego… ve lu chiedo pe’ favore! So’ tricentusessantacinque giorni che sto accovacciatu qui come ‘n pollastru, aspettanno ‘stu signale binidittu ! E tuttu pe’ corba de ‘na femmina ‘n pena pi’ lu maritu ! E po’, la cosa peggiu mica e’ lu sonnu che c’ago, noo ! Che ve cridete ? e’ lu friddu ! Lu male iull’ossa ! Penzo propriu che oramai nun me riarzo piu’…(appare una fiamma sul monte e la sentinella non crede ai suoi occhi) No! Che’tte pozzi stracecà! Nun ce pozzo crede, lu focu! L’ago vistu ‘sta vorda! Agamennune je l’ha fatta… ha fottuto la Troia!! (accortosi dell’eccesso, dà un colpo di tosse e si ricompone) Ehm, me scusino, probabirmente me so’ espresso male, ma che volete… del resto io so’ ‘na semblice sindinella, noi popolani semo ‘bbituati a parlà cucì! (si alza) Ma comunque cianciu a ‘le bande! L’or de’ la bisboccia è giunta! Finarmente potrò riabbraccià sor Agamennune e quilla ‘ngrifata de Clitemnestra sarà felice e cundenda! (cipensa un attimo, scuote la testa) Vabbeh, è più prudente nun anticipà li fati sennò quarcuno (con l’indiceverso il cielo) se la potrebbe pijà a male… annamo a bee che è meju! (esce)

Entra il corifeo con passo solenne, seguito dalla strofe e dall’antistrofe alquanto buffi nell’aspetto.

CORIFEO: E’ questo il decimo anno da quando il grande avversario di Priamo, Menelao, e con lui Agamennone l’Atride, da questa terra uno stuolo di mille navi levarono, esercito vendicatore; e dal cuore gonfio di collera il grido di guerra scaturì.

Strofe guarda antistrofe poi il pubblico, il volto pieno di stupore.

STROFE: Ma come caciu parla quist’andru? Me pare scappatu fora da lu Mediuevu! Tu c’hai raccapezzato chiccosa, de quellu c’ha ciancicato?

ANTISTRÒFE: Boh!…Io nun capisco manco le barzellitte zozze!

CORIFEO: Tacéte empi coreuti! Che gli dei non debbano punire le insolenze vostre con ardenti saette scagliate dall’alto dei cieli! (entrambi rispondono con evidenti gesti alle sue spalle) Così, dalla tremenda guerra sorta per colpa di Elena adultera, gli Atridi sembrano tornare… e noi, che con questa vecchia carne non potemmo pagare il debito di guerra e indietro fummo lasciati, restammo in questo luogo a reggere sui bastoni il nostro infermo vigore! (abbassa il volto e prende una posizione raccolta)

ANTISTRÒFE: Seconnu me deve da’ annà a lu bagnu ma se ne ceca de chiedece do’ sta!

STROFE: Oh! Più se ‘nvecchia e più se rincojunisce, ma ‘sta vorda lu rinvinimentu bocca a bocca nun je lu faccio sa!

CORIFEO: (si risolleva) Deh, regina Clitemnestra, parla! Dì ciò che è lecito a noi sapere, medica questa nostra ansia! (silenzio) Ancora un presentimento di male? Splenda una dolce speranza che allontani il dolore…insaziato dolore, che il cuore divora…(esce velocemente)

ANTISTRÒFE: Oh! E’ dovuto curre, senno ce la lasciava qui drentu!

STROFE: Zittete và, che mo’ dovemo fa li seri pe’ n’attimu. Sci, perché c’ago un bruttu prisintimentu…

ANTISTRÒFE: Che tte sì scurdato d’annà a pijà tu fiju a scola?

STROFE: Ma no! E’ che…

ANTISTRÒFE: Che pe’ casu nun hai pagato la bolletta d’ottobbre?

STROFE: Che c’entra, no…

ANTISTRÒFE: Che a tu moje nu’ ja funzionato bbene la pilluletta?

STROFE: (alterato) Noone! Oh, tu mica sì un antistrufe…tu sì un gufu! (si calma. Si rivolge al pubblico) Quillu che ve volevo da dì, è che lu sor Agamennune pe’ nun da un dispiacere a li dei…sapete comme so’ fatti, no? Doppu s’offennono, se la pijono a male, te mannono giù che corbu…

ANTISTRÒFE: (mima il pancione) …Te fanno truvà ‘che regalinu inaspettatu!

STROFE: Sindi…fa pocu lu spiritosu, che se Zeus ce ne guardi è veru, te vengu a cerca’ co’ lu cigniale a guinzajo! …Comunque dicevu: Agamennune pe’ nun esse screanzatu co’ li numi, che ha fattu? Beh, potrebbimo dire che… in un certu senzu…

ANTISTRÒFE: …Ha tiratu lu collu a la fija come co’ n cillittu!

STROFE: Ebbè…scì, ma oh! Mica l’ha fatto co’ cattiveria, sa! Purtroppu cerde vorde li dèi riescono a esse veramende imprividibbili!

ANTISTRÒFE: Eh, avoja! Dijelu ‘n po’ stro’!

STROFE: (pausa) Auscultame… billi capilli! Siccome iu so’ la strofe e tu sì l’antistrofe, tocca a me a parla’ pe’ primu, e finché nun ago finitu nu’ mme devi da sgarufà… hai capito?

ANTISTRÒFE: (faccia da demente) Boh?

STROFE: D’andra parte oramai s’è fatto giornu…t’è annata bbene che dovemo da sciacqua’. Tuttavia, lu bruttu presagiu lu sendo nell’aria. Pe’ me a Clitennestra je bolle chiccosa drentu, che fatica a scappa’ fora…ma nun so propriu che po’ esse!

ANTISTRÒFE: Speramo pe’ Agammennune che nun è lu stessu che deve dì tu moje a te!

STROFE: Ma va a mmorì ammazzato! (lo rincorre, escono)

PRIMO EPISODIO

È giorno. Entra Clitemnestra che stende i panni nervosamente. Entra il corifeo.

CORIFEO: Per onorare il tuo potere giunsi, o Clitemnestra. È giusto onorare la sposa quando il re marito è assente. Buone novelle ti giunsero, poiché compi sacrifici agli dèi?

CLITENNESTRA: Ah, corife’, ma che stai a ddì? Nun vedi che sto a stenne li panni? Comunque ce lu dovressi sape’ che lieta è l’aurora che scappa fora doppu ‘na lieta notte! (pausa) L’Argivi so padroni de la città de Priamo!

CORIFEO: Cosa odono le mie vetuste orecchie…

CLITENNESTRA: Ce poli crede! Troia è degli Achei!

CORIFEO: Piango di gioia se tu dici il vero!

CLITENNESTRA: Dico lu veru…se li dei nu’ me stanno a porta’ in giro!

CORIFEO: (titubante) Forse t’illudono fantasmi di sogno, forse voci che volano e cadono?

CLITENNESTRA: Aridaje! Ma che si de Durazzu? T’ago dittu de sci! E fidete de ‘na santa donna, no!

Rimbomba un tuono.

CORIFEO: E quale nunzio giunse fin qui?

CLITENNESTRA: Ah, gnende! È stato un giocu de squadra. Sta a ssindì: Efestu ha mannato lu primu segnale partenno dall’aria sua. Co’ na serie de passaggitti tutti de prima è ‘rrivato trabboccanno su ‘ppe lu monte Ermeo – stamme a ‘ssindì – Co’ un traversone che ‘ttraversa tutta l’isula, la fiaccoletta me se va a fionca’ propriu su lo monte Atos e, spento quarche focaraccio qua e là, imperterritu Efestu arparte. Zampate, spintoni e gumitate su li denti, ma quillu nun molla…è proprio un diu! Scatta su la fascia de Macisto che ‘ppe fermallo je da ‘na briscula de quille memurabbili! A stu puntu Efestu (che è sembre lu signore de lu focu!), se sende un pochettinu contrariatu… Embè che farà mai? direte voi. Gnende, infatti trasforma Macisto in viados, lo impala n’mezzu lu campu e po’ je da focu… ma cucì, tantu pe’ scherza’! Intandu, più curre, più c’ha lu fiatone, ma Efestu da grande cumbattente, supera co’ un dribblink pure la parete Gorgopide e arriva sopre l’ennesimu monte, ‘ncitanno lu tifu de quill’andri dèi, spaparanzati su le nuvole co’ striscioni e sciarpette. ‘Nzomma sindi che fa: quannu che s’è scartato tutto lo strettu Saronico, finarmende scorge la tantu sudata porta!! (passa dall’euforico all’esaurito) Scì…la porta de casa mia!! Lu vedo da lontanu e ‘pe pocu nun me pija un corbu. Se ‘rpiega tuttu comme ‘n cunturziunista e co’ quilli pruciutti che porta al postu de le gambe, fa partì ‘nascardafella de focu che se dirigge qua come ‘n furmine!

Corifeu miu, pe’ fortuna che la pallottula ‘nfocata frisa lo tetto e se spegne su lo fonno, perché sennò…oh! …ma mi maritu chi c’artrovava ppiù a daje… (il volto diviene diabolico) …lu bentornato!!

CORIFEO: Oh, regina, subito voglio ringraziare gli dèi! Ma tu parla ti prego ancora!

CLITENNESTRA: E che voi che te dica, corife’? L’Achei se so’ pijati Troia, bravi! Ma io li sendo l’urli che ‘rrivono da laggiù, ce lu sai che ojo e acetu nun ce pozzono sta drentu la stessa botte, no? Beh, cucì vingitori e vindi. Li parendi de li vindi stonno a piagne pe’ li morti loro, li vingitori ‘nvece dormuno cundendi ne ‘la città occupata. Che nun provino a portasse via prede sacrileghe credenno de fa bene: nun sembre la vindetta curpisce immediata…se lo ricordino. (esce)

CORIFEO: Donna, come uomo di senno tu parli. A te ed alle prove da te udite mi affido, e ringrazio gli dèi che concessero a noi una grazia non inferiore alle pene sofferte.

SECONDO EPISODIO

Sempre il corifeo, solo.

CORIFEO: Cosa vedo? Finalmente sapremo se queste fiaccole e questi fuochi dicevano il vero! Giunge l’araldo che con buoni discorsi potrà rallegrarmi… ma… oh, no! Udire non voglio parola contraria! Fa che sia lieta conferma. (entra correndo l’araldo, ansimante, si inginocchia e bacia la terra)

ARALDU: Ecchimeee!!! (pausa) So ‘rturnatooo!!! (pausa) Tu nun te poli immagina’ li fiotti de vommito che ago mullatu durante ‘sti tiecianni! Quillu ch’ago pregato iu pe’ pute’ arturna’ a casa, ma nimmeno ‘llu testa de gallu de Enea! Lu piu, lu chiamono issu, hai capitu? Che ‘tte pozza pija ‘n gorbu! ‘St’andri birrocchiacci fiji de ‘na bbona madre… anzi… de Troia!

CORIFEO: Araldo! Qual rio vento porta cotal delicatezza nelle espressioni tue?

ARALDU: ‘N paro de ciavatte ‘micu miu!

CORIFEO: Eppure scorgo sincere lacrime discender dai tuoi occhi?

ARALDU: Scì, ma perché m’honno curgatu de botte quilli villanozzi! A ‘la fine è ‘nnatu tuttu bbene, ma lo patimento!  Lo cunoscono solo li dèi! Biati loru che so sembre filici! Ma n’ce tuccava durmì ‘llapperterra cume li barbuni?! Tra li tempurali, lu fancu, la ‘mmerta de le vacche, nun zai che olezzu ch’evapurava da lla ‘mmenzu! Pareva de sta drent’a lu buciu de lu guerru! E po’ mica è finita. De ‘nvernu lu friddu! La neve! Co’ li cubbitti de ‘jacciu finu a sottu lu peplu, che quannu che ‘nnavi a fa li bisugni tua, stei cucì tiratu de culu che te parea de sta a caca’ li pizzitti de le zampitte de marmu de li cintauri de lu freggiu ‘rientale de lu Partenone… Zeus ce ne guardi! Nu’ lu pozza prova’ gniciunu, guarda! Comunque uramai… ce vedemo! Troia ha fattu lo bottu…e tandi saluti!

CORIFEO: Tali notizie a Clitemnestra potranno fare gradito piacere!

Entra Clitemnestra.

CLITENNESTRA: (Fiera) Lu sapevo io… lu sapevo d’avecce raggione. “Quilla è pacia!”, “la signora è ‘nnata fori de capoccia!”. Me pijavono tutti pe’ ‘na povera de spiritu, ma… ah, ah! A che me serve che tu me dia andre nuvelle, ara’! Saprò ‘gni cosa da lu re! Tu dije sortandu da riabbocca’ prestu a casa de la mujettina sua, che, sappia bene! Gniciun siggillo in tuttu ‘stu tempu s’è mai ‘zzardata a viola’! (indossa il naso da Pinocchio) Me pozzino cecamme se cunobbi piaceri d’andri ommini! Aghi capitu? (fa per andarsene esbatte la faccia contro il muro. Esce)

CORIFEO: Ben chiare parole ella ha pronunziato!

ARALDU: Scine, scine, pure seconnu me.

CORIFEO: Ma dimmi di Menelao piuttosto, se egli vive ancora o se tremenda morte lo colse.

ARALDU: Ah! Me fai ‘na domanna da ‘n mijone de dracme! E chi l’ha vistu più! Chissà che straccia de rotta ha ‘mbroccato co’ quilla bagnerola a remi… eppuro, je l’ago ripetutu all’infinitu: “Guarda che ‘sta scialuppa nun ve tene, eh! C’ha lu legnu fracicu, le vele bucate, nun è mancu ‘ssicurata!” ma issu: “None! la tua è solu invitia!” me diceva “pinza a ‘lla cassa da mortu n’du stai drentu!”…e bravu! Mo intu la bara c’è finitu issu! Penza curifè che s’arcunta che un giornu, al’impruviso, arrivò ‘na specie d’uracanu, co’ li turbini, li toni, le saitte, che se portò via tuttu: barca e burattini e doppu quilla vorda…gnicinu ha più saputu gnende de Menelao e li cumpagni sua. Ma ‘n fonnu, chi lu po’ sapè? Magari Zeusse je fece la grazia e…

Escono sottobraccio. Entrano strofe e antistrofe.

STROFE: Scusatece ‘n attimu, eh…perché doppu ‘ste tristi e un pocu nustalgiche, oserei dire, parole (siasciuga le lacrime), le quali ‘rrivarono sinciramende a entramme dirette drentu lu core, iu, come strofe, e quinni purtatore ufficiale de lu discurzu, vurrei sortandu inzerire un cummentu che, come tutti sannu, è parte prignande de la midesima vicenna e de noiandri e de…

ANTISTRÒFE: (spazientito)… e de tu nonnu! Ma te voli smove che se sta a fa notte!

STROFE: Oh, nu ‘me sfruguliassi, sa! Che oggi già me stai su lu gargallozzu! Silenziu…che debbu oprire una parendesi!

ANTISTRÒFE: Te sì portatu penna, calamaio e foji de papiru?

STROFE: …foji de papiru? ‘Che me servono?

ANTISTRÒFE: Come a che te servono? ‘Du la voli oprì la parende? Su lu muru de la passeggiata?

STROFE: Aahh! Me pareva che come a lu solitu nun avevi capitu un cazzu! Era ‘na metafura, un modu de dì che se usa tra le perzone ‘struite, no’ come te che sì ‘n caprone de la bassa Ellade! Cumunque: lu fattu de cui poc’anzi ve stavo pe’ rende padroni è semblice, lu puntu de tutta la vicenna infatti e de ‘ste mille piripezie…

ANTISTRÒFE: …è che tu nun ge lu mitti mai!

STROFE:…è che iu nun ge lu mit… (stupore) …ma che?

ANTISTRÒFE: Lu puntu!

STROFE: Che puntu?

ANTISTRÒFE: De lu discorzu!

STROFE: Ma che discorzu? Sta ‘n po’ zittu che me stai a confonne!

ANTISTRÒFE: Ambeeh! Davanti a lu caprone ce sta lu nipote rincujunitu de lu poru Anchise! E statte zittu nun ribbatte, perché se tu sì lu primu a parlà e a sparà ‘na marea de strunzate, l’urdima parola – me dispiace – tocca sembre a lu sottuscrittu!

STROFE: ‘Mmorì ‘mmazzatu quantu sì acidu! Agguastelu! (torna calmo. Si prepara a parlare con un lungo sospiro, ma viene sempre interrotto)…

ANTISTRÒFE: …sbrighete!…movete!…taja curtu!

STROFE: (velocemente) Duvete da sapè che la causa de tuttu ‘stu casinu è da anni sembre stata una sortandu!

ANTISTRÒFE: Tu moje?

STROFE: No, tu sorella! (al pubblico) La causa de lu male in realtà, se rintraccia seconnu me, in quilla faccia da svergugnata de Elena. Pe’ curpa de essa è scuppiata tutta sta guerra! Pe’ ‘na cuntadinozza coscialunga che s’è vennuta a lu primu che passava!

ANTISTRÒFE: Scì ma… (si avvicina) ah strò? L’hai vistu mai tu quillu che è Elena?

STROFE: Beh…(impacciato) scì, l’ho vista…

ANTISTRÒFE: …e allora perché apri bocca e je dai fiatu? Che se nun t’eri pijatu quillu catamaranu de tu moje, mo’ stei giussottu casa de lu poru Menelao aspettannu che ‘tte facesse l’occhi dorgi!

STROFE: (come se pensasse) ‘Ngumincia ‘n po’ a curre, che mo’ te raggiungo! (di corsa tutti e due, escono)

TERZO EPISODIO

Entrano in scena Agamennone e Cassandra, solenne musica di sottofondo.

CORIFEO: O re distruttore di Troia, come dire a te la mia venerazione senza esaltare e senza diminuire l’omaggio che ti è dovuto? Con cosa dimostrare a te la mia felicità per l’esito di tale spedizione, armata a cagione dell’impudica Elena? Con cosa manifestare all’Ellade tutta la mia riconoscenza per la tua grandezza?

AGAMMENNUNE: (pensa attentamente) Co’ n quartinu de vinu e un cosciottu de tacchinu…sindirai che profuminu!

CORIFEO: (in atteggiamento da cameriere) Ottima scelta sire. Desiderate altro: un dolcetto di more e lamponi, un frullato di bacche di Bacco… un amaro Lucano?

AGAMENNUNE: None car’amicu. Mitti su lu focu, che ‘rrivu tra pocu!

CORIFEO: Come preferisce sua immensità! (esce)

AGAMENNUNE: Lu volere de’ li dèi ha condottu quista flotta,

Contro un populu carogna e ‘n po’ fiju de mignotta!

De Iliu maleditta solu fumu c’è rimastu,

Ché tutti li Truiani… l’avemo fatti arrostu!

Ah, ah, ah… coff! (Si strozza, Cassandra si accosta e gli dà un pugno sulla schiena)

Grazie, grazie, mia dorge bardascetta,

Al postu de le mano porti ‘na mazzetta!

Ma tornamo a la ‘nfinita storia de’ l’argiva vittoria!

Che quannu che da lu ciucciu semu calati a pocu a pocu,

A quillu cessu de città, j’emo datu focu!

E adessu fate largu a lu re ch’ha da passare,

La trippa se risende… che devo da magnare!

Clitemnestra entra in questo istante, seguita da varie ancelle.

AGAMENNUNE: Uh! La moje mia rivedo… doppu anni de cungedo!

CLITENNESTRA: (languida) Scì caru!… Cittadini de Argu! Nun me vergogno de dì davanti a voi, quillu che provo pe’ lu consorte mia. Grande afflizione è pe’ ‘na donna sta a sede – sola – davanti a lu foculare.

Entra il corifeo con indosso un grande cappello dacuoco ed il block notes in mano ed inizia a discorrere con Agamennone sul menù.

CLITEMNESTRA: Se poi avessi datu retta a tutte le fregnacce che se diceono su la sorte de mi maritu, a ‘stu puntu, j’avria già dovutu fa’ dui o tre funirali! (ad Agamennone) E propiu pe’ quistu nun agu fatto venì tu fiju Oreste a salutatte, oggi. È

‘nnatu a casa dell’amichittu suo: Strofiu… staronno a joca’ cu li surdatini, come sembre, tandu è talo e qualo a te, tesoru mio! Ma mo’ abbasta! Perché tu sì come la terra che ‘ppare a li naviganti doppu mesi de Mediterranio, sì come lu cielu azzurru che scappa fora doppu la tempesta, sì come… l’abbioccu doppu ‘na magnata! E guai a te se posi le fette su la ignuda terra, poiché su lu “purpureo tappetu” dovrai tranzitare verzu casa!

AGAMENNUNE: Lu tappetu iu nun vetu, donde sta, su lu fruttetu?

CLITENNESTRA: Ma no caru!… ancelle che ve pozzino! Nun v’avevo dittu d’anna’ a pija lu tappetu rossu giù la lavanderia?! Annate immediatamente! Nun me va d’arpete le cose centu vorde! (le ancelle escono velocemente)

AGAMENNUNE: (la osserva interrogativamente) Mamma mia si ‘cche sfuriata, mo’ perché te sì incazzata? Pe’ anna’ a prenne lu tappetu, che s’è pure sculuritu?

CLITENNESTRA: (gli accarezza le guance) Amore miu, la grandezza tua po’ esse onorata solamende cucì! Rientrerai a casetta tua bella, calpestanno lu purpureu tappetu… come fannu del restu sulu li numi divini e le grandi starre de lu spettaculo!

AGAMENNUNE: Cara sposa, nun t’arcordi chi so’ iu? Sono bellu come ‘n gallu, ma non sono mica un tiu! Nu’ lu sai che a lungu annare Zeus potrebbesi ‘ncazzare? Chi de tracutanza pecca, toni e furmini se becca!

CLITENNESTRA: Ma nun stassi a sindì quillu che mormora la ggende, so’ tutte fanfalucche!

AGAMENNUNE: Se pirmitti prifirisco nun pruvare a sfruguliare l’angiulitti e li numi beneditti! Tantu adessu vado a lettu che m’arposo anchi ‘n puchettu de ‘stu viaggiu maledettu che me lassa tuttu rottu!

Agamennone fa per andare, ma Clitemnestra lo ferma decisamente. Intanto le ancelle hanno steso il tappeto davanti a loro.

CLITENNESTRA: No, no, tesorucciu de Clitennestruccia tua! Nun facessi cucì, damme retta pe’ na vorda, no! Che pinzi che Priamu nun ce sarebbe passatu quassopra se avesse vintu la guerra?

AGAMMENNUNE: (con scherno) Priamu? Puah! Per una vittoria certa, se magnava anghi la ‘mmerta!

CLITENNESTRA: Ma penza ‘n attimu all’onori e a ‘la gloria che t’arcupriranno – doppu – tutte le pupolazzioni de tuttu lu monnu guarderonno a lu grande re dell’Argivi che, distrutta Troia finu all’urdimu pezzu, fece ritornu a casa osannatu da’ le folle in dilirio che se strappaono li capilli… (facenno alle ancelle di assecondarla, strappandosi i capelli), urlaono… se menavono, pe’ riusci a strappà surdandu ‘na firmetta, ‘n autogrifo… ’nu sputo drentu ‘n occhiu! da Agamennune conquistatoro!!… (sottovoce) e anchi ‘n po’ fiju de mignotta! (forte) Agame’! Ausculteme, te ridico che nun è veru gnende de quillu che se sende ‘n giru, è l’infitia…che smoe quilli forni de Argu, che s’oprono e se chiudono come tira lu ventu!

AGAMENNUNE: (nel frattempo sembra essersi ricreduto) Se è l’infitia che li tene, allor cosa me trattene? (si sposta proprio ad un passo dal tappeto, si prepara)

CLITENNESTRA: (evidentemente gioiosa) Nulla Agame’, nulla! Fallu pell’amore versu la mujettina tua, su! Che a casa vedrai, ce truverai ‘na bella surpresina! (ride sadicamente)

AGAMENNUNE: (immediatamente si rivolge alla moglie) Hi! Che m’hai fattu lu castratu, pappardelle e pampepatu?

CLITENNESTRA: None, meju amore miu…meju!

AGAMENNUNE: (si lecca i baffi) Chissà quale rigalinu, troverò sottu ‘l caminu?!

CLITENNESTRA: Eh! Sapissi!

AGAMENNUNE: (quando ha già alzato un piede e tutte, tranne Cassandra, trattengono il respironell’attesa… si arresta) Ah! Ma le ciocie ancelle care, me duvreste da cacciare, pe’ passà su lu tappetu che mi moje ha preparatu! (le ancelle obbediscono. Agamennone riparte… si ferma) Sì sicura che se passu, nu’ me pijerà un collassu?

CLITENNESTRA: E fidete, amore miu! Va!

AGAMENNUNE: (stessa scena) Se camminu su ‘sta stoffa, nun me scaverò la fossa?

CLITENNESTRA: Dalli!! T’ho ditte de no! Trasi stellina… trasi!

AGAMENNUNE: Iu cumprendu co’ fatica, li quisiti de la vita, ma se quistu è lu destinu… che voi fa? Iu me ‘ncamminu!

Finalmente passa ed esce, le ancelle lo seguono guardandosi accuratamente dal camminare sul tappeto.

CLITENNESTRA: Oh, caru! Lu ritornu tua a lu foculare è come ‘na brezza calla d’invernu, che annuncia l’estate! È come quannu da li grappuli acérbi matura lu vinu! È come un corzu novu, che Zeusse penzerà bene…de purtà a cumpimentu! Ah, ah, ah!

Esce, saltando a pie’ pari il tappeto. Dall’altra parte entrano strofe e antistrofe.

STROFE: (guarda il tappeto e non capisce) Nun so’ perché, ma nun me vene più da ride.

ANTISTRÒFE: Eh, te capiscu, sa! Mancu iu riderei ne’ la situazione tua!

STROFE: Eccu, è stranu vedi! Nun c’ago mancu voja de datte du boccatoni. È che…me venguno come le visioni… prisindimendi…che nu’ me diconu nulla de bbonu! So’ disgustatu de quarcosa, che nun so’ che è!

ANTISTRÒFE: Vabbeh, stro’! Daje, nu’ la vedè cucì nera! (gli poggia una mano sulla spalla) Pinza che in tre, starete tutti più cundendi drentu casa!

STROFE: (sguardo cupo) Sindi. Famo ‘na cosa: tu scappi subbitu senza mancu dì: ah. Cucì evitamo inutili spargizioni de sangu’.

ANTISTRÒFE: (guarda il pubblico interrogativamente) Vabbeh! (scappa)

STROFE: Già… perché me sendu propiu che quargun’andru lu verserà… prima de me! (Esce)

QUARTO EPISODIO

In scena Cassandra, intimorita. Entra Clitemnestra, la squadra con occhio indagatore.

CLITENNESTRA: Ebbeh? (Cassandra salta dallo spavento) E tu che stai a fa’ qui sula sulitta? Entra anghi tu Cassantra drentu casa nostra, nun facessi li cumplimendi! Me sta bene che sì ‘na schiava e quinni cunti menu de li porchi llà lu troccu, ma sappi che qui da noi nun ze fanno differenze de razze, riligioni e fedi pulitiche! Dunque, che c’hai da temè?

Non visto entra il corifeo.

CORIFEO: (A Cassandra segretamente) A te, a te si è rivolta or ora la regina! Ascolta le sue parole, sei dentro una rete mortale!

CLITENNESTRA: Ma ch’ha fattu ‘sta fija? Che, l’Achei j’onno magnatu la lingua? Nun avessi paura de ‘na giovine signora come te, veni drentu.

CORIFEO: Seguila, obbedisci!

CLITENNESTRA: Sindi le’, iu nun c’ago tempu da perde, sa! Qui tocca ‘nna a fa’ li sacrifici, devo pijà lu trincettu jù la cantina, devo mette li billi su lu focu… ‘nzomma, lu da fa’ nun manca! Che te tole? Sì straniera pe’ casu?

CORIFEO: Oh, sì mia regina! Ella, purtroppo, ebbe i natali nella disgraziata città incendiata da Agamennòn… fu superstite della terra dei conigli, mia signora!

CLITENNESTRA: (Occhi sbarrati, bocca spalancata, punta il dito contro Cassandra) Chee haghii dittuuu?

CASSANTRA: (Parla in evidente dialetto perugino) E’ da… è da… è da lì che vengo, che ce devo fa’? Forza Troia ‘ngrifata!

CLITENNESTRA: (Ancora sconvolta si avvicina all’uscita, si fa tremenda) Meju cucì! Un mutivu in più che me darà coraggiu, pe’ fajela paga’… definitivamente! (Esce)

CASSANDRA: Ahime! N’è giusto però! Apollo, Apollo!

CORIFEO: Perché gridi e gemi in tal guisa?

CASSANDRA: Apollo, Apollo!

CORIFEO: Ancor grida! Ma non ama Apollo udir lamenti di umani dolori!

CASSANDRA: Apollo mio! Ma do’… ma do’… ma do’ m’hai condott’ cocco? Ho visto certi freghi che vanno ‘n giro co’ delle tuniche a strisce ross’ e verdi, me guardan tutti strano se mordicchio ‘na carota, quando parlan n’li capisco pe’ gnente… io boh! N’ so che fare!

CORIFEO: Il coniglio pare aver buone narici! Ha subito compreso come procede il giuoco nella terra dei Dragoni!

CASSANTRA: E quale sventura m’aspetta dentro ‘lla casa, il soccorso è lontano… ma … o Zeus!… me par de vede’… (come invasata) la sventura che s’abbatte su’ la dimora del re!… Ah corife’, la sciagurata il su’ compagno de letto vol fa’ fori! Pe’ tutte le carote, e mo’ che faccio?

CORIFEO: Non capisco il tuo linguaggio! Smarrito mi trovo fra enigmi ed oracoli ciechi! (gioca con il cubo magico)

CASSANTRA: Vedo le Erinni! Sì, so’ entrate ne’ la casa e ston cantando l’inno de la colpa primigenia! N’ c’è nulla che le po’ scaccia’ più ormai, han preso possesso de ‘sta famija!

CORIFEO: Ancora il vaticinio è per me oscuro, usa più chiare parole!

CASSANTRA: Ma che sì stupid’ cocco? Certo che voi curifei sete propiu ‘mbranati! Te sto a dì che vedo lo sventurat’Agamennòn che ce pija ‘n fracco de mazzate!… pe’ tutti li cuniji, sto a precorre i tempi e riesco a vede’ l’ultimi minuti!

CORIFEO: (Si tappa le orecchie) Taci, sciagurata! Non osare svelarmi il risultato delle partite!

CASSANTRA: No, me tapina! Che vedo… la morte che s’abbatte pure su ‘sto poro collo innocente! La fine è giunta! (piagnucola) ‘L sapevo io che n’ce duvev’anna’ co’ quel marpione! Me l’diceva la mi mamma de n’ venicce in ‘sta città… “n’è per te” me disse! Lì da loro, li coniji se li magnano!

CORIFEO: Non abbandonare la speranza negli dèi, sappi attinger forza dall’animo tuo!

CASSANTRA: Sì, ‘n par de carote amico mio! Parli ben tu che sì curife’ e n’te frega ‘n cazzo de gniciun!

CORIFEO: Tal mestier scelsi con senno!

CASSANTRA: Eh, quant’agonie te se’risparmiato… (ha un’altra visione) ma, che vedo?… sì… qualcuno vendicherà presto ‘l sangue che verrà sparso tra poco! Je l’ darà lui lu pan pel dente, a quilla stregaccia assassina! Nun finirà mai ‘l su tormento!

CORIFEO: Di chi parli?

CASSANTRA: Verrà presto ‘l vendicatore non temete.

Ma mo’ è arrivata l’ora mia, vo’‘ncontro a la morte, sperando fiduciosa che la giustizia divina, sia ‘n po’ più bona co’ l’innocenti, de ‘sta fregata che c’è quaggiù! (esce sconsolata mentre il corifeo le dà l’estrema unzione)

CORIFEO: Oh, la sorte degli uomini… come il sogno di un’ombra è la loro felicità. Quest’uomo conquistò la città del grande Priamo, da tutti gli dei fu onorato, tra gli elogi fece ritorno a casa dopo dieci anni di sangue, e nel talamo suo, una serpe… trovò ad aspettarlo!

QUINTO EPISODIO

Sempre il corifeo. Si odono fuori scena le grida di Cassandra, poi quelle di Agamennone.

AGAMENNUNE: Aiuh! Co’ la prima mannajata, tu la schina m’hai spezzata!

CORIFEO: Oh, Zeus! Odo le grida del re provenire dal fondo dell’ade!

AGAMENNUNE: Ariaiuh! De ruvesciu me c’hai ‘rdatu, la capoccia m’hai sfonnatu! (Entra barcollando con la scure piantata in testa) Tra zampate e cargi a Troia, pe’ diec’anni ago penatu, me n’artorno da ‘stu boia… e me fa murì ammazzatu!

Agamennune stramazza al suolo. Entra Clitemnestra, occhi sbarrati, mani e viso insanguinati.

CORIFEO: Cosa hai fatto, donna? L’insana follia riserbarono per te gli dèi!

CLITENNESTRA: (fissando il marito) Eccu, la fine apprupriata, pe’ n’omo finitu. La vendetta mia finarmente è arrivata. Tardi. Ma è arrivata. Ah, ah, ah! Guarda, che fastosu mantellu de morte! Du’ vorde curpisco… du’ vorde tu gridi! E vedo sgorga’ tuttu quillu sangu nero, nero perché zuzzu, come te! Che pare ‘nu spruzzu de rugiada pe’ come zampilla! E iu ce godo… ah, ah, ah! Rido… pe’ nun piagne. Quisti so’ li fatti, cittadini de Argo. De lu sangue de la propria fija e de carugnate degne de lui riempì la coppa mortale, propiu drentu casa sua, e mo’, doppu tutti ‘sti anni, l’ho attesu paziente, pe’ fajela beve tutta… finu all’urdima goccia!

CORIFEO: Quale erba avvelenata masticasti? Che filtro malefico bevesti per ridurti in tal condizione di perfidia? Ma guarda oramai il tuo destino! Già la tua gente ti scaccia e ti condanna!

CLITENNESTRA: Ah, scì eh! Mo’ tutti me vonno taja’ fora da ‘sta città! Ma contru ‘st’assassinu nun ‘ete dittu gnende, quannu come ‘na bestia da macellu, sgozzò la fija mia pe’ incanta’ li venti de la Tracia! Gniciunu allora, lu condannò ‘st’infame. E voi tuttti adessu, vorreste esse l’implacabbili giudici de la ‘mpacita Clitennestra!

CORIFEO: Arrogantemente parli, il senno perdesti, ma colpo per colpo dovrai pagare!

CLITENNESTRA: Sarà tuttu da vede’ caru miu, perché finché ce starà Egistu la ‘ppe casa mia, sta’ tranquillu che mancu un’ompra me girerà ‘ntornu! E sappi, gende de Argu, che mo’ me guardi co’ la rabbia fra li denti, che ‘stu rimaiolu da quattru sordi pure la moje d’Egistu ebbe la spudoratezza de oltraggia’!… ma tantu è inutile parla’ co’ chi urmai ha saputu quillu che je bastava, e ha giudicatu… senza remissione. 

CORIFEO: Ahimé! A tal punto Zeus ti condusse! A quale follia volle che tu giungessi! Nulla accade, senza il voler suo!

CLITENNESTRA: (Il suo sguardo è cambiato, è calma, un lieve sorriso sulle labbra) E qui sbagli. Non del re degli dei, ma mia soltanto fu la vendetta. Mio fu l’ordine imposto a questo braccio, che menò senza riguardi, e non mi pento. L’unico rammarico mio è uno soltanto: che non mi attribuirete neanche la volontà di questa azione, mi porterete via anche la mia identità. E quando morirò, ricorderete che la terribile fine del grande re di Argo, innocente come un fanciullo, fu tremenda opera della scure di una moglie folle, maledetta nei secoli (Esce).  

FINE

Ottobre 1998