Amori

Stampa questo copione

Ovidio: Amori

       

       

      

      EPIGRAMMA DELL'AUTORE

      

      

      Noi, che poc'anzi eravamo cinque libri di Nasone, ora siamo tre: l'autore

      ha preferito questo lavoro al precedente. Anche ammettendo che tu non

      provi alcun piacere a leggerci, ne avrai però minor fastidio, poiché due

      libri sono stati tolti.

      

      LIBRO PRIMO

      

      

      

      1

      

      Mi accingevo a celebrare con metro solenne le armi e le guerre crudeli, in

      modo che l'argomento e l'elemento ritmico concordassero. Il verso che

      seguiva era di lunghezza uguale al precedente; dicono che Cupìdo abbia

      riso e abbia sottratto un piede. «Chi, o crudele fanciullo, ti ha concesso

      tale diritto sulla poesia? Noi poeti siamo seguaci delle Muse, non tuoi.

      Che accadrebbe se Venere strappasse via le armi alla bionda Minerva, o se

      la bionda Minerva agitasse al vento le fiaccole ardenti? Chi potrebbe

      accettare che Cerere sia la regina delle selve montane e che i campi

      vengano coltivati agli ordini della vergine con la faretra? Chi potrebbe

      fornire a Febo, che si distingue per la sua chioma, un'aguzza lancia,

      mentre Marte fa' risuonare le corde della lira aonia? Tu possiedi,

      fanciullo, regni grandi e molto potenti; perché aspiri ambiziosamente a

      una nuova impresa? Ti appartengono forse tutte le cose, dovunque esse

      siano? È tua anche la valle di Elicona? Neppure Febo dovrà considerare

      sicura la sua lira? Appena il nuovo componimento si è elevato nel primo

      verso, il verso successivo attenua l'impeto del mio carme. Ed io non ho

      argomenti adatti a poesia più leggera: un fanciullo o una fanciulla dalle

      lunghe chiome ben pettinate.» Mi ero lamentato, quand'ecco egli, schiusa

      la faretra, scelse frecce destinate alla mia rovina, piegò con decisione

      contro il ginocchio l'arco ricurvo e disse: «Eccoti, o poeta, l'argomento

      dei tuoi canti!» Me sventurato! Quel fanciullo aveva frecce infallibili:

      brucio, e nel mio cuore, già libero, ora regna Amore. Nei sei piedi si

      alzi il mio canto, nei cinque si abbassi. Addio, crudeli guerre, a voi e

      al vostro metro! O Musa che si deve cantare con undici piedi, cingi le

      tempie bionde con il mirto che fiorisce sui litorali!

      

      2

      

      Quale mai sarà il motivo per cui i materassi mi sembrano tanto duri, e le

      coperte non vogliono star ferme sul mio letto, ed io ho trascorso l'intera

      notte, così lunga, senza prendere sonno, e a forza di voltarmi e

      rivoltarmi le ossa mi dolgono come fiaccate? Infatti, credo, mi accorgerei

      se fossi tentato da qualche amore - o forse esso si insinua in maniera

      subdola e astutamente procura danno con arte nascosta? - Sarà così: le

      frecce sottili si sono piantate nel mio cuore e Amore tormenta ferocemente

      il mio petto, del quale si è impadronito. Mi conviene cedere, oppure

      attizzare lottando questo fuoco improvviso? È meglio cedere: un peso ben

      sopportato diventa più leggero. Io stesso ho visto che, agitando una

      torcia, le fiamme ravvivate aumentavano, mentre, quando nessuno l'agitava,

      le fiamme si estinguevano: i buoi da poco catturati, mentre respingono il

      loro primo giogo, ricevono più colpi di quelli che accettano la fatica

      dell'aratro; al cavallo che recalcitra viene straziata la bocca col morso

      a dente di lupo: del morso si accorge meno quello che si è abituato ai

      finimenti. Così Amore incombe molto più duramente e crudelmente su coloro

      che si ribellano che su coloro che accettano di sopportare la sua

      schiavitù. Ecco, lo ammetto, io, o Cupìdo, sono la tua nuova preda; mi

      sottometto alle tue leggi con le mani legate. Non è necessaria una guerra:

      io chiedo perdono e pace; né per te in armi io, disarmato, potrò

      costituire motivo di vanto se mi vincerai. Intreccia la tua chioma col

      mirto, aggioga le colombe materne; il tuo stesso patrigno ti donerà un

      carro degno di te; e su questo carro a te donato tu starai ritto e

      guiderai abilmente le colombe aggiogate, mentre il popolo acclamerà il tuo

      trionfo. Sfileranno i prigionieri, giovani e fanciulle: questa processione

      sarà per te un magnifico trionfo. Anch'io, recente preda, avrò la ferita

      or ora ricevuta e porterò ceppi per me nuovi con mente da prigioniero.

      Sfileranno con le mani legate dietro la schiena la Saggezza e il Pudore e

      tutto ciò che nuoce agli accampamenti di Amore. Tutti avranno timore di

      te, tendendoti le braccia il popolo canterà a gran voce: «Io triumphe.» Ti

      saranno compagne le Lusinghe, l'Illusione e la Passione, una schiera che

      ha seguito assiduamente le tue parti. Con questi soldati tu vinci uomini e

      dèi; se queste prerogative ti fossero tolte, rimarresti nudo. Lieta, dalla

      sommità dell'Olimpo, tua madre applaudirà al tuo trionfo e spargerà sul

      tuo viso le rose preparate vicino a lei. Tu con le ali e le chiome adorne

      di pietre preziose andrai sul carro dorato, biondo tu stesso come l'oro.

      Ma anche allora, se ben ti conosco, tu farai ardere d'amore non pochi;

      anche allora infliggerai passando molte ferite. Le tue frecce non possono

      avere sosta nemmeno se lo volessi tu; la fiamma ardente brucia all'intorno

      con la sua vampa. Tale era Bacco dopo aver soggiogato la terra del Gange:

      tu sei un peso per gli uccelli, egli lo fu per le tigri. Poiché dunque io

      posso far parte del tuo sacro trionfo, non sprecare le tue forze con me, o

      vincitore. Guarda le armi fortunate del tuo parente Augusto: con quella

      stessa mano con cui li vinse egli protegge i vinti.

      

      3

      

      Son giuste le mie preghiere: la ragazza che da poco mi ha fatto sua preda

      mi ami, oppure faccia in modo che sempre l'ami io. Ahimè! Ho chiesto

      troppo: ella accetti almeno di essere amata; possa Citerea porgere ascolto

      a tante mie preghiere. Accogli chi è disposto a servirti per lunghi anni;

      accogli chi ti sappia amare con fedeltà sincera. Se non mi raccomandano

      nomi altisonanti di antichi avi, se il mio capostipite fu un cavaliere e i

      miei campi non sono rivoltati da innumerevoli aratri ed entrambi i miei

      genitori limitano le spese con parsimonia, avanzano però come miei alleati

      Febo e le sue nove compagne e l'inventore della vite e con essi Amore, che

      a te mi dona, e una fedeltà a nessuna seconda, costumi senza macchia e una

      franca schiettezza e un sentimento di vergogna che mi imporpora le guance.

      A me non piacciono mille donne, non sono uno che passa da un amore

      all'altro: se mi concederai fiducia, tu sola sarai l'eterno mio pensiero;

      possa io vivere con te gli anni che mi concederanno i fili delle Parche e

      possa io morire suscitando il tuo dolore; offriti come felice argomento

      dei miei carmi: ne sortiranno carmi degni del soggetto che li ha ispirati.

      Per mezzo della poesia hanno acquisito fama Io, atterrita al vedersi

      spuntare le corna, e colei che l'amante sedusse sotto forma di uccello

      fluviale e colei che, valicando il mare in groppa al finto torello, tenne

      strette con la sua mano di vergine le corna ricurve. Così anche noi saremo

      celebrati per tutta la terra ed il mio nome sarà sempre unito al tuo.

      

      4

      

      Il tuo amante sta per andare allo stesso banchetto a cui vado io: faccio

      voto perché questa sia per lui l'ultima cena. Dovrò dunque accontentarmi

      di ammirare la donna che amo solo in qualità di convitato? Sarà un altro

      quello che avrà la gioia di essere toccato da te e tu strettamente

      allacciata riscalderai il petto di un altro? Egli potrà dunque, quando

      vorrà, cingere il tuo collo con la sua mano? Smetti di stupirti che per

      effetto del vino la bianca fanciulla di Atrace sia divenuta motivo di

      contesa per gli uomini dalla doppia natura; io non abito in una selva e le

      mie membra non sono unite a quelle di un cavallo: eppure mi sembra di

      riuscire a stento a tenere le mie mani lontane da te. Senti bene però quel

      che devi fare e non lasciare le mie parole in balìa degli Euri o dei

      tiepidi Noti. Vieni prima del tuo amante; non che io veda la possibilità

      di fare qualcosa se verrai prima, ma comunque vieni prima di lui. Quando

      egli prenderà posto sul triclinio e anche tu, con viso pieno di modestia,

      andrai a prender posto al suo fianco, premi di nascosto il mio piede;

      guardami, fa' attenzione ai cenni del mio capo e alle espressioni del mio

      volto: sappi cogliere i miei segnali furtivi e ricambiali. Senza aprir

      bocca ti parlerò con le sopracciglia; potrai leggere parole scritte con le

      dita, parole disegnate con il vino. Quando ti tornerà in mente il piacere

      lascivo del nostro amore, tocca col pollice delicato le tue gote accese;

      se avrai motivo di lamentarti silenziosamente di me, la tua mano rimanga

      mollemente sospesa all'estremità dell'orecchio; quando invece le cose che

      farò o dirò ti piaceranno, o luce dei miei occhi, gira e rigira l'anello

      fra le dita; quando augurerai a quell'uomo i molti malanni che si merita,

      tocca la tavola con la mano, nel modo in cui toccano l'altare i supplici.

      Il vino ch'egli mescerà per te, dammi retta, fallo bere a lui; chiedi tu

      stessa a bassa voce allo schiavo il vino che vorrai: il boccale che tu gli

      avrai restituito sarò io il primo a prenderlo e berrò da quella parte

      dalla quale avrai bevuto tu. Se per caso ti offrirà quel che egli abbia

      assaggiato per primo, rifiuta i cibi sfiorati dalla sua bocca; non

      permettere che egli opprima il tuo collo con le sue braccia; non porre il

      tuo dolce capo sul suo duro petto; la piega della tua veste e i tuoi seni

      fatti per le carezze non lascino insinuare le sue dita; ma, soprattutto,

      rifiuta di dargli anche un solo bacio. Se gli darai dei baci, mi

      proclamerò apertamente tuo amante e dirò: «Questi baci sono miei» e ne

      rivendicherò la proprietà. Queste cose, comunque, potrò vederle, ma quante

      la coperta tiene ben celate, quelle saranno per me motivo di cieco timore.

      Non allacciare la tua coscia con la sua, non accostarti con la gamba e non

      intrecciare il tuo piede delicato con il suo brutto piede. - Molti timori,

      infelice, mi assalgono, poiché molte volte ho còlto il piacere con

      impudenza e mi tormento per paura del mio stesso esempio: spesso io e la

      mia donna per affrettare il godimento portammo a termine la dolce fatica

      sotto una coltre che ci nascondeva. - Tu non farai questo; ma perché non

      si creda che tu lo abbia fatto, tògliti di dosso la complice coperta.

      Esorta quell'uomo a bere continuamente (ma non accompagnare le esortazioni

      con i baci) e mentre beve, senza che se ne accorga, se ti riesce, aggiungi

      vino puro. Se giacerà sdraiato, pieno di vino e di sonno, il luogo e la

      circostanza ci forniranno consiglio. Quando ti alzerai per andartene a

      casa, e ci alzeremo tutti, ricòrdati di procedere in mezzo al gruppo: là

      in mezzo o sarai tu a trovare me, o sarò io a trovare te; e allora

      qualsiasi cosa di me tu avrai modo di toccare, tóccala. - Me infelice! Ho

      indicato quel che può giovare per poche ore; ma col calare della notte

      sono costretto a star lontano dalla mia donna. - Di notte il suo amante la

      terrà chiusa in casa; mesto in volto per lo spuntare della lacrime, io mi

      limiterò a seguirla, per quanto mi è possibile, fin presso la crudele

      porta della sua casa. Ma ormai egli rapirà baci, ormai rapirà non solo

      baci: quel che a me concedi di nascosto, dovrai concederglielo, perché è

      un suo diritto. Tu, però, concediti con riluttanza, come chi è costretta

      (questo puoi farlo): le tue carezze siano mute, Venere sia ostile. Se i

      miei voti hanno un qualche valore, desidero che anch'egli non ne tragga

      alcun piacere; se no, che almeno non ne tragga alcun piacere tu. Ma

      tuttavia, comunque si concluda la vicenda di questa notte, domani tu dimmi

      e ripetimi che non ti sei concessa a lui.

      

      5

      

      Era l'ora della calura e il giorno aveva già compiuto metà del suo

      cammino; io mi gettai sul letto per dare ristoro alle membra. Una parte

      della finestra era aperta, l'altra era chiusa e c'era quella penombra che

      si suol trovare nei boschi, o al crepuscolo, quando il sole tramonta, o

      quando la notte è ormai lontana eppure non è ancor spuntato il giorno.

      Questa è la luce da offrire alle fanciulle pudiche, perché in essa la loro

      riservata timidezza possa sperare di trovare un rifugio. Ecco, Corinna

      avanza velata appena dalla tunica slacciata, con i capelli che scendono da

      un lato e dall'altro a coprirle il candido collo, come si racconta che si

      accostassero al talamo la bella Semiramide e Laide amata da molti. Le

      strappai la tunica; trasparente com'era non dava molto fastidio, ma

      tuttavia ella resisteva per essere coperta almeno dalla tunica; ma, poiché

      lottava come chi non ha alcun desiderio di vincere, fu vinta senza troppa

      fatica con la sua stessa complicità. Come la ebbi davanti agli occhi,

      senza alcun velo, in tutto il suo corpo non vidi neppure un difetto: che

      spalle, che braccia vidi e toccai! Come sembrava fatta per le carezze la

      dolce bellezza dei seni! E com'era liscio il ventre sotto il seno

      perfetto! Com'erano grandi e belli i fianchi! Come giovani le sue cosce!

      Perché riferire tutti i particolari? Non vidi nulla che non fosse da

      lodare e la strinsi nuda contro il mio corpo. Chi ignora il seguito? Dopo,

      entrambi riposammo esausti. Possano capitarmi spesso pomeriggi come

questo!

      

      6

      

      O custode legato (che indegnità!) con crudele catena, apri, facendolo

      girare sui cardini, il crudele battente. Quel che chiedo è piccola cosa:

      concedi che la porta socchiusa accolga attraverso un esiguo spiraglio la

      mia persona che si insinua di fianco. Un lungo amore ha reso sottile il

      mio fisico e, sottraendogli peso, ha reso le mie membra capaci di compiere

      simili esercizi; l'amore insegna ad insinuarsi senza far rumore fra i

      guardiani che vigilano, l'amore guida senza danno i passi. E pensare che

      c'era un tempo in cui temevo la notte e le sue vane ombre! Ero ammirato se

      qualcuno osava avventurarsi tra le tenebre: Cupìdo con la tenera madre

      rise tanto che io lo sentissi e sussurrò: «Anche tu diventerai

      coraggioso.» Né ci fu indugio alcuno, venne l'amore: io non temo più le

      ombre che si aggirano volando nella notte, non temo mani pronte a darmi la

      morte; temo solo la tua eccessiva insensibilità, te solo cerco di

      blandire: tu possiedi la folgore con cui puoi incenerirmi. Guarda (e, per

      vedere, allenta il crudele catenaccio) come la porta è intrisa delle mie

      lacrime. Fui io sì che intervenni presso la padrona a difendere te che

      tremavi, mentre, privo di vesti, eri in attesa di ricevere le sferzate.

      Dunque quel favore che un tempo valse anche per te, ora per me, o gran

      misfatto, non vale più nulla? Ricambiami la cortesia: hai la possibilità,

      come desideri, di mostrarmi la tua riconoscenza. Le ore della notte stanno

      trascorrendo; togli la spranga dallo stipite. Toglila: così possa tu un

      giorno essere liberato dalla catena che da gran tempo trascini e non ti

      tocchi di bere per sempre l'acqua della schiavitù. Ma tu, custode, ascolti

      impassibile chi invano ti scongiura: anche la porta, rinforzata da crudeli

      puntelli di quercia, rimane fredda e insensibile. Lo sbarramento di una

      porta sprangata può giovare a una città assediata, ma in tempo di pace

      perché temi le armi? Quale trattamento riserverai al nemico, tu che lasci

      fuori così crudelmente l'innamorato? Le ore della notte stanno

      trascorrendo; togli la spranga dallo stipite. Io non vengo in compagnia di

      soldati in armi: sarei stato solo, se non mi si fosse affiancato il

      crudele Amore; da lui non posso mai distaccarmi, anche se lo desiderassi:

      sarei piuttosto disposto a separarmi dalle mie stesse membra. Dunque con

      me ci sono Amore, un po' di vino attorno alle mie tempie e una ghirlanda

      che è scivolata dai miei capelli umidi. Chi potrebbe aver timore di queste

      armi? Chi non andrebbe incontro ad esse? Le ore della notte stanno

      trascorrendo; togli la spranga dallo stipite. Sei insensibile, oppure il

      sonno (che ti spedisca in malora!) disperde nel vento le mie parole di

      innamorato a cui non vuoi prestare ascolto? Eppure, mi ricordo, prima,

      quando avrei voluto passarti inosservato, eri ben desto fino a notte

      fonda. Forse ora accanto a te dorme la tua amante: ahimè, di quanto la tua

      sorte è migliore della mia! A questo patto, circondate pure il mio corpo,

      crudeli catene. Le ore della notte stanno trascorrendo; togli la spranga

      dallo stipite. Mi inganno, o l'uscio ha cigolato girando sui cardini e i

      battenti smossi hanno inviato uno stridulo segnale? Mi inganno: era la

      porta investita dal vento impetuoso. Ahimè, quanto lontano quel soffio ha

      portato la mia speranza! Ma se tu, o Borea, ancora ti ricordi del

      rapimento di Orizia, vieni qui e sfianca colle tue folate queste porte che

      non mi dànno ascolto. E intanto, madide di fresca rugiada, le ore della

      notte stanno trascorrendo silenziose per tutta la città; togli la spranga

      dallo stipite, altrimenti io stesso, fatto ormai più risoluto, darò

      l'assalto a questa casa superba col ferro e col fuoco che porto nella

      fiaccola. La notte, Amore e il vino non inducono ad alcuna moderazione: la

      notte è priva di pudore, Bacco e Amore non conoscono la paura. Ho fatto

      ogni sforzo, ma né con preghiere né con minacce ho potuto smuoverti, o

      custode più duro perfino del legno della tua porta. Non eri adatto a

      custodire la soglia di una bella ragazza: saresti stato degno di essere il

      vigile custode di una prigione. Ormai la stella di Venere avanza sul suo

      carro coperto di brina e l'uccello del mattino risveglia i miseri mortali

      chiamandoli al loro lavoro. Ma tu, o ghirlanda levata tristemente dai

      capelli, resta tutta la notte sulla soglia crudele; quando al mattino la

      padrona ti vedrà gettata a terra, tu sarai la prova del tempo da me tanto

      malamente sprecato. E tu, o malvagio, che hai crudelmente impedito

      l'ingresso all'amante, ricevi comunque il mio saluto mentre mi allontano:

      addio. E addio anche a voi, stipiti inesorabili e spietata soglia, e a

      voi, battenti, legni crudeli, voi pure schiavi, come il vostro guardiano.

      

      7

      

      Ora che il mio furore si è placato, se ho vicino a me un amico, incateni

      le mie mani (lo hanno ben meritato): infatti il furore ha spinto le mie

      braccia dissennate contro la mia donna ed ella piange, ferita dalla mia

      pazza mano. Allora io avrei potuto anche battere i miei genitori, o

      colpire crudelmente perfino i sacri dèi. E che? Aiace, l'eroe dal

      settemplice scudo, non fece forse a pezzi le greggi sorprese nei vasti

      campi e Oreste, vendicatore del padre sulla persona della madre (tristo

      vendicatore), non osò forse chiedere dardi contro le dee occulte? Io sono

      stato dunque capace di strapparle i capelli acconciati? Ma neppure la

      chioma scomposta le toglieva la sua grazia, tanto era bella! Posso

      immaginare che così la Scheneide incalzasse con l'arco le fiere sul

      Mènalo; così Arianna si dolse che gli impetuosi venti del Sud si fossero

      portate via le vele e le promesse spergiure di Tèseo; così Cassandra si

      sarebbe gettata in ginocchio nel tuo tempio, o casta Minerva, se non

      avesse avuto i capelli trattenuti dalla benda. Chi non mi avrebbe gridato

      «Pazzo», chi non mi avrebbe chiamato «Barbaro»? Lei nulla: la lingua fu

      bloccata dalla timidezza e dalla paura. Ma tuttavia con l'espressione del

      viso mi muoveva un muto rimprovero; benché tacesse, le sue lacrime mi

      dichiararono colpevole. Avrei voluto che le braccia mi fossero prima

      cadute dalle spalle; avrei potuto con mio vantaggio restare privo di una

      parte di me: ho esercitato forze pazze a mio danno e mi sono dimostrato

      forte per punire me stesso. Che cosa ho a che fare io con voi, ministre di

      scelleratezze e di morte? Affrontate le giuste catene, mani sacrileghe! Se

      avessi percosso il più umile dei plebei sarei punito; avrò forse maggiori

      diritti nei confronti della mia donna? Il Tidìde ha lasciato un terribile

      ricordo dei suoi delitti: egli fu il primo che ferì una dea; io il

      secondo. Egli però fu meno colpevole, poiché io ho ferito colei che

      proclamavo di amare, mentre il Tidìde fu spietato contro una nemica. Va'

      ora e, vincitore, celebra splendidi trionfi: cingi la chioma di alloro e

      sciogli voti a Giove e la turba di accompagnatori che seguirà il tuo carro

      gridi: «Evviva, il nostro eroe ha vinto una fanciulla!» E la misera

      prigioniera cammini davanti a te con i capelli sciolti, tutta bianca, se

      non fosse per le guance graffiate. Sarebbe stato meglio che i suoi lividi

      recassero l'impronta delle tue labbra e che il collo portasse il segno dei

      tuoi dolci morsi. Infine, se ero agitato come le acque di un torrente in

      piena e una rabbia cieca mi aveva fatto sua preda, non sarebbe stato

      sufficiente sgridare la fanciulla impaurita e proferire con voce tonante

      terribili minacce o stracciarle indegnamente la tunica dall'estremità

      superiore fino a mezzo il corpo (là dove la cintura avrebbe posto riparo)?

      Ma io ebbi il coraggio, dopo averle strappato i capelli dalla fronte, di

      segnare crudelmente con le unghie le sue guance delicate. Ella rimase

      immobile, fuori di sé, col volto esangue, bianca come i marmi tagliati sui

      gioghi di Paro; io vidi le sue membra esanimi e il suo corpo scosso da

      tremiti, come quando il vento fa' ondeggiare le chiome dei pioppi, come la

      canna sottile è agitata dal dolce soffio dello Zèfiro o quando l'onda

      viene increspata sulla cima dal tiepido vento del Sud; e le lacrime a

      lungo trattenute scesero copiose sul viso, come l'acqua promana dalla neve

      caduta al suolo. Allora per la prima volta cominciai a sentirmi colpevole:

      le lacrime che sgorgavano dai suoi occhi erano sangue mio. E tuttavia tre

      volte volli gettarmi supplice ai suoi piedi; tre volte ella respinse le

      temute mani. Ma tu non esitare (la vendetta placherà in parte il tuo

      dolore) a graffiarmi sùbito il viso con le unghie; e non avere riguardo

      per i miei occhi né per i miei capelli: l'ira può donare forza alle tue

      mani, benché esse siano deboli. E perché non restino tracce tanto

      spiacevoli del mio misfatto, rimetti in bell'ordine la tua capigliatura.

      

      8

      

      C'è una vecchia (chiunque vorrà far conoscenza con una ruffiana, presti

      ascolto), c'è una vecchia di nome Dipsa. Trae il nome dal suo

      comportamento: infatti non è mai riuscita a vedere la madre del nero

      Mèmnone sui suoi cavalli rosati senza essere ubriaca. Ella conosce le arti

      magiche, le formule e gli incantesimi di Eea, con i suoi sortilegi può far

      risalire alla sorgente le acque correnti; sa bene qual sia il potere delle

      erbe, quale quello del filo messo in movimento dalla trottola che gira,

      quale quello dell'umore che stilla dalle cavalle in foia. Ad un suo cenno

      in tutto il cielo si addensano le nubi; ad un suo cenno il giorno

      risplende sotto la limpida volta del cielo. Io ho visto, se qualcuno vuol

      credermi, le stelle grondare sangue; la superficie della luna era rossa di

      sangue. Nutro il sospetto che costei, mutato aspetto, si aggiri volando

      fra le tenebre notturne e che il suo corpo di vecchia sia coperto di

      penne; lo sospetto io ed è voce diffusa; anche negli occhi lampeggia una

      duplice pupilla e da quel doppio cerchio emanano bagliori. Evoca gli avi e

      gli antenati dai loro antichi sepolcri e con un prolungato incantesimo

      riesce a fendere la terra. Costei si propose di contaminare casti talami e

      la sua lingua non è certo priva di una, sia pur deleteria, facondia. Il

      caso mi fece assistere a un suo discorso; ella forniva questi consigli (io

      ero nascosto da un doppio battente): «Lo sai, o luce dei miei occhi, che

      ieri sei stata ammirata da un ricco giovane? Egli è rimasto immobile e ha

      tenuto lo sguardo costantemente fisso sul tuo viso. D'altronde, perché non

      dovresti piacere? La tua bellezza non è seconda a nessuna; ma, me

      infelice, non hai un tenore di vita degno della tua bellezza. Vorrei che

      tu fossi fortunata quanto sei bella: quando sarai diventata ricca io non

      rimarrò certo povera. Finora ti è stato sfavorevole il pianeta Marte in

      opposizione; ma ora Marte è scomparso; ora è apparsa Venere favorevole con

      la sua costellazione. Ecco, guarda quanto giovamento ella arreca col suo

      arrivo: un ricco amante ti ha desiderato: si prende cura che non ti manchi

      nulla. Inoltre ha anche una bellezza paragonabile alla tua: se non fosse

      stato lui a volerti comprare, avresti dovuto comprarlo tu. È arrossita! Il

      pudore si addice a un viso bianco, ma ti giova solo se è finto; quando è

      vero, in genere nuoce. Quando terrai gli occhi bassi bassi, fissi sul tuo

      grembo, dovrai guardare ciascuno in base a quel che ti porta. Forse al

      tempo del re Tazio le sciatte Sabine non avrebbero voluto compiacere a più

      uomini; ora Marte impegna i cuori animosi con guerre in terra straniera,

      ma nella città del suo Enea impera Venere. Le belle folleggiano: casta è

      solo colei che nessuno mai richiese; anzi, se non è di ostacolo

      l'inesperienza, è la donna stessa ad avanzar proposte. Anche quelle che

      hanno la sommità della fronte corrugata, scuotile e da quelle rughe

      cadranno molte colpe. Penelope sottoponeva i giovani alla prova dell'arco

      per saggiarne la vigoria; l'arco era di corno per scoprire quanta forza

      avessero nelle reni. Il tempo scorre insensibilmente e vola via senza che

      ce ne accorgiamo e veloci scorrono gli anni sui cavalli lanciati a briglia

      sciolta. Il bronzo risplende quando viene adoperato, un bel vestito

      richiede di essere indossato, le case abbandonate in un desolato squallore

      si sgretolano: se non accogli gli amanti, la bellezza declina senza

      qualcuno che se ne prenda cura; né sono sufficienti uno o due amanti. La

      preda che si ricava da molti è più sicura e non suscita invidie; i lupi

      grigi il bottino completo lo fanno in un gregge. Ecco, che doni ti porta

      questo tuo poeta oltre

      a nuove poesie? Da questo amante raccoglierai invece una gran somma di

      denaro. Perfino il dio dei poeti, splendido in un manto intessuto d'oro,

      fa' vibrare le armoniose corde della sua lira dorata. Chi ti farà doni sia

      per te più grande del grande Omero; dammi retta, chi dona sì che dimostra

      talento. Inoltre se uno avrà pagato il riscatto per ottenere la propria

      libertà, non disprezzarlo: è una colpa assai lieve avere i piedi segnati

      col gesso. E non ti traggano in inganno le antiche immagini di cera

      disposte all'intorno nell'atrio: pòrtati via con te i tuoi antenati,

      amante squattrinato! Senti un po', perché è bello pretenderà forse di

      godersi una notte gratuitamente? Prima chieda al suo amante qualcosa da

      donare a te. Mentre tendi le reti, chiedi un prezzo più modesto, perché

      non scappino; quando li hai accalappiati, spremili e imponi le tue

      condizioni. Neppure reca danno il fingere l'amore: lascia che creda di

      essere amato; bada solo che questo amore non sia senza ricompensa. Nega

      spesso le tue notti: una volta fingi un'emicrania; un'altra sarà Iside e

      fornirti un pretesto. Poi accoglilo nuovamente, perché non si abitui a

      subire questa situazione e il suo amore spesso respinto non si raffreddi.

      La tua porta rimanga sorda a chi si limita a pregare, si apra a chi reca

      doni; l'amante accolto in casa ascolti le parole dell'escluso; e talvolta

      adìrati con chi hai offeso come se fossi stata offesa tu per prima: la tua

      colpa, compensata dalla sua, perde importanza. Ma non dedicare mai troppo

      tempo all'ira: spesso l'ira prolungata ingenera odio. Anzi, i tuoi occhi

      sappiano versare lacrime a comando e, ora l'uno ora l'altro, bàgnino di

      pianto le guance; e se vorrai ingannare qualcuno, non esitare a

      spergiurare: Venere, quando si tratta di faccende amorose, rende gli dèi

      sordi. Siano pronti a spalleggiarti uno schiavo e un'ancella scaltra, che

      sappiano ben consigliare che cosa ti si possa comprare e chiedano poco per

      sé: se chiederanno poco a molti amanti, dopo breve tempo, a forza di

      pagliuzze, metteranno insieme un bel mucchio; anche la madre, la sorella e

      la nutrice pelino l'amante: si fa' presto un buon bottino quando le mani

      che arraffano sono molte. Quando ti mancheranno i pretesti per chiedere

      doni, mostra che è il giorno del tuo compleanno offrendo una focaccia.

      Bada bene che, privo di rivali, non goda di un amore tranquillo: se

      elimini le rivalità, l'amore non dura a lungo. Egli veda le tracce di un

      altro uomo su tutto quanto il letto e il tuo collo cosparso di lividi

      causati da morsi lascivi; soprattutto fa' in modo che veda i doni mandati

      dal rivale: se nessuno ti avrà fatto doni, dovrai cercarli nella Via

      Sacra. Quando gli avrai sottratto molte cose, tuttavia perché non siano

      proprio tutti doni, chiedi tu stessa in prestito qualcosa che non gli

      renderai mai. La lingua ti sia di aiuto e sappia nascondere il tuo

      pensiero: blandiscilo e maltrattalo; sotto il dolce del miele si possono

      celare crudeli veleni. Se tu applicherai questi precetti, che io conosco

      per lunga pratica, e i soffi del vento non si porteranno via le mie

      parole, spesso mi manderai benedizioni finché sarò in vita, e spesso,

      quando sarò morta, pregherai che le mie ossa riposino in pace.» Stava

      dicendo queste parole, quando la mia ombra mi tradì; e le mie mani si

      trattennero a stento dallo strappare i bianchi e radi capelli e dal

      dilaniare quegli occhi lacrimosi per il troppo vino e quelle gote piene di

      rughe. Gli dèi non ti concedano mai alcuna dimora, ti riservino una

      vecchiaia povera e infelice e lunghi inverni e una sete continua!

      

      9

      

      Ogni amante è un soldato e Cupìdo ha un suo accampamento; credimi, Attico,

      ogni amante è un soldato. Infatti l'età adatta per far la guerra va bene

      anche per far l'amore: è ignobile far combattere un vecchio, è ignobile

      una passione senile. Quegli stessi anni fiorenti che il capitano esige dal

      soldato coraggioso, la bella innamorata li esige dall'uomo che le è

      compagno: entrambi nella notte vegliano, entrambi riposano per terra;

      l'uno monta la guardia davanti alla porta della sua donna, l'altro davanti

      a quella del suo capitano. Il dovere di soldato comporta lunghi viaggi:

      manda lontano la ragazza, instancabile l'amante la seguirà fino in capo al

      mondo; affronterà i monti che incontrerà sul suo cammino e i fiumi gonfi

      per le piogge, calpesterà le nevi ammassate e, se dovrà solcare i mari,

      non addurrà a pretesto la furia dei venti e non scruterà il cielo cercando

      le costellazioni propizie per la navigazione. Chi, se non il soldato o

      l'amante, vorrà sopportare il rigore della notte e la neve mista a fitta

      pioggia? Uno viene inviato come esploratore contro terribili nemici,

      l'altro tiene d'occhio il rivale come un nemico. Questo stringe d'assedio

      importanti centri urbani, quello la soglia della crudele amica; questo

      sconquassa le porte della città, quello la porta della sua bella. Spesso

      fu utile attaccare i nemici immersi nel sonno e con le armi in pugno fare

      strage di una moltitudine inerme; così furono sconfitte le feroci schiere

      del tracio Reso e voi, cavalli, rapiti doveste abbandonare il vostro

      padrone: naturalmente anche gli amanti sfruttano il sonno dei mariti e,

      mentre i nemici dormono, mettono in azione le loro armi. È compito del

      soldato e dell'assiduo sfortunato amante oltrepassare schiere di custodi e

      squadre di guardia. Se Marte è insicuro, anche Venere non offre certezza:

      i vinti si riprendono, mentre soccombono quelli che mai avresti detto che

      potevano cadere. Perciò chiunque definiva l'amore come inerzia, la smetta:

      l'amore è indizio di un'indole intrapredente. Achille si consuma di dolore

      per la sottrazione di Briseide (finché ne avete la possibilità, o Troiani,

      fiaccate le forze argive); Ettore andava in battaglia reduce dagli

      amplessi di Andromaca ed era proprio la moglie a mettergli l'elmo in capo;

      si narra che il sommo dei duci, l'Atride, rimase attonito nel vedere la

      figlia di Priamo con le chiome sciolte come una Mènade; anche Marte,

      sorpreso in flagrante, dovette subire i lacci del fabbro divino: in cielo

      nessuna vicenda suscitò maggior scalpore. Anch'io ero pigro e nato per i

      molli ozii, il letto e la penombra avevano reso fiacco il mio animo; ma

      l'amore per una bella ragazza mi ha scrollato di dosso l'apatia e mi ha

      spinto a militare al suo servizio. Da allora tu mi vedi agile e pronto ad

      affrontare i combattimenti notturni; un rimedio c'è dunque per chi non

      voglia impigrire: l'amore.

      

      10

      

      Come colei che, rapita dalle sponde dell'Eurota su navi troiane, fu motivo

      di guerra fra due sposi, come Leda, che l'astuto amante, celato da bianche

      penne, sedusse sotto mentite spoglie di uccello, come Amìmone errò vagando

      per l'Argolide riarsa recando un'urna sul capo, così eri tu: ed io temevo

      per te l'aquila e il toro e qualunque altro aspetto poté assumere, spinto

      dall'amore, il sommo Giove. Ma ora ho scacciato ogni paura e ho liberato

      l'animo dal mio errore; ormai questa tua bellezza non rende più schiavi i

      miei occhi. Vuoi sapere perché sono cambiato? Perché chiedi una

      ricompensa: questo fa' sì che tu non mi piaccia. Finché eri ingenua, io

      amai di te il corpo e l'anima; ora la tua bellezza fisica è stata guastata

      da un difetto della tua indole. Amore è nudo e fanciullo, ha un'età che

      non conosce la gretta avarizia e, poiché non indossa alcuna veste, non può

      celare nulla. Perché volete che il figlio di Venere si venda per denaro?

      Egli non ha pieghe della veste in cui nasconderlo. Né Venere né suo figlio

      sono fatti per le armi crudeli: non si addice a dèi contrari alla guerra

      ricevere la paga di soldati. La puttana è disponibile per chiunque a un

      determinato prezzo e raccoglie infami ricchezze rendendo schiavo il suo

      corpo; costei però maledice gli ordini dell'avido protettore e fa' perché

      costretta quel che invece voi fate spontaneamente. Prendete ad esempio gli

      animali privi di raziocinio: sarà triste constatare che le bestie hanno

      un'indole migliore della vostra. La cavalla non chiede un compenso al

      cavallo, né la giovenca al toro, senza compensi l'ariete fa' sua la pecora

      che gli piace. Solo la donna gioisce per le spoglie rapite all'uomo, lei

      sola fa' mercato delle sue notti, lei sola fa' mercato di se stessa

      vendendosi e vende ciò che ad entrambi dà gioia, quel che entrambi

      desideravano, e stabilisce il prezzo a seconda del godimento che ella

      stessa prova. Quel piacere amoroso che egualmente ad entrambi giungerà

      gradito perché l'una deve venderlo e l'altro comprarlo? Perché quel

      piacere che l'uomo e la donna si procurano associando i loro movimenti

      deve essere fonte di danno per me e di guadagno per te? Non è bello che

      testimoni prezzolati vendano i loro spergiuri; non è bello che la

      cassaforte di un giudice prescelto resti aperta; è ignobile difendere dei

      miseri imputati con un'eloquenza comperata, è ignobile un tribunale che

      tenga in gran conto le ricchezze; è ignobile aumentare gli averi paterni

      con i guadagni del letto e prostituire per lucro la propria bellezza. È

      giusto provare riconoscenza quando hai ricevuto qualcosa senza pagare; ma

      nessuna riconoscenza è dovuta se hai preso in affitto un letto con sporco

      denaro: chi prende in affitto, quando ha versato la somma pattuita, ha

      pagato tutto; egli non ti resta debitore per le tue prestazioni. Evitate,

      o belle, di pattuire il compenso per una notte: il denaro guadagnato in

      maniera abietta va a finire male. Non valeva la pena che la sacra vergine

      ottenesse come compenso i braccialetti dei Sabini per farsi poi

      schiacciare la testa dai loro scudi. Un figlio trapassò con la spada il

      ventre che lo aveva dato alla luce e la causa di questo castigo fu un

      gioiello. Tuttavia non è un delitto chiedere regali a un ricco: egli ha i

      mezzi per fare regali a chi glieli chiede; cogliete pure i grappoli che

      pendono dalle viti cariche, gli orti di Alcinoo offrano largamente i loro

      frutti. Il povero paga con i buoni uffici, con le cure, con la fedeltà;

      ciascuno metta tutto quel che possiede a disposizione della sua donna. Io

      ho anche la dote di rendere famose le fanciulle che lo meritano con i miei

      canti: colei che io voglio diviene celebre grazie alla mia poesia. Le

      vesti si lacereranno, le pietre preziose e perfino l'oro andranno in

      frantumi; ma la fama donata dalla poesia durerà eterna. Del resto non è il

      donare che mi indigna e mi disgusta, ma il ricevere la richiesta di un

      compenso; smetti di esigere, e quel che ti nego quando mi viene chiesto,

      te lo donerò.

      11

      

      O Nape, tu che sai l'arte di raccogliere i capelli scomposti e di

      acconciarli, tu che non sei da porre nel numero delle ancelle e di cui ho

      avuto modo di apprezzare i servigi nelle furtive attività notturne e la

      scaltrezza nel linguaggio dei cenni, tu che hai spesso indotto l'esitante

      Corinna a venire da me e la cui fedeltà ho più volte sperimentato nei

      momenti difficili, prendi queste tavolette che ho scritto stamattina e

      portale alla tua padrona e rimuovi con sollecitudine gli ostacoli e i

      motivi di indugio. Tu non hai il cuore duro come la pietra o come il

      ferro, né sei più ingenua di quel che conviene; c'è da credere che anche

      tu sia stata ferita dalle saette di Cupìdo: aiutando me difendi l'insegna

      sotto la quale militi anche tu. Se ti chiede che cosa faccio, le dirai che

      vivo nella speranza di una notte; il resto l'hanno scritto con amore sulla

      cera le mie mani. Mentre parlo, il tempo vola via: consegnale le mie

      tavolette mentre è libera, ma, in ogni modo, procura che le legga sùbito.

      Mentre legge, ti raccomando di osservarle la fronte e gli occhi: anche sul

      viso di chi tace è possibile leggere quel che accadrà. Poi non concederle

      indugi: appena ha finito di leggere, falle scrivere una lunga risposta:

      odio vedere nelle tavolette larghi spazi vuoti, coperti di lucida cera.

      Scriva le parole strette strette e i miei occhi siano costretti a

      indugiare su una lettera semicancellata scritta sul bordo estremo. Ma del

      resto che motivo c'è che le sue dita si stanchino ad impugnare lo stilo?

      L'intera tavoletta sia occupata da una sola parola: «Vieni». Io allora non

      esiterei un momento a cingere di alloro le tavolette del mio trionfo e a

      collocarle nel tempio di Venere. Sotto scriverei questa dedica: NASONE

      CONSACRA A VENERE LE SUE FEDELI AIUTANTI. POC'ANZI ERAVATE SOLTANTO

      MODESTO LEGNO D'ACERO.

      12

      

      Compiangete le mie sventure: le tavolette hanno compiuto un mesto ritorno;

      una triste lettera dice che oggi non è possibile. I presagi hanno un loro

      valore: poco fa, mentre era in procinto di andarsene, Nape si è fermata

      dopo aver inciampato sulla soglia. Quando uscirai un'altra volta,

      ricòrdati di varcare la soglia con maggior cura e di stare attenta a

      sollevare in alto i piedi. Andatevene via di qua, dannate tavolette, legno

      buono per costruire bare, e vattene anche tu, cera, piena di risposte

      negative, raccolta, credo, da un fiore di lunga cicuta e inviata da un'ape

      della Corsica sotto il suo miele amaro! Eppure rosseggiavi come se fossi

      stata tinta a fondo con minio: in realtà quel colore era ottenuto col

      sangue. Scaraventate per terra, possiate marcire in un crocicchio, dannose

      tavolette, e il peso di una ruota che vi passa sopra possa spezzarvi!

      Dimostrerò che anche colui che da pianta vi mutò in utensili aveva mani

      sacrileghe; quanto all'albero, esso offerse a un poveraccio la maniera di

      impiccarsi e fornì al boia croci funeste; offerse la sua tetra ombra a

      striduli gufi e i suoi rami furono il nido per uova di avvoltoi e di

      civette. Ed io fui tanto pazzo da affidare il mio amore a questo legno e

      da consegnare ad esso dolci messaggi da portare alla mia donna? Queste

      tavolette cerate meglio potrebbero contenere una particolareggiata

      promessa di comparsa in giudizio, che un procuratore potrebbe leggere con

      voce aspra; starebbero meglio fra i libri contabili e i registri, sui

      quali il taccagno segna piangendo i denari che ha speso. Io dunque vi ho

      scoperto anche nella realtà «doppie», come indica il vostro nome: perfino

      il numero non era di buon auspicio. Che cosa potrei augurarvi nella mia

      collera, se non che la vecchiaia, che tutto consuma, vi faccia tarlare e

      che la cera sbiadisca per la sozza putredine?

      13

      

      Lasciato l'annoso marito, sopraggiunge ormai, sorvolando l'oceano, la

      bionda dea che porta il giorno sul carro coperto di brina. Dove ti

      affretti, Aurora? Férmati: così ogni anno gli uccelli possano celebrare un

      solenne sacrificio funebre per l'ombra di Mèmnone. Ora per me è bello

      starmene abbandonato fra le morbide braccia della mia donna; ora, se mai

      altre volte, ella è strettamente allacciata al mio fianco. Ora si fanno

      anche sonni profondi e l'aria è fresca e gli uccelli intonano limpidi

      gorgheggi con l'esile gola. Dove ti affretti, sgradita agli uomini e alle

      donne? Trattieni con la tua mano splendente le redini rugiadose. Prima del

      tuo sorgere il marinaio scruta meglio le stelle e non va errando senza

      sapersi dirigere in mezzo al mare; al tuo apparire, benché stanco, il

      viandante si alza e il soldato riprende a maneggiare le armi crudeli; tu

      sei la prima a vedere i contadini col bidente in spalla e la prima a

      chiamare i lenti buoi sotto il curvo giogo; tu rubi il sonno ai fanciulli

      e li affidi ai maestri, perché le loro mani delicate subiscano sferzate

      crudeli, e sei sempre tu che costringi la gente a mettersi l'abito buono e

      a rendersi garante per qualcuno davanti al tempio di Vesta, salvo il

      subire poi gravi conseguenze per aver detto una sola parola; tu non giungi

      gradita né al giureconsulto né all'avvocato: entrambi sono costretti ad

      alzarsi per affrontare nuove cause; tu, mentre le donne potrebbero imporre

      una sosta alle loro occupazioni, richiami la mano della filatrice al suo

      lavoro. Tutto avrei potuto tollerare; ma chi può accettare che le

      innamorate si alzino di buon mattino, se non chi l'innamorata non ce l'ha?

      Quante volte mi sono augurato che la notte non volesse lasciarti il posto

      e che al tuo apparire le stelle spinte via non fuggissero! Quante volte mi

      sono augurato o che il vento mandasse in frantumi il tuo carro o che uno

      dei cavalli ruzzolasse, dopo essere rimasto invischiato in una densa

      nuvola! Dove ti affretti, piena di livore? Tu avevi un figlio dalla pelle

      nera, perciò quello doveva essere il colore del tuo cuore di madre. Io

      vorrei che a Titone fosse permesso di parlare di te: nel cielo non ci

      sarebbe nessuna storia più ignobile. Per fuggire da lui, perché troppo

      vecchio sotto il carico degli anni, ti alzi presto dal suo letto e sali

      sul tuo carro odioso; ma se tu stringessi fra le braccia uno come Céfalo,

      allora grideresti: «Correte adagio, cavalli della notte!» Se il tuo uomo è

      disfatto dalla vecchiaia, perché devo essere io a subirne le conseguenze?

      È forse dietro mio consiglio che hai sposato un vecchio? Pensa quante ore

      di sonno ha concesso la Luna al giovane amato, e la sua bellezza non è

      certo inferiore alla tua. Perfino il padre degli dèi, per non vederti

      tanto di frequente, unì insieme due notti per appagare i suoi desiderî. Io

      avevo posto fine alle mie proteste. C'era da credere che mi avesse

      ascoltato: era rossa; eppure il giorno non spuntò più tardi del solito.

      14

      

      Te lo dicevo: «Smetti di tingerti i capelli!»; ora capelli da tingere non

      ne hai più. Eppure, se tu mi avessi dato ascolto, che cosa c'era di più

      fluente di essi? Ti arrivavano fino all'estremità del fianco, là dove esso

      si incurva allargandosi. Anzi, erano fini tanto che c'era da aver paura a

      pettinarli, sottili come i veli dei bronzei Seri o come il filo che il

      ragno tende con le sue zampette, quando tesse la sua trama leggera sotto

      una trave abbandonata. Essi non erano neri e tuttavia non erano biondi,

      ma, benché non fossero né biondi né bruni, avevano l'uno e l'altro colore,

      lo stesso che, nelle umide, scoscese valli dell'Ida, presenta un superbo

      cedro al quale sia stata strappata la corteccia. Aggiungi che erano

      morbidi e si prestavano a cento acconciature e certo non erano per te

      motivo di sofferenza: non fu lo spillone a strapparli, non i denti del

      pettine; la pettinatrice poteva star tranquilla per la propria incolumità;

      spesso la padrona fu da lei pettinata davanti ai miei occhi e mai le

      strappò lo spillone per pungerle le braccia. Molte altre volte, al

      mattino, ella rimase semisdraiata sul letto coperto di porpora con i

      capelli ancora in disordine; eppure anche allora, benché scarmigliata, era

      bella, come una baccante tracia quando giace spossata e scomposta sul

      verde tappeto dell'erba. Benché fossero delicati e fini come lanugine,

      quanti tormenti sopportarono, ahimè, i tuoi poveri capelli! Con quanta

      pazienza si offrivano al ferro caldo per essere intrecciati e arricciati

      in sinuose volute! Io gridavo: «È un delitto bruciare questi capelli, un

      vero delitto. Sono belli naturalmente: risparmia, o crudele, la tua

      chioma. Tieni lontano da essa questa violenza: non sono capelli da

      bruciare; sembra che indichino da soli dove va posto lo spillone.» Ora la

      bella chioma, di cui Apollo e Bacco avrebbero desiderato avere il capo

      adorno, è rovinata; io l'avrei paragonata con quella che, come appare nel

      dipinto, Venere, sorgendo un giorno nuda dall'acqua, sostenne con mano

      stillante. Perché ti lamenti di aver perduto dei capelli che ritenevi mal

      disposti? Perché, sciocca, deponi lo specchio con mano dolente? Ti guardi

      con occhi non avvezzi a vederti così: per piacere a te stessa devi

      dimenticare com'eri. Non sono state le erbe incantate di una rivale a

      nuocerti, non è stata una perfida strega a lavarti i capelli con acqua

      emonia, non ti ha recato danno una violenta malattia (lontano da te questo

      triste presagio!), non sono state le maledizioni di una lingua invidiosa a

      rendere meno folta la tua chioma: tu soffri per una perdita voluta dalla

      tua mano colpevole; tu stessa ti versavi sul capo quei miscugli velenosi.

      Ora dalla Germania ti invieranno capigliature di schiave; potrai star

      tranquilla grazie a un popolo su cui abbiamo celebrato il trionfo. O

      quante volte, mentre qualcuno ammira i tuoi capelli, arrossirai e dirai:

      «Ora ricevo lodi per una merce che ho acquistata: lodando me, costui loda

      ora non so quale Sigambra; però mi ricordo di un tempo in cui la lode

      toccava veramente a me.» - Me infelice! Ella fatica a trattenere le

      lacrime e con la destra nasconde il viso, mentre il rossore si dipinge

      sulle sue guance delicate; ella tiene in grembo i suoi capelli d'un tempo

      e li guarda, ornamento, ahimè, certo non degno di quel luogo. - Ma tu

      cerca di riprendere insieme il tuo aspetto e il tuo coraggio: è un danno a

      cui si può rimediare: ben presto ti si potrà ammirare con i tuoi capelli

      naturali.

      15

      

      Perché, Invidia vorace, mi rinfacci gli anni trascorsi nell'ozio e

      definisci la mia poesia opera di un ingegno indolente, perché mi rinfacci

      di non ambire, sulle orme dei padri e finché mi sorregge la gagliardia

      della giovinezza, ai polverosi allori della guerra e di non voler imparare

      a memoria leggi prolisse e di non prostituire la mia eloquenza nel foro a

      me sgradito? Tu mi richiedi un'opera destinata a perire; io cerco una

      gloria imperitura per essere sempre celebrato in tutto il mondo. Il

      cantore meonio vivrà finché non crolleranno Té nedo e l'Ida, finché il

      Simoenta riverserà nel mare le sue acque tumultuose; e vivrà il poeta di

      Ascra fino a quando l'uva diverrà mosto fermentando, fino a quando la

      spiga cadrà sotto la falce ricurva; il Battìade sarà celebrato in eterno

      in tutto il mondo, benché si distingua per la tecnica, non per l'ingegno;

      lo stile tragico di Sofocle non conoscerà declino; la stella di Arato

      brillerà sempre, col sole e con la luna; finché esisteranno uno schiavo

      ingannatore, un padre severo, una sporca ruffiana e una cortigiana

      adescatrice, vivrà Menandro; Ennio ignaro d'artifici e Accio dagli animosi

      accenti hanno un nome che non conoscerà mai tramonto; a quale età saranno

      ignoti il nome di Varrone e la prima nave e il vello d'oro conquistato

      sotto il comando del figlio di Èsone? I versi del sublime Lucrezio sono

      destinati a perire solo allora quando in un sol giorno tutta la terra sarà

      distrutta; il nome di Tìtiro e le messi e le armi di Enea saranno letti

      fintanto che Roma sarà la capitale del mondo su cui ha trionfato; finché

      le fiamme d'amore e l'arco saranno le armi di Cupìdo, si impareranno i

      tuoi versi armoniosi, o raffinato Tibullo; Gallo sarà noto a Oriente e a

      Occidente e con Gallo sarà nota la sua Licoride. Dunque, mentre perfino le

      rocce, perfino il dente del duro aratro si consumano col tempo, la poesia

      non conosce la morte: si arrendano alla poesia i re e i loro trionfi, si

      arrenda anche la fertile riva del Tago, la cui onda trascina oro. La gente

      comune continui pure ad ammirare le cose comuni; a me il biondo Apollo

      riempia la coppa di acqua attinta alla fonte Castalia e possa io poggiare

      sui capelli il mirto che teme il freddo e l'ansioso amante legga e rilegga

      i miei versi. L'Invidia trova il suo pasto fra i vivi; dopo la morte si

      acquieta, quando ciascuno è tutelato dalla gloria che si è meritato:

      perciò anche quando il fuoco supremo avrà consumato il mio corpo, io vivrò

      ancora e gran parte di me sopravviverà.

      LIBRO SECONDO

      

      

      1

      

      Io, Nasone, poeta della mia dissolutezza, nato nell'umida terra dei

      Peligni, ho composto anche questo libro; anche questo me lo ha imposto

      Amore; e voi, moralisti, statevene lontano, lontano da qui: non siete

      ascoltatori adatti ai miei molli ritmi. Leggano i miei carmi una fanciulla

      appassionata alla presenza del fidanzato e un ragazzo inesperto, appena

      colpito dall'amore per lui sconosciuto; e qualche giovane, ferito da quel

      medesimo arco che ora ha ferito me, riconosca i sintomi che rivelano la

      passione e rimasto a lungo stupito dica: «Per suggerimento di chi questo

      poeta ha potuto mettere in versi le mie vicende?» Io avevo osato, mi

      ricordo, cantare le guerre degli dèi e Gige dalle cento mani (e avevo

      ispirazione sufficiente) e il tempo in cui la Terra si vendicò duramente e

      il ripido Ossa, sovrapposto all'Olimpo, sopportò il peso dello scosceso

      Pelio: avevo tra le mani i nembi, Giove e il fulmine che egli avrebbe

      opportunamente scagliato per difendere il suo cielo. Ma la mia donna mi

      chiuse la porta: allora io lasciai perdere Giove e il suo fulmine; perfino

      Giove venne meno alla mia ispirazione. Perdonami, Giove: le tue armi non

      mi erano di alcun aiuto; la porta chiusa possiede un fulmine più potente

      del tuo. Ripresi allora le mie armi, le morbide e tenui elegie: le dolci

      parole intenerirono i crudeli battenti. I carmi hanno il magico potere di

      far scendere verso di noi i corni della luna rossa di sangue e di

      richiamare durante la corsa i bianchi cavalli del sole; i carmi riducono i

      serpenti in pezzi con le fauci squarciate e rinviano alla sorgente le

      acque correnti; alla magia dei carmi hanno ceduto anche i battenti e dai

      carmi è stata vinta, benché fosse di quercia, perfino la spranga infilata

      nello stipite. Quanto mi potrebbe giovare l'aver cantato il veloce

      Achille? Che cosa potranno fare per me l'uno e l'altro Atride, e Ulisse,

      che trascorse vagando tanti anni quanti aveva perduto in guerra, e il

      misero Ettore trascinato dai cavalli tessalici? Ma dopo che ho spesso

      lodato la bellezza di una tenera fanciulla, è lei stessa a venire dal

      poeta, come premio per i suoi carmi. È questa una grande ricompensa:

      addio, dunque, nomi famosi d'eroi: i vostri favori non fanno per me; ma

      voi, giovani, volgete i bei visi a questi carmi, che il fulgido Amore mi

      viene dettando.

      

      2

      

      O Bagoo, che hai il compito di custodire la padrona, dammi ascolto mentre

      ti espongo poche, ma opportune, considerazioni. Ieri ho visto la mia donna

      che se ne andava a spasso sotto i portici nei quali è raffigurata la

      schiera delle Danaidi. Sùbito, d'istinto, le mandai un biglietto con delle

      proposte; ella con mano tremante mi rispose: «Non è possibile» e quando le

      chiesi perché non era possibile, mi spiegò che la tua vigilanza su di lei

      è troppo accurata. Se sei furbo, custode, dammi retta, smetti di

      conquistarti il suo odio: ognuno desidera la morte di colui che gli fa'

      paura. Ma anche l'amante è poco furbo: perché infatti affaticarsi a

      custodire quel che non si consuma affatto, anche se non lo custodisci? Ma

      quel pazzo si comporti pure come lo spinge a fare il suo amore e continui

      a credere che sia casto quel che piace a molti; tu però per tua generosità

      concedi a lei di nascosto una certa libertà, perché poi lei restituisca a

      te quella che tu hai concesso a lei. Vuoi esserle complice? La padrona

      diventerà soggetta al suo schiavo; hai paura di esserle complice? Puoi

      sempre far finta di nulla. Leggerà una lettera per conto suo: tu fa' conto

      che gliel'abbia inviata sua madre; verrà uno sconosciuto: dopo poco saprai

      chi è; andrà a far visita a un'amica malata, che in realtà sta benissimo:

      vada pure a farle visita; quella, per quanto ne sai tu, è malata. Se

      ritarderà, perché una lunga attesa non ti affatichi, puoi russare

      appoggiando la testa sul petto. Non domandarti quel che può accadere nel

      tempio di Iside, velata di lino, e non temere i curvi teatri. Il complice

      di una colpa segreta ne trarrà continui vantaggi: e poi esiste forse una

      fatica minore del silenzio? Egli diviene il favorito, può governare a suo

      piacimento la casa senza essere sferzato, è lui che detiene il potere; gli

      altri strisciano a terra, folla spregevole. Per lei vengono inventati vani

      pretesti perché rimangano nascosti i motivi veri; ed entrambi i padroni

      approvano quel che ella sola approva. L'amante dopo aver ben mostrato il

      viso corrucciato, dopo aver corrugato la fronte, finisce poi col fare quel

      che voleva la donna lusingatrice. Ma tuttavia talvolta attacchi lite anche

      con te e finga di piangere e ti chiami boia; tu, per contro, rinfàcciale

      colpe che ella possa controbattere con tutta tranquillità e sappi togliere

      credibilità alle colpe vere con accuse false. Così aumenterà sempre la tua

      rispettabilità, così aumenteranno i tuoi risparmi; fa' come ti dico: in

      breve tempo sarai libero. Vedi le catene attorcigliate al collo delle

      spie? Un tetro carcere trattiene coloro nel cui animo non alberga la

      lealtà. Tàntalo, benché immerso nell'acqua, brama l'acqua e cerca di

      afferrare i frutti che gli sfuggono: questo gli ha procurato la sua lingua

      incapace di tacere; mentre custodiva troppo attentamente Io, il custode

      inviato da Giunone morì prima del tempo; Io è diventata dea. Ho visto con

      i miei occhi uno schiavo, dal quale un marito era stato a forza informato

      del tradimento della moglie, con le gambe piene dei lividi lasciati dai

      ceppi; punizione inferiore alla colpa: la sua lingua malefica recò danno a

      due persone; il marito fu addolorato, la donna fu danneggiata nella sua

      reputazione. Dammi retta, a nessun marito giungono gradite le accuse e,

      anche se le ascolta, non gli fanno piacere: o il suo amore è tiepido, e

      allora tu fai una inutile denuncia ad orecchie noncuranti; oppure egli è

      davvero innamorato, e allora per colpa tua diventa infelice. La colpa poi,

      anche se evidente, non è facile da dimostrare: la donna si presenta

      protetta dal favore del suo stesso giudice. Anche se l'avrà vista di

      persona, egli le presterà ugualmente fede quando dirà che non è vero, e

      darà la colpa ai propri occhi e ingannerà se stesso; se poi dovesse

      scorgere le lacrime della padrona, piangerà anch'egli e dirà: «Ne pagherà

      il fio questo pettegolo.» Perché affronti un combattimento impari? Per te,

      dopo la sconfitta, son pronte le frustate, mentre ella se ne sta seduta in

      braccio al giudice. Non stiamo tramando un delitto, non ci uniamo per

      preparare velenose misture, nella nostra mano non risplende il bagliore di

      una spada sguainata; chiediamo solo di poterci amare tranquillamente con

      la tua complicità: che cosa può essere più inoffensivo delle nostre

      preghiere?

      

      3

      

      Povero me! A custodire la mia donna sei tu, che non sei né maschio né

      femmina, e non hai la possibilità di conoscere le scambievoli gioie di

      Venere. Chi per primo evirò i fanciulli avrebbe dovuto subire lui stesso

      la mutilazione che ha inferto. Tu saresti dolce e docile nell'accontentare

      chi ti rivolge preghiere, se già ti fossi acceso d'amore per una donna.

      Non sei nato per la vita equestre, non sei adatto alle armi valorose, né

      alla tua destra si addice l'asta di guerra. Di codeste cose si occupino i

      veri maschi; abbandona queste prospettive virili: tu devi marciare sotto

      le insegne della tua padrona. Colmala di servizi, e possa la sua

      riconoscenza giovarti; se lei ti venisse a mancare, quale sarebbe la tua

      funzione? Ella è anche bella, è nell'età fatta per i giuochi d'amore; la

      sua bellezza non merita di intristire in un malinconico abbandono. Benché

      tu sia ritenuto un tipo duro, avrebbe potuto ingannarti: la concorde

      volontà di due persone non manca di raggiungere lo scopo. Ma sarà più

      opportuno cercare di convincerti con le preghiere: ti preghiamo finché hai

      il tempo di bene impiegare i tuoi servizi.

      

      4

      

      Io non avrei il coraggio di difendere costumi disonesti e di impugnare

      armi ingannatrici in difesa delle mie colpe. Anzi, confesso, se confessare

      i peccati può in qualche modo giovare; ma ora, dopo la confessione, ricado

      come un insensato nelle mie colpe. Le odio, ma non riesco a non bramare

      quel che odio: ahimè, com'è pesante da portare quel che vorresti deporre a

      terra! Mi mancano le forze e l'autorità per governare me stesso; mi lascio

      trasportare, come una nave sospinta dall'onda impetuosa. Non esiste una

      bellezza ben definita che susciti in me l'amore, ma ci sono cento motivi

      perché io sia sempre innamorato. Se una tiene gli occhi modestamente

      abbassati verso terra, io brucio d'amore, ed è la sua riservatezza a farmi

      cadere nell'agguato; se una è provocante, mi conquista perché non è

      ingenua e mi fa' sperare che saprà come muoversi su un morbido letto; se

      si è mostrata dura e seguace delle austere Sabine, io ritengo che sia

      piena di voglia, ma finga dal più profondo dell'animo; se sei colta, mi

      piaci perché possiedi doti rare; se sei inesperta, è la tua ingenuità a

      conquistarmi. C'è quella che definisce rozze le poesie di Callimaco

      rispetto alle mie: quella a cui piaccio, mi piace immediatamente; ma c'è

      anche quella che critica me come poeta e le mie poesie: benché mi

      critichi, avrei voglia di sentire su di me il peso della sua coscia.

      Avanza con passo flessuoso: i suoi movimenti mi conquistano; un'altra è

      rigida: al contatto con l'uomo potrà certo divenire più flessibile. A

      questa, siccome canta dolcemente e modula la voce con estrema facilità, io

      vorrei strappare dei baci mentre canta; quest'altra percorre le flebili

      corde con abili dita: chi potrebbe non amare mani tanto esperte? Quella mi

      piace per il portamento, perché sa muovere armoniosamente le braccia e

      piegare lascivamente il fianco delicato: ma non parliamo di me, che mi

      eccito per qualunque motivo: poni là un Ippolito, diventerà un Priapo. Tu,

      alta come sei, somigli alle antiche eroine e con quella statura puoi

      occupare il letto per intero; questa così piccolina è fatta per le

      carezze: io sono sedotto da entrambe; sia la alta che la piccolina

      corrispondono ai miei desideri. Se è priva di eleganza, io immagino quanto

      l'eleganza potrebbe aggiungere alla sua bellezza; se è elegante, vuol dire

      che sa mettere in mostra da sola le proprie qualità. La donna dal bianco

      incarnato mi conquisterà, mi conquisterà quella con la pelle dorata; ma

      l'amore è piacevole anche quando il colorito è bruno. Sono neri i capelli

      che cadono su un collo bianco come neve? Ebbene, proprio con i suoi

      capelli neri Leda attirava gli sguardi. I capelli sono biondi? L'Aurora

      era ammirata per i suoi capelli d'oro: il mio amore sa adattarsi a

      qualsiasi evenienza. La gioventù mi stuzzica, l'età più matura mi turba:

      la prima è superiore per l'avvenenza, l'altra per l'esperienza. Insomma,

      quelle donne che in un qualsiasi angolo di Roma destano l'ammirazione, il

      mio amore le vuole tutte per sé.

      

      5

      

      Nessun amore vale tanto (vàttene lontano, Cupìdo, con la tua faretra) che

      così spesso io debba desiderare la morte con tutto il cuore. Desidero la

      morte ogni volta che, me misero, ripenso ai tuoi tradimenti, o donna nata

      solo per farmi del male. Non sono le lettere da me scoperte a svelarmi i

      tuoi misfatti, né i doni che ricevi di nascosto ad accusarti. Potessi io

      sempre incolparti, senza mai riuscire a dimostrarti colpevole! Me

      infelice, perché la mia è una causa già vinta? Beato chi ha l'ardire di

      difendere fino in fondo l'oggetto del suo amore, l'uomo a cui l'amante può

      dire: «Non ho fatto nulla.» È insensibile e seconda troppo il proprio

      dolore chi raggiunge una vittoria che gli costa sangue, dimostrando che

      l'imputata è colpevole. Io stesso, infelice, mentre tu credevi che

      dormissi, sobrio, pur avendo vicino la coppa, ho assistito ai vostri

      delitti: ho visto che vi dicevate molte cose col moto delle sopracciglia;

      i vostri cenni erano assai eloquenti. Anche i tuoi occhi parlavano;

      scriveste sulla tavola col vino e qualche lettera fu composta col muto

      alfabeto delle dita. Riconobbi il linguaggio che sa esprimere quel che non

      appare e le parole usate convenzionalmente per significare cose

      prestabilite. Numerosi convitati avevano ormai abbandonato la tavola;

      erano rimasti solo due giovani pieni di sonno: proprio allora vi vidi

      scambiarvi baci lascivi (erano evidentemente dati con la lingua), quali

      una sorella non avrebbe dato all'austero fratello, ma quali avrebbe dato

      una languida compagna all'amante appassionato; quali non si può credere

      che Diana dia a Febo, ma quali più volte Venere diede al suo Marte. «Che

      fai?» grido «Dove sprechi gioie che sono mie? Rivendicherò i miei diritti

      di padrone. Sono gioie che dobbiamo condividere solo noi due: perché un

      terzo si inserisce per goderne?» Io dissi questo e tutto ciò che mi

      dettava il dolore; ma il viso di lei si tinse del colpevole rossore della

      vergogna. Come si colora appena di rosso il cielo davanti alla moglie di

      Titone, o una fanciulla allo sguardo del promesso sposo; come risplendono

      le rose miste ai gigli, o la Luna quando si eclissa perché i cavalli si

      sono fermati per un incantesimo; o l'avorio dell'India che le donne di

      Meonia tingono perché non ingiallisca col trascorrere degli anni: così il

      suo incarnato era molto simile a uno di questi colori, e mai ella fu più

      bella. Aveva lo sguardo rivolto a terra: e volgere lo sguardo a terra le

      donava; era mesta in volto: e la mestizia le si addiceva. Così com'erano

      (ed erano ben pettinati) ebbi l'impulso di strapparle i capelli e di

      avventarmi contro le sue morbide guance; ma come vidi il suo viso, le

      forti braccia mi caddero: la mia donna fu ben difesa dalle sue armi. Io,

      che poc'anzi ero spietato, umilmente e spontaneamente la pregai di darmi

      baci non inferiori a quelli. Scoppiò a ridere e mi diede di cuore baci

      eccezionali, che avrebbero potuto far cadere dalle mani di Giove irato il

      fulmine a tre punte: sono in preda alla tormentosa angoscia che questi

      baci squisiti li abbia gustati quell'altro e vorrei almeno che non fossero

      stati così dolci. Questi poi erano molto più raffinati di quelli che le

      avevo insegnato e mi parve che avesse imparato qualcosa di nuovo. È un

      male che mi siano piaciuti troppo, che la tua lingua sia stata interamente

      accolta dalle mie labbra e la mia dalle tue. E tuttavia non per questo

      solo mi lamento, non mi dolgo soltanto di questi baci così appassionati,

      benché anche di essi mi dolga: essi non poterono essere appresi che a

      letto ed io non so chi sia il maestro così ben ricompensato.

      

      6

      

      Il pappagallo, l'uccello parlante proveniente dalle Indie Orientali, è

      morto: accorrete numerosi al suo funerale, o alati; accorrete, in volo

      pietoso, e percuotetevi il petto con le ali e graffiatevi le gote con le

      dure unghie; in mancanza dei capelli, strappatevi mestamente le piume

      irte, al posto della lunga tromba fate risuonare i vostri canti. Tu che

      piangi per il delitto dell'ismario Tèreo, Filomèla, codesto lamento nel

      tempo si è ormai placato; volgilo ora al triste compianto di quest'uccello

      raro: Iti è motivo di grande dolore, ma è un dolore ormai lontano. Voi

      tutti che librate il vostro volo nell'aria tersa esprimete il vostro

      dolore, ma soprattutto tu, tortora amica. Tutta la vita trascorse per voi

      in piena concordia e un'amicizia leale e duratura vi accompagnò fino

      all'ultimo. La tortora era per te, finché vi fu concesso, o pappagallo,

      quel che il giovane focese fu per l'argolico Oreste. Eppure a che ti giova

      questa fedeltà, a che l'eccezionale vivezza dei tuoi colori, a che la voce

      abile a pronunciare suoni diversi, a che l'esser piaciuto alla mia donna,

      non appena le fosti donato? Tu, ch'eri un vanto per gli uccelli, giaci

      dunque, infelice, senza vita. Nonostante la tua fragilità, con lo

      splendore delle tue piume riuscivi ad oscurare perfino gli smeraldi; il

      tuo becco purpureo aveva il colore rosso dello zafferano. Non ci fu mai

      sulla terra un uccello così abile nell'imitare la voce umana, tanto eri

      bravo nel ripetere le parole con quel tono strascicato. Una sorte maligna

      ti ha rapito: eppure non eri tu a suscitare guerre crudeli; ti piaceva

      chiacchierare e amavi la tranquillità della pace. Guarda: le quaglie

      vivono fra continue battaglie e, forse proprio per questo, riescono spesso

      a diventare vecchie! Bastava una briciola per saziarti; d'altronde il tuo

      desiderio di parlare era così grande che non avevi mai il becco libero per

      ricevere molto cibo. Il tuo cibo era una noce e qualche papavero

      soporifero, una goccia d'acqua bastava a placare la tua sete. Vive il

      vorace avvoltoio e vive lo sparviero, che descrive i suoi cerchi

      nell'aria, e la gracchia, che chiama la pioggia; e vive la cornacchia,

      odiosa a Minerva guerriera, anzi essa a stento muore quando siano

      trascorse nove generazioni. E invece l'eco della voce umana, il pappagallo

      ciarliero, portato in dono dagli estremi confini del mondo, è morto. Sono

      quasi sempre le cose più belle a venir rapite per prime dalle avide mani

      della morte, mentre le peggiori compiono per intero il proprio corso:

      Tersite poté assistere ai mesti funerali di Protesilao ed Ettore era ormai

      cenere mentre i suoi fratelli vivevano ancora. A che narrarti le pietose

      preghiere innalzate per te dalla trepida padrona, preghiere che un vento

      di tempesta disperse per il mare? Giunse il settimo giorno, che non

      avrebbe avuto un domani, e ormai la Parca era rimasta senza filo per la

      tua conocchia; eppure le parole non cessarono nel tuo becco ormai privo di

      forze; morendo gridasti: «Addio, Corinna.» Alle pendici del colle Elisio

      vi è un bosco di elci dalle foglie scure e l'umida terra verdeggia di erbe

      perenni. Se si può prestar fede a un'oscura leggenda, quel luogo è

      riservato agli uccelli buoni ed è interdetto a quelli di malaugurio:

      laggiù, in quell'ampia distesa, vivono i tranquilli cigni, e l'immortale

      fenice, di cui non esiste l'uguale; anche il pavone, caro a Giunone,

      dispiega le sue penne e la dolce colomba dona baci al suo maschio ardente.

      Accolto tra questi buoni uccelli nella boscosa dimora, il pappagallo

      attira la loro attenzione, perché parla. Un tumulo ricopre le sue ossa, un

      tumulo grande come il suo piccolo corpo; e sulla piccola lapide una breve

      iscrizione: DA QUESTA STESSA TOMBA SI PUO COMPRENDERE CHE FUI CARO ALLA

      PADRONA. SAPEVO PARLARE MEGLIO DI QUANTO SIANO CAPACI DI FARE GLI UCCELLI.

      

      7

      

      Dovrò dunque sopportare di essere accusato di colpe sempre nuove? Benché

      sia io ad uscirne vincitore, mi dispiace di aver dovuto battagliare tante

      volte. Se nel teatro, adorno di statue marmoree, io volgo lo sguardo verso

      i posti più alti, tu scegli fra le molte spettatrici una rivale di cui

      dolerti; se poi è una donna che ingenuamente mi guarda senza parlare, sul

      suo viso tu cogli muti cenni d'intesa; se ho lodato qualcuna, ti avventi

      con le unghie sui miei poveri capelli, se la critico, pensi che io voglia

      nascondere una colpa; se ho un bel colorito, dici che non nutro alcun

      interesse per te, se invece sono pallido, è perché, tu dici, mi consumo

      d'amore per un'altra. Io vorrei avere sulla coscienza un peccato: chi l'ha

      meritato sopporta il castigo con animo rassegnato. Ma tu mi accusi alla

      cieca e, credendo a tutto senza motivo, togli tu stessa valore alla tua

      collera: pensa all'asinello dalle lunghe orecchie e dal triste destino:

      benché sferzato di continuo procede lentamente. Ecco il mio ultimo

      delitto: tu rimproveri a Cipàsside, tanto abile nel pettinarti, di aver

      contaminato con me il letto della padrona. Se mi venisse la brama di

      tradirti, gli dèi mi salvino dal desiderare un'amante volgare di

      condizione servile! Quale uomo di condizione libera vorrebbe intrecciare

      una relazione amorosa con una servetta e stringere tra le braccia un corpo

      segnato dalle sferzate? Inoltre ella ha l'incarico di acconciarti i

      capelli e, grazie alle sue abili mani, è una tua favorita: sarei andato a

      cercare proprio un'ancella che sapevo esserti devota? Che cosa avrei

      ottenuto se non di essere respinto e, per di più, denunziato? Ti giuro su

      Venere e sull'arco dell'alato Cupìdo di non essere colpevole del delitto

      di cui mi accusi.

      

      8

      

      O Cipàsside, abilissima nell'acconciare i capelli in mille fogge, ma degna

      di pettinare soltanto le dee, Cipàsside, che io ho conosciuto non

      inesperta in un dolce furto d'amore, adatta sì alla padrona, ma certo...

      più adatta a me, chi è stato di noi due a svelare la nostra relazione? Da

      chi Corinna ha saputo delle tue effusioni? Forse sono stato io ad

      arrossire? Forse mi sono lasciato sfuggire qualche parola rivelatrice sul

      nostro amore furtivo? Come è possibile, se ho sostenuto che chi si mette

      con un'ancella non è sano di mente? (Eppure il tessalo eroe arse d'amore

      per Briseide, la sua bella schiava; la sacerdotessa di Febo fu amata dal

      re di Micene, di cui era prigioniera: ed io non son certo più grande di

      Agamennone, né più grande di Achille; perché dovrei giudicare sconveniente

      per me ciò che non tolse decoro a dei sovrani?) Però quando fissò su di te

      i suoi occhi pieni di collera, io vidi le tue guance divenire di porpora.

      Oh quanto fui più pronto invece io, se ben ti ricordi, a giurare

      solennemente in nome di Venere! (Tu, o dea, tu comanda che il tiepido

      soffio del vento si porti quei candidi spergiuri sul mare di Scàrpanto.)

      Come dolce premio per questa mia azione concedimi oggi, o bruna Cipàsside,

      le tue grazie. Perché ti rifiuti, ingrata, e fingi nuovi timori? A te è

      sufficiente acquistare meriti presso uno solo dei padroni. Se poi, da

      sciocca, dici di no, sarò io stesso a rivelare il passato e a denunciare

      la mia colpa e racconterò alla padrona dove, quante volte e in che modo ho

      fatto l'amore con te, o Cipàsside.

      

      9

      

      O Cupìdo che non attenui mai la tua collera contro di me, o fanciullo che

      ti attardi nel mio cuore, perché io, che ho sempre militato sotto la tua

      bandiera, vengo colpito e ferito nel mio stesso accampamento? Perché la

      tua fiaccola brucia gli amici, le tue frecce li bersagliano? Ti avrebbe

      procurato maggior gloria vincere chi opponeva resistenza. E che? L'emonio

      Achille, dopo averlo trafitto con la lancia, non medicava sùbito dopo

      colui che aveva ferito? Il cacciatore insegue la preda che fugge, ma

      disdegna quella già catturata e va sempre in cerca di nuova selvaggina. E

      invece io, che ormai mi sono arreso a te, devo subire ancora le tue armi,

      mentre la tua mano pigra cede di fronte a un nemico che si oppone. A che

      pro spunti le tue frecce aguzze contro le mie nude ossa? Perché Amore le

      mie ossa le ha messe a nudo. Ci sono tanti uomini e tante donne privi

      d'amore: su di loro possa tu ottenere un glorioso trionfo. (Roma, se non

      avesse spiegato le sue forze contro il mondo intero, sarebbe ancor oggi

      una distesa di capanne coperte di paglia.) Il veterano ormai stanco viene

      accompagnato ai campi a lui assegnati, il vecchio cavallo da corsa,

      liberato dalle scuderie, viene inviato nei pascoli, i lunghi cantieri

      nascondono la nave tirata in secco, il gladiatore, deposta la spada,

      reclama il bastone da riposo: anche per me, che tanto spesso ho militato

      sotto il vessillo della mia innamorata, sarebbe ormai stato il momento di

      ritirarmi e di vivere in pace.

      

      9 b (10)

      

      Se un dio mi dicesse: «Vivi e dimentica l'amore», io non accetterei: la

      donna è un male così dolce! Benché oppresso dalla noia, quando la passione

      si va spegnendo nel cuore, il mio animo è tristemente agitato da un vago

      turbamento. Come un cavallo dalla bocca insensibile trascina in una folle

      corsa il cavaliere che tenta invano di trattenere il morso schiumante,

      come un vento improvviso trascina al largo la nave che, ormai all'entrata

      del porto, aveva già quasi toccato terra, così spesso il soffio incostante

      di Cupìdo ancora mi afferra e il fulgido Amore riprende le sue frecce a me

      ben note. Trafiggimi, fanciullo: nudo, inerme io mi offro a te; su di me

      puoi esercitare le tue forze, su di me la tua mano è possente, su di me le

      tue frecce piovono ormai spontaneamente, come guidate; forse bene come

      conoscono me non conoscono neppure la loro faretra. È da compiangere chi

      riesce a dormire per tutta la notte e giudica il sonno un bene prezioso.

      Pazzo, che è mai il sonno se non l'immagine della fredda morte? Il destino

      ci darà molto tempo per riposare. Quanto a me, possano illudermi le

      ingannevoli parole di un'amante (la semplice speranza mi procurerà grandi

      gioie), ora ella mi lusinghi, ora mi copra d'ingiurie, spesso mi si

      conceda, spesso mi respinga. Se Marte è indeciso, la colpa è tua, Cupìdo,

      che sei suo figliastro: il tuo patrigno combatte seguendo il tuo esempio;

      tu sei leggero e molto più mobile delle tue ali e incostante e volubile

      concedi e rifiuti il piacere. Se però vuoi porgere ascolto, con la tua

      bella madre, a me che ti prego, regna pure per sempre nel mio cuore: sia

      accolta nel tuo regno anche la turba assai volubile delle donne; così ti

      renderanno onore le folle d'ambo i sessi.

      

      10 (11)

      

      Tu, o Grecìno, ricordo, mi dicevi con sicurezza che non è possibile essere

      contemporaneamente innamorati di due donne. Per colpa tua sono stato còlto

      alla sprovvista, per colpa tua, sorpreso senz'armi, mi trovo (e me ne

      vergogno) ad amare contemporaneamente due donne. Sono entrambe ben fatte,

      entrambe si curano della propria eleganza; quanto a doti artistiche, non

      saprei dire quale primeggi sull'altra. Questa è più bella di quella, ma

      anche quella è più bella di questa, e questa a me piace di più, ma anche

      l'altra mi piace di più. Io vago, come una piccola barca sospinta da vènti

      opposti, e l'uno e l'altro amore possiede una parte di me. Perché, o dea

      di Erice, raddoppi i miei continui tormenti? Una sola donna non era motivo

      sufficiente di affanni? Perché aggiungi foglie agli alberi, stelle al

      cielo, che ne abbonda, e dirigi masse d'acqua verso le profondità del

      mare? Comunque, meglio così che restarmene privo d'amore: ai miei nemici

      tócchi in sorte una vita austera; a loro accada di dormire in un giaciglio

      solitario e di stendere liberamente le membra al centro del letto. A me

      invece Amore interrompa spietatamente il pigro sonno e possa io non essere

      il solo peso che grava sul mio letto; quanto a me, nessuno trattenga la

      mia donna dallo sfinirmi, ammesso che una sola ci riesca, altrimenti ci

      provino in due. Resisterò: le mie membra sono snelle, ma non prive di

      vigore; al mio corpo manca il peso, non l'energia. E poi il piacere

      alimenterà il vigore delle mie reni: nessuna donna è mai stata delusa da

      me; molte volte ho trascorso l'intera notte nel piacere, e al mattino ero

      ancora valido e pieno di energie. Fortunato colui che si consuma nelle

      scambievoli lotte d'amore; gli dèi mi concedano che sia questa la causa

      della mia morte! Il soldato esponga pure il petto alle armi del nemico e

      si conquisti col sangue una fama imperitura; l'avaro cerchi pure di

      procacciarsi ricchezze e, naufrago, beva con la sua bocca spergiura i

      flutti che ha stancato solcandoli di continuo; a me invece, quando morirò,

      possa toccare in sorte di venir meno per le fatiche di Venere e possa

      spegnermi nel bel mezzo dell'atto d'amore; e qualcuno, piangendo sul mio

      cadavere, esclami: «È stata una morte in armonia con la tua vita!»

      

      11 (12)

      

      A far conoscere per primo, fra lo stupore delle acque, le malefiche rotte

      fu un legno di pino tagliato dalla sommità del Pelio, una nave che

      audacemente trasportò fra rocce cozzanti la pecora risplendente per il

      vello d'oro. Oh, se Argo affondando si fosse riempita d'acqua letale,

      perché nessuno turbasse poi coi remi la distesa dei flutti! Ecco, Corinna

      abbandona il consueto letto e i Penati amici e si appresta a seguire

      ingannevoli rotte. Perché, me infelice, dovrò sopportare che gli Zèfiri e

      gli Euri, il freddo Bòrea e il tiepido Noto ti tormentino? Lì non avrai da

      guardare ammirata città e boschi: il mare infido non offre che un'unica

      azzurra distesa; e in mezzo al mare non ci sono fragili conchiglie o

      sassolini colorati: quelli sono i passatempi dell'umido litorale. Con i

      vostri piedi candidi come marmo imprimete le orme sulla spiaggia, o donne

      (fin qui siete al sicuro, più oltre ci si avventura nell'ignoto), e

      lasciate che altri vi raccontino le battaglie dei vènti, e su quali acque

      incomba il pericolo di Scilla o di Cariddi, con che rocce si ergano

      minacciosi i monti Cerauni, o in quale insenatura si celi l'insidia delle

      Sirti, la grande e la piccola. Altri raccontino queste avventure; quanto a

      voi, prestate fede a quel che ciascuno dirà: nessuna tempesta reca danno a

      chi ne ascolta il racconto. È tardi ormai per guardare la terra quando,

      sciolta la gòmena, la chiglia ricurva solca veloce il mare senza confini,

      il pilota angosciato trema di fronte a vènti contrari e scorge la morte

      ormai vicina come l'onda. Che se poi Tritone agita i flutti in tempesta,

      come sùbito ogni colore scompare dal tuo volto! Allora dovresti invocare i

      benigni astri dei figli nati da Leda ed esclamare: «Fortunato colui che è

      rimasto nella sua terra!» È più prudente scaldare il proprio giaciglio,

      leggersi un libretto, far vibrare sotto le dita le corde della lira

      tracia. Ma se le tempeste si portano via le mie inutili parole sulle ali

      del vento, almeno Galatea sia favorevole alla tua nave: colpevoli della

      perdita di una simile donna sarete voi, Nereidi, con vostro padre. Parti,

      ma pensa a me, per ritornare con un vento favorevole; un soffio più

      impetuoso gonfi allora le tue vele. Allora il grande Nèreo incurvi il mare

      verso queste spiagge, qui si dirigano i vènti, qui i flutti impetuosi

      sospingano le acque. Anche tu prega che solo gli Zèfiri tendano le vele,

      e, gonfie, governale tu stessa, di tua mano. Io per primo dalla riva

      scorgerò la nave a me nota ed esclamerò: «Essa trasporta i miei dèi!» Ti

      prenderò sulle spalle e ti ruberò molti baci alla rinfusa; e la vittima

      promessa in voto per il tuo ritorno sarà immolata e la soffice sabbia sarà

      approntata come fosse un giaciglio e una qualsiasi duna potrà fungere da

      tavola. Ivi, servito il vino, narrerai molte vicende, come la nave sia

      stata quasi sommersa dalle onde e come, mentre correvi da me, non hai

      temuto né le ore nemiche della notte, né l'impeto dei vènti. Se anche

      saranno bugie, io crederò a tutto, come fossero verità: perché non dovrei

      secondare le mie aspettative? Questi momenti la Stella del mattino,

      splendente di fulgore nella profondità del cielo, lanciati i cavalli a

      briglia sciolta, mi permetta di viverli al più presto.

      

      12 (13)

      

      Cingete le mie tempie, o allori del trionfo: ho vinto; ecco, ho in braccio

      Corinna, che era custodita dall'amante, dal guardiano, da una solida porta

      (tanti erano i nemici!) perché non potesse essere sedotta con alcun

      artificio. La vittoria in cui la preda, qualunque essa sia, non costa

      sangue, è ben degna di un trionfo straordinario. Sotto il mio comando non

      sono stati conquistati miseri baluardi, né cittadelle circondate da

      modesti fossati, ma una donna. Quando la rocca di Pergamo fu espugnata

      dopo una guerra decennale, fra tanti guerrieri quale fu la parte di gloria

      spettante agli Atridi? Ma la mia gloria è diversa, non va condivisa con

      quella di alcun soldato e nessun altro può menar vanto dell'impresa:

      soldato e capitano a un tempo, ho raggiunto lo scopo dei miei desideri; io

      solo sono stato cavaliere, io solo fante, io solo vessillifero. E la

      fortuna non ha avuto alcuna parte nelle mie gesta: vieni qui, trionfo

      conquistato con l'opera mia! L'occasione della mia guerra non è nuova: se

      Elena non fosse stata rapita, l'Europa e l'Asia sarebbero rimaste in pace;

      fu una donna che, fra le coppe di vino, fece impugnare armi vergognose ai

      selvaggi Làpiti e ai Centauri dalla doppia natura; fu una donna che

      costrinse i Troiani a scendere nuovamente in guerra nel tuo regno, o

      giusto Latino; fu una donna, ancora agli albori di Roma, che eccitò i

      suoceri contro i Romani e fornì loro armi crudeli. Io ho visto dei tori

      lottare per la conquista di una candida compagna: la stessa giovenca,

      guardandoli, infondeva loro ardore. Anche a me, come a molti altri, Cupìdo

      ha ordinato di portare il vessillo della sua schiera, ma senza spargere

      sangue.

      

      13 (14)

      

      Corinna, avendo sconsideratamente tentato di sbarazzarsi abortendo del

      peso della sua gravidanza, giace affranta in pericolo di vita. A dire il

      vero, per aver affrontato un simile pericolo a mia insaputa, dovrebbe

      suscitare la mia collera, ma la collera si placa e cede il posto alla

      paura. E tuttavia o era incinta per opera mia, oppure così preferisco

      credere: io spesso ritengo cosa certa quella che è una semplice

      possibilità. O Iside, che abiti a Paretonio e nei fertili campi di Canòpo

      e a Menfi e a Faro, ricca di palme, e là dove il Nilo dal rapido corso

      scorrendo nel suo ampio letto sbocca per sette foci nelle acque del mare,

      ti supplico per i tuoi sistri, per il terribile volto di Anùbi (possa

      Osìride mostrare sempre affettuoso amore per il tuo culto, il serpente

      strisci pigramente intorno alle offerte e nella processione ti sia

      compagno Api dalle corna arcuate), volgi qui il tuo sguardo, salva due

      creature risparmiandone una sola: poiché, se tu farai vivere la mia donna,

      ella farà vivere me. Spesso nei giorni stabiliti rimase seduta, per

      celebrare sacrifici, là dove la schiera dei sacerdoti galli bagna di

      sangue i tuoi allori. E tu, Ilitìa, che compiangi i travagli delle

      partorienti, a cui il celato fardello allarga e appesantisce il corpo,

      assistila benevolmente e accogli le mie preghiere: ella merita che tu

      voglia che sia viva per grazia tua. Io stesso, in bianca veste, offrirò

      incenso sui tuoi altari fumanti, io stesso deporrò ai tuoi piedi i doni

      promessi in voto; e vi aggiungerò un'iscrizione: NASONE PER LA SALVEZZA DI

      CORINNA: tu offrimi solo la possibilità di consacrarti i doni e

      l'iscrizione.

      

      14 (15)

      

      Se in un momento di così grande apprensione mi è pur lecito darti un

      consiglio, l'aver combattuto questa battaglia ti sia sufficiente. A che

      serve che le donne possano vivere tranquillamente esentate dagli obblighi

      militari e che non vogliano accompagnare, munite di scudo, le feroci

      schiere, se, senza combattere, subiscono ferite inferte dalle loro stesse

      spade e armano ciecamente le mani contro la propria vita? Colei che per

      prima si accinse a strapparsi il tenero frutto dal ventre sarebbe stata

      degna di morire, vittima della sua stessa impresa. Ti par giusto che per

      evitare al tuo ventre l'onta delle rughe si sparga a terra la funesta

      sabbia necessaria al tuo combattimento? Se una simile usanza fosse parsa

      opportuna alle madri di un tempo, la generazione degli uomini era

      destinata a scomparire per questa colpa e bisognava trovare qualcuno che

      di nuovo scagliasse nel mondo ormai vuoto le pietre che hanno dato origine

      alla nostra stirpe. Chi avrebbe distrutto la potenza di Priamo, se Tètide,

      dea delle acque, avesse rifiutato di portare per il tempo necessario il

      peso della gravidanza? Se Ilia avesse soppresso i gemelli nel ventre

      rigonfio, il fondatore dell'Urbe sovrana sarebbe perito; se Venere incinta

      avesse attentato alla vita di Enea che portava nel grembo, la terra

      sarebbe rimasta priva dei Cesari. Anche tu, pur potendo nascere bella,

      saresti morta, se tua madre avesse osato compiere quel che hai compiuto

      tu; io stesso, pur essendo destinato piuttosto a morire per amore, non

      avrei mai visto la luce del sole, se mia madre mi avesse ucciso. Perché

      privi dei grappoli nascenti la vite rigogliosa e strappi con mano spietata

      i frutti non ancora maturi? Lascia che, giunti a maturazione, cadano da

      soli; quando sono nati, lasciali crescere: la vita non è certo un piccolo

      compenso per un breve indugio. Perché vi lacerate le viscere con occulti

      ferri e propinate terribili veleni a chi non è ancor nato? Deplorano il

      delitto di Medea macchiatasi del sangue dei figli, compiangono Iti ucciso

      da sua madre: furono entrambe madri snaturate, ma entrambe per dolorosi

      motivi si vendicarono del marito uccidendo i figli, sangue del loro

      sangue. Ditemi quale Tèreo, quale Giàsone vi spinge a trafiggervi il corpo

      con mano trepidante d'angoscia? Neppure le tigri nelle loro tane

      dell'Armenia hanno mai compiuto un atto del genere, neppure la leonessa

      osa sbranare i suoi piccoli. Le deboli donne invece lo fanno, ma non senza

      conseguenze: spesso colei che uccide i figli che porta in seno muore

      anch'essa; anch'essa muore e viene portata al rogo con le chiome scomposte

      e tutti coloro che la vedono esclamano: «Se l'è meritato.» Ma possano

      queste mie parole svanire nell'aria e possano i miei presagi non avere

      alcun valore. O dèi, siate indulgenti, concedete la possibilità di peccare

      impunemente una volta; poi basta: la seconda colpa venga punita.

      15 (16)

      

      O tu che cingerai il bel dito della mia donna, anello che non devi essere

      considerato altrimenti che un pegno d'amore di chi ti dona, possa tu

      giungere come dono gradito; dopo averti ricevuto con gioia, ella ti metta

      sùbito al suo ditino; possa tu andar bene a lei come lei va bene a me, e

      sfiorarle il dito all'intorno con giusta misura. Anello fortunato, sarai

      toccato dalla mia donna: meschino me, son già invidioso del mio regalo.

      Magari potessi d'un tratto identificarmi col mio dono, con la magia di

      Circe o del vecchio Proteo! Allora io, spinto dal desiderio di palparle il

      seno e di insinuarle la mano sinistra sotto la tunica, benché stretto e

      aderente, scivolerò via dal dito e allargandomi con abilità straordinaria

      le cadrò nella scollatura. Sempre io, per poter sigillare i bigliettini

      segreti e per evitare che la cera resti tenacemente attaccata alla pietra

      asciutta, sfiorerò prima l'umida bocca della mia donna; solo non debba mai

      sigillare lettere per me dolorose. Se vorrai sfilarmi per ripormi in uno

      scrigno, mi rifiuterò di venir via, stringendo il tuo dito con un cerchio

      più stretto. Che io per l'avvenire non ti procuri mai disonore, cuor mio,

      e non divenga un peso che il tuo dito delicato rifiuti di tollerare.

      Tienimi quando bagnerai le tue membra con acqua calda e sopporta i danni

      che farà l'acqua insinuandosi sotto la pietra. Ma al vederti nuda, io

      penso, per l'eccitazione il mio desiderio eromperà prepotente e, ancorché

      anello, farò la mia parte di uomo. Ma perché vaneggio col desiderio? Va',

      mio piccolo regalo, ella comprenda che con te le dono una sincera promessa

      d'amore.

      16 (17)

      

      Sono a Sulmona, una delle tre città della campagna peligna; è una piccola

      località, resa però salùbre dalle acque che la irrigano. Anche se il sole,

      avvicinatosi alla terra, vi apre delle fenditure e la canicolare stella di

      Sirio sfolgora implacabilmente, nei campi peligni scorrono limpide acque e

      nel molle terreno l'erba verdeggia rigogliosa. È una regione ricca di

      biade e ancor più ricca di viti, qualche campo isolato produce anche

      l'olivo sacro a Pallade e fra le erbe, sempre rinascenti per lo scorrere

      dei ruscelli, una verde coltre ricopre il terreno intriso d'acqua. Manca

      però la mia fiamma... o meglio, ho sbagliato un vocabolo: la fiamma c'è,

      ma è lontana colei che suscita in me le fiamme d'amore. Se mi collocassero

      fra Càstore e Pollùce, io non vorrei trovarmi in nessuna zona del cielo

      senza di te. Coloro che hanno affannosamente compiuto lunghi viaggi

      attraverso il mondo sentano dopo la morte il peso opprimente della terra;

      almeno avessero invitato le donne ad accompagnare i giovani, se proprio

      era necessario attraversare il mondo con lunghi viaggi. Se, tremante di

      freddo, io valicassi le Alpi sferzate dai vènti, purché fossi in compagnia

      della mia donna, il cammino mi sarebbe facile; con lei oserei penetrare

      nelle Sirti africane e affidare le vele all'infido Noto; non avrei timore

      dei mostri che latrano sotto il ventre virginale di Scilla, né dei tuoi

      anfratti, sinuosa Malea, né dei flutti che Cariddi, colma di navi

      affondate, rigurgita, e poi di nuovo inghiotte. Ma se i vènti impetuosi di

      Nettuno avessero la meglio e i marosi strappassero via gli dèi che

      dovrebbero soccorrerci, posa sulle mie spalle le tue braccia candide come

      neve: io sorreggerò facilmente sul mio corpo quel dolce peso. (Il giovane

      Leandro aveva spesso traversato a nuoto il mare per raggiungere Ero; anche

      quella volta lo avrebbe traversato, ma la strada non era illuminata...).

      Ma senza te, benché mi trovi in campi in cui ferve il lavoro per le viti,

      benché le campagne siano irrigate dai fiumi e il contadino incanali

      l'acqua che scorre e una fresca brezza accarezzi le fronde degli alberi, a

      me non sembra di vivere nella salùbre regione peligna, nella terra natìa,

      nei patrii campi; ma nella Scizia, nella selvaggia Cilicia, nella

      verdeggiante Britannia e presso le rupi rosseggianti per il sangue di

      Promèteo. L'olmo ama la vite, la vite non si stacca dall'olmo: perché io

      vengo spesso diviso dalla mia donna? Eppure tu avevi giurato su di me e

      sui tuoi occhi, le mie stelle, che saresti rimasta sempre con me: ma le

      parole delle donne, più leggere delle foglie cadenti, i vènti e le onde le

      trascinano a loro piacimento, rendendole vane. Ma se, dopo avermi

      abbandonato, nutri ancora per me qualche affettuoso pensiero, comincia a

      mettere in atto le tue promesse e, salendo al più presto su una piccola

      carrozza trascinata da veloci puledri, agita tu stessa le briglie sulle

      loro criniere fluenti. Ma voi, monti orgogliosi, abbassatevi al suo

      passaggio e voi, strade, siatele agevoli nelle sinuose vallate.

      17 (18)

      

      Se qualcuno ritiene che l'esser schiavo di una donna sia un disonore, a

      suo giudizio io risulterò disonorato. Ebbene sia pur così, purché colei

      che regna su Pafo e su Citèra, battuta dal mare, mi tormenti meno

      intensamente. Poiché ero destinato a cadere fra le mani di una bella,

      almeno fossi potuto cadere fra le mani di una donna indulgente! La

      bellezza rende arroganti: Corinna, poiché è bella, è intrattabile; povero

      me, perché si conosce così bene? Evidentemente è dall'immagine riflessa

      nello specchio che le deriva l'alterigia, ed ella non vi si guarda se

      prima non si è ben acconciata. No, se la bellezza ti dà troppo potere su

      tutte le cose (o bellezza nata per incatenare i miei occhi!), tu non devi

      per questo disprezzarmi, paragonandomi a te: chi sta più in basso può

      adattarsi ai grandi. Anche della ninfa Calipso si racconta che, preda d'un

      amore terreno, abbia trattenuto l'eroe contro la sua volontà; è fama che

      una Nereide marina si sia unita al re di Ftia, Egeria al buon Numa; Venere

      appartiene a Vulcano, benché, uscito dall'officina, egli zoppichi

      sconciamente col piede storto; anche questo tipo di componimento poetico

      procede con ritmo ineguale, e tuttavia il verso eroico ben si accoppia con

      un verso più breve. Anche tu, dunque, luce dei miei occhi, accèttami alle

      condizioni che vorrai; déttami pure le leggi nel bel mezzo del tuo

      tribunale. Non subirai accuse per causa mia, né avrai di che rallegrarti

      per avermi allontanato; questo nostro amore non dovrà essere rinnegato. Io

      non possiedo grandi ricchezze, ma una facile vena poetica e molte donne

      aspirano a divenire famose per mezzo mio: ne conosco una che va dicendo di

      essere Corinna; che cosa non vorrebbe avermi concesso purché ciò fosse

      vero? Ma come il freddo Eurota e il Po costeggiato di pioppi scorrono

      lontani, fra diverse sponde, così nessuna canterò nei miei carmi che non

      sia tu: tu sola offrirai motivi d'ispirazione al mio estro poetico.

      18 (19)

      

      Mentre tu, o Macro, prolunghi il tuo poema fino all'ira di Achille e fai

      rivestire per la prima volta delle armi gli eroi greci dopo il giuramento,

      io vivo oziosamente nelle segrete gioie di Venere e quando vorrei

      affrontare temi più impegnativi il delicato Amore mi tarpa le ali. Molte

      volte ho detto alla mia donna: «Làsciami, una buona volta,» ma sùbito ella

      è venuta a sedermisi in grembo; molte volte ho detto: «Mi vergogno», e

      lei, trattenendosi a stento dal piangere: «Me infelice,» ha esclamato,

      «ormai ti vergogni di amarmi?» e mi ha gettato le braccia al collo e mi ha

      dato mille di quei baci che sono la mia rovina. Mi dò per vinto e la mia

      ispirazione dalle armi che aveva impugnato viene richiamata a cantare le

      imprese compiute sotto il mio tetto e le mie guerre private. Ciononostante

      ho impugnato lo scettro e per opera mia la tragedia ha avuto un impulso,

      ed io ero quanto mai adatto a questo impegno: Amore si è fatto giuoco

      della mia veste scenica, dei miei coturni dipinti e dello scettro che mi

      ero affrettato ad impugnare con mano di suddito; anche da questo mi ha

      distolto l'irragionevole volere della mia donna e Amore celebra il trionfo

      sul vate che aveva calzato i coturni. Mi si concede quindi o di insegnare

      le dolci arti d'Amore (ohimè, sono vittima dei miei stessi insegnamenti),

      oppure di cantare le parole che Penelope scrive ad Ulisse e il tuo pianto,

      Fìllide abbandonata, e le lettere ricevute da Paride, da Macàreo,

      dall'ingrato Giàsone, dal padre d'Ippolito e da Ippolito stesso, e i

      lamenti dell'infelice Didone, mentre impugna la spada sguainata, e quelli

      di Saffo c sulla lira aonia c. Come è tornato presto il caro Sabino dal

      suo viaggio intorno al mondo, portando le lettere di risposta scritte dai

      più diversi luoghi! La casta Penelope ha riconosciuto il sigillo di

      Ulisse, Fedra ha letto la lettera inviata dal figliastro Ippolito; ormai

      il buon Enea ha risposto all'infelice Didone e, purché sia ancor viva,

      anche Fìllide avrebbe qualcosa da leggere. Ad Ipsìpile è giunta una

      lettera dolorosa da parte di Giàsone, e Saffo, ricambiata d'amore,

      consacra a Febo la lira che gli aveva promesso in voto. Neppure tu, o

      Macro, quando è possibile ad un poeta epico, in mezzo alle battaglie

      rinunci a cantare di Amore biondo come l'oro: nel tuo poema ci sono Paride

      e la sua amante, un famoso adulterio, e Laodamìa che volle essere compagna

      al marito nella tomba. Se ben ti conosco, le guerre non sono per te

      argomento più gradito di questo e, disertando, lasci il tuo accampamento

      per passare nel mio.

      19 (20)

      

      Se non hai bisogno di sorvegliare la tua donna, sciocco, almeno

      sorvegliala per me, perché io la desideri di più. Quel che è permesso non

      arreca piacere; quel che non è permesso accende di maggior desiderio: è

      insensibile chi ama quel che un altro gli consente di amare. Noi

      innamorati dobbiamo al tempo stesso sperare e temere e ogni tanto, invece

      di essere esauditi, aspettiamoci un rifiuto. Che potrei farmene di una

      sorte che non cerca mai di deludermi? Io non amo ciò che non potrebbe mai

      farmi soffrire. L'astuta Corinna aveva scorto in me questo difetto e aveva

      abilmente compreso con che mezzo mi si poteva conquistare. Ah, quante

      volte, simulando inesistenti emicranie, mi invitò ad andarmene, benché io

      fossi esitante e lento ad allontanarmi! Ah, quante volte si è inventata

      una colpa e, per quanto glielo consentiva l'innocenza, si è mostrata

      apparentemente in torto! Così, dopo avermi tormentato ed aver rinfocolato

      la mia intiepidita passione, tornava ad essere affettuosa e

      accondiscendente ai miei desideri. Com'era prodiga di lusinghe e di dolci

      parole! Dèi del cielo, che baci mi dava, e quanti! Anche tu, che da poco

      hai stregato i miei occhi, móstrati spesso timorosa che io ti sorprenda;

      spesso, benché richiesta, dimmi di no e lascia che, disteso sulla soglia

      della tua porta, io soffra a lungo il freddo nella gelida notte. Così per

      me l'amore può resistere e svilupparsi per lunghi anni: così mi piace,

      questo alimenta la mia passione; un amore soddisfatto e troppo facile per

      me diventa noioso e mi dà la nausea, come allo stomaco un cibo troppo

      dolce. Se Dànae non fosse mai stata rinchiusa in una torre di bronzo, non

      sarebbe divenuta madre ad opera di Giove; mentre Giunone sorvegliava Io

      trasformata in giovenca, questa divenne agli occhi di Giove più

      desiderabile di quanto fosse stata prima. Chiunque brama quel che è lecito

      e disponibile stacchi le foglie dall'albero e beva l'acqua da un grande

      fiume; se una donna vorrà conservare a lungo il suo potere, inganni

      l'amante. (Ahimè, che non debba dolermi dei miei stessi consigli!)

      Qualunque cosa avvenga, la condiscendenza non mi è gradita: io evito chi

      mi segue; seguo chi mi evita. Quanto a te, che sei troppo sicuro della tua

      bella donna, comincia sul far della notte a chiudere la porta; comincia a

      chiedere chi tante volte bussi nascostamente alla tua soglia, perché nel

      silenzio della notte i cani abbàino, che lettere siano quelle che

      l'ancella zelante va portando e riportando, perché ella dorma tante volte

      per conto suo: codesto pensiero ti roda a volte fin nelle viscere, e tu

      offri occasione e argomenti ai miei inganni. Conquistare la moglie di uno

      sciocco è come rubare la sabbia da una spiaggia deserta. Ti avverto prima:

      se non cominci a sorvegliare la tua donna, un po' alla volta cesserà di

      essere mia. Ho a lungo sopportato con pazienza; ho sperato che un giorno,

      quando tu l'avessi ben sorvegliata, io te l'avrei data a bere. Te la

      prendi con calma e sopporti quel che nessun marito sopporterebbe, ma per

      me la tua condiscendenza segnerà la fine dell'amore. Non dovrò dunque mai

      starmene tristemente chiuso fuori senza poter entrare? La notte

      trascorrerà sempre senza ch'io corra il rischio di una vendetta? Non dovrò

      avere alcun timore? Dormirò sonni tranquilli senza nemmeno un sospiro? Non

      farai nulla perché io mi auguri a buon diritto la tua morte? Che me ne

      faccio di un marito consenziente, di un marito ruffiano? Con i suoi

      difetti finisce per togliermi ogni soddisfazione. Perché non ti cerchi un

      altro a cui una simile debolezza piaccia? Se ti fa' piacere che il tuo

      rivale sia io, cerca di impedirmelo.

      LIBRO TERZO

      

      

      1

      

      C'è un'antica foresta per molti anni rispettata dalla scure; è da credere

      che vi abbia sede una divinità. Nel mezzo una sorgente consacrata e una

      grotta da cui pendono stalattiti; da ogni parte si leva dolce il

      cinguettio degli uccelli. Mentre passeggiavo nel bosco al riparo delle

      fronde ombrose, cercavo a quale argomento potesse dar vita la mia

      ispirazione; mi si presentò l'Elegia coi capelli profumati e intrecciati,

      e aveva, mi pare, un piede più lungo dell'altro. Era bella d'aspetto, con

      una veste leggerissima, il viso dell'innamorata, e il difetto al piede le

      conferiva una nota di grazia. Si presentò anche la Tragedia, avanzando

      impetuosa a grandi passi: aveva i capelli sparsi sulla fronte minacciosa e

      la veste toccava terra; la mano sinistra agitava con ampi gesti lo scettro

      regale, ai piedi calzava l'alto coturno lidio; e parlando per prima disse:

      «Quando porrai fine ai tuoi amori, o poeta troppo legato al tuo soggetto?

      Nei conviti fra lo scorrere del vino si parla delle tue dissolutezze, se

      ne parla anche nei crocicchi, dove si incontrano molte vie. Spesso

      qualcuno mostrandoti col dito mentre cammini esclama: ‹Ecco, è proprio lui

      il poeta che Amore consuma impietosamente›. Raccontando senza alcun

      riserbo le tue imprese, sei diventato, senza accorgertene, la favola di

      tutta Roma. È giunto il momento di mettersi all'opera sotto l'impulso di

      un'ispirazione più alta; hai oziato abbastanza: intraprendi un'opera di

      maggior impegno. Con simili argomenti soffochi il tuo talento; canta le

      gesta degli eroi: ‹Questo› dirai ‹è un campo degno del mio spirito.› Ti

      sei dilettato a comporre poesie adatte per giovani donne, e la tua prima

      giovinezza è trascorsa in mezzo ai versi a lei congeniali. Ora fa' sì che

      grazie a te io, la Tragedia romana, acquisti fama: la tua ispirazione darà

      corpo alle mie leggi.» Così parlò e, ergendosi sui ricamati coturni, agitò

      tre o quattro volte il capo dalla folta capigliatura. L'altra, se ben

      ricordo, mi lanciò uno sguardo di sottecchi e sorrise; m'inganno o nella

      mano destra aveva un ramo di mirto? «Perché, impetuosa Tragedia», disse,

      «mi assali con parole severe? O forse non puoi mai fare a meno di essere

      severa? Eppure ti sei degnata di esprimerti in versi diseguali; hai

      combattuto contro di me servendoti dei miei versi. Io non oserei

      paragonare ai miei i tuoi canti elevati: la tua reggia fa' scomparire la

      mia angusta dimora. Sono leggera, e come me è leggero Cupìdo, il mio

      pupillo: io stessa non sono più nobile degli argomenti che tratto. La

      madre del malizioso Amore senza di me sarebbe inesperta: il mio compito è

      quello di essere consigliera e compagna alla dea. Quella porta, che col

      tuo robusto coturno non riuscirai a dischiudere, cede aprendosi alle mie

      lusinghe. E tuttavia ho meritato di aver più potere di te, sopportando

      molte cose che la tua alterigia non avrebbe sopportato: grazie a me,

      ingannato il custode, Corinna ha appreso a mettere alla prova la fedeltà

      di una porta chiusa e a scivolar via dal letto, velata appena dalla tunica

      slacciata, e a camminare nella notte senza far rumore. Quante volte sono

      rimasta appesa ad una porta impenetrabile su una tavoletta cerata senza

      preoccuparmi che i passanti mi leggessero! Anzi, in attesa che lo spietato

      guardiano se ne andasse, ricordo di essere stata nascosta, dopo il mio

      invio, nel seno di un'ancella. E quando tu mi invii come regalo per il suo

      compleanno e quella mi fa' in pezzi e mi getta crudelmente nell'acqua che

      ha davanti? Io per prima ho fatto spuntare i fertili germogli del tuo

      ingegno; quello che costei ora reclama da te è un dono che ti ho fatto

      io.» Aveva finito; ed io cominciai: «Per il vostro nome vi prego entrambe

      di porgere ascolto alle mie parole timorose. Tu, da un lato, mi adorni

      dello scettro e dell'alto coturno: espressioni altisonanti risuonano fin

      d'ora nel mio linguaggio contenuto. Tu, d'altro lato, doni al mio amore

      una fama duratura: perciò assistimi e unisci ai versi lunghi quelli brevi.

      O Tragedia, accorda un po' di tempo al poeta; tu impegni senza tregua; ciò

      che chiede quella è di breve durata.» Commossa, mi concesse il favore. Si

      affrettino i dolci Amori fin che il tempo lo consente: un'opera più

      elevata m'incalza alle spalle.

      2

      

      «Non è l'interesse per i cavalli di razza che mi fa' sedere qui; in ogni

      modo faccio voti perché vinca la gara quello per il quale tieni tu. Io

      sono venuto per parlare con te e per sederti vicino, perché il sentimento

      d'amore che susciti in me non ti fosse ignoto. Tu guardi le corse, io

      guardo te: guardiamo pure entrambi quel che ci piace e lasciamo che i

      nostri occhi si sazino. O fortunato l'auriga, chiunque sia, per cui fai il

      tifo! Dunque egli ha avuto la fortuna di suscitare il tuo interesse? Possa

      questa fortuna capitare anche a me, ed io salirò pieno d'ardore sul carro

      mentre i cavalli si lanciano fuori dal sacro recinto e ora allenterò le

      briglie, ora li frusterò sul dorso, ora con la ruota interna sfiorerò la

      meta; ma se, mentre corro, tu mi guarderai, rallenterò e dalle mie mani le

      briglie penderanno abbandonate. O Ippodamìa, quanto poco mancò che Pélope,

      mentre contemplava il tuo volto, cadesse trafitto dalla lancia del re di

      Pisa! Eppure egli vinse infine secondo l'augurio della sua innamorata:

      possa ciascuno di noi vincere secondo l'augurio della sua donna. Perché

      cerchi invano di allontanarti? La linea che separa i posti ci costringe a

      stare uniti. Il Circo con la sua legge offre questi vantaggi. Tu però,

      chiunque tu sia che siedi alla sua destra, abbi riguardo per lei: ella è

      infastidita dal contatto con il tuo fianco; anche tu, che occupi il posto

      alle nostre spalle, ritrai le gambe, se hai un po' di rispetto, e non fare

      pressione sulla sua schiena con le tue dure ginocchia. Ma il tuo mantello

      è sceso troppo e tocca terra: sollevalo, altrimenti provvedo io con le mie

      mani. Eri una veste maligna, tu che coprivi delle gambe così belle; e per

      vedere di più... eri proprio una veste maligna. Gambe simili, quelle di

      Atalanta in fuga, Milanione avrebbe desiderato sorreggere con le sue mani;

      così vengono dipinte le gambe di Diana quando, in succinta tenuta da

      caccia, insegue gli animali selvaggi, ancor più selvaggia di loro. Io arsi

      di desiderio per quelle gambe che ancora non avevo visto; che accadrà ora

      che le ho viste? Tu alimenti le fiamme con la fiamma, il mare con l'acqua.

      A giudicare dalle gambe immagino che mi piaceranno anche le altre tue

      bellezze, che sono ben nascoste sotto la veste leggera. Vuoi comunque che

      nel frattempo, agitando con la mano il programma, io susciti un piacevole

      venticello? O forse questo calore ardente non deriva dalla stagione, ma

      dalla mia passione ed è l'amore per una donna che brucia il mio cuore

      ormai schiavo?. Mentre parlavo, la tua bianca veste si è cosparsa di

      polvere leggera: via, sporca polvere, lontano da questo corpo candido come

      neve! Ma ormai comincia la sfilata: raccoglietevi e fate silenzio; è il

      momento di applaudire: avanza il corteo sfavillante d'oro. Al primo posto

      procede la Vittoria con le ali spiegate: vieni qui, o dea, e fa' che il

      mio amore sia vincitore. Applaudite Nettuno, voi che guardate troppo

      fiduciosi alle onde: col mare io non ho nulla da spartire; mi trattiene la

      mia terra. Applaudi il tuo Marte, o soldato: io, le armi le odio; a me dà

      gioia la pace e il trovare in essa l'amore. Apollo sia propizio agli

      aùguri, Diana ai cacciatori; le mani degli artisti e degli artigiani si

      tendano verso di te, o Minerva. Voi, contadini, alzatevi al passaggio di

      Cerere e del giovane Bacco; ai pugili è caro Pollùce, ai cavalieri

      Càstore. Io applaudo te, dolce Venere, e gli Amorini signori dell'arco:

      concedi il tuo assenso alle mie imprese, o dea, e infondi ardire alla mia

      nuova padrona perché si lasci amare; Venere ha fatto un cenno di

      approvazione e con esso mi ha dato presagi favorevoli. Ti prego, prometti

      anche tu quel che ha promesso la dea; senza offesa per Venere, tu sarai

      per me una dea ancor più grande. Lo giuro davanti a tanti testimoni e al

      corteo degli dèi: ti desidero come mia signora per sempre. Ma le tue gambe

      sono senza sostegno: se ti fa' piacere, puoi appoggiarti con la punta dei

      piedi fra le travi dello steccato. Ma ecco che nella pista ormai libera

      del Circo il pretore ha dato il via dalla stessa linea di partenza ai

      cavalli delle quadrighe: è lo spettacolo più importante. Ho capito per chi

      fai il tifo; vincerà, chiunque sia a godere delle tue preferenze: perfino

      i cavalli sembrano sapere quali siano i tuoi desideri. Me infelice, ha

      preso una curva troppo larga; che fai? L'inseguitore, accostando il carro,

      sfiora la meta. Che fai, disgraziato? rendi vani i favorevoli auguri della

      mia donna; tira con mano sicura le redini dalla parte sinistra, te ne

      scongiuro! Abbiamo dato il nostro sostegno a un incapace. Ma avanti,

      cittadini, fateli ricominciare e agitando le toghe fate segno da ogni

      parte. Ecco, li fanno ricominciare; ma, per evitare che il movimento delle

      toghe ti scompigli i capelli, tu puoi ripararti stringendoti al mio petto.

      E ormai, aperti i cancelli, si spalancano di nuovo le porte delle scuderie

      e una schiera variopinta si slancia in avanti sui cavalli che vanno a

      briglia sciolta. Cerca di vincere almeno questa volta e svetta nello

      spazio che ti si apre davanti: fa' sì che le mie speranze e quelle della

      mia donna si realizzino. Le speranze della mia donna si sono realizzate,

      restano ancora le mie; quello ha conquistato la vittoria, ora devo

      conquistarla io.» Si è messa a ridere e parlando con gli occhi mi ha fatto

      una mezza promessa. «Questo per ora mi basta: il resto concedimelo

      altrove.»

      3

      

      E poi va' a credere che gli dèi esistono! Ella è venuta meno alla fede

      promessa, eppure la sua bellezza è rimasta immutata. Quanto erano lunghi i

      suoi capelli, quando ancora non aveva spergiurato, tanto sono lunghi ora,

      dopo che ha offeso gli dèi. Prima era bianca come la neve e il bianco

      dell'incarnato si tingeva del colore della rosa: ora la medesima tinta

      rosata risplende sul suo bianco volto. Aveva il piede minuto: minutissimo

      è rimasto. Era alta e bella: alta e bella rimane. Aveva gli occhi

      penetranti: ora brillano come stelle e con essi quella spergiura cento

      volte mi ha tratto in inganno. Si vede che anche gli dèi immortali

      permettono alle donne di giurare il falso: anche la bellezza è una dea.

      Ultimamente, mi ricordo, ella ha giurato sui suoi occhi e sui miei: e a

      patirne sono stati i miei. Rispondete, o dèi: se era stata lei ad

      ingannarvi e non l'avete punita, perché a subire le conseguenze di una

      colpa altrui devo essere io? (Eppure non vi ha reso odiosi l'aver ordinato

      la morte della figlia di Cèfeo per colpa dell'infausta bellezza di sua

      madre). Non basta che voi siate stati per me testimoni privi di valore e

      che ella rida a un tempo di me e di voi, che ha ingannato impunemente? Io,

      che ho subìto l'inganno, sarò dunque la vittima dell'ingannatrice, in modo

      che ella possa scontare il suo spergiuro attraverso la mia punizione? O

      quello di dio è un nome senza valore, di cui si ha un'inutile paura e che

      turba le genti sciocche e credule, oppure, se un qualche dio esiste, si

      innamora delle giovani donne: allora non c'è da stupirsi che conceda ad

      esse sole un potere assoluto. Contro noi uomini Marte si arma della spada

      apportatrice di morte, Pallade, dalla mano invincibile, scaglia contro di

      noi la sua lancia, per noi Apollo incurva l'arco pieghevole, contro di noi

      il sommo Giove impugna nella destra il fulmine; i celesti, benché offesi,

      hanno paura di dispiacere alle belle, anzi hanno addirittura timore di chi

      non ebbe timore di loro. E c'è ancora qualcuno che devotamente si

      preoccupa di porre incenso sugli altari? Certo gli uomini dovrebbero avere

      maggior coraggio. Giove col suo fulmine saetta boschi e roccheforti, ma

      impedisce ai suoi dardi di colpire le spergiure. Tante avrebbero meritato

      d'essere incenerite: Sèmele sola bruciò miseramente. Trovò il castigo per

      la sua compiacenza (ma se si fosse sottratta all'amante che veniva da lei,

      al padre non sarebbe toccato di far da madre a Bacco). Ma perché mi

      lamento e rivolgo improperi a tutti quanti i celesti? Anche gli dèi hanno

      gli occhi, anch'essi hanno un cuore. Io pure, se fossi un dio, consentirei

      a una donna dalla bocca menzognera di ingannare senza danno la mia maestà

      divina; io stesso sarei pronto a giurare che le donne hanno giurato il

      vero e non sarei considerato un dio severo. Ad ogni modo, tu, o donna, fa'

      un uso più misurato di questo dono degli dèi, o almeno risparmia i miei

      occhi.

      4

      

      O amante crudele, ponendo sotto custodia la tua giovane donna non concludi

      nulla: ognuna deve essere tutelata dalla propria indole. Se una donna,

      rimosso il timore, è casta, allora è veramente casta; ma colei che non

      pecca perché non può, quella pecca. Quand'anche tu ne abbia ben custodito

      il corpo, col pensiero ti tradisce: non si può sorvegliare la volontà di

      alcuna donna; ma neppure il corpo puoi preservare, anche se chiudi tutto:

      quando avrai chiuso tutti fuori, l'amante sarà già entrato. Colei che è

      libera di tradire, tradisce di meno: la possibilità stessa rende meno vivi

      gli stimoli del peccato. Dammi ascolto, smetti di sollecitarne le

      tentazioni con i divieti; le vincerai meglio con la tua condiscendenza. Ho

      visto or ora con i miei occhi un cavallo galoppare veloce come un lampo

      resistendo al morso con la bocca ribelle; non appena si accorse che le

      redini erano state allentate e che le briglie erano rilasciate sulla sua

      criniera scomposta, si fermò. Ci opponiamo sempre ai divieti e desideriamo

      quel che ci vien negato: così l'ammalato si protende verso l'acqua che non

      può bere. Argo aveva cento occhi sulla fronte e cento sulla nuca, eppure

      Amore da solo spesso sfuggì ad essi; Dànae, che era stata portata vergine

      in una dimora infrangibile, fatta di ferro e di pietra, divenne madre:

      Penelope, pur priva di guardiano, restò incontaminata fra tanti giovani

      pretendenti. Noi desideriamo maggiormente tutto ciò che viene custodito e

      sono proprio le precauzioni ad attirare il ladro; pochi s'innamorano della

      donna che l'altro permette di amare. Ella non piace per la sua bellezza,

      ma per l'amore del suo uomo: pensano che abbia non so quale attrattiva che

      ti ha conquistato. Colei che l'amante custodisce non diventa onesta, ma

      come adultera attrae: la paura stessa le conferisce un valore più grande

      di quello del suo corpo. Sdégnati pure: un amore illecito piace; è

      attraente soltanto colei che può dire: «Ho paura.» D'altronde non è un

      diritto mettere sotto custodia una donna libera; questo timore agiti le

      donne straniere. Solo perché il guardiano possa affermare: «È merito mio»

      ella dovrebbe essere casta a gloria di un tuo schiavo? Chi si sente offeso

      per il tradimento della moglie è troppo rozzo e non conosce a sufficienza

      i costumi di Roma, in cui i figli di Marte e di Ilia, Romolo e Remo, non

      nacquero senza colpa. Perché l'hai voluta bella, se ti piaceva soltanto se

      casta? Queste due virtù non possono coesistere in alcun modo. Se sei

      saggio, sii indulgente con la tua donna, deponi quel cipiglio austero, non

      tutelare i diritti del marito inflessibile e coltiva quegli amici che la

      tua compagna ti procurerà (e te ne procurerà molti): così con pochissima

      fatica ne avrai gran vantaggio; così potrai sempre partecipare ai festini

      dei giovani e vedere in casa tua molti doni che non avrai fatto tu.

      5

      

      «Era notte e il sonno aveva avuto ragione dei miei occhi stanchi; ed ecco

      che questi sogni riempirono di paura il mio cuore: alle falde di un colle

      pieno di sole vi era un foltissimo bosco di elci, fra i cui rami trovavano

      riparo molti uccelli. Al di sotto si apriva una distesa di prati erbosi

      verdissimi, irrigata dalle acque di un ruscello dal dolce mormorio. Io

      cercavo di sfuggire alla calura riparandomi all'ombra delle fronde degli

      alberi, ma anche all'ombra delle fronde la calura era intensa. Quand'ecco

      comparve davanti ai miei occhi, in cerca d'erba mista a fiori variopinti,

      una giovenca bianca, più bianca della neve appena caduta, quando ancora

      non si è liquefatta per il trascorrere del tempo, più bianca del latte

      quando, appena munto dalla pecora, ribolle ancora di candida schiuma. Le

      era compagno un toro, suo fortunato consorte, che si adagiò sul molle

      terreno accanto alla sposa. Mentre se ne stava disteso ruminando

      lentamente l'erba richiamata alla bocca e masticava per la seconda volta

      il cibo del quale si era nutrito in precedenza, mi sembrò che reclinasse a

      terra il capo munito di corna, poiché il sonno gli toglieva la forza di

      tenerlo sollevato. A questo punto una cornacchia, scendendo a volo

      nell'aria con ali leggere, venne a posarsi gracchiando sul verde terreno e

      per tre volte ferì il petto della bianca giovenca a colpi di becco e con

      esso le strappò dei candidi crini. La giovenca, dopo aver a lungo esitato,

      abbandonò il prato e il toro, ma sul suo petto c'era un livido nero; come

      vide da lontano dei tori al pascolo (un po' discosto dei tori brucavano

      nei pascoli rigogliosi), si diresse di corsa laggiù e si unì a quella

      mandria, alla ricerca di un terreno dall'erba più abbondante. Dimmi

      dunque, chiunque tu sia, interprete della mia notturna visione, che

      significato abbia questo sogno e se contiene qualche verità.» Così dissi

      io; e l'interprete della visione notturna, valutando nel suo animo ogni

      singola parola, rispose: «Quella calura che tu cercavi di evitare senza

      riuscirci, al riparo delle tremule foglie, era la passione d'amore. La

      giovenca è la tua donna: quel colore è adatto a una donna; tu sei l'uomo

      ed essendo in compagnia di una giovenca eri il toro. Poiché la cornacchia

      col suo becco aguzzo feriva il petto alla giovenca, una vecchia ruffiana

      farà mutare l'indole della tua donna; poiché, dopo aver a lungo esitato,

      la giovenca ha abbandonato il suo toro, tu sarai lasciato solo nel freddo

      letto. Il livido e le macchie nere sul davanti del petto rivelano che il

      suo cuore non è esente dalla macchia dell'adulterio.» Così disse

      l'indovino: il sangue abbandonò il mio viso raggelato e davanti ai miei

      occhi calò, profonda, la notte.

      6

      

      O torrente dalle rive fangose coperte di canne, sto correndo dalla mia

      donna: trattieni per un po' le tue acque. Tu non hai ponti, né una barca

      ricurva che mi trasporti sull'altra sponda a mezzo d'una fune, senza

      scomodare un rematore. Avevi un corso modesto, lo ricordo, e non avevo

      timore a traversarti; l'acqua nel suo punto più alto arrivava appena a

      sfiorarmi i talloni; ora che si sono sciolte le nevi, scorri impetuoso giù

      dal monte sovrastante e agiti vorticosamente le tue acque gonfie in gorghi

      orrendi. A che mi è valso l'affrettarmi, a che l'aver concesso breve

      spazio al riposo, a che l'aver unito il giorno alla notte, se devo

      tuttavia arrestarmi qui, se non mi si concede in alcun modo di porre il

      piede sull'altra sponda? Ora vorrei le ali che aveva il figlio di Dànae,

      Pèrseo, quando portò via la spaventosa testa anguicrinita della Górgone,

      ora vorrei il carro da cui per la prima volta vennero gettate nella terra

      incolta le sementi di Cerere. Parlo di fatti miracolosi, invenzioni dei

      poeti antichi: sono cose mai accadute e che non accadranno mai. Tu

      piuttosto, torrente, che ti riversi fuori dalle rive che ti accoglievano

      (possa tu fluire eternamente), scorri entro gli argini. Se si dovesse mai

      dire che io, innamorato, sono stato trattenuto per colpa tua, credimi, o

      torrente, non riuscirai a far fronte all'odio suscitato. I fiumi

      dovrebbero venire in aiuto dei giovani innamorati: i fiumi conobbero

      anch'essi la forza dell'amore. Si narra che per causa di Melia, ninfa di

      Bitinia, l'Inaco fluisse privo di colore e che nel suo alveo gelato

      ardesse d'amore. L'assedio di Troia non era ancor giunto al decimo anno

      quando Neera incantò i tuoi occhi, o Xanto. E che? Il saldo amore per una

      fanciulla arcade non costrinse forse l'Alfèo a scorrere in terre lontane?

      Anche di te, o Penèo, si narra che tu abbia nascosto nella Ftiòtide

      Creùsa, promessa a Xuto. A che citare l'Asòpo, che fu conquistato da Tebe,

      figlia di Marte, Tebe che avrebbe generato cinque figlie? Se ora ti

      chiedessi dove sono le tue corna, o Achelòo, lamenteresti che ti sono

      state spezzate per mano di Ercole al colmo dell'ira: non poté tanto

      Calidone, né tanto l'intera Etolia; solo Deianira ebbe un tal potere. Si

      narra che il famoso Nilo, che sbocca opulento in mare per sette foci, che

      con tanta cura nasconde la sorgente di un corso così ricco d'acqua, non

      sia riuscito a soffocare nei suoi gorghi il fuoco dell'amore concepito per

      Evante figlia di Asòpo. L'Enipéo per poter abbracciare all'asciutto la

      figlia di Salmonéo, ordinò alle sue acque di ritirarsi: e le acque al suo

      comando si ritirarono. Né mi dimentico di te che, scorrendo fra massi

      incavati, irrighi, rendendoli fruttiferi, i campi dell'argiva Tivoli, di

      te a cui piacque Ilia, benché incutesse spavento per il suo abbigliamento,

      dopo che con le unghie si era strappata i capelli e lacerata le guance.

      Straziata per il sacrilegio dello zio e per il misfatto di Marte, vagava a

      piedi nudi per plaghe deserte. L'Aniene impetuoso la scorse dall'interno

      dei suoi flutti vorticosi e, sollevata la rauca bocca dal mezzo dell'onda,

      disse: «Perché Ilia, prole dell'Ideo Laomedonte, percorri angosciata le

      mie rive? Dove sono finiti i tuoi ornamenti? Perché vai errando solitaria

      e la bianca benda non trattiene i tuoi capelli sciolti? Perché piangi e

      sciupi i tuoi occhi bagnandoli di lacrime e percuoti con mano insensata il

      nudo petto? Ha il cuore scolpito nella viva pietra e nel ferro colui che

      guarda insensibile le lacrime che rigano il tuo molle viso. Non aver più

      paura, Ilia: la mia reggia si aprirà per te e i fiumi ti onoreranno: aver

      più paura, Ilia. Tu sarai la signora fra cento o più ninfe, infatti cento

      o più abitano le mie correnti. Solo non disprezzarmi, te ne scongiuro, o

      discendente della stirpe troiana: e avrai doni più ricchi di quelli che ti

      promisi.» Così parlò; ella con gli occhi pudicamente rivolti verso terra

      bagnava il seno con una tiepida pioggia di lacrime; tre volte prese la

      fuga, tre volte si fermò dinanzi alle acque profonde, poiché la paura le

      toglieva la forza di correre; più tardi tuttavia, lacerandosi i capelli

      con dita ostili, pronunciò con bocca tremante queste parole indegne di

      lei: «Magari le mie ossa fossero state raccolte e chiuse nel sepolcro dei

      miei padri, quando erano ancora le ossa di una vergine! Perché invitare a

      nozze me che, poc'anzi Vestale, sono ora coperta d'infamia e ho macchiato

      i sacri focolari di Ilio? Perché indugio e mi lascio indicare a dito dal

      popolo come adultera? Possa scomparire questo volto macchiato dal rossore

      della vergogna.» Dette queste parole si coperse con la veste gli occhi

      gonfi di pianto e si abbandonò disperata alla corrente vorticosa; si narra

      che il fiume dal mobile flusso sostenne con le mani il suo petto e le

      diede i diritti del talamo coniugale. C'è da credere che anche tu ti sia

      innamorato di qualche donna, ma i boschi e le selve celano le vostre

      colpe. - Mentre parlavo le acque copiose sono aumentate di volume e il

      letto, benché profondo, non riesce a contenere i flutti che vi si

      riversano. - Che hai contro di me, tu che vai infuriando? Perché ritardi

      le mie scambievoli gioie, perché, zotico, interrompi il cammino che ho

      iniziato? Che faresti se avessi un corso regolare, se fossi un fiume

      famoso, se godessi nel mondo della più grande celebrità? Non hai neppure

      un nome tu che sei formato di rivoli effimeri, non hai sorgenti, né letto

      ben definito: per te le sorgenti sono la pioggia e le nevi disciolte,

      ricchezze queste che a te dispensa l'inverno, che rende inattivi; o scorri

      fangoso nella stagione fredda, o ricopri polveroso un suolo riarso. Quale

      viandante assetato poté abbeverarsi alle tue acque? Chi grato ti augurò:

      «Possa tu scorrere in eterno»? Il tuo corso nuoce al bestiame e nuoce

      maggiormente ai campi: questi danni forse toccano altri, i miei toccano

      me. Ed io, pazzo, gli raccontavo gli amori dei fiumi! Mi vergogno di aver

      proferito inopportunamente nomi tanto famosi. Volgendo lo sguardo a questo

      illustre sconosciuto ho potuto pronunciare il nome dell'Achelòo,

      dell'Inaco, e il tuo, o Nilo! Ma ti faccio un augurio secondo i tuoi

      meriti, sporco torrente: possano le estati bruciare d'arsura e l'inverno

      trascorrere tutto senza piogge!

      7

      

      Ma non è forse bella, non è forse curata questa donna, ma, dico, non è

      stata tante volte oggetto dei miei desideri? Eppure l'ho avuta fra le

      braccia senza poter concludere nulla, vittima di una malaugurata

      impotenza, e sono rimasto inattivo, peso vergognoso, su un letto inerte e,

      benché lo desiderassi io e lo desiderasse in egual misura anche la mia

      donna, non sono riuscito a ricavare piacere dal mio membro spossato. A

      dire il vero ella mi gettò al collo le sue braccia d'avorio, più bianche

      della neve sitonia, mi impresse con lingua bramosa baci provocanti,

      insinuò lascivamente la sua coscia sotto la mia, mi disse frasi

      carezzevoli, chiamandomi padrone, e aggiunse quelle parole che nella

      circostanza riescono gradite. E tuttavia il mio organo virile, fiacco come

      se fosse stato sotto l'effetto debilitante della cicuta, deluse i miei

      intenti. Giacevo come un tronco privo di vita, larva d'uomo e inutile

      peso, e non era chiaro se fossi una persona vivente o un fantasma. Quale

      sarà la mia vecchiaia, se pur ci sarà per me una vecchiaia, quando perfino

      la giovinezza vien meno ai suoi compiti? Ahimè, mi vergogno della mia età:

      a che scopo esser giovane e uomo? La mia amante non mi ha conosciuto né

      giovane né uomo. Si è alzata dal mio letto come una devota Vestale, pronta

      ad accostarsi al fuoco inestinguibile o come una sorella rispettata

      dall'amato fratello. Eppure di recente ho posseduto due volte di seguito

      la bionda Clide, tre volte la bianca Pito, tre volte Libade; nel breve

      spazio di una notte ricordo che seppi far fronte nove volte alle pretese

      di Corinna. Le mie membra sono forse illanguidite per la malìa di un

      veleno tessalico, forse, infelice, sono sotto l'effetto nocivo di un

      incantesimo e di un filtro d'erbe, oppure una fattucchiera ha impresso il

      mio nome su una rossa cera e ha conficcato sottili aghi nel mio fegato? Il

      grano colpito dall'incantesimo isterilisce e diventa erbaccia, le acque di

      una sorgente colpita dall'incantesimo cessano di fluire; per effetto

      dell'incantesimo le ghiande cadono dalle querce e l'uva dalle viti e i

      frutti si staccano senza che nessuno li scuota. Che cosa vieta che anche

      la virilità sia paralizzata per effetto della magìa? Forse la mia

      impotenza deriva da questo. Si aggiunse a ciò la vergogna per l'accaduto:

      sì, anche la vergogna mi creava difficoltà; essa fu il secondo motivo del

      mio fallimento. Eppure che donna era quella che io mi limitavo a vedere e

      a toccare! (Così la tocca anche la sua sottoveste!) A contatto con lei

      Nestore ritornerebbe giovinetto e Titone diventerebbe più vigoroso di quel

      che gli consente la sua età. Ebbi la fortuna di averla per me, ma ella non

      ebbe la fortuna di incontrare un uomo. Quali preghiere potrò formulare

      adesso per mezzo di nuovi voti? Credo che anche i sommi dèi si siano

      pentiti di avermi offerto un dono che ho sciupato così vergognosamente.

      Sognavo di essere accolto: ebbene sono stato accolto; di baciarla: l'ho

      baciata; di starle vicino: le sono stato vicino. A che mi è valsa tanta

      fortuna? A che l'avere un regno, se non avevo lo scettro? Che ho fatto,

      tranne che possedere le ricchezze come un ricco avaro? Così brucia di sete

      in mezzo all'acqua colui che divulgò i segreti e vede davanti a sé dei

      frutti che non potrà mai toccare. Ahimè! C'è qualcuno che si alza al

      mattino dal fianco morbido di una donna, in condizioni tali da potersi

      subito accostare ai sacri altari degli dèi? Ma, dico, non sciupò vanamente

      con me i suoi baci invitanti, i suoi baci migliori, non tentò di eccitarmi

      in ogni modo? Con le sue lusinghe avrebbe potuto smuovere le pesanti

      querce e l'impenetrabile acciaio e le insensibili rocce: sarebbe stata

      certamente in grado di eccitare uomini vivi e veri, ma io allora non ero

      vivo e nemmeno ero, come nel passato, un vero uomo. Che diletto

      procurerebbe Femio se cantasse per le orecchie di un sordo? Che diletto

      procura un quadro all'infelice Tamira? Eppure a quali voluttà non avevo

      dato corpo con segreti pensieri, quali posizioni non avevo immaginato e

      preordinato! Tuttavia la mia virilità rimase inerte, come morta anzitempo,

      indegnamente afflosciata più di una rosa del giorno prima, mentre ora, che

      non è il momento, eccola, di nuovo viva e gagliarda, sollecitare l'impegno

      di un combattimento d'amore. Perché non te ne stai lì tranquilla, piena di

      vergogna, tu che sei la parte peggiore di me? Anche prima sono stato

      ingannato così dalle tue promesse. Tu inganni il tuo padrone, per colpa

      tua sorpreso inerme ho subìto un brutto scorno e mi sono coperto di

      vergogna. La mia donna non disdegnò neppure di sollecitarla agitando

      dolcemente la mano; ma quando vide che non riusciva a rizzarsi con nessun

      mezzo e che era ricaduta inerte, dimentica del suo passato, disse: «Perché

      ti fai gioco di me? Chi ti obbligava, insensato, a coricarti nel mio

      letto, se non ne avevi voglia? O una maga di Eea ti tiene in suo potere

      avendo trafitto la tua immagine, oppure giungi spossato dall'amore di

      un'altra.» E, senza porre indugio, saltò giù, appena coperta dalla tunica

      slacciata (ed era bella mentre balzava fuori a piedi nudi), e, perché le

      sue ancelle non potessero capire che io non l'avevo toccata, nascose

      questa umiliazione lavandosi.

      8

      

      E qualcuno ammira ancora le arti liberali o pensa che le poesie d'amore

      abbiano qualche pregio? Un tempo il talento poetico valeva più dell'oro,

      ma ora essere nullatenenti è segno di grande inciviltà. Dopo che i miei

      libretti di poesie sono molto piaciuti alla mia donna, dove a loro è stato

      concesso di entrare, a me non è concesso; dopo avermi colmato di lodi, ha

      chiuso me e le mie lodi fuori della porta: con tutto il mio talento io

      vado girando indegnamente qua e là. Ecco, a me viene preferito un

      neo-ricco, un cavaliere che si è abbeverato di sangue e che ha raggiunto

      la dignità equestre grazie alle sue ferite. E tu, amor mio, hai cuore di

      stringere costui fra le tue belle braccia? Hai cuore, amor mio, di

      abbandonarti al suo abbraccio? Se non lo sai, quel capo era avvezzo a

      indossare un elmo e al fianco, che è al tuo servizio, era cinta una spada;

      la mano sinistra, a cui ora poco si addice un tardivo anello di cavaliere,

      reggeva uno scudo; toccagli la destra: è stata intrisa di sangue. E tu

      puoi toccare questa destra per cui qualcuno perse la vita? Ahimè, dov'è

      finita la tua sensibilità? Guarda le cicatrici, segni di una passata

      battaglia: tutto quel che possiede, l'ha acquistato pagando col proprio

      corpo. Forse egli ti svelerà quanti uomini ha sgozzato: e tu, cupida, dopo

      una simile confessione tocchi quelle mani? Ed io, vate incontaminato delle

      Muse e di Apollo, recito un'inutile poesia davanti a una porta

      impenetrabile. Voi, che avete senno, imparate non le nostre arti di

      oziosi, ma come seguire le schiere che corrono disordinate e i crudeli

      accampamenti e invece di allineare versi, allineate la prima fila: se tu

      combattessi, Omero, ti si potrebbe concedere una notte. Giove, consapevole

      che nulla ha più potere dell'oro, divenne egli stesso il compenso della

      fanciulla sedotta. Finché mancava una contropartita, il padre restava

      rigido, lei stessa insensibile, i battenti di bronzo, la torre di ferro;

      ma quando lo scaltro seduttore si presentò sotto forma di dono, fu lei

      stessa ad offrire il grembo e, invitata a concedersi, si concesse. Ma

      quando il regno del cielo apparteneva al vecchio Saturno, la terra

      nascondeva nel profondo delle tenebre ogni ricchezza: aveva spinto verso

      gli Inferi il bronzo e l'argento e le grandi masse d'oro e di ferro, e

      nessuno ne faceva tesoro. Essa però aveva di meglio da offrire: messi

      senza far uso del vomere ricurvo, frutta e miele, trovato nel cavo di una

      quercia. Eppure nessuno fendeva la terra con un robusto aratro, né

      l'agrimensore delimitava i terreni con alcun confine. Nessuno solcava i

      flutti che si sollevano immergendovi il remo: a quei tempi per l'uomo la

      spiaggia era il limite estremo del cammino. O natura umana, ti adoperasti

      contro te stessa e fosti troppo intelligente a tuo danno. A che ti giovò

      circondare le città di mura e di torri, a che spingere alle armi mani

      nemiche? Che cosa avevi a che fare col mare? Avresti dovuto accontentarti

      della terraferma. Perché non conquisti come terzo regno anche il cielo?

      Per quanto ti è possibile, aspiri anche al cielo: Romolo, Bacco, Ercole ed

      ora anche Cesare hanno un loro tempio. Dal suolo anziché biade caviamo

      fuori oro massiccio; i soldati sono padroni di ricchezze acquisite col

      sangue; il senato è precluso ai poveri, è il capitale che permette di

      ricoprire una carica: esso crea l'autorevole giudice; esso l'austero

      cavaliere. Siano pur padroni di tutto: agli uni obbedisca servilmente il

      Campo di Marte e il Fòro, gli altri amministrino la pace e le guerre

      feroci; purché non tentino, cùpidi, di comperare con il loro denaro la mia

      donna e consentano che anche il povero possieda qualcosa (tanto mi basta).

      Ma oggi, quand'anche una donna eguagliasse in austerità le Sabine, chi può

      farle molti doni le dà ordini come a una schiava. Quanto a me, il

      guardiano mi allontana, la donna, se ci son io, ha paura del marito; ma se

      metterò mano alla borsa, marito e guardiano mi lasceranno campo libero.

      Oh, se un dio, vendicatore degli amanti trascurati, riducesse in polvere

      ricchezze tanto malamente acquisite!

      

      9

      

      Se la madre pianse Mèmnone, se la madre pianse Achille, e un fato doloroso

      suscita commozione anche nelle grandi dèe, tu, che non lo meriti, o

      Elegia, sciogli piangendo i tuoi capelli: ahimè, ora il tuo nome

      risponderà 276 troppo alla realtà! Il celebre cantore delle tue poesie, la

      tua gloria, Tibullo, ormai corpo senza vita, brucia sul rogo innalzato per

      lui. Ecco il figlio di Venere con la faretra rovesciata e l'arco spezzato

      e la fiaccola spenta; guarda come avanza mesto con le ali abbassate e come

      si strazia il petto percuotendolo con mano ostile. I suoi capelli sciolti

      sul collo sono intrisi di lacrime e con la bocca tremante non fa' che

      singhiozzare. Così narrano che egli sia uscito dal tuo palazzo, o

      bellissimo Iulo, per il funerale di suo fratello Enea. Anche Venere non è

      meno turbata per la morte di Tibullo di quando il cinghiale selvaggio

      squarciò il ventre al giovane Adone. E dire che noi poeti siamo definiti

      venerandi cantori, protetti degli dèi, e qualcuno pensa che abbiamo un

      sacro potere. Ma naturalmente la crudele morte non rispetta nulla di

      consacrato; essa pone le sue nere mani su ogni cosa. A che cosa giovarono

      al tracio Òrfeo il padre e la madre, a che cosa il fatto che al suo canto

      gli animali selvaggi restassero vinti e incantati? Si racconta che nella

      profondità delle selve anche per Lino il padre Apollo abbia cantato

      sull'afflitta cetra un canto lamentoso. Aggiungi il poeta meonio dal

      quale, come da una fonte perenne, le labbra dei poeti sono irrorate con

      l'acqua delle Muse; il giorno estremo fece sprofondare anche lui nelle

      tenebre dell'oltretomba; soltanto la poesia sfugge alle avide brame del

      rogo. Duratura, opera dei poeti, resta la fama dell'assedio di Troia e

      della lenta tessitura della tela, disfatta di notte con l'inganno. Così

      Némesi e Delia, l'una nuova passione, l'altra primo amore, saranno a lungo

      famose. A che servono i vostri sacri riti? A che giovano ora i sistri

      egizi? A che l'aver dormito sole nel letto vuoto? Quando chi è buono ci

      viene strappato da un destino crudele (perdonate questa mia confessione),

      io son portato a credere che gli dèi non esistono. Conduci pure una vita

      da santo: da santo morirai; celebra i sacri culti: mentre li stai

      celebrando, la morte crudele ti trascinerà dai templi nel profondo di un

      sepolcro. Abbi fiducia nella bellezza dei componimenti poetici: ecco,

      Tibullo è morto; una piccola urna contiene quello che resta di un così

      grande poeta. Le fiamme del rogo ti hanno dunque ghermito, venerando

      cantore, e non hanno esitato a cibarsi del tuo cuore? Avrebbero potuto

      distruggere i templi d'oro degli dèi beati, esse che hanno osato

      macchiarsi di simile sacrilegio! La dea signora della rocca di Èrice ha

      distolto lo sguardo; qualcuno dice anche che non ha saputo trattenere le

      lacrime. Meglio così, comunque, che se, sconosciuto, tu fossi stato

      seppellito nel paese dei Feaci, in una terra priva per te di valore. Qui,

      almeno, mentre morivi tua madre ti ha chiuso gli occhi bagnati di pianto

      ed ha portato un estremo omaggio alle tue ceneri; qui a condividere il

      dolore della povera madre è venuta la sorella che, scarmigliata, si andava

      lacerando i capelli, e Némesi e Delia, il tuo primo amore, unirono i loro

      baci con quelli dei tuoi cari e non lasciarono il tuo rogo nella

      solitudine. Delia allontanandosi disse: «Io fui amata da te con miglior

      fortuna: finché fui io la tua fiamma, tu fosti vivo.» Ma Némesi le

      rispose: «Perché ti addolori per una pena che è mia? Era me che teneva

      morente con la mano ormai priva di forze.» Se però di noi qualcosa rimane

      che non sia solo un nome e un'ombra, Tibullo abiterà nei campi Elisi. E

      tu, o dotto Catullo, con l'amico Calvo, ti farai incontro a lui con le

      tempie giovanili cinte di edera; e, se a torto ti accusarono di aver

      tradito l'amicizia, tu pure vi andrai, o Gallo, che, versando il tuo

      sangue, sacrificasti la vita. Di costoro è compagna la tua ombra, se è

      vero che esiste un'ombra del corpo; tu hai accresciuto, elegante Tibullo,

      il numero dei beati. Io faccio voto che le tue ossa riposino

      tranquillamente in pace nell'urna e che la terra non sia gravosa alle tue

      ceneri.

      

      10

      

      Ricorre l'anniversario delle feste di Cerere: la mia donna dorme sola nel

      letto vuoto. O bionda Cerere, dai fini capelli incoronati di spighe,

      perché con le tue festività impedisci i nostri piaceri? Eppure, o dea,

      tutti i popoli ovunque ti proclamano generosa e nessuna divinità è meno

      ostile di te alla prosperità degli uomini. Prima i rozzi coloni non

      abbrustolivano il grano e «aia» era un termine sconosciuto sulla terra, ma

      le querce, i più antichi oracoli, producevano ghiande: e le ghiande

      appunto e l'erba tenera di una zolla costituivano il cibo. Cerere per

      prima insegnò a far maturare il seme nei campi e a mietere le bionde messi

      con la falce. Per prima costrinse i tori a piegare il collo sotto il giogo

      e aperse con l'aratro ricurvo la terra indurita dal tempo. E qualcuno può

      credere che ella si rallegri per il pianto degli innamorati e che soffrire

      dormendo soli sia un buon modo di venerarla? Pur amando i campi

      rigogliosi, non per questo è rozza e il suo cuore non è chiuso all'amore.

      Ne saranno testimoni i Cretesi e i Cretesi non dicono solo menzogne:

      Creta, la loro terra, è orgogliosa per aver allevato Giove. Laggiù il dio

      che governa la volta celeste del mondo bevve bambino il latte con labbra

      delicate; la testimonianza merita molta fiducia: essa è garantita dal

      bimbo allevato; io credo che Cerere ammetterà una colpa famosa. A Creta,

      alle pendici dell'Ida, la dea aveva scorto Iasio mentre con mano sicura

      trafiggeva il dorso di animali selvaggi; lo scorse e, appena nelle sue

      intime fibre divampò la fiamma della passione, il ritegno la spingeva da

      una parte, l'amore dall'altra. L'amore prevalse sul ritegno: si potevano

      vedere i solchi disseccarsi, mentre il raccolto era ben poca cosa rispetto

      alla semina; dopoché, maneggiando opportunamente la marra, avevano

      rivoltato i campi e avevano squarciato la terra con l'aratro ricurvo e

      avevano sparso in egual misura i semi nelle vaste campagne, i contadini

      delusi vedevano le loro speranze cadere nel vuoto. La dea signora delle

      messi oziava nel profondo dei boschi; la corona di spighe era caduta dalla

      sua chioma fluente. Soltanto Creta conobbe la prosperità di un'annata

      fertile: in ogni luogo, per cui era passata la dea, crescevano le biade;

      perfino il boscoso Ida biondeggiava di messi e nella macchia il selvaggio

      cinghiale troncava le spighe. Minosse, il legislatore, si augurava molte

      annate del genere; si sarebbe augurato che l'amore di Cerere durasse a

      lungo. Quelle notti di solitudine che sarebbero state per te dolorose, o

      bionda dea, io sono ora costretto a subirle per le tue feste. Perché io

      dovrei soffrire, quando tu hai ritrovato tua figlia e a lei è toccato di

      essere regina, seconda soltanto a Giunone? Il giorno di festa invita

      all'amore, ai canti e al vino: ecco i doni che conviene offrire ai nostri

      signori, agli dèi.

      

      11

      

      Ho a lungo sopportato con pazienza; la mia resistenza è stata vinta dai

      tuoi peccati: abbandona il mio cuore sfinito, o amore infamante. Ebbene

      sì, mi son liberato e sono sfuggito alle catene e mi vergogno di aver

      sopportato quello che non mi vergognai di sopportare. Ho vinto e calpesto

      sotto i piedi Amore ormai domo: tardi al vitellino sono spuntate le corna

      di toro. Resisti e sta saldo: questa pena un giorno ti sarà di giovamento:

      una pozione amara di solito reca sollievo a chi è sfinito. Respinto tante

      volte dalla tua porta, potei dunque tollerare di sdraiarmi sulla dura

      terra, benché fossi di nascita libera? Per un ignoto, che tu stringevi fra

      le braccia, vegliai dunque come uno schiavo davanti alla porta chiusa? E

      lo vidi, il tuo amante, mentre usciva sfinito dalla casa con le reni

      fiaccate per la fatica; eppure questa è cosa di poco conto rispetto al

      fatto che lui vide me: una simile onta possa toccare ai miei nemici!

      Quando mai non rimasi tenacemente attaccato al tuo fianco, ad un tempo

      guardiano, amante e compagno? Proprio grazie alla mia compagnia incontravi

      il favore della gente: il mio amore generò l'amore di molti. A che

      ricordare le sfrontate menzogne della tua bocca fatua e gli spergiuri a

      mio danno pronunciati in nome degli dèi, a che i muti cenni d'intesa dei

      giovanotti durante i banchetti e le parole nascoste sotto un frasario

      convenzionale? Mi si disse che era malata: mi precipitai di corsa come un

      pazzo; giunsi e... per il mio rivale non era malata. Ebbi spesso la forza

      di sopportare queste e altre cose, che passo sotto silenzio: cércane un

      altro al posto mio che sia disposto a subire codesti affronti. Ormai la

      mia navicella, adorna di una corona votiva, ascolta impassibile il

      tumultuare delle onde. Smetti di sprecare moine e parole un tempo

      efficaci: non sono più sciocco come prima. Da un lato l'amore, dall'altro

      l'odio sono in lotta e infondono nel mio fragile cuore opposti sentimenti;

      ma l'amore prevale, io credo. [Se ci riuscirò, odierò; altrimenti, cederò,

      mio malgrado, all'amore: anche il toro non ama il giogo; eppure porta quel

      che odia.] Sfuggo la tua perfidia: mentre fuggo, la bellezza mi riconduce

      sui miei passi; detesto l'immoralità, ma amo il tuo corpo. Così non son

      capace di vivere né con te, né senza di te e mi sembra di ignorare quel

      che desidero. Vorrei che tu fossi meno bella o meno impudica: una bellezza

      così incantevole non si accorda con costumi corrotti. Le tue azioni

      meritano l'odio, il tuo bel viso induce all'amore: o me infelice, esso è

      più potente delle tue colpe. Rispàrmiami, te ne prego, per i diritti del

      letto che ci unisce, in nome di tutti gli dèi, che spesso si lasciano

      ingannare da te, in nome della tua bellezza, che per me ha potere divino,

      in nome dei tuoi occhi, che hanno conquistato i miei. Comunque ti

      comporterai, sarai sempre mia; tu scegli soltanto se vuoi che io ti ami

      perché anch'io lo desidero, oppure perché vi sono costretto. Piuttosto

      alzerei le vele e mi affiderei al soffio dei venti e vorrei una donna che,

      s'io non volessi, mi costringesse ad amarla.

      

      12

      

      Quale fu il giorno, neri uccelli, in cui avete annunciato con i vostri

      canti infausti presagi per me che sono sempre innamorato? Quale stella

      devo pensare che sia ostile al mio destino, o di quali divinità devo

      dolermi perché sono scese in guerra contro di me? Colei che poc'anzi io

      dicevo mia, che prima ero il solo ad amare, temo di doverla dividere con

      molti. M'inganno o sono stati i miei libri a darle notorietà? Sarà così:

      allora è diventata la donna di tutti a causa del mio talento. Ed è giusto:

      infatti, perché ho celebrato la sua bellezza? È colpa mia se è diventata

      una donna che si vende. Piace perché io sono il suo ruffiano, l'amante

      viene da lei sotto la mia guida, la porta l'ho aperta io, con le mie mani.

      Che le mie poesie mi abbiano giovato è discutibile, ma che mi hanno

      danneggiato è certo: esse hanno suscitato l'invidia intorno al mio bene.

      Mentre potevo celebrare Tebe, Troia o le gesta di Cesare, solo Corinna

      suscitò il mio estro poetico. Oh, se mi fossi accostato alla poesia senza

      il favore delle Muse, se Febo mi avesse abbandonato mentre intraprendevo

      la mia opera! Tuttavia non si è soliti prendere sul serio le affermazioni

      dei poeti: avrei preferito che alle mie parole non fosse dato alcun peso.

      A sentir noi Scilla, per aver rubato al padre il prezioso capello,

      sovrasta coll'inguine e coi fianchi dei cani rabbiosi; noi abbiamo dotato

      i piedi di ali e i capelli di serpenti; Pèrseo vittorioso vien trasportato

      a volo da un cavallo. E ancora abbiamo rappresentato Tizio disteso su uno

      spazio immenso e abbiamo immaginato un cane con tre teste, irte di

      serpenti; abbiamo dipinto Encélado mentre lanciava dardi con mille

      braccia, e gli eroi ammaliati dal canto delle fanciulle dalla doppia

      natura; abbiamo rinchiuso in otri itacesi i venti di Eolo; Tàntalo, per il

      suo tradimento, muore di sete in mezzo all'acqua; abbiamo trasformato

      Nìobe in una roccia e una fanciulla in un'orsa; l'uccello di Cécrope canta

      il tracio Iti; Giove si muta ora in uccelli, ora in pioggia d'oro, ora

      attraversa il mare con aspetto taurino portando in groppa una fanciulla.

      Perché ricordare Pròteo e i denti da cui prese origine la stirpe tebana;

      che esistevano tori capaci di vomitare fiamme dalla bocca, che alle tue

      sorelle, o Fetonte, rigarono le gote lacrime di ambra, e che quelle che

      furono navi ora sono dee marine, e che il giorno volse le spalle alle

      atroci mense di Atreo, e che le insensibili pietre seguivano il suono

      della lira? La fertile fantasia dei poeti non conosce confini e non

      vincola le proprie parole con la fedeltà alla storia: anche la mia donna

      avrebbe dovuto apparire magnificata senza motivo; ora la vostra credulità

      è la causa dei miei guai.

      

      13

      

      Poiché mia moglie è originaria di Falerii, ricca di frutti, abbiamo

      raggiunto le mura da te conquistate, o Camillo. Le sacerdotesse approntano

      le pie cerimonie in onore di Giunone e i giuochi solenni e il sacrificio

      di una giovenca di quelle terre. Assistere alle cerimonie fu un notevole

      premio per la nostra sosta, benché la strada d'accesso in pendio presenti

      un faticoso cammino. Vi sorge un antico bosco sacro, tenebroso perché

      folto d'alberi; basta uno sguardo per comprendere che è sede di una

      divinità. Un altare accoglie le preghiere e l'incenso votivo dei fedeli, è

      un altare innalzato con semplicità dalle mani degli antenati. Là, quando

      il flauto ha intonato una sacra melodia, si dirige ogni anno la

      processione attraverso le strade, parate a festa. Mentre la gente

      applaude, vengono fatte avanzare candide giovenche che si sono nutrite

      dell'erba della campagna falisca e vitellini che agitano minacciosi la

      fronte non ancora temibile e, vittima meno pregiata, un maiale strappato

      al suo oscuro porcile e un ariete le cui corna s'incurvano sulla solida

      fronte; soltanto la capra non gode del favore della dea: si racconta che

      ella, scoperta nel folto di una foresta dietro sua indicazione, desistette

      dalla fuga intrapresa. Ancor oggi la spiona viene bersagliata con dardi

      dai ragazzi e viene offerta in premio a chi la colpisce. Giovinetti e

      fanciulle timorose preparano le ampie strade distendendo tappeti nei

      luoghi per i quali deve passare la dea. Le chiome delle giovani sono

      cariche d'oro e di pietre preziose e mantelli sontuosi scendono a coprire

      i piedi calzati d'oro; ornate di bianche vesti, secondo il costume degli

      antenati greci, portano sul capo gli oggetti del culto a loro affidati.

      Poi, quando avanza la processione sfolgorante d'oro e la dea stessa appare

      dietro le sue sacerdotesse, la gente fa' silenzio. L'apparato della

      processione è argivo: dopo l'assassinio di Agamennone, Aleso abbandonò il

      luogo del delitto e le ricchezze paterne e, dopo aver vagato esule per

      terra e per mare, innalzò con fausta mano queste mura superbe. Fu lui ad

      insegnare ai suoi sudditi falisci il culto di Giunone: possa questo culto

      essere sempre propizio a me e alla sua gente!

      

      14

      

      Poiché sei bella, non ti posso impedire di cadere in peccato, però non

      voglio nemmeno, infelice, essere obbligato a saperlo, e il mio rimprovero

      non è un invito alla castità, ma una preghiera, perché tu almeno cerchi di

      dissimulare. La donna che riesce ad affermare di non essere colpevole non

      è colpevole, solo la confessione della colpa le rovina la reputazione. Che

      pazzia è mai questa di rivelare in pieno giorno cose che sono celate dalle

      tenebre e di raccontare pubblicamente quel che fai di nascosto? La

      prostituta, che sta per congiungersi con uno sconosciuto, allontana prima

      i curiosi chiudendo la porta col paletto; tu, invece, darai le tue colpe

      in pasto alla malignità dell'opinione pubblica e denunzierai i tuoi

      misfatti? Cerca di avere maggior criterio, o almeno di imitare le donne

      oneste, e possa io ritenerti tale, anche se non lo sarai. Continua pure a

      fare quel che fai; lìmitati solo a dire che non l'hai fatto e non

      vergognarti di usare in pubblico un linguaggio da donna perbene. C'è un

      posto in cui è necessaria la sfrontatezza: quello riempilo di ogni

      piacevole audacia, la riservatezza stia lontana di là. Ma non appena ne

      sarai uscita, sùbito scompaia ogni atteggiamento lascivo e i tuoi misfatti

      lascia che rimangano nel tuo letto. In esso non aver vergogna di

      spogliarti della sottoveste, né di sorreggere la coscia distesa sulla tua

      coscia; in esso un'altra lingua trovi accoglienza fra le tue rosse labbra

      e l'amore rappresenti le mille posizioni del piacere. In esso non manchino

      i gemiti e le parole di incitamento e la sponda vibri sotto i tuoi

      movimenti lascivi. Ma indossando le vesti assumi anche un atteggiamento di

      orrore nei confronti del vizio e la tua modestia sconfessi l'impudicizia

      delle tue azioni. Fatti giuoco della gente, fatti giuoco di me; lasciami

      nella mia ignoranza e consentimi di godere di una sciocca credulità.

      Perché tante volte vedo inviare e ricevere lettere? Perché il tuo letto è

      schiacciato al di sopra e all'interno? Perché i tuoi capelli sono più

      scomposti che per il sonno e sul tuo collo scorgo i segni dei denti? Ti

      astieni soltanto dal compiere il misfatto proprio davanti ai miei occhi;

      se non ti importa di aver riguardo per la tua reputazione, abbi riguardo

      per me. Ogni volta che mi confessi i tuoi peccati, esco di senno e mi

      sento morire e il sangue mi scorre gelato attraverso le membra. Allora

      amo, allora odio invano quel che non posso evitare di amare, allora vorrei

      esser morto, ma insieme a te. Io non farò alcuna indagine, né farò

      ricerche su quel che procurerai di tenermi nascosto e l'essere ingannato

      sarà per me una sorta di dono. Tuttavia, se sarai colta in flagrante e

      dovrò constatare le tue colpe con i miei occhi, quel che avrò visto

      chiaramente tu di che non l'ho visto chiaramente: i miei occhi si

      arrenderanno alle tue parole. È un successo facile per te vincere chi

      desidera esser vinto, purché la tua lingua si ricordi di dire: «Sono

      innocente.» Poiché hai modo di vincere pronunciando due parole, se non per

      la tua causa, vinci almeno per il tuo giudice.

      15

      

      Cércati un altro cantore, o madre dei dolci Amorini: questa, sfiorata

      dalle mie elegie, è l'ultima meta; io che le ho composte sono figlio della

      terra peligna (e questo mio svago non mi ha arrecato disonore) e, se la

      cosa ha un qualche valore, sono erede di un titolo la cui antichità risale

      ai miei antenati e non sono diventato cavaliere di recente, in seguito ai

      disordini della guerra. Mantova è fiera di Virgilio, Verona di Catullo; io

      sarò considerato il vanto del popolo dei Peligni, costretto ad impugnare

      nobilmente le armi in difesa della propria indipendenza, quando Roma

      angosciata ebbe paura delle schiere alleate. E un forestiero, osservando

      le mura dell'umida Sulmona, che recingono pochi iugeri di campagna, dirà:

      «Poiché foste capaci di generare un poeta così eccelso, per piccole che

      siate, io vi proclamo grandi.» O delicato fanciullo, e tu, Venere

      Amatusia, madre del delicato fanciullo, strappate le vostre insegne d'oro

      dal mio campo; Lieo dalle corna caprine mi ha pungolato con un tirso più

      pesante: devo percorrere su grandi cavalli una superficie più vasta.

      Addio, molli elegie, addio, poesia dei miei svaghi, carmi destinati a

      sopravvivere alla mia morte.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno