Amara a cu ci capita

Stampa questo copione

CALZOLAIO

Tonnarella, 29, Novembre 2007

AMARA A CU CI CAPITA

Commedia brillante in due atti di: Rocco Chinnici

           

Briosa commedia in tre atti, ambientata ad anni or sono (anni settanta), e che vede coinvolti personaggi di varie tinte: Melo, uno dei pochi calzolai rimasti a Belmonte Mezzagno e che abita nel baglio di quel piccolo paese. Reduce di una brutta esperienza con la sua ex moglie Caterina, la quale, molto attraente, approfittando di queste sue bellezze regalatele da madre natura, decide di lasciarsi andare in una lunga storia d’amore col compare Rosario. Melo, uomo molto caritatevole, riesce a perdonarla. Lei, molto caparbia, e giacché si definiva donna “pia e devota”, contrariamente a quanto le diceva il marito per questa sua insistenza alla preghiera, continua ad uscire di casa per recarsi a Messa… diceva; e, anziché incontrare l’acqua santa finì che spesso incontrava qualche “diavolo”. Batti oggi e batti domani, successe che il marito scoprì la vera ragione di quelle continue “pie” uscite della moglie; s’infuriò tanto che stavolta non volle sentir ragione e la mandò via di casa. Poverino, rimasto solo, decide di risposarsi; pensò stavolta, scottato della brutta esperienza con l’attraente e seducente moglie, di risposarsi con la donna più brutta del paese, Lucia, per stare tranquillo e poter continuare a vivere felice il resto della sua vita. Si dice che: al “pro”, c’è sempre il “contro”, e… quando il diavolo va anche a mettergli la coda…  

(Tutto si svolge in un cortile dove  all’interno, mastro Melo  svolge la sua attività di calzolaio)

PERSONAGGI:

         Mastru  Melu                          scarparu          (anni 40)

            Lucia                                      moglie             (anni 35)

            Costanza                                suocera            (anni 65)

Carmela                                  vicina              (anni 35)

            Anciluzzu                               scemo              (anni 30)

            Zingara                                                           (anni 30)

            Agnese                                                           (anni 20)        

            Notaio                                                            (anni 50)                                

            Padre Liborio             parroco del paese        (anni 40)

            Tiniddu                                  sacrestano       (anni 60)

MELU

(Entra con due lumini accesi che va a posare accanto al quadro di San Giuseppe appeso alla parete accanto la porta) . San Cisippuzzu, u viditi? Sulu ju vi penzu ‘nta stu bagghiu di zaurri. Sulu ju vi fazzu ‘n anticchiedda di lustru. Nun vu scurdati quannu ‘nchianu a truvarivi. (Fa il segno della croce e si avvia borbottando a riprendere lavoro al suo banchetto)  Mah, spiramu ca su ricorda chiddu ca ci dicu. (Si siede ed inizia a lavorare cantando col motivo del barbiere di Siviglia) Oh come son contento di questo gran momento, che la mia mugliera parte… e se ne va, e se ne va e se ne va! Sono un calzolaio, senza più guai, di questa qua, di questa qua, di questa qua!

CARMELA

(L’unica vicina abitante in quel baglio; stanca di sentirlo cantare, affaccia rimproverandolo) Mastru Melu, ma dicu ju, chistu versu èni? Nun putiti ‘nvintarivi ‘n’autra cosa ‘nveci di jittari sti gran vuci? Comu vi l’haju a diri can ‘un si reggi propriu quannu ‘ncuminciati a cantari… dicemu cantari. Pari chi ‘mbanniassivu frutta e virdura!

MELU

(Ironico) E ci scummettu ca vi ccattassivu du banani.

CARMELA

Vinniticilli a vostra soru, gran pezzu di porcu ca siti! Ma comu vi supporta dda bona fimmina di vostra mugghieri; a mia aviavu di truvari, gran pezzu di trunzu di brocculu.!

MELU

Ora dicu ju, ca chistu versu eni? Chisti maneri sunnu? Oh, unu è privu di japriri a bucca in quisto baglio ca già ‘ncumincia lu spittaculu! Ma mai vi sciucanu li canarini? Mai vi pigghia una urcira ‘nta ssa lingua bifurcuta? Mai vi ricogghi lu signuruzzu?

CARMELA

Spirami a Diu ca un tronu v’avissi di cadiri propria sutta su banchittu, e un furmini v’avissi a siccari lu ciriveddu, grandissimu bastasuni ca siti! (Se ne rientra).

MELU

La lingua, la lingua, spiramu v’avissi a cadiri! Ma poi, dicu ju, du famigghi semu ‘nta stu bagghiu; nun putiva attruvari ‘na vicina senza sarvaggiumi? No! giustu a idda; e menu mali ca mi amava, (ironico) Melu, Miluzzu! mi vuleva beni… idda dici! E che fari nun è cantari cchiù? No no no no no! Ju cantu, voli diri ca (rivolgendosi alla vicina) vi mittiti li tappi ‘nta ricchi!

LUCIA

(Brutta come la peste. Entra in camicia da notte, e porta a Melo un caffè. Ha in testa dei bigodini e parlerà, col marito, sdolcinata). Melu? Miluzzeddu?

MELU

Ah, idda cà eni! Sintemu chi voli st’autra. (Si gira a guardarla e si spaventa) Corpu di sangu! ma comu si cumminata? (Tra se) matri ch’è ladia!

LUCIA

Chi è ti scantasti? Nun ti piaciu accussì? (Pausa) E ancora chi spettu!

MELU

Chi spetti? E a cui?

LUCIA

(Con tenerezza) Comu a cui? a tia!

MELU

A mia? E… successu quarchi cosa?

LUCIA

(Alludendo ad un eventuale amoreggiamento) Si nun ‘nchianasti, c’havia di succediri.

MELU

(Pensa un po’) Ah, tu ‘ntenni diri di fari… (alludendo anch’egli)  friffiti, friffiti?

LUCIA

(Sempre sdolcinata) Ca certu! Allura chi?

MELU

E ‘nsisti! Allura nun l’ha caputu propriu! Ma quantu voti ti lìhaju a diri ca a guardariti… mi ‘mprissionu, … m’affriggiu!

LUCIA

(Piagnucolosa) Cussì ladia sugnu?

MELU

No!!! L’hai prisenti ‘na cambiali? Eccu, cchiù brutta di ‘na cambiali scaduta!

LUCIA

Ma ci vidi bonu, mariteddu miu? E nun mi vulisti tu così? Me matri dici sempri ca sugnu ‘na pupa di cera.

MELU

‘Na pupa a cera si! Cerca di stari all’umbra, ca ‘o suli squagghi.

LUCIA

E comu! Quannu mi maritasti, dicevi…

MELU

Senti, nun japremu stu riggistru. E poi… dicu ju, chisti discursi di fari a prima matina sunnu? Nun nni putemu parrari pir sira?

LUCIA

E va beni. Teni, ti purtavu lu café.

MELU

Già mi sono pigghiato l’apiritivo.

LUCIA

Allura, sta sira… friffiti, friffiti?

MELU

Sempri truvannu n’accordu… ‘na soluzioni…

LUCIA

E quali, quali sarìa sta soluzioni di truvari? ‘nun mu poi diri ora?

MELU

Ora, propriu… ora? (Lei annuisce)  e allura, si propriu ci teni, te lo spiego subito; accussì servi ca ‘ncuminci a priparari l’attrezzu… l’oggettu, ‘nzumma, che mi ostruirà la ‘mprissiuniti e mi pirmetterà quindi di putiriti ‘mbrazzari e fari…

LUCIA

(Sdolcinata) Friffiti, friffiti?

MELU

Ah, ma vju ca sini cuntenta.

LUCIA

Miluzzu, ju pi fari… capisti? facissi quarsiasi cosa, puru chidda di vestirimi sechìssi.

MELU

Sechìssi, si; tu mancu si ti vesti sechìsti… tu hai sulu di cuciri un beddu saccuneddu… di lana, di lona, o di linu…

LUCIA

Chi cosa? Un saccuneddu? E… a chi servi?

MELU

Ancora! Ma a la mia ‘mrissiuniti!

LUCIA

A chi cosa?

MELU

Senti, voi c’avemu di fari… comu dici tu? E allura avemu di truvari lu rimeddiu, la soluzioni pi quantu, guardannuti, nun mi affriggio, nun mi ‘mprissionu, e putiri fari… capisti, o ancora no?

LUCIA

Ah, si,si, si, capivu! U sai chi già ci l’haju un saccuneddu comu dici tu, eni di chiddu di juta ca me patri ci tinìa li linticchi. Voli diri ca ogni vota, prima ca… avemu di fari friffiti friffiti, ti lu ‘nfili ‘ntesta quantu nun mi vidi, e putemu…

MELU

Brava! Hai ‘ndovinatu; sulu ca ‘ntesta ti lu ‘nfilerai tu.

LUCIA

Ju? E ju comu fazzu a sapiri quannu avemu di fari…

MELU

Ma ti lo spiego subitu. Io, sugnu cca a travagghiari; metti ca mi veni lu ddisìu… lu disideriu di lu amoriggiamento… (fa col muso segno di innamoramento) pigghiu lu marteddu e battu du corpa… accussì, guarda (batte il martello sulla forma di ferro) sulla forma di ferro; tu, sintennu li du corpa, ti pripari: ti stinnicchi ‘nto lettu e ti ‘nfili di cursa u saccuneddu; nel mentre ‘ntraso ju e… capisti, ora?

LUCIA

Allura ju… comu sentu battiri…

MELU

Du corpa, lu marteddu…

LUCIA

Mi snudu, mi stinnicchio sul letto, mi ‘nfilo u saccuneddu, arrivi tu, e… (preoccupata) E senti ‘n’autra cosa, si lu marteddu nun si senti? …Nun putemu fari la prova, ora, di cursa?

ANCILUZZU VFS

(Si sente la voce di Angelo, lo scemo del paese. Parlerà pronunziando alcune lettere sbagliate, tipica pronunzia di chi ha questo handicap) Mattu (mastru) Melu! Oh, Mattu Melu!

MELU

Senti? Moviti, moviti, curri! (Lucia esce) Ma Cu mi porta! A curpa di dda gran tappinàra da prima mugghieri è, ca la biddizza a fici stricari cu cu eni eni. A vosi una brutta ca nun mi dava di sti prublemi, e allura di chi mi lamentu! A vosi a bricichetta e allura è pidalari! (ed entra Angelo. Sarà vestito: scarpe da tenis basse con calzettoni di colori diversi ; una sarà abbassata. Pantaloni corti e goffi, un berretto non alla moda, messo all’incotraria. Ogni tanto infilerà le dita al naso e farà qualche palloncino con la cewingum, ecc. ecc.).

ANCILUZZU

Talutamu, mattu (mastru) Melu.

MELU

Ah, tu si, Anciluzzu. ma… senti ‘na cosa, non mi po’ chiamari zù Melu, zù! lu prifirisci megghiu, capisti?

ANCILUZZU

Chi diti! Vottìa è mattu!

MELU

Eccu, lu vidi, dovi sta l’errori’, chi tu, mastru lu dici a versu to, e sinu a quannu ‘un c’è nuddu, è un cuntu; ma si ci sunnu crienti… mi capisci?

ANCILUZZU

Ah… E ti allura ju futti puru mattu comu a vottia, e mi ditittiru puru mattu, ju ti fatitti mi tiddiatti? Ju nun è chi tugnu mattu pi veru; vottìa è veru mattu.

MELU

(Più confuso che persuaso) Facemunni a cruci cu a manu manca (sinistra) Senti hai veramenti raggiuni; ora mu dici chi voi e chi va facennu?

ANCILUZZU

(Va cercando in giro) Ttu Melu… è bonu accutti?

MELU

Bonissimu! Ah, ma vju che apprendi di cursa! Ora mu voi diri chi c’è, e a cu cerchi, Anciluzzu?

ANCILUZZU

Un tè? Nuddu ha vinùtu? Chi tattu (sacciu)… ‘na fimmina… ttana (strana)?

MELU

(Che non ha capito bene) Dicu… ttana voli diri sulu ttana; nun è… chi ti manciasti quarchi parola?

ANCILUZZU

Tta matìna, vottia mi pari un poco ttruito (struito)…

MELU

E, no caru Anciluzzu; propria stamattina vaju bonu di corpu.

ANCILUZZU

Ti è, ti fa u ttittùtu? (schirzusu). Tti ritti, pima, pima ti vinni ‘na fimmina ttana… curiuta, mancu?

MELU

Ah, strana… curiusa? nenti di menu! E… havia forsi di giustari scarpi? O puru…

ANCILUZZU

No nenti, nenti; fotti, fotti mi bagghiu. (Melo è confuso) Ju vinni u tapi pricchì?

MELU

Si, si, forsi è megghiu chi parramu di chissu.

ANCILUZZU

Diti me mati… (matri)

MELU

Sintemu chi dici to matri.

ANCILUZZU

Mu ‘ntigna (‘nsigna) a cuntari i ccappi (scarpi)?

MELU

A cuntari…? Ma chì… propriu oggi?

ANCILUZZU

Ti, ti!

MELU

E va beni, si vidi ca è propria la jurnàta allura.

ACILUZZU

Chi diti?

MELU

Nenti, nenti; ssettati! (Angelo si siede) E allura, senti: (comincia a contare le scarpe) una, (ne prende un’altra) dui, (ancora un’altra), tri, (ancora un’altra), quattro. (Angelo continua a guardare meravigliato), cinqu…

ANCILUZZU

Mattu (mastru) Melu, ti pari ca tugnu ttimunitu (scimunitu)? Ju, ditìa cuntari, no cuntari!

MELU

(Confuso) Ah, ju avia caputu ‘nveci cuntari. Quindi, riepilogamu…

ANCILUZZU

Chi cota? Pilotamu?

MELU

(Rabbia contenuta) Se, se, navigamu! Senti, ma to matri, a oj chiffari nun ‘nn’avia a purtariti cu idda?

ANCILUZZU

Allura ‘un mi ‘ntigni cchiu? (Comincia a piangere e affaccia la vicina).

CARMELA

Ih, e c’avemu di fari a oj? Nun ci bastavavu vui? (Ad Angelo) E tu ‘n’avutru chi ci chianci? Pezzu di ‘ncannistràtu ca si?

MELU

Sintiti, grandissima pecura strippa, ‘ntrasitivinni di cursa, avanti ca vi lassu andari sta furma di supra. Ma viditi chi sorti di tappinara! Bellu amuri chi m’havia… idda dici, e menu mali chi nun mi misi cu idda! ‘Nta stu bagghiu, nun si po’ cchiù: ne cantari, ne chianciri… divintò lu bagghiu della clausura. (Carmela se ne rientra borbottando). Veni cca, veni Anciluzzu, ca ti ‘nsignu. (Angelo ritorna a sedersi e Melu ricomincia a contare le scarpe sotto la meraviglia di Angelo). Una, dui, tri, quattru…

ANCILUZZU

Vottia mi pigghia pi pitta. Ju ditia cuntari… cuntari comu… tantari  (chiantari) ciova (chiova), tantari cu matteddu! Capiu?

MELU

Ah, cantari cu marteddu! Accussi? (Inizia a cantare col martello in mano) La donna è mobile, sul letto stava…

ANCILUZZU

Vottia è veru “mattu”, mattu Melu! Io ditìa cantari accuttì (prende il martello e, facendo il verso anch’egli “della donna immobile” batte due colpi sulla forma). U tapiu?

MELU

Ah, accussì? La donne è mobile… (Ribatte due colpi. Lucia capisce che…)

V.F.S. LUCIA

U ‘ntisi, u ‘ntisi. Poi venire Meluccio!

MELU

‘Nchia! E ora?

ANCILUZZU

E tu è, to mugghieri?

MELU

(Confuso) Senti chi facemu, Anciluzzu, ssettati ccà e pulizziami sti scarpi, ca a mumentu avissi di veniri a patruna a ritirarisilli; ca ju ora scinnu, va beni? Nun mi veniri d’appressu! E nun ti moviri di cca!

ANCILUZZU

Va beni, va beni! (Melu esce, e Angelo comincia a pulire il paio di scarpe assegnatogli). Ta (sa) di cu tunnu tti ccappi? E ti (chi) pumata tti mettu pi pulittialli? (Cerca un po’, non trova niente, e comincia a sputare sulle scarpe e passargli la pezza). Accuttì! Beddi lutiti, lutiti (lucidi) venono. (Di sopra, dove i due amoreggiano si sentono arrivare rumori e qualche gemito). E ti tuttetti (successi) tupa? Ti acchianu… e videmu? (Sta per avviarsi e si ferma). Iddu diti ‘un ti moviri di cca… fotti è megghiu chi finittiu ri pulittiari i ccappi (scarpi), prima ca veni a patùna (patruna). (Riprende a pulire; mentre entra Melu; ha i capelli tesi, mal vestito, sudato…). Minta! Ti fù, i terremoto? Ti tti tuttetti, mattu (mastru) Melu? Chi fiti ‘na lotta e pigghià ‘na ‘ntaccata ri battunàti?

MELU

Avutru chi lotta!

ANCILUZZU

E ti, allura? Tioc (shock) alafilatico?

MELU

(Non capisce) ‘Nfilatico? (fraintendendo) Si, si, eh, autru chi ‘nfilatico! Mi sentu comu… l’ha prisenti quannu si scotola ‘na pezza, o si strinci un cannavazzu? Eccu, ju ‘un capivu bonu si era a pezza o u cannavazzu. Bih, bih, bih, bih, bih! (Preoccupato) Senti… chi nun ti vinissi ‘n testa cchiù di tuccari lu marteddu!

ANCILUZZU

(Meravigliato) U matteddu? Ah, pittì (picchì)… to muggheri, comu tenti coppa di matteddu… è tignu ta a jiri tupa a pattari u cannavattu e ccutulàri a petta?

MELU

Macari fussi sulu chissu?

ANCILUZZU

Ah, di cchiù, di cchiù?

MELU

Di cchiuuni!

ANCILUZZU

Allura u ta chi fatemi (facemu), ca a pottima (prossima) vota, tomu batti u matteddu e idda tama (chiama), t’acchianu ju tupa.

MELU

No!!! Ma quando mai! Non ti arrisicare!

ANCILUZZU

A vottia tti pari can nun tugnu (sugnu) capati? (capaci).

MELU

No, no! Tu si sicuramenti capaci…. (ironico) di passari u cannavazzu…

ANCILUZZU

E puru chiddu di ccutulàri (scutulàri) a petta. E poi, mattu Melu, ju non diventu accuttì, comu a vottia, ch’eni tuttu… chi pari ‘na timia (scimia) ‘mbriaca, e un capitti cchiù nenti; ju retto (resto o rimango) lutito (lucido) lutito… frecco frecco, va! U tapiu? (Arriva la proprietaria delle scarpe, una bella ragazza).

AGNESE

Buon giorno, mastro Melo! Ma, ditemi, Melo vuol dire Carmelo?

MELU

Così dicinu, signurina.

AGNESE

Io sono venuta per  le scarpe, son pronte?

ANCILUZZU

(Ad Agnese, contento) Lo tai, le ho contate io.

AGNESE

(Non capisce) Eh!

MELU

No, niente, signorina Agnese, isso dici ca li ha contati… nel senso di consàre… li ha consàti lui. Eccu, si!

ANCILUZZU

No, contate, ma… tantate (prende il martello e fa per battere), tantate cotì!

MELU

(Lo ferma velocemente) Ooo!!! Nun t’arrisicari sai! Comu ristamu? (Ad Agnese) Nenti signorina… cu stu cuntati e cantati, stamattina si curri u rischiu di… passari spissu… u cannavazzu! e siccome… (Agnese non capisce) No capìu?

AGNESE

Anche voi, mastro Melo, non è che… Dovreste fare un bel corso ed impare la dizione.

MELU

Eh no! Si ce lo devo dire comu l’haiu nella bucca dello stomaco, la matematica no è mai stata lo mio forte; ju li cunta i fazzu a la femminili.

AGNESE

(Che non capisce) A la femmi…ché? Io intendevo dire dizione nel senzo d’imparare la pronunzia, una dizione teatrale insomma. (Si rivolge ad Angelo) Di, tu hai capito il concetto?

ANCILUZZU

Ti, ti! E’ come quanno ti tente tuonare (suonare) la mutica, e…

AGNESE

(Meravigliata) Tuonare?

ANCILUZZU

Vottìa dite i contetto!

AGNESE

Ditemi, mastro Melo, non è che voi due, state… diciamo… giocandovi di me?

ANCILUZZU

(Non capisce e chiede a Melo)  Chi ditti?

MELU

Nenti, capìu ca nni stamu jucannu a idda.

ANCILUZZU

(Contento) Veru? Nni ttamu jucannu a idda?  Minta! Macari a vintitti (vincissi) io! Batta dommire (dormire).

AGNESE

Oh, no! Sembra di trovarmi in mezzo agli indigeni. Mi consegnate le scarpe che ho tanto di quel da fare; mentre qui…

MELU

(Le prende e gliele porge) Ecculi cca, signurina, chi è vi ssartaru i diavuli?

 

AGNESE

(Le prende) Grazie; poi passa mamma a pagarle (esce).

MELU

E si nni ju; o solitu, sempri cridenza! E cu chista rischiu puru u tappu.

ANCILUZZU

E ti è! Ti nni ju? E un vintu (vinciu) ttu (cchiù)?

MELU

Pi sta vota pacenzia, po’ essiri ca a po’ vinci a prossima vota. Senti chi facemu, Anciluzzu, tu spetta e cuntinua a cuntari i scarpi…

ANCILUZZU

No, cuntari! Cun-ta-ri! U capitti?

MELU

Si, si va beh, comu dici tu; ca ju ora vegnu, arrivu a casa d’a signurina, unni so mamma, a farimi dari i sordi, vasinnò chistu è pi davveru tappu! U capisti? Nun mi paga cchiù va! E… mi raccumannu, nun ti moviri pi nudda cosa di cca.

ANCILUZZU

E ti, ti! (Melo esce) Mi ripeti tentu (centu) voti i toti; ma tomé! Ora tontu i ttappi (scarpi). (Durante la riparazione delle scarpe, canta, canta e si accompagna come ritornello con due scanditi colpi di martello). Ti maritau Rota, Taridda e Pippineedda, e ju ta tugnu bedda mi vogghiu marità  (e batte due colpi di martello sulla forma di ferro)…

 

LUCIA V.F.S.

(Meravigliata) Arrreri? Ah, ma allura funziona pi davveru lu saccucceddu! (Angelo, si ferma stupito).

ANCILUZZU

Chi ditti? (nessuno risponde, riprende a cantare) Ah quantu beddi giuvini, pattanu (passanu) pi tta tata (strata), nuddu di ‘na guaddata (guardata) degna la cata mia…

VICINA V.F.S.

‘Nna li cannarozza!

ANCILUZZU

(Non capisce) Tomu?

VICINAV.F.S.

Vicinu Milanu!

ANCILUZZU

Boh! (Riprende a cantare) E ju ‘nta peni e lacrimi… dittruggiu la me vita, mi vogghiu fari ttita, mi vogghiu marità! (ribatte i due colpi di martello)…

LUCIA

E canta ancora! Chiana, chiana ca ‘ntisi; a tia spettu!

ANCILUZZU

E tu è titta, ta diti ttana (chiana)?, a mugghieri ri mattu Melu? (Pensa un po’) Ah, fotti ‘ntiti u matteddu e… havi a finiri di pattari u cannavattu? Ti vaju? (Si avvia. Pensa un po’) ora tti vaju e poi ttu (ciù) ritu (ricu) a mattu Melu ca tta vota u pattavu ju u cannavattu (si avvia guardingo, ma appena salito sopra ridiscende sbalordito stropicciandosi gli occhi). Tignuruttu beddu! Ti vitti?  Ma… ti fu un miraddu (miraggiu)?

LUCIA V.F.S.

Veni, ti nni jisti?

ANCILUZZU

A mia riti! E ti fattu ora, tti vaju? Ora tti vaju ttittu (zittu) ttittu. (E si avvia piano piano e senza aprire bocca. Si sentiranno, a soggetto fremiti, rumori, respiri affannosi. Dopo un po’ si rivedrà apparire Angelino distrutto: capelli malconci e tesi, pantaloni rimessi all’incontrario, camicia di fuori e strappata…) Marooonna!, ‘un nni tapivu nenti ri ‘ntoccu tuttetti; mi tentu attiloccato (sciroccato). (Entra Vincenzo che lo guarda meravigliato). Allura u matteddu… voli tiri… (diri) Aaah! E jiddu, diti… (Alludendo a Melo e ironico) U tannavattu… a petta (a pezza)… Poccellone! (porcello).

MELU

(Meravigliato) Chi è, chi fu Anciluzzu? Ma comu si cumminàtu? (guardandogli i pantaloni rigirati) E… i cavusi? comu mai l’ha girati di dintra e di fora? (Vorrebbe capire se…) Ma dimmi ‘na cosa, nun è ca… (indicando sopra da sua moglie)

ANCILUZZU

No, nenti accuttì; quale topa (sopra) e topa! (cercando di inventarsi una scusa) tti fattu pigghiari ‘n’anticchia di aria… attuttì (accussì) io tò (sto) più frecco! (cercando di togliersi dall’imbarazzo) U tapi (sapi) ti fattu (fazzu), vottìa (vossìa) vinni e ju vaju; tau, tau! (ciau) (esce).

MELU

Mischinu, stu criaturi mi fa propria ‘na pena; chi ‘nn’havi da vita? Nenti!, onestu… unni u metti, metti sta; si ci dici di ‘un si moviri, nun si movi mancu si cadinu li bummi; mancu havi lu piaceri d’andari cu ‘na fimmina… ‘nzumma, Anciluzzu di nomu e Anciluzzzu di fattu. (Si siede per ricominciare a lavorare) Rimittemunni a travagghiari. (Prende dalla tasca i soldi che ha riscosso delle scarpe) Prima di tuttu, sti picciuli li sarvu ‘n funnu, ‘n funnu lu casciuni, quantu la mia mogliera nun li trova; e ora nni putemu mettiri a travagghiari… di cantari, nu si (gridandoglielo alla vicina) ‘’nn’havi mancu a parrari! (Entra Lucia tutta agghindata: cappellino, vestita elegante con tendenze fuori moda, valige e pacchi, pronta a partire.)

LUCIA

(Sdolcinata) Melu! Miluzzu! Bambulottinu miu!

MELU

Ah, idda cca eni. (Lucia gli si mette accanto senza farsene accorgere; lui poi la vede e si spaventa). Corpu di sangu, l’ha finiri di prisintariti d’accussì! un motu mi facisti pigghiari! Ca chista manéra di trasiri eni? Attrovacci u còri unni l’haju rivatu!

LUCIA

U cori, si! Dopu chiddu c’ha cumminatu! Tu, u cori, sicuramenti ci l’hai d’acciaiu, avutru chi storii! E comu eri ginnicu! E poi… ddu marteddu… sempri a battiri, a battiri (Melo guarda meravigliato); comu fai, comu fai? Chi dici, battu ju du corpa e ‘nchianamu ‘n’autra vota? Si dici nun c’è dui senza tri. (Melo rimane sbalordito).

MELU

Comu… comu? Ma chi senti diri? Dui, tri! (adirato. Poi riflette e si avvia sotto il quadro di san Giuseppe appeso alla parete) San Ciuseppi, ma chi ‘ncuminciamu d’accapu? Dicitimi ‘na cosa nun è ca antura, Anciluzzu… (Attende che il santo gli risponda) Chi è nun rispunniti? Ah no! e allura u sapiti chi fazzu? (spegne i lumini) Accussì! Stutu li lumini e vi mettu puru ‘ncastigu! (Gira il quadro)  E nun vi muviti di così sinu ca ‘un scopru la virità? (Lucia lo guarda stupita).

LUCIA

Ma chi’ncuminciasti a dari i nummari, ora? Mettiri lu santu ‘ncastigu!

MELU

(Adirato e sospettoso) Senti, forsi vulivi diri dui… nel senzu di du corpa?

LUCIA

E si, si, du botti, du botti, si! ‘un t’arrabbiari! Chi è, ti vriogni? Chi forsi voi diri chi ho preteso troppo?

MELU

Senti, ma chi ti pari ca sugnu… ora ci voli, veramenti d’acciaju?

LUCIA

E menu mali! E si eri pi ddavveru d’acciaiu, allura?

MELU

(Confuso) Senti, ma non dovevi andari da tua matre? A cu spetti?

LUCIA

Ma chi senti diri, ca ora, dopu c’ha fattu ‘nchiana e scinni, e ti jinchisti la vozza, si cuntentu di sbarazzariti di mia? Ju unni me mamma vaju. (Tono pietoso) Puuredda, havi di bisognu… sta mali; chi nun c’è ghiri?

MELU

(Ironico) Ma quando mai! Vai, stoccati li jammi…

LUCIA

(Pietosa) Chi dici? Chissu mi aguri?

MELU

Non sia mai sempre! Ju ‘ntennu diri ca pi ‘na matri, ricca comu a tua, ca li picciuli nun sapi chiù unni mettili… e spiramu lu santissimu patriarca, ci divintassinu tutti pidocchi, bisogna… curriri, fuiri senza guardari piriculu… eccu, si! Chistu vuliva diri rumpiriti li jammi.

LUCIA

E’ a ‘nvidia chi ti fa diri certi cosi. Ju… nun lu sai chi sugnu figghia unica, e li beni di me matri, prima o ddopu, toccanu a mia?

MELU

Giustu dicisti: “dopu”. Oh, locca! E nun fussi megghiu prima; dopu chi ‘nn’avemu di fari ca semu vecchi, chini di camula, e nun avemu mancu figghi?

LUCIA

Ju già ci havia pinsàtu a chissu; voli diri ca li lassamu a patri Libboriu, servi ca fa riparari lu tettu di la chiesa matri ca ci chiovi dintra.

MELU

Ora dicu ju, ma comu nun mi veni un motu… un corpu di sangu! Ma comu, nun avemu un sordu pi fari ‘na lira, e pensi di lassari tuttu a chiesa? Ma u capisci quantu picciuli havi tò matri pi ddu lassitu di to nannu di l’Australia? Avutru chi tettu di riparari! Un mari di chiesi po’ fabbricari patri Libboriu. Spirami a Diu pidocchi ci avissinu di divintari! Levati, levati di ccà, bellezza della natura!

LUCIA

Tu u sai picchì me matri nun mi voli fari tistamentu.

MELU

E… picchini, sintemu?

LUCIA

Dici chi… tu… si sfraiuni!

MELU

Sfrajuni? E di chi? Di chi cosa? Si nun haju mancu picciuli pi rinnuvarimi stu banchittu unni travagghiu, e lu manciari lu ccattamu a cridenza!

LUCIA

Sfraiuni, Sfraiuni e lagnùsu, dici.

MELU 

Lagnusu? Ma comu, agghiòrna e scura, e sugnu sempri jittatu ‘nta stu banchittu a cunzari scarpi! (Adirato) Levati, levati di cca, tu n’autra!

LUCIA

E poi si mi rumpissi li jammi… comu dici tu, nun è ca mi dispiacissi tantu… me matri mi dici sempri “Lucietta, si nun ti senti bona chiamami a matri, ca mi trasfirisciu unni tia”!

MELU

Ah, ci avissimu puru di dari a manciari? Ma quantu è scruccuna, tirchia e piducchiùsa! Ah, ma cca idda u sapi ca havi di chi sdillabbrarisi la bucca di forti sbadigghi!! Avutru chi carni e pisci frisco! Senti, forsi è megghiu ca li ammi si li rumpissi idda già chi t’attrovi dda… (Vuole giustificarsi su quanto ha detto) Cioeni, vuliva diri ca… a chi ci sei… comu si dici… fai un viaggiu e ddu survizza.

 

LUCIA

Comu parri stranu, bambolottinu miu! Ma chi ha? Ti senti bonu? (Rimane immobile in un lungo silenzio).

MELU

E lassa stari stu bambulottinu! (Lungo silenzio, poi la guarda) Senti, bocciolo della natura, ma picchì sei rimasta così ‘mpalàta? Annacati, fai cuntu ca la curriera ammumentu parti! Chi spetti a carrozza, spetti?

LUCIA

(Sempre pietosa, quasi piagnucolosa) Si tu nun mi ‘mbrazzi…

MELU

Ancora! Ah, ma allura veru dici! E comu ti ‘mbrazzu? Nun vidi chi… sugnu ‘ngrasciatu, lordu, chinu di grassu pi scarpi e cira pi incirari u spagu! E cu sapi si li scarpi ca ci cusivu ora ora, a Stefanu “savuta fossa”, nun eranu chini di piddizzùna!

LUCIA

Piddizzùna? Comu si vidi ca si stranu! Li piddizzùna li jaddini l’hannu.

MELU

Locca! E Stefanu ‘un havi lu pollaiu!

LUCIA

E chi voli diri? Allura me matri ca havi lu cani…

MELU

Chi ci ‘ntrasi lu cani! …L’ha vistu mai ‘na jatta cu ‘na zicca? E’ comu fari ‘na quaterna senza jucarisi li nummari, quindi…

LUCIA

Quaterna, nummari, jatta; ma è… sicuru ca ti pozzu lassari sulu?

MELU

Si, si curri, ca a curriera sta partennu!

LUCIA

E mancu mi jiuti?

MELU

A chi, a purtari sti cosi? Cu tia cumminàta d’accussi? E nun mi fannu abbaiu comu rrivamu ‘nno corsu? Senti chi facemu, spetta ca videmu si c’è ancora Anciluzzu, tantu iddu di sti problemi ‘un nn’havi propriu. (Si affaccia dalla finestra e chiama Angelino, lo scemo del vicinato). Ancilu, Anciluzzu! Veni, chi accumpagni la mia mogliera alla curriera!

ANCILUZZU F.S.

E tu mi ‘ntigni a cuntari i ccappi? (scarpi).

MELU

Ti ‘nzignu, ti ‘nzignu, curri!

LUCIA

Allura mancu a la curriera m’accumpagni?

MELU

Ma dimmi ‘na cosa, ta vardatu o specchiu? T’ha vistu comu si cumminàta? O Facisti carchi prummisioni pi casu pi parariti d’accussì? Pari chi stassi jennu a ‘na festa di carnilivari.

ANCILUZZU

Beddu ti! ‘Na cata (casa) jnchi!. Appena entrato s’accorge di Lucia vestita in quel modo buffo e si spaventa). (Si spaventa) E tu è chitta?

LUCIA

Varda che beddu st’avutru! Cu voi c’avia a essiri, to soru!

ANCILUZZU

Ah, vottia eni? Mi fiti ccantàri! Oh, tti piatì antura… u cannavattu?

LUCIA

(A Melo) Chi dici st’avutru?

MELU

(Confuso, si reca da san Giuseppe e lo interroga) San Ciuseppi, allura veru è!(silenzio) Ah, si! ‘nzistiti a stari mutu, e ora vi giru!

LUCIA

Cu tia parru!

ANCILUZZU

(Meravigliato, a Lucia) Ma ti parra cu tan Tuteppi?

LUCIA

Mu vo diri chi dici chistu? E chi è stu discursu du cannavazzu?

MELU

(Tra se) Nenti, forsi forsi sugnu ancora bruscatu da prima mugghieri e penzu… nenti, sicuramenti mi sbagghiu.

LUCIA

Ma chi parri sulu?

MELU

(Cerca di non fare capire di quanto aveva parlato con Angelo) No, nenti… iddu dici, u cannavazzu… nel senzo di dire che se tu dovessi fari pulizie e passari lu cannavazzu, lui sarebbi cuntentu di dariti ‘na manu… d’aiutariti, nzumma; è veru Anciluzzu ca fussi cuntentu?

ANCILUZZU

Cuntintunittimu, attai attai! (Meravigliato, a Melo) E ti io pattu… u cannavattu, tu ti tiddii (siddii)?

MELU

(Meravigliato) Ju? Si tu ci juti a passari il cannavazzo? Ma quanno mai! Anzi sarebbi felicissimo!

ANCILUZZU

(Sbalordito) Ah, ti? Allura ti piatinu i tonnetti? (cornetti nel senzo di corna).

MELU

(Che non capisce l’allusione) Ah, ma s’è pi chissà puru: alacci, anciòvi, sardi, capuna, trigghi, sgombri…

ANCILUZZU

(Meravigliato) Ah, ti piati u pitti? (pisci).

MELU

Assaiuni!

ANCILUZZU

Pi cchittu (chistu) figghi ‘un hani, e u cannavattu un lu ta pattari?

MELU

(Confuso, si rivolge da lontano a san Giuseppe) San Ciuseppi! Oh, san Ciuseppi! Nenti diciti? Nun a japriti propriu a bucca. (Silenzio, poi ad Angelo) Senti, mi sta facennu cunfunniri tuttu; ci vai accompagnare la mia mogliera alla curriera, ca deve andare da sua matre?

ANCILUZZU

(Guardando Lucia) Ah, deve pattire? Pi quitto è vittuta (vistuta) ta pari… (A Melu) Comu ti riti? a… a… a mati (matri) o cca! (Oscar) Ti, a mati o cca! Tidda… (chidda)

MELU

(A Lucia che non capisce) A matriosca, dici a… (sbalordito, chiede ad Angelo) Ah, ma si puru allittratu si! A canusci a matriosca?

ANCILUZZU

Ti, ti; a vitti ora ora!

MELU

Ma a cu?

ANCILUZZU

Era tu Occa. .

MELU

Cu Occa?

ANCILUZZU

No, Occa! Taliami (indicando la propria bocca) Occa! Capitti?

MELU

(Ironico) Ah, no Occa? Occa!

LUCIA

Forsi lu criaturi voli diri Oscar; a matri di Oscar.

ANCILUZZU

Ti, ti! (A Vincenzo) Oh, cchiù catta (scaltra) di vottìa eni! Vottìa ritìa (dicìì) ta era titìna! (cretina).

MELU

(Lucia guarda meravigliata) No, nenti; iddu voli diri titìna nel senzo di Titìna; comu Caterina, eccu! Eh, o criaturi ci piaci jucari cu i paroli, (ad Angelo) nun è veru, Anciluzzu?

ANCILUZZU

(Facendo segno di bastonate) Ti è, ti tei ccantato? (spaventato).

MELU

Dicu ju, a vò iri accumpagnari a me mugghieri a curriera? Nun ci cridissi nuddu!

ANCILUZZU

Ti, ti, amunì tu ‘n’avuta matiocca.

LUCIA

Amuninni, amuninni, Anciluzzu, vasinnoni veru ‘un sacciu chiddu ca fazzu. (Si avviano; poi a Melo, ironica) Ah, vidi ca comu tornu… avemu di battiri spissu ssu marteddu; senti?

MELU

Si, si! Nun ti scurdari c’avemu di usari sempri  u saccucceddu, e… stai attenta pi zicchi, boccioletto…

ANCILUZZU

U lettu?

MELU

(Ad Angelo) Se, a branda. Boccioletto della natura! (A Lucia) E salutami la mammina! Ah, senti… nun ti ssittari a ciancu di una ‘ncinta ca ci fa veniri li dogghi, e mancu a ciancu di l’autista ca si distrai facirmenti e va finisci dintra a quarchi vadduni.

LUCIA

(Adirata) Veni, veni, Anciluzzu!

ANCILUZZU

E quannu vottìa veni, mu fa pattari u cannavattu?

LUCIA

(Apre un porta monete, prende dei soldi e gli li da ad Angelo, mentre escono) U cannavazzu? Ma c’aviti cu stu cannavazzu? Si, si tu fazzu passari! Camina ora, ca ti ccattu puru u gilatu.

ANCILUZZU

Ti, ti, a ticcolattU (cioccolatti) ccattamillu.

MELU

(Si reca da san Giuseppe) San Ciuseppi, a vui spettu, siti sicuru chi nun aviti propriu nenti di dirimi? (silenzio)  Ah, si, e nn’aviti di chi stari cu a facci ‘o muru! (Pensieroso) Ma si, forsi havi raggiuni a nun parrari; chi cosa havi di dirimi di Anciluzzu, chi po’ fari, ddu babbasuneddu? Chiddu e scemu d’un tuttu. Ma si, mittemunni a travagghiari. (Si riggira da san Giuseppe) E vui stati sempri giratu, e vi muviti sulu quannu si sciogghi stu dubbiu.

PADRE LIBORIO

Pace e bene, Carmelo. Ma cosa fai, parli col quadro?

MELU

Ah, ssa benedica parrinu! U sapi ch’è sulu vossia a chiamarimi  Carmelu! Chi voli, ssennu sulu, ogni tantu cu corcunu s’havi bisognu di parrai. E… mi dicessi; comu mai di sti parti? Havi forsi li scarpi cu li petti rutti? O…

PADRE LIBORIO

Lascia stare le scarpe, che per fortuna, con la crisi che c’è, meno male che ancora reggono. Sono venuto, perché… a quanto pare, tua moglie… si, insomma non dovrei dirtelo, ma… ieri l’altro è venuta a confessarsi, e… pare che voglia fare donazione dell’eredità di suo nonno, alla chiesa.

MELU

(Stupito) Buttana, di so matri…!

PADRE LIBORIO

(Ammonendolo benevolmente) Eh, eh, Carmelo!

MELU

Ma chi capiu, parrinu? Ju fici sulu un’escramazioni di gioia, comu pi diri: porcaccio di un grandissimo demonio infame! E… siccome chista è ‘n’escramazione troppu lunga: (inizia col ripeterla) porcaccio di… capiu? troppu longa! Quindi ho pinsato di accorzare.

PADRE LIBORIO

E… proprio con sua madre?

MELU

Eh, ‘na vota ca patri nun ‘’n’havi! Ho escramato di lei… Ah, ma… sulu picchì l’ascramazioni è curta.

PADRE LIBORIO

Beh, si, lasciamo stare! E volevo capire se anche tu eri d’accordo a questa donazione.

MELU

(Vorrebbe esplodere) Grannissima…

PADRE LIBORIO

Ci scommetto ch’è un’altra di quelle brevi.

MELU

Scarpa estiva di sua matre!

PADRE LIBORIO

(Non capisce) Eh?

MELU

No, nenti, mi capisciu ju, sunnu un tipu di scarpi ca usa… so matri.

PADRE LIBORIO

Mia madre?

MELU

Ma chi ci trasi so’ matri, parrinu!

PADRE LIBORIO

Si, ma non mi hai ancora detto che cosa ne pensi.

MELU

Da scarpa?

 

PADRE LIBORIO

Che scarpa e scarpa! Io parlo di tutti i beni: palazzi, terreni ristoranti… insomma, tutti gli a averi che ha il nonno di tua moglie in Australia!

MELU

(Rimane impietrito, come a sentirsi male) Palazzi, tirreni, risto… Patri Liboriu, ma oj, vossia chi mu fa apposta? Chi vinni pi ‘ncuitarimi? Pi farimi sentiri mali? Pi farimi nesciri li sentimenti d’un tuttu…?

PADRE LIBORIO

Ma quando mai! E’ tutto… uno scherzo insomma! Cosa vuoi che siano i beni terreni? Cosa valgono? Niente! Oggi per te è un giorno di festa! Un giorno che non dimenticherai per tutta la vita! Un giorno che vale!

MELU

(Tra se) Ah, u capivu, era u scherzu! Vulia vidiri… vistu ca me mugghieri era d’accordu a lassaricci tutta l’eredità a chiesa, chi cosa nni pinsàva ju! (Fa un gesto col braccio) Te!

PADRE LIBORIO

A me!? 

MELU

A lei? Alla faccia dello scherzo!

PADRE LIBORIO

Oh, benedetto Iddio! E’ come fosse uno scherzo, lasciare tutto ciò che abbiamo in questo mondo; finalmente l’hai capito! Vale semplicemente uno scherzo.

MELU

Ah, quindi… comu diri: ogni scherzu vali!

PADRE LIBORIO

(Annuisce) Eh!

MELU

Allura, pi mia, parrinu, vistu ca semu nello scherzo, si po’ pigghiari puru sti casi unni stamu… a la me morti, s’intenni; sinnò unni vaju a dormu sutta u ponti?  

PADRE LIBORIO

Davvero dici?

MELU

Allura comu!

PADRE LIBORIO

Ma sai che sei veramente scherzoso! Quindi alla tua morte, io…

MELU

Po’ veniri cca, e… schirzannu, schirzannu, facemu l’attu.

PADRE LIBORIO

Con te?

MELU

E cu ccu, cu me soru allura?

PADRE LIBORIO

E scusa, se tu sei morto!

MELU

(Si tocca) Eh, parrinu! e chi è? Già mi tira i pedi? E menu mali ch’è u scherzu! Certu, putissi puru succediri… voli diri, allura, chi cuntinuerà a schirzari cu me mugghieri!

PADRE LIBORIO

Bravo, tu si che sei un perfetto cristiano. Vuol dire che alla tua morte…

MELU

Lascerò tutto alla chiesa; eh, è u scherzu!

PADRE LIBORIO

Io vado, tornerò quanto prima.

MELU

Parrinu, allura veru dici!

PADRE LIBORIO

Dicevo, quanto prima… non per te, ma…

MELU

Nel senzo di lu primu scherzu di l’eredità di me mugghieri! Chi voli, schirzannu schirzannu mi l’havia scurdatu du nannu di me mugghieri.

PADRE LIBORIO

Quanto sei scherzoso! Che Iddio ti benedica! (Esce)

MELU

Si, ma… ‘un facemu ca st’avutru, schirzannu, schirzannu… Certi mumenti pari ca dicia veru. (si gira da san Giuseppe) A vui è inutili dumannarivi quali è a virità! (Riprende a lavorare cantando) Ma si, mintemunni a travagghiari, ca lu scherzu pani a casa nun nni porta. (Riprende a cantare) Come son contento, di questo momento; fare il carzolaio, senza più guai… festa sarà, festa sarà, festa sarà… (entra una zingara).

ZINGARA

(Melu, non avendola vista durante la sua esibizione canora, cerca di ricomporsi) Bon giornu a vui. Siti allegru a chiddu ca vju!

MELU

(Meravigliato) Mancu a centru città tuttu stu muvimentu! Chi ‘ntrasi e nesci stà matìna! (Imbarazzato) Salutamu. Ju…

ZINGARA

Si u sacciu; nun mi diciti nenti, l’occhi vi parranu suli! Dicitimi, va pozzu leggiri a manu?

MELU

A manu? Nun facemu ca vui siti chidda di lautra vota di l’ova d’oru?

ZINGARA

Non so proprio di cosa state parlando, ne tanto meno voglio saperlo. Io sono qui solamente per leggervi la mano.

MELU

E chi aviti di dirimi! cchiù di chiddu chi sacciu, chaju a sapiri?

ZINGARA

Eh, fratuzzu miu! vui sapiti sulu u ‘n capu ‘n capu; ci sunnu tanti di ddi cosi chi stannu ‘o funnu.

MELU

O funnu? Di chi stati parrannu? E poi… criditimi nun tegnu mancu un centesimu di darivi, quindi…

ZINGARA

E cu ha parratu di sordi! A oj vogghiu fari opira di beni, nun vogghiu nenti, vogghiu sulu parrari di lu vostru distinu, e tegnu tanti cosi di dirivi ca vui mancu vi lu mmagginati. (Vincenzo guarda incredulo) Assittativi e purgitimi a manu.

MELU

(Un po’ spaventato) Ma ju…

ZINGARA

Si, puru chistu sacciu; e aviti raggiuni di scantarivi, la morti nun è bona cumpagna, ma nn’apparteni… prima o dopu.

MELU

(Sbalordito ed impauritu si tocca esclamando) Oooh! Oooh! Megghiu dopu, megghiu dopu! E siti dui a oj cu sta morti! Scusassi, ma ju chi c’entru cu a morti?

ZINGARA

Tutti c’entramu; è sulu questioni di attimi, si attimi! Picchì… la vita, puru a vui ca vi pari longa, dura sulu un lampu; ‘na japruta e ‘na chiuduta d’occhi… vùh! (Melo fa le corna toccandosi).

MELU

(Impaurito) Ma chi è, carnilivari a oj cu tutti sti scherzi? Dicu chiffari nun ‘nn’aviti? Bedda matri! Mi sta pigghiannu un friddu ‘nca pari chi fussi ssittatu nudu supra ‘na montagna di ghiacciu! Sintissi, aspittassi quantu vju di truvari quarchi sordu di daricci e si nni va a ‘ncuitari a quarchi avutru, picchì ju nun haju tuttu stu tempu di perdiri cu vui.

ZINGARA

Nun ci criditi, ah? E va beni, mi nni vaju; ma vui pinsàti ca è megghiu quannu i cosi si prisentanu ‘n casa senza mancu… bussari a la porta?

MELU

Chi ghiurnàta muvimintata! Scusati, si po’ sapirii di chi cosi e di quali casa stati parrannu?

ZINGARA

Di chista, si ‘ntenni!

MELU

(Spaventato) Di, di, di, di…chi-chista?

ZINGARA

Chi è vi ‘ncantastivu? pirdistivu a vuci, o vi scantastivu? (Melo annuisce impaurito) E di chi? Di chi cosa, si nun v’haju ancora dittu nenti?

MELU

E menu mali, picchì allura fussi tisu, tisu!

ZINGARA

Quali tisu e tisu, si nun v’haju mancu svilatu ‘na parola.

MELU

Comu! Prima parrati di distinu, morti, di cosi chi rivanu senza avvisari; chiù di chistu ancora?

ZINGARA

Chi jiti pinsannu! Chista è la paura ca nni porta a vidiri certi cosi; vui sintistivu diri morti e subitu… nun è però ca vi passò pa menti si la morti… di autri s’intenni, vi putissi lassari riccu, e quindi ‘ntrasiri nni sta casa, senza priavvisu… cintinara di miliuna?

MELU

Ah, ma allura è propria la jurnàta! Vossia d’accussì un moto mi fa veniri, antura ssittatu supra ‘na muntagna di ghiacciu, ora dintra un quaddaruni chinu di pici bugghiuta… (si sente arrivare Angelo). E ora? St’arrivannu Anciluzzu!

ZINGARA

E allura? Po’ rrivari puru un riggimentu di surdati, è sicuru ca nuddu s’adduna di nuiautri; vossia stassi tranquillu, sugnu ‘na zingara di grandi putìri.

ANCILUZZU

(Che, all’insaputa di Melu, era già d’accordo con la zingara, farà finta di non vedere nessuno, ha il muso e la faccia sporchi di gelato al cioccolato) Beddu ti, ‘na cata jinchi! E chi è! ‘un te? (comincia a chiamare Melo cantilenando)  Mattu (maestro) Melu! Mattu Miluttu! (Melo guarda sbalordito) Boh! Ma unni ti nni ju? (Apre il cassetto del banchetto e si prende un po’ di soldi. Si mette in tasca altre cose; Vincenzo vorrebbe intervenire, ma la zingara lo trattiene). E te fari, e ppittari? (apettare) o mi nni vaju? (riapre il cassetto e si prende i soldi che aveva lasciato). Ma ti, tantu nun è to tapi ta fuvu ju. Quantu pittuli! (soldi) (Tira dalla tasca il portamonete di Lucia che era riuscito a fregarle prima che partisse la corriera) Chi diti?! Comu a matiocca vani pi fari u bigliettu ti nn’adduna; l’autitta a peri tta fa fari a ttata (strada).

MELU

(Vorrebbe reagire, ma la zingara fa segno di no). ‘Nca va ca comu finisci stu ‘ncantisimu li vastunati ci fazzu fetiri! E ghiamu pi fissa!

ANCILUZZU

(Cantilena, continuando a far finta ne di sentire e neanche di vedere) Mi era tembato di tentire pallare. Mattu Melu! Mattu Milutteddu! Mi, ma è ttupitu (stupido) ttu crittianu, latta (lascia) u banchittu cu i pittuli (picciuli), tulu! (solo) Megghiu mi nni vaju! Mattu Melutto! Tau, tau, (Ciao).

MELU

Ciau, ciau si! Lassa chi torni! (Va ad aprire il casseto dei soldi) Tutti, si futtiu, tutti! Puru chiddi da matri da signurina Agnesa, e ju ca mi fici dda gran caminàta… nun era megghiu mi facìa u tappu! ‘Na simana di giustari scarpi!

ZINGARA

Ma sunnu sulu quattro sordi!

MELU

(Meravigliato) E ci torna! Quattru sordi? Sintissi, o mi dici chiddu ca havi di dirimi o si nni po’ ‘ncuminciari a ghiri di cursa; a mumentu chiddu puru u banchittu si purtava!

ZINGARA

Però nun nni visti!

MELU

E nun era megghiu ca nni vidìa!

ZINGARA

E possibili ca vui nun v’accurgiti propria di nenti!

MELU

Certu chi m’accorgiuvu, e bonu puru; anchi si forsi era megghiu ca nun m’accurgia propriu.

ZINGARA

Ju parru di la magìa. U Viditi chi putiri ca haju? E ancora avemu di ‘ncuminciari.

MELU

E menu mali! Avanti ca finemu ti vogghiu! E’ certu ca mancu li mutanni mi restanu.

ZINGARA

Ma dicu ju, sempri a li picciuli pensa? Si voli ssittari e mi duna sta manu, quantu videmu! (Melo, intimorito, le porge la mano. Appena la prende, la guarda e si stupisce) Bih! Bih! Bhi! Bih! Bih! Sembra uno stradario! Quantu strati e vaneddi! E di unni ‘ncuminciamu?

MELU

Sintissi, ‘ncuminciassi appena gira a cantunéra, ca servi chi nni spicciamu.

ZINGARA

(Preoccupata) Bih, bih, bih, bih, bih! Ah, ma cca s’havi di dicidiri! O jallittu, o cicirittu!

MELU

(Spaventatissimo) Si-si, si-si voli spiegari megghiu?

ZINGARA

Vossia havi du scerti di putiri fari: o campari assai di poviru; o campari picca di riccu. (Melo rimane scioccato). E chistu sulu vossia lu po’ dicidiri: o Jallittu…

MELU

(Impaurito) O… cicirittu! E mi dicissi n’autra cosa, sta morti riguarda la mia pirsuna, o quarchi avutru di la famigghia? Chi sacciu… me soggira… me mugghieri…

ZINGARA

E’ propriu chistu u bellu, can un si capisci bonu a cu tocca di moriri.

MELU

Chistu è scicuramenti lu parrinu ca ‘ncuminciò li prieri! (La zingara non capisce) Nenti nun ci facissi casu. Vaddassi, vaddassi bonu.

ZINGARA

(Guarda attentamente la mano) Iu cercu di vaddari bonu; è sulu ca lu sangu è troppu… aggitatu, e circula troppu veloci pi ddunarimi; ci vulissi ca vi mbivissivu n’anticchia di acqua frisca…

MELU

Spittassi, spittassi ca nni pigghiu un beddu bucàli. (Si avvia) E… a vossia…?

ZINGARA

Ju prifirisciu… si c’è, ‘n anticchiedda di vinuzzu bonu.

MELU

Spittassi. (Esce).

ZINGARA

Ca va, ca si ‘nn’attruvassi a quattru com’è chistu, putissi campari di rennita. (Entra Angelino) No, no, senti Anciluzzu, nescitinni di cursa, ca si ‘ntrasi mastru Melu semu fritti; comu ristamu?

ANCILUZZU

E ti è? Tantu iddu nun è ti nni vidi!

ZINGARA

A tia ti pari! Nni vidi, nni vidi.

ANCILUZZU

Ah, mi vidi? E vitti puru ta ju…  (fa con la mano segno di rubare) Tu dicitti…

ZINGARA

(Sta per perdere la pazienza) Ju, ti dissi… va beh! Va beh! Nun ti vitti propriu! Lassamu perdiri ca poi tu spiegu megghiu. E ora vattinni ti dissi!

ANCILUZZU

Ah, ti? Vidi ca ttu (ciù) dicu!

ZINGARA

Senti, comu ristamu? Ha fari chiddu ca dicu ju, e doppu nni parramu… a sinnò piccioli nix! Capisci nix?

ANCILUZZU

Nict? E tu è ttavutu? (stavutru). (Si sente arrivare Melo).

ZINGARA

Fui, fui ti dissi! (Esce).

MELU

(Entra con un fiasco e un bicchiere) Tinissi, ca ju già mi ‘mbippi ‘na bedda panzàta d’acqua frisca ca staura u sangu s’addrummintau. (La invita a bere) ‘Mbivissi.

ZINGARA

Ju è megghiu chi ‘mbivu a casa, cu sapi s’avissi aggitari a mia lu sangu; u fiascu, doppu va fazzu capitari. (Melo guarda meravigliato).

MELU

(Stupito) Allura… u fiascu…

ZINGARA

Me lo porto, certo!

MELU

(Meravigliato) Ah, si lo…

ZINGARA

Allura, ssittativi e fatimi avvidiri. (Melo si risiede e le porge la mano). Ma… è sicuru ca l’acqua era frisca e abbunnanti?

MELU

Signurina, nun sulu era frisca, ‘nca va ca mi nni ‘mbippi d’accussì tantu, ca ‘nto stomacu, si nun nni spicciamu, sintemu cantari li ranunchi.

ZINGARA

Si diciti accussì. (Guarda la mano. Meravigliata) Ah, ora si! Eccu, eccu! Ora vidu a vossia; ora… ma vui a matri l’aviti… morta o viva?

MELU

Muriu quannu ju era ancora nutricu.

ZINGARA

Allura chista è vostra soggira; ma… nun vju a vostra mugghieri.

MELU

Vaddassi, vaddassi bonu, c’havi a essiri dintra a curriera.

ZINGARA

Si, si cca è! A visti.

MELU

A curriera?

ZINGARA

Da curriera, viu sulu lu pulvirazzu ca va lassanu pi strata; e d’arreri a curriera… nun si capisci bonu… a si, eccu! C’è ‘na… pari ‘n’arvulu di natali chinu di doni chi ssicuta a curriera.

MELU

E allura idda è, me mugghieri!

ZINGARA

Nespula! Allura furtunatu siti!

MELU

E picchì, scusati?

ZINGARA

Comu picchì? Si chista è veramenti vostra mugghieri, cu tutti ddi pacchi e valigi, e di comu curri ca pari n’atleta, si vidi ca eni ‘n saluti, e quindi si è ‘n saluti è signu can nun tocca a jdda di moriri; u capistuu ora?

MELU

Minchiuni! Si chista è furtuna! E… escludennu me mugghieri, cu po’ essiri lu… mortu?

ZINGARA

(Guarda la mano e guarda lui negli occhi, riguarda la mano e poi lo fissa negli occhi terrorizzandolo). Forsi, forsi…

MELU

(Sbalordito dalla paura si tocca) No! Nun mi dicissi nenti! Allura… è signu ca lu parrinu po’ ‘ncuminciari a veniri a…

ZINGARA

(Annuisce seria) Proprio così, e forse è meglio se viene davvero il prete. Caro Melo, tu, devi morire per diventare ricco… Scusami se ti ho dato del tu.

MELU

A stu puntu mi po’ dari e diri chiddu ca voli, tantu moriri cu tu, o moriri cu lei nun è ca mi spinci megghiu a jiri ‘n paradisu.

ZINGARA

Il paradiso… come dici tu, dobbiamo sapercelo meritare mentri semu vivi, non ora ‘n puntu di morti… anchi siddu sta morti, pi tia è ‘na veru furtuna!

MELU

Puru! Quindi sta morti pi mia è… ‘na…

ZINGARA

Furtuna, si! Ti sembrerà stranu, ma è d’accussì.

MELU

E quannu è c’avissi di divintari furtunatu… vogghiu diri moriri?

ZINGARA

Subbitu! ora, si vò divintari riccu!

MELU

M’havi a scusari, cuntinuu a nun capiri nenti; e vossia s’havi di decidiri: o moru, o campu! Comu fazzu a cuntinuari a viviri di riccu, si haju a moriri pi subitu?

ZINGARA

Ah, picchì ancora nun l’ha caputu?

MELU

Veramenti, no.

ZINGARA

La morti, è sulu apparenti!

MELU

(Fraintendendo) Ah, a parenti! Quantu è schirzusa puru st’avutra, ora capisciu: “a parenti”; u dicia ju ca di menzu c’era quarcunu da famigghia! E… cu sarebbi quisto fortunato chi si offre al sacrificio? Mia soggira, mia moglie…

ZINGARA

Ah, ma vju ca siti schirzusu. Ju dicia, no, a pa-re-nti, staccatu, ma apparenti junciutu; capistivu ora?

MELU

Ah, viriti ‘na juncitìna…

ZINGARA

‘N paroli semplici, havi di moriri pi finta; u capiu ora?

MELU

Pi… finta? (Tra se)  Cca, mi pari ca ci fussi la manu du parrinu. (Alla zingara) Mi dicissi ‘na cosa, nun è ca lei cu tuttu stu babbbìu, havi a chi fari cu parrinu e l’eredità?

ZINGARA

(Tra se) E comu fa chistu a sapiri di l’eredità? Nun facemu ca me matrozza… (A Melo) Scusassi, ma di quali parrinu sta parranu?

MELU

No, nenti lassamu perdiri. Mi stava dicennu ca è moriri pi finta?

ZINGARA

Propria d’accussì! Ora so’ mugghieri torna cu so matri, vossia…

MELU

(Meravigliato) Aspittassi, aspittassi! Me mugghieri torna cu so…

ZINGARA

Matri.

MELU

E allura prifirisciu moriri pi davveru! Ma vossia a canusci a me soggira? No, no, no, no, no!

ZINGARA

Si, si, si, si, si! Idda, vidennulu mortu, subbitu fa tistamentu a so figghia, e… capistuu, ora?

MELU

Ma viditi chi razza di ‘ntricciu! E… mi scusassi; vossia, chi ‘nn’havi di tuttu chistu, vistu ca cu parrinu nun ci ‘ntrasi nenti?

ZINGARA

Raggiuni havi, a farimi sta dumanna, anchi si nun capisciu stu discursu du parrinu; ma la risposta va pozzu dari a so tempu. (Si avvia ad uscire).

MELU

Aspittassi, aspittassi! E ju comu fazzu a moriri?

ZINGARA

Tieni, (prende dalla tasca un flaconcino) bevilo, e per un po’ il tuo cuore batterà leggerissimo da non sentirsi proprio; ti metterai a terra, sembrerai morto da giorni. Chiamerò, senza farmi vedere quel ragazzo di poco fa ed io andrò via; dalla paura comincerà a gridare forte. Accorrerà qualche persona del vicinato… vedrai, tutto verrà da sé. Su sdraiati per terra e domani ci rivedremo al casolare delle ginestre per vedere un po’ il da farsi. (Melo beve il flaconcino; lei guarda fuori e grida aiuto. Si nasconde; entra Angelino e, senza farsene accorgere, va via).

ANCILUZZU

(Entra allarmato) Ti (chi) fu? Ti tuttetti? (successi). (S’accorge di Melo li per terra e cerca di capire, toccandolo, s’è morto) E ti è! U tori (cori) è femmu; e titta (chista) è a pima. Tecunnu, tecunnu un rippira (rispira) ttu! (cchiù). E tettu, (terzu) tettu, ti viri ca è mottu. E tomu fattu? Ora gridu fotti fotti, accuttì currinu tutti. (Stava per gridare… e si ricorda di andare a controllare se c’erano ancora soldi da prendere) Appetta. (Va a guardare, mentre Melo osserva con la coda dell’occhio. Trova altri soldi e si mette a contarli con quelli che aveva in tasca). Quantu pittuli! (Li posa sul tavolo e va a vedere se trova qualcos’altro nell’altra stanza.) Tugnu riccu! Tugnu riccu! (mentre si trova nell’altra stanza, Vincenzo si alza, prende i soldi posati sul tavolo e va a nasconderli nella stanza opposta. Rientra, gira il tavolo sottosopra e si ridistende a terra. Entra Angelino) Mancu ‘na lira tt’era (c’era). (Si avvicina al tavolo, ma… stupito) E ti è? I pittuli, unni tu? Tutta (sutta) u tavulu? E u tavulu…? (Molto confuso guarda Vincenzo a terra e il tavolo; poi chiama Melo ironizzando) Melo! Matto Melo! Che fai il catto (scaltro) pure motto? (morto) Io lo to che è pe finta, nun mi fai ttantàri (scantàri). Appetta ta ti toccu u tori. (Gli tocca dalla parte del cuore, e… meravigliato) Oh,, chittu mottu veru è! Ora mi pigghiu i pittuli tutta u tavulu e ccappu (scappo). (Fa per alzare il tavolo dando le spalle a Melo che cerca di trasformarsi la voce ammonendo Angelino che rimane col tavolo sospeso).

MELU

Anciluzzu! Chi fai? Voi rubbari a lu mortu? (Angelino Confuso e molto impaurito, fa cadere il tavolo a terra e guarda Melo che s’era ricomposto.  Dalla paura non sa cosa fare; cerca d’andarsene in punta di piedi, e Melo, di spalle, gli fa una voce cavernosa) Vieni! Dove vai? (Angelino rimane bloccato e si gira lentamente a guardare Melo che s’era ricomposto).

ANCILUZZU

Bedda mati! (matri) Cu mi potta (porta) a mia! (si gira e fa per andare).

MELU

Eh, si ti cchiappu!

ANCILUZZU

(Inizia a gridare come un forsennato; affaccia Carmela) Aiutu! Aiutu! U mottu chi parra! U mottu chi parra!

CARMELA

Chi fu, chi hai ca vai gridannu? Chi successi Anciluzzu?

ANCILUZZU

(Impaurito) Mattu Melu! Mattu Melu! E’ mottu, è mottu e parra!

CARMELA

(Entrando in scena) Gesù, Maria e Giuseppi! (Preoccupata) ‘Nza mai Diu, foru tutti ddi jastimi ca ci mandavu! (Si avvicina a Melo e lo guarda sotto gli occhi impauriti di Angelo, e quasi gli chiede perdono d’avergli mandato mal’anni) Mastru Melu… anzi Miluzzu, Miluzzeddu m’ha pirdunari di chiddu ca dissi un mumentu fa; (Angelo è meravigliato per quanto va scoprendo) ju nun vulìa ca havii a moriri… di subitu. Ju lu dicìa pi scherzu; pi mia po cantari quantu voi e quannu voi… puru di notti! Ora tu pozzu diri, Miluzzu beddu, era la raggia ca mi facia diri sti cosi, la raggia di quannu di nica t’haju ddisiàtu e nun ti potti aviri; t’avissi vulutu strinciri ‘ntra li me brazza e nun lassariti cchiù; ju pinsava, cu a me figghiozza, di fariti u scherzu pi quantu putiva tu essiri miu puru pi un attimu.

ANCILUZZU

(Meravigliato) Allura vottia... (in disparte e ironico) Ah ora capittu! A mattu Melu tta piatùtu idda, avutu chi ttoriii! E poi ti ttarrìa (sciarrìa) cu tò mugghieri… (ironico) a ‘mpittiuniti, a petta… u cannavattu… e bravu mattu Melu! Menu malli ca t’ajutu ju ora a pattari u cannavattu a tta Lutia.

CARMELA

(Sempre, quasi piangendo) Veni Anciluzzu, jutami a sbarazzari u bagghiu di sti negghi e priparamu lu littinu pu mortu, prima ca rrivanu li genti. Ma chi cosa cumbinau chidda? … chi pi davvero u fici moriri? (Prendono il tavolo e lo escono fuori. Melo si spoglia lasciando i vestiti, compreso le scarpe, sul posto dove egli si trovava ed esce. Rientrano i due, vanno per prendere il banchetto da lavoro, ma…)

ANCILUZZU

(Avvicinatosi per primo, dove si trovava Melo, vede gli abiti e rimane scioccato) Tta Cammela, tta Cammela! Ti nni vulà ‘n telu mattu Melu!

CARMELA

(Guarda, rimane imbambolata e sviene) Oh, no!

ANCILUZZU

(Meravigliato e nello stesso tempo spaventato) Bedda mati!! E ora? Tu T’attacca (ci attacca) a tampanedda o jattu?

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

(Scena medesima; in un angolo un tavolino con accanto delle  sedie).

ZINGARA

(Entrando guardinga, va a chiamare Carmela) Matrozza (madrina) Carmela, matròzza Carmela!

CARMELA

(Entra in scena) Ma chi cosa cumbinasti? Nun facemu ca ddu miscugghiu chi ci dasti… li gocci chi si ‘mbippi eranu assai, e…?

ZINGARA

Matròzza Carmela! Quali gocci e miscugghiu! Chiddu ca ci desi a ‘mbiviri a mastru Melu, era sulu un cafè… certu, pò puru essiri ca ‘o bar, unni a signura Maria, u café u fici un pocu strittu, ma sempri café era. Mi dicissi ‘na cosa, nun è ca pi casu, vossia ha parratu cu parrinu…

CARMELA

Allura si nni ‘nchianò pi ddavveru ‘n celu?

ZINGARA

Ancora, Matrozza!

CARMELA

Tu dicisti u parrinu! E chi ci ‘ntrasi u parrinu? Cu mi porta a fari tuttu chistu? Nun è ca… Unni è ora? E comu fazzu?

ZINGARA

Vossia havi a sapiri sulu aspittari, ogni cosa matura a so tempu.

CARMELA

S’è pi chissu, havi tantu chi spettu, chi ddisìu di ‘mbrazzallu armenu ppi un ghiornu, strincidimillu forti a lu pettu… Miu avia di essiri Melu; sulu chi chidda u ‘mbriacò cu ddu grossu lassitu di piccioli  di so nannu di l’Autralia, e iddu pezzzu di papasuni ci cascau comu u scrofanu ‘nta l’amu, e ora havi puru lu curaggiu di jittarimi vuci, ddisiarimi cosi tinti.

ZINGARA

Quali ddisiari cosi tinti e cosi tinti! Sicuramenti è sulu riazioni, rraggia… pi avirisi macari addunàtu d’aviri sbagghiatu a nun pigghiarsi a vossia, o chi ci pari!

CARMELA

Spiramu ca li to paroli jssinu ‘n celu e lu pruggettu nun fallisci, picchì sinnò l’eredità ca ju pinsava di lassariti ti la po’ scurdari, chistu fu lu pattu, e a me casa è megghiu can un ci metti cchiù pedi.

ZINGARA

U capivu, u capivu! Ma comu, chistu è tuttu lu beni ca m’avvulutu di matrozza?

CARMELA

Ju, di beni ti ‘nn’haju vulutu e ti nni vogghiu tantu ancora; di poi ca mi fusti affidata, prifirivu di tiniriti all’istitutu picchì studiassi pri fariti strata; t’haju crisciutu comu si fussi figghia me.

ZINGARA

E ju, vi ringraziu, di chiddu c’aviti fattu pi mia e di ‘un avirimi mai fattu pisàri la mancanza di me patri e  di me matri. Ora… nun vi prioccupati; spiramu, ‘nveci, ca Anciluzzu nun si dunò di st’autru ‘mbrogghiu.

CARMELA

Ju dicu chi chiddu è veru cunvintu ca Melu si nni cchianò ‘n celu… (preoccupata) Ma tu… dicu, è veru ca… ‘un murìu?

ZINGARA

Ancora? Vi fazzu avvidiri ca picca ammanca e si lu ttrova ‘nna li so brazza comu un picciriddu; ma… sulu pi ‘n’avvintura e basta; chistu è l’accordu. Cchiù di chistu ju nun pozzu fari.

CARMELA

Si, si! Oh, Signuruzzu! Quannu, quannu? E… so mugghieri, so mugghieri ca u sapi puru mortu?

ZINGARA

Pi fauri, ‘na cosa a vota! (Si sentono rumori di passi) ‘Nni jamu sintennu strata facennu; ora è megghiu ca mi nni vaju (la Zingara esce e Carmela se ne rientra in casa).

PADRE LIBORIO

Ma cosa hai combinato? E ora, come fai a giustificare tutto? Come fai a farti perdonare da tua moglie? Dovrai risuscitare prima o dopo… o no?

MELU

E si, si, mi dassi u tempu di pinsàri; e poi, nun è puru megghiu pi vossia? Finiu ca me mugghieri ci havia di lassari tuttu a la chiesa?

PADRE LIBORIO

Ma la chiesa non vuole tutto ciò ch’è falso! Lo capisci almeno in che casino... (facendosi il segno della croce) che Iddio mi perdoni. E meno male che le autorità aspettano a chiarire tutto; come si fa a credere a quanto detto da Angelo, lo sanno tutti in paese ch’egli è… come dire…

scemo isomma, e che nessuno prende per vero quanto ha dichiarato; anche se molti, e per prima tua moglie, credono a quella versione.

MELU

E comu fazz? Cu mi porta a mia, parrinu, a cumbinàra sta frittata; cu mi porta a mittirimi d’accordu cu… nun è ca vossia havi a chi fari cu a zingara?

PADRE LIBORIO

Zingara! Quale zingara? Non capisco.

MELU

Chi ‘mbrogghiu, chi ‘mbrogghiu! (Si sente arrivare qualcuno). E cu è ora? Chi sunnu li carrabbineri ca mi cercanu? (Si nasconde. Padre Liborio va a guardare).

PADRE LIBORIO

Il sacrestano! E come ha fatto a sapere ch’ero qua?

TINIDDU

(Sacrestano. Personaggio un po’ scemo e balbuziente) Patri Liboriu, chi ci fa cca? chi fici, su scurdò du mortu? Li parenti su tutti davanti a chiesa chi spettanu, e vossia… 

PADRE LIBORIO

U mortu? E di quali parenti sta parrannu?

TINIDDU

Comu di quali parenti! Ma di chiddi di unni ora nni truvamu nuiautri! Nun c’è lu funerali di chiddu chi si nni ‘nchianau ‘ncelu nudu? mastru Melu, va! E’ a chiesa chi vossia havia di essiri, no a casa du mortu.

PADRE LIBORIO

Ah, quindi oggi c’era…

TINIDDU

Patri Liboriu, ma si senti bonu? Mi pari ‘n’ anticchia asciruccateddu. Allura, ni nniemu, chi chiddi spettanu? ‘Un facemu chi vossia pinsàva chi s’avia di veniri a pigghiari lu mortu ‘n’ casa e ‘nchianò pi chissu?

PADRE LIBORIO

Senti che facciamo, comincia a scendere, apri la chiesa che io a momenti arrivo.

TINIDDU

Stu discursu, si propria ci l’haju di diri comu l’haju ‘nto stomacu, nun mi convinci propriu. Ma vossia veru su ‘nghiuttiu ca lu mortu si nni ‘nchianò ‘n’ celu nudu?

PADRE LIBORIO

Tiniddu! E sei pure sacrestano! Come vuoi che salgono in cielo i morti con tutti i vestiti?

TINIDDU

Parrinu, e allura mu dici picchì quannu unu mori si ci cercanu li megghiu vistiti e si ci ccattanu li scarpi novi? Chi ci ‘nteressa a Diu di scarpi e di robbi novi?

PADRE LIBORIO

L’anima è nuda che si presenta a confronto col Supremo, caro Tiniddu; non saranno certamente queste cose (evidenziando la parola: nuove) nuove, che la renderanno migliore; oramai quello ch’è fatto è fatto. Eh! (Svia il discorso) Senti, non pensi più tosto che davanti la chiesa, le persone stanno aspettando?

TINIDDU

E bonu, chi dissi? Chi è mancu a vossia cunveni u discursu! Voli diri, ca… lu prossimu mortu mi mettu accura pi vidillu ‘nchianari ‘n’ celu nudu. Allura, vaju?

PADRE LIBORIO

Si, si sbrigati più tosto; e… senza dire ai parenti che mi trovavo qua, che arrivo subito. Deve stare attento a vedere salire il morto in cielo nudo, certo che… però in quanto ai vestiti e alle scarpe nuove… e meno male chè mezzo scemo. E noi, che sentiamo di sentirci scaltri… Eh, quanto siamo falsi! (Va a guardare s’è già lontano e dopo fa uscire Melo). Puoi uscire, è andato via. (entra Melo) Dovendo dire la verità, non so proprio come aiutarti, credo però che le cose vanno venendo da se; senza che noi ce ne accorgiamo, la vita continua a fare il suo corso senza guardare questi particolari, e quanto meno te lo aspetti finisce tutto, perché il tempo corre e ti arricchisce solo di ricordi. L’importante è che attraverso quei ricordi, noi meditiamo, meditiamo e correggiamo gli sbagli commessi. Ora devo andare, caro Melo, vuol dire che passata la tempesta, verrai in chiesa a fare una buona confessione. (Si sente arrivare qualcuno) E chi è? (Va guardare e rimane meravigliato) Certo, hanno visto la chiesa chiusa e… Senti io mi nascondo qui fuori, sperando che non mi vedano, e andrò subito via.

MELU

Ju macari scinnu, parrinu, haju a zingara chi mi spetta.

PADRE LIBORIO

Zingara! Che zingara?

MELU

Amuninni, parrinu, ca strata facennu ci cuntu tutti cosi.

PADRE LIBORIO

Si, si andiamo e che Iddio te la mandi buona. (Escono e dopo un po’ entrano gli altri).  

LUCIA

(Entrano: Lucia e Costanza la suocera;  saranno vestite in nero e, come Angelo, afflitti dal dolore per la scomparsa di Melo. Entra anche il notaio) Nun rinescu a capacitarimi comu mai a chiesa era chiusa.

COSTANZA

Nun ti prioccupari figghia mia, voli diri ca comu lu parrinu è commiru nni fa sapiri soccu fari.

LUCIA

Si ssittassi nutaru. (Si siedono per dare inizio al testamento. Angelo guarda in aria cercando qualcosa). Ssettati Anciluzzu, chi fai?

ANCILUZZU

Teccu, teccu (cercu) a mattu Melu, t’accumpari.

NOTAIO

(A Costanza) Accumpari si! Poverino, è rimasto molto scioccato.

LUCIA

Poviru Anciluzzu; veni cca, assettati; tu a circari di pirsuadiriti ca me maritu… quantu beni ca mi vulìa, bonarmuzzu; oramai… (facendo con le dita segno che è morto).

ANCILUZZU

(Ironico) Attai, attai tti (ci) nni vulìa beni! (Si avvicina il notaio) Bedda pitta! (fissa).

NOTAIO

(A Lucia) Vedete? Dal dispiacere ha anche le traveggole! Vede persino le pizze. Allora, signora Lucia, sbrighiamoci che ho altri atti d’andare a fare, vedrete che Angelino, piano piano, si renderà conto della scomparsa di vostro marito (si siedono).

ANGELINO

(Tra se) A pitta, ti! Va ttova a quali pitta havi a tetta, mattu Melu! Fotti, fotti a tidda da tta Tammela! (Carmela).

NOTAIO

Dunque, io sottoscritta Santangelo Costanza, nata a Belmonte Mezzagno in via Principe di Ventimiglia, numero… senza numero; dichiaro di donare tutti i miei averi alla mia ed unica figliola Ferretti Lucia, residente a Belmonte Mezzagno, al cortile Martiri d’Ungheria, numero… (si gira a cercare il numero e non lo trova) neanche qui ce n’è numero?

COSTANZA

Chi cosa voli chi po’ ‘mpurtari lu nummaru; cca sulu iddi ci abbitanu cu stu nomi, quindi…

NOTAIO

Contenta voi, contenti tutti. Firmate qua.

COSTANZA

Nutaru, ci aggiungessi ca lu cuntrattu havi aviri valuri di dopu chi si accerta l’avvinuta morti di me jenniru; u capiù?

NOTAIO

Si, si, ho già messo una postilla; firmate intanto.  (I due firmano).

ANCILUZZU

(Pensava di firmare pure lui) E ju, quannu fimmu?

NOTAIO

Tu firmi quannu è ura! Si cuntentu?

ANCILUZZU

Ti, ti! E… tenti, quanno è ora?

NOTAIO

Cchiù tardu!

ANCILUZZU

E… tenti, a te ora tiamo arrivati?

NOTAIO

A l’ura di munciri.

 ANCILUZZU

(Più confuso che persuaso) Ah, veru? E… a te ora ti munte? 

NOTAIO

Versu chist’ura.

ANCILUZZU

Ah, ora ho tapito! (Angelo, confuso, continua a farsi i conti).

NOTAIO

(A Lucia) Ma intanto è strano quanto si dice di suo marito. Per me è strano invece come si siano già perse le tracce.

LUCIA

Nuddu, nun l’ha pututu ttruvari nuddu. Dicinu chi si nni ‘nchianò ‘n celu senza ca si nni sappi cchiù nenti.

ANCILUZZU

(Al notaio) E… mi accotatte notaro? Quanno ha detto che ti munte?

NOTAIO

A momenti!

ANCILUZZU

Ah, a momenti! (Confuso) Ma io u ttittu ‘un nni capivu nenti; ti ttu rito antora, iddu penta ca tugnu timunitu…

NOTAIO

(A Lucia. Meravigliato) Mi scusi signora, ma… qualcuno avrà dichiarato l’avvenuta scomparsa di suo marito?

LUCIA

Sulu Anciluzzu e chista du latu eranu prisenti quannu successi lu fattu, e dissinu d’avillu vistu ‘n terra, mortu; poi… u tempu di ‘ntrasiri dintra… e appena niscenu vistinu sulu li vistita a lu stissu postu di unni avianu lassatu lu mortu prima, e eppinu a dichiarari chi l’anima lassau li robi e si nni ‘nchianò ‘n paradisu.

COSTANZA

‘N paradisu si! Quantu si vidi ca si babbasùna; a chiddu mancu i diavula u vonnu dda supra!

LUCIA

E bonu matri! Davanti lu nutaru? E poi, oramai… (Piangendo) ‘Nun c’è cchiù Miluzzu miu!

NOTAIO

Su, su signora, si facci animo! Beh, io devo andare, ho ancora altri atti d’andare a fare, (a Lucia) arrivederla signora e… non so se farle gli auguri… per il ricco lascito di sua madre, o le condoglianze per la recente perdita di suo marito. Sa che le dico, glieli faccio entrambi e non se ne parla più.

COSTANZA

Signor notaro, quantu vennu li spisi?

NOTAIO

Ottocentomilalire.

COSTANZA

Ma chi, sulu stu… attu?

NOTAIO

Cosa vuole che siano, in confronto a quanto ha ereditato! (A Lucia) Cerchi di saperli fare fruttare tutti questi soldi. (Costanza esce per andare sopra.. Ad Angelo) Tu vieni con me Angelo?

ANCILUZZU

Ju, ora tta è ttari, tte jutari a fari i pulittii a tignora Lutìa.

LUCIA

U lassassi, u lassassi, nutaru… è fissatu cu sti pulizzi; cchiù tardu u ccumpagnu ju unni so mamma. (Il notaio esce) Senti chi fai Anciluzzu, ssettati,(indicando il banchetto da lavoro e tutti gli attrezzi) ssettati cca e finisci di giustari ssi scarpi ca sicuramenti corchi jornu di chistu mi vju prisintari li patruna e ci li cunsignu, serva ca d’ora ‘n poi nun ‘nni pigghiamu cchiù di giustari… eh, comu facému?

COSTANZA

(Entra in scena tenendo in mano il famoso saccoccio, o meglio “attrezzo” dei desideri. Angelo è intento a cucire una scarpa e non s’accorgerà dei due) Senti, Lucia, (In disparte, quanto Angelo non senta) Jazzavu lu chiumazzu (cuscinu) pi ppujarimi ‘na ‘n’anticchia e visti stu… saccuneddu cca; a chi servi? E comu mai era sutta lu chiumazzu?

LUCIA

(Cerca d’inventarsi qualcosa e di non fare sentire ad Angelo di quello che stanno parlando) Ah, chistu?! Chistu eni… una cosa ca… ti fa… comu diri…

COSTANZA

Tantu difficili è, dirimi di stu cosa? E picchì u teni ‘o capizzu di lu lettu?

LUCIA

Ma quali difficili e difficili! Chistu servi… ‘nzumma… a fariti fari sogni biati, sogni di chiddi mai fatti prima, eccu, si!

COSTANZA

(Meravigliata) Ah, forsi voi diri ca curcannuti cu jornu… siccomu c’è sempri luci, chistu servi a ‘nfilaritillu ‘ntesta e accussì servi chi non vidi cchiù nenti, e… putiri dormiri tranquilla!

LUCIA

No, no, vidi bonu! E ‘nquantu a dopu, è difficili putiri pigghiari sonnu!

COSTANZA

Ci cridi chi nun haju caputu mancu ‘na parola di chiddu c’ha dittu?

LUCIA

E forsi è megghiu can nun capisci. U sapi chi fazzu, arrivu accattari un pocu di robba di manciari, ca dintra un c’è nenti; a Anciluzzu u lassa travagghiari, ca comu tornu si nni parra (esce senza che Angelo s’accorge di niente).

COSTANZA

Pi mia, chiddu po’ travagghiari quantu voli. (Guarda un po’, respirando quel sapore di tranquillità) Quasi, quasi, ca prima ca torna mi fazzu un beddu pinnicuneddu (durmutedda); mi ‘nfilu stu saccuneddu, e… cu sta tranquillità… ah! M’havi di veniri lu cori (esce).

ANCILUZZU

(Ha finito di cucire la scarpa e la osserva attentamente come gli è venuta; è meravigliato…) Mancu ti futti mattu, oh! (La posa e ne prende un’altra e la guarda) Ti, ma pi chitta u tavagghiu tté! (Prende chiodi e martello e comincia a cantare e piantare) Lu tabatu ti chiama, allegra toori; biatu tu havi bedda la mugghieri. (e batte, accompagnandosi col martello, sull’incudine) Tu l’havi bedda tti veni lu tori, tu l’havi ladia lu friddu e la frevi. (Ribatte il martello e si sente gridare Costanza che voleva riposare; Anciluzzu fraintende, e…).

COSTANZA

Ma dicu ju, ancora ha battiri! Ancora è spittari prima ca tu finisci?

ANCILUZZU

E tu è chitta, a tignura Lutia? Ah, ti, fotti, fotti u tannavattu! Mi l’havia cuddatu! (E corre sopra) Ttaju vinennu, ttaju vinennu! (Si sentiranno, a soggetto, grida di piacere e gemiti a mai finire. Affaccia Carmela e cerca di capire quanto succede).

CARMELA

Allura nun mi sbagghiava quannu sintìa battiri lu marteddu e subitu dopu sti suspiri d’amuri! E chi voli diri? (Sente rumori; è Angelo che ritorna sempre tutto mal vestito, i capelli scombinati, è  mezzo morto. Carmela si nasconde. Angelo sta per andarsene a casa, Carmela ribatte il martello, e torna a nascondersi. Angelo sente chiamare Costanza, e riparte ancora per sopra).

ANGELO

(Rientrando da fuori) E ti è? mancu tempu di tittimarimi mi detti, oh! Ti, ti, tto venendo! (E risale sopra. Si risentiranno i rumori e le grida di prima, mentre Carmela capisce tutto).

CARMELA

(Meravigliata) Buttana di so matri! Ora ci voli. E menu mali ca è babbittu! E prosita a signura! Mancu u tempu ci desi a so maritu di… (Angelo ridiscende sempre aggiustandosi tutto e Carmela rientra a casa sua).

ANGELO

Ti ttota? Ora mi nni vaju di cutta, di cutta a cata! (Fa per andarsene e s’accorege che sta arrivando Lucia, si nasconde, appena Lucia entra in casa lui va via).

LUCIA

(Che non aveva visto Angelo, riesce) E Anciluzzu unni è! Sinni ju? (Va a guardare, ma già Angelo è lontano) E nun l’havia a ‘ncuntrari pi strata? Nenti, forsi ‘ntrasìu da prima vanédda.

COSTANZA

(Entra, frastornata e confusa, è tutta sudata e mal vestita) ‘Un capivu bonu si fu un sonnu, o chi. (Si avvia a battere il martello). E puru u rumuri era chistu! Mah!

LUCIA

Chi fu, matri? Chi successi, nun si senti bona?

COSTANZA

(Meravigliata) Nun mi sentu bona! T’augurassi, figghia, di sintiriti sempri comu mi sentu ju per ora! Chi focu! Chi quaranàti! Chi miraculu!

LUCIA

Miraculu, quaranàti! Ma di chi sta parrannu?

COSTANZA

E comu tu pozzu spiegari?

LUCIA

Accussì difficili è spiegarimi di chiddu ca successi?

COSTANZA

Difficili, comu difficili ti vinni a tia spiegarimi di lu saccuneddu! E tu, hai propria raggiuni, stu attrezzu è ‘na cosa chi mancu si può discriviri; basta ca ti lu ‘nfili ‘ntesta e subitu si scatina l’ira di ddiu.

LUCIA

E scummettu ca ci ‘ntrasi puru lu marteddu?

COSTANZA

Si, si! E… tu comu lu sai?

LUCIA

(Meravigliata) Ma allura… chistu è signu ca Melu è vivu! Allura… chi voli diri tuttu stu scherzu?

COSTANZA

Melu! Cu, to maritu? E chi ci ‘ntrasi u marteddu cu to maritu?

LUCIA

Ci trasi, ci trasi, e comu si ci trasi!

COSTANZA

Aspetta, aspetta! Nun è ca quannu tu… o megghiu, iddu batti…(facendo finta di battere il martello) Tu… ti ‘nfili… (facendo finta d’infilarsi il saccoccio in testa) e poi… (Lucia annuisce) A sapillu, lu putìa fari prima lu tistamentu! Sai ca è veramenti ingambissima to maritu?

LUCIA

Puru! Ah, è puru…

COSTANZA

Ma chi capisti? Ju ‘Ntinnia diri ingambissimu nel senzu ca hai un mariteddu ca ti teni sveglia cu li giochini, e ju ca pinsava…

LUCIA

(Rimprovera la madre) Matri! Haviti ancora lu curaggiu di pinsari, dopu ca… facistivu…

COSTANZA

Lucia, figghia mia, la curpa nun è di nuddu, mancu di to maritu; sulu di stu saccuneddu can un ti pirmetti di vidiri cu cui ha a chi fari.

LUCIA

Si, ma ora iddu unni è? Chi forsi si ddunò d’avirisi misu cu vossia e…

COSTANZA

No! nun cridu chi ‘nchianava a secunna vota! (Lucia la guarda meravigliata; lei cerca di giustificare quanto detto) Nenti, nenti! Vuliva diri chi nun ‘nchianava a secunna vota si s’accurgiva d’avirisi ddunatu di mia, ma… siccomu nun si putiva ddunari…

LUCIA

‘Nchianò arreri!

COSTANZA

Ma quali arreri e arreri! Senti, nun ti mettiri furnicii ‘n testa. Anzi, senti chi facemu, andamu ‘o paisi e videmu si u ttruvamu, macari sarà dispiaciutu di chiddu c’ha successu e…

LUCIA

E chi mutivu c’era di fincirisi mortu? Chi forsi si vuliva alluntanari di mia pi quantu l’haju turturatu?

COSTANZA

Forsi la curpa di tuttu chistu è sulu mia. Cu sapi, li privazioni, tutti li sacrifici c’aviti fattu e senza ca ci ‘nn’ era la ragiuni; si avissi fattu prima lu tistamentu a tuttu chistu nun si rrivava. Certi voti, pi li troppu pinseri: ‘un sapiri comu pagari li scadenzi, comu mettiri la pignàta… li picciuli, chi pari nun ci vulissimu dari ‘mpurtanza, ‘nfruiscinu nni la stabilità mintali, e si cumminanu cosi strani. Amuninni, amuninni figghia mia a circari a to maritu (escono).

ZINGARA

(Entrando dopo che sono uscite Costanza e Lucia) Matrozza Carmela!

CARMELA

(Entrando in scena premurosa di voler sapere) Era ura, finarmenti! Chi è, comu finiu? Veni, veni?

ZINGARA

Dici chi a mumentu ‘nchiana, e voli chi s’havi a fari ‘ntruvari pronta e cu saccuneddu mintutu…

CARMELA

U saccuneddu! Ma di chi cosa sta parrannu?

ZINGARA

U saccuneddu èni… è servi…

CARMELA

Eni, servi… Ti vo spiegari megghiu?

ZINGARA

Stu saccuneddu, ca a signura Lucia teni sutta lu cuscinu, servi ca si lu metti ‘ntesta pi quantu è brutta…

CARMELA

Ju?

ZINGARA

Chi c’entra vossia! A mugghieri di mastru Melu!

CARMELA

Ci cridi chi nun nni staju capennu nenti?

ZINGARA

E va beni, nenti ci fa; ciu spiegu ‘n’autra vota. Però, ‘ntantu, dici mastru Melu ca vossia s’havi di mettiri ‘ntesta stu cosa pi quantu di sta manéra dici di faricci menu tortu a so mgghieri. Capiu? Ju rrivu a vidiri si ‘nchiananu matri e figghia. ‘Nchianassi, ‘nchianassi e si teni pronta, comu senti lu signali… o megghiu, battiri lu marteddu… capiu? (La zingara esce, mentre Carmela sale in casa di Melo, aspettando che si faccia l’ora per…)

ANCILUZZU

(Dopo un po’ entra Angelino con le scarpe che avevano aggiustato alla signorina Agnese) A tignurina Agnete diti ca tti cappi t’hannu a giuttari megghiu, e te fari ‘un l’ha giuttu? Vatinnò comu a pottu vintiri a tignurina. (Guarda la porta che conduce in casa di Melo,  come a volere parlare con Lucia) Ttu ricu a tignora Lutia? No, fotti è megghiu ta un ti ricu nenti. (Comincia a lavorare, ogni tanto le guarda; poi prende il martello). Tta (cca), tti vonnu tantati (chiantati) ru tuvidda (chiuvidda) (li prende e li pianta facendo rumore nel battere il martello, tanto che dopo un pò…)

CARMELA V.F.S.

‘Ntisi, ‘ntisi! Po’ ‘nchianari! E spicciti!

ANCILUZZU

Tento (sento), tento! Tto venendo! Quetto mattello, lo fatetti (facessi) ‘mpitticare a muro, lo fatetti ‘mpitticare! E te fa, non ti vajo? (esce).

ZINGARA

(Entra con Melo) U capistuu allura lu mutivu di tuttu stu discursu? Ora vui ‘nchianati supra, faciti chiddu c’aviti di fari, accussì me matrozza finarmenti mi lassa st’eredità; ju mi sistemu comu pusizionu; vui vi passati st’avutru… dicemu capricceddu, nuddu saprà mai nenti, e finarmenti me matrozza mi lassa ‘mpaci d’un tuttu. (Si sentono arrivare Lucia e Costanza, e i due si nascondono).

COSTANZA

Nun ti prioccupari ti dissi, ca li cosi si sistemeranno prestu.

LUCIA

(Piagnucolosa) Nun ci cridu, nun ci cridu. La lingua m’havia di cadiri a quannu mi ci ttaccava. Sicuramenti si stancau puru di sintirimi, lu me Miluzzeddu. Iddu nun lu sapi, ma ju ci haju vulutu sempri beni… (entra Melo, mentre loro sono di spalle).

COSTANZA

Nun chianciri, nun chianciri ora, cu sapi si ancora li cosi si ponnu sistimari.

LUCIA

(Quasi piangendo) Sistimari, si! Forsi nun l’haju saputu vuliri beniri pi comu avissi duvutu; haju sempri a difinnutu a vui, senza pinsari ca lu putiva dispiaceri. Ha travagghiatu sempri; e ju ci haju fattu pisàri di essiri lagnusu. Nun è veru, matri, è troppu massaru, massaru e sirvizievuli!. E comu fazzu, comu fazzu; è propriu veru: “lu veru beni s’apprezza sulu quannu si perdi”; ma ju, anchi si nun ci l’ebbi mai a dimustrari, di beni ci nni vulia assai, assai, matri!

MELU

Puru ju ti nn’haju vulutu e ti nni vogghiu assai.

LUCIA

(Esplodendo di gioia) Melu! Tu, ccà? Si propriu tu? fatti tuccari! (lo abbraccia).

MELU

Pinsava di moriri… pi finta s’intenni, quantu to matri ti faciva subitu ricca; ma a chi vali divintari ricchi, quannu si curri lu rischiu di perdiri lu beni di li cosi semplici. E… si davveru lu vo sapiri, nun m’interessa propriu si nun si pi nenti bedda, li to paroli vannu chiossà di tutta la biddizza di stu munnu (l’abbraccia).

COSTANZA

Nun cridia propriu d’aviri un jienniru puéta. Ora u sapiti chi facemu, jamu subbitu nni lu nutaru e…

ANCILUZZU

(Entra in scena e rimane stupito nel vedere gli altri) Ju… (S’accorge di Melo) Oh, mattu Melu! Chi fiti, arrivittiu?

LUCIA

(Meravigliata) E… tu, di unni sta vinennu?

ANCILUZZU

(Cerca di inventarsi qualcosa) Io… tono ttato a… (a Lucia, molto meravigliato nel vederla giù) Tignora Lutia, ma vottìa è ttata (stata) tempe (sempre) juto? (giu).

LUCIA

Certu, c’haju statu jusu! Nun lu vidi?

ANCILUZZU

E ju allura… (confuso, guarda la porta da dov’è entrato).

LUCIA

Tu! Tu chi?

ANCILUZZU

(Cercando di dare un taglio a tutto quanto) Tentite, io, in quetta cata, ho fatto tutte tutte le pulittie, tutte tutte e attai attai; ora ho detito che in quetto potto non te più bisogno di pulire, e me ne vato a cata pe tempe; e… vitto che ti tono (va a prendere il martello) mi potto pure i teletomando. (Si avvicina ad ognuna di loro e parla di ognuna) Tu (a Lucia) tei qua; (a Costanza) tu pure; allora, ti era… (indicando sopra. Li saluta tutto confuso e si avvia ad uscire). Tao, tao, e… fotte (forse), fotte, addio a tutti. (esce. Cade il quadro di san Giuseppe dalla parete; Melo resta scioccato).

MELU

(Meravigliato) Si muviu san Ciuseppi! Allura… u babbu…

COSTANZA

(Rimangono immobili e sbalorditi) A vuliti sapiri a virità? ‘Un nni capivu mancu ‘na virgua di chidu ca dissi. U sapiti chi facemu, jamuninni subitu ‘nno nutaru. (Stavano per avviarsi ed entra la zingara).

ZINGARA

Eh no, caru mastru Melu! E a me eredità, nun ci penza?

LUCIA

(Lucia e Costanza rimangono stupite) E… vui cu siti? Scusati, chi vuliti di me maritu?

MELU

Ju, ju nun sacciu nenti! (Entra Carmela; è in estasi, tanto che non gli importa dei presenti).

CARMELA

Mastru Melu, va pozzu diri ‘na cosa, siti veramenti… comu diri…

MELU

(Meravigliato) Nenti, nun mi diciti nenti. (tra se) E ghiamu pi fissa!

CARMELA

Chi energiìa, chi focu! Siti… comu vù pozzu spiegari…

MELU

Nenti, lassati perdiri, vi dissi can ‘un c’è cchiù bisognu di dirimi nenti, ne vui e ne autri. (Carmela rientra a casa sua) Però ‘na cosa a vulissi capiri (alla zingara)  Ma vui… nun è ca…

ZINGARA

Scusati, nun c’è propriu nenti di capiri. Lassatimi parrari. (Verso il pubblico, mentre i personaggi rimangono immobili) Sulu du paruleddi vogghiu narrari: “lu saccuneddu e lu marteddu, ca tantu criarunu vampati e focu, avutru nun foru chi sulu un jocu. Jocu di vita ‘nvintata… “amara a cu ci capita”, ca mancu pari fussi veru; ma ju ca fuvu è c’eru, sulu ‘na cosa vogghiu a tutti ricurdari, ca sti fatti e fattareddi, nni portinu a pinsàri, ca la vita, chidda vera, anchi si fatta di fami e stenti, nun c’è bisognu di priari li santi, basta l’amuri, l’amuri veru pi jri sempri avanti. (Si blocca pure lei, e si va chiudendo il sipario).  

FINE

Tonnarella, 09 Novembre 2006 

  

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 29 volte nell' arco di un'anno