Alla faccia della tranquillità!

Stampa questo copione

La scena si svolge nel salone d’ingresso di una casa colonica

Alla faccia della tranquillità

ATTO PRIMO

La scena si svolge nel salone d’ingresso di una casa colonica. Al centro una grossa porta con due vetrate dalla quale si vede l’esterno, un’aia e in fondo la campagna. In seconda a destra la comune, che da accesso ad altre camere della casa e alla scala che porta ai piani superiori, in prima la porta della camera da pranzo con annessa cucina. A sinistra in seconda una  finestra, in prima una porta in legno tipo cantina, dà nella dispensa. All’aprirsi della tela la cameriera è intenta nelle pulizie con tanto di spolverino e scopa appoggiata al muro, una radio è accesa e trasmette della musica. Sistema con cura maniacale delle pantofole. Il colono trafelato, si ferma sotto l’uscio e subito va via.

Scena prima

Antonia, Andrea indi Rutilio

ANDREA   (dall’uscio) So’ arrivati, so’ arrivati…

ANTONIA  (spegne la radio) Ahè… non ho nemmeno finito… mo aggia accummincià do capo!

RUTILIO   (entra in casa saltellando)  Ah… finalmente. Comm’è bello qua…

ANTONIA   (lo blocca sulla soglia con la scopa sul petto) Addo vaje?…

RUTILIO   Embè?

ANTONIA   Levate ‘e scarpe!

RUTILIO   E che d’è sta nuvità?

ANTONIA   Io mo ho finito di pulire… levate ‘e scarpe ca si no nun trase!

RUTILIO   Chesta è prepotenza bella e bbona!

ANTONIA   E chesta è ‘a mazza ‘e scopa, che vuò fa?

RUTILIO   Me llevo, me llevo… ma…

ANTONIA   Là ce stanno ‘e pantofole…

RUTILIO   Ma tu vide nu poco che se passa… (toglie le scarpe e mette le pantofole) So’ grosse…

ANTONIA   (minacciosa con la scopa in mano)Comm’ he ditto?

RUTILIO   So’… rosse! Però so’ comode…

ANTONIA   Accussì se credeno… (esce dalla comune)

Scena seconda

Armando, Serena e detti

ARMANDO   (entra con due valigie) Uffà… e comme pesano! (Guarda Rutilio) Il signorino è già pronto per andare a letto? (riesce)

RUTILIO   Io? Veramente….(mannaggia ‘a cammarera, mannaggia!) (esce)

SERENA (entrando)Non vedevo l’ora! Finalmente un po’ di pace e tranquillità…

ANTONIA  (rientrando guarda le valigie) Ma quanti siete? Nun fernesceno maje!

SERENA   E’ che dovremo stare un bel po’…

ANTONIA   (cadendo a sedere sul divano) No… io me licenzio!

SERENA   Vuoi mettere? Pace, tranquillità, silenzio, aria pura…

ANTONIA  Mosche, zanzare, fango, polvere… e quanta polvere ch’aggie aizato!

SERENA   (di scatto) ‘E rrane!…

ANTONIA   (ritira le gambe sul divano)  Madonna! Addò stanno?

SERENA   No, dico… ‘e rrane, pure quelle c’è stanno, e come so’ bellelle…

ANTONIA   Puozze passà niente!

SERENA   Come?

ANTONIA   No, dico… he ditte niente?

SERENA   E i grilli?

ANTONIA   Nun saccio niente, e po’ a me me fanno pure schifo!

SERENA  Ma che dici? I grilli… vuoi mettere? La sera prima di addormentarti, la ninna nanna che ti fa quel concerto di grilli che frinisce?

ANTONIA  (ironica) Vuoi mettere? Ma che finisce!…Ca fino ‘e cinche ‘e matina nun se riesce a chiudere uocchie! E doppe nemmeno… pe’ bia d’’o gallo!

SERENA   Non capisci niente! E’ una sinfonia, un canto, una dolce melodia…

ANTONIA   (guarda il pavimento pieno di impronte e alzandosi grida) Che guaio!

SERENA   Ma che strilli? Ho capito, non ti piacciono i grilli…

ANTONIA   No… le impronte! Non mi piacciono le impronte… guardate ccà, guardate… io mo avevo finito di pulire!

SERENA   Uh… Antoniè! Famme j ‘a llà va… Non sei per niente romantica. (esce per la cucina)

ANTONIA   Ma faciteme ‘o piacere  (va via per la comune)

Scena terza

Armando e Rutilio

ARMANDO   (con un  altra valigia) Ah… chesta è l’urdema… finalmente…

RUTILIO  (con un beauticase in mano) Quintali di trucco, ma che se ne fanno?

ARMANDO   Serve ‘na mano?

RUTILIO   No, no… ce l’ho fatta da solo… ecco qua!  (lo poggia sul divano)

ARMANDO   Assiettete, sarai stanco… cu’ chillu pise mmano…

RUTILIO   No, no… grazie, stò bene…

ARMANDO   E sua moglie? Vuole che gliela incarti o la servo subito a tavola?

RUTILIO   Ah, già… Cecilia! (corre fuori)

ARMANDO   S’è ricurdato! (prende le valigie ed esce per la comune)

Scena quarta

Cecilia, Rutilio indi Ersilia

CECILIA  (sorretta da Rutilio e in affanno) Uffà…uffà! Nun c’’a faccio cchiù!

RUTILIO   Ancora un piccolo sforzo…

CECILIA   (accasciandosi sul divano, stizzita) E lasseme stà!

RUTILIO   Cara calmati… perché sei così nervosa?

CECILIA   (lo guarda nervosa) Perché nun te si ribellato quanno c’hanno vuluto purtà ccà?

RUTILIO   Mi è parsa una buona idea! Senti che aria pura, che c’è di meglio per il nostro bambino?

CECILIA   Il nostro bambino…

RUTILIO   Su, su… vedrai che andrà tutto bene.

CECILIA   Speriamo…

RUTILIO  (sedendo sul divano di fianco a Cecilia) Ne sono certo. E poi, siamo tutti qui per te…

CECILIA   Sa’ che soddisfazione…

RUTILIO   E lascia perdere gli altri… ma ci sono io…

CECILIA   Appunto! Lasciamo perdere…

ERSILIA   (entrando) E allora? Rutì, ci riposiamo?

RUTILIO   (rialzandosi) No, no… stavo aiutando Cecilia…

ERSILIA   Adesso va… vai a sistemare i bagagli, Cecilia sta comoda...

RUTILIO  Si, vado. Ah… come sono felice, mammà! (saltellando) Che bello, finalmente posso andare a caccia cu papà… Cecì, te piace ccà?

CECILIA   Uh… he voglia!

RUTILIO   Non è vero? E’ proprio ‘na bellezza…

CECILIA   (lo guarda) Che schifezza!

RUTILIO  Mammà, dicitencello vuje, che a vuje ve crede… comm’è qua? Nun è ‘na bellezza?

ERSILIA   (lo guarda anch’essa) Che schifezza!  (va via per la cucina)

Scena quinta

Antonia e detti

RUTILIO   Embè? Ma comme, l’è sempe piaciuto ccà?

CECILIA   Avrà visto qualcosa che non le andava…

RUTILIO   E che ha visto?

CECILIA   Uh, Rutì! Puorte ‘e valigie ncoppa và!

RUTILIO  (prende il beauticase ed esce) Come è pesante, ma che c’è qua dentro?

CECILIA   (appena s’è allontanato lo chiama ad alta voce) Rutì!

RUTILIO   (di corsa) Mi hai chiamato cara?

CECILIA   No, era ‘na prova pe’ quanno sarrà ‘o mumento… (gridando) Piglia ‘a valigia!

ANTONIA   (entrando) Fa niente signò, qual è la porto io?

RUTILIO   No, grazie, a quella di mia moglie ci penso io…

CECILIA   Ecco bravo! Almeno ‘a valigia…

ANTONIA   Sempe meglio ‘e niente…

CECILIA   Antoniè, damme ‘na mano… (si alza aiutata da Antonia)

ANTONIA   Subbito…

CECILIA      (và verso la comune)  Jammucenne va… (esce aiutata da Antonia)

RUTILIO  Eccomi cara, ti seguo… sono il tuo segugio… (la segue)

CECILIA   (fermandosi di scatto) Addò vaje?  Puorte ‘a valigia ncoppa va!

Scena sesta

Antonia, Vittorio e Andrea

VITTORIO   (entra seguito dal colono che prende alcuni bagagli) Andrè,  famme ‘o piacere... portali di sopra, in camera e poggiali da qualche parte, po’ ce penza Antonietta…

ANDREA   Come volete… state servito.

ANTONIA    (rientra e ricomincia a spazzare)

VITTORIO   D’inte ‘a dispenza c’adda stà ancora quacche bottiglia ‘e vino, mo ne piglio una ‘e chelle stravecchie accussì c’’a bevimmo… (entra nella porta in legno)

ANDREA   ‘O padrone addò è ghiuto?

ANTONIA   A piglià chello straviecchio…

ANDREA   Ueh… embè?

ANTONIA   E accussì ha ditto! Che ghjeva a piglia ‘na butteglia ‘e chello straviecchio… (esce)

ANDREA   Ah... ‘o vino!

VITTORIO   (rientrando) Chesta sì ch’è vita!

ANDREA   Padrò, è fatto!

VITTORIO   Bravo! Andrè, s’hanna piglià n’ate ddoje butteglie ‘e vino…

ANDREA   Subbeto… (esce)

Scena settima

Vittorio e Armando

ARMANDO   (entrando) E’ fatto…. Abbiamo sistemato pure i bagagli… ma non doveva venire pure Michele, il vostro socio?

VITTORIO   Se non viene pe’ stasera, vedrai che al massimo domani mattina stà qua.

ARMANDO   Ma con la moglie stà sempre in freddo?

VITTORIO   (mentre si mette comodo togliendosi la giacca) Ma no… chella è nu poco gelosa, isso è nu sottaniere e nun se vo’ rendere conto ca se stà facenno viecchio… e po’ ‘a ggente ca nun se fanno e fatte lloro…

ARMANDO   Qualcuno ha fatto ‘a spia?

VITTORIO   ‘O vedettero ‘e parlà cu’ ‘na bella figliola e subbito currettero a ce ’o dicere ‘a mugliera. Capirai che scenata ‘e gelusia…

ARMANDO   Era…

VITTORIO   Macchè! O perlomeno lui a me me così mi disse…ch’era ‘na signorina che vuleva appiccià ‘na sigaretta…

ARMANDO   E s’allummaje pur’isso comme a nu cerino!

Scena ottava

Detti indi Michele, Amalia ed Ersilia

MICHELE   (entrando seguito dalla moglie) E’ permesso?… Vittò…

VITTORIO   Gueh… Michè, ce l’he fatta! Donna Amalia… accomodatevi, entrate, (chiama la governante)Antonia… Antoniè…

ERSILIA  (entrando) Michè, Amalia… adesso siamo arrivati pure noi.  E venivamo assieme?

ARMANDO    (va fuori a prendere i bagagli dei due)

AMALIA   E… Michele ha ritardato, il lavoro… sai com’è?

ERSILIA   ‘O saccio, ‘o saccio… ma vieni, sicuramente te vuò mettere comoda.

AMALIA   No, sto bene così, grazie… solo ‘na rinfrescata alle mani…

ERSILIA  Certamente, mò ti faccio accompagnare da Antonia…  

ARMANDO   (rientra con due valigie e le poggia sul pavimento)

ANTONIA   (entrando) Avete chiamato?

VITTORIO   Prendi le valigie dei signori e portale nella camera per gli ospiti. Poi accompagna la signora e vedi se ha bisogno di qualcosa…

ANTONIA   (scocciata) Sissignore… (prende le valigie ed esce insieme ad Amalia)

ERSILIA   Allora vado di la a preparare… (esce dalla cucina)

VITTORIO (a Michele) Veramente, potevamo venire assieme. Nuje pure, mo siamo arrivati…

MICHELE   E ho ritardato un po’ perchè proprio mentre stavo uscendo dall’ufficio è arrivata “chella pratica”, e per leggerla tutta me ce vuluto n’ora abbondante…

ARMANDO   Eh… ‘a vista nun è cchiù chella ‘e ‘na vota!

MICHELE   No, io ci vedo ancora bene… solo ch’era molto “grossa da sfogliare”… caro Armando!

VITTORIO   Da “spogliare” vorrai dire…

ARMANDO   Va bbè… mò nun pensamme cchiù ‘a fatica, all’ufficio, ‘e “pratiche”… don Michè, adesso state qua, vi dovete rilassare…(ironico) v’ate purtate e cerini?

MICHELE   E cerini?

ARMANDO   Si avimmo appiccià ddoje sigarette…

MICHELE   (a parte) Embè, chisto m’è antipatico!

VITTORIO  Armà! Già stà Antonietta, te ce miette pure tu?

MICHELE   A proposito…

VITTORIO   Michè!… Pure ccà?

ARMANDO   (sorridendo) E poi, comunque, non fuma…

MICHELE   ( a parte) No, chisto m’è antipatico!

VITTORIO   (ad Armando) ‘A vuò fernì? Và a vedè se di là è pronto va!

ARMANDO   (esce per la cucina)

Scena nona

detti e Rutilio

RUTILIO   (entrando) Papà… vado a prendere un po’ d’aria… (via dall’uscio)

VITTORIO    Vide ‘e nun te perdere!

MICHELE   C’è la possibilità?

VITTORIO   No! Ma cu’ Rutilio nun se sape maje…

MICHELE   E’ comm’’e creature?

VITTORIO   Peggio!

MICHELE   Ma io me meraviglio ‘e te, che ce l’he fatto spusà a tua figlia…

VITTORIO   Che ti debbo dire… Tu ‘o ssaje ca chella è capatosta! Quanno facette “’o guaio” che dovevo fare? Na cacciavo d’’a casa?

MICHELE   Non siamo mica barbari…

VITTORIO   Appunto! E così, dopo averci riflettuto, mi sono messo a cercarle un buon partito… quanno nu bellu juorno, se presenta essa  cu’ ‘stu franfellicco e me dice: Papà… ho chiesto la mano di Rutilio…

MICHELE   Comme, comme?

VITTORIO   Eh! Proprio così…

MICHELE   Nun funzionava ‘o cuntrario?

VITTORIO   E pure io me credevo… ma dice che adesso non ci si tiene più, se due si piacciono, non ha importanza chi fa la proposta…

MICHELE   Pecchè, a tua figlia piaceva chillu coso?

VITTORIO  (siede sul divano e invita anche Michele) Fatto stà che ha assicurato un padre al nascituro, ha messo a tacere i pettegoli e m’ha levato a mme ‘a dint’’e ‘mpiccie.

MICHELE   Qua ‘mpiccie?

VITTORIO   Quelli ‘e lle truvà nu marito, ca chissà quanno me fosse custato vista la sua situazione. Chisto per lo meno è stato gratis…

MICHELE   E ‘o vulivè pure pavà? Vittò, chillo tanto vale!

VITTORIO   Comunque e figlio ‘e nobbili è… ho sanghe è blù.

MICHELE   Sarà! …Ma genitori suoi… come l’hanno presa?

VITTORIO   Stai pazzianne? S’hanno luvate chillu penziero! ‘A primma cosa che hanno ditto, è stato: E capace ca mò se sceta nu poco… si responsabilizza e cresce…

RUTILIO   (entra correndo e scappa via dalla comune. Il didietro dei pantaloni è strappato. I due lo seguono con lo sguardo, rimangono un attimo in silenzio e poi si guardano)

MICHELE  ‘J è crisciuto!

VITTORIO   Nu poco sì… primma pare che teneva otto anni…

MICHELE   Mo ne tene nove!  Mah…po’ essere ca ‘o fatto ‘e diventà padre…

VITTORIO   Speriamo bene…

Scena dieci

Cecilia e detti

CECILIA   (entra)Papà,  mammà dice che  è pronto in tavola, se volete accomodarvi…

VITTORIO   Gueh… ci siamo! (alzandosi) Jamme Michè, giusto qualcosa…

MICHELE   E gli altri?

VITTORIO  Saranno già tutti a tavola… Cecì andiamo. (escono per la cucina)

RUTILIO   (entra  dalla comune con una maglia arrotolata alla vita a coprire lo strappo ed esce dalla cucina)

ANTONIA   (entra dalla comune, accosta i vetri dell’ingresso)

AMALIA   (entra dalla comune) Allora Antoniè, andiamo?

Scena undici

Elena, autista  e detti

ELENA  (è una donna molto attraente, vestita con gusto) Scusate… Vittorio Colosimo stà qui?

AMALIA   Sta qui… ma non è qui…

ELENA   Poca confidenza, che sfottete a fare!

AUTISTA     E me pare c’’a signurina tene raggione

AMALIA   Ma chi vo sfottere… e po’ voi chi siete?

AUTISTA   Sono il tassista che ha accompagnato la signorina..

AMALIA   E faciteve e fatte vuoste! Vittorio Colosimo stà qui, ma adesso non c’è, mo vi è chiaro?

AUTISTA   (a Elena) Ah… è uscito!

ELENA   Ho capito! E voi sareste… la cameriera?

AUTISTA  A cameriera? E dicite a mme ‘e me fa e fatti miei?

AMALIA   Ma come vi permettete! Tsè… ‘a governante!

ELENA   Ah… la governante?

AMALIA   (stizzita) Ma quala governante!

ELENA   Allora la cuoca, la perpetua, la damigella

AUTISTA     Ma chi site?

AMALIA   (ancora più irata)  Ne, ma vuje chi site?

ELENA   Non alzate la voce con me… sono la sua fidanzata!

ANTONIA   (che ha sentito tutto mentre faceva le solite pulizie a questo punto, sorpresa, si fa sfuggire un oggetto da mano)  Uh.. scusate…

AMALIA   (rimane di sasso, ma subito si riprende ed allontana Antonia) Antoniè… va in cucina a dare una mano… va!

ANTONIA   (Ho sapevo, proprio ncoppe ‘o cchiù bello!) Vado, vado! (esce)

AMALIA   Forse ho frainteso, volete ripetere?

AUTISTA     La signorina è la fidanzata di Vittorio…

AMALIA       Voi siete un amico, del signor Vittorio?

AUTISTA     Io? No!

AMALIA       E allora come vi permettete? State a posto vostro e nun ve pigliate confidenze! (a Elena) Vi dispiace ripetere

ELENA   Siete sorda per caso? Ho detto: la sua fidanzata! Piuttosto voi, non mi avete risposto… chi siete!

AMALIA   (Allora avevo sentito bene!) Io sono un’amica di famiglia…

ELENA   Ah… del papà e della mamma?

AMALIA   Comme no… pure d’’o nonno d’’a nonna ‘e zie e cugine…

AUTISTA     (con ironia) Una… vecchia amica insomma?

AMALIA       Ma vuje ‘o sapite ca site proprio scustumato!

ELENA   Vabbè ho capito, famiglia numerosa…

AMALIA   (guardando in malo modo l’autista) E sta pe’ crescere ancora…

ELENA   Si… ma non subito… con calma, il tempo c’è!

AUTISTA     (c.s.) La signorina è giovane…

AMALIA   (a Elena con indignazione) Scusate ma l’havite purtate vuje ccà? Liberatelo, doppe vo chiammo io n’ato!

AUTISTA     Sono l’unico dint’’o paese…

AMALIA       Comunque di tempo non c’è ne mica tanto… ci siamo quasi!

AUTISTA     (a Elena) Allora ‘o matremmonio è imminente… auguri e figli maschi!

ELENA   Non capisco…

AMALIA   Io invece ho capito tutto!

ELENA   E mi potreste spiegare?

AMALIA   Non adesso, in casa non c’è nessuno e io stavo per uscire… vi spiegherà Vittorio quando ritorna…

ELENA   E quando ritorna?

AMALIA   E chi lo sa… (cercando una giustificazione) è andato all’ospedale…

ELENA   Uh mamma mia… s’è fatto qualche cosa?

AMALIA   No, ma in quei posti si sa quando si entra e nun se sape quanno s’esce!

AUTISTA     E’ grave?

AMALIA   Ancora no… ma se restate qua, lo può diventare!

AUTISTA     Signurì, jammucenne!

ELENA   Ma cosa dite?

AMALIA   (cercando di giustificare) E’ andato per un controllo ma se viene a sapere che state qui si emoziona sicuramente, e per sbrigarsi e capace che ‘o trovano qualcosa che non va e lo trattengono! Tornate domani quando c’è lui…

AUTISTA     Seh, ‘o cuntrollo…

ELENA   E come faccio… mo dove vado? Sicuro che qua non posso restare?

AMALIA   Pe carità! E ve l’ho detto… vulite ca le vene qualcosa primme che ve sposà?

ELENA   No, no… nun sia maje!

AUTISTA   … Meglio doppo!

ELENA   Facciamo così… io mo me faccio nu giro p’’o paese… co taxi dopo trovo una camera in un albergo e domani vengo…

AUTISTA     A disposizione…

AMALIA   Brava! Avete afferrato…

ELENA   Ce ne so alberghi?

AMALIA   Avete voglia! E’ pieno… questo è un paese molto turistico…

ELENA   Allora mo… faccio così!

AMALIA   Perfetto! E’ meglio che fate coì…

ELENA   Caso mai, lo avvisate voi?

AMALIA   Ma sicuramente! Ci mancherebbe… ‘o vene a truvà ‘a fidanzata e io nun l’avviso… ma che scherziamo, chi sa comme sarra cuntento ‘e ve vedè… ci penso io, state senza pensiero…

ELENA   Allora io vado?

AMALIA   Andate, andate…

AUTISTA     Noi andiamo….

AMALIA       Plurale Majestatis?

AUTISTA     No!... Giggino Capece a servirvi…

ELENA   Arrivederci… (esce)

AMALIA  Giggino Capece, tsè! Mamma d’’o Carmeno! E mo che succede? Devo fare qualcosa… (chiama) Antoniè…

ANTONIA   Comandate signò…

AMALIA   Antoniè, tu nun he ‘ntise niente! He capito?

ANTONIA   E chi ha sentito niente… io stavo in cucina…

AMALIA   Brava!

ANTONIA   Ma quando torna domani, la devo far entrare?

AMALIA   E meno male che nun he ‘ntiso niente!

ANTONIA   Io cameriera sono!

AMALIA   Me ne so accorta! Non devi dire niente… ccà succede ‘o finimondo! Se sfascia ‘na famiglia e tu pierde ‘o posto e vaje miezo a ‘na via…

ANTONIA   E chi parla!

AMALIA  Vedo che hai capito! Mo andiamo a mangiare… mi raccomando… (escono entrambe dalla cucina)

Scena dodici

Teresa, Maresciallo e Appuntato indi Andrea

TERESA   (entra sorretta dall’appuntato) Andrè! Andrea… (più forte) Andrea!

MARESCIALLO   (entrando, all’appuntato) Fatela stendere sul divano, presto…

ANDREA   (entra con un cesto pieno di bottiglie di vino) Stò ccà…ma ch’è stato?

TERESA   A staje ccà? Che spavento!

ANDREA   Terè… ma tu staje tutta bianca, te siente bbona?

APPUNTATO   Volete un bicchiere d’acqua?

TERESA   No non ce ne bisogno, grazie… (affannata per la corsa che ha fatto)

ANDREA   Ma ch è succieso?

TERESA   (cerca di rispondere ma le viene da tossire)

ANDREA   (spaventato) Né, ma ch’è succieso?

MARESCIALLO    Non vi spaventate,nun è succieso niente…

TERESA   (c.s.)

ANDREA   (sempre più adirato) Se po’ sapè che canchero è succieso?

TERESA   (sempre tossendo) E nu mumento! Tengo ‘a tosse comme parlo?

MARESCIALLO (ad Andrea) Voi che siete della casa, prendetele un bicchiere d’acqua, presto!

ANDREA   (nella foga di fare presto prende una bottiglia dal cesto e ne versa in un bicchiere li vicino)Allora che dice a ffà ca nun ne vò! Ecco… bevi…

TERESA   (beve d’un sorso credendo che si tratti d’acqua e subito gli viene da sputare quasi affogando  bagnando il Maresciallo)

MARESCIALLO   Per la M….

APPUNTATO   Sttt… puvurella, se steva affuganne… (odorando il Maresciallo che nel frattempo cerca di asciugarsi) Ma che l’havite dato ?

ANDREA   Acqua!

MARESCIALLO   Ma qual’acqua… io puzzo comm’’a ‘na cantina!

TERESA  Perdonate… non l’ho fatto apposta! (da un calcio al marito) Ma me vuò luvà ‘a ‘nanze!

ANDREA   (rendendosi conto) Uh, sanghe ‘e Bacco!

APPUNTATO   Su, su… non è successo niente…

MARESCIALLO  (all’appuntato) Ma qua’ niente! Io feto ‘e vino senza vevere, tu dice niente?

APPUNTATO   E si vulite vevere ce dico ‘e ne piglià n’ato…

MARESCIALLO   Nun saccio chi è cchiù scemo… si tu ‘o isso, ca piglia ‘o vino pe’ l’acqua….

ANDREA   (che nelfrattempo si è fatto il giro della stanza con la gamba tra le mani) Nè… ma se po’ finalmente sapè ch’è succieso… quanno si’ trasuta parive nu cadavere…

TERESA   E mo so’ resuscitata e nun te voglio dicere cchiù niente, vabbè?

ANDREA   Marescià

MARESCIALLO   E me pare ca tene raggione! ‘A stiveve quase p’affugà… comunque… abbiamo soccorso la signora dint’ ‘a campagna… che correva.

APPUNTATO   E come correva…

ANDREA   E che currive a ffà?

TERESA   (indispettita)Pe’ me mantenè in forma…

ANDREA   E vuje a tutte chille ca vedite ‘e correre…

APPUNTATO   Che c’azzecca…

MARESCIALLO   ‘A signora curreva e chiammava aiuto…

ANDREA   E pecchè?

TERESA  (sempre più ironica) Pe’ vedè si ce ‘a facevo c’’o fiato….

ANDREA   Marescià?…

MARESCIALLO   Signò… e vi prego… ccà se fa notte! Non scherzate… nuje tenimme un indagine a fa! Lui è vostro marito e deve sapere, perciò mo calmatevi e fatemi finire di parlare…

ANDREA   Un indagine? Devo sapere? Ne ma che cacchio è succieso?

MARESCIALLO   A vostra moglie, fortunatamente niente, siamo arrivati in tempo… ma s’è spaventata perché un tipo strano l’ha avvicinata e ha cercato di metterle le mani addosso…

ANDREA   Uh Madonna!

APPUNTATO   Si, ma non c’è riuscito.

TERESA   (quasi piangendo) E che spavento…

ANDREA   S’è spaventato assaje? Pe’ stà vuje ccà, sicuro l’è succieso quaccosa! E’ muorto?

TERESA   (piangendo istericamente)  Ihhh… marescià… vuje avite capito?

MARESCIALLO   Ho capito! (ad Andrea) Ma che state dicenno?  E’ vostra moglie che s’è spaventata ed è scappata!… Io e l’appuntato ch’eravamo di pattuglia in zona, l’abbiamo vista correre e l’abbiamo soccorsa. Mo avete capito?

ANDREA   Ho cap…

APPUNTATO   Mo avete capito?

ANDREA   Ho capì…

TERESA   Mo ‘he capito?

ANDREA   Eh… haggio capito, nun so mica scemo! E questo tizio? Chi è? Lo conoscete? E’ do’ paese? Che ne è stato? L’havete arrestato?

APPUNTATO (frastornato) Ma che stamme… ‘o rischiatutto? …Potete ripetere una domanda alla volta?  

MARESCIALLO   Nossignore, non sappiamo chi è! Appunto dobbiamo fare delle indagini… per quel che ne possiamo dedurre, può anche essere un maniaco, uno squinternato, un pazzo…

TERESA   (sempre tra i singhiozzi) E proprio a mme doveva inquietare?

ANDREA   Allora è fernuto ca è pazzo?…

TERESA   (sempre più isterica) Marescià… ma vuje ‘o sentite?

MARESCIALLO   Ho sentito… ho sentito! Don procò… ma vuje ‘a vulitè fernì?

ANDREA   Io nun stò facenno niente…

APPUNTATO   Azz… niente? (a parte) Chisto nun ce pare, ma pure ‘e rompe ‘e scatole!

MARESCIALLO   Comunque, mo calmatevi. Domani mattina veniamo un’altra volta e raccogliamo la deposizione… così avete il tempo di pensare meglio se per caso lo conoscete…

TERESA   Ma dove andate con quella giacca in quelle condizioni? Luvatevella, io ce do ‘na lavata…

APPUNTATO   Si, e po’ comme s’asciuga?

MARESCIALLO   Giusto… nun è cosa.

TERESA   Asciuttamme ncoppa ’a stufa.

APPUNTATO   Ma qua’ stufa… stamme a Maggio!

TERESA   E usiano l’asciugacapelli…

APPUNTATO   Se… e quanto tiempo ce vò

MARESCIALLO   Vedete? Nun è cosa… l’appuntato ha ditto che aggia abbuscà ‘a muglierema! E meglio che ce ne andiamo subito…

APPUNTATO   E’ meglio… ca si no abbusco io ‘a muglierema, s’è fatto tardi!

ANDREA   Non ho capito… ‘o marisciallo po’ abbuscà, e vuje no?

APPUNTATO   E’ maresciallo, prende più di me… qualche rischio l’hadda pure correre, è giusto?

MARESCIALLO (guardandolo male) E meglio che andiamo! Mi raccomando signò… mo bevetevi una bella camomilla e cercate di riposare, domani ci vediamo. Buonasera. (escono)

ANDREA   Andiamo pure noi… facimme comme ha ditto ‘o maresciallo…

TERESA   Si, si.. andiamo… doppe ‘stu spavento me voglio riposà nu poco. (escono)

Scena tredici

Michele, Ersilia, Armando e Vittorio indi voci fuori campo

AMALIA  (ad Ersilia rientrando) Allora io me ne vado a letto… mi sento un po stanca… mi scuserete, buonanotte…

ERSILIA  (seguendo Amalia) Buonanotte. (a Michele che rientra dalla cucina dopo cena) Ma come mai Michè, Amalia se ne voluta già andare a letto?

MICHELE   Se stanca facilmente… va a letto molto presto.

ERSILIA  Capisco! Po’ nun è nemmeno abituata all’aria ‘e campagna…

MICHELE  E che volete fare… comunque… stavo dicendo…e così ve ne verreste a vivere qui?

ERSILIA   Magari…

MICHELE   Vedo che piace anche a voi?…

ERSILIA   E che ce stà ‘e meglio? Mo ce vo’…aria pura, cibi coltivati personalmente…

ARMANDO   Vino buono…

VITTORIO  (versa del liquore da una bottiglia in alcuni bicchierini e li porge) …E tranquillità Michè… soprattutto tranquillità… Niente più corse, traffico, smog… je strilli Michè! …Tu nun può credere quanto me danno fastidio quelle folle di persone che strillano… e sì… pecchè in città, ne simme talmente tanti, ca’ pure si vulimme dicere ‘na parola ciascuno, addeventammo ‘na folla che allucca! Qua invece, la senti che pace?…

CECILIA  (si ode gridare dalla cucina, è Cecilia che litiga con Rutilio) Ma tu fusse scemo?…

MICHELE   Amen…

VITTORIO   (saltando) Ma che d’è?…

ERSILIA   Ma che sta succedenno?

MICHELE   E’ fernuta ‘a pace, j è scuppiata ‘a guerra!

CECILIA   Vì c’he cumbinato! Gesù… ‘o cazone nuovo…

RUTILIO   E’ stato un incidente, non v’è colpa…

CECILIA   Ma almeno se po’ sapè comme he fatto a stracciarlo?

VITTORIO   (incerto e disorientato) Ma addò stamme?

MICHELE   (ironico) Nella tranquillità della campagna Vittò…

VITTORIO   (ad Armando) Và a vedè che sta succedenno…

ARMANDO   Sissignore…(mentre si appresta ad andare, si scontra con Rutilio che corre nella direzione opposta, in uscita)  Sanghe d’’a miseria…

Scena quattordici

Detti, indi Rutilio poi Cecilia

RUTILIO  (coi suoi soliti modi, ma più affrettati) E’ permesso…

ARMANDO   (doloranteritorna vicino a Vittorio) Avanti…

ERSILIA   Ma che d’è sta furia?

RUTILIO   (girandoin tondo e fermandosi in mezzo tra Armando e Vittorio) Scusa Armà, ma in una ritirata a volte ci vuole più foga di un attacco, per sfuggire l’orda nemica…

CECILIA   (uscendo con passo deciso ma calmo e massaggiandosi le reni) Lorda a chi?Addò staje? Te ne fuje eh… te l’aggia arravuglià nganne!

MICHELE   (cercando di scansarsi dalla foga di Cecilia) Vittò, che stavi dicendo della campagna?

VITTORIO   (posando il bicchierino) Ma insomma… (a Cecilia con tono serio) se po’ sapè che sta succedenno?

CECILIA   Spiancello a isso… (fa cenno a Rutilio)

ERSILIA   Rutì, ch’è cumbinato?

RUTILIO   Niente… pe’ nu piccolo strappo dinte a ’o cazone!

CECILIA   Nu piccolo strappo? Guardate vuje stesso!  (di nuovo cenno a Rutilio)

VITTORIO   (girando Rutilio) Salute! E comm’he fatto?

RUTILIO   (a Vittorio) Doppo ve spiego…

CECILIA   No! Tu ‘o spieghe mò… sennò e meglio che te vaje a curcà dint’’a stalla, perché nel mio letto non ci entri!

RUTILIO  (tra i due guarda prima Vittorio e poi Armando)

VITTORIO   Nemmeno dint’ ‘o mio…

ARMANDO   E figurate  dint’ ‘o mio!

ERSILIA   Iamme mè… mo cerca ’e calmarte, pienze ‘o stato tuoje… vuò cumbinà nu guaio?

CECILIA   Lui però non ci pensa!

ERSILIA   Vabbè, nun l’avrà mica fatto apposta?

VITTORIO   Su, su… è un pantalone, si ricompra…

CECILIA   Vuje nun capite…

MICHELE   No, simmo tutte scieme!

CECILIA   Non è per il pantalone… è ca ‘stu chiochiero nun cagna maje! (via per la comune)

ERSILIA   (seguendo Cecilia) Aspetta… te do ‘na mano a salì ‘e scale…

RUTILIO   (irato)Comme m’ha chiammato?

ARMANDO   Chiochiero…

VITTORIO   Nossignore…

ARMANDO   Come nossignore? Ho sentito bene, non sono mica sordo… ha ditte chiochiero…

ERSILIA   Che vaje dicenne…

VITTORIO   Ma quando maje, ha ditte… strologo…

MICHELE   Ma veramente…a me pure è parso di sentire chiochiero…

VITTORIO   Dalle! E hai sentito male! Ha ditte strologo… da Astrologo, colui che osserva le stelle!

ARMANDO   E mo che te vaje a curcà, sa’ quante ne vide!

RUTILIO   (frastornato e timoroso) E chi se corca…

VITTORIO   No, faje ‘a veglia! (spingendolo fuori per la comune) Uh… Rutì, jammucenne và, andiamo tutti a letto, ca dimane ‘o gallo canta matina!

ARMANDO  E’ un modo di dire n’è ovè?

VITTORIO   No, no… qua’ modo di dire… dint’’o pollaio ce stà nu gallo che canta ‘na bellezza, e che voce ca tene!

ARMANDO   Tene ‘na bella voce eh?

VITTORIO   Forte!…

ARMANDO   E… a che ora sona… cioè canta?

VITTORIO     ‘E cinche precise… (fiero)E nu’ sgarra nu minuto sa!

ARMANDO   (rassegnato)  Ho capito!…

MICHELE   (muovendosi per primo)  Felice notte a tutti… (esce dalla comune)

VITTORIO  Buonanotte a tutti…

SERENA   (entra dalla cucina seguita da Antonia e riesce dalla comune) Andiamo a letto va…

ANTONIA   Mo chiudo ‘a porta e vengo.  (chiude le imposte e via per la comune)

Scena quindici

Rutilio, Armando indi Serena

Escono tutti tra convenevoli a soggetto. Antonia che è l’ultima spegne la luce. (abbassamento delle luci) Dopo poco si vede una figura in penombra con un cuscino e una coperta in mano. E’ Rutilio in pigiama che si prepara il talamo sul divano. Si corica. Nel buio si ode un ticchettio di orologio che risuona, poco dopo il campanile della vicina chesa del paese suona cinque tocchi. Dalla comune, un’altra figura, esce ed entra per la porta della cucina, è Armando. Intanto sempre dalla comune un’altra figura ne esce, Serena in camicia da notte, da un veloce sguardo all’orologio appeso al muro ed entra nella dispensa. Dalla cucina esce Armando con un coltellaccio in mano e va verso l’uscio della casa, ma mentre sta per aprire, dalla dispensa esce Serena con una brocca in mano, Armando per non farsi scoprire si butta ai piedi del divano dove giace Rutilio, che nello girarsi nel sonno, molla un ceffone ad Armando e lo tiene stretto col braccio che penzola dal divano. Armando per non gridare si tappa la bocca con una mano. Serena nel frattempo si avvia alla cucina e ne esce lasciando campo libero ad Armando che dopo essersi riuscito a svincolare dalla morsa di Rutilio va all’uscio, lo apre e ne esce rimanndolo socchiuso. Subito dopo dalla cucina esce Serena con la brocca piena d’acqua e si avvia alla comune, ma si accorge che la porta d’ingresso è aperta le si avvicina, dà una veloce guardata fuori e la richiude avviandosi di nuovo verso la comune venendo però trattenuta da rumori vicino alla porta, alchè spaventata, le si avvicina di nuovo con circospezione…

ARMANDO   (da fuori) Mannaggia ‘a miseria… s’è chius’’a porta! E mò?

SERENA   (impaurita fa un balzo all’indietro e si mette spalle al muro) Madonna!

ARMANDO   (fa il giro e va alla finestra) Speriamo che ’a finestra sta aperta…

SERENA (serena s’accorge del fatto e corre in cucina riuscendone subito con una grossa padella in mano) Mo t’aggarbo io pe’ feste!

ARMANDO  (dopo un po’ riesce ad aprire le ante della finestra e vi si affaccia per vedere se all’interno è tutto tranquillo) Finalmente…

SERENA   (a questopunto sferra una padellata in testa ad Armando) Tiè!!!

ARMANDO   (colpito grida e cade all’indietro, verso fuori) Ahhh!!!

RUTILIO   (svegliandosi di soprassalto grida) Chi è?

SERENA   (che non si era accorta della presenza di Rutilio sul divano ha un sobbalzo e grida) Madonna! Ce ne stà n’ato!(corre verso il divano e sferra un’altra padellata che colpendo Rutilio lo rifà distendere sul divano, quindi dopo un primo passo all’indietro, si riavvicina per guardarlo meglio e si accorge che si tratta di Rutilio) Rutilio? …E che ce fa ccà?

ARMANDO   (nel frattempo riesce ad antrare dalla finestra e si avvicina a Serena) Ma chi sì?

SERENA   (notandola lama del coltello fa  per  gridare) Aiu…

ARMANDO (le tappa la bocca con la mano) Sttt… nun alluccà!

Scena sedici

Ersilia e detti

ERSILIA  (accendela luce) Ma che state cumbinanno? Vulite scetà tutt’’o paese?

ARMANDO   (vedendo Ersilia e riconoscendo la moglie si nasconde il coltello dietro la schiena e quindi d’istinto lo nasconde sotto il cuscino del divano dove Rutilio giace svenuto per il colpo ricevuto)M… ma…mmà!  Se..rè…

SERENA   (stupita nel vedere il marito) Ar…mà! Ma?…

ERSILIA   Quanno avite fernuto ‘e ncacaglià po’ me spiegate che succede…

ARMANDO   (ripresosi e massaggiandosi il capo) No, niente…

SERENA   Comme niente? Io t’aggio dato chella botta ncapa credenno ca fusse nu mariulo!

ERSILIA   Nu mariulo? Non capisco…

ARMANDO   Mo vi spiego io! Non tenevo sonno e così sono uscito un poco fuori pe’ piglià ‘na boccata d’aria, lasciando la porta socchiusa… ma quando volevo rientrare mi sono accorto che la porta  si era chiusa.

SERENA   L’ho chiusa io…

ERSILIA   E pecchè he chiuso a mariteto fore?

SERENA   Che ne sapevo ca’ steve fora…

ERSILIA   E invece ‘e l’arapì ‘a porta ‘o piglie a  padellate ncapa?

ARMANDO   Nossignore… io vedendo che la porta s’era chiusa ho cercato di entrare dalla finestra, che fortunatamente era aperta…

ERSILIA   Caspita fortunatamente! Si trasive p’’a porta te risparmiave ‘na padellata…

SERENA   Non credo! Dint’ ‘o scuro io l’avevo scambiato pe’ nu mariulo, c’avesse data ‘o stesso…

ERSILIA   Che confusione… ma mo’ jammece a curcà tutti quanti primma che scetamme all’ate, è ancora notte…

SERENA   (guardando l’orologio appeso) Qua notte songh’’e cinche e meza…

ERSILIA   (stupitaguarda anch’essa l’orologio)  Overo! E comme maje ‘o gallo ancora adda cantà… nun sgarra maje!

ARMANDO   (guarda Serena) E se vede ca ogge tene suonno pur’isso…

SERENA   (che si avvicina a Rutilio per accertarsi delle sue condizioni) ‘Stu puvuriello po’…

ARMANDO   (la trattiene e la quasi trascina via) Nun… è niente…

ERSILIA   (che nonsi è accorta della presenza di Rutilio perché è rimasta tutto il tempo a ridosso della comune)Qua puvuriello?

ARMANDO   ‘O gallo… sissignore ‘o gallo… a se scetà tutt’’e matine ‘e cinche pur’isso, e se sarrà vuluto piglià ‘na pausa…

ERSILIA   Vabbè, mo andiamo a letto va… che gallo o non gallo, tra poco ci dobbiamo alzare tutti quanti. (dubbiosa) Mah! Eppure è sempe stato accussì preciso…

RUTILIO   (sopravvenendo) Ahh… ma che…

ARMANDO   (prende la padella che Serena nasconde dietro la schiena e gli molla un’altra padellata facendolo stendere di nuovo)

ERSILIA  (ritornando sui suoi passi , quando era quasi uscita) Ma che, che cosa?

ARMANDO   No niente, dicevo, ma che… tiempe farà ogge?

ERSILIA       E che ne saccio! Jamme mè… a letto!( fa passare prima Serena quindi Armando indi lei per ultima e spegne la luce)

ARMANDO  (rientrando di nuovo di soppiatto si avvicina a Rutilio per accerstarsi delle sue condizioni) Sta durmenne… meno male, sicuro sta meglio ‘e me ca stonghe ancora scetato! (va via dalla comune)

Cala la tela

ATTO SECONDO

La scena è la stessa del primo atto.

Scena prima

Rutilio e Antonia

ANTONIA   (entrando per le pulizie) Ueh, ueh, ueh, oh comm’è bello a ffà ammore cu te, ueh, ueh, ueh, oh comm’è bello a ffà ammore cu te… Ueh, ueh, ueh, …

RUTILIO   (sentendo la voce si sveglia e innervosito grida) Ueh!

ANTONIA   (spaventata) Uh Madonna!

RUTILIO   ‘A saje tutta quanta? E cagne nu poco…

ANTONIA   E non mi ricordo le parole… ma vuje che facite ccà?

RUTILIO   So’ affari che non t’interessano! E nun alluccà, ca me fa male ‘a capa! (mettendosi in posizione seduta)…M’’o purtasse nu bicchiere d’acqua cu’ nu poco ‘e ghiaccio?

ANTONIA  E che c’è bisogno? Qua l’acqua è sempre fredda… pure d’estate. Sarà ‘na questione di tubbolature, sapete, arriva dalle montagne qua vicino, mò non mi ricordo come si chiamano, ma sono alte, cierti piezz’’e muntagne… mio fratello dice ca…

RUTILIO   (interrompendola) L’he fernuto?                                                                                      

ANTONIA   (offesa)Sissignore!

RUTILIO   No perché quando hai finito con la lezione sull’acquedotto locale te spiego ca’ l’acqua è pecchè tengo sete e il ghiaccio è pe’ m’’o mettere ncapo…

ANTONIA   E nun ‘o putiveve dicere primma? Vado subbeto…(esce)

RUTILIO   Uah… pareva n’acquaiola! E’ sempe fresca… pure d’estate…Ma me l’’e vennere stu bicchiere d’acqua! (continuando a massaggiarsi il capo) Mhh… e che dulore ‘e capa…

Scena seconda

Rutilio e Cecilia

CECILIA   (entrando) Ah… tu staje ccà? Hai riposato bene?

RUTILIO   Cecì, non cominciare ca me fa male ‘a capa…

CECILIA   E ti stà bene! Lasciarmi sola dentro quel letto enorme, nello stato in cui stò… (alzando la voce)E si avesse avuto bisogno ‘e te?!

RUTILIO (facendouna smorfia di dolore) Non gridare! E ti ho pregato… me fa male ‘a capa…

CECILIA   (stizzita)Megli’è! Un’altra volta impari! Perché hai dormito qui? Ho contato tutte le stelle che se vedevano ‘a dentro ‘o lastrico d’’a mansarda…

RUTILIO   Appunto… a me ieri sera nun me jeva ‘e vedè ‘e stelle!

CECILIA   E nun ‘e guardave…

RUTILIO   No Cecì… tu comme stive ajere sera, m’’e facive vedè! (E vì chesta si vene) Ma che ce vò ‘a piglia nu bicchiere d’acqua e nu poco ‘e ghiaccio? Mhhh… e che dulore…

CECILIA   Ma che d’è? Veramente te fa male ‘a capa?

RUTILIO   Allora apposta? Juste ccà mmiezo…(fa cenno al cranio)

CECILIA   Te si’ pigliato quacchecosa?

RUTILIO   Che m’haggia piglia… pare comme si avesse avuto un colpo in testa… 

CECILIA   E ce l’he mise nu poco ‘e ghiaccio?

RUTILIO   (la guarda come se volesse mandarla a quel paese)

CECILIA   E che guarde a ffà?

RUTILIO   E l’ho mandato a prendere da quella sciagurata della cameriera… e ancora nun se vede!

CECILIA   Starà aspettanno che se forma! Famme vedè che tiene…

Scena terza

Detti, Antonia, indi Ersilia

ANTONIA   (entra, Cecilia è intenta a guardare tra i capelli di Rutilio) Ecco qua… l’acqua e il ghiaccio… (porge una bacinella a Rutilio) E… che state cercando?

RUTILIO   (spazientito prende dei cubetti dalla bacinella) ‘O buco pe’ ce ‘nfilà ‘o ghiaccio, accussì facimme ‘o cocktail!

CECILIA   Antoniè! Ma te pare maje possibile? Uno s’hadda mettere nu poco ‘e ghiaccio ncapa pecchè ha mal di testa, e tu ‘o puorte sciolto?

ANTONIA   E comme ‘o vulite… legato?

RUTILIO   Tritato, accussì ce facimme ‘a granatina… Ahh… nun c’’a faccio cchiù!

ANTONIA   ‘O frullatore nun funziona…

CECILIA   Uh ‘Ntoniè! Se non c’è la borsa puorte nu strofinaccio da’ cucina va! E sbrigati!

ANTONIA   Vado… vado, che ne so ca vulite ‘a borsa… (esce)

ERSILIA   (entrando) Buongiorno… già svegli… ma che d’è ‘sta ammuina? Cecì, te putive riposà n’ato poco…tu staje in quello stato… pecchè te si’ alzata accussì ambressa?

CECILIA   Nun ce ‘a facevo cchiù a stà dint’ ‘o lietto, e po’, sono già le nove…

ERSILIA   E nove? (guardando l’orologio) Uh, Mamma mia! Già s’è fatto accussì tarde?

CECILIA   E po’, che vuò riposà, mammà… ho fatto una nottata…

ERSILIA   E pecchè?

RUTILIO   Perché io non ho dormito con lei…

ERSILIA   Gesù… e cu’ chi he durmuto?

CECILIA   Ha dormito qua… sul divano.

ERSILIA   E pecchè?

RUTILIO   Perché così mi andava…

CECILIA   E per via di ieri sera… se penzava ca’ io facevo altre storie pe’ mezzo d’’o cazone, e per non farmi ulteriormente alterare, ha pensato bene ‘e se venì a curcà ncoppe ‘o divano.

ERSILIA  Povero figlio… che animo gentile. A penzato al tuo stato… ti avrebbe potuto far male!

RUTILIO   ( Io?… No chella faceva male essa a mme!)

ANTONIA   (entra con una borsa da viaggio in mano) Ecco qua… scusate signò… va bene questa?

ERSILIA   Partite?

CECILIA   Ne Antoniè! Ma fusse overamente scema?

RUTILIO   (Si alza di scatto e le tira il cuscino) Io non sono un tipo violento, ma chesta te tira ‘e mazzate ‘a dint’’e mmane! Cretina! La borsa del ghiaccio dovevi prendere, quella del ghiaccio! Ahh… (ricade prima a sedere e poi si corica) E che dulore ‘e cape!

ERSILIA   Antoniè, ma che me cumbine?

ANTONIA   Ma che ne saccio… primma vò l’acqua, po’ vò ‘o ghiaccio, po’ vò ‘a borza! Io ce ‘o porto e nun va bbuono…

CECILIA   Mammà, pe’ favore…

ERSILIA   Mo ce penzo io… aspetta ccà. (raccoglie il cuscino, lo dà a Cecilia che lo sistema sotto la testa del marito ed esce)

RUTILIO   E chi se move… cu’ ‘stu dulore ca tengo… si me putevo movere facevo ‘na paliata a chella ‘a vì!

Scena quarta

Michele e detti, indi Serena

MICHELE   Buongiorno…

CECILIA   Biongiorno don Michè…

RUTILIO   Eh… buongiorno!

MICHELE   Non è un buon giorno?

ANTONIA   (mentrea ripreso a spazzare) Se il buongiorno si vede dal mattino…

MICHELE   (ad Antonia) Ch’è succieso?

ANTONIA   (si ferma e fa cenno a Rutilio steso sul divano)

MICHELE   ( a Cecilia) Non stà bene?

CECILIA   Non è niente… una leggera emicranea.

RUTILIO   Leggera? Io pare ca tengo duje martielle che mi picchiano in testa a sequenza alternata! Prima l’uno e poi l’altro, prima l’uno… e poi l’altro…

ANTONIA   …Prima l’uno e poi l’altro…

RUTILIO   Precisamente! ‘O vì che quanno vuò capì… capisci!

ANTONIA  (risentita) Famm’j va… è meglio che vado a preparare le colazioni… finisco di pulire dopo, quando al signore è passato l’eritema… (esce)

RUTILIO   L’emicranea, ignorante! (guardandosi intorno) Ma io po’ vulesse sapè che tene ‘a pulì…

CECILIA   E ‘o ssaje ca chella è fissata…

SERENA   Buongiorno a tutti…

RUTILIO   Dalle dà!…

SERENA   (irretita ) Scusate tanto! (guarda Michele)

MICHELE   …E’ leggermente indisposto.

SERENA   E che tiene?

RUTILIO   Cecì, famme ‘o favore, miette nu cartiello; Rutilio ha l’emicranea!

SERENA   E che ti alteri a fare?

MICHELE   Qualche cosa l’avrà fatto male…

SERENA   Sicuramente!

ERSILIA   (Entrendo con una borsa del ghiaccio) Ecco qua…

MICHELE   Donna Ersilia, buongiorno…

ERSILIA   Buongiorno Michè… Serè, Antonia ha preparato ‘a colazione… avviati… Michè,  ma, Amalia? (Serena s’avvia)

MICHELE   Si stava preparando, mo scende. Il silenzio che c’è qua ci ha fatto dormire fino a tardi…

ERSILIA   Si eh?…

MICHELE   E Vittorio?

ERSILIA   Eh… per lui invece troppo silenzio… è uscito di buon’ora insieme ad Armando e ad Andrea, prima è andato nel pollaio e poi s’è vestito in fretta e furia ed è andato in paese.

MICHELE   Nel pollaio?

ERSILIA   E forse pe’ vedè se c’era qualche uovo fresco per la colazione…

MICHELE   E ne ha trovati?

ERSILIA   Uno solo ma era ‘e Pasqua…

MICHELE   (meravigliato) Così vecchio? E s’è mantenuto bene?

ERSILIA   L’uovo no… ma ‘a surpresa l’ha truvata ‘o stesso!

MICHELE   Non capisco…

CECILIA   ‘A surpresa? Qua surpresa?…

ANTONIA   (entra dalla camera da pranzo con un cesto in mano) La colazione è pronta. Signò, io vado a raccogliere un po’ di frutta…

ERSILIA   Brava, fai bene… fatte aiutà da Andrea…

ANTONIA   E se non tiene da fare… (esce)

ERSILIA   Andate a fare colazione Michè, mo vengo pure io…

MICHELE   Allora vado… (esce dalla cucina)

CECILIA   Rutì… che ne dice ‘e j pure nuje a fa colazione? Può darsi ca se calma nu poco…

RUTILIO   (alzandosi con la borsa da ghiaccio in testa) E andiamo… pruvamme pure questa…

Scena quinta

Ersilia, Elena e autista

AUTISTA  (trattenendo le porte che si stavano chiudendo) Scusate…

ERSILIA   Chi è? (riaprendo le porte) Prego, dite…

ELENA   Già sono venuta ieri sera, e la signora con cui ho parlato, mi ha detto che ‘o paese stava pieno di alberghi e trattorie…

AUTISTA     Così gli ha detto!

ERSILIA   ‘O paese?

ELENA   Sissignora… ch’era un paese molto turistico…

AUTISTA     Sono testimone…

ERSILIA   …‘O paese?

ELENA   E che avrei potuto fare un giro turistico e ‘na mangiata, prima di andare a dormire…

AUTISTA     Se credeva ‘e stà ncopp’’a riviera romagnola…

ERSILIA   Scusate… ma, state parlando di questo paese?

ELENA   Eh! ‘O paese, ‘o paese… macchè! Quatte catapecchie, un’albergo e cu ‘a cucina già chiusa e ‘na sola tratturia… e per giunta, stava chiusa pure lei…

ERSILIA    Scusate ma…  (come per dire, so affari che non mi riguardano)

ELENA   (quasi isterica) Io e da ieri pomeriggio che non mangio, tengo i crampi allo stomaco?!

AUTISTA     M’’a putevo maje purtà a casa mia?

ERSILIA   (quasi irata ma con un sorrisetto d’incredulità) E vulisseve mangià ccà!

ELENA   E secondo voi?

ERSILIA   (L’ha pigliate pe’ tratturia!) Se nun ve ne jate chiammo ‘e gguardie!

AUTISTA     Bella ospitalità!

ELENA         Io ne ho diritto…

ERSILIA   Ma diritto ‘e che? Fosse fatta ‘a casa d’’o buon Gesù?

AUTISTA     (a Elena) Fatevi chiamare a Vittorio…

ELENA   Per favore… chiamatemi Vittorio!

ERSILIA   (appena sente il nome si blocca) Vittorio?

ELENA   Eh… Vittorio Colosimo, lo so che stà qua… ieri sera non c’era, ma mo sicuro sta cca!

ERSILIA   (si fa seria) Vittorio?! E… scusate voi chi siete?

AUTISTA     Come chi è? E’ la sua fidanzata…

ELENA   O meglio, la sua futura moglie!

ERSILIA   Che?!

ELENA   Voi piuttosto… chi siete?

AUTISTA     Già, ne ma vuje chi siete?

ERSILIA   (solenne) La sua futura vedova!

AUTISTA     (intuendo la prende per un braccio) Signurì…

ELENA   Non vi capisco! Mi fate la gentilezza di chiamarlo… io tengo fame!

ERSILIA   (con un diavolo per capello) E non posso e asciuto, ah… ma appena torna… però…

ELENA   Però?

ERSILIA   Vuje ccà nun magnate! E neppure isso!

ELENA   E che d’è ‘sta minaccia?  Io da qui non mi muovo fino a che nun torna!

ERSILIA   Voi non vi dovete muovere!... Ve lo ordino io! (apre la porta della camera da pranzo e ne entra.)

AUTISTA     (c.s.) Signurì, forse è meglio andare…

ELENA         Ma che dite?! Io qua stò!

ERSILIA  (esce con la solita padella in mano)

AUTISTA     (appena la vede si fa indietro) Sigurì… insisto!

ELENA         Per favore state al vostro posto…

AUTISTA  Io lo facevo per voi…

Scena sesta

Vittorio e detti indi Michele

VITTORIO   (entrando riceve una padellata in testa, e stordito…) Ahh… ma che dè!

ERSILIA    Ma come? Non saluti la tua fidanzata… anzi… futura sposa!

AUTISTA     Signurì, è l’ultimo avviso… jammuncenne!!

VITTORIO   (massaggiandosi il capo)Ahh… ma fusse mpazzuta? M’he fatto male!

ERSILIA   (prendendolo per un’ orecchio) Ancora ‘e vedè chello ca t’aspetta!

AUTISTA   Povera recchia!

VITTORIO   (innervosito) Ahh!… Ma che cacchio te vene?

AUTISTA     (calma, ricurdateve ca tenite n’ata recchia…)

ERSILIA   (colpendolo con uno schiaffo sulla nuca) Che me vene?Saluta la futura mogliettina… dalle un bacio… po’ essere l’urdemo!

VITTORIO   (cadendo dalle nuvole) Ma se po’ sapè che vaje dicenno? Chi è ‘sta giovane?

AUTISTA     (Bravo! Negare sempre…)

VITTORIO   E chist’ato chi cacchio è?

AUTISTA     Comme?

ERSILIA  T’aggia spezza tutte l’ossa ‘a una ‘a una! (mollandogli un altro scappellotto) Ma comme… faje a vedè che nun ‘a saje? Io se fossi in lei m’offenderei!

VITTORIO  (cercando di pararsi dai colpi) Ma che ne saccio io!

AUTISTA     Signò, spezzatele l’ossa! Testimonio io ca è caduto pe’ scale!

VITTORIO    Ma ve facite e fatte vuoste o no?

ELENA   Signora! (cercando di fermarla) Ma cosa state dicendo? questo non è Vittorio mio!

AUTISTA     Non è lui?

ERSILIA   (irrigidendosi) Comme non è lui? Lo volete sapere meglio di me?

ELENA   Io non so voi chi siete… ma certo questo non è Vittorio mio!

AUTISTA     Signurì, decidetevi però…

MICHELE   (entra sorridendo) Vittò, allora? (ma appena vede Elena fa marcia indietro) (Mamma d’’o Carmeno! E che ce fa chesta ccà) (esce)

ELENA   (vedendo Michele lo chiama) ‘O vedite llà! Vittorio… Vittò!… (ad Ersilia) Quello è Vittorio mio!  Ma… perché v’ha chiamato Vittorio?

VITTORIO   Se così mi chiamo, comme m’aveva chiammà… Pascale?

AUTISTA     (con ironia) Voi… sareste Vittorio?

VITTORIO   Ne scusate, ma vuje chi site?

ERSILIA   (a Vittorio)  Comm’è possibile?

VITTORIO   E che ne saccio io! E vuje nun ‘o putiveve dì primma? M’avite fatto abbuffà ‘e mazzate!

ELENA   E io mo l’ho visto…

VITTORIO   A isso… a mme m’avite visto primma però!

AUTISTA     Che spasso…

ERSILIA   Nun ce capisco niente…

VITTORIO   (massagiandosi la testa) Uh… Mamma d’’o Carmeno! Ma… allora io chi so? (intuendo) Vuo’ vedè ca… signurì, aspettate un momento, mo ve lo chiamo io a Vittorio vostro! (va verso la camera da pranzo)

AUTISTA     Ce ne stà n’ato? Ma che d’è ‘a fabbrica de’ Vittorio!

ERSILIA   (sedendo sul divano e pensando) Ma… nooo… e si po’… nun è possibile!

VITTORIO  (Uscendo con Michele trascinandolo per un orecchio come era capitato a lui poco prima) Signurì… è questo Vittorio vostro?

MICHELE   Ahhh… me faje male! Che figura me faje fà cu’ ggente estranea annanze!

AUTISTA     (mettendosi le mani alle orecchie) Ccà so’ fissati ch’’e recchie!

VITTORIO   E secondo te, io me so’ fatto bbene? Io comme me so’ ‘ntiso eh? E po’… è n’estranea pe’ mme… ma tu si ‘o nnammurato!

ELENA   (nel vederlo gli salta quasi addosso) Vittorio… Vittorio mio… (a Vittorio interponendosi tra lui e Michele) Lasciatelo bruto, che gli fate male!

MICHELE   (bonanotte!)

VITTORIO   (a Michele) T’aggia abbuffà ‘e cavuce!

AUTISTA     Spero no vicino ‘e recchie?

Scena settima

Amalia e detti

AMALIA   (vista l’assenza del marito, decide di andare a vedere che sta succedendo) Michè… Vittò… Ersì…

AUTISTA     (Eh… sta facenno l’appello!)

MICHELE   (Terra agliotteme!)

ERSILIA   (resasi conto si para davanti a Michele)  Che sei venuta a fare?

AMALIA   Ma… non venite a mangiare… chi c’è? (vedendo il marito tra le braccia della ragazza) Ma… che sta succedenno?

AUTISTA     Signurì, vorrei essere pagato…

VITTORIO   (che s’era messo anche lui davanti a Michele) Mo spicciatella tu, và!

AMALIA   Ma che state facendo?

AUTISTA   Stanne pazzianne a’ ‘o miereco e ‘a nfermera….

ELENA   Sono fatti che a voi non interessano!

AUTISTA     Signurì, ‘o cunto!

MICHELE   (Chiamme ‘a ‘mbulanza!) Amà, te posso spiega…

ELENA   Sono la fidanzata!  Voi piuttosto, ieri sera mi avete presa in giro… ‘o paese turistico, gli alberghi ‘e tratturie, per colpa vostra sto ancora digiuna!

AMALIA  (senza scomporsi gli molla un ceffone ) E provate a saziarvi con questo!

VITTORIO   (allontanandosi) Mamma d’’o Carmeno!

AUTISTA     Bonanotte! Io ‘o dicevo ca vulevo essere pavato!

ELENA   (riamne interdetta) Ma…. come vi siete permessa!

MICHELE   Amà… ma fusse ‘mpazzuta?!

ERSILIA   Amà, non ne vale la pena…

AMALIA   A no? (molla un ceffone pure a Michele, dopodichè si gira ed esce dalla comune) Ci vediamo in tribunale!

VITTORIO   Salute! (a Michele) E chistu passo, ve vedite ‘o spitale!

AUTISTA     Se esce sangue, nel mio taxi non salite… se sporca!

MICHELE      Amà… Amà aspiette, te spiego tutto cose… (rincorre la moglie)

ELENA   Ma… non capisco… chi è quella  signora così cafona e manesca?

ERSILIA   Non avete ancora capito?

AUTISTA     Quella… è la moglie!

ELENA   La moglie? Voi che dite? Ma… allora…

ERSILIA   Non ve la prendete… (guarda il marito)  Gli uomini sono tutti mascalzoni!

VITTORIO   E pecchè guarda a mme, c’aggio fatto?!

ERSILIA   Per non farsi sfuggire l’avventura con (facendo segno) una bella ragazza…sono capaci di inventarsi qualunque cosa…

AUTISTA     Ma quando maje… io nun so accussì!

ELENA   (piangendo) E io mo che faccio? Mi aveva detto ch’era scapolo e ricco… mi aveva promesso il matrimonio… tante avventure…

AUTISTA     E vuje l’hate creduto?

VITTORIO   (prendendole la testa sulla spalla) Su, su…non piangete… lo scapolo e il matrimonio so’ sfumati… (provandoci) per quanto riguarda le avventure, non è detta l’ultima parola…

ERSILIA   (allontanando Vittorio dalla ragazza) Signorìna… voi siete giovane… avete una vita d’avanti… non vi abbattete… ne troverete un altro… (seria) ma è meglio per voi se lo trovate lontano da qui! (all’autista) Purtatevella!

ELENA   (sempre tra le lacrime) Scusate… vi ho guastato il pranzo…

ERSILIA   Ma figuratevi…

VITTORIO   Se volete restare?

ERSILIA   (a parte) Vittò, ma fusse scemo?

VITTORIO   Ma me fa pena puvurella…

AUTISTA     Andiamo Signurì… vi riaccompagno.

ELENA   Vi ringrazio… (Ersilia trattiene il respiro) mi si è chiuso lo stomaco! (Ersilia si rilassa) Me ne vado a casa… così potrò sfogarmi… arrivederci… (sempre piangendo esce)

ERSILIA   Mo vedimme si putimme apparà ‘sta situazione tra Amalia e Michele ‘o bbì, p’’a miseria!

VITTORIO   Io po’ vulesse sapè pecchè l’ha date ‘o nomme mio?

ERSILIA   Ce puteva maje dà ‘o suojo? Se la sarebbe subbito ritrovata in casa…

VITTORIO   E invece ‘e mazzate m’aggio pigliate io! E no, questa me la deve spiegare il caro Michele… mo te faccio sentere! (mentre esce si scontra con Amalia)

AMALIA   (con una valigia in mano riempita in fretta a furia a giudicare dalla biancheria che ne fuoriesce) Mi chiamate un TAXI… per favore…

ERSILIA   Ma addò vuò j? Amà, calmati…

VITTORIO   Un TAXI? E’ ‘na parola… Amà ragioniamo…

AMALIA   Ma che vuò ragiunà! (scuotendosi va via) Ho capito, vado a piedi…

VITTORIO   (seguendola) Ma addò vaje… aspetta, t’accumpagno…

ERSILIA   (cercando sull’appendino qualcosa da indossare) Calmate… aspetta, vengo pur’io. (mentre sta per uscire viene fermata)

Scena ottava

Ersilia e  Maresciallo

MARESCIALLO  (entrando dall’uscio) E’ permesso?… Buongiorno, sono venuto per la deposizione.  Ma… la signora di ieri sera non c’è?

ERSILIA   La deposizione? ‘A signora di ieri sera?… Ma  quale signora?

MARESCIALLO   La signora che stava per essere aggredita…

ERSILIA   Uh, Madonna! Vuje che dicite? Aggredita? E dove? Quando?

MARESCIALLO   Non vi spaventate… per fortuna non è successo niente… io e il mio collega (fa cenno di fianco, alchè le due guardano ma non vedono nessuno, il maresciallo si guarda intorno e poicontinua) …siamo intervenuti immediatamente e l’abbiamo soccorsa, poi l’abbiamo accompagnata qua, e siccome era spaventata…  

ERSILIA    E ce credo!

MARESCIALLO   Abbiamo preferito farla riposare, in modo che si sarebbe calmata, e le abbiamo detto che saremmo tornati stamattina per raccogliere la deposizione…

ERSILIA   E ma io non ne so niente… Marescià, scusate, ma non lo sapete come si chiama questa donna?

MARESCIALLO   E come non lo so…(spazientito) ‘O tene scritto l’appuntato ncoppo ‘o verbale… sulo, ca nun saccio che fine ha fatto…

ERSILIA   ‘O verbale?

MARESCIALLO No, l’appuntato! (chiamando) ma che fine ha fatto! Appuntato…

Scena nona

detti indi Antonia e appuntato

ANTONIA   (entra ridendo seguita dall’appuntato) Uh… che spasso…

APPUNTATO   ‘A prossima vota ve ne conto n’ata…

MARESCIALLO   Ne appuntà!

APPUNTATO   Marescià scusate… Buongiorno a tutti… la signorina stava raccogliendo la frutta…

MARESCIALLO   Fammi indovinare… ‘a frutta s’è rifiutata di farsi raccogliere e tu sei dovuto intervenire per sedare la rivolta…

APPUNTATO   Veramente…

ANTONIA   Nossignore… ce ne steva certa molto in alto…

APPUNTATO   E io l’ho aiutata…

ERSILIA   Che cavaliere…

ANTONIA   Ah… siete carabinieri a cavallo?

MARESCIALLO   Ma qua cavallo signurì…

ANTONIA   Peccato…

APPUNTATO   (sdolcinato, ad Antonia) Vi piacciono i cavalli?

MARESCIALLO  Appuntà! Quanno l’he fernuto procediamo cu’ ‘a deposizione..

APPUNTATO   Ah… potete procedere (ad Antonia) perdonate… prima il dovere e dopo il piacere…

MARESCIALLO (innervosito) Ma qua piacere! Se non prendi il verbale c’’o nomme da signora che deve deporre nun putimme procedere…

ERSILIA  (Antonia)  E tu … vattenne dint’ ‘a cucina và, doppe facimme e cunte!

ANTONIA   Eh vado, vado… e che maniere! (esce)

Scena dieci

detti indi Cecilia e Rutilio

RUTILIO   (entra con Cecilia e va a sedersi sul divano)

CECILIA   (siede sul divano insieme a Rutilio e gli regge la borsa del ghiaccio)

APPUNTATO   Signò, scusatela alla ragazza, la colpa è mia… lei non c’entra. Le ho raccontato una barzelletta sui carabinieri…

MARESCIALLO   (irato, grida) Appuntà!

RUTILIO   (prendendosi la testa tra le mani) Madonna! Non gridate per piacere…

CECILIA   Sttt… fate piano…

APPUNTATO   (vedendo Rutilio sul divano) Non stà bene?

ERSILIA   Ha una forte emicranea…

APPUNTATO   Marescià non gridate… con l’emicranea ogni strillo è comme ‘na mazzata ncapa…

MARESCIALLO   (gridando senza accorgersene) Ma si tu che me faje alluccà…

RUTILIO   E vi ho pregato…

MARESCIALLO (sottovoce all’appuntato)Ma sì tu che me faje alluccà!  Allora ‘stu verbale?…

APPUNTATO   (Prendendo dei fogli dalla tasca) Ecco qua…

ERSILIA   Alla buon’ora!

MARESCIALLO  E tene raggione ‘a signora… stammo aspettanno e comodi tuoi!

APPUNTATO   Io? E che ne sapevo…

MARESCIALLO   E che eravamo venuti a fà qua, pe’ cogliere ‘a frutta?

ERSILIA   Marescià, allora comme se chiamme ‘sta signora?

MARESCIALLO   Avete ragione. (apre il foglio e legge) Mo ve lo dico subito… se chiamma, se chiamma… appuntà… ma ‘o nomme d’’a signora l’he scritto si?

APPUNTATO   Comme no… sul verbale non c’è?

MARESCIALLO    E truovammillo… (gli da il foglio in mano)

APPUNTATO   (legge) Marescià… e ccà nun ce stà!

MARESCIALLO   E quello che ho detto io…

APPUNTATO   E comme maje?

MARESCIALLO   (gridando) E ‘o vvuò sapè ‘a me?

RUTILIO   Pe’ favore…

MARESCIALLO   (più basso) E ‘o vvuò sape ‘a me? Si tu che aviva scrivere ‘o verbale…

CECILIA   (a Rutilio) Addò vaje?

RUTILIO   A bere nu bicchiere d’acqua (riesce dalla cucina)

CECILIA   Aspetta… t’accompagno… (Esce)

ERSILIA   (dopo che ha dato uno sguardo ai due, si rivolge al maresciallo) (‘o ciunco ca porta ‘o cecato!)Marescià… e mò comme se fa?

APPUNTATO   Ma io m’’o ricordo…

MARESCIALLO   E mo t’’o faje venì?

APPUNTATO   Vuje mo me l’avite chiesto…

MARESCIALLO   (prende il cappello e se lo rigira tra le mani) Ringrazia a chillu puvuriello, ca nun se fida ‘e sentì d’alluccà… fore ‘stu nomme forza!

APPUNTATO   Teresa Squitieri!

ERSILIA   Se tratta ‘e Teresa…

APPUNTATO   E io che ho detto?

MARESCIALLO   Allora la conoscete?

ERSILIA      E certo che la conosco… è la moglie del nostro colono…

MARESCIALLO   E la si potrebbe chiamare? Ve ne sarei grato…

ERSILIA   Mo ve la chiamo subbito…

APPUNTATO   Avete visto che alla fine s’è risolto ‘o mistero?

MARESCIALLO   (dandogli uno spintone) Si avisse scritto ‘e generalità ncoppe a ‘o verbale, come si usa, a chest’ora già ce fossimo sbrigati…

ERSILIA   (va versola camera da pranzo) Serena… Serè… (esce)

APPUNTATO   Teresa… signò, no Serena… (va verso la porta)

MARESCIALLO  Addò vaje, Serena è la figlia della signora… la vorrà mandare a chiamare questa Teresa… statte ccà!

ERSILIA  (riuscendo con Serena viene subito dopo seguita da Michele e da Antonia) Serè, famme ‘na gentilezza, va’ a chiamma nu mumento a Teresa, ‘a mugliera d’Andrea ‘o colono…

SERENA   Subbito vaco… ma ch’è stato?

ERSILIA   E po doppe te spiego, va a mammà…

Scena undici

detti, indi Michele, indi Cecilia e Rutilio

MICHELE   (entra con un fazzoletto sul naso) Signora Ersì, posso essere d’aiuto…

ERSILIA   No, no… si tratta di Teresa ‘a mugliere d’’o colono…

MICHELE   Pecchè c’ha fatto?

CECILIA   (entra insieme a Rutilio)

RUTILIO   (entra giusto in tempo per sentire le parole di Ersilia, al chè cerca di tornare indietro, ma viene trattenuto da Cecilia che lo quasi trascina sul divano)

ERSILIA  No, lei niente… e a lei ca ‘o stevano facenne! Ma fortunatamente, il maresciallo e l’appuntato sono arrivati giusto in tempo….

MICHELE   Marescià e chi può essere stato?

MARESCIALLO   Non lo sappiamo… certo uno squilibrato…

RUTILIO   (si lamenta come se volesse rivelarsi, ma si trattiene per paura) No…

APPUNTATO   Azz… no! Certo non è normale…

MARESCIALLO   Sarà un demente… un maniaco…

RUTILIO   (c.s.)No…

CECILIA   (che gli mantiene la borsa col ghiaccio in testa) Rutì statte fermo…

MARESCIALLO   Uno schizzofrenico, un pazzo...

RUTILIO    No…

CECILIA   (gli sbatte  la borsa col ghiaccio in testa) E t’aggio ditto ‘e te sta’ fermo!

RUTILIO   Ahhh!… (il colpo infertogli da Cecilia lo fa cadere dal divano, trascinandosi il cuscino appresso sotto il quale era nascosto il coltello ch’era servito ad Armando per ammazzare il gallo, Rutilio ingenuamente lo impugna)

ERSILIA   Rutì ma che te vene?

APPUNTATO   (avvedendosi del coltello) Gueh… ma allora… (Estrae la pistola)

CECILIA   (rimane impietrita) Rutì?  Rutì ‘o curtiello… è spuorco ‘e sangue…

ERSILIA   Uh, Madonna!

RUTILIO   ‘O curtiello? (imbambolato) Ah… ‘o curtiello…

MARESCIALLO   Lo butti, non peggiorizzi la sua situazione…

APPUNTATO   Marescià, comme l’avite ditto bello… meglio ‘e l’urdema vota!

MARESCIALLO   Quanno?

APPUNTATO   Quanno arrestaiemo a  Purpetta….

MARESCIALLO   Che ci azzecca, chill’era nu mariuolo ‘e pullaste, chisto è nu maniaco, vuò mettere?

MICHELE   Su, su… Rutilio… stia a sentire il maresciallo…

Scena dodici

Detti, indi Serena e Teresa

SERENA   (entrando con Teresa)  Mammà, ccà sta Tere… ma che sta succedenno?

TERESA  (riconosce in Rutilio l’aggressore) Mamma d’’o Carmeno! E’ isso!

RUTILIO   (nel vedere Teresa, cerca di nascondersi dietro Cecilia)

MARESCIALLO   Signò… siete sicura?

TERESA   Si, si… è isso! (sviene tra le braccia di Michele che si trovava nei paraggi)

ERSILIA   Terè… ma sì sicura, Terè!

MICHELE   (che si ritrova il corpo inerme tra le braccia) Signora… ma ve pare chesta ‘a maniera ‘e svenì? Proprio mo…

APPUNTATO   Mo s’’o sceglieva‘o mumento… appoggiatela da qualche parte…

MICHELE   L’ha pigliata pe’ nu soprammobile…

CECILIA   Rutì… che hai fatto? (sviene anche lei tra le braccia di Michele, che si era avvicinato per appoggiare Teresa sul divano il quale a questo punto con un braccio sorregge Teresa e con l’altro sorregge Cecilia)

ERSILIA   Cecì, Cecilia… Uh, Madonna!

MICHELE   Signora Ersì, vi prego di non svenire pecchè aggio fernuto ‘e braccia!  

ERSILIA   No, no! Povera figlia mia! Nello stato in cui si trova! Oh, Signore… mannacella bbona!

MARESCIALLO   (a Michele che gli è di fianco) State ancora quà?

MICHELE   Si nun fosse ca ‘e dame ce ne vò una sola, me jevo a fa’ nu ballo…

APPUNTATO   E perché fate lo spiritoso?

MICHELE   E vuje pecchè nun me date ‘na mano?

APPUNTATO   Non posso… sto tenendo d’occhio il maniaco!

MICHELE   Ma qua maniaco?! Marescià, datemi una mano…

MARESCIALLO   Aspettate, ecco, poggiamole qua… (gli dà una mano a poggiarle sul divano)

SERENA   (che nelfrattempo era rimasta impietrita, si smuove e da una mano a Michele, subito dopo sviene anch’essa sul divano)

MARESCIALLO   Ma che tene ‘stu divano?…

ERSILIA   Rutì, bello ‘e mammà… parla…

RUTILIO   (nel frattempo rimasto scioccato, si  alza e si mette a giocare con le piume che escono  dal cuscino)M’ama o non m’ama… m’ama, o non m’ama…

MARESCIALLO   Vabbuò, appuntà, piglialo ca ‘o purtamme ‘o comando va…

APPUNTATO   (si avvicina a Rutilio e gli mette le manette) Viene, viene cu mme, mo te porto ‘a ddà maga che cunosco io… t’’o dice essa si t’ama oppure no…

RUTILIO   Overo?

APPUNTATO   Certamente… (mostrandogli le tre donne svenute sul divano) (guarda ccà c’he cumbinato… ‘na strage!)

ERSILIA   (mestamente) Ma che sta succedenno? Madonna mia! Vittò… Vittò…

MICHELE  (cerca di calmare Ersilia) Su, su… sicuramente si tratta di un equivoco… s’aggiusta tutto, vedrete, mo torna Vittorio e mette tutto a posto..

MARESCIALLO   Signora noi per il momento andiamo, dobbiamo mettere il giovanotto in stato di fermo… mo che ritorna vostro marito gli dite se può venire al comando insieme alla signora per la deposizione…

MICHELE   Permettete che vengo con voi? Sapete ‘o pate oltre ad essere mio socio d’affari è pure n’amico… pe’ ‘o guaglione, è comme se fossi nu zio…

MARESCIALLO   Non ho nulla in contrario…

ERSILIA   Se capisce, vengo pur’io… veniamo tutti!

APPUNTATO   Si ve purtate pure quacche vicino, facimme ‘na bella festa!

MARESCIALLO Signò v’avisseva credere ‘e j ‘a balera? Basta che vengono solo gli interessati… appuntà andiamo… (escono con Rutilio ammanettato)

ERSILIA   Michè, m’arracumanne ‘o guaglione… mo che viene Vittorio ve lo mando… (appena usciti Ersilia si abbatte) Madonna… addò steva scritto tutto chesto… ‘sta povera figlia mia in quello stato… ahh… (sviene su di una sedia)

Scena tredici

Vittorio, Armando e detti

VITTORIO   (entrando vede le quattro donne immobili) Mamma d’’o Carmeno! (rimane un attimo interdetto) ‘A strage ‘e gl’innocenti! (avvicinandosi) Speriamo ca stamme ‘ntiempo…

ARMANDO   (entrando dalla comune) Ma ch’è succieso?!

VITTORIO   Armà, damme ‘na mano…

ARMANDO   (corre ad aprire la finestra) ‘A bombola…

VITTORIO   (mettendosi le mani in testa) Nun è possibile!

ARMANDO   (soccorrendo le donne) E no! …Chello è disgraziato ‘o gas…

VITTORIO   Nun è possibile Armà… ‘a cucina è a legna! 

ARMANDO   P’’a miseria!  Allora saranno state e funghi…

VITTORIO  Ma chi ha magnate ‘sti funghi? Ferniscela ‘e dicere sciocchezze e prendi un po’ d’aceto dint’ ‘a cucina, fa ambressa… ca nun so’ morte…

ARMANDO   A no?…

VITTORIO   Pare che te dispiace! So’ sulo svenute… muovete…

ARMANDO   No, chiedevo! Anzi… vado subbito… (esce di corsa)

VITTORIO   Va trova che sarrà succieso… (cercando di rianimarle) Oh, ma so’ svenute tutt’assieme! Fosse quacche virus?

ARMANDO   (rientrando con un limone in mano) Papà… l’aceto nun ‘o trovo… va bbuono nu poco ‘e limone?

VITTORIO   Ma che avimmo ‘a fa, ‘a ‘nzalata! Viene ‘a ccà mo vedo io… circh’’e le da qualche schiaffetto sulle mani… (esce di corsa)

ARMANDO   (Si avvicina alle donne e cerca di rianimarle, poi strofina il limone sotto il naso di Ersilia che per combinazione comincia a rianimarsi) Jamme mè… scetateve… ‘o bbì lloco oì! ‘O bbì ca è buono pure ‘o limone…

ERSILIA   (rinvenendo) Ma… ch’è stato?

VITTORIO   (rientrando con l’aceto) E chello che vulessemo sapè pure nuje… penzammo ‘a ll’ate…(si avvicina con l’aceto alle altre)

ARMANDO   Ne mammà, ma ch’è successo?

VITTORIO   (nel medesimo istante a distanza di poco si rianimano tutte) E allora?…

TERESA   (gridando) Mamma mia bella, addò stà?

SERENA   (C.S.) Aneme d’’o priatorio… ch’è stato?

CECILIA   (C.S.) Rutilio… t’aggia accidere!

ERSILIA   (C.S. a Cecilia) Figlia mia!… (altre grida a soggetto tutte insieme)

ARMANDO   (si allontana spaventato insieme a Vittorio) Ne papà… ma simme sicure che avimmo fatto buono?

VITTORIO   (tappa la bottiglia e prendendola per il collo minaccia) Gueh! Si è buono pe’ rianimà è bbuono pure p’addurmi!  (gridando) Stateve zitte!

ARMANDO   (appena le donne fanno silenzio a Vittorio) E’ proprio overo!

VITTORIO   (in modo teso sempre minacciando con la bottiglia) Che cosa?

ARMANDO   Che ‘na femmena e ‘na papera arruvutajeno Napule…

VITTORIO   (c.s.) Allora ccà putessemo arruvutà l’Italia Armà… ne so’ quatte!  (sempre con la bottiglia in mano minaccoso rivolgendosi ad Ersilia) Allora… se po’ sapè ch’è stato?

ERSILIA   (mentre comincia a parlare viene sopraffatta dalle altre che parlano tutte assieme) Vittorio mio sapisse…

VITTORIO   (ritraendosi ancora sempre con la bottiglia in mano) Armà… và piglia ‘o ribotte…

ARMANDO  Signore… pe’ favore… si parlate tutte assieme nun se capisce niente!  (riesce a farle zittire) Oh… così va meglio…

ERSILIA   (alle altre) Mo ce lo spiego io, vuje stateve zitte!

CECILIA   (si mantiene la schiena e dà un lamento appoggiandosi a Serena) Ahhh…

ERSILIA   (preoccupata) Cecì?

VITTORIO   Te siente bbona bella ‘e papà?

CECILIA   (li rassicura)  Nun è niente… nun è niente… m’ha dato nu calcio… sulo mammà, io me jesse ‘a stennere nu poco te dispiace?

ERSILIA   Tu che dici?… Và bella ‘e mammà… Serè, accumpagnala tu… io spiego il fatto a tuo padre e vengo…

SERENA   Viene Cecì… andiamo, appoggiati a me…  (escono dalla comune)

Scena quindici

Ersilia, Teresa, Armando e Vittorio

ERSILIA    Dunque Vittò.. Teresa ieri sera ha subìto un tentativo d’aggressione…

ARMANDO  ( J che curaggio…)

ERSILIA   (continuando) Da parte di un… non si sa se un maniaco, un pazzo,un demente, insomma uno squilibrato mentale… sulo ca è riuscita a fuggire, e mentre correva è stata soccorsa da una pattuglia dei carabinieri che l’hanno accompagnata a casa, cioè qua…

VITTORIO   Comme qua?

ERSILIA   La povera donna non sapendo dove ricorrere s’è fatta accompagnare qua… ma questo non ha importanza, il fatto è che l’aggressore è stato riconosciuto da Teresa stamattina quando i carabinieri sono venuti a raccogliere la deposizione…

VITTORIO   Che vuol dire?

ERSILIA   (piagnucolando) Vittò…

VITTORIO   Parla…

ERSILIA   Vittò… se tratta ‘e Rutilio!

ARMANDO   (sorpreso) Rutilio?

VITTORIO   (C.S.) Rutilio?

ERSILIA   Eh… Rutilio, tu capisci, nostra figlia ha sposato un mostro!

VITTORIO   Ma famme ‘o piacere! Rutilio…

ARMANDO   Terè… ma siete proprio sicura?

TERESA   Non mi sbaglio… era lui!

ERSILIA   E non è tutto…

VITTORIO   A no?

ERSILIA   A un certo punto, chi sa da do’ ha cacciato nu curtiello!

VITTORIO   Rutilio?

ERSILIA   Eh… Rutilio!

ARMANDO   Gesù, Gesù, Gesù… e chi s’aspettava…

ERSILIA   (singhiozzando) Vittò… ‘o gallo…

VITTORIO   Nun ce penzà mo…

ERSILIA   No, no… Vittò, ‘o gallo…

VITTORIO   E ti ho detto lascia perdere…

ERSILIA   Vittò! ‘O gallo l’accise Rutilio!

VITTORIO   Sanghe ‘e Bacco! E comme ‘o ssaje?

ERSILIA   ‘O curtiello… era spuorco ‘e sangue… po’ isso ‘a durmuto qua sul divano, dunque, nun po’ essere stato che lui…

TERESA   E se vede ca nun ha pututo sfugà cu’ mme, e s’’a pigliata cu’ chella povera bestia…

VITTORIO   (guardandola) Adda essere proprio ‘mpazzuto!

ARMANDO   Ma mo dov’è?

ERSILIA   (scoppiando a piangere) L’hanno arrestato… sta ‘o comando de’ carabbinieri… ‘nsieme a Michele… capisci che scuorno?

VITTORIO   Michele? E che c’azzecca Michele?

ARMANDO   L’allievo e ‘o maestro! L’avranno acchiappato mentre curreva areto a quacche d’una…

ERSILIA   S’è offerto di accompagnarlo pe’ nun ‘o lascià sulo! Mo ve sta aspettanne ‘o comando…

VITTORIO   Armà dobbiamo andare subbito!

ARMANDO   Se capisce… io so’ pronto. Papà, ve vulevo dì…

VITTORIO   Doppe, doppe Armà… Ersì, io e Armando andiamo al comando a vedè ‘e chiarì ‘sta faccenda, tu sta’ vicino ‘a guagliona, mo veco ‘e te mannà pure ‘o miereco, accussì ci accertiamo ca nun è succieso niente ‘a creatura… povera figlia, sa che spavento!

ERSILIA   Và, và… Vittò sbrigate… e puortete a Teresa, ‘o maresciallo ha ditto solo gli interessati, per deporre… vide ‘e dà ‘na mano a chillu puvuriello… chi sa che l’è succieso…

VITTORIO  L’ha pigliato quaccosa ncapo… nun se spiega altrimenti…

ARMANDO   (‘Na padella!)

VITTORIO   Armà, andiamo… Terè, vi sentite?

TERESA   Si, mo sto meglio, grazie… sulo che me dispiace che pe’ bia mia…

ERSILIA   E tu che c’azzicche? Ca ‘o guaglione nun fosse del tutto normale, l’avevamo capito… ma fino a questo punto… e chi s’aspettava!

VITTORIO   Vabbè, mo andiamo, non perdiamo altro tempo, Teresa lo sa che si può apparare… ne parliamo in macchina… 

ARMANDO   A proposito ‘e apparà… papà ve vulevo dì d’’o gallo…

VITTORIO   Armà, m’’o dice pa’ via… mo jamme ca se fa tarde… (escono)

ERSILIA   (si sofferma sotto l’uscio e li guarda andare via)

Cala la tela

ATTO TERZO

La scena è la medesima dei primi due atti.

Scena prima

Antonia, Andrea, indi dottore

ANDREA   (entrando) Ccà nun ce sta nisciuno…(vedendo Antonia che entra) Ah… Antoniè sapisse ‘e Teresa?

ANTONIA   (entrando)   E’ andata col padrone alla stazione dei carabinieri, per la deposizione, ne ma vuje addò stavate?

ANDREA   Nel pollaio! Stavo sistemando ‘o gallo nuovo che abbiamo preso stamattina al mercato…

ANTONIA   N’ato? Mo che c’eravamo riusciti a libberà ‘e chillo… n’arriva subbito n’ato…

ANDREA   Nientemeno?… ‘On Vittorio quanno stammatina ha truvato ‘o gallo scannato, non si è perso di coraggio, subbito ha ditto: Andrè… qua ce adda stà qualche volpe, mo piglia ‘stu pullasto e puortalo dint’’a cucina ca ce ‘o mangiammo, po’ viene ccà che prima usciamo e ne jammo a accattà n’ato ‘o paese, e dopo damme ‘a caccia a ‘sta volpe! Pecchè io senza ‘o gallo ‘a matina nun me sceto!

ANTONIA   Ha maje penzato ‘e s’accattà ‘na sveglia? Perlomeno se sceta sul’isso, accussì, chi vò durmì n’atu poco, dorme!

ANDREA   Nun pazzia, tu ‘o ssaje quanto ce tene, figurate che ha girato tutt’’o mercato fino a che ha truvato ‘o gallo che diceva isso… e che voce ca tene…

ANTONIA   Comme ‘a buonanima…

ANDREA   Cchiù forte… nientemeno ca si ‘o staje vicino mentre canta, ‘o spustamento d’aria è capace ‘e t’aizà ‘a suttana…

ANTONIA   Perciò l’hate accattato?

ANDREA   E che c’azzecco io? ‘O padrone l’ha accattato!

ANTONIA   Chillo è n’ato zuzzuso! Nun me fa parlà…

ANDREA   (incuriosito) He saputo quacche cosa?

ANTONIA   Non posso parlare…

ANDREA  (sdolcinato) E ghiamme… a mme m’’o può dicere…

ANTONIA   Gueh… ma site curioso? E state al posto vostro, avite capìto?! Caspita, po diceno de’ femmene! L’uommene manco ce pareno…

ANDREA   E và bene… se non vuoi parlare, nun parlà… io le dico a ‘o padrone ca te ‘a faje cu’ l’appuntato!

ANTONIA   Ma site pazzo? Quanno mmaje! (più pacata) Nun è ca nun voglio… non posso!

ANDREA   (c.s. tornando alla carica) E ghià… che te costa?

ANTONIA   (sfuggendogli) Ma allora site tuosto… e vi ho detto di stare al posto vostro… (cedendo alla tentazione) …Stammatina è venuta ‘na certa Elena… (avvicinandosi ad un’orecchio) pss…psss…

DOTTORE   (interrompendo la confessione) Scusate…

ANTONIA   (appena sente la voce, si allontana da Andrea intimidita) Chi è? 

DOTTORE   Abita qui una certa signora Cecilia…

ANTONIA   Sì… ma…

DOTTORE   Ah… meno male… sono venuto a fare una visita alla signora…

ANTONIA  Ma la signora adesso non vi può ricevere… potete tornare più tardi?

DOTTORE      E’ uscita?

ANTONIA   Veramente sta riposando…

DOTTORE   Non la potreste svegliare? Sapete, vado di fretta..

ANTONIA  Nemmeno si fosse ‘o marito! (ad Andrea)Gueh.. tale padre tale figlia!

ANDREA   Ma nun era… tale madre tale figlia?

ANTONIA   E ccà è ‘o pate ca è vezziuso!

DOTTORE   Non vorrei insistere, ma il signore che è passato per casa, che poi ha detto di essere il padre, mi ha pregato gentilmente di venire con una certa sollecitudine…viste le condizioni della signora…

ANTONIA   (ad Andrea) (Nun abbasta ca s’’e trova pe’ isso, mo prucura pure pe’ figlie!) Quindi, voi le sapete le condizioni della signora?…

DOTTORE   Apposta sono venuto di corsa, prima che sia troppo tardi e nun se ne pò ffà cchiù niente…

ANTONIA   (guardandolo con disprezzo) Che vizioso!

DOTTORE   Non ho capito…

ANTONIA   (con uno scatto) Mo è meglio che ve ne andate, ‘a signora stà aspettando il dottore da un momento all’altro e non può pensare a voi… Andrè, fa quaccosa!

ANDREA   Subbito! (lo prende per un braccio e lo accompagna verso la porta) Ve ne jate cu’‘e bbone ‘o cu’’e cattive?

DOTTORE   Insomma… io devo visitare la signora, non capite che può essere troppo tardi per intervenire, in caso di minaccia di aborto?!

ANTONIA   (A queste parole intuisce)  Andrè… aspiette nu mumento, fermate! Vuje site ‘o duttore?

ANDREA   (si ferma e lascia la presa)

DOTTORE   E so tre ore ca v’’o stò a ddì!

ANTONIA   Uh Mamma d’o Carmeno! Scusate… mi dovete perdonare… ma io avevo frainteso…

DOTTORE   Vabbè, non ne parliamo più… mi accompagnate dalla partoriente?

ANDREA  (ricordandosi) A proposito ‘e parturiente, io dovevo chiamare ‘o veterinario pa’ cavalla… ca pure hadda parturì?

DOTTORE   Ma che d’è n’epidemia?

ANTONIA  Prego dottò, da questa parte… (esce facendo strada al dottore)

Scena seconda

Andrea e Vittorio

VITTORIO   (entrando) Gueh… Andrè, tu ccà staje? 

ANDREA   Padrò… ‘o duttore mo è venuto, ma serve pure ‘o veterinario…

VITTORIO   Nun te preoccupà, ho chiesto stesso al dottore se ne conosceva uno, e mi ha detto che ci pensava lui. Teresa  è ghiuta a te preparà ‘a mangià.

ANDREA   Allora  mo vado pure io! Ma vi vedo contento… avite risolto?

VITTORIO   Nel migliore dei modi… Andrè… Qua è stato tutto un malinteso! Mo te spiego… Rutilio, andò a farsi quattro passi pe’ dint’’o ciardino, all’improvviso fu quasi assalito da Nerone, ‘o cane ‘e Castrese… ‘o vicino nuosto, furtunatamente ‘o morso che gli ha dato l’ha pigliato sulo ‘a parte ‘e dietro d’’o cazone. A questo punto, chino ‘e paura cominciò a correre senza sapè addò jeve, fino a che si trovò tua moglie d’avanti. ’O guaglione tutto affannato p’’a corza fatta, nun riuscette nemmeno a parlà… tua moglie sentennelo ansimà, dint’’o scuro ‘o pigliaje pe’ nu maniaco e scappò… fin quando fu soccorsa d’ ‘o maresciallo e l’appuntato, il resto lo sai…

ANDREA   Cos’’e pazze… cosicchè, ‘o povero guaglione, nun solo a rischiato di essere muzzecato, ma pure di andare in galera? E mo… i ragazzi addò stanne?

VITTORIO   Stanno venendo… se so’ fermati a comprare delle paste e lo spumante per festeggiare, sia lo scampato pericolo, sia il nascituro…

ANDREA   Allora andate di sopra… vicino ‘a guagliona.

VITTORIO   No, nun voglio dà soggezzione, tanto sta in buone mani… mo nel frattempo voglio vedè comm’ he sistemato ‘o gallo.M’accumpagne?

ANDREA   Certamente…  (escono)

Scena terza

Armando, Rutilio, Antonia, indi Vittorio

ARMANDO  (entrando insieme a Rutilio scorge Antonia che arriva) Antoniè, pienzece tu?  (le porge la bottiglia e il pacchetto)

ANTONIA   (entrando) Date a me, la sistemo io…(esce)

ARMANDO   Grazie! Rutì… comme te siente?

RUTILIO   Come ex detenuto o come futuro padre?

ARMANDO   Ma quale ex detenuto… uno stato di fermo durato un’oretta e mezza, m’’a chiamme detenzione? Come futuro padre…

RUTILIO   E non lo so Armà! Certo è ‘na senzazione nova però ho pensato una cosa; si so’ otto mesi ca io e Cecilia simme spusate, comm’è ca già deve partorire? Nun ce ne vonno nove ‘e  mise?

ARMANDO  (imbarazato cerca di dare una risposta) Ce ne vonno nove… ma in condizioni normali… Rutì, nun te scurda ‘o spavento ca s’ha pigliato Cecilia… se vede che ha influito…

RUTILIO   Po’ influì?

ARMANDO   E comme no! Chella ‘a creatura avarrà penzato: è meglio ca me sbrigo, se no, chiste m’accideno primma ca nasco!

RUTILIO   Mhh… nun pazzia…

ARMANDO   Che t’aggia dì… c’ aggio ‘ntise ca diceva mo ‘o sputo nfaccia ‘o responsabile ‘e tutte ‘sti paure ca se stà piglianno mammà?!

RUTILIO   Uh… Armà, ma tiene sempe ‘a stessa capa! Il problema è serio!…

ARMANDO   Rutì, ma tu ammanettato comme stive, c’‘o maresciallo ca te torturava ‘e domande, ‘a paura ‘e j a fernì ‘ngalera… nun tenive a che penzà? Io te l’aggio sempe ditte ca tu nun j a penzà! Te po’ fa male… specie dopo chell’emicranea c’he tenuto!

VITTORIO   (entrando) Staje meglio Rutì?

RUTILIO   Uh… avite voglia!

VITTORIO   E che d’è?

ARMANDO   Niente… sta penzanno ca ce vonno nove mise pe’ parturì…

VITTORIO   E’ sempe stato accussi!

ARMANDO   (cercando di farsi capireda Vittorio) Eh… non sempre… ce stanno casi in cui se parturisce primma…

VITTORIO   Certo… e famosi settimini…

ARMANDO   E ce stanno pure l’ottimini…

VITTORIO   Ma, veramente…

ARMANDO  (cerca di farsi capire da Vittorio) Comme… ‘e bote basta ‘na paura..

VITTORIO  Ah… ah…. (finalmente capendo) E comme no? A volte uno spavento po’ essere letale!

RUTILIO   (spaventato) Che state dicenno?

ARMANDO   N’esaggerammo mò!

VITTORIO   (cercando di correggersi) No, volevo dire… può scatenare una serie di reazioni a catena che non si sa addò vanno a parare…

ARMANDO   Ma che d’è… ‘na bomba atomica?!

RUTILIO   Ce sta pericolo allora?

ARMANDO   Nossignore… nostro suocero voleva dire… (guardandolo in malo modo) che uno spavento può a volte anticipare il parto…

VITTORIO   Certamente! Questo volevo dire… si creano una serie di reazioni all’interno dell’organismo umano, che sono incontrollabili…

ARMANDO   (S’è fissato!) Vabbè, Rutì… mo’ che te l’ha detto pure nostro suocero, che di figli ne ha avute due, si cchiù tranquillo?

RUTILIO   Veramente, stò cchiù agitato ‘e primma… mo ce vo’ nu surzo d’acqua, tengo ‘a gola secca.

ARMANDO   E andiamo a bere… t’accumpagno. Vedimmo pure si è pronto in tavola m’è venuto appetito…(escono)

VITTORIO   Vado pure io … mi vado a rinfrescare un po… ogge fa caldo. (esce)

Scena quarta

Vittorio indi Antonia indi Dottore e Ersilia

ANTONIA   (entrando) Padrò, è pronto da mangiare… ma… addò e ghiuto?

ERSILIA   (entrando con il dottore) Allora voi dite….

DOTTORE   Si… ci siamo quasi, il tempo il tempo di andare a prendere l’occorrente e torno… tanto stò qua vicino…

ERSILIA   Antoniè, ‘o suprabbeto ‘o duttore…

ANTONIA   Pronta… ecco qua dottò…

ERSILIA   Grazie dottò,  mi raccomando fate presto…

DOTTORE  Certamente… ma non vi preoccupate che andrà tutto bene… (esce)

ERSILIA   (con ansia e contentezza) He ‘ntise Antoniè… chiammegli altri, facimme ambresse a mangià, che nun se po’ sapè…

ANTONIA   Di là è tutto pronto… accomodatevi… (esce)

Scena quinta

Ersilia indi Serena, Amalia

SERENA   (entrando insieme ad Amalia) Mammà, Cecilia sta riposando…

ERSILIA   Buon segno… andate, Antonia ha ditto ch’è tutto pronto…

SERENA   Se mangia?  Finalmente… (esce)

ERSILIA   Abbiate, mo vengo… (chiude le due vetrate ed esce dalla comune)

Scena sesta

Serena, Rutilio,  Armando indi Veterinario indi Andrea

SERENA   (entrando)  Papà, mammà… ma… addò so’ gghiute? E se fa fridde…

ARMANDO   (entrando) Serè, ma addò stanno?

SERENA   Pensavo che stavano di qua, e invece….

ARMANDO   Mo ce dico ad Antonia ‘e metterlo da parte, cchiù tarde s’’o mangiano… (riesce)

SERENA   E per forza… (apre la porta della dispensa e dà una veloce occhiata)

VETERINARIO   (entrando) Ho fatto quanto prima… mi accompagnate  voi?

SERENA   Mo vi chiamo la Governante… io intanto cerco ‘e truvà a mia madre e a mio padre… comunque sta sempre là, di sopra…

VETERINARIO   Di sopra?

SERENA   Eh… di sopra…

VETERINARIO   Non la tenete una stalla?

SERENA   Certo ca tenimme ‘a stalla… ma che ‘a mettevemo dint’‘a stalla, scusate! (dopo averlo scrutato esce per chiamare Antonia) Antonia…

VETERINARIO  ’A cavalla stà di sopra? (storcendo la bocca) Mah… gente strana…

ANDREA   (entrando) Scusate… ah, dottò, siete voi? E per il veterinario?

VETERINARIO   Sono io il veterinario…

ANDREA   (guardandolo come se si trovasse do fronte ad un pazzo) E… ditemi una cosa… nun è ca facite pure l’avvocato, ‘o giudice, ‘o notaio…

VETERINARIO   (capendo la situazione, sorride) No… state tranquillo, io faccio solo il veterinario come mio fratello fa solo il medico. Siamo gemelli…

ANDREA    Mo se spiega! Allora se volete venire, la stalla è da questa parte…

VETERINARIO   Allora, stà dint’‘a stalla, ‘a cavalla?

ANDREA   E addò aveva stà? Venite vi accompagno… (esce)

VETERINARIO   (mentre esce) No, pecchè, ‘na signora primma ha detto che stava di sopra…

Scena settima

Antonia, Serena indi Dottore

ANTONIA   (entrando seguita da Serena) Dottò… ma… addò è ghiuto?

SERENA   E mo stava qua! Sarà salito da solo…

DOTTORE (entrando) Ho fatto quanto prima… mi accompagnate voi?

SERENA   (guardandolo in modo strano) (ma chisto è scemo?) E vi ho già detto che sto cercando mia madre e mio padre, e che vi avrei fatto accompagnare dalla governante…

DOTTORE   A me?

SERENA   Eh, a voi…Antoniè, accompagna il dottore…

ANTONIA   Prego dottò… la strada già la sapete… (escono)

Scena ottava 

Serena, Armando, Rutilio, Veterinario, indi Antonia, indi Dottore

ARMANDO   (entra seguito da Rutilio)

SERENA   Ne ma avisseve visto a mammà e a papà?

ARMANDO   No pecchè?

SERENA  Ce sta ‘o duttore, e loro nun se trovano. Vado a vedè di sopra… (esce)

ARMANDO   Rutì, ‘o dottore…

RUTILIO   E dopo vado a vedere, mo lasciamolo visitare…

ARMANDO   (sedendosi sul divano) Rutì, secondo me, t’avarrisse fa’ visità pure tu d’’o duttore…

RUTILIO   E pecchè?

ARMANDO   Secondo me, tiene ‘o verme sulitario…

RUTILIO   Pe’ nu poco ‘e rrobba che me so’ mangiato?

ARMANDO   Salute! Doppe mangiato e bevuto pure ‘o caffè, te si’ mangiato pure ‘o piatto ‘e papà…

RUTILIO   E tenevo n’atu pucurillo ‘e spazio…

ARMANDO   E allora, ‘o piatto ‘e mammà, addò l’è miso?

RUTILIO   E sarrà stata ‘a paura… che ti devo dire, chiammala comme vuò…

ARMANDO   Io pe mme, ‘a chiamme “Lopa”

VETERINARIO   (entrando) Scusate…

ARMANDO   (girandosi) Chi è?

VETERINARIO   Sono io… potrei sciacquarmi un po’ le mani…

ARMANDO  (titubante)Prego… accomodatevi, Rutì, accompagnalo… (mentre Rutilio si accinge ripensandoci lo blocca facendolo sedere di nuovo) aspetta, forz’è meglio che vado io… accomodatevi… di qua (esce dalla comune)

VETERINARIO   Grazie… (lo segue)

SERENA   (entrando) Antonietta è scesa…

RUTILIO   Non l’ho vista… l’he truvate a mammà e a papà?

SERENA   Si… stanno di sopra cercanno d’apparà n’atu guaio…

RUTILIO   Io nun me so’ muosso ‘a ccà eh!

SERENA  No… tu non c’entri! Madonna… s’hadda mettere a bollire ‘na caldaia cu’ l’acqua…

RUTILIO   Se mangia n’ata vota?

SERENA   Rutì, ma che tiene ‘o sfunnelo?!  Serve al dottore… ci siamo quasi…

ANTONIA (entrando) Signora Serena, ‘o duttore ha ditto che dobbiamo pure preparare delle striscie di stoffa, ce penzate vuje? Io nel frattempo metto a bollire l’acqua… (esce per la cucina)

SERENA   Si va, va, io alla stoffa e tu miette a bollire l’acqua…

ARMANDO   (entrando) Ma che d’è tutto ‘stu movimento?

SERENA   Armà, ci siamo quasi…

DOTTORE (entra dalla comune e subito esce dall’uscio) Vado a prendere la borsa in macchina…

SERENA   Accomodatevi… (va verso un mobile) a proposito…(si gira e si avvede che è già uscito)  

ARMANDO   Chillo è ‘o duttore allora?

RUTILIO   Lo sai che tieni raggione… quando e dopo, mi devo fare visitare pure io…

SERENA   Mo che torna, ricordatemi che l’aggia chiedere come deve essere la stoffa?

ARMANDO   Ma che s’hadda fa’… nu vestito!

RUTILIO   (in fibrillazione) Allora lo consiglio io…

ARMANDO   Stai calmo… faje ‘o sarto tu?

DOTTORE  (entrando verso la comune viene fermato da Serena)

SERENA   Dottò, dottò… la stoffa… come deve essere?

RUTILIO   (avvicinandosi) Vi posso dare qualche suggerimento?

DOTTORE   Ma che suggerimento! Mica serve pe’ nu vestito… Signò, prendete un lenzuolo vecchio,  ‘na tovaglia, quello che più vi aggrada, tagliatelo a striscie e portatemelo (via per la comune)

SERENA   Ho capito! (via per la cucina)

ARMANDO   (facendo risedere Rutilio) Che t’aggio ditto? Mica serve pe’ nu vestito… assettate che già c’è troppa confusione…

Scena nona

Armando, Rutilio, indi Vittorio e Ersilia, indi Veterinario

VITTORIO   (entrando mestamente dalla comune seguito da Ersilia) No… Ersì, secondo me non c’è più niente da fare… Se ne voluto andare pure lui…

ERSILIA   E dire che abbiamo fatto tutto il possibile…

ARMANDO   (guarda Rutilio)

RUTILIO   (facendosi serio)  Ma…

VITTORIO  Certo ch’è peccato… dopo tanto tempo insieme… fare questa fine!

ERSILIA   Nemmeno a schiaffeggiarlo è servito…

RUTILIO   (sempre più preoccupato) Ma che state…

ARMANDO  (cerca di trattenerlo con una mano) Rutì… forza…

VETERINARIO  (entra per la comune e Rutilio gli balza davanti prendendolo per il bavero della giacca) Ma che fate…

ARMANDO  (trattenendo Rutilio) Dottò, ma siete sicuro che tutto è perduto?

RUTILIO     Dottò…

VETERINARIO   Ma cosa dite?

VITTORIO   Rutì, lassa sta’ ‘o duttore…

RUTILIO   (sferra un calcio a Vittorio) Tutta colpa vosta!

VITTORIO   Ahhh… Ma fusse mpazzuto n’ata vota?

ERSILIA   Rutì, e che te vene?

RUTILIO   Si nun fosse stato pe’ ‘sta mania d’’a campagna… (mentre Armando cerca di trascinarlo, sferra un altro calcio a Vittorio che si trova davanti al veterinario ma che si scansa, finendo per colpire quest’ultimo)

VETERINARIO   Ahh… No, io me ne vado! L’ho detto ch’era gente strana! Mo piglio ‘stu parto e chi s’è visto s’è visto! (esce di corsa)

ERSILIA   Gesù, chiste so’ nummere!

VITTORIO   Questo è da rinchiudere!

ARMANDO   E te staje fermo, o no?

RUTILIO   Ch’è succieso a muglierema?

ERSILIA   Gesù! Ch’hadda succedere?

VITTORIO  Ch’è uscita leggermente incinta e mo’ deve partorire…nun ‘o sapive già?

RUTILIO   Dicite ‘a verità! E ‘a criatura?

VITTORIO  (squadrandolo) ‘A criatura! M’’a veco e m’’a chiagno…

RUTILIO   Obbì che allora è succieso qualcosa!

ERSILIA   Ne ma c’hadda sucedere?!

VITTORIO  Quanne ‘o buò sapè… è succieso ca chella povera anema ‘e Dio mo’ che nasce, senza tenè colpa, se trova cu’ nu pate imbecille comm’a tte! T’aggio ditto!

RUTILIO   Ma allora…

VITTORIO   Ma allora che cosa? Ma famme ‘o piacere…

ARMANDO   Mammà, papà… vuje trasenne avite ditto ca nun ce steva cchiù niente ‘a fà… se ne andato pure lui…

ERSILIA   Uhhh!

VITTORIO   Nuje stevemo parlanno d’appicceco succiese tra Michele e ‘a mugliera! Amalia vuole chiedere il divorzio… e non è stato possibile farle cambiare idea… avite capito mo?

ARMANDO   Rutì… avimmo pigliato ‘o tramme p’’o banco ‘e l’acqua!

RUTILIO   (cade a sedere) Meno  male….

Scena dieci

detti, indi Antonia, indi Serena

ANTONIA   (entrando con una pentola d’acqua calda in mano) Luvateve ‘a nanze… che coce… attenzione… (via per la comune)

VITTORIO   Ersì, va’ pure tu… và vicino ‘a guagliona…

ERSILIA   Vado, vado… ah, bella ‘e mammà… ci siamo!

SERENA   (entra con delle striscie di stoffa sottilissime tra le mani) Permesso…

ARMANDO   E che d’è lloco?

VITTORIO   Eh… è carnevale, ha fatto ‘e coriandoli!

SERENA   Non vanno bene?

VITTORIO   Ma che sì scema? Più grandi devono essere! Invece ‘e ‘na tuvaglia piglia nu lenzuolo e taglialo a strisce larghe almeno trenta quaranta centimetri và… e fa’ ambressa!

SERENA   (agitata) Uh Madonna… vado!  Nu lenzuolo… stanno ncoppa…(esce per la comune)

Scena undici

detti, indi Veterinario, indi Dottore

VETERINARIO   (dall’uscio) Scusate se entro ed esco… ma dovrei pulirmi ancora le mani…

VITTORIO   Ah, fate, fate pure… vi accompagno?

VETERINARIO   Non ce ne bisogno grazie, conosco la strada. (via per la comune)

VITTORIO (guarda Armando e Rutilio con interrogazione) Ma..

ARMANDO  Se vede ch’è nu pulitone! L’avimmo truvato a uno peggio ‘e Antonietta…

RUTILIO   Comme me piaceno l’uommene accussì!

VITTORIO   Nessuno lo dubitava…

ARMANDO   Almeno nun ‘o dì…

RUTILIO  Ma che avete capito? Puliti! La pulizia innanzi tutto!

VITTORIO   Certo, certo… è quello che intendavamo…

DOTTORE (entrando) Vado in macchina a prendere dei ferri..

VITTORIO   Dottò, ci siamo?

DOTTORE   Quasi…quasi! (esce)

RUTILIO  E nun ‘e puteva piglià primma ’e se lavà ‘e mmane, ‘sti fierre?

ARMANDO  Sono sterilizzati, idiota… perciò s’ha lavato primma ‘e mmane!

RUTILIO   Ah… ‘e fierre sterilizati…

VITTORIO   E quali fierre allora? Chille d’’o carpentiere…

DOTTORE  (rientra  con una borsa in mano e via per la comune)

Scena dodici 

detti, indi Antonia, indi Serena, indi Veterinario e indi Dottore

(sempre da seduti osservano tutto questo andirivieni  intorno a loro e sbuffando, arricciandosi le pieghe del pantalone, roteando le dita delle mani, insomma cercando di impiegare il tempo nell’attesa dell’evento, commentano.)

ANTONIA  (di corsa dalla comune e via per la cucina) Serve altra acqua…

ARMANDO   Altra acqua…

RUTILIO   Speriamo che va tutto bene…

VITTORIO   Rutì, pe’ favore!

SERENA   (entra dalla comune e riesce dalla cucina parlando a se stessa) Servono altre striscie… mò piglio ‘na tovaglia…

ARMANDO   Altre striscie…

VETERINARIO  (appena entra  dalla comune i tre si alzano contemporaneamente)

VITTORIO   E’ nato?

ARMANDO   E’ andato tutto bene dottò?

RUTILIO   Comm’è?

VETERINARIO  Non ancora, non ancora… ma quasi ci siamo… (facendosi spazio per uscire) permettete un momento?  (via dall’uscio)

RUTILIO   (risiedendosi come gli altri) E mò che ato è ghiuto ‘a piglià?

ARMANDO   Qualche altro ferro…

VITTORIO   Certo ca è nu bellu scurdariello però eh?

VETERINARIO (rientrando)Ho dimenticato i guanti in bagno.

VITTORIO   ‘O bbì!

VETERINARIO   A proposito, si potrebbe procurare un altro po’ di paglia?

ARMANDO   (c.s.) Altra paglia… (sovvenendo) Paglia?

VITTORIO   Dottò, scusate… avite ditto paglia?  

VETERINARIO   Eh… paglia!  Scusate un attimo… (via dalla comune)

VITTORIO   Ma che hadda fa’, ‘o presepio c’‘o bambeniello!

ARMANDO   Eh! C’‘o bue e l’asinello…

RUTILIO   Io nun ce sto capenno cchiù niente…

ANTONIA  (c.s.) Luvateve ‘a nanze… che coce… (via dalla comune)

SERENA (entrando a breve distanza anch’essa via per la comune) Permesso…

DOTTORE  (dalla comune verso l’uscio) Ci siamo… ci siamo quasi… vado a prendere l’anestetico, potrebbe servire…

RUTILIO  Ma dico io… nun se puteva purtà tutte cose primma, invece ‘e j annanze e areto?

ARMANDO Rutì, papà che ha detto? Sarrà nu poco scurdariello…

VITTORIO  No Armà, mi correggo… chisto tene proprio ‘a capa sciacqua!

DOTTORE  (rientra  con un flacone in mano e va via per la comune) Jammucè…

VITTORIO  Eh… chi tene male cervelle, hadda tene bbone ccoscie!

RUTILIO   (alzandosi di scatto comincia a passeggiare per la stanza) Io nun ce ‘a faccio cchiù!

VITTORIO  Eh… Rutilio mio…. io ce so’ passato primma ‘e te… e pe’ ddoje vote!

VETERINARIO  (dalla comune per l’uscio) Ho trovato i guanti… nun ve scurdate ‘a paglia! Permettete…

VITTORIO  Ancora cu’ ‘sta paglia! Questo non è un medico… è ‘na trottola! Me stà facenno girà ‘a capa!

ANTONIA  (Dalla comune in cucina correndo)Altra acqua, altra acqua… meno male ca già è pronta!

VITTORIO   Ma se stessero appiccianne a via ‘e coppe ca serve tutta st’acqua?

ARMANDO   E che ne so!

RUTILIO   (sempre più nervoso) Nun ce ha faccio cchiù! Nun ce ha faccio cchiù!

ARMANDO  Tu? E’c’hadda dicere chella puvurella che sta parturenno?

ANTONIA   (dalla cucina per la comune) Luvateve ‘a nanze…

VITTORIO   Che coce! Mamma d’’o Carmeno… e che casino!

VETERINARIO  (dall’uscio verso la comune) Ci siamo, ci siamo quasi. Già si vede quasi la testa… (via)

VITTORIO   Da dò l’ha viste… da fenesta?

ARMANDO   Mah….

RUTILIO   (sempre più in preda a nevrosi) ‘A capa, ‘a capa…

VITTORIO  Madonna… Armà, firme a chisto! Me sta facenno girà l’uocchie!

VETERINARIO   (dalla comune)  Presto… presto…

RUTILIO   Duttò, è bella ’a capa?

VETERINARIO   (mentre esce di corsa) Avite voglia! ‘Na bella capa nera cu’‘na macchia bianca ncoppa ’o naso! (via)

RUTILIO   (di stucco) Commo nera?

VITTORIO   Ha ditto nera? 

ARMANDO  (a Vittorio) A ditto nera…però, ‘na macchia janca ‘a tene!

VITTORIO   (cadendo sul divano senza forze) Uh Mamma mia! Pure chesta?

RUTILIO   Io ‘o dicevo ca me pareva strano… (si sente un vagito di neonato)

ARMANDO   E’ nato! E’ nato!

RUTILIO   Eh… e chillo n’ato è stato!

VITTORIO   Mamma mia… Cecì dico, m’’o vuò dì primma?

SERENA   Papà, Armà… Rutì…

VITTORIO   Già sapimme tutto cose!

SERENA   E chi v’ha ditto?

ARMANDO   ‘O duttore…

SERENA   ‘O duttore? Ma…

RUTILIO   Tene ‘a capa ‘e nu bellu colorito smuorto è overo?

SERENA  Ma che staje dicenne? Maje vista ‘na capa ‘e criatura appena nata chiena ‘e capille comm’’e chella…

RUTILIO   Nire e ricci!

SERENA   No… lisce e biondi…

VITTORIO      (rialzando la testa) Comme bionde?

RUTILIO   (ad Armando)  Ha ditto biondi?

ARMANDO   He… ha ditto biondi!

VITTORIO      Tene pure ‘na macchia bianca ncoppa ’o naso?

SERENA ‘Na macchia bianca? Ma stisseve danno ‘e nummere? Chillo è talmente bello, ca pare n’angiulillo… è perfetto! (esce)

RUTILIO   Ma allora… ‘o miedeco…

VITTORIO   (in preda a crisi di nervi comincia a fare dei tic) Chillu  ‘nzallanuto che c’ha ditto?

VETERINARIO   (entrando dall’uscio) E’ nato!

VITTORIO   Ah, vuje state ccà! E arrivate tardi c’’a nutizia, ha avuto pure ‘a cartulina pe’ surdate! Ne ma se po’ sapè che cacchiarola jate dicenno…

VETERINARIO   Io? Perché che ho detto?

VITTORIO   Tene ‘a capa nera,…‘na bella macchia bianca ncoppa ‘o naso…

VETERINARIO  E se quello così è nato con chi v’‘a vulite piglià?

VITTORIO   (gridando) E insiste sa! Ma ce vulesseve sfottere?

Scena tredici

detti, indi Andrea

ANDREA   Padrò… v’ha ditto ‘o duttore ch’è nato?

VITTORIO   (c.s.) Mo te ce miette pure tu!

ANDREA   (ad Armando)  Ma che ho detto?

VITTORIO  (sempre più isterico) Gueh… stai ‘a posto tuo, he capì! Io ti licenzio…

ANDREA   Padrò, ma che ho detto di male?

VITTORIO   A chi credete ‘e piglià in giro? Tu e chest’ata specie ‘e miedeco d’’e pazze!

VETERINARIO   Ma come vi permettete? Io sono un veterinario conosciuto in tutta la provincia sapete? Miedeco d’’e pazze a mme!

VITTORIO   (si blocca e insieme a gli altri) Veterinario?

ANDREA   Eh… ‘o duttore è ‘o veterinario!

VITTORIO   Cosicchè, a mia figlia l’ha fatta parturì nu veterinario… ma che l’avite pigliata pe’ ‘na cavalla? Mo v’abboffo ‘e cavuce a tutti quanti!

ANDREA   Nossignore! L’avete detto… ‘o duttore quà, ha fatto parturì ‘a cavalla!

RUTILIO   Comme sarebbe?

ARMANDO   E che d’è mo ‘sta nuvità?

VITTORIO   ‘A cavalla? Ma allora… chisto… nun è… chillo… nun… è chisto (cade a sedere senza forze) Dateme n’ata capa…

VETERINARIO   Io sono il veterinario che ha fatto partorire la vostra cavalla… la quale ha messo al mondo un bel puledro tutto nero, con una bella macchia bianca sul naso… mo avete capito? Vi è più chiaro?

ARMANDO   Perciò… ha cercato ‘a paglia…

VETERINARIO   Appunto… paglia che non è mai arrivata!

RUTILIO   Scusate! Ma allora Cecilia… comm’è parturita si vuje site stato vicino ‘a cavalla?

VETERINARIO   Il parto della signora l’ha preso mio fratello, che è medico…

VITTORIO   E scusate ancora… ma per dove è passato? Noi abbiamo visto sulo a vuje che andavate avanti e indietro comm’ a ‘na funicolare!

VETERINARIO   Ma che dite? Io sono venuto solo un paio di volte… pe’ me sciacquà ‘e mmane, visto che non ci sono fontane nei paraggi della stalla…

ARMANDO   Ma comme? Io solo ne ho contate almeno sei o sette…

VETERINARIO  Ah… forse ci siamo incrociati io e mio fratello senza volerlo…

RUTILIO   Continuo a nun ce capì niente…

VETERINARIO   Ma è chiaro! Evidentemente, si è data la combinazione che mentre io entravo, mio fratello usciva e viceversa… voi forse credevate di vedere sempre la stessa persona perché siamo gemelli.

ARMANDO   Comme, comme?

VITTORIO   Gemelli? (comincia sorridere, e aumenta man mano fino a  ridere a crepapelle) Ah, ah, ah, ah… nuje ce credevemo… e invece… chillo parlava d’’a cavalla… e nuje ce penzaveme… (a questo punto scoppiano tutti a ridere) Gesù, Gesù, Gesù… ma tu guarda ‘e bbote… (si fa serio di botto) No, io me ne vado! Ma a chi vulite fa mpazzi appriesso a vuje… io sto sparpetianno ‘a che so’ venuto! Alla faccia della tranquillità!

VETERINARIO   Be, comunque io il mio dovere l’ho fatto, me ne posso pure andare… gli animali stanno bene, quindi, levo il disturbo… con permesso…

ARMANDO   Aspettate dottò... quando vi dobbiamo?

VETERINARIO  Va bè, torno domani per vedere come va il puledro e ne parliamo, di nuovo… (esce)

ARMANDO   ( a Rutilio) ‘A jamme a vedè, ‘sta creatura o no? Papà

RUTILIO   Comme no… jammucenne (escono di corsa entrambi)

Scena quattordici

Vittorio, indi Ersilia e Antonia

VITTORIO  Mo, ‘a stappàmme sta bottiglia o no? Antonietta..

ANTONIA   Comandate…

VITTORIO   Prendi le paste e i dolci e vieni di sopra… che brindiamo. (esce)

ANTONIA   Subito… avvìateve, chiudo pure il portoncino e vengo… (chiude le imposte ed esce dalla cucina, dalla quale subito riesce con un cartoccio e una bottiglia in mano e va via dalla comune)

Abbassamento delle luci. A questo punto, si ripete la scena del primo atto. Armando di soppiatto va in cucina a prendere il coltello e va ad ammazzare il nuovo gallo, per non essere svegliato. Rutilio entra con il cuscino e una coperta in mano e si rimette a dormire sul divano. Solo che stavolta anzicchè Serena, è Vittorio che entra, ha una valigia in mano. La  poggia sul pavimento e va in cucina a prendersi un bicchiere d’acqua e subito riesce. Mentre si accinge a bere, si ferma alle spalle del divano e nota la porta semi aperta dalla quale si intrufola un’ombra. Vittorio sorpreso, rovescia il contenuto del bicchiere addosso al povero Rutilio che dormiva.

Scena quindici

Armando, Rutilio, indi Vittorio

RUTILIO   Mamma d’’o Carmeno… stà chiuvenno!

VITTORIO   (sentendo Rutilio gridare) Ma chi ce stà?

ARMANDO  (si ferma e si appoggia contro una parete) Proprio mò s’aveva scetà?

VITTORIO   (corre verso Armando e lo prende per la gola) Io t’accide, he capì!

ARMANDO   (sballottato a destra e a sinistra) Ma chi è? Lassa!

VITTORIO   Ma chi è, ‘o dico io…

ARMANDO   E io che dico?

VITTORIO   He ‘a dicere, chi si!

ARMANDO   E vabbè… chi si?

VITTORIO   No! Tu he ‘a dicere chi si…

ARMANDO   E che ho detto?

RUTILIO   Ma… che sta succedenno? (si alza, va ad accendere la luce e con sommo stupore s’avvede dei due) Papà… Arma… Ma che state facenno?

VITTORIO  (tenendo Armando per il collo) Armà ma… (lasciando la presa)

ARMANDO   Papà… mannaggia ‘a miseria… me stiveve affuganno!

VITTORIO   E io t’avesse affugà! Che ghiate facenne… ‘e notte tutt’e duje?

ARMANDO   (imbarazzato)  Niente… pigliavo ‘na boccata d’aria…

RUTILIO   N’ata vota? Scummetto pe’ dint’ ‘o pullaio…n’è ovè?

VITTORIO   ‘O pullaio? Ma…

ARMANDO   Azzò! Ma e fatte tuoje, proprio nun te faje eh?

VITTORIO   (sovvenendo) ‘O gallo! N’he fatto fore n’ato?

ARMANDO   (imbarazzato) Papà… perdonate… ma io proprio nun c’’a faccio a me scetà ‘e cinche ‘a matina…

VITTORIO   Vabbè, tanto… nun so’ cchiù fatte che me riguardano…

RUTILIO   Comme sarebbe?

VITTORIO   Io nun c’’a faccio cchiù! Me vulevo arrepusà nu poco e invece… pare ca tutt’’e probleme, se so’ date appuntamento ccà! E chesta che marina… no Rutì, ho deciso… me ne torno a casa! Là perlomeno stò cchiù quieto… io me credevo che ‘a città era caotica, frenetica, stressante… e invece sa che te dico? Che ‘a città, ‘a confronto ‘e ‘sta ghiurnata e meza passata ‘ncampagna, me pare nu deserto!

RUTILIO   Eh, ma… proprio mo che ce sta pure ‘o nipotino?

ARMANDO   Già, ‘o nipotino nun ce penzate?

VITTORIO  Nun te preoccupà, chillo è isso ca penza a nuje… (guarda l’orologio) Vuò vedè? Meno tre, due, uno, via… (si ode il pianto di un neonato) He visto?!

ARMANDO  (guarda Rutilio ed entrambi cadono a sedere sul divano) Salute!

VITTORIO   E comm’è preciso Armà… ogni tre ore… ato ca ‘o gallo! Stateve bbuono! (esce)

RUTILIO   Ma…

ARMANDO   (agitando il coltello che gli è rimasto tra le mani) E comme se dorme? ( lo guarda)

RUTILIO   (spaventato) Armà… Armà, che staje penzanno?

ARMANDO   No niente… (si alza e comincia a camminare)

RUTILIO   (seguendolo di scatto) Armà, che vulìsse fà?

Cala la tela

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 5 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno