Amore tesoro tu sei la vacca e io sugnu u toro

Stampa questo copione

(scena misera e coi pochi oggetti, che siano antichi)

Belmonte Mezzagno 05/10/14

Amore tesoro tu sei la vacca e io sugnu u toro

    Commedia brillante in due atti di

    GIOVANNI ALLOTTA

Prefazione

Nel primo tempo, ci si ritrova in una classica famiglia all’antica. Dove i genitori, gelosi della figlia, vegliano sul fidanzato per paura che la baciasse, creando così una serie di situazioni comiche. Nel secondo tempo Ciccio e Carmela oramai sposati, vivono il dramma del stare insieme. i due coniugi, all’insaputa uno dall’altra nascondono un segreto. Durante la cena i due prendono una sbornia e svelano il segreto, ironizzandoci sopra con ilarità.

Personaggi

Totò                                                 Padre di Carmela

Rosalia                                             madre di Carmela

Carmela                                           moglie

Ciccio                                               marito

Annacamilla                                     figlia

Peppuccio                                        amico romano

Nino                                                idraulico

Dottoressa                                       medico curante

(scena misera con mobili antichi che raffigurino gli anni 70. a sinistra, porta di uscita casa. A destra porta ingresso casa. Al centro della scena un mobile con vaso di fiori. Alla parete uno specchio. In un angolino della casa un quadro con diverse foto antiche di defunti con dei miseri fiori)

TOTO’

(Entra vestito da contadino con zappa in spalla. Ombrello appeso nel collo della camicia. Uomo scorbutico.) Rosalia…(aumenta il tono) Rosalia! Chi ti scoppiassi a pupilla d’aricchi a quannu nun mi sente! (Alza il tono) Rosalia!!!!

ROSALIA

(Entra esagitata vestita da lavoro) Chi c’è Totò, mi hai chiamato?

TOTO’

(Ironico) ti cantavo.(canta ritornello della canzone “Marina) Rosalia… Rosalia…Rosalia ti voglio più presto ammazzà (Adirato) certo ti chiamavo

ROSALIA

Ero a puliziari u bagno. Havia a testa infilata nno cabinettu e nun ti sintivu

TOTO’

Quannu ti chiamu a veniri subitu…puru si fai a strunza! (Rosalia è mortificata) levami ‘sti stivali. Subito (si siede. Rosalia s’inginocchia)

ROSALIA

(grida) Carmela… porta a bacinella cu l’acqua, ca to patri s’hava a lavari.

TOTO’

( mette le gambe sul mobile. Rosalia toglie gli stivali e nota che le calze di Totò sono a metà con le dita di fuori. Dalla puzza s’irrigidisce e cade a terra immobile, nella stessa posizione in cui toglieva gli stivali) Buttana da miseria! Mi pariva ca ti havii abituato a me puzza. (grida) Carmela, veni subito ca to matri si è emozionata.

CARMELA

(entra con la bacinella d’acqua. Soccorre la madre) di nuovo? Ma poi dico, oramai a to puzza a canusci benissimo, comu mai si bloccà di nuovo?

TOTO’

Ma chi schifiu nni sacciu io. (La guarda) beddamatri ch’è brutta. U pitittu mi fici bloccari.  Pari a statua da libertà ca fa l’elemosina! A vò svegliari?!

CARMELA

(Le da schiaffi sul viso) mamma…mamma mi vidi? Pronto!!! Sbloccati su! Sciò sciò…(preoccupata) mancu li schiaffi a sveglianu. Comu facemu?

TOTO’

Si fai cosi, nun si sveglia cchiù. Ci vole delicatezza. (si alza maniche della camicia e dei pantaloni. Si sputa sulle mani. Si avvicina all’orecchio, urla sguaiatamente) stoccati i jammi e va fai u manciari se no, ti svunciu i minne! (Rosalia balza in aria) vidisti? con le buone maniere si risolve tutto

ROSALIA

(frastornata si tocca la testa) chi mi successi. Mi vinni di nuovo la stitichezza ‘n testa? (Totò si risiede a alza i piedi sul mobile)

CARMELA

No mamà, ti vinni u ticket. Parivi ‘na baccalara scantata (imita la faccia di Rosalia immobile con bocca aperta) comu mai?

ROSALIA

(Guarda le calze per metà sui piedi di Totò) u vidi u picchì? A to patri, ci futteru metà di quasetti!! (piange) chi peccato, i quasetti nuovi fineru! Quanti sacrifici fici pi faricilli a manu. Arriva iddu e si fa futtiri!

TOTO’

Pi chistu facisti la donna immobile? (Rosalia annuisce) strunza! Sai ca soffro di pediluvio. Li tagghiavu e li trasformavu in quasette cabriolet versione estiva. (Rosalia è dispiaciuta) Cretina! Anche si ci nni manca un pezzo, dintra i scarpi nun li vidi nuddu! Chi problema ti crei?

ROSALIA

Si nuddu! Quannu mori (Totò si tocca)  ti mettu i quasetti cabrioletto, poi ti pigghi di umidità e ti veni a frevi. io a notti mi scantu a veniri o cimiteru a infilariti a supposta!

 

TOTO’

(adirato la minaccia. Rosalia è impaurita) chi ti scoppiassi a punta di curnazza. A supposta infilatilla tu nne corna! (le spinge per il braccio per farle uscire) A prossima vota ti scippu a testa!

ROSALIA 

No a testa no, Totò. soffro di cervicale!

TOTO’

Iti a priparari u manciari…(col dito indica la porta di uscita) fanculer!!! (le donne escono di corsa) viditi ch’è sapurita ‘sta broccola chi capiddi. (Va via la luce) porca miseria arreri ci pigghiò. havia assai ca nun si staccava a luci. (si siede) Rosalia, du pitittu non ci vedo più dalla fame.

ROSALIA Fuori Scena

Certo ca  nun ci vidi, staccaru a luci.

TOTO’

Nel frattempo ca aspetto, portami l’acqua ca mi fazzu u bagno integrale.

ROSALIA f. s.

(impaurita) Totò appena veni a luci vegniu. Mi spavento o scuru. Ci sunnu i fantasmini.

TOTO’

Minchiona, i fantasmi nun esistuni! (parla tra se. Rosalia entra silenziosa con l’acqua. Si dirige verso Totò) i fimmini hannu capiddi longhi e ciriveddu curtu. Si spaventanu puru da loro ombra. Menu mali ca nascivu masculu e sugnu curaggiusu. ( Rosalia afferra il braccio di Totò e lo chiama spaventandolo a morte. Totò rovescia su Rosalia l’acqua e si nasconde sotto il tavolo) ce ce, ce ce, ce ce…u u, u u, u u fafa fafa…fafa…ntasma! Aiu toto aiu toto… (Torna la luce. Resosi conto si adira) Disgraziata fimmina. Du spavento mi facistivu veniri un infarto ‘nto stomaco! Si fortunata. Oggi è mercoledì e nun ti pozzu ammazzari. (Rosalia impaurita chiede scusa. la vede bagnata) Rosalia, ti pisciasti di supra o si rumperu le acque?

ROSALIA

No, chista è l’acqua da bacinella. Anzi aspetta ca la vai a pigghiu(esce)

TOTO’

Nun ni pigghiari assai ca  nun sacciu nuotare. (Rosalia entra con l’acqua e tovaglietta) Vatinni. Nun trasiri mentri mi fazzu a doccia, ca mi emoziono. Via! (Rosalia esce. Stava per bagnarsi le mani e si ferma) Rosalia…

ROSALIA

(Entra con tovaglietta che sta terminando di asciugarsi) Chi c’è Totò?

TOTO

Sai ca soffro di pedicure callosa e nun mi posso bagnare troppo. Senti chi fai, controlla se l’acqua è troppo bagnata.

ROSALIA

(controlla) Tranquillo. L’acqua è tiepida al punto giusto. Ti po’ lavari.

TOTO

Nel frattempo ca mi abbagno, prepara a pasta. (Rosalia esce. Totò con cautela, bagna i pollici dei piedi e si asciuga fino alle gambe. Poi, bagna i gomiti e li asciuga. Intinge l’indice di entrambe le mani e si lava faccia, collo, ascelle e si stura le orecchie. Si asciuga sbuffando dal freddo. Bagna  i polpastrelli delle mani, sprizza in aria l’acqua la raccoglie con la testa e si strofina i capelli. si siede soddisfatto) nun c’è cosa più bella di una doccia a secco. Manco pare ca mi lavavu! (Entra Rosalia con la pentola vuota) Sai chi mi capitò oggi? Mentri zappava l’alivi, ‘na colomba bianca mi passò vicino,  mi cacò in testa. Sai chi significa…

ROSALIA

(Rientra con un pentola vuota) …ca semu ‘na merda!

TOTO’

Ignorante! U dice puru u vangelo secondo Matteo, se nel monte degli ulivi passa una colomba e ti caca in testa, porta fortuna!!

ROSALIA

Tu lo sai chi dici u vangelo di Giovanni? (Totò scrolla la testa) Si grapi u rubinettu e nun nesci acqua pa pasta, semu a mari! (Mostra pentola vuota)

  

TOTO’

Pigghia l’acqua du bidoni. (Rosalia mima con le mani che non c’è) finiu? (Annuisce dispiaciuta) e ora chi mancio a secco?

CARMELA

Liccati a sarda salata. Aspetta ca a pigghiu (Sta per uscire)

TOTO’

(Nervoso) havi ‘na jurnata chi wuòzappo e manco mi fai truvari l’acqua pa pasta? t’ammazzo! (le mette le mani al collo)

ROSALIA

Fermati Totò. oggi nun mi po’ ammazzare!

TOTO’

Picchì?

ROSALIA

È mercoledì.

TOTO’

(La lascia. Rosalia si tocca dolorante) fai ‘na padellata di patate!!

ROSALIA

(Timorosa) i patate fineru e mi dimenticavu ad accattalli.

TOTO’

(nervoso) si nun mi procurati di manciare entro deci minuti, s’hava a perdiri u me nomi si nun vi rumpu i corna a tutti! (Urla) Carmela… Carmela…chi ti vinissi a diabete ‘nta aricchi a quannu nun ci senti.

CARMELA

(Entra di corsa. Con dei vestiti diversi) Chi c’è papà?

TOTO’

Ti stava chiamann…(La contempla e parla dispregiativo) talè a chista com’è elegante? Si di funerale? (Sta per parlare la blocca) Zitta!. Comu ti sei permessa di vistiriti elegante senza passarimi l’ordine, eh!!!

CARMELA

Elegante? Cu ‘sti vestiti, paru me nonna vistuta di cuminione!

ROSALIA

Totò oggi è un giorno particolare pa picciridda. Lassala stari.

TOTO’

Picciridda? A mumentu ci danno a pensione e ancora a chiami picciridda. A tia cu t’invito a parlare? Statti zitta. A parrari quannu piscia a gaddina!

ROSALIA

E io, mica u sacciu quannu piscia a gaddina! Mica haiu u cunta gocci.

TOTO’

(Digrigna i denti dalla rabbia) statti muta! Carmela, va pigghia i bidoni (Carmela esce e rientra con due bidoni) portali chini di acqua, subito!

CARMELA

Papà, o puzzo acqua nun ni esce oggi. Dunni la pigghiu l’acqua?

TOTO’

(Pensa)…Vai a chiesa e ci dici o parrinu, si ci avanza cocchi bidoni di acqua santa e a porti.

CARMELA

A chiesa l’acqua nun si po’ tuccari picchì è benedetta!

TOTO’

Nun m’interessa si l’acqua è di benedetta, tu portala e basta. Vai e smoviti! (sta per uscire) Aspetta! mi l’havia scurdato. picchì è un giorno particolare oggi pi tia? (Rosalia non apre bocca, ma la sgrida lo stesso) Stai zitta tu

CARMELA

(timidamente) papà, oggi è il mio anniversario con Ciccio!

TOTO’

Pi chistu sei vestuta sechisi? (Carmela annuisce. A Rosalia) tu u sapivi ‘stu discorso? (Rosalia annuisce) stai zitta tu! …si nun vo ca ti fazzu quattro massaggi sushi, va canciati subito! Dintra ‘sta casa cumannu io

CARMELA

(Intristita) Papà, ‘na vota ogni tanto ca mi vesto sistemata. Dai ti prego!  

TOTO’

Fino ca si dintra a me casa, a fari chiddu ca ti dico io. Sugnu io, u masculo da casa. Sugnu io ca haiu a varba! (A Rosalia) cu è ca cumanna cca dintra?

ROSALIA

Tu!

TOTO’

Stai zitta tu! …Carmela, levati subito ‘sti vestiti. Se no t’ammaz… (Rosalia mugugna facendo capire a Totò “oggi no, domani ammazzi”) giusto t’ammazzo domani oggi è mercoledì! ti dicevo…(Pensa a Rosalia che ha “parlato”) Stai zitta tu! …Carmela pu beni ca ti vogghiu, levati ‘sti vestiti  se no ti scippu cu tutta a radice!

CARMELA

(Si mette a piangere) Mi tratti sempre male. Sempri parole a mia e me matri. (Rosalia annuisce. Totò la vede e lei si blocca. Fa segnale che ha labbra cucite) prima di rispettare gli estranei, ama a famigghia! (Sta per uscire)

TOTO’

(la ferma.S’intenerisce) Aspetta! (Rosalia alza il dito, deve far pipì) è vero ca esagero. nun sacciu dare affetto, picchì me patri nun mi nni detti. Quannu turnava du travagghiu mi dimostrava affetto e mi diceva: “ (voce possente) curnutu i purtasti i piccioli?”. Carmela, voglio rimediari. Ti vogghiu dimostrare il mio affetto. (Da tenero, diventa duro)…levati ‘sti vistiti, se no ti dugniu un pugnu ca ti fazzu vidiri u papa vistutu di chirichettu, subito! (Carmela esce piangendo.  Rosalia insiste col dito) si po sapiri chi cazzarola vo? A parrare quannu pisci a gaddina!

ROSALIA

(Si contorce) Mi staiu pisciannu di supra io! Staiu murennu!!!!

TOTO’

Vai curri. nun vogghiu supra a coscienza ‘na mugghieri pisciata. (Rosalia esce di corsa) i fimmini…sunnu a dannazione di l’omu. Nun portano rispetto manco a cu ci duna a campari. (Alza la voce) Fino ca campu, cumannu io dintra ‘sta casa e cu nun ci cunveni, si fa a valigia e si nni va!

ROSALIA

(Entra, sistemandosi) nun ci la faciva cchiù. Comu finì cu l’acqua?

TOTO’

Se non chiedo troppo, gentilmente ti chiedo … rumpiti i cannili di jammi e va pigghia l’acqua! Du pitittu mi sta vinennu un buco nno stomaco

ROSALIA

Ma io nun ci posso andare. E fari u manciari e lavari e stir…

TOTO’

Cu cumanna? (Rosalia indica Totò) vai subito o puzzo, prima ca fazzu u pazzo! (Rosalia prende i bidoni) giovedì e fari scoppiare una bomba dintra ‘sta casa. Tutti i nervi chi haiu, mi li scarico cu vuatri come una mitraglietta. (scoreggia) chistu è u primo avvertimento!

ROSALIA

(Si schifa) Totò nun ti vulissi contraddire, ma vidi ca cocchi bumma hava essiri scaduta!

TOTO’

(la spinge) va pigghia l’acqua, strunza! (Rosalia esce. entra Carmela vestita normale. è triste. cerca i bidoni) to matri si pigghiò i biduna pi l’acqua. (Carmela sta per uscire)Veni cca, puliziami i stivali (Carmela prende la spazzola, si siede e pulisce gli stivali) dimmi a verità, a Ciccio lu voi bene? (Carmela è timida) lu vò bene si o no?

CARMELA

(Timidamente) certo! lu vogghiu bene assai assai, picchì iddu mi ama troppissimo. E poi…(Timidamente) ce l’ha grande l’amore!

TOTO’

(irrigidisce il corpo) comu? havi l’amore grande? Fammi capiri. Nun vulissi fraintendere. L’amore ca dici tu, lu teni a vista di tutti o si trova …(fa segno dentro le mutande. Carmela non vede il gesto è di spalle) nascosto dunni nun batte u suli?

CARMELA

l’amore è un sentimento nascosto papà. (mima il gesto di cercare qualcosa in tasca poi prenderla) La persona innamorata lo cerca e lo prende. L’amore che Ciccio ha per me, non si può misurare!

TOTO’

Non si può misurare? (Allude all’organo) ma quantu ci l’havi! (si scalda) Carmela c’è cocchi cosa ca mi vo diri. Parra ora o t’ammazzo prima di ora. Dimmi tu!

CARMELA

È inutili che non lo vuoi accettare, ma Ciccio ha un sentimento ca mi fa stare bene. Puru a mamma ci l’ha visto. l’unico ca  nun ci l’ha visto, sei tu!

TOTO’

( nervoso)ti pari ca passavu all’altra sponda! Carmela, ‘stu curnutu quand’è ca vi ha fattu vidiri, l’amore?

CARMELA

A sera quannu ti addormenti supra a tavola, Ciccio si libera e mi da il suo amore nelle mani!

TOTO’

(s’infuoca d’ira gli guarda le mani) pi chistu hai i manu chini di calli! Chistu significa ca quannu mi addumisciu, mi fati curnutu e vastuniatu?

CARMELA

(Impaurita) stai calmo papà. Apprezza ca mi sto pentendo. Non è come pensi

TOTO’

Non è come penso io? Puru io sugnu masculu e sacciu chi significa. Diccillu a to matri quannu libero il mio amore, ci vennu i caddi nne manu!  Io ero convinto ca eri extra vergine con l’oliva e invece sei sporchissima, disonoratissima e buttanissima. t’ammazzo!!!(la rincorre) me ne frego ca è mercoledì, l’onore prima di tutto! (vai via la luce e inciampa nelle sedie) u sinnacu è cchiù curnutu di quantu pesa a quannu nun sistema a luci. Carmela, dunni si?

CARMELA

(impaurita) cca sugnu papà.

TOTO’

(nervosissimo) sugnu così arrabbiato ca si ti pigghiu m’hanno a nesciri i scintilli d’aricchi! (scoreggia) …e puru du culu!

CARMELA

Io nun fici nenti. sugnu pura comu l’acqua du baccalaru. Nun pinsari niente  

TOTO’

Nenti? ci vidisti l’amore o to zitu! Appena ti veni l’atrosi cogliocchi, ti scippu a testa! (la cerca e butta le sedie a terra. Carmela scappa)

ROSALIA

(arriva la luce. entra coi bidoni pieni d’acqua. Vede il trambusto) ma chi successi? Cu passò un tornado?

TOTO’

No, uno incazzado! (la vede a distanza) docu si? fermati ca te stirari u coddu come una gaddina (si lancia su Carmela. Rosalia si mette in mezzo)  

ROSALIA

Chi hai Totò. Ti vinni l’arterio scheletrico? Calmati! a picciridda nostra è.

TOTO’

Levati ca puru pi tia ci nne lignati. ‘sta disgraziata, disonoratissima è!

CARMELA

Mamà fa così picchì pensa sempri male. diccillu ca ancora sugnu casta. U pisellino al mio Ciccino, nun ci l’haiu vistu!

ROSALIA

pi chistu fai così Totò? calmati! Vidi ca picciridda ancora è crasta. Ancora havi a pura lana vergine. Ci la vitti io. Ancora è imballata! Stai calmo!

TOTO’

(Sereno) allora ancora sei …altissima, purissima e castissima?

CARMELA

Si papà. Mai un bacio, mai una carezza, mai uno sguardo di troppo. Solo belle parole d’amore. Onoratissima e castissima sono(l’abbraccia)

TOTO’

(Se la toglie di sopra)Va pripara a pasta, di cursa! (Carmela e Rosalia escono. Guarda al cielo) Grazie Signore. Dubitava di me figghia, ma ancora grazie a Dio è tutta impacchettata. Grazie! … (colpo di tosse e usa toni duri.) comu finì? Spicciativi ca u pitittu mi fici acidità!

ROSALIA f. s.

Ora calavu i spaghetti. Ancora sunnu tisi. Dacci u tempu ca si ammosciano e i portu!

CICCIO

(Bussano. Totò apre. Entra Ciccio, ragazzo semplice. Vestito normale. Con se ha un mazzo di crisantemi e un pacchetto di pop corn. Saluta il suocero) baciamo le mani, papà. Nun c’è mammà? (Entra Rosalia, apparecchia la tavola)

TOTO’

cca c’è mammà!

ROSALIA

Totò assettati è quasi pronta. Ciccio, appena in tempo. Assettati e mancia cu nuatri.

CICCIO

(saluta la suocera) Baciamo le mani, mammà!

CARMELA

(Rosalia esce e rientra con la pentola. divide la pasta per tutti. Entra Carmela col vino. Vede Ciccio resta immobile) Cicciuzzo!

CICCIO

(poetico) Carmeluzza mia, mio dolce e fresco pisello di giornata avvicinati e damuci ‘na bella vasata (totò gli da un calcio nel sedere)

TOTO’

Dintra a me casa  di piselli nun se ne deve parlare!

CICCIO

(timido)…scusassi papà Totò, potessi salutare la zita?

TOTO’

(Con occhio vigile e sguardo malandrino) potessi!

CICCIO

(Con euforia prende la mano di Carmela con foga le bacia ripetutamente il palmo. Totò gli da uno schiaffo sulla nuca) Chi fici di mali?

TOTO’

L’interiore della mano ci lu vai a baciare a to soru. curnutu!  

CICCIO

(impaurito) Chiedo perdono papà. L’emozione mi sviò. Oggi è l’anniversario del nostro zitamento. Almeno oggi un bacino.

TOTO’

(gli tira l’orecchio) Dintra a me casa, porcherie nun si nni fanno. a prossima vota, ti tagghio a faccia. (Alla figlia) assettati e mancia! nun alzare l’occhi mancu pi respirare! Rosalia, mettitilla vicinu a to figghia. Appena ‘stu fitusu isa i manu, ci fazzu manciari u piattu. (si siedono tutti. Da destra verso sinistra. Totò- Ciccio- Rosalia- Carmela. La tovaglia dev’essere a limite per permettere al pubblico di vedere quando i due ragazzi si danno la mano sotto il tavolo)

ROSALIA

Ciccio, quanto anni facete di zitamento?

CICCIO

Oggi facciamo… (tutto d’un fiato) dodici anni, undici mesi, 29 giorni e due ore di zitamento! (Rosalia e Carmela applaudono)

TOTO’

(Adirato) chi sunnu ‘sti applausi. Vi paru Mike Buongiorno? Dintra ‘sta casa si battunu i manu quannu u dico io…ora! (Battito di mani) Basta!

CICCIO

(Alza il dito timidamente) Prima di manciari, ci posso dire una cosa? (Totò annuisce) Carmelina ti purtavu dei fiori che ho cogliuto nel sopracciglio della strada. ( le da i fiori) Questi crisantemi sono il frutto del nostro amore!

ROSALIA

(Glieli strappa dalle mani) Grazie Ciccio, mi livasti un pinseri pi me cadaveri. Carmela, va mettili nell’altare di morti.

CARMELA

No mamma. Questi fiori, Ciccio mi li purtò pi mia, no pi morti!

ROSALIA

Va mettili e morti e zitta! E poi è un’opera di beneficenza. Voli diri ca, quannu mori Ciccio (Ciccio si tocca) i nostri morti ci portano i fiori. Vai! (Carmela urtata li mette nel quadro dei defunti) chi purtasti nno pacchetto?

CICCIO

Ho portato un poco di poppe corna! (Totò gli molla un ceffone) chi fici?

TOTO’

Di corna a me casa, nun se ne deve parlare!

ROSALIA

Ni manciamu dopo pranzo. (Totò inizia a mangiare) Totò i preghiere.

TOTO’

(Si alza prende il fiasco e lo innalza. Tutti coi bicchieri) prendete e bevetene tutti, questo è il mio vino fatto dalle vigne si San Crispino, creato a immagine e somiglianza di me parrino. Pestato per voi e per tutti pi fare bere gli assetati, importante ca nun vi ubriacati. Bevetelo ora insieme a me prima ca finisci e poi vi lamintati ca  nun ci nne!

TUTTI INSIEME

Amen! (Bevono tutti e si siedono a mangiare)

ROSALIA

Totò, com’è a pasta? (Mangia con avidità, con gesti fa capire che va bene) Ciccio, pi tia va pure bene a pasta?

CICCIO

È bona questa pasta. (con allusione, guarda Carmela con occhi dolci) papà, posso dedicare una poesia a me zita? (Totò annuisce. alza il tono di voce per declamare la poesia) Carmela con la dedica di questa mia poesia, metto a nudo la mia anima perché l’ho scritta con la mia pinna del cuore…(Totò gli da un ceffone)

TOTO’

Si un curnutu! Tu a me figghia,  a pinna nne manu nun ci la metti. Capisti? Appena usi di nuovo parole irripetibili, ti rumpu a penna e finisci di fare u poeta.

CICCIO

(impaurito) posso continuare? (Totò annuisce) …sei duci e delicata comu ‘na fragola. Sei così pulita e bella ca ti manciassi comu a caramella. (Totò alza la testa dal piatto con gli spaghetti che pendono dalla bocca) sei morbida e profumata comu ‘na rosa ed io comu un’ape, mi ci allavanco di supra per impallinarmi e far sbocciare un letto di miele … (Totò gli molla un ceffone dietro la nuca) Ahi!  chi fici?

TOTO’

Havii ‘na l’apa darreri a testa ca stava facennu miele! (Urla) E poi, quannu si mancia nun si urla! Mancia e zittuti. (A Carmela) tu a testa dintra u piattu! (Carmela china la testa e mangia. In aria si sente il ronzio di un’ape. Totò la segue con lo sguardo. Carmela mentre mangia le si spezza un’unghia e grida “Ahi” Totò molla un ceffone a Ciccio) pezzo di curnutu, cu pinseri a me figghia pizzicasti? Fai u bravo se no ti tagghiu u pungiglione! (Va via la luce, di scatto Totò si butta su Ciccio e gli tappa la bocca) Rosalia salva a to figghia! (Rosalia tappa la bocca di Carmela. Torna la luce. Tornano ai loro posti)

CICCIO

mi scusassi papà, se ne andata la luce e picchì mi tappò a vucca?

TOTO’

Nun vulissi ca scusa du scuru ti vasi cu me figghia. Ti paru cretinu? (fa la mossa di dargli uno schiaffo, ma non lo fa) manciamu.

ROSALIA

(Si asciuga la bocca) Totò, staiu pinsannu ca ci sunnu i babbaluci “Lumache”. Li pigghiu?

TOTO’

Pigghiali ca ni sucamu! (Rosalia esce. Rimette la sedia al proprio posto attaccata a quella di Ciccio, il quale finge di starnutire più volte dando colpi di bacino verso l’alto e si sposta nella sedia di Rosalia, avvicinandosi a Carmela. Appena vicini i due si danno la mano sotto il tavolo, sfiorandosi le ginocchia. Carmela sente caldo. Totò beve il vino, gustandolo lentamente. Poggia il bicchiere, nota qualcosa che non va. Con indifferenza fa cadere forchetta a terra, di scatto si ficca sotto il tavolo per spiare i fidanzati che in tempo si lasciano la mano.)

ROSALIA

(Entra con un recipiente di lumache) datimi i piatti ca vi mettu i babbaluci.

CARMELA

Mamma, io nun ni voglio. Non mi piacciono picchì hanno le corna mosce.

TOTO’

Ora capisciu picchì ami ‘sto cretino ambulante, picchì havi i corna duri. Mancia e zittuti (Rosalia le riempie il piatto. Si siede e nota la differenza di posto)

ROSALIA

(Parla a Totò come se fosse Ciccio) Ciccio, ti piaciuni i babba…Totò chi ci fai o posto di Ciccio? (Guarda Ciccio) Ciccio chi ci fai o me posto?

CICCIO

Niente mammà. Vinni un colpo di vento e sono sciddicato qua.

TOTO’

(nervoso gli sputa) puh! Mi futtisti (lo schiaffeggia e Rosalia lo difende) Ti scippu a prostata si lu fai arreri!

CARMELA

Papà lascialo. Nun mi l’ammazzari a Cicciuzzo. Io l’amerebbi troppo assai

ROSALIA

Totò lassalu stari. Vuliva stari vicino a zita. Mi pari puru giustu, vistu ca oggi è il loro anniversario. E poi, ragazzini ci siamo stati tutti, eh!

TOTO’

Tu cu si u giudice di pace? Mancia e zittuti prima ca ti fazzu a faccia a settebello. (da un pizzicotto sulla faccia di Ciccio) dimmi a verità, quannu eri vicinu a me figghia, ci tuccasti a mano sutta u tavolo?

CICCIO

(Impaurito) no no, io nun li fazzu queste porcate!

TOTO’

Bravo! (gli da schiaffi col palmo della mano) e ora, mancia i babbaluci!

CICCIO

No grazie, nun li sacciu sucare. E poi, nun mi piacinu! 

TOTO’

(Lo minaccia)A casa mia nun mi piace nun esiste! O ti manci o t’ammazzo

CICCIO

(Impaurito) no no, bellissimi sono. (inizia a mangiarli facendo sentire il rumore. – per sgranocchiare, dev’essere un pezzetto di pane duro-)

TOTO

(Gli da uno schiaffo) Pezzu di fangu i babbaluci si sucano no si mancianu! Guarda (Totò succhia le lumache facendo sentire il suono. Le donne in silenzio. Ciccio incrocia il suo sguardo con Carmela. Entrambi iniziano a succhiarli emettendo dolci fischi. Man mano che il loro piacere aumenta, si alza il tono del suono. Totò capisce e da un ceffone dietro la nuca a Ciccio mentre tiene la lumaca tra le labbra, facendolo strozzare. Le donne si spaventano. Totò indifferente)

CARMELA

(presa dal panico, saltella) aiuto sta murenu! Aiutaaaaatiiiilu...Cicciuzzo mio nun mi lassari vedova allegra. Cicciuuuuzzo (saltella e si dispera)

ROSALIA

(Spaventata) Beddamatri, sta murennu anniato! Ciccio ancora vivo sei o sei moruto? (Ciccio con gesti chiede aiuto) fai un poco di moto (gli alza le braccia) così ti veni l’ossigeno nne polmoni.

CARMELA

Ma chi dici mamà! Se fa la moto, ci veni lo smoking e mori inquinato! (Piange)

ROSALIA

Totò, aiuta a to jenniru. Fa nesciri a ragioneria che hai di dentro. Spicciati!

TOTO’

(Beve un bicchiere di vino. Fa mettere Ciccio a 90° gli da un calcio nel sedere. Ciccio sputa la lumaca) ti ripigghiasti? (Ciccio annuisce. Carmela salta ancora dal panico) Rosalia, a fa firmari a dda ballatrice del verme.

ROSALIA

Carmela calmati. (Carmela è agitata) Ciccio pigghia un poco di vino. (Ciccio le da un bicchiere di vino. Rosalia glielo da a bere. Calmandosi sbuffa come un cavallo) ti senti megghiu? Ciccio cca è stai calma

CICCIO

Amore, tranquillizzati. Pi ‘sta vota, nun moru cchiù. Stai male vero? (Carmela annuisce) Aspetta ca ti fazzu a respirazione boccale! (Si sta per lanciare per baciarla, Totò lo blocca)

TOTO’

(lo prende per il collo) Si nun ti metti a testa o posto, ti dugniu un pugnu ‘n testa ca ti fazzu vidiri a stella cometa in diretta.  Assettati!

CARMELA

(In fase di ripresa) Cicciuzzo mio allora sei moruto o hai campato?

CICCIO

Carmeluzza mia, si to patri nun m’ ammazza, sogno campato. Succhiamoci le lumache, se no, papà s’incazzolia(Totò sta per dargli uno schiaffo,si ripara) vuliva diri, s’arrabbia (riprendono a mangiare le lumache. Ciccio prova a succhiarle e non riesce a tirarla fuori e la guarda)

TOTO’

(Mangia con soddisfazione) chi sunnu beddi i babbaluci, mi nni manciassi a quintali. (Nota Ciccio) invece di manciaritilla a stai taliannu?

CICCIO

Io la tiru a babbalucia, ma idda nun nesci!

TOTO’

Te insignari e te perdiri.Talia a mia(accompagna con gesti, la spiegazione) pigghi a babbaluci, la teni tra indice e pollice a porta nna vucca ed emetti un risucamento radicale e ti la tiri. (fa il gesto) visto? fallo tu

CARMELA

Cicciuzzo è facile tirare le lumache. T’insegno io? (Ciccio annuisce. Carmela si avvicina. Totò si alza di scatto e la fulmina con lo sguardo. Carmela si siede di scatto)

TOTO’

Assetati se no, ti fazzu ‘na carezza ‘nto naso ca ti lu fazzu soffiare da cervicale (indica la nuca. Totò si gira di lato e starnutisce, intanto Carmela si alza e va al mobile. Va via la luce. Totò e Rosalia si buttano su Ciccio) Salva a to figghia.

ROSALIA

La staiu salvannu!

CARMELA

(ferma nel mobile) mamma, io sugnu cca.

TOTO’

Rosalia, u sentisti? To figghia cca è sutta di iddu! (Strozza Ciccio) Curnutazzu, chiuditi a vucca e nun buccheggiare a me figghia, se no ti scippu a bronchite (Torna la luce. Totò sposta Rosalia e Ciccio. cerca Carmela) dunni è me figghia? Ta sucasti comu babbaluci? (lo strozza)

CARMELA

Papà, finiscila. Io cca sugnu. Vicino u mobili!

TOTO’

(lascia Ciccio) ha statu docu? (Carmela dice di si. a Ciccio gli da uno schiaffo) picchì nun mi l’avissi dittu ca me figghia cca nun c’era.

CICCIO

Basta, già mi siddiò! (commosso) mai un bacio, mai ‘na carezza ma vossia mi tratta sempre male. sugnu stancu. Sugnu disposto a tutto Carmela, ma vossia nun l’apprezza! Si lei continua a trattarmi così male, io…io…mi tolgo la vita! (Carmela si dispera. Rosalia la calma) se perdo la vita la causa è solo di vossia. e poi a notti, vegniu a fazzu u fantasmino e peri du so letto e ci fazzu u solletico.

TOTO’

Veni ca ti tiru una fucilata menzu e corna ca te fari a permanente.

CICCIO

Ora io come un figlio, lei mi risponda come un padre. Cosa devo fare per non avere problema cu vossia?

TOTO’

A MORIRI!! …VA SPARATI!!! (Carmela piange come una sirena) Fai zittiri a sirenetta, se no, ci stacco a corrente (fa segno di tagliare la gola. Rosalia consola la figlia. Visto che non riesce, piange anche lei. Ciccio guarda le donne e inizia a piangere. Totò esaurisce) Ma comu finì? In una valle di lacrime mi sento! (Va dalla figlia)  picchì chianci?

CARMELA

Se more il mio zito, resto tutta vedova.

TOTO’

(A Rosalia) picchì chianci? Cu ti muriu?

ROSALIA

(Asciuga le lacrime) Nuddu. Avissi a ghiri o bagno e vistu ca nun pozzu lassari suli i ziti, chianciu così evitu di pisciari.

TOTO’

(Da una pacca a Rosalia) tu pisellino curioso, picchì ti mittisti a chianciri?

CICCIO

io mi misi a chianciri per amore, pi farici compagnia a me zita, eh! Nun è giusto ca chianci sula.  

TOTO’

Chi ti vinissi un ematoma nna cornetteria. Chianci pa zita? I maschi nun chiancinu mai! chianci per amore…vergogna!!!

ROSALIA

Totò l’amore è bello. nun è giustu comu fai tu, da matina a sira sempri a zappari…una vota ogni tanto…(allude a far l’amore) avissi puru io di bisogno una bedda zappata. Ragazzi, amatevi. L’amore fa bene alla salute

TOTO’

Vidi ca ti veni a diabete cu l’amore. ( Sbadiglia. Guarda l’orologio al polso. A Ciccio) cu tutto ‘stu amore, mi calò u sonno. Senti citrolino amoroso, quannu ti nni va che io me ghiri a curcari.

ROSALIA

Ni manciamu i poppi corni e poi ti nni va. (Li va a prendere e li mette in un vassoio e li adagia sul tavolo)

TOTO’

A tia, a lingua mai ti sicca, mai!? …cocchi jornu te dari ‘na insaccata di lignati, ca te fari vidiri quantu ti amo! (i due ragazzi mangiano pop corn, facendosi gli occhi dolci) spicciativi a manciari, prima chi si nni va a luci tu (a Ciccio) a scumpariri! (Ciccio annuisce. I quattro mangiano) …a proposito Ciccio, prima ca mi cala u sonnu, fammillu vidiri puru a mia ca ci l’hai grande.

CICCIO

Vossia, come fa a sapiri ca ce l’ho grande?

TOTO’

Mu dissi me figghia Carmela. Ora, puru io sugnu curioso di vidillu.

ROSALIA

Totò nna vicchiaia divintasti finocchietto stagionato? Carmela…Io pinsava ca eri impacchettata, invece… ti facisti rumpiri u salvadanaio! (piange)

CARMELA

Non pinsare male. ci dissi o papà che il mio zito ce l’ha grande …il sentimento per me. (Rosalia asciuga le lacrime con la mano e li asciuga sulla figlia) vero Cicciuzzo? (Ciccio annuisce)

TOTO’

Dai, forza! Fatimi vidiri ‘stu sintimentu chi aviti e poi ti nni vai a casa.

CARMELA

(I due ragazzi rimangono al proprio posto. Con eccessiva dolcezza) Amore…tesoro…

CICCIO

(Stessa dolcezza) …tu sei la vacca ed io sugnu u toro! (Rosalia è gioiosa. Totò da uno schiaffo a Ciccio) chi fici?

TOTO’

Nenti! ti fici i complimenti da poesia. Ora, si ti nni vai a fari ‘nto culo prima chi si nni va a luci, ti dico grazie! (Guarda orologio) Ciccio, mancano dui minuti e si nni va a luci. Vatinni (Lo spinge ad andare)

CICCIO

Un momento! Ci vogghiu fari vidiri ca m’insignavu a sucari i babbaluci.

TOTO’

(Lo spinge) pi stasira vatinni, dumani sira mu fai vidiri il sucamento. (Ciccio si trattiene)

ROSALIA

Totò nun aviri primura! Si to jenniru ti voli fari vidiri ca è capaci, facillu fari.

TOTO’

(Nero di rabbia, minaccia Rosalia con gesti) Fammi vidiri. Spicciati ca manca un minutu!

CICCIO

Sediamoci a tavola se no, nun mi rinesci! (Totò affretta tutti a sedersi. Prende una lumaca tra indice e pollice. Parla con tutti ma fa allusioni a Carmela) cari suoceri, ora vi fazzu vidiri come io a babbaluci la tiro su (La porta vicino le labbra. Fa cenno a Carmela di andare sotto il tavolo) e poi, la tiro giù. Capito? (Carmela finge uno starnuto facendo sentire un si)

TOTO’

Stoccati a radice quadrata di jammi e spicciati, manca picca e stacca a luci

CICCIO

Sugnu pronto. Tu? (Carmela starnutisce, facendo sentire si) dieci, nove, otto, (I suoceri lo guardano allibiti) sette, sei, cinque, quattro, tre, due, uno…(Si stacca la luce, i due fidanzati si ficcano sotto il tavolo. Totò e Rosalia si buttano uno su l’altra. Da sotto il tavolo, i due si baciano emettendo il classico “suono” che si emette succhiando le lumache)

TOTO’

Curnutu ca si, tanto facisti e tanto dicisti ca si ancora cca e a luci a staccaru. Appena veni a scappari subitu subitu se no, tu sucu io u ciriveddu. ( i due si baciano emettendo un dolce suono) e puru devo essere sincero…bonu ci vai a sucariti i babbaluci. Bravo! Ti piacinu?

CICCIO

Si si, bellissimo papà. bellissimoooo (Riprendono col bacio “suono”)

ROSALIA

Nun sentu parrari a Carmela. Nun vulissi ca sta male ca ci stamu di supra. Carmela, ti manca l’aria?

CARMELA

(appagata) no mamà, mi staiu ossigenannu tutta. (Riprendono col bacio. Torna la luce. Totò e Rosalia si spostano non vedono i fidanzati. Seguono il suono e notano i due che si baciano appassionati. I due si bloccano appena notano di essere stati scoperti. A Rosalia le viene un tic)

ROSALIA

(Si contorce dal tic, prende fiato e grida) Bottanissimaaaaaaaaaaa (Sviene)

TOTO’

Futtistivu a mia? Vi lu dicu in italiano pi nun essere volgare…mi pigghiasti pu culu? (i fidanzati annuiscono. Esce e rientra con un fucile). Me ne frego ca è mercoledì, oggi fazzu straordinario. V’ammazzu!!

CICCIO

Carmela, fuiemuninni. Si ristamu cca, a schifiu finisci!(La prende per mano e scappano. Totò urla fuori scena, si sentono colpi di fucile. Cala il sipario)    

Fine primo atto

                       

Secondo atto

(la scena un pò diversa del primo atto fa alludere che sia una casa dei nostri giorni. Includere una poltrona. Sul tavolo un vassoio con banane. Entra in scena Ciccio vestito da muratore. Tutto sporco. È stanco)

CICCIO

(Chiama) Amore…Amore, sono ritornato! 

CARMELA

(Entra stupita. In mano una pezza) mi chiamasti amore? (Ciccio annuisce) chistu significa che mi ami ancora dopo 15 anni di matrimonio?

CICCIO

Nun pinsari mali! Ti chiamavo amore picchì nun mi ricordo comu ti chiami

CARMELA

(Adirata) ma va rompiti i corna o muru (Esce)

CICCIO

Scherzavo, veni cca. U sacciu ca ti chiami Carmela. (Rientra Adirata) dopo quindici anni ca ti sopporto, mi lu pozzu scurdari mai? no! (Si siede nella poltrona)

CARMELA

Susiti munnizzaro chi scarpi. (Ciccio si alza. Spolvera la poltrona.) havi ‘na matinata ca fazzu pulizie, arrivi tu e ti senti all’albergo. (Ciccio si appoggia sul tavolo) Levati! (Ciccio si siede sulla sedia. Lo alza) si propria duru di ciriveddu. Mi stai infittannu ‘na casa! (spolvera tutto)

CICCIO

Cca no, dda no. staiu vinennu stancu di travagghiari e mancu mi pozzu assittare. Si po’ sapiri dunni mi nne ghiri?

CARMELA

A fari ‘nto culo! L’unico posto sicuro, dunni nun ti vegniu a disturbari!

CICCIO

(Alza la voce) aho, dintra ‘sta casa cumanno io! IO sugnu u masculu da casa! (Si batte mano sul petto) Spetta a mia, l’ultima parola.  U capisti?

CARMELA

(prepotente) zittuti! (Ciccio si spaventa) Dintra ‘sta casa cu è ca cumanna? (Intimorito col dito indica Carmela) Mi ricordi qual è a to ultima parola?  

CICCIO

(testa bassa e voce da bambino impaurito) obbedisco!

CARMELA

Bravo! Ora vatinni in bagno e tiri a catinella e va fa u strunzu. ( pensa) …a proposito amico bello, i piccioli i purtasti?

CICCIO

Mi dissi u principali, a prossima settimana si nni parra.

CARMELA

A prossima settimana? … tu sbattisti a testa! Appena nun mi fazzu i colpi di sale in testa, divento a fotocopia ri da mummia di to matri. (nervosa) pigghia u telefono e ci dici a ‘stu curnutu ca ti porta subito i piccioli.

CICCIO

(impaurito) Lassa stari, dumani ci lu dicu. Calmati se no ti spunta a varba!

CARMELA

Me calmari? (Prende dal mobile l’agenda telefonica) ora ci penso io. videmu si nun t’hava pagari. Nun t’infilare Ciccio ca puru tu pigghi lignati

CICCIO

(Pietoso) Per favore nun ci chiamari. A travagghiari sannu tutti ca dintra cumannu io. Nun mi fari fare brutta figura.

CARMELA

(Compone il numero) Rilassati. Nun ci fazzu capiri nenti. (attende chiamata. dolce) –pronto, signor Licca Licca? – (nervosa) vidi ca dintra a me casa, cumannu io! (Ciccio si dispera)… me marito mi dissi, pi soldi si nni parra a prossima simana, vero? - -ah è vero! Si entro stasera me marito nun havi i picciuli, lei dumani matina s’hava svegliare impalato nno letto chi corna tisi- - Nun mi calmo! Me marito fa u muraturi e a mia, (fa segno delle parti basse) a cazzola mi strica ‘n terra! – come?. Cchiù tardu veni e ci da i soldi? (Si addolcisce) grazie, non avevo dubbi che lei avesse un cuore dentro il cirivello di porco che have- Chiedo scusa se sono stata troppo gentile. – a più tardi. Arrivederci! (chiude telef.) tutto risolvuto

CICCIO

(Preoccupato) Ora chiddu u dici a tutti e o travagghiu mi pigghianu tutti pi fissa. Ti lu dicu sempri, fatti i cazzi to.

CARMELA

Ti pari sugnu minchiona comu tia, ca ti fai pisciari ‘nta vucca di tutti? bisogna nesciri i denti ca gente se no, ti mettinu i peri supra a panza. Va lavati e senza fari nesciri l’acqua da doccia se no, ta fazzu asciugari ca lingua (Ciccio esce lamentandosi. Rassetta la stanza) me nanna ragioni havia. I masculi sunnu boni pi ‘na cosa… pi pisciari o muru!

CICCIO

(rientra con la canottiera e va spogliandosi) i masculi, pi fimmini nun sunnu boni mai a nenti. sulu pi ‘na cosa vi serviamo! Vero?

CARMELA

Forse! Prima siete gorilla (Si batte il petto), poi Tic tic tac (Ondula il bacino seguendo il suono) fate  a fini du cunigghiu (cade sul divano)

CICCIO

Vulissi vidiri si nun ci fussi io, comu avissi a fari tu. Nun ti po’ lamintari ca hai un maritu muratore. (si tocca le braccia, gambe, petto, cosce…) tocca cca, sugnu un muro di cemento armato!!!

CARMELA

Zittuti mancu ti funziona a cazzola. va lavati camina(Ciccio esce. Riprende a lavorare) vint’anni ca u supporto. (Urla)si grapi i cannarozza pi tutti cosi, mai mi dici una parola dolce, mai!

CICCIO

(affaccia la testa dalla porta) Diabete! Cchiù duci di chista, nun esisti!

CARMELA

(dispregiativo) chi ti manciassiru i cani di mannara!! V’affuccati nna doccia, vai! ( Ciccio esce. Rassetta e canta il ritornello di “finchè la barca va”) …quando l’amore viene il campanello suonerà, quando l’amore viene il campanello su o ne ràààà(entra Ciccio) chi vò cu ‘sta faccia di maniaco?

CICCIO

(attorno la vita una tovaglia) Comu dice a canzone, “quando l’amore viene il campanello suonerà” ( toglie la tovaglia e attaccato alle mutande ha un campanellino) mi la fari sunare u campanello?(Sculetta facendolo suonare)

CARMELA

(Lo spinge) Ma nun ti vergogni alla tua età ad aviri u campanellino?

CICCIO

Toccalo e vidi ca diventa ‘na campana!

CARMELA

Nun mi fari ridiri. Nun haiu tempu di perdiri cu to campanellino.

CICCIO

Si sempri a stissa. Fici bonu a dedicariti una suoneria nel mio cellulare è proprio chiddu ca penso, quannu mi chiami. Chiamami e senti. (Carmela prende telef. lo chiama. Parte ritornello dei “Nakria – Camurria”)

CARMELA

Iccamu i carti in tavola! Puru io haiu una suoneria no me uccellulare. è a me preghiera chi fazzu ogni vota ca mi chiami. Chiamami. (Ciccio la chiama al cell. parte il ritornello de “la colpa non è tua di Totò Borghese”)

CICCIO

Me ittari a mari? (Carmela annuisce) …e tu va sparati in montagna!

CARMELA

Di quant’havi ca mi sposavo cu tia, ho l’allergia patologica agli stronzi!

CICCIO

di quant’havi ca ti sposavo, soffro di orchite! (Carmela non capisce) ora tu spiego. È un rigonfiamento ai paesi bassi, dettato da una pesantissima forma di rottura. In parole povere…(con disprezzo) havi vint’anni ca ma ruttu i palli!

CARMELA

Io? ma si manco ci nn’hai mai avuto, picchì a diri bugie. (esce e urla da fuori scena) c’è u tubu da doccia ca nun funziona. Chiama o funtaneri!

CICCIO

Dintra ‘sta casa e fari tutto io. (prende cell e chiama) …- pronto? Ciao Nino! – senti, a me casa c’è una perdenza, po’ avvicinari a ripararla? – si già darreri a porta? va bene! ( apre la porta) fai servizio espresso?

NINO

Ciao Ciccio. siccome mi trovava a parrari cu un amico davanti u to purtuni, tu mi chiamasti ed eccomi qua. Dunni è a perdenza?

CICCIO

Me mugghieri ci l’havi ‘n testa a perdenza! Nun ni pozzu cchiù. (Sottovoce) appena ci sunnu i saldi, ma vinnu!  

CARMELA

(entra adirata) a pirdenza ci l’havi da sciacquapalle di to soru, ancora a quarant’anni aspetta il principe col pisello ca si la sposa!

CICCIO

Me soru è una zitella romantica. Megghiu di tia ca si sposata arraggiata!

CARMELA

signor tubista, mi dessi u so iù tube ca ci fazzu una installazione  a me marito ‘nte corna!

NINO

Calmatevi. Nun successi nenti. Dicitimi dunni è a riparazione, così mi nni vaiu. Sa come si dice signora? Tra moglie e marito, nun ci mettiri u tubu.

CARMELA

(A Ciccio) Portalo in bagno e faccilla vidiri!

CICCIO

Oh, vidi ca ancora nun haiu passato all’altra sponda!

CARMELA

A riparazione ci deve fare vidiri! ( i due escono) nun ci la fazzu cchiù, ma quannu si nni va e mi lassa in pace. (Guarda al cielo) Signore tanta brava gente mori in pace, fammi crepare a ‘stu curnutazzo! Fallo attisire entro stasera…no in senso sessologico, nel senso ca crepa. Va bene? Amen!

NINO

(Rientra seguito da Ciccio) Fatto! Era solo un poco lento u tubo. Visto ca finivu, me ne vado. Ciao Ciccio. Signora…(le fa il baciamano) arrivederci.  (Esce)

CICCIO

(Carmela è imbambolata) mi vaiu a fazzu a…Carmela…Carmè! (Si sblocca) mi vaiu a fazzu a doccia. Spicciati ca haiu fame! (Esce)

CARMELA

( sospira come un’innamorata) che bel baciamano. si nun c’era du cervo a primavera di me marito, ci faciva baciare a… (Bussano balza in aria. Apre. entrano due tipi strani. La ragazza, vestita da punk con valigia in mano. Pantaloni stracciati. Giacca nera. Capelli viola. Rossetto nero. Il ragazzo è coatto. Occhiali neri. Orecchini, anelli e collana. Mastica una gomma in modo evidente)

ANNACAMILLA

Signora sa chi sono?

CARMELA

‘na cambiala scaduta! (chiude. Bussano ed apre) senti, rispetto i testimone di Genova, però nun ti pozzu fare trasiri picchì sugnu già pastorizzata.

ANNACAMILLA

Mamma, sono la tua bambina, Annacamilla!

CARMELA

(immobile) Annaca…annaca…milla? (felice) vita mia, come cazzarola sei vestita? Gioia da mamma, vestita così fai schifo. Pari arlecchino a lutto.

ANNACAMILLA

A Roma è la moda. Questo è lo stile punk

CARMELA

Gioia nun ci sugnu abituata a vidiriti come una punk. (l’abbraccia) chi sugnu contenta. Questo qua chi è u to zitu?

ANNACAMILLA

No mamma. Peppuccio è il mio migliore amico. Presentati Peppù.

PEPPUCCIO

(Coatto nei modi di fare) So Peppuccio so bello e so caruccio, me piace aiutà a gente e nun chiedo niente. Se vedo che me vuoi fregà tirandomi giù i calzoni, te dico, ah bello nun scherza m’hai rotto li coglioni! ( tira giù il cavallo dei pantaloni) piacere (da la mano. Carmela ricambia)

CARMELA

Piacere sono la mamma di mia figlia medesima. Simpatico il tuo amico.

PEPPUCCIO

(urla) So gagliardo!! gliel’hai detto a tu madre come me chiamano?

ANNACAMILLA

Certo che no! mica posso chiamare mia madre da Roma e dirle chi sei tu!

PEPPUCCIO

(Le da una pacca sulla spalla) a li mortacci tua! A signò, gliò dico io chi so. A Roma sa come me chiamano? (Carmela dice no) …me chiamano, (mette le mani davanti la bocca e urla) medicina 33!

CARMELA

fai il dottore?

PEPPUCCIO

So er meglio del dottore. La mia medicina, (urla) fa miracoli. (Si tira giù il cavallo dei pantaloni)

CARMELA

La tua medicina fa miracoli? Pi caso, sei parente di nostradamus? 

PEPPUCCIO

A signò, nostradamuse me po’ allaccià e scarpe. Sa come me chiamano in intimità, nostracactusse! Signò, tengo ‘na medicina che con 33 cm (allude all’organo maschile) gliè do ‘na botta de vita a tutte e donne e le faccio (urla) resuscità! Ad alcune, gliò fatto prenne a pensione (tira giù il cavallo dei pantaloni )

CARMELA

(fa la caruccia) visto che te ne intendi, cosa mi facissi pigghiari a mia?

PEPPUCCIO

Un treno in pieno! (Carmela ci resta male) stavo a scherzà. Viè qua fatte guardà. (Carmela fa la modella) c’hai er culo talmente basso che te servono e mutanne cor tacco! (Annacamilla gli dice di smetterla) calmate, gliè sto a ddà ‘na revisione. Signò che taglia porti de reggiseno, a retromarcia? Manco te se vede, ahò!

ANNACAMILLA

Peppuccio, ora basta! …scusalo mamma. lui è fatto così. dov’è papà?

CARMELA

(Dispiaciuta) non fa niente. Mica putemu piaceri a tutti nna vita. To patri si sta facennu a doccia. Vuliti qualcosa di fresco?

ANNACAMILLA

Si, mi va bene un po’ d’acqua. Tu Peppù?

PEPPUCCIO

Portame uno scotch whisky. (Carmela è imbambolata) Sbrigate che c’ho a lingua cosi secca che il sahara in confronto a me è un’oasi del polo norde.  

CARMELA

Intanto assettativi. Fati finta ca siti a me casa. (Esce. I due si siedono)

CICCIO

(Entra canticchiando mentre si asciuga i capelli. Vede i due seduti, si blocca) buongiorno …testimoni di Genova? (silenzio. Si gratta la testa) scusemuà, iò sogno Ciccio. Voia chi schifia sete? Amici mia moglia?…voia sordo mute? ( silenzio) ma cu cornuti sunnu. da strunza di me mugghieri, fa trasiri sempri a chiddi peggio di iddi! (di spalle ai due) chi sunnu brutti. A ragazza, pari ‘na scimmia riciclata. u masculu cu tutti di orecchini hava essiri ricchione. (Peppuccio si alza, gli si mette di spalle)

PEPPUCCIO

(Minaccioso. Ciccio è impaurito) A coso, te conosco da du minuti e me stai a ballà er flamenco sopra e palle! … bada a nun scherzà cor foco. Che se te meno, pe raffreddatte c’è vo a scoreggia dell’uomo delle neve.

ANNACAMILLA

(lo placa) smettila Peppuccio. Mio padre stava scherzando.

CICCIO

Tu si me figghia? (Anna annuisce) Di quale matri si?

ANNACAMILLA

Ma come di quale madre? Non scherzare, sono tua figlia, Annacamilla!

PEPPUCCIO

Sai come se dice in latino: “pater certum, madre zoccolam!”  

CICCIO

Annacamilla! (abbraccia la figlia) quando sei atterrata a casa?  

ANNACAMILLA

Sono arrivata poco fa. Scusami sono vestita in modo strano. A Roma va di moda vestirsi così. Questo è il mio amico Peppuccio

PEPPUCCIO

(da la mano) piacere Peppuccio in arte medicina 33 (tira giu il cavallo dei pantaloni)

CICCIO

Medicina 33? Chi significa?

PEPPUCCIO

Significa che me ritrovo (Fa il gesto) un asso de bastone che fa venire a vista, (Urla) a li ciechi!

CICCIO

Significa (fa il gesto col braccio) che hai u strumento… difettato! ( lo consola) fattene una ragione amigos, chisti sunnu malattie gravi!

CARMELA

(Entra col vassoio. porta caffè, acqua e un rotolo di scotch ) l’avissi tu ‘na malatia di chista, vulissi essiri ogni jornu in coma profondo! Servitevi.

PEPPUCCIO

Signò, dico de portamme er whisky e me porti o scotch? Che me devo sigillà e budella?

CARMELA

 mi dicisti uno scotch whisky. Whisky nun n’haiu e ti purtavu u scotch. (Peppuccio si alza è nervoso)

ANNACAMILLA

Mamma, Peppuccio ci tiene al suo whisky. Dai, Peppù andiamo al bar a prendere qualcosa da bere.

CICCIO

Ci lu porto io al bar. A chi nesciu, passo du principali pi soldi. N’amo Peppù

PEPPUCCIO

Aspetta. Oggi che se magna?

CARMELA

Oggi ta fazzu passari bona. Pasta al forno!

PEPPUCCIO

Ma che sta’ a dì ahò. Famme du bucatini all’amatriciana.

CARMELA

Mi dispiace, nun li sacciu fari i bucatini all’amatriciana.

PEPPUCCIO

Le sai fa e fettuccine a papalina? (ogni piatto che Peppuccio dice, Carmela risponde “no”)gnocchi a romana?...spaghetti a carbonara? ...Tonnarelli cacio e pepe?...(ad Anna con rabbia) …ma ‘ndo cazzo m’hai portato al fatebenefratelli? (Esce adirato) ma va morì ammazzata! (Ciccio lo segue)

ANNACAMILLA

(Adirata) Ma va sparati tu supra u colosseo! Scusa mamma, quannu ce vo ce vo

CARMELA

Nun ti preoccupare Annuccia. Nun mi ci applico alle sue parole. Però, si ce veru u Signuri, c’hava a siccari a linguaggite!... Senti, ‘stu caffè ci lu pigghiamu noi. Aspetta poso a valigia. (esce. Anna prende il caffè. Si sente un frastuono. Anna corre a soccorrere la madre. La porta in scena, dolorante)

ANNACAMILLA

(la adagia in poltrona) mamma, ma che hai fatto?

CARMELA

(Dolorante)…stavo cadendo! (si tocca ovunque) ahi ahi, mi fa male a cervicale. Mi fa male u culatello. Ahi ahi, mi fa male l’obelisco. Annuccia, vicino u telefono c’e u numero da dottoressa Cuculo. Chiamala

ANNACAMILLA

(al telef) pronto? Dottoressa Cuculo?...Salve, le chiedo scusa, mia madre è caduta in casa. Potrebbe venire a visitarla? -…si! mamma, dove stai?

CARMELA

A me casa staiu.

ANNACAMILLA

Intendevo la via!

CARMELA

Via San Martino campanaro numero 23.

ANNACAMILLA

(Ripete al telef.) Via San Martino campanaro, numero 23. – faccia presto, mia madre sta male. (chiude telef.) la dottoressa sta per arrivare.

CARMELA

Gioia mia, grazie. Senti, u tempo ca aspettamo va sistemati. Chiossà ti guardo mi fai venire un ematoma ‘nta l’occhi. (Annacamilla bacia la madre ed esce. Guardinga va al telef) pronto? Ciao amore- sai, mi sono allavancata dentro casa- Mi manca la tua diabete- Quando ci vediamo per stare vicini vicini? – ma chi fai, scherzi! A casa mia? se ci scoprono semu futtuti! Appena mi ripigghio, poi ci ripigghiamu assieme. Vero mucci mucci… (entra Anna chiamandola. Chiude di scatto. dalla paura ha il fiatone) disgraziata, un tiket nno cori mi facisti veniri!

ANNACAMILLA

Vedi che fiatone? È dovuto allo spavento. Segui i miei esercizi e ti  rilassi. Emetti un profondo respiro (Carmela esegue) qualche secondo e rilascia. Inspira ed espira. Inspira ed espira. Più veloce! Inspira ed aspira. Inspira ed aspira (Più Carmela aumenta, sembra che stesse partorendo) forza mamma, vai vai. Spingi spingi…

CARMELA

Stop! …mi stai facennu rilassare o mi stai facennu partorire? Non l’ho capito! (Bussano. Apre Anna. Entra la dottoressa. Una bella donna) dottoressa, entri pure.

DOTTORESSA

Buongiorno. Dottoressa Cuculo. È la badante? (Anna ferma)  Rumena?  

ANNACAMILLA

No, piacere romana. Sono la figlia. Annacamilla!

DOTTORESSA

Mi scusi, pensavo una badante. Signora Carmela, cosa l’è successo?

CARMELA

Mentre stavo posando la valigia, non me ne sono accorgiuta che c’era un gradino e sono caduta sullo spigolo. (piange) dottoressa mi aiutassi, mi sento una tromba in testa. E poi, mi fa male l’osso sacro da mano.

DOTTORESSA

L’ossosacro della mano? (Carmela annuisce) guardi che non esiste l’osso sacro della mano, semmai nella schiena ma no nella mano!

CARMELA

U voli sapiri megghiu di mia ca mi fa male? (Si tocca con indice ogni parte del corpo e si fa male)se tocco cca mi fa male. tocco cca e mi fa male. U vidi? tuccassi lei! (la dottoressa tocca la stessa parte del corpo e Carmela non grida. Si tocca lei stessa e grida dal dolore)  

DOTTORESSA

Signora, tocchi me.

CARMELA

( le tocca con l’indice lo stomaco) ahia!!! Dottoressa lei sta pure male?

DOTTORESSA

Ma che male. Lei ha il dito rotto. Verifichiamo. (la prende la mano e le tocca le dita. Pollice nulla. indice dolore. Medio anulare nulla. mignolo dolore) vede signora, lei ha l’indice e mignolo rotto. Vada al pronto soccorso e glieli gessano. (Entra Ciccio e Peppuccio, parlando)

CICCIO

( felice) dottoressa carissima, piacere di vederla. Chi successi? (La dottoressa fa segnale verso Carmela) mia moglie? Dottoressa mi dicissi a verità, come sta mia moglie? Quannu crepa! (Carmela fa un evidente Tiè!)

PEPPUCCIO

(ammaliato) anvedi che gran pezzo de mammifera quotidiana. Piacere so Peppuccio.  (le fa il bacia mano. Ciccio s’infastidisce)

DOTTORESSA

Piacere, dottoressa Cuculo.

PEPPUCCIO

(le guarda il sedere) c’hai proprio ragione. C’hai proprio ‘na bella forma de culo.

DOTTORESSA

Signora Carmela, vada al pronto soccorso e stia attenta la prossima volta. (allusiva alza il tono) Io vado. Torno a casa che sono stanca.

PEPPUCCIO

Stanca? C’ho a cura pe fatte riprenne. Ciò una medicina 33 che te la inietto per endovena e (urla) te faccio toccà il cielo senza tacco!

CICCIO

Aoh, a dottoressa nun ci serve a to medicina. Salatilla!

CARMELA

A tia chi t’interessa se Peppuccio ci voli infilari a flebo a dottoressa.

DOTTORESSA

(Si alza, cerca di camuffare la discussione) stia calma signora. Altrimenti rischia che si frattura ancor di più il mignolino. Vada in ospedale. Io vado

CARMELA

(la siede) dottoressa, lei si stassi calma cu culo nna seggia ca si me marito nun si facesse li cazzi so, ci fratturo il minchiolino!

ANNACAMILLA

Basta. Dottoressa se lei deve andare, vada. Mamma preparati che andiamo al pronto soccorso. (Carmela esce a prepararsi) Peppuccio, vieni con noi o rimani in casa con papà?

CICCIO

Purtativillu se no ci dugniu ‘na timpulata ca u fazzu arrestare pi vagabondaggio!

PEPPUCCIO

Aoh, mò si nun te stai zitto te parcheggio ‘na mano in faccia che te faccio vedè er colosseo che stelle!

ANNACAMILLA

Dai, mò basta! (Rientra Carmela) sei pronta mà? (Carmela dice di si) dai, andiamo al pronto soccorso. Dottoressa, lei ci accompagna?

DOTTORESSA

No. ho altre visite da fare. Io vado. Buongiorno a tutti. (Esce)

CARMELA

Annuccia u vidi? da munnizza di to patri manco dumanna chi vaiu a fazzu o pronto soccorso. Poi dici ca sugnu frigida. (con rabbia, gli punta dito contro) è normale, manco ci funziona u campanellino!

PEPPUCCIO

(felice della polemica tra i due) Bella battuta. Dagliè sorè!

CICCIO

A chi vai o pronto soccorso fatti ingessare puru a lingua!

PEPPUCCIO

(ride gli da una forte pacca sulla spalla) Bella fratè!

CICCIO

(Carmela con le mani si avvicina alle parti intime di Ciccio – sfiorare non  toccare- da il senso di toccarle come si fa nelle statue dei santi e poi baciarsi le dita)  chi senti fare cu ‘stu gesto?

CARMELA

I cose morte si baciano!

PEPPUCCIO

(Ride a crepapelle) siete troppo forti. Me state a fa piscia de sotto de risate

CICCIO

Nun ti mettu i manu di supra, picchì ho rispetto per le bestie!

PEPPUCCIO

(ride) Me state a fa divertì più voi a gratise, che quegli scemi che vanno ar teatro a fasse pagà. (i due adirati) forza, ammazzateve e fateme divertì!

CICCIO E CARMELA

(Adirati) ma ti vo fari i cazzi tua

PEPPUCCIO

Ma annate a morì ammazzati! (esce. Tutti lo seguono)

CICCIO

Itivinni a fari ‘nto culo tutti e mi lassati in pace! Si turnassi indietro, manco mi sposassi. facissi u playboia. Avissi a fari a strage di fimmini. (bussano) mi stannu rumpennu i pa… (apre ed entra la dottoressa) Amore!

DOTTORESSA

Tesoro!

CICCIO

Tu sei la vacca e io sugnu u toro! (si strofinano i loro nasi dolcemente. Dicendo entrambi) “ Piciù piciù piciù”

DOTTORESSA

(dando risalto alle sue forme) ogni volta per far rima, mi dici sempre vacca. Sono così grassa? Ultimamente sto facendo la dieta della banana. È molto indicata per snellire. Ha molti sali minerali, vitamine e potassio.

CICCIO

Gioia quannu ti viu, mi sento tutto dietetico (la bacia dalla mano in su) Finalmente cu tia sento profumo di donna e io mi sento un vero masculo!

DOTTORESSA

Rischio sempre di farmi beccare pur di star con te, ma tu non fai mai niente per me. non ripaghi mai la mia gratitudine!

CICCIO

Amore ma che dici? io ti ripago sempre. Io ti pago in natura!

DOTTORESSA

sono stufa di essere ripagata in natura. Io cerco l’amore!

CICCIO

Guardami tesoro, qui c’è un banano tutto per te. Quando ti vedo, sugnu tutto banano. Divento tutto d’un pezzo. Prendimi e fanne di me la tua dieta. Frullami, strapazzami ma di baci saziami! (le da un bacio, la dottoressa si scansa)

DOTTORESSA

Stai calmo. Prima voglio delle certezze. Se continui a trascurarmi sono costretta a prendere seri provvedimenti con qualcun’altro

CICCIO

Cosa? Tu vuoi fare fifty fifty cu altri? (Dottoressa annuisce) mi voi faru curnutu cu un altro curnutu? (Dottoressa annuisce) ho capito! ti riferisci o romano. Pi chistu lo guardavi cu occhi paranormali. Si lo vò, pigghiatillu. Però, sai comu si dice? “Cu cancia strumento vecchio pi chiddu novu, sappi chiddu ca lassa e nun sapi chi musica trova” (le volta le spalle)

DOTTORESSA

Geloso? (lo accarezza facendolo sciogliere dal piacere) Sai che non potrei mai sostituirti. Le attenzioni che mi dai tu, mio marito non me le da. Lui è sempre impegnato col suo lavoro. Io ho bisogno di qualcosa in più.

CICCIO

Gioia a letto modestamente sono come la Rai di tutto e di più! (Bussano) minchia a Rai! Vuliva diri me mugghieri. Nascondisciti in bagno, curri. (La dottoressa esce. Apre, entra Peppuccio) Chi ci fai cca.

PEPPUCCIO

So tornato pecchè me so ricordato de cambià l’acqua da bestia. (Ciccio non capisce. Gli urla in faccia) devo piscià! Vado ar cesso.

CICCIO

(Gli sbarra la strada) Nun ci puoi andare pecchè…pecchè si poi mia moglie scopre ca la fai di fuori, sa pigghia cu mia. Meglio non rischiare.

PEPPUCCIO

Te sembra che me metto a stappà o spumante? (mima il gesto di tenere in mano la bottiglia di spumante che fuoriesce la schiuma) nun te garantisco che faccio centro, di sicuro la faccio dentro. Famme passà. (Ciccio insiste) guarda se nun me fai entrà, salgo sul tavolo e te faccio a fontana de trevi!

CICCIO

(camuffa la voce) “ Peppuccioooo” sentisti? Ti chiamano fora da porta. affaccia! (Peppuccio si affaccia dalla porta. Ciccio dalla porta di casa, sottovoce comunica con la dottoressa) “Amò esci subito! (la dottoressa entra in scena, si nasconde dietro la poltrona) Peppuccio, a cu aspetti vai in bagno. (Peppuccio nervoso entra in bagno. Sottovoce alla dottoressa) amore, io pi tia facissi pazzie. (la bacia) il mio cuore batte a mille all’ora. Senti il rumore del mio amore (si sente lo sciacquone del bagno. Restano immobili a guardarsi. Torna a nascondersi)

PEPPUCCIO

(Esce tirando giù il cavallo dei pantaloni. Gli da schiaffi ironici) sei così stronzo che se te incontri con a merda, fate scopa! Te saluto. (Esce)

CICCIO

Esci amò. Se n’è andato, stu gran figghiu di ‘na lupa!

DOTTORESSA

Non rischiamo. Io vado. Quando ci vediamo? (Ciccio alza le spalle) Devo essere sempre io a rischiare? Non t’importa più nulla di me (piange. Evidenzia il suo fisico) non ti viene voglia di attraversare queste curve?

CICCIO

( eccitato) in queste curve ci scavassi una galleria profondissima! U problema è quannu ci vediamo? Cu sta schifia di lavoro, fazzu tardi la sera

DOTTORESSA

…Mi è venuta un’idea! (Dalla borsa prende una boccettina) vedi questo? è sonnifero. L’ho uso per mio marito per addormentarlo quando ci dobbiamo vedere. Tieni, usalo per tua moglie. Poche gocce nell’acqua e la faranno dormire serenamente  e noi stanotte possiamo stare, vicini vicini!

CICCIO

Amore, chista si ch’è una bella idea. Stasera nall’acqua ci metto poche gocce e la fazzu riposare in pace. (Bacia la dottoressa) brava amore mio. Prima di andare a letto, lascio a porta socchiusa e tu entri in silenzio. Appena arrivi che segnale mi dai?

DOTTORESSA

Tesoro, farò il verso del gatto. Cosa farai tu per darmi segnale?

CICCIO

Fazzu u cani! (La dottoressa miagola, graffiandolo dolcemente. Ciccio fa il cane e le vuole saltare addosso.bussano) Cca sunnu! Nasconditi dietro u mobile (apre, entrano tutti e tre. Anna porta un pacco) già cca? Mi pariva ca ti ricoveravano in coma ditologico! (distrae i tre, riesce a far scappare la dottoressa)

CARMELA

(nasconde dietro la schiena la mano fasciata) t’hava a veniri ‘na paralisi ‘nta lingua quannu parri male di mia. Almenu hai ‘na cosa ca ti resta tisa!

ANNACAMILLA

Smettetela, oggi è anche il vostro anniversario. Tieni Peppù, mettilo di là il pacco. (Peppuccio lo esce di scena) A proposito papà, l’hai preparato il regalo a mamma? (Alza le spalle e dice no) sai che regalo ti ha fatto lei?

CICCIO

L’unico regalo ca mi po’ fari, di lassarimi sulu e si nni va a fari ‘nto culo!

CARMELA

(Gli fa il tiè con la mano fasciata. Si nota che sono fasciati indice e mignolo mettono in risalto le corna) cca mi staiu a pistariti a faccia!

CICCIO

(nota le dita fasciate) talè che sapurita. ti facisti fasciari i corna? (Ride)

CARMELA

Veramente ‘sti corna sunnu i tui, no mie. Mi fici fasciari pi ricurdaritillu! (Ciccio va su tutte le furie)

ANNACAMILLA

Calmati papà. Scherza, mamma! Le hanno ingessato l’indice e il mignolo. Sono cose che capitano! E poi, la mamma ti ama. Non è vero che lo ami?

CARMELA

Certo!  …Specialmente quannu mi siedo sul cesso, mi ricordo che lo amo. (finge di sedersi sul cesso e si sforza) Amore…amore,  nesci… nesci!!

CICCIO

Cu tutti i posti romantici ca ci sunnu, supra u cesso mi pensi? (Carmela annuisce) e picchì nun l’ho capito!

PEPPUCCIO

(Glielo grida) pecchè sei ‘nu stronzo!

ANNACAMILLA

(A Peppuccio) a finisci puru tu di rumpirici i cazzi? Oggi è un giorno di festa, non roviniamolo! Vieni con me papà, andiamo a scegliere un regalo per mamma. (Ciccio si rifiuta) dai papà, fallo per me. (continua a rifiutare) Dai, te lo pago io il regalo!

CICCIO

Ci vengo ci vengo! Amuninni. (Anna invita anche Peppuccio ad andare)

PEPPUCCIO

Ahò, semu venuti pe fa i turisti o i passeggeri? Me fai sempre passeggià?

ANNACAMILLA

Dai che ti sto facendo visitare le meraviglie della città. Andiamo! …Mamma, prepara la cena che stiamo arrivando. (Escono tutti e tre.)

CARMELA

(apparecchia) apparecchio picchì c’è me figghia e nun vogghiu darici ‘stu dispiaceri, no ca ‘stu porco si merita di truvari a tavola pronta! Ci pari ca si fici a schiava, ‘sta cosa inutile. Prima ca mu scordu va mettu a pasta no forno così si prepara. (Esce e bussano con insistenza. Da fuori) Chi vi vinissi un infarto ‘nte manu, staiu vinennu! (Va ad aprire. Entra Nino l’idraulico) Amore! (Nino dalla tasca esce un cellulare, preme il pulsante e parte la canzone “Only you” . la invita a ballare il lento. A 40 sec. Nino stacca) amore con questo andamento lento, mi facisti attisire tuttu u pilu!

NINO

(in ginocchio recita una poesia) Solo tu, sai prendermi alla gola. Solo tu, sai prendermi al cuore. spero che solo tu, …nun mi pigghi pu culu!

CARMELA

Che dici! Io ti amerebbe assai. (con dolcezza) Solo tu, mi dedichi poesie. Solo tu, mi dici parole dolci. Solo tu, …mi facisti veniri a diabete…Amore

NINO

Tesoro, tu sei la vacca ed io sugnu u toro! (la bacia) sei la mia poesia vivente, sei una favola del mio cuore. io sono il tuo principe, tu sei la mia… principessa sul pisello.  

 

CARMELA

(emozionata, asciuga il sudore) beddamatri, cu tutta ‘sta dolceria mi fai emozionare così tanto ca fazzu acqua da tutti i lati.

NINO

Tranquilla tesoro, sono il tuo iù tube. Per ogni tua perdenza, ci sugnu io che tampono con pazienza. (infervorato la bacia) Dai, nun posso cchiù aspettare. Facciamo un po’ di sechiso, ho voglia di te!

CARMELA

(presa dalla passione) ti prego Nino finiscila, se mi squagghio tutta rischio di rompere le acque e si veni me maritu …(preoccupata)semu a mari!

NINO

Ho troppo desiderio di fare …sector no limits! Forza nun pirdemu tempo, mettiamoci sul divano e facemu i porci comodi!

CARMELA

No, i porci comodi no!

NINO

Facemu i porci scomodi! (Carmela si rifiuta) Amunì in stanza da letto, ti fazzu fari a porchetta! (Carmela si rifiuta) metti un maglione di lana a terra e ti ci mettu di supra, subito!

CARMELA

E picchì? Chi bo fari?

NINO

Ti fazzu fari a porce…llana? (fa capire il doppio senso. Carmela si rifiuta) sempri no mi dici? I porci comodi no, i porci scomodi no, a porchetta no, a porcellana no. oggi nun a vo fari a porcellinosa cu mia? porca miseria!

CARMELA

Pure io vogghiu fare bunga bunga, si veni me maritu semu fregati. Oggi è rischioso. C’è me figghia cu medicina 33. Facciamo per un’altra sera.

NINO

Si, un’altra sera. Io mi sento ora in alta tensione! (Pensieroso) mi vinni un’idea. (Dalla tasca prende una boccettina) chistu è sonnifero. Ci lu rubavo a me mugghieri. L’ho uso pi idda quannu me vidiri cu tia. usalo pi to maritu. Mettini poche gocce nno vino e cala in un sonno profondo. Così vegniu e mentri iddu dormi io ti fazzu tutta… bughi bughi! (la bacia)

CARMELA

bella ‘sta pinsata! …Comu ti pozzu fari trasiri? E poi, chi segnale mi dai?

NINO

Mi lasci a porta socchiusa, io appena entro mi nascondo e fazzu …u cani. Appena mi senti, fai u gatto. Vieni verso di me e andiamo a fare… (Si scambiano effusioni d’amore) Amore…

CARMELA

Tesoro…

NINO

Tu sei la vacca ed io sugnu …(Si blocca. Si sente la voce di Ciccio che rientra. Si spaventa) u toro c’è! (Carmela e Nino sono agitati. Nino va sotto il tavolo e da il di dietro rivolto al pubblico. Entrano i tre. Ciccio ha un pacco regalo in mano)

ANNACAMILLA

Mamma siamo tornati! (ride) Sai, papà ti ha comprato un bel regalo.

PEPPUCCIO

Ahò. Sotto ar tavolo c’è sta uno con una faccia da culo. (Nino esce da sotto il tavolo è di poche parole. Imbarazzato)

CICCIO

Nino chi ci fai a me casa? Carmela, chi ci fa chistu cca? (Carmela non sa che dire dice parole insensate, quasi a balbettare)

NINO

(Interrompe Carmela)Vinni a fari… siccome…(idea) ah si! poco fa quannu fici a riparazione, persi a chiave inglese e la stava circannu. Se mi aiuti a truvalla, mi nni vaiu. (Ciccio posa il pacco e con Nino la cercano)

PEPPUCCIO

A scoglionati, stateme a sentì. Toglieteme ‘na curiosità: che ve siete asciugati i neuroni col phon? Siete così imbecilli che se ve fate a Tac, a lastra nun esce pa vergogna!

NINO

(ostile) Senti, nun sbagliare a parlare cu mia, picchì mi trasformo!

PEPPUCCIO

Te trasformi a fa o stronzo, ma statte zitto. A voi trovà ‘sta chiave inglese? (Nino annuisce) se la voi trovà, la devi chiamà in inglese. Se gliè parli in italiano, lei nun te sente. Hai capito?

CARMELA

Giusto! Quindi sai chi fai Nino? (lo spinge ad andare via) Va fatti un corso accelerato di inglese e poi torni a circari a chiave. Vatinni! (Nino esce)

PEPPUCCIO

Scusateme, non vorrei esse troppo educato ma vorrei sapè, quando cazzo se magnà. Dentro o stomaco l’acido lattico se prenne a pugni coi fermenti lattici.

CARMELA

(mette la mano in testa) a pasta nno forno mi scurdavu. Annacamilla aiutami. Ciccio apparecchia! (le due donne escono)

CICCIO

Dai Peppuccio. Aiutami. Io apparecchio e tu?

PEPPUCCIO

Io atterro! (Si butta sul divano) È da quanno so arrivato che me fate camminà. o li piedi tarmente gonfi che sembrano e palle de king kong. (Entra Anna con la bottiglia di vino. aiuta il padre a ultimare la tavola)

CARMELA

(Da fuori scena) tutti e tre viniti subito. (escono di scena, non vedendola la chiamano. Carmela entra di soppiatto. Posa il vassoio di pasta e guardinga prende la boccettina di sonnifero, ne mette poche gocce nella bottiglia di vino. Pensa e ne versa tutto il contenuto. Inizia a riempire i piatti) a tavola!

ANNACAMILLA

(I tre entrano e si lamentano) Mamma, prima ci chiami di là e poi sei qua.

CARMELA

Dai, volevo farvi uno scherzo. Semu tutti pronti?  (tutti annuiscono) Buon appetito! (dopo qualche boccone) Peppuccio ti piace ‘sta pasta?

PEPPUCCIO

(soddisfatto) bona ‘sta pasta. complimenti alla cuoca. Pare de gomma.

CARMELA

Anna a Peppuccio ci l’hai fatto visitare a città? (Anna annuisce, mentre mangia) Hai visto quanti bei monumenti avemu a Palermo?

PEPPUCCIO

Molto belli. ve posso fa ‘na domanda? ho visto chiese bizantine, monumenti arabi, ponti normanni. Voi siciliani, ma che cazzo avete fatto?

CICCIO

Noi siciliani facemu travagghiari all’avutri. Talmente siamo stati generosi, ca ficiru tutti cosi iddi ca finì u travagghiu e a Sicilia è una repubblica fondata sulla disoccupazione.

CARMELA

Annuccia, ti scurdasti l’acqua. (Ciccio la invita a bere il vino) no, ca poi mi veni sonno. U vinu è tuo e ti lu bivi tu. Mi va pigghiu l’acqua. (Si alza)

CICCIO

Vado io! Oggi è il nostro anniversario, ( ironico) nun voglio che ti scoglioneggi dalla sedia (esce. Da fuori si sente un frastuono) viniti. Aiutatimi (Scappano tutti in soccorso di Ciccio, il quale entra di nascosto con la bottiglia dell’acqua. La mette sul tavolo, prende la boccettina del sonnifero dalla tasca. Ne mette poche gocce, poi pensa e ne versa tutto il contenuto. I tre lo chiamano) cca sugnu! (i tre rientrano) vi vuliva fari uno scherzo!

PEPPUCCIO

Ma va morì ammazzato! M’hai fatto prendere un colpo ar core. Sei proprio un glioneco! E ringraziame che so educato!

CICCIO

Glioneco? ma nun eri romano? comu parri, rumeno? (ride)

PEPPUCCIO

Mò to faccio capì meglio. (al pubblico) a signò, stateme a sentì. Aiutateme a ricordaglielo. Glioneco…glioneco…glioneco…glioneco…

CICCIO

Cioè significa ca sugnu un…

CARMELA E PEPPUCCIO

Coglione ! (Tutti ridono)

CARMELA

Nun ti offendere, scherziamo. (Riempie un bicchiere di vino) teni cca, gioia mia. Beviscilo tutto. (Segue il marito che beve il vino) buonanotte! Vuliva diri buona salute! Ragazzi volete una fettina di carne? (tutti dicono no) Anna, pigghiamu u dolce prima ca a to patri ci cala u sonno.

CICCIO

Nun mi cala u sonno. Pensa pi tia, a sira vai a letto presto come i jaddini

CARMELA

Normale ca vado a letto presto comu i jaddini, visto ca haiu un marito pollo! (Tutti ridono)

CICCIO

Io pollo? Tu quannu camini pari ‘na papera. (Cammina imitando una papera) “Ciccio vieni qua, no qua ma qua qua! (Tutti ridono)

CARMELA

Bivi e spicciati a riposare in pace! (Gli riempie il bicchiere di vino)

CICCIO

(Le riempie il bicchiere d’acqua) bivi puru tu, ca si ti asciuga a lingua nun ti po’ grapiri cchiù u cannarrozza! Bivu a to facciazza! (Beve il vino)

CARMELA

Puru io bivo alla tua facciazza di porco! (beve un bicchiere d’acqua. Anna tenta di farli smettere, ma non ne vogliono sapere) ta taliato mai o specchio? Si brutto ma così brutto, ca si ti metti davanti u computer parti l’antivirus.(Beve ancora acqua) bivo così continuo a diriti paroli!

CICCIO

(Peppuccio è divertito. Anna è dispiaciuta) Carmela, dimmi ‘na cosa…

CARMELA

…curnutu ti basta?

ANNACAMILLA

Ora basta. Smettetela! Lo prendo il dolce si o no? già mi sta siddiannu!

CICCIO

A to matri portaci un poco di acido muriatico, ca si pulizia a lingua!

CARMELA

Quannu Dio ti creò, unì l’acqua alla terra e creò…un pezzo di fango! (Beve direttamente dalla bottiglia. Prende il pacco regalo) teni, apri stu pacco.

CICCIO

Ma statti zitta, si così brutta ca pari ‘na befana masterizzata. (Beve dalla bottiglia. Gli viene il singhiozzo. Carmela ride. Apre il pacco, ne esce un cappello con le corna. Lo mette) come mi sta?

CARMELA

(segni di ilarità, dovuto al troppo sonnifero) si ti vidi un cervo, mori di depressione! (Ride)

CICCIO

(prende il pacco regalo) Tieni questo è il mio regalo per te. Buon anniversario! (Ride sotto il naso. Carmela ne esce dal pacco un cesso nero con la candela e un cesso bianco) amore, te lo spieco io. Questo è un ricordo del nostro viaggio di nozze. Ci cago di Giorno, (accende la candela) e ci Caco di notte. (Ride. Peppuccio e Anna si divertono)

CARMELA

(Gli da un pizzicotto) sei il mio stronzone preferito! (Ridono entrambi. I due continuano a bere. Si guardano un attimo e poi esplodono a ridere)  

ANNACAMILLA

Mamma papà, ma che vi è preso? vi siete bevuti il cervello? (Va davanti Carmela) mamma ci sei? ( A Ciccio) papà, sono io Annacamilla!

CICCIO

Carmè, ti ricordi picchì ci misimu come nome a to figghia, Annacamilla?

CARMELA

Certo mi ricordo. Ti allargasti i cosci e mi dicevi…(Divarica le gambe, si guarda in mezzo e ondula il bacino) …annacamilla annacamilla. (i due esplodono a ridere)

PEPPUCCIO

Ahò, la volete piantà de ride? Ma ndo cazzo l’avete lasciato er cervello, al mercatino del campo profughi? Ve siete impazziti de brutto!

CICCIO

(Guarda orologio al polso) ragazzi è tardi. Forza tutti a letto, fra poco veni la mia amante.

CARMELA

Tu l’amante? (Ciccio annuisce) cu ‘sta faccia di minchia chi hai? (Ride)…comunque, fra poco veni puru u mio amante. Andiamo a letto.

CICCIO

Pure tu l’amante? mischinu, si vidi ca dintra u reggiseno nun hai nenti, cadi in depressione. (Ride)

CARMELA

Se a tua vidi ca dintra i mutanni c’è carestia, si spara! (Ridono entrambi)

ANNACAMILLA

Mamma papà, ma dite sul serio? Fino a poco fa, vi stavate ammazzando di parole, adesso ridete ad ogni cazzata? Che vi è successo?

CICCIO

(cerca di far uscire tutti) dai ragazzi tutti a letto. Fra poco veni la mia amante ed io e fari u cani. Usci…usci…usciere…uscissivo tutti!

PEPPUCCIO

(Ciccio e Carmela ridono. Esausto) Annà, i to genitori me stanno procurando una contusione al perimetro cubo della mia area pelosa. Manca poco è se rompe. (Anna non capisce. Urla) m’hanno rotto li cojoni!

ANNACAMILLA

Effettivamente danno anche a i nervi, adesso.  Domani saranno sobri e non si ricorderanno nulla. ma che si sono ubriacati di acqua e vino? Mah! noi usciamo, voi andate a letto. (Ciccio e Carmela pieni di gioia li salutano) Peppuccio non vedi che ti salutano? saluta i miei.

PEPPUCCIO

(Indignato) …ma annate a morì ammazzati! (Esce. Anna lo sgrida)

CICCIO

(entrambi riempiono i bicchieri) Cara moglia ti voglio dedicare una poesia. Con affetto e simpatia ti auguro ca ti spuntano i corna prima di mia.

CARMELA

Pure io una poesia. Con affetto e senza imbarazzo, stasera ti fazzu curnutazzo! (i due brindano. Si guardano e sputano i liquidi che hanno in bocca, ridendo come matti.)

CICCIO

(Socchiude la porta) aspetta ca socchiudo a porta. Fra poco veni la mia Cazvuman. (Abbraccia Carmela e piano piano escono canticchiando e ridendo. Spengono le luci. Entra in punta di piedi Nino. Cammina indisturbato. Fa cadere una sedia. Sente il cigolio della porta, si posiziona dietro la poltrona. Entra la dottoressa in punta di piedi, si posiziona dietro il tavolo)

DOTTORESSA

(miagola dolcemente. Nino fa il cane. Sottovoce) Amore sei lì? (Nino abbaia e lei miagola)

NINO

(Sottovoce) tesoro sogno qui. Nun ti vedo al buio. Avvicinati pure tu. (I due s’incontrano al centro della scena e si abbracciano) eccoti. Finalmente insieme alla faccia di me mugghieri e di tuo marito…Amore

DOTTORESSA

Tesoro…

NINO

…tu sei la vacca ed io sugnu u toro.baciami! (prima che si bacino, Ciccio e Carmela accendono le luci ed entrano in scena)

DOTTORESSA E NINO

(Meravigliati si guardano ed esclamano) Chi ci fai tu cca?

DOTTORESSA

(Ciccio e Carmela ridono) te l’ho detto prima io. Che ci fai qua?

NINO

Io? Sugnu tuo marito e prima devi dare risposta a mia.  

DOTTORESSA

Io sono tua moglie e ho diritto di avere prima da te risposte.

CICCIO

Nino, mettiti u cori in pace. To mugghieri ti fici curnutu cu mia. (Ride)

CARMELA

Ciccio, mettitilu tu u cori in pace. Ti fici curnutu cu iddu (ridono)

NINO

(È nervoso) cu tutti i masculi chi c’erano o munnu, mi facisti curnutu cu n’avutru curnutu? (Ciccio evidenzia le corna regalo che ha in testa)

DOTTORESSA

(Nervosa) se l’ho fatto perché lui mi dava affetto. Tu non mi hai mai dato affetto!

NINO

Affetto? Io l’idraulico fazzu. Sugnu sempre collegato su iù tube, avutru chi affetto! Vogghiu u divorzio cu l’accompagnamento, subito!

DOTTORESSA

Voglio io il divorzio! Voglio quello che mi spetta, altrimenti ti rovino!. (Escono litigando. Ciccio e Carmela li seguono facendo il cane e la gatta, ridendo. Si spengono le luci. Si riaccendono le luci sul proscenio rientrano i quattro protagonisti. Aspettare che il pubblico non batta più le mani. Assumere espressione seria)

CARMELA

Tutti nella nostra vita abbiamo sentito parole come…

CICCIO

Prometto di esserti fedele sempre

DOTTORESSA

Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia.

NINO

E di amarti e onorarti per tutti i giorni della mia vita.

CARMELA

Sono parole che ci hanno emozionato, hanno segnato nella nostra vita un legame indelebile con la persona scelta per condurre insieme un cammino.

CICCIO

La libertà, la tecnologia ci ha tolto l’autonomia di essere liberi di pensare, di fare, di essere noi stessi. Basta un niente per farci cadere  nel peccato

 

DOTTORESSA

Le nostre menti sono manipolate da un sistema informativo errato. Tivù spazzatura, corruzione, tangenti. Spesso ci portano a credere che sia giusto tutto ciò che di giusto non ha nulla.

NINO

Tutto questo spesso ci porta a perdere quel valore che i nostri nonni i nostri padri, hanno coltivato per decenni e lo hanno custodito nel proprio cuore per donarlo ad ognuno di noi.

CARMELA

Chi più chi meno, abbiamo respinto quel valore retorico e primitivo. La realtà ci conduce ad essere cinici. (cambiar tono come se fosse voce altrui) “Per andare a passo coi tempi non ci si perde in simile scemenze. Il valore. Aggiornati!”

CICCIO

Se ci fermiamo un attimo a pensare non facciamo altro che sentir parlar di mafia, morte, tradimenti, sangue nelle famiglie.

DOTTORESSA

Oramai parliamo di tutto tranne che di amore, pace, altruismo, legalità. Ci fanno credere che tutto ciò non è mai esistito e non potrà mai esistere. La vera gioia è il denaro. Il denaro da la vita!

NINO

Io, tu, noi, voi siamo tutti peccatori. Però, non è mai troppo tardi per rimediare! (Con gioia) voglio seguire l’unica vera persona che può cambiare la mia, la tua e la nostra vita. In giro se ne sente parlare poco. Ma lui è molto più presente di quanto noi non lo cercassimo.

CARMELA

Si è proprio lui. È DIO! Lui ci ama più di quanto non lo facessimo noi. Soffre quando noi lo abbandoniamo. Ognuno di noi, se si trovasse in un bivio e dovrebbe scegliere se vivere o morire. Voi cosa scegliereste?

DOTTORESSA

Ovvio, tutti sceglieremmo la vita. Su non restiamo a guardare, andiamo controcorrente. Non permettiamo a chi è nel peccato di trascinare anche noi. Anzi, aiutiamo gli altri ad uscirne. I genitori, i figli, fratelli, sorelle questa è vita. Questa è la vera fortuna! Tutto questo è opera di DIO!

NINO

Cosa aspettiamo? Io voglio vivere la mia vita col sorriso, con la pace, l’amore della mia famiglia. Tutto questo possiamo averlo solo se scegliamo di vivere. DIO è amore!. (guarda gli attori che sorridono) Noi abbiamo scelto.

TUTTI E QUATTRO INSIEME

E VOI?

Fine

  www.giovanniallotta.it

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 24 volte nell' arco di un'anno