Amori de notte

Stampa questo copione

AMORI DE NOTTE

Atto unico (1917)

di  Ettore Petrolini

da Petrolini – Il teatro

a c. di Giovanni Antonucci

Newton Compton Editori s.r.l – Roma - 1993

Personaggi

Agustarello

Er Sor Gregorio

La Sora Cleofe, sua moglie

Fanny, loro figlia

Demetrio Spremuti, amico di casa

Pietruccio, suo figlio

Giulio Costarella, pizzicagnolo

Felicietta, caffettiera

Il vecchietto

La vecchietta

Un signore

Una signora

Una guardia

La servetta

La donna maritata

L'amico

Una di quelle

Uno di quelli

Una ragazza

Un mendicante

Una mendicante

Nel finale queste coppie si dispongono

sul palcoscenico per sintetizzare l'amore e per rendere più esatto un pensiero unisono alla stessa ora. Le coppie devono dimostrare chiaramente

di essere estranee l'una all'altra.

Rappresentato per la prima volta il 28 agosto 1917 al Politeama Margherita di Genova.

ATTO UNICO

La scena rappresenta una delle vecchie tipiche piazzette romane. A sinistra caffè con tavoli e sedie. A destra casa del sor Gregorio con finestrella a lato della quale è appesa una gabbietta. Sotto la fine­strella la porta d'ingresso alla casa.

SCENA PRIMA

Felicietta, Sor Gregorio, Sora Cleofe, Giulietto e Demetrio.

Felicietta   (pulisce i tavoli e mette in ordine le sedie).

Gregorio     (d.d.):Basta! Tu hai da fa quello che dico io, er capo de casa!

Felicietta: Mo vengheno de fora 'sti quattro gargantoni[1]: avemo fatto li quatrini.

(Entrano Cleofe, Gregorio, Demetrio e Giulio discutendo.)

 

Cleofe:         Tu nu' la voi capì... Quelli se vonno bene!...

Gregorio:    E tu nu' la voi piantà!... A Felicietta!... Portece quattro caffè co' 'no schizzetto d'anice! Accomodateve sor Costarella!... Qua... vicino ar socero.

Felicietta: Va bene, subbito (e rientra nel caffè tornando a tempo con le tazze e la caffettiera).

Gregorio:    E io te dico che Giujetto Costarella qui presente, è un bon giovenotto! Hai visto come aggisce? E vienuto a dimannà la mano a li genitori su a casa, e nun fa come quell'antro mascarzone, che l'aspetta pe' strada, e quanno me vede se squaia.

Cleofe          (ironica): Mettece puro che cià bottega da pizzicarolo, tu te metteressi ar contuarre[2] e magneressi a quattro ganasce... Se capimo!...

Gregorio:    Lo vedi quanto sei maligna e mardicente?...

Demetrio:    Egreggi amichi, finitela co' le discusione, si nun ve volete fa venì 'na colica de rabbia; allora ve ce vo er rabbarbero e l'acqua de marva... All'amore bisogna faje fa er corso suo!

Gregorio:    E io ve dico e v'aripeto che si er nonno de mi' nonno aritornasse ar monno e me dicesse: «Sai Gregorio, tu devi fa sposà tu' fia Fanny a quer disperato d'Agustarello», io j'arisponnerebbe: «Caro nonno de mi' nonno, arivàttene a trovà tutti li mejo antenati mia e tua e nu' me scoccià, perché io fo 'na parte de 'na porzione de 'n pezzo de quello che me pare e piace e me fa commido!...».

Giulio:          Io vi garantisco, non le farei mancare niente...

Demetrio:    Ma...

Cleofe:         Ma!... c'è er ma.

Gregorio:    E ched'è 'sto ma?...

Cleofe:         Er core de que la pora fia è tutto de quell'antro...

Gregorio:    Ma quell'antro è un disperatacelo! Ma come? Avemo penato tanto pe' tiralla su mollichella a mollichella, e mo' la mannamo a soffrì la fame?...

Cleofe:         Iote dico che ar core nun se comanna.

Gregorio:    Sì! Er core ar merlo!

Giulio:          Ma io la farei diventare una signora!... La farei marciare puro in carozza.

Gregorio     (entusiasmato): Lo senti?... Puro in carozza!...

Demetrio:    Ma... ar core nun se comanna!

Gregorio     (irritato): Ma voi sor impiccione, pensate a li fiji vostri, o pe' mejo dì, a quelli de vostra moje che io penso pe 'li mii! E voi (alla moglie:) sora madre snaturata, dovreste pensà ar benessere de 'na fia e no a la su' rovina.

Cleofe:         Tuli voi fa sposà pe' forza e sia! Ma abbada che er matrimonio fatto pe' forza, cià brutte conseguenze.

Demetrio:    Muglieribus, che nun amat consortibus, incorniciatum est!

Gregorio:    'Mbe? Che c'entra mo er dialetto francese?

Cleofe:         Che ignorante! Ha parlato spagnolo! Nu' lo senti che cià messo l'osso!

Gregorio:    Senti madama Sapienza...

Giulio:          Signor Gregorio, non vi arrabbiate... Cercate di accomodare le cose.

Cleofe          (scattando): Doppo tutto, tu che chiacchieri tanto, si ciaripensi bene, io puro quanno che t'ho sposato, t'ho trovato co' 'i buci a li pedalini, co' le scarpe sfonnate e co' le pezze de dietro!...

Demetrio:    E come amico de famija, lo posso testimonià puro io perché le pezze de dietro m'aricordo de avevvele viste!...

Gregorio     (a Giulio): Sentite si che me tocca a abbozzà!...

Giulio:          Signor Gregorio, mettetece 'na pezza e cercate di accomodare le cose!

Gregorio:    E piantatela co' le pezze puro voi! (Alla moglie:) Ma doppo però, me sò fatta 'na posizione!

Cleofe:         Bella forza! Co 'la dote mia! Poi ringrazzià mi' padre benedett'anima, che a forza de schiaffi m'obbrigò a sposatte!

Gregorio:    E così vojo fa io puro co' Fanny! A forza de sganassoni ha da sposà sto' giovenotto...

Giulio:          Quanto sarò contento!

Cleofe:         Nun solo contento... ma puro becco... (a Gregorio che si è voltato per reagire:) anzi, beccaccione peggio de te!... e si te lo dico io, che so' tu moie, ce poi puro crede!

Demetrio     (a Gregorio): Avete inteso?... V'ha detto cavajere...

Gregorio     (furibondo): Hai raggione che stamo qua de fora ar caffè! Si stamio su a casa t'arimagnavi la parola... T'arizzollavo le coste!...

Cleofe:         E io te sgraffiavo er grugno!

Gregorio:    Entra drento casa, madre snaturata!

Cleofe:         Pussa via, cane rognoso!...

Giulio           (tentando di calmarli): Cercate di accomodare le cose...

Demetrio:    Pace! Pace! Che l'arco de la Pace[3] ve possi cascà addosso!

Gregorio:    A voi speramo che ve caschi addosso l'arco de Pantano[4].

Demetrio:    Fate 'na cosa: sentite er parere de Fanny! Contenta lei contenti tutti!

Giulio:          Dice bene. Io sono sicuro che non mi dirà de no, perché comprendo che in fondo cià un certo affetto per me. Non me lo ha mai detto, ma lo suppongo. Vedrete che mi troverà di suo gusto! Non vi arrabbiate... cercate di accomodare le cose!

Demetrio:    Ma sì, ha raggione quer burino der pizzicarolo! Bisogna sta in pace a 'sto monno; eppuro vedete che oggi la pace regna dapertutto.

Gregorio:    A Felicietta, smòvete! (Felicietta entra.) Ce sta un baloccone de mancia. Porta via 'sta robba.

Felicietta   (portando via le tazze): Grazzie! Si tutti fussero generosi come voi diventerebbe mijonaria.

Fanny             (cantando di dentro):

Fiorin di noce

Quando la bella mia ricama e cuce

Canta uno stornellino a mezza voce.

Fiorin di noce.

La piccola manina va veloce

Scintilla l'ago e il filo si riduce

e il nome mio col suo rimane in croce.

Fiorin di noce.

Cleofe:         Ecco Fanny.

Gregorio:    Nomina er tristo: nominato e visto.

Cleofe:         Mo, nun comincià la solita lagna!...

Gregorio:    Làsseme fa a me... che so er capo de casa!...

SCENA SECONDA

Fanny e detti.

Fanny             (entrando, fra sé): Ah, ah! C'è quell'impiastro der pizzicarolo!

Gregorio:    Tardi stasera, eh, sora sciacquetta!

Fanny:            Ciò avuto lo straordinario...

Giulio           (avvicinandosi a Fanny): Bonasera, signorina Fanny, ve posso dà la mano? (Stringe la mano di Fanny e sospira.)

Cleofe:         All'ossa!

Fanny             (fra sé): Che sì scannato com'è sudaticcio!

Demetrio:    Bonasera Fanny!

Cleofe:         Cocca de mamma tua! Vattene su a casa che c'è la cena pronta. Io vengo su subbito subbito...

Gregorio     (autorevole) : Un momento! Prima de magnà s'ha da stabbilì 'na cosa più seria!

Cleofe:         Ciarifà Ceriaco!

Gregorio:    E tu nu' la voi piantà!

Cleofe:         E tu nu' la voi finì!...

Gregorio:    E se vo dì sempre l'urtima!

Cleofe:         E chiacchieri sempre tu!

Gregorio:    Accidente a quanno l'ho sposata 'sta roscia marpelo!

Cleofe:         È carino lui!

Giulio           (seguendo Gregorio che si avvicina alla figlia, le tira la falda e quando Gregorio si rivolta): Io sono qua.

Gregorio:    E io sto qua... (e si riawia).

Giulio           (c.s. incoraggiandolo coi gesti).

Gregorio:    Va bè, va bè, ho capito. Dàteme er tempo d'avvicinamme. Nun ciò mica er telefrico...[5] (c.s.).

Giulio           (c.s.).

Gregorio     (voltandosi inviperito): E piantatela de tiramme li prosciutti[6]!... (Alla figlia:) Senti, fijetta mia, te lo dico co' le bone, Giujo te vo bene, è un signore, tu poi esse felice, poi diventà 'na signorona. Si lui more tu diventi la padrona de tutte le botteghe.

Giulio:          Speriamo che questo non avvenga!...

Gregorio:    Ma voi potete morì magara subbito, che noi se n'intennemo der commercio der nigozzio... semo pratichi...

Giulio:          Come siete bono, signor Gregorio. (Torna verso il tavolo. A Demetrio che si è voltato:) È un padre! E che padre!

Demetrio:    Sì... È er Padreterno!

Fanny:            Papà nun me fate 'sti discorsi, che tanto ve l'ho detto! È inutile! Io me so' stufata d'annà avanti così...

Gregorio:    Stufa o non stufa, tu hai da fa quello che dico io, tu' padre, er capo de casa!...

Fanny:            Fo tutto quello che ve pare, abbasta che nu' me parlate de quer norcino, che nu' me lo sposo manco si m'aricoprissero d'oro!

Gregorio:    Ma come, ciai er coraggio de rifiutà un partito così, de sti' tempi?! Ma nu' lo sai quello che costeno li salumi? Ce piove l'abbonnanza drento casa e tu la butti via?!

Fanny:            È inutile nu' me piace, nu' lo posso vedé manco dipinto. M'è antipatico, antipatico, antipatico!... (e torna verso il tavolo).

Gregorio:    È inutile, è peggio de la madre! Quanno se metteva in testa un giovenotto, nun c'era nissuno che je lo levava.

Demetrio:    Muglieribus, che nun amat consortibus...

Gregorio     (tornando verso il tavolo): Mo ve busso io si nu' la piantate. Sor impiccione, impicciateve pe' le cornaccia vostre, che io penso pe' le mia.

Giulio:          Signorina, lo vedete, io so' un po' timido, nun me so esprimere...

Cleofe:         Già, nun se sa spreme poveraccio!

Giulio:          Ma vi assicuro che vi amo tanto; voi co' me sarete una reggina. Non vi mancherà niente, cominciando la mattina dal caffè co' la ricotta.

Gregorio:    Ma lo senti! Puro la ricotta! Ma su, annamo, dije de sì. Potressi sposà subbito; famo 'na festa da mette in rivoluzzione tutto Turione! Sai l'invidia de tutte le regazze der vicinato, come rosicheranno!

Cleofe:         Fijetta mia, che voi che te dica? Fa un po' come te la senti!

Giulio:          Come ve la sentite?

Fanny             (avvicinandosi a Giulio, spavalda): Io me la sento come me pare a me! E quanno me serve er caffè co' la ricotta me lo compro, e nun vojo sta legata co' un grugno da pappalardone come er vostro, che nun posso vede. Io, nun so ciccia pe' li vostri denti, avete capito? Nun so' ciccia (gli tocca sgarbatamente il naso. Con ribrezzo, via).

Cleofe:         A vo'! Come je l'ha sonata bene. Beccate!

Demetrio:    A pizzicaro'... sùcchiete 'sto confetto!

Gregorio:    Questo nu' me l'aspettavo!

Cleofe:         Io sì, però.

Demetrio:    E io puro.

Gregorio     (a Giulio che s'è accasciato): Annamo, su nun v'avvilite accusì, vederete che domani s'accomoda tutto.

Giulio:          Sì, cercate d'accomodare le cose voi, signor Gregorio.

Demetrio:    Ma che, qua nun s'accomoda più.

Gregorio:    Si la piantate voi, s'accomoda tutto! (A Cleofe:) E voi, signora, annate subito su a casa, che doppo famo li conti.

Cleofe:         Li conti, li fai cor fornaro che t'avanza.

Gregorio:    Mo si nun te ne vai te dò 'na cinquina!...[7]

Cleofe          (con un urlo): A chi 'na cinquina! (Spaventati dallo scatto improvviso Giulio e Demetrio si scostano precipitosamente:) Magara ce provi! Aridillo! Te do un papagno che t'appiccico ar muro! Ah, caschi bene stasera! Caschi propio dar quinto piano! Giusto me sento tutta nervastetica! 'Na cinquina a me! (Piano a Demetrio:) Compà', se vedemo più tardi. (Forte:) Io nun ce posso ripensà! Guardateme tipo da damme 'na cinquina! Ma dieci ne vojo come te, bello mio! 'Sto tribbolato, morto de fame! E aritirete! Che quanno tu' moje te dice aritirete, è mejo che t'aritiri! Nun ce posso ripensa! 'Na cinquina a me! Ma va su la forca! (Entra in casa.)

Gregorio     (dopo una lunga pausa durante la quale Giulio è rimasto istupidito, senza fiato, Demetrio rinfrancato sogghigna, Gregorio dopo un primo momento di spavento ha cercato di assumere un contegno mettendosi il cappello sulle ventitré): Però, er capo de casa so' io.

Demetrio     (sogghignando): Basta, io ve dò la bona notte perché è già sonata l'avemmaria. Speramo che tutto finisca bene. Se vedemo, sor capo de casa!... E voi pizzicarò, nun ve scordate mai de quer detto spagnolo: Muglieribus, che nun amat consortibus...

Gregorio:    Che ve pijasse n'accidentibus...

Demetrio     (con Gregorio): 'N'accidentibus... a tutt' e dua... così ve fate compagnia!... (Via.)

Giulio:          Allora io conto su voi signor Gregorio... bona sera.

Gregorio:    Sì, sì, contatece. State tranquillo... Vederete domani come saranno cambiate le cose! A proposito, si me potressivo manna du' chili de lardo e un po' de presciutto, me faressivo un piacere...

Giulio:          Tutto quello che volete. Ricordateve però de dire a Fanny che io sono riformato per sempre perché ho una palla d'un occhio con una macchia.

Gregorio:    Già, je se dà puro 'sta bella combinazzione! Indò lo va a trovà, de 'sti tempi, un marito co' 'na palla... de 'n'occhio macchiata?

Giulio:          Buona sera...

Gregorio:    Me servirebbe puro un pochetto de conserva e un pezzo de parmiggiano, de quello co' la lagrima...

Giulio:          Tutte le botteghe mie sono a vostra disposizione. Buona sera (fa per andare).

Gregorio     (trattenendolo): Allora, si nun ve dispiace, me servirebbe puro un mezzo chilo de strutto, un po' de burro e 'na dozzina d'ova; quarche po' de mortadella e 'na buatta, sapete de quele buatte...

Giulio:          De tonno!...

Gregorio:    Mannateme puro un salame, anzi mannatemene due, così 'n'antra vorta nun ve disturbo... e contate su me...

Giulio:          Buona sera... (si avvia).

Gregorio     (accompagnandolo): Grazzie tanto!... Che simpatico giovenotto, voi siete propio er marito destinato pe' la mi' fia. Bona sera (Giulio va via, si avvia verso la porta di casa, ad un tratto risovvenendosi:) Accidenti! Ci avevo puro bisogno de un pacco de cannele e d'un fiasco d'olio, ma m'è mancato er coraggio... è inutile, so' troppo delicato.

(E rientra in casa. Si ode l'avvicinarsi di una serenata di mandolini e chitarre.)

SCENA TERZA

Agustarello e Pietruccio.

Agustarello (entra con Pietruccio. Hanno gli strumenti. Suonano e fischiano) : È qui, semo arrivati.

Pietruccio: Indò sta, a que la finestrella lì?

Agustarello: Propio lì... e come lo sai?

Pietruccio: Ciabbita 'na certa Fanny. Ah, je ne so' venuto a fa un pugno de serenate.

Agustarello: Sì? Sei un bon amico! M'hai fatto fa tutta 'sta camminata e Mo me dichi che ce sei venuto l'antre vorte? Ha fatto l'amore puro coll'antri? Si m'ha detto a me che so stato er primo io. Si me l'ha detto lei voi che se sbaji?

Pietruccio: Sì: sei stato er primo doppo l'urtimo.

Agustarello: E chi erano 'sta gente?

Pietruccio: Ner 1912 fu per Ninetto er macellaro, ner 1913 pe' Totò Bellibaffi e Alesandro er Vetturino. Ner 1914 pe' Cencio er bassetto, ner 1915 pe' Giggetto e Pippo. Ner 1916 pe' Giachimone, e mo nel 1917 pe' te.

Agustarello: Sai gnente sì per 18 e 19 cià prenotazzioni? Ammazzete, e ch'è 'na società coperativa? Lo vedi come so' le combinaz­zione! Se vede propio che tu sei nato p'aregge er moccolo, perché l'antri cianno fatto l'amore e tu te sei grattato er mannolino! Sai che te dico? Chi urtimo arriva mejo alloggia!... Anzi la trovo già collaudata!... Quanno uno vo bene, passa sopra a tutto!... Annamo, mo je famo 'na serenata propio co' lo scrocchio!... Ciò er presenti mento che s'affaccia subbito... Perché so che me vo bene... ne so' sicuro!...

Pietruccio: Allora te dò 'na mano.

Agustarello: Me darai 'na voce! Che me ne fo de 'na mano?

Pietruccio: Come stai sì?

Agustarello: Nun c'è male! A casa tua tutti bene? (Accordi di chitarra pare un pezzo di Beethoven.) Come sento la musica!... So' languido?... Se sente che so' nostargico?... Io sento tutto... Puro quanno sto drento casa, che passa er tranve, lo sento... Senti che giulebbe?

(Cantano accompagnandosi con gli strumenti:)

Si quarcuno te vede all'istante

è costretto di chiederti amore.

Le tue grazzie so' tante e mai tante

che sincero te l'offro il mio cor...

Deh, risponni Fanny

(Pietruccio tiene la nota lunghissima. Agustarello lo lascia fare accompagnandolo con la chitarra.)

Agustarello(quando Pietruccio tace): Che ciai er gazometro in corpo?

(Quindi riprendono il canto al punto in cui è stato interrotto:)

Su via dimme de sì!...

Si la gente de noi spaleranno

noi diremo che amore ci unì...

Deh, risponni Fanny...

Agustarello(interrompendosi di colpo): Che belle sodisfazione che me  dà!... Quella finestra là è incatramata!... Sì, m'arisponne quarche vorta; è tanto dispettosa... se vede che m'ha riconosciuto da la voce...

Pietruccio: Sfido, ie sei ito a cantà 'sta lagna!...

Agustarello: Lagna? 'Na canzona cor nome suo che pare fatta appositamente pe' lei me la chiami lagna.

Pietruccio: Je potevi cantà un pezzo d'opera!...

Agustarello: Già, m'hai preso pe' n'operaio, e poi quella è n'ignorante; er padre nu' la porta che ar teatro de li burattini e ar cinematogrefo quanno c'è Tontolini[8].

Pietruccio: Io so un pezzo d'opera tutta a memoria.

Agustarello: Embè dilla che te l'accompagno.

Pietruccio: Nu' me la ricordo più.

Agustarello: E la sapevi tutta a memoria.

Pietruccio: Ce l'ho in pizzo in pizzo...

Agustarello: E falla...

Pietruccio: In pizzo in pizzo alla lingua... ecco me so aricordato l'Erniani!...

Agustarello: Ah! Quelli che portano er cinto...

Pietruccio: Ma no: l'Erniani, l'opera.

Agustarello: Ma dimme l'Ernani allora. Me dichi l'Erniani: sei poco scemo! L'Ernani lo conosco: Emani, Emani involami, bevete er sangue mio, carpesta er mio cadavere e... presteme dieci lire. Ne conosco puro 'n'antra d'opera! Er Nabbuccodonosor. N'opera che annavo a sentì da regazzino co' mi padre ar Corea...

Pietruccio: Vorai dì er Nabbucco...

Agustarello: Nabbuccodonossor...

Pietruccio: Nabbucco...

Agustarello: donossor.

Pietruccio: Nabbucco.

Agustarello: donossor... E va bene... a te t'hanno fatto vede er Nabbucco, a me puro er donossor... questione de come te presenti. (Esegue con la chitarra un pezzo qualunque.)

Pietruccio: E questo che è?

Agustarello: Er prim'atto. Adesso te fo sentì er seconno. Ma sinnò, senti je volemo cantà l'Andrea Scenier? La Mignon de Thomas... La Bohème... Sì! sì, la Bohème, una delle più bell'opere che ha scritto Carlo Erba... Solamente er fatto... tutti queli personaggi...

Pietruccio: E che nu' lo so? C'è Rodorfo, Marcello, Colline...

Agustarello: Montagne, Buroni, Giggetto...

Pietruccio: No, Giggetto nun c'è...

Agustarello: Lo dichi tu? Era n'amico mio che stava sur parcoscenico. Lo sai er fatto de Mimì, la vaga fioraia, che diceva che s'era persa la chiave de casa e vié fora co' la cannela, ma mica era vero che s'era persa la chiave... Era perché voleva... Abbasta, te lo spiego doppo... Mo cantamoie la Bohème... (Ricanta la canzone precedente:)  Deh, risponni  Fanny...  (Interrompendosi:)  No questa è quella de prima... Aspetta, me so aricordato de 'na canzona che je deve piace pe' forza, perché la cantamio quanno erimio regazzini e annamio a giocà ar Coleseo.

Pietruccio: Ma allora è tanto che ve conoscete...

Agustarello: Era piccola piccola... Ciaveva le croste e già me veniva appresso... Facemio tutti li giochi, er medico e l'ammalata... io ce facevo la parte de la levatrice... Mo je cantamo... Damme 'na spintarella puro tu... ma piano piano... finimo co' un filo de voce come 'na cammeradaria de 'na bicicreta che se sbotta...

(riprendono a cantare:)

Io sò el tenore de grazia, tu sei quello de forza,

così uno l'accenne e l'altro lo smorza.

Occhietti neri, belli appassionati,

perché me fate tanto sbatte er core?

Quanno ve vedo a voi occhi morati

me sento pe' la vita un gran tremore...

Occhietti neri neri. (4 volte.)

Gregorio     (d.d.): Si nu' la finite mo vengo giù e ve li fo io l'occhi neri...

Pietruccio: Dice a te.

Agustarello: Dice a tutti e due... Aspetta mo ce lo famo sformà...

(vanno tutti e due proprio sotto alla finestra).

A due              (cantando): Ciaripenso... ciaripenso... ciaripenso... (a piacimento) .

Gregorio     (affacciandosi in tenuta notturna con berretto bianco, da notte): Ciò aripensato puro io (e rovescia sui due il vaso da notte, quindi chiude la finestra).

Agustarello: Cià ripensato puro lui... 'Sto fijo de 'na jugoslovacca!

Pietruccio: E pensà che ciò 'sta giacca sola... (Alla finestra:) Asor Gregorio, ve pare questa l'ora de fa certi scherzi?

Agustarello: Abbada che questa nun è l'ora... è l'orina... Armeno fusse quella de la fia...

Pietruccio(c.s.): Nun v'arrabbiate a sor Gregò che intanto la vostra fia se la beccamo lo stesso...

Agustarello: Eh, già, mo te la becchi tu... Pare che la passa er municipio?!...

Gregorio:    Brutti teppisti. (Affacciandosi nuovamente:) Si nu' la piantate vengo giù e ve la fò pagà salata...

Agustarello: E più salata de questa nun poteva esse... Ma nu' lo vedi si quanto è brutto! Pare un pacchetto de cotone idrofilo

(Gregorio sbuffando si ritira).

Pietruccio: Ahò! E mejo che se n'annamo...

Agustarello: Sì ma ciaritomamo doppo. Mo è imbriaco fracico, se ne va a dormì.

Pietruccio(accorgendosi della gabbietta): Hai visto, s'è scordata la gabbietta...

Agustarello: A sor Gregò... A sor Gregorio...

Gregorio     (affacciandosi di nuovo) : Che c'è?

Agustarello: A sor Gregò, mettete dentro l'uccello... ecchelo lì... mettetelo dentro si no je s'ariffreddeno li connotati...

Gregorio:    Si nun ve n'annate, scegno giù e ve rompo le coste a forza de bastonate (e stacca la gabbietta).

Agustarello(aggressivo): E sei matto che paura che ce metti!... E noi starno qui pe' fasse rompe le ossa, e da chi? Da te! Come si nun t'avessi a conosce chi sei te? Sei un chiacchierone, 'no sborgna fissa, un benzinaro... Aho, io so un giovenotto che quanno me metto 'na cosa in testa, la porto... fino a la stazzione si è leggera... La tu' fia me piace, io piacio a lei, se piacemo tutt'e dua... E so' bono a portamme via la tu' fia, tu' moje, er portoncino, er lampione...

Gregorio     (tirandogli la gabbia che Agustarello prende a volo): Tiè, portete via puro questa...

Pietruccio: Te l'ho detto! È mejo che se n'annamo...

Agustarello: Sì, ma ciarivenimo dopo... Ah, stai fresco mo che me hai tirato er fringuello... Ma pussa via! Ma va a morì scannato!

(Pietruccio e Agustarello vanno via. Si ode la serenata che si allontana.)

SCENA QUARTA

Il vecchietto e la vecchietta.

Lui:                 A Nannì, te lo ricordi 'sto sono de mannolino?

Lei:                 Me l'aricordo quanno tu me venivi a fa le serenate, che io abbitavo in quer vicoletto che adesso hanno buttato giù.

Lui:                 Dimme un pò quanto tempo sarà che se volemo bene?

Lei:                 Aspetta, famme fa un po' er conto! Io nel '67 ciavevo vent'anni e fu allora che s'incontrassimo a le corse de li barberi...[9] Te n'aricordi?

Lui:                 Sì me n'aricordo, sò cinquant'anni precisi...

Lei:                 Cinquant'anni... Eppuro Gregorio mio, te vojo sempre bene lo stesso...

Lui:                 Puro io Nanni... Peccato che me sento smove... er core solamente...

Lei:                 Er core nun invecchia mai...

Lui:                 E che me n'importa? Io avrebbe voluto che se fusse invecchiato il core ma che fussi rimasto giovene io... Nun me reggo più dritto...

Lei:                 Embè, che ce voi fa? Tira a campà, ch'er tempo nostro l'avemo fatto... e come!... A Gregò, ma nu' la senti 'sta musica? Nun te s'arismove propio gnente?

Lui                  (la guarda un po', poi): Ma lasseme perde!... (via)

SCENA QUINTA

Pietruccio, Demetrio, Agustarello e una ragazza.

Demetrio     (entra inseguendo Pietruccio che si rifugia presso il caffè): Che te credevi che nun te pizzicavo...

Agustarello(tra il serio e il canzonatorio): No, senta, lei fa bene a sorvejallo, ma adesso nu' je strilli perché stava con me...

Demetrio:    Io nun vojo che venga co' te, perché se perde.

Agustarello: Va bè, se mette un articolo sur giornale e se ritrova.

Demetrio:    Nun vojo che venga co' te, me lo metti su la cattiva strada.

Agustarello: Mole strade sò tutte bone, le fa Vaselli[10].

Demetrio     (al figlio) : Indò se' stato fino adesso?

Pietruccio: N'ho fatto gnente de male: ero sortito un momento pe' vedé si era ancora aperto er caffè... M'ero scordato l'Amore Illustrato...

Demetrio: Mo te dò l'Amore Illustrato e la Farfalla... Si nu' ritorni subbito su a casa te fo diventà peggio de un santo vecchio.

Agustarello: Perché martratta così? Che diritto ha lei?

Demetrio: Ma come, so' er padre.

Agustarello: E che ne sa lei? (e fugge schivando una bastonata).

Demetrio:    Che bella vita che fai? La notte la passi for de casa, er giorno de lavorà nun se ne parla... sempre coll'amichi, le farfalle che te svollazeno intorno... Lo sai qual è la fine tua? In galera!... (Al figlio:) Cammina a casa che c'è tu' madre che t'aspetta...

Agustarello: Bravo... Ce vo' energia co' li fiji... Nun me guardi accusì che me dà soggezione.

Pietruccio   (tenendo d'occhio il padre fa per andar via da dove è venuto, ma incontra la ragazza e ci si ferma a parlare).

Demetrio     (con la coda dell'occhio vede, si slancia sul figlio e gli tira un calcio. Pietruccio lo evita e fugge): Va', va', che te pizzico io... A casa famo li conti... (si avvicina alla ragazza che canticchia, si appoggia al bastone. Mentre sta per parlare Agustarello, che si è avvicinato, dà un calcio al bastone facendogli perdere l'equilibrio, Demetrio cade e si rialza inviperito. Si vede che ha battuto il se­dere) .

Agustarello(con finta compunzione): Oh, scusi tanto, nu' l'ho fatto apposta... L'ha battuto forte? Vole che je ce guardo?

Demetrio:    Vattene, sa, vattene...

(Agustarello via.)

Ragazza:      Ve sete fatto male?

Demetrio:    Stavo mejo prima. Insomma, diteme un po': saressivo voi che cor mi' fijo...

Ragazza:      Ve sbajate! Ar vostro fijo, je puzza ancora la bocca de latte... Meno male voi, che nun sete tanto disprezzabile.

Demetrio:    (guardando dalla parte dove è andato via Agustarello e riassestandosi): Dopo tutto, mica è brutta!... Ma io... io so' vecchio...

Agustarello(affacciandosi dallo spigolo del muro): Mbè nun fa gnente, se piji questo, l'ucello der sor Gregorio...

Demetrio:    Avete visto si che gente?!

Ragazza:      Nun ce fate caso! So' canaja! Ma che vecchio! Si nu' lo dite nun se ne accorge nessuno... Dite un po'? Me volete accompagna?...

Demetrio     (ringalluzzito): E perché no? E buttateve... (si avviano a braccetto mentre la ragazza canta).

Ragazza:      Vieni tesoro, tesoro, tesoro Noi staremo core a core un'oretta a fà l'amore... (due volte)

Venditore    (attraversa la scena gridando): Moccoli! Cerini! Coca... ina.

SCENA SESTA

Agustarello, Pietruccio, indi Fanny.

Agustarello(rientrando con Pietruccio smettono di suonare): Stavo p'annà a casa, ma m'è venuto er presentimento che ha da sortì e so' aritornato. Tu ciai abbuscato da tu' padre, eh? Ma dico io, puro tu, fra tanta gente che c'è ar monno te vai a fa un padre come quello... Allora sta a sentì, famme un piacere, porteme la chitarra dar tabaccare ma sta attento a nun attaccalla al muro da la parte de là, perché c'è l'umidità... A la chitara ciò 'na corda de budello e co' l'umidità me s'ammoscia er budello... Aspettarne lì 'na mezz'ora, si me vedi vordì che so' venuto sinnò sto ancora qui, ma vederai che fra un'ora so lì, ar massimo fra du' ore ce sto de sicuro... Dì all'amichi che sonino tutti piano piano. (Pietruccio va via. Si riode la serenata che Agustarello accompagna col fischio.) È proprio innamorata de me!... (Si avvicina alla porta, ascolta.) Sento struscià pe' le scale... Dev'esse lei  (via in fretta).

Fanny             (esce dalla porta di casa, si guarda attorno, scorge Agustarello nascosto, rimane in attesa).

Agustarello(rientrando in scena - ironico): Buon Feragosto! Nun m'avete sentito?

Fanny:            Sì, che v'ho sentito, ma mi' padre nun se voleva addormì!

AgustarelloNun se possi svejà più, vostro padre. M'ha fatto un ber servizio. M'ha buttato giù la chinina Migone... Ma, nun fa gnente, pe' voi me so' abbituvato a tutte l'umijazione... Lo scopo era de rivedevve, v'ho rivisto e sò contento... Sete proprio voi?

Fanny:            Sì, so io. Che ho cambiato li connotati?

Agustarello: No, anzi, ve sete fatta più carina, ve sete un po' ingrassata, sete cresciuta... Ve so cresciuti li tacchi de le scarpe...

Fanny:            Lo so... Me lo dice puro er mi regazzo...

Agustarello: Ah, sete puro fidanzata?...

Fanny:            Sposo a settembre.

Agustarello: Ar tempo de li fichi!... Je la darebbe io 'na ficata ar vostro regazzo... Un fico bruciotto in un occhio!!! E me lo chiamate matrimonio quello?... Quello è un mortorio de terza crasse!... Io nu' lo so come potete fa a sposavve quer coso brutto, tutto unto e bisunto che me pare er sindeco der panonto... Puzza de baccalà e de ceci ammollo a tre mija de distanza... A me, nun me n'importa gnente perché io so' un giovenetto bene educato (e le dà una botta).

Fanny:            Ahò, te stai fermo co' le mano?

Agustarello: Che voi che comincio co' li piedi?... Però aricordateve che qui c'era un giovenotto che v'avrebbe voluto bene... Er vero bene... Una cooperativa riunita de bene... Un giovenotto d'occasione, di seconda mano, ma ancora in bono stato! Come novo!... E si er pizzicarolo ve faceva 'na posizzione, io nun se sa si quante ve ne facevo... Ve facevo cambià posizzione tutti li giorni... Ma nun fa gnente... Tanto voi nun erivo nemmeno er tipo pe' me! A me me piaceno le regazze che lo fanno vede, che se ne fanno accorge che ameno... L'omo è fatto accusi... je preme che tutti se n'accorgheno che 'na donna je vo bene... Si je vo bene, ma nissuno lo sa nun je n'importa gnente. A me me piace n'antro tipo de donna: la donna vertigginosa; de quelle che se fanno mette sur giornale: «Voleva morire» che se butteno a fiume o dar murajone der Pincio!... Quelle che se chiudeno in cammera, attureno tutti li buchi, accenneno er carbone e fanno tutto lì... che s'avvelenano, se magneno li prosperi co' tutta la capoccia...

Fanny:            Ve saluto. State attento a li marciapiedi e a le colonnette.

Agustarello: E voi state attenta a le tajole...

Fanny:            Aricordateve che n'ho trovato uno mejo!...

Agustarello: Puro io n'ho trovata una mejo...

Fanny:            Er fidanzato mio cià li beni fora...

Agustarello: La mi' regazza, cià li beni drento e fora... Lassamo annà, tutto è finito fra noi... Che ce pensamo a fa?

(Si stringono la mano. Agustarello si allontana.)

Fanny:            L'amore passa e se scorda...

Agustarello: Tutto passa, anzi mo passo de qui che vié meio... (Cambia direzione ed esce dalla scena. Fanny rimane pensosa ed avvilita. Agustarello riappare fischiettando. A Fanny che lo segue con lo sguardo.) Fischio pe' conto mio... Ognuno cor fischio suo ce fa quello che je pare... Però ricordateve che ner core ciarimane sempre quarche cosa.

Fanny:            L'amore?... Ma voi lo sapete ched'è l'amore?

Agustarello: Magara nu' lo sapessi!... Ciò speso tanti quatrini!...

Fanny:            Voi?... Nun ce credo...

Agustarello: Ve lo giuro... Già ma che ve lo giuro a fa? Mo voi dovete sposà...

Fanny:            Puro voi dovete sposà...

Agustarello: Pe' forza!... Me ciavete messo voi ne 'sta condizzione!

fanny:            Sete voi lo sposo?

Agustarello: Lo so quello che voressivo dì... Co' quele penne!... Auffa è propio 'na lagna... Mbè salutamese e bona notte!... Dimme quarche cosa...

(pausa come aspettasse una risposta da Fanny. Improvvisamente le dà uno schiaffo, quindi va via fischiettando per riapparire dopo poco per attraversare la scena).

fanny             (che l'ha sempre seguito con la coda dell'occhio): Agù...

Agustarello: Te scappava de chiamamme? (Fanny fa cenno di sì.) Te piacio?... Te senti in procinto de rivolemme bene? Sei contenta che t'ho menato? Ahò se nun se vò bene, nun se mena sà... Doppo te dò un sacco de botte... Volemo fa pace?... (Aprendo le braccia:) Buttete che nu' ne posso più... Strigni, strigni... Stacce quanto te pare... che nun te lo provibbisco... Lo vedi quanto so bono?... Approfittete... fa tutto... Nun parlà... nun parlà che guasti tutto...

fanny:            Der resto se potemo arincontrà...

Agustarello: Davvero? E quanno?

fanny:            Doppo sposato...

Agustarello: E vattene! Nun se potrebbe un pochettino prima? Se pò? Se divertimo de più e famo un piacere ar pizzicarolo. Se pò?

fanny:            E perché no?

Agustarello: Davero? Se pò? E quanno?

fanny:            Fra un quarto d'ora.

Agustarello: Ammazzete come te sbrighi?!... E dove?

fanny:            Qui... Ma m'ariccomanno acqua in bocca... Nun dì gnente a nessuno... me rovineresti...

Agustarello: Ma te pare? Nun dico gnente a nissuno. Allora arivieni giù fra un quarto d'ora? Porteme un pezzo de pane co' quarche cosa. È da stamatina che pe' te sto a diggiuno... Te ne vai senza damme un bacio? (Si baciano. ) Dammene n'antro, tanto pe' te è lo stesso... Famme vedé tutta la tastiera der pianoforte... Fra un quarto d'ora qui?... Nun dubbità nun dico gnente a nissuno. (La ribacia quindi va via di corsa urlando.) A Pietruccio, vié qua che ho combinato.

SCENA SETTIMA

Un signore, una signora, una guardia, la servetta, la donna maritata, l'amico,

una di quelle, Pietruccio, il vecchietto, la vecchietta, Demetrio, Cleofe, Agustarello, Fanny.

Guardia        (passeggia avanti e indietro).

Signore         (entrando dando il braccio alla signora): Per bacco! Questa sera non si riesce a trovare una vettura.

Signora:        Siamo sfortunati! Ce ne andremo a piedi, perché è inutile insistere: non troveremo un'automobile a pagarla a peso d'oro.

Signore:        È mal di poco. Più sfortunato di noi è stato il conte Sciacca. È rimasto completamente al verde. Le sue fiches convertite in biglietti di banca, sono scivolate nelle mie tasche.

Signora:        E nel mio borsellino... Ah! Ah!...

Signore:        Hai ammirato la mia audacia? Con niente ho fatto un bleuf, ed il contino ha rinunziato con poker in mano...

Signora:        Del resto per te è facilissimo. Sai fare dei poker anche con sei carte...

Signore:        Cara mia, se non facessi così, come potrei appagare i tuoi innumerevoli capricci?

Signora:        Hai ragione! D'altronde il conte Sciacca è molto ricco, e domani si farà rifornire dal papà e tornerà a giuocare.

Signore:        E noi lo peleremo un'altra volta!... (Alla guardia:) Scusi, saprebbe indicarci dove potremmo trovare una vettura?

Guardia        (scattando e mettendosi sull'attenti): Gnorsì... Vada vicino al ponto... all'altro lungotevero...

Signore:        Grazie mille... (via con la signora).

Guardia:       Preche... Chille sì, cà so' persone propeto per beno.

Servetta      (entra cercando, scorge la guardia e camminando in punta di piedi va a coprirle gli occhi con le mani).

Guardia        (afferrandole le mani): Oh! Rusinè, si venuta co' ritarde... Io songo chiesto lo permesso a lu brigadiere pe' venire all'appundamente, e aspette aspette, tu non venive...

Servetta:     Sta' zitto. Quer boja der mi' padrone stasera nun trovava la via d'andare a letto. Appena s'è addormito ho infilato la porta e so venuta da te.

Guardia:       Songhe cuntente, Rosinuccia mia, se vede ca me voi propeto beno. (Parlano piano fra loro passeggiando.)

L'Amico        (entra in scena, guarda intorno, quindi fischia. Entra la donna maritata. Prendendola per le mani, concitato): E un'ora che te sto a aspettà...

Demetrio     (guardingo appare dal fondo e si avvia a bussare alla porta di Gregorio. La sora Cleofe apre la porta, gli porge un fiasco, quindi a braccetto attraversano la scena ed escono).

Donna maritata: Ma dove m'aspettavi?

L'Amico: Qua de dietro...

Donna maritata: Ma io t'avevo detto qui... Poi sei un ber tipo! Come facevo a moverne! Stasera mi' marito pareva che lo facesse apposta... Nun se decideva mai a uscì de casa.

L'Amico:       È ito via?

Donna maritata: È de turno all'officina (parlano piano fra loro).

Guardia:       Credi pure Rosina mia, ca nun vedo l'ora de levammo 'sti panni de dosso... Allora te porto a lu paiese e 'nce sposammo...

Servetta:     Speramo che sia presto, perché io so stufa d'annà avanti accosì... Nun se potéme vede che de notte, come li gatti...

Una di quelle(entra lentamente in scena e passeggia con la sigaretta accesa fra le labbra).

L'Amico:       La regazzina t'ha visto uscì? Nun c'è pericolo che parli?

Donna maritata: No, l'ho istruita io...

L'Amico:       Nun t'avrà visto l'appiggionante der primo piano?

Donna maritata: No, nun immaggina gnente, perché sa che sò 'na donna onesta!...

Pietruccio   (entra dal fondo).

Guardia:       Ma ghie t'assicure che voglio bene solo a te.

Servetta:     Ma bada che se me fai un tradimento, guai alla pelle tua...

Pietruccio   (a una di quelle) : E voi chi aspettate?

Una di quelle: Ionun aspetto nissuno e aspetto tutti.

Pietruccio: Allora si nun volete sta' sola...

Una di quelle: Uno ol'antro pe' me fa lo stesso (e si unisce a Pietruccio).

L'Amico:       Vordì che io potrebbe puro salì su a casa.

Donna maritata: Sì, ma abbasta che cammini in punta de piedi.

Guardia:       Nun avé prescia che Lu padrone dorme.

Servetta:     Ma c'è pericolo che se sveij.

Pietruccio: Qui me pare che sia inutile che starno più a discore.

Una di quelle: Ma sì, è mejo che se n'annamo.

Signore         (rientrando): Non è stato possibile trovare questa benedetta vettura, per forza dovremo andare a piedi.

Signora:        Meglio, così potremo godere l'incanto di questa magnifica notte lunare.

Vecchia        (rientrando col vecchio): Ma propio nun ce voi annà a casa stasera?

Vecchio:       E che ciannamo a fà. Stamo qui a godesse le stelle.

Demetrio     (rientra al braccio di Cleofe e si ferma).

Agustarello(rientra in scena. Fischia. Fanny esce di casa si unisce a lui e rimangono abbracciati): Sei stata de parola: 't'aringrazzio! (Canto.)

Tutti:             Dolce notte i rai d'amor

tu versi a tante ebbrezze,

più del dì soave ancor

o notte sei d'amor.

Fugge il tempo e ruba a voi

sospiri e tenerezze.

Brilla qui del gaudio il sol

Oh, notte sei d'amor!

La dolce voluttà

versa a noi sue carezze

la dolce voluttà

e i suoi baci ci dà.

Ah! Sì!

(Piano piano, al ritmo della musica che tutti ripetono a bocca chiusa, si allontanano a coppie dalle diverse uscite. Agustarello e Fanny entrano nella casa di Gregorio.)

SCENA ULTIMA

Il mendicante e la mendicante s'inoltrano lentamente e consumano le battute

mentre si accucciano in un angolo. Un raggio della luna li illumina.

Vecchia:       E nun poté trovà un cane che ce dia da dormì...

Vecchio:       Embè, che ce voressi fà? Mettémece un po' qua pe' tera tanto se volemo sempre bene...

Vecchia:       Sempre, sempre come prima, povero amore mio!... sempre così tutta la vita...

Lentissima la tela


[1] Scrocconi.

[2] Fare i conti.

[3] Arco di Via dei Coronari.

[4] Denominazione di un ingresso del Foro di Augusto.

[5] Telefono.

[6] L'orlo della giacca.

[7] Uno schiaffo.

[8] Il personaggio interpretato dal comico Fernand Guillaume, noto anche come Polidor.

  [9] I cavalli berberi.

[10] Impresa edile, assai nota a Roma.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 22 volte nell' arco di un'anno