Amore che viene… amore che va!

Stampa questo copione

AMORE CHE VIENE…

AMORE CHE VIENE….AMORE CHE VA!

Commedia in 3 atti di Giovanni Gulino

PERSONAGGI

Cicciu Carannante

Ferroviere

Agatina

Moglie di Cicciu

Carmela

Figlia di Cicciu e Agatina

Turuzzu

Figlio di Cicciu e Agatina

Nicola

Figlio di Cicciu e Agatina

Don Pasquale Carannante

Padre di Cicciu

Angelo Rocchetta

Fornaio

Padre Clemente Marciano

Parroco

Casimiro De Fullis

Marchese

Penelope Viscontini Gritti

Moglie del marchese

Oreste Floriano De Fullis

Figlio di Casimiro e Penelope

Lucrezia De Cristofori Ceretti

Madre di Casimiro

NUM. POSIZIONE S.I.A.E.  82627

PERSONAGGI N. 12:   8 MASCHI E 4 FEMMINE

TEL.  331 5603090

DESCRIZIONE PERSONAGGI

CICCIU: Età 55 anni. Persona buona ma venale e, da provinciale, attratto                           

                dalla prospettiva di elevarsi di rango con un matrimonio

                d’interesse.

AGATINA:  Età 45 anni. Come il marito ma più attenta al bene della

                      famiglia.

CARMELA: Età 20 anni. Bella e sveglia ragazza che, al contrario dei

                       genitori,  crede nei veri valori affettivi.

TURUZZU :  Età 25 anni. Giovane ingenuo e passionale, davanti ai

                       sentimenti è incapace di ragionare e frenare i suoi slanci

                       amorosi.

NICOLA:      Età 10 anni. Ragazzo sveglio e pronto alla risposta.

                       Caratterialmente è all’opposto del fratello maggiore.

DON PASQUALE: Età 80 anni. Uomo simpatico , impulsivo e sanguigno.

                                  Dai modi diretti e un po’ rudi, è fermo e diretto nei suoi

                                  propositi.

ANGELO:     Età 25 anni. Persona passionale disposta a tutto per amore.

                       E’ sveglio e, tranne qualche sbavatura, riesce sempre a

                       dominare le situazioni nonostante il suo carattere focoso.

PADRE CLEMENTE: Età 60 anni. Prete simpatico che cerca di portare

                                        le cose a posto con ironia.

CASIMIRO: Età 60 anni. Persona altezzosa e antipatica che vive nel mito

                       del rango sociale, rango che ormai è solo apparenza.   

PENELOPE : Età 55 anni. Come il marito, altezzosa e antipatica.

ORESTE:   Età 30 anni. Persona ridicola e viziata. I suoi modi sono

                    tipici di una classe ormai decadente e inutile.

LUCREZIA: Età 80 anni. Nonostante l’appartenenza alla classe del figlio,

                       è una persona disincantata e buona. Della famiglia è l’unica

                       intelligente e sensibile.

BREVE TRAMA

La famiglia Carannante è in fibrillazione perché aspetta il marchese De Fullis e famiglia, per disporre il fidanzamento della figlia Carmela con il marchesino Oreste, nonostante Carmela non sia d’accordo con tale decisione perché innamorata del fornaio Angelo.

Questi cerca di convincere Carmela a forzare i fatti, ma la ragazza lo esorta a pazientare. Angelo giura che pur di starle accanto è disposto a tutto, infatti si presenta a casa Carannante vestito da donna e spacciandosi per una compagna di collegio di Carmela.

L’arrivo dei De Fullis provoca sentimenti diversi a seconda delle persone coinvolte, sentimenti che vanno dall’ossequio, all’ironia, dalla litigiosità alla gelosia ma nello stesso tempo vede nascere un forte interesse di don Pasquale nei riguardi della marchesa Lucrezia e una forte passione amorosa di Turuzzu nei riguardi di Felicetta (che non è altro che Angelo nei panni dell’amica di Carmela).

Nel secondo atto si assiste alla lotta tra don Pasquale e il figlio, che cerca di dissuadere il padre a rinunciare all’affetto  che nutre verso Lucrezia, con don Pasquale, nell’occasione sostenuto anche da padre Clemente, che furiosamente si ostina nel suo proposito e dall’altro lato si assiste ai tentativi di Felicetta di respingere gli assalti di Turuzzu, ormai in piena trans amorosa.

Nei dialoghi che seguono tra le due famiglie interessate al matrimonio dei giovani, si incomincia a intravedere che dietro la spocchia dei marchesi c’è una famiglia in rovina e  ormai priva di tutti i possedimenti che Ciccio invece credeva in loro possesso con stupore dei Carannante e spasso di padre Clemente che è l’unico che in tutte le vicende della commedia se la ride di gusto.

Il terzo atto si apre con lo sconforto delle famiglie Carannante e de Fullis alla notizia della fuga amorosa operata da don Pasquale e Lucrezia e al loro ritorno a casa a causa di un imprevisto. Si ha completa rottura fra le due famiglie e la conseguente cacciata dei De Fullis, tranne Lucrezia che ormai ha deciso di dividere la sua vita con don Pasquale.

Grazie al’intecessione di padre Clemente e all’accorato invito di Felicetta, Ciccio e Agatina si convincono che Carmela può fidanzarsi con Angelo e quindi Ciccio ordina a Nicola di andare a chiamare il fornaio per comunicargli le sue intenzioni. Felicetta è costretta a scappare di corsa per ritornare nei suoi panni abituali e Nicola si presenta con una lettera di Felicetta per Turuzzu dove lo informa che il loro amore non può avere un seguito e quindi è costretta a lasciare il paese per sempre.

Turuzzu è al massimo grado della disperazione, mentre il nonno cerca in qualche modo di consolarlo prospettandogli l’esistenza di altre donne, ma Turuzzu resta seduto sul divano più afflitto che mai per la perdita di un amore così grande che non potrà mai vedere il lieto fine.


1° A T T O

Soggiorno modestamente arredato di casa Carannante. Entrano Carmela e Angelo. Quest’ultima spinge indietro Angelo e cerca di mandarlo via.

Carmela

Iancilu niesci, nun complicare i cose. To rissi: a m’aspittare. Ora vattinni, se ti trovunu cà finisci a schifìu.

Angelo

Aspittare!! C’aspittare ca ti spusi su cicalini? O a cosa sta piaciennu puri a tia? I sordi fanu perdire a testa a tutti. Tu ghià stai pinzannu e comodità, e lussi. Vero?

Carmela

Pienzu quantu si cretino certi vote! Iancilu, iu vuogghiu bene a tia, su marchesino nun m’interessa.

Angelo

Ma allura parra cu to patri. C’aspietti?

Carmela

Ssst, zittiti ucca aperta! Ti stai faciennu sentire i tutti, iai a uccazza ciù larga ro furnu unni ci nfurni i pagnotte. To rissi, nun è u momento ri parrare cu mo patri. Ora vattinni, iavi ra piazza ca mi vieni appriessu e, come se nun abbastassi, trasisti intra cu prepotenza. Avanti, tantu bidduzzu niesci.

Angelo

No, ora aspiettu e parru attonna cu to patri. Sta vota u cumminciu.

Carmela

Ca cumminciri?! U viristi comu ti trattau l’ultima vota? Ri tia nu ni vole sapiri, quannu ci parru addiventa na bestia…Iancilidu vattinni, se ti trovano cà finisci male. E puoi, può darsi c’a fissazione po marchesino ci passa.

Angelo

Se, ci passa! A canusciu sa razza! Macari ta matri si criri ghià marchisa, ora pi strata  tutta ca sciuscia.

Carmela

Puonu fare chidu ca vuonu, a fine decidu iu. Ora iautru nun putiemu fare.

Angelo

Se c’a putiemu fare. Carmela, fuimannilla e cu sa vistu sa vistu.

Carmela

Oh Signuri, com’è ca m’innamorai ri unu accussì stubbutu! Unni ta vuoi fuiri? Unni? Che sordi c’aviemu mancu reci chilometri i strata faciemu. E unni rurmiemu: nte rutti? Chi manciamu: carrui?

Angelo

Quannu rui si vuonu bene…

Carmela

Ruormunu nte rutti e manciunu carrui? Chissi nun sunu rui ca si vuonu bene, sunu rui risfizziati ra vita. Tssi, na ma fuiri! Quantu ni sapi!

Angelo

Allura truvamu n’autra soluzione. Carmela, tiempu nu n’aviemu. Mo ricisti tu stessa ca i marchisi De Fullis a na vennire a ta casa.

Carmela

Lassili vennire, a virri chi accoglienza ci fazzu! (entra Agatina)

Agatina

Ihhh!! E tu chi ci fai cà?

Carmela

Ecco, u mbecille si fici piscare!

Agatina

Niesci subitu fora, ma sa no u ricu mo marito. Talè! Talè!  Trasi nte case come se nenti fussi. Forza, fora ri cà.

Angelo

Signura, iu vinni pi spiegarivi ca…

Agatina

Nun c’è nenti ri spiegare. Comu ta dire ca ri tia nun ni vuliemu sapiri? Niesci, vattinni a fare filuna e nciuminate a n’autra banna. A ma figghia levatilla ra testa.

Carmela

Mamma, nun parrare accussì.

Agatina

Tu zittiti e senza ca tu difienni. Stai divintannu marchisa e ancora runi cunfirenza a stu pezzente nfarinato.

Angelo

Sugnu furnaru: e allura? So marito è nferroviere, perciò nun facissi tantu scrusciu.

Agatina

Macari sfacciatu si! Intanto a famigghia ro ferroviere si sta imparentannu co marchisi De Fullis. Iautru ca viscotta e scacci!...Ora niesci fora. (va nell’altra stanza)

Carmela

Iancilu vattinni, nun peggiorare i cose. Testa ri maida!

Angelo

Va bene mi ni vaiu, ma stai certa ca tuornu. Ora viri! Iu senza i tia nun puozzu stare. (rientra Agatina)

Agatina

Ancora cà si? Ma allura si tuostu! Fora!…Fora!

Angelo

Mi ni staiu iennu, senza ca storci tutta a facci. Ghià è laita, nun peggiorassi i cose. (esce sbattendo la porta)

Agatina

Malarucatu e sfacciato. E vulissi divintare u mo enniru! U sintisti? Mi rissi ca sugnu laita. E’ bedu idu invece!

Carmela

Tu nun è ca u trattasti miegghiu.

Agatina

Cà sa fare a selezione, pirsuni non desiderate nti sta casa nun trasunu, ncuminciannu ro muortu i fame ro to amico.

Carmela

E’ nu bravu picciuottu, travagghiaturi e rispittusu.

Agatina

Rispittusu, comu no! Iavi na linguazza!...Laita mi rissi!

Carmela

Iu mo vuogghiu spusare. Re sordi, ra nobiltà, nun m’interessa nenti. Iancilu sacciu com’è e sugnu sicura ca mi vole bene.

Agatina

Bene! Felicità! Lassili perdire si cose. Co marchesino fai a signura, i pirsuni quannu t’ancontrunu tantu ri rispiettu: marchisa ri cà, marchisa ri dà. Cu su pezzente puoi fare sulu a mulinara. (entra Cicciu in febbrile eccitazione )

Cicciu

Fatta è! Fatta è! Agatina, mittiemu a puostu a casa, arrizzittamila co viersu…Fatta è!

Agatina

Cicciu, chi succiriu?

Cicciu

Agatina beda, è arrivato il grande giorno! Ancuntrai o marchese De Fullis e mi rissi ca ogghi, cu tutta a famigghia, veni a facirini visita. Lesti, a na truvare tutto in ordine.

Agatina

Matri mia Cicciu! Ma chi all’improvviso? Iu vulìa sistemare na puocu i cose.

Carmela

Viri chi disgrazia! O marchisi nun ci po piaciri l’accoglienza. Chi rispiaciri ranni!

Cicciu

Carmiluzza nun rovinare tuttu. U marchisi è picca cummintu, se niautri nun faciemu a nostra parte: addio matrimonio. U marchisi sta viniennu p’accuntintare o so figghiu ca nun po arregghiri ciù. Forza! Tuculiamini!

Carmela

Naturalmente a ma opinione nun cunta, vero? Nun mo dumanni se su marchisi mi piace, se u vuogghiu bene…

Cicciu

Carmela lassa perdire, cu l’amore, co sentimento, si ci fanu i film o cinima no i famigghi.

Agatina

Faccillu capire. Figghia ingrata! Niautri faciemu tanto pi sistemalla e ida nun apprezza. S’infatuau ri su panittiere.

Cicciu

Nun mi ni parrari! Pi fortuna u pane u faciemu nto nuostru furnu. M’avissi a manciare u pane ri chissu? Ma puoi basta taliallu, iavi a facci ri chidu ca nu n’anzetta una. (Carmela adirata va nell’altra stanza)

Agatina

E quantu è malarucatu! Penza: mi rissi ca sugnu laita.

Cicciu

A se?! (piano) Una a nzittau!...Buonu vah, circamu ri mettire ordine. Ogghi è nghiuornu storico: a ma casa u marchisi De Fullis. Nto nuostru purtuni ci mettunu na lapide:”Ri cà passau u marchisi De Fullis”. (entra don Pasquale)

Pasquale

U sapìa c’avia passatu qualcunu, pi chissu nun truovu u mo vastuni. O sa unni u biarru.

Cicciu

Si tu ca u lassi pieri pieri e puoi u cierchi. Duocu è, a latu ra crirenza.

Pasquale

Iu duocu nun ciò lassai. Quanti voti a rittu ca i mo cose nun i vuogghiu siri tuccate?!

Agatina

Va bene! Va bene!...Cicciu a proposito, a crirenza duocu nun mi piace, a vuogghiu ciù a vista, accussì si viri u servizio re piatti buoni. Spostila ciù a ghiri cà.

Cicciu

Ciama Turuzzu ca mi runa na mano ma sa no, se ammuttu sulu, squagghiu tutti cose.

Agatina

Nsia mai Signuri! Aspetta!...Turuzzu…Turuzzu.

Pasquale

E’ sciutu cu Nicola, sunu a viririsi na partita ri palluni.

Agatina

Allura lassa perdire, a spuosti duoppu.

Pasquale

Cicciu, se ti serve na mano mascolina, ca ci sugnu iu: Pasquale Carannante, viecciu tranti e tisu ca sa sbafatu vint’anni i pinzione ro cuviernu e a fare appuzzare almeno n’autri vint’anni. Cicciu, unn’a ma mettire sa crirenza…(si rimbocca le maniche) Abbiamu!

Cicciu

Papà lassa perdire…nun c’è tutta sta prescia…

Pasquale

Rimmillu nta facci c’acciù mi consideri allintatu. Rimmillu. Ma iu pasta antica sugnu e se tutti fussunu comu a mia, i duttura facissunu a fame.

Agatina

Papà, Cicciu nun ti vole fare strapazzare.

Pasquale

Penza a nun fare strapazzare a idu ca ghià trimulìa, n’autru tuculiuni e si sbraca. (fa per uscire) N’autra cosa: riguardo u fidanzamento ri Carmela cu su Peppi Cuoppila ri nobile, iu nun sugnu d’accordo. Tu stai spusannu a ta figghia pe sordi. Miserabbile!! Ma s’è necessario a ma niputeda a spusu che mo sordi, a vuogghiu virri felice vicina a su panittiere…comu si ciama? E’ bedu, iautu e furzutu, iavi i spadi comu na briula. Tieniti si maliritti sordi c’a Carmela a spusu iu (esce infuriato)…cu cu ci pare e piace!

Agatina

Cicciu, to patri s’anfuriau!

Cicciu

Pianu pianu ci passa. Basta ca ci fai notare ca è viecciu ci accianinu i nerva. (entrano Turuzzu e Nicola)

Nicola

U secunnu gol fu u ciù bellu i tutti.

Turuzzu

Ma quale, l’arbitro avìa annullare! (esce Agatina)

Cicciu

Cà siti? Intra aviemu chi fare e viautri pinzati o palluni. Turuzzu invece vieni cà…macari tu Nicola. Ratimi na mano a spostare sta crirenza, a ma mettire cà, ciù a vista.

Turuzzu

Picchì sti cambiamenti? Nun ti piace unn’è misa?

Cicciu

A mamma a vole ciù a vista. A na vennire i marchisi De Fullis e misa cà si viri miegghiu u serviziu buonu.

Nicola

(piano) Travagghiu a matila! (mentre spostano il mobile, da fuori giunge il suono di una chitarra e poi un canto)

Npruccitiedu pianu pianu

fici nvuolu e sautau

nto barcuni ri don Cicciu

era stancu e si pusau.

Rit. Chi ni fici don Cicciu ro prucciu

nun u sacciu, nun u sacciu.

(il ritornello si ripete due volte)

        

Cicciu

Sbagghiu o chista è na canzuna?

Nicola

Se, e pigghiau a direzione ra nostra casa. (si mettono in ascolto)

Mastru Cicciu lu taliau

e ri cursa s’arricugghiu

duoppu ca u cciappau

rissi” bedu figghiu miu”

Rit.  …………………

Turuzzu

Pi davero sta direzione pigghiau, papà.

Cicciu

Chissu è u furnaru fitusu e mulu fausu.

Su misi nti na manu

iucannici cu spassu

u ppanau ri manciare

accussì u misi o rassu

Rit…………..

Cicciu

Fitusuni! Sienti chi canta! Carogna! Ma picchì nun crepa?

Duoppu nmisi puoi fu vistu

Cicciu cinu ri ruluri

ora cianci nto barcuni

vicinu a pedi stisa o suli.

Rit…………………..

 Nicola

Papà, chi bedu firrincuozzu ti sta ministrannu!

Cicciu

Zittiti babbu. Nta tutta a ma vita nun manciu acciù pane, a na fallire tutti i panittieri.

U prucciu, fu destino,

a quarcosa ci sirviu

so fici a spezzatino

e a pedi si vinniu.

Rit. Chi ni fici don Cicciu ro prucciu

ora u sacciu, ora u sacciu.

Cicciu

Chi nirvusu! U scappisassi tuttu! A finire a mienzu a na strata e vennire nti mia a circarimi a limuosina.

Nicola

Se, ca tu cià facissitu!

Cicciu

Nicola, ri chi parti stai? Vattinni, fila ri cursa.

Nicola

Acciù nun si po parrare.

Cicciu

Tu parri sempre e a sproposito.

Turuzzu

(entra Carmela) Carmela, ssst!!, u papà è nirvusu.

Cicciu

(passeggia furioso) Panettiere lurdu! Nun sa vo calare proprio. (dalla finestra) Carugnuni ta scurdare a ma figghia! Nun a virri mancu nta fotografia. Rassegnati! (durante tutta la sfuriata, gli altri fanno gesti a tono) Sa na brusciare tutti i scacci e i viscotta. Pillirinu!...Ta vuoi spusare Carmela?! Tiè!!...Vieni cà! Vieni cà e ti fai zitu ca ma figghia!...Canta maccarruni! Ta pigghiari na paralisi nta lingua. (si rimette a passeggiare furioso) Chi nerva!... Macari chidi ra famigghia sunu contra i mia! Ma nun m’importa, sta guerra a combattu iu sulu, e a vinciu. (bussano) Cu è ora? Nmomento!...Nmomento! (va ad aprire. Sull’uscio appare Angelo in abiti da donna)

Angelo

Permesso! Buongiorno (vede Carmela) Carmela bidduna! Come stai? (le corre incontro, la bacia e l’abbraccia calorosamente. Tutti si guardano sorpresi e Carmela è sbigottita) Vieni cà, fatti abbrazzare…Mi talì come se nun mi canuscissitu. Sugnu Felicetta, a t’amica carissima.

Carmela

Ah si!...Felicetta!...se…a ma amica…

Angelo

Chisti su i to parienti? Presentammilli, finalmente iaiu u piaciri i canuscilli. (entra don Pasquale)

Carmela

Certo! I mo parienti…(esegue in trance le presentazioni)

Cicciu

S’accomodi signorina, Carmela forse nun n’aspittava. Carmela, picchì nun a parratu mai ri sta ta amica?

Carmela

Mah!...mo scurdai…se, mo scordai…(Nicola scruta con attenzione Felicetta)

Angelo

Pi Carmela fu na sorpresa, u capì ra facci ca fici. In effetti arrivai all’improvviso e mi fiermu quarchi ghiuornu…Ah Carmela! Carmela! Si sempre a stessa, nun a canciatu propriu…Invece a mia mi truovi canciata, vero?

Carmela

A vogghia!...Canciata! Puh!...Ehm…tanticcia diversa ci si.

Turuzzu

Signorina, come vi canusciti cu ma suoru?

Angelo

Virissi, cu Carmela erumu nto stesso collegio e rurmieumu nta stessa stanza. T’arrivuordi? Ah bedi tiempi! Appena arrivai cà pinzai subito a ida e a vinni a truvare.

Cicciu

Fici bona signorina, l’amiche nun sa na scurdare mai.

Angelo

Ca certo, chi babbiamu!...Che beda Carmiluzza! Vieni cà, quantu t’abbrazzu attonna. (la riabbraccia) Se sapissitu quantu ma mancatu!

Nicola

(che ha capito) Mo fiuru! Mo fiuru!

Turuzzu

Signorina…Signorina…Comu rissi ca si ciama?

Angelo

(ricomponendosi) Felicetta…Felicetta Pitinò.

Turuzzu

Signorina Felicetta, com’era ma suoru o collegio?

Angelo

Ah, signor Carannante!...

Turuzzu

Ehm…mi ciamassi Turuzzu.

Angelo

(pudica) Comu vole…Signor Turuzzu…Chi cià dire? Era ncuocciu i zuccuru: educata e garbata. Accussì, com’è ora…Che beda! Che beda! (ancora abbracci)

Cicciu

(commosso) Taliatili! Taliatili comu si vasunu! Chi simpatia ca mi fanu! Nun cià finisciunu ri vasarisi.

Nicola

Ciamili fissa!

Cicciu

Ah, che bella l’amicizia quannu è sincera! Chi su aruci!... Quantu ciamu Agatina, a ida i scene romantiche ci piaciunu. Signorina, scusassi nmomento…(esce)

Turuzzu

Che simpatica nonno! Quantu mi piace! Vallu a sapire ca Carmela avìa n’amica accussì…accussì…(fa gesti come a dire “formosa”)

Pasquale

Ti capì! Ti capì!...A mia però mi pare sfrazzuseda, specialmente re spadi e re scianchi.

Turuzzu

Chi ti piaciunu i fimmini ca su mpiccicate u ravanti co rarrieri? Nooo! Na fimminuna i chista cu a sciardari? Se, mi piace. Matri quantu mi piace!

Pasquale

Però mi pare nto masculignu.

Turuzzu

Picchì è cina ri salute. Chista nto dutturi nun cia statu mai. Taliella che beda!

Pasquale

Mah, se piace a tia! Cuntenti tu!...

Turuzzu

Nonno, chista nun ma fazzu scappare. (si alza e si va a sedere vicino ad Angelo cercando goffamente di attirare la sua attenzione. Rientra Cicciu con Agatina)

Cicciu

Agatina, chista è a signorina Felicetta Pitinò. Signorina, ci presento ma muggheri. A virri quantu si vuonu bene. Sempre si vasunu! Sempre si vasunu! (ride contento)

Agatina

Mi fa piacire canuscilla. Purtroppo arrivau nta nperiodo ca cu Carmela putiti iri picca a spasso. U sapi, siemu nte trafichi: aspittamu ri nmomento a n’autru u marchesino De Fullis pi canuscire Carmela. Sa na fare ziti.

Angelo

Ghiàààà??!! Ma viri chi fortuna ca iai! Mi fa piaciri.

Cicciu

Invece a signorina capitau a puntino. Carmela è npoco agitata e  n’amica o cantu ci runa curagghiu e conforto. (bussano, Nicola va ad aprire) Ecco! Ecco! Ci siemu!... Picciuotti contegno, arriva a nobiltà. (si mettono tutti allineati e goffamente rigidi. Entra padre Clemente)

P. Clemente

Sia lodato Gesù Cristo… Chi faciti misi ritti ritti?

Pasquale

Riposo! Putiti respirare, è patri Clemente.

Cicciu

Tanti preparativi e trasìu sulu nparrinu!

P. Clemente

Picchì, c’aspittauvu o cardinale? Carmela, t’avìa rittu ca ogghi passava ra vostra casa?

Carmela

Se patri, ma mi scurdai i rillu e miei.

P. Clemente

Ah menza testa! Ma chi pienzi? (esce Turuzzu)

Angelo

Nca, accamarora iavi u cori nto zuccuru! Carmela si sta faciennu zita.

Carmela

Finiscila pi fauri…Felicetta!

P. Clemente

Pi davero? Brava! Carmela, cu è sta simpatica signorina vicina a tia?

Cicciu

E’ a signorina Felicetta Pitinò, na sa cumpagna ri collegio.  Si vuonu bene comu ru suruzzi, sempre si vasunu.

Angelo

Se patri, ora ciò fazzi virri…Taliassi. (bacia Carmela ripetutamente)

P. Clemente

Chi su amirusi! Si vuonu bene pi davero…Basta picciotti, nun vi sciardati! Signorina… Signorina Pitinò…(Angelo si ferma) Carmela, allura ti fai zita! Cu è su fortunato?

Agatina

E’ u marchesino De Fullis. U canusci patri Clemente?

P. Clemente

Sulu ri vista. I marchisi a chiesa nun si fanu virri, tranne a ciù anziana, a marchesa Lucrezia. Piccatu! M’avissi piaciutu npicciuottu ciù vicinu a chiesa. Carmela a vistu quarchi vota cu Iancilu u furnaru. Ecco, cu chissu a viru miegghiu: è filibustiere, ma è timuratu i Diu.

Agatina

Cui, su screanzatu? Iu m’avissi a imparentare cu chissu?

Cicciu

E quantu è offensivo! U sapi chi fici? Mi cantau na canzuna sutta o barcuni. Avìa sentire i parole ra canzuni!

Nicola

Però i cosi ghiusti papà: co cantare è ntunatu.

Cicciu

Silenzio murbusu. Ntunatu è! Ni sappumu n’autra!

P. Clemente

Don Cicciu, su cosi ri picciuotti e a fine na canzuni è nmodo ri comunicare. Cu canta iavi u cori aperto verso il prossimo. Don Cicciu, pure npararisu si canta.

Cicciu

Si canzuni duocu?

P. Clemente

Chi c’entra! Vuogghiu riri ca u canto è sintomo ri pace interiore, il canto porta serenità alle orecchie di chi ascolta.

Cicciu

A se?! Nicola o cerca o furnaru e ricci: mo patri ancora nun è tanto sereno. Cantaccinni n’autra.

P. Clemente

Canciamu riscursu vah…Ma talè talè, Carmela si fa zita! M’arrivuordu quannu a vattiai e ora mi tocca spusalla. Certo, è buonu ca na fimmina si spusa. Comu si rici?: “La donna è il calore del focolare”…Brava! Brava! (entra Turuzzu vestito di tutto punto e si siede vicino a “Felicetta” lanciandole languidi sguardi)

Pasquale

Patri, chi vinni a fare?

P. Clemente

Vinni picchì staiu cugghiennu l’offerte pe festeggiamenti patronali e spero ca i parrocchiani mi rununu na mano.

Cicciu

Chi attonna? Quanti voti a vole l’offerta?

P. Clemente

L’ultima vota ma fici l’annu scursu. A festa ro patrono a faciemu na vota l’annu.

Cicciu

Ghià n’annu passau? (fruga nelle tasche) Allura tinissi, cà ci su cincucientu liri. Abbastunu?

P. Clemente

A vogghia! Se n’arrestunu i ghiausu po prossimu annu.

Pasquale

Cincucientu liri!! Puh miserabbile! Se a festa avissunu a fari cu ghenti comu a tia, o santu ci facissunu fare u giru ra saristia e attonna u mittissunu o so puostu…Tinissi patri. (anche Angelo dà l’offerta)

Carmela

A lei patri. Speriamo co patrono mi fa a razia i facirimi spusare.

Turuzzu

Se, se, macari a mia. (guarda maliziosamente Angelo) Macari a mia!...Nonno, mi piace sempre ciù sai.

P. Clemente

Va cunceri sicuramente. (fa per uscire e si sente bussare)

Cicciu

Idi sunu! Idi sunu! (Turuzzu va ad aprire)

P. Clemente

Allura m’arriestu, chista nun ma vuogghiu perdiri.

Pasquale

Se s’ammuvissi, accussì ni faciemu quattru risate. Patri, a mia stu fidanzamento nun mi piace. Chi fazzu piccatu?

P. Clemente

No, picchì? Nto Vancielu nun c’è scrittu nenti. (entrano i De Fullis: prima Penelope, poi Casimiro e infine Oreste. Tutti hanno un’aria altezzosa e superba)

Cicciu

Signora marchesa, è un grande piacere e un grande onore ricevere nella mia umile dimora una persona con un alto nome altolocato. (esegue il baciamano)

Nicola

Turuzzu, quannu s’inzignau sti parole u papà?

Turuzzu

Ssst, nun ancuminciare a fare dannu. (la marchesa fa il giro per ricevere l’inchino dei presenti)

P. Clemente

Signora marchesa, ma scusare se nun ci vasu a manu, ma u viscuvu si po ghilusiare.

Pasquale

(piano) Bravo patri Clemente: npuntu pi lei. Attento ca ora recupero.

Cicciu

Signor marchese, m’inchino alla sua presente persona e ci porgo il mio modesto saluto e quello della mia famiglia.

Pasquale

Cicciu, tu penza e to saluti ca e nuostri ci pinzamu niautri …Vi piaciu chista, patri?

P. Clemente

Forte e poderosa!

Cicciu

Marchesino si accomodi. Prego…Prego. Ecco qua la mia famiglia: mia moglie…mio padre…i miei figli Turuzzu e Nicola…Questo è padre Clemente – ni fici na visita – e chista…ehm…chista è Carmela, mia unica figlia femmina …(modi ridicoli del marchesino) Chista è a signorina Felicetta Pitinò, intima amica di mia figlia e sua compagna di collegio. (Angelo gli stringe la mano)

Oreste

Ahi!...Ahi!...Mi sta facendo soffrire…Non stringa più!

Angelo

Piacere! Molto piacere…Onoratissima!...

Oreste

Ahi!...Mamma mia che stretta poderosa!!

Turuzzu

Nonno a viristi chi stritta ri mano appassionata? Mi piaciunu i fimmini calurusi! Se chista è accussì macari… (sta per dire “nto liettu”)

P. Clemente

Ssst! Ohu, nun parrari accussì ravanti i mia, sai!

Turuzzu

Scusate patri, sti cose mi fanu perdire a testa. Patri, a fare cuntu ca viegnu pe pubblicazioni. (Cicciu nota qualcosa sulla porta d’ingresso) Mi piace! Mi fa impazzire!

Cicciu

Caro marchese, voscenza è na pirsuna previdente, ancora siemu a ottobre e ghià cumprau l’albero ri Natale…A st’ura u sistiemu cà, nti sta gnuni.

Casimiro

No, questa è mia madre: la marchesa Lucrezia De Cristofori Ceretti De Fullis.

Cicciu

Voscenza ma scusare, nun taliai buonu…S’accomodi signora marchesa…Piacere!...(entra Lucrezia)

Casimiro

Questa è mia moglie, la marchesa Penelope Viscontini Gritti e questo è Oreste Floriano, il conquistatore di cuori…L’Apollo della nostra famiglia.

Agatina

Accomodatevi…signura marchesa lei cà…ecco…lei cà… brava…signor marchese lei a centro e u pollo ro so figghiu cà…Chi picciuottu graziusu! E’ pi davero nu bedu pollo!

Cicciu

Se npiu! Agatina, parramu picca ca siemu ignoranti.

Nicola

Pi davero npollo pare, infatti appena u vitti a Felicetta ci vinni l’istinto ri tirarici u cuodu. Vero signorina?

Angelo

A cui a mia? No, ghiààà!...(Carmela si alza e trascina Nicola da parte)

Carmela

Nicola, nun diri sti cosi a ma cumpagna ri collegio e ri stanza.

Nicola

Se chissa avissi statu ta cumpagna ri stanza, iu o sa quant’avi ca fussi ziu.

Carmela

Ssst! Nicola tieni a ucca ciusa, fallu pa ta suruzza.

Nicola

Stai tranquilla, iu cugnatu ri su pollo nun ci vuogghiu divintare.

Carmela

Bravo Nicola. (Nicola esce)

Casimiro

Allora signori, noi ci siamo scomodati a farvi visita giusto per assecondare la frenesia amorosa di Oreste Floriano, ma la situazione la trovo molto confusa e aggiungerei alquanto imbarazzante.

Pasquale

Aggiungissi! Aggiungissi signor conte.

Casimiro

Marchese prego. (Pasquale sbuffa)

Cicciu

Eh caro marchese, iu capisciu la frenesità di suo figlio. Chi vole, è giovane e come tutti cerca una donna e farsi una famiglia. Perché, come si dice: “ Il calore della donna”… no…”Il calore del focolare”…no, com’è?...aspetta…ah!... ”La donna in calore”…no, chi c’entra?!...Patri Clemente, come caspita si rici?

P. Clemente

“La donna è il calore del focolare!”

Cicciu

Ecco bravo, accussì è…Perciò marchese, u picciuottu fa buonu a circarisi na muggheri.

Casimiro

Capisco. Ma veda, la nostra posizione sociale ci crea qualche disagio nell’imparentarci con una famiglia – mi lasci dire – di modesta condizione economica…

Pasquale

Mi scusi barone…

Casimiro

Marchese! Marchese!

Pasquale

Va bene…marchese. Iu u so riscursu nun o capì tantu buonu. Per caso a sta abbiannu nte sordi? Nun si vergogna a parrare ri sordi ravanti o nuostru parrucu? Invece ri parrare ri amore, ri affetto, ri chi parra? Ri sordi! Ma come, nun o sapi ca è ciù facile ca ncammello passa ri npirtusu ri ugghia ca unu riccu va npararisu? Patri Clemente, ricìa accussì u so datore ri lavoro?!

P. Clemente

Esatto…Don Pasquale aviti però certi modi ri esprimirivi!  E’ ura ca veniti attonna o catechismo.

Casimiro

Oh! Oh! Oh! Non mi faccia ridere con queste sciocchezze! Veda, questa storiella va bene per spaventare qualche ricco impressionabile e dare una buona consolazione ai morti di fame. Mi domando io come farebbe un cammello a passare attraverso la cruna di un ago: assurdo. No, io per l’eternità sono fiducioso, ho buone speranze.

Pasquale

Ma come, u Vancielu parra ciaru. Patri, ciù ricissi lei….

P. Clemente

Don Pasquale, u marchisi fa bene r’aviri fiducia e speranza. E’ vero, è difficile ca ncammello passa ro pirtusu ri na ugghia, (indica il marchese) ma nu sceccu?!... Cu sapi?! Cu sapi?!

Pasquale

Beda patri Clemente! Chista vale tri punti. Aviti ncirviedu! Ma picchì nun va na fattu viscuvu?

P. Clemente

U tiempu c’è.

Oreste

In effetti anch’io…ihh! ihh!...trovo buffe certe cose che riguardano la religione. L’altro giorno, con alcuni amici… ihh! ihh! - quando ci penso – ihh! ihh!...stavamo vedendo passare una processione. Com’erano divertenti quelle persone…ihh! ihh!...con i ceri in mano che camminavano uno dietro l’altra! Allora io, che quando voglio riesco ad essere spiritoso…ihh!…ihh!...mentre passava una vecchia, senza farmi accorgere…ihh! ihh!...ho soffiato e le ho spento la candela…ihh! ihh!..La vecchia si girava e non capiva come si era spenta la candela…ihh! ihh!...Ero stato io, capite? Ero stato io e non mi ero fatto scorgere. Quanto ho riso! Quanto ho riso con i miei amici! E’ stato uno scherzo originale, vero?... ihh!… ihh!…Signorina, sapesse quanto sono spiritoso! Con me non ci si annoia mai.

Pasquale

Spirtuni ranni! Ma viri chi pinzieri grandioso ci vinni! Ri stutare na cannila! Intelligente pi davero!

Angelo

Lei sulu a na vicciareda putìa stutare a cannila, picchì macari ca si n’addunava, mischina, nun putìa fare nenti. Picchì virissi, se per caso a cannila a stutava a mia, iu ci avissi fattu agghiuttire cu tuttu u meccu…(lo imita) accussì…ihh! ihh!...avissi fattu arrirriri buonu…ihh! ihh!...

Pasquale

Turuzzu, sta picciotta ncumincia a piacire macari a mia.

Turuzzu

Chi ti ricìa? Chi carattere ah?! Mi piace! Mi piace! (guarda Angelo con ardore)

Pasquale

Turuzzu talìa a marchisa, nun è amurusa? Appena a vitti ncuminciai a smaniare.

Turuzzu

Nonno è spusata, ti vuoi fare spaccare a facci ri so marito?

Pasquale

No chida! Chi c’entra sa falasima?! L’autra, a nanna: è vedova. Turuzzu iu mi lassu iri, macari iu a pinzare o mo avvenire (si alza e con la sedia si porta vicino a Lucrezia) Permette bella signora che mi azzardo, con faccia tosta, ad assedermi nelle sue vicinanze? La sua compagnia la trovo di mio ingrandimento.

Lucrezia

Faccia pure, per me è un piacere. (don Pasquale si siede gongolante)

Pasquale

Ci volevo dire che la trovo affascinosa e, senza volerci fare offesa, anche di buon portamento fisico.

Casimiro

Signore, trovo ridicolo che lei faccia la corte a mia madre.

Pasquale

Lei si facissi i fatti suoi. Nun a ma dare cuntu a nudu, ghiustu cara signora?

Lucrezia

(imbarazzata e contenta) Si. Lei mi sembra un uomo genuino e duro. A me  piacciono gli uomini un po’ duri.

Pasquale

(impettito) Na timpa signura! Na timpa!

Penelope

Casimiro, è insolito che ad una certa età alcuni uomini hanno ancora le fregole amorose. Tutto ciò è ridicolo.

Pasquale

Ci pare picchì i fragole morose nun ci l’avi so marito…

Casimiro

Cara Penelope, che vuoi che ti dica?...

Pasquale

Com’è c’a ciamau?

Penelope

Penelope signore: Pe-ne-lo-pe! Penelope è una figura molto romantica. Era la moglie di Ulisse ed ha aspettato pazientemente il ritorno del marito per vent’anni.

Pasquale

Se era iu, a una come a lei a facìa aspittare n’atri vint’anni.

Casimiro

Ehm…credo che l’atmosfera si stia riscaldando. E’ meglio andar via e tornare un’altra volta. Del resto l’incontro di oggi serviva ad avere il primo abboccamento.

Agatina

Si certo, ormai ci siamo boccheggiati e perciò il primo passo ci è stato. Venite a trovarci ancora. (altezzosamente i nobili si apprestano ad uscire. Modi ridicoli di Oreste nel salutare, soprattutto la sua innamorata)

Pasquale

(a Lucrezia) Se permette ci do il braccio e l’accompagno, le scale sono npoco sconnesse e si può prendere qualche rimbombolo. Si appoggiassi al mio braccio forzuto e tosto.

Lucrezia

Sono onorata. Grazie. (escono i nobili e don Pasquale)

Agatina

Prego…Prego, vi accompagno. (esce)

P. Clemente

Meno male c’arristai, m’avissi persu nu bellu spettacolo. Quannu tornunu spero ri essire attonna cà, nun capita spesso r’arrirriri.

Cicciu

Patri, lei s’addiverti cu sti cose. Chisti sunu cose serie!

Carmela

No è na cosa ridicola. (a padre Clemente) Patri, m’aiutassi.

P. Clemente

Abbi fede figghiula, ca u Signuri nun t’abbannuna. Ora mi ni vaiu picchì a fare visita a ru malati.

Carmela

Patri viegnu cu lei accussì mi cunfiessu.

P. Clemente

Ecco brava e viri ca s’agghiusta tuttu…Sia lodato Gesù Cristo! (esce assieme a Carmela)

Cicciu

Arrivederci patri. (va nell’altra stanza)

Angelo

Carmela chi mi lassi cà? Aspetta ca viegnu a cunfissarimi puri iu. (fa per uscire ma Turuzzu lo trattiene)

Turuzzu

Signorina Felicetta, lei cu st’aria innocente ca iavi chi piccati a pututu fare? S’ammuvissi, mi facissi cumpagnia.

Angelo

Ma quale cumpagnia?! Ma talè chistu!...Mi facissi iri cu Carmela, ca ma carissima amica.

Turuzzu

Se permette puri iu vulissi divintare amicu so. Quannu lei mi canusci buonu…

Angelo

Iu ghià u canusciu quantu abbasta, perciò lassamu stare…

Turuzzu

Virissi, se lei mi frequenta, si n’adduna ca masculi comu a mia nun ci n’è: sugnu tuttu fuocu!

Angelo

E co cunta a mia? Viri quantu m’interessa!

Turuzzu

E a cu a cuntare: o ma nannu? Signorina s’assittassi, apriamo i nostri cuori.

Angelo

Rapissi a porta invece e mi facissi nescire.

Turuzzu

Felicetta, iu a staiu pinzannu in maniera…particolare. Chi si n’addunau?

Angelo

Mi n’addunai! Mi n’addunai! Stapissi quetu e stutassi a vampanigghia.

Turuzzu

Iu sugnu sincero e spontaneo: comu mi viri iu sugnu.

Angelo

Miatidu!

Turuzzu

Picchì, lei nun è accussì? Come, pare accussì ingenua?!

Angelo

Ehm…chi vole, certi vote i circostanze ra vita ni costrinciunu a essire chidi ca nun siemu.

Turuzzu

Capì!...Capì! Nta sa vita ci fu n’autru uomminu. Ahh, nun m’importa! U passato chidu ca fu, fu.

Angelo

Purtroppo st’uomminu u puortu intra i mia, è come se fussi sutta sti robbi ca iaiu ncuodu.

Turuzzu

A facci!! Si fici sentire su cosa lurda!...Signorina, qualche spranza ma rassi.

Angelo

Nun si facissi tante illusioni…Se, non tante.

Turuzzu

Nun penzassi o passato, ora ci sugnu iu e rischiarerò il suo avvenire. Lei truvau l’uomminu ra sa vita. (entrano Cicciu e Nicola)

Angelo

Ma proprio n’uomminu a mia…

Cicciu

Ah, signorina Felicetta! Na scusari se a trascurammo, pi fortuna cià fattu cumpagnia Turuzzu. Sa comportato buonu? A fattu u sagghiu?

Angelo

Mah! U picciuottu sa ratu ri viersu. Cu educazione però.

Cicciu

Signorina, chi ni penza ro marchesino Oreste? E’ garbato pi davero, iautru ca du zuccuni ro panittiere!...Ah, lei chi ni sapi, na ma passatu nti sta casa! (rientra Agatina)

Agatina

Cicciu, pienzi ca ficimu na bona impressione?

Cicciu

Se. Certo, se mo patri evitava…Comunque, tranne qualche piccola imprecisione, fuommu a puostu.

Agatina

Miegghiu accussì. A voti a sugghizione fa fare malafiuri. Scusate, quantu viru se asciucarru i robbi (esce)

Cicciu

Turuzzu, falla respirare a signorina.

Angelo

In effetti mi pare tanticcia smaniatiedu.

Cicciu

Razza Carannante!

Angelo

Comunque, se permettete, ora iu mi ni vaiu…

Turuzzu

Allura a ccumpagnu pi tanticcia i strata, picchì na fimmina sula po fare brutti incontri.

Angelo

Eh, noi donne siamo così indifese! Va bene, pi npocu i strata acconsento. Signor Carannante arrivederci.

Cicciu

Arrivederci signorina…Nicola, o fatti i cosi i scola. (esce con Nicola.)

Turuzzu

Mi pigghiassi a braccetto senza fare complimenti. (Angelo esegue e si avviano. Turuzzu si ferma con solennità) Signorina, chi nun faciemu na bella coppia?

Angelo

Chi si parra! Pariemu Sofia Loren e Marcello Mastroianni. (impettiti escono e si chiude il sipario)

F I N E  1°  A T T O

2° A T T O

Stesso ambiente del 1° atto. In scena sono presenti Pasquale e Cicciu.

Pasquale

No, no e no! Nun canciu idea.

Cicciu

Papà, u capisci ca facissivu arrirriri tuttu u paisi? A vostra età nun si penza a sti cosi.

Pasquale

E chi si penza allura? A morte, vero? Chissu vulissitu: ca murissi e accussì t’appappassitu i mo sordi. Sbagghiu c’è! 

Cicciu

Cu sta parrannu ri sordi? Iu parru ro fidanzamento ca marchisa.

Pasquale

C’è picca ri parrare. Ni vuliemu bene e ni vuliemu spusare.

Cicciu

Ma penzici buonu, nun fare i cose cu prescia.

Pasquale

Quali prescia?! Iavi nsaccu i tiempu ca ni parramu.

Cicciu

Ma quannu, se mancu va ta vistu?

Pasquale

Chissu u rici tu. Na m’ancuntratu ogni ghiuornu a chiesa.

Cicciu

Unni?! A chiesa?! Pi chissu a purtatu tanti santuzzi! A chiesa! Ci scommetto ca patri Clemente va fattu i cupercia.

Pasquale

Chidu nenti a caputu. Certo, sa maravigghiatu ca ma vistu tuttu u iuornu a chiesa. A fine mi rissi: “Visto ca siti sempre cà, ratimi na mano”. Accussì ma fattu cogghire l’offerte, ma fattu sunare i campane e ru vote a sirvutu a missa.

Cicciu

Papà, ma allura pa marchisa pirdisti a testa pi davero?

Pasquale

Ti pare ca scriezzu?

Cicciu

E pi virilla c’era bisuognu ri viririti tutti i missi?

Pasquale

Se, picchì Luzia nun vinìa sempre a stessa missa e…

Cicciu

Cui??!! Cu è sta Luzia?

Pasquale

Ca a marchisa! (sognante) Si ciama Lucrezia, ma ri mia vo siri ciamata Luzia, rici ca è ciù romantico…Comu ti ricìa, Luzia nun vinìa sempre a stessa missa e perciò, pi essire sicuro ri virilla, partìa ra prima missa e accussì prima o puoi a ncagghiava. A fini ci rissi.” Luzia, nun mi puoi ciantare tuttu u iuornu intra a chiesa. Mittiemini d’accordo, stabiliemu na missa e viriemini sempre chissa”. Allura ida mi rissi:” Caro Lino, io tengo…

Cicciu

Come??!! Ti ciama Carolino?

Pasquale

Cicciu, iu mi ciamu Pasquale? A ida ci piace ciamarimi Lino…Capisci? Pasqualino…Lino.

Cicciu

Lino!...Ah, è spartutu? Caro Lino…se, se, vai avanti.

Pasquale

Mi rissi:” Caro Lino – spartutu attonna – io tengo molto alla discrezione e vorrei che la gente non mormorasse di noi. Se non ti dispiace, ci vediamo alla prima messa perché in giro ci sono poche persone”. E accussì m’attuccau susirimi presto e ghiri a missa ro Patinnuosciu.

Cicciu

(frastornato) Cosi re pazzi! Sa na ratu appuntamento a chiesa!...A ciama Luzia!...Ida u ciama Lino!...

Pasquale

(contento) Se, se, mi ciama Lino. E’ ciù aggraziato, vero? Però quannu a fazzu arrabbiare mi ciama Lolò. A virri comu fa: che simpatica! (la imita) Tutta ca s’attranta e mi rici:” Lolò, a volte sei impertinente”. Iu u significato ri sta parola nun o capisciu, però mi piace u stesso.

Cicciu

A vostra età ancora i romantici faciti? Papà, chista è na cosa ca nun va.

Pasquale

Ohu, nun dire tu chi va e chi nun va. Ri che munnu è munnu a na statu i figghi a circare u consenso ri spusarisi e patri; ora ca na siri i patri a circare u consenso e figghi?

Cicciu

Papà, iu sta pazzia nun ta fazzu fare, a cuostu ca ti fazzu  interdire e ti ciuru nta n’ospizio…Lino!...Luzia!...Oh Signuri! (esce infuriato)

Pasquale

O spizziu ciuraticci tu babbu. E nun ti permettere ri parrare accussì cu to patri. (si siede e sfoglia un giornale) Piezzu ri minciuni!...Ora, pi fare cuntenti a idu, rinuncio a Luzia! So po scurdare! Inzieme faciemu na bella coppia: ida è delicata, garbata, parra tutta finicchia, iu sugnu ciù rusticu, e co parrare mi lassu iri comu capita capita. Siemu diversi e pi chissu iemu d’accordo e ni piaciemu…Luzia, nti pigghiare pena, puonu parrari quantu vuonu ma cu don Pasquale Carannante attoppunu ruru…Tse, ora rinuncio a Luzia! Giulietta e Romeo nu baffu ni fanu! (entra Turuzzu con aria afflitta e gli si siede accanto)

Turuzzu

Ahi! Ahi!...Pena mia! Pena mia!

Pasquale

Chi hai tu? O lamentiti a n’autra banna. Proprio cà a vennire a suspirare?

Turuzzu

Sugnu infelice. Ciercu quarcunu ca mi runa cunfuortu.

Pasquale

E vieni proprio nti mia?! Iu ciercu unu ca runa cunfuortu a mia. Buoni capitammu! Ficimu u tavulu re svinturati.

Turuzzu

Tra innamorati ni capiemu. Comu fazzu! Felicetta l’aiu sempre cà, nto cirviedu…U viri comu sugnu ridduttu? Nonno, rammi ncunsigghiu. Chi puozzu fare?

Pasquale

Figghiulu miu, tu a ncuminciare a frequentare a chiesa.

Turuzzu

A chiesa?! Chi c’entra a chiesa?

Pasquale

C’entra! C’entra! Iu accussì risolvì u problema: iennu a chiesa. Sapissitu quanti miracoli succierunu nte chiese!

Turuzzu

U rici proprio tu ca ra chiesa a statu sempre luntanu.

Pasquale

E pi chissu a statu vint’anni vedovo. Ci avissi iutu ciù sai!! ...Mah, acciù! (entra Nicola)

Turuzzu

Va bene, ci vaiu. Cu sapi se u Signuri?...

Pasquale

Nun dipenni sulu ro Signuri però, dipenni pure ri l’orario.

Turuzzu

Quale orario?

Pasquale

Re missi. Turuzzu scuita o nonno, l’orario è importante. Se si fortunato t’attocca chida re reci, ma sa no ti po capitare comu a mia: chida ro Patinnuosciu. Pacienzia!!

Turuzzu

Va bene nonno, fazzu comu rici tu. Ahh nonno, se Felicetta a canuscissitu bona, ti n’innamorassitu pure tu!

Nicola

Miegghiu a marchisa nonno.

Turuzzu

A vistu chi espressione fiera e risoluta ca iavi? Però sugnu sicuro ca sutta l’irruenza ca iavi, ammuccia ncori sensibile. Se, sugnu sicuro ca sutta si robbi c’è…c’è…

Nicola

Miegghiu ca nun viri chi c’è. Pigghiassitu nu scantu!

Turuzzu

Zittiti Nicola. Tu chi ni sai, c’ancora si npicciridu?

Nicola

Macari ca sugnu npicciridu, ti ricu ca scantassutu u stesso.

Turuzzu

Nicola basta, vattini da rientra…(Nicola esce ed entra Carmela) Ah Carmela, chi u sai quannu veni a t’amica?

Carmela

A m’amica?! Cui?

Turuzzu

Ca Felicetta! Quante amiche iai?

Carmela

Ah! Felicetta…mah, nun o sacciu.

Turuzzu

Mancu tu sai nenti? Comu fazzu? Nun si fici virri ciù. Carmela, valla a ciamare.

Carmela

No, Felicetta è na picciotta riservata e se nun a vinutu cià siri nmotivo…Turuzzu, ma tu prova a luvaratilla ra testa.

Turuzzu

Cui Felicetta?! Carmela, comu fai a diri certi cose?

Carmela

Sai Turuzzu, pienzu ca nun è tipa pi tia.

Turuzzu

Nun è pi mia? Ni sappumu n’autra! Ma se si viri ri luntanu ca siemu fatti l’unu pi l’autra!

Carmela

Pi tia Turuzzu ci voli na picciotta…ciù delicata, ciù femminile…Capisci?

Turuzzu

Mi vuoi mpiccicare na iatta morta? No, a mia mi piaciunu i fimmini tutta passione e fuoco. Carmela, Felicetta è fucusa, vero?

Carmela

Se, macari truoppu.

Turuzzu

U viri ca nun mi sbagghiu? Ah Felicetta mia, torna cà.

Pasquale

Turuzzu amuninni da rintra, poveri cori infelici ca siemu. I sofferenze fanu divintare l’uommini ciù forti. (entrano Cicciu e Agatina) Visto ca nun putiemu saziare u cori, saziamu a panza: o pigghiamini nmursiciedu.

Turuzzu

Se, e ni viviemu nu bicchiere i vinu. Amuninni nonno. (escono abbracciati e mesti)

Cicciu

Turuzzu ancarmau!

Carmela

A vogghia! Ma puoi, chi ci vitti? Ci n’è fimmini miegghiu ri…ri Felicetta.

Cicciu

Chi c’entra chissu! All’uommini certi vote ni colpisce… Riciemu ca Felicetta nun è na bellezza, però a ma ricanuscire, è…è un tipo. Ecco.

Agatina

Piccatu ca è npoco bunnanziusa.

Cicciu

Però è beda citrusa. Eh! Citrusa. Chistu sa dire: lava e strica sempre a stessa è. (bussano)

Agatina

Cu po siri? (apre ed entra “Felicetta”) Signorina trasissi, stapieumu parrannu proprio ri lei.

Angelo

A avutu chi fare…Carmela!!! (va ad abbracciarla) Bidduna!! Comu si? Ti pari ca m’avìa scurdatu i tia?

Carmela

Nooo! Mai a pinzatu na cosa i chissa…canuscienniti!! (ironica) Come si elegante! Ri unni vieni: ra sarta?

Angelo

(altrettanto ironico) No: ra parrucchiera. Ti piace a ma pettinatura?

Agatina

Signorina, quantu ciamu na pirsuna ca è cuntenta ri virilla quantu Carmela...forse ciù sai. Scusassi. (esce)

Cicciu

Aspetta Agatina, a notizia cià vuogghiu rari iu. (esce di corsa)

Carmela

Iancilu, quannu cià finisci cu sta buffunata? Se mo patri ti scopre, ti denuncia.

Angelo

Nun m’interessa. To rissi ca nta nmodo o nta n’autru avissi vinutu a ta casa.

Carmela

Uommini comu a tia nun na vistu.

Angelo

Mancu fimmini ci scommetto. A vistu Carmela? Come donna grande successo! Se nun mi spusu a tia, mi spusu to frati…Ssst silenzio, sientu scrusciu. (entra Turuzzu, impettito e con un mazzo di fiori. Dietro a lui entra Nicola)

Turuzzu

Buongiorno Felicetta. Iavi tanto c’a aspiettu, si fa risiare. Se permette ci vuogghiu fare questo omaggio fioresco per dimostrare tutta la mia simpatia…e altre cose.

Angelo

Nun s’avìa disturbare. Chi su belli, nun sacciu chi dire!

Turuzzu

Mi pare sbalordita, come se fussi a prima vota ca ci rialinu fiori.

Angelo

Effettivamente!...Avìa assai ca nun mi n’arrialaunu. Nmazzu accussì nun ma fattu nudu. Sugnu senza parole.

Turuzzu

I parole nta stu caso nun siervunu, chidu ca cunta è u messaggio ca portano sti fiori. Parra u cori.

Angelo

Ehm…si…il messaggio…se, se…parra u cori.

Carmela

Turuzzu, ma tu c’avieutu sti fiori chi u sapieutu ca ogghi vinìa Felicetta?

Turuzzu

No, na cumpratu nmazzu o iuornu e chidi viecci a ittatu.

Nicola

Ma viri u babbu comu a spinnutu i sordi! (entrano Cicciu e Pasquale)

Cicciu

Signorina, a vasuniata ca ma figghia procede bene?

Nicola

Ci su miglioramenti, a na fattu passi avanti.

Carmela

Turuzzu iappi npenziero gentile pi Felicetta. U viri? Ci rialau nmazzu i fiori.

Cicciu

Bravo Turuzzu, nun ti facìa accussì romantico.

Nicola

E iu nun o facìa accussì fissa! (bussano, Nicola va ad aprire. Entrano i De Fullis)

Cicciu

Oh caro marchese! Prego!...Prego! Scusassi u disordine. Accomodatevi…signora marchesa, bacio le mani.

Pasquale

Luzia…Carissima Luzia, come stai?

Lucrezia

Non tanto bene. Ho una gamba che mi dà un pò di fastidio.

Pasquale

(premuroso) Assittiti Luzia. Assittiti e nun t’affaticare.

Casimiro

Egregio signore, siamo a conoscenza della tresca amorosa con mia madre e le sarei grato se finisse di importunarla.

Pasquale

Signor duca, lei…

Casimiro

Sono marchese. Mar-che-se!!

Pasquale

Marchese, lei pinzassi o cicaluni ro so figghiu c’a Luzia ci pienzu iu. E ora, se nun vole ca stu vastuni ciò rumpu nte corna, mi spiegassi chi vuol dire a parola “tresca” picchì mi cumminci picca.

Cicciu

Papà nun è na parola offensiva, nun ti cauriare.

Lucrezia

Casimiro, sei pregato di non interferire nelle mie faccende e soprattutto di non essere insolente e arrogante con Lino.

Pasquale

Esatto! Luzia, i parole ca ricisti nun i capì tutti, però sugnu d’accordo u stesso. Arragghiuni iai.

Casimiro

Mamma, io farò di tutto per impedirti di commettere questa scelleratezza. Mi oppongo.

Pasquale

Si opponghi! Si opponghi! Tanto noi questa scilatezza la commi…la commi…la comminchiamo lo stesso.

Oreste

Papà, siamo venuti per parlare di altre cose.

Agatina

Si ecco, u marchesino, ca è tantu ghiurizziusu, rissi buonu.

Penelope

Infatti mio figlio come compagna meriterebbe ben altro, è fin troppo saggio e assennato.

Oreste

Mia madre esagera sempre nel decantare le mie qualità …Signorina, io vorrei mostrarle la mia devozione e la mia delicatezza. Se permette (si alza e si porta vicino a Carmela) vorrei baciarle la mano per inebriarmi del suo profumo.  (Angelo lo afferra in malo modo e lo fa risedere bruscamente)

Angelo

Chi è ca fai? Statti quetu, assittiti duocu. Quantu ni sapi!

Oreste

Ma signorina…

Angelo

Silenzio! Ti fazzu nebbriare iu! U profumo a sentire! Se nun stai quetu, to fazzu sentire iu u sciauru…re tumpulati!

Oreste

Lei è brutale. Cosa le importa se io…

Angelo

M’importa e come! A ma amica nun si ci manca di rispetto, nun è na donna ri facili costumi. Pigghia e vasa!

Turuzzu

Taliella nonno, taliella. Com’è energica!

Casimiro

Sarà bene calmare gli animi. Parliamo d’altro. (bussano)

Cicciu

Tuppulienu. Scusate, quantu rapu. (apre ed entra padre Clemente)

P. Clemente

Sia lodato Gesù Cristo…Ah, ghià cà sunu? Speriamo nun ma persu nenti.

Cicciu

Patri, vi pare nu spettacolo chistu?

P. Clemente

No, però m’arricriu u stesso.

Pasquale

S’assittassi vicino a mia, patri Clemente. (indica Lucrezia) Se sapissi! Ci sunu novità ruossi. Lei a canusci a marchisa Lucrezia. Iu a ciamu Luzia…Patri, novità ruossi aviemu!

P. Clemente

Sti novità quannu succirierru se a ta statu sempre a chiesa?

Pasquale

Proprio a chiesa è il luogo del delitto!

Cicciu

Patri meno male ca vinni, u cummincissi a nun fare sta fesseria. Si fissau ca sa spusare a marchisa. Ci pare na cosa ghiusta?

P. Clemente

E chi c’è ri sbagghiatu?

Cicciu

Cà ci n’è n’autru!

Pasquale

Proprio ri patri Clemente mi vuoi fare cummincire? Ahi babbu!! Iu mi staiu comportannu ri perfetto cristiano. Patri, chi c’è scrittu nto Vancielu? Andate e moltiplicatevi.

Cicciu

Ma chi vuoi moltiplicare?! A ottant’anni pienzi ancora e moltiplicazioni?! Papà, nun mi fari arrirriri!

Pasquale

Arrirri quantu ti pare, iu iaiu u diritto ri pinzare a chidu ca vuogghiu: e moltiplicazioni, e divisioni, o baccalà ca si…

P. Clemente

Calmi! Calmi! Uci nun ni vuogghiu sentire, assittamini tutti e parramini…Allura, mi pare ri capire ca don Pasquale si vole spusare con la presente gentile marchesa.

Cicciu

Esatto! Ci pare na cosa normale?

P. Clemente

Chi c’è ri stranu? C’è forse n’età stabilita pi spusarisi? Anche a na certa età ci si po spusare. Aviri na cumpagna vicinu fa sentire ciù picca u pisu ra vicciania e ri conseguenza u pisu ra solitudine.

Cicciu

Se, ma mo patri a biau subitu nte moltiplicazioni.

P. Clemente

Eh caro don Cicciu, non poniamo limiti alla provvidenza! Elisabetta, moglie di Zaccaria, in tarda età, quannu nun ci sperava ciù, iappi a gioia ri divintare matri…Accussì nascìu san Ciuvanni.

Pasquale

U sienti?! U sienti?! Chi ni sai tu?! Sparti nascìu san Ciuvanni. Nta vicciania i figghi sciuttienu miegghiu, infatti a tia ti iappi c’avìa vinticinc’anni. Iu nun ricu ca facissimu n’autru san Ciuvanni, niautri n’accuntintamu ri ciù picca. Ghiustu Luzia?

Lucrezia

Lino, mi fai arrossire.

Pasquale

Futtatinni, i cosi quannu sa na dire sa na dire.

Casimiro

Lei non ha pudore, i suoi modi hanno messo in imbarazzo mia madre.

Pasquale

I modi miei a na statu sempre chisti e lei nun a fare obbiezioni, picchì se a Luzia a fici arrussicare, a lei u fazzu agghiarniare.

Cicciu

Ciuriemu u riscursu, tanto d’accordo nun ni ci truvamu mai. Parramu ri matrimoni ciù normali…Allura marchese: o nuostru! Iu ricìa ca se o so figghiu ci runa i proprietà ri tri Casazzi, iu…

Casimiro

Veramente…ehm…quella proprietà l’abbiamo venduta perché avevamo da pagare certi debitucci…sa….

Penelope

…Vecchie storie di famiglia!

Cicciu

Allura se ci runa a proprietà ri Trisauru, cu tuttu u giardino, iu a ma figghia…

Casimiro

Ecco…volevo dirle che quella proprietà non è più di nostro possesso. L’abbiamo venduta perché veda…noi..

Penelope

Eh si, anche lì vecchie storie di famiglia.

Cicciu

Allura ci po dare i tirrina da banna o sciumi…

Casimiro

Mi duole informarla che quei terreni li ho ceduti…

Pasquale

…per vecchie storie di famiglia!

Agatina

Ma quante storie a t’avutu nta vostra famigghia?

Angelo

Affunnau macari u tirrinu da banna o sciumi.

Pasquale

U sciumi tira petri!

Casimiro

La discussione sta diventando spiacevole, che ne dite di continuarla un’altra volta? E’ meglio andar via, anche perché abbiamo altri impegni…Andiamo Penelope… Oreste…su mamma…

Pasquale

Ciao Luzia, ni viriemu o solito, va bene? Antuppiti bona e nun pinzare a chidu ca riciunu sti carduna. Luzia, fidati ri mia e viri ca ni livamu ri sti pene; cu mia a na cummattire, tu penza a stare serena.

Lucrezia

Va bene Lino, però tu calmati e non prendere subito fuoco come al solito. (escono i De Fullis)

P. Clemente

Mi ni vaiu pure iu picchì a riunire a commissione re festeggiamenti…Sia lodato Gesù Cristo.

Agatina

Sempre sia lodato! (esce padre Clemente) A facci ri tutti i proprietà! E sparti ianu u curagghiu ri sciusciare.   

Cicciu

Agatina, nun ti preoccupare. Va bene, sa na vinnutu quarchi cosa…

Agatina

Quarchi cosa!

Cicciu

Basta pinzare o palazzuni unni abitano: è ranni quantu nquartiere, pi nun parrare re capolavori ca ci sunu i rintra. Impressionante!! Agatina, Carmela, amuninni da rintra ca vi spiego com’è u palazzu ro marchisi.

Carmela

Spiegalo a mamma, a mia nun m’interessa.

Cicciu

Carmela, ru parole precise. Dai, fammi cuntenti! (esce con Agatina e Carmela, quest’ultima sbuffando)

Pasquale

Turuzzu, mi serve na mano pi spostare l’armadio c’a pigghiare na cosa, vieni cu mia.

Turuzzu

Però nun pirdiemu tiempu. Signorina Felicetta, scusassi nmomento e tuornu subito.

Angelo

Facissi con comodo. (escono don Pasquale e Turuzzu. Angelo, rimasto solo, si abbandona pesantemente su una sedia) Mamma mia, comu m’abbruscunu i pieri! Iu iaiu u peri quarantarui, sti scarpe su trentanove…Ahi!... E chi su scomode! Moda disgraziata! Si sta firmannu a circolazione ro sancu…(entrano Turuzzu e Cicciu)

Turuzzu

…Capisci papà chi vuogghiu riri? (Angelo si ricompone)

Cicciu

Ah signorina!! Ma chi ci sta faciennu o mo figghiu? Nun a vistu mai accussì, che sofferenze d’amore sta muriennu.

Turuzzu

U cori mi runa certi risaccuna! Felicetta, lei m’ammaginu na fimmina ri casa, chi mi sbagghiu?

Angelo

Se, se, stare a casa mi piace: lavare, stirare, passare u pagghiazzu. Ah, è la mia felicità! (entra Carmela)

Turuzzu

E ci scommetto ca nghiuornu nta sa casuzza vole u furnu i petra pi fare u pani i casa. Sa fira a fare u pane?

Angelo

Duocu sugnu mastra. Qualsiasi tipo ri pane: filuna, nciuminate, viscotta scaurati, scacci, cassate, firrincozza…

Turuzzu

(estasiato) Macari i firrincozza sapi fare?

Angelo

Sunu a ma specialità…modestamente.

Turuzzu

(orgoglioso) Papà, se mi fazzu scappare sta picciotta, ti autorizzo a considerarimi ncretino pi tutta a vita.

Agatina

(entra preoccupata) Cicciu, ri quarchi ghiuornu to patri è stranu, iavi quarchi cosa nta testa. Ti n’addunatu?

Cicciu

Se. Agatina, a mo patri a ma sorvegliare picchì una ni penza e cientu ni fa. Amunì, viriemu chi sta faciennu. (esce con Agatina)

Turuzzu

Felicetta, mentre ca siemu suli, iu ci vuogghiu parrare ri na cosa seria e vuogghiu ca lei pigghia in considerazione i mo parole. Certamente notau ca iu verso ri lei iaiu ncerto interessamento…serio, molto serio, e perciò…

Angelo

…signor Turuzzu…ecco…

Turuzzu

Ehm…nun è miegghiu ca mi ciama Turuzzu e ni ramu ro tu? Acciù ni canusciemu e siemu amici.

Angelo

(timidamente) Ehm…comu vuoi…Turuzzu!

Turuzzu

Ecco, accussì è miegghiu.

Angelo

Però ro to interessamento ni parramu n’autra vota, ora mi na ghiri, si fici tardi.

Turuzzu

Ti ni vai? E quannu tuorni?

Angelo

Quantu prima. Ciao Carmela, nun ti preoccupare ca tuornu presto.

Carmela

Cu sa preoccupato mai! Ciao Felicetta.

Turuzzu

(prende Angelo e si apparta) Felicetta, prima ca ti ni vai… scusami se sugnu sfacciato ma cerchimi ri capire, nun puozzu stare, iaiu npinzieri sulu: cà.

Angelo

Chi vuoi?

Turuzzu

Felicetta, prima ca ti ni vai, ma dare nvasuni…co viersu.

Angelo

Chi è ca vuoi??!! Leviti ri cà e nun o riri ciù.

Turuzzu

Picchì sauti tantu? Nvasuni! Ma dare sulu nvasuni!

Angelo

Iu??!! Ma chi si fodi? No, no, iu sti cosi nun i fazzu.

Turuzzu

(commosso) E’ a prima vota ca n’uomminu ti vole vasare?

Angelo

Stammi certo! Prima ri ora nun s’arrisicatu nudu.

Turuzzu

Chi fimmina virtuosa!!

Carmela

Turuzzu nun essire insistente, lassa iri Felicetta ca iavi chi fare…(prende Turuzzu per un braccio e lo allontana) Felicetta niesci, ca mo frati sta pirdiennu u controllo.

Angelo

Va bene…Ciao…Amore mio! (esce)

Turuzzu

(sussulta) Carmela, sintisti? Sintisti pure tu chi rissi?

Carmela

(evasiva) Chi rissi? Nun ci fici caso. Nun ntisi nenti.

Turuzzu

Ma come?! Mi rissi “amore mio”! Capisti Carmela? Mi ciamau “amore mio”!

Carmela

No Turuzzu, sintisti male.

Turuzzu

Buonu sintì! (euforico) “Amore mio” mi ciamau! (entra Nicola)…Carmela, staiu scoppiannu! U sintì buonu: mi rissi “amore mio”!

Carmela

Iu nun o sintì!.. Puoi, nun si sapi se u rissi proprio a tia.

Turuzzu

E a cui allura? A tia? Carmela cà sulu iu e tia ci siemu!… Matri mia! ”Amore mio” mi rissi! (guarda l’orologio) Ancora è aperta, se mi sbrigo fazzu a tiempu. (fa per uscire)

Carmela

Ma unni a ghiri?

Turuzzu

Nta gioielleria, a cumprare n’aniedu ri fidanzamento.

Nicola

N’autra ni sta cumminannu! Almeno i fiori custaunu ciù picca.

Carmela

Aspetta Turuzzu, nun aviri prescia.

Turuzzu

Nun c’è nenti r’aspittare, a prossima vota, quannu veni, ciò rugnu e regolamo a situazione. (gesti sconsolati di Carmela e Nicola)

Carmela

Aspetta almeno rumani. C’è tiempu…Ammoviti!

Turuzzu

No, ora, ora. Nun puozzu stare…capisti Carmela? Mi rissi “amore mio”. Pure ca è affruntusa nun so potti tennire i rintra e mi rissi “amore mio”. Felicetta, ti amo macari iu…Beda! Beda! (esce)

Carmela

Oh Signuri, chi mpruogghiu! Cu putìa pinzare ca du stubbutu i Turuzzu a pigghiava accussì?...Nicola, ma Iancilu vistutu ri fimmina è pi davero accussì affascinante?

Nicola

Pi mia fa schifo. Invece a mia mi piace a sa suruzza, ca è fimmina pi davero.

Carmela

Mah!...Speriamo…

Nicola

No, puoi stare certa. Pigghiai informazioni: l’unico malato ri sa famigghia è Iancilu.

Carmela

Nicola, capisti male. Iu ricìa: speriamo c’a Turuzzu ci passa. Viristi? Cu n’amore mio nun capìu nenti ciù.

Nicola

In confidenza Carmela: Iancilu “amore mio” a cu rissi re rui?

Carmela

Nicola, finiscila i fare u cretino…Mischinu sta faciennu tuttu chistu pi viririmi. Mi vole bene pi davero. Nicola, invece a finire sta sceneggiata prima ca finisci male.

Nicola

E prima ca Turuzzu si finisci i rovinare! (escono. Dopo un po’ entra don Pasquale)

Pasquale

Nun mi canusciunu chisti: ci paru liegghiu…Se, se, ora viriti. Mentre ca nun c’è nudu, vuogghiu scriviri na littra a Luzia, quattru parole amorose nun ci fanu male…(prende carta e penna e si siede) Vi fazzu virri iu a tutti…Allura, puozzu ncuminciare cu “Cara Luzia indorata, ti scrivo queste parole sperando che ti giungono subito di prescia. Luzia, senza vederti sono tristo e sono sicuro che pure tu senti il cuore trappitare damore. Luzia, nell’ultima parola ci vuole il postrofo però non so dove metterlo. Luzia, ti posso sicurare che questo schifìo…”- no, schifìo è parola a carcarara. Comu scrivu …questo…questo…boh! Iu ci scrivu schifìo, sacciu sulu sta parola – “questo schifìo presto finisce alla faccia di tutti quelli che ci vogliono a male e il nostro amore finisce a lieto fine. Cara Luzia, in questo momento ti immagino dietro alla finestra che sospiri amorosa così come sto fando io di brutto. Luzia, io avrebbi molte cose da giungere ancora, ma non scrivo più perché se mi pescano mi facessero una testa così e io sarebbi costretto a bistricciare e cafoddare male apparole a tutti, perciò levo l’occasione. Cara Luzia, scusa se ho stroppiato qualche parola, ma non ho fatto le scuole alte. Ti saluto e ti abbraccio con l’aggiunta di un bacio e sono Carannante Pasquale fu Francesco, solo per te Lino.” (si chiude il sipario)

F I N E  2°  A T T O


3°  A T T O

Stesso ambiente degli atti precedenti. In scena c’è Carmela che dà lo straccio al pavimento. Entrano Cicciu e Turuzzu.

Cicciu

A matina avissitu a manciare, sulu u cafè ti fa male e…

Carmela

Ncuminciastru a caminare casa casa? Nun a finutu i passare u pagghiazzu e ghià facistru i pirate. Assittativi e nun vi muviti. (in punta di piedi Cicciu e Turuzzu vanno a sedersi. Fuori scena si sente la voce accorata di Agatina che chiama Cicciu, facendo sobbalzare tutti. Agatina entra trafelata, con un foglio in mano seguita da Nicola)

Agatina

Cicciu! Cicciu! Cà si? Matri Santissima chi succiriu! Talè! Talè! Liegghi.

Cicciu

Agatina calmati. Chi successi?

Agatina

Liegghi!...Trasì nta stanza ro papà pi cunzarici u liettu e  nun c’è nudu. Supra o comodino truvai sta littra. Cicciu, to patri sa fuiu ca marchisa. Capisti Cicciu? Sa fuiu stanotte.

Cicciu

Chi fici??!! Agatina, nun po siri. Circamilu buonu, a siri mpirtusatu nta quarchi stanza.

Agatina

Taliammu nta tutti i stanze, vero Nicola? Nudu! Nun c’è nudu! E puoi a littra parra ciaru.

Cicciu

Viriemu Agatina, fammi legghire sta littra.

Turuzzu

Papà liegghi forte, accussì sintiemu tutti.

Cicciu

“Egregi e illustrissimi parenti”…U sintiti? Ni scrivi macari cu distacco.

Nicola

E cu rispiettu però!

Cicciu

“…quando troverete questa lettera, di me non ci sarà piu il sci…sci…sciato.” Chi significa: non ci sarà più il sciato?

Carmela

(che si è portata vicina a leggere) Sciauru papà! C’è scrittu sciauru. U sai com’è u nonno, quannu nun sapi na parola in italiano, scrivi chida ca ci capita prima.

Cicciu

Se, se…”più il sciauro e tutto perché siete testardi e vi siete opponuti al mio diserio”…

Carmela

…desiderio…

Cicciu

No, cà c’è scrittu diserio.

Nicola

Ca vabbè, o nonno ci scapizzau quarchi littra!

Cicciu

“al mio desiderio e in primo luogo il mio figlio, che fra tutti i figli è quello che ho voluto più bene di tutti.” Ma quali iautri figghi, se iu sugnu figghiu unicu?

Nicola

Papà chi ni sai? U nonno chidu!...

Cicciu

Nicola, viri ca ti ni mannu da rintra.

Turuzzu

Papà vai avanti, nun dare cuntu a Nicola.

Cicciu

…più bene di tutti. Mentre state allegendo questa presente, io sono già nelle braccia di Luzia e insieme corriamo verso la felicità, uniti nel nostro immenso amore.”

Turuzzu

Com’è poetico u nonno! Mi piace sta frase.

Cicciu

Chista nun è frase so, l’appi a legghire nta qualchi libbru … “Il cretino, imbecille e testa mucata di Cicciu”…

Nicola

Chista è sicuramente frase so!

Cicciu

“…di Cicciu ha voluto questo. Non me ne volete a male e non state in penziero, perché io e Luzia siamo due persone giudiziose che non fanno la prima cosa che ci passa per la testa senza riflettere e senza pensarci col verso”…

Agatina

Meno male, ma sa no viri c’avissunu cumminatu!

Cicciu

“Stativi queti perché vi faccio avere notizie di me e di Luzia appena ci arrizzettiamo da qualche parte. Il vostro amato e innamorato Carannante Pasquale e pure vostro parente più anziano di anni.”…Patri! Figghiu!…Ma unni si ni potti iri? A sa età strapazzi nun a fare e invece va ghiennu pieri pieri. A succiririci na disgrazia!...Iu vaiu nto brigadiere Sciannimanico e fazzu denuncia di smarrimento di padre. (si avvia ma Turuzzu lo trattiene)

Turuzzu

E chi è ncane! Papà nun perdiemu a testa e ragghiunamu. (bussano e Carmela va ad aprire)

Agatina

Cà è! Vuoi virri ca turnau?

Nicola

S’appi a scurdare ri scriviri quarchi iautra parulazza nta littra. (entra padre Clemente)

P. Clemente

Sia lodato Gesù Cristo…Chi su sti facci? Chi succiriu?

Agatina

Patri, u mo sogghiru sa fuiu ca marchisa. N’aiutassi.

P. Clemente

Sa fuiu?! Ma chi pi davero?...Comu vi puozzu aiutare iu?

Cicciu

A curpa è macari so. Nta chiesa si raunu l’appuntamenti e puoi lei, comu se nun abbastassi, nesci ca storia ra solitudine, ri Elisabetta, ri Zaccaria, e ci resi a spinta…. Andate e moltiplicatevi!!

P. Clemente

Chi curpa iaiu iu? E pirsuni ci puozzu proibire ri viririsi a chiesa? Quarchi cosa riguardo i riscussioni ca t’avutu a sappi  tramite a confessione e mi limitai a darici un sereno consiglio.

Cicciu

Comunque lei iavi i so responsabilità. Se a mo patri ci succeri quarchi cosa, mi fazzu vancelico.

P. Clemente

Pi mia si po fare macari massonico. Lei invece r’accusare e minacciare, picchì nun cià finisci r’ammiscarisi nte fatti i l’autri e fa decidere e pirsuni comu vuonu? Ecco ri unni ncuminciarru i guai: ra sa ostinazione…Si fa vancelico!!!

Agatina

Avanti queti! A curpa nun è ri nudu…S’assittassi patri.

P. Clemente

Va bene m’assittu, ma spropositi nun ni puozzu sentire. Invece ri confidare nto Signuri e sperare ca tuttu s’agghiusta, arriva so marito e m’accusa ri fare i cupercia a so patri e a marchisa…Se puoi u vuliti sapiri, se si spusunu mi fa piaciri, anzi su iuornu addumu tutti i luci ra chiesa, fazzu sunare l’organo ca na trimare i vitra re finestre e i spusu ca missa cantata…e se mi faciti siddiare, telefono o viscuvu e i fazzu spusare ri idu, accussì vancelico ciò fazzu fare co mo piaciri.

Agatina

Ehm…parramu ri iautri cosi ma sa no ni sciarriamu. Del resto a st’ura putiemu sulu aspittare e sperare…Patri, ci  priparai ru buccitedi ri ulivi e ri mulinciane e se a cosa nun ci reca fastidio, ci vulìa rari.

P. Clemente

Ringrazio il suo buon cuore, anzi n’approfitto, visto ca iu nun aiu u tiempu ri facirammilli.

Agatina

Vinissi patri. (esce con padre Clemente)

Turuzzu

Papà, facisti scappare a pacienzia a patri Clemente, ora viri i penitenze ca t’agghiausa quannu ti cunfiessi.

Cicciu

Vieni cu mia da rintra, se patri Clemente si calmau mi ci scusu.

Nicola

Picchì cià vennire puri iu?

Cicciu

Tu si cherichetto e sai comu pigghiallu. (esce con Nicola)

Turuzzu

O nonno certe sparate o sa ri unni ci vienunu…Carmela, sa fattu sentire Felicetta?

Carmela

No, ancora no.

Turuzzu

Ma picchì nun veni? Iaiu na spranza ri virilla! Carmela talè…a tia to vuogghiu ammusciare. A Felicetta ci accattai n’aniedu co brillante a centro…Bellu, vero? Appena veni ciò rugnu.

Carmela

Chi??!! C’accattasti??!! Oh Signuri!!!...Turuzzu aspetta, nun ciò rialare subito, iu Felicetta a canusciu, accussì a metti a disagio.

Turuzzu

Carmela, pienzi c’a mittissi in imbarazzo?

Carmela

Sicuramente. Aspetta quarchi iautru iuornu.

Turuzzu

Va bene, aspiettu…Ma picchì nun veni? Prima mi rici “amore mio” e puoi nun si fa virri ciù.

P. Clemente

(rientra con un sacchetto seguito da Agatina e Cicciu)… Vi ringrazio tanto, a mulinciana sutta uogghiu mi piaci. (bussano, Turuzzu apre ed entrano Casimiro e Penelope)

Agatina

Quannu fazzu a giardiniera ci ni rugnu na boccia.

Casimiro

Buongiorno a tutti. Riverisco padre.

P. Clemente

Oh, attonna cà sunu?! Iu mi ni stapìa iennu, ma ora m’arriestu n’autru pizzudu.

Cicciu

Certo, o solito si vole fare quattru risate…Buongiorno e accomodatevi. U marchesino nun c’è? (Cicciu ha perso  entusiasmo e mostra più freddezza)

Casimiro

Dovrebbe essere qui a momenti…Ehm, credo che anche voi siate a conoscenza della fuga di mia madre con il signor Carannante.

Agatina

Certo. Na cosa impressionante! Pi niautri fu ncuorpu terribile, cu putìa pinzare na cosa i chista?

Penelope

Povera mamma! Al solo pensiero di saperla in compagnia …possibilmente tra le braccia di quel tipo: rabbrividisco!

Cicciu

Picchì, chi tipo è mo patri? Taliassi, a mo patri ci po dire chidu ca vole, ma è na persona perbene. (bussano, Nicola va ad aprire)

Casimiro

Si, però è un tipo rude. Mia madre è così sensibile!

Cicciu

Iu proprio ra sensibilità ri sa matri mi scantu. Se qualcuno è in pericolo chistu è mo patri. O sa com’è ridduttu!... Agatina, sparti su idi a siri preoccupati. (entrano “Felicetta” e Oreste)

P. Clemente

State tranquilli, sono due persone serie e giudiziose.

Oreste

Buongiorno. Per strada ho incontrato la signorina e le ho fatto compagnia. L’ho intrattenuta raccontandole delle storielle molto divertenti.

Angelo

Puh, ma fattu arricriare!

Oreste

Signorina, mi conceda l’onore di sedere accanto a lei.

Angelo

Nun è u caso, grazie…Mamma mia chi è ncuddusu!

Oreste

Mi lasci insistere, la prego. (lo tira per un braccio e cerca di farlo sedere vicino a lui)

Angelo

Mi lassassi stare, pi fauri.

Turuzzu

(si reca vicino ad Angelo) Chi è ca ti fai assittare Felicetta o cantu!? Attenzione e comportiti buonu picchì iu sugnu ghilusu, a signorina è ghià prenotata.

Angelo

Addivintai nu biglietto aereo!

Turuzzu

No, però a precedenza è precedenza. Felicetta vieni cà, assittiti vicinu a mia. Iavi tantu ca t’aspiettu.

Angelo

Pi fauri Turuzzu lassimi stare, nun mi strapazzare puri tu.

Turuzzu

Va bene però mettiti cà, vicinu a mia…Cà. (lo tira per un braccio)

Angelo

Oh Signuri, finisciu cu unu e ncuminciu cu n’autru!

Agatina

Turuzzu tistuni, nun infastidire Felicetta…(ad Angelo) Figghiula vieni cà, mettiti o cantu i mia.

Angelo

Nun vulissi disturbare, m’assittu vicinu a Carmela…Ciao Carmela, come stai? (soliti baci)

Cicciu

Chi amicizia! Chi amicizia! (entra Nicola trafelato indicando la porta d’ingresso)

Nicola

Taliati cu ci sunu…Papà talè…talè…

Cicciu

Cu c’è? (entrano Pasquale e Lucrezia impettiti a braccetto, con una valigia ciascuno) Papà turnasti? Comu si? (tutti si alzano a salutarli)

Agatina

Papà chi si rici, si buonu?

Pasquale

Tantu bedu, chi nun o viri?

Turuzzu

Nonno, ma unni a statu?

Nicola

A scola. Ghià cià mpararru i moltiplicazioni!

Cicciu

(premuroso e allarmato) Papà assittiti! O sa comu a siri stancu! Nicola, o ciama u dutturi ca ci misura a pressione. Presto, prima ca iavi complicazioni. Papà, certi cose nun a fare, ti pare ca iai vint’anni?...Signora marchesa, se a mo patri ci veni ncollasso a responsabilità è so…Oh Signuri! Ro dutturi cià ma fare scrivire i vitamine.

Pasquale

I vitamine pigghiatilli tu, causi lienti. Complicazioni! Pressione!...E nun trattari accussì Luzia, picchì ti sfasciu na segghia nte corna e i complicazioni i fazzu vennire a tia. Babbu e malarucatu! Quali responsabilità iavi Luzia? Tuttu chidu ca fici, u fici nel pieno possesso delle mie facoltà mentali…

Angelo

…e sessuali.

Carmela

(scandalizzata) Felicetta!

Angelo

Ehm! Scusate…iu…mi scappau…pinzava n’autra cosa…

Pasquale

Non si preoccupi signorina. Pi rispunnire a lei e rassicurare tutti, ci ricu ca iu sugnu nu galantuomo e Luzia è na donna onorabile e rispettabile e a nostra età putiemu essiri felici, senza bisuognu ri certi…Si smanie i lassamu e picciotti.

Lucrezia

Bravo Lino, quello che hai detto lo trovo stupendo e manifesta la tua sensibilità e nobiltà d’animo.

Pasquale

Luzia, quannu mi ci metto ma firu a fare certi riscursi!

P. Clemente

Ora ca tuttu è sistemato, calmamini e…

Cicciu

Ma chi sistemato? Mo patri iavi nghiuornu ca è pieri pieri. O sa comu è stancu…Signora marchesa, riciemu ca mo patri è na testa caura, ma lei ca è ciù pusata u putìa cummincire a nun fare sta pazzia.

Pasquale

Ta rittu i nun parrare accussì cu Luzia. Malarucatu! Chi si parra accussì…ca ta futura matri?

Cicciu

Futura matri?! Allura si ancora deciso a fare sta fesseria? Iu virienniti turnare avìa pinzatu…

Pasquale

…ca mi n’avìa pintutu? Ti pare ca sugnu caramella ziculizzia comu a tia? Sugnu sempre ciù cummintu, tra l’autru indietro nun puozzu turnare picchì, scappannu cu Luzia, l’ho compromessa e disonorata e perciò, pi regolare a situazione, ci vole il matrimonio riparatore, da vero galantuomo. Duoppu chidu ca succiriu, Luzia comu putissi   caminare nta strata a testa iauta? Ah?? E tuttu picchì iu macchiai l’illibatezza…

Cicciu

Ma quale illibatezza?! Papà, ora macari l’illibatezza sciu…

Pasquale

Fammi finire ri parrare e nun m’interrompere. Iu stapìa riciennu: macchiai l’illibatezza ra sa anima, e no chidu ca pienzi tu…Ohu, ma tu sempre dà l’hai u pinzieri!

Angelo

L’uommini sunu tutti i stessi!

Lucrezia

Non è vero signorina, Lino con me è stato premuroso e di grande conforto. Con lui accanto non ho mai avuto un attimo di paura o di smarrimento…Grazie Lino, sei un uomo meraviglioso.

Pasquale

Luzia tu si ca mi capisci, l’autri chi ni sanu?! Luzia, però se mi permettissitu ri rire quarchi parulazza supierciu, fussi a pirsuna ciù felice ro munnu.

Lucrezia

Lino, solo ogni tanto e con moderazione.

Agatina

Signura marchesa, lei ghià capìu buonu o mo sogghiru… Cicciu, to patri iavi ragghiuni: è ranni e sapi chidu ca fa, perciò nun t’ammiscare nte cose ca nun ti riguardano.

Cicciu

Puri tu ti ci metti?

Agatina

Se, puri iu. Quannu iai tuortu iai tuortu.

Casimiro

A quanto pare dobbiamo acconsentire a questa follia.

P. Clemente

A follia nun è chista, è chida ca stati faciennu fare a iautri pirsuni. Stu matrimonio è sicuro c’arrinesci picchì nun ci sunu interessi nto mienzu. Mi spiego?

Nicola

Chiaro e forte. Se i prierrichi i facissi sempre accussì, a chiesa c’issi ogni ghiuornu. (va nell’altra stanza)

Carmela

Nonno, spieghini na cosa: picchì turnastru accussì presto?

Pasquale

Nca figghiula! Vuliumu iri a Taormina, città degli innamorati…

Turuzzu

Carmela, u viri u nonno quanti ni sapi?

Pasquale

Veramente chistu mo rissi Luzia, iu a vulìa purtare a Calafurnu…Allura, vulieumu ire a Taormina, arrivati a Sirausa pirdiemmu u treno e, visto ca c’era ri rormire pieri pieri turnammu attonna, almeno rurmiemu a nostra casa. No pi mia, picchì iu avissi rurmutu nto capannuni abbannunatu ca c’è nfacci a stazione, ma pi Luzia. No, ida nun è a tipa  ca rormi nta capannuni, si scanta re surci.

Penelope

Io direi di lasciar perdere con questa storia, piuttosto sarebbe opportuno parlare del matrimonio riguardante Oreste e la signorina. In proposito noi abbiamo riveduto la nostra posizione e da una iniziale ostilità, adesso siamo più disponibili e quasi condiscendenti, tranne qualche riserva, affinchè questo matrimonio avvenga.

Pasquale

Luzia, chi significa con…condiscendenti?

Lucrezia

Significa che sono d’accordo al matrimonio dei nostri nipoti.

Pasquale

Ah! Chissu mi rispiace.

Agatina

Scusassi: mi vole spiegare quali sunu sti riserve?

Penelope

Beh, come abbiamo già accennato, questo matrimonio è un po’ uno scandalo. Il nostro rango non permetterebbe una siffatta promiscuità di classi.

Pasquale

Signura, parrassi in italiano na bona vota! Chi è sta pro… promischità?

Carmela

Significa ca niautri nun siemu all’altezza r’imparentarini cu idi: u so sancu è blu!

Pasquale

E ricci ca u ettunu su sancu e si sbambazzunu a n’autra banna. Cicciu, vuoi fare spusare Carmela cu su anemico? Talìa Carmela che beda, pi ida ci vole npicciuottu i ru metri cubbi.

Angelo

Ghiustu! E lei nun si permettissi ri disprezzare Carmela, ma sa no pigghiu u scimunitu ro so figghiu e u iettu ra finestra.

Turuzzu

Felicetta nun t’ammiscare, chisti su cose ri uommini.

Angelo

Appunto! (si riprende)…Ehm…Turuzzu spacchici a facci.

Cicciu

Fermi, nun pirdiemu a calma…Turuzzu assittiti…Allura marchese, vistu ca lei iavi u palazzu, picchì nun faciemu…

Casimiro

(imbarazzato) Mi scusi se l’interrompo…ecco…è bene precisare che allo stato attuale delle cose, io non posso disporre del palazzo in quanto è gravato da una ipoteca…

Agatina

Mancu u palazzu iavi! L’avi ipotecato!

Pasquale

Cicciu abbogghia! Racci na pirata e abbucchili fora. Ancora ci vai appriessu? E si unciunu! Sciusciunu! Sintissi maestà, s’arricugghissi i stigghi…

Casimiro

Sono un mar-che-se!

Pasquale

E chi ancora?! Marchisi, conti, duchi, pi mia tutta na razza siti e perciò…

P. Clemente

Don Pasquale! Don Pasquale non trascendete.

Pasquale

Ma iu tra-scendo, tra-acciano…Patri mi facissi sfucari, quantu ci ni ricu quattru a sti buffuna. Certi pinzera luvatavilli ra testa, acciù a sti titoli nun ci criri nudu, tranne quarchi cretino comu o mo figghiu. C’è a repubblica e va ta rassegnare. Viva la repubblica!!

Lucrezia

Lino hai ragione, certi titoli non hanno motivo di esistere però calmati, mi rattristo vederti agitato.

Pasquale

Luzia quannu scapizzu u sai: chidu c’a dire a dire.

Agatina

(a Lucrezia) Mi scusi signora marchesa…

Lucrezia

Signora De Cristofori e quanto prima spero signora Carannante.

Agatina

Come vole…Signora De Cristofori, ci vulìa riri ca in principio nun mi piacìa stu matrimonio. Ma ora, canusciennu lei e viriennu comu siti affezionati, mi  piaci avilla comu sogghira e sugnu sicura ca pure mo marito sarà onorato ri divintare so figghiu.

Pasquale

Certo, diventerà suo figlio purgativo.

Turuzzu

A puostu: e finìu a sciugghimientu i stomicu!

Pasquale

Purg…No, putativo! Diventerà suo figlio putativo.

P. Clemente

Adottivo don Pasquale…Di adozione è ciù preciso.

Pasquale

Se adottivo…nzumma chissu vulìa riri.

Lucrezia

Anch’io sono contenta perché grazie a Lino ho un sostegno per la mia vecchiaia e dei nuovi parenti che spero mi vorranno bene.

Casimiro

Penelope…Oreste, andiamo via. Don Cicciu, è meglio se torniamo un’altra volta, quando ci sarà più calma.

Cicciu

N’attimo sulu marchese. Mi ricissi: visto ca u vuostru palazzo è ipotecato, mo spiega i nuostri figghi, in caso ri matrimonio, unni issunu ad abitare?

Casimiro

Beh, visto che alla fine del mese siamo costretti a lasciare il palazzo…ecco, io ho pensato che provvisoriamente, dico provvisoriamente, noi vi avremmo onorati venendo ad abitare qui, a casa vostra.

Cicciu

Come?! Come?! Perciò viautri…i sienti Agatina? L’onore ni facissunu!...(esplode) Fora ri cà miserabili! Fora! Quale onore?! Fora!

Casimiro

Guardi che lei rischia di compromettere il matrimonio…

Cicciu

Quale matrimonio! Cà matrimoni nun si ni fanu ciù. Fora!

Casimiro

Non ci siamo sbagliati sul vostro conto: siete delle persone rozze e plebee.

Cicciu

Ancora cà siti? Ora fazzu u rozzo pi davero…(strattona la marchesa e prende a calci Casimiro e Oreste) Fora! Fora! (li butta fuori. Alle grida accorre Nicola) Itavinni!

Carmela

Arrufriscu!!

Pasquale

Luzia, ti rispiaciu ca i to parienti i buccammu fora accussì?

Lucrezia

No, per niente, tanto mi hanno sempre considerata una ribambita e un peso inutile.

Pasquale

E mo rici ora? M’avieutu a dire prima, ca na pirata ci avissi ratu puri iu…Cosi fitusi!!

Turuzzu

Meno male ca sta storia finìu.

Cicciu

Se, meno male. E a curpa ri tuttu chistu è mia.

P. Clemente

Virissi caro don Cicciu, lei nun sa fare impressionare ri l’apparenza, invece a taliare a sustanzia. Pinzassi pi davero a felicità ra sa figghia. Mi risulta ca Carmela è innamorata ri Iancilu e lei nun è d’accordo. Ma come? Iu u canusciu: è nu bravu picciuottu, onesto, affettuoso e lei s’impunta? I sordi si puonu sempre truvare, a felicità è ciù difficile.

Angelo

Don Cicciu mi maravigghiu ri lei, u crirìa un vero uomo e invece mi sta deludiennu. Come, Carmela è innamorata e lei a fa soffrire? (va a consolare Carmela) Povira figghia!! Ah umminazzi! Umminazzi! Siti senza cori. (si mette a piangere e commuove pure Agatina)

Nicola

Talè come si ci immedesima. Facci i tirabrascia!!

Turuzzu

Papà u viri? Facisti ciancire Felicetta, tu u sai com’è sensibile…(va a consolare “Felicetta”) Felicetta, nun ti pigghiare pena…vieni cà, nun ciancire. Ora mi ci ammiscu iu e viri ca pi Carmela i cosi s’agghiustunu...e macari pi niautri rui. (espressioni a soggetto di Angelo, Carmela e Nicola)

P. Clemente

Don Cicciu, Iancilu e Carmela su fatti l’unu pi l’autra.

Cicciu

U sapìa ca finieumu duocu! Virissi patri, su picciuottu mi cumminci picca picchì…

Pasquale

Ma a tia chi t’importa? Chi ta spusare tu?

Cicciu

Agatina, controlla u ciantu, pari na sampugna…Patri, mi cumminci picca picchì è ntipu sciarrinu. Se viri, iavi na linguazza!...Ecco, mi pare na testa caura.

Angelo

Don Cicciu accussi a na siri l’uommini: vili…viriri…vi… masculi vah! Ah, u truvassi iu n’uommunu accussì!

Turuzzu

U truvasti Felicetta! U truvasti! Iu scippu i mattuna i nterra.

Cicciu

Mah!...Iu sugnu…Agatina, tu chi dici?

Agatina

Cicciu, chi ta dire? Scuitamu patri Clemente. Certo, a lingua l’avi lonca, ma canusciennilu miegghiu …cu sapi?

Cicciu

Va bene. Nicola, o ciama o furnaru e ricci ca cià parrare.

Angelo

Oh finalmente!! Ciamamulu…Come??!! A ciamare?! Ci vole parrare? Maria ma ta scusare, mi na ghiri c’a passare ra sarta pi pruvarimi na gonna…Arrivederci.

Turuzzu

Aspetta Felicetta…(lo raggiunge) ti fazzu cumpagnia.

Angelo

Nun t’arrisicare! Quali cumpagnia! Turuzzu aspetta, a fare cuntu ca tuornu. Ammoviti duocu…scusate…Nicola vieni cu mia ca ti rugnu i giornaletti ri Topolino. Arrivederci. (Angelo e Nicola escono di corsa)

Pasquale

Chi prescia!...Carmela, si cuntenta? Se u vuostru fidanzamento nun dura assai, ni putiemu spusare assieme.

Turuzzu

Bellu fussi! Ma allura aspittati quarchi iautru misi, quantu concludo cu Felicetta e ni spusamu tutti assieme.

P. Clemente

Se, “matrimonio collettivo”! Turuzzu c’ammancunu iorna?

Turuzzu

Va bene, iu e Felicetta scigghiemu n’autru iuornu. Carmela, almeno pi testimone sciegghi Felicetta e puoi tu a fai a ida. Fussi commovente!!! Vero?

Carmela

Puhhh!! Turuzzu, nun aviri prescia cu Felicetta, ancora iavi picca c’a canusci.

Turuzzu

Chi importanza iavi? Carmela, quannu a vitti rissi: ecco Turuzzu, questa sarà la compagna della tua vita. E la voce del cuore non sbaglia mai.

P. Clemente

Beh, ogni tanto macari sa uci perde quarchi cuorpu… Turuzzu, Carmela fa bene a riciriti ri essere prudente. A prima vista unu penza ca na pirsuna po essere l’ideale pi idu, puoi approfondendo la conoscenza, si po scoprire ca l’apparenza può aver tratto in inganno e…

Turuzzu

No patri, nun è stu caso.

Cicciu

Cà c’è n’autra testa rura!

Turuzzu

A ta vistu Felicetta chi picciotta genuina ca è? Quale inganno po nascondere? No, no, se nun mi ci fazzu zitu subitu si ci fa zitu quarcun’autru e puoi mi russucu i ita.

Pasquale

Turuzzu scuita a patri Clemente, ti pare facile pigghiare i carpagghi i na pirsuna? Sa canuscire bona, cu sti cosi nun si screzza. U sai iu e Luzia quanti riscussioni a ma fattu pi circare ri capirini? Sapissitu u fridu ca certi iorna a ma pigghiatu intra a chiesa: cosi r’agghigghiare! Riccillu Luzia. Quarchi vota, ammucciuni, a purtatu a borsa ri l’acqua caura e almeno na ma cauriatu.

Agatina

Chistu è amore vero. Chi bellu sentimento!

P. Clemente

E chi bella facci tosta! Don Pasquale, a chiesa nun è n’agenzia matrimoniale.

Lucrezia

Padre, la chiesa era l’unico posto dove poterci incontrare e poi, seduti vicino alla statua della Madonna, ci sentivamo protetti e rincuorati.

Pasquale

…e attrunzati! Patri, picchì a Madonna delle Grazie a misi unni c’è tutta sa corrente? Iu ci stapìa pi fare cuntenti Luzia ca c’è devota, ma sa no m’avissi misu sutta a statua ri san Pietro ca è ciù riparata. E puoi san Pietro era grezzo comu a mia e macari ca m’avissi scappatu quarchi parulazza m’avissi perdonato.

P. Clemente

Don Pasquale, comu a fare cu lei? Iavi certi modi ri esprimirisi…(a Lucrezia) Signura, ma è sicura ca ci piace unu comu a chistu?

Luzia

Si, è un uomo di grande bontà e dietro la sua scorza dura e poco raffinata c’è un uomo gentile e sensibile e poi, con lui accanto, sono sicura di non annoiarmi mai.

Pasquale

Ca certo Luzia, a virri i risate ca na ma fare.

Lucrezia

E anche il resto della famiglia mi sembra abbastanza vivace. In questa casa non manca l’allegria.

Cicciu

Certi vote ci n’è macari troppa e mo patri è unu re maggiori azionisti.

Agatina

U viri Turuzzu comu sunu affiatati u nonno e a signura? Nta sti cose ci vole tiempu.

Turuzzu

Ma puri iu sugnu sicuru re fatti miei. Ti pare ca nun a canusciu Felicetta? Iu ghià mi fici n’idea precisa, certi cose si sientunu e Felicetta iavi tutti i requisiti ca mi piaciunu ri na fimmina. Chi si po pritenniri ri ciù? (bussano, Carmela va ad aprire) Ida è ca turnau! Mancu ida po stare senza i mia. Ida è! Il richiamo dei sensi non sbaglia. (entra Angelo ansimante)

Pasquale

A tia i sienzi ti scierru completamente. Ida ca turnava!

Angelo

Saluti a tutti. Don Cicciu i miei rispetti. Mi vulìa parrare?

Cicciu

Se…ecco…viri Iancilu…Cu patri Clemente a m’avutu na riscussione e a fine capiemmu…riciemu…cu tia forse fuommu truoppu…vah…Ora invece avissimu intenzione ri canusciriti miegghiu e…nzumma…

Pasquale

…Nzumma fatti zitu ca ma niputi, spusatilla, appanila ri scacci e mucatili e facci fare mezza dozzina ri figgi. Cicciu ci vulìa tanto a rillu? U viri comu si fa?

P. Clemente

Veramente si putìa dire nta nmodo ciù…ciù delicato.

Lucrezia

Lino, sei incorreggibile.

Angelo

Don Cicciu sugnu onorato e farò di tutto pi siri all’altezza ra vostra fiducia.

P. Clemente

Ci riuscirai. Stai tranquillo che ci riuscirai.

Turuzzu

(sospira) Ah, che bello virri i pirsuni felici! Cu sapi se nghiuornu ci puozzu siri macari iu? Felicetta ri tia si ni stapi. Unni si? (entra Nicola con una lettera)

Nicola

Turuzzu, accumpagnai Felicetta e mi resi sta littra pi tia.

Turuzzu

Na littra pi mia?! Rammi! Rammi! Chi mi po scrivire?... Mi penza sempre, Felicetta è affettuosa! Viriemu! Viriemu …”Turuzzu, caro amore mio”. Matri Santa, nto pisante s’abbiau! Carmela, cà nun si po capire male: amore mio è scritto…”Ti scrivo questa lettera mentre dai miei occhi scendono lacrime di dolore” Oh Signuri! Chi ci successi? ... “Turuzzu, il nostro amore è impossibile, quindi parto e lascio questa città così potrò dimenticarti come spero tu dimenticherai me” Mai Felicetta! Mai!...”Amato Turuzzu, purtroppo con me saresti stato infelice perché c’è qualcosa nel mio passato che non mi permette di unirmi con un giovane generoso e onesto come te”…Carmela, chi po aviri Felicetta nto passato? Ihhh! Vuoi virri ca è matri ri quarchi picciridu? Sedotta e abbandonata!

Carmela

No Turuzzu, quali picciridi! Nun pienzu ca è chissu.

Agatina

(singhiozzando) Continua Turuzzu e viautri stati zitti e nun o interrompiti.

Turuzzu

“Caro amore mio, ora finisco di scrivere anche perché le lacrime stanno bagnando tutta la lettera e se non smetto, le parole si mettono a galleggiare. (Agatina e Cicciu si asciugano le lacrime) Addio Turuzzu, perdonami se puoi e salutami tutti e in particolare Carmela. La tua Felicetta.”

Agatina

Chi picciutteda sensibile! Fimmini comu a chissa nun si ni trovano.

Nicola

Meno male! Ghià sturture nta stu munnu ci n’è assai.

Turuzzu

Iu nun mi rugnu vintu. Decidì: partu e a raggiungiu, a ciercu finu a quannu nun a truovu. (si avvia deciso)

Angelo

(lo trattiene) Aspetta Turuzzu, unni vai? Comu fai a truvalla?

Turuzzu

A truovu: mi guiderà la voce del cuore!

Angelo

Ma quale voce?!...Turuzzu aspetta, fai passare quarchi ghiuornu e puoi cu calma, se è u caso, t’accumpagnu iu, ma a st’ura lassa perdire.

Turuzzu

Iancilu è ca tu nun a canuscisti, ma sa no pirdietu a testa puri tu…Basta, acciù u mo destino è sinnatu: arriestu schiettu. Ri fimmini nun i vuogghiu sentire parrare ciù.

Angelo

Chi si esagerato! Parri accussì picchì ancora si sconvolto dalla passione, ma co tiempu ta scuordi e ti n’adduni ca ci sunu iautri fimmini. Ghiustu Carmela?

Carmela

Ca certo, ci sunu certi fimmini! A proposito Turuzzu iu a notato ca Mariuccia, a figghia ri don Totò, pi tia iavi na certa simpatia. Co tiempu cu sapi?...

Turuzzu

Mariuccia?! Chi pi davero? Mariuccia è na beda picciotta, ma piaciutu sempre. Carmela, quarchi vota ammitila a casa.

Carmela

Certo, quannu vuoi.

Pasquale

U viri ca pianu pianu ta stai ncuminciannu a scurdare?

Turuzzu

Felicetta! Felicetta! Picchì mi lassasti?

Pasquale

Nun sa scurdatu!

Turuzzu

Felicetta è insostituibile, nun ma puozzu scurdare…(dalla tasca estrae una scatolina) Tieni Iancilu, chistu è n’aniedu c’avìa cumpratu pi Felicetta. Nun mi servi ciù, pigghiatillu tu e arriarilu a ma suoru. Sta scatilida invece ri virilla nte to manu, a vulìa virri nte manu so. Pacienzia, tutto è finito, passerò il resto dei miei giorni a piangere il mio amore perduto e che mai tornerà.

Angelo

Beh mai!…Riciemu ca è difficile.

Turuzzu

Mariuccia mi piace, ma n’autra come a Felicetta nun a truovu sicuramente.

Nicola

Ni puoi stare certo.

Angelo

Don Cicciu, se permette iu e Carmela ni faciemu na passiata, aviemu tanti cosi i ricirini.

Cicciu

Va bene, però nun v’arricugghiti tardi.

Angelo

Se…Allura di nuovo, con permesso (esce con Carmela)

P. Clemente

Beh, ora mi ni vaiu pi davero. Nta sti iorna, quantu m’addivirtutu!...(a Nicola) Tu vieni cu mia c’a chiesa aviemu chi fare e acciù ca ci si ti cunfiessi.

Nicola

Lei rissi ca ma cunfissare ruminica.

P. Clemente

Ancumincia ri ora, o sa quantu piccati a fattu. Amuninni. Sia lodato Gesù Cristo. (esce con Nicola)

Agatina

Cicciu, rammi na mano a priparare u manciare. Vieni da rintra ca ci sunu ri munnare i patate.

Cicciu

(malvolentieri) Va bene, munnamu sti patate! Puoi però i metti ognunu nto nuostru piatto, ma sa no a mia nun mi ci fanu arrivare…Permette signora De Cristofori?

Lucrezia

Accomodati figliolo, fai pure. (escono Agatina e Cicciu)

Pasquale

Chi ghiurnata strapazzusa! Luzia si stanca, vero?

Lucrezia

Mah, un po’…Lino, io a casa mia non voglio tornare più. Dove dormirò stanotte?

Pasquale

Nti pigghiare pena ca sistiemu tutti cosi iu; nta stanza ri Carmela ti fazzu cunzare nu liettu.

Turuzzu

Sulu iu nun mi potti sistemare, avìa truvatu a picciotta ghiusta e ma fici scappare. Sbagghiai tattica, vero nonno?

Pasquale

Vieni cà Turuzzu, assittiti vicinu a mia…Viri Turuzzu, nta vita è destino, a tia avìa ghiri accussì.

Turuzzu

Vero è: è destino. Pi tia arrivau l’amore e pi mia si n’iu. Amore che viene…(indica Pasquale e Lucrezia) Amore che va!...(indica la porta d’uscita)

Pasquale

Pacienzia Turuzzu. Pacienzia.

Turuzzu

E’ sempre accussì…E’ – comu rire – u cinu co vacante. Amore che viene…Amore che va! Piccatu! Iu cu Felicetta m’avissi truvatu buonu. Certo, Mariuccia nun è male, ma Felicetta!...Ehhh!! Accussì a ghiri. Amore che viene…

Pasquale

Amore che va! Turuzzu basta, ma sa no cari malato.

Turuzzu

I cosi però si puonu sempre agghiustare. Cu sapi? Nta vita a statu sempre accussì. Amore che viene…

Turuzzu  e Pasquale

..Amore che va!

Pasquale

Luzia, amuninni da rintra ma sa no scimuniemu macari niautri. (esce con Lucrezia mentre Turuzzu, con i gesti fa sempre intendere: amore che viene…amore che va! Si chiude il sipario)

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 16 volte nell' arco di un'anno