Al Bellavista

Stampa questo copione

AL BELLAVISTA

di Lorenzo Trombini

Cucina

Era (cuoco)

Eros (cuoco)

Zeus (capo cuoco)

Attila (cuoco)

Sala

Alessandro

Alter ego Alessandro

Cinzia

Alter ego Cinzia

Beatrice

Proprietari

Elisa

Diana

Clientela

Linda

Luigi

Marta

Maglietta

Mulini

Innamorato

Innamorata

Ragazza straniera


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

SCENA PRIMA

La scena è vuota. Siamo all’interno di un ristorante; niente, nella scenografia, lascia presagire la cosa. Il ristorante sarà costruito man mano. Entrano personaggi Diana, colei che vuole vendere il locale, ed Elisa, colei che vorrebbe acquistarlo.

Diana – E questa è la sala da pranzo. Bella, no?

Elisa – Bella. Solo un po’ piccina.

Diana – Da questa impressione perché è vuota, ma con una buona disposizione dei tavoli

si possono fare più di cento coperti.

Elisa – Ne è sicura?

Diana – Sì, abbiamo fatto anche banchetti per matrimoni, qui al Bellavista. Una volta siamo arrivati a 130 coperti. A dire il vero stavano un po’ stretti, ma ci stavano. Elisa – Il pavimento sembra in buone condizioni.

Diana  –  Lo  avevamo  ristrutturato  noi  quando  avevamo  rilevato  il locale;  avevamo

recuperato alcuni mattoncini dalla cantina. È cotto antico, poi lo avevamo trattato per

mantenerlo pulito.

Elisa – Perché?

Diana – Il cotto è poroso, assorbe lo sporco. Trattandolo si limita la porosità e si allunga la durata. Le suggerisco di ripetere il trattamento, prima di aprire il locale, però. Elisa – Piano, piano. Non ho ancora deciso se acquistare o meno.

Diana – Ovviamente.

Elisa – E questa cos’è?

Diana – Cosa?

Elisa – Questa veduta.

Diana – Ah, quella. Si affacci pure.

Elisa – Accidenti!

Diana – Che ne dice?

Elisa – Io… io…

Diana – Le mancano le parole, vero?

Elisa – Oh, ma è meraviglioso. Da qui si può ammirare… si può ammirare… Diana – Tutto. È una finestra sul mondo.

Elisa – Stupefacente. Non avevo mai visto una cosa simile.

Diana – Lo credo bene. Semplicemente perché è unica.

Elisa – Devo ammettere che ha ragione.


1


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Diana – Cosa è che ha visto?

Elisa – In che senso cosa ho visto?

Diana – Risponda alla domanda. Che ha visto dalla veduta?

Elisa – Ho visto la realtà, ma non come la si vede ogni giorno… diversa… più… pulita. Ecco. Pulita. Perché mi fa questa domanda?

Diana – Perché ognuno ci vede una cosa diversa, da qui. È questa la magia. Allora che fa. Lo prende?

Elisa – È molto bello. La cucina è in buono stato e non servono lavori, la sala sembra un po’ piccina, ma forse ha ragione lei. Con una buona disposizione potremmo ottenere molti posti.

Diana – Glielo assicuro. Non li ammassi, però.

Elisa – Oh, no.

Diana – Sarebbe un errore.

Elisa – Lo sarebbe davvero. Dopo aver visto quello che ho visto penso punterò sulla qualità. Quella veduta è stupefacente. Ora capisco perché avete chiamato questo posto “Al Bellavista”

Diana – Eh, già. Quando le piacerebbe aprire il suo ristorante?

Elisa – D’estate. Per poter servire gli aperitivi in terrazza.

Diana – Lo facevo anche io. (pausa) Allora che fa. Lo prende?

Elisa – La cifra di vendita è molto alta, però. Non so se potrò permettermi l’investimento. Diana – È il giusto prezzo. Questo locale ha sempre avuto grandi incassi e credo che le prospettive siano buone anche con la crisi. Le garantisco che non passerà molto che avrà recuperato tutto l’investimento.

Elisa – Posso farle qualche domanda?

Diana – Ma certo.

Elisa – Perché ha chiuso? Perché lo vende?

Diana – Non voglio più passare del tempo in questo posto. Voglio andarmene dall’Italia e

iniziare una nuova vita.

Elisa – E perché?

Diana – Vede, gestivo questo ristorante con mio marito. Due anni fa si ammalò… (pausa)

Elisa – Chiedo scusa. Se lao avessi immaginato non glielo avrei mai chiesto.

Diana – Si figuri. Non poteva saperlo. (pausa)

Elisa – Mi dà qualche giorno per pensare?

Diana – Tutto il tempo che vuole. Mi dica solo una cosa. Le interessa il ristorante?


2


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Elisa – Sì.

Diana – Non sta solo prendendo tempo?

Elisa – No, mi interessa davvero. Il problema è solo finanziario. Devo fare un po’ di conti; parlare con alcune persone. Alla fine della prossima settimana le dirò qualcosa di certo. Diana – Tanto basta. Mi preme di non metterci troppo a venderlo e non mi piace che mi si faccia perdere tempo.

Elisa – Non sono quel genere di persona, non si preoccupi.

Diana – Allora ci sentiamo la prossima settimana.

Elisa – Arrivederci. (se ne va)

Diana – A presto, allora. (lascia che Elisa esca) Il Bellavista… Avevo aperto questo ristorante con mio marito. Ci eravamo innamorati del panorama della collina. Da questa finestra ognuno vede ciò che ha dentro, più che il paesaggio. Vede il mondo come dovrebbe essere, più che come è. Quella veduta per me non ha più nulla da dire, ormai. Non la osservo da anni, non lo farò più.

Quando avevamo aperto il ristorante subito si diffuse la voce dello scenario magico che si poteva osservare. La gente veniva a fiumi e noi la accoglievamo con tanta passione. I ragazzi della cucina erano eccezionali ed in sala avevamo dei camerieri a dir poco spumeggianti.

SCENA SECONDA

Diana resta nel locale, entrano da diversi lati delle ombre, altro non sono che i ricordi di Diana. I ricordi predispongono una sala da pranzo. La luce cambia.

Cinzia – È tutto pronto? Meno di mezz’ora e si apre. Tutto deve essere perfetto, come sempre.

Beatrice – A me sembra tutto a posto.

Alessandro – L’aperitivo di stuzzichini sarà servito in terrazza, approfittando della bella stagione.

Cinzia – Il vino è a posto?

Beatrice – Certamente. Il vino è… (si blocca)

Cinzia – Il vino è?

Beatrice – Il vino è… in cantina: vino bianco nella camera bassa, vino rosso nella camera

alta, come al solito.

Cinzia – Bene.

Beatrice – Benissimo… fantastico! Meraviglioso!


3


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Cinzia – Con la cantina che abbiamo i vini sono sempre alla giusta temperatura. Beatrice – Eh, già…

Alessandro – Come aperitivo abbiamo scaglie di formaggio, olive, tartine rustiche con

affettati locali.

Cinzia – E il pane?

Alessandro – Il miglior pane che mai sia uscito dalla nostra cucina, ovviamente. I cuochi

hanno dato il meglio di loro, oggi.

Cinzia – Come ieri, del resto.

Alessandro – Per coloro che fossero estremamente esigenti proporremo del caviale… Beatrice – Mi posso assentare un momento? Cinzia – Perché?

Beatrice – Devo andare in bagno.

Cinzia – Proprio ora?

Beatrice – Al cuor non si comanda.

Cinzia – E che c’entra con il bagno?

Beatrice – Non è solo al cuore, che non si comanda. Cinzia – Va bene. Vai pure, ma cerca di fare in fretta. Beatrice – Seguimi! (ad Alessandro) Alessandro – Come?

Beatrice – Seguimi!

Alessandro – In bagno?

Beatrice – Seguimi e basta! Trova una scusa.

Cinzia – Non dovevi andare in bagno?

Beatrice – Sì, stavo solo chiedendo una cosa… vado. (esce)

Alessandro – Posso assentarmi un momento?

Cinzia – Perché?

Alessandro – Devo fare una telefonata.

Cinzia – Proprio ora?

Alessandro - Devo chiamare mio fratello che compie gli anni.

Cinzia – Non lo potevi chiamare durante il giorno?

Alessandro – Era impegnato in un esame,

Cinzia – Medico?

Alessandro – No, universitario. Ora dovrebbe avere finito.

Cinzia – E va bene, ma fai in fretta.


4


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Alessandro – Volo.

SCENA TERZA

Diana, rimasta ad osservare la scena, come se la scena stessa stesse avvenendo nella sua mente, riprende a parlare.

Diana – Un giorno ci fu un problemino con una dimenticanza…

SCENA QUARTA

Si torna sui camerieri

Alessandro – Allora? Che succede? Perché mi hai trascinato via? Cinzia mi ha fatto un sacco di domande.

Beatrice – Ho dimenticato il vino sul furgone!

Alessandro – No!

Beatrice – Sì, invece. Non l’ho scaricato ed è rimasto sul furgone. Devi darmi una mano a

prenderlo e portarlo in cantina.

Alessandro – Ma quando?

Beatrice – Adesso.

Alessandro – Ma è troppo tardi. Anche se lo portiamo in cantina Non arriverà alla temperatura giusta in tempo per l’arrivo degli ospiti. Tra mezz’ora sono attesi. Beatrice – Lo so.

Alessandro – Portiamolo in freezer. Ci metteremo meno tempo e si raffredderà prima.

Beatrice – Non ci penso neanche. Non è mica una bibita qualsiasi che si può mettere in

freezer. Si tratta di un pregiato Brunello e di un Valdobbiadene superiore. Ti pare possa

metterli in freezer?

Alessandro – E allora?

Beatrice – Ci inventeremo qualcosa.

Alessandro – Ci? Non c’è nessun “ci”. Tu hai combinato il danno.

Beatrice – Va bene. Mi. Mi inventerò qualcosa. Qualcosa per prendere tempo. Mi dai una mano, ora?

Alessandro – Va bene. Il furgone dov’è?

Beatrice – Davanti all’ingresso.

Alessandro – Quale ingresso?

Beatrice – L’ingresso principale.

Alessandro – E perché accidenti lo hai parcheggiato davanti all’ingresso principale?


5


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Beatrice – Perché dovevo andare in bagno e avevo fretta.

Alessandro – Ah, fantastico. Ma tu passi la vita in bagno? Fammi capire… quindi, senza

farci vedere, dovremmo passare in mezzo alla sala, appena apparecchiata, e brulicante di

gente trasportando due casse di vino?

Beatrice – Non esattamente.

Alessandro – Bene, cosa ci aspetta, allora?

Beatrice – Passare in mezzo alla sala appena apparecchiata e brulicante di gente trasportando vino, ma le casse sono tre.

Alessandro – Fantastico. Allora tutto Facile. Tre casse di vino, un furgone, l’ingresso principale. Senti. Dillo a Cinzia. Lei troverà una soluzione. Beatrice – Ma sei matto? Mi ammazzerà.

Alessandro – Figurati. Ti farà la solita ramanzina e basta. Beatrice – Ti ricordi l’ultima ramanzina fatta, oltretutto a te, vero?

SCENA QUINTA

Entrano altri due personaggi, che sono il flash back dell’ultima ramanzina. Alter ego Cinzia – Caro Alessandro. A me non dà fastidio la tua presenza… Alter ego Alessandro – Bene.

Alter ego Cinzia – È che proprio non la posso sopportare. Tu sei qualificato, ma sei un buono a nulla.

Alter ego Alessandro – Vedici il lato positivo.

Alter ego Cinzia – Cioè?

Alter ego Alessandro – Sono un buono a nulla qualificato.

Alter ego Cinzia – Non farmi in… Vai in cucina a lavare i piatti. Esci fra due giorni.

Alter ego Alessandro – Ma…

Alter ego Cinzia – Niente ma.

Alter ego Alessandro – Se…

Alter ego Cinzia – Niente se.

SCENA SESTA

Si torna su Beatrice e Alessandro.

Alessandro – Ma quella volta era più grave.

Beatrice – In ogni caso io non voglio rischiare. E tu mi devi dare una mano. Alessandro – Devo… perché devo?


6


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Beatrice – Perché altrimenti dirò a Cinzia che…

Alessandro – Ma non è vero.

Beatrice – Puoi provarlo?

Alessandro – Che cosa?

Beatrice – Che non è vero. La tua parola contro la mia.

Alessandro – Potrebbe sembrare un ricatto.

Beatrice – Lo è.

Alessandro – Bene… Ti do una mano… Accidenti a te.

SCENA SETTIMA

Si torna su Diana.

Diana – E quando, qualche volta, la professionalità veniva dimenticata a casa, ci si arrangiava con una buona dose di fantasia. E goliardia.

SCENA OTTAVA

In scena dei clienti del ristorante, intenti a prendere un aperitivo (analcolico ovviamente analcolico, dato che il vino non è disponibile), tra loro passeranno, con delle bottiglie in mano, Beatrice e Alessandro.

Marta – Questo aperitivo a buffet è fantastico.

Linda – Le tartine al salmone erano molto buone.

Luigi – Mai assaggiato niente del genere

Marta – Anche gli affettati locali non sono male

Linda – Il cestino di crudité è squisito.

Luigi – Ma adesso che si fa?

Marta – In che senso “che si fa?”?

Luigi – Stiamo qui in piedi o ci sediamo per la cena?

Linda – Con comodo possiamo accomodarci ai tavoli.

Luigi – Con comodo?

Linda – Ha detto così.

Marta – Chi?

Linda – Il capo dei camerieri, quella laggiù con la spilla. Si chiama Cinzia.

Marta – Oh, se ha detto così va bene.


7


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Luigi – Ma perché non si è ancora visto il vino? Questo analcolico è ottimo, ma mi hanno parlato bene soprattutto dei vini, di questo ristorante. (passando, Beatrice sente questa battuta)

Marta – Anche io avrei bisogno di qualcosa di più carico.

Linda – Chiedilo al capo camerieri, a Cinzia.

Marta – E dov’è?

Luigi – Laggiù.

Linda – Non la vedo.

Luigi – Dietro al tavolo.

Linda – Quale tavolo?

Luigi – Degli stuzzichini.

Linda – Ah, sì.

Marta – Scusi, volevo chiederle… (gran colpo di tosse di Beatrice) Si può avere un po’ di vino?

Linda – Non ha sentito

Marta – Mica posso urlare

Luigi – Gesticola.

Marta – Maleducazione.

Linda – Avvicinati.

Marta – Meglio.

SCENA NONA

Marta, tallonata da Beatrice, si dirige verso il capo camerieri. Linda e Luigi parlano tra loro sottovoce, fino a quando Marta e Beatrice non escono. Poi si portano a vedere il panorama.

Marta – Questo aperitivo è ottimo. Tuttavia mi piacerebbe assaggiare del…

Beatrice – Scusate l’interruzione. È sua la macchina rossa parcheggiata davanti all’ingresso?

Marta – No, è della mia collega laggiù. (si rivolge nuovamente al capo camerieri) Beatrice – Volevo dire quella verde.

Marta – Dell’altra collega, quella di fronte. (si rivolge nuovamente al capo camerieri) Beatrice – Di fronte a chi?

Marta – Di fronte a quella con la macchina rossa. (si rivolge nuovamente al capo camerieri)


8


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Beatrice – Lei è trasportato?

Marta – Prego?

Beatrice – Lei è passeggero? È venuto con loro?

Marta – No, ma io ho una macchina blu. (si rivolge nuovamente al capo camerieri)

Beatrice – Volevo dire la macchina blu. È sua la macchina blu parcheggiata davanti

all’ingresso?

Marta – Sì, è mia.

Beatrice – A… Allora prenda le chiavi e venga con me. Dovrebbe vedere una cosa. È piuttosto urgente.

Marta – È accaduto qualcosa alla mia auto?

Beatrice – Nulla di grave, ma venga con me, le spiego strada facendo. (porta via il cliente).

SCENA DECIMA

Cinzia, intercetta Alessandro, che fa del suo meglio per nascondere una bottiglia.

Cinzia – Che succede, ragazzi?

Alessandro – Perché?

Cinzia – Perché vi comportate in modo strano.

Alessandro – Noi?

Cinzia – Sì. Voi. Che succede?

Alessandro – Nulla. Tutto bene.

Cinzia – Sarà… Come è andato l’esame?

Alessandro – Quale esame?

Cinzia – Quello di tuo fratello. Non aveva un esame, oggi?

Alessandro – Ah, quell’esame. Sì… è andato bene. È stato bocciato.

Cinzia – Bocciato?

Alessandro – Sì. Con lode.

Cinzia – E da quando si è bocciati con lode? Alessandro – È il nuovo ordinamento. Poi si recupera.

Cinzia – A proposito… Recupera il vino e servilo. Sono già le sette e mezza e ancora non ho visto nemmeno una bottiglia.

Alessandro – Tanto sono tutti venuti con Groupon…

Cinzia – Sì, ma nel coupon c’è scritto “aperitivo con Valdobbiadene scelto” Alessandro – Ma non è compito mio. È un lavoro di Beatrice… Cinzia – Beatrice è uscita con un cliente. Pensaci tu.


9


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Alessandro – Vado in cantina.

Cinzia – E gli auguri glieli hai fatti?

Alessandro – A chi?

Cinzia – A tuo fratello.

Alessandro – Perché?

Cinzia – Per il compleanno.

Alessandro – Certo!

Cinzia – Come festeggerà?

Alessandro – Cosa?

Cinzia – Il compleanno. Come lo festeggerà?

Alessandro – Non so, non ha risposto al telefono. (esce).

SCENA UNDICESIMA

Entra Beatrice, anche lei con un paio di bottiglie di vino sotto la giacca.

Cinzia – Tutto bene?

Beatrice – Ah, sì. Tutto bene. Benissimo.

Cinzia – E allora perché procedi curva?

Beatrice – Perché… il bagno prima era occupato.

Cinzia – Allora vacci ora.

Beatrice – Ottima idea. Vado subito.

Cinzia – Una domanda: che c’era di tanto urgente da trascinare fuori un cliente? Beatrice – Aveva lasciato la macchina coi fari accesi.

Cinzia – e c’era tutta questa urgenza da non lasciarlo finire di parlare?

Beatrice – Odio gli sprechi. Poi ti sembra logico, cinzia, venire in tre con tre auto?

Cinzia – Magari abitano da parti opposte della città.

Beatrice – Non siamo mica a New York, sai.

Cinzia – Comunque non è affar tuo. Posso sapere, invece, perché hai fatto confusione con i colori delle auto?

Beatrice – Sono daltonico. Non lo sapevi?

Cinzia – No. Non lo sapevo.

Beatrice – Dalla nascita.

Cinzia – Ovviamente.

Beatrice – Perché?

Cinzia – Mai conosciuto nessuno che fosse diventato daltonico a dieci anni.


10


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Beatrice – Ah, sì.

Cinzia – Senti: ho chiesto a Alessandro di andare in cantina a prendere il vino. Beatrice – Perché?

Cinzia – Perché tu eri appena uscita con la tizia dei fari. Allora ho chiesto a lui.

Beatrice – E…?

Cinzia – E… cosa?

Beatrice – Lui che ha detto?

Cinzia – Cosa dovrebbe avere detto?

Beatrice – Non so. Ha commentato?

Cinzia – E perché avrebbe dovuto commentare? Ma sai che sei strana, stasera? Vai a vedere se ha bisogno di una mano. È un po’ che è sceso. Beatrice – Vado.

Cinzia – Ma prima vai in bagno. Non ti posso vedere, in questo modo.

Beatrice – Prima il dovere! (esce Beatrice)

Cinzia – Questi non me la raccontano giusta.

SCENA DODICESIMA

Beatrice e Alessandro si incontrano in sala.

Alessandro – Eccoti, finalmente.

Beatrice – Pensavo mi avessi tradito.

Alessandro – Perché?

Beatrice – Cinzia mi ha detto che ti ha chiesto del vino. Tu che gli hai risposto? Alessandro – Nulla.

Beatrice – Sicuro? Mi è sembrato che mi guardasse in modo strano.

Alessandro – Forse perché vai in giro piegata in due…

Beatrice – Ah…

Alessandro – Comunque non ti ho tradita. Mi sono un po’ incasinato sugli esami e sui compleanni, ma non ho parlato di vino e di furgone.

Beatrice – Ascolta, dobbiamo incominciare a servire un po’ di vino. Tentiamo con questa bottiglia.

Alessandro – Non mi pare molto fresca.

Beatrice – Non possiamo mica far bere analcolici tutta sera. Assaggia.

Alessandro – Sono astemio.

Beatrice – E io non bevo vino caldo. Mi schifa.


11


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Alessandro – Dovrai, prima di servirlo.

Beatrice – Il vino è una cosa seria. Io non bevo vino caldo.

Alessandro – E che vuoi fare, farlo provare direttamente ai clienti?

Beatrice – Non potrei mai.

Alessandro – Ho un’idea.

Beatrice – Che idea?

Alessandro – Prima di servirlo, fai un esperimento con i ragazzi in cucina.

Beatrice – Coi ragazzi in cucina?

Alessandro – Coi ragazzi in cucina.

Beatrice – Fallo tu.

Alessandro – Cosa?

Beatrice – Vai tu dai ragazzi in cucina.

Alessandro – Non ci penso nemmeno.

Beatrice – Perché proprio io?

Alessandro – Perché tu hai combinato questo casino.

Beatrice – Sì, ma se sei mio amico mi devi aiutare.

Alessandro – Lo sto già facendo. Ti sto aiutando. Se il mio aiuto non è gradito posso sempre andare da Cinzia e dirgli che c’è stato un piccolo inconveniente con un furgone e con il vino…

Beatrice – No, no. Ma proprio in cucina devo fare gli esperimenti?

Alessandro – Ascolta: io sono astemio, Cinzia è all’oscuro di tutto. Ti resta solo una

soluzione: la cucina.

Beatrice – Hai ragione. La cucina.

Alessandro – Non hai paura di Attila, vero?

Beatrice – Io non ho paura di nessuno.

Alessandro – Certo, certo.

Beatrice – Attila… senti un po’ se ‘sto vino è abbastanza freddo?

Attila sputa il vino dalla quinta verso Beatrice e Alessandro, segue uno sproloquio in lingua originale.

Attila – Je nje trap idiot muti.

Alessandro – Forse non è freddo.

Rottura


12


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

SCENA TREDICESIMA

Si apre con Linda, Luigi, Marta che stanno uscendo, ringraziando Cinzia per la buona serata passata al ristorante

Linda – Il cibo era ottimo.

Luigi – Curato nella forma e nel gusto.

Marta – E la presentazione era talmente perfetta che… Luigi – Grazie davvero.

Marta – Buono anche il servizio.

Linda – Forse, ma proprio per spaccare il capello in quattro, un po’ lenti con l’arrivo del vino.

Marta – Manderemo i nostri amici.

Linda – Anche per il vino.

Luigi – Si è fatto aspettare ma era ottimo.

Linda – Tornerò, anche solo per riguardare dalla vostra veduta. Mozzafiato Mai visto niente del genere.

Luigi – Non volevo crederci.

Marta – Non ci credo nemmeno ora.

Linda, Luigi, Marta, insieme – Arrivederci!

Escono

SCENA QUATTORDICESIMA

In scena Cinzia, Beatrice, Alessandro. Cinzia saluta i clienti

Cinzia – A presto. Beatrice, mi prenderesti quel tovagliolo verde, per favore? Beatrice – Certo, eccolo.

Cinzia – Curioso. La daltonia deve essere passata. Prima non distinguevi il verde dal blu e dal rosso.

Beatrice – Dopo la mezzanotte distinguo i colori. Pazzesco, eh? Cinzia – Oltrettutto il daltonismo è una disfunzione maschile. Beatrice – Ah…

Cinzia – E il fratello bocciato con lode? Si è ripreso oppure sta ancora rimuginando sul fattaccio?

Alessandro – Si è ripreso. I giovani fanno in fretta. E la lode aiuta.

Cinzia – Solo perché lo sappiate. Il vino lo avevo portato io in cantina.

Beatrice e Alessandro – Ah, fantastico… cosa?


13


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Cinzia – Il vino, dal furgone l’ho portato in cantina.

Beatrice – Quando?

Cinzia – Quando mi sono accorta che tu lo avevi dimenticato sul furgone all’una di

pomeriggio al sole. A giugno.

Beatrice – E perché non lo hai detto?

Cinzia – Volevo vedere quando te ne saresti accorta.

Beatrice – Accorta mi sono accorta. Forse un po’ tardi…

Alessandro – Scusa, ma allora noi cosa abbiamo portato di sotto?

Cinzia – Aceto. Avete portato in cantina cinquantaquattro bottiglie di aceto. Eravate talmente presi dal nascondervi che non vi siete nemmeno accorti che le bottiglie erano diverse.

Alessandro – Presi in castagna, eh?

Cinzia – Già.

Beatrice – Beh, tutto è bene ciò che finisce bene. I clienti sono soddisfatti, tu hai risolto brillantemente, la serata è andata bene. Ora possiamo andarcene a dormire. Cinzia – Non subito.

Alessandro – Perché?

Cinzia – Perché l’aceto che avete portato di sotto occupa spazio in cantina. Dovete

portarlo tutto in cucina.

Beatrice – In… in cucina?

Cinzia – Sì. In cucina.

Beatrice – Ma c’è Attila, laggiù.

Cinzia – Sì. Vi dirà lui dove mettere ogni singola bottiglia. Non hai paura di Attila, vero? Beatrice – Io non ho paura di nessuno.

Cinzia – Allora non vedo nessun problema. Al lavoro.

Beatrice e Alessandro – Ora?

Cinzia – Seduta stante. È stato divertente vedervi in giro con l’aceto. Ah, Beatrice. Se devi

puoi ancora andarci.

Beatrice – Dove?

Cinzia – In bagno. O il male al pancino è già passato?

Entra dalla quinta Attila, si dirige verso Beatrice. La guarda con astio.

Attila – Venite, vi mostro che bei ripiani ho preparato per mettere l’aceto. Ah, prima vanno un po’ puliti. Forse è meglio se andate a prendere detergente e stracci. Molti stracci.


14


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

SCENA QUINDICESIMA

Beatrice – Attila… senti un po’ se sto vino è abbastanza freddo?

Attila sputa il vino verso la quinta, segue uno sproloquio in lingua originale. Siamo in cucina, Attila è il cuoco (non capo) in cucina ci sono quattro operatori, che si danno molto da fare.

Attila – Je nje trap idiot muti. Deficiente. Se mi capita fra le mani lo cucino al sangue.

Era – Non era fresco, il vino?

Attila – Era aceto.

Era – Quelli si divertono.

Eros – Come matti.

Zeus – E noi qui a dannarci per fare uscire in tempo le portate. Ehi ehi ehi, piano… cos’è

‘sta roba?

Eros – Filetto.

Zeus – E questa ti sembra una buona presentazione di un pezzo di carne così pregiato? Eros – Deve essere buono, non bello.

Zeus – Dai qua. (fa una cosa impercettibile sul piatto, poi lo riconsegna a Eros) Così è perfetto.

Eros – Ma è uguale a prima.

Zeus – Uguale per te che sei un cafone. Anche l’occhio vuole la sua parte.

Eros – Un giorno anche il suo occhio (mostrando un pugno) vorrà la sua parte. (deposita il piatto all’interno di una quinta)

Era – Artisti, la pasta è quasi cotta. A che punto siamo con i condimenti?

Eros – Il pesce è quasi pronto

Attila – Il ragù di selvaggina ha bisogno di qualche minuto.

Zeus – “Qualche minuto” non mi dice niente. Dettaglia maggiormente.

Attila – Due o tre minuti, capo.

Zeus – Due o tre? C’è una differenza del 50% in più, tra due e tre.

Attila – (tira fuori una calcolatrice ed esegue dei calcoli, muovendosi per la cucina) Sarà pronto fra due minuti e 18 secondi, capo. 17, 16….

Zeus – Perfetto. Ah, La cucina. Il mio regno è il posto migliore del mondo. Un posto meraviglioso, dove tutto deve funzionare in perfetta sincronia. Attila – Dove il tempo…

Era – È un prezioso alleato.

Eros – O un feroce nemico.


15


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Zeus – Si muove la lancetta…

Eros – E si cuoce la pancetta…

Era – La pasta cotta nello stesso momento…

Eros – Del delicato condimento…

Attila – E del ragù di selvaggina…

Zeus – A fuoco lento dalla mattina…

Eros – Il filetto…

Zeus – Sopra un letto…

Eros – Di insalata…

Zeus – Prelibata

Era – Vi presento un buon dolcetto…

Eros – Come fosse un Tintoretto.

Zeus – Il pesce…

Eros – Deve sembrare sul punto di muoversi… Zeus – L’antipasto… l’antipasto… l’antipasto?

Attila – Sapientemente miscelato sul finire degli aperitivi.

Zeus – Il dolce…

Era – Sublime tocco finale…

Eros – Di regale importanza…

Attila – Per lasciare il gusto prelibato…

Zeus – Del miele preferito…

Era – Per lasciare l’aroma prezioso…

Eros – Dei fiori di primavera…

Zeus – Per lasciare la succulenta sensazione…

Era – Della forchetta che si immerge nella morbidezza senza fine… Eros – Chiuderei con un caffè.

Zeus – Caffè? Perché vuoi rovinare tutto con un caffè?

Eros – Tutti bevono il caffè, alla fine di una cena.

Zeus – Il caffè si beve al mattino. Al massimo al pomeriggio. Non più tardi delle 16.00.

16.30 al massimo.

Eros – Ma anche qui al Bellavista, alla fine del pasto, tutti bevono il caffè.

Zeus – Non voglio saperlo. Preferisco vivere nell’ignoranza. Al lavoro, forza.


16


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

SCENA SEDICESIMA

Diana si guarda intorno.

Diana – La cucina è sempre stata il fiore all’occhiello del Bellavista. Quattro personalità contrapposte, molto forti, con un capo cuoco preciso al limite della paranoia.

Fuori scena

Attila – Due o tre minuti, capo.

Zeus – Due o tre? C’è una differenza del 50% in più, tra due e tre.

Attila – Sarà pronto fra due minuti e 18 secondi, capo. 17, 16…”

Diana – Infine: i clienti. Tra queste mura si sono svolte scene a volte tragiche, ma soprattutto divertenti, Ricordo una coppia di fidanzati…

SCENA DICIASSETTESIMA

Due persone (maschio e femmina) seduti al tavolo, visibilmente innamorati.

Lui – Ho ordinato il dolce.

Lei – certamente Ottimo. I miei gusti li conosci.

Lui – Mi perdoni un momento?

Lui si alza per andare, presumibilmente, in bagno. Ferma un cameriere e gli consegna un anello di fidanzamento, spiegandogli che dovrà farlo trovare nel dolce. Il cameriere dà l’anello in quinta alla cucina. La cucina restituisce il dolce con sopra l’anello (da un’altra quinta oppure dal lato opposto). Il cameriere porta il dolce al tavolo, tutto sotto gli occhi del ragazzo, che poi va a sedersi, mentre il dolce viene servito.

Lei – Tu non prendi niente?

Lui – No, sono sazio. Com’è il dolce?

Lei – Molto buono.

Lei inizia a tossire, fatica a respirare, evidentemente ha ingoiato l’anello. Lui cerca nel dolce e, non trovando l’anello, si preoccupa. Lei fatica sempre più a respirare. Accorrono i camerieri, che fanno la manovra. Lei sputa l’anello sul pavimento, sta bene. Lui lo raccoglie, un po’ schifato. Lei nel frattempo si è seduta, lui si inginocchia davanti a lei e le chiede:

Lui – Non è proprio così che lo immaginavo ma… vuoi sposarmi?

Lei – Ma certo, amore mio. Ma promettimi che non cercherai più di soffocarmi Rottura


17


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

SCENA DICIOTTESIMA

Diana, in proscenio.

Diana – Qualche volta è stato difficile capirsi con alcuni clienti…

SCENA DICIANNOVESIMA

Entra una ragazza al ristorante. Si siede ed aspetta un cameriere. Il cameriere arriva. Alessandro – Le porto la lista?

Ragazza – In un’altra lingua chiede qualcosa.

Alessandro – Un momento… One minute, please. (rivolto ad una collega) È per te.

Beatrice – Le porto la carta dei vini?

Ragazza - In un’altra lingua chiede qualcosa.

Beatrice – Pardonné – moi… un moment. (si allontana dal tavolo) Che accidenti di lingua parla?

Alessandro – Mai sentita. Mandiamoci il principale. Capo! Vedi se riesce a parlare con la ragazza appena entrata. Non conosciamo il ceppo. Cinzia – Che ceppo?

Beatrice – Il ceppo linguistico.

Cinzia – Dilettanti. Ora vi mostro la professionalità. Le chiede, in 3 diverse lingue, che esigenze ha. Ottiene risposta incomprensibile. Je back unmittelbar Torna dagli altri Alessandro – Che professionalità, capo.

Beatrice – Mi inchino… Je back unbittelbar. Un sapiente miscuglio trilingue. Nemmeno

l’Esperanto aveva ardito a tanto…

Cinzia – Và a chiamare Attila.

Beatrice – Perché?

Cinzia – Sembra un ceppo linguistico simile al suo.

Beatrice – Ma se prima non sapevi nemmeno cos’era, il ceppo linguistico.

Cinzia – Chiamalo e basta.

Beatrice – E poi perché lo devo chiamare io?

Cinzia – Non avrai mica paura, no?

Beatrice – Di nessuno. Io non ho paura di nessuno. Attila… puoi venire in sala un momento? C’è una ragazza che parla una lingua simile alla tua. (va in cucina, ne esce Attila, che si dirige spedito al tavolo della ragazza, seguito dal cameriere, che però si ferma con gli altri camerieri)


18


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Attilla – Hey. Si je? (in albanese: Ciao, come stai?)

Era – Hey bine tu? (in rumeno: Hey, bene. E tu?)

Attilla – Je doptu Shum neg era fundit si te kam pa. (in albanese: Sei dimagrita molto dall’ultima volta che ti ho vista)

Era – Ah dragut din partea ta dar nu vreau sa slabasc mai mult. (in rumeno: Gentile da parte tua. Ma spero di non dimagrire più)

Attilla – Cia don te bi? (in albanese: Cosa ti porto?)

Era – As dori nijte carne la gratar cu un pahar de vin rosu daca e posibil! (in rumeno:

Vorrei della carne ai ferri e del vino rosso mosso, se è possibile)

Attila – Nji second the erda. (in albanese: Arrivo subito)

I due sembrano intendersi perfettamente, tanto che Attila, ad un certo punto, si siede al tavolo con la ragazza. Quando si rialza va dal capo.

Attila – Vuole mangiare.

Cinzia – Questo lo avevamo capito. Siamo in un ristorante.

Attila – Bene, allora perché mi avete chiamato?

Cinzia – Per vedere se riuscivi ad intenderti con lei.

Attila – Ah.

Cinzia – E allora?

Attila – Allora cosa?

Cinzia – Che vuole?

Attila – In che senso “che vuole?”

Cinzia – Da mangiare… che vuole?

Attila – Ah… che vuole in quel senso lì. Spaghetti all’astice con vino bianco. Mosso.

Cinzia – (alla cucina) Spaghetti all’astice. (al cameriere) E vino bianco. Mosso.

Alessandro – Bravo, Attila.

Attila – Grazie, Alex

Beatrice – Che lingua parlava, allora, la ragazza?

Attila – Come?

Beatrice – La ragazza. Che lingua parlava? Attila – E che ne so? Non ho capito una parola.

SCENA VENTESIMA

Diana in proscenio


19


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Diana – Ricordo Due vecchi compagni di scuola che si sono reincontrati qui.

SCENA VENTUNESIMA

Due tavoli, su cui cenano due persone diverse. Più o meno coetanee. C’è l’impressione di conoscersi, ma c’è un rifiuto a rivolgere la parola all’altro.

Maglietta – Scusi…

Mulini – Dica.

Maglietta – Ci conosciamo?

Mulini – Sì. Sembra anche a me.

Maglietta – Per caso lei è famoso?

Mulini – Non direi proprio. Non ancora, almeno. Forse un giorno. Lei lo è? Maglietta – Direi di no. Allora dobbiamo esserci per forza conosciuti di persona. Mulini – Io sono originario di Milano.

Maglietta – Anche io, zona est. Vicino Lambrate.

Mulini – Ma certo. Tu sei Maglietta, eravamo in classe assieme alle superiori. Sono Mulini! Maglietta – Mulini? Non ci credo. (si alzano e si abbracciano, infine si siedono allo stesso tavolo)

Mulini – Come va? Che fai di bello?

Maglietta – Niente di speciale. Ho lasciato Milano. Volevo una vita più tranquilla. Tu? Mulini – Non ci crederai. Faccio il regista. In teatro. Maglietta – Ah, fantastico… ma di lavoro?

Mulini – Quello faccio. Il regista.

Maglietta – Ah, quindi sei uno di quelli “faccio cose, vedo gente…”. Grande Mulini. Mulini – Mitico Maglietta. Tu che fai per vivere? Maglietta – Disoccupato. Per scelta.

Mulini – Ah, ma di lavoro? Scherzo, Maglietta. Ti ricordi il tuo soprannome? Dixan! Che tempi, ragazzi.

Maglietta – Hai ancora quella ragazza, quella con (gesticola ampiamente ad indicare un seno prosperoso) quegli occhi bellissimi?

Mulini – Eh, no. Paola mi ha lasciato. Per un ingegnere tedesco, pensa. Hanno due figli, l’ho rivista di recente.

Maglietta – Anche io ho una figlia, sai.

Mulini – Grande Maglietta. E quanti anni ha?

Maglietta – 8 anni.


20


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Mulini – Mitico Maglietta. E come si chiama? Maglietta – Come mia madre. Sai, le usanze del sud… Mulini – Eddài… allora? Maglietta…? Maglietta – Immacolata. Maglietta Immacolata. Rottura

SCENA VENTIDUESIMA

I flash back sono finiti. Diana è sempre in proscenio, da un lato rientra Elisa.

Diana – Ci ha pensato?

Elisa – Molto.

Diana – Ha valutato il prezzo?

Elisa – Attentamente.

Diana – E che cos’ha deciso?

Elisa – Che lei non vuole vendere.

Diana – Non capisco.

Elisa – Lei ama questo posto.

Diana – È vero. In fondo lo amo.

Elisa – Allora perché se ne vuole disfare?

Diana – Troppi ricordi.

Elisa – Sono due giorni che vengo qui con l’intenzione di dare una occhiata alla proprietà.

Tutti e due i giorni lei era qui. Ho visto la sua macchina, parcheggiata qui fuori.

Diana – Lo vuole comprare questo posto oppure no?

Elisa – Non posso permettermi quella cifra.

Diana – Allora può andarsene. Troverò un altro compratore.

Elisa – È certa di volere che me ne vada?

Diana – Ne sono certa eccome, se non vuole comprare.

Elisa fa per andarsene, ma ci ripensa e torna indietro

Elisa – Senta. Se lei abbandona questo posto se ne pentirà presto. Ed io non voglio essere la causa della sua pena.

Diana – Non è affar suo, la pena è mia.

Elisa – Venga con me. (la conduce alla finestra) Guardi! E cerchi di capire perché questo

posto si chiama “Al Bellavista”

Diana – Nemmeno per sogno.

Elisa – Guardi!


21


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

Diana – No!

Elisa – Non può vivere nel passato. Guardi questo mondo. Lo vede?

Diana – Lo vedo. Lo vedo. Mi lasci in pace.

Elisa – No. Guardi. E guardi davvero, stavolta. Vede? (parte un motivo musicale) Diana – Vedo.

Elisa – E sente? (inizia a risuonare una musica)

Diana – Sento.

Elisa – Cosa vede?

Diana – Vedo il Bellavista. Lo vedo com’era un tempo. Lo vedo con Cinzia ed i camerieri al completo, con la quadra di cuochi. Le stesse persone di allora. Elisa – E ti piace?

Diana – Sì, molto. Questo, però, non mi restituirà la mia vita; non mi restituirà lui.

Elisa – È vero, ma almeno un po’ di serenità potrai averla indietro.

Diana – Da sola non ce la farei mai.

Elisa – Io ti aiuterò.

Diana – E perché lo faresti?

Elisa – Due motivi. Non mi va di essere causa dei tuoi mali.

Diana – L’altro motivo?

Elisa – Non posso permettermi l’investimento per intero. Solo una metà.

Diana – E se le cose andassero male?

Elisa – Come potrebero andare male, con questa veduta?

Diana – Non hai tutti i torti.

Elisa – Affare fatto, allora? (porgendo la mano a Diana)

Diana – Affare fatto.

Elisa – Sento già il rumore della sala ed il profumo della cucina.

Cinzia – Il vino è a posto?

Beatrice – Certamente. Il vino è… (si blocca)

Cinzia – Il vino è?

Beatrice – Il vino è… in cantina: vino bianco nella camera bassa, vino rosso nella camera

alta, come al solito.

Cinzia – Bene.

Beatrice – Benissimo… fantastico! Meraviglioso!


22


Al Bellavista

di Lorenzo Trombini

La musica si interrompe, tutti si fermano per un istante. Buio, la musica riparte, tutti in proscenio a guardare dalla finestra del Bellavista.

FINE


23

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno