Al cafè Chantant Salone Margherita

Stampa questo copione

Cu ‘o monaco dint’o lietto


Inverosimile Café chantant

di

UMBERTO CASTALDI

                                                                                         

SCALETTA

Presentatore                                              (Benvenuto al  Café Margherita)

Balletto                                                        Cac Can

Canzone                                                      Damme ‘na cura

Canzone                                                      Nennella ‘a fruttaiola

Monologo                                                   Nennella ‘a fruttaiola

Canzone                                                      Antonietta del Pallonetto

Monologo                                                   Caldarelli

Poesia                                                          Quando nacquetti

Canzone                                                      Fortuna

Canzone                                                      Fifina la parigina

Canzone                                                      ‘O sudato nnammurato

Canzone                                                      Fifina la parigina

Monologo                                                   Fifina la parigina

Ogni numero viene introdotto da un presentatore che di volta in volta dialoga col alcuni personaggi della commedia che fanno da elemento disturbatore.

La scena

Rappresenta il palcoscenico di un café chantant dove ha inizio uno spettacolo. Entra il presentatore

Present.      Signori e signori buonasera e benvenuti all’inaugurazione del café chantant salone Margherita…..

Felice         Nun se puteva chiammà Rusinella?

Presnt         No caro amico, perché la Margherita é….

Felice         ‘A pizza cu ‘a muzzarella…..

Preset         (Senza raccogliere) Il fiore dell’amore: La sfronni pettola su pettola…..

Gaetano     Sta facendo ‘a pastiera…petalo, si dice petalo…..

 Present      (Non raccoglie) …Ed alla fine quando hai sfronnato l’ultimo petalo….

Gaetano     Te rimane ‘o strappone mmano!

Present       Neh amico, m’o facite fa? Dunque dicevo: quando hai staccato l’ultimo petalo, sai se isso o essa ti ama!

Dorotea      Come sei reumatico!

Present       Haje ragione, sto chino ‘e dulure!

Gaetano     Quella voleva dire romantico!

Present       (Sospira) Ah! Mammà accussì m’ha fatto!

Dorotea      Comme a ‘nu purchiciello!

Present       (Contrariato ) Passiamo allo spettacolo.

Felice         Stregne…stregn…

Present       Scusate se mi sono allungato…

Amalia        Diciamo allargato…..

Present       Mamma mia e pubblico impertinente!  Dicevo: per farmi perdonare, vi faccio vedere quelle che state aspettando: le femmine, le ballerine ca ve fanno vedé ‘nu can….

Dorotea      Muorto….

Present       ‘Nu can can…’nu ballett! Signori direttamento da Parigge, dove abballano tutt’e sere in un localo sott’a torre ca  j’ fete

Dorotea      Se sente!

,Present      Signori, le ballerine!

                   BALLETTO ESEGUE CAN CAN

Present       Brave, bravissime, , sono gocce di gioventù, sono boccioli  e anch’io io mi sento…

Felice         ‘Nu, garuofano spampanato!

Present       Neh crisantemo ammosciato! (Si riprende) Ora miei cari amici è il momento di una persona che chiede il nostro aiuto: è innamorato della nostra cara Emma e vo ‘na cura pe’ nun suffrì cchiù: sentite (Cantante esegue)

DAMME ‘NA CURA!

(Testo di Umberto Castaldi – Musica di Franco Tricoli)

Io quanno veco a te

me vene ‘a freva…

mi faccio rosso rosso

e il sangue sale….

Rimane tutto quanto

nella testa

e sembro un gamberetto

tosto tosto!

Ma tu me può curà

cu chisti vase…

e tu me può salvà

cu chist’ammore!

non fare la gradassa

ca può piglià  la scossa

si miette mo’ ‘a mano…..   dove?

su questo cuore!

‘Nfama, vigliacca a dispietto,

a tutti fai un sorriso,

ma con me fai la ritrosa

sempe  cu’‘a cera sul viso!

Con tutti quanti sei aperta,

sol con me non c’è verso,

tu truove sempe ‘na scusa

e ‘a tiene sempe cusuta!

che cosa’?

‘A vocca!

Non vedi che per te

sono malato,

perché tu nun vuo’ fa’

il mio dottore?

Misura la pressione

del mio cuore

e dammi la tua cura

con ardore!

Ogni matina dammi il tuo sorriso

A mezzogiorno sol carezze e vase

Verso le otto, abbracci fino a me soffocà….

E ‘a notte tutto ‘o riesto ca saje ggià!

Se tutto ciò farai, vedrai che si alzerà……………Che cosa?

Il grido mio di gioia…….che vaje a pensà?

Present:    Puveriello s’adda curà, ma addò?

Felice         ‘O camposanto!

Present      Sicuro llà nun ave chhiù bisogno ‘e se curà, ma ora permettetemi di presentarvi ‘na fammela bella e cianciosa. Signori  vi presento “Nennella, la fruttaiola tanto bella

NENNELLA ‘A FRUTTAIOLA

(Trsto e musica di Umberto Castaldi)

So’ Nennella ‘a fruttaiola

e so’ nata ‘o Conte ‘e Mola

venno fiche e pummarole

in gran peso e qualità!

Da Nennella pruove ‘o sfizio

di trovare le primizie:

contra tiempo ‘a mulignana

‘a può accattà ‘nzieme ‘a banana!

Tutte ll’uommene me vonno:

Chi me cerca ‘a cerasella

Chi invece va truvanno

Ddoje percoche pe’ se fa’

‘nu bicchiere ‘e chillo bbuono,

e po’ ‘o core’ me vo da’!

‘O sapite io so’ Nennella

‘a fruttaiola tanto bella…

con la frutta io do sollazzo……

(Si ferma parla) A che cosa? Tu si pazzo!

So’ Nennella ‘a fruttaiola

La…la…la…la…la…la…la

Bonasera, so’ Nennella, ‘a fruttaiola tanto bella! (Da la voce) :”’E fiche fresche, ‘e fiche fresce, mo’ so’ belle mo’ che ha chiuppeto! ‘A tengo nera nera ‘a mulignana!”  Da Nennella trovate tutte le primizie fore tiempo! Tra l’altro sono specializzata nella vendita di erbe e frutta esotica, ca po’ si levate ‘a “s” e mettite ‘a “r” diventa erotica! Nun è ‘overo niente, ma ‘a gente ce crede e vendo quintali di avocado, mango, datteri, banane e tutta ‘a frutta e l’evera che tene nomme streveze…..La gente per migliorare le prestazioni sessuali jesse a pere scaveze a Pumpei. ‘Pare ca tutte quante tengono tutte e due i sessi: uno dove l’ha messo madre natura e n’ato ‘ncapo! Il sesso, ‘a verità, a me non mi interessa, sono una donna, serena, tranquilla…..Basta che aggio le mie piccole soddisfazioni, tre, quattro volte al giorno….sto a posto! Tengo ‘o marito carcerato, che esce una volta al mese per buona condotta! E io che faccio aspetto a isso? Ogni tanto cedo, dopo insistenza per lo meno di quattro, cinque minuti, alle proposte mascoline! Qualche giorno fa mio marito, ha avuto una licenza premio, ma nun è cchiù isso! Ha perso tutto il suo vigore mascolino e l’interesse pe’ ‘a mugliera! Mo’ è turnato ‘ngaleraa e ricomincia ‘o turmiento di tutti i giorni! Il corteggiamento degli spasimanti ed io donna sola, debole e indifesa che pozzo fa? Resisto chili quatto cinche minuti e po’ cedo alle vogliose richieste ‘e st’uommene ca teneno sempe ‘o stesso pensiero! E che cazzo! Mo’ mi arritiro, scusatemi ma m’aggio a j’ a priparà per un’altra lunga, faticosa, noiosa, notte! Qualcuno putesse dicere: “Ma chi t’ho fa’ fa?” Che volete fare, nun saccio dicere ‘e no! Posso mai lasciare quei poveretti con le loro esigenze? E se per necessità vanno cu qualche malafemmena e pigliano ‘na malatia, po’ ‘a colpa è ‘a mia! Posso mai campà cu’ ‘stu pensiero? La mia è una missione, un compito quasi da assistente sociale, l‘assistente dell’amore! Anzi sapete che faccio? Voglio fa ‘a domanda ‘ncopp’o comune pe’ vedé se mi assumono! ‘A volte però  me pigliano ‘e scrupole nei confronti di mio marito! Secondo voi faccio male a gghì con gli altri uomini? Ma io lo faccio solo col corpo, perché con l’anima sto  in galera, cu isso! Arrivederci, arrivederci (canta) 

So’ Nennella ‘a fruttaiola

nun so’ gghiuta manco a scola

ma so fare il mio mestiere

con cazzimma e gran piacere

la….la….la….la…la…la…

(Esce con la  musica che sfuma)

 Present       ‘E capito ‘a fruttaiola? Qualche ghiurno ‘e chisto vaco pur’io a fa a spesa…addu essa…

Felice         Accattate ‘nu cucuzziello!

Presen       (Innervosito) Nun tengo che ne fa! (Cambia tono) Vi presento una granda artista: non è una cantante, non è una ballerina è….

Amalia        ’Na scigna ‘mbalsamata!

Present       ’Na scigna ‘mbalsamata….(Si riprende) Ma che me faje dicere….volevo dire vi presento una sorbetta…

Felice         Al limone o cioccolata?

Present       Una sorbetta, cioè un’artista che sape cantà e ballà!

Amalia        Una soubrette!

Present       Propetamente, una sonetta! Vene pur’essa da Parigge, dove si esibiscia al Mulino ruggino, la piu’ bella, la più brava, la più sciantosa delle sciantose, accompagnata da un spasimanto  masculo.

(Entra Emma Carcioff insieme ad altro cantante  ed insieme cantano)

Antonietta del Pallonetto

(Testo di Umberto Castaldi - musica di Franco Tricoli))

Lei: Sentite che calore,

nun se po’ suppurtà..

(Indica la camicetta) Che dite la sbottono?

Lui: Ve vengo ad aiutà?

Lei: Guardate che cafone,

che se adda suppurtà…

è inutile che insisti

nun ce sta niente a fa’!

Lui: Ma comme mio bijox,

mia dolce mon cherì…

Lei: Insomma ‘a vuò fernì?

Lui: Si…si..si…si…si…si…si….si….i

Lui: Vedete con che amor

Vi chiamo mia Frou…Frou

Lei: te ne vuò j’ garçon…

Lui: No…no…no…no…no…no…no…no..

Me chiamme “mio bijoux”

Me dice ma’  cherì

Pecchè finanche tu

Te cride ca i’ songo ‘e Parì

Mi dici mon amour

Mi chiami “mia frou frou

E nun te saje spiegà

Perché non so parlà fransuà!

Lui: Chi sarai mai allor

O mia dolce vision

Lei:’O vuò proprio sapé?

Lui. Se…se…se…se…se..se..se…se….

Lei: Ed io te lo dirò

Se tu prometti mo’

Ca nun me ‘o circhi cchiù….

Lui: Su…su…su…su…su…su…su…su….

Lei. Mi chiamo Antonietta

Ed il mio do di petto

È nato al Pallonetto…..

Lui: Senza nessun difetto!

Lei: Ma un  giorno un gran signore

In Francia mi ha portata

Ed il suo amor donato

Lui: (Al pubblico) E lei  cosa gli ha dato?

Lei: E da quel momento in poi

madama diventai…

ed il can can ballai….

Lui: Ahi…ahi…ahi…ahi…ahi…ahi…ahi…ahi…

E con tanta nostalgia

Cantai sulo  canzone

‘e Napule coumprì?

Lui: Ouì…ouì…ouì…ouì…ouì….ouì…ouì…ouì…

Lei: Ma quando t’ incontrai

Di te m’innamorai

E so’ turnata ccà

Lui: La…la…. la..la …la…la…la…la

Lui: E quando ti guardai,

d’amore mi ammalai

cu te voglio campà

Lei La…la…la…la…la…la…la…la…

Insieme: La…la…la…la…la…la…la…la…

Present           Brava……brava ……

Gaetano          E pure bbona….

Dorotea           (Da la borsa in testa al marito) ‘Stu porco zuzzuso….                       

Present           Carissimo pubblico, che bella casa ca è il café chantant…Mi sta venendo il genio di fare pure io qualche cosa! Vi farò….

Amalia            ‘O ballo ‘e ll’urso….

Felice              Nun ‘o po’ fa’ 

Amalia            E perché?

Gaetano          Tene ‘e calle….

Dorotea           Allora è ‘na scigna!

Present           (Cercando di rimanere calmo) Ai signori le piace ‘e pazzià! Vi stavo dicendo….Vi farò, invece d’o ballo ‘e ll’urso….

Amalia            La danza delle libellule…..

Present           Va buò, aggio capito, nun è cosa….Continuiamo lo spettacolo

(VIENE INTERROTTO DA UNO SPETTATORE)

Attore              (DAL PUBBLICO) Signor presentatore, scusate se vi interrompo, state presentando tanta bella gente, ma a  me, quando mi chiamate?

Present           Chi siete?

                        (Le due ragazze vanno via)

Attore              Come chi sono, sono CARDARELLI!

Present           CALDARELLI?

Attore              (RAFFORZANDO LA ERRE)  CARDARELLI con la erre! Se era CALDARELLI con la  Elle dicevo con la  “L” come a dire “ LIEVETE ‘A NANZO”, pecchè mo ‘nce stongo io! (GLI FA CENNO DI ANDARE VIA)

Present           Un momento, non andate di fretta, prendiamo la scaletta!

Attore              E’ proprio necessario?

Present            Certamente, devo controllare quando è previsto il vostro intervento e quindi farvi salire!

Attore              E nun pozzo piglià l’ascensore?...Sapete ho avuto una giornata faticosissima!

Present            L’ascensore? Che avete capito? Dobbiamo prendere la scaletta, cioè l’ordine di entrata degli artisti !

Attore              (RIDENDO) AH; AH ! Io l’avevo capito...ho solo voluto darvi un saggio del mio umorismo, della mia capacità di improvvisare! Comunque, permettetimi di darvi un consiglio: Cercate ‘e ve spiegà meglio, perchè con tutto il rispetto parlando, vuje ve spiegate comme a ‘nu libbro stracciato !

Present           Io ?

Attore :            E se capisce! (SALE SUL PALCO) Comunque  pigliateve ‘a scaletta e gghiatevenne.Ora sono salito quindi (CAMBIA TONO)  Ragazzo ammontonati ‘a via ‘e dinto e...fammi lavorare!

Present           (ANDANDO VIA) Ma vedite che se passa!

Dorotea           Ma chisto mo che vò?

Attore              Solo   un po’ della vostra attenzione

Felice              Si va be’, ma chi si’

Attore              Sono un  grande artista avvezzo a calcare  i palcoscenici

Dorotea           Uh ‘stu zuzzuso, pecché ‘o bagno nun ‘o tiene?

Attore              A calcare, cioè a calpestere i palcoscenici di grandi teatri nazionali ed esteri Sono reduce ....

Gaetano          Puveriello, ha fatto ‘a guerra….

Attore              (Spazientito) No, nun aggio fatto nisciuna guerra....Sono reduce, nel senso che da poco ho finito una tourne’ all’estero! Da Caivano ad Afragola, da Portici a Ponticelli, ho mandato in delirio e visibilio migliaia di spettatori!

Amalia             Come ti chiami?

Attore              LORETO CARDARELLI!

Felice              (Fa le corna a mo di scongiuro) Mamma d’o Carmene…

Attore              E no amico, non sta bene! Che colpa ne ho io se il mio nome e cognome corrispondono a quello di due noti ospedali napoletanti! Dovete sapere che  quando sono nato, di sette mesi, me purtarono al Loreto dove appera arrivai….ma ora ve lo racconto in versi per darvi un saggio un saggio delle mie doti di poeta e fine dicitore ! Vi recitero’ una mia poesia che racchiude tutto il tormento della mia vita!

QUANDO NACQUETTI

Quando nacquetti ero prematuro,

di sette mesi, si e no  sicuro!

Al Caldarelli di gran soccorso fui portato,

dopo che al Loreto m’avevano schifato!

Qui in incubatrice fui messo e li per lì

un corto circuito il reparto incenerì..

Sol’io rimasi indenne perché le fiamme

Per paura di spegnersi, m’avevano evitato!

‘Nu cielo oscuro, mancava la corrente,

chiuveva, nun se vedeva niente!

Ed il dottore, con voce soffocata,

Dicette: “Chistu ninno é disgraziato!”

Il mio papà, come vi vide, con grido lacerante,

mi disconobbe sai seduta stante!

Rivolto alla mammà dicette: “ Oiné,

cu chi ll’è fatto, nun è figlio a me!”

La povera mammà ahimè scoperta,

nun riuscì a tener la capa allerta

Gridò: Totò perdoname ‘stu fatto”

e le mancaje ‘o llatte all’intrasatto!

Papà, lo sai, la volle perdonare

Sapenno ca era stato cu ‘o cumpare

‘e fazzoletto che ahime era inciampata

e, senza voler, l’aveva ingravidata!

Il giorno del battesimo quest’uomo

con grande charme ed anche tomo tomo

a me fece il compare e fore a chiesa,

sciuliaje pe’ tutte ‘e grare de’ a discesa!

Il tempo di inveir col fato avverso,

che il prete gli si parò poi di traverso

lo ammonì per la superstizione

e quando fece la benedizione,

nell’oscillar davanti cu ‘o ‘ncenziere,

sgarraje cu’ a mano e le scassaje a‘ dentiera!

Al momento della fotografia

‘nu cane muzzecaje a me e ‘a zia,

ed al ricevimento la cara donna Marianna

cu’ ‘nu cannuolo se affugaje ‘nganna!

Poi al ritorno, ahimé d ‘a carrozzella

se ne fujette ‘o cavallo senza ‘a sella,

e così, affranti in fisico e in morale,

fernettemo a pere, ‘ncopp’o  a ‘nu spitale!

In rianimazione fui portato e messo

e il tubo per respirar mi andò di traverso

e senza speranza di sopravvivenza fui dimesso.

Ma or tediarvi ancor non voglio più

pensando che una stella di lassù,

ce l’ave assaje  cu me’ che ce vuò fa’

e tutte ‘e juorne me fa’ amariggià !

                                                        Ed or che inoltrata è già la sera,

e raccontata ho questa vita nera,

alla gente che mi ascolta,

da un bel po’, con gran pazienza,

io men vo’ solerte, in altra piazza,

per far si’ che ahimé non oda :

“ CARDARE’ ‘NCE RUTTO ‘O.......”

A BUON INTENDITOR POCHE PAROLE…E ARRIVEDERCI!!! (Via dal fondo)

Ppresent     Puveriello è proprio sfortunato!

Felice         Sfortunato? Chillo è ‘na peste! Addò passa isso nun cresce più          l’erba!

Present       E nun ve ha ditto tutte cose…’O pompiere ca sta areto ìo palco m’ha raccontato che vicino casa ‘e Caldarelli, ce sta ‘nu gatto niro…..        

Gaetano                   Un concorrente…

Present       Nossignore….’ A primma vota  che ‘a povera bestiella l’ha ‘ncuntrato, è stato investito ‘a ‘nu camion ed è diventato sicco come una sogliola…

Felice         ‘Overo?

Present       N’ata vota ‘o nirone, pe’ o scansà è caruto e ha  fatto un volo di trenta metri a copp’a ‘nu ponte…. 

Dorotea      Regalammo ‘nu cuorno ‘o gatto

Present       Se po fa! P’o  mumento il gatto, quando lo incontra, lo guarda, si gratta ‘e pallucce e se ne fuje!

(Caldarelli) (Rientra) Scusate….

                   (Scongiuri da parte di tutti)

Present       Che vulite?

Felice         Vo’ fa cadé ‘o teatro…

Caldarelli    Non mi mortificate….nella fretta di andar via perché era juto tutto bbuono, senza sische pernacchie e senza danni a cose o persone ho dimenticato di cantare una canzone che ho composto ed è quasi una preghiera alla fortuna che mi schifa…

Present       E fa  buono (esce)

Caldarelli  canta                       

                                                                            Furtuna

Testo e musica di Umberto Castaldi

Furtuna…fortuna,

io te chiammo ogni matina,

si me lavo, si me vesto

si me cagno ‘e cazettine….

Ma tu niente si’ sorda e nun rispunne,

tutte ‘e speranze mie, m’’e vutte ‘nfunno!

Io te vulesse ccà,

io te vulesse ccà,

io me vulesse

‘fronte a te fa’ vasà…

ma niente, nun rispunne

a chistu strazio….

Forse me vuò vedè

Proprio all’ospizio?

Furtuna…furtuna,

io lo so tu sei bendata,

ma cu’ mmè, ma che truvata

ll’uocchje ‘e tiene fravecate….

E pirciò me lieve pure ‘o sfizio

‘e te mannà uno schizzo in orifizio….

Io te vulesse ccà,

io te vulesse ccà,

io te vulesse ccà

pe’ te putè struppià….

Ma tu perché sei tu,

sei affortunata,

così la mia intenzione

hai camuffata!

Furtuna…furtuna…

Si nun viene faccio ‘o pazzo

E po’ faccio arrevutà

Tutta ‘a piazza e ‘stu palazzo….

E si pure cu’ ‘a banda viene adesso,

senza pensà, te lavo ‘a faccia ‘o stesso!

                   Present E mo sperammo ca ce ‘o simmo levato a ttuorno…

Felice         Mo te ne a ‘j ssulo tu!

Present      (Non raccoglie) Adesso casissimo pubblico vi voglio fare un regalo: una cosa grandiosa!  La più granda stella dello spettacolo ca guardate ‘a cumbinaziona, pur’essa vene da Parigge dove canta e balla alle follie berge: Fifina’ la bellissima, la bravissima l’altissima….(Si sposta e dietro di lui è posizionata una cantante piuttosto bassina) (Esce)

Felice         Chill’atu piezzo addò sta?

Gaetano     Chesta scopa all’erta sott’o lietto…

Artista canta

FIFINA LA PARIGINA

(Castaldi – Tricoli)

Son  Fifin, la parigin,

Io me ‘ntuletto tutte ‘e matine a soiré

Le bluson le scollaccion,

con la pans tutta de for

Tacchi long ca me fanno cadé…

Calze a ret tutto fanno vedé

E il mio pass, comme tu può vedé

è ‘na danzé

j’ men v’ais pour l’occasion

sur le Moin Matre ed al Chiatamon

j’ cammin cu nosciaslanz

comme subrette, mais cu crianz

e me mov così e colì

che spettacol songo ojnì….

Felice           Ma adsdò si asciuta, chi sei?        

Fifina                          Chi sono?…. Ve l’ho anche cantato! Son’ Fifin la parigin, la francese che ciancé un uom al mese e qualche volta pure ‘o  juorn! J vuless essere fedel, ma nun ce ‘a facc! Ah si fosse omm, tutto putess fa! Monsieur l’omm, quanno ‘na femmena lle piace,  la portanò a’ casa loro a veder la collezion di papillon! Allora perquoì, nun posso far vedere  la mia collezion? Veramon non è proprio una collezion perquà j’ tengo una sola papillon, (Specifica) eh, ‘na farfalla che, per grandezza, colore e bellezza vale per cent e...forse più’! Io senza n’omm nun me fid ‘e sta’ e faccio ‘na mappin sul campò di battaglià, (Specifica) ‘Ncopp’o lietto! Anche quando sono venuta a teatro ho incontrato un bel pompier che appen m’ha vist m’ha fatto  lo sguard languid…Le sue intenzioni erano chiare, potevo mai perder l’occasion?

Felice         Nun sia maje, e come è andata?

Fifina         Invadente, si chiedono certe cose a una signora?

Gaetano     A una signora no!

Fifina         Che vuò dicere? Guarda ca non ti graffio perché sono una signora, non ti picchio perché è volgare, ma ti odio, ti odio ti odio!

Felice         Nun ‘o fa male, perdonalo!

Fifina         Perdonato, anche perché é un maschietto anche se stagionato e non si può mai sapere!

Felice         Allora?

Fifina        Allora Ho raccolto l’invito del bel pompiere, senza perdere tiempo prendo l’iniziativa  e gli chiedo:”DOVE MI PORTI, UOMO DALL’IDRANTE A GETTO CONTINUO? “ E lui: “A CASA MIA” dove me scippa ‘e panne ‘a cuollo,si mette  in testa il casco di ordinanza e mi dice:” Scendo, tu appicce questa paglia: appena vedo le fiamme, salgo sulla scala, entro e spengo il fuoco in casa e dentro di te “ Mi bacia e va giù’! Al colmo dell’eccitazione faccio quello che mi ha detto: appiccio ‘o fuoco, lui posiziona la scala, sale e sta  per entrare ma sciulia,  cade abbasc e se scass ‘na coscia! L’incendio intante accummencia  a piglià pede! Improvvisamon arrivano i pompieri con l’autopompa e ci salvano! Il capo subito fa una cazziata al mio lui, e gli dice:”‘A vuo’ ferni ‘e appiccia’ ’a casa ogni volta che tenti di avere un incontro amoroso?

“Nu era ‘a primma vota!” Che nuttata ! E meno male che mi è andata bene! E cosi diuna e morta ‘e famma sono venuta qua per fare il mio numero! (Guarda il Pubblico) Ma quanti bei maschioni….Che fosse la volta buona? Su …su ….su mettetevi in fil e faciteme vedé chi più me plasir….su…su….mon cherì…..tartufon….roché….don perignon……voulevant

Chi mo’ vò ben aret me ven…..OREVOIRE, OREVOIRE!!!

(Canta ed esce dalla sala)

                                                     FINALE FIFINA

Son Fifin la parigin

 E si Je t’aime addivient mapin

                                  Tengo ‘o fuoco dint’e ven

                                  e me ‘a piglio comme ven

Quand l’omme poi la corte mi fa

J po’ pens vene ‘o fuoco a stutà

E si m’ema senza farme aspettà

È ‘nu babà!

Son Fifin la parigin

Mo teng famm, vaco a magnà ‘nu panin

lalalalalalalalalala

 (Esce con la  musica che sfuma)

 

Present      Ah ‘sti femmene ca se fidono ‘e fa’! Ed ora caro pubblico, me vene ‘nu poco ‘e malincunia: lo spettacolo è quasi finito, le luci stanno pe’ se stutà…e perdonatemi se nun riesco a parlà buono, pecchè sento un nodulo alla gola che me fa ‘ncrippà il zezeniello!

Felice         Dispiace pure a me!

Present          Bravo! Per questo ti perdono tutto quello che hai detto e il tuosseco che mi hai dato! Ora tutti gli artisti che si sono esibiti verranno sul palcoper salutarvi e sperano nel vostro caloroso applauso…Arrivederci

Entrano uno alla volta tutte quelli che si sono esibiti e dopo

 

Si chiude lentamente il sipario

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 68 volte nell' arco di un'anno