Almeno per un giorno!

Stampa questo copione

 


                                                                                             Commedia in 2 atti

di

Luciano Medusa

Personaggi:

Luca               (impiegato 45enne)

Carla              (qualche anno più giovane del marito Luca, casalinga)

 

Elisa               (studentessa figlia dei due, parla velocemente)

Mario              (studente 22enne, fratello di Elisa)

Enrico             (collega di Luca, imbranato e meticoloso, 45enne)

Renato            ( 30enne, inquilino del palazzo accanto)

Natalia                  (moglie di Enrico, casalinga 40enne)

Ida Nerone       (sorella di Renato, 35enne, mesta e cupa)

Dottore

1° Infermiere

2° Infermiere

1° ATTO

SCENA: Salotto-tinello piccolo borghese; in fondo c’è un’ampia finestra che lascia intravedere un verde panorama; a destra un vano ad arco, che immette in un disimpegno; a sinistra, la porta d’ingresso,  un appendiabiti in fondo; vicino alla finestra, più avanti, una parete attrezzata con tv, giradischi, dischi e suppellettili d’arredo; un divano e un tavolino affiancano la parete attrezzata; di fronte, alla destra della finestra, un tavolino con una grossa scacchiera; più avanti un  tavolo con qualche sedia; quadri alle pareti.

Mario

(in accappatoio e pantofole intento ad asciugarsi i capelli con un rumoroso phon che ha collegato nella spina del giradischi; tramite una cuffietta di walkman ascolta una canzone che lui solo sente; dimenandosi a suon di musica, ogni tanto canta la canzone che sta ascoltando)

Carla

(grembiule, pantofole e maniche scorciate; entra dal disimpegno e mettendo in ordine, con voce normale) Mario...

Mario

(non sente e non la vede)

Carla

(notando la cuffietta, alza la voce) Mario...

Mario

(c.s.)

Carla

(ancora più forte) Mario...

Mario

(c.s.)

Carla

(spazientita lo scuote) Mario...

Mario

(senza togliersi la cuffietta, impaurito) Maronna! Ch’è succieso...(vede Carla e si rassicura) Si’ tu!?...Che è successo, che vuoi?

Carla

(riprendendo a rassettare, con voce normale) Vai ad asciugarti i capelli da un’altra parte, adesso viene tuo padre ad ascoltare la musica. Lo sai, no!? (ironica) Il sabato mattina papà lo dedica alla musica.

Mario

(sempre con la cuffietta alle orecchie non ha sentito) Ma che dici? Allucca nun te sento!

Carla

(più forte) Vattenne ca mo’ vene pateto!

Mario

(c.s.) Cosa?

Carla

(lo guarda e si accorge del perché Mario non sente. Indispettita gli corre incontro, gli strappa la cuffietta dalle orecchie e gli chiude il phon, grida) Vattenne a’ llà...mo’ vene pateto!

Mario

(stordito dalle urla) Guè...ch’allucch’’a ffa? Io ci sento!

Carla

Ce siente!? E circh’’e mezze ‘e nun te sentì (afferra la pantofola) sta’ pantofola arret’’a capa...hè capì!? Comm’ è schiarata bella ‘sta  jurnata! C’amma fatte ‘a croce...c’amma fatte! Fa ampresse, lieve (riferendosi al phon) ‘sta pistola ‘a dint’’a spina e vattenne ‘a llà, ca mo vene pateto!

Mario

(controvoglia esegue) Ma io nun capisco!? Il sabato, qui dentro non si può fare più niente? ‘A matina il nostro caro papà lo dedica all’ascolto della musica. (con disprezzo) ‘A Musica! (indicando i dischi) M’’a chiamma pure musica chella! (imitando il suono degli strumenti) Zin-zin-zin, po-po-pò e lui va in estasi.

Carla

Nun dicere buscie! Nun va ‘a nisciuna parte, chillo se assette llà (indica il divano) e nun se move.

Mario

(con disappunto) Mammà, se ne va ‘e cape! Va in estasi significa ca se ne va ‘e capa!

Carla

Tuo padre lavora e col suo lavoro ci mantiene a tutti quanti, quindi se vuole se ne pò gghì addò vo’ isso!

Mario

(c.s.) Ma dico io!? Con tanti passatempi che ci sono, mio padre, insieme a quel cretino del suo collega, quale se va a scegliere? ‘E scacchi! Che cretinata...che assurdità...che palle!

Carla

(lo riprende) Mario! Che noia!

Mario

(continuando) ...E guai a chi fiata: (imitando il padre) “ Per giocare a scacchi c’è bisogno di concentrazione, di silenzio, vi prego, fatemi stare in santa pace, almeno per un giorno!”

Carla

(risoluta) Guè...è inutile che ti lamenti! Tuo padre sta in ufficio tutto il resto della settimana e almeno per un giorno ha diritto ad un po’ di pace e noi abbiamo il dovere di dargliela. Adesso muoviti e va ad asciugarti i capelli di là.

Mario

(borbottando, con pazienza, va verso il disimpegno) Semp’ ‘a stessa storia!

Elisa

(entra, frettolosa dal disimpegno, in testa ha un asciugamani a mo di turbante, anche lei è in accappatoio e pantofole, anche lei ha un phon. Parla velocemente) La presa del bagno è rotta, ho tutti i capelli bagnati, me li asciugo qui! (introduce la spina del phon nella presa del giradischi, si srotola il turbane e inizia ad asciugarsi i capelli) 

Mario

(con stupore ha seguito con lo sguardo la sorella) E’ arrivata ‘a mugliera ‘e Speedy Gonzales! Che hai detto?

Elisa

(con pazienza) Chiste nun capisceno mai niente! (scandendo le parole) La presa del bagno è rotta, ho i capelli bagnati, quindi, me li asciugo qui. Capito!?

Mario

(ironico e falsamente cortese) E brava! Noi proprio questo stavamo dicendo: “Vuoi vedere che Elisa trova la presa del bagno rotta e non si può asciugare i capelli? Tu mi hai anticipato, io stavo venendo di là per offrirti il posto che prima era mio.

Elisa

(non capisce l’ironia) Grazie, tu sei proprio un fratellino amoroso.

Mario

(amaramente ironico) Chesta ‘a fa Mietta e Amedeo Minghi: (canta) Fratellino amoroso du-du da-da-da... (rude) Iesce allà, iesce! Era venuta fresca fresca, toma toma e cacchia cacchia! Jammucenne ‘a llà, mo vene papà ad ascoltare la musica cu ‘e ffelinie!

Carla

(timorosa) Zitto! Fatte sentì ‘a pateto, hè capì!? Accussì accumenciammo n’ata vota! E poi che significa “a musica cu ‘e ffelinie”? Tuo padre ascolta la musica classica...’a musica ‘e Leone e Cavallo, ‘e Pulcini...

Mario

(ironico) Capre, ciucci e maialini! S’ha arraput’’a fattoria.

Carla

Ma che stai dicenno!? Chillo se sente semp’’e sinfonie ‘e chillo...comme se chiamma?...chillo che dedicò una sinfonia a sua nonna?...infatti se dice proprio “’a nonna ‘e”?...ah, me so’ arricurdato: Bitonen!

Elisa

(ride insieme al fratello,ironica) Siente sie’, ha parlato l’enciclopedia universale Laterza!

Carla

(offesa) E dalle cu’ sta terza! Io aggia fatt’’a quinta hè capì! Mo’ iatevenne ‘a llà!

Elisa

(velocemente) Ma guarda uno ch’adda fa pe’ s’asciuttà nu poco ‘e capille!?

Carla

(Stupita e infastidita) Mo’ che ha ditto chesta!?

Mario

Ha detto: “Guarda uno che deve fare per asciugarsi un poco i capelli.”

Carla

Ch’è...ti sei messo a fare il suo “intrepido”?

Elisa

(ride insieme al fratello) Mario, andiamocene che adesso viene papà ad ascoltare la musica di Pulcini e la nonna di Bitonen! (insieme al fratello improvvisano un minuetto facendo il motivo con il verso dei pulcini)

Carla

(cercando di fermarli) Fernitela ‘e fa ‘e scieme...papà ve sente...zitte (spingendoli per il disimpegno) iatevenne... basta! (i due escono) Io nun ‘e supporto cchiù! Me sfottono sempe, diceno ca nun saccio parlà. Si fosse iut’’a scola pur’io, comme ‘e sto’ mannanno a lloro, sapevo parlà pure io e po’ ‘e facevo vedè io comme se parla “l’idiota”! (riprende a rassettare)

Luca

(entra, non visto da Carla: giacca da stanza, pantofole, si dirige verso il giradischi) Buongiorno.

Carla

(impaurita sobbalza) Madonna mia!...Lucariè, si’ tu!? Mo’ me facive venì ‘na cosa!

Luca

Non esagerare, sei la solita paurosa. Stai in casa tua, tra quattro mura solide e sicure, cosa ti può succedere mai!?

Carla

Stavo mettendo un poco a posto, non ti avevo sentito, tu trase all’improvviso.

Luca

Io trase all’improvviso!? (ironico) La prossima volta mi farò precedere da un valletto che ti farà l’annuncio della mia entrata, accussì tu nun zumpe cchiù.

Carla

No, pe’ favore, ‘o ssaie bbuono: dint’’a chesta casa nun voglio nisciuno animale. ‘E galletti stanne bbuono dint’’e masserie, dint’’a casa soffrono e sporcano!

Luca

Ma qua’ galletto!? Un valletto! Un paggio!

Carla

(confusa) Lucariè ma che lingua stai parlando!?

Luca

(con pazienza, risoluto) Carla, lascia stare. Piuttosto, dimmi che cos’era tutta quella confusione?

Carla

(evasiva) Niente, le solite discussioni con i tuoi figli.

Luca

Lo sanno che oggi è sabato?

Carla

(con intenzione) Lo sanno, lo sanno bene, non ti preoccupare.

Luca

Hai fatto il caffè?

Carla

L’ ho fatto cinque minuti fa, è ancora caldo, mo’ te lo porto.

Luca

Brava! Così me lo sorseggio mentre ascolto la musica. (Carla fa per uscire) Carla!

Carla

(si ferma) Che c’è?

Luca

(innamorato, vorrebbe dirle una parola dolce ) Carla tu sei...sei... comme t’aggia dicere... mannaggia... nun trovo ‘e pparole... tu sei...

Mario

(gridando, da fuori) ‘Na ‘nzallanuta! (entra, furioso) Ma se po’ essere cchiù cretina e rimbambita?

Carla

Guè, ma tu cu’ chi ce l’hai?

Mario

(c.s.) Qui dentro, una sola cretina ci sta e non sei tu!

Carla

(capisce, riferendosi ad Elisa) ‘A mitragliatrice ha fatto n’atu guaio!

Luca

(apparentemente calmo) Non urlare, non fare il “vasciajolo” e motiva questi insulti che rivolgi a tua sorella.

Mario

(gli mostra un orologio) Ecco il motivo! Ieri mi chiese di prestarglielo: (imita la sorella) “Prestami il tuo ,il mio si è rotto, non mi trovo senza orologio.” E va bene! Prenditi l’orologio. Nun l’avesse mai fatto! Stamattina si è fatta la doccia con tutto l’orologio! (mostra l’orologio) Guardate ccà...ci mancano solo i pesciolini rossi.

Elisa

(durante la spiegazione di Mario è rimasta, sorniona, tra il disimpegno e la stanza; facendosi avanti) Ma comm’’a fai longa! Chisto è n’orologio ‘e quatte solde!

Mario

‘E quatte o ‘e cinche solde...nun so’ fatti che ti riguardano, nun aggia dà cunto a tte. L’orologio ti è stato dato funzionante e asciutto e funzionante e asciutto me lo dovevi restituire.

Carla

Questo è quello che ti ha regalato la tua ragazza?

Mario

Sissignora, è proprio isso!

Elisa

Chella puricchiosa tirchia!

Mario

(minaccioso) Bada a come parli!

Elisa

La verità ti fa male! Cu’ tanti soldi ca tene te va a regalà un orologio che nun se po’ fa manco ‘a doccia!?

Mario

Ma perché nun dici che si ‘na ‘nzallanuta e ‘a fernisce!

Elisa

Ma quale ‘nzallanuta!? Io, prima di farmi la doccia, me lo sono tolto e ho letto sotto. Sotto c’è scritto: “Resistente all’acqua”. Visto che era resistente me lo sono rimesso. Mo’ si chille nun è resistente ‘o vvuo’ truvanne ‘a me!?

Carla

(ad Elisa) Ma forse stava scritto: “resistente a poca acqua”!

Mario

Mammà, per piacere, mo’ te miette pure tu!?

Carla

(prendendo l’orologio) Famme vede’...(lo osserva) è cosa ‘e niente, mo’ ‘o piglio e ‘o spanno ‘o sole, chillo accussì s’asciutta e t’’o miette n’ata vota!

Mario

(sconfortato) Mammà, chisto è un orologio, nun è ‘na cammisa ca ‘a piglia  e ‘a spanne ‘o sole!

Carla

Mario, allora che t’aggia dicere!? Piglialo e ghiettelo!

Mario

(rabbioso e disperato) Ma tu vire ‘nu poco!?...Pe’ mmez’’e chesta ‘nzallanuta!

Carla

Fernitela mo’! E’ cosa ‘e niente...( si scatena un’accanita lite a soggetto)

Luca

( cercando di rimanere calmo tenta con timidi interventi di farli calmare, poi, al limite della sopportazione, emette un grido che ammutolisce tutti) Basta!...Ma che stiamo a Forcella, ai Quartieri, al mercato? Secondo voi, questa è serietà, dignità, civiltà? Non ve ne accorgete che state facendo la figura dei “Vastasi”?... e per cosa? Per un misero orologio!

Mario

Che misero! Questo è di marca.

Luca

Zitto! Di marca o falso, un orologio non vale quanto la nostra tranquillità.

Mario

Appunto! Mo’ si ‘o ssape ‘a guagliona mia, me palea!

Luca

E fa bene! Così impari.

Mario

Imparo?

Luca

Si! Impari a non prestare più niente a (indica la figlia) questa ‘nzallanuta irreversibile!

Elisa

Papà!

Luca

Zitta! (risoluto) Adesso andatevene di là...io devo ascoltare la musica.

Carla

(spingendo i figli verso il disimpegno) Avete sentito? Andiamo di là. (escono)

Luca

(calmandosi) Sono cose da pazzi!...Se non faccio il pazzo non mi sente nessuno! (va verso la parete attrezzata, sceglie un disco, lo sfodera, lo pulisce accuratamente e lo adagia sul piatto; avvia il giradischi e mentre la musica va, si siede sul divano. Preso dalla melodia, inizia, prima a piccoli gesti, poi a gesti più ampi a mimare una direzione d’orchestra. Al culmine della melodia e al culmine della “direzione” va via la corrente e si sente il disco perdere gradualmente i giri; Luca, mimicamente, perde i giri insieme al disco fino all’immobilità) 

Carla

(da fuori) Io ‘o ssapevo!...Avite fatte scattà ‘o cuntatore! (entra) Ma comme aggia fa!?... ‘O sabbat’e’mmatina è ‘na cundanna a morte...uno s’asciutta ‘e capille ‘a llà, chell’ata ‘a ccà, ‘o scaldabagno sta caricanno, ‘o latte pe’ ffa strafucà sta ‘ncopp’’a piastra, tu te miette cu’ ‘sti trombe dint’’e rrecchie, Chillo ‘nu cuntatore piccerillo è! Mica è ‘a central’’e’ll’ENPAS?

Luca

(trattenendo l’ira, con pazienza) Dell’ENEL! E questi so’ violini, non trombe!

Mario

(entra seguito da Elisa) Papà, nuie c’amma asciuttà ‘e capille, stuta  ‘stu  stereo ca scatta ‘o cuntatore.

Luca

(con un crescendo d’ira) Guagliù, fino a che scatta ‘o cuntatore, nun è niente. Ma se scatto io, sono guai! Io m’aggia sentì ‘a musica. Dei capelli vostri non me ne importa niente!

Elisa

(velocemente) Si s’asciuttano ‘ncapa me vene ‘na brunchita.

Luca

(non capisce) Ch’è stato... ha parlato...che ha detto?

Mario

Ha detto che se i capelli si asciugano in testa ci può venire una bronchite.

Luca

E allora ve li asciugate con l’asciugamani...ve mettite cu’ ‘a capa ‘o sole...e si ‘o sole nun ce sta ve susciate ‘ncapa uno cu’ n’ato! Guè, sapete che vi dico? Meglio una bronchite vostra che un esaurimento nervoso mio. Ma comme aggia fa, dico io, comm’aggia fa per stare almeno un giorno, dopo una settimana di dura fatica, come devo fare per stare un poco in...

Mario

(all’unisono con elisa) Santa pace!

Elisa

(all’unisono con Mario) Santa pace!

Luca

Si! In santa pace! Perché qualcosa? Adesso cercate di non fare gli spiritosi e ghiatevenne ‘a llà! (a Mario) E tu, attacc’’a currente.

Carla

Ave raggione papà...jamme ‘a llà e furnitela cu’ ‘st’asciugacapelli, tanto, a parlà a parlà, se so’ asciuttate pure, ‘sti quatte zilli che tenite ‘ncapa! Vuie avisseva fa ‘a fine del tenente Kociak, accussì stesseme quieti tutti quanti!

Elisa

Mammà, ma che dici!?

Carla

‘O ssaccio io chello ca dico! Ascite ‘a llà tutti quanti! (escono)

Luca

(verso il disimpegno) Mario, attacc’’a currente! (dopo qualche secondo, il giradischi, salendo di giri, emette di nuovo il brano musicale. Luca si rimette a fare il “direttore d’orchestra”. Dopo un po’ entra Carla con una tazzina di caffè; Luca la invita a sedersi accanto a lui, lei si siede ed insieme sorseggiano, tranquillamente, la tazzina di caffè.

Elisa

(entra correndo, spaventata) Aiuto!... Mammà... aiuto!

Mario

(rincorre Elisa intorno al divano, sventolando un grosso maglione) Io t’accire!... Viene ccà... vigliacca...quanti vvote t’aggia dicere che ‘a rrobba mia nun l’hè ‘a tuccà! (continua l’inseguimento – lite a soggetto)

Luca

(contenendo la rabbia, si alza e va a spegnere il giradischi, poi urla disumanamente) Basta! (gli altri, impauriti, ammutoliscono e si riparano l’uno con l’altro) Nun c’’a faccio cchiù! Voi mi fate impazzire. Io sabato prossimo me ne vado in ufficio, me ne vado a fare un po’ di straordinario, così ne guadagno sicuramente salute e denaro! Questa non è una famiglia. Questa è una tribù di ottentotti!

Carla

Lucariè, si asciute pazzo veramente!? Nuie simme sule quatte, qua’ ottantotto!?

Luca

Zitta! Guarda dove mi tocca vivere!? Nell’ignoranza, nel caos, nel bordello totale!

Mario

(intimorito e lamentoso) Papà, Elisa si è messa il mio maglione.

Luca

(falsamente allarmato) Madonna che guaio! La sorella si è messo il maglione del fratello! (cambia tono) E secondo te, tu per un maglione vuoi ammazzare tua sorella? Ti sembra logico?

Mario

(c.s.) Papà, me l’ha ‘nzuppat’’e profumo.

Luca

E te l’ha mprufumate pure e t’allammiente!?

Mario

(mettendo il maglione sotto il naso del padre) Ma è profumo ‘e femmena! Tu lo trovi logico che per colpa di mia sorella aggia fa ‘a figura do’ ricchione!?

Carla

(scandalizzata) Mario! Non usare mai più questa parola! Se proprio la devi dire, usa un “sinomio” che “scagni” la parola medesima... per esempio: “femminato”.

Mario

Mammà, io cu’ ‘o sinonimo o senza sinonimo sempe ‘a figura do’ ricchione faccio!

Elisa

Ma che vuo’!? Tu diciste ca nun t’’o mettive cchiù. Era meglio ca ‘o rummaneve dint’’all’armadio sul’’a isso?

Mario

(amaramente ironico) E già! Chella l’ha fatto pe’ ce fa nu poco ‘e cumpagnia, ‘o povero maglione steve sul’isso!

Elisa

(minacciosa) Guè... tu ‘o ssaie che m’he scucciata!? Vire nu poco chisto che se fa afferrà pe’ ‘na pezza vecchia!?

Mario

(alla carica) Primma l’allisce e ‘o mprufume e po’ è pure ‘na pezza vecchia?

Elisa

(c.s.) Si, è ‘na pezza vecchia! Dice ‘a verità, pure chisto è nu regalo ‘e chella puricchiosa da’ nnammurata toia? (lite a sogetto)

Luca

(emette un urlo terrificante) Basta! (tutti ammutoliscono e si riuniscono impauriti. Luca è al limite della sopportazione, lo si nota da svariati tic che gli compaiono) Questa casa è invivibile, io non ce la faccio più, io qualche giorno di questi, faccio la pensata e non mi ritiro più. Vi lascio soli, così potete gridare quanto e quando volete, potete sbattervi e scannare a vicenda liberamente, senza nessuno che vi fermi. Io devo prendere una decisione, ho bisogno di tranquillità, di pace, di serenità... io quasi quasi me ne vado in qualche convento. Basta! Io e voi, certamente, non possiamo convivere, siamo totalmente differenti, siamo diversi, c’è bisogno che qualcuno se ne vada!

Mario

Mammà, piglia ‘o cappotto a papà, se ne vuole andare in convento.

Luca

(gli aumentano i tic) ‘O cappotto a me!? Questa è la ricompensa... questo è il vostro grazie per tutti i sacrifici che faccio per voi? Io voglio e devo stare in santa pace...non posso stare in mezzo a voi, perché voi siete dei “vastasi”, degli zulù, incivili che amano la confusione, il caos... allora, andate, andate in mezzo al traffico, nei mercati, tra la folla, quello è il vostro habitat naturale.

Carla

Ha ragione papà, iatevenne nel vostro “gabinetto comunale”!

Luca

Statte zitta tu! (ai figli) Vi concedo altri dieci minuti per sparire da questa casa. E vi do il permesso, qualora non trovaste dove mangiare, di tornare all’ora di pranzo. Mi raccomando, un poco dopo e non prima.

Elisa

(al fratello sottovoce) Tutti i sabato è la stessa storia.

Luca

(sente) E’ inutile che parli sottovoce. Elì, hai ragione: e la stessa storia e sarà sempre la stessa finchè sarò vivo, quindi, o ti rassegni, o ti rassegni!

Elisa

(esce con la testa bassa)

Mario

(come Elisa)

Carla

(con delicatezza) Lucariè, non ti sembra di avere esagerato un poco? Dopo tutto, quelli sono giovani e se non si muovono adesso quando li vuoi far muovere? Quando avranno l’età nostra!? (indica Luca e se stessa) Vire che mortorio, vire!

Luca

Adesso ti ci metti anche tu?

Carla

No, per carità! E’ che loro sono giovani e noi no e non è detto che i giovani hanno sempre torto. Tutto questo “friccichiamiento” che loro hanno, mica è sempe sbagliato!

Luca

Pecchè hai voglia di “friccichiare” anche tu?

Carla

E pecchè no!? Io voglio dire che, qualche volta, ci potremmo prendere, pure noi, un divertimento. È vero che abbiamo l’età che abbiamo, ma non è detto che uno, alla nostra età deve per forza rimanere chiuso in casa. Per esempio: a te piace ascoltare la musica, perché, qualche volta, non andiamo al San Carlo? Mica la musica si ascolta solo dal giradischi? A me, sempre per esempio, sia chiaro, piace molto passeggiare, allora, perché non andiamo qualche volta a farci una passeggiata a via Caracciolo? Ci prendiamo... non so... un taralluccio, un gelatino. Altrimenti, sempre per esempio, qualche altra volta possiamo andare al cinema. Lucariè, l’ultima volta che siamo andati al cinema eravamo fidanzati... me ricordo ancora il titolo del film: “Via col vento”. Me ricordo ‘o titolo, po’ accumenciaste a me stregnere, a mettere ‘e mmane pe’ tutte parte, parive nu purpo, parive... e che vuo’ vede cchiù niente!? Insomma, Lucariè, la vita è fatta pure di altre cose, non solo di ufficio, casa, giradischi...ufficio, casa, giradischi e scacchi!

Luca

E brava! Brava a mia moglie! La sentite come parla bene!? Possiamo andare al San Carlo, a via Caracciolo, al Cinema... Cara mia, ormai, ti sei persa anche tu! Tu la pensi come la pensano i tuoi figli. Sei superficiale, non entri nelle cose. Di una cosa vedi solo la facciata, l’aspetto più immediato e non ti accorgi dei pericoli, delle insidie che questa cosa nasconde.

Carla

Ma ‘o San Carlo che po’ annasconnere?

Luca

Che po’ annasconnere!? Facciamo l’ipotesi che noi volessimo andare a vedere uno spettacolo al San Carlo.

Carla

Si, “la signora delle gardenie”!

Luca

(la corregge) Camelie.

Carla

Camelie? A mme me pareveno gardenie.

Luca

Comunque... per poter entrare al San Carlo che ci vuole?

Carla

(pensa, poi) ‘O... biglietto!?

Luca

Brava! Ci vuole il biglietto, che nel nostro caso, non si tratta del biglietto ma dei biglietti. Tu sai quanto costano i biglietti al San Carlo?

Carla

E quanto ponne custà?

Luca

Costano quanto... vediamo... ecco, per farti capire meglio, quanto un maglione per tuo figlio. E allora io mi domando e dico: è meglio ‘o San Carlo o ‘o maglione?

Carla

E già... tu dici che... un poco di sacrificio per i figli si deve fare.

Luca

E questo non è tutto! Per andare al San Carlo dobbiamo prendere la macchina, tralasciando il fatto che l’auto non va ad aria, ma va a benzina, tu ci pensi al traffico? (resta in attesa della risposta)

Carla

(non dà cenno di risposta)

Luca

(insiste) Carla, tu ci pensi al traffico?

Carla

(c.s.)

Luca

(spazientito) Carla, ma ce piense o nun ce piense?

Carla

(trasale) Nun c’aggia mai pensato, ma si c’aggia pensà, io ce penso.

Luca

(riprende) Pensa agli scarichi delle auto, al rumore dei motori, allo stress che uno deve subire in un caos del genere e quando sei arrivato e pensi che tutto sia finito, ti trovi a combattere un’altra battaglia: “il parcheggio”. “qui non c’è posto, andiamo più in là... là non c’è posto andiamo più in qua...” E quando, finalmente, hai trovato un buco per potertici ficcare dentro, ti vedi comparire davanti, come se uscisse dal nulla  “il parcheggiatore”, abusivo, naturalmente, che appena gli dai i soldi sparisce nel nulla e come se non bastasse, se passa qualche scippatore da quelle parti, ti finisci di intossicare la serata.

Carla

( ha seguito con interesse, impaurita) E’ vero, Lucariè, stammece ‘a casa, nuie ccà stamme accussì belle!

Luca

Vedi? Se uno si ferma a ragionare un poco, non può che arrivare alla conclusione che non c’è posto più tranquillo e sicuro della propria casa.

Carla

Si, si... hai ragione! Tu metti che io esco e qualche violentatore mi aggredisce...

Luca

(la corregge) Scippatore.

Carla

(insiste) No, violentatore...

Mario

(pronto per uscire)Io esco, ci vediamo all’ora di pranzo.

Elisa

(come Mario) Mammà, esco pure io, vado da Rosaria.

Carla

(allarmata e confusa) Figli miei, stateve accorta. Vuie nun ‘o ssapite che s’adda trasì dentro le cose... pecchè, annanze ce sta ‘a facciata, ma dietro s’annasconneno ‘e pericoli e ‘e nzierie... e non vi permettete di andare al San Carlo, llà dovete fare le battaglie cu’ ‘e parcheggiatori che accupareno, se pigliano ‘e soldi e scumpareno... e po’ è cchiù utile ‘o maglione ca San Carlo... sintite a me, è meglio a pace dinto ca ‘o caos fore!

Mario

(sbalordito) Mammà, ma che dici?

Carla

‘O caos, aggia ritt’’o caos!

Elisa

S’è scemunuta mammà!

Luca

Vostra madre voleva dirvi cose sante, ma purtroppo, le mancano i mezzi.

Mario

Sulo ‘e mezzi!? Mammà, secondo me e meglio che te vai a fa’ na bella visita ‘e cuntrollo. Ciao. (esce)

Elisa

(seguendo Mario) Aspetta scendo con te. Ciao. (esce e chiude)

Carla

È meglio che mi preparo, devo andare a comprare qualcosa per stasera. (esce per il disimpegno)

Luca

(guarda l’orologio) Ormai si è fatto tardi. Per questo sabato niente musica. (va a riporre il disco nella foderina e si sente il campanello suonare insistentemente) Un momento... un attimo... sto arrivando! (apre) Enrì, si tu!?

Enrico

E chi volevi che fosse, avevamo l’appuntamento no!? Eccomi qui, fammi entrare. (entra e si ferma al centro della stanza)

Luca

Enrì, ma devi per forza bussare così?

Enrico

Così, come?

Luca

Così freneticamente.

Enrico

Se vuoi che non bussi freneticamente cambia il campanello.

Luca

Pecchè, che tene ‘o campaniello? Vuoi vedere che la colpa è del campanello?

Enrico

È certo! Tu hai un campanello così debole che da fuori non si sente, allora, per essere sicuro che abbia suonato, io busso più di una volta.

Luca

Molto più di una volta. Mi spieghi una cosa? Da quanti anni vieni in questa casa?

Enrico

Più o meno una decina d’anni.

Luca

E tu, dopo dieci anni, nun te si’ ‘mparate ancora ca ‘o campaniello mio, pure se da fuori non si sente, sona ‘o stesso!? Enrì, tieni una intelligenza che fa schifo proprio!

Enrico

Invece di pensare alla mia intelligenza, pensa a cambiare il campanello e soprattutto, vedi di cambiare casa. Qui stai troppo fuori mano, per arrivarci ci vuole l’aiuto del Padreterno.

Luca

E si! Mo’ ‘o Padreterno fatica dint’’all!ATAN!... Enrì, qui si sta tranquilli, c’è silenzio, si sta in santa pace, non passano molte auto, insomma, io preferisco abitare un po’ fuori mano ma stare tranquillo.

Enrico

Proprio ieri sera, la signora Ida, quella zitella che abita di fronte a me, ha confidato a mia moglie che tra qualche mese deve traslocare. Se tu vuoi, posso parlare col mio proprietario per farti affittare l’appartamento, che ne dici?

Luca

Enrico, non insistere! Tu abiti troppo al centro, c’è troppo traffico, troppo caos. E poi vuoi mettere la pigione che paghi tu con quella che pago io!?

Enrico

Questo è vero. Però, qui, stai troppo lontano e troppo isolato.

Luca

Ma che isolato! Affianco c’è un altro palazzo e (indicandolo dalla finestra) lì giù ce n’è un altro. Vedi quello quanto e bello!

Carla

(preparata per uscire, ha con se un ombrello) Guè, buongiorno Enrì.

Enrico

Buongiorno.

Carla

(con intenzione) Mi stavo preparando per uscire ed ho sentito la tua bussata. Subito ho capito che eri tu, tieni ‘na bussata inconfondibile Enrì!

Enrico

È che, quello, il campanello, da fuori non si sente, io penso sempre che sia guasto e allora busso più di una volta per essere sicuro che ha suonato.

Carla

(c.s.) Assai più di una volta. Tu fai una cosa, bussa una volta sola e aspetta, non ti preoccupare, aspetta, anche se non hai sentito il campanello, aspetta, almeno, per un minuto, dacci il tempo di arrivare fino alla porta e nun ce mettere pressa, va a fernì ca p’’a pressa, qualche ghiuorno, ce fai scapezzà primma ‘e arrivà vicino ‘a porta, se dopo un minuto, tu vedi che non è venuto ad aprire nessuno, allora, bussa un’altra volta, accussì nun t’’o sciupi inutilmente il tuo gentilissimo ditino.

Enrico

(mortificato) Hai ragione. La prossima volta...

Luca

(lo interrompe) Ti esegue la marcia trionfale dell’Aida per campanello ed orchestra.

Enrico

Nun fa ‘o spiritoso tu!

Carla

(risoluta) Va bene, va bene, allora io scendo, vado a fare la spesa, così vi lascio soli, nella pace di nostro Signore Gesù Cristo e vi continuate a fare la vostra partita di scacchi.

Enrico

(ironico) Amen! Sia fatta la volontà di Dio.

Carla

(risentita, mentre esce a Luca) Guè, chillo fa pure ‘o spiritoso!? Fallo sta zitto ca piglio stu ‘mbello e c’’o scasso ‘ncapa!

Luca

Ma che vuoi scassare!? (guarda l’ombrello, guarda la finestra) Ma che ‘a fa cu stu ‘mbello, ce sta ‘na ghiurnata chin’’e sole?

Carla

Nun se po’ mai sapè, caso mai ‘ncuntrasse a qualche violentatore, io ‘o piglio e c’’o scasso ‘ncapa.

Luca

(assecondandola) Fai bene! Runpece ‘a capa a ‘sti fetenti ‘e scippatori.

Carla

Violentatori.

Luca

(facendola uscire) Scippatori.

Carla

(resistendo) Violentatori.

Luca

Scippatori (la fa uscire e chiude la porta)

Enrico

(è rimasto per tutto il tempo al centro della stanza, col cappotto)

Luca

Senti freddo?

Enrico

No, anzi, sto pure un po’ sudato.

Luca

E perché non ti togli il cappotto? Levate ‘stu coso, mettiti comodo, adesso siamo soli, possiamo fare tutto quello che ci piace fare.

Enrico

(si toglie il cappotto e, con cura, lo adagia sull’attaccapanni) Sai che sto pensando? Che, forse hai ragione tu. A casa tua è tutta un’altra cosa. Questa casa è un’oasi di pace. Nelle altre case non si capisce niente.

Luca

Sbaglio o sei venuto in anticipo?

Enrico

No, non sbagli. A casa mia non ce la facevo più. Quella non è una casa, quella è l’anticamera dell’inferno. Ma glie ne ho cantate quattro! A tutti quanti, nessuno escluso. Figurati che mi hanno preso per pazzo. Se mi avessi sentito!

Luca

Bravo! Finalmente un po’ di carattere, un po’ di polso.

Enrico

(rifacendo la scena) “ Io non ce la faccio più... dopo una settimana di duro lavoro ho bisogno di tranquillità... ho bisogno di riposarmi.... e voi figli e tu moglie dovete fare di tutto perché io sia tranquillo e mi possa riposare.”

Luca

Bravissimo! Finalmente gliela hai cantata tutta come si deve. E loro come l’hanno presa?

Errico

Mi hanno cacciato fuori e sono venuto qui.

Luca

(deluso) Ti hanno cacciato fuori!?

Enrico

Si. Mia moglie ha detto “ Ma tu a chi vuoi assillare?... Tu parli come se lavorassi solo tu. Io devo sopportare te e i tuoi figli e credimi, faccio un lavoro molto più faticoso e stressante del tuo, quindi, se non ti conviene, vattene da quell’’altro... (si tappa la bocca) del tuo collega.”

Luca

Che sarei io?

Errico

Proprio tu.

Luca

E fammi sentire, “vattene da quell’altro...” Che cosa?

Enrico

Niente, lascia stare.

Luca

Che lascio stare!? “vattene da quell’altro...” Che cosa?

Enrico

‘O vvuo’ sapè e io t’’o ddico: “vattene da quell’altro muscio ‘ngallato del tuo amico.” Accussì ha ritto!

Luca

No!... Io “muscio ‘ngallato”!?... ma come?... tua moglie che usa queste espressioni!? No, è inverosimile!

Enrico

Ma qua’ inverosimile, chella ha ritte proprio “muscio ‘ngallato”.

Luca

Cose da pazzi! E tu glielo hai permesso?

Enrico

Io ho parlato per me e quella mi ha cacciato fuori, figurati se mi mettevo a difendere il mio amico! Chella me vuttava ‘a copp’’a bascio.

Luca

(deluso) E’ incredibile! (indica Enrico) Guarda l’uomo cosa è diventato!

Enrico

(risentito) Che significa (ripete il gesto) “guarda l’uomo cosa è diventato.”?

Luca

(evasivo) Niente. Dicevo solo, guarda che fine ha fatto l’uomo (c.s.)

Enrico

(c.s.) E dalle! Luca, ma chi uomo?

Luca

L’uomo, l’uomo in generale, Enrì, l’omme!

Enrico

E non ho capito, tu quando indichi l’uomo in generale fai così? (fa il gesto di Luca) Quando si indica l’uomo in generale si fa così. (fa un gesto di vaghezza)

Luca

Ma guarda un po’! Ma che devo dar conto a te? Io quando voglio indicare l’uomo in generale faccio così. (indica Enrico) Va bene!?

Enrico

No, che non va bene! Perché devi fare così. (gesto di vaghezza)

Luca

Ah si!? A me non me ne frega niente e faccio così. (c.s.)

Enrico

Allora se fai così (gesto di Luca) non vuoi indicare l’uomo in generale ma vuoi indicare me.

Luca

Ma smettila e non fare il permaloso.

Enrico

Finiamola, è meglio, perché se volessimo approfondire....

Luca

(lo interrompe) Ma che vuoi approfondire!? Vuole approfondire. Enrì, vuoi fare una cosa buona e utile? Prepara il tavolo con la scacchiera e cerchiamo di finire questa benedetta partita.

Enrico

(preparando la scacchiera) Bravo, questa partita sta durando un po’ troppo.

Luca

È logico! Se per ogni mossa ti prendi mezz’ora, la partita non finisce più.

Enrico

E già! Io per far finire presto la partita devo pensare poco, così sbaglio mossa e vinci tu.

Luca

È vero che il gioco degli scacchi è basato sulla concentrazione, sul ragionamento, ma se tu ti metti a pensare mezz’ora sulla prima mossa, quante giornate ti pigli per una mossa critica?

Enrico

Io mi prendo il tempo che mi voglio prendere e non devo dar conto a te.

Luca

(si siedono uno di fronte all’altro) Allora, vediamo un poco la situazione com’è.

Enrico

Guè, ‘o cavallo addò è gghiuto?

Luca

‘O cavallo sta qui. (lo indica)

Enrico

Non il tuo, il mio.

Luca

Ma che si’ cecato, sta qui. (lo indica)

Enrico

E lo vedo che sta qui. Il fatto è che non deve stare lì, ma qui (lo sposta)

Luca

(con pazienza) Enrì, il tuo cavallo è stato sempre qui. (lo sposta)

Enrico

Il mio cavallo è stato sempre qui. (lo sposta) mi ricordo bene.

Luca

(c.s.) La scacchiera da sabato scorso non è stata toccata.

Enrico

E allora ‘o cavallo mio si è scocciato di stare sempre allo stesso  posto e se n’è andato a fare una galoppata.

Luca

Tu sei tremendo! Dove stava qui e mettiamolo qui. (lo sposta) Ha ragione tua moglie Natalia, tu sei insopportabile. Tua moglie l’hanna fa santa!

Enrico

Io glielo dico sempre: “ A te ti devono fare santa e dato che i santi si fanno dopo che sono morti, circa ‘e murì ampresse!” (si concentra sulla scacchiera) Vediamo un poco... se muovo questo...no, non va bene (continua a pensare)

Luca

(insofferente) Facciamo una cosa, mentre pensi alla mossa da fare, io vado a fare un po’ di caffè. (alzandosi, con intenzione) Così ci manteniamo svegli.

Enrico

Fai bene, così da solo mi concentro meglio, vai, vai.

Luca

Bravo, concentrati, io vado. (esce)

Enrico

Se muovo il cavallo... e no! Questo non mi conviene...perché lui con la torre... e no... se invece muovo la torre... (va al posto di Luca) lui mi mangia l’alfiere. (torna al suo posto) Vediamo la regina che può fare...(c.s.) ‘a regina è meglio ca se sta ‘a casa. (continua fino a che non bussano insistentemente)

Luca

(da fuori) Enrì, vedi chi è, non posso muovermi.

Enrico

Mannaggia! Proprio adesso che stavo ingarrando la mossa. Se sono i testimoni di Geova ‘e faccio rucelià pe’ tutt’’e scale. (apre)

Renato

(capelli arruffati, pantalone largo e camicia con la “pettola” fuori) Buongiorno, io sono Renato, abito nel palazzo di fronte, posso chiedervi un piacere?

Enrico

Veramente, io sono solo un ospite, adesso vi chiamo l’interessato. (va verso il disimpegno)

Renato

(lo trattiene, in confidenza) Ma l’interessato è interessato?

Enrico

(confuso) Chi!?

Renato

(c.s.) Come, chi? L’interessato è interessato, si o no?

Enrico

(c.s.) E che ne so...adesso vediamo...aspettate un po’ (verso il disimpegno) Luca, c’è un signore di nome Renato...

Renato

(lo interrompe) Per gli amici: Renato l’alienato!

Enrico

(c.s.) Renato...l’alienato dice che abita nel palazzo qui vicino.

Renato

Non lo dico io! È un dato di fatto, sono ben tre anni che abito in quel palazzo.

Enrico

(c.s.) Luca, per piacere, vieni un poco qui.

Luca

(da fuori) Un attimo...sta salendo il caffè.

Renato

Sta salendo? E aprite la porta (si sposta per permettere a Enrico di andare alla porta)

Enrico

(confuso, fa per andare ad aprire, poi si ferma) Perché devo aprire la porta?

Renato

Come, perché? Sta salendo.

Enrico

(c.s.) Chi?

Renato

Il caffè! E allora aprite la porta.

Enrico

(c.s.) Scusate, non capisco, a casa vostra, quando sale il caffè, aprite la porta?

Renato

A casa mia non sale mai il caffè e la porta è sempre chiusa.

Luca

(entra, ha un vassoio con due tazzine) Enrì, ho fatto un caffè che è una crema!

Renato

(si avventa sulle tazzine e avidamente le svuota tutt’e due) Troppo zucchero! Che schifo, troppo zucchero!

Luca

(sbalordito, iroso e ironico) E io non lo sapevo che stavate a dieta, altrimenti ne mettevo di meno! Voi chi siete, che ci fate in casa mia?

Renato

Io sono Renato e abito nel palazzo qui vicino.

Luca

Non dite fesserie! Io li conosco tutti gli inquilini del palazzo qui vicino.

Renato

Perché voi siete dottore?

Luca

Perché, bisogna essere dottore per conoscere gli inquilini del palazzo qui vicino?

Renato

Certamente! Mica fanno entrare tutti lì dentro.

Luca

(dubbioso) Scusate, ma voi abitate nel palazzo qui affianco?

Renato

No, io abito nel palazzo di fronte.

Luca

(sbianca, guarda meglio Renato, poi a parte a Enrico) Enrì, io non te l’ ho mai detto, ma quel palazzo tanto bello è una casa d’igiene mentale.

Enrico

(sbalordito) Nu manicomio!?

Renato

(agitato) Chi ha detto manicomio!? (estrae una pistola) Chi ha detto manicomio!? (la punta contro Luca) Tu hai detto manicomio, sei stato tu, ti ho sentito.

Luca

(terrorizzato) Ma quando mai! Vi state sbagliando. Io ho detto casa d’igiene mentale, lui ha detto manicomio.

Enrico

(sotto il tiro di Renato) Che bugiardo! Renà, l’ ha detto lui. Lui lo dice sempre, anzi a volte lo canta pure: (come una cantilena) “ Nel manicomio ci sono i pazzi...nel manicomio ci sono i pazzi...”

Renato

(punta la pistola su Luca) E allora sei tu che ci disprezzi, sei tu che ci fai del male!? Finalmente ti ho trovato!

Luca

(c.s.) Ma che stai dicendo...ti stai sbagliando. Non credere a quel fetente, quello è una carogna puzzolente, è cattivo...

Renato

(si blocca di colpo e guarda Luca con molto interesse) Aspetta... non ti muovere...mettiti di profilo (Luca esegue)...mettiti di faccia (c.s.)...fammi vedere l’altro profilo (c.s.)...(Renato si calma e confidenzialmente ride, sembra che si sia calmato) Ma sei tu!?

Luca

(speranzoso in un ravvedimento lo asseconda) Si, sono proprio io.

Renato

Io ti stavo cercando per mare e per terra e tu stavi qui?

Luca

(c.s.) Sono dieci anni che non mi muovo da qui. Nun hè cercate bbuono.

Renato

(c.s.) Guarda il mondo com’è piccolo. (repentinamente ritorna ad essere minaccioso) Tu sei l’amante di mia moglie!

Luca

(di nuovo terrorizzato) Ma tu che stai dicenno!?

Enrico

(è stato per tutto il tempo affianco a Renato come se fosse suo complice) Luca sei un uomo senza cuore! Fai proprio schifo! Questo povero Renato, non solo è costretto a stare dove non sale mai il caffè, dove le porte non si aprono mai, non solo deve sopportare la lontananza della moglie, adesso, per colpa tua, deve sopportare pure il peso delle corna!

Luca

(meravigliato e terrorizzato) Enrì, nun fa ‘o scemo Qui ci sta una pistola.

Renato

L ’hai vista? Questa è la pistola del giustiziere della notte e spara solo per fare giustizia.

Luca

(c.s.) Ah,si!? Giustiziere della notte, adesso è mattina, non sparare. Non per niente... mica vuoi fare il giustiziere del mattino?... quello della notte è più bello, no!?

Renato

(c.s.) Tu hai rubato il mio onore, hai messo la vergogna su questa faccia...

Luca

(c.s.) Ti stai sbagliando, Renatuccio, non sono stato io...

Renato

No!? Tutti gli indizi mi portano a te! Hai un alibi? Se hai un alibi bene, altrimenti morirai!

Luca

(c.s.) Si, ce l’ ho...

Renato

Ma deve essere di ferro, se non è di ferro t’accire ‘o stesso!

Luca

(c.s.) No! Nun m’accirere....damme ‘o tiempo ‘e parlà... (pensa ad un alibi) non posso essere stato io... perché...

Renato

Perché?

Luca

(c.s.) Perché... (idea! Da effeminato) Pecchè io ‘e femmene ‘e schifo!

Renato

(meravigliato) Perché tu sei!?... (si tocca l’orecchio)

Luca

(continuando la finzione) E non si vede!? Purtroppo, caro Renatuccio, sono costretto a mascherarmi da maschio perché in questa società zozza ci sono ancora tanti pregiudizi. 

Enrico

(stupito) Luca, fai proprio schifo!

Luca

(coglie la palla a balzo e medita vendetta) Renatuccio, come è potuta frullare, nella tua bella testolina, l’idea che sia stato io a tradirti con tua moglie? Forse, quel fetente che stai cercando, quel senza cuore, che va in giro a rubare le mogli degli altri, è lui. (indica Enrico)

Renato

(puntando la pistola su Enrico) Tu!?

Enrico

(terrorizzato) Calma, Renà! Accorto cu sta cosa... Luca ma che scemenza  stai facenno?

Luca

Chi di scemenza ferisce, di scemenza perisce! (a Renato) Renà, è lui! Questo è uno stallone, è un mandrillone, Renà, questo le donne se le zuca!

Renato

(c.s.) Tu ti sei zucato a mia moglie!?

Enrico

(c.s.) Ma chi s’ha zucato niente! Io appena mi riesco a leccare la mia, figurati se mi zucavo la tua.

Renato

(c.s.) E allora chi se la zuca?

Enrico

(c.s.) Di chi si zuca tua moglie non ne ho la più pallida idea. So solo che non posso essere io...

Renato

(c.s.) E perché? Non mi dire che pure tu?...(si tocca l’orecchio)

Enrico

(accetta il suggerimento e con movenze femminili) Non ti si può nascondere niente! È da un pezzo che ho chiuso con le donne. Secondo te perché mi trovo qui? Sono venuto a trovare il mio amore. (indica Luca)

Renato

(dà uno sguardo veloce e meravigliato ai due, poi unendo gli indici) Perché, voi due?...

Luca

(in disparte ad Enrico) Ma che stai combinando?

Enrico

Stai zitto e assecondami, altrimenti, questo ci ammazza tutt’e due.

Luca

(fingendo) Enricuccio mio, non è giusto che parli della nostra relazione segreta al primo venuto.

Enrico

(fingendo) Cara, ma Renato non è il primo venuto, Renato è un amico.

Renato

(gli piace la situazione, ripone la pistola) Si, io sono vostro amico.

Enrico

Bravo! Finalmente hai capito che ti trovi tra amici. (sottovoce a Luca) Va di là e chiama il centotredici. (a Renato) Renatuccio, che fai, resti alzato? Siediti (Luca non si muove, c.s.) Trova una scusa, va di là e chiama il centotredici. (Luca c.s.) Caro Renato, come hai potuto ben capire, noi abbiamo risolto il problema “donna”, ovvero “danno”, ovvero “corna”. Noi facciamo a meno di loro e così evitiamo tantissimi problemi. Se mi permetti, da amico, vorrei darti un consiglio, fa come noi! (c.s.) Chiamm’’o cient’’e trirece!

Renato

(pensa) Faccio come voi!? È una parola! Prima di tutto, a me, i maschi mi fanno un po’ schifo, anzi, molto. Come mi devo spiegare!? La femmina... è fatta comm’’a femmina e ‘o maschio è fatto comm’’o maschio. La femmina ha tutte quelle cose sfiziose... comme aggia dicere, io nun m’arricordo bbuono...gli annessi e connessi. Tutta roba ca si m’arricordo buono, me piaceva assai, e il maschio non le tiene. E si po’ uno se vo’ sfezzià comme se sfezzea? Insomma, ‘a femmena è sempe femmena e ‘o maschio è sempe maschio!

Enrico

Se è maschio? Perché se non è completamente maschio, si può confondere con una femmina e il problema è risolto. (c.s.) Va di là e chiama il centotredici. (Luca non si muove)

Renato

Pensandoci bene, forse hai ragione.

Enrico

Prendi il mio caro Luca, per esempio. Ti giuro, caro Renato, è più di una femmina, è un femminone!

Renato

(interessato osserva Luca che è imbarazzatissimo) Un femminone!?...Questo me lo chiami femminone?

Enrico

E tu lo vuoi vedere in verticale? (con malizia) Tu lo dovresti provare in orizzontale.

Renato

(non capisce subito, poi) In orizzontale?...Ah! In orizzontale!...Cioè...

Enrico

Hai capito benissimo. In orizzontale. (a Luca) Chiamma ‘o cient’’e trirece!

Renato

(alzandosi, ad Enrico che siede accanto a Luca) Tu siediti al posto mio.

Enrico

(tentenna) Vuoi sederti qui?... (cede il posto) E siediti.

Renato

(si aggiusta i capelli e mette un po’ in ordine la camicia, poi a Luca) Bella signorina, come vi chiamate?

Luca

(imbarazzatissimo continua la finzione) Io mi chiamo Luca.

Renato

(deluso) Luca!?...No, voi vi chiamate Gelsomina.

Luca

(c.s.) E’ vero! Non vi si può nascondere niente. Allora, voi mi conoscete?

Renato

(avvicinandosi) In un certo senso, si.

Luca

E voi, bel giovanotto, come vi chiamate?

Renato

Mi chiamo Renato, per gli amici, Renato l’alienato, perché dicono che sono un po’ pazzerello.

Luca

Voi, pazzerello!? Ma quando mai! Voi siete la persona più equilibrata che abbia mai conosciuta.

Renato

(mette una mano sulla gamba di Luca) Gelsomì, ti devo confessare una cosa.

Luca

(riferendosi alla mano) Renà, non stringere, parla con la bocca e sta fermo con questa mano.

Renato

Gelsomina mia, sono tre anni che non tocco una donna.

Luca

(spaventatissimo) Mamma do’ Carmine mio! Tre anni? E mo’ chissà comme stai?

Renato

(quasi addosso a Luca) Comm’’a nu pazzo, Gelsomì, stongo comm’’a nu pazzo!

Luca

(c.s.) E se vede! Renà, non salire con questa mano... ci conosciamo appena.

 

Renato

È vero! Ti conosco solo in verticale è adesso ti voglio conoscere in orizzontale. (cerca di abbracciare Luca)

Luca

(gli sguscia dalle braccia) Renà, statte fermo... accussì nun me piace.

Enrico

(approfittando della distrazione di Renato, si muove per andare nell’altra stanza)

Renato

(s’accorge di Enrico) Guè! ... e tu dove vai? (Enrico si blocca nella posizione in cui si trova, sembra un passo di ballo) Tu fesso fesso, volevi farmi fesso!

Enrico

(c.s.) Ma che dici? Io stavo...(non sa che dire) stavo... (trova una scusa) stavo ballando. (accenna a qualche movimento di danza)

Renato

(di colpo diventa calmo) Bravo! A te piace ballare?

Luca

(nota la reazione positiva di Renato) Pure a me piace ballare.

Renato

Bravi! Voi due siete proprio una perfetta coppia di ballerini, chille so’ quasi tutti comm’’a vvuie. (si tocca l’orecchio) Perché non vi fate un bel ballo?

Luca

(interdetto guarda Enrico) Un ballo?

Renato

A me piace molto la danza classica, però mi piace guardare, non ballare. Io sono portato per la coreografia, non per la danza. E poi i ballerini quando ballano sudano e ‘o sudore puzza e a mme ‘a puzza me dà fastidio. Ballate voi, ballate per me. (si siede, pronto per godersi lo spettacolo) 

Luca

E... che genere di ballo ti piace?

Renato

(infastidito) Vi ho detto che mi piace la danza classica!

Enrico

Già... la danza classica. Allora... facciamo... facciamo il canto del cigno?

Renato

Che devo fare con questo canto!? Io ho detto che mi piace la danza, ‘o ballo!

Luca

Renatuccio, fa una cosa, scegli tu, così non perdiamo tempo.

Renato

(pensa) Vediamo... ce ne sarebbe una... ma è troppo difficile, voi non la sapete fare.

Enrico

Non ti preoccupare, dicci qual’è, può darsi che fa parte del nostro repertorio.

Renato

È un pezzo classico di notevole difficoltà, un passo a due, ma se po’ fa pure a tre, a quatte, a cinche: il ballo del qua-qua!

Luca

Tu si che ne capisci! Sei un intenditore!

Renato

Se la danza non è classica io non la guardo nemmeno.

Luca

(rassegnato ad Enrico) Te la ricordi questa danza?

Renato

Non molto bene, inizia tu, io ti vengo dietro.

Luca

(si prepara, poi cantando inizia a fare qualche movimento) Questo è il ballo del qua-qua e del papero... (non ce la fa, si ferma) Enrì, non ce la faccio, inizia tu.

Enrico

(come Luca) Questo è il ballo del qua-qua e del papero... (non ce la fa, si ferma)

Renato

Che succede? Continuate. Perché vi fermate?

Luca

Veramente...

Renato

(interrompe minaccioso) Veramente, che cosa?

Enrico

Veramente... c’è che....

Renato

(c.s.) Cosa c’è?

Enrico

(non sa che dire, inventa un’altra scusa) C’è che non possiamo ballare, gli abiti ci impediscono i movimenti. Questi abiti, lo saprai meglio di noi, non sono adatti per danzare.

Renato

Ma che imbecille che sono! Come ho fatto a non pensarci prima!? Come si fa  a ballare con questi abiti!?

Luca

(si riprende un po’) Meno male che sei ragionevole. (insieme ad Enrico sta per sedersi)

Renato

Spogliatevi.

Luca

( i due si bloccano mentre si stanno sedendo, Luca si gira verso Enrico) Te sputasse ‘nfaccia! Nun ‘a sapive truvà n’ata scusa, no?

Renato

Senza abiti vi potete muovere con più scioltezza.

Enrico

Ma non mi sembra il caso, noi...

Renato

(lo interrompe minaccioso) Non vi sembra il caso, voi?

Enrico

(impaurito) Niente! Niente, adesso ci prepariamo.

Luca

(i due, riparandosi dietro al divano, si tolgono i pantaloni, restando in mutande, a Enrico) Dico io, tiene sta capa accussì grossa e non sei riuscito a trovare una scusa migliore! Meno male che siamo soli, altrimenti, sai che figura ‘e mmerda!

Enrico

Adesso balliamo! Altrimenti questo ci ammazza.

Renato

Siete pronti o no?

Luca

Prontissimi. Eccoci qua! (escono da dietro al divano e cantano e ballano) Questo è il ballo del qua-qua e del papero che fa qua-qua-qua-qua.... (continuano a cantare  e a ballare)

Renato

(si diverte un mondo, batte le mani e li incita) Bravi... siete eccezionali... mi fate impazzire... ancora... ancora...

Di colpo si apre la porta ed entrano, in camice bianco, due infermieri che bloccano Renato.

Dott.

(entra e si avvicina ai due malcapitati) Su, riprendetevi. È tutto finito. Rivestitevi. (mentre i due si rivestono, gli infermieri trascinano fuori Renato, che sbraita e si dimena) E’ stata una distrazione dell’infermiere; ha lasciato la porta aperta e Renato subito ne ha approfittato. Il portone del vostro palazzo era aperto e lui per nascondersi si è infilato dentro. Che posso dirvi? Scusateci, cercheremo di stare più attenti, eviteremo questi contrattempi.

Enrico

Dottò, così si dice quando uno vuole sparare ad un altro: contrattempo!?

Luca

Dottò, a me non mi voleva solo sparare, mi voleva conoscere pure orizzontalmente!

Dott.

Ma che volete sparare!? Quella pistola è finta, è un giocattolo.

Enrico

Finta?

Luca

Un giocattolo?

Dott.

Si, è solo un giocattolo. Glie l’ ho fatta dare proprio io, perché lui sapendosi armato si sente più protetto e quindi è più calmo, meno agitato.

Luca

Ma più minaccioso però.

Dott.

Per noi che sappiamo che la pistola è un giocattolo, non è per niente minaccioso.

Enrico

Per noi che non lo sapevamo, c’amma cacato sotto, però!

Luca

Fate una cosa, Dottò, a Renato ci dovete appendere al collo un bel cartello, mi raccomando, che si legga chiaro: “Pazzo con pistola giocattolo.” Accussì stamme tutti quanti cchiù tranquilli.

Dott.

(meravigliato) Renato... pazzo!? Ma quando mai! È solo fissato che la moglie gli faccia le corna. Una gelosia ossessiva, ecco tutto.

Luca

Ma la moglie gliele fa o no le corna?

Dott.

Renato non è mai stato sposato.

Luca

(sospettoso) Dottò, scusate, ma voi siete dottore o siete un  altro inquilino del palazzo di fronte?

Dott.

Volevo dire, che, Renato non è un pazzo pericoloso, non farebbe mai male ad una mosca.

Enrico

Ad una mosca, forse no, ma a dduie scieme comm’a nnuie si!

Luca

Dottore, state attento, c’è sempre una prima volta.

Dott.

Non preoccupatevi, adesso gli somministreranno qualche tranquillante e domani starà benissimo, addirittura non ricorderà più niente.

Enrico

Lui non ricorderà più niente! E noi come faremo a dimenticare?

Dott.

Adesso siete ancora scossi, è comprensibile, ma domani, anche voi, ricordandovi di Renato, vi farete quattro risate. Adesso devo andare. Mi scuso di nuovo e vi saluto.

Luca

Ma voi come avete fatto a capire che Renato stava qui?

Dott.

Abbiamo sentito cantare il ballo del qua-qua. E’ la canzone preferita da Renato, ne va pazzo...cioè gli piace molto. Abbiamo forzato un po’ la porta... e voilà, come volevasi dimostrare! (uscendo) Di nuovo... state tranquilli, è finito tutto!

Luca

(i due restano seduti, sul divano, uno accanto all’altro, con lo sguardo nel vuoto) Enrì, adesso che vai a casa, sai che devi fare?

Enrico

Che devo fare?

Luca

Devi andare a parlare col tuo proprietario e vedere se mi fitta l’appartamento di fronte al tuo. Io qui non ci resto più!

Enrico

Va bene, così farò. Così, tra qualche mese, riprenderemo di nuovo a giocare a scacchi.

Luca

Tra qualche mese!?

Enrico

Certamente, senza alcun dubbio. Tra qualche mese, quando avrai cambiato casa. Luca , io qua non ci vengo più!

Luca

Hai ragione, non ti posso dar torto.

Enrico

Dopo una settimana di duro lavoro, guarda come ci tocca passare il sabato mattina!?

Luca

(bussano, i due sobbalzano) Chi è!?...Enrì, non aprire... armiamoci.

Enrico

(prende un vaso e si mette appostato dietro la porta) Apri tu, che lo sistemo io.

Luca

(timoroso, con una statuetta nascosta, apre)

Carla

(entrando, con due buste di spesa e l’ombrello sotto il braccio) Madonna mia! E che ci voleva per venire ad aprire. Io nun riesco a prendere le chiavi dalla tas... (vede i due si blocca) Ma vuie che state facenno!?

Enrico

Niente, niente Carla. Non si sa mai chi può venire a bussare alla porta di un tranquillo ed onesto cittadino.

Carla

Si, ma... non vi sembra di esagerare?

Luca

Non si esagera mai, è meglio che si sta attenti, così non si va incontro a spiacevoli sorprese.

Carla

State protetti da quattro mura e avete paura? E che devo dire io, che esco per strada tra mille ‘nzirie e pericoli, col rischio che qualche violentatore grande, grosso, chin’’e pile, cu’ ddoie mani ‘e chesta manera, me zompa ‘ncuollo...

Luca

E chi è, nu gorilla!? Comunque, stai tranquilla. Pure oggi sei uscita e non hai incontrato nessun scippatore.

Carla

(spazientita) Violentatore! ‘O scippatore che me scippa a mme?

Luca

E ‘o violentatore te violenta, a te?

Enrico

Comunque, Carla, questi sono tempi brutti, bisogna stare attenti dentro e fuori.

Carla

Fate bene voi, come potete, vi mettete chiusi dentro, tranquilli, a giocare a scacchi, ad ascoltare la musica. Voi, facendo così, campate cent’anni! Mo è meglio che vada di là, devo mettere a posto questa roba e devo cucinare. (esce)

Enrico

(prendendo il cappotto) E adesso me ne vado pure io, così arrivo giusto per il pranzo.

Luca

(ancora impaurito) Dove vai, mi lasci solo?

Enrico

Ma che solo!? C’è tua moglie.

Luca

Che bell’amico che sei! Prima mi butti tra le grinfie di un pazzo furioso...

Enrico

Perché tu che hai fatto?

Luca

Io ho fatto quello che hai iniziato a fare tu!

Enrico

Si!?... Io lo distraevo per farti andare a telefonare al centotredici, tu niente, non ti muovevi. Ma perché?

Luca

Perché!? Pecchè tanto da’ paura m’ero scurdato ‘o nummero do’ cient’’e trirece!

Elisa

(insieme a Mario entrano) Buongiorno!

Luca

(spaventato salta in braccio ad Enrico)

SIPARIO                                               

                    Fine 1° atto

2° ATTO

Scena:

Ci troviamo nell’appartamento di fronte a quello di Enrico. Luca ha deciso di traslocare. Un balcone in fondo, con le porte spalancate, fa intravedere altri palazzi, si sente il tumore del traffico. La porta d’entrata è a destra, quella che immette nelle altre stanze è a sinistra. È in atto il trasloco, gli stessi mobili della scena precedente sono provvisoriamente sistemati, valige e pacchi sono sparsi per la stanza. Da destra entrano Luca ed Enrico, che trasportano il divano.

Enrico

(entrando) Fa attenzione...piano...piano. (senza poggiare il divano) dove lo mettiamo questo?

Luca

Che ne so. Dove vuoi tu, ma fa ampresse però.

Enrico

(si guarda intorno e si sposta dove pensa di poggiare il divano) Vieni qui...no, andiamo lì...no, forse è meglio se lo mettiamo più indietro...

Luca

(stremato, lascia cadere il divano, col poco fiato che gli rimane) Enrì, qui sta bene!

Enrico

(spaventato) Ma si’ scemo!? Mo’ m’’o facive carè ‘ncopp’’o pere!?

Luca

‘O pere!? Io ‘ncapa t’’o scassasso! Ma vuoi diventare un poco più deciso o no!? Io nun c’’a faccio cchiù e chillo: “lo mettiamo qui e lo mettiamo lì...”! Mittemmele ‘a ‘na parte, riposiamoci e dopo vediamo. (siedono, insieme, sul divano, riposando si asciugano il sudore)

Enrico

Non era meglio se chiamavi una ditta di traslochi? Noi abbiamo una certa età, certe cose non le possiamo fare più.

Luca

Con uno stipendio, due figli che vanno all’università e con la pigione che devo pagare, chiamavo pure la ditta di traslochi. Poi venivo a mangiare a casa tua. A proposito! Ma i tuoi figli che fine hanno fatto?

Enrico

(mortificato) Che t’aggia dicere!? Chille se sosono ‘e dieci ogni mattina, stamattina, che sapevano che dovevamo finire il trasloco, se so’ aizat’’e sette! “Dobbiamo andare all’università...dobbiamo seguire i corsi”

Luca

‘Sti ggiun’ ‘e oggi! ... “ Voglia di lavorare saltami addosso!” Ca io me scanzo! (fa attenzione ai rumori della strada) Ma cos’è questo baccano?

 

Enrico

Quale baccano?

Luca

Ma sei sordo? Non le senti le auto che passano?

Enrico

Ah!... Se non ci penso non le sento, ci ho fatto l’abitudine. Vedrai, dopo un po’ di tempo, la farai anche tu.

Luca

(va a chiudere le porte del balcone, non si sente più il traffico) Ah! Così va meglio!

Carla

(entra da destra, affaticata, trasporta un vaso con una folta pianta, che le nasconde il viso) Luca, aiutami, non vedo niente.

Luca

(la soccorre) Dà a me. Ma dico io, con tante cose da salire, hai preso proprio la pianta. Mo’ addò ‘a mettimme sta cosa!?

Carla

Tante cose da salire? Abbiamo quasi finito. Miettela ‘a ‘na parte poi sistemiamo meglio.

Luca

(non trovando il posto per poggiarla) Sto’ facenno ‘a fine di Enrico! (quasi la butta a terra) Qui stai bene!

Carla

Quei due poveri bambini stanno salendo le ultime cose. Se so’ accise ‘e fatica quei poveri figli miei, stanno una zuppa ‘e sudore.

Luca

(scimmiottando la moglie) Quei poveri bambini stanno tutti bagnati, stanno! (cambia) Io invece sto frisco e tuosto!

Natalia

(entra da destra con un vassoio, tazzine ed un bricco da caffè) Mi sono permessa di farvi un po’ di caffè, lo gradite?

Carla

Natalia, ti stai scomodando troppo, noi non vorremmo disturbare.

Natalia

Ma che vuoi disturbare! Io non vedevo l’ora che venivate a prendere possesso dell’appartamento. La signora che stava prima, una brava signora, per carità, ma era strana: sempe vustuta nera, buongiorno e buonasera e chi s’è visto si è visto! Carla, tu sei una casalinga come me e mi puoi capire. Per noi è importante fare quattro chiacchiere con i vicini, incontrarsi. Invece Ida, Ida Nerone, accussì se chiammava...

Luca

(la interrompe) Se chiammava? Pecchè è morta?

Natalia

No, è viva, ma è comme si fosse morta... come vi devo dire!?... Una ca nun parla, nun spia, nun domanda, nun esce mai è comme si fosse seppellita viva.

Carla

Natalì, ma tu ‘o ssaie che me stai facenno paura? Fai ca c’accumpare!?

Luca

Carla, accumpareno ‘e muorte, ‘a signora Ida è viva! Vive da morta...cioè... se ho capito bene... è ‘na morta che ogni tanto parla.

Enrico

Ma che state dicendo!? Ida Nerone non è altro che una persona riservata, seria, timida...

Carla

( ha iniziato uno “’nciucio” a soggetto con Natalia)

Enrico

(notandole, ironico) Tale e quale alle nostre mogli. (a Luca) ‘E vvire!?

Luca

(commentando) Mo’ le stanno inventando tre o quattro amanti, oppure, un marito in carcere, qualche morto sotto al letto... mo’ si passa alla discendenza: è a figlia ‘e chella, che era la cognata di quell’altro, che se ne scappò con la nipote, ma dato che era un poco zoppo, nun riuscette a fuì e li acchiapparono a tutti e due.

Natalia

(finendo l’inciucio) Hè capito, mo’!?

Mario

(da fuori) Sei sempre la stessa! Io aggia saglì ‘e ccose cchiù pesante e tu stai bella leggera leggera!

Elisa

(da fuori) Ma tu tieni sempre da ridire? Vuoi fare cambio? Tieni prenditi tu questo.

Mario

(rifiutando lo scambio entra con un pacchetto leggerissimo) Vuoi fare cambio mo’ che simm’’arrivati!? E brava!

Elisa

(entra con un pacco ancora più leggero) Va a ffa bbene, va! Questi dove li mettiamo?

Luca

(le prende il pacco dalle mani) Dà a me, lo poso io. (nota che è leggerissimo; Mario gli dà anche il suo, Luca soppesa i due pacchi, poi ironico, alla moglie) Fall’assettà, pigliaci un’asciugamani, stanno una zuppa ‘e sudore.

Carla

Questi erano gli ultimi?

Elisa

Si, in macchina non c’è più niente. (al padre) Tieni, le chiavi.

Mario

Nientedimeno c’amma mise ddoie semmane pe’ fa stu trasloco!? Non era meglio chiamare una ditta specializzata? Quelli in mezza giornata salivano tutto. Invece no! L’amico ci presta il camion, i pacchi piccoli li trasportiamo in macchina... madonna che...(guarda Carla) noia!

Luca

Guagliò, tu fa ‘o figlio, ca io faccio ‘o pate! Ognuno a suo posto! Il trasloco, è stato faticoso, è vero, ma abbiamo risparmiato un sacco di soldi.

Carla

(ai figli) Voi due venite con me. Aggiustiamo, almeno, le camere da letto.

Elisa

Si, però, aggiustiamo prima la mia.

Mario

Nossignora! Aggiustiamo prima la mia.

Elisa

Che schifezza di cavaliere!

Mario

Io non sono cavaliere. Aggia perz’’o cavallo. (Carla e i due escono)

Natalia

(ad Enrico) Enrì, io vado di là, vado a cucinare. (a Luca) Luca, che ne dici di un bel piatto di linguine alla puttanesca?

Luca

Buone, a me piacciono assai! Però, ha ragione mia moglie, stiamo dando troppo fastidio.

Natalia

Voi pensate a mettere a posto la casa e non vi preoccupate. Quando avrete finito daremo noi fastidio a voi. (esce)

Luca

Ma com’è simpatica tua moglie! Me l’hai sempre pittata nera, invece è così ospitale, disponibile, gioviale.

Enrico

Chella ‘o tene tutte ‘ncuorpo, ‘o tene! Poi te ne accorgerai. E ricordati di come ti chiamò: muscio ‘ngallato!

Luca

Son passati più di due mesi, sono cose che si dicono nei momenti di rabbia.

Enrico

(divertito) Eppure, aveva ragione il dottore: “...vedrete che quando vi ricorderete di Renato vi farete quattro risate pure voi.” (ride) Ti ricordi? (canta e balla) Questo è il ballo del qua-qua...

Luca

Forse per te che abiti lontano da quel...manicomio, è più facile riderci sopra, ma per me è stato un incubo. Enrì, in questi due mesi ho vissuto nel terrore assoluto. Ogni volta che bussavano stavo col fiato sospeso: “ e mo’ chi è...fai che è Renato... o qualche altro pazzo scatenato!?”

Enrico

Capisco. Anche io avrei fatto lo stesso. Ma adesso è finito l’incubo. Mo’ stai qui, stiamo uno di fronte all’altro, di mattina andiamo in ufficio insieme e quando vogliamo giocare a scacchi basta bussare alla porta di fronte.

Luca

(preoccupato) Mi raccomando, Enrì. Non ti far scappare niente da bocca. Io di quel giorno non ho detto niente a nessuno...che vuo’ a me!?...me metto scuorno. È troppo ‘na figura ‘e mmerda!

Enrico

Non ti preoccupare. Sono Una tomba.

Luca

Bravo. Fai la tomba, perché si nun fai ‘a tomba, te ‘nfizzo io dint’’a tomba.

Elisa

(entra da sinistra, velocissima) Papà, ci serve una mano per spostare l’armadio, vieni.

Enrico

(non capisce) Che lingua ha parlato?

Luca

(ad Elisa) Non abbiamo capito, traduci.

Elisa

(spazientita) Dobbiamo spostare l’armadio, vieni a darci una mano.

Luca

Enrì, dacci una mano pure tu, così facciamo prima. (si muovono per uscire a sinistra)

Carla

(incrocia i due) Lucariè, il pacco con la biancheria di Elisa dove l’hai messo?

Luca

Carla, cu’ tutti ‘sti pacchi saccio addò sta, vire nu poco tu. (esce con Enrico a sinistra)

Carla

(cercando tra i pacchi) Addò sta stu pacco?... a chella mo’ chi ‘a sente... aneme do’ priatorio faciteme truvà ‘o pacco, ca nun tengo proprio capa ‘e sentì a chella!

Ida

(entra da destra; è tutta in nero; si guarda intorno, poi con voce flebile) Buongiorno!

Carla

(salta, sorpresa ed impaurita) L’anima do’ priatorio! Che c’è? Che volete?

Ida

Scusate se vi ho impaurita, non era mia intenzione. Io sono Ida Nerone, abitavo qui prima di voi.

Carla

(confusa) Voi siete la mor... cioè, la viva... insomma, la signora Ida, quella che abitava qui?

Ida

Mi rendo conto che questo non è il momento di far visite, ma...

Carla

Scusate il disordine, noi stiamo in pieno “trasloquio”. Stavo soprapensiero e poi, mio marito me lo dice sempre, sono un poco curiosa, ogni piccola cosa, se sto distratta, mi fa saltare.

Ida

Io sono venuta per chiedervi un favore.

Carla

Signora mia, se mi è possibile, senz’altro.

Ida

Il fatto è che io ho dovuto lasciare questa casa. È troppo grande per una persona sola ed era grande anche la pigione che dovevo pagare e nella condizione in cui sto, non posso permettermela.

Carla

A chi lo dice!? Dove abitavamo prima pagavamo la metà di quanto paghiamo adesso. Stavamo tranquilli, un bell’appartamento, un po’ fuori mano, ma spazioso, pieno di luce. All’improvviso, a mio marito, dopo più di dieci anni che abitavamo là, gli è venuto lo schifo di quella casa. Non riusciva a starci dentro, appena tornava dall’ufficio m’acchiappava e mi portava fuori. Ci siamo fatti tante di quelle passeggiate per via Caracciolo, che me l’ha fatta schifà!

Ida

(mostra un falso interesse) Comunque, signora mia, riguardo al piacere che le chiedevo, ecco... dato che non ho avuto tempo di avvisare nessuno del cambiamento di casa, se qualcuno dovesse venirmi a cercare qui, (prende un foglietto dalla borsa e lo porge a Carla) mi fa il piacere di telefonarmi, io correrò subito qui a prenderlo.

Carla

(disorientata) Scusate, non è perché non vi voglia fare il piacere, sia chiaro, ma non vi pare che se vi fate un giro di telefonate potete avvisare stesso voi a tutti quelli che volete .

Ida

(confusa) Non ho il telefono.

Carla

(guarda il foglietto che le ha dato) E questo numero di chi è?

Ida

(c.s.) E’ ... di una vicina... si di una vicina. Io non ho ancora la linea. Mi faccia il piacere, se viene qualcuno che mi cerca, mi chiami....la prego mi chiami. (quasi fuggendo, esce)

Carla

(stupita e sorniona) Chissà che ci sta sotto!? Questa è proprio strana.

Natalia

(entra da destra) Se n’è andata?

Carla

Si, ma tu l’hai vista?

Natalia

L’aggia sentuta pure. Stavo nascosta dietro la porta. Ho ragione o no? Qui c’è qualcosa che puzza?

Carla

(guardandosi intorno) Forse è ‘o scatolo de’ scarp’’e Mario!

Natalia

No, che hai capito? Dico, che Ida ha qualcosa di strano da nascondere.

Carla

Hai ragione! Quella se n’è scappata, non voleva farsi fare le domande.

Natalia

Mo’, secondo te, chi vuò che vene ccà? So’ ddieci anni che stamme ccà e nun è venuto mai nisciuno, vuo’ vedè che venene quanno ha cagnate casa!?

Carla

Ma si’ sicura ca nun è mai venuto nisciuno?

Natalia

E vvuo’ vedè ca nun ‘o ssaccio!? Io stongo ‘e fronte!

Carla

E già, tu stai ‘e fronte e sai fa bbona ‘a vedetta.

Elisa

(da fuori) Mammà, hai trovato la mia biancheria?

Carla

(trasale) Uh!... No a mammà, ancora l’aggia truvà, mo’ cerco meglio. (continua a cercare e nell’abbassarsi da segni di sofferenza) Maronna! Tengo ‘sti rine ca nun servene proprio! Poi, quanno mi alzo m’aggire sempe ‘a capa.

Natalia

A chi ‘o ddice!? A mme ‘e vvote me piglia nu dulore che accumencia “dall’anche”, cammina pe’ tutt’a coscia e se ferma dint’o rite grusso do’ pere!

Carla

Se fa chistu viaggio? Milano – Messina.

Natalia

Carla, nuie c’amma sta accorte. Una settimana fa, una signora che abita due palazzi più giù, tenev’’a stessa età nosta, c’è venuta ‘na “troba celebrata” ‘ncapa e s’ha fatt’’o viaggio.

Carla

Milano – Messina?

Natalia

Carla, s’ha fatt’’o viaggio: è morta.

Enrico

(da fuori) Maronna mia!...’a mano... Gesù, ‘e ddete! (entra tenendosi e soffiandosi la mano destra, seguito da Luca)

Luca

Non esagerare...è ccosa ‘e niente! Miette ‘a mano sotto l’acqua fredda.

Enrico

(c.s.) E’ cosa ‘e niente!? Tu me stive spezzanno ‘e ddete, è cosa ‘e niente!?

Natalia

(preoccupata accorre dal marito) Famme vedè.

Enrico

E che vuo’ vedè? Che tengo ‘o teatro mmiez’’a mano, che vuo’ vedé?

Natalia

(gli prende la mano) Ha ragione Luca. Miettela sotto all’acqua fredda, si toglie tutto.

Enrico

E dalle cu’ chest’acqua! Ma chesta è ‘na mano o è ‘na scella ‘e baccalà? Che la metto a fare sotto all’acqua? Ci vorrebbe un po’ di pomata, una fasciatura...

Luca

(lo interrompe) ‘E radiografie, ‘na ‘ngessatura, ‘a tac e ‘o ricovero! Enrì, nun t’hè fatto niente!

Enrico

Tutta per colpa tua! Dico io, prima di spostare l’armadio ti vuoi assicurare che dietro non ci sia nessuno? ‘A mano mia nun l’hè vista?

Luca

Mo’ ‘a colpa ‘e ‘a mia!? Tu cu’ tanti posti vai a mettere ‘a mano giusto dove devo mettere l’armadio e ‘a colpa fosse ‘a mia!?

Natalia

Vieni di là, vediamo che possiamo fare, vieni.

Enrico

(uscendo con la moglie) Natalia, fa piano, fammi una bella fasciatura, le dita devono stare diritte, più diritte stanno, meglio è.

Natalia

Nun te preoccupà. T’’e mmetto diritte diritte, comm’’e wurstel dint’’a busta. (escono)

Carla

(con rimprovero) Ma che hai fatto? Nun l’hè vista ‘a mano ‘e chillo?

Luca

Mo’ te miette pure tu!? Ma secondo te il mio hobby preferito e chillo ‘e ì a scamazzà ‘e ddete da’ ggente!? È capitato, mica l’aggia fatt’’apposta!

Carla

Guardate!? Un amico gli dà una mano e chillo c’’a scamazza!

Luca

(innervosito e risoluto) Famme ì ‘a llà fa’! Qui dentro hai voglia di parlare, di spiegarti, non si capisce, non si capisce niente! (esce)

Carla

(ricordando) Io che so’ venut’’a ffa a’ ccà?... Ah!... Elisa! (cercando) Va trova addò stanno chelli quatte mutandelle ‘e chella ‘nzallanuta! Si mi avessero sentita, adesso trovavamo tutto. “ Scrivete su ogni pacco cosa c’è dentro.” “Scrivilo tu!” ‘O screvevo io, ‘o screvevo! Accussì pe’ truvà ‘na cosa dovevamo far venire i cani poliziotti!

Renato

(si ferma sulla porta, è vestito normalmente, nulla fa pensare che è pazzo. Si guarda intorno e poi posa lo sguardo sul fondoschiena di Carla) Che sguardo interessante!

Carla

(trasale impaurita) Maronna, chi è!? Ma ‘a vulite fernì si o no a trasì senza bussà!? Ma ‘o facite apposta? Signore “come-vi-chiamate” quando si entra in casa di uno, si bussa!

Renato

(mortificato) Scusate, perdonatemi, vi ho spaventata?

Carla

È certo! Voi entrate senza bussare.

Renato

La porta è aperta è ho ritenuto opportuno non bussare, ma le giuro che non accadrà più, le giuro, non l’ ho fatto apposta, chiedo ammenda. (si inginocchia)

Carla

(meravigliata) Qua non c’è.

Renato

Chi?

Carla

Quella che avete detto voi: Amanda.

Renato

Non Amanda! Chiedo ammenda, perdono.

Carla

(compiaciuta del gesto) Ma non è il caso...

Renato

Non è il caso? Ed invece si, è il caso! Le ho fatto paura e quindi le ho fatto del male. Un cavaliere non deve mai far del male ad una donna. Specialmente se è bella come Lei.

Carla

(c.s.) Ma che dite!? Bella io...una volta ero bella... adesso sono vecchia.

Renato

No, non dica mai più questa parola. Per lei il tempo si è fermato, lei ha conservato la bellezza e la freschezza di una ventenne.

Carla

(arrossisce ed è ammaliata) Come parlate bene! Mai nessuno mi ha parlato così. Nemmeno mio marito.

Renato

(contrariato) Perché, siete sposata?

Carla

Si, io...(realizza) Scusate io sto a parlare con voi e non so nemmeno come vi chiamate.

Renato

Mi chiamo Renato, da adesso, Renato l’innamorato. E sapete di chi?

Carla

Di chi?

Renato

Come fate a non percepire le vibrazioni che emana il mio cuore? Come fate ad essere cieca di fronte a questa luce che esce dai miei occhi? Di lei...si...sono innamorato di lei! Cuore crudele che nega la cura alle mie ferite d’amore.

Carla

(impaurita e compiaciuta) Zitto! State zitto, di là c’è mio marito e dall’altra parte c’è Natalia, quella si mette a sentire dietro le porte.

Renato

È una capera?

Carla

No, è curiosa. Sentite Renato, voi mi state confondendo, io sono sposata e poi non vi conosco nemmeno...

Renato

Ed io per questo sto qui! Per conoscerla e farmi conoscere. In verticale, naturalmente. Perché bisogna prima conoscersi per il tempo che basta, in verticale, poi quando scatta la molla... tac... ci si può conoscere anche in orizzontale. Così mi hanno detto e così le dico.

Carla

Chi ve lo ha detto?

Renato

Il dottore. È un amico. Veramente io ho molti amici dottori e ci sta un’amica dottoressa che mi vuole proprio bene, la devo stare a sentire. Pure a lei la devo conoscere meglio in verticale e poi... tac...(fa schioccare le dita)

Carla

Sentite, io non vi capisco...

Renato

(le prende la mano) Dammi del tu, degnami almeno della tua confidenza, non trattarmi da estraneo, ne soffrirei e dal dolore potrei anche morire.

Carla

(evidentemente ammaliata) Ma veramente,io...

Luca

(da fuori) Carla.

Renato

Ti chiami Carla? Che bel nome, ma è un nome che non si addice alla tua bellezza, tu sei un angelo, per questo, ti chiamerò Angelica.

Carla

(Spaventatissima) Chiamami come vuoi tu, ma vattenne! Mi ha chiamato mio marito, vattenne!

Renato

(trattenendola) No, non me ne andrò se prima non suggelliamo la nostra amicizia con un bacio.

Carla

(c.s.) Renà, ma che vuò “succhiellà”, si’ pazzo?

Renato

(c.s.) Si, pazzo di te e lo rimarrò fino a quando non suggelleremo il nostro amore con un bacio.

Carla

(agitatissima, per risolvere) E va bene, “succhielliamo” e circa ‘e te ne ì! (velocemente gli dà un bacio)

Renato

Ero venuto a cercare l’amore familiare e non l’ ho trovato, ma in cambio ho trovato un angelo! A presto amore. (esce, Carla lo segue fino alla porta)

Luca

(entra) Ma ‘a vicchiaia ti ha fatto diventare pure sorda?

Carla

(confusa, agitata) Stavo cercando il pacco con la biancheria di Elisa e non ti ho sentito.

Luca

E lo stavi cercando fuori la porta?

Carla

(non sa cosa dire, di colpo diventa sicura di se e passa all’attacco) Uffà, Lucariè! Dove stavo, stavo! Nun t’aggia sentuto e basta.

Luca

(stupito) Carla, ma che è successo?

Elisa

(entra, a Mario che la segue) Stai zitto, maschilista!

Mario

Io, maschilista!? Tu non hai capito niente.

Luca

Che è successo?

Elisa

(indicando Mario) Quello è tale e quale a te: maschilista, schiavista e reazionario

Mario

(offeso) E tu si’ ‘na ‘nzallanuta, femmista e lesbica!

Luca

Guè, Mario, come ti permetti!?

Elisa

Papà, lascialo parlare, non preoccuparti, non do peso alle parole di un maschilista e per giunta impotente.

Luca

Basta! Si può sapere che è successo?

Elisa

Te lo dico io che è successo: ha messo le corna alla sua ragazza!

Carla

(allarmata) No, Mario, è vero?

Mario

Ma quali corna!? Sono uscito con un’amica, ma non è successo niente. Abbiamo parlato di tante cose, di noi, dello studio...

Elisa

(imitando Mario) “...e mi sentivo da Dio. Sono riuscito a dire a lei, quello che non riesco ancora a dire alla mia ragazza. C’è qualcosa tra di noi che è indefinibile, uno straordinario feelling.”

Carla

(c.s.) Mario, tu tiene ‘o “flitting” cu’ n’ata?

Mario

(minaccioso alla sorella) M’ hanno accirere si te dico qualche altra cosa. Vocc’’aperta!

Luca

Questo mica è mettere le corna. Hanno parlato solo. Adesso non si può nemmeno parlare con un’amica?

Carla

Con un’amica non si passeggia mano nella mano, un’amica non si saluta con il bacio.

Luca

Ma sarà stato un bacetto innocente.

Elisa

Bacetto innocente!? Quello ha detto che ha messo la lingua e ha fatto la centrifuga.

Mario

Papà, a lei piace tutto di me, come vesto, come parlo, quello che penso, quello che faccio. Lei non mi dice continuamente: “...devi dimagrire...smetti di fumare... non essere troppo impulsivo.” Insomma, io ho trovato una persona a cui vado bene così come sono.

Carla

(tra se) Hè ritte niente!

Luca

(non capisce) Come?

Carla

Niente, dicevo che così dovrebbe essere. Due persone si scelgono perché si piacciono e questo piacere bisogna farlo sentire sempre, pure quando si è vecchi. Bisogna far sentire all’altro che così comm’ è, è fatto bbuono.

Mario

Brava! Accussì è. È proprio così!

Carla

Che vi credete, che un’ignorante non capisce che cos’è l’amore? S’arraggiona cu ‘e cervelle, ma se vo’ bbene cu ‘o core.

Luca

Brava, questa me la scrivo.

Carla

(amaramente) E scrivi scri’! Finalmente, Carla, l’ignorante, dopo tanti anni, ha detto una cosa che merita di essere scritta e ricordata.

Enrico

(entra, ha una mano esageratamente fasciata) Maronna e che dulore! Luca, che dici, non sarebbe meglio andare all’ospedale?

Luca

Enrì, si nun ‘a fernisce cu’ ‘sti lamiente, m’hè purta a mme ‘o spidale. Nun t’hè fatto niente. Nun te preoccupà. Sei un’ossessione.

Enrico

Tu parli così perché ‘o dulore ‘o sento io!

Luca

No, ‘o dulore m’’o stai facenne sentì pure a mme!

Enrico

E già! ‘A gallina fa l’uovo e ‘o gallo c’abbrucia!

Carla

(a Natalia ) Ci hai messo un poco di pomata?

Natalia

(con pazienza) Certamente!

Carla

(c.s.) E un poco di polvere disinfettante?

Natalia

Pure la polvere? La pomata basta. E si, mo ce mettevo pure ‘a polvere accussì pigliavo ‘a mano e c’ ‘a facevo indorata e fritta!

Mario

Papà, adesso che ci siamo riposati, vogliamo andare a sistemare la mia camera?

Elisa

Si deve finire di sistemare prima la mia e poi passiamo alla tua!

Mario

Io ho capito perché non riesci a rimanere più di tre giorni con un ragazzo.

Elisa

Si! E perché?

Mario

Perché sei egoista, piense sul’ ‘a te, si cazzemmosa!

Carla

Mario! Non dire più questa parola!

Mario

Mammà, è l’unica parola che mi è venuta. ( ad Elisa ) Tu dagli altri vuoi  solo prendere e non vuoi mai dare, ma per prendere bisogna dare, tu non dai e non prendi mai.

Carla

Uh Gesù! Ma che significa questo “prendere e dare”? ( con intenzione ) Elì, ma tu già avisse date?

Mario

Nun te preoccupà mammà, Elisa non  darà mai niente a nessuno, lei prende quello che le conviene e quando è il momento di dare saluta, ringrazia e se ne va!

Elisa

E faccio bene così! Io non voglio legarmi con nessuno. Non voglio dipendere da nessuno, i fatti miei sono solo miei e basta. (al fratello) Caro mio fino ad adesso non mi è mai convenuto “dare”, quando mi converrà allora “darò”.

Carla

(allarmata) Piccerè, ma che t’hè mise ‘ncape? Che vuoi dare? Che so sti discorsi? Si deve “dare” quando si può “dare”! Cioè dopo il matrimonio!

Elisa

Il matrimonio! Dio mi scansi e liberi! E che me vuo fa fa, ‘a fina toja!? (esce )

Carla

( stupita ) ‘A fine mia? Pecchè che fin’ ‘aggia fatte?

Natalia

( rincuorandola ) Carla, nun ‘a da’ retta, è giovane, non sa ancora quello che dice e quello che vuole.

Enrico

A me sembra, invece, che lo sappia troppo bene.

Natalia

Errì, statte zitto! Io vaco p’ammerecà e tu acciacchi!

Enrico

Io ‘na parola aggia ditto!

Natalia

Una parola sbagliata ce stev’ ‘a dicere e tu chella hè ditto! Chell’ ave ragione: il matrimonio? Dio ci scansi e liberi! ( esce )

Luca

Errì, statte accorta, nun ‘a risponnere, chella, qualche ghiuorno ‘e chiste, te votte abbascio!

Carla

E statte accorta pure tu. Acqua cheta fa pantano e fete! ( esce )

Enrico

( divertito ) Mi sa, mi sa, che qualche ghiuorno ‘e chisto facciamo una volata collettiva.

Luca

La donna…l’animale più difficile da capire!

Enrico

La donna…l’animale!

Mario

( entrando ) Papà, vuoi venire si o no? State a fa chiacchiere da tre ore e dobbiamo ancora mettere a posto i letti, gli armadi, la libreria…

Luca

( lo interrompe ) …’a capa toja! Jamme, jà! andiamo a lavorare. (sta per uscire)

Enrico

Jate,jà! Andate a lavorare.

Luca

Pecchè, tu nun ce dai ‘na mano?

Enrico

(mostrando la mano fasciata) Una già te l’aggia date, vuò pure chest’ ‘ata? (mostra l’altra)

Luca

Tu ‘a scusa vulive. E mo ll’hè truvate. I figli tuoi hanno preso tutto da te. Va buò, nun fa niente. Fa ‘na cosa, prendimi un po’ il tuo cacciavite a stella, il mio è piccolo, mi serve il grande.

Enrico

Finalmente lo hai ammesso!

Luca

Che cosa?

Enrico

( uscendo) Che il tuo è piccolo e il mio è grande!

Luca

Immaturo! Fai ancora le battute da quindicenne ( insieme a Mario esce )

Renato

( entra con circospezione, si guarda intorno poi sentendo qualcuno arrivare si nasconde dietro ai pacchi )

Natalia

(da fuori ) Errì subito vengo. Voglio vedere se nella puttanesca preferiscono i capperi. (entra, si accorge della calza che sta scendendo, si ferma, si guarda attorno e alzandosi la gonna si aggiusta la calza )

Renato

( sporgendosi vede Natalia che si aggiusta le calze ) Questa casa è zeppa di sguardi interessanti!

Natalia

( spaventata si ricompone ) Gesù!

Renato

Mi state confondendo con qualcun altro.

Natalia

Voi chi siete, che fate qui, che volete?

Renato

(mortificato) Scusate, perdonatemi, vi ho spaventata?

Natalia

E’ certo! Voi sbucate fuori all’improvviso.

Renato

Si è vero, ha ragione, sono uno sciagurato, ma le giuro che non accadrà più, mi perdoni (si inginocchia)

Natalia

( meravigliata e compiaciuta del gesto ) Ma non è il caso…

Renato

Non è il caso? Ed invece si, è il caso. Le ho fatto paura e quindi le ho fatto del male. Un cavaliere non deve mai far del male ad una donna. Specialmente se è bella come voi.

Natalia

(c.s.) Bella io?! Ma che dite? Ero bella una volta, adesso sono vecchia.

Renato

No! Non dite mai più questa parola! Per voi il tempo si è fermato, voi avete conservato la freschezza e la bellezza di una ventenne.

Natalia

(arrossisce ed è ammaliata da quelle parole) Come parlate bene! Nessuno mi ha mai parlato così, nemmeno mio marito.

Renato

( contrariato ) Siete sposata?

Natalia

Si.

Renato

Ma oggi si sposano tutte!?

Natalia

( realizza ) Scusate, ma io sto a parlare con voi e non so nemmeno come vi chiamate.

Renato

Mi chiamo Renato, da adesso, Renato l’innamorato. E sapete di chi?

Natalia

Di chi?

Renato

Come fate a non percepire queste vibrazioni che emana il mio cuore? Come fate ad essere cieca di fronte a questa luce che esce dai miei occhi…di voi…si, sono innamorato di voi. Cuore crudele che non curate le mie ferite d’amore.

Natalia

( impaurita ) Zitto! State zitto, di là c’è mio marito e dall’altra parte c’è Carla…

Renato

Angelica.

Natalia

No…Carla col marito e i figli. Chi è questa Angelica?

Renato

E’ una che ha paura delle capere.

Natalia

Renato, voi mi state confondendo, io sono sposata e poi non vi conosco nemmeno.

Renato

Ed io per questo sto qui. Per conoscervi e farmi conoscere. In verticale, naturalmente. Perché bisogna prima conoscersi, per il tempo che basta, in verticale, poi quando scatta la molla…tac…ci si può conoscere anche in orizzontale. Così mi hanno detto e così vi dico.

Natalia

Chi ve lo ha detto?

Renato

Il dottore. È un amico. Veramente io ho molti amici dottori e ci sta un’amica dottoressa che mi vuole proprio bene, la devo stare a sentire. Pure a lei la devo conoscere meglio in verticale e poi... tac...(fa schioccare le dita)

Natalia

Sentite, io non vi capisco…

Renato

( le prende la mano ) Dammi del tu, degnami della tua confidenza, non trattarmi da estraneo, ne soffrirei molto e dal dolore potrei anche morire.

Natalia

Ma io veramente…

Enrico

( da fuori ) Natalia.

Renato

Ti chiami Natalia? Che bel nome, ma è un nome che non si addice alla tua bellezza, Natalia, Natale,Stella Cometa, ecco ti chiamerò Stella, perché tu sei la mia stella che mi illumina il cammino nelle tenebre della notte.

Natalia

(spaventata ) Mi sta chiamando mio marito, lasciami, me ne devo andare.

Renato

No! Non ti lascerò se prima non mi darai un bacio come suggello del tuo amore.

Natalia

Renà, ma qua’ secchiello, ch’ ‘è stu secchiello?

Renato

Dammi un bacio con queste tue roventi, carnose e vellutate labbra.

Natalia

(spaventatissima) Renà, ma che dici, sei pazzo?

Renato

Si, sono pazzo di te! Ed il tocco delle tue labbra sarà la cura che mi farà rinsavire.

Enrico

Natalì, dove sei?

Natalia

Mio marito! Lasciami!

Enrico

Un bacio e sarai libera.

Natalia

( frettolosa gli dà un bacio ) Ecco, lasciami!

Renato

( lasciandola ) Ero venuto a trovare una persona cara e non l’ ho trovata. Sono ritornato per trovare il mio angelo e non c’era ma in cambio ho trovato la mia stella che illuminerà il mio cammino. Vai, a presto amore!

Natalia

( confusa, ammaliata , esce ) Enrico, sto venendo!

Renato

Questa casa mi piace, sto facendo un sacco di conoscenze. Sono conoscenze verticali, ma con un po’ di pazienza e perseveranza a qualcuna sempe m’ ‘a metto in orizzontale.

Elisa

( entra, nota Renato ) Buongiorno, desidera?

Renato

Sempre!

Elisa

( non capisce ) Scusate, state cercando qualcuno?

Renato

Si, ma adesso che vi ho vista, non cerco più.

Elisa

Allora stavate cercando  me?

Renato

E vi ho trovata.

Elisa

E che volete?

Renato

Cosa può volere un uomo che ha errato per tutta una vita in cerca di un porto sicuro, un’ancora di salvezza, una strada da percorrere, un buco per ristorarsi…

Elisa

(risoluta) Signor... come-vi-chiamate, ma qua’ buco? qua non ci stanno buchi per voi. Caspita, proprio ‘a me ‘o vulite ‘stu buco?

Renato

Come potete, voi, negare ospitalità, ad un cavaliere errante che stremato, non desidera altro che un buco per ristorarsi.

Elisa

Ma vuje fusseve pazzo!? E dalle cu’ stu buco! Vi ho detto e vi ripeto, ccà buchi pè vvuje nun ce ne stanno! Se, proprio avete questa necessità impellente, andate dalle parti della ferrovia, llà avite voglia ‘e buchi!

Renato

Alla ferrovia ci sono i buchi?

Elisa

Comm’ ‘e vulite. Di tutti i tipi e colori, basta che pavate.

Renato

I buchi si pagano?

Elisa

(ironica ) No! Quelle signore là, se vedono quante site bello, si innamorano e il buco ve lo danno gratis.

Renato

Non sia mai che Renato paghi per un buco di ristoro. A me mi hanno ospitato sempre gratis. Non ho mai pagato e mai pagherò.

Elisa

Vi chiamate Renato? Signor Renato se siete di questa opinione cercate di arrangiarvi da solo e adesso potete pure andarvene.

Renato

No! Non posso andarmene se prima non mi doni un bacio!

Elisa

A chi!? Guè bello! Circh’ ‘e mezze ‘e te ne ghì, sinò piglio ‘a primma cosa ca mi capita e t’ ‘a spacco ‘ncapa!

Renato

Ma se non mi dai un bacio posso anche morire!

Elisa

E ghiett’ ‘o sango! ‘A chi ‘o vvuò! Ma vallo ‘a ghittà llà ffore, ca ccà spuorche tutte cose, va!

Renato

Perché mi tratti così?

Elisa

Pecchè si rattuso e ‘e rattuse accussì se tratteno. Mo vattenne ca chiamm’ ‘a polizia!

Renato

No! La polizia  no! Me ne vado, me ne vado ( esce )

Elisa

(sta per uscire) Ma guarda un poco? Uno sta in casa sua e nemmeno sta tranquilla.

Enrico

( entra ) Elisa! Allora, il cappero ce lo mettiamo?

Elisa

( non capisce e fraintende ) Il cappero?

Enrico

Si, il cappero! A te piace il cappero?

Elisa

( a sfottò ) E a vostra moglie le piace il cappero?

Enrico

Tantissimo, lei va pazza per il cappero, ma se agli altri non piace lei ne fa a meno.

Elisa

Ma voi che cappero state dicendo?

Enrico

Elisa! Il cappero nella puttanesca, lo preferite o no? Mia moglie vuole sapere se lo deve mettere o no.

Elisa

Ah! Il cappero nella puttanesca! Si, anche a noi piace, mammà lo mette sempre.

Enrico

Adesso lo vado a dire a Natalia. Tu intanto ( le dà un cacciavite ) dà questo a tuo padre. (esce)

Elisa

( uscendo, ridendo ) Il cappero....lei va pazza per il cappero...

Ida

( entra guardinga ) C’è nessuno?...( sottovoce ) Renato...sei qui? (Guarda dietro i pacchi )

Luca

( entra col cacciavite dirigendosi verso l’uscita, non vede Ida ) Quello è un rimbambito irreversibile. Io gli chiedo il cacciavite a stella e quello mi dà quello piatto!

Ida

( sbuca da dietro ai pacchi ) Buongiorno.

Luca

( spaventato ) Uh, maronna mia! Chi è, che volete? 

Ida

Non vi spaventate, sono la signora che abitava qui prima di voi.

Luca

( riprendendosi ) Signora mia, e che ci fate nascosta dietro i pacchi?

Ida

Non ero nascosta, stavo cercando una persona.

Luca

In casa mia, dietro ai pacchi?

Ida

( evasiva ) Il fatto è che mio fratello non sa che non abito più qui,  a casa sua non c’è e non ho potuto avvisarlo. E’ uscito senza dire dove andasse ed io avevo pensato che stesse qui. Non lo ha mica visto?

Luca

Ma a chi?

Ida

Mio fratello.

Luca

E chi lo conosce?!

Ida

Si, è vero mi scusi. Ma, mio fratello è, come dire?... un po' originale, l’avreste notato di certo.

Luca

No, cara signora...?

Ida

Ida, vedova Nerone, piacere.

Luca

Io mi chiamo Luca, piacere. Non ancora vedovo, ma la speranza è l’ultima a morire.

Carla

( da fuori ) Luca, ma questo cacciavite da dove deve arrivare? ( entra vede Ida ) Signora Ida, voi state qui?

Luca

Già vi conoscete?

Carla

Si, ci siamo conosciute poco fa.

Ida

Sono ritornata per vedere se c’era mio fratello.

Carla

Signora mia, non è venuto nessuno. Ma non vi preoccupate, se viene qualcuno, io subito vi telefono.

Ida

( fa per congedarsi ) Allora posso stare tranquilla, me ne posso anche andare.

Carla

Se volete, altrimenti potete pure restare,  aspettate qui.

Ida

No, è meglio che lo vada a cercare da qualche altra parte e poi non vorrei disturbare ancora.

Carla

Ma che volete disturbare?! Fate come volete, se volete restare, restate e se volete andare, andate.

Ida

Vado! E’ meglio che vada. Arrivederci.

Carla

Signora Ida, descrivetemi com’è suo fratello, così come lo vedo, io pigli’ ‘o telefono e vi chiamo.

Ida

(descrive Renato a secondo dell’attore che lo interpreta) Mio fratello è alto ..... capelli..... e occhi....

Carla

( sbianca ) E’ molto galante, ha dei modi molto gentili e parla in italiano?

Ida

Si, lo ha visto?

Carla

( imbarazzata ) No! E quando lo vedevo? Dicevo così perché...conoscendo voi che siete così galante e gentile, certamente, vostro fratello deve  essere altrettanto galante e gentile.

Luca

(ironico ) Il padre era galante e gentile, la madre non poteva che essere galante e gentile, insomma voi siete una famiglia galante e gentile. Come vediamo una persona galante e gentile ve lo facciamo sapere, va bene?

Ida

Si grazie. Adesso devo proprio andare via, arrivederci. (esce)

Luca

( accompagna Ida alla porta ) Mamma do’ Carmine mia! ( facendo scongiuri ) Chesta me pare ‘a mort’’in vacaza. Me steve facenne venì ‘nu panteco! E’ sbucata all’improvviso, tutta nera comm’ ‘a ‘nu tezzone. Io l’avevo pigliata p’ ‘a morte che m’era venuta a piglià.

Carla

Ma qua’ morte, è ‘na brava signora.

Luca

Si, galante e gentile.

Carla

( inveisce esageratamente ) Si, galante e gentile! Pecchè tenisse qualcosa ‘a dicere?

Luca

( meravigliato ) Carla, io non ho detto niente!

Carla

( scimmiottandolo ) “Io non ho detto niente!” Ma che te crire, che può dicere chello che vuò tu e doppo con “ io non ho detto niente “ è apparato tutte cose? Fai l’ironico e io m’aggia sta zitta, fai ‘a faccia ‘e suppurtazione quanne me esce quacche stroppola ‘a vocca, insomma, pecchè stai ancora cu mme, io che so’ pe’ te?

Luca

(c.s.) Ma tu veramente stai facenne? Doppe quase venticinque anni di matrimonio...

Carla

( lo interrompe ) Doppo quase venticinque anni di matrimonio dimme ‘na parola galante, ‘na parola gentile! Dimme grazie, dimme che qualcosa, ogni tanto, l’aggia fatte bbona!

Luca

( imbarazzato, cerca cosa dirle ) Carla...tu...tu...tu

Carla

(ironica ) Tu,tu,tu...il numero da lei selezionato risulta occupato!

Luca

Guè, ma tu che vuò ‘a me? A mme nun me vene nisciuna parola ‘a te dicere.

Carla

E nun fa niente. Significa ca m’ ‘e faccio dicere a chi m’ ‘e ssape dicere.

Luca

( geloso ) E chi è ca t’’e ddice sti pparole?

Carla

E che te ne importa? Tu da me che vuoi, che cucini ed io cucino, che curo la casa ed io la curo, che lavo i panni ed io li lavo. Quanno hè avuto cheste hè avè qualche ata cosa? No! E allora, da oggi in poi, continuerò a fare quello che ho fatto e non ti mancherà niente, ma io ho bisogno di essere l’angelo di qualcuno, di essere desiderata. Lucariè, ho bisogno di contare qualcosa per qualcuno! E allora, statte accorta! ( esce )

Luca

‘E che m’aggia sta accorta? Questa è impazzita, io nun ‘a capisco più!

Enrico

( da fuori ) Questa è impazzita, io nun ‘a capisco cchiù! ( entra ) Ma queste sono cose da pazzi!

Luca

Cosa è successo?

Enrico

E’ asciuta pazza mia moglie! Io pè lle dicere ‘e se sta accorte cu ‘o sale, che lei ha l’abitudine di metterne sempre un poco in più. Se n’ è asciuta ca io nun ‘a chiammo mai stella, che lei potrebbe essere la stella di qualcun’ altro, che guardo ‘o sale e nun guardo a essa, insomma è asciuta pazza.

Luca

Ti ha detto pure ca t’hè sta accorta?

Enrico

Si! Proprio accussì ha ditto.” Statte accorta, ca io posso essere la stella che illumina il cammino di qualcun’ altro.”  ‘A stella! Chella nun è manco ‘na lampadina fulminata vo fa ‘a stalla!

Luca

Errì, queste si sono messe d’accordo.

Enrico

Chi si è messo d’accordo?

Luca

Le nostre mogli. Carla, poco fa mi ha fatto una scartata simile. Lei, invece della stella, mi ha detto che vuole essere l’angelo di qualcuno, ma il succo del discorso era lo stesso.

Enrico

E si, tua moglie fa l’angelo, ‘a mia fa ‘a stella, ce manca ‘o bue e l’asinello e facimm’ ‘o presepio, facimme.

Luca

Errì, tu non hai capito niente! Quelle, (fa il segno delle corna ) il bue ce ‘o vonno fa fa a nuje!

Enrico

Ma che stai dicendo? Carla e Natalia... a noi...Lucariè ma l’he viste bbone?!

Luca

E che significa? Come si dice: “dove c’è gusto non c’è perdenza”

Enrico

No! Là ci sta solo perdenza. Ma chi vuoi che si avvicina a mia moglie? Ha una certa età, quella è tutta carne avariata. Le nostre mogli vanno bene per un tipo che non tocca una donna…( si ricorda ) ti ricordi Renato? Le nostre mogli vanno bene per Renato. Quello ci ha tentato pure con te. Figurati! Se Renato vedesse  Natalia, per esempio, secondo me gli farebbe lo stesso effetto che fa a noi Naomi Campbell e Carla per lui è come Laetizia Casta per noi.  

Luca

Errì, però non esagerare. In fondo stiamo parlando delle nostre mogli, tu l’he ittate ‘int’ ‘a chiavica a tutt’ ‘e ddoie!

Enrico

Ma che vuoi esagerare, bisogna guardare in faccia la realtà.

Luca

( pensa ) Si…però…Errì,  l’amma guardà pè fforza in faccia sta realtà? E’ vero, le nostre mogli non sono, come si dice? Nel fiore della loro giovinezza, ma nuie c’amma guardate bbuone dint’ ‘o specchio?

Enrico

Luca, famme ‘o favore, parla pè te. Io, alla mia età, piaccio ancora.

Luca

( lo guarda da capo a piedi, poi gli da uno strattone ) Errì, famme ‘o piacere!

Enrico

La tua è invidia. Non vuoi ammettere che sono ancora piacente.

Luca

(ironico ) Signore piacente mi faccia il piacere di andarmi a prendere il cacciavite a stella. Mi raccomando, quello a stella che prima nella sua bellezza e ‘nzallanutaggine mi ha mandato quello piatto.

Enrico

Pecchè tu nun avive ditto quello piatto?

Luca

No, avevo detto quello a stella. Ricordati, a stella. Stella come tua moglie che illumina il cammino.

Enrico

Tu sei sempre stato un po’ invidioso di me e adesso con questo tuo atteggiamento, lo stai confermando.

Luca

( sempre ironico ) Si, sono invidioso della tua bellezza. Uh, maronna quanto si bello!

Enrico

( uscendo ) Si, scherza, fai pure, la realtà non si accetta facilmente.

Luca

Va a piglià ‘o cacciavite ca sinò t’accetto io, t’accetto. ( pensando ad Enrico ) E’ piacente! M’ero scurdato: “ Raul Bove”.( fa il gesto delle corna ) Nun se fire ‘e sta allerte, è piacente!( esce )

Renato

( entra con un grosso mazzo di fiori e si nasconde dietro ai pacchi coprendosi il viso con  i fiori )

Carla

( rivolgendosi all’interno ) Mo la prendo la tua biancheria, mo la prendo. (tra se ) E va trova addò sta. ( cerca )

Renato

(c.s.) Pssss!

Carla

( guarda intorno ) Chi è?

Renato

(c.s.) Pssss…pssss!

Carla

(c.s. nota i fiori, sta per avvicinarsi )

Renato

( di scatto sposta i fiori ) Te ttè!

Carla

( un sobbalzo di spavento poi realizza ) Uh! Renato, sei tu?

Renato

E chi vuoi che sia? Sono il tuo umile servo che non riesce a starti lontano.

Carla

( con timore ) Renato mio, di là c’è mio marito, che vuoi far succedere un guaio?

Renato

L’unico guaio che mi possa succedere è costringermi a  starti lontano. Per il mio angelo ho cercato un dono che si avvicinasse alla sua bellezza ed ho trovato questi fiori, che al tuo confronto non sono che sterpaglia.

Carla

Questi fiori sono per me?

Renato

Si, amore! Il loro profumo è un centesimo del tuo, la loro freschezza è un millesimo della tua, la loro bellezza è un miliardesimo della tua.

Carla

( estasiata ) Renato mio, non continuare altrimenti mi fai fare una pazzia.

Renato

E falla! Sii pazza di me come io sono pazzo di te.

Natalia

( da fuori ) Va bene, mo ce lo porto io.

Carla

Questa è la capera, nasconditi.

Renato

( nascondendosi, porta i fiori con se ) Non lasciarmi così. Dammi un bacio per alleviare i dolori dell’attesa.

Carla

( lo bacia ) Ti ho alleviato?  E adesso nasconditi.

Natalia

( entra, ha il cacciavite a stella ) Carla, questo è il cacciavite che voleva tuo marito. Glielo dai tu?

Carla

( prendendolo ) Si, grazie. Adesso glie lo do io.

Luca

( da fuori ) Carla, Enrico ti ha portato il cacciavite?

Carla

Si, me lo ha portato, adesso, Natalia.

Luca

(c.s.) Me lo porti di qua, per favore?

Carla

( non sa cosa fare, non vorrebbe andarsene per paura che Natalia possa scoprire Renato e allora tentenna ) Devo andare a portare il cacciavite a Luca.

Natalia

E vai.

Carla

(c.s.) Allora vado?

Natalia

E che aspetti? Vai.

Carla

(c.s.) Tu resti qui?

Natalia

No, adesso me ne vado. Tu, intanto, va, va pure.

Carla

( a malincuore esce ) Allora io vado.

Natalia

( pensando all’atteggiamento di Carla si avvia all’uscita )

Renato

(c.s.) Pssss!

Natalia

( guarda intorno ) Chi è?

Renato

(c.s.) Pssss…pssss!

Natalia

(c.s. nota i fiori, sta per avvicinarsi )

Renato

( di scatto sposta i fiori ) Te ttè!

Natalia

( un sobbalzo di spavento poi realizza ) Uh! Renato, sei tu?

Renato

E chi vuoi che sia? Sono il tuo umile servo che non riesce a starti lontano.

Natalia

( con timore ) Renato mio, di là c’è mio marito, che vuoi far succedere un guaio?

Renato

L’unico guaio che mi possa succedere è costringermi a  starti lontano. Per la mia stella ho cercato un dono che si avvicinasse alla suo fulgore ed ho trovato questi fiori, che al tuo confronto non sono che sterpaglia.

Natalia

Questi fiori sono per me?

Renato

Si, amore! Il loro profumo è un centesimo del tuo, la loro freschezza è un millesimo della tua, la loro bellezza è un miliardesimo della tua.

Natalia

( estasiata ) Renato mio, non continuare altrimenti mi fai fare una pazzia.

Renato

E falla! Sii pazza di me come io sono pazzo di te.

Carla

( da fuori ) Mannaggia ‘a biancheria e chi l’ ha inventata! Mo t’ ‘a piglio!

Natalia

Questa è Carla, nasconditi.

Renato

( nascondendosi, ) Non lasciarmi così. Dammi un bacio per alleviare i dolori dell’attesa.

Natalia

( lo bacia e le restano i fiori in mano) Fatti “lleviare “ i dolori. Adesso nasconditi.

Carla

( entra ) Tu stai ancora…( nota i fiori, con intenzione ) Che bei fiori, chi te li ha dati?

Natalia

( evasiva ) Me li ha portati Enrico.

Carla

(c.s.) Te li ha regalati tuo marito? Che fortunata che sei. Luca, invece, a me non mi regala mai niente.

Natalia

(c.s.) Adesso è meglio che li vado a mettere in un vaso con l’acqua, altrimenti, subito appassiscono.

Carla

( c.s.) E si, è un peccato. Fai una cosa Natalì, per fare prima, mo li mettiamo in questo vaso qui ( prende un vaso tra le scatole ), altrimenti va a finire che nel frattempo che vai di là, questi poveri fiori si ammosciano.

Natalia

Carla, io sto ‘e casa ‘e fronte, mica a Parigi.

Carla

( con intenzione ancora più marcata ) Sai Natalì, veramente questi fiori hanno qualcosa di familiare. Fall’ ‘e sta cca sti fiori siente a me!

Enrico

( entra ) Natalì, ho spento sotto il sugo! ( nota i fiori ) Che bei fiori! Di chi sono?

Natalia

( guarda Carla, poi velocemente le dà i fiori ) Sono suoi!

Carla

Te si decisa finalmente!

Ida

( entra ) Buongiorno. Scusate se insisto. E’ passato mio fratello?

Luca

( entra ) Finalmente, abbiamo finito! ( nota i fiori ) Che bei fiori! Di chi sono?

Carla

( guarda Natalia, poi Ida e velocemente le da i fiori ) Sono suoi!

Ida

( meravigliata ) Grazie! Ma…

Carla

( la interrompe per non farla parlare ) So bell’ ‘e fiore eh? So bell’ ‘e fiore, è vero?

Ida

Si bellissimi. Ma io volevo solo…

Carla

(c.s.) Signora mia bella, ma vuje che vulite? Tenite chistu mazz’ ‘e fiore mmano e parlate pure? Stateve zitta!

Renato

( non visto, nota Luca e con enfasi ) Gelsomina!!

Luca

( si trova di spalle a Renato, si blocca, sgrana gli occhi e lentamente si gira) Renatuccio mio!

Carla

( meravigliata ) Come, voi vi conoscete?

Renato

In verticale molto bene e stavamo lì lì per conoscerci pure in orizzontale, ma il fato non volle.

Ida

Renato! Io lo sapevo, sei corso subito da me, non puoi fare a meno della tua sorellina. ( lo abbraccia )

Natalia

Renato è vostro fratello?

Renato

Certamente! Ida è mia sorella, pecchè qualcosa!? Vuò vedè ca nun se po’ essere nemmeno cchiù fratelli e sorelle! Ma vui fusseve pazza!?

Enrico

Renatuccio,  sei scappato di nuovo dal manicomio?

Renato

( furioso caccia la pistola ) Chi ha ritto “ manicomio”? Chi ha ritto “manicomio”? (tutti, tranne Luca, Enrico ed Ida, spaventati si nascondono )

Ida

Renato, smettila, calmati, adesso basta! ( Renato si calma e si avvicina alla sorella ) Non temete, questa pistola è finta. Naturalmente, penso sia inutile spiegarvi. Renato è…così, vedete? Io ho cercato, fino a che è stato possibile, di tenerlo nascosto, ma poi è scappato dalla clinica e non riuscivamo più a trovarlo. Il dottore mi avvisò e mi disse che sicuramente sarebbe venuto da me, ma io avevo cambiato casa e lui non lo sapeva, perciò lo cercavo qui. Ma adesso chiamo il dottore, dovrebbe stare giù (esce dal balcone e fa cenno di salire, rientrando ) Il dottore sta salendo.

Renato

( a Luca ) Gelsomina, te lo ricordi il ballo del qua qua?

Luca

E chi s’ ‘o scorda!

Renato

( a Carla ) Angelica, questo è l’unico nome che rende giustizia alla tua bellezza. Non temere, io ritornerò e fuggiremo insieme.

Carla

( delusa, ma rassegnata ) Fuggiremo? Renà, fa ‘na cosa, fuje sule tu, io tengo artrosi, nun pozzo fuì.

Renato

(a Natalia ) Allora tu, Stella, luce rischiaratrice del mio cammino, fuggirai tu con me?

Natalia

( come Carla ) Renà, cu’ tutt’ ‘o core, ma tengo ‘e dulure articolare, nun pozzo fuì neanche io.

Renato

( deluso ) Ma allora io cu’ chi fuje?

Dottore

( entra ) Con me! Renato, vieni qui, fuggiamo insieme.

Renato

Dottore bello! Io vi stavo aspettando. Ma quanto tempo c’avete messo? E gli infermieri dove stanno?

Dottore

Stanno giù, dai vieni con me, andiamo da loro. ( nota Luca ed Enrico ) Ma noi ci siamo gia visti da qualche parte?

Luca

( accenna qualche passo del ballo del qua qua ) Questo è il ballo del qua qua…

Dottore

( ricorda ) Già, qualche mese fa! Ma voi non abitate nei pressi della clinica?

Luca

Abitavo. Poi dopo quel sabato, lì non riuscivo più a stare tranquillo e ho fittato questo appartamento. Questo è il primo giorno e Renato che, a quanto pare, è il fratello della signora che abitava qui prima di me, cercando la sorella ha trovato un’altra volta me.

Renato

Gelsomina mia, è il destino, il fato che unisce le nostre strade.

Luca

Renatuccio mio, è quella zoza del mio destino che per forza ti vuole mettere sulla mia strada.

Ida

( prendendo Renato per mano, come un bambino ) Fratellino mio, adesso andiamo dai, togliamo il disturbo.

Dottore

( uscendo ) Arrive… ( si blocca, poi ) Speriamo, a mai più!

Luca

Speriamo!

Renato

E quando scendiamo giù me lo compri il lecca lecca?

Ida

( uscendo ) Certo che te lo compro. Se fai il bravo, te lo compro ( escono )

Luca

( a Carla ) Carla, poi ti spiego tutto. (innamorato, la guarda) Angelica eh!? E brava! ( dopo una lunga pausa di riflessione ) Scusami. Perdonami. Uno nella vita ha bisogno di sentirsi l’angelo di qualcuno. Hai ragione. Vuoi essere il mio angelo?

Carla

( meravigliata e commossa gli va incontro e l’abbraccia)

Enrico

( guarda i due poi si rivolge a Natalia ) E tu vuoi essere la mia stella? Illuminami la strada, che ‘a vicchiaia m’ ha pigliato pure l’uocchie.

Natalia

( come Carla )

 Ne risulta un quadretto romanticissimo.

Elisa

( entra e meravigliata assiste allo spettacolo, fa dei gesti verso l’interno per chiamare il fratello )

Mario

( accorre ed insieme alla sorella fanno il motivo di Love Story )

SIPARIO

FINE

Il primo atto è del settembre1998 e il secondo di maggio 1999.

Luciano Medusa

    Questo copione è stato visto
  • 2 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 6 volte nell' ultimo mese
  • 10 volte nell' arco di un'anno