Agenzia matrimuniela

Stampa questo copione

Stefano Palmucci (id. SIAE 201804)

- Mogli e buoi dei paesi tuoi, amanti e badanti di paesi distanti-

Tre atti comico-brillanti in vernacolo sammarinese


Stefano Palmucci

Agenzia Matrimuniela - mogli e buoi dei paesi tuoi, amanti e badanti di paesi distanti cod. op. 919620A

Tutti i diritti riservati – all rights reserved:

Stefano Palmucci

Via Consiglio dei sessanta, n. 26

Dogana

47891 Repubblica di San Marino

spalmucci@omniway.sm – stefano.palmucci@pa.sm

tel mob.338-2015713

2


Agenzia Matrimuniela

Agenzia Matrimuniela

Mogli e buoi dei paesi tuoi, amanti e badanti di paesi distanti (tre atti comico-brillanti in vernacolo sammarinese)

Personaggi:


Libero

Menga

Giacoma

Lieto

Paciugh

Gabriele

Alfiero

Irina

Irina2

Dafne

Bernard

Ingrid


moglie di Libero

madre di Menga

fratello di Libero

padre di Lieto

fratello di Menga

titolare dell’agenzia

aspirante sposa

aspirante badante

vedova

ambasciatore francese

sua segretaria


Salotto di casa Parloni, con mobilia varia. Divano, poltrone, un tavolo con quattro sedie, tutto quello che occorre. Un portone in fondo che da sull’esterno. Una porta a destra verso la cucina e una a sinistra verso il bagno e le camere. In scena Giacoma, Libero e Menga, stanno discutendo seduti al tavolo.

Giacoma:  insomma burdell … vuilt fèd com ch’a vlid, mo me a la voi.

Menga:         mo beda che quand la punta, la punta eh? Prima te vlud la bombola d’l’usigen, che te dovre una volta e po’ tla è lassa alè e adès l’an sarà gnienca piò bona, e po’ che rob pri tiret sò da te let, ch’lè ancora imba-led, e po’ la scarana sal rodi, perché un si sa mai, e adès questa!

Libero:           Giacoma, noun u n’è ch’a sem cuntreri, mo a i avid pinsed bein? L’età l’a i è, quest l’è vera, mo vò a sid ancora in gamba, a n’avid ancora bsogn. Magari ai pudressmi arpinsè tra do-tri ann o enca piò, s’a conti-nued andè achsè bein.

Giacoma:  tra do-tri ann chisà se ai sarò ancora. Me a la voi adès. A la pegh me, a la trov me, vuilt a n’avid da pinsè ma gnint.

Menga:         an duvem pinsè ma gnint? Avè un’enta persouna ch’la gira per chesa un è un pinsir?

Giacoma:  cus che vò dì “un’enta persouna”? che ai n’avid già ouna ad trop ch’l’av da dann? Eh? L’è quest che te vlud dì?

Menga:         adès, mà, nu chmenza a mettmi tla bocca dal robi ch’an mi so mai insu-gneda gnienca da pinsè.

3


Stefano Palmucci


Libero:


al savid, Giacoma, che la vosta prisenza l’an c’è mai bpsed, enzi.


Giacoma:    perché, s’a v’archurdèd bein, me a so steda cèra sin da e prim mumeint. Quand a m’avid invited, ho dett: “adès ch’a so da per me, a vengh vulin-tir a stè sa vuilt. Mo s’a m’incorg che a dagh dan, enca sno una muliga, me a ciap sò i mi bagai e artorni d’andò ch’a so vnuda”.

Menga:         dai mà, adès nu va a tirè fura di scors che sa quest i gn’eintra gnint.

Giacoma:  alora s’gn’eintra gnint, lassèm fè quel ch’a voi. I sold l’è i mi, e a mi so

guadagned se sudor dla frounta.


Menga:


u n’è quistcioun ad sold, ma. L’è che te ta né bsogn dla badenta, anco-ra.


Libero:


a sid ancora piò in gamba che mai, a vria arvè me ma la vosta età, tal vosti cundizioun.


Giacoma:  insomma, a la vlid capì sé o no che me a so arvenza l’onica dal mi ami-ghi ch’l’an la ha? La Rebecca la ha la Irina, la Domenica la ha la Svetla-

na, la Leda la ha la Irina, la Sandrina l’ha la Irina, Berto l’ha la Irina …

Libero:           ‘st’Irina la va dampritott?

Giacoma:    no, l’is cema totti cumpagn. Al badenti, ogdè, li n’è piò cum’è una volta, ch’al badeva sno i vecc maled e basta. Og a gl’è dventi dal “dami ad cumpagnia”. Al giuga a cherti se baded, il porta a spass, al fa da magnè.

Menga:         e per stal robi a gni sem noun, ma? U i è Libero che da quand l’è di-socuped un fa gnint. Ut fa lù da badenta.

Giacoma:    vuilt avid i vost amigh, i vost impegn. Me a voi una badenta. Ouna ch’la pensa sno per me. Ch’l’am porta a fè la spesa, ch’l’am facia cumpagnia, ch’la giuga a rubamaz ...

Menga:         t’vidrè che a rubè da e tu maz la sarà bravessma.

Giacoma:    sted da sintì, burdell: finenta ch’a chemp s’i mi sold a fac quel ch’um per. An v’ho dmand e permes da toh la badenta, a v’ho dmand e permes da tnila achè, ma chesa vosta. Vuilt pinsei bein. S’a la vlid, bein, se no, me

a ciap sò e artorni ma chesa mia (si alza e fa per andarsene).

Menga:         aspeta, mà …

Giacoma:  e fè prest, perché me ho già ciamed l’agenzia e i m’ha dètt che prest i

mandarà una badenta a szcorra. (esce a destra)


Menga:


(a Libero) ecco. Te vest cus t’è cumbined?


Libero:


me? cus ch’a i-entri me, stavolta?


Menga:


te tla è fata arabiè e lia la è andeda via.


4


Agenzia Matrimuniela


Libero:


me? Puretta! Ma me, la tu ma, l’an mi da niscioun dan. Enzi. Se fat che me an lavor piò da un an, la su miseda la c’fa cherna e sangui. Piutost e saria un elta quella ch’a vria da mandè via …


Menga:


chi t’vò mandè via, te, che la chesa l’è la mia? Sta tenti te, piutost, che oun ad sti dè t’an ti trova i tu strac giò ma la schela!


Libero:


ah, nu bacila, Menga, che enca se e duvess suceda, an pieng.


Menga:


e alora va, chi è ch’ut tin dur? La porta la è po’ verta. La verità l’è che te te sé bein che un’enta dona cumè me t’an la trov piò.


Libero:


quel l’è poch mo l’è sigur.


Menga:


e t’sé enca che achsè senza un strac ad lavor, t’faress la fema.


Libero:


puretta! Guerda che me ho già szcors s’l’invuched. L’ha dètt che in ches ad divorzie, ma me, come “coniuge economicamente debole in quanto disoccupato”, e giodic de tribunel um darà emench emench mell euro e mes.


Menga:


bene! Achsè, s’u ti dà lò, me an ti dagh gnint!


Libero:


dai, dai, lascia andè. Va a preparè da magnè piutost, ch’l’è mei.


Menga:


oun ad sti dè ai met e vlein per i surc tla tu mnestra.


Libero:


oh, e sarà la volta bona che chla mnestra las lasciarà magnè.


Menga:


magnapen a tradimeint… (esce a destra in cucina)


Libero siede a leggere il giornale, ma prima di cominciare …

(da fuori) Porta ulta ch’la sportla ch’ho lasc sora la scarana.

Libero impreca tra sé e poi gliela porta. Si rimette a leggere il giornale quando suo-nano alla porta. Nuova imprecazione tra i denti. Va ad aprire, è suo fratello Lieto.


Libero:


Lieto, cus t’fè achè, cus ch’l’è suces?


Lieto:


scusa va là, mo aveva prescia. Te lett e giurnel?


Libero:


an gne l’ho ancora fata. L’è lè, sora la scarana.


Lieto:


(lo prende e lo apre) ecco. Legg, legg mò alè.


Libero:


(prende  il  giornale)  anziano  muore  fulminato  con  le  luci


di


Natale.


L’uomo si è spento, si è acceso, si è spento, si è acceso …


Lieto:


mo no, legg alè sotta.


Libero:


(legge) apre la prima agenzia matrimoniale a San Marino. Agenzia Urbiet Orbi, sposiamo anche i lozosi, i brutti e gli sgorbi. (a Lieto) Mo pensa te. E chi è ch’u l’ha verta?


Lieto:


oun ch’l’aveva spused ouna ad San Marein. Po’ l’ha divurzied e ades …


5


Stefano Palmucci


Libero:


…e adès ch’l’ha capid che e matrimonie l’è totta una frigheda, u la vò venda ma ch’ilt.


Lieto:


us cèma Alfiero, e fa tott l’eleghent, e sufisticedh, pocapì che e vin da Puien.


Libero:


mo te cum t’fè a savè tott stal robi?


Lieto:


a veng adès propri da lè. Am so andè a iscriva!


Libero:


(incredulo) lascia andè!


Lieto:


ah, sé! Apena c’ho vest, a so andè, a so sted e prim client.


Libero:


mo ch’us te fat, sgrazid? Mo t’zi dvent mat da fat? Vat a scanc-lè sobte. Ormai te pas i quarenta e tut t’si selvi finenta ades, t’ui vò caschè propri ades? me a giva che ormai t’zirti “fora pericolo”…


Lieto:


mocchè “fora pericolo”. Ormai am so dicis. Am so stòf da fè la vita da ragazz. La n’è miga totta rosi e fiur. Sé, t’avrè la tu libertà, ureri, doni, magnè, niscioun ch’ut posa dì gnint. Mo la sera, o la nota, quand t’artorni a chesa e u gn’è niscioun ch’u t’aspeta, l’è dura. E a veda ma te, e mi fradell, e tott i vecc amich, che i ha la su dona, la su fameia, l’alegria da nu essa mai da per sè….


Libero:


l’alegria? Mocchè alegria, quella dla cumpagnia l’è la sgrezia più grosa!


Lieto:


e invece ma me l’è un po’ ch’la m’ha chmenz a bpsè, sta situazioun, e enca na masa.


Libero:


aspeta,  aspeta,   Lieto.  Che  scors  che


saria


quest?


U  t’amenca


la


cumpagnia? T’vù un chen, ch’a te rigal?


Lieto:


un chen a l’ho pu vud. U n’è la stessa roba, giò.


Libero:


mo t’vò metta la libertà che t’è adès, sa la galera d’un matrimonie? Peinsi bein, Lieto. Adès t’po’ fè tott quel ch’ut per, ma totti agl’ori de mond. Se te fema t’magn, se te seda t’bè, se te son t’dormi …


Lieto:


sé: e s’ho voja da fè l’amor, am fac un bagn!


Libero:


oh capid, mo un’agenzia matrimuniela … te prov sa internet?


Lieto:


sé ch’ho prov. Mo l’è sted un disastri. Ho trov ouna, ac sem scrètt un mes, tott i dè, e po’ ac sem chnusud.


Libero:


e alora?


Lieto:


eh, lia la m’aveva mand la futugrafia d’una biundouna, sa dò gambi lon-ghi, dò tetti achsè, me a i aveva mand quela d’un bel ragazoun sa di occ nir e do braci achsè … quand ch’ac sem vest, lia la m’ha spudè tla facia, me a i ho spudè indria e ognoun ma chesa sua.


Libero:


oh, porca boia …


6


Agenzia Matrimuniela


Lieto:


alora gnint, l’agenzia matrimuniela l’è l’onica soluzioun. A i ho spieghè al mi esigenzi, i mi gòst, e adès luilt im la trova com ch’a la voi.


Libero:


mo te sé emench sa chi t’ut vè a impelaghè? l’è roba nustrena?


Lieto:


mo va là, totta roba dl’est: ròssi, rumeni, ungheresi, cileni…l’è un’agenzia ch’l’an trova sno al moi ma i omne, mo enca al bandenti per i vecc.


Libero:


me an pòs permetta che l’onich dla fameia ch’u s’era selvi da la sciagura piò granda de mond, ui vaga a caschè dentra sa totti dò al scherpi. E po’ s’una straniera?


Lieto:


l’è per quell ch’a so vnud a dmandè e tu aiut. Te sé che me sal doni ho sempra ciap dal frigaduri.


Libero:


me inveci a i n’ho ciapa ouna sno. Mo granda ….


Lieto:


sé, mo te t’zì sempre sted e fradell grand per stal robi, e piò pradghi, quell ch’u s’intend ad piò …


Libero:


sochè!


Lieto:


insomma, per fèla curta, me ho dèd st’indirezz chi che.


Libero:


com che saria a dì?


Lieto:


sé, Libero, me avria chera che te, s’la tu esperienza, tla chnuscess per prim e po’, s’l’è e ches, t’um la preseint.


Libero:


mo t’zì mat? A la duvria pruvè me, prima?


Lieto:


no, cus t’disg? A vria sno avè la tu impresioun, prima da chnossla. An voi fè cumè sa internet.


Libero:


e t’an la pudress avè dop, la mia impresioun, quand tla è già chnusuda te?


Lieto:


eh, te sé, che se per ches l’an mi pisg, dop me a fac fatiga, an so di ad no, dai, dai, l’è mei se t’ai szcorr prima te. S’ut parrà ch’la possa andè bein, t’um vein a ciamè. Se no, t’ai disg “arivederci e grazie”.


Libero:


insomma, dop tott, um tocca enca fè e lavor sporch?


Lieto:


fal per me, dai, Libero, a te dmand da znoc …


Libero:


e ma la mi moi e ma la mi suocera cus ch’a degh? Luelti l’in sarà miga tenti cunteinti ad sta prova ch’avria da fè ma stal ragazi.


Lieto:


inventa checosa, te t’zì achsè brev in stal situazioun …


Giacoma:    (rientra da destra euforica, seguita da Menga) ecco, mitemci achè, ohLieto ai sid enca vò, bene, a sid fortuned, l’ha ciamed adès e mi Gabrie-le ch’l’ha scrètt una puesia nova e uc la vein a dì sobte.

7


Stefano Palmucci


Menga:


(anche lei euforica, sistema il divano e le sedie) dai Libero, sgombraachè, aparcèma la scena per Gabriele. Cus t’disg ma? lò us pudria met-ta achè e noun a fem un semicerchio, achsè a pudrem sintì tott.


Giacoma:


no, ma lù l’è mei mettli da la perta dla fnestra, ch’ui ariva più luce.


Menga:


te rasgioun. Alora ma lù al mitem alè e noun a stam da sta perta. (spo-sta i mobili)


Lieto:


oh, scused, mo ma me um tocca propri scapè. Um dispisg perché ai tni-va che mai a sintì sta nova puesia. A la sintrò un elt dè.


Giacoma:


(candida) a sid sicur? a gli a fèd aspitè?


Lieto:


eh, la sarà dura, mo ad ste mumeint an pòs fè mei.


Libero:


(con intenzione) te bsogn d’una mena, per quel che t’è da fè, vero Lieto?


Lieto:


eh? No. (cogliendo) Aaah, sé, l’am bsugnaria cumè e pen ….


Menga:


no, scusa po’, Lieto, mo adès Libero un si mov da chè.


Lieto:


scusa te, Menga, an vleva metta bècch tra moi e marid.


Menga:


nu bacila, Lieto, per quell u i è tent ad che post …(suonano) Ecco, l’è lù!


Giacoma:


(eccitatissima) Menga, va arvì, corr …


Libero:


tott al volti l’è achsè, e per ch’l’apia d’arvè e pepa …


Lieto:


me a vagh, av salut ma tott …


(Menga apre ed introduce Gabriele, nella tipica postura dell’artista, maglione a collo alto e andatura ad un metro da terra. Le donne sono in adorazione. Lieto lo saluta)

Bondè. Ho savud ch’l’ha scrètt una nova puesia. Um dispisg da nu sinti-la ma um tocca propri scapè. Ac avdem. (Lieto esce)

(Gabriele lo guarda uscire schifato, poi si mette in posizione: estrae un foglio, si concentra)

Menga:         cos’è? Un “ode”? ha già un titolo?

Gabriele:     un sonetto, sorella, con un titolo di lavoro: “il ritratto della salute”

Giacoma:  oohhh…pu bela chla sarà …

Menga:         ssssttt…zetta, ma! Chmenza po’, vate, che an stem piò tla pela.

(Gabriele si concentra molto e poi declama ispiratissimo)

Gabriele:     la nebbia agl’irti colli …

Libero:           questa um per d’avela già sintida …

(Gabriele lo gela con uno sguardo adiratissimo)

Menga e Giacoma:               sssstttt ….!!!!

8


Agenzia Matrimuniela

(nuova concentrazione di Gabriele)

Gabriele:   la nebbia agl’irti colli, agl’ossi mi fa male, c’ho su una cervicale, che mi fa tribolar. Gli spifferi del Borgo, m’aggravan la bronchite, c’ho pure la pleurite, che mi sta a tormentar. Mi manca netto un braccio, per via d’una trombosi, c’ho artrosi e una scogliosi, e non ne so il perchè. Tra le rossastre nubi, la dama nera attende, col braccio che mi pende, lo piego e le fò: tiè!

(le donne applaudono freneticamente, estasiate)

Menga:         brev…pu brev…bis!!

Giacoma:  am sint totta la cherna pulastreina …

Menga:         t’zì propri un “vate” …elt che Manunzio …

Gabriele:     D’annunzio, Domenica, era D’annunzio l’altro vate.

Giacoma:    s’in ti pobblica gnienca questa, e vò propri dì che e mond l’è fat a l’arversa.

Gabriele:   vi ho già spiegato, madre, che come per tutti i grandi artisti che hanno calcato questa misera terra nei secoli passati, potrò essere degnamente celebrato solo dopo la mia dipartita.

Libero:           speremma che sia prest …

Menga:         Libero, cus t’disg?

Libero:           eh, s’l’ha da patì achsè com che giva la puesia …

Menga:         ignurent! Tla puesia e vate e szcureva d’una sofereinza spirituela.

Giacoma:  lascia perda, Menga, u n’è colpa sua s’l’è sno un bdoc arfat, ch’un po’ savè gnint dla cultura, dl’eleghenza, dla rafinenza ….

Menga:         t’è rasgioun, mà, al pudem sno cumpatìl.

Giacoma:  Gabriele, t’arvenz a magnè sa noun? Ad là l’è bela prount, e te t’zarè

strach dop totta la fatiga che te fat per scriva chla bela puesia. Menga: giost, ma. Medti da seda, vate. (gli offre una poltrona)

Libero:           purett, che fatiga ch’l’avrà fat. S’us vò arpunsè una muliga ai pòs dè la vanga, che u i è da fè l’ort.

Gabriele:     (lo ignora e si accomoda) quasi quasi, madre. Devo rinfrancare il corpo,dopo le fatiche dello spirito. Potrei fermarmi per desinare.

Menga:         dai Gabriele, nu fa i cumplimeint. A stem achsè poch insein, totta la fa-meia. U i è enca ch’l’impiastri che lè, mo pacinza.

Gabriele:   volentieri accondiscendo, Domenica. La presenza del buon villico non mi tedia, anzi mi sollazza.

9


Stefano Palmucci

Libero:           grazie, vater.

(Gabriele si alza all’improvviso, come colto da raptus)

Giacoma:  cus ch’u i è?

Menga:         Gabriele, tz’tè bein?

Gabriele:     una ispirazione! Presto, devo correre. (si avvia alla porta)

Giacoma:    oddio, u i è vnuda un’enta ispirazioun. Og l‘è propri un dè da sgnè sora e calenderi.

Menga:         vai, Gabriele, còr. A magnè t’ui pensarè, nu fat scapè sta nova ispira-zioun!

Gabriele:     giammai!! A più tardi, forse (scappa come in preda a raptus).

Giacoma:  eh, che furtuna avè un pueta ad chesa, oun di mi fiul …

Menga:         davera mà, e po’ achsè brev …

Giacoma:    enca tè t’zì l’urgoi dla tu ma, Menga. Gabriele l’è sted sno una muliga più furb che un s’è spused …(guarda significativamente Libero)

Menga:         te rasgioun ma, mo ormai cus t’ui vò fè? Ut toca tola achsè com ch’la è.

A fac un selt giò tla Coop a toh ch’la cunfezioun ad mozzarella, mà.

Giacoma:  u gni po’ andè e tu marid, ch’un fa gnint tott el dè?

Menga:         mo va là. Tla Coop u i è do cunfezioun ad mozzarella: ouna bienca e ouna rossa. S’a mand ma lò, sicur che e sbaia, e dop um tocca arturnè ma me a cambiela.

Giacoma:  sé, giost, te rasgioun, va po’.

Menga:         a fac t’un lemp. Te mà bota un oc me sugh, ad là. (esce)

Giacoma:  e te t’an scap? Un sia mai che ad fura t’duvess truvè un lavor, vera?

Libero:           nu baciled, Giacoma, che tott i gir ch’a duveva fè ad fura per truvè un la-vor a i ho già fat da un bel pez.

Giacoma:  ho capid, e po’ l’è sempre mei aspitè che sia lò, a vni a circhè ma te …

Libero:           eh, già.

Giacoma:  (canta) quando il lavoro viene il campanello suonerà ….

Libero:           a n’avid d’andè a tni d’oc e sugh, vò?

Giacoma:  a vagh, a vagh … la vnirà enca per te …(esce a destra cantando: “va-gabondo che sono io…”)

(Libero riprende il giornale. Suonano, Libero va ad aprire)

Irina:               ciao. Sono Irina … eccomi qua

Libero:           (non capendo e rimanendo colpito) Irina …?

10


Agenzia Matrimuniela


Irina:


lei è Lieto?


Libero:


(realizzando) molto … lieto. (di nascosto si sfila la fede).


Irina:


piacere. Mi scusi sono un po’ emozionata. All’agenzia mi avevano con-sigliato di fare il primo incontro in un bar o in un luogo pubblico ma lei ha tanto insistito per farlo a casa sua.


Libero:


oh, veramente? mi scusi, non mi ero reso conto di avere insistito. Pro-babilmente ho parlato senza pensare, un posto vale l’altro. (Preoccupa-to, verso il resto della casa) anzi a pensarci bene ha ragione lei, meglioun bar, andiamoci subito. Prendo qualcosa da mettere.


Irina:


mah, ormai siamo qui. Se non le dispiace, possiamo rimanere, così po-tremo parlare con un po’ più di tranquillità.


Libero:


rimanere qui?


Irina:


se non ha niente in contrario.


Libero:


chi, io? No. Assolutamente, perché dovrei? Possiamo darci del tu?


Irina:


volentieri.


Libero:


accomodati, Irina. Bevi qualcosa?


Irina:


una coca cola, se ce l’hai.


Libero:


(volteggiando galante verso il mobile bar) una coca con ghiaccio perrompere il ghiaccio. Ha, ha, ha… siediti Irina. Di dove sei, tu?


Irina:


sono bielorussa, di Minsk.


Libero:


ah, bielorussa. Mio zio era comunista, avanti popolo ha, ha, ha … e co-me sei capitata da queste parti?


Irina:


in Bielorussia non c’è lavoro. Sono venuta tre anni fa, qui faccio la commessa da Guidi, il negozio di scarpe.


Libero:


che bello, mi pare un lavoro che ti calzi a pennello. Ha, ha, ha..


Irina:


tu sei di qua?


Libero:


mai mosso, sono nato e cresciuto a trecento metri da qui, poi quindici anni fa mi sono spo … (si corregge) spostato … mi sono spostato e so-no venuto ad abitare qui.


Irina:


vivi solo?


Libero:


(guarda verso la cucina) con mia mamma. Poverina abbiamo perso miobabbo tre anni fa e così è venuta ad abitare qui con me, le faccio com-pagnia. Adesso è di là, speriamo non venga a disturbare.


Irina:


che bello. Mi piacciono gli uomini che sono legati alla mamma. Quella chi è? (indica una foto)


11


Stefano Palmucci


Libero:


quella, chi?


Irina:


quella della foto, abbracciata a te.


Libero:


quella è … mia sorella. Mia sorella Menga.


Irina:


avete i vestiti da matrimonio.


Libero:


sì, l’abbiamo fatta per il suo matrimonio, quella foto. Io le ho fatto da te-stimone.


Irina:


siete una famiglia molto unita.


Libero:


mah, come in tutte le famiglie abbiamo i nostri alti e bassi, ogni tanto qualche screzio, ma in fondo ci vogliamo bene. E tu? La tua famiglia?


Irina:


io ho solo mia madre che lavora a Riccione. Mio padre non so dov’è.


Libero:


posso chiederti cosa ha spinto una ragazza bella e interessante come te ad iscriverti ad una agenzia matrimoniale?


Irina:


potrei fare anche io a te la stessa domanda.


Libero:


mi trovi una ragazza bella e interessante? Ha, ha, ha, scherzavo. Vedi Irina, (aulico) qui da noi è facile trovare una ragazza per una sera, ma molto difficile trovare una donna per tutta la vita.


Irina:


vedi che hai già risposto alla tua domanda? Anche io la penso così.


Libero:


anche tu cerchi una donna per tutta la vita? Ha, ha, ha, scherzavo. Sen-ti, ora che abbiamo rotto il ghiaccio cosa ne diresti di approfondire la co-noscenza di fronte ad una bella pizza?


Irina:


volentieri, Lieto.


Libero:


domani sera alla pizzeria dal Baffo, a Riccione?


Irina:


si, la conosco, va bene per domani sera. Vediamoci lì alle otto.


Libero:


posso venire a prenderti.


Irina:


no grazie, Lieto. Preferisco incontrarci lì, così approfitto per passare da mia mamma. Posso domandarti solo una cosa prima di andare?


Libero:


tutto quello che vuoi, Irina.


Irina:


mi si sta scaricando l’emozione: avrei bisogno del bagno.


Libero:


prego, è quella porta in fondo, vai pure.


Irina:


grazie (esce a sinistra).


(dalla cucina entra Giacoma)

Giacoma:  sa chi szcurivi, Libero?

Libero:           me? Sa niscioun.

Giacoma:  a sintiva un bugaroun.

12


Agenzia Matrimuniela

Libero:           mah, forse l’era la televisioun.

Giacoma:  mo s’la è smorza.

Libero:           a penseva una roba, forse senza incorg-mi, a szcureva da per me.

Giacoma:  e po’ essa, cumè i matt.

Libero:           adès andè, ch’us brusgia e sugh.

Giacoma:  mo va là, ancora un boll.

(dal bagno esce Irina)

oh, buongiorno.


Irina:


buongiorno, signora.


Giacoma:


chi è questa signora, Libero?


Irina:


Libero?


Libero:


libero … si, adesso il bagno è libero.


Giacoma:


ma cosa ci faceva lì dentro? … non sarà quella dell’agenzia?


Irina:


(prima che Libero possa parlare) si, signora, sono io. Suo figlio le haparlato di questo appuntamento?


Giacoma:


lei conosce mio figlio?


Irina:


beh, un pochino. Abbiamo appena iniziato.


Giacoma:


(a Libero) u i era Gabriele achè?


Libero:


sè, mo l’è scap ad coursa, u i è vnuda un’enta ispirazioun. Comunque ho già parlato io con la signorina, adesso lei deve proprio scappare, ci siamo già accordati per un secondo appuntamento.


Giacoma:


oh, che peccato che debba già andare. E quando tornerà?


Irina:


non so, signora. Ci siamo dati appuntamento in pizzeria.


Giacoma:


in pizzeria?


Libero:


si, ho pensato di farle conoscere i piatti nostrani, che lei essendo stra-niera non li conosce. Gulash, Kalmut, Kibbutz …


Giacoma:  ma quale pizzeria, quando ti metti in mezzo combini solo guai. Sono io che devo trattare con la signorina, dovrà occuparsi di me, mica di altri. Lei signorina non può rimanere altri cinque minuti?

Irina:               se vuole … certamente.

Giacoma:  ecco, vedi? Te vai pure a fare i tuoi lavori e a noi lasciaci chiacchierare

in pace.


Libero:


miei lavori? Li ho finiti. Preferirei rimanere, se non vi dispiace.


13


Stefano Palmucci

Giacoma:  basta che ti metti lì e non disturbi, eh?


Libero:

Giacoma:

Irina:


zitto e buono, non fiaterò. Promesso (si mette in disparte).

posso offrirle un the, signorina?

grazie, ho già preso una coca. Sono a posto.


Giacoma:  bene, dunque. Lei signorina è molto giovane, posso chiederle quanti


Irina:

Giacoma:

Irina:

Giacoma:

Irina:


anni ha?

ne ho trentaquattro, signora. Non sono più così giovane, purtroppo.

quelle delle mie amiche sono molto più mature. Cinquanta, sessanta …

al mio paese ci si sposa molto giovani. Qui avete abitudini differenti.

è la prima volta per lei, Irina?

ehm, si, certamente, la prima.


Giacoma:  ah, peccato. Io veramente avrei preferito con un po’ di esperienza, però


Irina:


non importa. Mi sembra sveglia, una che impara presto.

mah, cercherò di fare del mio meglio, ce la metterò tutta.


Giacoma:  lei poi verrà ad abitare qui. Vuole vedere la casa? Posso mostrale la sua


Irina:

Libero:


stanza?

mah, mi sembra ancora un po’ prematuro.

beh si, bisogna vedere se la cosa andrà in porto.


Giacoma:  te avevi promesso di stare zitto. Io sono certa che andrà in porto, la si-


Irina:

Giacoma:

Irina:

Giacoma:

Libero:

Irina:


gnorina mi sta già molto simpatica. Possiamo darci del tu?

volentieri, signora.

chiamami Giacoma.

d’accordo, Giacoma.

tu da quando saresti disposta a cominciare?

… se tutto andrà in porto.

non so, bisogna che stabiliamo insieme con suo figlio, sono decisioni da

prendere insieme.


Giacoma:  lascia stare mio figlio, lui non c’entra niente. Siamo io e te che dobbiamo


Irina:


passare d’accordo.

ah si? mi aveva detto che avete un rapporto molto stretto, ma non pen-

savo fino questo punto.


(Libero fa un segno come dire: cosa ci vuoi fare? Porta pazienza)

Giacoma:  allora, io ti voglio dire subito che voglio fare le cose tutte regolari, nero su bianco, un contratto con i tutti i contributi, eccetera.

14


Agenzia Matrimuniela


Irina:


(spiazzata) un contratto?


Libero:


si, tecnicamente, in definitiva, sarebbe un contratto.


Irina:


va bene, non ho niente in contrario.


Giacoma:  dunque tu dovrai occuparti soprattutto di me, assistermi. Come vedi io sono molto autosufficiente, sarai più una dama di compagnia, ecco. Poi, sì, un po’ di pulizie, preparare il pranzo, più che altro dovrai dare una

mano a me e alla Menga.


Irina:


(un po’ imbarazzata) si, perché ... voi abitereste qui?


Giacoma:  mah, adesso vediamo come vanno le cose, la convivenza, diciamo. Se mi fanno pesare questa situazione, li ho già avvisati che prendiamo e

torniamo a casa mia.


Irina:


ah, ecco.


Giacoma:    io all’inizio direi di cominciare con un periodo di prova. Anche per tutelar-ti a te, se non ti trovi bene. Poi invece se ci troviamo bene, possiamo fa-re a tempo indeterminato.

Irina:               un periodo … di prova?

Giacoma:  naturalmente se non ci trovassimo bene, se dovessero nascere dei pro-blemi, da una parte o dall’altra, ci diamo, non so, quindici giorni di tem-po, e poi ognuno per la sua strada, amici come prima.

Irina:               quindici giorni … ? amici come prima?

Libero:           (le fa cenno che Giacoma è un po’ matta) beh, io credo che adesso Irinaabbia bisogno di pensarci sopra, ci ha appena conosciuto, questi sono tutti dettagli che possiamo discutere quando la decisione sarà presa, non c’è tutta questa fretta.

Giacoma:  perché no? Dal momento che si è iscritta ad una agenzia, significa che

desiderava cominciare al più presto.


Libero:


si, d’accordo. Però non sapeva con chi poteva capitare, insomma, ha cominciato a conoscerci adesso, lasciamola metabolizzare, poi la pros-sima volta, ci conosciamo meglio, le mostriamo la casa, la camera, tutto.


Irina:


si, forse è meglio pensarci bene prima, vorrei avere un momento per ra-gionare.


Libero:


prenditi pure tutto il tempo che ti serve, Irina. Magari ci rivediamo con calma, quando ci hai pensato, e poi, con comodo, definiamo bene tutto quanto.


Irina:


si, preferirei così, grazie.


Giacoma:  come vuoi, Irina, mi sembra giusto.

15


Stefano Palmucci


Libero:


posso accompagnarti alla porta?


Irina:


sì, grazie (si avviano).


Giacoma:


non abbiamo parlato dello stipendio.


Irina:


stipendio?


Libero:


(in disparte ad Irina) scusala è una curiosona, vuole conoscere il tuo sti-pendio, sai, i vecchi di una volta …(forte) avremo tempo di parlarne, so-no altre le cose importanti della vita.


Irina:


arrivederci, Giacoma, molto piacere di averla conosciuta.


Giacoma:


piacere mio, Irina. Allora aspetto tue notizie.


Irina:


sì…va bene, non mancherò.


Giacoma:


arrivederci. (esce a destra)


Libero:


(mentre la accompagna) la devi scusare, Irina, a giorni è lucida, altri nonci sta proprio con la testa. Oggi era uno di quelli.


Irina:


non ti preoccupare. Mi ero accorta che qualcosa non andava.


Libero:


comunque hai sentito anche tu che se questa casa dovesse affollarsi, lei è pronta a tornare alla sua.


Irina:


direi di fare un passo alla volta, Lieto.


Libero:


giusto, Irina. Cominciamo con la pizza del baffo, come d’accordo.


Irina:


ok, Lieto, ci vediamo lì.


Libero:


ciao Irina.


(Irina esce)

(tra sé, con malcelata soddisfazione) eh no, caro e mi fradell, sta sgnu-reina l’an mi cunvinc propri per gnint. Me an pos’ cunsgnè ste pach a scatla ciusa ma Lieto, senza avè capid bein sla po’ andè bein per lò, senza avela chnusuda bein, senza avè capid sla è bona, pulida, breva

…no, no, no, um tocca aprufundì la cunuscenza. Per adès e sarà mei nu dì gnint, bsognarà ch’am sacrifica un’enta muliga. (allarga le braccia sconsolato ed esce a destra mentre cala il sipario)

FINE PRIMO ATTO

16


Agenzia Matrimuniela

ATTO SECONDO

Stessa scena. All’apertura del sipario Libero entra da destra, vede il giornale, si siede e lo apre. Suonano alla porta, Libero impreca, chiude il giornale e va ad aprire. E’ Lieto.


Lieto:


(trafelato) la è già arvata?


Libero:


chi?


Lieto:


la ragaza dl’agenzia. La sarà achè da un mumeint a ch’l’elt. La s’cèma Irina, t’zì prount? A m’arachmand, eh?


Libero:


eh, sta chelmi, Lieto, s’l’ariva a la chnusciarem, no? T’un zì andè ma l’agenzia aposta?


Lieto:


no, no, me an gne la fac, u m’è vnud un’agitazioun che mai, a i ho una sudarela m’ados …me am vagh a masè ad là. Szcorr te sa lia, com ch’a sirmi d’acord.


Libero:


e dop s’la s’duvess inamurè ad me?


Lieto:


(gli viene un dubbio, poi lo guarda in faccia) nooo…nu bacila per quel,che un gn’è niscioun perichli.


(suona il telefono di Libero)

Libero:           si? Ciao. Ah, sì? No, no, volentieri. Adesso? Si, d’accordo. Magari. Va bene, ti raggiungo subito. (chiude)

Lieto:              du t’è d’andè?

Libero:           um tocca scapè. I m’ha ciamed per un lavor, forse. A fac t’un sbress.

Lieto:              mo lia l’ariva adès, com ch’a fac? T’an pò scapè dop?

Libero:           no, um tocca fòggia. An pòs fè d’mench.

Lieto:              mo propri adès? E s’l’ariva?

Libero:           (prende il giacchetto, sulla porta) s’la è bona, t’at present e t’ai szcorr, seno, t’ui disg che t’at cèm Libero e che e tu fradell Lieto u gni è. Artorne sobte. (esce)

Lieto:              (rimasto solo) mo guerda te, propri adès …

(da destra entra Giacoma).

Giacoma:  oh Lieto, bondè, a sid da pri vò?

Lieto:              sé, aspet e mi fradell ch’l’è duvud scapè ad corsa mo l’artorna sobte.

Giacoma:  oh capid. E vost bà com che sta?

Lieto:              eh, ad salute u gni è mel, mo ad testa l’è sempra pegg.

17


Stefano Palmucci

Giacoma:  davera? Um dispisg.


Lieto:


u i è di dè ch’l’è cunvint da essa ancora tla su chesa ad campagna, e u gni è vers da fei capì che ormai l’è in pensioun da disg an e che un fa piò e cuntadein.


Giacoma:


mo peinsa te …


Lieto:


ah, dli volti e sta sò al quatri dla mateina, me al sint e ai dmand: “bà, du t’vè da st’ora?” e lò u m’arspond che e va giò tla stala a dè l’acqua m’al bestci.


Giacoma:


mo la stala an l’avid miga piò.


Lieto:


no, la è totta tla su testa mata. L’artorna a mizdè e e taca a szcorra de videl ch’la da nascia, de baghin ch’l’è poch gras …


Giacoma:  ui vò na bela pacinza.

Lieto:              davera! E po’ adès u s’era mes tla testa d’andè a Puien, ma la fira dli bestci, per cumprè una munghena nova. U c’ha fat una boba, ma me e me mi fradell, sta ste Puien, ch’an ni pudimi piò. Ah, l’aveva punt ad bròt

…e vleva andè da per sé a pid.

Giacoma:  e adès u n’el disg piò?

Lieto:              adès a i avem spieghed che enca ma Puien al bestci l’in si vend piò. Te prim un gni crideva, e vleva andè a veda ad persouna. E po’ Libero u i ha dèd d’intenda che adès al mungheni l’is vend a domicilio, e che e pa-sa un sgnor per fè veda e “catalogo”.

Giacoma:  e lò u i a cridud?

Lieto:              sé, ogni tent e dmanda quand l’ariva ste sgnor da Puien, mo noun ai gèm sempra dmen.

Giacoma:  ui vò pacinza, si vecc.

Lieto:              noun a n’avemie un camion, una volta, mo adès a l’avem bela fnida.

Giacoma:  beh, tent auguri. Adès, s’u gni dispisg, me avria d’arturnè tla cusgina.

Lieto:              sé, sgnora, andè po’, tenimodi e mi fradell l’avria d’arvè sobte.

Giacoma:  ac videm, e salutem e vost ba.

Lieto:              grazie, Giacoma, senz’elt.

(Giacoma esce a destra. Dopo un po’ suonano alla porta. Lieto va ad aprire. È Iri-na2)

Irina2:            buongiorno, sono Irina, mi manda l’agenzia Urbi et Orbi.

Lieto:              (la squadra) ah … si. (Deluso) Lei forse cerca il mio fratello Lieto, cheadesso non c’è. Io sono …Libero. Libero Parloni.

18


Agenzia Matrimuniela


Irina2:


oh bene, non importa, comunque io posso parlare con lei?


Lieto:


si, può fare con me, non so se mio fratello ritorna, comunque dopo ci penso io a dirgli tutto. Sa, lui è anche un po’ timido, per quello è andato all’agenzia.


Irina2:


(entra e si accomoda) prima volta?


Lieto:


si, è la prima volta.


Irina2:


per me questa è la sesta volta.


Lieto:


sesta volta??


Irina2:


si, sesta. Ma mai stata mandata via, eh? No. Io li ho assistiti tutti cinque fino alla morte.


Lieto:


ah, però. Complimenti. Sono morti giovani.


Irina2:


no, molto vecchi. Io li ho sempre presi già molto in su con gli anni.


Lieto:


ho capito.


Irina2:


vuole leggere le referenze?


Lieto:


no, grazie, non c’è bisogno.


Irina2:


comunque io dovrei occuparmi di suo fratello Lieto? Quanti anni ha? È autosufficiente?


Lieto:


si, è autosufficiente. Lui purtroppo ha solo quarantacinque anni.


Irina2:


è molto giovane, più di me. Forse è malato?


Lieto:


no, non è malato. E’ in buona salute, facendo le corna.


Irina2:


e quando lo posso vedere? Io sono pronta a cominciare da quando vole-te, anche da domani, da lunedì …


Lieto:


ah, beh, non c’è nessuna fretta. Prima bisognerà vedere se andate d’accordo, se potete andare bene l’uno per l’altra.


Irina2:


certo. L’agenzia vi ha già parlato di mio stipendio? Io voglio fare tutto re-golare.


Lieto:


ah, lei pensava ad uno stipendio fisso?


Irina2:


si, novecento euro al mese, mangiare, dormire, e un giorno di riposo a settimana.


Lieto:


come … un giorno di riposo?


Irina2:


si, meglio domenica, ma possiamo accordarci. Più un mese e mezzo di ferie in estate, che io torno in Minsk.


Lieto:


ah, quindi le ferie le fareste … separati? Perché non credo che a mio fratello questa cosa possa sfagiolare.


19


Stefano Palmucci


Irina2:


se vuole, può venire anche lui in Minsk, no problema. Io faccio conosce-re mia famiglia.


Lieto:


ah, perché lei ha una famiglia là?


Irina2:


si, due figlie. Femmine. Che vivono con nonna e mio marito.


Lieto:


come … marito?


Irina2:


si, mio marito. Io lasciato marito e due figlie là.


Lieto:


quindi lei è divorziata.


Irina2:


no. Io ancora sposata, venuta qua per lavorare. Poi quando guadagna abbastanza torna a vivere a Minsk.


Lieto:


ah, ho capito, quindi … se ho capito bene, lei vorrebbe, come dire, tene-re un piede in tutte e due le staffe.


Irina2:


si, certamente. Là, famiglia, qui lavoro.


Lieto:


(sbrigativo) va bene, ho capito. Quando torna mio fratello gli riferisco tut-to. Dopo eventualmente ci penserà lui a contattarla.


Irina2:


va bene, voi avete mio numero. Fate sapere appena deciso.


Lieto:


si, non bacili, che al più presto le farà avere la sua risposta. Arrivederci, arrivederci, mi saluti suo marito.


Irina2:


arrivederci (esce).


Lieto:


(da solo) e quella esaria quella ch’avria dmand me? Pacinza s’la n’erabela, pacinza s’la era sgudebla, mo enca già marideda propri no, eh? Adès a vagh a ciamè l’agenzia e am fac sintì, vaca boia …


(entra Menga, seguita subito da Paciugh)

Menga:         vnìd, vnid aventi, Paciug. Libero la da essa at chesa. Oh, veh, Lieto, t’zì da per te? Libero du ch’l’è?

Lieto:              (arrabbiato) Libero l’è scap disg minut fa, quand ch’aveva piò bsogn adlù, e u m’ha lasc se furminent t’al meni!! (esce adiratissimo).

Menga:         s’al vlid aspitè achè, Paciugh. E duvria turnè a mumeint.

Paciugh:    verameint, Menga, piò che Libero, a circheva e su fradell.

Menga:         Gabriele? L’avria da essa ad là, sla mi ma. A vagh a veda e a ve mand ulta, s’u i è.

Paciugh:    va bein, am mètt da seda achè.

Menga:         fèd comè ma chesa vosta, Paciugh (esce in cucina).

(Paciugh si accomoda. Trovando la porta aperta, bussa ed entra Alfiero)

Alfiero:          permesso? Sono Alfiero Malaguti, titolare dell’Agenzia Urbi ed Orbi.

20


Agenzia Matrimuniela


Paciugh:


oh, bondè, mè a so Parloni Paolo, mo im disgh tott Paciugh.


Alfiero:


piacere. Passavo da queste parti quando ho ricevuto la telefonata. Siete voi che vi siete rivolto alla nostra agenzia e vi siete dichiarato insoddi-sfatto?


Paciugh:


che cos’è che avrei disfatto? Ch’um scusa mo me a so abitued a szcorra e dialett. Conoscio anche l’itagliano, mo però dopo delle volte mi avruc-cio.


Alfiero:


ah mo, ch’un bacila, ch’av capess. Pocapì che me a so ad Puien.


Paciugh:


ah, lù l’è che sgnor ad Puien? Ho capid. Sé, sé, u m’aveva dètt e mi fiul che e saria vnud. Ch’u s’acomoda po’. E ch’um degga: l’è po’ vera che ma la fira ad Puien al bestci li n’gn’è piò?


Alfiero:


eh, l’è vera, purtropp. A m’arcord che quand a sera sznin me, l’era sno una fira ad bestci. U i era do-tri bench sa di baciachli, mo is pirdeva tra tott che via vai ad caval, mungheni, pigri, cunei, baghin …


Paciugh:


u me disg ma me? Noun a partimi al cinq dla mateina per andè ma la fi-ra ad Puien. E mi zei e feva e sensel.


Alfiero:


eh, bei teimp, un gn’era tott al cumudità muderni, mo u si steva mei quand ch’u si steva pegg. Adès u s’è ardot un merched nurmel, tot bench sla roba da magnè, vistid, giugh e dal bestci u i n’è arvenzi sno do-tre, t’un cantoun.


Paciugh:


i mi fiul i m’ha dètt che adès l’is vend tramite “Agenzia”.


Alfiero:


eh, già. Cus ch’ui vò fè? L’è e prugress. Alora, vnend adès me nost szcors, me a so vnud ad persouna perchè sicom che vò a sid e mi prim client, an mi pòs permetta da sbaiè la prima bota.


Paciugh:


ch’un bacila che a vidrem da mettla a segn, chla bota.


Alfiero:


alora, noun avem apeina avert mo avem già una scelta che mai. L’è im-pusebli ch’an pudeva truvè quella ch’la facia pri vò.


Paciugh:


a so cunvint enca me ch’a la truvarò.


Alfiero:


ecco, alora. Cum degga bein com ch’a la vressve.


Paciugh:


alora, prima ad tott, me e la turia da fei fè raza.


Alfiero:


a la vosta età?


Paciugh:


beh, mo cus ch’u i entra? an l’ho miga da muntè me! A la port a Cerasol, da un mi amigh.


Alfiero:


da un vost amigh?


Paciugh:


sé. L’è specialized. I vein da totta la Rumagna.


21


Stefano Palmucci


Alfiero:


(imbarazzato) beh, però a capirid enca vò che sarà fatiga truvè ounach’la sia disposta a fè sti lavor.


Paciugh:


ch’un bacila. Me ho sempre vest che dop ch’a gli è stedi la prima volta, l’in ved l’ora d’arturnè.


Alfiero:


beh, per quell, dop semai av mitrì d’acord tra d’vuilt. E fisicameint cum’è ch’a la vressve?


Paciugh:


alora. Prima ad tott me a la voi chla sia sena e rubosta.


Alfiero:


per una agenzia seria cum’è la nosta, quel l’è e menim sindachel.


Paciugh:


e po’ a la voi ad coscia longa e gamba curta, costa grosa, mus gros e quedri, occ vesp e arzell, pèt lergh e tetti grandi.


Alfiero:


orca, Paciugh …us po’ dì che av cuntinted ad poch. Avid un moc d’esigeinzi ed enca particuleri: um per da capì ch’avid una bela espe-rieinza te setor.


Paciugh:


ah, sé. E ch’un guerda adès, mo una volta aveva una stala da fè invidia.


Alfiero:


a ne mètt in dobbie. A circarem d’acuntitev. Avem un bel campiuneri.


Paciugh:


benessme. E poi a la voi chla sia ad pura razza rumagnola.


Alfiero:


ah, sé? Eh, alè ho feda che a farem una muliga più d’fatiga. Perché noun, al rumagnoli, sincerameint, an li tratem. A la vlid propri se pedi-gree?


Paciugh:


eh? No, no, me a la voi femna!


Alfiero:


no, a giva s’l’an pudria andè bein enca d’un’enta raza. Avem ch’al ròssi ch’al va via cumè e pen. Agl’è brevi, pulidi, svelti, rispet m’al nustreni agl’ha una mercia in piò.


Paciugh:


eh, no. Um dipisg mo me a la voi rumagnola. Tla mi vita ho prov sal marchigeni, sal piemontesi, sal parigini, mo sa totti quelli ch’li n’era ru-magnoli ho sempre trov che pècc ch’u n’andeva bein.


Alfiero:


e an vlid proprie pruvè s’un’enta raza?


Paciugh:


no, grazie. A la voi rumagnola.


Alfiero:


alora, scused Paciugh, mo gemla s-cietta e netta: vò a sid razesta!


Paciugh:


sé! E un bel po’. Ul po’ di pien e fort.


Alfiero:


ah, stimev. Um dispisg, sgnor Paciugh, mo alora a n’andem propri d’acord. Me a so muderni e tulerent, e vò avid ancora la mentalità ad cent an fa e piò.


Paciugh:


e po’ enca essa, mo sicom che me a la pegh, a la voi com ch’a degg me, no com che disg lù.


Alfiero:


u n’è quistcioun ad paghè, sgnor Paciugh. La mì l’è un’agenzia seria.


22


Agenzia Matrimuniela

Paciugh:      e alora, sla è seria, ch’us daga da fè per truvè quela ch’a i ho dmand.

Alfiero:          (indispettito) av salut, sgnor Paciugh. Av faròavè mi nutizi, enca s’unsarà queli ch’a v’aspited vò.

Paciugh:      s’un trova gnint che facia per me, alora e po’ enca fè d’mench d’arturnè.

Andarem da un elt, un gni sarà mica sno lò, a fè ste lavor.

Alfiero:          uv pisgria, Paciugh, mo ho feda che la facenda l’an fnirà achè, tra d’noun.

Paciugh:      che facia com che vò. Me, quel ch’a i aveva da dì, agl’i ho dètt.

Alfiero:          ac avdem, Paciugh (esce adirato)

Paciugh:      mo guerda te, ste mat. Um vleva venda una munghena d’un enta raza. Se me ho sempri fat sal rumagnoli, perché a duvria cambiè? …

(da destra esce Gabriele)

oh, sgnor Gabriele, bondè, a circheva propri ma lò.

Gabriele:     (aulico) ave, buon villico. Chiamatemi pure “vate”.

Paciugh:    vater??

Gabriele:     (smontato) no: vate. Non vater: vate. E vòdì pueta, artesta …

Paciugh:    ah, ciò, um dispisg per lò. Comunque che staga da sintì: me avria bsogn d’una roba.

Gabriele:   di buon grado vi ausculto, caro bifolco. Il vostro eloquio volgare, i vostri modi rozzi e primitivi, l’olezzo nauseabondo che emanate, ispirano il mio animo soave alla vita agreste dei campi in fiore, ai profumi odorosi di maggese, ai suoni atavici delle greggi e degli armenti …

Paciugh:    che staga da sinti, vater, e bsogna che lù e szcorra com che magna, si no me an capesc.

Gabriele:     (smontato) gìd po’ so’, Paciugh. Cus ch’a pòs fè pervò?

Paciugh:      e ved, sgnor vater, tra poch l’arvarà una certa sgnora che a sò pas d’acord se mi fiul per invitè achè s’l’intenzioun da fei un cert szcors.

Gabriele:     una sgnora?

Paciugh:    sé, la Dafne, a la chnuscid?

Gabriele:     e disg la vedva de calzuler, quella ch’la sta ti casètt?

Paciugh:      sé, propri lia. Sicom che adès enca e mi Lieto u s’è mès tla testa da spusès, e prest um lasciarà da per me, un gn’è piò nisciouna rasgioun perché an possa circhè enca me un po’ ad cumpagnia.

Gabriele:   um per giost, Paciugh: a sì stè brev a aspitè e adès avid tott e dirètt da circhè una breva dona.

23


Stefano Palmucci

Paciugh:    lù ch’u la chnoss, cus che disg, la pudria andè bein per me?

Gabriele:   chi, la Dafne? Us capess chla pudria andè bein. Avid caped propri una bela vedva, ch’la s’tin ancora bein. Me av fac tott i mi cumplimeint e au-guri.

Paciugh:    grazie, vater.

Gabriele:     vate, va-te. Non vater.

Paciugh:    sé, insomma, ch’la roba chi lè.

Gabriele:     e perché a givi d’avè bsogn ad mè? A n’avrid ancora bsogn de flèp.

Paciugh:      no, no ch’un bacila. Però me ho bsogn ad lù perché adès i sistema per conquistè al doni i è tott difereint da quei ch’a duvrimi noun mi nost teimp.

Gabriele:     per forza, ch’la volta u gn’era miga “internet”.

Paciugh:      sè, internette … sa la mi moi, ch’la volta, l’è bast un’uceda: a l’ho cherga sla lambretta e via andè. Avem fat poch szcurs ….

Gabriele:     eh, ch’la volta la funziuneva achsè.

Paciugh:      … a sèm partid a tota randa. Sa l’emuzioun e tott, ma la prima curva, a l’ho ciapa un po’ stretta, sciummm … la m’è vuleda giò t’un foss.

Gabriele:     no! davera? …

Paciugh:    a so stèd giò da la lambretta, e impaurid a sò andè a veda sla s’era fata mel. Mo invece lia la ridiva, la ridiva e la m’aspiteva a braci averti. Avem fat al nosti robi alè te canèd e e fidanzameint l’era bela che fat.

Gabriele:     a sirvi propri rumantic, Paciugh.

Paciugh:      mo s’una sgnora cum’è la Dafne, sufesta, eleghenta, d’una certa età, an la poss carghè sora la lambretta cum’è una burdela.

Gabriele:     a l’avid ancora, la lambretta?

Paciugh:      no, a feva pri dì. E alora a giva che ma la Dafne e bsogna ch’ai facia di szcurs una muliga più rafined. E lò ch’l’è un puveta, un vater …

Gabriele:   oh  capid:  vò  avressve  bsogn  che  me  av  s-criva  una  dichiaraziuon

d’amor da dì ma sta dona: un’ode, un sonetto, un idillio, una ballata …

Paciugh:      no, a balè ai pinsarem dop, se tott e và com ch’l’ha d’andè. Me ho bsogn che lù u m’aiuta perché me an so propri che paroli duvrè. Ad solit me a chmenz a szcorra bein sno dop do - tre boci ad sang-ves, mo sa la Daf-ne an mi pòs imbriaghè.

Gabriele:   ho capid, Paciugh. Mo ui duvivie pinsè prima. Me a so un artesta, un poeta, un vate. Me a scriv sno quand um vein l’ispirazioun, an fac a chmand.

24


Agenzia Matrimuniela

Paciugh:    no, mo lù u n’ha da scriva gnint, me an voi una puesia.

Gabriele:     ah no? E alora cus ch’a vlid da me?

Paciugh:    me a pinseva che lù us pudria masè achè, dri la tenda. Me e la Dafne ac mitem da seda sora e diven, e ogni tent a veng a sintì sa lù cus ch’ho da dì e da arsponda.

Gabriele:     mo a si mat? Sgond vò, lia, l’an si duvria incorgia ad gnint?

Paciugh:      ch’un bacila per quell, che ai pensarò me a nu fèc scuvrì.

Gabriele:     e com che farà? S’avnid a szcorra sa me, lia la sintirà.

Paciugh:      ho savud da la su cugneda che la Dafne la è un po’ sorda. Sno che l’aparec per sintì l’al tin sno ma chesa, perché fura l’as vergogna.

Gabriele:   ah, ho capid, lascia po’ ch’la sia una muliga sorda, mo l’avria da essa enca meza invurnida e ciga da fat per nu incorg-se ad gnint. E po’, me, cus ch’a duvria dì? A capid enca vò ch’l’è fatiga impruvisè achsè …

Paciugh:    perchè? Lù l’è un puveta, un artesta, un vater. E chnoss bein tott ch’al paruleini ch’l’is sint ma la televisioun, ch’l’imbarbaia al doni e ui fa girè la testa. Quelli che e giva prima: l’udor di chemp in fiur, e cìas de chen che baia, la pozza di baghin ….

Gabriele:     sé, mo an so da che chent e vò ciapè e szcors, che piga ch’ui vò dè…

Paciugh:    lù e basta ch’um degga ogni tent ch’al paruleini d’amor che aduvred vuilt quand a szcurid d’amor, dop a peins ma tott me.

Gabriele:     e s’l’am ved? s’la s’incorg che me a so mased alè d’dria? Che figura ch’a fac? Ch’a fèm?

Paciugh:      a i ho dètt da nu bacilè, vater, ch’l’andrà tott com ch’la d’andè, a i e ga-rantesc me.

Gabriele:   ah, ciò. Ho capid che vò tla vosta testa avid già preparèd totta la scena e me ai so deintra finenta i cavell, giost?

Paciugh:    piò che giost, vater.

Gabriele:     pruvemma po’ da fè enca questa. E ma sta dona cum ch’ui vò szcorra?

In dialett o in italien?

Paciugh:    che facia lù, cum ch’ui vin mei.

Gabriele:     a pruvarò. Però an voi respusabilità eh? L’è una roba totta sua…

Paciugh:      eh, quant messi che fa, giò, ch’us daga una mosa … (suonano). Ecco, la è arvata. Ch’us vaga a masè.

Gabriele:     duv’è ch’am duvria metta?

Paciugh:    achè, achè, che staga mased achè. (lo conduce alla tenda)

25


Stefano Palmucci

Gabriele:     (mezzo nascosto dalla tenda, come colto da un’ulteriore ispirazione) esia, buon villico! Mi celerò dietro l’arazzo, per seguire il vostro andazzo …anche se non ci sto capendo un …

(nuova scampanellata, Gabriele sparisce dietro la tenda. Paciugh va ad aprire, en-tra Dafne).


Dafne:


bondè Paciugh, a giva d’avè sbaiè chesa.


Paciugh:


no, no, Dafne, ch’la venga pò’ aventi, la chesa l’è questa. An mi so azarded da invitela ma chesa mia, perché sicom a i ho di vsin curios che mai, chi sta sempre ma la fnestra, ho pinsed che s’i la duvess veda in-trè, i pudria cavè dal ciacri.


Dafne:


oh, a la ringrezi dla premura. Enca s’un si fa gnint ad mel, dal ciacri cati-vi dla geinta malegna, l’è sempre mei fè seinza.


Paciugh:


ai cred! e alora a l’ho inviteda ma chesa de mi fiul, achsè enca se qualch’d’oun u la duvess veda, un pudria dì gnint. Ch’la s’acomda.


Dafne:


grazie.


Paciugh:


u n’è che per ches a l’ho mesa in imbarazz, se mi invit?


Dafne:


per gnint, Paciugh. Enzi, s’a i ho da dì la verità, un po’ a m’l’aspiteva.


Paciugh:


davera? Lia l’aspiteva e mi invit?


Dafne:


beh, quand a pass tla piaza, che lù l’è te cafè sa chi omni, dal volti am sint i su sguerd m’adòs e alora …beh … insomma … basta, an voi andè trop in là se szcors. L’è stèd lù ch’u m’ha invited e l’è lù ch’l’ha da szcor-ra per prim.


Paciugh:


giost! alora, se lia l’am permet, senza ste a girè tent d’intonda, me an-dria sobte me sod.


Dafne:


avid rasgioun, Paciugh. A n’avem piò l’età da perda e teimp a girè d’intonda.


Paciugh:


(si alza) s’l’am vò scusè, a fac un po’ aventi indria, intent ch’ai fac e miszcors, perché achsè a trov mei la cuncentrazioun.


Dafne:


com che cridid, Paciugh. Av dmand sno da szcorra una muliga fort, per-ché l’è un po’ ad teimp che an sint piò bein cum’è una volta.


Paciugh:


ch’l’an bacila. (si schiarisce ed alza la voce) alora: sgnora Dafne!


Dafne:


sé.


(Paciugh si avvicina alla tenda ed attende l’imbeccata)

Gabriele:     (sottovoce) me e lia ac chnuscem da quand ch’a sirmi burdell …

Paciugh:      (declama forte) me e lia ac chnuscem da quand ch’a sirmi burdell …

Gabriele:     (c.s.) a sirmi dò amigh, dò cumpagn, dò fradell …

26


Agenzia Matrimuniela


Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Gabriele:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Gabriele:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Gabriele:

Paciugh:


(c.s.) a sirmi dò amigh, dò cumpagn, dò fradell …

(c.s.) mo un dè tra d’noun u s’è mèss e distein …

(c.s.) mo un dè tra d’noun u s’è mess e pustein …

come?

(c.s.) no! Non e pustein: e distein!

(più forte) mo un dè tra d’noun u s’è mèss e distein …

ah…eh, già.

(c.s.) me ho spused l’Amabile, e lia Marein.

(c.s.) me ho spused l’Amabile, e lia Marein.

Marein? no, Paciugh, e mi marid us ciameva Folco.

ah, eh, già.

u n’importa, l’era per fè la puesia.

u n’importa, Dafne, l’era per fè la puesia.

ah, ho capid …

(c.s.) l’è pas cinquent’an e ai pòs cunfsè una roba …

(c.s.) l’è pas cinquent’an e ai pòs cunfsè una roba …

(c.s.) che lia ma me la m’è sempra piasuda.

(c.s.) che lia ma me la’m pareva curnuda.

eh?

(c.s.) no!! Che lia ma me lam’è sempre piasuda!!

(c.s.) che lia ma me l’am piaseva più nuda.

(c.s., più forte) nooo!! Che lia ma me la m’è sempre piasuda.

ah, che lia ma me la m’è sempre piasuda.

(colpita) oohh .. grazie.

(c.s.) e quand ch’a la veggh, spasigèla tla piaza …

(c.s.) e quand ch’a la veggh, um pisgria da fei fè raza …

eh?!

nooo! spasigè là tla piaza …

spasigè là tla piaza.

ah, ho capid.

(c.s.) um per ancora da vedla ragaza.

(c.s.) um per ancora da vedla ragaza.


27


Stefano Palmucci


Dafne:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Gabriele:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Gabriele:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:


grazie …

(c.s.) e um pisg d’arcurdè ma lia, com ch’la era …

(c.s.) e um pisgria da rughlem sa lia, tla spagnera ..

come?!?

nooo!! Um pisg d’arcurdè ma lia, com ch’la era.

ah! um pisg d’arcurdè ma lia, com ch’la era.

aahh …

(c.s.) ea nu so cus ch’l’è, che ancora um tin dur…

(c.s.) ea ne so cus ch’l’è, mo ancora um vin dur.

cosa??

(c.s.) noo!!! Ancora um tin dur.

(c.s.) ah! che ancora um tin dur.

(c.s.) mo ormai el teimp l’è pass, a sem vedvi tott do …

(c.s.) mo ormai el teimp l’è pass, a sem vedvi tott do …

(c.s.) e se enca ma lia ui chmenza a bpsè…

(c.s.) e se enca ma lia ui chmenza a bpsè …

(c.s.) da nu avè mai cumpagnia, da stè sempra da per sé …

(c.s.) da nu avè mai cumpagnia, da stè sempra da per sé …

(c.s.) se tu let ui vin fred, sotta chi linzul …

(c.s.) se tu let uivin fred, ch’ui si gela e cul ...

eh?

(c.s.) nooo! Sotta chi linzul …

(c.s.) ah, sotta chi linzul …

(c.s.) basta! A szcorr in italien.

(c.s.) eh, va là, ch’l’è mei.

prego?

no, gnint.

(c.s.) allora forse potreste accettare questa mia proposta …

(c.s.) allora forse potreste accettare questa mia proposta …

(c.s.) faccio sul serio, non dico apposta …

(c.s.) faccio sul serio, ma quanto mi costa …

le costa?


28


Agenzia Matrimuniela


Gabriele:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Gabriele:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Gabriele:

Paciugh:

Gabriele:

Paciugh:

Dafne:

Gabriele:


no! Non dico apposta!

no: non dico apposta!

se ormai anche voi, come me, nell’immanente …

se ormai anche voi, come me, siete demente …

cosa?!?

no!! nell’immanente!

ah! se anche voi, come me, siete incontinente

mo … cus che disg, Paciugh?

oddio …andemma aventi.

sé, andemma aventi.

va bein …

(c.s.) se non la intimorisce, l’ardore che le diedi …

(c.s.) se non la infastidisce, l’odore dei miei piedi …

nooo!! L’ardore che le diedi.

l’ardore che le diedi.

(c.s.) se l’amore bussa, non chiuda la sua porta.

(c.s.) se sentirò che russa, non chiuderò la porta.

(c.s.) no!:se l’amore bussa, non chiuda la sua porta.

(c.s.) se l’amore bussa, non chiuda la sua porta.

(c.s.) potremmo farci compagnia, ed un giorno chissà …

(c.s.) potremmo farci compagnia, ed un giorno chissà …

(c.s.) diventar qualcosa di più, se il Signore vorrà …

(c.s.) diventar qualcosa di più, se il Signore vorrà …

(c.s.) se mi dirà di sì, sarò l’uomo più felice del mondo …

(c.s.) se mi dirà di sì, non mi chiamo giocondo …

come?

no! Sarò il più felice del mondo!

ah, sarò il più felice del mondo.

(c.s.) se mi rifiuterà, per ragion a me … astrusa

(c.s.) se mi rifiuterà, le dirò: a strunza!

eh?

no! astrusa!


29


Stefano Palmucci

Paciugh:    ah, scusa.

Dafne:            perché scusa?

Paciugh:    perché scusa?

Gabriele:     (c.s.) me lo dica pure, senza cercar scusa.

Paciugh:      (c.s.) me lo dica pure, senza cercar scusa.

Gabriele:     (c.s.) io invece già da ora glielo dico in rima …

Paciugh:      (c.s.) io invece già da ora glielo dico in rima …

Gabriele:     (c.s.) saremo sempre amici, come e più di prima.

Paciugh:      (c.s.) saremo sempre amici, come e più di prima. Ech fat. Alora cusch’l’am disg?

Dafne:            (lo guarda un attimo, poi) Paciugh, me a sper d’avè capid bein cus ch’um’ha dètt. L’ha fat un szcors pin ad sentiment e ad puesia, enca se un pò ingarbuied. Un szcurs da stimès per totta la vita. Quand u m’ha invi-ted achè, an gni nascond che me a m’aspiteva, enzi a spereva, da sintì propri e szcurs ch’u m’ha fat. Però, me a spereva da sintil da lù, sal su paroli, enca mudesti, nurmeli, quelli ad tott i dè, mo ch’al vness da e su cor, e no da che sgnor che sta dri ma ch’la tenda. Al salut, Paciugh, ac avdem in piaza. (si alza e se ne va, Paciugh resta senza parole).

Gabriele:     (esce dalla tenda) cus ch’avgiva? Cus ch’avgiva? L’era impusebli che epudess andè com ch’a givi vò, senza che lia l’an s’incurgess ad gnint.

Paciugh:      per forza, inveci da szcorra pien com ch’a i aveva dètt, u s’è mess a fè un cias…

Gabriele:     cus ch’a duveva fè? Ho rugid che mai e vò avid capid la mità dal robi ch’ho dètt. A m’avid arvined totta la puesia.

Paciugh:      vate …

Gabriele:     sé?

Paciugh:    va te casein, va là (esce al centro arrabbiato ed abbattuto).

Gabriele:     eh, va a fè da bein ma la geinta … (tra sé, aulico) Gabriele, non ti curar di lor, ma guarda e passa (esce a destra).

(scena vuota, suonano alla porta, da destra esce Menga e va ad aprire. È Irina)


Irina:


buongiorno. Lei è Menga, vero?


Menga:


(un po’ correggendola) Domenica, sì …


Irina:


ho visto la sua foto. Sono Irina, cercavo suo fratello.


Menga:


ah, sì, è qui. Glielo vado a chiamare. Ha detto …?


Irina:


Irina.


30


Agenzia Matrimuniela

Menga: (mentre esce a destra, chiama) Gabriele … (Irina resta perplessa. Da fuori entra Libero)


Libero:


Irina! Cosa ci fai qui?


Irina:


ho finito il turno e sono passata per salutarti, mi andava …non sei con-tento?


Libero:


eh? io? Si, contentissimo. Ma chi ti ha aperto?


Irina:


tua sorella Menga, anzi ti sta cercando di là (indica destra).


Libero:


ma tu che … le … hai detto?


Irina:


che cercavo suo fratello. Lei è andata di là, però mi pareva chiamasse “Gabriele”.


Libero:


eh? Ah, no, no, forse diceva “cameriere”, chiamava il nostro cameriere.


Irina:


oh, avete un cameriere? Mi pareva dicesse proprio “Gabriele”.


Libero:


sì, è vero, Gabriele, il nostro cameriere, si chiama Gabriele, viene alle volte ad aiutare la mamma per servire il the alle amiche. Vieni di qua con me, muoviti …(la conduce a sinistra).


Irina:


forse dovresti avvisare tua sorella, altrimenti continuerà a cercarti …


Libero:


non ti preoccupare, vieni che ti spiego (la spinge a sinistra).


(da destra entrano Gabriele e Menga, che non vede più Irina).

Menga:         mah, la era achè, an capess…du ch’la è pasa?

Gabriele:   Irina, te dètt? No, un mi per da chnossla. E sarà ouna dal mi “fans”, cus t’ui vò fè? Ormai ai so abitued. A i n’ho già avuda un’enta, tredg’ann fa.

Menga:         la sarà scapa …ciò, s’l’ha bsogn, l’arturnarà.

Gabriele:     sicur. A veng a salutè la ma e po’ a vagh.

(escono entrambi a destra. Da sinistra entrano Libero ed Irina)


Libero:


quindi, Irina, ti ringrazio della visita ma come ti dicevo sei capitata in un momento un po’ particolare, ci sentiamo più tardi, ok?


Irina:


si, va bene.


(da destra esce Gabriele)

Gabriele:     ave, buon villico. Io me ne ito.

Libero:           (imbarazzato) si, Gabriele, dunque ti aspettiamo per le cinque. E con laparananza pulita, mi raccomando.

Gabriele:     parananza? Oggidì sei più balzan del solito …

31


Stefano Palmucci


Libero:


su, su, via, poca confidenza, sii puntuale, piuttosto (lo spinge quasi fuori, poi a Irina). Tutte uguali, queste maestranze, gli dai un dito e si piglianola mano.


Irina:


allora io vado, mi chiami tu …hops! ho lasciato la borsa di là.


Libero:


porch … vado a prenderla, tu resta ferma qui immobile e non fiatare (si fionda a sinistra).


Menga:


(entrando da destra) ah, è qui lei? Dove se ne era sparita? Ha incrociatomio fratello?


Irina:


si, grazie. Anzi, ci scusi se non l’abbiamo avvisata.


Menga:


oh si figuri. Lei è una ammiratrice di mio fratello? Brava, complimenti per il buongusto. In effetti oltre ad essere un grande artista, Gabriele è an-che un gran bel pezzo di ragazzo.


Irina:


Gabriele? Il cameriere?


Menga:


quale cameriere? Mio fratello.


Irina:


Lieto.


Menga:


no, Lieto è mio cognato. Lei conosce Lieto?


Irina:


si, certo, Lieto …quello lì (indica la foto).


Menga:


quello è Libero, mio marito.


Libero:


(entrando da sinistra con la borsa e vedendo la scena) oh, oh …


Menga:


Libero, cos’è questa storia!?!


Irina:


Libero?


Libero:


devo andare in bagno, è libero … (fa per rientrare)


Menga:


Libero, vieni qui!!


Libero:


non ci devo andare più.


Irina:


Lieto, che succede?


Libero:


calme, state calme, le cose non sono come sembrano. Posso spiegare tutto.


Giacoma:    (uscendo da destra) oh, signorina è tornata? Allora possiamo firmare ilcontratto?

(tutte guardano Libero)

Libero:           …quasi tutto.

FINE SECONDO ATTO

32


Agenzia Matrimuniela

TERZO ATTO

Stessa scena. Irina, Menga ed Giacoma sono sedute, Libero passeggia.


Libero:


… la verità, Irina, è che io non mi chiamo Lieto. Mi chiamo Libero, e questa non è mia sorella: è mia moglie Menga, Domenica. E questa è mia suocera, Giacoma. Lieto è mio fratello. È lui che si è iscritto all’agenzia matrimoniale.


Irina:


e perché mi hai detto tutte queste bugie? perché mi hai detto che tu eri lui?


Libero:


perché lui è timido, per questo si è rivolto ad un’agenzia. Talmente timi-do che addirittura ha chiesto a me di conoscerti per prima, per avere un consiglio su di te.


Irina:


un consiglio su di me? Che tipo di consiglio?


Libero:


un consiglio, un’impressione, se potevi andare bene per lui. Solo che io, senza rendermi conto, ho indugiato un po’ troppo su questa … valuta-zione.


Irina:


ma che razza di uomo è, dunque, questo Lieto? E che razza di uomo sei tu? (si alza e se ne esce arrabbiata dalla porta principale).


Menga:


brev. Cumplimeint. Adès t’zì cunteint? Pusebli che t’zìa sno bun da cumbinè di guai?


Libero:


t’è rasgioun, Menga. Stavolta an pòs di gnint, t’è propri rasgioun. Ho cumbined un bel casein.


Menga:


us po’ savè cus ch’u t’era selt tla testa? Cus t’ut cridivi da fè? t’pinsivi davera che che pez ad ragaza chi lè la si saria inamureda ad te? Dla tu bela facia?


Libero:


a ne so, Menga, a ne so, guerda …forse, per un mumeint, tla mi testa, a vleva pruvè l’ilusioun da viva la vita d’un elt.


Menga:


e quest che szcurs che saria?


Libero:


sé, Menga, perché, t’ved? Me l’è un po’ ad teimp ch’ho chmenz a pinsè che la mi vita la n’è propri quela ch’avria vlud.


Menga:


e cus che vò dì? perché t’cred che la mia la sia mei? Che sia quela ch’a insugneva da burdela? Eh, carein, me l’è un pez ch’ho smess da corra dria mi sogn…


Giacoma:    quand ch’us cresc, Libero, e bsogna imparè da goda ad quel ch’avem, enca s’l’è poch.

Libero:           u n’è quell, Giacoma. Mo a vidiv? ormai l’è un an che me an so piò me. Ste fat da stè senza lavor, u m’ha scumbined da fat. U m’ha caved la te-ra da sott i pìd. U m’ha caved la sicurezza, an credeva mai ch’um pu-

33


Stefano Palmucci

dess suceda una roba achsè. Am sint cunfus e frasturned, ormai a ne so piò gnienca me chi ch’a sò.


Menga:


t’disg davera, Libero?


Libero:


sé, Menga, a degh davera. E vuilt dò, inveci da dèm una mena e circhè da stem davsgin in ste mumeint achsè deliched dla mi vita, an perdid ucasioun da girè e curtel tla pieda.


Menga:


beh.. sé … forse, dal volti, avem esagered una muliga, o avem szcors un po’ trop dl’argumeint, mo a l’avem fat senza nisciouna intenzioun. Vera ma?


Giacoma:


us capess.


Libero:


elt che dal volti …


Giacoma:    forse e tu marid l’ha rasgioun, Menga. A l’avem sempri critiched senza pinsè che s’un lavureva u n’era colpa sua. A n’avem mai pinsed com ch’us pudeva sintì lù. Ma la televisoun us sint ch’u i è dla genta ch’la

s’amaza adiritura, perché l’arvenza senza lavor.


Menga:


ah, quell l’è vera, u i n’è oun tott i dè.


Libero:


me an so mai sted un sent, per carità. Mo achsè disoriented com ch’am sint adès, an mi sera mai sintid tla mi vita.


Menga:


mo perché sa me ta n’è mai dètt gnint? Ta n’l’è mai fat, ste szcors?


Libero:


ho prov tent volti, Menga, mo te t’cminzevi sobte a tòm in gir.


Menga:


alora at dmand scusa, Libero. A n’aveva capid. Adès che t’un modi o t’un elt, l’è vnud fura e tu prublema, a circarem da stèt un po’ piò dav-sgin, eh mà?


Giacoma:


us capesc. Dai Libero, t’vidrè che e pasarà prest ste mumeint.


Libero:


speremma Giacoma, speremma.


Lieto:


(entrando) scused, ma ho trov la porta verta. Dì, Libero, chi ch’l’era chlaragaza ch’la è scapa adès? Porca boia, pu bela ch’la era …


Libero:


eh, pataca. L’era quella che l’agenzia l’aveva mand pri te. Se t’an fòs sted achsè quaioun da dmandè ma me da chnossla, adès la saria a szcorra sa te, e me a n’avria avud un moc ad guai.


Lieto:


nooo!! Davera? A ne pòs creda! Che pezz ad ragaza che lè? Vaca mise-ria am magnaria al meni.


Libero:


ta n’è da cumprè un pera ad scherpi?


Lieto:


per magnè quelli inveci dal meni?


Libero:


no, perché chla ragaza la lavora da Guidi.


Lieto:


da Guidi? Alora a vagh sobti a fèm al scherpi novi.


34


Agenzia Matrimuniela


Libero:


ah, adès tu t’arisgh?


Lieto:


beh, a prov. Tenimodi, ormai, ch’us ch’a ho da perda?


Libero:


quest l’è e mod ad rasgiunè! Dai corr ….


Lieto:


a so già alè! (si fionda di fuori)


(suona il telefono, va Libero)


Libero:


si, pronto? Sono io. Davvero? Non è uno scherzo. Si, la ditta di conse-gne. Lunedì mattina. Va bene. Grazie, senz’altro. Non mancherò, stia pur sicuro. Arrivederci. (chiude e poi alle donne). L’era l’ufic de lavor. Lundè a tach a lavurè!!


Menga:


davera? Andò?


Libero:


ma la Liberty express, la detta ad cunsegni. Ho da chminzè lundè agl’ot e mez.


Giacoma:


oh, che bel nutizia!


Menga:


questa l’ai vleva propri. Te vest che un bsogna mai disperè?


Libero:


tira fura una bocia ad che bun, Menga, che og avem da festegiè!


Menga:


giost! t’al po’ dì pien e fort. Andemma ma, a veda su i è arvenz una bo-cia tla cusgina. Oh, finalmeint.


(Menga ed Giacoma escono a destra).

Libero:           (solo) a ne pos creda. Finalmeint. L’era ora. L’era un an ch’aspiteva staciameda. E un an l’è long da passè, a stè senza stipendi, senza la sicu-rezza d’un post ad lavor sicur, da nu savè andò sbata la testa tott i dè. Adès basta da stè ma chesa, basta stè sò agl’ong, da leggia e giurnel te bar. Basta sa totti stal vachenzi furzedi, che an saveva mai cumè fè no-ta. (Ci pensa un po’) Però un si steva mel da fat, ma chesa.

(suona di nuovo il telefono, Libero va a rispondere).

Si, pronto? Si, casa Parloni. Si. Si. Come? Veramente? Una denuncia. A noi? Addirittura? Non ci posso credere. Qui? Non capisco …cosa viene a fare? Ah, per carità, non c’è nessun problema …

(Menga ed Giacoma entrano da destra ed ascoltano sempre più preoccupate)

mi sembra una cosa fuori dal mondo … ma è sicuro? Ah, va bene. Ve-dremo. …cosa ci dirà. Arrivederci.

Menga:         chi ch’l’era? L’è per e tu lavor nuv?

Libero:           (non risponde e telefona) pronto? Bà? A so Libero. Sé, corr achè, dai,che ho bsogn. Sé, fa prest, a m’arachmand.

Menga:         cus ch’l’è suces, Libero? Us po’ savè?

35


Stefano Palmucci

Libero:           l’era la nosta ambascieda. E per che che sgnor d’l’agenzia matrimuniela l’apia fat una denuncia, adiritura internaziunela, ma la nostra fameia perché dische a sem di razesta e d’intulerent.

Giacoma:  cosa? Cus’è ch’l’avria fat?

Libero:           l’è andè a ragnè adiritura ma l “Unione europea”, perché dische achè a San Marein a sem tott di razesta. E da Bruxelles i mandaria l’ambasciador frances, achè a San Marein, ma chesa nosta per fè una verefica.

Menga:         oh, maduneina senta, mo l’è vera? Un ambasciador frances, achè, a fè una verefica? Mo cus che vin a fè? E szcorr l’italien?

Libero:           a cred ad sé, mo a ne sò. L’è per quell ch’ho ciamèd e mi bà, ch’l’è sted in miniera te Belg e se frances us la caveva.

Giacoma:    a ne pòs creda che che sgnor l’apia pudud fè una purchera achsè. Dè di razesta ma noun, l’è l’ultma roba ch’a pudeva imaginè.

Menga:         uc tucarà veda enca questa, ma.

Libero:           l’è quell ch’a dègg enca me. A starem da sintì ma st’ambasciator e po’ ai girem che che sgnor ad Puien l’è mat tla testa. U gni è miga elt da fè.

Menga:         davera. Andè a fè una roba achsè, la da esa matt da lighè.

Giacoma:  mo propri ma noun uc duveva capitè, sta brotta roba?

Menga:         nu bacila, ma, che s’u la fa longa, ai dèm un chelc te cul e al fam arturnè

in Frencia. An pudem miga ste dria ma tott i matt chi capita … (suonano, Libero va ad aprire, è Paciugh)


Libero:


vein bà, eintra pò …


Paciugh:


cus ch’l’è sucès?


Libero:


la da vnì achè un sgnor frances. Alora, sicom che noun a ne savemm se szcorr l’italien, a t’ho ciamed perché una volta tu me dètt che quand t’zirti te Belg t’avivti impared e frances.


Paciugh:


sé, chla volta a m’arangeva, ai so stèd bela cinq an. Adès l’è pas un po’ d’teimp, a sper d’archurdem ancora.


Menga:


s’an ci capemm, mei. Achsè l’artorna da andò ch’l’è vnud.


(suonano alla porta, Libero va ad aprire, sono Bernard e Ingrid)

Ingrid:            (parla con esagerata inflessione francese) bonsgiorno, permesò? Que-sta e casa Parlonì?

Libero:           eh? Ah, Parloni, si, siamo noi.

Ingrid:            bonsgiorno, vi hano anunsciato la nostra visìta? Lui è l’ambasciatore franscese monsieur Bernard Robespierre, e io sono la sua secretaria

36


Agenzia Matrimuniela

Ingrid. L’ambasciatore è stato … inviato? Sì, inviato dalla comisione eu-ropea del rasismo e della intoleranza.


Libero:


si, ci hanno avvisati. Io sono Libero Parloni, lei è mia moglie Domenica, mio babbo Paolo e mia suocera Giacoma. Benvenuti, anche se non ab-biamo capito bene perché vi hanno mandato qui. Mio babbo Paolo parla un po’ di francese.


Paciugh:


uì …me parl una muligh de francés.


Ingrid:


oh, très bien, très bien.


Paciugh:


(verso Libero) i vò e trebien. A l’avid e trebien?


Menga:


no, e trebien an l’avem. U i è sangves o se no u i ha da essa una bocia ad “grilet”, che vein biench ...


Giacoma:


sé, che biench u i è.


Paciugh:


(ai due ospiti) e trebien un gn’è. A vlid vù e vin biench?


Bernard:


(a Ingrid) qu'est-ce ont dit?


Ingrid:


je ne comprend pas.


Libero:


vino. Vino, volete il vino buono?


Paciugh:


a vulid vù de vin bon?


Bernard:


a no, no. Merci. Pas du vin. Je ne veut pas du vin bon.


Paciugh:


(traduce agli altri) e disg ch’u ne vò, che u su ba ul feva piò bon.


Menga:


beh, mo accomodatevi pure, non fate i complimenti.


(gli ospiti si accomodano)


Ingrid:


beh, dunque, monsieur Robespierre è stato mandato qui perché abbia-mo avuto una segnalasione che qui nel vostro Paese, nella vostra fami-lia, avete scasciato, mandato via, liscensiato, delle persone lavoratrisci in rascione della loro rassa o nasionalità. Questo risponde a verità?


Libero:


no, signora, non è vero proprio per niente.


Menga:


quel signore che vi ha detto tutte queste scemenze, è matto da legare, ve lo dico io.


Giacoma:


voi state a sentire quella gente? mi meraviglio.


Paciugh:


aquì noun non avem licenzied nisun. Ve sbagliat sa qualcun alt.


Ingrid:


epure questa è stata la denunscia prescisa e sircostansiata.


(Libero, Menga, Giacoma e Paciugh protestano vibratamente, - non è vero niente,ma assolutamente, è una roba incredibile, non ci possiamo credere - accavallando le proprie espressioni in una confusione generale, poi Ingrid interrompe la cagna-ra).

37


Stefano Palmucci

Ingrid:            siliensio, silensio, per carità.

(gli altri si calmano e zittiscono).

Bernard:    messieur: vous etes raciste?

Libero:           (verso Paciugh) cus ch’l’ha dètt?

Paciugh:      (convinto) ut vò venda un raz.

Menga:         un raz? Mo che raz?

Paciugh:    a ne so. (a Bernard) t’vù venda un canaren, un fagien …?

(Bernard e Ingrid non capiscono e si consultano)


Ingrid:


monsieur Robespierre disce che anche se non è posibile verificare le fondamento della denunscia spescifica, lui ha studiato le vostre lesgi e disce che le ha trovate asolutamente carenti e mancanti di ogni tutela dei scitadini stranieri da posibili forme di abusi per razismo e intoleransa.


Menga:


e allora noi cosa c’entriamo? Che vada su a lamentarsi col Governo.


Ingrid:


sì, infatti è quello che faremo subitamente. Il vostro Paese è risultato molto inscivile e retrogrado sotto questo aspetto.


Paciugh:


cus chi ha dètt?


Libero:


che a San Mariein u gni è nisciouna leggia ch’l’ac vieta da essa razesti e intulerent vers i stranir. Mo noun a gn’intrem gnint, adès i va a szcorra se Gverne.


Paciugh:


cum’è a gn’intrem gnint? Quel u c’ha ufès e te tu gni disg gnint?


Libero:


sa vot ch’ai degga? I farà quei de Gverni. I è alè aposta.


Paciugh:


che stagga da sentire signor Imbasciatore. (a Ingrid) Ce lo traduce lei?


Ingrid:


oui, sì, dica pure …


Paciugh:


io sono un cittadino sempliciotto. Non ho studiato e non ci so dire se le leggi di San Marino dicono che dobbiamo essere tolleranti o non lo di-cono. Però posso dirle quello che ho visto. Ero ragazzetto quando è passata la guerra da queste parti. Ho visto accogliere, tollerare e sfama-re tanta di quella gente che non riuscivamo neanche a contarla. Erava-mo puretti, avevamo un tozzo di pane ma lo abbiamo spezzato e diviso con chi ce lo chiedeva. E questo esempio di civiltà e di tolleranza noi lo abbiamo dato a tutto il mondo quando ancora l’Unione Europea e la sua bella commissione non erano nate. Quindi, signor Imbasciatore, per ca-rità, lei qui resta il benvenuto, ma cerchi di calpestare questa terra con un po’ di rispetto e di umiltà perché qui, voi, non avete niente da inse-gnare, ma semmai solo da imparare.


(tutti restano ammirati dall’eloquio di Paciugh. Ingrid finisce di tradurre a Bernard)

38


Agenzia Matrimuniela


Libero:


brev ba! Osta che szcurs che te fat? Quand t’l’è studied?


Giacoma:


brev Paciugh, bravessme.


Menga:


agl’avid cantedi! Achsè us fa.


Bernard:


(al termine della traduzione si avvicina a Paciugh) monsieur (fa un leg-gero inchino) chapeau!


Paciugh:


no, sciapò a sarid vò!


Giacoma:  ecco,  allora,  adesso  che  abbiamo  chiarito  tutto,  vogliamo  andare  a

mangiare che questa gente vuole andare via?


Ingrid:


si, comunque noi abiamo acquisiti suffiscienti elementi per la nostra va-lutasione. Adescio sci rivolsceremo alle autorità. Scusate le disturbo, vi ringrasiamo e vi salutiamo.


Menga:


ah, di gniente …grazie a voi.


Giacoma:


arrivederci.


Bernard:


hallo, hallo.


Paciugh:


a l’ho enca me, ch’un bacila.


(Ingrid e Bernard escono)

Libero:           guerda bà, a t’ho da fè i cumplimeint. Te szcors proprie come un libre stamped!

Menga:         e po’ te sintid com che szcureva bein e frances?

Giacoma:  ah, s’u gni era lò, com ch’avressmi fat? U i ha mès in riga.

(dalla porta principale, evidentemente socchiusa, irrompe Gabriele)

Gabriele:     ho creato! Ho creato!

Menga:         no! Davera?! Un’enta puesia?

Giacoma:  brev! Gabriele, pù brev!

Menga:         dai, dila sobte, a gni la fac aspitè …

Giacoma:    Paciugh, mitiv da seda. E mi Gabriele l’ha scrètt un’enta puesia. A la vlid sintì?

Paciugh:      ah, ciò …s’l’an costa gnint. (si accomoda)

Menga:         giò, Libero, sposta alè, mett a post ch’la scarana, che Gabriele l’ha da dì la puesia.

Libero:           pocapì …

Giacoma:  sora cosa la è? Com ch’la s’intetula?

Gabriele:     è un’ode, madre. Intitolata a …Libero

39


Stefano Palmucci

Menga:         nooo, davera? Un’ode ma Libero? E come mai?

Gabriele:     mah, pensavo al nulla eterno, al vuoto universale …e mi è venuto in mente lui.

Menga:         pu brev, te sintid, Libero? Che furtouna che te vud? E tu nom l’arvanzarà tla storia dla leteratura per seimpri.

Libero:           (scettico) an stagh piò ti pan. Chisà com ch’la sarà bela.

Giacoma:  adès l’ha trov enca un lavor. Us la merita propri.

Menga:         dai, Gabriele, dila!

Gabriele:     (dopo lunga concentrazione) Ode a Libero.

(suonano alla porta, Gabriele si stizzisce per il disturbo, le donne sono rammaricate per l’interruzione. Libero va ad aprire. E’ Dafne)


Libero:


oh, bondè. A sì vò, Dafne?


Dafne:


(entrando) sè, oh bondè ma tott, quanta genta, an vria disturbè.


Libero:


mocchè disturb. Avnìd, avnìd …


Dafne:


a circheva ma Paciugh. Ai vleva dì una roba.


Paciugh:


a so achè, Dafne.


Dafne:


oh, Paciugh. Ai pòs dì una parola? Se no a fèm un’enta volta …


Paciugh:


no, no, chla degga po’, Dafne.


Dafne:


ai vleva dì che forse a so steda un po’ precipitosa a scapè achsè. U m’ha parud che e su scors, enca s’u s’era fat aiutè, l’era sincer.


Paciugh:


Dafne, quel ch’a i ho dètt, me a l’ho dètt se cor. Aveva sno paura da fè cunfusioun t’una ucasioun achsè impurtenta, e alora ho fat la cazeda da dmandè l’aiut.


Dafne:


av cred, Paciugh. A vlemma fè finta ch’un sia sucès gnint e archmanzè? A sper sno che a n’aveva bsogn d’aiut enca per fè elti robi.


Paciugh:


no, no, ch’l’an bacila. Ormai ho impared che: “chi fa da sé, e fa per tre”.


Dafne:


brev, Paciugh. Alora adès av pòs invitè me, a toh un cafè?


Giacoma:  arvanzèd achè, Dafne. U i è e mi fiul ch’l’ha scrètt una puesia nova e

l’era dria a dila ma tott.


Dafne:


ah, ciò, s’an dagh dan ..


Menga:


mocchè dan. Ch’l’as metta po’ da seda.


(Dafne si accomoda)

Silenzio, per piacere. Prego, vate.

40


Agenzia Matrimuniela

(Gabriele riprende la concentrazione un po’ spazientito. Nuova scampanellata. Di-sappunto suo e delle donne. Libero va ad aprire. È Lieto con un occhio pesto.)

Libero:           Lieto, cus te fat, cus ch’l’è sucès?

Lieto:              ohi, ohi …

Menga:         fa veda Lieto, chi ch’l’è sted?

Lieto:              l’è steda chla ragaza, la Irina. A sera andèd a cumprè un pera ad scher-pi, avem chmenz a ciacarè … mo quand a i ho dètt e mi nom, prima la m’ha spudè tla facia e po’ la m’ha s-ciaf un mandarvérs.

Giacoma:    mo peinsa te …at vagh a toh una muliga ad gel. (esce a destra e rientra dopo qualche battuta con una borsa di ghiaccio che porge a Lieto)

Libero:           insomma, o sa internet o s’l’agenzia, te seimpre sput tla facia t’ciap.

Lieto:              e pensè ch’um pareva enca ch’ac fossmi ciap, ch’u i era dla simpatia, prima da dì e mi nom …

Menga:         dai, Lieto, nu ciapla mel. Tla sgrezia, te avud la furtouna da essa capited achè propri mentre Gabriele l’era dria a dì la su puesia nova.

Lieto:              (sarcastico) la misera che furtouna ch’ho avud …per unmandarvérs tlafacia, un valeva la pena …

Menga:         su, Lieto, ciapa post, metdi da seda. Silenzio, adesso. Su, forza vate.

(Gabriele riprende la concentrazione un po’ più spazientito. Nuova scampanellata. Nuovo e maggior disappunto suo e delle donne. Menga va ad aprire. È Irina.)


Menga:


oh, signorina, è lei?


Irina:


si, signora, chiedo scusa, cercavo Lieto.


Menga:


è lì, guardi, non le vorrà mica dare un altro manrovescio?


Irina:


no, signora, sono venuta per chiedere scusa. È stata una reazione istin-tiva, mi sono resa conto dopo di avere esagerato.


Lieto:


per fortuna che almeno si è resa conto …


Irina:


ti chiedo scusa, Lieto. Non meritavi questa reazione.


Libero:


forse me la meritavo più io, per come mi sono comportato.


Irina:


come posso riparare?


Lieto:


non è niente, Irina, figurati, mi sta già passando.


Irina:


posso almeno offrirti una pizza dal baffo, questa sera?


Lieto:


una pizza? …beh, sì, grazie, la accetto volentieri.


Irina:


anche se il nostro rapporto è cominciato male, possiamo sempre rad-drizzarlo.


41


Stefano Palmucci


Lieto:


perché no? A me farebbe piacere.


Menga:


perché non si ferma, signorina? Così avrebbe la fortuna unica di assiste-re alla recita di una poesia nuova da parte di mio fratello Gabriele.


Lieto:


(interviene subito) oh no, Menga, non è il caso. Irina deve rientrare subi-to sul lavoro, anzi la devo accompagnare (si alza).


Irina:


purtroppo, Lieto, non devo rientrare da nessuna parte. Quella mia rea-zione mi è costata il posto. Il padrone mi ha licenziata in tronco.


Lieto:


oh, mi dispiace.


Irina:


fa niente, ultimamente non mi trovavo neppure tanto bene. Cercherò qualcos’altro. E poi almeno posso restare ad ascoltare la poesia del si-gnor Gabriele.


Giacoma:


perché non considera quella proposta di farmi da badante, signorina?


Irina:


dice davvero, Giacoma?


Giacoma:


certo! Lei è simpatica, mi farebbe piacere avere la sua compagnia.


Irina:


perché no? La ringrazio di questa opportunità, Giacoma. Sarebbe la mia prima esperienza, ma io imparo in fretta.


Giacoma:


così potrebbe anche frequentare Lieto senza troppi impicci.


Irina:


d’accordo, Giacoma. Potremmo cominciare con un periodo di prova.


Menga:


un momento, mamma. La signorina sta molto simpatica anche a me, ma a prenderla in casa, se Libero dovesse ricominciare a fare il galletto?


Libero:


ma me l’an mi pisg.


Irina:


a Libero è già andata bene che non l’ho fatto a lui, l’occhio nero. Se ci prova, non mi sembrerà vero di poter pareggiare i conti.


Giacoma:  bene, allora deciso! Ora basta parlare, i dettagli dopo. Adesso finalmen-

te ascoltiamo la poesia di Gabriele.


Menga:


giusto. Prego, vate. E stavolta se suona il campanello, il telefono, o ca-sca il mondo, nessuno muova un dito finchè il vate non ha concluso.


Gabriele:


(affranto nel suo angolo) no, Domenica, non posso declamare in questecondizioni, con continue interruzioni, scampanellate, rumori, sono un ar-tista io, un vate. Necessito di una opportuna atmosfera per esprimermi. Se no è tutto piattume, modestia, volgarità. Basta! No! Io non declamo!


Giacoma:


dai, Gabriele …


Gabriele:


(subito rinfrancato) va bene, declamo. (si concentra) Ode a Libero.


Giacoma:


(ammirata) oohh …


Menga:


ssstttt…


42


Agenzia Matrimuniela

Gabriele:     (ispirato) quanto bene che ti voglio, o diletto mio cognato, sei una roccia,

una pietra, uno scoglio, non da ora, ma da sempre: uno scoglio nato!

(applausi, estasi e delirio di Menga e Giacoma)

Menga:         te sintid, Libero, che meraviglia. Me am so cumosa, te t’un disg gnint?

Libero:           (di controvoglia) eh, grazie, vater.

Menga:         us disg vate, Libero, va-te.

Libero:           al so, al sò, sno che, dal volti, um scapa la “erre”.

Menga:         dai, Libero, giò, cus ch’l’è ste capan? Su con la vita! Og avem impared che enca i guai più gros, s’un po’ ad pacinza e bona volontà, is mett a post …emench t’al cumedi.

Libero:           l’è vera, Menga. E po’ avem enca impared che tla vita e bsogna, da una perta, tnì sempra i pid ma tera, mo enca nu smeta mai da corra dri mi nost sogn.

Giacoma:  brev, Libero! Te szcors cumè un libri stamped!

Libero:           e alora adès a la voi dì me una puesia. L’è un mes ch’a so dria a scrivla.

(immediato fuggi fuggi generale, accampando simultaneamente varie scuse – umtocca scapè, u s’è fat d’ora, oddio um tocca andè, ac videm st’elta volta, grazie ar-rivederci …– velocemente tutti guadagnano le tre uscite, Libero tenta di fermarli – du ch’andè, aspitèd, la è curta mo bela, sno du minud … - la scena resta vuota col solo Libero).

Grazie eh? A sid propri di amigh … Embè? Me a n’ho bsogn ad ni-scioun. (si volge al pubblico) me a la degh ma luilt. Guerda la genta ch’u i è. (si concentra e declama) puesia! (si chiude il sipario) mo …cus ch’a fèd? A ciudid la tenda? Aspitèd, la cumedia la n’è fnida, ho da dì la mi puesia …(si rivolge ad immaginari macchinisti) nu ciudid la tenda …aspitèd … (sale la musica e si chiude definitivamente il sipario).

FINE COMMEDIA

San Marino, luglio 2013

43

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno