Amici miei

Stampa questo copione

AMICI MIEI

 

AMICI MIEI,

El punto de partenza, onde al vinia sviluppato ogni idea, igghjera el bar del Tacchino, diventato  doppo el bar de la Piè.  Ma noialtri aerene sempre i soliti.

I soliti chi’ffeene disperà sia un che e’jaltra. Disperà è vero ma con rispetto a’sse garbaa forse anche troppo scherzà come nel cine de “ amici miei “ a’ne’nventaene de tutti i colori.

A de-ddì che el gruppo igghjera veramente forte e me sa podeo a’deo volentera una man, anche dò. Se le segate al fussene state palanche mò a’ssirebbe ricco. Aerene proprio una bela ghenga…

Al fù lì che in una de quele giornate calde d’estate, a’sse dicise de’ndà al Forte a pigghjà un-aperitio.

Cunci come aerene, a’sse parta per ‘ndà al Forte a’ffà i signori, cugì aeene ditto e cugì a fenne.

Aruati al Forte a pigghjan pusizion al Principe el bar più  de lusso del Forte. Subito con fare da signori, anche se a lo vedea anche un porco che un’neren,  asse fian unì dò  taulin e’ppò a’urdinian come  ricchi  signori quel che a’sse garbaa.

Mò un vorrebbe sbagghjà ma erene in sette, forse otto?  Partiti  con dò machine, accerene:- me de siguro, un de Firenze un de Parma e i soliti de sempre. I soliti de sempre igghjerene de volta in volta tutti quej che j frequentane el bar che al momento igghjerene lì e i viniene coinvolti o i coinvolgeene. (quel giorno amme pare de recordà accera chiamandoli con nomi finti  , LILLO ,  FRANCO, VASCO  el LELLO  e altri  che a chiaman  TIZIO  CAJO e SEMPROGNO. Tanto igghjenne tutti nomi de fantasia, chi sà i sa  chi aerene e ch’ igghjerene.

Ricchi come mae a’ffian dò cunsumazion, grandi, con fare da grandi riccon. Dreto a noià  a un taulin a’ccera dò signore sole, come un lampo in accordo con quejo chi guidaua quejaltra machina a fian in modo che in dò igghjarimanene a’ppè, mentre quigghjaltri iffan finta de ‘ndà via.

Accordo fatto a pensiero prima anche mò che tutti i’sse alzene  me e quejo de Firenze a scommettian con tutti che assirebbene ‘ndati da le signore sole e agganciate a’la-rebbene portate la sera al bar. Accettata la scummisa doppo un minuto noialtri aerene già assettati con lore e con lore già a divideene  vecchi ricordi,  aerene vistiti ben eppò a recitaene la parta dei ricchi signori, lore aeene abboccato, aran pensato:- ecco dò polli ch’isse paghen le vaganse.-

Igghj’amici in accordo i’sse ne vanne e soli a’rimana quej dò che soli i’ doeene rimanè e col conto da pagà. Li per lì ippaghene el conto e i’sse lascen campo libero raggiungendo quej che già isserene allontanati:

Un trovando più ne lori ne la machina… igghje ‘ncumincene… a appuzzazze de qualcò e igghje ‘ncumincene a girà intorno al bar  e fare cenni.

Noià a feene finta de gnente e lori i’sse-ncazzaeene sempre de più, alla fin Lillo i’ssavicina al tualin. Mò immaginatelo coi calzon curti, zocculi, una camigia da mercato, ligata sopre el bijchero, un cappejaccio in capo, insomma apparenza zero,  aspetto da rozzo sceso dai monti, i’vven al taulin e in dialetto, da ‘ncazzato igghjè sborbottola qualcò, per le forestiere arabo,  ma noià dreto a quele parole sparate a raffica aeene ben capito che lu i’vvolea ‘ndà a cà ch’igghjera stufo e via moccoli.

A’mme giro verso l’ingresso e a chiamo el cameriere, lù i pensa meno malo i pagà cugì andiam via, arriva el cameriere e me subito con distacco:- cameriere questo individuo stà molestando noi e le nostre amiche, vuol provvedere a farlo allontanare…. A’un faccio in tempo a finì la frase, che lu i’ddà in escandescenza con urli, parolacce  e giù  moccoli. In  tre camerieri, tre camerieri per fallo allontanà con la minaccia dei carabinieri. El muso, el sò  i’parea un vulcano quande igghj-erutta, l’altro amico con le bone i lo cunvincia a reentra in corriera e cugì i fanne fin al Cinquale, donde per la via, a’ppè, passo passo,  su sù igghiendeene e lì a-l’abbiam  raggiunti. Dopo dò spinton sett’otto parolacce dò scuse e una prumisa  el nervoso i’pparea  passato.

La prumisa aera che siccome ej’affare con le dò donne i’sse podea anche fà ma la sera alle 10 quel ch’isserà fermato con me un podea vinì e el Lillo  i-l’arebbe puduto rempiazzà. Appuntamento a le dieci al caffé Milano del Forte.

Caffè Milano, scelto perché i’sse troa in una pusizion che tu po’ vedè da rempiattato tutti quei ch’igghjarivene.

Alle 9 e quaranta aerene già tutti piazzati  rempiattati dreto scepe e piante a spettà ch’igghjà-rivasse. Alle dieci meno cinque ecchelo… liccato e prufumato tutto in tira .Giro de ronda intorno al bar, i cercaa con occhiate lunghe de vedè  s’accero. Tra l’altro  dò donne  eren proprio sole a un taulin e al pareene  in attesa. (non le stesse ma lù  queje del giorno, preso da la rabbia, gnanche i l’aea viste) Igghje-ncumincia a pensà ch’ajè vero sul serio quindi i’sse fà coraggio igghjentra un và  al taulin  ma al banco interno in attesa.

Dopo tre quarti d’ora un de noialtri igghientra, e i racconta che me aero stato a la pension onde a steene quelre do  e che l’appuntamento igghjera stato rimandato a la sera doppo.  nel frattampo a’mmero intrattunito un po-pò con lore, mandando lù ad avvirtì che l’appuntamento igghjera remandato a dimanda-sera stesso posto stessa ora.

Me un sò se lu i’cce-ndato noialtri nisciun e me per una sittimana niente BAR.De certo a’sò che al primo reentro in cumitiva a’mmè aruata addosso una sciacquata d’acqua, mandata dal celo, ma tirata dalle man de Lillo vindicatore. Al voleà dì che aerene pronti per cumincià a pensà a una nova segata.

A’naeene tante:

Era de moda lasciasse a’ppè. Fà scummise su chi ce la fea a fa ogni cò. Rubà cunigghj e gagghjne e invità a cena el derubato. Sciacquate d’acqua e non solo… Fare i mannej a carte, col solo scopo de vince per fa la cojoneja. Svegghjà a tarda notta chi marcaa visita. Scherzi al telefono, Truccasse a donna per ‘ndà a batte su la via. A’sse-né fatte tante appena a posso a’vvè le racconto tutte….

Almeno queje ch’a-ò  anche mò in mente.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 29 volte nell' arco di un'anno